Le reti elettriche possono contenere i componenti R, C, L collegati fra di loro in modo qualsiasi ed in quantità qualsiasi.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le reti elettriche possono contenere i componenti R, C, L collegati fra di loro in modo qualsiasi ed in quantità qualsiasi."

Transcript

1 e reti elettriche in alternata (- ; - ; --) e reti elettriche possono contenere i componenti,, collegati fra di loro in modo qualsiasi ed in quantità qualsiasi. l loro studio in alternata parte dall analisi delle reti più semplici e poi passare allo studio di una rete qualsiasi. e reti più semplici sono costituite da:. due componenti = resistenza e = condensatori collegati in serie o in parallelo.. due componenti = resistenza e = induttanza collegati in serie o in parallelo. 3. tre componenti = resistenza, = condensatori e = induttanza collegati in serie o in parallelo. Proseguiremo quindi nell ordine stabilito adesso, per poi fare il caso generale.

2 e reti elettriche in alternata (-) ircuito - serie: Questo circuito ha una sola corrente che percorre sia che. nvece le tensioni sono tre,,. icordiamo che la tensione () è una energia (J) per unità di carica (). ircuito - parallelo: Questo circuito ha una sola tensione che si localizza ai capi di di e di. nvece le correnti sono tre,,.

3 e reti elettriche in alternata (- serie) Questo circuito si studia applicando la legge di Kirchoff alle tensioni. Questa legge stabilisce una relazione energetica tra i componenti presenti nella maglia: la tensione che istante per istante fornisce il generatore si deve distribuire tra la resistenza e il condensatore. Quindi scriviamo la relazione vettoriale appena enunciata. 3

4 e reti elettriche in alternata (- serie) Adesso teniamo conto della legge di OHM per i due componenti e, inserendola nella legge di Kirchoff la ( ) quantità tra p arentesitonda è chiamata M PEDENA ( ): inverso dell impedenza prende nome AMMETTENA Y Y 4

5 e reti elettriche in alternata (- serie) ( ) Esempio: =, = -j = +j3 A alcolare,,. = j = = (-j)(+j3) = +j3-j4+6 =6+j6 = = (+j3) = +j3 = = (-j)(+j3) = -j4+6 = 6-j4 ultima formula ci suggerisce un modo per interpretare il circuito: Esso si comporta come un unico componente, chiamato impedenza al cui interno sono conglobati sia che, al quale si può applicare la legge di OHM. 5

6 e reti elettriche in alternata (- serie) esempio appena svolto ci suggerisce una interpretazione grafica molto interessante e molto utilizzata. iscriviamo i risultati ottenuti:. =6+j6, = +j3, = 6-j4. =, = -j, = j 3. = +j3 A Trattiamo il punto ). onosciamo il diagramma vettoriale tra tensione e corrente sia per le resistenze che per i condensatori, adesso utilizziamoli e verifichiamo che l esempio sia coerente con la teoria. Sulla resistenza tensione e corrente sono in fase Sul condensatore la corrente è in anticipo sulla tensione di 9 NOTA: ETTO E SONO DSENAT N POPOONE OETTA 6

7 e reti elettriche in alternata (- serie) due diagrammi vettoriali di solito si disegnano in un unico grafico per determinare anche la tensione e l angolo di fase tra questa tensione e la corrente che circola nel circuito. l diagramma si costruisce disegnando per prima il vettore corrente, poiché è lo stesso per tutti componenti, che sono in serie. Esso può essere disegnato in una posizione qualsiasi,normalmente orizzontale. Poi rispetto ad esso si disegnano gli altri vettori di tensione. φ ome si calcolano la tensione e l angolo φ? Disegniamo sul piano di auss le tre tensioni e la corrente e successivamente paragoniamo il grafico ottenuto con quello disegnato in questa pagina. 7

8 j3 j6 m e reti elettriche in alternata (- serie) =6+j6 = +j3 = 6-j4 = +j3 A j φ 5 3 A α δ β 6 3 e - j4 6 8

9 e reti elettriche in alternata (- serie) Dal grafico precedente si ricava già visivamente che l angolo tra e è di 9. Tuttavia ora possiamo calcolarlo anche analiticamente. iportiamo ancora una volta i risultati dell esercizio: =6+j6 = +j3 = 6-j4 = +j3 A Angolo che si forma rispettivamente tra (o ),, e l asse reale positivo e: = arctg (3/)= arctg(,5) = 56,3 ( e e) = arctg(-4/6) = arctg(-,667) = - 33,7 ( e e) δ = arctg(6/6) = arctg() = 45 ( e e) Se sommiamo e (in modulo otteniamo 9, mentre l angolo tra e è φ = α δ = 56,3-45 =,3 (angolo importante!!) 9

10 e reti elettriche in alternata (- serie) Trattiamo adesso il punto ) della diapositiva n 6 =, = - j, = j m e Da questo grafico si nota subito che anche,, e formano un diagramma vettoriale con vettori proporzionali alle rispettive tensioni e con le stesse relazioni di fase. Quindi il - j φ valore di φ anche in questo caso deve valere,3. nfatti: φ φ = arctg (-/) = -,3

11 e reti elettriche in alternata (- serie) iepilogo ( ) j j f φ φ Dalla formula della reattanza capacitiva si deduce una importante proprietà dei condensatori: all aumento della frequenza f la reattanza diminuisce. Ad una frequenza teoricamente infinita la reattanza diventa zero, cioè il condensatore si comporta come un corto circuito. Tale risultato è molto importante in elettronica.

12 e reti elettriche in alternata (- parallelo) Questo circuito si studia applicando la legge di Kirchoff alle correnti. Questa legge stabilisce una relazione di conservazione della carica tra i componenti in parallelo: la corrente che istante per istante fornisce il generatore si deve dividere tra la resistenza e il condensatore. Quindi scriviamo la relazione vettoriale appena enunciata.

13 3 e reti elettriche in alternata (- parallelo) Adesso teniamo conto della legge di OHM per i due componenti e, inserendola nella legge di Kirchoff Y possiamoscrivere (parallelo) tensionisono uguali siccome le

14 e reti elettriche in alternata (- parallelo) l diagramma si costruisce disegnando per prima il vettore tensione, poiché è la stessa per tutti componenti, che sono in parallelo. Esso può essere disegnato in una posizione qualsiasi,normalmente orizzontale. Poi rispetto ad esso si disegnano gli altri vettori di corrente. φ 4

15 e reti elettriche in alternata (- parallelo) Facciamo un esercizio su questo diagramma supponendo di avere i seguenti valori: =, = - j 5, = +j4 alcolare,,. j4 j 4, j,4 A j4 j5 j5 j4 j5 4 j 8 j4 8 8 j4 A l calcolo di si può ottenere in due modi equivalenti: ) applicando il principio di Kirchoff alle correnti; ) calcolando l impedenza e usando la legge di Ohm per tutto il circuito., j,4 8 j4 7,8 j4,4 A 5

16 e reti elettriche in alternata (- parallelo) alcoliamo l impedenza del circuito: =, = - j 5, = +j4 j5 5 5 j5 j5 j5 j5 5 j5 5 j5 j5 5 5 j j5 j5 5 5 j5 5,49 j4,98 j5 Questo risultato ci mostra come il circuito parallelo equivalga ad un circuito serie che come resistenza un valore,49 ed un condensatore di reattanza j4,98 Questo risultato si può dimostrare che è sempre vero: un circuito parallelo si può sempre trasformare in un circuito serie equivalente. 6

17 e reti elettriche in alternata (- parallelo) Facciamo il grafico dei vettori calcolati nell esercizio precedente.. = +j4, =,+j,4 A, = -8+j4 A, = -7,8+j4,4 A. =, = - j 5, =,49-j4,98 A β α j4 A 4 J4,4 A φ j,4 A δ - 8 A - 7,8 A, A 7

18 e reti elettriche in alternata (- parallelo) Dal grafico precedente si ricavano tutti gli angoli Angolo che si forma rispettivamente tra (o ),,, e l asse reale positivo e: = arctg (4,4/-7,8)= arctg(-,564) = - 9,4 = 5,57 ( e e) = arctg(4/(-8)) = arctg(-,5) = - 6,56 = 53,43 ( e e) δ = arctg(4/) = arctg() = 63,43 ( e e) angolo tra ed asse reale positivo è uguale a quello di poiché la resistenza non sfasa tensione e corrente. Da questi dati ricaviamo anche che tra corrente e tensione c è un angolo di 9 : angolo tra ( ) = 53,43-63,43 = 9. Troviamo conferma alla teoria. angolo tra ed si calcola infine così: φ = 5,57 63,43 = 87,4 8

19 e reti elettriche in alternata (-) ircuito - serie: Questo circuito ha una sola corrente che percorre sia che. nvece le tensioni sono tre,,. icordiamo che la tensione () è una energia (J) per unità di carica (). ircuito - parallelo: Questo circuito ha una sola tensione che si localizza ai capi di di e di. nvece le correnti sono tre,,. 9

20 e reti elettriche in alternata (- serie) Questo circuito si studia applicando la legge di Kirchoff alle tensioni. Questa legge stabilisce una relazione energetica tra i componenti presenti nella maglia: la tensione che istante per istante fornisce il generatore si deve distribuire tra la resistenza e il condensatore. Quindi scriviamo la relazione vettoriale appena enunciata.

21 e reti elettriche in alternata (- serie) Adesso teniamo conto della legge di OHM per i due componenti e, inserendola nella legge di Kirchoff la ( ) quantità tra parentesitonda è chiamata M PEDENA ( ): inverso dell impedenza prende nome AMMETTENA Y Y

22 e reti elettriche in alternata (- serie) ( ) Esempio: =, = j = +j3 A alcolare,,. = +j = = (+j)(+j3) = +j3+j4-6 =4+j34 = = (+j3) = +j3 = = (j)(+j3) = j4-6 = -6+j4 ultima formula ci suggerisce un modo per interpretare il circuito: Esso si comporta come un unico componente, chiamato impedenza al cui interno sono conglobati sia che, al quale si può applicare la legge di OHM.

23 e reti elettriche in alternata (- serie) esempio appena svolto ci suggerisce una interpretazione grafica molto interessante e molto utilizzata. iscriviamo i risultati ottenuti:. =4+j34, = +j3, = -6+j4. =, = j, = +j 3. = +j3 A Trattiamo il punto ). onosciamo il diagramma vettoriale tra tensione e corrente sia per le resistenze che per i condensatori, adesso utilizziamoli e verifichiamo che l esempio sia coerente con la teoria. Sulla resistenza tensione e corrente sono in fase Sull induttanza la tensione è in anticipo sulla corrente di 9 NOTA: ETTO E SONO DSENAT N POPOONE OETTA 3

24 e reti elettriche in alternata (- serie) due diagrammi vettoriali di solito si disegnano in un unico grafico per determinare anche la tensione e l angolo di fase tra questa tensione e la corrente che circola nel circuito. l diagramma si costruisce disegnando per prima il vettore corrente, poiché è lo stesso per tutti componenti, che sono in serie. Esso può essere disegnato in una posizione qualsiasi,normalmente orizzontale. Poi rispetto ad esso si disegnano gli altri vettori di tensione. φ ome si calcolano la tensione e l angolo φ? Disegniamo sul piano di auss le tre tensioni e la corrente e successivamente paragoniamo il grafico ottenuto con quello disegnato in questa pagina. 4

25 j34 m e reti elettriche in alternata (- serie) j3 =4+j34 = +j3 = - 6+j4 = +j3 A j 3 φ 5 δ A j4 β α e 5

26 e reti elettriche in alternata (- serie) Dal grafico precedente si ricava già visivamente che l angolo tra e è di 9. Tuttavia ora possiamo calcolarlo anche analiticamente. iportiamo ancora una volta i risultati dell esercizio: =4+j34 = +j3 = - 6+j4 = +j3 A Angolo che si forma rispettivamente tra (o ),, e l asse reale positivo e: = arctg (3/)= arctg(,5) = 56,3 ( e e) = arctg(-4/6) = arctg(-,667) = - 33,7 == - 33,7 +8 = 46,3 ( e e) δ = arctg(34/4) = arctg() = 67,6 ( e e) Se sottraiamo e (in modulo otteniamo 9, mentre l angolo tra e è φ = α δ = 67,6-56,3 =,3 (angolo importante!!) 6

27 e reti elettriche in alternata (- serie) Trattiamo adesso il punto ) della diapositiva n 3 =, = j, = +j m j φ e Da questo grafico si nota subito che anche,, e formano un diagramma vettoriale con vettori proporzionali alle rispettive tensioni e con le stesse relazioni di fase. Quindi il valore di φ anche in questo caso deve valere,3. nfatti: φ φ = arctg (/) = +,3 7

28 e reti elettriche in alternata (- serie) iepilogo ( ) φ j j f m j φ e Dalla formula della reattanza induttiva si deduce una importante proprietà dei solenoidi: all aumento della frequenza f la reattanza aumento. Ad una frequenza zero la reattanza è zero e quindi essa è un corto circuito mentre ad una frequenza teoricamente infinita la reattanza diventa infinita, cioè il solenoide si comporta come un circuito aperto. Tale risultato è molto importante in elettronica. 8

29 e reti elettriche in alternata (- parallelo) Questo circuito si studia applicando la legge di Kirchoff alle correnti. Questa legge stabilisce una relazione di conservazione della carica tra i componenti in parallelo: la corrente che istante per istante fornisce il generatore si deve dividere tra la resistenza e il condensatore. Quindi scriviamo la relazione vettoriale appena enunciata. 9

30 3 e reti elettriche in alternata (- parallelo) Adesso teniamo conto della legge di OHM per i due componenti e, inserendola nella legge di Kirchoff Y possiamoscrivere (parallelo) tensionisono uguali siccome le

31 e reti elettriche in alternata (- parallelo) l diagramma si costruisce disegnando per prima il vettore tensione, poiché è la stessa per tutti componenti, che sono in parallelo. Esso può essere disegnato in una posizione qualsiasi,normalmente orizzontale. Poi rispetto ad esso si disegnano gli altri vettori di corrente. φ 3

32 e reti elettriche in alternata (- parallelo) Facciamo un esercizio su questo diagramma supponendo di avere i seguenti valori: =, = + j 5, = +j4 alcolare,,. j4 j 4, j,4 A j4 j5 j5 j4 j5 4 j 8 j4 8 8 j4 A l calcolo di si può ottenere in due modi equivalenti: ) applicando il principio di Kirchoff alle correnti; ) calcolando l impedenza e usando la legge di Ohm per tutto il circuito., j,4 8 j4 8, j3,6 A 3

33 e reti elettriche in alternata (- parallelo) alcoliamo l impedenza del circuito: =, = + j 5, = +j4 j5 5 5 j5 j5 j5 j5 5 j5 5 j5 j5 5 5 j 5 5 j5 j5 j5 5,49 j4,98 j5 Questo risultato ci mostra come il circuito parallelo equivalga ad un circuito serie che come resistenza un valore,49 ed un solenoide di reattanza + j 4,98 Questo risultato si può dimostrare che è sempre vero: un circuito parallelo si può sempre trasformare in un circuito serie equivalente. 33

34 e reti elettriche in alternata (- parallelo-- grafico). = + j4, =, + j,4 A, = 8- j4 A, = 8, - j3,6 A. =, = + j 5, =,49 + j4,98 j4 δ A j,4 A φ 8 A 8, A, A α β - J 3,6 A - J 4 A 34

35 e reti elettriche in alternata (- parallelo) Dal grafico precedente si ricavano tutti gli angoli Angolo che si forma rispettivamente tra (o ),, e l asse reale positivo e: = arctg (-3,6/8,)= arctg(-,439) = - 3,7 ( e e) = arctg(-4/8) = arctg(-,5) = - 6,56 ( e e) δ = arctg(4/) = arctg() = 63,43 ( e e) angolo tra ed asse reale positivo è uguale a quello di poiché la resistenza non sfasa tensione e corrente. Da questi dati ricaviamo anche che tra corrente e tensione c è un angolo di 9 : angolo tra ( ) = + 6, ,43 = 9. Troviamo conferma alla teoria. angolo tra ed si calcola infine così: φ = 3,7 + 63,43 = 87,4 35

36 e reti elettriche in alternata (-- serie) n questo circuito abbiamo componenti in serie per cui la corrente è unica, ed abbiamo tre tensioni tra le quali scriviamo subito l equazione di Kirchoff. Da questa equazione ricaviamo quella dell impedenza del circuito. j 36

37 j e reti elettriche in alternata (-- serie) Dall ultima relazione si ricava il comportamento del circuito, che può essere classificato in tre modi diversi a seconda dei valori assunti dalle due reattanze:. Se > il circuito si comporta come un (poiché - > );. Se < il circuito si comporta come un (poiché - < ); 3. Se = il circuito si comporta come un circuito puramente ohmico e presenta un fenomeno fisico particolare che si chiama risonanza. (poiché - = ); aso n : > Sviluppiamo la formula dell impedenza. j ( ) a differenza delle due reattanze è positiva, come nei circuiti - serie. l circuito si comporta in tutto come già studiato, con la parte immaginaria positiva e reattanza pari a - ; 37

38 e reti elettriche in alternata (-- serie) j ( ; ) aso n : < a differenza delle due reattanze è negativa, come nei circuiti - serie. l circuito si comporta in tutto come già studiato, con la parte immaginaria negativa e reattanza pari a - aso n 3: = j ( ) a differenza delle due reattanze è zero, come nei circuiti puramente ohmici. l circuito si comporta in tutto come già studiato, con la parte immaginaria zero e quindi reattanza pari a zero. ; 38

39 e reti elettriche in alternata (-- serie) Dopo lo studio matematico facciamo i grafici vettoriali molto usati in seguito.. > ; quindi == ( = *) > ( = *). < ; quindi == ( = *) < ( = *) 3. = circuito puramente ohmico; quindi == ( = *) = ( = *) 3 - φ = φ φ = - Equivale ad un - Equivale ad un - Equivale ad un circuito resistivo 39

40 e reti elettriche in alternata (-- serie) onsideriamo le tre relazioni trovate per realizzare un grafico. Su di esso disegneremo le reattanze induttive e capacitive al variare della pulsazione o della frequenza f. icordiamo che = f. Di seguito riportiamo le formule delle due reattanze. Dal punto di vista geometrico è una retta che passa per l origine (non ha termine noto), mentre è una iperbole equilatera. Si può interpretare fisicamente le due affermazioni dicendo che il solenoide ha una reattanza che aumenta linearmente con la frequenza (infatti sono direttamente proporzionali), mentre il condensatore diminuisce la sua reattanza all aumentare della frequenza, ma non linearmente, bensì come una curva chiamata iperbole. Si può anche dire che la reattanza capacitiva è inversamente proporzionale alla frequenza. iepilogando è piccola a frequenza piccola ed aumenta con la frequenza, nvece è grande a frequenza piccola e diminuisce all aumento della frequenza. f f 4

41 e reti elettriche in alternata (-- serie) Per disegnare il grafico supponiamo di scegliere due valori semplici per i calcoli: =, H e =F. Sulla base dei calcoli effettuati la frequenza alla quale le due reattanze sono uguali vale: f 6,8, 6,8,,68,59 Hz,6 Hz n corrispondenza a tale frequenza le reattanze sono uguali e valgono entrambe (conviene calcolare perché è più facile!): f 6,9,6,, 4

42 ,7 e ( ) e reti elettriche in alternata (-- serie),6,5,4,3, = =,,,9,8,7,6,5,4,3,,,,4,6,8,,4,6,8,,4,6,8 3 3, 3,4 3,6 3,8 4 4, 4,4 4,6 4,8 5 5, 5,4 5,6 5,8 6 6, 6,4 f (Hz) 4

43 ,5,4,3,,,4,8,,6,4,8 3, 3,6 4 4,4 4,8 5, 5,6 6 6,4 f < f f > f f > e reti elettriche in alternata (-- serie) Nella figura a fianco sono sintetizzate tutte le conclusioni a cui siamo giunti. Si è evidenziato la frequenza di risonanza f, rispetto alla quale si può dividere il grafico in tre parti. >.Quando la frequenza f è minore di f la reattanza è maggiore di, quindi la reattanza totale del circuito è negativa ed esso si comporta come un..quando la frequenza f è maggiore di f la reattanza è minore di, quindi la reattanza totale del circuito è positiva ed esso si comporta come un. 3. Quando la frequenza è uguale ad f, le due reattanze sono uguali e di segno opposto, quindi si annullano. l circuito è resistivo 43

44 e reti elettriche in alternata (-- serie) omportamento del circuito alla risonanza icaviamo altri risultati interessanti per il circuito in esame quando esso si trova a funzionare alla frequenza f. possiamo supporre di usare un generatore che fornisca una sinusoide proprio del valore f. alcoliamo quanto valgono l impedenza, le tensioni, la corrente in questa situazione. ) ediamo che =. poiché = -, quindi la loro somma è zero. Abbiamo una prima deduzione da fare: questo valore è il minimo possibile per (al variare della frequenza), quindi alla risonanza la corrente circolante nel circuito è massima. ) n questo secondo punto notiamo che tutta la tensione del generatore è applicata alla resistenza =. Tuttavia questo non significa che su e non vi sia tensione, ma che esse sono uguali e di segno opposto per cui si azzerano (come le reattanze) 44

45 e reti elettriche in alternata (-- serie)-- Fattore di qualità Q Si possono scrivere le formule delle tensioni su ed in modo da evidenziare un fenomeno presente in questi circuiti che potrebbe essere pericoloso. Q (fattoredi qualità, adimensionale) Q ONUSONE: se il circuito serie presenta una resistenza troppo piccola (minore comunque di ) su e su sono presenti SOATENSON. Per esempio se è volte più grande di le due tensioni e sono volte più grandi di (PEOO). Q Nella forma in cui sono scritte le tensioni e si capisce che esse sono Q volte più grandi di.. Se Q è minore di e le due tensioni risultano minori di.. Se Q è maggiore di le due tensioni sono maggiori di. 3. Q è maggiore di se è maggiore di. 45

46 e reti elettriche in alternata (-- serie--risonanza) l fenomeno della risonanza ha una spiegazione energetica. due componenti ed alla risonanza possiedono esattamente la stessa energia:. ondensatore (energia elettrica): ½**. Solenoide (energia magnetica): ½** Siccome = = * si ha che: ½** = ½**(*) = ½** * = ½**[( *)*(/ *)]* = ½* * il condensatore, che si carica di energia elettrica, raggiunge il massimo quando il solenoide, che si carica di energia magnetica, è scarico. Successivamente le due energie si scambiano caricando il solenoide e scaricando il condensatore. Siccome i due massimi di energia sono uguali sia che non guadagna o perde energia nello scambio con l altro componente, quindi non hanno bisogno del generatore per aggiustare il valore che gli compete. ioè essi sono come staccati dal generatore. l tempo di questi scambi energetici deve essere uguale al periodo corrispondente alla frequenza di risonanza. ioè T = /f. Solo in questo modo sia che non hanno bisogno di ulteriori energie dato che tra di loro sono perfettamente sincronizzati (risonanti). 46

47 n questa figura è sintetizzato lo sfasamento tra ed tensione su e corrente in,5 c e istante t=: carico; istante t=t/4: carico,5 istante t=t/4: scarico c -,5 t istante 7 t=t 8 9 istante t=: scarico istante t=3t/4: scarico; - -,5 istante t=t/: scarico; istante t=t/: carico; istante t=3t/4: carico; 47

48 e reti elettriche in alternata (-- serie) Esempio = = mf, = H, =. alcolare la frequenza di risonanza f ed il fattore di qualità Q. f ,8 6,8 f 6 3 6,8 6,8 6,8 f 6,8,36 53,5 Hz Q,36 6 f 6,8 53,5,36,36 l valore del fattore di qualità Q è molto piccolo (quasi zero), quindi possiamo dire che alla frequenza di risonanza e sono quasi zero. = = Q * =,36* =,695 48

49 e reti elettriche in alternata (-- serie) Esempio = = nf, = mh, =. alcolare la frequenza di risonanza f ed il fattore di qualità Q. f f Q 6,8 5 6,8 6, Hz 9 6,8 3 f 6,8 593 l valore del fattore di qualità Q ora è molto grande (==, quindi possiamo dire che alla frequenza di risonanza e sono volte. = = Q * = * =.!!!! (molto pericolosa) 49

50 e reti elettriche in alternata (-- serie) Esempio espressione di Q ha una interpretazione fisica importante: essa è il rapporto dell energia immagazzinata diviso per l energia dissipata in un ciclo della sinusoide. Q potenzain induttanzao condensatore potenzain resistore nfine Q ha anche una espressione che deriva da quella generale. Q 5

51 e reti elettriche in alternata (-- serie) grafico di ed in frequenza È molto utile disegnare un grafico della impedenza e/o della corrente al variare della frequenza. Da questa curva si mette in evidenza quanto vale e/o quando cambia la frequenza. Per questo dobbiamo ricavare una formula sia per che per. Tuttavia le due grandezze sono legate dalla legge di Ohm = *, quindi basta ricavare e poi è automatico ricavare anche. a dimostrazione successiva non è obbligatoria da conoscere ma occorre per disegnare le curve di cui sopra. Tuttavia nella dimostrazione si è tenuto conto di alcune formule già studiate e sono state fatte delle semplificazioni. Q f quindi Q 5

52 5 ) ( Q Q Q Q Q Q j j N N N = impedenza normalizzata ( per avere occorre moltiplicare per la N ): = * N

53 e reti elettriche in alternata (-- serie) grafico di N in frequenza N Q mpedenza normalizzata N N Q = Q = Q = =,5,5,5 3 3,5 Q = impedenza è minima N = = alla risonanza =, cioè =. 53

54 e reti elettriche in alternata (-- serie) grafico di N in frequenza N =/ N = a corrente è massima N = alla risonanza =, cioè =. 54

55 e reti elettriche in alternata (-- serie) grafico di N e N in frequenza Un importante commento alle due curve dell impedenza e della corrente riguarda la loro forma all aumentare del Q. Si nota che la curva diventa sempre più stretta e i suoi fianchi molto più ripidi. Per questa proprietà il circuito è utilizzato come filtro passa banda. l significato di questa frase è abbastanza chiaro: se la curva è molto stretta la corrente che viene fatta passare meglio è quella che ha una frequenza pari a quella di risonanza f (o pulsazione ), mentre le correnti con frequenza diverse sono attenuate come risulta dai valori sull ordinata. nfatti se Q= anche frequenze poco diverse da quella di risonanza attenuano moltissimo la corrente. Per l impedenza il discorso vale al contrario: minima impedenza alla risonanza (la corrente passa bene!!), con frequenze diverse essa aumenta (la corrente ha più difficoltà a passare!!). Queste osservazioni fisiche diventano più precise scrivendole in formule. Dobbiamo cioè trovare una formula che ci calcoli quante frequenze passano bene. Questa formula è quella che si chiama banda passante B. a sua definizione è la seguente: B è l insieme di frequenze comprese tra una minima f = ow frequency ed una massima f H = High frequency.e due frequenze citate sono quelle alle quali la corrente diventa uguale a 55

56 a formula di B è la seguente: B f H f f Q l grafico corrispondente è il seguente Q=, n,9,8,7,6 f n =,95; n =,75 fn =,5; n =,75,5,4,3,,,,,3,4,5,6,7,8,9,,,3,4,5,6,7,8,9,,,3 fn f =,95*f f H =,5*f 56

57 e reti elettriche in alternata (-- serie) banda passante Nell esempio della figura precedente si ricava che la banda passante è compresa tra f =,95*f e f H =,5*f. n corrispondenza di queste due frequenze la corrente massima, cioè di risonanza, diventa uguale a,77* n questo esercizio risulta verificata la formula data in precedenza. Supponiamo che f = Hz con il valore di Q= che abbiamo già preso come esempio. B B B f,5 f f Q H f f Q,95 Hz f,5,95 5, 95, Hz 57

58 e reti elettriche in alternata (-- parallelo) abbiamo componenti in parallelo per cui la n questo circuito tensione è unica, ed abbiamo tre correnti tra le quali scriviamo subito l equazione di Kirchoff. Y = = = B B Da questa equazione ricaviamo quella dell impedenza del circuito. A differenza del circuito serie si somma tra loro la conduttanza e le suscettanze B e B 58

59 e reti elettriche in alternata (-- parallelo) Anche in questo circuito possiamo distinguere tre casi:. Se > la corrente > quindi il circuito si comporta da -;. Se < la corrente > quindi il circuito si comporta da -; 3. Se = la corrente = quindi il circuito si comporta da resistivo. erifichiamo con i diagrammi vettoriali. 3 - φ φ = φ = - 59

60 e reti elettriche in alternata (-- parallelo) l comportamento alla risonanza è duale a quello studiato nel circuito serie. Si possono fare le seguenti affermazioni:. = - quindi il loro parallelo è infinito;. a frequenza di risonanza ha la stessa formula del circuito serie; 3. e correnti che attraversano sia che sono uguali in modulo e sfasate di impedenza del parallelo tra, ed è uguale alla resistenza ed è il valore massimo raggiungibile; 5. a corrente che esce dal generatore raggiunge il valore minimo; 6. l fattore Q si calcola: Q = / ( può essere indifferentemente oppure dato che sono uguali. Questa formula è l inversa di quella del circuito serie. 6

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

FILTRI PASSIVI. Un filtro elettronico seleziona i segnali in ingresso in base alla frequenza.

FILTRI PASSIVI. Un filtro elettronico seleziona i segnali in ingresso in base alla frequenza. FILTRI PASSIVI Un filtro è un sistema dotato di ingresso e uscita in grado di operare una trasmissione selezionata di ciò che viene ad esso applicato. Un filtro elettronico seleziona i segnali in ingresso

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

Analisi in regime sinusoidale (parte V)

Analisi in regime sinusoidale (parte V) Appunti di Elettrotecnica Analisi in regime sinusoidale (parte ) Teorema sul massimo trasferimento di potenza attiva... alore della massima potenza attiva assorbita: rendimento del circuito3 Esempio...3

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO CORRENTE CONTINUA: FENOMENI FISICI E PRINCIPI FONDAMENTALI - Richiami sulle unità di misura e sui sistemi di unità di misura. - Cenni sulla struttura e sulle proprietà elettriche della materia. - Le cariche

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

GRANDEZZE SINUSOIDALI

GRANDEZZE SINUSOIDALI GRANDEE SINUSOIDALI INDICE -Grandezze variabili. -Grandezze periodiche. 3-Parametri delle grandezze periodiche. 4-Grandezze alternate. 5-Grandezze sinusoidali. 6-Parametri delle grandezze sinusoidali.

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI

GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI 1 Nel campo elettrotecnico-elettronico, per indicare una qualsiasi grandezza elettrica si usa molto spesso il termine di segnale. L insieme dei valori istantanei assunti

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

nica Cagliari ) m Viene detto (1) Dal sistema dell energia Un possibile

nica Cagliari ) m Viene detto (1) Dal sistema dell energia Un possibile Viene detto sistema polifase un sistema costituito da più tensioni o da più correnti sinusoidali, sfasate l una rispetto all altra. Un sistema polifase è simmetrico quando le grandezze sinusoidali hanno

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA (Fenomeno, indipendente dal tempo, che si osserva nei corpi conduttori quando le cariche elettriche fluiscono in essi.) Un conduttore metallico è in equilibrio elettrostatico

Dettagli

Introduzione all elettronica

Introduzione all elettronica Introduzione all elettronica L elettronica nacque agli inizi del 1900 con l invenzione del primo componente elettronico, il diodo (1904) seguito poi dal triodo (1906) i cosiddetti tubi a vuoto. Questa

Dettagli

Analisi Matematica di circuiti elettrici

Analisi Matematica di circuiti elettrici Analisi Matematica di circuiti elettrici Eserciziario A cura del Prof. Marco Chirizzi 2011/2012 Cap.5 Numeri complessi 5.1 Definizione di numero complesso Si definisce numero complesso un numero scritto

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

LABORATORIO I-A. Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua

LABORATORIO I-A. Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua 1 UNIVERSITÀ DIGENOVA FACOLTÀDISCIENZEM.F.N. LABORATORIO IA Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua Anno Accademico 2001 2002 2 Capitolo 1 Richiami sui fenomeni elettrici Esperienze elementari

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Valentino Liberali Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano valentino.liberali@unimi.it Elettronica Circuiti nel dominio del tempo 14 aprile 211

Dettagli

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA Prerequisiti - Impiego di Multipli e Sottomultipli nelle equazioni - Equazioni lineari di primo grado e capacità di ricavare le formule inverse - nozioni base di fisica

Dettagli

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d.

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d. 1) Il valore di 5 10 20 è: a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 2) Il valore del rapporto (2,8 10-4 ) / (6,4 10 2 ) è: a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori 3) La quantità

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Circuiti Elettrici Corrente elettrica Legge di Ohm Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Leggi di Kirchhoff Elementi di circuito: voltmetri, amperometri, condensatori

Dettagli

CONOSCERE I TRANSISTOR

CONOSCERE I TRANSISTOR ONOSR I TRANSISTOR Il transistor è il nome di un semiconduttore utilizzato in elettronica per amplificare qualsiasi tipo di segnale elettrico, cioè dalla assa Frequenza alla Radio Frequenza. Per quanti

Dettagli

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Marco Robutti October 13, 2014 Lo sviluppo in serie di Taylor di una funzione è uno strumento matematico davvero molto utile, e viene spesso utilizzato in

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

1. Determinazione del valore di una resistenza mediante misura voltamperometrica

1. Determinazione del valore di una resistenza mediante misura voltamperometrica 1. Determinazione del valore di una resistenza mediante misura voltamperometrica in corrente continua Si hanno a disposizione : 1 alimentatore di potenza in corrente continua PS 2 multimetri digitali 1

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

Elementi di analisi delle reti elettriche. Sommario

Elementi di analisi delle reti elettriche. Sommario I.T.I.S. "Antonio Meucci" di Roma Elementi di analisi delle reti elettriche a cura del Prof. Mauro Perotti Anno Scolastico 2009-2010 Sommario 1. Note sulla simbologia...4 2. Il generatore (e l utilizzatore)

Dettagli

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE NOTE PER IL TECNICO ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE da BRUEL & KJAER Le cosiddette «application notes» pubblicate a cura della Bruel & Kjaer, nota Fabbrica danese specializzata

Dettagli

Proof. Dimostrazione per assurdo. Consideriamo l insieme complementare di P nell insieme

Proof. Dimostrazione per assurdo. Consideriamo l insieme complementare di P nell insieme G Pareschi Principio di induzione Il Principio di Induzione (che dovreste anche avere incontrato nel Corso di Analisi I) consente di dimostrare Proposizioni il cui enunciato è in funzione di un numero

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Consideriamo due polinomi

Consideriamo due polinomi Capitolo 3 Il luogo delle radici Consideriamo due polinomi N(z) = (z z 1 )(z z 2 )... (z z m ) D(z) = (z p 1 )(z p 2 )... (z p n ) della variabile complessa z con m < n. Nelle problematiche connesse al

Dettagli

Esercizi svolti sui numeri complessi

Esercizi svolti sui numeri complessi Francesco Daddi - ottobre 009 Esercizio 1 Risolvere l equazione z 1 + i = 1. Soluzione. Moltiplichiamo entrambi i membri per 1 + i in definitiva la soluzione è z 1 + i 1 + i = 1 1 + i z = 1 1 i. : z =

Dettagli

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo Momento di una forza Nella figura 1 è illustrato come forze uguali e contrarie possono non produrre equilibrio, bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo esteso.

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

Introduzione. Classificazione delle non linearità

Introduzione. Classificazione delle non linearità Introduzione Accade spesso di dover studiare un sistema di controllo in cui sono presenti sottosistemi non lineari. Alcuni di tali sottosistemi sono descritti da equazioni differenziali non lineari, ad

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

Le misure di energia elettrica

Le misure di energia elettrica Le misure di energia elettrica Ing. Marco Laracca Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Misure di energia elettrica La misura

Dettagli

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il Circuiti in Corrente Continua direct currentdc ASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica l Potenziale Elettrico La legge di Ohm l resistore codice dei colori esistenze in serie ed in parallelo

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO. Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = +

FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO. Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = + FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = + dove m e q sono numeri reali fissati. Il grafico di tale funzione è una retta, di cui

Dettagli

Esperimentatori: Durata dell esperimento: Data di effettuazione: Materiale a disposizione:

Esperimentatori: Durata dell esperimento: Data di effettuazione: Materiale a disposizione: Misura di resistenza con il metodo voltamperometrico. Esperimentatori: Marco Erculiani (n matricola 454922 v.o.) Noro Ivan (n matricola 458656 v.o.) Durata dell esperimento: 3 ore (dalle ore 9:00 alle

Dettagli

Progetto di un alimentatore con Vo = +5 V e Io = 1 A

Progetto di un alimentatore con Vo = +5 V e Io = 1 A Progetto di un alimentatore con o +5 e Io A U LM7805/TO IN OUT S F T 5 4 8 - ~ ~ + + C GND + C + C3 3 R D LED Si presuppongono noti i contenuti dei documenti Ponte di Graetz Circuito raddrizzatore duale

Dettagli

Lezione del 28-11-2006. Teoria dei vettori ordinari

Lezione del 28-11-2006. Teoria dei vettori ordinari Lezione del 8--006 Teoria dei vettori ordinari. Esercizio Sia B = {i, j, k} una base ortonormale fissata. ) Determinare le coordinate dei vettori v V 3 complanari a v =,, 0) e v =, 0, ), aventi lunghezza

Dettagli

Esercizi e considerazioni pratiche sulla legge di ohm e la potenza

Esercizi e considerazioni pratiche sulla legge di ohm e la potenza Esercizi e considerazioni pratiche sulla legge di ohm e la potenza Come detto precedentemente la legge di ohm lega la tensione e la corrente con un altro parametro detto "resistenza". Di seguito sono presenti

Dettagli

Dinamica e Misura delle Vibrazioni

Dinamica e Misura delle Vibrazioni Dinamica e Misura delle Vibrazioni Prof. Giovanni Moschioni Politecnico di Milano, Dipartimento di Meccanica Sezione di Misure e Tecniche Sperimentali giovanni.moschioni@polimi.it VibrazionI 2 Il termine

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

IV-1 Funzioni reali di più variabili

IV-1 Funzioni reali di più variabili IV- FUNZIONI REALI DI PIÙ VARIABILI INSIEMI IN R N IV- Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 4 2 Funzioni da R n a R

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

FASCI DI RETTE. scrivere la retta in forma esplicita: 2y = 3x + 4 y = 3 2 x 2. scrivere l equazione del fascio di rette:

FASCI DI RETTE. scrivere la retta in forma esplicita: 2y = 3x + 4 y = 3 2 x 2. scrivere l equazione del fascio di rette: FASCI DI RETTE DEFINIZIONE: Si chiama fascio di rette parallele o fascio improprio [erroneamente data la somiglianza effettiva con un fascio!] un insieme di rette che hanno tutte lo stesso coefficiente

Dettagli

Macchine rotanti. Premessa

Macchine rotanti. Premessa Macchine rotanti Premessa Sincrono, asincrono, a corrente continua, brushless sono parecchi i tipi di motori elettrici. Per ognuno teoria e formule diverse. Eppure la loro matrice fisica è comune. Unificare

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.)

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.) Macchine elettriche parte Macchine elettriche Generalità Definizioni Molto spesso le forme di energia in natura non sono direttamente utilizzabili, ma occorre fare delle conversioni. Un qualunque sistema

Dettagli

APPUNTI DI MACCHINE ELETTRICHE versione 0.7

APPUNTI DI MACCHINE ELETTRICHE versione 0.7 APPUNTI DI MACCHINE ELETTRICHE versione 0.7 11 settembre 2007 2 Indice 1 ASPETTI GENERALI 7 1.1 Introduzione........................................ 7 1.2 Classificazione delle macchine elettriche........................

Dettagli

TRANSITORI BJT visto dal basso

TRANSITORI BJT visto dal basso TRANSITORI BJT visto dal basso Il transistore BJT viene indicato con il simbolo in alto a sinistra, mentre nella figura a destra abbiamo riportato la vista dal basso e laterale di un dispositivo reale.

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A.

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A. Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. SRZO n. ata la travatura reticolare piana triangolata semplice illustrata in Figura, determinare gli sforzi normali nelle

Dettagli

Prof. Antonino Cucinotta LABORATORIO DI ELETTRONICA CIRCUITI RADDRIZZATORI

Prof. Antonino Cucinotta LABORATORIO DI ELETTRONICA CIRCUITI RADDRIZZATORI Materiale e strumenti: Prof. Antonino Cucinotta LABORATORIO DI ELETTRONICA CIRCUITI RADDRIZZATORI -Diodo raddrizzatore 1N4001 (50 V 1A) -Ponte raddrizzatore da 50 V 1 A -Condensatori elettrolitici da 1000

Dettagli

Capitolo 7. Circuiti magnetici

Capitolo 7. Circuiti magnetici Capitolo 7. Circuiti magnetici Esercizio 7.1 Dato il circuito in figura 7.1 funzionante in regime stazionario, sono noti: R1 = 7.333 Ω, R2 = 2 Ω, R3 = 7 Ω δ1 = 1 mm, δ2 = 1.3 mm, δ3 = 1.5 mm Α = 8 cm 2,

Dettagli

Esercitazione N. 1 Misurazione di resistenza con metodo volt-amperometrico

Esercitazione N. 1 Misurazione di resistenza con metodo volt-amperometrico Esercitazione N. 1 Misurazione di resistenza con metodo volt-amperometrico 1.1 Lo schema di misurazione Le principali grandezze elettriche che caratterizzano un bipolo in corrente continua, quali per esempio

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

1. Scopo dell esperienza.

1. Scopo dell esperienza. 1. Scopo dell esperienza. Lo scopo di questa esperienza è ricavare la misura di tre resistenze il 4 cui ordine di grandezza varia tra i 10 e 10 Ohm utilizzando il metodo olt- Amperometrico. Tale misura

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

Elettronica delle Telecomunicazioni Esercizi cap 2: Circuiti con Ampl. Oper. 2.1 Analisi di amplificatore AC con Amplificatore Operazionale reale

Elettronica delle Telecomunicazioni Esercizi cap 2: Circuiti con Ampl. Oper. 2.1 Analisi di amplificatore AC con Amplificatore Operazionale reale 2. Analisi di amplificatore AC con Amplificatore Operazionale reale Un amplificatore è realizzato con un LM74, con Ad = 00 db, polo di Ad a 0 Hz. La controreazione determina un guadagno ideale pari a 00.

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

Cenni di Elettronica non Lineare

Cenni di Elettronica non Lineare 1 Cenni di Elettronica non Lineare RUOLO DELL ELETTRONICA NON LINEARE La differenza principale tra l elettronica lineare e quella non-lineare risiede nel tipo di informazione che viene elaborata. L elettronica

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

MACCHINA SINCRONA TRIFASE

MACCHINA SINCRONA TRIFASE MACCHIA SICROA TRIFASE + + + + + + + + + + + + + + + + + + L avvolgimento di eccitazione, percorso dalla corrente continua i e, crea una f.m.m. al traferro e quindi un campo magnetico in modo tale che

Dettagli

Filtri attivi del primo ordine

Filtri attivi del primo ordine Filtri attivi del primo ordine Una sintesi non esaustiva degli aspetti essenziali (*) per gli allievi della 4 A A T.I.E. 08-09 (pillole per il ripasso dell argomento, da assumere in forti dosi) (*) La

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA 1) IL MOMENTO DI UNA FORZA Nell ambito dello studio dei sistemi di forze, diamo una definizione di momento: il momento è un ente statico che provoca la rotazione dei corpi. Le forze producono momenti se

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Unità didattica 8 La corrente elettrica Competenze Costruire semplici circuiti elettrici e spiegare il modello di spostamento delle cariche elettriche. Definire l intensità di corrente, la resistenza e

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

Se log a. b = c allora: A) a b = c B) c a = b C) c b = a D) b c = a E) a c = b. L espressione y = log b x significa che:

Se log a. b = c allora: A) a b = c B) c a = b C) c b = a D) b c = a E) a c = b. L espressione y = log b x significa che: MATEMATICA 2005 Se log a b = c allora: A) a b = c B) c a = b C) c b = a D) b c = a E) a c = b L espressione y = log b x significa che: A) y é l esponente di una potenza di base b e di valore x B) x è l

Dettagli

VERIFICA DEI PRINCIPI DI KIRCHHOFF, DEL PRINCIPIO DI SOVRAPPOSIZIONE DEGLI EFFETTI, DEL TEOREMA DI MILLMAN

VERIFICA DEI PRINCIPI DI KIRCHHOFF, DEL PRINCIPIO DI SOVRAPPOSIZIONE DEGLI EFFETTI, DEL TEOREMA DI MILLMAN FCA D PNCP D KCHHOFF, DL PNCPO D SOAPPOSZON DGL FFTT, DL TOMA D MLLMAN Un qualunque circuito lineare (in cui agiscono più generatori) può essere risolto applicando i due principi di Kirchhoff e risolvendo

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Risposte canoniche e sistemi elementari Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. 1

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

+ t v. v 3. x = p + tv, t R. + t. 3 2 e passante per il punto p =

+ t v. v 3. x = p + tv, t R. + t. 3 2 e passante per il punto p = 5. Rette e piani in R 3 ; sfere. In questo paragrafo studiamo le rette, i piani e le sfere in R 3. Ci sono due modi per desrivere piani e rette in R 3 : mediante equazioni artesiane oppure mediante equazioni

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

Lezioni di Matematica 1 - I modulo

Lezioni di Matematica 1 - I modulo Lezioni di Matematica 1 - I modulo Luciano Battaia 16 ottobre 2008 Luciano Battaia - http://www.batmath.it Matematica 1 - I modulo. Lezione del 16/10/2008 1 / 13 L introduzione dei numeri reali si può

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli