DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE"

Transcript

1 ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO RENZO FRAU - SARNANO Via Aldo Moro, Sarnano (MC) Sede Coordinata di TOLENTINO DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Anno Scolastico MCRI CLASSE 5 a IPTS Produzioni Tessili e S artoriali Documento D del Consiglio di Classe - 5 IPTS Anno Scolastico

2 I N D I C E 1. PRESENTAZIONE DELLA CLASSE PAG SITUAZIONE DELLA CLASSE PAG PROGRAMMAZIONE DEGLI OBIETTIVI PAG PROGRAMMI SVOLTI PAG. 06 Progettazione Tessile Abbigliamento Moda e Costume PAG. 06 Tecniche di Distribuzione e Marketing PAG. 07 Inglese PAG. 10 Matematica PAG. 11 Italiano PAG. 12 Storia PAG. 13 Tecnologie Applicate ai Materiali e ai Processi Produttivi PAG. 15 Laboratorio Tecnologico PAG. 16 Scienze Motorie PAG. 17 Religione PAG PROGETTO FORMATIVO E DI ORIENTAMENTO PAG VALUTAZIONE PAG GRIGLIE DI VALUTAZIONE 1 a e 2 a PROVA D ESAME PAG GRIGLIE DI VALUTAZIONE TERZA PROVA D ESAME E COLLOQUIO PAG TESINE PAG ATTIVITÀ INTEGRATIVE ALLA DIDATTICA SVOLTE NEL BIENNIO POST-QUALIFICA PAG. 32 ALLEGATI 1^ SIMULAZIONE TERZA PROVA ESAME DI STATO ^ SIMULAZIONE TERZA PROVA ESAME DI STATO DOCUMENTO 15 MAGGIO PARTE B 2

3 1. PRESENTAZIONE DELLA CLASSE 1 2 Chanian Priya Fuior Mihaela Anamaria GLI ALUNNI Cognome e nome (in ordine alfabetico) Galan De La Cruz Estefania Lovaglio Giulia Orazi Annalaura Porfiri Giulia Ranzuglia Alessia Ridolfi Francesca Tanoni Ludovica I DOCENTI AREA COMUNE Insegnante Materia Continuità didattica biennio post-qualifica Luciana Mariani 50/A Italiano 4 e 5 anno Luciana Mariani 50/A Storia 4 e 5 anno Laura Cerquetella 346/A Inglese 4 e 5 anno Fabiola Ciottilli 47/A Matematica 5 anno Armando Sontari 17/A Tecniche di Distribuzione 5 anno e Marketing Lucia Ciccarelli 29/A Educazione Fisica 5 anno Valentino Morotti Religione 4 e 5 anno Francesco Maria Falconi Docente Specializzato 4 e 5 anno I DOCENTI AREA PROFESSIONALE Insegnante Materia Continuità didattica biennio post-qualifica Anna Gallina C/07 Laboratorio Tecnologico 4 e 5 anno 3

4 Debora Marziani 70/A Tecnologie Applicate ai Materiali e ai Processi Produttivi Tessili, Abbigliamento 5 anno Nadia Guardati 24/A Progettazione Tessile Abbigliamento Moda e Costume 4 e 5 anno 2. SITUAZIONE DELLA CLASSE SITUAZIONE DI PARTENZA DELLA CLASSE V Il 5 IPTS dell indirizzo Produzioni Tessili e Sartoriali è composto da nove studentesse. La classe evidenzia nel complesso un comportamento non sempre corretto e collaborativo, né disponibile all impegno, sia individuale che di gruppo; fatte salve alcune eccezioni. Alcuni dei problemi che si evidenziano consistono nella difficoltà di colmare le lacune pregresse. All interno del gruppo classe non si è sempre instaurato un clima collaborativo, rispettoso nei confronti dei docenti e dell ambiente scolastico. RISULTATI AL TERMINE DEL V ANNO Al termine del percorso di studio la classe presenta una situazione eterogenea sia in merito alla preparazione culturale generale che a quella delle discipline tecnico-pratiche. In sintesi, alcune studentesse hanno raggiunto un discreto profitto grazie ad uno studio e ad un impegno generalmente adeguati, mentre le lacune pregresse e una saltuaria partecipazione alle attività didattiche hanno impedito ad altre di conseguire un profitto adeguato. La disponibilità e l impegno per le attività extra-scolastiche e professionalizzanti proposte sono stati nel complesso discreti; qualche allieva si è distinta per iniziativa, creatività e versatilità. Il processo educativo programmato è stato costantemente monitorato grazie al dialogo sistematico tra i docenti che, di volta in volta, hanno messo in atto strategie condivise di intervento, fornendo indicazioni mirate sulle modalità più efficaci per affrontare lo studio delle varie discipline. E stato così conseguito sia l obiettivo di agevolare i percorsi di recupero sia di consolidare le competenze delle studentesse in vista dell Esame di Stato. Per la programmazione così come per l elaborazione di criteri e strumenti di valutazione, i Docenti si sono attenuti alle indicazioni emerse nelle riunioni per Dipartimenti e nel Collegio dei Docenti e hanno avuto cura di esplicitarle con chiarezza alle studentesse. Dal punto di vista dell assiduità scolastica, alcune studentesse hanno seguito le lezioni con costanza e interesse, altre invece hanno mostrato una partecipazione discontinua che non ha sempre permesso una preparazione solida e organica. La partecipazione delle famiglie alla vita della scuola non è stata sufficientemente attiva. I genitori non hanno eletto i propri rappresentanti nel Consiglio di Classe e non sono stati quindi presenti agli incontri programmati con gli insegnanti. Obiettivi e finalità stabiliti in sede di programmazione sono stati, nel complesso, raggiunti, pur con esiti differenti, riconducibili all impegno e alle attitudini di ciascuno. 4

5 3. PROGRAMMAZIONE DEGLI OBIETTIVI OBIETTIVI COMUNI Obiettivi educativi socializzazione rispetto delle persone e dell ambiente conoscenza e rispetto del regolamento scolastico partecipazione attiva e responsabile all attività scolastica, con rispetto della puntualità, della disciplina e della precisione saper lavorare individualmente ed in gruppo saper riconoscere situazioni di rischio per sé e per gli altri saper accrescere la propria personalità ed individualità Obiettivi didattici potenziamento del lessico riconoscere termini e concetti chiave prendere appunti in modo chiaro e corretto; studiare in modo autonomo schematizzare problemi e situazioni usando un linguaggio scientifico possedere un metodo di studio personale e proficuo fare collegamenti interdisciplinari usare correttamente manuali scolastici sviluppo di capacità logiche e di sintesi acquisizione di linguaggi specifici possedere con sicurezza le principali tematiche culturali e tecnico scientifiche saper esporre con proprietà, correttezza e coerenza logica sia negli elaborati scritti che nelle comunicazioni orali saper formulare giudizi e valutazioni saper applicare le conoscenze acquisite OBIETTIVI SPECIFICI Area Comune consolidamento ed approfondimento delle capacità comunicative e relazionali in vari ambiti potenziamento delle capacità di deduzione ed induzione potenziamento del ragionamento astratto 5

6 Area di Indirizzo Le competenze professionali sono: disegnare e progettare modelli e grafici per l abbigliamento conoscere le proprietà e le caratteristiche del tessuto realizzare il lavoro in fasi curandone i particolari senza tralasciare la visione di insieme di un prodotto finito conoscere e saper utilizzare i materiali, le attrezzature, i macchinari e i sistemi computerizzati CAD presenti nei laboratori progettare modelli attraverso l impiego di sistemi grafici computerizzati associando tecnologie avanzate all ideazione stilistica, riuscendo a gestire creatività e tecnologia leggere e comprendere l input creativo dello stilista nelle sue diverse forme e componenti tradurre l idea stilistica in possibili linee estetiche di sviluppo del modello definire caratteristiche strutturali del capo campione per garantire le condizioni di realizzazione. 4. PROGRAMMI SVOLTI MATERIA DOCENTE LIBRO DI TESTO ADOTTATO CONTENUTI DISCIPLINARI SVILUPPATI MODULO 1 IL CANONE MODA: IL FIGURINO DONNA, UOMO E BAMBINO MODULO 2 PROGETTAZIONE TESSILE ABBIGL. MODA E COSTUME NADIA GUARDATI Gibellini,Schiavon,Tomasi,Zupo IL PRODOTTO MODA (5 anno) Clitt u.d. 1 Il figurino donna stilizzato: proporzioni, posizioni, inquadrature. Pose classiche e dinamiche. u.d. 2 Il figurino uomo: proporzioni, posizioni, inquadrature. u.d. 3 Il canone di proporzione dei bambini. Pose per bambini. LA u.d.1 La struttura di una collezione di moda; individuazione di un target, ricerca materiali e COLLEZIONE cartella colori. MODA (STREET u.d.2 lo sviluppo del progetto e la presentazione STYLE INGLESE) MODULO 3 u.d. 1 La giacca classica (il blazer) ed il tailleur. IL DISEGNO PER u.d. 2 I Capispalla: classici, sportivi, il trench. L ABBIGLIAMENTO. Progettazione e realizzazione grafico-pittorica di tavole tecniche dei capispalla. LA GIACCA E I CAPISPALLA in plat e su figurino 6

7 MODULO 4 u.d. 1 Analisi storica degli stilisti più significativi dagli anni '10 agli anni GLI STILI, GLI novanta. Le mode giovanili. STILISTI e le mode contemporanee. MODULO 5 u.d. 1 Le stagioni della moda e le sfilate alta moda e pret-à-portere le fiere di settore. IL CALENDARIO DELLA MODA E LE FIERE DI SETTORE MODULO 6 u.d. 1 Input: arte, storia, cultura, natura (materiali ecologici e bio), collezione the Green IL PROGETTO Carpet. MODA u.d. 2 Le tendenze moda:lo sviluppo delle tendenze, i quaderni di tendenza. Progettazione e realizzazione grafico-pittorica di tavole tecniche e illustrative. MODULO 7 PROGETTO u.d. 1 la struttura e la produzione aziendale; conoscere il processo creativo della collezione E e del lavoro aziendale. PRODUZIONE DEL PRODOTTO MODA MODULO 8 u.d. 1 costruire e realizzare mood e presentazione del proprio lavoro. INFORMATICA E DISEGNO PER LA MODA OBIETTIVI RAGGIUNTI La classe ha raggiunto risultati da sufficienti a buoni,sia riguardo le conoscenze per le rappresentazioni delle immagini moda sia per le competenze di progettazione e di realizzazione grafico-pittorica. Tutti hanno raggiunto gli obiettivi mini prefissati. Nonostante alcune lacune pregresse e la discontinuità nell'impegno scolastico per alcuni elementi; risultano sufficienti le abilità di rielaborazione personale e di originalità nelle soluzioni tecniche di una collezione moda. METODOLOGIA Lezione frontale Lezione dialogata Relazioni Lavori di gruppo Discussione guidata STRUMENTI E SPAZI DI LAVORO STRUMENTI DI VALUTAZIONE ADOTTATI Libro di testo Materiale fornito dal docente (dispense ) Riviste Materiali multimediali Laboratorio di disegno e di informatica (Lim) Interventi spontanei, esercizi grafici individuali Verifiche grafiche Lavori di gruppo e ricerche Discussioni guidate Verifiche scritte, relazioni,ricerche Esercizi individuali. Per quanto riguarda la valutazione, si utilizzeranno i criteri esplicitati nella programmazione di classe,valutate tramite griglie approvate dal collegio dei docenti. DISCIPLINA DOCENTE LIBRI DI TESTO CONTENUTI DISCIPLINARI MODULO 1 Tecniche di distribuzione e marketing Prof. Sontari Armando Marketing e distribuzione San Marco Editrice Autore S. Hurui Confrontare le diverse strategie di marketing per la diffusione del 7

8 IL MARKETING: Il marketing strategico, il marketing operativo, internet e marketing MODULO 2 L AZIENDA: Struttura del patrimonio aziendale, Budget e costi, Analisi di convenienza economica, business plan e marketing plan prodotto. Individuare modalità e canali per la promozione commerciale del prodotto e per l'autopromozione professionale. Prodotto, prezzo, distribuzione e comunicazione secondo criteri di marketing operativo. Strategie di comunicazione pubblicitaria per la diffusione dei prodotti artigianali. Tecniche di commercializzazione e promozione dei prodotti. Utilizzare media innovativi per la commercializzazione e la diffusione del prodotto. Pianificare una campagna on-line. Gestire operativamente l'emarketing. Analizzare la composizione del patrimonio aziendale e la relazione tra investimenti e finanziamenti. Effettuare calcoli per analisi di convenienza economica. Comprendere e redigere un piano di marketing in relazione agli elementi indicati dal business plan. CONTENUTI MODULO 1 Il Marketing U.D.1 SEGMENTAZIONE E POSIZIONAMENTO Gli obiettivi del marketing strategico La segmentazione del mercato Strategia e posizionamento di un impresa sul mercato U.D.2 IL PIANO DI MARKETING L elaborazione del piano di marketing Le motivazioni d acquisto La matrice Swot U.D.3 IL PRODOTTO Il prodotto: elemento primo del marketing mix La strategia del marketing sul prodotto La strategia delle combinazioni di prodotti La strategia del ciclo di vita del prodotto Influenza del ciclo economico nel marketing di prodotto Il marchio La marca U.D. 4 IL PREZZO Il secondo elemento del marketing mix Determinazione del prezzo in base ai costi Determinazione del Break Even Point La determinazione del prezzo in base alla domanda La determinazione del prezzo in base alla concorrenza Le politiche di prezzo U.D.5 LA PUBBLICITA La comunicazione Il sistema pubblicitario La campagna pubblicitaria I mezzi pubblicitari tradizionali Le pubbliche relazioni Il direct marketing (pubblicità diretta) La vendita personale e promozione delle vendite 8

9 U.D. 6 LA VENDITA U.D. 7 LE AZIENDE E INTERNET Le politiche distributive (trade marketing) La rete di vendita La distribuzione fisica Il merchandsing Internet e web Come è fatto un sito internet Le aziende e internet U.D. 8 LA COMPRAVENDITA ON LINE L e-commerce MODULO 2 L AZIENDA U.D.1 STRUTTURA DEL PATRIMONIO AZIENDALE 1. Struttura dello Stato Patrimoniale 2. Struttura del conto Economico U.D. 2 BUDGET, ANALISI DEI COSTI E ANALISI DI CONVENIENZA ECONOMICA 3. Il Budget nel controllo di gestione 4. Vari tipi di Budget 5. Analisi dei costi 6. La Break Even Analysis U.D.3 BUSINESS PLAN E MARKETING PLAN OBIETTIVI RAGGIUNTI METODOLOGIA STRUMENTI E SPAZI DI LAVORO STRUMENTI DI VALUTAZIONE ADOTTATI 7. Il business plan 8. Il marketing plan La classe ha affrontato con impegno il corso proposto, raggiungendo un discreto livello di profitto. 9..Lezione frontale, lezione guidata, discussione guidata, lettura guidata del testo. Libro di testo, materiale fornito dal docente. Interrogazioni formalizzate, interventi spontanei, esercizi individuali, relazioni su materiali strutturati, quesiti a risposta aperta. MATERIA LINGUA INGLESE DOCENTE Laura Cerquetella LIBRO DI TESTO Costantini A., Looking into Fashion, Palumbo Editore ADOTTATO CONTENUTI DISCIPLINARI MODULO 1 The Origins of Costume 9

10 Descrizione dell'abito egizio, romano, bizantino e gotico. The Origins of Costume (pagg ) The Ancient Egyptian Costume (pag. 62) The Ancient Roman Costume (pag. 63) The Byzantine Costume (pag. 64) The Gothic Costume (pag. 68) MODULO 2 The Renaissance Costume Descrizione degli abiti del periodo elisabettiano, barocco, rococò e napoleonico. The Renaissance Costume (pag. 73) The Baroque Costume (pag. 80) The Rococo Costume (pag. 87) The Empire Costume (pagg and photocopy) MODULO 3 The Romantic and Victorian Costume Descrizione degli abiti del periodo romantico e vittoriano. The Demure Costume (photocopy) The Romantic Period (pagg ) The Victorian Costume (pag. 97) MODULO 4 The 20 th Century Fashion and Couture La moda dagli inizi del '900 fino agli anni sessanta. Fashion in the Teens: Paul Poiret (pagg ) Fashion in the '20s: Coco Chanel (pagg ) Fashion in the '30s and '40s: Elsa Schiaparelli (pagg ) Fashion in the '50s: Christian Dior (pagg ) Dressing lines in the Sixties (pagg ) OBIETTIVI RAGGIUNTI METODOLOGIA STRUMENTI E SPAZI DI LAVORO Rispetto ai moduli affrontati, le studentesse hanno raggiunto risultati complessivamente sufficienti. Nonostante alcune problematiche relative a lacune pregresse e ad un metodo di lavoro talvolta discontinuo e non sempre efficace, si è apprezzato un maggiore impegno e una maggiore consapevolezza soprattutto nel corso del secondo quadrimestre. La capacità di utilizzare il linguaggio specifico e di rielaborare in maniera personale le conoscenze acquisite, sia nella produzione scritta che in quella orale, risultano sufficienti. La presentazione degli argomenti in programma è avvenuta attraverso lezioni dialogate, discussioni guidate accompagnate da esercizi di comprensione scritta. Altre attività finalizzate al consolidamento degli argomenti svolti sono stati: descrizioni di immagini e rielaborazioni, sia orali che scritte, attraverso l uso della microlingua acquisita. Testo adottato Fotocopie Riviste di moda inglesi e americane (Grazia UK Ed. e Vogue American Ed.) Risorse on-line (raccolta di immagini riguardanti le creazioni più 10

11 STRUMENTI DI VALUTAZIONE ADOTTATI note degli stilisti presentati) Verifiche orali e scritte valutate tramite griglie approvate dal collegio dei docenti MATERIA MATEMATICA DOCENTE Prof.ssa Fabiola Ciottilli LIBRO DI TESTO Nuova Matematica a colori 4 Dispense del docente ADOTTATO CONTENUTI DISCIPLINARI SVILUPPATI MODULO 1 Le equazioni lineari: intere e frazionarie. Modelli algebrici Le equazioni di secondo grado: intere e frazionarie. MODULO 2 Funzioni reali MODULO 3 Limiti di funzioni reali e continuità - Le equazioni di grado superiore al secondo: binomie, biquadratiche, risolvibili con le scomposizioni - Le equazioni irrazionali - Intervalli : intervalli aperti/chiusi, intervalli limitati/illimitati. - Disequazioni intere lineari: calcolo algebrico e interpretazione grafica - Disequazioni intere di secondo grado: rappresentazione grafica della parabola con asse parallelo all asse delle y (cioè della funzione y=ax 2 +bx+c), interpretazione grafica - Disequazioni di grado superiore al secondo o fratte, sistemi di disequazioni: calcolo algebrico e relativa rappresentazione grafica - Disequazioni irrazionali - Intervalli e intorni: definizione, differenza tra intorno e intervallo. - Funzioni reali di variabile reale: definizione e terminologia, grafico. - proprietà particolari di alcune funzioni: dominio e segno di una funzione: individuazione mediante l analisi del grafico e/o procedimento algebrico. - Funzione pari/dispari - Definizione di funzione composta concetto di limite: approccio intuitivo, le diverse definizioni di limite, limite destro e limite sinistro. Verifica di limite finito per x che tende ad un valore finito - - calcolo dei limiti : riconoscimento delle forme indeterminate e relativa procedura di calcolo. - Funzioni continue in un punto: considerazioni intuitive, definizione, funzioni continue in un intervallo. - Punti di discontinuità: classificazione mediante definizione e relativa interpretazione grafica - Asintoti: asintoti verticali, orizzontali e obliqui; primo approccio al grafico di una funzione 11

12 MODULO 4 Calcolo differenziale - Derivate delle funzioni di una variabile: introduzione, derivata di una funzione in un punto: approccio intuitivo e definizione. Classificazione dei punti di non derivabilità. Significato geometrico della derivata. - Teoremi sul calcolo delle derivate: derivata della somma di due funzioni, derivata del prodotto di due funzioni, derivata del quoziente di due funzioni, derivata della funzione composta. Tabella riassuntiva - Teorema di Rolle, Lagrange: enunciati e interpretazione grafica Il teorema di De l Hopital: applicazione nel calcolo di limite. - Funzioni crescenti e decrescenti: studio del segno della derivata prima al fine di individuare gli intervalli di crescenza e decrescenza. - Massimi e minimi relativi: definizione ; descrizione del procedimento di ricerca dei punti di massimo e minimo relativo. Problemi di massimo e minimo. - punti di flesso: definizione; descrizione del procedimento di ricerca dei punti di flesso; concavità e convessità. - Studio di una funzione: schema generale per lo studio di una funzione intera, fratta, razionale, irrazionale: dominio, intersezione con gli assi, studio del segno, asintoti, massimi e minimi relativi, punti di flesso.( MODULO 5 - L integrale indefinito: la primitiva e l integrale indefinito. Integrali Calcolo integrale immediati: tabella. Integrazione per scomposizione e integrazione per sostituzione. - L integrale definito - Applicazione geometrica degli integrali definiti: il calcolo delle aree. OBIETTIVI RAGGIUNTI La classe ha raggiunto nel complesso una preparazione sufficiente. Alcune alunne, tuttavia, a causa di lacune sull uso dei modelli algebrici, di frequenza e partecipazione discontinui, hanno mostrato difficoltà nel calcolo, nella memorizzazione dei concetti e nell'applicazione di procedimenti studiati. METODOLOGIA Lezione frontale, lezione dialogata con esempi anche pratici sull'utilità e la funzionalità di quanto espresso per via teorica, discussioni guidate e lettura guidata del testo. STRUMENTI E Libro di testo per il confronto sugli argomenti affrontati, schemi concettuali, SPAZI DI LAVORO materiale fornito dal docente. STRUMENTI DI VALUTAZIONE Interrogazioni formalizzate, interventi spontanei, esercizi individuali svolti alla lavagna, brevi trattazioni, quesiti a risposta aperta. MATERIA DOCENTE LIBRO di TESTO ADOTTATO ITALIANO Mariani Luciana Di Sacco Paolo Chiare lettere ed. B. Mondadori voll.ii e III. CONTENUTI DISCIPLINARI SVILUPPATI MODULO 1 Naturalismo e Verismo Il Naturalismo francese: caratteristiche e tematiche principali. Il Verismo italiano. Caratteri del romanzo e della novella. G. Verga: vita, poetica e opere principali. Lettura ed analisi delle novelle La roba, La lupa. Lettura ed analisi stilistica e testuale dell incipit e della conclusione del romanzo I Malavoglia e Mastro don Gesualdo. MODULO 2 La crisi del Positivismo ed il Simbolismo La crisi del realismo e le prime manifestazioni decadenti. L irrazionalismo e il simbolismo in Francia. 12

13 MODULO 3 Il Decadentismo in Europa e in Italia Il nuovo modo di intendere la poesia e la parola. Il culto della sensazione, dell inconscio e dell irrazionale in un clima di generale rifiuto dell impegno sociale. Giovanni Pascoli: vita, poetica e opere principali. La poetica del fanciullino Da Myricae: Novembre, Lavandare, Il lampo. Da Canti di Castelvecchio: Il gelsomino notturno, La mia sera Gabriele D Annunzio: vita, poetica e opere principali. La figura dell esteta attraverso il romanzo Il Piacere. Da Alcyone: La pioggia nel pineto, La sera fiesolana. MODULO 4 Il romanzo del 900 in Europa e in Italia Le caratteristiche del romanzo del 900: le nuove tecniche narrative, la nuova dimensione interiore del tempo, lo scardinamento della struttura causale, la scoperta dell inconscio, il narratore/protagonista. Italo Svevo: vita, poetica e opere principali. Da La coscienza di Zeno: Il dottor S, e Zeno, Il tempo della scrittura, L incapacità di prendere sul serio la vita, Come si può prendere moglie, La salute di Augusta, La vita non sopporta cure. Luigi Pirandello: vita, poetica e opere principali. Da Il comico e l umoristico L umorismo. Da novelle per un anno La carriola, Il treno ha fischiato. Da Il fu Mattia Pascal: Il patto narrativo, Senza documenti non si può amare, L ombra di un morto: ecco la mia vita. Da Maschere nude L uomo dal fiore in bocca Lumie di Sicilia Il berretto a sonagli MODULO 5 La poesia del 900 Le nuove frontiere della poesia ermetica: la destrutturazione del verso, la ricerca della parola pura ed essenziale. Giuseppe Ungaretti: vita, poetica e opere principali. Da L allegria: Soldati, I fiumi, San Martino del Carso, Sono una creatura, Fratelli, Mattina Veglia. E. Montale: vita, poetica e opere principali. Da Ossi di seppia: Non chiederci la parola, Spesso il male di vivere ho incontrato, Cigola la carrucola del pozzo Da Le occasioni: Non recidere forbice quel volto. Da Satura: Ho sceso, Il correlativo oggettivo in E. Montale MODULO 6 Il neorealismo Letteratura "impegnata": non opere di svago, ma racconti tratti dalla tragica esperienza della guerra e della Resistenza. Beppe Fenoglio: Il partigiano Johnny OBIETTIVI RAGGIUNTI METODOLOGIA STRUMENTI E SPAZI DI LAVORO STRUMENTI DI VALUTAZIONE La classe ha raggiunto risultati differenziati: da sufficienti a buoni. Omogenea l acquisizione degli obiettivi minimi, relativa alla semplice conoscenza dei contenuti disciplinari; diverse le capacità di utilizzare il codice linguistico in modo corretto ed efficace e di rielaborare, in maniera personale e originale, quanto appreso. - Lezione interattiva - Lezione dialogata - Discussioni guidate - Mappe concettuali - Libro di testo - Materiale fornito dal docente - Materiali multimediali - Interrogazioni formalizzate - Interventi spontanei 13

14 ADOTTATI - Saggi brevi - Testi referenziali, descrittivi, argomentativi - Quesiti a risposta aperta - Relazioni su materiali strutturati MATERIA DOCENTE LIBRO DI TESTO ADOTTATO STORIA Mariani Luciana C.Scarparo, Pagine di Storia, Il capitello, voll.1 e 2. CONTENUTI DISCIPLINARI SVILUPPATI MODULO 1 Dall Unità d Italia allo scoppio della prima Guerra Mondiale La politica della destra storica La politica della sinistra storica L età giolittiana La prima guerra mondiale:le cause,lo scontro fra ideologie,le conseguenze marzo:i mercoledì del centenario. Partecipazione alle conferenze e lectiones magistrales volute da Popsophia-Biumor di Tolentino 23 aprile:visione di documenti e parti del film la grande guerra di Mario Monicelli a cura del prof. Elvio Hermas Ercoli MODULO 2 I tre totalitarismi del 900 L Italia e il fascismo: Le origini e l ascesa del fascismo La costruzione della dittatura La caduta del fascismo La resistenza La Germania e il nazismo: Le origini del nazismo I nazisti al potere La Russia e il bolscevismo: La Rivoluzione di Febbraio La Rivoluzione d Ottobre e la guerra civile Lo stato sovietico MODULO 3 MODULO 4 La seconda guerra mondiale Le vicende legate alla guerra, Cause e conseguenze del conflitto, i paesi coinvolti, L intervento italiano L andamento e la conclusione del conflitto, le leggi razziali e la shoah, I trattati di pace e i nuovi equilibri mondiali. 27 gennaio - giorno della memoria: letture e documentari 10 febbraio - giorno del ricordo: letture e documentari L Italia repubblicana La nascita della Repubblica La ricostruzione Gli anni 50 e 60:gli anni del centrismo e del miracolo economico La contestazione studentesca e le lotte operaie. MODULO 5 L Europa e il mondo dopo la II Guerra mondiale. 14

15 L ONU, la NATO, il Patto di Varsavia e il MEC La guerra fredda La decolonizzazione I cambiamenti avviati da Kruscev, Kennedy, Giovanni XXIII:cenni. OBIETTIVI RAGGIUNTI METODOLOGIA STRUMENTI E SPAZI DI LAVORO STRUMENTI DI VALUTAZIONE ADOTTATI Gli alunni conoscono: gli eventi principali che caratterizzano la storia d Italia e d Europa dalla fine dell 800 alla prima metà del 900 gli aspetti fondamentali dei sistemi democratici e dittatoriali e le rispettive caratteristiche cause e conseguenze dei due conflitti mondiali a livello politico, sociale ed economico Lezione interattiva Lezione dialogata Discussioni guidate Mappe concettuali Libro di testo Materiale fornito dal docente Materiali multimediali Interrogazioni formalizzate Interventi spontanei Saggi brevi Testi referenziali, descrittivi, argomentativi Quesiti a risposta aperta Relazioni su materiali strutturati MATERIA TECNOLOGIE APPLICATE AI MATERIALI E AI PROCESSI PRODUTTIVI TESSILI, ABBIGLIAMENTO DOCENTE DEBORA MARZIANI LIBRO DI TESTO Tecnologia e merceologia tessile 2, Cosetta Grana, Editrice San Marco ADOTTATO CONTENUTI DISCIPLINARI SVILUPPATI MODULO 1 I MATERIALI DELLA MODA: FIERE, TENDENZE E SFILATE MODULO 2 I MATERIALI DEL TESSILE ABBIGLIAMENTO E MODA MODULO 3 PROCESSI ORGANIZZATIVI E PRODUTTIVI DEL TESSILE-MODA u.d. 1 Le fiere del settore tessile-abbigliamento e moda. I quaderni di tendenza: concept e pannelli di presentazione dei materiali. u.d. 2 Le fashion week: le collezioni degli stilisti e i nuovi materiali. u.d. 1 Denominazione e classificazione dei tessuti; pelli e pellicce. u.d. 2 Gli interni e le mercerie. u.d. 3 Etichettatura (labelling) e imballaggio (packaging). u.d. 1 Gli strumenti e le macchine del meccano-tessile. Il capo prototipo. La scheda anagrafica del capo. u.d. 2 Il piazzamento. La stesura. Il taglio. u.d. 3 Il tessile-abbigliamento e la sicurezza. 15

16 MODULO 4 I MATERIALI DELLA COLLEZIONE STREET STYLE MODULO 5 I MATERIALI INNOVATIVI ED ECOSOSTENIBILI OBIETTIVI RAGGIUNTI METODOLOGIA STRUMENTI E SPAZI DI LAVORO STRUMENTI DI VALUTAZIONE ADOTTATI u.d. 1 L ideazione della collezione e le fonti di ricerca tendenze. u.d. 2 La ricerca dei materiali e le campionature u.d. 3 La cartella colore / le tirelle. Controlli conformità del prodotto tessile e la qualità. u.d. 4 Presentare il proprio lavoro utilizzando software specifici. u.d. 5 Schede tecniche materiali. u.d. 1 Ecomoda e le materie prime. I processi di lavorazione. Marchi volontari ecologici. u.d. 2 La ricerca dei materiali ecologici e di riciclo per innovare il prodotto. Campionatura di materiali su riferimenti progettuali assegnati. u.d. 3 Presentare il proprio lavoro utilizzando software specifici. u.d. 5 Schede tecniche materiali. La classe nonostante sia composta da un numero esiguo di alunne, nel suo insieme ha raggiunto risultati differenti: da sufficienti a buoni, ma solo per qualche elemento. Per quanto riguarda le conoscenze dei materiali e delle tecnologie nel tessile-abbigliamento tutti hanno raggiunto gli obiettivi mini prefissati, nonostante alcune lacune pregresse e la discontinuità nell'impegno scolastico per alcuni elementi. Risultano sufficienti le abilità di selezione e gestione dei processi della produzione tessile-sartoriale in rapporto ai materiali e alle tecnologie specifiche. Discrete sono le competenze nella redazione di relazioni e schede tecniche relative a situazioni professionali. - Lezione frontale - Esercitazione guidata - Discussione guidata - Problem posing - Problem solving - Lavori di gruppo - Libro di testo - Materiale fornito dal docente (dispense) - Riviste - Materiali multimediali - Laboratorio di informatica - Interventi spontanei - Lavori di gruppo e ricerche - Discussioni guidate - Verifiche scritte, relazioni, ricerche - Esercizi individuali Per quanto riguarda la valutazione, si utilizzeranno i criteri esplicitati nella programmazione di classe, valutate tramite griglie approvate dal collegio dei docenti. MATERIA Laboratorio Tecnologico DOCENTE LIBRO DI TESTO ADOTTATO Prof.ssa Anna Gallina Tecnologie della modellistica e della confezione vol. 1 e vol. 2 Ed. Hoepli CONTENUTI DISCIPLINARI SVILUPPATI MODULO 1 Capispalla MODULO 2 Maniche classiche e Riconoscere il grafico di base e saper scegliere le tecniche di trasformazione Realizzare e trasformare le principali fogge di maniche e capispalla 16

17 fantasia MODULO 3 Modellistica da uomo MODULO 4 Compilazione schede tecniche MODULO 5 Realizzazione collezione fine anno Realizzare alcuni capi d abbigliamento base da uomo Conoscere l importanza delle schede tecniche relative ai vari capi di abbigliamento Acquisire competenze e capacità per la realizzazione di capi in relazione alla collezione di fine anno OBIETTIVI RAGGIUNTI METODOLOGIA STRUMENTI E SPAZI DI LAVORO STRUMENTI DI VALUTAZIONE ADOTTATI La classe formata solamente da 9 alunne è riuscita nell'insieme a raggiungere un discreto profitto. - Lezione interattiva - Lezione dialogata - Discussioni guidate - Esercitazioni pratiche Libri di testo Riviste specialistiche del settore fornite dal docente Materiali multimediali Laboratori Verifiche orali, interventi spontanei, esercizi pratici individuali Verifiche scritte e pratiche, trattazioni brevi Lavori di gruppo (laboratorio) Discussioni guidate Autovalutazione Materia DOCENTE MODULO 1 Potenziamento Fisiologico MODULO 2 Elaborazione e rielaborazione degli schemi motori di base SCIENZE MOTORIE LUCIA CICCARELLI A corpo libero, sui piccoli e grandi attrezzi. Miglioramento delle capacità condizionali; funzione cardio circolatoria, respiratoria, forza, velocità, resistenza e mobilità articolare. Miglioramento delle capacità coordinative generali ( apprendimento motorio, controllo motorio, adattamento e trasformazione dei movimenti) Consolidamento schemi motori e posturali Miglioramento delle capacità coordinative specifiche ( equilibrio statico e dinamico, ritmo, coordinazione oculo manuale e oculo podalica, anticipazione e reazione, spazio temporale ecc.) MODULO 3 Consolidamento Conoscenza e padronanza delle proprie possibilità psicofisiche relative all'età sia nell'ambito delle attività motorie che sportive del carattere, Coinvolgimento a compiti di arbitraggio, organizzazione e guida del sviluppo della riscaldamento ( in particolare per gli alunni esonerati dall'attività motoria) socialità e del senso civico MODULO 4 Conoscenza e Acquisizione dei fondamentali individuali e rispettivi regolamenti della pallavolo, pallacanestro e specialità dell'atletica leggera. pratica delle attività sportive MODULO 5 Informazioni Educazione alla salute :la salute dinamica e correzione degli stili di vita La dieta equilibrata e attività fisica come prevenzione delle malattie per un fondamentali sulla equilibrio psicofisico tutela della salute 17

18 STRUMENTI DI VALUTAZIONE ADOTTATI OBIETTIVI RAGGIUNTI METODOLOGIA Le valutazioni sono state sommative per gli esonerati con valutazione delle modalità di supporto alla lezione ed alle diverse attività. Sono state inoltre valutate delle ricerche specifiche sui temi di interesse per la classe. Le valutazioni delle attività tecnico pratiche sono state in itinere ( formative) e finali ( sommative) per ogni singolo quadrimestre. Le valutazioni teoriche sono state effettuate con test strutturali Gli obiettivi disciplinari sono stati raggiunti da tutti gli alunni anche se a diversi livelli. La classe ha partecipato con sufficiente interesse alle diverse attività proposte. La classe, durante l ora di Scienze Motorie articolata ha mantenuto un buon livello di interazione e collaborazione. Metodo globale, analitico e sintetico Metodo direttivo Problem solving Scoperta guidata Materia RELIGIONE DOCENTE Prof. Valentino Morotti LIBRO DI TESTO Luigi Solinas ADOTTATO Tutti i colori della vita - ed. SEI CONTENUTI DISCIPLINARI SVILUPPATI MODULO 1 Pro e contro Dio MODULO 2 L etica della vita MODULO 3 La storia della carità e l etica della solidarietà MODULO 4 Il Cristianesimo L uomo alla ricerca di Dio e Dio alla ricerca dell uomo. La Fede. La negazione di Dio. Ateismo. Agnosticismo. L enigma della morte. Le generazioni giovanili e la Generazione incredula. La casa di Maria a Loreto e a Efeso. La persona di Gesù. Visione del film The Passion di Mel Gibson. Cos è l etica. Etica cristiana. Etica religiosa e etica contemporanea. Sacralità della vita. Perdonare. La vita come dono. Religioni a confronto su alcune problematiche etiche. L eutanasia. Evoluzionismo e creazionismo due tesi a confronto. Dipendenze. La trappola della droga. Visione della testimonianza di Suor Elvira, responsabile delle comunità Cenacolo che accolgono drogati, alcolizzati, prostitute, barboni. Visione della prima parte del film documentario Fratelli d Italia che tratta dei problemi degli adolescenti stranieri nella scuola e nella società, come alcool e droga. Visione del film Sbirri con protagonista Raul Bova sulla problematica della droga a Milano. Carità e giustizia. Il volontariato. I giovani e la comunicazione. Il dramma dei profughi. Letture di alcuni brani biblici. Occidente e Islam. Situazione attuale nei paesi islamici. 18

19 e l Europa OBIETTIVI RAGGIUNTI METODOLOGIA STRUMENTI E SPAZI DI LAVORO STRUMENTI DI VALUTAZIONE ADOTTATI Papa Francesco parla all Europarlamento lettura degli articoli dei quotidiani Origine del terrorismo di matrice religiosa Le ore di religione si sono svolte insieme alla classe del 5 TIM; tra gli alunni e le alunne si è notata una buona integrazione e relazione. Il programma è stato svolto in maniera parziale a causa della frequenza agli stage e per le mie ore di assenza a causa della malattia. La classe dimostra di saper individuare, spiegare e applicare, in modo coerente, conoscenze e abilità religiose in una pluralità di situazioni di vita complesse. Le alunne sono in grado di consultare e comparare fonti religiose e di utilizzare gli elementi raccolti per elaborare e giustificare soluzioni a problematiche religiose non familiari. Dimostrano in modo chiaro e coerente una capacità di pensiero e ragionamento religioso. Sanno sviluppare argomentazioni a sostegno di indicazioni e decisioni che si riferiscono a situazioni personali, sociali o globali. La classe ha acquisito globalmente risultati ottimi, raggiungendo tutti gli obiettivi della materia. Nel complesso tutte le allieve hanno dimostrato interesse nei confronti della disciplina. - Lezione interattiva - Lezione dialogata - Discussioni guidate - Mappe concettuali - Materiale fornito dal docente, fotocopie, appunti, dispense - Dvd - Interventi spontanei - Quesiti a risposta aperta - Relazioni su materiali strutturati 5. PROGETTO FORMATIVO E DI ORIENTAMENTO: ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO (ART.4 LEGGE 53/2003, D.LGS.77/2005) 19

20 Denominazione Alternanza Scuola Lavoro (il progetto prevede attività sia a scuola che in azienda) Anno Il progetto può svolgersi su più annualità Prodotti Relazione scritta individuale. Schede tecniche sullo sviluppo delle diverse fasi di lavorazione. (schemi, disegni, foto, ecc.) Competenze mirate assi culturali professionali cittadinanza Assi culturali: Padroneggiare gli strumenti espressivi indispensabili per gestire l interazione comunicativa verbale in vari contesti Individuare le strategie appropriate per la soluzione di problemi. Riconoscere le caratteristiche essenziali del sistema socio economico per orientarsi nel tessuto produttivo del proprio territorio. Competenze professionali: Predisporre e curare gli spazi di lavoro al fine di assicurare il rispetto delle norme igieniche e di contrastare affaticamento e malattie professionali. Predisporre e trattare materie prime/semilavorati, nel rispetto delle norme specifiche di settore in materia di igiene, sicurezza e salvaguardia ambientale Definire e pianificare fasi delle operazioni da compiere sulla base delle istruzioni ricevute. Individuare le caratteristiche dei prodotti e dei materiali utilizzati. Cittadinanza: Rispettare le regole Collaborare Relazionarsi Riconoscere il ruolo Comunicare Conoscenze Abilità Indicare le conoscenze e abilità correlate, effettivamente acquisibili dallo studente (e verificabili dal tutor aziendale e tutor scolastico) nell esperienza di ASL Procedure, protocolli, tecniche di igiene, pulizia e riordino Normative di sicurezza, igiene, salvaguardia ambientale di settore Processi e cicli di lavoro Tecniche di comunicazione organizzativa Applicare procedure, protocolli e tecniche di igiene, pulizia e riordino degli spazi di lavoro Applicare modalità di pianificazione e organizzazione delle lavorazioni nel rispetto delle norme di sicurezza, igiene e salvaguardia ambientale specifiche di settore Utilizzare indicazioni di appoggio (schemi, disegni, procedure, distinte materiali, ecc.) e/o istruzioni per predisporre le diverse fasi di lavorazione 20

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che 2013.201 Il POF è il documento che definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI descrive ciò che il FERMI offre agli studenti e alle loro famiglie Grafica originale di copertina gentilmente

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Ufficio di Esecuzione Penale Esterna di Vicenza e Verona

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di di Vicenza e Verona quamproject Caritas Diocesana Bellunese, Veronese, Vicentina IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

La costruzione di strumenti per la verifica delle competenze. LA PROVA ESPERTA

La costruzione di strumenti per la verifica delle competenze. LA PROVA ESPERTA La costruzione di strumenti per la verifica delle competenze. LA PROVA ESPERTA 1 CONCETTO DI PROVA ESPERTA Per prova esperta si intende una prova di verifica che non si limiti a misurare conoscenze e abilità,

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA - SITUAZIONE DI PAR ARTENZA TENZA: L analisi della situazione di partenza ha mirato a rilevare il possesso di prerequisiti considerati fondamentali per l individuazione

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli