In pratica, Borgo Nuovo era il lato destro di Via della Conciliazione guardando in direzione di San Pietro, mentre Borgo Vecchio era il lato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "In pratica, Borgo Nuovo era il lato destro di Via della Conciliazione guardando in direzione di San Pietro, mentre Borgo Vecchio era il lato"

Transcript

1

2 In pratica, Borgo Nuovo era il lato destro di Via della Conciliazione guardando in direzione di San Pietro, mentre Borgo Vecchio era il lato sinistro, e Piazza Scossacavalli era larga quanto l odierna Via della Conciliazione, che si estende per l appunto fra Palazzo Torlonia e Palazzo dei Penitenzieri lo specifico per chi non avesse avuto la ventura di sentirselo raccontare centinaia di volte. La mia famiglia era andata a stare in quella casa nei primissimi anni del secolo, doveva essere il 1901 o il 1902, quando il bisnonno Eugenio lasciò la Francia per trasferirsi a lavorare a Roma. Si portò dietro la moglie Tuta, i tre figli Vera, Vanna ed Enzo (la quarta, Zita, nascerà a Roma), nonché ahilui uno squadrone di sorelle e cugine della moglie, che si aggregarono tutte felici di lasciare la grigia Tours per venire a vivere al sole e a un passo dal papa. Abitavano tutti in un immenso appartamento su due livelli sito al piano terra di un vecchio edificio d angolo due livelli, badate bene, non due piani, perché a metà del lungo corridoio che spartiva le stanze a destra e a sinistra si apriva un varco che, saliti tre o quattro gradini, immetteva in un altro lungo corridoio e altre stanze; forse avevano unito due appartamenti contigui facenti capo a stabili diversi, chi lo sa. Mia madre entrò in quella casa più di vent anni dopo, nell ottobre del 1924, quando aveva un giorno di vita. Frattanto Vera, la sua mamma adottiva, era diventata una donna di trentaquattro anni cui un problema di salute aveva precluso la possibilità di avere figli; ma aveva le idee chiare, oltre a un fidanzato che avrebbe sposato di lì a poco. A quell epoca viveva ancora coi suoi genitori sempre loro: nonna Tuta e nonno Eugenio e con la sorella minore, Luisita detta Zita, una bislacca figliola di vent anni che da piccola aveva avuto la meningite ed era rimasta un po tocca. Oltre a un numero imprecisato di vecchiarde, ovviamente, quelle che non erano schiattate nel frattempo. La sorella Alda Giovanna, detta Vanna (come vedete, i nomi a casa nostra hanno costituito tradizionalmente un problema), si era già sposata col suo Artemio (altra perla onomastica) e vivevano per conto proprio. Vai a sapere perché, Vanna era la cocca di casa e, sebbene gliele dessero tutte vinte, ricambiava queste attenzioni con un atteggiamento sprezzante verso tutto e tutti. Il fratello gemello di Vanna, Enzo, era invece morto all età di ventidue anni e due giorni (la precisazione era della nonna) proprio il 4 novembre del 1918 data in cui il generale Armando Diaz inviava il famoso bollettino con cui annunciava la vittoria schiacciante dell esercito italiano, inferiore per numero e per mezzi, sugli austro-ungarici a causa delle conseguenze di una pallottola rimediata sa il demonio quando e dove. Nonna Vera era molto attaccata al fratello,

3 e anche a distanza di anni non riusciva a parlarne senza dover mettere un fazzoletto sulla bocca a soffocare i singhiozzi. Viceversa, non aveva un rapporto idilliaco con Vanna nessuno l aveva, tranne quell a-meba del marito quando non la faceva cornuta, e il rapporto con Zita era quello che era: da un lato la sorella grande, matura e responsabile, dall altro la sorella piccola e un po squinternata, le cui innocenti eccentricità venivano sempre scusate per quella cosa che aveva avuto da bambina. Mamma non ricordava troppo bene né la disposizione delle stanze, né il numero degli abitanti di quella casa sterminata: rammentava solo una frotta di anziane signore con lunghi grembiali neri sempre intente a impastare, sminuzzare, sbattere, friggere, rosolare, infornare e sfornare, apparecchiare e sparecchiare, lavare, stirare, pulire, rigovernare e tutti gli infiniti presenti del prontuario casalingo dell epoca, nonché ambienti enormi immersi nell oscurità, pesanti sbarre alle finestre, pavimenti sconnessi con mattonelle esagonali color crema e ruggine, mastelli per la biancheria, vecchi mobili polverosi e gatti che andavano e venivano per ovvii motivi, a quei tempi nel centro di Roma non c era una sola casa a pianterreno che non ospitasse almeno tre o quattro felini. In conclusione, sembrava più una sgangherata corte dei miracoli che un focolare domestico. In questo marasma, dunque, il problema per me non è tanto ricostruire le vicissitudini di ascendenti e discendenti della famiglia dei nonni, che sono tutti più o meno sotto controllo, quanto quelle dei collaterali. Tranquillizzatevi: non ci provo nemmeno perché non saprei da che parte incominciare neanche mia madre sapeva con precisione quante zie vivessero con lei a Piazza Scossacavalli, e sì che aveva nove anni quando lasciò quella casa e quindi avrebbe dovuto ricordarselo. Nonna Tuta aveva tredici tra fratelli e sorelle, e questo lo so perché erano quattordici figli. Credo che le femmine fossero almeno una decina, poiché erano in netta maggioranza. Di questi quattordici figli di sangue romagnolo, uno o due rimasero a Cesena e tutti gli altri emigrarono a Tours, accompagnati da non so quanti cugini a dare manforte. Quando dopo una quindicina d anni nonna Tuta decise di tornare in Italia perché suo marito aveva trovato un ottimo lavoro a Roma, diverse sorelle e cugine la seguirono. Una delle sorelle rimaste in Francia era la mamma di zia Dédé ed ecco spiegata la parentela: Dédé e suo fratello Jacques (il padre naturale di mamma) erano cugini di nonna Vera (la mamma adottiva di mamma) in quanto figli di due sorelle. La differenza era che il nonno Jacques parlava l italiano perché fino all adolescenza aveva vissuto con sua madre, mentre la zia Dédé,

4 rimasta orfana prestissimo, non aveva avuto il tempo d impararlo. Ma tutte le zie di primo e di secondo grado le lasciamo al loro destino: erano tutte vedove o zitelle, e quando s è detto che transumarono tutta la vita alle costole dei bisnonni e che morirono quando il Signore se le raccolse, s è detto anche troppo. Alla faccia della divagazione, ho scritto un capitolo a sé. Ma ricordatevi che sto in terapia e che l analista mi ha detto di fare ordine nelle mie idee e se non descrivo le relazioni familiari con precisione poi mi perdo. Lost in ovulation. Mario Appelius avrebbe detto che a Roma la vita scorreva tranquilla, ma la sventura era in agguato. In realtà, la vita non scorreva affatto tranquilla, se si pensa che due mesi giusti prima della nascita di mia madre un tal Giacomo Matteotti, deputato del Regno, venne ritrovato mezzo decomposto alle porte della capitale dopo essere stato massacrato qualche settimana prima dagli squadristi inviati dal capo del governo. La scomparsa di Matteotti (intesa ancora come sparizione e non come dipartita) aveva spinto i parlamentari dell op-posizione a ritirarsi in un salone di Montecitorio, denominato poi sala dell Aventino da qualcuno che conosceva la storia romana meglio di tanti manager sportivi. Fu questa un iniziativa politica efficace assai, così efficace che portò all instaurazione del regime fascista vero e proprio sei mesi dopo, quando, cioè, tutte le organizzazioni contrarie al fascismo vennero dichiarate fuori legge. Si scrisse in seguito che l opposizione, frammentata da innumerevoli divisioni interne, non aveva mostrato la giusta fermezza ma non pensiate che l au-tore della frase fosse una specie di Nostradamus: lui stava parlando di quel che era accaduto, non di quel che accadrà. La vita, dunque, non scorreva tranquilla. E la sventura? Ai fini di questa trattazione possiamo dire che ce n era una in agguato sul fronte del riassetto urbanistico (anche se era poca cosa rispetto alla sciagura vera e propria dell Italia di quegli anni, cominciata con la marcia su Roma il 28 ottobre del 22 nonna Vera, che di 28 ottobre era nata, prendeva tutti gli anni una discreta sommetta che la premiava della felice scelta del giorno della sua nascita, come se l avesse fissato lei stessa a mo di riunione di condominio; anche mia sorella Viviana nacque un 28 ottobre, ma si era già nella seconda metà degli anni Cinquanta e, grazie al cielo, simili elargizioni non avevano più ragione di esistere. Ma sto divagando). Di che parlavo? Ah, sì, delle sciagure urbanistiche. Del resto, Roma ci stava facendo il callo: solo qualche decennio prima, per erigere l Altare della Patria era stato buttato giù l unico quartiere medievale della città, che comprendeva il convento

5 dell Ara Coeli, smantellato in buona parte (talmente buona che anche lo splendido chiostro andò distrutto), la torre di Paolo III con tutto il passetto, nonché Palazzetto Venezia e c è da essere grati ai responsabili che altre torri quattrocentesche siano scampate al massacro. Ma di questo eccidio fu responsabile un premier di sinistra, come diremmo oggi, che in tutto si trasformò fuorché in un oculato curatore dei beni architettonici del Regno. E prima di arrivare allo sventramento di Borgo, bisognerà assistere impotenti fra gli altri ai lavori di demolizione di Largo Argentina e Piazza Augusto Imperatore, nonché allo spianamento del colle Velia, la cui unica colpa fu quella di oscurare la vista del Colosseo dal balcone di Piazza Venezia e fortuna che Mussolini non risiedeva a Cavalleggeri altrimenti, per assicurarsi il colpo d occhio sulla Roma imperiale, avrebbe raso al suolo pure il Gianicolo. Ciò premesso, che nessuno azzardi spericolati accostamenti fra le prodezze urbanistiche del fascio e i grands travaux del barone Haussmann a Parigi se no attacco una digressione che non finisce più uomo avvisato, mezzo divagato. Parlavo di sventura in agguato sul fronte del riassetto urbanistico perché a un certo punto il Duce, non pago di prendere a mazzate gli avversari, cominciò a picconare pure i quartieri del centro storico della capitale (e poi ogni tanto salta su qualche zelantone che vorrebbe dedicare una strada a Mussolini personalmente, più che una via gli intitolerei un pussa via. Ma dello scempio perpetrato a Borgo fu responsabile anche Pio XI). Mentre mi documentavo su internet per cercare conferme ai miei ricordi, mi sono resa conto di un errore che ho sempre fatto. Mia madre ha raccontato innumerevoli volte la storia della distruzione della spina di Borgo, vera spina nel fianco per una nostalgica come lei, situandola sempre nel Difatti, mamma fece la prima comunione in quell anno, e la foto presa quel giorno la ritrae sottobraccio alla nonna mentre esce dalla casa in cui abito attualmente, sicché l appartamento di Piazza Scos-sacavalli a quell epoca l avevano già lasciato. E che l anno della prima comunione fosse il 1933 è appurato: è quanto risulta dall im-mancabile santino raffigurante da un lato un immagine di Gesù che porge un giglio a una bambina inginocchiata, e dall altro il nome di mia madre seguito dalla data e dalla preghierina d uso. Ora, mentre controllavo la toponomastica di Borgo, cosa ti scopro? Che Mussolini assestò la picconata inaugurale non nel 1933 ma nel 1936, mostrandosi alla folla osannante dalla sommità di uno dei tetti delle case della spina che sarebbero state abbattute nei mesi seguenti (case o trebbiatrici, quando quello poteva farsi riprendere troneggiante in piedi sopra qualche cosa era tutto contento ma in

6 quell occa-sione, bontà sua, risparmiò agli astanti lo spettacolo del torso nudo). A questo punto, non avendo motivo di dubitare di Wikipedia (anche perché quando ho scritto questo capitolo non andavano girando disdegni di legge che impattano sull informazione virtuale per la serie De postumae postillae), né delle foto che circolano in rete e che ritraggono Mussolini il 20 giugno 1936 davanti al plastico della erigenda via della Conciliazione col solito codazzo di gerarchi, devo dedurre che sono io che mi sbaglio. E dire che sono sempre stata convinta che la spina fosse stata buttata giù tre anni prima perché non solo mamma, ma anche i suoi amici borghiciani su tutti, Ada, Enrica, Mario e Valeria parlavano del 1933 come dell annus horribilis del loro quartiere e della loro infanzia. Ma credo di aver capito quel che successe: visto che dell abbattimento della spina si parlava già da anni (i progetti originari risalivano addirittura alla fine del XVII secolo, senza contare che già se ne accennava nel piano regolatore del 1873), è probabile che i nonni abbiano anticipato il trasferimento coatto cercando un appartamento più luminoso e più adatto alle esigenze della nuova famiglia, che una morìa aveva di recente decimato mandando agli alberi pizzuti i membri più senescenti nel giro di pochi mesi ne morirono tre, e si pensò seriamente di affittare una stanza di casa all agenzia di pompe funebri Raveggi per il più veloce disbrigo delle pratiche. Questa ipotesi sarebbe inoltre suffragata dal fatto che i nonni riuscirono con facilità a trovare due appartamenti contigui nel vicino quartiere di Cavalleggeri, al di là del colonnato di San Pietro e del Sant Uffizio, dove erano sorti diversi palazzi un po austeri ma funzionali, mentre invece la maggior parte della popolazione della spina, e in particolare coloro che avevano aspettato di vedere i picconi all opera prima di mettersi a cercare casa, fu obbligata a trasferirsi nella periferia ovest di Roma, nel neonato quartiere di Primavalle. I romani, si sa, hanno il brutto vizio di aspettare fino all ultimo che accada il miracolo, dopodiché, una volta superata la delusione per la mancata intercessione divina, si mettono in moto e fanno quello che devono fare. Fu così che agli inizi del 1933 la mia famiglia traslocò nei due appartamenti al quinto piano di uno dei palazzi meno belli e più imponenti del quartiere di Cavalleggeri: l appartamento piccolo, con cinque locali, lo prese quella gradassa della zia Vanna, che doveva mostrare all universo creato quanto era divenuta ricca nel frattempo poco prima dell Anno Santo del 1925 il padre l aiutò ad aprire un negozio di souvenir in Piazza Rusticucci (nel Palazzo omonimo, dalla parte di Borgo Nuovo), negozio che una volta costruita la nuova arteria

7 della Conciliazione fu ricollocato in posizione strategica, ma dal lato opposto della via, assicurando agli zii, e soltanto a loro, una notevole agiatezza economica (i soldi sono come i dolori, diceva nonna Tuta: chi ce li ha, se li tiene). L appartamento di zia Vanna comprendeva una grande terrazza privata: per andarci bisognava salire al sesto piano, aprire la porta a due battenti collocata al centro del pianerottolo, passare per una grande stanza che perlomeno all epoca della mia infanzia odorava di polvere e muffa, e che conteneva annate su annate di giornali e riviste, oltre a centinaia di numeri del Touring Club Italiano con le pagine patinate tutte attaccate, e infine aprire due enormi persiane verdi che si spalancavano dritte sulla cupola di San Pietro, con effetto assai suggestivo. Sulla parete di sinistra del pianerottolo, una porticina dipinta di verde scuro immetteva nella parte condominiale della terrazza: qui si veniva a lavare il bucato, nelle fontane poste all interno di un casotto che si ergeva in un angolo, e qui si stendevano i panni appena lavati su lunghi fili che zigzagavano su buona parte della superficie scoperta. I nonni presero invece l appartamento grande, con nove locali più una cucina enorme e uno sgabuzzino cieco che, da solo, misurava oltre venti metri quadrati e che doveva servire anche da cantina, visto che quei palazzi non avevano piani interrati. Più che grande, era (ed è) enorme ma, del resto, agli inizi degli anni Trenta la mia famiglia era ancora piuttosto numerosa: nonna Vera era già maritata con nonno Gianni, c erano ancora i suoi genitori, la sorella piccola, mia mamma, la balia di mia mamma, Rosina, che era rimasta in famiglia anche dopo aver portato a termine lo svezzamento, e sua figlia Mariuccia, che in quel periodo aveva tredici anni o giù di lì, più non so quali e quante superstiti fra le sorelle e cugine di nonna Tuta, credo ne andassero girando ancora quattro o cinque. Per creare un filo diretto con il livello stradale, che non era mai stato così lontano, nonna Tuta (orrendo diminutivo del bellissimo Gertrude: quella storia del pane e dei denti è verissima) si munì di una grande cesta dotata di venti metri di corda, che calava dalle finestre di casa a mo di posta pneumatica per mandare o ricevere le cose più disparate divertendosi come una ragazzina. Cominciò così una nuova era per la mia famiglia, le cui giornate cominciarono a essere allietate da tre ospiti fino ad allora sconosciuti: la luce, il sole e la cupola di San Pietro, che svettava dalle finestre di un lato dell appartamento. La zia Vanna, dal canto suo, viveva dall altro lato del pianerottolo col marito e i suoceri, ma aveva confinato questi ultimi nella dispensa, una cameretta cui si accedeva dalla cucina e che prendeva luce da una finestrella a vasistas piazzata su in alto vicino al

8 soffitto. Erano due vecchietti deliziosi e pulitissimi, che spesso venivano a trovare i loro consuoceri Tuta ed Eugenio nell appartamento di fronte per farsi quattro chiacchiere in realtà erano molto discreti, e non sarebbero venuti così spesso a casa nostra se la zia Vanna non li avesse obbligati a farlo nei pomeriggi in cui organizzava le sue partite di bridge, e questo perché si vergognava di loro con le sue amiche. E credetemi, erano davvero persone discrete: mai una parola sulle angherie che pativano a causa della nuora, e sulle quali scriverei un capitolo a parte se solo servisse ai fini della mia terapia. Ma ve le risparmierò per due motivi: primo perché non mi credereste, e secondo perché sono tutt altro che divertenti. Per darvene un idea, vi dirò solo che Vanna non per-metteva ai suoceri di mangiare con lei in sala da pranzo perché le faceva impressione il fatto che portassero la dentiera, e che li faceva lavare nel bagno di servizio dove c era giusto un lavandino perché non voleva che usassero la sua vasca. Se c è un inferno da qualche parte, state pur sicuri che lei sta lì ad arrostirsi le terga. Spero che siate riusciti a mettere a fuoco l intreccio di parentele su cui si fonda la mia famiglia perché ora ho bisogno di tutta la vostra attenzione: sto per cominciare la descrizione della casa. Per me è facile: non ho manco bisogno di spostarmi per le varie stanze col piccì al seguito poiché, essendo vissuta qua dentro per più di mezzo secolo, potrei muovermi per casa pure con una benda sugli occhi. Mi auguro che sia altrettanto facile per voi ma, non fidandomi delle mie capacità descrittive, vi allego a ogni buon conto una piantina dell appartamento che ho fatto io stessa ricalcandola su quella catastale visto che l ha fatto pure Tomasi di Lampedusa nei suoi Ricordi d infanzia, nessuno potrà accusarmi di essere un originaloide.

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché?

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? unità 8: una casa nuova lezione 15: cercare casa 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? palazzo attico 1. Guarda la fotografia e leggi la descrizione. Questa è

Dettagli

Si ricorda cosa le hanno detto, come l ha saputo?

Si ricorda cosa le hanno detto, come l ha saputo? Intervista rilasciata su videocassetta dalla Sig.ra Miranda Cavaglion il 17 giugno 2003 presso la propria abitazione in Cascine Vica, Rivoli. Intervistatrice: Prof.ssa Marina Bellò. Addetto alla registrazione:

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano:

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano: Imparare a "guardare" le immagini, andando al di là delle impressioni estetiche, consente non solo di conoscere chi eravamo, ma anche di operare riflessioni e confronti con la vita attuale. Abitua inoltre

Dettagli

MARIA LUISA VASSALLO: Io sono in Brasile dalla metà del duemilauno.

MARIA LUISA VASSALLO: Io sono in Brasile dalla metà del duemilauno. Lezione 7 Intervista con Maria Luisa Vassallo, lettrice del Ministero degli Affari Esteri e docente di Lingua Italiana e traduzione presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP).

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

Ha più o meno cinquant anni, presumo? domandò l uomo senza scostarsi da lei.

Ha più o meno cinquant anni, presumo? domandò l uomo senza scostarsi da lei. Mathilde tirò fuori l agenda e scrisse: «Il tizio seduto alla mia sinistra mi prende per i fondelli». Bevve un sorso di birra e lanciò un altra occhiata al vicino, un tizio immenso che da dieci minuti

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo#

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo# LA#SCOPERTA##!!!!!!Giardino#dei#Gius5# #####Associazione#Gariwo# CHI#SONO#I#GIUSTI#,#PROF?## LA#NOSTRA#SCELTA## Un#nome#fra#tuC#con5nuava#a# tornare#con#insistenza## !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Educare#al#coraggio#civile#!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Svetlana#Broz#

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

LA CASA DIALOGO PRINCIPALE

LA CASA DIALOGO PRINCIPALE LA CASA DIALOGO PRINCIPALE A- Buongiorno! B- Buongiorno, signore cosa desidera? A- Cerco un appartamento. B- Da acquistare o in affitto? A- Ah, no, no in affitto. Comprare una casa è troppo impegnativo,

Dettagli

I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE

I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE 6 CAPITOLO I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE Quando sento narrare la mia infanzia mi sembra di ascoltare un racconto di fantasia con un personaggio, che poi sarei io, al centro di tante attenzioni

Dettagli

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Progetto Guggenheim: Arte segni e parole I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Composizione di segni Prove di scrittura Disegnare parole e frasi Coltivare

Dettagli

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete Nonni si diventa Il racconto di tutto quello che non sapete Introduzione Cari nipoti miei, quando tra qualche anno potrete leggere e comprendere fino in fondo queste pagine, forse vi chiederete perché

Dettagli

Venite tutti a casa mia. Ragazzi, perché non ascoltiamo un po di musica? Quanti CD hai?

Venite tutti a casa mia. Ragazzi, perché non ascoltiamo un po di musica? Quanti CD hai? TEMPO LIBERO Venite tutti a casa mia Ragazzi, perché non ascoltiamo un po di musica? Ho molti CD di musica ska; tanti di musica punk-rock, pochi invece di altri generi. Per me la musica ska è la più divertente

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Amalia Rapallo. Federico Bottino. Clara Varni, poi Cifatte. Umberto Maria Bottino. Domenico Bottino Mariaclara Bottino

Amalia Rapallo. Federico Bottino. Clara Varni, poi Cifatte. Umberto Maria Bottino. Domenico Bottino Mariaclara Bottino Signor Suppi Rina in Albina Isola in Ricci in Jole Amalia Evelina in Ippolito Dario Sofia Papà Vittorio Angiolina Federico Alberto luisa Durante p. Bianchi, poi Cifatte Mamma Celestina Chiesa in Nonno

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

UNITA n 2. Costruzione di un albero genealogico personale (fino a quattro generazioni). DALLA NOSTRA STORIA ALLA STORIA DELLA NOSTRA FAMIGLIA

UNITA n 2. Costruzione di un albero genealogico personale (fino a quattro generazioni). DALLA NOSTRA STORIA ALLA STORIA DELLA NOSTRA FAMIGLIA UNITA n 2 Costruzione di un albero genealogico personale (fino a quattro generazioni). DALLA NOSTRA STORIA ALLA STORIA DELLA NOSTRA FAMIGLIA INDIETRO NEL TEMPO Dalla MIA GENERAZIONE alla generazione dei

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Per ricordare meglio le parole nuove, scrivile e contemporaneamente leggile ad alta voce.

Per ricordare meglio le parole nuove, scrivile e contemporaneamente leggile ad alta voce. Consiglio Per ricordare meglio le parole nuove, scrivile e contemporaneamente leggile ad alta voce. La mia famiglia Federico ci presenta la sua famiglia. Guarda il disegno e completa con i nomi della famiglia.

Dettagli

La famiglia. La famiglia fa notizia Collega le foto all articolo corrispondente. Donne in carriera l ora del dietrofront

La famiglia. La famiglia fa notizia Collega le foto all articolo corrispondente. Donne in carriera l ora del dietrofront La famiglia La famiglia fa notizia Collega le foto all articolo corrispondente. b. a. c. d. f. e. Nonni a scuola dai nipoti oggi lezione di Internet Nove scuole, 900 anziani, 900 ragazzi Obiettivo: creare

Dettagli

LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA

LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA ANNO SCOLASTICO 2011/ 12 UNA GIORNATA A BRERA Venerdì 17 febbraio sono andato con la mia classe e la IV E a Brera. Quando siamo arrivati le guide ci hanno diviso

Dettagli

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta, Sognando la felicità Copyright 2014 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

Aggettivi possessivi

Aggettivi possessivi mio, mia, miei, mie tuo, tua, tuoi, tue suo, sua, suoi, sue nostro, nostra, nostri, nostre vostro, vostra, vostri, vostre loro, loro, loro, loro Aggettivi possessivi L'aggettivo possessivo è sempre preceduto

Dettagli

Questo è l ICAM, sembra tutto fuorché un carcere. La giovane responsabile è l ispettore Stefania Conte.

Questo è l ICAM, sembra tutto fuorché un carcere. La giovane responsabile è l ispettore Stefania Conte. FRANCESCA CORSO di Edoardo Di Lorenzo FRANCESCA CORSO FONDATRICE Ho lavorato come assistente sociale al carcere di San Vittore e ho trovato dei bambini carcerati assieme alle mamme in un regime carcerario

Dettagli

unità 9: la casa lezione 17: Comprare casa 1. Leggi e abbina gli annunci a 2 delle foto sopra.

unità 9: la casa lezione 17: Comprare casa 1. Leggi e abbina gli annunci a 2 delle foto sopra. 3 unità 9: la casa lezione 17: Comprare casa 1. Leggi e abbina gli annunci a 2 delle foto sopra. Casa indipendente nel verde Bellissimo appartamento in Borgo dei Mulini Stupenda casa in campagna a 10 chilometri

Dettagli

LA CLASSE 2 G INCONTRA L'AUTRICE:

LA CLASSE 2 G INCONTRA L'AUTRICE: LA CLASSE 2 G INCONTRA L'AUTRICE: Cristina Carmagnini Questo incontro con la professoressa Carmagnini mi è piaciuto molto, è stato molto interessante. Io non ho ancora letto il libro, ma credo proprio

Dettagli

16 0 RMT Finale maggio 2008 ARMT.2008 1

16 0 RMT Finale maggio 2008 ARMT.2008 1 16 0 RMT Finale maggio 2008 ARMT.2008 1 1. PERLE ROSSE (Cat. 3) ARMT.2008-16 - finale Martina e Carlotta hanno trovato delle perle gialle, blu e rosse. Decidono di farsi una collana ciascuna e infilano

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

L ACQUA NEL NOSTRO TERRITORIO

L ACQUA NEL NOSTRO TERRITORIO L ACQUA NEL NOSTRO TERRITORIO STORIE VISSUTE DAI NOSTRI NONNI QUANDO LA VITA ERA MOLTO DIVERSA Un tempo il Tevere era un fiume molto importante in questa zona: infatti lungo la pianura che lo costeggiava

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

ITALIANO: corso multimediale d'italiano Per stranieri. Percorso

ITALIANO: corso multimediale d'italiano Per stranieri. Percorso unità 7 - quattro chiacchiere con gli amici lezione 13: un tè in compagnia 64-66 lezione 14: al telefono 67-69 vita italiana 70 approfondimenti 71 unità 8 - una casa nuova lezione 15: cercare casa 72-74

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

INDAGINE SUI GIOCHI E SUI GIOCATTOLI Classe 2 a A A. S. 2007/08. Intervista

INDAGINE SUI GIOCHI E SUI GIOCATTOLI Classe 2 a A A. S. 2007/08. Intervista Allegato 11 INDAGINE SUI GIOCHI E SUI GIOCATTOLI Classe 2 a A A. S. 2007/08 Proponi ai nonni e ai genitori la seguente intervista Intervista 1. Con che cosa giocavi? 2. Chi ti comprava i giochi? 3. Ne

Dettagli

Alessandro Lombardo Psicologo Psicoterapeuta Torino

Alessandro Lombardo Psicologo Psicoterapeuta Torino Pensierini Storie cliniche in forma di pensierini Alessandro Lombardo Psicologo Psicoterapeuta Torino introduzione Ogni storia è storia a sé Nel mio lavoro di psicoterapeuta sono molte le storie che incontro,

Dettagli

Esercizi pronomi accoppiati

Esercizi pronomi accoppiati Esercizi pronomi accoppiati 1. Rispondete secondo il modello: È vero che regali una casa a Marina?! (il suo compleanno) Sì, gliela regalo per il suo compleanno. 1. È vero che regali un orologio a Ruggero?

Dettagli

2010 Rob Buyea. 2012 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione BestBUR maggio 2014 978-88-17-07505-3

2010 Rob Buyea. 2012 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione BestBUR maggio 2014 978-88-17-07505-3 Titolo originale: Because of Mr. Terupt 2010 Rob Buyea Pubblicato per la prima volta negli Stati Uniti nel 2010 da Delacorte Press, un marchio di Random House Children s Books, una divisione di Random

Dettagli

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi.

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Nome studente Data TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO B1.1 (Medio 1) 1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Es. Ieri sera non ti (noi-chiamare) abbiamo chiamato

Dettagli

Corso ITALIANO Prof.ssa S. DOTTI Liv. 3

Corso ITALIANO Prof.ssa S. DOTTI Liv. 3 24 CHE invariabile senza preposizioni PRONOMI RELATIVI CHE = Il quale - i quali masch. La quale -le quali femm. Es. Le persone, che vedi, sono i miei amici = Le persone, le quali vedi, sono i miei amici

Dettagli

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud Paolo DÊAmbrosio La finestra sul mare una storia del Sud Paolo D Ambrosio La finestra sul mare Proprietà letteraria riservata 2011 Paolo D Ambrosio Kion Editrice, Terni Prima edizione luglio 2011 ISBN

Dettagli

RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE:

RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE: RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE: La frase la maestra scrive sulla lavagna Chiara una foto ai bambini fa Una torta prepara la mamma al cioccolato Giocano con la corda i ragazzi

Dettagli

http://www.sprachkurse-hochschule.de

http://www.sprachkurse-hochschule.de Lingua: Italiana Livello: A1/A2 1. Buongiorno, sono Sandra, sono di Monaco. (a) Buongiorno, sono Sandra, sono da Monaco. Buongiorno, sono Sandra, sono in Monaco. 2. Mia sorella chiama Kerstin. (a) Mia

Dettagli

In classe è arrivato da due settimane Adriatik, un ragazzo albanese. Alcuni compagni fanno con lui un giro per la città.

In classe è arrivato da due settimane Adriatik, un ragazzo albanese. Alcuni compagni fanno con lui un giro per la città. IN GIRO PER LA CITTÀ In classe è arrivato da due settimane Adriatik, un ragazzo albanese. Alcuni compagni fanno con lui un giro per la città. Allora, ragazzi, ci incontriamo oggi pomeriggio alle 3.00 in

Dettagli

1930 ECCO IL PRATO SUL QUALE NEGLI ANNI 70 STATA COSTRUITA LA NOSTRA SCUOLA!!!!!!

1930 ECCO IL PRATO SUL QUALE NEGLI ANNI 70 STATA COSTRUITA LA NOSTRA SCUOLA!!!!!! 1930 ECCO IL PRATO SUL QUALE NEGLI ANNI 70 STATA COSTRUITA LA NOSTRA SCUOLA!!!!!! Dalla testimonianza di Alessandro: ho 15 anni, abito a Milano dove frequento il liceo. Vivo con i miei genitori ed una

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore.

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore. Vincenzo Cerami* Sono venuto a questo confronto senza preparare nulla. Sentendo gli interventi di chi mi ha preceduto sono tornato con la mente agli anni dell università. Stavo ripensando a Roma. Gli operai

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

Un mondo che neanche immagini

Un mondo che neanche immagini Un mondo che neanche immagini Federica Bracale UN MONDO CHE NEANCHE IMMAGINI romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Federica Bracale Tutti i diritti riservati Come sarebbe bello dire per caso.

Dettagli

Gesù è sempre con noi, non ci abbandonerà mai e porterà sempre gioia a tutti. Racconta come un personaggio del presepe presenterebbe il nostro lavoro

Gesù è sempre con noi, non ci abbandonerà mai e porterà sempre gioia a tutti. Racconta come un personaggio del presepe presenterebbe il nostro lavoro PRESEPE Racconta come un personaggio del presepe presenterebbe il nostro lavoro Buongiorno, io sono il fiume Giordano, un fiume molto importante perché nelle mie acque è stato battezzato Gesù. Vi racconterò

Dettagli

ITALIANO CLASSE 2 a. Esempio di prova. 1 Matita. 2 Spazzola. 3 Finestra. 4 Cartolina. 5 Astuccio. 6 Formaggio. 7 Aquilone. 8 Maglione.

ITALIANO CLASSE 2 a. Esempio di prova. 1 Matita. 2 Spazzola. 3 Finestra. 4 Cartolina. 5 Astuccio. 6 Formaggio. 7 Aquilone. 8 Maglione. ITALIANO CLASSE 2 a Esempio di prova 0 2 Per questa prova hai 2 minuti di tempo a disposizione. Fai una sul disegno giusto, come nell esempio. 1 Matita 2 Spazzola 3 Finestra 4 Cartolina 5 Astuccio 6 Formaggio

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

FIABE CINESI E TIBETANE

FIABE CINESI E TIBETANE http://web.tiscali.it FIABE CINESI E L'uccello a nove teste La pantera I geni dei fiori TIBETANE Le montagne innevate e l'uccello della felicità. L'UCCELLO A NOVE TESTE C'erano una volta un re e una regina

Dettagli

Maria Annita Baffa. La sposa della neve

Maria Annita Baffa. La sposa della neve Maria Annita Baffa La sposa della neve Vemi, atje ku zoqtë e ngrënjen folen e dashurisë atje shtëpinë do të ngrëjim edhe ne Andiamo, là dove gli uccelli costruiscono il nido d amore là costruiremo la nostra

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria 4 ottobre 2015 Giornata delle famiglie al Museo PROGETTO: Liliana Costamagna Progetto Grafico: Roberta Margaira Questo album ti accompagna a scoprire

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

Solo un bambino. Gabriel! Gabriel! Gabriel!... Che cosa era successo a Gabriel?

Solo un bambino. Gabriel! Gabriel! Gabriel!... Che cosa era successo a Gabriel? Solo un bambino... Che cosa era successo a Gabriel? Era arrivato a St. Cloud con un breve destino già scritto, crudele, di orfano. Avrebbe abitato dalla zia, l anziana signora Mitchell, la vecchia maestra

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Ciao a tutti! Volevo come scritto sul gruppo con questo file spiegarvi cosa è successo perché se non ho scelto la cucciola senza pedigree e controlli (e come sto per spiegare non solo) è anche grazie ai

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

GIOCHIAMO CON... CARTA CRESPA E ACQUA

GIOCHIAMO CON... CARTA CRESPA E ACQUA GIOCHIAMO CON... CARTA CRESPA E ACQUA GRUPPO 5ANNI SEZ.G SCUOLA DELL INFANZIA C.PERRAULT Ins.Virando Maura e Susanna SITUAZIONE:SPAZIO UTILIZZATO: ANGOLO ATTIVITA TRANQUILLE PICCOLO GRUPPO OMOGENEO: 5ANNI

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

LA VERA STORIA DI OCCHIO PIDOCCHIO

LA VERA STORIA DI OCCHIO PIDOCCHIO Elisa Fabemoli LA VERA STORIA DI OCCHIO PIDOCCHIO Ovvero come sensibilizzare genitori, insegnanti, educatori e bambini su un problema che tormenta i pensieri dentro e sopra le nostre teste 1 In una scuola

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi.

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi. http://web.tiscali.it La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. FIABE GIAPPONESI Le Creature delle fiabe giapponesi. LA PRINCIPESSA DEL BAMBÙ. C'erano una volta

Dettagli

PIAZZA VENEZIA LA PICCOLA PIAZZA VENEZIA, NEL 1870

PIAZZA VENEZIA LA PICCOLA PIAZZA VENEZIA, NEL 1870 PIAZZA VENEZIA LA PICCOLA PIAZZA VENEZIA, NEL 1870 A DESTRA, PALAZZO VENEZIA; IN FONDO, PALAZZETTO VENEZIA CHE SARA INTERAMENTE SMONTATO E RIMONTATO ALCUNE DECINE DI METRI PIU INDIETRO PER DARE SPAZIO

Dettagli

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e Natale a Sonabilandia Era la mattina di Natale e a Sonabilandia, un paesino dove tutti sono sempre felici, non c'era buon umore e in giro non si vedeva neanche un sorriso; questo perché in tutte le case

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript 2015 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners ( Section I Listening) Transcript Familiarisation Text Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai? Ehh Francesco! Sono stata

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti

GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti (riflessione di un giovane) Considerazioni in merito agli incontri con giovani di una Scuola Media della Lombardia PRIMA DELL INCONTRO Secondo

Dettagli

MA COSA SARA QUELLO STRANO BIDONE? VIAGGIO AVVENTUROSO NEL MONDO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA A CISTERNA D ASTI 1 19 NOVEMBRE 2010

MA COSA SARA QUELLO STRANO BIDONE? VIAGGIO AVVENTUROSO NEL MONDO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA A CISTERNA D ASTI 1 19 NOVEMBRE 2010 MA COSA SARA QUELLO STRANO BIDONE? VIAGGIO AVVENTUROSO NEL MONDO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA A CISTERNA D ASTI 1 19 NOVEMBRE 2010 Il cantoniere di Cisterna, Roberto Massocco, ci ha portato un bel bidone

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

Secondo incontro: La mia esperienza d amore

Secondo incontro: La mia esperienza d amore Secondo incontro: La mia esperienza d amore Prima di addentrarci nel tema dell incontro sondiamo la motivazione dei ragazzi. Propongo loro un diagramma G/T. Tutti i ragazzi pensavano ad un esercizio di

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

A mio figlio, John Edward Clements

A mio figlio, John Edward Clements A mio figlio, John Edward Clements Titolo originale: The report card Traduzione di Elisa Puricelli Guerra 2004 Andrew Clements 2005 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Bur ragazzi giugno 2014 ISBN

Dettagli

CARLO LUCARELLI PPP. Pasolini, un segreto italiano

CARLO LUCARELLI PPP. Pasolini, un segreto italiano CARLO LUCARELLI PPP Pasolini, un segreto italiano Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano 2015 by Carlo Lucarelli Published by arrangement with Agenzia Letteraria Roberto Santachiara

Dettagli