A.S DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (LEGGE 425/97 D.P.R. 323/98 ART. 5.2)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A.S. 2013-2014 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (LEGGE 425/97 D.P.R. 323/98 ART. 5.2)"

Transcript

1 Tecnico Economico e Tecnologico "G. Tomasi di Lampedusa" IGEA - Amministrazione Finanza e Marketing - Turismo Geometri - Costruzioni, Ambiente e Territorio Via Parco degli ulivi S. Agata Militello (ME) Sede aggregata di Tortorici Via Garibaldi TEL-FAX COD. FISC COD. MECCANOGRAFICO METD Pec: Sito web :www.itcgsantagata.gov.it DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (LEGGE 425/97 D.P.R. 323/98 ART. 5.2) A.S Classe V sez. B IGEA S. Agata Militello

2 SOMMARIO Contenuto Presentazione della Classe 1 Presentazione dell Istituto 3 Profilo della classe 5 Criteri di Valutazione 13 Criteri di valutazione del credito formativo e scolastico 14 Matematica e Laboratorio - DOCENTE: MIMMA CORSO 15 Economia Aziendale - DOCENTE: PAOLO SORACI 16 Italiano - DOCENTE: CAROLINA GAGLIONE 17 Storia - DOCENTE:CAROLINA GAGLIONE 22 Francese - DOCENTE: NICOLINA RIDOLFO 24 Inglese - DOCENTE: CATERINA CONSOLO 30 Geografia Politica ed Economica - DOCENTE: ROBERTO SCARDIA 32 Diritto - DOCENTE: ROSSANA SALADINO 33 Scienza delle Finanze - DOCENTE: ROSSANA SALADINO 35 Religione - DOCENTE: SAC. NICOLÒ TESTA 37 Educazione Fisica - DOCENTE: ROSALIA DODARO 39 Simulazioni prove d esame 41 Terza Prova - GRIGLIA DI VALUTAZIONE 42 Terza Prova - Diritto 43 Terza Prova - Geografia 44 Terza Prova - Francese 45 Terza Prova - Scienza delle Finanze 46 Terza Prova - Matematica 47 Prima Prova d Italiano - GRIGLIA DI VALUTAZIONE 48 Seconda Prova di Economia Aziendale - GRIGLIA DI VALUTAZIONE 49 Colloquio - GRIGLIA DI VALUTAZIONE 50

3 Presentazione della Classe CONSIGLIO DI CLASSE DIRIGENTE SCOLASTICO RELIGIONE ITALIANO FRANCESE INGLESE STORIA GEOGRAFIA DIRITTO SCIENZE DELLE FINANZE MATEMATICA ECONOMIA AZIENDALE EDUCAZIONE FISICA PROF.SSA ANTONIETTA EMANUELE PROF. NICOLA TESTA PROF.SSA CAROLINA GAGLIONE PROF.SSA NICOLINA RIDOLFO PROF.SSA CATERINA CONSOLO PROF.SSA CAROLINA GAGLIONE PROF. ROBERTO SCARDIA PROF.SSA ROSSANA SALADINO PROF.SSA ROSSANA SALADINO PROF.SSA MIMMA CORSO PROF. PAOLO SORACI PROF.SSA ROSALIA DODARO CONTINUITÀ DIDATTICA MATERIA COGNOME/NOME RELIGIONE TESTA NICOLO Si Si Si LINGUA E LETTERE ITALIANE GAGLIONE CAROLINA No Si Si STORIA GAGLIONE CAROLINA No Si Si INGLESE I LINGUA CONSOLO CATERINA Si Si Si FRANCESE II LINGUA RIDOLFO NICOLINA Si Si Si GEOGRAFIA SCARDIA ROBERTO No No Si MATEMATICA APPLICATA CORSO MIMMA Si Si Si DIRITTO SALADINO ROSSANA Si Si Si ECONOMIA AZIENDALE E LAB. SORACE PAOLO No No Si EDUCAZIONE FISICA DODARO ROSALIA Si Si Si SCIENZE DELLE FINANE SALADINO ROSSANA Si Pagina 1

4 ELENCO ALUNNI COGNOME NOME ALFANO RADDAVI CAROLA ALFIERI VALENTINA BALLI MIRIANA BALLONE DALILA BERBAT MARIEM CALCAVECCHIA CHIARA CARUSO VANESSA DI MARCO FEDERICA FRANCHINA ROCCO MARIA LUCREZIA FRUSTERI CHIACCHIERA IVAN GALATI PIERCARLO GRILLO RACHELE MILIA ADRIANA MUSARRA FRANCESCA MUSARRA MAURO MARIA PEDALA ALESSANDRO PRUITI BENITO SAPIENZA FLAVIA VASI MANUELA VASI MARIA ROSA VASI MARTINA PROVENIENZA TORRENOVA CARONIA TORRENOVA ACQUEDOLCI TORRENOVA CARONIA CAPO D ORLANDO S.AGATA MILITELLO ROCCA DI CAPRI LEONE MILTELLO ROSMARINO S.AGATA MILITELLO S.AGATA MILITELLO CARONIA CARONIA S.MARCO D ALUNZIO S.AGTA MILITELLO MILITELLO ROSMARISMO CARONIA S.AGATA MILITELLO S.AGATA MILITELLO MILITELLO ROSMARINO Pagina 2

5 Presentazione dell Istituto L Istituto Tecnico Commerciale e per Geometri di S. Agata Militello nasce come istituzione scolastica autonoma l ma ha una storia decennale quale sezione staccata prima dell I.T.C.G. F.P. Merendino di Capo d Orlando e successivamente dell I.T.C. A. Florena di S. Stefano di Camastra. L Istituto e dedicato allo scrittore Giuseppe Tomasi di Lampedusa, uno dei piu importanti e rappresentativi figli della terra di Sicilia che ha frequentato il nostro territorio, sia per motivi di studio sia per i legami di parentela, che lo vedevano legato alla famiglia Piccolo di Calanovella. L Istituto beneficia di una struttura edilizia di recente costruzione, con ampi spazi razionalmente collocati a raccoglie un vasto bacino di utenza comprendente, oltre agli studenti locali, quelli provenienti da numerosi Paesi dell hinterland. Il territorio offre ai giovani numerosi servizi sociali, ricreativi e culturali. Esistono, infatti, nel territorio associazioni di volontariato, culturali, professionali, religiose e socio-economiche. FINALITÀ ISTITUZIONALI DELL INDIRIZZO DI STUDI ITC L Istituto Tecnico Commerciale si propone come finalita la formazione di un individuo autonomo e responsabile, in possesso di solide basi culturali, sia nel settore tecnico - economico che in quello umanistico, che gli consentiranno di seguire con profitto tutti i corsi universitari e, in maniera specifica, nelle Facolta di Economia, Giurisprudenza, lingue Straniere, o di inserirsi con la necessaria duttilita nel mondo del lavoro. Obiettivo primario e la formazione di una coscienza democratica e il dispiegarsi della personalita degli allievi in un clima di serena apertura alle molteplici istanze culturali connesse alla societa contemporanea; promuove la stretta connessione tra istruzione e formazione; promuove la centralita dello studente in una fase di importanti trasformazioni fisiche, psico-affettive ed intellettive; offre un equilibrata formazione economica, linguistica e umanistica; stimola la flessibilita intellettuale ed operativa in relazione ai cambiamenti della societa, in generale, e del territorio, in particolare; mira a far acquisire conoscenze, competenze e abilita specifiche, coerenza di argomentazione e di organizzazione autonoma del lavoro e della ricerca nella prospettiva sia della prosecuzione degli studi universitari sia di una piu generale educazione permanente; svolge un ruolo propositivo nell ambito del territorio, potenziando l efficacia dei percorsi formativi della didattica curricolare. Pagina 3

6 La finalita comune a tutte queste attivita e quella di promuovere lo star bene con se stessi, con gli altri, con le istituzioni. L obiettivo e educare alla cittadinanza attraverso valori della pace, della liberta, della giustizia, della solidarieta, dell ambiente, del dialogo, del confronto, dello studio, dell impegno. Proprio in quest ottica si da particolare spazio a tutte quelle iniziative volte a combattere il fenomeno della dispersione scolastica e ad orientare gli studenti al riconoscimento di attitudini ed interessi che consentano di valutare e decidere e di progettare la propria vita. OBIETTIVI EDUCATIVI E FORMATIVI IGEA - Coerenti con quelli definiti nel POF Riguardo alle conoscenze: il ragioniere, oltre a possedere una consistente cultura generale e buone capacita linguistiche e interpretative, deve avere: conoscenze ampie e sistematiche dei processi che caratterizzano la gestione aziendale sotto il profilo economico, giuridico, organizzativo e contabile, con particolare riguardo ai fenomeni della mondializzazione dell economia e della divisione internazionale del lavoro. deve essere in grado di analizzare i rapporti fra l azienda e l ambiente in cui opera, per proporre soluzioni a problemi specifici. Riguardo alle competenze egli deve essere in grado di: utilizzare adeguatamente metodi, tecniche e strumenti atti a dare una valutazione giusta dei fenomeni aziendali; redigere e interpretare documenti aziendali; cogliere gli aspetti organizzativi e le procedure delle imprese; Riguardo alle capacità, il ragioniere deve, quindi, essere orientato a: comunicare efficacemente con linguaggio tecnico e documentare adeguatamente il proprio lavoro; effettuare scelte e prendere decisioni; partecipare al lavoro organizzativo accettando ed esercitando un idoneo coordinamento; affrontare i cambiamenti aggiornandosi e ristrutturando le proprie conoscenze. Pagina 4

7 Profilo della classe EVOLUZIONE DELLA CLASSE NEL TRIENNIO L ambiente socio-culturale dal quale provengono gli allievi e eterogeneo e presenta caratteristiche diverse. All inizio del terzo anno hanno fatto il loro ingresso nella classe tre nuovi allievi, provenienti da un altra scuola, nel quarto anno un allieva e al quinto anno tre allievi. Dopo un breve periodo di conoscenza, tra gli allievi si e instaurato un clima di collaborazione e di serena comunicazione. Nell arco del triennio sono accorsi avvicendamenti in seno al corpo docenti e cio ha determinato, inevitabilmente, discontinuita sostanziali nel percorso formativo perche metodologie di studio degli allievi e gli stili d insegnamento dei docenti, di volta in volta differenti, soprattutto riferiti alle discipline d indirizzo, piu complesse ed articolate, hanno determinato, nei discenti piu fragili dei momenti di demotivazione, rallentando i ritmi di insegnamento-apprendimento e condizionato l acquisizione dei contenuti. Nel corso del triennio gli allievi si sono impegnati ed hanno partecipato alle proposte dell offerta formativa mostrando interesse ed apertura verso la realta socio-economica e culturale del nostro territorio con uno sguardo anche a livello europeo. Alcuni allievi hanno partecipato durante il percorso scolastico agli stages dei PON C1 e C5 ed hanno conseguito le certificazioni Trinity del 4, 6 e 7 livello e la certificazione di partecipazione agli stages aziendali. In questo contesto, all inizio dell anno in corso, e stato individuato un primo livello, di tipo medio-alto, costituito da un piccolo gruppo di allievi che presentava uno sviluppo piu o meno ampio di abilita e competenze, senso di responsabilita, impegno assiduo e costante. Un secondo livello, di tipo medio-basso, era costituto da un gruppo di allievi, che presentava conoscenze non del tutto consolidate e uno sviluppo non sempre sicuro delle competenze. Infine, un piccolo gruppo di allievi richiedeva tempi piu prolungati di fruizione attiva degli insegnamenti ed esercitazioni costanti a causa delle difficolta palesate, soprattutto, nella fase operativa. Dal punto di vista comportamentale e relazionale gli allievi durante tutto il triennio hanno tenuto un comportamento corretto e disciplinato, hanno saputo stabilire una comunicazione improntata sull interazione dialogica, hanno instaurato rapporti interpersonali nel rispetto dei ruoli. Pagina 5

8 SITUAZIONE ATTUALE DELLA CLASSE La classe V B e formata da 21 alunni, 5 maschi e 16 femmine, tre ripetenti provenienti, due V E ed uno V C, due di questi hanno frequentato sporadicamente e per un brevissimo periodo di tempo. Nel corso del quinquennio la classe ha visto un turnover di docenti e anche nell ultimo anno sono cambiati i docenti di Economia Aziendale, Geografia. Le attitudini cognitive evidenziate vanno da sufficiente a buono. Alcuni alunni hanno faticato a raggiungere la sufficienza in tutte le discipline, ma un gruppo ha saputo raggiungere una preparazione positiva e in linea con gli obiettivi prefissati. Una buona parte della classe presenta alcuni limiti nell acquisizione dei procedimenti propri dell area economicaaziendale, mentre un nucleo piu ristretto presenta qualche debolezza nel pieno possesso delle strutture matematiche e linguistiche, tali da comportare alcune difficolta nell apprendimento dei contenuti disciplinari studiati. Piu diffusi risultano le qualita positive nell ambito giuridico sociali, umanistico e motorio. L impegno nello studio personale, per una parte della classe, non e stato costante e spesso determinato piu dalle occasioni di verifiche che non da motivazioni intrinseche; motivazioni che invece sono state proprie di una parte, anche se piu esigua. Nel corso degli studi gli alunni sono senz altro cresciuti in consapevolezza culturale, anche se hanno un po stentato ad assumere uno stile scolastico improntato a spirito d iniziativa, partecipazione spontanea, proposta autonoma di percorsi di approfondimento. Nello stesso tempo va riconosciuto come gli alunni siano maturati nel rispetto delle regole della convivenza e della vita scolastica, nella correttezza delle relazioni con gli insegnanti, nella capacita di affrontare e superare problemi nelle interazioni fra pari. Sul piano cognitivo la situazione della classe risulta diversificata in varie fasce di livello: un primo gruppo di alunni si distingue per la puntualita nei doveri scolastici, mostra buone capacita, una preparazione di base discreta che si e arricchita attraverso una consapevole partecipazione al dialogo educativo ed un impegno costante a casa. Spesso si sono posti inoltre come elementi trainanti in grado di dare validi apporti personali agli altri alunni il cui ritmo di apprendimento e piu lento e la preparazione di base piu debole; un secondo gruppo, sostenuto da interventi di rinforzo, attivita guidate e, soprattutto dalla volonta di migliorare, e riuscito a superare gradualmente le difficolta che ha incontrato nei vari percorsi didattici, e con impegno costante ha saputo cogliere quelle essenzialita peculiari di ogni disciplina e renderle utilizzabili nella prospettiva dell applicazione sul piano operativo, raggiungendo talvolta profitti inaspettati Pagina 6

9 Altri, hanno intensificato gli sforzi per rispondere agli stimoli dei docenti, ed hanno adeguato i risultati alle loro potenzialita, pervenendo così, alla conoscenza e all acquisizione degli aspetti caratterizzanti le varie discipline, anche se in misura diversificata. un ultimo gruppo infine, per l inadeguatezza del metodo di studio e del lavoro di rielaborazione personale, per l impegno discontinuo e non adeguato alle potenzialita individuali, ad oggi non ha ancora raggiunto risultati pienamente sufficienti in alcune discipline. Talvolta infatti, malgrado le sollecitazioni e i rinforzi di volta in volta stabiliti dal C. d. C., alcuni alunni non riescono a coordinare e a sostenere i ritmi delle verifiche sia scritte che orali, che pertanto risultano parziali e circoscritte a parte del programma. Tale eterogeneita non ha impedito comunque lo svolgimento di tutti i percorsi programmati anche se alcuni argomenti avrebbero meritato piu ampio approfondimento. I rapporti umani all interno del gruppo-classe e con gli insegnanti sono stati buoni e cio ha consentito che si instaurasse un dialogo aperto sia in termini strettamente scolastici, sia nell approfondimento di tematiche di attualita e sociali. OBIETTIVI COGNITIVI E FORMATIVI RAGGIUNTI Gli allievi che hanno acquisito e consolidato le conoscenze sono in grado di argomentare autonomamente in modo orale e scritto e di apportare un contributo personale nella discussione, alcune volte in modo semplice, schematico, altre volte in modo fluido e con piu ampia varieta lessicale. Complessivamente gli esiti sono mediamente apprezzabili. Pochi allievi mostrano delle insicurezze che adombrano uno sviluppo adeguato delle competenze. OBIETTIVI EDUCATIVI E DIDATTICI TRASVERSALI PERSEGUITI Tenendo conto della situazione di partenza della classe, in relazione alle finalita didattiche, educative e di indirizzo professionale stabilite dal Collegio dei Docenti nel P.O.F, il Consiglio di Classe ha definito e perseguito i seguenti obiettivi educativi, trasversali e didattici. Obiettivi educativi: educare ai valori morali ed etici, alla convivenza democratica e alla pace, alla promozione delle pari opportunita, alla legalita, alla partecipazione, al rispetto delle diversita etniche, linguistiche e religiose, mantenendo la propria identita culturale Pagina 7

10 favorire le relazioni interpersonali e gli scambi culturali nell ambito nazionale e internazionale anche al fine di consolidare il concetto di cittadinanza europea e mondiale Educare a comportamenti responsabili, ispirati al rispetto dell ambiente, alla comprensione del concetto di sviluppo sostenibile, alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e artistico. Consolidare la capacita di auto- valutazione delle proprie abilita, potenzialita e dei propri limiti. Consolidare un metodo di studio razionale ed organico, finalizzato a rendere flessibile le conoscenze per una fruizione integrata di tutte le abilita, Sviluppare competenze professionali idonee all inserimento nel modo del lavoro Obiettivi didattici: Conoscenze ampie e sistematiche dei processi che caratterizzano la gestione aziendale sotto il profilo economico, giuridico, organizzativo, contabile; Competenze linguistico-comunicative sia generali che specifiche per la gestione di rapporti commerciali nelle due lingue straniere studiate a livello internazionale anche attraverso l utilizzo di tecnologie informatiche; Capacita di utilizzare metodi, strumenti, tecniche contabili ed extracontabili per una corretta rilevazione dei fenomeni gestionali; Capacita di cogliere gli aspetti organizzativi e procedurali delle varie funzioni aziendali; Capacita di collocare i fenomeni aziendali nella dinamica del sistema economicogiuridico a livello nazionale e internazionale; Capacita di interpretare e compilare documenti economici e commerciali in lingua; Capacita di analizzare i rapporti tra azienda e l ambiente in cui opera per affrontare e risolvere problemi di tipo prevalentemente gestionale; Conoscenza delle norme giuridiche e competenze nell analisi dei fatti giuridici ed economici; Conoscenza dell economia dei Paesi Europei e del resto del Mondo; Pagina 8

11 Capacita di tradurre e rappresentare in modo formalizzato problemi finanziari, economici e contabili attraverso il ricorso a modelli matematico-informatici. Obiettivi didattici trasversali: Valutare fatti ed orientare i propri comportamenti in base ad un sistema di valori coerenti con i principi della Costituzione e con le carte internazionali dei diritti umani. Utilizzare il patrimonio lessicale ed espressivo della lingua italiana secondo le esigenze comunicative nei vari contesti: sociali, culturali, scientifici, economici, tecnologici. Stabilire collegamenti tra le tradizioni culturali locali, nazionali ed internazionali, sia in una prospettiva interculturale sia ai fini della mobilita di studio e di lavoro. Utilizzare gli strumenti culturali e metodologici per porsi con atteggiamento razionale, critico e responsabile di fronte alla realta, ai suoi fenomeni, ai suoi problemi, anche ai fini dell apprendimento permanente. Riconoscere il valore e le potenzialita dei beni artistici e ambientali, per una loro corretta fruizione e valorizzazione. Individuare e accedere alla normativa pubblicistica, civilistica e fiscale con particolare riferimento alle attivita aziendali. ORGANIZZAZIONE DELL ATTIVITÀ DIDATTICA RISPETTO AGLI OBIETTIVI PREFISSATI Tutte le discipline sono state coinvolte per l acquisizione di un metodo di studio corretto, per lo sviluppo delle capacita critiche, per l ampliamento degli orizzonti culturali, il rispetto delle norme e il potenziamento della coscienza civile. Ciascun insegnante ha attivato opportune strategie allo scopo di sviluppare le potenzialita degli alunni e favorire il raggiungimento degli obiettivi prefissati e, anche se non sono stati pienamente raggiunti da tutti, in una valutazione generale rapportata ai livelli di partenza, i risultati delle verifiche orali e scritte testimoniano una progressione e una crescita nel processo di apprendimento. In relazione alle singole discipline sono state realizzate riunioni nei dipartimenti per la definizione degli obiettivi formativi e cognitivi e per il loro conseguimento, dei criteri di valutazione, dei testi da adottare. Pagina 9

12 CONTENUTI Al presente documento, nella parte seconda, sono stati inseriti i contenuti delle diverse discipline svolte. I programmi di ciascuna disciplina di studio, studiati ed articolati per il raggiungimento degli obiettivi educativi e cognitivi, suddivisi in unita di apprendimento, hanno tenuto conto delle direttive ministeriali e dell indirizzo giuridico, economico e aziendale di questo Istituto. Si fa presente che tutti i programmi allegati al documento comprendono contenuti che i docenti svolgeranno entro il 30 maggio. PERCORSI PLURIDISCIPLINARI Il C. d. C., in sede di programmazione, ha, inoltre, individuato delle tematiche pluridisciplinari, nel rispetto sia delle discipline umanistiche, sia delle materie giuridiche ed economiche. All interno dei periodi storici, riguardanti soprattutto il Novecento, sono stati elaborati ed effettuati alcuni percorsi di ricerca con l obiettivo di evidenziare la particolare ricchezza dei mutamenti che vanno dal sottosviluppo alla grande esplosione economica, alla crescita di una piu marcata coscienza civile. Argomenti: Marketing, Olocausto, Sistema bancario La societa Le Istituzioni, I trasporti, U.E., Il metodo di pagamento. ATTIVITÀ INTEGRATIVE ED EXTRACURRICULARI Area di progetto Tema: Costituzione di un albergo a 4 stelle, denominato NEBRODI INN HOTEL avente la forma sociale di societa a responsabilita limitata. Il progetto ha avuto un percorso triennale: il terzo anno ha sviluppato lo studio del territorio; il quarto anno la fase costitutiva della societa e il quinto infine la contabilita in fase di costituzione. Discipline coinvolte: tutte, in particolare geografia, diritto ed economia aziendale. Oltre all Area di Progetto la classe e stata impegnata nelle attivita integrative e di arricchimento; la partecipazione a queste attivita costituira, al momento dello scrutinio finale, elemento di valutazione da parte del Consiglio di Classe per l attribuzione del credito scolastico secondo la tabella ministeriale e le delibere del Collegio dei docenti. Tra le attivita del POF, il Consiglio di Classe ha proposto e realizzato durante quest anno scolastico, quelle di seguito elencate: Pagina 10

13 Attività di approfondimento di tematiche in orario curricolare Attività legate all Educazione alla legalità : Concorso Rotary Club Tante opportunita per cambiare vita Conferenza con il corpo della Guardia di Finanza. Visione dei film: La mafia uccide solo d estate Agli uomini piace uccidere Invictus Attività legate alla promozione della cultura: Concorso promosso dall Associazione AMMI Giornata della memoria : visione film, commenti e riflessioni Attività legate al progetto Orientamento: Visita alla fiera dell Orientamento universitario presso la citta di Palermo Programma formazione ed innovazione per lì occupazione scuola e universita FIXO Attività legate al progetto educazione alla Solidarietà: Manifestazione Telethon Incontro di solidarieta e fraternita Attività legate alla conoscenza e alla tutela del territorio: Incontro formativo Sviluppo e crescita territoriale sostenibile con IL Prof. Cottone Partecipazione ad attivita socio-culturali organizzate da Enti e Associazioni presenti sul territorio; Attività effettuate in orario extrascolastico Partecipazione alle rappresentazioni teatrali in lingua inglese e francese Viaggio d istruzione a Praga Pagina 11

14 METODI Le informazioni scaturite dall analisi iniziale sui livelli di conoscenza e competenze acquisite dagli allievi sono state determinanti al fine di programmare un percorso formativo adeguato e di focalizzare così le strategie adatte ad una didattica funzionale concepita per livelli e per Unità di Apprendimento in riferimento all organizzazione e alla sequenzialità dei contenuti. Per raggiungere gli obiettivi prefissati, i docenti hanno imposto un lavoro didattico volto a rimuovere ogni forma di condizionamento culturale e sociale, ad agevolare l acquisizione di autonomia operativa ed, infine, al recupero e al potenziamento delle abilità. In ogni situazione i docenti hanno scelto gli approcci e i metodi più idonei a seconda delle esigenze che emergevano in riferimento ai prerequisiti, agli obiettivi da perseguire e ai tempi a disposizione. Si sono privilegiate le attività di gruppo, di indagine, di laboratorio a supporto della didattica tradizionale, al fine di mettere in atto quelle strategie idonee a potenziare le capacità analitiche e critiche, ad armonizzare abilità e competenze acquisite nei diversi ambiti disciplinari. Si è fatto ricorso a : Lezioni impostate sul metodo interattivo funzionale che hanno coinvolto gli allievi e li hanno resi protagonisti nel loro processo di apprendimento sul piano cognitivo, operativo, socio-affettivo ( apprendimento cooperativo, role playing, problem solving) Lezione frontale (per introdurre nuovi argomenti di studio) Creazione di mappe concettuali, quando necessario, anche tecniche multimediali. E stato dato ampio spazio alla discussione guidata e al dialogo, stimolando gli allievi ad esprimere il proprio pensiero e ad acquisire sicurezza e senso critico. MEZZI Oltre alla strumentazione ordinaria, spesso, si è fatto ricorso al laboratorio linguistico, informatico e ai mezzi audiovisivi per la conduzione di esperienze didattiche significative. I quotidiani, in particolare quelli d indirizzo economico- giuridico, sono stati letti e commentati. Si è fatto uso di materiale reperito nella biblioteca e di materiale multimediale raccolto in Internet SPAZI Aula, aula magna, laboratorio d informatica, laboratorio linguistico, biblioteca dell Istituto, palestra. TEMPI - Si rinvia alla relazione finale dei singoli docenti. Pagina 12

15 Criteri di Valutazione La verifica formativa e servita non solo per valutare in itinere il grado di preparazione raggiunto da ciascun discente, tenendo conto delle capacita espressive, di collegamento e di ragionamento, ma anche per verificare il raggiungimento degli obiettivi propri di ciascuna disciplina e quindi, ha rappresentato un valido strumento di autocritica. La verifica sommativa ha accertato il livello di maturazione raggiunto dal ragazzo in rapporto alla classe, al livello di partenza, all attenzione e alla partecipazione al dialogo educativo. Le modalita e gli strumenti di verifica, pur restando legati in linea di massima a forme individuali di produzione orale e scritta, hanno tenuto conto delle normative dell Esame di Stato e delle nuove tipologie di prove quali l analisi del testo, il saggio breve, l articolo di giornale, la relazione, i questionari. La valutazione e andata al di la del puro risultato, comunque significativo, apprezzando complessivamente l evoluzione dell apprendimento dell allievo e la sua maturazione. Essa ha tenuto conto dell acquisizione di conoscenze, della comprensione ed esposizione dei concetti fondamentali, della capacita di sintesi e rielaborazione dei contenuti, dell acquisizione di un metodo di studio idoneo, della capacita di operare collegamenti interdisciplinari, dell assiduita nello studio, dell impegno e della frequenza scolastica, dei progressi raggiunti in rapporto ai livelli di partenza. La valutazione ha tenuto conto dei seguenti indicatori: Conoscenza ( possesso dei contenuti disciplinari) Competenze( uso delle conoscenze acquisite) Capacita ( uso autonomo e significativo di determinate conoscenze e competenze, anche in funzione di nuove acquisizioni) Il Consiglio di Classe, successivamente, in sede di scrutinio finale, coerentemente a quanto sopra indicato, deve rispettare i seguenti parametri: Il raggiungimento degli obiettivi formulati nella programmazione annuale; Gli standard minimi a livello cognitivo, fissati nelle riunioni per dipartimenti; Gli esiti delle prove di verifica; La scala di valutazione concordata a livello di Collegio dei Docenti: Pagina 13

16 Criteri di valutazione del credito formativo e scolastico Il Consiglio di classe attribuisce ad ogni alunno, nello scrutinio finale di ciascuno degli ultimi tre anni della scuola secondaria superiore, un credito per l andamento degli studi. Tale credito e definito scolastico se e realizzato all interno dell Istituto in ordine all assiduita della frequenza, dell interesse e dell impegno nella partecipazione al dialogo educativo e alle attivita complementari ed integrative organizzate dall istituto medesimo; e definito formativo se realizzato in attivita esterne all istituto e consiste in ogni qualificata esperienza, debitamente documentata, dalla quale derivino competenze coerenti con il tipo di corso cui si riferisce l Esame di Stato. I crediti sono valutati in punteggi secondo la seguente tabella: Pagina 14

17 Matematica e Laboratorio - DOCENTE: MIMMA CORSO La classe V B ha costituito una realta scolastica piuttosto variegata, all interno della quale sin dall inizio dell anno, e stato possibile osservare vari livelli di disponibilita e di partecipazione all attivita didattica, nonche un patrimonio cognitivo disomogeneo e frammentario. Solo pochi alunni hanno manifestato un sereno approccio alla disciplina, hanno saputo accogliere gli stimoli formativi, raggiungendo pienamente gli obiettivi programmati. Altri, invece,certamente meno motivati allo studio e piu deboli nella preparazione di base, hanno concentrato il proprio impegno ed i propri sforzi nei momenti delle verifiche riuscendo ad acquisire le competenze in modo parziale e a livello meccanico. Il gruppo di alunni piu deboli ha continuato ad evidenziare difficolta e incertezze che non sono state supportate da un adeguato lavoro di rielaborazione personale, la loro preparazione risulta pertanto alquanto debole. Questa situazione di precarieta e stata fronteggiata con un intenso e continuo lavoro di riesame dei contenuti precedenti propedeutici al lavoro programmato. Sono state realizzate attivita di recupero e di rinforzo nelle ore curriculari, mettendo in atto strategie didattiche alternative, orientando e adeguando il percorso alle varie esigenze via via emerse. Cio ha richiesto uno snellimento del programma preventivato di cui non e stata trattata la ricerca operativa. Lo sviluppo dei contenuti di analisi matematica ha richiesto continui richiami alle procedure risolutive fondamentali delle equazioni e disequazioni, in cui alcuni allievi hanno evidenziato ancora incertezze di base. Per rendere piu agevole il lavoro e per facilitare l apprendimento di quei concetti teorici culturalmente piu elevati si e preferito evitare dimostrazioni teoriche piu complesse e approfondimenti specifici e privilegiare l aspetto operativo della disciplina. Ampio spazio e stato dato alle esercitazioni alla lavagna, alle attivita di collaborazione in cui l attivita di tutoring e stato un momento di stimolo e di gratificazione per gli alunni piu motivati, un momento di autoverifica e di correzione per tutti. Le verifiche, sia orali che scritte, hanno mirato all accertamento delle competenze acquisite dagli alunni in rapporto a quanto svolto e a individuare le difficolta, in modo da intervenire con strategie piu mirate. Nella valutazione finale si e tenuto conto di tutti quegli elementi che denotano la crescita umana e culturale, quali la partecipazione, l interesse, l impegno individuale, l autonomia nel lavoro scolastico e i progressi registrati in itinere. Il Docente Pagina 15

18 Economia Aziendale - DOCENTE: PAOLO SORACI Nel corso dell anno scolastico ho rilevato, nella classe, un senso di responsabilita e spirito di sacrificio nei confronti dell impegno scolastico non sempre costanti. Diversi allievi hanno partecipato al dialogo educativo, finalizzando lo studio all apprendimento degli argomenti proposti. Sono emerse difficolta,in alcuni alunni, nello svolgimento degli elaborati scritti legate alla scarsa capacita di concentrazione, non sempre adeguata assimilazione dei contenuti analizzati, mancanza di organizzazione logico-tecnica dei concetti. Per superare le carenze e migliorare la qualita dello studio e stato attuato un corso di approfondimento in itinere che ha migliorato, di poco, il rendimento di diversi allievi. La conoscenza del programma, non completamente svolto risulta,nell insieme, adeguata. In particolare, proficue sono state le esercitazioni, sotto forma di discussione, che hanno consentito un analisi puntuale sugli argomenti oggetto del programma. I risultati conseguiti sono da ritenersi complessivamente positivi. Il Docente Pagina 16

19 Italiano - DOCENTE: CAROLINA GAGLIONE Gli alunni, durante il corso dell intero anno scolastico, hanno dimostrato livelli di interesse e di partecipazione al dialogo educativo alquanto diversificati. Alcuni di loro gia dall inizio dello scorso anno scolastico avevano palesato un modesto livello di preparazione in merito alla conoscenza dei concetti fondamentali della disciplina e soprattutto un incostante impegno nello studio che, nonostante i numerosi tentativi di coinvolgimento al dialogo educativo da parte della sottoscritta, sono stati parzialmente confermati anche all inizio di quest anno scolastico Sicuramente il turn-over di docenti negli anni precedenti non ha loro permesso di affrontare lo studio dell italiano in modo organico e le lacune nell analisi testuale e nella redazione della scrittura argomentativa, che non sono stati oggetto di studio nel biennio, hanno ostacolato il processo di apprendimento della letteratura italiana nel triennio. La classe V B risulta composta da 21 alunni, provenienti dalla classe IV del precedente anno scolastico. La classe si e sempre presentata in modo eterogeneo, per preparazione, per background socio culturale e per le diverse motivazioni verso l attivita didattico educativa. Nel corso dell anno scolastico la frequenza e stata regolare, ma la partecipazione al dialogo educativo e l impegno sono stati costruttivi solo per alcuni alunni, mentre altri sono stati distaccati e spesso sollecitati; l applicazione nello studio domestico e stata affrontata con superficialita e indolenza, nonostante le continue esortazioni da parte dell insegnante. L obiettivo principale e stato quello di stimolare negli allievi una partecipazione attiva e costante alle attivita didattiche, che non ha spesso trovato riscontri positivi da parte di un gruppo di alunni, che fin dai primi mesi di scuola ha incontrato delle difficolta, dovute sia ad un inadeguato metodo di studio sia ad un impegno assai superficiale. Gli stessi alunni si sono applicati nel lavoro a casa in modo poco incisivo e hanno necessitato di continui stimoli e incoraggiamenti per il raggiungimento degli obiettivi minimi. Un ristretto gruppo di alunni ha partecipato attivamente alla vita scolastica e seguito con attenzione le attivita proposte, e in possesso di piu che discrete competenze e conoscenze letterarie, e in grado di comprendere il significato di un messaggio orale e/o scritto, servendosi di un linguaggio appropriato allo scopo e alla comunicazione. Un secondo gruppo comprende alunni di sufficienti capacita, che hanno partecipato alle attivita scolastiche con interesse non sempre costante, dedicandosi allo studio solo in vista delle verifiche e non nella quotidianita. Solo nell ultima parte dell anno questi ultimi hanno cercato di colmare le carenze e le lacune accumulate nel corso dei mesi, conseguendo risultati nel complesso sufficienti, ma evidenziano ancora diverse lacune nell esposizione scritta. Pagina 17

20 Al terzo e piu consistente gruppo, infine, appartengono quei discenti che hanno mostrato un interesse assai modesto ed incostante, inoltre il lento ritmo di apprendimento, unitamente ad un impegno non sempre adeguato, hanno reso difficile il raggiungimento anche degli obiettivi minimi. Tali alunni sono stati opportunamente stimolati e sollecitati ad una partecipazione piu attiva all attivita didattica, ed hanno fatto registrare dei lievi miglioramenti nelle capacita acquisite, sia espressive che critiche, riuscendo a conseguire complessivamente risultati quasi accettabili, ma possiedono una conoscenza essenziale dei contenuti minimi di base di storia letteraria E stato necessario in diversi momenti dell anno rallentare i ritmi di lavoro per coinvolgere nell attivita didattica gli allievi che mostravano ritmi di apprendimento piu lenti o quelli scarsamente impegnati. A questo fattore si deve associare una consistente dispersione di ore scolastiche dovuta a motivi diversi, che ha causato una drastica diminuzione del programma finale, soprattutto nella selezione di testi analizzati. Obiettivi educativi Capacità Competenze Capacita di collaborazione Senso di responsabilita Rispetto dell ambiente, delle strutture e dei materiali messi a loro disposizione Rispetto delle idee dei sentimenti altrui Saper ascoltare mantenendo costante l attenzione comprendere le informazioni implicite ed esplicite conoscere ed esporre oralmente in forma chiara e con un linguaggio appropriato i contenuti della disciplina. condurre una lettura diretta ed un analisi del testo letterario, inserendolo nel contesto storico generale potenziare le capacita elaborative, logiche, espressive e critiche Confrontare testi letterari di genere diverso, riconoscendone i caratteri specifici. Utilizzare gli strumenti retorici, narratologici e critici per parafrasare e analizzare i testi. Pagina 18

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA - SITUAZIONE DI PAR ARTENZA TENZA: L analisi della situazione di partenza ha mirato a rilevare il possesso di prerequisiti considerati fondamentali per l individuazione

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492 SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA DELL'INFANZIA DI ALBINO Viale Gasparini, Tel/Fax 035 754 420 SCUOLA DELL'INFANZIA DI DESENZANO Via Loverini, Tel/Fax. 035 751 436 SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Triennio Sistemi Informativi Aziendali SIA

Triennio Sistemi Informativi Aziendali SIA Triennio Sistemi Informativi Aziendali SIA La presenza di un biennio COMUNE offre la possibilità, di potere scegliere il successivo triennio al termine del secondo anno con maggiore consapevolezza e convinzione!

Dettagli

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione?

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Scrive Thomas Eliot: Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Interrogativi integrati da: Dov è l informazione che abbiamo perso nei dati?

Dettagli