LA RADIOFREQUENZA PULSATA (PRF) GANGLIARE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA RADIOFREQUENZA PULSATA (PRF) GANGLIARE"

Transcript

1 Rassegna clinica LA RADIOFREQUENZA PULSATA (PRF) GANGLIARE PULSED RADIOFREQUENCY (PRF) ON THE DORSAL ROOT GANGLION Carmelo Costa Responsabile Unità di Terapia del Dolore Humanitas Centro Catanese di Oncologia, Catania Elisabetta Sanalitro Unità di Terapia del Dolore Humanitas Centro Catanese di Oncologia, Catania Riassunto La radiofrequenza è una corrente elettrica ad alta frequenza alternata i cui effetti terapeutici (dovuti da una termo lesione nervosa) sono stati sfruttati per molti anni per il trattamento di sindromi dolorose farmacoresistenti. Lo svantaggio di questa metodica è sempre stato quello della sua limitazione a strutture nervose sensitive, pena l'instaurarsi di danni motori con importanti conseguenze funzionali. Negli anni Novanta una nuova metodica di radiofrequenza pulsata (PRF) esponeva le strutture nervose bersaglio a una temperatura non lesiva, cioè inferiore a 44 gradi. Per verificare l'efficacia della PRF applicata ai gangli delle radici dorsali (GRD) alla luce dell'evidenza scientifica, gli autori hanno selezionato dalla letteratura una serie di patologie dolorose nelle quali la PRF dimostra la sua utilità. Infine viene valutato il problema dell insufficiente rimborso della PRF. Summary Radiofrequency is a high frequency electric alternating current. The therapeutic effects of radiofrequency (related to a thermal lesion of nervous targets)have been used for many years for pain syndromes not responsive to pharmacological therapies. The mechanism of antalgic action is a through an electrode. The disadvantages of this method have always been correlated to limited use for sensitive nerve structures (nerve damage). In the mid- 90s, a new method (PRF) treated a nervous structure with a non-damaging temperature, above 44 C. To verify the efficacy of PRF when applied to dorsal root ganglia, (according to evidence based medicine) the authors selected literature from several studies of chronic pain syndrome. Through a specific testing score, it is possible to select chronic pain syndromes with a positive response to the treatment. In summary, we see a large problem with the insufficient refund. Parole chiave: Radiofrequenza, PRF, patologie dolorose, rimborso. Key words: Radiofrequency, PRF, pain syndromes, refund. 13

2 INTRODUZIONE La corrente elettrica alternata a radiofrequenza (RF) per uso medicale terapeutico è una corrente elettrica che oscilla a una frequenza di 500 KHz relativamente alta. Questa corrente è erogata da un generatore (Figura 1) e trasmessa a un sottile ago elettrodo che è inserito dentro un ago guida completamente teflonato tranne che nella sua parte distale (punta attiva) la cui lunghezza varia da 2 a 15 mm. Nella maggior parte dei casi la punta attiva misura 4 o 5 mm (Figure 2 e 3). Attraverso questa punta fluisce la corrente e, grazie ad un sensore di temperatura posto alla sua estremità, viene monitorata la temperatura dei tessuti nei quali si trova l'ago. Durante le applicazioni a RF attorno alla punta dell'ago si genera un campo elettrico. Questo si forma nel tessuto circostante la punta attiva e come ogni materia attraversata da corrente elettrica, anch esso avrà una propria impedenza. Nelle nostre applicazioni, l impedenza fisiologica dei tessuti attraversati da corrente elettrica appartiene a un range di valori che nella maggior parte dei casi sono compresi fra 250 e 800 Ohms. Un importante effetto secondario è rappresentato dal fatto che il tessuto sottoposto a questo attraversamento di corrente elettrica si riscalda, secondo il principio noto come effetto Joule. Il fenomeno che tradizionalmente è stato sfruttato a scopi antalgici è sempre stato questo, cioè la formazione di calore per produrre lesioni termiche nei tessuti nervosi con i quali l'ago veniva posto a contatto. A tal proposito occorre ricordare che non è la punta dell'ago che viene riscaldata dalla corrente elettrica e che quindi riscalda il tessuto con il quale è posto a contatto. Al contrario, l'ago si riscalda perché a contatto con il tessuto circostante che a sua volta, quando attraversato da una corrente elettrica, si surriscalda per l effetto Joule. In queste condizioni, dunque, la termocoppia all interno dell ago misura la variazione di temperatura del tessuto durante il trattamento a RF e comunica il dato al generatore che lo rende visibile in un display. Il valore di temperatura è una guida utilissima per permetterci di effettuare una lesione controllata e riproducibile. Esso è solo leggermente inferiore all effettiva temperatura raggiunta nei tessuti grazie a un modesto assorbimento che si realizza alla punta dell'ago. 1,2 Un altro concetto da tenere bene in mente è quello che la corrente si diffonde soprattutto alla periferia della punta esposta e poco al davanti. Questo è importante perché condizionerà la tecnica di posizionamento che, idealmente, dovrebbe essere a lato della struttura nervosa bersaglio e non davanti a essa. Per definizione, quando la temperatura raggiunta nei tessuti supera i 44 gradi si verifica una lesione irreversibile. 3 Ogni volta che si esegue una termo lesione occorre ben valutare l'eventuale danno nervoso e le sue conseguenze cliniche. Non a caso attualmente le procedure neurolesive ancora attuate sono la termorizotomia trigeminale, dove la lesione avviene a carico della radice retrogasseriana del nervo trigemino, nervo quasi esclusivamente sensitivo, e la cordotomia dove la lesione viene fatta sul tratto spino talamico nel quale non esiste alcuna componente motoria. La denervazione delle faccette articolari, attraverso la lesione della branca mediale, rappresenta un'eccezione grazie alle irrilevanti conseguenze sulla componente motoria di un ramo nervoso terminale. LA RADIOFREQUENZA PULSATA Nel 1996, per ovviare ai suddetti limiti della radiofrequenza conservandone gli effetti antalgici, venne studiata una diversa forma di somministrazione di corrente a radiofrequenza: la radiofrequenza pulsata (PRF). Figura 1 Generatore di radiofrequenza 14

3 Il principio fisico è semplice: intervallare l applicazione del segnale a radiofrequenza con periodo a segnale nullo. Nelle proporzioni decisamente sbilanciate, dove la radiofrequenza è applicata per durate di 20 ms e i successivi 480 ms corrispondo a segnale nullo; quello che accade di fatto al tessuto è che macroscopicamente parlando non riesce a surriscaldarsi a temperature superiori ai C, limiti ritenuti di sicurezza per applicazioni altrimenti di rischiosa effettuazione con la radiofrequenza classica (termo lesione). Durante i 20 ms viene erogata la corrente a RF con le stesse caratteristiche di quella solita e durante i 480 ms di pausa successivi, il calore prodotto avrebbe il tempo di dissiparsi attraverso la circolazione ematica e la conduttività termica senza così raggiungere i valori lesivi che superino i 44 gradi (Figura 4). 4 Infatti durante l'alternarsi di questi cicli la temperatura media misurata dal sensore posto all'estremità dell'ago non supera i gradi. Si ottengono così degli effetti antalgici non attribuibili alla lesione termica. Per molti anni ci si è chiesti attraverso quale meccanismo si ottiene l'analgesia visto che si deve escludere quello della denervazione dovuta al calore. Sono state avanzate diverse teorie ma sembra che la più probabile sia quella dell'influsso del campo elettrico generato davanti alla punta dell'ago. Sembra che il campo elettrico provochi nei gangli della radice dorsale (GRD) e nelle lamine superficiali del corno dorsale di ratti esposti alla PRF un aumento di cellule che esprimono il gene C-fos. 5 Queste cellule sono in prevalenza inter neuroni inibitori gabaergici, glicinergici o dinorfinergici 6 il cui incremento corrisponderebbe all'instaurarsi del meccanismo anti nocicettivo noto come long-term depression (LTD). 7 Ma, probabilmente, non è solo questo il meccanismo d'azione della PRF. Chi esegue correttamente una procedura a PRF avrà notato che durante le prime 24/48 ore il paziente riferisce un buon, o addirittura ottimo, controllo del dolore e la maggior parte dei pazienti non avverte più dolore al termine della procedura. E questo anche per dolori nocicettivi con importante componente incident. Questa fase è quella che Sluijter chiama dello "stordimento". Superate le prime 24/48 ore solitamente il dolore ritorna per circa 2-3 settimane, fase del "disagio post operatorio", per poi ridursi nuovamente con la comparsa degli effetti clinici benefici. Quindi prima di poter valutare il risultato definitivo occorre attendere solitamente 3-4 settimane. È probabile che l'effetto iniziale sia dovuto a una "micro neurolesione", o comunque ad una sofferenza funzionale delle fibre nervose esposte alla PRF, specie quelle mieliniche.8, 9 Infatti la temperatura registrata di gradi si riferisce alla temperatura media tra quella attiva di 20 ms e la successiva pausa di 480 ms, ma durante i 20 ms attivi probabilmente si raggiungono nel tessuto ben più dei 43 gradi registrati come media e questo può rendere ragione dell'immediato e soddisfacente effetto antalgico che è proprio delle lesioni termiche a RF. Un'altra considerazione pratica a margine di quanto esposto è che estendendosi il campo elettrico al davanti della punta dell'ago, e non intorno come la corrente, un ideale posizionamento di questo rispetto alla struttura bersaglio dovrebbe essere perpendicolare. Quali sono, quindi, i vantaggi della PRF rispetto alla radiofrequenza continua (CRF)? Figura 2 Ago guida introduttore con il suo mandrino; in basso ago elettrodo Figura 3 Punta attiva dell'ago 15

4 Innanzitutto non è una metodica neurolesiva e può essere usata anche sulle strutture nervose miste come i nervi periferici; quindi il suo spettro d'azione s'allarga anche al dolore neuropatico periferico, non solo dovuto alla demielinizzazione, come nella nevralgia trigeminale, dove è già molto efficace la termorizotomia con CRF.10 I suoi limiti, invece, sono la scarsa prevedibilità dei risultati e la transitorietà degli effetti antalgici, solitamente inferiori a quelli ottenuti con la CRF, anche se non sempre statisticamente significativi. La scarsa prevedibilità dei risultati è probabilmente dovuta all'incerto meccanismo d'azione e dunque alla difficoltà di selezionare i pazienti in base alla diagnosi patogenetica del dolore. Questo aspetto accomuna la PRF alla spinal cord stimulation (SCS). C'è da augurarsi che se, e quando, i dubbi sul meccanismo d'azione della PRF saranno fugati, sarà più facile capire qual è il tipo di dolore, e di paziente, più suscettibile al suo trattamento. PARAMETRI ELETTRICI DIAGNOSTICI Quando l'ago elettrodo si avvicina alla struttura nervosa bersaglio, occorre che alcuni parametri elettrici siano registrati dal generatore di RF. Il primo riguarda l'impedenza, cioè la resistenza offerta dai tessuti circostanti all attraversamento della corrente. Questo valore non deve essere ovviamente troppo elevato e non dovrebbe superare i 400 Ohms. Naturalmente esistono molte eccezioni, per esempio nello spazio epidurale del canale sacrale a causa della strettissima vicinanza con strutture ossee, è molto difficile che si ottenga questo valore. Il consiglio, in caso di aumento dell'impedenza, è quello di somministrare pochi cc di soluzione fisiologica per ridurla, anche se alcuni studiosi pensano che questo artificio non serva per favorire una migliore propagazione della corrente. Il parametro successivo, forse di quello di maggior rilievo obiettivo, è l'evocazione delle parestesie sensitive con una corrente erogata a 50 Hz in un range compreso tra 0,3 e 0,6 V. Se il paziente avverte le parestesie ad un valore inferiore a 0,3 V l'ago sarà troppo vicino alla struttura nervosa e se le avverte ad un valore superiore a 1 V sarà invece troppo distante. Nel primo caso il rischio è quello di non poter controllare agevolmente la lesione da parte del generatore che lavorerebbe in condizioni vicine al limite di funzionamento e nel secondo invece è quello di eseguire una lesione in un punto troppo distante da quello target, quindi di effettuare un trattamento inefficace. Anche in questo caso esistono ovviamente delle eccezioni. Nei pazienti con gravi neuropatie anche se l'ago si trova vicino alla struttura nervosa non si riusciranno a evocare le parestesie ad un voltaggio di 0,5-0,6 ma più elevato. 1 Successivamente con una corrente erogata a 2 Hz si evocheranno le clonie motorie. Questo parametro serve per evitare che la successiva neurolesione coinvolga anche le strutture motorie oltre quelle sensitive e, a tal fine, occorre che le clonie siano evidenziate ad un voltaggio almeno doppio di quello necessario ad evocare quelle sensitive. Tutto questo, ovviamente, vale soltanto per la CRF e non per la PRF dove non esistendo una lesione con il calore ma soltanto una modulazione non si corre il rischio di ledere strutture motorie. Bisogna in ogni caso stigmatizzare la cattiva abitudine di alcuni operatori di eseguire la temolesione, nel caso della CRF, o la neuro modulazione, nel caso della PRF, anche se le parestesie sensitive sono evocate con valori molto elevati, anche superiori a 1 V. A tal fine bisogna ricordare che esiste una ben precisa geometria delle lesione termica. Quando evochiamo le parestesie sensitive a 50 Hz con un ago con punta esposta di 10 mm a un voltaggio di 0,5, il nostro bersaglio sarà a circa 5 mm di distanza. Durante la successiva lesione attorno alla punta dell'ago si formerà un ovale il cui diametro sarà uguale alla lunghezza della punta esposta, cioè 10 mm, che quindi includerà sicuramente il bersaglio nervoso. Figura 4 La radiofrequenza pulsata 16

5 Questo vale per la CRF ma gli stessi parametri sono consigliati anche per la PRF. Avuta la certezza di essere nella giusta posizione grazie all'ottenimento dei valori suddetti, si passa all'erogazione della corrente. Nel caso della CRF, questa varia da struttura a struttura andando dai 70 gradi per 60 sec della termorizotomia trigeminale fino ai 90 gradi per 90 o 120 sec della lesione della branca mediale che innerva le faccette articolari. I parametri per la PRF sono invece, solitamente, più uniformi ad una temperatura che per definizione non deve mai superare i gradi con un voltaggio non superiore a 45 e per un tempo che ha ormai raggiunto anche i 300 sec. L' EVIDENZA La PRF, essendo una metodica non neurolesiva e quindi priva delle potenziali complicanze che accompagnano la CRF, ha conosciuto negli ultimi anni un successo esponenziale e le indicazioni al suo uso si sono moltiplicate. 10 Questo ricorso alla metodica anche con le indicazioni meno probabili, spesso giustificate dall'unica considerazione che "tanto male non fa", hanno fatto perdere credito a questa metodica e ingenerato la convinzione che non provoca danni ma serve a ben poco. Per tale motivo abbiamo cercato in letteratura le metodiche di PRF per le quali esiste una evidenza, per quanto debole o poco significativa, 11 e abbiamo compiuto questa ricerca sulla PRF applicata ai gangli della radice dorsale e loro equivalenti cranici, poiché i principali lavori finalizzati alla comprensione del suo meccanismo d'azione sono stati compiuti sui GRD e perché il ganglio rappresenta una importante stazione di passaggio ed elaborazione degli stimoli dolorosi. Inoltre per esperienza personale le metodiche di PRF coronate da maggior successo sono state quelle sui GRD. Abbiamo quindi cercato le diagnosi cliniche di dolore persistente per le quali esiste in letteratura il ricorso alla PRF sui GRD e queste sono le seguenti: Nevralgia trigeminale: PRF del ganglio di Gasser Persistent idiopathic facial pain (PIFP): PRF del ga sfeno palatino Cervical radicular pain: PRF dei GRD corrispondenti Cefalea cervicogenica: PRF dei GRD C2-C3 Nevralgia occipitale: PRF dei GRD C2 Thoracic pain: PRF dei GRD corrispondenti Lumbosacral radicular pain: PRF dei GRD corrispondenti Phantom pain: PRF dei GRD interessati Alle suddette tecniche, quando eseguite per le corrispettive diagnosi di dolore persistente, è stato applicato uno "score" dove i numeri 1 e 2 sono assegnati rispettivamente alle situazioni dove i benefici superano i rischi o sono strettamente bilanciati dai possibili effetti collaterali. Le lettere A, B e C si riferiscono alla forza dell'evidenza in base alla qualità degli studi eseguiti (RTC di buona qualità, A, o con debolezza metodologica, B, o ampi studi osservazionali o serie di casi, C), e lo "0" viene dato alle metodiche per le quali esistono solo case report, ma questi sono insufficienti a dimostrare l'efficacia o la sicurezza della metodica in questione. Quindi con "0" si consiglia di applicare la tecnica solo in relazione a studi clinici. Infine i segni + e - si riferiscono ai risultati positivi o negativi o, quando entrambi i risultati sono inclusi, si usa il segno +/-. Dall'applicazione di questi punteggi derivano delle raccomandazioni che sono positive quando le metodiche sono sicuramente consigliate per una certa patologia o negative quando al contrario sono certamente sconsigliate. La definizione "study related" è usata per le opzioni di trattamento che attualmente hanno un basso livello di evidenza riguardante la registrazione di alcuni parametri come le caratteristiche dei pazienti arruolati, l'accuratezza diagnostica, i dettagli concernenti le tecniche, la valutazione dei risultati attraverso apposite scale e la registrazione degli effetti collaterali e delle complicanze. 12,13 Se adesso rivediamo l'elenco precedente alla luce dello score descritto avremo i seguenti risultati: Nevralgia trigeminale con PRF del ganglio di Gasser: "2B-" Negative recommendation 14 17

6 PIFP con PRF del ganglio sfeno palatino: "2C+" Considered, preferably study related 15 Cervical radicular pain con PRF dei GRD: "1B+" Positive recommendation16 Cefalea cervicogenica con PRF dei GRD C2-C3: "0" only study related 11 Nevralgia occipitale con PRF dei GRD C2: "0" only study related 17 Thoracic pain con PRF dei GRD C2: "2C+" Considered, preferably study related 18 Lumbosacral radicular pain dei GRD: "2C+" Considered, preferably study related Phantom pain con PRF dei GRD: "0" only study related. 22 In conclusione, la PRF gangliare che supera il test dell'evidenza a pieni voti è solo quella applicata al Cervical radicular pain. Una buona valutazione ottengono anche i dolori radicolari toracici e lombosacrali insieme al meno frequente PIFP, ampio contenitore di numerosi dolori facciali tra i quali l'ex "dolore facciale atipico" di dubbia interpretazione. In considerazione dei modesti risultati ottenuti dalle metodiche antalgiche invasive quando analizzate alla luce dell'ebm, quelli sopra riportati non sfigurano e dunque a patto di una rigorosa selezione dei pazienti e delle loro patologie nonché di una impeccabile esecuzione della tecnica, la PRF è certamente una metodica da consigliare con le suddette indicazioni. probabilmente non sarà lo stesso per altre Regioni italiane, dato che l'autonomia gestionale ha condotto a una totale deregulation dove ogni realtà locale stabilisce le normative in base ai "buchi" da ripianare più che a una obiettiva valutazione delle prestazioni, dei risultati e dei costi sostenuti. Addirittura si verificano difformità interpretative anche all'interno della stessa Regione con Province che usufruiscono di rimborsi negati ad altre Province. Ma rimanendo alla GURS dell'8/3/2013, a pagina 16 a proposito delle metodiche a radio frequenza pulsata vengono distinte quelle centrali da quelle periferiche. Per quelle periferiche si indica come corretto il codice di procedura 04.2 che è quello normalmente riservato alle termo lesioni in quanto parla di "distruzione di nervi cranici e periferici con...". Se compiliamo la SDO come suggerito dal legislatore ci troviamo però in una bizzarra situazione, infatti il paziente avrà firmato un consenso informato dove accetta di essere sottoposto a una metodica non neurolesiva e anche il nostro verbale operatorio descriverà l'esecuzione di una metodica neuro modulativa, non lesiva. Però la SDO certificherà l'esecuzione di una metodica lesiva. È facile immaginare che cosa accadrebbe, specie in questi tempi di incentivi alla richiesta di rimborso per malpractice, se un paziente convinto di aver subito un danno nervoso dopo la PRF richiedesse la copia della cartella clinica per consegnarla al suo legale... IL RIMBORSO E infine diamo un'occhiata alle "dolenti note", cioè al rimborso in base alle vigenti tariffe dei corrispettivi DRG ai quali afferiscono le tecniche di PRF. Per far questo prenderò come riferimento le ultime linee guida sulla compilazione delle scheda di dimissione ospedaliera (SDO) comparse sulla gazzetta ufficiale della Regione Sicilia (GURS) dell'8/3/2013 che si riferiscono al Decreto assessoriale del 7/2/2013 (Figura 5). Questo è il nostro riferimento poiché operiamo in Sicilia ma Figura 5 Gazzetta Ufficiale Regione Siciliana, 8/3/

7 BIBLIOGRAFIA 1) Sluijter M.E., Le radiofrequenze, parte 1. Delfino Editore, ) Gauci CA, Manual of RF Techniques, CoMedical, ) Cosman E. R., Nashold B.S., and Ovelman-Levitt J., Theoretical aspects of radiofrequency lesions in the dorsal root entry zone. Neurosurgery, 15 (1984) ) Sluijter M.E., Cosman E., Rittman I. The effects of pulsed radiofrequency field applied to the dorsal root ganglion: a prelimenary report. Pain Clin., 11 (1998) ) Van Zundert J. et al., Pulsed and continuous radiofrequency current adjacent to the cervical dorsal root ganglion of the rat induces late cellular activity in the dorsal horn. Anestesiology, 102 (2005) ) Todd A.J. et al., Some inhibitory neurons in the spinal cord develop c- fosimmunoreactivity after noxious stimulation. Neurosciense, 63 (1994) ) Sandkuhler J. et al., Low-frequency stimulation of afferent A-fibers induces long-term depression at primary afferent synapses with substantia gelatinosa neurons in the rat. J. Neurosci., 17 (1997) ) Protasoni M. et al., Pulsed radiofrequency effects on the lumbar ganglion of the rat dorsal root : a morphological light and transmission electron microscopy study at acute stage. Eur Spine J, 18 (2009) ) Hamann W. et al., Pulsed radiofrequency applied to dorsal root ganglia causes a selective increase in ATF3 in small neurons. Eur J Pain, 10 (2006) ) Orlandini G. La chirurgia percutanea del dolore. Seconda edizione ) Van Zundert J et al, Evidence-based interventional pain medicine according to clinical diagnoses.(2012) 12) Guyatt G, Gutterman D, Baumann MH., et al. Grading strength of reccommendations and quality of evidence in clinical guidelines: report from an american college of chest physicians task force. Chest. 2006; 129: ) Van Kleef M., Mekhail N., Van Zundert J. Evidence-based guidelines for interventional pain medicine according to clinical diagnoses. Pain Prac. 2009; 9: ) Erdine S et al. Comparison of pulsed radiofrequency with conventional radiofrequency in the treatment of idiopathic trigeminal neuralgia. Eur J. Pain. 2007; 11: ) Bayer E, Racz GB, Miles D. et al. Sphenopalatine ganglion pulsed radiofrequency treatment in 30 patients suffering from chronic face and head pain. Pain pract. 2005; 5: ) Van Zundert J., et al. Pulsed radiofrequency adjacent to the Cervical dorsal root ganglion in chronic Cervical radicular pain: a doble blind sham controlled randomized clinical trial. Pain 2007; 127: ) Van Zundert J., Lamè IE., de Louw A., et al. Percutaneous pulsed radiofrequency treatment of the cervical dorsal root ganglion in treatment of chronic cervical pain syndromes: a clinical audit. Neuromodulation. 2003; 6: ) Cohen SP, Sireci A, Wu CL et al.pulsed radiofrequency of the dorsal root ganglia is superior to pharmacotherapy or pulsed radiofrequency of the intercostal nerves in the treatment of chronic postsurgical thoracic pain. Pain physician. 2006; 9: ) Teixeira A, Grandinson M, Sluijter M. Pulsed radiofrequency for radicular pain due to a herniated intervertebral disc- an initial report. Pain prac.2005; 5: ) Abejon D, Garcia Del Valle S, Fuentes ML et al. Pulsed radiofrequency in lumbar radicular pain: clinical effects in various etiological groups. Pain prac. 2007; 7: ) Simopoulos TT., et al. Response to pulsed and continuous radiofrequency lesioning of the dorsa root ganglion and segmental nerves in patients with chronic lumbar radicular pain. Pain physician. 2008; 11: ) Ramanavarapu V., Simopoulos TT. Pulsed radiofrequency of lumbar dorsal root ganglia for chronic post amputation stump pain. Pain physician. 2008; 11:

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO. è costituito due tipi cellulari: il neurone (cellula nervosa vera e propria) e le cellule gliali (di supporto, di riempimento: astrociti,

Dettagli

CENTRO TERAPIA DEL DOLORE DOTT. S. ADILARDI DOTT. P. SEBASTIANO

CENTRO TERAPIA DEL DOLORE DOTT. S. ADILARDI DOTT. P. SEBASTIANO CENTRO TERAPIA DEL DOLORE DOTT. S. ADILARDI DOTT. P. SEBASTIANO Approccio conservativo per la decompressione percutanea discale cervicale NUCLEOPLASTICA IL DISCO INTERVERTEBRALE Struttura Anulus fibroso:

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

COMUNICAZIONE E IMMAGINE

COMUNICAZIONE E IMMAGINE COMUNICAZIONE BLZ E IMMAGINE La Neurofisiologia Elettromiografia Elettroencefalogramma Potenziali Evocati m IRCCS MultiMedica m1 1 2 Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Milanese, 300

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

TENS; CORRENTE DI KOTZ CORRENTE NEOFARADICA

TENS; CORRENTE DI KOTZ CORRENTE NEOFARADICA I - PARAMETRI DELLA CORRENTE ELETTRICA I parametri che caratterizzano la corrente elettrica sono: 1 Intensità E così definita la quantità di cariche elettriche che passano attraverso un conduttore nell'unità

Dettagli

Le linee guida evidence based

Le linee guida evidence based Le linee guida evidence based Linee guida: definizione Raccomandazioni di comportamento clinico, prodotte attraverso un processo sistematico, allo scopo di assistere medici e pazienti nel decidere quali

Dettagli

LABORATORIO DI INGEGNERIA DEL SISTEMA NEUROMUSCOLARE (LISiN) Via Cavalli 22H, 10138 Torino

LABORATORIO DI INGEGNERIA DEL SISTEMA NEUROMUSCOLARE (LISiN) Via Cavalli 22H, 10138 Torino Compagnia di San Paolo LABORATORIO DI INGEGNERIA DEL SISTEMA NEUROMUSCOLARE (LISiN) Via Cavalli 22H, 10138 Torino Comunità Europea European Space Agency Attività extraveicolare sulla Stazione Spaziale

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

La nucleoplastica percutanea a coblazione nel trattamento dell ernia discale lombare e cervicale

La nucleoplastica percutanea a coblazione nel trattamento dell ernia discale lombare e cervicale La nucleoplastica percutanea a coblazione nel trattamento dell ernia discale lombare e cervicale G.Bonaldi Neuroradiologia Osp. P. Giovanni XXIII - Bergamo Storia della chirurgia miniinvasiva del disco

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Elettrobisturi ad alta frequenza AUTOCON II 80 UNITS 7-2 07/2014-IT

Elettrobisturi ad alta frequenza AUTOCON II 80 UNITS 7-2 07/2014-IT Elettrobisturi ad alta frequenza AUTOCON II 80 UNITS 7-2 07/2014-IT Elettrobisturi ad alta frequenza AUTOCON II 80 L unità AUTOCON II 80 è un elettrobisturi ad alta frequenza compatto e potente che convince

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative)

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative) VADEMECUM SUL DOLORE La Legge 38/2010 (terapia del dolore e cure palliative) Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge con il patrocinio istituzionale del MINISTERO della SALUTE La guida è stata

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE Acromioplastica a cielo aperto Lesione della cuffia dei rotatori Sutura della cuffia dei rotatori

Dettagli

Esposizioni in condizioni complesse. Gian Marco Contessa grazie a Rosaria Falsaperla gianmarco.contessa@ispesl.it

Esposizioni in condizioni complesse. Gian Marco Contessa grazie a Rosaria Falsaperla gianmarco.contessa@ispesl.it Esposizioni in condizioni complesse Gian Marco Contessa grazie a Rosaria Falsaperla gianmarco.contessa@ispesl.it Valutazione dell esposizione a CEM La valutazione pratica dell esposizione ai campi elettrici

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti!

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! L innovazione ad un prezzo interessante Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! Exacta+Optech Labcenter SpA Via Bosco n.21 41030 San Prospero (MO) Italia Tel: 059-808101 Fax: 059-908556 Mail:

Dettagli

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration APPRAISAL OF GUIDELINES for RESEARCH & EVALUATION (AGREE) CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA AGREE Collaboration Settembre 2001 Versione italiana Tradotta

Dettagli

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Potenza dello studio e dimensione campionaria Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Introduzione Nella pianificazione di uno studio clinico randomizzato è fondamentale determinare in modo

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA INFORMAZIONI PERSONALI Nome GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA OSPEDALIERA VALTELLINA E VALCHIAVENNA

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso miotatico fasico e riflesso miotatico tonico. Inibizione dell

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

ALLEGATO XXXVI VALORI LIMITE DI ESPOSIZIONE E VALORI DI AZIONE PER I CAMPI ELETTROMAGNETICI CAMPI ELETTROMAGNETICI

ALLEGATO XXXVI VALORI LIMITE DI ESPOSIZIONE E VALORI DI AZIONE PER I CAMPI ELETTROMAGNETICI CAMPI ELETTROMAGNETICI ALLEGATO XXXVI VALORI LIMITE DI ESPOSIZIONE E VALORI DI AZIONE PER I CAMPI ELETTROMAGNETICI CAMPI ELETTROMAGNETICI Le seguenti grandezze fisiche sono utilizzate per descrivere l'esposizione ai campi elettromagnetici:

Dettagli

ANATOMIA E FISIOLOGIA DEL DOLORE

ANATOMIA E FISIOLOGIA DEL DOLORE COS E IL DOLORE In termini fisiopatologici moderni il dolore corrisponde ad una "sensazione spiacevole e ad una esperienza emozionale ed affettiva associata a danno dei tessuti o descritto nei termini

Dettagli

Brushless. Brushless

Brushless. Brushless Motori Motori in in corrente corrente continua continua Brushless Brushless 69 Guida alla scelta di motori a corrente continua Brushless Riduttore 90 Riddutore Coppia massima (Nm)! 0,6,7 30 W 5,5 max.

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA INTRODUZIONE Lo scopo dell esperienza è ricavare le grandezze termodinamiche per la reazione che avviene in una cella galvanica, attraverso misure di f.e.m. effettuate

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C.

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C. Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI T.A.C o meglio T.C. Gentili Pazienti in modo molto semplice vogliamo fornirvi alcune informazioni utili per

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

LA MOBILITÀ ARTICOLARE

LA MOBILITÀ ARTICOLARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE DEFINIZIONE La mobilità articolare (detta anche flessibilità o scioltezza articolare) è la capacità di eseguire, nel rispetto dei limiti fisiologicamente imposti dalle articolazioni,

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni Valori limite di Rumore e Vibrazioni Le Norme UE Protezione sul Lavoro entrano nel diritto tedesco Crescita del livello di Sicurezza e di tutela della Salute sul luogo di lavoro Le Norme relative alla

Dettagli

M A G N E T I C I G E N E R A L I T A'

M A G N E T I C I G E N E R A L I T A' S C H E R M I M A G N E T I C I G E N E R A L I T A' Gli schermi magnetici hanno la funzione di proteggere oggetti sensibili dall'aggressione magnetica esterna. Questi schermi possono essere suddivisi

Dettagli

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche -

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - UNIVERSITÀ DI ROMA LA SAPIENZA I FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA I SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN NEUROLOGIA Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - TESINA DI ANATOMIA DOCENTE Prof.

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé.

il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé. il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé. COLLECTION luna material and shapes evoke the celestial

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante!

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport non solo stanno meglio in salute ma prendono anche voti migliori a scuola! Lo dimostra una ricerca svolta al dipartimento

Dettagli

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico")

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - testamento biologico) SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico") effettuato tra i chirurghi italiani delle varie branche e delle diverse specialità per conto del Collegio Italiano

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND

MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND Progettisti dentro e oltre l impresa MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND Pag 1 di 31 INTRODUZIONE Questo documento ha lo scopo di illustrare le modalità di installazione e configurazione dell

Dettagli

T H O R A F L Y. Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems. Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C

T H O R A F L Y. Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems. Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C T H O R A F L Y Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C SOMMARIO GRUPPO C (SUMMARY C GROUP) 1/C II SISTEMI DI DRENAGGIO TORACICO COMPLETI

Dettagli

Eon Mini. è correlataa al. della batteria. batteria su. impiantato inventario. di questa. Page 1 of 4. Medical Neurom. St. Jude

Eon Mini. è correlataa al. della batteria. batteria su. impiantato inventario. di questa. Page 1 of 4. Medical Neurom. St. Jude St. Jude Medical Neurom modulation Divisio on 6901 Pr reston Road Plano, TX 75024 USA Tel 972 309 8000 Fax 972 309 8150 IMPORTANTE INFORMAZIONE SUL DISPOSITIVO MEDICO Eon Mini Codice Prodotto 65-3788 (Stimolatore

Dettagli

Semplice, veloce ed economica:

Semplice, veloce ed economica: GYN 30-6 05/2013-IT Semplice, veloce ed economica: ansa unipolare SupraLoop sec. BRUCKER/MESSROGHLI per l isterectomia laparoscopica sopracervicale (LASH) Ansa unipolare SupraLoop sec. BRUCKER/MESSROGHLI

Dettagli

IL TRASFORMATORE Prof. S. Giannitto Il trasformatore è una macchina in grado di operare solo in corrente alternata, perché sfrutta i principi dell'elettromagnetismo legati ai flussi variabili. Il trasformatore

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Linee guida dell OMS sul trattamento farmacologico del dolore persistente nei bambini con patologie croniche gravi

Linee guida dell OMS sul trattamento farmacologico del dolore persistente nei bambini con patologie croniche gravi Linee guida dell OMS sul trattamento farmacologico del dolore persistente nei bambini con patologie croniche gravi FONDAZIONE IRCCS ISTITUTO NAZIONALE DEI TUMORI Linee guida dell OMS sul trattamento farmacologico

Dettagli

Corrente elettrica e corpo umano

Corrente elettrica e corpo umano Corrente elettrica e corpo umano 1/68 Brevi richiami di elettrofisiologia 1790 Luigi Galvani effettuò esperimenti sulla contrazione del muscolo di rana per mezzo di un bimetallo: concluse che si trattava

Dettagli

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza V90-3,0 MW Più efficienza per generare più potenza Innovazioni nella tecnologia delle pale 3 x 44 metri di efficienza operativa Nello sviluppo della turbina V90 abbiamo puntato alla massima efficienza

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. Il port. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo IEO pubblica

Dettagli

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo Gli attuatori Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo ATTUATORI Definizione: in una catena di controllo automatico l attuatore è il dispositivo che riceve

Dettagli