Struttura e funzionamento dei mercati di borsa Risparmio gestito e diretto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Struttura e funzionamento dei mercati di borsa Risparmio gestito e diretto"

Transcript

1 Università degli Studi di Ancona Facoltà di Economia Giorgio Fuà Corso di laurea specialistico: FINANZA, BANCHE E ASSICURAZIONI (Classe 19/S) Percorso: Borsa e Mercati Struttura e funzionamento dei mercati di borsa Risparmio gestito e diretto Ancona, dicembre 2002 Prof.. Michele Modina Istituto di Teoria delle Decisioni e di Finanza Innovativa 1

2 Agenda I a w: Struttura dei mercati di borsa II a w: Efficienza dei mercati III a w: I mercati di borsa italiani IV a w: Le operazioni di finanza mobiliare V a w: Risparmio gestito e risparmio diretto 2

3 Agenda I a w: Struttura dei mercati di borsa II a w: Efficienza dei mercati III a w: I mercati di borsa italiani IV a w: Le operazioni di finanza mobiliare V a w: Risparmio gestito e risparmio diretto L industria del risparmio gestito Gli intermediari mobiliari I prodotti del risparmio gestito Le performance dei gestori Risparmio diretto e trading on line 3

4 Obiettivi Alla fine della quinta sessione di lezioni (quinta settimana), lo studente dovrebbe avere acquisito i seguenti concetti: conoscere lo stato dell arte e i trend in atto nel risparmio gestito distinguere le caratteristiche dei principali intermediari mobiliari capire i tratti caratteristici dei principali prodotti del risparmio gestito acquisire i concetti fondamenti per una corretta gestione del portafoglio conoscere le principali misure delle performance dei gestori cogliere gli elementi fondamentali del risparmio diretto 4

5 Agenda I a w: Struttura dei mercati di borsa II a w: Efficienza dei mercati III a w: I mercati di borsa italiani IV a w: Le operazioni di finanza mobiliare V a w: Risparmio gestito e risparmio diretto L industria del risparmio gestito Gli intermediari mobiliari I prodotti del risparmio gestito La gestione del portafoglio (cenni) Le performance di portafoglio Risparmio diretto e trading on line 5

6 RG V La definizione di risparmio gestito Il termine risparmio gestito (asset management ) si riferisce all attività di raccolta di risparmio e di investimento in attività finanziarie nonché al servizio di consulenza finanziaria. A fronte di tali attività, al gestore professionale vengono riconosciute delle commissioni. FAMIGLIE deposita investe BANCHE ELEMENTI BASE DEL RG (M. Onado) opera MERCATO FINANZIARIO intermediari finanziari asset classes fondi comuni/sicav prodotti assicurativi altri intermediari presta emette TdS presta emette azioni, obbligazioni securities bonds STATO IMPRESE ESTERO chi svolge asset management non è un intermediario finanziario nel senso stretto del termine il rapporto contrattuale sottostante è basato su un mandato fiduciario l oggetto del contratto è la costituzione di un portafoglio efficiente, in cui sia ottimizzata la combinazione rischio/rendimento rispetto agli obiettivi specifici dell investitore 6

7 RG V Il profilo multidisciplinare del RG Risparmio Risparmio gestito gestito L ampio spettro delle dimensioni coinvolte dall attività di risparmio gestito Fonti di attività Canali distributivi Gestori delle attività Tipologia di attività Mass market Affluent HNWI Fondi pensione (Tfr) Assicurazioni (premi) Fondazioni (gifting) Governi (tasse) Banche + SIM (sportelli + PF) IFA/Broker Private bank Compagnie assic. AM Sales & Marketing team Consulenti Canali diretti agli istituzionali Gestione diretta Asset manager indipendenti di proprietà di banche di proprietà di assicurazioni Private Banks Gestione diretta Azioni gestione attiva gestione passiva Titoli reddito fisso gestione attiva gestione passiva Money Market Immobili Private Equity Hedge Funds Fonte: UBS Warburg, Olyver, Wyman & Company 7

8 RG V Lo scenario di riferimento 1990/ /2006 Mercati finanziari in forte sviluppo Caratteristiche del RG: elevati tassi di crescita, stabilità dei ricavi, modesta immobilizzazione di capitale Condizioni di mercato meno favorevoli: crisi economiche e caduta dei mercati azionari Avvio di una spirale negativa: Grande interesse delle banche europee verso il comparto (strategia di crossselling e bancassurance) Processo di concentrazione (ricerca di economie di scala) Presenza di un circolo virtuoso aumento dei flussi di raccolta netta aumento dei ricavi per ricomposizione portafoglio finanziario delle famiglie tolleranza di commissioni più alte BOOM del RISPARMIO GESTITO Crescita delle dimensioni bassi rendimenti scoraggiano afflussi di nuove risorse riduzione nel portafoglio delle attività più remunerative (azioni) maggiore attenzione sulle commissioni Crescita della competizione Nuove esigenze della clientela Pressione sui prezzi e sui livelli di servizio Necessità di lavorare sui costi PROFONDI CAMBIAMENTI Incremento efficienza, nuovi modelli e strategie 8

9 RG V I riflessi sulle banche italiane Ieri Oggi Forte crescita dei volumi di raccolta indiretta (risparmio amministrato e risparmio gestito) Rallentamento nella crescita delle attività gestite e dei rcavi da servizi Forte crescita dei ricavi da servizi (commissioni da servizi, gestione, intermediazione e consulenza) Acquisizione di quote di mercato dominanti Lancio di nuovi prodotti (gestioni patrimoniali collettive e individuali, fondi comuni, prodotti assicurativi) Sviluppo di nuovi canali (rete di promotori finanziari, servizio on line) Nuove strategie di espansione operazioni di M&A costituzione di SIM e SGR creazione di strutture ad hoc (private banking, ) Ridurre i costi di gestione della clientela mass market (ma non solo) Razionalizzare e rendere più efficienti le reti distributive (gestione della multicanalità) Limitare il turn over dei clienti e crescere lo share of wallet migliorandone qualità del servizio e della relazione (matrice prodotto/cliente/canale Capire i cambiamenti in corso adattando le proprie strategie e i propri modelli organizzativi 9

10 RG V Lo stato dell arte nel 2001 (1 di 2) Attività Attività gestite gestite Eu si posiziona tra USA e Japan per volume di AUM (asset under management) AUM in EU: 15 TN pari al 160% del GDP (nel mondo, 50 TN pari al 150% del GDP) AUM in US: 25 TN pari al 220% del GDP (in J, 6TN pari al 130% del GDP ) Il 60% delle attività deriva dal settore retail Esiste correlazione tra AUM istituzionali (IT = 24%) ed evoluzione degli schemi pensionistici I canali distributivi variano in modo significativo (ragioni storiche e strutturali) Nei mercati più maturi è sviluppata l attività di consulenza (IFA, broker, private bank) Nei prodotti più poveri (Fondi comuni), le banche hanno acquisito importanti quote di mercato Il mercato è frammentato, ma non indipendente Non esistono leader pan-europei, ma campioni nazionali Solo l 8% dei gestori è indipendente (non fa parte di gruppi bancari e/o assicurativi) Esiste un equilibrio tra investimenti in azioni (44%) e obbligazioni (43%)... Ma vi sono profonde differenze per aree geografiche Fonte: elaborazione dell autore su dati Olyver, Wyman & Company 10

11 RG V Lo stato dell arte nel 2001 (2 di 2) Ricavi Ricavi & Profitti Profitti In EU, i ricavi legati al RG sono stati pari a 122 miliardi il rapporto ricavi/aum è in media pari a 81 basis point il 60% dei ricavi è destinato all attività di distribuzione (circa 70 miliardi) I profitti post-imposte sono pari a 10 miliardi (7 bp) Costi pari a 38 mld con margine operativo del 26% Esiste però una forte granularità del mercato (in IT 105 bp, in D e AT 73 bp)... Ragioni: (i) origine delle attività; (ii) asset allocation (peso dell equity) e una forte dipendenza dei ricavi dal segmento retail Ragioni: (i) maggiori costi del RG nel segmento retail (ii) minore sensibilità al prezzo 11

12 RG V Le attività gestite in Europa (1 di 2) Il volume delle AUM distribuzione per fonte La distribuzione delle AUM distribuzione dei fondi comuni Fonte: Oliver, Wyman & Company (2002) In Italia, vi è 1 TN di AUM (70% del volume globale) Il mercato principale è quello dei fondi comuni destinati al settore retail, mentre meno sviluppato è il mercato del private banking (anche se in crescita) e quello dei prodotti previdenziali Il patrimonio degli HNWI gestito è stimato in 350 miliardi di euro + 50/60 da scudo fiscale (fonte Accenture) Allo stesso, le AUM di natura istituzionale sono inferiori rispetto a quelle gestite nei mercati più maturi dove è più fiorente l industria pensionistica (in IT la % delle AUM istituzionali è del 24% contro il 56% dei paesi nordici) Nei mercati più evoluti è più diffuso il servizio di consulenza finanziaria indipendente(broker/ifa) Nell EU continentale l attività di bancassurance si è maggiormente sviluppata In Italia, le banche hanno acquisito importanti quote di mercato nella gestione del risparmio Il comparto più sviluppato è quello dei fondi comuni, ma pare in crescita anche quello dei prodotti previdenziali grazie alla capacità delle banche di standardizzare l offerta 12

13 RG V Le attività gestite in Europa (2 di 2) Il ruolo degli Asset Manager (distribuzione per numero e AUM) Più di gestori professionali con un volume medio di AUM pari a 30 miliardi Fonte: Oliver, Wyman & Company (2002) L asset allocation (composizione per regione) Nessuno ha quote di mercato superiori al 5% Solo 15 operatori detengono quote maggiori dell 1% Esistono campioni nazionali Il 46% degli operatori appartiene a gruppi bancari, mentre il 46% appartiene a gruppi assicurativi o di bancassurance Solo l 88% è indipendente La maggior parte delle risorse è investita in azioni (44%) e obbligazioni(43%) il 5% delle AUM è gestito passivamente (il 10% delle azioni ha una gestione passiva, contro il 2% delle obbligazioni) Tuttavia, esistono profonde differenze geografiche che portano alla distinzione di tre gruppi suddivisi in base al peso dell investimento azionario: >60% (UK) 40-50% (Benelux, Regioni nordiche, Svizzera e, per confronto, US) 25-30% (Germania, Austria, Francia, Spagna, Portogallo e Italia) 13

14 RG V I trend in atto Driver Crescita Crescita delle delle AUM AUM Principali assunzioni caduta del valore delle attività: nell ultimo anno, equity: -26% : crescita del valore delle azioni (CAGR = 8%) e delle obbligazioni (CAGR = 4%) crescita dei flussi netti pari alla crescita del GDP (+ inflazione) benefici apportati dalla riforma pensionistica (diversa da paese a paese) Crescita Crescita dei dei ricavi ricavi Mix Mix ricavi ricavi crescita degli investimenti alternativi: circa +1% per private equity e hedge fund (da 1,25 a 3,2% sul tiotale AUM) convergenza del peso dell equity: l attuale allocazione tenderà a posizionarsi sul 50% (riduzione in UK, ma aumento in altri paesi) passaggio alla gestione passiva: cresce la componete azionaria gestita in via passiva anziché attiva (e.g., ETF) convergenza del livello delle commissioni (soprattutto, quelle produttive): la riduzione delle commissioni è prevista pari al 50% tasso di rotazione del portafoglio statico: modesti cambiamenti nel rapporto tra ricavi lordi (che guidano le commissioni di entrata/uscita) e AUM (che guidano le commissioni di gestione) 14

15 RG V Lo scenario realistico Valori in euro AUM fine anno ( TN) Ricavi ( BN) CAGR/ ,4%% 5,0% I ricavi crescono del 5% La crescita è inferiore a quella delle AUM per effetto: pressione competitiva shift verso gestione passiva convergenza delle commissioni verso il basso Ricavi alla distrib ( BN) ,6% Ricavi alla prod ( BN) ,6% Valori in miliardi di euro Costi operativi Profitti operativi Margine operativo (in % ricavi) % % CAGR/ ,1% 6,9% I costi si mantengono stabili fino al 2003 e poi riprendono a crescere a un ritmo pari a quello dei ricavi Alcuni operatori riescono a migliorare in modo sensibile l efficienza operativa, mentre altri si dimostrano meno virtuosi I profitti operativi raggiungono il livello minimo nel 2002 (24% sui ricavi) e riprendono a crescere dal 2004 (anno in cui raggiungono nuovamente il livello del 2001) 15

16 Agenda I a w: Struttura dei mercati di borsa II a w: Efficienza dei mercati III a w: I mercati di borsa italiani IV a w: Le operazioni di finanza mobiliare V a w: Risparmio gestito e risparmio diretto L industria del risparmio gestito Gli intermediari mobiliari I prodotti del risparmio gestito La gestione del portafoglio (cenni) Le performance di portafoglio Risparmio diretto e trading on line 16

17 intermediari V L intermediazione mobiliare Servizi di IM per unità in deficit: servizi alle emissioni originating, sottoscrizione, collocamento servizi di finanza mobiliare e straordinaria Banche SIM Servizi di IM nei mkt secondari (trading): Servizi di IM per unità in surplus: Fonte: elaborazione su Damilano e altri (2002) negoziazione per conto proprio (dealing, market making) negoziazione per conto terzi (brokering) raccolta e trasmissione di terzi servizi di gestione individuale servizi di gestione collettiva Banche SIM Banche SIM SGR SGR SICAV 17

18 intermediari V Il ruolo centrale delle banche Le banche italiane dispongono di alcuni vantaggi competitivi che hanno permesso di accentuare il loro ruolo di tramite istituzionale tra le famiglie e i mercati finanziari: il risparmiatore italiano non è sufficientemente preparato per operare autonomamente sul mercato dei capitali e considera le banche maggiormente affidabili rispetto alle istituzioni non bancarie esiste un consolidato rapporto sia fiduciario che di conoscenza tra banche e clientela le banche dispongono di una rete capillare sul territorio con costi operativi distribuiti su linee di prodotto differenti (mix di prodotti poveri e ciclici e prodotti ricchi e anticiclici) I servizi offerti Custodia titoli: la banca svolge un servizio di mera custodia, per la quale riceve delle commissioni; ogni operazione è svolta dal cliente Amministrazione titoli: la banca effettua operazioni legate alla fase di vita del titolo (incasso delle cedole, esecuzione degli ordini, ecc.); spesso, a tale attività si affianca un attività di consulenza informale non remunerata Gestioni patrimoniali: nel rispetto delle indicazioni del cliente, la banca effettua operazioni di compravendita al fine di ottenere la migliore composizione maggiore redditività maggiore qualità del servizio offerto maggiore dinamismo e continuità del rapporto 18

19 intermediari V Le SGR "Società per azioni con sede legale e direzione generale in Italia autorizzata a prestare il servizio di gestione collettiva del risparmio (art.1, primo comma, Dlgs. n.58 del 24/02/1998) Gestione collettiva del risparmio (art. 1, comma 1 T.U.) Attività riservata (art. 33 T.U.) Fondi comuni e amministrazione rapporti con partecipanti Gestione di OICR, propri e non, mediante investimento La SGR (Società di Gestione del Risparmio) può svolgere attività principali e attività connesse e strumentali Requisiti: autorizzazione (Bankitalia) Forma giuridica Capitale minimo Localizzazione Onorabilità e professionalità (D.M.Tesoro 468 e 469/1999) Redazione programma Relazione su struttura organizzativa Decadenza dell'autorizzazione (sez. VII n. 5) Iscrizione all'albo Adeguatezza patrimoniale: Patrimonio di vigilanza, di base, supplementare 19

20 intermediari V Le SIM l'impresa diversa dalla Banche e dagli intermediari finanziari iscritti nell'elenco previsto dall'elenco previsto dall'articolo 107 del T.U. bancario, autorizzata a svolgere servizi di investimento, avente sede legale e direzione generale in Italia (Art.1, primo comma, Dlgs. n.58 del 24/02/1998) La SIM (società di intermediazione mobiliare) esercita professionalmente i servizi di investimento e i servizi accessori nei confronti del pubblico, rientra nelle categoria delle imprese di investimento, e, più in generale, in quella dei soggetti abilitati La SIM insieme alle imprese di investimento comunitarie e a quelle extracomunitarie forma la categoria delle imprese di investimento (Art. 1 T.U.) Si differenza da quest'ultime per la sede (Italia) Imprese di investimento, SGR, SICAV, banche, intermediari finanziari iscritti all'elenco art. 107 T.U. bancario sono i soggetti abilitati all'esercizio dei servizi di investimento (art. 18. T.U.) Nel corso degli anni novanta il numero delle SIM (soprattutto quelle di negoziazione) è passato da 225 a 171 per varie ragioni: ragioni fisiologiche (cambiamento di attività, liquidazione volontaria, stati di crisi, ) trasformazione in banche (Direttiva Eurosim del 1996) modello del gestore unico attraverso l incorporazione della SIM di gestione nella SGR 20

21 intermediari V L attività delle SIM Cosa fa Servizi di investimento: (art. 1 comma 5 T.U.) Servizi accessori: (art. 1 comma 6 T.U.) Dove opera Mercati regolamentati italiani, comunitari extracom. riconosciuti, Stati comunitari ed extracom. anche senza succursali (art. 25 T.U.) Limitazioni (Regolamento Banca d'italia 29/11/96) Come opera Criteri generali di comportamento e di gestione (art. 21 T.U.) Principi validi per tutti gli intermediari autorizzati (non solo SIM) nell'interesse degli investitori e dell'integrità del mercato mobiliare (Regolamento Consob 11522/98 art. 26) Separazione patrimonio, tutela da creditori, divieto di utilizzo strumenti finanziari (salvo deroga espressa) (Art. 22 T.U.) Sistema di indennizzo riconosciuto dal Ministero del Tesoro (art. 59 T.U) Offerta fuori sede (vd. Promotore finanziario, art. 30 T.U.) / promozione a distanza (Regolamento 11522/98 artt. 71/78) 21

22 intermediari V I servizi di investimento Per servizi di investimento si intendono le seguenti attività: negoziazione per conto proprio negoziazione per conto terzi collocamento, con o senza preventiva sottoscrizione o acquisto a fermo, ovvero assunzione di garanzia nei confronti dell'emittente gestione su base individuale di portafogli di investimento per conto terzi ricezione e trasmissione di ordini nonché mediazione Per servizi accessori si intendono le seguenti attività: custodia e amministrazione di strumenti finanziari locazione di cassette di sicurezza concessione di finanziamenti agli investitori per consentire di effettuare operazione relativa a strumenti finanziari, in cui interviene il soggetto che concede il prestito consulenza alle imprese in materia di struttura finanziaria, di strategia industriale e di questioni connesse, nonché consulenza su operazioni di finanza straordinaria servizi connessi all emissione o al collocamento di strumenti finanziari, ivi compresa l organizzazione e la costituzione di consorzi di garanzia e collocamento consulenza in materia di investimenti in strumenti finanziari; intermediazione in cambi, quando collegata alla prestazione di servizi di investimento 22

23 intermediari V Le regole di comportamento Nella prestazione dei servizi di investimento e accessori i soggetti abilitati devono: TUF art. 21 Criteri generali comportarsi con diligenza, correttezza e trasparenza, nell'interesse dei clienti e per l'integrità dei mercati acquisire le informazioni necessarie dai clienti e operare in modo che essi siano sempre adeguatamente informati organizzarsi in modo tale da ridurre al minimo il rischio di conflitti di interesse e, in situazioni di conflitto, agire in modo da assicurare comunque ai clienti trasparenza ed equo trattamento disporre di risorse e procedure, anche di controllo interno, idonee ad assicurare l'efficiente svolgimento dei servizi svolgere una gestione indipendente, sana e prudente e adottare misure idonee a salvaguardare i diritti dei clienti sui beni affidati Art. 26 della delibera Consob n del operare in modo indipendente e coerente con i principi e le regole generali del Testo Unico rispettare le regole di funzionamento dei mercati in cui operano astenersi da ogni comportamento che possa avvantaggiare un investitore a danno di un altro eseguire con tempestività le disposizioni loro impartite dagli investitori acquisire una conoscenza degli strumenti finanziari, dei servizi nonché dei prodotti diversi dai servizi di investimento, propri o di terzi, da essi stessi offerti, adeguata al tipo di prestazione da fornire operare al fine di contenere i costi a carico degli investitori e di ottenere da ogni servizio di investimento il miglior risultato possibile, anche in relazione al livello di rischio prescelto dall investitore 23

24 intermediari V L offerta fuori sede Il TUF definisce l offerta fuori sede come la promozione e il collocamento presso il pubblico: di strumenti finanziari in luogo diverso dalla sede legale o dalle dipendenze dell emittente, del proponente l investimento o del soggetto incaricato della promozione o del collocamento di servizi di investimento in luogo diverso dalla sede legale o dalle dipendenze di chi presta, promuove o colloca il servizio Per l offerta fuori sede, i soggetti abilitati devono avvalersi di promotori finanziari Il soggetto abilitato che conferisce l incarico è responsabile in solido dei danni arrecati a terzi dal promotore finanziario, anche se tali danni siano conseguenti a responsabilità accertata in sede penale E promotore finanziario la persona fisica che, in qualità di dipendente, agente o mandatario, esercita professionalmente l offerta fuori sede. L'attività di promotore finanziario è svolta esclusivamente nell'interesse di un solo soggetto (Art. 31, secondo comma, Dlgs. n. 58 del 24/02/1998) MONOMANDATO 24

25 intermediari V I promotori finanziari Numero di promotori finanziari delle imprese aderenti ad Assoreti in fase di relativo assestamento (attorno a quota unità) E finita la fase di crescita a due cifre (+20% nel 2001, +15% nel 2000) Il numero complessivo dei promotori finanziari italiani è prossimo a quota (dato al 31/12/2001) (quanti operativi?) Fonte: Assoreti Rapporto 2 trimestre

26 intermediari V Il patrimonio gestito dai PF Quota preponderante, ma in diminuzione, di risparmio investito in quote di OICR (sfiducia verso la capacità di diversificazione in mercati sempre più correlati?) Stabili GPF, GPM, prodotti assicurativi e previdenziali (non decollano i tanto attesi fondi pensione) In crescita continua c/c e titoli sottoscritti direttamente (c/c su internet come parcheggio di liquidità; titoli per evitare commissioni in periodi di mercati negativi) 26

27 intermediari V Un confronto tra PF e sistema Peso dell intermediazione lorda delle reti in diminuzione rispetto al sistema Raccolta netta delle reti più virtuosa nel 2002 (positiva nel 2 trimestre a fronte della raccolta negativa del sistema; relativamente migliore nel 1 trimestre) Ragioni: Capacità dei PF di attenuare, grazie al rapporto consulenziale col cliente, le vendite in momenti di mercato negativi? 27

28 Agenda I a w: Struttura dei mercati di borsa II a w: Efficienza dei mercati III a w: I mercati di borsa italiani IV a w: Le operazioni di finanza mobiliare V a w: Risparmio gestito e risparmio diretto L industria del risparmio gestito Gli intermediari mobiliari I prodotti del risparmio gestito La gestione del portafoglio (cenni) Le performance di portafoglio Risparmio diretto e trading on line 28

29 prodotti del RG L offerta di risparmio gestito Fondi comuni aperti Sicav OICVM INVESTITORI ISTITUZIONALI SERVIZI di GESTIONE INDIVIDUALE SERVIZI di GESTIONE COLLETTIVA SERVIZI di GESTIONE del RISPARMIO PREVIDENZIALE OICR Fondi pensione Prod. assicurativi Banche SIM SGR Fondi chiusi (mobiliari e immobiliari) Fondi riservati Fondi speculativi Altre tipologie (fondi di fondi, ETF, ) 29

30 prodotti del RG Il risparmio in Italia Composizione del portafoglio finanziario delle famiglie: PRE 90: TITOLI STATO, OBBLIGAZIONI, LIQUIDITA (c/c postali) 1990: FONDI COMUNI NAZIONALI, AZIONI, OBBLIGAZIONI, TITOLI DI STATO 2000: FONDI COMUNI NAZIONALI e INTERNAZIONALI, AZIONI, OBBLIGAZIONI, POLIZZE 2010: GESTIONI COLLETTIVE, FONDI PENSIONI Propensione media al risparmio 30,5 27,1 26,4 24,9 19,1 17,2 15,4 14, Famiglie Imprese La propensione al risparmio segnala un trend negativo: da 20-25% delle risorse familiari risparmiate negli anni 80 si è passati a una percentuale dell 11%. Fonte: Prometeia Il risparmio privato in % del Pil 30

31 prodotti del RG Il portafoglio delle famiglie (1 di 3) Dati consuntivi Dati previsionali (00-95) (00-03) (03-06) Attività liquide 40,2 25,4 25,1-15,1 23,3 21,4-1,8-1,9 Titoli a breve 9,8 1,1 1,0-8,8 1,1 0,8 0,1-0,3 Titoli a medio/lungo 21,3 15,9 18,1-3,2 16,8 15,0-1,3-1,8 di cui esteri 1,9 3,0 3,0 1,1 3,3 3,2 0,3-0,1 di cui privati 2,8 6,6 7,8 5,0 8,0 8,0 0,2 0,0 Totale Titoli 31,1 17,0 19,1-12,0 17,9 15,8-1,2-2,1 Fondi comuni 4,1 19,4 18,1 14,0 19,4 21,1 1,3 1,7 di cui esteri 0,4 1,4 1,9 1,5 2,9 4,1 1,0 1,2 Azioni e partecipazioni 13,1 26,3 24,6 11,5 24,0 24,9-0,6 0,9 di cui estere 1,6 3,5 4,2 2,6 4,0 4,3-0,2 0,3 Riserve assicurative e fondi pensione 10,2 10,9 11,9 1,7 14,3 16,0 2,4 1,7 di cui vita e fondi pensione 3,4 5,7 6,7 3,3 9,7 10,7 3,0 1,0 di cui fondi quiescienza 5,3 4,5 4,6-0,7 4,1 3,2-0,5-0,9 Altro 1,3 1,1 1,2-0,1 1,1 0,8-0,1-0,3 Totale In migliaia di mld. di lire Ricomposizione del portafoglio a favore di titoli azionari e fondi comuni e a scapito di titoli a reddito fisso (soprattutto pubblici) e attività liquide Maggiore diversificazione internazionale degli investimenti finanziari Superiori prospettive di crescita per il comparto assicurativo e pensionistico 31

32 prodotti del RG Il portafoglio delle famiglie (2 di 3) Ripartizione dei portafogli delle famiglie (in % del totale) Liquidità e depositi Titoli Azioni e partecipazioni Fondi comuni pensione Germania 41,8 33,9 13,4 10,0 10,9 15,5 7,0 11,4 25,8 28,0 1,1 1,1 Francia 36,0 25,3 5,0 2,2 26,0 37,4 9,7 8,2 21,2 23,3 2,1 3,5 Italia 40,2 25,1 31,1 19,1 13,1 24,7 4,1 18,1 10,3 11,9 1,2 1,2 Spagna 51,7 36,2 3,1 1,9 18,9 33,5 10,3 12,4 10,3 13,1 5,6 3,0 USA 15,2 13,6 9,0 6,5 36,2 35,8 5,3 9,2 28,7 29,6 5,6 5,4 Fonte: elaborazioni Prometeia su dati Banca d Italia Assicurazioni e fondi Superiore allocazione relativa in strumenti a reddito fisso (elevato debito pubblico) Inferiore detenzione di azioni e partecipazioni (esiguità del numero di società quotate sul listino nazionale) Elevata predilezione per gli strumenti di investimento collettivo Ridotta percentuale di strumenti assicurativi e pensionistici (mancato decollo della previdenza privata) Altre 32

33 prodotti del RG Il portafoglio delle famiglie (3 di 3) Ripartizione dei portafogli dei fondi comuni (in % del totale) Azionari Obbligazionari Misti Monetari e altri Germania 20,2 61,0 59,3 22,6 2,5 6,0 18,0 10,4 Francia 10,9 28,3 27,0 16,9 18,0 26,3 44,1 28,5 Italia 17,6 34,6 39,6 34,6 6,5 25,8 36,3 5,0 Spagna 2,0 32,4 29,0 26,2 4,0 23,2 65,0 18,2 USA 45,0 56,9 25,5 11,6 7,0 5,0 21,0 26,5 Fonte: elaborazioni Prometeia su dati Banca d Italia Composizione coerente con le preferenze dei risparmiatori dei diversi paesi Al termine del quinquennio che si è chiuso: si conferma il ruolo primario del comparto obbligazionario si osserva la drasticamente riduzione del comparto monetario, a favore di comparti azionari e, soprattutto, bilanciati 33

34 prodotti del RG Gestione collettiva La gestione collettiva del risparmio chi investe non è titolare del fondo, ma di un diritto di credito verso la SGR le somme versate costituiscono un pool indistinto di fondi gestito per conto degli investitori il rischio è a carico degli investitori che delegano la gestione alla SGR Quote del patrimonio la partecipazione è rappresentata da una quota (valore del fondo/nr. quote) il valore complessivo del fondo è pari al valore corrente delle attività meno le eventuali passività le quote possono essere riscattate dagli investitori Autonomia patrimonio Scelte investimento Altre caratteristiche. le somme gestite costituiscono un patrimonio autonomo (tutela per gli investitori) la custodia degli strumenti finanziari è a cura di una banca depositaria, che svolge anche funzioni di verifica e controllo decisi dalla SGR sulla base di quanto stabilito dalla legge e dal regolamento finalità: garantire la corretta diversificazione dei rischi il regolamento del fondo definisce la sua composizione e il profilo di rischio dell investitore la trasparenza è garantita dal prospetto informativo, dalla pubblicazione delle quote e dal criterio di valorizzazione ai prezzi di mercato i diritti di voto dei titoli gestiti sono esercitati dal fondo (ovvero dalla SGR) 34

35 prodotti del RG I fondi comuni aperti Distribuzione Anninistrazione Asset Managemenet Consulenza Vendita Back-office Custodia Liquidazione Asset allocation Stock picking Market timing Risparmiatori Risparmiatori Promotori Vende quote Sportelli Fattori caratterizzanti BANCA EURO Controlla (Sgr) Euro gest Distribuiti da gestisce EuroAzioni EuroBond EuroCash No: natura dell intermediario e forma del contratto Sì: funzioni svolte dall intermediario (costituire e gestire un portafoglio efficiente sulla base di un mandato fiduciario) e limiti alla sua responsabilità patrimoniale (i rischi dell investimento restano in capo al mandante, che non matura il diritto a pagamenti predeterminati) Mercato 35

36 prodotti del RG Criteri di rendimento Natura strumenti finanziari Le tipologie di fondi aperti fondi di reddito: massimizzano il reddito prodotto dai titoli gestiti e prevedono una distribuzione periodica di parte dello stesso fondi di sviluppo: aumentano il valore del capitale investito nel lungo periodo (reinvestimento degli interessi e dei dividendi maturati) fondi azionari: maggior peso dell investimento è azionario fondi obbligazionari: maggior peso dell investimento è obbligazionario fondi monetari: investono soprattutto in strumenti a breve scadenza fondi bilanciati: mix di composizione Tipologia di gestione Modalità di sottoscrizione Fondi di fondi. fondi a gestione attiva: cercano un rendimento superiore a quello del benchmark fondi a gestione passiva: replicano la composizione del benchmark fondi senza commissioni (no load): spese di gestione molto contenute fondi abbinati a un servizio bancario, finanziario, : per esempio, realizzazione di piani di accumulo (Pac), abbinamento con prodotti assicurativi, abbinamento con conti correnti (contofondo), umbrella fund: possibilità di passare da un fondo all altro pagando commissioni ridotte o nulle (lo switch gratuito favorisce una maggiore partecipazione dell investitore) introdotti nel settembre 1999, sono fondi aperti armonizzati che investono in altri OICR (fondi e Sicav) si distinguono in fondi monobrand o multibrand 36

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Perché esistono gli intermediari finanziari

Perché esistono gli intermediari finanziari Perché esistono gli intermediari finanziari Nella teoria economica, l esistenza degli intermediari finanziari è ricondotta alle seguenti principali ragioni: esigenza di conciliare le preferenze di portafoglio

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

2) una strategia di portafoglio che prevede la selezione di titoli (solitamente in base a una metodologia di

2) una strategia di portafoglio che prevede la selezione di titoli (solitamente in base a una metodologia di pag. 0 1 In un piano di rimborso di un mutuo a tasso fisso, basato su uno schema di ammortamento alla francese: la rata è costante la quota capitale è costante la quota interessi è costante la rata è decrescente

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE PER LA CLIENTELA SU SERVIZI E ATTIVITA DI INVESTIMENTO

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE PER LA CLIENTELA SU SERVIZI E ATTIVITA DI INVESTIMENTO INFORMATIVA PRECONTRATTUALE PER LA CLIENTELA SU SERVIZI E ATTIVITA DI INVESTIMENTO Aggiornamento n. 13 di Aprile 2015 MMM00589 04/2015 Pag. 1 di 34 INDICE: PREMESSA... 3 INFORMAZIONI GENERALI SULLA BANCA...

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business Portfolio Management GUARDIAN Solutions The safe partner for your business Swiss-Rev si pone come società con un alto grado di specializzazione e flessibilità nell ambito di soluzioni software per il settore

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko Modelli di consumo e di risparmio del futuro Nicola Ronchetti GfK Eurisko Le fonti di ricerca Multifinanziaria Retail Market: universo di riferimento famiglie italiane con capofamiglia di età compresa

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile UBS (Lux) KSS Global Allocation Fund Gennaio 2010 Informazione Pubblicitaria Disclaimer Il presente documento è consegnato unicamente a

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

ATTO DI MODIFICA DEL REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA

ATTO DI MODIFICA DEL REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA ATTO DI MODIFICA DEL REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA LA BANCA D ITALIA E LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETA E LA

Dettagli

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Indagine conoscitiva sulla gestione del risparmio da parte dei Fondi pensione e Casse professionali, con riferimento agli investimenti mobiliari e immobiliari,

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta.

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta. PARTE III DEL PROSPETTO COMPLETO ALTRE INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SANTERAMO IN COLLE (BARI) Aggiornata con delibera del Consiglio di Amministrazione del 03 DICEMBRE 2014 VVeer r..1111

Dettagli

DOCUMENTI INFORMATIVI

DOCUMENTI INFORMATIVI Sede sociale: Cortona, Via Guelfa, 4 Iscritta all albo delle Banche al n. matr. 506.6.0 Capitale sociale e riserve al 31/12/2013 32.044.372,37 i.v. Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di AREZZO

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori Documentazione Informativa e Contrattuale Sommario INFORMAZIONI GENERALI SULLA BANCA, SUI SERVIZI D INVESTIMENTO E SULLA SALVAGUARDIA

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvata con delibera del C.d.A. del 29/10/2007 Aggiornata con delibera del C.d.A. del 26/11/2008 21/10/2009 29/10/2010 24/01/2011 04/06/2012 18/11/2013

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Il presente Documento Informativo (di seguito anche Documento ) rivolto ai Clienti o potenziali Clienti della Investire Immobiliare SGR S.p.A è redatto in conformità a quanto prescritto

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it Advisory Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 1 2 3 Il trend del risparmio gestito prima e dopo la crisi finanziaria

Dettagli

Consulenza Finanziaria Indipendente

Consulenza Finanziaria Indipendente Consulenza Finanziaria Indipendente Investire per il lungo periodo GROUP Via Traversa Pistoiese 83-59100 Prato Tel: +39 0574 613447 email: info@kcapitalgroup.com www.kcapitalgroup.com L industria del risparmio

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO Edizione n. 26 del 03.07.2015 A. TASSO CREDITORE ANNUO NOMINALE GIACENZE FRUTTIFERE CONTO CORRENTE FREEDOM PIU... 1 B. TASSO

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

Misurazione dei rendimenti: una rassegna delle tecniche più diffuse

Misurazione dei rendimenti: una rassegna delle tecniche più diffuse Misurazione dei rendimenti: una rassegna delle tecniche più diffuse L interesse principale di chi ha sottoscritto un fondo d investimento è quello di conoscere di quanto sia cresciuta la propria ricchezza,

Dettagli

1 di 8. Poste Italiane S.p.A. - Società con socio unico Patrimonio BancoPosta. Mifid Condizioni Generali Ed. Giugno 2015

1 di 8. Poste Italiane S.p.A. - Società con socio unico Patrimonio BancoPosta. Mifid Condizioni Generali Ed. Giugno 2015 CONDIZIONI GENERALI CHE REGOLANO IL CONTRATTO PER LA PRESTAZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITÀ DI INVESTIMENTO E DEL SERVIZIO DI CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI PER CONTO DEI CLIENTI

Dettagli

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 La cronistoria Pre 2009 Modello a benchmark basato su: Pesi delle asset class Benchmark costituito da indici

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli