Grande distribuzione, consumatori e fidelity card

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Grande distribuzione, consumatori e fidelity card"

Transcript

1 Grand distribuzion, consumatori fidlity card Albrto Rinolfi Pitro Salinari Pr mglio srvir il consumator è ncssario organizzar una conoscnza costant approfondita di suoi comportamnti, ma l informazioni sono fficaci solo s sono molto aggiornat puntuali al punto da prmttr di attivar promozioni prsonalizzat. Sorg il problma di coniugar la difsa dlla privacy con gli intrssi convrgnti dl consumator di una modrna distribuzion organizzata, ch si trasforma in cntro di crazion di valor pr tutta la filira pr la microcomunità prsnt nll ara di attrazion commrcial. Ch cosa si cla ditro una carta fdltà? 86 Tutt l card o tssr ch possdiamo sono importanti strumnti di connssion con un sistma informativo ch ci riguarda può riconoscrci in ogni nostro atto di acquisto. Accanto all tssr ch ci mttono in dirtta rlazion con la nostra banca prsonal, trovrmo la card dlla librria prfrita, qulla dlla compagnia ptrolifra ch più ci fornisc il carburant, qull dll catn all quali appartngono i suprmrcati più frquntati dal famigliar ch si occupa dgli acquisti quotidiani. A bn guardar tutti i sttori di consumo sono implicati: dalla tlfonia, all vacanz, all ditoria, ai viaggi, alla musica, all lttronica, alla ristorazion, all assicurazion, all assistnza ai srvizi alla prsona cc. È un fnomno vasto il cui principal scopo è fidlizzar. Pr molt di ss, in particolar, pr qull fornit dalla grand distribuzion organizzata, la carta fidlity rapprsnta la font informativa indispnsabil pr attivar un complsso sistma di markting oprativo concpito pr gnrar programmi di fidlizzazion rivolti innanzitutto ai consumatori acquisiti. A tutti gli opratori attivi su mrcati maturi è nota la difficoltà l onrosità dll acquisizion di nuovi clinti, di convrso, la maggior rdditività ch carattrizza l oprazioni sui clinti già acquisiti; tutto ciò fa sì ch l azioni di difsa di propri consumatori qull volt ad aumntarn la frqunza di visita il valor dllo scontrino siano in spansion da almno un dcnnio in Italia nulla fa prvdr un rallntamnto dl fnomno nl prossimo futuro. L spint dl mrcato, infatti, convrgono: da un lato gli opratori smpr più alla ricrca di un offrta prsonalizzata pr il proprio consumator, dal- Albrto Rinolfi Consulnt azindal Pitro Salinari UNICARD Consumatori, DirittiMrcato numro 3/2007 Diritti Mrcato

2 l altro i consumatori smpr più alla ricrca dll offrta ch maggiormnt li intrssa li rapprsnta tra l tant disponibili. Proprio pr qusto, l grandi catn di grocry invstono smpr più nl mark- ting puntual (on to on) local (micromarkting), com s l attnzion al minimo dttaglio dl comportamnto dl consumator l attnzion all ultimo miglio di trritorio all ultimo minuto di tmpo fossro asptti dcisivi dlla comptizion. Nl corso dgli ultimi dici anni, molti opratori hanno, dunqu, avviato programmi fdltà, spsso snza la consapvolzza dll implicazioni dll consgunz. I risultati - non smpr supportati da un adguata cultura oprativa - sono stati non poch volt infriori all atts, ma pr molti si sono invc rivlati una dll vi principali dl loro succsso con pina soddisfazion di consumatori. Un succsso nint affatto scontato, ma funzion di una quasi sgrta alchimia composta da appropriat tcnologi di raccolta, validazion organizzazion dll informazioni; da un original intrprtazion di dati; da un uso crativo dll conoscnz; da sclt stratgich di orintamnto al consumator; da un appropriata innovativa cultura organizzazion azindal. Com vdrmo, è in gioco il modo in cui la grand distribuzion organizzata (GDO) è in grado di utilizzar l voluzion dll tcnologi riguardanti la conoscnza puntual di comportamnti, qusta art è solo parzialmnt lgata alla dimnsion dll hardwar impigato o alla sofisticazion dl softwar di intrrogazion gstion dati. Il procsso ch porta a rilvar utilizzar i comportamnti di spsa inizia, in gnr, con l mission di una carta pr la raccolta di punti. Pr ottnrla il clint compila una domanda in cui indica il proprio nom, indirizzo, data di nascita poch altr informazioni (composizion familiar cc.). Quando la carta vin ltta all cass, si accrditano i punti al clint si mmorizzano, associat al numro di carta, l righ dllo scontrino (si tnga prsnt ch ogni articolo ha stampato sulla confzion un codic a barr, ch vin ltto dallo scannr dlla cassa). L insim di qusti dati vin trasmsso dal ngozio alla sd cntral, dov vin caricato nl Data Warhous ( DWH). Qusta fas, l afflusso di dati, è molto critica dal punto di vista informatico, prché la quantità dll informazioni è norm, prché driva dal prodotto dl numro di ngozi pr il numro di clinti il numro mdio di prodotti pr clint. L laborazioni da portar a trmin prima di caricarli sono rlativamnt complss, prché dal ngozio arrivano smplicmnt una sri di codici (dgli articoli di clinti), pr compltar i dati, qusti codici dvono ssr incrociati con l informazioni prsnti nll anagrafi di clinti dgli articoli. La qualità di dati dv ssr lvatissima, prché ovviamnt il contnuto dl DWH dv ssr snt da rrori, ssndo quasi impossibil attivar priodich oprazioni di caccia all rror di consgunt ripulitura pr un archivio di qull dimnsioni. Infin, il procsso dv arrivar a trmin in mno di 24 or, pr ssr pronti a caricar i dati dl giorno succssivo (in raltà molto mno, prché occorr rndr disponibil il DWH pr l intrrogazioni). Succssivamnt qusti dati vngono Consumatori, numro 3/2007 Diritti DirittiMrcato Mrcato 87

3 sottoposti a svariat laborazioni. La più significativa è la baskt analysis o clustr analysis, ch consist nl dtrminar in quali quanti gruppi si suddividono i clinti in bas all abitudini di spsa: si tratta cioè di vdr s una prsona compra prvalntmnt un crto insim di articoli. Qusta fas (clustrizzazion) è strmamnt critica, richid contmporanamnt comptnz statistich di markting. La clustrizzazion può ssr più o mno raffinata. Tsco sostin di ssr passata pr divrsi affinamnti succssivi, cominciando da clustrizzazioni molto smplici basat su dati anagrafici gografici, ad altr ch tnvano conto anch dlla frqunza di spsa di rparti a cui appartngono gli articoli acquistati, ad altr ancora basat sugli stadi dlla vita familiar (singl, sposato con figli piccoli, sposato con figli adulti cc.), infin, su una clustrizzazion molto spinta basata sui comportamnti di acquisto di singoli tipi di prodotti sprssi da gruppi particolari di consumatori, pr smpio clinti con propnsion a pasti vloci o biologici salutisti o gourmt. Pr dar un ida dlla granularità a cui si può arrivar, basti considrar ch Tsco dichiara di avr inviato nl 1995 a 5 milioni di famigli, 12 varianti dl mssaggio; nl 2007 a 12 milioni di famigli bn 4 milioni di varianti. In particolar, la bontà smplicità dll tcnich di immagazzinamnto trattamnto dati (DWH) la loro intrprtazion crativa sono spsso appars più importanti dcisiv dll invstimnto nll hardwar softwar. In molti casi, la spinta ad acquisir sistmi di smpr maggiori dimnsioni pr gstir una mol di dati davvro norm si è rivlata così impgnativa da rndr conomicamnt inutilizzabil tutto il sistma. Pr fortuna molt azind hanno capito com oprar hanno trovato il giusto quilibrio tra gli invstimnti i risultati. Anch pr qusto, il procsso di diffusion dll attività volt a fidlizzar il clint si è diffuso su scala plantaria. Accad così ch: nl mondo, nl 2006, bn il 64,2% di un campion significativo di azind GDO utilizza i dati fidlity pr crar valor; in Europa, accanto a Data Warhous di singol catn distributiv, si sviluppano mga data warhous multisttor, ch acquisiscono rapidamnt dcin di milioni di consumatori (pr smpio Nctar) offrono i loro srvizi a più opratori agli stssi consumatori; prsso grandi opratori (com Lafaytt Tsco), i srvizi intrni di fidlizzazion divntano così sprti d fficaci da trasformarsi in nuov socità di srvizio, il cor businss dll quali è unicamnt rapprsntato dalla fidlizzazion. 88 Il fnomno è dunqu in spansion, sta coinvolgndo un numro crscnt di consumatori aumnta l importanza dll utilizzo di informazioni sui comportamnti di acquisto. Consumatori, DirittiMrcato numro 3/2007 Diritti Mrcato

4 La paura di un uso indsidrato dll informazion prsonali Uno dgli argomnti ricorrnti, quando si parla di utilizzo dll informazioni d acquisto, è qullo ch i clinti avvrtono un crto disagio al pnsiro ch vngano mmorizzat così tant informazioni ch li riguardano. Affrma un rcnt articolo d Il Sol 24 ORE, Rivolta contro l cart di fdltà (lundì 2 april 2007, pag. 42): «Da un lato, il pubblico di consumatori smbra apprzzar la possibilità di avr sconti facilitazioni. Dall altro, prò, sono in drastico aumnto l rimostranz ni confronti dll catn commrciali da part di clinti infastiditi dalla violazion dlla privacy, da raffich di mssaggi indsidrati sugli indirizzi di posta lttronica, da nutrit promozioni pr prodotti non richisti». È nato da qust motivazioni un movimnto di difsa di consumatori ngli USA, ch oltr a indirizzar vrso catn ch promttono sconti chiari trasparnti a tutti i clinti, non solo ai possssori dll cards com avvin adsso in modo incomprnsibilmnt discriminatorio, ha posto in blla vidnza il sgunt qusito: Nll cart si nascond il Grand Fratllo di orwlliana mmoria?. Qust proccupazioni sono solo parzialmnt fondat soprattutto nlla nostra raltà, sia pr alcuni asptti formali/lgali, sia soprattutto pr alcun considrazioni sostanziali. Pr quanto riguarda l asptto lgal, c è da ossrvar ch, nl nostro pas, in ossquio alla lgg vignt, il clint dv autorizzar la raccolta il trattamnto lttronico dll informazioni, ha il diritto di ssr informato su quali informazioni sono mmorizzat di chidrn la cancllazion. L srcnt ha l obbligo di non utilizzar i dati pr altri scopi oltr a qulli splicitamnt rsi noti, dv garantir la sicurzza di dati, dv idntificar controllar chi ha accsso a ssi non può cdrli a trzi. Dal punto di vista sostanzial, occorr tnr prsnt ch l obittivo dll srcnt è qullo di formular un offrta quanto più possibil gradita al clint, farlo contnto con offrt mirat non infastidirlo con mssaggi offrt a tappto. D altra part, la mol stssa di dati impon ch l unica laborazion possibil sia qulla automatica, fondata su algoritmi statistici. Qusto è tanto più vro quanto più si voglia prsonalizzar l offrta: basti pnsar ch Tsco, com si è accnnato sopra, è arrivato a laborar 4 milioni di varianti di propost, su circa 12 milioni di invii. La mol stssa di dati li rnd praticamnt non consultabili pr una singola prsona, pr la sindrom dll ago nl pagliaio. In conclusion, l proccupazioni di violazion dlla privacy sono tanto più fondat quanto mno sistono limiti lggi ch disciplinino la raccolta d informazioni, ma s qusti ultimi si trasformano da laccioli in podros catn di blocco all opratività, rischiano di rallntar un procsso ch appar ssr fondamntalmnt nll intrss dl consumator. Ni paragrafi si tnta di dlinar qual sia la posta in gioco, quali siano l rgol di funzionamnto di un sistma di fidlizzazion, quali siano l su logich a quali condizioni possa costituir una piattaforma di convrgnza di intrssi comuni tra GDO modrni consumatori. Consumatori, numro 3/2007 Diritti DirittiMrcato Mrcato 89

5 L voluzion dll tcnologi dll informazion sui comportamnti di acquisto lo sviluppo dll form distributiv Appar chiaro, soprattutto all catn ch sclgono un posizionamnto di qualità, ch sulla conoscnza dl consumator si giochi la grand partita ch dtrmina lo sviluppo dll form dll stratgi ch carattrizzranno la grand distribuzion ni prossimi anni. Allo stsso tmpo è cosa nota in tutta la GDO ch la conoscnza di comportamnti di acquisto nl punto vndita rapprsnti il cor businss dl dttaglio abbia sgnato profondamnt l voluzion dll form distributiv. In altri sttori, è natural riconoscr all voluzion dll tcnologi dll informazion un ruolo dtrminant pr il miglioramnto dll prstazioni ni confronti dlla clintla pr la trasformazion storica dll organizzazioni azindali. Ebbn, com rapidamnt vdrmo, tutt l fasi dlla trasformazion dlla GDO sono lgat a un particolar impigo dll tcnologi dll informazion anch il salto qualitativo al qual è chiamata oggi si basa proprio su un impigo particolar dll informazioni, in particolar, di qull ch riguardano i consumatori. Riprcorriamo, quindi, l principali tapp dll voluzion dlla modrna distribuzion organizzata, così com si è configurata in Italia a partir dagli anni 80, ossrvando il gioco dll tr variabili di nostro intrss: form distributiv dlla GDO, tcnologi dll informazion consumatori. 90 Il punto vndita slf srvic, convnint di grandi dimnsioni Nlla fas dl primo sviluppo, il punto vndita di grandi dimnsioni (all poca mq) si prsnta sul trritorio com una forma distributiva comptitiva di livllo suprior al dttaglio tradizional. La vittoria è assicurata da un offrta di maggior assortimnto di przzi più vantaggiosi, przzi ai quali la GDO può accdr grazi a un miglior rapporto di ngoziazion con il fornitor. Sul piano di comportamnti, nl punto vndita si ha l avvio di una nuova forma di collaborazion tra tmpo di rimpimnto dl carrllo ch mtt a disposizion il consumator l attività di slzion/acquisizion prodotti rifornimnto scaffali ch si accolla la GDO. La mssa in comun di compiti a front dll vidnt vantaggio di accrsciut possibilità di sclta, di risparmio complssivo di tmpo di convninza di przzo è uno di sgrti dl succsso dl libro srvizio risptto al srvizio tradizional. E il slf srvic trova la sua culla ni gnri vari, al punto ch lo scatolam idntifica i primi suprmrcati. In qusta fas, il suprmrcato assolv alla sua mission di innovar la distribuzion di bni, affrontando risolvndo i complicati problmi logistici ch assicurano la fornitura costant di prodotti allo scaffal. L tcnologi dll informazion giocano un ruolo dtrminant soprattutto in rlazion all fornitur alla gstion logistica intrna di procssi di produzion rifornimnto di punti di vndita. Consumatori, DirittiMrcato numro 3/2007 Diritti Mrcato

6 All march è lasciato il compito di pubblicizzar i loro prodotti ai consumatori finali. Al punto vndita tocca il compito di godr di una buona posizion sul trritorio di comunicar la propria sistnza. Il consumator, insim alla modalità di acquisto slf srvic, introitta un format logistico nuovo di ngozio, si abitua all grandi dimnsioni rapida- mnt abbandona il ngozio tradizional gnrico salva il piccolo ngozio suprspcializzato. Il vantaggio è qullo di ottnr più prodotti a minor przzo in un unico luogo di facil accsso. L intrazion con il consumator nl punto vndita tramit i prodotti a scaffal In una sconda fas il punto vndita si concntra sull lmnto di maggior intrazion col consumator: lo scaffal. È il momnto dlla ottimizzazion dl srvizio allo scaffal, ch vin studiato nlla sua posizion risptto ai flussi di passaggio ai prcorsi di acquisto nll su capacità di attrarr l attnzion attravrso diffrnti standard spositivi. Si volv il sistma informativo intrno al punto di vndita pr conoscr cosa sta avvnndo in tmpo ral, pr controllar contnr i costi pr migliorar il srvizio allo scaffal in modo ch i prodotti sostino il mno possibil prsso il magazzino. All aumnto dlla rotazion corrispond un miglioramnto di srvizio nl rparto pr il consumator (mancanza di rottura di prodotti allo scaffal frschzza suprior). Qusta è la fas in cui il punto di vndita guarda ancora molto al suo intrno, ai suoi procssi di produttività movimntazion il miglior supr sviluppa snsori sistmi informativi vrso i fornitori, ch si adguano in trmini di standard produttivi (codici a barr... ), ngozia l posizioni migliori allo scaffal sulla bas dll campagn di fornitori. Nl markting si diffond l analisi pr catgory, ch organizza i prodotti l march offrt sulla bas di com ci si vuol posizionar risptto alla concorrnza, pric ladr o followr o primo przzo, l analisi si affina, ma ha smpr com obittivo lo scaffal. Pr Catgory Managmnt si intnd il procsso di gstion dll Catgori di Prodotto, il cui obittivo è l aumnto dlla soddisfazion dll signz dl consumator sul punto vndita. Il Catgory Managmnt prmtt all azind di produzion all azind di distribuzion di impostar ralizzar, spsso in collaborazion, stratgi commrciali, di markting, di mrchandising, di assortimnto ch massimizzano i risultati dll catgori. Grazi al Catgory Managmnt, infatti, l azind di produzion di distribuzion dispongono di un important strumnto ch prmtt loro di ssr in lina con l dcisioni di acquisto dl consumator sul punto vndita. La mission è qulla di comptr mglio con i propri simili l impostazion, ancora prvalntmnt cntrata su ciò ch accad prsso i fornitori all intrno dl punto vndita, smbra soddisfar l signz. Consumatori, DirittiMrcato numro 3/2007 Diritti Mrcato 91

7 La fas più rcnt: la ricrca dl srvizio prsonalizzato 92 Con gli anni il consumator incomincia a potr scglir tra diffrnti punti di vndita dlla stssa dimnsion (comprsi gli Iprmrcati ch, nl frattmpo, sono nati con i Cntri Commrciali) privilgia l offrta mglio gstita, ch pr lui è sinonimo di miglior qualità a parità di przzo, non disprzzando prò l offrta di ngozi spcializzati ch, nl frattmpo, si sono voluti facndo lva sulla qualità dl srvizio pr mglio comptr con il slf srvic dlla GDO. L catn, smpr più in comptizion tra di loro, sviluppano comunicazioni istituzionali pr affrmar i valori distintivi di marca incominciano a spandr la comunicazion dinamica dll offrt sul trritorio. Gli Iprmrcati con l signza di valorizzar assortimnti ancora più ampi suprfici supriori ai mq, aumntano l impatto di comunicazion sul trritorio, dovndo attrarr clinti non solo dai bacini più prossimi, ampliano l offrta al non alimntar. L organizzazion dllo spazio dl suprmrcato cambia sotto un unico ttto convivono du form distributiv da smpr altrnativ tra loro: da un lato, il slf srvic con il suo prsonal ch rifornisc gli scaffali pr il consumator, il qual intragisc dirttamnt con i prodotti sposti; dall altro il banco srvito, dov riappaiono l rlazioni intrprsonali tra addtto al srvizio consumator, tipich dl dttaglio tradizional. Era stata l introduzion di frschi prconfzionati di rparti carni, formaggi, salumi, frutta a sancir l inizio di un ultrior fas di voluzion ch non potva ch portar rapidamnt al banco srvito, al punto cioè di massima intrazion prsonalizzata col consumator nl punto vndita. La richista di srvizio prsonalizzato è intnsa trascina lo sviluppo dll cart fdltà, ch prmttono inizialmnt di scoprir chi è il consumator di prodotti offrti. L attnzion incomincia a spostarsi in modo più dciso sui comportamnti dl consumator. Sino a quando non sono stati disponibili i dati da Data Warhous, la conoscnza dl consumator si è sviluppata prima con l impigo di tcnich tradizionali di ricrca statistica volt ssnzialmnt a individuar l carattristich a monitorarn i livlli di soddisfazion i punti di forza di dbolzza prsso campioni di consumatori, poi con analisi di gomarkting drivat dall fasi di studio dll potnzialità di ara pr la sclta dgli insdiamnti commrciali. Così nlla sconda mtà dgli anni 90 gran part dll catn distributiv lanciano l loro cart fdltà. Tra l più famos in Europa citiamo Club Card di Tsco, Rward Card di Sainsbury, ABC Card di Safway, Club Avantags dl Group Casino, Cora Card di Cora, Fidaty Card di Esslunga, SpsAmica dl Gruppo GS la stssa tssra SocioCoop di Coop, sono chiari smpi dlla volontà di connotar con un nom di marca importanti programmi di fdltà di consumatori. Con l cart fdltà nasc una nuova dimnsion di ricrca: la ricrca oprativa basata sul dato puntual, sinttico, aggiornato associato al singolo consumator. Inizialmnt, prò, lo sfruttamnto dll norm patrimonio di conoscnz è impigato ancora una volta pr capir il punto vndita più ch il consumator. Si laborano, quindi, statistich paramtri pr il top managmnt, al fin di Consumatori, DirittiMrcato numro 3/2007 Diritti Mrcato

8 valutar l prformancs di singoli punti di vndita in bas alla prdita o all acquisizion di clintla, in bas al numro di scontrini al loro valor mdio cc. Informazioni przios, ch consntono di valutar mglio i risultati conomici di singoli punti vndita sgnalar i punti dboli. Ma l cart fdltà prmttono anch di idntificar i clinti. Ch cosa aggiung qusta informazion? In fin di conti, l quantità vndut consntivano già molt riflssioni di markting. È possibil avr l indicazion di quanti clinti si stanno prdndo o acquisndo, ma in raltà qusto andamnto ra indirttamnt rilvato anch snza la carta di fdltà, poiché una prdita di clinti si rifltt in gnr su un calo dll vndit. Tuttavia qusta constatazion avvniva a consuntivo, quando cioè i giochi rano già fatti. Con opportun analisi risulta ora rlativamnt smplic coglir in tmpo util pr un vntual rcupro coloro ch sono mno soddisfatti stanno pr abbandonar il punto vndita, o srvir ancora mglio coloro ch dimostrano di ssr affzionati al punto vndita. I dati sono così disponibili non solo ai fini di accrscr la conoscnza dl consumator, ma anch pr orintar sul piano oprativo l azioni dl punto vndita di tutta la catna in modo da srvir mglio il consumator. L laborazion di particolari tipologi o clustr con comportamnti diffrn- ziati consntono poi di sviluppar posizionamnti di immagin diffrnziata, oprazioni offrt mirat. È l inizio dlla comunicazion dirtta on to on, ch passa dallo scaffal dirttamnt a casa dl consumator ch lo dsidra. La finalità è qulla di crar di comunicar un offrta al consumator in modo ch possa ffttivamnt affrmar qusto è proprio il punto di vndita ch mi conosc di più ch fa proprio pr m. La connssion dirtta col clint cra la ncssità di organizzar nuovi srvizi cntrali, nuovi sistmi di accoglinza sul punto vndita, nuovi quilibri di invstimnto in comunicazion promozion, nuovi sistmi di controllo. Si tratta di dcisioni non smplici da adottar, poiché modificano profondamnt alcuni comportamnti d imprsa. La sclta in qustion non è di poco conto, la dcision di dar il via a un programma di fidlizzazion tramit punti è da pondrar con strma srità. Si tratta, infatti, di programmi dai quali è molto difficil rcdr: dopo un crto tmpo, il clint si abitua a ricvr di punti, dll comunicazioni di vantaggi ha razioni ngativ s non li ricv più. Ancora più grav è la razion quando, sollcitato a rcarsi sul punto vndita, incontra prsonal non prparato ad accoglirlo a riconoscrlo. A qust condizioni, s il programma non ha succsso o s la sua fficacia si attnua nl tmpo sino a svanir, l imprsa può trovarsi di front a costi rilvanti ch è difficil ridurr. Un attività di fidlizzazion, a sconda di com è ralizzata, può quindi dtrminar un vro duraturo vantaggio comptitivo o trasformarsi in una font di insuccssi. Una dll prcondizioni dl succsso è l adozion di un orintamnto stratgico da part dll alta dirignza volto a stabilir un rapporto di qualità con il proprio consumator consapvol dll innovazioni ch sso richid ai comportamnti di tutt l struttur azindali. Consumatori, numro 3/2007 Diritti DirittiMrcato Mrcato 93

9 È la trasformazion consumrcntrica dll imprsa dlla GDO. Una trasformazion basata sulla crazion-avvio-misurazion-modificazion di programmi promozionali mssi a punto da una task forc ddicata. A ssa partcipano sponnti autorvoli dlla dirzion commrcial di sistmi informativi, l agnzia di comunicazion dirtta di markting oprativo, chi si occupa dlla comunicazion azindal strna intrna, chi avrà la rsponsabilità dll laborazion statistica di dati. Infin è smpr ncssario il coinvolgimnto di tutti i dipndnti. Siamo così ntrati nll ra dl srvizio intrattivo, prsonalizzato di microara, ma nl frattmpo il consumator si è voluto, con lui, nuov signz comportamnti mrgono. La nuova frontira: la ricrca intrattiva di dsidri dll comunità prsnti ni bacini di attrazion 94 Il consumator di oggi è smpr più informato, può scglir con maggior facilità il punto vndita in bas a considrazioni funzionali di rapporto przzo/ qualità, prmia la composizion dll offrta dl proprio punto vndita prfrito anch in bas a critri mozionali-intrattivi, ntra in rlazion dirtta con l funzioni sociali di ara svolt dal pdv. Il punto di vndita dlla GDO tnd a divntar il luogo dov si affluisc ogni fin sttimana (o giorno) pr consumar il rito collttivo dlla spsa. È un luogo ch assum anch il ruolo di vicolo lttivo pr i srvizi di opratori ch non ncssariamnt propongono prodotti alimntari, quando non divnta addirittura un vro portal commrcial attravrso il qual si accd a un cntro commrcial o a qulli di un quartir o di un ara intra. Si sviluppa così l intgrazion tra srvizi dstinati a particolari clustr di popolazion local (giovanissimi, anziani cc.) o clustr di famigli ni loro diffrnti stadi di vita (giovani famigli con bimbi piccoli, famigli adult, singl cc.) la classica offrta commrcial ch si può tradurr nlla proposta di prodotti più intrssanti pr i singoli clustr slzionati. L intrattività tra punto vndita il contsto ch si gnra comporta una maggior flssibilità dll struttur di comportamnti dlla GDO amplifica la tmatica dll accoglinza: è com s il punto di vndita si facss carico dll ncssità dlla vita comunitaria dll ara ch srv. Si sviluppa il micromarkting intgrativo dll politich commrciali di catna il markting di valorizzazion di contsti. La mission adsso consist nl valorizzar il srvizio lgato all offrta più adatta ai dsidri dl clustr dll ara di rifrimnto il vantaggio pr il consumator divnta global, ovvro un vantaggio pr tutta la comunità alla qual sso appartin: dalla comunità di bimbi, dll mamm con bambini, dgli anziani così via. Consumatori, DirittiMrcato numro 3/2007 Diritti Mrcato

10 La GDO si impgna a ntrar nlla cultura spcifica dll comunità all quali si rivolg inizia una sorta di larning rlationship in cui sia l azinda sia i clinti imparano a conoscrsi, ad apprzzarsi, prsino a modificar il loro comportamnto pr asscondar l signz rciproch. È qusto il caso dlla stratgia mssa in atto da Tsco pr la crazion di club basati su intrssi spcifici ni confronti di quali l offrta di un srvizio global, di qualità prsonalizzato si oppon alla logica adottata dal Wal-Mart, ch si fa portatric nl mondo dll istanza dl minor przzo su qualsiasi prodotto, anch a scapito dl miglior livllo di qualità dl miglior livllo di srvizio. L consgunz di un posizionamnto sclusivamnt basato sul przzo, ch può far a mno dlla conoscnza puntual di bisogni di consumatori, sono moltplici: gli impatti sulla filira di fornitori passano dalla ricrca di collaborazion co-markting alla pura trattativa di przzo a front di grandi quantità; pr quanto riguarda il prsonal si passa dalla politica dll accoglinza dl clint alla pura riduzion di costi a front dlla massima flssibilità; sull ambint limitrofo si passa da un ruolo di intgrazion a uno di trasformazion dirompnt. Conclusioni: una rivoluzion coprnicana ch punta alla qualità I vantaggi di una GDO orintata dall conoscnz sul consumator possono ssr così riassunti: i consumatori trovano soddisfatt l propri atts da part dl distributor; il distributor fidlizza i clinti, misura l azioni, scgli l azioni ch si ripagano, focalizza l risors, rnd possibil comptr con soggtti molto più grossi non sul trrno dlla potnza di fuoco, ma su qullo dlla prcision dll offrta; i produttori hanno accsso a dati molto più prcisi sui nuovi prodotti su qulli di nicchia; all comunità locali si apr la possibilità di ntrar ni nuovi luoghi di aggrgazion al cntro di quali la GDO costituisc il motor di attrazion commrcial principal. Pr il rtail italiano tutto ciò corrispond a una profonda trasformazion nlla qual l voluzion dll tcnologi dll informazion hanno svolto un ruolo dcisivo. Il rtailing ra tradizionalmnt afflitto da du maldizioni : qulla di non conoscr sattamnt né cosa vndva né a chi lo vndva. Vnt anni fa ogni prodotto vniva tichttato dal rtailr: quando passava alla cassa vniva battuto il przzo con il codic dl rparto, si rano invntati inggnosi sistmi di controllo di gstion basati sul conctto di consgnato pr vnduto, basati cioè Consumatori, DirittiMrcato numro 3/2007 Diritti Mrcato 95

11 sul fatto ch si conoscva con sattzza l quantità il valor di singoli articoli consgnati al ngozio da ssi si crcava di ddurr il vnduto pr articolo. L adozion diffusa di codici a barr dll cass con scannr ha msso fin alla prima maldizion i 15 anni succssivi sono srviti pr mttr a profitto la mol di dati gnrata passar a una più o mno complta gstion pr articolo. L uso dll cart di fdltà, consntndo di idntificar il clint, mtt fin alla sconda maldizion apr la strada alla gstion dlla qualità mirata prsonalizzata. Probabilmnt occorrranno ancora più di 20 anni prché qusta potnzialità splichi pinamnt i suoi fftti. Infatti trarr profitto pinamnt da qusti dati richid una profonda ristrutturazion dll organizzazion dl rtailr, una vra rivoluzion coprnicana nll tradizionali modalità di gstion. S n intuiscono facilmnt i trmini anch solo portando l attnzion su cosa accad alla tradizional attività di comunicazion dlla GDO. Una stratgia com qulla applicata con succsso da Tsco, con l invio di milioni di lttr l offrta di ingnti sconti mdiant buoni, comporta invstimnti massicci, quindi, implica spostamnti altrttanto massicci nl budgt promozional pubblicitario, con riduzion di altr voci, quali, pr smpio, la pubblicità tlvisiva. La pubblicità tlvisiva, com qualunqu comunicazion di massa, ha l fftto di omognizzar i comportamnti, mntr ogni comunicazion mirata assconda l tndnz alla divrsificazion, probabilmnt, in qualch misura l alimnta. Cambiano, quindi, sia gli quilibri ni budgt sia l stratgi di comunicazion. Pr assicurarsi ch gli invstimnti di cui abbiamo parlato diano il loro profitto, l imprsa dv ristrutturarsi al proprio intrno a partir dal markting vrso i clinti, ch si sposta dall intuizion alla misurazion ingloba la gstion di nuovi rapporti con i fornitori. Tsco, nll adottar con molta dcision una stratgia consumrcntrica, ha sclto la via dl srvizio dlla qualità, in altrnativa all fftto rullo comprssor di Wal-Mart. L impostazion consumrcntrica offr, dunqu, l opportunità pr il rtailr di passar da nodo logistico di distribuzion di prsntazion di prodotti gnrati dai produttori, a nodo di intrprtazion trasmission dll volontà dll signz dll sprinz dll comunità di consumatori: da nodo trminal a nodo cntral dlla catna dl valor. Rifrimnti bibliografici 96 Humby, C., Hunt, T., Phillips, T., Scoring Points: How Tsco Is Winning Customr Loyalty, Kogan Pag, Ziliani, C., Dalla quantità alla qualità, Promotion Magazin, april-maggio Fishman, C., Efftto Wal-Mart il costo nascosto dlla convninza, introduzion di Giampaolo Fabris, Ega, ottobr Consumatori, DirittiMrcato numro 3/2007 Diritti Mrcato

Big Switch: prospettive nel mercato elettrico italiano

Big Switch: prospettive nel mercato elettrico italiano Big Switch: prospttiv nl mrcato lttrico italiano Ottavio Slavio I mrcati lttrici libralizzati non smpr consntono ai consumatori finali di trarr vantaggio dalla concorrnza tra i produttori. Il caso ingls

Dettagli

Regimi di cambio. In questa lezione: Studiamo l economia aperta nel breve e nel medio periodo. Studiamo le crisi valutarie.

Regimi di cambio. In questa lezione: Studiamo l economia aperta nel breve e nel medio periodo. Studiamo le crisi valutarie. Rgimi di cambio In qusta lzion: Studiamo l conomia aprta nl brv nl mdio priodo. Studiamo l crisi valutari. Analizziamo brvmnt l Ar Valutari Ottimali. 279 Il mdio priodo Abbiamo visto ch gli fftti di politica

Dettagli

Mercato globale delle materie prime: il caso Ferrero

Mercato globale delle materie prime: il caso Ferrero Mrcato global dll matri prim: il caso Frrro Mauro Fontana In un priodo di fort crisi, com qullo ch attualmnt stiamo vivndo, il vincolo dl potr di acquisto di consumatori assum un importanza fondamntal

Dettagli

La Formazione in Bilancio delle Unità Previsionali di Base

La Formazione in Bilancio delle Unità Previsionali di Base La Formazion in Bilancio dll Unità Prvisionali di Bas Con la Lgg 3 april 1997, n. 94 sono stat introdott l Unità Prvisionali di Bas (di sguito anch solo UPB), ch rapprsntano un di aggrgazion di capitoli

Dettagli

TEMPI SOGGETTI AZIONI Gennaio- Docenti dei due ordini di scuola e Pianificazione del progetto ponte per gli Anno

TEMPI SOGGETTI AZIONI Gennaio- Docenti dei due ordini di scuola e Pianificazione del progetto ponte per gli Anno PROGETTO PONTE TRA ORDINI DI SCUOLA Pr favorir la continuità ducativo didattica nl momnto dl passaggio da un ordin di scuola ad un altro, si labora un pont, sul modllo di qullo sottolncato. TEMPI SOGGETTI

Dettagli

INTERNAZIONALIZZ. E MARKETING TERRITORIALE DETERMINAZIONE. Estensore TENNENINI MASSIMO. Responsabile del procedimento TENNENINI MASSIMO

INTERNAZIONALIZZ. E MARKETING TERRITORIALE DETERMINAZIONE. Estensore TENNENINI MASSIMO. Responsabile del procedimento TENNENINI MASSIMO REGIONE LAZIO Dirzion Rgional: Ara: SVILUPPO ECONOMICO E ATTIVITA PRODUTTIVE INTERNAZIONALIZZ. E MARKETING TERRITORIALE DETERMINAZIONE N. G09834 dl 08/07/2014 Proposta n. 11437 dl 01/07/2014 Oggtto: Attuazion

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Progetto di RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE. del (...)

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Progetto di RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE. del (...) COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxlls, xxx COM (2001) yyy final Progtto di RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE dl (...) modificando la raccomandazion 96/280/CE rlativa alla dfinizion dll piccol mdi

Dettagli

Sicurezza informativa: verso l integrazione dei sistemi di gestione per la sicurezza

Sicurezza informativa: verso l integrazione dei sistemi di gestione per la sicurezza Sicurzza informativa: vrso l intgrazion di sistmi di gstion pr la sicurzza Convgno ABI Banch Sicurzza 2006 Roma, 7 Giugno 2006 Raoul Savastano, Rsponsabil Srvizi Sicurzza KPMG Irm Advisory Agnda Il problma

Dettagli

Procedura Operativa Standard. Internal Dealing. Rev. 0 In vigore dal 28 marzo 2012 COMITATO DI CONTROLLO INTERNO. Luogo Data Per ricevuta

Procedura Operativa Standard. Internal Dealing. Rev. 0 In vigore dal 28 marzo 2012 COMITATO DI CONTROLLO INTERNO. Luogo Data Per ricevuta REDATTO: APPROVATO: APPROVATO: INTERNAL AUDITOR COMITATO DI CONTROLLO INTERNO C.D.A. Luogo Data Pr ricvuta INDICE 1.0 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE 2.0 RIFERIMENTI NORMATIVI 3.0 DEFINIZIONI 4.0 RUOLI

Dettagli

Donare ai tempi della crisi

Donare ai tempi della crisi Argomnti Donar ai tmpi dlla crisi Domnico Chirico Non è smplic districarsi all intrno dll numros richist opportunità di donazion ch, soprattutto in tmpi di crisi, provngono da molti fronti. L articolo

Dettagli

13 - LA PROGRAMMAZIONE DELL'ALLENAMENTO

13 - LA PROGRAMMAZIONE DELL'ALLENAMENTO 132 13 - LA PROGRAMMAZIONE DELL'ALLENAMENTO La prparazion complta dl calciator si ralizza sottoponndo il suo organismo, la sua prsonalità la sua potnzialità motoria, ad una gran quantità di stimoli ch

Dettagli

Le evoluzioni del Corporate Banking interbancario in Italia e in Europa

Le evoluzioni del Corporate Banking interbancario in Italia e in Europa Convgno ABI Tavola rotonda L voluzioni dl Corporat Banking intrbancario in Italia in Europa 11 cmbr 2009 Luigi Prissich DG Confindustria Srvizi innovativi Tcnologici Il Progtto Italia Digital Costruir

Dettagli

Accordo quadro-operativo. tra. ICE - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane

Accordo quadro-operativo. tra. ICE - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Accordo quadro-oprativo ICE - Agnzia pr la promozion all stro l intrnazionalizzazion dll imprs italian RtImprsa, Agnzia Confdral pr l Rti di Imprsa L ICE - Agnzia pr la promozion all stro intrnazionalizzazion

Dettagli

Tariffe delle prestazioni sanitarie nelle diverse regioni italiane. Laura Filippucci

Tariffe delle prestazioni sanitarie nelle diverse regioni italiane. Laura Filippucci Consumatori in cifr Tariff dll prstazioni sanitari nll divrs rgioni italian Laura Filippucci La rcnt proposta dl Govrno di aggiornar il tariffario dll prstazioni sanitari di laboratorio ha sollvato un

Dettagli

Marketing SI? Marketing NO?

Marketing SI? Marketing NO? Markting SI? Markting NO? Prché siamo qui Oggi non vinc chi è più fort ma chi è più vloc ad adattarsi al mrcato Vloc com: pnsiro, vision, cratività, iniziativa C è smpr chi è più vloc di noi ci mangia

Dettagli

Big Switch: un nuovo gruppo d acquisto nel mercato elettrico britannico

Big Switch: un nuovo gruppo d acquisto nel mercato elettrico britannico Argomnti Big Switch: un nuovo gruppo d acquisto nl mrcato lttrico britannico Pt Moory Il Big Switch ralizzato da Which? - organizzazion di consumatori ingls - è la dimostrazion ch un gruppo d acquisto

Dettagli

Il punto sulla liberalizzazione del mercato postale

Il punto sulla liberalizzazione del mercato postale Il punto sulla libralizzazion dl mrcato postal Andra Grillo Il punto di vista di Post Italian sul procsso di libralizzazion l implicazioni concorrnziali; l carattristich dl srvizio univrsal nll ambito

Dettagli

Banche e responsabilità sociale. Angela Tanno

Banche e responsabilità sociale. Angela Tanno Banch rsponsabilità social Angla Tanno Da tmpo l ABI sta promuovndo prsso i suoi mmbri progtti ch mirano a sollcitar una maggior attnzion trasparnza vrso i loro clinti, al fin di accrscr la crdibilità

Dettagli

Marketing e Finanza. Strategie, marketing e innovazione finanziaria

Marketing e Finanza. Strategie, marketing e innovazione finanziaria Markting Multicanalità Stratgi, markting innovazion finanziaria Innovar attravrso la multicanalità: una sfida pr comptr nl mondo dl Privat Banking 4 Andra Ragaini, Banca Csar Ponti Giancarlo Cairoli, Banca

Dettagli

Il paradosso dei carburanti in Italia. Marco Bulfon

Il paradosso dei carburanti in Italia. Marco Bulfon Consumatori in cifr Il paradosso di carburanti in Italia Marco Bulfon I carburanti hanno un norm incidnza sull inflazion gnral. È pr qusta ragion ch la dinamica di loro przzi è così important. Nl momnto

Dettagli

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA CONCORSO DI PROGETTAZIONE UNA NUOVA VIVIBILITA PER IL CENTRO DI NONANTOLA PROCESSO PARTECIPATIVO INTEGRATO CENTRO ANCH IO! REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA ESITO DELLE VOTAZIONI RACCOLTE DURANTE LE

Dettagli

Alcune definizioni correnti di curricolo. Umberto Margiotta

Alcune definizioni correnti di curricolo. Umberto Margiotta Alcun dfinizioni corrnti Umbrto Margiotta Di cosa è fatto intanto un? Di una squnza apparntmnt smplic linar lmnti ch, anch s vrsamnt dfiniti d splicitati, ricorrono in ogni contsto istruzion o progtto

Dettagli

Scopi e principali caratteristiche del mercato Valutazione delle azioni Regolamentazione

Scopi e principali caratteristiche del mercato Valutazione delle azioni Regolamentazione MERCATO AZIONARIO A.A. 2015/2016 Prof. Albrto Drassi adrassi@units.it DEAMS Univrsità di Trist ARGOMENTI Scopi principali carattristich dl mrcato Valutazion dll azioni Rgolamntazion 2 1 Rapprsntano l intrss

Dettagli

Le Reti di Impresa: aspetti operativi e commerciali

Le Reti di Impresa: aspetti operativi e commerciali L Rti Imprsa: asptti oprativi commrciali Stfano COCCHIERI Had of Soft Loans Contributions & Subsis Prugia, 21 Novmbr 2012 IL CONTRATTO DI RETE ll Contratto rapprsnta una forma aggrgativa ibrida aggiuntiva

Dettagli

La soluzione oggi più avanzata per realizzare un

La soluzione oggi più avanzata per realizzare un Skycntr www.skycntr.it L IMPIANO SA IN FIBRA OICA Lo sviluppo inarrstabil dlla Fibra Ottica La soluzion oggi più avanzata pr ralizzar un impianto sat condominial è qulla ch utilizza la fibra ottica. I

Dettagli

Il mercato elettrico dopo la liberalizzazione per i clienti domestici

Il mercato elettrico dopo la liberalizzazione per i clienti domestici Il mrcato lttrico dopo la libralizzazion pr i clinti domstici Paolo Cazzaniga Introduzion: struttura dl mrcato lttrico dlla tariffa Dal 1 luglio 2007 la libralizzazion dl mrcato lttrico è compltata: anch

Dettagli

PIANO GESTIONE EMERGENZE INTERNE

PIANO GESTIONE EMERGENZE INTERNE CADUTA NEVE-FORMAZIONE DI GHIACCIO E ONDATE DI GRANDE FREDDO Roma, 02/2015 Rv.06/annual Pagina 1 di 6 Sd lgal Circonvallazion Gianicolns 87-00152 Roma A.Orlli. Tl. 3387 PIANO GESTIONE EMERGENZE INTERNE

Dettagli

POR Calabria 2014-2020

POR Calabria 2014-2020 POR Calabria 20142020 Obittivo Tmatico 9 PROMUOVERE L INCLUSIONE SOCIALE, COMBATTERE LA POVERTÀ E OGNI FORMA DI DISCRIMINAZIONE Priorità 9 PROMUOVERE L INCLUSIONE SOCIALE, COMBATTERE LA POVERTÀ E OGNI

Dettagli

ALLEGATO N.3 STRATEGIE PER IL RECUPERO-POTENZIAMENTO E VALORIZZAZIONE ECCELLENZE

ALLEGATO N.3 STRATEGIE PER IL RECUPERO-POTENZIAMENTO E VALORIZZAZIONE ECCELLENZE ALLEGATO N.3 STRATEGIE PER IL RECUPERO-POTENZIAMENTO E VALORIZZAZIONE ECCELLENZE a. STRATEGIE PER IL RECUPERO DESTINATARI Il Rcupro sarà rivolto agli alunni ch prsntano ancora difficoltà nll adozion di

Dettagli

Ulteriori esercizi svolti

Ulteriori esercizi svolti Ultriori srcizi svolti Effttuar uno studio qualitativo dll sgunti funzioni ) 4 f ( ) ) ( + ) f ( ) + 3) f ( ) con particolar rifrimnto ai sgunti asptti: a) trova il dominio di f b) indica quali sono gli

Dettagli

Generali operative. Ausiliario Sui compiti Semplice Interne con pochi soggetti. Di tipo indiretto. Discreta ampiezza delle soluzioni.

Generali operative. Ausiliario Sui compiti Semplice Interne con pochi soggetti. Di tipo indiretto. Discreta ampiezza delle soluzioni. ,352),/,352)(66,21$/,1(*/,(17,/2&$/,813266,%,/(02'(//2', '(6&5,=,21('(//$9252 GL5LFFDUGR*LRYDQQHWWL&H3$±/,8& A distanza di circa quattro anni dalla introduzion dl nuovo sistma di inquadramnto dl prsonal

Dettagli

ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO Centro Regionale di Programmazione

ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO Centro Regionale di Programmazione ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO Cntro Rgional di Programmazion I n t r POR Sardgna FESR 2007/2013 - ASSE VI COMPETITIVITÀ Lina di attività 6.1.1.A Promozion

Dettagli

Banda larga: su tecnologia e innovazione si gioca il futuro del Paese

Banda larga: su tecnologia e innovazione si gioca il futuro del Paese Banda larga: su tcnologia innovazion si gioca il futuro dl Pas Antonllo Bustto Quando facciamo rifrimnto alla cosiddtta crisi conomica è bn inquadrar chiaramnt il fnomno. S guardiamo la Fig. 1 possiamo

Dettagli

Concorrenza e scelte informate nel settore Rc auto 1. Paolo Martinello

Concorrenza e scelte informate nel settore Rc auto 1. Paolo Martinello Concorrnza sclt informat nl sttor Rc auto 1 Paolo Martinllo I canali distributivi vincolati hanno limitato la concorrnza l informazioni a disposizion di consumatori nl mrcato dll polizz Rc auto. L rcnti

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra. Prefettura di Roma. Università di Roma La Sapienza. Università degli Studi di Roma Tor Vergata

PROTOCOLLO D INTESA. tra. Prefettura di Roma. Università di Roma La Sapienza. Università degli Studi di Roma Tor Vergata PROTOCOLLO D INTESA tra Prfttura di Roma Univrsità di Roma La Sapinza Univrsità dgli Studi di Roma Tor Vrgata Univrsità dgli Studi Roma Tr 1 PREMESSO ch con dcrto dl Prsidnt dl Consiglio di Ministri dl

Dettagli

La lunga crisi dei consumi delle famiglie italiane

La lunga crisi dei consumi delle famiglie italiane La lunga crisi di consumi dll famigli italian Fdl D Novllis La fas di bassa crscita di consumi in Italia ch si è prodotta dall inizio dl dcnnio dipnd dalla mancata crscita dl rddito dll famigli. Qusta

Dettagli

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna Sttor Programmazion, Controlli La popolazion in tà da 0 a 2 anni rsidnt nl comun di Bologna Maggio 2007 La prsnt nota è stata ralizzata da un gruppo di dirignti funzionari dl Sttor Programmazion, Controlli

Dettagli

Prot. n. AOODGEFID/7724 Roma, 12/05/2016. Al Dirigente Scolastico I.C. 1^ CASSINO VIA BELLINI, 1 03043 CASSINO FROSINONE LAZIO

Prot. n. AOODGEFID/7724 Roma, 12/05/2016. Al Dirigente Scolastico I.C. 1^ CASSINO VIA BELLINI, 1 03043 CASSINO FROSINONE LAZIO Ministro dll Istruzion, dll Univrsità dlla Ricrca Dipartimnto pr la Programmazion la gstion dll risors uman, finanziari strumntali Dirzion Gnral pr intrvnti in matria di dilizia scolastica, pr la gstion

Dettagli

17 settembre 2008 Palazzo della Cultura e dei Congressi di Bologna Dott. Fabrizio Zecchin SCS Azioninnova S.p.A.

17 settembre 2008 Palazzo della Cultura e dei Congressi di Bologna Dott. Fabrizio Zecchin SCS Azioninnova S.p.A. I SGSL il Modllo Organizzativo L lin guida INAIL la OHSAS 18001: carattristich spcificità 17 sttmbr 2008 Palazzo dlla Cultura di Congrssi di Bologna Dott. Fabrizio Zcchin SCS Azioninnova S.p.A. OBIETTIVO

Dettagli

Pubblicità ingannevole: Autorità Antitrust vs Giurì di Autodisciplina

Pubblicità ingannevole: Autorità Antitrust vs Giurì di Autodisciplina Pubblicità ingannvol: Autorità Antitrust vs Giurì di Autodisciplina Marco Di Toro Individuati tr sttori, la biglittria ara low cost, i viaggi il turismo, infin, il crdito al consumo, si è procduto alla

Dettagli

Lezione 16 (BAG cap. 15) Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia. Schema Lezione

Lezione 16 (BAG cap. 15) Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia. Schema Lezione Lzion 6 (BAG cap. 5) Mrcati finanziari aspttativ Corso di Macroconomia Prof. Guido Ascari, Univrsità di Pavia Schma Lzion Ruolo dll aspttativ nl dtrminar ii przzi di azioni obbligazioni Sclta fra tanti

Dettagli

Il paziente finalmente garantito.

Il paziente finalmente garantito. Il pazint finalmnt garantito. Dal nonato alla sala opratoria sicurzza in ospdal. Esprinz al Buzzi CTO di Milano. Gianluca Lista Gli Istituti Clinici di Prfzionamnto di Milano Azinda Ospdalira di rilivo

Dettagli

L Osservatorio ABI Costing Benchmark : i risultati del Rapporto ABI 2004 e le analisi di posizionamento

L Osservatorio ABI Costing Benchmark : i risultati del Rapporto ABI 2004 e le analisi di posizionamento L Ossrvatorio ABI Costg Bnchmark : i risultati dl Rapporto ABI 2004 l anisi posizionamnto Albrto Bstrri Roma, 11 novmbr 2004 Aumnta l fficacia l dll politich contnimnto di Vi Vi sono sono 9 9 classi classi

Dettagli

LA NOSTRA AVVENTURA NEL CREARE UN LIBRO

LA NOSTRA AVVENTURA NEL CREARE UN LIBRO LA NOSTRA AVVENTURA NEL CREARE UN LIBRO Abbiamo iniziato a lggr in class Nonno Tano la casa dll strgh. Lo scopo ra ascoltar comprndr. Sguir la mastra ch dava sprssività alla lttura imparar da lla a lggr.

Dettagli

Caccia Programmazione e controllo nelle aziende sanitarie

Caccia Programmazione e controllo nelle aziende sanitarie Caccia Programmazion controllo nll azind sanitari approccio tradizional:stratgia posta all'strno di P & C formulazion di budgt STRATEGIE programmazion svolgimnto attività rporting valutazion approccio

Dettagli

Private label nella GDO: il caso Coop Italia

Private label nella GDO: il caso Coop Italia Argomnti Privat labl nlla GDO: il caso Coop Italia Manula Piana La marca privata, strumnto di diffrnziazion pr l imprsa distributiva valor offrto al consumator, consnt oggi ai distributori di prdisporr

Dettagli

L evoluzione dei Servizi IT vista dalle due discipline di Project e Service Management

L evoluzione dei Servizi IT vista dalle due discipline di Project e Service Management Con il patrocinio di: Sponsorizzato da: Il Framwork ITIL gli Standard di PMI : possibili sinrgi Milano, Vnrdì, 11 Luglio 2008 L voluzion di Srvizi IT vista dall du disciplin di Projct Srvic Managmnt Christian

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE

ACCORDO DI COLLABORAZIONE ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA EXPO 2015 S.p.A. Rgion Lombardia il Ministro dll Istruzion, dll Univrsità dlla Ricrca Ufficio Scolastico Rgional pr la Lombardia in accordo con ANCI Lombardia Rgion Ecclsiastica

Dettagli

Zerouno Executive Dinner

Zerouno Executive Dinner Zrouno Excutiv Dinnr Outsourcing stratgico Flssibilizzar l IT snza prdrn il controllo Annamaria Di Ruscio ruscio@ntconsulting.it Milano, 2 Dicmbr 2010 L priorità businss stanno cambiando: non più solo

Dettagli

Task Force deleghe al territorio Secondo incontro

Task Force deleghe al territorio Secondo incontro 1 Task Forc dlgh al trritorio Scondo incontro Roma 03 novmbr 2008 2 Immobili acquisti Esignz rilvat Strumnti gstionali Stratgia intrvnto Attività di gruppi lavoro trritoriali Prossimi Ambiti Analisi: S&S

Dettagli

Informazioni in Rete

Informazioni in Rete Argomnti Informazioni in Rt Marco Gambaro Ngli ultimi anni Intrnt è divntato part dlla nostra vita quotidiana ha trasformato profondamnt il ruolo i confini di mzzi di comunicazion tradizionali attravrso

Dettagli

Servizio post-vendita: il caso degli elettrodomenstici

Servizio post-vendita: il caso degli elettrodomenstici Srvizio post-vndita: il caso dgli lttrodomnstici Nicola Saccani L offrta di srvizi contstual alla vndita post-vndita, in molti sttori di bni di consumo durvol, è divntato un fattor diffrnziant d un arma

Dettagli

3 Corso di Formazione per Operatori Volontari per Centri di Primo Soccorso e Centri di Recupero Animali Selvatici Feriti o in difficoltà.

3 Corso di Formazione per Operatori Volontari per Centri di Primo Soccorso e Centri di Recupero Animali Selvatici Feriti o in difficoltà. Corpo di Polizia Provincial 3 Corso di Formazion pr Opratori Volontari pr Cntri di Primo Soccorso Cntri di Rcupro Animali Slvatici Friti o in difficoltà. (Opratori da impigar prsso il Cntro di Rcupro Animali

Dettagli

emercato L innovazione digitale nei canali di vendita Argomenti Roberto Liscia

emercato L innovazione digitale nei canali di vendita Argomenti Roberto Liscia Argomnti L innovazion digital ni canali di vndita Robrto Liscia Il commrcio lttronico sta modificando l logich di businss di molt imprs il rapporto tra l stss i clinti. Il mrcato si è modificato anch una

Dettagli

SCHEDA VALUTAZIONE ANNUALE PERSONALE SCHEDA VALUTAZIONE NEOASSUNTO

SCHEDA VALUTAZIONE ANNUALE PERSONALE SCHEDA VALUTAZIONE NEOASSUNTO Rvision n 3 25/06/2012 SCHEDA VALUTAZIONE ANNUALE SCHEDA VALUTAZIONE NEOASSUNTO Cognom Nom Unità Oprativa Valutator Data valutazion Da compilar s noassunto: Data inizio priodo di prova Data valutazion

Dettagli

Il credito al consumo

Il credito al consumo Il crdito al consumo Anna Vizzari Scnario di rifrimnto I lttori di ricordranno ch abbiamo ddicato il focus dl numro 2/2006 proprio al crdito al consumo. Oggi, a distanza di circa du anni, aggiorniamo i

Dettagli

Liberalizzazioni, consumatori e produttori

Liberalizzazioni, consumatori e produttori Argomnti Libralizzazioni, consumatori produttori Francsco Silva Pr una più fficint qualificata offrta di srvizi è ncssario libralizzar, ma l libralizzazioni sono fficaci solo s sono molto mirat non dmagogich.

Dettagli

1 Il concetto di funzione 1. 2 Funzione composta 4. 3 Funzione inversa 6. 4 Restrizione e prolungamento di una funzione 8

1 Il concetto di funzione 1. 2 Funzione composta 4. 3 Funzione inversa 6. 4 Restrizione e prolungamento di una funzione 8 UNIVR Facoltà di Economia Sd di Vicnza Corso di Matmatica 1 Funzioni Indic 1 Il conctto di funzion 1 Funzion composta 4 3 Funzion invrsa 6 4 Rstrizion prolungamnto di una funzion 8 5 Soluzioni dgli srcizi

Dettagli

Distribuzione libraria e concorrenza

Distribuzione libraria e concorrenza Distribuzion libraria concorrnza Luca Pllgrini Il tsto, ch va ltto com commnto all articolo di Innocnzo Pontrmoli in qusto numro di, affronta il tma dlla distribuzion libraria, in particolar in rapporto

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore

730, Unico 2014 e Studi di settore 730, Unico 2014 Stu sttor Pillol aggiornamnto N. 39 27.06.2014 Il prosptto Dati bilancio in Unico2014 ENC. La riconciliazion dati dllo Stato Patrimonial nl prosptto Dati bilancio. Catgoria: Dichiarazion

Dettagli

Conciliazione delle controversie: il ruolo delle associazioni di consumatori 1

Conciliazione delle controversie: il ruolo delle associazioni di consumatori 1 Argomnti Conciliazion dll controvrsi: il ruolo dll associazioni di consumatori 1 Pitro Pradri Il CNCU (Consiglio Nazional di Consumatori Utnti) ha approvato il documnto con il qual si chid al Ministro

Dettagli

L acqua del rubinetto è buona, ma non ci fidiamo

L acqua del rubinetto è buona, ma non ci fidiamo Argomnti L acqua dl rubintto è buona, ma non ci fidiamo Massimo Labra Maurizio Casiraghi Ch rapporto hanno gli italiani con l acqua? Molti prfriscono qulla in bottiglia. Cosa li guida nlla sclta? Il gusto

Dettagli

Archiviazione intelligente

Archiviazione intelligente Archiviazion intllignt Srvizio di archiviazion chiavi in mano SOFTWARE di ultima gnrazion pr ottimizzar i procssi oprativi produttivi dlla tua azinda Flywb.it www.a3srl.it PROTOOLLO INFORMATIO DELLE P.A.

Dettagli

Elio Marchetti. Crisi del mercato assicurativo: azioni degli assicuratori e risposte del sistema sanitario

Elio Marchetti. Crisi del mercato assicurativo: azioni degli assicuratori e risposte del sistema sanitario Sanità, risk managmnt assicurazion Elio Marchtti Nl rcnt passato l compagni ch oprano nll assicurazion sanitaria si sono ridott di numro hanno ristrtto l opratività dll loro polizz, gnrando il sosptto

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA Informazioni rlativ ai piani di stock option di ITALMOBILIARE S.p.A. ITALCEMENTI S.p.A. già sottoposti alla dcision di rispttivi organi comptnti antcdntmnt

Dettagli

Le problematiche della consulenza finanziaria

Le problematiche della consulenza finanziaria L problmatich dlla consulnza finanziaria Anna Vizzari MIFID: una dirttiva a tutla di piccoli risparmiatori? MIFID è l acronimo di Markt in Financial Instrumnts Dirctiv. Individua una dirttiva dll Union

Dettagli

SERVIZIO LUCE 3 - Criteri di sostenibilità

SERVIZIO LUCE 3 - Criteri di sostenibilità SERVIZIO LUCE 3 - Critri sostnibilità 1. Oggtto dll iniziativa La Convnzion ha com oggtto l attività acquisto dll nrgia lttrica, srcizio manutnzion dgli impianti illuminazion pubblica, nonché gli intrvnti

Dettagli

Il Codice di deontologia in tema di crediti al consumo

Il Codice di deontologia in tema di crediti al consumo Il Codic di dontologia in tma di crditi al consumo Fabio Picciolini La rfrnza crditizia riguarda tutti i cittadini l imprs poiché, a front di ogni richista di aprtura di un rapporto crditizio, gli opratori

Dettagli

1. Cos è l IT Governance. 2. I criteri con cui sviluppare un modello di IT Governance. 3. Il modello MEF-Consip

1. Cos è l IT Governance. 2. I criteri con cui sviluppare un modello di IT Governance. 3. Il modello MEF-Consip IMPLEMENTARE IMPLEMENTARE UN UN MODELLO MODELLO DI DI IT IT GOVERNANCE GOVERNANCE SOSTENIBILE SOSTENIBILE PER PER LA LA PROPRIA PROPRIA ORGANIZZAZIONE ORGANIZZAZIONE Giorgio Pagano 1 1. Cos è l IT Govrnanc

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA MANIFESTO DEGLI STUDI DELLA SCUOLA POLITECNICA AREA ARCHITETTURA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA MANIFESTO DEGLI STUDI DELLA SCUOLA POLITECNICA AREA ARCHITETTURA IVRSITÀ DGLI STUDI DI GNOVA MANIFSTO DGLI STUDI DLLA SCUOLA POLITCNICA ARA ARCHITTTURA Anno Accadmico 204/205 CORSI DI LAURA MAGISTRAL (D.M. 270/2004) Corso di studi in DSIGN NAVAL - class LM-2 - Sd didattica

Dettagli

Nuove tendenze di consumo. Vanni Codeluppi

Nuove tendenze di consumo. Vanni Codeluppi Nuov tndnz di consumo Vanni Codluppi La crisi conomica ha dtrminato di cambiamnti ni comportamnti di consumatori, ch si sono maggiormnt spostati vrso i bni ssnziali. In Occidnt in Italia l andamnto di

Dettagli

Regolamento per il controllo della pubblicità

Regolamento per il controllo della pubblicità Rgolamnto pr il controllo dlla Rgolamnto pr il controllo dlla pu bbliciià. Introduzion: Qusto Rgolamnto vin applicato pr il controllo dlla pubbliciti su: Indumnti d quipaggiamnto di ginnasti, giudici diuignti;

Dettagli

Servizi di Issuing e Acquiring: sempre più alleati nella War on Cash. Fausto Bolognini CEO

Servizi di Issuing e Acquiring: sempre più alleati nella War on Cash. Fausto Bolognini CEO Srvizi Issuing Acquiring: smpr più allati nlla War on Cash Fausto Bolognini CEO Qurcia Softwar: Company Profil Qurcia Softwar nasc nl 1987 con la mission sviluppar soluzioni srvizi pr l banch nl mondo

Dettagli

COMUNE DI BOLOGNA Dipartimento Economia e Promozione della Città

COMUNE DI BOLOGNA Dipartimento Economia e Promozione della Città COMUNE DI BOLOGNA Dipartimnto Economia Promozion dlla Città Allgato C all Avviso pubblico pr la prsntazion di progtti di sviluppo alla Agnda Digital di Bologna Modllo di dichiarazion sul posssso di rquisiti

Dettagli

le Segreterie degli Organi di Coordinamento delle rr.ss.aa. FABI DIRCREDITO SINFUB

le Segreterie degli Organi di Coordinamento delle rr.ss.aa. FABI DIRCREDITO SINFUB In rlazion a quanto prvisto dall art.2120 C.C., dall norm di lgg dagli accordi collttivi vignti, convngono ch, in aggiunta alla casistica sprssamnt prvista, il dipndnt possa chidr la anticipazion dl proprio

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO Giacomo Chilesotti. Elettronica ed Elettrotecnica-Informatica e Telecomunicazioni-Trasporti e Logistica PIANO DI MATERIA

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO Giacomo Chilesotti. Elettronica ed Elettrotecnica-Informatica e Telecomunicazioni-Trasporti e Logistica PIANO DI MATERIA 1. Dati gnrali ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO Giacomo Chsotti PIANO DI MATERIA Indirizzo lttronica Matria Rligion Cattolica o att. alt. Class quinta Anno scolastico: 2015/2016 2. : Sulla bas dll Indicazioni

Dettagli

Teoria dell integrazione secondo Riemann per funzioni. reali di una variabile reale.

Teoria dell integrazione secondo Riemann per funzioni. reali di una variabile reale. Capitolo 2 Toria dll intgrazion scondo Rimann pr funzioni rali di una variabil ral Esistono vari tori dll intgrazion; tutt hanno com comun antnato il mtodo di saustion utilizzato dai Grci pr calcolar l

Dettagli

AGE.AGEDREMR.REGISTRO UFFICIALE.0056784.20-12-2013-I

AGE.AGEDREMR.REGISTRO UFFICIALE.0056784.20-12-2013-I AGE.AGEDREMR.REGISTRO UFFICIALE.0056784.20-12-2013-I Comun di Forlì COMUNE DI RAVENNA Convnzion pr la promozion dlla lgalità fiscal abitativa dgli studnti dll Univrsità di Bologna Poli Romagna pr il rilascio

Dettagli

L origine dell aumento dei prezzi dei cereali

L origine dell aumento dei prezzi dei cereali L origin dll aumnto di przzi di crali Matild Frrtto L aumnto di przzi di bni drivati dalla trasformazion di crali (pan, biscotti, pasta cc.) è fort, ma fors i suoi fftti sono più sri pr i pasi povri ch

Dettagli

ARCHIVIA Plus per Studi Commerciali. Archiviazione e conservazione sostitutiva documenti fiscali

ARCHIVIA Plus per Studi Commerciali. Archiviazione e conservazione sostitutiva documenti fiscali ARCHIVIA Plus pr Studi Commrciali Archiviazion consrvazion sostitutiva documnti fiscali ARCHIVIA Plus pr Studi Commrciali Archivia Plus Archivia Plus è il softwar pr la consrvazion sostitutiva ch consnt

Dettagli

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO INTRODUZIONE. Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida.

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO INTRODUZIONE. Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida. INTRODUZIONE Pr la prdisposizion dl piano, è ncssario far rifrimnto all Lin Guida. Lo schma proposto di sguito è stato sviluppato nll ambito dl progtto Miglioramnto dll prformanc dll istituzioni scolastich

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA LA REGIONE VENETO E L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA, L UNIVERSITA DEGLI

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA LA REGIONE VENETO E L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA, L UNIVERSITA DEGLI ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA LA REGIONE VENETO E L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA, L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA, L UNIVERSITA IUAV DI VENEZIA, L UNIVERSITA CA FOSCARI E L AZIENDA REGIONALE PER

Dettagli

1 Scheda di Adesione scaricabile sul sito www.fondazionecariplo.it/scuola21. ione relativo a una ipotetica. consapevoli.

1 Scheda di Adesione scaricabile sul sito www.fondazionecariplo.it/scuola21. ione relativo a una ipotetica. consapevoli. VERSO LA COSTRUZIONE CONDIVISA DEL PIANO DIDATTICO DI SCUOLA 21 s. Istituto Tcnico Commrcial L'obittivo dl prsnt documnto è qullo di smplificar la compilazion dl Piano Didattico di Scuola 21 ch è riportato

Dettagli

Marketing e Finanza. Strategie, marketing e innovazione finanziaria

Marketing e Finanza. Strategie, marketing e innovazione finanziaria Markting Finanza Stratgi, markting innovazion finanziaria Innovazion finanziaria La social businss transformation nl sttor bancario, assicurativo finanziario. L innovazion nll ra social. 6 Srgio Spaccavnto,

Dettagli

I rifiuti vanno gestiti, non rimossi

I rifiuti vanno gestiti, non rimossi I rifiuti vanno gstiti, non rimossi Antonio Massarutto La gstion di rifiuti è un attività smpr più complssa costosa. Essa coinvolg i produttori di bni, i consumatori gli addtti alla rimozion smaltimnto

Dettagli

Opuscolo sui sistemi. Totogoal

Opuscolo sui sistemi. Totogoal Opuscolo sui sistmi Totogoal Più info Conoscnz calcistich pr vincr Jackpot alti Informazioni dttagliat costantmnt aggiornat sul Totogoal, sui programmi Toto sui risultati rpribili su Tltxt, a partir dalla

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE G. CIGNA - G. BARUFFI - F. GARELLI

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE G. CIGNA - G. BARUFFI - F. GARELLI ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE G. CIGNA - G. BARUFFI - F. GARELLI PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE PIANO DIDATTICO ANNUALE A.S. 2015/2016 Matria: Tcnologi Informatich Class (docnt) 1^ACH - Prof. Musumci

Dettagli

La politica degli incentivi al consumo: dimensioni, caratteristiche, valutazione, problemi 1. Augusto Ninni

La politica degli incentivi al consumo: dimensioni, caratteristiche, valutazione, problemi 1. Augusto Ninni La politica dgli incntivi al consumo: dimnsioni, carattristich, valutazion, problmi 1 Augusto Ninni Nll articolo si discut la politica dgli incntivi al consumo, insriti nl Dcrto lgg n. 40 dl 25 marzo 2010.

Dettagli

MIL E UN INCENTIVE IL PRIMO GIORNALE DEGLI EVENTI E DELLE SPONSORIZZAZIONI G IU-LUG 2009 COVER STORY AGENZIA DEL MESE TRIUMPH

MIL E UN INCENTIVE IL PRIMO GIORNALE DEGLI EVENTI E DELLE SPONSORIZZAZIONI G IU-LUG 2009 COVER STORY AGENZIA DEL MESE TRIUMPH G IU-LUG 09 IL PRIMO GIORNALE DEGLI EVENTI E DELLE SPONSORIZZAZIONI Socità Editric ADC Group srl, via Fra Luca Pacioli, 3 Milano Dirttor Rsponsabil: Salvator Sagon - www.xprss.it Rdazion pubblicità: via

Dettagli

Assicurazioni: liberalizzazione mancata. Paolo Martinello

Assicurazioni: liberalizzazione mancata. Paolo Martinello Assicurazioni: libralizzazion mancata Paolo Martinllo Gli intrvnti nl sttor assicurativo auto costituiscono probabilmnt il capitolo mno convincnt dll misur di libralizzazion dl Govrno Monti. Il mrcato

Dettagli

Normative e strumenti per una Telesanità al servizio delle imprese

Normative e strumenti per una Telesanità al servizio delle imprese Normativ strumnti pr una Tlsanità al srvizio dll imprs M.Carnillo Dirzion Mrcato - PAL Cntro Nord info.lgalmail@infocamr.it lgaldoc@infocamr infocamr.it www.lgalmail lgalmail.it www.lgaldoc lgaldoc.it

Dettagli

Le politiche per l equilibrio della bilancia dei pagamenti

Le politiche per l equilibrio della bilancia dei pagamenti L politich pr l quilibrio dlla bilancia di pagamnti Politich pr ottnr l quilibrio dlla bilancia di pagamnti (BP = + MK = 0) nl lungo priodo BP 0 non è sostnibil prchè In cambi fissi S BP0 si sauriscono

Dettagli

CREO, MOTORE CREATIVO A QUATTRO MARCE IL PRIMO GIORNALE DEGLI EVENTI E DELLE SPONSORIZZAZIONI SETTEMBRE/OTTOBRE 2010 COVER STORY

CREO, MOTORE CREATIVO A QUATTRO MARCE IL PRIMO GIORNALE DEGLI EVENTI E DELLE SPONSORIZZAZIONI SETTEMBRE/OTTOBRE 2010 COVER STORY Covr SttOtt 21-10-10 19:06 Pagina 3 ANNO 8 NUMERO 51 SETTEMBRE/OTTOBRE 10 SETTEMBRE/OTTOBRE 10 IL PRIMO GIORNALE DEGLI EVENTI E DELLE SPONSORIZZAZIONI Socità Editric ADC Group srl, via Fra Luca Pacioli,

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SETTORE EDILIZIA Procsso Costruzion di difici di opr di inggnria civil/industrial Squnza di procsso

Dettagli

Tecniche per la ricerca delle primitive delle funzioni continue

Tecniche per la ricerca delle primitive delle funzioni continue Capitolo 4 Tcnich pr la ricrca dll primitiv dll funzioni continu Nl paragrafo.7 abbiamo dato la dfinizion di primitiva di una funzion f avnt pr dominio un intrvallo I; abbiamo visto ch s F 0 è una primitiva

Dettagli

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 17

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 17 Scopo contnuto dl documnto Comunità Europa (CE) Intrnational Accounting Standards, n. 17 Lasing Lasing Finalità SOMMARIO Paragrafi 1 Ambito di applicazion 2-3 Dfinizioni 4-6 Classificazion dll oprazioni

Dettagli

Documento tratto da La banca dati del Commercialista

Documento tratto da La banca dati del Commercialista Documnto tratto da La banca dati dl Commrcialista Intrnational Accounting Standards Board Intrnational Accounting Standards, n. 17 SCOPO E CONTENUTO DEL DOCUMENTO Lasing Il prsnt Principio sostituisc lo

Dettagli

Economia comportamentale e scelte del consumatore

Economia comportamentale e scelte del consumatore Economia comportamntal sclt dl consumator Marco Novars L approccio comportamntal all conomia sta acquisndo smpr maggior visibilità. Tra i suoi punti fondamntali c è la critica all ida ch l prson siano

Dettagli

Anomalie cognitive e scelte dei consumatori

Anomalie cognitive e scelte dei consumatori Anomali cognitiv sclt di consumatori Paolo Aquino Ricrch di conomia psicologia hanno vidnziato l difficoltà di consumatori a scglir in prsnza di ampi varità di prodotti. Sono, quindi, smpr più importanti

Dettagli

Un linguaggio eletronico comune per le filiere dell industria

Un linguaggio eletronico comune per le filiere dell industria ltronico comun pr l filir dll industria Abbigliamnto TCF ltronico comun pr l filir dll industria Abbigliamnto Ch cosa è BIZ? BIZ-TCF, abbrviato BIZ, è un progtto di cooprazion uropa con l obittivo di stimolar

Dettagli