CORSO DI FORMAZIONE. RISCHIO ELETTRICO (d.lgs 81/08 Capo III)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CORSO DI FORMAZIONE. RISCHIO ELETTRICO (d.lgs 81/08 Capo III)"

Transcript

1 Pedelombarda scarl CORSO DI FORMAZIONE RISCHIO ELETTRICO (d.lgs 81/08 Capo III) MODULO 1 Docente : dott.ing. Paolo Beghelli

2 1. SOMMARIO 1. SOMMARIO 2 2. OBIETTIVI DEL CORSO 3 3. NORMATIVA ELETTRICA 4 4. PERICOLOSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA PREMESSE PERCEZIONE DELLA CORRENTE ELETTRICA EFFETTI FISIOPATOLOGICI LIMITI DI PERICOLOSITA DELLA CORRENTE RESISTENZA ELETTRICA DEL CORPO UMANO LIMITI DI PERICOLOSITA DELLA TENSIONE 9 5. INTERVENTI DI PRIMO SOCCORSO IN CASO DI SCOSSA ELETTRICA L IMPIANTO ELETTRICO IN CASO DI INCENDIO L impianto elettrico come causa di incendio L impianto elettrico in caso di incendio Comportamenti in caso di incendio che coinvolga l impianto elettrico SISTEMI DI PROTEZIONE ( NORME CEI 64-8 ) CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI DEFINIZIONI PROTEZIONE CONTRO I CONTATTI DIRETTI PROTEZIONE CONTRO I CONTATTI INDIRETTI (SISTEMI DI CAT. I) UTILIZZO DI APPARECCHI DI CLASSE II (a doppio isolamento) INTERRUZIONE AUTOMATICA DEL CIRCUITO PROTEZIONE PER SEPARAZIONE ELETTRICA PROTEZIONE CONTRO I CONTATTI INDIRETTI (SISTEMI DI CAT.II) MANTENIMENTO DELL IMPIANTO ELETTRICO IN EFFICIENZA 28 ST03R01A Corso su Rischio elettrico pag.2 di 28

3 2. OBIETTIVI DEL CORSO Il corso si rivolge a lavoratori non addetti a lavori elettrici, ma che utilizzano macchinario o apparecchiature elettriche oppure operano in presenza di impianti elettrici anche complessi di categoria 0,I,II ( = V) nei cantieri del consorzio di Imprese Pedelombarda scarl. Scopo del corso è quello di formare gli operatori sia dal punto di vista teorico che pratico affinché possano essere definiti dal datore di lavoro come persone istruite Persone idonee ad utilizzare macchinario e attrezzature elettriche ed a eseguire lavori non elettrici in presenza di impianti elettrici con tensioni fino a V. Docente : dott.ing. Beghelli Paolo Curriculum docente : Iscritto ordine ingegneri della Prov. di Milano Iscritto elenco verificatori legge 46/90 Iscritto elenco collaudatori Reg. Lombardia per gli impianti tecnologici Iscritto elenco professionisti abilitati alla prevenzione incendi legge 818/ Docente di ruolo in tecnologie disegno e progettazione presso ITIS Marconi- Gorgonzola Partecipazione corsi di aggiornamento Corsi di formazione / aggiornamento per RSPP presso Fondazione ordine ingg. Prov.-Milano e presso Inarsind sindacato ingegneri e architetti, Macrosettori Ateco 4,6,7,8,9. Corso di perfezionamento presso CESI Milano - Tuttonormel Luoghi con pericolo di esplosione Corso di formazione presso UNI Nuova direttiva ATEX ST03R01A Corso su Rischio elettrico pag.3 di 28

4 3. NORMATIVA ELETTRICA La normativa in campo elettrico cui far riferimento ai fini della sicurezza durante i lavori o l esercizio di impianti elettrici nei cantieri di costruzione è la seguente : d.lgs. 81/08 testo unico sulla sicurezza D.P.R. 164/1956 norme per al prevenzione degli infortuni sul lavoro nelle costruzioni D.P.R. 320/1956 lavori in sotterraneo Norme CEI lavori su impianti elettrici Norme CEI EN l esercizio degli impianti elettrici d.lgs.81/08 ( ex d.lgs 626/1994 ) Il d.lgs. 81/08 tratta tutta la materia inerente la sicurezza nei luoghi di lavoro con caratteristiche di legge quadro su tutte le situazioni che possono presentare rischi per I lavoratori. Essa da delle indicazioni generali rimandando poi a leggi o decreti specifici per l attuazione. Gli aspetti salienti dell 81/08 possono essere così riassunti : i soggetti coinvolti sono : datore di lavoro lavoratori responsabile del servizio di prevenzione protezione rappresentante dei lavoratori per la sicurezza medico competente le azioni importanti riportate nel decreto e a cura del datore di lavoro sono : valutazione dei rischi sicurezza ed ergonomia dei luoghi di lavoro sicurezza ed ergonomia delle macchine e delle attrezzature formazione/informazione dei lavoratori redazione di procedure per determinate lavorazioni fornitura di DPI ai singoli lavoratori e formazione sul loro utilizzo Per la parte relativa all impiantistica ed alle macchine ed attrezzature l osservanza delle leggi specifiche assolve in gran parte l osservanza delle prescrizioni. Per l impiantistica elettrica seguire le prescrizioni del DM 37/08 ( ex legge 46/90 ) ST03R01A Corso su Rischio elettrico pag.4 di 28

5 Per le macchine ed attrezzature utilizzare solo quelle munite di marchio CE Da parte dei lavoratori sussiste l obbligo all osservanza delle disposizioni e procedure impartite dal datore di lavoro e all utilizzo e conservazione in modo consono delle macchine, attrezzature e DPI loro affidati. Nello specifico della sicurezza elettrica La valutazione dei rischi va fatta tenendo conto di tutti i pericoli connessi all utilizzo delle corrente elettrica per cui per danni diretti e indiretti.per esempio : incendio, esplosione, caduta del lavoratore, danni causati dalla mancanza di elettricità ( vedi ospedali), ecc. ST03R01A Corso su Rischio elettrico pag.5 di 28

6 4. PERICOLOSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA 4.1 PREMESSE Inizia con questo capitolo l esame dei metodi di protezione dalle fulminazioni elettriche, metodi aventi lo scopo di aumentare il livello di sicurezza delle attività che comportano l uso dell elettricità. L obiettivo dei metodi di protezione non è quello di realizzare la sicurezza assoluta, quanto piuttosto un accettabile livello di sicurezza, in relazione all attività svolta, alle persone coinvolte, all entità di danno probabile che si avrebbe al verificarsi di un evento sfavorevole. Il richiamo alle persone coinvolte è importante : le stesse norme fanno riferimento a personale addestrato e non; è evidente, per esempio, che predisporre sistemi che impediscano il contatto con parti chiaramente in tensione è più importante in un abitazione che in una centrale elettrica, appunto per il diverso livello di conoscenza del pericolo delle persone interessate. Apprestare sistemi per la protezione dai pericoli della corrente elettrica presuppone la conoscenza di tale pericolosità ed è questo l obiettivo del presente capitolo. 4.2 PERCEZIONE DELLA CORRENTE ELETTRICA Gli organismi viventi sono molto sensibili alle correnti elettriche, com è noto sin dai tempi degli esperimenti di Galvani e Volta. Nel caso di contatto tra mano e filo di rame sono stati rilevati i seguenti valori come soglia di percezione. corrente continua 5 ma (uomini) 3,5 ma (donne) corrente alternata a 60 Hz 1,1 ma (uomini) 0,7 ma (donne) E da notare che la parte del corpo umano più sensibile alla corrente è la lingua, con soglia di percezione di circa 50µA. Sui valori precedenti ha notevole influenza la frequenza : la corrente continua e le ad alta frequenza sono meno avvertite di quelle a frequenza industriale.: 4.3 EFFETTI FISIOPATOLOGICI Il passaggio di corrente elettrica attraverso il corpo umano può produrre vari effetti, consistenti generalmente in alterazioni delle varie funzioni vitali (controllo dei movimenti, respirazione, battito cardiaco) e lesioni al sistema nervoso, ai vasi sanguigni, all apparato visivo e uditivo, all epidermide, ecc-. Tra i vari fenomeni alcuni sono particolarmente frequenti e pericolosi; l indagine sperimentale, condotta sia su persone che su animali, ha permesso di stabilire dei valori statistici medi della corrente per la quale si ha l insorgenza di tali fenomeni. ST03R01A Corso su Rischio elettrico pag.6 di 28

7 Tetanizzazione dei muscoli Consiste nella contrazione involontaria dei muscoli interessati al passaggio della corrente, non più comandati dagli impulsi elettrici fisiologici. Nella forma più grave non consente all interessato di staccarsi dalla parte in tensione, prolungando quindi il contatto e producendo effetti ancor più dannosi. Il fenomeno della tetanizzazione non si verifica per correnti di elevata intensità, conseguenti a contatto con parti in alta tensione: è possibile in questo caso, data la violenta contrazione del muscolo, che il contatto sia brevissimo e non comporti gravi conseguenze. Difficoltà e arresto della respirazione Correnti di durata maggiore anche di valori non elevati, possono provocare difficoltà e arresto della respirazione, con effetti sempre più gravi all aumentare dell intensità della corrente e della durata del contatto. La causa va ricercata nella contrazione dei muscoli addetti alla respirazione e nella paralisi dei centri nervosi da cui dipende questa funzione. Il fenomeno è reversibile solo se si interviene entro pochi minuti dall infortunio. Fibrillazione ventricolare E l effetto più pericoloso prodotto dal passaggio di corrente nel corpo umano ed è quello che provoca il maggior numero di decessi per folgorazione elettrica. La fibrillazione ventricolare è uno stato di asincronismo completo delle fibre miocardiche ventricolari, durante il quale ciascuna fibra sviluppa una contrazione propria e indipendente. La presenza di correnti esterne fa perdere l ordine di azionamento ritmico, generando una contrazione scoordinata e caotica che impedisce al cuore di svolgere la sua funzione e che porta alla morte per arresto cardiaco e della circolazione sanguigna. La fibrillazione si automantiene, per cui, una volta innescata, continua anche se cessa la causa che l ha provocata. La morte del soggetto può essere impedita solo con la defibrillazione, mediante un apposito apparecchio defibrillatore da usarsi entro pochi minuti. Questo tempo può essere prolungato con il massaggio cardiaco e la respirazione bocca a bocca. Un caso particolare, estremamente pericoloso, è quello del contatto interno che si verifica, per esempio, in pazienti ricoverati in unità coronariche e aventi cateteri in prossimità del cuore. In questo caso la corrente può fluire attraverso il catetere, andando tutta a interessare il muscolo cardiaco, raccogliendosi sulla piccola superficie a contatto con l elettrodo. In questa zona la densità di corrente può diventare tale da provocare fibrillazione, anche se la corrente totale immessa nel corpo ha valori molto più piccoli che nel caso di contatto esterno. Altro fattore da considerare è lo stato di salute generale dell infortunato : la debolezza fisica conseguente a malattia o ad altro fa diminuire la soglia di fibrillazione, rendendo più probabile il suo innesco. Per questa ragione gli impianti elettrici per ospedali e locali medici sono soggetti a norme di prevenzione degli infortuni più severe rispetto a quelle per ambienti normali. Ustioni Le ustioni sono prodotte dal calore sviluppato per effetto Joule dalla corrente che fluisce attraverso il corpo. La pelle è il tessuto più esposto alle ustioni. Densità di corrente di qualche ma/mm 2 provocano già ustioni per durate dell ordine del secondo, mentre densità di circa 50 ma/mm 2 provocano, in pochi secondi, la carbonizzazione della pelle. ST03R01A Corso su Rischio elettrico pag.7 di 28

8 Siccome la corrente elettrica passa preferibilmente all interno del corpo umano, può causare gravi lesioni interne. 4.4 LIMITI DI PERICOLOSITA DELLA CORRENTE Nel caso, generalmente più frequente, di contatto esterno con corrente alternata a frequenza industriale, i limiti di pericolosità si possono così riassumere: - per correnti fino a un valore convenzionale di 0,5 ma (soglia di percezione) il passaggio di corrente non provoca alcuna reazione, qualunque sia la sua durata; - per correnti fino a 10mA (limite di rilascio), di durata qualsiasi, non si hanno in genere effetti fisiopatologici pericolosi e il soggetto è sempre in grado di staccarsi dal contatto; tale valore si può considerare come il limite di pericolosità convenzionale; - valori di corrente superiori a 10mA non producono ancora effetti fisiopatologici pericolosi e si è in grado di staccarsi dal contatto, a patto che la durata sia contenuta entro limiti decrescenti all aumentare della corrente, per esempio con corrente di 100mA è ammissibile un contatto di durata non superiore a 0,1s; - correnti maggiori producono effetti sempre più gravi, quali difficoltà di respirazione, asfissia, blocco respiratorio, fibrillazione ventricolare con probabilità di innesco sempre maggiore; all aumentare della durata del contatto la pericolosità aumenta, nel senso che diminuisce la corrente necessaria a produrre i vari effetti. 4.5 RESISTENZA ELETTRICA DEL CORPO UMANO Si detto nel paragrafo precedente che, nel caso di corrente alternata a frequenza industriale, si può assumere pari a 10mA il limite di pericolosità convenzionale. Ai fini pratici interessa però maggiormente quale valore di tensione è in grado di far circolare attraverso il corpo una determinata corrente. Indicando con I p la corrente che fluisce attraverso la persona e con R c la resistenza del corpo tra i punti di contatto, il prodotto R c I p = V c è la tensione di contatto a cui è soggetto il corpo umano. Dalle considerazioni fatte risulta evidente l importanza di definire con una buona approssimazione i valori che assume la resistenza del corpo umano tra i punti di contatto. Indicativamente si può considerare una resistenza pari a circa 2000/3000 ohm. In condizioni di pelle bagnata con acqua il valore di R c si riduce del 25% rispetto ai valori normali Nel caso di mani sudate (soluzione conduttrice) la riduzione è anche del 50%. Nel caso che il contatto avvenga mediante l interposizione di strati isolanti (guanti, calzature, pedane ecc.), alla resistenza R c occorre aggiungere quella degli altri elementi; la resistenza complessiva può raggiungere in questo caso valori molto alti, rendendo tollerabili, a parità di corrente fluente nel corpo, tensioni dell ordine delle migliaia di volt. ST03R01A Corso su Rischio elettrico pag.8 di 28

9 4.6 LIMITI DI PERICOLOSITA DELLA TENSIONE Si è visto nel paragrafo precedente che il prodotto : V c = R c I p dà la tensione di contatto a cui è soggetto il corpo umano durante il passaggio della corrente I p. Valori della tensione di contatto inferiori a 50V in alternata e 120V in continua si considerano sopportabili per un tempo teoricamente infinito, aumentando la tensione si riduce il tempo massimo di sopportabilità, in accordo con quanto detto sugli effetti della corrente. La normativa CEI fa riferimento al tempo di 5 s; la tensione corrispondente V t = 50V è detta tensione di contatto limite ed è il valore della tensione di contatto a vuoto sopportabile in condizione di sicurezza per un tempo massimo di 5 s. Per ambienti di particolare pericolosità, come cantieri e locali medici, il valore limite è stato ridotto a 25V. Nei locali adibiti ad uso medico sono necessari anche alcuni interventi addizionali come la messa a terra delle masse e masse estranee La ragione di tale riduzione sta nel minor valore di resistenza complessiva (R c + R tp) che è possibile presentare in tali luoghi. CURVA DI PERICOLOSITA TEMPO /CORRENTE ( IN C.A.) ST03R01A Corso su Rischio elettrico pag.9 di 28

10 ST03R01A Corso su Rischio elettrico pag.10 di 28

11 5. INTERVENTI DI PRIMO SOCCORSO IN CASO DI SCOSSA ELETTRICA In caso di persona colpita da scossa elettrica i primi interventi, in attesa del medico, consistono in : Togliere tensione al circuito, aprendo l interruttore generale,prima di avvicinarsi alla persona colpita Se la persona non respira procedere con la respirazione artificiale con un metodo conosciuto Se la persona ha il cuore in fibrillazione utilizzare un apparecchio defibrillatore nel più breve tempo possibile ( pochi minuti ). Eventualmente cercare di guadagnare tempo con massaggio cardiaco e respirazione artificiale. In caso di ustioni procedere con le cure del caso Accertarsi di eventuali lesioni interne dovute ad ustioni causate dal passaggio delle corrente elettrica. ST03R01A Corso su Rischio elettrico pag.11 di 28

12 6. L IMPIANTO ELETTRICO IN CASO DI INCENDIO 6.1 L impianto elettrico come causa di incendio Un impianto elettrico progettato, realizzato e mantenuto a regola d arte è assai difficile che possa essere causa primaria di incendio. La protezione degli impianti contro i rischi di incendio è infatti prescritta dalle norme CEI. Più spesso quando si da in prima battuta la colpa all impianto elettrico si tratta o di impianti obsoleti o comunque non a regola d0 arte o che pur eseguiti correttamente hanno visto nel tempo mutare l ambiente circostante. Ad esempio un impianto elettrico eseguito a regola d arte per un negozio di salumiere può essere non adatto se l attività diventa vendita di vernici e solventi oppure tessuti sintetici.oppure più spesso vengono utilizzate apparecchiature elettriche in modo non conforme alle norme o alle istruzioni del fabbricante ( fornello elettrico appoggiato a moquette, faretti alogeni vicino a strutture in legno, salviette ad asciugare sopra stufette elettriche, ecc. ecc. ). Quindi l uso improprio dell impianto o di apparecchiature elettriche può senz altro essere causa di incendio. 6.2 L impianto elettrico in caso di incendio In caso di incendio comunque l impianto elettrico può contribuire ad alimentarlo o ad aggravarne le conseguenze.soprattutto i cavi elettrici in grande quantità possono costituire un pericolo sia come combustibili veri e propri sia come sorgenti di emissione di fumi e gas tossici.attualmente i cavi utilizzati negli impianti ( diciamo da una decina d anni ) sono tutti di tipo non propagante l incendio, mentre in alcuni ambienti, sia per motivi legati all aerazione che alle difficoltà di sfollamento in caso di incendio,vengono prescritti anche di tipo a basso sviluppo di fumi e gas tossici ( per esempio nei luoghi di ritrovo e spettacolo ). I cavi, specialmente quelli isolati in PVC possono infatti sprigionare in caso di incendio oltre a fumi e gas ricchi di alogenuri ( cloruri ). 6.3 Comportamenti in caso di incendio che coinvolga l impianto elettrico In caso di principio di incendio causato dall impianto, per esempio con scariche o scintille, spesso basta aprire l interruttore generale per eliminare sia causa che effetto, in quanto come già detto ormai i cavi e le apparecchiature elettriche hanno buone proprietà autoestinguenti. Nel caso generale di incendio occorre comunque seguire le direttive del piano di sicurezza aziendale ricordando che : - prima di procedere a operazioni di spegnimento occorre sezionare l impianto elettrico agendo sull interruttore generale - in caso di interventi di spegnimento su impianti elettrici utilizzare esclusivamente estintori di tipo B o C (a polvere o CO 2). - in caso di incendio che coinvolga quantità sensibili di cavi elettrici aerare il più possibile per evacuare fumi e gas ST03R01A Corso su Rischio elettrico pag.12 di 28

13 7. SISTEMI DI PROTEZIONE ( norme CEI 64-8 ) 7.1 CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI DEFINIZIONI Norme CEI 64-8 /2 PARTI ATTIVE : CONTATTO DIRETTO : contatto con una parte dell impianto elettrico in tensione, che si trova normalmente in tensione CONTATTO INDIRETTO : contatto con una parte dell impianto elettrico in tensione, normalmente non in tensione ma che può andare in tensione a causa di un cedimento dell isolamento principale. MASSA : parte metallica di un impianto che può andare in tensione in caso di cedimento dell isolamento principale 7.2 PROTEZIONE CONTRO I CONTATTI DIRETTI OSTACOLI : protezione parziale, la protezione non impedisce l accesso intenzionale o accidentale a parti in tensione. E idoneo in luoghi ove hanno accesso persone addestrate BARRIERE : protezione contro il contatto con parti in tensione nelle direzioni di normale accesso ( protezione parziale o totale. INVOLUCRI : protezione contro i contatti diretti tramite isolamento conforme alla tensione nominale e grado di protezione IP adatto all ambiente ST03R01A Corso su Rischio elettrico pag.13 di 28

14 ST03R01A Corso su Rischio elettrico pag.14 di 28

15 ST03R01A Corso su Rischio elettrico pag.15 di 28

16 BASSISSIMA TENSIONE DI SICUREZZA Circuiti SELV : tensione fino a 25 Volt, trasformatore di sicurezza, nessun punto a terra Circuiti PELV : come circuito SELV ma con secondario a terra Circuiti FELV : non hanno tutte le caratteristiche dei circuiti SELV e PELV per cui non sono idonei da soli alla protezione contro i contatti diretti ( aggiungere ad esempio involucri ) L utilizzo di apparecchi a bassissima tensione di sicurezza permette di lavorare in assoluta tranquillità, in quanto tensioni = 24V non sono ritenute pericolose. Tali apparecchi sono alimentati tramite un trasformatore 230/24/12 Volt che però deve essere marcato di sicurezza e con marchio CE. Se il trasformatore non è di sicurezza, possono crearsi situazioni di pericolo in caso di guasti in quanto il trasformatore deve costituire una barriera sicura tra impianto a tensione normale (230V) e l apparecchio. 7.3 PROTEZIONE CONTRO I CONTATTI INDIRETTI (SISTEMI DI CAT. I) Tenere presente il concetto di doppia barriera UTILIZZO DI APPARECCHI DI CLASSE II (a doppio isolamento) Esistono in commercio apparecchi di classe II, noti come a doppio isolamento. Questo tipo di protezione è prescritta per gli apparecchi portatili ( per es. asciugacapelli, trapani, ecc.), In essi non è presente (anzi è proibito) il polo di terra e la sicurezza è garantita da un doppio strato di isolamento rispetto al normale. Occorre fare attenzione nel sostituire le spine di tali apparecchi solo con cordoni già predisposti a 2 poli. ST03R01A Corso su Rischio elettrico pag.16 di 28

17 7.3.2 INTERRUZIONE AUTOMATICA DEL CIRCUITO Tale modalità prevede l intervento di un dispositivo di protezione in caso di difetto dell isolamento principale con possibile contatto a massa. Le modalità di protezione dipendono dalla configurazione del sistema elettrico. SISTEMA TT Collegamento a terra di tutte le masse Interruzione automatica del circuito di alimentazione secondo la relazione : Ra 50 / Id Ra = resistenza dell impianto di terra nel punto di guasto 50 V tensione limite ( per i cantieri la tensione limite è 25 Volt) Id = corrente di intervento del dispositivo di protezione entro 5 sec. ST03R01A Corso su Rischio elettrico pag.17 di 28

18 ST03R01A Corso su Rischio elettrico pag.18 di 28

19 SISTEMA TN Collegamento a terra di tutte le masse Interruzione automatica del circuito di alimentazione secondo la relazione Zs x Ia Uo dove Zs = impedenza dell anello di guasto Ia = corrente di intervento del dispositivo di interruzione entro 5 sec oppure entro i valori riportati in tabella Uo = tensione nominale in valore efficace verso terra Uo (V) TEMPO INTERRUZIONE (sec) 120 0, , ,2 >400 0,1 ST03R01A Corso su Rischio elettrico pag.19 di 28

20 SISTEMA IT Collegamento di tutte le masse a terra Deve essere soddisfatta la seguente relazione RtxId 50 V Ra = resistenza dell impianto di terra 50 V tensione limite Id = corrente di guasto per primo guasto a terra. Si deve prevedere un dispositivo di controllo di isolamento che rilevi il primo guasto a terra. Non è necessario interrompere il circuito per primo guasto a terra. Il secondo guasto a terra evolve in corto circuito per cui interviene il dispositivo di massima corrente ST03R01A Corso su Rischio elettrico pag.20 di 28

21 7.3.3 PROTEZIONE PER SEPARAZIONE ELETTRICA Tale modalità prevede l installazione di un trasformatore di isolamento senza punti del secondario a terra. Le masse devono essere collegate tra di loro ma non a terra. Può essere installato un controllo di isolamento. L impianto non deve essere molto esteso per limitare le correnti di dispersione capacitive. ST03R01A Corso su Rischio elettrico pag.21 di 28

22 7.4 PROTEZIONE CONTRO I CONTATTI INDIRETTI (SISTEMI DI CAT.II) Nel nostro caso, essendo la fornitura in MT, occorre soddisfare anche le prescrizioni previste dalle norme Le norme prevedono la connessione tra l impianto di terra di MT con quello di bt per cui la tensione ammissibile di contatto deve soddisfare le condizioni sottoriportate. ST03R01A Corso su Rischio elettrico pag.22 di 28

23 ST03R01A Corso su Rischio elettrico pag.23 di 28

24 Nel caso i cui la resistenza di terra non soddisfi alle condizioni poste dalla norma, occorre procedere alla misura delle tensioni di passo e contatto. Importante per ottenere la massima sicurezza è la realizzazione di una maglia equipotenziale, facendo attenzione alle situazioni che potrebbero crearsi ai bordi delle stessa, ove il gradiente di tensione è sempre più elevato. ST03R01A Corso su Rischio elettrico pag.24 di 28

25 8. LUOGHI CONDUTTORI RISTRETTI ST03R01A Corso su Rischio elettrico pag.25 di 28

26 9. LAVORI SU IMPIANTI ELETTRICI 9.1 Normativa La normativa di riferimento per i lavori su impianti elettrici e per il loro esercizio, è costituita i particolare da Norme CEI lavori su impianti elettrici Norme CEI EN l esercizio degli impianti elettrici Nel settore dei lavori in galleria si applicano anche le prescrizioni del DPR 320 / Definizioni Vengono riportate alcune definizioni elencate nelle norme CEI e CEI EN Per le altre definizioni si rimanda al testo delle norme Lavoro sotto tensione : Ogni attività in cui l operatore entra deliberatamente nell zona di lavoro sotto tensione con qualsiasi parte del corpo o con attrezzi /utensili, apparecchi o dispositivi da lui maneggiati Lavoro fuori tensione : ogni attività su impianti elettrici dopo che è stata sezionata l alimentazione emesse in atto tutte le procedure di sicurezza previste Persona esperta PES : Persona con istruzione, conoscenza ed esperienza rilevanti tali da consentirle di analizzare i rischi e di evitare i pericoli che l elettricità può creare Persona Avvertita PAV : Persona adeguatamente avvisata da persone sperte per metterla in grado di evitare i pericoli che l elettriità può creare Persona Comune PEC : persona né esperta né avvertita Persona idonea : persona esperta, che per le sue capacità professionali e attitudini e competenze personali è autorizzata ad eseguire lavori sotto tensione Responsabile dell impianto : persona designata alla più altra responsabilità nelle conduzione dell impianto elettrico Preposto ai lavori : persona designata alla più altra responsabilità della conduzione del lavoro ST03R01A Corso su Rischio elettrico pag.26 di 28

27 Distanza limite DL : distanza regolamentata che varia al variare della tensione di esercizio dell impianto Distanza di prossimità Dp: distanza regolamentata che si ottiene aggiungendo alla DL una quantità pari a 0,50 metri in bt e 1 metro in A.T. ( sino a 110 kv) 9.3 PIANO DI LAVORO Sia per lavori fuori tensione che sotto tensione è indispensabile predisporre un piano di lavoro Il piano di lavoro deve essere scritto nel caso di impianti complessi Nel caso di lavoro elettrico fuori tensione la procedura può essere riassunta nei seguenti punti essenziali : Nome CEI lavori su impianti elettrici Art. 11 il lavoro fuori tensione (bt e AT) individuare la zona di lavoro sezionare completamente la parte d impianto interessata dal lavoro prendere provvedimenti contro la richiusura intempestiva dei dispositivi di sezionamento verificare che l impianto sia fuori tensione eseguire la messa a terra e in corto circuito delle parti attive sezionate realizzare le misure di protezione verso le eventuali altre parti attive adiacenti Nel caso di lavoro elettrico sotto tensione devono essere predisposti i necessari DPI per l operatore. Vale la regola della doppia barriera ST03R01A Corso su Rischio elettrico pag.27 di 28

28 10. MANTENIMENTO DELL IMPIANTO ELETTRICO IN EFFICIENZA L impianto deve essere anche mantenuto efficiente nel tempo per non abbassare il livello di sicurezza. Periodicamente ( almeno ogni 6 mesi ) è opportuno eseguire una verifica generale degli impianti secondo i seguenti criteri : Esame a vista Esaminare le modalità di installazione dei materiali e delle apparecchiature per verificare la rispondenza alla normativa vigente e che non siano stati modificati i gradi di protezione certificati dai costruttori. Verificare le modalità di posa dei conduttori all interno delle condutture. Prove di funzionalità Con l impianto in tensione provare i circuiti di alimentazione e di accensione delle lampade e di alimentazione delle varie utenze. In particolare verificare il corretto intervento dell illuminazione di sicurezza. Prove intervento interruttori differenziali Con strumento specifico verificare i tempi d intervento degli interruttori differenziali a protezione delle linee d alimentazione dei circuiti. Collegamenti equipotenziali e continuità conduttori di protezione Con strumento specifico verificare i collegamenti equipotenziali sulle masse e sulle masse estranee dell impianto e la continuità dei conduttori di protezione. VERIFICHE ISPETTIVE PERIODICHE Ai sensi del DPR 462/01, periodicamente gli impianti devono essere sottoposti a verifica da parte degli organi ispettivi ( ISPESL, ASL) oppure da organismi qualificati autorizzati dal Min. Interni. Per i cantieri la verifica è prevista ogni due anni. Ovviamente trovare esistente in cantiere da parte di questi organismi, un programma efficiente di verifiche semestrali o almeno annuali è sicuramente un aspetto qualificante. giugno 2013 Dott.ing. Paolo Beghelli ST03R01A Corso su Rischio elettrico pag.28 di 28

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA CONTATTI DIRETTI contatti con elementi attivi dell impianto elettrico che normalmente sono in tensione CONTATTI INDIRETTI contatti con masse che possono trovarsi

Dettagli

Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano

Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano La vita è regolata a livello cerebrale, muscolare e biologico da impulsi di natura elettrica. Il cervello è collegato ai muscoli ed a tutti

Dettagli

Sicurezza nella progettazione e nella realizzazione degli impianti elettrici. Gulisano Antonino

Sicurezza nella progettazione e nella realizzazione degli impianti elettrici. Gulisano Antonino Sicurezza nella progettazione e nella realizzazione degli impianti elettrici Infortuni Ogni giorno si verificano quasi quattro (4) infortuni mortali sul lavoro. Di questi uno (1) avviene per cause elettriche.

Dettagli

RISCHIO ELETTRICO CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO ELETTRICO

RISCHIO ELETTRICO CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO ELETTRICO PRINCIPALI RIF.TI LEGISLATIVI RISCHIO ELETTRICO DPR 547/55 Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro Legge 186/68 Disposizioni concernenti la produzione di materiali, apparecchiature, macchinari,

Dettagli

RISCHI DI NATURA ELETTRICA NEGLI AMBIENTI LAVORO

RISCHI DI NATURA ELETTRICA NEGLI AMBIENTI LAVORO RISCHI DI NATURA ELETTRICA NEGLI AMBIENTI LAVORO INDICE 1. Premessa 2. Infortuni da elettrocuzione 3. Pericolosità della corrente elettrica 4. Pericolosità della differenza di potenziale 5. Indicazione

Dettagli

CAPITOLO X PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA E PROTEZIONE DELLE PERSONE CONTRO IL RISCHIO ELETTRICO

CAPITOLO X PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA E PROTEZIONE DELLE PERSONE CONTRO IL RISCHIO ELETTRICO CAPITOLO X PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA E PROTEZIONE DELLE PERSONE CONTRO IL RISCHIO ELETTRICO 1. Elementi di elettrofisiologia I fenomeni elettrici inerenti il corpo umano e l analisi degli effetti

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

Corrente elettrica e corpo umano

Corrente elettrica e corpo umano Corrente elettrica e corpo umano 1/68 Brevi richiami di elettrofisiologia 1790 Luigi Galvani effettuò esperimenti sulla contrazione del muscolo di rana per mezzo di un bimetallo: concluse che si trattava

Dettagli

rischio elettrico generale

rischio elettrico generale rischio elettrico generale In Italia si verificano mediamente 5 infortuni elettrici mortali ogni settimana (per folgorazione), un primato europeo fortunatamente in lenta ma continua diminuizione. I luoghi

Dettagli

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Argomenti principali Concetti fondamentali sull'atomo, conduttori elettrici, campo elettrico, generatore elettrico Concetto di circuito elettrico (generatore-carico)

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA NELL AZIENDA SANITARIA LOCALE Applicazione del D.Lgs. 81/08 IL RISCHIO ELETTRICO. Dr. Nicola Carriero

SALUTE E SICUREZZA NELL AZIENDA SANITARIA LOCALE Applicazione del D.Lgs. 81/08 IL RISCHIO ELETTRICO. Dr. Nicola Carriero SALUTE E SICUREZZA NELL AZIENDA SANITARIA LOCALE Applicazione del D.Lgs. 81/08 IL RISCHIO ELETTRICO Dr. Nicola Carriero IL RISCHIO ELETTRICO Per rischio elettrico si intende la probabilità che si verifichi

Dettagli

Protezione dai contatti indiretti

Protezione dai contatti indiretti Protezione dai contatti indiretti Se una persona entra in contatto contemporaneamente con due parti di un impianto a potenziale diverso si trova sottoposto ad una tensione che può essere pericolosa. l

Dettagli

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO LA PROTEZIONE DELLE CONDUTTURE CONTRO LE SOVRACORRENTI DEFINIZIONI NORMA CEI 64-8/2 TIPOLOGIE DI SOVRACORRENTI + ESEMPI SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE

Dettagli

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra Classificazione dei sistemi in categorie secondo la loro tensione nominale In relazione alla loro tensione nominale i sistemi

Dettagli

GUIDA OPERATIVA PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI IMPIANTI ELETTRICI N. 1 - NORME GENERALI

GUIDA OPERATIVA PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI IMPIANTI ELETTRICI N. 1 - NORME GENERALI 1 CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 10/011/CR10c/C7 GUIDA OPERATIVA PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI IMPIANTI ELETTRICI N. 1 - NORME GENERALI Roma, 27 gennaio 2010 Impianti elettrici n.

Dettagli

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule 1 ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO Ing. Guido Saule Valori delle tensioni nominali di esercizio delle macchine ed impianti elettrici 2 - sistemi di Categoria 0 (zero), chiamati anche a bassissima tensione,

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI Lavori di manutenzione su impianti elettrici Manutenzione Atto, effetto, insieme delle operazioni volte allo scopo di mantenere efficiente ed in buono stato,

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

L impianto elettrico nei piccoli cantieri edili

L impianto elettrico nei piccoli cantieri edili Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia AZIENDE PER I SERVIZI SANITARI DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE Servizi Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Ufficio Operativo dd. 29/09/2011 L impianto elettrico

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Effetti Biologici e Fisiologici della corrente nel corpo umano

Effetti Biologici e Fisiologici della corrente nel corpo umano Sicurezza elettrica 2 Effetti Biologici e Fisiologici della corrente nel corpo umano La differenza di potenziale tra l'interno di una cellula e l'ambiente circostante varia da circa 70 a 100 mv. Ciò è

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv. Riccardo Bucci

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv. Riccardo Bucci Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv Riccardo Bucci ANIE - AICE Associazione Italiana Industrie Cavi e Conduttori Elettrici Elementi costituivi i cavi elettrici

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI.

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. -capitolo 1- - 1-1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. 1.1 Premessa. Gli impianti elettrici possono essere causa di innesco e di propagazione

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici.

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. 1250(&(, &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. &(, Legge 46/ 90 - Guida per la compilazione della dichiarazione di conformità e relativi allegati &(,9

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI INDIRETTI NEI SISTEMI TT

PROTEZIONE DAI CONTATTI INDIRETTI NEI SISTEMI TT POTEZONE DA CONTATT NDETT NE SSTEM TT Appunti a cura dell ng. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d ngegneria dell Università degli

Dettagli

PERICOLOSITA' DELLA CORRENTE ELETTRICA

PERICOLOSITA' DELLA CORRENTE ELETTRICA PERICOLOSITA' DELLA CORRENTE ELETTRICA Normalmente, in presenza di un incidente di natura elettrica, si è abituati a far riferimento alla tensione quale causa dei danni (infatti si leggono o si ascoltano

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA RTC REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE IN BASSA TENSIONE DELL AZIENDA PUBBLISERVIZI BRUNICO INDICE 1. Scopo 3 2. Campo di applicazione

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Introduzione ai principi ed ai metodi di progettazione degli impianti elettrici di media e di bassa tensione...

Introduzione ai principi ed ai metodi di progettazione degli impianti elettrici di media e di bassa tensione... Introduzione ai principi ed ai metodi di progettazione degli impianti elettrici di media e di bassa tensione... Parte I Introduzione Capitolo 1 IMPIANTI ELETTRICI, DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E NORME TECNICHE

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali /2 Introduzione /5 Norme di riferimento e interruttori magnetotermici /6 Trasformatore d isolamento e di sicurezza / Controllore d isolamento e pannelli di controllo

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione

Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione Dicembre 2006 Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione 1SDC007103G0902 Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione Indice Introduzione... 2 1 Il riscaldamento nei quadri elettrici 1.1 Generalità...

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

Rischio Elettrico nei laboratori dei

Rischio Elettrico nei laboratori dei UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI TERAMO Rischio Elettrico nei laboratori dei Dipartimenti Scientifici Dott. Giuseppe Mazziotti di Celso Università degli Studi di Teramo 16 Novembre 2010, Teramo LA CORRENTE ELETTRICA

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

Dispense di Esercitazioni Pratiche classe 1D A.S.2009/10. Effetti di una scarica elettrica su un corpo umano

Dispense di Esercitazioni Pratiche classe 1D A.S.2009/10. Effetti di una scarica elettrica su un corpo umano Premessa I s t i t u t o P r o f e s s i o n a l e d i S t a t o p e r l I n d u s t r i a e l A r t i g i a n a t o CAVOUR-MARCONI Loc. Piscille Via Assisana, 40/d-06154 PERUGIA Tel. 075/5838322 Fax 075/32371

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire DATE, ORARI E SEDI Il corso sarà attivato al raggiungimento del numero minimo di partecipanti con date, orari e sedi DA

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Milliamp Process Clamp Meter

Milliamp Process Clamp Meter 771 Milliamp Process Clamp Meter Foglio di istruzioni Introduzione La pinza amperometrica di processo Fluke 771 ( la pinza ) è uno strumento palmare, alimentato a pile, che serve a misurare valori da 4

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA (Fenomeno, indipendente dal tempo, che si osserva nei corpi conduttori quando le cariche elettriche fluiscono in essi.) Un conduttore metallico è in equilibrio elettrostatico

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

La potenza della natura, il controllo della tecnologia Dall esperienza ABB, OVR PV: protezione dalle sovratensioni in impianti fotovoltaici

La potenza della natura, il controllo della tecnologia Dall esperienza ABB, OVR PV: protezione dalle sovratensioni in impianti fotovoltaici La potenza della natura, il controllo della tecnologia Dall esperienza ABB, OVR PV: protezione dalle sovratensioni in impianti fotovoltaici Fatti per il sole, minacciati dalle scariche atmosferiche L importanza

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea..

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) Ai sensi del D.Lgs. 81/08 e successive modifiche ed integrazioni. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. Sottosistema di Impianti presso la stazione di.. Committente:.

Dettagli

Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni

Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni Condensatori per rifasamento industriale in Bassa Tensione: tecnologia e caratteristiche. Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni 1 Tecnologia dei condensatori Costruzione Com è noto, il principio costruttivo

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati.

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati. Atmosfere potenzialmente esplosive sono presenti in diverse aree industriali: dalle miniere all industria chimica e farmacautica, all industria petrolifera, agli impianti di stoccaggio di cereali, alla

Dettagli

GUIDA ALLE PROCEDURE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO ELETTRICO e/o ELETTRONICO IN AMBITO PRIVATO

GUIDA ALLE PROCEDURE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO ELETTRICO e/o ELETTRONICO IN AMBITO PRIVATO Delibera n. 1036/10 Consiglio Direttivo 08/02/2010 GUIDA ALLE PROCEDURE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO ELETTRICO e/o ELETTRONICO IN AMBITO PRIVATO in APPLICAZIONE DI Codice Civile

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

OVR Guida pratica per la protezione contro le sovratensioni

OVR Guida pratica per la protezione contro le sovratensioni OVR Guida pratica per la protezione contro le sovratensioni Indice Protezione contro le sovratensioni Danni causati dalle sovratensioni... 2 Origine delle sovratensioni Scariche atmosferiche... 4 Manovre

Dettagli

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali MANUALE TECNICO APPLICATIVO A CURA DI ASSOCOPERTURE PERCHÈ PROTEGGERE I VUOTI Riteniamo necessario parlare ai tecnici del settore

Dettagli

Come proteggersi dai contatti diretti e indiretti??

Come proteggersi dai contatti diretti e indiretti?? Come proteggersi dai contatti diretti e indiretti?? Come proteggersi dai contatti diretti e indiretti?? CEI 64-8 -CAP. 563. CIRCUITI DI ALIMENTAZIONE DEI SERVIZI DI SICUREZZA Parte 563.3: La protezione

Dettagli

In intervento. Impianti fotovoltaici La paura, cattiva consigliera!

In intervento. Impianti fotovoltaici La paura, cattiva consigliera! Schweizerischer Feuerwehrverband 118 swissfire.ch 9 2011 Fédération suisse des sapeurs-pompiers In intervento Federazione svizzera dei pompieri Federaziun svizra dals pumpiers 95 Foto: Heizplan AG, www.heizplan.ch;

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Unità didattica 8 La corrente elettrica Competenze Costruire semplici circuiti elettrici e spiegare il modello di spostamento delle cariche elettriche. Definire l intensità di corrente, la resistenza e

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

Esercitazione N. 1 Misurazione di resistenza con metodo volt-amperometrico

Esercitazione N. 1 Misurazione di resistenza con metodo volt-amperometrico Esercitazione N. 1 Misurazione di resistenza con metodo volt-amperometrico 1.1 Lo schema di misurazione Le principali grandezze elettriche che caratterizzano un bipolo in corrente continua, quali per esempio

Dettagli

Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014. Prof.ssa Piacentini Veronica

Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014. Prof.ssa Piacentini Veronica Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014 Prof.ssa Piacentini Veronica La corrente elettrica La corrente elettrica è un flusso di elettroni

Dettagli

IMPIANTI ELETTTRICI parte II

IMPIANTI ELETTTRICI parte II IMPIANTI ELETTTRICI parte II di Delucca Ing. Diego PROTEZIONE DI UN IMPIANTO DAI SOVRACCARICHI E DAI CORTO CIRCUITI Una corrente I che passa in un cavo di sezione S, di portata IZ è chiamata di sovracorrente

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

Ecco come funziona un sistema di recinzione!

Ecco come funziona un sistema di recinzione! Ecco come funziona un sistema di recinzione! A) Recinto elettrico B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto Il sistema di recinzione elettrico consiste di: A) un

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Diagramma di selezione VF KEYF VF KEYF1 VF KEYF2 VF KEYF3 VF KEYF7 VF KEYF AZIONATORI UNITA DI CONTATTO 1 2 21 22 2NO+1NC FD FP

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

Il centralino contemporaneo Da ABB consigli e soluzioni per trasformare la regola dell arte in un opera d arte.

Il centralino contemporaneo Da ABB consigli e soluzioni per trasformare la regola dell arte in un opera d arte. Il centralino contemporaneo Da ABB consigli e soluzioni per trasformare la regola dell arte in un opera d arte. Il montante L autostrada che porta al centralino Il montante È la conduttura che collega

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A.

REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A. REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A. Pagina 1 di 48 INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 5 2. BASI PRINCIPALI E DEFINIZIONI...

Dettagli

COMUNE DI ROMA SOVRAINTENDENZA BB. CC.

COMUNE DI ROMA SOVRAINTENDENZA BB. CC. COMUNE DI ROMA SOVRAINTENDENZA BB. CC. Corso di formazione Quaderno N 5 Parte III GLI IMPIANTI ELETTRICI Il rischio elettrico nei cantieri temporanei e mobili Servizio Prevenzione e Protezione INTRODUZIONE

Dettagli

DK 5940 Aprile 2007 Ed. 2.2-1/47

DK 5940 Aprile 2007 Ed. 2.2-1/47 Ed. 2.2-1/47 INDICE Pagina 1 SCOPO DELLE PRESCRIZIONI 2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE 2 3 NORME E PRESCRIZIONI RICHIAMATE NEL TESTO 2 4 DEFINIZIONI 3 5 CRITERI GENERALI 4 5.1 CRITERI GENERALI DI FUNZIONAMENTO

Dettagli

"#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro

#$%&'()! *$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()!"*$!$*#+#!,)!$-%#.# Cos é un solvente? Molte sostanze chimiche, usate per distruggere o diluire altre sostanze

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli