Conoscere la malattia renale per curarsi meglio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Conoscere la malattia renale per curarsi meglio"

Transcript

1 Conoscere la malattia renale per curarsi meglio

2 A cura di Carmelo Libetta Unità Operativa di Nefrologia, Dialisi e Trapianto IRCCS Policlinico San Matteo - Università di Pavia

3 Indice La malattia renale: un problema sociale 4 Cosa sono i reni 5 A cosa servono i reni? 7 Come si forma l urina? 9 Come si misura la funzione dei reni? 10 Importanza dell esame delle urine 12 Insufficienza renale: un killer silenzioso 14 Cause più comuni di insufficienza renale 16 L insufficienza renale può insorgere improvvisamente o lentamente 18 Come si cura l insufficienza renale 19 Quando i reni non funzionano più 22

4 La malattia renale: un problema sociale Oggi una persona su 10 ha problemi renali. Negli ultimi due decenni il numero dei pazienti con insufficienza renale (cioè con una riduzione della filtrazione del sangue da parte dei reni) è quintuplicato, mentre quello dei pazienti che iniziano la dialisi è almeno raddoppiato e continuerà ad aumentare, interessando soprattutto le persone con oltre 65 anni di età. A cosa è dovuto questo preoccupante aumento delle malattie renali (dette nefropatie ), che è stato definito dall Organizzazione Mondiale della Sanità come una pandemia? Le principali ragioni sono sia l allungamento della vita media sia l aumento esponenziale di malattie quali ipertensione arteriosa e diabete (si prevede che nel 2030 le persone nel mondo con ipertensione arteriosa saranno 2 miliardi e mezzo e le persone con diabete 500 milioni). La malattia renale ha quindi un grande impatto sociale; inoltre, visto che nei malati renali aumenta sensibilmente anche il rischio di malattie cardiovascolari (infarto cardiaco, ictus cerebrale etc.), l attenzione ai reni deve essere ancora maggiore. Curare la malattia renale aumenta dunque la probabilità di successo anche nella prevenzione delle malattie cardiovascolari. Infine, non si deve sottovalutare l impatto economico della dialisi, che consuma grosse risorse del Sistema Sanitario Nazionale. Ecco perché assume una grande importanza la diagnosi precoce e la prevenzione delle malattie renali. Riepilogo - Una persona su 10 ha problemi renali. - La malattia renale aumenta sensibilmente anche il rischio di malattie cardiovascolari (infarto cardiaco, ictus cerebrale etc.).

5 Cosa sono i reni II reni sono un organo doppio e simmetrico situato in addome. Ogni rene ha la forma di un fagiolo con una parte depressa, detta ilo, da cui fuoriescono i vasi renali e l uretere, che porta l urina sino alla vescica (Figura 1). Il rene dell adulto è lungo circa cm, largo 5-7 cm, presenta uno spessore di 4-5 cm e ha un peso di circa 150 grammi; tali misure subiscono variazioni notevoli in relazione alla costituzione individuale e alle abitudini alimentari. Entrambi i reni sono situati immediatamente al di sotto del diaframma (cioè la barriera che separa la cavità dell addome da quella toracica) e si muovono quindi con gli atti respiratori. vescica Figura 1 rene uretere uretra corticale midollare Il rene è un vero e proprio filtro, che forma urina ricca di sostanze tossiche. Ad ogni battito cardiaco circa 1/4 del sangue raggiunge i reni. Il sangue giunge al rene attraverso l arteria renale, che si divide in tronchi sempre più piccoli sino a sfioccarsi nei capillari che formano l unità filtrante del rene chiamata glomerulo. Quindi il nefrone ingrandito vena renale arteria renale uretere capsula di Bowman glomerulo dotto collettore Figura 2 glomerulo è un gomitolo di capillari sanguigni, nei quali circola il sangue; è avvolto da una struttura a forma di calice la capsula di Bowman, che rappresenta l inizio a fondo cieco dei tubuli renali, che sono piccoli tubi nei quali scorre il liquido filtrato dai glomeruli per raggiungere l uretere e quindi la vescica (Figura 2).

6 Cosa sono i reni Glomerulo e tubuli formano l unità funzionale del rene detta nefrone (Figura 2); in ogni rene ce ne sono approssimativamente un milione. Grazie a queste minuscole unità avviene, con complessi meccanismi, il processo di rimozione dal sangue sia delle sostanze di scarto prodotte dall organismo sia dei liquidi in eccesso. Riepilogo - Il rene dell adulto è lungo circa cm e largo 5-7 cm. - Ad ogni battito cardiaco circa 1/4 del sangue raggiunge i reni per essere filtrato.

7 A cosa servono i reni? I reni producono l urina, un liquido che contiene acqua, sali e sostanze tossiche da eliminare. L uomo è formato da miliardi di cellule, ognuna delle quali può essere paragonata a una microscopica fabbrica, che richiede un costante afflusso di materie prime e lo smaltimento continuo di sostanze tossiche. Tali rifiuti organici devono essere eliminati dal rene. Ad esempio, per la sintesi di nuove proteine, gli amminoacidi (mattoni di queste costruzioni) sono inglobati nelle cellule. Gli amminoacidi degradati subiscono la rimozione del gruppo amminico che è liberato sotto forma di ammoniaca, una sostanza molto tossica. Il sangue trasporta l ammoniaca al fegato, dove viene trasformata in urea, una sostanza meno tossica che, grazie ai reni, è eliminata con l urina. Quindi, il sangue carico dei prodotti di rifiuto provenienti dalle cellule arriva ai reni attraverso l arteria renale e, dopo essere stato filtrato, fuoriesce attraverso la vena renale. Nel processo di filtrazione si produce urina, che dai reni passa negli ureteri che la fanno affluire alla vescica, serbatoio di raccolta. Il rene svolge diverse e complesse funzioni. Elimina i prodotti organici di scarto come i rifiuti azotati (l urea e l acido urico). Regola la concentrazione nel sangue di sodio, potassio, cloro, bicarbonato, calcio e altri elementi che vengono eliminati con le urine in quantità diverse a seconda delle necessità dell organismo. Mantiene in equilibrio il patrimonio corporeo di acqua e di sale regolando la pressione arteriosa. Conserva nutrienti preziosi, come glucosio e amminoacidi, che non vengono eliminati con le urine. Se i reni funzionano bene, mantengono un perfetto bilancio dei liquidi corporei. Pertanto, se beviamo molto, i nostri reni provvedono ad eliminare i liquidi in eccesso con emissione di urine diluite trasparenti come l acqua e in quantità abbondante; se beviamo poco, i reni eliminano pochissima acqua, producendo urine concentrate di colore giallo carico e in quantità ridotta. Lo stesso avviene

8 A cosa servono i reni? per il sale; infatti, se mangiamo salato, i reni eliminano più sale; se sudiamo o perdiamo sale (ad esempio con il vomito), i reni eliminano poco sale con le urine. I reni, oltre a depurare il nostro organismo, producono alcuni ormoni: renina, eritropoietina e vitamina D. La renina è tra i principali responsabili dell ipertensione arteriosa. L eritropoetina stimola la produzione di globuli rossi. La forma attiva della vitamina D è invece fondamentale per l assorbimento del calcio e la calcificazione delle ossa. Riepilogo - I reni producono l urina, un liquido che contiene acqua, sali e sostanze tossiche da eliminare. - Se beviamo molto, i nostri reni eliminano i liquidi in eccesso con emissione di urine diluite trasparenti come l acqua e in quantità abbondante; se beviamo poco, i reni eliminano pochissima acqua producendo urine concentrate di colore giallo carico e in quantità ridotta. - I reni, oltre che depurare il nostro organismo, producono alcuni ormoni: renina, eritropoietina e vitamina D.

9 Come si forma l urina? L urina è formata da acqua in cui sono disciolte sostanze tossiche; essa si forma nei nefroni attraverso tre passaggi principali: 1) La filtrazione dei glomeruli. Ogni giorno i nostri reni filtrano circa 200 litri di acqua e soluti. Nel glomerulo il sangue è filtrato attraverso la parete dei capillari: parte dell acqua, insieme alle sostanze in essa disciolte, senza distinzione tra sostanze da eliminare e quelle da conservare, passa nel tubulo. Si forma così la pre-urina. La parete dei capillari trattiene, come un setaccio, solo i globuli rossi, i globuli bianchi, le piastrine e le proteine del sangue (Figura 3). 2) Il riassorbimento dei tubuli. L arteriola, che forma la matassa glomerulare, si ramifica nuovamente in altri capillari; questi si attorcigliano e si intrecciano in una nuova rete attorno ai tubuli, consentendo il riassorbimento dalla pre-urina di circa il 99% dell acqua e delle sostanze utili. I tubuli, così, restituiscono al sistema circolatorio i materiali utili e quasi tutta l acqua, trattenendo le sole scorie e l acqua in eccesso, che saranno eliminate come urina. Figura 3 3) La secrezione dei tubuli. È un ulteriore meccanismo di eliminazione di sostanze tossiche dal sangue, che avviene nei tubuli: la parete dei tubuli elimina alcune sostanze dal sangue e permette così l aggiustamento definitivo della composizione dell urina. Riepilogo - Ogni giorno i nostri reni filtrano circa 200 litri di acqua e soluti (pre-urina). - I tubuli riassorbono circa il 99% dell acqua e delle sostanze utili (198 litri) dalla pre-urina.

10 Come si misura la funzione dei reni? La funzione renale è normale quando è conservata la capacità dei reni di filtrare il sangue per eliminare le scorie e gli eccessi di acqua e sale. A differenza di quanto comunemente si pensa, la quantità di urina prodotta non indica se i nostri reni funzionano bene. Per esempio, una persona con funzione renale normale che beve poco e che per il caldo suda molto può urinare anche meno di ½ litro in una giornata. Qual è la prima spia della riduzione della funzione dei reni? Per sapere come funzionano i reni, è in genere sufficiente la misura della creatinina nel sangue, che si definisce creatininemia. La creatininemia indica la quantità di creatinina prodotta dall organismo dalla creatina, un costituente dei muscoli. La quantità di creatinina prodotta è legata dunque unicamente alle masse muscolari presenti in un determinato individuo e, perciò, varia con l età e con il sesso. La creatinina viene filtrata dai reni ed eliminata soltanto con le urine. Per questo, se i reni filtrano di meno, si elimina meno creatinina e la creatininemia aumenta. La misura della creatininemia è un esame semplice e, per questo, è usata dal medico per valutare la funzione dei reni, insieme all azotemia. L azotemia è, però, un test meno preciso e affidabile, perché risente delle variazioni della dieta. I valori normali di creatinina nel sangue dell adulto sono indicativamente 0,8-1,2 mg/dl. Quando c è un aumento della creatininemia e/o si sospetta una malattia renale, si utilizza un metodo più preciso per la determinazione della funzione dei reni: il filtrato glomerulare. La misura del filtrato glomerulare si ottiene con la clearance della creatinina, che presuppone però la raccolta delle urine per 24 ore e il dosaggio urinario della creatinina. 10

11 Il calcolo del filtrato glomerulare è invece più semplice: si ottiene con una banale formula matematica, che si basa su età, sesso e peso del paziente. Il filtrato glomerulare nell adulto è pari a circa 100 ml/minuto. Riepilogo - La determinazione della creatininemia è un esame semplice, usato per valutare la funzione dei reni; i valori normali sono indicativamente 0,8-1,2 mg/dl. - Un metodo più preciso per la determinazione della funzione dei reni è il filtrato glomerulare, pari a circa 100 ml/minuto. 11

12 Importanza dell esame delle urine L esame delle urine è fondamentale per la diagnosi di malattia renale. Il riscontro di tracce di sangue nell esame delle urine al microscopio (anche quando l urina conserva un colore normale) si chiama microematuria. Vi sono molte malattie che provocano microematuria, come infezioni delle vie urinarie, calcolosi renale, malattie della prostata, cisti renali, glomerulonefriti, tumori del rene e delle vie urinarie. Se la microematuria persiste in 2-3 esami delle urine consecutivi, è necessario consultare il proprio medico di famiglia che prescriverà alcuni approfondimenti specifici per chiarirne l origine. Un esame molto importante che si esegue sulle urine è il dosaggio delle proteine, la proteinuria (meglio conosciuto come albumina nelle urine ). La proteinuria si effettua sulle urine di tutto il giorno (24 ore). La raccolta delle urine di 24 ore si effettua in questo modo: la prima urina, appena alzati, va eliminata perché prodotta prima dell inizio della raccolta; l ora di questa minzione mattutina costituisce l inizio della raccolta. A seguire vanno invece conservate in un unico contenitore tutte le urine prodotte fino alla mattina successiva (giorno in cui si effettua l esame) alla stessa ora dell inizio della raccolta, quando, anche se non si sente lo stimolo di urinare, occorre procedere alla minzione per svuotare completamente la vescica. (La precisione di questa raccolta è importante quando si deve misurare la Clearance della creatinina). Il contenitore dovrà essere portato al laboratorio per il dosaggio della proteinuria. 12

13 Nei pazienti che non hanno ancora una malattia renale conclamata, ma che hanno la pressione alta e/o il diabete, è utile fare il dosaggio della microalbuminuria, l iniziale alterazione della escrezione di albumina con le urine. Questo esame, oltre ad essere un segno di iniziale malattia renale, è anche un indice di aumentato rischio di avere un infarto o un ictus. Riepilogo - Il riscontro di tracce di sangue all esame delle urine (con urine di colore normale) si chiama microematuria. - La presenza delle proteine nelle urine si definisce proteinuria (meglio conosciuto come albumina nelle urine ) ed è un segno specifico di malattia renale. 13

14 Insufficienza renale: un killer silenzioso La malattia renale, in genere, non si manifesta con dolore né con febbre o con altro sintomo specifico. Pertanto, l unico modo per fare diagnosi precoce è eseguire controlli periodici della creatininemia, soprattutto nei pazienti predisposti alle malattie renali (familiarità, diabete, pressione alta, calcolosi urinaria, infezioni delle vie urinarie ricorrenti etc.). A volte, invece, sono presenti alcuni sintomi che possono suggerirne la presenza: pressione alta (Ipertensione Arteriosa): è un sintomo che accompagna spesso l insufficienza renale fin dalle primissime fasi. Va sottolineato cheperò l ipertensione può non dare disturbi; di qui la necessità di controlli periodici della pressione arteriosa. poliuria: aumento notevole della quantità di urine prodotte specie nella ore notturne ( nicturia ); ematuria: emissione di urine di colore scuro ( Coca Cola o lavatura di carne ) o rosso sangue; stanchezza immotivata: può dipendere soprattutto dall anemia che si associa al deficit di eritropoietina presente nella malattia renale; edemi: comparsa di gonfiore alle caviglie e/o al volto; affanno ( dispnea ): nella insufficienza renale avanzata è da mettere in relazione con l accumulo di liquidi nei polmoni; può essere preceduta da una fase di gonfiore alle gambe. 14

15 Di fronte ad uno o più di questi sintomi e se vi sono alterazioni negli esami delle urine o del sangue, è opportuno consultare il proprio medico di famiglia che, se necessario, proporrà la valutazione dello specialista nefrologo. Riepilogo - La malattia renale, in genere, non si manifesta con dolore né con febbre o con altro sintomo specifico. - Alcuni sintomi possono suggerire la presenza di malattia renale: pressione alta, gonfiore alle caviglie, aumento della quantità di urine prodotte nelle ore notturne, stanchezza immotivata, emissione di urine di colore scuro. 15

16 Cause più comuni di insufficienza renale Le malattie renali sono molte e colpiscono varie strutture del rene. Negli ultimi 10 anni, tra le cause di insufficienza renale che portano alla dialisi, prevalgono la malattia aterosclerotica (per l invecchiamento della popolazione), l ipertensione arteriosa e il diabete, queste ultime colpiscono sempre più frequentemente la popolazione, principalmente a causa dello stile di vita (sedentarietà ed eccessivo apporto calorico). Altre malattie che colpiscono i reni possono essere di origine immunologica/infiammatoria, come le glomerulonefriti, o di origine infettiva, come le pielonefriti. Altre ancora sono ereditarie, come la malattia policistica dei reni. Le malattie renali possono colpire adulti e bambini; comunque, secondo i dati epidemiologici più recenti, la popolazione più colpita è quella al di sopra dei 65 anni. Figura 4 Pressione alta e malattia renale: La pressione alta (Ipertensione) può essere sia la causa sia la conseguenza di una malattia renale. Per questo, è molto importante riportare i valori pressori a livelli accettabili attraverso la modifica dello stile di vita e l assunzione regolare di farmaci antipertensivi prescritti dal medico (Figura 4). Diabete e malattia renale: Quando la glicemia è mal controllata, provoca dei danni a tutte le arterie dell organismo, comprese quelle del rene, determinando una progressiva alterazione dei glomeruli definita glomerulosclerosi diabetica, che si manifesta in genere dopo circa 10 anni dall inizio del diabete. È per questo che è molto importante intervenire nelle fasi precoci del diabete per prevenire 16

17 l insorgenza della nefropatia (malattia renale) di origine diabetica (Figura 5). Per una persona con diabete è importante: mantenere livelli adeguati di glicemia, assumendo con regolarità i farmaci prescritti; mantenere la pressione arteriosa su valori di circa 120/80 mmhg, assumendo con regolarità i farmaci prescritti, rispettando la dieta e modificando lo stile di vita (più attività fisica, smettere di fumare). Figura 5 Riepilogo - Negli ultimi 10 anni, tra le cause di insufficienza renale che portano alla dialisi, prevalgono la malattia aterosclerotica, la pressione alta e il diabete. - La pressione alta può essere sia la causa sia la conseguenza di una malattia renale. - Il diabete, se mal curato, dopo circa 10 anni provoca malattia renale. 17

18 L insufficienza renale può insorgere improvvisamente o lentamente L insufficienza renale è una condizione in cui i reni non riescono ad assicurare la normale eliminazione di scorie con le urine e la normalità del volume e della composizione dei liquidi corporei. Può essere acuta o cronica. L insufficienza renale acuta (il cosiddetto blocco renale ) si instaura improvvisamente in pochi giorni. Può essere causata da perdita di liquidi (diarrea, vomito), shock, complicazioni della gravidanza, malfunzionamento del cuore o abuso di farmaci nefrotossici. Questa forma può essere reversibile. L insufficienza renale cronica, invece, si presenta ed evolve spesso in maniera silente (non di rado è scoperta in maniera casuale) e danneggia i reni lentamente, nel corso di anni. Con il progredire dell insufficienza renale, si sviluppa anche l aumento della pressione arteriosa, soprattutto per la ritenzione di acqua e sale, che i reni non sono in grado di eliminare normalmente. L ipertensione arteriosa, a sua volta, aggrava il danno renale e induce lesioni dell apparato cardiocircolatorio e, conseguentemente, aumenta il rischio di infarto e/o ictus cerebrale. Solo quando la funzione renale si riduce in maniera significativa, possono comparire alcuni sintomi: stanchezza disturbi dell attenzione sonnolenza vertigini dispnea dolori muscolari piedi gonfi. Riepilogo - L insufficienza renale acuta si instaura improvvisamente in pochi giorni. Essa può essere causata da abuso di farmaci dannosi per i reni), perdita di liquidi (diarrea, vomito), malfunzionamento del cuore. - L insufficienza renale cronica si presenta ed evolve spesso in maniera silente e danneggia i reni lentamente, nel corso di anni. 18

19 Come si cura l insufficienza renale Come abbiamo visto, l insufficienza renale cronica è una riduzione permanente della funzione dei reni che si instaura in modo subdolo e non è reversibile (non guarisce). Una volta che è stata scoperta, il medico specialista (nefrologo) propone il trattamento conservativo, una cura che ha lo scopo di: 1) rallentare l evoluzione della malattia, ovvero allungare i tempi (anche di molti anni) che portano verso l insufficienza renale terminale e, quindi, alla dialisi; 2) curare le alterazioni legate all insufficiente funzionamento dei reni. Il paziente nefropatico deve innanzitutto modificare lo stile di vita (dieta con pochi grassi e senza sale, attività fisica, astensione dal fumo), deve avere un controllo ottimale sia della pressione arteriosa (inferiore a 140/90 mmhg; pertanto è molto utile che impari a misurare la pressione arteriosa anche con apparecchi elettronici a bracciale) che della glicemia, se diabetici. Esistono dei farmaci (che interferiscono con il sistema renina-angiotensina ) che, oltre ad abbassare la pressione arteriosa, riducono la perdita di proteine con l urina e ritardano l evoluzione verso l insufficienza renale terminale. La dieta ipoproteica, che riduce l apporto proteico giornaliero, si inizia quando ci sono significative alterazioni dell azotemia e va modulata e personalizzata. Tale dieta permette essenzialmente di prevenire i sintomi legati all eccessivo aumento dell azotemia e delle numerose sostanze tossiche che il paziente accumula, soprattutto nelle fasi avanzate della malattia renale. La dieta del paziente con insufficienza renale deve essere anche povera di fosforo. Nel soggetto normale il fosforo assorbito in eccesso viene rimosso dai reni. 19

20 Come si cura l insufficienza renale Nell insufficienza renale cronica, la diminuzione del filtrato glomerulare fa ridurre l eliminazione con le urine del fosforo. Quindi i pazienti con insufficienza renale accumulano tale sostanza, che col tempo può causare prurito, arrossamento degli occhi, dolore osteoarticolare, fratture e deformità scheletriche, calcificazioni a livello cardiovascolare (valvole cardiache e vasi). In una fase più avanzata dell insufficienza renale, si dovrà ridurre anche l introito di potassio con la dieta (ricordiamo che i cibi ad alto contenuto di potassio sono frutta secca e cioccolato, ma anche frutta fresca e verdura). È inoltre importante evitare l uso del sale della farmacia, che contiene molto potassio. I nostri reni, oltre a depurare il sangue, hanno anche il compito di produrre o attivare alcuni ormoni; nell ambito delle cure dell insufficienza renale può essere necessario provvedere alla ridotta produzione o attivazione di ormoni. Vitamina D: anche se può sembrare strano, il metabolismo dell osso è strettamente correlato alla funzionalità del rene. Infatti, tra le funzioni di questo organo c è la produzione della forma attiva della vitamina D che regola il metabolismo del calcio. Nell insufficienza renale quindi c è una riduzione dei livelli ematici di vitamina D che provoca, a sua volta, una riduzione dei livelli ematici di calcio e un aumento di quelli di fosforo. Queste alterazioni provocano la stimolazione cronica delle ghiandole paratiroidi che producono il paratormone. Il compito di questo ormone è riportare i livelli di calcemia nella norma e, per farlo, lo preleva dove lo trova, cioè dalle ossa. Come conseguenza, nei pazienti si instaura una patologia delle ossa detta osteodistrofia uremica. Pertanto, nei pazienti affetti da insufficienza renale è necessaria una supplementazione con vitamina D. Eritropoietina: ormone prodotto dal rene, che stimola l eritropoiesi, cioè la produzione di globuli rossi da parte del midollo osseo. Con il progredire dell in- 20

21 sufficienza renale, tale ormone sarà prodotto sempre meno; pertanto il paziente diventa sempre più anemico e, conseguentemente, si sente stanco. Dalla fine degli anni 80 il nefrologo ha a disposizione l eritropoietina in forma ricombinante, che somministra al paziente quando i globuli rossi si riducono al di sotto di un certo livello. Riepilogo - La cura dell insufficienza renale ha lo scopo di: 1) rallentare l evoluzione della malattia, ovvero allungare i tempi (anche di molti anni) che portano verso l insufficienza renale terminale e, quindi, alla dialisi; 2) curare le alterazioni legate all insufficiente funzionamento dei reni. - La dieta ipoproteica, che riduce l apporto proteico giornaliero, si inizia quando ci sono significative alterazioni dell azotemia e va modulata e personalizzata. - Evitare l uso del sale della farmacia, che contiene molto potassio 21

22 Quando i reni non funzionano più Quando la funzione dei reni si riduce tanto da diventare insufficiente a depurare il sangue, bisogna iniziare la dialisi, che sostituisce i reni ( terapia sostitutiva ). Esistono 2 tipi di dialisi, quella extracorporea e quella intracorporea o peritoneale, entrambe efficaci a mantenere un buono stato di benessere, anche senza reni funzionanti. DIALISI EXTRACORPOREA: si punge con un ago una vena di un braccio (resa più visibile e più facilmente pungibile da una fistola artero-venosa, che viene preparata mediante un piccolo intervento di chirurgia vascolare in anestesia locale), si connette l ago ad un dispositivo (un tubo, circuito extracorporeo ), che porta il sangue ad un filtro detto dializzatore, dove avviene la depurazione (Figura 6). pompa per il sangue dializzatore residui nella soluzione depuratrice sangue fibra di vetro Figura 6 soluzione depuratrice (dializzato) dializzato usato 22

23 Nel filtro i liquidi in eccesso e le sostanze tossiche sono rimossi dal sangue; il sangue depurato è poi restituito al paziente attraverso un altro pezzo del circuito. La quantità di sangue necessaria a riempire il circuito extracorporeo non supera il volume di un bicchiere (circa ml). Il dializzatore è un filtro costituito da migliaia di fibre cave (di dimensione simile ai capelli) inserite in un contenitore cilindrico ( fibre/filtro) (Figura 6). In esso il sangue circola dentro le fibre in direzione opposta al liquido di dialisi (acqua+elettroliti), che scorre al di fuori delle stesse. Di solito la dialisi è eseguita tre volte alla settimana, ogni seduta dura in media 3-5 ore. Quando il paziente è collegato alla macchina ( rene artificiale ), è limitato in alcuni movimenti, ma può chiacchierare con gli altri, guardare la TV o leggere. Ci sono rari effetti collaterali legati alla terapia dialitica, tra questi: cefalea, nausea, crampi, vomito e cali pressori. La maggioranza di essi è di solito espressione delle brusche variazioni del contenuto idrico e salino dell organismo nel corso della dialisi (se il paziente beve troppo tra una dialisi e quella successiva, è necessario poi togliere l eccesso di acqua con il rene artificiale in poche ore. Per questo il paziente dovrebbe bere il meno possibile). Quando il paziente inizia la dialisi, viene sottoposto periodicamente ad esami ematochimici e strumentali (elettrocardiogramma, eco-addome, ecocardiogramma, tomografia computerizzata, etc.), per controllare nel tempo le condizioni cliniche. DIALISI PERITONEALE: utilizza un filtro naturale, la membrana peritoneale, una membrana riccamente vascolarizzata, una specie di lenzuolo che avvolge gli organi nella cavità addominale. In questa metodica il paziente non deve essere sottoposto a puntura dei vasi sanguigni per essere collegato ad un rene artificiale e non ha quindi 23

24 Quando i reni non funzionano più cavità peritoneale catetere bisogno di recarsi presso l ospedale per eseguirla. Per imparare la tecnica (molto semplice), i pazienti sono addestrati per 1 settimana circa in ospedale; la dialisi può poi essere eseguita a casa in orari stabiliti in base anche ai propri impegni. La dialisi peritoneale si esegue attraverso un catetere addominale (un tubicino inserito a permanenza nella cavità addominale in anestesia locale), che viene collegato con una sacca che contiene liquido di dialisi sterile; questo viene immesso nella cavità peritoneale per gravità (mettendo la sacco con il liquido in alto) (Figura 7). Figura 7 soluzione nuova soluzione usata La dialisi peritoneale si pratica seguendo questi passaggi: a) Riempimento: il liquido di dialsi (un volume di circa 2 litri), contenuto in un sistema di sacche, entra nell addome; b) Sosta: il liquido staziona in addome (4-5 ore); durante questo tempo i liquidi in eccesso e le sostanze tossiche passano attraverso la membrana peritoneale dal sangue dei capillari al liquido di dialisi. c) Scarico: dopo alcune ore di sosta il liquido di dialisi, che ha accumulato le scorie, viene rimosso e sostituito con liquido pulito, sempre per gravità (mettendo la sacca con il liquido in basso). Dialisi Peritoneale Notturna. Oltre la dialisi peritoneale manuale (sopradescritta), esiste la metodica automatizzata che, attraverso un apparecchiatura detta cycler, effettua gli scambi di liquido dialitico secondo un programma predefinito. L automatizzazione degli scambi consente di eseguire la dialisi durante la notte senza 24

25 turbare il sonno e, soprattutto, permettendo al paziente di svolgere una regolare attività quotidiana (lavoro, studio o sport). Questo tipo di dialisi migliora ulteriormente la qualità di vita del paziente. La Dialisi Peritoneale si esegue a domicilio del paziente, ma va praticata tutti i giorni, inclusa la domenica. TRAPIANTO: oggi il trapianto di rene è un intervento considerato abbastanza sicuro, quasi routinario, tanto da essere eseguito anche su pazienti anziani. Può essere praticato da donatore cadavere o da vivente. Il trapianto di rene da cadavere è la procedura chirurgica con cui un rene prelevato da una persona giudicata morta dal punto di vista cerebrale, viene inserito nell addome di un paziente con insufficienza renale già in dialisi (Figura 8). Ai pazienti che iniziano la dialisi può essere proposta l iscrizione in una lista di attesa per il trapianto renale (ai pazienti diabetici quella per il trapianto combinato di rene e pancreas). Cos è la lista d attesa? È la lista dei pazienti idonei al trapianto renale da donatore cadavere: tale idoneità è stabilita da una équipe di medici, in una visita collegiale, dopo aver preso visione di esami approfonditi che certificano le buone condizioni generali del singolo paziente. È possibile eseguire il trapianto anche da un donatore vivente, che è in genere un familiare. In questo tipo di trapianto, requisito essenziale è che vi sia, tra donatore e ricevente, una compatibilità di gruppo sanguigno. Il donatore deve essere studiato molto accuratamente, per essere certi che il rene residuo sia in grado di garantire al donatore stesso il mantenimento di una funzione renale normale. In questo caso, il trapianto può essere effettuato anche prima dell inizio della dialisi. Il trapianto non si limita all intervento chirurgico; infatti, dopo il trapianto, il paziente dovrà effettuare regolari controlli nefrologici e prendere dei farmaci per evitare il rigetto, cioè la reazione dell organismo umano che tende ad eliminare un organo 25

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie La nefropatia cronica Una guida per i pazienti e le famiglie Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L'iniziativa Kidney Disease Outcomes Quality

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE La stima del Filtrato Glomerulare (FG) èil miglior indicatore complessivo della funzione renale. La sola creatininemia non deve essere usata come indice di

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta PROGRAMMA MINISAL Sottoprogetto ISS www.menosalepiusalute.it MINISAL-GIRCSI BUONE PRATICHE SULL'ALIMENTAZIONE: VALUTAZIONE DEL CONTENUTO DI SODIO, POTASSIO E IODIO NELLA DIETA DEGLI ITALIANI Consumo medio

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine.

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. Vinci il muro dell indifferenza, dai più senso alla Tua vita: DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. INTERCOMUNALE SAN PIETRO Via Cassia 600-00189 Roma Uff. Amm.: Telefax 06 33582700 - Segreteria:

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Quota introduzione liquidi. Volume liquidi corporei. Rene

Quota introduzione liquidi. Volume liquidi corporei. Rene A breve termine Riflesso barocettivo A lungo termine Controllo volemia Quota introduzione liquidi RPT GC Pa Volume liquidi corporei Rene Diuresi Un modo per regolare la Pa è quello di aggiungere o sottrarre

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G.

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. PROTOCOLLI E PROCEDURE IN CHIRURGIA GESTIONE DELLA RITENZIONE URINARIA Pag. 1 di Pag. 9 ELABORAZIONE Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. Data: 10/03/04 INDICE Premessa

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale

Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale Aggiornamenti in Medicina Generale Modena, 20 02 2010 Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale Dott. Giulio Malmusi - Nefrologo www.malmusi.it Parliamo di: Come la funzione dei reni influenza

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3 Compito Categoria Numero di partenza Posizione Tempo: 10 minuti Leggere attentamente il questionario allegato. Rispondere alle domande sul tema. Nel contempo si tratta di risolvere un caso pratico. Per

Dettagli

LEGGIAMO LE ANALISI DEL SANGUE

LEGGIAMO LE ANALISI DEL SANGUE LEGGIAMO LE ANALISI DEL SANGUE Ad ogni donazione, dovunque venga fatta, il sangue prelevato viene sottoposto ad analisi dal Centro Trasfusionale dell Ospedale San Michele ( Brotzu ) ed i relativi risultati

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

LA DONAZIONE DI SANGUE

LA DONAZIONE DI SANGUE CHE COSA è La donazione di sangue consiste nel prelievo di un determinato volume di sangue da un soggetto sano, chiamato donatore, al fine di trasfonderlo in un soggetto che ha bisogno di sangue o di uno

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

50 domande e risposte sul tema ipertensione arteriosa

50 domande e risposte sul tema ipertensione arteriosa 50 domande e risposte sul tema ipertensione arteriosa Gruppi di N Domanda Risposta argomenti Sintomi 1. Ho 52 anni e sono iperteso. Ultimamente vedo meno bene e l ottico mi ha prescritto degli occhiali.

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo.

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. DIBASE 25.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 50.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 100.000 U.I./ml soluzione iniettabile DIBASE

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG Vitamina D: passato, presente e futuro Dott. Giuliano Bucciardini MMG Un po' di storia Nel 1650 l'inglese Francis Glisson descrive accuratamente il rachitismo (peraltro noto sin dall'antichità) in De rachitade.

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI SISTEMA ROBOTICO DA VINCI Dalla Laparoscopia urologica alla Chirurgia robotica. S I S T E M A R O B O T I C O D A V I N C I CHE COSA BISOGNA SAPERE SUL SISTEMA ROBOTICO DA VINCI: 1 IL VANTAGGIO PRINCIPALE

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta U.O. Diabetologia, Policlinico Le Scotte Università di Siena GLI INDICATORI: DEFINIZIONE L indicatore è un informazione, quantitativa

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Carta del rischio cardiovascolare

Carta del rischio cardiovascolare donne diabetiche Identificato il colore, leggere nella legenda a fianco il livello di rischio. donne non diabetiche Identificato il colore, leggere nella legenda a fianco il livello di rischio. uomini

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche

SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Bologna Dipartimento di Sanità Pubblica SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche Giorgio Ghedini Medico

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale.

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Sequenza di eventi patogenetici (seconda metà anni 70 seconda metà anni 90) IRC deficit di attivazione ridotta escrezione della vitamina D di

Dettagli

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato Sistema per Acuti Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato La terapia Ci-Ca Citrato Dialisato Ci-Ca Calcio Modulo Ci-Ca Il sistema Ci-Ca con gestione integrata del citrato e calcio: La

Dettagli

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia PICC e Midline Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa sono i cateteri PICC e Midline Pag. 3 Per quale terapia sono indicati Pag. 4 Quando posizionare un catetere PICC o Midline

Dettagli

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. Controlla il peso e mantieniti sempre attivo Il peso corporeo Il nostro peso corporeo rappresenta l'espressione tangibile del bilancio energetico

Dettagli

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE Numero pagine: 1 di 8 PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN Rev. Data Redatto Verificato Approvato 1 2013 GIT DP Gruppo Infermieristico Numero pagine: 2 di 8 1.COMPOSIZIONE DEL GRUPPO E METODOLOGIA DI LAVORO Le sottoscritte

Dettagli

Difetti del ciclo dell urea Una guida per i pazienti, i genitori e i familiari

Difetti del ciclo dell urea Una guida per i pazienti, i genitori e i familiari Difetti del ciclo dell urea Una guida per i pazienti, i genitori e i familiari Jane Gick www.e-imd.org Indice Introduzione...3 Il metabolismo...4 Ecco come l organismo utilizza le proteine...4 Quali sono

Dettagli

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona.

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona. Glossario Il seguente glossario è stato concordato da numerose nazioni europee coinvolte nel progetto Eurocet con l intento di armonizzare la terminologia utilizzata nel settore della donazione e del trapianto

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica ANESTETICI GENERALI ENDOVENOSI Proprietà: -Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica -Risveglio rapido :questo è possibile quando

Dettagli