ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico. Linea di ricerca. Via Gattamelata, Padova

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico. Linea di ricerca. Via Gattamelata, 64 35128 Padova"

Transcript

1 ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico Linea di ricerca Via Gattamelata, Padova

2 Linea di ricerca 8 Immunologia dei tumori e approcci terapeutici Innovativi Le cellule tumorali stabiliscono un complesso rapporto con i tessuti circostanti, che comprendono sia cellule parenchimali e stromali normali dell'organo in cui la neoplasia si sviluppa che leucociti richiamati nella sede della lesione da fattori diversi. Le interazioni cha avvengono a livello del microambiente neoplastico sono molto complesse, ed il delicato equilibrio che si instaura tra fattori di derivazione tumorale (che favoriscono la crescita delle cellule neoplastiche) e fattori derivanti dai tessuti normali dell'ospite (che tendono generalmente a contenerne la crescita) è uno degli elementi chiave per spiegare almeno in parte la diversa progressione delle neoplasie. Tale complessa cascata di fenomeni si sta inoltre rivelando un potenziale bersaglio terapeutico, in cui interventi mirati nei confronti dei diversi elementi possono alterare il precario equilibrio tra crescita del tumore e suo contenimento in favore di quest'ultimo, sinergizzando magari con interventi più convenzionali quali ad esempio la chemioterapia anti-neoplastica. A) Rapporti tumore-ospite Nell'ambito dei rapporti tra tumore ed ospite, particolare rilevanza assumono il fenomeno della neo-angiogenesi tumorale, il fenomeno della cosiddetta "dormienza tumorale", e la risposta immunitaria al tumore. Per quanto attiene al primo punto, è noto che la crescita dei tumori presuppone il reclutamento da parte del tumore di cellule endoteliali dalla vascolatura pre-esistente, così da fornire al tessuto neoplastico una rete vascolare in grado di garantirne l'ossigenazione e la nutrizione. Gli studi effettuati hanno confermato l'importanza del fenomeno della neo-angiogenesi, evidenziando altresì come tale evento possa essere modulato mediante sostanze ad azione anti-angiogenica quali l IFN-alfa. Dagli studi condotti è inoltre emerso che eventuali agenti anti-angiogenici devono essere somministrati in maniera continuativa e ad alte dosi, evidenziando così la necessità di ricorrere a modalità di "delivery" degli agenti biotecnologicamente avanzate, quali la terapia genica. Per quanto riguarda la cosiddetta "dormienza tumorale", questo fenomeno si riferisce al fatto che cellule neoplastiche possono risiedere nei tessuti in uno stato di apparente quiescenza per mesi o anni, per poi "risvegliarsi" e dare origine ad una massa tumorale a seguito di stimoli non ancora ben definiti. Le ricerche condotte su questo argomento in un modello animale di leucemia linfatica acuta umana hanno dimostrato che stimoli in grado di accendere fenomeni transitori di neoangiogenesi sono in grado di interrompere la dormienza tumorale; sono ora in corso studi volti a chiarire le interazioni tra endotelio e cellule maligne e le vie di trasduzione del segnale accese dalle interazioni cellula-cellula nel microambiente neoplastico. Per quanto concerne infine la risposta immunitaria ai tumori, gli studi sono stati condotti sia in modelli di tumore umano trapiantabile in topi immunodeficienti o di tumore murino ad insorgenza spontanea in certi ceppi di animali, che in neoplasie umane di vario istotipo, ed in particolare nel melanoma e nei tumori dell'esofago. Le ricerche più recenti si concentrano attorno a tre aspetti fondamentali: 1) definire il profilo di espressione degli antigeni tumorali, correlandolo alle caratteristiche clinicopatologiche dei singoli pazienti ed in particolare agli aspetti prognostici; 2) stabilire il repertorio cellulare e molecolare della risposta linfocitaria dell'ospite a tali antigeni, sia mediante approcci convenzionali di immunologia cellulare che mediante le più moderne tecniche di analisi mediante microarrays; 3) approfondire il ruolo svolto da cellule mieloidi infiltranti il tumore nel favorire la progressione tumorale. Su quest'ultimo aspetto si è realizzata nel nostro Istituto nel corso degli ultimi 3 anni una massa critica notevole, che pone il nostro gruppo in posizione leader nel panorama internazionale. Gli studi condotti hanno dimostrato che cellule di derivazione

3 midollare dell'ospite possono in certe condizioni favorire anziché contrastare la crescita neoplastica, attraverso l'induzione di uno stato di immunodepressione nell'ospite; è in corso sia la definizione dei meccanismi alla base di questo fenomeno in modelli sperimentali e nell'uomo, sia il disegno di strategie farmacologiche appropriate per limitare l'azione delle cellule mieloidi soppressive. B) Approcci terapeutici innovativi Le strutture afferenti allo IOV sono da tempo impegnate a studiare la possibilità di sviluppare strategie terapeutiche o preventive di vaccinazione verso antigeni tumorali, in particolare verso antigeni espressi da cellule di melanoma; in quest'ambito, oltre agli studi condotti in modelli preclinici, alcune strutture afferenti allo IOV hanno già preso parte a trials clinici di vaccinazione con peptidi di antigeni tumorali e/o gangliosidi condotti su scala europea. Di particolare rilievo lo sforzo che viene portato avanti per l'identificazione di correlati di protezione che possano fungere da markers di risposta nei pazienti vaccinati, predicendo la risposta all'immunoterapia. Per quanto attiene ad approcci innovativi di terapia dei tumori, quali la terapia cellulare adottiva e la terapia genica, tali approcci nell'uomo sono attualmente preclusi nell'ambito dello IOV per la non disponibilità di una struttura che risponda alle normative vigenti sul tema, che prevedono l'osservanza rigorosa delle procedure GMP per la preparazione dei prodotti destinati a terapia cellulare adottiva o terapia genica. Ciononostante, sono maturate approfondite competenze sulle caratteristiche di vettori retrovirali e lentivirali destinati al trasferimento genico, al fine di affrontare le problematiche più rilevanti in campo di terapia genica: ottenere vettori ad alto titolo, capaci di esprimere per un periodo di tempo prolungato il transgene in maniera tessuto-specifica, con meccanismi che consentano la regolazione dell'espressione genica e/o di salvaguardia mediante l'incorporazione nel vettore di geni "suicidi". I modelli su cui si è maggiormente concentrata l'attenzione mirano da un lato al trasferimento di geni che codificano per citochine in grado di potenziare le risposte anti-tumorali nella sede tumorale o molecole in grado di interferire con la neoangiogenesi tumorale; questa linea di ricerca è stata perseguita principalmente in modelli di carcinoma ovarico umano trapiantabile nel topo. L'interesse per la complessa interazione tra cellule neoplastiche e microambiente non si è limitato ai tumori sperimentali trapiantati in topi immunodeficienti, ma si è estesa a ad un modello di neoplasia prostatica ad insorgenza spontanea in un particolare ceppo di topi (topi TRAMP); in questo contesto è infatti possibile studiare in condizioni molto più vicine alle neoplasie umane i fenomeni angiogenetici che caratterizzano la storia naturale del tumore, e disegnare gli approcci di terapia genica più appropriati per interferire con lo sviluppo di vasi all'interno della massa prostatica dell'animale. Infine, è prevista a breve la trasferibilità in un trial di fase I-II nell'uomo di un coniugato di ialuronato con un tracciante radioattivo, che si è dimostrato estremamente efficace in un modello preclinico di epatocarcinoma. 1 - STUDIO DEL RUOLO DEL METABOLISMO DELLA L-ARGININA NELL'IMMUNOSOPPRESSIONE INDOTTA DAI TUMORI. Responsabile: Mandruzzato Susanna Parole chiave: immunologia, patogenesi, marcatori Per indagare il ruolo degli enzimi arginasi e ossido nitrico sintetasi nelle disfunzioni del sistema immunitario indotte dai tumori, ci proponiamo di studiare l'espressione e l'attività di questi enzimi in tessuti tumorali umani di diverso tipo istologico, con una particolare attenzione ad indentificare le cellule esprimenti tali enzimi nel microambiente tumorale. Abbiamo eseguito un'analisi dell'infiltrato presente nel tessuto neoplastico, analizzando l'espressione in situ delle proteine arginasi-1 e arginasi-2 in un pannello di biopsie di melanoma e carcinoma del colon. L' analisi immunoistochimica ha mostrato la presenza di cellule che esprimono queste proteine in una frazione dei campioni analizzati con un chiaro pattern di espressione: cellule che esprimono arginasi-2 sono presenti in alcuni campioni analizzati e sono a carico di cellule neoplastiche sia nel caso di melanoma che in quello del carcinoma del colon-

4 retto in aree disomogenee. Per contro, cellule che esprimono arginasi-1 sono invece espresse in tutti i granulociti che infiltrano le aree neoplastiche. E' in corso la messa a punto della colorazione immunoistochimica per l'enzima NOS STUDIO DEL RUOLO DI ALTERAZIONI DEL METABOLISMO DI AMINOACIDI NELL'IMMUNOSOPPRESSIONE INDOTTA DA TUMORI MEDIANTE UTILIZZO DI TOPI TRANSGENICI E KNOCK-OUT Responsabile: Bronte Vincenzo Parole chiave: immunosoppressione, modelli sperimentali, microambiente La ricerca ha come scopo la comprensione del ruolo che alterazioni del metabolismo di aminoacidi, quali la L-Arginina; possono avere nel generare un microambiente tumorale con caratteristiche soppressorie nei confronti della risposta immunitaria. I perossinitriti, generati dal metabolismo dell'aminoacido L-arginina da parte di cellule mielo-monocitarie infiltranti il tumore o dalle cellule tumorali stesse, sono stati coinvolti nei meccanismi di soppressione della risposta immune anti-tumorale. Abbiamo osservato che i perossinitriti formano degli addotti con alcune citochine alterandone la funzione. In particolare, la nitrazione di alcuni residui di tirosina della chemochina SDF-1 ne altera la capacità di far migrare cellule T CD8+ umane. Stiamo valutando i meccanismi molecolari e l'importanza biologica di questi risultati. 3 - ANALISI DEL PROFILO DEI MICRORNA COME STRUMENTO PER STUDIARE LA BIOLOGIA DELLE CELLULE MIELOIDI SOPPRESSORIE Responsabile: Bronte Vincenzo Parole chiave: genomica, immunosoppressione, modelli sperimentali La ricerca ha come scopo l'identificazione di mir di cellule mielo-monocitarie purificate dalla massa tumorale e dal sangue periferico di pazienti oncologici per definire la biologia di sottopopolazioni di cellule mielomonocitarie condizionate dal tumore, capaci di svolgere un'importante sulle risposte immunitarie dell'ospite. Abbiamo determinato il profilo di espressione genica in macrofagi infiltranti il tumore ottenuti da diversi tumori murini. Da queste cellule è stato estratto anche RNA per l'analisi dei microrna. L'ibridizzazione su chip di microrna viene condotta, in questo momento, nei laboratori del Dott. F. Marincola, Bethesda, USA. Cercheremo di creare algoritmi che consentano di tracciare reti di interazione tra microrna e mrna presenti nelle cellule infiltranti il tumore. 4 - IDENTIFICAZIONE DI NUOVE MOLECOLE IN GRADO DI RECUPERARE L'ATTIVITÀ DEL SISTEMA IMMUNITARIO CONTRO IL TUMORE: BASI MOLECOLARI E BIOLOGICHE PER NUOVE TERAPIE. Responsabile: Bronte Vincenzo Parole chiave: immunoterapia, vaccinoterapia, modelli sperimentali, immunosoppressione Lo scopo di questa ricerca è quello di dimostrare l'azione di inibitori di COX donatori di NO come nuovi farmaci per ricostituire le funzioni immunitarie in soggetti portatori di neoplasia, partendo dall'osservazione ottenuta nei modelli sperimentali che la somministrazione per via orale di alcuni composti con questa attività è in grado di aumentare il numero e la funzione di linfociti T tumore-specifici e l'efficacia della vaccinazione antitumorale. Abbiamo identificato 3 composti "leader" aventi in comune la capacità di donare NO ma con strutture chimiche diverse. Tutti questi composti sono molto attivi nel recuperare la soppressione dei linfociti T indotta da cellule mieloidi soppressorie in saggi in vitro. Al momento attuale stiamo eseguendo esperimenti in animali portatori di tumore per valutare quali di questi composti siano attivi anche in vivo. 5 - APPROCCI DI TERAPIA ANTI-ANGIOGENICA DEI TUMORI OVARICI Responsabile: Indraccolo Stefano

5 Parole chiave: neo-angiogenesi, ovaio, terapia genica, microambiente, apoptosi, interferon, modelli sperimentali La definizione dei parametri dai quali possa dipendere l'esito terapeutico dell'impiego di farmaci anti-angiogenici in oncologia è un ambito d'investigazione di grande interesse. Questo aspetto verrà studiato in modelli sperimentali di carcinoma ovarico, precedentemente utilizzati nel nostro laboratorio. Nel corso dello studio si propongono le seguenti attività: (1) Valutazione del ruolo del fattore trascrizionale HIF-1 nel determinare la sensibilità o la resistenza delle cellule di carcinoma ovarico all'ipossia; (2) Valutazione dell'espressione di geni coinvolti nella regolazione dell'apoptosi nelle linee resistenti o sensibili all'ipossia; (3) Valutazione della possibile correlazione tra metabolismo cellulare, misurato in particolare mediante parametri quali il consumo di glucosio e la produzione di lattato, e risposta all'ipossia; (4) Valutazione della possibile correlazione tra tipo di metabolismo delle cellule tumorali (prevalentemente glicolitico o ossidativo) e la risposta alla terapia antiangiogenica in vivo; (5) Silenziamento mediante vettori lentivirali codificanti opportuni sirna dell'espressione di geni coinvolti nella resistenza all'ipossia e valutazione della sensibilità delle linee tumorali geneticamente modificate alla terapia anti-angiogenica con IFN-alfa o con anticorpi neutralizzanti il VEGF in vivo; (6) Valutazione di farmaci che possano incrementare la risposta delle cellule tumorali all'ipossia e sortire quindi un effetto sinergico con farmaci anti-angiogenici. Abbiamo valutato le risposte cellulari all'ipossia di un gruppo di 9 linee di carcinoma ovarico, identificando alcune linee molto sensibili alla morte indotta dall'ipossia ed altre relativamente resistenti. Lo studio si è quindi focalizzato su 2 linee in particolare, rappresentative delle due risposte, quali la linea OC316 (sensibile all'ipossia) e la linea IGROV-1 (resistente all'ipossia). Abbiamo osservato che esiste una correlazione tra il metabolismo glicolitico delle cellule, misurato in termini di consumo di glucosio e produzione di acido lattico in condizioni di normossia e l'espressione di geni della glicolisi (GAPDH, LDHA, HKII), e la sensibilità all'ipossia: la linea OC316, molto glicolitica, è risultata andare incontro ad un'apoptosi molto maggiore rispetto alle cellule IGROV-1, poco glicolitiche. Il silenziamento stabile del fattore trascrizionale HIF1-A mediante vettori lentivirali codificanti specifici shrna ha accentuato la sensibilità all'ipossia della linea OC316, mentre non ha modificato il comportamento delle cellule IGROV-1. La morte delle cellule OC316 in condizioni ipossiche sembra correlare con un brusco calo nei livelli di ATP intracellulare ed è marcatamente attenuata da un supplemento di glucosio nel terreno di coltura. Tumori formati dalle cellule OC316 silenziati per HIF1-A hanno dimensioni simili a quelli dei tumori di controllo ed inducono risposte angiogeniche comparabili ma sono caratterizzati dalla presenza di aree di necrosi molto più estese rispetto ai controlli. Lo studio sta progredendo nella direzione di una più accurata definizione delle differenze molecolari tra tumori ovarici proficienti e deficienti per HIF1-A e con la valutazione degli effetti della terapia anti-angiogenica con anticorpi neutralizzanti il VEGF in tale sistema sperimentale. 6 - STUDIO DEI MECCANISMI MOLECOLARI CHE REGOLANO LA DORMIENZA TUMORALE Responsabile: Indraccolo Stefano Parole chiave: neo-angiogenesi, metastasi, dormienza tumorale, apoptosi, modelli anaimali Un numero crescente di studi ha evidenziato come l'angiogenesi rappresenti un aspetto fondamentale della crescita tumorale: all'incapacità di una cellula tumorale di promuovere l'angiogenesi segue, in molti modelli sperimentali, l'eliminazione delle cellule tumorali stesse o lo sviluppo di una condizione, detta "dormienza tumorale", nella quale si assiste generalmente ad un bilanciamento tra proliferazione ed apoptosi ed al mantenimento del tumore entro dimensioni microscopiche. I nostri studi sono

6 volti a chiarire i meccanismi coinvolti nella transizione di un tumore indolente in una neoplasia aggressiva in un modello di dormienza tumorale. In particolare si prevedono le seguenti attività: (1) Analisi dello stato d'attivazione di particolari fosfoproteine nei tumori dormienti ed in quelli aggressivi mediante metodiche di immunoblotting ed ELISA; (2) Valutazione della possibile implicazione della pathway di Notch1 e di Notch3 nella conversione dei tumori dormienti in aggressivi; (3) Sviluppo di una serie di linee tumorali neoplastiche umane ingegnerizzate ad esprimere marcatori bioluminescenti che ne permettano lo studio del comportamento biologico in vivo. Abbiamo valutato lo stato d'attivazione di una protein-chinasi attivata dallo stress cellulare, quale p38, nel sistema sperimentale di dormienza tumorale delle cellule MOLT-3, derivate da un paziente con T-ALL. La forma fosforilata di p38 (pp38), che è attiva e può contribuire ad indurre apoptosi, è espressa in maniera aumentata nei tumori dormienti rispetto a quelli aggressivi, e tale espressione correla inversamente con l'espressione di una fosfatasi, MKP-1, preposta a controllare il livello di fosforilazione di p38: MKP-1 è espressa quindi a livelli maggiori nei tumori aggressivi rispetto a quelli dormienti. Per consolidare tali risultati abbiamo quindi generato vettori lentivirali d'espressione di MKP-1 ed altri in grado di silenziare tale gene. Le cellule MOLT-3 over-esprimenti MKP-1 sono risultate più resistenti ad uno stimolo apoptotico; al contrario, cellule in cui MKP-1 veniva silenziato erano particolarmente sensibili agli effetti apoptotici del trattamento. Gli studi in corso sono volti a verificare se diversi livelli d'espressione di MKP-1/pp38 correlino con la risposta apoptotica ad alcuni chemioterapici utilizzati per la terapia delle T-ALL e se i livelli d'espressione di tali proteine nelle cellule di T-ALL ottenute dai pazienti correlino con il decorso della leucemia e la risposta alla terapia. Sono inoltre in corso studi volti ad approfondire la possibile associazione tra la modulazione dell'espressione di MKP-1 nelle cellule MOLT-3 e l'attivazione della via di Notch IDENTIFICAZIONE DI CELLULE MIELOIDI SOPPRESSORIE IN PAZIENTI PORTATORI DI TUMORE Responsabile: Zanovello Paola Parole chiave immunità, genomica, immunosoppressione, melanoma La ricerca si propone di affrontare la caratterizzazione funzionale di sottopopolazioni di cellule mieloidi presenti nella massa tumorale e nel sangue di pazienti con neoplasia, con lo scopo di individuare possibili profili di attivazione e marcatori biochimici. Studi condotti in precedenza nel nostro laboratorio in modelli preclinici di tumore hanno dimostrato che un aumentato metabolismo dell'aminoacido L-Arginina nel microambiente tumorale costituisce un meccanismo mediante il quale cellule dello stipite mielo-monocitario possono condizionare la riposta immunitaria tumorespecifica. Analisi preliminari condotte su biopsie di tessuto tumorale e campioni di sangue periferico di pazienti con patologia tumorale in stadio avanzato (melanoma metastatico, carcinoma colo-rettale) hanno indicato che la popolazione granulocitaria isolata dai pazienti possiede un'elevata attività di Arginasi 1 (ARG1), un enzima coinvolto nel metabolismo di L-Arginina. L'aumento dell'attività enzimatica riscontrato nei granulociti dei pazienti rispetto ai donatori sani, se confermato da ulteriori indagini, potrebbe rappresentare un parametro interessante nel monitoraggio dell'assetto mielo-monocitario dei pazienti con tumore. 8 - VACCINAZIONE ANTI-IDIOTIPICA SUBSET-SPECIFICA PER IL CONTROLLO DI LINFOMI NHL A CELLULE B Responsabile: Rosato Antonio Parole chiave: vaccini, linfomi, modelli animali Questo progetto di ricerca, condotto in collaborazione con il CRO di Aviano, si propone di valutare il ruolo di catene leggere e pesanti delle immunoglobuline, che risultano inaspettatamente utilizzate in maniera preferenziale da tumori a cellule B di differenti pazienti, a fungere come antigeni tumore-specifici per la realizzazione di vaccini anti-

7 idiotipo subset-specifici. Il programma proposto è stato finanziato dalla Comunità Europea (FP6) nell'ambito di uno STREP (Specific Target Research Project) triennale che vede coinvolti quattro enti di ricerca pubblica (l'università di Oslo, l'istituto Karolinska, il CRO di Aviano e lo IOV di Padova) e tre SME (Small Medium Enterprises, Areta, Proimmune e Pepscan), per un totale di euro di finanziamento. Studi preliminari ci hanno già portato alla generazione di una serie di anticorpi monoclonali specifici per la catene VK3-20, una delle catene montate preferenzialmente da linfomi insorti in seguito ad infezione con HCV e che rappresenta il prototipo per gli studi di vaccinazione subset-specifica. Tali monoclonali potranno quindi essere utilizzati per lo screening di altri linfomi, per la diagnostica e per approcci immunoterapici. 9 - EFFICACIA TERAPEUTICA DI LINEE DI LINFOCITI T CITOTOSSICI CD8+ E CD4+ SPECIFICI PER SUBUNITÀ PROTEICHE DEL VIRUS EBV NEL CONTROLLO DI DISORDINI LINFOPROLIFERATIVI POST-TRAPIANTO: VALIDAZIONE IN UN MODELLO PRECLINICO DI IMMUNOTERAPIA ADOTTIVA NEL TOPO SCID Responsabile: Rosato Antonio Parole chiave: virus, modelli sperimentali, immunoterapia, trapianto, immunosoppressione Gli attuali protocolli di immunoterapia adottiva con linfociti T citotossici (CTL) EBVspecifici in corso di patologie linfoproliferative post-trapianto (PTLD) si basano sullo sviluppo di linee CTL policlonali ristrette per HLA di classe I. Per quanto questo approccio si sia dimostrato efficace in ambito clinico sia per la profilassi che il trattamento di PTLD, non è tuttora chiaro il contributo relativo di CTL con differente restrizione nel controllo e nell'eradicazione del tumore. D'altro canto, il ruolo potenziale dell'impiego di cellule T CD4+ EBV-specifiche per il controllo di PTLD non è mai stato valutato né nell'uomo, né in modelli preclinici. In questo contesto, gli obiettivi specifici del progetto sono rappresentati dallo sviluppo di un protocollo riproducibile ed orientato all'applicazione clinica per la generazione di CTL CD8+ e CD4+ diretti contro specifiche subunità di EBV, e dalla valutazione e la validazione direttamente in vivo del loro ruolo anti-tumorale dopo trasferimento adottivo. Abbiamo focalizzato la nostra ricerca sull'induzione di CTL CD4+ EBV-specifici. In particolare, abbiamo potuto osservare che tale popolazione risulta facilmente generabile da tutti i donatori sani analizzati ed è caratterizzata da elevata attività citotossica in vitro verso cellule B trasformate da EBV (LCL); inoltre, tale attività litica è ristretta per molecole MHC di classe II e si basa sull'esocitosi di granuli citotossici e sul rilascio di mediatori (perforine, granzimi e granulisina) utilizzati anche dai classici CTL CD8+. Per quanto concerne l'efficacia terapeutica dopo trasferimento in topi SCID portatori di neoplasie LCL EBV+, i risultati hanno evidenziato che i CTL CD4+ presentano elevata attività antineoplastica quando trasferiti al giorno 0 o 1 dopo l'inoculo del tumore, ma non nei giorni successivi. Tuttavia, una approfondita indagine ha permesso di evidenziare che le LCL, quando trasferite in vivo, modulano negativamente l'espressione di molecole MHC-II, rendendole quindi virtualmente non aggredibili dai CTL CD4+. Resta da chiarire se tale fenomeno sia presente anche nelle PTLD che insorgono nell'uomo o non rappresenti piuttosto una bias sperimentale del modello preclinico. A tale scopo, stiamo attualmente analizzando in immunoistochimica campioni di linfoma provenienti da pazienti al fine di evidenziare l'espressione di MHC-II STUDIO DI IMMUNIZZAZIONE CON MAGE-3 PROTEINA RICOMBINANTE CON ADIUVANTE AS02B O AS15 NEI PAZIENTI CON MELANOMA CUTANEO METASTATICO IN PROGRESSIONE NON RESECABILE Responsabile: Chiarion Sileni Vanna Parole chiave: vaccinoterapia, melanoma, metastasi Verranno arruolati pazienti con melanoma cutaneo istologicamente accertato che presentino metastasi cutanee, sottocutanee o linfonodali non resecabili radicalmente e in evidente progressione nelle 12 settimane prima dell'inizio delle vaccinazioni. I

8 pazienti, con età maggiore di 18 anni, devono acconsentire all'esecuzione di una biopsia tumorale per valutare mediante RT-PCR l'espressione di MAGE-3; non devono avere ricevuto nessun trattamento per la malattia metastica, ad esclusione della perfusione ipertermica isolata, e non devono presentare malattie autoimmuni od autoanticorpi. I pazienti che dopo l'arruolamento risultano MAGE-3 positivi verranno randomizzati, dopo stratificazione per stadio, centro e presenza o assenza di lesioni > di 20 mm, alla vaccinazione con MAGE-3 ricombinante più due diversi adiuvanti: AS02B o AS15. Sono previsti 4 cicli di vaccinazioni. Il primo ciclo comprende 6 somministrazioni i.m, una ogni 2 settimane. Alla rivalutazione, tutti i pazienti con assenza di progressione viscerale o significativa iniziano il secondo ciclo di sei vaccinazioni con scadenza trisettimanale. Il terzo ciclo è di quattro vaccinazioni a intervalli di sei settimane ed il quarto ciclo prevede 4 vaccinazioni ad intervalli di 3 mesi e altre 4 con intervallo di 6 mesi. Le rivalutazioni di malattia sono fissate alla settimana 23, 32, 54, e quindi ogni 6 mesi. Il trattamento viene interrotto per tossicità o progressione viscerale o volontà del paziente. Lo studio prevede il trattamento di 34 pazienti per braccio e sarà considerato attivo e sicuro se saranno osservate >4 (11,8 %) risposte cliniche e <4 tossicità di grado 3/4. In caso di risposte <3 (8,8%) o tossicità > 5 (14,7%), il trattamento verrà considerato non sufficientemente attivo o troppo tossico. Sono stati arruolati 6 pazienti; lo studio è ancora in corso.

ALLEGATO 2 DESCRIZIONE SCIENTIFICA DEL PROGETTO E OBIETTIVI

ALLEGATO 2 DESCRIZIONE SCIENTIFICA DEL PROGETTO E OBIETTIVI BANDO DI CONCORSO CELESTINA LOSA per l assegnazione di 3 BORSE DI RICERCA sul tema: «Nuove opzioni terapeutiche per i pazienti con medulloblastoma: l immunoterapia adottiva diretta verso l antigene tumorale

Dettagli

Utilizzo dei vaccini in oncologia

Utilizzo dei vaccini in oncologia L E G U I D E Utilizzo dei vaccini in oncologia Fondazione Federico Calabresi Utilizzo dei vaccini in oncologia Michele Maio Luana Calabrò Arianna Burigo U.O.C. Immunoterapia Oncologica Azienda Ospedaliera

Dettagli

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57 LA TERAPIA METRONOMICA Per oltre mezzo secolo, la terapia sistemica per i tumori è stata caratterizzata dalla somministrazione dei farmaci chemioterapici. La maggior parte di questi farmaci ha lo scopo

Dettagli

Convegno di presentazione delle attività iniziate nell ambito dei Programmi 1, 2, 3, 4

Convegno di presentazione delle attività iniziate nell ambito dei Programmi 1, 2, 3, 4 Rete Nazionale Solidale e Collaborazioni Internazionali del Programma Straordinario Oncologia 2006 (ISS per ACC). Convegno di presentazione delle attività iniziate nell ambito dei Programmi 1, 2, 3, 4

Dettagli

Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma

Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma Searching for targets for the systemic therapy of mesothelioma Stahel RA, Weder W, Felley- Bosco E, Petrausch U, Curioni-Fontecedro A, Schmitt-Opitz

Dettagli

Espressione di geni specifici per un determinato tumore

Espressione di geni specifici per un determinato tumore Espressione di geni specifici per un determinato tumore Paziente A: Non ha il cancro Espressione dei geni: Nessuna Biopsia Geni associati al cancro allo stomaco Paziente B: Ha un tumore allo stomaco Bassa

Dettagli

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma SEBASTIANO FILETTI Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche Università di Roma Sapienza, Roma La malattia tiroidea è in aumento negli ultimi anni. Quali le ragioni? Dati epidemiologici provenienti

Dettagli

L approccio vaccinale al cancro*

L approccio vaccinale al cancro* L approccio vaccinale al cancro* La vaccinazione è una tecnica mirata a stimolare una reazione immunologica dell organismo verso l'antigene o gli antigeni contenuti nel vaccino somministrato. Oggi i vaccini

Dettagli

IL LINFOMA DI HODGKIN

IL LINFOMA DI HODGKIN UNIVERSITÀ DI PISA Dipartimento di Farmacia Corso di Laurea in CTF Corso: Basi Biochimiche dell azione dei Farmaci IL LINFOMA DI HODGKIN Pisa, 1-04-14 Greta Onesti Anno Accademico 2013-2014 1 OBIETTIVI

Dettagli

ID55/2005 PROGETTO R&S Lo sviluppo di nuovi inibitori delle istone deacetilasi per un approccio epigenetico alla terapia dei tumori.

ID55/2005 PROGETTO R&S Lo sviluppo di nuovi inibitori delle istone deacetilasi per un approccio epigenetico alla terapia dei tumori. SCHEDE TECNICHE INTERVENTI CONCLUSI ATI CONGENIA - CONGENIA Srl Milano - DAC Srl Milano - NIKEM RESEARCH Srl Bollate MI - ISTITUTO EUROPEO DI ONCOLOGIA Milano - ISTITUTO FIRC DI ONCOLOGIA MOLECOLARE Milano

Dettagli

logo.jpg 18F-FDG Vari lavori hanno dimostrato che l accumulo di FDG correla con il Ki-67 MARKER DI PROLIFERAZIONE

logo.jpg 18F-FDG Vari lavori hanno dimostrato che l accumulo di FDG correla con il Ki-67 MARKER DI PROLIFERAZIONE logo.jpg 18F-FDG 18F-FDG Entrata glucosio nelle cellule Segue due vie: diffusione facilitata (in presenza di eccesso) trasporto attivo Na-dipendente (richiede energia) logo.jpg FDG si accumula in base

Dettagli

Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone

Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone Indice 1. Introduzione 2. Cosa sono le targeted therapies? 3. Come funzionano le targeted therapies? 4. Perché utilizzare le targeted therapies nel

Dettagli

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi generali Metodi mirati Scoperta e sviluppo di nuovi

Dettagli

finanziamenti pubblici ministeriali e regionali in ambito di ricerca biomedica e sanitaria

finanziamenti pubblici ministeriali e regionali in ambito di ricerca biomedica e sanitaria Genova 17 novembre 2009 Seminario finanziamenti pubblici ministeriali e regionali in ambito di ricerca biomedica e sanitaria dott. Cristina Grandi dott. Michela Ferlenghi finanziamenti pubblici, ministeriali

Dettagli

Ricerca farmacologica priclinica e clinica

Ricerca farmacologica priclinica e clinica Ricerca farmacologica priclinica e clinica SPERIMENTAZIONE PRECLINICA DURATA MEDIA?? ANNI Consente di isolare, dalle migliaia di sostanze sottoposte al primo screening di base farmacologico e biochimico,

Dettagli

Il TCR è un eterodimero costituito da due catene polipeptidiche chiamate catena α ecatenaβ legate insieme da un ponte disolfuro. Entrambe le catene

Il TCR è un eterodimero costituito da due catene polipeptidiche chiamate catena α ecatenaβ legate insieme da un ponte disolfuro. Entrambe le catene I linfociti T sono le cellule dell immunità adattativa responsabili della protezione verso le infezioni ad opera dei microbi intracellulari. Essi derivano da cellule staminali del midollo osseo che si

Dettagli

NUOVI MARCATORI TUMORALI E ANALISI SIEROPROTEOMICA NELLA DIAGNOSI E NELLA PROGNOSI DELLA PATOLOGIA TUMORALE

NUOVI MARCATORI TUMORALI E ANALISI SIEROPROTEOMICA NELLA DIAGNOSI E NELLA PROGNOSI DELLA PATOLOGIA TUMORALE NUOVI MARCATORI TUMORALI E ANALISI SIEROPROTEOMICA NELLA DIAGNOSI E NELLA PROGNOSI DELLA PATOLOGIA TUMORALE Centro di Riferimento Oncologico - Istituto Nazionale Tumori - IRCCS Aviano Unità di Patologia

Dettagli

Prof.ssa Adriana Albini Angiogenesi come target di terapia LA TERAPIA BIOLOGICA MIRATA: LE PREMESSE

Prof.ssa Adriana Albini Angiogenesi come target di terapia LA TERAPIA BIOLOGICA MIRATA: LE PREMESSE Prof.ssa Adriana Albini Angiogenesi come target di terapia LA TERAPIA BIOLOGICA MIRATA: LE PREMESSE Anche se la base comune delle neoplasie è rappresentata dalla crescita incontrollata di cellule trasformate,

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE Servizio Risorse Umane e Relazioni Sindacali delegato dal Direttore Generale dell Azienda con

Dettagli

Sede nazionale: Via Ravenna, 34 00161 Roma - Tel.: 06.4403763 www.ail.it

Sede nazionale: Via Ravenna, 34 00161 Roma - Tel.: 06.4403763 www.ail.it marsteller/ B-M Healthcare Sede nazionale: Via Ravenna, 34 00161 Roma - Tel.: 06.4403763 www.ail.it IN COLLABORAZIONE CON: SI RINGRAZIA: PER AVER SOSTENUTO L AIL NELLA DIFFUSIONE DI QUESTO MESSAGGIO. L

Dettagli

ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S.

ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S. 10 febbraio 2009 - Aviano Gli I.R.C.C.S. Oncologici nel Nord-Est ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S. Unità di Sperimentazioni Cliniche e Biostatistica MISSION: Programmare e coordinare progetti di ricerca

Dettagli

Servizi di Ricerca a Terzi. Luglio 2015

Servizi di Ricerca a Terzi. Luglio 2015 Servizi di Ricerca a Terzi Luglio 2015 Chi siamo Vera Salus Ricerca S.r.l. (VSR) è una target discovery biotech company che mette a disposizione le proprie competenze e la propria strumentazione in qualità

Dettagli

Quiz multiple choice per valutazione apprendimento dei partecipanti

Quiz multiple choice per valutazione apprendimento dei partecipanti Quiz multiple choice per valutazione apprendimento dei partecipanti 1. Quali recettori di citochine condividono la catena gamma del recettore di IL-2? A. IL-2, IL-4, IL15 B. IL-4, IL-15, GM-CSF C. IL-2,

Dettagli

APPROFONDIMENTO PROGETTO DI RICERCA IRST IRCCS cod. L3P923

APPROFONDIMENTO PROGETTO DI RICERCA IRST IRCCS cod. L3P923 APPROFONDIMENTO PROGETTO DI RICERCA IRST IRCCS cod. L3P923 Titolo del progetto Studio dell'interazione tra le cellule del midollo osseo e le cellule tumorali del cancro alla mammella in piattaforme tridimensionali

Dettagli

LA RETE NAZIONALE SOLIDALE E COLLABORAZIONI INTERNAZIONALI DEL PROGRAMMA STRAORDINARIO ONCOLOGIA 2006 (ISS PER ACC)

LA RETE NAZIONALE SOLIDALE E COLLABORAZIONI INTERNAZIONALI DEL PROGRAMMA STRAORDINARIO ONCOLOGIA 2006 (ISS PER ACC) LA RETE NAZIONALE SOLIDALE E COLLABORAZIONI INTERNAZIONALI DEL PROGRAMMA STRAORDINARIO ONCOLOGIA 2006 (ISS PER ACC) CONVEGNO DI PRESENTAZIONE DELLE ATTIVITA INIZIATE NELL AMBITO DEI PROGRAMMI 1, 2, 3,

Dettagli

Cosa sono i Macatori Tumorali?

Cosa sono i Macatori Tumorali? Marcatori tumorali Cosa sono i Macatori Tumorali? Sostanze biologiche sintetizzate e rilasciate dalle cellule tumorali o prodotte dall ospite in risposta alla presenza del tumore Assenti o presenti in

Dettagli

IL RUOLO DEL MEDICO NUCLEARE NELL'IMAGING POLMONARE LOCALMENTE AVANZATA E. Giuseppe De Vincentis

IL RUOLO DEL MEDICO NUCLEARE NELL'IMAGING POLMONARE LOCALMENTE AVANZATA E. Giuseppe De Vincentis IL RUOLO DEL MEDICO NUCLEARE NELL'IMAGING E NEL TRATTAMENTO DELLA NEOPLASIA POLMONARE LOCALMENTE AVANZATA E METASTATICA Giuseppe De Vincentis 18 FDG PET: presupposti La degenerazione cancerosa si associa

Dettagli

PLASMIDI puc ALTRI TIPI DI VETTORI. VETTORI λ 17-06-2010

PLASMIDI puc ALTRI TIPI DI VETTORI. VETTORI λ 17-06-2010 PLASMIDI puc ALTRI TIPI DI VETTORI VETTORI λ (15-20 Kb) = vettori ottenuti apportando delle modifiche al genoma del batteriofago λ. COSMIDI (40-45 Kb) = plasmidi che contengono i siti cos di λ utili per

Dettagli

Dott. Elena Niccolai, PhD. Dipartimento di Medicina Sperimentale e Clinica Università degli Studi di Firenze

Dott. Elena Niccolai, PhD. Dipartimento di Medicina Sperimentale e Clinica Università degli Studi di Firenze Dott. Elena Niccolai, PhD Dipartimento di Medicina Sperimentale e Clinica Università degli Studi di Firenze Premio Gianfranco Del Prete per le malattie orfane, Firenze 8 novembre 2014 ADENOCARCINOMA PANCREATICO

Dettagli

Uso di vettori lentivirali per trasdurre linee cellulari di adenocarcinoma colorettale con shrnas silenzianti il gene herg1

Uso di vettori lentivirali per trasdurre linee cellulari di adenocarcinoma colorettale con shrnas silenzianti il gene herg1 Uso di vettori lentivirali per trasdurre linee cellulari di adenocarcinoma colorettale con shrnas silenzianti il gene herg1 e loro applicazione in studi pre-clinici. Il trasferimento genico è una tecnologia

Dettagli

Contributo. Tavoli tematici. 1. Dati proponente contributo VERSO LA STRATEGIA REGIONALE DELL INNOVAZIONE 2014-2020

Contributo. Tavoli tematici. 1. Dati proponente contributo VERSO LA STRATEGIA REGIONALE DELL INNOVAZIONE 2014-2020 VERSO LA STRATEGIA REGIONALE DELL INNOVAZIONE 2014-2020 Tavoli tematici Contributo 1 1. Dati proponente contributo Alfredo Ferro Ente/organizzazione di appartenenza Università di Catania Telefono 3666627657

Dettagli

Dipartimento di Ematologia, Oncologia e Medicina molecolare

Dipartimento di Ematologia, Oncologia e Medicina molecolare Dipartimento di Ematologia, Oncologia e Medicina molecolare La Biobanca delle cellule staminali tumorali Scienza e Tecnologia al servizio della Ricerca Progetto editoriale Labozeta S.p.A via Tiburtina,

Dettagli

Il mieloma multiplo La terapia

Il mieloma multiplo La terapia MIELOMA MULTIPLO Il mieloma multiplo è una malattia neoplastica caratterizzata dalla proliferazione e accumulo nel midollo osseo di linfociti e di plasmacellule che, direttamente o indirettamente, possono

Dettagli

Comunicato stampa. Il PROGETTO CeRMS/COES: IL PRINCIPALE FINANZIAMENTO NELL AMBITO DEL BANDO DEL PROGRAMMA ONCOLOGIA DELLA COMPAGNIA DI SAN PAOLO

Comunicato stampa. Il PROGETTO CeRMS/COES: IL PRINCIPALE FINANZIAMENTO NELL AMBITO DEL BANDO DEL PROGRAMMA ONCOLOGIA DELLA COMPAGNIA DI SAN PAOLO Azienda Sanitaria Ospedaliera San Giovanni Battista di Torino Comunicato stampa Il PROGETTO CeRMS/COES: IL PRINCIPALE FINANZIAMENTO NELL AMBITO DEL BANDO DEL PROGRAMMA ONCOLOGIA DELLA COMPAGNIA DI SAN

Dettagli

Franco Patrone DIMI, Università di Genova

Franco Patrone DIMI, Università di Genova PRINCIPI DI ONCOLOGIA GERIATRICA Franco Patrone DIMI, Università di Genova Genova, 16 Ottobre 2010 I Tumori nell Anziano: Dimensioni del Problema Più del 50 % dei tumori si manifestano tra i 65 e i 95

Dettagli

- AXXAM Spa Milano - DOMPÈ PHA.R.MA Spa L Aquila - ISTITUTO CLINICO HUMANITAS Spa Rozzano (MI) - BIOXELL Spa Milano

- AXXAM Spa Milano - DOMPÈ PHA.R.MA Spa L Aquila - ISTITUTO CLINICO HUMANITAS Spa Rozzano (MI) - BIOXELL Spa Milano SCHEDE TECNICHE INTERVENTI CONCLUSI ATI AXXAM - AXXAM Spa Milano - DOMPÈ PHA.R.MA Spa L Aquila - ISTITUTO CLINICO HUMANITAS Spa Rozzano (MI) - BIOXELL Spa Milano ID69/2005 PROGETTO R&S Piattaforma integrata

Dettagli

Citotossicità mediata dai linfociti T CD8 + nell eziologia eziologia di patologie neurodegenerative. Manuele Ongari

Citotossicità mediata dai linfociti T CD8 + nell eziologia eziologia di patologie neurodegenerative. Manuele Ongari Citotossicità mediata dai linfociti T CD8 + nell eziologia eziologia di patologie neurodegenerative Manuele Ongari Esame di Immunologia Scuola di specializzazione in Biochimica clinica I LINFOCITI T CD8

Dettagli

Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica

Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica Domanda #1 (codice domanda: n.541) : Cosa caratterizza il grado T2 del colangiocarcinoma? A: Interessamento del connettivo periduttale B: Coinvolgimento

Dettagli

Indice. Prefazione alla prima edizione. Prefazione alla seconda edizione. Prefazione alla terza edizione

Indice. Prefazione alla prima edizione. Prefazione alla seconda edizione. Prefazione alla terza edizione Autori Prefazione alla prima edizione Prefazione alla seconda edizione Prefazione alla terza edizione XV XIX XXI XXIII 1. Epidemiologia e prevenzione oncologica (M. De Laurentiis, R. Bianco, S. De Placido)

Dettagli

GRUPPO DI STUDIO TUMORI CUTANEI LINEE GUIDA PER ANALISI GENETICO MOLECOLARI IN PAZIENTI AFFETTI DA MELANOMA METASTICO

GRUPPO DI STUDIO TUMORI CUTANEI LINEE GUIDA PER ANALISI GENETICO MOLECOLARI IN PAZIENTI AFFETTI DA MELANOMA METASTICO GRUPPO DI STUDIO TUMORI CUTANEI LINEE GUIDA PER ANALISI GENETICO MOLECOLARI IN PAZIENTI AFFETTI DA MELANOMA METASTICO Documento redatto da: Dott.ssa T.Venesio, Dr.ssa A. Balsamo - Laboratorio di Patologia

Dettagli

Competenze Laboratori (Med-CHHAB)

Competenze Laboratori (Med-CHHAB) Competenze Laboratori (Med-CHHAB) Asse Portante Tematiche Campi d azione Servizi offerti Applicazioni Polimeri Biocompatibili Preparazione e caratterizzazione chimicofisica di materiali polimerici biocompatibili

Dettagli

O.R.I.A. Osservatorio Ricerca e Innovazione Aziendale Seduta del 3 Febbraio 2010

O.R.I.A. Osservatorio Ricerca e Innovazione Aziendale Seduta del 3 Febbraio 2010 Seduta del 3 Febbraio 2010 Seduta del 3 Febbraio 2010 U.O. LABORATORIO DI GENETICA 1) Applicazione della tecnologia CGH (Comparative Genomic Hybridization) microarray per attività diagnostiche e di ricerca

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz Genetica delle neoplasie ematologiche Individua le alterazioni genetiche ed epigenetiche presenti nei vari disordini onco-ematologici www.fisiokinesiterapia.biz Fattori estrinseci Ambiente Danno genotossico

Dettagli

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia 1. 7 domande sui tumori 2. Convivere con la malattia Dott. Andrea Angelo Martoni Direttore Unità Operativa di Oncologia Medica Policlinico S.Orsola-Malpighi Bologna 1. Cosa sono i tumori? i tumori Malattia

Dettagli

Biomarkers per la diagnosi precoce di tumori

Biomarkers per la diagnosi precoce di tumori Università degli Studi di Bari Aldo Moro Dipartimento di Bioscienze, Biotecnologie e Biofarmaceutica Biomarkers per la diagnosi precoce di tumori Dott.ssa Maria Luana Poeta Cos è un Tumore Omeostasi Tissutale

Dettagli

Premesse. Lo sviluppo di nuovi medicinali è un processo molto impegnativo sia dal punto di vista procedurale che economico:

Premesse. Lo sviluppo di nuovi medicinali è un processo molto impegnativo sia dal punto di vista procedurale che economico: Premesse 2 Lo sviluppo di nuovi medicinali è un processo molto impegnativo sia dal punto di vista procedurale che economico: Su 8 molecole che presentano potenzialità terapeutiche solo 1, solitamente,

Dettagli

XIII Meeting AIRTum, Siracusa 6-8 maggio 2009

XIII Meeting AIRTum, Siracusa 6-8 maggio 2009 CARATTERIZZAZIONE CLINICA, MORFOLOGICA E BIOLOGICA DI DUE GRUPPI ESTREMI DI PAZIENTI CON CARCINOMA COLORETTALE SELEZIONATI ATTRAVERSO UN REGISTRO TUMORI SPECIALIZZATO Annalisa Pezzi, Piero Benatti, Luca

Dettagli

Linfoma follicolare le basi su cui si fonda una terapia di successo per il linfoma follicolare Che cosa é il linfoma follicolare?

Linfoma follicolare le basi su cui si fonda una terapia di successo per il linfoma follicolare Che cosa é il linfoma follicolare? Linfoma follicolare La terapia del linfoma non-hodgkin follicolare è oggi molto più efficace che in passato grazie alle nuove modalità di terapia quali gli anticorpi monoclonali (Rituximab, Zevalin) e

Dettagli

TOSSICOLOGIA. TOSSICO Ogni sostanza capace di provocare in un organismo modificazioni funzionali DANNOSE mediante una azione fisica o chimica.

TOSSICOLOGIA. TOSSICO Ogni sostanza capace di provocare in un organismo modificazioni funzionali DANNOSE mediante una azione fisica o chimica. TOSSICOLOGIA COS E UN FARMACO? - ogni sostanza capace di provocare in un organismo modificazioni funzionali mediante un azione fisica o chimica. - Per l OMS è farmaco una sostanza o un prodotto utilizzato

Dettagli

CAPITOLO 1 indice. Tumore della mammella pag. 27 Tumore della cervice uterina pag. 30 Melanoma pag. 31 Linfomi pag. 31. bibliografia pag.

CAPITOLO 1 indice. Tumore della mammella pag. 27 Tumore della cervice uterina pag. 30 Melanoma pag. 31 Linfomi pag. 31. bibliografia pag. CAPITOLO 1 indice le neoplasie nell anziano pag. 5 Valutazione del paziente anziano pag. 7 Aspetti generali del trattamento pag. 10 Tumori del colon-retto pag. 11 Tumori della mammella pag. 13 Tumori del

Dettagli

I principali obiettivi del progetto dedicato alla salute maschile sono:

I principali obiettivi del progetto dedicato alla salute maschile sono: salute al maschile, L IMPEGNO DI FONDAZIONE UMBERTO VERONESI PER gli uomini Nel 2015 la Fondazione Umberto Veronesi s impegna in un progetto specificatamente dedicato alla salute maschile per rispondere

Dettagli

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati.

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. Biotecnologie ed OGM Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. COSA SONO LE BIOTECNOLOGIE? Si dicono Biotecnologie i metodi tecnici che permettono lo sfruttamento di sistemi

Dettagli

Immunologia dei tumori

Immunologia dei tumori Immunologia dei tumori Il sistema immunitario tende ad eliminare tutto quanto è antigenico. I tumori sono antigenici? Ovvero: Il sistema immunitario serve a difendere l ospite dal tumore? Possiamo utilizzare

Dettagli

ANTICORPI. Il termine anticorpo si riferisce alla proprietà di riconoscere in maniera specifica i corpi estranei (antigeni).

ANTICORPI. Il termine anticorpo si riferisce alla proprietà di riconoscere in maniera specifica i corpi estranei (antigeni). ANTICORPI Il termine anticorpo si riferisce alla proprietà di riconoscere in maniera specifica i corpi estranei (antigeni). H L Fab Fab H L Fc Vari frammenti proteici degli anticorpi possono essere utilizzabili

Dettagli

Zecchin Davide La telomerasi come target per l inibizione nella cura del cancro

Zecchin Davide La telomerasi come target per l inibizione nella cura del cancro Zecchin Davide La telomerasi come target per l inibizione nella cura del cancro INTRODUZIONE Esistono alcuni fattori che rendono la telomerasi un target attraente e selettivo per la cura del cancro. In

Dettagli

I MARCATORI TUMORALI CLASSICI

I MARCATORI TUMORALI CLASSICI I MARCATORI TUMORALI CLASSICI Serenella Valaperta - Laboratorio Analisi Vanzago, 14 aprile 2011 Marcatore tumorale una sostanza misurabile quantitativamente nei tessuti e nei liquidi corporei, che possa

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

DMM SCIENTIFIC MEETING PADOVA, 29-30 MAGGIO 2014

DMM SCIENTIFIC MEETING PADOVA, 29-30 MAGGIO 2014 DMM SCIENTIFIC MEETING PADOVA, 29-30 MAGGIO 2014 DMM SCIENTIFIC MEETING - PADOVA, 29-30 MAGGIO 2014 QUESTIONARIO RISPOSTE CORRETTE 1. I vaccini a DNA sono potenziati dall uso della elettroporazione in

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

BYE BYE CHEMIOTERAPIA!!.ARRIVANO LE BOMBE INTELLIGENTI!!! A A CURA DI ORIANA SURDO

BYE BYE CHEMIOTERAPIA!!.ARRIVANO LE BOMBE INTELLIGENTI!!! A A CURA DI ORIANA SURDO BYE BYE CHEMIOTERAPIA!!.ARRIVANO LE BOMBE INTELLIGENTI!!! A A CURA DI ORIANA SURDO Cancro «Massa abnormale di tessuto che cresce in eccesso e in modo scoordinato rispetto ai tessuti normali, e persiste

Dettagli

Indice. Capitolo 1 Introduzione alla terapia genica... 1. Capitolo 2 Acidi nucleici con funzione terapeutica... 11

Indice. Capitolo 1 Introduzione alla terapia genica... 1. Capitolo 2 Acidi nucleici con funzione terapeutica... 11 Romane Giacca 4b 17-02-2011 11:14 Pagina XI Capitolo 1 Introduzione alla terapia genica........................... 1 Geni come farmaci...................................... 1 Terapia genica: una visione

Dettagli

RICERCA, INNOVAZIONE E COMPETITIVITA : Quali vantaggi per il Paese e per i pazienti?

RICERCA, INNOVAZIONE E COMPETITIVITA : Quali vantaggi per il Paese e per i pazienti? RICERCA, INNOVAZIONE E COMPETITIVITA : Quali vantaggi per il Paese e per i pazienti? La ricerca oncologica presso l Ospedale S. Filippo Neri di Roma Giampietro Gasparini Associazione G. Dossetti Roma,

Dettagli

LEUCEMIE ACUTE LINFOIDI DELL'ADULTO

LEUCEMIE ACUTE LINFOIDI DELL'ADULTO LEUCEMIE ACUTE LINFOIDI DELL'ADULTO La leucemia acuta linfoide è una malattia non frequente (15% delle forme leucemiche) in cui vi è una proliferazione maligna di cellule linfoidi nel midollo, nel sangue

Dettagli

NEWSLETTER GRUPPO ITALIANO MESOTELIOMA

NEWSLETTER GRUPPO ITALIANO MESOTELIOMA NEWSLETTER GRUPPO ITALIANO MESOTELIOMA SOMMARIO o mir379/411 regola IL-18 e contribuisce alla resistenza alla terapia nel mesotelioma pleurico maligno. o Cisplatino in combinazione con Fenetil-isotiocianato

Dettagli

AZIENDA SANITARIA OSPEDALIERA SAN GIOVANNI BATTISTA DI TORINO Corso Bramante, 88 LABORATORIO ANALISI SCREENING DIPARTIMENTO INTERAZIENDALE DI

AZIENDA SANITARIA OSPEDALIERA SAN GIOVANNI BATTISTA DI TORINO Corso Bramante, 88 LABORATORIO ANALISI SCREENING DIPARTIMENTO INTERAZIENDALE DI AZIENDA SANITARIA OSPEDALIERA SAN GIOVANNI BATTISTA DI TORINO Corso Bramante, 88 LABORATORIO ANALISI SCREENING DIPARTIMENTO INTERAZIENDALE DI PREVENZIONE SECONDARIA DEI TUMORI Dr. Fabrizio Gili M2PK Uno

Dettagli

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI MASI SERENA ISTRUZIONE E FORMAZIONE PER IL CURRICULUM VITAE. Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI MASI SERENA ISTRUZIONE E FORMAZIONE PER IL CURRICULUM VITAE. Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail MASI SERENA Nazionalità Italiana Data di nascita ISTRUZIONE E FORMAZIONE Date 2002 2007 (data conseguimento:

Dettagli

Her-2 nel carcinoma mammario

Her-2 nel carcinoma mammario Her-2 nel carcinoma mammario Piera Balzarini U.O. Anatomia Patologica Università degli Studi di Brescia Spedali Civili di Brescia Il gene ERBB2 dà origine ad un recettore tirosin-chinasico appartenente

Dettagli

Genoma umano: illusioni, realtà, prospettive

Genoma umano: illusioni, realtà, prospettive Genoma umano: illusioni, realtà, prospettive Giovedì 15 Marzo 2007 - ore 17.30 Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti - Venezia Giuseppe Borsani e Gerolamo Lanfranchi, coordina Fabio Pagan Il flusso

Dettagli

ELEMENTI DI FISIOPATOLOGIA DEL SISTEMA IMMUNITARIO

ELEMENTI DI FISIOPATOLOGIA DEL SISTEMA IMMUNITARIO ELEMENTI DI FISIOPATOLOGIA DEL SISTEMA IMMUNITARIO FUNZIONI DEL SISTEMA IMMUNITARIO difesa contro le infezioni difesa contro i tumori riconoscimento dei tessuti trapiantati e di proteine estranee CD34

Dettagli

UNA RISORSA PER LA RICERCA SCIENTIFICA E PER LA SALUTE DELLA COMUNITA

UNA RISORSA PER LA RICERCA SCIENTIFICA E PER LA SALUTE DELLA COMUNITA UNA RISORSA PER LA RICERCA SCIENTIFICA E PER LA SALUTE DELLA COMUNITA Progetto realizzato con il contributo di Cos è Trentino Biobank? Trentino Biobank è una struttura della Azienda Provinciale per i Servizi

Dettagli

Difese dell organismo

Difese dell organismo Difese dell organismo Gli organismi hanno essenzialmente 3 tipi di difese, disposte sequenzialmente, che il virus deve superare: Difese di superficie Barriere fisiche Difese sistemiche Immunità innata

Dettagli

Terapia Genica. Trattamento di patologie umane in cui il farmaco è materiale genetico

Terapia Genica. Trattamento di patologie umane in cui il farmaco è materiale genetico Terapia Genica Trattamento di patologie umane in cui il farmaco è materiale genetico Storia clinica della terapia genica E cominciata nel 1990 con trattamento ex vivo di pazienti affetti da immunodeficienza

Dettagli

PATOLOGIA MOLECOLARE

PATOLOGIA MOLECOLARE Diagnosi rischio individuale diagnosi precoce PATOLOGIA MOLECOLARE prognosi therapia singolo paziente Example of an approximately 40,000 probe spotted oligo microarray with enlarged inset to show detail.

Dettagli

2 - Area delle Scienze Biomediche e Mediche (Fondi assegnati per i Progetti di Ricerca Anno 2005)

2 - Area delle Scienze Biomediche e Mediche (Fondi assegnati per i Progetti di Ricerca Anno 2005) Assegnazioni 2 - Area delle Biomediche e Mediche (Fondi assegnati per i Progetti di Ricerca Anno 2005) N Nome Titolo 1 ANICHINI CECILIA 2 BERTELLI EUGENIO 3 BOCCHIA MONICA 4 BUONOCORE GIUSEPPE VALUTAZIONE

Dettagli

METODI DI MARCATURA DEGLI ACIDI NUCLEICI

METODI DI MARCATURA DEGLI ACIDI NUCLEICI METODI DI MARCATURA DEGLI ACIDI NUCLEICI Marcatura di acidi nucleici Una sonda per ibridazione è una molecola di DNA marcata, con una sequenza complementare al DNA bersaglio da individuare. Poiché la sonda

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Roberto RIA Indirizzo Traversa I via Svaona n. 4 70127 Bari-Santo Spirito Telefono 080.5593106 Cellulare

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DECRETO 26 aprile 2002 Accertamento della composizione e innocuità dei farmaci di nuova istituzione prima della sperimentazione clinica sull'uomo. Individuazione della documentazione

Dettagli

STRUTTURA ISTOLOGICA DEI TUMORI

STRUTTURA ISTOLOGICA DEI TUMORI STRUTTURA ISTOLOGICA DEI TUMORI Parenchima neoplastico - Atipia istologica dell architettura rispetto al tessuto originario - Accrescimento in una massa neoplastica sotto forma di: a) NODULI o CORDONI

Dettagli

Utilizzo dei vaccini in oncologia

Utilizzo dei vaccini in oncologia Utilizzo dei vaccini in oncologia Michele Maio Luana Calabrò Arianna Burigo U.O.C. Immunoterapia Oncologica Azienda Ospedaliera Universitaria Senese per il Network Italiano per la Bioterapia dei Tumori

Dettagli

Malattie ematologiche maligne

Malattie ematologiche maligne Malattie ematologiche maligne Sono tutte condizioni di crescita cellulare incontrollata di cellule emopoietiche. Malattie quindi di notevole gravità. CELLULA MIELOIDE CELLULA LINFOIDE Malattie mieloproliferative

Dettagli

Le basi biologiche degli effetti delle radiazioni

Le basi biologiche degli effetti delle radiazioni Aifm Associazione Italiana Fisica Medica LE RACCOMANDAZIONI 2007 DELL ICRP : esame ed applicazione 27 giugno 2008 Aula A - Università degli Studi di Milano Le basi biologiche degli effetti delle radiazioni

Dettagli

FATTORI PROGNOSTICI. Dr.ssa Rossana Tiberio. Dr.ssa Benedetta Miglino

FATTORI PROGNOSTICI. Dr.ssa Rossana Tiberio. Dr.ssa Benedetta Miglino FATTORI PROGNOSTICI MELANOMA Dr.ssa Rossana Tiberio Dr.ssa Benedetta Miglino UNIVERSITA' DEGLI STUDI DEL PIEMONTE ORIENTALE "A. AVOGADRO" FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA - NOVARA CLINICA DERMATOLOGICA

Dettagli

Il ruolo di CA15-3 nel monitoraggio della terapia nel carcinoma mammario metastatico: un caso clinico

Il ruolo di CA15-3 nel monitoraggio della terapia nel carcinoma mammario metastatico: un caso clinico Il ruolo di CA15-3 nel monitoraggio della terapia nel carcinoma mammario metastatico: un caso clinico C. Cocco 1, B. Caruso 1, E. Fiorio 2 1 Laboratorio Analisi (sede di BT) 2 Oncologia (sede di BT), AOUI,

Dettagli

CELLULE STAMINALI: POTENZIALITÀ TERAPEUTICA IN SICUREZZA. Brescia, 23 Ottobre 2009 In data 23 Ottobre si è svolta, organizzata dall Istituto

CELLULE STAMINALI: POTENZIALITÀ TERAPEUTICA IN SICUREZZA. Brescia, 23 Ottobre 2009 In data 23 Ottobre si è svolta, organizzata dall Istituto CELLULE STAMINALI: POTENZIALITÀ TERAPEUTICA IN SICUREZZA. Brescia, 23 Ottobre 2009 In data 23 Ottobre si è svolta, organizzata dall Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia ed Emilia Romagna,

Dettagli

Strumenti e Tecniche di studio in patologia

Strumenti e Tecniche di studio in patologia Strumenti e Tecniche di studio in patologia Gli strumenti della patologia: Microscopia Biologia molecolare Indagini biochimiche Microscopia Ottica citopatologia ed istopatologia citochimica ed istochimica

Dettagli

Atassia-Teleangiectasia: programmi di ricerca Responsabile scientifico: Prof. Claudio Pignata

Atassia-Teleangiectasia: programmi di ricerca Responsabile scientifico: Prof. Claudio Pignata Atassia-Teleangiectasia: programmi di ricerca Responsabile scientifico: Prof. Claudio Pignata Esecuzione di un cross-over trial controllato e randomizzato multicentrico per la validazione su larga scala

Dettagli

I Marcatori Tumorali

I Marcatori Tumorali Lezione di Medicina di laboratorio del 21/10/08 I Marcatori Tumorali Parleremo dei marcatori tumorali non soltanto in senso generale, ma soprattutto relazionandoli alla diagnostica di laboratorio e quindi

Dettagli

I fattori di rischio di nefrotossicità post-trapianto possono sommariamente distinguersi in non modificabili e modificabili.

I fattori di rischio di nefrotossicità post-trapianto possono sommariamente distinguersi in non modificabili e modificabili. 1 I fattori di rischio di nefrotossicità post-trapianto possono sommariamente distinguersi in non modificabili e modificabili. I primi sono rappresentati dalle caratteristiche demografiche dei pazienti

Dettagli

Innovazione tecnologica e farmacologica in chirurgia oncologica. Sovrintendente Sanitario IEO - CCM

Innovazione tecnologica e farmacologica in chirurgia oncologica. Sovrintendente Sanitario IEO - CCM Innovazione tecnologica e farmacologica in chirurgia oncologica Milano, 20 novembre 2015 Dott. Massimo Castoldi Sovrintendente Sanitario IEO - CCM Medicina di precisione La transizione verso l'era della

Dettagli

ROMA Hotel NH Vittorio Veneto Corso d Italia, 1

ROMA Hotel NH Vittorio Veneto Corso d Italia, 1 RONCO MEDICAL CENTER srl Centro Polispecialistico di Medicina Integrata P. IVA 05834240961 I anno corso 2013 IMMUNOLOGIA ED ENDOCRINOLOGIA PER LA MODULAZIONE BIOLOGICA DELL ATTIVITA METABOLICA CELLULARE

Dettagli

Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone

Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone I A Cura di: Simona Carnio Divisione di Oncologia Toracica - A.O.U. San Luigi - Orbassano (TO) Silvia Novello Dipartimento di Oncologia - Università

Dettagli

IMMUNOLOGIA. L IMMUNOLOGIA studia i meccanismi messi in atto dal sistema immunitario nella protezione dell'organismo.

IMMUNOLOGIA. L IMMUNOLOGIA studia i meccanismi messi in atto dal sistema immunitario nella protezione dell'organismo. IMMUNOLOGIA L IMMUNOLOGIA studia i meccanismi messi in atto dal sistema immunitario nella protezione dell'organismo. L'IMMUNOPATOLOGIA analizza i casi in cui il sistema immunitario non funziona correttamente:

Dettagli

Carcinoma prostatico

Carcinoma prostatico SIUrO Società Italiana di Urologia Oncologica Alessandro Bertaccini, Sergio Bracarda, Roberta Ceccarelli, Adriana Gelmini Carcinoma prostatico Guida per il paziente e i suoi familiari Introduzione di Giuseppe

Dettagli

Il cancro è la conseguenza di anomalie della funzionalità cellulare

Il cancro è la conseguenza di anomalie della funzionalità cellulare Cellule cancerose Il cancro è la conseguenza di anomalie della funzionalità cellulare In base al tipo di tessuto colpito, diverse categorie : Carcinomi: cell. epiteliali rivestimenti est e int Sarcomi:

Dettagli

I virus vegetali nella formulazione di un vaccino contro il virus HIV-1

I virus vegetali nella formulazione di un vaccino contro il virus HIV-1 "Molecular Farming: produzione di cibi funzionali, di nutraceutici e biofarmaceutici" ENEA - Casaccia 4 Dicembre 2003 I virus vegetali nella formulazione di un vaccino contro il virus HIV-1 Carla Marusic

Dettagli

CAUSE DI DANNO CELLULARE

CAUSE DI DANNO CELLULARE CAUSE DI DANNO CELLULARE CARENZA DI OSSIGENO AGENTI FISICI AGENTI CHIMICI E DROGHE INFEZIONI REAZIONI IMMUNITARIE MUTAZIONI GENETICHE SQUILIBRIO NUTRIZIONALE Meccanismi di danno cellulare Le risposte cellulari

Dettagli

Vaccini di origine vegetale contro i tumori associati al virus del papilloma umano (HPV)

Vaccini di origine vegetale contro i tumori associati al virus del papilloma umano (HPV) Workshop ENEA, 4 dicembre 2003 Molecular farming: produzione di cibi funzionali, di nutraceutici e biofarmaceutici Vaccini di origine vegetale contro i tumori associati al virus del papilloma umano (HPV)

Dettagli

ITIS ENRICO MEDI. Individuare l organizzazione strutturale, le funzioni e classificare i virus

ITIS ENRICO MEDI. Individuare l organizzazione strutturale, le funzioni e classificare i virus UDA UDA N. 1 I Virus UDA 2 Attività patogena dei microrganismi ITIS ENRICO MEDI PIANO DELLA DISCIPLINA: Biologia, Microbiologia e Tecnologie di controllo Ambientale Classe 4Ab PIANO DELLE UDA ANNO 2013-2014

Dettagli

PROMUOVERE LA RICERCA ONCOLOGICA. Programma Straordinario Oncologia 2006 Rete Nazionale Solidale e Collaborazioni Internazionali ISS for ACC

PROMUOVERE LA RICERCA ONCOLOGICA. Programma Straordinario Oncologia 2006 Rete Nazionale Solidale e Collaborazioni Internazionali ISS for ACC PROMUOVERE LA RICERCA ONCOLOGICA Programma Straordinario Oncologia 2006 Rete Nazionale Solidale e Collaborazioni Internazionali ISS for ACC Sintesi attività 2010 e prospettive future 10-11 febbraio 2011

Dettagli

L IMMUNODEFICIENZA FELINA (FIV) E LA LEUCEMIA FELINA (FeLV)

L IMMUNODEFICIENZA FELINA (FIV) E LA LEUCEMIA FELINA (FeLV) L IMMUNODEFICIENZA FELINA (FIV) E LA LEUCEMIA FELINA (FeLV) Nel panorama delle patologie che interessano i nostri amici gatti risultano particolarmente degne di nota l Immunodeficienza Felina (FIV) e la

Dettagli