::=ilr" lrltptaà] rlerrricl D.:?èf+ LA CORRENTÉ ALTERNATA. l lliij. íúcrrr'' ti,1lli:! i

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "::=ilr" lrltptaà] rlerrricl D.:?èf+ LA CORRENTÉ ALTERNATA. l lliij. íúcrrr'' ti,1lli:! i"

Transcript

1 lrltptaà] rlerrricl D.:?èf+ LA CORRENTÉ ALTERNATA. La coíente ahemata a differenza della corrente conlinua invece di percoreae semp'e il circuito nello stesso seoso, cambta ailemaiivamente verso scorrendo ora in un senst-r ora in queìlo inverso, è come se polo positivo e polo negativo sì scambiassero continuamente a intervalli regola. La-corrente alternata viene prodotta dagli alternatori che regolano aurche gli intervalli in cui si deve venficare iì cambiamento di direzione. In Europa la frequerza di inversione è di 50 H7, cioè osni sccotrdo la torreíte cj 50 volte in uú e50vo erso. La cinentèìfremàtaè m6-llo lru economica e fìurzionale di quella conlinua e se ne pùò facilmente c4!}biare- la!gn!ls-4s.! r!.o?z!-di.apiroslli ap!-qtgcchi chiamati trasformqllori Ma vediamì ora come aniva la coffente alìe nostre case. Nelle centrali elettriche grossi altematoú hasfomano altre forme di energja (idraulica, termica, trucleare, solare, ccc ') ln energia elettrica alternata di forte intensità ed elevatissime tensioni Giunta per mezzo di cavj inle.rati o su tralicci nei pressi pcr esempio di un centro abitato I'elettricitiì úenc ridotta di îensione per mezzo dr grossi trasformaton. Nelic nostre case la corrente giunge su 4 fiti: uno neutro e 3 lasi Questo sistema permelle di ri.lizzílîe 2 diverse tensioni: se rnisuriamenfatti la differenzaii potenziale tra utr solo fito di--tl-t: fase e il neùtro essa sarà di 220 V e questa è la tensione che a.riva al contatore di casa e chc --_ fr utilizzano gli impianti domestici- Se però rileviamo la tensiole tra 2 dei 3 fili di fase, essa sarà di J80 V: questa seconda scelta dl ::=ilr" tensionc defa anche forza motrice, è quella che si usa per esempio per far fulvionare glt =-- ascenson e gli impianti industriali L'elettricità compie gran pale de! suo vraggio ad una tensionc elcva-tissjnì? c!9n.un'iítensità rclativamente bassa in modo da trasportrme ln gfandl qulntlta coú dlsfel sloru lrísorle e uìlizzril-flo d"i cavl?úítte"sioni rclativamente rnodesle La corrente quando pade dalle centrali ha circa {Q!QQ[V. l.a tensione viene progressivametlte ridotta 6no ad arrivare nelle nostre case a 220/380 V. l lliij. íúcrrr'',l ti,1lli:! i

2 LAVOR{RI IN SICURET-ZA : tr, CERCAFASE Uo utensiìe utilissimo per lavorare ir sìcuezza è i1 ce-!cal-q9q.e' un piccoìo cacciavìte con il manìco trasparente che temina con un cappellotto di metallo All'intemo del manico e alloggrata una piccoìa larnpadina al neon. I contatti della lampadina sono coilegati l'uno aìla lama e I'altro al cappellotto. Ii suo uso è semplicissimo: t nendo il poilice sul cappellotto si appoggia la lama det caòciavite nel punto in cùi si luole verificare se c'è tensione: se c'è la lampadina si accende' La comodila dcl piccolo dispositivo, il cui costo è assai ridotlo, sta nel fatto che coo esso sl può contollare qualsiasi apparecchio elettrico per capire se disperde corrente: sc la lampadìna si acccndc non bisogna tocccre pef non conctc fi\fhi Facendo ìina prova con un cercafase nej dùe fori di una presa di cortente si vede che in uno st accende e neù'altro no: questo fa11o spiega il nome di ccrcafase: si chiama infatti [la-qifuc [tro 0u sotto tensione. in a1-.' parole possiamo dire che ttl"!fs4. yjglt" 11qrq!4,ad ry aplarccclildale &19 per ooi ritoinarc indietro attrartlsà il lilo di neutr0 E'orvio che se l'apparecchio non è in Àrnzionc sblo la fase è solto lcnsione mcnlr; n(l Dcullo non '"î < corrcnl( l a fzrse ha I isr'lantc di colorc nero o maúone il neutro di colore blì.1. Il vecchio codice paevedeva che il conduttore dl fase dvesse I'isolante di colore rcsso' quello dl neutro nero e qùcllo di teía verde. Oggi" secondo ic norme CEl, il conduttore di fàse ha I'isolàÍte marrotrg qùello neutro blu e qucllo di terra ve.de e giallo- Questo cojllc! è valido pcr tutta I Europa. S.-lpp"ggra"ró lzl lama del ccrcafase sul rame di un lilo, tenendo il potlice suli'anelìirro metalljco in cima al manico- la lampadina sj illuminerà solo se c'è tensione NU0V0 C00lcE F se-&arrone I ìi,r l-. fer RA G ÀLLO.VERD Íi\c'' '' Étt''' ; l/\'ìàrv lrú L,'íil'' - l'-t" íuìlf""\ LllrL!J LVdrÒ; IIELIÍRO BLU

3 I-AVOR{RX fn SICURf,ZZA. : IL CONTATTO ACCIDDNTAIE Lavorare sugli impizurti ricluede una precauzjone fondamenîale: escludere a moflle l'enlrata dl corrente nel circuito elettrico pnma di iniziare qualsiasi operazione- Per fare ciò bisogna spegnere I'iútc.ruttore generale 'posto dr solito nel pressi del contatorc, posizionardo I'interruttore sulia posizione "0".Con questa basiiare prccalìzione possúmo _lavorare tn assoluta traúquillità poicho,essendo privo di corrente elettrjca I'inlelo circrìifo,è impossibile prenderc la scossa luttavla esiste [a possibilirì di venire a contatto accidentalmente con un hìo scoperto o con la carcassa di qualsiasi elettrodomestico che per un gùasto sì trovl sotto tcnsione.per esserci un flusso di corrente I'elettricità deve avere uta strada d'accesso e ùna tli uscita c cioè un 1ì10 di fase e un filo di neutro. viene da sé che toccando il solo illo di neutro è impossibile prendere la scossa in quanto esso oon porta clettricità ma la scarica soltanto - IÌ filo di fase pofa la corrente e di consegu nza venendo a contatto con $na persona potrebbe provoiarc la scossa.la corrente per provocare danni, deve scorrere attraverso il nost.n "oipo e qùindi trovare un neùtro' ossia un punto in cui scaricîrsi a terra Se calziamo scarpe di mate ale jsolantc come stìvali di gomma o zoccol:i e non abbiamo altri pùnti di contatto con iì suolo,la corente non avendo modo di scaricarsj ùon può sconcre attra\erso il nostao corpo e non può procurarci alcua danno Quella di vemre al contatto dirctto con un filo di lase è una possibiiìtà ilquanto remota se si prcndono tutte le precauzione'la possibilità di prentlere li scossa ci sono quando per un filo scoperto o per u r contatto mal realú''ato Ia iorrenfe dal filo di fase si disperde prima su un clemento rúetallico di un utilizzalore e poi attrav rso di noi, che inconsapcvoli del pericolo,lo tocchiaúo Anche questa possibilitiì però pùò essere evitata con un ef{iciente iúpianto di terra che prowede a scaricar al suolo queste fughe tli corrente. Al giomo d'oggi poi la maggior parte degli irnpiantj è protetla da Ùn ipparecchio (il sàlvagentc) che prowede a togliere aulomaticamente la tensiore dal circìrjto ú ciio dì scosse o guasti riducendo così Faticamente a zero la possìbiìità di rimaoere lblgorati' \F ii.l i--,1 rl ii--' I \,;i" -: Se veniamo a conlatto con rna zona sotto tcnsione,la terra scarica la corente' ma è possibìle a,rvefire comunque la scossa: por una maggior sicurezza occore il salvavita Se \. niamo a contatto con ùna zona sotto tensione, scnza la presenza della tetra e del salvavlta tu11a la coíonte si scadca attraverso il nostro corpo.

4 IMPIANTO DI TERRA Permette di evitare tutte quelle piccole scosse che a volte sentiamo toccando un apparecchio elcìtrico. Se tut1l gil eletlraúqtltèsllqr tossel! il ieramente costruitj i! plastlca a po{qgl!4qa g-qon dovessero iài ve=nrie-rn contatto cun I'acqua, non occorrerebbe la messa a terra Alcun attrezzaturé conia i ìràpari èiettrici e aìtri apparecchi, dotati di doppio isolamento, tloli necessitano di messa a tcrra, perché tuttl i contatti elettrici sono isolati e la carcassa (la carrozzeiz dell'attrezzo) è interamente di plastica l>ojché ciò non è sempre possibile' le carcasse degli elettrodomcstici vengotro "me!!e. 4,!q!ra". Metlendo a terra gìi apparecchi elettfici noi creiàmo alla correlîe eventualm nte dispcrsa sùll'estertro dell'elettfodomestico una straila molto piir comoda e facilc che non il nostro corpo. Infatti I'etrorm màssa della ferra è in gìado di disperdere qualunque quantità di correúte elettrica chc vi vetrga immessa Negli edrfici civili di recente costmzione l'impianto dl tena è obbligatorio, in quaú1o esistono prcciìe disposizioni dì legge da osservare in merito. Per realizzare un impianto di messa a terra oicorrono i "dispersori", che sono picchelli o pìastrc di rame, I condutton pure in rame e un teíeno adatto. Inlatti poiché lo scopo del leneno è quello di assorbire le lughc dì coíente r-f PICC NEÍII Lo schema regolametrtare di un impianto di terrà ir ùtra casa preved i picchetti di dispersione sistemali negli scantinsli- Da questi partc il cavo generale di teìra che si collega con i cottatori dei vàri appartamenti. Drl cotrtatore dunque il filo di terra correrà parallelamente a quello di neutro e di fase. rente. c o\.vio che il suolo deve ostacolare rl meno possibile la corcote elettrica fl[.]19!!'eno glga-eiee e umido è úolto più adatto di un terreno,ghiaioso o roccioso. Nel lcrreno bisogra collocrrc il dispcrsoret che ha la funzione di dispcrdcre le correnli clcttriche net teiieno Ed e propiiìii-fnzione del tipo di terreno che si ha a disposizionc che si possono usare dispersori a piichitto, a pratlra o ad anello l picchetti. costituli da acciaio 2-Sfals-Ll4!49:devono essere piuttosto lunghi; sc il terreno nor è adatto. è lè'èil'trio farli arrivare fino alla falda acquifera. Sc anche con qùesto miilàfon si.iesce ad ottenere un sufficiente drenaggìo di corrente bisogna ricorrere a displrso] l4d :lnello costitùiti da rr tordino nudo di acciaio ramato o zitrcrto chc deve formare un atrello intorno al fabbricato, Il conduttore va poi interrato di circr 50 cm e dcopeío con terra organica (orai ghiaia). I collegamenti che paftono dal dispeisore e con'ono insieme con i conduttori dell'alimcntazlone fino alle partì metalliche degli utilitzatori da Íìettere a terra costituiscono la rete di prolezione Mai usare la tubazione d ll'acquedotto o-quello del gas per mettere a terra un apparecchio clettrico. Tutti gli elettrodom stici e le lampade dell'abiîazionc devono essere collegate con un ef6cace rmpianto tli tena che scarica eventuali perdit di corrente dalle carozzene degli ùtilizzalori Nella sezione è visibile un razionale impianto di messa a tena, realizzato con trecciole di rame

5 INIERRUITORE OIFFERENZIALE- I\,{ORSEfIIERA fry l9j-*totrttto DI TERRA DELU ELFTRO- 0oltEs re0 COLLEGÀI'IE NTO DI ÍERRA loo \-/ o I lll 1F-2n I l,l il I F :t a V,'flll ;liìii IV CARATTERISTICIIE DI TIN IMPIANTO I'LET'TRICO RAZIONAIf, LasceltadelmaterialeeÌettncodevesempreessereinl'unzionedell'usocbeintendiamofame L'impianto elettrico ò un insieme logico di tuttì i dispositivi che lo compongono Ogniparte dell'impianto deve essere progettata e dimensionata per]lna paiijcola'e furlzione' Dàl còntatore infatti partc ruì grosso cavo che p.i si divide r'n varie linee dì sezioni diverse per ogni parte della casa. q-rrinài pe, ognunu,li esse dobbiamo usare componenti diflèrenti adath alla quantìtà di correnle da ufilizzare. Il clvo di ùscita del cotrtatore ha la seziole di 6 mm2 ; da questo partotro dùe lince' utra con cari da 4 mm! e una con ca\l oa 2.5 mm_. -:_-_--_.--'-: -._

6 z 6?.,9 1 /t,o ft Vv- -1 (r'l\ Sulla prina linea si installano Prese ed ioteìruttori con portata di altcno 16 A-lmetrtre sula sàconda linca si possono installare codtponetrti coo portata massiúa jníortro a 104' Se noi collcghiamo ad una presa della linea pìù pitcola un grosso elettrodomestlco, quesìa tmea u,"n".ottop.o,t.".tunosforzoeccessivoperchésovraccaricataesicorreilrischiodibruciarela presa e di prcvocare daùi aoche magglon. iuesto su"cede p.rché sia ia prcsa che il cavo, insuíficienti formano corne una stro;izafilra alla ' corrente che làtica molto ad araivare a ìm apparccchio che ha un forte consùmo CONTATORE. I I! L'energra elettrica che giunge nelle case de're essere misufata in lnodo che l'ente fomitore lmssa farcela-pagare.la misuta viene effetiuata con un apposito conlatore che conteggià I'assorbimento oraaio di potenza elettíca- Come uni!à cli misura si usaío i Kilowatl che sj consunano per ore. ossia-!,liiowatt/ora (Kwh)- Ncl contalorc è presentc ùn disahetto úelallico che ruotu solo qu3ndo t'c tt)nsumo di corrente Suì bordo c'è una tac.u l.ussao-n..u) clte fficftt dl vedcrc la rofazlone dcl dlschetto e di contare i srri èileìììì-ti.il1flòlià'6ó c'e siritto, oltre al voltaggio e al massimo carico in ampère, i a qùrnti giri del dischetto corrisponde I'assorbimento dr 1 Kw in modo da poter vahtare qranta I corrente si sta consumando. Piirùl1lchetto g-ira \'49-!9.p!1 È,4!!oll, "lrìlqqqgl!gggll!. e;sogna e-vitie aiattaccare a ùn conlatore un complesso di apparecchi elettrici che assorbano piir del massimo crogabile perchlgls.gyt3:eanea]iqplaf]llejrllelcllomlglllol=c$lco lntef\'1ene in contlnlrazioné Ii.ot triot" À"rG A proprieta <leìl'ente distributore e che qualunquc manomissionc o gùasto da parte dell'utente possono esserc puliîi a tennini di legge perché costituiscono un tenbtivo di frode. I coltatori, specialmerfe nei grossi paìazzi in città sono raccolti in un apposito locale a DianoleIIa.

7 Il cootatore e installato dall'azienda erogatrice che ne po-ésbile manom I r lcfllua d.l contatore e moìto sernpltce concumalo do quando rlconl3l{\re a slalo g1.i del disco (- K\th. omba difi ln Iìessun caso i nùmeri in grande indicano i Kwh che :rbbiamo inslallato E' utije conoscere il rappotto esislente tra C IìN'l RALTNI EI,ETI RICI Sono cassette che conten o tutti i drs di sicurczza e dalle quali comatdiamo tùtto lîn:'nno po\i,/ionalr afpcna dopo il c,'ntilole c cloe do\c ha lru/o l'rmpianl.o dcil ìrrinle Frso t" to inrpmrnor. ocner,rle con orolellonc malnclolamrca Julomatrca cofl cli(ulll ^,n^,ll cfto ali inremrnor. g(ne'g;on pi.'re;ìaió.ifr-a3?drlfrirîa-ini6ffiirca dar cori cii(u'r c all'inte iaie lsalvayita) conío un p ricoìo di contatti accidentali. Un buon rmoiíntu deve arere a \alle dcgll lnlerrultorì generali, altti interuttori aulomatici, uno per ognt linea in partenza Pefanto tuttl questi dispositivi di sicurezza vengono raggmppaîi jn scatole di plastica compatte che sono dei veti e propri centralinj di conando e di controllo- Possono contcnere ad escmpio la suonena, il temporizzatore, il relè' il crepuscolate ln commcrcio ne esjstono da quelli con due soli dispositivi fino a scalole con qììindici o piil ln alcuni tipi sono gìà previsti spazi per tnsenre altri dispositjvi così da consentire iì collegameúto di circuiti aggiuntjvi ln conispondenza di ogni dispositivo e opportuno ùettere delle larghette che riportaro per ciascun dispositivo la lirnzìone II, SALVA\TTA Abbiúato ad un bìron impianto di messa a terra riduce notevolmente i pencoh.jtrsalyjrailq.--a uno stmmenlo indisdensabile per la sicureza dello inlcrrutlore àulomatico differeozlqle. c S( \r tocca dircnamentc un conjultl'fc in lenslonc la è efficace. La tena è elllcace o di coícnte Ílì;]\ a!ìta jntenreíe appunto nel pnùo caso togliendo la corente a1l'intero circuto o a pale di esso. Il s.dvavita furlzlona in queslo modo: la coíente che esce dal contatore dorebbe essere esattamènle- Ligùalé a queìta òtrè vi ;toàu, pet di 16 A,se pet un difctto dì isolamento "sempiò drsfrdono 0 02 A.fienllino alla ccnlrule so! Qu(sl3 picroìa!oícnle dr.p(rsa c frro sulllcrcnl( per \o\lllullc u,] rìencolo In simile eventualità, la protezione è daîa solo i interruttori differenziali che sono sensibill plccole drspersioni di elettricità. Perché iì salvavita inlenenga preventivamente Jrèrò è necessario che I'impianto in terra sia efllciente. lnfatti la correntc che per ì.rn guasto si dispetde viene scaticata a terra e la mancatza di questo qùemtitativo di elcírjcità fa subito scattare iì salvavita

8 r,;^r,,,'-^;--- 1,"--^ ^,^.^1F d,wrs'òni che làrebbero continùamente scattaíe il salvavlta; ln si provoca artifi cialmente una fuga di concnle ouúdr I rnlerrutlole dc\ c sclnùe Il salvavita, per le garanzie che offre, dowebbe esscre insfallato tn ogi impianto elettnco ntre queìlo piu pìccolo (dl Iì tasto grosso servc per il rlprls{i!ìo qgldo solito azzurro) serve pe=r provarc I ' efìicienza dell'apparecchio stesso - S P 'n tv L t 1-r--- r/e_u?, se invece la tefra non è in grado di scarìcare I'energia dispefsa il salvavita scattelà solamente oulndo la conenle \cna a m:lncarc fas'ando anrarerso rl no\lro colto In moltr oaesi- e anche in Italia, a pertrre dal 1992' I'uso degli interrutlori differenziali è obblieatorìo ed essi delono essere istallali insieme all'impiaoto di tera- Prim; di installare un salvavita è però necessario controllare se il nostro i lo e tto a questo upo one. ',-t- LA SCELT,A. DELLA POTENZA Ouando si stipula il conkatto di fomitura elettrica con I'ENEL o altro ente, bisogna scegliere la potenza più cooverùentc tra i seguenli valori in Ampere: Questa scelta dcvc essere iatta in basc al numcro, alla f$tenza e alla frecluen-ira d'uso degli apparecchi eìettrici di casa noslra A tal frnc prcndiamo nota ú tuíc le llflpildc c ìlllli gli apporrcrl i che dolrebbero furuionart contrmdotaiieamen(c (ullo slcs\r) t'llcullo c \cfl!'lilmo ì3 ìoro in wall (ffict-srd bulbodeife tampaainó e.sulla-tta urglettadegti clettrodómè-i.ìl: addizioniamo que-rti dati e dividiamo la sornma p. 220 (la tensione di aliurentazione in Volt). Il risultato indica I'intensità della correntc assorbita id Amperc. lù ogni caso, il valore ottenuto per gli elementi che si useraono contemporaneamente, non deve superare quello previsto p r il circùlto Qùalora si jntenda anpliate un impianto elettrico è necessario sommare ia conente àssorbila dal nuovo circuito progeflaîo o dal nuovo elettrodornestico con quella assorbiîa d;ìll'impianlo preeslstente. Se la sordma complessiva nsulta jnfenore al carico massimo sopportabile dal contatore I'impianto può sicuramente funzionare. se invece risulta naggiore occorc evitare l'uso c(rnlcmporanco di runr glr clcnrodomcstici

9 l- APPARECHIO POTENZA (kw) 0.r-0,3 I - 2 kwl al giomo CONSI]MO MEDIO Scalda acqua 1,0-1,5 l-!!n Lavatnce J.5 kwh pt un laraggo Lav.tstoviglie )?-10 I kwh ner ]n lavaoclo Ferro da stiro 0.4-1,2 05 kwh Der ùr'ora d'uso Stufa elettrica l-2 o più l-2 kwh o pju per un ora d u-so Televisione 0,1-0, ,5 kwh per ora d'uso IllLrminazron{. Circa 1,0 I kwh Der una stanza pea l0 ore CONDÙTTORI ELETTRTCI I cavi elettrici sono destinati al trasporto di energra; sono costitùiti da uno o pjù cooduttori' a loro volta fattì da numerosi fili di rame a\"voltì 4l!!g!gla (allo scopo di rendere il ca\,o piu flessibile)' rìvestiti di uniluainadi-i materi-le ptastico detto isolante I cavi vengono -generalmente classificati secondo il ouúero di conduttori da cui sono composti' I piu semplici sóno i cavi umpolari i quali, avendo un unico condutlore' non possono portare energia e1e$rica da soli. Di cirseguenza per fare un impianto ne occoíono almeno due e questo li rende poco adattt all'uso Àslcrn., t mcnlre tro\3no largo imptego in ccn:rlelte c rubi mulalt lutorà."ri,rn" ur',o 1,a0,5 mm e i5ln-'v''onopoi carrbipolari formtrlr dadu(condullon isolati racchiusi jn una piu spessa Un particolarc tipo di fìlo bipolare ò la piattina iù cùi i due condutton' alvold dall'isolante' sonà saldati insiéme come a fbrmare un binari, è possibile trovarla in vecchi impianti nel corso Ji rktruttwazioni edilizie e per motivi di sicutezza' deve essere sostitùita con altro tipo di codduttorejcavi tripolari Jm'itipolari.sono invece cornposti da tre o piir conduttot ognuno isolato e tutti racchiùsi in un'unìca guaina estema più robusla La scelta del diametro del filo va làtta in funzione dell concnte che dorràr scorrere in esso e dìpcnde rjali'assorbìmento di energia dell'elettrodomestico' Nelio scbema si riporta,il cavo uoìpolare, il cavo bipolare a due anime (neutro e fase), t polare a 1re anime (neutro,iase, tena), a cavi multipolsri a quattro anime (2 fasr, Ùn-neutro, Ùna lera) e a 5 anime (tre fasi, un ncutro, una tena). Glì ultimi due tipi di cavo elettrico ( a quattro e cmque anirne I scrvono per la lblza mot.ice ( motori elettrtci) A 3 ANIME A 4 ANIME (îú't n"f\\î. I )

10 6 u *\1, IL TESTER O MUL1IMETRO E' indispensabile pcr lavorare sugli ci proîeqge da ÍiìG-iiìesó. è uo apparecchio sempiicissimo da usare e indisoensabile per lavorare su circuiti Il iester è uno strumelìto di misura che è in grado di misurare Ì1 differenza di DoÎenLiale tr?due nlerare ìa ÉiGnza quzlsjasi conduttorj (cioè. in pratica, oi djcc se c'è tensione), rilevare laesistenza di qualsiasi c"ndutl conduttore, c;icoifi la quuntità dj corente assorbita da un qùalsiasi utilizzatorc, e taùto altro aúcora. II a-lancetta)g-lljgiqle (con display) ll teslcr analogico prescnta un quadrant con Fnccfta mobile che è dotato di varie scale di leltìlra (relative aìiò chc si sta misurando), due puntali ed un selettore per programmare Ia misua da èffettuare. L'impicgo più classico il tester lo trova nell'esaminare un qualsiasi circuito per vedere sc ò inîe,,otlo lnfaiti posizionando il selellore sulla misura di resistenza e toccando con i puntali le estremit.à del circuiio si fa sconere una lieve conente coíììiúlifrgnicnte da una pila contcnula nello sttumento): se la lancetta non sj muove r'uol dire che il cilcuito e interrolto Sr nporlanu alclrni c\empt dr applica/loni Con il tester lo possìamo controllarc rapidamente anche a distanzao moto.i eletlrici, senza procedere aila cteczr. lsll:coprc r collcgamcntr grusti, fli6ufì' I'assorbimento di corre e di ùn elettrodomestico. l4l J1, /ì" o,fl Con il tester posstamo rilevare rapidamente la carica di una batteria o di una pila Fr fvrtr V II lester può servire anche a misurare la tensione es;stente nel nostro impianto clettritu hr(,/ù.

11 I RILE' Quando abttiamo la necessità ili comandare detle luci da più punti distanti frt loro' gli iirerruttori a scatto risultano scomodi siccome bisogna far percorrere ai fili ltrrghi tragitti di atrilata e ritorío, l'iúpianto è piùr costoso ln qnesto caso è consigliabile I'uso del relè relè è ler 'elettrocalamita. E' cuììè-tto dn una piccolo scalola di materiale ico alf intemo della qrnle vi è il semphce meccanismo ad elettrocaiamita che provvede all'apertuta e alla chiusùra del circuito elettnco in cui è inscrito. AttiÉndo eleîtricame;io I'azione magnetica del relè questo sposta i contatti mobili chìudendo o aprendo il circuito in cui è insento ll ùontaggio non ò semplice come qucllo degli interrììttori normali ma richiede solamenle un po piu ú attenzione!!g!ial9lgu*o coùandare il circllito úontìamo degli ìttcrultori a pulsantc A lultr que\l1 pulsan sl allacclano I va montato nella posizione piil vjcina a tutli i puntj di comando Nella cassetta dj derivazione o cornunquc jn prossimitiì del ielè è necessario installare ùn trasforúatore io quaíto il meccatrismo di questo idterrnttore fùnziona con ùna tensione di l?-1'l volt. 11 relè ha 4 motsetti dei quali 2 orretativi e 2 di eccitazione (a bassa tensione):i 2 morsctti. op"ruti"r.ììlgfrqìiài q*ìli diìr;;6ffi;el ellunorc, uìro corì il conduttore di fase in amvo della rete e I'altro con il conduttore di fase che porta alla lampada mente il nelìtro che esce dalla cassetta di dcrivazione si atlacca direttamente alla lampada Gli aitri due morsctti del relè, quelli a bassa lcnsiotre' sj collegano uno con jl morsetto di uscita del tlasfolmalore e I'altro con uno qualsiasi dei dùe filr ir a(ivo dai vari pulsanti I rcle sono l rdcale per i corridor dorc si voglia accendcle una lampada cenlmlc da piir punll an.6ó11ólto disranti tta Ioro.Pet acccnderc l.r lucc da plú dr lre rr qu'lnlo luntr cor\ lenc passjrc alìorna;do elettómùnèlicol inîerruttori e deviatorj sono sostitoiti da pulsanti (pìù economici' fra I'alrro), ìn ognuno rli questi giùdge il filo di fase (a 220 V o a bassa tensione fornila da un autotasfo.mato;) collegato al morsetto centrale' dall'altro monetto parte uo filo che si collega alla scaloletta deí re1è. Questa ha quatío morsetti: uno coliegato ai pulsanti' uno collegalo al neulro di rcîe o alla seconda uscita d l traslormatore c due collegati al filo di fase deì c]].cuito delleìampade.pfen,ìgndoilpulsanlesichiudeilcircuitodelrelèesieccitaun,clettrocalamlfa che aziona,ù'ancoretta chj chiude il circuito delle laìnpade provocandono I'acceÌ$ionc ll sistema, nspetto a quelìo con deviatore e invertjto consente un notevole risparmio dì ' condottoti. Se si usa la bassa tensione (uhbligrtona in locch con atmoslèú esplosiva coúe garage e simiii), è inollre possiblle lilì da 0.5 mm' pru economici e di minor ingoitb.o o"i t;bi o nelle canalette L'impianlo a relè è solo appar ntem,ente piu complicato di qu"llo tmditionale e complcssivam nte costa menol i relè sono drsponibili sia per tenslone a 220V sia per bassa lensione ( 12.2'l e 48 V )...-oorlo RF E TRASFORMÀTORE fft,ìl ortu' 0t Eaatt4tt4ì( --- LNIÉRRUffoRl\ A PULSANÎE \ Ìt

12 PICCOLI IMPIANTT IILETTRÍCI Bisogna idnanzifutto effetfuare un accùrato studio preventivo del taacciato gr ottenere un rmdianto sicwo ed aflìdabile.?;--riai-éîdi;n; i iili ed apparecchi ( interruttorj, deviatori, prese, pùnti luce )' deve essere attentamerie s iato in modo da ridùíe al minimo ìa lu del lievita.e i costi ó1 rcahzzaàone,e fróli gli eventuali interventi sìrlla muratura che, rèndono inavor--o -ÌurÌ go T6fi co.so- In primo luogo si <leve stabili.e dly9-pl!:zgq.14ggyislpgggg!1l1gl4lryll9rli' se si può. in conispondeùza di quelli esistenti sulla parete opposîa o comunqìre' il pitl vicino possibile alle cassette di distribuzione e di diramazione. poi sj diseunilaìiinrà iiìcffiièiiicali interessati all'intcfl'edto, segnandovi la posizione degli apparecchi esistenti e di quelli da installarc, si prendono Ie misure rclative alla lunghezza dei còìrdutt.,ri, cosa che risulta piu comoda e facilc sulla carta di quanto non sarebbe "sul campo', calcolando per ogni scatoll da installare]lliljllqlgú-pùlab$l!/i' se ln unr scatola ci sono soìo prese bastano, qiaìife Int(rruflorc \a aqglunto un frlo e per ogni deriazione due nc -sia rl numero, lre solr fili( fase, neutro, terra ); pcr ogni ]NIERRUÎ-TORE UN]POLÀRE SUONERIA ]NIERI]UÎTqìE BIPOLARE SCATO L.A OI OER VAZ ON E NE ON N1JMERO DI FIL] OEVIATORE PULSANf =='c'x,i" E= ol L_L t2

13 scatofol oentvazto DALI.A RETE,1 DEVIAIORE OEVIA'IORE COLLEGAM E NTO DI IERRA 8i'il \\ PRESA,5

14

1. Presentazione del problema. 2.Ipotesi di soluzione

1. Presentazione del problema. 2.Ipotesi di soluzione 1. Presentazione del problema Al fine di sollecitare gli alunni a progettare, realizzare e verificare esperienze operative inerenti all Energia elettrica, l insegnante di Ed. Tecnica propone alla classe,

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

Come ottengo la CORRENTE ELETTRICA

Come ottengo la CORRENTE ELETTRICA COS È L ELETTRICITÀ Come ottengo la CORRENTE ELETTRICA si produce con i generatori di corrente che possono essere chimici, meccanici oppure utilizzare l'energia del sole Generatori meccanici che producono

Dettagli

IMPIANTI ELE L TT T R T IC I I

IMPIANTI ELE L TT T R T IC I I IMPIANTI ELETTRICI 1 CORRENTE ELETTRICA La corrente alternata è caratterizzata da cariche elettriche in moto variabile nel tempo sia in intensità che in direzione. Normalmente la corrente elettrica viene

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI PROGETTO

RELAZIONE TECNICA DI PROGETTO ESAMI DI STATO PER L'ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA LIBERA PROFESSIONE DI PERITO INDUSTRIALE SESSIONE 93 Indirizzo: ELETTROTECNICA Seconda prova scritta Una villa occupa una superficie di sedime di circa

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

IL RISCHIO ELETTRICO NELLE ABITAZIONI CIVILI. L impianto elettrico è a norma? La scossa elettrica

IL RISCHIO ELETTRICO NELLE ABITAZIONI CIVILI. L impianto elettrico è a norma? La scossa elettrica a cura di: IL RISCHIO ELETTRICO NELLE ABITAZIONI CIVILI L impianto elettrico è a norma? Impianti elettrici non a norma possono comportare il rischio di folgorazioni, corto circuito, incendio. Per evitare

Dettagli

Visione d insieme DOMANDE E RISPOSTE SULL UNITÀ

Visione d insieme DOMANDE E RISPOSTE SULL UNITÀ Visione d insieme DOMANDE E RISPOSTE SULL UNITÀ Che cos è la corrente elettrica? Nei conduttori metallici la corrente è un flusso di elettroni. L intensità della corrente è il rapporto tra la quantità

Dettagli

Un condominio, ubicato su un area a forma rettangolare, comprende:

Un condominio, ubicato su un area a forma rettangolare, comprende: Un condominio, ubicato su un area a forma rettangolare, comprende: - tre piani fuori terra con una scala interna; - tre appartamenti per piano aventi rispettivamente una superficie di circa 50 m 2, 100

Dettagli

Elettricità Pagina 1

Elettricità Pagina 1 Elettricità Pagina 1 S c i e n z e n a t u r a l i L'elettricità Scuola media Classe IV Giubiasco, giugno 2006 SOMMARIO 1. Produzione e costo dell'elettricità... 1 1.1. La fattura per la fornitura di energia

Dettagli

FACOLTÀ DI INGEGNERIA

FACOLTÀ DI INGEGNERIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA TERMOMECCANICA DIPARTIMENTO DI ELETTRONICA, INTELLIGENZA ARTIFICIALE E TELECOMUNICAZIONI IMPIANTO ELETTRICO DI UN APPARTAMENTO PROFESSORE:

Dettagli

COMUNE DI STAZZANO RELAZIONE TECNICA GENERALE IMPIANTO ELETTRICO E SCHEMA DEI QUADRI PROVINCIA DI ALESSANDRIA GAVI,15 FEBBRAIO 2010

COMUNE DI STAZZANO RELAZIONE TECNICA GENERALE IMPIANTO ELETTRICO E SCHEMA DEI QUADRI PROVINCIA DI ALESSANDRIA GAVI,15 FEBBRAIO 2010 Pagina 1 di 1 COMUNE DI STAZZANO PROVINCIA DI ALESSANDRIA RELAZIONE TECNICA GENERALE IMPIANTO ELETTRICO E SCHEMA DEI QUADRI OGGETTO: EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA PROGRAMMA CASA: 10.000 ALLOGGI ENTRO

Dettagli

PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com

PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com 1 INTRODUZIONE La Norma CEI 64-8/6 tratta delle verifiche per gli impianti elettrici in BT. Le prove eseguibili sono in ordine sequenziale dirette a verificare e/o misurare: continuità dei conduttori di

Dettagli

Unità realizzata con la collaborazione dell alunno GIANMARCO BERTONATI (Elaborato d Esame a.s.:2011/2012 classe 3 D)

Unità realizzata con la collaborazione dell alunno GIANMARCO BERTONATI (Elaborato d Esame a.s.:2011/2012 classe 3 D) 1 Unità realizzata con la collaborazione dell alunno GIANMARCO BERTONATI (Elaborato d Esame a.s.:2011/2012 classe 3 D) 2 circuito realizzato dall alunno Gianmarco Bertonati grazie al quali ha potuto spiegare

Dettagli

LISTINO I.E. IMPIANTI ELETTRICI ASCENSORI

LISTINO I.E. IMPIANTI ELETTRICI ASCENSORI CITTÀ DI IMOLA SETTORE URBANISTICA, EDILIZIA PRIVATA E AMBIENTE PREZZIARIO DEL COMUNE DI IMOLA (ai sensi dell art. 133 D.Lgs. 163/2006) LISTINO I.E. IMPIANTI ELETTRICI ASCENSORI Anno 2013 *** INDICE ***

Dettagli

Fisica Generale - Modulo Fisica II Esercitazione 5 Ingegneria Gestionale-Informatica CARICA E SCARICA DEL CONDENSATORE

Fisica Generale - Modulo Fisica II Esercitazione 5 Ingegneria Gestionale-Informatica CARICA E SCARICA DEL CONDENSATORE AIA E SAIA DEL ONDENSATOE a. Studiare la scarica del condensatore della figura che è connesso I(t) alla resistenza al tempo t=0 quando porta una carica Q(0) = Q 0. Soluzione. Per la relazione di maglia,

Dettagli

Impianto di terra. messa a terra di protezione, è una misura atta a proteggere le persone dai contatti diretti;

Impianto di terra. messa a terra di protezione, è una misura atta a proteggere le persone dai contatti diretti; Impianto di terra Generalità L impianto di terra costituisce fondamentalmente un mezzo per disperdere correnti elettriche nel terreno e per proteggere, unitamente ai dispositivi d interruzione automatica

Dettagli

Si deve realizzare l'impianto elettrico di una autofficina per riparazione e revisione autoveicoli. con dimensioni di 18 x 10 metri.

Si deve realizzare l'impianto elettrico di una autofficina per riparazione e revisione autoveicoli. con dimensioni di 18 x 10 metri. ESAMI DI STATO PER L'ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA LIBERA PROFESSIONE DI PERITO INDUSTRIALE SESSIONE 2001 Indirizzo: ELETTROTECNICA Seconda prova scritta Si deve realizzare l'impianto elettrico di una

Dettagli

In un collegamento in parallelo ogni lampadina ha. sorgente di energia (pile) del circuito. i elettrici casalinghi, dove tutti gli utilizzatori sono

In un collegamento in parallelo ogni lampadina ha. sorgente di energia (pile) del circuito. i elettrici casalinghi, dove tutti gli utilizzatori sono I CIRCUITI ELETTRICI di CHIARA FORCELLINI Materiale Usato: 5 lampadine Mammut 4 pile da 1,5 volt (6Volt)+Portabatteria Tester (amperometro e voltmetro) I circuiti in Parallelo In un collegamento in parallelo

Dettagli

IMPIANTO ELETTRICO RELATIVO A STABILE ADIBITO AD USO BAITA-BIVACCO, REALIZZATO IN ZONA PIAN VADA (COMUNE DI AURANO - VB)

IMPIANTO ELETTRICO RELATIVO A STABILE ADIBITO AD USO BAITA-BIVACCO, REALIZZATO IN ZONA PIAN VADA (COMUNE DI AURANO - VB) RELATIVO A STABILE ADIBITO AD USO BAITA-BIVACCO, REALIZZATO IN ZONA PIAN VADA (COMUNE DI AURANO - VB) 1. INTRODUZIONE Il bivacco di Pian Vadà è costituito da un edificio a due piani, ciascuno di superficie

Dettagli

L'impianto elettrico nella casa sana

L'impianto elettrico nella casa sana www.casasalute.it L'impianto elettrico nella casa sana (semplici consigli per realizzare o modificare un impianto elettrico, in modo economico, al fine di evitarne un inquinamento elettromagnetico dannoso

Dettagli

Struttura dell atomo

Struttura dell atomo Proprietà elettriche dei materiali Attrazione e repulsione delle cariche Se si sfregano due bacchette di plastica con un panno di lana e poi le bacchette vengono avvicinate, si vede che esse tendono a

Dettagli

Corrente elettrica. Esempio LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA. Cos è la corrente elettrica? Definizione di intensità di corrente elettrica

Corrente elettrica. Esempio LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA. Cos è la corrente elettrica? Definizione di intensità di corrente elettrica Corrente elettrica LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Cos è la corrente elettrica? La corrente elettrica è un flusso di elettroni che si spostano dentro un conduttore dal polo negativo verso il polo positivo

Dettagli

2 - Carichi convenzionali di utilizzazione

2 - Carichi convenzionali di utilizzazione Estratto delle normative per gli impianti elettrici in bassa tensione per impianti utilizzatori a carattere stabile in abitazioni, uffici, negozi, magazzini, laboratori, officine, scuole ed annessi. L'impianto

Dettagli

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule 1 ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO Ing. Guido Saule Valori delle tensioni nominali di esercizio delle macchine ed impianti elettrici 2 - sistemi di Categoria 0 (zero), chiamati anche a bassissima tensione,

Dettagli

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA CONTATTI DIRETTI contatti con elementi attivi dell impianto elettrico che normalmente sono in tensione CONTATTI INDIRETTI contatti con masse che possono trovarsi

Dettagli

COMUNE DI ROCCALUMERA Me ssina

COMUNE DI ROCCALUMERA Me ssina COMUNE DI ROCCALUMERA Me ssina pr oget t o per OPERE DI RECUPERO, RI S TRUTTURAZI ONE E ADEGUAMENTO ALLE NORMATI VE VI GENTI DELLA S CUOLA MATERNA DI VI A TORRENTE S CI GLI O - pr oget t o esecut ivo -

Dettagli

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Argomenti principali Concetti fondamentali sull'atomo, conduttori elettrici, campo elettrico, generatore elettrico Concetto di circuito elettrico (generatore-carico)

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Unità didattica 8 La corrente elettrica Competenze Costruire semplici circuiti elettrici e spiegare il modello di spostamento delle cariche elettriche. Definire l intensità di corrente, la resistenza e

Dettagli

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA 1 ATTREZZI MATERIALI 2 Tavoletta compensato Misure: 30cmx20-30 cm spellafili punteruolo cacciavite Nastro isolante Metro da falegname e matita Lampadine da 4,5V o 1,5V pinza

Dettagli

L energia elettrica nelle nostre case IMPIANTO ELETTRICO DI UN APPARTAMENTO

L energia elettrica nelle nostre case IMPIANTO ELETTRICO DI UN APPARTAMENTO L energia elettrica nelle nostre case IMPIANTO ELETTRICO DI UN APPARTAMENTO LA TECNOLOGIA IN CASA Diverse sono le applicazioni tecnologiche nelle nostre case. Impianto termico Impianto idraulico Impianto

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI PAG. 1

IMPIANTI ELETTRICI PAG. 1 Cap. XI IMPIANTI ELETTRICI PAG. 1 11.2 OPERE COMPIUTE Prezzi medi praticati dalle ditte installatrici del ramo per ordinazioni dirette (di media entità) da parte del committente, comprensivi di: materiali,

Dettagli

Tali impianti elettrici saranno ubicati nella scuola elementare e materna di Marliana, in Via Goraiolo, Marliana (PT).

Tali impianti elettrici saranno ubicati nella scuola elementare e materna di Marliana, in Via Goraiolo, Marliana (PT). ndividuazione degli impianti Gli impianti oggetto del progetto sono previsti all interno di una struttura scolastica. Gli impianti esistenti sono sprovvisti di Dichiarazione di Conformità, pertanto saranno

Dettagli

< Apparecchiatura di controllo di fiamma > RIVELAZIONE FIAMMA BI ELETTRODO. SAITEK srl

< Apparecchiatura di controllo di fiamma > RIVELAZIONE FIAMMA BI ELETTRODO. SAITEK srl Serie CF3q < Apparecchiatura di controllo di fiamma > SAITEK srl www.saitek.it info@saitek.it Casalgrande (RE) ITALY Tel. +39 0522 848211 Fax +39 0522 849070 CONTROLLO DI FIAMMA SERIE C F 3 Q pag. 1 di

Dettagli

Esame di stato per l esercizio della libera professione di perito industriale SPEC : ELETTROTECNICA SESSIONE 1995

Esame di stato per l esercizio della libera professione di perito industriale SPEC : ELETTROTECNICA SESSIONE 1995 Esame di stato per l esercizio della libera professione di perito industriale SPEC : ELETTROTECNICA SESSIONE 995 Si devono realizzare gli impianti elettrici di forza motrice e di illuminazione di un capannone

Dettagli

Tensione alternata negli impianti civili

Tensione alternata negli impianti civili Tensione alternata negli impianti civili Tensione di alimentazione negli impianti civili: Veff=Vp/ 2 = 220-230 V, 1/T= f = 50 Hz Sistema di distribuzione di energia: MONOFASE con due fili: uno di FASE

Dettagli

IMPIANTO DI TERRA. Limiterò le mie considerazioni solo agli impianti di terra destinati a svolgere una funzione di protezione contro l'elettrocuzione.

IMPIANTO DI TERRA. Limiterò le mie considerazioni solo agli impianti di terra destinati a svolgere una funzione di protezione contro l'elettrocuzione. L'impianto di terra ha una duplice funzione: protezione funzionale IMPIANTO DI TERRA La prima classificazione è ulteriormente suscettibile di suddivisione. Gli impianti di terra, infatti, possono svolgere

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

L impianto elettrico per l appartamento medio (100 mq)

L impianto elettrico per l appartamento medio (100 mq) OBIETTIVO PROFESSIONE L impianto elettrico per l appartamento medio (100 mq) Presentiamo in queste pagine un esempio di impianto elettrico per un appartamento di taglia media avente una superficie di circa

Dettagli

Comune di Livorno. UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA

Comune di Livorno. UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA Comune di Livorno UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA OGGETTO: NUOVA SEDE SCUOLA MATERNA PESTALOZZI IMPIANTI ELETTRICI

Dettagli

1. OGGETTO...1 2. DESCRIZIONE DELLE OPERE...2

1. OGGETTO...1 2. DESCRIZIONE DELLE OPERE...2 INDICE pag. 1. OGGETTO...1 2. DESCRIZIONE DELLE OPERE...2 2.1 PREMESSA... 2 2.2 CABINA MT/BT... 2 2.3 IMPIANTO DI TERRA... 3 2.4 QUADRI ELETTRICI... 3 2.5 DISTRIBUZIONE ELETTRICA... 5 2.6 APPARECCHI DI

Dettagli

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra Classificazione dei sistemi in categorie secondo la loro tensione nominale In relazione alla loro tensione nominale i sistemi

Dettagli

RELAZIONE. OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO

RELAZIONE. OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO RELAZIONE OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO L impianto in progetto presenta le seguenti caratteristiche

Dettagli

LE RECINZIONI. elettrificate. Per la protezione di bestiame, apiari e colture. Componenti Installazione Manutenzione.

LE RECINZIONI. elettrificate. Per la protezione di bestiame, apiari e colture. Componenti Installazione Manutenzione. LE RECINZIONI elettrificate Per la protezione di bestiame, apiari e colture Componenti Installazione Manutenzione 38 Vademecum tecnico Principio di funzionamento Una recinzione elettrificata non è altro

Dettagli

VERIFICHE SU IMPIANTI ELETTRICI

VERIFICHE SU IMPIANTI ELETTRICI VERIFICHE SU IMPIANTI ELETTRICI Oggetto e scopo VERIFICA: insieme delle operazioni necessarie per accertare la rispondenza di un impianto elettrico a requisiti stabiliti (rispondenza alle prescrizioni

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

Messa a terra degli impianti a tensione superiore a 1 kv in c.a. Norma CEI EN 50522, 2011-07 (CEI 99-3)

Messa a terra degli impianti a tensione superiore a 1 kv in c.a. Norma CEI EN 50522, 2011-07 (CEI 99-3) Incontro tecnico Messa a terra degli impianti a tensione superiore a 1 kv in c.a. Norma CEI EN 50522, 2011-07 (CEI 99-3) Relatore Per. Ind. Gastone Guizzo 1 Padova, 04 febbraio 2012 La Norma CEI EN 50522

Dettagli

PARTE TERZA INSTALLAZIONE

PARTE TERZA INSTALLAZIONE PARTE TERZA INSTALLAZIONE 57 58 Lo scopo della presente sezione è di fornire una guida generale all installazione dei cavi elettrici energia ad isolamento minerale; i sistemi d installazione, i materiali

Dettagli

Protezione dai contatti indiretti

Protezione dai contatti indiretti Protezione dai contatti indiretti Se una persona entra in contatto contemporaneamente con due parti di un impianto a potenziale diverso si trova sottoposto ad una tensione che può essere pericolosa. l

Dettagli

Impianti di Messa a Terra

Impianti di Messa a Terra FACOLTÁ DI INGEGNERIA UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Impianti di Messa a Terra Prof. Roberto Mugavero tel/fax 06-72597320 e-mail mugavero@ing.uniroma2.it Normativa L'impianto di terra può essere

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Lampadina Ferro da stiro Altoparlante Moto di cariche elettrice Nei metalli i portatori di carica sono gli elettroni Agitazione termica - moto caotico velocità media 10 5 m/s Non costituiscono una corrente

Dettagli

Messa a terra degli impianti a tensione superiore a 1 kv in c.a. Norma CEI EN 50522, 2011-07 (CEI 99-3)

Messa a terra degli impianti a tensione superiore a 1 kv in c.a. Norma CEI EN 50522, 2011-07 (CEI 99-3) Sezione Trentino Alto Adige Südtirol Seminario tecnico Messa a terra degli impianti a tensione superiore a 1 kv in c.a. Norma CEI EN 50522, 2011-07 (CEI 99-3) Relatore Gastone Guizzo Trento, 13 novembre

Dettagli

1 PREMESSA... 2 2 DESCRIZIONE E CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI... 3

1 PREMESSA... 2 2 DESCRIZIONE E CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI... 3 INDICE 1 PREMESSA... 2 2 DESCRIZIONE E CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI... 3 2.1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 3 2.2 DATI TECNICI DI PROGETTO... 4 2.3 DESCRIZIONE DELLE OPERE... 6 2.3.1 Linee e cavidotti di

Dettagli

LABORATORIO DI ELETTROTECNICA

LABORATORIO DI ELETTROTECNICA SCUOLA MEDIA STATALE DI SAN MARINO Terza Circoscrizione LABORATORIO DI ELETTROTECNICA Prof. Marzi Sergio Prof. Conti Roberto 15 20 Marzo 2004 Nome Alunno: Anno scolastico 2003/2004 Laboratorio didattico

Dettagli

AZIENDA ALLEGATO 2 PIANO GUIDA MANUTENZIONE PROGRAMMATA IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI. ALLEGATO 2 - PIANO DI MANUTENZIONE pag.

AZIENDA ALLEGATO 2 PIANO GUIDA MANUTENZIONE PROGRAMMATA IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI. ALLEGATO 2 - PIANO DI MANUTENZIONE pag. ALLEGATO 2 PIANO GUIDA MANUTENZIONE PROGRAMMATA IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI ALLEGATO 2 - PIANO DI MANUTENZIONE pag.1 di 12 1A) QUADRO ELETTRICO GENERALE QUADRO ELETTRICO GENERALE DI BASSA TENSIONE SEZIONATORI

Dettagli

10. DIMENSIONAMENTO DELL IMPIANTO IDRICO IMPIANTO DI ADDUZIONE DELL ACQUA (RETE DI DISTRIBUZIONE)

10. DIMENSIONAMENTO DELL IMPIANTO IDRICO IMPIANTO DI ADDUZIONE DELL ACQUA (RETE DI DISTRIBUZIONE) 10. DIMENSIONAMENTO DELL IMPIANTO IDRICO IMPIANTO DI ADDUZIONE DELL ACQUA (RETE DI DISTRIBUZIONE) Per la determinazione delle portate massime contemporanee, necessarie per il dimensionamento delle reti

Dettagli

Manuale d Istruzione. Pinza amperometrica AC/DC True RMS. Modello 380940

Manuale d Istruzione. Pinza amperometrica AC/DC True RMS. Modello 380940 Manuale d Istruzione Pinza amperometrica AC/DC True RMS Modello 380940 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato la Pinza Amperometrica / Multimetro Watt True RMS Extech 380940. Questo strumento

Dettagli

SERVIZIO SANITARI O REGI ONE SARDE GN A -A.S.L. N 5 ORISTAN O. L an n o d u e m i l a u n d i c i a d d ì d e l m e s e di M a g g i o TR A

SERVIZIO SANITARI O REGI ONE SARDE GN A -A.S.L. N 5 ORISTAN O. L an n o d u e m i l a u n d i c i a d d ì d e l m e s e di M a g g i o TR A Alle g a t o (A) all a Deli b e r a z i o n e Dir e t t o r e G e n e r a l e n 144 d el 23/ 0 5/ 2 0 11 Co m p o s t o d a n 6 p a g i n e SERVIZIO SANITARI O REGI ONE SARDE GN A -A.S.L. N 5 ORISTAN O

Dettagli

rischio elettrico generale

rischio elettrico generale rischio elettrico generale In Italia si verificano mediamente 5 infortuni elettrici mortali ogni settimana (per folgorazione), un primato europeo fortunatamente in lenta ma continua diminuizione. I luoghi

Dettagli

E-00. IMPIANTI ELETTRICI Relazione Tecnica e descrittiva. Elaborato E-00.pdf Giugno 2007 P.I. Giancarlo Cirri P.I. E. Panichi

E-00. IMPIANTI ELETTRICI Relazione Tecnica e descrittiva. Elaborato E-00.pdf Giugno 2007 P.I. Giancarlo Cirri P.I. E. Panichi E-00 IMPIANTI ELETTRICI Relazione Tecnica e descrittiva Elaborato E-00.pdf Giugno 2007 P.I. Giancarlo Cirri P.I. E. Panichi Per.Ind. Giancarlo Cirri Via Sandro Pertini 26, 50027 Strada in Chianti (FI).

Dettagli

1. Generalità. 3. Normativa di riferimento

1. Generalità. 3. Normativa di riferimento 1. Generalità L intervento prevede la nuova realizzazione dell impianto elettrico e comunicazione interno alle unità immobiliari e le dorsali di alimentazione dal cortile posto al piano terra fino alle

Dettagli

Esperienze con l elettricità e il magnetismo

Esperienze con l elettricità e il magnetismo Esperienze con l elettricità e il magnetismo Laboratorio di scienze Le esperienze di questo laboratorio ti permettono di acquisire maggiore familiarità con l elettricità e il magnetismo e di sperimentare

Dettagli

Comune di Carmiano. Provincia di Lecce

Comune di Carmiano. Provincia di Lecce Regione Puglia Unione Europea Comune di Carmiano Provincia di Lecce BANDO PER IL FINANZIAMENTO IN FAVORE DEI COMUNI PUGLIESI DI OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA NELL'AMBITO DI INSEDIAMENTI

Dettagli

Cenfrq e LE K2 I LE K2K

Cenfrq e LE K2 I LE K2K MANUALE DI SERVIZIO Cenfrq e LE K2 I LE K2K Le centrali serie K2, uno dei modelli più compatti della linea di centrali Lince, possono offrire, se usate in modo adeguato, lo stesso grado di sicurezza e

Dettagli

PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO RISTORANTE VIA DONATO SOMMA xx, GENOVA

PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO RISTORANTE VIA DONATO SOMMA xx, GENOVA PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO RISTORANTE VIA DONATO SOMMA xx, GENOVA PROGETTO REDATTO DA ARCH/ING ELENA AMERI Ai sensi del D.M. 37/28 art 5 comma 2 punto c) RELAZIONE TECNICA 0. PREMESSA Il progetto dell

Dettagli

1 IMPIANTI DI MESSA A TERRA. PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com

1 IMPIANTI DI MESSA A TERRA. PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com 1 IMPIANTI DI MESSA A TERRA 1 2 IMPIANTI DI MESSA A TERRA INTRODUZIONE Il momento più opportuno per iniziare l installazione dell impianto di messa a terra coincide con le fasi di scavo delle fondamenta.

Dettagli

Impianto fotovoltaico

Impianto fotovoltaico 16 16 Impianto fotovoltaico totalmente integrato kw Fornitura materiale per un sistema fotovoltaico trifase, completo di ogni accessorio, con potenza di picco pari a 15,96kWp. Costruito con numero 12 stringhe

Dettagli

Terasaki Italia Srl via Campania, 4-20090 Segrate (MI) Tel. 022137574 - Fax 0226922931 www.terasaki.it - terasaki@tin.it. Contatti indiretti

Terasaki Italia Srl via Campania, 4-20090 Segrate (MI) Tel. 022137574 - Fax 0226922931 www.terasaki.it - terasaki@tin.it. Contatti indiretti Contatti indiretti Premessa Nel presente articolo è trattata l installazione degli interruttori differenziali modulari per la protezione delle persone dai contatti indiretti nell edilizia residenziale.

Dettagli

G722/... G723/... G723H/... G724/... G725/...

G722/... G723/... G723H/... G724/... G725/... F80/MC F80/MCB F80/MMR F80/SG F80/SGB F7FA0AP-0W0 F9H0AP-0W0 = Led indicazione di guasto per cortocircuito = Led Indicazione di guast o verso terra = Pulsante interfaccia utente = Indicazione sezionamento

Dettagli

MC-62 Vintage. Manuale di Istruzioni. Centrale D allarme 6 Zone Filo con Esclusione o Parzializzazione e segnalazioni a LED ITALIANO

MC-62 Vintage. Manuale di Istruzioni. Centrale D allarme 6 Zone Filo con Esclusione o Parzializzazione e segnalazioni a LED ITALIANO MC-62 Vintage Centrale D allarme 6 Zone Filo con Esclusione o Parzializzazione e segnalazioni a LED ITALIANO Manuale di Istruzioni TRE i SYSTEMS S.r.l. Via del Melograno N. 13-00040 Ariccia, Roma Italy

Dettagli

Impianti elettrici. Impianti Meccanici 1

Impianti elettrici. Impianti Meccanici 1 Impianti Meccanici 1 Gli impianti sono soggetti ad una ampia normativa nazionale. Tali norme sono in continua evoluzione anche al fine di unificare internazionalmente le regole della buona tecnica e dell

Dettagli

Schema del terminale di potenza. Inverter MONOFASE 230V 0.2~0.75kW. L1 L2 P B U V W

Schema del terminale di potenza. Inverter MONOFASE 230V 0.2~0.75kW. L1 L2 P B U V W ITALIANO TT100 Adattamento dal manuale esteso dell operatore degli inverter serie TT100 Collegamenti di potenza Nei modelli con ingresso trifase, collegare i terminali R/L1, S/L2 e T/L3 alla linea trifase

Dettagli

PTX-MS12TE (cod. PTXMS12T) PTX-MS12FE (cod. PTXMS12F) RIVELATORE PASSIVO DI INFRAROSSI A DOPPIO FASCIO PER ESTERNO

PTX-MS12TE (cod. PTXMS12T) PTX-MS12FE (cod. PTXMS12F) RIVELATORE PASSIVO DI INFRAROSSI A DOPPIO FASCIO PER ESTERNO PTX-MS12TE (cod. PTXMS12T) PTX-MS12FE (cod. PTXMS12F) RIVELATORE PASSIVO DI INFRAROSSI A DOPPIO FASCIO PER ESTERNO MANUALE DI INSTALLAZIE Vi ringraziamo per aver scelto di acquistare questo rivelatore

Dettagli

Impianto di illuminazione e forza motrice di Buraccio

Impianto di illuminazione e forza motrice di Buraccio sezione: IMPIANTI ELETTRICI titolo e contenuto della tavola: Computo metrico estimativo Studio Associato di Ingegneria NEW ENERGY di Ing. Mancini e Ing. Mannucci Viale Marconi, 117A 56028 San Miniato (PI)

Dettagli

Allarmi tecnici MY HOME. Allarmi. tecnici

Allarmi tecnici MY HOME. Allarmi. tecnici R Allarmi tecnici MY HOME R 65 Caratteristiche generali Tramite gli allarmi tecnici si possono mettere sotto controllo i dispositivi dell abitazione che in caso di malfunzionamento potrebbero provocare

Dettagli

Induzione. La nuova frontiera della cottura LE DOMANDE PIU FREQUENTI IN TEMA DI COTTURA AD INDUZIONE. TUTTE LE RISPOSTE DI

Induzione. La nuova frontiera della cottura LE DOMANDE PIU FREQUENTI IN TEMA DI COTTURA AD INDUZIONE. TUTTE LE RISPOSTE DI Induzione La nuova frontiera della cottura LE DOMANDE PIU FREQUENTI IN TEMA DI COTTURA AD INDUZIONE. TUTTE LE RISPOSTE DI B 1) L induzione è una tecnologia nuova NO, l induzione è una tecnologia innovativa,

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

AMPLIFICATORE STEREO PER AUTO 2 x 100 W

AMPLIFICATORE STEREO PER AUTO 2 x 100 W CARATTERISTICHE E FUNZIONAMENTO K3503 AMPLIFICATORE STEREO PER AUTO 2 x 100 W (cod. K3503) 1 K3503 CARATTERISTICHE E FUNZIONAMENTO L amplificatore di potenza K3503 è stato progettato per essere integrato

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

Le prese di corrente. la pompa dell'acqua la ventilazione della stufa radio o televisione... Vediamo insieme i punti più importanti.

Le prese di corrente. la pompa dell'acqua la ventilazione della stufa radio o televisione... Vediamo insieme i punti più importanti. Elettricità L'elettricità è un elemento fondamentale per la vita in camper: a parte l'uso ovvio per l'illuminazione occorre ricordarsi anche di altre utenze come ad esempio: la pompa dell'acqua la ventilazione

Dettagli

ON 1 2 3 4 5 6 7 8 1,5 3 4,5 4 ON OFF ECO +5 +10 +20 -10 -20. Istruzioni d uso 10/08 - CI

ON 1 2 3 4 5 6 7 8 1,5 3 4,5 4 ON OFF ECO +5 +10 +20 -10 -20. Istruzioni d uso 10/08 - CI P A R T. T37 B Sistema Gestione Energia 3 5 6 7 8 8-5 5 - - + + kw Istruzioni d uso /8 - CI 8 5-5 + - + - Sistema Gestione Energia. ISTRUZII PER L UTENTE. Generalità del sistema Il sistema è in grado di

Dettagli

BANCHI DI LAVORO PER INSTALLAZIONI ELETTRICHE. indice

BANCHI DI LAVORO PER INSTALLAZIONI ELETTRICHE. indice indice BANCHI BANCO DI LAVORO A DUE POSTI CON DUE EROGAZIONI INDIPENDENTI DL 1101 BANCO DI LAVORO QUADRIPOSTO CON QUATTRO EROGAZIONI INDIPENDENTI DL 1103 BANCO DI LAVORO QUADRIPOSTO CON DUE EROGAZIONI

Dettagli

Definizione. La terra. Folgorazione. Rischi elettrico. Effetti. Tipi di corrente elettrica. Cavi. Adempimenti Primo Soccorso

Definizione. La terra. Folgorazione. Rischi elettrico. Effetti. Tipi di corrente elettrica. Cavi. Adempimenti Primo Soccorso 1 Tipi di corrente elettrica Rischi elettrico Definizione Cavi La terra Folgorazione Effetti Adempimenti Primo Soccorso 2 Possiamo paragonare la corrente elettrica ad una cascata e l energia trasferita

Dettagli

ALIMENTATORE 9000 CON AVVIATORE DELLA MACCHINA

ALIMENTATORE 9000 CON AVVIATORE DELLA MACCHINA ALIMENTATORE 9000 CON AVVIATORE DELLA MACCHINA Manuale dell'utente 31889 Si prega di leggere questo manuale prima di utilizzare questo prodotto. La mancata osservanza di ciò potrebbe causare lesioni gravi.

Dettagli

Guida pratica all'impianto elettrico nell'appartamento. 1. Fasi di lavorazione

Guida pratica all'impianto elettrico nell'appartamento. 1. Fasi di lavorazione Guida pratica all'impianto elettrico nell'appartamento La lavorazione dell'impianto elettrico nell'appartamento si sussegue con una scansione temporale che deve tener conto dei tempi e dei modi tipici

Dettagli

I N D I C E 1. GENERALITÀ... 2

I N D I C E 1. GENERALITÀ... 2 I N D I C E 1. GENERALITÀ... 2 2. CARATTERISTICHE DELL IMPIANTO ELETTRICO... 2 2.1 CATEGORIA E SISTEMA... 2 2.2 CARICHI PREVISTI... 2 2.3 CONDUTTURE... 3 2.3.1 Tipi di cavi... 3 2.3.2 Tubi protettivi e

Dettagli

sezione 4 l ENERGIA E LA TECNICA sezione 4 Le trasformazioni dell energia pag. 106

sezione 4 l ENERGIA E LA TECNICA sezione 4 Le trasformazioni dell energia pag. 106 sezione 4 l ENERGIA E LA TECNICA indice di sezione Le trasformazioni dell energia pag. 106 IL PROBLEMA ENERGETICO Da qualche anno a questa parte ha assunto grande rilievo il problema energetico. Si parla

Dettagli

DE Bedienungsanleitung GB Instructions Booklet FR Mode d emploi IT Libretto Istruzioni NL Gebruiksaanwijzing ES Manual de instrucciones KD 9650.

DE Bedienungsanleitung GB Instructions Booklet FR Mode d emploi IT Libretto Istruzioni NL Gebruiksaanwijzing ES Manual de instrucciones KD 9650. DE Bedienungsanleitung GB Instructions Booklet FR Mode d emploi Libretto Istruzioni NL Gebruiksaanwijzing ES Manual de instrucciones KD 9650.0 E Gentile Signora, Caro Signore, Se seguirà con cura le raccomandazioni

Dettagli

SP 02 & SP 03. Pistole di prova per alta tensione SP 02 & SP 03. www.spselectronic.com

SP 02 & SP 03. Pistole di prova per alta tensione SP 02 & SP 03. www.spselectronic.com Pistole di prova per alta tensione SP 02 & SP 03 SP 02 & SP 03 Marchio, secondo le norme EN 50 191 Tensione operativa 10 kvdc/8 kvac max. Tensione di prova 21 kvdc Materiale plastico resistente all usura

Dettagli

INDICE. 1591016100 XV300K IT r.1.0 03.06.2011.doc XV300K 2/13

INDICE. 1591016100 XV300K IT r.1.0 03.06.2011.doc XV300K 2/13 XV300K INDICE 1 VERIFICHE PRELIMINARI GARANZIA E SMALTIMENTO... 3 2 XV300K CARATTERISTICHE D IMPIEGO... 3 3 SCELTA DEL REGOLATORE CODIFICA... 4 4 CARATTERISTICHE TECNICHE... 4 5 NORMATIVE... 5 6 INSTALLAZIONE

Dettagli

P od o u d z u io i n o e n e d e d l e l l a l a c o c r o ren e t n e e a l a t l er e na n t a a alternatori. gruppi elettrogeni

P od o u d z u io i n o e n e d e d l e l l a l a c o c r o ren e t n e e a l a t l er e na n t a a alternatori. gruppi elettrogeni Produzione della corrente alternata La generazione di corrente alternata viene ottenuta con macchine elettriche dette alternatori. Per piccole potenze si usano i gruppi elettrogeni. Nelle centrali elettriche

Dettagli

INDICE. 1. Premessa e riferimenti legislativi e normativi pag. 2. 2. Descrizione dei sistemi pag. 3 2.1 Sistema edificio B2 pag. 3

INDICE. 1. Premessa e riferimenti legislativi e normativi pag. 2. 2. Descrizione dei sistemi pag. 3 2.1 Sistema edificio B2 pag. 3 INDICE 1. Premessa e riferimenti legislativi e normativi pag. 2 2. Descrizione dei sistemi pag. 3 2.1 Sistema edificio B2 pag. 3 2.1.1 Campo fotovoltaico pag. 3 2.1.2 Sezionatore pag. 4 2.1.3 Inverter

Dettagli

Sicurezza impianti elettrici

Sicurezza impianti elettrici Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione Capo III Impianti e apparecchiature elettriche Obblighi del datore di lavoro Il datore di lavoro prende le misure necessarie affinché i materiali, le apparecchiature

Dettagli

RELAZIONE TECNICA INDICE. - 1. Scopo Pag. 3. - 2. Riferimento a legislazioni vigenti.. Pag. 4. - 3. Generalità struttura, attività, ambiente Pag.

RELAZIONE TECNICA INDICE. - 1. Scopo Pag. 3. - 2. Riferimento a legislazioni vigenti.. Pag. 4. - 3. Generalità struttura, attività, ambiente Pag. RELAZIONE TECNICA INDICE - 1. Scopo Pag. 3-2. Riferimento a legislazioni vigenti.. Pag. 4-3. Generalità struttura, attività, ambiente Pag. 5-4. Generalità e tipologia impianto elettrico. Pag. 5-5. Quadri

Dettagli

SICUREZZA ELETTRICA. 1. Elementi di elettrofisiologia (effetti della corrente sul corpo umano). 2. Correnti e tensioni pericolose.

SICUREZZA ELETTRICA. 1. Elementi di elettrofisiologia (effetti della corrente sul corpo umano). 2. Correnti e tensioni pericolose. 1. Elementi di elettrofisiologia (effetti della corrente sul corpo umano). 2. Correnti e tensioni pericolose. 3. Contatti pericolosi 4. Metodi di protezione 1. Elementi di elettrofisiologia (effetti della

Dettagli

L interruttore LED è su ON? Impostare su ON (vedi sezione 8.3) ------ Correggere i collegamenti. Chiamare assistenza tecnica

L interruttore LED è su ON? Impostare su ON (vedi sezione 8.3) ------ Correggere i collegamenti. Chiamare assistenza tecnica 10. CARATTERISTICHE E DIMENONI MODELLO Metodo di rilevazione Copertura Zone di rilevazione Sensibilità Velocità rilevabile Tensione Alimentazione Corrente assorbita Tempo allarme Uscite a relè Antiapertura

Dettagli

DEUCLIMATIZZATORE DCS 26RD

DEUCLIMATIZZATORE DCS 26RD DEUCLIMATIZZATORE DCS 26RD 1 Indice 1. Descrizione del prodotto 3 1.1 Funzionamento con aria neutra 3 1.2 Funzionamento in integrazione 4 2. Descrizione componenti principali 5 3. Dimensioni 6 4. Dati

Dettagli

CAMPAGNA PROMOZIONALE PER L UTILIZZO IN SICUREZZA DEL GAS METANO

CAMPAGNA PROMOZIONALE PER L UTILIZZO IN SICUREZZA DEL GAS METANO CAMPAGNA PROMOZIONALE PER L UTILIZZO IN SICUREZZA DEL GAS METANO 1 IMPIANTI GAS: LE REGOLE GENERALI A chi mi devo rivolgere? Quando fate realizzare, revisionare o riparare i vostri impianti dovete rivolgervi,

Dettagli

COMUNE DI MOLVENO PROVINCIA DI TRENTO P.zza Marc oni, n 1 C.A.P. 38018 Tel. 0461/ 586936 Fa x 0461/ 586968 P.I. 00149120222

COMUNE DI MOLVENO PROVINCIA DI TRENTO P.zza Marc oni, n 1 C.A.P. 38018 Tel. 0461/ 586936 Fa x 0461/ 586968 P.I. 00149120222 COMUNE DI MOLVENO PROVINCIA DI TRENTO P.zza Marc oni, n 1 C.A.P. 38018 Tel. 0461/ 586936 Fa x 0461/ 586968 P.I. 00149120222 AZIENDA ELETTRICA COMUNALE Istruzioni per l uso dei contatori elettronici Entro

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA - Complesso Biotecnologico - Istituti Biologici COMPLETAMENTO PALAZZINE D e E Nr. PREZZIARIO CODICE DESCRIZIONE U. M. Prezzo % Incid. Man.

Dettagli