In pratica, Borgo Nuovo era il lato destro di Via della Conciliazione guardando in direzione di San Pietro, mentre Borgo Vecchio era il lato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "In pratica, Borgo Nuovo era il lato destro di Via della Conciliazione guardando in direzione di San Pietro, mentre Borgo Vecchio era il lato"

Transcript

1

2 In pratica, Borgo Nuovo era il lato destro di Via della Conciliazione guardando in direzione di San Pietro, mentre Borgo Vecchio era il lato sinistro, e Piazza Scossacavalli era larga quanto l odierna Via della Conciliazione, che si estende per l appunto fra Palazzo Torlonia e Palazzo dei Penitenzieri lo specifico per chi non avesse avuto la ventura di sentirselo raccontare centinaia di volte. La mia famiglia era andata a stare in quella casa nei primissimi anni del secolo, doveva essere il 1901 o il 1902, quando il bisnonno Eugenio lasciò la Francia per trasferirsi a lavorare a Roma. Si portò dietro la moglie Tuta, i tre figli Vera, Vanna ed Enzo (la quarta, Zita, nascerà a Roma), nonché ahilui uno squadrone di sorelle e cugine della moglie, che si aggregarono tutte felici di lasciare la grigia Tours per venire a vivere al sole e a un passo dal papa. Abitavano tutti in un immenso appartamento su due livelli sito al piano terra di un vecchio edificio d angolo due livelli, badate bene, non due piani, perché a metà del lungo corridoio che spartiva le stanze a destra e a sinistra si apriva un varco che, saliti tre o quattro gradini, immetteva in un altro lungo corridoio e altre stanze; forse avevano unito due appartamenti contigui facenti capo a stabili diversi, chi lo sa. Mia madre entrò in quella casa più di vent anni dopo, nell ottobre del 1924, quando aveva un giorno di vita. Frattanto Vera, la sua mamma adottiva, era diventata una donna di trentaquattro anni cui un problema di salute aveva precluso la possibilità di avere figli; ma aveva le idee chiare, oltre a un fidanzato che avrebbe sposato di lì a poco. A quell epoca viveva ancora coi suoi genitori sempre loro: nonna Tuta e nonno Eugenio e con la sorella minore, Luisita detta Zita, una bislacca figliola di vent anni che da piccola aveva avuto la meningite ed era rimasta un po tocca. Oltre a un numero imprecisato di vecchiarde, ovviamente, quelle che non erano schiattate nel frattempo. La sorella Alda Giovanna, detta Vanna (come vedete, i nomi a casa nostra hanno costituito tradizionalmente un problema), si era già sposata col suo Artemio (altra perla onomastica) e vivevano per conto proprio. Vai a sapere perché, Vanna era la cocca di casa e, sebbene gliele dessero tutte vinte, ricambiava queste attenzioni con un atteggiamento sprezzante verso tutto e tutti. Il fratello gemello di Vanna, Enzo, era invece morto all età di ventidue anni e due giorni (la precisazione era della nonna) proprio il 4 novembre del 1918 data in cui il generale Armando Diaz inviava il famoso bollettino con cui annunciava la vittoria schiacciante dell esercito italiano, inferiore per numero e per mezzi, sugli austro-ungarici a causa delle conseguenze di una pallottola rimediata sa il demonio quando e dove. Nonna Vera era molto attaccata al fratello,

3 e anche a distanza di anni non riusciva a parlarne senza dover mettere un fazzoletto sulla bocca a soffocare i singhiozzi. Viceversa, non aveva un rapporto idilliaco con Vanna nessuno l aveva, tranne quell a-meba del marito quando non la faceva cornuta, e il rapporto con Zita era quello che era: da un lato la sorella grande, matura e responsabile, dall altro la sorella piccola e un po squinternata, le cui innocenti eccentricità venivano sempre scusate per quella cosa che aveva avuto da bambina. Mamma non ricordava troppo bene né la disposizione delle stanze, né il numero degli abitanti di quella casa sterminata: rammentava solo una frotta di anziane signore con lunghi grembiali neri sempre intente a impastare, sminuzzare, sbattere, friggere, rosolare, infornare e sfornare, apparecchiare e sparecchiare, lavare, stirare, pulire, rigovernare e tutti gli infiniti presenti del prontuario casalingo dell epoca, nonché ambienti enormi immersi nell oscurità, pesanti sbarre alle finestre, pavimenti sconnessi con mattonelle esagonali color crema e ruggine, mastelli per la biancheria, vecchi mobili polverosi e gatti che andavano e venivano per ovvii motivi, a quei tempi nel centro di Roma non c era una sola casa a pianterreno che non ospitasse almeno tre o quattro felini. In conclusione, sembrava più una sgangherata corte dei miracoli che un focolare domestico. In questo marasma, dunque, il problema per me non è tanto ricostruire le vicissitudini di ascendenti e discendenti della famiglia dei nonni, che sono tutti più o meno sotto controllo, quanto quelle dei collaterali. Tranquillizzatevi: non ci provo nemmeno perché non saprei da che parte incominciare neanche mia madre sapeva con precisione quante zie vivessero con lei a Piazza Scossacavalli, e sì che aveva nove anni quando lasciò quella casa e quindi avrebbe dovuto ricordarselo. Nonna Tuta aveva tredici tra fratelli e sorelle, e questo lo so perché erano quattordici figli. Credo che le femmine fossero almeno una decina, poiché erano in netta maggioranza. Di questi quattordici figli di sangue romagnolo, uno o due rimasero a Cesena e tutti gli altri emigrarono a Tours, accompagnati da non so quanti cugini a dare manforte. Quando dopo una quindicina d anni nonna Tuta decise di tornare in Italia perché suo marito aveva trovato un ottimo lavoro a Roma, diverse sorelle e cugine la seguirono. Una delle sorelle rimaste in Francia era la mamma di zia Dédé ed ecco spiegata la parentela: Dédé e suo fratello Jacques (il padre naturale di mamma) erano cugini di nonna Vera (la mamma adottiva di mamma) in quanto figli di due sorelle. La differenza era che il nonno Jacques parlava l italiano perché fino all adolescenza aveva vissuto con sua madre, mentre la zia Dédé,

4 rimasta orfana prestissimo, non aveva avuto il tempo d impararlo. Ma tutte le zie di primo e di secondo grado le lasciamo al loro destino: erano tutte vedove o zitelle, e quando s è detto che transumarono tutta la vita alle costole dei bisnonni e che morirono quando il Signore se le raccolse, s è detto anche troppo. Alla faccia della divagazione, ho scritto un capitolo a sé. Ma ricordatevi che sto in terapia e che l analista mi ha detto di fare ordine nelle mie idee e se non descrivo le relazioni familiari con precisione poi mi perdo. Lost in ovulation. Mario Appelius avrebbe detto che a Roma la vita scorreva tranquilla, ma la sventura era in agguato. In realtà, la vita non scorreva affatto tranquilla, se si pensa che due mesi giusti prima della nascita di mia madre un tal Giacomo Matteotti, deputato del Regno, venne ritrovato mezzo decomposto alle porte della capitale dopo essere stato massacrato qualche settimana prima dagli squadristi inviati dal capo del governo. La scomparsa di Matteotti (intesa ancora come sparizione e non come dipartita) aveva spinto i parlamentari dell op-posizione a ritirarsi in un salone di Montecitorio, denominato poi sala dell Aventino da qualcuno che conosceva la storia romana meglio di tanti manager sportivi. Fu questa un iniziativa politica efficace assai, così efficace che portò all instaurazione del regime fascista vero e proprio sei mesi dopo, quando, cioè, tutte le organizzazioni contrarie al fascismo vennero dichiarate fuori legge. Si scrisse in seguito che l opposizione, frammentata da innumerevoli divisioni interne, non aveva mostrato la giusta fermezza ma non pensiate che l au-tore della frase fosse una specie di Nostradamus: lui stava parlando di quel che era accaduto, non di quel che accadrà. La vita, dunque, non scorreva tranquilla. E la sventura? Ai fini di questa trattazione possiamo dire che ce n era una in agguato sul fronte del riassetto urbanistico (anche se era poca cosa rispetto alla sciagura vera e propria dell Italia di quegli anni, cominciata con la marcia su Roma il 28 ottobre del 22 nonna Vera, che di 28 ottobre era nata, prendeva tutti gli anni una discreta sommetta che la premiava della felice scelta del giorno della sua nascita, come se l avesse fissato lei stessa a mo di riunione di condominio; anche mia sorella Viviana nacque un 28 ottobre, ma si era già nella seconda metà degli anni Cinquanta e, grazie al cielo, simili elargizioni non avevano più ragione di esistere. Ma sto divagando). Di che parlavo? Ah, sì, delle sciagure urbanistiche. Del resto, Roma ci stava facendo il callo: solo qualche decennio prima, per erigere l Altare della Patria era stato buttato giù l unico quartiere medievale della città, che comprendeva il convento

5 dell Ara Coeli, smantellato in buona parte (talmente buona che anche lo splendido chiostro andò distrutto), la torre di Paolo III con tutto il passetto, nonché Palazzetto Venezia e c è da essere grati ai responsabili che altre torri quattrocentesche siano scampate al massacro. Ma di questo eccidio fu responsabile un premier di sinistra, come diremmo oggi, che in tutto si trasformò fuorché in un oculato curatore dei beni architettonici del Regno. E prima di arrivare allo sventramento di Borgo, bisognerà assistere impotenti fra gli altri ai lavori di demolizione di Largo Argentina e Piazza Augusto Imperatore, nonché allo spianamento del colle Velia, la cui unica colpa fu quella di oscurare la vista del Colosseo dal balcone di Piazza Venezia e fortuna che Mussolini non risiedeva a Cavalleggeri altrimenti, per assicurarsi il colpo d occhio sulla Roma imperiale, avrebbe raso al suolo pure il Gianicolo. Ciò premesso, che nessuno azzardi spericolati accostamenti fra le prodezze urbanistiche del fascio e i grands travaux del barone Haussmann a Parigi se no attacco una digressione che non finisce più uomo avvisato, mezzo divagato. Parlavo di sventura in agguato sul fronte del riassetto urbanistico perché a un certo punto il Duce, non pago di prendere a mazzate gli avversari, cominciò a picconare pure i quartieri del centro storico della capitale (e poi ogni tanto salta su qualche zelantone che vorrebbe dedicare una strada a Mussolini personalmente, più che una via gli intitolerei un pussa via. Ma dello scempio perpetrato a Borgo fu responsabile anche Pio XI). Mentre mi documentavo su internet per cercare conferme ai miei ricordi, mi sono resa conto di un errore che ho sempre fatto. Mia madre ha raccontato innumerevoli volte la storia della distruzione della spina di Borgo, vera spina nel fianco per una nostalgica come lei, situandola sempre nel Difatti, mamma fece la prima comunione in quell anno, e la foto presa quel giorno la ritrae sottobraccio alla nonna mentre esce dalla casa in cui abito attualmente, sicché l appartamento di Piazza Scos-sacavalli a quell epoca l avevano già lasciato. E che l anno della prima comunione fosse il 1933 è appurato: è quanto risulta dall im-mancabile santino raffigurante da un lato un immagine di Gesù che porge un giglio a una bambina inginocchiata, e dall altro il nome di mia madre seguito dalla data e dalla preghierina d uso. Ora, mentre controllavo la toponomastica di Borgo, cosa ti scopro? Che Mussolini assestò la picconata inaugurale non nel 1933 ma nel 1936, mostrandosi alla folla osannante dalla sommità di uno dei tetti delle case della spina che sarebbero state abbattute nei mesi seguenti (case o trebbiatrici, quando quello poteva farsi riprendere troneggiante in piedi sopra qualche cosa era tutto contento ma in

6 quell occa-sione, bontà sua, risparmiò agli astanti lo spettacolo del torso nudo). A questo punto, non avendo motivo di dubitare di Wikipedia (anche perché quando ho scritto questo capitolo non andavano girando disdegni di legge che impattano sull informazione virtuale per la serie De postumae postillae), né delle foto che circolano in rete e che ritraggono Mussolini il 20 giugno 1936 davanti al plastico della erigenda via della Conciliazione col solito codazzo di gerarchi, devo dedurre che sono io che mi sbaglio. E dire che sono sempre stata convinta che la spina fosse stata buttata giù tre anni prima perché non solo mamma, ma anche i suoi amici borghiciani su tutti, Ada, Enrica, Mario e Valeria parlavano del 1933 come dell annus horribilis del loro quartiere e della loro infanzia. Ma credo di aver capito quel che successe: visto che dell abbattimento della spina si parlava già da anni (i progetti originari risalivano addirittura alla fine del XVII secolo, senza contare che già se ne accennava nel piano regolatore del 1873), è probabile che i nonni abbiano anticipato il trasferimento coatto cercando un appartamento più luminoso e più adatto alle esigenze della nuova famiglia, che una morìa aveva di recente decimato mandando agli alberi pizzuti i membri più senescenti nel giro di pochi mesi ne morirono tre, e si pensò seriamente di affittare una stanza di casa all agenzia di pompe funebri Raveggi per il più veloce disbrigo delle pratiche. Questa ipotesi sarebbe inoltre suffragata dal fatto che i nonni riuscirono con facilità a trovare due appartamenti contigui nel vicino quartiere di Cavalleggeri, al di là del colonnato di San Pietro e del Sant Uffizio, dove erano sorti diversi palazzi un po austeri ma funzionali, mentre invece la maggior parte della popolazione della spina, e in particolare coloro che avevano aspettato di vedere i picconi all opera prima di mettersi a cercare casa, fu obbligata a trasferirsi nella periferia ovest di Roma, nel neonato quartiere di Primavalle. I romani, si sa, hanno il brutto vizio di aspettare fino all ultimo che accada il miracolo, dopodiché, una volta superata la delusione per la mancata intercessione divina, si mettono in moto e fanno quello che devono fare. Fu così che agli inizi del 1933 la mia famiglia traslocò nei due appartamenti al quinto piano di uno dei palazzi meno belli e più imponenti del quartiere di Cavalleggeri: l appartamento piccolo, con cinque locali, lo prese quella gradassa della zia Vanna, che doveva mostrare all universo creato quanto era divenuta ricca nel frattempo poco prima dell Anno Santo del 1925 il padre l aiutò ad aprire un negozio di souvenir in Piazza Rusticucci (nel Palazzo omonimo, dalla parte di Borgo Nuovo), negozio che una volta costruita la nuova arteria

7 della Conciliazione fu ricollocato in posizione strategica, ma dal lato opposto della via, assicurando agli zii, e soltanto a loro, una notevole agiatezza economica (i soldi sono come i dolori, diceva nonna Tuta: chi ce li ha, se li tiene). L appartamento di zia Vanna comprendeva una grande terrazza privata: per andarci bisognava salire al sesto piano, aprire la porta a due battenti collocata al centro del pianerottolo, passare per una grande stanza che perlomeno all epoca della mia infanzia odorava di polvere e muffa, e che conteneva annate su annate di giornali e riviste, oltre a centinaia di numeri del Touring Club Italiano con le pagine patinate tutte attaccate, e infine aprire due enormi persiane verdi che si spalancavano dritte sulla cupola di San Pietro, con effetto assai suggestivo. Sulla parete di sinistra del pianerottolo, una porticina dipinta di verde scuro immetteva nella parte condominiale della terrazza: qui si veniva a lavare il bucato, nelle fontane poste all interno di un casotto che si ergeva in un angolo, e qui si stendevano i panni appena lavati su lunghi fili che zigzagavano su buona parte della superficie scoperta. I nonni presero invece l appartamento grande, con nove locali più una cucina enorme e uno sgabuzzino cieco che, da solo, misurava oltre venti metri quadrati e che doveva servire anche da cantina, visto che quei palazzi non avevano piani interrati. Più che grande, era (ed è) enorme ma, del resto, agli inizi degli anni Trenta la mia famiglia era ancora piuttosto numerosa: nonna Vera era già maritata con nonno Gianni, c erano ancora i suoi genitori, la sorella piccola, mia mamma, la balia di mia mamma, Rosina, che era rimasta in famiglia anche dopo aver portato a termine lo svezzamento, e sua figlia Mariuccia, che in quel periodo aveva tredici anni o giù di lì, più non so quali e quante superstiti fra le sorelle e cugine di nonna Tuta, credo ne andassero girando ancora quattro o cinque. Per creare un filo diretto con il livello stradale, che non era mai stato così lontano, nonna Tuta (orrendo diminutivo del bellissimo Gertrude: quella storia del pane e dei denti è verissima) si munì di una grande cesta dotata di venti metri di corda, che calava dalle finestre di casa a mo di posta pneumatica per mandare o ricevere le cose più disparate divertendosi come una ragazzina. Cominciò così una nuova era per la mia famiglia, le cui giornate cominciarono a essere allietate da tre ospiti fino ad allora sconosciuti: la luce, il sole e la cupola di San Pietro, che svettava dalle finestre di un lato dell appartamento. La zia Vanna, dal canto suo, viveva dall altro lato del pianerottolo col marito e i suoceri, ma aveva confinato questi ultimi nella dispensa, una cameretta cui si accedeva dalla cucina e che prendeva luce da una finestrella a vasistas piazzata su in alto vicino al

8 soffitto. Erano due vecchietti deliziosi e pulitissimi, che spesso venivano a trovare i loro consuoceri Tuta ed Eugenio nell appartamento di fronte per farsi quattro chiacchiere in realtà erano molto discreti, e non sarebbero venuti così spesso a casa nostra se la zia Vanna non li avesse obbligati a farlo nei pomeriggi in cui organizzava le sue partite di bridge, e questo perché si vergognava di loro con le sue amiche. E credetemi, erano davvero persone discrete: mai una parola sulle angherie che pativano a causa della nuora, e sulle quali scriverei un capitolo a parte se solo servisse ai fini della mia terapia. Ma ve le risparmierò per due motivi: primo perché non mi credereste, e secondo perché sono tutt altro che divertenti. Per darvene un idea, vi dirò solo che Vanna non per-metteva ai suoceri di mangiare con lei in sala da pranzo perché le faceva impressione il fatto che portassero la dentiera, e che li faceva lavare nel bagno di servizio dove c era giusto un lavandino perché non voleva che usassero la sua vasca. Se c è un inferno da qualche parte, state pur sicuri che lei sta lì ad arrostirsi le terga. Spero che siate riusciti a mettere a fuoco l intreccio di parentele su cui si fonda la mia famiglia perché ora ho bisogno di tutta la vostra attenzione: sto per cominciare la descrizione della casa. Per me è facile: non ho manco bisogno di spostarmi per le varie stanze col piccì al seguito poiché, essendo vissuta qua dentro per più di mezzo secolo, potrei muovermi per casa pure con una benda sugli occhi. Mi auguro che sia altrettanto facile per voi ma, non fidandomi delle mie capacità descrittive, vi allego a ogni buon conto una piantina dell appartamento che ho fatto io stessa ricalcandola su quella catastale visto che l ha fatto pure Tomasi di Lampedusa nei suoi Ricordi d infanzia, nessuno potrà accusarmi di essere un originaloide.

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno.

Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno. Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno. Sai Nonno: oggi abbiamo concluso le prove generali per lo spettacolo di fine d anno; credo proprio che ti piacerà, soprattutto il finale. Poco prima dell ultima

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE Introduzione Il quindici e il sedici ottobre siamo andati in viaggio d'istruzione a Rovereto con la 3 C. Rovereto è una città a sud di Trento ricco di molte attrazioni

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo Vi preghiamo di tener presente che le sistemazioni offerte sono in linea con lo spirito del luogo, lontane dal comfort e dagli standard delle strutture ricettive. In particolare, alcune abitazioni hanno

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Vite a mezz aria Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Giuseppe Marco VITE A MEZZ ARIA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

1. una fede da far crescere nei vostri figli

1. una fede da far crescere nei vostri figli Chiediamo il Battesimo di nostro figlio 3.a tappa: dopo il Battesimo 1. una fede da far crescere nei vostri figli Parrocchia di S. Ambrogio - Via G. Di Vittorio, 23 - Mignanego (GE) Come far crescere

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Story of Hann. I racconti della serie incubo

Story of Hann. I racconti della serie incubo Story of Hann I racconti della serie incubo Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Robert Donovan Carro STORY OF HANN I

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE LA STREGA ROVESCIAFAVOLE RITA SABATINI Cari bambini avete mai sentito parlare della strega Rovesciafavole? Vi posso assicurare che è una strega davvero terribile, la più brutta e malvagia di tutte le streghe

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia REGOLAMENTO Variazioni ecografiche- numerazione civica esterna Numerazione civica interna Riferimenti normativi: Legge 24 dicembre 1954, n. 1228 artt. 9 e 10 D.P.R.

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen Modo di recitare il Santo Rosario Segno della Croce Credo Si annuncia il primo Mistero del giorno Padre Nostro Dieci Ave Maria Gloria Si continua fino a completare i 5 misteri del giorno Preghiera finale

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI 5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI In questo capitolo, dopo aver definito il concetto di «coefficienti correttivi», verranno esaminati nel dettaglio i coefficienti di riduzione previsti dalla Circolare del Ministero

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

QUELL ATTIMO INFINITAMENTE SIMMETRICO

QUELL ATTIMO INFINITAMENTE SIMMETRICO QUELL ATTIMO INFINITAMENTE SIMMETRICO Illustrazione di Matteo Pericoli 2002 Lui. Onroignoub! Lei. Come dice, scusi? Lui. Ouroignoub. Ah, mi perdoni. Buongiorno. Credevo che si fosse tutti d accordo a parlare

Dettagli

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 PIANO DI IO CI SARÒ LIA LEVI LETTURA dai 9 anni Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE Lia Levi è oggi una delle più affermate

Dettagli

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente...

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente... ISTRUZIONI: Il questionario intende valutare cosa lei pensa della sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere aggiornati su come si sente e su come riesce a svolgere le sue attività' consuete.

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

Svolgimento della prova

Svolgimento della prova Svolgimento della prova D1. Il seguente grafico rappresenta la distribuzione dei lavoratori precari in Italia suddivisi per età nell anno 2012. a. Quanti sono in totale i precari? A. Circa due milioni

Dettagli

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi Evelina De Gregori Alessandra Rotondi al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze per la Scuola secondaria di primo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Test d'ingresso NUMERI

Dettagli

Consigli di lettura alla Libreria "Rinascita"

Consigli di lettura alla Libreria Rinascita Consigli di lettura alla Libreria "Rinascita" Pagine d Estate: proposte di letture per l estate 2014 Quest'iniziativa vuole incentivare il gusto per la lettura e avvicinare i preadolescenti ai testi di

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi L'equilibrio tra libertà e regole nella formazione dei bambini Incontro Mario Lodi nella cascina ristrutturata a Drizzona, nella campagna tra Cremona

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015 La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna Giugno 2015 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro dell Area Programmazione, Controlli e Statistica coordinato dal

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

UNITÁ 4. q q q q LA FAMIGLIA DI BADU

UNITÁ 4. q q q q LA FAMIGLIA DI BADU LA FAMIGLIA DI BADU Badu è ghanese. È di Ada, una città vicino ad Accrà, nel Ghana. Ha ventiquattro anni ed è in Italia da tre mesi. Badu è in Italia da solo, la sua famiglia è rimasta in Ghana. La famiglia

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande ELEMENTARE è elementare, mi creda... senz'altro elementare, mio caro. L'importante è non dare per scontate quelle cose che sono solo evidenti. L'evidenza, di per sé, non è sinonimo di verità. La verità

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli