GLI ALIMENTATORI SWITCHING (SMPS) (switch-mode power supply)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GLI ALIMENTATORI SWITCHING (SMPS) (switch-mode power supply)"

Transcript

1 GLI ALIMENTATORI SWITCHING (SMPS) (switch-mode power supply) TESTO PREPARATO DALL ING. VITTORIO BUSSONI IK4CIE PER LA LEZIONE PRESSO LA SEZIONE A.R.I. DI PARMA DEL Ogni apparecchiatura elettronica necessita di quell importante parte che viene chiamata alimentatore, che fornisce le tensioni e le correnti di cui i circuiti necessitano per funzionare. L ente per l energia elettrica infatti ci porta in casa solo una tensione alternata a valore assegnato ( volt in Europa, oppure 380), mentre i vari circuiti di un apparato necessitano di tensioni continue di vari valori. L insieme che consente di trasformare i 220 volt alternati nelle giuste tensioni continue richieste è detto alimentatore. CENNO DI RICHIAMO SUGLI ALIMENTATORI LINEARI un alimentatore lineare è composto da un trasformatore, che trasforma la tensione di 220 volt in una tensione, sempre alternata, superiore di qualche volt alla tensione continua da ottenere; da un ponte di diodi più alcuni condensatori di filtro che la fanno diventare tensione continua; infine da un regolatore che impone una resistenza variabile tra i condensatori e il carico, e che riesce così a mantenere costante la tensione su quest ultimo. La resistenza variabile è costituita da transistor che sono posti più o meno in conduzione da un circuito di controllo (vedi anche NOTA A). SVANTAGGI: peso del trasformatore bassa efficienza e quindi elevata potenza sprecata in calore VANTAGGI: semplicità di costruzione e riparazione alta affidabilità INTRODUZIONE AGLI ALIMENTATORI SWITCHING ogni alimentatore switching è fondamentalmente un CONVERTITORE DC-DC, cioè un sistema che converte una tensione continua in un altra continua di valore diverso. Pertanto, anche per le alimentazioni provenienti dalla tensione 220 alternata, il primo passo è la loro conversione in tensione continua. I componenti che troviamo per primi sono dunque un classico ponte di diodi seguito da un condensatore di elevata capacità ( oltre 200 microfarad). Sul condensatore viene ad essere presente una tensione continua pari a 220 x 1,414 =311 volt, che sarà convertita ai valori necessari all apparecchio da alimentare. SVANTAGGI complessità costruttiva una parte di circuito lavora sotto tensione di rete e superiore VANTAGGI: peso e dimensioni ridotti a circa ¼ del lineare elevata efficienza e quindi basso calore sviluppato NOTA A : un alimentatore può essere anche semi-switching, ossia mantenere il sistema lineare del grosso e pesante trasformatore, poi avere un regolatore di tipo switching per tenere costante la

2 tensione sul carico. Il vantaggio di un siffatto sistema è quello di non lavorare su alte tensioni e di avere un regolatore ad alta efficienza. Lo svantaggio è la presenza comunque necessaria del pesante trasformatore. TIPOLOGIE DEI REGOLATORI DC-DC SWITCHING le tipologie dei regolatori switching sono le seguenti: buck (detto anche STEP-DOWN) boost (detto anche STEP-UP) buck-boost (detto anche STEP-UP-DOWN) Cuk converter flyback flyback quasi-resonant forward I primi quattro dell elenco sono utilizzati per convertire basse tensioni in altre basse tensioni, ad esempio da 24 volt a 12 volt, oppure da 12 volt a 5 volt (step-down), oppure da 3 a 12 volt (step-up) oppure sono usati per ottenere tensioni negative, ad esempio per ottenere -12 volt partendo da +12 volt (step-up-down oppure Cuk converter). L uscita non è galvanicamente isolata dall ingresso, quindi non sono utilizzabili per convertire dalla 220 direttamente al valore voluto. I sistemi flyback e forward invece sono usati quando la tensione d ingresso sia molto diversa dalla tensione d uscita da ottenere, sia in salita che in discesa, inoltre prevedono un piccolo trasformatore che isola galvanicamente la parte sotto alta tensione dall uscita a bassa tensione. Sono le configurazioni usate per gli alimentatori dei computer, dei monitor e delle televisioni, e di qualche evoluto ricetrasmettitore radioamatoriale (FT-1000 MP, FT1000 MARK-V ad esempio); è semplice ottenere tensioni multiple in uscita, ad esempio nei computer servono le tensioni +12, -12, +5, -5. DETTAGLIO DELLE SINGOLE CONFIGURAZIONI vediamo ora il principio di funzionamento delle singole configurazioni. La trattazione completa di tutte le formule che governano un convertitore switching esula da questa esposizione e trova applicazione solo presso i progettisti; per la mente radioamatoriale è sufficiente sapere con cosa si sta trattando per tentare qualche riparazione senza commettere errori madornali. Faccio notare anche che consideriamo come transistor sempre dei dispositivi MOSFET, ciò per la loro completa saturazione e interdizione, superiori in caratteristiche ai classici transistor BJT; anche nella pratica, l utilizzo dei BJT negli alimentatori switching va scomparendo. CONFIGURAZIONE BUCK ---- STEP-DOWN CONVERTER La configurazione base del circuito usato nei buck converter è riportata in figura 1:

3 Vediamo la tensione d ingresso, un mosfet usato come interruttore, un diodo detto di ricircolo, una induttanza ed un condensatore in uscita. Il circuito di controllo genera un segnale che pone in conduzione o interdizione il mosfet, con frequenza fissa ma duty-cycle variabile ( PWM: pulse width modulation ) (vedi oltre). Descrizione del funzionamento: Quando Q1 è in conduzione, la corrente comincia a scorrere in L e su C, e nel carico. Il diodo non viene interessato in questa fase, essendo polarizzato inversamente. Il campo magnetico in L quindi cresce, immagazzinando energia nell induttore, che si oppone alle brusche variazioni di corrente. Quando Q1 viene interdetto, l induttanza L si oppone al calo della corrente entro sè, ai capi di essa si forma una FEM di segno opposto rispetto alla fase di Q1 in conduzione, così l energia immagazzinata in L viene resa al carico e può circolare in quanto il diodo D1 ora è polarizzato in diretta e chiude il circuito. Senza scendere troppo nei particolari, si sappia che la tensione d uscita è una frazione di quella in ingresso, e questa frazione è pressoché uguale al duty-cycle. Vout / Vin = D dove D= duty-cycle = Ton / T (tempo di Q1 on / periodo totale). Pertanto, possiamo ottenere in uscita tensioni da zero fino a Vin, ma non superiori; la tensione in uscita è monitorata dal circuito di controllo, che provvede a dosare il duty-cycle al fine di mantenerla costante sul valore stabilito. Interessante valutare le correnti; si ha la seguente relazione, valida nel caso di rendimento 100% (convertitore perfetto senza perdite) Iout/Iin = Vin/Vout Per esempio per un convertitore da 24 a 12 volt, se forniamo 10 ampere al carico, ne assorbiremo solo 5 a 24 volt (mentre sono sempre 10 nel caso di un regolatore lineare!). In pratica, il rendimento è circa del %, quindi la corrente assorbita nel caso in esempio sarà circa 6 ampere, di cui 5 resi al carico e 1 trasformato in calore ( 1 ampere x 12 volt = 12 watt, contro i 120 watt sprecati in un trasformatore lineare). La regolazione del duty cycle in relazione alla tensione d uscita che si vuole mantenere è fatta da un circuito come il sottostante (PWM classico, il circuito integrato LM3524 ne è una pietra miliare):

4 CONFIGURAZIONE BOOST ---- STEP-UP CONVERTER I componenti sono gli stessi, ma collegati tra loro in modo differente da prima. Il funzionamento è ancora dato dall apertura e chiusura di Q1, secondo un certo duty-cycle. Quando Q1 va in conduzione, la corrente scorre attraverso la bobina L la quale immagazzina energia. Non passa corrente attraverso il diodo D1 perché il circuito è chiuso da Q1. La corrente è fornita al carico dal condensatore C1. Quando Q1 viene interdetto, l energia immagazzinata in L viene restituita, in maniera che la tensione ai capi dell induttanza si somma a quella del generatore; la corrente ora scorre nel diodo D1 e sul carico, e ricarica C1. La tensione al carico è quindi maggiore della tensione del generatore, secondo la formula Vout/Vin = T/Toff Un raddoppio della tensione d ingresso si ottiene con un duty-cycle del 50% (Ton=Toff). Se vogliamo Vout= 3Vin dobbiamo assumere Ton=2Toff, duty-cycle 66%. Riguardo le correnti, Iin/Iout = Vout/Vin, quindi in caso di raddoppio della tensione, la corrente richiesta al generatore sarà doppia di quella ceduta al carico. Questo nel caso ideale, mentre in realtà sarà un po maggiore del doppio. CONFIGURAZIONE BUCK-BOOST Sistemando i soliti componenti in modo ancora diverso, otteniamo la configurazione buck-boost, che permette di ottenere in uscita tensioni maggiori o minori di quella in ingresso, ma con polarità invertita. Quando Q1 conduce, L viene percorsa da corrente e immagazzina energia. La corrente del generatore non può raggiungere il carico perchè c è di mezzo il diodo D1 polarizzato in inversa. Durante questa fase, solo il condensatore C1 può fornire corrente al carico. Quando Q1 si apre, l energia immagazzinata in L viene restituita attraverso il carico e il diodo. Come sappiamo però l induttanza L rende l energia tramite una FEM di segno opposto rispetto alla fase Q1=ON, quindi la corrente fluirà nel circuito nel senso indicato in figura, cioè con segno opposto al generatore. In questa configurazione, il rapporto tra le tensioni è espresso dalla: Vout/Vin = -D / (1-D)

5 ossia Vout/Vin = - Ton/Toff e ben si comprende che la tensione in uscita può essere minore, uguale o maggiore di quella del generatore, ma ricordiamoci che ha il segno invertito. Questa configurazione viene spesso usata come semplice invertitore per procurarsi tensioni negative da una fonte positiva. CONVERTITORE DI CUK Il signor Cuk, di origine Cecoslovacca, disegnò e descrisse il seguente circuito: Qui ci sono sempre i soliti componenti, ma ci sono una induttanza e un condensatore in più. Qui l energia deve passare tutta attraverso C1, che quindi è un condensatore elettrolitico scelto di grande capacità, adatto ad alte correnti e con bassa resistenza-serie equivalente. L uscita si presenta anche qui di segno invertito. Quando Q1 va ON, l energia si immagazzina in L1. Quando Q1 si apre, la tensione su L1 si inverte di segno, e il condensatore C1 si carica. Quando Q1 va ancora ON, C1 si scarica attraverso L2 nel carico, con L2 e C2 che fanno da filtro sull uscita. Nel frattempo, la bobina L1 si ricarica, pronta per il ciclo successivo. Vale la formula del convertitore buck-boost, cioè Vout/Vin = - Ton/Toff. Il vantaggio del convertitore di Cuk è dato dal fatto che progettando alla perfezione il circuito, è possibile trovare dei valori per i condensatori e le induttanze, tali da annullare completamente il ripple in uscita, che invece può rimanere significativo nella configurazione buck-boost. CONFIGURAZIONE FLYBACK: (RICORDARE IL BUCK-BOOST) Nelle applicazioni in cui sia richiesto l isolamento galvanico tra ingresso e uscita, ovvero ove vi siano grandi differenze tra le tensioni di ingresso e uscita, si può usare la configurazione flyback; essa discende dalla buck-boost come si intuisce dalle tre figure seguenti:

6 !! " # Funzionamento: quando il transistor va ON, la corrente scorre sul primario e si immagazzina energia nel campo magnetico del trasformatore. Quando il transistor si spegne, il trasformatore tenta di mantenere il flusso di corrente, quindi la tensione ai capi della bobina del primario si inverte in segno, generando un impulso di tensione detto back-emf flyback. Questo impulso viene trasferito sul secondario, dove il diodo andrà in conduzione durante questo impulso alimentando il carico e caricando il condensatore d uscita. La tensione che si ottiene in uscita ha un valore che dipende sia dal rapporto di spire tra primario e secondario, che dall induttanza del primario, che dal duty-cycle applicato al transistor. I progettisti hanno il loro impegno nell ottenere la configurazione migliore ai fini del funzionamento e del rendimento. I sistemi flyback sono molto impiegati nei monitor e nelle televisioni, ove si impiegano circuiti integrati studiati appositamente. FLYBACK QUASI RESONANT: tra i sistemi flyback si distinguono i quasi resonant che utilizzano una frequenza di commutazione non fissa, ma governata dallo stadio di potenza e non influenzata dal controller. Il nome di quasirisonante deriva dal fatto che viene inserito un condensatore di opportuno valore sul drain del mosfet, che in qualche modo crea con l induttanza della bobina del trasformatore un circuito quasi risonante alla frequenza di switching. La frequenza varia in dipendenza dalla tensione d ingresso e dalla potenza richiesta dal carico. Se la potenza richiesta aumenta, deve essere immagazzinata più energia nel trasformatore e per fare ciò occorre più tempo, la frequenza cala. Vedi figura:

7 La frequenza può variare anche parecchio, da 25 KHz a pieno carico a 140 KHz a vuoto, ad esempio. Questi circuiti possono essere disegnati per accettare in ingresso tensioni da 85 a 260 volt di alternata, quindi sono di uso universale. Il circuito di controllo fa in modo che la commutazione tra gli stati ON e OFF del mosfet, e viceversa, avvenga negli istanti in cui la tensione ai capi del mosfet è zero (ZVS: zero-voltageswitching). Ciò riduce alquanto la dissipazione e dunque le perdite nel mosfet, potendosi così ottenere rendimenti che sfiorano il 95%: Un circuito integrato di controllo studiato appositamente e a cui si riferiscono queste misure è il Philips TEA1507. Nei sistemi quasi-resonant sono anche più basse le emissioni di radio frequenza.. CONFIGURAZIONE FORWARD: Nella configurazione forward, il trasformatore lavora in maniera molto più tradizionale. I due transistor vengono messi in conduzione o interdetti alternativamente, ad una frequenza di qualche decina di kilohertz, cosa che provoca che il trasformatore sente una corrente alternata (ad onda quadra) e quindi la trasferisce al secondario secondo la nota legge del trasformatore: Vout = Vin (L3/L1) (si ricordi che L1 è uguale a L 2).

8 La tensione alternata indotta sul secondario viene poi raddrizzata dall antico sistema del ponte di diodi e condensatore, quindi il valore della tensione continua in uscita è pari a Vin(L3/L1) a meno della perdita nei diodi. La tensione in uscita è quindi determinata dal solo rapporto tra le spire del primario e quelle del secondario. Questo fatto, unito alla considerazione che il trasformatore è comunque di piccole dimensioni perché lavora ad una frequenza alta e quindi con alto rendimento, rende i sistemi forward adatti per applicazioni di alta potenza. Per la maggiore facilità di progetto rispetto ad un sistema flyback, il convertitore forward è molto usato negli alimentatori dei computer. ALCUNE NOTE SU VARI ASPETTI DEGLI ALIMENTATORI SWITCHING NOTA1: per ridurre al minimo le perdite nel raddrizzamento della tensione alternata che si presenta sul secondario, si usano diodi Schottky oppure, meglio ancora ove la situazione sia più estrema, i diodi vengono sostituiti con dei MOSFET che vengono messi in conduzione o interdizione negli istanti opportuni, pilotati da un circuito di controllo dedicato. NOTA2: le frequenze usate nei convertitori switching sono dell ordine di decine/centinaia di kilohertz, in quanto a tali frequenze diviene utilizzabile la ferrite come nucleo dei trasformatori / induttanze, le quali a loro volte saranno più piccole che non se si usassero frequenze di qualche decina di hertz. NOTA3: esistono anche gli alimentatori basati sul concetto di ZCS, zero-current-switching, in cui il transistor commuta in condizioni di assenza di corrente in esso. Non trattiamo qui l argomento, anche perché non molto sfruttato nella pratica. NOTA4: per controllare che la tensione d uscita rimanga costante, si impiega di solito un fotoaccoppiatore il cui diodo emettitore è acceso dalla tensione d uscita, e il cui fototransistore va a fornire la tensione di riferimento al piedino dedicato dell integrato di controllo. Da notare che in caso di alimentatore multitensione, solo la tensione più importante viene monitorata, mentre le altre si presume che vadano bene...in quanto va bene la principale! Negli alimentatori per computer ad esempio si controlla e stabilizza la tensione di 5 volt, mentre i + e 12 non sono stabilizzati: se li misurerete, troverete sempre valori piuttosto sballati... da 11.6 a 12.5 volt. Nella figura che segue, lo schema a blocchi di un alimentatore switching con evidenziato il fotoaccoppiatore.

9 NOTA5: gli alimentatori switching si prestano ad essere collegati in parallelo brutale purché le tensioni in uscita siano regolate (di solito c è un trimmer) perfettamente uguali. NOTA6: alcuni alimentatori switching non lavorano se non hanno un carico minimo collegato all uscita. Ciò perché senza carico, la tensione raggiunge subito il picco massimo e i circuiti di protezione da sovratensione intervengono bloccando il funzionamento. Spesso i costruttori inseriscono una resistenza sull uscita, che funge da carico minimo facendo restare in funzione l alimentatore anche senza carico esterno.

CAPITOLO 10 ALIMENTATORI

CAPITOLO 10 ALIMENTATORI 194 CAPITOLO 10 ALIMENTATORI Per funzionare, la maggior parte dei dispositivi e dei circuiti elettronici richiede un alimentazione in tensione continua, singola o duale. Le tensioni richieste sono normalmente

Dettagli

I REGOLATORI DI TIPO SWITCHING. I DC DC CONVERTER

I REGOLATORI DI TIPO SWITCHING. I DC DC CONVERTER GLI STABILIZZATORI DI TENSIONE sesta parte I REGOLATORI DI TIPO SWITCHING. I DC DC CONVERTER di Nico Grilloni nicogrilloni@tin.it Sono sempre più utilizzati prevalentemente per l alto rendimento, notevolmente

Dettagli

RIPARAZIONE ALIMENTATORI SWITCHING

RIPARAZIONE ALIMENTATORI SWITCHING RIPARAZIONE ALIMENTATORI SWITCHING IW2BSF - Rodolfo Parisio 2010 Per la verifica e eventuale riparazione di un classico switching ( in questo caso alimenta il decoder DTT della tele system) ma ormai omnipresenti

Dettagli

Azionamenti elettronici PWM

Azionamenti elettronici PWM Capitolo 5 Azionamenti elettronici PWM 5.1 Azionamenti elettronici di potenza I motori in corrente continua vengono tipicamente utilizzati per imporre al carico dei cicli di lavoro, nei quali può essere

Dettagli

Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) ed Elettronica Industriale (6 CFU) Convertitori c.c.-c.c. 2/83

Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) ed Elettronica Industriale (6 CFU) Convertitori c.c.-c.c. 2/83 I convertitori c.c.-c.c. monodirezionali sono impiegati per produrre in uscita un livello di tensione diverso da quello previsto per la sorgente. Verranno presi in considerazione due tipi di convertitori

Dettagli

Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica. Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) a.a. 20I2/2013. Stefano Bifaretti

Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica. Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) a.a. 20I2/2013. Stefano Bifaretti Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) a.a. 20I2/2013 Stefano Bifaretti Ad ogni commutazione degli interruttori statici di un convertitore è associata una dissipazione

Dettagli

Capitolo 1. Convertitori DC/DC. 1.1 Introduzione

Capitolo 1. Convertitori DC/DC. 1.1 Introduzione Capitolo Convertitori DC/DC. Introduzione I convertitori DC/DC sono dispositivi che accettano una tensione di ingresso continua e producono una tensione di uscita continua, tipicamente di livello differente

Dettagli

Regolatori di tensione lineari e switching per applicazioni nel campo dei rivelatori di particelle elementari

Regolatori di tensione lineari e switching per applicazioni nel campo dei rivelatori di particelle elementari STAGES ESTIVI LNF 2002 10 giugno 5 luglio 2002 Studenti Stefano Matera Simone Mecozzi Tutors Giovanni Corradi Paolo Ciambrone Regolatori di tensione lineari e switching per applicazioni nel campo dei rivelatori

Dettagli

CONVERTITORI STATICI PER L AUTOMAZIONE

CONVERTITORI STATICI PER L AUTOMAZIONE Capitolo 2 CONVERTITORI STATICI PER L AUTOMAZIONE 2.1 Generalità. I convertitori statici hanno l obiettivo di controllare i flussi di potenza tra ingresso ed uscita modificando opportunamente alcune grandezze

Dettagli

Dimensionamento, simulazione e implementazione di un convertitore DC/DC Flyback

Dimensionamento, simulazione e implementazione di un convertitore DC/DC Flyback Università degli studi di Ferrara Facoltà di Ingegneria Laboratorio di Elettronica Industriale Dimensionamento, simulazione e implementazione di un convertitore DC/DC Flyback Studente: Sferrazza Giovanni

Dettagli

Motori passo-passo Caratteristiche, tecniche e circuiti di pilotaggio

Motori passo-passo Caratteristiche, tecniche e circuiti di pilotaggio Motori passo-passo Caratteristiche, tecniche e circuiti di pilotaggio I motori elettrici si possono suddividere in varie categorie (vedi figura 1), che si differenziano a seconda della tensione di alimentazione

Dettagli

metodi di conversione, tipi di conversioni e schemi Alimentatori lineari

metodi di conversione, tipi di conversioni e schemi Alimentatori lineari Elettronica per l informatica 1 Contenuto dell unità D Conversione dell energia metodi di conversione, tipi di conversioni e schemi Alimentatori lineari componentistica e tecnologie riferimenti di tensione,

Dettagli

Convertitore DC DC Switching

Convertitore DC DC Switching Convertitore DC DC Switching A cosa può servire? Questo circuito è nato semplicemente per disporre di una tensione continua regolabile fra un minimo di 50V e un massimo di 500V, con correnti di uscita

Dettagli

Amplificatori di potenza

Amplificatori di potenza Amplificatori di potenza Gli amplificatori di potenza sono quegli amplificatori che trasferiscono al carico una potenza rilevante; orientativamente da alcuni decimi di Watt in su. Di solito essi sono costituiti

Dettagli

Trasformatore di corrente (TA)

Trasformatore di corrente (TA) Sensori di corrente Il modo più semplice di eseguire la misura di corrente è il metodo volt-amperometrico, in cui si misura la caduta di tensione su di una resistenza di misura percorsa dalla corrente

Dettagli

L effetto prodotto da un carico attivo verrà, pertanto, analizzato solo nel caso di convertitore monofase.

L effetto prodotto da un carico attivo verrà, pertanto, analizzato solo nel caso di convertitore monofase. Come nel caso dei convertitori c.c.-c.c., la presenza di un carico attivo non modifica il comportamento del convertitore se questo continua a funzionare con conduzione continua. Nei convertitori trifase

Dettagli

Elettronica per l'informatica 24/11/03

Elettronica per l'informatica 24/11/03 Contenuto dell unità D 1 Conversione dell energia metodi di conversione, tipi di conversioni e schemi Alimentatori lineari componentistica e tecnologie riferimenti di tensione, regolatori e filtri Alimentatori

Dettagli

GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ESAME

GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ESAME GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ESAME INTRODUZIONE Questa guida è rivolta a tutti gli studenti che intendono sostenere l esame del corso di Macchine e Azionamenti Elettrici in forma orale. I testi consigliati

Dettagli

FUNZIONAMENTO DI UN BJT

FUNZIONAMENTO DI UN BJT IL TRANSISTOR BJT Il transistor inventato nel 1947, dai ricercatori Bardeen e Brattain, è il componente simbolo dell elettronica. Ideato in un primo momento, come sostituto delle valvole a vuoto per amplificare

Dettagli

Amplificazione DL 3155M14 DL 3155E14. Circuiti Amplificatori a Transistor AMPLIFICAZIONE. Blocchi funzionali. Argomenti teorici.

Amplificazione DL 3155M14 DL 3155E14. Circuiti Amplificatori a Transistor AMPLIFICAZIONE. Blocchi funzionali. Argomenti teorici. Amplificazione Amplificazione lineare di corrente, tensione e potenza Amplificatori BJT: configurazioni EC, CC e BC Stabilità termica di un amplificatore lineare Linea di carico statica e dinamica Pre-amplificatori

Dettagli

CONVERTITORI DC/DC PUSH-PULL

CONVERTITORI DC/DC PUSH-PULL Università degli Studi di Padova Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Corso di Laurea in Ingegneria dell Informazione CONVERTITORI DC/DC PUSH-PULL Laureando: Claudio Menin Matricola 614115 Relatore:

Dettagli

REGOLATORE DI CARICA PER PANNELLI SOLARI

REGOLATORE DI CARICA PER PANNELLI SOLARI ENERGIE ALTERNATIVE REGOLATORE DI CARICA PER PANNELLI SOLARI Collegato fra il pannello e le batterie consente di limitare l afflusso di corrente in queste ultime quando si sono caricate a sufficienza:

Dettagli

Elettronica degli azionamenti

Elettronica degli azionamenti Elettronica degli azionamenti INDICE Elettronica degli azionamenti VALVOLE DI POTENZA GENERALITA VALVOLA NON COMANDATA: DIODO VALVOLE COMANDATE a) VALVOLA COMANDATA IN CHIUSURA O ACCENSIONE: TIRISTORE

Dettagli

REGOLATORE PWM. Rev.1 del 24/02/2012

REGOLATORE PWM. Rev.1 del 24/02/2012 Generalità REGOAORE PWM Rev.1 del 24/02/2012 Propongo questo semplice circuito per il controllo di un dispositivo di potenza mediante la modulazione PWM (Pulse Width Modulation) di una tensione continua.

Dettagli

ELETTRONICA DI POTENZA

ELETTRONICA DI POTENZA EETTRONICA DI POTENZA Il compito dell elettronica di potenza è quello di controllare il flusso di energia elettrica in modo da soddisfare le specifiche di tensione e corrente richieste dal carico a partire

Dettagli

Corso Elettronica Industriale Anno Accademico 2005-2006. Prof Ing Lorenzo Capineri

Corso Elettronica Industriale Anno Accademico 2005-2006. Prof Ing Lorenzo Capineri AMPLIFICATORI IN CLASSE D Corso Elettronica Industriale Anno Accademico 25-26 Prof Ing Lorenzo Capineri Indice 1. Generalità degli amplificatori in Classe D 1.1 Risposta in frequenza 2. Principio di funzionamento

Dettagli

Prof. Antonino Cucinotta LABORATORIO DI ELETTRONICA CIRCUITI RADDRIZZATORI

Prof. Antonino Cucinotta LABORATORIO DI ELETTRONICA CIRCUITI RADDRIZZATORI Materiale e strumenti: Prof. Antonino Cucinotta LABORATORIO DI ELETTRONICA CIRCUITI RADDRIZZATORI -Diodo raddrizzatore 1N4001 (50 V 1A) -Ponte raddrizzatore da 50 V 1 A -Condensatori elettrolitici da 1000

Dettagli

Convertitori di potenza a capacità commutata con controllo del duty-cycle

Convertitori di potenza a capacità commutata con controllo del duty-cycle Università degli Studi di Padova FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Elettronica Tesi di laurea Convertitori di potenza a capacità commutata con controllo del duty-cycle Laureando:

Dettagli

Disturbi causati dalla commutazione di carichi induttivi

Disturbi causati dalla commutazione di carichi induttivi Disturbi causati dalla commutazione di carichi induttivi Pubblicato il: 13/06/2005 Aggiornato al: 13/06/2005 di Massimo Barezzi Analisi, problemi e soluzioni per proteggersi dalle correnti provocate dalla

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

PROGETTO ALIMENTATORE VARIABILE CON LM 317. di Adriano Gandolfo www.adrirobot.it

PROGETTO ALIMENTATORE VARIABILE CON LM 317. di Adriano Gandolfo www.adrirobot.it PROGETTO ALIMENTATORE VARIABILE CON LM 37 di Adriano Gandolfo www.adrirobot.it L'integrato LM37 Questo integrato, che ha dimensioni identiche a quelle di un normale transistor di media potenza tipo TO.0,

Dettagli

Carica batterie. ADATTATORE 9V PER ACCENDISIGARI Fornisce una tensione di +9V dalla presa accendisigari da 12V dell automobile.

Carica batterie. ADATTATORE 9V PER ACCENDISIGARI Fornisce una tensione di +9V dalla presa accendisigari da 12V dell automobile. SPECIALE 200 PROGETTI Fare Elettronica EXTRA +9V E -9V DA UN UNICA BATTERIA Il circuito presentato impiega un MAX1044, un convertitore di tensione che permette di ricavare da una semplice batteria da 9V

Dettagli

Amplificatori Audio di Potenza

Amplificatori Audio di Potenza Amplificatori Audio di Potenza Un amplificatore, semplificando al massimo, può essere visto come un oggetto in grado di aumentare il livello di un segnale. Ha quindi, generalmente, due porte: un ingresso

Dettagli

GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI

GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI Capitolo3:Layout 1 17-10-2012 15:33 Pagina 73 CAPITOLO 3 GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI OBIETTIVI Conoscere le grandezze fisiche necessarie alla trattazione dei circuiti elettrici Comprendere la necessità

Dettagli

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ZERMIAN ALESSANDRO. Materia ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA Classe 5AEA Anno Scolastico 2015-2016

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ZERMIAN ALESSANDRO. Materia ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA Classe 5AEA Anno Scolastico 2015-2016 Allegato A RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ZERMIAN ALESSANDRO (eventuale compresente) DOCENTE DE POLO MARCELLINO Materia ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA Classe 5AEA Anno Scolastico 2015-2016 In relazione alla

Dettagli

PROGRAMMA DI ESAME PER IL CONSEGUIMENTO DELLA PATENTE DI RADIOAMATORE

PROGRAMMA DI ESAME PER IL CONSEGUIMENTO DELLA PATENTE DI RADIOAMATORE PROGRAMMA DI ESAME PER IL CONSEGUIMENTO DELLA PATENTE DI RADIOAMATORE PARTE ^ - QUESTIONI RIGUARDANTI LA TECNICA, IL FUNZIONAMENTO E LA REGOLAMENTAZIONE A. - QUESTIONI DI NATURA TECNICA.- ELETTRICITA',

Dettagli

Schema a blocchi dei convertitori DC-DC

Schema a blocchi dei convertitori DC-DC Schema a blocchi dei convertitori DC-DC Tutti i convertitori DC-DC visti possono essere schematizzati come nello schema in figura. Cioè, un convertitore DC-DC si comporta come una "scatola" che trasforma

Dettagli

I Diodi. www.papete.altervista.org http://elettronica-audio.net76.net

I Diodi. www.papete.altervista.org http://elettronica-audio.net76.net I Diodi Questi componenti sono provvisti di due terminali: il catodo e l'anodo. Il catodo si riconosce perchè sul corpo è stampata una fascia in corrispondenza di tale piedino. Ad esempio, i diodi nella

Dettagli

INFORMATIVA AVVERTENZE

INFORMATIVA AVVERTENZE M.M.Electronics - http://www.mmetft.it M. M. Electronics Michele Marino - michele.marino@mmetft.it Sensore di prossimità a infrarossi V 0.1 Marzo 2008 INFORMATIVA Come prescritto dall art. 1, comma 1,

Dettagli

Progetto: prototipo di vasca con fontane a scenari.

Progetto: prototipo di vasca con fontane a scenari. Progetto: prototipo di vasca con fontane a scenari. classe V^ Sez. D. A.S. 2009/10 Laboratorio Aula 51 e Laboratorio T.D.P. Alunni che hanno realizzato il progetto: Bonsu Raphael, Maffei Cristian Marano

Dettagli

progettare & costruire di NICOLA DE CRESCENZO

progettare & costruire di NICOLA DE CRESCENZO progettare & costruire di NICOLA DE CRESCENZO GENERATORE di funzionilow-cost Vi proponiamo il progetto di un generatore di funzioni semplice ed economico, ideale per coloro che, essendo agli inizi, vogliono

Dettagli

Induzione magnetica. Corrente indotta. Corrente indotta. Esempio. Definizione di flusso magnetico INDUZIONE MAGNETICA E ONDE ELETTROMAGNETICHE

Induzione magnetica. Corrente indotta. Corrente indotta. Esempio. Definizione di flusso magnetico INDUZIONE MAGNETICA E ONDE ELETTROMAGNETICHE Induzione magnetica INDUZIONE MAGNETICA E ONDE ELETTROMAGNETICHE Che cos è l induzione magnetica? Si parla di induzione magnetica quando si misura una intensità di corrente diversa da zero che attraversa

Dettagli

Progetti reali con ARDUINO

Progetti reali con ARDUINO Progetti reali con ARDUINO Introduzione alla scheda Arduino (parte 4ª) giugno 2013 Giorgio Carpignano I.I.S. PRIMO LEVI C.so Unione Sovietica 490 (TO) Materiale didattico: www.iisprimolevi.it Conversione

Dettagli

Funzionamento a regime (steady-state) Elettronica Industriale Convertitori DC-DC 1

Funzionamento a regime (steady-state) Elettronica Industriale Convertitori DC-DC 1 Funzionamento a regime (steady-state) Elettronica Industriale Convertitori DC-DC 1 Convertitore Buck (Step-Down) Definizioni: Con le lettere minuscole si indicano le forme d onda associate alle tensioni/correnti

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

"Convertitore CC/CA per sistemi fotovoltaici connessi alla rete: progetto e realizzazione" Ing. Pierangelo Sandri settembre 2007 siepan@libero.

Convertitore CC/CA per sistemi fotovoltaici connessi alla rete: progetto e realizzazione Ing. Pierangelo Sandri settembre 2007 siepan@libero. Capitolo 6 Collaudo 6.1 Apparecchiature per il collaudo Per poter effettuare tutte le prove necessarie a verificare il corretto funzionamento dell inverter sperimentale si è utilizzata la strumentazione

Dettagli

Corso di Informatica Industriale

Corso di Informatica Industriale Corso di Informatica Industriale Prof. Giorgio Buttazzo Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Pavia E-mail: buttazzo@unipv.it Informazioni varie Telefono: 0382-505.755 Email: Dispense:

Dettagli

Definizione di mutua induzione

Definizione di mutua induzione Mutua induzione Definizione di mutua induzione Una induttanza produce un campo magnetico proporzionale alla corrente che vi scorre. Se le linee di forza di questo campo magnetico intersecano una seconda

Dettagli

Progetto di un convertitore c.c./c.c. per stazioni di ricarica in c.c.

Progetto di un convertitore c.c./c.c. per stazioni di ricarica in c.c. Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile RIERA DI SISTEMA ELETTRIO Progetto di un convertitore c.c./c.c. per stazioni di ricarica in c.c. Antonio Ometto

Dettagli

GRMN VCO Rev 0 - Thermidor Technologies - Pagina 1. Note sul dimensionamento dei VCO Per sintetizzatore Germinimal

GRMN VCO Rev 0 - Thermidor Technologies - Pagina 1. Note sul dimensionamento dei VCO Per sintetizzatore Germinimal GRMN VCO Rev 0 - Thermidor Technologies - Pagina 1 Note sul dimensionamento dei VCO Per sintetizzatore Germinimal GRMN VCO Rev 0 - Thermidor Technologies - Pagina 1 Indice INDICE INDICE... 1 1. DESCRIZIONE...

Dettagli

M.M.Electronics - http://www.mmetft.it. Michele Marino - mmelectronics@mmetft.it. Introduzione alla tecnica PWM - Pulse Width Modulation V 0.

M.M.Electronics - http://www.mmetft.it. Michele Marino - mmelectronics@mmetft.it. Introduzione alla tecnica PWM - Pulse Width Modulation V 0. M.M.Electronics - http://www.mmetft.it M. M. Electronics Michele Marino - mmelectronics@mmetft.it Introduzione alla tecnica PWM - Pulse Width Modulation V 0.1 Ottobre 2007 INFORMATIVA Come prescritto dall

Dettagli

di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, Adesso sostituiamo nella

di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, Adesso sostituiamo nella Equazione di Ohm nel dominio fasoriale: Legge di Ohm:. Dalla definizione di operatore di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, dove Adesso sostituiamo nella

Dettagli

Consumo di Potenza nell inverter CMOS. Courtesy of Massimo Barbaro

Consumo di Potenza nell inverter CMOS. Courtesy of Massimo Barbaro Consumo di Potenza nell inverter CMOS Potenza dissipata Le componenti del consumo di potenza sono 3: Potenza statica: è quella dissipata quando l inverter ha ingresso costante, in condizioni di stabilità

Dettagli

Variatore di. In questo articolo viene trattato. Praticamente

Variatore di. In questo articolo viene trattato. Praticamente TEORIA RISORSE SPECIALE mente Variatore di 100 In questo articolo viene trattato un semplice variatore di velocità ad alto rendimento per motori c.c a 12 ed a 24 Volt basato sulla PWM (Pulse Width Modulation).

Dettagli

T3 CIRCUITI RISONANTI E AMPLIFICATORI SELETTIVI

T3 CIRCUITI RISONANTI E AMPLIFICATORI SELETTIVI T3 CICUITI ISONANTI E AMPLIFICATOI SELETTIVI T3. Il fattore di merito di una bobina è misurato in: [a] henry. [b] ohm... [c] è adimensionale.. T3. Il fattore di perdita di un condensatore è misurato in:

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE. Facoltà di Ingegneria. Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica. Dipartimento di Ingegneria Elettrica,

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE. Facoltà di Ingegneria. Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica. Dipartimento di Ingegneria Elettrica, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica Tesi di Laurea Studio e sviluppo di Librerie

Dettagli

MODELLO MEDIO AD AMPI SEGNALI DI UN CONVERTITORE PWM REALE

MODELLO MEDIO AD AMPI SEGNALI DI UN CONVERTITORE PWM REALE MODELLO MEDIO AD AMPI SEGNALI DI UN CONVERTITORE PWM REALE Il modello medio di un convertitore PWM è necessario per capirne il comportamento dinamico e progettare un appropriato loop di controllo. MODELLO

Dettagli

INDICE 1. TRASFORMATORI

INDICE 1. TRASFORMATORI INDICE 1. TRASFORMATORI 1.1 Introduzione 1.2 Trasformatori elettrici 1.3 Trasformatore monofase ideale 1.4 Trasformatore monofase reale 1.5 Caduta di tensione 1.6 Predite e rendimento 1.7 Trasformatori

Dettagli

CAPITOLO 11 TIRISTORI

CAPITOLO 11 TIRISTORI 211 CAPITOLO 11 TIRISTORI I tiristori costituiscono una famiglia di dispositivi a semiconduttore comprendente numerosi componenti, caratterizzati da una struttura a quattro zone pnpn e da un funzionamento

Dettagli

LATCH E FLIP-FLOP. Fig. 1 D-latch trasparente per ck=1

LATCH E FLIP-FLOP. Fig. 1 D-latch trasparente per ck=1 LATCH E FLIPFLOP. I latch ed i flipflop sono gli elementi fondamentali per la realizzazione di sistemi sequenziali. In entrambi i circuiti la temporizzazione è affidata ad un opportuno segnale di cadenza

Dettagli

di C.Bettini, A.Guiggiani e T.Lorenzetti 1

di C.Bettini, A.Guiggiani e T.Lorenzetti 1 Manuale di Automazione by Cosimo Bettini, Timoti Lorenzetti, Alberto Guiggiani is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported License (http://creativecommons.org/licenses/by-ncsa/3.0/).

Dettagli

Corso per Tecnici e manutentori dell industria elettrica, elettronica e meccanica Prof.Ing.Giovanni Musio

Corso per Tecnici e manutentori dell industria elettrica, elettronica e meccanica Prof.Ing.Giovanni Musio Corso per Tecnici e manutentori dell industria elettrica, elettronica e meccanica Prof.Ing.Giovanni Musio I.P.I.A. A.Volta Guspini Dirigente scolastico Prof.Giancarlo Vinci sede I.P.I.A. A.Volta Guspini

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA DELL AUTOMAZIONE. Tesi di Laurea

POLITECNICO DI MILANO FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA DELL AUTOMAZIONE. Tesi di Laurea POLITECNICO DI MILANO FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA DELL AUTOMAZIONE Tesi di Laurea STUDIO E REALIZZAZIONE DI UN DC-DC PER ALIMENTAZIONE GATE DRIVER DI UN INVERTER PER APPLICAZIONI

Dettagli

Convertitore flyback semplifica la progettazione degli alimentatori isolati

Convertitore flyback semplifica la progettazione degli alimentatori isolati Convertitore flyback semplifica la progettazione degli alimentatori isolati di Bruce Haug, Sr. Product Marketing Engineer, Power Products Linear Technology Vi è mai capitato di aver bisogno di un semplice

Dettagli

Un semplice timer per

Un semplice timer per Timer programmabile 50 Un semplice timer per bromografo, programmabile da 1 a 3600 sec, con visualizzazione del tempo impostato e del tempo trascorso su display LCD 16x2. Utilissimo in laboratorio per

Dettagli

ANALISI E PROGETTAZIONE DI UN CONVERTITORE DC/DC DI TIPO RISONANTE LLC PER IL PILOTAGGIO DI UNA STRINGA DI LED

ANALISI E PROGETTAZIONE DI UN CONVERTITORE DC/DC DI TIPO RISONANTE LLC PER IL PILOTAGGIO DI UNA STRINGA DI LED Tesi di Laurea Specialistica in Ingegneria Elettronica ANALISI E PROGETTAZIONE DI UN CONVERTITORE DC/DC DI TIPO RISONANTE LLC PER IL PILOTAGGIO DI UNA STRINGA DI LED Laureando: Alberto BUFFON Relatore:

Dettagli

Amplificatori in classe B

Amplificatori in classe B Amplificatori in classe B Lo schema semplificato di un amplificatore in classe B è mostrato in figura. Si tratta di una classica configurazione push-pull a simmetria complementare, nella quale i due componenti

Dettagli

L interruttore Microfonico

L interruttore Microfonico L interruttore Microfonico Descrizione Questo circuito si attiva quando capta un suono forte o un rumore (es. il battito delle mani) La sensibilità dell ingresso può essere variata in base al tipo di rumore

Dettagli

Tra le varie famiglie di convertitori, i convertitori c.c.-c.a. (comunemente indicati come inverter ) sono quelli che prevedono il più elevato numero

Tra le varie famiglie di convertitori, i convertitori c.c.-c.a. (comunemente indicati come inverter ) sono quelli che prevedono il più elevato numero Tra le varie famiglie di convertitori, i convertitori c.c.-c.a. (comunemente indicati come inverter ) sono quelli che prevedono il più elevato numero di soluzioni circuitali, in dipendenza sia dal livello

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

CONVERTITORI DC/DC NON ISOLATI ASSEMBLATI IN CUSTODIA

CONVERTITORI DC/DC NON ISOLATI ASSEMBLATI IN CUSTODIA CONVERTITORI DC/DC NON ISOLATI ASSEMBLATI IN CUSTODIA MANUALE OPERATIVO PREMESSA Con l acquisto del convertitore DC/DC il cliente si impegna a prendere visione del presente manuale e a rispettare e far

Dettagli

CIRCUITO DI CONDIZIONAMENTO PER TRASDUTTORE DI UMIDITÀ 2322 Philips

CIRCUITO DI CONDIZIONAMENTO PER TRASDUTTORE DI UMIDITÀ 2322 Philips CICUIO DI CONDIZIONAMENO PE ASDUOE DI UMIDIÀ 2322 Philips Gruppo n 5 Urbini Andrea Marconi Simone Classe 5C 2001/2002 SPECIFICHE DE POGEO: realizzare un circuito in grado di misurare una variazione di

Dettagli

ELETTRONICA DI POTENZA

ELETTRONICA DI POTENZA ELETTRONICA DI POTENZA L elettronica di potenza ha il compito di gestire l energia elettrica anziché trattare le informazioni. Questo problema di gestione dell energia è fondamentale per l industria che

Dettagli

L avviamento dei motori asincroni

L avviamento dei motori asincroni L avviamento dei motori asincroni Un problema rilevante è quello dell avviamento dei motori. Nei motori asincroni infatti, durante l avviamento, circolano nel motore correnti notevoli sia perché la resistenza

Dettagli

GRUPPO DI CONTINUITA' 12 V - BATTERIA BACKUP

GRUPPO DI CONTINUITA' 12 V - BATTERIA BACKUP GRUPPO DI CONTINUITA' 12 V - BATTERIA BACKUP Salve, questo circuito nasce dall'esigenza pratica di garantire continuità di funzionamento in caso di blackout (accidentale o provocato da malintenzionati)

Dettagli

ALIMENTATORE AD ALTO FATTORE DI POTENZA PER LAMPADE A STATO SOLIDO

ALIMENTATORE AD ALTO FATTORE DI POTENZA PER LAMPADE A STATO SOLIDO ANNO ACCADEMICO 2010/11 CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ALIMENTATORE AD ALTO FATTORE DI POTENZA PER LAMPADE A STATO SOLIDO LAUREANDO : DARIO SILVELLO RELATORE : PROF. SIMONE BUSO

Dettagli

Step-Down ad alta commutazione

Step-Down ad alta commutazione Step-Down ad alta commutazione Lo chassis Z8 del Panasonic TX-28LB1C presenta uno stadio di alimentazione innovativo. Vediamo il perché di questa nuova soluzione e, soprattutto, come va collaudata e riparata

Dettagli

Definizione di circuito, delle grandezze circuitali e classificazione dei bipoli

Definizione di circuito, delle grandezze circuitali e classificazione dei bipoli Definizione di circuito, delle grandezze circuitali e classificazione dei bipoli Definizione di circuito elettrico Da un punto di vista fisico un circuito si presenta come una connessione di elementi o

Dettagli

Gestione del dc-link di veicoli elettrici ibridi

Gestione del dc-link di veicoli elettrici ibridi Gestione del dc-link di veicoli elettrici ibridi liserre@poliba.it Sottosistema a propulsione elettrica Controllore del veicolo Convertitore elettronico di potenza Motore elettrico Trasmissione meccanica

Dettagli

Cenni di Elettronica non Lineare

Cenni di Elettronica non Lineare 1 Cenni di Elettronica non Lineare RUOLO DELL ELETTRONICA NON LINEARE La differenza principale tra l elettronica lineare e quella non-lineare risiede nel tipo di informazione che viene elaborata. L elettronica

Dettagli

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo Gli attuatori Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo ATTUATORI Definizione: in una catena di controllo automatico l attuatore è il dispositivo che riceve

Dettagli

Trasduttori di temperatura: gli NTC

Trasduttori di temperatura: gli NTC Trasduttori di temperatura: gli NTC Molti dei sistemi di alimentazione elettrica di dispositivi elettronici e di display LCD dell ultima generazione utilizzano termistori per il controllo in temperatura.

Dettagli

Programmazione modulare a. s. 2014-2015

Programmazione modulare a. s. 2014-2015 Programmazione modulare a. s. 201-2015 Indirizzo:Informatica Disciplina : Telecomunicazioni Classe: A B Informatica Ore settimanali previste:3 (di cui 2 di laboratorio) Libro di testo: TELECOMUNICAZIONI-Ambrosini,

Dettagli

Corso Umberto I, 232 Corso Umberto I, 203 84013 - CAVA DE TIRRENI (SA) 84013 CAVA DE TIRRENI (SA) R I F A S A R E

Corso Umberto I, 232 Corso Umberto I, 203 84013 - CAVA DE TIRRENI (SA) 84013 CAVA DE TIRRENI (SA) R I F A S A R E Ing. ARMANDO FERRAIOLI Ing. BIAGIO AURIEMMA Corso Umberto I, 232 Corso Umberto I, 203 84013 - CAVA DE TIRRENI (SA) 84013 CAVA DE TIRRENI (SA) R I F A S A R E Rifasare un impianto elettrico significa risparmiare

Dettagli

Funzionamento dei Servi con controllo ad Impulsi a Durata Variabile

Funzionamento dei Servi con controllo ad Impulsi a Durata Variabile Funzionamento dei Servi con controllo ad Impulsi a Durata Variabile In questo articolo analizzeremo il funzionamento dei servocomandi che usano per il loro controllo degli impulsi ad onda quadra dove,

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

Due cariche positive si respingono, due cariche negative si respingono, una carica positiva e una negativa si attraggono.

Due cariche positive si respingono, due cariche negative si respingono, una carica positiva e una negativa si attraggono. 2012 11 08 pagina 1 Carica elettrica Esistono cariche elettriche di due tipi: positiva e negativa. Due cariche positive si respingono, due cariche negative si respingono, una carica positiva e una negativa

Dettagli

Dispense del corso di Conversione statica negli impianti elettrici Converitori totalmente controllati. I.1 Generalità...2

Dispense del corso di Conversione statica negli impianti elettrici Converitori totalmente controllati. I.1 Generalità...2 I CONVERTITORI DC/DC (Chopper)...2 I.1 Generalità...2 I.1.1 Tecniche di controllo...2 I.1.2 Aspetti generali di un sistema di controllo in PWM...5 I.2. Convertitore Step-down...6 I.3 Convertitore Step-up...9

Dettagli

Ambiente di apprendimento

Ambiente di apprendimento ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA MAIO LINO, PALUMBO GAETANO 3EET Settembre novembre Saper risolvere un circuito elettrico in corrente continua, e saperne valutare i risultati. Saper applicare i teoremi dell

Dettagli

Glossario/Allegato tecnico

Glossario/Allegato tecnico Indice Alimentatori Panoramica.2 Norme e approvazioni.4 Glossario.6 1366880000 2013.1 Alimentatori Panoramica Alimentatori Panoramica I gruppi di alimentazione sono importanti anelli di congiunzione nell

Dettagli

ELETTRONICA II. Prof. Dante Del Corso - Politecnico di Torino. Parte A: Transistori in commutazione Lezione n. 2 - A - 2:

ELETTRONICA II. Prof. Dante Del Corso - Politecnico di Torino. Parte A: Transistori in commutazione Lezione n. 2 - A - 2: ELETTRONICA II Prof. Dante Del Corso - Politecnico di Torino Parte A: Transistori in commutazione Lezione n. 2 - A - 2: Transistori BJT in commutazione Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo A - 8 n.

Dettagli

Circuiti di Solar Energy Harvesting. Prof. Alessandro Chini alessandro.chini@unimore.it

Circuiti di Solar Energy Harvesting. Prof. Alessandro Chini alessandro.chini@unimore.it Circuiti di Solar Energy Harvesting Prof. Alessandro Chini alessandro.chini@unimore.it Wireless Sensor Network Negli ultimi anni si è rilevato un crescente interesse nello studio e nello sviluppo delle

Dettagli

Modellazione e Analisi di Reti Elettriche

Modellazione e Analisi di Reti Elettriche Modellazione e Analisi di eti Elettriche Modellazione e Analisi di eti Elettriche Davide Giglio Introduzione alle eti Elettriche e reti elettriche costituite da resistori, condensatori e induttori (bipoli),

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

COME ALIMENTARE UN LED BIANCO.

COME ALIMENTARE UN LED BIANCO. COME ALIMENTARE UN LED BIANCO. 2011 IW2BSF Rodolfo Parisio Il dubbio amletico di tutti, lo alimento a tensione constante o a corrente costante? Dunque i led vanno alimentati a corrente costante, non in

Dettagli

Transistor bipolare a giunzione (BJT)

Transistor bipolare a giunzione (BJT) Transistor bipolare a giunzione (BJT) Funzionamento BJT significa transistor bipolare a giunzione. Esso è un dispositivo a semiconduttore in cui si alternano tre regioni drogate ed ha tre terminali, uno

Dettagli

Convertitore analogico digitale (ADC) a n bit riceve in ingresso un segnale analogico e lo codifica in un segnale digitale a n bit

Convertitore analogico digitale (ADC) a n bit riceve in ingresso un segnale analogico e lo codifica in un segnale digitale a n bit ingressi analogici Conversione A/D Convertitore analogico digitale (ADC) a n bit riceve in ingresso un segnale analogico e lo codifica in un segnale digitale a n bit Ogni codice binario rappresenta il

Dettagli

INTRODUZIONE. Articolo qe001: versione 4

INTRODUZIONE. Articolo qe001: versione 4 INTRODUZIONE L obiettivo principale del progetto è dimostrare come ridefinire le strategie di gestione dei quadri elettrici disponendo di un network telematico in grado di monitorare e storicizzare tutti

Dettagli

Elettronica Innovativa. di Alessandro Sottocornola

Elettronica Innovativa. di Alessandro Sottocornola ! Elettronica Innovativa di Alessandro Sottocornola Alimentatore switching per led a luce bianca ad alta luminosità. Permette di alimentare fino a quattro led da 1 W collegati in serie, partendo da una

Dettagli