Simboli usati negli impianti elettrici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Simboli usati negli impianti elettrici"

Transcript

1 Simboli usati negli impianti elettrici interruttore deviatore lampada presa suoneria commutatore invertitore pulsante relè ronzatore Sicurezza negli impianti elettrici Per riconoscere gli apparecchi elettrici sicuri tra i tanti presenti sul mercato basta prendere confidenza con i simboli e gli elementi che ne accertano le caratteristiche di sicurezza. Questo è il simbolo dell Istituto del Marchio di Qualità (I.M.Q.), che si trova non solo sui materiali elettrici ma anche su quelli a gas, ed attesta che quel determinato prodotto ha superato tutta una serie di controlli finalizzati alla verifica della sua qualità e sicurezza. Attenzione: la marchiatura, a differza da quanto avviene in altri paesi, non è obbligatoria, è quindi nostra responsabilità verificare che quest'importante requisito di qualità e sicurezza sia presente nell oggetto che stiamo acquistando. Per gli apparecchi muniti del doppio isolamento, identificabili da questo contrassegno internazionale, non è richiesta la messa a terra. L interruttore differenziale, o salvavita, è uno strumento posto all inizio dell impianto elettrico di un abitazione ed interviene automaticamente, interrompendo la corrente dall impianto, quando avvengono delle dispersioni che possono essere causate da apparecchiature difettose o dal contatto accidentale del corpo umano con un elemento in tensione. L impianto elettrico deve essere installato secondo le norme CEI (Comitato Elettrotecnico Italiano), da personale qualificato che dovrà rilasciare una Dichiarazione di Conformità alle norme dell impianto realizzato. Non apportare modifiche all impianto elettrico senza ricorrere a personale. Ogni apparecchio deve essere collegato a terra con una spina a tre contatti, di cui solo quello centrale è collegato a terra. Allo scopo di distinguere chiaramente il conduttore di terra da quelli in tensione, il rivestimento isolante del cavo deve essere di colore giallo-verde.

2 L'interruttore Impianto luce comandata da tre punti: invertita E' definito impianto luce a comando multiplo, quello in cui una o più lampade possono essere comandate da più di due punti distinti. Esso ha applicazione nell'illuminazione delle scale, corridoi, ecc. Il numero dei posti di comando può essere grande a piacere, però in ogni caso occorrono alle estremità del circuito due deviatori, mentre nei posti intermedi occorrono apparecchi detti invertitori (hanno quattro morsetti). I ritorni di un deviatore vanno collegati su 2 morsetti opposti dell'invertitore, i rimanenti con l'altro deviatore. Ricapitolando, possiamo dire che in un impianto invertito si installano due soli deviatori (né di più, né di meno), mentre di invertitori se ne installano da uno ad un numero infinito. Il relè Il relè (o soccorritore) è un apparecchio elettrico costituito da un elettromagnete che quando è eccitato apre o chiude uno o più contatti. La tensione di comando può essere diretta oppure trasformata. Negli impianti a relè si hanno due circuiti distinti, quello luce (accensione delle lampade), e quello di comando (eccitazione della bobina del relè). Vantaggi del relè: Il circuito di comando può funzionare a tensione molto bassa; permettendo manovre senza pericolo (da usarsi negli ambienti umidi), inoltre i posti di comando possono essere aumentati a piacere. Svantaggi del relè: Il relè può incepparsi. Il rumore prodotto dall'eccitazione dell'elettromagnete può dare fastidio, inoltre i contatti del relè si possono ossidare. Caratteristiche: Negli impianti a corrente trasformata, la potenza del trasformatore deve essere di almeno 10 o 15 Watt. Esistono relè interruttori, commutatori, unipolari, bipolari (interruzione della fase, oppure della fase e del neutro contemporaneamente).

3 Impianto a chiamata luminosa Gli impianti a chiamata luminosa sostituiscono in gran parte gli impianti di chiamata a cartellini cadenti che non risolvono il problema degli uffici, perchè obbligano il personale a recarsi sempre fino al quadro per conoscere il numero della stanza chiamante. Viceversa, con il sistema a chiamata luminosa, il personale è obbligato a recarsi fino alla camera chiamante per poter distaccare il segnale. Il funzionamento della chiamata luminosa è basato su relè speciali che dopo un'eccitazione istantanea tengono chiusi i contatti per mezzo di una leva, finché la manovra sul pulsante di distacco (o di sblocco) non riporta la leva a riposo. Questo tipo di impianto si usa prevalentemente in alberghi, uffici, ospedali. L'impianto si compone di: Pulsante di chiamata Pulsante di sblocco Gemma luminosa Frecce direzionali di diverso colore montante nei corridoi Quadri luminosi e ripetitori Suoneria Relè pilota (a volte non si monta) Relè e/o relè La tensione di alimentazione va da 12 a 36 volt.

4 Impianto con relè 8000 Impianto con relè Il teleruttore Con il nome di teleruttore sono intesi tutti quegli apparecchi (interruttori, commutatori, ecc.) che possono comandare a distanza mediante un pulsante che eccita e diseccita un elettromagnete, provocando la manovra meccanica della parte mobile dell'apparecchio, essi possono essere i seguenti: 1 - a corrente continua, e a corrente alternata 2 - bobina alimentata dalla stessa tensione di funzionamento dell'apparecchio o da tensione diversa 3 - teleruttori ad aria 4 - teleruttori ad olio Parti fondamentali costituenti un teleruttore COMPLESSO MAGNETICO E' costituito essenzialmente da un nucleo magnetico e dalla bobina d'eccitazione. Il nucleo è suddiviso in due parti, di cui una fissa, solidale all'installatura, ed una mobile, collegata direttamente al supporto sul quale sono fissati i contatti mobili. Noteremo ancora che il nucleo può essere massiccio se la bobina è eccitata in corrente continua, oppure lamellato se la bobina è alimentata in corrente alternata. In prossimità della superficie di contatto fra il nucleo fisso e quello mobile, si pone una spira silenziatrice, la cui funzione, oltre a quella indicata dalla stessa denominazione, è quella di facilitare il distacco tra le due parti allorché cessa l'eccitazione della bobina.

5 CONTATTI FISSI Intendiamo con questo termine quel gruppo di contatti fissati direttamente all'incastellatura dell'apparecchio; possono essere uno per fase se l'apparecchio è a semplice rottura, e due per fase se a doppia rottura. CONTATTI MOBILI Sono montati su uno stesso supporto che reca la parte mobile del nucleo magnetico. L'apparecchio è la doppia rottura quando sono completamente isolati dalla linea: se invece l'apparecchio è a semplice rottura vengono collegati ai morsetti dell'utilizzatore mediante treccia flessibile. CONTATTO AUSILIARE Di dimensioni ridotte rispetto ai contatti principali, sono destinati ad assolvere alle più varie funzioni, quali ad esempio per l'alimentazione della bobina, ossia tenere eccitata la bobina quando l'operatore rilascia il comando di marcia. CLASSI DEI TELERUTTORI Essi sono riportati in cinque classi di servizio, caratterizzate dal numero di manovre (inserzione e disinserzione) effettuate in un'ora. Le classi sono: A - fino a 60 manovre all'ora B - fino a 70 manovre all'ora C - fino a 200 manovre all'ora D - fino a 500 manovre all'ora E - da 500 in poi manovre all'ora Il teleruttore si usa prevalentemente per il comando di motori ed illuminazioni esterne (parchi, strade, ecc.).

6 I collegamenti elettrici Il collegamento delle resistenze, lampade, stufe,ecc., può essere effettuato in tre modi: in serie; in parallelo (derivazioni); in serie-parallelo (misti). Nei collegamenti serie, la corrente è la stessa in tutti i punti del circuito, la resistenza totale è equivalente alla somma delle singole resistenze, e la somma delle cadute di tensione lungo il circuito è uguale alla tensione del generatore. In un circuito parallelo la tensione applicata a tutti i rami (o resistenze) è la medesima del generatore, la corrente totale fornita al circuito è uguale alla somma delle correnti che percorrono le varie resistenze, mentre la resistenza totale è più piccola della più piccola resistenza. Il circuito misto è una combinazione di collegamenti in serie e in parallelo. N.B. La Fase (polo positivo nelle pile) va sempre collegata direttamente agli organi di comando (interruttori, ecc.). Il Neutro (polo negativo nelle pile) va sempre collegato direttamente all'utilizzatore (lampade, ecc.) Collegamenti in serie. Collegamenti in parallelo. Collegamenti misti.

7 L'elettricità Impianto luce commutato E' l'impianto luce a comandi successivi da un solo posto. E' il comune impianto per lampadario dove si vogliano accendere le lampade in gruppi distinti. Il commutatore è l'apparecchio elettrico di comando formato da tre morsetti, di cui uno è il comune che prende sempre la fase e due sono i ritorni che vanno sempre collegati alle lampade. Suoneria elettrica a scintilla La suoneria elettrica a scintilla è il tipo più comune. Il nucleo di ferro si magnetizza solo al passaggio della corrente. Funziona bene sia a corrente continua (pile), che a corrente alternata, però richiede, con la corrente alternata, una tensione quasi doppia di quella continua. L'inconveniente di questo tipo di suoneria a scintilla sta nella molla di contatto, precisamente nel punto dove si interrompe la corrente, che spesso si ossida, se non è di ottimo materiale. L'interruzione continua disturba gli apparecchi radiotelevisivi vicini, perciò è consigliabile un condensatore in parallelo al contatto. Le suonerie a scintilla possono funzionare a tensione di rete (220 volt) e a tensione trasformata (4 o 24 volt). Impianto luce comandato da relè a tempo Gli impianti di questo genere vengono usati per l'illuminazione delle scale, allo scopo di evitare inutili consumi di energia, quando gli inquilini dimenticano di spegnere la luce dopo l'uso. La parte più importante è costituita da un relè speciale, che si eccita premendo uno dei pulsanti distribuiti ad ogni piano e vicino al portone d'ingresso. L'eccitazione prevede l'immediata chiusura di un contatto che inserisce le lampade e fa caricare una

8 molla. Questa, scaricandosi lentamente, mediante un meccanismo ad orologeria, provoca dopo un certo tempo (in genere da uno a cinque minuti) la riapertura del contatto e quindi lo spegnimento delle lampade. La durata della scarica della molla si può regolare, variando la lunghezza di un pendolo. Per impedire che, premendo subito dopo, di nuovo uno dei pulsanti la molla abbia a ricaricarsi, nell'istante dell'eccitazione del relè, un contatto supplementare si apre interrompendo il circuito della bobina, però a metà della corsa di scarica tale contatto si richiude, pertanto premendo un pulsante, si ha un'immediata ricarica completa. Un commutatore speciale, a volte con chiave asportabile, permette di disinserire l'impianto durante il giorno oppure di mantenere accese le lampade (indipendentemente dalla chiamata dei pulsanti) durante la sera, cioè fino alla chiusura del portone, invece durante la notte la luce è normalmente spenta e si accende solo quando si preme uno dei pulsanti. Impianto di chiamata a cartellino cadente E' un tipo d'impianto diffusissimo e serve quando da molti posti si deve chiamare un'unica persona che presta servizio vicino al quadro. Questo impianto si usa negli uffici, alberghi, scuole, ospedali, ecc. Il quadro a cartellini ha tanti elettromagneti quanti sono i posti di chiamata. Ogni elettromagnete quando è eccitato provoca la caduta di un cartellino numerato che si dispone davanti ad una finestrella che rende visibile il numero che prima era nascosto. Il risollevamento del cartellino (sparizione, rimando, sblocco), avviene tramite un elettromagnete che alza tutti i cartellini caduti, contemporaneamente. Questo impianto funziona a bassa tensione, 12 volt, sia in corrente continua che in corrente alternata. In corrente alternata il trasformatore deve essere di potenza adeguata all'assorbimento dell'impianto, la resistenza di ogni magnete è di circa 10 Watt.

9 Impianto di chiamata reciproca: citofono Col nome di telefonia domestica si intendono quegli impianti di citofoni manuali (non automatici) destinati a collegare apparecchi di una stessa abitazione, e in genere a piccola distanza (max 500 metri). Gli impianti normali con centralino, non appartengono, in genere alla telefonia domestica, essendo di natura più complessa, ma oggi per le portinerie di grandi caseggiati, si usano centralini ultraridotti che rientrano nel campo della telefonia domestica. Le caratteristiche tecniche dei citofoni sono: 1 - Non hanno bobina d'induzione (cioè sono a circuito diretto) e quindi non possono servire che per piccole distanze (fino a 100 metri si usano conduttori di rame da 6,7 a 10 mm quadrati). 2 - Microfono e ricevitore sono in serie tra loro (quindi il ricevitore deve avere bassa resistenza, in genere 30 Ohm). 3 - Un'unica batteria di pile alimenta tutto l'impianto e serve sia per la conversazione (alimentazione microfono) che per la chiamata (suoneria). Le suonerie (o ronzatori) hanno una resistenza di circa 50 Ohm. Le capsule citofoniche sono del tipo a pallini con resistenza da 8 a 5 W (granuli di carbone) e richiedono una corrente da 100 a 250 ma. Se la corrente è più forte si rischia di bruciare la capsula microfonica. Impianto luce comandato da due punti: deviata Questo schema viene usato maggiormente nelle stanze da letto oppure nei corridoi. Occorrono per questo impianto due deviatori, che permettono l'accensione o lo spegnimento della lampada da due punti di comando. Il deviatore è un apparecchio elettrico composto da tre morsetti, di cui uno (centrale) che è il

10 comune, e due morsetti (laterali) che sono i ritorni. I collegamenti debbono essere eseguiti nel seguente modo: Il comune di un deviatore va collegato sempre alla fase. Il comune dell'altro deviatore va collegato su uno dei capi della lampada (morsetti). I ritorni di un deviatore vanno collegati con i ritorni dell'altro indifferentemente. Il ronzatore Nel ronzatore non vi è interruzione di contatto e sono evitati i guasti per ossidazione dei contatti, e i disturbi ai radioricevitori vicini (per effetto del continuo scintillo). Funziona solo a corrente alternata sfruttando le semionde positive e negative. Il ronzatore può funzionare sia a tensione di rete che a tensione trasformata. Impianto di emergenza Questo tipo d'impianto si usa in tutti gli ambienti dove serve una illuminazione di soccorso (teatri, cinema, ospedali, negozi); cioè deve funzionare solo in casi di necessità. L'impianto consiste principalmente in un relè a corrente permanente, che è sempre eccitato, mantenendo i contatti aperti, ma nell'istante in cui la tensione di rete viene a mancare, la bobina si diseccita, permettendo la chiusura dei contatti e l'alimentazione delle lampade sussidiarie. L'alimentazione dell'impianto d'emergenza va fatta con un gruppo elettrogeno, oppure con batteria di accumulatori. In media la batteria alimenta l'impianto con una tensione che và dai 24 ai 60 volt in corrente continua. Quando torna la tensione di rete la bobina del relè si rieccita, riaprendo i contatti dell'impianto d'emergenza.

11 Le lampade fluorescenti Le lampade fluorescenti usate negli Stati Uniti fino dal 1939 si sono diffuse in Italia nel Per il loro alto rendimento e per la luce priva di abbagliamento. Un tubo di vetro pieno di gas Argon e di vapori di Mercurio, contiene due elettrodi metallici tra i quali scocca l'arco; questo produce l'emissione di luce da parte di sostanze fluorescenti che rivestono le pareti interne dell'ampolla (tubo). Per innescare l'arco occorre: A - Pre-riscaldare gli elettrodi che sono simili al filamento di un'ordinaria lampadina B - Provocare tra gli elettrodi, una forte soprelevazione di tensione. Per ottenere questo si utilizza la scarica di una potente bobina fortemente induttiva (reattore) quando si apre il circuito percorso da corrente alternata. C - L'apertura del reattore è prodotta da un avviatore ( starter ) che può avere varie forme. Il funzionamento è il seguente: chiuso l'interruttore, la tensione agisce agli estremi E - F dello starter (fig.1), che sono racchiusi in un'ampolla contenente gas Argon. Perciò tra E - F si innesca un piccolo arco e quindi una debole corrente passa attraverso il reattore. Il filamento C - D, lo starter, l'altro filamento G - H ed il circuito si chiude poi col neutro. I due filamenti risultano inseriti i n serie tra loro, e alimentati dalla rete, ma non riescono a riscaldarsi perché la corrente è debole. Dopo alcuni attimi la lamina bimetallica curva, si riscalda, si raddrizza e tocca l'elettrodo E, cortocircuitando l'arco dello starter e rinforzando la corrente nei filamenti metallici C -D, G - H. Dopo un'altra frazione di secondo, essendosi spento l'arco tra E - F, l'elettrodo ricurvo (lamina bimetallica), si raffredda, si stacca dall'altro elettrodo e apre il circuito che ha in serie il reattore, quest'ultimo scaricandosi bruscamente produce una elevata ed istantanea F.E.M. di autoinduzione (legge di Faraday) fra i due elettrodi (filamenti) della lampada, fra i quali s'innesca l'arco che poi si mantiene durante l'accensione, circa 60 volt agli elettrodi della lampada; essa è sufficiente a mantenere l'arco nello starter. Il condensatore C.S. serve da smorsa-scintille, per evitare disturbi ai radioricevitori vicini. I tipi più comuni di lampade fluorescenti a catodo caldo hanno una potenza che può essere da 4 a 40 Watt. Esistono altri tipi di lampade fluorescenti, che funzionano senza starter e senza preriscaldamento dei catodi. Le lampade a catodo freddo più importanti sono le "slim-line" e le lampade al neon. Le lampade al neon per funzionare hanno bisogno di 600 volt per metro di lunghezza. Il colore è determinato dal tipo di gas contenuto nel tubo.

12

GLI IMPIANTI CITOFONICI

GLI IMPIANTI CITOFONICI GLI IMPIANTI CITOFONICI Caratteristiche generali Un normale apparecchio citofonico è costituito da una base e da un microtelefono. All'interno della base sono collocati gli elementi di segnalazione e di

Dettagli

SCHEMI IMPIANTI MT101-010 95

SCHEMI IMPIANTI MT101-010 95 SCHEMI IMPIANTI MT101-010 95 COLLEGAMENTO DI CITOFONI AD UN PORTIERE ELETTRICO FUNZIONE Premendo uno dei tasti della pulsantiera, posta all'esterno dello stabile, viene inviata la chiamata elettronica

Dettagli

Come ottengo la CORRENTE ELETTRICA

Come ottengo la CORRENTE ELETTRICA COS È L ELETTRICITÀ Come ottengo la CORRENTE ELETTRICA si produce con i generatori di corrente che possono essere chimici, meccanici oppure utilizzare l'energia del sole Generatori meccanici che producono

Dettagli

Unità di misura della corrente elettrica.

Unità di misura della corrente elettrica. Ampere Unità di misura della corrente elettrica. Cavo Centralino È un elemento fondamentale di un circuito elettrico: ha il compito di trasportare la corrente dal generatore fino all utilizzatore. (vedi

Dettagli

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule 1 ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO Ing. Guido Saule Valori delle tensioni nominali di esercizio delle macchine ed impianti elettrici 2 - sistemi di Categoria 0 (zero), chiamati anche a bassissima tensione,

Dettagli

INSTALLAZIONI ELETTRICHE CIVILI

INSTALLAZIONI ELETTRICHE CIVILI indice ALIMENTATORE MONOFASE ALIMENTATORE MONOFASE ALIMENTATORI DL 2101ALA DL 2101ALF MODULI INTERRUTTORI E COMMUTATORI DL 2101T02RM INVERTITORE DL 2101T04 INVERTITORE E DEVIATORI A DUE VIE DL 2101T04RM

Dettagli

SEGNI GRAFICI PER SCHEMI

SEGNI GRAFICI PER SCHEMI Corrente e Tensioni Corrente continua Trasformatore a due avvolgimenti con schermo trasformatore di isolamento CEI 14-6 Trasformatore di sicurezza CEI 14-6 Polarità positiva e negativa Convertitori di

Dettagli

Corso di Elettronica Organizzato dall associazione no-profit Agorà Lesina (FG)

Corso di Elettronica Organizzato dall associazione no-profit Agorà Lesina (FG) 004 Corso di Elettronica Organizzato dall associazione no-profit Agorà Lesina (FG) Lezione n. Che cos è un interruttore? L interruttore è un dispositivo meccanico che chiude un contatto elettrico (fig.).

Dettagli

1. Presentazione del problema. 2.Ipotesi di soluzione

1. Presentazione del problema. 2.Ipotesi di soluzione 1. Presentazione del problema Al fine di sollecitare gli alunni a progettare, realizzare e verificare esperienze operative inerenti all Energia elettrica, l insegnante di Ed. Tecnica propone alla classe,

Dettagli

Pericoli della corrente elettrica! 2. Generi degli impianti elettrici! 2. Sistemi di protezione! 2

Pericoli della corrente elettrica! 2. Generi degli impianti elettrici! 2. Sistemi di protezione! 2 Comandi Indice Pericoli della corrente elettrica 2 Generi degli impianti elettrici 2 Sistemi di protezione 2 Interruttore a corrente di difetto (FI o salvavita) 3 Costituzione: 3 Principio di funzionamento

Dettagli

LABORATORIO DI ELETTROTECNICA

LABORATORIO DI ELETTROTECNICA SCUOLA MEDIA STATALE DI SAN MARINO Terza Circoscrizione LABORATORIO DI ELETTROTECNICA Prof. Marzi Sergio Prof. Conti Roberto 15 20 Marzo 2004 Nome Alunno: Anno scolastico 2003/2004 Laboratorio didattico

Dettagli

SICUREZZA NEGLI EDIFICI AD USO CIVILE IL RISCHIO ELETTRICO

SICUREZZA NEGLI EDIFICI AD USO CIVILE IL RISCHIO ELETTRICO SICUREZZA NEGLI EDIFICI AD USO CIVILE IL RISCHIO ELETTRICO Il rischio elettrico coinvolge tutti coloro che a qualsiasi titolo vengono a contatto con gli impianti e gli utilizzatori elettrici. Il contatto

Dettagli

Alimentazione di sicurezza. La disalimentazione elettrica

Alimentazione di sicurezza. La disalimentazione elettrica Pag.1 Alimentazioni di sicurezza Definizioni e classificazione Per alimentazione dei servizi di sicurezza, più brevemente alimentazione di sicurezza, si intende l'alimentazione che ha lo scopo di garantire

Dettagli

IMPIANTO ELETTRICO 1

IMPIANTO ELETTRICO 1 IMPIANTO ELETTRICO 1 Gli impianti elettrici di qualsiasi unità immobiliari devono essere realizzati secondo la legge sulla regola dell'arte (Legge 186/68) e la legge sulla sicurezza degli impianti (D.M.

Dettagli

DL 2101ALA. DL 2101ALW Alimentatore Monofase da parete DL 2101ALF. Alimentatore Monofase. Alimentatore Monofase

DL 2101ALA. DL 2101ALW Alimentatore Monofase da parete DL 2101ALF. Alimentatore Monofase. Alimentatore Monofase DL 2101ALA Alimentatore Monofase Uscita: tensione di rete monofase su boccole di sicurezza. Protezione con interruttore magnetotermico bipolare. Alimentazione monofase di rete con lampada spia di presenza

Dettagli

IMPIANTI ELE L TT T R T IC I I

IMPIANTI ELE L TT T R T IC I I IMPIANTI ELETTRICI 1 CORRENTE ELETTRICA La corrente alternata è caratterizzata da cariche elettriche in moto variabile nel tempo sia in intensità che in direzione. Normalmente la corrente elettrica viene

Dettagli

Il trasformatore. Avvolgimento primario 220 V

Il trasformatore. Avvolgimento primario 220 V AREA 7 Elettricità e macchine Il trasformatore L induzione elettromagnetica è alla base anche del funzionamento del trasformatore, un dispositivo in grado di innalzare o abbassare la tensione alternata

Dettagli

Disturbi causati dalla commutazione di carichi induttivi

Disturbi causati dalla commutazione di carichi induttivi Disturbi causati dalla commutazione di carichi induttivi Pubblicato il: 13/06/2005 Aggiornato al: 13/06/2005 di Massimo Barezzi Analisi, problemi e soluzioni per proteggersi dalle correnti provocate dalla

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. DESCRIZIONE DEI LAVORI. La presente relazione ha per oggetto la Lavori di adeguamento alle norme

RELAZIONE TECNICA 1. DESCRIZIONE DEI LAVORI. La presente relazione ha per oggetto la Lavori di adeguamento alle norme RELAZIONE TECNICA RELAZIONE TECNICA 1. DESCRIZIONE DEI LAVORI La presente relazione ha per oggetto la Lavori di adeguamento alle norme riguardanti l edilizia scolastica della scuola elementare della frazione

Dettagli

Tensione alternata negli impianti civili

Tensione alternata negli impianti civili Tensione alternata negli impianti civili Tensione di alimentazione negli impianti civili: Veff=Vp/ 2 = 220-230 V, 1/T= f = 50 Hz Sistema di distribuzione di energia: MONOFASE con due fili: uno di FASE

Dettagli

AZIENDA ALLEGATO 2 PIANO GUIDA MANUTENZIONE PROGRAMMATA IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI. ALLEGATO 2 - PIANO DI MANUTENZIONE pag.

AZIENDA ALLEGATO 2 PIANO GUIDA MANUTENZIONE PROGRAMMATA IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI. ALLEGATO 2 - PIANO DI MANUTENZIONE pag. ALLEGATO 2 PIANO GUIDA MANUTENZIONE PROGRAMMATA IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI ALLEGATO 2 - PIANO DI MANUTENZIONE pag.1 di 12 1A) QUADRO ELETTRICO GENERALE QUADRO ELETTRICO GENERALE DI BASSA TENSIONE SEZIONATORI

Dettagli

A CURA DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DELLA SCUOLA

A CURA DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DELLA SCUOLA MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO BRUNO MUNARI Via Costantino Perazzi, 46 00139 Roma Cod. M.P.I. RMIC8B400C C.F. 97567140583

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI PAG. 1

IMPIANTI ELETTRICI PAG. 1 Cap. XI IMPIANTI ELETTRICI PAG. 1 11.2 OPERE COMPIUTE Prezzi medi praticati dalle ditte installatrici del ramo per ordinazioni dirette (di media entità) da parte del committente, comprensivi di: materiali,

Dettagli

2 - Carichi convenzionali di utilizzazione

2 - Carichi convenzionali di utilizzazione Estratto delle normative per gli impianti elettrici in bassa tensione per impianti utilizzatori a carattere stabile in abitazioni, uffici, negozi, magazzini, laboratori, officine, scuole ed annessi. L'impianto

Dettagli

IMPIANTO ELETTRICO EDIFICIO AD USO RESIDENZIALE PER 14 ALLOGGI VIA MONTE SABOTINO - LECCO (LC)

IMPIANTO ELETTRICO EDIFICIO AD USO RESIDENZIALE PER 14 ALLOGGI VIA MONTE SABOTINO - LECCO (LC) Via Capolino, 29-23900 LECCO (LC) TEL. 0341/255032 FAX 0341/255591 Reg.Impr. LC-1997-12062 - P.IVA 02296990134 Lecco, 18 aprile 2012 ALER Azienda Lombarda Per L Edilizia Residenziale Via Caduti Lecchesi

Dettagli

COMUNE DI PIETRAMELARA PROVINCIA DI CASERTA

COMUNE DI PIETRAMELARA PROVINCIA DI CASERTA COMUNE DI PIETRAMELARA PROVINCIA DI CASERTA PROGETTO/DIMENSIONAMENTO E VERIFICA IMPIANTO ELETTRICO A SERVIZIO DELL EDIFICIO COMUNALE DA DESTINARE AD ASILO NIDO -----------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

< Apparecchiatura di controllo di fiamma > RIVELAZIONE FIAMMA BI ELETTRODO. SAITEK srl

< Apparecchiatura di controllo di fiamma > RIVELAZIONE FIAMMA BI ELETTRODO. SAITEK srl Serie CF3q < Apparecchiatura di controllo di fiamma > SAITEK srl www.saitek.it info@saitek.it Casalgrande (RE) ITALY Tel. +39 0522 848211 Fax +39 0522 849070 CONTROLLO DI FIAMMA SERIE C F 3 Q pag. 1 di

Dettagli

Dynamic 121-128. Istruzioni per il montaggio e l uso

Dynamic 121-128. Istruzioni per il montaggio e l uso Dynamic 121-128 Istruzioni per il montaggio e l uso 1 Installazione a presa diretta 1.1 Installazione diretta sull albero a molle. Innestare la motorizzazione, da destra o da sinistra a seconda del lato

Dettagli

Sezionamento e comando

Sezionamento e comando Sezionamento e comando Da CEI 64-8/2 28.1 Sezionamento Funzione che contribuisce a garantire la sicurezza del personale incaricato di eseguire lavori, riparazioni, localizzazione di guasti o sostituzione

Dettagli

P od o u d z u io i n o e n e d e d l e l l a l a c o c r o ren e t n e e a l a t l er e na n t a a alternatori. gruppi elettrogeni

P od o u d z u io i n o e n e d e d l e l l a l a c o c r o ren e t n e e a l a t l er e na n t a a alternatori. gruppi elettrogeni Produzione della corrente alternata La generazione di corrente alternata viene ottenuta con macchine elettriche dette alternatori. Per piccole potenze si usano i gruppi elettrogeni. Nelle centrali elettriche

Dettagli

L'impianto elettrico nella casa sana

L'impianto elettrico nella casa sana www.casasalute.it L'impianto elettrico nella casa sana (semplici consigli per realizzare o modificare un impianto elettrico, in modo economico, al fine di evitarne un inquinamento elettromagnetico dannoso

Dettagli

CODICI ANSI/IEEC37.2

CODICI ANSI/IEEC37.2 Di Dario Mariani Via Piave, 67 24022 Alzano L.do BG- ITALY www.edm-power.com Tel. Fax +39 035 516024 POWER DISTRIBUTION PANELS SERVICE DEPARTMENT Prot. 009/11 Data 28-12-2011 DOC nr. Cod-ansi-r0 CODICI

Dettagli

Guida pratica all impianto elettrico nell appartamento

Guida pratica all impianto elettrico nell appartamento Guida pratica all impianto elettrico nell appartamento La lavorazione dell impianto elettrico nell appartamento si sussegue con una scansione temporale che deve tener conto dei tempi e dei modi tipici

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Dati dell'impresa installatrice

RELAZIONE TECNICA. Dati dell'impresa installatrice RELAZIONE TECNICA Impianto elettrico a servizio della scuola elementare Mons. MUCEDOLA con Obbligo di progetto dell'impianto da parte di un professionista Dati dell'impresa installatrice Ragione sociale:

Dettagli

GARA NAZIONALE OPERATORI ELETTRICI Prova teorica di Elettrotecnica ed Applicazioni

GARA NAZIONALE OPERATORI ELETTRICI Prova teorica di Elettrotecnica ed Applicazioni ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO PIER ANGELO FIOCCHI Via Belfiore n.4-23900 LECCO - Tel. 0341-363310 - Fax.0341-286545 Sito web: www.istitutofiocchi.it E-mail: segreteriafiocchi@genie.it

Dettagli

MACROSETTORE LAVORAZIONI MECCANICHE E IMPIANTISTICA INSTALLATORE ELETTRICO

MACROSETTORE LAVORAZIONI MECCANICHE E IMPIANTISTICA INSTALLATORE ELETTRICO MACROSETTORE LAVORAZIONI MECCANICHE E IMPIANTISTICA INSTALLATORE ELETTRICO Installatore elettrico 1 INSTALLATORE ELETTRICO TECNICO PROFESSIONALI prima annualità Installatore elettrico 2 Conoscenza dei

Dettagli

ESTRATTO NORMA UNI CEI 11222

ESTRATTO NORMA UNI CEI 11222 ESTRATTO NORMA UNI CEI 11222 Art. 4 VERIFICHE PERIODICHE 4.1 Generalità Per l esecuzione delle verifiche periodiche deve essere resa disponibile la documentazione tecnica relativa all impianto, compresa

Dettagli

QUADRO AUTOMATICO A MICROPROCESSORE PER GRUPPO ELETTROGENO D EMERGENZA AMICO INDICE PAG. 1. MANUALE DELL UTENTE 2 DESCRIZIONE

QUADRO AUTOMATICO A MICROPROCESSORE PER GRUPPO ELETTROGENO D EMERGENZA AMICO INDICE PAG. 1. MANUALE DELL UTENTE 2 DESCRIZIONE QUADRO AUTOMATICO A MICROPROCESSORE PER GRUPPO ELETTROGENO D EMERGENZA AMICO INDICE DESCRIZIONE PAG. 1. MANUALE DELL UTENTE 2 1.1. PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO 2 1.2. VISTA DEL MODULO AMICO - AMICO 3 AMICO-M-USO-ITALIANO.doc

Dettagli

L installazione delle insegne luminose e delle lampade a scarica con tensione superiore a 1 kv

L installazione delle insegne luminose e delle lampade a scarica con tensione superiore a 1 kv 1 L installazione delle insegne luminose e delle lampade a scarica con tensione superiore a 1 kv La Norma CEI EN 50107 ( entrata in vigore nel settembre del 1999 e classificata come 34-86) fornisce i criteri

Dettagli

L'impianto elettrico nei locali da bagno e doccia

L'impianto elettrico nei locali da bagno e doccia L'impianto elettrico nei locali da bagno e doccia Pubblicato il: 11/12/2003 Aggiornato al: 11/12/2003 di Gianluigi Saveri Secondo la Norma 64-8 sez. 701, in funzione della pericolosità, nei locali bagno

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

6302 8758 06/2003 IT Per l utente. Istruzioni d uso. Caldaia speciale a gasolio/gas Logano G215 WS. Si prega di leggere attentamente prima dell'uso

6302 8758 06/2003 IT Per l utente. Istruzioni d uso. Caldaia speciale a gasolio/gas Logano G215 WS. Si prega di leggere attentamente prima dell'uso 6302 8758 06/2003 IT Per l utente Istruzioni d uso Caldaia speciale a gasolio/gas Logano G215 WS Si prega di leggere attentamente prima dell'uso Indice 1 Per la vostra sicurezza.........................................

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

QUADRO AUTOMATICO PER GRUPPO ELETTROGENO

QUADRO AUTOMATICO PER GRUPPO ELETTROGENO QUADRO AUTOMATICO PER GRUPPO ELETTROGENO Elenco componenti e funzioni 1): Interruttore generale inserimento quadro. 2): Deviatore quadro funzioni: manuale, disinserito, automatico. 3): Diodi di alimentazione,

Dettagli

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA 1 ATTREZZI MATERIALI 2 Tavoletta compensato Misure: 30cmx20-30 cm spellafili punteruolo cacciavite Nastro isolante Metro da falegname e matita Lampadine da 4,5V o 1,5V pinza

Dettagli

CTR29 MANUALE TECNICO GENERALE

CTR29 MANUALE TECNICO GENERALE CTR29 MANUALE TECNICO GENERALE A) - Destinazione dell apparecchiatura Quadro elettronico adibito al comando di 1 motore asincrono monofase alimentato a 230 vac destinato all automazione di una tapparella

Dettagli

Impianti elettrici ELENCO DELLE OPERE DI CONTROLLO PERIODICO DI MANUTENZIONE PROGRAMMATA

Impianti elettrici ELENCO DELLE OPERE DI CONTROLLO PERIODICO DI MANUTENZIONE PROGRAMMATA Impianti elettrici All. E ELENCO DELLE OPERE DI CONTROLLO PERIODICO DI MANUTENZIONE PROGRAMMATA CABINE DI TRASFORMAZIONE Verifiche e controlli almeno semestrale con annotazione sull apposito registro specifico

Dettagli

Centrali termiche: per la conduzione ci vuole la patente Obbligo del patentino di abilitazione di 2 grado per la conduzione degli impianti termici

Centrali termiche: per la conduzione ci vuole la patente Obbligo del patentino di abilitazione di 2 grado per la conduzione degli impianti termici Centrali termiche: per la conduzione ci vuole la patente Obbligo del patentino di abilitazione di 2 grado per la conduzione degli impianti termici sopra i 232 kw Ing. Diego Danieli Libero Professionista

Dettagli

POWER ROD 1365 GENERATORE art. 252

POWER ROD 1365 GENERATORE art. 252 CEBORA S.p.A. 1 POWER ROD 1365 GENERATORE art. 252 MANUALE DI SERVIZIO CEBORA S.p.A. 2 SOMMARIO 1 - INFORMAZIONI GENERALI... 3 1.1 - Introduzione... 3 1.2 - Filosofia generale d assistenza.... 3 1.3 -

Dettagli

Antonino Condipodero Giuliano Guido Consulenti progettazione elettrica

Antonino Condipodero Giuliano Guido Consulenti progettazione elettrica Antonino Condipodero Giuliano Guido Consulenti progettazione elettrica Il rifasamento degli impianti elettrici viene realizzato quando il fattore di potenza raggiunge un valore tale da introdurre svantaggi

Dettagli

Un edificio, adibito ad albergo, è costituito da tre piani fuori terra e da un piano interrato.

Un edificio, adibito ad albergo, è costituito da tre piani fuori terra e da un piano interrato. In questo numero riportiamo uno svolgimento possibile al quesito posto dal Ministero per l esame di stato di abilitazione all esercizio della libera professione di perito industriale della sessione 2008.

Dettagli

sezione 4 l ENERGIA E LA TECNICA sezione 4 Le trasformazioni dell energia pag. 106

sezione 4 l ENERGIA E LA TECNICA sezione 4 Le trasformazioni dell energia pag. 106 sezione 4 l ENERGIA E LA TECNICA indice di sezione Le trasformazioni dell energia pag. 106 IL PROBLEMA ENERGETICO Da qualche anno a questa parte ha assunto grande rilievo il problema energetico. Si parla

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

3B SCIENTIFIC PHYSICS

3B SCIENTIFIC PHYSICS 3B SCIENTIFIC PHYSICS Pendolo di Foucault @115 V 1000747 Pendolo di Foucault @230 V 1000748 Istruzioni per l'uso 06/15 ALF 1. Norme di sicurezza Non sottoporre l'alloggiamento di vetro a sollecitazioni

Dettagli

PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com

PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com 1 INTRODUZIONE La Norma CEI 64-8/6 tratta delle verifiche per gli impianti elettrici in BT. Le prove eseguibili sono in ordine sequenziale dirette a verificare e/o misurare: continuità dei conduttori di

Dettagli

PARTE TERZA INSTALLAZIONE

PARTE TERZA INSTALLAZIONE PARTE TERZA INSTALLAZIONE 57 58 Lo scopo della presente sezione è di fornire una guida generale all installazione dei cavi elettrici energia ad isolamento minerale; i sistemi d installazione, i materiali

Dettagli

IMPIANTO ELETTRICO RELATIVO A STABILE ADIBITO AD USO BAITA-BIVACCO, REALIZZATO IN ZONA PIAN VADA (COMUNE DI AURANO - VB)

IMPIANTO ELETTRICO RELATIVO A STABILE ADIBITO AD USO BAITA-BIVACCO, REALIZZATO IN ZONA PIAN VADA (COMUNE DI AURANO - VB) RELATIVO A STABILE ADIBITO AD USO BAITA-BIVACCO, REALIZZATO IN ZONA PIAN VADA (COMUNE DI AURANO - VB) 1. INTRODUZIONE Il bivacco di Pian Vadà è costituito da un edificio a due piani, ciascuno di superficie

Dettagli

ILLUMINAZIONE EFFICIENTE IN UFFICIO

ILLUMINAZIONE EFFICIENTE IN UFFICIO CONSIGLI PER RISPAMIARE ENERGIA IN UFFICIO I SETTIMANA DELL ENERGIA ILLUMINAZIONE EFFICIENTE IN UFFICIO Buone Abitudini Ecco alcuni comportamenti che è bene adottare per risparmiare energia in ufficio

Dettagli

Corso di Elettronica Organizzato

Corso di Elettronica Organizzato 1 2004 Corso di Elettronica Organizzato Lezione n 1 1. Cos è l atomo? L atomo è la parte più piccola in cui è possibile suddividere un elemento. 2. Come è fatto l atomo? L atomo è costituito da un nucleo

Dettagli

Guida pratica all'impianto elettrico nell'appartamento(1/6) 1. Fasi di lavorazione

Guida pratica all'impianto elettrico nell'appartamento(1/6) 1. Fasi di lavorazione Guida pratica all'impianto elettrico nell'appartamento(1/6) La lavorazione dell'impianto elettrico nell'appartamento si sussegue con una scansione temporale che deve tener conto dei tempi e dei modi tipici

Dettagli

CONVERTITORI DC/DC NON ISOLATI ASSEMBLATI IN CUSTODIA

CONVERTITORI DC/DC NON ISOLATI ASSEMBLATI IN CUSTODIA CONVERTITORI DC/DC NON ISOLATI ASSEMBLATI IN CUSTODIA MANUALE OPERATIVO PREMESSA Con l acquisto del convertitore DC/DC il cliente si impegna a prendere visione del presente manuale e a rispettare e far

Dettagli

BETA Apparecchi Modulari e Fusibili BT

BETA Apparecchi Modulari e Fusibili BT Relè passopasso le soluzioni per una veloce e sicura installazione! Nuova gamma di relè passopasso per applicazioni industriali e civili I relè passopasso sono costituiti da una bobina e da dei contatti

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

1. IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI

1. IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI 1. IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI 1.1 ELENCO DEGLI IMPIANTI Saranno realizzati i seguenti impianti elettrici e speciali: - modifica al quadro generale di distribuzione esistente (QOO1) esistente - alimentazione

Dettagli

Comune di: Provincia di: Oggetto:

Comune di: Provincia di: Oggetto: Manuale d'uso Comune di: Provincia di: Oggetto: Corigliano Calabro Cosenza LAVORI DI RIPRISTINO E DI ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL'IMPIANTO D'ILLUMINAZIONE AREE PORTUALI E DI ALIMENTAZIONE SEGNALAMENTI MARITTIMI

Dettagli

e Universal PRO costituiscono i modelli di punta della

e Universal PRO costituiscono i modelli di punta della Le serie e Universal PRO costituiscono i modelli di punta della gamma Comparato per uso industriale. DENOMINAZIONE: Sul servocomando sono riportate le seguenti indicazioni: Marchio e nome della società

Dettagli

Linee guida per l emissione dei permessi di lavoro

Linee guida per l emissione dei permessi di lavoro Permessi Linee guida per l emissione dei permessi Nella redazione dei permessi e nell assegnazione delle prescrizioni di sicurezza, occorre tenere conto delle varie tipologie di lavori descritte nella

Dettagli

COMPARAZIONE COSTI LAMPADE AI VAPORI DI MERCURIO AL ALTA PRESSIONE VS LED BAY ECOMAA

COMPARAZIONE COSTI LAMPADE AI VAPORI DI MERCURIO AL ALTA PRESSIONE VS LED BAY ECOMAA COMPARAZIONE COSTI LAMPADE AI VAPORI DI MERCURIO AL ALTA PRESSIONE VS LED BAY ECOMAA VANTAGGI E SVANTAGGI DELLE PRINCIPALI LAMPADE UTILIZZATE NELL ILLUMINAZIONE DI FABBRICATI NON RESIDENZIALI, FABBRICHE,

Dettagli

LA LAMPADA A CATODO FREDDO, UNIVERSO QUASI SCONOSCIUTO.

LA LAMPADA A CATODO FREDDO, UNIVERSO QUASI SCONOSCIUTO. LA LAMPADA A CATODO FREDDO, UNIVERSO QUASI SCONOSCIUTO. Spesso ricerchiamo una soluzione illuminotecnica a basso costo, il più delle volte spinti da fretta, da scarsità di informazioni, da sottovalutazione

Dettagli

sovratensioni Sovratensioni di origine interna Le sovratensioni possono essere: Sovratensioni di origine interna A frequenza di esercizio

sovratensioni Sovratensioni di origine interna Le sovratensioni possono essere: Sovratensioni di origine interna A frequenza di esercizio Le sovratensioni possono essere: sovratensioni Generate internamente all impianto Generate esternamente Sovratensioni di origine interna A frequenza di esercizio A regime oscillatorio A carattere impulsivo

Dettagli

Impianti sportivi (Norme di Installazione)

Impianti sportivi (Norme di Installazione) Norme di installazione (le disposizioni indicate si riferiscono ad un impianto sportivo classificato come locale di pubblico spettacolo; se così non fosse, seguire le indicazioni per un impianto ordinario)

Dettagli

Istruzioni di servizio per la caldaia a vapore della serie di produzione S 350

Istruzioni di servizio per la caldaia a vapore della serie di produzione S 350 Istruzioni di servizio per la caldaia a vapore della serie di produzione S 350 Posizione della caldaia 1. Per garantire un funzionamento perfetto della caldaia è necessario che la stessa, per mezzo della

Dettagli

Regolatore per gruppo compatto di collegamento e gestione energia

Regolatore per gruppo compatto di collegamento e gestione energia Regolatore per gruppo compatto di collegamento e gestione energia Serie 2850.. Manuale di installazione e messa in servizio Grazie per aver acquistato questo apparecchio. Leggere attentamente queste istruzioni

Dettagli

MANUALE DI ISTRUZIONI PER SALDATRICI AD ARCO

MANUALE DI ISTRUZIONI PER SALDATRICI AD ARCO MANUALE DI ISTRUZIONI PER SALDATRICI AD ARCO IMPORTANTE: PRIMA DELLA MESSA IN OPERA DEL- L'APPARECCHIO LEGGERE IL CONTENUTO DI QUESTO MANUALE E CONSERVARLO, PER TUTTA LA VITA OPE- RATIVA, IN UN LUOGO NOTO

Dettagli

Due cariche positive si respingono, due cariche negative si respingono, una carica positiva e una negativa si attraggono.

Due cariche positive si respingono, due cariche negative si respingono, una carica positiva e una negativa si attraggono. 2012 11 08 pagina 1 Carica elettrica Esistono cariche elettriche di due tipi: positiva e negativa. Due cariche positive si respingono, due cariche negative si respingono, una carica positiva e una negativa

Dettagli

Luoghi di pubblico spettacolo e di intrattenimento (Norme di installazione)

Luoghi di pubblico spettacolo e di intrattenimento (Norme di installazione) Norme di installazione Protezione contro i contatti diretti: o Isolamento delle parti attive; o Involucri o barriere con grado di protezione minimo IP2X o IPXXB. Per le superfici orizzontali superiori

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

La lavorazione dell'impianto elettrico nell'appartamento si sussegue con una scansione temporale che deve tener conto dei tempi e dei modi tipici

La lavorazione dell'impianto elettrico nell'appartamento si sussegue con una scansione temporale che deve tener conto dei tempi e dei modi tipici Guiida pratiica allll''iimpiianto ellettriico nellll''appartamento (1/6) La lavorazione dell'impianto elettrico nell'appartamento si sussegue con una scansione temporale che deve tener conto dei tempi

Dettagli

IL RISCHIO ELETTRICO NELL AMBIENTE DOMESTICO

IL RISCHIO ELETTRICO NELL AMBIENTE DOMESTICO ORDINE DEGLI INGEGNERI della Provincia di Latina Piazza Celli, 3-04100 Latina (LT) Tel. 0773.694208 - Fax 0773.662628 IL RISCHIO ELETTRICO NELL AMBIENTE DOMESTICO Relatore: Ing. Giovanni Andrea POL Ordine

Dettagli

/HJJLSULQFLSDOLLQWHPDGL VLFXUH]]DGHJOLLPSLDQWLHOHWWULFL

/HJJLSULQFLSDOLLQWHPDGL VLFXUH]]DGHJOLLPSLDQWLHOHWWULFL /HJJLSULQFLSDOLLQWHPDGL VLFXUH]]DGHJOLLPSLDQWLHOHWWULFL DPR n 547/55 1RUPHSHUODSUHYHQ]LRQHGHJOLLQIRUWXQLVXO ODYRUR Legge n 186/68 'LVSRVL]LRQLFRQFHUQHQWLODSURGX]LRQHGL PDWHULDOLDSSDUHFFKLDWXUHPDFFKLQDULLQVWDOOD]LRQLHLPSLDQWL

Dettagli

Macchina sincrona (alternatore)

Macchina sincrona (alternatore) Macchina sincrona (alternatore) Principio di funzionamento Le macchine sincrone si dividono in: macchina sincrona isotropa, se è realizzata la simmetria del flusso; macchina sincrona anisotropa, quanto

Dettagli

Guida pratica all'impianto elettrico nell'appartamento. 1. Fasi di lavorazione

Guida pratica all'impianto elettrico nell'appartamento. 1. Fasi di lavorazione Guida pratica all'impianto elettrico nell'appartamento La lavorazione dell'impianto elettrico nell'appartamento si sussegue con una scansione temporale che deve tener conto dei tempi e dei modi tipici

Dettagli

Apparecchiature elettriche MT

Apparecchiature elettriche MT Apparecchiature elettriche MT Livelli di tensione Livelli di tensione Le reti di distribuzione pubblica hanno tensione nominale di 15 kv o 20 kv Salvo alcune aree dove si utilizzano altre tensioni 6 kv

Dettagli

Monografie di Aeronautica Generale. Impianti di Accensione

Monografie di Aeronautica Generale. Impianti di Accensione Monografie di Aeronautica Generale Impianti di Accensione Istituto Tecnico G. P. Chironi - Nuoro Settore Tecnologico Indirizzo Trasporti e Logistica Articolazione Conduzione del Mezzo Aereo A.S. 2013/2014

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

CITTA DI MONDOVI Provincia di Cuneo DIPARTIMENTO TECNICO

CITTA DI MONDOVI Provincia di Cuneo DIPARTIMENTO TECNICO CITTA DI MONDOVI Provincia di Cuneo DIPARTIMENTO TECNICO APPALTO DI : SERVIZIO ENERGIA GESTIONE CALORE DEGLI EDIFICI DI PROPRIETA O DI COMPETENZA DELLA CITTA DI MONDOVI. PERIODO 2004 2010 (EVENTUALMENTE

Dettagli

Le verifiche negli impianti elettrici: tra teoria e pratica. Guida all esecuzione delle verifiche negli impianti elettrici utilizzatori a Norme CEI

Le verifiche negli impianti elettrici: tra teoria e pratica. Guida all esecuzione delle verifiche negli impianti elettrici utilizzatori a Norme CEI Le verifiche negli impianti elettrici: tra teoria e pratica (Seconda parte) Guida all esecuzione delle verifiche negli impianti elettrici utilizzatori a Norme CEI Concluso l esame a vista, secondo quanto

Dettagli

D.P.R. 20 marzo 1956, n. 323 IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

D.P.R. 20 marzo 1956, n. 323 IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA D.P.R. 20 marzo 1956, n. 323 IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Vista la legge 12 febbraio 1955, n. 51, che delega al Governo l'emanazione di norme generali e speciali in materia di prevenzione infortuni e

Dettagli

ILLUMINAZIONE ZONA TECNICA RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA 1. PREMESSA

ILLUMINAZIONE ZONA TECNICA RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA 1. PREMESSA ILLUMINAZIONE ZONA TECNICA RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA 1. PREMESSA Oggetto della presente relazione è la progettazione relativa all illuminazione di servizio e di emergenza della zona tecnica della piscina

Dettagli

Istruzioni di montaggio

Istruzioni di montaggio Istruzioni di montaggio Forno a vapore a pressione DG 4064 / DG 4164 DG4064L/DG4164 L Leggere attentamente le istruzioni d'uso prima it-it di procedere al posizionamento, all'installazione e alla messa

Dettagli

Le Norme CEI per la stesura degli schemi elettrici

Le Norme CEI per la stesura degli schemi elettrici Le Norme CEI per la stesura degli schemi elettrici Il Comitato Elettrotecnico Italiano (CEI) è suddiviso in vari Comitati Tecnici (CT) (ad oggi 80 Comitati attivi) ognuno dei quali si occupa di una specifica

Dettagli

PART. T8742A - 12/03 - PC. Impianto antifurto. Manuale d'uso

PART. T8742A - 12/03 - PC. Impianto antifurto. Manuale d'uso PART. T8742A - 12/03 - PC Impianto antifurto Manuale d'uso Indice 1 Introduzione 5 Terminologia Operatività dell impianto La Centrale antifurto 3500 2 Funzionamento 9 Descrizione della centrale a 4 zone

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Nucleo di Prevenzione e Protezione PERICOLI DI ORIGINE ELETTRICA NEGLI UFFICI e informazione di base per il corretto utilizzo delle apparecchiature elettriche. Opuscolo ad

Dettagli

Guida pratica all impianto elettrico nell appartamento (seconda parte)

Guida pratica all impianto elettrico nell appartamento (seconda parte) Guida pratica all impianto elettrico nell appartamento (seconda parte) Pubblicato il: 17/05/2004 Aggiornato al: 25/05/2004 di Gianluigi Saveri 1. L impianto elettrico L appartamento che si prende come

Dettagli

Classificazione dei Sistemi Elettrici

Classificazione dei Sistemi Elettrici Classificazione dei Sistemi Elettrici Classificazione dei Sistemi Elettrici in base alla tensione Sistema elettrico: complesso delle macchine, delle apparecchiature, delle sbarre e delle linee aventi una

Dettagli

GLI INCENDI ELETTRICI

GLI INCENDI ELETTRICI GLI INCENDI ELETTRICI Premessa Il passaggio di corrente elettrica nei conduttori determina sempre lo sviluppo di calore. Negli apparecchi termici, quali ad esempio i forni, le stufe, gli scaldabagni elettrici,

Dettagli

1 Indicazioni di sicurezza

1 Indicazioni di sicurezza Attuatore dimmer universale 1 canale 50-210 W/VA N. art. 3210 UP Istruzioni per l uso 1 Indicazioni di sicurezza L'installazione e il montaggio di apparecchi elettrici devono essere eseguiti esclusivamente

Dettagli

BTicino s.p.a. Via Messina, 38 20154 Milano - Italia Call Center Servizio Clienti 199.145.145 www.bticino.it info.civ@bticino.it

BTicino s.p.a. Via Messina, 38 20154 Milano - Italia Call Center Servizio Clienti 199.145.145 www.bticino.it info.civ@bticino.it BTicino s.p.a. Via Messina, 8 054 Milano - Italia Call Center Servizio Clienti 99.45.45 www.bticino.it info.civ@bticino.it 6/0- SC PART. T54B Sistema antifurto Manuale di impiego INDICE IMPIANTO ANTIFURTO

Dettagli