Struttura e funzionamento dei mercati di borsa Risparmio gestito e diretto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Struttura e funzionamento dei mercati di borsa Risparmio gestito e diretto"

Transcript

1 Università degli Studi di Ancona Facoltà di Economia Giorgio Fuà Corso di laurea specialistico: FINANZA, BANCHE E ASSICURAZIONI (Classe 19/S) Percorso: Borsa e Mercati Struttura e funzionamento dei mercati di borsa Risparmio gestito e diretto Ancona, dicembre 2002 Prof.. Michele Modina Istituto di Teoria delle Decisioni e di Finanza Innovativa 1

2 Agenda I a w: Struttura dei mercati di borsa II a w: Efficienza dei mercati III a w: I mercati di borsa italiani IV a w: Le operazioni di finanza mobiliare V a w: Risparmio gestito e risparmio diretto 2

3 Agenda I a w: Struttura dei mercati di borsa II a w: Efficienza dei mercati III a w: I mercati di borsa italiani IV a w: Le operazioni di finanza mobiliare V a w: Risparmio gestito e risparmio diretto L industria del risparmio gestito Gli intermediari mobiliari I prodotti del risparmio gestito Le performance dei gestori Risparmio diretto e trading on line 3

4 Obiettivi Alla fine della quinta sessione di lezioni (quinta settimana), lo studente dovrebbe avere acquisito i seguenti concetti: conoscere lo stato dell arte e i trend in atto nel risparmio gestito distinguere le caratteristiche dei principali intermediari mobiliari capire i tratti caratteristici dei principali prodotti del risparmio gestito acquisire i concetti fondamenti per una corretta gestione del portafoglio conoscere le principali misure delle performance dei gestori cogliere gli elementi fondamentali del risparmio diretto 4

5 Agenda I a w: Struttura dei mercati di borsa II a w: Efficienza dei mercati III a w: I mercati di borsa italiani IV a w: Le operazioni di finanza mobiliare V a w: Risparmio gestito e risparmio diretto L industria del risparmio gestito Gli intermediari mobiliari I prodotti del risparmio gestito La gestione del portafoglio (cenni) Le performance di portafoglio Risparmio diretto e trading on line 5

6 RG V La definizione di risparmio gestito Il termine risparmio gestito (asset management ) si riferisce all attività di raccolta di risparmio e di investimento in attività finanziarie nonché al servizio di consulenza finanziaria. A fronte di tali attività, al gestore professionale vengono riconosciute delle commissioni. FAMIGLIE deposita investe BANCHE ELEMENTI BASE DEL RG (M. Onado) opera MERCATO FINANZIARIO intermediari finanziari asset classes fondi comuni/sicav prodotti assicurativi altri intermediari presta emette TdS presta emette azioni, obbligazioni securities bonds STATO IMPRESE ESTERO chi svolge asset management non è un intermediario finanziario nel senso stretto del termine il rapporto contrattuale sottostante è basato su un mandato fiduciario l oggetto del contratto è la costituzione di un portafoglio efficiente, in cui sia ottimizzata la combinazione rischio/rendimento rispetto agli obiettivi specifici dell investitore 6

7 RG V Il profilo multidisciplinare del RG Risparmio Risparmio gestito gestito L ampio spettro delle dimensioni coinvolte dall attività di risparmio gestito Fonti di attività Canali distributivi Gestori delle attività Tipologia di attività Mass market Affluent HNWI Fondi pensione (Tfr) Assicurazioni (premi) Fondazioni (gifting) Governi (tasse) Banche + SIM (sportelli + PF) IFA/Broker Private bank Compagnie assic. AM Sales & Marketing team Consulenti Canali diretti agli istituzionali Gestione diretta Asset manager indipendenti di proprietà di banche di proprietà di assicurazioni Private Banks Gestione diretta Azioni gestione attiva gestione passiva Titoli reddito fisso gestione attiva gestione passiva Money Market Immobili Private Equity Hedge Funds Fonte: UBS Warburg, Olyver, Wyman & Company 7

8 RG V Lo scenario di riferimento 1990/ /2006 Mercati finanziari in forte sviluppo Caratteristiche del RG: elevati tassi di crescita, stabilità dei ricavi, modesta immobilizzazione di capitale Condizioni di mercato meno favorevoli: crisi economiche e caduta dei mercati azionari Avvio di una spirale negativa: Grande interesse delle banche europee verso il comparto (strategia di crossselling e bancassurance) Processo di concentrazione (ricerca di economie di scala) Presenza di un circolo virtuoso aumento dei flussi di raccolta netta aumento dei ricavi per ricomposizione portafoglio finanziario delle famiglie tolleranza di commissioni più alte BOOM del RISPARMIO GESTITO Crescita delle dimensioni bassi rendimenti scoraggiano afflussi di nuove risorse riduzione nel portafoglio delle attività più remunerative (azioni) maggiore attenzione sulle commissioni Crescita della competizione Nuove esigenze della clientela Pressione sui prezzi e sui livelli di servizio Necessità di lavorare sui costi PROFONDI CAMBIAMENTI Incremento efficienza, nuovi modelli e strategie 8

9 RG V I riflessi sulle banche italiane Ieri Oggi Forte crescita dei volumi di raccolta indiretta (risparmio amministrato e risparmio gestito) Rallentamento nella crescita delle attività gestite e dei rcavi da servizi Forte crescita dei ricavi da servizi (commissioni da servizi, gestione, intermediazione e consulenza) Acquisizione di quote di mercato dominanti Lancio di nuovi prodotti (gestioni patrimoniali collettive e individuali, fondi comuni, prodotti assicurativi) Sviluppo di nuovi canali (rete di promotori finanziari, servizio on line) Nuove strategie di espansione operazioni di M&A costituzione di SIM e SGR creazione di strutture ad hoc (private banking, ) Ridurre i costi di gestione della clientela mass market (ma non solo) Razionalizzare e rendere più efficienti le reti distributive (gestione della multicanalità) Limitare il turn over dei clienti e crescere lo share of wallet migliorandone qualità del servizio e della relazione (matrice prodotto/cliente/canale Capire i cambiamenti in corso adattando le proprie strategie e i propri modelli organizzativi 9

10 RG V Lo stato dell arte nel 2001 (1 di 2) Attività Attività gestite gestite Eu si posiziona tra USA e Japan per volume di AUM (asset under management) AUM in EU: 15 TN pari al 160% del GDP (nel mondo, 50 TN pari al 150% del GDP) AUM in US: 25 TN pari al 220% del GDP (in J, 6TN pari al 130% del GDP ) Il 60% delle attività deriva dal settore retail Esiste correlazione tra AUM istituzionali (IT = 24%) ed evoluzione degli schemi pensionistici I canali distributivi variano in modo significativo (ragioni storiche e strutturali) Nei mercati più maturi è sviluppata l attività di consulenza (IFA, broker, private bank) Nei prodotti più poveri (Fondi comuni), le banche hanno acquisito importanti quote di mercato Il mercato è frammentato, ma non indipendente Non esistono leader pan-europei, ma campioni nazionali Solo l 8% dei gestori è indipendente (non fa parte di gruppi bancari e/o assicurativi) Esiste un equilibrio tra investimenti in azioni (44%) e obbligazioni (43%)... Ma vi sono profonde differenze per aree geografiche Fonte: elaborazione dell autore su dati Olyver, Wyman & Company 10

11 RG V Lo stato dell arte nel 2001 (2 di 2) Ricavi Ricavi & Profitti Profitti In EU, i ricavi legati al RG sono stati pari a 122 miliardi il rapporto ricavi/aum è in media pari a 81 basis point il 60% dei ricavi è destinato all attività di distribuzione (circa 70 miliardi) I profitti post-imposte sono pari a 10 miliardi (7 bp) Costi pari a 38 mld con margine operativo del 26% Esiste però una forte granularità del mercato (in IT 105 bp, in D e AT 73 bp)... Ragioni: (i) origine delle attività; (ii) asset allocation (peso dell equity) e una forte dipendenza dei ricavi dal segmento retail Ragioni: (i) maggiori costi del RG nel segmento retail (ii) minore sensibilità al prezzo 11

12 RG V Le attività gestite in Europa (1 di 2) Il volume delle AUM distribuzione per fonte La distribuzione delle AUM distribuzione dei fondi comuni Fonte: Oliver, Wyman & Company (2002) In Italia, vi è 1 TN di AUM (70% del volume globale) Il mercato principale è quello dei fondi comuni destinati al settore retail, mentre meno sviluppato è il mercato del private banking (anche se in crescita) e quello dei prodotti previdenziali Il patrimonio degli HNWI gestito è stimato in 350 miliardi di euro + 50/60 da scudo fiscale (fonte Accenture) Allo stesso, le AUM di natura istituzionale sono inferiori rispetto a quelle gestite nei mercati più maturi dove è più fiorente l industria pensionistica (in IT la % delle AUM istituzionali è del 24% contro il 56% dei paesi nordici) Nei mercati più evoluti è più diffuso il servizio di consulenza finanziaria indipendente(broker/ifa) Nell EU continentale l attività di bancassurance si è maggiormente sviluppata In Italia, le banche hanno acquisito importanti quote di mercato nella gestione del risparmio Il comparto più sviluppato è quello dei fondi comuni, ma pare in crescita anche quello dei prodotti previdenziali grazie alla capacità delle banche di standardizzare l offerta 12

13 RG V Le attività gestite in Europa (2 di 2) Il ruolo degli Asset Manager (distribuzione per numero e AUM) Più di gestori professionali con un volume medio di AUM pari a 30 miliardi Fonte: Oliver, Wyman & Company (2002) L asset allocation (composizione per regione) Nessuno ha quote di mercato superiori al 5% Solo 15 operatori detengono quote maggiori dell 1% Esistono campioni nazionali Il 46% degli operatori appartiene a gruppi bancari, mentre il 46% appartiene a gruppi assicurativi o di bancassurance Solo l 88% è indipendente La maggior parte delle risorse è investita in azioni (44%) e obbligazioni(43%) il 5% delle AUM è gestito passivamente (il 10% delle azioni ha una gestione passiva, contro il 2% delle obbligazioni) Tuttavia, esistono profonde differenze geografiche che portano alla distinzione di tre gruppi suddivisi in base al peso dell investimento azionario: >60% (UK) 40-50% (Benelux, Regioni nordiche, Svizzera e, per confronto, US) 25-30% (Germania, Austria, Francia, Spagna, Portogallo e Italia) 13

14 RG V I trend in atto Driver Crescita Crescita delle delle AUM AUM Principali assunzioni caduta del valore delle attività: nell ultimo anno, equity: -26% : crescita del valore delle azioni (CAGR = 8%) e delle obbligazioni (CAGR = 4%) crescita dei flussi netti pari alla crescita del GDP (+ inflazione) benefici apportati dalla riforma pensionistica (diversa da paese a paese) Crescita Crescita dei dei ricavi ricavi Mix Mix ricavi ricavi crescita degli investimenti alternativi: circa +1% per private equity e hedge fund (da 1,25 a 3,2% sul tiotale AUM) convergenza del peso dell equity: l attuale allocazione tenderà a posizionarsi sul 50% (riduzione in UK, ma aumento in altri paesi) passaggio alla gestione passiva: cresce la componete azionaria gestita in via passiva anziché attiva (e.g., ETF) convergenza del livello delle commissioni (soprattutto, quelle produttive): la riduzione delle commissioni è prevista pari al 50% tasso di rotazione del portafoglio statico: modesti cambiamenti nel rapporto tra ricavi lordi (che guidano le commissioni di entrata/uscita) e AUM (che guidano le commissioni di gestione) 14

15 RG V Lo scenario realistico Valori in euro AUM fine anno ( TN) Ricavi ( BN) CAGR/ ,4%% 5,0% I ricavi crescono del 5% La crescita è inferiore a quella delle AUM per effetto: pressione competitiva shift verso gestione passiva convergenza delle commissioni verso il basso Ricavi alla distrib ( BN) ,6% Ricavi alla prod ( BN) ,6% Valori in miliardi di euro Costi operativi Profitti operativi Margine operativo (in % ricavi) % % CAGR/ ,1% 6,9% I costi si mantengono stabili fino al 2003 e poi riprendono a crescere a un ritmo pari a quello dei ricavi Alcuni operatori riescono a migliorare in modo sensibile l efficienza operativa, mentre altri si dimostrano meno virtuosi I profitti operativi raggiungono il livello minimo nel 2002 (24% sui ricavi) e riprendono a crescere dal 2004 (anno in cui raggiungono nuovamente il livello del 2001) 15

16 Agenda I a w: Struttura dei mercati di borsa II a w: Efficienza dei mercati III a w: I mercati di borsa italiani IV a w: Le operazioni di finanza mobiliare V a w: Risparmio gestito e risparmio diretto L industria del risparmio gestito Gli intermediari mobiliari I prodotti del risparmio gestito La gestione del portafoglio (cenni) Le performance di portafoglio Risparmio diretto e trading on line 16

17 intermediari V L intermediazione mobiliare Servizi di IM per unità in deficit: servizi alle emissioni originating, sottoscrizione, collocamento servizi di finanza mobiliare e straordinaria Banche SIM Servizi di IM nei mkt secondari (trading): Servizi di IM per unità in surplus: Fonte: elaborazione su Damilano e altri (2002) negoziazione per conto proprio (dealing, market making) negoziazione per conto terzi (brokering) raccolta e trasmissione di terzi servizi di gestione individuale servizi di gestione collettiva Banche SIM Banche SIM SGR SGR SICAV 17

18 intermediari V Il ruolo centrale delle banche Le banche italiane dispongono di alcuni vantaggi competitivi che hanno permesso di accentuare il loro ruolo di tramite istituzionale tra le famiglie e i mercati finanziari: il risparmiatore italiano non è sufficientemente preparato per operare autonomamente sul mercato dei capitali e considera le banche maggiormente affidabili rispetto alle istituzioni non bancarie esiste un consolidato rapporto sia fiduciario che di conoscenza tra banche e clientela le banche dispongono di una rete capillare sul territorio con costi operativi distribuiti su linee di prodotto differenti (mix di prodotti poveri e ciclici e prodotti ricchi e anticiclici) I servizi offerti Custodia titoli: la banca svolge un servizio di mera custodia, per la quale riceve delle commissioni; ogni operazione è svolta dal cliente Amministrazione titoli: la banca effettua operazioni legate alla fase di vita del titolo (incasso delle cedole, esecuzione degli ordini, ecc.); spesso, a tale attività si affianca un attività di consulenza informale non remunerata Gestioni patrimoniali: nel rispetto delle indicazioni del cliente, la banca effettua operazioni di compravendita al fine di ottenere la migliore composizione maggiore redditività maggiore qualità del servizio offerto maggiore dinamismo e continuità del rapporto 18

19 intermediari V Le SGR "Società per azioni con sede legale e direzione generale in Italia autorizzata a prestare il servizio di gestione collettiva del risparmio (art.1, primo comma, Dlgs. n.58 del 24/02/1998) Gestione collettiva del risparmio (art. 1, comma 1 T.U.) Attività riservata (art. 33 T.U.) Fondi comuni e amministrazione rapporti con partecipanti Gestione di OICR, propri e non, mediante investimento La SGR (Società di Gestione del Risparmio) può svolgere attività principali e attività connesse e strumentali Requisiti: autorizzazione (Bankitalia) Forma giuridica Capitale minimo Localizzazione Onorabilità e professionalità (D.M.Tesoro 468 e 469/1999) Redazione programma Relazione su struttura organizzativa Decadenza dell'autorizzazione (sez. VII n. 5) Iscrizione all'albo Adeguatezza patrimoniale: Patrimonio di vigilanza, di base, supplementare 19

20 intermediari V Le SIM l'impresa diversa dalla Banche e dagli intermediari finanziari iscritti nell'elenco previsto dall'elenco previsto dall'articolo 107 del T.U. bancario, autorizzata a svolgere servizi di investimento, avente sede legale e direzione generale in Italia (Art.1, primo comma, Dlgs. n.58 del 24/02/1998) La SIM (società di intermediazione mobiliare) esercita professionalmente i servizi di investimento e i servizi accessori nei confronti del pubblico, rientra nelle categoria delle imprese di investimento, e, più in generale, in quella dei soggetti abilitati La SIM insieme alle imprese di investimento comunitarie e a quelle extracomunitarie forma la categoria delle imprese di investimento (Art. 1 T.U.) Si differenza da quest'ultime per la sede (Italia) Imprese di investimento, SGR, SICAV, banche, intermediari finanziari iscritti all'elenco art. 107 T.U. bancario sono i soggetti abilitati all'esercizio dei servizi di investimento (art. 18. T.U.) Nel corso degli anni novanta il numero delle SIM (soprattutto quelle di negoziazione) è passato da 225 a 171 per varie ragioni: ragioni fisiologiche (cambiamento di attività, liquidazione volontaria, stati di crisi, ) trasformazione in banche (Direttiva Eurosim del 1996) modello del gestore unico attraverso l incorporazione della SIM di gestione nella SGR 20

21 intermediari V L attività delle SIM Cosa fa Servizi di investimento: (art. 1 comma 5 T.U.) Servizi accessori: (art. 1 comma 6 T.U.) Dove opera Mercati regolamentati italiani, comunitari extracom. riconosciuti, Stati comunitari ed extracom. anche senza succursali (art. 25 T.U.) Limitazioni (Regolamento Banca d'italia 29/11/96) Come opera Criteri generali di comportamento e di gestione (art. 21 T.U.) Principi validi per tutti gli intermediari autorizzati (non solo SIM) nell'interesse degli investitori e dell'integrità del mercato mobiliare (Regolamento Consob 11522/98 art. 26) Separazione patrimonio, tutela da creditori, divieto di utilizzo strumenti finanziari (salvo deroga espressa) (Art. 22 T.U.) Sistema di indennizzo riconosciuto dal Ministero del Tesoro (art. 59 T.U) Offerta fuori sede (vd. Promotore finanziario, art. 30 T.U.) / promozione a distanza (Regolamento 11522/98 artt. 71/78) 21

22 intermediari V I servizi di investimento Per servizi di investimento si intendono le seguenti attività: negoziazione per conto proprio negoziazione per conto terzi collocamento, con o senza preventiva sottoscrizione o acquisto a fermo, ovvero assunzione di garanzia nei confronti dell'emittente gestione su base individuale di portafogli di investimento per conto terzi ricezione e trasmissione di ordini nonché mediazione Per servizi accessori si intendono le seguenti attività: custodia e amministrazione di strumenti finanziari locazione di cassette di sicurezza concessione di finanziamenti agli investitori per consentire di effettuare operazione relativa a strumenti finanziari, in cui interviene il soggetto che concede il prestito consulenza alle imprese in materia di struttura finanziaria, di strategia industriale e di questioni connesse, nonché consulenza su operazioni di finanza straordinaria servizi connessi all emissione o al collocamento di strumenti finanziari, ivi compresa l organizzazione e la costituzione di consorzi di garanzia e collocamento consulenza in materia di investimenti in strumenti finanziari; intermediazione in cambi, quando collegata alla prestazione di servizi di investimento 22

23 intermediari V Le regole di comportamento Nella prestazione dei servizi di investimento e accessori i soggetti abilitati devono: TUF art. 21 Criteri generali comportarsi con diligenza, correttezza e trasparenza, nell'interesse dei clienti e per l'integrità dei mercati acquisire le informazioni necessarie dai clienti e operare in modo che essi siano sempre adeguatamente informati organizzarsi in modo tale da ridurre al minimo il rischio di conflitti di interesse e, in situazioni di conflitto, agire in modo da assicurare comunque ai clienti trasparenza ed equo trattamento disporre di risorse e procedure, anche di controllo interno, idonee ad assicurare l'efficiente svolgimento dei servizi svolgere una gestione indipendente, sana e prudente e adottare misure idonee a salvaguardare i diritti dei clienti sui beni affidati Art. 26 della delibera Consob n del operare in modo indipendente e coerente con i principi e le regole generali del Testo Unico rispettare le regole di funzionamento dei mercati in cui operano astenersi da ogni comportamento che possa avvantaggiare un investitore a danno di un altro eseguire con tempestività le disposizioni loro impartite dagli investitori acquisire una conoscenza degli strumenti finanziari, dei servizi nonché dei prodotti diversi dai servizi di investimento, propri o di terzi, da essi stessi offerti, adeguata al tipo di prestazione da fornire operare al fine di contenere i costi a carico degli investitori e di ottenere da ogni servizio di investimento il miglior risultato possibile, anche in relazione al livello di rischio prescelto dall investitore 23

24 intermediari V L offerta fuori sede Il TUF definisce l offerta fuori sede come la promozione e il collocamento presso il pubblico: di strumenti finanziari in luogo diverso dalla sede legale o dalle dipendenze dell emittente, del proponente l investimento o del soggetto incaricato della promozione o del collocamento di servizi di investimento in luogo diverso dalla sede legale o dalle dipendenze di chi presta, promuove o colloca il servizio Per l offerta fuori sede, i soggetti abilitati devono avvalersi di promotori finanziari Il soggetto abilitato che conferisce l incarico è responsabile in solido dei danni arrecati a terzi dal promotore finanziario, anche se tali danni siano conseguenti a responsabilità accertata in sede penale E promotore finanziario la persona fisica che, in qualità di dipendente, agente o mandatario, esercita professionalmente l offerta fuori sede. L'attività di promotore finanziario è svolta esclusivamente nell'interesse di un solo soggetto (Art. 31, secondo comma, Dlgs. n. 58 del 24/02/1998) MONOMANDATO 24

25 intermediari V I promotori finanziari Numero di promotori finanziari delle imprese aderenti ad Assoreti in fase di relativo assestamento (attorno a quota unità) E finita la fase di crescita a due cifre (+20% nel 2001, +15% nel 2000) Il numero complessivo dei promotori finanziari italiani è prossimo a quota (dato al 31/12/2001) (quanti operativi?) Fonte: Assoreti Rapporto 2 trimestre

26 intermediari V Il patrimonio gestito dai PF Quota preponderante, ma in diminuzione, di risparmio investito in quote di OICR (sfiducia verso la capacità di diversificazione in mercati sempre più correlati?) Stabili GPF, GPM, prodotti assicurativi e previdenziali (non decollano i tanto attesi fondi pensione) In crescita continua c/c e titoli sottoscritti direttamente (c/c su internet come parcheggio di liquidità; titoli per evitare commissioni in periodi di mercati negativi) 26

27 intermediari V Un confronto tra PF e sistema Peso dell intermediazione lorda delle reti in diminuzione rispetto al sistema Raccolta netta delle reti più virtuosa nel 2002 (positiva nel 2 trimestre a fronte della raccolta negativa del sistema; relativamente migliore nel 1 trimestre) Ragioni: Capacità dei PF di attenuare, grazie al rapporto consulenziale col cliente, le vendite in momenti di mercato negativi? 27

28 Agenda I a w: Struttura dei mercati di borsa II a w: Efficienza dei mercati III a w: I mercati di borsa italiani IV a w: Le operazioni di finanza mobiliare V a w: Risparmio gestito e risparmio diretto L industria del risparmio gestito Gli intermediari mobiliari I prodotti del risparmio gestito La gestione del portafoglio (cenni) Le performance di portafoglio Risparmio diretto e trading on line 28

29 prodotti del RG L offerta di risparmio gestito Fondi comuni aperti Sicav OICVM INVESTITORI ISTITUZIONALI SERVIZI di GESTIONE INDIVIDUALE SERVIZI di GESTIONE COLLETTIVA SERVIZI di GESTIONE del RISPARMIO PREVIDENZIALE OICR Fondi pensione Prod. assicurativi Banche SIM SGR Fondi chiusi (mobiliari e immobiliari) Fondi riservati Fondi speculativi Altre tipologie (fondi di fondi, ETF, ) 29

30 prodotti del RG Il risparmio in Italia Composizione del portafoglio finanziario delle famiglie: PRE 90: TITOLI STATO, OBBLIGAZIONI, LIQUIDITA (c/c postali) 1990: FONDI COMUNI NAZIONALI, AZIONI, OBBLIGAZIONI, TITOLI DI STATO 2000: FONDI COMUNI NAZIONALI e INTERNAZIONALI, AZIONI, OBBLIGAZIONI, POLIZZE 2010: GESTIONI COLLETTIVE, FONDI PENSIONI Propensione media al risparmio 30,5 27,1 26,4 24,9 19,1 17,2 15,4 14, Famiglie Imprese La propensione al risparmio segnala un trend negativo: da 20-25% delle risorse familiari risparmiate negli anni 80 si è passati a una percentuale dell 11%. Fonte: Prometeia Il risparmio privato in % del Pil 30

31 prodotti del RG Il portafoglio delle famiglie (1 di 3) Dati consuntivi Dati previsionali (00-95) (00-03) (03-06) Attività liquide 40,2 25,4 25,1-15,1 23,3 21,4-1,8-1,9 Titoli a breve 9,8 1,1 1,0-8,8 1,1 0,8 0,1-0,3 Titoli a medio/lungo 21,3 15,9 18,1-3,2 16,8 15,0-1,3-1,8 di cui esteri 1,9 3,0 3,0 1,1 3,3 3,2 0,3-0,1 di cui privati 2,8 6,6 7,8 5,0 8,0 8,0 0,2 0,0 Totale Titoli 31,1 17,0 19,1-12,0 17,9 15,8-1,2-2,1 Fondi comuni 4,1 19,4 18,1 14,0 19,4 21,1 1,3 1,7 di cui esteri 0,4 1,4 1,9 1,5 2,9 4,1 1,0 1,2 Azioni e partecipazioni 13,1 26,3 24,6 11,5 24,0 24,9-0,6 0,9 di cui estere 1,6 3,5 4,2 2,6 4,0 4,3-0,2 0,3 Riserve assicurative e fondi pensione 10,2 10,9 11,9 1,7 14,3 16,0 2,4 1,7 di cui vita e fondi pensione 3,4 5,7 6,7 3,3 9,7 10,7 3,0 1,0 di cui fondi quiescienza 5,3 4,5 4,6-0,7 4,1 3,2-0,5-0,9 Altro 1,3 1,1 1,2-0,1 1,1 0,8-0,1-0,3 Totale In migliaia di mld. di lire Ricomposizione del portafoglio a favore di titoli azionari e fondi comuni e a scapito di titoli a reddito fisso (soprattutto pubblici) e attività liquide Maggiore diversificazione internazionale degli investimenti finanziari Superiori prospettive di crescita per il comparto assicurativo e pensionistico 31

32 prodotti del RG Il portafoglio delle famiglie (2 di 3) Ripartizione dei portafogli delle famiglie (in % del totale) Liquidità e depositi Titoli Azioni e partecipazioni Fondi comuni pensione Germania 41,8 33,9 13,4 10,0 10,9 15,5 7,0 11,4 25,8 28,0 1,1 1,1 Francia 36,0 25,3 5,0 2,2 26,0 37,4 9,7 8,2 21,2 23,3 2,1 3,5 Italia 40,2 25,1 31,1 19,1 13,1 24,7 4,1 18,1 10,3 11,9 1,2 1,2 Spagna 51,7 36,2 3,1 1,9 18,9 33,5 10,3 12,4 10,3 13,1 5,6 3,0 USA 15,2 13,6 9,0 6,5 36,2 35,8 5,3 9,2 28,7 29,6 5,6 5,4 Fonte: elaborazioni Prometeia su dati Banca d Italia Assicurazioni e fondi Superiore allocazione relativa in strumenti a reddito fisso (elevato debito pubblico) Inferiore detenzione di azioni e partecipazioni (esiguità del numero di società quotate sul listino nazionale) Elevata predilezione per gli strumenti di investimento collettivo Ridotta percentuale di strumenti assicurativi e pensionistici (mancato decollo della previdenza privata) Altre 32

33 prodotti del RG Il portafoglio delle famiglie (3 di 3) Ripartizione dei portafogli dei fondi comuni (in % del totale) Azionari Obbligazionari Misti Monetari e altri Germania 20,2 61,0 59,3 22,6 2,5 6,0 18,0 10,4 Francia 10,9 28,3 27,0 16,9 18,0 26,3 44,1 28,5 Italia 17,6 34,6 39,6 34,6 6,5 25,8 36,3 5,0 Spagna 2,0 32,4 29,0 26,2 4,0 23,2 65,0 18,2 USA 45,0 56,9 25,5 11,6 7,0 5,0 21,0 26,5 Fonte: elaborazioni Prometeia su dati Banca d Italia Composizione coerente con le preferenze dei risparmiatori dei diversi paesi Al termine del quinquennio che si è chiuso: si conferma il ruolo primario del comparto obbligazionario si osserva la drasticamente riduzione del comparto monetario, a favore di comparti azionari e, soprattutto, bilanciati 33

34 prodotti del RG Gestione collettiva La gestione collettiva del risparmio chi investe non è titolare del fondo, ma di un diritto di credito verso la SGR le somme versate costituiscono un pool indistinto di fondi gestito per conto degli investitori il rischio è a carico degli investitori che delegano la gestione alla SGR Quote del patrimonio la partecipazione è rappresentata da una quota (valore del fondo/nr. quote) il valore complessivo del fondo è pari al valore corrente delle attività meno le eventuali passività le quote possono essere riscattate dagli investitori Autonomia patrimonio Scelte investimento Altre caratteristiche. le somme gestite costituiscono un patrimonio autonomo (tutela per gli investitori) la custodia degli strumenti finanziari è a cura di una banca depositaria, che svolge anche funzioni di verifica e controllo decisi dalla SGR sulla base di quanto stabilito dalla legge e dal regolamento finalità: garantire la corretta diversificazione dei rischi il regolamento del fondo definisce la sua composizione e il profilo di rischio dell investitore la trasparenza è garantita dal prospetto informativo, dalla pubblicazione delle quote e dal criterio di valorizzazione ai prezzi di mercato i diritti di voto dei titoli gestiti sono esercitati dal fondo (ovvero dalla SGR) 34

35 prodotti del RG I fondi comuni aperti Distribuzione Anninistrazione Asset Managemenet Consulenza Vendita Back-office Custodia Liquidazione Asset allocation Stock picking Market timing Risparmiatori Risparmiatori Promotori Vende quote Sportelli Fattori caratterizzanti BANCA EURO Controlla (Sgr) Euro gest Distribuiti da gestisce EuroAzioni EuroBond EuroCash No: natura dell intermediario e forma del contratto Sì: funzioni svolte dall intermediario (costituire e gestire un portafoglio efficiente sulla base di un mandato fiduciario) e limiti alla sua responsabilità patrimoniale (i rischi dell investimento restano in capo al mandante, che non matura il diritto a pagamenti predeterminati) Mercato 35

36 prodotti del RG Criteri di rendimento Natura strumenti finanziari Le tipologie di fondi aperti fondi di reddito: massimizzano il reddito prodotto dai titoli gestiti e prevedono una distribuzione periodica di parte dello stesso fondi di sviluppo: aumentano il valore del capitale investito nel lungo periodo (reinvestimento degli interessi e dei dividendi maturati) fondi azionari: maggior peso dell investimento è azionario fondi obbligazionari: maggior peso dell investimento è obbligazionario fondi monetari: investono soprattutto in strumenti a breve scadenza fondi bilanciati: mix di composizione Tipologia di gestione Modalità di sottoscrizione Fondi di fondi. fondi a gestione attiva: cercano un rendimento superiore a quello del benchmark fondi a gestione passiva: replicano la composizione del benchmark fondi senza commissioni (no load): spese di gestione molto contenute fondi abbinati a un servizio bancario, finanziario, : per esempio, realizzazione di piani di accumulo (Pac), abbinamento con prodotti assicurativi, abbinamento con conti correnti (contofondo), umbrella fund: possibilità di passare da un fondo all altro pagando commissioni ridotte o nulle (lo switch gratuito favorisce una maggiore partecipazione dell investitore) introdotti nel settembre 1999, sono fondi aperti armonizzati che investono in altri OICR (fondi e Sicav) si distinguono in fondi monobrand o multibrand 36

Fondi aperti Caratteri

Fondi aperti Caratteri Fondi aperti Caratteri Patrimonio variabile Quota valorizzata giornalmente in base al net asset value (Nav) Investimento in valori mobiliari prevalentemente quotati Divieti e limiti all attività d investimento

Dettagli

Bisogno di investimento del risparmio

Bisogno di investimento del risparmio Bisogno di investimento del risparmio Domanda e Offerta di strumenti di investimento del risparmio Bisogno di investimento Strumenti bancari (contratti bilaterali) depositi tempo; PcT; CD Strumenti di

Dettagli

Processo che consente di identificare la ripartizione ottimale di medio-lungo periodo delle risorse finanziarie tra le diverse classi di attività.

Processo che consente di identificare la ripartizione ottimale di medio-lungo periodo delle risorse finanziarie tra le diverse classi di attività. Glossario finanziario Asset Allocation Consiste nell'individuare classi di attività da inserire in portafoglio al fine di allocare in maniera ottimale le risorse finanziarie, dati l'orizzonte temporale

Dettagli

Fondi aperti Caratteri

Fondi aperti Caratteri Fondi aperti Caratteri Patrimonio variabile Quota valorizzata giornalmente in base al net asset value (Nav) Investimento in valori mobiliari prevalentemente quotati Divieti e limiti all attività d investimento

Dettagli

GLI INVESTITORI ISTITUZIONALI

GLI INVESTITORI ISTITUZIONALI GLI INVESTITORI ISTITUZIONALI ASPETTI GENERALI E IL CASO DEI FONDI COMUNI Lezione 17, CAPITOLO 19 1 SAPRESTE RISPONDERE A QUESTA DOMANDA? Supponete di avere deciso d iniziare a risparmiare per la pensione,

Dettagli

RETURN TOTAL SISTEMA. Le modifiche ai Fondi appartenenti al Sistema Total Return. Eurizon Capital SGR S.p.A.

RETURN TOTAL SISTEMA. Le modifiche ai Fondi appartenenti al Sistema Total Return. Eurizon Capital SGR S.p.A. Eurizon Capital SGR S.p.A. Le modifiche ai Fondi appartenenti al Sistema Total Return SISTEMA TOTAL RETURN COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI DELLE MODIFICHE REGOLAMENTARI ai sensi del Provvedimento della Banca

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLA GESTIONE

CARATTERISTICHE DELLA GESTIONE CARATTERISTICHE DELLA GESTIONE ALLEGATO B CODICE CONTO NUMERO MANDATO Le caratteristiche della gestione vengono definite, secondo quanto previsto dell art. 38 del Regolamento Consob 16190/07, in funzione

Dettagli

FONDI COMUNI REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI ARMONIZZATI GESTITI DA SELLA GESTIONI

FONDI COMUNI REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI ARMONIZZATI GESTITI DA SELLA GESTIONI REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI ARMONIZZATI GESTITI DA SELLA GESTIONI (in vigore dal 15 aprile 2015) FONDI COMUNI Il presente Regolamento è stato approvato dall organo

Dettagli

Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV

Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV Un Fondo Comune può essere paragonato ad una cassa collettiva dove confluiscono i risparmi di una pluralità di risparmiatori. Il denaro che confluisce in questa

Dettagli

Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio

Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio Art. 1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti del Contraente in base alle Condizioni di Polizza, la Compagnia

Dettagli

info Prodotto Eurizon GP Unica Facile A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon GP Unica Facile A chi si rivolge Eurizon Eurizon è il Servizio di Gestione di Portafogli di Eurizon Capital SGR dove l investitore può scegliere tra due Componenti differenziate su tre dimensioni: classi di attività finanziarie (azioni,

Dettagli

ALLEGATO 1 Regolamento del Fondo Interno Assicurativo

ALLEGATO 1 Regolamento del Fondo Interno Assicurativo ALLEGATO 1 Regolamento del Fondo Interno Assicurativo Art. 1 - Istituzione e denominazione del Fondo Interno Assicurativo Poste Vita S.p.A. (la Compagnia ) ha istituito, secondo le modalità indicate nel

Dettagli

I soggetti che operano nel mercato finanziario. Francesca Mattassoglio

I soggetti che operano nel mercato finanziario. Francesca Mattassoglio I soggetti che operano nel mercato finanziario Francesca Mattassoglio Art. 18 TUF 1. L'esercizio professionale nei confronti del pubblico dei servizi e delle attività di investimento è riservato alle imprese

Dettagli

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI Trio Fund 1 Trio Fund 2 Trio Fund 3 ART. 1) ISTITUZIONE E DENOMINAZIONE DEL FONDO MEDIOLANUM INTERNATIONAL LIFE LTD., Compagnia di Assicurazioni sulla vita appartenente al

Dettagli

info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Più Ottobre 2020 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Più Ottobre 2020 A chi si rivolge Eurizon Soluzione Cedola Più Ottobre 2020 info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Più Ottobre 2020 è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che mira ad ottimizzare il rendimento

Dettagli

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI Alternative Fund 1 Alternative Fund 2 Alternative Fund 3 ART. 1) ISTITUZIONE E DENOMINAZIONE DEL FONDO MEDIOLANUM INTERNATIONAL LIFE LTD., Compagnia di Assicurazioni sulla

Dettagli

info Prodotto Eurizon GP Unica A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon GP Unica A chi si rivolge Eurizon Eurizon è il Servizio di Gestione di Portafogli di Eurizon Capital SGR che permette di definire personalmente, pur nel rispetto dei limiti e criteri indicati nel Contratto, la composizione del

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO MULTISTRATEGY 2007

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO MULTISTRATEGY 2007 REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO MULTISTRATEGY 2007 Art.1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti del Contraente in base alle Condizioni di Polizza, l Impresa ha costituito

Dettagli

I fondi riservati: prospettive e criticità

I fondi riservati: prospettive e criticità I fondi riservati: prospettive e criticità Claudio Cacciamani Università degli Studi di Parma Claudio.cacciamani@unipr.it Sala Capranichetta, Piazza di Montecitorio, 127 Roma Martedì, 18 gennaio 2010 1

Dettagli

info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Maggio 2020 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Maggio 2020 A chi si rivolge Eurizon Soluzione Cedola Maggio 2020 info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Maggio 2020 è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che mira ad ottimizzare il rendimento del

Dettagli

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma UniversitàdegliStudidiParma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 5. BANCA VERSUS MERCATO 1. Una visione d assieme 2. I mercati: le tipologie 3. I mercati creditizi: gli intermediari 4. Gli intermediari in

Dettagli

Le famiglie e il risparmio gestito

Le famiglie e il risparmio gestito V 1 La ricchezza delle famiglie nei principali paesi avanzati Alla fine del 211 la ricchezza netta delle famiglie, ossia la somma delle attività reali e finanziarie al netto delle passività finanziarie,

Dettagli

Sezione Terza I Fondi comuni di investimento

Sezione Terza I Fondi comuni di investimento Sezione Terza I Fondi comuni di investimento 369. Nella valutazione dei beni del fondo comune di investimento, il valore degli strumenti finanziari ammessi alle negoziazioni su mercati regolamentati è

Dettagli

Soluzioni Assicurativo/Finanziarie per Rispondere alle Esigenze di ALM degli Investitori Previdenziali

Soluzioni Assicurativo/Finanziarie per Rispondere alle Esigenze di ALM degli Investitori Previdenziali Soluzioni Assicurativo/Finanziarie per Rispondere alle Esigenze di ALM degli Investitori Previdenziali Contenuti 1. Tendenze nel Settore degli Investitori Previdenziali 2. Soluzioni Assicurativo/Finanziarie

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS E OBBLIGAZIONARIO MISTO

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS E OBBLIGAZIONARIO MISTO REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS E OBBLIGAZIONARIO MISTO Il presente Regolamento è composto dall'allegato al Regolamento del Fondo interno e dai seguenti articoli specifici per il Fondo interno

Dettagli

GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO

GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO Agenzie di Rating: società indipendenti che esprimono giudizi (rating) relativi al merito creditizio degli strumenti finanziari di natura

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI BAPfondi Gold Art. 1 Aspetti generali Denominazione dei Fondi La Compagnia ha istituito e gestisce, secondo le modalità di cui al presente Regolamento, un portafoglio di strumenti

Dettagli

Il ruolo della Banca Depositaria per i fondi immobiliari italiani

Il ruolo della Banca Depositaria per i fondi immobiliari italiani Il ruolo della Banca Depositaria per i fondi immobiliari italiani INSTITUTIONAL & FUND SERVICES Indice Gli OICR I fondi immobiliari italiani Il funzionamento di un fondo immobiliare Il ruolo della Banca

Dettagli

Il futuro ha bisogno di più Anima.

Il futuro ha bisogno di più Anima. Il futuro ha bisogno di una nuova visione. Più attenta all essenza. Più responsabile e rigorosa. Più aperta e positiva. Per questo i migliori consulenti, le migliori banche e reti di promotori finanziari

Dettagli

FONDI COMUNI, HEDGE FUNDS, FONDI PENSIONE. Lucidi di Marco Di Antonio Università di Genova

FONDI COMUNI, HEDGE FUNDS, FONDI PENSIONE. Lucidi di Marco Di Antonio Università di Genova FONDI COMUNI, HEDGE FUNDS, FONDI PENSIONE Lucidi di Marco Di Antonio Università di Genova GLI OICR Il TUIF (art. 1) definisce il fondo comune come: il patrimonio autonomo, suddiviso in quote, di pertinenza

Dettagli

Offerta al pubblico di UNIBONUS STRATEGY prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL15RP) Regolamento dei Fondi interni

Offerta al pubblico di UNIBONUS STRATEGY prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL15RP) Regolamento dei Fondi interni Offerta al pubblico di UNIBONUS STRATEGY prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL15RP) Regolamento dei Fondi interni REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO ASSICURATIVO CREDITRAS

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO Premium Plan Fund 2 ART. 1) ISTITUZIONE E DENOMINAZIONE DEL FONDO Mediolanum International Life Ltd., Compagnia di Assicurazioni sulla vita appartenente al GRUPPO MEDIOLANUM,

Dettagli

info Prodotto Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 A chi si rivolge Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 info Prodotto Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che mira ad ottimizzare il rendimento del

Dettagli

II sessione d esame per il conseguimento del Diploma European Financial Services - D FS Venerdì 10 ottobre 2008 NON STRAPPARE

II sessione d esame per il conseguimento del Diploma European Financial Services - D FS Venerdì 10 ottobre 2008 NON STRAPPARE DEFS01 II sessione d esame per il conseguimento del Diploma European Financial Services - D FS Venerdì 10 ottobre 2008 NON STRAPPARE L INVOLUCRO DI PLASTICA PRIMA CHE VENGA DATO IL SEGNALE DI INIZIO DELLA

Dettagli

Quesiti e soluzioni della prova scritta dell'esame di idoneità per l'iscrizione all'albo dei promotori finanziari del 9 marzo 2007

Quesiti e soluzioni della prova scritta dell'esame di idoneità per l'iscrizione all'albo dei promotori finanziari del 9 marzo 2007 Quesiti e soluzioni della prova scritta dell'esame di idoneità per l'iscrizione all'albo dei promotori finanziari del 9 marzo 2007 1. Ai sensi del dell art. 98, comma 2, del regolamento Consob n. 11522/1998,

Dettagli

Offerta al pubblico di LIFE BONUS STARS prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL15RV) Regolamento dei Fondi interni

Offerta al pubblico di LIFE BONUS STARS prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL15RV) Regolamento dei Fondi interni Offerta al pubblico di LIFE BONUS STARS prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL15RV) Regolamento dei Fondi interni REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS F OBBLIGAZIONARIO

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART 1 Denominazione CNP UniCredit Vita al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti degli Aderenti, in base a quanto stabilito dal Regolamento e dalle

Dettagli

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI Edizione: 23 giugno 2011 REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI ART. 1 - ISTITUZIONE E DENOMINAZIONE DEI FONDI INTERNI La Società ha istituito e gestisce direttamente, secondo le modalità previste dal presente

Dettagli

Risparmio gestito e stili di gestione Dott. Sergio Paris - Università degli Studi di Bergamo

Risparmio gestito e stili di gestione Dott. Sergio Paris - Università degli Studi di Bergamo Economia dei mercati mobiliari e finanziamenti di aziende Risparmio gestito e stili di gestione Dott. Sergio Paris - Università degli Studi di Bergamo Gli stili di gestione Stile di gestione come espressione

Dettagli

L investimento azionario nei portafogli istituzionali: le opportunità offerte da strategie alternative

L investimento azionario nei portafogli istituzionali: le opportunità offerte da strategie alternative L investimento azionario nei portafogli istituzionali: le opportunità offerte da strategie alternative Marzio Zocca Responsabile Clienti Istituzionali Azimut Consulenza Sim Santander 2008 100.0% 100.0%

Dettagli

Offerta al pubblico di LIFE INCOME 360 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL14UI) Regolamento dei Fondi interni

Offerta al pubblico di LIFE INCOME 360 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL14UI) Regolamento dei Fondi interni Offerta al pubblico di LIFE INCOME 360 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL14UI) Regolamento dei Fondi interni REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS INCOME 360 1

Dettagli

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Aprile 2021 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Aprile 2021 A chi si rivolge info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che persegue l'obiettivo di ottimizzare il rendimento del Fondo in un orizzonte temporale

Dettagli

L asset liability management visto da Generali Investments Carlo Cavazzoni, Responsabile Globale Distribuzione

L asset liability management visto da Generali Investments Carlo Cavazzoni, Responsabile Globale Distribuzione L asset liability management visto da Generali Investments Carlo Cavazzoni, Responsabile Globale Distribuzione Contenuti 1. Asset liability management: il contesto e le evoluzioni 2. L approccio di Generali

Dettagli

ll boom del risparmio gestito: distribuzione e nuove regole S. Ambrosetti

ll boom del risparmio gestito: distribuzione e nuove regole S. Ambrosetti Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

La ricchezza Private in Italia

La ricchezza Private in Italia La ricchezza Private in Italia Il contesto attuale, lo scenario futuro, le prossime sfide: una leva per la sostenibilità del sistema e la solidità del paese 14 giugno 2011 Indice 1. La ricchezza Private

Dettagli

L investimento immobiliare indiretto di fondi pensione e casse di previdenza. Situazione attuale e prospettive di crescita

L investimento immobiliare indiretto di fondi pensione e casse di previdenza. Situazione attuale e prospettive di crescita L investimento immobiliare indiretto di fondi pensione e casse di previdenza Situazione attuale e prospettive di crescita Giornata nazionale della previdenza, 11 Maggio 2012 Agenda Scenario macroeconomico

Dettagli

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020 A chi si rivolge info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che persegue l'obiettivo di ottimizzare il rendimento del Fondo in un orizzonte temporale

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Dott. Luca Anzola A.A. Corso 60012 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Edile Sommario CARATTERISTICHE DEI FONDI IMMOBILIARI IL MERCATO ITALIANO I DRIVER

Dettagli

TAXBENEFIT NEW Piano Individuale Pensionistico di tipo Assicurativo - Fondo Pensione

TAXBENEFIT NEW Piano Individuale Pensionistico di tipo Assicurativo - Fondo Pensione 1/16 TAXBENEFIT NEW Piano Individuale Pensionistico di tipo Assicurativo - Fondo Pensione SEZIONE III - INFORMAZIONI SULL AAMENTO DELLA GESTIONE valida dal 26 aprile 2010 Dati aggiornati al 31 dicembre

Dettagli

2. Il cliente può beneficiare dei vantaggi di una gestione professionale e della diversificazione tipica dell investimento collettivo.

2. Il cliente può beneficiare dei vantaggi di una gestione professionale e della diversificazione tipica dell investimento collettivo. SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 14 1.I fondi comuni di investimento sono investitori istituzionali che raccolgono le risorse finanziarie dei risparmiatori per investirle in portafogli diversificati di attività.

Dettagli

Indice Banca IMI IMINext Reflex

Indice Banca IMI IMINext Reflex Indice Banca IMI Specialisti per la finanza... pag. 4 IMINext Una linea di prodotti di finanza personale... pag. 5 Reflex Un paniere ufficiale... pag. 6 I mercati a portata di mano... pag. 7 Una replica

Dettagli

II sessione d esame per il conseguimento del Diploma uropean Financial Services D FS Venerdì 12 giugno 2009

II sessione d esame per il conseguimento del Diploma uropean Financial Services D FS Venerdì 12 giugno 2009 DEFS01 II sessione d esame per il conseguimento del Diploma uropean Financial Services D FS Venerdì 12 giugno 2009 Prova D FS 1 KNOWLEDGE 1 Il rischio specifico di un titolo azionario: 1. è quantificabile

Dettagli

L ATTIVITA DELLE RETI DI PROMOTORI FINANZIARI

L ATTIVITA DELLE RETI DI PROMOTORI FINANZIARI L ATTIVITA DELLE RETI DI PROMOTORI FINANZIARI Nel primo trimestre del 2014, la raccolta netta in prodotti finanziari e servizi d investimento realizzata dalle Società aderenti ad Assoreti è stata pari

Dettagli

INDICE-SOMMARIO II. L OFFERTA DI MERCATO. I FINANCIAL PRODUCTS E L APPELLO AL PUBBLICO RISPARMIO. MODI E FINALITÀ DELLA PUBBLICA VIGILANZA

INDICE-SOMMARIO II. L OFFERTA DI MERCATO. I FINANCIAL PRODUCTS E L APPELLO AL PUBBLICO RISPARMIO. MODI E FINALITÀ DELLA PUBBLICA VIGILANZA I. L INVESTIMENTO FINANZIARIO. LA MATERIA E LE SUE REGOLE. IL DIRITTO DEI MERCATI MOBILIARI 1. Lo scenario di insieme e l oggetto di studio. Un primo passo da orientare nella giusta direzione... 1 2. Che

Dettagli

Comunicazione ai Partecipanti. ai Fondi comuni di investimento mobiliari aperti appartenenti al Sistema Pioneer Fondi Italia

Comunicazione ai Partecipanti. ai Fondi comuni di investimento mobiliari aperti appartenenti al Sistema Pioneer Fondi Italia Comunicazione ai Partecipanti ai Fondi comuni di investimento mobiliari aperti appartenenti al Sistema Pioneer Fondi Italia Ai sensi del titolo V Capitolo V - Sezione II Paragrafo 3 del Provvedimento del

Dettagli

HCINQUE. Descrizione sintetica

HCINQUE. Descrizione sintetica HCINQUE Descrizione sintetica La Consulenza Finanziaria Indipendente è stata finalmente accettata anche in Italia così come negli Stati Uniti, dove esiste da 30 anni, e come in molti altri Paesi dove la

Dettagli

Come usare gli ETF. Valerio Baselli e Azzurra Zaglio Morningstar Editor&Analyst team. Rimini, 17 maggio 2012

Come usare gli ETF. Valerio Baselli e Azzurra Zaglio Morningstar Editor&Analyst team. Rimini, 17 maggio 2012 Come usare gli ETF Valerio Baselli e Azzurra Zaglio Morningstar Editor&Analyst team Rimini, 17 maggio 2012 Cosa sono gli Etf? Gli Etf sono una particolare categoria di fondi d investimento mobiliare quotati

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI GESTIONE

REGOLAMENTO UNICO DI GESTIONE appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO UNICO DI GESTIONE dei Fondi Comuni d Investimento Mobiliare Aperti Armonizzati, denominati BancoPosta Obbligazionario Euro Breve Termine BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

Giuseppe Rovani Direttore Generale

Giuseppe Rovani Direttore Generale In 40 anni di attività nel private banking, abbiamo consolidato una profonda esperienza nei servizi di investimento ad elevato valore aggiunto, orientati al controllo del rischio ed alla personalizzazione.

Dettagli

Diploma uropean Financial Services - (D FS)

Diploma uropean Financial Services - (D FS) Diploma uropean Financial Services - (D FS) Diploma European Financial Services (D FS) 1 Premessa Al termine del programma di Diploma in uropean Financial Services, i partecipanti al corso saranno chiamati

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Nozioni di matematica finanziaria, analisi di scenario, strumenti finanziari, operatività bancaria e costruzione del portafoglio

Nozioni di matematica finanziaria, analisi di scenario, strumenti finanziari, operatività bancaria e costruzione del portafoglio Nozioni di matematica finanziaria, analisi di scenario Nozioni di Matematica Finanziaria 51 Analisi si scenario 103 Piani di ammortamento Rendite Regimi di capitalizzazione semplice e composta Tassi equivalenti

Dettagli

La valutazione degli attivi nei Fondi Immobiliari

La valutazione degli attivi nei Fondi Immobiliari La valutazione degli attivi illiquidi detenuti dagli intermediari finanziari La valutazione degli attivi nei Fondi Immobiliari Stefano Deleo Investire Immobiliare SGR S.p.A. 12 luglio 2012 - Milano S.A.F.

Dettagli

DOCUMENTO SUL MULTICOMPARTO

DOCUMENTO SUL MULTICOMPARTO DOCUMENTO SUL MULTICOMPARTO Aggiornamento: giugno 2013 1 Dalla sua origine nel 1987 e fino al 31 dicembre 2008 il Fondo ha adottato un modello di gestione basato su una convenzione assicurativa, gestita

Dettagli

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI STEP AZIONARIO STEP BILANCIATO STEP OBBLIGAZIONARIO

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI STEP AZIONARIO STEP BILANCIATO STEP OBBLIGAZIONARIO REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI STEP AZIONARIO STEP BILANCIATO STEP OBBLIGAZIONARIO ART. 1) ISTITUZIONE E DENOMINAZIONE DEL FONDO MEDIOLANUM VITA, Compagnia di Assicurazioni sulla vita appartenente al GRUPPO

Dettagli

SISTEMA EUROMOBILIARE

SISTEMA EUROMOBILIARE GRUPPO CREDEM SISTEMA EUROMOBILIARE Regolamento Unico dei Fondi gestiti da Euromobiliare Asset Management SGR SpA Il presente documento è valido a decorrere dal 20.04.2016 INDICE A) SCHEDA IDENTIFICATIVA

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CORE BETA 15 EM

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CORE BETA 15 EM REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CORE BETA 15 EM DATA VALIDITA : dal 28/02/2013 Art. 1 Gli aspetti generali del Fondo interno La Compagnia costituisce e gestisce, secondo le modalità del presente Regolamento,

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI

GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI Sintesi Descrizione delle caratteristiche qualitative con l indicazione di: categoria Morningstar, categoria Assogestioni, indice Fideuram. Commenti sulla gestione

Dettagli

Sistema Pioneer Fondi Italia. Prospetto Semplificato. Informazioni Generali. Informazioni Generali

Sistema Pioneer Fondi Italia. Prospetto Semplificato. Informazioni Generali. Informazioni Generali Sistema Pioneer Fondi Italia Informazioni Generali Prospetto Semplificato Informazioni Generali La parte Informazioni Generali del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO Comparto 2 Bilanciato

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO Comparto 2 Bilanciato Allegato 4 REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO Comparto 2 Bilanciato ARTICOLO 1 - ISTITUZIONE E DENOMINAZIONE DEL FONDO INTERNO La Società ha istituito in data 2 dicembre 2010, e gestisce secondo le modalità

Dettagli

Funzionamento e servizi

Funzionamento e servizi MESSAGGIO PUBBLICITARIO Funzionamento e servizi - Pagina 1 di 5. FONDI COMUNI ITALIANI Eurizon Capital SGR Funzionamento e servizi Per utilizzare al meglio i Fondi è utile conoscere alcune importanti informazioni

Dettagli

AZIMUT SGR SpA PARTE I DEL PROSPETTO INFORMATIVO CARATTERISTICHE DEI FONDI E MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE

AZIMUT SGR SpA PARTE I DEL PROSPETTO INFORMATIVO CARATTERISTICHE DEI FONDI E MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE AZIMUT SGR SpA AZIMUT GARANZIA AZIMUT REDDITO EURO AZIMUT REDDITO USA AZIMUT TREND TASSI AZIMUT SOLIDITY AZIMUT SCUDO AZIMUT BILANCIATO AZIMUT STRATEGIC TREND AZIMUT TREND AMERICA AZIMUT TREND EUROPA AZIMUT

Dettagli

COMUN FONDI. Le modifiche ai Fondi appartenenti al Sistema Valore Aggiunto, al Sistema Etico ed al Sistema Profili & Soluzioni

COMUN FONDI. Le modifiche ai Fondi appartenenti al Sistema Valore Aggiunto, al Sistema Etico ed al Sistema Profili & Soluzioni Eurizon Capital SGR S.p.A. Le modifiche ai Fondi appartenenti al Sistema Valore Aggiunto, al Sistema Etico ed al Sistema Profili & Soluzioni FONDI COMUN INVEST MOBIL COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI DELLE

Dettagli

Verso il multicomparto

Verso il multicomparto Verso il multicomparto Guida alla scelta della linea di investimento più adatta Il Fondo Pensione per il personale della Deutsche Bank Spa è prossimo al passaggio al multicomparto. I risparmi saranno immessi

Dettagli

Sostenibilità e gestione finanziaria nelle casse di previdenza: esperienze a confronto

Sostenibilità e gestione finanziaria nelle casse di previdenza: esperienze a confronto Sostenibilità e gestione finanziaria nelle casse di previdenza: esperienze a confronto Il punto di vista dell asset manager Michele Boccia Responsabile Clientela Istituzionale Eurizon Capital SGR Milano,

Dettagli

FONDI COMUNI REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI ARMONIZZATI GESTITI DA SELLA GESTIONI

FONDI COMUNI REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI ARMONIZZATI GESTITI DA SELLA GESTIONI REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI ARMONIZZATI GESTITI DA SELLA GESTIONI (in vigore dal 1 gennaio 2015) FONDI COMUNI Il presente Regolamento è stato approvato dall organo

Dettagli

Commenti al Documento di consultazione Disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti d interesse per i fondi pensione

Commenti al Documento di consultazione Disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti d interesse per i fondi pensione A: Dipartimento del Tesoro dt.direzione4.ufficio2@tesoro.it Da: PROMETEIA Data: 31 gennaio 2008 Oggetto: Commenti al Documento di consultazione Disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti d

Dettagli

La società, le competenze, i numeri.

La società, le competenze, i numeri. La società, le competenze, i numeri. Eurizon Capital Architettura multi societaria Eurizon Capital SGR Eurizon Capital appartiene al Gruppo Intesa Sanpaolo. È specializzata nella gestione degli investimenti

Dettagli

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio Glossario Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio (nell accezione accolta nella Relazione e con esclusione dei termini entrati nel lessico comune italiano oppure inseriti in un contesto

Dettagli

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE Offerta pubblica di quote dei Fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano armonizzati e non armonizzati

Dettagli

Sistema Pioneer Fondi Italia. Prospetto Semplificato. Informazioni Generali. Informazioni Generali

Sistema Pioneer Fondi Italia. Prospetto Semplificato. Informazioni Generali. Informazioni Generali Sistema Pioneer Fondi Italia Informazioni Generali Prospetto Semplificato Informazioni Generali La parte Informazioni Generali del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore

Dettagli

I sessione d esame per il conseguimento del Diploma European Financial Services - D FS Venerdì 13 giugno 2008 NON STRAPPARE

I sessione d esame per il conseguimento del Diploma European Financial Services - D FS Venerdì 13 giugno 2008 NON STRAPPARE DEFS01 I sessione d esame per il conseguimento del Diploma European Financial Services - D FS Venerdì 13 giugno 2008 NON STRAPPARE L INVOLUCRO DI PLASTICA PRIMA CHE VENGA DATO IL SEGNALE DI INIZIO DELLA

Dettagli

Investimenti finanziari a confronto

Investimenti finanziari a confronto Guida pratica Investimenti finanziari a confronto Capire e scegliere i prodotti finanziari INDICE 2 INVESTIMENTI FINANZIARI A CONFRONTO Caro Cliente... 3 1. Cosa offre questa iniziativa?... 4 2. A chi

Dettagli

RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI. Docente: Prof. Massimo Mariani

RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI. Docente: Prof. Massimo Mariani RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il rendimento di un attività finanziaria: i parametri rilevanti Rendimento totale, periodale e medio Il market

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Il presente regolamento, adottato ai sensi dell art. 4, punto 10, dello statuto della Fondazione Cassa di Risparmio di Terni e Narni, di seguito indicata come

Dettagli

REGOLAMENTO DEI FONDI MOBILIARI INTERNI

REGOLAMENTO DEI FONDI MOBILIARI INTERNI REGOLAMENTO DEI FONDI MOBILIARI INTERNI Art. 1 Costituzione e denominazione dei Fondi Interni. La Compagnia istituisce 2 Fondi Mobiliari Interni denominati: Cattolica Previdenza Bilanciato; Cattolica Previdenza

Dettagli

CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI Interrelazioni rischio rendimento e misure RAPM

CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI Interrelazioni rischio rendimento e misure RAPM CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI Interrelazioni rischio rendimento e misure RAPM Prof. Marco Oriani Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano 17 ottobre 2011 - Sala Convegni S.A.F. SCUOLA DI ALTA

Dettagli

PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI

PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI Allegato A PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI A1. Schema di prospetto del valore della quota dei fondi aperti FONDO... PROSPETTO DEL VALORE DELLA QUOTA AL.../.../... A. Strumenti

Dettagli

Prospetto Semplificato. Informazioni Generali. Sistema UniCredit Soluzione Fondi. Informazioni Generali. Informazioni Generali

Prospetto Semplificato. Informazioni Generali. Sistema UniCredit Soluzione Fondi. Informazioni Generali. Informazioni Generali Sistema UniCredit Soluzione Fondi Informazioni Generali Prospetto Semplificato Informazioni Generali La parte Informazioni Generali del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore

Dettagli

Stefano Gaspari Direttore Generale Mondo Hedge Hedge funds, private equity e fondi immobiliari: strategie vincenti per portafogli decorrelati

Stefano Gaspari Direttore Generale Mondo Hedge Hedge funds, private equity e fondi immobiliari: strategie vincenti per portafogli decorrelati Stefano Gaspari Direttore Generale Mondo Hedge Hedge funds, private equity e fondi immobiliari: strategie vincenti per portafogli decorrelati Milano, 12 aprile 2008 1 Uno sguardo sul mondo 2 L evoluzione

Dettagli

Regolamento dei fondi interni di Veneto Global Profile unit linked, prodotto finanziario assicurativo di tipo unit linked

Regolamento dei fondi interni di Veneto Global Profile unit linked, prodotto finanziario assicurativo di tipo unit linked Skandia Vita S.p.A. Impresa di assicurazione appartenente al Gruppo Skandia Regolamento dei fondi interni di Veneto Global Profile unit linked, prodotto finanziario assicurativo di tipo unit linked Art.

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

I sessione d esame per il conseguimento del Diploma European Financial Services - D FS Giovedì 27 maggio 2010 NON STRAPPARE

I sessione d esame per il conseguimento del Diploma European Financial Services - D FS Giovedì 27 maggio 2010 NON STRAPPARE DEFS01 I sessione d esame per il conseguimento del Diploma European Financial Services - D FS Giovedì 27 maggio 2010 NON STRAPPARE L INVOLUCRO DI PLASTICA PRIMA CHE VENGA DATO IL SEGNALE DI INIZIO DELLA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Approvato dal Consiglio Generale nella seduta del 9 giugno 2014 e modificato dal Consiglio Generale nelle sedute del 13 luglio e del 28 settembre 2015 Regolamento

Dettagli

Prospetto Semplificato. Informazioni Generali. Sistema Pioneer Fondi Italia. Informazioni Generali. Informazioni Generali

Prospetto Semplificato. Informazioni Generali. Sistema Pioneer Fondi Italia. Informazioni Generali. Informazioni Generali Sistema Pioneer Fondi Italia Informazioni Generali Prospetto Semplificato Informazioni Generali La parte Informazioni Generali del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore

Dettagli

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI. Art. 1. CARATTERISTICHE DEI FONDI INTERNI E RELATIVI DIRITTI DEL CONTRAENTE

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI. Art. 1. CARATTERISTICHE DEI FONDI INTERNI E RELATIVI DIRITTI DEL CONTRAENTE REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI Art. 1. CARATTERISTICHE DEI FONDI INTERNI E RELATIVI DIRITTI DEL CONTRAENTE AIG Foundation Investments (di seguito Contratto ) è una polizza assicurativa di tipo Unit Linked

Dettagli

I Fondi di Investimento Immobiliare e le organizzazioni di ingegneria, di architettura e di consulenza tecnico-economica

I Fondi di Investimento Immobiliare e le organizzazioni di ingegneria, di architettura e di consulenza tecnico-economica I Fondi di Investimento Immobiliare e le organizzazioni di ingegneria, di architettura e di consulenza tecnico-economica I Fondi di Investimento Immobiliare e le organizzazioni di ingegneria, di architettura

Dettagli

QUESTIONARIO PER LA SELEZIONE DEI GESTORI FINANZIARI

QUESTIONARIO PER LA SELEZIONE DEI GESTORI FINANZIARI ALLEGATO 2 QUESTIONARIO PER LA SELEZIONE DEI GESTORI FINANZIARI AVVERTENZE PER LA COMPILAZIONE I punti 1 e 2 riguardano i prerequisiti e sono relativi al gruppo di appartenenza del candidato. Gli altri

Dettagli

IL SISTEMA FINANZIARIO. Giuseppe G. Santorsola 1

IL SISTEMA FINANZIARIO. Giuseppe G. Santorsola 1 IL SISTEMA FINANZIARIO 1 Premessa Lo studio del sistema finanziario si fonda sull analisi dei suoi elementi costitutivi. La struttura finanziaria dell economia individua l insieme dei circuiti di risorse

Dettagli

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI Opportunity bis Country bis Sector bis Dynamic bis Balanced bis Moderate bis Prudent bis ART. 1) ISTITUZIONE E DENOMINAZIONE DEL FONDO MEDIOLANUM VITA, Compagnia di Assicurazioni

Dettagli