Recupero di Energia V02/08

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Recupero di Energia V02/08"

Transcript

1 Recupero di Energia V02/08

2 Introduzione Spesso sistemi dinamici azionati da motori con grandi masse rotanti o utilizzati per muovere carichi di peso elevato, accumulano alti livelli di energia cinetica o di energia potenziale e ciò fa si che quando venga richiesta la decelerazione o l arresto allora si presenti un problema. Viene richiesto al motore di lavorare in modo inverso e il motore si comporta come un generatore di energia elettrica che deve essere dirottata o dissipata. Un modo semplice per ottenere questo consiste nel fornire il surplus di energia elettrica a una resistenza di frenatura che la converte in energia termica. Esempi di sistemi che accumulano energia cinetica sono centrifughe, presse piegatrici, generatori eolici, grandi ventilatori e treni, mentre esempi di sorgenti di energia potenziale sono ascensori, scale mobili e gru. Oggi l energia elettrica sta diventando sempre di più un bene prezioso ed è quindi essenziale che la maggior parte possibile di questa energia venga riciclata facendola ritornare verso la rete di alimentazione un processo noto come recupero. Tuttavia le resistenze di frenatura possono essere ancora richieste come sistema di riserva quando la rete di alimentazione non è in grado di ricevere la potenza recuperata, come nel caso di assenza di corrente, livelli di tensione incompatibili o situazioni critiche per la sicurezza. Con l impiego crescente di convertitori controllati collegati all estremità anteriore di inverter a frequenza variabile (ponti a commutazione forzata che utilizzano GTO o IGBT controllati con commutazione PWM) sta diventando molto più semplice immettere l energia in eccesso nella rete elettrica perché il sistema di controllo può controllare il flusso della corrente in entrambe le direzioni utilizzando i semiconduttori di potenza per controllare quando la corrente deve fluire o arrestarsi, sia lato carico sia lato rete, contrariamente a quanto avviene con un ponte rettificatore non controllato (a commutazione naturale) che si basa sul passaggio della corrente per lo zero per spegnere i suoi tiristori. Ci sono altri vantaggi nell adottare questo sistema, ad esempio la sequenza di commutazione del convertitore controllato può essere utilizzata per attenuare la corrente durante la carica e la scarica dei condensatori nel circuito DC link e può anche essere utile per la riduzione delle correnti armoniche condotte lato rete di alimentazione del sistema. Con l introduzione delle nuove disposizioni comunitarie quali la Direttiva Europea EuP 2005/32/EC (Eco design of Energy-using Products) è responsabilità dei progettisti e dei costruttori assicurare che i prodotti siano ad efficienza energetica. I governi di alcuni paesi offrono inoltre incentivi come contributi e finanziamenti agli installatori di apparecchiature verdi. E solamente quindi una questione di tempo prima che il recupero di energia diventi pratica comune sia negli ambienti residenziali sia negli ambienti industriali. 1 Lay-out preliminare di un sistema a recupero di energia REO

3 Un tipico sistema rigenerativo connesso alla rete di distribuzione Nell esempio che segue relativo a un convertitore rigenerativo (convertitore a recupero di energia) ci sono quattro componenti principali che sono collegati tra la rete elettrica e il convertitore, che è collegato al carico, in questo caso un motore asincrono. Un inverter back-to-back è stato scelto per recuperare energia verso la rete. 1) Connessione alla rete di alimentazione pubblica attraverso un normale filtro EMC per la rimozione dei disturbi condotti 2) Resistori di precarica che vengono connessi al circuito quando l inverter viene inizialmente messo in tensione, per ridurre i picchi di corrente e proteggere i condensatori del DC link durante la carica 3) Filtro per la rimozione delle frequenze armoniche nell onda sinusoidale di corrente quando la potenza viene recuperata dal carico verso la rete di distribuzione 4) Reattore survoltore separato che eleva il valore della tensione del DC link, consentendo così alla corrente di scorrere verso la rete di distribuzione Il convertitore a matrice A differenza degli inverter back-to-back, i convertitori a matrice non richiedono un DC link con condensatori di capacità elevata perché convertono la tensione trifase AC direttamente in tensione trifase AC variabile. Richiedono però 18 dispositivi di commutazione di potenza completamente controllabili e 18 diodi veloci mentre gli inverter back-to-back richiedono solamente 12 di ognuno di questi componenti. I convertitori a matrice sono quindi molto più costosi da produrre ma forniscono una miglior capacità di recupero dell energia. Vi è anche un problema legato al rapporto di trasferimento di tensione che è limitato all 86% del valore della tensione di ingresso e ciò significa che motori standard non possono essere utilizzati su linee di alimentazione standard. Il grande vantaggio dei convertitori a matrice è che hanno un flusso di potenza bidirezionale intrinseco con caratteristiche tensionecorrente a quattro quadranti da entrambe le parti e le correnti di ingresso e di uscita sono sinusoidali. I convertitori a matrice richiedono un filtro di ingresso per far circolare le armoniche della frequenza di commutazione e alcuni sistemi di commutazione utilizzano un circuito risonante ausiliario per ottenere una commutazione sicura. 2

4 Recupero di energia elettrica da una scala mobile Ascensori e scale mobili sono due buoni esempi di come l energia elettrica possa essere convertita dall energia potenziale. Quando i passeggeri vengono trasportati da un piano superire a uno inferiore il motore si comporta come un generatore e l energia in eccesso può essere convertita in calore utilizzando resistenze di frenatura dinamica o può essere immessa nella rete elettrica pubblica di distribuzione, cosa che ovviamente risulta più soddisfacente se i costi addizionali di un sistema di azionamento più sofisticato possono essere giustificati per l applicazione. Considerazioni per il progetto Quando viene utilizzato un sistema a recupero di energia si devono prendere particolari precauzioni per essere certi che la qualità della potenza rigenerata sia di sufficiente qualità per essere accettata dalla rete e che la rete sia completamente protetta da corto circuiti e disturbi. I valori di capacità dei condensatori per la rimozione delle armoniche devono essere attentamente calcolati per assicurarsi che unitamente al trasformatore di distribuzione i condensatori non creino un circuito risonante Il tipo di drive a frequenza variabile e l hardware, possono influenzare la scelta dei componenti dei filtri e ciascuno dei punti seguenti deve essere preso in attenta considerazione: - il tipo di modulazione e il fattore di modulazione del drive - la frequenza di commutazione per la rigenerazione - l impedenza del drive e della rete di alimentazione - la lunghezza dei cavi - caratteristiche speciali del drive (circuiti per elevare la tensione del DC link) E anche importante ricordare che la rete di distribuzione elettrica può non sempre essere libera di accettare energia elettrica rigenerata, a causa d interruzioni di corrente non programmati o di altri problemi imprevisti. Quindi una resistenza di frenatura sarà quasi certamente richiesta per la frenatura dinamica di riserva o per situazioni di emergenza. può aiutare nel progetto e nella scelta dei componenti che costituiscono la miglior soluzione per la Vostra applicazione, utilizzando competenze ingegneristiche, vasta esperienza in tutti i settori industriali e attività di produzione specializzate. 3

5 Sistemi rigenerativi nei treni Durante il servizio normale ai treni può essere richiesto di fermarsi piuttosto frequentemente e a volte rapidamente. L energia cinetica viene dissipata nei freni ad attrito assistiti da resistenze di frenatura dinamica per ridurre l usura delle parti meccaniche. Con le linee ferroviarie elettrificate a corrente continua (DC) non è possibile restituire energia alla rete di distribuzione nazionale ma se altri treni sono in trazione nella stessa sezione (che viene rivelata misurando la tensione di alimentazione per accertarsi che non aumenti quando il treno rigenera energia) allora l energia può essere trasferita. Quando non vi sono altri treni nella stessa sezione allora devono essere utilizzate le resistenze di frenatura per dissipare l energia in eccesso. Nelle linee elettrificate a corrente alternata (AC) la rigenerazione è qualcosa di più complesso ma che sta diventando di giorno in giorno sempre più raggiungibile con l utilizzo di un raddrizzatore controllato al silicio. Comunque, poiché le linee elettriche aeree AC sono alimentate da fasi differenti della rete nazionale e il cavo di contatto è alimentato in sezioni distinte con una sezione isolata di cavo nota come sezione neutra, a intervalli regolari del percorso vi sono sezioni che non sono recettive al recupero di energia. Lungo queste sezioni è richiesta una resistenza di frenatura dinamica per poter far rallentare il treno. In tutti i sistemi è utile utilizzare energia rigenerata quando la normale energia non è disponibile dalla linea elettrica aerea e in particolare quando il treno deve essere portato all arresto controllato con tutti circuiti di emergenza, illuminazione e comunicazione in funzione. Le locomotive diesel elettriche sono in grado di utilizzare solamente le resistenze di frenatura. Un tipico sistema AC per trazione ferroviaria 1) Pantografo per linea aerea 15kV 16.67Hz oppure 25kV 50Hz 2) Interruttore di protezione extrarapido 3) Trasformatore step-down 4) Convertitore a quattro quadranti per la conversione AC/DC 5) Filtro LC risonante per la riduzione della quinta armonica e per il livellamento della tensione DC utilizzata dall inverter a frequenza variabile 6) Condensatori di accumulo del DC link per il livellamento della tensione 7) Resistenza di frenatura 8) Inverter a frequenza variabile 9) Motore di trazione trifase 10) Inverter per I sistemi ausiliari 11) Trasformatore di adattamento per il circuito di alimentazione dei sistemi ausiliari 12) Filtro per la soppressione dei disturbi EMC di modo comune e di modo differenziale 13) Ritorno di corrente attraverso il contatto tra i carrelli e le rotaie 4

6 Il sistema Bus DC Un altro modo per recuperare energia elettrica può essere utilizzato con i sistemi multi drive. Il collegamento in parallelo dei DC link di più drive consente a un drive il cui motore è in trazione di utilizzare l energia di frenatura/rigenerata proveniente da un altro drive. Ciò aumenta l efficienza del sistema poiché non tutta l energia recuperata viene sprecata in calore generato dalle resistenze di frenatura e viene prelevata meno energia dalla rete di alimentazione. Ciò può risultare particolarmente vantaggioso se si sta utilizzando uno dei motori del sistema per fornire tensione a una fune. Molti sistemi Bus DC vengono utilizzati in applicazioni servo-drive a elevate prestazioni dove sostanziali quantità di energia vengono utilizzate in accelerazione e in frenatura dai drive. 1) Il gruppo di varistori in ingresso fornisce protezione contro le sovratensioni fase-fase e fase-terra 2) L utilizzo di un convertitore di ingresso bulk è preferito se l installazione richiede che vengano collegati insieme drive di differenti potenze 3) Un condensatore ad alta tensione in polipropilene dovrebbe essere inserito tra i terminali del modulo raddrizzatore perché ciò aiuta a ridurre i picchi di tensione di commutazione inversa e può anche fornire una via alle correnti di disturbo RFI nelle applicazioni dove vi sono lunghi percorsi cavi 4) Le induttanze dei DC link dei drive standard tendono a non essere in funzione se il drive è alimentato con tensione DC e quindi è necessario avere una induttanza esterna di valore adatto per tutti i drive collegati al DC link. Suddividendo in modo uguale l induttanza tra la linea positiva e la linea negativa del DC link, può fornire una certa impedenza per limitare le correnti di guasto se compare un guasto a terra nella linea positiva o nella linea negativa del DC link. L induttanza del DC link dovrebbe essere scelta con un valore tale da mantenere costante in modo ragionevole la costante di tempo del DC link. 5) Il Bus DC è collegato a tutti gli inverter 6) La limitazione della corrente di inserzione non è richiesta se ogni singolo drive ha il proprio circuito di avviamento graduale (resistore di limitazione e relais/contatti) in funzione fino a quando la tensione del DC link non raggiunge il livello corretto 7) Può essere ancora necessario avere un resistore per requisiti di frenatura a prova di guasto. 5 REO Powerpack

7 Una selezione di componenti forniti da Filtri per le armoniche Le armoniche sono generate dalle rapide commutazioni dei semiconduttori di potenza negli inverter a frequenza variabile e dalla carica e scarica dei condensatori di accumulo del DC link. La distorsione armonica può essere rimossa inserendo una induttanza a monte e una induttanza a valle dei convertitori di potenza. Le reattanze induttive REO sono progettate per bloccare tutte le armoniche e per consentire alla fondamentale di passare e ciò viene ottenuto perché l impedenza induttiva aumenta di valore con l aumentare del valore della frequenza. Resistenze di frenatura Resistenze di avviamento Quando un sistema dinamico è in rotazione accumula energia cinetica e quando accelera troppo rapidamente o viene richiesto l arresto ciò può essere ottenuto con l utilizzo di resistenze di frenatura. Le resistenze di frenatura possono essere collegate al DC link di un inverter per convertire l energia cinetica in eccesso in energia termica. La maggior parte dei convertitori di frequenza hanno un dispositivo al loro interno che connette la resistenza di frenatura quando il livello di tensione del DC link supera un certo limite e la disconnette quando il valore della tensione del DC link ritorna a un valore di sicurezza. Quando un componente induttivo viene collegato alla rete assorbe un valore elevato di corrente di magnetizzazione che può causare microinterruzioni di tensione, scariche e flicker nella rete. Ciò crea anche forti sollecitazioni meccaniche al sistema. Per ridurre l effetto di questa corrente di inserzione, possono essere collegati resistori in serie alla linea di alimentazione e dopo un breve intervallo di tempo i resistori possono essere by-passati con un interruttore. Resistenze raffreddate ad acqua Quando un generatore raffreddato ad acqua o un inverter viene utilizzato per ridurre il rapporto potenzadimensioni e potenza-peso di un generatore eolico, allora il circuito può essere progettato per incorporare anche resistenze raffreddate ad acqua. I resistori prodotti da hanno molte caratteristiche particolari una delle quali è lo speciale contenitore-dissipatore di alluminio che incorpora canali di raffreddamento diretto ad acqua all interno dell estruso. Gli avvolgimenti del resistore sono circondati da riempitivo al quarzo che fornisce resistenza agli urti, protezione contro i corto circuiti e veloce trasferimento del calore. 6

8 REO World-wide Contacts REO ELEKTRONIK AG Brühler Strasse 100 D Solingen Brühler Strasse 100 D Solingen Setzermann Medical Division IBK Drives Division Test and Power Quality Division Train Technologies Nieke Division Centre of Competence REO ELEKTRONIK AG Schuldholzinger Weg 7 D Pfarrkirchen Holzhausener Strasse 52 D Kyritz Brühler Strasse 100 D Solingen Erasmusstrasse 14 D Berlin Im Halbiacker 5a CH-8352 Räterschen REO (UK) Ltd. Units 2-4 Callow Hill Road Craven Arms Shropshire SY7 8NT REO Engineering Services Parc d`activités HERACLES Chaussée de Charleroi 91 bat 5 B-6060 Gilly (Charleroi) REO VARIAC S.A.R.L. ZAC Du Clos aux Pois 1 6/8 rue de la Closerie-LISSES F Evry Cédex REO ITALIA S.r.l. Via Treponti, 29 I Rezzato (BS) REO CROMA Sp.zo.o. ul. Pozaryskiego 28, bud 20 PL Warszawa REO-USA, Inc North Post Road, Suite #132 USA-Indianapolis, IN REO-ESPAÑA 2002 S.A. REO Shanghai Inductive Components Co., Ltd. Moscow Representative Office NEEL REO SYSTEMS PVT.LTD. C/Manuel Ventura i Campeny 21B local 9 E Vilassar de Dalt (Barcelona) No. 536 ShangFeng Road, Pudong, Shanghai, China Vienna House ul. Petrovka Moskau 406 Saphire Arcade 42, M.G. Road Ghatkopar (E), Mumbai Tel. +49 (0) Fax +49 (0) Tel. +49 (0) Fax +49 (0) Tel. +49 (0) Fax +49 (0) Tel. +49 (0) Fax +49 (0) Tel. +49 (0) Fax +49 (0) Tel. +49 (0) Fax +49 (0) Tel. +41 (0) Fax +41 (0) Tel. +44 (0) Fax +44 (0) Tel. +32 (0) Fax +32 (0) Tel. +33 (0) Fax +33 (0) Tel Fax Tel. +48 (0) Fax +48 (0) Tel. +1 (0) Fax +1 (0) Tel. +34 (0) Fax +34 (0) Tel. +86 (0) Fax +86 (0) Tel. +7 (0) Fax +7 (0) Tel. +91 (0) Fax +91 (0)

Filtri di assorbimento armoniche (per convertitori a sei impulsi)

Filtri di assorbimento armoniche (per convertitori a sei impulsi) Filtri di assorbimento armoniche (per convertitori a sei impulsi) V02/08 Chi smette di migliorare, ha smesso di essere bravo. Contenuto di questo documento La correzione del fattore di potenza sta diventando

Dettagli

Resistenze di Frenatura Dinamica incl. versioni raffreddate ad acqua

Resistenze di Frenatura Dinamica incl. versioni raffreddate ad acqua Resistenze di Frenatura Dinamica incl. versioni raffreddate ad acqua (per la rapida conversione di energia potenziale e di energia cinetica non desiderate, in energia termica) V02/08 Chi smette di migliorare,

Dettagli

Componenti per Treni V02/08

Componenti per Treni V02/08 Componenti per Treni V02/08 Chi smette di migliorare, ha smesso di essere bravo. Introduzione I sistemi per le linee ferroviarie elettrificate ricadono nelle due grandi categorie AC e DC, pur divenendo

Dettagli

Correzione del Fattore di Potenza e Armoniche (soluzioni passive con componenti induttivi)

Correzione del Fattore di Potenza e Armoniche (soluzioni passive con componenti induttivi) Correzione del Fattore di Potenza e Armoniche (soluzioni passive con componenti induttivi) V02/08 Tipi di fattori di potenza Ci sono due tipi di fattori di potenza: - Displacement Power Factor (fattore

Dettagli

Induttori di Potenza (Reattanze)

Induttori di Potenza (Reattanze) Induttori di Potenza (Reattanze) V02/08 Chi smette di migliorare, ha smesso di essere bravo. Introduzione Quando attraverso un conduttore fluiscono elettroni, attorno ad esso si genera un campo magnetico

Dettagli

IndustrialConverter Solutions REOunity Soluzioni per convertitori di frequenza per motori elettrici

IndustrialConverter Solutions REOunity Soluzioni per convertitori di frequenza per motori elettrici IndustrialConverter Solutions REOunity Soluzioni per convertitori di frequenza per motori elettrici duttanza di linea Filtro di rete Combinazione induttanza-filtro Induttanza per DC-link Resistenza di

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

Filtri sinusoidali Plus ++ (filtri di uscita per disturbi di modo comune ad alta frequenza)

Filtri sinusoidali Plus ++ (filtri di uscita per disturbi di modo comune ad alta frequenza) Filtri sinusoidali Plus ++ (filtri di uscita per disturbi di modo comune ad alta frequenza) V02/08 Chi smette di migliorare, ha smesso di essere bravo. Contenuto di questo documento I convertitori di frequenza,

Dettagli

ElectroMedical Solutions Catalogo prodotti

ElectroMedical Solutions Catalogo prodotti ElectroMedical Solutions Catalogo prodotti Unity tron Serie REOMED certificate ai sensi della norma IEC60601-1:2005 (3a edizione) Indice Componenti per sistemi ad uso medico Sistemi ad uso medico d emergenza

Dettagli

Energia allo stato puro

Energia allo stato puro Energia allo stato puro REO dal 1925 energia allo stato puro Anno di costituzione: 1925 Fatturato: 27 mln. Euro (2008) Numero degli addetti: 342 Quota capitale proprio: 54,3 % (2009) Proprietà: REO è proprietà

Dettagli

REATTANZE INDUTTIVE DI LINEA Filtri elettrici di potenza per l automazione industriale

REATTANZE INDUTTIVE DI LINEA Filtri elettrici di potenza per l automazione industriale INDUCTIVE COMPONENTS Tensione di rete Corrente di linea Tensione di rete Corrente di linea REATTANZE INDUTTIVE DI LINEA Filtri elettrici di potenza per l automazione industriale Reattanze induttive per

Dettagli

GUIDA ALLA SCELTA DEI PRODOTTI

GUIDA ALLA SCELTA DEI PRODOTTI GUIDA ALLA SCELTA DEI PRODOTTI FILTRI EMC Pagina 1 di 32 Indice per categoria Filtri di rete ( filtri EMI / RFI ).. pag. 6 - Filtri di rete monofase ( 2 conduttori ).. pag. 6 - Filtri di rete trifase (

Dettagli

Impianti Fotovoltaici

Impianti Fotovoltaici Impianti Fotovoltaici prof. ing. Alfonso Damiano alfio@diee.unica.it Per informazioni: Sardegna Ricerche Edificio 2 - Loc. Piscinamanna Pula (CA) Tel. 070 9243.2161 / Fax 070 9243.2203 lab.fotovoltaico@sardegnaricerche.it

Dettagli

REO - Raffreddamento ad acqua Catalogo generale per componenti induttivi e resistivi

REO - Raffreddamento ad acqua Catalogo generale per componenti induttivi e resistivi REO - Raffreddamento ad acqua Catalogo generale per componenti induttivi e resistivi Unity tron Indice Maggiore efficacia 3 Varianti di raffreddamento REO 5 Progettazione dei componenti raffreddati ad

Dettagli

ERS P3k PLUG & PLAY. Sistema di recupero energia per Ascensori

ERS P3k PLUG & PLAY. Sistema di recupero energia per Ascensori Sistema di recupero energia per Ascensori 2 3 Il primo sistema sul mercato del recupero energetico per ascensori. Inserire un sistema consente di: Migliorare la classe energetica Migliorare l efficientamento

Dettagli

Disturbi causati dalla commutazione di carichi induttivi

Disturbi causati dalla commutazione di carichi induttivi Disturbi causati dalla commutazione di carichi induttivi Pubblicato il: 13/06/2005 Aggiornato al: 13/06/2005 di Massimo Barezzi Analisi, problemi e soluzioni per proteggersi dalle correnti provocate dalla

Dettagli

Capitolo 7 Istruzioni

Capitolo 7 Istruzioni Capitolo 7 Istruzioni Il Capitolo 7 affronta tutti gli aspetti importanti della potenza elettrica. Lo studio del capitolo 7 può seguire immediatamente quello del capitolo 4 o come parte di un successivo

Dettagli

Azionamenti elettronici PWM

Azionamenti elettronici PWM Capitolo 5 Azionamenti elettronici PWM 5.1 Azionamenti elettronici di potenza I motori in corrente continua vengono tipicamente utilizzati per imporre al carico dei cicli di lavoro, nei quali può essere

Dettagli

WORKSHOP L integrazione tra IT e facility nei moderni Data center Università degli Studi di Trieste Trieste, 02 aprile 2014.

WORKSHOP L integrazione tra IT e facility nei moderni Data center Università degli Studi di Trieste Trieste, 02 aprile 2014. WORKSHOP L integrazione tra IT e facility nei moderni Data center Università degli Studi di Trieste Trieste, 02 aprile 2014 1 UPS rotanti totalmente flessibili ad elevata efficienza energetica Ing. Lanfranco

Dettagli

Impianti navali B. Parte 5. II semestre 2013. giulio.barabino@unige.it. danilo.tigano@unige.it

Impianti navali B. Parte 5. II semestre 2013. giulio.barabino@unige.it. danilo.tigano@unige.it Impianti navali B Parte 5 II semestre 2013 giulio.barabino@unige.it danilo.tigano@unige.it 1 Motore a induzione (o asincrono) (I) il motore a induzione è una macchina elettrica rotante nella quale il rotore

Dettagli

Il motore asincrono (4 parte): avviamento, funzionamento da generatore. Lucia FROSINI

Il motore asincrono (4 parte): avviamento, funzionamento da generatore. Lucia FROSINI Il motore asincrono (4 parte): avviamento, funzionamento da generatore Lucia FROSINI Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Università di Pavia E-mail: lucia@unipv.it 1 Avviamento del

Dettagli

TransportationConverter Solutions L efficiente componentistica REO

TransportationConverter Solutions L efficiente componentistica REO TransportationConverter Solutions L efficiente componentistica REO -2- Indice: Dal progetto al prodotto finito... P.7 Fattori di incidenza Grado di imbrattamento, umidità, acustica, posizione,... comportamento

Dettagli

Guida tecnica N. 8. Frenatura elettromeccanica

Guida tecnica N. 8. Frenatura elettromeccanica Guida tecnica N. 8 Frenatura elettromeccanica 2 Guida tecnica N.8 - Frenatura elettromeccanica Indice 1. Introduzione... 5 1.1 Generalità... 5 1.2 Mappa degli azionamenti in base a velocità e coppia...

Dettagli

Efficienza Energetica: l utilizzo dei motori ad alta efficienza e degli inverter in ambito industriale

Efficienza Energetica: l utilizzo dei motori ad alta efficienza e degli inverter in ambito industriale Efficienza Energetica: l utilizzo dei motori ad alta efficienza e degli inverter in ambito industriale Vicenza 26 ottobre 2006 Efficienza Energetica: l utilizzo dei motori ad alta efficienza e degli inverter

Dettagli

Auto elettrica e infrastrutture Prospettive, sfide e opportunità. 6 maggio 2009 Giovanni Battista Razelli

Auto elettrica e infrastrutture Prospettive, sfide e opportunità. 6 maggio 2009 Giovanni Battista Razelli Auto elettrica e infrastrutture Prospettive, sfide e opportunità 6 maggio 2009 Giovanni Battista Razelli 1 I bus elettrici a Torino LE ESIGENZE DA SODDISFARE Basso impatto ambientale Bassi consumi di combustibile

Dettagli

In una piccola industria di floricoltura, l impianto elettrico per l alimentazione degli uffici

In una piccola industria di floricoltura, l impianto elettrico per l alimentazione degli uffici Esame di Stato di Istituto Professionale Indirizzo: Tecnico delle industrie elettriche Tema di: Elettrotecnica, Elettronica e Applicazioni Luigi Manzo - Giuseppe Gallo In una piccola industria di floricoltura,

Dettagli

Sez 2a FUNZIONAMENTO. 26 MARZO 2014 dalle ore 14.30 alle ore 17.30. c/o Museo della Tecnica Elettrica Via Ferrata 3 27100 Pavia

Sez 2a FUNZIONAMENTO. 26 MARZO 2014 dalle ore 14.30 alle ore 17.30. c/o Museo della Tecnica Elettrica Via Ferrata 3 27100 Pavia Sez 2a FUNZIONAMENTO CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE 26 MARZO 2014 dalle ore 14.30 alle ore 17.30 c/o Museo della Tecnica Elettrica Via Ferrata 3 27100 Pavia Unità cinetica o PGM Funzionamento normale: l

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

Produzione e distribuzione di en. Elettrica

Produzione e distribuzione di en. Elettrica (persona fisica) (persona giuridica) Produzione e distribuzione di en. Elettrica SCHEMA DELLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ DELL IMPIANTO ALLE REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE

Dettagli

LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE DI BASSA

LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE DI BASSA ELETTRICA DI.T. (< 1KV) DELLA G.I.E. S.R.L. E MODALITÀ DI RICHIESTA DELLA SCHEMA DELLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ DELL IMPIANTO ALLE REGOLE TECNICHE PER LA DI IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE DI DISTRIUZIONE

Dettagli

Dispositivo di conversione di energia elettrica per aerogeneratori composto da componenti commerciali.

Dispositivo di conversione di energia elettrica per aerogeneratori composto da componenti commerciali. Sede legale: Viale Vittorio Veneto 60, 59100 Prato P.IVA /CF 02110810971 Sede operativa: Via del Mandorlo 30, 59100 Prato tel. (+39) 0574 550493 fax (+39) 0574 577854 Web: www.aria-srl.it Email: info@aria-srl.it

Dettagli

Stabilizzazione della frequenza e della tensione. nelle reti elettriche isolate

Stabilizzazione della frequenza e della tensione. nelle reti elettriche isolate Stabilizzazione della frequenza e della tensione nelle reti elettriche isolate SOMMARIO 1 Introduzione... 3 2 I requisiti fondamentali di una rete stabile isolata... 3 3 I requisiti dei sistemi di stabilizzazione

Dettagli

L effetto prodotto da un carico attivo verrà, pertanto, analizzato solo nel caso di convertitore monofase.

L effetto prodotto da un carico attivo verrà, pertanto, analizzato solo nel caso di convertitore monofase. Come nel caso dei convertitori c.c.-c.c., la presenza di un carico attivo non modifica il comportamento del convertitore se questo continua a funzionare con conduzione continua. Nei convertitori trifase

Dettagli

Efficienza Energetica:

Efficienza Energetica: Efficienza Energetica: l utilizzo dei motori ad alta efficienza e degli inverter in ambito industriale Vicenza 27 marzo 2008 Raffaele Dal Monte TDE MACNO Spa Avviamento dei motori asincroni Id = corrente

Dettagli

Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - prima parte -

Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - prima parte - Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - prima parte - Pubblicato il: 11/07/2004 Aggiornato al: 11/07/2004 di Gianluigi Saveri La qualità dell alimentazione elettrica può essere fonte

Dettagli

Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected

Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected Per quanto attiene gli impianti connessi alla rete elettrica, vengono qui presentati i criteri di progettazione elettrica dei principali componenti,

Dettagli

Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) ed Elettronica Industriale (6 CFU) Convertitori c.c.-c.c. 2/83

Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) ed Elettronica Industriale (6 CFU) Convertitori c.c.-c.c. 2/83 I convertitori c.c.-c.c. monodirezionali sono impiegati per produrre in uscita un livello di tensione diverso da quello previsto per la sorgente. Verranno presi in considerazione due tipi di convertitori

Dettagli

Verona, 29-30 ottobre 2013!

Verona, 29-30 ottobre 2013! Verona, 29-30 ottobre 2013! COGENERAZIONE STABILIZZAZIONE DELLA FREQUENZA E DELLA TENSIONE IN ISOLA PILLER PCD (Power Conditioning Device) TECNOLOGIA E APPLICAZIONI mcter 29 ottobre 2013 1 Presentazione

Dettagli

Correnti di corto circuito

Correnti di corto circuito Correnti di corto circuito Definizioni Cortocircuito: - Contatto accidentale o intenzionale, di resistenza o impedenza relativamente basse, tra due o più punti a diversa tensione di un circuito. (VEI 151-03-41).

Dettagli

ELEMENTI FORMATIVI DI BASE PER LO STUDIO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI:

ELEMENTI FORMATIVI DI BASE PER LO STUDIO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI: ATTIVITA DIDATTICA Obiettivi specifici della disciplina Requisiti minimi Requisiti per l eccellenza METODO DI LAVORO Metodologia Strumenti e materiali didattici Strategie di recupero Conoscere i fondamenti

Dettagli

"Convertitore CC/CA per sistemi fotovoltaici connessi alla rete: progetto e realizzazione" Ing. Pierangelo Sandri settembre 2007 siepan@libero.

Convertitore CC/CA per sistemi fotovoltaici connessi alla rete: progetto e realizzazione Ing. Pierangelo Sandri settembre 2007 siepan@libero. Capitolo 6 Collaudo 6.1 Apparecchiature per il collaudo Per poter effettuare tutte le prove necessarie a verificare il corretto funzionamento dell inverter sperimentale si è utilizzata la strumentazione

Dettagli

VAREOSOFT SAG-6 VAREOSOFT SAG-6S. Soft Starter per ascensori idraulici. Istruzioni d uso

VAREOSOFT SAG-6 VAREOSOFT SAG-6S. Soft Starter per ascensori idraulici. Istruzioni d uso S Soft Starter per ascensori idraulici REO ITALIA S.R.L. ANL_IT Via Treponti, 9 01/00 I-508 Rezzato (BS) Tel. (030) 793883 Fax (030) 9000 http://www.reoitalia.it email: info@reoitalia.it Istruzioni tecniche

Dettagli

Regolatori di potenza a tiristori

Regolatori di potenza a tiristori REO ITALIA SRL Via Treponti, 29 25086 Rezzato (BS) Tel. 030 2793883 Fax 030 2490600 http://www.reoitalia.it E-mail: info@reoitalia.it REOTRON_IT.doc 04-2003 Premessa Questo documento è stato scritto allo

Dettagli

Integrazione degli impianti fotovoltaici nella rete elettrica

Integrazione degli impianti fotovoltaici nella rete elettrica Integrazione degli impianti fotovoltaici nella rete elettrica G. Simioli Torna al programma Indice degli argomenti Considerazioni introduttive Quadro normativo - Norma CEI 11-20 Isola indesiderata - Prove

Dettagli

Si compongono di : Lato DC

Si compongono di : Lato DC Centralini di Campo precablati per DC e AC Monofase e Trifase Quadro di campo comprensivo di cablaggio lato DC e lato AC verso inverter e contatore ENEL. CENTRALINO ISL - CABUR DC Inverter Monofase / Trifase

Dettagli

Classe 35 A Anno Accademico 2005-06

Classe 35 A Anno Accademico 2005-06 Classe 35 A Anno Accademico 2005-06 1) In un bipolo C, in regime sinusoidale, la tensione ai suoi capi e la corrente che l attraversa sono: A) in fase; B) in opposizione di fase; C) il fasore della corrente

Dettagli

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07 9.13 Caratteristica meccanica del motore asincrono trifase Essa è un grafico cartesiano che rappresenta l andamento della coppia C sviluppata dal motore in funzione della sua velocità n. La coppia è legata

Dettagli

COMANDO E CONTROLLO DI GENERATORI PER TURBINE EOLICHE

COMANDO E CONTROLLO DI GENERATORI PER TURBINE EOLICHE COMANDO E CONTROLLO DI GENERATORI PER TURBINE EOLICHE AFE - INVERTER OPDE Sistema di conversione Energia Configurazione con controllo digitale a DSP che consente di gestire nel modo più efficiente e dinamico

Dettagli

I.T.I.S. M. FARADAY - Programmazione modulare

I.T.I.S. M. FARADAY - Programmazione modulare I.T.I.S. M. FARADAY - Programmazione modulare A.S. 2015/2016 Indirizzo: ELETTROTECNICA Disciplina: ELETTROTECNICA E ELETTRONICA Classe: 5Aes Ore settimanali previste: 5 (2) INSEGNANTI: SCIARRA MAURIZIO

Dettagli

Stabilizzazione delle micro reti e dei sistemi di cogenerazione

Stabilizzazione delle micro reti e dei sistemi di cogenerazione Stabilizzazione delle micro reti e dei sistemi di cogenerazione Nothing protects quite like Piller piller.com Sommario 1 Introduzione 3 2 Requisiti di base di una rete isolata stabile 3 3 Requisiti per

Dettagli

AVVIATORE STATICO STS SOFT TOUCH STARTER MANUALE ISTRUZIONI

AVVIATORE STATICO STS SOFT TOUCH STARTER MANUALE ISTRUZIONI AVVIATORE STATICO STS SOFT TOUCH STARTER MANUALE ISTRUZIONI 2 AVVERTENZE Leggere le istruzioni prima di installare e operare sull avviatore. PERICOLO TENSIONE - Indica la presenza di tensione che può essere

Dettagli

SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA. PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI DI POTENZA NOMINALE NON SUPERIORE A 20 kw CONNESSI ALLA RETE

SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA. PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI DI POTENZA NOMINALE NON SUPERIORE A 20 kw CONNESSI ALLA RETE SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI DI POTENZA NOMINALE NON SUPERIORE A 20 kw CONNESSI ALLA RETE SCOPO Lo scopo della presente specifica è quello di fornire le

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

INFORMAZIONI TECNICHE

INFORMAZIONI TECNICHE INFORMAZIONI TECNICHE 1. Generalità L impiego delle apparecchiature elettriche ed elettroniche è in rapida crescita e ciò comporta che un numero sempre maggiore di impianti nei settori dell Energia, del

Dettagli

L INTERRUTTORE DIFFERENZIALE: QUESTO SCONOSCIUTO

L INTERRUTTORE DIFFERENZIALE: QUESTO SCONOSCIUTO PREMESSA: Gli interruttori differenziali sono apparsi sul mercato negli anni 50; furono utilizzati per evitare i furti di energia, dovuti all utilizzo di correnti verso terra e solo in un secondo tempo

Dettagli

EVOLUZIONE DEI SISTEMI DI TRAZIONE NEL CAMPO DEGLI ELEVATORI Ing. Vittorio Mazzoni

EVOLUZIONE DEI SISTEMI DI TRAZIONE NEL CAMPO DEGLI ELEVATORI Ing. Vittorio Mazzoni EVOLUZIONE DEI SISTEMI DI TRAZIONE NEL CAMPO DEGLI ELEVATORI Ing. Vittorio Mazzoni È ormai noto che in campo ascensoristico si usano e si sono usati i più diversi sistemi di trazione. 1)- Fino alla metà

Dettagli

SOLUZIONI PER I PROBLEMI DI ALIMENTAZIONE

SOLUZIONI PER I PROBLEMI DI ALIMENTAZIONE .1 PROTEZIONE INTEGRATA Le soluzioni realizzabili sono numerose; pertanto la scelta dell utente deve tenere conto di vari parametri (costo, tipo di disturbo, caratteristiche delle apparecchiature da proteggere,

Dettagli

1.1 Definizione ed elementi di un azionamento elettrico

1.1 Definizione ed elementi di un azionamento elettrico 1 L AZIONAMENTO ELETTRICO COME SISTEMA 1.1 Definizione ed elementi di un azionamento elettrico Si definisce Azionamento Elettrico (A.E.) l insieme composto da un motore elettrico e dagli apparati d alimentazione,

Dettagli

CODICI ANSI/IEEC37.2

CODICI ANSI/IEEC37.2 Di Dario Mariani Via Piave, 67 24022 Alzano L.do BG- ITALY www.edm-power.com Tel. Fax +39 035 516024 POWER DISTRIBUTION PANELS SERVICE DEPARTMENT Prot. 009/11 Data 28-12-2011 DOC nr. Cod-ansi-r0 CODICI

Dettagli

ASSESSORATO ALLE ATTIVITA PRODUTTIVE SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA

ASSESSORATO ALLE ATTIVITA PRODUTTIVE SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA ALLEAGATO A1 SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI DI POTENZA NOMINALE NON SUPERIORE A 20 kw CONNESSI ALLA RETE SCOPO Lo scopo della presente specifica è quello di

Dettagli

Rifasare per un uso efficiente dell impianto utilizzatore

Rifasare per un uso efficiente dell impianto utilizzatore Antonello Greco Rifasare vuol dire ridurre lo sfasamento fra la tensione e la corrente introdotto da un carico induttivo (figura 1); significa aumentare il valore del fattore di potenza (cosϕ) del carico

Dettagli

L avviamento dei motori asincroni

L avviamento dei motori asincroni L avviamento dei motori asincroni Un problema rilevante è quello dell avviamento dei motori. Nei motori asincroni infatti, durante l avviamento, circolano nel motore correnti notevoli sia perché la resistenza

Dettagli

ELENCO DEGLI ALLARMI serie α (MANDRINO SERIALE)

ELENCO DEGLI ALLARMI serie α (MANDRINO SERIALE) NUOVA OMAS Srl Via Roma, 81/B - 14040 Cortiglione (AT) ITALIA Capitale sociale 60.000 i.v. Registro imprese di Asti - C.F. e P. IVA nr. 01284700059 Http: //www.nuovaomas.it - E-Mail: info@nuovaomas.it

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA CORSI DI LAUREA MAGISTRALI DI INGEGNERIA ELETTROTECNICA ED ENERGETICA

SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA CORSI DI LAUREA MAGISTRALI DI INGEGNERIA ELETTROTECNICA ED ENERGETICA SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA CORSI DI LAUREA MAGISTRALI DI INGEGNERIA ELETTROTECNICA ED ENERGETICA LIBRETTO DELLE LEZIONI DEL CORSO MACCHINE ELETTRICHE MACCHINE E AZIONAMENTI ELETTRICI Anno Accademico 2014-2015

Dettagli

Energia Eolica Parte ottava

Energia Eolica Parte ottava Energia Eolica Parte ottava Generatori elettrici per l energia eolica Corso di ENERGETICA A.A. 2012/2013 Docente: Prof. Renato Ricci Introduzione al generatore La quasi totalità della potenza elettrica

Dettagli

UPS Rotanti e gruppi elettrogeni. Configurazioni UPS totalmente flessibili ad alta efficienza

UPS Rotanti e gruppi elettrogeni. Configurazioni UPS totalmente flessibili ad alta efficienza UPS Rotanti e gruppi elettrogeni Configurazioni UPS totalmente flessibili ad alta efficienza Content 1 Introduzione... 3 2 Caratteristiche dei moderni UPS rotanti... 3 3 Tempo di autonomia... 6 4 Combinazioni

Dettagli

Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica. Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) a.a. 20I2/2013. Stefano Bifaretti

Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica. Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) a.a. 20I2/2013. Stefano Bifaretti Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) a.a. 20I2/2013 Stefano Bifaretti Ad ogni commutazione degli interruttori statici di un convertitore è associata una dissipazione

Dettagli

Motori brushless. Alimentando il motore e pilotando opportunamente le correnti I in modo che siano come nella figura 2 si nota come

Motori brushless. Alimentando il motore e pilotando opportunamente le correnti I in modo che siano come nella figura 2 si nota come 49 Motori brushless 1. Generalità I motori brushless sono idealmente derivati dai motori in DC con il proposito di eliminare il collettore a lamelle e quindi le spazzole. Esistono due tipi di motore brushless:

Dettagli

INTRODUZIONE. Articolo qe001: versione 4

INTRODUZIONE. Articolo qe001: versione 4 INTRODUZIONE L obiettivo principale del progetto è dimostrare come ridefinire le strategie di gestione dei quadri elettrici disponendo di un network telematico in grado di monitorare e storicizzare tutti

Dettagli

Filobus con marcia autonoma semplificata

Filobus con marcia autonoma semplificata Organizzato da Area Tematica - 2 (Veicolo) Filobus con marcia autonoma semplificata Autore: Menolotto Flavio Ente di Appartenenza: distribuzione energia elettrica Contatti: Tel. 0322 259715 Cell. 328 2154994

Dettagli

Corso manutenzione cabine MT/BT. Capitolo 2 PROBLEMI IMPIANTISTICI DI CABINA. Gorizia, Giugno-Ottobre 2000

Corso manutenzione cabine MT/BT. Capitolo 2 PROBLEMI IMPIANTISTICI DI CABINA. Gorizia, Giugno-Ottobre 2000 Corso manutenzione cabine MT/BT Capitolo 2 PROBLEMI IMPIANTISTICI DI CABINA Gorizia, Giugno-Ottobre 2000 Correnti di cortocircuito Cortocircuito: Definizioni - Contatto accidentale o intenzionale, di resistenza

Dettagli

Manuale Utente Leonardo Inverter 1500. Western Co. Leonardo Inverter

Manuale Utente Leonardo Inverter 1500. Western Co. Leonardo Inverter Western Co. Leonardo Inverter 1 Leonardo Inverter 1500 Inverter ad onda sinusoidale pura Potenza continua 1500W Potenza di picco 2250W per 10sec. Tensione di Output: 230V 50Hz Distorsione Armonica

Dettagli

I motori elettrici più diffusi

I motori elettrici più diffusi I motori elettrici più diffusi Corrente continua Trifase ad induzione Altri Motori: Monofase Rotore avvolto (Collettore) Sincroni AC Servomotori Passo Passo Motore in Corrente Continua Gli avvolgimenti

Dettagli

Indice 3. Elenco delle figure 9. 1 Introduzione 17. I Azionamenti e Macchine Elettriche 1

Indice 3. Elenco delle figure 9. 1 Introduzione 17. I Azionamenti e Macchine Elettriche 1 Indice Indice 3 Elenco delle figure 9 1 Introduzione 17 I Azionamenti e Macchine Elettriche 1 2 Elementi di macchine elettriche 3 2.1 Motore brushed DC........................ 3 2.1.1 Modello matematico

Dettagli

Applicazioni ferroviarie, tranviarie, filoviarie e metropolitane - Impianti fissi - Processo,

Applicazioni ferroviarie, tranviarie, filoviarie e metropolitane - Impianti fissi - Processo, CEI CLC/TS 60034-31 CEI EN 81346-1 CEI EN 60038 S001 Macchine elettriche rotanti Parte 31: Selezione di motori energeticamente efficienti comprese le applicazioni a velocità variabile - Guida all'impiego

Dettagli

FILTRO A RISPARMIO DI ENERGIA

FILTRO A RISPARMIO DI ENERGIA FILTRO A RISPARMIO DI ENERGIA Il progresso tecnologico, sperimentato nell ultimo periodo, ha incorporato nel mercato elementi elettronici di sempre maggiori prestazioni e minore dimensione. Tale riduzione

Dettagli

POWER ROD 1365 GENERATORE art. 252

POWER ROD 1365 GENERATORE art. 252 CEBORA S.p.A. 1 POWER ROD 1365 GENERATORE art. 252 MANUALE DI SERVIZIO CEBORA S.p.A. 2 SOMMARIO 1 - INFORMAZIONI GENERALI... 3 1.1 - Introduzione... 3 1.2 - Filosofia generale d assistenza.... 3 1.3 -

Dettagli

DS1 Sezionatore transient-free a diodi per banchi di condensatori

DS1 Sezionatore transient-free a diodi per banchi di condensatori Medium voltage products DS1 Sezionatore transient-free a diodi per banchi di condensatori Power and productivity for a better world TM Compensazione della potenza reattiva DS1 il futuro dei sezionatori

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE Moduli fotovoltaici. gruppo di conversione

SPECIFICHE TECNICHE Moduli fotovoltaici. gruppo di conversione GENERALITA Gli impianti previsti nel presente progetto dovranno complessivamente essere in grado di produrre non meno 200.000 kwh/anno. I siti individuati, in cui si prevede di installare i moduli, risultano

Dettagli

CONVERTITORI STATICI PER L AUTOMAZIONE

CONVERTITORI STATICI PER L AUTOMAZIONE Capitolo 2 CONVERTITORI STATICI PER L AUTOMAZIONE 2.1 Generalità. I convertitori statici hanno l obiettivo di controllare i flussi di potenza tra ingresso ed uscita modificando opportunamente alcune grandezze

Dettagli

L. Frosini. In condizioni di alimentazione sinusoidale trifase, la somma istantanea dei TENSIONI E CORRENTI D ALBERO (parte B) L.

L. Frosini. In condizioni di alimentazione sinusoidale trifase, la somma istantanea dei TENSIONI E CORRENTI D ALBERO (parte B) L. Tensione di modo comune In condizioni di alimentazione sinusoidale trifase, la somma istantanea dei TENSIONI E CORRENTI D ALBERO (parte B) vettori delle tre tensioni di fase è sempre nulla. Lo stesso risultato

Dettagli

Determinazione diretta delle caratteristiche di funzionamento di un motore asincrono trifase

Determinazione diretta delle caratteristiche di funzionamento di un motore asincrono trifase Determinazione diretta delle caratteristiche di funzionamento di un motore asincrono trifase La prova di laboratorio considerata consente di determinare le prestazioni dei motori ad induzione con il metodo

Dettagli

Stefano Bifaretti. Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica

Stefano Bifaretti. Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) ed Elettronica Industriale (6CFU) a.a. 20I2/2013 Stefano Bifaretti 2/31 3/31 4/31 In questa fase vengono effettuate le

Dettagli

SCHEDE DI FRENATURA ELETTRONICA

SCHEDE DI FRENATURA ELETTRONICA Informazioni generali I moduli di frenatura elettronici Frenomat e Frenostat sono in grado di frenare motori asincroni, sono senza manutenzione e non producono abrasione ed inquinamento. Riducono i tempi

Dettagli

SEE. Applicazioni industriali: Caratteristiche generali. Ramo batteria (tecnologia SCR) Raddrizzatori doppio ramo

SEE. Applicazioni industriali: Caratteristiche generali. Ramo batteria (tecnologia SCR) Raddrizzatori doppio ramo Raddrizzatori doppio ramo SEE RADDRIZZATORE A DOPPIO RAMO, USCITA +/-1% Soluzione dedicata con batterie a vaso aperto o NiCd con tensione di uscita 110 o 220 V CC sino a 500 A Applicazioni industriali:

Dettagli

Gamma BRUSHLESS CROUZET

Gamma BRUSHLESS CROUZET Gamma BRUSHLESS CROUZET - Presentazione La ITE Industrialtecnoelettrica Srl di Bologna (tel.5.386.6) presenta la nuova gamma Crouzet di micromotori brushless di elevata qualità con coppie da 6 e 85 mnm

Dettagli

GA-11. Generatore di segnale a bassa frequenza. Manuale d uso

GA-11. Generatore di segnale a bassa frequenza. Manuale d uso INFORMAZIONE AGLI UTENTI ai sensi dell art. 13 del decreto legislativo 25 luglio 2005, n. 15 Attuazione delle Direttive 2002/95/ CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE, relative alla riduzione dell uso di sostanze

Dettagli

AxSun INVERTER PER APPLICAZIONI FOTOVOLTAICHE. Manuale d Uso

AxSun INVERTER PER APPLICAZIONI FOTOVOLTAICHE. Manuale d Uso AxSun INVERTER PER APPLICAZIONI FOTOVOLTAICHE Manuale d Uso Caratteristiche Tecniche Filtri di ingresso DC Moduli Inverter Interruttori di ingresso DC Interruttori di uscita AC Filtri risonanti Filtri

Dettagli

Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - terza parte -

Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - terza parte - Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - terza parte - Pubblicato il: 26/07/2004 Aggiornato al: 26/07/2004 di Gianluigi Saveri Protezione dalle sovracorrenti, sezionamento per esecuzione

Dettagli

CONVERTITORI DC/DC NON ISOLATI ASSEMBLATI IN CUSTODIA

CONVERTITORI DC/DC NON ISOLATI ASSEMBLATI IN CUSTODIA CONVERTITORI DC/DC NON ISOLATI ASSEMBLATI IN CUSTODIA MANUALE OPERATIVO PREMESSA Con l acquisto del convertitore DC/DC il cliente si impegna a prendere visione del presente manuale e a rispettare e far

Dettagli

UPS MONOFASE DOPPIA CONVERSIONE RACK 19 Rev. 7 SR 5kVA 10kVA

UPS MONOFASE DOPPIA CONVERSIONE RACK 19 Rev. 7 SR 5kVA 10kVA il carico viene trasferito automaticamente, senza soluzione di continuità, sulla rete di soccorso. Quando vengono ripristinate le normali condizioni di funzionamento, il carico è ritrasferito automaticamente

Dettagli

Impianti di carica per i veicoli elettrici (Seconda parte) Sistemi di carica

Impianti di carica per i veicoli elettrici (Seconda parte) Sistemi di carica Impianti di carica per i veicoli elettrici (Seconda parte) Sistemi di carica Il sistema di carica dei veicoli elettrici è attualmente oggetto di acceso dibattito internazionale per la definizione o meglio

Dettagli

INSTALLAZIONE DI UPS DI MEDIO-GRANDE POTENZA

INSTALLAZIONE DI UPS DI MEDIO-GRANDE POTENZA Il presente capitolo contiene informazioni generali per il personale addetto all installazione del tipo a connessione permanente. In caso di difformità con le seguenti informazioni, avranno priorità le

Dettagli

Gruppi di continuità. Linea di by-pass. Rete di soccorso. 6/a 12. 6/b

Gruppi di continuità. Linea di by-pass. Rete di soccorso. 6/a 12. 6/b DESCRIZIONE GENERALE UPS SELTEC ST3 Il gruppo di continuità è un sistema di continuità a doppia conversione (con o senza trasformatore d uscita) che lavora eseguendo in modo continuativo la doppia conversione

Dettagli

Interruttore multifunzionale in CA per materiale rotabile Tipo MACS

Interruttore multifunzionale in CA per materiale rotabile Tipo MACS C O M P O N E N T I Interruttore multifunzionale in CA per materiale rotabile Tipo MACS Informazioni generali MACS è una piattaforma per interruttore in CA principale (dall inglese Main AC Switch) installata

Dettagli

Schemi elettrici. Indice. Schemi elettrici. Informazioni per la lettura - Interruttori... 5/2. Informazioni per la lettura - ATS010...

Schemi elettrici. Indice. Schemi elettrici. Informazioni per la lettura - Interruttori... 5/2. Informazioni per la lettura - ATS010... Indice Schemi elettrici Informazioni per la lettura - Interruttori... /2 Informazioni per la lettura - ATS010... /6 Segni grafici (Norme IEC 60617 e CEI 3-14 3-26)... /7 Schema circuitale degli interruttori

Dettagli

Stefano Bifaretti. Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica

Stefano Bifaretti. Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) ed Elettronica Industriale (6CFU) a.a. 20I2/2013 Stefano Bifaretti Evoluzione dell efficienza delle celle fotovoltaiche.

Dettagli

Gruppi di continuità assoluta. Gruppi di soccorso. Luoghi di utilizzo - continuità del servizio -

Gruppi di continuità assoluta. Gruppi di soccorso. Luoghi di utilizzo - continuità del servizio - DIPLOMA A DISTANZA IN INGEGNERIA ELETTRICA CORSO DI ELETTRONICA INDUSTRIALE DI POTENZA II Lezione 30 Gruppi di continuità assoluta (UPS) Docente: Leopoldo Rossetto Dipartimento di Ingegneria Elettrica

Dettagli

Convertitori elettronici di potenza per i veicoli elettrici

Convertitori elettronici di potenza per i veicoli elettrici Trazione elettrica veicolare: stato dell arte ed evoluzioni future Convertitori elettronici di potenza per i veicoli elettrici Veicoli elettrici L aumento crescente del costo del combustibile e il problema

Dettagli