Carta dei Servizi Sanitari. P r e s i d i o O s p e d a l i e r o d i R i c e r c a Roma

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Carta dei Servizi Sanitari. P r e s i d i o O s p e d a l i e r o d i R i c e r c a Roma"

Transcript

1

2 Carta dei Servizi Sanitari P r e s i d i o O s p e d a l i e r o d i R i c e r c a Roma Roma, Via Cassia 1167 Tel

3 INDICE Prefazione pag 1 Carta dei Servizi Sanitari 3 Quadro normativo di riferimento 5 Presentazione dell Istituto 6 Fini istituzionali 6 Amministrazione 7 Polo Scientifico-Tecnologico 8 Le Strutture Sanitarie presenti sul Territorio Nazionale 9 Principi fondamentali per l erogazione dei servizi 10 Presidio Ospedaliero di Ricerca Roma 12 Dov è e come si arriva al Presidio 14 Modalità d accesso 16 Area ambulatoriale 16 I

4 Area degenza pag 16 Notizie Utili 18 Dimissione 18 Permesso di uscita 18 Consenso informato 18 Certificato di ricovero e certificato di dimissione 19 Modalità di richiesta e ritiro copia della Cartella Clinica 19 Archivio Cartelle Cliniche 20 Attività Libero-Professionale 20 Orario dei visitatori 20 Schede informative Unità Operative Complesse e Semplici Dipartimentali 21 Dipartimento Geriatrico-Riabilitativo Geriatria 23 Cardiologia Riabilitativa 25 Oncologia/Centro di Ricerca Oncologica Geriatrica " 28 Dipartimento Geriatrico-Metabolico II

5 Malattie Metaboliche/Centro di Ricerca Problemi Metabolici nell Anziano pag 30 Tireopatie 32 Diagnostica per Immagini 34 Laboratorio Analisi 36 Servizi di interesse per l utente Direzione Medica di Presidio 39 Ufficio Infermieristico 40 Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP) 41 Direzione Amministrativa di Presidio 42 Centro Unico di Prenotazione (CUP) / Ufficio Ticket 43 Servizio di Assistenza Religiosa 45 Servizi di supporto e di comfort Servizio Parrucchieria/Barbiere 47 Servizio Pasti 47 Camera mortuaria 47 Fattori di qualità, standard, strumenti di verifica, Impegni e Programmi 51 III

6 Ricovero ospedaliero pag 53 Prestazioni ambulatoriali esterne 54 Impegni e Programmi 55 Regolamento delle procedure di reclamo 56 Informativa sul trattamento dei dati personali 60 Regolamentazione assistenza privata 63 Diritti e doveri dell utente malato 70 IV

7 PREFAZIONE La La Carta dei Servizi, che come ogni anno presentiamo, vuole rappresentare uno strumento chiaro, agile e di facile consultazione per i cittadini, finalizzato a creare e mantenere un contatto sempre più stretto e a fornire informazioni sui servizi offerti in modo da facilitarne l accesso. Con la Carta, infatti, vengono esplicitati gli impegni assunti dall Istituto nei confronti del pubblico; essa costituisce il mezzo tramite il quale comunicare e avvicinare l utenza, recependo i bisogni della collettività ed accogliendone il punto di vista. In questa funzione, sancisce quindi il patto tra l Istituto e le Comunità, esplicitando il livello di qualità garantito nei servizi erogati e gli impegni assunti. Ripartire dal cittadino, ribadendone la centralità, è la nostra dichiarazione di intenti, che implica una scelta qualitativa ed umana di grande spessore, così come quella di curare la persona malata e non la malattia, dando attenzione al paziente e alla propria famiglia. L INRCA persegue l obiettivo del miglioramento continuo della qualità attraverso il processo di certificazione. Questo processo comporta la continua definizione e revisione dei propri modelli organizzativi ed operativi sempre centrati sui bisogni dei pazienti e dei familiari. L istituto è stato 1

8 certificato nel 2009 e continua ogni anno il percorso di miglioramento e mantenimento degli standard qualitativi. La realizzazione della Carta dei Servizi si inserisce in questa filosofia: non è solo il frutto di un obbligo di legge, ma rappresenta la volontà di creare un Istituto amico, vicino al paziente anziano e attento a soddisfarne i bisogni considerandolo soggetto di cura e non oggetto di prestazioni. L anziano, i cui bisogni bio-psico-sociali e sanitari non possono essere soddisfatti al domicilio, allontanatosi dalla sua casa, dal suo ambiente abituale, sente in modo acuto come non mai, l assenza dei suoi familiari, delle persone a lui care. Nasce così in lui il bisogno di avere relazioni interpersonali significative; il nostro personale, accogliendolo, ascoltandolo, sostenendo le persone a lui care e spesso sostituendosi a loro, lo aiuta e lo rassicura. Per tali motivazioni il nostro Istituto aspira ad assumere un ruolo umano e sociale fondamentale che va oltre l aspetto sanitario e scientifico, poichè il senso etico che sta alla base della sua azione è incentrato non solo sull idea di curare, ma soprattutto su quella di prendersi cura, in senso complessivo, della persona in età geriatrica. Il Direttore Generale Dott. Giuseppe Zuccatelli 2

9 CARTA DEI SERVIZI SANITARI Ormai da anni é stato introdotto nel Servizio Sanitario Nazionale il principio secondo il quale é necessario migliorare il rapporto con il cittadino/utente, adeguando le prestazioni alle sue reali esigenze, non solo sanitarie in senso stretto, ma anche di tipo relazionale e di fruizione dei servizi. In tal senso la Carta dei Servizi approvata con D.P.C.M. del dal Ministero della Sanità costituisce un importante strumento in quanto é volto essenzialmente alla tutela dei diritti degli utenti, attribuendo loro la possibilità di momenti di controllo diretto sui servizi erogati e sulla loro qualità. La Carta contiene informazioni sulle prestazioni offerte e sulle modalità di accesso, sugli obiettivi posti dall azienda sanitaria, sui meccanismi di reclamo; pone in definitiva le condizioni per stabilire un nuovo rapporto tra amministrazioni pubbliche e cittadini, grazie al quale questi ultimi possono uscire dalla condizione di accettazione passiva di quanto è loro offerto. La Carta dei Servizi non é un semplice opuscolo informativo, ma un mezzo per consentire un confronto costruttivo tra chi eroga i servizi e chi ne usufruisce. E quindi uno strumento operativo che definisce diritti e doveri dell azienda e degli utenti. 3

10 In parole semplici la Carta dei Servizi vuole essere un contratto tra utenti e azienda sanitaria per fissare le regole di comportamento reciproco. Con la Carta dei Servizi il cittadino ha la possibilità di mettere a confronto le proprie necessità con i servizi assicurati ed esprimere osservazioni in merito; parallelamente la Direzione dell Istituto ha la possibilità di monitorare in maniera continuativa il funzionamento del sistema e, di conseguenza, intervenire il più precocemente possibile per affrontare e risolvere eventuali disservizi. Per assicurare la migliore informazione possibile il documento é periodicamente aggiornato. Con la sua stesura e diffusione l INRCA intende portare a conoscenza dei cittadini i suoi presidi sanitari, i servizi offerti, gli obiettivi prefissati. Si propone inoltre di rafforzare il già esistente rapporto di collaborazione per garantire la migliore qualità delle prestazione effettuate. Già da diversi anni l Istituto si sta impegnando per adeguarsi sempre più ai bisogni ed alle attese di chi accede alle sue strutture. Molte iniziative si sono realizzate, altre sono in corso o si stanno progettando in diversi settori: accoglienza, informazione, semplificazione delle procedure d accesso, miglioramento dei tempi di attesa per il ricovero e per le prestazioni ambulatoriali. Rimane ancora molto da fare, perché il percorso della qualità é un processo lungo e complesso. E comunque obiettivo dell Istituto impegnarsi affinché le risorse disponibili siano utilizzate al meglio per garantire un livello assistenziale ottimale. 4

11 QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO II principali riferimenti normativi relativi alla Carta dei Servizi sono: Legge 7 agosto 1990 n.241 Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e diritto di accesso ai documenti amministrativi. Tale norma ha dettato nuove regole per i rapporti tra i cittadini e l amministrazione. Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 27 gennaio 1994 Principi sull erogazione dei Servizi pubblici. Vengono qui individuati i principi cui deve essere uniformata l erogazione dei Servizi pubblici anche se svolti in regime di concessione o tramite convenzione, con particolare riferimento ai principi di eguaglianza, imparzialità, continuità, diritto di scelta, partecipazione, efficienza ed efficacia. Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri dell 11 ottobre 1994 Direttiva sui principi per l istituzione ed il funzionamento degli Uffici per le relazioni con il pubblico. Tale direttiva definisce i principi e le modalità per l istituzione ed il funzionamento degli Uffici per le Relazioni con il Pubblico di cui all art.12 del Decreto Legislativo 3 febbraio 1993 n.29, e successive integrazioni. Decreto legge 12 maggio 1995, n.163 convertito con la legge dell 11 luglio 1995 n.273 Misure urgenti per la semplificazione dei procedimenti amministrativi e per il miglioramento dell efficienza delle pubbliche amministrazioni. Tale legge prevede l adozione, da parte di tutti i soggetti erogatori di servizi pubblici, anche operanti in regime di concessione o mediante convenzione, di proprie Carte dei Servizi. Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 19 maggio 1995 Schema generale della Carta dei Servizi Pubblici Sanitari Legge 150 del 7 giugno 2000 Disciplina delle attività di informazione e di comunicazione delle pubbliche amministrazioni Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 31 ottobre 2001 Struttura di missione per la comunicazione e informazione ai cittadini 5

12 PRESENTAZIONE DELL ISTITUTO FINI ISTITUZIONALI L Istituto opera nel settore della tutela della salute della popolazione anziana e dello studio dei fenomeni legati all invecchiamento che nel nostro Paese rappresenta una dimensione di grande rilevanza. All INRCA è stato da poco riconosciuto il ruolo prestigioso di Coordinatore della Rete Nazionale di Ricerca sull Invecchiamento e la Longevità Attiva. Infatti, l INRCA è l unico Istituto di Ricerca (IRCCS) che nel nostro paese ha una missione specifica su tale ambito. Esso rappresenta un modello altamente innovativo per il ruolo che l Ente svolge e svolgerà, in un periodo storico come questo che vede nel progressivo invecchiamento della popolazione uno degli aspetti più eclatanti e sfidanti, contemporaneamente positivi e preoccupanti, di questa nostra società. Le problematiche gerontologiche e geriatriche della terza età vengono affrontate scientificamente e contribuiscono a migliorare e ad arricchire l attività assistenziale svolta nelle diverse sedi dell Ente. 6

13 AMMINISTRAZIONE Via S. Margherita, Ancona, Tel Fax Direttore Generale Dr. Giuseppe Zuccatelli Direttore Scientifico Dr.ssa Fabrizia Lattanzio Direttore Sanitario Dr. Claudio Maffei Direttore Amministrativo Dr. Luigi Leonarduzzi 7

14 POLO SCIENTIFICO-TECNOLOGICO Via Birarelli, Ancona, Tel Fax Centri e Laboratori di Ricerca Neurobiologia dell invecchiamento Patologia clinica e terapia innovativa Ricerca Traslazionale Nutrizione e invecchiamento Tecnologie avanzate sull invecchiamento Bioenergetica cellulare Bioinformatica, Bioingegneria e Domotica Corretti stili di vita nell anziano Disturbi del Metabolismo nell invecchiamento. Via S. Margherita, Ancona, Tel Fax Centri e Laboratori di Ricerca Aspetti psico-sociali dell invecchiamento Ricerca socio-economica e modelli assistenziali per l anziano Longevità e rapporti con il terzo settore Sistemi socio-sanitari e le politiche di welfare per anziani. 8

15 LE STRUTTURE SANITARIE PRESENTI SUL TERRITORIO NAZIONALE 9

16 PRINCIPI FONDAMENTALI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI La Carta dei Servizi attua i principi sull erogazione dei servizi pubblici contenuti nella direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 27 gennaio 1994, in base ai quali l assistenza è prestata nel rispetto di: eguaglianza. Le regole sono uguali per tutti a prescindere da sesso, razza, lingua, religione e opinioni politiche; imparzialità. Nelle prestazioni assistenziali l Istituto garantisce comportamenti ispirati a criteri di obiettività, giustizia ed imparzialità; continuità. L erogazione dei servizi deve essere senza interruzioni. Nel caso di irregolare funzionamento dovuto a cause di forza maggiore saranno assunte misure idonee al fine di produrre il minor danno possibile; diritto di scelta. Tale diritto rientra in quello della libertà personale ed in quello della libera circolazione del cittadino, il quale può scegliere di essere curato ovunque sul territorio nazionale compatibilmente con la normativa vigente; partecipazione. L Istituto é tenuto ad attivare iniziative che favoriscano il coinvolgimento dei 10

17 cittadini, in particolare nei momenti di valutazione degli interventi ad essi destinati, per verificare la capacità degli stessi di soddisfarne le esigenze. Gli utenti hanno inoltre il diritto di avanzare reclami, suggerimenti e proposte, nonché di essere informati sullo stato di salute e sulle prestazioni che vengono loro erogate; efficacia ed efficienza. I servizi devono essere erogati in modo da garantire l efficacia, come rapporto tra risorse impiegate e risultati raggiunti e l efficienza, come rapporto tra risorse impiegate e risultati attesi. 11

18 PRESIDIO OSPEDALIERO DI RICERCA ROMA L INRCA, in quanto Istituto a Carattere Scientifico, svolge attività di ricerca ed assistenza. Questi due settori strettamente connessi caratterizzano e rendono specifici i servizi erogati, che sono rivolti prevalentemente agli anziani secondo i fini istituzionali dell Ente. Le nuove esigenze di questa fascia di popolazione, che assume sempre più rilevanza per consistenza demografica e per i problemi socio-sanitari legati all invecchiamento, hanno portato a riprogrammare l attività dell Istituto nel suo complesso e quindi anche del Presidio Ospedaliero di Ricerca di Roma. Si è perciò avviato un processo di cambiamento, caratterizzato da una forte spinta verso un preciso indirizzo: quello della Disabilità Geriatrica. La salute dell anziano infatti è definita in termini di capacità funzionali più che dall elenco delle malattie di cui un soggetto è portatore. L Istituto quindi ha creato un Dipartimento geriatrico-riabilitativo polifunzionale per l acuzie comprensivo della funzione di cardiologia e oncologia attraverso una migliore organizzazione della degenza ordinaria e breve (week hospital) integrando le U.O. preesistenti e potenziando l offerta in regime diurno. E parte integrante dell U.O. di geriatria il modulo polifunzionale per la 12

19 sub-post acuzie rivolto a pazienti con necessità di assistenza e riabilitazione a lungo termine, integrato dai servizi residenziali e domiciliari disponibili sul territorio. L acuzie è completata con il Dipartimento geriatrico-metabolico. Il Presidio Ospedaliero ha una disponibilità di 91 posti letto di cui 20 in regime di day hospital, e consente di affrontare a livello multidisciplinare e interdisciplinare la polipatologia e comorbilità, che caratterizzano l età geriatrica, e le disabilità polifattoriali e le loro complicanze. 13

20 DOV É E COME SI ARRIVA AL PRESIDIO Il Presidio Ospedaliero è situato nella zona Nord di Roma, Via Cassia 1167 a 500 metri dallo svincolo del Grande Raccordo Anulare Auto: Autobus: ci si arriva agevolmente dalla Strada Statale Cassia o dal G.R.A - uscita n.3 Cassia (Direzione Viterbo) Chi arriva in automobile è pregato di usare gli appositi parcheggi nell'area adiacente all Istituto. Ai pazienti con problemi di deambulazione è consentito farsi accompagnare in auto all'interno della struttura, rivolgendosi agli Operatori del Centralino per le richieste del permesso auto. si possono utilizzare le linee n.201 e 223 ATAC che hanno la fermata a 200 metri dall'ingresso della struttura. 14

21 15

22 MODALITÀ DI ACCESSO Area Ambulatoriale Procedura di prenotazione visite E possibile effettuare prenotazioni telefonando al servizio RECUP tramite il numero verde oppure recandosi direttamente presso gli sportelli del Presidio con richiesta del medico di medicina generale o dello specialista. Il giorno stabilito occorre presentarsi muniti della tessera sanitaria e delle eventuali esenzioni. Per disdire appuntamenti telefonare almeno 48 ore prima indicando i propri dati e l orario dell appuntamento. Documenti necessari per la prenotazione Impegnativa regionale rilasciata dal medico di base o dallo specialista (anche all atto della prenotazione telefonica RECUP) Tessera di esenzione per coloro che ne sono in possesso Tessera sanitaria Area Degenza Le prestazioni di ricovero sono erogate con le seguenti modalità: 16

23 Ricovero ordinario Il Presidio Ospedaliero garantisce, tramite il ricovero programmato, il percorso diagnostico - terapeutico per le patologie medico-internistiche e specialistiche. Modalità di attivazione: Il paziente presenta la richiesta, di norma formulata dal proprio medico di famiglia o da uno specialista dell'istituto o del S.S.N. all'accettazione che, valutata la necessità del ricovero, provvede all'inserimento del nome del paziente in un apposito registro delle prenotazioni. Ricovero ordinario a ciclo diurno (Day-Hospital) La struttura garantisce il ricovero a ciclo diurno per tutte le prestazioni diagnostiche e terapeutiche erogabili con questa modalità. Il ricorso a tali prestazioni consente di ridurre i periodi di degenza e favorisce il rapido reinserimento nel proprio contesto sociale e abitativo. Modalità di attivazione: Il ricovero è attivato su richiesta del medico curante, di base o specialista previa validazione del Responsabile dell'unità Operativa del Day-Hospital. 17

24 NOTIZIE UTILI Dimissione Al momento della dimissione viene rilasciata al paziente una relazione contenente le informazioni cliniche relative al ricovero e lo schema terapeutico (lettera di dimissione). Permesso di uscita In caso di eccezionali ed inderogabili esigenze al paziente può essere rilasciato un permesso di uscita dall ambiente ospedaliero. Il permesso deve essere rilasciato dal Responsabile dell U.O. laddove non siano rilevate controindicazioni cliniche e deve essere utilizzate nell arco della giornata. Consenso informato Il paziente viene esaurientemente informato dal medico sulle indagini diagnostiche e procedimenti terapeutici che si ritiene necessario attuare, sui rischi connessi alle stesse e sui trattamenti alternativi. Se il paziente acconsente ai trattamenti proposti dovrà apporre la propria firma sull apposito modulo di consenso informato. Tale modulo sarà allegato alla cartella clinica. 18

25 Certificato di ricovero e certificato di dimissione I certificati vengono rilasciati dal medico dell U.O. in cui si è ricoverati. Modalità di richiesta e di ritiro della copia della cartella clinica Il paziente può richiedere la copia della cartella clinica rivolgendosi, direttamente o tramite persona da lui delegata, nei termini previsti dalla legge con delega all Ufficio Archivio Cartelle Cliniche. E possibile farsi spedire tramite posta celere a domicilio ( 20.33) la copia della cartella clinica o ritirarla personalmente presso l Archivio Cartelle Cliniche ( 10.33). Per il ritiro è necessario presentare un documento di identità valido. Il tempo di consegna è entro 30 giorni dal momento della richiesta. Eventuali ritardi sono generalmente legati alla complessità di alcuni esami, che richiedono tempi di refertazione più lunghi. Prima del ritiro assicurarsi della disponibilità della documentazione, telefonando negli orari sottoindicati. In caso di documentazione clinica di soggetto incapace, la cartella clinica può essere consegnata solo agli esercenti la patria potestà (o ai loro delegati) ed ai tutori, muniti di adeguata documentazione legale. Il ritiro della cartella clinica di persona deceduta può essere effettuato solo dagli eredi legittimi muniti di adeguata documentazione legale (autocertificazione, atto sostitutivo di notorietà). In caso di esami in cui non è possibile una consegna immediata del referto, il personale del servizio consegna all interessato un modulo con la data per il ritiro dell esito dell esame effettuato. 19

26 Archivio Cartelle Cliniche Orario dal Lun al Sab 08:00-13:00 Tel Fax (Dir. Medica) Attività Libero-Professionale Nelle strutture sanitarie dell INRCA è stata attivata la libera professione dei medici e del personale sanitario laureato. La libera professione è un ulteriore possibilità per il cittadino in quanto può richiede liberamente, ad un professionista di sua scelta, le prestazioni, sia in regime ambulatoriale che di ricovero. Questa possibilità non contrasta con le attività istituzionali del Presidio Ospedaliero. I nomi dei professionisti coinvolti in tale attività, le sedi operative, gli orari e le relative tariffe sono disponibili presso l Ufficio Ticket e l Accettazione Amministrativa. Orario dei Visitatori Considerata l età avanzata di gran parte dei ricoverati, non ci sono limiti rigidi all orario di visita ai degenti; è vietato l accesso alle U.O. solo durante la visita medica. I minori possono far visita ai degenti, ma, se di età inferiore ai dodici anni, devono essere accompagnati da un adulto che ne è responsabile. 20

27 SCHEDE INFORMATIVE Dipartimento Geriatrico-Riabilitativo Unità Operative Complesse Geriatria Cardiologia Riabilitativa Oncologia/Centro di Ricerca Oncologica geriatrica Dipartimento Geriatrico-Metabolico Unità Operative Complesse Malattie Metaboliche/Centro di Ricerca Problemi Metabolici nell Anziano Unità Operative Semplici Dipartimentali Tireopatie 21

28 Diagnostica per Immagini Laboratorio Analisi Servizi di Interesse per gli Utenti Direzione Medica di Presidio, Ufficio Infermieristico, Ufficio Relazioni con il Pubblico URP, Direzione Amministrativa di Presidio, Centro Unico Prenotazioni / Ufficio Ticket, Servizio Assistenza Religiosa 22

29 Geriatria Dipartimento Geriatrico-Riabilitativo Collocazione Piano Terra. Descrizione attività L U.O.C. di Geriatria offre al paziente anziano un continuum assistenziale che risponda alle sue diverse esigenze e garantisca la continuità di cure nel tempo. Caratteristica del servizio è la presa in carico integrata degli anziani fragili o complessi, la metodica di base è la valutazione multidimensionale, la finalità è la prevenzione o il recupero della disabilità. La struttura si articola quindi in un U.O. di degenza ordinario, un Day Hospital Geriatrico, un Ambulatorio per la continuità assistenziale e l integrazione socio sanitaria ed una Unità Valutativa Alzheimer. Campi di particolare studio ed interesse sono la prevenzione e cura delle patologie cardiovascolari, cerebrovascolari e dell osteporosi senile, la valutazione e l assistenza delle malattie degenerative neurologiche quali il Morbo di Parkinson o di Alzheimer o le altre forme di demenza. 23

30 Posti letto Organico Responsabile Medici Coordinatore Infermieristico 18 di degenza ordinaria, 4 di Day-Hospital L. Cipriani A. Assisi, G. Di Niro, W. Gianni, Manigrassao, A. Scuteri E. Tancredi Orari Colloquio i Medici a richiesta dell utente Colloquio Coordinatore Infermieristico feriali dopo le 11:30 Visita medica ai degenti 09:30-12:00 Visita dei familiari ai degenti tutti i giorni 15:00-19:00 Gio e Dom 10:30-11:30 Distribuzione Pasti colazione 08:00-08:30 pranzo 12:00-12:30 cena 18:00-18:30 Contatti Tel

31 Cardiologia Riabilitativa Dipartimento Geriatrico-Riabilitativo Collocazione Primo Piano. Descrizione attività L U.O. eroga tutte le principali prestazioni connesse alla diagnosi e cura delle cardiopatie dell anziano. Particolare interesse assistenziale e scientifico è dedicato allo studio dei fattori di rischio cardiovascolari come l ipertensione arteriosa, le dislipidemie ed importanti patologie dell anziano come lo scompenso cardiaco, aritmie cardiache e cardiopatia ischemica, aterosclerosi. L U.O. sta sviluppando percorsi di riabilitazione per lo svolgimento di cicli nei diversi regimi assistenziali (ricovero, Day-Hospital, ambulatorio). Le strutture ambulatoriali dell U.O. sono costituite da: Ambulatorio cardiologico, visite, controlli tutti i giorni dalle 08:00 alle 13:00. 25

32 Day Service, PAC ipertensione e scompenso cardiaco Centro per l ipertensione: visite il lun dalle 10:00 alle 12:00 Ambulatorio per lo scompenso cardiaco Ambulatorio di Angiologia Laboratori di Ecocardiografia, Ergometria. All U.O. afferisce anche il Centro di Telemedicina. Da un punto di vista assistenziale, tra le varie patologie cardiovascolari, l U.O. si pone come centro di riferimento in particolare per il trattamento dello scompenso cardiaco, della fibrillazione atriale e delle aritmie dell anziano. Posti letto Organico Responsabile f.f. Medici Coordinatore Infermieristico Infermieri, OTA, OSS 26 di Degenza Cardiologica, 4 Day Hospital M. Cangelosi E. Cicone, F. Ciucci, D. Del Sindaco, E. Nevola, L. Sgorbini A. Palumbo 26

33 Orari Colloquio i Medici Gio 12:00-13:00 Colloquio con il Coord. Infermieristico tutti i giorni 08:00-13:00 Visita medica ai degenti tutti i giorni esclusi i festivi dalle 09:00 Visita dei familiari ai degenti tutti i giorni 15:00-17:00 Gio e festivi 10:30-11:30 Distribuzione Pasti colazione 08:00-08:30 pranzo 12:00-12:30 cena 18:00-18:30 Contatti Tel. 06, Fax (Direzione Medica) 27

34 Oncologia/Centro di Ricerca Oncologica Geriatrica Dipartimento Geriatrico-Riabilitativo Collocazione Terzo Piano. Descrizione attività L U.O. è dotata di degenza diurna (Day-Hospital) per l esecuzione di esami diagnostici, di terapie infusionali antiblastiche e terapie nutrizionali e di supporto. Svolge altresì attività ambulatoriale per visite oncologiche e di prevenzione con erogazione di prestazioni ambulatoriali complesse (PAC). Posti letto Organico Direttore Medici 4 di Day-Hospital L. Repetto M. Raffaele 28

35 Coordinatore Infermieristico f.f. Infermieri, OSS G. Pinna Moodalità di accesso L accesso alla U.O. avviene con prenotazione di visita ambulatoriale oncologica tramite RECUP o telefonando al Orari Colloquio i Medici dal Lun al Ven 11:00-13:00 Colloquio con il Coord. Infermieristico dal Lun al Ven 08:30-10:00 Distribuzione Pasti colazione 08:00 pranzo 12:00 Contatti Tel. 06, Fax (Direzione Medica) 29

36 Malattie Metaboliche/Centro di Ricerca Problemi Metabolici nell Anziano Dipartimento Geriatrico-Metabolico Collocazione Secondo Piano. Descrizione attività Ricovero per diagnosi e terapia delle malattie endocrine e metaboliche dell anziano, con particolare riferimento a: obesità invalidante, sindrome metabolica, ipoglicemia recidivante di verosimile origine organica, diabete mellito complicato, tireotossicosi in fase acuta, osteporosi di verosimile genesi endocrina. Posti letto 14 di degenza ordinaria, 4 di DH e 2 di Week Hospital 30

37 Organico Direttore Medici Coordinatore Infermieristico Infermieri, OTA F. Strollo A. Ciarmatori, M. Morè. A. Apostoli Orari Colloquio i Medici Lun e Giov 12:00-13:00 Colloquio con il Coord. Infermieristico Mar e Ven 12:00-13:00 Visita medica ai degenti 09:00-12:00 Visita dei Familiari ai degenti tutti i giorni 15:00-17:00 Gio e Festivi 10:30-11:30 Distribuzione Pasti colazione 08:00-08:30 pranzo 12:00-12:30 cena 18:00-18:30 Contatti Tel. 06, Fax (Direzione Medica) 31

38 Tireopatie Dipartimento Geriatrico-Metabolico Collocazione Piano S1. Descrizione attività L attività è rivolta a pazienti affetti da malattie della tiroide sia in regime di Day-Service sia in regime ambulatoriale. Si effettuano visite, consulenze, ecografie e procedure diagnostiche/terapeutiche con F.N.A. (Esame citologico con ago sottile in ecoguida) E prevista attività ambulatoriale per il Follow-up di pazienti affetti da carcinoma della tiroide. Le prenotazioni si effettuano in Sede e/o tramite RECUP. Organico Responsabile F. Maceli 32

39 Medici Infermiere L. Bollanti S. Di Paolo Orari Apertura 07:00-15:00 Lun 13:00-20:00 Contatti Tel. / Fax

40 Diagnostica per Immagini Dipartimento Geriatrico-Metabolico Collocazione Piano S2. Descrizione attività Si effettuano esami di: Radiologia convenzionale Mammografia Mineralografia Ossea Computerizzata (MOC) Ecografia Radiologia Medico-Legale Le prenotazioni degli esami in regime ambulatoriale ed in libera professione sono prenotabili al Centro Unico Prenotazioni (CUP). 34

41 Organico Direttore Medici Coordinatore TRSM TSRM Inf. Generica e Personale Amm. A. Fileni S. Campagnano, S. Greco, G. Galletti R. Ferrara G. Ligotti, F. Di Pietro Orari Esami radiologici dal Lun al Sab 08:00-14:00 Esami ecografici dal Lun al Ven 08:00-20:00 Sab 08:00-14:00 Contatti Tel Fax (Direzione Medica) 35

42 Laboratorio Analisi Dipartimento Geriatrico-Metabolico Collocazione Piano S2. Descrizione attività Il Laboratorio Analisi si configura come struttura ad organizzazione complessa con tecnologie avanzate e competenze multidisciplinari: fornisce prestazioni interne ed ambulatoriali nonchè consulenze su percorsi diagnostici specialistici; dispone di risorse professionali, tecnologiche e organizzative, commisurate al grado di complessità delle attività svolte; svolge attività scientifica accanto al servizio diagnostico. Gli indirizzi del Laboratorio sono in linea con la missione dell'istituto e sono cosi sintetizzate: la medicina di laboratorio al servizio della diagnosi delle polipatologie dell'anziano e della 36

43 prevenzione della disabilità. Si articola nelle sezioni di: Biochimica-Clinica, Ematologia-Coagulazione, Batteriologia, Biologia molecolare, Radioimmunologia, Immunopatologia, Immunochimica, Elettroforesi. Organico Direttore Medici-Biologi Coordinatore TSLB Tecnici di Lab., Operatore Tecnico M. Gaudio M. Giulietti D. Pizzabiocca, C. Salvi S. Mariani Orari Servizio Prelievi dal Lun al Sab 08:00-14:00 Laboratorio Analisi dal Lun al Sab 08:00-20:00 Colloquio con i medici dal Lun al Sab 17:00-18:00 37

44 Contatti Tel. 076, Fax (Direzione Medica) 38

45 SERVIZI DI INTERESSE PER GLI UTENTI Direzione Medica di Presidio Collocazione Piano Terra. Descrizione attività La Direzione Medica di Presidio ha molteplici funzioni nella guida della struttura, soprattutto in merito agli aspetti igienico-sanitari, all organizzazione del personale ed ai rapporti con gli utenti. E responsabile dell accettazione sanitaria dei pazienti per le prestazioni di ricovero ed ambulatoriali, controlla la regolare applicazione delle tariffe delle prestazioni sanitarie, rilascia copia delle cartelle cliniche ed ogni altra certificazione sanitaria. Organico e Recapiti Direttore R. Radicioni 39

Servizio Specialistico Ambulatoriale

Servizio Specialistico Ambulatoriale Servizio Specialistico Ambulatoriale Ospedale privato Villa Igea Mission Il nostro impegno è quello di fornire, nel rispetto della persona, servizi e prestazioni sanitarie appropriate, efficaci e sicure,

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELLA RSA

CARTA DEI SERVIZI DELLA RSA CARTA DEI SERVIZI DELLA RSA NOTA DI ACCOGLIENZA Gentile Signora, Gentile Signore, con la presente Le vogliamo fornire una Guida che Le sia di aiuto per orientarsi e conoscere la Struttura Sanitaria alla

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIRITTI E DOVERI DEL CITTADINO UTENTE SANO E MALATO DELL AZIENDA SANITARIA LOCALE 14

REGOLAMENTO DEI DIRITTI E DOVERI DEL CITTADINO UTENTE SANO E MALATO DELL AZIENDA SANITARIA LOCALE 14 REGOLAMENTO DEI DIRITTI E DOVERI DEL CITTADINO UTENTE SANO E MALATO DELL AZIENDA SANITARIA LOCALE 14,1752'8=,21( ),1$/,7$ '(/5(*2/$0(172 Il presente regolamento ha la finalità di richiamare le norme generali

Dettagli

A.S.P. CASA di RIPOSO SAN GIUSEPPE Azienda di Servizi alla Persona Largo della Vittoria, 20 26031 Isola Dovarese (CR)

A.S.P. CASA di RIPOSO SAN GIUSEPPE Azienda di Servizi alla Persona Largo della Vittoria, 20 26031 Isola Dovarese (CR) A.S.P. CASA di RIPOSO SAN GIUSEPPE Azienda di Servizi alla Persona Largo della Vittoria, 20 26031 Isola Dovarese (CR) REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CAMERA MORTUARIA DELLA A.S.P. CASA DI RIPOSO SAN GIUSEPPE

Dettagli

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE CENTRO DI TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE Direttore: dott. Marco Bertolotto LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE Le Cure Palliative forniscono il sollievo dal dolore e da altri gravi

Dettagli

UNITÀ OPERATIVA RIABILITAZIONE SCLEROSI MULTIPLA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE

UNITÀ OPERATIVA RIABILITAZIONE SCLEROSI MULTIPLA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE UNITÀ OPERATIVA RIABILITAZIONE SCLEROSI MULTIPLA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE 1/7 Premessa Il Dipartimento di Neuroscienze ha come obiettivo la prevenzione, la diagnosi, la cura, la riabilitazione e la

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina gli interventi diretti alla tutela della privacy in ambito sanitario. Esso si attiene alle disposizioni

Dettagli

Servizio Sanitario Nazionale Regione Calabria AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE RC. OSPEDALE DI L O C R I (R.C.)

Servizio Sanitario Nazionale Regione Calabria AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE RC. OSPEDALE DI L O C R I (R.C.) Servizio Sanitario Nazionale Regione Calabria AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE RC. OSPEDALE DI L O C R I (R.C.) Dipartimento Materno Infantile Struttura Operativa Complessa di OSTETRICIA E GINECOLOGIA CARTA

Dettagli

Servizio di Radiologia

Servizio di Radiologia Servizio di Radiologia Ospedale privato Villa Igea Mission Il nostro impegno è quello di fornire, nel rispetto della persona, servizi e prestazioni sanitarie appropriate, efficaci e sicure, attraverso

Dettagli

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE DOVE ANDARE PER cominciare un percorso oncologico, prenotare una visita CENTRO ACCOGLIENZA E SERVIZI (CAS): Ospedale U. Parini, blocco D, piano -1 È la struttura dedicata

Dettagli

DOMANDA DI AMMISSIONE NELLA RESIDENZA PER ANZIANI APSP CENTRO PER ANZIANI FIÈ ALLO SCILIAR

DOMANDA DI AMMISSIONE NELLA RESIDENZA PER ANZIANI APSP CENTRO PER ANZIANI FIÈ ALLO SCILIAR DOMANDA DI AMMISSIONE NELLA RESIDENZA PER ANZIANI APSP CENTRO PER ANZIANI FIÈ ALLO SCILIAR Indirizzo: Via Kartatscher n 2 39050 Fiè allo Sciliar Telefono: 0471/725033 Indirizzo e-mail: altersheim@gemeinde.voels.bz.it

Dettagli

REV. 1 del 19/05/2014

REV. 1 del 19/05/2014 CARTA DEI SERVIZI REV. 1 del 19/05/2014 Gentile Signore/ Signora, il documento che Lei sta leggendo è la nostra Carta dei Servizi. Si tratta di un documento importante che Le permette di conoscere la nostra

Dettagli

CARTA dei SERVIZI. di Cure Domiciliari della coop.

CARTA dei SERVIZI. di Cure Domiciliari della coop. CARTA dei SERVIZI di Cure Domiciliari della coop. 1 La carta dei servizi costituisce un importante punto di riferimento per l utente che può conoscere agevolmente i servizi e le loro modalità di erogazione.

Dettagli

Carta dei Servizi del Ser.T. di Rho Indice

Carta dei Servizi del Ser.T. di Rho Indice Carta dei Servizi del Ser.T. di Rho Indice 1. Definizione 2. Status giuridico 3. Principi 4. Diritti dei cittadini e doveri degli operatori 5. Stili di lavoro 6. Possesso dei requisiti: standard gestionali,

Dettagli

O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte. ..Tornando a casa

O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte. ..Tornando a casa Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a..tornando a casa Gentile Sig. / Sig.ra, sta per tornare a casa dopo un periodo di ricovero presso la nostra Struttura

Dettagli

CARTA SERIVIZI Siena, 07/01/2014

CARTA SERIVIZI Siena, 07/01/2014 A.G.I. Medica srl Poliambulatorio A.G.I. Medica Viale Toselli 94 Siena CARTA SERIVIZI Siena, 07/01/2014 Pagina 1 di 6 Chi siamo Il POLIAMBULATORIO A.G.I. Medica, gestito dalla società A.G.I. Medica srl,

Dettagli

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI per servizio di ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA REVISIONI N. Descrizione Data 0 Redazione documento 20 giugno 2012 1 Pagina 6, modifica prima riga 15

Dettagli

Carta dei servizi Dell ufficio Relazioni con il pubblico

Carta dei servizi Dell ufficio Relazioni con il pubblico Allegato parte integrante - 1 Direzione Organizzazione Sistemi informativi Telematica Servizio Comunicazione educazione alla sostenibilità e strumenti di partecipazione Carta dei servizi Dell ufficio Relazioni

Dettagli

Consultorio Familiare Luisa Riva

Consultorio Familiare Luisa Riva Consultorio Familiare Luisa Riva Privato Accreditato Autorizzazione ASL Milano con delibera n 92 del 31 Gennaio 2012 Accreditamento Reg. Lombardia con delibera 3286 del 18 Aprile 2012 C.F. 01401200157

Dettagli

Via Bellini, 29-21019 Somma Lombardo (VA) Tel e Fax 0331250152 - E-mail: anzianisomma@tin.it L AZIENDA DEI SERVIZI ALLA PERSONA IL GIRASOLE

Via Bellini, 29-21019 Somma Lombardo (VA) Tel e Fax 0331250152 - E-mail: anzianisomma@tin.it L AZIENDA DEI SERVIZI ALLA PERSONA IL GIRASOLE Via Bellini, 29-21019 Somma Lombardo (VA) Tel e Fax 0331250152 - E-mail: anzianisomma@tin.it CONTRATTO D INGRESSO R.S.A. DGR. 3540/2012 Vista la richiesta relativa all inserimento del Sig./Sig. ra nato/

Dettagli

Day Hospital Psichiatrico

Day Hospital Psichiatrico Day Hospital Psichiatrico Ospedale privato Villa Igea Mission Il nostro impegno è quello di fornire, nel rispetto della persona, servizi e prestazioni sanitarie appropriate, efficaci e sicure, attraverso

Dettagli

L Hospice fa parte della Rete Ligure di Cure Palliative ed è integrato con tutti i reparti e i servizi dell ASL.

L Hospice fa parte della Rete Ligure di Cure Palliative ed è integrato con tutti i reparti e i servizi dell ASL. L Hospice è una struttura dell ASL 1 Imperiese che accoglie prevalentemente pazienti con tumore in fase avanzata o terminale che necessitano di cure palliative di livello specialistico o che non possono

Dettagli

PRINCIPI FONDAMENTALI

PRINCIPI FONDAMENTALI INTRODUZIONE La carta dei servizi è un documento che le aziende operanti nel settore dei servizi di trasporto pubblico sono tenute ad adottare in attuazione dell art. 2, comma 2 della Legge 11/07/1995

Dettagli

Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI

Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 93 del 22/12/2014 INDICE 1. I servizi domiciliari nel Sistema integrato sociale, socio-sanitario

Dettagli

Semiresidenza psichiatrica il Sole

Semiresidenza psichiatrica il Sole Semiresidenza psichiatrica il Sole Ospedale privato Villa Igea Mission Il nostro impegno è quello di fornire, nel rispetto della persona, servizi e prestazioni sanitarie appropriate, efficaci e sicure,

Dettagli

guida ai servizi di psichiatria adulti

guida ai servizi di psichiatria adulti Dipartimento di Salute Mentale guida ai servizi di psichiatria adulti del Dipartimento di Salute Mentale Copia Prodotta Internamente dal Servizio Informazione e Comunicazione Ausl Imola Luglio 2005 Suggerimenti,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

Questa Carta dei Servizi è di proprietà delle Essepienne SpA. Sono vietate distribuzioni e fotocopie non espressamente autorizzate

Questa Carta dei Servizi è di proprietà delle Essepienne SpA. Sono vietate distribuzioni e fotocopie non espressamente autorizzate Questa è di proprietà delle Essepienne SpA. Sono vietate distribuzioni e fotocopie non espressamente autorizzate Pag. 2 di 13 PRESENTAZIONE DELL AZIENDA E PRINCIPI FONDAMENTALI Messaggio ai Clienti Cos

Dettagli

chiede l'ammissione nella reidenza per anziani.

chiede l'ammissione nella reidenza per anziani. Domanda di amissione nella residenza per anziani (prego mettere una croca) Casa di riposo Ortisei Via stazione 3-39046 Ortisei/Val Gardena Tel.: 0471 796 519 e-mail: casadiriposo.ortisei@ccsaltosciliar.it

Dettagli

IL QUADRO LEGISLATIVO

IL QUADRO LEGISLATIVO CAPITOLO TERZO IL QUADRO LEGISLATIVO 1. LA COSTITUZIONE Le leggi riportate in questo capitolo sono ordinate in senso cronologico per meglio mettere in evidenza la crescente sensibilità del legislatore

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

S.C. PRONTO SOCCORSO Medicina d Urgenza e OSSERVAZIONE BREVE INTENSIVA Direttore Dr Roberto Lerza

S.C. PRONTO SOCCORSO Medicina d Urgenza e OSSERVAZIONE BREVE INTENSIVA Direttore Dr Roberto Lerza Dipartimento di Emergenza e Accettazione S.C. PRONTO SOCCORSO Medicina d Urgenza e OSSERVAZIONE BREVE INTENSIVA Direttore Dr Roberto Lerza Ospedale San Paolo di Savona Guida ai Servizi Tel. 019 8404963/964

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

Progetto co-finanziato da MINISTERO DELL INTERNO UNIONE EUROPEA. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi L OSPEDALE IN TASCA

Progetto co-finanziato da MINISTERO DELL INTERNO UNIONE EUROPEA. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi L OSPEDALE IN TASCA Progetto co-finanziato da UNIONE EUROPEA MINISTERO DELL INTERNO Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi H L OSPEDALE IN TASCA 1 INDICE Il Pronto Soccorso Il ricovero in ospedale Le

Dettagli

La domanda di ammissione viene inoltrata per la seguente persona (richiedente)

La domanda di ammissione viene inoltrata per la seguente persona (richiedente) Domanda di ammissione nella residenza per anziani Fondazione Casa di Riposo Lorenzerhof APSP Indirizzo via Ausserdorfer 3_- 39011 Lana Telefono segreteria: 0473/567567 responsabile tecnico assistenziale:

Dettagli

INFORMATIVA SUL SERVIZIO CONTO CORRENTE SALUTE (ai sensi dell Art. 13 Dgls 196/2003, Codice in materia di protezione di dati personali)

INFORMATIVA SUL SERVIZIO CONTO CORRENTE SALUTE (ai sensi dell Art. 13 Dgls 196/2003, Codice in materia di protezione di dati personali) INFORMATIVA SUL SERVIZIO CONTO CORRENTE SALUTE (ai sensi dell Art. 13 Dgls 196/2003, Codice in materia di protezione di dati personali) Gentile Signora / Gentile Signore, desideriamo informarla sulle finalità

Dettagli

DOMANDA DI BORSA DI STUDIO A. S. 2014/2015 (art. 4 L.R. n. 26/2001)

DOMANDA DI BORSA DI STUDIO A. S. 2014/2015 (art. 4 L.R. n. 26/2001) DOMANDA DI BORSA DI STUDIO A. S. 2014/2015 (art. 4 L.R. n. 26/2001) SCADENZA PRESENTAZIONE 22 MAGGIO 2015 ORE 12,00 DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE A NORMA DEL D.P.R. 445/00 Il/La sottoscritto/a

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA SOCIO SANITARIA (S.A.D.I.S.)

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA SOCIO SANITARIA (S.A.D.I.S.) REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA SOCIO SANITARIA (S.A.D.I.S.) Approvato con delibera del Commissario Straordinario n.14del 26/02/2010 PREMESSA L'A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata)

Dettagli

CRITERI GENERALI SUL TRATTAMENTO DEI RECLAMI DELLE SEGNALAZIONI E DEI SUGGERIMENTI NEL COMUNE DI SANTADI

CRITERI GENERALI SUL TRATTAMENTO DEI RECLAMI DELLE SEGNALAZIONI E DEI SUGGERIMENTI NEL COMUNE DI SANTADI CRITERI GENERALI SUL TRATTAMENTO DEI RECLAMI DELLE SEGNALAZIONI E DEI SUGGERIMENTI NEL COMUNE DI SANTADI ART. 1 FINALITA E OBIETTIVI Il Comune di Santadi con le seguenti modalità gestionali intende riconoscere

Dettagli

ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA. Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015

ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA. Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015 Regione Campania ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA di TEANO Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015 GUIDA AI SERVIZI OSPEDALE DI COMUNITÀ DI TEANO (OdC) Premessa L Ospedale di Comunità di Teano è una struttura

Dettagli

San Raffaele Tuscolana. Carta dei Servizi

San Raffaele Tuscolana. Carta dei Servizi San Raffaele Tuscolana Carta dei Servizi 2015 Presentazione La Carta dei Servizi ha l intento di far conoscere le attività ed i servizi messi a disposizione dal nostro Centro e le modalità per accedervi.

Dettagli

Domanda di ammissione nella Residenza per Anziani

Domanda di ammissione nella Residenza per Anziani Timbro di entrata Domanda di ammissione nella Residenza per Anziani Per motivi di semplicità questo documento è tenuto in mascolino. Si avverte espressamente che nella Fondazione Sarentino donne e maschi

Dettagli

MA 28. DAI NEUROSCIENZE UOC di PSICHIATRIA du Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE. Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 7. pag.

MA 28. DAI NEUROSCIENZE UOC di PSICHIATRIA du Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE. Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 7. pag. pag. 7 DAI NEUROSCIENZE UOC di PSICHIATRIA du Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 7 Inserire eventuali altri loghi appartenenti all UO (es. Università,

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P I E MO NTE Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 369 del 23 marzo 2010 LINEE GUIDA PER LA CARTA DEI SERVIZI SANITARI

A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 369 del 23 marzo 2010 LINEE GUIDA PER LA CARTA DEI SERVIZI SANITARI A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 369 del 23 marzo 2010 LINEE GUIDA PER LA CARTA DEI SERVIZI SANITARI PREMESSO che il D Lgs 502/1992 all art. 14 stabilisce il principio del costante adeguamento

Dettagli

DETERMINA DEL DIRETTORE GENERALE N. 32/DGEN DEL 18/01/2013

DETERMINA DEL DIRETTORE GENERALE N. 32/DGEN DEL 18/01/2013 DETERMINA DEL DIRETTORE GENERALE N. 32/DGEN DEL 18/01/2013 Oggetto: AGGIORNAMENTO REGOLAMENTO PER L ACCESSO E LA PRESENZA DI FAMILIARI E PERSONE DELEGATE ALL ASSISTENZA NON SANITARIA INTEGRATIVA NELLE

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL CENTRO PER L AUTONOMIA UMBRO, LE AZIENDE ORTOPEDICHE E LE AZIENDE COSTRUTTRICI PRESENTI SUL TERRITORIO NAZIONALE

PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL CENTRO PER L AUTONOMIA UMBRO, LE AZIENDE ORTOPEDICHE E LE AZIENDE COSTRUTTRICI PRESENTI SUL TERRITORIO NAZIONALE PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL CENTRO PER L AUTONOMIA UMBRO, LE AZIENDE ORTOPEDICHE E LE AZIENDE COSTRUTTRICI PRESENTI SUL TERRITORIO NAZIONALE Premessa Il presente documento rappresenta un patto di collaborazione

Dettagli

Comune di Bardolino Provincia di Verona

Comune di Bardolino Provincia di Verona Comune di Bardolino Provincia di Verona REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n.22 del 17/04/2003 1 ART. 1 FINALITA Il Servizio di Assistenza

Dettagli

Area Funzionale Chirurgica del P.O. di Pescia GUIDA AI SERVIZI

Area Funzionale Chirurgica del P.O. di Pescia GUIDA AI SERVIZI Area Funzionale Chirurgica del Presidio Ospedaliero S.S. Cosma e Damiano di Pescia ON-LINE www.usl3.toscana.it SISTEMA CARTA DEI SERVIZI Gentile Signore, Gentile Signora, l Area Funzionale Chirurgica dell

Dettagli

Il sottoscritto..., nato/a a:... (prov.:.. ) domiciliato nel comune di... e-mail:... chiede

Il sottoscritto..., nato/a a:... (prov.:.. ) domiciliato nel comune di... e-mail:... chiede RICHIESTA INDENNITA ECONOMICHE A FAVORE DI PERSONE AFFETTE DA TBC NON ASSICURATE PRESSO L INPS O NON ASSISTITE PER DIFETTO ASSICURATIVO (Legge 4 marzo 1987, n. 88 art. 5) All Azienda Sanitaria Locale di

Dettagli

CENTRO DI SALUTE MENTALE DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE

CENTRO DI SALUTE MENTALE DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE CENTRO DI SALUTE MENTALE DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE 1/7 Premessa Il Dipartimento salute mentale e dipendenze patologiche è la struttura aziendale che ha come finalità la promozione

Dettagli

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI Regione del Veneto Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO DISTRETTO SOCIO SANITARIO OSPEDALE DI COMUNITA VALDAGNO CARTA DEI SERVIZI 1 Presentazione dell Ospedale di Comunità: L Ospedale

Dettagli

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA PREMESSA Il presente documento è stato redatto in modo da offrire una panoramica dei principali servizi socio-sanitari e socio-assistenziali

Dettagli

EMISSIONE PREPARATA VERIFICATA APPROVATA. Afd Moreno Saccon Coordinatore Infermieristico Direzione Medica. Copia in distribuzione controllata

EMISSIONE PREPARATA VERIFICATA APPROVATA. Afd Moreno Saccon Coordinatore Infermieristico Direzione Medica. Copia in distribuzione controllata Pag 1 di 6 TRASPORTO DEL PAZIENTE per l esecuzione di esami / visite specialistiche / trasferimenti / esami radiologici all interno. EMISSIONE PREPARATA VERIFICATA APPROVATA FUNZIONE Afd Paolo Scattolin

Dettagli

Servizio di Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Servizio accreditato presso la Regione Lombardia

Servizio di Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Servizio accreditato presso la Regione Lombardia Servizio di Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Distretti di Dalmine, Grumello del Monte (ASL della provincia di Bergamo) Servizio accreditato presso la Regione Lombardia PER L ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

POLICY ACCESSO AGLI UFFICI/ARCHIVI

POLICY ACCESSO AGLI UFFICI/ARCHIVI PAG. 1 DI 18 POLICY Redatta Verificata Approvata Distribuita DIREZIONE DIRETTORE CDA DIREZIONE Versione n. Del In vigore da 1.0 31/07/2012 12/09/2012 PAG. 2 DI 18 INDICE 1. STRUTTURA DEL DOCUMENTO Pag.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CONCORSI A PREMIO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CONCORSI A PREMIO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CONCORSI A PREMIO ART. 1: DEFINIZIONE DI CONCORSO A PREMI Il presente regolamento si applica in materia di concorsi a premio. Sono considerati concorsi a premio le manifestazioni

Dettagli

CARTA DEL SERVIZIO CURE PALLIATIVE domiciliari ed Hospice ultima revisione agosto 2010

CARTA DEL SERVIZIO CURE PALLIATIVE domiciliari ed Hospice ultima revisione agosto 2010 Azienda provinciale per i Servizi Sanitari Distretto di Trento e Valle dei Laghi Rotaliana e Paganella - Cembra U.O. ASSISTENZA PRIMARIA Centro Servizi Sanitari Viale Verona 38123 Trento - CARTA DEL SERVIZIO

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Carta dei Servizi 1

CARTA DEI SERVIZI. Carta dei Servizi 1 CARTA DEI SERVIZI Le nostre finalità prevenire e rimuovere le situazioni di bisogno nel quadro di una politica generale volta a superare gli squilibri nel territorio; svolgere interventi sociali volti,

Dettagli

DOMANDA DI BORSA DI STUDIO A. S. 2009/10 AI SENSI DELL ART. 4 L.R. 8.8.2001 N. 26

DOMANDA DI BORSA DI STUDIO A. S. 2009/10 AI SENSI DELL ART. 4 L.R. 8.8.2001 N. 26 Assessorato alla Scuola, Formazione Professionale, Università, Lavoro. Istruzione. Formazione. Lavoro. DOMANDA DI BORSA DI STUDIO A. S. 2009/10 AI SENSI DELL ART. 4 L.R. 8.8.2001 N. 26 DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI Approvato con Deliberazione del Consiglio Provinciale n. 511031/2004 del 01/03/2005 Preambolo IL CONSIGLIO PROVINCIALE Visto l art. 117, comma

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO 1)Finalità del servizio Il Servizio di Assistenza Domiciliare ha lo scopo di favorire il mantenimento al

Dettagli

Legge Regionale Liguria 26/4/1985 n.27. B.U.R. 15/5/1985 n.20 TUTELA DEI DIRITTI DELLE PERSONE CHE USUFRUISCONO DELLE STRUTTURE SANITARIE

Legge Regionale Liguria 26/4/1985 n.27. B.U.R. 15/5/1985 n.20 TUTELA DEI DIRITTI DELLE PERSONE CHE USUFRUISCONO DELLE STRUTTURE SANITARIE Legge Regionale Liguria 26/4/1985 n.27 B.U.R. 15/5/1985 n.20 TUTELA DEI DIRITTI DELLE PERSONE CHE USUFRUISCONO DELLE STRUTTURE SANITARIE Articolo 1 Finalità della legge In attuazione dei principi e delle

Dettagli

COMUNE DI CALANGIANUS PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO SERVIZIO SOCIALE

COMUNE DI CALANGIANUS PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO SERVIZIO SOCIALE COMUNE DI CALANGIANUS PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO SERVIZIO SOCIALE C.I.G. 6445256980 CAPITOLATO DESCRITTIVO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER PERSONE ANZIANE, PORTATORI DI HANDICAP E NON AUTOSUFFICIENTI

Dettagli

Recupero e Rieducazione Funzionale (Cardiopneumologica Neurologica Ortopedica)

Recupero e Rieducazione Funzionale (Cardiopneumologica Neurologica Ortopedica) INDICE Ospedale Chiarenzi Zevio Recupero e Rieducazione Funzionale (Cardiopneumologica Neurologica Ortopedica) Carta dei Servizi Edizione Agosto 2012 ATTIVITA DI RICOVERO pag. 3 Prenotazioni pag. 3 Accettazione

Dettagli

SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE

SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE 1/6 Premessa Il Dipartimento salute mentale e dipendenze patologiche è la struttura aziendale che ha come finalità

Dettagli

PROCEDURE PER LA RICHIESTA ED IL RILASCIO DI DOCUMENTAZIONE SANITARIA

PROCEDURE PER LA RICHIESTA ED IL RILASCIO DI DOCUMENTAZIONE SANITARIA PROCEDURE PER LA RICHIESTA ED IL RILASCIO DI DOCUMENTAZIONE SANITARIA La documentazione sanitaria può essere richiesta dall avente diritto attraverso una delle seguenti modalità: - compilando gli appositi

Dettagli

RICHIESTA SCELTA MEDICO IN DEROGA ALLA RESIDENZA. nato/a a (prov. ) il residente in (prov. ) via/piazza n.civico indirizzo mail.

RICHIESTA SCELTA MEDICO IN DEROGA ALLA RESIDENZA. nato/a a (prov. ) il residente in (prov. ) via/piazza n.civico indirizzo mail. NDRIA RICHIESTA SCELTA MEDICO IN DEROGA ALLA RESIDENZA Ai sensi della L. 833/78 DPR 314/90 - Accordo Conferenza Stato Regioni 8/5/2003 - ACN 23/3/2005 e successive modifiche Il/la sottoscritto/a nato/a

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE E RELAZIONE CON I CITTADINI

CARTA DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE E RELAZIONE CON I CITTADINI CARTA DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE E RELAZIONE CON I CITTADINI Comune di Modena Settore Sistemi Informativi Comunicazione e Servizi Demografici Servizio Comunicazione e Relazione con i Cittadini Allegato

Dettagli

S. C. di CHIRURGIA GENERALE OSPEDALE SAN BASSIANO

S. C. di CHIRURGIA GENERALE OSPEDALE SAN BASSIANO S. C. di CHIRURGIA GENERALE OSPEDALE SAN BASSIANO PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA La Struttura Complessa di Chirurgia fa parte del Dipartimento di Chirurgia Generale e d Urgenza. Comprende la Struttura Semplice

Dettagli

UOSD Unità Operativa Semplice Dipartimentale CENTRO SCLEROSI MULTIPLA FIGURE PROFESSIONALI DI RIFERIMENTO L ATTIVITÀ ASSISTENZIALE

UOSD Unità Operativa Semplice Dipartimentale CENTRO SCLEROSI MULTIPLA FIGURE PROFESSIONALI DI RIFERIMENTO L ATTIVITÀ ASSISTENZIALE Centro di riferimento della Regione Lazio per la Sclerosi Multipla [Prof. Diego Centonze] Carta dei Servizi FIGURE PROFESSIONALI DI RIFERIMENTO L ATTIVITÀ ASSISTENZIALE L AMBULATORIO GENERALE L AMBULATORIO

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Numeri utili di Bergamo Sanità Segreteria del servizio di Assistenza Domiciliare Integrata 3331643940 Reperibilità telefonica 3331643940 Fax 035/5291167

Dettagli

A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer

A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer CARTA DEI SERVIZI INDICE 1. PREMESSA 2. PRINCIPI FONDAMENTALI 3. FINALITA DEL SERVIZIO 4. OBIETTIVO 5. DESTINATARI 6. ACCESSO AL SERVIZIO 7. ORARI DI APERTURA 8.

Dettagli

PROCEDURA AZIENDALE. PA SQ - 32 Rev. 0 del 02/04/2013. Certificato N 9122 AOLS. Data applicazione Redazione Verifica Approvazione

PROCEDURA AZIENDALE. PA SQ - 32 Rev. 0 del 02/04/2013. Certificato N 9122 AOLS. Data applicazione Redazione Verifica Approvazione PA SQ - 32 Rev. 0 del 02/04/2013 Certificato N 9122 AOLS Data applicazione Redazione Verifica Approvazione 02/04/2013 Dr.ssa G. Saporetti Sig.ra Pallone Dr.ssa G. Saporetti Dr.ssa L. Di Palo Dr. M. Agnello

Dettagli

IMPEGNI E STANDARD CARTA DEI SERVIZI AZIENDA USL 4 PRATO ANNO 2013 ASPETTI RELAZIONALI IMPEGNI (OBIETTIVI DI QUALITA )

IMPEGNI E STANDARD CARTA DEI SERVIZI AZIENDA USL 4 PRATO ANNO 2013 ASPETTI RELAZIONALI IMPEGNI (OBIETTIVI DI QUALITA ) IMPEGNI E STANDARD CARTA DEI SERVIZI AZIENDA USL 4 PRATO ANNO 2013 La tabella riporta gli impegni (o obiettivi di qualità) che l Azienda vuole garantire nella erogazione dei servizi e delle prestazioni.

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DEL COMUNE DI BIBBIANO

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DEL COMUNE DI BIBBIANO CARTA DEI SERVIZI: SCHEDA INFORMATIVA DEL SERVIZIO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DEL COMUNE DI BIBBIANO Pagina 1 di 10 Rev.0- maggio 2014 Il servizio di assistenza domiciliare del Comune di BIBBIANO

Dettagli

COMUNE di NOALE PROVINCIA di VENEZIA. REGOLAMENTO DEL SERVIZIO di TRASPORTO SOCIALE. Art. 7: Compartecipazione economica al servizio

COMUNE di NOALE PROVINCIA di VENEZIA. REGOLAMENTO DEL SERVIZIO di TRASPORTO SOCIALE. Art. 7: Compartecipazione economica al servizio COMUNE di NOALE PROVINCIA di VENEZIA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO di TRASPORTO SOCIALE All. sub A) : Regolamento Del. di C.C. n. 12 del 29.04.2013 Sommario: Art. 1: Finalità del servizio Art. 2: Destinatari

Dettagli

AIUTI E RICONOSCIMENTI SOCIO-ASSISTENZIALI

AIUTI E RICONOSCIMENTI SOCIO-ASSISTENZIALI AIUTI E RICONOSCIMENTI SOCIO-ASSISTENZIALI La conoscenza di quelli che sono i diritti di chi è affetto da una disabilità, permette ai familiari di compiere i giusti passi per agevolare il reinserimento

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE TIPO TRA L AZIENDA SANITARIA E LE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO PER ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE ONCOLOGICA

SCHEMA DI CONVENZIONE TIPO TRA L AZIENDA SANITARIA E LE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO PER ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE ONCOLOGICA SCHEMA DI CONVENZIONE TIPO TRA L AZIENDA SANITARIA E LE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO PER ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE ONCOLOGICA L anno, addi. del mese di in. presso. fra l partita IVA/codice fiscale

Dettagli

GUIDA AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

GUIDA AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA GUIDA AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Gentile Signora/Signore, Questa Guida vuole essere un pratico strumento per orientarla nel nostro Servizio di erogazione del Voucher Socio-Sanitario

Dettagli

Poliambulatorio Medico Centro Giano. Carta dei Servizi PRESENTAZIONE

Poliambulatorio Medico Centro Giano. Carta dei Servizi PRESENTAZIONE Poliambulatorio Medico Centro Giano Carta dei Servizi PRESENTAZIONE La nostra struttura ha realizzato la Carta dei Servizi per fornire agli utenti informazioni sul nostro Centro medico, al fine di rendere

Dettagli

lavoratore in mobilità dal al Iscritto al Centro per l Impiego sì no Dal CPI di

lavoratore in mobilità dal al Iscritto al Centro per l Impiego sì no Dal CPI di Domanda di ammissione alla selezione: Job Centres a Treviso e Belluno - Progetto di Sperimentazione FSE 554/1/1/448/2014 DA COMPILARE E TRASMETTERE ALL ENTE PER CANDIDARSI ALLE SELEZIONI Il/La sottoscritto/a

Dettagli

LA RETE DI GENETICA MEDICA IN EMILIA-ROMAGNA

LA RETE DI GENETICA MEDICA IN EMILIA-ROMAGNA LA RETE DI GENETICA MEDICA IN EMILIA-ROMAGNA A cura del Nucleo di coordinamento per la rete regionale dei servizi di genetica medica dell Emilia-Romagna Con il contributo di Laura Biagetti (Azienda Ospedaliera-Universitaria

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. N. 52 DEL 30.11.2010 MODIFICATO CON D.C.C. N. 43 DEL 26.10.2011 ART. 1 PREMESSA

Dettagli

CASA DI CURA ULIVELLA E GLICINI Standard di qualità ed impegni verso i cittadini

CASA DI CURA ULIVELLA E GLICINI Standard di qualità ed impegni verso i cittadini E VERSO I CITTADINI RICONOSCERE IL PERSONALE ASPETTI RELAZIONALI UMANIZZAZIONE Garantire la riconoscibilità del personale che svolge servizio al pubblico Garantire il miglioramento dei rapporti tra gli

Dettagli

D.B. Service S.r.l Sede legale Via San Martino, 16 20122 - Milano Sede Commerciale - Via Regina Elena, 46 74123 Taranto Tel 099.

D.B. Service S.r.l Sede legale Via San Martino, 16 20122 - Milano Sede Commerciale - Via Regina Elena, 46 74123 Taranto Tel 099. Carta Dei Servizi Indice Fondamenti della Carta dei Servizi Cos è la Carta dei servizi Principi fondamentali generali Principali riferimenti normativi Validità e aggiornamento La Carta dei Servizi : diffusione

Dettagli

RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE

RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE Ospedale di Chiavari DOVE SIAMO Presso l Ospedale di Chiavari, SECONDO, TERZO e QUARTO piano, corpo centrale. La Residenza Sanitaria Assistenziale è un presidio sanitario

Dettagli

Ospedale privato Villa Igea

Ospedale privato Villa Igea Residenza psichiatrica il Borgo Ospedale privato Villa Igea Mission Il nostro impegno è quello di fornire, nel rispetto della persona, servizi e prestazioni sanitarie appropriate, efficaci e sicure, attraverso

Dettagli

COMUNE DI PARMA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DEI DATI DI CONTATTO

COMUNE DI PARMA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DEI DATI DI CONTATTO COMUNE DI PARMA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DEI DATI DI CONTATTO Approvata con deliberazione della Giunta Comunale n. 309 in data 31/03/2011 SOMMARIO IL CONTESTO... 3 1. AMBITI DI RACCOLTA... 7 1.1 CONTACT

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 10 del 22.03.2006 Pubblicato

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO U.O.C. UROLOGIA - I N D I C E - - Informazioni generali. - Attività svolta. - Accesso al servizio.

REGOLAMENTO INTERNO U.O.C. UROLOGIA - I N D I C E - - Informazioni generali. - Attività svolta. - Accesso al servizio. REGOLAMENTO INTERNO U.O.C. UROLOGIA - I N D I C E - - Informazioni generali - Attività svolta - Accesso al servizio - Il reparto - Standards di Qualità Informazioni Generali U.O.C. DI UROLOGIA Direttore:

Dettagli

Modulo per domanda di ingresso al Centro Diurno Simona Dell Oro degli Istituti Riuniti Airoldi e Muzzi Onlus

Modulo per domanda di ingresso al Centro Diurno Simona Dell Oro degli Istituti Riuniti Airoldi e Muzzi Onlus Modulo per domanda di ingresso al Centro Diurno Simona Dell Oro degli Istituti Riuniti Airoldi e Muzzi Onlus 1.6 ente morale con personalità giuridica di diritto privato fondato nel 1594 Sezione 1. Dati

Dettagli

Protocollo Operativo

Protocollo Operativo Rev. 1/6 EMISSIONE Redatto da: Dr.ssa Bartolomea Sgrò, Dr. Alessandro Aiello ( Resp. Uffic. Infer.) Emesso da: Dr.ssa Bartolomea Sgrò (Dirigente Medico di Direzione Sanitaria) Firma del Coordinatore Sanitario

Dettagli

INCENTIVARE L USO APPROPRIATO DEL RICETTARIO SSR DA PARTE DEGLI SPECIALISTI OSPEDALIERI

INCENTIVARE L USO APPROPRIATO DEL RICETTARIO SSR DA PARTE DEGLI SPECIALISTI OSPEDALIERI Modalità da seguire da parte dei Medici Specialisti per il corretto uso del ricettario SSR definite fra ASL Città di Milano e le seguenti strutture di ricovero e cura pubbliche e private accreditate: (versione

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI

PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI titolo documento PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI SCOPO e CAMPO DI APPLICAZIONE Lo scopo della presente procedura è di definire le modalità con cui la Cooperativa Promozione Lavoro gestisce

Dettagli

Residenza psichiatrica la Luna

Residenza psichiatrica la Luna Residenza psichiatrica la Luna Ospedale privato Villa Igea Mission Il nostro impegno è quello di fornire, nel rispetto della persona, servizi e prestazioni sanitarie appropriate, efficaci e sicure, attraverso

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE A NORMA DEL DPR 445/00. genitore o avente la rappresentanza del/della studente/studentessa

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE A NORMA DEL DPR 445/00. genitore o avente la rappresentanza del/della studente/studentessa Provincia di Bologna Assessorato Istruzione, Formazione, Lavoro Assessorato alla Scuola, Formazione Professionale, Università, Lavoro e Pari Opportunità DOMANDA DI BORSA DI STUDIO A. S. 2006/07 AI SENSI

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Dipartimento cure primarie 1/7 Premessa L'Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) è una forma di assistenza rivolta a persone residenti o domiciliate a Bologna e provincia,

Dettagli