Giochi nell antica Roma

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Giochi nell antica Roma"

Transcript

1 Giochi nell antica Roma Circo Nell'antica Roma, circus indicava un'area di forma circolare o ellittica (arena) utilizzata per le corse delle bighe, i giochi e i combattimenti dei gladiatori. Le arene, che al centro erano divise in due da un basamento su cui si ergevano colonne e statue chiamato spina, erano delimitate da due metae, poste all'estremità dell'ellisse, che dovevano essere superate dalle bighe in corsa. I giochi circensi (ludi circenses) erano lo spettacolo più popolare a Roma e nelle province dell'impero, e il pubblico, che in alcuni casi poteva superare le persone, seguiva lo spettacolo da gradinate denominate cavea. Lo spettacolo, in alcuni casi, veniva concluso da simulazioni di battaglie navali (naumachie) nell'arena riempita Ricostruzione del circo di Milano. Degna di nota è la contiguità con i palazzi imperiali e la vicinanza alle mura di Massimiano. In bianco è segnata la torre dei carceres tutt'ora esistente. 1

2 Struttura Il percorso di gara aveva il fondo in sabbia (in latino arena) ed era costituito da due rettilinei paralleli, separati da una balaustra (chiamata "spina") che correva nel mezzo e raccordati da due strette curve a 180 gradi. All'interno di ciascuna curva, all'estremità della spina, vi era una colonna, chiamata meta, intorno alla quale i corridori dovevano girare. La distanza tra le due mete era tipicamente di uno stadio (circa 200 metri), ma nei circhi più grandi poteva essere maggiore. La pista aveva quindi complessivamente la forma di un rettangolo molto allungato: uno dei due lati corti era arrotondato, mentre lungo l'altro si allineavano i carceres, ovvero i box dai quali prendevano il via i carri. Su tutto il resto del perimetro erano costruite le gradinate per il pubblico. L'edificio che ospitava i carceres era spesso monumentale, costituito da due torri, unite da una facciata solenne, e dai vari locali di servizio. Tra queste torri da portare come esempio quella rimasta del circo di Milano, a lungo creduta di origine medievale, divenuta il campanile di San Maurizio al Monastero Maggiore alto 16,60 m. I circhi erano degli edifici molto imponenti e fastosi. Il leggendario circo di Costantinopoli era ornato con capolavori presi spogliando tutto il mondo conosciuto: per portare tre esempi, la spina era ornata da vari oggetti preziosi, tra cui l'enorme obelisco trasportato da Karnak, in Egitto, e ancora oggi ben visibile a Istanbul. Vi era anche la colonna con i serpenti di bronzo dorato presa dal tempio di Apollo di Delfi. Sopra la tribuna imperiale vi era il gruppo dei cavalli di origine incerta (forse fusi all'epoca di Domiziano) ma ora a Venezia, dove sono stati spostati nel 1204 per ornare la facciata della Basilica di San Marco. Svolgimento della corsa Nell'antica Roma non si svolgevano corse di cavalli montati. Seguendo l'usanza greca (che risaliva a parecchi secoli prima di Cristo, come attesta l'iliade), i cavalli venivano invece aggiogati a un carro a due ruote guidato da un auriga ("guidatore"). La biga era un carro trainato da due cavalli; la quadriga da quattro. È famosissima la corsa di quadrighe rappresentata nel film Ben-Hur. La partenza avveniva aprendo cancelli o catene e dando il via libera ai carri che potevano passare dai carceres all'arena. La corsa si svolgeva di solito su sette giri di pista. Il percorso era sempre in senso antiorario. Sulla "spina" vi era una fila di segni (di solito uova di pietra o delfini). A ciascun giro veniva fatta cambiare posizione a uno di questi segni. Gli spettatori potevano così tenere il conto del giro a cui si era. Naturalmente vinceva il carro che arrivava primo alla fine dei giri prestabiliti. Vi era un sistema per correggere il percorso più lungo che avevano davanti i carri che erano all'esterno. La vincita non corrispondeva solo nella proclamazione e nella gloria che ne derivava, ma anche in un premio tangibile: i migliori aurighi diventavano famosi ma guadagnavano anche grandi somme, come i moderni campioni dello sport. Ubicazione Di solito gli anfiteatri erano posti fuori le mura o in periferia, per facilitare l'accesso e il deflusso degli spettatori e carri (es. con bestie e materiali scenografici) che provenivano da altri luoghi. 2

3 Invece i circhi avevano una posizione tipica affiancata al palazzo imperiale, in modo che l'imperatore e la sua corte potessero recarvisi direttamente, senza uscire per strada. Circhi famosi Non erano moltissime le città che avevano un circo, perché la sua costruzione, l'area necessaria (più sopra si diceva che erano in piena città) e soprattutto il mantenimento delle scuderie erano molto costosi. Tuttavia sono famosi i circhi di Alessandria, di Milano, di Aquileia, di Antiochia e di altre grandi città, soprattutto in oriente. Ma i circhi più celebri sono quelli di Roma (il maggiore è il Circo Massimo) e quello (successivo) di Costantinopoli. Quest'ultimo circo fu edificato quando ormai gli edifici stavano perdendo la loro funzione originaria, e divenne il luogo utilizzato (oltre che per i giochi) per l'acclamazione dell'imperatore, per le assemblee popolari, era il luogo dove si verificavano tumulti e sommosse anche cruente, e dove si svolgevano feste e celebrazioni varie, tra le quali si possono annoverare anche delle condanne a morte in forma di rappresentazione sacra (ad esempio, mettendo l'indiziato o il condannato dentro un forno ricostruito meticolosamente come quello dedotto dalla Bibbia nel Libro di Daniele, dove si narra dei tre fanciulli gettati in una fornace per ordine di Nabucodonosor. Nel circo di Costantinopoli avvenivano la cerimonia di acclamazione dell'imperatore, gli atti solenni e le trattative dell'imperatore con la folla (es. nel 512 Anastasio dalla tribuna si tolse il diadema, si disse disposto ad abdicare se gli veniva indicato un successore. La folla lo riconfermò). Altro episodio famoso la rivolta della Nika, che prese le mosse dalle fazioni del circo, che chiedevano all'unisono la rimozione di alcuni funzionari, e alla fine -nella sua repressione- costò la vita a persone). Vi si celebravano anche i trionfi (come quello di Belisario) e insomma tutte le cerimonie ufficiali pubbliche. Le classiche quattro fazioni alba (bianca), prasina (verde), russata (rossa), veneta (azzurra) divennero una sorta di partiti politici [senza fonte], con diversa rappresentatività e diversa valenza sociale. Le fazioni del circo a Costantinopoli videro la prevalenza di due "colori" (il verde e l'azzuro) e assunsero (oltre che connotazioni poliche) perfino quella di partigianerie religiose: la fazione dei verdi parteggiava per il Monofisismo. Gli azzurri era il "partito" dei grandi proprietari terrieri e dell'antica nobilità, parteggiavano per i verdi soprattutto i mercanti e la burocrazia statale. Tra i circhi di Roma antica vi erano: Circo di Massenzio, probabilmente mai utilizzato ma giuntoci in ottime condizioni, situato nei pressi del parco della Caffarella; Circo di Nerone, la cui costruzione iniziò però sotto l'imperatore Caligola, era situato nell'area dove oggi sorge la basilica di San Pietro; Circo Massimo, databile all'incirca al II secolo a.c. in un'area dove già da tempo si svolgevano corse con i carri; solo nella seconda metà del novecento questa venne sgomberata dalle strutture che l'avevano ricoperta, permettendoci oggi la visione del perimetro del circo con i suoi resti. Circo Variano, la cui maggior parte dei resti sono di recente scoperta, fu edificato da Settimio Severo nella sua villa nei pressi di Porta Maggiore; Circo Agonale, che sorgeva nell'area attualmente occupata da piazza Navona, che ne ha conservato forma e destinazione d'uso fino a metà '800; Circo Flaminio, costruito nel 221 a.c. circa da Gaio Flaminio Nepote e successivamente distrutto per permettere la costruzione del Teatro di Marcello. Tra gli altri circhi romani: 3

4 Circo di Antiochia. Dove è ambientata la corsa dei cavalli nel romanzo Ben-Hur. Circo di Aquileia. Questo e quello di Milano erano gli unici circhi del Nord Italia, entrambi costruiti da Massimiano che ne costruì anche uno privato nella sua villa nei dintorni di Roma (vedi sopra). Circo di Tarragona. Complesso archeologico dichiarato patrimonio dell'umanità Circo di Tessalonica. È legato alla famosa storia dell'eccidio compiuto per ordine di Teodosio (7.000 morti). A causa di questo eccidio Teodosio I subì la penitenza impostagli da Ambrogio a Milano Circo di Milano. Ancora nel VII secolo dev'essere stato in buone condizioni (anche dopo la distruzione della città da parte dei Goti) perché vi fu incoronato Adaloaldo, figlio di Teodolinda Circo di Arles Circo di Toledo Circo di Cesarea Marittima Altri usi del circo Nei circhi si svolgevano anche spettacoli di diverso tipo: ad esempio i combattimenti di gladiatori e le esecuzioni capitali pubbliche, eseguite esponendo il condannato alle belve feroci (ad bestias). Questi giochi si svolgevano anche negli anfiteatri, che talvolta vengono anch'essi impropriamente chiamati circhi; in effetti la pista circolare del circo moderno prende la sua forma proprio da quella degli anfiteatri Tuttavia nell'antichità l'anfiteatro è il luogo destinato tipicamente ai combattimenti, soprattutto tra gladiatori e per le venationes (ovvero spettacoli che coinvolgevano animali) mentre il circo è il luogo (almeno durante i primi secoli dell'impero) destinato sostanzialmente alle corse dei carri. Gli anfiteatri vengono giudicati dall'impero cristiano i luoghi dei combattimenti cruenti da condannare, e cadono presto in disuso, mentre l'utilizzo dei circhi (per le corse dei cavalli ma ancor più che per le assemblee o le celebrazioni pubbliche) prosegue ancora per molto tempo. I Giochi L importanza che gli spettacoli arrivarono ad assumere per il mondo romano, si può facilmente dedurre dai calendari appositamente predisposti. Dei 77 giorni destinati ai ludi durante la Repubblica, si arrivò ad averne ben 177 durante l Impero. Nel IV secolo, 101 giorni contemplavano spettacoli teatrali (ludi scaenici), 66 le corse nel circo (ludi circenses) e 10 i combattimenti (munera) nell arena.in origine collegati alle celebrazioni religiose, questi spettacoli con il gradimento sempre maggiore che riscuotevano tra la popolazione, divennero sempre più un semplice divertimento per i cittadini e un mezzo di propaganda politica per chi li organizzava (editor), tanto da perdere così nel tempo la loro funzione legata al culto propiziatorio o commemorativo che fosse, per divenire semplicemente degli spettacoli. Questo interesse non sfuggì agli occhi degli aristocratici e soprattutto degli imperatori i quali, per imbonirsi le masse, si prodigarono per offrire spettacoli sontuosi immortalati nei versi degli scrittori 4

5 latini del tempo: Svetonio, Tito Livio, Giovenale, Marziale ed altri ancora. L imperatore Traiano arriverà ad offrire festeggiamenti con gladiatori. Con la ricerca di spettacolarità aumentarono anche le spese necessarie per organizzare i giochi a tal punto che il Senato si trovò costretto a regolamentarne lo svolgimento con rigide leggi che riguardavano sia la loro organizzazione, sia le somme da destinarvi. Gli spettacoli potevano essere offerti a spese dello Stato, organizzati dai magistrati allo scopo preposti, Edili, Duoviri, Pretori ai quali era affidata la cura ludorum, o da privati previa autorizzazione del Senato, o ancora con la partecipazione di entrambi. I giochi, naturalmente, si diffusero in tutto l impero romano. Panem et circenses, scrive Giovenale nel I secolo dopo Cristo, sono le cose che più interessano ai romani: distribuzione gratuita di cibo e spettacoli pubblici. Le Origini dei Ludi Gladiatori Il ritrovamento di alcune decorazioni parietali in tombe a Capua e a Paestum in Campania, fanno risalire con molta probabilità l origine dei munera (dono votivo, tributo, offerta funebre) alle popolazioni sannitiche. A Roma arrivarono nel III secolo A. C., qui giunti attraverso gli Etruschi. Il primo munera in Roma, si svolse nel 264 a. C. presso il Foro Boario. I combattimenti erano organizzati in occasione dei funerali di personaggi illustri o per la loro commemorazione, a spese dei familiari, allo scopo di immolare vittime agli Dei. Il crescente interesse che questo genere di spettacoli riscosse praticamente in ogni ceto sociale, trasformò, come abbiamo detto, la loro originaria valenza religiosa in giochi veri e propri (munera gladiatoria). La loro popolarità divenne tale che anche l oggettistica di uso quotidiano risentì di questa nuova passione (vasellame, mosaici ecc.).i combattimenti si svolgevano in prossimità delle tombe dei defunti da commemorare o nelle piazze dei Fori, ma questi spazi ad un certo punto non furono più sufficienti a soddisfare le richieste della popolazione che sempre in maggior numero assisteva ai munera. Questo comportò necessariamente la costruzione di edifici adatti allo svolgimento degli spettacoli. Gli architetti concepirono perciò delle costruzioni estremamente funzionali allo scopo: gli anfiteatri (theatron = spazio destinato agli spettatori, e amphi = che corre tutto intorno), dapprima in legno poi in muratura. Il più famoso e il più grande di tutti fu l Anfiteatro Flavio (il Colosseo) a Roma, i cui lavori di edificazione iniziati sotto l imperatore Vespasiano nel 72 d. C., furono terminati dal figlio Tito nell 80 d. C., che per l inaugurazione offrì giochi che durarono 100 giorni con notevole impiego di gladiatori e animali. Ottanta ingressi (vomitoria) numerati consentivano l accesso a circa spettatori paganti, i più fortunati usufruivano di tessere per l ingresso gratuito. La cavea, era divisa in settori riservati alle varie fasce sociali. Uomini e donne non potevano assistere insieme ai giochi, alle donne erano riservate le gradinate più in alto dell anfiteatro. I Gladiatori I gladiatori (da gladio = spada) erano per lo più prigionieri di guerra, schiavi, liberti, criminali condannati a morte, ma anche uomini liberi che, attratti dalla possibilità di enormi guadagni, 5

6 decidevano di diventare gladiatori (auctorati). Scarse notizie si hanno circa le donne che scendevano nell arena. Questi uomini appartenevano al lanista (impresario), il quale traeva il proprio profitto affittandoli per gli spettacoli. Il prezzo variava a seconda della qualità dei combattimenti e al grado di preparazione fisica richiesta. L editor si impegnava inoltre al risarcimento di quei gladiatori che fossero morti nel combattimento. Vivevano in apposite caserme, dove formavano delle familiae gladiatoriae, che oltre agli alloggi avevano una piccola arena per gli allenamenti svolti con gli istructores (allenatori). A Roma esistevano quattro caserme: il Ludus Dacicus, il Ludus Gallicus, il Ludus Matutinus (dove risiedevano i venatores e i bestiararii, gladiatori specializzati nei combattimenti con animali) e il Ludus Magnus le cui rovine, vicine al Colosseo, sono ancora oggi visibili. La tradizione popolare e la cinematografia classica ci hanno rappresentato i combattimenti come qualcosa di estremamente truculento e dall esito sempre mortale, ma la realtà doveva essere sicuramente ben diversa visti i costi sostenuti per mantenere e allenare i morituri, e ancor più per i costi sostenuti dagli editores per offrirli al pubblico. E perciò probabile ritenere che la loro morte nell arena non fosse così frequente, eccezione fatta per quei combattimenti denominati munera sine missione cioè all ultimo sangue, la folla che accorreva per vedere i propri beniamini ne voleva poter ammirare la bravura e la prestanza fisica. Nei mosaici rappresentanti le pugnae (combattimenti) compaiono sovente scritti i soprannomi dei gladiatori, questo a significare l affezione del pubblico durante tutta la carriera dei propri campioni. I più famosi arrivarono a combattere circa quaranta volte nell arena. La loro prestanza fisica inoltre non sfuggiva alle nobildonne romane, meritandosi l appellativo di suspiria puellarum. Un episodio che ben sintetizza il fanatismo dei sostenitori verso i propri idoli è dato dalla rissa che scoppiò nel 59 a. C. nell anfiteatro di Pompei tra tifosi locali e nocerini. Gli incidenti iniziati durante un combattimento tra gladiatori, provocarono morti e feriti cosicché lo stadio fu squalificato per 10 anni. Le Categorie Non tutte le classi gladiatorie sono esistite contemporaneamente, alcune scomparvero già in età repubblicana come i Samnites, altre si modificarono come i Galli poi Murmillones, altre ancora come i Thraeces giunsero immutate sino all età imperiale. Il vestiario era diverso a seconda della classe di appartenenza. Attraverso le fonti storiche a disposizione si possono identificare all incirca una dozzina di categorie, non condivise però tra tutti gli studiosi, non essendo a volte facile legare i nomi con le iconografie a disposizione. 6

7 Il perizoma (subligalicum), la cintura (balteus), l elmo (galea), la protezione metallica per il braccio (manica), gli schinieri per proteggere le gambe (ocreae e cnemides), facevano parte del vestiario di uso comune a tutte le categorie. Ecco le più note: Thraeces: portavano un elmo a tesa larga sormontato da un cimiero a forma di grifone e ornato di piume, una manica al braccio destro, un piccolo scudo (parma) una spada ricurva (sica) e alte protezioni alle gambe (cnemides); Retiarii: ispirati al Dio Tritone, avevano una placca metallica a protezione della spalla sinistra (galerus), erano privi di elmo, armati di tridente, rete e una corta spada; Murmillones (o Myrmillones): simili ai Traci si differenziavano da questi per avere un pesce (murmo) sull elmo al posto del grifone, un grande scudo rettangolare ed una spada dritta (gladio), ocrea alla gamba sinistra; Provocatores e Secutor: simili tra loro avevano un elmo ovoidale liscio per impedire la presa della rete del Reziario, loro antagonista nell arena, un pettorale in cuoio con al centro una testa di gorgone in metallo, schiniere sulla gamba sinistra e bende in stoffa (fasciae) in quella destra, scudo e spada; E poi ancora: Oplomachi che usavano un grande scudo (hoplon), Essedari che combattevano su carri (esseda), Sagittarii che usavano arco e frecce, Equites che, armati di lancia, combattevano a cavallo, Dimachaerus che combattevano con due spade, Velites armati di giavellotto, Laquearius armati di lazo (laqueus) con il quale cercavano di strangolare l avversario. Di altre si conoscono solo i nomi. Le coppie nell arena erano determinate in base al tipo di armamentario che ogni categoria aveva, le armi di offesa e di difesa dovevano bilanciarsi con quelle dell avversario. Una categoria a parte era formata dai Venatores che si cimentavano contro le belve (venationes), questi gladiatori di solito avevano solo una tunica e armi di offesa. Questi giochi, la cui origine viene fatta risalire al centinaio di elefanti che Scipione l Africano portò a Roma dopo aver sconfitto Annibale, mostrati alla folla nel Circo Massimo e poi abbattuti perché non era più possibile mantenerli, richiedevano una organizzazione molto complessa e dispendiosa che riguardava la cattura degli animali, richiesti sempre in quantità maggiore, il trasporto in città, luoghi per la loro stabulazione (vivarium) il mantenimento e misure di sicurezza all interno dell arena per evitare incidenti agli spettatori. Alte reti con alla sommità zanne d elefante rivolte verso l arena e rulli per impedire agli animali di arrampicarsi, poste tutt intorno alla cavea e arcieri proteggevano gli spettatori da eventuali pericoli. 7

8 Lo spettacolo L organizzatore dei giochi (editor o se a Roma il Procurator imperiale), rendeva noti alla cittadinanza mediante iscrizioni sui muri delle case, il motivo per cui offriva il munera, i nomi dei gladiatori che sarebbero scesi nell arena e la loro specializzazione, in oltre precisava se avrebbero avuto luogo aspersioni profumate (sparsiones), distribuzione di cibo o denaro, se nel circo era previsto il velarium a protezione della calura o della pioggia e se lo spettacolo prevedeva anche le venationes. La sera prima veniva offerto un banchetto (coena libera) dove i cittadini potevano incontrare da vicino i gladiatori. I giochi cominciavano di mattina e seguivano un cerimoniale prestabilito: un corteo rituale (pompa) rendeva gli onori alle autorità o all Imperatore se presente. Aprivano lo spettacolo le venationes (se in programma), che si protraevano fino all ora di pranzo. Queste cacce potevano prevedere lotte tra uomini e animali o tra animali anche legati tra di loro. Complesse scenografie riproducevano ambienti esotici o mitologici. Nell intervallo avevano luogo le esecuzioni dei condannati a morte, molto gradite dal pubblico, dove persone inermi venivano fatte sbranare dalle fiere (damnatio ad bestiam) o immolate nei modi più barbari, crocifisse, arse vive e così via. Alla ripresa pomeridiana avevano luogo i ludi gladiatores veri e propri. Un combattimento con armi inoffensive serviva al riscaldamento dei gladiatori. L editor dava quindi inizio ai combattimenti tra le urla della folla entusiasta e il baccano dei musici che accompagnavano lo svolgersi dei giochi. I primi gladiatori a scendere nell arena erano gli equites. Più coppie si affrontavano contemporaneamente (gladiatorum paria). Se qualche gladiatore non si batteva con sufficiente impegno, veniva sollecitato a colpi di frusta (lora) dai loraii presenti nell arena. La vita del gladiatore sconfitto dipendeva dall editor, il quale valutava l impegno messo nel combattimento ascoltando gli umori del pubblico presente e tenendo conto delle spese sostenute per l affitto dei gladiatori e che per questo spesso graziava. In ginocchio davanti al vincitore, lo sconfitto attendeva il verdetto offrendo la gola e la propria spada, se si era battuto male la folla gridava: iugula (sgozzalo), se si era battuto alla pari riceveva la grazia (missio) con il famoso pollice levato in alto. I morti venivano portati in una sala denominata spoliarum attraverso la porta libitinaria da inservienti mascherati da Caronte. Al termine il vincitore riceveva la palma della vittoria oltre a doni preziosi. Ma il premio più ambito era la spada di legno (rudis) che significava la fine della carriera e quindi la riconquistata libertà. Con il declino dell impero e il Cristianesimo che portò cambiamenti nei costumi della società, questo genere di divertimento era destinato ad aver fine, l ultimo spettacolo di gladiatori si ebbe nel 438 d. C., vietati definitivamente dall imperatore Valentiniano III, dopo fasi alterne il sipario calò così anche sul Colosseo, nel 523 d. C. si svolsero le ultime venationes. 8

9 ludi gladiatori e ludi circensi I ludi ladiatori I ludi gladiatori venivano anche chiamati munera gladiatori, poiché, nei primi tempi venivano remunerati (munera) i gladiatori professionisti che prendevano parte a questi spettacoli. All inizio venivano utilizzati solo degli schiavi Etruschi che prendevano parte, loro malgrado, a questi spettacoli per onorare i defunti. In seguito assunsero forma di spettacolo a se stante.i luoghi dove comunemente si svolgevano queste attività erano spazi aperti come il Colosseo (anfiteatro Flavio), così chiamato perché posto vicino ad una statua colossale, o l arena di Verona. I Gladiatori, scelti a gli schiavi con particolari qualità fisiche, venivano preparati in scuole che ne curavano l addestramento. Ognuna di esse con delle peculiarità e, per evitare che tra di loro sorgessero delle amicizie, venivano fatti combattere gladiatori appartenenti a scuole diverse. Si potevano distinguere: i reziari, addestrati a combattere con rete e tridente; i gladiatori armati di scudi ed elmi e con il caratteristico gladio (sorta di spada tagliente ai due lati); i galli abbigliati con costumi tipici della popolazione dei Galli (francesi); i gladiatori a cavallo che combattevano scontrandosi con i cavalli. I combattimenti potevano svolgersi uomo contro uomo o in gruppi. Era il caso dei catervari. Inoltre, solitamente, gli spettacoli si aprivano con combattimenti definiti di assaggio durante i quali non si arrivava all uccisione dell avversario. Al contrario, quelli che si succedevano, finivano quasi sempre con la morte di uno dei gladiatori. Il moriente, prima i essere portato via, veniva avvicinato da due personaggi, uno ne verificava la morte (toccandolo con un ferro rovente), l altro, eventualmente, gli dava il colpo di grazia. A volte, quando si scontravano due gladiatori valenti, il vinto poteva avere salva la vita, a discrezione dell imperatore. Il Gladiatore schiavo poteva essere affrancato (reso libero), in seguito a dieci vittorie (segnate su un collare in metallo). I gladiatori potevano combattere anche con animali feroci, in quelle che erano definite cacce. Questi combattenti venivano chiamati bestiari. I Ludi circensi Erano molto spettacolari, si svolgevano nei circhi (ampi spazi dove, in un greppo naturale, sedeva il pubblico). Il termine circo deriva probabilmente dalle due spade (enses) che, piantate in un campo, delimitavano il raggio d azione dello spettacolo. Intorno alle spade circm enses In questi spettacoli la gente scommetteva sui colori che contraddistinguevano le fazioni di Roma. Ogni fazione organizzava un attività sportiva tra le quali le corse con i cavalli (da 2 a 10). I cavalieri 9

10 erano abili professionisti, pagati, muniti di elmo e pugnale. Gli increpatores erano gli incitatori dei vari colori. I vincitori, oltre alla loro paga, potevano raccogliere le monete lanciate dai tifosi. I Ludi Troiani Ne parla anche Virgilio nell Eneide, era l unica attività non professionale, riservata ai figli dei nobili. Si trattava di attività equestri basate sullo scontro a cavallo di tre gruppi di giovani. Avevano delle spade di legno ma non era previsto uno scontro cruento, bensì la dimostrazione di essere valorosi nel gestire e domare il cavallo. I Ludi Teatrali Erano rappresentazioni mitologiche. Si raccontavano storie legate agli Dei, o si riproducevano battaglie nelle quali i Romani erano stati vittoriosi. Per rendere più verosimili le rappresentazioni, si facevano recitare anche gli schiavi, ai quali toccava soccombere, e talvolta morire, nel rispetto della trama della storia. C erano tuttavia rappresentazioni danzate e quindi non cruente. I Ludi delle Naumachie Erano combattimenti navali nei quali venivano utilizzati gli schiavi nell interpretazione dei perdenti. Per la loro messa in scena si utilizzavano specchi d acqua naturali (fiumi e laghi) o create dagli ingegneri (P.za Navona). Nelle simulazioni degli scontri navali c erano, naturalmente, morti reali. Ricordiamo infine che, al di la dei ludi, i Romani erano un popolo di ottimi soldati, costantemente in allenamento. Venivano addestrati nel campo Marzio, allenati da veterani di guerra, compiendo numerose attività fisiche.a differenza del mondo Greco, nel mondo Romano le donne avevano una rilevanza maggiore e potevano assistere agli spettacoli. 10

11 Forza bruta, violenza e fiumi di sangue: nell'immaginario collettivo sono questi gli elementi caratteristici dei combattimenti tra gladiatori che allietavano le giornate di festa nella Roma del secondo secolo dopo Cristo. Una recente ricerca condotta in Turchia è però destinata a demolire l'immagine di questi combattimenti brutali e senza regole che hanno fatto la fortuna di colossal holliwoodiani come Spartacus o il Gladiatore. Delitti imperfetti. Karl Großschmidt e Fabian Kanz, un medico e un archeologo austriaci, hanno effettuato approfonditi studi sui resti di alcuni eroi dell'arena trovati in un cimitero di Efeso scoperto nel 1993 e databile attorno all'anno 100. I due scienziati hanno utilizzato le più avanzate tecniche investigative per determinare le cause della morte di 67 gladiatori che vi erano sepolti. L'analisi delle ferite trovate sugli scheletri sembra confermare ciò che gli storici vanno affermando da tempo: i combattimenti tra gladiatori non erano semplici scontri al massacro, fatti di violenza cieca e mutilazioni, ma erano veri match di lotta, con regole precise la cui applicazione era garantita dalla presenza di arbitri. Show must go on. Le ferite rinvenute sui teschi e l'assenza di tagli e contusioni in altre parti del corpo fanno pensare che i combattenti utilizzassero tutti lo stesso tipo di arma e che vigessero regole che impedivano una troppo rapida sopraffazione dell'avversario. Nonostante i lottatori utilizzassero robusti elmi, sui resti di 10 crani sono state rinvenute ferite la cui causa è riconducibile a un colpo inferto con un martello. Secondo i ricercatori questi resti appartengono a combattenti che dopo aver perso l'incontro, sono stati messi a morte dal pubblico, come era usanza dell'epoca. Dalla ricostruzione sembra che questi gladiatori siano stati portati fuori dall'arena ancora vivi e siano stati uccisi dietro le quinte da un colpo di martello inferto da un boia. Una fine davvero ingloriosa. (Notizia aggiornata al 24 febbraio 2006 schiavi erano comprati da facoltosi romani per essere addestrati a combattere nei giochi gladiatori. Lottavano fra loro o contro gladiatori professionisti, che erano uomini liberi, in anfiteatri come il Colosseo usando spade, arpioni e lance. Generalmente dovevano sostenere due o tre combattimenti l'anno e se riuscivano a 11

12 sopravvivere tre o cinque anni di combattimenti, potevano ottenere la libertà. Ma secondo Tuck, che ha analizzato 158 immagini risalenti a quel periodo raffiguranti i giochi, il rischio per un gladiatore di venire ucciso era quasi inesistente. Lo studioso fonda la sua tesi su un raffronto delle immagini contenute su lampade e dipinti murali con i manuali sulle arti marziali prodotti in Germania e in Italia durante il Medioevo e il Rinascimento. Da questo confronto emergono una serie di similitudini, dalle quali risulta che lo scopo del gladiatore era semplicemente quello di sconfiggere l\'avversario, non di ucciderlo. Le teorie di Tuck trovano appoggio in ambiente accademico. Simon Esmonde Cleary, storico dell'università di Birmingham, concorda che la lotta gladiatoria non fosse necessariamente cruenta e mortale. "Al giorno d'oggi, ci si concentra troppo sul Colosseo di Roma nel quale i giochi non si svolgevano necessariamente con le stesse modalità di quelli in altri anfiteatri dell'impero", ha affermato. da la repubblica La poco eroica fine dei gladiatori Forza bruta, violenza e fiumi di sangue: nell'immaginario collettivo sono questi gli elementi caratteristici dei combattimenti tra gladiatori che allietavano le giornate di festa nella Roma del secondo secolo dopo Cristo. Una recente ricerca condotta in Turchia è però destinata a demolire l'immagine di questi combattimenti brutali e senza regole che hanno fatto la fortuna di colossal holliwoodiani come Spartacus o il Gladiatore. Delitti imperfetti. Karl Großschmidt e Fabian Kanz, un medico e un archeologo austriaci, hanno effettuato approfonditi studi sui resti di alcuni eroi dell'arena trovati in un cimitero di Efeso scoperto nel 1993 e databile attorno all'anno 100. I due scienziati hanno utilizzato le più avanzate tecniche investigative per determinare le cause della morte di 67 gladiatori che vi erano sepolti. L'analisi delle ferite trovate sugli scheletri sembra confermare ciò che gli storici vanno affermando da tempo: i combattimenti tra gladiatori non erano semplici scontri al massacro, fatti di violenza cieca e mutilazioni, ma erano veri match di lotta, con regole precise la cui applicazione era garantita dalla presenza di arbitri. Show must go on. Le ferite rinvenute sui teschi e l'assenza di tagli e contusioni in altre parti del corpo fanno pensare che i combattenti utilizzassero tutti lo stesso tipo di arma e che vigessero regole che impedivano una troppo rapida sopraffazione dell'avversario. dida dida dida dida dida dida Nonostante i lottatori utilizzassero robusti elmi, sui resti di 10 crani sono state rinvenute ferite la cui causa è riconducibile a un colpo inferto con un martello. Secondo i ricercatori questi resti appartengono a combattenti che dopo aver perso l'incontro, sono stati messi a morte dal pubblico, come era usanza dell'epoca. Dalla ricostruzione sembra che questi gladiatori siano stati portati fuori dall'arena ancora vivi e siano stati uccisi dietro le quinte 12

13 da un colpo di martello inferto da un boia. Una fine davvero ingloriosa. Quando si parla di grandi monumenti, di costruzioni maestose, di architettura antica ma solida, quando si parla di Roma si parla del Colosseo. Creare un sito sul Colosseo è stata una scelta facile. Ci ha spinto la passione per la nostra straordinaria città e soprattutto la curiosità e il desiderio di saperne di più sul Colosseo, il monumento più imponente di Roma. Siamo partiti in due e siamo diventati un gruppo di lavoro spinto dalla voglia di condividere le nostre ricerche con tutti quelli che come te visitano questo sito e magari imparare qualcosa in più anche dalle tue segnalazioni. Io personalmente subisco il fascino del Colosseo, più giustamente chiamato Anfiteatro Flavio, da quando ero bambina. Lo stupore è sempre lo stesso ed ogni volta che passo davanti al monumento ho lo stesso pensiero; mi chiedo che forte emozione possano provare i turisti che visitano Roma quando si trovano di fronte al Colosseo. Io che abito in questa città da sempre ancora non mi sono abituata a tanta bellezza. L avete mai visto di notte, con tutte le luci accese? Forse qualcuno di voi l ha visto soltanto in foto o in qualche documentario televisivo e sicuramente non può capire l effetto emotivo che questo colossale Anfiteatro può trasmettere. Non è necessario essere appassionati d arte o di storia per apprezzare l Anfiteatro Flavio, non è necessario riconoscere i vari stili delle colonne, l architettura delle arcate, i materiali usati per costruirlo perché la sua imponenza va al di la di ogni studio e specializzazione, il Colosseo entra nel cuore di tutti. Noi comunque faremo del nostro meglio per descriverlo in tutti i suoi dettagli, riportandovi anche delle curiosità, parlando del territorio circostante e le nostre ricerche saranno sempre vive, aiutate anche dai vostri pensieri e consigli, dalle foto che ci manderete e dagli eventi che ci segnalerete. Si, perché il Colosseo non fa parte solo di un mondo antico, il Colosseo è vivo in questa città con diverse manifestazioni culturali, artistiche e religiose, un Teatro di cui noi Romani più facilmente possiamo godere...per questo ci teniamo a condividerlo con il resto del mondo. 13

14 Le origini degli spettacoli gladiatorii vengono ricondotte alle antiche usanze etrusche e lucane di far combattere prigionieri tra di loro, in occasione delle onoranze funebri di personaggi importanti, come se la morte spettacolare degli stessi prigionieri, divenuta rituale, avesse potuto placare gli dei inferi. I primi spettacoli gladiatorii si tennero a Roma nel 264 a.c. quando Marco Decimo li offrì in onore del proprio padre defunto Bruto Pera. Quei giochi furono detti anche Munera, cioè doni in omaggio del defunto. GLI ANFITEATRI Gli edifici per gli spettacoli gladiatorii, gli anfiteatri costruiti sul modello del Colosseo, furono innumerevoli e solo in Italia sono più di cento quelli attestati dai resti archeologici, a parte quelli più noti e meglio conservati come a Pompei, a Capua, a Pozzuoli o la più nota arena di Verona. Altre decine di anfiteatri sono stati identificati nelle città delle antiche province romane, per esempio in Africa a Leptis Magna, Sabrata e El Djem, in Spagna a Cordova e Merida, in Gallia ad Arles o a Nimes come nella stessa Parigi, in Germania a Colonia o a Magonza, in Pannonia a Budapest, in Dalmazia a Ragusa, in Grecia ad Atene e a Corinto, in Tracia a Sofia, in Macedonia a Salonicco, in Bitinia a Costantinopoli e ancora a Creta e a Rodi. 14

15 ARENA DI VERONA ANFITEATRO DI CAPUA 15

16 ANFITEATRO DI POZZUOLIANFITEATRO DI POMPEI 16

17 ANFITEATRO DI NIMESRICOSTRUZIONE ANFITEATRO DI POZZUOLI 17

18 ANFITEATRO DI ARLESRICOSTRUZIONE ANFITEATRO DI ARLESANFITEATRO DI BENEVENTO ANFITEATRO DI EL DJEMPIANTA DI ANFITEATRO 18

19 Il termine anfiteatro indica un edificio con una cavea di tipo teatrale che però avvolge tutta intorno l arena ellittica. Laddove non si costruirono anfiteatri in pietra e in muratura ne furono eretti in strutture lignee o più semplicemente con la cavea disposta su un terrapieno. IL COLOSSEO Nella Roma repubblicana gli spettacoli gladiatorii non godettero di anfiteatri stabili, ma si adattarono a svolgersi soprattutto in luoghi aperti e principalmente nel Foro Romano. Solo con la dinastia dei Flavi Roma ebbe il suo grande e maestoso anfiteatro, il Colosseo, alto 56 metri, di cui 6 interrati, per il quale si adoperarono metri cubi di travertino e 300 tonnellate di ferro per i perni e le grappe. TORNA Lo storico Giuseppe Flavio ci informa che, oltre alla mano d opera specializzata, lavorarono all edificazione dell anfiteatro prigionieri ebrei condotti a Roma da Tito, figlio di Vespasiano, dopo la conquista di Gerusalemme. L anfiteatro fu costruito grazie all apertura contemporanea di diversi cantieri operativi in modo che quelli inferiori potessero, comunque, lavorare anche nelle giornate di maltempo protetti dai cantieri superiori. Il poeta Calpurnio ci descrive l arena e ci dice che il pubblico era protetto da eventuali tentativi di aggressione da parte delle fiere, protagoniste durante i ludi venatorii, da una rete metallica dorata sorretta da zanne di elefante rivolte verso le belve e sormontata da una fila ininterrotta di rulli d acciaio collocati orizzontalmente e ruotanti, in modo che le fiere non potessero servirsene quali punti d appoggio per scavalcare la rete stessa. 19

20 L Anfiteatro Flavio fu terminato dall imperatore Domiziano nell 82 d.c. e fu da questi inaugurato con una serie di spettacoli che fecero dimenticare l inaugurazione precedente, voluta da Tito, ad edificio non ancora completato. L area dell arena, non ancora scavata, era stata utilizzata come vasca per poter offrire al pubblico un altro gioco spettacolare di cui i Romani erano appassionati: le naumachie, cioè le battaglie navali in miniatura. Successivamente, sia per problemi di manutenzione e sia per necessità di dotare l anfiteatro di 20

21 maggiori servizi, la vasca fu abolita e il piano dell arena scavato per dare spazio a sotterranei in muratura, ancora oggi visibili, costituiti da corridoi, stanze, magazzini e vani per montacarichi. Nei sotterranei trovarono posto le gabbie delle belve e i percorsi obbligati e protetti in cui le stesse dovevano passare per raggiungere i montacarichi a contrappesi, che le avrebbero portate al piano dell arena, sulla quale sarebbero uscite attraverso botole che si sarebbero aperte con grande effetto scenografico. Sempre nei sotterranei erano sistemati i magazzini per le scenografie degli spettacoli, le armerie, le sartorie, l infermeria, l obitorio e tutti gli altri servizi necessari per gli spettacoli gladiatorii. I combattimenti sia tra gladiatori che tra cacciatori e fiere avvenivano non in un arena disadorna e resa tale da un manto sabbioso posto su un tavolato di rivestimento, ma arricchiti da una vera scenografia di tipo teatrale, con finte rocce, piante, arbusti o alberelli, specchi d acqua, elementi architettonici vari ma comunque posticci: il tutto a ricostruire l immagine originaria dei luoghi reali o fantastici in cui si riteneva di dover collocare i prototipi dei duelli cui assisteva il pubblico. L Anfiteatro Flavio era internamente diviso in quattro ordini: il più basso, riservato alle autorità, all imperatore e ai personaggi influenti, detto podio e tre successivi detti maeniana, l ultimo dei quali era coperto da una tettoia lignea poggiante su colonnine e riservato al pubblico femminile. Il resto del pubblico era protetto dai raggi del sole da un velario. Questo era costituito da larghe e lunghe strisce della stessa tela delle vele marinare, scorrevoli attraverso anelli, su larghe corde tirate da un estremità all altra per la lunghezza maggiore dell ellisse. Le corde scendevano poi all esterno dell anfiteatro stesso fino a terra ed erano manovrate da squadre di marinai della flotta imperiale. Le strisce di tela, una volta distese, lasciavano una grande apertura centrale in modo che gli spettatori godessero dell ombra e i giochi fossero in piena luce. I giochi non si tenevano nelle giornate di cattivo tempo. 21

22 L ingresso agli spettacoli avveniva attraverso le arcate dell anello esterno scandite da pilastri ornati da semicolonne con capitello tuscanico. Il pubblico presentava agli addetti agli ingressi una tesserina ossea o lignea su cui era inciso un numero corrispondente a quello riportato alla sommità di ognuna delle arcate d ingresso. Con questo espediente gli spettatori sapevano per quale arcata entrare, a quale rampa accedere e a quale ordine di posto recarsi. In tal modo il flusso e il deflusso degli spettatori avveniva nel maggior ordine possibile. Molto atteso doveva essere l ingresso dell imperatore, dei suopi familiari e delle autorità al palco imperiale, ma ancora più maestosa e suggestiva doveva essere la Pompa gladiatoria, cioè la parata, in armi finemente decorate, dei gladiatori all apertura dei giochi. Per primo entrava l organizzatore, seguito da assistenti che presentavano al pubblico i premi posti in palio e quindi i gladiatori che sfoggiavano armi e corazze lucenti e pennacchi policromi. 22

23 I COMBATTIMENTI I combattimenti si interrompevano quando uno dei combattenti veniva ferito, anche se leggermente. Importante, infatti, non era tanto assistere ad un duello all ultimo sangue quanto ad un buon duello, giocato secondo i dettami dello stile delle varie armi, con abilità, intelligenza e coraggio. Solo gli spettacoli più importanti, di solito quelli offerti dall imperatore, esigevano che gli scontri fossero mortali ed era in questi casi che il pubblico interveniva con il pollice verso o con l indice alzato per chiedere la morte o la vita per il gladiatore sconfitto. D altronde gli spettacoli gladiatorii erano offerti a pagamento in tutte le città dell impero da compagnie di gladiatori itineranti. Al seguito dei gladiatori c erano i proprietari, gli organizzatori, i medici, gli infermieri, gli armaioli, i fabbri, i sarti, i costumisti, i falegnami e gli scenografi. Sarebbe stato un bel problema se ad ogni spettacolo l impresario si fosse trovato con metà dei gladiatori. I gladiatori più famosi ottenevano fama ed onori ed erano chiamati a far parte delle caserme imperiali, arricchiti da premi sempre maggiori e corteggiati dalla classe dirigente per averli ospiti a feste e banchetti. I gladiatori si sfidavano secondo schemi predeterminati: al gladiatore dotato di un tridente e di una rete veniva contrapposto quello che sull elmo portava la figura di un pesce. Alcuni avevano spada corta, corazza, elmo e scudo, altri una sola manica metallica e una spada ricurva. 23

24 I duellanti venivano contrapposti a seconda delle situazioni belliche dei loro paesi d origine, per esempio Egizi contro Siriaci o Greci contro Persiani o secondo situazioni del tutto nuove o stravaganti, ad esempio Germani contro Parti. Allo stesso modo erano organizzati i duelli fra i cacciatori, venatores, e le fiere o tra gli stessi animali. Così un Germano doveva battersi con un orso o un Egizio con un leone, o un elefante contro un orso. La necessità di rifornire di animali i giochi venatori portò già in età antica all estinzione di alcune specie nei paesi in cui sappiamo che erano presenti: ad esempio i leoni in Egitto e in 24

25 Mesopotamia. Negli spettacoli inaugurali dei maggiori anfiteatri venivano sacrificate diverse migliaia di animali. 25

26 26

I giochi nell antica Roma

I giochi nell antica Roma I giochi nell antica Roma Dei 77 giorni destinati ai ludi durante la Repubblica, si arrivò ad averne ben 177 durante l Impero. Nel IV secolo, 101 giorni contemplavano spettacoli teatrali (ludi scaenici),

Dettagli

Gli spettacoli a Roma

Gli spettacoli a Roma Gli spettacoli a Roma I ludi A Roma il teatro non ha propria autonomia artistica, gli spettacoli teatrali si collocano all interno dei ludi. Ludus (s.) = gioco e divertimento nella sua più vasta accezione

Dettagli

Lo sport nell'antica Roma

Lo sport nell'antica Roma Lo sport nell'antica Roma A Roma gli spettacoli sportivi più praticati erano le corse dei cavalli,che si tenevano al Circo Massimo,che sorgeva nell avvallamento tra il colle Palatino e l Aventino. Si diceva

Dettagli

La posizione dei nostri monumenti

La posizione dei nostri monumenti Foro romano Autori: Luca Gray Beltrano, Irene Bielli, Luca Borgia, Alessandra Caldani e Martina Capitani Anno: 2013, classe: 1 N Professoressa: Francesca Giani La posizione dei nostri monumenti Tempio

Dettagli

Fabrizio Pompei. Le parole del teatro. Glossario ARACNE

Fabrizio Pompei. Le parole del teatro. Glossario ARACNE Fabrizio Pompei Le parole del teatro Glossario ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 a/b 00173 Roma (06) 93781065 ISBN 978

Dettagli

LUDI CIRCO ANFITEATR GLI SPETTACOLI LE GARE SCOPO DEI LUDI IL PUBBLICO IL PUBBLICO TIPOLOGIE I GLADIATORI STRUTTURA DEL CIRCO

LUDI CIRCO ANFITEATR GLI SPETTACOLI LE GARE SCOPO DEI LUDI IL PUBBLICO IL PUBBLICO TIPOLOGIE I GLADIATORI STRUTTURA DEL CIRCO GLI SPETTACOLI LUDI CIRCO ANFITEATR O TIPOLOGIE SCOPO DEI LUDI STRUTTURA DEL CIRCO LE GARE IL PUBBLICO STRUTTURA DELL ANFITEATRO I GLADIATORI IL PUBBLICO I VARI TIPI DI GLADIATORI Pagotto Diana Sitografia

Dettagli

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto)

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) La Repubblica è una forma di governo. La Repubblica è un modo per governare uno Stato. Nella Repubblica romana c era un Senato e c erano

Dettagli

Il teatro a Roma e nel mondo romano

Il teatro a Roma e nel mondo romano Il teatro a Roma e nel mondo romano Il Mediterraneo Romano nel II secolo d. C. e la diffusione dei teatri nelle province romane Per quanto riguarda gli edifici teatrali romani, è necessario fare alcune

Dettagli

Palazzo Stanga Trecco

Palazzo Stanga Trecco Palazzo Stanga Trecco Venerdì 21 novembre 2014, in occasione della Festa del Torrone, il piano nobile di palazzo Stanga, in via Palestro, è stato eccezionalmente aperto al pubblico. Le nostre classi, la

Dettagli

Nella Grande Ellissi lottavano i gladiatori

Nella Grande Ellissi lottavano i gladiatori E2 L'ECCEZIONALE RITROVAMENTO Nella Grande Ellissi lottavano i gladiatori L'anfiteatro di Volterra é il primo scoperto in Italia da 1 00 anni Un capolavoro sommerso da trenta ila metri cubi dì terra di

Dettagli

IL DUOMO RACCONTA LA SUA STORIA

IL DUOMO RACCONTA LA SUA STORIA IL DUOMO RACCONTA LA SUA STORIA C a l e n da r i o 2 0 1 2 Nel 1481 il neoeletto vescovo di Pavia, Ascanio Sforza, presentò un progetto di ampliamento e rinnovo delle due cattedrali gemelle di Santo Stefano

Dettagli

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte.

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte. RELIGIONE I Fenici erano un popolo molto religioso: erano politeisti, cioè credevano in molti dei. Questi dei erano i fenomeni naturali: la pioggia, i tuoni, i fulmini, i fiumi, i mari, le stagioni, la

Dettagli

Scuola Primaria GIOVANNI XXIII CLASSI 5^A/B Anno Scol.2009/2010. Alla scoperta di Roma antica. Attività didattiche svolte in classe in relazione alla

Scuola Primaria GIOVANNI XXIII CLASSI 5^A/B Anno Scol.2009/2010. Alla scoperta di Roma antica. Attività didattiche svolte in classe in relazione alla Scuola Primaria GIOVANNI XXIII CLASSI 5^A/B Anno Scol.2009/2010 Alla scoperta di Roma antica Attività didattiche svolte in classe in relazione alla Gita scolastica del 12 aprile 2010 Programma della giornata:

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

La corsa. La città di Olimpia. Olimpia. Le Olimpiadi nel mondo Greco. Il pugilato. La corsa dei carri. Il giavellotto Il salto Il disco

La corsa. La città di Olimpia. Olimpia. Le Olimpiadi nel mondo Greco. Il pugilato. La corsa dei carri. Il giavellotto Il salto Il disco La città di Olimpia La corsa La lotta La corsa dei carri Olimpia Le Olimpiadi nel mondo Greco Il pugilato Il giavellotto Il salto Il disco Le origini dei Giochi sono circondate da miti e leggende, ma la

Dettagli

Museo Archeologico Nazionale di Venezia

Museo Archeologico Nazionale di Venezia Museo Archeologico Nazionale di Venezia Attività didattica 2014/2015 PERCORSI DIDATTICI a cura degli Assistenti del Museo Scuole primarie Scuole secondarie di I grado Scuole secondarie di II grado SERVIZIO

Dettagli

L urbanistica di Segesta è ancora in corso di indagine: sono segnalati alcuni probabili tracciati viari, l area dell agorà e alcune abitazioni.

L urbanistica di Segesta è ancora in corso di indagine: sono segnalati alcuni probabili tracciati viari, l area dell agorà e alcune abitazioni. SEGESTA La città Situata nella parte nord-occidentale della Sicilia, Segesta fu una delle principali città degli Elimi, un popolo di cultura e tradizione peninsulare che, secondo lo storico greco Tucidide,

Dettagli

ESCURSIONE AGLI SCAVI DI POMPEI

ESCURSIONE AGLI SCAVI DI POMPEI ESCURSIONE AGLI SCAVI DI POMPEI Il giorno 15 aprile 2013, gli alunni delle classi: quinta di Dragonea, quinta di Molina e quarta di Raito, hanno visitato gli scavi archeologici di Pompei. Abbiamo deciso

Dettagli

Classe 2 N Ha adottato il Colombario Costantiniano Con il progetto: Adotta un monumento I professori: Susanna Arganelli Alessandra Primicieli Michele

Classe 2 N Ha adottato il Colombario Costantiniano Con il progetto: Adotta un monumento I professori: Susanna Arganelli Alessandra Primicieli Michele Classe 2 N Ha adottato il Colombario Costantiniano Con il progetto: Adotta un monumento I professori: Susanna Arganelli Alessandra Primicieli Michele Marinaccio Il Colombario Costantiniano è situato nel

Dettagli

L impero cristiano del IV d.c. COSTANTINO

L impero cristiano del IV d.c. COSTANTINO L impero cristiano del IV d.c. COSTANTINO Flavius Valerius Costantinus Nasce a Naissus (nell attuale Serbia) nel 274 d.c. Muore a Nicomedia nel 337 d.c. Predecessore: Costanzo Cloro Successore: Costantino

Dettagli

UN GIORNO NELLA CITTA ETERNA : ROMA CAPITALE

UN GIORNO NELLA CITTA ETERNA : ROMA CAPITALE UN GIORNO NELLA CITTA ETERNA : ROMA CAPITALE Lunedì, 23 Marzo 2015, noi alunni delle classi 5B e 5C della Scuola Primaria G. Cozzoli, accompagnati dalle maestre Cetta e Annamaria e da un gruppo di genitori,

Dettagli

10 GLI SPETTACOLI PUBBLICI

10 GLI SPETTACOLI PUBBLICI 10 GLI SPETTACOLI PUBBLICI 10.1 Origini e funzioni degli spettacoli. Il popolo romano aveva a sua disposizione varie occasioni di divertimento e di svago, che venivano offerte dal potere costituito allo

Dettagli

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI Intorno al 1200 a.c. nuovi popoli arrivano in Grecia. Questi popoli partono dal Nord dell'asia e dal Nord dell'europa. Queste persone diventano i nuovi padroni del territorio.

Dettagli

Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi

Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi battaglia di Azio 31 a.c. Ottaviano padrone di Roma Con la sconfitta di Marco Antonio ad Azio nel 31 a.c., Ottaviano rimane il solo padrone di Roma. OTTAVIANO

Dettagli

BODRUM e EFESO. foto di Paola Battisti. di Patrizia Civeli

BODRUM e EFESO. foto di Paola Battisti. di Patrizia Civeli BODRUM e EFESO foto di Paola Battisti 18 di Patrizia Civeli mente aperta, un inalterabile serenità di spirito. Proprio come Erodoto, il primo vero reporter della storia, il primo che per scrivere le sue

Dettagli

L ANFITEATRO (ARENA) DI VERONA

L ANFITEATRO (ARENA) DI VERONA Ricerca elaborata da VIANO ALESSANDRA CROCE ROBERTA Classe V Sezione D Liceo Classico Ginnasio CAMILLO BENSO di CAVOUR Anno Scolastico 2003-2004 Docente: SEGNAN FULVIO Viaggio d istruzione Oggetto della

Dettagli

Percorso di visita autoguidata al Lager di Buchenwald

Percorso di visita autoguidata al Lager di Buchenwald Percorso di visita autoguidata al Lager di Buchenwald Capire e rispettare Ti appresti a visitare ciò che resta del Lager nazista di Buchenwald cercando di leggere quei pochi segni originari ancora presenti

Dettagli

LA DONNA E IL GUERRIERO NEL MONDO ANTICO Percorso per le classi quinte della scuola primaria

LA DONNA E IL GUERRIERO NEL MONDO ANTICO Percorso per le classi quinte della scuola primaria LA DONNA E IL GUERRIERO NEL MONDO ANTICO Percorso per le classi quinte della scuola primaria Obiettivi di questo breve approfondimento tematico sono: l esame del mondo femminile nell antichità, mirato

Dettagli

Indice_del volume. capitolo 1_La preistoria. capitolo 2_Imperi e culture del Vicino Oriente

Indice_del volume. capitolo 1_La preistoria. capitolo 2_Imperi e culture del Vicino Oriente Indice_del volume capitolo 1_La preistoria 1_Prima della storia 2 2_Problemi di sopravvivenza e capacità di adattamento 2 Le Parole della Storia_Uomo 3 3_«Uomini» 5 4_La diffusione della specie umana 6

Dettagli

Hatshepsut la donna faraone

Hatshepsut la donna faraone Hatshepsut la donna faraone Sai che nell antico Egitto non esisteva la parola regina? Esisteva una parola che significava moglie del re perché, per molto tempo, solo l uomo poteva diventare faraone eppure

Dettagli

...Dove non c era che legno, noi lasciammo asfalto e marmo.

...Dove non c era che legno, noi lasciammo asfalto e marmo. ...Dove non c era che legno, noi lasciammo asfalto e marmo. Proprio come all inizio del principato augusteo l Africa che si presentava agli occhi dei visitatori europei ed ai nostri occhi di occupanti

Dettagli

La chiesa, edificio di ieri e di oggi

La chiesa, edificio di ieri e di oggi La chiesa, edificio di ieri e di oggi Verso il III secolo l Ecclesiae domestica si trasforma in Domus Ecclesiae. L edificio ha la forma di un abitazione romana con il piano superiore destinato agli alloggi

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011

SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011 SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011 Gli Etruschi dell Etruria Padana, nel VI secolo a.c., vivevano vicino al fiume Eridano ( il Po ), in villaggi di capanne

Dettagli

Turchia - Cappadocia I Camini delle Fate!

Turchia - Cappadocia I Camini delle Fate! Fiaba, allucinazione, arte o realtà? Questi sono i dubbi che l incantato turista prova di fronte al fantastico paesaggio della Cappadocia un arido altopiano a ben 300 Km. Da Ankara, la capitale turca,

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

ACQUEDOTTO VERGINE. (min 10 / max 20 persone a visita) Visite guidate a cura dell associazione culturale M ARTE Info e prenotazioni 392.

ACQUEDOTTO VERGINE. (min 10 / max 20 persone a visita) Visite guidate a cura dell associazione culturale M ARTE Info e prenotazioni 392. ACQUEDOTTO VERGINE Via del Nazareno, 9/a Unico acquedotto antico tuttora in funzione, fu realizzato nel 19 a.c. per rifornire le terme di Agrippa nel Campo Marzio. Il percorso consiste nell illustrazione

Dettagli

Indice del volume. L impero greco-romano PARTE V III. Cesare e Augusto: la nascita del principato. Il consolidamento e l apogeo dell impero

Indice del volume. L impero greco-romano PARTE V III. Cesare e Augusto: la nascita del principato. Il consolidamento e l apogeo dell impero PARTE V L impero greco-romano Cap. 12 Cesare e Augusto: la nascita del principato 1. Il primo triumvirato 4 La disfatta dimenticata: Carre 6 2. La seconda guerra civile e la dittatura di Cesare 7 3. La

Dettagli

STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI

STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI Scuola Primaria - Classi 3 A & 3 B a.s. 2012-2013 Scuola in galleria, Galleria Nazionale, Parma 14 Febbraio 2013 STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI CHI SONO GLI DEI? CHE COSA HANNO DI DIVERSO DAGLI UOMINI?

Dettagli

La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia,

La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia, La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia, in tutte le sue varie forme, dal punto di vista storico,

Dettagli

PRIMA DI INIZIARE: CERCA LA GRECIA SU UNA CARTA GEOGRAFICA I GRECI

PRIMA DI INIZIARE: CERCA LA GRECIA SU UNA CARTA GEOGRAFICA I GRECI PRIMA DI INIZIARE: CERCA LA GRECIA SU UNA CARTA GEOGRAFICA I GRECI MOLTO TEMPO FA IN GRECIA C'ERA LA CIVILTÀ MICENEA. NEL 1200 A. C. I DORI (UN POPOLO CHE VENIVA DALL'EUROPA) INVASERO LA GRECIA. I DORI

Dettagli

IL TEATRO ROMANO. Struttura architettonica

IL TEATRO ROMANO. Struttura architettonica IL TEATRO ROMANO Struttura architettonica La struttura del teatro romano (theatrum)ricava gli aspetti fondamentali della propria immagine architettonica dalla parallela figura del teatro greco. Tuttavia,

Dettagli

Le guerre del V secolo

Le guerre del V secolo Le guerre del V secolo I Guerra Persiana (490) II Guerra Persiana (480-479) Guerra del Peloponneso (431-404) La prima guerra persiana Fonti importanti: Erodoto Studialo nelle note Eschilo (tragediografo),

Dettagli

La religione degli antichi greci

La religione degli antichi greci Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La religione degli antichi 1 Osserva gli schemi.

Dettagli

LA CIVILTÀ CINESE. Dove. Lavoro sul testo. La civiltà cinese è nata lungo il Fiume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya.

LA CIVILTÀ CINESE. Dove. Lavoro sul testo. La civiltà cinese è nata lungo il Fiume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya. LA CIVILTÀ CINESE Dove La civiltà cinese è nata lungo il iume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya. Perché si chiama iume Giallo? Giallastro: un colore giallo sporco, non brillante. Perché in

Dettagli

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi Ministero per i Beni e le Attività Culturali Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze SEZIONE DIDATTICA 2011 Schede

Dettagli

Fontane e piazze di Roma

Fontane e piazze di Roma Fontane e piazze di Roma Fontana di Trevi Piazza di Spagna Piazza Montecitorio Piazza della rotonda e Pantheon Piazza Navona 1 FONTANA DI TREVI La fontana è stata disegnata nel 1732 dall architetto Nicolò

Dettagli

RAPPRESENTAZIONI DEI LUDI NELLA ROMA ANTICA

RAPPRESENTAZIONI DEI LUDI NELLA ROMA ANTICA RAPPRESENTAZIONI DEI LUDI NELLA ROMA ANTICA ricerca a cura di: Claudia Montaldi & Marta Cristofari IV F liceo Classico Ugo Foscolo Anno scolastico 2007/2008 Introduzione al lavoro In questo lavoro vengono

Dettagli

La moda nel tempo. Sumeri. Greci. Egizi. Etruschi. Fenici. Romani. Civiltà minoica

La moda nel tempo. Sumeri. Greci. Egizi. Etruschi. Fenici. Romani. Civiltà minoica La moda nel tempo Sumeri Egizi Fenici Civiltà minoica Greci Etruschi Romani LAVORO DI STORIA CLASSE 1 A MODA a.s. 2013 2014 Martina Bugiolacchi Sharon Tracanna Eleonora Mastropasqua Michela Socionovo Jasmine

Dettagli

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra 1 Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra STILEMA / UNOTEATRO di e con Silvano Antonelli collaborazione drammaturgica Alessandra Guarnero Ogniqualvolta si utilizzino e

Dettagli

STORIA DELL'ARTE L'ANTICA GRECIA

STORIA DELL'ARTE L'ANTICA GRECIA STORIA DELL'ARTE L'ANTICA GRECIA L'antica Grecia era divisa in tante piccole città-stato (poleis) che avevano tutte più o meno lo stesso assetto. La parte alta della città, l'acropoli, era il luogo sacro

Dettagli

!" # " $% &'"!" ( # #!" #) * * ! * #"! 0# &!0 " #. 1-! #

! #  $% &'! ( # #! #) * * ! * #! 0# &!0  #. 1-! # ! # $% &'! ( # #! #) * * +, -.) # )- ) -# )- /)- # )-! )-# #! # -! * #! 0# &!0 #. 1-! # ( 2 &3'' ' '324% & 2%432 5 / # # # 0# # 0) #! *! 1! ) /5 )! 0 # #) )!0! #) 6 # 0#.0 #.1! - # ) 75/+88/8+7679$/$7

Dettagli

ARTE DELL'ANTICA ROMA

ARTE DELL'ANTICA ROMA ARTE DELL'ANTICA ROMA NELL IMPERO ROMANO TROVIAMO 2 CATEGORIE DI ABITANTI: I CITTADINI LIBERI GLI SCHIAVI TRA I CITTADINI ROMANI, COLORO CHE DETENGONO IL POTERE, SONO SOPRATTUTTO I MILITARI E I POLITICI.

Dettagli

VISITA DEL ROTARY CLUB PADOVA ALLA BANCA POPOLARE DI VICENZA VICENZA, MERCOLEDI 27 GENNAIO 2010

VISITA DEL ROTARY CLUB PADOVA ALLA BANCA POPOLARE DI VICENZA VICENZA, MERCOLEDI 27 GENNAIO 2010 VISITA DEL ROTARY CLUB PADOVA ALLA BANCA POPOLARE DI VICENZA VICENZA, MERCOLEDI 27 GENNAIO 2010 Mercoledì 27 Gennaio 2010 il Rotary Club Padova, guidato dal suo Presidente Pier Luigi Cereda, ha avuto il

Dettagli

MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna. (mezzo) (età) MEDIO + EVO

MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna. (mezzo) (età) MEDIO + EVO IL MEDIOEVO IL MEDIOEVO MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna (mezzo) (età) MEDIO + EVO I FATTI PIÙ IMPORTANTI ALL INIZIO DEL MEDIOEVO i barbari e i

Dettagli

Vedere All interno dello spazio Lager esistono delle tabelle esplicative in tre lingue: tedesco, inglese, francese.

Vedere All interno dello spazio Lager esistono delle tabelle esplicative in tre lingue: tedesco, inglese, francese. Percorso di visita autoguidata al Lager di Ravensbrück Capire e rispettare Ti appresti a visitare ciò che resta del Lager nazista di Ravensbrück cercando di leggere quei pochi segni originari ancora presenti

Dettagli

Cod. 01. Laboratorio di Didattica Museale Museo Civico di Rieti a cura del Museo Civico di Rieti e dell Associazione Culturale ReArte

Cod. 01. Laboratorio di Didattica Museale Museo Civico di Rieti a cura del Museo Civico di Rieti e dell Associazione Culturale ReArte Cod. 01 SEZIONE ARCHEOLOGICA ARTI E MESTIERI NELL EPOCA DI VESPASIANO scavo archeologico simulato, laboratorio numismatico, la scrittura degli antichi FASCIA DI ETÀ: 5/10 anni N. BAMBINI: Da definire in

Dettagli

Classe 2^A C.A.T. Progetto cl@sse2.0. Lavoro realizzato dagli allievi Dello Stritto, D Ambrosio e Ferraro

Classe 2^A C.A.T. Progetto cl@sse2.0. Lavoro realizzato dagli allievi Dello Stritto, D Ambrosio e Ferraro Lavoro realizzato dagli allievi Dello Stritto, D Ambrosio e Ferraro 1 La domus ecclesiae Struttura o caratteristiche Lessico Origini Impiego L arte Il termine catacomba, esteso a tutti i cimiteri cristiani,

Dettagli

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA PREISTORIA SCIMMIE ANTROPOMORFE: SONO SIMILI ALL UOMO VIVONO SUGLI ALBERI NELLE FORESTE DELL AFRICA DIVENTANO ONNIVORE: MANGIANO TUTTO, ANCHE LA CARNE DA QUADRUPEDI DIVENTANO

Dettagli

Un complotto in Julia Augusta Taurinorum

Un complotto in Julia Augusta Taurinorum Giulia Piovano Un complotto in Julia Augusta Taurinorum I diritti di traduzione, memorizzazione elettronica, riproduzione e di adattamento totale o parziale con qualsiasi mezzo (compresi i microfilm e

Dettagli

GLI ANIMALI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE

GLI ANIMALI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE GLI ANIMALI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE I CAVALLI La prima guerra mondiale sfruttò moltissimo gli animali; cani, asini, muli, cavalli e piccioni vennero largamente usati nelle operazioni militari, in un

Dettagli

TIRO CON L ARCO. Un po di storia

TIRO CON L ARCO. Un po di storia TIRO CON L ARCO Un po di storia Le prime tracce evidenti dell uso dell arco e delle frecce risalgono all uomo preistorico di venticinquemila anni fa. Questo tipo di arma resta importantissimo nel corso

Dettagli

Successori (14 68 d.c): Tiberio Caligola Claudio Nerone Flavio Tito - Domiziano

Successori (14 68 d.c): Tiberio Caligola Claudio Nerone Flavio Tito - Domiziano PREMESSA: durante governo augusteo si manifestò a) un problema legato ad un fattore di instabilità permanente per lo stato: forte ambiguità riforme istituzionali 1, lo stato nei fatti era una monarchia;

Dettagli

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA Per accompagnare e approfondire l insegnamento scolastico delle antiche civiltà, si propone una serie incontri che si potranno adottare o per

Dettagli

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita Costituita in memoria di Piero Salvati, carabiniere e poi funzionario della Pubblica Amministrazione, ottimo maresciallo dell ANC di Tortona, mancato all affetto dei suoi cari e dei suoi tanti amici il

Dettagli

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale.

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale. Cinque occasioni da non perdere 1 Il Museo 2 I Templi 3 L anfiteatro. Nazionale. Paestum Una città antica. 4 Il Comune di 5 Il Parco Nazionale del Cilento e Valle di Capaccio, una meraviglia ed una scoperta

Dettagli

SEZIONE ETRUSCA (Museo Archeologico, corso Magenta 15)

SEZIONE ETRUSCA (Museo Archeologico, corso Magenta 15) INDICE Museo Archeologico: informazioni generali.....p. 2 Sezione etrusca... p. 3 Costi attività didattiche...........p. 5 Dove sono i musei e i siti... p. 5 Il Museo per gli Insegnanti....p. 6 Informazioni

Dettagli

PIAZZA SAN PIETRO BASILICA DI SAN PIETRO CAPPELLA SISTINA GUARDIE SVIZZERE CASTEL S.ANGELO STATUA DEL MOSE

PIAZZA SAN PIETRO BASILICA DI SAN PIETRO CAPPELLA SISTINA GUARDIE SVIZZERE CASTEL S.ANGELO STATUA DEL MOSE ARCO DI TITO SINAGOGA PIAZZA SAN PIETRO BASILICA DI SAN PIETRO CAPPELLA SISTINA GUARDIE SVIZZERE CASTEL S.ANGELO PANTHEON STATUA DEL MOSE COLOSSEO S. GIOVANNI IN LATERANO PALAZZO DEL QUIRINALE STATUA DI

Dettagli

LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA

LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA Creta è l isola più grande dell arcipelago greco. Si trova al centro del Mar Mediterraneo. L isola aveva un territorio fertile. Queste caratteristiche dell isola hanno permesso

Dettagli

ffllffl EO! ITr Guida alle attività didattiche MUSEO REGIONE TOSCANA Comune di Grosseto MUSEO ARCHEOLOGICO E D'ARTE DELLA MAREMMA

ffllffl EO! ITr Guida alle attività didattiche MUSEO REGIONE TOSCANA Comune di Grosseto MUSEO ARCHEOLOGICO E D'ARTE DELLA MAREMMA Comune di Grosseto AL EO! Guida alle attività didattiche REGIONE TOSCANA ITr,M :,; I i[ 1,1.A MAREMMA MUSEO ARCHEOLOGICO E D'ARTE DELLA MAREMMA ffllffl MUSEO ARCHEOLOGICO E D'ARTE DELLA MAREMMA Coordinamento:

Dettagli

ROMA SEGRETA DALLA A ALLA Z SECONDA EDIZIONE - ESTATE 2011

ROMA SEGRETA DALLA A ALLA Z SECONDA EDIZIONE - ESTATE 2011 ROMA SEGRETA DALLA A ALLA Z SECONDA EDIZIONE - ESTATE 2011 PROGRAMMA SABATO 30 LUGLIO INSULA ROMANA SOTTO PALAZZO SPECCHI Via di San Paolo alla Regola, 16 Un viaggio a ritroso nel tempo e un vero spaccato

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

La voce de "Gli Amici"

La voce de Gli Amici Gli Amici La voce de "Gli Amici" domenica 11 agosto 2002 La domenica con Gesù Tempo ordinario Domenica 11 agosto 2002 Gesù si ritira a pregare L'artista della settimana Carmela Parente La scuola della

Dettagli

Il racconto per immagini

Il racconto per immagini Arte cretese Pittura vascolare: Aiace e Achille Altare di Pergamo L opera artistica pittorica o scultorea talvolta riproduce immagini che descrivono episodi tratti da storie fantastiche o da fatti realmente

Dettagli

L uso di imbalsamare i corpi fu probabilmente suggerito agli antichi Egizi dall osservazione di un fenomeno naturale: i morti, sepolti

L uso di imbalsamare i corpi fu probabilmente suggerito agli antichi Egizi dall osservazione di un fenomeno naturale: i morti, sepolti La mummificazione o imbalsamazione è il metodo con cui gli antichi Egizi conservavano i corpi dei defunti, preservandoli dalla decomposizione. Questo risultato era particolarmente importante perché, secondo

Dettagli

Regole del gioco SENET

Regole del gioco SENET Regole del gioco SENET Senet è un gioco per due giocatori. Ogni giocatore cerca di sconfiggere l altro finendo il percorso con tutti i suoi pezzi come indicato nel disegno. Ogni giocatore ha 5 pezzi bianchi

Dettagli

IL TEATRO ROMANO DI TRIESTE Visita guidata in occasione della Settimana della Cultura 2008

IL TEATRO ROMANO DI TRIESTE Visita guidata in occasione della Settimana della Cultura 2008 IL TEATRO ROMANO DI TRIESTE Visita guidata in occasione della Settimana della Cultura 2008 Visita guidata preparata da alcuni allievi dell I.T.T. Leonardo da Vinci di Trieste che hanno partecipato in qualità

Dettagli

Cinque occasioni da non perdere. Villa dei Misteri a. dagli scavi dell antica Pompei. Era sede dei giochi circensi e gladiatorii.

Cinque occasioni da non perdere. Villa dei Misteri a. dagli scavi dell antica Pompei. Era sede dei giochi circensi e gladiatorii. Cinque occasioni da non perdere 1 Godere delle meraviglie riemerse di affreschi della sud-est della città. 2 L incredibile ciclo 3 L anfiteatro nell area dagli scavi dell antica Pompei. Villa dei Misteri

Dettagli

LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe

LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe Nei giorni 11 e 12 aprile sono andata in gita scolastica a Venezia. Prima di questo viaggio, nel mio immaginario, Venezia era una città triste,

Dettagli

ROMA SEGRETA DALLA A ALLA Z UN NUOVO ITINERARIO CON VISITE GUIDATE E ATTIVITA CULTURALI NEI TESORI ARCHEOLOGICI INFO 060608

ROMA SEGRETA DALLA A ALLA Z UN NUOVO ITINERARIO CON VISITE GUIDATE E ATTIVITA CULTURALI NEI TESORI ARCHEOLOGICI INFO 060608 ROMA SEGRETA DALLA A ALLA Z UN NUOVO ITINERARIO CON VISITE GUIDATE E ATTIVITA CULTURALI NEI TESORI ARCHEOLOGICI INFO 060608 Sabato 3 marzo MONTE TESTACCIO Via Zabaglia, 24 / angolo Via Galvani È una collina

Dettagli

PROPOSTA DIDATTICA 2011/12

PROPOSTA DIDATTICA 2011/12 PROPOSTA DIDATTICA 2011/12 ATTIVITA DIDATTICHE 2011/12 SanGimignano1300 è uno spazio magico all interno del quale convivono armoniosamente Storia, Arte, Cultura e Tradizione. Un Museo particolarmente sensibile

Dettagli

Ricerca di storia. Teatro greco

Ricerca di storia. Teatro greco Barberi Squarotti Gabriele De Nardo Vittorio Minerva Emilio VD Ricerca di storia Teatro greco Origini: L evoluzione storica dello spazio teatrale ellenico vide dapprima un semplice spiazzo attorno al quale

Dettagli

Il teatro a Roma e nel mondo romano

Il teatro a Roma e nel mondo romano Il teatro a Roma e nel mondo romano Nel corso della loro espansione verso il sud dell Italia, tra IV e III secolo a. C., i Romani incontrarono molte città greche che avevano una intensa vita teatrale ed

Dettagli

ALL 05 Fonti visive: monumenti ai caduti, musei della guerra, francobolli, propaganda di regime

ALL 05 Fonti visive: monumenti ai caduti, musei della guerra, francobolli, propaganda di regime ALL 05 Fonti visive: monumenti ai caduti, musei della guerra, francobolli, propaganda di regime Contestualizzazione: La guerra ha prodotto anche un esaltazione di se stessa (attraverso la propaganda di

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

Prova cantonale di storia

Prova cantonale di storia Ufficio dell insegnamento medio 26 maggio 2014 Prova cantonale di storia Nome Cognome Classe Punti Nota Scuola media di. 1 Cara allieva, caro allievo, oggi svolgerai la prova cantonale di storia che prevede

Dettagli

Vol I, pp. 176-217. ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA

Vol I, pp. 176-217. ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA Vol I, pp. 176-217 ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA II sec. 476 d.c. Decadenza dell impero romano Dal II sec. al 476 è il periodo della decadenza dell impero romano L esercito era incapace di

Dettagli

La civiltà greca. Mondadori Education

La civiltà greca. Mondadori Education La civiltà greca I Greci, discendenti dei Micenei e dei Dori, vivevano in un territorio montuoso con pochi spazi coltivabili; fondarono città-stato indipendenti, le poleis, spesso in lotta tra loro. Le

Dettagli

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi Corso di Storia delle Arti visive 4. Gli Etruschi 1 Le civiltà classiche: gli Etruschi Il popolo etrusco si era insediato nel territorio corrispondente alle attuali Toscana, Umbria e Lazio intorno al IX

Dettagli

Il Rugby in 5 minuti

Il Rugby in 5 minuti FEDERAZIONE ITALIANA RUGBY Il Rugby in 5 minuti a cura della 3^ edizione 2009-10 IL TERRENO Il Terreno è la superficie totale di gioco, indicata nella pianta. Esso comprende: Il Campo di Gioco è l area

Dettagli

SCRIVIAMO UN IPERTESTO IN HTML

SCRIVIAMO UN IPERTESTO IN HTML SCRIVIAMO UN IPERTESTO IN HTML COMPONENTI DI UN IPERTESTO: home-page (prima pagina) pagine successive STRUTTURA DI UN IPERTESTO: ad albero Home-page Pagina1 Pagina 2 Pagina 1.1 Pagina 1.2 lineare Indice

Dettagli

L arte paleocristiana

L arte paleocristiana Storia dell Arte docente : Prof.ssa Addolorata RICCO L arte paleocristiana Il nuovo nella continuità della civiltà romana Panorama cronologico dei primi 6 secoli di cristianesimo Date importanti per il

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

L impero persiano dalle origini al regno di Dario

L impero persiano dalle origini al regno di Dario Indice: L impero persiano dalle origini al regno di Dario L impero persiano alla conquista della Grecia La Prima Guerra Persiana La Seconda Guerra Persiana L Atene di Pericle L impero persiano dalle origini

Dettagli

ILIADE. Prof.ssa Marcella Costato IC Cornate d Adda a.s.2006/07

ILIADE. Prof.ssa Marcella Costato IC Cornate d Adda a.s.2006/07 ILIADE 1 PERSONAGGI DELL ILIADE I PERSONAGGI DELL ILIADE SONO UOMINI E DEI, ABITANTI DELLA GRECIA E DI TROIA. GLI UOMINI, SONO ECCEZIONALI E HANNO QUALITA FUORI DAL COMUNE. ESSI SONO GUERRIERI VALOROSI

Dettagli

UN ANNO DI MUSICA CON IL MAESTRO GIUSEPPE VERDI

UN ANNO DI MUSICA CON IL MAESTRO GIUSEPPE VERDI UN ANNO DI MUSICA CON IL MAESTRO GIUSEPPE VERDI PERCORSO INTERDISCIPLINARE DI MUSICA TECNOLOGIA IMMAGINE ITALIANO STORIA Classi 4 C e 5 B a.s. 2013 /2014 Il 10 ottobre 2013 noi alunni di tutta la Scuola

Dettagli

ARTE MINOICA prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it. 4a. ARTE MINOICA CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

ARTE MINOICA prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it. 4a. ARTE MINOICA CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE 4a. ARTE MINOICA ALLE ORIGINI DELL ARTE GRECA La civiltà cretese (o minoica) e quella micenea prendono il nome dai principali centri di sviluppo: l isola di Creta (situata nel mar Egeo, fra la Grecia e

Dettagli

BRESCIA ROMANA. Ricostruzione di piazza del Foro.

BRESCIA ROMANA. Ricostruzione di piazza del Foro. BRESCIA ROMANA La città romana Se si pensa alle città romane, costruite su modello dell Urbe, non si può non pensare agli edifici che le accomunano tutte: il foro, la basilica, il capitolium, il teatro

Dettagli