Luisa Cosi. 20 ARSI, Neap. 74, Annuae Litterae cit., Breve relazione cit., cc v.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Luisa Cosi. 20 ARSI, Neap. 74, Annuae Litterae cit., Breve relazione cit., cc. 333-334v."

Transcript

1 Luisa Cosi ro tanto di spavento et orrore che in un momento convertitasi l' allegrezza in tristezza et ogni canto in funestissimo pianto. Andavano per la città in quel tempo schiere d'huomini e donne saltando e cantando con l'occasione d'una solennissima festa che in detto giorno si celebra in Lecce [n.d. r.: la pasquetta o riu?]. Questi appena intesero le prime voci che subbito arrestarono i passi e deposti a terra li musicali istrumenti si posero ad ascoltare le parole divine [...] e terminarono la loro allegrezza con una vera compuntione di cuore si ritirarono in casa con silentio [...] né mancarono altri devoti esercitii [...] e la gente menatasi unitamente piangendo in processione pel Duomo, portandosi il Crocefisso del Padre, e quivi ritrovarono il SS. Esposto con grand'apparato di lumi con musica [...e nelli quattro giorni di missione] si fecero dalli Padri altre processioni funeste e di penitenza, portandosi sopra alle spalle d'alcuni ricoverti di sacco nero un devotissimo Crocifisso di non ordinaria grandezza circondato per ogni parte di lumi dopo il quale seguiva un bellissimo concerto di voci che con flebili accenti cantavano il Miserere e nel meglio interrompevasi con qualche affetto breve e acuto da un Padre» 20. Del resto, che la strategia gesuitica fosse vincente, lo dimostra il fatto che, a distanza di alcuni decenni dalla stesura delle Regole di Padre Realino, diverse Quarant'hore sono celebrate nelle principali chiese di Lecce, per lo più a rotazione, secondo un sistema via via collaudato in altri importanti centri salentini, allorquando si cominciano ad intensificare le scorrerie missionarie in provincia. Ovviamente, i registi di questo continuo teatro sacro a un certo punto non sono più soltanto i Gesuiti, ché tutto il clero locale, secolare e regolare, impara presto la lezione e di esposizioni eucaristiche e processioni in musica se ne fanno per le più diverse emergenze religiose e politiche, sia con valenza strettamente territoriale (morte di vescovi, elezione e ricorrenze di santi patroni), sia per avvenimenti che interessano tutto il regno, ovvero tutta la chiesa (malattie e morte di reali, nuove beatificazioni e santificazioni )21. Le confraternite, le 20 ARSI, Neap. 74, Annuae Litterae cit., Breve relazione cit., cc v. 21 Per una esemplificazione significativa cfr. i miei studi: Musica ancilla episcopi cit., pp 165 e 191, soprattutto in riferimento alle 40hore della settimana santa che si fanno in cattedrale con grandi spese per parature, torce, talami, trasporto di quadri e musica tre giorni continui. Simile apparato si meriteranno in morte Filippo IV (1666, le cui Pompe funebri sono descritte dal Gesuita Tomaso Strozzi) e il vescovo Pappacoda (1670); La musica a Nardò nell'epoca moderna, in «Neretum. Annuario di studi storici», n. 2 (2004), pp e dopo le 40hore celebrate nel 1612 in cattedrale per accogliere le sante reliquie donate alla città dal neretino G. Domenico Roccamora S. I., la musicalissima cerimonia, su istruzione della locale Residenza gesuitica, impegna ogni anno la confraternita delle Anime del Purgatorio in triduo baccanalium (cioè durante il carnevale) e la confraternita del SS. Sacramento durante la settimana santa, col sostegno dell'università. Ma nel hore si fanno, a spese del Capitolo, anche per chiedere la salute del corpo di Carlo II di Spagna e quella dell'anima di mons. Brancaccio. Notevole poi l'impegno delle clarisse, che ogni anno, tra febbraio e marzo a rotazione con la confraternita delle Anime - celebra la stessa funzione con macchine ben pitturate, lumi, fiori, incensi, inni e canzonette sacre; Fonti d'archivio per una storia della 139 Provincia di Lecce - Mediateca - Progetto EDIESSE (Emeroteca Digitale Salentina) a cura di IMAGO - Lecce

2 Tirar con esca alla devozione. Musica e strategia missionaria dei Gesuiti nel Seicento universitates, i capitoli che se ne accollano le spese, a volte operando a pochi mesi e metri di distanza l'uno dall'altro, esprimono così una sorta di gara devozionale; in certo modo, lo sfarzo degli apparati e la complessità del teatro sacro messi in campo sono intesi come direttamente proporzionali allo zelo della comunità coinvolta nella celebrazione per circostanze eccezionali, l'emulazione travalica il contesto provinciale nel 1613 spettacolari cerimonie organizzate dai Gesuiti a Bari attraggono fedeli dalla Terra d'otranto e viceversa 22. In breve si arriva a non temere il confronto con le chiese di Napoli, confronto che del resto per i Gesuiti resta obbligato, essendo quella città, per loro, capitale tre volte: capitale di una delle più importanti province dell'ordine e capitale del viceregno spagnolo, ma anche, a partire dalla metà del Seicento, capitale di nuove, multiformi esperienze musicali e scenotecniche, apprezzate ben oltre i confini italiani. Lo dimostra il sonorissimo e teatralissimo tripudio che nel 1640 attraversa tutta la provincia napoletana per festeggiare con sceltissime musiche, sontuose tradizione musicale nella Diocesi di Ostuni (secc. XVII-XVIII), in Scritti di storia pugliese in onore di F. Argentina, Galatina, Ed. Salentina, 1996, pp ; in riferimento alle processioni, lunghi raggionamenti (prediche), musici e istrumenti musicali impegnati da tempo immemorabile mercoledì, giovedì e venerdì santo in cattedrale e nelle chiese principali per "commovere maggiormente il popolo": Giardini stellati e cieli fioriti. Tradizione sacra e produzione musicale a Gallipoli, Lecce, Conte, 1993, soprattutto pp. 136 e sgg., dove riporto una delle più suggestive descrizioni della cerimonia come gestita dalla confraternita delle Anime tra gennaio e febbraio d'ogni anno, prima in cattedrale e dal 1680 nel proprio oratorio: «Nel primo giorno [...] cantata la messa in cattedrale e venuta la processione dirimpetto la congregatione, si diè sparo ad una sontuosissima slava di mortaretti [...] e mentre si sparava s'andava incamminando dentro la congregatione e s'intonò da nostri musici all'organo soave melodia [...] ed era tale la ricchezza de' lumi, de' fiori, de' suoni, che pareva non so si dicesse meglio un giardino stellato o vero un ciel fiorito non mancandosi l'odori de' fragranti profumi quali davano complimento alla mancanza de' finti fiori. Dopo pranzo, a pomeriggio, cantate da musici diverse e belle canzonette col suono di cembalo e nostro organetto [...] venuta l'hora di 23, appiccicati tutti i lumi dell'altare e disbarrate tutte l'entrate si cantava il Tantum ergo. Il secondo giorno [...] per esser tale giorno destinato per le femmine, cantate bellissime canzonette, di nuovo venuta l'hora 23 si ripose il SS. nel tabernacolo [...] Il terzo giorno [dopo pranzo] dette diverse belle canzonette, si cantò Pange lingua col Tantum ergo e l'officio dei morti». Di seguito tale rito subisce alcune varianti nella musica e negli apparati, per un vivace rinnovarsi, come aveva notato padre Realino, delle forme d'arte nella continuità del rito. 22 Cfr. A. BEATILLO S. I., Historia di Bari principal città della Puglia, Napoli, Savio, 1637, a proposito della festa per l'esposizione di alcune reliquie provenienti da Roma (1613); già tre anni prima, in occasione della canonizzazione di S. Ignazio, i Collegi di Bari e Lecce erano entrati in emulazione per l'allestimento di straordinarie macchine teatrali: cfr. M. ROSA, Strategia missionaria gesuitica in Puglia agli inizi del '600, in Studi di Storia pugliese in onore di G. Chiarelli, III, Galatina, Congedo, 1974, p Per altre spettacolari iniziative nella Bari sacra del Seicento cfr. D. FABRIS, Vita musicale a Bari dal Medioevo al Settecento, in La musica a Bari, a c. di D. Fabris e M. Renzi, Bari, Levante, 1993, pp. 80 e sgg. Provincia di Lecce - Mediateca - Progetto EDIESSE (Emeroteca Digitale Salentina) a cura di IM4G0 - Lecce 140

3 Provincia di Lecce - Mediateca - Progetto EDIESSE (Emeroteca Digitale Salentina) a cura di MAGO - Lecce Luisa Cosi macchine e luminarie, attioni e sermoni edificanti il primo centenario dell'ordine, secondo uno schema che, al di là delle sempre giustificate varianti locali, credo esprima l'idea di una regia organica, o almeno fa vistosa propaganda d'essa, in un intreccio politico-religioso che attraverso l'uso di canti, suoni e apparati moderni trova un modo particolarmente funzionale per far mostra di sé 23. Ma al di là delle ricorrenze eccezionali, attorno agli anni del Seicento e sullo sfondo della terribile crisi economico-sociale che caratterizza il periodo, nelle Terre pugliesi si va radicando un genere musicale che, fra tutti quelli all'epoca sperimentati a Napoli, risulta il più funzionale all'atletica penitenziale promossa con rinnovato slancio in provincia: funzionale, perché prevede il pieno e diretto coinvolgimento della popolazione, tanto cittadina, quanto rurale, e senza distinzione di ceto (l'esca musicale alla devozione fatta fabbricare dagli stessi devoti!). Infatti, pur non mancando riferimenti all'impiego, nelle diverse funzioni, di squisiti musici e sceltissimi maestri di cappella - che a Lecce vengono persino raccolti in apposita camerata dentro il Collegio 24; tuttavia nelle Relazioni gesuitiche del tempo resta enfatizzato soprattutto l'uso, a suo modo rivoluzionario, di canzonette sacre, che si possono cantare da tutti e ovunque in modo facile e semplice25, nascendo dal travestimento spirituale di melodie popolari o su ricalco d'esse26. Una pratica devozionale, questa, che sembra perfezionarsi man mano passano gli anni, così che da Bitonto (1646) a Lecce (1649) e paesi limitrofi (1666); da Putignano (1669) a Molfetta (1670), all'intera Terra d'otranto e di Basilicata 23 Cfr. ARSI, Neap. 74 cit., agosto-settembre 1640, cc. 132 e sgg. Se nella capitale è il viceré a mandare «i suoi musici di palazzo per fare continuamente musica la migliore di Napoli e si sono continuamente cantate le messe e vespri a quattro cori [... e si fece] melodia de' chori e degli stormenti secondo le diversità della composizione de' vari maestri di cappella», in Terra d'otranto e in Terra di Bari sono i grandi aristocratici (soprattutto gli Acquaviva d'aragona, fin da principio sostenitori dell'ordine) a patrocinare analoghe iniziative. 24 Cfr. L. Cosi, Napoli, Terra d'otranto, Città del Messico: tracce archivistiche di un 'viaggio musicale' fra Sei e Settecento, in «Itinerari di ricerca storica», XII -XIV ( ), pp , a proposito del servizio musicale svolto dal maestro di cappella Vincenzo Stella e da suo genero Matteo Gerusalemme, sonatore di viola (da gamba). 25 ARSI, Neap. 73, Annuae Litterae , cc. 257 e sgg., per le missioni a Lecce e provincia. 26 Precoci manifestazioni di tale prassi gesuitica si registrano nei paesi di lingua tedesca fin dal 1570: per la tradizione napoletana, a sua volta importata da Roma, cfr. D. FABRIS, Generi e fonti della musica sacra a Napoli nel Seicento, in La musica a Napoli durante il Seicento, Roma, Torre d'orfeo, 1987, pp e G. ROSTIROLLA, Vita musicale e religiosa dei Padri Filippini e Gesuiti di Napoli, Ivi, pp E' forse superfluo ricordare che, grazie ai Gesuiti salentini, attorno al 1640 sono per la prima volta riportate in notazione le formule musicali del tarantismo, ben sette fra modi, clausule e antidoti, trasmessi poi a Roma al confratello Athanasius Kirker, per il tramite di G. Paolo Nicolello e G. Battista Galliberto, rispettivamente rettori dei Collegi di Lecce ( ) e di Taranto ( ): cfr. Tarantole,folie e antidoti musicali cit., 141

4 Tirar con esca alla devozione. Musica e strategia missionaria dei Gesuiti nel Seicento (1679) è infine tutto un fiorire di simili esperienze popolari fuori e dentro le Quarant'hore. Ed ecco come i padri missionari (che si movevano a coppie) illustrano il loro metodo d'insegnamento: «Tenendo il Padre spirituale d'insegnare a cantare certe canzonette spirituali come s'era fatto in altre parti, con tutto ciò [preso] animo dopo alcuni giorni dall'altro compagno per vedere l'udienza così facile et inchinevole al bene, resa tanto mansueta et umile dalla missione, si fece cuore e cominciò a bandire le canzoni profane come tanto perniciose all'anima et ad introdurne altre spirituali, con proporre il modo con che s'haveano à cantare, facile e semplice. A pena cominciò a cantarle dal pulpito, che tutta l'udienza, Preti, Gentil'huomini, Donne e Popolo tutto con una innocenza di Adamo, prima che peccasse e con una semplicità di un S. Francesco d'assisi, ripetevano quel che si cantava, anzi con tanto gusto, che i primi Gentil'huomini andavano a pregare il detto Padre che non lasciasse simile esercittio» 27. Preti, gentiluomini, donne e popolo tutto: ma nel gregge di fedeli tutti 'addomesticabili' dal nuovo canto, ci sono teneri agnellini che particolarmente sembrano trarre e spargere benefizio dall'iniziativa, soprattutto quando si sperimenta un modus operandi che potremmo definire di 'mutuo insegnamento': «[in tutta la provincia d'otranto...] il frutto [della Dottrina Christiana a' figlioli] è stato grande, si perché questi figlioletti anco di 4 e di 5 anni fin dalla prima sera preparavano la loro disciplina e mettivano in fervore la terra, si perché apprendendo subito le cose imparate l'insegnavano ad altri e le cantano fino al presente per le strade» 28. A questo punto, processioni lugubri di adulti penitenti e processioni d'allegrezza di figlioletti di prima comunione si alternano con analoghe modalità in tutte le principali missioni pugliesi, per un contrasto che diventa sempre più teatrale: «[a Putignano nel febbraio 1669 andò in processione] la Compagnia di soldati del battaglione con le armi pendenti al collo e con pugnali verso il cuore, col funebre suono di tamburi [... ed] era di più la processione di penitenza tutta framezzata da diversi cori di musici che abbondano in questa Terra e cantavano luttuose e spirituali canzonette [... D'altra parte] la comunione 27 ARSI, Neap. 74, Annuae Literae cit., Missione fatta nella città di Bitonto nel maggio 1646 cit. (cfr. sopra, nota 6 ), c. 167; seguono riferimenti a interventi musicali tecnicamente più impegnativi per la processione serale della domenica, con «choro squisito di musici, mortificati e penitenti, quali cantando dolorosi mottetti procedevano davanti ad una bara dove morto ed esangue giaceva un Cristo sopra panno nero, portata su gli omeri da quattro dolenti e piangenti sacerdoti, parimenti scalzi, incenerati e coperti di spine»; similmente, nella processione serale del mercoledì, ci fu «adoratione del Crocifisso trascinandosi le ligna per tutto il Choro [...] seguito dal Clero e Gentil'huomini [...] che durò fin'a tre hore di notte, cantandosi, intanto, cantici divoti della SS. Passione». 28 Ivi, Neap. 76, Annuae Litterae cit., Relazione di XIV missioni fatte nella provincia d'otranto nel 1666 da PP. Della Compagnia di Gesù del Collegio di Lecce, c. 25v. Provincia di Lecce - Mediateca - Progetto EDIESSE (Emeroteca Digitale Salentina) a cura di IMAGO - Lecce 142

5 Luisa Cosi de' figlioli e figliole non ancora comunicati al numero di 500 riuscì di straordinaria consolatione, mentre il terzo giorno se n'andò una bellissima processione d'allegrezza; andavano tutti ben vestiti con corone in testa, chi di fiori, chi di seta e chi di gioie, il che faceva una giocondissima vista; era la processione accompagnata da tutto il clero e da varii cori di musici cantando canzonette spirituali» 29. Per la stessa circostanza, un'altra Relazione puntualizza ancor meglio il drammatico contrasto che la sapiente regia dei Gesuiti era riuscita a inscenare nel corso di quella settimana missionaria: da un lato, l' esercito [sic] di penitenti che si flagellano a sangue seguendo la statua di Cristo morto «con un coro di musici luctuosamente cantando», ovvero accompagnando la statua di «Maria Addolorata ammantata di lutto con pugnale dimezzato verso il core, [che] dava segno del suo cordoglio, qual maggiormente si spiegava da un choro di musici che li precedeva». Dall'altro, «[... si fece] secondo il solito la Dottrina christiana nella quale concorse innumerabilità di figlioli, parte per le familiari esortazione del Padre, parte per segno d'essere premiati dal detto d'alcuni santilli e canzonette, che se li davano, e parte per andare à godere et associare il canto delle cose spirituali, appena avevano luogo di capacità» 3o. Quella dei bambini cantanti era certamente una vista toccante e un ascolto edificante. Nella provincia d'otranto e Basilicata la sceneggiatura ideata per le missioni dell'anno 1687 sembra farsi ancora più suggestiva: «In tutte le missioni si fa ogni giorno le Dottrina christiana ed alle volte si fa due volte il giorno [... i figlioli che si comunicano la prima volta] vengono tutti in chiesa con corone in testa di fiori e altre cose e ben vestiti ognuno secondo la sua possibilità. Fà testa a tutte le figliole una con stendardo che rappresenta S. Orsola appresso alla quale vengono tutte le altre in processione e portano una statua della B.ma Vergine accompagnata da istromenti do 29 Ivi, Missione fatta a Putignano, cc. 65 e 71 3 Ivi, Relatione della Missione fatta a Putignano, febbraio 1669, cc. 96v., 103, 105v. La missione terminò «col raduno di tutte le Confraternite e Clero, col portare ogni Confraternita choro di musici con quali davano eccessivo segno di allegrezza, mentre nel cuore di tutta la processione s'adunavano 450 figlioli comunicandi, vestiti d'angeli [...] e le fanciulle con palme alle mani», cc Decisamente più stringata la descrizione desumibile dalla Missione fatta ad Acquaviva un mese prima (c. 80: con annotazione della «processione di Christo morto con due chori di musici cantando à tuono funebre il salmo Misere mei Deus»). E' però da notare che canzoncine spirituali si cantavano anche fuori delle missioni, come dimostra il Compendioso ragguaglio della devozione introdotta in Molfetta del SS. Ignatio, 1670, c. 115: «per tutto il mese di luglio si fanno sermoni ogni sera con antifone e orattione del SS. Protettore, sedendosi la gente si cantava una canzoncina da' musici, dopo il Padre faceva un discorso [ ] e finalmente i musici cantavano le litanie della B. V.». Per le canzonette che nello stesso periodo adornano le 40 hore gallipoline, cfr. sopra, nota Provincia di Lecce - Mediateca - Progetto EDIESSE (Emeroteca Digitale Salentina) a cura di IMJIGO - Lecce

6 Tirar con esca alla devozione. Musica e strategia missionaria dei Gesuiti nel Seicento musica e le medesime figliole cantano una canzonetta spirituale insegnatala nella Dottrina cristiana a questo fine. Appresso poi vengono li figlioli alli quali fa testa un altro con lo stendardo che rappresenta S. Michele Arcangelo e portano un Bambino con musica di stromenti ed un coro di sacerdoti che cantano Laudate pueri Dominum e li medesimi figlioli rispondono con la canzonetta spirituale e così girano per le strade più principali delle città con suoni di campane à gloria e per dovunque passano inteneriscono tutti e si sentono gridare le donne e tutti laudare Dio e benedicendo la Compagnia. Finita la processione tornano in chiesa, si apparecchiano alla comunione e sentono tutti insieme la messa, al fine della quale se li da la comunione, se li fa fare poi l'attione della gratia e si rimandano a casa. In queste missioni se ne saranno comunicati quattromila. Dove duecento, dove trecento, dove quattrocento, nella città di Matera passarono li cinquecento» 31. In definitiva, con questi riti collettivi di penitenza e di consolazione fortemente caratterizzati dallo specifico musicale, i Gesuiti nel corso del Seicento riescono a disarticolare efficacemente i sistemi istituzionali della devozione (largamente incomprensibili ai più), per ricomporli in favore di soluzioni più trasversali e popolari. Soluzioni che sono nuove e insieme antiche, per una ibridazione in cui è alla fine difficile discernere modernità di forme e tradizione di contenuti, tradizione di forme e modernità di contenuti. Perché, se è vero, come scrive Mario Rosa, che «taluni aspetti della pietà meridionale hanno qui e in questo momento storico, e non in una mentalità atemporale e sociologica le loro precise radici»; se è vero che sono soprattutto i Gesuiti, nel pieno della controriforma e agli inizi della crisi del '600 a modellare «forme di pietà e tipi di devozione determinanti ad impostare per lunghissimo tempo le labili realtà urbane e le prevalenti strutture rurali della civiltà e della cultura del Mezzogiorno» 32 ; sembra parimenti sostenibile che i materiali e gli strumenti per quel modellamento, i Gesuiti li abbiano accuratamente cercati e trovati sul campo, contribuendo a portare alla luce un mondo sommerso, certamente temuto e mai completamente esorcizzato. Un mondo capace, più o meno consapevolmente, di giustificare il fine altrui pur di trasmettere i propri modi di essere e i propri mezzi di esprimersi, per un paradosso che in definitiva sembra proprio ribaltare la strategia missionaria dei Gesuiti. 31 Ivi, Relazione delle missioni fatte nel presente anno 1687 nella provincia d'otranto e Basilicata, cit., cc. 187r e v. 32 Strategia missionaria, cit., p Provincia di Lecce - Mediateca - Progetto EDIESSE (Emeroteca Digitale Salentina) a cura di IMAGO - Lecce 144

PROGRAMMA DELLE MANIFESTAZIONI

PROGRAMMA DELLE MANIFESTAZIONI Diocesi San Marco Argentano-Scalea Parrocchia Santa Maria del Piano VERBICARO Solenni Festeggiamenti in onore di MARIA SANTISSIMA DELLE GRAZIE - PATRONA DI VERBICARO 23 giugno-3 luglio 2013 Cari Verbicaresi,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

INTRODUZIONE. motivazioni e finalità

INTRODUZIONE. motivazioni e finalità Un mondo di bellissimi colori: io e l'ambiente. Tanti bambini tutti colorati: io e gli altri. Un bambino dai colori speciali: io e la famiglia. Avvento e Natale. Io e Gesù, una giornata insieme a Gesù.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DELL'ATTIVITA' DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2012-2013

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DELL'ATTIVITA' DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DELL'ATTIVITA' DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2012-2013 INSEGNANTE: Bonaiti Laura (Supplente di Francesca Binetti); SCUOLA DELL INFANZIA DI MACLODIO 1 1 UDL SETTEMBRE:

Dettagli

Catecumenato. (Nei mesi di metà Gennaio fino a Giugno 2009) La storia della salvezza: sguardo generale

Catecumenato. (Nei mesi di metà Gennaio fino a Giugno 2009) La storia della salvezza: sguardo generale Conoscere, amare, seguire, testimoniare Gesù Itinerario d incontro e di formazione; liturgico - esperienziale. «Non abbiate paura di accogliere Cristo! Non abbiate paura! Aprite, anzi, spalancate le porte

Dettagli

Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano (LE) smdellegrazie.squinzano@virgilio.it CRONACA PARROCCHIALE ANNO 2009

Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano (LE) smdellegrazie.squinzano@virgilio.it CRONACA PARROCCHIALE ANNO 2009 Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano (LE) smdellegrazie.squinzano@virgilio.it CRONACA PARROCCHIALE ANNO 2009 GENNAIO - FEBBRAIO 2009 4 Gennaio: Veglia interparrocchiale in occasione di Dipingi

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre UN LIBRO Novembre-dicembre CHE ANNUNCIA..... LA GIOIA DEL NATALE VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA Parole chiave SEGNI E SIMBOLI DELLA FESTA DI NATALE nella borsina ci sono due scatole che contengono

Dettagli

Natale del Signore - 25 dicembre

Natale del Signore - 25 dicembre Natale del Signore - 25 dicembre La Messa della notte sviluppa il tema di Gesù luce e pace vera donata agli uomini ( colletta); viene commentata attraverso una lettura tipologica la nascita di Gesù con

Dettagli

GESU, IL NOSTRO GRANDE AMICO

GESU, IL NOSTRO GRANDE AMICO GESU, IL NOSTRO GRANDE AMICO I.O. A. MUSCO SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 INS. PECI MARIA GIUSEPPA PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica

Dettagli

CAMMINO INIZIAZIONE CRISTIANA

CAMMINO INIZIAZIONE CRISTIANA CAMMINO INIZIAZIONE CRISTIANA Percorsi di fede dalla Prima Elementare alla Prima Media Anno Pastorale 2008/2009 Famiglia diventa anima del mondo 1 MOMENTI PER TUTTI I GENITORI Mercoledì 24 settembre Ln

Dettagli

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica E chiedere il dono di nuove vocazioni anche nella nostra parrocchia di PARROCCHIA S. GIOVANNI OLTRONA DI SAN MAMETTE Comunità Appiano Gentile 08-03-2015 All ombra dei campanili L Eucaristia, cuore della

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità IN PREGHIERA PER TUTTE LE FAMIGLIE NELLA FESTA DELLA SANTA

Dettagli

«La strada della Verità è nella Chiesa di Dio»

«La strada della Verità è nella Chiesa di Dio» «La strada della Verità è nella Chiesa di Dio» «Mi presento a voi come la Madonna delle Rose dal Cuore Immacolato, Regina del Cielo, Madre delle famiglie, Portatrice di Pace nei vostri cuori». del 25 agosto

Dettagli

PARROCCHIA SAN BERNARDO CALENDARIO settimana dal 24 al 31 gennaio 2016

PARROCCHIA SAN BERNARDO CALENDARIO settimana dal 24 al 31 gennaio 2016 PARROCCHIA SAN BERNARDO CALENDARIO settimana dal 24 al 31 gennaio 2016 DOMENICA 24 Gennaio ore 9,00-11,00 S. MESSA Presentazione Gruppo Rinnovamento nello Spirito LUNEDI' 25 Gennaio Non c'è la messa ore

Dettagli

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Il Signore ci fa suoi messaggeri Abbiamo incontrato Gesù, ascoltato la sua Parola, ci siamo nutriti del suo Pane, ora portiamo Gesù con noi e viviamo nel suo amore. La gioia del Signore sia la vostra forza!

Dettagli

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa Parrocchia Santi Pietro e Paolo Venite alla festa Questo libretto e di: Foto di gruppo 2 Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Occhi: se i miei occhi sono attenti, possono cogliere i gesti

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Gli eventi. La Settimana Santa

Gli eventi. La Settimana Santa Gli eventi La Settimana Santa I suggestivi riti spagnoli della Settimana Santa di Iglesias risalgono al seicento e sono curati da secoli dall Arciconfraternita della Vergine della Pietà del Sacro Monte.

Dettagli

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO SHALOM 1 Editrice Shalom - 06.08.2014 Trasfigurazione del Signore 2008 Fondazione di Religione Santi Francesco

Dettagli

20 ottobre 2015. Nell attesa di incontrarci, vi salutiamo cordialmente. don Emanuele e i catechisti del primo annuncio

20 ottobre 2015. Nell attesa di incontrarci, vi salutiamo cordialmente. don Emanuele e i catechisti del primo annuncio 20 ottobre 2015 Carissimi genitori, desideriamo raggiungere i papà e le mamme di tutti i bambini che da quest anno muovono i loro primi passi nel percorso di completamento dell Iniziazione Cristiana. Una

Dettagli

PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA

PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA A R C I D I O C E S I D I U D I N E Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA CRISTO NOSTRA SPERANZA (1 Tm 1,1) Anno Pastorale

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica

ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica Carissimi Genitori, il nuovo Anno Catechistico segna

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI

ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI Scuola dell infanzia Programmazione Religione Cattolica Anno scolastico 2013 2014 Insegnante:BINACO MARIA CRISTINA Motivazione dell itinerario annuale Il percorso per l I.R.C.

Dettagli

11 ottobre 18 ottobre 25 ottobre 1 novembre 8 novembre 15 novembre 22 novembre 29 novembre. Il segno dell Acqua. La comunità cristiana

11 ottobre 18 ottobre 25 ottobre 1 novembre 8 novembre 15 novembre 22 novembre 29 novembre. Il segno dell Acqua. La comunità cristiana Parrocchia Santi Giacomo - Schema per la catechesi dei Fanciulli: Tappa 11 ottobre 18 ottobre 25 ottobre 1 novembre 8 novembre 15 novembre 22 novembre 29 novembre 30 novembre I segni di Primo Anno Ci accoglie

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

Persone coinvolte: tutti i bambini e le insegnanti Tempi: febbraio-marzo Spazi: cappella, sezioni e laboratorio

Persone coinvolte: tutti i bambini e le insegnanti Tempi: febbraio-marzo Spazi: cappella, sezioni e laboratorio Motivazioni Dopo aver scoperto come Gesù cresceva, aiutava la sua mamma e Giuseppe imparando il mestiere del falegname, ora vogliamo conoscerlo quando, da grande, lasciò la sua casa per andare tra la gente

Dettagli

Davanti allo specchio di un anniversario

Davanti allo specchio di un anniversario Davanti allo specchio di un anniversario 1. La religiosità popolare è una porzione della cultura di un territorio e di una società, un elemento costitutivo della comune identità. Lo è perché riguarda tutti,

Dettagli

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi 26 maggio SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi SOLENNITÀ Secondo attendibili testimonianze storiche, il 26 maggio 1432 in località Mazzolengo, vicino a Caravaggio, dove c era una

Dettagli

Bibliografia. Piccola bibliografia di riferimento

Bibliografia. Piccola bibliografia di riferimento Bibliografia Piccola bibliografia di riferimento COSTA padre Eugenio CELEBRARE CANTANDO Manuale pratico per l animatore musicale nella liturgia Edizioni San Paolo (1994) Cinisello Balsamo (Milano) Chi

Dettagli

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la mamma di Gesù, tante preghiere; ogni preghiera ricorda

Dettagli

10 - LA MISTAGOGIA LA FAMIGLIA TRASMETTE IL MISTERO. Le sei tappe dopo la Messa di Prima Comunione

10 - LA MISTAGOGIA LA FAMIGLIA TRASMETTE IL MISTERO. Le sei tappe dopo la Messa di Prima Comunione LA FAMIGLIA TRASMETTE IL MISTERO Le sei tappe dopo la Messa di Prima Comunione Mario Tucci N. 10-2010 2 LE TAPPE DELLA MISTAGOGIA SETTIMANA della MISTAGOGIA Nella settimana successiva alla celebrazione

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

Andrea Carlo Ferrari.

Andrea Carlo Ferrari. Per questo ammirabile esercizio di carità tutti vedevano in Lui il santo e lo dichiaravano apertamente.. Il Servo di Dio praticava le opere di misericordia sia spirituali che corporali.. Andrea Carlo Ferrari.

Dettagli

IL CALENDARIO DELLA COMUNITÀ

IL CALENDARIO DELLA COMUNITÀ Carissimi, A TUTTE LE FAMIGLIE DI POGGIO - GAIANA e SANTUARIO SETTEMBRE - OTTOBRE 2015 tutte le nostre feste comunitarie in questo tempo ci invitano a innalzare lo sguardo alla Madonna: al Santuario per

Dettagli

LA FESTA DELLA DIVINA MISERICORDIA

LA FESTA DELLA DIVINA MISERICORDIA IL DECRETO DI ISTITUZIONE DELLA FESTA L'INDULGENZA PLENARIA LEGATA ALLA FESTA LA FESTA DELLA DIVINA MISERICORDIA E' la più importante di tutte le forme di devozione alla Divina Misericordia. Gesù parlò

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

CURRICOLO DI ISTITUTO RELIGIONE CAMPO D ESPERIENZA : IL SÈ E L ALTRO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO BAMBINI DI 4 ANNI

CURRICOLO DI ISTITUTO RELIGIONE CAMPO D ESPERIENZA : IL SÈ E L ALTRO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO BAMBINI DI 4 ANNI a) Scoprire le regole del vivere insieme b) Scoprire il piacere di stare insieme agli altri bambini c) Ascoltare racconti sulla vita di CAMPO D ESPERIENZA : IL SÈ E L ALTRO a) Rispettare le regole del

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª

ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª 1 ª UA - Dio Creatore e amico 1 Bim. Ott-Nov Scoprire che per la religione cristiana Dio è

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO L alunno riflette su Dio Padre e si confronta con l esperienza religiosa. Cogliere nel proprio nome un mondo di potenzialità, dono di Dio Padre. Prendere coscienza

Dettagli

CALENDARIO PASTORALE ANNO 2013/2014

CALENDARIO PASTORALE ANNO 2013/2014 CALENDARIO PASTORALE ANNO 2013/2014 Settembre 2013 17 martedì Inizio Catechismo, Inizio preghiera Gesù Risorto 18 mercoledì 19 giovedì Incontro Catechisti Ore 17,30 22 domenica Inaugurazione nuovo anno

Dettagli

Pro r p o ost s e past s or o a r li l per l'anno 2010/2011

Pro r p o ost s e past s or o a r li l per l'anno 2010/2011 Proposte pastorali per l'anno 2010/2011 LITURGIA A - Settimana Eucaristica: 10-17 ottobre 2010 per tutta la Comunità Pastorale: tema Eucarestia e vita. B - Celebrazioni Comunitarie alle ore 21.00: 1 settembre,

Dettagli

Convegno diocesano Cori liturgici giovani Cattedrale - Treviso, 23 febbraio 2014, ore 14.30 VII domenica del Tempo ordinario A

Convegno diocesano Cori liturgici giovani Cattedrale - Treviso, 23 febbraio 2014, ore 14.30 VII domenica del Tempo ordinario A Convegno diocesano Cori liturgici giovani Diocesi di Treviso Ufficio Liturgico & Pastorale Giovanile Diocesi di Treviso Ufficio Liturgico - Pastorale Giovanile Convegno diocesano Cori liturgici giovani

Dettagli

CANTI PROPOSTI SU CELEBRIAMO LA DOMENICA, foglietto ad uso delle comunità ambrosiane per le celebrazioni festive editrice Ancora

CANTI PROPOSTI SU CELEBRIAMO LA DOMENICA, foglietto ad uso delle comunità ambrosiane per le celebrazioni festive editrice Ancora CANTI PROPOSTI SU CELEBRIAMO LA DOMENICA, foglietto ad uso delle comunità ambrosiane per le celebrazioni festive editrice Ancora MISTERO DELLA PASQUA lezionario festivo anno C Sabato 13 febbraio 2016,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA STATALE NICCOLINI

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA STATALE NICCOLINI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA STATALE NICCOLINI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 INSEGNANTE Rofrano Barbara PROGETTAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA L insegnamento della religione

Dettagli

PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco. ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'acr

PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco. ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'acr PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'acr - TAPPA MISTAGOGICA (POST-CRESIMA) 1 anno - 2 anno. Testo del Catechismo

Dettagli

La nostra biografia. Chi era Arturo Varaia?

La nostra biografia. Chi era Arturo Varaia? La nostra biografia Ecco la rielaborazione degli alunni di 5^ dell anno scolastico 2006/2007 delle notizie acquisite dalla lettura della sua biografia e dall incontro con il prof. Paolo Storti, ex allievo

Dettagli

Vicariato Sant Angelo Formazione catechisti 1 incontro

Vicariato Sant Angelo Formazione catechisti 1 incontro Vicariato Sant Angelo Formazione catechisti 1 incontro Signore Gesù, tu ci inviti ad essere germe fecondo di nuovi figli per la tua Chiesa. Fa che possiamo diventare ascoltatori attenti della tua Parola

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

La Fontana del villaggio

La Fontana del villaggio La Fontana del villaggio Anch io posso attingere alla sorgente! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Abano Terme PD PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO RELIGIOSO Anno Scolastico 2013/2014 Premessa

Dettagli

PARROCCHIA MARIA SS. ADDOLORATA OPERA DON GUANELLA - BARI. Incontri di preparazione al MATRIMONIO

PARROCCHIA MARIA SS. ADDOLORATA OPERA DON GUANELLA - BARI. Incontri di preparazione al MATRIMONIO PARROCCHIA MARIA SS. ADDOLORATA OPERA DON GUANELLA - BARI Incontri di preparazione al MATRIMONIO PARROCCHIA MARIA SS. ADDOLORATA OPERA DON GUANELLA - BARI ITINERARIO PER FIDANZATI 2014-2015 DATE DEGLI

Dettagli

La pampanella Montemarano

La pampanella Montemarano Lezione 15 11 aprile 2011 La pampanella Montemarano v.f. + vv. mix v.f. E tu u voi iancu e russo Pampanè pitti o musso coro O pampanè lei mama Nun t o fa vede v.f. E pe nun t o fa vede se vanno a accova

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

GIORNATA MONDIALE DI PREGHIERA PER LA CURA DEL CREATO

GIORNATA MONDIALE DI PREGHIERA PER LA CURA DEL CREATO GIORNATA MONDIALE DI PREGHIERA PER LA CURA DEL CREATO PROPOSTA PER UN ADORAZIONE EUCARISTICA DI UN ORA* 1 SETTEMBRE 2015 * Prepared by Pontifical Council for Justice and Peace, translated by Franca Silvestri

Dettagli

Cresco.. con Gesù!!! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Percorso di educazione alla religione cattolica Anno 2010/2011

Cresco.. con Gesù!!! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Percorso di educazione alla religione cattolica Anno 2010/2011 Cresco.. con Gesù!!! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Percorso di educazione alla religione cattolica Anno 2010/2011 1 Unità di apprendimento: La creazione del mondo Motivazione Aiutare

Dettagli

SI SON DIVISI TRA DI LORO LE MIE VESTI E SULLA MIA TUNICA HANNO GETTATO LA SORTE PADRE PERDONA LORO PERCHE NON SANNO QUELLO CHE FANNO

SI SON DIVISI TRA DI LORO LE MIE VESTI E SULLA MIA TUNICA HANNO GETTATO LA SORTE PADRE PERDONA LORO PERCHE NON SANNO QUELLO CHE FANNO ARCIPRETURA MARIA SS. ASSUNTA E SAN PIETRO APOSTOLO SAN PIETRO DI CARIDA PROGRAMMA PASQUA 2014 SI SON DIVISI TRA DI LORO LE MIE VESTI E SULLA MIA TUNICA HANNO GETTATO LA SORTE PADRE PERDONA LORO PERCHE

Dettagli

PRIMA DOMENICA DI QUARESIMA: LE TENTAZIONI QUARESIMA

PRIMA DOMENICA DI QUARESIMA: LE TENTAZIONI QUARESIMA PRIMA DOMENICA DI QUARESIMA: LE TENTAZIONI QUARESIMA PREGHIERA DIGIUNO tutto crede, tutto spera, tutto sopporta tutto copre, carita Esercizi spirituali sull Amore che possiamo vivere in famiglia Esercizi

Dettagli

il Volto Giovane www.giovaniconcordiapn.it della Chiesa di Concordia -Pordenone ON WEB Un ANNO PASTORALE per ADOLESCENTI e GIOVANI attività 2014 2015

il Volto Giovane www.giovaniconcordiapn.it della Chiesa di Concordia -Pordenone ON WEB Un ANNO PASTORALE per ADOLESCENTI e GIOVANI attività 2014 2015 Un ANNO PASTORALE per ADOLESCENTI e GIOVANI attività 2014 2015 il Volto Giovane della Chiesa di Concordia -Pordenone ON WEB È ONLINE IL NUOVO PORTALE WEB!!! Una finestra sempre pronta a raccontare tutte

Dettagli

Istituto Comprensivo "NOTARESCO"

Istituto Comprensivo NOTARESCO Istituto Comprensivo "NOTARESCO" Anno Scolastico 2015/2016 PROGETTO ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA Insegnante Testa Maria Letizia MAPPA CONCETTUALE DIO HA POSTO IL MONDO NELLE NOSTRE

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME Premessa In riferimento al Progetto Educativo e alle Indicazioni Nazionali, l'insegnamento della Religione

Dettagli

6 gennaio 1936 6 gennaio 2006: 70 anniversario della Prima idea. E il testamento spirituale che Germana ha preparato alle missionarie e per l Istitu-

6 gennaio 1936 6 gennaio 2006: 70 anniversario della Prima idea. E il testamento spirituale che Germana ha preparato alle missionarie e per l Istitu- Vincent Van Gogh, Il Seminatore al tramonto, 1888 6 gennaio 1936 6 gennaio 2006: 70 anniversario della Prima idea E il testamento spirituale che Germana ha preparato alle missionarie e per l Istitu- to.

Dettagli

Seminario di formazione

Seminario di formazione L Ora di Musica Seminario di formazione Docente: Giulietta Capriotti Presentazione. Il seminario è indirizzato a musicisti, studenti, docenti di educazione musicale nella scuola dell infanzia e primaria,

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

Conclusioni. Incontro continentale LMC America Guatemala, 15-20 Settembre 2014

Conclusioni. Incontro continentale LMC America Guatemala, 15-20 Settembre 2014 Conclusioni Incontro continentale LMC America Guatemala, 15-20 Settembre 2014 La terza Assemblea continentale dei Laici Missionari Comboniani (LMC) si è celebrata a Città del Guatemala dal 15 al 20 settembre

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

www.korazym.org - Le anticipazioni con foto della puntata 140 di vatican Service News

www.korazym.org - Le anticipazioni con foto della puntata 140 di <i>vatican Service News</i> Pagina 4 Angelus dell Acr con il papa in Vaticano, i Messaggi pontifici per la Giornata Mondiale del Malato e la Giornata Mondiale della Comunicazioni Sociali, l AdunanzA Eucaristica a Catanzaro, una giovane

Dettagli

INDICE. Premessa... 7

INDICE. Premessa... 7 INDICE Premessa... 7 GIOVEDÌ SANTO Schema della Celebrazione... 12 I Santi Padri... 13 Agostino: Vi do un comandamento nuovo... 13 Efrem: L agnello figura e l Agnello vero... 16 Cirillona: La gioia di

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA MI FA#-7 Se sarete poveri nel cuore, beati voi: LA6 MI sarà vostro il Regno di Dio Padre. MI FA#-7 Se sarete voi che piangerete, beati voi, LA6 MI perché

Dettagli

Con noi divise il pane

Con noi divise il pane Comunità pastorale S. Martino in Lambrate - SS. Nome di Maria in Milano Con noi divise il pane Calendario del Percorso 2015-16 Cari genitori, di seguito avete il calendario di questo primo anno del percorso

Dettagli

Settembre Dom 6 XXIII T.O. Dom 13 XXIV T.O. Dom 20 XXV T.O. Dom 27 XXVI T.O.

Settembre Dom 6 XXIII T.O. Dom 13 XXIV T.O. Dom 20 XXV T.O. Dom 27 XXVI T.O. 2015/2016 Settembre 2015 Mar 1 10ª Giornata per la custodia del creato (sola sensibilizzazione) Incontro di preghiera a Porto Cesareo Mer 2 Gio 3 Ven 4 Pellegrinaggio diocesano al Santuario Madonna de

Dettagli

MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA

MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA Comitato Regionale per le Celebrazioni del 1 Centenario della morte di Aristide Naccari Fondazione Santi Felice e Fortunato Diocesi di Chioggia (VE) MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA (2014-2015)

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

Giovedì 1 Maggio. Venerdì 2 Maggio

Giovedì 1 Maggio. Venerdì 2 Maggio Giovedì 1 Maggio Ore 18.00 In Duomo, Chiesa di San Giovanni Evangelista, Santa Messa ed inizio del triduo di preparazione. Venerdì 2 Maggio Ore 18.00 In Duomo, Santa messa e triduo di preparazione. Ore

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

PROGRAMMA San Valentino 2015

PROGRAMMA San Valentino 2015 Dal 5 al 13 Febbraio Novena di Preparazione alla Festa del Santo Animata dai diversi Gruppi Ecclesiali Diocesani Ore 17,00: Basilica San Valentino - Rosario e Celebrazione Eucaristica SABATO 7 FEBBRAIO

Dettagli

Mission F.A.Q. Missioni estive in Messico. frequently asked questions

Mission F.A.Q. Missioni estive in Messico. frequently asked questions Mission F.A.Q. Missioni estive in Messico frequently asked questions Cosa sono le missioni in Messico di Gioventù e Famiglia Missionaria? Le missioni in Messico sono una esperienza fuori dal comune, un

Dettagli

Programmazione di religione cattolica

Programmazione di religione cattolica Programmazione di religione cattolica Istituto Comprensivo P. Gobetti Trezzano sul Naviglio Anno Scolastico 2012/2013 INSEGNANTE: Franca M. CAIATI Obiettivi specifici di Apprendimento Questi obiettivi

Dettagli

Scuola dell Infanzia Maria Zoccatelli Dossobuono

Scuola dell Infanzia Maria Zoccatelli Dossobuono Scuola dell Infanzia Maria Zoccatelli Dossobuono A BRACCIA APERTE Unità di apprendimento IRC sul Natale Anno scolastico 2013-2014 MOTIVAZIONI L esperienza personale intorno alla quale ruota tutto il percorso

Dettagli

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA?

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? Nell antica Roma tutti si mettevano un vestito lungo. Questo vestito si chiama tunica. Uomini e donne legavano la tunica con una cintura. Sopra la tunica le donne ricche

Dettagli

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi.

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. 1 2 3 La Cattedrale di Padova La Cattedrale rappresenta il cuore e l espressione più viva

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

PARROCCHIA SAN BERNARDO CALENDARIO settimana dal 10 al 17 gennaio 2016

PARROCCHIA SAN BERNARDO CALENDARIO settimana dal 10 al 17 gennaio 2016 PARROCCHIA SAN BERNARDO CALENDARIO settimana dal 10 al 17 gennaio 2016 DOMENICA 10 Gennaio Battesimo di GESU' ore 9,00-11,00 S.MESSA Battesimo : FISCHIETTI Rebecca LUNEDI' 11 Gennaio Non c'è la messa ore

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

IL PROGRAMMA Ore 17,30 Coroncina Sacro Cuore di Gesù Ore 18,00 S. Messa Breve discorso del parroco Benedizione solenne

IL PROGRAMMA Ore 17,30 Coroncina Sacro Cuore di Gesù Ore 18,00 S. Messa Breve discorso del parroco Benedizione solenne L INVITO (PAG.1) L INVITO (PAG.2) Carissimi nel Signore, il 16 giugno 2011 avremo la gioia di celebrare i 25 anni di erezione della parrocchia, avvenuta con decreto dell'arcivescovo di Palermo Cardinale

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

Scuola Mater Gratiae. Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ

Scuola Mater Gratiae. Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ Scuola Mater Gratiae Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ ASCOLTIAMO INSIEME GESÙ MOTIVAZIONE Una delle priorità importanti nel nostro progetto educativo didattico della scuola dell infanzia

Dettagli

dal 1 dicembre al 10 gennaio

dal 1 dicembre al 10 gennaio DICEMBRE ORARIO SANTE MESSE dal 1 dicembre al 10 gennaio In Basilica: Prefestiva : ore 18.00 Festive : ore 7.30-9.30-11.00-18.00 ore 17.45 Celebrazione dei Vespri Feriali: ore 7.00-9.00 tutti i giorni

Dettagli

E se iscrivessi mio figlio al catechismo?

E se iscrivessi mio figlio al catechismo? E se iscrivessi mio figlio al catechismo? Don Alberto Abreu www.pietrascartata.com E se iscrivessi mio figlio al catechismo? Perché andare al Catechismo La Parola catechismo deriva dal latino catechismus

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

NON DI SOLO PANE. Tema generale: TENTAZIONE E MISERICORDIA. Brano biblico: LUCA 4,1-13 PRESENTAZIONE

NON DI SOLO PANE. Tema generale: TENTAZIONE E MISERICORDIA. Brano biblico: LUCA 4,1-13 PRESENTAZIONE NON DI SOLO PANE Tema generale: TENTAZIONE E MISERICORDIA Brano biblico: LUCA 4,1-13 PRESENTAZIONE Questo secondo anno pastorale vuole continuare il cammino iniziato in quello precedente e portato avanti

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA - CLASSE PRIMA Ins. Marongiu Alessandra (Pl. E. Mosca) Ins. Flauret Simona (Pl. Centrale)

RELIGIONE CATTOLICA - CLASSE PRIMA Ins. Marongiu Alessandra (Pl. E. Mosca) Ins. Flauret Simona (Pl. Centrale) RELIGIONE CATTOLICA - CLASSE PRIMA Ins. Marongiu Alessandra (Pl. E. Mosca) Ins. Flauret Simona (Pl. Centrale) OBIETTIVI DI DIO E L UOMO -Imparare a rispettare la propria e l altrui individualità per costruire

Dettagli

Percorso di preparazione al matrimonio cristiano

Percorso di preparazione al matrimonio cristiano Percorso di preparazione al matrimonio cristiano Da qualche anno si tiene un unico percorso per entrambe le parrocchie. Si svolge unna volta l'anno (indicativamente da ottobre a febbraio). Il percorso

Dettagli