LA RADIOFREQUENZA PULSATA (PRF) GANGLIARE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA RADIOFREQUENZA PULSATA (PRF) GANGLIARE"

Transcript

1 Rassegna clinica LA RADIOFREQUENZA PULSATA (PRF) GANGLIARE PULSED RADIOFREQUENCY (PRF) ON THE DORSAL ROOT GANGLION Carmelo Costa Responsabile Unità di Terapia del Dolore Humanitas Centro Catanese di Oncologia, Catania Elisabetta Sanalitro Unità di Terapia del Dolore Humanitas Centro Catanese di Oncologia, Catania Riassunto La radiofrequenza è una corrente elettrica ad alta frequenza alternata i cui effetti terapeutici (dovuti da una termo lesione nervosa) sono stati sfruttati per molti anni per il trattamento di sindromi dolorose farmacoresistenti. Lo svantaggio di questa metodica è sempre stato quello della sua limitazione a strutture nervose sensitive, pena l'instaurarsi di danni motori con importanti conseguenze funzionali. Negli anni Novanta una nuova metodica di radiofrequenza pulsata (PRF) esponeva le strutture nervose bersaglio a una temperatura non lesiva, cioè inferiore a 44 gradi. Per verificare l'efficacia della PRF applicata ai gangli delle radici dorsali (GRD) alla luce dell'evidenza scientifica, gli autori hanno selezionato dalla letteratura una serie di patologie dolorose nelle quali la PRF dimostra la sua utilità. Infine viene valutato il problema dell insufficiente rimborso della PRF. Summary Radiofrequency is a high frequency electric alternating current. The therapeutic effects of radiofrequency (related to a thermal lesion of nervous targets)have been used for many years for pain syndromes not responsive to pharmacological therapies. The mechanism of antalgic action is a through an electrode. The disadvantages of this method have always been correlated to limited use for sensitive nerve structures (nerve damage). In the mid- 90s, a new method (PRF) treated a nervous structure with a non-damaging temperature, above 44 C. To verify the efficacy of PRF when applied to dorsal root ganglia, (according to evidence based medicine) the authors selected literature from several studies of chronic pain syndrome. Through a specific testing score, it is possible to select chronic pain syndromes with a positive response to the treatment. In summary, we see a large problem with the insufficient refund. Parole chiave: Radiofrequenza, PRF, patologie dolorose, rimborso. Key words: Radiofrequency, PRF, pain syndromes, refund. 13

2 INTRODUZIONE La corrente elettrica alternata a radiofrequenza (RF) per uso medicale terapeutico è una corrente elettrica che oscilla a una frequenza di 500 KHz relativamente alta. Questa corrente è erogata da un generatore (Figura 1) e trasmessa a un sottile ago elettrodo che è inserito dentro un ago guida completamente teflonato tranne che nella sua parte distale (punta attiva) la cui lunghezza varia da 2 a 15 mm. Nella maggior parte dei casi la punta attiva misura 4 o 5 mm (Figure 2 e 3). Attraverso questa punta fluisce la corrente e, grazie ad un sensore di temperatura posto alla sua estremità, viene monitorata la temperatura dei tessuti nei quali si trova l'ago. Durante le applicazioni a RF attorno alla punta dell'ago si genera un campo elettrico. Questo si forma nel tessuto circostante la punta attiva e come ogni materia attraversata da corrente elettrica, anch esso avrà una propria impedenza. Nelle nostre applicazioni, l impedenza fisiologica dei tessuti attraversati da corrente elettrica appartiene a un range di valori che nella maggior parte dei casi sono compresi fra 250 e 800 Ohms. Un importante effetto secondario è rappresentato dal fatto che il tessuto sottoposto a questo attraversamento di corrente elettrica si riscalda, secondo il principio noto come effetto Joule. Il fenomeno che tradizionalmente è stato sfruttato a scopi antalgici è sempre stato questo, cioè la formazione di calore per produrre lesioni termiche nei tessuti nervosi con i quali l'ago veniva posto a contatto. A tal proposito occorre ricordare che non è la punta dell'ago che viene riscaldata dalla corrente elettrica e che quindi riscalda il tessuto con il quale è posto a contatto. Al contrario, l'ago si riscalda perché a contatto con il tessuto circostante che a sua volta, quando attraversato da una corrente elettrica, si surriscalda per l effetto Joule. In queste condizioni, dunque, la termocoppia all interno dell ago misura la variazione di temperatura del tessuto durante il trattamento a RF e comunica il dato al generatore che lo rende visibile in un display. Il valore di temperatura è una guida utilissima per permetterci di effettuare una lesione controllata e riproducibile. Esso è solo leggermente inferiore all effettiva temperatura raggiunta nei tessuti grazie a un modesto assorbimento che si realizza alla punta dell'ago. 1,2 Un altro concetto da tenere bene in mente è quello che la corrente si diffonde soprattutto alla periferia della punta esposta e poco al davanti. Questo è importante perché condizionerà la tecnica di posizionamento che, idealmente, dovrebbe essere a lato della struttura nervosa bersaglio e non davanti a essa. Per definizione, quando la temperatura raggiunta nei tessuti supera i 44 gradi si verifica una lesione irreversibile. 3 Ogni volta che si esegue una termo lesione occorre ben valutare l'eventuale danno nervoso e le sue conseguenze cliniche. Non a caso attualmente le procedure neurolesive ancora attuate sono la termorizotomia trigeminale, dove la lesione avviene a carico della radice retrogasseriana del nervo trigemino, nervo quasi esclusivamente sensitivo, e la cordotomia dove la lesione viene fatta sul tratto spino talamico nel quale non esiste alcuna componente motoria. La denervazione delle faccette articolari, attraverso la lesione della branca mediale, rappresenta un'eccezione grazie alle irrilevanti conseguenze sulla componente motoria di un ramo nervoso terminale. LA RADIOFREQUENZA PULSATA Nel 1996, per ovviare ai suddetti limiti della radiofrequenza conservandone gli effetti antalgici, venne studiata una diversa forma di somministrazione di corrente a radiofrequenza: la radiofrequenza pulsata (PRF). Figura 1 Generatore di radiofrequenza 14

3 Il principio fisico è semplice: intervallare l applicazione del segnale a radiofrequenza con periodo a segnale nullo. Nelle proporzioni decisamente sbilanciate, dove la radiofrequenza è applicata per durate di 20 ms e i successivi 480 ms corrispondo a segnale nullo; quello che accade di fatto al tessuto è che macroscopicamente parlando non riesce a surriscaldarsi a temperature superiori ai C, limiti ritenuti di sicurezza per applicazioni altrimenti di rischiosa effettuazione con la radiofrequenza classica (termo lesione). Durante i 20 ms viene erogata la corrente a RF con le stesse caratteristiche di quella solita e durante i 480 ms di pausa successivi, il calore prodotto avrebbe il tempo di dissiparsi attraverso la circolazione ematica e la conduttività termica senza così raggiungere i valori lesivi che superino i 44 gradi (Figura 4). 4 Infatti durante l'alternarsi di questi cicli la temperatura media misurata dal sensore posto all'estremità dell'ago non supera i gradi. Si ottengono così degli effetti antalgici non attribuibili alla lesione termica. Per molti anni ci si è chiesti attraverso quale meccanismo si ottiene l'analgesia visto che si deve escludere quello della denervazione dovuta al calore. Sono state avanzate diverse teorie ma sembra che la più probabile sia quella dell'influsso del campo elettrico generato davanti alla punta dell'ago. Sembra che il campo elettrico provochi nei gangli della radice dorsale (GRD) e nelle lamine superficiali del corno dorsale di ratti esposti alla PRF un aumento di cellule che esprimono il gene C-fos. 5 Queste cellule sono in prevalenza inter neuroni inibitori gabaergici, glicinergici o dinorfinergici 6 il cui incremento corrisponderebbe all'instaurarsi del meccanismo anti nocicettivo noto come long-term depression (LTD). 7 Ma, probabilmente, non è solo questo il meccanismo d'azione della PRF. Chi esegue correttamente una procedura a PRF avrà notato che durante le prime 24/48 ore il paziente riferisce un buon, o addirittura ottimo, controllo del dolore e la maggior parte dei pazienti non avverte più dolore al termine della procedura. E questo anche per dolori nocicettivi con importante componente incident. Questa fase è quella che Sluijter chiama dello "stordimento". Superate le prime 24/48 ore solitamente il dolore ritorna per circa 2-3 settimane, fase del "disagio post operatorio", per poi ridursi nuovamente con la comparsa degli effetti clinici benefici. Quindi prima di poter valutare il risultato definitivo occorre attendere solitamente 3-4 settimane. È probabile che l'effetto iniziale sia dovuto a una "micro neurolesione", o comunque ad una sofferenza funzionale delle fibre nervose esposte alla PRF, specie quelle mieliniche.8, 9 Infatti la temperatura registrata di gradi si riferisce alla temperatura media tra quella attiva di 20 ms e la successiva pausa di 480 ms, ma durante i 20 ms attivi probabilmente si raggiungono nel tessuto ben più dei 43 gradi registrati come media e questo può rendere ragione dell'immediato e soddisfacente effetto antalgico che è proprio delle lesioni termiche a RF. Un'altra considerazione pratica a margine di quanto esposto è che estendendosi il campo elettrico al davanti della punta dell'ago, e non intorno come la corrente, un ideale posizionamento di questo rispetto alla struttura bersaglio dovrebbe essere perpendicolare. Quali sono, quindi, i vantaggi della PRF rispetto alla radiofrequenza continua (CRF)? Figura 2 Ago guida introduttore con il suo mandrino; in basso ago elettrodo Figura 3 Punta attiva dell'ago 15

4 Innanzitutto non è una metodica neurolesiva e può essere usata anche sulle strutture nervose miste come i nervi periferici; quindi il suo spettro d'azione s'allarga anche al dolore neuropatico periferico, non solo dovuto alla demielinizzazione, come nella nevralgia trigeminale, dove è già molto efficace la termorizotomia con CRF.10 I suoi limiti, invece, sono la scarsa prevedibilità dei risultati e la transitorietà degli effetti antalgici, solitamente inferiori a quelli ottenuti con la CRF, anche se non sempre statisticamente significativi. La scarsa prevedibilità dei risultati è probabilmente dovuta all'incerto meccanismo d'azione e dunque alla difficoltà di selezionare i pazienti in base alla diagnosi patogenetica del dolore. Questo aspetto accomuna la PRF alla spinal cord stimulation (SCS). C'è da augurarsi che se, e quando, i dubbi sul meccanismo d'azione della PRF saranno fugati, sarà più facile capire qual è il tipo di dolore, e di paziente, più suscettibile al suo trattamento. PARAMETRI ELETTRICI DIAGNOSTICI Quando l'ago elettrodo si avvicina alla struttura nervosa bersaglio, occorre che alcuni parametri elettrici siano registrati dal generatore di RF. Il primo riguarda l'impedenza, cioè la resistenza offerta dai tessuti circostanti all attraversamento della corrente. Questo valore non deve essere ovviamente troppo elevato e non dovrebbe superare i 400 Ohms. Naturalmente esistono molte eccezioni, per esempio nello spazio epidurale del canale sacrale a causa della strettissima vicinanza con strutture ossee, è molto difficile che si ottenga questo valore. Il consiglio, in caso di aumento dell'impedenza, è quello di somministrare pochi cc di soluzione fisiologica per ridurla, anche se alcuni studiosi pensano che questo artificio non serva per favorire una migliore propagazione della corrente. Il parametro successivo, forse di quello di maggior rilievo obiettivo, è l'evocazione delle parestesie sensitive con una corrente erogata a 50 Hz in un range compreso tra 0,3 e 0,6 V. Se il paziente avverte le parestesie ad un valore inferiore a 0,3 V l'ago sarà troppo vicino alla struttura nervosa e se le avverte ad un valore superiore a 1 V sarà invece troppo distante. Nel primo caso il rischio è quello di non poter controllare agevolmente la lesione da parte del generatore che lavorerebbe in condizioni vicine al limite di funzionamento e nel secondo invece è quello di eseguire una lesione in un punto troppo distante da quello target, quindi di effettuare un trattamento inefficace. Anche in questo caso esistono ovviamente delle eccezioni. Nei pazienti con gravi neuropatie anche se l'ago si trova vicino alla struttura nervosa non si riusciranno a evocare le parestesie ad un voltaggio di 0,5-0,6 ma più elevato. 1 Successivamente con una corrente erogata a 2 Hz si evocheranno le clonie motorie. Questo parametro serve per evitare che la successiva neurolesione coinvolga anche le strutture motorie oltre quelle sensitive e, a tal fine, occorre che le clonie siano evidenziate ad un voltaggio almeno doppio di quello necessario ad evocare quelle sensitive. Tutto questo, ovviamente, vale soltanto per la CRF e non per la PRF dove non esistendo una lesione con il calore ma soltanto una modulazione non si corre il rischio di ledere strutture motorie. Bisogna in ogni caso stigmatizzare la cattiva abitudine di alcuni operatori di eseguire la temolesione, nel caso della CRF, o la neuro modulazione, nel caso della PRF, anche se le parestesie sensitive sono evocate con valori molto elevati, anche superiori a 1 V. A tal fine bisogna ricordare che esiste una ben precisa geometria delle lesione termica. Quando evochiamo le parestesie sensitive a 50 Hz con un ago con punta esposta di 10 mm a un voltaggio di 0,5, il nostro bersaglio sarà a circa 5 mm di distanza. Durante la successiva lesione attorno alla punta dell'ago si formerà un ovale il cui diametro sarà uguale alla lunghezza della punta esposta, cioè 10 mm, che quindi includerà sicuramente il bersaglio nervoso. Figura 4 La radiofrequenza pulsata 16

5 Questo vale per la CRF ma gli stessi parametri sono consigliati anche per la PRF. Avuta la certezza di essere nella giusta posizione grazie all'ottenimento dei valori suddetti, si passa all'erogazione della corrente. Nel caso della CRF, questa varia da struttura a struttura andando dai 70 gradi per 60 sec della termorizotomia trigeminale fino ai 90 gradi per 90 o 120 sec della lesione della branca mediale che innerva le faccette articolari. I parametri per la PRF sono invece, solitamente, più uniformi ad una temperatura che per definizione non deve mai superare i gradi con un voltaggio non superiore a 45 e per un tempo che ha ormai raggiunto anche i 300 sec. L' EVIDENZA La PRF, essendo una metodica non neurolesiva e quindi priva delle potenziali complicanze che accompagnano la CRF, ha conosciuto negli ultimi anni un successo esponenziale e le indicazioni al suo uso si sono moltiplicate. 10 Questo ricorso alla metodica anche con le indicazioni meno probabili, spesso giustificate dall'unica considerazione che "tanto male non fa", hanno fatto perdere credito a questa metodica e ingenerato la convinzione che non provoca danni ma serve a ben poco. Per tale motivo abbiamo cercato in letteratura le metodiche di PRF per le quali esiste una evidenza, per quanto debole o poco significativa, 11 e abbiamo compiuto questa ricerca sulla PRF applicata ai gangli della radice dorsale e loro equivalenti cranici, poiché i principali lavori finalizzati alla comprensione del suo meccanismo d'azione sono stati compiuti sui GRD e perché il ganglio rappresenta una importante stazione di passaggio ed elaborazione degli stimoli dolorosi. Inoltre per esperienza personale le metodiche di PRF coronate da maggior successo sono state quelle sui GRD. Abbiamo quindi cercato le diagnosi cliniche di dolore persistente per le quali esiste in letteratura il ricorso alla PRF sui GRD e queste sono le seguenti: Nevralgia trigeminale: PRF del ganglio di Gasser Persistent idiopathic facial pain (PIFP): PRF del ga sfeno palatino Cervical radicular pain: PRF dei GRD corrispondenti Cefalea cervicogenica: PRF dei GRD C2-C3 Nevralgia occipitale: PRF dei GRD C2 Thoracic pain: PRF dei GRD corrispondenti Lumbosacral radicular pain: PRF dei GRD corrispondenti Phantom pain: PRF dei GRD interessati Alle suddette tecniche, quando eseguite per le corrispettive diagnosi di dolore persistente, è stato applicato uno "score" dove i numeri 1 e 2 sono assegnati rispettivamente alle situazioni dove i benefici superano i rischi o sono strettamente bilanciati dai possibili effetti collaterali. Le lettere A, B e C si riferiscono alla forza dell'evidenza in base alla qualità degli studi eseguiti (RTC di buona qualità, A, o con debolezza metodologica, B, o ampi studi osservazionali o serie di casi, C), e lo "0" viene dato alle metodiche per le quali esistono solo case report, ma questi sono insufficienti a dimostrare l'efficacia o la sicurezza della metodica in questione. Quindi con "0" si consiglia di applicare la tecnica solo in relazione a studi clinici. Infine i segni + e - si riferiscono ai risultati positivi o negativi o, quando entrambi i risultati sono inclusi, si usa il segno +/-. Dall'applicazione di questi punteggi derivano delle raccomandazioni che sono positive quando le metodiche sono sicuramente consigliate per una certa patologia o negative quando al contrario sono certamente sconsigliate. La definizione "study related" è usata per le opzioni di trattamento che attualmente hanno un basso livello di evidenza riguardante la registrazione di alcuni parametri come le caratteristiche dei pazienti arruolati, l'accuratezza diagnostica, i dettagli concernenti le tecniche, la valutazione dei risultati attraverso apposite scale e la registrazione degli effetti collaterali e delle complicanze. 12,13 Se adesso rivediamo l'elenco precedente alla luce dello score descritto avremo i seguenti risultati: Nevralgia trigeminale con PRF del ganglio di Gasser: "2B-" Negative recommendation 14 17

6 PIFP con PRF del ganglio sfeno palatino: "2C+" Considered, preferably study related 15 Cervical radicular pain con PRF dei GRD: "1B+" Positive recommendation16 Cefalea cervicogenica con PRF dei GRD C2-C3: "0" only study related 11 Nevralgia occipitale con PRF dei GRD C2: "0" only study related 17 Thoracic pain con PRF dei GRD C2: "2C+" Considered, preferably study related 18 Lumbosacral radicular pain dei GRD: "2C+" Considered, preferably study related Phantom pain con PRF dei GRD: "0" only study related. 22 In conclusione, la PRF gangliare che supera il test dell'evidenza a pieni voti è solo quella applicata al Cervical radicular pain. Una buona valutazione ottengono anche i dolori radicolari toracici e lombosacrali insieme al meno frequente PIFP, ampio contenitore di numerosi dolori facciali tra i quali l'ex "dolore facciale atipico" di dubbia interpretazione. In considerazione dei modesti risultati ottenuti dalle metodiche antalgiche invasive quando analizzate alla luce dell'ebm, quelli sopra riportati non sfigurano e dunque a patto di una rigorosa selezione dei pazienti e delle loro patologie nonché di una impeccabile esecuzione della tecnica, la PRF è certamente una metodica da consigliare con le suddette indicazioni. probabilmente non sarà lo stesso per altre Regioni italiane, dato che l'autonomia gestionale ha condotto a una totale deregulation dove ogni realtà locale stabilisce le normative in base ai "buchi" da ripianare più che a una obiettiva valutazione delle prestazioni, dei risultati e dei costi sostenuti. Addirittura si verificano difformità interpretative anche all'interno della stessa Regione con Province che usufruiscono di rimborsi negati ad altre Province. Ma rimanendo alla GURS dell'8/3/2013, a pagina 16 a proposito delle metodiche a radio frequenza pulsata vengono distinte quelle centrali da quelle periferiche. Per quelle periferiche si indica come corretto il codice di procedura 04.2 che è quello normalmente riservato alle termo lesioni in quanto parla di "distruzione di nervi cranici e periferici con...". Se compiliamo la SDO come suggerito dal legislatore ci troviamo però in una bizzarra situazione, infatti il paziente avrà firmato un consenso informato dove accetta di essere sottoposto a una metodica non neurolesiva e anche il nostro verbale operatorio descriverà l'esecuzione di una metodica neuro modulativa, non lesiva. Però la SDO certificherà l'esecuzione di una metodica lesiva. È facile immaginare che cosa accadrebbe, specie in questi tempi di incentivi alla richiesta di rimborso per malpractice, se un paziente convinto di aver subito un danno nervoso dopo la PRF richiedesse la copia della cartella clinica per consegnarla al suo legale... IL RIMBORSO E infine diamo un'occhiata alle "dolenti note", cioè al rimborso in base alle vigenti tariffe dei corrispettivi DRG ai quali afferiscono le tecniche di PRF. Per far questo prenderò come riferimento le ultime linee guida sulla compilazione delle scheda di dimissione ospedaliera (SDO) comparse sulla gazzetta ufficiale della Regione Sicilia (GURS) dell'8/3/2013 che si riferiscono al Decreto assessoriale del 7/2/2013 (Figura 5). Questo è il nostro riferimento poiché operiamo in Sicilia ma Figura 5 Gazzetta Ufficiale Regione Siciliana, 8/3/

7 BIBLIOGRAFIA 1) Sluijter M.E., Le radiofrequenze, parte 1. Delfino Editore, ) Gauci CA, Manual of RF Techniques, CoMedical, ) Cosman E. R., Nashold B.S., and Ovelman-Levitt J., Theoretical aspects of radiofrequency lesions in the dorsal root entry zone. Neurosurgery, 15 (1984) ) Sluijter M.E., Cosman E., Rittman I. The effects of pulsed radiofrequency field applied to the dorsal root ganglion: a prelimenary report. Pain Clin., 11 (1998) ) Van Zundert J. et al., Pulsed and continuous radiofrequency current adjacent to the cervical dorsal root ganglion of the rat induces late cellular activity in the dorsal horn. Anestesiology, 102 (2005) ) Todd A.J. et al., Some inhibitory neurons in the spinal cord develop c- fosimmunoreactivity after noxious stimulation. Neurosciense, 63 (1994) ) Sandkuhler J. et al., Low-frequency stimulation of afferent A-fibers induces long-term depression at primary afferent synapses with substantia gelatinosa neurons in the rat. J. Neurosci., 17 (1997) ) Protasoni M. et al., Pulsed radiofrequency effects on the lumbar ganglion of the rat dorsal root : a morphological light and transmission electron microscopy study at acute stage. Eur Spine J, 18 (2009) ) Hamann W. et al., Pulsed radiofrequency applied to dorsal root ganglia causes a selective increase in ATF3 in small neurons. Eur J Pain, 10 (2006) ) Orlandini G. La chirurgia percutanea del dolore. Seconda edizione ) Van Zundert J et al, Evidence-based interventional pain medicine according to clinical diagnoses.(2012) 12) Guyatt G, Gutterman D, Baumann MH., et al. Grading strength of reccommendations and quality of evidence in clinical guidelines: report from an american college of chest physicians task force. Chest. 2006; 129: ) Van Kleef M., Mekhail N., Van Zundert J. Evidence-based guidelines for interventional pain medicine according to clinical diagnoses. Pain Prac. 2009; 9: ) Erdine S et al. Comparison of pulsed radiofrequency with conventional radiofrequency in the treatment of idiopathic trigeminal neuralgia. Eur J. Pain. 2007; 11: ) Bayer E, Racz GB, Miles D. et al. Sphenopalatine ganglion pulsed radiofrequency treatment in 30 patients suffering from chronic face and head pain. Pain pract. 2005; 5: ) Van Zundert J., et al. Pulsed radiofrequency adjacent to the Cervical dorsal root ganglion in chronic Cervical radicular pain: a doble blind sham controlled randomized clinical trial. Pain 2007; 127: ) Van Zundert J., Lamè IE., de Louw A., et al. Percutaneous pulsed radiofrequency treatment of the cervical dorsal root ganglion in treatment of chronic cervical pain syndromes: a clinical audit. Neuromodulation. 2003; 6: ) Cohen SP, Sireci A, Wu CL et al.pulsed radiofrequency of the dorsal root ganglia is superior to pharmacotherapy or pulsed radiofrequency of the intercostal nerves in the treatment of chronic postsurgical thoracic pain. Pain physician. 2006; 9: ) Teixeira A, Grandinson M, Sluijter M. Pulsed radiofrequency for radicular pain due to a herniated intervertebral disc- an initial report. Pain prac.2005; 5: ) Abejon D, Garcia Del Valle S, Fuentes ML et al. Pulsed radiofrequency in lumbar radicular pain: clinical effects in various etiological groups. Pain prac. 2007; 7: ) Simopoulos TT., et al. Response to pulsed and continuous radiofrequency lesioning of the dorsa root ganglion and segmental nerves in patients with chronic lumbar radicular pain. Pain physician. 2008; 11: ) Ramanavarapu V., Simopoulos TT. Pulsed radiofrequency of lumbar dorsal root ganglia for chronic post amputation stump pain. Pain physician. 2008; 11:

TECNICHE DI RF NEL DOLORE CERVICALE. Dott. Carmelo Costa Unità operativa di Terapia del Dolore Humanitas-Catania

TECNICHE DI RF NEL DOLORE CERVICALE. Dott. Carmelo Costa Unità operativa di Terapia del Dolore Humanitas-Catania TECNICHE DI RF NEL DOLORE CERVICALE Dott. Carmelo Costa Unità operativa di Terapia del Dolore Humanitas-Catania CHE COS E LA RADIOFREQUENZA? Corrente a RF E una corrente elettrica ad alta frequenza ( 500Khz

Dettagli

Dott Giani Stefano U.O.anestesia,Rianimazione,terapia antalgica Ospedale di Pistopia

Dott Giani Stefano U.O.anestesia,Rianimazione,terapia antalgica Ospedale di Pistopia TECNICHE INVASIVE Dott Giani Stefano U.O.anestesia,Rianimazione,terapia antalgica Ospedale di Pistopia ONCOLOGICO NON ONCOLOGICO NEUROPATICO NOCICETTIVO MISTO Approccio ad imbuto Approccio ad annaffiatoio

Dettagli

NEUROMODULAZIONE SOLO AGLI DEI SCORRE LA VITA ETERNAMENTE SENZA MAI DOLORE ESCHILO (AGAMENNONE)

NEUROMODULAZIONE SOLO AGLI DEI SCORRE LA VITA ETERNAMENTE SENZA MAI DOLORE ESCHILO (AGAMENNONE) TERAPIA ANTALGICA NEUROMODULAZIONE SOLO AGLI DEI SCORRE LA VITA ETERNAMENTE SENZA MAI DOLORE ESCHILO (AGAMENNONE) CARATTERISTICHE DEL DOLORE NEUROPATICO CAUSATO DA UN DANNO AL SISTEMA NERVOSO PERIFERICO

Dettagli

Informazioni generali

Informazioni generali Informazioni generali Le lezioni teorico pratiche sono distribuite in 4 incontri l anno, a partire da Gennaio 2016, e organizzate come segue: 21-24 Gennaio 2016-1 MODULO - Fisiologia e fisiopatologia del

Dettagli

TERAPIA DEL DOLORE IN CONTINUITA ASSISTENZIALE

TERAPIA DEL DOLORE IN CONTINUITA ASSISTENZIALE TERAPIA DEL DOLORE IN CONTINUITA ASSISTENZIALE S.C. Medicina di Base e Specilistica S.C. Centro di Terapia del Dolore e Cure Palliative TERAPIA DEL DOLORE IN CONTINUITA ASSISTENZIALE Tecniche di neuromodulazione

Dettagli

Informazioni generali

Informazioni generali Informazioni generali Le lezioni teorico pratiche sono distribuite in 4 incontri l anno, a partire da Novembre 2012, e organizzate come segue: 08-11 Novembre 2012-1 MODULO - Fisiologia e fisiopatologia

Dettagli

Centro Polispecialistico Bondani

Centro Polispecialistico Bondani Centro Polispecialistico Bondani Radiologia Generale e Odontoiatrica Digitale Risonanza Magnetica MuscoloOsteoArticolare Ecografia Generale - Diagnostica CardioVascolare Medicina Fisica e Riabilitazione-Terapia

Dettagli

La Terapia Antalgica Invasiva. Il 4 Gradino4. DR. S. Di Santo

La Terapia Antalgica Invasiva. Il 4 Gradino4. DR. S. Di Santo La Terapia Antalgica Invasiva Il 4 Gradino4 DR. S. Di Santo Chronic Pain Treatment Continuum Dolore cronico: Scala dei Trattamenti Terapia medica (NSAIDs, oppioidi, antidepressivi, anticonvulsivanti, cortisonici,

Dettagli

Generalità sulle tecniche neurolesive. www.fisiokinesiterapia.biz

Generalità sulle tecniche neurolesive. www.fisiokinesiterapia.biz Generalità sulle tecniche neurolesive www.fisiokinesiterapia.biz 1 L OMS suggerisce la scelta del trattamento in base all intensità del dolore applicando la nota scaletta FANS + Oppiacei potenti (per os)

Dettagli

Terapia di stimolazione del midollo spinale (SCS): documento informativo

Terapia di stimolazione del midollo spinale (SCS): documento informativo Terapia di stimolazione del midollo spinale (SCS): documento informativo Che cos è la terapia SCS? La stimolazione del midollo spinale (SCS) è un opzione chirurgica che potrebbe apportare un miglioramento

Dettagli

U.O. ANESTESIA RIANIMAZIONE TERAPIA ANTALGICA OSPEDALE DI CHIOGGIA LA TERAPIA ANTALGICA INVASIVA NEL DOLORE ONCOLOGICO DOTT.

U.O. ANESTESIA RIANIMAZIONE TERAPIA ANTALGICA OSPEDALE DI CHIOGGIA LA TERAPIA ANTALGICA INVASIVA NEL DOLORE ONCOLOGICO DOTT. U.O. ANESTESIA RIANIMAZIONE TERAPIA ANTALGICA OSPEDALE DI CHIOGGIA LA TERAPIA ANTALGICA INVASIVA NEL DOLORE ONCOLOGICO DOTT. CINETTO ANDREA DOLORE NEL MALATO NEOPLASTICO 50 80 45 40 35 30 25 20 15 10 5

Dettagli

Dolore neuropatico Trattamento non farmacologico. G. Pinato. Istituto Oncologico Veneto (I.O.V.) Padova

Dolore neuropatico Trattamento non farmacologico. G. Pinato. Istituto Oncologico Veneto (I.O.V.) Padova Dolore neuropatico Trattamento non farmacologico G. Pinato Istituto Oncologico Veneto (I.O.V.) Padova Algoritmo terapeutico Attività fisica FANS FKT Antidepressivi Terapia occupazionale Oppiodi minori

Dettagli

DIAGNOSI DIFFERENZIALE IN DCM. Dott.Pasquale Cozzolino Laser in DisordiniCranioMandibolari

DIAGNOSI DIFFERENZIALE IN DCM. Dott.Pasquale Cozzolino Laser in DisordiniCranioMandibolari DIAGNOSI DIFFERENZIALE IN DCM Dott.Pasquale Cozzolino Laser in DisordiniCranioMandibolari NELL AMBITO DELLE SINDROMI DA DOLORE OROFACCIALE LA NEVRALGIA DEL DEL NERVO TRIGEMINO E UNA SINDROME NEUROOGICA

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

Il dolore acuto e transitorio è localizzato e risulta chiaramente legato ad uno stimolo (meccanico, termico o chimico) di alta intensità

Il dolore acuto e transitorio è localizzato e risulta chiaramente legato ad uno stimolo (meccanico, termico o chimico) di alta intensità DOLORE NEUROPATICO FISIOPATOLOGIA, DIAGNOSI E TERAPIA 2008 Definizione Il dolore, esperienza spiacevole, sensitiva ed emozionale, associata con danno tissutale reale o potenziale oppure descritta nei termini

Dettagli

Il dolore nelle sue molteplici forme implicazioni assistenziali

Il dolore nelle sue molteplici forme implicazioni assistenziali Il dolore nelle sue molteplici forme implicazioni assistenziali Affrontare il Dolore cronico in ambito clinico. Licia Serra Centro Sociale Oncologico ASS1 4 marzo 2010 Definizione di DOLORE Un esperienza

Dettagli

La Terapia del dolore

La Terapia del dolore La Terapia del dolore Corso di Introduzione alle Cure Palliative-1 St. Christophe, 10 giugno 2006 Dott. Lorenzo Pasquariello Resp. SSD Terapia del Dolore Azienda USL Valle d Aosta Dolore oncologico Dolore

Dettagli

2.Sistemi sensoriali 2 Le vie somatosensoriali

2.Sistemi sensoriali 2 Le vie somatosensoriali 2.Sistemi sensoriali 2 Le vie somatosensoriali Prof. Carlo Capelli Fisiologia Corso di Laurea in Scienze delle Attività Motorie e Sportive Università di Verona Obiettivi Organizzazione generale delle vie

Dettagli

Trattamenti conservativi della lombalgia: dalla diagnosi alla risoluzione del problema

Trattamenti conservativi della lombalgia: dalla diagnosi alla risoluzione del problema Trattamenti conservativi della lombalgia: dalla diagnosi alla risoluzione del problema Utilizzo della Diatermia nelle sindromi lombalgiche Bologna, 19 20 Novembre 2011 Trattamenti conservativi della lombalgia:

Dettagli

Prof. Edoardo Raposio. ssd Chirurgia della Cute ed Annessi Mininvasiva, Rigenerativa e Plastica, Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma

Prof. Edoardo Raposio. ssd Chirurgia della Cute ed Annessi Mininvasiva, Rigenerativa e Plastica, Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma Prof. Edoardo Raposio ssd Chirurgia della Cute ed Annessi Mininvasiva, Rigenerativa e Plastica, Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma EMICRANIA e CEFALEE DAL SINTOMO ALLA TERAPIA 2 Classificazione

Dettagli

Dolore esperienza sensoriale ed emotiva spiacevole, spesso, ma non necessariamente (dolore psicogeno), associata a un danno tissutale reale/potenziale

Dolore esperienza sensoriale ed emotiva spiacevole, spesso, ma non necessariamente (dolore psicogeno), associata a un danno tissutale reale/potenziale Nocicezione processi coinvolti nella trasduzione periferica e trasmissione centrale dei segnali provenienti dal tessuto danneggiato Dolore esperienza sensoriale ed emotiva spiacevole, spesso, ma non necessariamente

Dettagli

Terapia del Dolore, Elettrostimolazione, Ionoforesi

Terapia del Dolore, Elettrostimolazione, Ionoforesi Terapia del Dolore, Elettrostimolazione, Ionoforesi EFFETTI BIOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA Gli effetti biologici principali delle correnti elettriche a scopo terapeutico sono i seguenti: Chimici (fisico-chimici)

Dettagli

IL DOLORE. Principi di Terapia Antalgica. Dott. M. Allegri US interdipartimentale Terapia del Dolore. Collegio S. Cate"na - 9 marzo 2011

IL DOLORE. Principi di Terapia Antalgica. Dott. M. Allegri US interdipartimentale Terapia del Dolore. Collegio S. Catena - 9 marzo 2011 IL DOLORE Principi di Terapia Antalgica Dott. M. Allegri US interdipartimentale Terapia del Dolore Collegio S. Cate"na - 9 marzo 2011 Definizione Opus #vinum est sedare dolorem I%ocrate Definizione Opus

Dettagli

LE META-ANALISI. Graziella D Arrigo, Fabio Provenzano, Claudia Torino, Carmine Zoccali, Giovanni Tripepi

LE META-ANALISI. Graziella D Arrigo, Fabio Provenzano, Claudia Torino, Carmine Zoccali, Giovanni Tripepi G Ital Nefrol 2011; 28 (5): 531-536 MASTER IN EPIDEMIOLOGIA CLINICA LE META-ANALISI Graziella D Arrigo, Fabio Provenzano, Claudia Torino, Carmine Zoccali, Giovanni Tripepi CNR-IBIM, Unità di Ricerca di

Dettagli

Il dolore il confine tra psiche e corpo

Il dolore il confine tra psiche e corpo Il dolore il confine tra psiche e corpo C. SOLARO Dipartimento Neurologia ASL3 genovese Genova Il dolore è una emozione opposta al piacere (Aristotele) Piacere e dolore non possono essere classificati

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

IL RUOLO DELLA RADIOTERAPIA NEL DOLORE ONCOLOGICO. S.C. Radioterapia ASL TO4 Ivrea Maria Rosa La Porta

IL RUOLO DELLA RADIOTERAPIA NEL DOLORE ONCOLOGICO. S.C. Radioterapia ASL TO4 Ivrea Maria Rosa La Porta IL RUOLO DELLA RADIOTERAPIA NEL DOLORE ONCOLOGICO S.C. Radioterapia ASL TO4 Ivrea Maria Rosa La Porta LA RADIOTERAPIA E un metodo di cura conosciuto da più di 100 anni che prevede l utilizzo di radiazioni

Dettagli

TEORIA DEI CAMPI MODULATI

TEORIA DEI CAMPI MODULATI TEORIA DEI CAMPI MODULATI di Alessandro Dattilo Vincenzo Iorio La teoria del "campi modulati" rappresenta un passo avanti nella direzione della comprensione del meccanismo con il quale, un fenomeno elettromagnetico

Dettagli

DISORDINI DELLE SENSIBILITA (somato estesia)

DISORDINI DELLE SENSIBILITA (somato estesia) DISORDINI DELLE SENSIBILITA (somato estesia) Enrico Granieri Direttore delle Scuole di Specializzazione in Neurologia e Neurochirurgia Direttore della Sezione di Neurologia e del Dipartimento di Discipline

Dettagli

LA SOLUZIONE AI NODULI BENIGNI DELLA TIROIDE

LA SOLUZIONE AI NODULI BENIGNI DELLA TIROIDE LA SOLUZIONE AI NODULI BENIGNI DELLA TIROIDE www.modilite.info MODILITE In Italia la patologia nodulare tiroidea è piuttosto frequente ed è spesso asintomatica. Circa l 80% dei noduli tiroidei sono benigni

Dettagli

MEDICINA DEL DOLORE E TERAPIA ANTALGICA

MEDICINA DEL DOLORE E TERAPIA ANTALGICA STRUTTURA SEMPLICE DIPARTIMENTALE MEDICINA DEL DOLORE E TERAPIA ANTALGICA legge 38/2010 AOU San Luigi Gonzaga - Orbassano Struttura Semplice Dipartimentale di Medicina del Dolore e Terapia Antalgica Tel.

Dettagli

I metodi per la misura della diagnosi

I metodi per la misura della diagnosi C.I. di Metodologia clinica I metodi per la misura della diagnosi Obiettivo Conoscere ed utilizzare i principali strumenti per interpretare l'attendibilità e la rilevanza dei test diagnostici ai fini della

Dettagli

SISTEMA NERVOSO. Comitato locale CRI Firenze

SISTEMA NERVOSO. Comitato locale CRI Firenze SISTEMA NERVOSO Comitato locale CRI Firenze SISTEMA NERVOSO Struttura CENTRALE: Encefalo (cervello, cervelletto, tronco) Midollo spinale NB: non confondere Il midollo spinale con il midollo osseo!!! PERIFERICO:

Dettagli

Istituto Scientifico Ospedale San Raffaele Milano. Dipartimento di Anestesia e Rianimazione Direttore Prof. Luigi Beretta

Istituto Scientifico Ospedale San Raffaele Milano. Dipartimento di Anestesia e Rianimazione Direttore Prof. Luigi Beretta Istituto Scientifico Ospedale San Raffaele Milano Dipartimento di Anestesia e Rianimazione Direttore Prof. Luigi Beretta DOLORE ACUTO POSTOPERATORIO E TECNICHE DI ANALGESIA Francesco Deni Laura Corno DEFINIZIONE..Il

Dettagli

ECOMIOGRAFIA FUNZIONALE DEL MUSCOLO DENERVATO: RISULTATI PRELIMINARI

ECOMIOGRAFIA FUNZIONALE DEL MUSCOLO DENERVATO: RISULTATI PRELIMINARI Dipartimento di Scienze Medico Diagnostiche e Terapie Speciali Istituto di Radiologia Università di Padova ECOMIOGRAFIA FUNZIONALE DEL MUSCOLO DENERVATO: RISULTATI PRELIMINARI Riccardo Zanato Roberto Stramare

Dettagli

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43 E evidente che lo screening per un tumore può diagnosticare la malattia molto precocemente, ma nel caso del tumore alla prostata il ricorso al test del PSA può creare dati incerti e rischi sanitari in

Dettagli

La formazione pre-laurea sulla gestione del dolore

La formazione pre-laurea sulla gestione del dolore La formazione pre-laurea sulla gestione del dolore Giulio Masotti (Firenze) Firenze, Palazzo dei Congressi Venerdì 3 Dicembre 2010 large scale computer-assisted telephone survey was undertaken to explore

Dettagli

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Documenti per lo studio Giuseppe Caracciolo, Cardiologist e Clinical Research Physician, Menarini Ricerche Alessandra Milani, Coordinatore

Dettagli

www.vogliadisalute.it 13/11/2008 Schiena al sicuro sulle piste da sci

www.vogliadisalute.it 13/11/2008 Schiena al sicuro sulle piste da sci www.vogliadisalute.it 13/11/2008 Schiena al sicuro sulle piste da sci I consigli degli esperti per prevenire problemi di lombalgia: dalla scelta degli scarponi agli esercizi fisici preparatori, all attenzione

Dettagli

La gestione del Rischio Clinico in Valle d Aosta: consolidamento del metodo FMEA

La gestione del Rischio Clinico in Valle d Aosta: consolidamento del metodo FMEA La gestione del Rischio Clinico in Valle d Aosta: consolidamento del metodo FMEA Vuillermin Giuliana Berti Pierluigi Ippolito Rita Azienda USL Regione Valle d Aosta Analisi del contesto L Azienda USL della

Dettagli

Terapia TENS gli impulsi nella terapia del dolore

Terapia TENS gli impulsi nella terapia del dolore Terapia TENS gli impulsi nella terapia del dolore Per molti anni la stimolazione nervosa elettrica transcutanea (TENS) è stata applicata con risultati soddisfacenti in ospedali, studi medici e a domicilio.

Dettagli

Classificazione del dolore

Classificazione del dolore Dolore neuropatico Classificazione del dolore NOCICETTIVO NEUROPATICO (dovuto a danno/disfunzione del sistema somatosensoriale) MISTO quando i sintomi del dolore nocicettivo si sommano a quelli del dolore

Dettagli

Prima applicazione della metodologia relazionale

Prima applicazione della metodologia relazionale Prima applicazione della metodologia relazionale Ricerca Associazione per la Ricerca e l Intervento Sociale Nel 1984 è stata realizzata la prima ricerca che utilizzava la metodologia relazionale. L obiettivo

Dettagli

Titolo, oggetto e obiettivo del Progetto: Obiettivo Primario

Titolo, oggetto e obiettivo del Progetto: Obiettivo Primario Titolo, oggetto e obiettivo del Progetto: Studio clinico randomizzato, con gruppo di controllo, sull Agopuntura Tradizionale Cinese come Terapia di Supporto in pazienti sottoposti a trattamento Chemioterapico

Dettagli

Tariffari e politiche di rimborsi regionali

Tariffari e politiche di rimborsi regionali L attività di day surgery nella Regione Lombardia è praticata sin dagli anni 70 in diverse strutture ospedaliere della Regione; dove venivano trattate in day hospital alcune patologie ortopediche pediatriche

Dettagli

INTERVENTO PER SINDROME DEL TUNNEL CARPALE

INTERVENTO PER SINDROME DEL TUNNEL CARPALE INTERVENTO PER SINDROME DEL TUNNEL CARPALE 2 Il nervo mediano, evidenziato in giallo, risulta compresso a livello del polso e del palmo della mano dal legamento traverso del corpo ispessito. L intervento

Dettagli

NUOVE STRATEGIE IN NEUROFISIOLOGIA CLINICA Update sul dolore neuropatico e cranio-facciale Dott. Alfredo Mattaliano Il dolore neuropatico è convenzionalmente definito come un dolore che inizia e/o è provocato

Dettagli

Campi magnetici. in terapia fisica

Campi magnetici. in terapia fisica Campi magnetici in terapia fisica I Campi Magnetici Pulsanti propriamente detti (cioè i CMP dotati di opportune ed efficaci caratteristiche in termini di dose, frequenza, modalità di emissione, modalità

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Dr.ssa Marialuigia Praitano. Nata a Salò (BS) il 25.03.1972, residente a Salò in via S.Pellico, 24.

CURRICULUM VITAE. Dr.ssa Marialuigia Praitano. Nata a Salò (BS) il 25.03.1972, residente a Salò in via S.Pellico, 24. CURRICULUM VITAE Dr.ssa Marialuigia Praitano Nata a Salò (BS) il 25.03.1972, residente a Salò in via S.Pellico, 24. Si Laurea in Medicina e Chirurgia presso l Universita degli Studi di Brescia il 18.10.1999

Dettagli

LA VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA

LA VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA LA VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA IN SANITÀ OBIETTIVI DIDATTICI Definire il ruolo dell epidemiologia nella valutazione dei bisogni sanitari e nell allocazione delle risorse Acquisire le conoscenze sulle principali

Dettagli

Indice SEZIONE I DESCRIZIONE E VALUTAZIONE DEL DOLORE CRONICO

Indice SEZIONE I DESCRIZIONE E VALUTAZIONE DEL DOLORE CRONICO Indice SEZIONE I DESCRIZIONE E VALUTAZIONE DEL DOLORE CRONICO 1. Il problema del dolore cronico... 3 Introduzione al dolore cronico e persistente... 3 Prevalenza del dolore cronico... 4 Costi associati

Dettagli

La NeurostimolazioneMidollare nel trattamento del dolore cronico post-intervento vertebrale

La NeurostimolazioneMidollare nel trattamento del dolore cronico post-intervento vertebrale "Da HTA a Hospital-based HTA: un evoluzione sostenibile?" Con il patrocinio di: Con il contributo incondizionato di: La NeurostimolazioneMidollare nel trattamento del dolore cronico post-intervento vertebrale

Dettagli

Indagine sulla Qualità percepita: la biblioteca vista dagli utenti

Indagine sulla Qualità percepita: la biblioteca vista dagli utenti Obiettivi di Progetto BdA Biennio 2009/10 Progetto Front Office Indagine sulla Qualità percepita: la biblioteca vista dagli utenti Rapporto di Ilaria Moroni Premessa L indagine si colloca all interno di

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/5

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/5 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/5 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PLURIENNALI DI RICERCA SANITARIA FINALIZZATA PER L ANNO 2012. ART. 1 La Ricerca

Dettagli

Introduzione IL MAL DI SCHIENA COME SINTOMO

Introduzione IL MAL DI SCHIENA COME SINTOMO Introduzione IL MAL DI SCHIENA COME SINTOMO Il mal di schiena non è una malattia ma un sintomo, il segnale che qualcosa non va, anche se non è sempre facile capire con esattezza cosa. Quasi a tutti capita

Dettagli

Analisi costo-efficacia (CEA)

Analisi costo-efficacia (CEA) Analisi costo-efficacia (CEA) 37 Analisi costo-efficacia (CEA) ASPETTI FONDAMENTALI È una tecnica di analisi completa che permette di confrontare programmi ed interventi sanitari alternativi, che producono

Dettagli

Esercitazione di gruppo

Esercitazione di gruppo 12 Maggio 2008 FMEA FMECA: dalla teoria alla pratica Esercitazione di gruppo PROCESSO: accettazione della gravida fisiologica a termine (38-40 settimana). ATTIVITA INIZIO: arrivo della donna in Pronto

Dettagli

Dispositivi Medici Impiantabili Attivi per Malattie Neurologiche Il punto di vista del neurochirurgo

Dispositivi Medici Impiantabili Attivi per Malattie Neurologiche Il punto di vista del neurochirurgo II Conferenza Nazionale dei Dispositivi Medici Dispositivi Medici Impiantabili Attivi per Malattie Neurologiche Il punto di vista del neurochirurgo Giovanni Broggi Direttore Dip di Neurochirurgia Fond.

Dettagli

IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO

IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO BANDO 1/2012 AFFISSO IL 18.10.2012 BANDO DI SELEZIONE PER L ASSEGNAZIONE DI 1 (UNA) BORSA DI STUDIO AVENTE AD OGGETTO ATTIVITA DI RICERCA DA SVOLGERSI PRESSO IL DIPARTIMENTO DI SCIENZE MEDICO CHIRURGICHE

Dettagli

Scuola Specialistica in Fisioterapia Ortokinetica. www.gstmonline.it

Scuola Specialistica in Fisioterapia Ortokinetica. www.gstmonline.it Scuola Specialistica in Fisioterapia Ortokinetica www.gstmonline.it La Scuola di Formazione Specialistica in Fisioterapia Ortokinetica GSTM è un percorso quadriennale in Terapia Manuale e Fisioterapia

Dettagli

Rapporti giuridici possibili. RAPPORTO PAZIENTE-MEDICO. RAPPORTO PAZIENTE-STRUTTURA SANITARIA (pubblica o privata) RAPPORTO MEDICO-STRUTTURA

Rapporti giuridici possibili. RAPPORTO PAZIENTE-MEDICO. RAPPORTO PAZIENTE-STRUTTURA SANITARIA (pubblica o privata) RAPPORTO MEDICO-STRUTTURA Rapporti giuridici possibili. RAPPORTO PAZIENTE-MEDICO RAPPORTO PAZIENTE-STRUTTURA SANITARIA (pubblica o privata) RAPPORTO MEDICO-STRUTTURA È un rapporto di natura contrattuale la cui fonte è il contatto

Dettagli

PROGETTO VIBRISKS. Dott.ssa Livia Rondina Az. USL 2 Lucca

PROGETTO VIBRISKS. Dott.ssa Livia Rondina Az. USL 2 Lucca VIBRAZIONI E MALATTIE MUSCOLO SCHELETRICHE PROGETTO VIBRISKS Dott.ssa Livia Rondina Az. USL 2 Lucca I disturbi muscolo scheletrici da sovraccarico biomeccanico si sviluppano quando le forze carichi ) che

Dettagli

La chirurgia del Carcinoma Differenziato della Tiroide

La chirurgia del Carcinoma Differenziato della Tiroide La chirurgia del Carcinoma Differenziato della Tiroide Sottotitolo: Il Buono, il Brutto e il Cattivo Dott. Michele Minuto U.O.S. Chirurgia Endocrina (Chirurgia 1) IRCCS A.O.U. San Martino-IST L epidemiologia

Dettagli

I principi parodontali fondamentali per il protesista

I principi parodontali fondamentali per il protesista I principi parodontali fondamentali per il protesista Relatore Dott. Roberto Pontoriero Controrelatore Dott. Attilio Bedendo La relazione descrive i principi parodontali che sono alla base del posizionamento

Dettagli

Aspetti economici della terapia di stimolazione del midollo spinale (SCS)

Aspetti economici della terapia di stimolazione del midollo spinale (SCS) Aspetti economici della terapia di stimolazione del midollo spinale (SCS) L impatto del dolore cronico In Europa, il dolore cronico colpisce 1 adulto su 5 1. I casi di dolore cronico di origine neuropatica

Dettagli

Il paziente e la ricerca: cosa sapere

Il paziente e la ricerca: cosa sapere Il paziente e la ricerca: cosa sapere 1 Perché è importante la ricerca? Negli ultimi decenni la ricerca scientifica ha conseguito importanti risultati nella lotta contro i tumori. La qualità e l eccellenza

Dettagli

Terapia del dolore con Stimolazione Midollare

Terapia del dolore con Stimolazione Midollare Terapia del dolore con Stimolazione Midollare PER UNA MIGLIORE QUALITA DELLA VITA 2 Convivere con il dolore cronico Dover convivere con il dolore cronico, significa apportare alla propria vita un importante

Dettagli

DICHIARAZIONE DI HELSINKI (OTTOBRE 2013)

DICHIARAZIONE DI HELSINKI (OTTOBRE 2013) DICHIARAZIONE DI HELSINKI (OTTOBRE 2013) PREMESSE 1. L Associazione Medica Mondiale (WMA) ha elaborato la Dichiarazione di Helsinki come dichiarazione di principi etici per la ricerca medica che coinvolge

Dettagli

CURE PALLIATIVE Organo ufficiale della Società Italiana di Cure Palliative

CURE PALLIATIVE Organo ufficiale della Società Italiana di Cure Palliative Allegato al n. 4 2008 DI CURE PALLIATIVE Organo ufficiale della Società Italiana Società Italiana BANDO DI CONCORSO NAZIONALE PER L ASSEGNAZIONE DI DUE PREMI PER ARTICOLI SCIENTIFICI SUL TEMA L APPROCCIO

Dettagli

HTA Short Report. ARNAS- CDB Il Documentalista HTA Dott. Giuseppe Carruba. Introduzione. Tecnologia e procedure alternative

HTA Short Report. ARNAS- CDB Il Documentalista HTA Dott. Giuseppe Carruba. Introduzione. Tecnologia e procedure alternative 1 HTA Short Report Appropriatezza della Scintigrafia Miocardica Perfusionale ARNAS- CDB Il Documentalista HTA Dott. Giuseppe Carruba Indice Introduzione Tecnologia e procedure alternative Obiettivi del

Dettagli

APPROCCIO AL DOLORE CRONICO BENIGNO

APPROCCIO AL DOLORE CRONICO BENIGNO APPROCCIO AL DOLORE CRONICO BENIGNO DEFINIZIONE E FISIOPATOLOGIA DEL DOLORE CRONICO Dott. ENRICO RAVERA Direttore struttura complessa di ANESTESIA Ospedale Santo Spirito-Bra DOLORE: Esperienza sensoriale

Dettagli

I N D I C E. Cap. 2) Rappresentazione trigonometrica delle grandezze sinusoidali 2.1) Operazioni con le grandezze trigonometriche.

I N D I C E. Cap. 2) Rappresentazione trigonometrica delle grandezze sinusoidali 2.1) Operazioni con le grandezze trigonometriche. .1 Giovanni Morosoli Rappresentazione delle grandezze sinusoidali applicate alla corrente alternata e Fondamenti sulla trattazione delle correnti elettriche variabili sinusoidalmente nel tempo .2 I N D

Dettagli

Il dolore cronico in Sicilia. Il punto della situazione 2015

Il dolore cronico in Sicilia. Il punto della situazione 2015 Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti Villa Sofia/Cervello. Palermo U.O. Anestesia Rianimazione e Terapia del Dolore Dott.ssa M.Lucia Il dolore cronico in Sicilia. Il punto della situazione 2015 DECRETO

Dettagli

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente.

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente. CORRENTE ELETTRICA Si definisce CORRENTE ELETTRICA un moto ordinato di cariche elettriche. Il moto ordinato è distinto dal moto termico, che è invece disordinato, ed è sovrapposto a questo. Il moto ordinato

Dettagli

CARTA DEI DIRITTI DELLA PERSONA AFFETTA DA DOLORE

CARTA DEI DIRITTI DELLA PERSONA AFFETTA DA DOLORE CARTA DEI DIRITTI DELLA PERSONA AFFETTA DA DOLORE e 3 CARTA DEI DIRITTI DELLA PERSONA AFFETTA DA DOLORE La lotta al dolore vede impegnati la persona con i suoi familiari, gli operatori sanitari e l organizzazione

Dettagli

1 di 3 07/06/2010 14.04

1 di 3 07/06/2010 14.04 Principi 1 http://digilander.libero.it/emmepi347/la%20pagina%20di%20elettronic... 1 di 3 07/06/2010 14.04 Community emmepi347 Profilo Blog Video Sito Foto Amici Esplora L'atomo Ogni materiale conosciuto

Dettagli

Progetto Nazionale di Ricerca sugli Eventi Avversi Presentazione dei risultati dell ACO San Filippo Neri

Progetto Nazionale di Ricerca sugli Eventi Avversi Presentazione dei risultati dell ACO San Filippo Neri Progetto Nazionale di Ricerca sugli Eventi Avversi Presentazione dei risultati dell ACO San Filippo Neri Lorenzo Sommella Silvana Cinalli - Amalia Biasco Luigi Pinnarelli Maria Maddalena Sanna Studio dell

Dettagli

Marco Trabucchi Editoriale. Tendenze nuove (ISSN 2239-2378) Fascicolo 6, novembre-dicembre 2013. Il Mulino - Rivisteweb. (doi: 10.

Marco Trabucchi Editoriale. Tendenze nuove (ISSN 2239-2378) Fascicolo 6, novembre-dicembre 2013. Il Mulino - Rivisteweb. (doi: 10. Il Mulino - Rivisteweb Marco Trabucchi Editoriale (doi: 10.1450/75605) Tendenze nuove (ISSN 2239-2378) Fascicolo 6, novembre-dicembre 2013 Copyright c by Società editrice il Mulino, Bologna. Tutti i diritti

Dettagli

La presa in carico del paziente con dolore acuto e cronico misurazione del dolore. Loreta Zenatti

La presa in carico del paziente con dolore acuto e cronico misurazione del dolore. Loreta Zenatti 9-10 Aprile Madonna di Campiglio La presa in carico del paziente con dolore acuto e cronico misurazione del dolore Loreta Zenatti La persona con dolore è la protagonista principale Che coinvolge tutti

Dettagli

Risultati del triage e del follow-up post-trattamento con HPV-DNA test

Risultati del triage e del follow-up post-trattamento con HPV-DNA test Lo screening per la prevenzione dei tumori della cervice uterina in Emilia Romagna Risultati del triage e del follow-up post-trattamento con HPV-DNA test Bologna, 29 marzo 2011 HPV TEST NEL TRIAGE DI ASC-US

Dettagli

MANUALE APPLICATIVO NEUROVASCOLARE

MANUALE APPLICATIVO NEUROVASCOLARE MANUALE APPLICATIVO NEUROVASCOLARE Vers. Tratt. Database: 230 Copyright Copyright 01/01/2012 Lorenz Lifetech s.r.l. ... 2 Guida introduttiva... 3 Protocolli applicativi... 4 Criteri di esclusione... 5

Dettagli

Le nuove frontiere dell elettroterapia: l Horizontal Therapy

Le nuove frontiere dell elettroterapia: l Horizontal Therapy Le nuove frontiere dell elettroterapia: l Horizontal Therapy Horizontal Therapy. Terapia di recente acquisizione nell ambito dell elettroterapia, brevettata dalla casa produttrice Hako-Med a partire da

Dettagli

POLIRADICOLONEURITI L.PAVONE, F.GRECO. Dipartimento di Pediatria Università di Catania

POLIRADICOLONEURITI L.PAVONE, F.GRECO. Dipartimento di Pediatria Università di Catania POLIRADICOLONEURITI L.PAVONE, F.GRECO Dipartimento di Pediatria Università di Catania POLIRADICOLONEURITI Infiammazioni di alcune o anche di numerose radici dei nervi spinali e dei relativi tronchi nervosi

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

CONGRESSO INTERNAZIONALE 25 Anno Fondazione SIOOT. 11 Congresso Mondiale Ossigeno Ozono Terapia. 15-18 novembre 2007

CONGRESSO INTERNAZIONALE 25 Anno Fondazione SIOOT. 11 Congresso Mondiale Ossigeno Ozono Terapia. 15-18 novembre 2007 CONGRESSO INTERNAZIONALE 25 Anno Fondazione SIOOT 11 Congresso Mondiale Ossigeno Ozono Terapia 15-18 novembre 2007 Centro Congressi Giovanni XXIII Viale Papa Giovanni XXIII, 106 - BERGAMO Dott. L. Bastianello

Dettagli

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il sistema nervoso dell impianto elettrico Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il compito principale di un cavo è quello di trasportare l energia all interno di un

Dettagli

Serie numeriche e serie di potenze

Serie numeriche e serie di potenze Serie numeriche e serie di potenze Sommare un numero finito di numeri reali è senza dubbio un operazione che non può riservare molte sorprese Cosa succede però se ne sommiamo un numero infinito? Prima

Dettagli

La sindrome pseudo radicolare: quando muscoli, legamenti, articolazioni imitano il dolore radicolare di Dr. Giovanni Migliaccio

La sindrome pseudo radicolare: quando muscoli, legamenti, articolazioni imitano il dolore radicolare di Dr. Giovanni Migliaccio La sindrome pseudo radicolare: quando muscoli, legamenti, articolazioni imitano il dolore radicolare di Dr. Giovanni Migliaccio La sindrome radicolare pura si esprime con un dolore irradiato nel territorio

Dettagli

Termoablazione con Radiofrequenza dei Noduli Tiroidei Benigni

Termoablazione con Radiofrequenza dei Noduli Tiroidei Benigni Termoablazione con Radiofrequenza dei Noduli Tiroidei Benigni Introduzione Numerose evidenze scientifiche hanno documentato, nel corso dell ultimo decennio, l efficacia del trattamento dei noduli solidi

Dettagli

GESTIONE DELLE EPILESSIE FARMACORESISTENTI UN REPORT DI HTA PER LE REGIONI EMILIA ROMAGNA, LAZIO, LOMBARDIA

GESTIONE DELLE EPILESSIE FARMACORESISTENTI UN REPORT DI HTA PER LE REGIONI EMILIA ROMAGNA, LAZIO, LOMBARDIA GESTIONE DELLE EPILESSIE FARMACORESISTENTI UN REPORT DI HTA PER LE REGIONI EMILIA ROMAGNA, LAZIO, LOMBARDIA Stefania Lopatriello pbe consulting, Verona HTA E ANALISI DEI PERCORSI TERAPEUTICI Tre sono i

Dettagli

SCUOLA SPECIALISTICA IN FISIOTERAPIA ORTOKINETICA

SCUOLA SPECIALISTICA IN FISIOTERAPIA ORTOKINETICA SCUOLA SPECIALISTICA IN FISIOTERAPIA ORTOKINETICA TERAPIA MANUALE E FISIOTERAPIA NEURO-MUSCOLOSCHELETRICA SEDE DI TORINO FORMAZIONE MODULARE STRUTTURATA È questa un innovativa Formazione Modulare Strutturata

Dettagli

Per una rapida e sicura rimozione endovenosa delle vene varicose e delle varici

Per una rapida e sicura rimozione endovenosa delle vene varicose e delle varici Per una rapida e sicura rimozione endovenosa delle vene varicose e delle varici Dove passione e tecnologia si incontrano, nasce l'innovazione... Le vene varicose influenzano la qualità della vita di milioni

Dettagli

CORSO DI IMPIANTI ELETTRICI

CORSO DI IMPIANTI ELETTRICI CORSO DI IMPIANTI ELETTRICI Fondamenti di sicurezza elettrica PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA STUDIO DI INGEGENERIA MAGRINI POLLONI MARCO VIA SAN CARLO 5 27100 PAVIA TEL. 0382-21902 Impianti elettrici

Dettagli

PROCEDURE - GENERALITA

PROCEDURE - GENERALITA PROCEDURE - GENERALITA Le PROCEDURE sono regole scritte, utili strumenti di buona qualità organizzativa, con le quali lo svolgimento delle attività viene reso il più possibile oggettivo, sistematico, verificabile,

Dettagli

La Sclerosi Multipla (SM) è una patologia infiammatorio-degenerativa del Sistema Nervoso Centrale a decorso cronico che colpisce il giovane adulto.

La Sclerosi Multipla (SM) è una patologia infiammatorio-degenerativa del Sistema Nervoso Centrale a decorso cronico che colpisce il giovane adulto. Sclerosi multipla FONTE : http://www.medicitalia.it/salute/sclerosi-multipla La Sclerosi Multipla (SM) è una patologia infiammatorio-degenerativa del Sistema Nervoso Centrale a decorso cronico che colpisce

Dettagli

Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico

Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico Eleonora Biasin - Oncoematologia Pediatrica Ospedale Infantile Regina Margherita di Torino, Responsabile GIC Tossicità Tardiva e Secondi Tumori; Franca

Dettagli

Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA. T. Mandarino (MMG ASL RMA )

Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA. T. Mandarino (MMG ASL RMA ) Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA T. Mandarino (MMG ASL RMA ) La Malattia di Alzheimer La malattia di Alzheimer è la forma più frequente

Dettagli

La percezione dello stato di salute e la depressione nella ASL di Terni

La percezione dello stato di salute e la depressione nella ASL di Terni La percezione dello stato di salute e la depressione nella ASL di Terni Come si misura la qualità della vita in relazione alla salute La definizione di salute dell Oms indica uno stato ideale, con un concetto

Dettagli

L OMS ha promosso dal 1992 azioni volte alla valutazione ed alla gestione del dolore dei pazienti ricoverati in ospedale

L OMS ha promosso dal 1992 azioni volte alla valutazione ed alla gestione del dolore dei pazienti ricoverati in ospedale Dolore acuto postoperatorio: p alleanza fra professionisti Giovanni Vitale Lauretta Bolognesi Da anni si discute sulla necessità di rendere i luoghi di cura ambienti sicuri, ove la persona malata possa

Dettagli