Principi fondamentali di funzionamento dei generatori per IT

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Principi fondamentali di funzionamento dei generatori per IT"

Transcript

1 Principi fondamentali di funzionamento dei generatori per IT A cura di Robert Wolfgang White Paper n. 93

2 Sintesi Ogni professionista IT responsabile del funzionamento di apparecchiature informatiche deve assicurarsi che il data center o la sala CED sia protetta dal rischio di interruzioni prolungate dell'alimentazione elettrica. Comprendere le funzioni e i concetti basilari dei gruppi elettrogeni di riserva significa gettare delle solide basi che consentiranno ai professionisti IT di specificare, installare e far funzionare senza problemi impianti critici. Questo documento è un'introduzione all'argomento dei gruppi elettrogeni e dei sottosistemi di riserva per l'alimentazione dei carichi elettrici critici di un impianto in caso di black-out. 2

3 Introduzione Un gruppo elettrogeno di riserva è costituito da due sottosistemi di base: (1) il generatore, costituito dal motore primo, dall'alternatore e dal regolatore, e (2) il sistema di distribuzione, costituito dall'automatic Transfer Switch (commutatore automatico, ATS) e dalla relativa apparecchiatura di manovra e distribuzione. La Fig. 1 rappresenta un tipico gruppo elettrogeno di riserva. In questo documento si descrivono questi sottosistemi principali e le loro funzioni base. Tuttavia esso va considerato un lavoro a carattere divulgativo (tratto da una serie di White Paper APC con una trattazione più ampia dell'argomento) contenente riferimenti bibliografici per il lettore interessato a un approfondimento della materia. Fig. 1 - Gruppo elettrogeno di riserva Quando si investe nell'acquisto di un generatore, occorre avere chiari i vantaggi tecnici offerti dagli odierni sistemi ed essere a conoscenza dei notevoli progressi in termini di affidabilità e funzionalità che sono stati realizzati negli ultimi anni. Spesso è possibile modificare con un retrofit i generatori meno recenti in modo che soddisfino gli attuali requisiti. Il White Paper APC n. 90, Requisiti essenziali per i generatori per i data center della prossima generazione contiene un approfondimento sui requisiti essenziali dei generatori per gli odierni impianti mission-critical. 3

4 Il motore primo: il motore a combustione interna Che cos'è la combustione interna? I motori di quasi tutte le auto odierne sono a combustione interna. Il motore a combustione interna è stato un'insostituibile bestia da soma nella seconda metà del XX secolo e anche nel nuovo millennio assolve ancora a questo ruolo. Sostanzialmente, esso converte l'energia chimica del carburante in energia meccanica tramite le sue parti mobili interne. L'aria esterna viene mescolata con il carburante all'interno del motore e la miscela viene incendiata per creare un'esplosione controllata (combustione) all'interno di determinate cavità (i cilindri). Anche se vi sono numerose varianti del motore a combustione interna, quella più diffusa per i gruppi elettrogeni di riserva è il motore a quattro tempi. Quest ultimo viene denominato quattro tempi perché il ciclo di combustione comprende quattro fasi distinte, ossia: aspirazione dell'aria / miscelazione, compressione della miscela, combustione o esplosione, e scarico. Quando ci si riferisce ai generatori, il motore viene in genere chiamato motore primo. Segue una descrizione degli attributi fondamentali associati al motore primo. Combustibile Nei motori a combustione interna si utilizzano quattro tipi principali di carburante, ossia: diesel, gas naturale, GPL e benzina. La scelta del tipo di carburante dipende da vari fattori: stoccaggio, costo e accessibilità. Scarico, emissioni e rumorosità Gli scarichi di un generatore costituiscono un problema importante per quanto riguarda l'inquinamento dell'aria e l'inquinamento acustico. Mentre il concetto di attenuazione del rumore e dei gas di scarico è chiaro, le questioni ambientali e normative lo sono molto meno. L'EGSA (Electrical Generating Systems Association) è un'organizzazione mondiale che offre una profusione di informazioni sulle emissioni e su altri aspetti dei gruppi elettrogeni di riserva. Le norme a tutela dell'ambiente, le autorizzazioni edilizie e la durata dell'uso dei gruppi elettrogeni variano notevolmente di luogo in luogo. Negli Stati Uniti, ad esempio, l'epa (Environmental Protection Agency; Ente per la protezione dell'ambiente) ha delegato ad ogni stato della confederazione l'autorità giurisdizionale e la discrezionalità sui metodi per raggiungere gli obiettivi nazionali in tema di qualità dell'aria. In altri paesi operano enti normativi analoghi, che fissano limiti alle emissioni dei gruppi elettrogeni. La Defra (Department for Environment, Food and Rural Affairs; Dipartimento per l'ambiente, le risorse alimentari e la politica agricola), ad esempio, fissa le politiche di tutela ambientale nel Regno Unito, mentre in India questo ruolo è ricoperto dal MoEF (Ministry of Environment and Forests; Ministero dell'ambiente e delle foreste). Se l'impianto è ubicato in un'area in cui vigono norme severe, insieme alla domanda per ottenere le autorizzazioni può essere necessario presentare una dichiarazione sulle emissioni del gruppo elettrogeno. I professionisti dell'industria di solito conoscono la procedura di approvazione nell'area in cui svolgono le loro attività. 4

5 Un'altra questione sottoposta al vaglio degli enti proposti è quella riguardante l'inquinamento acustico. Nelle norme locali sull'inquinamento acustico viene di solito definito come il massimo rumore di fondo registrabile nel corso di un periodo di osservazione di 24 ore. Le marmitte di scarico sono generalmente suddivise in tre categorie: industriali, residenziali e per applicazioni critiche. La terza categoria è quella che offre la massima riduzione del rumore. Per risparmiare sulle spese di progettazione di retrofit, occorre considerare la rumorosità nominale del sistema prima dell'acquisto e fare in modo che le autorità urbanistiche autorizzino tali valori ancora nelle fasi di progettazione. Anche le vibrazioni meccaniche contribuiscono alla rumorosità complessiva e alla percezione del rumore da parte dei residenti nella zona. Per ridurre al minimo le vibrazioni, si possono adottare particolari tecniche di isolamento e di montaggio. C'è infine la questione dell'aspetto estetico, un altro criterio talora adottato dagli enti locali che devono concedere la licenza per i gruppi elettrogeni. In alcuni comuni le norme prevedono anche restrizioni sulla posizione del gruppo elettrogeno, ad esempio prescrivendo che debba essere racchiuso in una struttura in cemento o con pareti di isolamento il cui stile non stoni con quello dell'edificio principale. Ciò per evitare che il gruppo elettrogeno sia appariscente e per mantenere una certa neutralità estetica rispetto all'ambiente circostante. Aspirazione dell'aria Nella progettazione dell'ambiente è importante alimentare il motore con un flusso d'aria fresca e pulita. È inoltre consigliabile un'abbondante ventilazione dell'ambiente con aria fresca e pulita per assicurare il massimo comfort al personale. A tale scopo, spesso sono necessari sfiati di grandi dimensioni e, se possibile, ventole supplementari. È infine necessario prendere precauzioni per evitare la penetrazione di pioggia, neve e detriti all'interno del sistema. Raffreddamento La maggior parte dei motori primi per i generatori sono dotati di un sistema di raffreddamento a radiatore molto simile a quello delle automobili. Essi sono dotati di una ventola per convogliamento di una quantità sufficiente di aria sul radiatore, allo scopo di mantenere una temperatura moderata del motore. Il calore disperso viene estratto dal radiatore e guidato verso l'esterno, attraverso un condotto la cui area della sezione trasversale è uguale alla superficie radiante. La luce dell'aria di aspirazione (feritoie di ventilazione della sala) è normalmente del 25% - 50% più grande dell'area del condotto. Per garantire un funzionamento affidabile occorre una manutenzione scrupolosa del sistema di raffreddamento. I tubi e il livello di refrigerante, il funzionamento della pompa d'acqua e l'antigelo protettivo devono essere sottoposti ad una diligente ispezione perché forniscano prestazioni accettabili. Lubrificazione Nei moderni motori a 4 tempi si utilizzano sistemi di filtraggio a flusso totale che pompano l'olio lubrificante attraverso filtri montati esternamente per impedire che particelle e contaminanti danneggino le parti in movimento o i cuscinetti. Per mantenere il livello d'olio corretto vengono impiegati serbatoi d'olio di reintegro, mentre dei radiatori dell'olio esterni evitano i problemi di lubrificazione dovuti a temperature elevate. 5

6 Filtri: aria e carburante L'aria e il carburante sono elementi critici per un funzionamento affidabile del motore primo ed è essenziale che sia seguito un programma di manutenzione adeguato. Un sistema ridondante, con doppie tubazioni del carburante e doppi filtri, è di grande aiuto nelle applicazioni mission-critical, in cui devono essere supportati tempi di funzionamento prolungati. Questo perché le tubazioni del carburante e i filtri possono essere isolati e sostituiti mentre il motore resta in funzione. La mancanza di scorte per filtri e altri materiali di consumo può provocare un'interruzione delle attività. È possibile effettuare il monitoraggio preventivo di questi filtri mediante indicatori della pressione differenziale. Essi mostrano la differenza di pressione ai due capi del filtro o fra due tubi del carburante durante il funzionamento del motore. Nel caso dei filtri dell'aria, questi dispositivi di monitoraggio preventivo vengono chiamati indicatori di restrizione. Essi forniscono un'indicazione visiva della necessità di sostituire un filtro a secco dell'aria di aspirazione mentre il motore del generatore è in funzione. Motore dello starter Il sistema di avviamento è uno dei più critici per il funzionamento del generatore. Per carichi mission-critical spesso vengono usati sistemi UPS con un'autonomia della batteria di pochi minuti, quindi è molto importante che l'avviamento sia rapido. Il tempo minimo per la rilevazione del problema di alimentazione, l'avviamento del motore primo, la stabilizzazione della frequenza e della tensione in uscita e il collegamento ai carichi è di solito dell'ordine di almeno secondi. Tuttavia molti sistemi attualmente in uso non si comportano in modo sufficientemente affidabile in questo senso, spesso a causa di batterie scariche o addirittura assenti perché rubate. Altri problemi possono derivare dalla manutenzione insufficiente o da errori umani. Una manutenzione e una progettazione coscienziose sono di importanza fondamentale per ottenere una percentuale di successo accettabile nell'avviamento dei gruppi elettrogeni. Nella maggioranza dei generatori si utilizza un motore dello starter azionato da batteria, come nelle automobili, ma talora nei motori primi più pesanti si utilizza in alternativa un sistema pneumatico o idraulico. L'elemento critico nello starter tradizionale è evidentemente il sistema a batteria. Ad esempio, l'alternatore per la carica della batteria presente in alcuni motori non impedisce che la batteria si scarichi durante i periodi di inutilizzo. La presenza di un sistema di carica automatico e separato, con possibilità di allarme remoto, viene considerata prassi ottimale. È inoltre essenziale tenere la batteria calda ed evitare di esporla ad agenti corrosivi. Il riscaldamento della batteria viene effettuato con un elemento termico che mantiene la temperatura dell'elettrolita a un livello opportuno. Nei climi freddi ciò fa aumentare notevolmente la corrente di avviamento disponibile per il motore dello starter. Le batterie sono classificate in base ai CCA (Cold Cranking Amperes) che indicano gli ampere disponibili per 30 secondi a 0 F (-17,8 C). A temperature inferiori a 0 F (-17,8 C) e superiori a 80 F (26,7 C) l'affidabilità è assolutamente insoddisfacente. 6

7 Anche i riscaldatori del blocco motore contribuiscono ad aumentare la percentuale di avviamenti riusciti poiché riducono l'attrito che il motore dello starter deve vincere quando questo viene avviato. Da numerosi studi risulta che i problemi di avviamento sono la causa principale dei problemi di funzionamento del generatore. L'alternatore: il componente di generazione dell'energia elettrica La funzione dell'alternatore è quella di convertire l'energia meccanica proveniente dal motore primo in corrente alternata. Questo principio è simile a quello dell'alternatore di un'automobile che però, normalmente, è condotto da una cinghia, mentre quello del generatore è condotto dall'albero motore principale del motore primo. Un alternatore molto semplice può essere composto da un anello di filo metallico e da un magnete. L'energia elettrica viene prodotta quando l'anello metallico si muove attraverso il campo magnetico prodotto dai poli positivo e negativo del magnete; altrimenti, si può muovere il campo magnetico mentre il filo metallico resta fermo. Un alternatore di questo tipo, naturalmente, produrrebbe una quantità molto ridotta di energia elettrica, ma i principi elettrici su cui si basa sono uguali a quelli dei grandi alternatori presenti nei generatori. Nel corso degli anni sono state perfezionate alcune caratteristiche dei componenti degli alternatori per migliorarne l'efficienza, la capacità e l'affidabilità. Di seguito è riportata una spiegazione di ognuna di queste caratteristiche. La Fig. 2 illustra i componenti principali dell'alternatore tipico di un generatore. Figura 2 - Vista in sezione: alternatore brushless autoeccitato, con regolatore esterno Alternatore principale del campo in rotazione Statore principale (avvolgimento dell'indotto) Armatura girevole Alternatore eccitatore Rotore eccitatore (armatura) Alloggiament o motore primo Cavi rotore principale Albero motore Assemblaggio raddrizzatore (da CA a CC) + Ingresso CC (dal regolatore di tensione) Statore eccitatore (campo) - 3 fase + Uscita CA neutra 3 fase + Uscita CA neutra 7

8 Brushless L'aggettivo brushless (senza spazzole) significa che in questo tipo di generatore non è necessario il contatto con le parti in rotazione per trasferire l'energia elettrica ai o dai componenti. Nei motori e nei generatori molto piccoli la presenza delle spazzole è ancora accettabile, ma esse hanno lo svantaggio di essere usurabili ed è impossibile sottoporle a un'ispezione preventiva. Un gruppo elettrogeno di grandi dimensioni con spazzole non possiede l'affidabilità necessaria per il funzionamento di unità mission-critical. Autoeccitato Nell'esempio precedente, per generare il campo magnetico viene usato un magnete; ma negli alternatori più grandi è necessario un campo magnetico molto più potente per generare grandi quantità di energia elettrica. Si tratta di una situazione analoga a quella di un'officina di autodemolizioni, in cui occorre spostare grosse masse metalliche: anche qui non si può usare un semplice magnete, ma occorre un elettromagnete appeso a una gru. Un elettromagnete è un magnete alimentato ad energia elettrica e, nel caso dei moderni alternatori, autoeccitato. Questo aggettivo significa che l'elettricità usata per creare il campo elettromagnetico viene prodotta all'interno dell'alternatore stesso, permettendo così di generare grandi quantità di energia elettrica senz'altra energia che quella fornita dal motore primo. Statore principale o avvolgimento dell'indotto Lo statore principale, o avvolgimento dell'indotto, è costituito da bobine fisse di filo metallico in cui viene indotta l'energia elettrica per i carichi critici. Le caratteristiche della corrente alternata prodotta sono correlate alla quantità e alla geometria degli avvolgimenti della bobina. Sono a disposizione diverse configurazioni per soddisfare diversi requisiti di portata e tensione. Gli avvolgimenti trifase sono tre bobine separate, disposte a 120 gradi l'una dall'altra sulla circonferenza di rotazione. Quando il campo magnetico dell'alternatore ha solo una coppia di poli nord-sud, viene creato un ciclo di corrente alternata per fase per ogni rotazione del motore primo. In altre parole, per produrre c.a. a 60 Hz il motore primo deve far girare l'alternatore a 3600 giri al minuto. Questo è un regime abbastanza elevato per i sistemi di generatori diesel che subiscono un'usura doppia rispetto a un motore funzionante a 1800 giri/min. Progettando il campo magnetico dell'alternatore con quattro poli, è sufficiente far ruotare il motore primo a 1800 giri/min per ottenere un'uscita a 60 Hz. Sono inoltre disponibili sistemi di generatori con un regime ancora più basso che integrano alternatori a 6 o a 8 poli (con velocità di rotazione rispettiva di 1200 e 900 giri/min). Messa a terra La messa a terra del generatore e la connessione del neutro rappresentano un dettaglio importantissimo. Per evitare guasti e ottenere un'alimentazione di buona qualità è indispensabile che il metodo di messa a terra sia conforme alle norme elettriche del luogo di installazione. Negli Stati Uniti, ad esempio, occorre attenersi alle norme del National Electrical Code (NEC) Article 250 Ref. 4, o altre norme locali. 8

9 La messa a terra è forse l'aspetto più soggetto a errori di interpretazione e applicazione negli impianti di qualsiasi dimensione. Informazioni a questo proposito si possono ricavare dallo standard IEEE 1 Standard , IEEE Recommended Practice for Emergency and Standby Power Systems for Industrial and Commercial Applications (Orange Book). Quando si alimentano carichi elettronici sensibili, inoltre, occorre dedicare una seria considerazione alle raccomandazioni dello standard IEEE , IEEE Recommended Practice for Powering and Grounding Electronic Equipment (Emerald Book). Temperatura di funzionamento La temperatura di funzionamento degli avvolgimenti dell'alternatore è un altro parametro importante, in particolare nelle applicazioni in condizioni ambientali estreme (altitudine, temperatura ambiente o ventilazione). Talvolta, per contenere le temperature dell'avvolgimento, si utilizza un generatore sovradimensionato. In alternativa, è possibile utilizzare un isolamento speciale in grado di sopportare temperature più elevate. In particolari ambienti di installazione possono esservi problemi operativi e condizioni difficili dovute ad umidità, temperatura, funghi, insetti nocivi, ecc. Per ovviare a questi problemi sono disponibili versioni e isolamenti speciali, che aiutano a mantenere asciutti gli avvolgimenti e a impedire il deterioramento dell'isolamento. Il regolatore: frequenza di uscita c.a. e regolazione Il regolatore mantiene costante il regime del motore primo in condizioni variabili, regolando il carburante che lo alimenta. È necessaria una frequenza c.a. stabile e questa è direttamente proporzionale alla precisione e al tempo di risposta del regolatore. Questo elemento è un componente chiave per la determinazione della qualità dell'alimentazione c.a. in uscita. Le variazioni di frequenza e il loro impatto sulla qualità dell'alimentazione non rappresentano un problema che gli utenti devono affrontare quando sono collegati a una rete elettrica stabile. Tuttavia i componenti elettronici sensibili sono vulnerabili al disturbo causato da cambiamenti di frequenza improvvisi, determinati dall'alimentazione dal generatore. La capacità del generatore di fornire una frequenza costante è direttamente proporzionale alla velocità di rotazione del motore primo controllato dal regolatore. Sono a disposizione diversi tipi di regolatori, dal semplice tipo a molla fino ai complessi sistemi idraulici ed elettronici che regolano dinamicamente l'apertura della valvola a farfalla per mantenere costante il regime del motore. La semplice aggiunta o rimozione di carichi, oppure il ciclo di accensione/spegnimento dei carichi stessi, può creare condizioni di instabilità che devono essere neutralizzate dal regolatore. 1 L'IEEE (Institute of Electrical and Electronics Engineers) è considerato un'organizzazione tra le più autorevoli in vari settori tecnici, tra cui quello dell'alimentazione elettrica. È un associazione senza fini di lucro costituita da professionisti tecnici, con oltre iscritti di più di 175 nazioni. 9

10 Il regolatore isocrono mantiene costante la velocità indipendentemente dal livello di carico. Sono comunque presenti lievi variazioni di velocità del motore primo; la loro entità è una misura della capacità stabilizzante del regolatore. L'attuale tecnologia dei regolatori permette di contenere le variazioni di frequenza entro il ±0,25%, con tempi di risposta alle variazioni di carico dell'ordine di 1-3 secondi. Gli odierni dispositivi elettronici allo stato solido assicurano un'elevata affidabilità e la regolazione della frequenza necessaria per carichi sensibili. Quando due o più generatori sono collegati in parallelo per esigenze di capacità o di ridondanza, devono essere tutti regolati alla stessa velocità, utilizzando la frequenza dell'alimentazione di rete o di un altro generatore come riferimento. Ciò accade perché se le due sorgenti non sono sincronizzate, una di esse supporterà una frazione maggiore del carico e ciò, a sua volta, imporrà una correzione. Di recente sono stati sviluppati sofisticati sistemi di regolatori elettronici per installazioni in parallelo, che forniscono un miglior coordinamento e una maggiore stabilità della frequenza in diverse condizioni. Queste nuove tecnologie, grazie alla loro affidabilità, alle esigenze minime di manutenzione e alle migliori funzioni di coordinamento, soddisfano come auspicato i requisiti di disponibilità dei moderni data center. La scelta del regolatore è influenzata dal tipo di carburante del gruppo elettrogeno, nonché dall'entità delle possibili variazioni improvvise dei carichi. Poiché entrambi questi fattori contribuiscono alla precisione e alla stabilità della velocità del motore primo, è indispensabile tenerne conto in fase di progettazione. Regolazione della tensione La funzione fondamentale di un regolatore di tensione è semplicemente quella di controllare la tensione prodotta all'uscita dell'alternatore. Il funzionamento del regolatore di tensione è di importanza vitale per i carichi critici dipendenti da alimentazione classificata computer grade. L'obiettivo è quello di configurare un sistema con un tempo di risposta adeguato, per minimizzare le sottotensioni e le sovratensioni che si verificano quando varia il carico. Un altro aspetto da considerare è il comportamento del regolatore quando è soggetto a carichi non lineari, ad esempio con gli alimentatori a commutazione di vecchio tipo. I carichi non lineari prelevano corrente in modo incoerente con la forma d'onda della tensione, mentre i carichi resistivi (come quello di una lampadina) lo fanno in sincronia con la forma d'onda. I carichi non lineari possono interagire negativamente con un generatore, mettendo così a rischio la disponibilità del carico critico durante il funzionamento in standby. La norma EGSA 101E sezione 5 definisce il parametro di regolazione della tensione come la differenza tra la tensione di stato stazionario a vuoto e a pieno carico, espressa come percentuale della tensione a pieno carico. Vi sono tre aspetti dell'alternatore che determinano la tensione: l'intensità del campo magnetico, la velocità di intersezione con il campo magnetico e il numero di avvolgimenti (spire) della bobina. Gli ultimi due sono fattori costanti in questa discussione, il che significa che la regolazione della tensione è una funzione dell'alterazione del campo magnetico per raggiungere il risultato desiderato. 10

11 Vi sono molte tecnologie per il monitoraggio della tensione di uscita che consentono di fornire la qualità di alimentazione più adeguata all'uso nei data center. Indipendentemente dal tipo del regolatore, occorre ragionare su una situazione worst case che produca una variazione di tensione ancora inferiore al valore massimo accettabile. Le situazioni worst-case possono essere determinate, ad esempio, dalla temperatura eccessiva dell'avvolgimento (che produce un abbassamento della tensione) o da un'alta percentuale di carichi non lineari. Gli odierni data center contengono pochissimi carichi non lineari, grazie alla prevalenza di alimentatori con correzione del fattore di potenza (PFC). Tuttavia, se il generatore sarà usato come alimentazione di riserva per altri sistemi dell'edificio, occorrerà identificare i carichi non lineari per garantire la scelta del generatore più adatto. Apparecchiatura di manovra e distribuzione La distribuzione dell'uscita del generatore ai carichi critici costituisce un altro problema molto importante per la progettazione del sistema. L'IEEE Emerald Book (standard IEEE ) è riconosciuto come la massima autorità nel campo dell'alimentazione di apparecchiature sensibili. In questo documento si suggerisce di progettare il sistema secondo l'ieee Orange Book (standard IEEE ) che fornisce direttive su sistemi automatici di monitoraggio della sorgente di alimentazione e prevede l'avviamento del motore e il trasferimento del carico al generatore non appena l'alimentazione è disponibile e stabile. Esse prevedono inoltre il ritrasferimento del carico all'alimentazione di rete non appena vengono ristabilite le condizioni normali. Di solito, tutte queste funzioni sono incorporate in un sistema automatico di commutazione chiamato ATS (Automatic Transfer Switch). Tra le altre funzioni comuni, vale la pena di citare la programmazione di un test automatico del generatore e l'importantissimo ciclo di raffreddamento per il generatore non appena viene ripristinata l'alimentazione di rete. Questo hardware è stato sinora commercializzato da diversi fornitori, compresi i produttori di generatori, i produttori di apparecchiature di distribuzione e le aziende specializzate nella progettazione di ATS. Tuttavia, oggi esistono sistemi pre-progettati esenti dagli inconvenienti delle soluzioni personalizzate, quali l'elevato TCO (Total Cost of Ownership; costo totale di possesso) e la notevole complessità. Per ulteriori informazioni sui sistemi ATS, consultare il White Paper APC n. 94, Principi fondamentali di funzionamento dei commutatori di trasferimento per generatori per applicazioni IT. La Fig. 3 illustra la posizione dell'ats nella distribuzione elettrica dell'edificio. Figura 3 Gruppo elettrogeno di riserva con ATS Normale Corrente Interruttore di circuito di trasferimento Carichi Emergency Corrente 11

12 Nella progettazione di questo sistema occorre tenere conto anche di un'adeguata protezione dalle sovracorrenti. I contatti del meccanismo di commutazione devono essere in grado di sopportare correnti di punta senza fondersi. È inoltre importante evitare che il commutatore si surriscaldi a pieno carico e che sia in grado di erogare un'adeguata corrente di cortocircuito (necessaria per far scattare dispositivi di protezione dalle sovracorrenti, quali gli interruttori automatici). Per il ritrasferimento all'alimentazione di rete vi sono diversi schemi di commutazione, noti come a transizione aperta e a transizione chiusa. Transizione aperta significa che il carico viene scollegato dalla rete di alimentazione prima di essere collegato al generatore. Transizione chiusa significa che il carico viene prima collegato al generatore e poi scollegato dall'alimentazione di rete. Nel secondo caso, per un breve periodo di tempo sono collegati contemporaneamente l'alimentazione di servizio e il generatore. Il tipo a transizione chiusa è più elaborato e riduce al minimo le interruzioni momentanee del trasferimento. Gruppi elettrogeni multipli o paralleli ridondanti Per decidere qual è il numero di gruppi elettrogeni necessari, occorre tenere conto della capacità e dell'affidabilità del sistema desiderate. Un sistema con diverse unità più piccole (identiche) che, sommate, forniscono il carico di punta richiesto, più un'unità supplementare, è chiamato N+1 ridondante. Se ne può vedere un esempio nella Fig. 4, in cui due gruppi elettrogeni da 800 kw sincronizzati supportano un carico di 1,6 MW, mentre il terzo generatore da 800 kw funge da riserva. Figura 4 - Sistema di gruppi elettrogeni ridondanti isocroni N+1 da 1,6 MW Controllo combustibile Controllo combustibile Controllo combustibile Motore Motore Motore Regolatore velocità Regolatore velocità Regolatore velocità Generatore da 800 kw Monitoraggio RPM Condivisione del carico Generatore da 800 kw Monitoraggio RPM Condivisione del carico Generatore da 800 kw Monitoraggio RPM Condivisione del carico Monitoraggio della tensione Monitoraggio della tensione Monitoraggio della tensione Carico 12

13 L'attivazione della rispettiva sequenza di avviamento fa partire tutti e tre i generatori e li sincronizza. Con una ridondanza N+1 è possibile supportare 1,6 MW. Il collegamento in parallelo dell'apparecchiatura di manovra implica un aumento dei costi, ma statisticamente fa aumentare l'affidabilità rispetto ad un singolo motore primo. In questo esempio, la probabilità che in un determinato momento sia inattivo più di un generatore sono minime rispetto a quelle di un sistema a generatore singolo. Tutto ciò, naturalmente, non esclude la possibilità che un guasto comune (ad esempio, l'esaurimento del carburante) provochi il collasso di un sistema apparentemente ridondante. Un altro importante vantaggio del concetto modulare (aggiunta di piccoli sistemi fino a raggiungere le dimensioni del carico) è la scalabilità. Per gli impianti in espansione si può progettare un sistema predisposto al potenziamento futuro della capacità, destinando già in partenza dello spazio ai componenti che saranno aggiunti successivamente e dimensionando la portata dei cavi in previsione del carico finale. I costi di capitale e la manutenzione dei componenti non ancora installati vengono differiti fino al momento in cui l'aumento del carico critico giustificherà l'investimento. È importante valutare accuratamente le esigenze e fare delle scelte giudiziose e coerenti con le definizioni precedenti. Il lettore che desideri maggiori informazioni sulla scalabilità può consultare il White Paper APC n. 37, Ottimizzare gli investimenti per la realizzazione di infrastrutture per sale CED e apparati di rete. L'intero sistema e la progettazione compatibile Il White Paper APC n. 95, Dimensionamento dei generatori a motore a combustione interna per infrastrutture mission-critical, tratta dei concetti di dimensionamento e carico dei generatori. Tuttavia è importante sottolineare le influenze del fattore di potenza, dei commutatori di trasferimento e dell'ups sulle prestazioni complessive dell'intero sistema. Quando nel progetto sono coinvolti diversi fornitori, è essenziale che tutti costoro partecipino al collaudo completo dell'installazione e alla messa in servizio. Questo tipo di approccio può evidenziare prematuramente problemi di incompatibilità non previsti, prima che essi compromettano i carichi critici. Il collaudo dovrebbe essere eseguito a carichi diversi, fino ad un utilizzo al 100%. Spesso è necessario carichi fittizi in sostituzione dei carichi veri e propri; non bisogna però dimenticare che questa simulazione può non rappresentare correttamente il fattore di potenza dei carichi veri e propri. In mancanza di speciali carichi di prova reattivi, occorre eseguire un ciclo di prova supplementare non appena sono disponibili i carichi veri e propri. C'è però un metodo per evitare la complessità e il collaudo multi-vendor di soluzioni personalizzate di gruppi elettrogeni, ATS e UPS, consistente nello specificare un sistema completo pre-progettato, prodotto e pre-collaudato in base agli standard ISO 9000 da parte di un singolo fornitore. Un altro vantaggio dei sistemi pre-progettati è il costante aumento della qualità e dell'affidabilità dovuto al ricorso a tecniche produttive standardizzate e finalizzate all'eliminazione dei difetti (cosiddette tecniche di Reliability Growth ). 13

Le centrali idroelettriche

Le centrali idroelettriche Le centrali idroelettriche 1 Una centrale idroelettrica può definirsi una macchina in grado di trasformare l'energia potenziale dell'acqua, legata al fatto che l'acqua si trova ad un livello superiore

Dettagli

Impianti navali B. Parte 5. II semestre 2013. giulio.barabino@unige.it. danilo.tigano@unige.it

Impianti navali B. Parte 5. II semestre 2013. giulio.barabino@unige.it. danilo.tigano@unige.it Impianti navali B Parte 5 II semestre 2013 giulio.barabino@unige.it danilo.tigano@unige.it 1 Motore a induzione (o asincrono) (I) il motore a induzione è una macchina elettrica rotante nella quale il rotore

Dettagli

A RUOTA LIBERA 2 ELETTRIFICAZIONE 1 2003. Mario Maggi (*)

A RUOTA LIBERA 2 ELETTRIFICAZIONE 1 2003. Mario Maggi (*) 2 ELETTRIFICAZIONE 1 A RUOTA LIBERA Mario Maggi (*) La notevole riduzione della resistenza aerodinamica e dell attrito meccanico ha permesso la realizzazione di particolari accumulatori energetici, rotanti

Dettagli

1. Premessa. 2. Forme di energia

1. Premessa. 2. Forme di energia 1. Premessa. Sinteticamente, il rendimento rappresenta il rapporto tra quanto si ottiene e quanto si spende in un trasferimento di energia. Ad esempio, se la potenza prelevata dal motore (spesa) è 50 KW

Dettagli

CONFRONTO tra MOTORI AC e DC

CONFRONTO tra MOTORI AC e DC APPUNTI DI ELETTROTECNICA CONFRONTO tra MOTORI AC e DC Come il motore asincrono sta sostituendo il motore in corrente continua, rendendolo ormai obsoleto A cura di Marco Dal Prà Versione n. 3.1 - Gennaio

Dettagli

ELENCO DI POSSIBILI INTERVENTI E COMPORTAMENTI FINALIZZATI AL RISPARMIO ED ALL EFFICIENZA ENERGETICA

ELENCO DI POSSIBILI INTERVENTI E COMPORTAMENTI FINALIZZATI AL RISPARMIO ED ALL EFFICIENZA ENERGETICA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU ELENCO DI POSSIBILI INTERVENTI E COMPORTAMENTI FINALIZZATI AL RISPARMIO ED ALL EFFICIENZA ENERGETICA A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 GUIDA GESTIONE DELL ENERGIA SOMMARIO ILLUMINAZIONE...

Dettagli

Motori asincroni monofase

Motori asincroni monofase Motori asincroni monofase Pubblicato il: 30/07/2003 Aggiornato al: 30/07/2003 di Massimo Barezzi I motori asincroni monofase possono essere utilizzati nelle più svariate applicazioni, in particolare nell'ambito

Dettagli

Nostra Tecnologia dell Idrogeno

Nostra Tecnologia dell Idrogeno Finanza di Progetto presenta un sistema innovativo che permette di ridurre il consumo del carburante in Moto, Auto, Suv, Furgoni, Camion, Mezzi Agricoli, Barche, Gruppi Elettrogeni ad un costo molto basso.

Dettagli

Impianti navali B. Parte II. II semestre 2013. giulio.barabino@unige.it. danilo.tigano@unige.it

Impianti navali B. Parte II. II semestre 2013. giulio.barabino@unige.it. danilo.tigano@unige.it Impianti navali B Parte II II semestre 2013 giulio.barabino@unige.it danilo.tigano@unige.it 1 Sistema elettrico per l'energia isolato Def: un sistema elettrico per l'energia si definisce isolato quando

Dettagli

Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - terza parte -

Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - terza parte - Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - terza parte - Pubblicato il: 26/07/2004 Aggiornato al: 26/07/2004 di Gianluigi Saveri Protezione dalle sovracorrenti, sezionamento per esecuzione

Dettagli

Gruppi Elettrogeni Caterpillar. concepts GLOBAL POWER

Gruppi Elettrogeni Caterpillar. concepts GLOBAL POWER Gruppi Elettrogeni Caterpillar concepts GLOBAL POWER Energia Che Telecomunicazioni Ospedali Edifici Civili Ambienti Pubblici Lavora Per Te Agricoltura Hotel Centri Commerciali Centri Sportivi Banche/CED

Dettagli

Guida tecnica N. 7. Il dimensionamento di un azionamento

Guida tecnica N. 7. Il dimensionamento di un azionamento Guida tecnica N. 7 Il dimensionamento di un azionamento 2 Guida tecnica N. 7 - Il dimensionamento di un azionamento Indice 1. Introduzione... 5 2. L azionamento... 6 3. Descrizione generale di una procedura

Dettagli

Procedura di Analisi del Guasto

Procedura di Analisi del Guasto Procedura di Analisi del Guasto Circolatori Elettronici (ETC, EFC, EFCG) 1) Applicazioni del circolatore Circolazione d'acqua in impianti di riscaldamento, condizionamento e refrigerazione Movimentazione

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

Alimentazione di sicurezza. La disalimentazione elettrica

Alimentazione di sicurezza. La disalimentazione elettrica Pag.1 Alimentazioni di sicurezza Definizioni e classificazione Per alimentazione dei servizi di sicurezza, più brevemente alimentazione di sicurezza, si intende l'alimentazione che ha lo scopo di garantire

Dettagli

La manutenzione dei sistemi di pompaggio antincendio

La manutenzione dei sistemi di pompaggio antincendio La manutenzione dei sistemi di pompaggio antincendio La manutenzione viene definita come combinazione di tutte le azioni tecniche, amministrative e gestionali, durante il ciclo di vita di un'entità, volte

Dettagli

Geogreen. Questo il core business di Geogreen.

Geogreen. Questo il core business di Geogreen. Geogreen con le sue aziende GeoEnergie SpA e Geogreen SpA si presenta oggi come uno dei più qualificati fornitori di un sistema integrato di prodotti e di servizi: dalla fornitura di Energia Elettrica,

Dettagli

Stagisti: Bottaini Federico, Konica Francesco Tutor aziendali: Calistri Cesare, Ferri Leonardo Tutor scolastico: Carosella Vincenzo

Stagisti: Bottaini Federico, Konica Francesco Tutor aziendali: Calistri Cesare, Ferri Leonardo Tutor scolastico: Carosella Vincenzo Stagisti: Bottaini Federico, Konica Francesco Tutor aziendali: Calistri Cesare, Ferri Leonardo Tutor scolastico: Carosella Vincenzo 1 Prefazione Lo scopo principale di queste cabine è quello di ottenere

Dettagli

da 3 a 200 kva un'alimentazione centralizzata per i vostri sistemi di emergenza CPSS: principali vantaggi

da 3 a 200 kva un'alimentazione centralizzata per i vostri sistemi di emergenza CPSS: principali vantaggi * un'alimentazione centralizzata per i vostri sistemi di emergenza La soluzione per Sistemi di alimentazione centralizzata > Terziario > Industria > Piccole imprese > Musei, ospedali GREEN 025 A GREEN

Dettagli

Compressore a vite K A E S E R con profilo S I G M A

Compressore a vite K A E S E R con profilo S I G M A Compressore a vite K A E S E R con profilo S I G M A modello AIRCENTER 12 10 bar - 400 V / 50 Hz - SIGMA CONTROL BASIC unità completa compressore - essiccatore - serbatoio completamente automatico, monostadio,

Dettagli

Comune di: Provincia di: Oggetto:

Comune di: Provincia di: Oggetto: Manuale d'uso Comune di: Provincia di: Oggetto: Corigliano Calabro Cosenza LAVORI DI RIPRISTINO E DI ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL'IMPIANTO D'ILLUMINAZIONE AREE PORTUALI E DI ALIMENTAZIONE SEGNALAMENTI MARITTIMI

Dettagli

Istruzioni per l uso e la manutenzione di motori per atmosfere potenzialmente esplosive Serie PE

Istruzioni per l uso e la manutenzione di motori per atmosfere potenzialmente esplosive Serie PE ELECTRO ADDA S.p.A COSTRUZIONI ELETTROMECCANICHE 23883 BEVERATE di BRIVIO (LECCO) ITALY Via Nazionale, 8 Tel. 039 / 5320621 Fax 039 / 5321335 E-mail electro.adda@electroadda.it Istruzioni per l uso e la

Dettagli

OPENLAB APPLICAZIONI

OPENLAB APPLICAZIONI IL SISTEMA DL 10280 È COSTITUITO DA UN KIT DI COMPONENTI ADATTO PER ASSEMBLARE LE MACCHINE ELETTRICHE ROTANTI, SIA PER CORRENTE CONTINUA CHE PER CORRENTE ALTERNATA. CONSENTE ALLO STUDENTE UNA REALIZZAZIONE

Dettagli

PULITORE SISTEMA DI ASPIRAZIONE E CARBURATORE

PULITORE SISTEMA DI ASPIRAZIONE E CARBURATORE PULITORE INIETTORI BENZINA Pulitore intenso del sistema di alimentazione benzina, da usare con inject flebo. Elimina i depositi sugli iniettori. Riduce le emissioni di CO e HC. Elimina le difficoltà di

Dettagli

LIBRETTO D USO E MANUTENZIONE PRODOTTI

LIBRETTO D USO E MANUTENZIONE PRODOTTI Rev. 00 del 04/10/2013 LIBRETTO D USO E MANUTENZIONE PRODOTTI La LGB s.r.l. Vi ringrazia per l acquisto dei propri prodotti. Per un uso sicuro, efficace, efficiente e corretto del Vostro prodotto LGB s.r.l.,

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

18.2.6.3 Pompe antincendio azionate da motore elettrico. 18.2.7 Dispositivi di prova e funzionamento. in funzione. Tubazioni

18.2.6.3 Pompe antincendio azionate da motore elettrico. 18.2.7 Dispositivi di prova e funzionamento. in funzione. Tubazioni 18.2.6.3 Pompe antincendio azionate da motore elettrico Ogni interruttore sull'alimentazione elettrica dedicato al motore elettrico del}a pompa antincendio deve essere etichettato come segue: "ALIMENTAZIONE

Dettagli

Motore passo-passo a riluttanza variabile

Motore passo-passo a riluttanza variabile I motori passo-passo, anche se ideati all'inizio del secolo scorso, hanno avuto una diffusione abbastanza recente, ciò e dovuto all'avvento del microprocessore e all'aumento dell'impiego di sistemi digitali.

Dettagli

Gruppi di continuità. Linea di by-pass. Rete di soccorso. 6/a 12. 6/b

Gruppi di continuità. Linea di by-pass. Rete di soccorso. 6/a 12. 6/b DESCRIZIONE GENERALE UPS SELTEC ST3 Il gruppo di continuità è un sistema di continuità a doppia conversione (con o senza trasformatore d uscita) che lavora eseguendo in modo continuativo la doppia conversione

Dettagli

Milano, Febbraio 2012 LA MANUTENZIONE DEI SISTEMI DI POMPAGGIO ANTINCENDIO

Milano, Febbraio 2012 LA MANUTENZIONE DEI SISTEMI DI POMPAGGIO ANTINCENDIO Milano, Febbraio 2012 LA MANUTENZIONE DEI SISTEMI DI POMPAGGIO ANTINCENDIO La manutenzione viene definita come combinazione di tutte le azioni tecniche, amministrative e gestionali, durante il ciclo di

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO SERVICE LEVEL AGREEMENT Versione 1.0

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO SERVICE LEVEL AGREEMENT Versione 1.0 CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO SERVICE LEVEL AGREEMENT Versione 1.0 1) Scopo del documento 1.1 Obiettivo del Service Level Agreement (d ora in poi SLA ) è di definire le regole sull'erogazione dei servizi

Dettagli

COME RISPARMIARE ENERGIA NEI DATA CENTER. Roma, 30 ottobre 2012

COME RISPARMIARE ENERGIA NEI DATA CENTER. Roma, 30 ottobre 2012 COME RISPARMIARE ENERGIA NEI DATA CENTER Roma, 30 ottobre 2012 UPS rotanti per le applicazioni IT Paolo Mazzola Piller Italia srl Presentazione azienda Dal 1909 Piller produce macchine elettriche con particolare

Dettagli

Elementi di protezione circuitale per alimentatori Moduli di protezione serie 1692

Elementi di protezione circuitale per alimentatori Moduli di protezione serie 1692 Elementi di protezione circuitale per alimentatori Moduli di protezione serie 1692 2 Elementi di protezione circuitale per alimentatori Sommario Moduli di protezione serie 1692 Cenni generali................................................................................3

Dettagli

INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI

INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI APPUNTI DI ELETTROTECNICA INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI A cosa servono e come funzionano A cura di Marco Dal Prà www.marcodalpra.it Versione n. 3.3 - Marzo 2013 Inverter Guida Tecnica Ver 3.3 Pag.

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO IPIA C.A. DALLA CHIESA OMEGNA PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO classi 4 e 5 MANUTENTORI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO prof. Massimo M. Bonini ALIMENTAZIONE ELETTRICA

Dettagli

Vengono detti attuatori i dispositivi in grado di agire sull ambiente esterno comandati da segnali elettrici.

Vengono detti attuatori i dispositivi in grado di agire sull ambiente esterno comandati da segnali elettrici. GLI ATTUATORI Vengono detti attuatori i dispositivi in grado di agire sull ambiente esterno comandati da segnali elettrici. La casistica è assai vasta ; sono comuni i semplici azionamenti magnetici (elettromagneti

Dettagli

Dalla terra l energia ecologica per il comfort ambientale

Dalla terra l energia ecologica per il comfort ambientale Dalla terra l energia ecologica per il comfort ambientale EDILCUSIO s.r.l. da sempre in prima linea nelle soluzioni innovative costruisce ed edifica nel pieno rispetto dell ambiente Gli appartamenti sono

Dettagli

Il recupero di energia dall espansione del metano. MTG 450 Turboespansore su cuscinetti magnetici

Il recupero di energia dall espansione del metano. MTG 450 Turboespansore su cuscinetti magnetici Il recupero di energia dall espansione del metano MTG 450 Turboespansore su cuscinetti magnetici Energia: valore da gestire La turboespansione si pone oggi come tecnologia all avanguardia per la produzione

Dettagli

e) Inconvenienti di funzionamento, possibili cause e rimedi

e) Inconvenienti di funzionamento, possibili cause e rimedi e) Inconvenienti di funzionamento, possibili cause e rimedi Elenco dei più frequenti inconvenienti di funzionamento con le loro possibili cause. Attenzione!! Proponiamo anche alcuni possibili interventi:

Dettagli

POWER ROD 1365 GENERATORE art. 252

POWER ROD 1365 GENERATORE art. 252 CEBORA S.p.A. 1 POWER ROD 1365 GENERATORE art. 252 MANUALE DI SERVIZIO CEBORA S.p.A. 2 SOMMARIO 1 - INFORMAZIONI GENERALI... 3 1.1 - Introduzione... 3 1.2 - Filosofia generale d assistenza.... 3 1.3 -

Dettagli

WORKSHOP L integrazione tra IT e facility nei moderni Data center Università degli Studi di Trieste Trieste, 02 aprile 2014.

WORKSHOP L integrazione tra IT e facility nei moderni Data center Università degli Studi di Trieste Trieste, 02 aprile 2014. WORKSHOP L integrazione tra IT e facility nei moderni Data center Università degli Studi di Trieste Trieste, 02 aprile 2014 1 UPS rotanti totalmente flessibili ad elevata efficienza energetica Ing. Lanfranco

Dettagli

Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio

Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio «La questione non è ciò che guardate, bensì ciò che vedete.» Henry David Thoreau, scrittore e filosofo statunitense Noi mettiamo in discussione l'esistente. Voi usufruite

Dettagli

RACCOMANDAZIONI PER L'UTILIZZO DEGLI VARIATORI DI FREQUENZA CON I COMPRESSORI FRIGORIFERI VOLUMETRICI

RACCOMANDAZIONI PER L'UTILIZZO DEGLI VARIATORI DI FREQUENZA CON I COMPRESSORI FRIGORIFERI VOLUMETRICI RACCOMANDAZIONI PER L'UTILIZZO DEGLI VARIATORI DI FREQUENZA CON I COMPRESSORI FRIGORIFERI VOLUMETRICI Indice Pagina 1. Ambito e scopo... 1 2. Generalità... 1 3. Funzionamento... 2 4. Range di applicazione...

Dettagli

Sez 2a - FUNZIONAMENTO e CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE

Sez 2a - FUNZIONAMENTO e CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE Sez 2a - FUNZIONAMENTO e CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE 26 MARZO 2014 dalle ore 14.30 alle ore 17.30 c/o Museo della Tecnica Elettrica Via Ferrata 3 27100 Pavia La soluzione Rete Picchi Cali di tensione Armoniche?

Dettagli

25 26 giugno 2014. Dott Ing Anna Bruno. Dott. Ing. Anna Bruno Amministratore Delegato ATME spa

25 26 giugno 2014. Dott Ing Anna Bruno. Dott. Ing. Anna Bruno Amministratore Delegato ATME spa SISTEMI UPS DINAMICI E LORO INTEGRAZIONE NELLA CONTINUITÀ Dott Ing Anna Bruno Amministratore Delegato ATME spa CAMPI DI APPLICAZIONE dove serve continuità e qualità dell alimentazione elettrica Finanza

Dettagli

- Verifica funzionalità, pulizia e controllo connessioni altro tipo di trasformatori

- Verifica funzionalità, pulizia e controllo connessioni altro tipo di trasformatori Impianto elettrico Cabine elettriche Quadri elettrici media e bassa tensione e c.c Interruttori media e bassa tensione Trasformatori Batteria di rifasamento Impianto di Protezione contro le scariche atmosferiche

Dettagli

Manuale tecnico Impianto di alimentazione elettrica T4002

Manuale tecnico Impianto di alimentazione elettrica T4002 Manuale tecnico Impianto di alimentazione elettrica T400 MOZELT GmbH & Co. KG Ai fini della sicurezza, sono assolutamente da seguire le seguenti avvertenze e raccomandazioni prima della messa in funzione!

Dettagli

Impianti navali B. Parte 4. II semestre 2013. giulio.barabino@unige.it. danilo.tigano@unige.it

Impianti navali B. Parte 4. II semestre 2013. giulio.barabino@unige.it. danilo.tigano@unige.it Impianti navali B Parte 4 II semestre 2013 giulio.barabino@unige.it danilo.tigano@unige.it 1 Convertitore CA-CC monofase controllato 2 Convertitore CA-CC trifase controllato 3 Tiristore 4 Convertitore

Dettagli

Assessment delle infrastrutture critiche

Assessment delle infrastrutture critiche Assessment delle infrastrutture critiche Assessment delle infrastrutture critiche L'esame professionale condotto dagli esperti di Emerson Network Power assicurerà alla vostra infrastruttura un funzionamento

Dettagli

Renault Clio II 1.9 Motore Diesel F8Q 630 (98 05)

Renault Clio II 1.9 Motore Diesel F8Q 630 (98 05) Renault Clio II 1.9 Motore Diesel F8Q 630 (98 05) Sostituzione guarnizione della testa, rovinata a causa di una perdita dell acqua dal tubo inferiore del radiatore (la vettura ha circolato senza liquido

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie. Corso di Meccanica e. Meccanizzazione Agricola

Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie. Corso di Meccanica e. Meccanizzazione Agricola Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie Corso di Meccanica e Meccanizzazione Agricola Prof. S. Pascuzzi 1 Motori endotermici 2 Il motore endotermico L energia da legame chimico, posseduta dai combustibili

Dettagli

INVERTERS SERIE F4000

INVERTERS SERIE F4000 INVERTERS SERIE F4000 La serie F4000 è una linea di inverters statici con tensione di uscita sinusoidale, realizzati per coprire le più svariate esigenze di alimentazione in c.a. partendo da sorgenti in

Dettagli

Sìstema UPS trifase indipendente. PowerWave 33 60 500 kw Prestazioni imbattibili

Sìstema UPS trifase indipendente. PowerWave 33 60 500 kw Prestazioni imbattibili Sìstema UPS trifase indipendente PowerWave 33 60 500 kw Prestazioni imbattibili PowerWave 33: un concentrato di potenza Da sempre ABB rappresenta lo standard globale per le soluzioni di continuità di alimentazione.

Dettagli

S1 Turbo Caldaia a legna. S1 Turbo. www.froeling.com

S1 Turbo Caldaia a legna. S1 Turbo. www.froeling.com S1 Turbo Caldaia a legna S1 Turbo www.froeling.com Riscaldare con la legna Froling si occupa da oltre cinquant'anni dell'utilizzo efficiente del legno come fonte di energia. Oggi il marchio Froling è sinonimo

Dettagli

1 Indicazioni per l uso del manuale di istruzioni. Nel presente manuale di istruzioni sono impiegati i seguenti simboli:

1 Indicazioni per l uso del manuale di istruzioni. Nel presente manuale di istruzioni sono impiegati i seguenti simboli: Indicazioni per l uso del manuale di istruzioni Prima di effettuare la messa in funzione leggere accuratamente questo manuale di istruzioni, conservarlo e, in caso di rivendita dell apparecchio consegnarlo

Dettagli

LEZIONE 2. a cura di Simone Laprovitera e-mail: slaprovitera@trevispa.com tel.: 340.46.87.850

LEZIONE 2. a cura di Simone Laprovitera e-mail: slaprovitera@trevispa.com tel.: 340.46.87.850 LEZIONE 2 Aspetti impiantistici di un sistema geotermico integrato a pompa di calore. Principio di funzionamento delle pompe di calore geotermiche. Esempi di schemi funzionali di centrale. a cura di Simone

Dettagli

PRODUZIONE E TRATTAMENTO DELL ARIA COMPRESSA

PRODUZIONE E TRATTAMENTO DELL ARIA COMPRESSA PRODUZIONE E TRATTAMENTO DELL ARIA COMPRESSA 1. Generazione dell'aria compressa L uso della pneumatica nei processi di produzione è così diffuso che attualmente non esistono più stabilimenti che non abbiano

Dettagli

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO UNI EN 215-1:1990 31/03/90 Valvole termostatiche per radiatori. Requisiti e metodi di prova. UNI EN 255-1:1998 31/10/98 Condizionatori, refrigeratori di liquido e pompe di calore con compressore elettrico

Dettagli

GE.YA.037/033.SS+0_all

GE.YA.037/033.SS+0_all . Gruppo Elettrogeno Diesel +0_all Dotazioni di serie Cofanatura - Insonorizzazione Motore Cofanatura insonorizzata IP 32 smontabile Insonorizzazione con materiale in poliestere classe 1 Sistema di spegnimento

Dettagli

sezione 4 l ENERGIA E LA TECNICA sezione 4 Le trasformazioni dell energia pag. 106

sezione 4 l ENERGIA E LA TECNICA sezione 4 Le trasformazioni dell energia pag. 106 sezione 4 l ENERGIA E LA TECNICA indice di sezione Le trasformazioni dell energia pag. 106 IL PROBLEMA ENERGETICO Da qualche anno a questa parte ha assunto grande rilievo il problema energetico. Si parla

Dettagli

PURIFICATORE DI GASOLIO MECCANICO PER PULIZIA CISTERNE FB 800

PURIFICATORE DI GASOLIO MECCANICO PER PULIZIA CISTERNE FB 800 PURIFICATORE DI GASOLIO MECCANICO PER PULIZIA CISTERNE FB 800 FB 800 SPECIFICHE TECNICHE Alimentazione: 220 V Frequenza: 50 Hz Max. Variazioni: tensione: + / - 5% del valore nominale Frequenza: + / -2%

Dettagli

MANUALE D USO STAZIONE DI RECUPERO DI REFRIGERANTE

MANUALE D USO STAZIONE DI RECUPERO DI REFRIGERANTE MANUALE D USO STAZIONE DI RECUPERO DI REFRIGERANTE COD. 11131104-11131106 INDICE NORME GENERALI DI SICUREZZA 3 SPECIFICHE 4 PROCEDURA STANDARD PER IL RECUPERO DI FLUIDI/VAPORI 4 PROCEDURA DI SCARICO AUTOMATICO

Dettagli

PREMESSA MANUALE D USO MANUALE DI MANUTENZIONE PIANO DI MANUTENZIONE 1/17

PREMESSA MANUALE D USO MANUALE DI MANUTENZIONE PIANO DI MANUTENZIONE 1/17 PREMESSA MANUALE D USO QUADRO ELETTRICO E LINEE DI DISTRIBUZIONE TERMINALI : PRESE IMPIANTI RILEVAZIONE E ALLARME INCENDIO IMPIANTO TELEFONICO IMPIANTO DI MESSA A TERRA UPS GRUPPO DI CONTINUITA IMPIANTO

Dettagli

RAFFRESCAMENTO E RISCALDAMENTO RADIANTE A PAVIMENTO CLIMATIZZAZIONE E RAFFRESCAMENTO A PANNELLI RADIANTI

RAFFRESCAMENTO E RISCALDAMENTO RADIANTE A PAVIMENTO CLIMATIZZAZIONE E RAFFRESCAMENTO A PANNELLI RADIANTI RAFFRESCAMENTO E RISCALDAMENTO RADIANTE A PAVIMENTO CLIMATIZZAZIONE E RAFFRESCAMENTO A PANNELLI RADIANTI Contrariamente al passato dove, di norma, venivano annegati nel pavimento delle linee in acciaio,

Dettagli

Watt e Voltampere: facciamo chiarezza

Watt e Voltampere: facciamo chiarezza Watt e Voltampere: facciamo chiarezza White Paper n. 15 Revisione 1 di Neil Rasmussen > Sintesi Questa nota spiega le differenze tra Watt e VA e illustra l uso corretto e non dei termini utilizzati per

Dettagli

AK INVERTER STAND ALONE

AK INVERTER STAND ALONE AK INVERTER STAND ALONE Inverter L'inverter è un dispositivo elettronico che trasforma corrente continua (DC) a bassa tensione proveniente da una batteria o da un'altra sorgente di alimentazione in corrente

Dettagli

2000-3000 VA MANUALE D'USO

2000-3000 VA MANUALE D'USO Gruppi di continuità UPS Line Interactive EA SIN 2000-3000 VA MANUALE D'USO Rev. 01-130111 Pagina 1 di 8 SOMMARIO Note sulla sicurezza...1 Principi di funzionamento...2 Caratteristiche principali...3 Funzione

Dettagli

Atlas Copco Compressori rotativi a vite a iniezione di olio. GX 2-11 2-11 kw/3-15 CV

Atlas Copco Compressori rotativi a vite a iniezione di olio. GX 2-11 2-11 kw/3-15 CV Atlas Copco Compressori rotativi a vite a iniezione di olio GX 2-11 2-11 kw/3-15 CV Nuova serie GX: compressori a vite progettati per durare I compressori a vite Atlas Copco rappresentano da sempre lo

Dettagli

POWER GENERATORI PORTATILI POTENZA. QUANDO NE HAI BISOGNO.

POWER GENERATORI PORTATILI POTENZA. QUANDO NE HAI BISOGNO. POWER GENERATORI PORTATILI FAI DA TE TEMPO LIBERO SICUREZZA POTENZA. QUANDO NE HAI BISOGNO. Come scegliere un generatore? Per la scelta del generatore più adatto alle vostre esigenze è necessario stabilire

Dettagli

SISTEMA DI ATTUAZIONE DEI GIUNTI

SISTEMA DI ATTUAZIONE DEI GIUNTI SISTEMA DI ATTUAZIONE DEI GIUNTI Organi di trasmissione Moto dei giunti basse velocità elevate coppie Ruote dentate variano l asse di rotazione e/o traslano il punto di applicazione denti a sezione larga

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO IPIA C.A. DALLA CHIESA OMEGNA PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO classi 4 e 5 MANUTENTORI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO prof. Massimo M. Bonini MACCHINE PER LA GENERAZIONE

Dettagli

www.watertech.it info@watertech.it Pagina 1 di 33

www.watertech.it info@watertech.it Pagina 1 di 33 Pagina 1 di 33 PRESSCONTROL è un dispositivo di nuova concezione che garantisce un ottimale controllo delle pompe domestiche. Derivato da un progetto idraulico e di logica elettronica, rileva contemporaneamente

Dettagli

MOTOCOMPRESSORE portatile a vite KAESER con profilo SIGMA. MOBILAIR 27 / 7 bar con motore diesel. con marcatura CE e Dichiarazione di Conformità

MOTOCOMPRESSORE portatile a vite KAESER con profilo SIGMA. MOBILAIR 27 / 7 bar con motore diesel. con marcatura CE e Dichiarazione di Conformità MOTOCOMPRESSORE portatile a vite KAESER con profilo SIGMA MOBILAIR 27 / 7 bar con motore diesel Compressore con marcatura CE e Dichiarazione di Conformità Portata effettiva Massima pressione operativa

Dettagli

INDICE BOBINATRICI BOBINATRICE MATASSATRICE MANUALE COLONNA PORTAROCCHE CON TENDIFILO BOBINATRICE PER MOTORI E TRASFORMATORI

INDICE BOBINATRICI BOBINATRICE MATASSATRICE MANUALE COLONNA PORTAROCCHE CON TENDIFILO BOBINATRICE PER MOTORI E TRASFORMATORI INDICE BOBINATRICI BOBINATRICE MATASSATRICE MANUALE COLONNA PORTAROCCHE CON TENDIFILO BOBINATRICE PER MOTORI E TRASFORMATORI DL 1010B DL 1010D DL 1012Z KIT PER TRASFORMATORI E MOTORI KIT PER IL MONTAGGIO

Dettagli

Stabilizzazione delle micro reti e dei sistemi di cogenerazione

Stabilizzazione delle micro reti e dei sistemi di cogenerazione Stabilizzazione delle micro reti e dei sistemi di cogenerazione Nothing protects quite like Piller piller.com Sommario 1 Introduzione 3 2 Requisiti di base di una rete isolata stabile 3 3 Requisiti per

Dettagli

UPS Rotanti e gruppi elettrogeni. Configurazioni UPS totalmente flessibili ad alta efficienza

UPS Rotanti e gruppi elettrogeni. Configurazioni UPS totalmente flessibili ad alta efficienza UPS Rotanti e gruppi elettrogeni Configurazioni UPS totalmente flessibili ad alta efficienza Content 1 Introduzione... 3 2 Caratteristiche dei moderni UPS rotanti... 3 3 Tempo di autonomia... 6 4 Combinazioni

Dettagli

Schede Attività Programmate

Schede Attività Programmate Servizi di manutenzione integrata edifici-impianti degli immobili istituzionali della Scuola Normale Superiore Schede Attività Programmate Pisa, lì 13 gennaio 2014. Piazza dei Cavalieri, 7 56126 Pisa-Italy

Dettagli

Easy - Gas: Impianto per lo svuotamento e messa in sicurezza dei serbatoi di GPL Metano dell autovetture Nascita del progetto

Easy - Gas: Impianto per lo svuotamento e messa in sicurezza dei serbatoi di GPL Metano dell autovetture Nascita del progetto Easy - Gas: Impianto per lo svuotamento e messa in sicurezza dei serbatoi di GPL Metano dell autovetture Nascita del progetto Il recepimento della direttiva comunitaria 2000/53/CE relativa ai veicoli fuori

Dettagli

Attuatori oleodinamici

Attuatori oleodinamici Un sistema oleodinamico con regolazione di potenza utilizza come vettore di energia olio minerale, o sintetico, che in prima approssimazione può essere considerato incomprimibile. Un tale sistema comprende

Dettagli

Emerson Network Power Servizi per infrastrutture critiche. Data Center Services for Business-Critical Continuity

Emerson Network Power Servizi per infrastrutture critiche. Data Center Services for Business-Critical Continuity Emerson Network Power Servizi per infrastrutture critiche Data Center Services for Business-Critical Continuity Offerta di Servizi Per la funzionalità di tutta la vostra infrastruttura critica affidatevi

Dettagli

POMPE DI CALORE KITA Approfondimento tecnico

POMPE DI CALORE KITA Approfondimento tecnico POMPE DI CALORE KITA Approfondimento tecnico Approfondimento tecnico sulle scelte progettuali Compressore singolo ermetico trascinato tramite motore BLDC inverter. Il compressore è il cuore della pompa

Dettagli

EVOLUZIONE DEI SISTEMI DI TRAZIONE NEL CAMPO DEGLI ELEVATORI Ing. Vittorio Mazzoni

EVOLUZIONE DEI SISTEMI DI TRAZIONE NEL CAMPO DEGLI ELEVATORI Ing. Vittorio Mazzoni EVOLUZIONE DEI SISTEMI DI TRAZIONE NEL CAMPO DEGLI ELEVATORI Ing. Vittorio Mazzoni È ormai noto che in campo ascensoristico si usano e si sono usati i più diversi sistemi di trazione. 1)- Fino alla metà

Dettagli

N 1 telaio in acciaio di sostegno gruppi completo di forature per l ancoraggio a pavimento;

N 1 telaio in acciaio di sostegno gruppi completo di forature per l ancoraggio a pavimento; Caratteristiche tecniche relative a N 2 gruppi Turbina Elica Generatore Asincrono Trifase non regolante, Quadro Elettrico di automazione/parallelo gruppi. Dati di Impianto: Q max = 0,64 mc/s Hlordo=9,35

Dettagli

metodi di conversione, tipi di conversioni e schemi Alimentatori lineari

metodi di conversione, tipi di conversioni e schemi Alimentatori lineari Elettronica per l informatica 1 Contenuto dell unità D Conversione dell energia metodi di conversione, tipi di conversioni e schemi Alimentatori lineari componentistica e tecnologie riferimenti di tensione,

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE

PIANO DI MANUTENZIONE 1 PIANO DI MANUTENZIONE rete fognaria Il presente Piano di Manutenzione della rete fognaria è stato redatto ai sensi dell art. 16, comma 5 (Attività di Progettazione) della Legge 109/94 e successive modifiche

Dettagli

Stabilizzazione della frequenza e della tensione. nelle reti elettriche isolate

Stabilizzazione della frequenza e della tensione. nelle reti elettriche isolate Stabilizzazione della frequenza e della tensione nelle reti elettriche isolate SOMMARIO 1 Introduzione... 3 2 I requisiti fondamentali di una rete stabile isolata... 3 3 I requisiti dei sistemi di stabilizzazione

Dettagli

sovratensioni Sovratensioni di origine interna Le sovratensioni possono essere: Sovratensioni di origine interna A frequenza di esercizio

sovratensioni Sovratensioni di origine interna Le sovratensioni possono essere: Sovratensioni di origine interna A frequenza di esercizio Le sovratensioni possono essere: sovratensioni Generate internamente all impianto Generate esternamente Sovratensioni di origine interna A frequenza di esercizio A regime oscillatorio A carattere impulsivo

Dettagli

Impianti elettrici ELENCO DELLE OPERE DI CONTROLLO PERIODICO DI MANUTENZIONE PROGRAMMATA

Impianti elettrici ELENCO DELLE OPERE DI CONTROLLO PERIODICO DI MANUTENZIONE PROGRAMMATA Impianti elettrici All. E ELENCO DELLE OPERE DI CONTROLLO PERIODICO DI MANUTENZIONE PROGRAMMATA CABINE DI TRASFORMAZIONE Verifiche e controlli almeno semestrale con annotazione sull apposito registro specifico

Dettagli

UNIDRIVE M100. Convertitore per l'automazione dell'industria manifatturiera

UNIDRIVE M100. Convertitore per l'automazione dell'industria manifatturiera Convertitore per l'automazione dell'industria manifatturiera Convertitore con un ottimo rapporto qualità e prestazioni/prezzo per applicazioni in anello aperto Unidrive M100 Unidrive M200 Unidrive M300

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

Modulo 10 Impianti per la cogenerazione di energia

Modulo 10 Impianti per la cogenerazione di energia Corso di Impianti Meccanici Laurea Triennale Modulo 10 Impianti per la cogenerazione di energia Prof. Ing. Cesare Saccani Prof. Ing. Augusto Bianchini Dott. Ing. Marco Pellegrini Dott. Ing. Michele Gambuti

Dettagli

SCHEDA DI CONTROLLO MOTORE BRUSHLESS BBL_198

SCHEDA DI CONTROLLO MOTORE BRUSHLESS BBL_198 SCHEDE GUIDA ESERCITAZIONI NR. 1 PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO PAG. 1 2 FUNZIONAMENTO E USO DISPOSITIVO 5 3 ANALISI E VERIFICA PILOTAGGIO UNIPOLARE 6 4 ANALISI E VERIFICA PILOTAGGIO A STELLA 9 5 MISURA DELLA

Dettagli

LE MACCHINE UTENSILI A CONTROLLO NUMERICO

LE MACCHINE UTENSILI A CONTROLLO NUMERICO LE MACCHINE UTENSILI A CONTROLLO NUMERICO Unità 3 PRODUZIONE E MENU VITI A RICIRCOLO DI SFERE TESTA MOTRICE CONTROTESTA CONTROMANDRINO AZIONAMENTO MANDRINO AZIONAMENTO ASSI ELETTROMANDRINI SERVIZI DI MACCHINA

Dettagli

- semplicità delle macchine generatrici (alternatori) - possibilità di utilizzare semplicemente i trasformatori

- semplicità delle macchine generatrici (alternatori) - possibilità di utilizzare semplicemente i trasformatori ITCG CATTANEO CON LICEO DALL AGLIO - via M. di Canossa - Castelnovo ne Monti (RE) SEZIONE I.T.I. Le Correnti Alternate Come vedremo è piuttosto semplice produrre tensioni, e di conseguenza correnti, che

Dettagli

MOTORI ELETTRICI ASINCRONI TRIFASE E MONOFASE LIBRETTO DI USO E MANUTENZIONE

MOTORI ELETTRICI ASINCRONI TRIFASE E MONOFASE LIBRETTO DI USO E MANUTENZIONE MORATTO S.R.L. Electrical Machinery I 31030 PERO DI BREDA (Treviso) Italy Via A Volta, 2 Tel. +390422904032 fax +39042290363 www. moratto.it - moratto@moratto.it MOTORI ELETTRICI ASINCRONI TRIFASE E MONOFASE

Dettagli

AZIENDA ALLEGATO 2 PIANO GUIDA MANUTENZIONE PROGRAMMATA IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI. ALLEGATO 2 - PIANO DI MANUTENZIONE pag.

AZIENDA ALLEGATO 2 PIANO GUIDA MANUTENZIONE PROGRAMMATA IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI. ALLEGATO 2 - PIANO DI MANUTENZIONE pag. ALLEGATO 2 PIANO GUIDA MANUTENZIONE PROGRAMMATA IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI ALLEGATO 2 - PIANO DI MANUTENZIONE pag.1 di 12 1A) QUADRO ELETTRICO GENERALE QUADRO ELETTRICO GENERALE DI BASSA TENSIONE SEZIONATORI

Dettagli

L. Frosini. In condizioni di alimentazione sinusoidale trifase, la somma istantanea dei TENSIONI E CORRENTI D ALBERO (parte B) L.

L. Frosini. In condizioni di alimentazione sinusoidale trifase, la somma istantanea dei TENSIONI E CORRENTI D ALBERO (parte B) L. Tensione di modo comune In condizioni di alimentazione sinusoidale trifase, la somma istantanea dei TENSIONI E CORRENTI D ALBERO (parte B) vettori delle tre tensioni di fase è sempre nulla. Lo stesso risultato

Dettagli

TECHNICALINFO. Il gruppo motore LEITNER

TECHNICALINFO. Il gruppo motore LEITNER TECHNICALINFO Il gruppo motore LEITNER Il gruppo motore LEITNER Compatto, flessibile, affidabile Il presupposto per un utilizzo in sicurezza di un impianto a fune è sicuramente un gruppo argano affidabile

Dettagli

Impianti di carica per i veicoli elettrici (Seconda parte) Sistemi di carica

Impianti di carica per i veicoli elettrici (Seconda parte) Sistemi di carica Impianti di carica per i veicoli elettrici (Seconda parte) Sistemi di carica Il sistema di carica dei veicoli elettrici è attualmente oggetto di acceso dibattito internazionale per la definizione o meglio

Dettagli

SEE. Applicazioni industriali: Caratteristiche generali. Ramo batteria (tecnologia SCR) Raddrizzatori doppio ramo

SEE. Applicazioni industriali: Caratteristiche generali. Ramo batteria (tecnologia SCR) Raddrizzatori doppio ramo Raddrizzatori doppio ramo SEE RADDRIZZATORE A DOPPIO RAMO, USCITA +/-1% Soluzione dedicata con batterie a vaso aperto o NiCd con tensione di uscita 110 o 220 V CC sino a 500 A Applicazioni industriali:

Dettagli