MANUALE DI MARKETING PROGETTO: IL MARKETING OPERATIVO: AZIONI PRESSO PRODUTTORI E DISTRIBUTORI DI PRODOTTI ITTICI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MANUALE DI MARKETING PROGETTO: IL MARKETING OPERATIVO: AZIONI PRESSO PRODUTTORI E DISTRIBUTORI DI PRODOTTI ITTICI"

Transcript

1

2 MANUALE DI MARKETING PROGETTO: IL MARKETING OPERATIVO: AZIONI PRESSO PRODUTTORI E DISTRIBUTORI DI PRODOTTI ITTICI PREMESSA SINTESI DEL QUESTIONARIO LA AZIONI DI MARKETING OPERATIVO CONCLUSIONI

3 PREMESSA Questo manuale è il risultato di un lavoro di ricerca effettuato in momento particolarmente significativo per i cambiamenti in atto nella distribuzione del prodotto ittico fresco, sia nel canale distributivo sia nella percezione del prodotto da parte dei consumatori finali, cambiamenti che influenzeranno sia la crescita che la qualità del prodotto ittico. Basti pensare da un lato al crescente ruolo della Distribuzione Organizzata evoluzione presente nei dati a livello nazionale - ed alle loro politiche commerciali a seguito di processi di concentrazione e dall altro, alla crescente maturità del consumatore che diventa sempre più esigente e attento alla qualità del pesce ed in particolar modo ai processi di produzione rispettosi dell ambiente ; fenomeni che determinano quindi la necessità di differenziazione rispetto ad offerte di prodotti esteri con prezzi molto competitivi e di specificità nelle azioni di marketing, mirate alle reali esigenze dei consumatori. Tutto ciò si traduce in una accelerazione ed enfatizzazione delle interdipendenze tra produttori di prodotti ittici freschi con la necessità di salvaguardare le attuali realtà, ognuna contraddistinta dalla propria diversità, questo processo di integrazione ha il suo naturale sviluppo nella creazione di organismi di ordine superiore, capaci di interpretare i segnali deboli del mercato e agire con rapidità, efficienze ed efficacia. In tale scenario, nuovo e complesso, gli studi di marketing come il presente sono strumenti che informano e influenzano le politiche commerciali dei produttori del settore ittico fresco che diventano soggetto e non oggetto del cambiamento sapendo cogliere e interpretare i nuovi bisogni dei consumatori anticipandone le risposte. In questo Manuale sono evidenziate le sfide che si prospettano. Sono sfide legate all attuale turbolento e mutevole scenario che, prevedibilmente, determinerà una riduzione progressiva del ruolo del piccolo dettaglio elemento presente in gran parte 2

4 d Italia -, una crescita della domanda sia in termini di quantità che di qualità e un riposizionamento dell offerta dei produttori di prodotti ittici freschi. Ecco allora che il MANUALE OPERATIVO DI MARKETING diventa un testo di informazione e formazione, un testo che ci aiuterà nel necessario confronto culturale tra soggetti della catena del valore, un testo che solleciterà e favorirà una integrazione tra la Grande Distribuzione Organizzata ed i produttori di prodotti ittici freschi della nostra regione. Sono dell avviso che l unicità del momento storico che viviamo, se ne sapremo cogliere la specificità senza troppi legami e vincoli con il presente, ci offre l opportunità o, meglio, ci impone di delineare scenari nuovi che presuppongo strutture più complesse le associazioni di produttori idee commerciali innovative punti vendita diretti all interno della distribuzione strumenti di comunicazione e informazione per il consumatore adeguati ai tempi tracciabilità del prodotto, eventi promozionali e studi di marketing. Le strategie e le tattiche adottate nel passato basate essenzialmente sulla competitività di costo e differenziazione rispetto al prodotto estero, non sono più adeguate e a rispondere da sole alle nuove sfide. Questo vale per tutti i produttori di prodotti ittici freschi che si trovano ad affrontare difficoltà comuni, collegate nei loro comportamenti e decisioni da una interdipendenza che non è mai stata così elevata: concentrazione nel canale distributivo con catene della Distribuzione Organizzata e Grande Distribuzione Organizzata sempre più forti, globalizzazione di mercati di riferimento, tensioni monetarie con l euro che fa lievitare i costi di produzione, domanda stagnante, problematiche ambientali. Dobbiamo prendere consapevolezza che di fronte a tale situazione la risposta deve essere innovativa e coraggiosa. Il produttore di prodotto ittico fresco deve uscire dal suo ambito per entrare in organizzazioni di produttori in un ottica di alleanze, di soluzione ai problemi tramite un più ravvicinato dialogo con la Grande Distribuzione, con le Istituzioni e con i Consumatori. In tale compito di ridefinizione di nuove strategie di mer- 3

5 cato e di riposizionamento aziendale il contributo di studi ed analisi di marketing è fondamentale. L impresa produttiva rappresenta il patrimonio più significativo, sia economico che sociale, di ogni regione. La cultura imprenditoriale deve quindi continuare ad evolversi e per il settore ittico in questo momento il miglior modo per garantire un continuo sviluppo economico è la capacità di crescita nell ambito della organizzazioni di produttori. Ci auguriamo che questo manuale rappresenti, come descritto negli obiettivi del progetto iniziale, un contributo al processo di cambiamento del settore ittico oggi più che mai indispensabile. SINTESI DEL QUESTIONARIO Risultati dell indagine sul campo Al fine di rilevare l attuale percezione dell evoluzione dei rapporti tra GDO e DO e tra produzione e distribuzione più in generale, abbiamo somministrato con metodo Delphi un questionario a soggetti rappresentativi di tutte le dimensioni coinvolte, scelti mediante una attenta selezione I nostri contatti ci hanno portato dunque a collaboratori impegnati nei mercati ittici, pescheria, GDO, DO, marketing e associazione di consumatori. La capacità di collaborazione degli intervistati ha consentito interviste a risposta aperta in cui ciascuno è stato in grado di spaziare attraverso informazioni tecniche come anche la propria personale esperienza arricchita dal documento STUDIO BIBLIOGRAFICO predisposto dal Nostro Team di lavoro. Qui di seguito proponiamo la sintesi finale di tali collaborazioni. 1. Le carenze del mercato tradizionale Abbiamo chiesto ai nostri collaboratori di evidenziare carenze ed esigenze non soddisfatte da parte dei produttori come degli operatori della GDO e DO. Il punto debole emerso è legato alla frammentarietà della dimensione aziendale e alla 4

6 difficoltà nel trovare nuove metodologie di informazione e controllo che garantiscano una riduzione dei tempi. Altre difficoltà sono state rilevate nella mancanza di differenziazione rispetto alle altre offerte di prodotto ittico e le difficoltà a garantire la quantità necessaria per il settore. Inoltre è emerso il ruolo che la GDO e DO stanno cominciando ad assumere nella distribuzione di pesce fresco oltre a quella tradizionale di prodotto congelato, surgelato e preparato. Tale aspetto è stato sentito dagli intervistati come elemento nuovo e problematico rispetto alla competenza del personale e alla freschezza del pesce venduto. Si accorda comunque alla GDO la capacità di potersi organizzare nel breve periodo in modo da migliorare le eventuali carenze e arrivare a raddoppiare vendite che per ora si attestano intorno al 3-4% del totale. Un ulteriore spinta al cambiamento viene richiesta ai mercati ittici. Queste le modifiche più urgenti raccolte nelle interviste: di carattere strumentale, si è osservata l esigenza di introdurre ordini on-line, ordini con prenotazione, ordini aperti, e più in generale una maggiore informatizzazione dei sistemi di vendita; di carattere informativo con maggiore disponibilità del prodotto presso il cliente, con una visibilità correlata con l importanza del prodotto ittico fresco, con maggiori attenzioni ai percorsi di qualità che garantiscono il prodotto ed il processo produttivo; di carattere economico con l introduzione di servizi di logistica integrata, collegamenti tra più mercati per la formulazione ed il controllo del prezzo. 2. Difficoltà di incontro tra produttori e la GDO. L esigenza di innovazione non investe solo il ruolo dei mercati ittici che seppur importanti rappresentano la normale evoluzione di un situazione statica, ma si propone anche rispetto alla produzione ed alla introduzione di nuove formule per la commercializzazione dei prodotti. I produttori da più parti sono sollecitati a creare nuovi soggetti come le ORGANIZZAZIONI DI PRODUTTORI, così da ristabilire il rapporto di forza oggi troppo spostato verso 5

7 la GDO: l arena competitiva presenta una situazione vicina alla concorrenza perfetta per quanto riguarda la produzione di prodotti ittici freschi mentre dal lato della domanda si assiste ad una continua concentrazione e si va verso situazioni di oligopolio. Nel futuro si ha poi la percezione di un avvicinamento importante verso i mercati esteri. 3. Come migliorare la performance del consumo di pesce. È stato evidenziato ai nostri intervistati il fatto che il 90% dei consumatori acquista il pesce per il consumo in casa (indagine ISMEA,2002) e che oggi il consumatore vuole essere un acquirente consapevole. Su questo punto c è stato un accordo generale rispetto all importanza accreditata all informazione. Questa tuttavia, soprattutto quando parte dai mass-media, è sentita come superficiale e poco attenta alla promozione del cosiddetto pesce povero. Ci si auspica poi che la scuola si impegni seriamente in un programma di educazione nutrizionale che certamente favorirà il consumo di pesce fresco. In quest ambito anche l organizzazione di eventi promozionali èconsiderato strumento efficace. Si tratta infatti di occasioni aggregative su temi legati alla cultura e al mangiare sano e rappresentano un ottimo veicolo per dare visibilità al prodotto e per diffondere ricette tradizionali a base di pesce povero. AZIONI DI MARKETING OPERATIVO INFORMATIZZAZIONE E TECNICIZZAZIONE DELL OFFERTA: IL PESCE FINISCE IN RETE. Questo strumento può rispondere a quasi tutti gli obiettivi principali postulati nel documento, cioè permette di contribuire soprattutto ad un risparmio di costi nella commercializzazione, ma anche, ad informare, ad acquisire nuovi clienti e ad apportare una maggiore conoscenza del mercato di riferimento. 6

8 Un primo passo è l informatizzazione dell asta e l incontro on-line tra domanda ed offerta. Nella maggior parte dei paesi europei sono presenti ormai da molti anni questi incontri virtuali, in Italia abbiamo solo l esempio di alcuni mercati delle Marche. Uno sviluppo in tal senso presupporrebbe una uniformità nel prezzo e quindi una maggiore trasparenza del mercato, una certificazione di qualità, una velocizzazione dei flussi di vendita del pesce. Consideriamo che il flusso potrebbe essere talmente veloce che un peschereccio potrebbe trovarsi ad aver venduto il suo prodotto ancora prima di entrare nel porto. Con l adozione di altri sistemi, ancora in via di sperimentazione, si potrebbe perfino cambiare il flusso commerciale. La raccolta dei dati sulla domanda precederebbe la scesa in mare dei pescherecci, che raccoglierebbero solo la quantità di pesce richiesta, e questo potrebbe risolvere un duplice problema, quello della sovrapesca ed il rispetto dell ambiente. In web può essere utilizzato anche nel rapporto con il consumatore informandolo sui valori nutrizionali del pesce, inserendo ricette di cucina locali ed altre informazioni culturali. Da non sottovalutare la possibilità di avere delle mailing-list di tutti gli operatori del settore in modo da poter inviare newsletter aggiornate sulle iniziative e gli incontri organizzati. A lungo termine questo mezzo può sfociare in una nuova frontiera: l internet database marketing, cioè la raccolta delle informazioni in archivi elettronici sui vari clienti, in modo da indirizzare meglio l offerta dei produttori. Queste evidenziate sono tutte misure che faciliterebbero l incontro tra la domanda e l offerta cioè tra i distributori ed i produttori di prodotti ittici, e contribuirebbero a migliorare la propensione all acquisto. La possibilità di una scelta più ampia, una maggior accessibilità e una più estesa informazione sono fattori fondamentali per la promozione. Ma la cosa importante, ci preme sottolineare ancora una volta, che l informazione giunga dalla voce dei produttori ai piccoli distributori ma soprattutto alla grande distribuzione organizzata, univoca 7

9 TRACCIABILITÀ DEL PRODOTTO: La conoscenza dell esatta provenienza del pesce offre un elemento significativo e importante di informazione e trasparenza del mercato. Intraprendere questa strada significa poter dire tutto sul prodotto posto in vendita ed in particolare: Dove nasce: TERRACINA Quando nasce: il giorno e l ora in cui è stato pescato Quale processo produttivo è stato utilizzato: i metodi tradizionali rispettosi dell ambiente utilizzati dalla COOPERATIVA DI PESCATORI LA SIRENA Le qualità del prodotti: con le descrizioni organolettiche del pesce; La FRESCHEZZA : fino a che data il pesce è fresco e consumabile. Questa è l informazione più significativa perché il produttore attraverso questa indicazione crea un legame diretto con il consumatore e offre uno strumento per valutare l acquisto. Si suggerisce pertanto ai produttori di fornire, come fondamentale strategie di marketing una informazione aggiuntiva e necessaria dei prodotti venduti, mediante la tracciabilità del prodotto ossia una etichettatura con il DNA del prodotto commercializzato. Tale sistema contribuirà sicuramente a creare una linea di comunicazione maggiore tra produttori e distributori e vedrà più propensi all acquisto i consumatori finali, sempre più attenti e desiderosi di avere una garanzia sulla qualità del prodotto acquistato, apportando un valore aggiunto a tutta la catena produttiva. Questo strumento risponde molto bene alla necessità da parte del consumatore finale di essere tutelato sui suoi acquisti, rivendicata da molte associazioni dei consumatori a livello nazionale. Questa linea rientra nel terzo obiettivo di fornire una maggiore conoscenza del mercato, ma contribuisce a delineare anche gli obiettivi due e quattro del piano. 8

10 CREAZIONE DI NUOVI PUNTI DI INCONTRO E COLLABORAZIONE TRA DOMANDA ED OFFERTA Come ben delineato dalla premessa, sintesi della ricerca bibliografica e dei questionari rivolti ad operatori del settore, una mancanza gestionale, organizzativa ed economica, individuabile in una inadeguatezza delle strutture e dei servizi, un assenza di collegamento tra i mercati, differenti sistemi di contrattazione, la scarsità dell uso dell asta elettronica, i tempi di vendita troppo lunghi, la scarsa circolazione di informazione tra i mercati, nonché una presenza poco strutturata e frammentata dei produttori, sia alla base di tante carenze tra produttori e distributori di prodotti ittici, espresso in termini microeconomici: la domanda e l offerta non riescono ad incontrarsi. Questa lacuna nasce soprattutto nella mancata risposta da parte dei produttori alla esigente richiesta dei grandi distributori (DO e GDO), che costringe quest ultimi a trovare delle proprie politiche di sviluppo, rifornendosi per la maggior parte a mercati esteri. Considerando che sono proprio quest ultimi a centralizzare gli acquisti dei consumatori di molti beni, i produttori dovrebbero canalizzare le loro risorse per rispondere in maniera adeguata a questo cambiamento di mercato. In linea con il secondo obiettivo del documento, cioè dell intento di migliorare lo scambio di informazioni, immagine e collaborazione tra produttori e distributori, si è delineato come azione necessaria l apertura di CORNER da parte dei produttori, all interno delle grandi catene di supermercati, in modo da introdurre la vendita del pesce fresco, con servizi aggiunti tipo la pulizia del pesce e menzione sui valori nutrizionali. OFFRIRE UN SERVIZIO COME VALORE AGGIUNTO Con il cambiamento del mercato cambiano anche le strategie di marketing da adottare. Ad oggi la definizione di un piano di marketing basato unicamente sulle 4 P del marketing tradizionale (Prodotto, prezzo, Posto, produzione), non è più sufficiente. Oggi il problema non è la mancanza dei prodotti o la reperibilità degli stessi. Siamo nell era della globalizzazione e per rimanere all interno del mercato si devono osservare prima di tutti i suoi sviluppi. Il marketing ora non deve creare niente né acquisire potenziali 9

11 clienti soffermandoci solo sul packaging, o altre forme ugualmente efficaci ma non più essenziali. Di qui la necessità di creare valore, non solo dal punto di vista dell azienda ma anche del potenziale cliente. Il produttore deve sostituirsi al vecchio ruolo del venditore ma divenire consulente del prodotto e stimolare il distributore ad offrire un valore aggiunto. Tale valore aggiunto può essere individuato nel servizio di pulizia del pesce predisponendo un banchetto a vista del consumatore, in modo da far apprezzare la freschezza del prodotto acquistato ed offrire un servizio utile, considerando il poco tempo generalizzato che si ha a disposizione in cucina per la preparazione del pasto. Questa strategia si può applicare sia alla distribuzione moderna che tradizionale. OPERAZIONI DI CO-MARKETING Tale azione viene consigliata ai produttori della distribuzione tradizionali. Secondo le interviste del metodo delphi fatte ad esperti del settore, e dalle rilevazioni effettuate su fonti istat, uniprom ed ismea, risulta che la distribuzione tradizionale deve adeguarsi alle variazioni del mercato, ed offrire un valore aggiunto se non vuole essere soppiantata dalla GDO e dalla DO. Considerando che uno dei motivi principali che spinge il consumatore all acquisto di prodotto ittico nei Supermercati ed ipermercati è la comodità di unificare gli acquisti, si consiglia agli operatoti della distribuzione tradizionale, di adottare delle operazione di co-marketing con altri produttori di beni che si sposano bene con i prodotti ittici commercializzati. Esempio vini bianchi locali, salse per il pesce, aglio, prezzemolo, pomodori, verdure in genere, olio extra vergine di oliva, ecc Tale valore aggiunto, unito ad altri come, la pulitura, il confezionamento, un marchio di etichettatura che garantisca la provenienza e ponga la data di scadenza del prodotto, potranno costituire strumenti validi per competere con la GDO e DO. Altre iniziative di differenziazione con la GDO e DO, come prolungamento dell orario di apertura al pubblico, una diversificazione dei prodotti offerti, o altre scelte decise anche insieme alle associazioni dei consumatori, potranno permettere alla distribuzione tradizionale di essere altamente competitiva nel mercato e di reggere il confronto con le 10

12 nuove forme di distribuzione organizzata. PROMOZIONI Le promozioni sono una parte fondamentale di un piano di marketing, perché pensate proprio per arrivare direttamente ai CONSUMATORI finali, i soggetti più importanti e determinanti del mercato, nella catena produttiva. È il consumatore che detta le linee che il mercato deve seguire, sono le sue scelte che condizionano le politiche di sviluppo e le scelte degli operatori del settore. Riteniamo pertanto che quello di cui ha bisogno il consumatore per poter indirizzare efficacemente i suoi acquisti di prodotti ittici sono delle informazioni ed un servizio aggiunto. Già tali linee sono state individuate nella delineazione delle misure da adottare da parte di produttori e distributori di prodotti ittici. Qui di seguito vengono riportate delle attività pensate per indirizzare il consumatore verso l acquisto di prodotto ittico fresco. IL PESCATURISMO È l attività esercitata dai pescatori di mestiere che, mediante un apposito permesso, rilasciato dalla Capitaneria di Porto, sono autorizzati ad imbarcare a bordo dei propri pescherecci gruppi di turisti per una giornata di svago all'insegna del mare e della pesca. Una giornata di pesca-turismo offre ai turisti un occasione unica per vivere l'esperienza quotidiana dei pescatori,vissuta a stretto contatto con il mare e la natura, con la conoscenza anche del Codice di Condotta per la Pesca Responsabile, pubblicato dalla FAO nel 1995 Si esce in mare al mattino presto, al levare del sole, ci si reca subito a salpare le reti, calate la sera precedente. Il pescatore mostra pesci, molluschi, crostacei; ne descrive la vita e le abitudini, l'ambiente in cui ciascuna specie vive e tutto ciò che c'è da sapere, per approfondire la conoscenza del mare e dei suoi abitanti, ma anche degli uomini che vivono grazie ad esso. Si ha modo di conoscere, così, le tecniche e gli attrezzi da pesca, gli strumenti di navigazione antichi e moderni, le difficoltà che i pescatori incon- 11

13 trano ogni giorno, le condizioni di salute del mare e delle sue risorse. La giornata può continuare poi con la visita di luoghi particolarmente suggestivi lungo la costa, zone remote raggiungibili solo via mare, dove sarà possibile fare il bagno o addentrarsi per brevi escursioni a terra. All ora di pranzo sarà possibile gustare il pesce appena pescato con le proprie mani, cucinandolo a bordo o a terra, sulla griglia o secondo le mille tradizioni della cucina tipica locale, insegnate dal pescatore. In questo modo si avrà la possibilità di far sviluppare una consapevolezza diversa verso il mare ed i prodotti che offre, di far apprezzare la degustazione di un pesce fresco, e del valore che assume tale prodotto conoscendo ed apprendendo la maniera in cui viene pescato, e di stimolare la cultura pel prodotto ittico, valorizzando anche le coste laziali. RICETTARIO DI CUCINA Una componente essenziale del prodotto ittico è la cucina. Tale settore se pur trascurabile e poco oggetto di considerazione per gli altri alimenti di uso abituale diventa fondamentale per il pesce, la cui pulitura richiede un attenzione e conoscenza specifica e la cui cucina molte volte semplice diventa complicata, per la grande varietà di prodotto ittico presente dal diverso sapore. Il valore dato all elemento culinario ha un doppio significato, ha lo scopo di pubblicizzare i prodotti pescati nelle nostre coste, il cosiddetto pesce povero comunemente conosciuto così, ma invece ricco di proprietà, e fornire un valore aggiunto al consumatore. Esso può divenire un efficace strumento di comunicazione tra produttori e distributori, come forma di pubblicizzazione e spinta di prodotti freschi di interesse per le differenti zone di interesse, e tra distributori e consumatori. In questo documento vengono inseriti anche alcune schede di pesce povero con le sue proprietà e ricette culinari. MANIFESTAZIONI, VENDITE PROMOZIONALI L organizzazione di eventi costituisce un punto d incontro importante per tutti gli OPE- 12

14 RATORI del settore ed i consumatori. Nella manifestazione compare l elemento compartecipazione e coinvolgimento, è presente sia l informazione che la formazione, mezzi utili per stimolare la cultura del prodotto ittico. La manifestazione può vedere un valenza ampia, coinvolgendo tutti i settori interessati di una zona specifica o una piccola valenza, se viene svolta all interno di realtà locali o se è circoscritta all iniziativa di un singolo soggetto economico indirizzata alla vendita promozionale. Parlare di vendita promozionale, trattandosi di un prodotto con pochi giorni di vita è abbastanza insolito, ma ciò non toglie che la vendita promozionale può costituire un evento a sorpresa per lo smaltimento di eccessivi approvvigionamenti di prodotto in una singola giornata. Tali iniziative di marketing sono però efficaci se supportate da una pubblicizzazione dell evento mediante qualsiasi mezzo di comunicazione a grande diffusione, raccogliendo il prodotto ittico un target molto vasto per età, condizione sociale e sesso. CONCLUSIONI Siamo giunti al termine di questo lavoro con un bagaglio informativo e concettuale rilevante. Questo manuale rappresenta un valido strumento operativo per tutti i soggetti economici del settore ittico dai produttori fino ai distributori dettaglianti ed agli operatori della grande distribuzione. Nel lavoro abbiamo descritto e analizzato in chiave marketing le CARATTERISTICHE di ogni anello della catena del valore presente nell area strategica di affari del settore ittico in generale e nell area strategica di affari del prodotto ittico fresco in particolare, ABBIAMO EVIDENZIATO le carenze strutturali che causano i principali disequilibri nel contesto ambientale della Regione Lazio che rappresenta il contesto competitivo IN CUI E INSERITA LA COOPERATIVA DEI PESCATORI LA SIRENA. 13

15 Siamo partiti dagli obiettivi del progetto il marketing operativo: azioni presso produttori e distributori di prodotti ittici, ci siamo soffermati sull analisi statistico-economica dei canali commerciali interessati, per giungere ad una prima descrizione dell arena competitiva dove e inserita ed opera la cooperativa di pescatori la sirena. Una prima individuazione DELLE CARATTERISTICHE ECONOMETRICHE E delle problematiche emerse ci ha permesso di strutturare un questionario di rilevazione posto a operatori ed esperti del settore e ricavarne una sintesi. Quest ultimo lavoro REALIZZATO CON LA TECNICA STATISTICO ECONOMICA NOTA COME METODO DELPHI è stato il punto di partenza per l elaborazione di un piano di marketing operativo. Tale manuale non sarebbe stato possibile senza un analisi dettagliata dell ambiente, della domanda, dell offerta, del contesto competitivo, dell evoluzione del mercato di riferimento dei prodotti ittici, perché ogni azione individuata risponde ad una esigenza presente o futura al fine di nel colmare le carenze del sistema. PROPONIAMO PER LA COOPERATIVA LA SIRENA COME PRIMA AZIONE DI MARKETING: la PARTECIPAZIONE AD una organizzazioni di produttori che possa rispondere in maniera univoca alle crescenti esigenze della distribuzione moderna. Dai dati emersi risulta infatti una crescente CONCENTRAZIONE DEGLI OPERATORI DELLA D.O. E G.D.O. CORRELATA CON LA CONQUISTA DI QUOTE DI MERCATO CRESCENTI SIA NELLA COMMERCIALIZZAZIONE DI PESCE CONGELATO/ SURGELATO SIA NELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEL PRODOTTO ITTICO FRESCO ANCHE CON l apertura di banchi di pesce fresco. QUESTO SCENARIO COMPORTA CHE IL CLIENTE ABITUALE GROSSISTA E PESCHERIA DELLA COOPERATIVA DEI PESCATORI LA SIRENA PERDE QUOTE DI MERCATO, IN ITALIA TALE FENOMENO E GIA UNA REALTA. LA DOMANDA DI PRODOTTI ITTICI E IN CRESCITA SIA QUANTITATIVA CHE QUALITATIVA, Questa crescita della domanda non trova però corrispondenza nell offerta disomogenea e lenta nella fase di smaltimento e vendita dei prodotti FRESCHI, tanto che la distribuzione moderna sta cercando nuove forme di sviluppo verso i mercati esteri 14

16 CON NUOVE TECNICHE DI VENDITA (BANCHI DEL FRESCO). Per difendere i nostri prodotti interni si suggerisce di operare una ristrutturazione della macchina produttiva mediante una informatizzazione e tecnicizzazione del sistema di vendita con una conseguente velocizazzione dei flussi commerciali, una collaborazione maggiore entrando più preponderatamente nella grande distribuzione mediante dei corner per la vendita di pesce fresco, una promozione costante per evidenziare il valore nutrizionale del prodotto ittico CON ORGANIZZAZIONE DI EVENTI PROMOZIONALI, una garanzia di qualità mediante la tracciabilità del prodotto. GLI SCENARI STUDIATI lasciano presupporre che sia proprio nella distribuzione moderna dove si canalizzeranno la maggior parte degli acquisti dei consumatori, in quanto tale luogo è ultimamente preferito ai piccoli esercizi commerciali per la possibilità di centralizzare gli acquisti, ed i quali desiderano oltretutto comprare prodotti sempre più di qualità, prodotti pescati nel rispetto dell ambiente e che costituiscono degli alimenti sani. In questa fase diventa ancora più importante la figura del produttore nell indirizzare il consumatore finale all acquisto di quella tipologia di prodotto salutare e proteico ma che non necessariamente abbia un alto valore di acquisto, cioè il COSIDDETTO pesce povero. In tale disegno anche la distribuzione tradizionale dovrà adeguarsi ai cambiamenti di mercato cercando di contrastare la sempre crescente concorrenza della Do e della GDO. Si suggeriscono pertanto per gli esercizi di commercio al dettaglio di attuare delle operazioni di co-marketing, di instaurare un rapporto sempre più diretto con i propri clienti informandoli circa il prodotto che andranno ad acquistare, dando ricettari di cucina, offrendo servizi aggiuntivi come la pulizia del pesce o il confezionamento. In sintesi oggi il problema non è la mancanza dei prodotti o la reperibilità degli stes- 15

17 si. Siamo nell era della globalizzazione e per rimanere all interno del mercato si devono osservare prima di tutti i suoi sviluppi. Questo piano di marketing non ha la pretesa di creare niente né suggerisce come acquisire potenziali clienti soffermandosi solo sul packaging, il prezzo, o altre forme ugualmente efficaci ma non più essenziali del marketing tradizionale. Ora sorge la necessità per gli operatori della cperativa di pescatori la sirena di creare valore, non solo dal punto di vista dell azienda ma anche del potenziale cliente. Il produttore deve così sostituirsi al vecchio ruolo del venditore e divenire consulente del prodotto, stimolando il distributore tradizionale ad offrire un valore aggiunto, e AGGREGANDOSI PER DIVENTARE interlocutore unico con il distributore moderno. 16

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto

il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto il retail: una sfida avvincente Gestire una propria rete di punti vendita monomarca diretti o in franchising, per molte aziende sta diventando

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

GE.NE Srl - MERCATOPESCA Srl - GEM Srl

GE.NE Srl - MERCATOPESCA Srl - GEM Srl 1 Ge.Ne S.r.l è un'azienda che opera con successo da 20 anni nel commercio di prodotti ittici freschi e congelati, carne fresca confezionata di alta qualità, verdure e primi piatti surgelati. I moderni

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

INDAGINE CONFCOMMERCIO-FORMAT SUL NEGOZIO NELL ERA DI INTERNET

INDAGINE CONFCOMMERCIO-FORMAT SUL NEGOZIO NELL ERA DI INTERNET INDAGINE CONFCOMMERCIO-FORMAT SUL NEGOZIO NELL ERA DI INTERNET Per circa il 70% dei consumatori e degli imprenditori i negozi tradizionali tra dieci anni avranno ancora un ruolo importante, ma solo se

Dettagli

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Gli eventi organizzati in provincia di Trento che hanno al loro centro una proposta enogastronomica sono, nell arco dell anno, numerosi.

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Alessandra Cimatti*, Paolo Saibene Marketing Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Nelle fasi iniziali del processo d acquisto, oggigiorno, i compratori sono dei fai da te e - sempre

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma

Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma Percorsi didattici, interdisciplinari ed innovativi per la Statistica Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma Presidente Federazione Europea delle Società Nazionali di Statistica Scuola Estiva di Matematica

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

IL CONCETTO DI PRODOTTO

IL CONCETTO DI PRODOTTO Definizione IL CONCETTO DI PRODOTTO Un prodotto è tutto ciò che può essere offerto a un mercato a fini di attenzione, acquisizione, uso e consumo, in grado di soddisfare un desiderio o un bisogno. Esso

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com Il mobile e lo shopping on demand Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto tradedoubler.com I canali di performance marketing mobile stanno trasformando l esperienza di acquisto

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Analisi nutrizionale: strumenti per la valutazione

Analisi nutrizionale: strumenti per la valutazione Analisi nutrizionale: strumenti per la valutazione Sara Grioni Unità di Epidemiologia e Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori "Strumenti di Sorveglianza Nutrizionale: luci ed ombre"

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO Tutte le aziende ed attività economiche hanno bisogno di nuovi clienti, sia per sviluppare il proprio business sia per integrare tutti quei clienti, che

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Food Cost e gestione informatizzata della cucina. Marco Terrile 2008 ChefMaTe - Software per la Ristorazione 1

Food Cost e gestione informatizzata della cucina. Marco Terrile 2008 ChefMaTe - Software per la Ristorazione 1 Food Cost e gestione informatizzata della cucina 1 Determinazione e controllo dei costi La locuzione economie di scala è usata in economia per indicare la relazione esistente tra aumento della scala di

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC

www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC Gestione forestale sostenibile Tutto quello che bisogna sapere Sommario 1. Che cosa si intende per gestione

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

CARNE BOVINA Analisi della filiera

CARNE BOVINA Analisi della filiera CARNE BOVINA Analisi della filiera Gennaio 2006 STRUTTURA DELLA FILIERA CARNE Flussi, attività e nodi critici La zootecnia è un settore chiave per l agricoltura italiana VALORE DELLA PRODUZIONE AGRICOLA

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Scuola di Management per le Università, gli Enti di ricerca e le Istituzioni Scolastiche Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Dott. William

Dettagli

Essere biblioteca, fare biblioteche Spazi, servizi, risorse

Essere biblioteca, fare biblioteche Spazi, servizi, risorse Essere biblioteca, fare biblioteche Spazi, servizi, risorse Trento 20 maggio 2011 1 Il Consorzio SBCR Atto Costitutivo 31 Luglio 1997 Il Consorzio per il sistema bibliotecario dei Castelli Romani è nato

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte;

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte; CAUTELE NELLE TRATTATIVE CON OPERATORI CINESI La Cina rappresenta in genere un partner commerciale ottimo ed affidabile come dimostrato dagli straordinari dati di interscambio di questo Paese con il resto

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA E GESTIONE DELLE IMPRESE TESI DI LAUREA LA PUBBLICITA E LA SUA EFFICACIA: UNA RASSEGNA. RELATORE: PROF.SSA

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Scegli il Totem. La forza di Tòco sta nella continuità.

Scegli il Totem. La forza di Tòco sta nella continuità. Studio Le tue aspettative, il nostro Totem. Nella tradizione indigena il tucano rappresenta la guida per la comunicazione tra la realtà ed il mondo dei sogni. Per Tòco è il simbolo della comunicazione

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Clienti davvero fedeli ecco come fare

Clienti davvero fedeli ecco come fare Clienti davvero fedeli ecco come fare Che avere clienti fedeli sia un balsamo per i risultati aziendali nessuno lo mette in dubbio. Il problema è che la fedeltà dei clienti, soprattutto quelli migliori,

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

PREFAZIONE. Angela Alberti Segretario Generale Adiconsum Lombardia

PREFAZIONE. Angela Alberti Segretario Generale Adiconsum Lombardia PREFAZIONE Questa pubblicazione nasce da una duplice esigenza: da un lato proseguire, aggiornandolo, il percorso intrapreso qualche anno fa con la realizzazione di uno studio finalizzato a conoscere i

Dettagli

Domanda di Certificazione Fairtrade

Domanda di Certificazione Fairtrade Domanda di Certificazione Fairtrade Procedura operativa standard Valida dal: 17.09.2013 Distribuzione: pubblica Indice 1. Scopo... 4 2. Campo di applicazione... 4 2.1 Chi deve presentare domanda di certificazione

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

Giornata dell Economia 2004

Giornata dell Economia 2004 Giornata dell Economia 2004 Premio Camera di Commercio Comunicato stampa n. 22 del 13 luglio 2004 La società ha bisogno oggi più che mai, dinanzi ad una congiuntura sfavorevole e all insicurezza determinata

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Esperienze di successo per un vantaggio competitivo 27 ottobre 2011 Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Raffaella Graziosi Project & Portfolio Manager ACRAF SpA Gruppo Angelini

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della cultura UFC Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera realizzata per l Ufficio federale della cultura Luglio 2014 Rapport_I Indice

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Vivi un mondo accessibile con Abiliatour. www.abiliatour.it

Vivi un mondo accessibile con Abiliatour. www.abiliatour.it Vivi un mondo accessibile con Abiliatour www.abiliatour.it Che cos è Abiliatour O.N.L.U.S. L Associazione Abiliatour O.N.L.U.S. ha come scopo principale l assistenza e l aiuto alle persone disabili e alle

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

CATALOGO DEI PRODOTTI. Dall orto alla tavola

CATALOGO DEI PRODOTTI. Dall orto alla tavola CATALOGO DEI PRODOTTI Dall orto alla tavola Tutti i prodotti della nostra gamma sono senza coloranti nè conservanti, per preservare la vera natura delle pregiate materie prime utilizzate nella lavorazione

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli