la regola tecnica di connessione e la qualità del servizio per gli utenti MT: gli utenti attivi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "la regola tecnica di connessione e la qualità del servizio per gli utenti MT: gli utenti attivi"

Transcript

1 Roma Sapienza Università - Facoltà di Ingegneria Aula del Chiostro 5 maggio 2010 SEMINARIO Sezione di Roma Norma CEI 0-16: 0 la regola tecnica di connessione e la qualità del servizio per gli utenti MT: gli utenti attivi

2 CENTRAL AND SOUTH ITALY SECTION Programma Apertura dei lavori Giuseppe Parise, Ordinario di Distribuzione ed Utilizzazione dell Energia Elettrica Sapienza Università di Roma La norma CEI 0-16: aspetti tecnici salienti per gli utenti attivi Gianfranco Alma, Responsabile supporto Tecnico DE Schneider Electric Il ruolo di Enel Distribuzione Alfonso Sturchio, Enel Distribuzione spa Responsabile Rete Elettrica Lazio, Abruzzo e Molise Soluzioni fotovoltaiche dal residenziale ai campi fotovoltaici Gianfranco Alma, Responsabile supporto Tecnico DE Schneider Electric Dibattito CEVOIR

3 Norma CEI 0-16 Regola tecnica di riferimento per la connessione di utenti attivi e passivi alle reti AT ed MT delle Imprese distributrici di energia Elettrica Connessione di utenti attivi alla rete MT

4 Delibera ARG/ELT n. 99/08 Testo integrato delle connessioni attive TICA Regole a sostegno degli impianti produzione di energia da fonti rinnovabili e da cogenerazione ad alto rendimento, sia in MT che in BT, con l obiettivo di: Dare maggiore certezza ai criteri ed alle procedure per l erogazione del servizio di connessione; Individuare soluzioni tecniche di connessione non eccessivamente onerosi per i produttori. 2

5 Delibera ARG/ELT n. 99/08 Testo integrato delle connessioni attive TICA In termini operativi. Procedure e tempistiche per la connessione con processo più trasparente e regole più stringenti per i distributori; Modalità di determinazione del corrispettivo basato su una formula che tiene conto di: potenza in immissione e distanza degli impianti dalla rete esistente; Indennizzi automatici definiti verso i produttore, nel caso di ritardi da parte dei distributori.

6 Delibera ARG/ELT n. 99/08 Testo integrato delle connessioni attive TICA Allegato A Corrispettivo per la richiesta di connessione, per l ottenimento del preventivo e per la tempistica di sua disponibilità. Tabella 1 4

7 Delibera ARG/ELT n. 99/08 Testo integrato delle connessioni attive TICA Allegato A Livello di tensione di erogazione del servizio di connessione In linea di massima a) P 100kW in BT b) 100 < P kw in MT Il livello di tensione di erogazione del servizio non individua il valore della tensione dell impianto di rete per la connessione, Esempio: erogazione servizio BT, con il distributore che arriva con propria cabina MT/BT Cabina MT/BT a cura del Distributore Connessione BT a cura dell Utente CP G 5

8 Delibera ARG/ELT n. 99/08 Testo integrato delle connessioni attive TICA Allegato A Livello di tensione di erogazione del servizio di connessione c) Nel caso di connessione esistente, il servizio di connessione è erogato al livello di tensione della connessione esistente nei limiti di potenza già disponibile per la connessione; d) Le condizioni precedenti, non escludono la possibilità, sulla base di scelte tecniche effettuate dal gestore di rete, di erogare il servizio di connessione in bassa o media tensione per potenze in immissione richieste superiori, rispettivamente, a 100 kw o a kw. Per ulteriori dettagli consultare l ALLEGATO A alla delibera..! 6

9 Delibera AEEG n /08 Allegato B Adeguamento alla CEI 0-16 Applicazione Parziale Passivo Attivo Impianto di produzione di qualsiasi P ( kw ) Utente Esistente Installare SPI All. E DDI par Attivo Incremento della produzione P 50 KW 7

10 Delibera ARG/ELT n. 99/08 Testo integrato delle connessioni attive TICA Allegato A CONDIZIONI TECNICHE Regole tecniche di connessione La realizzazione e la gestione della connessione è effettuata nel rispetto delle regole tecniche di connessione adottate dalle Imprese Distributrici conformemente alle disposizioni dell Autorità e alle norme e guide tecniche del Comitato elettrotecnico italiano. vedi CEI 0-16 MT. Dette regole tecniche devono indicare, almeno: a) le soluzioni tecniche standard per la connessione e i criteri per la determinazione della soluzione tecnica per la connessione a fronte di una richiesta di connessione; b) le condizioni tecniche che devono essere rispettate dall utente di rete ai fini della gestione della connessione; c) le condizioni da applicarsi nei casi di necessità di adeguamento di una connessione esistente. 8

11 Norma CEI

12 Caratteristiche degli utenti e loro classificazione (CEI 0-16, p.4) Utenti Attivi: Impianti che contengono qualsiasi macchinario (rotante o statico) che converta ogni forma di energia utile in energia elettrica in corrente alternata previsto per funzionare in parallelo (anche transitorio) con la rete. 10

13 Utenti attivi MT Gestione Attiva delle reti MT, generazione diffusa La natura radiale delle reti MT comporta una gestione particolare degli Utenti Attivi presenti sulla stessa. Gli Utenti Attivi sono destinati ad essere disconnessi in caso di disturbi sulla rete. Date le peculiarità del SPI, la CEI 0-16 dedica uno specifico allegato E in cui si riportano alcune nuove caratteristiche. CP Distributore Rete radiale MT DG + SPG DDI + SPI Utente Attivo DDG G Punto di connessione UA Utenze priv. BT 11

14 Impianti di produzione (CEI 11-20, p.2) In riferimento alla fonte di energia: Motore a combustione (Biomassa/Biogas) Motore idraulico Motore eolico Celle fotovoltaiche Altri 12

15 Impianti di produzione (CEI 11-20, p.2) In riferimento alla macchina elettrica: (zone di impiego indicative) Potenza Piccola (fino a 50 kva) Media (da 50 kva a 5 MVA) Servizio continuativo o in isola Asincrono Convertitore statico Asincrono (preferibilmente) Servizio di riserva o non in isola Asincrono autoeccitato (preferibilmente) Sincrono (preferibilmente) Elevata (oltre 5MVA) Convertitore statico Sincrono Sincrono 1

16 Schema di collegamento alla cabina di consegna (CEI 0-16, p.8.2) A cura dell utente 14

17 Schema tipico di connessione (CEI 0-16, p.8.7.2) In caso di connessione di utenti attivi, dovranno essere rispettate le prescrizioni contenute nella norma CEI se non in contrasto con la norma Rete utente abilitata in isola (utenze privilegiate) Rete utente non abilitata in isola G Rete di Distribuzione MT Dispositivo di Generatore (DDG) Dispositivo di Interfaccia (DDI) Dispositivo Generale (DG) Punto di consegna Impianto Utente Attivo 15

18 Dispositivo generale (DG) (CEI 0-16, p ) Apparecchiatura di manovra e sezionamento la cui apertura (comandata dal Sistema di Protezione Generale) assicura la separazione dell intero impianto dell Utente dalla rete, tipicamente costituito da: Sezionatore tripolare CEI EN e interruttore tripolare CEI EN con sganciatore di apertura, in esecuzione fissa. DG Alla rete del produttore interruttore tripolare in esecuzione estraibile conforme alla CEI EN con sganciatore di apertura. DG Alla rete del produttore 16

19 Dispositivi previsti (CEI 0-16, p.8.7.4) I dispositivi aggiuntivi, oltre al DG, qualora l utente sia attivo devono essere : Dispositivo d interfaccia (DDI), in grado di assicurare sia: la separazione di una porzione dell impianto dell Utente (generatori e carichi privilegiati) permettendo il loro funzionamento in modo isolato, sia il funzionamento dell impianto in parallelo alla rete; Dispositivo di generatore (DDG) in grado di escludere dalla rete i soli gruppi di generazione singolarmente. G DDG DDI DG Impianto Utente Attivo Punto di consegna 17

20 Condizioni di funzionamento impianto di produzione (CEI 0-16, p.8.7.) Quando il regime di parallelo deve interrompersi? qualora venga meno l alimentazione della rete di distribuzione utenze privilegiate utenze non privilegiate Rete di Distribuzione MT G DDG DDI DG CP Impianto utente Attivo Vo 81 Protezioni 51 51N 67N Punto di consegna 18

21 Condizioni di funzionamento impianto di produzione (CEI 0-16, p.8.7.) Quando il regime di parallelo deve interrompersi? qualora i valori di tensione e frequenza della rete stessa non siano compresi entro i valori comunicati dal Distributore. utenze privileggiate utenze non privileggiate Punto di consegna Rete di Distribuzione MT f = 50 Hz G DDG DDI DG CP V = 15 kv Impianto utente Attivo 59 Vo 81 Protezioni 51N 67N 19

22 Condizioni di funzionamento impianto di produzione (CEI 0-16, p.8.7.) Quando il regime di parallelo non deve avvenire? in caso di mancanza tensione e DG chiuso..!! utenze privilegiate utenze non privilegiate Rete di Distribuzione MT G DDG DDI DG CP Impianto utente Attivo Vo 81 Protezioni 51 51N 67N Punto di consegna 20

23 Condizioni di funzionamento impianto di produzione (CEI 0-16, p.8.7.) Quando il regime di parallelo non deve avvenire? qualora i valori di tensione e frequenza della rete stessa non siano compresi entro i valori comunicati dal Distributore; DDG utenze privilegiate utenze non privilegiate Punto di consegna Rete di Distribuzione MT f = 50 Hz G DDI DG CP Impianto utente Attivo Vo 81 Protezioni N 67N V = 15 kv

24 Schema d impianto di utente per la connessione: caso generale (CEI 0-16, p.8.4.1) IMS.. a certe condizioni può essere omesso! (B) TV Sezionatore opzionale.! PG TA di fase (A) TV in posizione alternativa a (B) Cavo di collegamento TA omopolare 22

25 Norma CEI 0-16 Schema d impianto di utenza per la connessione: impianto (attivopassivo) con due montanti MT dalla sbarra principale. Sezionatore di linea opzionale (A, B ) TV (C) TV PG PG In alternativa utente attivo utente passivo Sezionatore di terra opzionale TA omopolare solo segnalazione opzionale 2

26 Dispositivo di interfaccia (DDI) (CEI 0-16, p ) Qualora il DDI sia installato sul livello MT deve essere costituito da: un interruttore tripolare in esecuzione estraibile con sganciatore di apertura a mancanza di tensione, DDI MT BT All impianto di produzione oppure da un interruttore tripolare con sganciatore di apertura a mancanza di tensione e un sezionatore installato a monte o a valle dell interruttore (CEI 0-16;V2, p ) DDI MT BT All impianto di produzione 24

27 Dispositivo di interfaccia (DDI) (CEI 0-16, p ) Qualora il DDI sia installato sul livello BT deve essere costituito da: un interruttore automatico con bobina di apertura a mancanza di tensione manovrabile dall operatore; ovvero da un contattore combinato con fusibili conforme alla CEI EN DG MT CB BT Contattore BT MN MN 25

28 Dispositivo di interfaccia (DDI) (CEI 0-16, p ) Per impianti con più generatori, il DDI deve essere di norma unico (in MT o in BT) e tale da escludere contemporaneamente tutti i generatori DDI MT DDI BT G1 G2 G G1 G2 G 26

29 Dispositivo di interfaccia (DDI) (CEI 0-16, p ) E ammesso l utilizzo di più protezioni di interfaccia (al limite una per ogni singolo generatore); il comando di scatto di ciascuna protezione deve agire su tutti i DDI presenti PI su ciascun DDG = DDI G1 G2 G 27

30 Dispositivo di interfaccia (DDI) (CEI 0-16, p ) Nel caso di richiesta di installazione di generatori nell ambito di impianti esistenti, connessi alla rete da almeno un anno, per Pgen. totale 1000 kw, è possibile installare non più di DDI in MT o BT, ciascuno dei quali può al massimo sottendere 400 kw. PI su ciascun DDG = DDI MT PI su ciascun DDG = DDI BT G1 G2 G 400 kw G1 G2 G 400 kw 28

31 Sistema di protezione di interfaccia (SPI) (CEI 0-16, p ) E associato al DDI e prevede relé di tensione, frequenza, ed eventualmente di tensione omopolare ed un relè di scatto: Protezione di interfaccia Valori di taratura Tempi di intervento (ms) N soglie massima tensione 1,2 Vn S1 e 59.S2(opz.) minima tensione 0,7 Vn S1 e 27.S2(opz.) Protezioni massima frequenza minima frequenza massima tensione omopolare V0 lato MT 50, Hz 49,7 Hz 15% ritardo intenzionale = 25 s 81>.S1 e 81>.S2(opz.) 81<.S1 e 81<.S2(opz.) 59Vo.S1 protezione contro la perdita di rete allo studio L intervento di un qualsiasi relé deve determinare l apertura del DDI DDI 29

32 Sistema di protezione di interfaccia (SPI) (CEI 0-16, p.e..9, E..10) Circuito di sgancio Il circuito di sgancio deve essere a mancanza di tensione, Il circuito di comando deve consentire l apertura del dispositivo di interfaccia a seguito di intervento delle protezioni o guasto della protezione. Le caratteristiche dei contatti del relé di scatto devono essere adeguate alle caratteristiche della bobina di minima tensione del DDI presente. Segnalazioni E opportuno che la PI sia in grado di memorizzare singolarmente gli scatti delle soglie intervenute correlandole all istante di accadimento. UPS? Aux NE MN DDI PI 0

33 Sistema di protezione di interfaccia (SPI) (CEI 0-16, p ) Le protezioni di massima/minima frequenza e tensione devono avere in ingresso grandezze proporzionali ad almeno 2 tensioni concatenate MT che possono essere prelevate: dal secondario di TV collegati fra due fasi MT; da tensioni concatenate BT I TV fase-fase in MT devono avere (All. E): classe di precisione P, fattore di tensione 1, per 0 s prestazione nominale di almeno 5 VA. PI DDI Vo 81 1

34 Rincalzo alla mancata apertura del DDI (CEI 0-16, p ) Per generatori in grado di sostenere la tensione di rete : sincroni, asincroni autoeccitati, inverter generatori di tensione con P> di 400 kva Il rincalzo è costituito da un circuito, condizionato dalla posizione di chiuso del DDI, che agisce o sul DG o sul/sui DDG ritardo non eccedente 1 s Rete distribuzione MT Rete produttore DG DDI Punto di consegna V0 SPG SPI 67N Rincalzo alla mancata apertura del DDI DDG 2 G

35 Esclusione temporanea del SPI (CEI 0-16, p ) Rete distribuzione MT Punto di consegna Il SPI può essere escluso temporaneamente (mediante opportuni interblocchi elettrici approvati dal Distributore) soltanto se: l impianto dell Utente attivo è "in isola" e il DG o qualsiasi altro dispositivo posto tra la rete di distribuzione e il DDI, che impedisce il parallelo dell impianto di produzione con la rete di distribuzione, siano bloccati in posizione di aperto; Oppure tutti i gruppi di generazione sono disattivati. Rete produttore Blocco DG DG-AP DDI V0 SPG SPI X 67N DDG G

36 Protezioni dei gruppi di generazione (CEI 0-16, p ) Protezioni dei gruppi di generazione Le protezioni dei gruppi di generazione (che agiscono su un DDG) hanno la funzione di arrestare il processo di conversione dell energia quando si manifesti un guasto o un funzionamento anomalo nell impianto di produzione stesso o nei carichi dell impianto, al fine di eliminare tale guasto senza compromettere l integrità del macchinario. Le protezioni devono azionare il dispositivo del generatore e sono definite dalla Norma CEI in funzione della tipologia di generatore. DDG G 4

37 Caratteristiche dei TV per il SPI (CEI 0-16, p ) Le protezioni del SPI devono essere basate sul rilievo di tensioni secondarie di TV diversi da quelli utilizzati per la misura (UTF) a fini commerciali (è ammesso l uso di avvolgimenti secondari dedicati, seppur alimentati dallo stesso avvolgimento primario). Avvolgimento Primario I secondario Misura (UTF) II secondario Protezione (PI) 5

38 Caratteristiche dei TV per il SPI (CEI 0-16, p ) Qualora sia prevista una protezione di massima tensione omopolare 59Vo, essa deve avere in ingresso la tensione omopolare MT ricavata da una terna di TV collegati tra le fasi MT e la terra con un secondario dedicato allo scopo, si può ricorrere ad una delle due seguenti alternative: a) la tensione ai capi dei secondari dei TV collegati a triangolo aperto; b) le tre tensioni secondarie (nel caso in cui la protezione ricavi la tensione omopolare dalle tre tensioni di fase) 6

39 Caratteristiche dei TV per il SPI (CEI 0-16, p ) Per i TV collegati a triangolo aperto valgono le stesse prescrizioni relative ai TV collegati a triangolo aperto del SPG (*) : classe 0,5, P; fattore di tensione 1,9 per 0 s; prestazione nominale 50 VA, e idonea potenza termica per la resistenza di smorzamento antiferrorisonanza!! valore di induzione di lavoro <= 0,7 T;!! rapporto di trasformazione che sul triangolo aperto dia 100 V in caso di guasto monofase franco a terra sulla rete MT (*) Qualora sia necessario prevedere una terna di TV per il rilievo della tensione omopolare, sono sufficienti TV di classe P, senza le ulteriori specificazioni previste per la terna di TV dedicata alla protezione 67N. 7

40 Caratteristiche dei TV per il SPI (CEI 0-16, p ) Qualora sia presente una terna di TV ai fini della protezione direzionale di terra che agisce sul DG: Rete distribuzione MT Rete produttore DG Punto di consegna V0 SPG 67N può essere utilizzata la stessa terna ai fini della protezione di massima tensione omopolare associata al DDI. DDI SPI DDG 8 G

41 Schema d inserzione TV polo a terra a due secondari Avvolg. I Secondario Primario Ingressi di tensione contatore di energia II Secondario Ingressi di tensione relè di protezione (59 Vo, 67N) 59 = 59Vo Rs = Resistenza di smorzamento 9

42 Scelta dei TV per il SPI 40

43 Dispositivo del generatore (DDG) per gruppi in MT (CEI 0-16, p ) Può essere costituito da: un un interruttore tripolare in esecuzione estraibile con sganciatore di apertura, oppure; DDG DDI un interruttore tripolare con sganciatore di apertura ed un sezionatore installato sul lato rete dell interruttore MT MT G 41

44 Dispositivo del generatore (DDG) per gruppi in BT (CEI 0-16, p ) Può essere costituito da un interruttore automatico, le cui caratteristiche ai fini del sezionamento, dovranno essere in linea con la CEI In ogni caso il DDG deve essere installato sul montante di ciascun generatore Il DDG può svolgere le funzioni del DDI MT BT DDG DDI G Aux 42

45 Protezioni dei gruppi di generazione (CEI 0-16, p ) Le protezioni devono azionare il DDG e sono definite dalla CEI in funzione della tipologia di generatore/convertitore T20 sepam Il tipo di collegamento alla rete condiziona lo stato del neutro del generatore e quindi la scelta delle sue protezioni 2 Es. montante rigido, senza protezione differenziale di montante (generatore-trasformatore), senza regolazione di carico e di tensione 25 sincronizzatore G 25 G40 sepam RT 1 4

46 Dispositivi di controllo del parallelo (CEI 0-16, p ) Almeno uno dei DG, DDI e DDG è equipaggiato con dispositivo di controllo delle condizioni di parallelo immediatamente a monte ed a valle di se stesso. Parallelo In caso contrario deve essere munito di automatismo che ne impedisca la chiusura in caso di presenza di tensione immediatamente a valle (lato verso impianto di generazione) DDG DDI IP IP interruttore di parallelo UTF G 25 Aux 44

47 Limiti di scambio di potenza reattiva (CEI 0-16, p.8.7.7) Il regime di scambio della potenza reattiva (cosϕ) deve consentire di mantenere la V entro ± 10% della Vn di fornitura Un regime di scambio diverso da quello indicato dalle autorità è da concordare con il distributore La CEI fornisce i criteri di funzionamento 45

48 Coordinamento dei dispositivi di protezione (CEI 11-20, p.5.5) La sequenza di intervento dei dispositivi in funzione dell evento che si manifesta durante l esercizio è definita dalla CEI Evento Dispositivo Dispositivo Dispositivo di Dispositivo rete pubblica generale interfaccia di generatore Guasto/funzionamento anomalo della rete pubblica SI 1 livello NO SI 2 livello SI livello Guasto/funzionamento anomalo della rete del produttore SI livello SI 1 livello SI 2 livello SI livello Guasto sull impianto di produzione NO 46 SI livello SI 2 livello SI 1 livello

49 Schema tipico di collegamento alla rete MT di distribuzione (con carichi privilegiati in MT) 1 EVENTO: guasto sulla rete del Distributore Rete di distribuzione MT Rete produttore Punto di consegna DG NO PG V0 67N Carichi MT non privilegiati 2 PI Rincalzo mancata apertura DDI DDI Carichi MT privilegiati Trafo MT/bt LEGENDA: DDG DG DDI Dispositivo GENERALE Dispositivo di INTERFACCIA Carichi bt DDG Dispositivo del GENERATORE G PG Protezione GENERALE PI Protezione INTERFACCIA 47

50 Schema tipico di collegamento alla rete MT di distribuzione (con carichi privilegiati in MT) EVENTO: guasto sulla rete del Produttore Rete di distribuzione MT Rete produttore 1 Punto di consegna DG PG V0 67N Carichi MT non privilegiati 2 PI Rincalzo mancata apertura DI DDI Carichi MT privilegiati Trafo MT/bt LEGENDA: DDG DG DDI Dispositivo GENERALE Dispositivo di INTERFACCIA Carichi bt DDG Dispositivo del GENERATORE G PG Protezione GENERALE PI Protezione INTERFACCIA 48

51 Schema tipico di collegamento alla rete MT di distribuzione NO (con carichi privilegiati in MT) EVENTO: guasto sull imp. di Produzione Rete di distribuzione MT Rete produttore Punto di consegna DG PG V0 67N Carichi MT non privilegiati 2 PI Rincalzo mancata apertura DI DDI Carichi MT privilegiati Trafo MT/bt LEGENDA: Carichi bt 1 DDG DG DDI DDG Dispositivo GENERALE Dispositivo di INTERFACCIA Dispositivo del GENERATORE G PG Protezione GENERALE PI Protezione INTERFACCIA 49

52 Schema tipico di collegamento alla rete MT di distribuzione 1 (senza carichi privilegiati in MT) EVENTO: guasto sulla rete del Distributore Rete di distribuzione MT Punto di consegna Rete produttore NO DG PG 67N V0 Carichi MT non privilegiati Trafo MT/bt PI Rincalzo mancata apertura DI Carichi bt non privilegiati 2 DDI LEGENDA: DDG DG DDI Dispositivo GENERALE Dispositivo di INTERFACCIA Carichi bt DDG Dispositivo del GENERATORE G PG Protezione GENERALE PI Protezione INTERFACCIA 50

53 Schema tipico di collegamento alla rete MT di distribuzione (senza carichi privilegiati in MT) EVENTO: guasto sulla rete del Produttore Rete di distribuzione MT Rete produttore 1 Punto di consegna DG PG 67N Carichi MT non privilegiati Trafo MT/bt V0 PI Rincalzo mancata apertura DI Carichi bt non privilegiati 2 DDI LEGENDA: DDG DG DDI Dispositivo GENERALE Dispositivo di INTERFACCIA Carichi bt DDG Dispositivo del GENERATORE G PG Protezione GENERALE PI Protezione INTERFACCIA 51

54 Schema tipico di collegamento alla rete MT di distribuzione NO (senza carichi privilegiati in MT) EVENTO: guasto sull imp. di Produzione Rete di distribuzione MT Rete produttore Punto di consegna DG PG 67N Carichi MT non privilegiati Trafo MT/bt V0 PI Rincalzo mancata apertura DI Carichi bt non privilegiati 2 DDI LEGENDA: DDG DG DDI Dispositivo GENERALE Dispositivo di INTERFACCIA Carichi bt 1 DDG Dispositivo del GENERATORE G PG Protezione GENERALE PI Protezione INTERFACCIA 52

55 Schema tipico di collegamento alla rete MT di distribuzione 1 (DDG=DDI, senza carichi privilegiati in MT e un generatore) EVENTO: guasto sulla rete del Distributore Rete di distribuzione MT Punto di consegna Rete produttore NO DG PG 67N Carichi MT non privilegiati Trafo MT/bt V0 Carichi bt non privilegiati PI Rincalzo mancata apertura DI LEGENDA: DG Dispositivo GENERALE 2 DDG=DDI DDI DDG Dispositivo di INTERFACCIA Dispositivo del GENERATORE G PG Protezione GENERALE PI Protezione INTERFACCIA 5

56 Schema tipico di collegamento alla rete MT di distribuzione NO (DDG=DDI, senza carichi privilegiati in MT e un generatore) EVENTO: guasto sulla rete del Produttore Rete di distribuzione MT Punto di consegna Rete produttore 1 DG PG 67N Carichi MT non privilegiati Trafo MT/bt V0 Carichi bt non privilegiati PI Rincalzo mancata apertura DI LEGENDA: DG Dispositivo GENERALE 2 DDG=DDI DDI DDG Dispositivo di INTERFACCIA Dispositivo del GENERATORE G PG Protezione GENERALE PI Protezione INTERFACCIA 54

57 Schema tipico di collegamento alla rete MT di distribuzione 1 (DG=DDI, tutta la rete in isola) EVENTO: guasto sulla rete del Distributore Rete di distribuzione MT Punto di consegna Rete produttore V0 DG=DDI 2 PG 67N PI Rincalzo mancata apertura DI Carichi MT non privilegiati Trafo MT/bt LEGENDA: Carichi bt DDG DG DDI DDG Dispositivo GENERALE Dispositivo di INTERFACCIA Dispositivo del GENERATORE G PG Protezione GENERALE PI Protezione INTERFACCIA 55

58 Schema tipico di collegamento alla rete MT di distribuzione NO (DG=DDI, tutta la rete in isola) EVENTO: guasto sull imp. di Produzione Rete di distribuzione MT Punto di consegna Rete produttore V0 DG=DDI 1 PG 67N PI Rincalzo mancata apertura DI Carichi MT non privilegiati Trafo MT/bt LEGENDA: Carichi bt 2 DDG DG DDI DDG Dispositivo GENERALE Dispositivo di INTERFACCIA Dispositivo del GENERATORE G PG Protezione GENERALE PI Protezione INTERFACCIA 56

59 Schema tipico di collegamento alla rete MT di distribuzione 1 (DG=DDI, assenza di carichi) EVENTO: guasto sulla rete del Distributore Rete di distribuzione MT Punto di consegna Rete produttore V0 DG=DDI 2 PG 67N PI Rincalzo mancata apertura DI Trafo MT/bt LEGENDA: DDG DG DDI DDG Dispositivo GENERALE Dispositivo di INTERFACCIA Dispositivo del GENERATORE G PG Protezione GENERALE PI Protezione INTERFACCIA 57

60 Schema tipico di collegamento alla rete MT di distribuzione NO (DG=DDI, assenza di carichi) EVENTO: guasto sull imp. di Produzione Rete di distribuzione MT Punto di consegna Rete produttore V0 DG=DDI 1 PG 67N PI Rincalzo mancata apertura DI Trafo MT/bt LEGENDA: 2 DDG DG DDI DDG Dispositivo GENERALE Dispositivo di INTERFACCIA Dispositivo del GENERATORE G PG Protezione GENERALE PI Protezione INTERFACCIA 58

61 Esempi di schemi rappresentativi Impianti di produzione fotovoltaici e rotanti

62 Soluzioni impiantistiche fotovoltaiche con Dispositivo di Interfaccia (DI) realizzato in Bassa Tensione 60

63 Impianto di produzione fotovoltaico composto da montante attivo, con DI realizzato in bt e DG con relè protezione direzionale di terra 67N GAM2 IM ARRIVO ENTE DM1P-SF1 DG ATTIVO S41 sepam Soluzione realizzata con celle SM6: - unità di Arrivo: GAM2 equipaggiata con toroide CSH - unità Dispositivo Generale: DM1P-SF1 equipaggiata con Sepam serie S41 equipaggiata con TA ARM/n2f per Sepam e misure fiscali equipaggiata con TV VRQ2/S per Sepam, protezione interfaccia (Vo) e misure fiscali 1 Wh Soluzione realizzata con celle SM6: - unità di Arrivo: IM equipaggiata con toroide CSH - unità Dispositivo Generale: DM1P-SF1 equipaggiata con Sepam serie S41 equipaggiata con TA ARM/n2f per Sepam e misure fiscali equipaggiata con TV VRQ2/S per Sepam, protezione interfaccia (Vo) e misure fiscali Blocco a chiave MAT in aperto: CHIAVE IN GESTIONE AD ENTE DISTRIBUTORE DI (59Vo)-81 ATTENZIONE: conteggio energia immessa in rete. Contatore da ubicare nel locale Distributore a carico utente Campi fotovoltaici Aux 61

64 Impianto di produzione fotovoltaico composto da un montante attivo, con DI realizzato in bt, senza relè protezione direzionale di terra 67N e un montante passivo, senza relè protezione direzionale di terra 67N GAM2 IM ARRIVO ENTE DM1A-SF1 DG ATTIVO S20 sepam DM1A-SF1 DG PASSIVO S20 sepam Soluzione realizzata con celle SM6: - unità di Arrivo: GAM2 - unità montante attivo: DM1A-SF1 equipaggiata con Sepam serie S20 equipaggiata con TA ARM/n1f per Sepam equipaggiata con toroide CSH - unità montante passivo: DM1A-SF1 equipaggiata con Sepam serie S20 equipaggiata con TA ARM/n1f per Sepam equipaggiata con toroide CSH Blocco a chiave MAT in aperto: CHIAVE IN GESTIONE AD ENTE DISTRIBUTORE DI Soluzione realizzata con celle SM6: - unità di Arrivo: IM - unità montante attivo: DM1A-SF1 equipaggiata con Sepam serie S20 equipaggiata con TA ARM/n1f per Sepam equipaggiata con toroide CSH - unità montante passivo: DM1A-SF1 equipaggiata con Sepam serie S20 equipaggiata con TA ARM/n1f per Sepam equipaggiata con toroide CSH ATTENZIONE: conteggio energia immessa in rete. Contatore da ubicare nel locale Distributore a carico dello stesso Campi fotovoltaici 62

65 Soluzioni impiantistiche fotovoltaiche con Dispositivo di Interfaccia (DI) realizzato in Media Tensione 6

66 Impianto di produzione fotovoltaico composto da un montante passivo, senza relè protezione direzionale di terra 67N ed un montante attivo e relè protezione direzionale di terra 67N GAM2 IM ARRIVO ENEL ENTE Blocco a chiave MAT in aperto: CHIAVE IN GESTIONE AD ENTE DISTRIBUTORE 2 CM2 MISURE (59Vo)-81 DM1A-SF1 DG PASSIVO S20 sepam ATTENZIONE: conteggio energia immessa in rete. Contatore da ubicare nel locale Distributore a carico dello stesso DM1P-SF1 DI+DG ATTIVO 1 1 DI S41 sepam Soluzione realizzata con celle SM6: - unità di Arrivo: GAM2 - unità Misure: CM2 equipaggiata con 2 TV VRC2/S1 per protezione interfaccia - unità montante passivo: DM1A-SF1 equipaggiata con Sepam serie S20 equipaggiata con TA ARM/n1f per Sepam - unità montante attivo: DM1P-SF1 equipaggiata con Sepam serie S41 equipaggiata con TA ARM/n1f per Sepam equipaggiata con TV VRQ2/S2 per Sepam e protezione interfaccia (Vo) Soluzione realizzata con celle SM6: - unità di Arrivo: IM - unità Misure: CM2 equipaggiata con 2 TV VRC2/S1 per protezione interfaccia - unità montante passivo : DM1A-SF1 equipaggiata con Sepam serie S20 equipaggiata con TA ARM/n1f per Sepam - unità montante attivo : DM1P-SF1 equipaggiata con Sepam serie S41 equipaggiata con TA ARM/n1f per Sepam equipaggiata con TV VRQ2/S2 per Sepam e protezione interfaccia (Vo) 64

67 Impianto di produzione fotovoltaico composto da due montanti attivi, con DI realizzato in MT (per ciascun montante), senza relè protezione direzionale di terra 67N GAM2 IM ARRIVO ENTE 2 CM2 MISURE Wh DI DM1A-SF1 DG+DI ATTIVO S20 sepam DI DM1A-SF1 DG +DI ATTIVO S20 sepam Soluzione realizzata con celle SM6: - unità di Arrivo: GAM2 equipaggiata con TA toroidali ARF in classe 0,5 da ubicare in cunicolo cavi per misure fiscali - unità Misure: CM2 equipaggiata con 2 TV VRC2/S2 per misure fiscali - unità montante attivo: DM1A-SF1 equipaggiata con Sepam serie S20 equipaggiata con TA ARM/n1f per Sepam equipaggiata con toroide CSH - unità montante attivo : DM1A-SF1 equipaggiata con Sepam serie S20 equipaggiata con TA ARM/n1f per Sepam equipaggiata con toroide CSH Blocco a chiave MAT in aperto: CHIAVE IN GESTIONE AD ENTE DISTRIBUTORE 1 1 Soluzione realizzata con celle SM6: - unità di Arrivo: IM equipaggiata con TA toroidali ARF in classe 0,5 da ubicare in cunicolo cavi per misure fiscali - unità Misure: CM2 equipaggiata con 2 TV VRC2/S2 per misure fiscali - unità montante attivo : DM1A-SF1 equipaggiata con Sepam serie S20 equipaggiata con TA ARM/n1f per Sepam equipaggiata con toroide CSH - unità montante attivo : DM1A-SF1 equipaggiata con Sepam serie S20 equipaggiata con TA ARM/n1f per Sepam equipaggiata con toroide CSH Campi fotovoltaici Campi fotovoltaici ATTENZIONE: conteggio energia immessa in rete. Contatore da ubicare nel locale Distributore a carico utente 65

68 Impianto di produzione fotovoltaico composto da due o più trasformatori MT/bt in radiale, con DI realizzato in MT senza relè protezione direzionale di terra 67N GAM2 IM ARRIVO ENEL ENTE 2 CM2 MISURE (59Vo)-81 DMJ-SF1 DI+DG DI S20 sepam Wh DM1A-SF1 TRAFO 1 IR T20 sepam DM1A-SF1 TRAFO 2 IR T20 sepam Soluzione realizzata con celle SM6: - unità di Arrivo: GAM2 - unità Misure: CM2 equipaggiata con 2 TV VRC2/S1 per protezione interfaccia e misure fiscali - unità Dispositivo Generale: DM1J-SF1 equipaggiata con Sepam serie S20 equipaggiata con TA ARM/n2f per Sepam e misure fiscali equipaggiata con TV VRQ2/S2 per protezione interfaccia (Vo) e misure fiscali - unità Prot. Trafo: DM1A-SF1 equipaggiata con Sepam serie T20 equipaggiata con TA ARM/n1f per Sepam Blocco a chiave MAT in aperto: CHIAVE IN GESTIONE AD ENTE DISTRIBUTORE 1 ATTENZIONE: conteggio energia immessa in rete. Contatore da ubicare nel locale distributore a carico utente 1 1 Schema da realizzare nel caso si volesse utilizzare la selettività logica..continuità di servizio massima Soluzione realizzata con celle SM6: - unità di Arrivo: IM - unità Misure: CM2 equipaggiata con 2 TV VRC2/S1 per protezione interfaccia e misure fiscali - unità Dispositivo Generale: DM1J-SF1 equipaggiata con Sepam serie S20 equipaggiata con TA ARM/n2f per Sepam e misure fiscali equipaggiata con TV VRQ2/S2 per protezione interfaccia (Vo) e misure fiscali - unità Prot. Trafo: DM1A-SF1 equipaggiata con Sepam serie T20 equipaggiata con TA ARM/n1f per Sepam 66

69 Impianto di produzione fotovoltaico MT composto da due o più trasformatori MT/bt in anello, con DI realizzato in MT senza relè protezione direzionale di terra 67N IM ARRIVO ENTE CM2 MISURE DMJ-SF1 DI+DG DM1A-SF1 ANELLO DM1A-SF1 ANELLO DI ATTENZIONE: conteggio energia immessa in rete. Contatore da ubicare nel locale distributore a carico utente 2 IR IR Vo-81 Wh S41 sepam S42 sepam S42 sepam Blocco a chiave MAT in aperto: CHIAVE IN GESTIONE AD ENTE DISTRIBUTORE IM ANELLO IM ANELLO DM1A-SF1 PROT.TRAFO IM ANELLO IM ANELLO DM1A-SF1 PROT.TRAFO IM ANELLO IM ANELLO DM1A-SF1 PROT.TRAFO FLAIR FLAIR FLAIR FLAIR FLAIR FLAIR T20 sepam T20 sepam T20 sepam

70 Soluzioni impiantistiche per impianti di produzione rotanti 68

71 Impianto di Generazione non in isola, generatore non in grado di mantenere la tensione in assenza di rete, DI realizzato in bt, e DG con relè protezione direzionale di terra 67N GAM2 IM ARRIVO ENEL ENTE DM1J-SF1 DG DM1A-SF1 TRAFO 1 DM1A-SF1 TRAFO 2 DM1A-SF1 GENERATORE QM SERVIZI AUX S41 sepam T20 sepam T20 sepam T20 sepam Blocco a chiave MAT in aperto: CHIAVE IN GESTIONE AD ENTE DISTRIBUTORE DI IP DDG ATTENZIONE: conteggio eventuale energia immessa in rete a carico distributore Schema da realizzare nel caso si volesse utilizzare la selettività logica..continuità di servizio massima UTF G 25 Aux 69

72 Impianto di Generazione con parte di rete abilitata al funzionamento in isola (C.P.) e parte di utenze non abilitate al funzionamento in isola. Impianto composto da 2 generatori in bt, e DG con relè protezione direzionale di terra 67N GAM2 IM ARRIVO ENEL ENTE DM1G-SF1 DM1J-SF1 DG DM1A-SF1 TRAFO 1 QM SERVIZI AUX CM2 MISURE DM2-SF1 DI DI Parallelo 2 59Vo S41 sepam T20 sepam (59 V0) 1 1 Blocco a chiave MAT in aperto: CHIAVE IN GESTIONE AD ENTE DISTRIBUTORE Carichi NON privilegiati Serv. Aux ATTENZIONE: conteggio eventuale energia immessa in rete a carico distributore 70

73 Impianto di Generazione con parte di rete utenze abilitate al funzionamento in isola (C.P.) e parte di utenze non abilitate al funzionamento in isola. Impianto composto da 2 generatori in bt, e DG senza relè protezione direzionale di terra 67N GAM2 IM ARRIVO ENEL ENTE DM1G-SF1 DG DM1A-SF1 TRAFO 1 QM SERVIZI AUX CM2 MISURE DM2-SF1 DI DI 2 Parallelo 59Vo S20 sepam T20 sepam (59 V0) 1 1 Blocco a chiave MAT in aperto: CHIAVE IN GESTIONE AD ENTE DISTRIBUTORE Carichi NON privilegiati Serv. Aux ATTENZIONE: conteggio eventuale energia immessa in rete a carico distributore 71

74 Impianto di Generazione con parte utenze abilitate al funzionamento in isola (C.P.) e parte di utenze non abilitate al funzionamento in isola. Impianto composto da 2 o più generatori in bt, e DG con/senza relè protezione direzionale di terra 67N (oppure in bt). DM2-SF1 DI DM1A-SF1 TRAFO 2 DM1A-SF1 GENERATORE DM1P-SF1 GENERATORE DI IR IR Parallelo 59Vo T20 sepam S42 sepam S42 sepam Carichi privilegiati IP DDG UTF G 25 IP DDG UTF G 25 IP DDG UTF G 25 72

75 Schemi protezioni montante Generazione in MT Montante rigido, senza protezione differenziale di montante (generatore-trasformatore), senza regolazione di carico e di tensione DM1A-SF1 TRAFO T20 sepam Soluzione 2: quando gli avvolgimenti di statore non sono accessibili lato centro stella. UTF Soluzione 1: quando gli avvolgimenti di statore sono accessibili lato centro stella. UTF 2 2 G 25 G40 sepam G 25 G40 sepam RT 1 RT 1 7

76 Schemi unifilari montante Generatore in MT Montante rigido, senza protezione differenziale di montante (generatore-trasformatore), con regolazione di carico (R.C.) e di tensione (R.V.) DM1P-SF1 TRAFO LEGENDA TA-TV TV TA tipo ARM/N1f Rapp../5A Prest...VA5P20 oppure classe PX G88 sepam TV tipo VRQ2/S2 Rapp../100:./100:rad.V Prest.. 15VAcl.0,5 G88 Rapp../100:V Prest.. 50VAcl.0,5-P G88 LEGENDA TA-TO TO UTF 2 R.C. 2 R.C. RT TA tipo ARM/N1f Rapp../5A Prest...VA5P20 oppure classe PX Toroide tipo CSH160 Rapporto spire 470/1 R.V. 25 G RT 1 74

77 Fotovoltaico Aspetti tecnici generali di installazione Campo Fotovoltaico

78 Campo fotovoltaico Recanati 76

79 Quattro subsistemi Sistema Elettrico 82% Sistema di supervisione e controllo 10% Sistema di Sicurezza 7% Gestione e Manutenzione 1% 77

80 Composti da Servizi Dedicati Ingegnerie e Consulenza 7. Servizi Dedicati Manutenzione e Operazione Ingegnerie e Consulenza Manutenzione e Operazione 1. FV tracking systems Sensori 1. FV ad ed inverters inseguimento o fisso Sistema Sensori di automazione ed inverter 2. Array Sistema boxes di automazione Protezione 2. Quadro di parallelo stringa Monitoraggio Protezionedella corrente DC Protezione Monitoraggio Illuminazione della corrente DC Interruttori Protezione DC Illuminazione. Cabina Interruttori pre-fabbricata DC di conversione Inverters*. Cabina di conversione Trasformatori Inverter BT/ MT Protezione Trasformatori BT/ MT Protezione 4. Connessione alla rete Cubicoli 4. Connessione MT alla rete Panello UnitàDistribuzione funzionali MT Connessione Panello Distribuzione Sistema Connessione di Misura Sistema di Misura 5. Sicurezza Video 5. Sicurezza Sorveglianza Illuminazione Video Sorveglianza Raddrizzamento Illuminazionedi Intrusione Antintrusione 6. Supervisione Monitoraggio 6. Supervisione Gestione Monitoraggio Remota Gestione Remota 78

81 L impianto fotovoltaico da 1MW Cabina di ricezione 0,5 MW Caratteristiche un campo FV di taglia standard del campo: 1MW dimensioni del campo 2 ettaro in m 2 con tecnologia monocristallino. Nel caso di inseguitori la superficie +20% 0,5 MW Cabina di campo 1MW 79

CRITERI DI ALLACCIAMENTO PER GLI UTENTI UTILIZZATORI E AUTOPRODUTTORI ALLA RETE MT

CRITERI DI ALLACCIAMENTO PER GLI UTENTI UTILIZZATORI E AUTOPRODUTTORI ALLA RETE MT 3 CRITERI DI ALLACCIAMENTO PER GLI UTENTI UTILIZZATORI E AUTOPRODUTTORI ALLA RETE MT 3.1 INTRODUZIONE Il collegamento dei clienti utilizzatori e di quelli autoproduttori alla rete di distribuzione necessita

Dettagli

IA 010 Cabina di trasformazione MT/BT Giugno 2015

IA 010 Cabina di trasformazione MT/BT Giugno 2015 IA 010 Cabina di trasformazione MT/BT Giugno 2015 Per la parte di ricezione/immissione vedi IA 005. Riferimenti normativi Generali: CEI EN 62271-202 (17-103) Sottostazioni prefabbricate ad Alta tensione/bassa

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA RTC REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE IN BASSA TENSIONE DELL AZIENDA PUBBLISERVIZI BRUNICO INDICE 1. Scopo 3 2. Campo di applicazione

Dettagli

CRITERI DI ALLACCIAMENTO DI CLIENTI ALLA RETE MT DELLA DISTRIBUZIONE-DK5600. Relatore GUIZZO P.I. GASTONE. Università di Padova 26 giugno 2004

CRITERI DI ALLACCIAMENTO DI CLIENTI ALLA RETE MT DELLA DISTRIBUZIONE-DK5600. Relatore GUIZZO P.I. GASTONE. Università di Padova 26 giugno 2004 CRITERI DI ALLACCIAMENTO DI CLIENTI ALLA RETE MT DELLA DISTRIBUZIONE-DK5600 Relatore GUIZZO P.I. GASTONE Università di Padova 26 giugno 2004 L Autorità per l Energia Elettrica e il Gas (AEEG) con delibera

Dettagli

GUIDA PER LA CONNESSIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE AEVV

GUIDA PER LA CONNESSIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE AEVV Pag. 1 di 41 GUIDA PER LA CONNESSIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE AEVV Documenti allegati alla Specifica Tecnica Allegato A.1: REGOLAMENTO DI ESERCIZIO IN PARALLELO CON RETI BT AEVV DI IMPIANTI

Dettagli

DICHIARAZIONE TECNICA DEGLI IMPIANTI CONNESSI ALLA RETE ELETTRICA DI ASM TERNI A TENSIONE >1kV

DICHIARAZIONE TECNICA DEGLI IMPIANTI CONNESSI ALLA RETE ELETTRICA DI ASM TERNI A TENSIONE >1kV DEGLI IMPIANTI CONNEI ALLA RETE ELETTRICA DI AM TERNI A TENIONE >1kV AM TERNI.p.A. ervizio Elettrico AM D.T.010409/1 NOME CONVENZIONALE CABINA...CODICE... NOME CONVENZIONALE UTENTE...CODICE... TENIONE

Dettagli

IMPIANTI DI PRODUZIONE FOTOVOLTAICA REQUISITI MINIMI PER LA CONNESSIONE E L ESERCIZIO IN PARALLELO CON LA RETE AT

IMPIANTI DI PRODUZIONE FOTOVOLTAICA REQUISITI MINIMI PER LA CONNESSIONE E L ESERCIZIO IN PARALLELO CON LA RETE AT N 01 1 di 23 IMPIANTI DI PRODUZIONE FOTOVOLTAICA REQUISITI MINIMI PER LA CONNESSIONE E L ESERCIZIO IN PARALLELO CON LA RETE AT Storia delle revisioni 01 13/03/2012 Prima emissione N 01 2 di 23 INDICE 1.

Dettagli

ITC. ISTRUZIONI TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DI SET DISTRIBUZIONE S.p.A.

ITC. ISTRUZIONI TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DI SET DISTRIBUZIONE S.p.A. Pag. 1 di 35 ITC ISTRUZIONI TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DI SET DISTRIBUZIONE S.p.A. CON TENSIONE (Riferimento: Deliberazione dell Autorità per l

Dettagli

MODALITA PER LA CONNESSIONE DEGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI CON LA RETE DI DISTRIBUZIONE DI BASSA E MEDIA TENSIONE

MODALITA PER LA CONNESSIONE DEGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI CON LA RETE DI DISTRIBUZIONE DI BASSA E MEDIA TENSIONE Seminario Tecnico GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Aggiornamenti legislativi, Problematiche tecniche, Problematiche di installazione, Rapporti con gli enti MODALITA PER LA CONNESSIONE DEGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI

Dettagli

Norma CEI 11 20 : impianti di produzione di energia elettrica e gruppi di continuità collegati a reti di I e II categoria

Norma CEI 11 20 : impianti di produzione di energia elettrica e gruppi di continuità collegati a reti di I e II categoria Norma CEI 11 20 : impianti di produzione di energia elettrica e gruppi di continuità collegati a reti di I e II categoria 2 Ottobre 2008, Catania, Marco Ravaioli Norma CEI 11-20 La norma CEI ha per oggetto

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE DI BASSA TENSIONE DI SEA S.C.

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE DI BASSA TENSIONE DI SEA S.C. IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE DI BASSA TENSIONE DI SEA S.C. Agosto 2007 1/14 1. SCOPO DELLE PRESCRIZIONI Le presenti prescrizioni hanno lo scopo di definire i criteri e le modalità

Dettagli

Criteri di allacciamento di clienti alla rete MT della Distribuzione DK 5600 Ed.IV - Marzo 2004

Criteri di allacciamento di clienti alla rete MT della Distribuzione DK 5600 Ed.IV - Marzo 2004 Questo documento contiene informazioni di proprietà di Enel SpA e deve essere utilizzato esclusivamente dal destinatario in relazione alle finalità per le quali è stato ricevuto. E' vietata qualsiasi forma

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE DI BASSA TENSIONE DELLA GERMANO INDUSTRIE ELETTRICHE S.R.L.

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE DI BASSA TENSIONE DELLA GERMANO INDUSTRIE ELETTRICHE S.R.L. REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE DI BASSA TENSIONE DELLA GERMANO INDUSTRIE ELETTRICHE S.R.L., DISTRIBUTORE DI ENERGIA ELETTRICA NELLE ISOLE TREMITI

Dettagli

Incontro tecnico COME NASCE. Relatore. Gastone Guizzo. Padova, 11 maggio 2012

Incontro tecnico COME NASCE. Relatore. Gastone Guizzo. Padova, 11 maggio 2012 Incontro tecnico NORMA CEI 0-21 Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT delle imprese distributrici di energia elettrica Relatore Gastone Guizzo Padova,

Dettagli

Seminario LA NUOVA NORMA CONNESSIONI IN BASSA TENSIONE

Seminario LA NUOVA NORMA CONNESSIONI IN BASSA TENSIONE Seminario LA NUOVA NORMA CONNESSIONI IN BASSA TENSIONE La nuova Norma CEI 0-21: novità per la connessione di utenti attivi alle reti di distribuzione BT (prog. C1058) A.Cerretti Enel Distribuzione S.p.A.

Dettagli

REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A.

REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A. REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A. Pagina 1 di 48 INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 5 2. BASI PRINCIPALI E DEFINIZIONI...

Dettagli

REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE PER IMPIANTI DI GENERAZIONE ALLA RETE DI BASSA TENSIONE 1kV

REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE PER IMPIANTI DI GENERAZIONE ALLA RETE DI BASSA TENSIONE 1kV REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE PER IMPIANTI DI GENERAZIONE ALLA RETE DI BASSA TENSIONE 1kV SECAB Società Cooperativa (Riferimento: Deliberazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas n. 89/07)

Dettagli

GENERALITA Cabine MT/BT

GENERALITA Cabine MT/BT CABINE MT/BT GENERALITA Cabine MT/BT anno 2012 Cabine MT/BT 2 sistemi elettrici Categorie dei sistemi elettrici In relazione alla tensione nominale i sistemi elettrici si dividono in (1) : Categoria 0

Dettagli

VARIANTE V2 ALLA GUIDA CEI 82-25:2010-09

VARIANTE V2 ALLA GUIDA CEI 82-25:2010-09 VARIANTE V2 ALLA GUIDA CEI 82-25:2010-09 I seguenti paragrafi sono modificati come di seguito indicato. 3.52 Inverter (o convertitore di potenza c.c./c.a.) Apparecchiatura, tipicamente statica, impiegata

Dettagli

CRITERI DI ALLACCIAMENTO DI IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE MT DI ENEL DISTRIBUZIONE

CRITERI DI ALLACCIAMENTO DI IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE MT DI ENEL DISTRIBUZIONE Ed. II - 1/31 INDICE Pagina 1 SCOPO DELLE PRESCRIZIONI... 2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3 NORME E PRESCRIZIONI RICHIAMATE NEL TESTO... 2 4 DEFINIZIONI... 3 5 CRITERI GENERALI DI ALLACCIAMENTO E DI FUNZIONAMENTO

Dettagli

Dipartimento di Energia Politecnico di Milano

Dipartimento di Energia Politecnico di Milano Dipartimento di Energia Politecnico di Milano Prof. Maurizio Delfanti maurizio.delfanti@polimi.it Mezzocorona (TN), 28 ottobre 2011 La nuova regola tecnica 2 La Norma tecnica è stata elaborata da un gruppo

Dettagli

GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI

GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Seminario Tecnico GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Novità legislative (nuovo conto energia), problematiche tecniche, problematiche di installazione, rapporti con gli Enti MODALITA DI CONNESSIONE ALLA RETE ELETTRICA

Dettagli

SISTEMI DI CONTROLLO E PROTEZIONE DELLE CENTRALI EOLICHE [PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA CONNESSIONE]

SISTEMI DI CONTROLLO E PROTEZIONE DELLE CENTRALI EOLICHE [PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA CONNESSIONE] 1 di 17 SISTEMI DI CONTROLLO E PROTEZIONE DELLE CENTRALI EOLICHE [PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA CONNESSIONE] Redatto Collaborazioni Verificato Approvato R. Gnudi - L. Caciolli C. Cassaro N. Garau A. Costanzo

Dettagli

REGOLAZIONE TECNICA DEI REQUISITI DI SISTEMA DELLA GENERAZIONE DISTRIBUITA

REGOLAZIONE TECNICA DEI REQUISITI DI SISTEMA DELLA GENERAZIONE DISTRIBUITA N 02 1 di 13 REGOLAZIONE TECNICA DEI REQUISITI DI SISTEMA DELLA GENERAZIONE DISTRIBUITA Storia delle revisioni 01 13/03/2012 Prima emissione 02 03/08/2012 Chiarimenti interpretativi N 02 2 di 13 INDICE

Dettagli

COMUNE DI VITTORIO VENETO (TV)

COMUNE DI VITTORIO VENETO (TV) COMUNE DI VITTORIO VENETO (TV) AREA POLITICHE DELLE INFRASTRUTTURE IMPIANTO FOTOVOLTAICO IN ZONA INDUSTRIALE A SAN GIACOMO DI VEGLIA IN COMUNE DI VITTORIO VENETO (TV) 2. RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO

Dettagli

Inverter e connessione alla rete alla rete elettrica

Inverter e connessione alla rete alla rete elettrica SPECIALE TECNICO Inverter e connessione alla rete alla rete elettrica Francesco Groppi Comitato Elettrotecnico Italiano (CEI, CT82, Working Group 2 Inverter) SPONSOR www.fronius.com www.mastervoltsolar.it

Dettagli

Dalle DK alla Norma CEI 0-16

Dalle DK alla Norma CEI 0-16 Dalle DK alla Norma CEI 0-16 A. Cerretti - ENEL Distribuzione Protezione generale (PG) Deve essere costituita da: Protezione di massima corrente di fase almeno bipolare a tre soglie, una a tempo dipendente,

Dettagli

ASPETTI NORMATIVI E DI PROGETTAZIONE

ASPETTI NORMATIVI E DI PROGETTAZIONE Seminario Tecnico GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Novità legislative (nuovo conto energia), problematiche tecniche, problematiche di installazione, rapporti con gli Enti ASPETTI NORMATIVI E DI PROGETTAZIONE

Dettagli

Fra C.E.G. e Cliente (titolare dei rapporti con C.E.G.) si stabiliscono le seguenti condizioni.

Fra C.E.G. e Cliente (titolare dei rapporti con C.E.G.) si stabiliscono le seguenti condizioni. REGOLAMENTO DI ESERCIZIO IN PARALLELO CON RETI MT DELLA SOCIETA COOPERATIVA ELETTRICA GIGNOD DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA DI PROPRIETA' DEL PRODUTTORE GENERALITÀ Il presente regolamento

Dettagli

NORMA CEI 0-16 EDIZIONE III

NORMA CEI 0-16 EDIZIONE III NORMA CEI 0-16 EDIZIONE III Principali novità introdotte sulle protezioni ed implicazioni sui quadri MT Distributore TV-I f-f DG DDI SPG SPI TA-I TV-I f-n Utente www.anienergia.it Sommario INTRODUZIONE

Dettagli

Rev.01 ed. Luglio 2009

Rev.01 ed. Luglio 2009 S E A S O C I E T A' E L E T T R I C A D I F A V I G N A N A S P A Sede amministrativa: Via E. Amari n. 8 90139 Palermo Tel. 091 580004 Fax 091 584967 Ufficio di Favignana: Via S. Corleo n. 7 91023 Favignana

Dettagli

REGOLAMENTO DI ESERCIZIO IN PARALLELO CON RETI MT DI ENEL DISTRIBUZIONE S.P.A

REGOLAMENTO DI ESERCIZIO IN PARALLELO CON RETI MT DI ENEL DISTRIBUZIONE S.P.A REGOLAMENTO DI ESERCIZIO IN PARALLELO CON RETI MT DI ENEL DISTRIBUZIONE S.P.A. DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA DI PROPRIETA' DEL PRODUTTORE GENERALITÀ Il presente regolamento fra Enel

Dettagli

NORMA CEI 0-160 LA CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE PUBBLICA: CARATTERISTICHE DEL SISTEMA DI PROTEZIONE

NORMA CEI 0-160 LA CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE PUBBLICA: CARATTERISTICHE DEL SISTEMA DI PROTEZIONE NORMA CEI 0-160 LA CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE PUBBLICA: ing. Massimo Ambroggi Responsabile Service Tecnico THYTRONIC S.p.A. (MI) 0 Introduzione Scopo di questa presentazione

Dettagli

SOCIETA' COOPERATIVA IDROELETTRICA DI FORNI DI SOPRA S.r.l. REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DEGLI IMPIANTI DI GENERAZIONE ALLA RETE DI BASSA TENSIONE

SOCIETA' COOPERATIVA IDROELETTRICA DI FORNI DI SOPRA S.r.l. REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DEGLI IMPIANTI DI GENERAZIONE ALLA RETE DI BASSA TENSIONE SOCIETA' COOPERATIVA IDROELETTRICA DI FORNI DI SOPRA S.r.l. Via Nazionale, Loc. Santaviela - 33024 FORNI DI SOPRA (UD) Tel +39 0433 88077 - Fax +39 0433 887905 - Email info@sci-forni.it Cod. Fisc. e P.

Dettagli

Nuovi requisiti e prove in campo per le protezioni di interfaccia, secondo le norme CEI 0-21 e CEI 0-16

Nuovi requisiti e prove in campo per le protezioni di interfaccia, secondo le norme CEI 0-21 e CEI 0-16 LA GESTIONE DELL INTEGRAZIONE DEL FOTOVOLTAICO NELLE RETI Nuovi requisiti e prove in campo per le protezioni di interfaccia, secondo le norme CEI 0-21 e CEI 0-16 Francesco Groppi Responsabile GDL2 del

Dettagli

CNA UNAE Bologna 15 Aprile 2014 - Claudio Francescon ABB s.p.a. Power Product Division CEI 0-16, Versione 3 Regole Tecniche di connessione in Media

CNA UNAE Bologna 15 Aprile 2014 - Claudio Francescon ABB s.p.a. Power Product Division CEI 0-16, Versione 3 Regole Tecniche di connessione in Media CNA UNAE Bologna 15 Aprile 2014 - Claudio Francescon ABB s.p.a. Power Product Division CEI 0-16, Versione 3 Regole Tecniche di connessione in Media Tensione L evoluzione da Guida a Norma CEI DK 5600 ed.

Dettagli

CRITERI DI ALLACCIAMENTO DI TETTI FOTOVOLTAICI ALLA RETE BT DI DISTRIBUZIONE INDICE 3. NORME E PRESCRIZIONI RICHIAMATE NEL TESTO 2

CRITERI DI ALLACCIAMENTO DI TETTI FOTOVOLTAICI ALLA RETE BT DI DISTRIBUZIONE INDICE 3. NORME E PRESCRIZIONI RICHIAMATE NEL TESTO 2 Ed. 1.1-1/15 INDICE 1. SCOPO DELLE PRESCRIZIONI 2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 2 3. NORME E PRESCRIZIONI RICHIAMATE NEL TESTO 2 4. DEFINIZIONI 2 5. CRITERI GENERALI 3 5.1 CRITERI GENERALI DI FUNZIONAMENTO

Dettagli

Formazione Tecnica Schneider Corso C1 Studio e progettazione di una cabina di trasformazione MT/BT

Formazione Tecnica Schneider Corso C1 Studio e progettazione di una cabina di trasformazione MT/BT Formazione Tecnica Schneider Corso C1 Studio e progettazione di una cabina di trasformazione MT/BT Finalità del corso Il corretto allestimento delle cabine di trasformazione MT/BT di utente, anche per

Dettagli

CRITERI DI ALLACCIAMENTO DI CLIENTI ALLA RETE MT DI DISTRIBUZIONE SECONDO ENEL DK5600 MARZO 2004

CRITERI DI ALLACCIAMENTO DI CLIENTI ALLA RETE MT DI DISTRIBUZIONE SECONDO ENEL DK5600 MARZO 2004 1 CRITERI DI ALLACCIAMENTO DI CLIENTI ALLA RETE MT DI DISTRIBUZIONE SECONDO ENEL DK5600 MARZO 2004 CARATTERISTICHE DEL SISTEMA DI PROTEZIONE ing. Massimo Ambroggi Service Tecnico THYTRONIC S.p.A. 2 PRINCIPIO

Dettagli

Allegato ITC. Edizione V del 1 Gennaio 2013

Allegato ITC. Edizione V del 1 Gennaio 2013 S. E L. I. S. L a m p e d u s a S. p. A. - C a p i t a l e S o c i a l e 3. 4 0 6. 9 2 4, 0 4 i. v. R e g i s t r o d e l l e I m p r e s e P a l e r m o, C. F. e P. I V A 0 3 6 2 0 8 5 0 8 2 0 S E D E

Dettagli

DK 5940 Aprile 2007 Ed. 2.2-1/47

DK 5940 Aprile 2007 Ed. 2.2-1/47 Ed. 2.2-1/47 INDICE Pagina 1 SCOPO DELLE PRESCRIZIONI 2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE 2 3 NORME E PRESCRIZIONI RICHIAMATE NEL TESTO 2 4 DEFINIZIONI 3 5 CRITERI GENERALI 4 5.1 CRITERI GENERALI DI FUNZIONAMENTO

Dettagli

CM-UFD.M32 Relè di protezione d interfaccia conforme alla norma CEI 0-21

CM-UFD.M32 Relè di protezione d interfaccia conforme alla norma CEI 0-21 Relè di protezione d interfaccia conforme alla norma CEI 0-21 Relè di protezione di interfaccia conforme alla norma CEI 0-21 Il nuovo relè di protezione di interfaccia (SPI), deputato al controllo della

Dettagli

CRITERI DI ALLACCIAMENTO DI IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE BT DELL ASM TERNI S.p.A.

CRITERI DI ALLACCIAMENTO DI IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE BT DELL ASM TERNI S.p.A. 1. SCOPO DELLE PRESCRIZIONI... 2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3. NORME E PRESCRIZIONI RICHIAMATE NEL TESTO... 2 4. DEFINIZIONI... 2 5. CRITERI GENERALI... 3 5.1 CRITERI GENERALI DI FUNZIONAMENTO... 3

Dettagli

Nome Cognome, Nato a, Provincia, il / /, Codice Fiscale. Residente in, via

Nome Cognome, Nato a, Provincia, il / /, Codice Fiscale. Residente in, via REGOLAMENTO DI ESERCIZIO PER IL FUNZIONAMENTO DELL IMPIANTO DI PRODUZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA DI PROPRIETA' DELL UTENTE ATTIVO IN PARALLELO CON LA RETE MT DI ENEL DISTRIBUZIONE GENERALITÀ Il presente

Dettagli

NOVITA GUIDA CEI 82-25 Relatore: Massimo Gamba Membro CEI CT 82

NOVITA GUIDA CEI 82-25 Relatore: Massimo Gamba Membro CEI CT 82 NOVITA GUIDA CEI 82-25 Relatore: Massimo Gamba Membro CEI CT 82 1 NOVITA GUIDA CEI 82-25 1. Novità normative: guida CEI 82-25 edizione settembre 2010 2. Novità tecniche: impianti fotovoltaici a concentrazione

Dettagli

Coperture fotovoltaiche. Materiali e loro impiego. Regole tecniche di connessione. Manutenzione degli impianti. Monitoraggio degli impianti

Coperture fotovoltaiche. Materiali e loro impiego. Regole tecniche di connessione. Manutenzione degli impianti. Monitoraggio degli impianti Materiali e loro impiego Regole tecniche di connessione Manutenzione degli impianti Monitoraggio degli impianti Materiali e loro impiego Pannelli: con e senza cornice, su supporto rigido o flessibile Inverter:

Dettagli

Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected

Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected Per quanto attiene gli impianti connessi alla rete elettrica, vengono qui presentati i criteri di progettazione elettrica dei principali componenti,

Dettagli

IMPIANTO ELETTRICO: ADEGUAMENTO CABINA DI TRASFORMAZIONE ALLA NORMA CEI

IMPIANTO ELETTRICO: ADEGUAMENTO CABINA DI TRASFORMAZIONE ALLA NORMA CEI RELAZIONE TECNICA 1. IMPIANTO ELETTRICO: ADEGUAMENTO CABINA DI TRASFORMAZIONE ALLA NORMA CEI 0-16... 2 1.1. - Premessa... 2 1.2. Nuovo dispositivo di protezione generale... 4 1.2.1 Prescrizioni previste

Dettagli

Prof. Ing. Giuseppe CAFARO - Politecnico di Bari. e Cristina Timò- Direttore Tecnico CEI (Comitato elettrotecnico italiano)

Prof. Ing. Giuseppe CAFARO - Politecnico di Bari. e Cristina Timò- Direttore Tecnico CEI (Comitato elettrotecnico italiano) Norma CEI 0-21 : Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT delle imprese distributrici di energia elettrica Prof. Ing. Giuseppe CAFARO - Politecnico di Bari

Dettagli

Diagramma a blocchi del sistema modulare per lo studio della Smart Grid

Diagramma a blocchi del sistema modulare per lo studio della Smart Grid DL SGWD SMART GRID Questo sistema didattico è stato progettato per lo studio e la comprensione dei concetti legati alla gestione intelligente dell energia elettrica. Questo concetto, chiamato Smart Grid,

Dettagli

Esempio tipo di Lista controlli di manutenzione programmata

Esempio tipo di Lista controlli di manutenzione programmata Esempio tipo di Lista controlli di manutenzione programmata CAT. A Descrizione dell intervento Lavori di ispezione e pulizia G M S A 2A Note A1 Pulizia canaline A2 Ispezione ed eventuale pulizia di pozzetti

Dettagli

Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti AT ed MT delle imprese distributrici di energia elettrica

Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti AT ed MT delle imprese distributrici di energia elettrica N O R M A I T A L I A N A C E I Norma Italiana CEI 0-16 Data Pubblicazione Edizione 2008-07 Seconda Classificazione Fascicolo 0-16 9404 Titolo Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti

Dettagli

Impianto fotovoltaico

Impianto fotovoltaico a cura di Antonello Greco Oggetto dellʼintervento Installazione di un impianto fotovoltaico da 6 kw su edificio. Norme, Leggi e Delibere applicabili Guida CEI 82-25: 2010-09: Guida alla realizzazione di

Dettagli

Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT delle imprese distributrici di energia elettrica

Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT delle imprese distributrici di energia elettrica N O R M A I T A L I A N A C E I Norma Italiana Data Pubblicazione CEI 0-21 2011-12 Titolo Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT delle imprese distributrici

Dettagli

NOTA: Il documento va allegato in caso di nuove cabine di connessione o di rifacimento dell impianto di terra di cabine già connesse.

NOTA: Il documento va allegato in caso di nuove cabine di connessione o di rifacimento dell impianto di terra di cabine già connesse. DOCUMENTAZIONE DA INVIARE A SEGUITO DEL COMPLETAMENTO DEI LAVORI DI REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO DI PRODUZIONE DA CONNETTERE ALLA RETE DI CEDIS CON TENSIONE NOMINALE > 1 KV, Barrare le voci interessate:

Dettagli

ETA PROGETTI STUDIO ASSOCIATO

ETA PROGETTI STUDIO ASSOCIATO INDICE PREMESSA... 3 1 - DOCUMENTAZIONE DI PROGETTO... 3 2 - IMPIANTI PREVISTI... 3 3 DESCRIZIONE DELL IMPIANTO DI PRODUZIONE... 4 4 MODALITA DI ESECUZIONE DELL IMPIANTO ELETTRICO... 4 4.1) Tensione di

Dettagli

Analisi dei parametri elettrici in condizioni variabili: normale ed emergenza Emergenza in media tensione e taratura delle protezioni

Analisi dei parametri elettrici in condizioni variabili: normale ed emergenza Emergenza in media tensione e taratura delle protezioni Analisi dei parametri elettrici in condizioni variabili: normale ed emergenza. di Giuseppe Agostini, Electro Graphics Cause dei guasti, probabilità e percentuali La rete di distribuzione dellenergia elettrica

Dettagli

Sistemi di protezione di interfaccia PMVF 30

Sistemi di protezione di interfaccia PMVF 30 Sistemi di protezione di interfaccia PMVF 30 (conforme CEI 0-16 edizione dicembre 2012) PMVF 20 (conformi CEI 0- edizione giugno 2012) Sistemi di protezione di interfaccia Conforme CEI 0-16 edizione dicembre

Dettagli

Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT delle imprese distributrici di energia elettrica

Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT delle imprese distributrici di energia elettrica N O R M A I T A L I A N A C E I Norma Italiana Data Pubblicazione CEI 0-21 2014-09 Titolo Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT delle imprese distributrici

Dettagli

Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti AT ed MT delle imprese distributrici di energia elettrica

Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti AT ed MT delle imprese distributrici di energia elettrica N O R M A I T A L I A N A C E I Norma Italiana Data Pubblicazione CEI 0-16 2014-09 Titolo Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti AT ed MT delle imprese distributrici

Dettagli

Si compongono di : Lato DC

Si compongono di : Lato DC Centralini di Campo precablati per DC e AC Monofase e Trifase Quadro di campo comprensivo di cablaggio lato DC e lato AC verso inverter e contatore ENEL. CENTRALINO ISL - CABUR DC Inverter Monofase / Trifase

Dettagli

Sistemi di protezione di interfaccia PMVF 20 PMVF 50

Sistemi di protezione di interfaccia PMVF 20 PMVF 50 Sistemi di protezione di interfaccia PMVF 20 (conformi CEI 0-21 edizione giugno 2012) PMVF 30 (conforme CEI 0-16 edizione dicembre 2012) electric Sistemi di protezione di interfaccia Conformi CEI 0-21

Dettagli

Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT delle imprese distributrici di energia elettrica

Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT delle imprese distributrici di energia elettrica N O R M A I T A L I A N A C E I Norma Italiana Data Pubblicazione CEI 0-21;V1 2014-12 Titolo Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT delle imprese distributrici

Dettagli

MAKING MODERN LIVING POSSIBLE. Quaderno applicazione Inverter di stringa per impianti fotovoltaici Moduli cristallini

MAKING MODERN LIVING POSSIBLE. Quaderno applicazione Inverter di stringa per impianti fotovoltaici Moduli cristallini MAKING MODERN LIVING POSSIBLE Quaderno applicazione Inverter di stringa per impianti fotovoltaici Moduli cristallini Danfoss Solar Inverters Quaderno applicazione Edizione 1 gen. 2011 Indice 1. Introduzione...

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO DEI LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE IMMOBILE E SPAZI DI PERTINENZA DELL ISTITUTO SCOLASTICO G. FERRARIS DI RAGUSA.

PROGETTO ESECUTIVO DEI LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE IMMOBILE E SPAZI DI PERTINENZA DELL ISTITUTO SCOLASTICO G. FERRARIS DI RAGUSA. PROGETTO ESECUTIVO DEI LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE IMMOBILE E SPAZI DI PERTINENZA DELL ISTITUTO SCOLASTICO G. FERRARIS DI RAGUSA. ASSE II QUALITÀ DEGLI AMBIENTI SCOLASTICI - OBIETTIVO C Incrementare la

Dettagli

DIMENSIONAMENTO DIMENSIONAMENT

DIMENSIONAMENTO DIMENSIONAMENT ESEMPI DI DIMENSIONAMENTO Fonte: ABB PREMESSA Di seguito vengono proposti due esempi di dimensionamento di un impianto fotovoltaico grid connected in parallelo ad un impianto utilizzatore preesistente.

Dettagli

Italian Technology FOTOVOLTAICO GESTIONE FOTOVOLTAICO. Manuale Tecnico Solar

Italian Technology FOTOVOLTAICO GESTIONE FOTOVOLTAICO. Manuale Tecnico Solar FOTOVOLTAICO GESTIONE FOTOVOLTAICO INDICE Il sistema di monitoraggio energia da Fotovoltaico La ditta RASOTTO si propone al mercato con un nuovo prodotto per il monitoraggio dell energia prodotta da un

Dettagli

Impianti Fotovoltaici:

Impianti Fotovoltaici: Impianti Fotovoltaici: mantenimento + sicurezza = CONVENIENZA L impianto fotovoltaico è una centrale elettrica che necessita di manutenzione periodica, per assicurare l efficienza produttiva ottimizzando

Dettagli

Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT delle imprese distributrici di energia elettrica

Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT delle imprese distributrici di energia elettrica N O R M A I T A L I A N A C E I 1 Data Scadenza Inchiesta C. 1136 22-11-2014 Data Pubblicazione 2014-10 Classificazione 0-21; V Titolo Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi

Dettagli

SEZIONE H MISURA DELL ENERGIA 2

SEZIONE H MISURA DELL ENERGIA 2 Ed. 4.0 - H1/20 SEZIONE H MISURA DELL ENERGIA 2 H.1 MISURA DELL ENERGIA DEI CLIENTI PRODUTTORI 2 H.2 MISURA DELL ENERGIA SCAMBIATA CON LA RETE 4 H.2.1 CARATTERISTICHE DEL SISTEMA DI MISURA DELL ENERGIA

Dettagli

SPECIFICA TECNICA. Leonardo String Box Control

SPECIFICA TECNICA. Leonardo String Box Control CARATTERISTICHE SPECIFICA TECNICA Leonardo String Box Control PARAMETRI INGRESSO Range di tensione in Ingresso V 200 900 Max. corrente di stringa A 16 Numero di canali di misura 10 Numero stringhe in ingresso

Dettagli

SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA. PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI DI POTENZA NOMINALE NON SUPERIORE A 20 kw CONNESSI ALLA RETE

SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA. PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI DI POTENZA NOMINALE NON SUPERIORE A 20 kw CONNESSI ALLA RETE SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI DI POTENZA NOMINALE NON SUPERIORE A 20 kw CONNESSI ALLA RETE SCOPO Lo scopo della presente specifica è quello di fornire le

Dettagli

COMUNE DI PARCINES SERVIZIO DISTRIBUZIONE ENERGIA ELETTRICA

COMUNE DI PARCINES SERVIZIO DISTRIBUZIONE ENERGIA ELETTRICA Versione 29 08 2006 Allegato 3 alla del. 281/05 REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE ALLE RETI ELETTRICHE CON TENSIONE NOMINALE SUPERIORE AD 1kV DEL COMUNE DI PARCINES SERVIZIO DISTRIBUZIONE ENERGIA ELETTRICA

Dettagli

In tal caso, ai sensi della delibera, ASS installa il sistema di misura dell energia prodotta e svolge il servizio di sigillatura.

In tal caso, ai sensi della delibera, ASS installa il sistema di misura dell energia prodotta e svolge il servizio di sigillatura. Pag. 1/10 1 MISURA DELL ENERGIA DEI CLIENTI PRODUTTORI L attuale quadro regolatorio di riferimento prevede che il sistema di misura, installato nel punto di connessione alla rete di un impianto di produzione,

Dettagli

IMMETTERE ENERGIA IN RETE

IMMETTERE ENERGIA IN RETE IMMETTERE ENERGIA IN RETE Quello di produrre energia elettrica o di autoprodursela è un argomento molto discusso del quale se ne sente parlare ormai quotidianamente. Per certi versi produrre energia elettrica

Dettagli

CASSETTA PROVA RELE E MODALITA DI VERIFICA

CASSETTA PROVA RELE E MODALITA DI VERIFICA CASSETTA PROVA RELE E MODALITA DI VERIFICA CAMBIANO LE NORMATIVE PER IL COLLAUDO E VERIFICA DEGLI IMPIANTI DI AUTOPRODUZIONE Deliberazione 84/2012/R/EEL Allegato A.70 CEI 0-21; Variante V1 CEI 0-16; III

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DI INFORMAZIONE TECNICA DELL'UNAE Istituto Nazionale di Qualificazione delle Imprese d'installazione di Impianti SUPPLEMENTO

ORGANO UFFICIALE DI INFORMAZIONE TECNICA DELL'UNAE Istituto Nazionale di Qualificazione delle Imprese d'installazione di Impianti SUPPLEMENTO ORGANO UFFICIALE DI INFORMAZIONE TECNICA DELL'UNAE Istituto Nazionale di Qualificazione delle Imprese d'installazione di Impianti SUPPLEMENTO Norma CEI 0-16 Regola tecnica di riferimento per la connessione

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE E MANUTENZIONE IMPIANTO SOLARE FOTOVOLTAICO

MANUALE DI GESTIONE E MANUTENZIONE IMPIANTO SOLARE FOTOVOLTAICO MANUALE DI GESTIONE E MANUTENZIONE IMPIANTO SOLARE FOTOVOLTAICO IMPIANTO: RESPONSABILE DELL IMPIANTO: DITTA INSTALLATRICE: PROGETTISTA: Weservice soc. coop. - Via Caduti del Lavoro 26 60131 Ancona - P.I.

Dettagli

MODALITA PER LA CONNESSIONE DEGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI CON LA RETE DI DISTRIBUZIONE DI BASSA E MEDIA TENSIONE

MODALITA PER LA CONNESSIONE DEGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI CON LA RETE DI DISTRIBUZIONE DI BASSA E MEDIA TENSIONE Seminario Tecnico GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Aggiornamenti legislativi, Problematiche tecniche, Problematiche di installazione, Rapporti con gli enti MODALITA PER LA CONNESSIONE DEGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO: ASPETTI TEORICI E TECNICI

LA PROGETTAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO: ASPETTI TEORICI E TECNICI Seminario Tecnico GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Aggiornamenti legislativi, Problematiche tecniche, Problematiche di installazione, Rapporti con gli enti LA PROGETTAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO: ASPETTI

Dettagli

ASSESSORATO ALLE ATTIVITA PRODUTTIVE SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA

ASSESSORATO ALLE ATTIVITA PRODUTTIVE SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA ALLEAGATO A1 SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI DI POTENZA NOMINALE NON SUPERIORE A 20 kw CONNESSI ALLA RETE SCOPO Lo scopo della presente specifica è quello di

Dettagli

I sistemi elettrici: lezione introduttiva. Prof.ssa Maria Dicorato

I sistemi elettrici: lezione introduttiva. Prof.ssa Maria Dicorato I sistemi elettrici: lezione introduttiva Prof.ssa Maria Dicorato La produzione di energia elettrica L insieme dei mezzi di produzione, denominato centrali elettriche, nei quali avviene la trasformazione

Dettagli

DK 5600 ed. IV (Marzo 04) e le soluzioni di protezione ABB

DK 5600 ed. IV (Marzo 04) e le soluzioni di protezione ABB Power Technologies Division Medium Voltage Emiliano Centenaro, product manager electronics Carlo Gemme, electronic R&D manager DK 5600 ed. IV (Marzo 04) e le soluzioni di protezione ABB copyright by ABB

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE Premessa. Lavori e forniture inerenti le linee di Media Tensione.

RELAZIONE TECNICA GENERALE Premessa. Lavori e forniture inerenti le linee di Media Tensione. . Servizio Sanitario - REGIONE SARDEGNA RELAZIONE TECNICA GENERALE Premessa Gli interventi descritti nel seguito riguardano i lavori da eseguirsi presso il Presidio Ospedaliero San Martino di Oristano

Dettagli

VERIFICHE SU IMPIANTI ELETTRICI

VERIFICHE SU IMPIANTI ELETTRICI VERIFICHE SU IMPIANTI ELETTRICI Oggetto e scopo VERIFICA: insieme delle operazioni necessarie per accertare la rispondenza di un impianto elettrico a requisiti stabiliti (rispondenza alle prescrizioni

Dettagli

PROCEDURE PER ALLACCIAMENTI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SCAMBIO SUL POSTO CON POTENZA 20 kw

PROCEDURE PER ALLACCIAMENTI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SCAMBIO SUL POSTO CON POTENZA 20 kw Comune di Isera AZIENDA SERVIZI COMUNALI ISERA Via A. Ravagni n. 8-38060 ISERA Cod. Fisc. e P. IVA 00203870225 Tel. 0464 487096 / Fax 0464 401430 e-mail aziendaservizi@comune.isera.tn.it PROCEDURE PER

Dettagli

S9 Informatica (Ingegneria Elettrica)

S9 Informatica (Ingegneria Elettrica) S9 Informatica (Ingegneria Elettrica) S 9.1 Il Web 2.0 rappresenta la moderna evoluzione di Internet rispetto al Web 1.0, caratterizzato dalla rappresentazione solo statica di testi e di immagini. Il Web

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ALLA DELIBERAZIONE 8 NOVEMBRE 2006, N. 246/06

RELAZIONE TECNICA ALLA DELIBERAZIONE 8 NOVEMBRE 2006, N. 246/06 RELAZIONE TECNICA ALLA DELIBERAZIONE 8 NOVEMBRE 2006, N. 246/06 MODIFICHE AL TESTO INTEGRATO DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI ELETTRICI DI CUI ALL ALLEGATO A ALLA DELIBERAZIONE 30 GENNAIO 2004, N. 4/04, E SUCCESSIVE

Dettagli

L i n e a M o d u l e x 3. Linea Modulex3 GRID

L i n e a M o d u l e x 3. Linea Modulex3 GRID Linea Modulex3 GRID 1 Gamma dei prodotti numerici CODICE DESCRIZIONE CODICI NUMERICI MX3AM30A Relè di massima corrente di fase e di terra 51-51 - 50-51N - 51N - 50N MX3AM0A Relè di massima corrente di

Dettagli

Esercizio in parallelo alla rete a bassa tensione di impianti di produzione d energia (IPE)

Esercizio in parallelo alla rete a bassa tensione di impianti di produzione d energia (IPE) Eidgenössisches Starkstrominspektorat Inspection fédérale des installations à courant fort Ispettorato federale degli impianti a corrente forte Esercizio in parallelo alla rete a bassa tensione di impianti

Dettagli

MANUTENZIONE SIAT Energy S.p.A.

MANUTENZIONE SIAT Energy S.p.A. MANUTENZIONE SIAT Energy S.p.A. 1 - Il modello di Manutenzione e Gestione di SIAT Energy S.p.A. I servizi proposti da SIAT Energy S.p.A. hanno l obiettivo di assicurare il programma e le azioni necessarie

Dettagli

Chi siamo. L affidabilità ed elevata professionalità di Secsun è comprovata dalla presenza di un team nutrito di 40 TECNICI SPECIALIZZATI:

Chi siamo. L affidabilità ed elevata professionalità di Secsun è comprovata dalla presenza di un team nutrito di 40 TECNICI SPECIALIZZATI: COMPANY PROFILE INDICE 03. Chi siamo 04. Mission 06. Risorse 07. Struttura Aziendale 08. Le divisioni aziendali 09. Prodotti - divisione quadri 10. Linea quadri di campo 11. Linea quadri in alternata e

Dettagli

PROVE STRUTTURATE ASSEGNATE ALLE GARE NAZIONALI PER OPERATORI ELETTRICI

PROVE STRUTTURATE ASSEGNATE ALLE GARE NAZIONALI PER OPERATORI ELETTRICI PROVE STRUTTURATE ASSEGNATE ALLE GARE NAZIONALI PER OPERATORI ELETTRICI IPSIA A. PONTI GALLARATE anno scolastico 2002/2003 BLOCCO TEMATICO: MACCHINE ELETTRICHE MAC01 MAC02 MAC03 MAC04 MAC05 MAC06 MAC07

Dettagli

ISTRUZIONI TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DI A.C.S.M. S.p.A. CON TENSIONE NOMINALE < AD 1 KV

ISTRUZIONI TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DI A.C.S.M. S.p.A. CON TENSIONE NOMINALE < AD 1 KV RETE DI A.C.S.M. S.p.A. CON Pag. 1 di 54 RETE DI A.C.S.M. S.p.A. CON TENSIONE NOMINALE 1 KV (Riferimento: Deliberazione del Autorità per l Energia Eletrica ed il Gas ARG/Elt n. 99/08) RETE DI A.C.S.M.

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE Moduli fotovoltaici. gruppo di conversione

SPECIFICHE TECNICHE Moduli fotovoltaici. gruppo di conversione GENERALITA Gli impianti previsti nel presente progetto dovranno complessivamente essere in grado di produrre non meno 200.000 kwh/anno. I siti individuati, in cui si prevede di installare i moduli, risultano

Dettagli

Alimentazione elettrica Tensione di rete

Alimentazione elettrica Tensione di rete Alimentazione elettrica Tensione di rete In conseguenza dei principi fisici con i quali funzionano le macchine per la produzione, il trasferimento e l impiego dell energia elettrica, nelle nostre case

Dettagli

SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI CONNESSI ALLA RETE DI POTENZA NOMINALE COMPRESA TRA 1 E 20 kwp

SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI CONNESSI ALLA RETE DI POTENZA NOMINALE COMPRESA TRA 1 E 20 kwp SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI CONNESSI ALLA RETE DI POTENZA NOMINALE COMPRESA TRA 1 E 20 kwp SCOPO Lo scopo della presente specifica è quello di fornire le

Dettagli

Impianti elettrici di cantiere

Impianti elettrici di cantiere a cura di Andrea Gulinelli Norme tecniche di riferimento Norma CEI 64-8, parte 7, Edizione VII Ambienti ed applicazioni particolari, Sezione 704 - Cantieri di costruzione e demolizione. Norma CEI 0-21,

Dettagli

SISTEMI DI PRELIEVO DELLA ENERGIA ELETTRICA DALLE RETI DI DISTRIBUZIONE

SISTEMI DI PRELIEVO DELLA ENERGIA ELETTRICA DALLE RETI DI DISTRIBUZIONE Prof. Dott. Ing. Sergio Rosati SISTEMI DI PRELIEVO DELLA ENERGIA ELETTRICA DALLE RETI DI DISTRIBUZIONE Roma, aprile 2012. PREMESSA Una buona conoscenza delle modalità di allaccio di installazioni, civili

Dettagli

ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA. MAE10DNT - Laboratorio Macchine Elettriche

ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA. MAE10DNT - Laboratorio Macchine Elettriche ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA MAE10DNT - Laboratorio Macchine Elettriche Generalità La Didacta Italia ha progettato una unità di studio, estremamente versatile per le prove ed i controlli di velocità sulle

Dettagli