ORGANISMO UNITARIO DELL AVVOCATURA ITALIANA. Rassegna stampa. 22 novembre 2010

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ORGANISMO UNITARIO DELL AVVOCATURA ITALIANA. Rassegna stampa. 22 novembre 2010"

Transcript

1 Ufficio stampa Rassegna stampa 22 novembre 2010 Responsabile :Claudio Rao (tel. 06/

2 SOMMARIO Pag 3 XXX CONGRESSO NAZIONALE FORENSE: Programma preliminare Pag 5 MEDIACONCILIAZIONE: L OUA ha presentato oggi ricorso al Tar contro la media conciliazione obbligatoria - comunicato stampa Pag 7 AVVOCATI: Avvocato «costituzionalizzato» (il sole 24 ore) Pag 8 AVVOCATI: I legali vanno a congresso con la riforma a metà strada (il sole 24 ore) Pag 10 AVVOCATI: Gli avvocati e la mecca delle tariffe (la repubblica affari e finanza) Pag 11 AVVOCATI: La polizza assicurativa diventa obbligatoria (il sole 24 ore) Pag 12 AVVOCATI: L'identikit dei giovani: vince la quota rosa (il sole 24 ore) Pag 13 AVVOCATI: Il programma del Congresso (il sole 24 ore) Pag 14 AVVOCATI: I vantaggi rispetto al monopersonale (il sole 24 ore) Pag 15 AVVOCATI: Il titolo specialistico nella rete del Tar (il sole 24 ore) Pag 16 AVVOCATI: i nodi da sciogliere (il sole 24 ore) Pag 17 AVVOCATI: Onorari, i minimi non si toccano (italia oggi sette) Pag 19 AVVOCATI: Tra Antitrust e Cnf è sempre ping-pong (italia oggi sette) Pag 20 AVVOCATI: Tempi maturi per la pubblicità (il sole 24 ore) Pag 21 AVVOCATI: Law firm unite nei club esclusivi (il sole 24 ore) Pag 22 PROFESSIONI: Quelle magre pensioni dei ricchi professionisti (la repubblica affari e finanza) Pag 23 PROFESSIONI: I redditi crollano e la previdenza non può attendere (italia oggi sette) Pag 24 PROFESSIONI: Nuovo welfare per i professionisti (italia oggi) Pag 25 PROFESSIONI: Il progetto piace agli enti e agli ordini (italia oggi) Pag 26 PROFESSIONI: Al vaglio dei commercialisti le norme per le non quotate (la repubblica affari e finanza) Pag 27 MAGISTRATURA: Ue: Vietti, su magistratura cercare soluzioni condivise (ansa) Pag 28 CONSULTA: Lattanzi nuovo giudice della Consulta (il sole 24 ore) Pag 29 GIUSTIZIA TELEMATICA: Fascicolo online in 45 tribunali (il sole 24 ore) Pag 30 GIUSTIZIA TELEMATICA: Occorre selezionare i progetti di Marco Fabri - Istituto di ricerca sui sistemi giudiziari, Cnr (il sole 24 ore) Pag 31 CONDOMINIO: Sul condominio «sì» in Senato dalla commissione (il sole 24 ore) Pag 32 LAVORO: La lite finisce dall'arbitro (il sole 24 ore) Pag 33 LAVORO: Sono escluse dagli accordi le cause di licenziamento (il sole 24 ore) Pag 34 MINORI: Infanzia: Aibi, non ha senso festeggiare oggi in Italia (ansa) Pag 35 MINORI: Infanzia: Consiglio d Europa, giustizia più a misura minori (ansa) Pag 36 MINORI: Genitori, se anche la severità va punita» (il corriere della sera) Pag 37 FACEBOOK: Francia: insultano capo su face book, licenziamento valido (ansa) Pag 38 FACEBOOK: Google, ultima sfida a Facebook Caccia aperta all uccellino Twitter (la repubblica) Pag 39 FACEBOOK: La formazione ora si fa su YouTube e Facebook (il sole 24 ore - plus) Pag 40 CONCORSI: Notai, presidi e poliziotti - Il Paese dei bandi bloccati (la repubblica) Pag 41 SCIENZA: Organi artificiali e staminali, la scienza va oltre i trapianti (la repubblica) Pag 42 INSEGNANTI: Ok, in aula il premio è giusto - di Andrea Ichino (il sole 24 ore) 2

3 L AVVOCATURA ITALIANA AL SERVIZIO DEI CITTADINI PROGRAMMA PRELIMINARE Giovedì 25 novembre Ore 09.30: Saluti delle Autorità Stefano Savi - Presidente Ordine di Genova Marta Vincenzi -Sindaco di Genova Claudio Burlando - Presidente della Regione Alessandro Repetto, Presidente della Provincia Claudio Viazzi - Presidente del Tribunale Mario Torti - Presidente della Corte d Appello Mons. Angelo Bagnasco - Cardinale Arcivescovo Laura Mirachian - Rappresentante dell O.N.U., Ambasciatore d Italia a Ginevra Vito Monetti Presidente MEDEL, Magistratus européens puor la dèmocratie et les liberte Filippo Berselli Presidente della Commissione Giustizia del Senato della Repubblica Pierluigi Mantini Componente Commissione Affari Costituzionali della Camera dei Deputati Antonio Leone Vice Presidente della Camera dei Deputati E previsto l intervento di: Michele Vietti - Vice Presidente del Consiglio Superiore della Magistratura Ore 11.00: Relazioni di Apertura Guido Alpa, Presidente del Consiglio Nazionale Forense Maurizio de Tilla, Presidente dell Organismo Unitario dell Avvocatura Marco Ubertini, Presidente della Cassa di Previdenza e Assistenza Forense Premiazione dei Presidenti del Consiglio Nazionale Forense, dell Organismo Unitario dell Avvocatura e della Cassa Forense Ore : Relazioni dei Rappresentanti delle Associazioni Le istanze e le prospettive dell Avvocatura Ore : TAVOLA ROTONDA I diritti umani e il ruolo sociale dell Avvocatura 3

4 Alarico Mariani Marini Presentazione del documento di lavoro congressuale. Interventi di: Giovanni Maria Flick - Presidente Emerito Corte Costituzionale Stefano Rodotà - Professore emerito di Diritto Civile e Presidente Comitato Scientifico Agenzia Europea dei Diritti Umani Mads Andenas - delegato dell ONU sulla detenzione arbitraria e Direttore dell Institute for Human Rights dell Università di Oslo Gabriela Carina Knaul de Albuqueerque e Silva relatore speciale delle Nazioni Unite sulla indipendenza dei giudici e degli avvocati Ore Gli effetti della crisi economica sulla attività forense Intervento di Victor Uckmar - Professore emerito della Università di Genova Ore Lo Sportello Giustizia per Tutti, un esperimento del COA di Napoli Venerdì 26 novembre 0re : INTERVENTI PROGRAMMATI E DIBATTITO - la giustizia civile, la giustizia amministrativa, la giustizia penale, la giustizia tributaria - il sistema della mediazione conciliazione - l Ordinamento forense, la formazione e la specializzazione Il dibattito prosegue nel pomeriggio Ore Presentazione del Rapporto Censis sulle donne nell Avvocatura Presentazione del Rapporto dell Osservatorio sui Giovani nell Avvocatura 0re : Il processo telematico al servizio dei Cittadini: una opportunità per l Avvocatura presentazione del COA di Genova 0re : PROSECUZIONE DEL DIBATTITO DELLA MATTINA Ore Presentazione delle mozioni, depositate in originale con copia su supporto informatico Sabato 27 novembre Ore Cassa Forense: Il nuovo welfare Ore Discussione mozioni Ore Saluto: Ernesto Lupo Primo Presidente della Corte di Cassazione Ore Elezioni delegati O.U.A. Contemporaneamente, nella Sala del Teatro, sarà proiettato il filmato sui giovani nell Avvocatura, a cui seguirà dibattito Ore Votazione delle mozioni Proclamazione eletti O.U.A. 4

5 COMUNICATO STAMPA GIUSTIZIA, L OUA HA PRESENTATO OGGI RICORSO AL TAR CONTRO LA MEDIACONCILIAZIONE OBBLIGATORIA E ANNUNCIA ANALOGA INIZIATIVA ALLA CORTE EUROPEA GLI AVVOCATI SI RIVOLGONO ANCHE ALLA CORTE DEI CONTI CONTRO LO SPOT TELEVISIVO DEL MINISTERO DI GIUSTIZIA MAURIZIO DE TILLA, PRESIDENTE OUA: «L Oua, numerosi Consigli dell Ordine, molte associazioni forensi, migliaia di avvocati a titolo personale, impugnano al TAR la media conciliazione e convergono nel dire che la media-conciliazione obbligatoria è incostituzionale e danneggia i cittadini e che il regolamento attuativo è da abrogare. Non solo, il nuovo sistema è fuori dallo scenario comunitario, tanto è vero che il Ministero della Giustizia ha invocato la legislazione argentina per motivare questa inaccettabile scelta italiana, ed è anche per questa ragione che stiamo preparando un ulteriore ricorso alla Corte Europea. Infine, non mancheremo di rivolgerci alla Corte dei Conti affinchè non si buttino i soldi degli italiani per fare spot propagandistici sulla conciliazione, in gran parte obbligatoria, come sta facendo il Ministero di Giustizia». Per l Oua la media-conciliazione obbligatoria contravviene a principi elementari di diritto: «Perché determinerà spiega il presidente dell Oua - un più difficile accesso alla giurisdizione da parte del cittadino e un aumento degli oneri e una lievitazione dei costi, tutti a suo carico. Nonchè un maggiore dilatamento dei tempi per la presentazione della richiesta di giustizia al giudice: si fissa, inoltre, questo sistema per più dell ottanta per cento dei processi, che rimarranno, di conseguenza, paralizzati almeno per un anno. Ma anche costituirà un ulteriore strumento dilatorio per la parte inadempiente che non ha alcuna volontà di conciliare la lite. Inoltre il nuovo sistema è sul piano sistematico, in totale disarmonia con aspetti processuali e tecnici con l effetto perverso di un probabile corto circuito per innumerevoli domande. Nel decreto legislativo non si prevede l assistenza necessaria dell avvocato e si pone il legale in una situazione di sfiducia e di sospetto prescrivendo una obbligatoria dichiarazione scritta del cliente sull avvenuta informativa. Non si individua nel mediatore un soggetto dotato di preparazione giuridica; infine si affida a questa imprecisata figura professionale il potere di formulare un progetto di accordo che, se non viene accettato, può produrre effetti penalizzanti per la difesa giudiziaria del cittadino. Un pasticcio a scapito della giustizia e dei cittadini, altro che spot pubblicitari propagandistici» «Siamo alla deriva di un istituto che, in via facoltativa, conclude de Tilla - poteva trovare adeguato consenso nelle scelte dei cittadini. Saremo decisi e determinati nell ostacolare l assurda mediaconciliazione varata con un decreto legislativo che si pone in contrasto con la Costituzione e con la stessa Direttiva Europea, non mancano quindi le ragioni per ricorrere tanto al Tar quanto alla Corte Europea». I MOTIVI DEL RICORSO AL TAR SULLA MEDIACONCILIAZIONE L Organismo Unitario dell Avvocatura, insieme a Consigli dell Ordine e a singoli avvocati, a notificato un ricorso al T.A.R. per l annullamento del regolamento emanato dal Ministero della Giustizia, che riduce l accesso alla giustizia, che abbassa la qualità della figura del 5

6 mediaconciliatore con la laurea triennale senza iscrizione all albo e si affida ad un regime transitorio che abilita immediatamente soggetti senza alcuna rigorosa preparazione. Sono inoltre previsti forti oneri economici a carico dei cittadini, quando tale fase stragiudiziale doveva essere gratuita. L avv. prof. Giorgio Orsoni ha predisposto il ricorso al T.A.R. «Tra i motivi dell impugnativa spiega - figura anzitutto la genericità nella individuazione della figura del mediaconciliatore e delle strutture di conciliazione. E ciò in aperto contrasto con l art. 60 della legge 60/09 che prevede che il soggetto deputato alla mediaconciliazione sia dotato di una particolare preparazione giuridica trattandosi di una molteplicità di materie destinate alla conciliazione. Ebbene non c è traccia, di qualsivoglia criterio o parametro volto a selezionare gli organismi deputati alla mediazione in base a criteri di professionalità ed indipendenza. L art. 16 del regolamento, infatti, si limita a stabilire che qualunque ente pubblico o privato che dia garanzie di serietà ed efficienza sia abilitato a costituire un organismo di mediazione. Non solo i criteri di selezione degli organismi di mediazione privilegiano, invece, fattori di natura economico-finanziaria che non sono indicativi della professionalità del mediatore ed anzi impediscono, per la loro incidenza patrimoniale, l accesso degli esercenti la professione legale al registro degli organismi di mediazione». «Inoltre continua - in aperto contrasto con la prescrizione della legge delega, l art. 5 del Dlgs 28/10 configura il procedimento di mediazione quale condizione di procedibilità della domanda giudiziale, di fatto precludendo l immediato accesso alla giustizia. La preclusione alla quale fa riferimento la legge delega, non deve essere intesa quale inibizione, quanto invece quale limitazione alla tutela processuale. Il dlgs 28/10, concependo il procedimento di mediazione quale propedeutico alla domanda giudiziale, impedisce l immediato accesso dei cittadini alla giustizia e rischia di compromettere l effettività della stessa tutela giudiziale». Secondo il testo del ricorso al T.A.R. con il regolamento non soltanto assistiamo alla mancata osservanza di alcuni articoli del decreto legislativo (artt. 5 e 16 del Dlgs 28/10) ma anche l incoerenza con l intero impianto legislativo. «Un ultimo profilo di illegittimità è rilevabile nel Regolamento impugnato in relazione alle previsioni dettate sulla disciplina transitoria. Alcune disposizioni ministeriali, nell intento del legislatore del Dlgs 28/10, avrebbero dovuto avere efficacia limitata all entrata in vigore del Regolamento oggetto della presente impugnazione. Ed invece, contravvenendo espressamente alle previsioni legislative (di cui all art. 16 del Dlgs 28/10), il Regolamento non soltanto ha arbitrariamente introdotto una disciplina transitoria, ma l ha utilizzata per sancire la sopravvivenza di organismi per i quali il legislatore aveva già previsto la decadenza. Si consideri che solo per siffatti organismi, la legge delega prevede la possibilità di una iscrizione di diritto nei costituendi registri e che anche tale disattenzione è sintomatica della palese illogicità ed arbitrarietà del regolamento impugnato». «Era un nostro dovere impugnare un regolamento con queste caratteristiche conclude de Tilla e continuare la nostra battaglia contro la media-conciliazione obbligatoria così come è stata varata dal ministero, il nostro obiettivo è il buon funzionamento della giustizia civile e dei sistemi alternativi di risoluzione delle controversie giudiziarie, partendo dalla centralità del cittadino e dalla professionalità degli avvocati». Roma, 22 novembre

7 IL SOLE 24 ORE Avvocato «costituzionalizzato» Lun «Cambiare il titolo IV della Carta per inserire la figura dell'avvocato, come soggetto costituzionale nella giurisdizione, significa superare realmente la fase del processo inquisitorio». Ribadisce l'importanza del Ddl che porta la sua firma l'onorevole Gaetano Pecorella. Un intervento per colmare una lacuna della Costituzione, scritta quando non si parlava di parità tra le parti del processo. «L'articolo 24 della Costituzione assicura il diritto alla difesa spiega Pecorella ma non considera l'avvocato come soggetto né il suo ruolo nella giurisdizione che, a oggi, è riserva esclusiva dei magistrati. Sbaglia, secondo Pecorella, chi, anche all'interno dell'avvocatura, teme che la modifica della Carta per dare dignità costituzionale all'avvocato, possa finire per "ingabbiarlo" in una qualifica tendenzialmente pubblica. «Il rischio di perdere autonomia non esiste, anzi precisa Pecorella con il nuovo titolo della Costituzione aumenta il livello della tutela degli interessi del cittadino. In ogni caso è stato inserito un comma che specifica il carattere privato, libero e indipendente dell'attività svolta dai legali. Inoltre conclude Pecorella la stessa norma stabilisce l'incompatibilità tra la professione forense e quella di magistrato. L'unico rimpianto è che il Ddl, che poteva essere approvato in un mese, è fermo dal giugno 2009». Un altro sostegno arriva dal padre "spirituale" del disegno di legge. Il presidente dell'organismo unitario dell'avvocatura Maurizio de Tilla che subordina, all'approvazione del Ddl il successo dell'intera riforma della giustizia e l'applicazione dei principi del giusto processo. «Il corretto funzionamento del sistema giustizia afferma il presidente dell'oua dipende dal rapporto equilibrato fra giudici e avvocati, entrambi protagonisti della giurisdizione. La mancata esplicitazione di questa parità è una pecca della Costituzione a cui è necessario porre rimedio». «Su questa conclusione informa de Tilla si sono trovati d'accordo costituzionalisti del calibro di Riccardo Chieppa, Annibale Marini e Cesare Mirabelli». Al tema, il vicepresidente della Camera Antonio Leone ha dedicato un convegno che si è tenuto nella sala della Lupa a Montecitorio. Nell'occasione il progetto ha incassato anche il sostegno della presidente della commissione giustizia della Camera Giulia Bongiorno. «La Costituzione senza avvocati toglie un piatto alla bilancia della giustizia ha affermato Bongiorno per questo sono spudoratamente favorevole al combinato disposto Pecorella-de Tilla, a condizione che venga tutelata la libertà degli avvocati». Il Ddl inserito nel contesto della riforma Costituzionale della giustizia, le cui sorti dipendono dal destino della legislatura ha trovato l'adesione del guardasigilli Angelino Alfano, che si è impegnato a dare pari dignità agli avvocati trasformando la denominazione del titolo IV che non sarebbe più «la magistratura» ma diventerebbe «la giustizia». Un tema di cui si parlerà a Genova venerdì 26, nella sessione dedicata alla riforma forense. 7

8 8 IL SOLE 24 ORE I legali vanno a congresso con la riforma a metà strada Domani il voto al Senato, poi l'incognita della Camera - INCONTRO NAZIONALE Giovedì si apre a Genova l'appuntamento del Cnf che vedrà riunita per tre giorni l'intera categoria - LE COORDINATE «L'avvocatura italiana al servizio dei cittadini» lo slogan della kermesse che si terrà in porto sulla nave Costa Concordia Lun Avvocati sotto i riflettori. Domani, con ogni probabilità, l'aula del Senato approverà in prima lettura una riforma ordinamentale attesa da anni. E il trentesimo congresso nazionale forense in programma da giovedì a Genova riceve una forte spinta positiva, soprattutto perché la riforma è stata promossa da tutte le anime dell'avvocatura, Consiglio nazionale forense in primo luogo, ma anche dall'organismo unitario. Tornano le tariffe, tra un minimo e un massimo, come indicatori di riferimento per la determinazione degli onorari per la prestazione. E con le tariffe rispunta il divieto del "patto di quota lite": l'avvocato, in altre parole, non potrà ancorare parte della parcella al risultato ottenuto. L'attività di consulenza legale, così come l'assistenza stragiudiziale, vedranno inoltre protagonisti sempre i legali. Tutte misure fortemente volute dalla classe forense, che ottiene un significativo successo. L'approvazione di Palazzo Madama come detto è solo un primo passaggio, e ora la partita si trasferisce a Montecitorio, "appesa" al filo della possibile conclusione anticipata della legislatura. Ma per i vertici della categoria questo primo tassello è sicuramente un biglietto da visita importante da spendere nel corso dell'appuntamento genovese. Sullo sfondo, tuttavia, la crisi economica non lascia dormire sonni tranquilli a una categoria professionale che continua a crescere e che ormai annovera tra le sue schiere circa 220mila professionisti. È proprio di questi giorni la diffusione dei risultati dell'indagine della Cassa forense sui "guadagni" dei legali italiani: per il secondo anno consecutivo i redditi dichiarati ai fini Irpef sono in flessione. Dell'1,1% tra il 2009 e il 2008, addirittura del 6,5% rispetto ai valori rivalutati del 2007, chiudendo sotto la soglia psicologica dei 50mila euro annui. A passarsela peggio sono ovviamente i più giovani: i professionisti tra 24 e 34 anni entrano a pieno diritto nella "generazione mille euro", con un reddito medio, al netto dei contributi, di appena 19mila euro (nel corso del congresso saranno presentati anche i risultati dell'osservatorio permanente giovani avvocati, si veda l'articolo pubblicato qui sotto). Nel frattempo, oltre alla congiuntura sfavorevole, le mutevoli esigenze del mercato hanno imposto e impongono un rinnovato approccio nei confronti della professione e dei clienti. Più sensibili alle novità i grandi studi che a differenza di quanto si tende a credere hanno sofferto come e forse più dei piccoli la contrazione del mercato. Parlare di nuovi business è forse esagerato, ma di sicuro l'ambito di attività si è trasformato. Nel settore corporate, ad esempio, si è registrato un autentico cambio di rotta: dalle grandi operazioni societarie, trasformazioni e fusioni, si è passati alle strategie per la ristrutturazione di imprese in crisi. Anche se qualcosa, ammettono i "grandi", torna a muoversi. Altri temi in agenda sono quelli dell'organizzazione dello studio, della possibilità di farsi pubblicità, ma soprattutto della migliore forma strutturale da utilizzare. Una scelta, quella dell'associazione,

9 che fa sempre più proseliti. Non solo per le maggiori economie che permette di realizzare nella gestione dei costi, ma anche perché può supportare più efficacemente l'incontro con il mercato. Aumentare le professionalità a disposizione può allargare il mercato potenziale di uno studio, sempre più alla ricerca di nuove e più parcellizzate specializzazioni. Ed è qui che si gioca tutta la scommessa del Cnf con il regolamento sull'avvocato specialista, anche se, per il momento, il cammino del provvedimento è intralciato dal ricorso presentato da alcuni avvocati al Tar Lazio (l'esame di merito è stato calendarizzato a gennaio). In questo clima di cambiamento si aprirà la kermesse di Genova, il cui slogan, «L'avvocatura italiana al servizio dei cittadini», è stato fortemente voluto dal presidente del Consiglio nazionale forense, Guido Alpa. All'insegna della centralità della categoria: perché come ha sottolineato se i notai si pongono come baluardi dell'integrità del sistema economico e i commercialisti ed esperti contabili quali garanti dell'affidabilità dei creditori, gli avvocati non devono dimenticare di essere promotori dei diritti e garanti della legalità. Più in là si è spinto Maurizio de Tilla, presidente dell'organismo unitario, che combatte una battaglia per la "costituzionalizzazione" della figura del legale. In questa visione l'assenza di un capitolo dedicato all'avvocatura nel corpo della magna charta è ritenuta una lacuna da colmare perché retaggio di una visione autoritaria che considera la tutela giudiziaria non un diritto, ma un servizio che lo stato deve rendere ai cittadini. Al congresso che si svolgerà in porto, a bordo della nave Costa Concordia ci sarà poi spazio per verificare gli interventi che la Cassa forense ha messo in atto per aiutare i professionisti in difficoltà. Dopo la riforma della previdenza forense che ha riportato i conti in ordine, ora per il presidente della Cassa, Marco Ubertini, la priorità è proprio questa: assicurare a tutti gli iscritti la competitività sul mercato. I NUMERI Ha raggiunto la soglia delle 220mila unità l'esercito degli avvocati italiani secondo le ultime stime. Una cifra che non ha uguali in Europa Gli iscritti alla Cassa forense a fine 2009 sono poco meno di 160mila. Di questi oltre 89mila (cioè il 57 per cento) hanno meno di 45 anni Appena sotto i 50mila euro il reddito medio dichiarato dagli avvocati nel Per il secondo anno consecutivo si registra una flessione ( 1,9%) Gli avvocati delle regioni settentrionali se la passano un po' meglio, ma la flessione sul 2008 è più forte ( 2,9%) Il professionista del meridione guadagna quasi la metà del collega del Nord. In Molise euro dichiarati nel 2009 Milano batte le altre aree metropolitane quanto a reddito medio nel Segue Roma con circa 73mila euro Tempi duri per le donne avvocato più giovani. Le professioniste tra 24 e 34 anni dichiarano un netto di 12mila euro l'anno Sono uomini, sopra i 45 anni, gli avvocati più ricchi. Il cui reddito Irpef netto del 2009 è stato di euro 9

10 LA REPUBBLICA Affari e Finanza Gli avvocati e la Mecca delle tariffe minime La riforma dell'avvocatura è in dirittura d'arrivo: domani il Senato dovrebbe votare il testo definitivo del ddl di legge che riscrive le regole della professione forense. Saranno di fatto cancellate le liberalizzazioni di Bersani. «Voltiamo pagina sulle "false" liberalizzazioni - dichiara il presidente dell'oua, Maurizio De Tilla - e non possiamo non sottolineare la nostra grande vittoria». Uno dei punti salienti intorno ai quali è costruita la nuova impalcatura giuridica è proprio la reintroduzione delle tariffe minime e massime. Nel testo viene poi ribadito che la consulenza legale, come l'assistenza stragiudiziale, sono riservate ai soli avvocati. Resta il divieto alla costituzione di società di capitali che abbiano come scopo lo svolgimento della professione legale. Una norma, questa, che sembra andare contro i grandi studi professionali ma che la rappresentanza degli avvocati ha salutato con soddisfazione perché la considera un giusto limite a possibili influenze e pressioni negative sulla terzietà della professione forense. Per quanto riguarda l'ingresso alla professione,il ddl in approvazione prevede un esame di accesso diviso in tre prove scritte e una orale, e una commissione composta da soli magistrati in pensione. Il tirocinio non configura alcun rapporto di lavoro subordinato, anche se al praticante dovrà essere riconosciuto un rimborso spese. Per la prima volta, poi, vengono riconosciute diverse specializzazioni, insieme ad un obbligo di formazione continua attraverso i corsi organizzati dal Consiglio Nazionale. Sul fronte commerciale è ammessa la pubblicità, anche se - si legge nel testo - non dovrà essere elogiativa ma veritiera. La speranza è rivitalizzare una professione che, secondo i dati presentati in questi giorni dalla Cassa forense, ha subito la leggera flessione del reddito, più sostenuto tra i giovani che in media guadagnano euro al mese. I loro occhi, e quelli dell'intera categoria, sono. adesso puntati sui lavori del Parlamento. Dopo il sì del Senato la palla passerà alla Camera dove solo una corsa contro il tempo permetterà di approvare la legge prima del 14 dicembre, data fissata per il voto di fiducia sul governo. (d. autieri) 10

11 IL SOLE 24 ORE La polizza assicurativa diventa obbligatoria Tornano le tariffe e il divieto del patto di quota-lite Lun Il primo giro di boa dovrebbe avvenire domani. La settimana scorsa, infatti, l'aula del Senato ha completato l'esame e la votazione degli emendamenti alla riforma forense e ora si tratta solo di approvare il testo nel suo complesso. Dopodiché il disegno di legge passerà alla Camera. Si tratta, comunque, di un primo passo importante, perché è il risultato di un lungo lavoro svolto soprattutto in commissione Giustizia, che ha assemblato in un testo unificato quattro proposte di legge, due delle quali di rivisitazione totale della professione e altre due più settoriali, circoscritte all'esercizio della pratica forense. La riforma insiste sulla rilevanza sociale ed economica dell'avvocato, di cui rivendica l'indipendenza e l'autonomia come condizioni imprescindibili per l'effettività della difesa e la tutela dei diritti. In particolare, una modifica voluta dall'aula di Palazzo Madama chiede che il nuovo ordinamento forense favorisca l'accesso alla professione da parte delle giovani generazioni. Si tratta di principi che dovranno essere tradotti in pratica da regolamenti del ministero della Giustizia, da adottare entro un anno dall'entrata in vigore della legge. Regolamenti sui quali occorrerà il parere del Cnf e, per le parti di proprio competenza, della Cassa di previdenza degli avvocati. Entrando nel dettaglio della riforma e premesso che lo svolgimento della professione resta sempre vincolato all'iscrizione all'albo (e, di converso, viene stabilito che la permanenza nell'albo è legata all'esercizio della professione), una significativa novità fa capolino già nei primi articoli. L'articolo 4 (almeno nella versione che il Senato si prepara a licenziare) prevede la possibilità di esercitare la professione, oltre che individualmente, anche in forma associativa o societaria. L'incarico, tuttavia, resta sempre conferito all'avvocato in via personale. A prescindere dall'assetto dello studio, l'avvocato ha l'obbligo di stipulare una polizza assicurativa a copertura della responsabilità civile per i rischi legati alla professione. Polizza che il professionista deve rendere nota al cliente se questi lo chiede. Altra novità di rilievo è contenuta nell'articolo 8, che introduce il titolo di avvocatospecialista. Sarà un regolamento del Cnf che sul tema si è già portato avanti a stabilire nel dettaglio le procedure per ottenere il titolo, ma intanto la legge prevede che la specializzazione debba presupporre un percorso formativo e professionale di almeno due anni (per un totale di non meno di 200 ore), al quale potranno accedere solo gli avvocati che al momento dell'iscrizione abbiano maturato un'anzianità di iscrizione all'albo di almeno quattro anni, senza interruzioni o sospensioni. Il corso di specializzazione, però, da solo non basta. Al termine, l'avvocato dovrà sostenere un esame di fronte a una commissione nominata dal Cnf. Solo una volta superato anche questo scoglio, il consiglio forense a cui spetta il compito di attribuire e revocare i titoli permetterà al professionista di definirsi specialista. Il Cnf è chiamato in causa anche per la formazione continua, che a questo punto diventa un obbligo di legge. Al consiglio, infatti, spetta il compito di dettare le modalità perché gli avvocati siano continuamente aggiornati. Sono, tra gli altri, esentati da tale obbligo gli avvocati con il titolo di specialista, quelli iscritti all'albo da almeno 25 anni e quelli con più di 60 anni di età. La riforma opera un netto dietro-front sul versante delle tariffe. In controtendenza rispetto a quanto stabilito nel 2006 dal decreto Bersani, vengono ripristinati i minimi tariffari, che diventano vincolanti, e viene reintrodotto il divieto del patto di quota-lite. 11

12 IL SOLE 24 ORE L'identikit dei giovani: vince la quota rosa Lun Soffre una condizione di disagio, è insoddisfatta e delusa. Ed è afflitta dalla concorrenza e dai magri guadagni. Si descrive così la categoria dei giovani avvocati, circa 43mila professionisti, un quarto degli iscritti alla Cassa forense (secondo i dati del 2009). Solo il 2% del campione si è dichiarato sostanzialmente soddisfatto. A puntare i fari su questa realtà è la prima indagine dell'osservatorio permanente giovani avvocati, i cui risultati saranno presentati al congresso Cnf di Genova venerdì prossimo. Un rapporto che mette in evidenza anche la composizione dei legali sotto i 40 anni. Nella maggior parte dei casi si tratta di donne ( contro , con un rapporto di 56 contro 44), una caratteristica più accentuata nelle regioni settentrionali dove le "quote rosa" sfiorano il 60 per cento. Mentre nel Mezzogiorno le distanze tra uomini e donne scompaiono. Sorprende poi che quello dei giovani avvocati sia un universo non troppo avvezzo alla tecnologia, né alle lingue straniere. Secondo l'indagine si trovano spesso a pensare di emigrare, dal Nord all'estero e dal Sud verso il Nord. E si mostrano piuttosto conservatori su alcune questioni. Ad esempio sulle modalità di accesso alla professione con una forte richiesta di introdurre il numero chiuso nelle università. Una posizione che si riscontra anche quando i giovani sono chiamati a esprimere giudizi sulla formazione continua. L'obbligo formativo, dicono in sostanza i legali in erba, sembra fare a pugni con un sistema di libero mercato, dove l'approfondimento e l'aggiornamento professionale non possono essere imposti, ma affidati ai singoli. Per trasformare quello della preparazione in terreno per la selezione che consenta ai migliori di emergere. Nel libro dei sogni mettono agevolazioni per l'associazionismo, unica via per debuttare senza troppi patemi. E c'è più di qualcuno (il 12% degli intervistati) che non disdegnerebbe una specifica disciplina sulle collaborazioni tra giovani e studi professionali. 12

13 IL SOLE 24 ORE Il programma del Congresso Le relazioni. Nella giornata di apertura grande spazio alle relazioni introduttive dei protagonisti del mondo dell'avvocatura associale. Dalle 11 si susseguiranno Guido Alpa, presidente del Cnf, Maurizio De Tilla, presidente dell'oua, e Marco Ubertini, presidente della Cassa forense. La tavola rotonda. Altro appuntamento clou della giornata (programmato alle 16) è la tavola rotonda sui diritti umani e il ruolo dell'avvocatura, cui parteciperanno Giovanni Maria Flick e Stefano Rodotà. Gli interventi. Una lunga giornata di lavoro che comincia alle 9 con gli interventi sui temi caldi della riforma della giustizia e sulle novità della media-conciliazione. Ampio spazio anche al dibattito sull'ordinamento forense, sulla formazione e sulla specializzazione. I rapporti. A metà giornata (ore 14.30) i lavori congressuali si interrompono per la presentazione di due rapporti particolarmente interessanti: quello del Censis sulle donne nell'avvocatura e quello dell'osservatorio giovani. Cassa forense. Mattinata dedicata ai temi dell'assistenza e della previdenza degli avvocati. Dalle 9 alle 13, in primo piano il nuovo welfare. Cassazione. È previsto l'intervento del più alto magistrato. Alle 14 infatti il congresso riceverà il saluto di Ernesto Lupo, primo presidente della Cassazione. Elezione delegati Oua. Chiude il congresso l'elezione dei delegati dell'organismo unitario (dalle alle 15.30) e la votazione delle mozioni congressuali (tra le 16 e le 19). 13

14 IL SOLE 24 ORE Studio associato modello vincente per i più giovani I vantaggi rispetto al monopersonale Lun All'indomani della pubblicazione dei dati della Cassa forense sui redditi degli avvocati che denunciano l'ennesima contrazione (almeno per le fasce più basse e per i più giovani), la riforma ripristina i minimi tariffari e il divieto di patto di quota lite. L'ingerenza della norma sulle tariffe, che nello schema classico del marketing rappresenta una variabile non indipendente, altera il ventaglio di proposte che ogni studio legale può offrire alla propria clientela. Tuttavia, la pratica di applicare la tariffa meno che minima non ha mai rappresentato una vera opportunità, fatta eccezione per quei clienti che, forti del proprio potere contrattuale, l'hanno sempre imposta all'avvocato. Gli studi legali di grandi o grandissime dimensioni, che posizionano il proprio core business in un mercato legato a quello dei capitali (fusioni, acquisizioni, quotazioni, offerte pubbliche, finanza eccetera), risentono della crisi, ma sono più preparati ad affrontare cambi di strategia e hanno infatti rinforzato quelle practice (aree di attività), che venivano più richieste mentre alleggerivano i costi e restavano sulla cresta dell'onda. Riuscire a superare una crisi così pesante o addirittura crescere, significa aver compreso attraverso quali strade si migliora la propria competitività. Il marketing non è pubblicità, più che altro è organizzazione e strategia. Gli studi che risultano vincenti sono quelli associati con capacità di visione strategica e politiche lungimiranti. L'associazione professionale in sé, pur con i limiti non superati nella riforma e con i nuovi problemi già emersi, rappresenta uno strumento di gestione del quotidiano molto più efficiente dello studio in cost sharing o del tradizionale modello "artigianale" monopersonale. A renderlo più competitivo è la sua natura, che impone ai professionisti di acquisire una visione strategica oltre a una attività organizzata di pianificazione di costi e azioni. Il fatto stesso di essere tenuti a condividere informazioni necessarie a prendere decisioni collegiali, a verificare il fatturato per ripartire utili e spese, ad assegnare il lavoro sulla base di competenze e specializzazioni, costringe gli avvocati a diventare un po' manager della propria attività e a utilizzare tutti gli strumenti di pianificazione economica, finanziaria e strategica. È nei momenti di crisi che la conoscenza della clientela torna utile. Senza adeguate analisi, supportate da strumenti di valutazione approvati dai soci e continuamente monitorate, si perde di vista la direzione che il mercato sta prendendo e si rischia di rinunciare a portafogli di clienti senza riuscire a sostituirli con altri. Il vantaggio di oggi potrebbe contare poco o nulla domani, in uno scenario competitivo e fluido come quello attuale. La flessibilità è una dote, ma non deve degenerare in trasformismo o instabilità. Solo un'adeguata pianificazione, supportata da dati completi ed elaborati nel tempo, fornisce le garanzie che un cambiamento di rotta può essere governato e può restituire i frutti di un duro lavoro. Per questa ragione il modello artigianale è meno competitivo e non vincente, soprattutto per chi non è ancora consolidato sul mercato. Se è probabilmente inutile chiedere a un avvocato che lavora da più di trent'anni di cambiare pelle, la muta è necessaria ai più giovani che, diversamente sconteranno ancora per anni, a cagione di un concorso di cause, l'implacabile erosione del mercato. Gli aspetti più critici della gestione collettiva dell'attività attengono alla mancanza di modelli flessibili di studio associato. Tuttavia, anche con i limiti attuali e sempre più con l'avvento della specializzazione forense, sarà importante non essere soli in studio, potersi confrontare e arricchirsi della diversità del collega-socio. 14

15 IL SOLE 24 ORE Il titolo specialistico nella rete del Tar Sul regolamento del Cnf che dovrebbe entrare in vigore a giugno pende il ricorso di alcuni avvocati Lun Il risultato di un confronto tra ordini e associazioni per il riconoscimento di una qualifica che garantisce il cittadino o un blitz per scrivere regole a vantaggio di pochi? Questi i punti di vista, diametralmente opposti, sul regolamento messo a punto nel settembre scorso dal Consiglio nazionale forense per attribuire il titolo di avvocato specialista. Un tema di assoluto rilievo, tanto più che, come dimostrano anche le esperienze sul campo (si vedano le interviste in basso), quella della specializzazione dei legali è una via obbligata per rispondere alle esigenze del mercato. A pensar bene delle nuove norme oltre, ovviamente, al Cnf, sono anche le sei associazioni specialistiche maggiormente rappresentative riconosciute dallo stesso Consiglio nazionale forense, penalisti in testa. Ad abbassare il pollice sono stati invece i giovani avvocati dell'aiga e l'associazione nazionale forense, mentre è "terza" la posizione dell'organismo unitario dell'avvocatura che salva l'intero impianto, fatta eccezione per la norma transitoria che prevede una specializzazione "d'ufficio" per gli avvocati con almeno vent'anni di anzianità, privilegio che, secondo l'oua, dispenserebbe da corsi ed esami poco meno di 90mila legali su circa 220mila. Non si sono fermati alle critiche, ma hanno invece scelto la strada del ricorso 45 avvocati che si sono rivolti al Tar per contestare l'adozione del regolamento. Il tribunale amministrativo del Lazio, su accordo delle parti, ha deciso di fissare per gennaio la discussione dei motivi direttamente nel merito, senza accogliere la richiesta di sospensiva. L'idea è quella di bloccare la strada a norme operative dal 30 giugno 2011 che il Cnf ha sentito l'esigenza di sottrarre alle incerte sorti della riforma in un tema, come quello delle specializzazioni, che sta particolarmente a cuore all'avvocatura. Lo specialista pensato dal Cnf con regole che possono essere ritoccate entro un anno dalla loro entrata in vigore può scegliere tra undici aree di specializzazione, ma può diplomarsi in non più di due. Per arrivare al titolo è necessario avere un'anzianità di iscrizione all'albo di almeno sei anni e aver frequentato una scuola riconosciuta dal Cnf. Rientra nella discrezione del Cnf valutare l'idoneità dei titoli conseguiti nelle università per accedere all'esame che, grazie al superamento di una prova scritta e orale, apre la porta della specializzazione. Una volta conseguito lo "status" di specialista sarà necessario aggiornarsi fino a totalizzare 120 crediti formativi in tre anni, con un minimo di 30 in dodici mesi. Alla regola generale fanno eccezione gli iscritti all'albo, in maniera continuativa, da almeno 20 anni, che potranno accedere tout court al titolo di specialista, limitato però a una sola materia. È probabilmente quest'ultima norma che ha suscitato le maggiori polemiche. Critiche mosse soprattutto dai legali under 45, che si sentono eccessivamente penalizzati da una disciplina che ostacola la crescita dei giovani. Nel mirino dell'aiga sono finite anche le materie di specializzazione che oltre a tralasciare il nuovo, rappresentato, ad esempio dal diritto ambientale creerebbero una disparità di trattamento tra i civilisti che possono specializzarsi in una materia e penalisti, amministrati visti e tributaristi che possono spendere la loro specializzazione generalista. Più o meno sulla stessa linea anche l'anf che sottolinea come tra le specializzazioni individuate figurino branche del diritto effettivamente specialistico accanto a veri e proprio settori, come il penale e l'amministrativo. L'Anf rimanda comunque il confronto a Genova considerata la giusta sede per definire le proprie posizioni. Sulla Costa Concordia, nave che ospiterà il congresso, come delegati, ci saranno anche i 45 avvocati "dissidenti" che hanno firmato il ricorso al Tar eccependo innanzi tutto la mancanza della «potestà regolamentare del Cnf». I dissenzienti negano, infatti, che il Consiglio nazionale forense abbia il potere amministrativo per emanare regolamenti su materie di competenza statale, come l'individuazione di figure professionali innovative. A respingere al mittente qualunque accusa di "abuso di potere" da parte del Cnf sono i penalisti, secondo i quali l'approvazione del regolamento non è il risultato di un blitz, ma «soltanto la riuscita sperimentazione di un metodo democratico». Un'operazione in cui, conti alla mano del numero di associazioni aderenti, è stata prevalente la volontà della maggioranza. 15

16 IL SOLE 24 ORE I nodi da sciogliere Il ricorso. I motivi principali del ricorso al Tar Lazio contro il regolamento del Cnf sul titolo di specialista lun Ci vuole una legge dello Stato. La materia delle professioni deve ritenersi attribuita alla legislazione concorrente dello stato e delle regioni, spettando però allo stato l'individuazione delle figure professionali Libera concorrenza Non sussiste una norma che attribuisca al Cnf la facoltà di legiferare nell'interesse della collettività. L'attribuzione che si è così «autoconferita» risulta in contrasto con i principi comunitari di concorrenza Disciplina transitoria. Anche la disciplina transitoria del regolamento finisce nell'occhio del ciclone. La norma dispone una sorta di corsia preferenziale per gli avvocati con almeno venti anni di anzianità che acquisiscono il titolo di specialista. Secondo i legali che hanno presentato ricorso al Tar Lazio, tale regola avrebbe un effetto distorsivo sulla concorrenza a tutto vantaggio degli avvocati più anziani, in quanto si garantisce a questi un enorme vantaggio competitivo perché si gravano al contempo i più giovani peraltro con redditi più bassi di obblighi e relativi oneri, anche economici Le undici qualifiche legali. Secondo il regolamento del Consiglio nazionale forense, è «specialista» l'avvocato che ha acquisito, in un'area del diritto tra quelle stabilite, una specifica e significativa competenza teorica e pratica, il cui possesso è attestato da apposito diploma rilasciato dal Cnf stesso e che deve essere conservata nel tempo secondo il principio della formazione continua Materie specialistiche: diritto di famiglia, dei minori, e delle persone; diritto della responsabilità civile e delle assicurazioni; diritto commerciale; diritto del lavoro, della previdenza e della sicurezza sociale; diritto industriale; diritto della concorrenza; diritto tributario; diritto amministrativo; diritto della navigazione; diritto dell'unione europea; diritto penale L'avvocato specialista deve aver maturato un'anzianità di iscrizione all'albo, ininterrotta, di almeno sei anni all'atto della presentazione della domanda e non aver riportato nei tre anni precedenti la presentazione della domanda una sanzione disciplinare definitiva conseguente a un comportamento in violazione del dovere di competenza o di aggiornamento professionale grafico="/immagini/milano/graphic/203//3sp_diploma.eps" XY=" " Croprect=" " Il regolamento del Cnf entra in vigore il 30 giugno Entro un anno a partire dalla sua entrata in vigore, il Cnf, sentiti i Consigli dell'ordine degli avvocati, e le Associazioni specialistiche, potrà procedere alla revisione delle relative disposizioni, con riferimento alle aree di specializzazione, ai fini della tutela dell'affidamento della collettività L'avvocato specialista deve aver frequentato, per un biennio, una scuola, o un corso di alta formazione riconosciuti dal Consiglio nazionale forense e deve aver conseguito l'attestato non prima di due anni rispetto alla data di presentazione della domanda. Deve inoltre aver sostenuto con esito positivo l'esame presso il Consiglio nazionale forense Sulle sorti del regolamento del Cnf pende la spada di Damocle dell'impugnazione che un gruppo di avvocati romani ha presentato al Tar Lazio. Secondo l'accusa, il regolamento sarebbe stato costruito su misura a vantaggio di pochi eletti. Il Tar per il momento ha negato la sospensiva e ha rinviato la discussione nel merito al prossimo gennaio Il titolo di avvocato specialista può essere revocato quando l'interessato non adempia agli obblighi di formazione continua. La revoca è pronunciata dal Cnf su segnalazione del consiglio dell'ordine degli avvocati nel cui albo è iscritto l'interessato. La revoca del titolo non preclude però il suo riacquisto Gli avvocati con anzianità di almeno 20 anni acquisiscono il titolo di specialista se presentano al Cnf domanda corredata dalla documentazione e dai titoli idonei a comprovare una specifica competenza teorica e pratica nel settore prescelto (se necessario devono sostenere presso il Cnf un colloquio vertente sulla documentazione e i titoli presentati) 16

17 ITALIA OGGI SETTE La Cassazione interviene in materia di tariffe. Anche se il caso ormai è storia vecchia Onorari, i minimi non si toccano Nullo l'accordo tra legale e cliente sulle parcelle al ribasso Lun Tariffe forensi (una volta) intoccabili nei minimi. Anche se si può lavorare rinunciando al compenso per gli amici o anche per convenienza (magari per fidelizzare il cliente). È quanto ha stabilito una sentenza della Cassazione (sezione lavoro, n del 27 settembre 2010), che ha dato ragione a uno studio legale associato, il quale ha chiesto di rivedere i compensi pattuiti, prima del decreto Bersani, con una società di recupero crediti. Ora, dopo il decreto Bersani e salvo futuri ripensamenti (si veda riforma forense), il limite minimo non c'è. A blindare i minimi tariffari ci pensava la legge 794 del 1942, il cui articolo 24 è stato recepito dall'articolo 4 delle Tariffe Forensi, sulle convenzioni tra clienti e avvocati. Una disposizione che è stata vigente fino al La legge del 1942, infatti, è stata abrogata tranne che all'articolo 24, intitolato «Inderogabilità convenzionali degli onorari e dei diritti». Questa disposizione stabilisce che «gli onorari e i diritti stabiliti per le prestazioni dei procuratori e gli onorari minimi stabiliti per le prestazioni degli avvocati sono inderogabili». Secondo la Cassazione, poi, non c'è nessun contrasto con l'ordinamento comunitario. Anzi la stessa Corte di giustizia (decisione del 5 dicembre 2006, cause riunite C-94/04 e C-202/04) ha sottolineato che ci sono «ragioni imperative di interesse pubblico» che giustificano la inderogabilità dei minimi della tariffa degli avvocati : e cioè l'esigenza di garantire la qualità della prestazione professionale a tutela degli utenti consumatori e la buona amministrazione della giustizia. Dunque via libera alla obbligatorietà dei minimi tariffari per le prestazioni ante decreto Bersani. Tra l'altro in un paese come l'italia, caratterizzato da una altissimo numero di avvocati (198 mila) l'inderogabilità delle tariffe minime consente di evitare una concorrenza tra i lagali che si traduce nell'offerta di prestazioni «al ribasso», indizio di un peggioramento della qualità del servizio. Naturalmente la pronuncia va contestualizzate e va evidenziato il fatto che la convenzione bocciata dalla Cassazione è anteriore al decreto Bersani. Il decreto legge n. 223 del 2006, art. 2, comma 1, convertito in legge n. 248 del 2006, ha, certo, abrogato le disposizioni legislative e regolamentari che prevedevano la fissazione di tariffe obbligatorie fisse o minime per le attività professionali e intellettuali «dalla data di entrata in vigore» della legge stessa; di conseguenza le disposizioni sulla inderogabilità dei minimi conservano piena efficacia in relazione a fatti - come quelli in oggetto - verificatisi prima. Dopo il decreto Bersani non solo, si può derogare ai minimi tariffari, ma si può lavorare senza compenso. Il (datato) principio dell'inderogabilità dei minimi tariffari, dice la cassazione nella 17

18 sentenza in commento, non trova applicazione nel caso di rinuncia, totale o parziale, alle competenze professionali. La prestazione d'opera del difensore può, infatti, pure essere gratuita, in tutto o in parte, per ragioni varie, oltre che di amicizia e parentela, anche di semplice convenienza. La retribuzione costituisce un diritto patrimoniale disponibile e la convenienza relativa può concretarsi, sul piano sostanziale, anche in un accordo transattivo, in quanto tale, pienamente lecito, rientrando esso nella libera autonomia dispositiva delle parti contraenti, alle quali era soltanto vietato di infrangere il vecchio divieto legale, e cioè quello di predeterminare consensualmente l'ammontare dei compensi professionali in misura inferiore ai minimi tariffari. Fin qui i principi formulati dalla sentenza della Cassazione, che si limitano a fotografare un evento del passato e che pure pongono alcuni nodi della questione. In particolare la compatibilità dei minimi tariffari con l'ordinamento della professione, che non si comprende quanto dil legislatore voglia valutare sotto una luce imprenditoriale e quanto possa rimanere nella veste di professione liberale, distinta dalle attività d'impresa. Al centro del dibattito si pongono non solo i minimi tariffari, ma anche il patto di quota lite, che aggancia il compenso del legale al risultato della attività. Ma considerare solo la questione economica è parziale, in quanto, come fa la Cassazione, occorre considerare l'aspetto del compenso nel complesso della regolamentazione della professione. E da questo punto di vista la posizione del legali è per un restyling delle tariffe, ma anche per una riforma dell'accesso. La posizione del Consiglio nazionale forense in materia di tariffe è chiara: anche la giurisprudenza comunitaria (sentenze C-35/99 e C-94/04 e C- 202/04) e italiana hanno confermato negli anni la legittimità delle tariffe come previste dalla legge professionali, compresi i minimi inderogabili. Con gli aggiustamenti che sono in discussione, come il computo per fase processuale e non per singola attività. Antonio Ciccia 18

19 ITALIA OGGI SETTE Tra Antitrust e Cnf è sempre ping-pong Su temi come questi si fronteggiano due orientamenti, che possono essere personificati da un lato dall'autorità garante della concorrenza e del mercato e dall'altro dal Consiglio nazionale forense, che si sono confrontati sui temi cruciali della professione forense. Per l'antitrust il sistema delle tariffe minime inderogabili non garantisce la qualità della prestazione e hanno un effetto deleterio sul piano della concorrenza, che deve svilupparsi anche tra professionisti. Una lancia è, invece, spezzata a favore del mantenimento delle tariffe massime con riferimento a prestazioni con carattere seriale e di contenuto non particolarmente complesso. L'antitrust non manca di sottolineare che l'argomento utilizzato dagil avvocatio (ma anche dalla cassazione nella sentenza 20269/2010) del decoro professionale, addirittura, potrebbe essere strumentalizzato. Non vi è però, da parte dell'antitrust, un esame del rapporto tra minimi tariffari e mercato in un sitema ingolfato di profesisonisti. Sull'accesso alla professione, ad esempio, l'antitrust è per un alleggerimento del tirocinio: da eliminare ogni onere ingiustificato a carico dei praticanti; svolgimento del tirocinio durante il corso universitario;istituzione di lauree abilitanti; riduzione della durata del praticantato; previsione di premi o borse di studio; promuovere forme di tirocinio da svolgersi presso gli uffici legali di imprese o istituzioni. Il Cnf replica che non si vede perché un sostanziale alleggerimento del tirocinio debba essere obiettivo confacente a evitare limitazioni alla libertà di concorrenza. Quanto alla valorizzazione e remunerazione del praticante, il Cnf concorda sulla opportunità di prevederla per legge. E se, sempre l'antitrust contesta che il titolo di specialista possa esser rilasciato dal Consiglio nazionale forense, il Cnf risponde rivendicando la natura di ente pubblico idoneo. Ancora mentre l'antitrust sostiene il divieto di riserva in materia di consulenza legale, il Cnf contesta questo sia una conseguenza dell'ordinamento comunitario, che invece salva i sistemi nazionali che prevedono riserve. Antonio Ciccia 19

20 IL SOLE 24 ORE Tempi maturi per la pubblicità Lun Da quando, nel 2006, è stata in qualche modo liberalizzata la pubblicità dello studio legale, i primi esempi di campagne compaiono sui media. Moduli colorati, pay-off accattivanti, anche se sobri nelle tinte e nei toni, accompagnano raramente immagini evocative, molto più spesso, decorative. Restando tutt'ora fissati i paletti deontologici, la vera sfida per i creativi e per i consulenti di marketing, è quella di portare con sé il cliente verso una forma di comunicazione non didascalica e descrittiva, ma aspirazionale e simbolica. Bisogna tener conto anche della Cassazione che recentemente ha ricordato come la pubblicità dei legali non possa essere «suggestiva». Il segreto del buon creativo è quello di lasciare immaginare, non di spiegare, ma il cliente/avvocato spesso non è pronto a farsi raccontare per immagini, simboli e pay-off concettuali e preferisce "dire". Più istintivo per l'avvocato, comunicare chi è, cosa fa e dov'è, in modo diretto, schematico, frontale, evitando il non detto. Da una parte, la mancanza di un alfabeto comune tra creativo e avvocato limita la comunicazione, dall'altra il timore che la scure della deontologia si abbatta sulle inserzioni, frenano ancora la cultura dell'advertisement. Difficile non prendere come esempio gli Stati Uniti, dove la pubblicità degli avvocati c'è da quarant'anni e si è visto tutto. I giudici dell'etica professionale Usa, sono ben lungi dal consentire agli avvocati di fare quello che vogliono: sono state censurate per vizi deontologici anche innocue mascotte che rappresentavano teneri cagnoloni, se abbinate all'attività forense, così come represse campagne di avvocatesse maggiorate che inneggiavano a una vita libera senza coniugi tra i piedi (pay off: life is short, get a divorce), diventate, tuttavia, molto popolari sul web. Ma lontano da questi parossismi, le società di comunicazione specializzate esistono e lavorano benissimo, realizzando campagne ben fatte, intelligenti, politicamente e socialmente corrette. Uno studio tutto femminile di Buffalo, tanto per citare un esempio, ha giocato sugli stereotipi e i pregiudizi sulle donne, per sottolineare il quid pluris che una avvocato femmina può rappresentare per il cliente (sjalegal.com). In Italia, oltre a grandi banche, alcune società di consulenza si sono spinte oltre. Per citarne una, Accenture, ha usato fotomontaggi con animali nella propria campagna che compare anche sulla versione italiana del sito, con immagini accattivanti e simboliche, che mostrano elefanti funamboli o surfisti che illustrano il concetto che una grande firm può dare servizi agili nonostante la dimensione. Il processo di trasformazione del linguaggio è iniziato, non resta che aspettare. E stupirsi. 20

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI MILANO

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI MILANO Confronto tra i Principi di fondo irrinunciabili per l Avvocatura italiana individuati il 17 ottobre 2009 e il testo approvato dal Senato nel novembre 2010: 1) La specialità dell ordinamento professionale

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO PER IL RICONOSCIMENTO DEL TITOLO DI AVVOCATO SPECIALISTA (approvato nella seduta amministrativa del 24 settembre 2010) Art. 1

Dettagli

UN ORDINE AL PASSO CON LA PROFESSIONE L'EVOLUZIONE DELL'ORDINAMENTO ALLA LUCE DELLA RIFORMA 2011 Romeo La Pietra. Bari, 9 settembre 2011

UN ORDINE AL PASSO CON LA PROFESSIONE L'EVOLUZIONE DELL'ORDINAMENTO ALLA LUCE DELLA RIFORMA 2011 Romeo La Pietra. Bari, 9 settembre 2011 UN ORDINE AL PASSO CON LA PROFESSIONE L'EVOLUZIONE DELL'ORDINAMENTO ALLA LUCE DELLA RIFORMA 2011 Romeo La Pietra Bari, 9 settembre 2011 1 RIFORMA PROFESSIONI LIBERALIZZARE o DEREGOLAMENTARE? Liberalizzare:

Dettagli

Schema di decreto del Ministro della giustizia recante Regolamento recante disposizioni per il conseguimento e il mantenimento del titolo di avvocato

Schema di decreto del Ministro della giustizia recante Regolamento recante disposizioni per il conseguimento e il mantenimento del titolo di avvocato Schema di decreto del Ministro della giustizia recante Regolamento recante disposizioni per il conseguimento e il mantenimento del titolo di avvocato specialista, a norma dell articolo 9 della legge 31

Dettagli

NOTAI, COMMERCIALISTI E AVVOCATI ADDIO ALLE TARIFFE CON QUALCHE FALLA

NOTAI, COMMERCIALISTI E AVVOCATI ADDIO ALLE TARIFFE CON QUALCHE FALLA LIBERE PROFESSIONI Avvocati, commercialisti, notai e "tutti gli altri": addio alle tariffe con qualche falla Antonio Ciccia Il compenso diventa unico per le professioni ordinistiche. Si abbandona la parcellizzazione

Dettagli

CITTA DI CASTELVETRANO REGOLAMENTO AVVOCATURA COMUNALE

CITTA DI CASTELVETRANO REGOLAMENTO AVVOCATURA COMUNALE CITTA DI CASTELVETRANO REGOLAMENTO AVVOCATURA COMUNALE Approvato con Deliberazione di Giunta Municipale n. 13 del 18 gennaio 2012 1 Titolo I - ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO Articolo 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

propri diritti e di comparazione delle prestazioni offerte sul mercato», ha

propri diritti e di comparazione delle prestazioni offerte sul mercato», ha RELAZIONE SULLE MODIFICHE APPORTATE AL CODICE DEONTOLOGICO FORENSE IN APPLICAZIONE DEL D.L. 4 LUGLIO 2006, N. 223, CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE 4 AGOSTO 2006, N. 248. A distanza di poco più

Dettagli

La mediazione civile e commerciale

La mediazione civile e commerciale D Lvo 4mar2010 n 28 presentazione La mediazione civile e commerciale Il decreto legislativo 4 marzo 2010, n.28 (pubblicato nella G.U. n.53 del 5 marzo 2010) sulla mediazione in materia civile e commerciale

Dettagli

Avvocato specialista: diritto o dovere di conseguire il titolo?

Avvocato specialista: diritto o dovere di conseguire il titolo? PROFESSIONE FORENSE 04 SETTEMBRE 2015 Avvocato specialista: diritto o dovere di conseguire il titolo?». Il Ministro della Giustizia ha firmato, il 14 agosto 2015, il regolamento che disciplina le modalità

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO GENERALE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO GENERALE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI 88 REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO GENERALE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI L AVVOCATURA COMUNALE APPROVATO DALLA GIUNTA COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 424 reg./456 Prop.Del. NELLA SEDUTA DEL 04/12/2014 Art. 1

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 5 Regolamento ai sensi dell art. 22 L. n. 247/12 sui corsi per l iscrizione all Albo speciale per il patrocinio davanti alle giurisdizioni superiori IL CONSIGLIO NAZIONALE

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. ALBI Le pagelle della formazione Il sole24ore pag 6 del 08/02/2016

RASSEGNA STAMPA. ALBI Le pagelle della formazione Il sole24ore pag 6 del 08/02/2016 lunedì 8 febbraio 2016 RASSEGNA STAMPA ALBI Le pagelle della formazione Il sole24ore pag 6 del 08/02/2016 PROFESSIONI Corte dei Conti all angolo Italia Oggi pag. 34 del 06/02/2016 ORDINI Scuole gestite

Dettagli

Regolamento delle Scuole UCPI

Regolamento delle Scuole UCPI Regolamento delle Scuole UCPI TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto e finalità. 1. Il presente regolamento disciplina l attività di formazione e di qualificazione professionale dell avvocato penalista,

Dettagli

Avvocati: tirocinio di 18 mesi, e sulla targa debutta la specializzazione (Guida al Diritto

Avvocati: tirocinio di 18 mesi, e sulla targa debutta la specializzazione (Guida al Diritto Avvocati: tirocinio di 18 mesi, e sulla targa debutta la specializzazione (Guida al Diritto di Eugenio Sacchettini La quarta puntata dell'analisi della riforma forense (testo approvato alla Camera il 31

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CONTENZIOSO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CONTENZIOSO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CONTENZIOSO Approvato con Delibera della Giunta Provinciale n.122 dell 11.12.2012 In vigore dal 1 gennaio 2013 Pag. 1 di 6 Art. 1 - Avvocatura Provinciale 1. L Avvocatura

Dettagli

ART. 1 OGGETTO ART. 2 COMPITI E FUNZIONI

ART. 1 OGGETTO ART. 2 COMPITI E FUNZIONI REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO LEGALE DI ATENEO (D.R. N. 293 DEL 8 MAGGIO 2013 COME MODIFICATO DAL D.R. N. 43 DEL 26 GENNAIO 2015) ART. 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento disciplina il

Dettagli

Consulenza, l esclusiva per l avvocato si ferma all attività giurisdizionale (Guida al Diritto)

Consulenza, l esclusiva per l avvocato si ferma all attività giurisdizionale (Guida al Diritto) Consulenza, l esclusiva per l avvocato si ferma all attività giurisdizionale (Guida al Diritto) di Eugenio Sacchettini Pubbilichiamo la seconda puntata di analisi della riforma forense nel testo approvato

Dettagli

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA. Scuola di specializzazione per le professioni legali. Regolamento

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA. Scuola di specializzazione per le professioni legali. Regolamento FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA Scuola di specializzazione per le professioni legali Regolamento Art. 1 Istituzione e finalità della Scuola 1. E istituita presso la Facoltà di Giurisprudenza dell Università

Dettagli

Comune di Baranzate Provincia di Milano

Comune di Baranzate Provincia di Milano Comune di Baranzate Provincia di Milano Area Segreteria Generale Personale - CED REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI AGLI AVVOCATI ESTERNI ALL ENTE Approvato con delibera di Giunta Comunale

Dettagli

LUCI ED OMBRE SULLA NUOVA FORMAZIONE PROFESSIONALE E LE SPECIALIZZAZIONI. Intervento dell avv. Sandra Maraia

LUCI ED OMBRE SULLA NUOVA FORMAZIONE PROFESSIONALE E LE SPECIALIZZAZIONI. Intervento dell avv. Sandra Maraia LUCI ED OMBRE SULLA NUOVA FORMAZIONE PROFESSIONALE E LE SPECIALIZZAZIONI Intervento dell avv. Sandra Maraia 1. Brevi cenni sul regolamento n. 6/2014 Il nuovo regolamento per la formazione continua, approvato

Dettagli

REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA FORMAZIONE PERMANENTE OBBLIGATORIA PER IL TRIENNIO 2011/2013 (aggiornato nell'adunanza del 14 febbraio 2013)

REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA FORMAZIONE PERMANENTE OBBLIGATORIA PER IL TRIENNIO 2011/2013 (aggiornato nell'adunanza del 14 febbraio 2013) REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA FORMAZIONE PERMANENTE OBBLIGATORIA PER IL TRIENNIO 2011/2013 (aggiornato nell'adunanza del 14 febbraio 2013) ART. 1 1. Il presente Regolamento disciplina la realizzazione della

Dettagli

Sezione quarta La retribuzione del professionista. Questionario n. 4. 1. Cosa comprende la parcella dell avvocato?... Pag. 29

Sezione quarta La retribuzione del professionista. Questionario n. 4. 1. Cosa comprende la parcella dell avvocato?... Pag. 29 Sezione quarta La retribuzione del professionista Questionario n. 4 1. Cosa comprende la parcella dell avvocato?... Pag. 29 2. Possono essere derogati i minimi tariffari?...» 31 3. Quali sono le azioni

Dettagli

AREA PERSONE E ORGANIZZAZIONE SETTORE PERSONALE DOCENTE. Regolamento di Ateneo per la disciplina dei contratti di insegnamento e di tutorato

AREA PERSONE E ORGANIZZAZIONE SETTORE PERSONALE DOCENTE. Regolamento di Ateneo per la disciplina dei contratti di insegnamento e di tutorato AREA PERSONE E ORGANIZZAZIONE SETTORE PERSONALE DOCENTE Regolamento di Ateneo per la disciplina dei contratti di insegnamento e di tutorato Art. 1 - Definizioni 1. Ai fini del presente regolamento si intende:

Dettagli

Articolo 44 (Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali)

Articolo 44 (Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali) Articolo 44 (Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali) 1. Le disposizioni di cui ai commi 1, 2 e 3 dell articolo 16-bis del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni,

Dettagli

La Camera di Conciliazione istituita presso l Ordine degli Avvocati di Grosseto (di seguito:

La Camera di Conciliazione istituita presso l Ordine degli Avvocati di Grosseto (di seguito: CAMERA DI CONCILIAZIONE DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI GROSSETO REGOLAMENTO DI CONCILIAZIONE 1. AMBITO DI APPLICAZIONE. La Camera di Conciliazione istituita presso l Ordine degli Avvocati di Grosseto (di

Dettagli

Iscr. N 381 Reg. Organismi di Mediazione. REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE adottato dall organismo CONCILIAMUS ANCHE ON LINE

Iscr. N 381 Reg. Organismi di Mediazione. REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE adottato dall organismo CONCILIAMUS ANCHE ON LINE Iscr. N 381 Reg. Organismi di Mediazione REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE adottato dall organismo CONCILIAMUS ANCHE ON LINE APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO 1.Il presente regolamento si applica alla procedura

Dettagli

Com è cambiato fare l architetto (Avvocato Walter Fumagalli)

Com è cambiato fare l architetto (Avvocato Walter Fumagalli) Com è cambiato fare l architetto (Avvocato Walter Fumagalli) 1. Le tappe di un lungo percorso La riforma della professione di architetto è frutto di un lungo percorso, il cui punto di partenza può essere

Dettagli

INDICE GENERALE PARTE I L ORDINAMENTO PROFESSIONALE FORENSE

INDICE GENERALE PARTE I L ORDINAMENTO PROFESSIONALE FORENSE PARTE I L ORDINAMENTO PROFESSIONALE FORENSE 1. Le professioni intellettuali... 3 2. L ordinamento giuridico professionale.... 7 3. L ordinamento forense. Normativa.... 10 4. L ordinamento forense. Struttura

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DECRETO 12 agosto 2015, n. 144 Regolamento recante disposizioni per il conseguimento e il mantenimento del titolo di avvocato specialista, a norma dell'articolo 9 della legge

Dettagli

La riforma forense: Il tirocinio professionale

La riforma forense: Il tirocinio professionale La riforma forense: Il tirocinio professionale A cura di Francesco Zigrino Premessa In data 2 febbraio 2013 è entrata ufficialmente in vigore la tanto attesa Legge 31 dicembre 2012 n. 247 rubricata: Nuova

Dettagli

Breve excursus storico della mediazione civile e commerciale

Breve excursus storico della mediazione civile e commerciale Torna la mediazione obbligatoria: una opportunità di sviluppo e crescita sociale Breve excursus storico della mediazione civile e commerciale a cura della Dott.ssa Elisabetta Lezzi - Commissione di studio

Dettagli

Consiglio di Stato - Decisione n. 1994/2006. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente DECISIONE

Consiglio di Stato - Decisione n. 1994/2006. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente DECISIONE In tema di riscattabilità del diploma di infermiere professionale (Consiglio di Stato, Decisione 11.4.2006 n. 1994) Il ricorso, trattenuto in decisione all udienza del 13 gennaio 2006, è fondato. Il primo

Dettagli

L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLA PROFESIONE FORENSE

L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLA PROFESIONE FORENSE L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLA PROFESIONE FORENSE La formazione universitaria e post universitaria L attività professionale nel mercato sovranazionale L internazionalizzazione degli studi L evoluzione

Dettagli

Audizione della Rete delle Professioni Tecniche

Audizione della Rete delle Professioni Tecniche Discussione delle risoluzioni n. 7 00391 Alberti e n. 7 00433 Causi, in materia di revisione della disciplina concernente l'obbligo di accettare pagamenti mediante carte di debito e misure a sostegno del

Dettagli

1. É istituita presso la Facoltà di Giurisprudenza dell 'V niversità degli Studi di

1. É istituita presso la Facoltà di Giurisprudenza dell 'V niversità degli Studi di \ UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CAGLIARI REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER LE PROFESSIONI LEGALI CAPO I ISTITUZIONE DELLA SCUOLA Art. 1 - Istituzione della Scuola 1. É istituita presso la Facoltà

Dettagli

CONFERENZA PERMANENTE FRA GLI ORDINI DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE

CONFERENZA PERMANENTE FRA GLI ORDINI DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE CONFERENZA PERMANENTE FRA GLI ORDINI DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE Schema di proposta di legge Norme per la semplificazione degli adempimenti connessi all obbligo di deposito e iscrizione

Dettagli

COMMISSIONE DIFESA D UFFICIO

COMMISSIONE DIFESA D UFFICIO COMMISSIONE DIFESA D UFFICIO Il bilancio della attuale situazione Il punto di partenza del lavoro della Commissione Difesa di Ufficio UCPI, teso a proporre valide ipotesi di riordino della materia 1, è

Dettagli

CODICE DEONTOLOGICO TESTO VIGENTE con le modifiche approvate dal C.N.F. nella seduta del 27 gennaio 2006

CODICE DEONTOLOGICO TESTO VIGENTE con le modifiche approvate dal C.N.F. nella seduta del 27 gennaio 2006 MODIFICHE AL CODICE DEONTOLOGICO in attuazione della legge 4 AGOSTO 2006 N. 248 APPROVATE DAL C.N.F. NELLA SEDUTA DEL 14 DICEMBRE 2006 con le indicazioni emerse nel corso dell incontro con i Presidenti

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Determinazione n. 4/2007 del 29 marzo 2007 Indicazioni sull affidamento dei servizi di ingegneria ed architettura a seguito

Dettagli

AVVOCATI COMUNITARI IN ITALIA, IL GIUDIZIO DELLA CORTE EUROPEA

AVVOCATI COMUNITARI IN ITALIA, IL GIUDIZIO DELLA CORTE EUROPEA (esercitazioni della giovane avvocatura) AVVOCATI COMUNITARI IN ITALIA, IL GIUDIZIO DELLA CORTE EUROPEA La Corte di Giustizia europea ha recentemente affrontato il tema che riguarda la possibilità della

Dettagli

Il procedimento di mediazione

Il procedimento di mediazione Il procedimento di mediazione 1 Informativa al cliente e procura alle liti (art. 4 D.Lgs. 28/2010, modif. ex art. 84, co. 1, D.L. n. 69/2013, conv., con modif., dalla L. n. 98/2013) INFORMATIVA EX ART.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO E LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO LA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO E LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO LA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO E LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO LA Art. 1 (Finalità) 1 Emanato con D.D. n. 630 del 27/09/2011; modificato con D.R. n. 214 del 07/05/2014. 1. Il

Dettagli

Prot. n. 05798-03 del 03.07.2014 EMANAZIONE DEL REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DI SPIN-OFF DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO

Prot. n. 05798-03 del 03.07.2014 EMANAZIONE DEL REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DI SPIN-OFF DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO Prot. n. 05798-03 del 03.07.2014 EMANAZIONE DEL REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DI SPIN-OFF DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO IL RETTORE VISTO lo Statuto di Ateneo; VISTO il Regolamento

Dettagli

CORTE DEI CONTI. nell adunanza del 16 ottobre 2008

CORTE DEI CONTI. nell adunanza del 16 ottobre 2008 1 CORTE DEI CONTI nell adunanza del 16 ottobre 2008 Composta dai seguenti magistrati: Pres. Sez. Mario G. C. Sancetta Presidente Cons. Francesco Amabile Cons. Raffaele Del Grosso Cons. Silvano Di Salvo

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE REGOLAMENTO PER LA PRATICA FORENSE E L'ESERCIZIO DEL PATROCINIO APPROVATO DAL CONSIGLIO DELL ORDINE NELLA SEDUTA DEL 27 FEBBRAIO 2003 Iscrizione Art. 1

Dettagli

VADEMECUM PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA

VADEMECUM PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA VADEMECUM PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA Questo breve vademecum costituisce una sintesi degli adempimenti conseguenti all entrata in vigore, in data 1 gennaio 2008, del regolamento per la formazione

Dettagli

2 attività subordinata, in quali giorni, in quali orari ed alle dipendenze di quale datore di lavoro; ove il praticante dovesse intraprendere

2 attività subordinata, in quali giorni, in quali orari ed alle dipendenze di quale datore di lavoro; ove il praticante dovesse intraprendere 2008-2011 IL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TRIESTE RITENUTO CHE: a) L art. 1 DPR 101/90 dispone che la pratica forense deve essere svolta con assiduità, diligenza e che la stessa si svolge principalmente

Dettagli

SINTESI RIFORMA DELLE PROFESSIONI LE INIZIATIVE DEL CNI IN MATERIA DI SERVIZI DI INGEGNERIA E ARCHITETTURA

SINTESI RIFORMA DELLE PROFESSIONI LE INIZIATIVE DEL CNI IN MATERIA DI SERVIZI DI INGEGNERIA E ARCHITETTURA SINTESI RIFORMA DELLE PROFESSIONI LE INIZIATIVE DEL CNI IN MATERIA DI SERVIZI DI INGEGNERIA E ARCHITETTURA Michele Lapenna Consigliere Tesoriere Consiglio Nazionale Ingegneri 1 LA GENESI DELLA RIFORMA

Dettagli

Delibera n. 119 del 18 Ottobre 2011 APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO

Delibera n. 119 del 18 Ottobre 2011 APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE DELL ORGANISMO SPECIALE DI MEDIAZIONE CITTADINI & SALUTE ISTITUITO PRESSO L ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI ED ODONTOIATRI DI RAGUSA Ai sensi del Decreto Legislativo n. 28/2010

Dettagli

Provincia Regionale di Caltanissetta

Provincia Regionale di Caltanissetta Provincia Regionale di Caltanissetta REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI AGLI AVVOCATI ESTERNI ALL ENTE Il presente regolamento, composto da n. 19 articoli, è stato approvato dal Commissario

Dettagli

L UFFICIO PER IL PROCESSO

L UFFICIO PER IL PROCESSO L UFFICIO PER IL PROCESSO Il progetto: uno staff di supporto al lavoro del magistrato e uno strumento per migliorare la qualità del servizio ai cittadini. Alle luce di numerose e positive esperienze maturate

Dettagli

Ordine degli Avvocati di Perugia

Ordine degli Avvocati di Perugia REGOLAMENTO 19 novembre 2015 n. 5 REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA nella seduta del 19 novembre 2015 Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Perugia visto l art. 29, comma 1, lettera

Dettagli

Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione

Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione Via Arenula 69/70-00186 ROMA - tel. 06 68852036 - fax 06 6869555 www.uidag.it - giustizia@uilpa.it AUDIZIONE PARLAMENTARE DISEGNO DI LEGGE C. 1248 Innanzitutto

Dettagli

INDICE GENERALE. pag. Introduzione (le ragioni di un corso)... CAPITOLO I L ORDINAMENTO PROFESSIONALE FORENSE

INDICE GENERALE. pag. Introduzione (le ragioni di un corso)... CAPITOLO I L ORDINAMENTO PROFESSIONALE FORENSE Introduzione (le ragioni di un corso)... XI CAPITOLO I L ORDINAMENTO PROFESSIONALE FORENSE 1. Le professioni intellettuali... 3 2. L ordinamento giuridico professionale.... 8 3. L ordinamento forense.

Dettagli

REGOLAMENTO INTEGRATIVO PER LA FORMAZIONE PERMANENTE

REGOLAMENTO INTEGRATIVO PER LA FORMAZIONE PERMANENTE REGOLAMENTO INTEGRATIVO PER LA FORMAZIONE PERMANENTE * * Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Pescara -ritenuta la necessità di integrare il Regolamento per la Formazione continua approvato dal Consiglio

Dettagli

competenza legislativa concorrente in materia di armonizzazione dei bilanci pubblici e coordinamento della finanza pubblica e del sistema tributario,

competenza legislativa concorrente in materia di armonizzazione dei bilanci pubblici e coordinamento della finanza pubblica e del sistema tributario, Consulta OnLine composta dai Signori: SENTENZA ANNO 2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE Valerio ONIDA Presidente Carlo MEZZANOTTE Giudice Guido NEPPI MODONA " Piero

Dettagli

NAPOLI, 12 giugno 2013

NAPOLI, 12 giugno 2013 Avv. Daniela DONDI NAPOLI, 12 giugno 2013 Iniziativa della Commissione Servizi agli Ordini e agli Avvocati del CNF NUOVA DISCIPLINA DELL ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE FORENSE Legge 31 dicembre 2012 n.

Dettagli

Avvocati: sì alla pubblicità "commerciale", cade il vincolo del "decoro" (Guida al Diritto)

Avvocati: sì alla pubblicità commerciale, cade il vincolo del decoro (Guida al Diritto) Avvocati: sì alla pubblicità "commerciale", cade il vincolo del "decoro" (Guida al Diritto) Eugenio Sacchettini La quinta puntata dell'analisi della riforma forense (testo approvato alla Camera il 31 ottobre

Dettagli

c) per l'attività stragiudiziale viene introdotto un criterio percentualistico, indicato nella misura tra il 5 e il 20% del valore dell'affare;

c) per l'attività stragiudiziale viene introdotto un criterio percentualistico, indicato nella misura tra il 5 e il 20% del valore dell'affare; E al Ministero della Giustizia si lavora per modificare i parametri e l'accesso alla professione forense. La proposta di modifica del Ministero della Giustizia al D.M. 140/2012 Diritto e giustizia.it di

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BOLOGNA

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BOLOGNA CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BOLOGNA RELAZIONE SUL NUOVO REGOLAMENTO DEL C.N.F. SULLA FORMAZIONE CONTINUA a cura del Consigliere Segretario avv. Giovanni Berti Arnoaldi Veli Il Consiglio Nazionale

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI RAGUSA denominata LIBERO CONSORZIO COMUNALE REGOLAMENTO DELL'AVVOCATURA DEL LIBERO CONSORZIO COMUNALE DI RAGUSA

PROVINCIA REGIONALE DI RAGUSA denominata LIBERO CONSORZIO COMUNALE REGOLAMENTO DELL'AVVOCATURA DEL LIBERO CONSORZIO COMUNALE DI RAGUSA PROVINCIA REGIONALE DI RAGUSA denominata LIBERO CONSORZIO COMUNALE REGOLAMENTO DELL'AVVOCATURA DEL LIBERO CONSORZIO COMUNALE DI RAGUSA Approvato con deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri

Dettagli

Nuova disciplina dell'ordinamento della professione forense A.C. 3900

Nuova disciplina dell'ordinamento della professione forense A.C. 3900 Autore: Titolo: Riferimenti: Camera dei deputati - XVI Legislatura - Dossier di documentazione (Versione per stampa) Servizio Studi - Dipartimento giustizia Nuova disciplina dell'ordinamento della professione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE TITOLO I

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE TITOLO I REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE TITOLO I ISCRIZIONE NEL REGISTRO SPECIALE DEI PRATICANTI ART. 1 Il laureato in giurisprudenza che intenda iscriversi al Registro Speciale dei praticanti

Dettagli

Capitolo II Tariffa penale

Capitolo II Tariffa penale Capitolo II Tariffa penale Art. 1 - Criteri generali - 1. Per la determinazione dell'onorario di cui alla tabella deve tenersi conto della natura, complessità e gravità della causa, delle contestazioni

Dettagli

. IL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TRIESTE

. IL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TRIESTE . IL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TRIESTE Considerato che l ordinamento professionale riserva ai Consigli dell Ordine degli Avvocati, in collaborazione con il Consiglio Nazionale Forense e ferma

Dettagli

CONCORSI PUBBLICI E ABILITAZIONE FORENSE

CONCORSI PUBBLICI E ABILITAZIONE FORENSE CONCORSI PUBBLICI E ABILITAZIONE FORENSE I COMPENDI D AUTORE diretti da Roberto GAROFOLI Per concorsi pubblici e abilitazione forense propone: I COMPENDI D AUTORE : Diritto Civile Diritto Penale Procedura

Dettagli

ORDINANZA N. 284 ANNO 2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Gaetano SILVESTRI

ORDINANZA N. 284 ANNO 2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Gaetano SILVESTRI ORDINANZA N. 284 ANNO 2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Gaetano SILVESTRI Presidente - Luigi MAZZELLA Giudice - Sabino CASSESE - Giuseppe

Dettagli

Vigente al: 05-03-2011 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Vigente al: 05-03-2011 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; LEGGE 19 novembre 1990, n. 341 Riforma degli ordinamenti didattici universitari. Vigente al: 05-03-2011 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Dettagli

Proposta di legge sul precariato. Disposizioni in materia di tutele sociali e politiche attive per i lavoratori assunti con contratti non subordinati

Proposta di legge sul precariato. Disposizioni in materia di tutele sociali e politiche attive per i lavoratori assunti con contratti non subordinati Proposta di legge sul precariato Disposizioni in materia di tutele sociali e politiche attive per i lavoratori assunti con contratti non subordinati Art. 1 (Sostegno del reddito, formazione, previdenza

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BERGAMO REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE APPROVATO CON DELIBERA DEL 20 DICEMBRE

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BERGAMO REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE APPROVATO CON DELIBERA DEL 20 DICEMBRE CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BERGAMO REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE APPROVATO CON DELIBERA DEL 20 DICEMBRE 2005 aggiornato con delibere 27.04.2010, 17.07.2012 e 13.11.2012

Dettagli

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato. Art.1 Ambito di applicazione

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato. Art.1 Ambito di applicazione Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato Art.1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina il reclutamento di personale addetto allo svolgimento

Dettagli

Fonte: www.palazzochigi.it

Fonte: www.palazzochigi.it Fonte: www.palazzochigi.it Misure urgenti per la crescita: il CdM approva il decreto Fare Giustizia civile Lo stato della giustizia civile costituisce, senza dubbio, uno dei fattori esogeni di svantaggio

Dettagli

STATUTO. del CONGRESSO NAZIONALE FORENSE e dell Organismo Unitario dell Avvocatura Italiana PREAMBOLO

STATUTO. del CONGRESSO NAZIONALE FORENSE e dell Organismo Unitario dell Avvocatura Italiana PREAMBOLO STATUTO del CONGRESSO NAZIONALE FORENSE e dell Organismo Unitario dell Avvocatura Italiana PREAMBOLO 1. - L avvocatura italiana svolge funzioni costituzionali nell ambito della giurisdizione e, nel più

Dettagli

DPR 7 agosto 2012, n. 137, entrato in vigore il 15 agosto 2012 e pubblicato in GURI n. 189 del 14 agosto 2012.

DPR 7 agosto 2012, n. 137, entrato in vigore il 15 agosto 2012 e pubblicato in GURI n. 189 del 14 agosto 2012. GUIDA ALLA RIFORMA DELLA PROFESSIONE DI ARCHITETTO, PIANIFICATORE, PAESAGGISTA E CONSERVATORE DPR 7 agosto 2012, n. 137, entrato in vigore il 15 agosto 2012 e pubblicato in GURI n. 189 del 14 agosto 2012.

Dettagli

M in i s te r o d e l l a G i u s t i z i a

M in i s te r o d e l l a G i u s t i z i a M in i s te r o d e l l a G i u s t i z i a MODIFICHE AL D.M. 140/2012 Premessa Con la Riforma delle Professioni ed il Decreto Parametri si è inteso abbandonare una logica di predeterminazione amministrativa

Dettagli

MOVIMENTO PER LA VITA ITALIANO Federazione dei Movimenti per la Vita e dei Centri di Aiuto alla Vita d Italia STATUTO

MOVIMENTO PER LA VITA ITALIANO Federazione dei Movimenti per la Vita e dei Centri di Aiuto alla Vita d Italia STATUTO MOVIMENTO PER LA VITA ITALIANO Federazione dei Movimenti per la Vita e dei Centri di Aiuto alla Vita d Italia STATUTO Art. 1 E costituito il Movimento per la vita italiano, Federazione dei Movimenti per

Dettagli

Esame delle proposte di legge C.5 ed abb. (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale)

Esame delle proposte di legge C.5 ed abb. (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale) CAMERA DEI DEPUTATI XI Commissione (Lavoro pubblico e privato) (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale) 27 novembre 2013 AUDIZIONI ABI 2013 AUDIZIONI ABI - 2013 Le proposte

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio, Sezione III, SENTENZA

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio, Sezione III, SENTENZA R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio, Sezione III, composto dai Signori: Stefano Baccarini Germana Panzironi Giulia Ferrari

Dettagli

La Regione non può legiferare in materia di donazione degli organi e tessuti

La Regione non può legiferare in materia di donazione degli organi e tessuti La Regione non può legiferare in materia di donazione degli organi e tessuti Corte Cost., sentenza 9 ottobre 2015, n. 195 (Pres. Criscuolo, est. Cartabia) Sanità pubblica Legge della Regione Calabria Norme

Dettagli

TRIBUNALE DI UDINE - sezione civile Decreto. nel procedimento di opposizione allo stato passivo promosso da. contro

TRIBUNALE DI UDINE - sezione civile Decreto. nel procedimento di opposizione allo stato passivo promosso da. contro TRIBUNALE DI UDINE - sezione civile Decreto Il Tribunale di Udine, sezione civile, riunito in camera di consiglio nelle persone dei signori magistrati: dott. Alessandra BOTTAN GRISELLI Presidente dott.

Dettagli

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE Nel corso del 2009 sono state pubblicate numerose sentenze delle Sezioni Unite della Suprema

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DECRETO 20 LUGLIO 2012, N. 140 Regolamento recante la determinazione dei parametri per la liquidazione da parte di un organo giurisdizionale dei compensi per le professioni regolamentate

Dettagli

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ANCONA

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ANCONA ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ANCONA REGOLAMENTO DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA IN ATTUAZIONE DEL REGOLAMENTO CNF DEL 13/7/2007 Articolo 1. Definizioni Nell ambito del presente atto: 1) per Regolamento

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Prefazione alla seconda edizione... Pag. VII Prefazione di Guido Alpa...» IX

INDICE SOMMARIO. Prefazione alla seconda edizione... Pag. VII Prefazione di Guido Alpa...» IX Prefazione alla seconda edizione... Pag. VII Prefazione di Guido Alpa...» IX CAPITOLO I LINEAMENTI DI ORDINAMENTO PROFESSIONALE FORENSE 1. Ordinamento professionale forense, pluralità degli ordinamenti

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI NOLA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PRATICA FORENSE PREMESSA

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI NOLA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PRATICA FORENSE PREMESSA CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI NOLA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PRATICA FORENSE PREMESSA L accesso alla professione di avvocato è riservato ai laureati in giurisprudenza (ad eccezione

Dettagli

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI CAMPOBASSO REGOLAMENTO UNICO. per la Pratica Forense e l esercizio del Patrocinio. Titolo I. La Pratica Forense.

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI CAMPOBASSO REGOLAMENTO UNICO. per la Pratica Forense e l esercizio del Patrocinio. Titolo I. La Pratica Forense. ORDINE DEGLI AVVOCATI DI CAMPOBASSO REGOLAMENTO UNICO per la Pratica Forense e l esercizio del Patrocinio Titolo I La Pratica Forense Articolo 1 Il praticante Avvocato regolarmente iscritto nell apposito

Dettagli

ABOLIRE I MINIMI TARIFFARI O ABOLIRE GLI STUDI DI SETTORE

ABOLIRE I MINIMI TARIFFARI O ABOLIRE GLI STUDI DI SETTORE DECRETO BERSANI E LIBERE PROFESSIONI ABOLIRE I MINIMI TARIFFARI O ABOLIRE GLI STUDI DI SETTORE Il decreto legge n. 223 del 04 luglio 2006 (in G.U. n. 153 del 04/07/2006) ha determinato la giusta reazione

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA PRATICA FORENSE

REGOLAMENTO DELLA PRATICA FORENSE REGOLAMENTO DELLA PRATICA FORENSE Articolo 1 (Definizioni) Ai fini del presente regolamento s intende per praticante chi sta svolgendo l iter formativo previsto dall art. 3 comma 5 D.L. 13 agosto 2011

Dettagli

COMUNE DI MONTESANO SALENTINO (Provincia di Lecce)

COMUNE DI MONTESANO SALENTINO (Provincia di Lecce) COMUNE DI MONTESANO SALENTINO (Provincia di Lecce) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CONTENZIOSO GIUDIZIALE E STRAGIUDIZIALE E MODALITA DI CONFERIMENTO INCARICHI LEGALI Approvato con deliberazione del

Dettagli

In particolare, lo Sportello del cittadino offrirà come servizio l'illustrazione di:

In particolare, lo Sportello del cittadino offrirà come servizio l'illustrazione di: CNF: nasce lo Sportello del cittadino, consulenza gratuita Consiglio Nazionale Forense, bozza regolamento 14.02.2013 I Consigli dell Ordine degli Avvocati istituiranno uno Sportello per il cittadino con

Dettagli

RISOLUZIONE N. 113 /E

RISOLUZIONE N. 113 /E RISOLUZIONE N. 113 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 29 novembre 2011 OGGETTO: Interpello - articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Trattamento tributario dell attività di mediazione svolta ai sensi

Dettagli

del. n. 187 /2015/PAR Repubblica italiana La Corte dei conti in Sezione regionale di controllo per l Abruzzo

del. n. 187 /2015/PAR Repubblica italiana La Corte dei conti in Sezione regionale di controllo per l Abruzzo del. n. 187 /2015/PAR Repubblica italiana La Corte dei conti in Sezione regionale di controllo per l Abruzzo nella Camera di consiglio del 17 luglio 2015 composta dai Magistrati: Maria Giovanna GIORDANO

Dettagli

DISCIPLINARE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI LEGALI

DISCIPLINARE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI LEGALI Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 5 dell 11.1.2012 DISCIPLINARE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI LEGALI ART. 1 PREMESSA 1. Il presente documento disciplina il conferimento degli incarichi per

Dettagli

Art. 1 OGGETTO - Art. 2 REQUISITI E PROCEDURE DI ISCRIZIONE

Art. 1 OGGETTO - Art. 2 REQUISITI E PROCEDURE DI ISCRIZIONE REGISTRO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE OPERANTI ESCLUSIVAMENTE IN AMBITO COMUNALE ISTITUZIONE E REGOLAMENTO ( Legge Regionale n. 34 del 9/12/2002) Art. 1 OGGETTO - 1- Il presente Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI MACERATA REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE TITOLO I ISCRIZIONE NEL REGISTRO SPECIALE DEI PRATICANTI ART. 1 Il laureato in Giurisprudenza che intenda

Dettagli

CURRICULUM VITAE FORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI. Beretta di Milano (area civile e penale)

CURRICULUM VITAE FORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI. Beretta di Milano (area civile e penale) CURRICULUM VITAE FORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI Nome TIZIANA PERROTTA Indirizzo Viale Abruzzi, 23 20131 Milano Telefono 02 2049496 329 5385306 Codice Fiscale e Partita Iva PRR TZN 71H61 F839 Q

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Coordinamento Generale Medico Legale.

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Coordinamento Generale Medico Legale. Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Coordinamento Generale Medico Legale Roma, 03/10/2013 Circolare n. 140 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori SANGALLI, BUBBICO e FIORONI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 5 LUGLIO 2010 Modifiche al codice delle assicurazioni

Dettagli

Capitolo V Criteri generali per la liquidazione

Capitolo V Criteri generali per la liquidazione Capitolo V Criteri generali per la liquidazione Sommario: 1. Liquidazione onorari a carico del soccombente - 2. Cause di particolare importanza - 3. Liquidazione onorari a carico del cliente. Prestazione

Dettagli

TITOLO VI RAPPORTI CON LE ISTITUZIONI FORENSI

TITOLO VI RAPPORTI CON LE ISTITUZIONI FORENSI TITOLO VI RAPPORTI CON LE ISTITUZIONI FORENSI Il titolo VI, anch esso nuovo, ricomprende organicamente e valorizza il profilo dei rapporti dell avvocato con le Istituzioni forensi e ciò quando è chiamato,

Dettagli