CORSO DI FORMAZIONE. RISCHIO ELETTRICO (d.lgs 81/08 Capo III)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CORSO DI FORMAZIONE. RISCHIO ELETTRICO (d.lgs 81/08 Capo III)"

Transcript

1 Pedelombarda scarl CORSO DI FORMAZIONE RISCHIO ELETTRICO (d.lgs 81/08 Capo III) MODULO 1 Docente : dott.ing. Paolo Beghelli

2 1. SOMMARIO 1. SOMMARIO 2 2. OBIETTIVI DEL CORSO 3 3. NORMATIVA ELETTRICA 4 4. PERICOLOSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA PREMESSE PERCEZIONE DELLA CORRENTE ELETTRICA EFFETTI FISIOPATOLOGICI LIMITI DI PERICOLOSITA DELLA CORRENTE RESISTENZA ELETTRICA DEL CORPO UMANO LIMITI DI PERICOLOSITA DELLA TENSIONE 9 5. INTERVENTI DI PRIMO SOCCORSO IN CASO DI SCOSSA ELETTRICA L IMPIANTO ELETTRICO IN CASO DI INCENDIO L impianto elettrico come causa di incendio L impianto elettrico in caso di incendio Comportamenti in caso di incendio che coinvolga l impianto elettrico SISTEMI DI PROTEZIONE ( NORME CEI 64-8 ) CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI DEFINIZIONI PROTEZIONE CONTRO I CONTATTI DIRETTI PROTEZIONE CONTRO I CONTATTI INDIRETTI (SISTEMI DI CAT. I) UTILIZZO DI APPARECCHI DI CLASSE II (a doppio isolamento) INTERRUZIONE AUTOMATICA DEL CIRCUITO PROTEZIONE PER SEPARAZIONE ELETTRICA PROTEZIONE CONTRO I CONTATTI INDIRETTI (SISTEMI DI CAT.II) MANTENIMENTO DELL IMPIANTO ELETTRICO IN EFFICIENZA 28 ST03R01A Corso su Rischio elettrico pag.2 di 28

3 2. OBIETTIVI DEL CORSO Il corso si rivolge a lavoratori non addetti a lavori elettrici, ma che utilizzano macchinario o apparecchiature elettriche oppure operano in presenza di impianti elettrici anche complessi di categoria 0,I,II ( = V) nei cantieri del consorzio di Imprese Pedelombarda scarl. Scopo del corso è quello di formare gli operatori sia dal punto di vista teorico che pratico affinché possano essere definiti dal datore di lavoro come persone istruite Persone idonee ad utilizzare macchinario e attrezzature elettriche ed a eseguire lavori non elettrici in presenza di impianti elettrici con tensioni fino a V. Docente : dott.ing. Beghelli Paolo Curriculum docente : Iscritto ordine ingegneri della Prov. di Milano Iscritto elenco verificatori legge 46/90 Iscritto elenco collaudatori Reg. Lombardia per gli impianti tecnologici Iscritto elenco professionisti abilitati alla prevenzione incendi legge 818/ Docente di ruolo in tecnologie disegno e progettazione presso ITIS Marconi- Gorgonzola Partecipazione corsi di aggiornamento Corsi di formazione / aggiornamento per RSPP presso Fondazione ordine ingg. Prov.-Milano e presso Inarsind sindacato ingegneri e architetti, Macrosettori Ateco 4,6,7,8,9. Corso di perfezionamento presso CESI Milano - Tuttonormel Luoghi con pericolo di esplosione Corso di formazione presso UNI Nuova direttiva ATEX ST03R01A Corso su Rischio elettrico pag.3 di 28

4 3. NORMATIVA ELETTRICA La normativa in campo elettrico cui far riferimento ai fini della sicurezza durante i lavori o l esercizio di impianti elettrici nei cantieri di costruzione è la seguente : d.lgs. 81/08 testo unico sulla sicurezza D.P.R. 164/1956 norme per al prevenzione degli infortuni sul lavoro nelle costruzioni D.P.R. 320/1956 lavori in sotterraneo Norme CEI lavori su impianti elettrici Norme CEI EN l esercizio degli impianti elettrici d.lgs.81/08 ( ex d.lgs 626/1994 ) Il d.lgs. 81/08 tratta tutta la materia inerente la sicurezza nei luoghi di lavoro con caratteristiche di legge quadro su tutte le situazioni che possono presentare rischi per I lavoratori. Essa da delle indicazioni generali rimandando poi a leggi o decreti specifici per l attuazione. Gli aspetti salienti dell 81/08 possono essere così riassunti : i soggetti coinvolti sono : datore di lavoro lavoratori responsabile del servizio di prevenzione protezione rappresentante dei lavoratori per la sicurezza medico competente le azioni importanti riportate nel decreto e a cura del datore di lavoro sono : valutazione dei rischi sicurezza ed ergonomia dei luoghi di lavoro sicurezza ed ergonomia delle macchine e delle attrezzature formazione/informazione dei lavoratori redazione di procedure per determinate lavorazioni fornitura di DPI ai singoli lavoratori e formazione sul loro utilizzo Per la parte relativa all impiantistica ed alle macchine ed attrezzature l osservanza delle leggi specifiche assolve in gran parte l osservanza delle prescrizioni. Per l impiantistica elettrica seguire le prescrizioni del DM 37/08 ( ex legge 46/90 ) ST03R01A Corso su Rischio elettrico pag.4 di 28

5 Per le macchine ed attrezzature utilizzare solo quelle munite di marchio CE Da parte dei lavoratori sussiste l obbligo all osservanza delle disposizioni e procedure impartite dal datore di lavoro e all utilizzo e conservazione in modo consono delle macchine, attrezzature e DPI loro affidati. Nello specifico della sicurezza elettrica La valutazione dei rischi va fatta tenendo conto di tutti i pericoli connessi all utilizzo delle corrente elettrica per cui per danni diretti e indiretti.per esempio : incendio, esplosione, caduta del lavoratore, danni causati dalla mancanza di elettricità ( vedi ospedali), ecc. ST03R01A Corso su Rischio elettrico pag.5 di 28

6 4. PERICOLOSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA 4.1 PREMESSE Inizia con questo capitolo l esame dei metodi di protezione dalle fulminazioni elettriche, metodi aventi lo scopo di aumentare il livello di sicurezza delle attività che comportano l uso dell elettricità. L obiettivo dei metodi di protezione non è quello di realizzare la sicurezza assoluta, quanto piuttosto un accettabile livello di sicurezza, in relazione all attività svolta, alle persone coinvolte, all entità di danno probabile che si avrebbe al verificarsi di un evento sfavorevole. Il richiamo alle persone coinvolte è importante : le stesse norme fanno riferimento a personale addestrato e non; è evidente, per esempio, che predisporre sistemi che impediscano il contatto con parti chiaramente in tensione è più importante in un abitazione che in una centrale elettrica, appunto per il diverso livello di conoscenza del pericolo delle persone interessate. Apprestare sistemi per la protezione dai pericoli della corrente elettrica presuppone la conoscenza di tale pericolosità ed è questo l obiettivo del presente capitolo. 4.2 PERCEZIONE DELLA CORRENTE ELETTRICA Gli organismi viventi sono molto sensibili alle correnti elettriche, com è noto sin dai tempi degli esperimenti di Galvani e Volta. Nel caso di contatto tra mano e filo di rame sono stati rilevati i seguenti valori come soglia di percezione. corrente continua 5 ma (uomini) 3,5 ma (donne) corrente alternata a 60 Hz 1,1 ma (uomini) 0,7 ma (donne) E da notare che la parte del corpo umano più sensibile alla corrente è la lingua, con soglia di percezione di circa 50µA. Sui valori precedenti ha notevole influenza la frequenza : la corrente continua e le ad alta frequenza sono meno avvertite di quelle a frequenza industriale.: 4.3 EFFETTI FISIOPATOLOGICI Il passaggio di corrente elettrica attraverso il corpo umano può produrre vari effetti, consistenti generalmente in alterazioni delle varie funzioni vitali (controllo dei movimenti, respirazione, battito cardiaco) e lesioni al sistema nervoso, ai vasi sanguigni, all apparato visivo e uditivo, all epidermide, ecc-. Tra i vari fenomeni alcuni sono particolarmente frequenti e pericolosi; l indagine sperimentale, condotta sia su persone che su animali, ha permesso di stabilire dei valori statistici medi della corrente per la quale si ha l insorgenza di tali fenomeni. ST03R01A Corso su Rischio elettrico pag.6 di 28

7 Tetanizzazione dei muscoli Consiste nella contrazione involontaria dei muscoli interessati al passaggio della corrente, non più comandati dagli impulsi elettrici fisiologici. Nella forma più grave non consente all interessato di staccarsi dalla parte in tensione, prolungando quindi il contatto e producendo effetti ancor più dannosi. Il fenomeno della tetanizzazione non si verifica per correnti di elevata intensità, conseguenti a contatto con parti in alta tensione: è possibile in questo caso, data la violenta contrazione del muscolo, che il contatto sia brevissimo e non comporti gravi conseguenze. Difficoltà e arresto della respirazione Correnti di durata maggiore anche di valori non elevati, possono provocare difficoltà e arresto della respirazione, con effetti sempre più gravi all aumentare dell intensità della corrente e della durata del contatto. La causa va ricercata nella contrazione dei muscoli addetti alla respirazione e nella paralisi dei centri nervosi da cui dipende questa funzione. Il fenomeno è reversibile solo se si interviene entro pochi minuti dall infortunio. Fibrillazione ventricolare E l effetto più pericoloso prodotto dal passaggio di corrente nel corpo umano ed è quello che provoca il maggior numero di decessi per folgorazione elettrica. La fibrillazione ventricolare è uno stato di asincronismo completo delle fibre miocardiche ventricolari, durante il quale ciascuna fibra sviluppa una contrazione propria e indipendente. La presenza di correnti esterne fa perdere l ordine di azionamento ritmico, generando una contrazione scoordinata e caotica che impedisce al cuore di svolgere la sua funzione e che porta alla morte per arresto cardiaco e della circolazione sanguigna. La fibrillazione si automantiene, per cui, una volta innescata, continua anche se cessa la causa che l ha provocata. La morte del soggetto può essere impedita solo con la defibrillazione, mediante un apposito apparecchio defibrillatore da usarsi entro pochi minuti. Questo tempo può essere prolungato con il massaggio cardiaco e la respirazione bocca a bocca. Un caso particolare, estremamente pericoloso, è quello del contatto interno che si verifica, per esempio, in pazienti ricoverati in unità coronariche e aventi cateteri in prossimità del cuore. In questo caso la corrente può fluire attraverso il catetere, andando tutta a interessare il muscolo cardiaco, raccogliendosi sulla piccola superficie a contatto con l elettrodo. In questa zona la densità di corrente può diventare tale da provocare fibrillazione, anche se la corrente totale immessa nel corpo ha valori molto più piccoli che nel caso di contatto esterno. Altro fattore da considerare è lo stato di salute generale dell infortunato : la debolezza fisica conseguente a malattia o ad altro fa diminuire la soglia di fibrillazione, rendendo più probabile il suo innesco. Per questa ragione gli impianti elettrici per ospedali e locali medici sono soggetti a norme di prevenzione degli infortuni più severe rispetto a quelle per ambienti normali. Ustioni Le ustioni sono prodotte dal calore sviluppato per effetto Joule dalla corrente che fluisce attraverso il corpo. La pelle è il tessuto più esposto alle ustioni. Densità di corrente di qualche ma/mm 2 provocano già ustioni per durate dell ordine del secondo, mentre densità di circa 50 ma/mm 2 provocano, in pochi secondi, la carbonizzazione della pelle. ST03R01A Corso su Rischio elettrico pag.7 di 28

8 Siccome la corrente elettrica passa preferibilmente all interno del corpo umano, può causare gravi lesioni interne. 4.4 LIMITI DI PERICOLOSITA DELLA CORRENTE Nel caso, generalmente più frequente, di contatto esterno con corrente alternata a frequenza industriale, i limiti di pericolosità si possono così riassumere: - per correnti fino a un valore convenzionale di 0,5 ma (soglia di percezione) il passaggio di corrente non provoca alcuna reazione, qualunque sia la sua durata; - per correnti fino a 10mA (limite di rilascio), di durata qualsiasi, non si hanno in genere effetti fisiopatologici pericolosi e il soggetto è sempre in grado di staccarsi dal contatto; tale valore si può considerare come il limite di pericolosità convenzionale; - valori di corrente superiori a 10mA non producono ancora effetti fisiopatologici pericolosi e si è in grado di staccarsi dal contatto, a patto che la durata sia contenuta entro limiti decrescenti all aumentare della corrente, per esempio con corrente di 100mA è ammissibile un contatto di durata non superiore a 0,1s; - correnti maggiori producono effetti sempre più gravi, quali difficoltà di respirazione, asfissia, blocco respiratorio, fibrillazione ventricolare con probabilità di innesco sempre maggiore; all aumentare della durata del contatto la pericolosità aumenta, nel senso che diminuisce la corrente necessaria a produrre i vari effetti. 4.5 RESISTENZA ELETTRICA DEL CORPO UMANO Si detto nel paragrafo precedente che, nel caso di corrente alternata a frequenza industriale, si può assumere pari a 10mA il limite di pericolosità convenzionale. Ai fini pratici interessa però maggiormente quale valore di tensione è in grado di far circolare attraverso il corpo una determinata corrente. Indicando con I p la corrente che fluisce attraverso la persona e con R c la resistenza del corpo tra i punti di contatto, il prodotto R c I p = V c è la tensione di contatto a cui è soggetto il corpo umano. Dalle considerazioni fatte risulta evidente l importanza di definire con una buona approssimazione i valori che assume la resistenza del corpo umano tra i punti di contatto. Indicativamente si può considerare una resistenza pari a circa 2000/3000 ohm. In condizioni di pelle bagnata con acqua il valore di R c si riduce del 25% rispetto ai valori normali Nel caso di mani sudate (soluzione conduttrice) la riduzione è anche del 50%. Nel caso che il contatto avvenga mediante l interposizione di strati isolanti (guanti, calzature, pedane ecc.), alla resistenza R c occorre aggiungere quella degli altri elementi; la resistenza complessiva può raggiungere in questo caso valori molto alti, rendendo tollerabili, a parità di corrente fluente nel corpo, tensioni dell ordine delle migliaia di volt. ST03R01A Corso su Rischio elettrico pag.8 di 28

9 4.6 LIMITI DI PERICOLOSITA DELLA TENSIONE Si è visto nel paragrafo precedente che il prodotto : V c = R c I p dà la tensione di contatto a cui è soggetto il corpo umano durante il passaggio della corrente I p. Valori della tensione di contatto inferiori a 50V in alternata e 120V in continua si considerano sopportabili per un tempo teoricamente infinito, aumentando la tensione si riduce il tempo massimo di sopportabilità, in accordo con quanto detto sugli effetti della corrente. La normativa CEI fa riferimento al tempo di 5 s; la tensione corrispondente V t = 50V è detta tensione di contatto limite ed è il valore della tensione di contatto a vuoto sopportabile in condizione di sicurezza per un tempo massimo di 5 s. Per ambienti di particolare pericolosità, come cantieri e locali medici, il valore limite è stato ridotto a 25V. Nei locali adibiti ad uso medico sono necessari anche alcuni interventi addizionali come la messa a terra delle masse e masse estranee La ragione di tale riduzione sta nel minor valore di resistenza complessiva (R c + R tp) che è possibile presentare in tali luoghi. CURVA DI PERICOLOSITA TEMPO /CORRENTE ( IN C.A.) ST03R01A Corso su Rischio elettrico pag.9 di 28

10 ST03R01A Corso su Rischio elettrico pag.10 di 28

11 5. INTERVENTI DI PRIMO SOCCORSO IN CASO DI SCOSSA ELETTRICA In caso di persona colpita da scossa elettrica i primi interventi, in attesa del medico, consistono in : Togliere tensione al circuito, aprendo l interruttore generale,prima di avvicinarsi alla persona colpita Se la persona non respira procedere con la respirazione artificiale con un metodo conosciuto Se la persona ha il cuore in fibrillazione utilizzare un apparecchio defibrillatore nel più breve tempo possibile ( pochi minuti ). Eventualmente cercare di guadagnare tempo con massaggio cardiaco e respirazione artificiale. In caso di ustioni procedere con le cure del caso Accertarsi di eventuali lesioni interne dovute ad ustioni causate dal passaggio delle corrente elettrica. ST03R01A Corso su Rischio elettrico pag.11 di 28

12 6. L IMPIANTO ELETTRICO IN CASO DI INCENDIO 6.1 L impianto elettrico come causa di incendio Un impianto elettrico progettato, realizzato e mantenuto a regola d arte è assai difficile che possa essere causa primaria di incendio. La protezione degli impianti contro i rischi di incendio è infatti prescritta dalle norme CEI. Più spesso quando si da in prima battuta la colpa all impianto elettrico si tratta o di impianti obsoleti o comunque non a regola d0 arte o che pur eseguiti correttamente hanno visto nel tempo mutare l ambiente circostante. Ad esempio un impianto elettrico eseguito a regola d arte per un negozio di salumiere può essere non adatto se l attività diventa vendita di vernici e solventi oppure tessuti sintetici.oppure più spesso vengono utilizzate apparecchiature elettriche in modo non conforme alle norme o alle istruzioni del fabbricante ( fornello elettrico appoggiato a moquette, faretti alogeni vicino a strutture in legno, salviette ad asciugare sopra stufette elettriche, ecc. ecc. ). Quindi l uso improprio dell impianto o di apparecchiature elettriche può senz altro essere causa di incendio. 6.2 L impianto elettrico in caso di incendio In caso di incendio comunque l impianto elettrico può contribuire ad alimentarlo o ad aggravarne le conseguenze.soprattutto i cavi elettrici in grande quantità possono costituire un pericolo sia come combustibili veri e propri sia come sorgenti di emissione di fumi e gas tossici.attualmente i cavi utilizzati negli impianti ( diciamo da una decina d anni ) sono tutti di tipo non propagante l incendio, mentre in alcuni ambienti, sia per motivi legati all aerazione che alle difficoltà di sfollamento in caso di incendio,vengono prescritti anche di tipo a basso sviluppo di fumi e gas tossici ( per esempio nei luoghi di ritrovo e spettacolo ). I cavi, specialmente quelli isolati in PVC possono infatti sprigionare in caso di incendio oltre a fumi e gas ricchi di alogenuri ( cloruri ). 6.3 Comportamenti in caso di incendio che coinvolga l impianto elettrico In caso di principio di incendio causato dall impianto, per esempio con scariche o scintille, spesso basta aprire l interruttore generale per eliminare sia causa che effetto, in quanto come già detto ormai i cavi e le apparecchiature elettriche hanno buone proprietà autoestinguenti. Nel caso generale di incendio occorre comunque seguire le direttive del piano di sicurezza aziendale ricordando che : - prima di procedere a operazioni di spegnimento occorre sezionare l impianto elettrico agendo sull interruttore generale - in caso di interventi di spegnimento su impianti elettrici utilizzare esclusivamente estintori di tipo B o C (a polvere o CO 2). - in caso di incendio che coinvolga quantità sensibili di cavi elettrici aerare il più possibile per evacuare fumi e gas ST03R01A Corso su Rischio elettrico pag.12 di 28

13 7. SISTEMI DI PROTEZIONE ( norme CEI 64-8 ) 7.1 CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI DEFINIZIONI Norme CEI 64-8 /2 PARTI ATTIVE : CONTATTO DIRETTO : contatto con una parte dell impianto elettrico in tensione, che si trova normalmente in tensione CONTATTO INDIRETTO : contatto con una parte dell impianto elettrico in tensione, normalmente non in tensione ma che può andare in tensione a causa di un cedimento dell isolamento principale. MASSA : parte metallica di un impianto che può andare in tensione in caso di cedimento dell isolamento principale 7.2 PROTEZIONE CONTRO I CONTATTI DIRETTI OSTACOLI : protezione parziale, la protezione non impedisce l accesso intenzionale o accidentale a parti in tensione. E idoneo in luoghi ove hanno accesso persone addestrate BARRIERE : protezione contro il contatto con parti in tensione nelle direzioni di normale accesso ( protezione parziale o totale. INVOLUCRI : protezione contro i contatti diretti tramite isolamento conforme alla tensione nominale e grado di protezione IP adatto all ambiente ST03R01A Corso su Rischio elettrico pag.13 di 28

14 ST03R01A Corso su Rischio elettrico pag.14 di 28

15 ST03R01A Corso su Rischio elettrico pag.15 di 28

16 BASSISSIMA TENSIONE DI SICUREZZA Circuiti SELV : tensione fino a 25 Volt, trasformatore di sicurezza, nessun punto a terra Circuiti PELV : come circuito SELV ma con secondario a terra Circuiti FELV : non hanno tutte le caratteristiche dei circuiti SELV e PELV per cui non sono idonei da soli alla protezione contro i contatti diretti ( aggiungere ad esempio involucri ) L utilizzo di apparecchi a bassissima tensione di sicurezza permette di lavorare in assoluta tranquillità, in quanto tensioni = 24V non sono ritenute pericolose. Tali apparecchi sono alimentati tramite un trasformatore 230/24/12 Volt che però deve essere marcato di sicurezza e con marchio CE. Se il trasformatore non è di sicurezza, possono crearsi situazioni di pericolo in caso di guasti in quanto il trasformatore deve costituire una barriera sicura tra impianto a tensione normale (230V) e l apparecchio. 7.3 PROTEZIONE CONTRO I CONTATTI INDIRETTI (SISTEMI DI CAT. I) Tenere presente il concetto di doppia barriera UTILIZZO DI APPARECCHI DI CLASSE II (a doppio isolamento) Esistono in commercio apparecchi di classe II, noti come a doppio isolamento. Questo tipo di protezione è prescritta per gli apparecchi portatili ( per es. asciugacapelli, trapani, ecc.), In essi non è presente (anzi è proibito) il polo di terra e la sicurezza è garantita da un doppio strato di isolamento rispetto al normale. Occorre fare attenzione nel sostituire le spine di tali apparecchi solo con cordoni già predisposti a 2 poli. ST03R01A Corso su Rischio elettrico pag.16 di 28

17 7.3.2 INTERRUZIONE AUTOMATICA DEL CIRCUITO Tale modalità prevede l intervento di un dispositivo di protezione in caso di difetto dell isolamento principale con possibile contatto a massa. Le modalità di protezione dipendono dalla configurazione del sistema elettrico. SISTEMA TT Collegamento a terra di tutte le masse Interruzione automatica del circuito di alimentazione secondo la relazione : Ra 50 / Id Ra = resistenza dell impianto di terra nel punto di guasto 50 V tensione limite ( per i cantieri la tensione limite è 25 Volt) Id = corrente di intervento del dispositivo di protezione entro 5 sec. ST03R01A Corso su Rischio elettrico pag.17 di 28

18 ST03R01A Corso su Rischio elettrico pag.18 di 28

19 SISTEMA TN Collegamento a terra di tutte le masse Interruzione automatica del circuito di alimentazione secondo la relazione Zs x Ia Uo dove Zs = impedenza dell anello di guasto Ia = corrente di intervento del dispositivo di interruzione entro 5 sec oppure entro i valori riportati in tabella Uo = tensione nominale in valore efficace verso terra Uo (V) TEMPO INTERRUZIONE (sec) 120 0, , ,2 >400 0,1 ST03R01A Corso su Rischio elettrico pag.19 di 28

20 SISTEMA IT Collegamento di tutte le masse a terra Deve essere soddisfatta la seguente relazione RtxId 50 V Ra = resistenza dell impianto di terra 50 V tensione limite Id = corrente di guasto per primo guasto a terra. Si deve prevedere un dispositivo di controllo di isolamento che rilevi il primo guasto a terra. Non è necessario interrompere il circuito per primo guasto a terra. Il secondo guasto a terra evolve in corto circuito per cui interviene il dispositivo di massima corrente ST03R01A Corso su Rischio elettrico pag.20 di 28

21 7.3.3 PROTEZIONE PER SEPARAZIONE ELETTRICA Tale modalità prevede l installazione di un trasformatore di isolamento senza punti del secondario a terra. Le masse devono essere collegate tra di loro ma non a terra. Può essere installato un controllo di isolamento. L impianto non deve essere molto esteso per limitare le correnti di dispersione capacitive. ST03R01A Corso su Rischio elettrico pag.21 di 28

22 7.4 PROTEZIONE CONTRO I CONTATTI INDIRETTI (SISTEMI DI CAT.II) Nel nostro caso, essendo la fornitura in MT, occorre soddisfare anche le prescrizioni previste dalle norme Le norme prevedono la connessione tra l impianto di terra di MT con quello di bt per cui la tensione ammissibile di contatto deve soddisfare le condizioni sottoriportate. ST03R01A Corso su Rischio elettrico pag.22 di 28

23 ST03R01A Corso su Rischio elettrico pag.23 di 28

24 Nel caso i cui la resistenza di terra non soddisfi alle condizioni poste dalla norma, occorre procedere alla misura delle tensioni di passo e contatto. Importante per ottenere la massima sicurezza è la realizzazione di una maglia equipotenziale, facendo attenzione alle situazioni che potrebbero crearsi ai bordi delle stessa, ove il gradiente di tensione è sempre più elevato. ST03R01A Corso su Rischio elettrico pag.24 di 28

25 8. LUOGHI CONDUTTORI RISTRETTI ST03R01A Corso su Rischio elettrico pag.25 di 28

26 9. LAVORI SU IMPIANTI ELETTRICI 9.1 Normativa La normativa di riferimento per i lavori su impianti elettrici e per il loro esercizio, è costituita i particolare da Norme CEI lavori su impianti elettrici Norme CEI EN l esercizio degli impianti elettrici Nel settore dei lavori in galleria si applicano anche le prescrizioni del DPR 320 / Definizioni Vengono riportate alcune definizioni elencate nelle norme CEI e CEI EN Per le altre definizioni si rimanda al testo delle norme Lavoro sotto tensione : Ogni attività in cui l operatore entra deliberatamente nell zona di lavoro sotto tensione con qualsiasi parte del corpo o con attrezzi /utensili, apparecchi o dispositivi da lui maneggiati Lavoro fuori tensione : ogni attività su impianti elettrici dopo che è stata sezionata l alimentazione emesse in atto tutte le procedure di sicurezza previste Persona esperta PES : Persona con istruzione, conoscenza ed esperienza rilevanti tali da consentirle di analizzare i rischi e di evitare i pericoli che l elettricità può creare Persona Avvertita PAV : Persona adeguatamente avvisata da persone sperte per metterla in grado di evitare i pericoli che l elettriità può creare Persona Comune PEC : persona né esperta né avvertita Persona idonea : persona esperta, che per le sue capacità professionali e attitudini e competenze personali è autorizzata ad eseguire lavori sotto tensione Responsabile dell impianto : persona designata alla più altra responsabilità nelle conduzione dell impianto elettrico Preposto ai lavori : persona designata alla più altra responsabilità della conduzione del lavoro ST03R01A Corso su Rischio elettrico pag.26 di 28

27 Distanza limite DL : distanza regolamentata che varia al variare della tensione di esercizio dell impianto Distanza di prossimità Dp: distanza regolamentata che si ottiene aggiungendo alla DL una quantità pari a 0,50 metri in bt e 1 metro in A.T. ( sino a 110 kv) 9.3 PIANO DI LAVORO Sia per lavori fuori tensione che sotto tensione è indispensabile predisporre un piano di lavoro Il piano di lavoro deve essere scritto nel caso di impianti complessi Nel caso di lavoro elettrico fuori tensione la procedura può essere riassunta nei seguenti punti essenziali : Nome CEI lavori su impianti elettrici Art. 11 il lavoro fuori tensione (bt e AT) individuare la zona di lavoro sezionare completamente la parte d impianto interessata dal lavoro prendere provvedimenti contro la richiusura intempestiva dei dispositivi di sezionamento verificare che l impianto sia fuori tensione eseguire la messa a terra e in corto circuito delle parti attive sezionate realizzare le misure di protezione verso le eventuali altre parti attive adiacenti Nel caso di lavoro elettrico sotto tensione devono essere predisposti i necessari DPI per l operatore. Vale la regola della doppia barriera ST03R01A Corso su Rischio elettrico pag.27 di 28

28 10. MANTENIMENTO DELL IMPIANTO ELETTRICO IN EFFICIENZA L impianto deve essere anche mantenuto efficiente nel tempo per non abbassare il livello di sicurezza. Periodicamente ( almeno ogni 6 mesi ) è opportuno eseguire una verifica generale degli impianti secondo i seguenti criteri : Esame a vista Esaminare le modalità di installazione dei materiali e delle apparecchiature per verificare la rispondenza alla normativa vigente e che non siano stati modificati i gradi di protezione certificati dai costruttori. Verificare le modalità di posa dei conduttori all interno delle condutture. Prove di funzionalità Con l impianto in tensione provare i circuiti di alimentazione e di accensione delle lampade e di alimentazione delle varie utenze. In particolare verificare il corretto intervento dell illuminazione di sicurezza. Prove intervento interruttori differenziali Con strumento specifico verificare i tempi d intervento degli interruttori differenziali a protezione delle linee d alimentazione dei circuiti. Collegamenti equipotenziali e continuità conduttori di protezione Con strumento specifico verificare i collegamenti equipotenziali sulle masse e sulle masse estranee dell impianto e la continuità dei conduttori di protezione. VERIFICHE ISPETTIVE PERIODICHE Ai sensi del DPR 462/01, periodicamente gli impianti devono essere sottoposti a verifica da parte degli organi ispettivi ( ISPESL, ASL) oppure da organismi qualificati autorizzati dal Min. Interni. Per i cantieri la verifica è prevista ogni due anni. Ovviamente trovare esistente in cantiere da parte di questi organismi, un programma efficiente di verifiche semestrali o almeno annuali è sicuramente un aspetto qualificante. giugno 2013 Dott.ing. Paolo Beghelli ST03R01A Corso su Rischio elettrico pag.28 di 28

CORSO DI IMPIANTI ELETTRICI

CORSO DI IMPIANTI ELETTRICI CORSO DI IMPIANTI ELETTRICI Fondamenti di sicurezza elettrica PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA STUDIO DI INGEGENERIA MAGRINI POLLONI MARCO VIA SAN CARLO 5 27100 PAVIA TEL. 0382-21902 Impianti elettrici

Dettagli

ARI LOANO (SV) 20.05.2011 IK1HLG

ARI LOANO (SV) 20.05.2011 IK1HLG ARI LOANO (SV) Utilizzare un Generatore Elettrico in Sicurezza ovvero "come proteggersi dai contatti diretti ed indiretti quando si usa un generatore di corrente elettrica con motore a scoppio". 20.05.2011

Dettagli

SICUREZZA ELETTRICA. 1. Elementi di elettrofisiologia (effetti della corrente sul corpo umano). 2. Correnti e tensioni pericolose.

SICUREZZA ELETTRICA. 1. Elementi di elettrofisiologia (effetti della corrente sul corpo umano). 2. Correnti e tensioni pericolose. 1. Elementi di elettrofisiologia (effetti della corrente sul corpo umano). 2. Correnti e tensioni pericolose. 3. Contatti pericolosi 4. Metodi di protezione 1. Elementi di elettrofisiologia (effetti della

Dettagli

CORSO RSPP modulo B SAFETY CONTACT SRL RISCHIO ELETTRICO. Consulenza e servizi Divisione Antinfortunistica Antincendio

CORSO RSPP modulo B SAFETY CONTACT SRL RISCHIO ELETTRICO. Consulenza e servizi Divisione Antinfortunistica Antincendio SAFETY CONTACT SRL CORSO RSPP modulo B RISCHIO ELETTRICO D.Lgs. 81/08. IGIENE SICUREZZA AMBIENTE CERTIFICAZIONI ANTINCENDIO MEDICINA del LAVORO PRIVACY Divisione Consulenza e servizi Divisione Antinfortunistica

Dettagli

Effetti fisiopatologici della corrente elettrica

Effetti fisiopatologici della corrente elettrica Sicurezza elettrica: Effetti fisiopatologici della corrente elettrica Effetti della corrente sul corpo umano folgorazione ed arco elettrico - Protezione dai contatti elettrici - Aspetti costruttivi degli

Dettagli

17/09/2015 TETANIZZAZIONE ARRESTO DELLA RESPIRAZIONE FIBRILLAZIONE VENTRICOLARE USTIONI

17/09/2015 TETANIZZAZIONE ARRESTO DELLA RESPIRAZIONE FIBRILLAZIONE VENTRICOLARE USTIONI PRINCIPALI EFFETTI PRODOTTI DALLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO TETANIZZAZIONE ARRESTO DELLA RESPIRAZIONE FIBRILLAZIONE VENTRICOLARE USTIONI 1 CONSEGUENZE DELLE CORRENTI ELETTRICHE SUL CORPO UMANO

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

Definizione. La terra. Folgorazione. Rischi elettrico. Effetti. Tipi di corrente elettrica. Cavi. Adempimenti Primo Soccorso

Definizione. La terra. Folgorazione. Rischi elettrico. Effetti. Tipi di corrente elettrica. Cavi. Adempimenti Primo Soccorso 1 Tipi di corrente elettrica Rischi elettrico Definizione Cavi La terra Folgorazione Effetti Adempimenti Primo Soccorso 2 Possiamo paragonare la corrente elettrica ad una cascata e l energia trasferita

Dettagli

Protezione dai contatti diretti. Sistemi a bassissima tensione

Protezione dai contatti diretti. Sistemi a bassissima tensione Elettrotecnica, Impianti e Rischio Elettrico A.A. 2013-2014 Università dell Insubria - Varese Protezione dai contatti diretti. Sistemi a bassissima tensione dott. ing. Lucia FROSINI Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

Sicurezza negli impianti elettrici

Sicurezza negli impianti elettrici Sicurezza negli impianti elettrici L energia elettrica, necessaria per la maggior parte delle attività dell uomo, costituisce un enorme vantaggio ma anche un elemento di rischio e di pericolosità. Per

Dettagli

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA CONTATTI DIRETTI contatti con elementi attivi dell impianto elettrico che normalmente sono in tensione CONTATTI INDIRETTI contatti con masse che possono trovarsi

Dettagli

Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano

Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano La vita è regolata a livello cerebrale, muscolare e biologico da impulsi di natura elettrica. Il cervello è collegato ai muscoli ed a tutti

Dettagli

Prof. Ing. Luigi Maffei. Impienti elettrici e speciali

Prof. Ing. Luigi Maffei. Impienti elettrici e speciali Conduttori: sostanze nelle quali alcune o tutte le cariche elettriche possono muoversi liberamente sotto l'azione di forze elettriche (es: metalli, soluzioni acquose). Isolanti (dielettrici): materiali

Dettagli

Impianti elettrici nei condomini

Impianti elettrici nei condomini Incontro di aggiornamento ANACI BOLOGNA Impianti elettrici nei condomini Ing. Alfonso Montefusco Direttore UOC Impiantistica Antinfortunistica Azienda USL di Bologna Teatro Galliera via Matteotti 27 Bologna

Dettagli

ASPETTI DI SICUREZZA ELETTRICA IN IMPIANTI FOTOVOLTAICI

ASPETTI DI SICUREZZA ELETTRICA IN IMPIANTI FOTOVOLTAICI ASPETTI DI SICUREZZA ELETTRICA IN IMPIANTI FOTOVOLTAICI Ing. Domenico Corbo Siena, 24 ottobre 2014 SICUREZZA ELETTRICA IN IMPIANTI FOTOVOLTAICI perche' e' necessario parlarne? per i seguenti motivi : sempre

Dettagli

8. Protezione dai contatti indiretti senza interruzione automatica

8. Protezione dai contatti indiretti senza interruzione automatica 8.1 Generalità 8. Protezione dai contatti indiretti senza interruzione automatica Sono questi dei metodi di protezione che, a differenza dei sistemi di protezione attiva trattati fino ad ora (protezione

Dettagli

Pericoli derivanti dalla DM 37/08 corrente elettrica: provvedimenti. protezione e norme

Pericoli derivanti dalla DM 37/08 corrente elettrica: provvedimenti. protezione e norme Area Iniziative Formative Via R. Guardini, 75 - Telefono 0461.496048 - Fax 0461.496093 1 CORSI DI FORMAZIONE PER ESPERTI VERIFICATORI Decreto del Presidente della Provincia n. 25-105/Leg del 20 novembre

Dettagli

Sicurezza nella progettazione e nella realizzazione degli impianti elettrici. Gulisano Antonino

Sicurezza nella progettazione e nella realizzazione degli impianti elettrici. Gulisano Antonino Sicurezza nella progettazione e nella realizzazione degli impianti elettrici Infortuni Ogni giorno si verificano quasi quattro (4) infortuni mortali sul lavoro. Di questi uno (1) avviene per cause elettriche.

Dettagli

Relazione Tecnica Progetto dell Impianto Elettrico

Relazione Tecnica Progetto dell Impianto Elettrico Relazione Tecnica Progetto dell Impianto Elettrico Rotatoria ingresso cittadella universitaria Premessa: La presente relazione tecnica è finalizzata ad indicare la caratteristiche dei principali componenti

Dettagli

IL RISCHIO ELETTRICO

IL RISCHIO ELETTRICO IL RISCHIO ELETTRICO Generalità L energia elettrica è presente nelle industrie, nei posti di lavoro, nelle nostre case con le più svariate applicazioni e per merito delle sue eccezionali caratteristiche

Dettagli

Si può classificare quattro fenomeni:

Si può classificare quattro fenomeni: Il rischio elettrico è certamente uno degli aspetti più complessi e concreti della prevenzione agli infortuni, il 4-5% di questi ha esito mortale, deriva dagli effetti dannosi che la corrente elettrica

Dettagli

IL RISCHIO ELETTRICO NEI LOCALI AD USO MEDICO

IL RISCHIO ELETTRICO NEI LOCALI AD USO MEDICO IL RISCHIO ELETTRICO NEI LOCALI AD USO MEDICO IMPIANTI E SICUREZZA DI ESERCIZIO RELATORI: Dr. Nicola CARRIERO Dr. Carmineraffaele ROSELLI Individuazione del rischio L individuazione del rischio per il

Dettagli

VERIFICHE SU IMPIANTI ELETTRICI

VERIFICHE SU IMPIANTI ELETTRICI VERIFICHE SU IMPIANTI ELETTRICI Oggetto e scopo VERIFICA: insieme delle operazioni necessarie per accertare la rispondenza di un impianto elettrico a requisiti stabiliti (rispondenza alle prescrizioni

Dettagli

La Tecnologia in Sala Operatoria: dalla fase di progettazione agli aspetti gestionali

La Tecnologia in Sala Operatoria: dalla fase di progettazione agli aspetti gestionali Seminario di Ingegneria Clinica 2013 La Tecnologia in Sala Operatoria: dalla fase di progettazione agli aspetti gestionali Con il Patrocinio di Cagliari, Facoltà di Ingegneria Aula V 14 Giugno 2013 ore

Dettagli

Introduzione. 2.1.1 Obblighi di legge generali

Introduzione. 2.1.1 Obblighi di legge generali 2.1 SICUREZZA ELETTRICA Introduzione In questo capitolo sono illustrati gli obblighi di legge e le principali caratteristiche legate agli impianti elettrici dei locali che ospitano le lavorazioni oggetto

Dettagli

LA SICUREZZA ELETTRICA NELLE AZIENDE AGRICOLE la normativa di riferimento e la prevenzione dai rischi

LA SICUREZZA ELETTRICA NELLE AZIENDE AGRICOLE la normativa di riferimento e la prevenzione dai rischi LA SICUREZZA ELETTRICA NELLE AZIENDE AGRICOLE la normativa di riferimento e la prevenzione dai rischi Bergamo 10 febbraio 2012 dott. Giuseppe Trapletti Quali sono le principali situazioni di rischio elettrico?

Dettagli

IL RISCHIO ELETTRICO

IL RISCHIO ELETTRICO IL RISCHIO ELETTRICO Con quest articolo vorrei fornire alcune informazioni che interessano i radioamatori e più in generale tutti coloro che per hobby, o per vita quotidiana, sono interessati all utilizzo

Dettagli

I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO. ---- Sicurezza elettrica ---- Materia: Elettronica, Telecomunicazioni ed applicazioni. prof. Ing.

I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO. ---- Sicurezza elettrica ---- Materia: Elettronica, Telecomunicazioni ed applicazioni. prof. Ing. I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO a.s. 2011/2012 -classe IV- Materia: Elettronica, Telecomunicazioni ed applicazioni ---- Sicurezza elettrica ---- alunni Paletta Francesco Scalise Pietro Iacoi Domenico Turco

Dettagli

ESEMPI DI SCHEDE DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO ELETTRICO

ESEMPI DI SCHEDE DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO ELETTRICO ESEMPI DI SCHEDE DI VALUTAZIONE DEL ELETTRICO Schede di valutazione del rischio per: - contatti diretti per utente generico - contatti indiretti per utente generico - lavori fuori tensione per addetti

Dettagli

AZIONAMENTI E MACCHINE ELETTRICHE. Prof. Masiello Luigi

AZIONAMENTI E MACCHINE ELETTRICHE. Prof. Masiello Luigi AZIONAMENTI E MACCHINE ELETTRICHE Prof. Masiello Luigi Enti normativi nazionali ed internazionali CAPITOLO 3 SCHEMI ELETTICI Comando di una lampada da un punto Comando di una lampada

Dettagli

4.5 IMPIANTI ED APPARECCHIATURE ELETTRICHE

4.5 IMPIANTI ED APPARECCHIATURE ELETTRICHE 4.5 IMPIANTI ED APPARECCHIATURE ELETTRICHE Con il termine impianto elettrico si intende l insieme di apparecchiature elettriche, meccaniche e fisiche atte alla trasmissione e all'utilizzo di energia elettrica.

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

IL RISCHIO ELETTRICO

IL RISCHIO ELETTRICO P.I. Alberto Del Grande Consulenza Tecnica Edilizia - INAIL Direzione Regionale Lazio IL RISCHIO ELETTRICO Concetti base di sicurezza elettrica P. I. Alberto Del Grande INAIL Lazio CTE slide n. 1 L INAIL

Dettagli

RISCHIO ELETTRICO CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO ELETTRICO

RISCHIO ELETTRICO CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO ELETTRICO PRINCIPALI RIF.TI LEGISLATIVI RISCHIO ELETTRICO DPR 547/55 Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro Legge 186/68 Disposizioni concernenti la produzione di materiali, apparecchiature, macchinari,

Dettagli

Impianti elettrici nei cantieri edili

Impianti elettrici nei cantieri edili Impianti elettrici nei cantieri edili Per. Ind. Luca Paolini S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza www.scuolaedile.com 1 DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008 n. 81 Art. 89. Definizioni 1. Agli effetti

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

SICUREZZA ELETTRICA. Obiettivi di apprendimento:

SICUREZZA ELETTRICA. Obiettivi di apprendimento: SICUREZZA ELETTRICA La sicurezza elettrica è una sezione molto importante degli impianti elettrici, perché deve proteggere contestualmente gli apparati/sistemi elettrici in qualunque condizione di funzionamento

Dettagli

Messa a terra degli impianti a tensione superiore a 1 kv in c.a. Norma CEI EN 50522, 2011-07 (CEI 99-3)

Messa a terra degli impianti a tensione superiore a 1 kv in c.a. Norma CEI EN 50522, 2011-07 (CEI 99-3) Incontro tecnico Messa a terra degli impianti a tensione superiore a 1 kv in c.a. Norma CEI EN 50522, 2011-07 (CEI 99-3) Relatore Per. Ind. Gastone Guizzo 1 Padova, 04 febbraio 2012 La Norma CEI EN 50522

Dettagli

Università degli Studi di Roma La Sapienza Piazzale Aldo Moro, 5-00185 ROMA UFFICIO SPECIALE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SICUREZZA ELETTRICA

Università degli Studi di Roma La Sapienza Piazzale Aldo Moro, 5-00185 ROMA UFFICIO SPECIALE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SICUREZZA ELETTRICA Università degli Studi di Roma La Sapienza Piazzale Aldo Moro, 5-00185 ROMA UFFICIO SPECIALE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Collllana Culltura delllla Siicurezza SICUREZZA ELETTRICA Elementi informativi N.

Dettagli

Guida all installazione dell impianto elettrico

Guida all installazione dell impianto elettrico Volume 1 Edizione aggiornata a settembre 2008 Guida all installazione dell impianto elettrico Criteri generali d impianto 1SDC007071E0903 Guida all installazione dell impianto elettrico Volume 1 L impianto

Dettagli

RISCHI DI NATURA ELETTRICA NEGLI AMBIENTI LAVORO

RISCHI DI NATURA ELETTRICA NEGLI AMBIENTI LAVORO RISCHI DI NATURA ELETTRICA NEGLI AMBIENTI LAVORO INDICE 1. Premessa 2. Infortuni da elettrocuzione 3. Pericolosità della corrente elettrica 4. Pericolosità della differenza di potenziale 5. Indicazione

Dettagli

Per i rischi di natura elettrica vanno tenuti in considerazione tre aspetti fondamentali :

Per i rischi di natura elettrica vanno tenuti in considerazione tre aspetti fondamentali : RISCHIO ELETTRICO L art. 80 del D. Lgs. 81/08, modificato dal D. Lgs. 106/09, introduce l esplicito obbligo a carico del. datore di lavoro di effettuare una valutazione del rischio elettrico al quale sono

Dettagli

PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO RISTORANTE VIA DONATO SOMMA xx, GENOVA

PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO RISTORANTE VIA DONATO SOMMA xx, GENOVA PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO RISTORANTE VIA DONATO SOMMA xx, GENOVA PROGETTO REDATTO DA ARCH/ING ELENA AMERI Ai sensi del D.M. 37/28 art 5 comma 2 punto c) RELAZIONE TECNICA 0. PREMESSA Il progetto dell

Dettagli

CRITER1 PER LA SCELTA DELLE MISURE DI PROTEZIONE SECONDO LE VA RIE CONDIZIONI DI INFLUENZE ESTERNE

CRITER1 PER LA SCELTA DELLE MISURE DI PROTEZIONE SECONDO LE VA RIE CONDIZIONI DI INFLUENZE ESTERNE CRITER1 PER LA SCELTA DELLE MISURE DI PROTEZIONE SECONDO LE VA RIE CONDIZIONI DI INFLUENZE ESTERNE Scelta delle misure di protezione contro i contatti diretti Le misure di protezione mediante isolamento

Dettagli

QUADERNO TECNICO Gennaio 2011

QUADERNO TECNICO Gennaio 2011 1/12 QUADERNO TECNICO Gennaio 2011 Autore: Dott. Mauro Baldissin - Tecnico della Prevenzione CANTIERI EDILI CONTROLLI FONDAMENTALI PER RIDURRE IL RISCHIO ELETTRICO Premessa Nei cantieri edili i rischi

Dettagli

RELAZIONE. OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO

RELAZIONE. OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO RELAZIONE OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO L impianto in progetto presenta le seguenti caratteristiche

Dettagli

SOMMARIO. STUDIO CANALI per. ind. LEONARDO GOZZI

SOMMARIO. STUDIO CANALI per. ind. LEONARDO GOZZI Relazione Illustrativa impianti elettrico e speciali - Pag.1 SOMMARIO SOMMARIO... 1 1. OGGETTO E LIMITI DELLA FORNITURA... 2 2. ELENCO ELABORATI... 3 3. DESTINAZIONE e CLASSIFICAZIONE DEI LOCALI... 3 4.

Dettagli

Misure per la sicurezza elettrica

Misure per la sicurezza elettrica Misure per la sicurezza elettrica - 1 Misure per la sicurezza elettrica 1 - Il rischio elettrico e il contatto indiretto Pericolosità della corrente elettrica nell uomo L impiego dell energia elettrica

Dettagli

Impianti fotovoltaici allacciati alla rete e sicurezza elettrica

Impianti fotovoltaici allacciati alla rete e sicurezza elettrica Impianti fotovoltaici allacciati alla rete e sicurezza elettrica F. Groppi Torna al programma Indice degli argomenti Considerazioni introduttive Effetti dell elettricità sul corpo umano Componenti di un

Dettagli

rischio elettrico generale

rischio elettrico generale rischio elettrico generale In Italia si verificano mediamente 5 infortuni elettrici mortali ogni settimana (per folgorazione), un primato europeo fortunatamente in lenta ma continua diminuizione. I luoghi

Dettagli

L'impianto elettrico nei locali ad uso estetico

L'impianto elettrico nei locali ad uso estetico L'impianto elettrico nei locali ad uso estetico 1. Generalità Un centro estetico può essere un locale a se stante (fig. 1), oppure essere inserito all'interno di una struttura più grande, come un albergo,

Dettagli

CAPITOLO X PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA E PROTEZIONE DELLE PERSONE CONTRO IL RISCHIO ELETTRICO

CAPITOLO X PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA E PROTEZIONE DELLE PERSONE CONTRO IL RISCHIO ELETTRICO CAPITOLO X PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA E PROTEZIONE DELLE PERSONE CONTRO IL RISCHIO ELETTRICO 1. Elementi di elettrofisiologia I fenomeni elettrici inerenti il corpo umano e l analisi degli effetti

Dettagli

PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com

PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com 1 INTRODUZIONE La Norma CEI 64-8/6 tratta delle verifiche per gli impianti elettrici in BT. Le prove eseguibili sono in ordine sequenziale dirette a verificare e/o misurare: continuità dei conduttori di

Dettagli

LA SICUREZZA DEGLI APPARECCHI ELETTROMEDICALI: NORMATIVA DI RIFERIMENTO E MODALITA DI ESECUZIONE DELLE PROVE ELETTRICHE PREVISTE

LA SICUREZZA DEGLI APPARECCHI ELETTROMEDICALI: NORMATIVA DI RIFERIMENTO E MODALITA DI ESECUZIONE DELLE PROVE ELETTRICHE PREVISTE ARMANDO FERRAIOLI Bioingegnere LA SICUREZZA DEGLI APPARECCHI ELETTROMEDICALI: NORMATIVA DI RIFERIMENTO E MODALITA DI ESECUZIONE DELLE PROVE ELETTRICHE PREVISTE (Parte Prima) La sicurezza degli apparecchi

Dettagli

Tali impianti elettrici saranno ubicati nella scuola elementare e materna di Marliana, in Via Goraiolo, Marliana (PT).

Tali impianti elettrici saranno ubicati nella scuola elementare e materna di Marliana, in Via Goraiolo, Marliana (PT). ndividuazione degli impianti Gli impianti oggetto del progetto sono previsti all interno di una struttura scolastica. Gli impianti esistenti sono sprovvisti di Dichiarazione di Conformità, pertanto saranno

Dettagli

Comune di Carmiano. Provincia di Lecce

Comune di Carmiano. Provincia di Lecce Regione Puglia Unione Europea Comune di Carmiano Provincia di Lecce BANDO PER IL FINANZIAMENTO IN FAVORE DEI COMUNI PUGLIESI DI OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA NELL'AMBITO DI INSEDIAMENTI

Dettagli

Impianti di Messa a Terra

Impianti di Messa a Terra FACOLTÁ DI INGEGNERIA UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Impianti di Messa a Terra Prof. Roberto Mugavero tel/fax 06-72597320 e-mail mugavero@ing.uniroma2.it Normativa L'impianto di terra può essere

Dettagli

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Argomenti principali Concetti fondamentali sull'atomo, conduttori elettrici, campo elettrico, generatore elettrico Concetto di circuito elettrico (generatore-carico)

Dettagli

RISCHIO ELETTRICO Come passare dalla sicurezza sulla carta alla reale sicurezza in azienda

RISCHIO ELETTRICO Come passare dalla sicurezza sulla carta alla reale sicurezza in azienda salute e sicurezza nei luoghi di lavoro RISCHIO ELETTRICO Come passare dalla sicurezza sulla carta alla reale sicurezza in azienda Relatore: Marino Zalunardo LAVORIAMO CON IL CUORE per garantire la salute

Dettagli

Corrente elettrica e corpo umano

Corrente elettrica e corpo umano Corrente elettrica e corpo umano 1/68 Brevi richiami di elettrofisiologia 1790 Luigi Galvani effettuò esperimenti sulla contrazione del muscolo di rana per mezzo di un bimetallo: concluse che si trattava

Dettagli

Linee guida per l emissione dei permessi di lavoro

Linee guida per l emissione dei permessi di lavoro Permessi Linee guida per l emissione dei permessi Nella redazione dei permessi e nell assegnazione delle prescrizioni di sicurezza, occorre tenere conto delle varie tipologie di lavori descritte nella

Dettagli

La corrente e le leggi di Ohm

La corrente e le leggi di Ohm La corrente e le leggi di Ohm Elettroni di conduzione La conduzione elettrica, che definiremo successivamente, consiste nel passaggio di cariche elettriche da un punto ad un altro di un corpo conduttore.

Dettagli

Terasaki Italia Srl via Campania, 4-20090 Segrate (MI) Tel. 022137574 - Fax 0226922931 www.terasaki.it - terasaki@tin.it. Contatti indiretti

Terasaki Italia Srl via Campania, 4-20090 Segrate (MI) Tel. 022137574 - Fax 0226922931 www.terasaki.it - terasaki@tin.it. Contatti indiretti Contatti indiretti Premessa Nel presente articolo è trattata l installazione degli interruttori differenziali modulari per la protezione delle persone dai contatti indiretti nell edilizia residenziale.

Dettagli

Messa a terra degli impianti a tensione superiore a 1 kv in c.a. Norma CEI EN 50522, 2011-07 (CEI 99-3)

Messa a terra degli impianti a tensione superiore a 1 kv in c.a. Norma CEI EN 50522, 2011-07 (CEI 99-3) Sezione Trentino Alto Adige Südtirol Seminario tecnico Messa a terra degli impianti a tensione superiore a 1 kv in c.a. Norma CEI EN 50522, 2011-07 (CEI 99-3) Relatore Gastone Guizzo Trento, 13 novembre

Dettagli

SISTEMA ELETTRICO, NORMATIVA E LEGISLAZIONE

SISTEMA ELETTRICO, NORMATIVA E LEGISLAZIONE SISTEMA ELETTRICO, NORMATIVA E LEGISLAZIONE INDICE Generalità sulla produzione, il trasporto e la distribuzione dell energia elettrica. Normativa, unificazione, certificazione e controllo sugli impianti

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Impianto elettrico

RELAZIONE TECNICA. Impianto elettrico RELAZIONE TECNICA Impianto elettrico SOMMARIO 1. GENERALITÀ 4 1.1 Premessa 4 2. DESCRIZIONE SOMMARIA DEI LAVORI 5 2.1 Distribuzione 5 2.1.1 Impianto elettrico esterno e locali speciali. 6 2.1.2 Impianto

Dettagli

PROBLEMATICHE ESTINZIONE INCENDIO IN PRESENZA IMPIANTO FOTOVOLTAICO

PROBLEMATICHE ESTINZIONE INCENDIO IN PRESENZA IMPIANTO FOTOVOLTAICO PROBLEMATICHE ESTINZIONE INCENDIO IN PRESENZA IMPIANTO FOTOVOLTAICO 1. Introduzione Gli incendi in presenza di impianti fotovoltaici per la presenza di alte tensioni in continua, creano notevoli problematiche

Dettagli

Quaderni di Applicazione Tecnica N.3 Sistemi di distribuzione e protezione contro i contatti indiretti ed i guasti a terra

Quaderni di Applicazione Tecnica N.3 Sistemi di distribuzione e protezione contro i contatti indiretti ed i guasti a terra Quaderni di Applicazione Tecnica N.3 Sistemi di distribuzione e protezione contro i contatti indiretti ed i guasti a terra Sistemi di distribuzione e protezione contro i contatti indiretti ed i guasti

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE

PROGETTO ESECUTIVO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE LOCALITA : ORBASSANO (TO) INDIRIZZO: Via Fratelli Rosselli 37 DESTINAZIONE D USO: Centro diurno per disabili PROGETTO ESECUTIVO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE Data: marzo 2012 Il tecnico: dott. ing.

Dettagli

Locali contenenti riscaldatori per saune Norme di installazione

Locali contenenti riscaldatori per saune Norme di installazione Protezione contro i contatti diretti e indiretti Interruzione automatica dell alimentazione mediante interruttore differenziale con I dn non superiore a 30 ma. Norma CEI 64-8 sezione 703 - Art. 703.412.5

Dettagli

Impianto elettrico per il cantiere edile

Impianto elettrico per il cantiere edile Impianto elettrico per il cantiere edile Introduzione Le presenti riflessioni non intendono sostituirsi, in alcun caso: - alle vigenti norme di Legge (DPGP n. 7/1999, DPR 22.10.2001, n. 462, D.M. 22.01.2008,

Dettagli

710 Locali ad uso medico

710 Locali ad uso medico 710 Locali ad uso medico Nei locali ad uso medico è necessario garantire la sicurezza dei pazienti che potrebbero essere soggetti all applicazione di apparecchi elettromedicali. Per qualsiasi attività

Dettagli

Sommario PREMESSA... 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 CALCOLO ILLUMINOTECNICO... 4

Sommario PREMESSA... 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 CALCOLO ILLUMINOTECNICO... 4 Relazione di calcolo illuminotecnico Sommario PREMESSA... 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 CALCOLO ILLUMINOTECNICO... 4 PREMESSA Oggetto del seguente lavoro è il calcolo illuminotecnico da effettuarsi nel

Dettagli

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO LA PROTEZIONE DELLE CONDUTTURE CONTRO LE SOVRACORRENTI DEFINIZIONI NORMA CEI 64-8/2 TIPOLOGIE DI SOVRACORRENTI + ESEMPI SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE

Dettagli

Sistemi di distribuzione e protezione contro i contatti indiretti ed i guasti a terra

Sistemi di distribuzione e protezione contro i contatti indiretti ed i guasti a terra 3 Aprile 2008 1SDC007102G0902 Quaderni di Applicazione Tecnica Sistemi di distribuzione e protezione contro i contatti indiretti ed i guasti a terra Sistemi di distribuzione e protezione contro i contatti

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE PER L UMBRIA. Ufficio Tecnico -Edilizio Via M.Angeloni, 90 - Perugia RELAZIONE TECNICA

DIREZIONE REGIONALE PER L UMBRIA. Ufficio Tecnico -Edilizio Via M.Angeloni, 90 - Perugia RELAZIONE TECNICA ALLEGATO 10 DIREZIONE REGIONALE PER L UMBRIA Ufficio Tecnico -Edilizio Via M.Angeloni, 90 - Perugia PROGETTO IMPIANTO ELETTRICO: F.M., LUCE E SERVIZI RISTRUTTURAZIONE PIANO TERRA SEDE I.N.P.S. TERNI V.le

Dettagli

IE 010 Centrale idrica Ottobre 2014

IE 010 Centrale idrica Ottobre 2014 IE 010 Centrale idrica Ottobre 2014 Riferimenti normativi: Norma CEI 64-8 Guida CEI 64-50 Prima di effettuare il progetto dell impianto elettrico è necessario acquisire tutte le informazioni relative alla

Dettagli

Impianti elettrici di cantiere

Impianti elettrici di cantiere a cura di Andrea Gulinelli Norme tecniche di riferimento Norma CEI 64-8, parte 7, Edizione VII Ambienti ed applicazioni particolari, Sezione 704 - Cantieri di costruzione e demolizione. Norma CEI 0-21,

Dettagli

INDICE. 1. Premessa e riferimenti legislativi e normativi pag. 2. 2. Descrizione dei sistemi pag. 3 2.1 Sistema edificio B2 pag. 3

INDICE. 1. Premessa e riferimenti legislativi e normativi pag. 2. 2. Descrizione dei sistemi pag. 3 2.1 Sistema edificio B2 pag. 3 INDICE 1. Premessa e riferimenti legislativi e normativi pag. 2 2. Descrizione dei sistemi pag. 3 2.1 Sistema edificio B2 pag. 3 2.1.1 Campo fotovoltaico pag. 3 2.1.2 Sezionatore pag. 4 2.1.3 Inverter

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

RELAZIONE TECNICA INDICE. - 1. Scopo Pag. 3. - 2. Riferimento a legislazioni vigenti.. Pag. 4. - 3. Generalità struttura, attività, ambiente Pag.

RELAZIONE TECNICA INDICE. - 1. Scopo Pag. 3. - 2. Riferimento a legislazioni vigenti.. Pag. 4. - 3. Generalità struttura, attività, ambiente Pag. RELAZIONE TECNICA INDICE - 1. Scopo Pag. 3-2. Riferimento a legislazioni vigenti.. Pag. 4-3. Generalità struttura, attività, ambiente Pag. 5-4. Generalità e tipologia impianto elettrico. Pag. 5-5. Quadri

Dettagli

Protezione dai contatti indiretti

Protezione dai contatti indiretti Protezione dai contatti indiretti Se una persona entra in contatto contemporaneamente con due parti di un impianto a potenziale diverso si trova sottoposto ad una tensione che può essere pericolosa. l

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA NELL AZIENDA SANITARIA LOCALE Applicazione del D.Lgs. 81/08 IL RISCHIO ELETTRICO. Dr. Nicola Carriero

SALUTE E SICUREZZA NELL AZIENDA SANITARIA LOCALE Applicazione del D.Lgs. 81/08 IL RISCHIO ELETTRICO. Dr. Nicola Carriero SALUTE E SICUREZZA NELL AZIENDA SANITARIA LOCALE Applicazione del D.Lgs. 81/08 IL RISCHIO ELETTRICO Dr. Nicola Carriero IL RISCHIO ELETTRICO Per rischio elettrico si intende la probabilità che si verifichi

Dettagli

Le verifiche degli impianti elettrici

Le verifiche degli impianti elettrici Corso di Strumentazione Elettronica e Collaudi Laurea Magistrale in Ingegneria Elettrica Le verifiche degli impianti Luigi Ferrigno ferrigno@unicas.it Gruppo Misure Elettriche ed Elettroniche Università

Dettagli

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra Classificazione dei sistemi in categorie secondo la loro tensione nominale In relazione alla loro tensione nominale i sistemi

Dettagli

Guida tecnica 2013/2014. Protezione contro i guasti verso terra con gli interruttori differenziali

Guida tecnica 2013/2014. Protezione contro i guasti verso terra con gli interruttori differenziali Guida tecnica 2013/2014 Protezione contro i guasti verso terra con gli interruttori differenziali Protezione contro i guasti verso terra con gli interruttori differenziali Introduzione 1 Protezione contro

Dettagli

LA SICUREZZA DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE

LA SICUREZZA DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE LA SICUREZZA DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE COMMISSIONE NAZIONALE PERMANENTE IGIENE-SICUREZZA-AMBIENTE TORINO 21-23 marzo 2006 ABAG S.r.l. www.abag.it 1 PANORAMA LEGISLATIVO SICUREZZA ELETTRICA MARCATURA

Dettagli

Manutenzione degli impianti elettrici : verifiche obbligatorie per la sicurezza sul lavoro.

Manutenzione degli impianti elettrici : verifiche obbligatorie per la sicurezza sul lavoro. Manutenzione degli impianti elettrici : verifiche obbligatorie per la sicurezza sul lavoro. L impianto elettrico è parte integrante di ogni realtà, sia essa produttiva che abitativa. L esecuzione degli

Dettagli

C O M U N E D I C E R V I A

C O M U N E D I C E R V I A C O M U N E D I C E R V I A MANUTENZIONE DI ALLOGGIO DELLE CASE DEI SALINARI pag.1 di 10 RELAZIONE ILLUSTRATIVA INDICE PARTE 1... 3 OGGETTO DELL INTERVENTO... 3 DESIGNAZIONE DELLE OPERE DA ESEGUIRE...

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO PAGINA 1 di 10 SOMMARIO RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 PREMESSA... 3 OBBIETTIVI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 3 CRITERI ADOTTATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 4 VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dettagli

Ospedale dei SS. Cosma e Damiano REALIZZAZIONE CENTRALE FRIGORIFERA LABORATORIO ANALISI

Ospedale dei SS. Cosma e Damiano REALIZZAZIONE CENTRALE FRIGORIFERA LABORATORIO ANALISI Azienda USL n. 3 Pistoia P.IVA 01241740479 Area Funzionale Tecnica Settore Tecnico Distaccato della Z/D Valdinievole P.zza XX Settembre, 22 51017 Pescia (PT) Tel. 0572-460431 fax 0572/460433 Ospedale dei

Dettagli

Il rischio Elettrico. Massimo Ceraolo Dipartimento di Ingegneria dell Energia e dei Sistemi

Il rischio Elettrico. Massimo Ceraolo Dipartimento di Ingegneria dell Energia e dei Sistemi Il rischio Elettrico Massimo Ceraolo Dipartimento di Ingegneria dell Energia e dei Sistemi 1 Sommario L elettricità e i suoi rischi In cosa consiste l elettricità (corrente, tensione) Quali gli effetti

Dettagli

IMPIANTO DI TERRA. Limiterò le mie considerazioni solo agli impianti di terra destinati a svolgere una funzione di protezione contro l'elettrocuzione.

IMPIANTO DI TERRA. Limiterò le mie considerazioni solo agli impianti di terra destinati a svolgere una funzione di protezione contro l'elettrocuzione. L'impianto di terra ha una duplice funzione: protezione funzionale IMPIANTO DI TERRA La prima classificazione è ulteriormente suscettibile di suddivisione. Gli impianti di terra, infatti, possono svolgere

Dettagli

Marchi I.M.Q CESI IENGF

Marchi I.M.Q CESI IENGF Le apparecchiature elettroniche e gli impianti elettrici devono essere progettati, costruiti e impiegati in modo tale che eventuali malfunzionamenti o eventi dovuti all ambiente circostante non creino

Dettagli

ASL 1 2 TORINO 2008 LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI DOMESTICI. Dipartimento di Prevenzione Struttura Semplice EPIDEMIOLOGIA ED EDUCAZIONE SANITARIA CORSO

ASL 1 2 TORINO 2008 LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI DOMESTICI. Dipartimento di Prevenzione Struttura Semplice EPIDEMIOLOGIA ED EDUCAZIONE SANITARIA CORSO Dipartimento di Prevenzione Struttura Semplice EPIDEMIOLOGIA ED EDUCAZIONE SANITARIA CORSO LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI DOMESTICI 1 Edizione: 9 e 11 giugno 2008 2 Edizione: 29 settembre e 1 ottobre 2008

Dettagli

R.S.P.P. Misure contro l incendio

R.S.P.P. Misure contro l incendio R.S.P.P. Misure contro l incendio D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D. Lgs. 81/08 - Allegato IV Misure contro l incendio Negli studi, seppure non esistano pericoli specifici di incendio: E vietato fumare Devono

Dettagli

DALLA LEGGE 46/90 E DAL DPR 47/91 AL NUOVO DM 37/08

DALLA LEGGE 46/90 E DAL DPR 47/91 AL NUOVO DM 37/08 DALLA LEGGE 46/90 E DAL DPR 47/91 AL NUOVO DM 37/08 DM del 22/01/08 n. 37 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ATTIVITA DI INSTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI ALL INTERNO DEGLI EDIFICI Art. 1 - IMPIANTI SOGGETTI ALL APPLICAZIONE

Dettagli

Protezione Differenziale

Protezione Differenziale Protezione Differenziale dai contatti indiretti PROTEZIONE DAI CONTATTI INDIRETTI CORRENTE DI GUASTO A TERRA SISTEMI ELETTRICI DI DISTRIBUZIONE GUASTO A TERRA NEI SISTEMI TT INTERRUTTORE DIFFERENZIALE:

Dettagli

!"#$%&'())%*+'($,-$.%/#'#$

!#$%&'())%*+'($,-$.%/#'#$ !"#$%&'())%*+'($,-$.%/#'#$ D.Lgs 81/08, Art. 69, definizioni: a) attrezzatura di lavoro: qualsiasi macchina, apparecchio, utensile o impianto, inteso come il complesso di macchine, attrezzature e componenti

Dettagli

IA 010 Cabina di trasformazione MT/BT Giugno 2015

IA 010 Cabina di trasformazione MT/BT Giugno 2015 IA 010 Cabina di trasformazione MT/BT Giugno 2015 Per la parte di ricezione/immissione vedi IA 005. Riferimenti normativi Generali: CEI EN 62271-202 (17-103) Sottostazioni prefabbricate ad Alta tensione/bassa

Dettagli