Newsletter - Anno III n. 40 Osservatorio Energia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Newsletter - Anno III n. 40 Osservatorio Energia"

Transcript

1 Newsletter - Anno III n. 40 Osservatorio Energia Responsabile della Newsletter: Claudia Checchi - tel Informazioni: Giusy Squicciarini - tel Dicembre 2001 Indice VARATA LA DISCIPLINA SULLE IMPORTAZIONI PER IL 2002: NASCE IL PRIMO MERCATO TRANSNAZIONALE DELLA CAPACITÀ... 2 REGOLAMENTAZIONE Gli oneri impropri nella tariffa elettrica nel 2001 e le nuove aste CIP Nuovi corrispettivi d'accesso e d'uso delle reti... 9 PANORAMA INTERNAZIONALE L'apertura dell'upstream del gas in Spagna: i risultati delle aste sui contratti di importazione CORPORATE La crisi di Enron: la vicenda, le possibili cause e le implicazioni per gli aspetti regolatori LE INDICAZIONI DEL MERCATO SUI PREZZI DELL'ENERGIA Prezzo dell'energia: le attese del mercato CONGIUNTURA Panorama sulle borse elettriche europee: novembre News dalle borse Grafici OSSERVATORIO ENERGIA Gruppo di lavoro: Donato Berardi, Claudia Checchi, Roberto Galbiati, Nicola Gallo, Michele Pacillo, Francesca Sala, Giusy Squicciarini, Lucia Vergano. Comitato Scientifico: R. Artoni, G. Martini, L. Parisio, M. Polo, P. Saraceno, C. Scarpa, G. Vaciago Soci sostenitori: ACEA, AEM Milano, ASM Brescia, Centro Energia (Foster Wheeler, Gruppo Merloni), Cispel, Confindustria, Dalmine, Edison, EnBW Italia, Enel SpA Corporate Finanza e Amministrazione, ENI, Entergy Power Services Italia, Italcementi, Italgas, World Energy, Pirelli Cavi e Sistemi, Sondel ref. è una nuova società di ricerca e consulenza che l'irs e i suoi economisti senior hanno costituito con l'obiettivo di sviluppare ricerche e metodi di analisi che possano sostenere aziende, istituzioni e organismi governativi, nei loro processi decisionali.

2 Varata la Disciplina sulle importazioni per il 2002: nasce il primo mercato transnazionale della capacità Con la Delibera 301/01 l Autorità vara finalmente la disciplina per l allocazione della capacità di interconnessione scarsa per l anno Anche quest anno la disciplina è stata pubblicata a dicembre inoltrato, con conseguente ristrettezza dei tempi per l espletamento delle procedure di richiesta da parte degli operatori al GRTN: la delibera dell Autorità è stata pubblicata infatti il 12 dicembre (e per l entrata in vigore non si è potuta aspettare la pubblicazione su Gazzetta Ufficiale), mentre i termini per la consegna delle richieste al GRTN sono stati fissati al 18 dicembre per gli interrompibili e al 21 (prorogato rispetto all iniziale 19) per i non interrompibili. Dopo mesi di dibattito sulla questione e confermando le anticipazioni della vigilia, la Delibera 301 dell Autorità sostanzialmente recepisce gli indirizzi comunicati dal Ministero per le attività produttive ed approva l accordo con l Autorità francese CRE (Comision de Regulation de l Electricitè) per l allocazione congiunta. Gli indirizzi del Ministero. Gli indirizzi del Ministero sono di carattere generale ma vanno ad influenzare in modo determinante l assetto della normativa. Le indicazioni governative prevedono infatti: - Sui contratti interrompibili: la riserva di una quota di capacità di trasporto sulla rete di interconnessione pari ad almeno 600 MW (con soglia minima per banda di 10 MW) a contratti con clausola di interrompibilità istantanea da assegnarsi con il metodo pro-rata su base almeno triennale; - Sul metodo di assegnazione: l adozione del metodo pro-rata anche per la parte restante, da riservarsi principalmente ai diretti utilizzatori, ossia a soggetti che intendono utilizzare un elevata quota della potenza assegnata; - La previsione di un adeguata regolamentazione del mercato secondario. Gli indirizzi del Ministero prevedono profonde novità rispetto alla disciplina dell anno passato, non tanto per il metodo di allocazione in caso di scarsità (che rimane il pro-rata) quanto per l introduzione della riserva di capacità destinata a soggetti disposti all interrompibilità istantanea e per la previsione di una regolamentazione del mercato secondario, a fronte dell obbligo di utilizzo della capacità per i soggetti assegnatari. L accordo con CRE: l accordo stipulato tra le autorità elettriche di Italia e Francia stabilisce per la prima volta un regime di assegnazione comune della capacità disponibili sulla frontiera. Il GRTN italiano sarà il soggetto responsabile dell assegnazione anche per conto della francese RTE (Réseau de Transport d Electricitè). La vera novità sta quindi nel fatto che il GRTN sarà responsabile di tutta la capacità di interconnessione con la Francia, mentre per gli altri paesi il GRTN, come avveniva anche in passato, gestirà solamente la metà della capacità disponibile, essendo l altra metà riservata alle autorità dei paesi confinanti. L accordo individua due poli principali di interconnessione dell Italia con i paesi confinanti: il polo di Nord-Ovest, che comprende le frontiere con Francia e Svizzera e il Polo di Nord Est, con Austria e Slovenia. La rete di trasporto all interno dei due poli è da considerarsi interconnessa, ed una ripartizione tra le frontiere dei singoli stati risulta difficile. Gli studi compiuti congiuntamente dai due gestori di rete hanno portato alla determinazione dei valori come riportati nelle tabelle. Dei 6000 MW disponibili per l interconnessione dell Italia con i paesi confinanti 2660 sono destinati a contratti di lungo periodo antecedenti alla liberalizzazione (1800 dalla Francia, 800 dalla Svizzera) e 1300 alle autorità di regolamentazione nazionali dei paesi confinanti che non hanno aderito all accordo (Svizzera, Austria e Slovenia). La capacità complessiva a disposizione del mercato risulta quindi di 1800 MW (dei 5400) sul polo do Nord Ovest e 300 (dei 600) sul Polo di Nord Est (cfr. Tab. 1). 2

3 Tab. 1 - Ripartizione della capacit di importazione per frontiera (valori massimi per il periodo invernale) Pool di Nord Ovest Pool di Nord Est Totale Francia Svizzera Austria Slovenia Riservata a contratti di lungo periodo Riservata alle Autorit nazionali estere Capacit del Polo Totale Da questi valori vano ulteriormente sottratte le quote destinate all importazione verso la Repubblica di Sa. Marino, verso il Vaticano e Verso la Corsica (via Italia). Destinate ai contratti interrompibili sono 500 MW su polo di Nord Ovest e 100 su quello di Nord Est. Complessivamente a disposizione del mercato libero rimangono 1153 MW sul Polo di Nord Ovest e 200 su quello do Nord est, per un totale di 1353 MW (Cfr. Tab. 2). Da sottolineare che si tratta di cifre minime, in quanto è prevista la presenza di un mercato secondario con orizzonte mensile o settimanale in cui il GRTN potrebbe decidere di mettere a disposizione del mercato libero quote della capacità riservata ad altre fonti e non sfruttata. Confrontando i valori della capacità di importazioni risultanti dall accordo con le autorità francesi con le capacità disponibili nel 2001 (Cfr. Tab. 3) quello che si nota immediatamente è un aumento della capacità totale di importazione dedicata al mercato: dai 1510 MW del 2001, (di cui l 80% assegnato su base annuale e il restante su base mensile) si passa ad una capacità totale per il 2002 di 1953 MW, di cui 600 dedicati ai contratti interrompibili. Al netto dei contratti interrompibili la capacità di importazione risulta comunque ridotta rispetto al L aumento complessivo è da imputarsi all unificazione della assegnazione con la Francia. I maggiori problemi riguardano però l interconnessione con la Svizzera: poiché è difficilmente differenziabile la ripartizione della capacità di importazione la Svizzera si è vista definire la capacità di interconnessione con l Italia attraverso un accordo cui non ha preso parte. In particolare nella Delibera 301 si specifica che la capacità totale del Polo di Nord Ovest di 5400 MW vada ripartita, secondo i calcoli effettuati dai gestori di rete, in 2600 MW dalla Francia e 2800 dalla Svizzera. Ciò in effetti comporta una capacità dedicata al mercato libero dalla Svizzera di 1000 MW contro i 1100 del 2001, che rappresenta una diminuzione del 9%. Ciò ha suscitato le rimostranze degli operatori Svizzeri, che vedono in questo modo sottostimata la propria forza contrattuale a favore invece di quella francese, che peraltro, secondo l opinione svizzera, si aggiudicherebbe una capacità complessiva superiore a quella effettiva. Non si escludono riscorsi di natura sia politica che legale contro la decisione presa. Per quanto riguarda infine l interconnessione con la Grecia, non essendo ancora certa la data di entrata in vigore del nuovo elettrodotto di collegamento con Tab. 2 - Ripartizione della capacit per Polo (valori massimi per il periodo invernale) Interrompibili S. Marino Vaticano Corsica Non Totale interrompibili Polo di Nord Ovest Polo di Nord Est Totale Tab. 3 - Ripartizione della capacit di interconnessione per il 2001 Francia Svizzera Austria Slovenia Totale Interconnessione Assegnata annualmente Assegnata mensilmente Totale Mercato Libero

4 Italia non è stato possibile per le autorità un accordo sulle quantità coinvolte. La ripartizione della capacità scarsa. Come anticipato il metodo di base della assegnazione rimane invariato ed è quello del pro-rata. La maggiore novità introdotta dalla delibera è invece quella delle previsione di un mercato secondario. In particolare per rispettare gli indirizzi del Ministero che evidenziano la volontà di concedere la capacità di interconnessione a soggetti che utilizzano l energia importata l Autorità ha disposto che: - le bande di capacità abbiano dimensione minima di 3 MW; - al termine di ogni settimana tutti gli assegnatari di bande di importazione, compresi i titolari di contratti pluriennali, comunichino sia al GRTN che al gestore di rete del paese confinante un programma orario di scambio alla frontiera; - se il programma orario di scambio prevede lo sfruttamento di quota inferiore all 80% della capacità assegnata all operatore (90% in caso di interrompibili) il GRTN provvede a revocare il diritto all interconnessione concesso. - Per ovviare a questa eventualità la capacità di interconnessione può essere ceduta esclusivamente su un apposito mercato (se la capacità è interrompibile può essere ceduta solo a soggetti che presentano i requisiti di interrompibilità). Il mercato secondario sarà gestito dal GRTN in base agli indirizzi dell autorità. Su questo mercato, aperto a tutti i clienti idonei e che si terrà almeno una volta al mese per tutto il 2002 (quindi almeno 12 sessioni), sarà possibile la compravendita di quote della capacità di interconnessione su orizzonte temporale mensile o settimanale, relativamente a tutti i mesi o settimane del 2002 successive al giorno della contrattazione. Contrattazioni separate avverranno per il Polo di Nord Ovest e per quello di Nord Est. Al mercato può partecipare come offerente anche il GRTN per l assegnazione di eventuali bande mensili 1. L Autorità non specifica il meccanismo di formazione del prezzo ma sottolinea solamente come le offerte andranno abbinate seguendo l ordine decrescente delle offerte di acquisto e crescente di quelle di vendita. Quantità scambiate e relativi prezzi verranno pubblicati dal GRTN. Il meccanismo di calcolo delle quote assegnate ai richiedenti in caso di domande superiori alla capacità sulla frontiera funziona nel seguente modo: - Ciascuna banda richiesta viene ridotta di un coefficiente di razionamento pari al rapporto tra la capacità disponibile e la capacità richiesta; - Se una banda una volta ridotta supera del 10% l ammontare della capacità disponibile alla frontiera, al titolare della banda stessa viene assegnato automaticamente il 10% della capacità disponibile; - Se nessuna delle bande supera il 10% si procede all esclusione di una singola banda che, una volta ridotta, risulta inferiore ai 3 MW; se ve ne sono più di una l esclusione avviene per sorteggio; - Il procedimento viene ripetuto - considerando la capacità disponibile al netto di quanta già assegnata alle bande che superavano il 10% - finché le richieste non risultano uguali alla disponibilità. Nel complesso quindi nessun importatore potrà aggiudicarsi una quota superiore al 10% della capacità disponibile su ogni frontiera; nel complesso la quantità di capacità ottenibile da un singolo ammonta così a 60 MW ( ) per l interrompibile e 135 MW ( ) per il non interrompibile; a tal fine imprese collegate vengono considerate congiuntamente (la controllante per tutte le controllate), mentre le bande richieste da un grossista per conto di un cliente finale del quale lo stesso è venditore, vengono considerate nella quota del grossista stesso. Un tetto alla capacità acquistabile esiste anche relativamente al mercato secondario: secondo la Delibera 301 infatti il GRTN dovrà accertare che nessun operatore diventi titolare di più del 15% della capacità complessivamente disponibile nella settimana o nel mese di riferimento (202 MW non interrompibili e 90 interrompibili). La nuova disciplina sulla capacità di importazione segna un passo importante in quanto rappresenta il primo esempio a livello europeo di mercato unico tra 1 Non esiste comunque una previsione di riserva dell 80% della capacità al mercato mensile come nel

5 due paesi (un accordo simile tra Spagna e Portogallo potrebbe realizzarsi nel 2003).Più volte è stato sottolineato come il metodo pro-quota rappresenti un meccanismo economicamente inefficiente per la valorizzazione del bene scarso (ossia la capacità di interconnessione): l ottenimento della capacità a fronte della semplice richiesta implica il godimento della rendita derivante dal differenziale del prezzo dell energia elettrica italiana con quello estero più basso a vantaggio esclusivo degli importatori assegnatari della capacità. Attraverso un meccanismo d asta invece la rendita andrebbe, a fronte di un corrispettivo pagato per l aggiudicazione della capacità, al GRTN e, di conseguenza, all intero sistema elettrico italiano. Allo stesso tempo il meccanismo di asta consentirebbe, attraverso l assegnazione ai migliori offerenti, la selezione degli operatori più efficienti: gli importatori che ottengono una prezzo più basso all estero saranno anche quelli disposti a pagare di più per la capacità di importazione. Da notare però che anche l accordo con la Francia sottolinea come il meccanismo del proquota sia da considerarsi provvisorio in attesa che sia possibile introdurre meccanismi di mercato per la ripartizione della capacità di interconnessione. E quindi augurabile che per i prossimi anni il meccanismo verrà rivisto. La presenza di un mercato secondario regolato per lo scambio dell interconnessione tra gli importatori assegnatari e i clienti finali rappresenta sicuramente un elemento positivo, perché consente la massimizzazione dello sfruttamento della capacità attraverso un meccanismo comunque controllato e trasparente, il che dovrebbe evitare i problemi incorsi nel Ciò che crea le più forti perplessità è la riserva di 600 MW agli interrompibili, peraltro con contratti triennali. Anche ammettendo la necessità da parte del GRTN di disporre di energia di riserva, la quota da importazioni, sommata a quella del CIP6, fornisce un ammontare complessivo per il sistema di 2600 MW interrompibili, dei quali 1100 senza preavviso e 1500 con preavviso massimo di 24 ore, che appaiono francamente al di sopra delle necessità. Inoltre la stipula di contratti triennali implica la permanenze di contratti di interrompibilità anche successivamente alla partenza del meccanismo di borsa, che dovrebbe già essere in vigore dal gennaio In un sistema di borsa la funzione degli interrompibili è sostituita dal mercato della riserva (ed eventualmente dal mercato del bilanciamento), dove appunto il GRTN acquista dagli operatori capacità di riserva per ognuna delle ore del giorno successivo. La presenza di un mercato orario consente una migliore previsione delle effettive necessità di riserva e una valorizzazione più efficiente (essendo acquistata all asta dal migliore offerente) ed è quindi preferibile ad un meccanismo di contrattualizzazione dei carichi di lungo periodo. Inoltre la sottrazione di una parte della riserva dal meccanismo di mercato potrebbe compromettere la funzionalità e la liquidità del meccanismo di borsa nel complesso, vista la già scarsa presenza di operatori sul mercato elettrico. Detto ciò è anche da sottolineare come la Delibera 301 non preveda nessun tipo di penalità per gli importatori che eventualmente risultassero inadempienti a fronte della richiesta di interruzione da parte del GRTN. In questa ottica la previsione della interrompibilità appare più come una risposta alla necessità di sussidiare le imprese energivore che necessitano di energia a basso costo piuttosto che una misura volta alla sicurezza del sistema. Non volendo entrare nel merito della decisione di sussidiare certe categorie industriali è però da sottolineare come la manovra sia del tutto contraria allo spirito della liberalizzazione del settore, che dovrebbe piuttosto incentivare l efficienza sia dal lato della generazione che della domanda, consentendo una ripartizione della rendita conseguente su tutta l utenza, compresa quindi quella vincolata che, ancora una volta, risulta la categoria meno rappresentata e meno tutelata all interno del processo decisionale in materia elettrica. 5

6 REGOLAMENTAZIONE Gli oneri impropri nella tariffa elettrica nel 2001 e le nuove aste CIP 6 La riduzione del prezzo dei combustibili verificatosi nel corso del 2001 è andato a beneficio dei consumatori di energia elettrica attraverso una serie di riduzioni del parametro Ct e del prezzo dell energia elettrica all ingrosso stabilito dall AEEG (il parametro PG). Tuttavia i benefici di un minor costo dei combustibili sono stati in gran parte vanificati dall incremento degli oneri impropri in tariffa. Nella Tabella 1 riportiamo il valore complessivo e l incidenza percentuale delle componenti a copertura degli oneri impropri sull esborso complessivo di due consumatori domestici tipo. Come si vede, nel corso dell ultimo anno il valore assoluto degli oneri di sistema è andato crescendo in modo considerevole passando dalle 7,2 lire/kwh di inizio anno alle attuali 20,6 lire/kwh con un incidenza sulla spesa media che tocca ormai il 14% per i piccoli consumatori domestici. Più in generale (Cfr. Tab.2) a fronte di una riduzione del PG di 20 lire/kwh, il 17% dall inizio dell anno, il totale delle componenti A (per la parte in lire/kwh) è aumentato in media di 13,5 lire/kwh più che raddoppiandosi rispetto all inizio dell anno. Scendendo in maggior dettaglio si nota che: - La componente A2, a copertura dei costi di smantellamento degli impianti nucleari, ha subito a metà anno un incremento medio di 0,4 lire/kwh al fine di far fronte per il 2001 alla necessità di copertura dell aumento dei costi di smantellamento degli impianti di ricerca nucleare e di smaltimento di rifiuti radioattivi da parte del consorzio SICN per 31,3 mld di lire. - La componente A3, a finanziamento delle fonti rinnovabili, ha avuto il maggior incremento assoluto. L incremento complessivo è dovuto in primo luogo alla necessità di recuperare il minor gettito ottenuto dalla vendita sul mercato libero dell energia elettrica incentivata da fonti rinnovabili (energia Cip 6) prima venduta sul mercato vincolato. Secondo l autorità la riduzione complessiva degli incassi derivanti dall asta rispetto alla cessione sul mercato vincolato può essere stimata in 750 mld di lire. Inoltre la riduzione del Ct ha prodotto minori entrate sia in termini di gettito atteso dalla maggiorazione dei corrispettivi di accesso ed uso della rete di trasmissione nazionale per l energia elettrica prodotta da impianti geotermoelettrici ed idroelettrici, che in termini di gettito derivante dalla compensazione della maggior valorizzazione dell energia elettrica nella transizione. I conseguenti scompensi per il conto per nuovi impianti da fonti rinnovabili hanno richiesto un incremento della componente A3 a metà e a fine anno. - Le componenti A4, a finanziamento dei regimi tariffari speciali, ed A5, ricerca e sviluppo, sono rimaste invariate - La componente A6 a copertura degli stranded costs riconosciuti all Enel costituisce la principale novità tra gli oneri impropri. A6 è stata fissata, in via prudenziale, ad inizio anno a 1 lira/kwh per poi essere incrementata a decorrere dal terzo bimestre a 3 lire/kwh. Tale aumento è volto a far fronte all aumento dell onere di copertura degli stranded Tab. 1 - Incidenza oneri impropri su spesa consumatori domestici valori in lire/kwh 2001 gennaio marzo maggio luglio settembre novembre Spesa media (consumo 1200 kwh anno)* Tot. oneri impropri incidenza A su spesa 5% 7% 11% 11% 11% 14% Spesa media (consumo 3500 kwh anno)* Tot. oneri impropri incidenza A su spesa 2% 4% 6% 6% 6% 7% *Spesa al netto dell IVA Fonte: elaborazione dati ref. 6

7 Tab. 2 - Componenti A per diverse categorie di utenza - andamento nel corso del 2001 tipologie di utenza A2 A3 A4 A5 A6 Tot A PG domestici gennaio-febbraio marzo-aprile maggio-giugno luglio-agosto settembre-ottobre novembre-dicembre altri usi BT* gennaio-febbraio marzo-aprile maggio-giugno luglio-agosto settembre-ottobre novembre-dicembre altri usi AT gennaio-febbraio marzo-aprile maggio-giugno luglio-agosto settembre-ottobre novembre-dicembre *potenza impegnata superiore ad 1,5 kw valori in lire/kwh costs determinato dal decreto del Ministro dell Industria del 17 aprile 2001 (si veda Newsletter33). L incremento degli oneri impropri è quindi dovuto essenzialmente a stranded costs e a squilibri finanziari delle aste CIP 6, i primi riconosciuti all exmonopolista i secondi significativamente dipendenti dalla valorizzazione dell interrompibilità. Le modalità di allocazione dell energia Cip 6 sono già state oggetto di esame e critica in questa sede in considerazione del fatto che il passaggio al mercato libero da parte di clienti idonei e il tentativo di incrementare l offerta libera in un mercato ancora dominato da un ristretto numero di operatori viene oggi incentivato attraverso disposizioni che creano nuove distorsioni. In particolare la gestione degli squilibri finanziari dovuti alle modalità di cessione dell energia elettrica Cip 6 è caratterizzata da un pesante sussidio incrociato tra clienti liberi, soprattutto quelli disposti ad accettare l interrompibilità dell erogazione, che possono beneficiare delle aste Cip 6 e clienti vincolati che ne condividono gli oneri. Il recente decreto del ministro delle attività produttive del 10 dicembre 2001 con cui vengono rese note le procedure per l assegnazione dell energia elettrica prodotta dagli impianti incentivati dal provvedimento Cip 6/92 conferma per il 2002 il meccanismo di cessione dell energia tramite aste al rialzo aperte a tutti i clienti idonei. Nel complesso il GRTN dovrebbe rendere disponibili circa 4000 MW che verranno assegnati in bande di ampiezza di 10 MW in ciascuna ora. A differenza dello scorso anno l assegnazione avverrà solo su base annuale e verranno meno le gare mensili. Il decreto conferma le riserve di capacità per gli utenti disposti a subire interruzioni di fornitura. In particolare 500 MW vengono riservati a clienti disponibili ad interruzioni in tempo reale senza preavviso, e 1500 MW per i clienti disponibili a 7

8 distacchi di carico con preavviso inferiore alle ventiquattro ore. Una novità rispetto all anno scorso riguarda l incremento del numero dei potenziali partecipanti alle aste per le forniture interrompibili senza preavviso alle quali vengono ammessi clienti con capacità interrompibile installata non inferiore ai 10 MW per sito mentre per il 2001 erano ammessi clienti con capacità interrompibili superiore ai 20 MW. Come l anno scorso l energia non collocata tramite asta verrà ceduta ai distributori al prezzo stabilito dall Autorità. In linea con quanto stabilito per il 2001 i prezzi base d asta sono differenziati a seconda del tipo di forniture e tengono conto del costo variabile riconosciuto per l energia prodotta da impianti termoelettrici aumentato del costo evitato di esercizio, manutenzione e spese generali e del costo evitato di impianto. Alla luce degli squilibri finanziari verificatisi nel corso di quest anno a seguito del realizzarsi di prezzi di aggiudicazione decisamente bassi, in media di 85 lire al kwh per le forniture interrompibili senza preavviso, e del conseguente incremento degli oneri tariffari a loro copertura, alcune correzioni ai prezzi base appaiono significative. In particolare il prezzo base passerà dal 66,8 al 67,6% del costo unitario variabile riconosciuto per la generazione termoelettrica. Inoltre l incremento per il costo evitato d impianto passerà dal 30% al 50% per le aste sull interrompibile con preavviso e verrà considerato, nella misura del 25%, anche per le aste sull energia interrompibile senza preavviso. Questo dovrebbe portare a prezzi base d asta nell ordine di 70 lire/kwh per l interrompibile senza preavviso, di circa 80 lire/kwh per l interrompibile con preavviso e di circa 95 lire per la restante parte. Gli accorgimenti apportati ai meccanismi d asta sono rivolti quindi ad un incremento del numero dei potenziali partecipanti e ad un incremento relativo, seppur lieve, del prezzo base d asta rispetto al prezzo d acquisto dell energia incentivata. Sulla carta questi elementi dovrebbero contribuire alla riduzione degli squilibri. Per una valutazione complessiva tuttavia si dovranno attendere i risultati delle aste. 8

9 Nuovi corrispettivi d'accesso e d'uso delle reti In questo numero, vista l importanza e l interesse del tema, proponiamo alcuni ulteriori spunti di riflessione circa la deliberazione 228/01 dell AEEG riguardante la riforma dei corrispettivi di accesso e d uso delle reti, della quale abbiamo già discusso nella scorsa Newsletter. La 228/01 ha come scopo principale l eliminazione delle discriminazioni di trattamento nei corrispettivi di trasporto dell energia elettrica tra clienti finali del mercato libero e clienti vincolati. Con la nuova normativa quindi i corrispettivi d uso e accesso alle reti saranno gli stessi per utenti liberi e vincolati. I parametri resi noti dall Autorità ci consentono di calcolare la tariffa base, cfr. Tabella 1, per le diverse tipologie di utenza e di svolgere alcune simulazioni sugli esborsi per i servizi di trasporto di alcuni clienti tipo. Alcuni caveat devono precedere l esposizione dei risultati. In primo luogo dobbiamo sottolineare che i risultati da noi riportati si riferiscono ad alcuni profili tipici attorno ai quali la variabilità dei risultati è comunque ampia. Inoltre nei valori relativi al vettoriamento non sono incluse le penali di vettoriamento ed i costi di riconciliazione che tuttavia incidevano in modo significativo sugli esborsi calcolati secondo la vecchia normativa. Infine vale la pena notare che i nostri calcoli riportano i valori dei tetti tariffari, i distributori potranno comunque offrire diverse opzioni tariffarie. I vincoli tariffari agiscono infatti in modo da evitare sussidi incrociati tra le diverse categorie di utenza ma non limitano la libertà dai distributori di definire opzioni diverse. Tale elemento, che costituisce una novità rispetto alla disciplina del vettoriamento, estende quindi anche ai clienti del mercato libero una flessibilità tariffaria che dovrebbe garantire una maggior efficienza. Nella Tabella 2 riportiamo il risultato di alcune delle simulazioni svolte che permettono di apprezzare l impatto su alcuni clienti idonei della riforma tariffaria. Per alcuni utenti l impatto sarà notevole. La nuova normativa prevede infatti una tariffa a francobollo mentre i corrispettivi di vettoriamento calcolati secondo il dettato della delibera 13/99 dipendono dalla distanza tra punto di immissione e punto di prelievo. Questo dovrebbe comportare un aumento dell esborso per clienti particolarmente vicini al punto di immissione. In particolare per i clienti che si trovavano a meno di trenta chilometri dal punto di immissione gli esborsi per i servizi di trasporto e distribuzione dovrebbero in media raddoppiare e la loro incidenza rispetto al prezzo dell energia elettrica all ingrosso dovrebbe aumentare di circa l 8%. Invece si avranno consistenti risparmi, nell ordine del 25% per i clienti in AT e del 17% per i clienti in MT, per quanti si trovano ad una distanza superiore ai 60 chilometri dal punto di immissione. Vale comunque la pena ricordare che i riferimenti di distanza sono stati eliminati in modo da rendere il regime tariffario più adatto al prossimo sistema di Tab. 1 - Parametri per il calcolo dei vincoli tariffari Tipologie di utenza Vincolo V1 rho1cent. E/punto di prelievo anno rho3 cent E/kWh Tipologie di utenza Vincolo V2 alpha1 cent alpha 2 cent E/punto di E/kW anno prelievo anno alpha 3 cent E/kWh altre utenze BT altre utenze BT altre utenze MT altre utenze MT altre utenze AT altre utenze AT / 0.47 Fonte: AEEG 9

10 Tab. 2 - Confronto costi vettoriamento nuove tariffe potenza distanza vettoriamento impegnata [cent kw euro/kwh] AT 8000 ore di utilizzo annuo AT 2000 ore di utilizzo annuo MT 7500 ore di utilizzo annuo MT 2000 di utilizzo annuo totale TV1 con rho3 (tras) cent /kwh totale TV1 con CTR cent /kwh TV2 totale cent euro/kwh gammapg cent euro/kwh vettoriamento /gammapg* nuove tariffe/gamma PG* > % 7% % 7% % 7% % 7% 2500 > % 29% % 29% % 29% % 29% 2000 > % 11% % 11% % 11% % 11% 1000 > % 25% % 25% % 25% % 25% *Incidenza del costo di trasporto sul prezzo di riferimento dell energia elettrica all ingrosso al netto dei costi di trasporto Fonte: Elaborazione dati ref.e SERVITEC 10

11 borsa rispetto ad una disciplina studiata per un regime di contrattazione bilaterale. Infine dalla nostra analisi emerge la persistenza di costi significativamente inferiori per i grandi utilizzatori che sosterranno costi inferiori nell ordine del 70% per l AT e del 50% per la MT rispetto ai piccoli utilizzatori. In conclusione la riforma dei corrispettivi di accesso e d uso delle reti coglie il proprio obiettivo di eliminare possibili elementi di discriminazione tra clienti liberi e vincolati in vista dell avvio della borsa elettrica. Come era prevedibile il cambiamento porterà dei vantaggi per alcuni clienti ed un aumento dei costi per altri. Tuttavia quanto ci sembra più importante è la direzione intrapresa verso un regime, almeno in teoria, meno distorsivo. 11

12 PANORAMA INTERNAZIONALE L apertura dell upstream del gas in Spagna: i risultati delle aste sui contratti di importazione Si è recentemente conclusa la gara di assegnazione tramite asta del 25% dei contratti di Enagas per l importazione dall Algeria. Il provvedimento, parte del disegno di riforma del settore gas stabilito nel Giugno 2000, vuole avere un impatto significativo nello stimolare la concorrenza nel mercato del gas spagnolo. Il settore del gas naturale in Spagna è destinato ad una forte espansione nei prossimi anni in termini di una quota sempre più consistente rispetto al totale dell energia consumata. Dagli anni Settanta la crescita della quota del gas si è accresciuta dal 2% ad oltre il 10%, con prospettive di crescita fino a ben oltre il doppio del mercato attuale: dai 17 miliardi di mc del 2000 ai 43,4 miliardi del 2010, con una crescita media pari al 15% l anno. Il mercato del gas spagnolo è in effetti, un mercato non maturo: circa il 70% dei consumatori sono concentrati nell industria, il 5% nella generazione termoelettrica mentre gli usi residenziali contano per solo il 20%. Fattori trainanti della crescita dei prossimi anni saranno soprattutto il settore domestico grazie al previsto sviluppo delle reti di distribuzione e dell utilizzo nella generazione elettrica. L offerta è essenzialmente dominata da Gas Natural/ Enagas che ha il controllo sul 100% delle importazioni algerine e sull 85% del mercato. Oltre che da volumi consumati superiori il nuovo mercato del gas in Spagna dovrebbe essere ridisegnato dalle regole introdotte nel Giugno 2000 a seguito del recepimento della direttiva. Punti cardine della riforma sono: - Nessun operatore può immettere gas nel sistema per più del 70% del mercato a partire dal Liberalizzazione completa della domanda dal Nessun soggetto può detenere una quota superiore al 35% nell impresa di trasporto, Enagas, il che implica la riduzione della quota di Enagas detenuta da Gas Natural. - Riduzione dell 8% delle tariffe di accesso alla rete. - Cessione da parte di Enagas del 25% dei contratti di importazione dall Algeria, pari a 1,4 miliardi di mc di gas/anno - Diversificazione delle forniture: nessun supplier può coprire una quota superiore al 60% della domanda complessiva attraverso la fornitura di un singolo fornitore. Questi, in sostanza gli strumenti predisposti dal governo spagnolo per aprire il mercato: cessione secondo una procedura prefissata di parte dei contratti dal maggior fornitore del mercato iberico per circa il 16% del volume dei consumi spagnoli; cessione da parte di Gas Natural di ben il 65% delle quote nel suo braccio dedicato al trasporto, incentivo alla diversificazione delle forniture, elemento essenziale per un paese praticamente privo di produzione interna. La prima tappa del processo, il programma di gas release, si è concluso con l allocazione dei contratti a BP, Shell e alle quattro principali società elettriche. Risultato dell asta Società milioni mc Iberdola 350 BP 350 Union Fenosa 280 Enedesa 252 Hidrocantabrico 140 Shell 28 Bp e Shell, già presenti sul mercato Spagnolo con quote rispettivamente pari al 6% ed al 2%, hanno ottenuto la fetta maggiore, rispettivamente 350 milioni di mc ciascuno, un quarto del volume complessivo messo all asta e massimo volume assegnabile ad un singolo bidder. Il prezzo per volumi così elevati è stato, tuttavia, superiore di oltre il 3% all offerta 12

13 media e fino al 5% rispetto ad al prezzo corrisposto da altri competitors. Non diversamente da quanto avvenuto in Italia considerazioni sui vantaggi derivanti dal catturare una fetta di mercato hanno pesato in alcuni casi più di quelle relative all immediato ritorno dell operazione: l alto prezzo corrisposto limita evidentemente le possibilità di concorrenza sul prezzo a valle. Tuttavia, rispetto alle cessioni imposte sui contratti Snam da parte del decreto Letta le differenze sono nel caso spagnolo almeno due: già nel 2004 i contratti ritorneranno ad Enagas quindi il gas release ha valore solo come stimolo nella fase di avvio della liberalizzazione, la cessione è avvenuta in Spagna con procedure che, per quanto siano state soggette a critiche per via di un eccessiva complessità, sono state caratterizzate da maggiore trasparenza. Il ministro dell industria ha, in effetti, reso noto il prezzo medio di cessione (Pta 1,2/thermie), il che ha comportato per Gas Natural un entrata pari a E306m. Non sono comunque mancate critiche sia sulla reale efficacia del programma di gas release predisposto per dare impulso al processo di apertura del mercato sia su alcuni aspetti della procedura seguita per l assegnazione. In effetti, il prezzo pagato dalle società che si sono aggiudicate il gas non lascia presupporre una forte riduzione dei prezzi per gli utenti finali; inoltre, due dei 6 vincitori sono trader già presenti sul mercato spagnolo mentre gli altri quattro sono società elettriche. La concorrenza sul mercato del gas spagnolo, dunque, si giocherà soprattutto nella ingente quota di mercato che la forte crescita della domanda potrebbe lasciare disponibile. Vale la pena sottolineare, infatti, che il settore del gas in Spagna è ancora in gran parte da sviluppare anche in termini di infrastrutture, lo scenario è dunque diverso da mercati europei più maturi, in cui per lo più il gas offerto dai nuovi entranti è gas di sostituzione. La cessione dei contratti algerini, comunque, è stata percepita da diversi operatori come un occasione per entrare in questo mercato con prospettive così allettanti; di qui la partecipazione di ben 14 bidders e le perplessità che gli esclusi hanno sollevato in merito ad alcuni aspetti procedurali. Le offerte sono state scremate in due fasi successive: 1) sulla base del business plan presentato, 2) sulla base del prezzo offerto. Il meccanismo è stato inoltre complicato dall eliminazione delle offerte superiori al 10% dell offerta media, regola volta a limitare i ricavi di Gas Natural. L eliminazione di alcuni bidder sulla base di vizi formali e di carenze nel business plan presentato non è stata neutrale ai fini della definizione del prezzo medio sulla base del quale venivano decise le ulteriori eliminazioni: la bocciatura del business plan di Edison e di Louis Defreyus ha probabilmente innalzato il prezzo medio e comportato l inclusione di Iberdrola e BP e la parallela esclusione di altri soggetti. Al di là degli aspetti procedurali, comunque, l assegnazione tramite asta ha permesso l allocazione di un asset fondamentale nel mercato del gas, i contratti, attraverso meccanismi non discrezionali, elemento sicuramente coraggioso nel processo di liberalizzazione del mercato in Spagna. Resta invece ancora non definita la regolazione del trasporto in termini di tariffe e di codice di accesso alle reti, anche se si attende per i prossimi mesi un altro passo significativo, ovvero la cessione da parte di Gas Natural di ben il 65% delle quote di Enagas. 13

14 Figura 1 - Evoluzione delle fonti di approvvigionamento Produzione nazionale Algeria Libia Norvegia Australia Paesi del Golfo Trinidad e Tobago Nigeria Altri Fonte: Cedigaz Fig. 2 - Fonti di approvvigionamento Produzione nazionale Algeria Libia Norvegia Paesi del Golfo Trinidad e Tobago Nigeria Altri 11% 2% 1% 5% 4% 13% 59% 5% Fonte: Cedigaz 14

15 CORPORATE La crisi di Enron: la vicenda, le possibili cause e le implicazioni per gli aspetti regolatori Da protagonista e pioniere mondiale dell energy trading al più colossale crack della storia finanziaria USA e internazionale. Solo un anno fa il gigante dell energia texano Enron rappresentava una success story, veniva indicato come settimo gruppo americano per ricavi, con un fatturato di 101 miliardi di dollari nel 2000, e si era aggiudicato il titolo di impresa più innovativa secondo la classifica di Fortune. Ora il crollo finanziario e gli eventi drammatici delle ultime settimane: mentre i buchi nei conti della società e le alchimie finanziarie utilizzate per nasconderli vengono allo scoperto, la concorrente Dynegy Corp ha ritirato l offerta di acquistosalvataggio con l accusa di disonestà nelle trattative; Standard&Poor ha declassato il debito di Enron a livello di junk, obbligando l azienda a ripagare entro la fine dell anno 3,9 miliardi di dollari di obbligazioni; i titoli hanno subito un crollo vertiginoso in Borsa; la sua piattaforma di trading online ha interrotto le operazioni; infine, il 2 dicembre, la società ha fatto richiesta alla Corte distrettuale fallimentare di New York di amministrazione controllata secondo il Capitolo 11 della legge fallimentare statunitense. Il business. Un mix di audacia, ambizione e arroganza possono spiegare la storia di Enron. Creata nel 1985 dalla fusione di Houston Natural Gas e di un azienda di gasdotti del Nebraska, la società ha conosciuto un primo sviluppo con la liberalizzazione del mercato USA del gas nel Dal settore del gas ha iniziato poi a diversificarsi nel settore petrolifero, elettrico, dell acqua, delle telecomunicazioni e a partire dalla seconda metà degli anni Novanta, soprattutto grazie all adozione di nuove tecnologie per l intermediazione online, è diventata un leader mondiale nel trading di prodotti energetici e di derivati sull energia, gestendo contratti di scambio di merci fisiche e coperture di rischi futuri. L attività wholesale e di risk management di Enron si estende a molti altri mercati: metalli, carbone, prodotti forestali, fertilizzanti, materie plastiche, weather futures (ovvero tra i servizi offerti rientra anche la gestione del rischio meteorologico). Tre sono le principali aree di business della società: l area Wholesale Services comprende la vendita all ingrosso e la logistica di commodities e i servizi di management del rischio finanziario in tutto il mondo, con la controllata EnronOnline, lanciata nel 1999 e specializzata nel business-to-business sui mercati dei metalli e dell energia, che nel 2000 ha realizzato transazioni per un valore complessivo di 330 miliardi di dollari. L area Energy Services svolge attività di business retail e servizi di management dell approvvigionamento e del consumo, con la fornitura di energia elettrica e gas per la clientela sia industriale che commerciale. Infine, l area Global Services, attraverso società sussidiarie, gestisce gli asset del gruppo, compresi gasdotti e oleodotti, svolge le attività di generazione, trasmissione e distribuzione dell energia elettrica nei mercati del nord-ovest degli Stati Uniti e si occupa del business dell engeneering. Nel 2000, l attività wholesale ha contato per il 93% dei ricavi; il business retail dell energia elettrica e del gas per il 4%; infine, il trasporto e la distribuzione per il 3%. Alla strategia multiutility si è affiancata, già dalla fine degli anni Ottanta, una strategia di internazionalizzazione che ha portato il gruppo di Houston a essere attivo in oltre 40 Paesi e che è oggi coordinata da due divisioni: Enron Americas e Enron Europe. La prima gestisce il wholesale business in Nord, Centro e Sud America. La seconda, cui fa capo Enron Metals, uno dei ring dealing members del London Metal Exchange, gestisce il wholesale business in Europa, Giappone e Australia. La presenza europea di Enron, cominciata nel 1989 con la liberalizzazione del mercato elettrico britannico, si è estesa ai Paesi Scandinavi e poi all Italia, Polonia, Turchia e Spagna con un capacità complessiva di MW. 15

16 Grazie a questa strategia di espansione e all adozione delle tecnologie di intermediazione online, il fatturato di Enron è passato dai 9,5 miliardi di dollari del 1995 ai 101 miliardi del Gli asset gestiti dalla società di Houston a fine 2000 erano valutati 47,3 miliardi di dollari con una rete di oleodotti e gasdotti lunghi miglia e miglia di reti in fibre ottiche. Gli imputati. La numerosità dei mercati e dei paesi coinvolti danno un idea dell ampiezza, quantomeno potenziale, della crisi finanziaria che il crollo di Enron può causare. Tuttavia, a due mesi dall inizio dello scandalo finanziario, l opacità (se non la falsità) dei conti societari e la complessità della rete di finanza parallela e delle partnership gestite dai top manager della società rendono ancora difficile la comprensione delle cause che ne hanno prodotto il dissesto. Indubbiamente i primi a pagare sono gli azionisti e i dipendenti, i cui fondi pensione erano investiti per il 62% in azioni proprie. Molti sono i soggetti coinvolti e oggi sotto accusa: i revisori dei conti (Arthur Andersen), l autorità di vigilanza della Borsa (Sec), le agenzie di rating, i fondi comuni di investimento, le banche e, ovviamente, il top management della società. La ricostruzione e l accertamento delle responsabilità richiederanno molto tempo. Tra gli imputati ci potrebbe essere anche il mercato o, più precisamente, il trading di derivati sull energia. Quest ultima attività, se non supportata da una forte posizione upstream ovvero dall accesso a risorse energetiche di proprietà, diviene estremamente rischiosa in presenza di un alta volatilità dei prezzi a breve. Gli operatori del settore, compresi i concorrenti del gruppo texano, si sono tuttavia affrettati a sottolineare che la colpa non è né della liberalizzazione dei mercati energetici e nemmeno della rivoluzione avviata da Enron nel campo dell energy trading. Gli aspetti deboli della regolazione. Il crack finanziario di Enon evidenzia la necessità di ripensare le regole di corporate governance e i compiti delle autorità di controllo. Innanzitutto, la Securities and Exchange Commission (Sec) dovrebbe rafforzare i requisiti di trasparenza finanziaria dei conti di bilancio e di informazione al pubblico per le società quotate in Borsa. In particolare, dovrebbero essere vietate le pratiche, ampiamente utilizzate da Enron, di scaricare i debiti su società partner gestite dagli stessi manager della società in modo tale da sottostimare l indebitamento risultante dal bilancio. In secondo luogo, il settore in cui si muoveva Enron era più finanziario che industriale, più di trading di energia e di derivati sull energia che di produzione energetica, e comportava rischi e livelli di esposizione enormi senza che la società, come nel caso delle banche, fosse sottoposta a controlli e obblighi di capitalizzazione e solvibilità. Ma se da un lato la regolazione bancaria appare eccessiva nel caso di Enron, dall altro sembra assurdo che la società fosse esplicitamente esentata dai controlli della Commodity Futures Trading Commission (CFTC), l autorità di regolazione preposta al monitoraggio dei mercati dei derivati sulle commodities (controllo di legalità dei prodotti derivati, disciplina dell accesso dei partecipanti al mercato, obblighi di informazione). In base all Energy Contract Exemption del 1993, infatti, i contratti sui prodotti energetici (ad eccezione di quelli relativi all elettricità) e sui loro derivati sono esclusi dai controlli di legalità della CFTC e, in particolare, non sono soggetti all obbligo di negoziazione in Borsa. Dalle precedenti considerazioni emerge che se da un lato l esistenza di un mercato dei derivati sull energia è auspicabile quale strumento per ridurre il rischio legato alla volatilità del prezzo dell energia, dall altro pone specifici problemi regolatori: si tratta di mediare tra il rischio di un eccesso di regolazione, che potrebbe frenare il processo di innovazione finanziaria e la competitività di un Paese, e il rischio Enron 1. 1 Sugli aspetti economici e regolatori del mercato dei derivati sulle commodities devono riflettere le autorità italiane, soprattutto in vista della previsione legislativa contenuta nel Testo Unico della Finanza emanato nel Secondo il Testo Unico, diversamente da quanto previsto dal legislatore comunitario, i derivati sulle commodities sono considerati strumenti finanziari e come tali sono soggetti alla disciplina dei mercati finanziari, alla vigilanza della Consob e alla riserva di attività a favore delle imprese di investimento e delle banche. 16

17 LE INDICAZIONI DEL MERCATO SUI PREZZI DELL'ENERGIA Prezzo dell energia: le attese del mercato Il prezzo dell energia: delibera AEEG 242/01 Come stabilito nella delibera 242/01 dell Autorità per l Energia Elettrica e il Gas del 30 ottobre scorso, per il sesto bimestre 2001 il costo unitario riconosciuto dei combustibili fossili (V t ) risulta pari a lire/ Mcal, mentre il parametro C t, che definisce il costo unitario variabile riconosciuto per la generazione termoelettrica, ammonta a lire/kwh. Sulla base del valore del C t, il prezzo medio stimato dell energia elettrica all ingrosso (PG) è di L/kWh. Con il prossimo aggiornamento, previsto per la fine del corrente mese, l Autorità fisserà i parametri e le componenti della tariffa elettrica validi per il bimestre gennaio-febbraio 2002: è pertanto utile commentare l andamento delle quotazioni sui mercati internazionali dei combustibili fossili e del cambio euro/us$ nel periodo di riferimento (agosto-novembre 2001). L andamento recente delle quotazioni internazionali Nel corso degli ultimi mesi, i mercati internazionali sono stati interessati da consistenti riduzioni nelle quotazioni del petrolio e dei suoi derivati. In particolare, l incertezza scaturita dai tragici fatti dell 11 settembre si è tradotta in un ulteriore indebolimento della domanda, che ha favorito una consistente flessione delle quotazioni del greggio. I prezzi spot del Brent (Crude - Physical Delivery, fob US$/bbl.), varietà di riferimento per i greggi che arrivano sul mercato europeo, hanno infatti registrato un pesante ridimensionamento (nell ordine del 26%), passando dai 25.7 US$/bbl. nella media del mese di agosto ai 18.9 nella media di novembre. Sulla scia del Brent, anche le quotazioni dei greggi di riferimento (Arabian Light, Iranian Light, Saharian Blend, Zuetina) hanno registrato una considerevole riduzione: rispetto al livello di agosto, a novembre la media ponderata dei prezzi mensili FOB breakeven è diminuita del 20%. Infine, si segnala una forte tendenza al ribasso delle quotazioni internazionali degli oli combustibili: in particolare, tra agosto a novembre, il prezzo medio mensile Cif del Btz 1% Fuel Oil Cargoes, quotato sul mercato europeo occidentale, con base ad Amsterdam, Rotterdam e Anversa, è sceso del 22.3%, mentre quello dell Stz Fuel Oil (No. 6, 0.3% S, LoPr), quotato a New York, è diminuito del 13.5%. Una riduzione di entità considerevolmente più modesta è stata registrata dal prezzo medio ponderato Fob del carbone, calcolato sulla base di un paniere di sette differenti varietà di carbone (2 statunitensi, 1 sudafricano, 1 colombiano, 1 cinese, 1 polacco e 1 venezuelano): tra agosto e novembre la caduta è stata del 3.5%. La discesa delle quotazioni non ha interessato i carboni statunitensi Gulf Coast (12500 Btu, 1.0% S, 12% Ash) e Hampton Roads (12500 Btu, 1.0% S, 10% Ash), che si sono sostanzialmente mantenuti stabili. I dati disponibili per il mese di dicembre evidenziano, in concomitanza con un lieve apprezzamento del cambio, una discesa delle quotazioni del greggio: rispetto ai livelli di novembre, infatti, il prezzo spot del Brent registra un nuovo lieve ribasso, pur mantenendosi mediamente su livelli compresi tra i 18 e i 19 US$/bbl. Risultano in leggero calo anche le quotazioni del carbone. L olio combustibile a basso tenore di zolfo (Btz), invece, dopo le pesanti flessioni registrate nel corso dei mesi di ottobre e novembre, mostra segnali di recupero, riportandosi sui livelli di fine ottobre. Il prezzo dell energia elettrica: primo bimestre 2002 L evoluzione degli indici di prezzo dei combustibili fossili è efficacemente sintetizzata dalla Tabella 1. Per il primo bimestre del 2002, l indice dei prezzi in lire del gas, calcolato sulla base della media ponderata delle quotazioni mensili del Btz e dei quattro greggi inclusi nel paniere di riferimento, subirà una flessione del 9.9%. Per l indice dei prezzi in lire degli oli combustibili, calcolato a partire dalla media ponderata delle quotazioni mensili del Btz e dell Stz, 17

18 Tab.1 - Stima del C t : gennaio-febbraio 2002 Variazioni % nella media del periodo di riferimento Periodo di riferimento (ago. 01- nov. 01) / (giu sett. 01) Variazione % Combustibili fossili in dollari: BTZ (1) -8.3 STZ (2) -7.5 P fob Carbone (3) -5.9 Greggi (4) Cambio L/US$ (5) -2.3 Indici di mercato in lire Indice oli -9.1 Indice carbone -6.1 Indice gas naturale -9.9 Costo unitario riconosciuto (V t,c t ) -9.0 (1) Olio combustibile a basso tenore di zolfo (1%); calcolato su medie mensili quotazioni SPOT giornaliere Cif Nw e (2) Olio combustibile a bassissimo tenore di zolfo (0.3%); calcolato su medie mensili quotazioni SPOT giornaliere Cif NY (3) Calcolato su medie ponderate di quotazioni mensili di prezzi FOB di un paniere di 7 carboni (4) Calcolato su medie ponderate di quotazioni mensili di un paniere di 4 greggi: Arabian Light, Iranian Light, Saharian Blend, Zuetina. (5) Calcolato su medie mensili. Fonte: Uic quantifichiamo una riduzione del 9.1%. Per l indice dei prezzi in lire del carbone, ottenuto come media ponderata delle quotazioni mensili dei prezzi Fob dei sette carboni rilevanti, valutiamo, infine, una diminuzione del 6.1%. Nel complesso, per il bimestre gennaio - febbraio 2002 prevediamo un ulteriore flessione del costo unitario variabile riconosciuto del 9% rispetto all ultimo bimestre del 2001: il V t passerà da a lire/mcal, il C t da a lire/ kwh. Si segnala, inoltre, che la diminuzione del C t determinerà una riduzione del prezzo medio stimato dell energia elettrica all ingrosso: il PG scenderà a quota L/kWh, con una flessione del 6% rispetto ai livelli del bimestre novembre-dicembre. Le attese del mercato per i successivi bimestri del 2002 Sulla base della curva dei prezzi future del Brent e dei forward dei tassi di cambio dell euro/us$ (Figura 1), per il secondo bimestre del 2002 le stime ottenute applicando il modello elaborato per Dalmine Energie prevedono un ulteriore discesa del parametro C t a lire/kwh, e del V t a lire/mcal (-8.3% rispetto al bimestre gennaio-febbraio). Il prezzo all ingrosso stimato per il secondo bimestre registrerà una conseguente flessione a lire/kwh. Sulla base delle informazioni contenute nelle quotazioni a scadenza dei derivati finanziari sul cambio e sul dollaro, è su questi valori del V t, C t e PG che i prezzi dell energia si stabilizzeranno nei successivi quattro bimestri del 2002 (Figura 2). 18

19 Fig. 1 - Le esogene della previsione 75 Prezzo in lire/bbl. Prezzo del Brent in migliaia di lire a l o 01 a l o 02 a l o Fonte: Consuntivi UIC-cambio, Datastream-Brent Crude-Phisical Del. Elaborate a partire dai prezzi a termine del Brent-IPE e dei prezzi forward del tasso di cambio del 17/12/01 Fig. 2 - La previsione del C t Lire/kWh Var. % m m l s n 02 m m l s n Fonte: "Osservatorio Energia" - Ref.Irs su modello sviluppato per Dalmine Energie. Previsioni elaborate a partire dai prezzi a termine del Brent-IPE e dei forward del tasso di cambio del 17/12/

20 CONGIUNTURA Panorama sulle borse elettriche europee: novembre 2001 APX. Dopo la pausa di ottobre, i prezzi della borsa elettrica più volatile d Europa tornano ad oscillare in maniera vertiginosa passando da livelli minimi di 0,03 Euro/MWh a vette di 600 Euro/MWh. Picchi di prezzo intorno ai 300 Euro/MWh si sono verificati all inizio e a metà del mese, quando anche le borse tedesche riportano valori di scambio dell energia elettrica più alti della media e persistenti oscillazioni. Le quantità medie scambiate in borsa sono rimaste sostanzialmente invariate rispetto al mese di ottobre (una leggera flessione del 1,8%). EEX. Elevata volatilità dei prezzi soprattutto nella seconda metà del mese e una riduzione delle quantità scambiate (8% in meno rispetto a ottobre) hanno caratterizzato l European Energy Exchange. Il picco massimo di prezzo (85 Euro/MWh) è stato raggiunto il giorno 14 ore Per il resto del mese i prezzi hanno oscillato fortemente dai 20 ai 75 Euro/MWh. LPX. Due sono gli eventi degni di nota per la borsa elettrica di Lispia a novembre: un sostanziale aumento dei volumi medi scambiati (circa il 30% in più rispetto ad ottobre) con un trend crescente fino a metà mese e che scende verso la fine; prezzi fortemente più oscillanti intorno al loro valore medio (che è salito del 30% rispetto ad ottobre) con un unico elevatissimo picco di 200,02 Euro/MWh rilevato il giorno 13 tra le ore A partire da questo picco la volatilità dei prezzi è rimasta forte per tutto il mese con una variabilità tra i 20 e i 70 Euro/MWh. L aumento dei prezzi medi è spiegato da una domanda molto sostenuta a novembre, anche se non sempre gli alti prezzi si verificano quando la domanda aumenta: ad esempio il picco del 13 si è registrato in occasione di una domanda media (2708 MWh) se consideriamo che il carico massimo del mese è stato di MWh. E evidente allora la forte correlazione tra i prezzi e le quantità scambiate nelle due borse tedesche: l intensa attività di arbitraggio tra le due borse testimoniata dallo spostamento di una parte della domanda da EEX a LPX e l eventuale opportunità di gaming dei produttori potrebbero spiegare la volatilità delle due borse tedesche a novembre. OMEL. Buona la performance della borsa elettrica spagnola a novembre: i prezzi medi sono calati rispetto al mese scorso (dell 11,4% che sale a 12,8% nelle ore di punta) e i volumi scambiati sono invece aumentati in media dell 8% con un trend crescente lungo tutto il mese. Tuttavia la borsa ha registrato una serie di picchi di prezzo molto elevati che hanno toccato per la prima volta la soglia dei 100 Euro/MWh (un livello molto elevato rispetto a quello di novembre 2000): il massimo è stato di 106,3 Euro/MWh registrato anche in questo caso il 14; si tratta di eventi isolati che hanno riguardato solo poche ore. NordPool. La performance della borsa scandinava a novembre è di nuovo la migliore rispetto a quella delle altre borse europee. Tuttavia, rispetto al mese precedente, riscontriamo prezzi medi più alti (del 12%) e volumi che sono cresciuti ad un tasso superiore a quello dei prezzi (del 23%). I quali si sono rivelati meno volatili mantenendosi quasi sempre al di sopra dei 20 Euro/MWh e superando solo una volta i 30 Euro/MWh. 20

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del Paese Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile ancora in calo la bolletta elettricità, -1,1%, e forte riduzione per il gas -4,0% sull anno risparmi per 75 euro

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA Da produttore/grossista a utente non domestico - Prezzo di mercato prevalente della componente energia e della commercializzazione al dettaglio

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Allegato A TESTO INTEGRATO

Allegato A TESTO INTEGRATO TESTO INTEGRATO DELLE DISPOSIZIONI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI TRASMISSIONE, DISTRIBUZIONE E MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA Periodo di regolazione 2008-2011

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Milano, 31 Gennaio 2014 Spett.le Autorità per l'energia elettrica, il gas ed il sistema idrico Direzione Mercati Unità Mercati Elettrici all'ingrosso Piazza Cavour 5 20121 Milano Osservazioni al DCO 587/2013/R/eel

Dettagli

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER 15 giugno 2015 Il Decreto di incentivazione delle FER non fotovoltaiche in via di emanazione dal Ministero dello Sviluppo Economico dovrebbe

Dettagli

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA Nell ambito del processo di completa liberalizzazione del mercato dell energia elettrica

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14.11.2012 COM(2012) 652 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 (Testo rilevante ai

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

www.energystrategy.it 1

www.energystrategy.it 1 www.energystrategy.it 1 C è ancora un mercato italiano del fotovoltaico? Quanto è importante la gestione degli asset? Cosa vuol dire fare gestione degli asset e chi la fa oggi in Italia? www.energystrategy.it

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA

LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA GESTORE DEI SERVIZI ELETTRICI GSE SPA Direzione Operativa www.gse.it www.gsel.it 2 Commercializzazione dell energia energia elettrica

Dettagli

1.Produzione e costo dell energia in Italia

1.Produzione e costo dell energia in Italia 1.Produzione e costo dell energia in Italia L Italia é ai primi posti in Europa per consumo energetico annuo dopo Germania, Regno Unito e Francia. Il trend dal 2000 al 2008 mostra un aumento del consumo

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA Autorità per l energia elettrica e il gas RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 31 marzo 2013 VOLUME I Stato dei servizi Autorità per l energia elettrica e il gas RELAZIONE

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO Relazione tecnica alla deliberazione 20 dicembre 2012, 570/2012/R/efr Mercato di incidenza:

Dettagli

Il Mercato Elettrico del GME: finalità, organizzazione e funzionamento

Il Mercato Elettrico del GME: finalità, organizzazione e funzionamento Il Mercato Elettrico del GME: finalità, organizzazione e funzionamento Indice 1. Funzionamento e organizzazione del sistema elettrico... 5 1.1 Vincoli tecnici del sistema elettrico... 5 1.2 Gestione del

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa

Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa di Paola Pittelli Sommario: 1. Premessa; 2. I considerando 89-99 della direttiva 2014/24/UE; 3. L

Dettagli

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio.

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Un complesso avvio delle policy di sostegno alle rinnovabili La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Inefficace

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Basi Prodotti riguardanti le prestazioni di servizio relative al sistema

Basi Prodotti riguardanti le prestazioni di servizio relative al sistema Pagina 1 di 9 Basi Prodotti riguardanti le prestazioni di servizio relative al sistema Descrizione dei prodotti valida dal febbraio 2015 Autore: Swissgrid SA Rielaborazioni: Versione Data Sezione 1.0 21.08.2008

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

SOMMARIO TITOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI... 4 SEZIONE 1 CONDIZIONI DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MAGGIOR TUTELA AI CLIENTI FINALI...

SOMMARIO TITOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI... 4 SEZIONE 1 CONDIZIONI DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MAGGIOR TUTELA AI CLIENTI FINALI... TESTO INTEGRATO DELLE DISPOSIZIONI DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI VENDITA DELL ENERGIA ELETTRICA DI MAGGIOR TUTELA E DI SALVAGUARDIA AI CLIENTI FINALI AI

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Dal kw risorse per la competitività

Dal kw risorse per la competitività Dal kw risorse per la competitività Soluzioni di efficienza e ottimizzazione energetica dalla PMI alla grande impresa Salvatore Pinto AD Presidente Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Da fornitore a partner

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla IDEMDJD]LQH 1XPHUR 'LFHPEUH %52 (56 21/,1( 68//,'(0 nel 2002, il numero di brokers che offrono la negoziazione online sul minifib è raddoppiato, passando da 7 nel 2001 a 14. A novembre due nuovi brokers

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7 Oggetto: Aiuto di Stato N 540/2009 - Francia Proroga dell aiuto NN 155/2003 Realizzazione di un servizio sperimentale di autostrada ferroviaria e Aiuto

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 SINTESI. Italian translation

WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 SINTESI. Italian translation WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 SINTESI Italian translation SINTESI WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 Il World Energy Outlook (WEO) 2012 è uno strumento indispensabile per i decision maker della politica e dell industria

Dettagli

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT Perché l'ue disciplina gli appalti pubblici? La disciplina degli appalti fa parte degli obiettivi del mercato interno. Si

Dettagli

Bilancio Consolidato e Separato

Bilancio Consolidato e Separato Bilancio Consolidato e Separato 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE Gruppo Hera Bilancio Consolidato e Separato

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE AI CLIENTI FINALI

CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE AI CLIENTI FINALI CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE AI CLIENTI FINALI Allegato A alla deliberazione ARG/com 104/10 versione integrata e modificata dalle deliberazioni ARG/com

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012.

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012. Il testo del protocollo di Kyoto (Protocollo Nazioni Unite in vigore dal 16.2.2005) Il protocollo di Kyoto è stato ratificato dall'italia con la legge 120 del 2002. Il protocollo entra in vigore il 16

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

Stampare in modalità fronte-retro

Stampare in modalità fronte-retro CODICE DI RETE TIPO PER LA DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE ALLEGATO 2 DELIBERAZIONE 6 GIUGNO 2006, N. 108/06 COME MODIFICATO DALLE DELIBERAZIONI 2 OTTOBRE 2007, N. 247/07, 14 DI- CEMBRE 2007, N. 324/07,

Dettagli

Le fonti rinnovabili in Italia

Le fonti rinnovabili in Italia Le fonti rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa LEGAMBIENTE - Comuni rinnovabili 2010 Roma, 23 marzo 2010 www.gse.it 2 Indice Le attività del Gestore dei Servizi Energetici

Dettagli