Marketing - Unità Didattica 03 Le decisioni strategiche di distribuzione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Marketing - Unità Didattica 03 Le decisioni strategiche di distribuzione"

Transcript

1 LA DISTRIBUZIONE Il sistema distributivo raresenta un gruo di soggetti he intervengono nel roesso di sambio. Tale roesso è di natura onorrenziale e revede la reazione di un valore aggiunto, er il distributore e er il onsumatore, he si svilua attraverso la reazione di ondizioni di sambio artiolari in termini di luogo, temo e modo. L imresa distributiva rea e vende un servizio he è l esressione di una funzione seifia, o bisogno, dell imresa di roduzione e/o del onsumatore. Tali funzioni sono raresentate da: trasorto, frazionamento, magazzinaggio, assortimento, ontatto, informazione, romozione. In questo modo le imrese he arteiano all attività distributiva riduono le disarità tra ondizioni dell'offerta e della domanda di beni e servizi oordinando flussi di rodottiservizi-informazioni (diritto di rorietà, ossesso fisio, trasferimento dei rishi, gestione stok, e.). U.D.03: Le deisioni strategihe di distribuzione diaositiva #1 La distribuzione Il anale di marketing È una rete organizzata di agenti ed istituzioni attivi nel ollegamento tra roduttore e onsumatore er la realizzazione delle attività di marketing Inlude le imrese di intermediazione e le imrese di suorto Svolge attività di marketing relative a: Possesso fisio Finanziamento Prorietà Assunzione di rishio Promozione estione ordini Negoziazione estione agamento Svolge funzioni di Selezione/assortimento Contatto Informazione Trasorto Magazzinaggio Frazionamento Il resente materiale didattio a suorto delle attività assoiate al Corso di è di eslusiva rorietà degli autori e dell Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. ed il oyright è rotetto dalle 1/24

2 FUNZIONE DELI INTERMEDIARI Il motivo he rende lausibile l intervento di un intermediario negli sambi tra roduttore e onsumatori risiede nella ossibilità di gestire l attività distributiva sfruttando una maggiore aaità di seializzazione. Ciò onsente maggiore effiienza e minori osti risetto al roduttore. L imresa di distribuzione aquisise quindi ometitività nei onfronti dei roduttori erhé è in grado di realizzare: - Moltiliazione dei ontatti (assumendo lo stesso numero di roduttori e onsumatori, un sistema on intermediari è iù effiiente erhé onsente una riduzione del numero delle transazioni neessarie er soddisfare l inontro tra domanda e offerta; il sistema di sambi osi realizzato è quindi iù eonomio) - Eonomie di sala (i osti he l intermediario sostiene nell eserizio delle sue funzioni ossono essere riartiti su un volume di transazioni sueriore risetto al roduttore; i osti inidono quindi in misura, roorzionalmente, minore all aumentare del volume di attività) - Riduzione delle disarità di funzionamento (attraverso le funzioni di stoaggio e frazionamento l intermediario è in grado di equilibrare il volume offerto, tiiamente di grandi dimensioni, on quello domandato he ha invee dimensioni molto iù iole.) - Assortimento migliore (l intermediario non ha vinoli tenii/tenologii di roduzione. Essendo libero di omorre la roria gamma di rodotto, utilizzando l offerta di iù roduttori, è in grado di realizzare una varietà di gamma iuttosto amia) - Servizio migliore (intermediario è iù viino, sia in senso saziale he temorale, al roduttore e al onsumatore; ha quindi un aesso diretto alle fonti informative ed eriò in grado di reagire raidamente agli adattamenti neessari) U.D.03: Le deisioni strategihe di distribuzione diaositiva #2 Funzione degli intermediari li intermediari ermettono: Moltiliazione dei ontatti Eonomia di sala Minore disarità di funzionamento Assortimento migliore Servizio migliore i Il resente materiale didattio a suorto delle attività assoiate al Corso di è di eslusiva rorietà degli autori e dell Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. ed il oyright è rotetto dalle 2/24

3 ALCUNE CONSIDERAZIONI STRUTTURALI U.D.03: Le deisioni strategihe di distribuzione diaositiva #3 Alune onsiderazioni strutturali Una rete distributiva uò essere omosta da differenti tii di intermediari ognuno dei quali svilua un insieme artiolare di funzioni. Il grossista oera in osizione intermedia tra a il roduttore e un altro intermediario; aquisisono la rorietà del rodotto he immagazzinano riomonendo una gamma di rodotti omlementari tra loroattraverso un roesso di frazionamento delle quantità. Il dettagliante indiendente oera, analogamente al grossista, aquisendo la rorietà del rodotto. La gamma offerta raresenta un assortimento limitato. In genere è oo amia e iuttosto rofonda se onfrontata on quella del grossista. Da un unto di vista gestionale si distingue tra self-servie (in ui il vantaggio ometitivo è raresentato dal raorto rezzo effiienza) e servizio omleto (la gamma offerta è rofonda, i rodotti eslusivi e viene urata l immagine del unto vendita) Esistono diversi tii di intermediari ai quali fanno ao diverse funzioni: rossisti: intermediari he vendono sorattutto ad altri rivenditori Dettaglianti indiendenti: vendono beni e servizi direttamente ai onsumatori. Il guadagno è raresentato dal margine tra rezzo di aquisto e vendita. Distribuzione integrata: grande magazzino, negozi on suursali, magazzini oolari, suermerati [assortimenti onentrati su artioli iù rihiesti, rezzi ontenuti, margine ridotto, olitia romozionale, eonomie di sala, buone ondizioni di agamento] Hard disounter: rezzi ontenuti, omressione dei osti e riduzione del servizio; suerfii di vendita ridotte, numero di rodotti limitato, e. Agenti e mediatori: intermediari he trattano la vendita o l'aquisto er onto di un mandante. uadagno raresentato dalla rovvigione Soietà di servizi: assistono le imrese nelle funzioni di distribuzione he esulano da quelle di aquisto e di vendita D.I. D.I. D.I. D. integrata rui d aquisto (Conad); Catena (unione) volontaria (Crai); Elemento distintivo è la rorietà del unto vendita Cooerative al onsumo (Coo) Il resente materiale didattio a suorto delle attività assoiate al Corso di è di eslusiva rorietà degli autori e dell Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. ed il oyright è rotetto dalle 3/24

4 IL PROCESSO PRODUTTIVO DELLA DISTRIBUZIONE Il roesso roduttivo della distribuzione avviene, analogamente a quanto aade nel roesso roduttivo dell industria, a seguito della trasformazione eonomia oerata. Se, nell ambito roduttivo, tale trasformazione si realizza ombinando asetti fisio-tenii dei rodotti fisii, nella distribuzione iò si svilua ombinando asetti tangibili di rodotto on gli elementi intangibili del rodotto. La trasformazione è dunque di natura eonomia e anorata sui aratteri intangibili del servizio. La struttura vertiale del anale di distribuzione (n di livelli) viene definita ome anale diretto, se gli intermediari sono omletamente assenti, e anale indiretto se i sono intermediari (grossisti e/o dettaglianti) he assumono la rorietà del bene. Per i beni di onsumo i anali di distribuzione sono indiretti e generalmente di tio lungo, ontano ioè la resenza di tutti gli intermediari della atena distributiva. U.D.03: Le deisioni strategihe di distribuzione diaositiva #4 Il roesso roduttivo della distribuzione Proesso roduttivo Industria: Aquisti trasformazione fisio-tenia vendita Aquisti Proesso roduttivo Distribuzione: ombinazione del rodotto on il servizio ommeriale Trasformazione eonomia vendita Il resente materiale didattio a suorto delle attività assoiate al Corso di è di eslusiva rorietà degli autori e dell Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. ed il oyright è rotetto dalle 4/24

5 LA FORMA DISTRIBUTIVA U.D.03: Le deisioni strategihe di distribuzione diaositiva #5 La forma distributiva Il rodotto delle aziende ommeriali è l esressione del servizio, o insieme di servizi, offerto ommeriale. La ombinazioni di attributi elementari diversi del servizio onsente la reazione di diverse tiologie di offerta ovvero diversi rodotti distributivi ovvero diverse forme distributive La ombinazione degli attributi elementari del servizio orta ad identifiare diverse alternative d aquisto he ermettono al onsumatore di segliere tra le modalità di arovvigionamento he meglio orrisondono alle sue aratteristihe ed ai suoi bisogni. Prodotto delle aziende ommeriali definita dalle diverse ombinazioni di servizi elementari e di una erta tenologia roduttiva ognuna raresenta un alternativa di aquisto er il merato Il onsumatore he si rivolge alle diverse forme distributive uò anhe essere lo stesso; iò he ambia è il suo fabbisogno sul iano dei servizi ommeriali e delle oasioni d'uso. Rivalità distributiva diretta solo intra-format di rezzo e di rodotto Integrazione degli aquisti vs onentrazione degli aquisti Sostituibilità invee inter-format lo stesso onsumatore uò alternare i suoi rifornimenti resso diverse forme distributive. Il resente materiale didattio a suorto delle attività assoiate al Corso di è di eslusiva rorietà degli autori e dell Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. ed il oyright è rotetto dalle 5/24

6 DIFFERENZIARE LA FORMA DISTRIBUTIVA li attributi aratteristii he omongono un servizio ommeriale sono moltelii e ogni loro differente ri-omosizione onsente di identifiare una reisa selta strategia di offerta al onsumatore Al ari di quanto avviene on il rodotto fisio anhe il servizio viene onsiderato ome un aniere di attributi. Se la funzione di base, vale a dire il nuleo entrale del servizio è ostante, le diverse ombinazioni degli attributi neessari ed aessori onsentono di differenziare il servizio. La differenziazione del servizio raresenta dunque la base er la reazione di una amia varietà di forme distributive U.D.03: Le deisioni strategihe di distribuzione diaositiva #6 Differenziare la forma distributiva I riniali elementi di differenziazione sono: 1. dimensione della suerfiie di vendita; 2. struttura degli assortimenti; 3. loalizzazione; 4. intensità quanti-qualitativa del fattore lavoro; 5. orari di aertura; 6. olitia di merato; 7. tenologie adottate; 8. livello dei margini eonomii ottenuti. Dal diverso modo in ui vengono ombinati insieme questi elementi saturisono le varie forme distributive Il resente materiale didattio a suorto delle attività assoiate al Corso di è di eslusiva rorietà degli autori e dell Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. ed il oyright è rotetto dalle 6/24

7 ALC UNI ESEMPI U.D.03: Le deisioni strategihe di distribuzione diaositiva #7 Aluni esemi Negozio tradizionale Negozio seializzato Suerette o minimerato Suermerato Iermerato Centro ommeriale Su. vendita < 200 mq. Vendita al bano o a self servie arziale. Assortimento deseializzato e oo rofondo. Foalizzazione offerta su di un segmento seifio di onsumatori. seializzazione: dell assortimento; del servizio; del segmento. Assortimento seializzato; oo amio ma molto rofondo; vendita assistita; elevato livello qualitativo del servizio offerto; amia gamma di servizi aessori su vendita mq. assortimento relativamente amio, num. ridotto di referenze di mara ad alta rotazione ( ); tenia di vendita mista; Adattabilità alle seifiità loali; Conveniene Store su vendita mq; vasto assortimento di rodotti food e non food; libero servizio on banhi assistiti; servizio di rossimità; ioli suermerati servizio (viinato, freshi, amiezza assortimentale); suermerati integrati ometono on i ioli iermerati (amliamento non food) suerfiie di vendita sueriore a mq.; suerfiie monoiano er favorire la rogettazione, l aesso, i rifornimenti, la irolazione della lientela; Self servie integrato da rearti assistiti; Assortimento molto amio ma relativamente rofondo.; Moderne tenologie informatihe er ontenere i osti e migliorare il servizio al onsumatore; arheggio amio; orario di vendita rolungato. Non è una FD vera e roria ma l aggregazione saziale di diverse F.D.; iermerato + galleria on vari dv; Assortimenti iù omleti; estione unitaria (omuniazione e marketing entralizzato); Infrastrutture e servizi omuni ontinua Il resente materiale didattio a suorto delle attività assoiate al Corso di è di eslusiva rorietà degli autori e dell Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. ed il oyright è rotetto dalle 7/24

8 ALC UNI ESEMPI Disount Warehouse lub rande magazzino Magazzino oolare U.D.03: Le deisioni strategihe di distribuzione diaositiva #8 randi Suerfii seializzate Aluni Aluni esemi unto vendita he offre solo rimi rezzi grazie all azione sulle tre omonenti della atena del valore distributivo: ontenuto, ontesto, infrastruttura; Eonomie di ontenuto (assort.to oo amio e oo rofondo; ohe entinaia di referenze di groery onfezionato: ; Assenza di marhe leader e deeribili; Prevalenza di referenze a marhio ommeriale; Riduzione al minimo dei servizi offerti alla lientela. Eonomie di ontesto: Ambiente di vendita essenziale; Struttura e asetto molto overi; Irrilevanza del merhandising; multifunzionalità del ersonale Eonomie di infrastruttura:contenimento dei osti di unto vendita e logistii; Suerfiie di vendita limitata ( mq); investimenti in dv e attrezzature ontenuti; Trasferimento di omiti logistii all industria Su mq e oltre; Tenia di vendita simile agli hard disount; Assortimento di 3500/4000 referenze on rodotti di mara e non; Oera sia nel groery he nel non groery ; Si basa sulla formula della membershi (lub); Molto sviluato nel Nord Ameria vende nello stesso loale, normalmente su iù iani, diverse ategorie di rodotti non alimentari raggruati in rearti. Ogni rearto ostituise un negozio seializzato: assortimento multiseializzato sho in the sho ; self servie assistito; Eventuale resenza di un rearto alimentare. Loalizzazione urbana: entri storii. si distingue dal grande magazzino er: livello di rezzo molto basso; inferiore qualità dei rodotti; assortimento deseializzato Singola ategoria mereologia: Non-food (fai da te, arredo asa, artioli sortivi, informatia, e.); suerfiie sueriore ai 400 mq; libero servizio; logihe di gestione ed aquisto tiihe della.d.o. Il resente materiale didattio a suorto delle attività assoiate al Corso di è di eslusiva rorietà degli autori e dell Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. ed il oyright è rotetto dalle 8/24

9 LA C ONC ORRENZA NEL C ANALE Esistono diversi tii di relazioni onorrenziali tra i distributori. La onorrenza orizzontale si svilua tra intermediari dello stesso tio he oerano allo stesso livello nel anale distributivo. La onorrenza orizzontale inter-tio, invee, si svilua tra intermediari dello stesso tio he, adottando formule di vendita differenziate, ometono in revalenza sulla base degli assortimenti e del livello dei rezzi. La onorrenza vertiale si svilua tra intermediari osti a livelli diversi del anale distributivo he hanno internalizzato alune delle funzioni svolte in origine da altri intermediari osti a monte o a valle risetto la loro osizione nel anale. La onorrenza vertiale tra reti di distribuzione si svilua tra anali distributivi molto diversi (anale tradizionale, vendite er orrisondenza, e-ommere) U.D.03: Le deisioni strategihe di distribuzione diaositiva #9 Conorrenza Orizzontale Conorrenza Orizzontale Intertio Conorrenza vertiale F D La onorrenza nel anale D D Intra format D D Inter format Conorrenza vertiale tra reti distributive F D F D Il resente materiale didattio a suorto delle attività assoiate al Corso di è di eslusiva rorietà degli autori e dell Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. ed il oyright è rotetto dalle 9/24

10 CRITERI PER LA SCELTA DI UNA RETE DI DISTRIBUZIONE La artiolare onfigurazione di una struttura distributiva diende da una serie di aratteristihe rorie del merato, del rodotto e dell imresa roduttrie. La dimensione del merato è, ovviamente, una delle determinanti riniali della struttura distributiva. Un elevato numero di otenziali aquirenti disloati su un area geografia iù o meno vasta he aquistano iole quantità sono di er sé suffiiente a giustifiare l esistenza di intermediari. I rodotti deeribili e quelli he neessitano di assistenza re e ost vendita, ad esemio, rihiedono, idealmente, anali brevi all interno dei quali realizzare sambi raidi. li asetti rilevanti dell imresa, er la selezione di una rete distributiva, riguardano, in revalenza, le dimensioni aziendali, le risorse finanziarie a disosizione, e l esistenza di una struttura di marketing in grado di gestire le funzioni distributive. U.D.03: Le deisioni strategihe di distribuzione diaositiva #10 Caratteristihe del merato Caratteristihe dei rodotti Caratteristihe dell imresa Criteri er la selta di una rete di distribuzione n. di otenziali aquirenti (dimensione del mkt) Area geografia molto amia Dimensioni degli aquisti Stagionalità della domanda Caratteristihe fisio-tenihe dei rodotti esigenza di servizi re/ost vendita o assistenza all uso amiezza gamma rodotti (roduttore) Dimensioni e risorse finanziarie (roduttore) aaità e ometenze er un mktg rivolto alla distribuzione Il resente materiale didattio a suorto delle attività assoiate al Corso di è di eslusiva rorietà degli autori e dell Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. ed il oyright è rotetto dalle 10/24

11 TPOLOIE DEI PRODOTTI DI CONSUMO U.D.03: Le deisioni strategihe di distribuzione diaositiva #11 Tiologie dei rodotti di onsumo Nel merato dei beni di onsumo si è soliti oerare una distinzione in base ai omortamenti d aquisto he imliano differenti livelli di omlessità nel roesso deisionale. Per rodotti di aquisto orrente lo sforzo ognitivo rihiesto è ontenuto; il roesso deisionale avviene seguendo una routine he ha dimostrato, nel orso del temo, di raresentare la risosta adatta er quel bisogno. Nei rodotti ad aquisto ragionato il roesso deisionale si artiola sulla base di una serie di onfronti tra gli attributi ritenuti rilevanti e sulla valutazione delle onseguenze attese. Il omortamento dell individuo sarà di tio selettivo anhe nei onfronti del unto vendita. Anhe er i rodotti eslusivi il roesso deisionale è analitio; in questo aso, tuttavia, non si svilua un intensa attività di onfronto tra rodotti/marhe onorrenti. Il onsumatore è disosto a sendere molto temo nella riera e nella selezione del unto vendita idoneo. Prodotti di aquisto orrente (onveniene) Prodotti ad aquisto ragionato Prodotti eslusivi Prodotti non rierati Prodotti di base (routine) rodotti di imulso (non remeditati) rodotti di urgenza (bisogno) Rishio ereito medio roblem solving aquisto omarativo Elevato oinvolgimento attenta riera del rodotto Interesse oasionale del omratore Max oertura del merato intensiva Relativa oertura del merato selettiva Bassa oertura del merato Selettiva - eslusiva Bassa oertura del merato Selettiva anale diretto Il resente materiale didattio a suorto delle attività assoiate al Corso di è di eslusiva rorietà degli autori e dell Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. ed il oyright è rotetto dalle 11/24

12 STRATEIE DI COPERTURA DEL MERCATO: INTENSIVA; SELETTIVA; ESCLUSIVA Esistono diverse ossibili strategie di oertura del merato: intensiva, selettiva, eslusiva. Distribuzione intensiva: l'imresa era di reare il maggior numero ossibile di unti di vendita. Massimizza la disonibilità del rodotto e fornise un'elevata quota di merato grazie all'elevata esosizione. Può originare un aumento del osto di distribuzione e onseguente rishio di redditività, erdita del ontrollo della olitia di ommerializzazione, inomatibilità on la salvaguardia di un'immagine di mara Distribuzione selettiva: il roduttore seleziona un numero di intermediari inferiore a quelli disonibili. Riguarda, molto sesso, rodotti ad aquisto ragionato. I riteri di selta iù utilizzati dal roduttore sono le dimensioni del distributore, la qualità del servizio offerto e la ometenza tenia. Il rishio è quello di non assiurare suffiiente oertura del merato. Distribuzione eslusiva e franhising: è un aso estremo di distribuzione selettiva. Su seifihe aree un unio distributore ottiene l eslusiva di vendita er una mara. Consente all imresa di roduzione di differenziare il rorio rodotto on una olitia di qualità o restigio. Il franhising è un sistema di marketing vertiale, uò essere realizzato a differenti livelli del anale distributivo tra roduttore-dettagliante, roduttore-grossista, grossistadettagliante, soietà di servizi-distributore. U.D.03: Le deisioni strategihe di distribuzione diaositiva #12 Strategie di oertura del merato: intensiva; selettiva; eslusiva Distribuzione intensiva: numero di unti vendita molto elevato; molti magazzini intermedi; elevata rionosibilità della mara. Limiti: osti di transazione simili e volumi vendita differenti er singolo P.V. ; erdita di ontrollo; deterioramento immagine di mara. Distribuzione selettiva: numero di intermediari ridotto e funzione delle dimensioni distributore della qualità servizio e della ometenza tenia; intensa ollaborazione tra roduttore e distributore (sese ubbliità, assortimento, magazzino, informazioni). Limiti: oertura insuf.; assortimento esteso; formazione er assistenza re\ost vendita Distribuzione eslusiva: un solo intermediario er zona. Franhising: Limiti: oertura insuf.; assortimento esteso; formazione er assistenza re\ost vendita Il resente materiale didattio a suorto delle attività assoiate al Corso di è di eslusiva rorietà degli autori e dell Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. ed il oyright è rotetto dalle 12/24

13 LA COMUNICAZIONE CON LI INTERMEDIARI U.D.03: Le deisioni strategihe di distribuzione diaositiva #13 La omuniazione on gli intermediari L imresa di roduzione uò sostenere, nei onfronti degli intermediari/distributori, diverse strategie di omuniazione. Strategie ush: onsiste in una olitia rivolta, direttamente, verso gli intermediari er stimolarli a inserire il rodotto nei loro amionari. In questo modo si stimola la ollaborazione volontaria del distributore. E' neessaria l'esistenza di buoni raorti on la distribuzione. Strategie ull: In questo aso la olitia di omuniazione dell imresa e indirizzata direttamente sulla domanda finale. L obiettivo è reare un atteggiamento favorevole verso la mara e far sì he il liente la rihieda al distributore induendolo a tenerla in assortimento. Neessita di mezzi finanziari notevoli in quanto si tratta di un investimento a lungo termine er reare un'immagine di mara e un aitale di notorietà. Strategia mista: data la forte omlementarietà delle due strategie aena desritte le imrese adottano sesso una soluzione mista integrando i due aroi. Strategia Pull Produttore Strategia Push Intermediario/Distributore Strategia Mista Il resente materiale didattio a suorto delle attività assoiate al Corso di è di eslusiva rorietà degli autori e dell Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. ed il oyright è rotetto dalle 13/24

14 STRATEICO DEL DISTRIBUTORE Anhe nelle imrese di distribuzione, al ari di quanto è avvenuto nelle imrese di roduzione, si reano rogressivamente le ondizioni er un diverso aroio strategio al merato. Da un lato si assiste all evoluzione di fattori strutturali ome la diffusione delle olitihe di mara rooste dai roduttori, l affermazione di forme distributive a basso osto (disount), la maggior disonibilità resso i unti vendita di assortimenti ami e oo rofondi, la realizzazione dei servizi aessori alla vendita da arte delle imrese di distribuzione e l affermarsi di sistemi di agamento automatii. Dall altro si rionosono i ambiamenti delle abitudini d aquisto del onsumatore he diventa rogressivamente iù eserto, informato e quindi in grado di valutare le reali ondizioni dello sambio. Ne onsegue la neessità di riensare il onetto di unto vendita he diviene, anh esso, un rodotto-aniere d attributi. C ome tale uò essere ri-desritto attraverso i sui attributi aratteristii servizi neessari e aessori e, i funzione di essi, differenziato U.D.03: Le deisioni strategihe di distribuzione diaositiva #14 Marketing strategio del distributore ruolo assivo anello di ongiunzione tra roduttore e onsumatore Cambia il ruolo della distribuzione: ruolo attivo adattamento dei bisogni del onsumatore rande distribuzione entra nella maturità Fattori strutturali: - Politihe di mara dei roduttori - Sviluo disount - offerta omlessiva indifferenziata - ost-vendita del roduttore - sviluo di sistemi di agamento automatii Cambiano le abitudini d aquisto onsumatore informato su: - raorto rezzo/qualità - valore aggiunto - differenziazione aarente Strategie di differenziazione del distributore attributi di rodotto: viinanza, assortimento, rezzo, servizi, temo, ambiente Il resente materiale didattio a suorto delle attività assoiate al Corso di è di eslusiva rorietà degli autori e dell Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. ed il oyright è rotetto dalle 14/24

15 L INRESSO SUI MERCATI ESTERI U.D.03: Le deisioni strategihe di distribuzione diaositiva #15 L ingresso sui merati esteri Nell'elaborazione di una strategia di sviluo internazionale, l'imresa uò segliere diverse strategie di ingresso sui merati esteri, ognuna delle quali resenta i rori vantaggi e omorta rishi e ambizioni strategihe differenti. L ingresso in un aese estero si realizza attraverso tre strategie L esortazione indiretta è la soluzione meno ostosa e meno rishiosa erhé l imresa non assume nessun imegno diretto. L imresa agise in modo assivo vendendo il rorio servizio a intermediari nazionali o internazionali. L esortazione diretta revede, al ontrario della reedente, la gestione del roesso di internazionalizzazione da arte dell imresa attraverso la ostituzione di una rori organizzazione ommeriale nel aese estero. Assiura risultati di livello sueriore, a fronte di livelli iù elevati di osto, di rishio e di risorse neessarie. L attività di roduzione diretta sui merati esteri risulta essere la selta referenziale quando l amliamento del iruito di distribuzione inide molto sul rezzo di vendita al dettaglio. Ciò onsente, eraltro, osti di roduzione iù onteuti e una maggiore viinanza al onsumatore finale. Può essere realizzata attraverso: - Contratti di fabbriazione: aordo on un roduttore loale er la ommerializzazione del rodotto - Aordi di lienza - Joint venture - Investimento diretto: massimo oinvolgimento Merato nazionale Intermediari nazionali Produttore Esortazione indiretta Produttore Esortazione diretta Produttore Produzione sui merati esteri Intermediari esteri Proria organiz. vendita Produzione diretta Sistema distributivo Sistema distributivo Sistema distributivo Rete diretta Merato estero Consumatore Consumatore Consumatore Il resente materiale didattio a suorto delle attività assoiate al Corso di è di eslusiva rorietà degli autori e dell Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. ed il oyright è rotetto dalle 15/24

CBM a.s. 2012/2013 PROBLEMA DELLE SCORTE

CBM a.s. 2012/2013 PROBLEMA DELLE SCORTE CBM a.s. 212/213 PROBLEMA DELLE SCORTE Chiamiamo SCORTA ogni riserva di materiali presente all interno del sistema produttivo in attesa di essere sottoposto ad un proesso di trasformazione o di distribuzione.

Dettagli

Impianto di pressurizzazione e condizionamento

Impianto di pressurizzazione e condizionamento IMPIANTI E SISTEMI Disense del orso, versione 2014 Caitolo 9 Imianto di ressurizzazione e ondizionamento Caitolo 9 Imianto di ressurizzazione e ondizionamento Queste disense ossono essere liberamente sariate

Dettagli

LE DECISIONI DI DISTRIBUZIONE. (cap. 15)

LE DECISIONI DI DISTRIBUZIONE. (cap. 15) LE DECISIONI DI DISTRIBUZIONE (cap. 15) IL RUOLO ECONOMICO DEI CANALI DI DISTRIBUZIONE Un canale di distribuzione può essere definito come una struttura formata da partner interdipendenti che mettono beni

Dettagli

MARKETING La gestione dei canali distributivi. Marketing - Prof. Giovanni Mattia Roma Tre, Economia

MARKETING La gestione dei canali distributivi. Marketing - Prof. Giovanni Mattia Roma Tre, Economia MARKETING La gestione dei canali distributivi Che cosa è un canale distributivo? E un insieme di imprese il cui compito è trasferire un bene fisico o un servizio dal produttore al consumatore, generando

Dettagli

pdv + p ponendo v T v p

pdv + p ponendo v T v p Nel aso artiolare in i δl sia esresso in fnzione delle oordinate e, è er trasformazione internamente reersibile ari a : δl d laoro di ariazione di olme, essendo d d d esso si ò osì esrimere δl d d onendo

Dettagli

LEGGE 14 NOVEMBRE 1995, N.

LEGGE 14 NOVEMBRE 1995, N. Relazione tenia (riferimento delibera 204/99) PRESUPPOSTI E FONDAMENTI DEL PROVVEDIMENTO PER LA REGOLAZIONE DELLA TARIFFA BASE, DEI PARAMETRI E DEGLI ALTRI ELEMENTI DI RIFERIMENTO PER LA DETERMINAZIONE

Dettagli

Risposta: 2009 2010 Quantità Prezzo ( ) Quantità Prezzo ( ) Automobili 8.000 15.000 6.500 14.500 Biciclette 80.000 195,52 94.

Risposta: 2009 2010 Quantità Prezzo ( ) Quantità Prezzo ( ) Automobili 8.000 15.000 6.500 14.500 Biciclette 80.000 195,52 94. 1. Domanda Si consideri un sistema economico che roduce solo due beni: automobili e biciclette. È noto che nel 009 sono state rodotte 8.000 automobili che sono state venduto al rezzo di 15.000 e 80.000

Dettagli

Primo principio della termodinamica

Primo principio della termodinamica Primo riniio della termodinamia Priniio di equivalenza Due ori a temeratura diversa, in ontatto, raggiungono l'equilibrio termio Durante il ontatto, il "alore" si trasferise dal oro iù aldo al oro iù freddo

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti:

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Faoltà di Arhitettura, Università Roma Tre Contatti: ostanti@uniroma3.it LA MICROECONOMIA LO STUDIO DEL COMPORTAMENTO DEI SINGOLI AGENTI IN UN SISTEMA ECONOMICO Eonomia

Dettagli

CBM a.s. 2012/2013 PROBLEMA DELL UTILE DEL CONSUMATORE CON IL VINCOLO DEL BILANCIO

CBM a.s. 2012/2013 PROBLEMA DELL UTILE DEL CONSUMATORE CON IL VINCOLO DEL BILANCIO CM a.s. /3 PROLEMA DELL TILE DEL CONSMATORE CON IL VINCOLO DEL ILANCIO Il consumatore è colui che acquista beni er destinarli al rorio consumo. Linsieme dei beni che il consumatore acquista rende il nome

Dettagli

Risk Italia. Sondaggio esclusivo I migliori operatori in derivati sul mercato italiano

Risk Italia. Sondaggio esclusivo I migliori operatori in derivati sul mercato italiano MAGGIO 23 www.risk.net Risk Italia CURRENCIES INTEREST RATES EQUITIES COMMODITIES CREDIT Sondaggio eslusivo I migliori oeratori in derivati sul merato italiano L'esordio di Cofiri nel settore dell'investment

Dettagli

Ridefiniamo l Integrazione Verticale

Ridefiniamo l Integrazione Verticale Certifiazioni Ridefiniamo l Integrazione Vertiale Siliio Cristallino Siliio di prima selta garantise la qualità superiore dei prodotti finiti Certifiazioni Internazionali per la Siurezza del Prodotto Oggi

Dettagli

CAP 11: La gestione dei canali distributivi

CAP 11: La gestione dei canali distributivi CAP 11: La gestione dei canali distributivi La gestione dei canali distributivi 1. I canali distributivi 2. I rapporti con gli intermediari La gestione dei canali distributivi 1. I canali distributivi

Dettagli

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 3 Il Mercato

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 3 Il Mercato UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 3 Il Mercato Prof. Gianmaria Martini Modelli ed iotesi Vi sono iù cose, Orazio, tra il cielo e la terra di quelle che

Dettagli

ESCLUSIVO ALLESTIMENTO TRASPORTO DISABILI PER TRAFIC

ESCLUSIVO ALLESTIMENTO TRASPORTO DISABILI PER TRAFIC VERSIONE CON ALU-FLOOR PASSO CORTO E LUNGO Allestimenti olmedo: RICONOSCIBILI A VISTA. ESCLUSIVO ALLESTIMENTO TRASPORTO DISABILI PER TRAFIC TWIN ARM TRAFIC-VIVARO: Non sempre il trasporto disabili, per

Dettagli

SMART CHANGE OR BUSINESS AS USUAL? Posizione ufficiale IFOAM EU sulla riforma della PAC post 2013

SMART CHANGE OR BUSINESS AS USUAL? Posizione ufficiale IFOAM EU sulla riforma della PAC post 2013 SMART CHANGE OR BUSINESS AS USUAL? Posizione uffiiale IFOAM EU sulla riforma della PAC post 2013 E il momento di allineare la Politia Agriola Comune on la domanda forte per ibi di qualità, per un agrioltura

Dettagli

f Le trasformazioni e il trattamento dell aria

f Le trasformazioni e il trattamento dell aria f Le trasformazioni e il trattamento dell aria 1 Generalità Risolvendo il sistema (1) rispetto ad m a si ottiene: () Pertanto, il punto di misela sul diagramma psirometrio è situato sulla ongiungente dei

Dettagli

Comunità virtuali e web 2.0

Comunità virtuali e web 2.0 Comunità virtuali e web 2.0 Obiettivi della lezione Il onsumo oltre la produzione di massa: dalla delega all interazione Le aratteristihe fondamentali delle omunità di onsumatori Ruoli emergenti e ompetenze

Dettagli

LE POLITICHE DI DISTRIBUZIONE

LE POLITICHE DI DISTRIBUZIONE Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia LE POLITICHE DI DISTRIBUZIONE a.a. 2008-2009 Prof. Elisabetta Savelli 1 LE SCELTE FONDAMENTALI 1. lunghezza del canale 2. copertura distributiva

Dettagli

Controllo di Gestione (CdG)

Controllo di Gestione (CdG) Controllo di Gestione (CdG) Controllo di gestione (CdG) Controllo dei risultati a. Condizioni di fattiilità ed effiaia. Elementi. Grado di rigidità d. Potenzialità e. Svantaggi f. Profili istituzionali

Dettagli

MERCATO E FALLIMENTI DEL MERCATO

MERCATO E FALLIMENTI DEL MERCATO Lezione seconda Ricordiamo alcuni quesiti di Teoria ositiva Beni ubblici e meccanismi di decisione olitica Perché la difesa della nazione è fatta dallo stato e non da imrese rivate? in autostrada si aga

Dettagli

Validazione dei metodi microbiologici

Validazione dei metodi microbiologici Istituto Superiore di Sanità Organismo Rionosimento Laboratori SINAL SIT L ACCREDITAMENTO DEI LABORATORI PER LA SICUREZZA ALIMENTARE Roma 5-6 Ottobre 005 Validazione dei metodi mirobiologii Dr. Angelo

Dettagli

MOMENTI E CENTRAGGIO DEL VELIVOLO

MOMENTI E CENTRAGGIO DEL VELIVOLO x 1 x ISTITUZIONI DI INGEGNERIA AEROSAZIALE OENTI E CENTRAGGIO VELIVOLO OENTI E CENTRAGGIO DEL VELIVOLO er il alolo delle prestazioni in volo orizzontale rettilineo ed uniforme, il velivolo può essere

Dettagli

I COSTI DI UNA VALUTA COMUNE

I COSTI DI UNA VALUTA COMUNE I COTI I UNA VALUTA COMUNE Un aese che aderisce a un UNIONE MONETARIA rinuncia ad alcuni strumenti di olitica economica utili a far fronte a eventuali situazioni di squilibrio ❶ manovre del tasso di cambio

Dettagli

Il sistema di contabilità nazionale e la comparazione degli aggregati economici nel tempo e nello spazio

Il sistema di contabilità nazionale e la comparazione degli aggregati economici nel tempo e nello spazio Bruno Bracalente Il sistema di contabilità nazionale e la comarazione degli aggregati economici nel temo e nello sazio Disense er il corso di Statistica Economica Modulo I Università degli Studi di Perugia

Dettagli

SCELTA DEI CANALI DISTRIBUTIVI NEI MERCATI ESTERI

SCELTA DEI CANALI DISTRIBUTIVI NEI MERCATI ESTERI SCELTA DEI CANALI DISTRIBUTIVI NEI MERCATI ESTERI Prof. Fabio Musso Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia fabio.musso@uniurb.it L IMPORTANZA DELLA VARIABILE DISTRIBUTIVA È CRESCENTE, SOPRATTUTTO

Dettagli

Portale dei Medici. Manuale Utente - Medico SIS PRJ032. Progetto APMMG. 1 Interno 2 Pubblico Controllato 3 Pubblico 9 Non Classificato

Portale dei Medici. Manuale Utente - Medico SIS PRJ032. Progetto APMMG. 1 Interno 2 Pubblico Controllato 3 Pubblico 9 Non Classificato SIS PRJ32 Portale dei Medii Manuale Utente - Medio eimedii_medio_prj32_f1.do 1. Riservato 1 SIS PRJ32 Informazioni legali Tutti i diritti sono riservati Questo doumento ontiene informazioni di proprietà

Dettagli

I NUMERI INDICI. Numeri indici indici (misurano il livello di variabilità, concentrazione, dipendenza o interdipendenza, ecc.)

I NUMERI INDICI. Numeri indici indici (misurano il livello di variabilità, concentrazione, dipendenza o interdipendenza, ecc.) NUMER NDC Numeri indici indici (misurano il livello di variabilità, concentrazione, diendenza o interdiendenza, ecc.) si utilizzano er confrontare grandezze nel temo e nello sazio e sono dati dal raorto

Dettagli

Cesena, 10 ICTINABOX

Cesena, 10 ICTINABOX Cesena, 10 ICTINABOX L AZIENDA Olidata S.p.A. è un azienda leader a livello nazionale nel settore dell Information and Communiation Tehnology (ICT). Nata a Cesena (F) nel 1982, si impone subito all attenzione

Dettagli

Il mercato dei beni. Identità reddito-spesa Il consumo L equilibrio Il moltiplicatore L equilibrio come uguaglianza investimento=risparmio

Il mercato dei beni. Identità reddito-spesa Il consumo L equilibrio Il moltiplicatore L equilibrio come uguaglianza investimento=risparmio l merato dei beni dentità reddito-spesa l onsumo L equilibrio l moltipliatore L equilibrio ome uguaglianza investimento=risparmio ntroduzione Cambiamenti nella domanda portano a. Cambiamenti nella produzione,

Dettagli

Modelli di base per la politica economica

Modelli di base per la politica economica Modelli di base per la politia eonomia Capitolo Marella Mulino Modelli di base per la politia eonomia Corso di Politia eonomia a.a. 22-23 Modelli di base per la politia eonomia Capitolo Capitolo Modello

Dettagli

Logistica (mn) 6 CFU Appello del 22 Luglio 2010

Logistica (mn) 6 CFU Appello del 22 Luglio 2010 Logistica (mn) 6 CFU Aello del Luglio 010 NOME: COGNOME: MATR: Avvertenze ed istruzioni: Il comito dura ore e quindici. Non è ermesso lasciare l'aula senza consegnare il comito o ritirarsi. Se dovessero

Dettagli

Termometria e calorimetria

Termometria e calorimetria ermometria e alorimetria Priniio zero della termodinamia: 2 ori, e, a temerature differenti ( < ) osti a ontatto raggiungono l equilibrio termio. Se e sono in equilibrio termio on un terzo oro C allora

Dettagli

Ripasso di microeconomia ECONOMIA E FINANZA PUBBLICA. Teoria del consumatore. Lezione n. 1. Teoria del consumatore. Le preferenze.

Ripasso di microeconomia ECONOMIA E FINANZA PUBBLICA. Teoria del consumatore. Lezione n. 1. Teoria del consumatore. Le preferenze. Università degli Studi di erugia Corso di Laurea Magistrale in Scienze della olitica e dell'mministrazione Lezione n. Riasso di microeconomia CONOMI FINNZ ULIC nza Caruso Le referenze Come i consumatori

Dettagli

Le scelte nella rete di distribuzione. La distribuzione deve rendere disponibile il prodotto nel momento e nel luogo desiderati dal cliente

Le scelte nella rete di distribuzione. La distribuzione deve rendere disponibile il prodotto nel momento e nel luogo desiderati dal cliente Distribuzione Le scelte nella rete di distribuzione La distribuzione deve rendere disponibile il prodotto nel momento e nel luogo desiderati dal cliente Le scelte nella rete di distribuzione Dove vogliamo

Dettagli

La scelta dei canali di entrata. Michela Floris micfloris@unica.it

La scelta dei canali di entrata. Michela Floris micfloris@unica.it La scelta dei canali di entrata Michela Floris micfloris@unica.it Una premessa Individuare il canale che, meglio degli altri può essere efficace per la propria attività nei mercati esteri non è semplice

Dettagli

DISTRIBUZIONE di PROBABILITA. Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che può assumere i

DISTRIBUZIONE di PROBABILITA. Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che può assumere i DISTRIBUZIONE di PROBABILITA Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che uò assumere i valori: ; ;, n al verificarsi degli eventi incomatibili e comlementari: E ; E ;..;

Dettagli

Economia dell'informazione

Economia dell'informazione Economia dell'informazione Disensa 3 Monoolio Martina Gambaro & Andrea Borghesan martina.gambaro@unive.it - borg@unive.it Sommario Monoolio... 1 Massimizzazione del rofitto in monoolio... Monoolio ed elasticità...

Dettagli

CONTROLLO DEglI impianti termici

CONTROLLO DEglI impianti termici CONTROLLO DEglI imianti termii Parte 3 CSIE - Corso di Studi in Ingegneria Elettria CSIEo - Corso di Studi in Ingegneria ElettrONia CSIEn - Corso di Studi in Ingegneria Energetia - Diartimento di Ingegneria

Dettagli

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino IL TRADE MARKETING 1 DEFINIZIONE Il trade marketing è l insieme delle attività che puntano a conoscere, pianificare, organizzare e gestire il processo distributivo in modo da massimizzare la redditività

Dettagli

ICEC Istituto di Certificazione per l area pelle

ICEC Istituto di Certificazione per l area pelle No:marhio_ICEC_r03_ie.do Approved by PRES. ICEC Date: 16.09.2010 Replaes: 02 Page 1 di 10 Regole d uso dei marhi di ertifiazione ICEC INDICE 1. Sopo e ampo di appliazione 1.1 Marhi di Certifiazione ISO

Dettagli

Andrea Scozzari a.a Analisi di sensibilità

Andrea Scozzari a.a Analisi di sensibilità Andrea Sozzari a.a. 2012-2013 Analisi di sensibilità 1 Problema di Massimo in forma generale ma 130 100 1,5 0,3 0,5, 27 21 15 16 0 regione ammissibile 2 Problema di Massimo in forma generale ma 130 100

Dettagli

MISURE DI RESISTENZA CON IL METODO DI CONFRONTO DELLE CADUTE DI TENSIONE

MISURE DI RESISTENZA CON IL METODO DI CONFRONTO DELLE CADUTE DI TENSIONE MISUR DI RSISTNZA CON IL MTODO DI CONFRONTO DLL CADUT DI TNSION 1. Premessa Oggigiorno esistono strumenti ompatti e semplii da utilizzare per la misura di resistenza: gli ohmetri (parte integrante dei

Dettagli

OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE

OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE Fermo, 31 Gennaio 2015 CHE COS E IL MARKETING? Il marketing può intendersi come il complesso di attività che un azienda

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione. Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende

Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione. Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione Marketing MARKETING DEL Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende TURISMO II MODULO STATISTICA ECONOMICA E MARKETING

Dettagli

DIFFERENZIAZIONE. Economia Industriale Università Bicocca

DIFFERENZIAZIONE. Economia Industriale Università Bicocca DIFFERENZIAZIONE Economia Industriale Università Bicocca Contesto e concetti Una delle iotesi che ortano alla traola di Bertrand è che i rodotti siano omogenei Nella realtà, molti rodotti sono differenziati

Dettagli

Applicazione del principio di conservazione dell energia a sistemi aventi un gran numero di particelle.

Applicazione del principio di conservazione dell energia a sistemi aventi un gran numero di particelle. PRIMO PRINCIPIO DLLA RMODINAMICA In una trasformazione adiabatia: In una trasformazione isoora: L In una trasformazione generia: L (7) (Primo riniio della termodinamia) Aliazione del riniio di onservazione

Dettagli

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Accordi verticali e pratiche concordate SVILUPPO PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Il progetto nasce da una valutazione strategica circa l esigenza di approfondire la tematica

Dettagli

Il fido e i finanziamenti bancari

Il fido e i finanziamenti bancari Modulo 7 Il fido e i finanziamenti anari 65 I destinatari del Modulo sono gli studenti he, dopo aver analizzato e appreso le aratteristihe fondamentali dell attività delle aziende di redito, le loro funzioni

Dettagli

PROVE SU UN TRASFORMATORE TRIFASE

PROVE SU UN TRASFORMATORE TRIFASE LOATOIO DI MACCHINE ELETTICHE POVE SU UN TASFOMATOE TIFASE MISUE DI ESISTENZA DEGLI AVVOLGIMENTI POVE SUL TASFOMATOE TIFASE Contenuti Le prove di laboratorio he verranno prese in esame riguardano: la misura

Dettagli

Come cambia la distribuzione in rete

Come cambia la distribuzione in rete E-COMMERCE Come cambia la distribuzione in rete Ruolo degli intermediari commerciali: trasferire prodotti e servizi secondo le modalità preferite dal cliente e al prezzo per lui accessibili CRITICITA DELLA

Dettagli

La funzione Marketing e Vendite

La funzione Marketing e Vendite Lezione 14 La funzione Marketing e Vendite prof. ssa Clara Bassano Corso di Economia e Gestione delle Imprese A.A. 2005-2006 .. una traiettoria evolutiva fase dell orientamento alla produzione D > O (artigianalità

Dettagli

Serializzazione degli imballaggi farmaceutici:

Serializzazione degli imballaggi farmaceutici: Serializzazione degli imballaggi farmaeutii: Valutazione delle tenologie di odifia per la stampa di odii alfanumerii e DataMatrix di alta qualità SERIALIZZAZIONE DEGLI IMBALLAGGI FARMACEUTICI: Valutazione

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ALLEGATO 1 Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Dipartimento per i Trasporti, la Navigazione ed i Sistemi Informativi e Statistii Direzione Generale per il Trasporto Stradale e per l Intermodalità

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. 6. Quadro economico

LA GIUNTA COMUNALE. 6. Quadro economico LA GIUNTA COMUNALE PREMESSO: he on D.G.R. n. 1421 del 5/8/2014 è stato approvato il bando il finanziamento degli interventi di effiientamento energetio delle reti di illuminazione pubblia, da onseguire

Dettagli

LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE DI TRADE MARKETING. Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01

LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE DI TRADE MARKETING. Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01 LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE DI TRADE MARKETING Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01 La configurazione della funzione di Trade Marketing I fenomeni che hanno influito sui processi

Dettagli

Portata Q - è il volume di liquido mosso dalla pompa nell'unità di tempo; l'unità di misura della portata è m 3 /sec (l/s; m 3 /h).

Portata Q - è il volume di liquido mosso dalla pompa nell'unità di tempo; l'unità di misura della portata è m 3 /sec (l/s; m 3 /h). OME ER FLUIDI ALIMENARI Definizione Sono macchine oeratrici oeranti su fluidi incomrimibili in grado di trasformare l energia meccanica disonibile all albero di un motore in energia meccanica del fluido

Dettagli

Capitolo Ventitrè. Offerta nel breve. Offerta dell industria. Offerta di un industria concorrenziale Offerta impresa 1 Offerta impresa 2 p

Capitolo Ventitrè. Offerta nel breve. Offerta dell industria. Offerta di un industria concorrenziale Offerta impresa 1 Offerta impresa 2 p Caitolo Ventitrè Offerta dell industria Offerta dell industria concorrenziale Come si combinano le decisioni di offerta di molte imrese singole in un industria concorrenziale er costituire l offerta di

Dettagli

Le strategie delle banche retail nel mercato del credito al consumo. STEFANO COSMA Università di Modena e Reggio Emilia - CEFIN

Le strategie delle banche retail nel mercato del credito al consumo. STEFANO COSMA Università di Modena e Reggio Emilia - CEFIN Le strategie delle banche retail nel mercato del credito al consumo STEFANO COSMA Università di Modena e Reggio Emilia - CEFIN Agenda 1. Introduzione 2. Il credito al consumo: alcune riflessioni sull evoluzione

Dettagli

Comunità di consumatori e innovazione collaborativa

Comunità di consumatori e innovazione collaborativa Comunità di onsumatori e innovazione ollaborativa Obiettivi della lezione Delineare il passaggio dalla delega fordista al onsumo parteipativo Definire le omunità di onsumatori Individuare l impatto strategio

Dettagli

LAVORO A TEMPO PARZIALE

LAVORO A TEMPO PARZIALE N. 2 a ura del Dipartimento di Diritto del Lavoro e delle Relazioni Industriali avv. Luiano Rahi - avv. Frano Fabris avv. Barbara De Benedetti - avv. Vanessa Perazzolo dott. Matteo Azzurro IN QUESTO NUMERO:

Dettagli

ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE

ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE Dott.ssa Francesca Picciaia Università di Perugia Facoltà di Economia LE FORME AGGREGATIVE NELLE IMPRESE TURISTICHE 2 IL CONTESTO DI RIFERIMENTO Globalizzazione

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Corso di Marketing Industriale Prof. Ferruccio Piazzoni L analisi di competitività dei segmenti I Mktg-L06 SISTEMA DI SORVEGLIANZA DELLA CONCORRENZA

Dettagli

Il trade-off Efficienza Equità. L ottimo paretiano e l ottimo sociale. Quale teoria della giustizia? ECONOMIA E FINANZA PUBBLICA

Il trade-off Efficienza Equità. L ottimo paretiano e l ottimo sociale. Quale teoria della giustizia? ECONOMIA E FINANZA PUBBLICA niversità degli Studi di erugia orso di Laurea Magistrale in Scienze della olitica e dell'mministrazione EONOMI E FINNZ LI Lezione n 7-8 Il trade-off Efficienza Equità L ottimo aretiano e l ottimo sociale

Dettagli

La Strategia di Marketing. Il Marketing operativo. Piano di Marketing scelte di lungo periodo per uno specifico prodotto (o settore)

La Strategia di Marketing. Il Marketing operativo. Piano di Marketing scelte di lungo periodo per uno specifico prodotto (o settore) 6 La Strategia di Marketing Piano di Marketing scelte di lungo periodo per uno specifico prodotto (o settore) Il Marketing operativo Gli adeguamenti di breve periodo 1 La strategia di marketing (o MKTG

Dettagli

PRINCIPIO BASE DEL CONTEGGIO

PRINCIPIO BASE DEL CONTEGGIO Calolo ombinatorio PRINCIPIO BASE DEL CONTEGGIO Se dobbiamo ompiere due esperimenti onseutivi ed il primo esperimento può assumere N risultati diversi e per ognuno di questi il seondo esperimento ne può

Dettagli

4. Reti correttrici e regolatori industriali. 4.1 Regolatori industriali. 4.1.1 Regolatore ad azione proporzionale P

4. Reti correttrici e regolatori industriali. 4.1 Regolatori industriali. 4.1.1 Regolatore ad azione proporzionale P 4. Reti correttrici e regolatori industriali Un sistema di controllo ad anello chiuso deve soddisfare le secifiche assegnate nel dominio della frequenza e quelle assegnate nel dominio del temo. Queste

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

Pressione totale 689 Pa Coefficiente di sicurezza 1,1 Pressione netta 522 Pa Perdita di carico aggiuntiva 115 Pa Filtri ad elevato rendimento

Pressione totale 689 Pa Coefficiente di sicurezza 1,1 Pressione netta 522 Pa Perdita di carico aggiuntiva 115 Pa Filtri ad elevato rendimento I.T.I.S. PININFARINA Via Ponhielli, 16 - Monalieri INTERVENTI DI ADEGUAMENTO FUNZIONALE E NORMATIVO FINANZIATI CON FONDI DEI PATTI TERRITORIALI AREA TORINO SUD Progetto eseutivo IMPIANTI TERMO-FLUIDICI

Dettagli

No se in assenza di intervento si raggiunge una situazione ottimale nel senso di Pareto. Esempio. Lo Stato deve intervenire?

No se in assenza di intervento si raggiunge una situazione ottimale nel senso di Pareto. Esempio. Lo Stato deve intervenire? Lo tato deve intervenire? No se in assenza di intervento si raggiunge una situazione ottimale nel senso di Pareto. ECONOMIA PUBBLICA (8 CFU) (1) Le disfunzioni del mercato come giustificazioni dell intervento

Dettagli

CONCORRENZA PERFETTA E DINAMICA

CONCORRENZA PERFETTA E DINAMICA 1 CONCORRENZA PERFETTA E DINAMICA 1. La caratterizzazione dell'equilibrio di mercato Per caratterizzare un mercato di concorrenza erfetta consideriamo un certo numero di imrese che roducono e offrono tutte

Dettagli

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero Corso di marketing Università di Urbino

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero Corso di marketing Università di Urbino IL TRADE MARKETING 1 DEFINIZIONE Il trade marketing è l insieme delle attività che puntano a conoscere, pianificare, organizzare e gestire il processo distributivo in modo da massimizzare la redditività

Dettagli

Corso di laurea in Economia e Metodi quantitativi per le aziende. Prof Marco Galdenzi

Corso di laurea in Economia e Metodi quantitativi per le aziende. Prof Marco Galdenzi Corso di laurea in Economia e Metodi quantitativi per le aziende Prof Marco Galdenzi Dispensa n 3 Difficilmente un azienda può servire tutti gli acquirenti di un mercato attraverso un offerta indifferenziata

Dettagli

Piano Marketing Operativo esempio

Piano Marketing Operativo esempio Piano Marketing Operativo esempio Il Piano Marketing Operativo è la parte conclusiva del Piano di Marketing: nel Piano Marketing Operativo vengono attuate le Strategie studiate nel Piano Marketing Strategico.

Dettagli

L operatività in titoli e in cambi e i servizi bancari

L operatività in titoli e in cambi e i servizi bancari Moulo 8 L operatività in titoli e in ambi e i servizi banari 7 I estinatari el Moulo sono gli stuenti he, opo aver analizzato e appreso le aratteristihe fonamentali ell attività elle aziene i reito, le

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Corso di Prof Ferruccio Piazzoni ferruccio.piazzoni@unibg.it LE LEVE OPERATIVE di MARKETING: il MARKETING MIX, DOMANDA e QUOTA di MERCATO I Mktg-L08

Dettagli

Unique italian satellite broadband communication technology. broadband communica3on technology

Unique italian satellite broadband communication technology. broadband communica3on technology Unique italian satellite broadband ommuniation tehnology Unique italian satellite broadband ommunia3on tehnology Dislaimer le informazioni ontenute nel presente doumento sono suse2bili di modifihe e/o

Dettagli

PROVA DI LABORATORIO # 5

PROVA DI LABORATORIO # 5 PROVA DI LABORATORIO # 5 DEL 03/11/1998 Corso di Tenia delle Alte Tensioni ANALISI DELLA CURVA DI PASCHEN IN ARIA E IN SF 6. VERIFICHE DI MASSIMA E NUMERICA DI UN CIRCUITO MOLTIPLICATORE DI MARX Si intende

Dettagli

4.3.1. Stato limite di fessurazione.

4.3.1. Stato limite di fessurazione. DM 9/1/1996 4.3.1. Stato limite di fessurazione. 4.3.1. STATO LIMITE DI FESSURAZIONE. 4.3.1.1. Finalità. Per assiurare la funzionalità e la durata delle strutture è neessario: - prefissare uno stato limite

Dettagli

IMPIANTI DI LAVAGGIO A PORTALE IL MODELLO BASIC. EasyWash

IMPIANTI DI LAVAGGIO A PORTALE IL MODELLO BASIC. EasyWash IMPIANTI DI LAVAGGIO A PORTALE IL MODELLO BASIC EasyWash EasyWash il modello ideale er stazioni di servizio e attività di autolavaggio di iccole dimensioni Design: Basic EasyWash disone di tutte le caratteristiche

Dettagli

Page 1. GESTIONE DEI CANALI DI MARKETING, SUPPLY CHAIN MANAGEMENT E DISTRIBUZIONE AL DETTAGLIO (CAP. 16, 17, 18) Unit 11 Slide 11.2.

Page 1. GESTIONE DEI CANALI DI MARKETING, SUPPLY CHAIN MANAGEMENT E DISTRIBUZIONE AL DETTAGLIO (CAP. 16, 17, 18) Unit 11 Slide 11.2. COMUNICAZIONE D IMPRESA Anno Accademico 2014/2015 GESTIONE DEI CANALI DI MARKETING, SUPPLY CHAIN MANAGEMENT E DISTRIBUZIONE AL DETTAGLIO (CAP. 16, 17, 18) Unit 11 Slide 11.2.1 SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ

Dettagli

LE STRATEGIE E LE MODALITA DI INGRESSO

LE STRATEGIE E LE MODALITA DI INGRESSO LE STRATEGIE E LE MODALITA DI INGRESSO Barbara Francioni 1 LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA DELL INTERNAZIONALIZZAZIONE COMMERCIALE Obiettivi Vincoli e risorse disponibili Specifici mercati verso i quali indirizzare

Dettagli

Conosci i tuoi diritti?

Conosci i tuoi diritti? Il Regolamento Dublino e la proedura di asilo in Italia italiano Conos Guida per rihiedenti asilo Progetto ofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per i Rifugiati 2008 2013 P.A. 2010 - Azione 1.A Gente

Dettagli

Compressori e ventilatori. Impianti frigoriferi

Compressori e ventilatori. Impianti frigoriferi Sheda riassuntiva 10 apitolo 13 Compressori e ventilatori. Impianti frigoriferi Compressori e ventilatori I ompressori si possono lassifiare seondo lo shema seguente: Volumetrii alternativi rotativi Dinamii

Dettagli

Valutazione dei consumi globali di energia e delle emissioni di un sistema

Valutazione dei consumi globali di energia e delle emissioni di un sistema ESERCITAZIONE 1 Valutazione dei consumi globali di energia e delle emissioni di un sistema Il sistema a cui faremo generalmente riferimento in questo corso sarà uno stabilimento di azienda manifatturiera,

Dettagli

Il caso delle reti sociali

Il caso delle reti sociali Il caso delle reti sociali Reti Small worlds Scale-free Reti e otere Mircofondamenti delle reti e redizione Reti di diendenza e formazione di coalizioni Piccoli mondi La teoria del mondo iccol: Stanley

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (3)

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (3) Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (3) dott. Matteo Rossi La politica di prezzo Determinare ed amministrare i prezzi assume una rilevanza fondamentale nell elaborazione del programma di

Dettagli

1. Elementi di Calcolo Combinatorio.

1. Elementi di Calcolo Combinatorio. . Elementi di Calolo Combinatorio. Prinipio Base del Conteggio Supponiamo he si devono ompiere due esperimenti. Se l esperimento uno può assumere n risultati possibili, e per ognuno di questi i sono n

Dettagli

Marketing Operativo: Distribuzione

Marketing Operativo: Distribuzione Fondamenti di Marketing Turistico Università degli Studi di Roma Tor Vergata Marketing Operativo: Distribuzione Dott. Mario Liguori Comunicazione Martedì 14 e Mercoledì 15 no lezione 1 Canali distributivi

Dettagli

TradeLab per NON FOOD E GDO DESPECIALIZZATA: I PROCESSI DI INTERFACCIA TRA INDUSTRIA E DISTRIBUZIONE

TradeLab per NON FOOD E GDO DESPECIALIZZATA: I PROCESSI DI INTERFACCIA TRA INDUSTRIA E DISTRIBUZIONE NON FOOD E GDO DESPECIALIZZATA: I PROCESSI DI INTERFACCIA TRA INDUSTRIA E DISTRIBUZIONE Introduzione Il perché della ricerca La presenza di prodotti non alimentari nelle diverse formule della distribuzione

Dettagli

TS150 FISSAGGIO A VISTA CON VITI SU SOTTOSTRUTTURA IN LEGNO

TS150 FISSAGGIO A VISTA CON VITI SU SOTTOSTRUTTURA IN LEGNO TS150 FISSAGGIO A VISTA CON VITI SU SOTTOSTRUTTURA IN LEGNO Questo sistema rappresenta una soluzione onveniente per l installazione dei pannelli Trespa Meteon in un vasto assortimento di dimensioni. I

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento STRATEGIA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE STRATEGIA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE CONOSCENZE La strategia di espansione internazionale rientra nelle strategie corporate di sviluppo

Dettagli

TERMODINAMICA E TERMOFLUIDODINAMICA TRASMISSIONE DEL CALORE PER CONVEZIONE

TERMODINAMICA E TERMOFLUIDODINAMICA TRASMISSIONE DEL CALORE PER CONVEZIONE TERMODINAMICA E TERMOFUIDODINAMICA TRASMISSIONE DE CAORE PER CONVEZIONE h C T Q ( T ) m ( ) ρ = V T V ost T = A T S Trasmissione del alore per onvezione Indie 1. a onvezione termia forzata e naturale 2.

Dettagli

Conosci i tuoi diritti?

Conosci i tuoi diritti? Co nosi Dublino i dublino italiano Il Regolamento Dublino e la proedura di asilo in Italia i i tuoi diritti Guida per rihiedenti asilo Progetto ofinanziato da UNIONE EUrOPEA Fondo Europeo per i Rifugiati

Dettagli

28/02/2011. Renato Agati IL MARKETING. Cos'è il marketing? MARKETING =

28/02/2011. Renato Agati IL MARKETING. Cos'è il marketing? MARKETING = Renato Agati IL MARKETING Cos'è il marketing? MARKETING = tutto ciò che fa mercato 1 IL MARKETING Il Marketing è l'attività che costruisce e regola il rapporto tra l'impresa e il mercato La funzione del

Dettagli

6. CAMPO MAGNETICO ROTANTE.

6. CAMPO MAGNETICO ROTANTE. 6 CAMPO MAGNETICO ROTANTE Il camo magnetico monofase Il funzionamento delle macchine elettriche rotanti alimentate in corrente alternata si basa sul rinciio del camo magnetico rotante: il suo studio viene

Dettagli

Programmazione e controllo

Programmazione e controllo Programmazione e controllo Capitolo 1 L attività di direzione e il sistema di misurazione dei costi Un quadro di riferimento 1.a. I tratti caratteristici dell attività di direzione nelle imprese moderne

Dettagli

N.B. La parte rilevante ai fini del corso di Metodologie Ecologiche è quella riquadrata.

N.B. La parte rilevante ai fini del corso di Metodologie Ecologiche è quella riquadrata. N.B. La arte rilevante ai fini del corso di Metodologie Ecologiche è quella riquadrata. Telerilevamento e modelli matematici Michele Scardi La biomassa fitolanctonica, generalmente esressa come concentrazione

Dettagli

CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING

CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING Dalla fine degli anni 70 la distribuzione commerciale italiana è stata protagonista di un imponente processo di cambiamento

Dettagli

Prof. Giuseppe Lanzo

Prof. Giuseppe Lanzo CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA QUIQUEALE I ARCHITETTURA UE Laboratorio di Costruzioni Modulo di GEOTECICA E FODAZIOI Prof. Giuseppe Lanzo Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotenia Via A. Gramsi

Dettagli