Luisa Cosi. 20 ARSI, Neap. 74, Annuae Litterae cit., Breve relazione cit., cc v.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Luisa Cosi. 20 ARSI, Neap. 74, Annuae Litterae cit., Breve relazione cit., cc. 333-334v."

Transcript

1 Luisa Cosi ro tanto di spavento et orrore che in un momento convertitasi l' allegrezza in tristezza et ogni canto in funestissimo pianto. Andavano per la città in quel tempo schiere d'huomini e donne saltando e cantando con l'occasione d'una solennissima festa che in detto giorno si celebra in Lecce [n.d. r.: la pasquetta o riu?]. Questi appena intesero le prime voci che subbito arrestarono i passi e deposti a terra li musicali istrumenti si posero ad ascoltare le parole divine [...] e terminarono la loro allegrezza con una vera compuntione di cuore si ritirarono in casa con silentio [...] né mancarono altri devoti esercitii [...] e la gente menatasi unitamente piangendo in processione pel Duomo, portandosi il Crocefisso del Padre, e quivi ritrovarono il SS. Esposto con grand'apparato di lumi con musica [...e nelli quattro giorni di missione] si fecero dalli Padri altre processioni funeste e di penitenza, portandosi sopra alle spalle d'alcuni ricoverti di sacco nero un devotissimo Crocifisso di non ordinaria grandezza circondato per ogni parte di lumi dopo il quale seguiva un bellissimo concerto di voci che con flebili accenti cantavano il Miserere e nel meglio interrompevasi con qualche affetto breve e acuto da un Padre» 20. Del resto, che la strategia gesuitica fosse vincente, lo dimostra il fatto che, a distanza di alcuni decenni dalla stesura delle Regole di Padre Realino, diverse Quarant'hore sono celebrate nelle principali chiese di Lecce, per lo più a rotazione, secondo un sistema via via collaudato in altri importanti centri salentini, allorquando si cominciano ad intensificare le scorrerie missionarie in provincia. Ovviamente, i registi di questo continuo teatro sacro a un certo punto non sono più soltanto i Gesuiti, ché tutto il clero locale, secolare e regolare, impara presto la lezione e di esposizioni eucaristiche e processioni in musica se ne fanno per le più diverse emergenze religiose e politiche, sia con valenza strettamente territoriale (morte di vescovi, elezione e ricorrenze di santi patroni), sia per avvenimenti che interessano tutto il regno, ovvero tutta la chiesa (malattie e morte di reali, nuove beatificazioni e santificazioni )21. Le confraternite, le 20 ARSI, Neap. 74, Annuae Litterae cit., Breve relazione cit., cc v. 21 Per una esemplificazione significativa cfr. i miei studi: Musica ancilla episcopi cit., pp 165 e 191, soprattutto in riferimento alle 40hore della settimana santa che si fanno in cattedrale con grandi spese per parature, torce, talami, trasporto di quadri e musica tre giorni continui. Simile apparato si meriteranno in morte Filippo IV (1666, le cui Pompe funebri sono descritte dal Gesuita Tomaso Strozzi) e il vescovo Pappacoda (1670); La musica a Nardò nell'epoca moderna, in «Neretum. Annuario di studi storici», n. 2 (2004), pp e dopo le 40hore celebrate nel 1612 in cattedrale per accogliere le sante reliquie donate alla città dal neretino G. Domenico Roccamora S. I., la musicalissima cerimonia, su istruzione della locale Residenza gesuitica, impegna ogni anno la confraternita delle Anime del Purgatorio in triduo baccanalium (cioè durante il carnevale) e la confraternita del SS. Sacramento durante la settimana santa, col sostegno dell'università. Ma nel hore si fanno, a spese del Capitolo, anche per chiedere la salute del corpo di Carlo II di Spagna e quella dell'anima di mons. Brancaccio. Notevole poi l'impegno delle clarisse, che ogni anno, tra febbraio e marzo a rotazione con la confraternita delle Anime - celebra la stessa funzione con macchine ben pitturate, lumi, fiori, incensi, inni e canzonette sacre; Fonti d'archivio per una storia della 139 Provincia di Lecce - Mediateca - Progetto EDIESSE (Emeroteca Digitale Salentina) a cura di IMAGO - Lecce

2 Tirar con esca alla devozione. Musica e strategia missionaria dei Gesuiti nel Seicento universitates, i capitoli che se ne accollano le spese, a volte operando a pochi mesi e metri di distanza l'uno dall'altro, esprimono così una sorta di gara devozionale; in certo modo, lo sfarzo degli apparati e la complessità del teatro sacro messi in campo sono intesi come direttamente proporzionali allo zelo della comunità coinvolta nella celebrazione per circostanze eccezionali, l'emulazione travalica il contesto provinciale nel 1613 spettacolari cerimonie organizzate dai Gesuiti a Bari attraggono fedeli dalla Terra d'otranto e viceversa 22. In breve si arriva a non temere il confronto con le chiese di Napoli, confronto che del resto per i Gesuiti resta obbligato, essendo quella città, per loro, capitale tre volte: capitale di una delle più importanti province dell'ordine e capitale del viceregno spagnolo, ma anche, a partire dalla metà del Seicento, capitale di nuove, multiformi esperienze musicali e scenotecniche, apprezzate ben oltre i confini italiani. Lo dimostra il sonorissimo e teatralissimo tripudio che nel 1640 attraversa tutta la provincia napoletana per festeggiare con sceltissime musiche, sontuose tradizione musicale nella Diocesi di Ostuni (secc. XVII-XVIII), in Scritti di storia pugliese in onore di F. Argentina, Galatina, Ed. Salentina, 1996, pp ; in riferimento alle processioni, lunghi raggionamenti (prediche), musici e istrumenti musicali impegnati da tempo immemorabile mercoledì, giovedì e venerdì santo in cattedrale e nelle chiese principali per "commovere maggiormente il popolo": Giardini stellati e cieli fioriti. Tradizione sacra e produzione musicale a Gallipoli, Lecce, Conte, 1993, soprattutto pp. 136 e sgg., dove riporto una delle più suggestive descrizioni della cerimonia come gestita dalla confraternita delle Anime tra gennaio e febbraio d'ogni anno, prima in cattedrale e dal 1680 nel proprio oratorio: «Nel primo giorno [...] cantata la messa in cattedrale e venuta la processione dirimpetto la congregatione, si diè sparo ad una sontuosissima slava di mortaretti [...] e mentre si sparava s'andava incamminando dentro la congregatione e s'intonò da nostri musici all'organo soave melodia [...] ed era tale la ricchezza de' lumi, de' fiori, de' suoni, che pareva non so si dicesse meglio un giardino stellato o vero un ciel fiorito non mancandosi l'odori de' fragranti profumi quali davano complimento alla mancanza de' finti fiori. Dopo pranzo, a pomeriggio, cantate da musici diverse e belle canzonette col suono di cembalo e nostro organetto [...] venuta l'hora di 23, appiccicati tutti i lumi dell'altare e disbarrate tutte l'entrate si cantava il Tantum ergo. Il secondo giorno [...] per esser tale giorno destinato per le femmine, cantate bellissime canzonette, di nuovo venuta l'hora 23 si ripose il SS. nel tabernacolo [...] Il terzo giorno [dopo pranzo] dette diverse belle canzonette, si cantò Pange lingua col Tantum ergo e l'officio dei morti». Di seguito tale rito subisce alcune varianti nella musica e negli apparati, per un vivace rinnovarsi, come aveva notato padre Realino, delle forme d'arte nella continuità del rito. 22 Cfr. A. BEATILLO S. I., Historia di Bari principal città della Puglia, Napoli, Savio, 1637, a proposito della festa per l'esposizione di alcune reliquie provenienti da Roma (1613); già tre anni prima, in occasione della canonizzazione di S. Ignazio, i Collegi di Bari e Lecce erano entrati in emulazione per l'allestimento di straordinarie macchine teatrali: cfr. M. ROSA, Strategia missionaria gesuitica in Puglia agli inizi del '600, in Studi di Storia pugliese in onore di G. Chiarelli, III, Galatina, Congedo, 1974, p Per altre spettacolari iniziative nella Bari sacra del Seicento cfr. D. FABRIS, Vita musicale a Bari dal Medioevo al Settecento, in La musica a Bari, a c. di D. Fabris e M. Renzi, Bari, Levante, 1993, pp. 80 e sgg. Provincia di Lecce - Mediateca - Progetto EDIESSE (Emeroteca Digitale Salentina) a cura di IM4G0 - Lecce 140

3 Provincia di Lecce - Mediateca - Progetto EDIESSE (Emeroteca Digitale Salentina) a cura di MAGO - Lecce Luisa Cosi macchine e luminarie, attioni e sermoni edificanti il primo centenario dell'ordine, secondo uno schema che, al di là delle sempre giustificate varianti locali, credo esprima l'idea di una regia organica, o almeno fa vistosa propaganda d'essa, in un intreccio politico-religioso che attraverso l'uso di canti, suoni e apparati moderni trova un modo particolarmente funzionale per far mostra di sé 23. Ma al di là delle ricorrenze eccezionali, attorno agli anni del Seicento e sullo sfondo della terribile crisi economico-sociale che caratterizza il periodo, nelle Terre pugliesi si va radicando un genere musicale che, fra tutti quelli all'epoca sperimentati a Napoli, risulta il più funzionale all'atletica penitenziale promossa con rinnovato slancio in provincia: funzionale, perché prevede il pieno e diretto coinvolgimento della popolazione, tanto cittadina, quanto rurale, e senza distinzione di ceto (l'esca musicale alla devozione fatta fabbricare dagli stessi devoti!). Infatti, pur non mancando riferimenti all'impiego, nelle diverse funzioni, di squisiti musici e sceltissimi maestri di cappella - che a Lecce vengono persino raccolti in apposita camerata dentro il Collegio 24; tuttavia nelle Relazioni gesuitiche del tempo resta enfatizzato soprattutto l'uso, a suo modo rivoluzionario, di canzonette sacre, che si possono cantare da tutti e ovunque in modo facile e semplice25, nascendo dal travestimento spirituale di melodie popolari o su ricalco d'esse26. Una pratica devozionale, questa, che sembra perfezionarsi man mano passano gli anni, così che da Bitonto (1646) a Lecce (1649) e paesi limitrofi (1666); da Putignano (1669) a Molfetta (1670), all'intera Terra d'otranto e di Basilicata 23 Cfr. ARSI, Neap. 74 cit., agosto-settembre 1640, cc. 132 e sgg. Se nella capitale è il viceré a mandare «i suoi musici di palazzo per fare continuamente musica la migliore di Napoli e si sono continuamente cantate le messe e vespri a quattro cori [... e si fece] melodia de' chori e degli stormenti secondo le diversità della composizione de' vari maestri di cappella», in Terra d'otranto e in Terra di Bari sono i grandi aristocratici (soprattutto gli Acquaviva d'aragona, fin da principio sostenitori dell'ordine) a patrocinare analoghe iniziative. 24 Cfr. L. Cosi, Napoli, Terra d'otranto, Città del Messico: tracce archivistiche di un 'viaggio musicale' fra Sei e Settecento, in «Itinerari di ricerca storica», XII -XIV ( ), pp , a proposito del servizio musicale svolto dal maestro di cappella Vincenzo Stella e da suo genero Matteo Gerusalemme, sonatore di viola (da gamba). 25 ARSI, Neap. 73, Annuae Litterae , cc. 257 e sgg., per le missioni a Lecce e provincia. 26 Precoci manifestazioni di tale prassi gesuitica si registrano nei paesi di lingua tedesca fin dal 1570: per la tradizione napoletana, a sua volta importata da Roma, cfr. D. FABRIS, Generi e fonti della musica sacra a Napoli nel Seicento, in La musica a Napoli durante il Seicento, Roma, Torre d'orfeo, 1987, pp e G. ROSTIROLLA, Vita musicale e religiosa dei Padri Filippini e Gesuiti di Napoli, Ivi, pp E' forse superfluo ricordare che, grazie ai Gesuiti salentini, attorno al 1640 sono per la prima volta riportate in notazione le formule musicali del tarantismo, ben sette fra modi, clausule e antidoti, trasmessi poi a Roma al confratello Athanasius Kirker, per il tramite di G. Paolo Nicolello e G. Battista Galliberto, rispettivamente rettori dei Collegi di Lecce ( ) e di Taranto ( ): cfr. Tarantole,folie e antidoti musicali cit., 141

4 Tirar con esca alla devozione. Musica e strategia missionaria dei Gesuiti nel Seicento (1679) è infine tutto un fiorire di simili esperienze popolari fuori e dentro le Quarant'hore. Ed ecco come i padri missionari (che si movevano a coppie) illustrano il loro metodo d'insegnamento: «Tenendo il Padre spirituale d'insegnare a cantare certe canzonette spirituali come s'era fatto in altre parti, con tutto ciò [preso] animo dopo alcuni giorni dall'altro compagno per vedere l'udienza così facile et inchinevole al bene, resa tanto mansueta et umile dalla missione, si fece cuore e cominciò a bandire le canzoni profane come tanto perniciose all'anima et ad introdurne altre spirituali, con proporre il modo con che s'haveano à cantare, facile e semplice. A pena cominciò a cantarle dal pulpito, che tutta l'udienza, Preti, Gentil'huomini, Donne e Popolo tutto con una innocenza di Adamo, prima che peccasse e con una semplicità di un S. Francesco d'assisi, ripetevano quel che si cantava, anzi con tanto gusto, che i primi Gentil'huomini andavano a pregare il detto Padre che non lasciasse simile esercittio» 27. Preti, gentiluomini, donne e popolo tutto: ma nel gregge di fedeli tutti 'addomesticabili' dal nuovo canto, ci sono teneri agnellini che particolarmente sembrano trarre e spargere benefizio dall'iniziativa, soprattutto quando si sperimenta un modus operandi che potremmo definire di 'mutuo insegnamento': «[in tutta la provincia d'otranto...] il frutto [della Dottrina Christiana a' figlioli] è stato grande, si perché questi figlioletti anco di 4 e di 5 anni fin dalla prima sera preparavano la loro disciplina e mettivano in fervore la terra, si perché apprendendo subito le cose imparate l'insegnavano ad altri e le cantano fino al presente per le strade» 28. A questo punto, processioni lugubri di adulti penitenti e processioni d'allegrezza di figlioletti di prima comunione si alternano con analoghe modalità in tutte le principali missioni pugliesi, per un contrasto che diventa sempre più teatrale: «[a Putignano nel febbraio 1669 andò in processione] la Compagnia di soldati del battaglione con le armi pendenti al collo e con pugnali verso il cuore, col funebre suono di tamburi [... ed] era di più la processione di penitenza tutta framezzata da diversi cori di musici che abbondano in questa Terra e cantavano luttuose e spirituali canzonette [... D'altra parte] la comunione 27 ARSI, Neap. 74, Annuae Literae cit., Missione fatta nella città di Bitonto nel maggio 1646 cit. (cfr. sopra, nota 6 ), c. 167; seguono riferimenti a interventi musicali tecnicamente più impegnativi per la processione serale della domenica, con «choro squisito di musici, mortificati e penitenti, quali cantando dolorosi mottetti procedevano davanti ad una bara dove morto ed esangue giaceva un Cristo sopra panno nero, portata su gli omeri da quattro dolenti e piangenti sacerdoti, parimenti scalzi, incenerati e coperti di spine»; similmente, nella processione serale del mercoledì, ci fu «adoratione del Crocifisso trascinandosi le ligna per tutto il Choro [...] seguito dal Clero e Gentil'huomini [...] che durò fin'a tre hore di notte, cantandosi, intanto, cantici divoti della SS. Passione». 28 Ivi, Neap. 76, Annuae Litterae cit., Relazione di XIV missioni fatte nella provincia d'otranto nel 1666 da PP. Della Compagnia di Gesù del Collegio di Lecce, c. 25v. Provincia di Lecce - Mediateca - Progetto EDIESSE (Emeroteca Digitale Salentina) a cura di IMAGO - Lecce 142

5 Luisa Cosi de' figlioli e figliole non ancora comunicati al numero di 500 riuscì di straordinaria consolatione, mentre il terzo giorno se n'andò una bellissima processione d'allegrezza; andavano tutti ben vestiti con corone in testa, chi di fiori, chi di seta e chi di gioie, il che faceva una giocondissima vista; era la processione accompagnata da tutto il clero e da varii cori di musici cantando canzonette spirituali» 29. Per la stessa circostanza, un'altra Relazione puntualizza ancor meglio il drammatico contrasto che la sapiente regia dei Gesuiti era riuscita a inscenare nel corso di quella settimana missionaria: da un lato, l' esercito [sic] di penitenti che si flagellano a sangue seguendo la statua di Cristo morto «con un coro di musici luctuosamente cantando», ovvero accompagnando la statua di «Maria Addolorata ammantata di lutto con pugnale dimezzato verso il core, [che] dava segno del suo cordoglio, qual maggiormente si spiegava da un choro di musici che li precedeva». Dall'altro, «[... si fece] secondo il solito la Dottrina christiana nella quale concorse innumerabilità di figlioli, parte per le familiari esortazione del Padre, parte per segno d'essere premiati dal detto d'alcuni santilli e canzonette, che se li davano, e parte per andare à godere et associare il canto delle cose spirituali, appena avevano luogo di capacità» 3o. Quella dei bambini cantanti era certamente una vista toccante e un ascolto edificante. Nella provincia d'otranto e Basilicata la sceneggiatura ideata per le missioni dell'anno 1687 sembra farsi ancora più suggestiva: «In tutte le missioni si fa ogni giorno le Dottrina christiana ed alle volte si fa due volte il giorno [... i figlioli che si comunicano la prima volta] vengono tutti in chiesa con corone in testa di fiori e altre cose e ben vestiti ognuno secondo la sua possibilità. Fà testa a tutte le figliole una con stendardo che rappresenta S. Orsola appresso alla quale vengono tutte le altre in processione e portano una statua della B.ma Vergine accompagnata da istromenti do 29 Ivi, Missione fatta a Putignano, cc. 65 e 71 3 Ivi, Relatione della Missione fatta a Putignano, febbraio 1669, cc. 96v., 103, 105v. La missione terminò «col raduno di tutte le Confraternite e Clero, col portare ogni Confraternita choro di musici con quali davano eccessivo segno di allegrezza, mentre nel cuore di tutta la processione s'adunavano 450 figlioli comunicandi, vestiti d'angeli [...] e le fanciulle con palme alle mani», cc Decisamente più stringata la descrizione desumibile dalla Missione fatta ad Acquaviva un mese prima (c. 80: con annotazione della «processione di Christo morto con due chori di musici cantando à tuono funebre il salmo Misere mei Deus»). E' però da notare che canzoncine spirituali si cantavano anche fuori delle missioni, come dimostra il Compendioso ragguaglio della devozione introdotta in Molfetta del SS. Ignatio, 1670, c. 115: «per tutto il mese di luglio si fanno sermoni ogni sera con antifone e orattione del SS. Protettore, sedendosi la gente si cantava una canzoncina da' musici, dopo il Padre faceva un discorso [ ] e finalmente i musici cantavano le litanie della B. V.». Per le canzonette che nello stesso periodo adornano le 40 hore gallipoline, cfr. sopra, nota Provincia di Lecce - Mediateca - Progetto EDIESSE (Emeroteca Digitale Salentina) a cura di IMJIGO - Lecce

6 Tirar con esca alla devozione. Musica e strategia missionaria dei Gesuiti nel Seicento musica e le medesime figliole cantano una canzonetta spirituale insegnatala nella Dottrina cristiana a questo fine. Appresso poi vengono li figlioli alli quali fa testa un altro con lo stendardo che rappresenta S. Michele Arcangelo e portano un Bambino con musica di stromenti ed un coro di sacerdoti che cantano Laudate pueri Dominum e li medesimi figlioli rispondono con la canzonetta spirituale e così girano per le strade più principali delle città con suoni di campane à gloria e per dovunque passano inteneriscono tutti e si sentono gridare le donne e tutti laudare Dio e benedicendo la Compagnia. Finita la processione tornano in chiesa, si apparecchiano alla comunione e sentono tutti insieme la messa, al fine della quale se li da la comunione, se li fa fare poi l'attione della gratia e si rimandano a casa. In queste missioni se ne saranno comunicati quattromila. Dove duecento, dove trecento, dove quattrocento, nella città di Matera passarono li cinquecento» 31. In definitiva, con questi riti collettivi di penitenza e di consolazione fortemente caratterizzati dallo specifico musicale, i Gesuiti nel corso del Seicento riescono a disarticolare efficacemente i sistemi istituzionali della devozione (largamente incomprensibili ai più), per ricomporli in favore di soluzioni più trasversali e popolari. Soluzioni che sono nuove e insieme antiche, per una ibridazione in cui è alla fine difficile discernere modernità di forme e tradizione di contenuti, tradizione di forme e modernità di contenuti. Perché, se è vero, come scrive Mario Rosa, che «taluni aspetti della pietà meridionale hanno qui e in questo momento storico, e non in una mentalità atemporale e sociologica le loro precise radici»; se è vero che sono soprattutto i Gesuiti, nel pieno della controriforma e agli inizi della crisi del '600 a modellare «forme di pietà e tipi di devozione determinanti ad impostare per lunghissimo tempo le labili realtà urbane e le prevalenti strutture rurali della civiltà e della cultura del Mezzogiorno» 32 ; sembra parimenti sostenibile che i materiali e gli strumenti per quel modellamento, i Gesuiti li abbiano accuratamente cercati e trovati sul campo, contribuendo a portare alla luce un mondo sommerso, certamente temuto e mai completamente esorcizzato. Un mondo capace, più o meno consapevolmente, di giustificare il fine altrui pur di trasmettere i propri modi di essere e i propri mezzi di esprimersi, per un paradosso che in definitiva sembra proprio ribaltare la strategia missionaria dei Gesuiti. 31 Ivi, Relazione delle missioni fatte nel presente anno 1687 nella provincia d'otranto e Basilicata, cit., cc. 187r e v. 32 Strategia missionaria, cit., p Provincia di Lecce - Mediateca - Progetto EDIESSE (Emeroteca Digitale Salentina) a cura di IMAGO - Lecce 144

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

CROCIFISSO, 17 - RIMINI - VIA DEL. www.crocifisso.rimini.it. oi viviamo sperimentando continuamente la morte, ma

CROCIFISSO, 17 - RIMINI - VIA DEL. www.crocifisso.rimini.it. oi viviamo sperimentando continuamente la morte, ma ANNO PASTORALE 2014/2015 N 7 - VIA DEL CROCIFISSO, 17 - RIMINI - TEL. 0541 770187 www.crocifisso.rimini.it SS. MESSE IN PARROCCHIA ORARIO (in vigore dal 29 Marzo) Feriali: ore 8 Venerdì ore 8-18 Prefestiva:

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen PREGHIERE DEL MATTINO Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Ti adoro Ti adoro, mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi creato, fatto cristiano e conservato in questa

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini.

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini. A) Le feste italiane Naturalmente la più grande festa per i bambini e gli italiani è Natale. In Italia non mancano mai l albero di Natale, il presepio e molti regalini: la sera della Vigilia, il ventiquattro

Dettagli

Nascita di Gesù (Dal Vangelo di Luca)

Nascita di Gesù (Dal Vangelo di Luca) Nascita di Gesù (Dal Vangelo di Luca) [1]In quei giorni un decreto di Cesare Augusto ordinò che si facesse il censimento di tutta la terra. Questo primo censimento fu fatto quando era governatore della

Dettagli

Un workshop eccezionale

Un workshop eccezionale Un posto splendido Ischia, l isola bella nel Golfo di Napoli, nata da un vulcano. Al sud dell Isola si trova un albergo in mezzo alla natura, 200 m sopra il mare, in un giardino romantico con le palme,

Dettagli

L'ORDINE SECOLARE DEI SERVI DI MARIA (OSSM)

L'ORDINE SECOLARE DEI SERVI DI MARIA (OSSM) L'ORDINE SECOLARE DEI SERVI DI MARIA (OSSM) Un Ordine Secolare, fin dall inizio, è un gruppo di fedeli cristiani che, inseriti e lavorando nella società, vivono la spiritualità di un Ordine religioso e

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore

Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore Tante volte mi è stato chiesto come si recita l Ufficio delle Ore (Lodi, Vespri, ecc.). Quindi credo di fare cosa gradita a tutti, nel pubblicare questa spiegazione

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO Rallegrati Maria Dal vangelo di Luca (1, 26-38) 26 Al sesto mese, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret,

Dettagli

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen Modo di recitare il Santo Rosario Segno della Croce Credo Si annuncia il primo Mistero del giorno Padre Nostro Dieci Ave Maria Gloria Si continua fino a completare i 5 misteri del giorno Preghiera finale

Dettagli

AMALFI, 27 MARZO 2013 MESSA CRISMALE

AMALFI, 27 MARZO 2013 MESSA CRISMALE AMALFI, 27 MARZO 2013 MESSA CRISMALE 1 Reverendissimo P. Abate, Reverendi Presbiteri, Diaconi, Religiosi, Reverende Religiose, cari Seminaristi, amati fedeli Laici, siamo convocati nella Chiesa Cattedrale,

Dettagli

Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo

Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo Anche quest anno il tema di E state insieme si pone in continuità con gli anni precedenti! Vi ricordate come si chiamavano e qual era il tema? Velocemente li

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

Confessione-Assoluzione censure-decreto 2000

Confessione-Assoluzione censure-decreto 2000 Confessione-Assoluzione censure-decreto 2000 Facoltà di assolvere da tutte le censure non riservate e non dichiarate L.V.D. XCI (2000) pp. 127-131 per tutto l anno Santo L anno giubilare in corso ha come

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo:

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo: universale viva in ogni popolo. Ogni giorno, da soli, in famiglia o in comunità, insieme con Maria, la Madre di Dio e dell umanità, percorriamo i continenti per seminarvi la preghiera e il sacrificio,

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Punto Yes Associazione Metanoeite di Foggia

Punto Yes Associazione Metanoeite di Foggia Punto Yes Associazione Metanoeite di Foggia Incontro del 16 Novembre 2014 in viale Ofanto 27 - Foggia dalle ore 17.30 (LETTORE) Introduzione Viviamo le diverse parti della preghiera con calma e tranquillità,

Dettagli

San Josemaría a Madrid La grande passione di far conoscere Cristo

San Josemaría a Madrid La grande passione di far conoscere Cristo www.josemariaescriva.info San Josemaría a Madrid La grande passione di far conoscere Cristo Calle de San Justo, n. 4. Basilica de San Miguel Al n. 4 di Calle de San Justo si trova una delle chiese più

Dettagli

Pastorale. Iniziative E proposte alla diocesi 2015/16. Arcidiocesi di Torino

Pastorale. Iniziative E proposte alla diocesi 2015/16. Arcidiocesi di Torino Arcidiocesi di Torino Curia Metropolitana via Val della Torre, 3 10149 Torino (To) Tel. 011 5156300 www.diocesi.torino.it Arcidiocesi di Torino Curia Metropolitana via Val della Torre, 3 10149 Torino (To)

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

INCONTRI NEOPROFESSI OSF - MONZA 19 OTTOBRE 2013

INCONTRI NEOPROFESSI OSF - MONZA 19 OTTOBRE 2013 INCONTRI NEOPROFESSI OSF - MONZA 19 OTTOBRE 2013 Interventi -------------------------------------------------------------------------------------------------------- FRANCESCO E LA CHIESA DEL SUO TEMPO

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO Annuncio della Pasqua (forma orientale) EIS TO AGHION PASCHA COMUNITÀ MONASTICA DI BOSE, Preghiera dei Giorni, pp.268-270 È la Pasqua la Pasqua del Signore, gridò lo

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

Dicembre 1995 - Dicembre 2005. Parrocchia Santi Gervaso e Protaso Novate Milanese. Don Ugo Proserpio. da anni Parroco a Novate.

Dicembre 1995 - Dicembre 2005. Parrocchia Santi Gervaso e Protaso Novate Milanese. Don Ugo Proserpio. da anni Parroco a Novate. Parrocchia Santi Gervaso e Protaso Novate Milanese Dicembre 1995 - Dicembre 2005 Don Ugo Proserpio 10 da anni Parroco a Novate Dicembre 2005 10 anni tra noi di don Ugo 11 La comunità delle suore Serve

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE PACE E SALUTE NEL SIGNORE GESÙ

GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE PACE E SALUTE NEL SIGNORE GESÙ GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE AI PRESBITERI E AI DIACONI AI FRATELLI E ALLE SORELLE DI VITA CONSACRATA AI FEDELI LAICI E A TUTTI GLI UOMINI E LE DONNE DI BUONA VOLONTÀ DI QUESTA NOSTRA

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità,

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità, CANTATE AL SIGNORE (Sal 96) Fa Cantate al Signore un canto nuovo, cantate al Signore da tutta la terra. Fa Benedite il suo nome perché è buono, annunziate ogni giorno la sua salvezza. Si- Narrate la sua

Dettagli

Decàpo. Laboratorio Annuale di Formazione al Primo Annuncio. Progetto dell Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria

Decàpo. Laboratorio Annuale di Formazione al Primo Annuncio. Progetto dell Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria Decàpoli Progetto dell Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria Laboratorio Annuale di Formazione al Primo Annuncio Va nella tua casa, dai tuoi, annunzia loro ciò che il Signore ti ha fatto e la

Dettagli

MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE.

MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE. MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE. Oh Dio, suscita in noi la volontà di andare incontro con le buone opere al tuo Cristo che viene, perchè egli ci chiami

Dettagli

CADUTI IN TERRA PER PORTARE FRUTTO

CADUTI IN TERRA PER PORTARE FRUTTO CADUTI IN TERRA PER PORTARE FRUTTO Veglia di Preghiera Guida: Il sangue dei Martiri è sangue di speranza che, caduto in terra porta frutti di vita nuova. Non c è amore più grande di questo: dare la vita

Dettagli

Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno

Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno Domanda della madre dei figli di Zebedeo Matteo 20, 20-28 Allora gli si avvicinò la madre dei figli di Zebedèo con i suoi figli, e si prostrò per

Dettagli

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43)

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) Parrocchia S. M. Kolbe Viale Aguggiari 140 - Varese Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) 1. PREGHIAMO INSIEME Salmo 80 (79) 1 Al maestro del coro. Su «Il giglio della testimonianza».

Dettagli

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia Gli ebrei nel medioevo L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia I rapporti tra ebrei e cristiani Gli ebrei entrarono nel turbine della storia, dopo la dissoluzione del loro stato, con

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

3a domenica di avvento 11 dicembre 2005

3a domenica di avvento 11 dicembre 2005 Mi ha mandato a portare il lieto annuncio ai poveri a promulgare l anno di misericordia del Signore PACE CON GLI UOMINI compassione e giustizia 3a domenica di avvento 11 dicembre 2005 ACCOGLIENZA Nel nome

Dettagli

Una notte di Fede: Vi annuncio una grande gioia

Una notte di Fede: Vi annuncio una grande gioia Veglia nella notte del S. Natale 2012 Una notte di Fede: Vi annuncio una grande gioia Il Santo Padre ha dedicato quest'anno liturgico alla Fede e noi in questa veglia che precede la S. Messa di Natale

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE UNO DEI SOLDATI GLI COLPÌ IL FIANCO CON LA LANCIA E SUBITO NE USCÌ SANGUE ED ACQUA NASCITA DEL SACRAMENTO CHIESA NELLA MOLTEPLICITA DEI SUOI DONI DI SALVEZZA. 1. TESTO

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

Preghiera per le vocazioni. Preghiera per le vocazioni al sacerdozio

Preghiera per le vocazioni. Preghiera per le vocazioni al sacerdozio Preghiera per le vocazioni Ti preghiamo, Signore, perché continui ad assistere e arricchire la tua Chiesa con il dono delle vocazioni. Ti preghiamo perché molti vogliano accogliere la tua voce e rallegrino

Dettagli

Fondazione Memofonte onlus Studio per l elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche

Fondazione Memofonte onlus Studio per l elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche c. 1 Illustrissimi signori Per la maggior facilità e chiarezza della stima dei mobili del patrimonio dell illustrissimo signor marchese bali Vincenzio Riccardi, incaricatami con il decreto delle signorie

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

PROMOSSI ALLA GLORIA. Curtatone, non lontano dalla stazione Termini, ospite il pastore di origine svizzera Herman Parli, Francesco

PROMOSSI ALLA GLORIA. Curtatone, non lontano dalla stazione Termini, ospite il pastore di origine svizzera Herman Parli, Francesco Pagina 1 di 5 Francesco Toppi 1928-2014 di Eliseo Cardarelli PROMOSSI ALLA GLORIA Francesco Toppi 1928 2014 Il pastore Francesco Toppi era nato a Roma il 1 gennaio del 1928, da Gioacchino e Gina Gorietti,

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO GRUPPOPRIMAMEDIA Scheda 03 CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO Nella chiesa generosita e condivisione Leggiamo negli Atti degli Apostoli come è nata la comunità cristiana di Antiochia. Ad Antiochia svolgono

Dettagli

La realtà non è come ci appare. carlo rovelli

La realtà non è come ci appare. carlo rovelli La realtà non è come ci appare carlo rovelli 450 a.e.v. Anassimandro cielo terra Anassimandro ridisegna la struttura del mondo Modifica il quadro concettuale in termine del quali comprendiamo i fenomeni

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Il carnevale degli animali. Grande fantasia zoologica

Il carnevale degli animali. Grande fantasia zoologica Il carnevale degli animali di Camille Saint Saёns Grande fantasia zoologica Per due pianoforti e piccola orchestra Obiettivi del nostro lavoro Imparare a riconoscere il timbro di alcuni strumenti musicali.

Dettagli

«Lasciate che i bambini vengano a me»

«Lasciate che i bambini vengano a me» 1 Omelia «Lasciate che i bambini vengano a me» Celebrazione eucaristica in ricordo del centenario della nascita di Dina Bellotti Pittrice dei Papi XXVII Domenica del Tempo Ordinario (B) Basilica «Santa

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

Capitolo primo. Capitolo secondo AMMISSIONE E FORMAZIONE 1. AMMISSIONE. IDENTITÀ MINIMA (Natura - fine - carisma - spiritualità - mezzi)

Capitolo primo. Capitolo secondo AMMISSIONE E FORMAZIONE 1. AMMISSIONE. IDENTITÀ MINIMA (Natura - fine - carisma - spiritualità - mezzi) COSTITUZIONI DEL TERZ ORDINE DEI MINIMI Approvate dalla Congregazione per gli istituti di vita consacrata e le società di vita apostolica il 16 maggio 1990 Capitolo primo IDENTITÀ MINIMA (Natura - fine

Dettagli

Matrimonio alle Seychelles

Matrimonio alle Seychelles Benvenuti nella nostra pagina Matrimoni! Qui potrete definire ogni dettaglio per il Vostro meraviglioso matrimonio a Praslin, La Digue o in qualsiasi piccola isola delle Seychelles, scegliendo sia le decorazioni

Dettagli

Incontrare il Signore in famiglia.

Incontrare il Signore in famiglia. temi pastorali Incontrare il Signore in famiglia. GIAMPAOLO DIANIN* Padova Se la fede è la storia di un grande amore, è nella famiglia - in cui oggi si vive una sorta di indifferenza - che essa deve essere

Dettagli