Le reti elettriche possono contenere i componenti R, C, L collegati fra di loro in modo qualsiasi ed in quantità qualsiasi.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le reti elettriche possono contenere i componenti R, C, L collegati fra di loro in modo qualsiasi ed in quantità qualsiasi."

Transcript

1 e reti elettriche in alternata (- ; - ; --) e reti elettriche possono contenere i componenti,, collegati fra di loro in modo qualsiasi ed in quantità qualsiasi. l loro studio in alternata parte dall analisi delle reti più semplici e poi passare allo studio di una rete qualsiasi. e reti più semplici sono costituite da:. due componenti = resistenza e = condensatori collegati in serie o in parallelo.. due componenti = resistenza e = induttanza collegati in serie o in parallelo. 3. tre componenti = resistenza, = condensatori e = induttanza collegati in serie o in parallelo. Proseguiremo quindi nell ordine stabilito adesso, per poi fare il caso generale.

2 e reti elettriche in alternata (-) ircuito - serie: Questo circuito ha una sola corrente che percorre sia che. nvece le tensioni sono tre,,. icordiamo che la tensione () è una energia (J) per unità di carica (). ircuito - parallelo: Questo circuito ha una sola tensione che si localizza ai capi di di e di. nvece le correnti sono tre,,.

3 e reti elettriche in alternata (- serie) Questo circuito si studia applicando la legge di Kirchoff alle tensioni. Questa legge stabilisce una relazione energetica tra i componenti presenti nella maglia: la tensione che istante per istante fornisce il generatore si deve distribuire tra la resistenza e il condensatore. Quindi scriviamo la relazione vettoriale appena enunciata. 3

4 e reti elettriche in alternata (- serie) Adesso teniamo conto della legge di OHM per i due componenti e, inserendola nella legge di Kirchoff la ( ) quantità tra p arentesitonda è chiamata M PEDENA ( ): inverso dell impedenza prende nome AMMETTENA Y Y 4

5 e reti elettriche in alternata (- serie) ( ) Esempio: =, = -j = +j3 A alcolare,,. = j = = (-j)(+j3) = +j3-j4+6 =6+j6 = = (+j3) = +j3 = = (-j)(+j3) = -j4+6 = 6-j4 ultima formula ci suggerisce un modo per interpretare il circuito: Esso si comporta come un unico componente, chiamato impedenza al cui interno sono conglobati sia che, al quale si può applicare la legge di OHM. 5

6 e reti elettriche in alternata (- serie) esempio appena svolto ci suggerisce una interpretazione grafica molto interessante e molto utilizzata. iscriviamo i risultati ottenuti:. =6+j6, = +j3, = 6-j4. =, = -j, = j 3. = +j3 A Trattiamo il punto ). onosciamo il diagramma vettoriale tra tensione e corrente sia per le resistenze che per i condensatori, adesso utilizziamoli e verifichiamo che l esempio sia coerente con la teoria. Sulla resistenza tensione e corrente sono in fase Sul condensatore la corrente è in anticipo sulla tensione di 9 NOTA: ETTO E SONO DSENAT N POPOONE OETTA 6

7 e reti elettriche in alternata (- serie) due diagrammi vettoriali di solito si disegnano in un unico grafico per determinare anche la tensione e l angolo di fase tra questa tensione e la corrente che circola nel circuito. l diagramma si costruisce disegnando per prima il vettore corrente, poiché è lo stesso per tutti componenti, che sono in serie. Esso può essere disegnato in una posizione qualsiasi,normalmente orizzontale. Poi rispetto ad esso si disegnano gli altri vettori di tensione. φ ome si calcolano la tensione e l angolo φ? Disegniamo sul piano di auss le tre tensioni e la corrente e successivamente paragoniamo il grafico ottenuto con quello disegnato in questa pagina. 7

8 j3 j6 m e reti elettriche in alternata (- serie) =6+j6 = +j3 = 6-j4 = +j3 A j φ 5 3 A α δ β 6 3 e - j4 6 8

9 e reti elettriche in alternata (- serie) Dal grafico precedente si ricava già visivamente che l angolo tra e è di 9. Tuttavia ora possiamo calcolarlo anche analiticamente. iportiamo ancora una volta i risultati dell esercizio: =6+j6 = +j3 = 6-j4 = +j3 A Angolo che si forma rispettivamente tra (o ),, e l asse reale positivo e: = arctg (3/)= arctg(,5) = 56,3 ( e e) = arctg(-4/6) = arctg(-,667) = - 33,7 ( e e) δ = arctg(6/6) = arctg() = 45 ( e e) Se sommiamo e (in modulo otteniamo 9, mentre l angolo tra e è φ = α δ = 56,3-45 =,3 (angolo importante!!) 9

10 e reti elettriche in alternata (- serie) Trattiamo adesso il punto ) della diapositiva n 6 =, = - j, = j m e Da questo grafico si nota subito che anche,, e formano un diagramma vettoriale con vettori proporzionali alle rispettive tensioni e con le stesse relazioni di fase. Quindi il - j φ valore di φ anche in questo caso deve valere,3. nfatti: φ φ = arctg (-/) = -,3

11 e reti elettriche in alternata (- serie) iepilogo ( ) j j f φ φ Dalla formula della reattanza capacitiva si deduce una importante proprietà dei condensatori: all aumento della frequenza f la reattanza diminuisce. Ad una frequenza teoricamente infinita la reattanza diventa zero, cioè il condensatore si comporta come un corto circuito. Tale risultato è molto importante in elettronica.

12 e reti elettriche in alternata (- parallelo) Questo circuito si studia applicando la legge di Kirchoff alle correnti. Questa legge stabilisce una relazione di conservazione della carica tra i componenti in parallelo: la corrente che istante per istante fornisce il generatore si deve dividere tra la resistenza e il condensatore. Quindi scriviamo la relazione vettoriale appena enunciata.

13 3 e reti elettriche in alternata (- parallelo) Adesso teniamo conto della legge di OHM per i due componenti e, inserendola nella legge di Kirchoff Y possiamoscrivere (parallelo) tensionisono uguali siccome le

14 e reti elettriche in alternata (- parallelo) l diagramma si costruisce disegnando per prima il vettore tensione, poiché è la stessa per tutti componenti, che sono in parallelo. Esso può essere disegnato in una posizione qualsiasi,normalmente orizzontale. Poi rispetto ad esso si disegnano gli altri vettori di corrente. φ 4

15 e reti elettriche in alternata (- parallelo) Facciamo un esercizio su questo diagramma supponendo di avere i seguenti valori: =, = - j 5, = +j4 alcolare,,. j4 j 4, j,4 A j4 j5 j5 j4 j5 4 j 8 j4 8 8 j4 A l calcolo di si può ottenere in due modi equivalenti: ) applicando il principio di Kirchoff alle correnti; ) calcolando l impedenza e usando la legge di Ohm per tutto il circuito., j,4 8 j4 7,8 j4,4 A 5

16 e reti elettriche in alternata (- parallelo) alcoliamo l impedenza del circuito: =, = - j 5, = +j4 j5 5 5 j5 j5 j5 j5 5 j5 5 j5 j5 5 5 j j5 j5 5 5 j5 5,49 j4,98 j5 Questo risultato ci mostra come il circuito parallelo equivalga ad un circuito serie che come resistenza un valore,49 ed un condensatore di reattanza j4,98 Questo risultato si può dimostrare che è sempre vero: un circuito parallelo si può sempre trasformare in un circuito serie equivalente. 6

17 e reti elettriche in alternata (- parallelo) Facciamo il grafico dei vettori calcolati nell esercizio precedente.. = +j4, =,+j,4 A, = -8+j4 A, = -7,8+j4,4 A. =, = - j 5, =,49-j4,98 A β α j4 A 4 J4,4 A φ j,4 A δ - 8 A - 7,8 A, A 7

18 e reti elettriche in alternata (- parallelo) Dal grafico precedente si ricavano tutti gli angoli Angolo che si forma rispettivamente tra (o ),,, e l asse reale positivo e: = arctg (4,4/-7,8)= arctg(-,564) = - 9,4 = 5,57 ( e e) = arctg(4/(-8)) = arctg(-,5) = - 6,56 = 53,43 ( e e) δ = arctg(4/) = arctg() = 63,43 ( e e) angolo tra ed asse reale positivo è uguale a quello di poiché la resistenza non sfasa tensione e corrente. Da questi dati ricaviamo anche che tra corrente e tensione c è un angolo di 9 : angolo tra ( ) = 53,43-63,43 = 9. Troviamo conferma alla teoria. angolo tra ed si calcola infine così: φ = 5,57 63,43 = 87,4 8

19 e reti elettriche in alternata (-) ircuito - serie: Questo circuito ha una sola corrente che percorre sia che. nvece le tensioni sono tre,,. icordiamo che la tensione () è una energia (J) per unità di carica (). ircuito - parallelo: Questo circuito ha una sola tensione che si localizza ai capi di di e di. nvece le correnti sono tre,,. 9

20 e reti elettriche in alternata (- serie) Questo circuito si studia applicando la legge di Kirchoff alle tensioni. Questa legge stabilisce una relazione energetica tra i componenti presenti nella maglia: la tensione che istante per istante fornisce il generatore si deve distribuire tra la resistenza e il condensatore. Quindi scriviamo la relazione vettoriale appena enunciata.

21 e reti elettriche in alternata (- serie) Adesso teniamo conto della legge di OHM per i due componenti e, inserendola nella legge di Kirchoff la ( ) quantità tra parentesitonda è chiamata M PEDENA ( ): inverso dell impedenza prende nome AMMETTENA Y Y

22 e reti elettriche in alternata (- serie) ( ) Esempio: =, = j = +j3 A alcolare,,. = +j = = (+j)(+j3) = +j3+j4-6 =4+j34 = = (+j3) = +j3 = = (j)(+j3) = j4-6 = -6+j4 ultima formula ci suggerisce un modo per interpretare il circuito: Esso si comporta come un unico componente, chiamato impedenza al cui interno sono conglobati sia che, al quale si può applicare la legge di OHM.

23 e reti elettriche in alternata (- serie) esempio appena svolto ci suggerisce una interpretazione grafica molto interessante e molto utilizzata. iscriviamo i risultati ottenuti:. =4+j34, = +j3, = -6+j4. =, = j, = +j 3. = +j3 A Trattiamo il punto ). onosciamo il diagramma vettoriale tra tensione e corrente sia per le resistenze che per i condensatori, adesso utilizziamoli e verifichiamo che l esempio sia coerente con la teoria. Sulla resistenza tensione e corrente sono in fase Sull induttanza la tensione è in anticipo sulla corrente di 9 NOTA: ETTO E SONO DSENAT N POPOONE OETTA 3

24 e reti elettriche in alternata (- serie) due diagrammi vettoriali di solito si disegnano in un unico grafico per determinare anche la tensione e l angolo di fase tra questa tensione e la corrente che circola nel circuito. l diagramma si costruisce disegnando per prima il vettore corrente, poiché è lo stesso per tutti componenti, che sono in serie. Esso può essere disegnato in una posizione qualsiasi,normalmente orizzontale. Poi rispetto ad esso si disegnano gli altri vettori di tensione. φ ome si calcolano la tensione e l angolo φ? Disegniamo sul piano di auss le tre tensioni e la corrente e successivamente paragoniamo il grafico ottenuto con quello disegnato in questa pagina. 4

25 j34 m e reti elettriche in alternata (- serie) j3 =4+j34 = +j3 = - 6+j4 = +j3 A j 3 φ 5 δ A j4 β α e 5

26 e reti elettriche in alternata (- serie) Dal grafico precedente si ricava già visivamente che l angolo tra e è di 9. Tuttavia ora possiamo calcolarlo anche analiticamente. iportiamo ancora una volta i risultati dell esercizio: =4+j34 = +j3 = - 6+j4 = +j3 A Angolo che si forma rispettivamente tra (o ),, e l asse reale positivo e: = arctg (3/)= arctg(,5) = 56,3 ( e e) = arctg(-4/6) = arctg(-,667) = - 33,7 == - 33,7 +8 = 46,3 ( e e) δ = arctg(34/4) = arctg() = 67,6 ( e e) Se sottraiamo e (in modulo otteniamo 9, mentre l angolo tra e è φ = α δ = 67,6-56,3 =,3 (angolo importante!!) 6

27 e reti elettriche in alternata (- serie) Trattiamo adesso il punto ) della diapositiva n 3 =, = j, = +j m j φ e Da questo grafico si nota subito che anche,, e formano un diagramma vettoriale con vettori proporzionali alle rispettive tensioni e con le stesse relazioni di fase. Quindi il valore di φ anche in questo caso deve valere,3. nfatti: φ φ = arctg (/) = +,3 7

28 e reti elettriche in alternata (- serie) iepilogo ( ) φ j j f m j φ e Dalla formula della reattanza induttiva si deduce una importante proprietà dei solenoidi: all aumento della frequenza f la reattanza aumento. Ad una frequenza zero la reattanza è zero e quindi essa è un corto circuito mentre ad una frequenza teoricamente infinita la reattanza diventa infinita, cioè il solenoide si comporta come un circuito aperto. Tale risultato è molto importante in elettronica. 8

29 e reti elettriche in alternata (- parallelo) Questo circuito si studia applicando la legge di Kirchoff alle correnti. Questa legge stabilisce una relazione di conservazione della carica tra i componenti in parallelo: la corrente che istante per istante fornisce il generatore si deve dividere tra la resistenza e il condensatore. Quindi scriviamo la relazione vettoriale appena enunciata. 9

30 3 e reti elettriche in alternata (- parallelo) Adesso teniamo conto della legge di OHM per i due componenti e, inserendola nella legge di Kirchoff Y possiamoscrivere (parallelo) tensionisono uguali siccome le

31 e reti elettriche in alternata (- parallelo) l diagramma si costruisce disegnando per prima il vettore tensione, poiché è la stessa per tutti componenti, che sono in parallelo. Esso può essere disegnato in una posizione qualsiasi,normalmente orizzontale. Poi rispetto ad esso si disegnano gli altri vettori di corrente. φ 3

32 e reti elettriche in alternata (- parallelo) Facciamo un esercizio su questo diagramma supponendo di avere i seguenti valori: =, = + j 5, = +j4 alcolare,,. j4 j 4, j,4 A j4 j5 j5 j4 j5 4 j 8 j4 8 8 j4 A l calcolo di si può ottenere in due modi equivalenti: ) applicando il principio di Kirchoff alle correnti; ) calcolando l impedenza e usando la legge di Ohm per tutto il circuito., j,4 8 j4 8, j3,6 A 3

33 e reti elettriche in alternata (- parallelo) alcoliamo l impedenza del circuito: =, = + j 5, = +j4 j5 5 5 j5 j5 j5 j5 5 j5 5 j5 j5 5 5 j 5 5 j5 j5 j5 5,49 j4,98 j5 Questo risultato ci mostra come il circuito parallelo equivalga ad un circuito serie che come resistenza un valore,49 ed un solenoide di reattanza + j 4,98 Questo risultato si può dimostrare che è sempre vero: un circuito parallelo si può sempre trasformare in un circuito serie equivalente. 33

34 e reti elettriche in alternata (- parallelo-- grafico). = + j4, =, + j,4 A, = 8- j4 A, = 8, - j3,6 A. =, = + j 5, =,49 + j4,98 j4 δ A j,4 A φ 8 A 8, A, A α β - J 3,6 A - J 4 A 34

35 e reti elettriche in alternata (- parallelo) Dal grafico precedente si ricavano tutti gli angoli Angolo che si forma rispettivamente tra (o ),, e l asse reale positivo e: = arctg (-3,6/8,)= arctg(-,439) = - 3,7 ( e e) = arctg(-4/8) = arctg(-,5) = - 6,56 ( e e) δ = arctg(4/) = arctg() = 63,43 ( e e) angolo tra ed asse reale positivo è uguale a quello di poiché la resistenza non sfasa tensione e corrente. Da questi dati ricaviamo anche che tra corrente e tensione c è un angolo di 9 : angolo tra ( ) = + 6, ,43 = 9. Troviamo conferma alla teoria. angolo tra ed si calcola infine così: φ = 3,7 + 63,43 = 87,4 35

36 e reti elettriche in alternata (-- serie) n questo circuito abbiamo componenti in serie per cui la corrente è unica, ed abbiamo tre tensioni tra le quali scriviamo subito l equazione di Kirchoff. Da questa equazione ricaviamo quella dell impedenza del circuito. j 36

37 j e reti elettriche in alternata (-- serie) Dall ultima relazione si ricava il comportamento del circuito, che può essere classificato in tre modi diversi a seconda dei valori assunti dalle due reattanze:. Se > il circuito si comporta come un (poiché - > );. Se < il circuito si comporta come un (poiché - < ); 3. Se = il circuito si comporta come un circuito puramente ohmico e presenta un fenomeno fisico particolare che si chiama risonanza. (poiché - = ); aso n : > Sviluppiamo la formula dell impedenza. j ( ) a differenza delle due reattanze è positiva, come nei circuiti - serie. l circuito si comporta in tutto come già studiato, con la parte immaginaria positiva e reattanza pari a - ; 37

38 e reti elettriche in alternata (-- serie) j ( ; ) aso n : < a differenza delle due reattanze è negativa, come nei circuiti - serie. l circuito si comporta in tutto come già studiato, con la parte immaginaria negativa e reattanza pari a - aso n 3: = j ( ) a differenza delle due reattanze è zero, come nei circuiti puramente ohmici. l circuito si comporta in tutto come già studiato, con la parte immaginaria zero e quindi reattanza pari a zero. ; 38

39 e reti elettriche in alternata (-- serie) Dopo lo studio matematico facciamo i grafici vettoriali molto usati in seguito.. > ; quindi == ( = *) > ( = *). < ; quindi == ( = *) < ( = *) 3. = circuito puramente ohmico; quindi == ( = *) = ( = *) 3 - φ = φ φ = - Equivale ad un - Equivale ad un - Equivale ad un circuito resistivo 39

40 e reti elettriche in alternata (-- serie) onsideriamo le tre relazioni trovate per realizzare un grafico. Su di esso disegneremo le reattanze induttive e capacitive al variare della pulsazione o della frequenza f. icordiamo che = f. Di seguito riportiamo le formule delle due reattanze. Dal punto di vista geometrico è una retta che passa per l origine (non ha termine noto), mentre è una iperbole equilatera. Si può interpretare fisicamente le due affermazioni dicendo che il solenoide ha una reattanza che aumenta linearmente con la frequenza (infatti sono direttamente proporzionali), mentre il condensatore diminuisce la sua reattanza all aumentare della frequenza, ma non linearmente, bensì come una curva chiamata iperbole. Si può anche dire che la reattanza capacitiva è inversamente proporzionale alla frequenza. iepilogando è piccola a frequenza piccola ed aumenta con la frequenza, nvece è grande a frequenza piccola e diminuisce all aumento della frequenza. f f 4

41 e reti elettriche in alternata (-- serie) Per disegnare il grafico supponiamo di scegliere due valori semplici per i calcoli: =, H e =F. Sulla base dei calcoli effettuati la frequenza alla quale le due reattanze sono uguali vale: f 6,8, 6,8,,68,59 Hz,6 Hz n corrispondenza a tale frequenza le reattanze sono uguali e valgono entrambe (conviene calcolare perché è più facile!): f 6,9,6,, 4

42 ,7 e ( ) e reti elettriche in alternata (-- serie),6,5,4,3, = =,,,9,8,7,6,5,4,3,,,,4,6,8,,4,6,8,,4,6,8 3 3, 3,4 3,6 3,8 4 4, 4,4 4,6 4,8 5 5, 5,4 5,6 5,8 6 6, 6,4 f (Hz) 4

43 ,5,4,3,,,4,8,,6,4,8 3, 3,6 4 4,4 4,8 5, 5,6 6 6,4 f < f f > f f > e reti elettriche in alternata (-- serie) Nella figura a fianco sono sintetizzate tutte le conclusioni a cui siamo giunti. Si è evidenziato la frequenza di risonanza f, rispetto alla quale si può dividere il grafico in tre parti. >.Quando la frequenza f è minore di f la reattanza è maggiore di, quindi la reattanza totale del circuito è negativa ed esso si comporta come un..quando la frequenza f è maggiore di f la reattanza è minore di, quindi la reattanza totale del circuito è positiva ed esso si comporta come un. 3. Quando la frequenza è uguale ad f, le due reattanze sono uguali e di segno opposto, quindi si annullano. l circuito è resistivo 43

44 e reti elettriche in alternata (-- serie) omportamento del circuito alla risonanza icaviamo altri risultati interessanti per il circuito in esame quando esso si trova a funzionare alla frequenza f. possiamo supporre di usare un generatore che fornisca una sinusoide proprio del valore f. alcoliamo quanto valgono l impedenza, le tensioni, la corrente in questa situazione. ) ediamo che =. poiché = -, quindi la loro somma è zero. Abbiamo una prima deduzione da fare: questo valore è il minimo possibile per (al variare della frequenza), quindi alla risonanza la corrente circolante nel circuito è massima. ) n questo secondo punto notiamo che tutta la tensione del generatore è applicata alla resistenza =. Tuttavia questo non significa che su e non vi sia tensione, ma che esse sono uguali e di segno opposto per cui si azzerano (come le reattanze) 44

45 e reti elettriche in alternata (-- serie)-- Fattore di qualità Q Si possono scrivere le formule delle tensioni su ed in modo da evidenziare un fenomeno presente in questi circuiti che potrebbe essere pericoloso. Q (fattoredi qualità, adimensionale) Q ONUSONE: se il circuito serie presenta una resistenza troppo piccola (minore comunque di ) su e su sono presenti SOATENSON. Per esempio se è volte più grande di le due tensioni e sono volte più grandi di (PEOO). Q Nella forma in cui sono scritte le tensioni e si capisce che esse sono Q volte più grandi di.. Se Q è minore di e le due tensioni risultano minori di.. Se Q è maggiore di le due tensioni sono maggiori di. 3. Q è maggiore di se è maggiore di. 45

46 e reti elettriche in alternata (-- serie--risonanza) l fenomeno della risonanza ha una spiegazione energetica. due componenti ed alla risonanza possiedono esattamente la stessa energia:. ondensatore (energia elettrica): ½**. Solenoide (energia magnetica): ½** Siccome = = * si ha che: ½** = ½**(*) = ½** * = ½**[( *)*(/ *)]* = ½* * il condensatore, che si carica di energia elettrica, raggiunge il massimo quando il solenoide, che si carica di energia magnetica, è scarico. Successivamente le due energie si scambiano caricando il solenoide e scaricando il condensatore. Siccome i due massimi di energia sono uguali sia che non guadagna o perde energia nello scambio con l altro componente, quindi non hanno bisogno del generatore per aggiustare il valore che gli compete. ioè essi sono come staccati dal generatore. l tempo di questi scambi energetici deve essere uguale al periodo corrispondente alla frequenza di risonanza. ioè T = /f. Solo in questo modo sia che non hanno bisogno di ulteriori energie dato che tra di loro sono perfettamente sincronizzati (risonanti). 46

47 n questa figura è sintetizzato lo sfasamento tra ed tensione su e corrente in,5 c e istante t=: carico; istante t=t/4: carico,5 istante t=t/4: scarico c -,5 t istante 7 t=t 8 9 istante t=: scarico istante t=3t/4: scarico; - -,5 istante t=t/: scarico; istante t=t/: carico; istante t=3t/4: carico; 47

48 e reti elettriche in alternata (-- serie) Esempio = = mf, = H, =. alcolare la frequenza di risonanza f ed il fattore di qualità Q. f ,8 6,8 f 6 3 6,8 6,8 6,8 f 6,8,36 53,5 Hz Q,36 6 f 6,8 53,5,36,36 l valore del fattore di qualità Q è molto piccolo (quasi zero), quindi possiamo dire che alla frequenza di risonanza e sono quasi zero. = = Q * =,36* =,695 48

49 e reti elettriche in alternata (-- serie) Esempio = = nf, = mh, =. alcolare la frequenza di risonanza f ed il fattore di qualità Q. f f Q 6,8 5 6,8 6, Hz 9 6,8 3 f 6,8 593 l valore del fattore di qualità Q ora è molto grande (==, quindi possiamo dire che alla frequenza di risonanza e sono volte. = = Q * = * =.!!!! (molto pericolosa) 49

50 e reti elettriche in alternata (-- serie) Esempio espressione di Q ha una interpretazione fisica importante: essa è il rapporto dell energia immagazzinata diviso per l energia dissipata in un ciclo della sinusoide. Q potenzain induttanzao condensatore potenzain resistore nfine Q ha anche una espressione che deriva da quella generale. Q 5

51 e reti elettriche in alternata (-- serie) grafico di ed in frequenza È molto utile disegnare un grafico della impedenza e/o della corrente al variare della frequenza. Da questa curva si mette in evidenza quanto vale e/o quando cambia la frequenza. Per questo dobbiamo ricavare una formula sia per che per. Tuttavia le due grandezze sono legate dalla legge di Ohm = *, quindi basta ricavare e poi è automatico ricavare anche. a dimostrazione successiva non è obbligatoria da conoscere ma occorre per disegnare le curve di cui sopra. Tuttavia nella dimostrazione si è tenuto conto di alcune formule già studiate e sono state fatte delle semplificazioni. Q f quindi Q 5

52 5 ) ( Q Q Q Q Q Q j j N N N = impedenza normalizzata ( per avere occorre moltiplicare per la N ): = * N

53 e reti elettriche in alternata (-- serie) grafico di N in frequenza N Q mpedenza normalizzata N N Q = Q = Q = =,5,5,5 3 3,5 Q = impedenza è minima N = = alla risonanza =, cioè =. 53

54 e reti elettriche in alternata (-- serie) grafico di N in frequenza N =/ N = a corrente è massima N = alla risonanza =, cioè =. 54

55 e reti elettriche in alternata (-- serie) grafico di N e N in frequenza Un importante commento alle due curve dell impedenza e della corrente riguarda la loro forma all aumentare del Q. Si nota che la curva diventa sempre più stretta e i suoi fianchi molto più ripidi. Per questa proprietà il circuito è utilizzato come filtro passa banda. l significato di questa frase è abbastanza chiaro: se la curva è molto stretta la corrente che viene fatta passare meglio è quella che ha una frequenza pari a quella di risonanza f (o pulsazione ), mentre le correnti con frequenza diverse sono attenuate come risulta dai valori sull ordinata. nfatti se Q= anche frequenze poco diverse da quella di risonanza attenuano moltissimo la corrente. Per l impedenza il discorso vale al contrario: minima impedenza alla risonanza (la corrente passa bene!!), con frequenze diverse essa aumenta (la corrente ha più difficoltà a passare!!). Queste osservazioni fisiche diventano più precise scrivendole in formule. Dobbiamo cioè trovare una formula che ci calcoli quante frequenze passano bene. Questa formula è quella che si chiama banda passante B. a sua definizione è la seguente: B è l insieme di frequenze comprese tra una minima f = ow frequency ed una massima f H = High frequency.e due frequenze citate sono quelle alle quali la corrente diventa uguale a 55

56 a formula di B è la seguente: B f H f f Q l grafico corrispondente è il seguente Q=, n,9,8,7,6 f n =,95; n =,75 fn =,5; n =,75,5,4,3,,,,,3,4,5,6,7,8,9,,,3,4,5,6,7,8,9,,,3 fn f =,95*f f H =,5*f 56

57 e reti elettriche in alternata (-- serie) banda passante Nell esempio della figura precedente si ricava che la banda passante è compresa tra f =,95*f e f H =,5*f. n corrispondenza di queste due frequenze la corrente massima, cioè di risonanza, diventa uguale a,77* n questo esercizio risulta verificata la formula data in precedenza. Supponiamo che f = Hz con il valore di Q= che abbiamo già preso come esempio. B B B f,5 f f Q H f f Q,95 Hz f,5,95 5, 95, Hz 57

58 e reti elettriche in alternata (-- parallelo) abbiamo componenti in parallelo per cui la n questo circuito tensione è unica, ed abbiamo tre correnti tra le quali scriviamo subito l equazione di Kirchoff. Y = = = B B Da questa equazione ricaviamo quella dell impedenza del circuito. A differenza del circuito serie si somma tra loro la conduttanza e le suscettanze B e B 58

59 e reti elettriche in alternata (-- parallelo) Anche in questo circuito possiamo distinguere tre casi:. Se > la corrente > quindi il circuito si comporta da -;. Se < la corrente > quindi il circuito si comporta da -; 3. Se = la corrente = quindi il circuito si comporta da resistivo. erifichiamo con i diagrammi vettoriali. 3 - φ φ = φ = - 59

60 e reti elettriche in alternata (-- parallelo) l comportamento alla risonanza è duale a quello studiato nel circuito serie. Si possono fare le seguenti affermazioni:. = - quindi il loro parallelo è infinito;. a frequenza di risonanza ha la stessa formula del circuito serie; 3. e correnti che attraversano sia che sono uguali in modulo e sfasate di impedenza del parallelo tra, ed è uguale alla resistenza ed è il valore massimo raggiungibile; 5. a corrente che esce dal generatore raggiunge il valore minimo; 6. l fattore Q si calcola: Q = / ( può essere indifferentemente oppure dato che sono uguali. Questa formula è l inversa di quella del circuito serie. 6

Se si osserva un traliccio dell alta tensione si contano tre conduttori.

Se si osserva un traliccio dell alta tensione si contano tre conduttori. SSTEM TRASE Se si osserva un traliccio dell alta tensione si contano tre conduttori. Un elettrodotto (su cui si possono osservare quattro terne di fili ed una cabina elettrica SSTEM TRASE Anche le prese

Dettagli

RISONANZA. Introduzione. Risonanza Serie.

RISONANZA. Introduzione. Risonanza Serie. RISONANZA Introduzione. Sia data una rete elettrica passiva, con elementi resistivi e reattivi, alimentata con un generatore di tensione sinusoidale a frequenza variabile. La tensione di alimentazione

Dettagli

Complementi di Analisi per Informatica *** Capitolo 2. Numeri Complessi. e Circuiti Elettrici. a Corrente Alternata. Sergio Benenti 7 settembre 2013

Complementi di Analisi per Informatica *** Capitolo 2. Numeri Complessi. e Circuiti Elettrici. a Corrente Alternata. Sergio Benenti 7 settembre 2013 Complementi di Analisi per nformatica *** Capitolo 2 Numeri Complessi e Circuiti Elettrici a Corrente Alternata Sergio Benenti 7 settembre 2013? ndice 2 Circuiti elettrici a corrente alternata 1 21 Circuito

Dettagli

Transitori del primo ordine

Transitori del primo ordine Università di Ferrara Corso di Elettrotecnica Transitori del primo ordine Si consideri il circuito in figura, composto da un generatore ideale di tensione, una resistenza ed una capacità. I tre bipoli

Dettagli

FILTRI PASSIVI. Un filtro elettronico seleziona i segnali in ingresso in base alla frequenza.

FILTRI PASSIVI. Un filtro elettronico seleziona i segnali in ingresso in base alla frequenza. FILTRI PASSIVI Un filtro è un sistema dotato di ingresso e uscita in grado di operare una trasmissione selezionata di ciò che viene ad esso applicato. Un filtro elettronico seleziona i segnali in ingresso

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

MODULO: Circuiti elettrici in corrente alternata

MODULO: Circuiti elettrici in corrente alternata Università di Modena e Reggio E. Scuola di Specializzazione per l nsegnamento Secondario cl. A03 ciclo MODULO: Circuiti elettrici in corrente alternata Unità d apprendimento 3: Rappresentazione di grandezze

Dettagli

PROGRAMMA DEFINITIVO di Tecnologie Elettrico-Elettroniche e Applicazioni. Docente: VARAGNOLO GIAMPAOLO. Insegnante Tecnico Pratico: ZANINELLO LORIS

PROGRAMMA DEFINITIVO di Tecnologie Elettrico-Elettroniche e Applicazioni. Docente: VARAGNOLO GIAMPAOLO. Insegnante Tecnico Pratico: ZANINELLO LORIS ISTITUTO VERONESE MARCONI Sede di Cavarzere (VE) PROGRAMMA DEFINITIVO di Tecnologie Elettrico-Elettroniche e Applicazioni Docente: VARAGNOLO GIAMPAOLO Insegnante Tecnico Pratico: ZANINELLO LORIS Classe

Dettagli

I SISTEMI TRIFASI B B A N B B

I SISTEMI TRIFASI B B A N B B I SISTEMI TRIFSI ITRODUZIOE Un sistema polifase consiste in due o più tensioni identiche, fra le quali esiste uno sfasamento fisso, che alimentano, attraverso delle linee di collegamento, dei carichi.

Dettagli

di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, Adesso sostituiamo nella

di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, Adesso sostituiamo nella Equazione di Ohm nel dominio fasoriale: Legge di Ohm:. Dalla definizione di operatore di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, dove Adesso sostituiamo nella

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

Analisi in regime sinusoidale (parte V)

Analisi in regime sinusoidale (parte V) Appunti di Elettrotecnica Analisi in regime sinusoidale (parte ) Teorema sul massimo trasferimento di potenza attiva... alore della massima potenza attiva assorbita: rendimento del circuito3 Esempio...3

Dettagli

Programmazione modulare

Programmazione modulare Programmazione modulare Indirizzo: ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA Disciplina: ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA Docenti: Erbaggio Maria Pia e Iannì Gaetano Classe: IV A e settimanali previste: 6 Prerequisiti

Dettagli

Alcune applicazioni delle equazioni differenziali ordinarie alla teoria dei circuiti elettrici

Alcune applicazioni delle equazioni differenziali ordinarie alla teoria dei circuiti elettrici Alcune applicazioni delle equazioni differenziali ordinarie alla teoria dei circuiti elettrici Attilio Piana, Andrea Ziggioto 1 egime variabile in un circuito elettrico. Circuito C. 1.1 Carica del condensatore

Dettagli

INTEGRATORE E DERIVATORE REALI

INTEGRATORE E DERIVATORE REALI INTEGRATORE E DERIVATORE REALI -Schemi elettrici: Integratore reale : C1 R2 vi (t) R1 vu (t) Derivatore reale : R2 vi (t) R1 C1 vu (t) Elenco componenti utilizzati : - 1 resistenza da 3,3kΩ - 1 resistenza

Dettagli

T3 CIRCUITI RISONANTI E AMPLIFICATORI SELETTIVI

T3 CIRCUITI RISONANTI E AMPLIFICATORI SELETTIVI T3 CICUITI ISONANTI E AMPLIFICATOI SELETTIVI T3. Il fattore di merito di una bobina è misurato in: [a] henry. [b] ohm... [c] è adimensionale.. T3. Il fattore di perdita di un condensatore è misurato in:

Dettagli

Tecniche volt-amperometriche in DC Tecniche volt-amperometriche in AC Tecniche di zero: ponte in DC Tecniche di zero: ponte in AC

Tecniche volt-amperometriche in DC Tecniche volt-amperometriche in AC Tecniche di zero: ponte in DC Tecniche di zero: ponte in AC Misura di impedenze Misura di impedenze Tecniche volt-amperometriche in D Tecniche volt-amperometriche in A Tecniche di zero: ponte in D Tecniche di zero: ponte in A Obiettivi della lezione Metodologici

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

10.1 Corrente, densità di corrente e Legge di Ohm

10.1 Corrente, densità di corrente e Legge di Ohm Capitolo 10 Correnti elettriche 10.1 Corrente, densità di corrente e Legge di Ohm Esercizio 10.1.1 Un centro di calcolo è dotato di un UPS (Uninterruptible Power Supply) costituito da un insieme di 20

Dettagli

Una tensione o una corrente si dice sinusoidale quando la sua ampiezza al variare del tempo è pari a:

Una tensione o una corrente si dice sinusoidale quando la sua ampiezza al variare del tempo è pari a: EGE SNUSODAE Una tensione o una corrente si dice sinusoidale quando la sua ampiezza al variare del tempo è pari a: π y YAX sin( ω t YAX sin(πft YAX sin( t T e precedenti rappresentano tre espressioni diverse

Dettagli

DOCENTI : VINCENZI RICCARDO MATERIA: ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA A.S.: 2014-2015 CLASSE: 3 A-ET

DOCENTI : VINCENZI RICCARDO MATERIA: ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA A.S.: 2014-2015 CLASSE: 3 A-ET : VINCENZI RICCARDO MATERIA: ELETTROTECNICA ED ENZO LUCIO ELETTRONICA A.S.: 2014-2015 CLASSE: 3 A-ET Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si No Gli obiettivi disciplinari

Dettagli

Fr = 1 / [ ( 2 * π ) * ( L * C ) ]

Fr = 1 / [ ( 2 * π ) * ( L * C ) ] 1.6 I circuiti risonanti I circuiti risonanti, detti anche circuiti accordati o selettivi, sono strutture fondamentali per la progettazione dell elettronica analogica; con essi si realizzano oscillatori,

Dettagli

Programmazione modulare a. s. 2014-2015

Programmazione modulare a. s. 2014-2015 Programmazione modulare a. s. 201-2015 Indirizzo:Informatica Disciplina : Telecomunicazioni Classe: A B Informatica Ore settimanali previste:3 (di cui 2 di laboratorio) Libro di testo: TELECOMUNICAZIONI-Ambrosini,

Dettagli

30 RISONANZE SULLE LINEE DI TRASMISSIONE

30 RISONANZE SULLE LINEE DI TRASMISSIONE 3 RISONANZE SULLE LINEE DI TRASMISSIONE Risuonatori, ovvero circuiti in grado di supportare soluzioni risonanti( soluzioni a regime sinusoidali in assenza di generatori) vengono largamente utilizzati nelle

Dettagli

ISTITUTO TECNICO DEI TRASPORTI E LOGISTICA NAUTICO SAN GIORGIO NAUTICO C.COLOMBO. CLASSE 3 A sez. 3CI

ISTITUTO TECNICO DEI TRASPORTI E LOGISTICA NAUTICO SAN GIORGIO NAUTICO C.COLOMBO. CLASSE 3 A sez. 3CI CLASSE 3 A sez. 3CI MATERIA: Elettrotecnica, laboratorio 1. Contenuti del corso DOCENTI: SILVANO Stefano FERRARO Silvano Unità didattica 1: Gli strumenti di misura Il concetto di misura, errori di misura

Dettagli

( a ) ( ) ( Circuiti elettrici in corrente alternata. I numeri complessi. I numeri complessi in rappresentazione cartesiana

( a ) ( ) ( Circuiti elettrici in corrente alternata. I numeri complessi. I numeri complessi in rappresentazione cartesiana I numeri complessi I numeri complessi in rappresentazione cartesiana Un numero complesso a è una coppia ordinata di numeri reali che possono essere pensati come coordinate di un punto nel piano P(a,a,

Dettagli

Introduzione. Margine di ampiezza... 2 Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di Bode... 6

Introduzione. Margine di ampiezza... 2 Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di Bode... 6 ppunti di Controlli utomatici Capitolo 7 parte II Margini di stabilità Introduzione... Margine di ampiezza... Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di ode... 6 Introduzione

Dettagli

Ambiente di apprendimento

Ambiente di apprendimento ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA MAIO LINO, PALUMBO GAETANO 3EET Settembre novembre Saper risolvere un circuito elettrico in corrente continua, e saperne valutare i risultati. Saper applicare i teoremi dell

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

PROPRIETÀ DEI CIRCUITI DI RESISTORI

PROPRIETÀ DEI CIRCUITI DI RESISTORI CAPITOLO 5 PROPRIETÀ DEI CIRCUITI DI RESISTORI Nel presente Capitolo, verrà introdotto il concetto di equivalenza tra bipoli statici e verranno enunciati e dimostrati alcuni teoremi (proprietà) generali

Dettagli

RIFASAMENTO ELETTRICO

RIFASAMENTO ELETTRICO RIFASAMENTO ELETTRICO A cura del prof: Ing. Fusco Ferdinando Indice STUDIO TEORICO pag. 3 PROVA SIMULATA pag.18 PROVA PRATICA IN LABORATORIO pag.23 RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI pag.26 2 STUDIO TEORICO Introduzione

Dettagli

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO CORRENTE CONTINUA: FENOMENI FISICI E PRINCIPI FONDAMENTALI - Richiami sulle unità di misura e sui sistemi di unità di misura. - Cenni sulla struttura e sulle proprietà elettriche della materia. - Le cariche

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

Rumore Elettronico. Sorgenti di rumore in Diodi, BJTs, MOSFETs Rumore equivalente all ingresso di amplificatori Rumore nel dominio del tempo

Rumore Elettronico. Sorgenti di rumore in Diodi, BJTs, MOSFETs Rumore equivalente all ingresso di amplificatori Rumore nel dominio del tempo umore Elettronico Sorgenti di rumore in Diodi, Js, MOSFEs umore equivalente all ingresso di amplificatori umore nel dominio del tempo 1 umore della Giunzione PN: Shot Noise La corrente che fluisce attraverso

Dettagli

Libri di testo adottati: Elettrotecnica generale HOEPLI di Gaetano Conte;

Libri di testo adottati: Elettrotecnica generale HOEPLI di Gaetano Conte; Libri di testo adottati: Elettrotecnica generale HOEPLI di Gaetano Conte; Obiettivi generali. Macchine Elettriche, HOEPLI di Gaetano Conte; Laboratorio di Macchine Elettriche, HOEPLI di Gaetano Conte;

Dettagli

4. Amplificatori lineari a transistors

4. Amplificatori lineari a transistors orso: Autronica (LS Veicoli Terrestri) a.a. 2005/2006 4. Transistor JT 4. Amplificatori lineari a transistors Analizziamo ora uno stadio per amplificazione dei segnali basato su transistori bipolari JT

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Teoria dei circuiti Esercitazione di Laboratorio Transitori e dominio dei fasori

Teoria dei circuiti Esercitazione di Laboratorio Transitori e dominio dei fasori Teoria dei circuiti Esercitazione di Laboratorio Transitori e dominio dei fasori Esercizio T T V V on riferimento al circuito di figura, si assumano i seguenti valori: = = kω, =. µf, = 5 V. Determinare

Dettagli

Appendice Il trasformatore monofase

Appendice Il trasformatore monofase Appendice l trasformatore monofase - Appendice l trasformatore monofase - rincipio di funzionamento Schema generale l trasformatore è un dispositivo costituito da un nucleo in materiale ferromagnetico

Dettagli

Come visto precedentemente l equazione integro differenziale rappresentativa dell equilibrio elettrico di un circuito RLC è la seguente: 1 = (1)

Come visto precedentemente l equazione integro differenziale rappresentativa dell equilibrio elettrico di un circuito RLC è la seguente: 1 = (1) Transitori Analisi nel dominio del tempo Ricordiamo che si definisce transitorio il periodo di tempo che intercorre nel passaggio, di un sistema, da uno stato energetico ad un altro, non è comunque sempre

Dettagli

GRANDEZZE SINUSOIDALI

GRANDEZZE SINUSOIDALI GRANDEE SINUSOIDALI INDICE -Grandezze variabili. -Grandezze periodiche. 3-Parametri delle grandezze periodiche. 4-Grandezze alternate. 5-Grandezze sinusoidali. 6-Parametri delle grandezze sinusoidali.

Dettagli

Catene di Misura. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/

Catene di Misura. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Catene di Misura Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Piero Malcovati Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Università di Pavia piero.malcovati@unipv.it Piero Malcovati

Dettagli

CAPITOLO 6 ANALISI IN REGIME PERMANENTE. ( ) = Aexp( t /τ) ( ) 6.1 Circuiti dinamici in regime permanente

CAPITOLO 6 ANALISI IN REGIME PERMANENTE. ( ) = Aexp( t /τ) ( ) 6.1 Circuiti dinamici in regime permanente CAPITOLO 6 ANALISI IN REGIME PERMANENTE 6.1 Circuiti dinamici in regime permanente I Capitoli 3 e 4 sono stati dedicati, ad eccezione del paragrafo sugli induttori accoppiati, esclusivamente all analisi

Dettagli

Analisi in regime sinusoidale (parte I)

Analisi in regime sinusoidale (parte I) Appunti di Elettrotecnica Analisi in regime sinusoidale (parte I) Introduzione sul regime sinusoidale... Generalità sulle funzioni periodiche e sulle grandezze alternate...3 Esempio...4 Richiami sui numeri

Dettagli

ISTITUTO TECNICO AERONAUTICO A. FERRARIN - CATANIA

ISTITUTO TECNICO AERONAUTICO A. FERRARIN - CATANIA ISTITUTO TECNICO AERONAUTICO A. FERRARIN - CATANIA A. S. 2012-2013 ELETTROTECNICA, ELETTRONICA, AUTOMAZIONE CLASSE 3 Sez. C Prof. Fiorio Walter - Prof. Distefano Antonino LIVELLO DI PARTENZA: La classe

Dettagli

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente.

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente. CORRENTE ELETTRICA Si definisce CORRENTE ELETTRICA un moto ordinato di cariche elettriche. Il moto ordinato è distinto dal moto termico, che è invece disordinato, ed è sovrapposto a questo. Il moto ordinato

Dettagli

Istituto d Istruzione Secondaria Superiore M.BARTOLO. A cura del Prof S. Giannitto

Istituto d Istruzione Secondaria Superiore M.BARTOLO. A cura del Prof S. Giannitto Istituto d Istruzione Secondaria Superiore M.BATOLO PACHINO (S) APPUNTI DI SISTEMI AUTOMATICI 3 ANNO MODELLIZZAZIONE A cura del Prof S. Giannitto MODELLI MATEMATICI di SISTEMI ELEMENTAI LINEAI, L, C ivediamo

Dettagli

Elettronica II Proprietà e applicazioni della trasformata di Fourier; impedenza complessa; risposta in frequenza p. 2

Elettronica II Proprietà e applicazioni della trasformata di Fourier; impedenza complessa; risposta in frequenza p. 2 Elettronica II Proprietà e applicazioni della trasformata di Fourier; impedenza complessa; risposta in frequenza Valentino Liberali Dipartimento di Tecnologie dell Informazione Università di Milano, 26013

Dettagli

CORSO DI SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI ELETTRONICA A.S. 2014-2015 CLASSE III ELN

CORSO DI SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI ELETTRONICA A.S. 2014-2015 CLASSE III ELN 1. ATOMO MODULI Modelli atomici; Bohr-Sommerfield; Teoria delle bande e classificazione dei materiali; 2. CORRENTE, TENSIONE, RESISTENZA Corrente elettrica; Tensione elettrica; Resistenza elettrica, resistori,

Dettagli

L effetto prodotto da un carico attivo verrà, pertanto, analizzato solo nel caso di convertitore monofase.

L effetto prodotto da un carico attivo verrà, pertanto, analizzato solo nel caso di convertitore monofase. Come nel caso dei convertitori c.c.-c.c., la presenza di un carico attivo non modifica il comportamento del convertitore se questo continua a funzionare con conduzione continua. Nei convertitori trifase

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ Modulo SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ Programmazione Moduli Didattici Indirizzo Trasporti e Logistica Ist. Tec. Aeronautico Statale Arturo Ferrarin Via Galermo, 172 95123 Catania (CT) Codice M PMD

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO A. SC. 2014 2015 classe III W. Conoscenze, abilità e competenze. Conoscere:

PROGRAMMA SVOLTO A. SC. 2014 2015 classe III W. Conoscenze, abilità e competenze. Conoscere: Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sardegna ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE BUCCARI MARCONI Indirizzi: Trasporti Marittimi / Apparati ed Impianti

Dettagli

Capitolo 5 5.1 Macchine asincrone

Capitolo 5 5.1 Macchine asincrone Capitolo 5 5.1 Macchine asincrone Le macchine asincrone o a induzione sono macchine elettriche rotanti utilizzate prevalentemente come motori anche se possono funzionare come generatori. Esistono macchine

Dettagli

Il campo magnetico. 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz

Il campo magnetico. 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz Il campo magnetico 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz 1 Lezione 1 - Fenomeni magnetici I campi magnetici possono essere

Dettagli

FUNZIONAMENTO DEL MOTORE ASINCRONO TRIFASE E SUE CARATTERISTICHE

FUNZIONAMENTO DEL MOTORE ASINCRONO TRIFASE E SUE CARATTERISTICHE FUNZIONAMENTO DEL MOTORE ASINCRONO TRIFASE E SUE CARATTERISTICHE F. e. m. indotte dal campo rotante negli avvolgimenti di statore e rotore. Scorrimento. Le linee di induzione del campo rotante che attraversano

Dettagli

L amplificatore operazionale 1. Claudio CANCELLI

L amplificatore operazionale 1. Claudio CANCELLI L amplificatore operazionale Claudio CANCELLI L amplificatore operazionale Indice dei contenuti. L'amplificatore...3. L'amplificatore operazionale - Premesse teoriche....5 3. Circuito equivalente... 5

Dettagli

GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI

GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI 1 Nel campo elettrotecnico-elettronico, per indicare una qualsiasi grandezza elettrica si usa molto spesso il termine di segnale. L insieme dei valori istantanei assunti

Dettagli

Esercizi svolti di Elettrotecnica

Esercizi svolti di Elettrotecnica Marco Gilli Dipartimento di Elettronica Politecnico di Torino Esercizi svolti di Elettrotecnica Politecnico di Torino TOINO Maggio 2003 Indice Leggi di Kirchhoff 5 2 Legge di Ohm e partitori 5 3 esistenze

Dettagli

Capitolo. La funzione di trasferimento. 2.1 Funzione di trasferimento di un sistema. 2.2 L-trasformazione dei componenti R - L - C

Capitolo. La funzione di trasferimento. 2.1 Funzione di trasferimento di un sistema. 2.2 L-trasformazione dei componenti R - L - C Capitolo La funzione di trasferimento. Funzione di trasferimento di un sistema.. L-trasformazione dei componenti R - L - C. Determinazione delle f.d.t. di circuiti elettrici..3 Risposta al gradino . Funzione

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

+ + f 2 p n 2f2 z 1. 2f 2 z 2

+ + f 2 p n 2f2 z 1. 2f 2 z 2 9.9 Funzione di trasferimento degli amplificatori Nella maggior parte degli amplificatori utilizzati in pratica il guadagno risulta costante su un certo intervallo di frequenze, definito banda passante

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

Trasformatore di corrente (TA)

Trasformatore di corrente (TA) Sensori di corrente Il modo più semplice di eseguire la misura di corrente è il metodo volt-amperometrico, in cui si misura la caduta di tensione su di una resistenza di misura percorsa dalla corrente

Dettagli

Controllo di velocità angolare di un motore in CC

Controllo di velocità angolare di un motore in CC Controllo di velocità angolare di un motore in CC Descrizione generale Il processo è composto da un motore in corrente continua, un sistema di riduzione, una dinamo tachimetrica ed un sistema di visualizzazione.

Dettagli

Tutori: Giovanni Corradi e Paolo Ciambrone. 1. Analisi nel dominio della frequenza

Tutori: Giovanni Corradi e Paolo Ciambrone. 1. Analisi nel dominio della frequenza INDICE: Filtri RC e CR 1. Analisi nel dominio della frequenza 1.1. Filtro PASSA BASSO 1.2. Filtro PASSA ALTO 1.3. Filtro PASSA ALTO + PASSA BASSO 1.4. Filtri PASSA BASSO IN CASCATA 2. Analisi nel dominio

Dettagli

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 15 a. Sistemi trifase

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 15 a. Sistemi trifase rincipi di ingegneria elettrica Lezione 15 a Sistemi trifase Teorema di Boucherot La potenza attiva assorbita da un bipolo è uguale alla somma aritmetica delle potenze attive assorbite dagli elementi che

Dettagli

PIANO DI LAVORO COMUNE

PIANO DI LAVORO COMUNE PIANO DI LAVORO COMUNE Anno Scolastico 2014 2015 Materia: Elettrotecnica ed Elettronica Classe: 4^ elettrotecnici Data di presentazione: 16-09-2014 DOCENTE FIRMA Cottini Marzio Maulini Stefano Pagina 1

Dettagli

Prova Teorica. Test a scelta multipla. Casarano-29 Aprile 2009

Prova Teorica. Test a scelta multipla. Casarano-29 Aprile 2009 I.I.S. F. ottazzi - asarano 28-29 prile 2009 asarano-29 prile 2009 Prova Teorica Test a scelta multipla ognome Nome Scuola di provenienza 1 di 17 I.I.S. F. ottazzi - asarano 28-29 prile 2009 rgomenti della

Dettagli

APPUNTI DEL CORSO DI SISTEMI IMPIANTISTICI E SICUREZZA REGIMI DI FUNZIONAMENTO DEI CIRCUITI ELETTRICI: CORRENTE CONTINUA

APPUNTI DEL CORSO DI SISTEMI IMPIANTISTICI E SICUREZZA REGIMI DI FUNZIONAMENTO DEI CIRCUITI ELETTRICI: CORRENTE CONTINUA APPUNTI DL CORSO DI SISTMI IMPIANTISTICI SICURZZA RGIMI DI FUNZIONAMNTO DI CIRCUITI LTTRICI: CORRNT CONTINUA SOLO ALCUNI SMPI DI ANALISI DI UN CIRCUITO LTTRICO FUNZIONANTI IN CORRNT CONTINUA APPUNTI DL

Dettagli

Elettronica I Circuiti nel dominio del tempo

Elettronica I Circuiti nel dominio del tempo Elettronica I Circuiti nel dominio del tempo Valentino Liberali Dipartimento di ecnologie dell Informazione Università di Milano, 2613 Crema e-mail: liberali@i.unimi.it http://www.i.unimi.it/ liberali

Dettagli

a) Il campo di esistenza di f(x) è dato da 2x 0, ovvero x 0. Il grafico di f(x) è quello di una iperbole -1 1

a) Il campo di esistenza di f(x) è dato da 2x 0, ovvero x 0. Il grafico di f(x) è quello di una iperbole -1 1 LE FUNZIONI EALI DI VAIABILE EALE Soluzioni di quesiti e problemi estratti dal Corso Base Blu di Matematica volume 5 Q[] Sono date le due funzioni: ) = e g() = - se - se = - Determina il campo di esistenza

Dettagli

LEZIONI DEL CORSO DI SISTEMI DEL QUINTO ANNO

LEZIONI DEL CORSO DI SISTEMI DEL QUINTO ANNO LEZIONI DEL CORSO DI SISTEMI DEL QUINTO ANNO MOD. 1 Sistemi di controllo e di regolazione. Si tratta di un ripasso di una parte di argomenti effettuati l anno scorso. Introduzione. Schemi a blocchi di

Dettagli

Generalità sulle funzioni

Generalità sulle funzioni Capitolo Concetto di funzione Generalità sulle funzioni Definizione di funzione Definizione Dato un sottoinsieme non vuoto D di R, si chiama funzione reale di variabile reale, una relazione che ad ogni

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA (Fenomeno, indipendente dal tempo, che si osserva nei corpi conduttori quando le cariche elettriche fluiscono in essi.) Un conduttore metallico è in equilibrio elettrostatico

Dettagli

Esempi di funzione. Scheda Tre

Esempi di funzione. Scheda Tre Scheda Tre Funzioni Consideriamo una legge f che associa ad un elemento di un insieme X al più un elemento di un insieme Y; diciamo che f è una funzione, X è l insieme di partenza e X l insieme di arrivo.

Dettagli

Corrente elettrica. Esempio LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA. Cos è la corrente elettrica? Definizione di intensità di corrente elettrica

Corrente elettrica. Esempio LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA. Cos è la corrente elettrica? Definizione di intensità di corrente elettrica Corrente elettrica LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Cos è la corrente elettrica? La corrente elettrica è un flusso di elettroni che si spostano dentro un conduttore dal polo negativo verso il polo positivo

Dettagli

Macchina sincrona (alternatore)

Macchina sincrona (alternatore) Macchina sincrona (alternatore) Principio di funzionamento Le macchine sincrone si dividono in: macchina sincrona isotropa, se è realizzata la simmetria del flusso; macchina sincrona anisotropa, quanto

Dettagli

Università del Salento Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Industriale Appello di FISICA GENERALE 2 del 27/01/15

Università del Salento Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Industriale Appello di FISICA GENERALE 2 del 27/01/15 Università del Salento Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Industriale Appello di FISICA GENERALE 2 del 27/01/15 Esercizio 1 (9 punti): Una distribuzione di carica è costituita da un guscio sferico

Dettagli

Definizione. Indice. La resistenza è data da: dove: di 9 07/06/2010 12.26. 1 Definizione. 2 Resistenza di un filo conduttore

Definizione. Indice. La resistenza è data da: dove: di 9 07/06/2010 12.26. 1 Definizione. 2 Resistenza di un filo conduttore La resistenza elettrica è una grandezza fisica scalare che misura la tendenza di un conduttore ad opporsi al passaggio di una corrente elettrica quando è sottoposto ad una tensione Questa opposizione dipende

Dettagli

PRIMA LEGGE DI OHM OBIETTIVO: NOTE TEORICHE: Differenza di potenziale Generatore di tensione Corrente elettrica

PRIMA LEGGE DI OHM OBIETTIVO: NOTE TEORICHE: Differenza di potenziale Generatore di tensione Corrente elettrica Liceo Scientifico G. TARANTINO ALUNNO: Pellicciari Girolamo VG PRIMA LEGGE DI OHM OBIETTIVO: Verificare la Prima leggi di Ohm in un circuito ohmico (o resistore) cioè verificare che l intensità di corrente

Dettagli

nica Cagliari ) m Viene detto (1) Dal sistema dell energia Un possibile

nica Cagliari ) m Viene detto (1) Dal sistema dell energia Un possibile Viene detto sistema polifase un sistema costituito da più tensioni o da più correnti sinusoidali, sfasate l una rispetto all altra. Un sistema polifase è simmetrico quando le grandezze sinusoidali hanno

Dettagli

Corso di preparazione esame di radiooperatore 2015. Radiotecnica 2. valvole e classi di funzionamento. Carlo Vignali, I4VIL

Corso di preparazione esame di radiooperatore 2015. Radiotecnica 2. valvole e classi di funzionamento. Carlo Vignali, I4VIL A.R.I. - Sezione di Parma Corso di preparazione esame di radiooperatore 2015 Radiotecnica 2 valvole e classi di funzionamento Carlo Vignali, I4VIL TRIODO AMPLIFICATORE TRIODO AMPLIFICATORE Esempio. TRIODO

Dettagli

LICEO STATALE A.VOLTA COLLE DI VAL D ELSA PROGRAMMA DI FISICA SVOLTO NELLA CLASSE VA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

LICEO STATALE A.VOLTA COLLE DI VAL D ELSA PROGRAMMA DI FISICA SVOLTO NELLA CLASSE VA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 LICEO STATALE A.VOLTA COLLE DI VAL D ELSA PROGRAMMA DI FISICA SVOLTO NELLA CLASSE VA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Insegnante: LUCIA CERVELLI Testo in uso: Claudio Romeni FISICA E REALTA Zanichelli Su alcuni

Dettagli

Introduzione all elettronica

Introduzione all elettronica Introduzione all elettronica L elettronica nacque agli inizi del 1900 con l invenzione del primo componente elettronico, il diodo (1904) seguito poi dal triodo (1906) i cosiddetti tubi a vuoto. Questa

Dettagli

La corrente e le leggi di Ohm

La corrente e le leggi di Ohm La corrente e le leggi di Ohm Elettroni di conduzione La conduzione elettrica, che definiremo successivamente, consiste nel passaggio di cariche elettriche da un punto ad un altro di un corpo conduttore.

Dettagli

Equazioni fondamentali (nel dominio dei tempi)

Equazioni fondamentali (nel dominio dei tempi) Equazioni fondamentali (nel dominio dei tempi) Equazioni di Maxwell: b e = - t d h = j + t d = ρ b = 0 j = j + j c Eq. di continuità: Legge del trasporto: ρ j+ = 0 jc = σ e t i Relazioni i costitutive

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Induzione magnetica. Corrente indotta. Corrente indotta. Esempio. Definizione di flusso magnetico INDUZIONE MAGNETICA E ONDE ELETTROMAGNETICHE

Induzione magnetica. Corrente indotta. Corrente indotta. Esempio. Definizione di flusso magnetico INDUZIONE MAGNETICA E ONDE ELETTROMAGNETICHE Induzione magnetica INDUZIONE MAGNETICA E ONDE ELETTROMAGNETICHE Che cos è l induzione magnetica? Si parla di induzione magnetica quando si misura una intensità di corrente diversa da zero che attraversa

Dettagli

Correnti di corto circuito

Correnti di corto circuito Correnti di corto circuito Definizioni Cortocircuito: - Contatto accidentale o intenzionale, di resistenza o impedenza relativamente basse, tra due o più punti a diversa tensione di un circuito. (VEI 151-03-41).

Dettagli

Tra le varie famiglie di convertitori, i convertitori c.c.-c.a. (comunemente indicati come inverter ) sono quelli che prevedono il più elevato numero

Tra le varie famiglie di convertitori, i convertitori c.c.-c.a. (comunemente indicati come inverter ) sono quelli che prevedono il più elevato numero Tra le varie famiglie di convertitori, i convertitori c.c.-c.a. (comunemente indicati come inverter ) sono quelli che prevedono il più elevato numero di soluzioni circuitali, in dipendenza sia dal livello

Dettagli

La corrente e le leggi di Ohm

La corrente e le leggi di Ohm La corrente e le leggi di Ohm Elettroni di conduzione La conduzione elettrica, che definiremo successivamente, consiste nel passaggio di cariche elettriche da un punto ad un altro di un corpo conduttore.

Dettagli

I.I.S. N. BOBBIO DI CARIGNANO - PROGRAMMAZIONE PER L A. S. 2014-15

I.I.S. N. BOBBIO DI CARIGNANO - PROGRAMMAZIONE PER L A. S. 2014-15 I.I.S. N. BOBBIO DI CARIGNANO - PROGRAMMAZIONE PER L A. S. 2014-15 DISCIPLINA: FISICA (Indirizzi scientifico e scientifico sportivo) CLASSE: QUARTA (tutte le sezioni) COMPETENZE DISCIPLINARI ABILITA CONTENUTI

Dettagli

Analisi Matematica di circuiti elettrici

Analisi Matematica di circuiti elettrici Analisi Matematica di circuiti elettrici Eserciziario A cura del Prof. Marco Chirizzi 2011/2012 Cap.5 Numeri complessi 5.1 Definizione di numero complesso Si definisce numero complesso un numero scritto

Dettagli

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d.

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d. 1) Il valore di 5 10 20 è: a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 2) Il valore del rapporto (2,8 10-4 ) / (6,4 10 2 ) è: a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori 3) La quantità

Dettagli

FUNZIONAMENTO DEL MOTORE ASINCRONO TRIFASE E SUE CARATTERISTICHE

FUNZIONAMENTO DEL MOTORE ASINCRONO TRIFASE E SUE CARATTERISTICHE FUNZIONAMENTO DEL MOTORE ASINCRONO TRIFASE E SUE CARATTERISTICHE F. e. m. indotte dal campo rotante negli avvolgimenti di statore e rotore. Scorrimento. Le linee di induzione del campo rotante che attraversano

Dettagli

I.I.S. "MARGHERITA DI SAVOIA" a.s. 20014-2015 LICEO LINGUISTICO classe I BL Programma di MATEMATICA

I.I.S. MARGHERITA DI SAVOIA a.s. 20014-2015 LICEO LINGUISTICO classe I BL Programma di MATEMATICA classe I BL Numeri naturali L insieme dei numeri naturali e le quattro operazioni aritmetiche. Le potenze. Espressioni. Divisibilità, numeri primi. M.C.D. e m.c.m. Numeri interi relativi L insieme dei

Dettagli

Capitolo 10 - Parte I Dispositivi e circuiti

Capitolo 10 - Parte I Dispositivi e circuiti Appunti di omunicazioni Elettriche Appunti di apitolo - Parte Dispositivi e circuiti ntroduzione alla ricezione di un segnale passa-banda... aratteristiche del filtro passa-banda...3 Ricevitore a conversione

Dettagli

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA 1 esercizi corrente alternata trifase ESERCIZI DI ELETTROTECNICA IN CORRENTE ALTERNATA TRIFASE A cura del Prof. M ZIMOTTI DEFINIZIONI 1 2 esercizi corrente alternata trifase STS: sistema trifase simmetrico

Dettagli

LABORATORIO I-A. Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua

LABORATORIO I-A. Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua 1 UNIVERSITÀ DIGENOVA FACOLTÀDISCIENZEM.F.N. LABORATORIO IA Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua Anno Accademico 2001 2002 2 Capitolo 1 Richiami sui fenomeni elettrici Esperienze elementari

Dettagli