Per un catalogo dei monumenti funebri con effigie nelle chiese dalla Venezia barocca:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Per un catalogo dei monumenti funebri con effigie nelle chiese dalla Venezia barocca:"

Transcript

1 Corso di Laurea magistrale (ordinamento ex D.M. 270/2004) in Storia delle arti e conservazione dei beni artistici Tesi di Laurea Per un catalogo dei monumenti funebri con effigie nelle chiese dalla Venezia barocca: Analisi della committenza tra il 1630 e il 1718 Relatore Ch. Prof. Martina Frank Correlatore Prof.ssa Elisabetta Molteni Laureando Serena Tagliapietra Matricola Anno Accademico 2012 / 2013

2 INDICE INTRODUZIONE ELENCO DELLE CHIESE PRESE IN CONSIDERAZIONE DIVISE PER SESTIERI Pag. 3» 10 PARTE PRIMA CAPITOLO PRIMO La concezione della morte in età barocca L amore per il macabro La morte come spettacolo La celebrazione degli eroi di Candia CAPITOLO SECONDO La costruzione dei depositi all interno delle chiese Depositi e memorie commemorative Il deposito e le sue componenti tra usi lessicali e pratiche di bottega Il ruolo delle epigrafi funebri» 13» 18» 19» 24» 28» 30» 34» 36 PARTE SECONDA CATALOGO DEI MONUMENTI MONUMENTO CON BUSTO 1. Busto in memoria non più esistente» Busto con epitaffio» Busto dentro un medaglione o una nicchia» Busto sopra un portale» Busto dentro un edicola» Busto in un contesto architettonico: Busto in un monumento funebre» 94 Busto in una facciata celebrativa» 113 Busti ai lati di un altare» 128 MONUMENTO CON STATUA A FIGURA INTERA 1. Statua priva di contesto architettonico» Statua in un contesto architettonico» Statua equestre» Statua in una facciata celebrativa» 156 PARTE TERZA ANALISI DELLA COMMITTENZA Il legame dei defunti con i loro monumenti Le famiglie e i loro depositi Il ruolo delle donne nella politica dei monumenti I luoghi della memoria L incremento dei monumenti Analisi sociale della committenza CONCLUSIONI TAVOLE DELLE FIGURE IMMAGINI DI CATALOGO FONTI MANOSCRITTE E BIGLIOGRAFIA CONSULTATE» 159» 159» 163» 172» 175» 178» 179» 186» 192» 212» 242

3 INTRODUZIONE La presente ricerca si propone quale studio dei monumenti con effigie, costruiti nelle chiese di Venezia tra il 1630 e il Un novantennio in cui la città fu profondamente scossa dalla peste del e dalla decennale guerra contro il Turco, conclusasi definitivamente con la pace di Passarowitz del Gli anni considerati furono forieri anche di profondi mutamenti per la società lagunare, storicamente tripartita in tre ordini. Dal 1646 al 1718, per mantenere conflitti dai costi elevatissimi, il patriziato fu costretto ad aggregare tra le proprie fila centoventisette famiglie appartenenti all aristocrazia di terraferma e agli strati inferiori 1. Parallelamente, anche le procedure di selezione dei cittadini originari andarono allentandosi, mentre divenne più semplice per i popolari l acquisto degli uffici intermedi. Attraverso il censimento dei monumenti ancora esistenti e di quelli andati distrutti, è stato possibile compilare un catalogo, composto dalle schede di ottantatre depositi. L analisi della loro committenza ha consentito d individuare le particolari strategie di autopromozione personale e famigliare, che la loro costruzione sottintendeva. Si è potuto inoltre verificare, come nel periodo considerato, il fenomeno della commemorazione della memoria assunse un importanza maggiore rispetto alle epoche precedenti, interessando più diffusamente anche gli strati inferiori della popolazione. Un mutamento che non può che essere messo in relazione proprio con gli eventi storici e sociali sopra menzionati. Come recenti studi hanno dimostrato 2, rilevanti furono infatti, per esempio, i riverberi che l apertura del Libro d Oro ebbe rispetto alla politica 1 Si veda a tal proposito: A. ZANNINI, Burocrazia e burocrati a Venezia in età moderna: i cittadini originari (sec. XVI-XVIII), Venezia, Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti, 1993; R. SABBADINI, L acquisto della tradizione. Tradizione aristocratica e nuova nobiltà veneziana (sec. XVII- XVIII), con prefazione di D. FRANGIPANE, Udine - Treviso, Istituto Editoriale Veneto Friulano, 1995; L. MEGNA, Grandezza e miseria della nobiltà veneziana, in Storia di Venezia. Dalle origini alla caduta della Serenissima, VII, La Venezia Barocca, a cura di G. BENZONI, G. COZZI, Roma, Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, 1997, pp : ; A. ZANNINI, La presenza borghese, in Storia di Venezia. Dalle origini alla caduta della Serenissima, VII, La Venezia Barocca, a cura di G. BENZONI, G. COZZI, Roma, Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, 1997, pp : ; D. RAINES, L invention du mythe aristocratique. L image de soi du patriciat vénetien au temps de la Sérénissime, I-II; Venezia, Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti, R. RUGOLO, in L. PUPPI, R. RUGOLO, «Un ordinaria forma non alletta». Arte, riflessione sull arte e società, in Storia di Venezia. Dalle origini alla caduta della Serenissima, VII, La Venezia Barocca, a cura di G. BENZONI, G. COZZI, Roma, Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, 1997, pp. 3

4 dei monumenti, in quanto questi ultimi divennero spesso un vero e proprio strumento attraverso cui perseguire istanze di autopromozione sociale. Fu la «frenetica volontà di manifestare, attraverso le tinte più accecanti, il proprio esserci» 3 che giustificò l erezione di così tanti depositi. A livello più generale, del resto, il fenomeno non può che essere assimilato a quel moltiplicarsi di «segni magniloquenti» che trasfigurò a volte tramite un linguaggio ricco d eccesso retorico, se non di elementi grotteschi il tessuto urbano di Venezia, grazie della costruzione di numerosi palazzi e facciate celebrative 4. Tale operazione non fu che uno degli illusori tentativi attraverso i quali la società lagunare cercò di reagire alla profonda crisi che lentamente, nel corso del Seicento, la stava logorando dall interno 5. Il ruolo ormai marginale rivestito dalla Serenissima sia in ambito commerciale che politico, l epidemia di peste e le sfiancanti guerre contro il Turco avevano infatti minato irreversibilmente l antica potenza della Repubblica 6. Lo studio ha preso avvio con il censimento dei depositi ancora oggi presenti all interno delle chiese veneziane. Per circoscrivere il campo di ricerca si è scelto per il momento di non considerare le eventuali opere edificate in ambienti secondari, come per esempio i chiostri. Una prima individuazione delle memorie è avvenuta tramite la visita degli edifici ecclesiastici ancora accessibili al pubblico. Al fine di rilevare anche i monumenti non più esistenti perché distrutti o costruiti in edifici demoliti è stato effettuato quindi uno spoglio sistematico di alcune guide storiche e contemporanee, quali: la Venetia Città Nobilissima ampliata con le aggiunte di Giustiniano Martinioni (1663), la duplice redazione de Il ritratto di Venezia di Domenico Martinelli e Lorenzo Ganassa (1684/ 1705), la Cronica veneta sacra e profana di Pietro Antonio Pacifico (1736), il Forestiere illuminato di Giovanni Battista Albrizzi (1740), la Guida per la città di Venezia di ; M. GAIER, Facciate sacre a scopo profano: Venezia e la politica dei monumenti dal Quattrocento al Settecento, Venezia, Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti, 2002; M. FAVILLA, R. RUGOLO, Frammenti dalla Venezia barocca, «Atti dell Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti», 163 ( ), Classe di scienze morali, lettere ed arti, pp ; M. FAVILLA, R. RUGOLO, Venezia barocca. Splendori e illusioni di un mondo in 'decadenza', con Presentazione di F. PEDROCCO e Appendice di S. TAGLIAPIETRA, Schio (Vicenza), Sassi editore, FAVILLA, RUGOLO, Venezia barocca, cit., p Ivi, pp Ivi, pp SABBADINI, L acquisto della tradizione, cit., pp

5 Giannantonio Moschini (1815), il Delle inscrizioni veneziane di Emmanuele Antonio Cicogna (1824), la guida Venezia e il suo estuario di Giulio Lorenzetti e la Venezia Scomparsa di Avise Zorzi (1972) 7. Tra le opere segnalate in tali volumi, si sono prese in considerazione solo quelle dove è espressamente indicata la presenza delle effigi scultoree dei defunti. Ciò ha permesso di rilevare anche le memorie oggi smantellate o conservate in chiese non accessibili al pubblico. L elenco completo degli edifici presi in considerazione è fornito di seguito. I dati acquisiti non hanno la pretesa di esprimere dei valori assoluti, pur avvicinandosi con un buon margine di probabilità alla reale situazione esistente per l arco cronologico analizzato. I monumenti così censiti sono stati suddivisi e ordinati per modelli tipologici. Tra essi si annoverano quelli con la statua del defunto a figura intera o al busto. In quest ultimo caso, il ritratto poteva essere inserito: nei pressi dell epitaffio, all interno di un medaglione o di una nicchia, sopra un portale, dentro un edicola, in un monumento funebre, in una facciata celebrativa o ai lati di un altare. Le statue del defunto a figura intera, invece, si ritrovano sia in memorie prive di contesto architettonico, sia in strutture in cui risulta adattato l ordine; in un caso persino in una facciata celebrativa. Rara, ma comunque attestata da un unico esempio, la tipologia del gruppo equestre incluso in un monumento funebre. L analisi dei modelli tipologici ora menzionati è stata oggetto di studio della mia tesi triennale, di cui il presente lavoro si costituisce come l ideale prosecuzione 8. 7 Quali: G. MARTINIONI, Venetia Città Nobilissima e Singolare, descritta in XIIII libri da M. Francesco Sansovino [ ] con aggiunta, Venezia, Steffano Curti, 1663, pp ; D. MARTINELLI, Il ritratto di Venezia diviso in due parti [ ], Venezia, Giovanni Giacomo Hertz, 1684; D. MARTINELLI, L. GANASSA, Il ritratto overo le cose più notabili di Venezia [ ] ampliato con la relazione delle fabriche publiche, e private & altre cose più notabili successe dall anno 1682 sino al presente 1704, Venezia, presso Lorenzo Baseggio, 1705, pp ; P. A. PACIFICO, Cronica veneta sacra e profana, o sia Un Compendio di tutte le cose più illustri ed antiche della città di Venezia. Ricorretta in questa ultima edizione, e in ogni sua parte di gran lunga accresciuta [ ],Venezia, appresso Francesco Pitteri, 1736, pp ; G. B. ALBRIZZI, Forestiere illuminato intorno le cose più rare, e curiose, antiche e moderne della città di Venezia, e dell'isole circonvicine: con la descrizione delle chiese, monasteri, ospedali [ ], Venezia, presso Francesco Tosi, 1740, pp ; G. MOSCHINI, Guida per la città di Venezia all amico delle Belle Arti, 2 voll., Venezia, Alvisopoli, 1815; E. A. CICOGNA, Delle inscrizioni veneziane raccolte ed illustrate [ ], 7 voll., Bologna, Forni, 1982 (Riproduzione facsimile dell ed. Venezia: Ordelli, 1824); G. LORENZETTI, Venezia e il suo estuario: guida storico-artistica, Venezia 1926 (ed. Trieste, Edizioni Lint, 1974); A. ZORZI, Venezia Scomparsa. Repertorio degli edifici veneziani, distrutti, alterati o manomessi, II, Milano, Electa, 1977, pp , S. TAGLIAPIETRA, «Magnificenza de depositi e mausolei»: un primo censimento dei monumenti con effigie nelle chiese veneziane. Analisi sulle tipologie impiegate e sulla committenza nella seconda metà del Seicento, Prova finale di Laurea, Facoltà di Lettere e Filosofia, Università Ca Foscari di Venezia, relatore M. FRANK, (Anno Accademico ). 5

6 Le informazioni relative a ciascuna memoria sono state dunque elaborate in schede, riunite in forma di catalogo nella prima parte del testo. Ogni scheda è costituita dai dati relativi all ubicazione e datazione del deposito. Quindi dal testo dell elogio funebre, copiato a partire dalle iscrizioni edite e inedite di Cicogna 9. Una voce è stata dunque dedicata alle ricostruzione delle vicende relative alla committenza dei manufatti, servendosi primariamente della bibliografia disponibile. Soprattutto nel caso di opere mai studiate, importante è stata quindi la ricerca archivistica. In quest ambito si è scelto di concentrarsi principalmente su un particolare tipo di documenti: i testamenti, carte dove molto spesso i defunti non mancavano di annotare puntigliosamente le disposizioni relative ai loro depositi. A differenza di altra documentazione, tali atti hanno consentito di svolgere un lavoro uniforme sulla committenza. Le carte concernenti l edificazione dei monumenti, essendo per lo più conservate presso gli archivi privati delle famiglie d appartenenza, sono infatti giunte sino a noi solo in rarissimi casi 10. Il lavoro sui testamenti ha inoltre consentito di dare voce diretta ai defunti: il modo più efficace, a nostro avviso, per spiegare le volontà prime che determinarono la realizzazione delle memorie. Nelle schede del catalogo è stata predisposta anche una voce relativa allo stato sociale del detentore del deposito. Per gli esponenti appartenenti al patriziato, la fonte di riferimento sono stati Arbori de patrii veneti, una serie di codici, riproducenti gli alberi genealogici della nobiltà veneziana, compilati nel 1536 da Marco Barbaro e aggiornati nel 1743 da Antonio Maria Tasca 11. L appartenenza dei defunti all ordine dei cittadini è invece stata comprovata dalla loro segnalazione nei Cittadini Veneziani di Giuseppe Tassini (1888), un opera compilata, per dichiarazione del suo stesso autore, a partire dallo spoglio di documenti afferenti a varie magistrature veneziane, 9 Quest ultima opera consta di più fascicoli manoscritti, in cui Cicogna trascrisse le singole iscrizioni presenti nelle diverse chiese veneziane. Tale materiale è oggi conservato presso la biblioteca del museo Correr, di cui di volta in volta si forniranno i riferimenti archivistici relativi. 10 Fanno eccezione i depositi realizzati per volere del Senato o quelli di cui i procuratori di San Marco curarono la realizzazione. Per essi è possibile infatti rintracciare le disposizioni costruttive tra le serie archivistiche corrispondenti. Anche nel caso di personalità appartenenti al clero cittadino o dei governatori degli enti assistenziali, è probabile rintracciare delle notizie relative alle loro memorie nei registra della parrocchia e dell istituto d appartenenza. 11 Archivio di Stato di Venezia (d ora innanzi ASVe), Miscellanea Codici Storia Veneta, 23 voll., «M. Barbaro, A. M. Tasca, Arbori de patrii veneti»; G. TASSINI, Cittadini veneziani, Biblioteca del Museo Correr (d ora innanzi BMCVe), Ms. P.D. c 4/1-5. L opera è consultabile on line all indirizzo 6

7 quali, per esempio, i Misti del Senato, i Processi dell Avogaria di Comun, le domande per la cittadinanza originaria, i testamenti ecc. L appartenenza alla terza classe, quella dei popolari, è stata dedotta dunque dalla mancata citazione dell estinto da parte di entrambi gli autori. Si sono inoltre indicati con il termine forestiero gli stranieri residenti a Venezia, una componente sociale nettamente distinta rispetto al resto della popolazione. Un altra voce è stata dedicata al titolo, alla carica o alla professione rivestita dal defunto, informazioni molto spesso desumili dalle stesse epigrafi funerarie, oltre che dalla bibliografia o dalle genealogie già citate. Al termine della scheda è stato quindi fatto un accenno agli artisti responsabili della realizzazione delle memorie: proti, scultori e tagliapietre di cui sono gli stessi documenti ad attestare la paternità, o il cui nome è stato avanzato direttamente dalla critica. Quanto all organizzazione del presente lavoro, nella prima parte la trattazione prende avvio con un inquadramento generale sulla concezione della morte in età barocca. Un epoca in cui il rituale funebre si fece vero e proprio spettacolo teatrale, al fine di esorcizzare le paure e le angosce del fine vita. Vedremo, inoltre, come in un secolo travagliato da pestilenze e conflitti, l influenza dei temi macabri e la celebrazione degli eroi delle guerre in Oriente fecero spesso capolino sui monumenti analizzati. Anche gli apparati effimeri e gli allestimenti predisposti all interno delle chiese in occasione delle pubbliche pompe ebbero una notevole importanza sull aspetto delle memorie funebri. Segue poi un capitolo che affronta la questione della sepoltura all interno delle chiese. In particolare si esaminerà l abbandono verso la fine del Cinquecento dell inumazione nei monumenti a parete, a favore di quella in arche, corredate da una memoria. Di tale complesso, definito deposito, si analizzeranno le diverse componenti, in base agli usi lessicali vigenti, così come attestati dalla documentazione archivistica. Qualche accenno verrà inoltre fornito rispetto alle pratiche di bottega, desumibili dalle stesse carte. L attenzione sarà poi focalizzata su un particolare tipo di monumenti, le memorie celebrative o cenotafi, ossia quelle opere prive dell usuale tomba terrigna, ubicata in un altro edificio. A conclusione del capitolo, si esaminerà il ruolo delle epigrafi funebri, l elemento della tomba a cui veniva 7

8 primariamente affidato il compito di commemorare e celebrare la vita, i meriti e le virtù dei defunti. La seconda parte si apre con il catalogo delle ottantatre opere censite, classificate in base agli undici modelli tipologici. Un atto classificatorio è un operazione sempre arbitraria perché basata su un certo grado di generalizzazione e di perdita di dati ritenuti secondari. La nostra azione, come si accennava, ha avuto origine dal riconoscimento di due macroraggruppamenti: quelli con effigie al busto e quelli a figura intera. Da questi dipendono le tipologie censite, ossia degli schemi ideali di monumento, riproposti secondo caratteristiche costanti, qui presentati dalla soluzione più semplice a quella più complessa 12. Nella terza parte dello studio è presentata un analisi della committenza dei monumenti. In primo luogo si è analizzato il rapporto dei defunti e delle famiglie con i loro depositi. Una piccola parentesi è stata dunque aperta sui rari esempi di opere dedicate a delle donne o da loro gestite. Ragionando sui luoghi, si sono quindi individuati gli edifici nei quali si attestò il fenomeno della conservazione e celebrazione della memoria. Prendendo in considerazione il numero dei monumenti, si è poi studiato l andamento del loro incremento e diminuzione in taluni decenni. Infine, si è svolta un analisi sociale della committenza, considerando l ordine e i gruppi professionali d appartenenza dei defunti. A conclusione di tale parte, sono state inserite le tavole con le figure e le immagini di catalogo, a cui si fa riferimento nel testo, nonché la bibliografia consultata. In chiusura di questa introduzione, una precisazione è obbligatoria rispetto alla bibliografia di riferimento, nella quale si registra la mancanza di studi che affrontino in maniera organica il fenomeno considerato 13. Per tale 12 Sul concetto di tipologia si veda per esempio G. C. ARGAN, voce Tipologia, in Enciclopedia universale dell arte, 14, a cura di M. PALLOTTINO, Novara, Istituto Geografico De Agostini, 1984, pp Con l eccezione dei saggi di Martina Frank e Paola Rossi sulle facciate celebrative e la scultura lagunare nel Seicento, nonché della recente monografia di Favilla e Rugolo sull arte barocca veneziana. Si veda a tal proposito: M. FRANK, Spazio pubblico, prospetti di chiese e glorificazione gentilizia nella Venezia del Seicento: riflessioni su una tipologia, in «Atti dell Istituto Veneto di Scienze, Lettere e Arti», 144 ( ), Classe di scienze morali, lettere ed arti, pp ; P. ROSSI, La scultura a Venezia nel Seicento, in Venezia: L arte nei secoli, II, a cura di G. ROMANELLI, Udine, Magnus Edizioni, 1997, pp ; FAVILLA, RUGOLO, Venezia barocca, cit., pp

9 motivo, opere come la monografia di Martina Frank su Baldassare Longhena o quella di Martin Gaier sulle facciate celebrative, cui si aggiungono le integrazioni di Massimo Favilla e Ruggero Rugolo 14, sono risultate punti di riferimento importanti per la presente analisi. A essi non possono che sommarsi i numerosi contributi di Paola Rossi sulla scultura veneziana nel Seicento 15 e il volume La scultura a Venezia da Sansovino a Canova a cura di Andrea Bacchi 16, nonché due strumenti irrinunciabili come la guida Venezia e il suo estuario di Giulio Lorenzetti (1926) e l Architettura del Sei e Settecento a Venezia di Elena Bassi GAIER, Facciate sacre, cit.; M. FRANK, Baldassare Longhena, Venezia, Cierre Grafica 2004; FAVILLA, RUGOLO, Frammenti dalla Venezia barocca, cit., pp Tra tutti per esempio P. ROSSI, Il ruolo della scultura nel Seicento e la sua interrelazione con la pittura, in La pittura nel Veneto, II, a cura di M. LUCCO, Milano, Electa, 2001, pp La scultura a Venezia da Sansovino a Canova, a cura di A. BACCHI, Milano, Longanesi, LORENZETTI, Venezia e il suo estuario, cit.; E. BASSI, Architettura del Sei e Settecento a Venezia, Napoli, Edizioni Scientifiche Italiane,

10 ELENCO DELLE CHIESE PRESE IN CONSIDERAZIONE DIVISE PER SESTIERI SESTIERE DI CANNAREGIO: Corpus Domini (distrutta), Maddalena, Madonna dei Miracoli, Madonna dell Orto, S. Alvise, S. Apostoli, S. Bonaventura (distrutta), S. Canciano, S. Felice, S. Giobbe, S. Giovanni Crisostomo, S. Geremia, S. Girolamo, S. Leonardo, S. Marcuola, S. Marziale, S.ta Caterina, S.ta Fosca, S.ta Lucia (distrutta), S.ta Maria Assunta (Gesuiti), S.ta Maria dei Servi (distrutta), S.ta Maria della Misericordia, S.ta Maria di Nazareth (Scalzi), S.ta Maria Nova (distrutta), S.ta Sofia. SESTIERE DI CASTELLO: Cappuccine (distrutta), Madonna dell Arsenale (distrutta), Pietà, S. Antonino, S. Antonio (distrutta), S. Biagio, S. Daniele (distrutta), S. Domenico (distrutta), SS. Filippo e Giacomo Apostoli, S. Francesco della Vigna, S. Francesco di Paola, S. Giorgio dei Greci, S. Giovanni dei Furlani, SS. Giovanni e Paolo, S. Giovanni in Bragora, S. Giovanni in Laterano (distrutta), S. Giovanni in Oleo, S. Giuseppe, S. Lazzaro dei Mendicanti, S. Lio, S. Lorenzo, S. Martino, S. Nicolò (distrutta), S. Pietro, S. Provolo (distrutta), S. Sepolcro (distrutta), S. Severo (distrutta), S. Zaccaria, S.ta Anna, S.ta Elena, S.ta Giustina, S.ta Maria dei Derelitti (Ospedaletto), S.ta Maria del Pianto, S.ta Maria della Celestia (distrutta), S.ta Maria delle Vergini (distrutta) S.ta Maria Formosa, S.ta Marina (distrutta), S.ta Scolastica, S.ta Ternita (distrutta). SESTIERE DI SANTA CROCE: Gesù e Maria (distrutta), S. Andrea della Zirada, S. Cassiano, S. Giacomo dell Orio, S. Giovanni Decollato, S. Nicola da Tolentino, S. Stae, S. Simeon Grande, S. Simeon Piccolo, S.ta Chiara (distrutta), S.ta Croce (distrutta), S.ta Maria Mater Domini. SESTIERE DI DORSODURO: Angelo Raffaele, Catecumeni, Eremite, Incurabili (distrutta), Madonna del Rosario (Gesuati), Ognisanti, Salute, S. Barnaba, S. Basegio (distrutta), S. Gregorio, S. Nicolò dei Mendicoli, S. Pantalon, S. Sebastiano, S. Spirito, S. Trovaso, S. Vio (distrutta), S.ta Agnese, S.ta Margherita, S.ta Maria della Carità, S.ta Maria del Carmelo, S.ta Maria del Soccorso, S.ta Maria dell Umiltà (distrutta), S.ta Maria Maggiore, S.ta Marta, S.ta Teresa. SESTIERE DI SAN MARCO: S. Angelo (distrutta), S. Bartolomeo, S. Basso, S. Benedetto, S. Fantino, S. Gallo, S. Geminiano (distrutta), S. Giuliano, S. Luca, S. Marco, S. Maurizio, S. Moisè, S. Paternian (distrutta), SS. Rocco e Margherita, S. Salvador, S. Samuele, S. Stefano, S. Teodoro, S. Vidal, S.ta Maria della Consolazione (Fava), S.ta Maria del Giglio, S.ta Maria in Broglio o dell Ascensione (distrutta), Santissima Annunziata detta dell Anconetta (distrutta). 10

11 SESTIERE DI SAN POLO: S. Agostino (distrutta), S. Aponal, S. Boldo (distrutta), S. Giacomo di Rialto, S. Giovanni Elemosinaro, S. Giovanni Evangelista, S. Mattio di Rialto (distrutta), S. Nicolò dei Frari detta della Lattuga (distrutta), S. Polo, S. Rocco, S. Silvestro, S. Stefano Confessore detta San Stin (distrutta), S. Tomà, S.ta Maria Gloriosa dei Frari. ISOLA DELLA GIUDECCA: Cappuccini, Convertite, Redentore, S. Angelo, SS. Biagio e Cataldo (distrutta), SS. Cosma e Damiano, S. Giacomo (distrutta), S. Giorgio Maggiore, S. Giovanni Battista (distrutta), S.ta Croce, S.ta Eufemia, Zitelle. ISOLA DEL LIDO: S. Nicolò, S.ta Maria dell Assunzione, S.ta Maria Elisabetta. ISOLA DI BURANO: S. Martino, S. Mauro (distrutta). ISOLA DI MAZZORBO: S. Matteo (distrutta), S. Michele Arcangelo (distrutta), S. Pietro (distrutta), S.ta Caterina, S.ta Eufemia (distrutta), S.ta Maria delle Grazie (distrutta), S.ta Maria di Valverde (distrutta). ISOLA DI MURANO: S. Bernardo (distrutta), S. Cipriano (distrutta), S. Giacomo (distrutta), S. Giovanni Battista dei Battuti (distrutta), SS. Marco e Andrea (distrutta), SS. Maria e Donato, S. Martino (distrutta), S. Matteo (distrutta), S. Mattia (distrutta), S. Pietro Martire, S. Salvatore (distrutta), S. Stefano (distrutta), S.ta Chiara, S.ta Maria degli Angeli. ISOLA DI TORCELLO: S. Antonio Abate (distrutta), S. Giovanni Evangelista (distrutta), S. Tommaso dei Borgognoni (distrutta), S.ta Fosca, S.ta Maria Assunta. ALTRE ISOLE: S. Andrea della Certosa (distrutta), S. Clemente in Isola, S. Cristoforo della Pace (distrutta), S. Erasmo, S. Francesco del Deserto, S. Giacomo di Paluo (distrutta), S. Giorgio in Alga (distrutta), S. Michele in Isola, S. Secondo in Isola (distrutta), S. Servolo, S. Spirito in Isola (distrutta), S.ta Croce degli Armeni, S.ta Maria delle Grazie (distrutta). 11

12 PARTE PRIMA

13 CAPITOLO PRIMO La concezione della morte in età barocca A partire dagli ultimi decenni del Cinquecento mutò profondamente la concezione della morte. In una società sconquassata dalle continue guerre ed epidemie, essa divenne infatti un esperienza drammaticamente quotidiana 1. La presenza della grande mietitrice fu causa di un diffuso e permanente stato di angoscia, che ben presto assunse i tratti di quella che Michelle Vovelle ha definito una vera e propria ossessione 2. La peste del a Venezia uccise ben persone, ossia il 30% circa della popolazione 3. Si trattò di un epidemia più devastante della precedente ( ), che disseminò ovunque disperazione e miseria. Mentre i lazzaretti nuovo e vecchio erano sovraffollati all inverosimile, si prescriveva l uso della calce per decomporre più rapidamente i cadaveri, gettati in fosse comuni per cercare di limitare la diffusione del contagio 4. Il medico Cecilio Fuoli uno dei dottori della peste che tanto si prodigò per combattere il morbo (Fig. 1) impiegò a tale proposito il termine «città morta» per descrivere lo scenario che si presentava ai suoi occhi quotidianamente 5. «Fatta quasi vedova questa Signora delle genti, immersa nello squallore, vide i propri figli a torme in folla precipitare nel sepolcro spinti dall imperversante morbo pestilenziale» 6. Un immagine non molto dissimile da quella dipinta dai tenebrosi Antonio Zanchi e Pietro Negri nei due teleri dello scalone della Scuola Grande di San Rocco (1666, 1673). Circa quarant anni dopo, gli echi della terribile epidemia erano ancora vivi nell immaginario collettivo e dovevano rimanervi impressi per sempre grazie 1 S. BUCCINI, Sentimento della morte dal Barocco al declino dei lumi, Ravenna, Longo Editore snc, 2000, p M. VOVELLE, La morte e l Occidente dal 1300 ai nostri giorni, Bari, Editori Laterza, 1986, pp P. PRETO, Peste e demografia. L età moderna, in Venezia e la peste: , Catalogo della mostra (Venezia, Palazzo Ducale, ), Venezia, Marsilio, 1980, pp P. PRETO, Le grandi pesti dell età moderna: e , in Venezia e la peste: , Catalogo della mostra (Venezia, Palazzo Ducale, ), Venezia, Marsilio, 1980, pp : P. PRETO, Catalogo. Le pesti dell età moderna, in Venezia e la peste: , Catalogo della mostra (Venezia, Palazzo Ducale, ), Venezia, Marsilio, 1980, pp : 141 scheda n E. A. CICOGNA, Della peste, opinioni dei medici di Venezia nel 1630 [ ], Padova, Penada, 1843, p. 31; BUCCINI, Sentimento della morte, cit., p. 9 n

14 alle due tele. In entrambi domina il «crudo realismo degli appestati e dei pizzegamorti» incaricati di condurre i defunti alla sepoltura (Fig. 2). A destra un «uomo intabarrato di nero, invece di prestare soccorso, si allontana furtivamente turandosi il naso»; fugge dallo spettacolo macabro e desolante dei corpi accatastati, pronti a essere trasportati via (Fig. 3). Come informa Giustiniano Martinioni, infatti, «i morti erano con barche portati al Lido, dove stavano formati cimiteri. Si vedevano forche impiantate alle rive dell Officio della Sanità, e in altri luoghi per punir i trasgressori» 7. «Venezia, nuova Gomorra siamo nell imminenza della perdita di Candia, sembra aver lasciato campo al libero trionfo della morte» 8. Quest ultima è personificata a sinistra da un orribile scheletro che, con tanto di falce, è ritratto nell atto di afferrare un povero malcapitato (Fig. 4). Esperienze estreme come conflitti e pestilenze privarono dunque l uomo del XVII secolo di quelle tradizionali liturgie funerarie, che avevano reso la morte più rassicurante e accettabile agli occhi dei vivi. Non stupisce allora come, al termine di tali eventi, quasi ci si rifugiasse in quelle pratiche che tanto servivano a sublimare e rendere più accettabile il momento del trapasso 9. Per quanto riguarda la realtà lagunare, in tutti i testamenti che si è avuto modo di analizzare stupisce la precisione delle disposizione relative ai momenti successivi alla morte, concernenti: gli abiti da far indossare ai cadaveri, le candele e le torce con cui illuminare gli edifici e gli altari, i lasciti per chiese ed gli enti assistenziali, le elemosine per i poveri, le messe commemorative, i tempi e i luoghi di sepoltura 10. Anche le modalità con cui si dovevano svolgere i cortei e i funerali erano stabilite dai defunti, che frequentemente richiedevano che il funerale avvenisse in forme modeste o «senza pompa». Persino la costruzione dei monumenti funebri può essere ascritta all interno delle pratiche messe in campo per rendere la fine dell esistenza un evento più tollerabile e rassicurante. Emblemi di morte, ma al contempo anche di vita, i depositi avevano infatti il merito di riscattare per sempre l esistenza umana dalla corruttibilità del tempo. Tale duplicità di significato, attribuibile al monumento funebre, generava nei contemporanei sentimenti ambivalenti e contrastanti. Per il gesuita Daniello 7 MARTINIONI, Venetia Città Nobilissima, cit., p FAVILLA, RUGOLO, Venezia barocca, cit., pp BUCCINI, Sentimento della morte, cit., p Sui funerali e sepolture a Venezia nel corso dei secoli si veda per esempio B. CECCHETTI, Funerali e sepolture dei veneziani antichi, in «Archivio Veneto», 34, II, 1887, pp

15 Bartoli, autore del manuale L uomo al punto, cioè l uomo in punto di morte, edito a Venezia nel 1668, scopo del sepolcro era quella di fungere da monito rispetto alla caducità della condizione umana: «veder quivi l Originale dell uomo, cioè esso medesimo ridotto alla sua prima origine, e divenuto polvere e fango intriso di stomachevole puzza» 11. Ciro di Pers, nelle raccolta postuma Poesie del 1666, piangendo la morte dell amata Nicea, implora invece i sassi della sua tomba di mostrargli l immagine di colei che «fatta polvere ancor voi la vedrete». Per il poeta però quella del monumento è solo un effimera e fugace consolazione, dato che «Le pompe di bellezza un marmo serra,/ i tesori d amor morte possiede,/ i trofei d onestà giaccion sottoterra» 12. Più articolata e positiva la funzione riconosciuta al sepolcro enunciata da Domenico Martinelli nell introduzione de Il Ritratto di Venezia (1684). Proprio in riferimento ai nostri monumenti egli non manca infatti di rilevava come: Dal che [ ], vedendo tra quei marmi loquaci quasi redivivi gli antenati, apprenderai a imitare le loro eroiche azioni; ovvero considerando tanti fasti e grandezze sepolte tra quei sassi, imparerai a deplorare l umana caducità 13. Per l autore il fine di queste tombe era dunque quello di offrirsi allo sguardo per conservare nel tempo la memoria degli avi. Una memoria parziale e selezionata, che rendeva i sepolcri una delle forme di rappresentanza più efficaci del loro tempo, tanto da meritarsi la definizione di «marmi loquaci». Il monumento era in grado infatti di parlare ai fedeli, proponendo le esistenze dei defunti quali modelli di vita esemplari e da imitare. Ciò valeva per i grandi mausolei di personaggi illustri, come per i sepolcri di più piccole dimensioni, appartenenti a emeriti sconosciuti. Emblematico in tal senso è il caso della memoria celebrativa della famiglia Boncio, realizzata nell abside della chiesa di San Moisè nel 1684 (Cat. 70). Giovanni, il committente dell altare maggiore, aveva ricoperto l incarico di procuratore e presidente cassier sopra la fabbrica della chiesa. Ai lati della struttura, egli volle che fossero 11 D. Bartoli, L uomo al punto, cioè l uomo in punto di morte [ ], Milano, Appresso Lodovico Monza, 1668, p Passo trascritto in BUCCINI, Sentimento della morte, cit., p C. DI PERS, Poesie [ ], Venezia, Appresso Benedeto Miloco, 1677, p. 18. Segnalato in BUCCINI, Sentimento della morte, cit., p MARTINELLI, Il ritratto di Venezia, cit., c. 5v. 15

16 collocare due effigi, una sua e l altra del giovane figlio Rocco, già deceduto (Fig. 5). L esecutore testamentario Antonio Boncio, che curò l esecuzione dell opera per suo conto, nel presentare domanda al capitolo, in riferimento a tali ritratti rilevava la loro funzione di «marmi loquaci che invitino di continuo i fedeli ad imitarli» 14, elevando di fatto due opache esistenze, a paradigma di vita. Anche il doge Domenico Contarini ( ) attribuiva un valore simile al proprio mausoleo, edificato nella controfacciata della chiesa di Santo Stefano (Cat. 82). Nel codicillo testamentario del 21 luglio 1673, il principe ordinava infatti al figlio di collocarvi il suo elogio con ritratto, nonché di farvi dipingere delle «Pitture dalle bande, e nel frontespiscio acciò più nobile, e ricco apparisca». E ciò «serva a nostri Posteri di una generosa imitazione per conseguire col mezo della Virtù gli gradi maggiori della nostra patria» 15. Un concetto quello dei marmi loquaci, che solo qualche decennio dopo sembra essere definitivamente passato di moda, come di recente hanno rilevato Favilla e Rugolo 16. Ad attestarlo sono, del resto, le parole degli stessi defunti nei loro testamenti. Così è nel caso di Vincenzo Pasqualigo, citato nell iscrizione del monumento di Pietro e Lorenzo Morosini a San Clemente in Isola, in qualità di responsabile della realizzazione finale dell opera (Cat. 51). Le sue ultime volontà, che risalgono al 1 ottobre 1693, sono particolarmente illuminanti rispetto alla nuova considerazione accordata ai sepolcri 17. Dopo avere ricordato la «fattica dello spirito instancabile» nell «imortalare il nome, e le proprie gesta», Pasqualigo si trovò costretto a constatare l inconcludenza dei tentativi atti a preservare il suo ricordo dal tempo. «Vani sono statti [infatti] gl impronti negli obelischi, e le zifre ne duri marmi, e ne bronzi», perché la natura delle cose caduche, come l esistenza umana, è quella di deteriorarsi. Ricredutosi sull efficacia delle tombe, Pasqualigo stabiliva allora che il suo corpo fosse dato 14 Archivio Storico del Patriarcato di Venezia (d ora innanzi ASPVe), San Moisè, Catastico 2, c. 41v. Citato e in parte trascritto in P. ROSSI, Ritratti funebri e commemorativi di Enrico Merengo, in «Venezia Arti», 8,1994, pp : pp. 50, ASVe, Notarile, Testamenti, Notaio Contarini Alessandro, b. 1166, n Citato e in parte trascritto in A. DA MOSTO, I dogi di Venezia con particolare riguardo alle loro tombe, Venezia, Industrie Poligrafiche Venete Ommassini & Pascon, 1939, pp M. FAVILLA, R. RUGOLO, Venezia 700. Arte e società nell ultimo secolo della Serenissima, con Introduzione di L. PUPPI e Appendice di S. TAGLIAPIETRA, Schio (Vicenza), Sassi editore, 2011, pp ASVe, Notarile, Testamenti, Notaio Raffaele Todeschini, b. 965, n. 417, cc. non numerate. 16

17 alla terra, che venghi sepolto con l habito più umile, dove venirà il caso della mia morte, donando lo spirito all universal Luce Divina, sperando, che la sua infinita misericordia prevalerà all umane mie omesse colpe, e voglio esser sotterratto nella parochia di quel luogho, dove sarò spirato, accompagnato soli il Crocifisso da sei torze [sic], non volendo più luminosa la mia morte, della mia oscura vitta. Qualche anno dopo, il 2 novembre 1707, anche il doge Alvise II Mocenigo dichiarava nel suo testamento l inutilità dei monumenti. Egli stanziava infatti l ingente cifra di ducati per rivestire in pietra d Istria la facciata di San Stae, ordinando però che non vi fosse posta «alcuna statua o inscritione che potesse relevar il nostro nome» 18. Una nuova sensibilità questa che si manifestò anche nella lastra tombale, che sigilla l arca in cui Mocenigo fu inumato. Qui infatti nessuna scritta segnala la sepoltura dogale, nessun merito o encomio vi risulta inciso nel marmo (Fig. 6). Solo il lapidario motto «NOMEN ET CINERES VNA / CVM / VANITATE SEPVLTA» oblitera per sempre il ricordo di un esistenza, per la quale solo decenni prima si sarebbero spesi gli aggettivi più roboanti 19. Venezia era divenuta allora «una città di marmi non più loquaci», dopo le intemperanze autocelebrative del secolo precedente, come se «la Repubblica non credesse più di avere qualcosa da compiere e quindi da narrare» 20. Il senso del nulla e della morte prevalsero allora sulle tante parole spese in passato, ormai percepite come vane. Non più un monumento a parete, ma a terra solo una lapide senza nome, con la danza macabra di due scheletri e «un teschio ghignante che indossa un camauro, quasi un ritratto grottesco dello stesso Mocenigo» ASVe, Notarile testamenti, notaio Vincenzo Vincenti, b. 1029, n. 6, 27 ottobre Testamento citato in DA MOSTO, I dogi di Venezia, cit., pp M. FAVILLA, R. RUGOLO, «Nome net cineres una cum vanitate sepulta»: Alvise II Mocenigo e i monumenti dogali nell ultima stagione dell età barocca, in Tombe dogali: la commemorazione dei principi nella Repubblica veneziana, atti del convegno internazionale (Venezia, Centro tedesco di studi storici Fondazione Giorgio Cini, 30 settembre-1 ottobre 2010), in corso di stampa. Ringrazio i due autori per avermi fatto leggere e citare il loro contributo prima della sua pubblicazione. 20 FAVILLA, RUGOLO, Venezia 700, cit., p Ivi, p

18 L amore per il macabro Il motivo del teschio non è una raffigurazione inusuale nell ambito dei monumenti censiti. Più in generale, sia in campo iconografico che letterario, si registrò un ampia diffusione dei temi macabri. Una sorta di esorcizzazione delle angosce generate da guerre ed epidemie, che spesso trascolorava nel vero e proprio amore per quanto di raccapricciante e orrido vi era nell esistenza. Le immagini dello scheletro e del teschio furono tra quelle più apprezzate, in quanto emblemi efficaci della corruttibilità del corpo umano. Spesso potevano essere associati a oggetti quali orologi, clessidre e mappamondi, simboli dello scorrere del tempo, costituendo così il motivo della vanitas 22. La presenza di un teschio scolpito si ritrova in due delle memorie catalogate (Catt. 17, 23). In entrambi i casi la sua vicinanza con il ritratto marmoreo, spinge a ritenere che il cranio possa essere interpretato come quello dello stesso defunto, riscattato così dalla morte grazie alla Scultura. L arte in grado di immortalarlo perennemente nell originaria forma dei suoi tratti, senza che il tempo possa intervenire a corromperli. A tale proposito, Sebastiano Mazzoni nel Tempo perduto (1661), ricordando l opera dello scultore Giusto Le Court, designava la sua abilità di ritrattista nel marmo come la capacità di «far che ritolti à Morte i Morti sieno», ovvero la «Virtù che infonde spirto a i sassi». Il suo collega Melchior Barthel era invece celebrato dallo stesso poeta come colui che L ossa della gran Madre avvivar sai E tesser contro à morte alto riparo. Opre sopra natura operar parmi, Che altri col Ferro altrui la morte dia, E tu col Ferro sai dar vita a i Marmi 23. Proprio a Melchior Barthel è stata attribuita «una delle memorie funebri più singolari e affascinanti del barocco veneziano» 24, quella del pittore Melchior 22 Ivi, pp S. MAZZONI, Il tempo perduto. Scherzi sconcertanti [ ], Venezia, Valuansense, 1661, p Versione anastatica riprodotta integralmente in S. MAZZONI, «La pittura guerriera» e altri versi sull arte, con introduzione di M. ROSSI e con un saggio di M. LEONE, Sommacampagna (VR), Cierre Edizioni, 2008, p

19 Lancia nella basilica dei Santi Giovanni e Paolo ( ) (Cat. 17). Questa presenta il motivo di un teschio incappucciato che afferra con la sua mano scheletrica l epitaffio, retto dalla rediviva effige del defunto (Fig. 7). Al di sopra, il gruppo era coronato un tempo da una statua del Redentore, a evidenziare il significato salvifico della sua venuta per l umanità. Lo scheletro appena descritto non è l unico motivo macabro del deposito. L immagine della Meditazione, posta alla base dell obelisco, si contempla infatti in uno specchio, sulla cui superficie si riflette una sorta di effigie mortuaria in via di decomposizione: un volto incappucciato, quasi scarnificato, con le orbite scavate e il naso monco, accompagnato dalla lapidaria scritta «RAPIT/ OMNIA/ FINIS». In assoluto una delle immagine più raccapriccianti della morte scolpita (Fig. 8). Il motivo del cranio si trasforma nelle memorie di maggiori dimensioni in quello dello scheletro semiscarnificato, che con ghigno beffardo e posa artefatta sorregge il drappo con l iscrizione funeraria (Catt. 51, 75, 80). Nel monumento al canonico Cristoforo Ivanovich a San Moisè (1688) (Cat. 50), la sua immagine si fa ancora più terribile a causa del macabro realismo della rappresentazione (Fig. 9). L orrendo cadavere diviene qui l emblema della stessa Morte, ritratta «appoggiata su la falce col motto NUNQUAM» 25. Dall altra parte del deposito, la personificazione del Tempo sta invece rompendo una clessidra. I suoi piedi sono appoggiati su una ruota, sotto cui campeggia la scritta «SEMPER». La morte come spettacolo Come notato da Michel Ragon, tra il XV e XIX secolo la morte subì un profondo processo di spettacolarizzazione. In un epoca in cui i decessi 24 M. DE VINCENTI, Monumento funerario di Melchiorre Lancia (scheda di cat. n. 138), in La basilica dei Santi Giovanni e Paolo. Pantheon della Serenissima, a cura di G. PAVANELLO, fotografie di M. DE FINA, Venezia Grafiche Veneziane, 2012, pp : Secondo l interpretazione dello stesso Ivanovich, espressa in una lettera a Giacomo Lubrani, poi trascritta nell opera Minerva al tavolino (1688). Passi di tale missiva, utili per l interpretazione iconografica delle statue del monumento, sono citati in FAVILLA, RUGOLO, Venezia barocca, cit., pp. 71,

20 avvenivano con maggior frequenza, le città erano infatti attraversate quotidianamente da cortei funebri 26. Per la realtà veneziana, Francesco Sansovino annotava a tale proposito come «nella materia de Funerali: non si può veder uso ne più magnifico, ne più ricco di questo. Percioche i mortorij delle persone ordinarie, non che de gli huomini d importanza, si possono paragonare a funerali di qual si voglia gran personaggio della terra ferma» 27. La sera del giorno seguente al decesso il cadavere veniva portato da famigliari e amici nella chiesa della contrada di appartenenza. Posto in mezzo all edificio e illuminato da quattro candele, veniva vegliato fino al sorgere del giorno. Solo allora poteva essere condotto «al luogo de suoi maggiori in altra chiesa». La processione funebre era aperta dalle insegne delle scuole piccole e da quelle dei preti delle diverse contrade. Venivano poi i capitoli della cattedrale di Castello e della basilica di San Marco, seguiti dai confratelli della scuola grande, di cui il morto faceva eventualmente parte. Questi erano vestiti secondo il loro costume e trasportavano delle aste munite di torce. In taluni casi se ne potevano contare fino a duecento. Al loro seguito era poi un corteo composto da coppie di marinai, anch essi recanti delle grosse candele, e dai gesuati. Il defunto era dunque trasportato da otto persone su un cataletto o dentro una bara, vestito riccamente. Dietro tale gruppo erano altri gesuati, i servi di casa, i membri delle scuole di devozione e i fanciulli dei vari ospedali veneziani. «Et cosi fatta pompa si porta per lo più, per la Piazza di San Marco, & di Rialto, accompagnata da più di 500. persone. Et non si fa funerale punto honorato, che non monti almeno 300. in 400. ducati. Et giunto il morto alla sepoltura, si dispensa limosina ad ogni uno de fratelli, & poveri de gli Spedali». Lo spazio urbano era dunque attraversato costantemente da tali processioni funebri. Le «belle morti» erano un vero e proprio spettacolo, che incuteva contemporaneamente rispetto per la perdita dell estinto e curiosità per il cerimoniale e per l apparato allestiti. La stessa abitazione del defunto era addobbata a lutto: drappi neri tappezzavano la sue pareti 26 M. RAGON, Lo spazio della morte. Saggio sull architettura, la decorazione e l urbanistica funeraria, Napoli, Guida editori, 1981, p MARTINIONI, Venetia Città Nobilissima, cit., pp

PIAZZA SAN PIETRO BASILICA DI SAN PIETRO CAPPELLA SISTINA GUARDIE SVIZZERE CASTEL S.ANGELO STATUA DEL MOSE

PIAZZA SAN PIETRO BASILICA DI SAN PIETRO CAPPELLA SISTINA GUARDIE SVIZZERE CASTEL S.ANGELO STATUA DEL MOSE ARCO DI TITO SINAGOGA PIAZZA SAN PIETRO BASILICA DI SAN PIETRO CAPPELLA SISTINA GUARDIE SVIZZERE CASTEL S.ANGELO PANTHEON STATUA DEL MOSE COLOSSEO S. GIOVANNI IN LATERANO PALAZZO DEL QUIRINALE STATUA DI

Dettagli

Intonaci e finiture a Venezia Intonaco a cocciopesto (sestiere di Santa Croce, foto di F. Trovò, 2008)

Intonaci e finiture a Venezia Intonaco a cocciopesto (sestiere di Santa Croce, foto di F. Trovò, 2008) Università IUAV di Venezia anno accademico 2009-2010 Corso di Caratteri Costruttivi dell Edilizia Storica prof. Francesco Trovò Intonaci e finiture a Venezia Intonaco a cocciopesto (sestiere di Santa Croce,

Dettagli

MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA

MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA Comitato Regionale per le Celebrazioni del 1 Centenario della morte di Aristide Naccari Fondazione Santi Felice e Fortunato Diocesi di Chioggia (VE) MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA (2014-2015)

Dettagli

Tesori Sacri 2005. Esito del bando

Tesori Sacri 2005. Esito del bando Tesori Sacri 2005 Esito del bando Al bando Tesori Sacri 2005 hanno aderito 127 progetti, di cui 105 dal Piemonte e 22 dalla Liguria. A conclusione delle procedure di valutazione effettuate dagli Uffici,

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

Ambiente artistico fiemmese nei secoli XIV-XIX

Ambiente artistico fiemmese nei secoli XIV-XIX PERCORSO STORICO ARTISTICO NEL TERRITORIO DELLA MAGNIFICA COMUNITÀ DI FIEMME Ambiente artistico fiemmese nei secoli XIV-XIX I Relatore: dott.ssa Chiara Felicetti PROGETTO DELLA RETE SCOLASTICA DI FIEMME

Dettagli

FEDE E ISTITUZIONI: I luoghi del sacro a Imola nello spazio e nel tempo 17 febbraio 2013

FEDE E ISTITUZIONI: I luoghi del sacro a Imola nello spazio e nel tempo 17 febbraio 2013 FEDE E ISTITUZIONI: I luoghi del sacro a Imola nello spazio e nel tempo 17 febbraio 2013 1797-1810: l assetto delle istituzioni religiose imolesi viene radicalmente modificato durante la dominazione francese

Dettagli

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi.

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. 1 2 3 La Cattedrale di Padova La Cattedrale rappresenta il cuore e l espressione più viva

Dettagli

Il Grosso Veneziano Una trattazione semi-definitiva su tipologie e rappresentazioni

Il Grosso Veneziano Una trattazione semi-definitiva su tipologie e rappresentazioni Il Grosso Veneziano Una trattazione semi-definitiva su tipologie e rappresentazioni A cura di Massimiliano Carrara www.maxcarrara.it numismatica@maxcarrara.it Indice Breve Storia...2 Iconografia e tipologie...3

Dettagli

PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI»

PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI» PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI» 1 Caterina Samà via Gregorio Aracri, 24, Squillace 88069 (CZ), 0961 912117 / 338 1791895 e-mail : caterinasama@libero.it Al Magnifico Rettore dell

Dettagli

Arezzo, nel susseguirsi naturale delle sue strade, presenta Il

Arezzo, nel susseguirsi naturale delle sue strade, presenta Il Il Cammino del Sacro Arezzo, nel susseguirsi naturale delle sue strade, presenta Il Cammino del Sacro: il Museo diocesano, il Duomo e le altre chiese monumentali della città, tutti straordinariamente ricchi

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

MANESIOMO e RINASCIMENTO. Vol II, pp. 322-331

MANESIOMO e RINASCIMENTO. Vol II, pp. 322-331 MANESIOMO e RINASCIMENTO Vol II, pp. 322-331 331 XV-XVI XVI Rinascimento Scoperte geografiche e nuovo impulso a commercio ed economia ridanno fiducia nella scienza,, nella ragione e nell esperienza, quindi

Dettagli

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda Nel corso dei secoli, la vecchia parrocchiale di Sovico, subì notevoli trasformazioni. Dalle notizie esistenti, sappiamo che già nel XII secolo,

Dettagli

La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico

La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico Gli affreschi La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico Affreschi dell abside maggiore Entro una mandorla,

Dettagli

Il Quattrocento e il Cinquecento tra immagini, scultura e storia.

Il Quattrocento e il Cinquecento tra immagini, scultura e storia. Il Quattrocento e il Cinquecento tra immagini, scultura e storia. Il XV secolo a Pescia e in Valleriana. Fig. 1. Giovanni di Bartolomeo Cristiani?, Madonna col Bambino tra i santi Giovanni Battista, Giovanni

Dettagli

San Paolo Albanese. di: Salvatore Sebaste Foto Bellini (Bernalda - MT) Fig. 1

San Paolo Albanese. di: Salvatore Sebaste Foto Bellini (Bernalda - MT) Fig. 1 di: Salvatore Sebaste Foto Bellini (Bernalda - MT) San Paolo Albanese Le sue origini sono antiche. Dominio dello stato di Noia (l odierna Noepoli) per molto tempo, tra il 1526 e il 1534 fu popolato dai

Dettagli

Onore Agli Eroi Una speranza di pace nel giorno in cui si celebrano i caduti in guerra. Testo e foto: Giuseppe Famiglietti

Onore Agli Eroi Una speranza di pace nel giorno in cui si celebrano i caduti in guerra. Testo e foto: Giuseppe Famiglietti w w w. p r o g p h o t o a g e n c y. c o m Onore Agli Eroi Una speranza di pace nel giorno in cui si celebrano i caduti in guerra Testo e foto: Giuseppe Famiglietti Onore Agli Eroi Una speranza di pace

Dettagli

REDENTORE 2015 LA PACE È UNA QUESTIONE DI EDUCAZIONE

REDENTORE 2015 LA PACE È UNA QUESTIONE DI EDUCAZIONE REDENTORE 2015 LA PACE È UNA QUESTIONE DI EDUCAZIONE VENERDI 17 LUGLIO ore 15,00 accoglienza a San Simeon, la chiesa di fronte alla stazione di Santa Lucia ore 17,00 spostamento alla Scuola Grande di San

Dettagli

Provincia di Lecce REGOLAMENTO Per l uso dello Stemma, del Gonfalone, della fascia tricolore, delle bandiere e per il cerimoniale del Comune.

Provincia di Lecce REGOLAMENTO Per l uso dello Stemma, del Gonfalone, della fascia tricolore, delle bandiere e per il cerimoniale del Comune. Città di Nardò Provincia di Lecce REGOLAMENTO Per l uso dello Stemma, del Gonfalone, della fascia tricolore, delle bandiere e per il cerimoniale del Comune. - 1 - Capo I CONTENUTO DEL REGOLAMENTO Art.1

Dettagli

Primo Rinascimento: gli artisti Piero della Francesca. Prof. Antonio Fosca Docente di Arte e Immagine

Primo Rinascimento: gli artisti Piero della Francesca. Prof. Antonio Fosca Docente di Arte e Immagine Primo Rinascimento: gli artisti Piero della Francesca Prof. Antonio Fosca Docente di Arte e Immagine La vita e le opere Per capire bene alcuni aspetti dell arte del primo Rinascimento, proviamo ad analizzare

Dettagli

La chiesa, edificio di ieri e di oggi

La chiesa, edificio di ieri e di oggi La chiesa, edificio di ieri e di oggi Verso il III secolo l Ecclesiae domestica si trasforma in Domus Ecclesiae. L edificio ha la forma di un abitazione romana con il piano superiore destinato agli alloggi

Dettagli

ELENCO OPERE. 15. C. Rainaldi Veduta di S. Agnese in Agone, 1652 Mm. 432 x 1390

ELENCO OPERE. 15. C. Rainaldi Veduta di S. Agnese in Agone, 1652 Mm. 432 x 1390 ELENCO OPERE VIENNA ALBERTINA 1. Francesco Borromini Schizzo con le misure di S. Pietro, 1631 Mm. 263 x 394 2. Gian Lorenzo Bernini Studi per il coronamento del Baldacchino, 1631 3. Francesco Borromini

Dettagli

LA FONDAZIONE SVIZZERA PRO VENEZIA: OLTRE 30 ANNI DI ATTIVITA IN FAVORE DELLA SALVAGUARDIA DELLA CITTA LAGUNARE

LA FONDAZIONE SVIZZERA PRO VENEZIA: OLTRE 30 ANNI DI ATTIVITA IN FAVORE DELLA SALVAGUARDIA DELLA CITTA LAGUNARE LA FONDAZIONE SVIZZERA PRO VENEZIA: OLTRE 30 ANNI DI ATTIVITA IN FAVORE DELLA SALVAGUARDIA DELLA CITTA LAGUNARE di Giordano Zeli, presidente della Fondazione Svizzera Pro Venezia e di Paola Piffaretti,

Dettagli

I nostri sogni e desideri cambiano il mondo.

I nostri sogni e desideri cambiano il mondo. PRESENTAZIONE Giornalino sul FATTO DA I BAMBINI DELLA 4^B CON L AIUTO DELL INS.TE (PISCHEDDA ELISABETTA) DELLA SCUOLA ELEMENTARE ITALO CALVINO DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI BEINASCO ANNO SCOLASTICO 2005/2006

Dettagli

Corso di Laurea Triennale - a.a. 2013/2014

Corso di Laurea Triennale - a.a. 2013/2014 Corso di Laurea Triennale - a.a. 2013/2014 Arte in Italia tra Quattrocento e Settecento Nel secondo semestre, il 17 ottobre 2013, avrà inizio il Corso di Storia dell Arte Moderna, (12 CFU), indirizzato

Dettagli

La Chiesa di S. Giovanni a Carbonara

La Chiesa di S. Giovanni a Carbonara La Chiesa di S. Giovanni a Carbonara La Chiesa di S. Giovanni a Carbonara è ubicata nell'omonima strada del centro storico, così chiamata in quanto era destinata in epoca medievale a luogo di scarico dei

Dettagli

Annibale Carracci, La Bottega del macellaio, 1585, Oxford Christ Chrch

Annibale Carracci, La Bottega del macellaio, 1585, Oxford Christ Chrch Annibale Carracci, La Bottega del macellaio, 1585, Oxford Christ Chrch Annibale Carracci, Il mangiafagioli, 1583-1584, Roma, Galleria Colonna 1582 Accademia dei desiderosi, detta poi degli Incamminati,

Dettagli

La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova

La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova Salienti pietra Facciata Campanile Pietra bianca Bifore vetro Rosone Pietra bianca e vetro Contrafforti pietra rossa chiara Lunetta affresco Portale

Dettagli

Percorso per bambini. Ogni volta che trovi questo pannello, osserva il dettaglio riprodotto, poi cercalo con attenzione nel quadro.

Percorso per bambini. Ogni volta che trovi questo pannello, osserva il dettaglio riprodotto, poi cercalo con attenzione nel quadro. Exposition Mantegna 26 septembre 2008-5 janvier 2009 Percorso per bambini Andrea Mantegna è un artista che ha dato molta importanza ai dettagli. Guardare da vicino la sua pittura aiuta a capire il suo

Dettagli

Pittura del 1200 e del 1300. Prof.ssa Ida La Rana

Pittura del 1200 e del 1300. Prof.ssa Ida La Rana Pittura del 1200 e del 1300 Prof.ssa Ida La Rana Per molti secoli in Italia latradizione della pittura bizantina mantiene una profonda influenza sulla figurazione. Dalla metà del XIII secolo iniziano però

Dettagli

Elenco schedatura Beni mobili

Elenco schedatura Beni mobili Il Marketing dei beni culturali del Veneto Orientale Elenco schedatura Beni mobili ANNONE VENETO 1. Affresco Madonna della Pera Antica Chiesa di S. Vitale 2. Altare maggiore/candeliere marmoreo/tabernacolo/copia

Dettagli

Una passeggiata tra storie d'amore e di fantasmi. Da SS. Annunziata alla Chiesa di Dante.

Una passeggiata tra storie d'amore e di fantasmi. Da SS. Annunziata alla Chiesa di Dante. Una passeggiata tra storie d'amore e di fantasmi. Da SS. Annunziata alla Chiesa di Dante. Itinerario Libero non Guidato Segui il nostro consiglio, prendi per mano tua moglie o la tua fidanzata e portala

Dettagli

Venezia Monumenti ed edifici storici

Venezia Monumenti ed edifici storici Venezia Monumenti ed edifici storici Legenda dei punti riportati sulla mappa A Basilica di San Marco L imponente Basilica di San Marco, sormontata dalle caratteristiche cupole, è immersa nello splendido

Dettagli

Presentazione A bituati oggi alle guide turistiche con belle immagini colorate, dal ricco corredo informativo sia culturale che pratico, ritrovarsi tra le mani questa ristampa anastatica di una guida di

Dettagli

LA BASILICA DI SAN CESARIO AL SUO INTERNO

LA BASILICA DI SAN CESARIO AL SUO INTERNO LA BASILICA DI SAN CESARIO AL SUO INTERNO L interno della chiesa è di stile basilicale ed è molto suggestivo anche per lo stile spoglio ed essenziale che invita al silenzio e al raccoglimento. La chiesa

Dettagli

La nostra piccola storia

La nostra piccola storia Il culto alla Beata Vergine Addolorata La nostra piccola storia Comunità Santissima Trinità Comerio, Gavirate, Groppello, Oltrona e Voltorre Il cristianesimo era arrivato a Milano prima del 200 e nella

Dettagli

Comune di Rieti Provincia di Rieti REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DEL GONFALONE, DELLA FASCIA TRICOLORE E DELLE BANDIERE

Comune di Rieti Provincia di Rieti REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DEL GONFALONE, DELLA FASCIA TRICOLORE E DELLE BANDIERE Comune di Rieti Provincia di Rieti REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DEL GONFALONE, DELLA FASCIA TRICOLORE E DELLE BANDIERE Emendato ed approvato con delibera del Consiglio comunale n. 19 del 25/02/2009 1

Dettagli

Comunità montana Alta Valtellina - Comune di Sondalo

Comunità montana Alta Valtellina - Comune di Sondalo Comunità montana Alta Valtellina - Comune di Sondalo Sondalo, in Valtellina, 940 metri sul livello del mare, si trova a pochi passi dai grandi centri turistiche dell'alta valle e sorge ai piedi del Parco

Dettagli

FERRARA. Città d arte e della bicicletta. Hotel da Pippi www.hoteldapippi.com

FERRARA. Città d arte e della bicicletta. Hotel da Pippi www.hoteldapippi.com FERRARA Città d arte e della bicicletta. BATTAGLIE STORICHE Ferrara, per la sua posizione strategica è stata coinvolta in molte battaglie, famosa rimane la guerra di Ferrara ( del 1308 ) tra la repubblica

Dettagli

XX GIORNATA FAI DI PRIMAVERA Da 20 anni, ogni volta un Italia mai vista 24 25 marzo 2012 I BENI APERTI NEL MOLISE

XX GIORNATA FAI DI PRIMAVERA Da 20 anni, ogni volta un Italia mai vista 24 25 marzo 2012 I BENI APERTI NEL MOLISE XX GIORNATA FAI DI PRIMAVERA Da 20 anni, ogni volta un Italia mai vista 24 25 marzo 2012 I BENI APERTI NEL MOLISE Con il Patrocinio di:» Le Delegazioni FAI della Regione Molise ringraziano Controllare

Dettagli

L arte paleocristiana

L arte paleocristiana Storia dell Arte docente : Prof.ssa Addolorata RICCO L arte paleocristiana Il nuovo nella continuità della civiltà romana Panorama cronologico dei primi 6 secoli di cristianesimo Date importanti per il

Dettagli

Eraldo Canegallo. Anno Domini 1630 Quando la peste si fermò a Podigliano

Eraldo Canegallo. Anno Domini 1630 Quando la peste si fermò a Podigliano Eraldo Canegallo Anno Domini 1630 Quando la peste si fermò a Podigliano Sant Agata Fossili Dicembre 2001 Introduzione La presente ricerca si riferisce alla parrocchia di Sant Agata, sita nel comune di

Dettagli

Che arriva a Venezia in macchina deve cercare un parcheggio in Piazzale Roma e poi andare in città con il vaporetto o a piedi.

Che arriva a Venezia in macchina deve cercare un parcheggio in Piazzale Roma e poi andare in città con il vaporetto o a piedi. 1.Introduzione Venezia nasce nel 452 e poco dopo la fondazione della città i commercianti veneziani cominciano a portare dall Oriente prodotti che gli Europei non conoscono: le spezie, il cotone, i profumi

Dettagli

ORARI SANTE MESSE. Festivo Invernale 8,30; 11,00; 18,00 (19,00 nel mese di maggio) Estivo 8,30; 20,00

ORARI SANTE MESSE. Festivo Invernale 8,30; 11,00; 18,00 (19,00 nel mese di maggio) Estivo 8,30; 20,00 ORARI SANTE MESSE Parrocchia S. Michele Arcangelo Albidona Festivo Invernale 8,30; 10,30 Estivo 8,30; 10,30 Parrocchia Sant Alessandro Martire Alessandria del Carretto Feriale Invernale 8,30 Estivo 8,30

Dettagli

In origine si trattava di una loggia aperta, che ha subito modifiche

In origine si trattava di una loggia aperta, che ha subito modifiche La Veranda La sala interna della Veranda dispone solitamente di 13 tavoli che possono ospitare da due a dodici persone con possibili diverse sistemazioni a Vostra scelta. Potete scegliere il tavolo a voi

Dettagli

Momenti della storia dell arte italiana attraverso i dipinti della Galleria Sabauda.

Momenti della storia dell arte italiana attraverso i dipinti della Galleria Sabauda. Momenti della storia dell arte italiana attraverso i dipinti della Galleria Sabauda. I maestri veneti del Cinquecento e Il Convito in casa di Simone il fariseo di Paolo Veronese (Verona 1528 Venezia 1588)

Dettagli

L arma per l Arte. Arte romana Urna cineraria

L arma per l Arte. Arte romana Urna cineraria 1 Arte romana Urna cineraria Fine sec. I d.c. Marmo di Carrara Città del Vaticano, Musei Vaticani, coperchio inv. n. 9183, cassa inv. n. 9184 5 Niccolò di Segna (Siena, documentato dal 1331 al 1348) Madonna

Dettagli

Dante Alighieri. Classi seconde. Scuola secondaria Galileo Galilei

Dante Alighieri. Classi seconde. Scuola secondaria Galileo Galilei Dante Alighieri Classi seconde Scuola secondaria Galileo Galilei Dante Alighieri La vita Dante Alighieri nasce a Firenze nel 1265 in questa casa La famiglia appartiene alla piccola nobiltà cittadina La

Dettagli

La Cella di Talamello

La Cella di Talamello La Cella di Talamello Posta a metà strada fra la residenza vescovile di campagna e quella entro le mura, la Cella venne eretta e decorata per volontà del vescovo di Montefeltro mons. Giovanni Seclani frate

Dettagli

ELENCO DELLE FESTIVITÀ CIVILI, MILITARI E RELIGIOSE

ELENCO DELLE FESTIVITÀ CIVILI, MILITARI E RELIGIOSE ELENCO DELLE FESTIVITÀ CIVILI, MILITARI E RELIGIOSE Le festività civili, militari e religiose scandiscono, come le stagioni, la vita scolastica e i componimenti degli alunni, in particolare nella scuola

Dettagli

Con il Patrocinio del Comune di Reggio Calabria Assessorato alla Pubblica Istruzione. percorsi didattici per le scuole

Con il Patrocinio del Comune di Reggio Calabria Assessorato alla Pubblica Istruzione. percorsi didattici per le scuole Con il Patrocinio del Comune di Reggio Calabria Assessorato alla Pubblica Istruzione percorsi didattici per le scuole I Percorsi didattici che i Servizi educativi del Museo diocesano rivolgono alle scuole

Dettagli

(Proposta didattica per scuole dell obbligo)

(Proposta didattica per scuole dell obbligo) Percorsi e giochi intor no a Venezia (Proposta didattica per scuole dell obbligo) Sei un insegnante e hai in programma una visita a Venezia con i tuoi alunni? Affidati a macacotour! Il primo servizio pensato

Dettagli

I pavimentia Venezia: principali configurazioni e modi costruttivi

I pavimentia Venezia: principali configurazioni e modi costruttivi Università IUAV di Venezia anno accademico 2009-2010 Corso di Caratteri Costruttivi dell Edilizia Storica prof. Francesco Trovò I pavimentia Venezia: principali configurazioni e modi costruttivi Pastellon

Dettagli

Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica

Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica La campagna archeologica preventiva per la realizzazione delle opere di risalita

Dettagli

Alcuni significativi esempi di devozione popolare in Valleriana. Manufatti artistici di epoca medioevale

Alcuni significativi esempi di devozione popolare in Valleriana. Manufatti artistici di epoca medioevale Alcuni significativi esempi di devozione popolare in Valleriana. Manufatti artistici di epoca medioevale L opera di Giovanni Pisano Fig. 1. Sarcofago romano. II secolo a.c. Pisa, Camposanto. Fig. 2. Nicola

Dettagli

La pala di Michele Desubleo con la Madonna del Carmine prima e dopo il restauro del 2012-2013 laboratorio Adele Pompili, Bologna

La pala di Michele Desubleo con la Madonna del Carmine prima e dopo il restauro del 2012-2013 laboratorio Adele Pompili, Bologna La pala di Michele Desubleo con la Madonna del Carmine prima e dopo il restauro del 2012-2013 laboratorio Adele Pompili, Bologna Bologna, Ritiro di San Pellegrino Benedetto Gennari, Ritratto di gentildonna

Dettagli

Architettura plateresca

Architettura plateresca SALAMANCA Geografia e storia Geografia 800 m s.l.m. 190.000 abitanti ca. Regione della Castilla y Leon Sulle rive del fiume Tormes È stata colonia romana (rimane il ponte) 712 invasa dagli Arabi e riconquistata

Dettagli

- 1 - Con il patrocinio di. Direzione e Redazione

- 1 - Con il patrocinio di. Direzione e Redazione L Ospedale Maggiore, oggi Università Statale di Milano Monumentale complesso ospedaliero chiamato popolarmente dai milanesi Ca Granda, fondato nel 1456 da Francesco Sforza, duca di Milano e dalla moglie

Dettagli

A cura di: Arche Scaligere

A cura di: Arche Scaligere A cura di: Arche Scaligere INTRODUZIONE STORICO-ARTISTICA Le Arche scaligere, situate nel centro storico di Verona, sono un monumentale complesso funerario in stile gotico della famiglia degli Scaligeri,

Dettagli

Tre giornate: sabato 31/5, sabato 14/6, sabato 21/6/2014

Tre giornate: sabato 31/5, sabato 14/6, sabato 21/6/2014 Vicenza, 9 Aprile 2014 Circolare n. 1824 Responsabili diversi Tre giornate: sabato 31/5, sabato 14/6, sabato 21/6/2014 L obiettivo che confidiamo ancora di cogliere con queste visite guidate è quello di

Dettagli

PERCORSO DANTESCO A VERONA

PERCORSO DANTESCO A VERONA PERCORSO DANTESCO A VERONA In giro per Verona sulle orme di Dante SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CAVALCHINI - MORO PIAZZA BRA Al tempo di Dante non esistevano i palazzi che vediamo ora, c'erano solo

Dettagli

Distretto pastorale Torino Città

Distretto pastorale Torino Città Distretto pastorale Torino Città Unità Pastorali: 23 parrocchie: 110 abitanti: 993.395 Vicario Episcopale territoriale: Gottardo don Roberto UNITÀ PASTORALE N. 1 - CATTEDRALE Moderatore: Franco can. Carlo

Dettagli

Il Manierismo nel Veneto

Il Manierismo nel Veneto Liceo Scientifico Paritario Ven. A. Luzzago Il Manierismo nel Veneto Jacopo Robusti detto il Tintoretto Paolo Caliari detto il Veronese Andrea Palladio Prof. Antonino Fallanca Tintoretto (1519 ca 94) Fu

Dettagli

La Confraternita dell Orazione e Morte di Viterbo, di Luciano Osbat (Viterbo, 10 maggio 2013). (traccia per una conferenza)

La Confraternita dell Orazione e Morte di Viterbo, di Luciano Osbat (Viterbo, 10 maggio 2013). (traccia per una conferenza) La Confraternita dell Orazione e orte di Viterbo, di Luciano Osbat (Viterbo, 0 maggio 03). (traccia per una conferenza) Le funzioni sociali, economiche, religiose delle confraternite In quale tipo di storia

Dettagli

La Facciata. 64 Orvieto. Il Duomo 65

La Facciata. 64 Orvieto. Il Duomo 65 La Facciata Ci vollero tre secoli per scolpire nella pietra, modellare nel bronzo e figurare con tessere di mosaico il volto del Duomo, delineandolo attraverso un articolato programma narrativo incentrato

Dettagli

LA SACRA FAMIGLIA. loro offerta ritenuta giustificatrice della tradizionale Taula Giuseppina.

LA SACRA FAMIGLIA. loro offerta ritenuta giustificatrice della tradizionale Taula Giuseppina. LA SACRA FAMIGLIA Il dipinto, opera di bottega locale, realizzato su tela ad altra sovrapposta, restaurato circa 8 anni fa, potrebbe ritenersi settecentesco. Collocato sull altare dedicato a San Giuseppe,

Dettagli

42. Camera degli Sposi Scena di Corte - Andrea Mantenga affreschi - XV sec. Castello di S. Giorgio - Palazzo Ducale - Mantova Interventi conservativi di consolidamento, pulitura e reintegrazione pittorica

Dettagli

Ti interessa scoprire una Venezia diversa? Conoscerne la vita quotidiana, gli aneddoti e le curiosità? Allora seguimi, sarò il tuo codega personale.

Ti interessa scoprire una Venezia diversa? Conoscerne la vita quotidiana, gli aneddoti e le curiosità? Allora seguimi, sarò il tuo codega personale. ai già visto Piazza San Marco, il Palazzo Ducale e il Ponte dei Sospiri? Ti interessa scoprire una Venezia diversa? Conoscerne la vita quotidiana, gli aneddoti e le curiosità? Allora seguimi, sarò il tuo

Dettagli

ANECDOTA VENETA. Studi di storia culturale e religiosa veneziana. Collana della Biblioteca della Fondazione Studium Generale Marcianum - 7

ANECDOTA VENETA. Studi di storia culturale e religiosa veneziana. Collana della Biblioteca della Fondazione Studium Generale Marcianum - 7 ANECDOTA VENETA Studi di storia culturale e religiosa veneziana Collana della Biblioteca della Fondazione Studium Generale Marcianum - 7 ANECDOTA VENETA COMITATO SCIENTIFICO: Edoardo Barbieri, direttore

Dettagli

LUX FIDES Arte alla luce luce alla Fede

LUX FIDES Arte alla luce luce alla Fede COMUNE DI TAVERNA MUSEO CIVICO DI TAVERNA HERITAGE MALTA REGIONE CALABRIA - ASSESSORATO ALLA CULTURA PROVINCIA DI CATANZARO - ASSESSORATO ALLA CULTURA COLLABORAZIONE PREVISTE : MINISTERO PER I BENI E LE

Dettagli

ANNULLI POSTALI RIPRODUZIONI DI IMMAGINI INDIVIDUAZIONE DEGLI AVENTI DIRITTO

ANNULLI POSTALI RIPRODUZIONI DI IMMAGINI INDIVIDUAZIONE DEGLI AVENTI DIRITTO ANNULLI POSTALI RIPRODUZIONI DI IMMAGINI INDIVIDUAZIONE DEGLI AVENTI DIRITTO 1. Immagine di pura inventiva creata per l occasione. Un immagine nuova può essere utilizzata dall autore salvo che l opera

Dettagli

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi Corso di Storia delle Arti visive 4. Gli Etruschi 1 Le civiltà classiche: gli Etruschi Il popolo etrusco si era insediato nel territorio corrispondente alle attuali Toscana, Umbria e Lazio intorno al IX

Dettagli

VIII-2, Mattia Preti (Taverna 1613-Malta 1699) Apoteosi di San Pietro Celestino Matita nera su carta mm.247x190 ca.1656-58 Museo Civico, Sala Mattia

VIII-2, Mattia Preti (Taverna 1613-Malta 1699) Apoteosi di San Pietro Celestino Matita nera su carta mm.247x190 ca.1656-58 Museo Civico, Sala Mattia VIII-2, Mattia Preti (Taverna 1613-Malta 1699) Apoteosi di San Pietro Celestino Matita nera su carta mm.247x190 ca.1656-58 Museo Civico, Sala Mattia Preti. 1 IX-12, Mattia Preti (Taverna 1613-Malta 1699)

Dettagli

Vol I, pp. 176-217. ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA

Vol I, pp. 176-217. ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA Vol I, pp. 176-217 ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA II sec. 476 d.c. Decadenza dell impero romano Dal II sec. al 476 è il periodo della decadenza dell impero romano L esercito era incapace di

Dettagli

CAPPELLA DEL TESORO DI SAN GENNARO

CAPPELLA DEL TESORO DI SAN GENNARO CAPPELLA DEL TESORO DI SAN GENNARO Info e prenotazioni Ogni ultimo martedì del mese dalle ore 10:30 alle ore 12:30 Prenotazione obbligatoria Tel.: 081.2522371-373 e-mail saad.progetti@unisob.na.it per

Dettagli

CARMIGNAN CON SPESSA CAMAZZOLE E OSPITAL DI BRENTA

CARMIGNAN CON SPESSA CAMAZZOLE E OSPITAL DI BRENTA Per l intera opera vedere la home page del sito di Alberto Golin CARMIGNAN CON SPESSA CAMAZZOLE E OSPITAL DI BRENTA Particolare del portale del Palazzo Municipale di Carmignano di Brenta Villa Veneta del

Dettagli

Palazzo Stanga Trecco

Palazzo Stanga Trecco Palazzo Stanga Trecco Venerdì 21 novembre 2014, in occasione della Festa del Torrone, il piano nobile di palazzo Stanga, in via Palestro, è stato eccezionalmente aperto al pubblico. Le nostre classi, la

Dettagli

Il contesto storico L'arte rinascimentale Cosa s'intende per Rinascimento La Prospettiva Corpi proporzionati Luce e ombra : il chiaroscuro

Il contesto storico L'arte rinascimentale Cosa s'intende per Rinascimento La Prospettiva Corpi proporzionati Luce e ombra : il chiaroscuro Prof.Giuseppe Torchia Il contesto storico L'arte rinascimentale Cosa s'intende per Rinascimento La Prospettiva Corpi proporzionati Luce e ombra : il chiaroscuro IL RINASCIMENTO IL CONTESTO STORICO LUCE

Dettagli

1 Navata. Intorno alle finestre, collocate nelle lunette, cornici architettoniche

1 Navata. Intorno alle finestre, collocate nelle lunette, cornici architettoniche 1 La chiesa è a unica navata scandita in sei campate sulla quale si aprono simmetricamente, con archi a tutto sesto, dodici cappelle, delle quali due fungono da accesso laterale alla chiesa. La navata

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA 1) L alunno riconosce che Dio si è rivelato attraverso Gesù, stabilendo con l

Dettagli

CONOSCI LA TUA CITTÀ ANNO SCOLASTICO 2012/13

CONOSCI LA TUA CITTÀ ANNO SCOLASTICO 2012/13 CONOSCI LA TUA CITTÀ ANNO SCOLASTICO 2012/13 NAVATA DI DESTRA IL GARGOYLE IL TIBURIO S. ANDREA BASILICA DI SANT ANDREA IN PIAZZA ROMA Fu edificata tra il 1219 e il 1227 per volere del cardinale Guala Bicchieri.

Dettagli

ESITO DEL BANDO. Compagnia di San Paolo

ESITO DEL BANDO. Compagnia di San Paolo ESITO DEL BANDO Nella seduta del 14 marzo il Comitato di Gestione della Compagnia ha deliberato il sostegno a 50 iniziative tra quelle pervenute alla Compagnia nell ambito del bando Tesori Sacri 2010.

Dettagli

ARCHITETTURA E LUCE La luce è l origine di tutto: dal momento in cui colpisce la superficie delle cose ne delinea i profili e producendo le ombre

ARCHITETTURA E LUCE La luce è l origine di tutto: dal momento in cui colpisce la superficie delle cose ne delinea i profili e producendo le ombre ARCHITETTURA E LUCE La luce è l origine di tutto: dal momento in cui colpisce la superficie delle cose ne delinea i profili e producendo le ombre dietro gli oggetti, ne coglie la profondità. La luce, nella

Dettagli

Cosa abbiamo vissuto...

Cosa abbiamo vissuto... Dies Bernardinianus Dies Bernardinianus Nei giorni dal 17 al 20 maggio il Centro Culturale delle Grazie e l Associazione Amici di S. Bernardino di Lallio, u- nitamente alle rispettive Parrocchie e in collaborazione

Dettagli

IL DUOMO RACCONTA LA SUA STORIA

IL DUOMO RACCONTA LA SUA STORIA IL DUOMO RACCONTA LA SUA STORIA C a l e n da r i o 2 0 1 2 Nel 1481 il neoeletto vescovo di Pavia, Ascanio Sforza, presentò un progetto di ampliamento e rinnovo delle due cattedrali gemelle di Santo Stefano

Dettagli

La posizione dei nostri monumenti

La posizione dei nostri monumenti Foro romano Autori: Luca Gray Beltrano, Irene Bielli, Luca Borgia, Alessandra Caldani e Martina Capitani Anno: 2013, classe: 1 N Professoressa: Francesca Giani La posizione dei nostri monumenti Tempio

Dettagli

01 Statua Barberini I sec ac Marmo 165 cm Roma Musei Capitolini

01 Statua Barberini I sec ac Marmo 165 cm Roma Musei Capitolini Ritrattistica Repubblicana per il culto antenati Realistica Ritrattistica Augustea Patrizia e Aulica tra realismo e simbolismo Arte Plebea e Storico Celebrativa Simbolica 01 Statua Barberini I sec ac Marmo

Dettagli

ISSR San Lorenzo Giustiniani Escuela Politécnica Superior Facultad de Humanidades. 10.50-11.10 Coffee Break. 12.30 Pranzo

ISSR San Lorenzo Giustiniani Escuela Politécnica Superior Facultad de Humanidades. 10.50-11.10 Coffee Break. 12.30 Pranzo MARTEDI 8 LUGLIO 09.30-10.50 Lezione inaugurale: Le origini di Venezia, dominio bizantino (VI-IX sec.) Prof. Giuseppe Cuscito Università di Trieste 11.10-12.30 Aquileia e Grado: le origini delle chiese

Dettagli

INTRODUZIONE L AZIENDA

INTRODUZIONE L AZIENDA INTRODUZIONE Il culto dei defunti ha origini antichissime. Già al tempo degli egizi, dei babilonesi o degli stessi romani si credeva in un aldilà e veniva esaltata l importanza della forma e del modo in

Dettagli

Il centro storico di Castellaneta

Il centro storico di Castellaneta Il centro storico di Castellaneta La parte più antica di Castellaneta si trova sul punto più alto, il colle Archinto (241 metri s. l. m.) ed è circondato da due lati dalla gravina. Il centro storico mantiene

Dettagli

Isola di Ortigia. Storia dell Isola di Ortigia

Isola di Ortigia. Storia dell Isola di Ortigia Isola di Ortigia Isola di Ortigia costituisce la parte più antica della città di Siracusa. Il suo nome deriva dal greco antico ortyx che significa quaglia. È il cuore della città, la prima ad essere abitata

Dettagli

I Cristiani e gli Ebrei

I Cristiani e gli Ebrei I Cristiani e gli Ebrei La casa del Papa: Basilica di San Pietro e Musei Vaticani Le catene di San Pietro e la neve estiva nella Basilica di San Pietro in vincoli e nella Basilica di Santa Maria Maggiore

Dettagli

VENEZIA e CASTELFRANCO VENETO Dal 12 al 14 Febbraio 2010

VENEZIA e CASTELFRANCO VENETO Dal 12 al 14 Febbraio 2010 VENEZIA e CASTELFRANCO VENETO Dal 12 al 14 Febbraio 2010 PROGRAMMA Venerdì 12 febbraio 2010 Ore 08.30 arrivo all aeroporto di Venezia. Caricamento bagagli su pullman privato (che li porterà a Castelfranco

Dettagli

Complesso Monastico e Chiostro di San Gregorio Armeno

Complesso Monastico e Chiostro di San Gregorio Armeno Complesso Monastico e Chiostro di San Gregorio Armeno Il complesso monastico, situato su uno dei cardini dell antico tracciato greco-romano, è un gioiello dell architettura barocca napoletana. Fondato

Dettagli

Sguardi sull invisibile

Sguardi sull invisibile CATERINA PICCINI DA PONTE Sguardi sull invisibile Icone e incisioni presentazione del Patriarca Emerito card. Marco Cè meditazioni sulle icone di Giorgio Maschio fotografie di Francesco Barasciutti Marcianum

Dettagli

Proposta di restauro ex-convento domenicano di San Clemente in Brescia

Proposta di restauro ex-convento domenicano di San Clemente in Brescia Proposta di restauro ex-convento domenicano di San Clemente in Brescia Chiesa san Clemente Chiostro piccolo Cortile e Loggia dei frati Chiostro grande Situazione oggi Progetto del chiostro grande Associazione

Dettagli

ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE. Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni

ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE. Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni territoriali che fossero sfuggiti al censimento. Cripta dello Spirito Santo

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli