7 CIRCUITI ELETTRICI IN REGIME SINUSOIDALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "7 CIRCUITI ELETTRICI IN REGIME SINUSOIDALE"

Transcript

1 7 IUII ELEII IN EGIME SINUSIDALE Il primo generaore di correne coninua fu realizzao nel 83 da Faraday; queso disposiivo era cosiuio da un disco di rame poso in roazione ra le espansioni polari di una calamia. ollegando un galvanomero ra l asse del disco ed il bordo Faraday osservò la generazione di una correne cosane di inensià proporzionale alla velocià di roazione del disco. Nel 83 il cosruore di srumeni scienifici francese Hippolye Pixii ponendo in roazione un magnee permanene a forma di ferro di cavallo in prossimià di un elerocalamia realizzò il primo generaore di correne alernaa; queso rudimenale disposiivo venne migliorao nel 844 da Luigi Palmieri che sviluppò il primo generaore moderno di correne alernaa. Inorno al 88 l energia oenua araverso i generaori di correne coninua aveva acquisao un coso di mole vole inferiore a quella oenua araverso le pile eleriche uavia l indusria eleroecnica inconrava noevoli difficolà nel rasporo a disanza della correne prodoa. Nondimeno con l invenzione di homas Alva Edison della lampadina ad incandescenza nel 879 l illuminazione elerica cominciò progressivamene a sosiuire quella a gas nei cenri urbani delle grandi cià. uavia a causa della cadua di ensione lungo i cavi il sisema di elerificazione di Edison basao sulla correne coninua richiedeva l isallazione di generaori di correne a disanze di circa un chilomero l uno dall alro. onsapevole dei vanaggi della correne alernaa dovui essenzialmene alla possibilià di variarne l ampiezza con elevai rendimeni per mezzo di rasformaori nel 888 il fisico di origine croaa Nikola esla propose all imprendiore George Wesinghouse una ree elerica basaa su queso ipo di correne. onemporaneamene per garanire il funzionameno degli impiani indusriali con la correne alernaa esla perfezionò il moore a correne alernaa sviluppao da Galileo Ferraris nel 885 che uilizzava un campo magneico roane oenuo da due bobine orogonali comandae da correni opporunamene sfasae per rascinare un indoo cosiuio da un eleromagnee. La compeizione ra i due sisemi di elerificazione si concluse col favore della correne alernaa nel 895 quando fu inauguraa la prima cenrale idroelerica della poenza di poco più di 3 kw presso le cascae del Niagara collegaa ad una ree in grado di rasporare energia con Nikola esla basse perdie sino alla cià di Buffalo disane circa 35 km dall impiano. Lo sudio dei circuii solleciai araverso generaori che erogano forze eleromorici variabili sinusoidalmene nel empo olre ad essere imporane dal puno di visa praico rivese paricolare ineresse anche dal puno di visa eorico; come si vedrà nel seguio un qualsiasi segnale reale periodico può essere rappresenao come la composizione di infinii segnali sinusoidali per cui lo homas Alva Edison Inerno della cenrale elerica delle cascae del Niagara in basso a desra sono visibili i generaori di correne alernaa (alernaori) progeai da esla.

2 7- ircuii elerici in regime sinusoidale sudio delle ecciazioni sinusoidali rappresena il puno di parenza per uno sudio più generale dei circuii. Infine il meodo generalmene adoperao per l analisi dei circuii ecciai sinusoidalmene si presa ad essere facilmene applicao ad alri sisemi simolai nella sessa maniera. Per affronare ale sudio occorre fare delle ipoesi relaive alle grandezze in gioco in queso coneso; ali ipoesi uavia non risulano limiani per un ampio inervallo di frequenze e per la maggior pare dei componeni in uso in ali circuii. Si assume che in ogni isane le correni sono le sesse che vi sarebbero nel caso sazionario ossia il veore densià di correne dovrà essere considerao sinusoidale quindi varranno la legge di hm e le leggi di Kirchhoff. Si rierrà inolre che la correne cambi nel empo in modo sufficienemene leno perché ue le sue variazioni si propaghino isananeamene araverso il circuio. Infine si assume che le caraerisiche capaciive induive e resisive della ree in esame siano localizzae in regioni di esensione limiaa del circuio in esame. 7. ircuio L La ree cosiuia dalla serie di una resisenza un induanza L ed una capacià prende il nome di circuio L. Sia la differenza di poenziale presene ra le armaure del condensaore nell isane iniziale in cui viene chiuso l inerruore. Indicando con v la differenza di poenziale ai capi del condensaore al empo generico si ha: L i v ( ) dove se di L + i + v (7.) d q indica la carica sul condensaore v vale: q v + i( ξ ) dξ (7.) per cui sosiuendo nell espressione precedene si ha: di L + i + + i( ξ) dξ d e derivando ambo i membri segue: di di d L d L + + i. (7.3) Per inegrare quesa equazione differenziale poniamo i λ e α dove in generale il coefficiene α è un numero complesso; sosiuendo ale espressione della correne nella (7.3) si oiene: α α α α λe + αλe + λe L L

3 ircuii elerici in regime sinusoidale 7-3 e dividendo ambo i membri per λ e α si perviene all equazione caraerisica: α + α + L L che ha soluzioni: α ± ± L 4L L L dove si è poso: 4L L ; le corrispondeni soluzioni dell equazione differenziale e α e e α sono due soluzioni indipendeni e di conseguenza è soluzione anche una loro combinazione lineare: α α i ae + be. Si noi che siccome α e α sono complessi anche e α e i deve essere una quanià reale in quano susceibile di misura necessariamene a e b devono essere complessi. In relazione al segno di si hanno re differeni soluzioni dell equazione differenziale. Se > ovvero se > L allora α e α sono dei numeri reali negaivi così la soluzione è la somma di due esponenziali decresceni: e α lo sono così poiché α α i ae + be. Se ovvero se L allora α e α sono reali e coincideni e valgono in paricolare ( L) così si prova che: i ( ) D D> L i c+ k e. Infine se < ovvero se < L allora α e α sono complessi perano se si pone: ω L 4L è possibile scrivere: α ± jω L

4 7-4 ircuii elerici in regime sinusoidale così sosiuendo nell espressione di i si ha : poso quindi: L jω L jω i ae e + be e L L ( ω ) ( ω ) ( ω ) ( ω ) e acos + jasin + bcos jbsin ( ω ) ( ω ) e a+ b cos + j a b sin a+ b I sinφ j ( a b ) I cosφ I i( ) segue: e - I L D< L i Ie cos ω sinφ+ sin ω cosφ L ( ω φ) Ie sin +. Si osservi che indipendenemene dal segno del discriminane la correne i si annulla sempre nel limie. p /w 7. Bilanci energeici nel circuio L Il circuio L nel limie ideale in cui è nulla è deo circuio L in ale caso l equazione differenziale che lo descrive si ricava da quella del circuio L (7.3) ponendo uguale a zero: di d la cui soluzione è: con: + i L sin ( ω φ ) i I + (7.4) ω ; (7.5) L Si fa uso della formula di Eulero: e jϕ cosϕ+ jsinϕ.

5 ircuii elerici in regime sinusoidale 7-5 dove ω prende il nome di pulsazione di oscillazione libera del circuio L. Le due cosani φ e I sono ricavae a parire dalle condizioni iniziali. Assumendo che all isane iniziale la bobina non sia percorsa da correne si ha: φ. Poiché queso circuio è privo di elemeni dissipaivi il valore massimo dell energia immagazzinaa nella bobina I L deve essere uguale al valore massimo dell energia immagazzinaa nel condensaore essendo la differenza di poenziale presene all isane iniziale ra le armaure del condensaore; perano: I ω. (7.6) La differenza di poenziale ai capi del condensaore per φ si oiene dalla (7.) per sosiuendo a i la sua espressione dalla (7.4) con la posizione (7.6): di v L LIωcos( ω) Lω cos( ω) cos( ω) d così l energia immagazzinaa isananeamene nel condensaore è: Ue v cos ( ω) menre l energia immagazzinaa isananeamene nella bobina è: Um Li LI sin ( ω) sin ( ω) e l energia oale immagazzinaa isananeamene nel circuio L è: U cos ( ) sin ( ) Ue + Um ω + ω cioè pari all energia immagazzinaa nel condensaore all isane iniziale. In figura sono mosrai i grafici delle funzioni Ue Um e della loro somma U ( ). L osservazione che la scarica di una boiglia di Leyda non consise nel solo passaggio di elericià da un armaura all alra ma da una serie di oscillazioni smorzae fu faa da Henry nel 84. Sebbene non conoscesse ale sudio Hermann von Helmoholz adoò quesa ipoesi nella formulazione del principio di conservazione dell energia. Il processo di scarica fu sudiao analiicamene da homson nel 855 che uilizzando la eoria del poenziale idenificò le circosanze in cui si manifesava la scarica oscillaoria e rovò l espressione (7.5) della pulsazione di oscillazione. Infine nel 869 Helmoholz provò che si poevano oenere delle oscillazioni eleriche in una bobina collegaa alle armaure di un condensaore. U U ( ) U m ( ) U e ( )

6 7-6 ircuii elerici in regime sinusoidale 7.3 ircuio L forzao Supponiamo di aggiungere un generaore di forza eleromorice sinusoidale v di pulsazione ω alla serie dei componeni che cosiuiscono il circuio L. Se: ( ω ) v cos (7.7) v( ) L i v ( ) allora l equazione che descrive il nuovo circuio è: di L + i + v v. d Sosiuendo a v e a ha: v le loro espressioni rispeivamene dalle (7.) e (7.7) e riordinando si di + i + i ( ξ) d ξ cos( ω ) d L L L L. (7.8) L equazione che esprime la legge di variazione della differenza di poenziale ai capi del v a condensaore si ricava derivando ambo i membri dell equazione inegrale (7.) che lega i : dv i d sosiuendo i da ale equazione nella (7.8) si ha: dv dv v cos( ω) + +. (7.9) d L d L L L L equazione inegro-differenziale (7.8) che sabilisce la legge di variazione della correne araverso il circuio e l equazione differenziale (7.9) che sabilisce la legge di variazione della differenza di poenziale ai capi del condensaore definie le opporune condizioni iniziali possono essere risole facendo uso dei radizionali meodi così come si è fao per il circuio privo di solleciazione. uavia nel caso di simoli sinusoidali conviene far uso di un meodo paricolare inrodoo dall ingegnere edesco harles Proeus Seinmez nel 893 la cui applicazione si rivela paricolarmene efficace in ale ambio. harles Proeus Seinmez

7 ircuii elerici in regime sinusoidale Meodo simbolico A parire dall equazione differenziale: d y dy a + b + cy f (7.) d d consideriamo la nuova equazione che si oiene aggiungendo al secondo membro della (7.) la funzione jg ω d ω d a + b + cω f + jg. (7.) d d Si noi che si è fao uso di un simbolo diverso ω per rappresenare la soluzione di quesa equazione che in generale è diversa dalla soluzione y( ) della (7.). La funzione ω è in generale complessa e perano può essere espressa come: ω u + jv dove u e complessa di u. Sosiuendo nella (7.) si ha: v sono due funzioni reali. La funzione ω prende il nome di esensione d u d v du dv a + j b j c u jv f jg d d d d ed uguagliando quindi le pari reali e quelle immaginarie si ha: du du a + b + cu f d d dv dv a + b + cv g d d ovvero la funzione u è soluzione dell equazione originaria (7.). Quese considerazioni sono la base della regola di soluzione di equazioni differenziali dea meodo simbolico. A parire da una cera equazione (7.) scria in forma normale si cosruisce una seconda equazione (7.) sommando una funzione jg al secondo membro. L equazione (7.) è più semplice da risolvere ω è della (7.) ed è caraerizzaa dal fao che la pare reale u( ) della sua soluzione soluzione dell equazione (7.). L individuazione della forma funzionale di g( ) dipende dalla espressione di f ; se ad esempio risula: cos( ω ) f K allora è opporuno che sia

8 7-8 ircuii elerici in regime sinusoidale così: sin ( ω ) g K cos( ω ) sin ( ω ) f jg K jk Ke ω j + +. Perano in queso caso per oenere l equazione (7.) a parire dalla (7.) l applicazione del j cos ω con e ω. meodo corrisponde alla sosiuzione formale nella (7.) del ermine 7.5 Soluzione del circuio L forzao a regime Applichiamo il meodo simbolico all equazione (7.8); perano sosiuiamo formalmene j cos ω con e ω : di j I I d e ω + + ξ ξ d L L L L e deriviamo rispeo al empo: di di jω I jω e + +. (7.) d L d L L La soluzione generale di quesa equazione può essere posa nella forma I + I dove I ( ) indica la soluzione dell equazione omogenea associaa alla (7.): d I di + + I (7.3) d L d L menre I rappresena una soluzione paricolare della (7.). L equazione omogenea (7.3) uguale alla (7.3) è già saa risola nell ambio dello sudio del circuio L non forzao e in paricolare si è verificao che la corrispondene soluzione si annulla nel limie dei empi lunghi. Essendo ineressai allo sudio del circuio L a regime quando il ransiorio si può rienere esaurio non eniamo cono del ermine I. Per sabilire l espressione di I supponiamo che sia: I j I e ω sosiuendo nella (7.) si ha: jω jω jω jω ω Ie + jωie + Ie jω e L L L da cui dividendo per j e ω e sviluppando segue:

9 ircuii elerici in regime sinusoidale 7-9 I jω. (7.4) L L j L L ω + jω + ω ω j ωl L L jω L jω L jω ω Poniamo quindi: Z + j ωl ω allora indicando con Z e φ rispeivamene il modulo e l argomeno di Z : Z Z + ωl ω anφ ωl ω (7.5) l espressione di I divena: e I I e e e Z Ze Z jω jω jω j( ω φ ). jφ Alla luce dell applicazione del meodo simbolico la correne i( ) si valua deerminando la pare reale di I : j( ω φ) i e{ I } e e cos( ω φ ); Z Z La differenza di poenziale ai capi del condensaore v sesso meodo all equazione (7.9) uavia poiché: ( ξ ) v + i dξ applicando il meodo simbolico a ale relazione si ha: ( ξ ) + I dξ ; può essere deerminaa applicando lo in quesa espressione e l addendo derivane dall esremo inferiore di inegrazione deermineranno un ermine il cui effeo è limiao alla duraa del ransiorio perano non ne eniamo cono; così sosiuendo a I la sua espressione si ha:

10 7- ircuii elerici in regime sinusoidale I I d I e d I e jω jω ξ ξ jω jω ξ la cui pare reale è pari a v. A causa della scarsa preparazione maemaica degli ingegneri eleroecnici della fine del 9 secolo il meodo simbolico non fu immediaamene acceao. Per migliorarne la comprensione Seinmez a parire dal 897 pubblicò diversi manuali in cui il meodo era applicao in varie circosanze così araverso ali scrii e le lezioni enue il suo meodo fu gradualmene adoao nello sudio dei circuii ecciai sinusoidalmene. 7.6 Impedenza Nel circuio rappresenao in figura indicando con v ( ) vl e v rispeivamene le differenze di poenziale ai capi della resisenza della bobina e del condensaore risula: i v ( ) di v i vl L d v( ) L v L ( ) ( ξ ) v + i dξ. v ( ) Per la seconda legge di Kirchhoff se v è la forza eleromorice erogaa dal generaore con risula: ( ω ) v cos v v + v + v. L La descrizione del circuio in esame può essere svola equivalenemene araverso l uso del meodo simbolico; applicando direamene ale procedimeno alle espressioni di v vl e v ( ) si ha : L I jωli I ; jω sommando membro a membro se rappresena l esensione complessa di v allora: Per comodià di scriura si soinendono le dipendenze emporali delle esensioni complesse.

11 ircuii elerici in regime sinusoidale 7- + L + + jωl+ I Z I jω. La quanià Z pari a jωl ( jω) + + prende il nome di impedenza del circuio in esame. Si osservi che a differenza della resisenza di un circuio l impedenza non rappresena una caraerisica inrinseca di un circuio poiché dipende dalla pulsazione dell ecciazione sinusoidale applicaa. L unià di misura del modulo dell impedenza è l ohm. La relazione Z I che lega l esensione complessa della forza eleromorice applicaa all esensione complessa della correne araverso l impedenza è dea legge di hm generalizzaa. Dall esame della forma di Z è possibile ricavare l espressione delle impedenze associae alla resisenza alla bobina ed al condensaore: Z ZL jωl jxl (7.6) Z j jx jω ω (7.7) dove X L pari a ω L e ω prendono il nome rispeivamene di reaanza induiva e reaanza capaciiva. Alla luce dell espressione della legge di hm generalizzaa e della validià delle leggi di Kirchhoff è possibile dedurre che lo sudio delle rei soggee ad uno simolo di ipo sinusoidale procede in maniera analoga al caso degli simoli coninui purché si adoperi il conceo di impedenza per la descrizione dei componeni della ree. Perano il collegameno in serie di n impedenze Z Z Zn è equivalene ad un unica impedenza Z di valore pari a: X pari a Z n Z k k menre se le n impedenze sono connesse in parallelo risula: Z n k Z k. sserviamo infine che in generale un impedenza può essere espressa nella forma: Z + jx dove X è dea in generale reaanza. L inverso di un impedenza: Y Z

12 7- ircuii elerici in regime sinusoidale è denominao ammeenza. I re elemeni più semplici che cosiuiscono l impedenza sono la resisenza l induanza e la capacià; nel seguio analizzeremo separaamene le caraerisiche di ciascuno di quesi componeni Impedenza resisiva onsideriamo una resisenza percorsa da una correne: ( ω φ ) i I cos + i v dalla legge di hm segue: cos( ω φ) cos( ω φ ) v i I + + dove si è poso: I. Il fao che l impedenza associaa ad un resisore coincida con la sua resisenza fa si che le relazioni radizionali forniscano il legame ra correne e differenza di poenziale senza dover ricorrere al meodo simbolico. iò implica per alro che la differenza di poenziale ai capi della resisenza risula in fase con la correne che la percorre. I w + f 7.6. Impedenza induiva poso onsideriamo una bobina di induanza L percorsa dalla correne: ( ω φ ) i I cos + ; i L v L ( + ) j I Ie ω φ siccome l impedenza associaa alla bobina vale: L π j Z jωl ωle l esensione complessa della differenza di poenziale ai suoi capi è: L π π π j j ω+ φ+ j ω+ φ+ ( ) j ω + φ ω ω I Z I e Le LI e e dove si è poso: ωli.

13 ircuii elerici in regime sinusoidale 7-3 I due ermini: ( + ) j I Ie ω φ π j ω+ φ+ e w + f + p / I w + f possono essere considerai rappresenaivi di due veori che spiccano dal medesimo puno e ruoano nella sessa direzione convenzionalmene anioraria con velocià angolare pari a ω manenendosi uno sfasao in anicipo di 9 rispeo all alro I. Quese enià prendono il nome di fasori. Per ricavare la differenza di poenziale v( ) ai capi della bobina valuiamo la pare reale di : π j ω+ φ+ v { } e cos π e e ω+ φ+ ; quindi la differenza di poenziale sinusoidale ai capi della bobina ha ampiezza pari a ed è sfasaa in anicipo di 9 rispeo alla correne i( ). Dall espressione di segue inolre che: lim limωli ω ω ; lim I lim ω ω ωl v( ) i( ) ali relazioni possono essere inerpreae affermando che nel limie di uno simolo coninuo ( ω ) la bobina agisce come un corocircuio menre nel limie delle ale frequenze (ω ) la bobina si compora come un circuio apero. p / Impedenza capaciiva onsideriamo un condensaore di capacià alimenao dalla correne: ( ω φ ) i I cos + ; i v poso: ( + ) j I Ie ω φ poiché l impedenza associaa al condensaore è: π j Z j e jω ω ω l esensione complessa della differenza di poenziale ai suoi capi è:

14 7-4 ircuii elerici in regime sinusoidale π π π j j ω+ φ j ω+ φ ω φ j + I Z I e e I e e ω ω dove si è poso: I ermini: I ω. ( + ) j I Ie ω φ π j ω+ φ e rappresenano due fasori con sfasao in riardo di 9 rispeo a I. La differenza di poenziale v( ) ai capi del condensaore vale: π j ω+ φ v { } cos π e e e ω+ φ I w + f w + f -p / cioè ale differenza di poenziale ha ampiezza ed è sfasaa in riardo di 9 relaivamene alla correne i( ). Inolre risula: v( ) i( ) w lim I limω ω ω I ; lim lim ω ω ω p / ovvero nel limie delle solleciazioni coninue il condensaore agisce come un circuio apero menre alle ale frequenze si compora come un corocircuio. Esempio: Nel circuio di figura il generaore v eroga una forza eleromorice sinusoidale di ampiezza pari a 3 e pulsazione ω di 34 rad s. Sabiliamo l espressione della correne che araversa nell ipoesi che e valgano rispeivamene Ω e Ω L vale mh e µf. L esensione complessa di v è: v L e ω j così in corrispondenza nodo N risula: I I + I (7.8) 3

15 ircuii elerici in regime sinusoidale 7-5 dove I I e 3 i ( ) e 3 i I rappresenano le esensioni complesse rispeivamene di i ; alla maglia comprendene il generaore e L e alla maglia comprendene L e si ha: j I + jωli3 e ω (7.9) jωli3 I I. jω (7.) v( ) i N i( ) i L 3 Quese due equazioni risulano formalmene ideniche a quelle che si scriverebbero in un circuio in correne coninua con l associazione di una resisenza j L jω alla capacià. Esprimiamo il sisema delle re equazioni in forma mariciale: ω all induanza L e di una resisenza I jω jωl I e I 3 jωl jω allora l esensione complessa della correne i vale: I L + + j ωl+ ωl jω jω e jωl jω jωl jωle jωl jωl jω jω e. j + + ω L ω ωl Poso quindi: I + + ω L ω ωl + ω ωl ϑ aan 73 ω L. A v( ) i( ) risula: ( ω ϑ ) i I cos. In figura sono confronai l andameno di i ( ) con quello di v.

16 7-6 ircuii elerici in regime sinusoidale 7.7 isonanza onsideriamo un circuio L soggeo ad una ecciazione sinusoidale: ( ω ) v cos ; a regime la correne i araverso la ree è daa dall espressione: i cos( ω φ) I cos( ω φ) Z in cui l ampiezza I rappresena il modulo della correne complessa I daa dalla (7.4): I Z + ωl ω. (7.) L ampiezza I presena un massimo quando la pulsazione assume il valore ω pari a: ω (7.) L ovvero in corrispondenza della pulsazione di oscillazione libera del circuio. elaivamene a queso circuio ω prende il nome di pulsazione di risonanza. Per ω uguale a ω si ha: I ω I (w) / inolre dalla (7.5) segue: φ( ω ) così deduciamo che in corrispondenza della pulsazione di risonanza il circuio ha un comporameno di ipo resisivo nel senso che la correne i araverso il circuio risula in fase con la ensione applicaa v. La reaanza di queso circuio vale: f ( ) +p / w w X ωl ; ω w w per ω < ω risula: -p /

17 ircuii elerici in regime sinusoidale 7-7 X < ; per cui l impedenza Z può essere espressa come: Z j X ; d alra pare dalla (7.7) osserviamo che il condensaore è caraerizzao da un impedenza negaiva così concludiamo che per ω < ω il circuio L è viso dal generaore come la serie di una resisenza con un condensaore ' di valore: ' ω L ; per ω > ω risula: X > ; per cui l impedenza Z può essere espressa come: Z + jx ; d alra pare dalla (7.6) osserviamo che l induanza è caraerizzaa da un impedenza posiiva così concludiamo che per ω > ω il circuio L è viso dal generaore come la serie di una resisenza con una bobina L' di valore: ω L L'. ω 7.8 Faore di merio Sia U M la massima energia che può immagazzinare un circuio risonane 3 e U D l energia dissipaa in un periodo dallo sesso circuio; si definisce faore di merio del circuio in quesione la quanià: U M Q π ω ω U D dove si inende che il rapporo UM U D deve essere calcolao in corrispondenza della pulsazione di risonanza della ree. Queso faore fornisce un indice di come il circuio impiega l energia che gli viene fornia dal generaore. Per sabilire il faore di merio del circuio L fino ad ora esaminao consideriamo l energia immagazzinaa nella bobina; se la correne i( ) che percorre il circuio è: 3 Quese considerazioni sono di caraere generale nel senso che si applicano a ui i circuii caraerizzai da una frequenza di risonanza e perano dei circuii risonani.

18 7-8 ircuii elerici in regime sinusoidale sin ( ω ) i I la massima energia immagazzinaa nel circuio è: UM LI. Per valuare l energia dissipaa in un periodo osserviamo che l unico elemeno che dissipa energia è la resisenza e in corrispondenza della correne i( ) queso componene dissiperà isananeamene una poenza: sin ( ω ) p i I così l energia dissipaa in un periodo alla pulsazione di risonanza è: D I sin ( ω ) ω U p d I d I dove indica il periodo π ω alla pulsazione di risonanza. Dalla definizione segue quindi che il faore di merio del circuio L vale: π Q U LI M π π UD I π ω ω L inolre valendo la (7.) risula anche: Q ω L ω. (7.3) La grandezza esé inrodoa olre a caraerizzare il circuio risonane dal puno di visa energeico consene di meere in luce alri aspei relaivi alla funzionalià del circuio. Facendo uso del meodo simbolico deerminiamo le differenze di poenziale ai capi della bobina e del condensaore del circuio L in corrispondenza di un ecciazione sinusoidale di pulsazione pari a quella di risonanza risula: cioè: j ω jω jω + L L ω Z ω I ω jω L e jq e Q e π j ω jω jω ( ω) Z( ω) I ( ω) e jqe Qe jω π π vl Qcos ω+

19 ircuii elerici in regime sinusoidale 7-9 π v Qcos ω. Quindi alla risonanza le differenze di poenziale ai capi della bobina e del condensaore hanno un ampiezza Q vole maggiore dell ampiezza della forza eleromorice applicaa. D alra pare siccome le due ensioni oscillano manenendosi sfasae ra loro di 8 (in conrofase) la loro somma risula isane per isane nulla. Indichiamo genericamene con: ( ω + ϑ ) i I cos L ( w ) w I ( w ) l espressione della correne nel circuio L dove I è l ampiezza e ϑ pari all opposo φ dell argomeno dell impedenza Z la fase. Quese due quanià possono essere espresse come 4 : I ω ω + Q ω ω (7.4) ω ω anϑ Q. ω ω onvenzionalmene le pulsazioni ω e ω in corrispondenza delle quali I assume un valore pari a vole il suo massimo cioè ( ) definiscono gli esremi della banda passane ω inesa come l inervallo: ω ω ω; queso inervallo si può ricavare osservando che quando risulare: I è pari a ( ) dalla (7.4) deve 4 Dalle relazioni (7.) (7.) e (7.3) segue: I ωl ωl ωl ω Q ω ω ω ω ωωl. ω ω + Q ω ω Dalla relazione (7.5) enendo cono che la fase della correne i( ) è opposa all argomeno dell impedenza Z e dalle relazioni (7.) e (7.3) si ha: ω L ω ω ω anϑ an φ ωl Q Q Q. ω ωl ωωl ω ωωl ω ω

20 7- ircuii elerici in regime sinusoidale I (w) ω Q ω ω ω ± / / Q < Q < Q Q Q 3 da cui segue: ω Q ω ; Dw /w Dw /w Dw 3 /w Q 3 w/w osserviamo perano che la curva di risonanza risula ano più srea quano più è grande il valore assuno dal faore di merio. Il fenomeno della risonanza fu scopero da esla nel 89 nel corso dei suoi sudi sui circuii alimenai con ensioni sinusoidali ad ala frequenza; sfruando ale effeo esla realizzò un disposiivo (bobina di esla) in grado di produrre alissime ensioni a frequenza elevaa. f( ) +p / -p / w/w Q Q Q Poenze La poenza isananea fornia ad un generico carico da un generaore di forza eleromorice v( ) che eroga una correne i( ) è daa dalla relazione: vi w ; convenzionalmene w > corrisponde al rasferimeno di energia dal generaore verso il carico menre w < corrisponde ad un flusso di energia nella direzione opposa. onsideriamo una qualsiasi ree passiva ovvero priva di generaori e con due morsei; il eorema di hevénin eseso alle correni alernae consene di schemaizzare l inera ree compresa ra i morsei come una sola impedenza Z di modulo Z e argomeno φ : i Z v jφ Z Ze Z cosφ+ jz sinφ + jx dove si è poso: Zcosφ X Zsinφ. Se ale impedenza è percorsa da una correne sinusoidale: ( ω ) i I cos

21 ircuii elerici in regime sinusoidale 7- j di esensione complessa I pari a Ie ω l esensione complessa della differenza di poenziale ai suoi capi vale: ( ω φ) ( ω φ) I Z I e Ze I Ze e jω jφ j + j + in cui l ampiezza è pari a IZ ; a corrisponde la differenza di poenziale: { } ( ω + φ ) v ε IZcos. Perano la poenza isananea assorbia dalla ree così schemaizzaa è: poso quindi: risula: w vi I Zcos ω+ φ cos ω I Z cos ωcosφ sin ωcos ωsinφ I Zcosφcos ( ω) I Zsinφsin ( ω) p I ( Zcosφ) cos ( ω) I cos ( ω) I + cos( ω) q I ( Zsinφ ) sin ( ω) I X sin ( ω) w p + q ; il valor medio m p e così: q : W della poenza isananea w è la somma dei valori medi P m e + + ( ξ) ξ cos( ωξ) ξ + + ( ξ) ξ sin ( ωξ) ξ Pm p d I + I d I Qm q d I X d Wm Pm + Qm I Ieff Q m dei ermini dove I eff è il valore efficace 5 della correne i( ). Quindi la poenza isananea w è la somma di due ermini; il primo p ( ) deo poenza aiva isananea di valor medio diverso da zero 5 Per una grandezza periodica x( ) di periodo ovvero ale che per ogni risula x x( ) valore efficace di x( ) la quanià: + si definisce

22 7- ircuii elerici in regime sinusoidale rappresena la poenza dissipaa nella componene resisiva dell impedenza Z ; l alro q( ) deo poenza reaiva isananea di valor medio nullo corrisponde all energia che le capacià e le induanze cosiueni la componene reaiva X dell impedenza Z assorbono durane le fasi di carica e cedono nelle fasi di scarica; se l impedenza Z è cosiuia unicamene da un componene reaivo ale scambio avviene col solo generaore. Noiamo infine che il valor medio W m della poenza isananea è pari al quadrao del valore efficace della correne i moliplicao per la componene resisiva dell impedenza Z quindi gli effei dissipaivi prodoi da una correne alernaa sono uguali a quelli di una correne coninua di inensià pari a quella del valore efficace della correne alernaa. Per ale moivo quando in genere ci si riferisce all ampiezza di una grandezza sinusoidale come ad esempio 3 per la ensione adoaa in Europa nelle rei domesiche si inende il valore efficace di ale grandezza. Il valor medio della poenza isananea pari a P m può esprimersi come: Pm I I Zcosφ Icosφ Ieffeff cosφ inolre il valore massimo della poenza reaiva isananea è: Q I X I Zsinφ Isinφ Ieffeff sinφ; facendo uso di ali quanià si definisce la poenza apparene come: ( φ) ( φ) a m eff eff eff eff eff eff P P + Q I cos + I sin I ; ale grandezza pur essendo priva di significao fisico ha valore in quano indireamene fornisce un indicazione della correne assorbia dall impedenza Z consenendo di deerminare ad esempio le sezioni dei conduori da impiegare nei collegameni. onvenzionalmene la poenza P m dea poenza aiva (media) si misura in wa (W) la poenza reaiva (massima) Q si misura in volampere reaivi (A) e la poenza apparene P a si misura in volampere (A). La poenza apparene P a coincide con la poenza aiva P m solo se l angolo di fase φ è nullo cioè se cosφ che corrisponde al caso di una impedenza puramene resisiva. Il ermine cosφ è deo faore di poenza e fornisce il rapporo: cosφ P P m a + X eff x ( ξ ) d ξ. Nel caso di una grandezza variabile con legge sinusoidale i I ( ω ) Ieff I cos ( ωξ ) dξ I. + cos con ω π risula:

23 ircuii elerici in regime sinusoidale 7-3 ra la poenza aiva e quella apparene. Esempio: onsideriamo una bobina reale ovvero ale da essere caraerizzaa da una resisenza diversa da zero; supponiamo che la sua impedenza Z sia pari a Ω e che la fase φ sia di 6 anziché di 9 come per un induore ideale. ale bobina connessa ad una ree di disribuzione elerica che eroga una ensione efficace eff di 3 fa passare una correne: I eff eff 3.3 A Z Ω così la poenza apparene vale: P I.3 A 3 59 A. a eff eff on un angolo di fase di 6 il faore di poenza cosφ vale così la poenza aiva è: P I cosφ.3 A W m eff eff cioè la poenza media è la meà della poenza apparene. Qualora cosφ fosse uguale a in corrispondenza della medesima poenza aiva si avrebbe una correne assorbia dal generaore: Pm 64.5W I eff'.5 A 3 eff pari alla meà di I eff. he la correne I eff sia così elevaa a frone di un suo non effeivo impiego non risula conveniene in quano i conduori per il collegameno al generaore gli inerruori i fusibili ed alri componeni devono essere in grado di sosenere il doppio della correne che sarebbe necessaria se il faore di poenza fosse uniario. A ale scopo le apparecchiaure commerciali sono sempre progeae in modo ale da manenere il faore di poenza della ree di alimenazione il più possibile prossimo all unià. 7. Poenza complessa Alla luce delle precedeni definizioni si evince che è possibile associare alla poenza P a una quanià complessa P a definia come: P I * a eff eff dove * I eff è il complesso coniugao di I eff ; perano siccome: j eff e ω I j( ) Ieff e ω + φ allora: * I j( ω+ φ) jω jφ Pa Ieff eff e e Ieffeff e Ieffeff cosφ jieffeff sinφ Pm jq.

Lezione n.7. Variabili di stato

Lezione n.7. Variabili di stato Lezione n.7 Variabili di sao 1. Variabili di sao 2. Funzione impulsiva di Dirac 3. Generaori impulsivi per variabili di sao disconinue 3.1 ondizioni iniziali e generaori impulsivi In quesa lezione inrodurremo

Dettagli

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico Il condensaore IASSUNTO: apacia ondensaori a geomeria piana, cilindrica, sferica La cosane dielerica ε r ondensaore ceramico, a cara, eleroliico Il condensaore come elemeno di circuio: ondensaori in serie

Dettagli

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO Fisica generale, a.a. /4 TUTOATO 8: ALO EFFC &CCUT N A.C. ALOE EFFCE DEL OLTAGGO 8.. La leura con un mulimero digiale del volaggio ai morsei di un generaore fornisce + in coninua e 5.5 in alernaa. Tra

Dettagli

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 19 a. Conversione elettromeccanica dell'energia Trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 19 a. Conversione elettromeccanica dell'energia Trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica Principi di ingegneria elerica Lezione 19 a Conversione eleromeccanica dell'energia Trasmissione e disribuzione dell'energia elerica acchina elerica elemenare Una barra condurice di lunghezza l immersa

Dettagli

Circuiti del primo ordine

Circuiti del primo ordine Circuii del primo ordine Un circuio del primo ordine è caraerizzao da un equazione differenziale del primo ordine I circuii del primo ordine sono di due ipi: L o C Teoria dei Circuii Prof. Luca Perregrini

Dettagli

Struttura dei tassi per scadenza

Struttura dei tassi per scadenza Sruura dei assi per scadenza /45-Unià 7. Definizione del modello ramie gli -coupon bonds preseni sul mercao Ipoesi di parenza Sul mercao sono preseni all isane ZCB che scadono fra,2,,n periodi Periodo:

Dettagli

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF TEMPOIZZATOE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A GAO ) SCHEMA A BLOCCHI : M (8) NE555 00K C7 00uF STAT S 4 K C6 0uF (6) (5) () TH C T A B 0 0 Q S Q rese T DIS (7) OUT () 0 T T09*()*C7 (sec) GND () (4) 6

Dettagli

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE Durane un erreoo, le oscillazioni del erreno di fondazione provocano nelle sovrasani sruure delle oscillazioni forzae. Quando il erreoo si arresa, i ovieni della sruura

Dettagli

7 I convertitori Analogico/Digitali.

7 I convertitori Analogico/Digitali. 7 I converiori Analogico/Digiali. 7 1. Generalià Un volmero numerico, come si evince dal nome, è uno srumeno che effeua misure di ensione mediane una conversione analogicodigiale della grandezza in ingresso

Dettagli

Esercizi svolti di teoria dei segnali

Esercizi svolti di teoria dei segnali Esercizi svoli di eoria dei segnali Alessia De Rosa Mauro Barni Novembre Indice Inroduzione ii Caraerisiche dei segnali deerminai Sviluppo in Serie di Fourier di segnali periodici Trasformaa di Fourier

Dettagli

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta Lezione 11 (BAG cap. 10) Inflazione, produzione e crescia della monea Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia Tre relazioni ra produzione, disoccupazione e inflazione Legge di Okun

Dettagli

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine Lezione 4 Ripoe canoniche dei iemi del primo e del econdo ordine Parameri caraeriici della ripoa allo calino Per ripoe canoniche i inendono le ripoe dei iemi dinamici ai egnali coiddei canonici (impulo,

Dettagli

MODELLI PER LA STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI

MODELLI PER LA STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI Alma Maer Sudiorum Universià di Bologna FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Maemaica Maeria di Tesi: Maemaica per le applicazioni economiche e finanziarie MODELLI PER

Dettagli

seguendo un trend di costante crescita, ciò grazie ad un assiduo impegno nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di motori elettrici

seguendo un trend di costante crescita, ciò grazie ad un assiduo impegno nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di motori elettrici OTORI A ORRENTE ONTINUA OTORIDUTTORI W W W.DAGU.IT cerificazioni Dagu s.r.l. è un azienda che si è sviluppaa negli anni con discrea rapidià, seguendo un rend di cosane crescia, ciò grazie ad un assiduo

Dettagli

Gestione della produzione MRP e MRPII

Gestione della produzione MRP e MRPII Sommario Gesione della produzione e Inroduzione Classificazione Misure di presazione La Disina Base Logica Lo Sizing in II Inroduzione Inroduzione Def: Gesire la produzione significa generare e sfruare

Dettagli

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 1. IL MODELLO ECONOMETRICO PER LA STIMA DEGLI STOCK SETTORIALI... 3 Foni... 3 Meodologia... 3 La formulazione

Dettagli

CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI

CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 356/2013/R/IDR CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI SERVIZI IDRICI Documeno per la consulazione nell ambio del procedimeno avviao con la deliberazione

Dettagli

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO NUMERO 2 del 23.04.08 COSER COSER IME Applicazioni Apparecchiature Numero 2 del 23-04-08 APPLICAZIONI APPARECCHIAURE E IMPIANI LE VARIE SOLUZIONI SARANNO ELENCAE NEL MODO PIÙ SINEICO POSSIBILE. ROVAA LA

Dettagli

Problema 1: Una collisione tra meteoriti

Problema 1: Una collisione tra meteoriti Problema : Una colliione ra meeorii Problemi di imulazione della econda prova di maemaica Eami di ao liceo cienifico 5 febbraio 05 Lo udene deve volgere un olo problema a ua cela Tempo maimo aegnao alla

Dettagli

Lampade: MASTER SON-T PIA Plus

Lampade: MASTER SON-T PIA Plus 13, Seembre 10 Lampade: Plus Lampade ai vapori di sodio ad ala pressione di ala qualià realizzae con ecnologia PIA (Philips Inegraed Anenna). Vanaggi La ecnologia PIA aumena l'affidabilià e riduce il asso

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

Esercizio 1 ( es 1 lez 11) La matrice è diagonalizzabile: verificare, trovando la matrice diagonalizzante, che A è simile a A.

Esercizio 1 ( es 1 lez 11) La matrice è diagonalizzabile: verificare, trovando la matrice diagonalizzante, che A è simile a A. Eserciio ( es le La marice è diagonaliabile: verificare, rovando la marice diagonaliane, che è simile a. Esisono re auovalori: mol.alg(- dim V - ; mol.alg( dim V ; mol.alg(- dim V -. Esise una marice simile

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Analisi in regime sinusoidale (parte V)

Analisi in regime sinusoidale (parte V) Appunti di Elettrotecnica Analisi in regime sinusoidale (parte ) Teorema sul massimo trasferimento di potenza attiva... alore della massima potenza attiva assorbita: rendimento del circuito3 Esempio...3

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.)

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.) Macchine elettriche parte Macchine elettriche Generalità Definizioni Molto spesso le forme di energia in natura non sono direttamente utilizzabili, ma occorre fare delle conversioni. Un qualunque sistema

Dettagli

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA Prerequisiti - Impiego di Multipli e Sottomultipli nelle equazioni - Equazioni lineari di primo grado e capacità di ricavare le formule inverse - nozioni base di fisica

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI

GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI 1 Nel campo elettrotecnico-elettronico, per indicare una qualsiasi grandezza elettrica si usa molto spesso il termine di segnale. L insieme dei valori istantanei assunti

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Una trasformazione geometrica del piano in sé è una corrispondenza biunivoca tra i punti del piano: ( ) , :,

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Una trasformazione geometrica del piano in sé è una corrispondenza biunivoca tra i punti del piano: ( ) , :, TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Un rsforzione geoeric del pino in sé è un corrispondenz iunivoc r i puni del pino P P, P P P è l igine di P rispeo ll rsforzione. Ad ogni puno P(,) corrisponde uno ed un solo

Dettagli

INTERAZIONI TRA ATMOSFERA E IDROSFERA

INTERAZIONI TRA ATMOSFERA E IDROSFERA INTERAZIONI TRA ATMOSFERA E IDROSFERA PIETRO CALOI Isiuo Naionale di Geofisica - Roma. RIASSUNTO: Fra i legami che vincolano i movimeni di pari della idrosfera mari, laghi a quelli dell'amosfera, si prendono

Dettagli

Macchine rotanti. Premessa

Macchine rotanti. Premessa Macchine rotanti Premessa Sincrono, asincrono, a corrente continua, brushless sono parecchi i tipi di motori elettrici. Per ognuno teoria e formule diverse. Eppure la loro matrice fisica è comune. Unificare

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

GRANDEZZE SINUSOIDALI

GRANDEZZE SINUSOIDALI GRANDEE SINUSOIDALI INDICE -Grandezze variabili. -Grandezze periodiche. 3-Parametri delle grandezze periodiche. 4-Grandezze alternate. 5-Grandezze sinusoidali. 6-Parametri delle grandezze sinusoidali.

Dettagli

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi.

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi. Iroduzioe () Ua defiizioe (geerale) del ermie qualià: qualià è l isieme delle caraerisiche di u eià (bee o servizio) che e deermiao la capacià di soddisfare le esigeze espresse ed implicie di chi la uilizza.

Dettagli

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Circuiti Elettrici Corrente elettrica Legge di Ohm Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Leggi di Kirchhoff Elementi di circuito: voltmetri, amperometri, condensatori

Dettagli

MACCHINA SINCRONA TRIFASE

MACCHINA SINCRONA TRIFASE MACCHIA SICROA TRIFASE + + + + + + + + + + + + + + + + + + L avvolgimento di eccitazione, percorso dalla corrente continua i e, crea una f.m.m. al traferro e quindi un campo magnetico in modo tale che

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

Dinamica e Misura delle Vibrazioni

Dinamica e Misura delle Vibrazioni Dinamica e Misura delle Vibrazioni Prof. Giovanni Moschioni Politecnico di Milano, Dipartimento di Meccanica Sezione di Misure e Tecniche Sperimentali giovanni.moschioni@polimi.it VibrazionI 2 Il termine

Dettagli

nica Cagliari ) m Viene detto (1) Dal sistema dell energia Un possibile

nica Cagliari ) m Viene detto (1) Dal sistema dell energia Un possibile Viene detto sistema polifase un sistema costituito da più tensioni o da più correnti sinusoidali, sfasate l una rispetto all altra. Un sistema polifase è simmetrico quando le grandezze sinusoidali hanno

Dettagli

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA 1 esercizi in corrente continua completamente svolti ESERCIZI DI ELETTROTECNICA IN CORRENTE CONTINUA ( completamente svolti ) a cura del Prof. Michele ZIMOTTI 1 2 esercizi in corrente continua completamente

Dettagli

Laboratorio di Elettrotecnica

Laboratorio di Elettrotecnica 1 Laboratorio di Elettrotecnica Rappresentazione armonica dei Segnali Prof. Pietro Burrascano - Università degli Studi di Perugia Polo Scientifico Didattico di Terni 2 SEGNALI: ANDAMENTI ( NEL TEMPO, NELLO

Dettagli

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il Circuiti in Corrente Continua direct currentdc ASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica l Potenziale Elettrico La legge di Ohm l resistore codice dei colori esistenze in serie ed in parallelo

Dettagli

A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso

A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso 441 APPENDICE A4 NUMERI COMPLESSI A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso Si riepilogano i concetti e le operazioni elementari relativi ai numeri complessi. Sia z un numero complesso;

Dettagli

Analisi Matematica di circuiti elettrici

Analisi Matematica di circuiti elettrici Analisi Matematica di circuiti elettrici Eserciziario A cura del Prof. Marco Chirizzi 2011/2012 Cap.5 Numeri complessi 5.1 Definizione di numero complesso Si definisce numero complesso un numero scritto

Dettagli

DIODO E RADDRIZZATORI DI PRECISIONE

DIODO E RADDRIZZATORI DI PRECISIONE OO E AZZATO PECSONE raddrzzar ( refcar) sn crcu mpega per la rasfrmazne d segnal bdreznal n segnal undreznal. Usand, però, dd per raddrzzare segnal, s avrà l svanagg d nn per raddrzzare segnal la cu ampezza

Dettagli

Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto anno tra contenuti e attività

Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto anno tra contenuti e attività XXXII CONVEGNO UMI-CIIM IL VALORE FORMATIVO DELLA MATEMATICA NELLA SCUOLA DI OGGI dedicato a Federigo Enriques Livorno, 16-18 ottobre 2014 Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto

Dettagli

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Valentino Liberali Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano valentino.liberali@unimi.it Elettronica Circuiti nel dominio del tempo 14 aprile 211

Dettagli

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO Capitolo 14 EORIA PERURBAIVA DIPENDENE DAL EMPO Nel Cap.11 abbiamo trattato metodi di risoluzione dell equazione di Schrödinger in presenza di perturbazioni indipendenti dal tempo; in questo capitolo trattiamo

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Unità didattica 8 La corrente elettrica Competenze Costruire semplici circuiti elettrici e spiegare il modello di spostamento delle cariche elettriche. Definire l intensità di corrente, la resistenza e

Dettagli

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti Y T T I Numeri Complessi Operazioni di somma e prodotto su Consideriamo, insieme delle coppie ordinate di numeri reali, per cui si ha!"# $&% '( e )("+* Introduciamo in tale insieme una operazione di somma,/0"#123045"#

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboraorio di Algorimi e Sruure Dai Aniello Murano hp://people.na.infn.i people.na.infn.i/ ~murano/ 1 Algorimi per il calcolo di percori minimi u un grafo 1 Un emplice problema Pr oblema: Supponiamo che

Dettagli

LABORATORIO I-A. Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua

LABORATORIO I-A. Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua 1 UNIVERSITÀ DIGENOVA FACOLTÀDISCIENZEM.F.N. LABORATORIO IA Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua Anno Accademico 2001 2002 2 Capitolo 1 Richiami sui fenomeni elettrici Esperienze elementari

Dettagli

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO CORRENTE CONTINUA: FENOMENI FISICI E PRINCIPI FONDAMENTALI - Richiami sulle unità di misura e sui sistemi di unità di misura. - Cenni sulla struttura e sulle proprietà elettriche della materia. - Le cariche

Dettagli

Introduzione all elettronica

Introduzione all elettronica Introduzione all elettronica L elettronica nacque agli inizi del 1900 con l invenzione del primo componente elettronico, il diodo (1904) seguito poi dal triodo (1906) i cosiddetti tubi a vuoto. Questa

Dettagli

Elementi di analisi delle reti elettriche. Sommario

Elementi di analisi delle reti elettriche. Sommario I.T.I.S. "Antonio Meucci" di Roma Elementi di analisi delle reti elettriche a cura del Prof. Mauro Perotti Anno Scolastico 2009-2010 Sommario 1. Note sulla simbologia...4 2. Il generatore (e l utilizzatore)

Dettagli

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO APPUNTI PER IL CORSO DI ANALISI MATEMATICA I G. MAUCERI Indice 1. Introduzione 1 2. La funzione esponenziale 2 3. Il numero e di Nepero 9 4. L irrazionalità di e

Dettagli

M A G N E T I C I G E N E R A L I T A'

M A G N E T I C I G E N E R A L I T A' S C H E R M I M A G N E T I C I G E N E R A L I T A' Gli schermi magnetici hanno la funzione di proteggere oggetti sensibili dall'aggressione magnetica esterna. Questi schermi possono essere suddivisi

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 CONTROLLI DIGITALI Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica SISTEMI A TEMPO DISCRETO Ing. Tel. 0522 522235 e-mail: cristian.secchi@unimore.it http://www.dismi.unimo.it/members/csecchi Richiami di Controlli

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

Introduzione. Classificazione delle non linearità

Introduzione. Classificazione delle non linearità Introduzione Accade spesso di dover studiare un sistema di controllo in cui sono presenti sottosistemi non lineari. Alcuni di tali sottosistemi sono descritti da equazioni differenziali non lineari, ad

Dettagli

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future.

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Roma, 11.11.2014

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Appunti di Analisi Matematica 1. Docente:Fabio Camilli. SAPIENZA, Università di Roma A.A. 2014/15. http://www.dmmm.uniroma1.it/~fabio.

Appunti di Analisi Matematica 1. Docente:Fabio Camilli. SAPIENZA, Università di Roma A.A. 2014/15. http://www.dmmm.uniroma1.it/~fabio. Appunti di Analisi Matematica Docente:Fabio Camilli SAPIENZA, Università di Roma A.A. 4/5 http://www.dmmm.uniroma.it/~fabio.camilli/ (Versione del 9 luglio 5) Note scritte in collaborazione con il prof.

Dettagli

Esercizi e Problemi di Termodinamica.

Esercizi e Problemi di Termodinamica. Esercizi e Problemi di Termodinamica. Dr. Yves Gaspar March 18, 2009 1 Problemi sulla termologia e sull equilibrio termico. Problema 1. Un pezzetto di ghiaccio di massa m e alla temperatura di = 250K viene

Dettagli

APPUNTI DI MACCHINE ELETTRICHE versione 0.7

APPUNTI DI MACCHINE ELETTRICHE versione 0.7 APPUNTI DI MACCHINE ELETTRICHE versione 0.7 11 settembre 2007 2 Indice 1 ASPETTI GENERALI 7 1.1 Introduzione........................................ 7 1.2 Classificazione delle macchine elettriche........................

Dettagli

Esercizi e considerazioni pratiche sulla legge di ohm e la potenza

Esercizi e considerazioni pratiche sulla legge di ohm e la potenza Esercizi e considerazioni pratiche sulla legge di ohm e la potenza Come detto precedentemente la legge di ohm lega la tensione e la corrente con un altro parametro detto "resistenza". Di seguito sono presenti

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

IMPIANTI ELETTTRICI parte II

IMPIANTI ELETTTRICI parte II IMPIANTI ELETTTRICI parte II di Delucca Ing. Diego PROTEZIONE DI UN IMPIANTO DAI SOVRACCARICHI E DAI CORTO CIRCUITI Una corrente I che passa in un cavo di sezione S, di portata IZ è chiamata di sovracorrente

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica

Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica Prof. Daniele Ippolito Liceo Scientifico Amedeo di Savoia di Pistoia 1778 Alessandro Volta, in analogia al potenziale gravitazionale definito

Dettagli

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno Parametri dei segnali periodici I segnali, periodici e non periodici, si suddividono in: bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non

Dettagli

Protezione dai contatti indiretti

Protezione dai contatti indiretti Protezione dai contatti indiretti Se una persona entra in contatto contemporaneamente con due parti di un impianto a potenziale diverso si trova sottoposto ad una tensione che può essere pericolosa. l

Dettagli

Capitolo 1. Generalità sulle macchine elettriche

Capitolo 1. Generalità sulle macchine elettriche Capitolo 1 Generalità sulle macchine elettriche Scopo di questo capitolo è capire come funziona un motore elettrico, quali i princìpi generali che consentono la trasformazione di energia meccanica in energia

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

Risposta temporale: esercizi

Risposta temporale: esercizi ...4 Risposta temporale: esercizi Esercizio. Calcolare la risposta al gradino del seguente sistema: G(s) X(s) = s (s+)(s+) Y(s) Per ottenere la risposta al gradino occorre antitrasformare la seguente funzione:

Dettagli

Forma d onda rettangolare non alternativa.

Forma d onda rettangolare non alternativa. Forma d onda rettangolare non alternativa. Lo studio della forma d onda rettangolare è utile, perché consente di conoscere il contenuto armonico di un segnale digitale. FIGURA 33 Forma d onda rettangolare.

Dettagli

Descrizione matematica della propagazione Consideriamo una funzione ξ = f(x) rappresenatata in figura.

Descrizione matematica della propagazione Consideriamo una funzione ξ = f(x) rappresenatata in figura. ONDE Quando suoniamo un campanello oppure accendiamo la radio, il suono è sentito in punti distanti. Il suono si trasmette attraverso l aria. Se siamo sulla spiaggia e una barca veloce passa ad una distanza

Dettagli

IL TRASFORMATORE Prof. S. Giannitto Il trasformatore è una macchina in grado di operare solo in corrente alternata, perché sfrutta i principi dell'elettromagnetismo legati ai flussi variabili. Il trasformatore

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Definizione 1. Un sistema lineare di m equazioni in n incognite, in forma normale, è del tipo a 11 x 1 + + a 1n x n = b 1 a 21 x 1 + + a 2n x n = b 2 (1) = a m1 x 1 + +

Dettagli

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Marco Robutti October 13, 2014 Lo sviluppo in serie di Taylor di una funzione è uno strumento matematico davvero molto utile, e viene spesso utilizzato in

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

di Fulvio Mora In Svizzera la legge sugli impianti elettrici, che disciplina l esecuzione degli impianti risale al 24 giugno1902.

di Fulvio Mora In Svizzera la legge sugli impianti elettrici, che disciplina l esecuzione degli impianti risale al 24 giugno1902. - DALL ELETTRICITÀ AL MAGNETISMO ALL ENERGIA ELETTRICA - CENNI STORICI - LA STORIA E I PERSONAGGI di Fulvio Mora DALL ELETTRICITÀ AL MAGNETISMO ALL ENERGIA ELETTRICA L elettricità non è né una scoperta

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d.

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d. 1) Il valore di 5 10 20 è: a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 2) Il valore del rapporto (2,8 10-4 ) / (6,4 10 2 ) è: a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori 3) La quantità

Dettagli

Consideriamo due polinomi

Consideriamo due polinomi Capitolo 3 Il luogo delle radici Consideriamo due polinomi N(z) = (z z 1 )(z z 2 )... (z z m ) D(z) = (z p 1 )(z p 2 )... (z p n ) della variabile complessa z con m < n. Nelle problematiche connesse al

Dettagli

La funzione di risposta armonica

La funzione di risposta armonica 0.0. 3.1 1 La funzione di risposta armonica Se ad un sistema lineare stazionario asintoticamente stabile si applica in ingresso un segnale sinusoidale x(t) = sen ωt di pulsazione ω: x(t) = sin ωt (s) =

Dettagli