O.lI~ldS 31N311\1- Od~O::> :e~!j\ ellap ~~!Ieno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "O.lI~ldS 31N311\1- Od~O::> :e~!j\ ellap ~~!Ieno"

Transcript

1 O.lI~ldS 31N311\1- Od~O::> :e~!j\ ellap ~~!Ieno

2 Premessa /I tematismo generale che il progetto indente promuovere è quello della Qualità della Vita quale attrattore generale per promuovere il territorio degli STL proponenti. Qualità della Vita intesa come Benessere del Corpo, de/la Mente e dello Spirito che può essere promossa attraverso attrattori generali ( la lingua sarda, le tradizioni, l'enogastronomia, gli eventi) ovvero attrattori specifici ( il turismo attivo, la longevità, i riti arcaici della Sardegna). /I progetto valorizza nella sua unitarietà e complementarietà gli aspetti insiti in una proposta turistica finalizzata alla promozione di una meta destinazione costruita sugli aspetti caratteristici e fondanti la cultura e il senso della vita quotidiana delle popolazioni dei territori degli STL proponenti. Un progetto innovativo quindi che mette insieme una serie di categorie concettuali ed attrattori turistici eterogenei complementari con l'obiettivo di intercettare flussi turistici destagionalizzati ed interessati a conoscere una Sardegna inedita DENOMINAZIONE DEL GRUPPO I Meta destinazione Sardegna I l!!l PROVINCIA DI ORISTANO l!!l PROVINCIA DI OGLIASTRA ZONA GEOGRAFICA l!!l PROVINCIA DI SASSARI' CAPOFILA Denominazione Indirizzo/contatto telefonico STL ELEONORA D'ARBOREA P.ZZA ELEONORA ORISTANO TEL DENOMINAZIONE DEL PIANO ISARDEGNA CORPO MENTE SPIRITO I I SU Sassari non possedendo i requisiti previsti del bando partecipa al progetto in quanto lo ritiene coerente con la propria vocazione e strategia turistica e riconosce l'importanza di una aggregazione qualificata nei processi di creazione e promozione di un'offerta turistica integrata. 8tl Sassari inoltre, non beneficia di eventuali contributi eventualmente dati all'aggregazione degli Stl attraverso il presente bando 2

3 PARTE 1: DESCRIZIONE DEL GRUPPO PROPONENTE 1.1) COMPOSIZIONE DEL GRUPPO PROPONENTE 1.1.1) Elenco dei partner - Denominazione dei Partner Ruolo 'lodi rappresentanza nell'organo decisionale Stl Eleonora d'arborea Capofila 50,00% Altri Stl coinvolti Partner Stl Ogliastra Partner Progetto 50,00% Stl Sassari Esterno 0,00% 1.1.2) Giustificazione del partenariato In occasione di diversi incontri tra gli STL Sardi, l' STL Eleonora d'arborea e STL Ogliastra hanno approfondito alcuni punti comuni relativi alla necessità di promuovere sui mercati nazionali e stranieri un'offerta turistica di ampio raggio che mettesse in rete più territori con caratteristiche diverse. A seguito di diverse analisi approfondite in merito a tipologia dell'offerta, mezzi a disposizione e modalità di promozione e commercializzazione, i due STL hanno deciso di agire congiuntamente attraverso la promozione della Metadestinazione Sardegna Est/Ovest identificando il denominatore comune nel viaggio del sole in Sardegna, che sorgendo in Ogliastra e tramontando nell'oristanese ha costituito il leit motiv di diverse iniziative sui mercati esteri quali Francia, Svezia, e Germania. Il claim utilizzato per la promozione delle azioni comuni è stato "Sardegna coast to coast dall'alba al tramonto. La collaborazione tra i due STL ha dato vita ad un certo interesse da parte dei media regionali e stranieri come riportato nella rassegna stampa allegata(aliegato 1). Nel dettaglio le iniziative attuate congiuntamente dai due STL sono state le seguenti: 1. Partecipazione congiunta in occasione della fiera Top Resa, unico stand rappresentativo della Sardegna (Allegato 2) 2. 24/11/2009; incontro presso il Centro Stampa Estera di Parigi con i giornalisti francesi ed internazionali interessati all'offerta enogastronomica (Allegato 3); 3. 25/11/2009 Incontro presso il Centro Stampa Estera di Parigi con i giornalisti francesi ed internazionali interessati all'offerta culturale (Allegato 3). Gli eventi sono stati caratterizzati dalla presenza della scrittrice Michela Murgia che ha contribuito a dare un'immagine innovativa della Sardegna non solamente agli addetti del settore ma anche ai membri dell'associazione culturale Dante Alighieri presenti all'evento. La collaborazione con l'associazione culturale Dante Alighieri è proseguita inoltre nell'organizzazione, da parte del Stl Eleonora d'arborea attraverso il club di prodotto "turismo attivo", del primo volo dalla Francia sull'aeroporto di Fenosu in occasione della Sartiglia A marzo 2010 i due STL hanno realizzato alcuni eventi a Stoccolma finalizzati alla divulgazione della conoscenza della destinazione attraverso i prodotti tipici locali somministrati ai tour operators, ai giornalisti ed ai buyers agroalimentari in occasione di un workshop al quale hanno partecipato oltre 40 tra i principali opinion leaders dell'area di Stoccolma e circa 15 operatori turistici aderenti ai due Sistemi Turistici Locali, Inoltre, a seguito della promozione di menu tipici sardi a prezzo agevolato in un ristorante del centro di Stoccolma, è stato possibile creare un data base di oltre 200 clienti diretti interessati alla destinazione proposta ed ai prodotti tipici degustati che hanno chiesto di interagire con i due Stl per azioni di marketing diretto. Entrambi gli eventi sono stati preceduti da una conferenza stampa alla quale hanno preso parte anche alcune testate giornalistiche sarde, oltre alla stampa locale (Allegato 4). 3

4 5. A febbraio 2010 partecipazione congiunta alla fiera di Praga e organizzazione della conferenza stampa destinata ai tour operator e ai giornalisti di settore alla quale hanno partecipato oltre 80 addetti ai lavori con la collaborazione del tour operator Sardegna Travel (Allegato 5). 6. Azioni di co marketing congiunte tra i 2 Sistemi Turistici Locali ed il tour operator Sardegna Travel a supporto delle presenze ceche in bassa stagione (Allegato 6). 7. IL 25 Novembre 2010 in occasione del Summit del Turismo nelle Regioni, patrocinato dalla Regione Veneto, il modello rappresentato dalle azioni congiunte tra Stl EleOnora d'arborea ed Stl Ogliastra è risultato il migliore tra quelli presentati in materia di promozione del prodotto turistico (altri partecipanti Puglia, Marche, Umbria, Campania), e migliore in assoluto tra i modelli da adottare all'interno del Sistema Italia. (comunicato AIPMT in allegato) (Allegato 7) La collaborazione tra Stl Eleonora d'arborea ed SII Ogliastra, attuata attraverso le azioni riportate sinteticamente nei punti precedenti, ha fatto si che le statistiche 2010 (gennaio/settembre), abbiano registrato significativi incrementi in termini di arrivi e presenze sia nel comparto alberghiero che extra alberghiero diversamente dall'andamento turisticc complessivo regionale cosi come si evince dalle tabelle allegate (Allegato 8). Dai dati allegati nei territori coincidenti con i Sistemi turistici locali Eleonora d'arborea ed Ogliastra si evince che, nella stagione turistica 2010, a differenza delle altre province sarde, si è registrato un incremento significativo delle presenze e degli arrivi a seguito dell'attività di promozione e valorizzazione effettata dai due STL, anche in maniera congiunta.. Successivamente, attraverso l'organizzazione di incontri sul tema dell'integrazione dell'offerta turistica tra più territori e sulle azioni di promozione e commercializzazione nei periodi di bassa stagione, si è discusso insieme anche al SII Sassari che nel frattempo aveva iniziato ad operare. La compagine pertanto ha deciso di presentasi unita in occasione del bando premialità pur consapevole che STL Sassari opererà con fondi propri e con adesione esterna alla strategia implementata 1.1.3) Modalità, procedure, strumenti e motivazioni che hanno portato all'individuazione dei potenziali partner e alla definizione del gruppo. Modalità di identificazione dei potenziali partner: conoscenza personale, analisi dei bisogni, dell'offerta e dalle opportunità offerte dai diversi piani di azione degli SII interessati, valutazione dei dai provenienti dagli osservatori appositamente attivati da Stl Eleonora d'arborea ed SII Ogliastra (sintesi in allegato Strumenti: Partnerariato volontario Motivazione: 1. Conoscenza personale tra i soggetti interessati ed esperienze pregresse comuni, indisponibilità di altri STL del Sud Sardegna a chiudere un partenariato unico, volontà del SII di Nuoro di partecipare individualmente 2. Qualificazione di un prodotto pluritematico declinabile, nelle sue differenze ed unicità, in una meta destinazione in grado di consentire al turista un periodo di permanenza maggiore di quello medio attualmente registrato in periodi di bassa stagione e/o spalla. Soggetto promotore Sistema Turistico Locale Eleonora d'arborea Modalità di animazione utilizzate Incontri ripetuti dalla data di presentazione del bando tra i diversi Stl e tra i singoli SII ed i propri comitati esecutivi 7 Dicembre incontro collegiale presso SII Nuoro 9 Dicembre presentazione dell'iniziativa congiunta ed approvazione da parte Comitato Esecutivo STL Ogliastra 10 Dicembre incontro con SII Nord Ovest e Presidente della Provincia di Sassari 4

5 15 Dicembre presentazione dell'iniziativa congiunta ed approvazione da parte Comitato Esecutivo STL Eleonora d'arborea 22 Dicembre incontro tra Stl Oristano Stl Nord Ovest ed Stl Ogliastra ad Oristano 04 Gennaio approvazione da parte Comitato Esecutivo Stl Eleonora d'arborea 05 Gennaio approvazione da parte Comitato Esecutivo Stl Ogliastra 18 Gennaio delibera presidenziale STL Nord Ovest 5

6 2) INFORMAZIONI DI DETTAGLIO SUL PARTENARIATO 2.2.1) Dati dei partner (compilata per ciascun partner) Denominazione del partner: Sistema Eleonora d'arborea Tipo di organizzazione: Accordo di programma Indirizzo (sede legale e sede operativa): P,zza Eleonora Oristano Ruolo all'interno del gruppo: Capofila [Responsabilità: diretta Esperienza nel ruolo assegnato: operativo dal 2006 I Rappresentante: On.le Massimiliano de Seneen IRuolo del rappresentante: Presidente Contatti telefonici e mail del rappresentante: telefono I 6

7 Denominazione del partner: Sistema Turistico Locale Ogliastra Tipo di organizzazione: Accordo di programma Indirizzo (sede legale e sede operativa): IRuolo all'interno del gruppo: Partner IResponsabilità: indiretta Esperienza nel ruolo assegnato: operativo dal 2006 I I IRappresentante: Luigi Mereu Ruolo del rappresentante: Presidente I Contatti telefonici e mail del rappresentante: telefono ; 7

8 Denominazione del partner: Sistema Turistico Locale Nord Ovest Tipo di organizzazione: consorzio a responsabilità limitata s.c.a.r.1 con 64 soci pubblici e 16 privati Indirizzo (sede legale e sede operativa): Alghero Piazza Porta Terra n.9 IRuolo all'interno del gruppo: partner IResponsabilità: Esperienza nel ruolo assegnato: Stl riconosciuto dal 2006 I l Rappresentante: dott.ssa Alessandra Giudici IRuolo del rappresentante: Presidente Contatti telefonici e mail del rappresentante: telefono e-mali: I 8

9 PARTE 2 DESCRIZIONE DELLA STRATEGIA 2.1) DESCRIZIONE DELLE ATIIVITA' CHE HANNO PORTATO ALLA DEFINIZIONE DELLA STRATEGIA E DEL PATERNARIATO 2.1.1) Sintesi dei Piani d'azione dei STL Partner realizzati sino a questo momento [ SISTEMA TURISMO LOCALE - ELEONORA D'ARBOREA Il piano di attività pone a base un lavoro più ampio svolto su diversi livelli: al livello locale e concertazione dal basso, attraverso la somministrazione di schede ai Soggetti Sottoscrittori pubblici/privati nelle quali riportare progetti, interventi, azioni e bisogni da soddisfare basati sullo stesso fonmat presente nell'allegato B delle DGR 34/11 ; b) attività assembleari sul territorio volte alla ricerca del consenso ed alla definizione della strategia e del programma; cl analisi e studi di marketing realizzati da esperti del settore di livello internazionale appositamente commissionati dal SIL Patto Territoriale di Oristano (Soggetto sottoscrittore); d) analisi e valutazione dei questionari di feed back sulla qualità percepita da parte dei turisti che hanno soggiornato in provincia di Oristano nel 2004 e 2005 (Indagine sulle percezioni dei turisti); e) indicazioni provenienti dall'assemblea dei Sottoscrittori e dal Comitato Esecutivo del STL. Trasversale al piano di attività è un'azione caratterizzante all'insegna dell'internazionalizzazione. Pertanto tutte le azioni saranno precedute da un'attività propedeutica da svolgersi in Italia ed all'estero finalizzata alla definizione dei bisogni palesati da opinion leaders, stakeholders, associazioni, tour operators, giornalisti ed altri volta all'implementazione di prodotti turistici realmente spendibili nei bacini generatori della domanda turistica nazionale ed internazionale. Tale attività risulta essere inoltre funzionale alle fasi di costituzione dei Prodotti d'area e dei Club di Prodotto, indispensabili alla realizzazione del contenuto del STL stesso. 1. DEF/NIZIONE, STRUTTURAZIONE E QUALIFICAZIONE DELL'OFFERTA TUR/STICA LOCALE Azioni I Descrizione 1.1 I Analisi, progettazione e definizione di Prodotti d'area per la strutturazione dell'offerta turistica locale e dei Club di Prodotto, attraverso l'utilizzo del patrimonio storico, artistico e ambientale, la valorizzazione delle tipicità locali di settori produttivi (in particolar modo dell'artigianato e dell'agro-alimentare) e in generale di tutti gli asset distintivi e autentici del territorio -. progetti proposti dal territorio o da altri soooetti privati 1.2 I Progettazione e realizzazione di pacchetti di servizi turistici connessi al Club di Prodotti e/o Prodotti d'area individuati - prooetti proposti dal territorio o da altri soooetti privati 1.3 I Qualità totale - adozione di un disciplinare del Sistema Turistico Locale 1.4 I Eventi qualificanti dell'offerta turistica dei Club di Prodotto e/o prodotti d'area ad alto valore territoriale 2. AZIONI DI INFORMAZIONE/COMUNICAZIONE CARTACEA E MULTIMEDIALE Azioni I Descrizione 2.1 I Marchio Sistema Turistico Locale e Corporate Imaoe - manuale d'uso e criteri d'utilizzo 2.2 I Portale territoriale del STL 2.3 I Produzione di materiale informativo cartaceo e multimediale funzionale alla promozione dei Club di Prodotto e/o Prodotti d'area individuati 3. AZIONI DI SUPPORTO ALLA PROMOZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE Azioni Descrizione 3.1 Oroanizzazione di educational tour e workshop tematici nel territorio provinciale 3.2 Partecipaizone alle borse e fiere turistiche di nicchia, di scelta istituzionale e di esplorazione di nuovi mercati 3.3 Orqanizzazione diretta di voli low cost e charter, da ripartire tra oli operatori turistici del STL 3.4 Oroanizzazione di manifestazioni ed eventi di rilevante interesse nazionale ed internazionale 3.5 Oroanizzazione di road show nei principali mercati di riferimento 3.6 Presenza ad iniziative finalizzate alla conoscenza di mercati potenziali - 4. AZIONI DI ANALISI, MONITORAGGIO, STUDIO DEGLI EFFETII ED AZIONI DI CONTROLLO Azioni I Descrizione 4.1 I Attività di osservatorio permanente e di proqettazione e realizzazione di banche dati 4.2 I Analisi della domanda turistica (arrivi/presenze, italiani/stranieri, famiglielindividuali, etc.) 9

10 SISTEMA TURISMO LOCALE - OGLIASTRA Il territorio della nuova provincia dell'ogliastra consta di 23 comuni con un'estensione di Ha, di cui otto comuni ricadenti in area montana che costituiscono il 63,9% del territorio. Un territorio caratterizzato per la sua notevole diversità e la coesistenza di ambienti ed habitat unici. L'ogliastra é un susseguirsi di scenari e paesaggi mozzafiato che si presentano all'occhio del visitatori in una sequenza continua. Si spazia dalle coste solari, sgargianti di colori che si fondono con il colore verde mare delle acque cristalline. La stessa costa si presenta variegata e consente di dare un'offerta di utilizzo diversissima ed ampissima (si va dalla sabbia finissima di Orri-Tortoli, ai piccòli ciottoli di Cardedu, a quella sassosa di Santa Maria Navarrese e delle cale successive). A colori e fondali unici nel loro genere si contrappone una costa talvolta alta che introduce la vicinanza della collina e montagna in una sorta di unico monumento naturale. Una forte caratterizzazione é proprio rappresentata da questo binomio mare-montagna che può esistestere perché già naturalmente presente. Quindi l'operatività turistica non adrà e dovrà far altro che valorizzare questa potenzialità già intrinseca del territorio. Anche la collina ha le sue suggestioni grazie alla presenza di massicci calcarei o di porfido rosso interposti da ampie zone di macchia mediterranea. Sino ad arrivare alla vera montagna con la presenza di boschi con essenze durevoli e di imponenti dimensioni (Boschi di Villagrande, Arzana, Montarbu, Selene e Gennargentu. ). Ma come non ricordare i tanti monumenti naturali che disegnano percorsi ed itinerari davvero suggestivi ed 'accattivanti ricchi di insediamenti Nuragici ed archeologici in genere. In questo territorio molto variegato oggi trovano ancora condizione di vita e sussistenza antiche attività agricole come la Pastorizia, l'allevamento e la coltivazione che danno origine a produzioni tipiche come i formaggi, i vini, insaccati ed altro che contribuiscono ad alimentare ulteriormente questo scenario davvero unico e meritevole di integrazione. Come noto il territorio, elemento costitutivo di uno stato, é il bene primario della popolazione che su di esso vive nel tempo e utilizza e conserva proiettandolo nel tempo l'insieme delle risorse che quel territorio mette a sua disposizione. La popolazione pertanto diventa pertanto soggetto attivo della gestione di quel territorio e titolare del diritto dovere di conservarlo pur utilizzandolo per trasferirlo alle generazioni future. La sostenibilità quindi dello sviluppo é affidata alla responsabilità della popolazione la cui partecipazione nello stesso sviluppo deve uniformarsi costantemente al principio di sussidarietà opportunamente richiamato anche a livello europeo. 1. Domus Ogliastra Descrizione Analisi, identificazione, miglioramento, qualificazione di prodotlie servizi turistici realmente evocativi del territorio e dei suoi patrimoni, sistema di voucher pre-pre pagato, Carta Oaliastra Integrazione mare/monti attraverso la predisposizione di itinerari di risorse e di prodotti, Studi ed analisi dei vari punti di interesse necessari per la formazione dei percorsi-itinerari, Test di implementazione sui mercati nazionali ed internazionali, Produzione del materiale informativo e promozionale Produzione di materiali informativi appositi ed organizzazione di eventi marketing interno, Forum Virtuale Permanente, Workshop Full Contact Turismo Produzione di materiale apposito Osservatorio quali quantitativo dell'offerta e della domanda turistica dell'ogliastra orientato alla definizione, auantificazione e fidelizzazione delle nicchie. 2. Consumer Dress e trade marketina Descrizione Consumer marketing: immagine coordinata, realizzazione di materiale informativo plurilingue (brochure generale, brochures itinerari tematici, brochures ospitalità etc), guide tematiche, mappe, cartine, qadqets destinati alla promozione qenerale del Stl Oqliastra Trade marketing/press marketing : manuale per tour operators plurilingue, acquisto spazi su cataloghi e riviste di settore, road show, inspection visit, fam trip, press tour, materiale informativo specifico, ufficio stampa e attività pr Consumer e trade marketina: portale, dvd, fiere, borse, workshop, tele sellina e data centre Analisi, studio, follow up delle azioni attuate e relative rimodulazioni lo

11 3. Co-marketinQ con operatori low cost, charter aerie e navali Descrizione Definizione di accordi marketing oriented in merito all'acquisto di posti volo su tratte definite e servizio shuttle bus Definizione di accordi relativi alla presenza sui portali e nel materiale informativo delle comoaanie aeree e navali, neali aerooorti e nei oorti - Definizione di accordi relativi ad iniziative comuni per il lancio di prodotti / servizi turistici ricadenti all'interno del Stl (orooetti oilotal. Attività di internazionalizzazione volte all'identificazione di tratte aeree I navali di particolare interesse e dei relativi investitori internazionali 4. Funzionamento Descrizione Personale Spese generali (materiali di consumo, telefono, affitto, luce, pulizie etc.) SISTEMA TURISTICO LOCALE - SARDEGNA NORD OVEST Il programma del Sistema Turistico Locale Sardegna Nord Ovest integrato nelle sue componenti strutturali e negli attori coinvolti, qualificato nell'offerta diversificata e destagionalizzata, caratterizzato da sistemi di informazione, promozione e comunicazione innovativi e funzionali, dotato di strumenti di marketing efficaci verso i mercati obiettivo e di un immagine forte e riconoscibile anche nei mercati internazionali, organizzato come cabina di regia per l'indirizzo e il coordinamento delle strategie di sviluppo turistico e di promozione del territorio provinciale il coerenza con le azioni di sistema regionali. Gli obiettivi specifici del Programma operativo aveva i seguenti: 1. OBIETTIVI SPECIFICI: a. Conoscenza dell'assetto del territorio, censimento e classificazione delle risorse ambientali, del patrimonio storico - artistico-culturale, dei principali attrattori e utilizzazione di metodoiogie impostate sulla cartografia geo-referenziata; b. Censimento dello stato dell'offerta dei servizi pubblici e privati al turista e la sua adeguatezza rispetto alle esigenze attuali e prospettiche; c. Definizione di un piano di coordinamento e di sviluppo strategico dell'offerta turistica provinciale; d. Monitoraggio della sostenibilità ambientale e sociale delle attività turistiche nel territorio e della capacità di carico delle aree costiere; e. Dotarsi di strumenti che consentano di: i. favorire la consultazione dinamica del contesto del territorio, riportando le entità organizzative pubbliche e private che operano nel contesto socio-economico del territorio d'interesse; ii. consentire la rappresentazione dinamica e costantemente aggiornata della struttura organizzativa delle diverse Amministrazioni compartecipanti nel modello territoriale (Uffici, Centri di Responsabilità, ecc.) e l'associazione dei ruoli e delle figure professionali alle risorse umane presenti nelle diverse strutture; iii. ottenere supporto all'attivazione di processi di coordinamento pubblico e pubblicoprivati a livello comunale e sovra comunale (bacini omogenei) finalizzati alla creazione dei prodotti turistici compositi: ambiente, cultura, produzioni, ricettività, iv. ristorazione, servizi, informazione ed assistenza, eventi; consentire una più efficiente gestione documentale garantendo la possibilità di creare, gestire e distribuire le informazioni e i documenti prodotti dai diversi Enti permettendo altresì a tutti i potenziali utenti la consultazione degli stessi; v. consentire la definizione e consultazione di modelli strategici costantemente aggiornati consultare i processi di lavoro che scaturiranno dalla collaborazione/cooperazione degli Enti nel conseguimento del comune scopo di sviluppo e promozione del sistema turistico; vi. rappresentare le strutture dei soggetti coinvolti (Uffici, Centri di Responsabilità, ecc.) a cui associare, per ciascuna struttura, le risorse umane e le relative mansioni con l I

12 lo scopo di mantenere tutti i livelli della struttura organizzativa costantemente monitorati; vii. rappresentare attraverso formalismi non ambigui e condivisi i processi in modo da abilitarne la reingegnerizzazione con il contributo di tutti gli attori coinvolti; viii. Valorizzare e promuovere al meglio le potenzialità del territorio attraverso l'aggregazione dell'offerta territoriale e.la cgnfigurazione o il rafforzamento di itinerari e percorsi nei temi che caratterizzano le identità territoriali; rafforzando l'internazionalizzazione del prodotto d'area; attivando e potenziando processi di coordinamento pubblico e pubblicol privati finalizzati all'upgrading qualitativo dell'offerta e alla creazione di prodotti turistici compositi; ix. Creare una rete promozionale in grado di raggiungere e fidelizzare un target di riferimento per ogni ambito tematico individuato. Partendo dall'individuazione e aggregazione di tutti gli attori coinvolti nell'offerta ci si porrà l'obiettivo di fornire una rappresentazione adeguata dell'offerta, in termini di contenuti e servizi usufruendo di moderne tecnologie di georeferenziazione delle risorse e navigazione tridimensionale del territorio. x. Favorire la sinergia fra operatori e amministratori per la creazione e la promozione dell'offerta territoriale e la vaiorizzazione degli elementi di tipicità locale, anche attraverso il Web. xi. Sostenere e rafforzare la cultura dell'accoglienza e l'identità locale, con la valorizzazione del capitale umano del territorio e la sensibilizzazione dei residenti. 2. OBIETTIVI OPERATIVI e RISULTATI: a. Realizzazione di studi e ricerche qualificate per la conoscenza dell'assetto territoriale, il censimento e classificazione delle risorse ambientali, del patrimonio storico-artisticoculturale, dei principali attrattori; studiare metodologie per impostate la cartografia georeferenziata atta a contenere i dati informativi sul territorio; b. Piano di marketing e di posizionamento strategico del STL Sardegna Nord Ovest; c. Rafforzamento dell'osservatorio Turistico del STL per strutturare il monitoraggio della sostenibilità Ambientale e sociale delle attività turistiche nel territorio e nei centri urbani e la realizzazione di studi tematici che permettano una migliore conoscenza del territorio turistico, della domanda e dell'offerta e della sua capacità di carico; d. Realizzazione di strumenti che siano in grado di supportare il coordinamento del progetto di valorizzazione del territorio e gli attori nella progettazione e gestione per il governo del modello organizzativo complessivo e delle singole organizzazioni operanti attivamente nel turismo: i. "Atlante organizzativo per il Turismo": Ambiente per la gestione della complessità organizzativa del sistema turistico locale; ii. "Atlante territoriale del Turismo": Strumento per la conoscenza di un territorio, inteso come sistema caratterizzato da elementi strutturati e correlati. e. Realizzazione di un Sistema per il supporto alla rappresentazione dinamica della conoscenza delle destinazioni turistiche e alla valorizzazione e promozione integrata delle risorse tangibili e intangibili del territorio; un sistema di risorse metodologiche e tecnologiche in grado di supportare nel tempo: la progettualità dei soggetti territoriali coinvolti delle dinamiche dell'offerta di prodotti turistici, la capitalizzazione delle esperienze turistiche locali la condivisione degli obiettivi strategici di marketing turistico e comunicazione, l'internazionalizzazione dell'offerta turistica, f. Creazione di un canale tematico, con tecnologia interattiva, che fornisca un servizio di informazione dedicato ai turisti definendo una piattaforma digitale nell'ottica di una diffusione televisiva delle informazioni di natura turistica anche territoriale e trasposizione su sistemi portatili; g. Realizzazione di una nuova editoria di qualità con guide e itinerari del territorio. Tali guide avranno una lettura tematica multidimensionale per sub-regioni del territorio e attraverso i filtri tematici di: archeologia, architettura, ambiente, ospitalità, agroalimentare, tradizioni. h. Potenziamento dei servizi di accoglienza al turista e della rete IAT, in coerenza con la specifica azione del piano di attività del STL Sardegna Nord Ovest. i. impulso alla definizione di accordi commerciali e azioni di rete tra l'industria agroalimentare, la GDO, la ristorazione e il settore turistico in senso stretto e creazione o rafforzamento di circuiti e itinerari tematici, in particolare sono previste azioni a sostegno di club di prodotto in 12

13 fase di start up, come, ad esempio, "Le Strade del Gusto", la cui partecipazione alla P.1. risulta coerente con gli obiettivi posti dal STL j. Promozione di itinerari tematici a forte carattere evocativo e innovativo. Ad esempio, in adesione al progetto di partenariato "Musica di Sardegna", la Provincia di Sassari promuovere un itinerario turistico (itinerario sonoro dell'isola di Sardegna) di forte originalità caratterizzato da una serie di luoghi particolarmente suggestivi per le sonorità naturali. Il contesto ambientale e le caratteristiche geologiche e atmosferiche del territorio rendono possibile l'individuazione, nel territorio provinciale, di siti con queste caratteristiche. k. Sviluppo della Destination Card integrata a livello territoriale, implementata sulla piattaforma tecnologica e operativa di In Centro Card Premia. La card Premia é una fidelily card che consente all'utilizzatore di accantonare un bonus ogni volta che viene utilizzata presso gli esercizi e per l'utilizzazione dei servizi del circuito; il bonus può essere rispeso anche immediatamente nel circuito. La card é oggi presente, nel solo circuito commerciale, a Sassari, Alghero e in altri centri dell'isola e della penisola. La tecnologia di supporto (microprocessore) consente allo strumento implementazioni per gli usi più disparati: servizi finanziari, previdenza integrativa, servizi aggiuntivi (pagamento parcheggi, ingresso a musei e siti culturali ecc.) o servizi turistici (ad esempio un accantonamento elevato da rispendere nel circuito o da utilizzare come bonus per un successivo soggiorno). La stessa tecnologia consente di disporre in tempo reale di dati altrimenti non reperibili. I. Assistenza tecnica alle comunità locali per la costruzione elo riorganizzazione del prodotto turistico a livello territoriale, la definizione dei fabbisogni formativi e l'ottimizzazione nell'utilizzo delle risorse; m. Attivazione di sistemi di controllo sul rispetto degli standard qualitativi dei partecipanti all'offerta integrata; n. Realizzazione e potenziamento dei sistemi telematici interattivi per la conoscenza e la promo-commercializzazione del territorio provinciale o. Realizzazione di azioni di potenziamento e miglioramento della cartellonistica stradale tematica p. Accordi di co-marketing con vettori aerei low cost finalizzati ad aumentare la percezione della destinazione Sardegna-Alghero-Nord Ovest presso i potenziali passeggeri. I vettori low-cost utilizzano, per la diffusione e vendita dei loro voli, principalmente sistemi web e quindi si rivolgono a mercati enormi su diffusione europea. La partecipazione della società di gestione dell'aeroporto in partnership con il STL Sardegna Nord Ovest nella azione di comarketing si concretizza attraverso varie forme contrattuali con i vellori o con le società liiolari dei siti web di promozione secondo il principio dell'investitore privato nell'economia di mercato, infalli vengono stipulati accordi che su precisi obiettivi quantitativi e qualitativi misurano il ritorno sugli investimenti. L'obiettivo è costruito sia per quantità di passeggeri e nr di rotazioni effettuate su singole rolle che su totale di passeggeri e nr rotazioni sullo scalo. Sulla base di queste considerazioni e sulla base della redditività che genera ogni singolo passeggero vengono definiti degli incentivi o delle penali al vettore. La verifica sui risultati si avrà sia sulle forme predefinite dei mezzi di comunicazione adottati per la promozione territoriale sia sui risultati concreti dei passeggeri trasportati. q. - Coordinamento di un sistema di formazione continua per le professionalità turistiche e di alta formazione 2.2) ANALISI SWOT DELL'AREA INTERESSATA DALLA STRATEGIA 2.2.1) Analisi dei punti di forza e di debolezza, delle opportunità e delle minacce (SWOT) EX ANTE. Quadro Generale - SWOT EX Ante - Oristano - Ogliastra [ SWOT ANALlSYS - STL ELEONORA D'ARBOREA Breve descrizione del territorio Da una attenta analisi dei dati disponibili, relativi al turismo in provincia di Oristano, é possibile individuare alcuni tratti che caratterizzano lo sviluppo turistico dell'area e che hanno fornito indicazioni utili per delineare le future strategie. Ecco in sintesi gli aspetti più significativi che emergono osservando i risultati delle rilevazioni disponibili: la provincia di Oristano rappresenta una quota molto piccola del turismo regionale, ed incide per pochi punti percentuali, sia nei flussi in arrivo in Sardegna, che nella capacità ricettiva; 13

14 nonostante lo sviluppo turistico che negli ultimi anni ha interessato il territorio provinciale, ia capacità di incidere sulla realtà regionale si è reiativamente ridotta nel corso degli uitimi 15 anni, in quanto il ritmo di crescita dell'intera Sardegna è stato superiore a quello dell'area provinciale; quanto a capacità ricettiva alberghiera, per quanto esistano 13 hotel a 4 stelle per un totale di posti letto,(complessivamente in Provincia di Oristano ci sono 38 strutture ricettive 3-5 stelle per un totale di posti letto 3124) il confronto con.la situazione regionale mostra che le strutture deil'oristanese si concentrano maggiormente nelle categorie inferiori, mentre la presenza di quattro stelle è, sempre in termini relativi, minore che nel resto dell'isola; i turisti soggiornano in loco per periodi relativamente brevi, e la permanenza media nelle strutture ricettive provinciali è decisamente inferiore rispetto ai valori medi registrati in Sardegna; la stagionalità comporta un concentrazione altissima - maggiore rispetto a quella dell'intera Sardegna per il mese di agosto, ed uno scarso sfruttamento dei mesi di giugno e settembre che, nel resto dell'isola sono relativamente più sfruttati e possono costituire delle opportunità notevoli; altri aspetti che comportano una valutazione critica dei turismo nell'area sono relativi alla scarsa presenza di turisti stranieri, seppure nell'annualità 2010 ci sia stata una ripresa, in termini di arrivi, ma un netto calo in termini di presenze alberghiere rispetto al movimento extralberghiero che è uguaimente calato, nonché alla notevoie incidenza del turismo proveniente dal bacino regionale; positivo è però il bilancio degli ultimi anni quanto a incremento di turismo straniero, che ha registrato un elevato dinamismo, e di turismo alberghiero, che ha nettamente aumentato la propria incidenza sul movimento totale dell'area. La rilevanza del movimento di origine regionale è andata attenuandosi. Particolarmente dinamica l'evoiuzione verificatasi nei Comuni di Cabras e di Arborea; l'andamento degli arrivi e delle presenze mostra chiaramente l'esistenza di notevoli potenzialità di sviluppo non ancora espresse, che comunque rendono realisticamente raggiungibili obiettivi di miglioramento dell'attuale performance, Punti di forza e di debolezza Cercando di andare oltre i dati numerici ufficiali, l'analisi del territorio e dell'offerta mostra diversi punti di debolezza, a fronte dei quali vanno però evidenziati non pochi punti di forza, assimilabili per certi aspetti a dei veri e propri attrattori turistici come si dirà più avanti, e sintetizzati nel seguente schema: Punti di Forza estesi e diffusi giacimenti culturali; beni culturali come Menhir, Dolmen, Domus de janas, dimore storiche, chiese... ; elevata qualità ambientale, paesaggistica e risorse culturali, riferite alla storia e ai modelli di comportamento sociale, alle tradizioni, all'archeologia e all'arte nelle sue diverse e pregevoli forme; oltre 120 km di costa praticamente incontaminata, con aree ad alto valore naturalistico (e ambientale quale l'area del Sinis e l'area Marina Protetta "Penisola del Sinis - Isola Mal di Ventre", 14 siti di rilevante interesse naturaiistico (SIC e ZPS) per una estensione di circa ettari tra zone umide, stagni, saline, lagune, paludi etc, ii Golfo di Oristano, la Planargia e la Valle del Temo, il Montiferru, il Barigadu, il Guilcer, l'alto Oristanese, il Basso Oristanese (o Alto Campidano), il Monte Arci, l'alta Marmilla, la Giara; siti archeologici e museali di grande pregio da Tharros, al Pozzo sacro Santa Cristina, alle torri aragonesi, all'antiquarium Arborense, etc; l'area archeologica e termale di Fordongianus, rivolta ad un'utenza alla ricerca di relax benessere e salute in uno scenario di grande fascino e ricco di richiami culturali; direttrice costiera - promontorio di Capo Frasca, Oristano, Bosa - con prevalenza di Punti di debolezza Carenze infrastrutturali connesse alla fruibilità ed accessibilità turistica Mancanza di adeguata organizzazione dell'offerta turistica; Scarso collegamento dei prodotti turistici al territorio; Immagine poco definita/ Promozione turistica insufficiente/assenza di un marchio d'area; Modesta forza commerciale/scarsa presenza sui cataloghi dei T.O. Scarso coordinamento tra organismi pubblici e privati; Carenza di prodotti turistici tematici e strutturati; Scarso utilizzo di strumenti informatici e telematici di supporto; Elevata stagionalità delle presenze turistiche; Esiguità offerta ricettiva /Basso tasso di utilizzo delle strutture turistiche; Insufficiente consapevolezza dell'uso delle risorse ambientali e culturali come fattore di sviluppo locale; Eutrofizzazione delle acque nelle zone umide. 14

15 iniziative orientate al turismo marino, ma contraddistinte nel contempo, nelle strutture e nei servizi, da caratteristiche indirizzate all'ospite che cerca nella vacanza "a cavallo", nel "gioco del golf' o nella "vela" un prodotto turistico alternativo;!'inserimento della Città di Oristano nel circuito culturale delle Città Regie, le sue valenze storiche legate all'età giudicale, la presenza dell'università e la riconosciuta tradizione nell'arte della ceramica; presenza nella Città di Oristano di un'offerta turistica di tipo urbano legata al turismo d'affari, congressuale e di eventi; tradizioni agro-pastorali e del mondo della pesca ancora vive che rappresentano un importante fondamento in grado di garantire e valorizzare l'offerta di prodotti genuini e tipici dell'area di destinazione; diffusa offerta raffinata di servizi di ristorazione; presenza di attività artigianali di produzioni tipiche locali che costituiscono una risorsa produttiva non solo da tutelare, in quanto testimonianza di un settore che ha radici antiche e soprawive con difficoltà su un mercato globale fortemente concorrenziale, ma anche da valorizzare dal punto di vista della qualità e dell'immagine e da consolidare sul mercato; sistema ricettivo diffuso sul territorio e caratterizzato da strutture alberghiere, prevalentemente ubicate in area urbana (Oristano) e sulle coste, da campeggi, agriturismi, ittiturismi e bed & breakfast dislocati con diversificata intensità nell'intero territorio del STL, da realtà e proposte di albergo diffuso che si stanno affermando nei centri storici dell'interno; presenza di n. 4 Alberghi Diffusi, la concentrazione più alta di tali strutture a livello regionale e nazionale servizi offerti, in maniera diffusa nel territorio, da imprese artigiane e cooperative; Prodotti gastronomici riconosciuti internazionalmente ed classificati come presidi Slow Food, (Bue Rosso e il Casizolu del Montiferru), come la bottarga di muggine di Cabras, etc., oitre a 71 prodotti tipici, 8 vini Doc, 5 vini Igt, 55 ricette tipiche; Le opportunità offerte e i rischi Opportunità Adesione a reti internazionali di salvaguardia e valorizzazione ambientale; Crescente domanda turistica qualificata, con enfasi sui binomi ambiente-qualità, naturacultura; Forte spinta alla crescita ed allo sviluppo Rischi Modificazioni della morfologia del terreno; Insufficiente sostenibilità ambientale dello sviluppo turistico; Impatto ambientale causato dallo sviluppo produttivo; Depauperamento della risorsa idrica; 15

16 qualitativo dell'offerta; entrata in funzione dell'aeroporto; Ulteriore sviluppo del porto e adeguamento per movimento passeggeri; Crescente movimento di merci in entrata e uscita; Creazione di un corridoio intermodale con I integrazione sistema portuale e aeroportuale con trasporto su gomma e ferro; I Conseguenze positive dell'entrata in funzione della diga sul Tirso; I Innalzamento dei livelli di istruzione e qualificazione professionale grazie alla presenza di un polo universitario a Oristano e di centri formativi Applicazione delle nuove tecnologie all'attività di formazione; Domanda in crescita nel settore agroalimentare, sia per i prodotti primari che trasformati; Potenzialità di mercato per produzioni enogastronomiche tipiche, di qualità e biologiche (in provincia c'è la più alta concentrazione di coltivazioni biologiche); Potenzialità di mercato per produzioni artigianali tipiche e collegabili ad incremento di flussi turistici; Potenzialità di integrazione tra turismo costiero e zone interne sfruttando in modo sinergico le risorse marine, ambientali, archeologiche, storico-culturali ed eno-gastronomiche; Crescita e sviluppo di segmenti innovativi; Creazione di sinergie orizzontali (territoriali) e verticali (filiere) tra agroindustria, manifatturiero, logistica, trasporti, servizi; Attrazione di nuove imprese ad alto contenuto tecnologico e basso impatto ambientale; SviluPPo di servizi basati sull'utilizzo dell'ict. I I Fenomeni climatici negativi; Depauperamento demografico delle aree interne; Depauperamento del patrimonio di saperi locali; Forte concorrenza turistica delle altre aree regionali e meridionali; Concorrenza delle altre aree regionali e meridionali nell'attrazione di impresa; Rallentamento nello sviluppo del comparto agroalimentare; Aggravamento delle malattie endemiche del bestiame: BSE e "lingua blu", peste suina Attrattori turistici esistenti Dal punto di vista tecnico, l'attrattore turistico è considerato come quella risorsa naturale, storicoarcheologica, culturale, produttiva in grado di generare domanda e, per il quale, si è nella condizione, oggettiva, di quantificare e misurare gli effetti. In altri termini, in questa sezione sono considerate le "risorse turistiche" la cui gestione è improntata con criteri economici. Pertanto sono elencati gli attrattori che possono essere fruiti/consumati in quanto gestiti. Attrattori naturalistici-ambienta/i Denominazione Comune Posizione Tipologia Proprietà Gestione/fruizione comune Parco Naturale Consorzio di Interno Naturalistico Consorzio di Cooperative locali del Monte Arei Comuni Comuni Parco Aymerich Laconi Interno Naturalistico Ente foreste Gestione comunale affidata a Cooperativa locale Parco 13 Comuni Interno Geominerario Comune Cooperative geominerario del interessati Locali Monte Arei Parco degli Scano di Interno Naturalistico Comune Società Locale uccelli Montiferro Parco Suni Interno Archeologico Comune Cooperative locali Archeologico 16

17 Ambientale Oasi faunistica di I Neoneli Assai Interno Naturalistico Comune.. ~......,...,..., Denominazione Comune Posizione Tipologia Proprietà Gestione comune Parco Abbbasanta Interno Archeologico Comune Cooperativa Archeologico del Losa Area Cabras Costiero Archeologico Comune Cooperativa Archeologica di Tharros Torre di Cabras Costiero Archeologico Comune Cooperativa S.Giovanni Terme Romane Fordongianus Interno Archeoiogico Comune Cooperativa Museo Laconi Interno Archeologico Comune Cooperativa archeologico delle Statue Menhir di Laconi Area Marrubiu Interno Archeologico Comune Comune Archeologica Is Bangius S'Omu de Marrubiu Interno Archeologico Comune Comune S'Orcu Torri Medievali Oristano Costiero Archeologico Comune Cooperativa Villaggio Paulilatino Interno Archeologico Comune Cooperativa nuragico Santa Cristina di Attrattori culturali - Musei Denominazione Comune Posizione Tipo/ogia Proprietà Gestione comune Museo del Ales Interno Antropologico Comune Cooperativa giocattolo tradizionale della Sardegna Collezione civica Arborea Costiero Archeologico Comune Cooperativa archeologica Museo delle Bidoni Interno Antropologico Comune Cooperativa streghe "S'Omo 'e sa majarza" Museo della Boroneddu Interno Culturale Fiaba Sarda Casa Deriu Bosa Storico Privati Privati Collezione Bosa Costiero Etnografico Privato Privato etnografica "5tara" Mostra Bosa Costiero Etnografico Privato Privato permanente "Antonio Alza" Collezione Melis Bosa Costiero Culturale Privati Privati Museo del Busachi Interno Culturale Comune Cooperativa costume e della tradizione del lino Museo oleario Cuglieri Costiero Agropastorale Privato Privato Zampa Casa Gramsci Ghilarza Interno Storico Comune Cooperativa Mostra Gonnostramatza Interno Culturale Comune Cooperativa permanente 17

18 Turcus e Morus Santuario e casa I Laconi I Interno I Storico I Comune I Volontari natale di s. Ignazio da Laconi Museo delle Laconi Interno Archeologico I Comune I Cooperativa Statue Menhir Museo di attrezzi Marrubiu Interno Archeologico I Comune I Comune agricoli in età romana "Is Bangius" Mostra di I Masullas I Interno I Archeologico I Privati I Privati minerali e fossili "Stefano Incani Museo del I Milis I Interno I Etnico I Comune I Comune gioiello e del costume sardo Museo vivente Morgongiori Interno Antropologico I Comune I Privati dell'arte tessile Museo faunistico Neoneli Interno Naturalistico I Comune I Cooperativa dell'oasi di Assai Opera del Oristano Costiero Antropologico I Curia I Curia seminario e del Duomo e collezione Cadoni Antiquarium Oristano Costiero Archeologico Comune I Cooperativa Museo civico Pau Interno Archeologico Comune Cooperativa dell'ossidiana Museo "Palazzo Paulilatino Interno Culturale Comune I Cooperativa Alzori Museo unico Samugheo Interno I Antropologico I Comune I Cooperativa regionale dell'arte Tessile Sarda Museo della I Santulussurgiu I Interno I Antropologico I Associazione I Privati tecnologia culturale contadina Collezione di ITadasuni IInterno ICulturale- IAssociazione I Privati strumenti artigianale culturale musicali "Don Giovanni Dore" Attrattori culturali - Manifestazioni, tradizioni, feste Elenco riassuntivo degli eventi più significativi dell'anno 2011 Località Denominazione Milis Sagra del vino novello Oristano Sardegna Cavalli Cabras - San Salvatore Corsa degli Scalzi Cabras - San Giovanni di Sinis L'Area Marina è in festa Oristano - Marina di Torregrande Sartigliedda Bosa Santa Maria del mare Festa di S. Ignazio da Laconi Note in laguna Ardia Laconi Cabras - Loc. San Giovanni di Sinis Sedilo Oristano, Milis, Bauladu, Bonarcado e Paulilatino Fordongianus Bosa San Giovanni Piante officinali Feste a Bosa 18

19 Santulussurgiu Laconi Arborea Cabras Albagiara Arborea Ollastra Palmas Arborea Boroneddu Marrubiu San Vero Milis Zerfaliu Ollastra Marrubiu Paulilatino Ollastra Santulussurgiu Usellus Paulilatino Oristano Ghilarza Santulussurgiu Samugheo Narbolia Abbasanta, Aidomaggiore, Ardauli, Busachi, Fordongianus, Ghilarza, Laconi, Morgongiori, Norbello, Nughedu Santa Vittoria, Paulilatino, Samugheo, Scano Montiferro, Sedilo, Tresnuraghes e Ula Tirso Arborea Fiera del cavallo Fiera mercato del cavallo Ad Arborea c'è l'lnfiorata I sapori del Sinis Sagra dei legumi Giornata della fragola Fiera di San Marco Pariglie palmaresi Sagra degli asparagi Raduno regionale carri allegorici "Cursa de sa loriga" Sagra degli agrumi A Ollastra "sa pasta sciuetta" "Su Marrulleri" Corse a "sa pudda" Ad Ollastra c'è "Arracugnu" "Sa carrela 'e nanti" Il carnevale Due Giare Paulilatino e "Sos corraios" Sa Sartiglia A Ghilarza "Su Carruzu" Cantigos in carrela Rassegna "A Maimone" Sagra della zippola Il falò di Sant'Antonio La Befana ad Arborea [ SWOT ANALlSYS - STL OGLIASTRA Il territorio della nuova provincia dell'ogliastra consta di 23 comuni con un'estensione di Ha, di cui otto comuni ricadenti in area montana che costituiscono il 63,9% del territorio. Un territorio caratterizzato per la sua notevole diversità e la coesistenza di ambienti ed habitat unici. L'ogliastra è un susseguirsi di scenari e paesaggi mozzafiato che si presentano all'occhio del visitatori in una sequenza continua. Si spazia dalle coste solari, sgargianti di colori che si fondono con il colore verde mare delle acque cristalline. La stessa costa si presenta variegata e consente di dare un'offerta di utilizzo diversissima ed ampissima (si va dalla sabbia finissima di Orri-Tortoll, ai piccoli ciottoli di Cardedu, a quella sassosa di Santa Maria Navarrese e delle cale successive). A colori e fondali unici nel loro genere si contrappone una costa talvolta alta che introduce la vicinanza della collina e montagna in una sorta di unico monumento naturale. Una forte caratterizzazione è proprio rappresentata da questo binomio mare-montagna che può esistestere perchè già naturalmente presente. Quindi l'operatività turistica non adrà e dovrà far altro che valorizzare questa potenzialità già intrinseca del territorio. Anche la collina ha le sue suggestioni grazie alla presenza di massicci calcarei o di porfido rosso interposti da ampie zone di macchia mediterranea. Sino ad arrivare alla vera montagna con la presenza di boschi con essenze durevoli e di imponenti dimensioni (Boschi di Villagrande, Arzana, Montarbu, Selene e Gennargentu. ). Ma come non ricordare i tanti monumenti naturali che disegnano percorsi ed itinerari davvero suggestivi ed accattivanti ricchi di insediamenti Nuragici ed archeologici in genere. In questo territorio moito variegato oggi trovano ancora condizione di vita e sussistenza antiche attività agricole come la Pastorizia, l'allevamento e la coltivazione che danno origine a produzioni tipiche come i 19

20 formaggi, i vini, insaccati ed altro che contribuiscono ad alimentare ulteriormente questo scenario davvero unico e meritevoie di integrazione. Come noto il territorio, elemento costitutivo di uno stato, è il bene primario della popolazione che su di esso vive nel tempo e utilizza e conserva proiettandolo nel tempo l'insieme delle risorse che quel territorio mette a sua disposizione. La popoiazione pertanto diventa pertanto soggetto attivo della gestione di quel territorio e titolare del diritto dovere di conservarlo pur utilizzandolo per trasferirlo alle generazioni future. La sostenibilità quindi dello sviluppo è affidaìa alla responsabilit3' della popolazione la cui partecipazione nèllo stesso sviluppo deve uniformarsi costantemente al principio di sussidarietà opportunamente richiamato anche a livello europeo. Punti di forza o Il territorio di competenza presenta punti di forza e punti di debolezza. Tra i primi sono da annoverare da un lato la linea costiera di particolare ed attrattiva bellezza con le sue spiàgge e le sue scogliere con servizi generali e specifici di fruizione anche se necessitanti di interventi per renderli rispondenti alle esigenze del mercato ed anche la bellezza diversificata delle risorse naturali che dal mare giungono attraverso paesaggi di indiscutibile bellezza sino a punta la Marmora. Ma non solo perchè ad essi vano aggiunti quegli elementi di tradizioni culturali e sociali che fanno dei centri sparsi nei territorio monumenti alla storia al presente ed anche al futuro. Ne sono testimonianza i percorsi indicati nel piano che sottolineano un passato affidato a monumenti archeologici unici e al presente ancora capace di esprimere il proprio passato con il proprio folklore, l'artigianato ed i suoi miti. Le caratteristiche della vita della società che vive nel territorio completano gli aspetti di forza dell'insieme o In tale visione si collocano da un lato le sagre e i riti religiosi e dall'altro l'attività che dalla coltivazione della terra e dall'esercizio della pastorizia si trasferiscono nelle cantine, negli oleifici El caseifici. Alla base di un enogastronomia unica nel suo genere perchè non ha uguali neanche all'interno della stessa Sardegna. Punti di debolezza o Sono da annoverare le carenze infrastrutturali come quelle del Porto di Arbatax ed Aeroporto e della rete viaria, della segnaletica dei parcheggi e dei trasporti pubblici (quasi inesistenti). Procedere alla correzione di queste difettosità strutturali significa dare alla iniziativa non soltanto risposta alle proprie giuste pretese ma rispetto per la volontà di procedere anche con proprie forze ad un nuovo sviluppo della provincia. o Sulla parte interna le negatività sono quelle afferenti ancora alle comunicazioni ed alla necessità di interventi pubblici per colmare gravissime lacune nelle comunicazioni e nella segnaletica non soltanto stradale ma anche legata ai percorsi archeologici naturalistici etc.. o La più grave lacuna ripetutamente sollevata è il visibile monumento costituito da una strada super veloce ormai completata anche negli svincoli e che da anni attende di essere completata ed aperta. o Scarsa propensione alla cooperazione e scarsa diffusione di una cultura manageriale dell'offerta; scarsa diffusione di iniziative di internazionalizzazione; o scarsa conoscenza e valorizzazione delle unicità presenti sul territorio (paesaggistiche storiche, artistiche) e scarso raccordo tra tutela del patrimonio e pianificazione dello sviluppo locale; o distribuzione disomogenea delle strutture ricettive e di servizio (minore offerta nelle zone interne rispetto alla costa); o forte stagionalizzazione dei flussi turistici determinata da una prevalenza del prodotto marino-balneare nei soli mesi estivi, con scarso collegamento con le aitre attività artistico-culturali che si svolgono nel resto del territorio; o servizi di trasporto insufficienti, costi di collegamento elevati e difficoltà della mobilità interna: la collocazione dei siti culturali si rileva prevalentemente nelle aree interne lontane dalle direttrici del traffico turistico; o carenze nello standard dei servizi (strutture, attrezzature, personale, barriere linguistiche); o insufficiente promozione delle manifestazioni culturali che possono ambire per qualità a una più ampia platea; Opportunità o La principaie opportunità della nuova offerta è la sua concezione come insieme che corre dal blu del mare al verde delle montagne, si tratta di un'opportunità da far risaltare con le azioni che si propongono e che creano nel contempo le condizioni per un costante miglioramento della qualità dell'insieme. C'è una grande opportunità che è quella suggerita dai turisti che sino ad oggi hanno visitato l'ogliastra e che continuano a giungere nella stessa per ritrovare quanto le peculiarità del territorio offrono al soddisfacimento delle attese del consumatore Turista. o elevare il livello di qualificazione degli addetti del settore turistico; o esistenza di una domanda multitarget, differenziata ed integrata; 20

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015!

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA L'Archeotour, giunto quest'anno alla sua XI edizione, è un'iniziativa del Rotary Club Cagliari per far conoscere

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

I rapporto sul turismo attivo in Sardegna

I rapporto sul turismo attivo in Sardegna Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione I rapporto sul turismo attivo in Sardegna Le potenzialità dell altra stagione Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione 1 Il turismo attivo in

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

www.mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma Tel 0342-615355 e-mail dottirinzoni@mt-consulting.it

www.mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma Tel 0342-615355 e-mail dottirinzoni@mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma I PROMOTORI I promotori del progetto DAT COMUNE DI MORBEGNO ENTE CAPOFILA TRAONA DAZIO- CIVO MELLO CERCINO COSIO VALTELLINO - MANTELLO ROGOLO - VALMASINO

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

12 - APQ Beni Culturali

12 - APQ Beni Culturali 12 - APQ Beni Culturali Assessorato Pubblica Istruzione Schede di sintesi per intervento al 31 dicembre 2006 Cagliari, febbraio 2007 12 - Beni Culturali Indice Pag. Intervento 1 APQ Originario 1 1 - SarBC-SF1

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

Magica Sardegna dal blu del mare al Gennargentu 19-27 Settembre 2015-9 giorni / 8 notti

Magica Sardegna dal blu del mare al Gennargentu 19-27 Settembre 2015-9 giorni / 8 notti Club Alpino Italiano Sezione di Valenza Davide e Luigi Guerci Magica Sardegna dal blu del mare al Gennargentu 19-27 Settembre 2015-9 giorni / 8 notti Sabato 19 settembre 2015 Viaggio andata Ritrovo dei

Dettagli

Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia. Il disciplinare della rete Enogastronomia

Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia. Il disciplinare della rete Enogastronomia Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia Il disciplinare della rete Enogastronomia marzo 2004 A. Le premesse L Azienda di Promozione Turistica della Provincia di Palermo

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE».

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE». Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

ORGANIZZA Corsa podistica non competitiva su strada di km. 6.

ORGANIZZA Corsa podistica non competitiva su strada di km. 6. ASSOCIAZIONE MEZZAMARATONA DEL GIUDICATO DI ORISTANO REGOLAMENTO CORSA PODISTICA NON COMPETITIVA SU STRADA L Associazione MEZZAMARATONA DEL GIUDICATO DI ORISTANO, con il patrocinio del Comune e della Provincia

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI BUSACHI 2) Codice di accreditamento: NZ04071 3) Albo e classe di iscrizione: R 20

Dettagli

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Gli eventi organizzati in provincia di Trento che hanno al loro centro una proposta enogastronomica sono, nell arco dell anno, numerosi.

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

SISTEMA TURISTICO RIVIERA DEL GARDA

SISTEMA TURISTICO RIVIERA DEL GARDA (art. 4 legge regionale n. 15/2007 Testo unico delle leggi regionali in materia di turismo ) PARTE A DOCUMENTO STRATEGICO 1 AGENZIA TERRITORIALE PER IL TURISMO : Redazione a cura di: dott.ssa Lia Guinta

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 08 AGOSTO 2014

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 08 AGOSTO 2014 LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 08 AGOSTO 2014 RICONOSCIMENTO E COSTITUZIONE DEI DISTRETTI RURALI, DEI DISTRETTI AGROALIMENTARI DI QUALITÀ E DEI DISTRETTI DI FILIERA IL CONSIGLIO REGIONALE Ha approvato IL PRESIDENTE

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Svolgimento a cura di Fabio Ferriello e Stefano Rascioni Pag. 1 a 6

Svolgimento a cura di Fabio Ferriello e Stefano Rascioni Pag. 1 a 6 Svolgimento a cura di Fabio Ferriello e Stefano Rascioni Pag. 1 a 6 Esame di Stato 2015 Istituto Professionale - Settore servizi Indirizzo Servizi per l enogastronomia e l ospitalità alberghiera Articolazione

Dettagli

CONTRATTI di FIUME e di LAGO

CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO DGR n 16-2610 del

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

Spiegami e dimenticherò, mostrami e

Spiegami e dimenticherò, mostrami e PROGETTO Siracusa e Noto anche in lingua dei segni Spiegami e dimenticherò, mostrami e ricorderò, coinvolgimi e comprenderò. (Proverbio cinese) Relatrice: Prof.ssa Bernadette LO BIANCO Project Manager

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA Tagung der Alpenkonferenz Réunion de la Conférence alpine Sessione della Conferenza delle Alpi Zasedanje Alpske konference XIII TOP / POJ / ODG / TDR B4b IT OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA 1 ACXIII_B4b_1_it

Dettagli

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Botteghe artigiane. Partic. da Ambrogio Lorenzetti, Effetti del buon governo nella città Palazzo Pubblico,

Dettagli

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto COORDINAMENTO Regione VENETO LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto 1 1) CONTESTO ISTITUZIONALE, RIFORME E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La governabilità del sistema Paese, la sua

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

I Turisti in Campania Comportamento di Consumo e Soddisfazione Percepita

I Turisti in Campania Comportamento di Consumo e Soddisfazione Percepita I Turisti in Campania Comportamento di Consumo e Soddisfazione Percepita (maggio 2008) Codice Prodotto- OSPS10-R03-D01 Copyright 2008 Osservatorio del Turismo della Campania Tutti i diritti riservati Osservatorio

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

ENTE BILATERALE TURISMO TOSCANO ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA 2010

ENTE BILATERALE TURISMO TOSCANO ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA 2010 ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA 2010 INDICE Introduzione pag. 3 Il campione di indagine. pag. 4 L'indagine: ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA. EVOLUZIONE,

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 documento redatto sulla base del questionario CIO Candidature Acceptance Procedure Games of the XXXI Olympiad 2016 PREMESSA ESTRATTO

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

LE RETI DI ATTORI LOCALI VALORE AGGIUNTO PER UN TERRITORIO TURISTICO

LE RETI DI ATTORI LOCALI VALORE AGGIUNTO PER UN TERRITORIO TURISTICO Esperienze di turismo in ambiente alpino Saint Marcel 12 13 giugno 2010 Luigi CORTESE LE RETI DI ATTORI LOCALI VALORE AGGIUNTO PER UN TERRITORIO TURISTICO Rete o sistema? Il concetto di rete è usato spesso

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli