la regola tecnica di connessione e la qualità del servizio per gli utenti MT: gli utenti attivi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "la regola tecnica di connessione e la qualità del servizio per gli utenti MT: gli utenti attivi"

Transcript

1 Roma Sapienza Università - Facoltà di Ingegneria Aula del Chiostro 5 maggio 2010 SEMINARIO Sezione di Roma Norma CEI 0-16: 0 la regola tecnica di connessione e la qualità del servizio per gli utenti MT: gli utenti attivi

2 CENTRAL AND SOUTH ITALY SECTION Programma Apertura dei lavori Giuseppe Parise, Ordinario di Distribuzione ed Utilizzazione dell Energia Elettrica Sapienza Università di Roma La norma CEI 0-16: aspetti tecnici salienti per gli utenti attivi Gianfranco Alma, Responsabile supporto Tecnico DE Schneider Electric Il ruolo di Enel Distribuzione Alfonso Sturchio, Enel Distribuzione spa Responsabile Rete Elettrica Lazio, Abruzzo e Molise Soluzioni fotovoltaiche dal residenziale ai campi fotovoltaici Gianfranco Alma, Responsabile supporto Tecnico DE Schneider Electric Dibattito CEVOIR

3 Norma CEI 0-16 Regola tecnica di riferimento per la connessione di utenti attivi e passivi alle reti AT ed MT delle Imprese distributrici di energia Elettrica Connessione di utenti attivi alla rete MT

4 Delibera ARG/ELT n. 99/08 Testo integrato delle connessioni attive TICA Regole a sostegno degli impianti produzione di energia da fonti rinnovabili e da cogenerazione ad alto rendimento, sia in MT che in BT, con l obiettivo di: Dare maggiore certezza ai criteri ed alle procedure per l erogazione del servizio di connessione; Individuare soluzioni tecniche di connessione non eccessivamente onerosi per i produttori. 2

5 Delibera ARG/ELT n. 99/08 Testo integrato delle connessioni attive TICA In termini operativi. Procedure e tempistiche per la connessione con processo più trasparente e regole più stringenti per i distributori; Modalità di determinazione del corrispettivo basato su una formula che tiene conto di: potenza in immissione e distanza degli impianti dalla rete esistente; Indennizzi automatici definiti verso i produttore, nel caso di ritardi da parte dei distributori.

6 Delibera ARG/ELT n. 99/08 Testo integrato delle connessioni attive TICA Allegato A Corrispettivo per la richiesta di connessione, per l ottenimento del preventivo e per la tempistica di sua disponibilità. Tabella 1 4

7 Delibera ARG/ELT n. 99/08 Testo integrato delle connessioni attive TICA Allegato A Livello di tensione di erogazione del servizio di connessione In linea di massima a) P 100kW in BT b) 100 < P kw in MT Il livello di tensione di erogazione del servizio non individua il valore della tensione dell impianto di rete per la connessione, Esempio: erogazione servizio BT, con il distributore che arriva con propria cabina MT/BT Cabina MT/BT a cura del Distributore Connessione BT a cura dell Utente CP G 5

8 Delibera ARG/ELT n. 99/08 Testo integrato delle connessioni attive TICA Allegato A Livello di tensione di erogazione del servizio di connessione c) Nel caso di connessione esistente, il servizio di connessione è erogato al livello di tensione della connessione esistente nei limiti di potenza già disponibile per la connessione; d) Le condizioni precedenti, non escludono la possibilità, sulla base di scelte tecniche effettuate dal gestore di rete, di erogare il servizio di connessione in bassa o media tensione per potenze in immissione richieste superiori, rispettivamente, a 100 kw o a kw. Per ulteriori dettagli consultare l ALLEGATO A alla delibera..! 6

9 Delibera AEEG n /08 Allegato B Adeguamento alla CEI 0-16 Applicazione Parziale Passivo Attivo Impianto di produzione di qualsiasi P ( kw ) Utente Esistente Installare SPI All. E DDI par Attivo Incremento della produzione P 50 KW 7

10 Delibera ARG/ELT n. 99/08 Testo integrato delle connessioni attive TICA Allegato A CONDIZIONI TECNICHE Regole tecniche di connessione La realizzazione e la gestione della connessione è effettuata nel rispetto delle regole tecniche di connessione adottate dalle Imprese Distributrici conformemente alle disposizioni dell Autorità e alle norme e guide tecniche del Comitato elettrotecnico italiano. vedi CEI 0-16 MT. Dette regole tecniche devono indicare, almeno: a) le soluzioni tecniche standard per la connessione e i criteri per la determinazione della soluzione tecnica per la connessione a fronte di una richiesta di connessione; b) le condizioni tecniche che devono essere rispettate dall utente di rete ai fini della gestione della connessione; c) le condizioni da applicarsi nei casi di necessità di adeguamento di una connessione esistente. 8

11 Norma CEI

12 Caratteristiche degli utenti e loro classificazione (CEI 0-16, p.4) Utenti Attivi: Impianti che contengono qualsiasi macchinario (rotante o statico) che converta ogni forma di energia utile in energia elettrica in corrente alternata previsto per funzionare in parallelo (anche transitorio) con la rete. 10

13 Utenti attivi MT Gestione Attiva delle reti MT, generazione diffusa La natura radiale delle reti MT comporta una gestione particolare degli Utenti Attivi presenti sulla stessa. Gli Utenti Attivi sono destinati ad essere disconnessi in caso di disturbi sulla rete. Date le peculiarità del SPI, la CEI 0-16 dedica uno specifico allegato E in cui si riportano alcune nuove caratteristiche. CP Distributore Rete radiale MT DG + SPG DDI + SPI Utente Attivo DDG G Punto di connessione UA Utenze priv. BT 11

14 Impianti di produzione (CEI 11-20, p.2) In riferimento alla fonte di energia: Motore a combustione (Biomassa/Biogas) Motore idraulico Motore eolico Celle fotovoltaiche Altri 12

15 Impianti di produzione (CEI 11-20, p.2) In riferimento alla macchina elettrica: (zone di impiego indicative) Potenza Piccola (fino a 50 kva) Media (da 50 kva a 5 MVA) Servizio continuativo o in isola Asincrono Convertitore statico Asincrono (preferibilmente) Servizio di riserva o non in isola Asincrono autoeccitato (preferibilmente) Sincrono (preferibilmente) Elevata (oltre 5MVA) Convertitore statico Sincrono Sincrono 1

16 Schema di collegamento alla cabina di consegna (CEI 0-16, p.8.2) A cura dell utente 14

17 Schema tipico di connessione (CEI 0-16, p.8.7.2) In caso di connessione di utenti attivi, dovranno essere rispettate le prescrizioni contenute nella norma CEI se non in contrasto con la norma Rete utente abilitata in isola (utenze privilegiate) Rete utente non abilitata in isola G Rete di Distribuzione MT Dispositivo di Generatore (DDG) Dispositivo di Interfaccia (DDI) Dispositivo Generale (DG) Punto di consegna Impianto Utente Attivo 15

18 Dispositivo generale (DG) (CEI 0-16, p ) Apparecchiatura di manovra e sezionamento la cui apertura (comandata dal Sistema di Protezione Generale) assicura la separazione dell intero impianto dell Utente dalla rete, tipicamente costituito da: Sezionatore tripolare CEI EN e interruttore tripolare CEI EN con sganciatore di apertura, in esecuzione fissa. DG Alla rete del produttore interruttore tripolare in esecuzione estraibile conforme alla CEI EN con sganciatore di apertura. DG Alla rete del produttore 16

19 Dispositivi previsti (CEI 0-16, p.8.7.4) I dispositivi aggiuntivi, oltre al DG, qualora l utente sia attivo devono essere : Dispositivo d interfaccia (DDI), in grado di assicurare sia: la separazione di una porzione dell impianto dell Utente (generatori e carichi privilegiati) permettendo il loro funzionamento in modo isolato, sia il funzionamento dell impianto in parallelo alla rete; Dispositivo di generatore (DDG) in grado di escludere dalla rete i soli gruppi di generazione singolarmente. G DDG DDI DG Impianto Utente Attivo Punto di consegna 17

20 Condizioni di funzionamento impianto di produzione (CEI 0-16, p.8.7.) Quando il regime di parallelo deve interrompersi? qualora venga meno l alimentazione della rete di distribuzione utenze privilegiate utenze non privilegiate Rete di Distribuzione MT G DDG DDI DG CP Impianto utente Attivo Vo 81 Protezioni 51 51N 67N Punto di consegna 18

21 Condizioni di funzionamento impianto di produzione (CEI 0-16, p.8.7.) Quando il regime di parallelo deve interrompersi? qualora i valori di tensione e frequenza della rete stessa non siano compresi entro i valori comunicati dal Distributore. utenze privileggiate utenze non privileggiate Punto di consegna Rete di Distribuzione MT f = 50 Hz G DDG DDI DG CP V = 15 kv Impianto utente Attivo 59 Vo 81 Protezioni 51N 67N 19

22 Condizioni di funzionamento impianto di produzione (CEI 0-16, p.8.7.) Quando il regime di parallelo non deve avvenire? in caso di mancanza tensione e DG chiuso..!! utenze privilegiate utenze non privilegiate Rete di Distribuzione MT G DDG DDI DG CP Impianto utente Attivo Vo 81 Protezioni 51 51N 67N Punto di consegna 20

23 Condizioni di funzionamento impianto di produzione (CEI 0-16, p.8.7.) Quando il regime di parallelo non deve avvenire? qualora i valori di tensione e frequenza della rete stessa non siano compresi entro i valori comunicati dal Distributore; DDG utenze privilegiate utenze non privilegiate Punto di consegna Rete di Distribuzione MT f = 50 Hz G DDI DG CP Impianto utente Attivo Vo 81 Protezioni N 67N V = 15 kv

24 Schema d impianto di utente per la connessione: caso generale (CEI 0-16, p.8.4.1) IMS.. a certe condizioni può essere omesso! (B) TV Sezionatore opzionale.! PG TA di fase (A) TV in posizione alternativa a (B) Cavo di collegamento TA omopolare 22

25 Norma CEI 0-16 Schema d impianto di utenza per la connessione: impianto (attivopassivo) con due montanti MT dalla sbarra principale. Sezionatore di linea opzionale (A, B ) TV (C) TV PG PG In alternativa utente attivo utente passivo Sezionatore di terra opzionale TA omopolare solo segnalazione opzionale 2

26 Dispositivo di interfaccia (DDI) (CEI 0-16, p ) Qualora il DDI sia installato sul livello MT deve essere costituito da: un interruttore tripolare in esecuzione estraibile con sganciatore di apertura a mancanza di tensione, DDI MT BT All impianto di produzione oppure da un interruttore tripolare con sganciatore di apertura a mancanza di tensione e un sezionatore installato a monte o a valle dell interruttore (CEI 0-16;V2, p ) DDI MT BT All impianto di produzione 24

27 Dispositivo di interfaccia (DDI) (CEI 0-16, p ) Qualora il DDI sia installato sul livello BT deve essere costituito da: un interruttore automatico con bobina di apertura a mancanza di tensione manovrabile dall operatore; ovvero da un contattore combinato con fusibili conforme alla CEI EN DG MT CB BT Contattore BT MN MN 25

28 Dispositivo di interfaccia (DDI) (CEI 0-16, p ) Per impianti con più generatori, il DDI deve essere di norma unico (in MT o in BT) e tale da escludere contemporaneamente tutti i generatori DDI MT DDI BT G1 G2 G G1 G2 G 26

29 Dispositivo di interfaccia (DDI) (CEI 0-16, p ) E ammesso l utilizzo di più protezioni di interfaccia (al limite una per ogni singolo generatore); il comando di scatto di ciascuna protezione deve agire su tutti i DDI presenti PI su ciascun DDG = DDI G1 G2 G 27

30 Dispositivo di interfaccia (DDI) (CEI 0-16, p ) Nel caso di richiesta di installazione di generatori nell ambito di impianti esistenti, connessi alla rete da almeno un anno, per Pgen. totale 1000 kw, è possibile installare non più di DDI in MT o BT, ciascuno dei quali può al massimo sottendere 400 kw. PI su ciascun DDG = DDI MT PI su ciascun DDG = DDI BT G1 G2 G 400 kw G1 G2 G 400 kw 28

31 Sistema di protezione di interfaccia (SPI) (CEI 0-16, p ) E associato al DDI e prevede relé di tensione, frequenza, ed eventualmente di tensione omopolare ed un relè di scatto: Protezione di interfaccia Valori di taratura Tempi di intervento (ms) N soglie massima tensione 1,2 Vn S1 e 59.S2(opz.) minima tensione 0,7 Vn S1 e 27.S2(opz.) Protezioni massima frequenza minima frequenza massima tensione omopolare V0 lato MT 50, Hz 49,7 Hz 15% ritardo intenzionale = 25 s 81>.S1 e 81>.S2(opz.) 81<.S1 e 81<.S2(opz.) 59Vo.S1 protezione contro la perdita di rete allo studio L intervento di un qualsiasi relé deve determinare l apertura del DDI DDI 29

32 Sistema di protezione di interfaccia (SPI) (CEI 0-16, p.e..9, E..10) Circuito di sgancio Il circuito di sgancio deve essere a mancanza di tensione, Il circuito di comando deve consentire l apertura del dispositivo di interfaccia a seguito di intervento delle protezioni o guasto della protezione. Le caratteristiche dei contatti del relé di scatto devono essere adeguate alle caratteristiche della bobina di minima tensione del DDI presente. Segnalazioni E opportuno che la PI sia in grado di memorizzare singolarmente gli scatti delle soglie intervenute correlandole all istante di accadimento. UPS? Aux NE MN DDI PI 0

33 Sistema di protezione di interfaccia (SPI) (CEI 0-16, p ) Le protezioni di massima/minima frequenza e tensione devono avere in ingresso grandezze proporzionali ad almeno 2 tensioni concatenate MT che possono essere prelevate: dal secondario di TV collegati fra due fasi MT; da tensioni concatenate BT I TV fase-fase in MT devono avere (All. E): classe di precisione P, fattore di tensione 1, per 0 s prestazione nominale di almeno 5 VA. PI DDI Vo 81 1

34 Rincalzo alla mancata apertura del DDI (CEI 0-16, p ) Per generatori in grado di sostenere la tensione di rete : sincroni, asincroni autoeccitati, inverter generatori di tensione con P> di 400 kva Il rincalzo è costituito da un circuito, condizionato dalla posizione di chiuso del DDI, che agisce o sul DG o sul/sui DDG ritardo non eccedente 1 s Rete distribuzione MT Rete produttore DG DDI Punto di consegna V0 SPG SPI 67N Rincalzo alla mancata apertura del DDI DDG 2 G

35 Esclusione temporanea del SPI (CEI 0-16, p ) Rete distribuzione MT Punto di consegna Il SPI può essere escluso temporaneamente (mediante opportuni interblocchi elettrici approvati dal Distributore) soltanto se: l impianto dell Utente attivo è "in isola" e il DG o qualsiasi altro dispositivo posto tra la rete di distribuzione e il DDI, che impedisce il parallelo dell impianto di produzione con la rete di distribuzione, siano bloccati in posizione di aperto; Oppure tutti i gruppi di generazione sono disattivati. Rete produttore Blocco DG DG-AP DDI V0 SPG SPI X 67N DDG G

36 Protezioni dei gruppi di generazione (CEI 0-16, p ) Protezioni dei gruppi di generazione Le protezioni dei gruppi di generazione (che agiscono su un DDG) hanno la funzione di arrestare il processo di conversione dell energia quando si manifesti un guasto o un funzionamento anomalo nell impianto di produzione stesso o nei carichi dell impianto, al fine di eliminare tale guasto senza compromettere l integrità del macchinario. Le protezioni devono azionare il dispositivo del generatore e sono definite dalla Norma CEI in funzione della tipologia di generatore. DDG G 4

37 Caratteristiche dei TV per il SPI (CEI 0-16, p ) Le protezioni del SPI devono essere basate sul rilievo di tensioni secondarie di TV diversi da quelli utilizzati per la misura (UTF) a fini commerciali (è ammesso l uso di avvolgimenti secondari dedicati, seppur alimentati dallo stesso avvolgimento primario). Avvolgimento Primario I secondario Misura (UTF) II secondario Protezione (PI) 5

38 Caratteristiche dei TV per il SPI (CEI 0-16, p ) Qualora sia prevista una protezione di massima tensione omopolare 59Vo, essa deve avere in ingresso la tensione omopolare MT ricavata da una terna di TV collegati tra le fasi MT e la terra con un secondario dedicato allo scopo, si può ricorrere ad una delle due seguenti alternative: a) la tensione ai capi dei secondari dei TV collegati a triangolo aperto; b) le tre tensioni secondarie (nel caso in cui la protezione ricavi la tensione omopolare dalle tre tensioni di fase) 6

39 Caratteristiche dei TV per il SPI (CEI 0-16, p ) Per i TV collegati a triangolo aperto valgono le stesse prescrizioni relative ai TV collegati a triangolo aperto del SPG (*) : classe 0,5, P; fattore di tensione 1,9 per 0 s; prestazione nominale 50 VA, e idonea potenza termica per la resistenza di smorzamento antiferrorisonanza!! valore di induzione di lavoro <= 0,7 T;!! rapporto di trasformazione che sul triangolo aperto dia 100 V in caso di guasto monofase franco a terra sulla rete MT (*) Qualora sia necessario prevedere una terna di TV per il rilievo della tensione omopolare, sono sufficienti TV di classe P, senza le ulteriori specificazioni previste per la terna di TV dedicata alla protezione 67N. 7

40 Caratteristiche dei TV per il SPI (CEI 0-16, p ) Qualora sia presente una terna di TV ai fini della protezione direzionale di terra che agisce sul DG: Rete distribuzione MT Rete produttore DG Punto di consegna V0 SPG 67N può essere utilizzata la stessa terna ai fini della protezione di massima tensione omopolare associata al DDI. DDI SPI DDG 8 G

41 Schema d inserzione TV polo a terra a due secondari Avvolg. I Secondario Primario Ingressi di tensione contatore di energia II Secondario Ingressi di tensione relè di protezione (59 Vo, 67N) 59 = 59Vo Rs = Resistenza di smorzamento 9

42 Scelta dei TV per il SPI 40

43 Dispositivo del generatore (DDG) per gruppi in MT (CEI 0-16, p ) Può essere costituito da: un un interruttore tripolare in esecuzione estraibile con sganciatore di apertura, oppure; DDG DDI un interruttore tripolare con sganciatore di apertura ed un sezionatore installato sul lato rete dell interruttore MT MT G 41

44 Dispositivo del generatore (DDG) per gruppi in BT (CEI 0-16, p ) Può essere costituito da un interruttore automatico, le cui caratteristiche ai fini del sezionamento, dovranno essere in linea con la CEI In ogni caso il DDG deve essere installato sul montante di ciascun generatore Il DDG può svolgere le funzioni del DDI MT BT DDG DDI G Aux 42

45 Protezioni dei gruppi di generazione (CEI 0-16, p ) Le protezioni devono azionare il DDG e sono definite dalla CEI in funzione della tipologia di generatore/convertitore T20 sepam Il tipo di collegamento alla rete condiziona lo stato del neutro del generatore e quindi la scelta delle sue protezioni 2 Es. montante rigido, senza protezione differenziale di montante (generatore-trasformatore), senza regolazione di carico e di tensione 25 sincronizzatore G 25 G40 sepam RT 1 4

46 Dispositivi di controllo del parallelo (CEI 0-16, p ) Almeno uno dei DG, DDI e DDG è equipaggiato con dispositivo di controllo delle condizioni di parallelo immediatamente a monte ed a valle di se stesso. Parallelo In caso contrario deve essere munito di automatismo che ne impedisca la chiusura in caso di presenza di tensione immediatamente a valle (lato verso impianto di generazione) DDG DDI IP IP interruttore di parallelo UTF G 25 Aux 44

47 Limiti di scambio di potenza reattiva (CEI 0-16, p.8.7.7) Il regime di scambio della potenza reattiva (cosϕ) deve consentire di mantenere la V entro ± 10% della Vn di fornitura Un regime di scambio diverso da quello indicato dalle autorità è da concordare con il distributore La CEI fornisce i criteri di funzionamento 45

48 Coordinamento dei dispositivi di protezione (CEI 11-20, p.5.5) La sequenza di intervento dei dispositivi in funzione dell evento che si manifesta durante l esercizio è definita dalla CEI Evento Dispositivo Dispositivo Dispositivo di Dispositivo rete pubblica generale interfaccia di generatore Guasto/funzionamento anomalo della rete pubblica SI 1 livello NO SI 2 livello SI livello Guasto/funzionamento anomalo della rete del produttore SI livello SI 1 livello SI 2 livello SI livello Guasto sull impianto di produzione NO 46 SI livello SI 2 livello SI 1 livello

49 Schema tipico di collegamento alla rete MT di distribuzione (con carichi privilegiati in MT) 1 EVENTO: guasto sulla rete del Distributore Rete di distribuzione MT Rete produttore Punto di consegna DG NO PG V0 67N Carichi MT non privilegiati 2 PI Rincalzo mancata apertura DDI DDI Carichi MT privilegiati Trafo MT/bt LEGENDA: DDG DG DDI Dispositivo GENERALE Dispositivo di INTERFACCIA Carichi bt DDG Dispositivo del GENERATORE G PG Protezione GENERALE PI Protezione INTERFACCIA 47

50 Schema tipico di collegamento alla rete MT di distribuzione (con carichi privilegiati in MT) EVENTO: guasto sulla rete del Produttore Rete di distribuzione MT Rete produttore 1 Punto di consegna DG PG V0 67N Carichi MT non privilegiati 2 PI Rincalzo mancata apertura DI DDI Carichi MT privilegiati Trafo MT/bt LEGENDA: DDG DG DDI Dispositivo GENERALE Dispositivo di INTERFACCIA Carichi bt DDG Dispositivo del GENERATORE G PG Protezione GENERALE PI Protezione INTERFACCIA 48

51 Schema tipico di collegamento alla rete MT di distribuzione NO (con carichi privilegiati in MT) EVENTO: guasto sull imp. di Produzione Rete di distribuzione MT Rete produttore Punto di consegna DG PG V0 67N Carichi MT non privilegiati 2 PI Rincalzo mancata apertura DI DDI Carichi MT privilegiati Trafo MT/bt LEGENDA: Carichi bt 1 DDG DG DDI DDG Dispositivo GENERALE Dispositivo di INTERFACCIA Dispositivo del GENERATORE G PG Protezione GENERALE PI Protezione INTERFACCIA 49

52 Schema tipico di collegamento alla rete MT di distribuzione 1 (senza carichi privilegiati in MT) EVENTO: guasto sulla rete del Distributore Rete di distribuzione MT Punto di consegna Rete produttore NO DG PG 67N V0 Carichi MT non privilegiati Trafo MT/bt PI Rincalzo mancata apertura DI Carichi bt non privilegiati 2 DDI LEGENDA: DDG DG DDI Dispositivo GENERALE Dispositivo di INTERFACCIA Carichi bt DDG Dispositivo del GENERATORE G PG Protezione GENERALE PI Protezione INTERFACCIA 50

53 Schema tipico di collegamento alla rete MT di distribuzione (senza carichi privilegiati in MT) EVENTO: guasto sulla rete del Produttore Rete di distribuzione MT Rete produttore 1 Punto di consegna DG PG 67N Carichi MT non privilegiati Trafo MT/bt V0 PI Rincalzo mancata apertura DI Carichi bt non privilegiati 2 DDI LEGENDA: DDG DG DDI Dispositivo GENERALE Dispositivo di INTERFACCIA Carichi bt DDG Dispositivo del GENERATORE G PG Protezione GENERALE PI Protezione INTERFACCIA 51

54 Schema tipico di collegamento alla rete MT di distribuzione NO (senza carichi privilegiati in MT) EVENTO: guasto sull imp. di Produzione Rete di distribuzione MT Rete produttore Punto di consegna DG PG 67N Carichi MT non privilegiati Trafo MT/bt V0 PI Rincalzo mancata apertura DI Carichi bt non privilegiati 2 DDI LEGENDA: DDG DG DDI Dispositivo GENERALE Dispositivo di INTERFACCIA Carichi bt 1 DDG Dispositivo del GENERATORE G PG Protezione GENERALE PI Protezione INTERFACCIA 52

55 Schema tipico di collegamento alla rete MT di distribuzione 1 (DDG=DDI, senza carichi privilegiati in MT e un generatore) EVENTO: guasto sulla rete del Distributore Rete di distribuzione MT Punto di consegna Rete produttore NO DG PG 67N Carichi MT non privilegiati Trafo MT/bt V0 Carichi bt non privilegiati PI Rincalzo mancata apertura DI LEGENDA: DG Dispositivo GENERALE 2 DDG=DDI DDI DDG Dispositivo di INTERFACCIA Dispositivo del GENERATORE G PG Protezione GENERALE PI Protezione INTERFACCIA 5

56 Schema tipico di collegamento alla rete MT di distribuzione NO (DDG=DDI, senza carichi privilegiati in MT e un generatore) EVENTO: guasto sulla rete del Produttore Rete di distribuzione MT Punto di consegna Rete produttore 1 DG PG 67N Carichi MT non privilegiati Trafo MT/bt V0 Carichi bt non privilegiati PI Rincalzo mancata apertura DI LEGENDA: DG Dispositivo GENERALE 2 DDG=DDI DDI DDG Dispositivo di INTERFACCIA Dispositivo del GENERATORE G PG Protezione GENERALE PI Protezione INTERFACCIA 54

57 Schema tipico di collegamento alla rete MT di distribuzione 1 (DG=DDI, tutta la rete in isola) EVENTO: guasto sulla rete del Distributore Rete di distribuzione MT Punto di consegna Rete produttore V0 DG=DDI 2 PG 67N PI Rincalzo mancata apertura DI Carichi MT non privilegiati Trafo MT/bt LEGENDA: Carichi bt DDG DG DDI DDG Dispositivo GENERALE Dispositivo di INTERFACCIA Dispositivo del GENERATORE G PG Protezione GENERALE PI Protezione INTERFACCIA 55

58 Schema tipico di collegamento alla rete MT di distribuzione NO (DG=DDI, tutta la rete in isola) EVENTO: guasto sull imp. di Produzione Rete di distribuzione MT Punto di consegna Rete produttore V0 DG=DDI 1 PG 67N PI Rincalzo mancata apertura DI Carichi MT non privilegiati Trafo MT/bt LEGENDA: Carichi bt 2 DDG DG DDI DDG Dispositivo GENERALE Dispositivo di INTERFACCIA Dispositivo del GENERATORE G PG Protezione GENERALE PI Protezione INTERFACCIA 56

59 Schema tipico di collegamento alla rete MT di distribuzione 1 (DG=DDI, assenza di carichi) EVENTO: guasto sulla rete del Distributore Rete di distribuzione MT Punto di consegna Rete produttore V0 DG=DDI 2 PG 67N PI Rincalzo mancata apertura DI Trafo MT/bt LEGENDA: DDG DG DDI DDG Dispositivo GENERALE Dispositivo di INTERFACCIA Dispositivo del GENERATORE G PG Protezione GENERALE PI Protezione INTERFACCIA 57

60 Schema tipico di collegamento alla rete MT di distribuzione NO (DG=DDI, assenza di carichi) EVENTO: guasto sull imp. di Produzione Rete di distribuzione MT Punto di consegna Rete produttore V0 DG=DDI 1 PG 67N PI Rincalzo mancata apertura DI Trafo MT/bt LEGENDA: 2 DDG DG DDI DDG Dispositivo GENERALE Dispositivo di INTERFACCIA Dispositivo del GENERATORE G PG Protezione GENERALE PI Protezione INTERFACCIA 58

61 Esempi di schemi rappresentativi Impianti di produzione fotovoltaici e rotanti

62 Soluzioni impiantistiche fotovoltaiche con Dispositivo di Interfaccia (DI) realizzato in Bassa Tensione 60

63 Impianto di produzione fotovoltaico composto da montante attivo, con DI realizzato in bt e DG con relè protezione direzionale di terra 67N GAM2 IM ARRIVO ENTE DM1P-SF1 DG ATTIVO S41 sepam Soluzione realizzata con celle SM6: - unità di Arrivo: GAM2 equipaggiata con toroide CSH - unità Dispositivo Generale: DM1P-SF1 equipaggiata con Sepam serie S41 equipaggiata con TA ARM/n2f per Sepam e misure fiscali equipaggiata con TV VRQ2/S per Sepam, protezione interfaccia (Vo) e misure fiscali 1 Wh Soluzione realizzata con celle SM6: - unità di Arrivo: IM equipaggiata con toroide CSH - unità Dispositivo Generale: DM1P-SF1 equipaggiata con Sepam serie S41 equipaggiata con TA ARM/n2f per Sepam e misure fiscali equipaggiata con TV VRQ2/S per Sepam, protezione interfaccia (Vo) e misure fiscali Blocco a chiave MAT in aperto: CHIAVE IN GESTIONE AD ENTE DISTRIBUTORE DI (59Vo)-81 ATTENZIONE: conteggio energia immessa in rete. Contatore da ubicare nel locale Distributore a carico utente Campi fotovoltaici Aux 61

64 Impianto di produzione fotovoltaico composto da un montante attivo, con DI realizzato in bt, senza relè protezione direzionale di terra 67N e un montante passivo, senza relè protezione direzionale di terra 67N GAM2 IM ARRIVO ENTE DM1A-SF1 DG ATTIVO S20 sepam DM1A-SF1 DG PASSIVO S20 sepam Soluzione realizzata con celle SM6: - unità di Arrivo: GAM2 - unità montante attivo: DM1A-SF1 equipaggiata con Sepam serie S20 equipaggiata con TA ARM/n1f per Sepam equipaggiata con toroide CSH - unità montante passivo: DM1A-SF1 equipaggiata con Sepam serie S20 equipaggiata con TA ARM/n1f per Sepam equipaggiata con toroide CSH Blocco a chiave MAT in aperto: CHIAVE IN GESTIONE AD ENTE DISTRIBUTORE DI Soluzione realizzata con celle SM6: - unità di Arrivo: IM - unità montante attivo: DM1A-SF1 equipaggiata con Sepam serie S20 equipaggiata con TA ARM/n1f per Sepam equipaggiata con toroide CSH - unità montante passivo: DM1A-SF1 equipaggiata con Sepam serie S20 equipaggiata con TA ARM/n1f per Sepam equipaggiata con toroide CSH ATTENZIONE: conteggio energia immessa in rete. Contatore da ubicare nel locale Distributore a carico dello stesso Campi fotovoltaici 62

65 Soluzioni impiantistiche fotovoltaiche con Dispositivo di Interfaccia (DI) realizzato in Media Tensione 6

66 Impianto di produzione fotovoltaico composto da un montante passivo, senza relè protezione direzionale di terra 67N ed un montante attivo e relè protezione direzionale di terra 67N GAM2 IM ARRIVO ENEL ENTE Blocco a chiave MAT in aperto: CHIAVE IN GESTIONE AD ENTE DISTRIBUTORE 2 CM2 MISURE (59Vo)-81 DM1A-SF1 DG PASSIVO S20 sepam ATTENZIONE: conteggio energia immessa in rete. Contatore da ubicare nel locale Distributore a carico dello stesso DM1P-SF1 DI+DG ATTIVO 1 1 DI S41 sepam Soluzione realizzata con celle SM6: - unità di Arrivo: GAM2 - unità Misure: CM2 equipaggiata con 2 TV VRC2/S1 per protezione interfaccia - unità montante passivo: DM1A-SF1 equipaggiata con Sepam serie S20 equipaggiata con TA ARM/n1f per Sepam - unità montante attivo: DM1P-SF1 equipaggiata con Sepam serie S41 equipaggiata con TA ARM/n1f per Sepam equipaggiata con TV VRQ2/S2 per Sepam e protezione interfaccia (Vo) Soluzione realizzata con celle SM6: - unità di Arrivo: IM - unità Misure: CM2 equipaggiata con 2 TV VRC2/S1 per protezione interfaccia - unità montante passivo : DM1A-SF1 equipaggiata con Sepam serie S20 equipaggiata con TA ARM/n1f per Sepam - unità montante attivo : DM1P-SF1 equipaggiata con Sepam serie S41 equipaggiata con TA ARM/n1f per Sepam equipaggiata con TV VRQ2/S2 per Sepam e protezione interfaccia (Vo) 64

67 Impianto di produzione fotovoltaico composto da due montanti attivi, con DI realizzato in MT (per ciascun montante), senza relè protezione direzionale di terra 67N GAM2 IM ARRIVO ENTE 2 CM2 MISURE Wh DI DM1A-SF1 DG+DI ATTIVO S20 sepam DI DM1A-SF1 DG +DI ATTIVO S20 sepam Soluzione realizzata con celle SM6: - unità di Arrivo: GAM2 equipaggiata con TA toroidali ARF in classe 0,5 da ubicare in cunicolo cavi per misure fiscali - unità Misure: CM2 equipaggiata con 2 TV VRC2/S2 per misure fiscali - unità montante attivo: DM1A-SF1 equipaggiata con Sepam serie S20 equipaggiata con TA ARM/n1f per Sepam equipaggiata con toroide CSH - unità montante attivo : DM1A-SF1 equipaggiata con Sepam serie S20 equipaggiata con TA ARM/n1f per Sepam equipaggiata con toroide CSH Blocco a chiave MAT in aperto: CHIAVE IN GESTIONE AD ENTE DISTRIBUTORE 1 1 Soluzione realizzata con celle SM6: - unità di Arrivo: IM equipaggiata con TA toroidali ARF in classe 0,5 da ubicare in cunicolo cavi per misure fiscali - unità Misure: CM2 equipaggiata con 2 TV VRC2/S2 per misure fiscali - unità montante attivo : DM1A-SF1 equipaggiata con Sepam serie S20 equipaggiata con TA ARM/n1f per Sepam equipaggiata con toroide CSH - unità montante attivo : DM1A-SF1 equipaggiata con Sepam serie S20 equipaggiata con TA ARM/n1f per Sepam equipaggiata con toroide CSH Campi fotovoltaici Campi fotovoltaici ATTENZIONE: conteggio energia immessa in rete. Contatore da ubicare nel locale Distributore a carico utente 65

68 Impianto di produzione fotovoltaico composto da due o più trasformatori MT/bt in radiale, con DI realizzato in MT senza relè protezione direzionale di terra 67N GAM2 IM ARRIVO ENEL ENTE 2 CM2 MISURE (59Vo)-81 DMJ-SF1 DI+DG DI S20 sepam Wh DM1A-SF1 TRAFO 1 IR T20 sepam DM1A-SF1 TRAFO 2 IR T20 sepam Soluzione realizzata con celle SM6: - unità di Arrivo: GAM2 - unità Misure: CM2 equipaggiata con 2 TV VRC2/S1 per protezione interfaccia e misure fiscali - unità Dispositivo Generale: DM1J-SF1 equipaggiata con Sepam serie S20 equipaggiata con TA ARM/n2f per Sepam e misure fiscali equipaggiata con TV VRQ2/S2 per protezione interfaccia (Vo) e misure fiscali - unità Prot. Trafo: DM1A-SF1 equipaggiata con Sepam serie T20 equipaggiata con TA ARM/n1f per Sepam Blocco a chiave MAT in aperto: CHIAVE IN GESTIONE AD ENTE DISTRIBUTORE 1 ATTENZIONE: conteggio energia immessa in rete. Contatore da ubicare nel locale distributore a carico utente 1 1 Schema da realizzare nel caso si volesse utilizzare la selettività logica..continuità di servizio massima Soluzione realizzata con celle SM6: - unità di Arrivo: IM - unità Misure: CM2 equipaggiata con 2 TV VRC2/S1 per protezione interfaccia e misure fiscali - unità Dispositivo Generale: DM1J-SF1 equipaggiata con Sepam serie S20 equipaggiata con TA ARM/n2f per Sepam e misure fiscali equipaggiata con TV VRQ2/S2 per protezione interfaccia (Vo) e misure fiscali - unità Prot. Trafo: DM1A-SF1 equipaggiata con Sepam serie T20 equipaggiata con TA ARM/n1f per Sepam 66

69 Impianto di produzione fotovoltaico MT composto da due o più trasformatori MT/bt in anello, con DI realizzato in MT senza relè protezione direzionale di terra 67N IM ARRIVO ENTE CM2 MISURE DMJ-SF1 DI+DG DM1A-SF1 ANELLO DM1A-SF1 ANELLO DI ATTENZIONE: conteggio energia immessa in rete. Contatore da ubicare nel locale distributore a carico utente 2 IR IR Vo-81 Wh S41 sepam S42 sepam S42 sepam Blocco a chiave MAT in aperto: CHIAVE IN GESTIONE AD ENTE DISTRIBUTORE IM ANELLO IM ANELLO DM1A-SF1 PROT.TRAFO IM ANELLO IM ANELLO DM1A-SF1 PROT.TRAFO IM ANELLO IM ANELLO DM1A-SF1 PROT.TRAFO FLAIR FLAIR FLAIR FLAIR FLAIR FLAIR T20 sepam T20 sepam T20 sepam

70 Soluzioni impiantistiche per impianti di produzione rotanti 68

71 Impianto di Generazione non in isola, generatore non in grado di mantenere la tensione in assenza di rete, DI realizzato in bt, e DG con relè protezione direzionale di terra 67N GAM2 IM ARRIVO ENEL ENTE DM1J-SF1 DG DM1A-SF1 TRAFO 1 DM1A-SF1 TRAFO 2 DM1A-SF1 GENERATORE QM SERVIZI AUX S41 sepam T20 sepam T20 sepam T20 sepam Blocco a chiave MAT in aperto: CHIAVE IN GESTIONE AD ENTE DISTRIBUTORE DI IP DDG ATTENZIONE: conteggio eventuale energia immessa in rete a carico distributore Schema da realizzare nel caso si volesse utilizzare la selettività logica..continuità di servizio massima UTF G 25 Aux 69

72 Impianto di Generazione con parte di rete abilitata al funzionamento in isola (C.P.) e parte di utenze non abilitate al funzionamento in isola. Impianto composto da 2 generatori in bt, e DG con relè protezione direzionale di terra 67N GAM2 IM ARRIVO ENEL ENTE DM1G-SF1 DM1J-SF1 DG DM1A-SF1 TRAFO 1 QM SERVIZI AUX CM2 MISURE DM2-SF1 DI DI Parallelo 2 59Vo S41 sepam T20 sepam (59 V0) 1 1 Blocco a chiave MAT in aperto: CHIAVE IN GESTIONE AD ENTE DISTRIBUTORE Carichi NON privilegiati Serv. Aux ATTENZIONE: conteggio eventuale energia immessa in rete a carico distributore 70

73 Impianto di Generazione con parte di rete utenze abilitate al funzionamento in isola (C.P.) e parte di utenze non abilitate al funzionamento in isola. Impianto composto da 2 generatori in bt, e DG senza relè protezione direzionale di terra 67N GAM2 IM ARRIVO ENEL ENTE DM1G-SF1 DG DM1A-SF1 TRAFO 1 QM SERVIZI AUX CM2 MISURE DM2-SF1 DI DI 2 Parallelo 59Vo S20 sepam T20 sepam (59 V0) 1 1 Blocco a chiave MAT in aperto: CHIAVE IN GESTIONE AD ENTE DISTRIBUTORE Carichi NON privilegiati Serv. Aux ATTENZIONE: conteggio eventuale energia immessa in rete a carico distributore 71

74 Impianto di Generazione con parte utenze abilitate al funzionamento in isola (C.P.) e parte di utenze non abilitate al funzionamento in isola. Impianto composto da 2 o più generatori in bt, e DG con/senza relè protezione direzionale di terra 67N (oppure in bt). DM2-SF1 DI DM1A-SF1 TRAFO 2 DM1A-SF1 GENERATORE DM1P-SF1 GENERATORE DI IR IR Parallelo 59Vo T20 sepam S42 sepam S42 sepam Carichi privilegiati IP DDG UTF G 25 IP DDG UTF G 25 IP DDG UTF G 25 72

75 Schemi protezioni montante Generazione in MT Montante rigido, senza protezione differenziale di montante (generatore-trasformatore), senza regolazione di carico e di tensione DM1A-SF1 TRAFO T20 sepam Soluzione 2: quando gli avvolgimenti di statore non sono accessibili lato centro stella. UTF Soluzione 1: quando gli avvolgimenti di statore sono accessibili lato centro stella. UTF 2 2 G 25 G40 sepam G 25 G40 sepam RT 1 RT 1 7

76 Schemi unifilari montante Generatore in MT Montante rigido, senza protezione differenziale di montante (generatore-trasformatore), con regolazione di carico (R.C.) e di tensione (R.V.) DM1P-SF1 TRAFO LEGENDA TA-TV TV TA tipo ARM/N1f Rapp../5A Prest...VA5P20 oppure classe PX G88 sepam TV tipo VRQ2/S2 Rapp../100:./100:rad.V Prest.. 15VAcl.0,5 G88 Rapp../100:V Prest.. 50VAcl.0,5-P G88 LEGENDA TA-TO TO UTF 2 R.C. 2 R.C. RT TA tipo ARM/N1f Rapp../5A Prest...VA5P20 oppure classe PX Toroide tipo CSH160 Rapporto spire 470/1 R.V. 25 G RT 1 74

77 Fotovoltaico Aspetti tecnici generali di installazione Campo Fotovoltaico

78 Campo fotovoltaico Recanati 76

79 Quattro subsistemi Sistema Elettrico 82% Sistema di supervisione e controllo 10% Sistema di Sicurezza 7% Gestione e Manutenzione 1% 77

80 Composti da Servizi Dedicati Ingegnerie e Consulenza 7. Servizi Dedicati Manutenzione e Operazione Ingegnerie e Consulenza Manutenzione e Operazione 1. FV tracking systems Sensori 1. FV ad ed inverters inseguimento o fisso Sistema Sensori di automazione ed inverter 2. Array Sistema boxes di automazione Protezione 2. Quadro di parallelo stringa Monitoraggio Protezionedella corrente DC Protezione Monitoraggio Illuminazione della corrente DC Interruttori Protezione DC Illuminazione. Cabina Interruttori pre-fabbricata DC di conversione Inverters*. Cabina di conversione Trasformatori Inverter BT/ MT Protezione Trasformatori BT/ MT Protezione 4. Connessione alla rete Cubicoli 4. Connessione MT alla rete Panello UnitàDistribuzione funzionali MT Connessione Panello Distribuzione Sistema Connessione di Misura Sistema di Misura 5. Sicurezza Video 5. Sicurezza Sorveglianza Illuminazione Video Sorveglianza Raddrizzamento Illuminazionedi Intrusione Antintrusione 6. Supervisione Monitoraggio 6. Supervisione Gestione Monitoraggio Remota Gestione Remota 78

81 L impianto fotovoltaico da 1MW Cabina di ricezione 0,5 MW Caratteristiche un campo FV di taglia standard del campo: 1MW dimensioni del campo 2 ettaro in m 2 con tecnologia monocristallino. Nel caso di inseguitori la superficie +20% 0,5 MW Cabina di campo 1MW 79

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA RTC REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE IN BASSA TENSIONE DELL AZIENDA PUBBLISERVIZI BRUNICO INDICE 1. Scopo 3 2. Campo di applicazione

Dettagli

REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A.

REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A. REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A. Pagina 1 di 48 INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 5 2. BASI PRINCIPALI E DEFINIZIONI...

Dettagli

Inverter e connessione alla rete alla rete elettrica

Inverter e connessione alla rete alla rete elettrica SPECIALE TECNICO Inverter e connessione alla rete alla rete elettrica Francesco Groppi Comitato Elettrotecnico Italiano (CEI, CT82, Working Group 2 Inverter) SPONSOR www.fronius.com www.mastervoltsolar.it

Dettagli

DK 5940 Aprile 2007 Ed. 2.2-1/47

DK 5940 Aprile 2007 Ed. 2.2-1/47 Ed. 2.2-1/47 INDICE Pagina 1 SCOPO DELLE PRESCRIZIONI 2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE 2 3 NORME E PRESCRIZIONI RICHIAMATE NEL TESTO 2 4 DEFINIZIONI 3 5 CRITERI GENERALI 4 5.1 CRITERI GENERALI DI FUNZIONAMENTO

Dettagli

Cabine MT/BT: teoria ed esempi di calcolo di cortocircuito

Cabine MT/BT: teoria ed esempi di calcolo di cortocircuito 2 Febbraio 28 Quaderni di Applicazione ecnica 1SDC7101G0902 Cabine M/B: teoria ed esempi di calcolo di cortocircuito Cabine M/B: teoria ed esempi di calcolo di cortocircuito Indice 1 Generalità sulle cabine

Dettagli

I motori elettrici più diffusi

I motori elettrici più diffusi I motori elettrici più diffusi Corrente continua Trifase ad induzione Altri Motori: Monofase Rotore avvolto (Collettore) Sincroni AC Servomotori Passo Passo Motore in Corrente Continua Gli avvolgimenti

Dettagli

Sepam Serie 10: note per la regolazione da tastierino frontale secondo norma CEI 0-16

Sepam Serie 10: note per la regolazione da tastierino frontale secondo norma CEI 0-16 Sepam Serie 10: note per la regolazione da tastierino frontale secondo norma CEI 0-16 Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale secondo norma CEI 0-16 Schneider Electric - 25/02/2009

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo norma CEI 0-16

Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo norma CEI 0-16 Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo norma CEI 0-16 Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo

Dettagli

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I)

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) 5. MOTORE ELETTRICO 2 Generalità 2 CONFIGURAZIONE PART-WINDING 2 CONFIGURAZIONE STELLA-TRIANGOLO 3 Isolamento del motore elettrico 5 Dispositivi di

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali /2 Introduzione /5 Norme di riferimento e interruttori magnetotermici /6 Trasformatore d isolamento e di sicurezza / Controllore d isolamento e pannelli di controllo

Dettagli

SEGNI GRAFICI PER SCHEMI

SEGNI GRAFICI PER SCHEMI Corrente e Tensioni Corrente continua Trasformatore a due avvolgimenti con schermo trasformatore di isolamento CEI 14-6 Trasformatore di sicurezza CEI 14-6 Polarità positiva e negativa Convertitori di

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE

TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE V.00 AGOSTO 2012 CARATTERISTICHE TECNICHE Il modulo TRACER218 485 è un dispositivo con porta di comunicazione RS485 basata su protocollo MODBUS

Dettagli

P od o u d z u io i n o e n e d e d l e l l a l a c o c r o ren e t n e e a l a t l er e na n t a a alternatori. gruppi elettrogeni

P od o u d z u io i n o e n e d e d l e l l a l a c o c r o ren e t n e e a l a t l er e na n t a a alternatori. gruppi elettrogeni Produzione della corrente alternata La generazione di corrente alternata viene ottenuta con macchine elettriche dette alternatori. Per piccole potenze si usano i gruppi elettrogeni. Nelle centrali elettriche

Dettagli

IMPIANTI ELETTTRICI parte II

IMPIANTI ELETTTRICI parte II IMPIANTI ELETTTRICI parte II di Delucca Ing. Diego PROTEZIONE DI UN IMPIANTO DAI SOVRACCARICHI E DAI CORTO CIRCUITI Una corrente I che passa in un cavo di sezione S, di portata IZ è chiamata di sovracorrente

Dettagli

La potenza della natura, il controllo della tecnologia Dall esperienza ABB, OVR PV: protezione dalle sovratensioni in impianti fotovoltaici

La potenza della natura, il controllo della tecnologia Dall esperienza ABB, OVR PV: protezione dalle sovratensioni in impianti fotovoltaici La potenza della natura, il controllo della tecnologia Dall esperienza ABB, OVR PV: protezione dalle sovratensioni in impianti fotovoltaici Fatti per il sole, minacciati dalle scariche atmosferiche L importanza

Dettagli

INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI

INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI APPUNTI DI ELETTROTECNICA INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI A cosa servono e come funzionano A cura di Marco Dal Prà www.marcodalpra.it Versione n. 3.3 - Marzo 2013 Inverter Guida Tecnica Ver 3.3 Pag.

Dettagli

Protezione dai contatti indiretti

Protezione dai contatti indiretti Protezione dai contatti indiretti Se una persona entra in contatto contemporaneamente con due parti di un impianto a potenziale diverso si trova sottoposto ad una tensione che può essere pericolosa. l

Dettagli

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA CONTATTI DIRETTI contatti con elementi attivi dell impianto elettrico che normalmente sono in tensione CONTATTI INDIRETTI contatti con masse che possono trovarsi

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER

Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER Contenuto Sunny Central Communication Controller è un componente integrale dell inverter centrale che stabilisce il collegamento tra l inverter

Dettagli

DOMANDA DI CONNESSIONE IMPIANTI DI PRODUZIONE 2 INDIRIZZI PER LA SPEDIZIONE DELLA DOMANDA DI CONNESSIONE 2

DOMANDA DI CONNESSIONE IMPIANTI DI PRODUZIONE 2 INDIRIZZI PER LA SPEDIZIONE DELLA DOMANDA DI CONNESSIONE 2 Ed. 4.0 - ALL1/33 ALLEGATO A: ALLEGATO B: DOMANDA DI CONNESSIONE IMPIANTI DI PRODUZIONE 2 INDIRIZZI PER LA SPEDIZIONE DELLA DOMANDA DI CONNESSIONE 2 ALLEGATO C: SCHEMA DI CONTRATTO DI FIDEIUSSIONE BANCARIA

Dettagli

Prodotti e soluzioni per applicazioni fotovoltaiche

Prodotti e soluzioni per applicazioni fotovoltaiche Prodotti e soluzioni per applicazioni fotovoltaiche Prodotti e soluzioni per applicazioni fotovoltaiche Portafusibili e fusibili gpv Quadri di campo Scaricatore in DC Sezionatore in DC SPI Scaricatore

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

Le misure di energia elettrica

Le misure di energia elettrica Le misure di energia elettrica Ing. Marco Laracca Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Misure di energia elettrica La misura

Dettagli

REALIZZAZIONE DI N 3 IMPIANTI FOTOVOLTAICI CONNESSI ALLA RETE ELETTRICA DI DISTRIBUZIONE

REALIZZAZIONE DI N 3 IMPIANTI FOTOVOLTAICI CONNESSI ALLA RETE ELETTRICA DI DISTRIBUZIONE Comune di CELLE LIGURE (SV) REALIZZAZIONE DI N 3 IMPIANTI FOTOVOLTAICI CONNESSI ALLA RETE ELETTRICA DI DISTRIBUZIONE MAGAZZINO PALAZZETTO TRIBUNA PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE GENERALE Impianto: Impianto

Dettagli

PMVF 20 SISTEMA DI PROTEZIONE DI INTERFACCIA MANUALE OPERATIVO

PMVF 20 SISTEMA DI PROTEZIONE DI INTERFACCIA MANUALE OPERATIVO I354 I 0712 31100174 PMVF 20 SISTEMA DI PROTEZIONE DI INTERFACCIA MANUALE OPERATIVO ATTENZIONE!! Leggere attentamente il manuale prima dell utilizzo e l installazione. Questi apparecchi devono essere installati

Dettagli

Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9

Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9 Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9 Interruttori per protezione motore P5M 68 Ausiliari per interruttore P5M 70 Sezionatori-fusibili STI 7 Limitatori di sovratensione di Tipo PRF Master 7 Limitatori

Dettagli

IMPIANTI OFF GRID E SISTEMI DI ACCUMULO

IMPIANTI OFF GRID E SISTEMI DI ACCUMULO IMPIANTI OFF GRID E SISTEMI DI ACCUMULO VIDEO SMA : I SISTEMI OFF GRID LE SOLUZIONI PER LA GESTIONE DELL ENERGIA Sistema per impianti off grid: La soluzione per impianti non connessi alla rete Sistema

Dettagli

TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA

TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA Allegato A alla deliberazione ARG/elt 99/08 - Versione integrata e modificata dalle deliberazioni ARG/elt 179/08, 205/08, 130/09 e 125/10 TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA

Dettagli

Manager BM-MA Antifurto 24h/365d per Pannelli Fotovoltaici e Cavi DC

Manager BM-MA Antifurto 24h/365d per Pannelli Fotovoltaici e Cavi DC Manager BM-MA Antifurto 24h/365d per Pannelli Fotovoltaici e Cavi DC SPECIFICHE TECNICHE Il Manager BM-MA è un apparato multifunzione antifurto sia per pannelli fotovoltaici che cassette di parallelo,

Dettagli

LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA

LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA GESTORE DEI SERVIZI ELETTRICI GSE SPA Direzione Operativa www.gse.it www.gsel.it 2 Commercializzazione dell energia energia elettrica

Dettagli

Catalogo 2013. Contatori elettronici di energia EQ Meters Una soluzione per ogni esigenza

Catalogo 2013. Contatori elettronici di energia EQ Meters Una soluzione per ogni esigenza Catalogo 2013 Contatori elettronici di energia EQ Meters Una soluzione per ogni esigenza Contatori di energia EQ Meters Raggiungere l equilibrio perfetto I consumi di energia sono in aumento a livello

Dettagli

Il motore asincrono trifase

Il motore asincrono trifase 7 Giugno 2008 1SDC007106G0901 Quaderni di Applicazione Tecnica Il motore asincrono trifase Generalità ed offerta ABB per il coordinamento delle protezioni Quaderni di Applicazione Tecnica Il motore asincrono

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

PROGETTO DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO GRID-CONNECTED PER IL MUNICIPIO DI PRIOLO GARGALLO (SR)

PROGETTO DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO GRID-CONNECTED PER IL MUNICIPIO DI PRIOLO GARGALLO (SR) PROGETTO DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO GRID-CONNECTED PER IL MUNICIPIO DI PRIOLO GARGALLO (SR) RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA 0 PREMESSA... 2 1 IDENTIFICAZIONE DELLA TIPOLOGIA D IMPIANTO... 3 2 COMPONENTI

Dettagli

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE Le apparecchiature di questa serie, sono frutto di una lunga esperienza maturata nel settore dei gruppi di continuità oltre che in questo specifico. La tecnologia on-line doppia conversione, assicura la

Dettagli

APPUNTI DI MACCHINE ELETTRICHE versione 0.7

APPUNTI DI MACCHINE ELETTRICHE versione 0.7 APPUNTI DI MACCHINE ELETTRICHE versione 0.7 11 settembre 2007 2 Indice 1 ASPETTI GENERALI 7 1.1 Introduzione........................................ 7 1.2 Classificazione delle macchine elettriche........................

Dettagli

SOFTWARE QUADRISTICA UTILIZZATORI ENERGIE DISTRIBUZIONE

SOFTWARE QUADRISTICA UTILIZZATORI ENERGIE DISTRIBUZIONE Company Profile SOFTWARE UTILIZZATORI QUADRISTICA ENERGIE DISTRIBUZIONE IL VALORE DELL ENERGIA Il corpo umano ci ispira costantemente ad una continua ricerca dell impianto perfetto, partendo dall idea,

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica La corrente elettrica La corrente elettrica è un movimento di cariche elettriche che hanno tutte lo stesso segno e si muovono nello stesso verso. Si ha corrente quando: 1. Ci sono cariche elettriche; 2.

Dettagli

Introduzione ai principi ed ai metodi di progettazione degli impianti elettrici di media e di bassa tensione...

Introduzione ai principi ed ai metodi di progettazione degli impianti elettrici di media e di bassa tensione... Introduzione ai principi ed ai metodi di progettazione degli impianti elettrici di media e di bassa tensione... Parte I Introduzione Capitolo 1 IMPIANTI ELETTRICI, DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E NORME TECNICHE

Dettagli

Dell Smart-UPS 1500 3000 VA

Dell Smart-UPS 1500 3000 VA Dell Smart-UPS 100 000 VA 0 V Protezione interattiva avanzata dell'alimentazione per server e apparecchiature di rete Affidabile. Razionale. Efficiente. Gestibile. Dell Smart-UPS, è l'ups progettato da

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

Il centralino contemporaneo Da ABB consigli e soluzioni per trasformare la regola dell arte in un opera d arte.

Il centralino contemporaneo Da ABB consigli e soluzioni per trasformare la regola dell arte in un opera d arte. Il centralino contemporaneo Da ABB consigli e soluzioni per trasformare la regola dell arte in un opera d arte. Il montante L autostrada che porta al centralino Il montante È la conduttura che collega

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ Perché produrre energia elettrica Tutta la società moderna si basa sul consumo di energia, per fare qualsiasi attività necessitiamo di qualche forma di energia.

Dettagli

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO LA PROTEZIONE DELLE CONDUTTURE CONTRO LE SOVRACORRENTI DEFINIZIONI NORMA CEI 64-8/2 TIPOLOGIE DI SOVRACORRENTI + ESEMPI SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE

Dettagli

Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi.

Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi. Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi. Indice Il contatore elettronico. Un sistema intelligente che lavora con te 2 Un contatore che fa anche bella figura 3 Oltre

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA

TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA Allegato A alla deliberazione ARG/elt 99/08 valido per le richieste di connessione presentate a partire dall 1 gennaio 2011 - Versione integrata e modificata dalle deliberazioni ARG/elt 79/08, ARG/elt

Dettagli

SMART Più MANUALE UTENTE

SMART Più MANUALE UTENTE MANUALE UTENTE 01/2003 INDICE 1. INTRODUZIONE... 1 2. ARCHITETTURA DELLO STRUMENTO... 3 2.1 Linea seriale RS485. Rete fino a 31 analizzatori... 4 2.2 Linea seriale RS485. Rete con più di 31 analizzatori...

Dettagli

nica Cagliari ) m Viene detto (1) Dal sistema dell energia Un possibile

nica Cagliari ) m Viene detto (1) Dal sistema dell energia Un possibile Viene detto sistema polifase un sistema costituito da più tensioni o da più correnti sinusoidali, sfasate l una rispetto all altra. Un sistema polifase è simmetrico quando le grandezze sinusoidali hanno

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Interruttori ABB per applicazioni in corrente continua

Interruttori ABB per applicazioni in corrente continua Settembre 2007 1SDC007104G0901 Interruttori ABB per applicazioni in corrente continua Interruttori ABB per applicazioni in corrente continua Indice 1 Introduzione... 2 2 Generalità sulla corrente continua...

Dettagli

DATA: 20/02/2014 DOC.MII11166 REV. 2.21 GUIDA APPLICATIVA PER L ANALIZZATORE DI INTERRUTTORI E MICRO-OHMMETRO MOD. CBA 1000

DATA: 20/02/2014 DOC.MII11166 REV. 2.21 GUIDA APPLICATIVA PER L ANALIZZATORE DI INTERRUTTORI E MICRO-OHMMETRO MOD. CBA 1000 DATA: 20/02/2014 DOC.MII11166 REV. 2.21 GUIDA APPLICATIVA PER L ANALIZZATORE DI INTERRUTTORI E MICRO-OHMMETRO MOD. CBA 1000 Doc. MII11166 Rev. 2.21 Pag. 2 di 138 REVISIONI SOMMARIO VISTO N PAGINE DATA

Dettagli

Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche

Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche Distribuzione Energia Elettrica Sommario 1. Ambito di applicazione... 4 2. Nuove connessioni e

Dettagli

Rifasamento industriale e penali in bolletta. www.icar.com- sales@icar.com

Rifasamento industriale e penali in bolletta. www.icar.com- sales@icar.com Rifasamento industriale e penali in bolletta www.icar.com- sales@icar.com Le penali per basso cosfi Le Aziende Distributrici applicano le penali per basso cosfi perché : devono predisporre impianti di

Dettagli

Impianti Solari Fotovoltaici

Impianti Solari Fotovoltaici Impianti Solari Fotovoltaici Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica intrinseca si rigenerano o non sono "esauribili" nella scala

Dettagli

Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione

Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione Dicembre 2006 Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione 1SDC007103G0902 Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione Indice Introduzione... 2 1 Il riscaldamento nei quadri elettrici 1.1 Generalità...

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

PROCEDURA DI COORDINAMENTO TRA GESTORI DI RETE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 34 E 35 DELL ALLEGATO A ALLA DELIBERA ARG/ELT 99/08 (TICA)

PROCEDURA DI COORDINAMENTO TRA GESTORI DI RETE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 34 E 35 DELL ALLEGATO A ALLA DELIBERA ARG/ELT 99/08 (TICA) PROCEDURA DI COORDINAMENTO TRA GESTORI DI RETE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 34 E 35 DELL ALLEGATO A ALLA DELIBERA ARG/ELT 99/08 (TICA) Il presente documento descrive le modalità di coordinamento tra gestori

Dettagli

- Relazione Impianto fotovoltaico e Schemi di calcolo elettrico e termico quadri elettrici

- Relazione Impianto fotovoltaico e Schemi di calcolo elettrico e termico quadri elettrici - Relazione Impianto fotovoltaico e Schemi di calcolo elettrico e termico quadri elettrici INDICE RELAZIONE TECNICA.... PREMESSA.... Oggetto e valenza dell iniziativa.... DATI DI PROGETTO... 4. Dati di

Dettagli

riguardante: AMBIENTE -Inquinamento da radiazioni -Radiofrequenze e campi magnetici

riguardante: AMBIENTE -Inquinamento da radiazioni -Radiofrequenze e campi magnetici Decreto Ministeriale del 18/05/1999 Norme armonizzate in materia di compatibilita' elettromagnetica. Doc. 499H18MG.900 di Origine Nazionale emanato/a da : Ministro per l'industria, il Commercio e l'artigianato

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

INDUSTRY PROCESS AND AUTOMATION SOLUTIONS. Lo strumento universale per la messa in esercizio e la diagnosi

INDUSTRY PROCESS AND AUTOMATION SOLUTIONS. Lo strumento universale per la messa in esercizio e la diagnosi Con Vplus, BONFIGLIOLI VECTRON offre uno strumento per la messa in esercizio, la parametrizzazione, il comando e la manutenzione. VPlus consente di generare, documentare e salvare le impostazioni dei parametri.

Dettagli

IMPIANTO FOTOVOLTAICO DELLA POTENZA DI 540kWp DA REALIZZARSI A RESANA (TV)

IMPIANTO FOTOVOLTAICO DELLA POTENZA DI 540kWp DA REALIZZARSI A RESANA (TV) IMPIANTO FOTOVOLTAICO DELLA POTENZA DI 540kWp DA REALIZZARSI A RESANA (TV) Individuazione del sito di installazione Il sito individuato per la realizzazione dell Impianto Fotovoltaico si trova nel Comune

Dettagli

CATALOGO 2010 MAS. Nuovi quadri ad uso medico

CATALOGO 2010 MAS. Nuovi quadri ad uso medico CATALOGO 2010 MAS Nuovi quadri ad uso medico INDICE NUOVI QUADRI PER LOCALI AD USO MEDICO 2 TUTTI I VANTAGGI DELLA GAMMA MAS 4 NUOVI SORVEGLIATORI E PANNELLI RIPETITORI 6 CATALOGO 8 INFORMAZIONI TECNICHE

Dettagli

ATTIVATORE STABILIZZATO PER BOBINE DI SGANCIO A LANCIO DI CORRENTE.

ATTIVATORE STABILIZZATO PER BOBINE DI SGANCIO A LANCIO DI CORRENTE. Compatibilità totale con ogni apparato. Si usa con pulsanti normalmente chiusi. ella linea dei pulsanti c'è il 24Vcc. Insensibile alle interruzioni di rete. Insensibile agli sbalzi di tensione. Realizzazione

Dettagli

Nuova Norma CEI 64-8 7 a Edizione 2012 Impianti elettrici utilizzatori in BT

Nuova Norma CEI 64-8 7 a Edizione 2012 Impianti elettrici utilizzatori in BT Nuova Norma CEI 64-8 7 a Edizione 2012 Impianti elettrici utilizzatori in BT 1 Nuova Norma CEI 64-8 - 7 a Edizione 2012 La nuova edizione (settima) della norma CEI 64-8 contiene piccoli aggiustamenti ed

Dettagli

Sez 2a - FUNZIONAMENTO e CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE

Sez 2a - FUNZIONAMENTO e CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE Sez 2a - FUNZIONAMENTO e CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE 26 MARZO 2014 dalle ore 14.30 alle ore 17.30 c/o Museo della Tecnica Elettrica Via Ferrata 3 27100 Pavia La soluzione Rete Picchi Cali di tensione Armoniche?

Dettagli

Allegato A TESTO INTEGRATO

Allegato A TESTO INTEGRATO TESTO INTEGRATO DELLE DISPOSIZIONI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI TRASMISSIONE, DISTRIBUZIONE E MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA Periodo di regolazione 2008-2011

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA

LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA Guida pratica agli adempimenti fiscali degli impianti di produzione A cura di Marco Dal Prà www.marcodalpra.it Premessa Questo documento si occupa delle normative fiscali

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

Protezione Sepam. CEI 0-16 regolazione ANSI 51 o I> a tempo dipendente

Protezione Sepam. CEI 0-16 regolazione ANSI 51 o I> a tempo dipendente Protezione Sepam CEI 0-16 regolazione ANSI 51 o I> a tempo dipendente CEI 0-16 Curva a tempo inverso La norma prescrive ormai che tutti i relè facenti parte del SPG (Sistema di Protezione Generale) siano

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

Eaton Moeller Electric S.r.l. Via Giovanni XXIII, 43 20090 Rodano MI Tel. 02.95950.1

Eaton Moeller Electric S.r.l. Via Giovanni XXIII, 43 20090 Rodano MI Tel. 02.95950.1 www.eaton.com www.moeller.it An Eaton Brand Apparecchi di protezione e sezionamento per Fotovoltaico. Dall applicazione residenziale ai grandi Campi Solari. Impianti Fotovoltaici: un Energia sostenibile

Dettagli

< 3-4 metri/secondo. 3-4 metri/secondo. 4-5 metri/secondo. 5-6 metri/secondo. 6-7 metri/secondo. 7-8 metri/secondo.

< 3-4 metri/secondo. 3-4 metri/secondo. 4-5 metri/secondo. 5-6 metri/secondo. 6-7 metri/secondo. 7-8 metri/secondo. Chi abita in una zona ventosa può decidere di sfruttare il vento per produrre energia elettrica per gli usi domestici. In modo simile al fotovoltaico godrà di incentivi per la realizzazione, ma prima è

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi.

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Indice Il contatore elettronico. Un sistema intelligente che vive con te 2 Un contatore che fa anche bella figura 3 Oltre

Dettagli

OVR Guida pratica per la protezione contro le sovratensioni

OVR Guida pratica per la protezione contro le sovratensioni OVR Guida pratica per la protezione contro le sovratensioni Indice Protezione contro le sovratensioni Danni causati dalle sovratensioni... 2 Origine delle sovratensioni Scariche atmosferiche... 4 Manovre

Dettagli

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.)

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.) Macchine elettriche parte Macchine elettriche Generalità Definizioni Molto spesso le forme di energia in natura non sono direttamente utilizzabili, ma occorre fare delle conversioni. Un qualunque sistema

Dettagli

Manuale d uso SUNNY BOY 6000TL

Manuale d uso SUNNY BOY 6000TL Pagina del titolo Manuale d uso SUNNY BOY 6000TL SB6000TL-21-BE-it-10 IMIT-SB60TL21 Versione 1.0 ITALIANO SMA Solar Technology AG Indice Indice 1 Note relative al presente documento...7 2 Sicurezza...9

Dettagli

Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria

Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria Ing. Antonino Oscar Di Tommaso Università degli Studi di Palermo DIEET (Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Elettronica e delle Telecomunicazioni) Ing.

Dettagli

G722/... G723/... G723H/... G724/... G725/...

G722/... G723/... G723H/... G724/... G725/... F80/MC F80/MCB F80/MMR F80/SG F80/SGB F7FA0AP-0W0 F9H0AP-0W0 = Led indicazione di guasto per cortocircuito = Led Indicazione di guast o verso terra = Pulsante interfaccia utente = Indicazione sezionamento

Dettagli

Macchine rotanti. Premessa

Macchine rotanti. Premessa Macchine rotanti Premessa Sincrono, asincrono, a corrente continua, brushless sono parecchi i tipi di motori elettrici. Per ognuno teoria e formule diverse. Eppure la loro matrice fisica è comune. Unificare

Dettagli

Brushless. Brushless

Brushless. Brushless Motori Motori in in corrente corrente continua continua Brushless Brushless 69 Guida alla scelta di motori a corrente continua Brushless Riduttore 90 Riddutore Coppia massima (Nm)! 0,6,7 30 W 5,5 max.

Dettagli

Guida al portale produttori

Guida al portale produttori GUIDA AL PORTALE PRODUTTORI 1. SCOPO DEL DOCUMENTO... 3 2. DEFINIZIONI... 3 3. GENERALITA... 4 3.1 CREAZIONE E STAMPA DOCUMENTI ALLEGATI... 5 3.2 INOLTRO AL DISTRIBUTORE... 7 4. REGISTRAZIONE AL PORTALE...

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Schede tecniche Moduli Solari MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Il gruppo con circolatore solare da 1 (180 mm), completamente montato e collaudato, consiste di: RITORNO: Misuratore regolatore

Dettagli

CONTROLLO SCALARE V/Hz DEL MOTORE ASINCRONO. Prof. Silvio Stasi Dott. Ing. Nadia Salvatore Dott. Ing. Michele Debenedictis

CONTROLLO SCALARE V/Hz DEL MOTORE ASINCRONO. Prof. Silvio Stasi Dott. Ing. Nadia Salvatore Dott. Ing. Michele Debenedictis CONTROLLO SCALARE V/Hz DEL MOTORE ASINCRONO SCHEMA DELL AZIONAMENTO A CATENA APERTA AZIONAMENTO L azionamento a catena aperta comprende il motore asincrono e il relativo convertitore statico che riceve

Dettagli

Manuale di riferimento. Protezione delle reti elettricheistribution éle Sepam series 10

Manuale di riferimento. Protezione delle reti elettricheistribution éle Sepam series 10 Manuale di riferimento Protezione delle reti elettricheistribution éle Sepam series 10 Indice Informazioni di sicurezza.............................................7 Informazioni su......................................................9

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

PARTECIPAZIONE ALLA REGOLAZIONE DI FREQUENZA E FREQUENZA-POTENZA

PARTECIPAZIONE ALLA REGOLAZIONE DI FREQUENZA E FREQUENZA-POTENZA PRESCRIZIONE TECNICA 1 di 26 PARTECIPAZIONE ALLA REGOLAZIONE DI FREQUENZA E Storia delle revisioni Rev.00 17-05-2000 Prima emissione Rev.01 20-07-2008 Seconda emissione sostituisce IN.S.T.X.1014 Rev.00

Dettagli

GUIDA TECNICA. La distribuzione in bassa tensione. Dispositivi di apertura. Correnti di sovraccarico. Protezione fusibile. Correnti di corto circuito

GUIDA TECNICA. La distribuzione in bassa tensione. Dispositivi di apertura. Correnti di sovraccarico. Protezione fusibile. Correnti di corto circuito GUIDA TECNICA La distribuzione in bassa tensione Scemi di collegamento a terra 480 Tensioni, sovratensioni 482 Qualità dell energia 483 Miglioramento della qualità della rete 488 489 Dispositivi di apertura

Dettagli