ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico. Linea di ricerca. Via Gattamelata, Padova

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico. Linea di ricerca. Via Gattamelata, 64 35128 Padova"

Transcript

1 ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico Linea di ricerca Via Gattamelata, Padova

2 Linea di ricerca 8 Immunologia dei tumori e approcci terapeutici Innovativi Le cellule tumorali stabiliscono un complesso rapporto con i tessuti circostanti, che comprendono sia cellule parenchimali e stromali normali dell'organo in cui la neoplasia si sviluppa che leucociti richiamati nella sede della lesione da fattori diversi. Le interazioni cha avvengono a livello del microambiente neoplastico sono molto complesse, ed il delicato equilibrio che si instaura tra fattori di derivazione tumorale (che favoriscono la crescita delle cellule neoplastiche) e fattori derivanti dai tessuti normali dell'ospite (che tendono generalmente a contenerne la crescita) è uno degli elementi chiave per spiegare almeno in parte la diversa progressione delle neoplasie. Tale complessa cascata di fenomeni si sta inoltre rivelando un potenziale bersaglio terapeutico, in cui interventi mirati nei confronti dei diversi elementi possono alterare il precario equilibrio tra crescita del tumore e suo contenimento in favore di quest'ultimo, sinergizzando magari con interventi più convenzionali quali ad esempio la chemioterapia anti-neoplastica. A) Rapporti tumore-ospite Nell'ambito dei rapporti tra tumore ed ospite, particolare rilevanza assumono il fenomeno della neo-angiogenesi tumorale, il fenomeno della cosiddetta "dormienza tumorale", e la risposta immunitaria al tumore. Per quanto attiene al primo punto, è noto che la crescita dei tumori presuppone il reclutamento da parte del tumore di cellule endoteliali dalla vascolatura pre-esistente, così da fornire al tessuto neoplastico una rete vascolare in grado di garantirne l'ossigenazione e la nutrizione. Gli studi effettuati hanno confermato l'importanza del fenomeno della neo-angiogenesi, evidenziando altresì come tale evento possa essere modulato mediante sostanze ad azione anti-angiogenica quali l IFN-alfa. Dagli studi condotti è inoltre emerso che eventuali agenti anti-angiogenici devono essere somministrati in maniera continuativa e ad alte dosi, evidenziando così la necessità di ricorrere a modalità di "delivery" degli agenti biotecnologicamente avanzate, quali la terapia genica. Per quanto riguarda la cosiddetta "dormienza tumorale", questo fenomeno si riferisce al fatto che cellule neoplastiche possono risiedere nei tessuti in uno stato di apparente quiescenza per mesi o anni, per poi "risvegliarsi" e dare origine ad una massa tumorale a seguito di stimoli non ancora ben definiti. Le ricerche condotte su questo argomento in un modello animale di leucemia linfatica acuta umana hanno dimostrato che stimoli in grado di accendere fenomeni transitori di neoangiogenesi sono in grado di interrompere la dormienza tumorale; sono ora in corso studi volti a chiarire le interazioni tra endotelio e cellule maligne e le vie di trasduzione del segnale accese dalle interazioni cellula-cellula nel microambiente neoplastico. Per quanto concerne infine la risposta immunitaria ai tumori, gli studi sono stati condotti sia in modelli di tumore umano trapiantabile in topi immunodeficienti o di tumore murino ad insorgenza spontanea in certi ceppi di animali, che in neoplasie umane di vario istotipo, ed in particolare nel melanoma e nei tumori dell'esofago. Le ricerche più recenti si concentrano attorno a tre aspetti fondamentali: 1) definire il profilo di espressione degli antigeni tumorali, correlandolo alle caratteristiche clinicopatologiche dei singoli pazienti ed in particolare agli aspetti prognostici; 2) stabilire il repertorio cellulare e molecolare della risposta linfocitaria dell'ospite a tali antigeni, sia mediante approcci convenzionali di immunologia cellulare che mediante le più moderne tecniche di analisi mediante microarrays; 3) approfondire il ruolo svolto da cellule mieloidi infiltranti il tumore nel favorire la progressione tumorale. Su quest'ultimo aspetto si è realizzata nel nostro Istituto nel corso degli ultimi 3 anni una massa critica notevole, che pone il nostro gruppo in posizione leader nel panorama internazionale. Gli studi condotti hanno dimostrato che cellule di derivazione

3 midollare dell'ospite possono in certe condizioni favorire anziché contrastare la crescita neoplastica, attraverso l'induzione di uno stato di immunodepressione nell'ospite; è in corso sia la definizione dei meccanismi alla base di questo fenomeno in modelli sperimentali e nell'uomo, sia il disegno di strategie farmacologiche appropriate per limitare l'azione delle cellule mieloidi soppressive. B) Approcci terapeutici innovativi Le strutture afferenti allo IOV sono da tempo impegnate a studiare la possibilità di sviluppare strategie terapeutiche o preventive di vaccinazione verso antigeni tumorali, in particolare verso antigeni espressi da cellule di melanoma; in quest'ambito, oltre agli studi condotti in modelli preclinici, alcune strutture afferenti allo IOV hanno già preso parte a trials clinici di vaccinazione con peptidi di antigeni tumorali e/o gangliosidi condotti su scala europea. Di particolare rilievo lo sforzo che viene portato avanti per l'identificazione di correlati di protezione che possano fungere da markers di risposta nei pazienti vaccinati, predicendo la risposta all'immunoterapia. Per quanto attiene ad approcci innovativi di terapia dei tumori, quali la terapia cellulare adottiva e la terapia genica, tali approcci nell'uomo sono attualmente preclusi nell'ambito dello IOV per la non disponibilità di una struttura che risponda alle normative vigenti sul tema, che prevedono l'osservanza rigorosa delle procedure GMP per la preparazione dei prodotti destinati a terapia cellulare adottiva o terapia genica. Ciononostante, sono maturate approfondite competenze sulle caratteristiche di vettori retrovirali e lentivirali destinati al trasferimento genico, al fine di affrontare le problematiche più rilevanti in campo di terapia genica: ottenere vettori ad alto titolo, capaci di esprimere per un periodo di tempo prolungato il transgene in maniera tessuto-specifica, con meccanismi che consentano la regolazione dell'espressione genica e/o di salvaguardia mediante l'incorporazione nel vettore di geni "suicidi". I modelli su cui si è maggiormente concentrata l'attenzione mirano da un lato al trasferimento di geni che codificano per citochine in grado di potenziare le risposte anti-tumorali nella sede tumorale o molecole in grado di interferire con la neoangiogenesi tumorale; questa linea di ricerca è stata perseguita principalmente in modelli di carcinoma ovarico umano trapiantabile nel topo. L'interesse per la complessa interazione tra cellule neoplastiche e microambiente non si è limitato ai tumori sperimentali trapiantati in topi immunodeficienti, ma si è estesa a ad un modello di neoplasia prostatica ad insorgenza spontanea in un particolare ceppo di topi (topi TRAMP); in questo contesto è infatti possibile studiare in condizioni molto più vicine alle neoplasie umane i fenomeni angiogenetici che caratterizzano la storia naturale del tumore, e disegnare gli approcci di terapia genica più appropriati per interferire con lo sviluppo di vasi all'interno della massa prostatica dell'animale. Infine, è prevista a breve la trasferibilità in un trial di fase I-II nell'uomo di un coniugato di ialuronato con un tracciante radioattivo, che si è dimostrato estremamente efficace in un modello preclinico di epatocarcinoma. 1 - STUDIO DEL RUOLO DEL METABOLISMO DELLA L-ARGININA NELL'IMMUNOSOPPRESSIONE INDOTTA DAI TUMORI. Responsabile: Mandruzzato Susanna Parole chiave: immunologia, patogenesi, marcatori Per indagare il ruolo degli enzimi arginasi e ossido nitrico sintetasi nelle disfunzioni del sistema immunitario indotte dai tumori, ci proponiamo di studiare l'espressione e l'attività di questi enzimi in tessuti tumorali umani di diverso tipo istologico, con una particolare attenzione ad indentificare le cellule esprimenti tali enzimi nel microambiente tumorale. Abbiamo eseguito un'analisi dell'infiltrato presente nel tessuto neoplastico, analizzando l'espressione in situ delle proteine arginasi-1 e arginasi-2 in un pannello di biopsie di melanoma e carcinoma del colon. L' analisi immunoistochimica ha mostrato la presenza di cellule che esprimono queste proteine in una frazione dei campioni analizzati con un chiaro pattern di espressione: cellule che esprimono arginasi-2 sono presenti in alcuni campioni analizzati e sono a carico di cellule neoplastiche sia nel caso di melanoma che in quello del carcinoma del colon-

4 retto in aree disomogenee. Per contro, cellule che esprimono arginasi-1 sono invece espresse in tutti i granulociti che infiltrano le aree neoplastiche. E' in corso la messa a punto della colorazione immunoistochimica per l'enzima NOS STUDIO DEL RUOLO DI ALTERAZIONI DEL METABOLISMO DI AMINOACIDI NELL'IMMUNOSOPPRESSIONE INDOTTA DA TUMORI MEDIANTE UTILIZZO DI TOPI TRANSGENICI E KNOCK-OUT Responsabile: Bronte Vincenzo Parole chiave: immunosoppressione, modelli sperimentali, microambiente La ricerca ha come scopo la comprensione del ruolo che alterazioni del metabolismo di aminoacidi, quali la L-Arginina; possono avere nel generare un microambiente tumorale con caratteristiche soppressorie nei confronti della risposta immunitaria. I perossinitriti, generati dal metabolismo dell'aminoacido L-arginina da parte di cellule mielo-monocitarie infiltranti il tumore o dalle cellule tumorali stesse, sono stati coinvolti nei meccanismi di soppressione della risposta immune anti-tumorale. Abbiamo osservato che i perossinitriti formano degli addotti con alcune citochine alterandone la funzione. In particolare, la nitrazione di alcuni residui di tirosina della chemochina SDF-1 ne altera la capacità di far migrare cellule T CD8+ umane. Stiamo valutando i meccanismi molecolari e l'importanza biologica di questi risultati. 3 - ANALISI DEL PROFILO DEI MICRORNA COME STRUMENTO PER STUDIARE LA BIOLOGIA DELLE CELLULE MIELOIDI SOPPRESSORIE Responsabile: Bronte Vincenzo Parole chiave: genomica, immunosoppressione, modelli sperimentali La ricerca ha come scopo l'identificazione di mir di cellule mielo-monocitarie purificate dalla massa tumorale e dal sangue periferico di pazienti oncologici per definire la biologia di sottopopolazioni di cellule mielomonocitarie condizionate dal tumore, capaci di svolgere un'importante sulle risposte immunitarie dell'ospite. Abbiamo determinato il profilo di espressione genica in macrofagi infiltranti il tumore ottenuti da diversi tumori murini. Da queste cellule è stato estratto anche RNA per l'analisi dei microrna. L'ibridizzazione su chip di microrna viene condotta, in questo momento, nei laboratori del Dott. F. Marincola, Bethesda, USA. Cercheremo di creare algoritmi che consentano di tracciare reti di interazione tra microrna e mrna presenti nelle cellule infiltranti il tumore. 4 - IDENTIFICAZIONE DI NUOVE MOLECOLE IN GRADO DI RECUPERARE L'ATTIVITÀ DEL SISTEMA IMMUNITARIO CONTRO IL TUMORE: BASI MOLECOLARI E BIOLOGICHE PER NUOVE TERAPIE. Responsabile: Bronte Vincenzo Parole chiave: immunoterapia, vaccinoterapia, modelli sperimentali, immunosoppressione Lo scopo di questa ricerca è quello di dimostrare l'azione di inibitori di COX donatori di NO come nuovi farmaci per ricostituire le funzioni immunitarie in soggetti portatori di neoplasia, partendo dall'osservazione ottenuta nei modelli sperimentali che la somministrazione per via orale di alcuni composti con questa attività è in grado di aumentare il numero e la funzione di linfociti T tumore-specifici e l'efficacia della vaccinazione antitumorale. Abbiamo identificato 3 composti "leader" aventi in comune la capacità di donare NO ma con strutture chimiche diverse. Tutti questi composti sono molto attivi nel recuperare la soppressione dei linfociti T indotta da cellule mieloidi soppressorie in saggi in vitro. Al momento attuale stiamo eseguendo esperimenti in animali portatori di tumore per valutare quali di questi composti siano attivi anche in vivo. 5 - APPROCCI DI TERAPIA ANTI-ANGIOGENICA DEI TUMORI OVARICI Responsabile: Indraccolo Stefano

5 Parole chiave: neo-angiogenesi, ovaio, terapia genica, microambiente, apoptosi, interferon, modelli sperimentali La definizione dei parametri dai quali possa dipendere l'esito terapeutico dell'impiego di farmaci anti-angiogenici in oncologia è un ambito d'investigazione di grande interesse. Questo aspetto verrà studiato in modelli sperimentali di carcinoma ovarico, precedentemente utilizzati nel nostro laboratorio. Nel corso dello studio si propongono le seguenti attività: (1) Valutazione del ruolo del fattore trascrizionale HIF-1 nel determinare la sensibilità o la resistenza delle cellule di carcinoma ovarico all'ipossia; (2) Valutazione dell'espressione di geni coinvolti nella regolazione dell'apoptosi nelle linee resistenti o sensibili all'ipossia; (3) Valutazione della possibile correlazione tra metabolismo cellulare, misurato in particolare mediante parametri quali il consumo di glucosio e la produzione di lattato, e risposta all'ipossia; (4) Valutazione della possibile correlazione tra tipo di metabolismo delle cellule tumorali (prevalentemente glicolitico o ossidativo) e la risposta alla terapia antiangiogenica in vivo; (5) Silenziamento mediante vettori lentivirali codificanti opportuni sirna dell'espressione di geni coinvolti nella resistenza all'ipossia e valutazione della sensibilità delle linee tumorali geneticamente modificate alla terapia anti-angiogenica con IFN-alfa o con anticorpi neutralizzanti il VEGF in vivo; (6) Valutazione di farmaci che possano incrementare la risposta delle cellule tumorali all'ipossia e sortire quindi un effetto sinergico con farmaci anti-angiogenici. Abbiamo valutato le risposte cellulari all'ipossia di un gruppo di 9 linee di carcinoma ovarico, identificando alcune linee molto sensibili alla morte indotta dall'ipossia ed altre relativamente resistenti. Lo studio si è quindi focalizzato su 2 linee in particolare, rappresentative delle due risposte, quali la linea OC316 (sensibile all'ipossia) e la linea IGROV-1 (resistente all'ipossia). Abbiamo osservato che esiste una correlazione tra il metabolismo glicolitico delle cellule, misurato in termini di consumo di glucosio e produzione di acido lattico in condizioni di normossia e l'espressione di geni della glicolisi (GAPDH, LDHA, HKII), e la sensibilità all'ipossia: la linea OC316, molto glicolitica, è risultata andare incontro ad un'apoptosi molto maggiore rispetto alle cellule IGROV-1, poco glicolitiche. Il silenziamento stabile del fattore trascrizionale HIF1-A mediante vettori lentivirali codificanti specifici shrna ha accentuato la sensibilità all'ipossia della linea OC316, mentre non ha modificato il comportamento delle cellule IGROV-1. La morte delle cellule OC316 in condizioni ipossiche sembra correlare con un brusco calo nei livelli di ATP intracellulare ed è marcatamente attenuata da un supplemento di glucosio nel terreno di coltura. Tumori formati dalle cellule OC316 silenziati per HIF1-A hanno dimensioni simili a quelli dei tumori di controllo ed inducono risposte angiogeniche comparabili ma sono caratterizzati dalla presenza di aree di necrosi molto più estese rispetto ai controlli. Lo studio sta progredendo nella direzione di una più accurata definizione delle differenze molecolari tra tumori ovarici proficienti e deficienti per HIF1-A e con la valutazione degli effetti della terapia anti-angiogenica con anticorpi neutralizzanti il VEGF in tale sistema sperimentale. 6 - STUDIO DEI MECCANISMI MOLECOLARI CHE REGOLANO LA DORMIENZA TUMORALE Responsabile: Indraccolo Stefano Parole chiave: neo-angiogenesi, metastasi, dormienza tumorale, apoptosi, modelli anaimali Un numero crescente di studi ha evidenziato come l'angiogenesi rappresenti un aspetto fondamentale della crescita tumorale: all'incapacità di una cellula tumorale di promuovere l'angiogenesi segue, in molti modelli sperimentali, l'eliminazione delle cellule tumorali stesse o lo sviluppo di una condizione, detta "dormienza tumorale", nella quale si assiste generalmente ad un bilanciamento tra proliferazione ed apoptosi ed al mantenimento del tumore entro dimensioni microscopiche. I nostri studi sono

6 volti a chiarire i meccanismi coinvolti nella transizione di un tumore indolente in una neoplasia aggressiva in un modello di dormienza tumorale. In particolare si prevedono le seguenti attività: (1) Analisi dello stato d'attivazione di particolari fosfoproteine nei tumori dormienti ed in quelli aggressivi mediante metodiche di immunoblotting ed ELISA; (2) Valutazione della possibile implicazione della pathway di Notch1 e di Notch3 nella conversione dei tumori dormienti in aggressivi; (3) Sviluppo di una serie di linee tumorali neoplastiche umane ingegnerizzate ad esprimere marcatori bioluminescenti che ne permettano lo studio del comportamento biologico in vivo. Abbiamo valutato lo stato d'attivazione di una protein-chinasi attivata dallo stress cellulare, quale p38, nel sistema sperimentale di dormienza tumorale delle cellule MOLT-3, derivate da un paziente con T-ALL. La forma fosforilata di p38 (pp38), che è attiva e può contribuire ad indurre apoptosi, è espressa in maniera aumentata nei tumori dormienti rispetto a quelli aggressivi, e tale espressione correla inversamente con l'espressione di una fosfatasi, MKP-1, preposta a controllare il livello di fosforilazione di p38: MKP-1 è espressa quindi a livelli maggiori nei tumori aggressivi rispetto a quelli dormienti. Per consolidare tali risultati abbiamo quindi generato vettori lentivirali d'espressione di MKP-1 ed altri in grado di silenziare tale gene. Le cellule MOLT-3 over-esprimenti MKP-1 sono risultate più resistenti ad uno stimolo apoptotico; al contrario, cellule in cui MKP-1 veniva silenziato erano particolarmente sensibili agli effetti apoptotici del trattamento. Gli studi in corso sono volti a verificare se diversi livelli d'espressione di MKP-1/pp38 correlino con la risposta apoptotica ad alcuni chemioterapici utilizzati per la terapia delle T-ALL e se i livelli d'espressione di tali proteine nelle cellule di T-ALL ottenute dai pazienti correlino con il decorso della leucemia e la risposta alla terapia. Sono inoltre in corso studi volti ad approfondire la possibile associazione tra la modulazione dell'espressione di MKP-1 nelle cellule MOLT-3 e l'attivazione della via di Notch IDENTIFICAZIONE DI CELLULE MIELOIDI SOPPRESSORIE IN PAZIENTI PORTATORI DI TUMORE Responsabile: Zanovello Paola Parole chiave immunità, genomica, immunosoppressione, melanoma La ricerca si propone di affrontare la caratterizzazione funzionale di sottopopolazioni di cellule mieloidi presenti nella massa tumorale e nel sangue di pazienti con neoplasia, con lo scopo di individuare possibili profili di attivazione e marcatori biochimici. Studi condotti in precedenza nel nostro laboratorio in modelli preclinici di tumore hanno dimostrato che un aumentato metabolismo dell'aminoacido L-Arginina nel microambiente tumorale costituisce un meccanismo mediante il quale cellule dello stipite mielo-monocitario possono condizionare la riposta immunitaria tumorespecifica. Analisi preliminari condotte su biopsie di tessuto tumorale e campioni di sangue periferico di pazienti con patologia tumorale in stadio avanzato (melanoma metastatico, carcinoma colo-rettale) hanno indicato che la popolazione granulocitaria isolata dai pazienti possiede un'elevata attività di Arginasi 1 (ARG1), un enzima coinvolto nel metabolismo di L-Arginina. L'aumento dell'attività enzimatica riscontrato nei granulociti dei pazienti rispetto ai donatori sani, se confermato da ulteriori indagini, potrebbe rappresentare un parametro interessante nel monitoraggio dell'assetto mielo-monocitario dei pazienti con tumore. 8 - VACCINAZIONE ANTI-IDIOTIPICA SUBSET-SPECIFICA PER IL CONTROLLO DI LINFOMI NHL A CELLULE B Responsabile: Rosato Antonio Parole chiave: vaccini, linfomi, modelli animali Questo progetto di ricerca, condotto in collaborazione con il CRO di Aviano, si propone di valutare il ruolo di catene leggere e pesanti delle immunoglobuline, che risultano inaspettatamente utilizzate in maniera preferenziale da tumori a cellule B di differenti pazienti, a fungere come antigeni tumore-specifici per la realizzazione di vaccini anti-

7 idiotipo subset-specifici. Il programma proposto è stato finanziato dalla Comunità Europea (FP6) nell'ambito di uno STREP (Specific Target Research Project) triennale che vede coinvolti quattro enti di ricerca pubblica (l'università di Oslo, l'istituto Karolinska, il CRO di Aviano e lo IOV di Padova) e tre SME (Small Medium Enterprises, Areta, Proimmune e Pepscan), per un totale di euro di finanziamento. Studi preliminari ci hanno già portato alla generazione di una serie di anticorpi monoclonali specifici per la catene VK3-20, una delle catene montate preferenzialmente da linfomi insorti in seguito ad infezione con HCV e che rappresenta il prototipo per gli studi di vaccinazione subset-specifica. Tali monoclonali potranno quindi essere utilizzati per lo screening di altri linfomi, per la diagnostica e per approcci immunoterapici. 9 - EFFICACIA TERAPEUTICA DI LINEE DI LINFOCITI T CITOTOSSICI CD8+ E CD4+ SPECIFICI PER SUBUNITÀ PROTEICHE DEL VIRUS EBV NEL CONTROLLO DI DISORDINI LINFOPROLIFERATIVI POST-TRAPIANTO: VALIDAZIONE IN UN MODELLO PRECLINICO DI IMMUNOTERAPIA ADOTTIVA NEL TOPO SCID Responsabile: Rosato Antonio Parole chiave: virus, modelli sperimentali, immunoterapia, trapianto, immunosoppressione Gli attuali protocolli di immunoterapia adottiva con linfociti T citotossici (CTL) EBVspecifici in corso di patologie linfoproliferative post-trapianto (PTLD) si basano sullo sviluppo di linee CTL policlonali ristrette per HLA di classe I. Per quanto questo approccio si sia dimostrato efficace in ambito clinico sia per la profilassi che il trattamento di PTLD, non è tuttora chiaro il contributo relativo di CTL con differente restrizione nel controllo e nell'eradicazione del tumore. D'altro canto, il ruolo potenziale dell'impiego di cellule T CD4+ EBV-specifiche per il controllo di PTLD non è mai stato valutato né nell'uomo, né in modelli preclinici. In questo contesto, gli obiettivi specifici del progetto sono rappresentati dallo sviluppo di un protocollo riproducibile ed orientato all'applicazione clinica per la generazione di CTL CD8+ e CD4+ diretti contro specifiche subunità di EBV, e dalla valutazione e la validazione direttamente in vivo del loro ruolo anti-tumorale dopo trasferimento adottivo. Abbiamo focalizzato la nostra ricerca sull'induzione di CTL CD4+ EBV-specifici. In particolare, abbiamo potuto osservare che tale popolazione risulta facilmente generabile da tutti i donatori sani analizzati ed è caratterizzata da elevata attività citotossica in vitro verso cellule B trasformate da EBV (LCL); inoltre, tale attività litica è ristretta per molecole MHC di classe II e si basa sull'esocitosi di granuli citotossici e sul rilascio di mediatori (perforine, granzimi e granulisina) utilizzati anche dai classici CTL CD8+. Per quanto concerne l'efficacia terapeutica dopo trasferimento in topi SCID portatori di neoplasie LCL EBV+, i risultati hanno evidenziato che i CTL CD4+ presentano elevata attività antineoplastica quando trasferiti al giorno 0 o 1 dopo l'inoculo del tumore, ma non nei giorni successivi. Tuttavia, una approfondita indagine ha permesso di evidenziare che le LCL, quando trasferite in vivo, modulano negativamente l'espressione di molecole MHC-II, rendendole quindi virtualmente non aggredibili dai CTL CD4+. Resta da chiarire se tale fenomeno sia presente anche nelle PTLD che insorgono nell'uomo o non rappresenti piuttosto una bias sperimentale del modello preclinico. A tale scopo, stiamo attualmente analizzando in immunoistochimica campioni di linfoma provenienti da pazienti al fine di evidenziare l'espressione di MHC-II STUDIO DI IMMUNIZZAZIONE CON MAGE-3 PROTEINA RICOMBINANTE CON ADIUVANTE AS02B O AS15 NEI PAZIENTI CON MELANOMA CUTANEO METASTATICO IN PROGRESSIONE NON RESECABILE Responsabile: Chiarion Sileni Vanna Parole chiave: vaccinoterapia, melanoma, metastasi Verranno arruolati pazienti con melanoma cutaneo istologicamente accertato che presentino metastasi cutanee, sottocutanee o linfonodali non resecabili radicalmente e in evidente progressione nelle 12 settimane prima dell'inizio delle vaccinazioni. I

8 pazienti, con età maggiore di 18 anni, devono acconsentire all'esecuzione di una biopsia tumorale per valutare mediante RT-PCR l'espressione di MAGE-3; non devono avere ricevuto nessun trattamento per la malattia metastica, ad esclusione della perfusione ipertermica isolata, e non devono presentare malattie autoimmuni od autoanticorpi. I pazienti che dopo l'arruolamento risultano MAGE-3 positivi verranno randomizzati, dopo stratificazione per stadio, centro e presenza o assenza di lesioni > di 20 mm, alla vaccinazione con MAGE-3 ricombinante più due diversi adiuvanti: AS02B o AS15. Sono previsti 4 cicli di vaccinazioni. Il primo ciclo comprende 6 somministrazioni i.m, una ogni 2 settimane. Alla rivalutazione, tutti i pazienti con assenza di progressione viscerale o significativa iniziano il secondo ciclo di sei vaccinazioni con scadenza trisettimanale. Il terzo ciclo è di quattro vaccinazioni a intervalli di sei settimane ed il quarto ciclo prevede 4 vaccinazioni ad intervalli di 3 mesi e altre 4 con intervallo di 6 mesi. Le rivalutazioni di malattia sono fissate alla settimana 23, 32, 54, e quindi ogni 6 mesi. Il trattamento viene interrotto per tossicità o progressione viscerale o volontà del paziente. Lo studio prevede il trattamento di 34 pazienti per braccio e sarà considerato attivo e sicuro se saranno osservate >4 (11,8 %) risposte cliniche e <4 tossicità di grado 3/4. In caso di risposte <3 (8,8%) o tossicità > 5 (14,7%), il trattamento verrà considerato non sufficientemente attivo o troppo tossico. Sono stati arruolati 6 pazienti; lo studio è ancora in corso.

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

Attivazione dei linfociti T

Attivazione dei linfociti T Attivazione dei linfociti T Attivazione linfociti T: caratteristiche generali Eventi extracellulari - Riconoscimento dell antigene - Interazione dei recettori costimolatori Eventi intracellulari - Trasduzione

Dettagli

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale ORGAN ON A CHIP Un promettente sostituto alla sperimentazione animale 1 1.Fasi di sviluppo di un farmaco La ricerca e lo sviluppo di un farmaco sono indirizzate al processo dell identificazione di molecole

Dettagli

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici 1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici La maturazione consiste in una serie di eventi che avvengono negli organi linfoidi generativi o primari:

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse Due ingredienti affinchè si inizi la ricerca: 1. Il bigogno terapeutico 2. Il numero dei pazienti o popolazione Quando la malattia è rara

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

Il sistema immunitario

Il sistema immunitario QUADERNI SULLE IMMUNODEFICIENZE PRIMITIVE N. 2 Il sistema immunitario ASSOCIAZIONE IMMUNODEFICIENZE PRIMITIVE ONLUS Quaderni pubblicati da AIP ONLUS N.1 La sindrome di Wiskott Aldrich (WAS) N.2 Il sistema

Dettagli

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali:

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali: Gli enzimi Nel metabolismo energetico le cellule producono notevoli quantità di CO 2 che deve essere eliminata con l apparato respiratorio. Il trasferimento della CO 2 dalle cellule al sangue e da esso

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Il ciclo cellulare e la sua regolazione

Il ciclo cellulare e la sua regolazione Il ciclo cellulare e la sua regolazione Le cellule possono essere classificate in base alla loro capacità di crescere e di dividersi: Cellule che hanno perso la capacità di dividersi (cellule neuronali,

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Introduzione ai Microarray

Introduzione ai Microarray Introduzione ai Microarray Anastasios Koutsos Alexandra Manaia Julia Willingale-Theune Versione 2.3 Versione italiana ELLS European Learning Laboratory for the Life Sciences Anastasios Koutsos, Alexandra

Dettagli

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica Gli enzimi Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica En-zima εν ζυμη nel lievito Enzima termine generico per definire un catalizzatore biologico Tranne che diversamente indicato,

Dettagli

RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009

RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009 RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009 Cisteina di 3 gruppo (176) Unità ripetute ricche di leucina Cisteine di 2 gruppo

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO

I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO ATTIVAZIONE DEI LINFOCITI T L attivazione dei linfociti T vergini richiede la presenza di una particolare regione di contatto tra le cellule T

Dettagli

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Università degli studi di Modena e Reggio Emilia I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Domati F., Maffei S., Kaleci S., Di Gregorio C., Pedroni M., Roncucci

Dettagli

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i Le principali strategie di regolazione dell espressione genica nei procarioti Regolazione metabolica Nel genoma di un microorganismo sono presenti migliaia di geni (3000-6000). Alcuni geni vengono espressi

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA COMPLESSA ASSISTENZA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI

FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA COMPLESSA ASSISTENZA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI A CURA DELLA STRUTTURA COMPLESSA ASSISTENZA FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI NUMEROUMERO 25 OTTOBRE 2012 All interno: pag.2-5 Bevacizumab 1

Dettagli

Catene Leggere Libere nel Siero

Catene Leggere Libere nel Siero Conoscere e capire il dosaggio delle Catene Leggere Libere nel Siero International Myeloma Foundation 12650 Riverside Drive, Suite 206 North Hollywood, CA 91607 USA Telephone: 800-452-CURE (2873) (USA

Dettagli

Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo.

Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo. Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo. Ospedale Oncologico Armando Businco Cagliari. Le informazioni

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

Terapia oncologica nell ambito di uno studio c l i n i c o. Opuscolo informativo per pazienti oncologici e loro parenti

Terapia oncologica nell ambito di uno studio c l i n i c o. Opuscolo informativo per pazienti oncologici e loro parenti Terapia oncologica nell ambito di uno studio c l i n i c o Opuscolo informativo per pazienti oncologici e loro parenti A Si ringraziano la dottoressa in Scienze Naturali Stephanie Züllig, il dottore in

Dettagli

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Il clonaggio molecolare è una delle basi dell ingegneria genetica. Esso consiste nell inserire un frammento di DNA (chiamato inserto) in un vettore appropriato

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori,

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori, melanoma Il melanoma è il tumore che nasce dai melanociti, cellule responsabili della colorazione della pelle e che si trovano nello strato più profondo 2 dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30

Dettagli

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus L AVANZAMENTO DELLA RICERCA SULLA RESISTENZA ALLA FLAVESCENZA DORATA Elisa Angelini CRA-VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura, Conegliano (TV) DUE GIALLUMI IMPORTANTI IN EUROPA ED ITALIA Flavescenza

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

13. Anticorpi. (vedi singoli sottocapitoli) I edizione. 13. Anticorpi...1

13. Anticorpi. (vedi singoli sottocapitoli) I edizione. 13. Anticorpi...1 1 13. Anticorpi I edizione (vedi singoli sottocapitoli) 13. Anticorpi...1 13.1. STRUTTURA DEGLI ANTICORPI ED I GENI DELLE IMMUNOGLOBULINE...3 13.1.1. Struttura/funzione degli anticorpi...4 13.1.2. Dominii

Dettagli

Acidi nucleici non codificanti

Acidi nucleici non codificanti Vol. Giacca 4bozza 17-02-2011 11:05 Pagina 19 Acidi nucleici non codificanti 19 maniera controllata in modo da non favorire la crescita di eventuali tumori presenti in sedi lontane da quella in cui sono

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC (*risponde l infermiera / l ostetrica/ il medico) AGGIORNATO A Maggio 2009 1 CHE COSA E UN PROGRAMMA

Dettagli

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica Evento Formativo Residenziale PREVENZIONE ONCOLOGICA IN MEDICINA GENERALE Savona Aulla Magna,, Pallazziina Viigiiolla,,

Dettagli

A.I.S.F. ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LO STUDIO DEL FEGATO TRATTAMENTO DELLA EPATITE DA HCV

A.I.S.F. ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LO STUDIO DEL FEGATO TRATTAMENTO DELLA EPATITE DA HCV A.I.S.F. ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LO STUDIO DEL FEGATO TRATTAMENTO DELLA EPATITE DA HCV A cura della Commissione Terapia Antivirale dell Associazione Italiana per lo Studio del Fegato (A.I.S.F.) Finito

Dettagli

TUMORI DELLA MAMMELLA

TUMORI DELLA MAMMELLA TUMORI DELLA MAMMELLA INFORMAZIONI GENERALI La mammella Struttura e funzione della mammella La mammella è costituita da grasso (tessuto adiposo), tessuto connettivo e tessuto ghiandolare. Quest'ultimo

Dettagli

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE In un qualsiasi anno prima dell'uso esteso dei vaccini in Italia si registravano circa 3.000 casi di poliomielite, circa 12.000 di difterite, circa 700 casi

Dettagli

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I Edizione 28 Settembre 2012 II Edizione 23 Novembre 2012 Martinengo - Sala Congressi Diapath L evento è stato

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

LA DONAZIONE DI SANGUE

LA DONAZIONE DI SANGUE CHE COSA è La donazione di sangue consiste nel prelievo di un determinato volume di sangue da un soggetto sano, chiamato donatore, al fine di trasfonderlo in un soggetto che ha bisogno di sangue o di uno

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI SISTEMA ROBOTICO DA VINCI Dalla Laparoscopia urologica alla Chirurgia robotica. S I S T E M A R O B O T I C O D A V I N C I CHE COSA BISOGNA SAPERE SUL SISTEMA ROBOTICO DA VINCI: 1 IL VANTAGGIO PRINCIPALE

Dettagli

EPATITE B. 50 domande e risposte. Dr. med. Eric Odenheimer, Prof. Dr. med. Beat Müllhaupt e Prof. Dr. med. Andreas Cerny

EPATITE B. 50 domande e risposte. Dr. med. Eric Odenheimer, Prof. Dr. med. Beat Müllhaupt e Prof. Dr. med. Andreas Cerny EPATITE B 50 domande e risposte Dr. med. Eric Odenheimer, Prof. Dr. med. Beat Müllhaupt e Prof. Dr. med. Andreas Cerny 2012 by SEVHep; 2 a edizione c/o Centro di Epatologia Clinica Luganese Moncucco Via

Dettagli

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP I mitocondri sono gli organuli responsabili della produzione di energia necessaria alla cellula per crescere e riprodursi. Queste reazioni, che nel loro insieme costituiscono il processo di "respirazione

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Cos è l epatite? 1.1 Riassunto. L epatite

Cos è l epatite? 1.1 Riassunto. L epatite I. L epatite 11 1. Informazioni generali Cos è l epatite? 1.1 Riassunto L epatite L epatite è un infiammazione del fegato. Viene spesso chiamata ittero ma si tratta di un errore, poiché la colorazione

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione negli eucarioti Il promotore eucariotico L inizio della trascrizione negli eucarioti necessita della RNA polimerasi e dei fattori di trascrizione. Qualsiasi proteina sia necessaria per

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili.

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili. VLT VLT (leggi Volt) è un gel energizzante il cui effetto si fonda sulla combinazione e sinergia d azione propria dei componenti in esso contenuti. In VLT si ritrovano, difatti, molteplici principi attivi

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE 1 di 10 07/02/2013 13:12 MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 10 ottobre 2012 Modalita' per l'esportazione o l'importazione di tessuti, cellule e cellule riproduttive umani destinati ad applicazioni sull'uomo.

Dettagli

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 A cura di: Intermedia editore Via Malta 12/B 25124 Brescia Tel. 030.226105 fax. 030.2420472 intermedia@intermedianews.it www.medinews.it

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST?

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? Informazioni sui percorsi di approfondimento diagnostico e di cura PROGRAMMA REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI FEMMINILI Coordinamento editoriale e di redazione:

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI)

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Cosa sono le malattie interstiziali polmonari? Le malattie interstiziali polmonari sono dette anche interstiziopatie

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

Fonti alimentari di Inositolo

Fonti alimentari di Inositolo Fonti alimentari di Inositolo Agrumi Cereali integrali Frutta secca(arachidi) Semi(germe di grano) Legumi(fagioli) Lievito di birra Gli alimenti freschi contengono molto più Inositolo rispetto ai prodotti

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

ANEMIE DEL II GRUPPO

ANEMIE DEL II GRUPPO ANEMIE DEL II GRUPPO Per incapacità dell eritrone midollare di produrre normalmente eritrociti a causa di difetti della: Proliferazione cellulare ESALTATA ERITROPOIESI INEFFICACE (ERITROBLASTOLISI MIDOLLARE)

Dettagli

Fabbisogni vitaminici: ci sono le basi per ri-valutare le specifiche delle diete?

Fabbisogni vitaminici: ci sono le basi per ri-valutare le specifiche delle diete? Fabbisogni vitaminici: ci sono le basi per ri-valutare le specifiche delle diete? Tratto da Vitamin requirements: is there basis for re-evaluating dietary specifications? S. LEESON 1 Tradotto, adattato

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Le muffe fanno parte, insieme ai lieviti e ai funghi a cappello sia mangerecci sia velenosi, di un vastissimo quanto eterogeneo gruppo di organismi,

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014 2 A cura di: Via Malta 12/B 25124 Brescia Tel. 030.226105 fax. 030.2420472 intermedia@intermedianews.it www.medinews.it 3 Prefazione

Dettagli

Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Biomolecolari. Corso di Immunologia Molecolare

Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Biomolecolari. Corso di Immunologia Molecolare Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Biomolecolari ANTONELLA GROSSO Corso di Immunologia Molecolare ILAN RIESS LA MOLECOLA Interleukin 4 From Wikipedia, the free encyclopedia Interleukin-4, abbreviated

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione nei procarioti Concetti base Nucleoside base purinica o pirimidinica legata alla posizione 1 dell anello pentoso Nucleotide base azotata-pentoso-fosfato Concetti base La trascrizione comporta

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli