INDICE PARTE PRIMA : LA STORIA DELLA CLASSE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE PARTE PRIMA : LA STORIA DELLA CLASSE"

Transcript

1

2 INDICE PARTE PRIMA : LA STORIA DELLA CLASSE a.- composizione e percorso compiuto nel triennio b.- insegnamenti in cui vi è stato debito formativo nell ammissione alla classe c.- docenti nel triennio d.- giudizio complessivo sulla situazione didattico-disciplinare PARTE SECONDA : IL LAVORO SVOLTO DAI DOCENTI E DAGLI STUDENTI a.- gli obiettivi e la loro realizzazione a.1.- obiettivi educativi a.2.- obiettivi didattici trasversali.- contenuti proposti per ogni materia e criteri didattici.- modalità di svolgimento dei contenuti per ogni materia.- gli strumenti e la valutazione PARTE TERZA : LE INIZIATIVE EXTRACURRICULARI NEL TRIENNIO a.- visite guidate e uscite didattiche b.- stage linguistici e sportivi c.- partecipazione a progetti culturali e/o concorsi d.- stage ed esperienze lavorative PARTE QUARTA : LA PREPARAZIONE ALL ESAME DI STATO a.- percorsi e approfondimenti b.- simulazione della terza prova scritta c.- proposte di griglie di valutazione per le prove d esame 2

3 PARTE PRIMA - LA STORIA DELLA CLASSE a.- composizione e percorso compiuto nel triennio -n studenti 9 - Maschi 3 - Femmine 6 -n promossi dalla classe precedente: 9 DESCRIZIONE DELLA CLASSE La classe V B Pacle durante il corso degli anni si è ridotta notevolmente fino alla composizione attuale: nove studenti, tre maschi e sei femmine. Gli alunni si caratterizzano per una frequenza continua, ma un possesso carente di strumenti linguistici che si riflettono sia nelle composizioni scritte che nell esposizione orale, dovuti sia a lacune preesistenti e a carenze nel metodo di studio sia a un corpo docente discontinuo. Le conoscenze di base del gruppo classe sono eterogenee: sicure per qualche allievo, accettabili per la maggior parte, generiche e frammentarie per qualcuno. La classe è risultata disciplinata dal punto di vista del comportamento in quanto quasi tutti gli studenti sono corretti e rispettosi. Il dialogo educativo si è sviluppato con tranquillità, anche se l interesse per lo studio è risultato limitato e l impegno discontinuo per alcuni allievi, inoltre la partecipazione poche volte è risultata attiva. Solo qualche studente ha mostrato un buon interesse per lo studio partecipando attivamente alle lezioni. Per tutte le discipline, durante l orario curriculare è stato dato spazio ad attività di consolidamento e di approfondimento. Particolare attenzione è stata riservata alle materie inerenti le prove scritte. Gli alunni sono stati sempre stimolati al lavoro sui testi, da cui sono sempre partiti per giungere a forme più appropriate di esposizione. Il metodo di insegnamento è stato basato non soltanto sulla classica lezione frontale, ma anche sulla lezione discussione, colloqui con la classe, esercitazioni di vario genere. Per quanto attiene il profitto i risultati raggiunti sono pienamente positivi per pochi alunni, per alcuni i risultati sono sufficienti, non manca qualche allievo che, anche se non in tutte le materie, presenta lievi carenze. b.- Insegnamenti in cui vi è stato debito formativo nell ammissione alla classe 5^ Nel mese di settembre si procede allo scrutinio finale e risultano AMMESSI alla classe quinta i seguenti alunni: Nominativo Carucci Stefania Giudizio Sospeso materia: Storia Carucci, Saverino, Manriquez D Amore Annarita D Amore Annarita, Carucci Stefania Inglese Econ. scien finan. Diritto Tecnica comm. e ammi. 3

4 c.- docenti nel triennio CONTINUITA' DIDATTICA NEL TRIENNIO MATERIA DOCENTI 3^ 4^ 5^ ITALIANO Felicia Gitto no sì sì STORIA Felicia Gitto sì sì sì INGLESE Franca Sagulo si si si SPAGNOLO Adele Aulisio no no si CONVERSAZIONE SPAGNOLO Falgueras sì sì si CONVERSAZIONE INGLESE Caponnetto no no si TECNICA AZIENDALE Raffaella Pagani no no si MATEMATICA Cinzia Grassi sì sì si TRATTAMENTO TESTI Giuliana Marzorati no si si DIRITTO PUBBLICO e SCIENZA DELLE FINANZE Laura Finzi sì si si EDUCAZIONE FISICA Carla Pinton sì sì si GEOGRAFIA Guido Corradi no sì si RELIGIONE Giovanni Terrano sì sì si d.giudizio complessivo sulla situazione didattico-disciplinare Indicatori Ottimo Buono Discreto Accettabile Insufficiente Inesistente Comportamento e atteggiamenti Motivazione allo studio X Attenzione X Partecipazione Puntualità Rispetto delle scadenze Frequenza Comportamento Atteggiamento costruttivo nei confronti del lavoro scolastico Impegno nello studio Capacità di rielaborazione Capacità di organizzazione autonoma dello studio Capacità di autovalutazione X Rispetto delle regole x X X Abilità complessive X X x x X x 4

5 Osservazioni :I giudizi inseriti nelle tabelle si riferiscono alla media degli studenti, si sottolinea però la presenza di qualche elemento più autonomo nel lavoro e capace di rielaborare e collegare i contenuti acquisiti. PARTE SECONDA IL LAVORO SVOLTO DAI DOCENTI E DAGLI STUDENTI GLI OBIETTIVI E LA LORO REALIZZAZIONE a.1- OBIETTIVI EDUCATIVI 1. Capacità di lavoro autonomo 2. Capacità di interagire nel gruppo 3. Atteggiamento responsabile rispetto agli impegni assunti 4. Capacità decisionali sia in ambito scolastico che extra scolastico 5. Capacità di autovalutare il proprio processo di crescita e di individuare i propri punti di forza e di debolezza a.2. OBIETTIVI DIDATTICI/TRASVERSALI Gli obiettivi cognitivi trasversali, individuati dal Consiglio di Classe nella riunione d'inizio d'anno, sono stati formalizzati analizzando gli obiettivi di ciascuna disciplina e così rielaborati: 1. Conoscenza sicura dei contenuti fondamentali delle discipline espressi in modo chiaro e corretto, cercando di utilizzare il lessico specifico 2. Comprensione di testi e documenti e di questi individuazione ed esposizione dei punti più rilevanti 3. Utilizzazione adeguata degli strumenti di ogni singola disciplina 4. Interpretazione di fatti e fenomeni ed esposizione corretta delle relative considerazioni personali 5. Possesso di un adeguato metodo di studio 6. Sviluppo delle capacità di affrontare sia esperienze lavorative sia il proseguimento degli studi 7. Possesso di adeguate abilità nell utilizzo dello strumento informatico in diversi ambiti 5

6 OBIETTIVI FORMATIVI E DIDATTICI DELLE SINGOLE DISCIPLINE - VERIFICHE E VALUTAZIONE - OBIETTIVI RAGGIUNTI - PROGRAMMI ANALITICI. DOCENTE: Prof.ssa Felicia Gitto ITALIANO Ore settimanali: 3 TESTO IN USO: Bellini, Gargano, Mazzoni Costellazioni vol. 3- ed. Laterza. RELAZIONE FINALE La classe V B Pacle durante il corso degli anni si è ridotta notevolmente fino alla composizione attuale: nove studenti, tre maschi e sei femmine. Gli studenti si caratterizzano per una frequenza continua, ma un possesso carente di strumenti linguistici che si riflettono sia nelle composizioni scritte che nell esposizione orale, dovuti sia a lacune preesistenti e a carenze nel metodo di studio sia a un corpo docente discontinuo. Caratteristica della classe è stata una certa eterogeneità nello stile di apprendimento, nella capacità di rielaborazione e di approfondimento personale. Relativamente agli argomenti affrontati la classe ha acquisito nel complesso ma in modo differenziato- le nozioni fondamentali. Solo pochi studenti sono in grado di rielaborarle. Non pienamente solida l abilità di commento del testo né quella di argomentazione. In relazione a quanto programmatosi è lavorato in termini di: Conoscenze: Conoscere le linee essenziali della storia della letteratura italiana Conoscere elementi di identità (e di diversità) della cultura italiana rispetto a quella europea Conoscere le poetiche delle correnti letterarie e dei singoli autori studiati, all interno del contesto socio-culturale che interagisce con loro; Competenze distinguere e analizzare temi,argomenti e idee sviluppati da un autore. comprendere un testo letterario nelle sue linee generali, individuare i temi principali ed i messaggi fondamentali, nonché rilevare alcune specifiche strutture formali; leggere personalmente ed analizzare qualche testo letterario (di un autore conosciuto), esercitando individualmente le competenze acquisite; Abilità: Leggere, analizzare e comprendere testi letterari e non (dal saggio, all articolo di cronaca,relazioni,etc)e in base ai requisiti degli stessi, distinguere le tesi centrali e le argomentazioni. Produrre i vari testi scritti (in conformità alle tipologie presenti all esame di stato) con sufficiente correttezza e chiarezza. Riferire gli argomenti proposti e le conoscenze acquisite in modo sufficientemente ordinato e autonomo. Obiettivi minimi OBIETTIVI MINIMI e CRITERI DI VALUTAZIONE saper esporre in modo comprensibile un argomento studiato ; produrre elaborati semplici su un argomento proposto. 6

7 Criteri di valutazione: Nella valutazione si sono considerati i criteri sia cognitivi che comportamentali. Tenendo conto della situazione di partenza sono stati valutati i progressi compiuti nell apprendimento, l impegno nella partecipazione alle lezioni, la frequenza e l interesse dimostrato nell intero corso dell anno. Per le verifiche orali, la conoscenza degli argomenti presentati, la capacità espositiva con uso di un linguaggio appropriato, la capacità di esprimere qualche valutazione critica. Per le prove scritte la griglia di valutazione. TIPOLOGIA E NUMERO DI VERIFICHE Nel corso del trimestre state svolte due interrogazioni orali e due prove scritte; Nel corso del pentamestre sono state svolte tre verifiche orali e tre prove scritte con la simulazione della prima prova fissata per durante il mese di maggio. OBIETTIVI RAGGIUNTI In riferimento alla progettazione didattica di inizio anno e in base alle verifiche relative agli obiettivi ormativi programmati nell ambito disciplinare linguistico, a conclusione del corrente anno scolastico, gli alunni della classe quinta hanno raggiunto un livello sufficiente di conoscenze,competenze e di abilità operative. 7

8 PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO Lo scenario : La crisi del Romanticismo La Scapigliatura Naturalismo e Verismo L età del Positivismo Naturalismo e Verismo: La narrativa in Francia e in Italia Guy De Maupassant : La collana Giovanni Verga Il profilo dell autore: vita,poetica e opere. -La dedica all amante di Gramigna Vita dei campi -La lupa Novelle rusticane -La Roba -Libertà I Malavoglia -La prima pagina del romanzo Cap1 Cap.2 Mastro don Gesualdo (sintesi) -Gesualdo muore e la sua «roba» rimane Decadentismo, Simbolismo,Estetismo. Charles Baudelaire : la poetica da I fiori del male: Corrispondenze da I fiori del male: L albatro Giovanni Pascoli:vita,poetica e opere. Da Il fanciullino : la poetica del fanciullino. La metafora del fanciullino. Myricae - Lavandare -X Agosto -Il lampo Canti di Castelvecchio -Il gelsomino notturno Wilde: lettura integrale Il ritratto di Dorian Gray. Gabriele D Annunzio: vita, poetica e opere. Da Le vergini delle rocce : Il manifesto ideologico del superuomo. Da Il piacere : Le regole di vita di Andrea; Da Il piacere : Elena,l arte e la gloria. Da Alcyone : La pioggia nel pineto. Sintesi : Notturno 8

9 La crisi delle certezze La grande stagione del romanzo Avanguardie e nuova narrativa I futuristi: azione, velocità e antiromanticismo, le innovazioni formali ; Il manifesto tecnico della letteratura futurista F.Tommaso Marinetti: Bombardamento Il grande romanzo europeo Il grande romanzo europeo. Gli autori e le opere Joyce Da Ulisse : Il monologo di Molly. Kafka Da La metamorfosi : l incubo del risveglio. Wolf La passeggiata della signora Dalloway Franz Kafka : lettura integrale La metamorfosi Italo Svevo: vita, poetica e opere. Da La coscienza di Zeno :La Prefazione. Da La coscienza di Zeno :Come si può scegliere moglie Da La coscienza di Zeno : La «salute» di Augusta Da La coscienza di Zeno : Zeno è guarito ma la vita non sopporta cure Luigi Pirandello: vita, poetica e opere. La visione del mondo,le poesie e le novelle,i romanzi,gli esordi teatrali e il periodo del grottesco. Da L Umorismo: Il sentimento del contrario. Da Novelle per un anno: La carriola ; Da Novelle per un anno: Il treno ha fischiato. Da Novelle per un anno: La patente. Da Uno nessuno centomila: Il mio naso Sei personaggi in cerca d autore Pirandello: lettura integrale Il fu Mattia Pascal La lirica italiana del primo Novecento. I movimenti e gli autori I Crepuscolari Sergio Corazzini: Desolazione del povero poeta sentimentale. I futuristi Filippo Tommaso Marinetti: Bombardamento L Ermetismo. Salvatore Quasimodo. : vita, poetica e opere. da Acque e terre: Ed è subito sera. Giuseppe Ungaretti: vita, poetica e opere. Analisi dei testi: da L allegria: Veglia. da L allegria: Soldati. da L allegria: Mattina. 9

10 Eugenio Montale: vita, poetica e opere. Da Ossi di seppia :Spesso il male di vivere ho incontrato. Da Ossi di seppia :Cigola la carrucola del pozzo. Da Ossi di seppia : Non chiederci la parola. Milano, 14 Maggio 2014 I RAPPRESENTANTI DI CLASSE Salvatorelli Silvia Demontis Cinzia LA DOCENTE prof.ssa Felicia Gitto 10

11 STORIA DOCENTE: Prof.ssa Felicia Gitto Ore settimanali: 2 TESTO IN USO: Paolo Di Sacco Passato e fututo. Vol.3 Sei RELAZIONE FINALE La classe V B Pacle durante il corso degli anni si è ridotta notevolmente fino alla composizione attuale: nove studenti, tre maschi e sei femmine. Gli studenti si caratterizzano per un a frequenza continua, ma un possesso carente di strumenti linguistici che si riflettono sia nelle composizioni scritte che nell esposizione orale, dovuti sia a lacune preesistenti e a carenze nel metodo di studio sia a un corpo docente discontinuo. Caratteristica della classe è stata una certa eterogeneità nello stile di apprendimento, nella capacità di rielaborazione e di approfondimento personale. Relativamente agli argomenti affrontati la classe ha acquisito nel complesso ma in modo differenziato- le nozioni fondamentali. Solo pochi studenti sono in grado di rielaborarle. In relazione a quanto programmato sono stati conseguiti i seguenti obiettivi in termini di: Conoscenze: nelle linee generali i principali eventi e le trasformazioni più significative di tipo politico, economico,sociale del secolo XX, dall età giolittiana al secondo dopoguerra; in modo più approfondito cause e conseguenze di alcuni fenomeni e fatti tanto significativi da influenzare ancora il presente o da essere fondamentali per la comprensione dello stesso. Competenze: Comprendere che i fenomeni storici sono frutto dell interazione di cause economiche, sociali, culturali e politiche. Abilità:gli studenti: in genere hanno sufficiente padronanza dei termini storici in rapporto agli specifici contesti socioculturali; sanno individuare le linee di sviluppo di alcuni fondamentali eventi sono sufficientemente consapevoli che lo studio del passato, oltre che conoscenza del patrimonio comune, è fondamento per la comprensione del presente in genere sanno partecipare ad una discussione, ad un lavoro di gruppo, raccogliendo ed organizzando le informazioni ed intervenendo con richieste di chiarimenti e formulando opinioni. OBIETTIVI MINIMI E CRITERI DI VALUTAZIONE Obiettivi minimi: Saper sintetizzare un periodo storico individuandone gli aspetti conduttori. Saper riferire le conoscenze storiche con un linguaggio sufficientemente appropriato. Criteri di valutazione: Nella valutazione si sono considerati i criteri sia cognitivi che comportamentali. Tenendo conto della situazione di partenza sono stati valutati i progressi compiuti nell apprendimento, l impegno nella partecipazione alle lezioni, la frequenza e l interesse dimostrato nell intero corso dell anno. Per le verifiche orali, la conoscenza degli argomenti presentati, la capacità espositiva con uso di un linguaggio appropriato, la capacità di esprimere qualche valutazione critica. Per le prove scritte la griglia di valutazione(simulazione terza prova) TIPOLOGIA E NUMERO DI VERIFICHE Due verifiche orali nel primo trimestre, la simulazione di Storia in terza prova e tre verifiche orali nel secondo pentamestre. 11

12 PROGRAMMA SVOLTO Un difficile inizio per il XX secolo: Unità 1 -Le illusioni della Belle époque: -Migliora la qualità della vita. -I cambiamenti del modo di produzione. -L industria dei consumi -Le tensioni sociali e politiche all inizio del Novecento. -Il graduale allargamento del diritto di voto. -L emancipazione. Unità 2-L est del mondo: -La rivolta dei boxer in Cina. -Gli sviluppi in Russia: la rivolta del L opposizione al regime. -Il disegno politico di Lenin. Unità 3-L età giolittiana in Italia: -1898: le cannonate di Bava Beccaris -I socialisti e le loro correnti interne - Dall assassinio del re al governo Giolitti -Sviluppo industriale e arretratezza del Mezzogiorno -le riforme di Giolitti -Vantaggi e limiti di una politica riformatrice -L ingresso dei cattolici nella politica italiana -Colonialismo e guerra di Libia -La svolta conservatrice. Unità 4-I nazionalismi e il riarmo: -Il nazionalismo -I gruppi industriali premono sui governi -L espansione di Stati Uniti e Giappone. -L area calda dei Balcani. -L impetuosa crescita della Germania. Sezione 2 Prima Guerra Mondiale e rivoluzione russa. Unità 5-L Europa in fiamme: -Sarajevo, 28 giugno Cause e conseguenze dell attentato. -L Europa in guerra. -In Italia si fronteggiano interventisti e neutralisti. -L inizio delle ostilità; la Germania all attacco. -Il fronte orientale. -Il patto di Londra -La lezione delle radiose giornate di maggio. Unità6-Una guerra mondiale: -Il fronte italo-austriaco. -La guerra di trincea. -Un conflitto totale:per terra, per mare e nell aria. -Il 1917:gli Stati Uniti entrano in guerra. -Caporetto e la resistenza sul Piave. -La resa di Germania e Austria. 12

13 Unità7-Vincitori e vinti: -La pace dettata dai vincitori -Vittoria mutilata. -Società nazioni. -Il riassetto dell Europa. Unità 8- La rivoluzione russa. -La rivoluzione di febbraio (1917). -Il governo provvisorio di Lenin. -Lo strappo rivoluzionario. -I bolscevichi al potere. -La guerra civile e la nascita dell URSS. Sezione 3 Dopoguerra,democrazie e totalitarismi. Unità 9 La crisi del dopoguerra: -Il Novecento -I partiti di massa -L industria culturale -il ritorno dei reduci -Il declino economico dell Europa -Gli Stati Uniti prima potenza mondiale -La scorciatoia dell autoritarismo. -Il confronto politico si radicalizza. -Gran Bretagna e Francia. Unità 10-La Germania di Weimar e il fascismo al potere: - La Germania di Weimar -Un paese diviso in piena crisi economica -La crisi dell Italia post-bellica -Il biennio rosso -Il malessere della borghesia italiana -Il cambiamento del quadro politico -Destra e sinistra, Mussolini e Gramsci -L errore di Giolitti:il fascismo in Parlamento. -La marcia su Roma - Mussolini al governo. Unità 11- L Italia di Mussolini: -Le elezioni del 1924 e il caso Matteotti -L Aventino -Il fascismo si trasforma in dittatura -Il partito unico e lo Stato fascista -Dal fascismo-movimento al fascismo regime -I Patti Lateranensi -Lo sforzo del totalitarismo -un bavaglio alla libertà -Agricoltura e industria:l economia centralizzata del regime -La conquista dell Etiopia -La vergogna delle leggi razziali Unità 12-Le democrazie alla prova: -L espansione economica degli anni Venti. -Gli Stati Uniti, una società industriale avanzata. -La crisi del 1929: il crollo di Wall Street. -Le conseguenze in America e in Europa -Roosevelt e il New Deal. 13

14 Unità 13-L URSS di Stalin e la Germania di Hitler: -La Nep di Lenin -La lotta per la successione:trockij e Stalin -I piani quinquennali e la collettivizzazione delle terre -L industrializzazione forzata -Il terrore staliniano e le purghe - Hitler e il Partito nazionalsocialista -L ascesa politica del nazismo -La conquista del potere -Il terzo Reich, la dittatura personale di Hitler -Potenza militare e sviluppo economico -La persecuzione degli oppositori e delle minoranze. Sezione 4 La seconda guerra mondiale Unità 14- l aggressione nazista all Europa: -La Spagna, il colpo di Stato di Franco, la guerra civile -L alleanza di Italia, Germania, Giappone -Annessioni e invasioni nel cuore dell Europa -Le mire di Hitler: Praga e Danzica -Il patto d acciaio -lo strano accordo tra Hitler e Stalin. Unità 15- l Asse all offensiva: -L invasione della Polonia. -La Francia occupata. -L intervento italiano. -La resistenza della Gran Bretagna. -L Italia all attacco in Africa e in Grecia. -L aggressione tedesca all URSS. -La posizione statunitense e la Carta atlantica. -L attacco giapponese a Pearl Harbor. Unità 16 - La svolta nel conflitto e l Italia della resistenza: -1942, la massima espansione dell asse -Lo sbarco in Sicilia -L armistizio dell 8 settembre La Repubblica sociale italiana -La resistenza. -La guerriglia partigiana, le rappresaglie dei nazisti, l importanza della Resistenza. Unità 17 - La fine della guerra: Auschwitz e Hiroshima -Lo sbarco in Normandia -La lenta liberazione. -I successi dell armata rossa. -L ultima disperata resistenza. -La fine di Hitler e Mussolini. -La terribile tragedia della shoah. - Auschwitz:la morte in una catena di montaggio -La resa del Giappone. Sezione 5 Europa, Usa, Urss Unità 18- Europa, Usa, Urss: -La conferenza di Yalta -I tre paesi vinti, l assetto dell Europa, la supremazia di Usa e Urss -Nasce l ONU; il Piano Marshall. -L atomica sovietica; i due blocchi; la cortina di ferro. -L equilibrio del terrore e la guerra fredda. -La guerra di Corea. 14

15 -Le democrazie popolari dell est europeo e la rivolta di Budapest :i lontani inizi dell Europa unita. Unità 19- Il lento cammino della distensione: Sintesi: dalla morte di Stalin alla conquista dello spazio; la crisi di Cuba e Papa Giovanni XXIII. Da completare nel mese di maggio: Unità 22-Il dopo guerra italiano e la ricostruzione: -Ricostruire l Italia dalle macerie, il ritorno alla vita democratica -Finisce la monarchia, nasce la Repubblica,la nuova Costituzione, i partiti italiani -De Gasperi e il centrismo -La strada difficile della ricostruzione, il miracolo economico Milano, 14 Maggio 2014 I RAPPRESENTANTI DI CLASSE Salvatorelli Silvia Demontis Cinzia LA DOCENTE prof.ssa Felicia Gitto 15

16 PROGRAMMA SVOLTO DI TECNICA ORGANIZZATIVA AMMINISTRATIVA CLASSI V B PERITI Anno scolastico 2013/2014 Docente: Raffaella Pagani Monte ore settimanale: 4 FINALITA E OBIETTIVI GENERALI DELLA DISCIPLINA Delineare un profilo professionale completo spendibile nel mondo del lavoro e fornire una preparazione che consenta l accesso alle facoltà universitarie di indirizzo. OBIETTIVI DISCIPLINARI - utilizzare un linguaggio tecnico corretto e appropriato - fornire una conoscenza ampia e articolata della gestione delle aziende di distribuzione - fornire la capacità di comprendere testi e documenti economico-aziendali con capacità di decodifica del linguaggio specifico - fornire la capacità di collegare le conoscenze tecniche con la realtà - stimolare la capacità di avvalersi di argomenti e tematiche trattate in altre discipline per la valutazione e la soluzione di problemi aziendali - fornire gli strumenti per cogliere i mutamenti che avvengono nel mondo economico VERIFICHE Le verifiche effettuate sono state sia scritte che orali. Nella seconda parte del secondo quadrimestre si sono privilegiate verifiche in preparazione alla seconda prova dell esame di Stato. Verifiche scritte Esercitazioni Prove semistrutturate Domande a risposta aperta Verifiche orali Interrogazioni Esposizione di un argomento CRITERI DI VALUTAZIONE Nella valutazione delle prove si sono considerati i seguenti elementi: - livello di conoscenza acquisito - capacità di comprensione, sintesi e analisi - correttezza del linguaggio e dell uso appropriato dei termini tecnici - capacità di rielaborazione personale RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DISCIPLINARI Il programma é stato integralmente sviluppato rispetto a quanto indicato nel piano di lavoro preventivo. ma non tutti gli studenti hanno raggiunto totalmente gli obiettivi indicati. Mediamente la classe ha conseguito un profitto più che sufficiente, solo alcuni allievi hanno ottenuto risultati discreti. La partecipazione alle lezioni é stata attenta ed interessata, il lavoro individuale é stato abbastanza costante per quasi tutti gli studenti, anche se per alcuni allievi si rileva un atteggiamento diligente, ma scarsamente autonomo. Alcuni ragazzi dimostrano una certa difficoltà nella rielaborazione personale degli argomenti trattati, anche a causa delle lacune pregresse non colmate in modo adeguato e all abitudine a uno studio poco approfondito. CONTENUTI DISCIPLINARI TECNICA OPERATIVA: Compravendita: aspetti civilistici, fiscali ed operativi Aspetti giuridici: caratteristiche giuridiche del contratto, elementi essenziali ed elementi accessori (imballaggi, clausole di consegna, clausole di pagamento). Aspetti fiscali: I.V.A., definizione e meccanismo dell imposta, operazioni imponibili, non imponibili, esenti ed escluse. Documento di trasporto: caratteri generali, forma e contenuto. Fattura immediata e fattura differita: caratteri generali, forma, contenuto, formazione della base imponibile I.V.A. in presenza di sconti, prestazioni accessorie non documentate e documentate, interessi di dilazione e di mora, cessioni gratuite a titolo di sconto e liberalità. Aspetti operativi: stipulazione del contratto, invio merce con documentazione relativa, fatturazione, regolamento del prezzo con documenti relativi (assegni bancari e circolari, cambiale tratta e pagherò, ricevute bancarie). Altri documenti: note di variazione: contenuto e modalità di emissione. Autofattura: emissione, contenuto, concetto di valore normale dei beni. I.V.A.: liquidazioni ed adempimenti fiscali 16

17 Regimi I.V.A.: definizione e obblighi relativi. Registri I.V.A.: fatture ricevute, fatture emesse, corrispettivi: caratteri generali e modalità di registrazione. Liquidazioni periodiche e versamenti all'erario. Dichiarazioni I.V.A.: inizio attività, periodiche, annuale, fine attività.. Istituzioni ausiliarie del commercio Magazzini generali: funzioni e caratteristiche. Contratto di deposito. Fede di deposito e nota di pegno. Camere di commercio: caratteristiche generali e funzioni svolte nell ambito dell ambiente economico. Trasporti Caratteri generali del trasporto via terra, via mare e via aerea. Diverse organizzazioni del trasporto via terra nelle aziende: per conto proprio e a mezzo vettore. Contratto di trasporto: caratteri generali. Trasporto via terra: trasporto su gomma e su rotaia, caratteri generali di entrambi, lettera di vettura nelle due ipotesi, fattura del vettore stradale. Trasporti via mare: caratteri generali, documentazione, con particolare attenzione alla polizza di carico. Delivery orders. Assicurazioni Contratto di assicurazione: concetti generali e rami assicurativi. Assicurazioni contro di danni: caratteristiche del contratto e delle diverse coperture assicurative. Assicurazioni a valore intero e a primo rischio. Franchigia e scoperto di sicurtà. Assicurazioni contro i rischi del trasporto delle merci: condizioni generali della polizza merci trasportate, clausole di delimitazione del rischio, clausole addizionali. Assicurazioni nel trasporto marittimo: caratteristica delle polizze marittime, clausole di copertura assicurativa, valore assicurato e valore assicurabile, liquidazione dell indennizzo, avarie marittime. Compravendita: scambi internazionali Caratteristiche generali degli scambi internazionali: differenze ed analogie con gli scambi nazionali. Funzione della camera di commercio internazionale.. Clausole relative alla consegna, principali incoterms e loro influenza sul prezzo della merce, clausole relative alla moneta di pagamento. Forme di regolamento delle operazioni con l estero. Controllo statale sul commercio con l estero: controllo merceologico e controllo valutario. L I.V.A. negli scambi internazionali. TECNICA DELLA DISTRIBUZIONE E MARKETING Apparato distributivo: Concetto di distribuzione commerciale e soggetti dell apparato distributivo. Caratteristiche dell attività mercantile, imprese all ingrosso e al dettaglio: piccolo dettaglio tradizionale, nuove forme organizzative del piccolo dettaglio, GDO, struttura del sistema italiano, nome di legge sul commercio al dettaglio, tutela del consumatore. Tecniche di vendita adottate nelle diverse forme di dettaglio. Contratto di franchising. Commercio elettronico. Caratteri generali degli ausiliari del commercio: agenti, rappresentanti, commissionari mediatori. Agenti e rappresentati: contratto di agenzia, lettera di nomina, documentazione delle vendite, fattura degli agenti: caratteri generali e contenuto. Gestione delle scorte di magazzino: Caratteristiche generali, logistica, funzioni del magazzino nelle aziende di distribuzione, livelli delle scorte, indicatori per il controllo delle scorte: indice di rotazione (a quantità fisiche e a valori), tempo di giacenza, lotto economico di acquisto. Schede di magazzino quantità fisiche e a quantità e valore, criteri di valutazione: L.I.FO., F.I.F.O. e costo medio ponderato, valutazione delle rimanenze finali. Ruolo del marketing e programmazione strategica: Concetto di marketing, campi di applicazione del marketing. Anali dell ambiente in cui l azienda opera. Evoluzione del rapporto impresa-ambiente. Orientamento delle imprese: evoluzione storica. Programmazione strategica: determinazione della missione aziendale, fissazione degli obiettivi, analisi del portafoglio di attività, matrice di Boston, scelta delle attività, compiti del marketing management. Analisi dei costi: Principali classificazioni di costo: costi fissi e variabili, costi diretti ed indiretti. Configurazioni di costo: costo primo, costo complessivo e costo economico-tecnico. Grafico del punto di pareggio visto come relazione fra costi, ricavi e utile. Analisi strutturale dei costi di distribuzione. Marketing mix: Prodotto: studio del prodotto e delle strategie relative, assortimento di prodotti, qualità, immagine, marca e confezione. Ciclo di vita: fasi del ciclo di vita e strategie di marketing applicabili. Prezzi di vendita: vincoli interni ed esterni all impresa per la determinazione dei prezzi. Politiche dei prezzi. Determinazione del prezzo. 17

18 Distribuzione: canali di distribuzione, reti e personali di vendita: vendite dirette ed indirette. Costi di distribuzione. Scelta del canale distributivo più conveniente. Pubblicità e promozione vendite: processo di comunicazione aziendale, budget pubblicitari, veicoli pubblicitari. Pubblicità collegata alle varie fasi del ciclo di vita del prodotto. Ruolo delle agenzie di pubblicità. Efficacia della pubblicità. Sponsorizzazioni, promozioni vendite e pubbliche relazioni: caratteristiche generali. Mercati di consumo e consumatori: Caratteristiche del consumatore, elementi che ne influenzano le decisioni di acquisto. Strutture dei mercati. Caratteristiche della domanda (latente, piena, sovrabbondante, nociva, scarsa) e strategie di marketing applicabili. Ricerche di mercato: Sistema informativo di marketing. Ricerche di mercato: piano di ricerca, metodologia di ricerca, (ricerche motivazionali e sperimentali); elaborazione dei dati, rappresentazione dei dati, interpretazione dei dati, valutazione dei risultati. Piano di marketing: Il piano di marketing come sintesi delle conoscenze acquisite. Informazioni per le decisioni di marketing. Redazione del piano di marketing. Le cinque domande fondamentali a cui deve rispondere il documento: chi siamo, dove ci troviamo, come stiamo, dove intendiamo andare, come intendiamo andarci. TESTI ADOTTATI: Astolfi Rascioni Ricci Entriamo in azienda 2 Tramontana G. Brunori M. Saba Il marketing in azienda Tramontana Milano, 14 Maggio 2014 I RAPPRESENTANTI DI CLASSE Salvatorelli Silvia Demontis Cinzia IL DOCENTE 18

19 TRATTAMENTO TESTI A.S.: 2013/2014 CLASSE: 5^ SEZIONE: B CORSO: Pacle DOCENTE: GIULIANA MARZORATI MATERIA: TRATTAMENTO TESTI Relazione sulla classe La classe è composta da 9 alunni che hanno evidenziato un comportamento corretto ed un discreto interesse per la disciplina. La maggioranza degli studenti si è applicata con costanza nello svolgimento delle varie esercitazioni ed ha acquisito le necessarie competenze e abilità operative per utilizzare in modo proficuo gli strumenti informatici e la Rete Internet nelle attività di ricerca e approfondimento nelle varie discipline. L esiguo numero di alunni ha consentito di svolgere lezioni proficue e, in caso di difficoltà inerenti alcuni argomenti, è stato possibile intervenire prontamente e proporre le necessarie integrazioni e chiarimenti. Il profitto mediamente raggiunto è buono. Attività curricolari ed extra curriculari svolte Sono state svolte numerose esercitazioni opportunamente graduate, alcune delle quali interdisciplinari (presentazione con Power Point su un argomento di Geografia fatture commerciali - scheda di magazzino e indice di rotazione problemi di scelta, break even point e grafici a dispersione xy). Programma svolto Programma applicativo Word Corrispondenza commerciale: analisi e impostazione di lettere d affari; Impostazione di lettere commerciali in lingua straniera; Stampa unione; Progettazione del layout del documento: frontespizio, stili e sommario; Il curriculum vitae e la lettera di accompagnamento; ll modello Europass per la creazione del curriculum vitae. Programma applicativo Excel Ripasso delle funzioni base di Excel; Riferimenti di cella relativi, assoluti e misti; Inserimento funzioni e loro applicazioni: Funzioni matematiche relative agli arrotondamenti Funzione matematica SOMMA.SE Funzione logica SE Funzione statistica TENDENZA Funzione statistica CONTA.SE CONTA.NUMERI - CONTA.VALORI Fattura a due aliquote; Problemi di scelta e individuazione del punto di equilibrio; Rappresentazione grafica e personalizzazione dei dati esaminati. Programma applicativo Power Point Progettazione di una presentazione ipertestuale inerente un argomento di geografia; Ricerca di informazioni e immagini; Creazione e personalizzazione della presentazione; Le diverse modalità di stampa. Programma applicativo Access Caratteristiche e potenzialità del programma; Organizzazione e inserimento dei dati; Gli oggetti di Access: le visualizzazioni degli oggetti tabella: le tipologie dei campi, concetto di chiave primaria inserimento dati importazione dati da Excel 19

20 ricerca dei dati: filtro in base selezione e in base maschera ordinamento dei dati creazione di relazioni query: impostazione dei criteri per la selezione dei dati query parametrica maschera: creazione e inserimento dati report: creazione, raggruppamento dei dati, inserimento sub totali, totali e rapporto % formattazione del report I principali operatori logici e di confronto. La Rete Internet Le reti di comunicazione e le tipologie di rete; Internet, origini e attuali impieghi della Rete; Il World Wide Web; La posta elettronica; Il commercio elettronico; I protocolli di comunicazione; La navigazione in Rete ed i motori di ricerca; La tutela del diritto d autore in informatica; Le principali licenze software. Preparazione alla terza prova in vista dell esame finale di Stato L obiettivo finale delle diverse unità didattiche è stato l acquisizione del concetto di multimedialità e la capacità di risolvere problemi relativi alla raccolta, organizzazione e gestione dei dati. Verifiche Le verifiche programmate sono state: Trimestre: tre pratiche Pentamestre: una scritta e tre pratiche Criteri di valutazione adottati frequenza/puntualità alle lezioni impegno interesse/partecipazione all attività didattica rispetto delle scadenze conoscenze acquisite abilità/capacità Milano, 14 Maggio 2014 I RAPPRESENTANTI DI CLASSE Salvatorelli Silvia Demontis Cinzia IL DOCENTE 20

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari Appunti del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe.

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe. Che cos'è il Progetto SIRIO? Il PROGETTO SIRIO (IGEA) è un corso serale per il conseguimento del Diploma di Ragioniere che riteniamo di particolare interesse per quanti non abbiano conseguito un diploma

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

FUNZIONE STRUMENTALE AREA 3

FUNZIONE STRUMENTALE AREA 3 PIANO DI LAVORO FUNZIONE STRUMENTALE AREA 3 Sostegno agli alunni, accoglienza, obbligo scolastico e obbligo formativo Proff. Francesco Paolo Calvaruso e Rosmery Inzerra A.S. 2013/14 Premessa generale Alle

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Commissione tecnica per l elaborazione dei materiali d esame di Sociologia:

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO

SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO Presentazione del corso Istituzionale Il broker marittimo: la figura professionale Lo Shipbroker, in italiano mediatore marittimo, è colui che media fra il proprietario

Dettagli

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007 A STATISTICA (A-K) a.a. 007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 007 STESS N.O. RD 00 GORU N.O. RD 006 ) La distribuzione del numero degli occupati (valori x 000) in una provincia

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance Note e istruzioni per i test di ingresso ai Corsi di Studio del Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche (DEAMS) a.a. 2013/2014 Gli insegnamenti relativi ai Corsi di Laurea

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che 2013.201 Il POF è il documento che definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI descrive ciò che il FERMI offre agli studenti e alle loro famiglie Grafica originale di copertina gentilmente

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli