La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili"

Transcript

1 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili Dott. Marco Capra 2 dicembre Sala Ambrosianeum, Via delle Ore n 3, Milano

2 Memo: CR raggruppata (flusso di ritorno) 2

3 CR e tensione finanziaria Rischi: - autoliquidanti - a revoca se (utilizz./accor. op.) > 90% -> tensione - a scadenza la tensione finanziaria è ipotizzabile se l utilizzato eccede l accordato Secondo una logica commerciale, l utilizzo può estendersi fino al 100% degli affidamenti concessi), ma nell analisi andamentale la soglia ottimale di utilizzo è compresa tra il 50% ed il 75% 3

4 CR e duration autoliquidante + a revoca tot. accordato operativo > 75% -> disequilibrio? L ottica è quella di identificare disequilibri nella struttura delle fonti. In pratica, la struttura dell indebitamento dell azienda non dovrebbe esporsi sul breve termine di regola oltre il 75% dell indebitamento. In realtà le PMI hanno soglie di indebitamento a breve superiori 4

5 CR e analisi andamentale Esame dell andamento dei rapporti Banca Impresa Come e in che misura vengono utilizzati gli affidamenti? In quale misura l utilizzo dei fidi sono congrui con l operatività dell impresa? Quali sono i tempi dell impresa per gli incassi dai clienti e i pagamenti ai fornitori? Come avviene all interno dell azienda la pianificazione del fabbisogno finanziario? Cfr. Lenoci Peola, Nuovo merito creditizio, Ipsoa, Milano

6 CR e analisi andamentale (segue) Cfr. Lenoci Peola, Nuovo merito creditizio, Ipsoa, Milano

7 CR e analisi andamentale (segue) Valutazione CR: Anomalie gravi (sofferenze, perdite, ecc.) Tensione di utilizzo Numero aziende segnalanti Sconfinamenti su sistema Andamento e durata sconfini Aumento del ricorso al credito incoerente rispetto ai volumi Valutazione del rapporto: Movimentazione e/c Variazione dell appoggio di lavoro Analisi portafoglio commerciale Cfr. Lenoci Peola, Nuovo merito creditizio, Ipsoa, Milano

8 CR e ciclo finanziario: capitale circolante Esempio: Giorni Clienti 100 Magazzino Fornitori 40 Ciclo capitale circolante 150 Ciclo capitale circolante (gg) 150 Anno (gg) 365 = 41% L accordato deve coprire un ciclo di 5 mesi 8

9 CR e ciclo finanziario: capitale circol. (segue) Caso PARMALAT Dall esame del bilancio PARMALAT al 31/12/2002 emerge che il totale dei crediti commerciali è superiore al fatturato dell esercizio, il che è inverosimile [la GDO ha tempi di pagamento da 3 a 6 mesi]; questi i valori: crediti cartolarizzati Euro 562 milioni factoring Euro 102 milioni effetti all incasso e allo sconto Euro 611 milioni (c/ordine) crediti verso clienti Euro 152 milioni totale secondo CT: Euro milioni [Il totale potrebbe contenere una duplicazione: i rischi su Riba / Effetti dovrebbero già comprendere i crediti ( chiusi ) cartolarizzati / factorizzati] ricavi (netto IVA) Euro 950 milioni L ammontare delle ricevute bancarie all incasso indicate nei conti d ordine del bilancio PARMALAT, pari a Euro 611 milioni, è inferiore all esposizione totale di PARMALAT rilevata in CR posizione autoliquidante - e ammontante a Euro 937 milioni 9

10 CR e ciclo finanziario: capitale circol. (segue) Caso PARMALAT (segue) 1. Parmalat cedeva e fatturava i prodotti al concessionario di zona 2. il concessionario, al concretarsi di una cessione da Parmalat ed un cliente finale (GDO), retrocedeva a Parmalat la corrispondente quantità di prodotto e, contestualmente, la consegnava al cliente finale; 3. a fronte di tale retrocessione, Parmalat emetteva nota di credito al concessionario 4. la fatturazione della merce era quindi fatta da Parmalat al cliente finale 5. l emissione delle RI.BA. era gonfiata in ragione della doppie (seppur provvisoriamente) fatturazione 6. la parte di fatturato stornata dalle note di credito veniva quindi compensata dai bonifici di Parmalat a favore dei concessionari; quindi non c erano insoluti Dato questo presupposto, che, cioè, le RI.BA. in circolazione fossero normalmente quasi il doppio del fatturato, è possibile immaginare una riconciliazione tra il dato di bilancio del fatturato e l ammontare dell autoliquidante in CR? Di quanto l autoliquidante era gonfiato? Come era contabilizzata la contropartita relativa all inserimento delle RIBA (in quanto, se a tale scopo fosse stata utilizzata una voce del passivo, non vi sarebbe effetto sul patrimonio netto)? 10

11 CR e ciclo finanziario: capitale circol. (segue) Caso PARMALAT (segue) Simulazione della variazione della liquidità indotta dal giro delle ri.ba. - 1/2 BASE DATI Tempo 1 Tempo 2 Tempo 3 Tempo 4 Tempo 5 Tempo 6 Totale Ricavi effettivi Fattura a Concession Riba = Conc Nota credito a Conc Fattura a GDO Riba = GDO Bonifico a Concessi Pagamento RIBA Pagamento GDO Rischi RIBA

12 CR e ciclo finanziario: capitale circol. (segue) Caso PARMALAT (segue) Simulazione della variazione della liquidità indotta dal giro delle ri.ba. 2/2 VAR. LIQUIDITA' Tempo 1 Tempo 2 Tempo 3 Tempo 4 Tempo 5 Tempo 6 Totale Liquidità/Banca iniziale Riba = Conc Riba = GDO Bonifico a Concess Incasso effettivo Con Pagamento GDO Totale Liquidità/Banca finale Variazione liquidità

13 CR e ciclo finanziario: investimenti Variazione investimenti Variazione fonti a M/L Stock Investimenti Stock fonti a M/L 13

14 Congruità tra CR e dati di bilancio Debito CR debito in bilancio Autoliquidante utilizzato crediti anticipati Impegni di firma conti d ordine Garanzie conti d ordine Derivati conti d ordine, fondi rischi Insoluti svalutazione crediti Debitori ceduti Ecc. 14

15 Interpretazione dati/criticità (rischi a revoca) RISCHI A REVOCA (generalmente fido di cassa): in questo caso sconfinato di e utilizzato mediamente nel mese entro i limiti di fido. CRITICITA BILANCIO: Utilizzato medio capacità di credito residua 15

16 Interpretazione dati/criticità (derivati finanziari) DERIVATI FINANZIARI: nell esempio con scadenza M/L. Se, invece, dovesse scadere nel mese di rilevazione il cliente dovrebbe pagare alla Banca CRITICITA BILANCIO: Importo derivati finanziari = inserimento in Bilancio 16

17 Interpretazione dati/criticità (rischi autoliquidanti-crediti scaduti) RISCHI AUTOLIQUIDANTI CREDITI SCADUTI: incrociati con la colonna Stato Rap. indicano se pagati o scaduti. Se scaduti, esiste il rischio di trasferimento sulle linee a revoca (fidi cassa). Difficilmente la Banca accetterà ulteriori anticipi, ma addebiterà le poste scadute e impagate incrementando lo sconfino CRITICITA BILANCIO: Crediti valore di Bilancio 17

18 Interpretazione dati/criticità (rischi a scadenza) CRITICITA BILANCIO: Leasing; Fondo rischi; c/ord. PS: - il Credito Ristrutturato da Rinegoziazione - la Moratoria non comporta la segnalazione di Credito Ristrutturato RISCHI A SCADENZA: Sono leasing: nel primo non ci sono insoluti (accordato operativo = utilizzato), nel secondo, invece, sono canoni impagati. La colonna Stato Rap. riporta il codice 80 (Credito Ristrutturato). Tale segnalazione è molto grave e presuppone che per mesi il cliente non abbia pagato. 18

19 Interpretazione dati/criticità (crediti di firma e garanzie) CREDITI DI FIRMA: sono garanzie su operazioni commerciali. La Banca garantisce gli impegni assunti dal cliente verso terzi. Nel caso in cui la garanzia venisse escussa l importo viene imputato come utilizzato sulla revoca. CRITICITA BILANCIO: conti d ordine GARANZIE RICEVUTE: dalla Banca segnalante in riferimento ad una posizione di affidamento di terzi 19

20 Interpretazione dati/criticità (sofferenze) SOFFERENZA CREDITI PASSATI A PERDITA: La Banca passa a perdita il credito (residuo) CRITICITA BILANCIO: dubbi su continuità aziendale (insolvenza?) 20

La Centrale dei Rischi. Dott. Claudio Orsini Arcadia Consulting Srl Bologna Finanza d impresa e Consulenza di direzione http://www.arcadiafinance.

La Centrale dei Rischi. Dott. Claudio Orsini Arcadia Consulting Srl Bologna Finanza d impresa e Consulenza di direzione http://www.arcadiafinance. La Centrale dei Rischi Dott. Claudio Orsini Arcadia Consulting Srl Bologna Finanza d impresa e Consulenza di direzione http://www.arcadiafinance.eu Obiettivi della Centrale dei Rischi La Centrale dei Rischi

Dettagli

La chiave per l'accesso al credito

La chiave per l'accesso al credito La chiave per l'accesso al credito CR EXPERT è un prodotto consulenziale ad alto livello che permette di analizzare la Centrale Rischi Interbancaria e che consente di rappresentare l'andamento degli affidamenti

Dettagli

Lettura ed interpretazione da parte dell ente segnalante dei dati contenuti nella Centrale dei Rischi

Lettura ed interpretazione da parte dell ente segnalante dei dati contenuti nella Centrale dei Rischi Lettura ed interpretazione da parte dell ente segnalante dei dati contenuti nella Centrale dei Rischi Relatore: Alberto Bianchini Responsabile Marketing Aziende Credito Emiliano SpA I soggetti della CR

Dettagli

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE Un decalogo per l impresa ODCEC Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Macerata e Camerino Confidi Macerata Società Cooperativa per Azioni Possiamo

Dettagli

Tesoreria. L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa. di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**)

Tesoreria. L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa. di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**) PAGINA: 60-64 L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**) Nel nuovo contesto derivante dall introduzione di Basilea 2 l analisi dei

Dettagli

Il futuro della Professione

Il futuro della Professione A.M.A. Sanremo 17 Ottobre 2014 Il futuro della Professione Relatore: Dott. Antonio Ortolani Studio Ortolani Milano Milano, Via A. Locatelli n 4 tel. 02 66986995 Email: antonio.ortolani@studioortolani.it

Dettagli

La pianificazione dell equilibrio finanziario

La pianificazione dell equilibrio finanziario La pianificazione dell equilibrio finanziario Sebastiano Di Diego - Fabrizio Micozzi 1 L ottimizzazione della gestione delle fonti di finanziamento richiede l analisi di una metodologia di calcolo del

Dettagli

Modelli di rating e leve di miglioramento

Modelli di rating e leve di miglioramento S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Conversazioni tra Imprenditori, Commercialisti e Banche Linee guida nel rapporto banca/impresa (L arte del rilancio) Modelli di rating e leve di miglioramento

Dettagli

Revocatorie Rimesse bancarie

Revocatorie Rimesse bancarie Revocatorie Rimesse bancarie 22 giugno 2004 Confronto su prassi giudiziaria e giurisprudenziale presso il Tribunle di Torre Annunziata Dott. Massimo Sequino Presupposto normativo Art. 67 comma 2 legge

Dettagli

LA REVISIONE DELLA NORMATIVA SULLA CENTRALE DEI RISCHI: GLI ADEGUAMENTI PUMA2

LA REVISIONE DELLA NORMATIVA SULLA CENTRALE DEI RISCHI: GLI ADEGUAMENTI PUMA2 GRUPPO INTERFINANZIARIO PUMA2 LA REVISIONE DELLA NORMATIVA SULLA CENTRALE DEI RISCHI: GLI ADEGUAMENTI PUMA2 Roma, dicembre 2004 BANCA D ITALIA Servizio Informazioni Sistema Creditizio INDICE PREMESSA..

Dettagli

Conoscere due modalità di finanziamento dell impresa. Facoltà di Economia. oggetto della lezione. obiettivo della lezione

Conoscere due modalità di finanziamento dell impresa. Facoltà di Economia. oggetto della lezione. obiettivo della lezione Università degli studi di L Aquila RAGIONERIA GENERALE E APPLICATA I FINANZIAMENTI: IL RIPORTO PASSIVO E LO SMOBILIZZO DI CREDITI FABIO CIAPONI Facoltà di Economia oggetto della lezione I FINANZIAMENTI:

Dettagli

La Gestione del Credito in. Banca. La gestione del credito in banca. dott. Antonio Popolla Componente cda Banca di Credito Cooperativo di Napoli

La Gestione del Credito in. Banca. La gestione del credito in banca. dott. Antonio Popolla Componente cda Banca di Credito Cooperativo di Napoli La Gestione del Credito in La gestione del credito in banca Banca dott. Antonio Popolla Componente cda Banca di Credito Cooperativo di Napoli LE FUNZIONI DI UNA BANCA Funzione creditizia Intermediare tra

Dettagli

CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO

CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO GLOSSARIO AFFIDATI (NUMERO) Soggetti (persone fisiche, persone giuridiche, cointestazioni) al nome dei quali siano pervenute, alla data di riferimento, una o più segnalazioni alla Centrale dei rischi a

Dettagli

Il factoring tra finanza e servizi

Il factoring tra finanza e servizi Il factoring tra finanza e servizi Intervento di Antonio De Martini Firenze, 6 febbraio 2007 Introduzione: il factoring in Italia In Italia la prima società di factoring nasce nel 1963. Il mercato italiano

Dettagli

Il rapporto banca-impresa nel contesto attuale. Milano, 12 febbraio 2013

Il rapporto banca-impresa nel contesto attuale. Milano, 12 febbraio 2013 Il rapporto banca-impresa nel contesto attuale Milano, 12 febbraio 2013 Agenda Introduzione: dati macroeconomici e scenario attuale Obblighi delle banche e assegnazione rating Come migliorare il rating

Dettagli

Factoring indiretto: un metodo per finanziare i fornitori strategici

Factoring indiretto: un metodo per finanziare i fornitori strategici Il caso pratico 49 di Pietro Busanelli, Umberto Baldi Forti e Lara Villani Busanelli e Associati S.r.l. Tecniche finanziarie Factoring indiretto: un metodo per finanziare i fornitori strategici Il presente

Dettagli

RILEVAZIONI CONTABILI DI SCONTO E INCASSO EFFETTI, RICEVUTE BANCARIE E FACTORING

RILEVAZIONI CONTABILI DI SCONTO E INCASSO EFFETTI, RICEVUTE BANCARIE E FACTORING RILEVAZIONI CONTABILI DI SCONTO E INCASSO EFFETTI, RICEVUTE BANCARIE E FACTORING L operazione di sconto cambiario Lo sconto cambiario rappresenta un operazione di smobilizzo dei crediti commerciali mediante

Dettagli

Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE

Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Convegno OIC 6: Ristrutturazione del debito e informativa di bilancio Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE Dott. Luca Magnano San Lio Senior

Dettagli

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof.

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof. L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) 1 I contratti bancari fanno parte della più ampia categoria dei CONTRATTI FINANZIARI ossia quei contratti che si caratterizzano

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE OPERAZIONI DI VENDITA 1 LE OPERAZIONI DI VENDITA DI BENI DI SERVIZI DI IMMOBILIZZAZIONI SUI MERCATI ESTERI 2 Pag. 1 DI BENI Il giorno 27 luglio viene emessa una fattura

Dettagli

Come funziona la banca?

Come funziona la banca? Come funziona la banca? Come funziona la banca? Sapere come funziona = sapere perché si comporta come si comporta Attivo netto Attivo netto Prestiti e finanziamenti Attivo Prestiti e finanziamenti (scoperti

Dettagli

COME LA BANCA VALUTA IL MERITO CREDITIZIO?

COME LA BANCA VALUTA IL MERITO CREDITIZIO? COME LA BANCA VALUTA IL MERITO CREDITIZIO? Dr. Giulio Modonutti Consulente finanziario indipendente Migliore è il punteggio assegnato all azienda, maggiori sono le possibilità che l impresa acceda ad un

Dettagli

Banca- impresa cosa è cambiato e cosa cambia

Banca- impresa cosa è cambiato e cosa cambia Convegno Banca- impresa cosa è cambiato e cosa cambia 4 febbraio 2010 Sala Convegni Corso Europa,11 Milano 1 Intervento del dr. Mario Venturini Breve remind sulla valutazione dei rischi creditizi e Basilea

Dettagli

Esame di Stato - Lo smobilizzo dei crediti. Svolgimento

Esame di Stato - Lo smobilizzo dei crediti. Svolgimento Esame di Stato - Lo smobilizzo dei crediti di Maurizio Belli Proposta di esercitazione di Economia aziendale Il candidato, dopo aver illustrato le operazioni bancarie di impiego a breve termine ed evidenziato

Dettagli

LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO

LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO CONSENTONO DI PASSARE DAL CRITERIO DELLA MANIFESTAZIONE FINANZIARIA AL CRITERIO DELLA COMPETENZA ECONOMICA DETERMINARE: - RISULTATO ECONOMICO DELL

Dettagli

LEASING, LEASE-BACK E FACTORING

LEASING, LEASE-BACK E FACTORING ESERCIZIO 1 MAXICANONE DI LEASING LEASING, LEASE-BACK E FACTORING Il contratto di leasing può prevedere, oltre ai canoni mensili, il pagamento di un maxicanone iniziale. In tale ipotesi la quota del canone

Dettagli

Nozioni sulla Centrale Rischi di Banca d Italia

Nozioni sulla Centrale Rischi di Banca d Italia Nozioni sulla Centrale Rischi di Banca d Italia Definizione La Centrale Rischi è un sistema informativo sull indebitamento della clientela di banche e società finanziarie vigilata dalla Banca d Italia.

Dettagli

Sommario. Centrale Rischi...2 Struttura...3 PDF Converter...4 DebtCheck...9 Tabelle... 11 Analisi... 17

Sommario. Centrale Rischi...2 Struttura...3 PDF Converter...4 DebtCheck...9 Tabelle... 11 Analisi... 17 Manuale Operativo Sommario Centrale Rischi...2 Struttura...3 PDF Converter...4 DebtCheck...9 Tabelle... 11 Analisi... 17 Utilizzo Affidamenti... 18 Analisi degli Equilibri... 18 Sconfinamenti... 19 Composizione

Dettagli

1 Relazione sulla gestione

1 Relazione sulla gestione Settore Bancario Andamento della gestione del Gruppo Unipol Banca Il 2013 è stato un anno caratterizzato da profondi cambiamenti che hanno riguardato sia la struttura direzionale della banca che la composizione

Dettagli

IL CONTROLLO DEI CREDITI

IL CONTROLLO DEI CREDITI IL CONTROLLO DEI CREDITI Relatore: Dott. Aldo Cecilia Loiacono OPEN Dot Com Spa Servizio: Nome servizio Pag. 1 PREMESSA INDISPENSABILE: COME ORGANIZZARE E FARE LA REVISONE CONTABILE 1. STABILISCO COME

Dettagli

INFORMATIVA RELATIVA ALL ISTITUZIONE DELLA COMMISIONE DI ISTRUTTORIA VELOCE (CD CIV) Ai sensi art.6 bis D.L.6.12.2011 n. 201 conv. L.

INFORMATIVA RELATIVA ALL ISTITUZIONE DELLA COMMISIONE DI ISTRUTTORIA VELOCE (CD CIV) Ai sensi art.6 bis D.L.6.12.2011 n. 201 conv. L. INFORMATIVA RELATIVA ALL ISTITUZIONE DELLA COMMISIONE DI ISTRUTTORIA VELOCE (CD CIV) Ai sensi art.6 bis D.L.6.12.2011 n. 201 conv. L.214/2011 L art. 6 Bis del Decreto Legge 6.12.2011 n. 201, convertito

Dettagli

L elaborazione avviene attraverso il caricamento automatico dei dati contabili direttamente dal programma gestionale installato in azienda.

L elaborazione avviene attraverso il caricamento automatico dei dati contabili direttamente dal programma gestionale installato in azienda. Il sistema FLUXUS consente l elaborazione ed il trattamento delle informazioni contabili residenti sul gestionale aziendale, traducendone i dati in chiave finanziaria. Attraverso una soluzione interfacciabile

Dettagli

LA REVISIONE DELLA NORMATIVA SULLA CENTRALE DEI RISCHI: GLI ADEGUAMENTI PUMA2 (bozza definitiva)

LA REVISIONE DELLA NORMATIVA SULLA CENTRALE DEI RISCHI: GLI ADEGUAMENTI PUMA2 (bozza definitiva) GRUPPO INTERBANCARIO PUMA2 LA REVISIONE DELLA NORMATIVA SULLA CENTRALE DEI RISCHI: GLI ADEGUAMENTI PUMA2 (bozza definitiva) Roma, dicembre 2004 BANCA D ITALIA Servizio Informazioni Sistema Creditizio INDICE

Dettagli

LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO

LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO CONSENTONO DI PASSARE DAL CRITERIO DELLA MANIFESTAZIONE FINANZIARIA AL CRITERIO DELLA COMPETENZA ECONOMICA DETERMINARE: - RISULTATO ECONOMICO DELL

Dettagli

MORATORIA SUL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Sospensione dei debiti verso le banche

MORATORIA SUL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Sospensione dei debiti verso le banche A cura di: Dott. Antonio Fortarezza MORATORIA SUL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Sospensione dei debiti verso le banche Il 3 agosto 2009 il Ministro dell'economia e delle finanze, il Presidente

Dettagli

Università di Cagliari CORSO DI TECNICA BANCARIA A.A. 2014-2015

Università di Cagliari CORSO DI TECNICA BANCARIA A.A. 2014-2015 Università di Cagliari Dipartimento di Scienze Economiche ed Aziendali Facoltà di scienze economiche giuridiche e politiche CORSO DI TECNICA BANCARIA A.A. 2014-2015 Dott. Rundeddu Vincenzo LE OPERAZIONI

Dettagli

Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari ai sensi degli articoli n. 115 e seguenti T.U.B.

Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari ai sensi degli articoli n. 115 e seguenti T.U.B. Foglio Informativo n UF04 Aggiornamento n 24 ultimo aggiornamento 02/10/2015 Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari ai sensi degli articoli n. 115 e seguenti T.U.B.

Dettagli

Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari ai sensi degli articoli n. 115 e seguenti T.U.B.

Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari ai sensi degli articoli n. 115 e seguenti T.U.B. Foglio Informativo n UF05 Aggiornamento n 24 ultimo aggiornamento 02/10/2015 Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari ai sensi degli articoli n. 115 e seguenti T.U.B.

Dettagli

D AFFIDAMENTI IN C/C: ELASTICITA DI

D AFFIDAMENTI IN C/C: ELASTICITA DI Normativa sulla Trasparenza Bancaria (T. U. Leggi Bancarie D. Lvo 385/93 e norme di attuazione) D AFFIDAMENTI IN C/C: ELASTICITA DI CASSA ANTICIPAZIONI BANCARIE SCONTI DI PORTAFOGLIO FOGLIO INFORMATIVO

Dettagli

CORSO DI TECNICA BANCARIA A.A. 2012-2013

CORSO DI TECNICA BANCARIA A.A. 2012-2013 Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Scienze Economiche ed Aziendali CORSO DI TECNICA BANCARIA A.A. 2012-2013 Dott. Rundeddu Vincenzo Riepilogo 2 Argomenti trattati Il conto corrente bancario

Dettagli

Intervento ordine commercialisti

Intervento ordine commercialisti Intervento ordine commercialisti 1 Perché nascono i Confidi? Per favorire l accesso al credito delle PMI e delle imprese artigiane Per ridurre gli squilibri tra banca e impresa nella valutazione del merito

Dettagli

PROCEDURE INTERNE PER L APPLICAZIONE DELLA C. I. V.

PROCEDURE INTERNE PER L APPLICAZIONE DELLA C. I. V. PROCEDURE INTERNE PER L APPLICAZIONE DELLA C. I. V. Approvate dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 29/11/2012, verbale n. 1355. SOMMARIO - PREMESSA Pag. 2 1. Caratteristiche della CIV Pag.

Dettagli

Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari ai sensi degli articoli n. 115 e seguenti T.U.B.

Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari ai sensi degli articoli n. 115 e seguenti T.U.B. Foglio Informativo n UF06 Aggiornamento n 24 ultimo aggiornamento 02/10/2015 Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari ai sensi degli articoli n. 115 e seguenti T.U.B.

Dettagli

«Revenue is vanity, profit is sanity, but cash is king»

«Revenue is vanity, profit is sanity, but cash is king» «Revenue is vanity, profit is sanity, but cash is king» La liquidità è una delle basi sulle quali si fonda un azienda, senza di essa non sarebbe possibile compiere nemmeno le operazioni economiche più

Dettagli

D AFFIDAMENTI IN C/C: ELASTICITA DI CASSA

D AFFIDAMENTI IN C/C: ELASTICITA DI CASSA Normativa sulla Trasparenza Bancaria (T. U. Leggi Bancarie D. Lvo 385/93 e norme di attuazione) D AFFIDAMENTI IN C/C: ELASTICITA DI CASSA SCONTI DI PORTAFOGLIO ECC. FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI

Dettagli

Aggiornamento n.4 Ultimo aggiornamento: 11 gennaio 2016. Socio unico, Direzione e Coordinamento: SACE S.p.A.

Aggiornamento n.4 Ultimo aggiornamento: 11 gennaio 2016. Socio unico, Direzione e Coordinamento: SACE S.p.A. Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari D.Lgs. del 1/09/1993, n. 385 (T.U.B.) Provvedimento Banca d Italia del OPERAZIONI DI FACTORING DEBITORI CEDUTI Aggiornamento n.4 Ultimo aggiornamento:

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

Nome e Cognome/ Ragione Sociale Sede (Indirizzo) Telefono e E-mail

Nome e Cognome/ Ragione Sociale Sede (Indirizzo) Telefono e E-mail Foglio informativo n. 076/055. Finanziamenti su crediti commerciali Italia ed Estero. Finanziamenti per anticipi su contratti e altri documenti. Finanziamento per pagamento fornitori Italia. Finanziamenti

Dettagli

Tesoreria.net per. Il programma produce situazioni immediatamente confrontabili con i documenti inviati dalle banche.

Tesoreria.net per. Il programma produce situazioni immediatamente confrontabili con i documenti inviati dalle banche. La Soluzione per la Gestione, la Programmazione e l Analisi della Finanza Aziendale 1 di 39 Tesoreria.net per TESORERIA. NET Tesoreria. NET L'attuale operatività delle aziende evidenzia in forma ricorrente,

Dettagli

ANTICIPO EFFETTI AL SALVO BUON FINE

ANTICIPO EFFETTI AL SALVO BUON FINE ANTICIPO EFFETTI AL SALVO BUON FINE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA DI SCONTO E CONTI CORRENTI DI SANTA MARIA CAPUA VETERE S.P.A Sede legale e amministrativa: Piazza Giuseppe

Dettagli

Il factoring internazionale

Il factoring internazionale Il factoring internazionale Internazionale prefazione Le operazioni di factoring sono in misura crescente effettuate con controparti cedenti e debitrici estere per effetto della crescente internazionalizzazione

Dettagli

Le perdite su crediti

Le perdite su crediti Il bilancio 2013 : novità e criticità Le perdite su crediti dott. Paolo Farinella Commissione Principi Contabili ODCEC Milano Milano 28 febbraio 2014 sede corso Europa 11 0. Introduzione Sintesi argomenti

Dettagli

LE SCRITTURE ASSESTAMENTO

LE SCRITTURE ASSESTAMENTO LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO SCRITTURE DI ASSESTAMENTO Le scritture di assestamento consentono di passare dal criterio della manifestazione finanziaria al criterio della competenza economica e sono effettuate

Dettagli

CONTROLLI CONTABILI DI BILANCIO

CONTROLLI CONTABILI DI BILANCIO CONTROLLI CONTABILI DI BILANCIO Descrizione Verifiche Sì No Crediti verso soci Sono stati controllati gli importi ancora dovuti da parte dei Versamenti soci relativamente al capitale sottoscritto ma non

Dettagli

LE OPERAZIONI DI SMOBILIZZO E GLI ANTICIPI SU FATTURE. Prof. Pietro Samarelli

LE OPERAZIONI DI SMOBILIZZO E GLI ANTICIPI SU FATTURE. Prof. Pietro Samarelli LE OPERAZIONI DI SMOBILIZZO E GLI ANTICIPI SU FATTURE Prof. Pietro Samarelli La cessione di credito E l istituto giuridico mediante il quale il creditore originario viene sostituito da un altro soggetto,

Dettagli

Università di Cagliari CORSO DI TECNICA BANCARIA A.A. 2013-2014

Università di Cagliari CORSO DI TECNICA BANCARIA A.A. 2013-2014 Università di Cagliari Dipartimento di Scienze Economiche ed Aziendali Facoltà di scienze economiche giuridiche e politiche CORSO DI TECNICA BANCARIA A.A. 2013-2014 Dott. Rundeddu Vincenzo LE OPERAZIONI

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO FACTORING

FOGLIO INFORMATIVO FACTORING Pag. 1 / 11 FOGLIO INFORMATIVO FACTORING Le condizioni pubblicizzate non costituiscono offerta al pubblico a norma dell art. 1336 del Codice Civile Sezione 1 - Informazioni sulla Banca Monte dei Paschi

Dettagli

Nome e Cognome/ Ragione Sociale Sede (Indirizzo) Telefono e E-mail

Nome e Cognome/ Ragione Sociale Sede (Indirizzo) Telefono e E-mail Foglio informativo n. 076/062. Finanziamenti su crediti commerciali Italia ed Estero. Finanziamenti per anticipi su contratti e altri documenti. Finanziamento per pagamento fornitori Italia. Finanziamenti

Dettagli

FERCREDIT spa. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Esercizio 2008

FERCREDIT spa. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Esercizio 2008 FERCREDIT spa Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Pag. 1/12 Premessa La Circolare della Banca d Italia n. 216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007 al capitolo V ha introdotto

Dettagli

Oggetto: LA NUOVA STRETTA SUI COSTI AUTO

Oggetto: LA NUOVA STRETTA SUI COSTI AUTO Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: LA NUOVA STRETTA SUI COSTI AUTO Nell ambito della cosiddetta Riforma del mercato del lavoro meglio nota anche come Legge Fornero (L. n.92 del 28 giugno 2012) erano

Dettagli

LA GESTIONE FINANZIARIA, LA SUA PIANIFICAZIONE & IL BUSINESS PLAN. Previsione dei fabbisogni e gestione dei flussi aziendali

LA GESTIONE FINANZIARIA, LA SUA PIANIFICAZIONE & IL BUSINESS PLAN. Previsione dei fabbisogni e gestione dei flussi aziendali LA GESTIONE FINANZIARIA, LA SUA PIANIFICAZIONE & IL BUSINESS PLAN Previsione dei fabbisogni e gestione dei flussi aziendali AGENDA CARATTERI GENERALI DELLA FUNZIONE FINANZIARIA PERCHE L AZIENDA NECESSITA

Dettagli

I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE

I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE - BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Società per Azioni - Sede legale e Direzione Generale: Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma - Tel +390647021 http://www.bnl.it - Iscritta

Dettagli

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof.

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof. L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) 1 I contratti bancari fanno parte della più ampia categoria dei CONTRATTI FINANZIARI ossia quei contratti che si caratterizzano

Dettagli

Liberare risorse per sviluppare il proprio business

Liberare risorse per sviluppare il proprio business FAI EMERGERE DALL AZIENDA LA LIQUIDITA NECESSARIA AL TUO BUSINESS Liberare risorse per sviluppare il proprio business Per una visione olistica della gestione del capitale circolante Giuseppe Santoro Consulente

Dettagli

LA GESTIONE PRESTITI

LA GESTIONE PRESTITI LA GESTIONE PRESTITI LA MANIFESTAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO IL CONTRATTO DI DEBITO (PRESTITO) PREVEDE DUE PRESTAZIONI NON CONTESTUALI E UNA CONDIZIONE DI INCERTEZZA FINO ALLA DATA DEL RIMBORSO NELL IPOTESI

Dettagli

Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico

Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico per la classe 4 a Istituti tecnici e Istituti professionali 01. Crediti verso soci per versamenti

Dettagli

TERZO PILASTRO BASILEA 2 ESERCIZIO 2009

TERZO PILASTRO BASILEA 2 ESERCIZIO 2009 TERZO PILASTRO BASILEA 2 ESERCIZIO 2009 EMILIA ROMAGNA FACTOR S.p.A. Abbreviato: EMIL-RO FACTOR S.p.A. Strada Maggiore, 29-40125 Bologna Tel 051 6482111 - Fax 051 6482199 - e-mail emilro@emilro.it Capitale

Dettagli

Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari ai sensi degli articoli n. 115 e seguenti T.U.B.

Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari ai sensi degli articoli n. 115 e seguenti T.U.B. Foglio Informativo n UF01 Aggiornamento n 24 ultimo aggiornamento 02/10/2015 Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari ai sensi degli articoli n. 115 e seguenti T.U.B.

Dettagli

Regole alla base delle segnalazioni in Centrale Rischi Banca d Italia: le variazioni dello stato del rapporto

Regole alla base delle segnalazioni in Centrale Rischi Banca d Italia: le variazioni dello stato del rapporto Regole alla base delle segnalazioni in Centrale Rischi Banca d Italia: le variazioni dello stato del rapporto Gli intermediari finanziari devono segnalare a Banca d Italia alcune categorie di rischio che

Dettagli

CONTO ANTICIPO FATTURE SALVO BUON FINE

CONTO ANTICIPO FATTURE SALVO BUON FINE CONTO ANTICIPO FATTURE SALVO BUON FINE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Sant Angelo Corso Vittorio Emanuele n. 10-92027 - Licata (AG) Tel.: 0922 860223 Fax: 0922865366 Email: info@bancasantangelo.com

Dettagli

L apporto di nuova finanza nel Concordato con continuità aziendale e requisiti per il beneficio della prededuzione

L apporto di nuova finanza nel Concordato con continuità aziendale e requisiti per il beneficio della prededuzione L apporto di nuova finanza nel Concordato con continuità aziendale e requisiti per il beneficio della prededuzione DOTT. ALBERTO GUIOTTO Bergamo, 5 febbraio 2013 STUDIO AGFM CONCORDATO PREVENTIVO E NUOVA

Dettagli

Biblioteca di Economia aziendale. per il secondo biennio e il quinto anno. Istituti tecnici del settore economico

Biblioteca di Economia aziendale. per il secondo biennio e il quinto anno. Istituti tecnici del settore economico Biblioteca di Economia aziendale PIANO DEI CONTI DI UN IMPRESA INDUSTRIALE IN FORMA DI SOCIETÀ PER AZIONI Documento Piano dei conti BILANCIO DI UN IMPRESA INDUSTRIALE IN FORMA DI SOCIETÀ PER AZIONI STATO

Dettagli

Indirizzo GIURIDICO ECONOMICO AZIENDALE

Indirizzo GIURIDICO ECONOMICO AZIENDALE ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PROGETTO IGEA Anno 2000 Indirizzo GIURIDICO ECONOMICO AZIENDALE Tema di: ECONOMIA AZIENDALE Il candidato sta esaminando, con alcuni amici neo-diplomati, la possibilità di iniziare

Dettagli

Foglio informativo n. 2209. OPERAZIONI DI FACTORING GARANZIA DEI CREDITI COMMERCIALI

Foglio informativo n. 2209. OPERAZIONI DI FACTORING GARANZIA DEI CREDITI COMMERCIALI Foglio informativo n. 2209. OPERAZIONI DI FACTORING GARANZIA DEI CREDITI COMMERCIALI Informazioni sulla banca Denominazione: MEDIOCREDITO ITALIANO S.P.A. Sede legale e amministrativa : Via Montebello 18-20121

Dettagli

Il controllo operativo nell area commerciale. Corso di Gestione dei Flussi di informazione A.A. 2009/2010

Il controllo operativo nell area commerciale. Corso di Gestione dei Flussi di informazione A.A. 2009/2010 Il controllo operativo nell area commerciale Corso di Gestione dei Flussi di informazione A.A. 2009/2010 Ciclo ordini-spedizioni Ciclo vendite-incassi Ciclo ordini spedizioni 1. Acquisizione degli ordini

Dettagli

Foglio informativo n. 2211. OPERAZIONI DI FACTORING TRAVELFACTORING

Foglio informativo n. 2211. OPERAZIONI DI FACTORING TRAVELFACTORING Foglio informativo n. 2211. OPERAZIONI DI FACTORING TRAVELFACTORING Informazioni sulla banca Denominazione: MEDIOCREDITO ITALIANO S.P.A. Sede legale e amministrativa : Via Montebello 18-20121 Milano Numero

Dettagli

Gli Istituti di credito e le esigenze di copertura del capitale circolante

Gli Istituti di credito e le esigenze di copertura del capitale circolante Gli Istituti di credito e le esigenze di copertura del capitale circolante Politiche del credito e conseguenti scelte tecniche 11 maggio 2012 Agenda La domanda e l offerta di credito Il capitale circolante

Dettagli

Valore nominale del credito < var. fin. + (riscossione) Si riscuotono interessi di mora o penali.

Valore nominale del credito < var. fin. + (riscossione) Si riscuotono interessi di mora o penali. INCASSO CREDITI Valore nominale del credito < var. fin. + (riscossione) Si riscuotono interessi di mora o penali. Cassa (Banca c/c) a Crediti v/clienti Interessi di mora Valore nominale del credito = var.

Dettagli

PROCEDURE INTERNE PER L APPLICAZIONE DELLA COMMISSIONE ISTRUTTORIA VELOCE (C.I.V.) AI SENSI DEL D.M. n. 644/2012

PROCEDURE INTERNE PER L APPLICAZIONE DELLA COMMISSIONE ISTRUTTORIA VELOCE (C.I.V.) AI SENSI DEL D.M. n. 644/2012 PROCEDURE INTERNE PER L APPLICAZIONE DELLA COMMISSIONE ISTRUTTORIA VELOCE (C.I.V.) AI SENSI DEL D.M. n. 644/2012 Delibera CdA del 01.08.2012 Aggiornamento del 22 Gennaio 2014 INDICE PREMESSA... 3 1. CARATTERISTICHE

Dettagli

Incontro con ASSOLOMBARDA

Incontro con ASSOLOMBARDA Incontro con ASSOLOMBARDA Milano, 19 ottobre 2011 UniCredit fonda la propria identità sul valore del proprio radicamento territoriale e si caratterizza per una forte identità europea, un'estesa presenza

Dettagli

Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca

Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca Agenda Il Gruppo Banca Popolare di Sondrio Il rischio di credito: analisi qualitativa e quantitativa Il Gruppo Banca Popolare di Sondrio

Dettagli

Analisi della sostenibilità dell indebitamento finanziario nelle piccole e medie imprese Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato

Analisi della sostenibilità dell indebitamento finanziario nelle piccole e medie imprese Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato Analisi della sostenibilità dell indebitamento finanziario nelle piccole e medie imprese Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato Introduzione La situazione della finanza mondiale versa oggi

Dettagli

IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA

IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA IN OTTICA BASILEA 2 DOTT. GABRIELE TROISE - troise@innofin.net 1 PRINCIPI ISPIRATORI DI BASILEA 2 BASILEA 2 E UNA NORMATIVA DIRETTA ALLE BANCHE. FUNZIONE PRECIPUA DELLA

Dettagli

Le Operazioni di Impiego: I FINANZIAMENTI BANCARI A BREVE TERMINE. Università degli Studi di Teramo - Prof. Paolo Di Antonio

Le Operazioni di Impiego: I FINANZIAMENTI BANCARI A BREVE TERMINE. Università degli Studi di Teramo - Prof. Paolo Di Antonio Le Operazioni di Impiego: I FINANZIAMENTI BANCARI A BREVE TERMINE 1 Le Operazioni di Impiego: I Finanziamenti a Breve Termine Finanziamenti Bancari Finanziamenti a breve termine Finanziamenti a medio-

Dettagli

Incasso e/o accredito s.b.f. di effetti RI.BA Reteincassi RID MAV (Portafoglio)

Incasso e/o accredito s.b.f. di effetti RI.BA Reteincassi RID MAV (Portafoglio) Foglio Informativo a disposizione della clientela ai sensi del D.lgs. n. 385/1993 sulla Trasparenza delle operazioni e dei IP3 servizi bancari e finanziari 1/4 Informazioni sulla Banca Banca Carige S.p.A.

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema di Economia aziendale proposto negli Istituti Tecnici è incentrato sulla crisi finanziaria ed è articolato in una parte obbligatoria e tre percorsi alternativi

Dettagli

Dati e qualifica soggetto incaricato dell offerta fuori sede

Dati e qualifica soggetto incaricato dell offerta fuori sede Cassa Lombarda S.p.A. Pagina 1 di 5 INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO SCONTO DI PORTAFOGLIO Denominazione e forma giuridica: CASSA LOMBARDA SPA Sede legale: Via Alessandro Manzoni, 12/14 20121

Dettagli

PORTAFOGLIO COMMERCIALE

PORTAFOGLIO COMMERCIALE PORTAFOGLIO COMMERCIALE INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA POPOLARE DELL EMILIA ROMAGNA Società cooperativa con sede legale e amministrativa in Modena, via San Carlo n. 8/20 Codice Fiscale, Partita Iva e Numero

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO GESTIONE INCASSI PORTAFOGLIO ELETTRONICO E CARTACEO Salvo Buon Fine e Dopo Incasso

FOGLIO INFORMATIVO GESTIONE INCASSI PORTAFOGLIO ELETTRONICO E CARTACEO Salvo Buon Fine e Dopo Incasso FOGLIO INFORMATIVO GESTIONE INCASSI PORTAFOGLIO ELETTRONICO E CARTACEO Salvo Buon Fine e Dopo Incasso NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI (D.LGS 385 DEL 01/09/1993 e successivi

Dettagli

GE Commercial Finance Business Finance

GE Commercial Finance Business Finance TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI (D. Lgs n. 385/1993) a norma della Deliberazione del Comitato Interministeriale per il Credito e il Risparmio del 4 marzo 2003 relativa alla

Dettagli

LA GESTIONE DEL CREDITO IN SOFFERENZA

LA GESTIONE DEL CREDITO IN SOFFERENZA INCONTRO FORMATIVO LA GESTIONE DEL CREDITO IN SOFFERENZA Recenti novità normative art. 33, comma 5, D.L. Crescita riconoscimento dell Accordo di Ristrutturazione dei debiti tra le procedure che consentono

Dettagli

QUESTIONARIO PER LA RICHIESTA DI SERVIZI DI FACTORING

QUESTIONARIO PER LA RICHIESTA DI SERVIZI DI FACTORING QUESTIONARIO PER LA RICHIESTA DI SERVIZI DI FACTORING Il richiedente, nel dichiarare la veridicità delle informazioni fornite per la compilazione del presente questionario, prende atto che tali dati verranno

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO ANNO 2014

INFORMATIVA AL PUBBLICO ANNO 2014 INFORMATIVA AL PUBBLICO ANNO 214 Finanziaria Senese di Sviluppo S.P.A. Sede Legale Piazza Matteotti 3 531 Siena Capitale Sociale 16.572.177 i.v. Codice Fiscale e Partita Iva 721528 Società iscritta nell

Dettagli

Dossier Impresa - FACSIMILE DI COMPILAZIONE Cosa comunicare alla banca

Dossier Impresa - FACSIMILE DI COMPILAZIONE Cosa comunicare alla banca Dossier Impresa - FACSIMILE DI COMPILAZIONE Cosa comunicare alla banca Obiettivo: raccogliere tutte le informazioni utili per una corretta identificazione del soggetto richiedente AZIENDA L esatta attività

Dettagli

D AFFIDAMENTI IN C/C: ELASTICITA DI CASSA

D AFFIDAMENTI IN C/C: ELASTICITA DI CASSA Normativa sulla Trasparenza Bancaria (T. U. Leggi Bancarie D. Lvo 385/93 e norme di attuazione) D AFFIDAMENTI IN C/C: ELASTICITA DI CASSA - SCONTI DI PORTAFOGLIO ECC. FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI

Dettagli

Esercitazione Ragioneria Generale ed Applicata A.A. 2015/2016 Il caso Vini buoni Spa

Esercitazione Ragioneria Generale ed Applicata A.A. 2015/2016 Il caso Vini buoni Spa Esercitazione Ragioneria Generale ed Applicata A.A. 2015/2016 Il caso Vini buoni Spa TESTO ESERCITAZIONE CODIFICATO 1. In data 2/12 si paga al fornitore Le bottiglie Srl, tramite bonifico bancario, un

Dettagli

Perdite su crediti e fondo svalutazione crediti

Perdite su crediti e fondo svalutazione crediti Perdite su crediti e fondo svalutazione crediti dott. Mauro Nicola Presidente dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Novara VALUTAZIONE CIVILISTICA DEI CREDITI REQUISITI PER LA

Dettagli

L ABC DEI PRODOTTI FINANZIARI

L ABC DEI PRODOTTI FINANZIARI APPROFONDIMENTO Cessione BANCHE L ABC DEI PRODOTTI FINANZIARI A CURA DEL CENTRO STUDI ECONOMICO FINANZIARIO DELLA FINANCIAL ADVISORS BUSINESS DIVISIONE RETAIL SOMMARIO 1 IL PRESTITO CHIROGRAFARIO 2 AFFIDAMENTI

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Acquisto dei Crediti di Impresa Factoring

FOGLIO INFORMATIVO Acquisto dei Crediti di Impresa Factoring FOGLIO INFORMATIVO Acquisto dei Crediti di Impresa Factoring Norme per la Trasparenza delle Operazioni e dei Servizi Bancari e Finanziari ai sensi degli artt. 115 e segg. TUB Informazioni su Milliora Finanzia

Dettagli

Sito internet Http://www.bancasassari.it indirizzo e-mail direzionegenerale@bancasassari.it

Sito internet Http://www.bancasassari.it indirizzo e-mail direzionegenerale@bancasassari.it FOGLIO INFORMATIVO PER OPERAZIONI DI ACQUISTO DI CREDITI DI IMPRESA (Factoring) Aggiornamento al 1.1.2009 Servizio offerto da: BANCA DI SASSARI S.p.A. (codice ABI 5676.2) Società per Azioni con sede legale

Dettagli