Relazioni e Bilancio Assemblea del 5 aprile Esercizio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazioni e Bilancio 2013. Assemblea del 5 aprile 2014 128 Esercizio"

Transcript

1 Relazioni e Bilancio 2013 Assemblea del 5 aprile Esercizio

2 Le nostre filiali TREVISO Campodarsego Sarmeola PADOVA Abano Terme Piove di Sacco Monselice Mogliano Veneto Mestre VENEZIA Sottomarina Lido di Jesolo ROVIGO Adria Rosolina Porto Viro MODENA S. M. Maddalena FERRARA Masi Torello Portomaggiore Argenta Copparo Mesola Migliarino Comacchio Codigoro Porto Tolle San Giuseppe di Comacchio Porto Garibaldi BOLOGNA Mezzano Massa Lombarda Piangipane IMOLA Lugo RAVENNA Bagnacavallo Russi Savio Castel Bolognese Faenza San Pietro in V. Castiglione di C. Montaletto FORLÌ CESENA Porto Corsini Punta Marina Porto Fuori Fosso Ghiaia Milano Marittima Cervia Pinarella Tagliata Marradi RIMINI FIRENZE bpr.it

3 BANCA POPOLARE DI RAVENNA Società per azioni Capitale sociale al ,50 Codice Fiscale, Partiva IVA e Iscrizione al Registro delle Imprese Attività di direzione e coordinamento: Banca popolare dell Emilia Romagna soc.coop. - Modena Gruppo bancario Banca popolare dell Emilia Romagna Aderente al Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi, all Associazione Nazionale fra le Banche Popolari ed al Consorzio delle Banche Popolari. SEDE SOCIALE E DIREZIONE GENERALE Sede sociale e Direzione Generale: Via A.Guerrini, Ravenna Uffici Amministrativi: P.zza Arcivescovato Ravenna Telefono 0544/ Casella Postale 43 Codice Banca 5640 SEDE DI RAVENNA: Via A.Guerrini, 14 AGENZIE DI CITTÀ IN RAVENNA: A S.Rocco B S.Biagio C Ponte Nuovo D Darsena E Rotonda Viale Randi F Classicana G Villaggio Anic H Fornace Zarattini L Via Newton ESP Centro Commerciale Via Cilla FILIALI IN PROVINCIA DI RAVENNA: Bagnacavallo Bassette Castelbolognese Castiglione di Cervia Cervia Cervia Agenzia A Cervia Agenzia B Faenza A Via Oberdan Faenza B Corso Saffi Fosso Ghiaia Lugo Massalombarda Mezzano Milano Marittima Montaletto Piangipane Pinarella di Cervia Porto Corsini Porto Fuori Punta Marina Terme Russi San Bartolo San Pietro in Vincoli Savio Tagliata di Cervia FILIALI IN PROVINCIA DI FERRARA: Argenta Codigoro Comacchio Copparo Ferrara A Via Bologna Ferrara B Via Modena Ferrara C C.so Porta Mare Masi Torello Mesola Migliarino Porto Garibaldi Portomaggiore San Giuseppe di Comacchio FILIALI IN PROVINCIA DI FIRENZE: Marradi FILIALI IN PROVINCIA DI FORLÌ-CESENA: Cesena Forlì FILIALI IN PROVINCIA DI PADOVA: Abano Terme Campodarsego Monselice Padova B Piazza Stanga Padova A Via S.Fermo Piove di Sacco Sarmeola FILIALI IN PROVINCIA DI ROVIGO: Adria Porto Tolle Porto Viro Rosolina Rovigo Santa Maria Maddalena FILIALI IN PROVINCIA DI treviso: Treviso Mogliano Veneto FILIALI IN PROVINCIA DI VENEZIA: Sottomarina di Chioggia Mestre Lidodi Jesolo

4 CONVIENE. La campagna commerciale e promozionale Più per Due Biancaneve_Poster_50x70.indd 1 02/10/ Campagna di comunicazione promozionale della Banca Popolare di Ravenna e del Gruppo BPER finalizzata all acquisizione di nuovi clienti, realizzata in collaborazione con Samsung. PIÙPER DUE ESSERE AMICI CONVIENE. Presentaci un amico o un familiare e avrete prezzi vantaggiosi sui prodotti Presentaci un amico TOP DI GAMMA o un con finanziamento familiare e avrete prezzi a TASSO ZERO*! vantaggiosi sui prodotti TOP DI GAMMA con finanziamento a TASSO ZERO*! Iniziativa valida dal al , disponibile per tutti i clienti del Gruppo BPER, eccetto Cassa di Risparmio di Bra, che presenteranno un nuovo correntista. *TAEG 0% E TAN 0%. Il finanziamento relativo alla promozione PIÙ PER DUE non prevede l applicazione di interessi, di spese di istruttoria, di spese di incasso rata e di invio delle comunicazioni periodiche in forma cartacea. Messaggio pubblicitario con finalità promozionali. Per le condizioni contrattuali ed economiche si rinvia al documento Informazioni Europee di Base sul Credito ai Consumatori richiedibile presso le filiali o sui siti delle Banche del Gruppo. Codice Ottobre 2013 bpr.it lifelongariloman.com

5 Cariche sociali alla data di approvazione del bilancio Consiglio di Amministrazione Presidente Vice Presidente Consiglieri Martinelli rag. Claudio Serantoni rag. Francesco Cassani ing. Pietro Mingozzi p.i. Marino Piacentini rag. Dino Righini rag. Ottavio Stefanini rag. Carlo Togni rag. Fabrizio Tortolone dr. Maurizio Collegio Sindacale Presidente Sindaci effettivi Sindaci supplenti Cherchi dr. Antonio Filippi dr. Carlo Pirazzini dr. Roberto Bezzi rag. Mario Venieri d.ssa Giacomina Direzione Generale Direttore Generale Barbolini rag. Giorgio

6 6 Rivolgiamo un commosso pensiero alla memoria dell ing.giovanni Dragoni, venuto prematuramente a mancare l 8 agosto L ing.dragoni era stato Consigliere di Amministrazione della Banca dal 1992 al 1995; successivamente era stato componente della Commissione Consultiva per il Credito e poi, nel 2007, era stato nuovamente chiamato a far parte del Consiglio di Amministrazione della Banca; infine l Assemblea del 13 aprile 2013 lo aveva nominato alla carica di Presidente. Ne rammentiamo le non comuni doti umane e professionali, oltre al profondo attaccamento alla Banca ed alla città, riscuotendo sempre ampia stima da parte di tutti. Ricordiamo il rag.romano Gismondi, Consigliere della Banca dal 1991 al 1995 e poi componente della Commissione Consultiva per il Credito, venuto a mancare il 6 agosto Ne ricordiamo il costante apporto, sempre fornito con professionalità, accompagnato da un forte attaccamento alla Banca. Rinnoviamo le nostre condoglianze per la recente scomparsa del geom. Franco Lunghini, avvenuta il 14 marzo Il geom. Lunghini aveva ricoperto la carica di Consigliere di amministrazione dellla Banca dal 2003 al 2009; ne ricordiamo la cortesia e la competenza sempre dimostrate. Desideriamo inoltre ricordare il rag.vittorio Graziani, prematuramente deceduto il 4 febbraio 2014, in corso di servizio. Il rag.graziani era alle dipendenze della Banca dal 16 marzo Alle famiglie rinnoviamo vicinanza e sentite condoglianze.

7 Avviso di convocazione assemblea degli azionisti E convocata l Assemblea ordinaria degli Azionisti della società per il giorno 5 aprile 2014 alle ore 10,00, in unica convocazione, presso il Pala Mauro de André in Ravenna, Viale Europa n.1, per discutere e deliberare sul seguente Ordine del Giorno 1. Bilancio d esercizio al 31 dicembre 2013; Relazione degli Amministratori sulla gestione dell esercizio 2013 e proposta di destinazione dell utile dell esercizio; Relazione del Collegio Sindacale; Relazione della Società di Revisione; deliberazioni inerenti e conseguenti; 2. Presentazione delle Politiche di Remunerazione 2014 del Gruppo Bper e della proposta del relativo piano di compensi basato su strumenti finanziari; presentazione dell informativa sulle modalità di attuazione delle politiche di remunerazione 2013; deliberazioni inerenti e conseguenti. ***** In conformità a quanto disposto dall art. 125 bis del D.Lgs. 58/1998 ( TUF ), si forniscono le seguenti informazioni: PARTECIPAZIONE ALL ASSEMBLEA Ai sensi dell art. 83 sexies TUF, la legittimazione all intervento in Assemblea e all esercizio del diritto di voto è attestata da una comunicazione all emittente, effettuata dall intermediario presso il quale sono tenuti i conti sui quali sono registrate le azioni della società, sulla base delle evidenze relative al termine della giornata contabile del settimo giorno di mercato aperto precedente la data fissata per l Assemblea in prima convocazione, coincidente con il giorno 27 marzo 2014 (la record date ); le registrazioni in accredito e in addebito compiute sui conti successivamente a tale termine non rilevano ai fini della legittimazione all intervento e all esercizio del diritto di voto in Assemblea. Pertanto, coloro in favore dei quali risulteranno registrazioni in accredito delle azioni solo successivamente al 27 marzo 2014 (la record date ) non avranno il diritto di partecipare e di votare in Assemblea. Ai sensi della normativa applicabile, ai fini dell invio delle comunicazioni previste dall art. 83 sexies TUF, i soggetti legittimati dovranno avanzare apposita richiesta all intermediario presso il quale sono tenuti i conti sui quali sono registrate le azioni della società. Si segnala che è facoltà degli intermediari stabilire un termine massimo di presentazione delle richieste di comunicazione; tale termine, ove previsto, in ogni caso non potrà essere antecedente alla fine del giorno 28 marzo Si consiglia pertanto di presentare la richiesta di comunicazione al proprio intermediario entro il 28 marzo Per agevolare le operazioni di ingresso in Assemblea gli aventi diritto sono invitati a esibire copia della comunicazione effettuata alla società dall intermediario, da rilasciarsi da parte dell intermediario su domanda del soggetto che ha effettuato la richiesta di comunicazione.

8 8 Le operazioni di registrazione potranno essere espletate a partire da un ora prima dell inizio dei lavori. Ogni soggetto legittimato a intervenire in Assemblea può farsi rappresentare mediante delega scritta, salve le incompatibilità e i limiti previsti dalla legge e dallo statuto, sottoscrivendo il modulo di delega reperibile sul sito internet della società: alla sezione Governance/Organi sociali/assemblea dei Soci, ovvero disponibile presso gli intermediari ovvero presso la sede sociale e le dipendenze della società. Si rammenta che, ai sensi dell articolo 11 dello statuto sociale, la delega deve essere autenticata nella firma del delegante da dirigenti o quadri direttivi della società, dagli intermediari ovvero da notai. La delega dovrà essere consegnata al momento del primo ingresso nella sede dell Assemblea ovvero potrà essere notificata, entro l inizio dei lavori assembleari, alla società mediante comunicazione elettronica all indirizzo di posta certificata con allegati files in formato pdf. Non sono previste procedure di voto per corrispondenza o con mezzi elettronici. DOCUMENTAZIONE il documento di bilancio che sarà sottoposto all Assemblea, completo delle relative Relazioni, sarà depositato a disposizione del pubblico presso la sede sociale nei termini di legge e pubblicato sul sito internet della società alla sezione Governance/Organi sociali/ Assemblea dei Soci. ULTERIORI INFORMAZIONI PER GLI AZIONISTI Eventuali ulteriori informazioni riguardanti la partecipazione all Assemblea potranno essere richieste all Ufficio Affari Generali e Relazioni Esterne (rag.danilo Selleghini tel. 0544/540402, Ravenna, 18 marzo 2014 p. IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Il Presidente (Claudio Martinelli)

9 BPR casa: campagna promozionale 2013 MUTUO SU MISURA VOGLIA DI CASA spread 2,99% Messaggio pubblicitario con finalità promozionali. Sono considerati nuovi clienti le persone fisiche che alla data di richiesta del mutuo non sono censite presso Banca Popolare di Ravenna e/o ancorchè censite non possiedono rapporti attivi con la Banca. La Banca si riserva il diritto di subordinare l accesso al finanziamento ad una valutazione del merito creditizio. Per le condizioni contrattuali ed economiche si rinvia ai fogli informativi a disposizione della clientela presso ogni filiale della Banca o sul sito bpr.it - Giugno 2013 Campagna di comunicazione per la promozione dei mutui casa con la particolare condizione dello spread al 2,99%. UN ESEMPIO CHE TI AIUTA! Mutuo di euro, da rimborsare in 25 anni: SPREAD 2,99% Per l erogazione del mutuo non sei tenuto ad essere titolare di un conto corrente presso la Banca; ma aprendo per esempio il conto corrente 4xME (Linea Basic) TAN 3,29% (Tasso Annuo Nominale) calcolato il 14/05/2013 il TAEG riferito all esempio di mutuo sopra riportato diventa pari al 3,808%. variabile mensilmente in base alle oscillazioni del parametro Euribor (3 mesi m.m.p. L apertura del conto corrente presso la Banca è necessaria se vuoi sottoscrivere arr.to allo 0,10 superiore) la polizza assicurativa facoltativa Ripara Casa (in questo caso il TAEG è pari al 4,328%). TAEG 3,457% (Tasso Annuo Effettivo Globale) comprendente spese di istruttoria di 500 euro, spese di incasso rata di 1,00 euro (su ogni rata), costo di invio delle comunicazioni periodiche in forma cartacea pari a 1,30 L offerta, riservata alla nuova clientela, è valida per richieste presentate euro ciascuna, imposta sostitutiva di 250 euro (trattenuta dall erogazione), spese di fino al e con l erogazione del mutuo entro il , salvo perizia pari a 252,08 euro e rimborso spese Centrale Rischi Finanziaria pari a 8 Euro. esaurimento anticipato del plafond di 15 milioni di euro. bpr.it bpr.it

10 La balera di Ravenna Festival Nell ambito di RavennaFestival 2013 Banca Popolare di Ravenna ha sponsorizzato la realizzazione della balera ai Giardini Pubblici dove si sono svolte magnifiche serate di musica e di ballo nel segno del liscio e nel ricordo della figura di Secondo Casadei. bpr.it

11 Relazione del Consiglio di Amministrazione sull andamento della gestione

12 L Anfiteatro della Banca Anche nel corso del 2013 l Anfiteatro della Banca Popolare di Ravenna ha ospitato interessanti iniziative culturali. Con la bella stagione, quest oasi di pace nel cuore della città si trasforma in un luogo di piacevoli eventi, ricco di atmosfera. bpr.it

13 Relazione del Consiglio di Amministrazione Signori Soci, al fine di fornire una raffigurazione del quadro economico nel quale la Banca ha operato durante l esercizio 2013, premettiamo alla Relazione sulla Gestione una sintesi del contesto macroeconomico nazionale ed internazionale. 13 IL CONTESTO DI RIFERIMENTO Cenni sull economia Analizzando gli ultimi dati disponibili si rileva come, a livello mondiale, l economia continui a crescere; infatti sia il commercio, sia la produzione industriale, registrano performances positive. L economia statunitense ha registrato accrescimenti superiori alle attese, con ritmi in accelerazione in corso d anno. Infatti i dati trimestrali annualizzati mostrano +3,2 nel quarto trimestre ed un +4,1% nel terzo trimestre (era stato +2,5% in quello precedente). Tali risultati, realizzati in una situazione di modesta inflazione, hanno anche consentito una diminuzione del tasso di disoccupazione, sceso al 6,6%. Nell ambito dei Paesi cosiddetti BRIC sono stati rilevati andamenti non omogenei; infatti, mentre le economie cinese ed indiana hanno confermato trend di crescita pienamente positivi, le dinamiche di Brasile e Russia, seppur in terreno positivo, hanno mostrato un rallentamento. Il prodotto interno lordo dell Area Euro ha evidenziato una lieve crescita. Per quanto concerne la produzione industriale va rilevata, per l intera Area, una sostanziale debolezza; tuttavia, in tale contesto, Germania e Franca hanno mostrato indici tendenziali positivi. Sempre nell Area Euro, le vendite al dettaglio sono risultate in aumento; con riferimento a Germania e Francia, tale comparto ha registrato incrementi maggiori rispetto alla media europea. L inflazione si è mantenuta su livelli modesti ed il tasso di disoccupazione è rimasto elevato, in ulteriore aumento rispetto a quello dell anno precedente. In Italia, dopo nove trimestri consecutivi di calo o stagnazione, l economia è tornata a crescere. Secondo i dati preliminari diffusi dall Istat relativi al 4 trimestre 2013, il PIL nazionale è aumentato dello 0,1% rispetto al terzo trimestre. La variazione per il 2013 è risultata pari a -1,9%, contro il -2,5% del Con riferimento alla produzione industriale, l indice destagionalizzato del mese di dicembre ha mostrato una diminuzione dello 0,9% rispetto a mese di novembre, quando invece era stato rilevato un modesto aumento rispetto al mese precedente. Nella media dell intero 2013 la produzione risulta scesa del 3%. Inoltre, con riferimento al mese di novembre 2013, i nuovi ordini manifatturieri segnalano una lieve crescita su base annua. Il tasso di disoccupazione rilevato in Italia per il mese di dicembre è stato pari al 12,7%, in ulteriore aumento, a percentuali record per il nostro Paese. Sulla base dei dati preliminari del mese di dicembre, il fabbisogno annuo del settore statale del 2013 si attesterebbe a circa 80 miliardi di euro (contro i quasi 50 del 2012); il risultato tuttavia sconta alcune operazioni straordinarie, come ad esempio l aumento dei pagamenti dei debiti pregressi delle pubbliche amministrazioni. A fine ottobre il debito delle pubbliche amministrazione si è attestato a miliardi di euro, contro i di dodici mesi prima. Il mercato finanziario e dei tassi La Banca Centrale Europea, con decisione del mese di novembre 2013, ha ridotto il tasso di policy allo 0,25%, minimo storico. La Federal Reserve ha invece mantenuto detto tasso invariato in un range compreso tra zero e 0,25%. Il tasso Euribor a tre mesi, nella media del mese di dicembre, si è posizionato allo 0,28%, con un aumento di 9 punti base rispetto a dicembre Il tasso sui contratti Interest Rate Swap IRS a dieci anni si è collocato al 2,08%. I mercati obbligazionari, nella media del mese di dicembre 2013, sulla scadenza a dieci anni

14 Relazione del Consiglio di Amministrazione 14 hanno evidenziato tassi pari a circa il 2,90% negli USA, l 1,85% in Germania ed il 4,12% in Italia; pertanto lo spread tra il rendimento sul decennale dei titoli di stato italiani e tedeschi si è portato, sempre nella media del mese di dicembre, intorno a 227 punti. Le emissioni di obbligazioni bancarie in Italia nei primi undici mesi del 2013, al netto delle scadenza, hanno registrato una contrazione di circa 71 miliardi di euro. Nel 2013 i corsi azionari internazionali hanno mostrato le seguenti dinamiche: lo Standard & Poor s ,2%; il Nikkei ,4% ed il Dow Jones Euro Stoxx +12,9%. Per i principali indici di Borsa europei si sono registrati i seguenti risultati: Ftse Mib italiano +14,6%; il Cac40 francese +14,7%, il Ftse100 inglese +11,1% ed il Dax30 tedesco +22,4%. Il sistema bancario ed i tassi interni Secondo le stime disponibili dal SI-Abi, a fine 2013 la raccolta da clientela denominata in euro del totale delle banche in Italia, comprese le obbligazioni, è diminuita su base annua di circa l 1,8%, passando dai 1.761,5 miliardi di euro del dicembre 2012 a 1.730,6 miliardi di euro di fine E inoltre proseguito il trend negativo dei depositi dall estero, ulteriormente diminuiti del 3,4% rispetto a fine La dinamica dei prestiti bancari ha manifestato, a fine 2013, un miglioramento suppur attestandosi su valori negativi rispetto a dodici mesi prima. Sulla base delle stime del SI-Abi, il totale dei prestiti a residenti in Italia (settore privato e Amministrazioni pubbliche) è pervenuto a 1.845,5 miliardi di euro; di questi, 1.587,2 miliardi sono quelli riferiti al settore privato, con una diminuzione del 4,4% su base annua. Per quanto concerne la remunerazione media della raccolta bancaria, le statistiche armonizzate del Sistema europeo di banche centrali rilevano che il tasso medio si è collocato, a dicembre 2013, all 1,89% (contro il 2,08% di fine 2012); il rendimento lordo sul mercato secondario dei CCT è risultato pari a circa l 1,70% e quello dei BOT intorno allo 0,65%. Dalle segnalazioni del SI-Abi si rileva che il tasso medio ponderato sul totale dei prestiti a famiglie e società non finanziarie è risultato pari al 3,83%, con un incremento di 4 punti base rispetto a dicembre Lo spread medio tra il tasso medio sui prestiti e quello medio sulla raccolta (a famiglie e società non finanziarie) è pertanto risultato di 194 punti base. Nella media del 2013, tale differenziale è risultato pari a 183 punti base, in flessione rispetto ai 187 punti base del Le economie locali Per la provincia di Ravenna gli ultimi dati congiunturali resi noti, quelli relativi al terzo trimestre del 2013, segnalano per l industria manifatturiera una attenuazione della recessione; infatti la produzione risulta diminuita dello 0,6% rispetto al trimestre precedente, dato questo significativamente più modesto di quello rilevato negli analoghi periodi precedenti. I settori che hanno conseguito risultati positivi sono stati quello dell industria meccanica e dei mezzi di trasporto nonché quello dei metalli. Dal lato del fatturato, la performance è risultata leggermente peggiore, evidenziando una diminuzione dello 0,8%, ma in miglioramento rispetto alle flessioni dei trimestri precedenti. Il fatturato verso l estero ha segnato, sempre nel terzo trimestre, un aumento del 2,1% rispetto a quello precedente, tuttavia tale dato risulta meno significativo rispetto all aumento registrato nel secondo trimestre del Ciò, comunque, costituisce conferma di come le aziende esportatrici abbiamo meglio affrontato la crisi economica di questi anni. Il fatturato dell industria delle costruzioni continua a soffrire, registrando ancora risultati negativi. Una nota pienamente positiva proviene dall andamento dei traffici del Porto di Ravenna, che nel 2013 ha registrato un incremento del 4,8% della movimentazione delle merci (+4,1% per gli sbarchi, +8,9 per gli imbarchi); particolarmente soddisfacenti i dati relativi alla movimentazione dei container, che nel 2013 è aumentata dell 8,9% in termini di TEUs. Il settore turistico ha subito una leggera diminuzione sia degli arrivi (-0,7%), sia delle presenze (-2,2%). Con riferimento al comparto alberghiero, i risultati mostrano la piena tenuta; infatti i dati di arrivi e presenze sono

15 Relazione del Consiglio di Amministrazione più confortanti, risultando pressoché uguali a quelli dell anno precedente. Il turismo croceristico, che da alcuni anni sta assumendo sempre maggiore rilievo, ha visto l arrivo a Ravenna di quasi turisti. 15 L indagine congiunturale relativa al terzo trimestre 2013 per l economia ferrarese evidenzia indicatori ancora una volta negativi per l industria manifatturiera, con diminuzioni di minore entità per le aziende con più di 10 addetti, rilevando altresì che le vendite all estero continuano a fornire un deciso supporto alle performances delle imprese. Infatti i dati del periodo in esame hanno mostrato una diminuzione della produzione pari al 4,1% ed un calo del 3,1% del fatturato, rispetto al medesimo periodo del 2012; comunque in presenza di un incremento del fatturato estero pari al 4,7%. Anche il settore del commercio continua ad evidenziare variazioni negative, mettendo a segno nel terzo trimestre 2013 un ulteriore -7,7%; anche in questo comparto economico le aziende di maggiori dimensioni hanno registrato migliori performances (la grande distribuzione ha infatti evidenziato un segno positivo, seppur di un modestissimo +0,1%). Nel trimestre l andamento congiunturale per l industria delle costruzioni è stato meno negativo rispetto a quello precedente, in quanto il -0,4% del terzo trimestre si raffronta con il -2,6% di quello precedente. Per il settore turistico, i dati relativi ai primi nove mesi del 2013 mostrano una contrazione di arrivi e presenze di turisti italiani e, al contrario, un aumento per quelli stranieri; i dati risultano positivi in particolare sia per il capoluogo, sia per i lidi. Riteniamo utile, infine, fornire un cenno sull andamento dell economia veneta. L analisi congiunturale relativa al terzo trimestre mostra per l industria una sostanziale situazione di stabilità, avendo registrato una contenuta diminuzione di produzione, pari allo 0,2%, rispetto al medesimo trimestre del 2012; le migliori performances sono state registrate dalle grandi imprese (+6,5%), con risultati particolarmente positivi nei settori dei mezi di trasporto e delle macchine elettriche ed elettroniche. Una ulteriore consistente battuta di arresto è invece stata registrata ancora una volta dal settore delle costruzioni che, nel trimestre in esame, ha evidenziato una diminuzione del fatturato del 5% rispetto a dodici mesi prima. Per quanto concerne il commercio, le vendite al dettaglio hanno registrato una variazione positiva pari all 1,1% rispetto allo stesso periodo del LA BANCA NEL 2013 Fatti rilevanti L Assemblea dei Soci dell 8 ottobre 2013 ha nominato alla carica di Presidente il rag. Claudio Martinelli, in sostituzione dell ing.giovanni Dragoni prematuramente scomparso l 8 agosto precedente; nella medesima occasione, l Assemblea ha altresì confermato la cooptazione alla carica di Consigliere di amministrazione dell ing.pietro Cassani, in sostituzione dell avv.enzo Gulmanelli che aveva rassegnato proprie dimissioni. Il Consiglio di Amministrazione della Capogruppo Banca popolare dell Emilia Romagna, nel mese di ottobre 2013, ha deliberato di procedere alla fusione per incorporazione delle banche controllate insediate nella Penisola, tra le quali la Banca Popolare di Ravenna. Pertanto, nel corso del 2014, verranno svolte le attività a ciò propedeutiche, con l obiettivo di pervenire al compimento dell operazione entro l anno corrente. Il posizionamento competitivo Posizionamento di mercato Riportiamo nella tabella che segue le quote di mercato che, sulla base degli ultimi dati disponibili, riferiti al mese di novembre del 2013, la Banca amministra nelle province nelle quali opera, con la precisazione che le elaborazioni utilizzabili non tengono conto della raccolta effettuata

16 Relazione del Consiglio di Amministrazione 16 mediante obbligazioni. Provincia Raccolta Diretta clientela residente Impieghi clientela residente 11/ / / /2012 Ravenna 10.09% 9,96% 8,07% 8,14% Ferrara 2,41% 2,17% 2,79% 2,75% Rovigo 1,09% 1,17% 1,79% 1,68% Padova 0,24% 0,27% 0,60% 0,61% La rete delle dipendenze A completamento del Piano di espansione territoriale, durante l esercizio 2013, nel mese di aprile, è stata avviata l operatività della nuova filiale a Lido di Jesolo (VE). Alla fine dell esercizio le Filiali della Banca erano complessivamente 71 e risultavano così distribuite: Regioni Dipendenze Province Dipendenze Ravenna 37 Emilia Romagna 52 Ferrara 13 Forlì-Cesena 2 Padova 7 Veneto 18 Rovigo 6 Venezia 3 Treviso 2 Toscana 1 Firenze 1 Totale E stata inoltre effettuata una attenta analisi dell operatività degli sportelli automatici installati al di fuori dei locali delle Dipendenze, che ha portato alla chiusura di tre di essi. La clientela Come si evince dalla segmentazione della composizione dei correntisti, l attività della Banca è principalmente indirizzata alle famiglie ed ai privati, confermandone pienamente la vocazione retail. Inoltre, i dati relativi alla ripartizione della clientela per provincia di residenza, palesa sia il profondo radicamento nella provincia di Ravenna, sia la rilevanza acquisita dall operatività nelle altre province, seppur condotta ancora con un limitato numero di filiali, molte delle quali di recente apertura. Base clienti: 85% Privati, di cui il 51% uomini ed il 49% donne; 15% Imprese ed Enti; Ripartizione per provincia: 63% Ravenna; 16% Ferrara; 5% Rovigo; 5% Forlì Cesena; 11% altre province

17 Relazione del Consiglio di Amministrazione Nel corso dell esercizio è continuata l evoluzione dell attività nei confronti della clientela mediante una razionalizzazione della struttura organizzativa della Banca, che ha visto il potenziamento delle Aree Territoriali ed una migliore organizzazione della attività commerciale attraverso un sempre maggiore utilizzo della piattaforma tecnologica CRM, che si accompagnano ad un approccio diversificato in funzione dei bisogni e del segmento nel quale la clientela è classificata. Il CRM ha supportato il Personale nella individuazione delle esigenze della clientela già acquisita al fine di favorire l ulteriore consolidamento di relazioni durevoli, determinando, soprattutto nell ambito dei privati, un incremento della fidelizzazione testimoniata da un miglioramento dell indice di cross-selling. La struttura commerciale della Banca ha posto inoltre in essere attività commerciali con l obiettivo di aumentare il numero dei clienti sia sul fronte dei privati, cresciuti dell 1,58%, sia sul fronte delle imprese, con risultati positivi seppur in un contesto congiunturale non favorevole. 17 Il perdurare della crisi economica ha indotto la Banca a sostenere iniziative di sostegno per le famiglie e le imprese, promosse sia dalle Autorità pubbliche, anche locali, sia dal Sistema bancario, ad esempio per l anticipazione della Cassa Integrazione Guadagni e per la sospensione delle rate dei mutui. Al fine di ampliare le opportunità di investimento per la clientela Private è stata attivata una nuova piattaforma grazie alla quale, a partire dal 2013, è possibile offrire alla clientela quote sicav emesse da una vasta gamma di società di gestione internazionali. Per la clientela Corporate, è stata potenziata l offerta di prodotti di finanziamento tramite l adesione agli accordi di Gruppo per l erogazione di mutui con fondi messi a disposizione dalla Banca Europea per gli Investimenti - BEI e dalla Cassa Depositi e Prestiti CDP, o con garanzie di terzi (SACE ed MCC). E stato sottoscritto un accordo promosso dalla Camera di Commercio di Ravenna per l anticipazione dei crediti vantati dalle imprese nei confronti della Pubblica Amministrazione locale, in parte poi superato dallo sblocco parziale dei pagamenti. Al fine di favorire l accesso al credito da parte degli operatori economici la Banca, oltre a confermare ed ampliare gli accordi con i Consorzi di garanzia fidi, ha rinnovato gli accordi di partnership con SACE S.p.A. (Società per i Servizi Assicurativi del Commercio Estero) denominati Finpreshipment e Breve Termine. A ciò si sono affiancate numerose iniziative, che hanno visto la Banca istituire specifici plafonds di finanziamenti finalizzati a sostenere particolari attività e comparti, come ad esempio: gli stabilimenti balneari, i commercianti, le aziende agricole e le imprese industriali. Nella primavera del 2013 la Doxa, su incarico della Banca, ha svolto una indagine di customer satisfaction. I risultati rilevati hanno mostrato giudizi di ampia soddisfazione da parte della clientela, evidenziando alcuni punti di forza, tra i quali la qualità del rapporto della clientela con il Personale delle Filiali. Dall indagine emergono anche alcuni punti di attenzione, portati a conoscenza degli Organi competenti affinché possano attivare i necessari interventi correttivi. Un ulteriore elemento di giudizio per la valutazione del rapporto Banca/Cliente è certamente costituito dai reclami sporti dalla clientela, in parte indotti da un clima non favorevole alle banche diffuso nell opinione pubblica. Nel corso del 2013 i reclami ricevuti sono stati complessivamente 45 (erano stati 26 nel 2012 e 42 nel 2011), di questi 5 sono relativi ai servizi di investimento (allo stesso livello dei due anni precedenti). Tutti i reclami sono stati gestiti con accuratezza e sempre con il precipuo intento di salvaguardare la continuità della relazione; i necessari riscontri ai clienti reclamanti sono stati forniti con tempestività e sempre entro i termini regolamentari. Per la maggior parte dei casi, avendo riscontrato una corretta e trasparente operatività, l esito è

18 Relazione del Consiglio di Amministrazione 18 stato favorevole per la Banca; in tal senso, a riscontro di quanto appena affermato, è significativo che solo uno dei suddetti reclami è sfociato in ricorso all Arbitro Bancario Finanziario, tuttora pendente. Il Personale Dati principali L organico della Banca al 31 dicembre 2013 risultava costituito da 468 dipendenti, di cui 48 con contratto di lavoro a tempo parziale. I dipendenti in servizio con contratto a tempo indeterminato erano 462 (pari al 98,72%), di cui 6 con contratto di apprendistato (pari all 1,28%). A questi si aggiungevano 20 collaboratori con contratto di somministrazione, destinati alla sostituzione di personale assente e per esigenze di tipo organizzativo. Il personale femminile era costituito da 225 dipendenti e rappresentava il 48,07% del totale del personale. L età media del personale era di 44 anni; mentre l anzianità media di servizio, anche per effetto dell apertura di nuove dipendenze effettuata negli ultimi anni, risultava pari a circa 17 anni. I dipendenti dedicati alla relazione con la clientela rappresentavano il 72,44% del totale del Personale. La segmentazione per inquadramento contrattuale mostrava i seguenti dati: 6 dirigenti, 151 quadri direttivi e 311 impiegati. Nel corso dell anno 2013 sono state assunte con contratto a tempo indeterminato 4 persone, contro le 2 dell anno precedente. Per far fronte a temporanee necessità organizzative, prevalentemente riconducibili alla stagionalità turistica dell attività di diverse filiali e alla sostituzione di personale assente per maternità, durante l anno hanno prestato servizio 51 persone con contratto di somministrazione (+12 rispetto all anno precedente). Le risorse che hanno interrotto il rapporto di lavoro con la Banca sono state 13 che prestavano servizio a tempo indeterminato. In dettaglio, 3 dipendenti sono cessati per dimissioni e 10 per hanno aderito al piano di esodi incentivati attivato a livello di Gruppo, in particolare 3 hanno cessato il rapporto di lavoro per quiescenza e 7 hanno fatto ricorso al Fondo di Solidarietà. Formazione Il totale delle ore di formazione erogata nel corso del 2013 è stato di , contro le dello scorso anno ( ore). I partecipanti alle iniziative formative sono stati 443, pari al 94,65% dei dipendenti, con una media di 60 ore circa di formazione pro capite. Numerose sono state le iniziative formative tenute presso la Capogruppo o realizzate in stretto coordinamento con la stessa; di seguito le principali: - progetto Bperacademy : percorso manageriale di Gruppo che ha l obbiettivo di formare manager motivati e tecnicamente preparati. Al corso, che ha una durata di 2 anni ed è strutturato in moduli da 2/3 giorni di aula al mese, stanno partecipando 2 dipendenti. L'attività svolta nel 2013 ha comportato la partecipazione degli interessati per 210 ore di aula; - Master Bper per Vice Direttori: trattasi di una iniziativa di Gruppo al quale stanno partecipando 3 neo vice direttori di filiale, impegnati per un totale di ore di formazione; - Me.T.A. Mediazione e tutela degli affidamenti : è stato completato il piano formativo iniziato nel 2012, organizzato in collaborazione con il Conform e finanziato dal Fondo Banche e Assicurazioni, orientato al rafforzamento della cultura del presidio del credito, della relazione con il cliente, della legalità e all incentivazione della responsabilità individuale. I dipendenti che hanno partecipato al piano formativo nel 2013 sono stati 218 per un totale di ore di formazione.

19 Relazione del Consiglio di Amministrazione - ST.RA.DA Strategie di Rating, Divisionalizzazione e Apprendimento percorso formativo, organizzato in collaborazione con il Conform e finanziato dal Fondo Banche e Assicurazioni, che prevede due percorsi formativi, uno orientato allo scenario normativo/regolamentare che disciplina il settore dell intermediazione creditizia e finanziaria previsto da Basilea 3 ed uno centrato sulla divisionalizzazione commerciale. Al primo modulo hanno partecipato 139 dipendenti per un totale di ore di aula; il secondo modulo ha coinvolto 349 dipendenti per complessive ore di aula; - corso La Negoziazione Efficace, realizzato in collaborazione con lo Studio ME.TA, rivolto a tutti i Direttori di Filiale, i Capi Area ad i Referenti Retail e Corporate di area: ha interessato complessivamente 74 dipendenti per un totale di ore di formazione; - corso Progetto Cosa Nuova Gestire la Relazione col Cliente, concernente la gestione del cambiamento e della relazione con il cliente: rivolto a 25 dipendenti coinvolti nel corso dell anno in un processo di riconversione a seguito accentramenti di attività di back office presso la Capogruppo, per complessive ore 404 di aula. 19 In ottemperanza agli obblighi formativi a cui la Banca è assoggettata, nel corso del 2013 sono state effettuate altre iniziative, sui seguenti temi: D.Lgs 231/2007 normativa antiriciclaggio antiterrorismo, D.Lgs 81/08 Sicurezza negli ambienti di lavoro, D.Lgs. 231/2001 Responsabilità amministrativa, IVASS per il collocamento dei prodotti assicurativi. Relazioni Sindacali In funzione degli obiettivi del Piano Industriale , nel corso dell anno 2013 sono continuati gli incontri con le Organizzazioni Sindacali in merito alle modifiche apportate alla struttura organizzativa con particolare riferimento al processo di riorganizzazione, ristrutturazione e riqualificazione, nonché per la gestione dei conseguenti impatti occupazionali nel Gruppo. A questi si aggiungono gli incontri per la definizione del Premio Aziendale, la formazione finanziata, l incontro annuale. Categorie protette ex Legge 68/1999 Per quanto riguarda gli obblighi stabiliti dalla legge in oggetto, i dipendenti disabili in servizio al 31 dicembre 2013 erano 28, ai quali si aggiungono 9 persone rientranti nelle categorie protette, rispettando pienamente gli obblighi previsti dalla normativa. Le attività tecnico-immobiliari Nel corso del 2013 sono state poste in essere numerose attività finalizzate a migliorare la fruibilità delle filiali da parte della clientela; le più significative sono qui di seguito elencate: - è stata ristrutturata l Agenzia L Via Newton - Ravenna, ampliando gli spazi a disposizione dell operatività con i clienti; - è stata rinnovato il layout dell Agenzia C Ponte Nuovo Ravenna; - l Agenzia D Darsena è stata trasferita al nuovo indirizzo di via Magazzini Anteriori n.35, in nuovi locali maggiormente razionali. L ambiente Le attività di comunicazione Nel corso del 2013 il piano di comunicazione della Banca è stato finalizzato principalmente alla promozione dei servizi offerti alla clientela, con particolare riguardo ai prodotti maggiormente innovativi e alle iniziative a sostegno dell obiettivo di acquisition. A tale proposito la comunicazione esterna si è concentrata sul prodotto Carta Corrente, la nuova carta dotata di Iban, che ha arricchito l offerta nel segmento dedicato ai prodotti prepagati. Con l offerta di Carta Corrente, la Banca si propone di rispondere in maniera più com-

20 Relazione del Consiglio di Amministrazione 20 pleta ed efficace alle esigenze espresse da giovani, studenti e lavoratori che abbiano raggiunto la maggiore età, nonché i soggetti non bancarizzati per l accredito di pensioni e stipendi; il prodotto offerto è competitivo, con nuovi contenuti e nuove funzionalità in linea con il mercato. E stata inoltre ampliata l offerta di servizi online, già profondamente innovata nel corso del 2012 con il lancio del nuovo Internet Banking SMART WEB; sono state infatti attivate nuove funzionalità e nuovi servizi su piattaforma smartphone. In tale ambito sono state messe a disposizione due Applicazioni (APPs) di mobile banking, una per il sistema operativo ios di Apple (iphone) ed una per quello Android, entrambe denominate SMART MOBILE Gruppo BPER. Al fine di promuovere presso la clientela i nuovi servizi è stata rivista tutta la comunicazione per il punto vendita, allestendo tutte le filiali con nuovi supporti. Dal mese di novembre è inoltre stata resa disponibile la nuova soluzione di trading online per la clientela privata, denominata SMART Trading online, arricchita di importanti funzionalità. Sono state poi presentate due importanti iniziative tese a favorire l acquisizione di nuova clientela. Bpr Casa Voglia di Casa - Campagna Promozionale 2013: una campagna promozionale e pubblicitaria relativa ai mutui per l acquisto, la costruzione o la ristrutturazione di immobili residenziali adibiti ad abitazione. Bperte Vivi un Mondo di Esperienze Esclusive: un innovativa campagna promozionale, attiva per tutte le Banche del Gruppo che, grazie ad una importante collaborazione con Samsung Italia, ha consentito l accesso ad importanti agevolazioni bancarie ed extra-bancarie a tutti i clienti che presentavano nuovi correntisti. Le sponsorizzazioni Anche per il 2013 la Banca ha fornito sostegno economico a numerosi progetti ed eventi principalmente di carattere culturale e sociale, effettuati sul territorio. Desideriamo qui evidenziare la collaborazione con Confindustria Ravenna nella realizzazione del Premio Guidarello che, per la prima volta, ha visto la Banca partecipare anche all edizione Giovani, rivolta agli studenti delle scuole medie superiori della provincia di Ravenna. Tra gli altri interventi, citiamo la conferma del sostegno in favore della squadra di pallavolo ravennate Robur Costa, militante nella Serie A1 del campionato nazionale, e quello rivolto al Ravenna Festival, nell ambito del quale è stata sponsorizzata la serata del 22 giugno 2013, che ha visto l esibizione di Burt Bacharach presso il Pala de Andre. La beneficenza Le erogazioni a titolo di beneficenza sono state devolute a favore di molteplici iniziative nel campo scolastico, assistenziale e solidale. Tra queste, evidenziamo l importante sostegno fornito all Istituto Oncologico Romagnolo per la realizzazione dell Hospice di Ravenna; il conferimento delle Borse di Studio agli studenti più meritevoli dell Istituto Tecnico Commerciale G.Ginanni di Ravenna; la collaborazione prestata in favore di iniziative promosse dalla Fondazione Parco Archeologico di Classe e dalla Fondazione Flaminia. Desideriamo inoltre riferire che, nell ambito dell iniziativa promossa da Confindustria Ravenna denominata Reportage in Azienda, la Banca ha collaborato con gli studenti della classe 4^ B RIM dell ITCG Oriani di Faenza, che è risultata vincitrice del premio speciale per la sostenibilità di impresa. Complessivamente nel corso del 2013, sono state effettuate erogazioni per.290 migliaia. Politiche di tutela e gestione dell ambiente Per la tutela e la gestione dell ambiente la Banca ha posto in essere varie iniziative, tra le quali la raccolta differenziata dei rifiuti, contribuendo in modo concreto al recupero di materiali riciclabili compresi i toner per stampanti, e la continua opera di sensibilizzazione nei confronti del Personale finalizzata al risparmio energetico.

1 a 7. LE BANCHE E IL CREDITO* 7.1 I prestiti bancari

1 a 7. LE BANCHE E IL CREDITO* 7.1 I prestiti bancari 7. LE BANCHE E IL CREDITO* 7.1 I prestiti bancari Nel 21 il calo dei prestiti bancari alle imprese e alle famiglie consumatrici residenti in regione ha mostrato un attenuazione, cui hanno contribuito la

Dettagli

1 Relazione sulla gestione

1 Relazione sulla gestione Settore Bancario Andamento della gestione del Gruppo Unipol Banca Il 2013 è stato un anno caratterizzato da profondi cambiamenti che hanno riguardato sia la struttura direzionale della banca che la composizione

Dettagli

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1.

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1. Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1. L utile netto si posiziona a 42,7 milioni, mentre l utile netto normalizzato 2 si attesta a

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 14 DICEMBRE 2009 INDICE 1. Overview...6 1.1 La propensione all investimento dei POE...6 1.2 Analisi territoriale...13 1.3 Analisi

Dettagli

Consiglio di amministrazione del 28 agosto 2014: approvazione del bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30 giugno 2014.

Consiglio di amministrazione del 28 agosto 2014: approvazione del bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30 giugno 2014. Società cooperativa per azioni - Fondata nel 1871 Sede sociale e direzione generale: I - 23100 Sondrio SO - Piazza Garibaldi 16 Iscritta al Registro delle Imprese di Sondrio al n. 00053810149 Iscritta

Dettagli

BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15

BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 340 SCHEDA DI SINTESI E INDICATORI DI GESTIONE Situazione al Variazione % 31/12/11 30/09/11 31/12/10

Dettagli

L ATTIVITA DELLE RETI DI PROMOTORI FINANZIARI

L ATTIVITA DELLE RETI DI PROMOTORI FINANZIARI L ATTIVITA DELLE RETI DI PROMOTORI FINANZIARI Nel primo trimestre del 2014, la raccolta netta in prodotti finanziari e servizi d investimento realizzata dalle Società aderenti ad Assoreti è stata pari

Dettagli

R E D I T O. rispetto al trend del 12,2% rilevato. i dati elaborati. Bankitalia per local. q u a t t r o

R E D I T O. rispetto al trend del 12,2% rilevato. i dati elaborati. Bankitalia per local. q u a t t r o C R E D I T O 1 S e c o n d o i dati elaborati da Bankitalia per local i z z a z i o - ne della clientela, a fine giugno 2004 è stata registrata in provincia una crescita tendenziale degli impieghi 1 pari

Dettagli

L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano

L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano Filiali di Trento e di Bolzano L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano Bolzano, 18 giugno 2013 L ECONOMIA REALE Nel 2012 l economia delle province autonome di Trento e di Bolzano si è

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza Report trimestrale sull andamento dell economia Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre SEI provvederà a mettere a disposizione delle imprese, con cadenza trimestrale, un report finalizzato

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009 SOCIETÀ PER AZIONI Sede legale: Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede amministrativa e Direzione generale: Sassari - Viale Umberto 36 Capitale sociale Euro 155.247.762,00 i.v. Cod. fisc. e num. iscriz. al Registro

Dettagli

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013 CAMERA DI COMMERCIO DI FIRENZE L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 213 U.O. Statistica e studi III 213 Da questo trimestre inizia la pubblicazione di un

Dettagli

BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15

BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 PREMESSA Per quanto riguarda il presente bilancio di Banca Carige SpA si ricorda che nell anno

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015

Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015 Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015 Data/Ora Ricezione 27 Marzo 2015 18:58:41 MOT - DomesticMOT Societa' : BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Identificativo Informazione Regolamentata : 55362 Nome utilizzatore

Dettagli

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Comunicato Stampa Risultati consolidati al 30 settembre 2006 Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Ricavi in crescita -

Dettagli

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano Gregorio De Felice Chief Economist 1 Credito alle imprese in forte crescita negli ultimi 1 anni La recente flessione del credito segue un periodo

Dettagli

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Advisory Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Ricerca di efficienza, gestione del capitale e dei crediti non performing Esercizio kpmg.com/it Indice Executive Summary 4 Approccio metodologico

Dettagli

SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Società per Azioni avente unico socio Sede Legale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto 8 Iscritta all'albo delle Banche al n. 5561-ABI n. 5428.8 Appartenente al Gruppo bancario Unione

Dettagli

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013:

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: Nei primi sei mesi dell anno, la gestione economica del Gruppo ha generato un risultato della gestione operativa in

Dettagli

I NOSTRI PRODOTTI E SERVIZI IN CONVENZIONE CON LA CASSA FORENSE.

I NOSTRI PRODOTTI E SERVIZI IN CONVENZIONE CON LA CASSA FORENSE. Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. Per tutte le condizioni contrattuali si rinvia ai fogli informativi a disposizione della clientela presso ogni filiale della Banca o sul sito bper.it.

Dettagli

CREDEM, RISULTATI 9M2014. PROSEGUE CRESCITA PER LINEE INTERNE: UTILE +28,1% A/A; PRESTITI +4,3% A/A (SISTEMA -2,3% A/A (1) ); CET 1 RATIO 11,29%

CREDEM, RISULTATI 9M2014. PROSEGUE CRESCITA PER LINEE INTERNE: UTILE +28,1% A/A; PRESTITI +4,3% A/A (SISTEMA -2,3% A/A (1) ); CET 1 RATIO 11,29% CREDEM, RISULTATI 9M2014. PROSEGUE CRESCITA PER LINEE INTERNE: UTILE +28,1% A/A; PRESTITI +4,3% A/A (SISTEMA -2,3% A/A (1) ); CET 1 RATIO 11,29% Utile netto consolidato +28,1% a/a a 128,5 milioni di euro;

Dettagli

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008.

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Utile netto consolidato a 75,3 milioni di euro: risente dell andamento negativo

Dettagli

BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1

BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1 COMUNICATO STAMPA BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1 Performance commerciale: +20% turnover factoring nei primi nove mesi 2015 a/a Outstanding CQS/CQP al 30 settembre 2015 pari

Dettagli

Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi. Risparmi e bilanci delle famiglie umbre

Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi. Risparmi e bilanci delle famiglie umbre Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi Risparmi e bilanci delle famiglie umbre Loris Nadotti Università degli Studi di Perugia Valeria Vannoni Università degli Studi di Perugia Perugia,

Dettagli

I NOSTRI PRODOTTI E SERVIZI IN CONVENZIONE CON LA CASSA FORENSE.

I NOSTRI PRODOTTI E SERVIZI IN CONVENZIONE CON LA CASSA FORENSE. Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. Per tutte le condizioni contrattuali si rinvia ai fogli informativi a disposizione della clientela presso ogni filiale della Banca o sul sito bper.it.

Dettagli

Campobasso. Presentazione del Rapporto. L economia del Molise

Campobasso. Presentazione del Rapporto. L economia del Molise Campobasso - 15 giugno 2010 - Presentazione del Rapporto L economia del Molise Il quadro di riferimento: il Molise Aggravamento della fase recessiva L economia reale Contrazione valore aggiunto in tutti

Dettagli

Le banche e le assicurazioni

Le banche e le assicurazioni IV 1 La redditività delle banche quotate Nei primi nove mesi del 213 la redditività delle principali banche quotate, misurata rispetto agli attivi ponderati per il rischio (RWA), è stata connotata da andamenti

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CREDEM, RISULTATI 1Q2015: UTILE +47,4% A/A, PRESTITI +6,6% A/A

COMUNICATO STAMPA CREDEM, RISULTATI 1Q2015: UTILE +47,4% A/A, PRESTITI +6,6% A/A CREDEM, RISULTATI 1Q2015: UTILE +47,4% A/A, PRESTITI +6,6% A/A Raccolta da clientela (1) +11,8% a/a a 56.235 milioni di euro, con un incremento in valore assoluto di circa sei miliardi di euro a/a; raccolta

Dettagli

BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15

BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 SCHEDA DI SINTESI E INDICATORI DI GESTIONE Situazione al Variazione % 31/12/09 30/9/09 31/12/08

Dettagli

CREDEM, RISULTATI 2014: UTILE +31% A/A A 151,8 MILIONI DI EURO, DIVIDENDO +25% A/A A 0,15 EURO

CREDEM, RISULTATI 2014: UTILE +31% A/A A 151,8 MILIONI DI EURO, DIVIDENDO +25% A/A A 0,15 EURO CREDEM, RISULTATI 2014: UTILE +31% A/A A 151,8 MILIONI DI EURO, DIVIDENDO +25% A/A A 0,15 EURO Prestiti (1) +7,9% a/a (vs -1,4% del sistema (2) ); rapporto sofferenze impieghi a 1,55% tra i più bassi del

Dettagli

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007)

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007) CREDITO BERGAMASCO: il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale. Crescono i ricavi. Continua espansione dei prestiti a piccole e medie imprese e della raccolta diretta complessiva.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL BILANCIO CONSOLIDATO E IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE AL 31 DICEMBRE 2007 DATI DI BILANCIO

Dettagli

ABINEWS. Supplemento al numero 12/2003 del Notiziario dell Associazione Bancaria Italiana

ABINEWS. Supplemento al numero 12/2003 del Notiziario dell Associazione Bancaria Italiana ABINEWS Supplemento al numero 12/2003 del Notiziario dell Associazione Bancaria Italiana On line Spediz. in abb.to postale - art.2, comma 20/c, legge n.662/96 - Filiale di Roma Il Rapporto di Dicembre

Dettagli

GE Capital Interbanca: Risultati di Bilancio consolidati al 31.12.2009 (In conformità ai principi contabili internazionali IAS/IFRS)

GE Capital Interbanca: Risultati di Bilancio consolidati al 31.12.2009 (In conformità ai principi contabili internazionali IAS/IFRS) GE Capital Interbanca Corso Venezia 56 20121 Milano T +39 02 77311 F +39 02 784321 COMUNICATO STAMPA GE Capital Interbanca: Risultati di Bilancio consolidati al 31.12.2009 (In conformità ai principi contabili

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2009

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2009 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2009 EBITDA positivo per 1 milione di Euro (negativo per 2,2 milioni di Euro nello stesso periodo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2009 FORTE CRESCITA DELLA RACCOLTA DIRETTA VITA A 2.772 MILIONI DI EURO (+71,2%)

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2009 FORTE CRESCITA DELLA RACCOLTA DIRETTA VITA A 2.772 MILIONI DI EURO (+71,2%) COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2009 FORTE CRESCITA DELLA RACCOLTA DIRETTA VITA A 2.772 MILIONI DI EURO (+71,2%) RACCOLTA DIRETTA DANNI IN ASSESTAMENTO A 2.163 MILIONI

Dettagli

MUTUO IPOTECARIO A CONSUMATORI BPER MUTUO FAMIGLIA

MUTUO IPOTECARIO A CONSUMATORI BPER MUTUO FAMIGLIA MUTUO IPOTECARIO A CONSUMATORI BPER MUTUO FAMIGLIA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono

Dettagli

ABINEWS. On line. Gli Indici ABI. Il Rapporto di Febbraio 8,38 (6,29) 4,75 (4,67) 0,80 (0,81) 5,30 (6,02)

ABINEWS. On line. Gli Indici ABI. Il Rapporto di Febbraio 8,38 (6,29) 4,75 (4,67) 0,80 (0,81) 5,30 (6,02) ABINEWS Supplemento al numero 2/2004 del Notiziario dell Associazione Bancaria Italiana On line Spediz. in abb.to postale - art.2, comma 20/c, legge n.662/96 - Filiale di Roma Il Rapporto di Febbraio www.abi.it

Dettagli

UNIPOLSAI: IL CDA HA ESAMINATO I RISULTATI PRECONSUNTIVI DEL 2014. Utile netto consolidato a 783 milioni di euro (+12,9% rispetto al 2013) 1

UNIPOLSAI: IL CDA HA ESAMINATO I RISULTATI PRECONSUNTIVI DEL 2014. Utile netto consolidato a 783 milioni di euro (+12,9% rispetto al 2013) 1 Bologna, 11 febbraio 2015 UNIPOLSAI: IL CDA HA ESAMINATO I RISULTATI PRECONSUNTIVI DEL 2014 Utile netto consolidato a 783 milioni di euro (+12,9% rispetto al 2013) 1 Raccolta assicurativa diretta a 16.008

Dettagli

OFFERTA DI EURO 500.000,00

OFFERTA DI EURO 500.000,00 Sede sociale Capalbio Via Nuova, n. 37 Iscritta all Albo delle banche al n. 4641.70 Iscritta all Albo delle società cooperative al n. A158347 Capitale sociale Euro 2.728.888,00 al 31/12/2009 Numero di

Dettagli

Relazione Annuale - Appendice. Roma, 31 maggio 2007. anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO. esercizio CXIII

Relazione Annuale - Appendice. Roma, 31 maggio 2007. anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO. esercizio CXIII Relazione Annuale - Roma, 31 maggio 2007 anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO esercizio CXIII Relazione Annuale - Presentata all Assemblea Ordinaria dei Partecipanti anno 2006 - centotredicesimo esercizio

Dettagli

Risultati consolidati al 31 marzo 2007 (schemi riclassificati confronto con il 31 marzo 2006)

Risultati consolidati al 31 marzo 2007 (schemi riclassificati confronto con il 31 marzo 2006) COMUNICATO STAMPA Risultati consolidati al 31 marzo 2007 (schemi riclassificati confronto con il 31 marzo 2006) UBI BANCA pro-forma (non inclusivi dell effetto dell appostazione della differenza di fusione)

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico ZENITH SERVICE S.P.A. Informativa al pubblico In ottemperanza alle norme relative alla vigilanza prudenziale sugli intermediari inscritti nell Elenco speciale ex art. 107 TUB (Circolare della Banca d Italia

Dettagli

intervento del Direttore Regionale Ing. Adriano Maestri Giovedì 20 settembre ore 09.00 Convento S.Domenico Sala Bolognini - Bologna

intervento del Direttore Regionale Ing. Adriano Maestri Giovedì 20 settembre ore 09.00 Convento S.Domenico Sala Bolognini - Bologna INSIEME PER LA RIPRESA LO STATO DELL ECONOMIA REGIONALE intervento del Direttore Regionale Ing. Adriano Maestri Giovedì 20 settembre ore 09.00 Convento S.Domenico Sala Bolognini - Bologna 1 La congiuntura

Dettagli

Gestione patrimoniale e finanziaria

Gestione patrimoniale e finanziaria Gestione patrimoniale e finanziaria Investimenti e disponibilità Operatività svolta nel corso del 2013 Durante il 2013 le politiche di investimento adottate dall area finanza hanno perseguito, in un ottica

Dettagli

IL PRESENTE PROSPETTO NON E SOTTOPOSTO ALL APPROVAZIONE DELLA CONSOB

IL PRESENTE PROSPETTO NON E SOTTOPOSTO ALL APPROVAZIONE DELLA CONSOB BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI OPPIDO LUCANO E RIPACANDIDA SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale e Amministrativa in Oppido Lucano Iscritta all Albo delle Banche tenuto dalla Banca d Italia al n. 5072.4.0 Iscritta

Dettagli

Gli investimenti diretti esteri in entrata e in uscita

Gli investimenti diretti esteri in entrata e in uscita Gli investimenti diretti esteri in entrata e in uscita A cura del Centro Studi Confindustria Toscana Qualche dato generale Gli investimenti diretti dall estero in Italia Secondo i dati dell Ufficio Italiano

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

Risultati di Gruppo 2014. 12 Febbraio 2015

Risultati di Gruppo 2014. 12 Febbraio 2015 Risultati di Gruppo 214 12 Febbraio 215 Principali evidenze del 214 Superati tutti gli obiettivi di crescita per il 214: Impieghi in crescita di 1.57 milioni rispetto all obiettivo annunciato di un miliardo

Dettagli

Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati:

Dettagli

Risultati di Gruppo - 2011

Risultati di Gruppo - 2011 Risultati di Gruppo - 2011 Conference Call Adolfo Bizzocchi 16 Marzo 2012 Highlights del 2011 Il Margine Finanziario è salito (+3.3% a/a) a seguito di un significativo incremento dei volumi di impiego

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA

GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA AL 31 MARZO 2006 1 INDICE Prospetti contabili pag. 03 Note di commento ed osservazioni degli Amministratori pag. 04 Nota informativa pag. 04 La struttura

Dettagli

RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RIFORMA DELLE BANCHE POPOLARI: IL CDA APPROVA LE MODIFICHE STATUTARIE OBBLIGATORIE

RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RIFORMA DELLE BANCHE POPOLARI: IL CDA APPROVA LE MODIFICHE STATUTARIE OBBLIGATORIE RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RIFORMA DELLE BANCHE POPOLARI: IL CDA APPROVA LE MODIFICHE STATUTARIE OBBLIGATORIE RISULTATI COMMERCIALI IN ULTERIORE ACCELERAZIONE: I MUTUI A PRIVATI EROGATI

Dettagli

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi ABI Monthly Outlook Economia e Mercati Finanziari-Creditizi Settembre 2015 - Sintesi Direzione Strategie e Mercati Finanziari Ufficio Analisi Economiche RAPPORTO MENSILE ABI Settembre 2015 (principali

Dettagli

Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Dopo un 2013 difficile chiuso con una forte perdita che aveva significativamente inciso la solidità patrimoniale della Banca, pur in un contesto

Dettagli

INFORMAZIONI FINANZIARIE INFRANNUALI AL 30 GIUGNO 2010

INFORMAZIONI FINANZIARIE INFRANNUALI AL 30 GIUGNO 2010 INFORMAZIONI FINANZIARIE INFRANNUALI AL 30 GIUGNO 2010 Società Cooperativa Sede Sociale 47900 Rimini Via XX Settembre, 63 Iscritta al Registro Imprese C.C.I.A.A. di Rimini R.E.A. 287035 Codice Fiscale

Dettagli

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi ABI Monthly Outlook Economia e Mercati Finanziari-Creditizi Maggio 2015 - Sintesi Direzione Strategie e Mercati Finanziari Ufficio Analisi Economiche RAPPORTO MENSILE ABI Maggio 2015 (principali evidenze)

Dettagli

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Milano, 27 ottobre 2015 Approvata la relazione trimestrale al 30/09/2015 Utile netto a 244m, miglior risultato trimestrale degli ultimi 5 anni Margine di interesse

Dettagli

08.15 RAPPORTO MENSILE

08.15 RAPPORTO MENSILE 08.15 RAPPORTO MENSILE Agosto Crescita economica, Imprese 1 Mercato del lavoro 3 Inflazione 5 Commercio estero 6 Turismo 8 Credito 9 Frutticoltura, Costruzioni 10 Congiuntura internazionale 11 Autori Luciano

Dettagli

Gruppo Bancario BANCA POPOLARE DI SONDRIO Esercizio 2012

Gruppo Bancario BANCA POPOLARE DI SONDRIO Esercizio 2012 Gruppo Bancario BANCA POPOLARE DI SONDRIO Esercizio 2012 TITOLO Consiglio di amministrazione del 26 marzo 2013: approvazione bilanci civilistico e consolidato esercizio 2012; proposta di dividendo; convocazione

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione Relazione economica Posso dire che ritengo oggi ci siano tutte le condizioni per riportare la Banca al ruolo che le compete anche grazie all impegno dei colleghi, che ho potuto apprezzare in questo periodo,

Dettagli

MUTUI IPOTECARI A FAVORE DI CONSUMATORI

MUTUI IPOTECARI A FAVORE DI CONSUMATORI MUTUI IPOTECARI A FAVORE DI CONSUMATORI INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI SASSARI S.p.A. (codice ABI 5676.2) Società per azioni con sede legale ed amministrativa in viale Mancini, 2-07100 Sassari Codice

Dettagli

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi ABI Monthly Outlook Economia e Mercati Finanziari-Creditizi Gennaio 2015 - Sintesi Direzione Strategie e Mercati Finanziari Ufficio Analisi Economiche RAPPORTO MENSILE ABI Gennaio 2015 (principali evidenze

Dettagli

Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia. Roma, 21 maggio 2013. Giovanni Sabatini

Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia. Roma, 21 maggio 2013. Giovanni Sabatini Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia Roma, 21 maggio 2013 Giovanni Sabatini Lo scenario di riferimento macro La dinamica del mercato del credito Risultati 2012 Primo trimestre 2013 Prospettive

Dettagli

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione.

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione. Veneto Banca rafforza il patrimonio promuovendo un operazione di aumento di capitale in opzione ai soci fino ad un massimo di 500 milioni di euro e la conversione del prestito obbligazionario convertibile

Dettagli

Risultati di Gruppo 1H2013

Risultati di Gruppo 1H2013 Risultati di Gruppo 1H213 Conference Call Adolfo Bizzocchi 3 Agosto 213 Principali evidenze del semestre Margine di Intermediazione, al netto del risultato del Trading, in crescita sia trimestre su trimestre

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 Costante supporto all economia reale dei territori di insediamento: circa 3 miliardi di euro di crediti erogati alle famiglie e alle PMI, in condizioni di liquidità

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2010

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2010 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2010 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

CARRARO S.p.A. Sede legale in Campodarsego (PD) Via Olmo n. 37 Capitale Sociale Euro 23.914.696 i.v. Codice fiscale, Partita IVA e iscrizione

CARRARO S.p.A. Sede legale in Campodarsego (PD) Via Olmo n. 37 Capitale Sociale Euro 23.914.696 i.v. Codice fiscale, Partita IVA e iscrizione CARRARO S.p.A. Sede legale in Campodarsego (PD) Via Olmo n. 37 Capitale Sociale Euro 23.914.696 i.v. Codice fiscale, Partita IVA e iscrizione Registro Imprese di Padova n. 00202040283 REA di Padova 84.033

Dettagli

26 gennaio 2014 Roberto Russo

26 gennaio 2014 Roberto Russo Nota sull aumento di capitale del gruppo Banco Popolare 26 gennaio 2014 Roberto Russo www.assitecasim.it Lo scorso 24 gennaio si è riunito il Consiglio di Amministrazione del Gruppo Banco Popolare per

Dettagli

Relazione Annuale. Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013. anno 2012 centodiciannovesimo esercizio.

Relazione Annuale. Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013. anno 2012 centodiciannovesimo esercizio. anno centodiciannovesimo esercizio Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013 esercizio CXIX 16. Il sistema finanziario Gli andamenti nell anno Nel il sistema finanziario

Dettagli

apertura di conto corrente (anche on-line); prestiti personali e aziendali; mutui; POS; fatturazione elettronica; servizi di private banking.

apertura di conto corrente (anche on-line); prestiti personali e aziendali; mutui; POS; fatturazione elettronica; servizi di private banking. Cassa Forense ha sottoscritto con il Gruppo Banca Popolare dell'emilia Romagna, cui fanno parte, oltre a Banca Popolare dell'emilia Romagna, Banca di Ravenna, Banca del Mezzogiorno, Banca della Campania,

Dettagli

Banca-Impresa 2014: il punto della situazione. Trasparenza e corretta comunicazione contano più del bilancio? 21 gennaio 2014

Banca-Impresa 2014: il punto della situazione. Trasparenza e corretta comunicazione contano più del bilancio? 21 gennaio 2014 Banca-Impresa 2014: il punto della situazione. Trasparenza e corretta comunicazione contano più del bilancio? 21 gennaio 2014 CSC: il credit crunch prosegue nel 2014 - nel 2015 inversione di tendenza?

Dettagli

CONAFI PRESTITÒ Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio 2008

CONAFI PRESTITÒ Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio 2008 CONAFI PRESTITÒ Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio 2008 Approvata la proposta di autorizzazione all acquisto e disposizione di azioni proprie Margine di intermediazione consolidato

Dettagli

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LEVERANO Società Cooperativa

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LEVERANO Società Cooperativa BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LEVERANO Società Cooperativa Sede Legale e Amministrativa in Leverano Piazza Roma,1 Telefono 0832 925046-7 Fax 0832 910266 Codice ABI 08603 Codice fiscale e partita IVA

Dettagli

FINANZIAMENTO PMI CON GARANZIA DEL FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

FINANZIAMENTO PMI CON GARANZIA DEL FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE FOGLIO INFORMATIVO FINANZIAMENTO PMI CON GARANZIA DEL FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Il presente documento contiene informazioni su Banca Sistema S.p.A., indica le condizioni economiche

Dettagli

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi ABI Monthly Outlook Economia e Mercati Finanziari-Creditizi Ottobre 2015 - Sintesi Direzione Strategie e Mercati Finanziari Ufficio Analisi Economiche RAPPORTO MENSILE ABI Ottobre 2015 (principali evidenze)

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Dicembre 2013 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Dicembre 2013 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Dicembre 2013 (principali evidenze) PRINCIPALI GRANDEZZE BANCARIE: CONFRONTO 2013 VS 2007 2007 2013 Prestiti all'economia (mld di euro) 1.673 1.851 Raccolta da clientela (mld di euro)

Dettagli

I RISULTATI AL 31 MARZO 2014

I RISULTATI AL 31 MARZO 2014 PRESS RELEASE COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI BANCA CARIGE I RISULTATI AL 31 MARZO 2014 VITTORIO ROCCHETTI SUBENTRA A DIEGO MAGGIO QUALE SINDACO EFFETTIVO Tenuta della raccolta

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE AL PROGRAMMA DI OFFERTA DI OBBLIGAZIONI DENOMINATE: CASSA DI RISPARMIO DI FERRARA S.P.A. A TASSO VARIABILE PRESTITO OBBLIGAZIONARIO CASSA DI RISPARMIO DI FERRARA S.P.A. A

Dettagli

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO Ufficio Comunicazione&Studi Confartigianato del Veneto ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO INDAGINE CONGIUNTURALE ANDAMENTO 2 SEMESTRE 2010 PREVISIONE 1 SEMESTRE 2011 In collaborazione con INDAGINE

Dettagli

BANCHE, IMPRESE E MERCATI FINANZIARI: INNOVAZIONE, STABILITA' E CONCORRENZA

BANCHE, IMPRESE E MERCATI FINANZIARI: INNOVAZIONE, STABILITA' E CONCORRENZA BANCHE, IMPRESE E MERCATI FINANZIARI: INNOVAZIONE, STABILITA' E CONCORRENZA Roberto Violi Banca d Italia, Servizio Studi (*) (*) Le opinioni espresse non impegnano l Istituto di appartenenza. Banche e

Dettagli

Mutuo ipotecario TRADIZIONALE LINEA LIQUIDITÀ Versione: 2012/3 Data: 01/06/2012

Mutuo ipotecario TRADIZIONALE LINEA LIQUIDITÀ Versione: 2012/3 Data: 01/06/2012 FOGLIO INFORMATIVO Servizio offerto a: Consumatori Clientela al dettaglio Imprese Per una migliore comprensione delle diverse fasce di clientela sopra indicate, consultare le tre voci nella legenda posta

Dettagli

GRUPPO RELAZIONE TRIMESTRALE AL 30 SETTEMBRE 2000

GRUPPO RELAZIONE TRIMESTRALE AL 30 SETTEMBRE 2000 GRUPPO RELAZIONE TRIMESTRALE AL 30 SETTEMBRE 2000 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 14 NOVEMBRE 2000 INDICE Organi societari Gabetti Holding S.p.A....pag. 2 Struttura del Gruppo Gabetti al 30 settembre

Dettagli

In cerca di un nuovo equilibrio

In cerca di un nuovo equilibrio Advisory In cerca di un nuovo equilibrio Le banche italiane tra qualità del credito, requisiti patrimoniali, recupero di redditività ed efficienza kpmg.com/it Indice Executive summary 4 Approccio metodologico

Dettagli

FINANZIAMENTO A MEDIO/LUNGO TERMINE DESTINATO ALLE IMPRESE FINANZIAMENTO FONDO GARANZIA PMI L. 662/96 E SUCCESSIVE MODIFICHE

FINANZIAMENTO A MEDIO/LUNGO TERMINE DESTINATO ALLE IMPRESE FINANZIAMENTO FONDO GARANZIA PMI L. 662/96 E SUCCESSIVE MODIFICHE FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI FINANZIAMENTO A MEDIO/LUNGO TERMINE DESTINATO ALLE IMPRESE FINANZIAMENTO FONDO GARANZIA PMI L. 662/96 E SUCCESSIVE

Dettagli

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi

Economia e Mercati Finanziari-Creditizi ABI Monthly Outlook Economia e Mercati Finanziari-Creditizi Aprile 2015 - Sintesi Direzione Strategie e Mercati Finanziari Ufficio Analisi Economiche RAPPORTO MENSILE ABI Aprile 2015 (principali evidenze)

Dettagli

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA 593 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO 18 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nell ultima riunione Ecofin del

Dettagli

RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI

RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI redatta ai sensi dell'articolo 125-ter del decreto legislativo 58/1998 e degli articoli 84-ter e 73 del regolamento adottato con Consob n. 11971 del 1999 Emittente: Zignago

Dettagli

GESTIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA

GESTIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA 31 Elisioni intersettoriali Le elisioni intersettoriali sono relative allo storno di ricavi e costi tra società del Gruppo appartenenti a settori diversi. In particolare il saldo negativo di 15 milioni

Dettagli

Il credito in Toscana. III trimestre 2014

Il credito in Toscana. III trimestre 2014 Il credito in Toscana III trimestre 2014 Firenze, Febbraio 2015 Il contesto di riferimento Prosegue il rallentamento dei prestiti concessi dalle banche al settore privato italiano (-1,7% il dato di agosto

Dettagli

- Principali dati economico-finanziari contabili consolidati espressi in migliaia di Euro:

- Principali dati economico-finanziari contabili consolidati espressi in migliaia di Euro: MITTEL S.P.A. Sede in Milano - Piazza A. Diaz 7 Capitale sociale 66.000.000 i.v. Codice Fiscale - Registro Imprese di Milano - P. IVA 00742640154 R.E.A. di Milano n. 52219 Iscritta all U.I.C. al n. 10576

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. Bilancio Consolidato al 31 Dicembre 2012 GRUPPO BANCARIO CASSA DI RISPARMIO DI SAN MINIATO.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. Bilancio Consolidato al 31 Dicembre 2012 GRUPPO BANCARIO CASSA DI RISPARMIO DI SAN MINIATO. 225 GRUPPO BANCARIO CASSA DI RISPARMIO DI SAN MINIATO RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Bilancio Consolidato al 31 Dicembre 2012 2012 VENTUNESIMO ESERCIZIO Silvio Bicchi (Livorno 1874 - Firenze

Dettagli

Mutuo ipotecario START UP LINEA LIQUIDITÀ Versione: 2012/1 Data: 01/01/2012

Mutuo ipotecario START UP LINEA LIQUIDITÀ Versione: 2012/1 Data: 01/01/2012 FOGLIO INFORMATIVO Servizio offerto a: Consumatori Clientela al dettaglio Imprese Per una migliore comprensione delle diverse fasce di clientela sopra indicate, consultare le tre voci nella legenda posta

Dettagli

1) ILLUSTRAZIONE DELLA DELEGA ALL EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI CONVERTIBILI

1) ILLUSTRAZIONE DELLA DELEGA ALL EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI CONVERTIBILI Società Cooperativa - Sede in Modena, Via San Carlo 8/20 Registro delle imprese di Modena e cod. fisc. n. 01153230360 Cap. soc. al 31 dicembre 2010 Euro 761.130.807 Relazione illustrativa del Consiglio

Dettagli

L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa

L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa La situazione dell accesso al credito per le piccole e medie imprese che costituiscono

Dettagli