Rassegna stampa. 21 febbraio Ufficio stampa. Responsabile : Claudio Rao (tel. 06/

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rassegna stampa. 21 febbraio 2006. Ufficio stampa. Responsabile : Claudio Rao (tel. 06/32.21.805 e-mail:claudio.rao@oua.it)"

Transcript

1 Ufficio stampa Rassegna stampa 21 febbraio 2006 Responsabile : Claudio Rao (tel. 06/

2 SOMMARIO Pag. 3 AVVOCATURA: Avvocatura tra mercato e diritti (quotidiano dei professionisti) Pag. 4 AVVOCATURA: Pari opportunità nella professione forense Con Cicerone si fa un nuovo passo avanti (quotidiano dei professionisti) Pag. 5 LIBERALIZZAZIONE SERVIZI: Direttiva servizi, esenzioni a 360 (italia oggi) Pag. 6 LIBERALIZZAZIONE SERVIZI: La Bolkestein e le polemiche (quotidiano dei professionisti) Pag. 7 BILANCIO GIUSTIZIA: Solo i fondi una tantum evitano il blocco informatico (il sole 24 ore) Pag. 8 PREVIDENZA FORENSE: Previdenza più salata (italia oggi) Pag. 9 ANTIRICICLAGGIO: L'identificazione del cliente fissa i confini del rapporto (il sole 24 ore) Pag.10 INAPPELLABILITA : L'inappellabilità confonde i giudizi di Luigi Fornari - Ordinario di Diritto penale Università di Catanzaro e Mario Zanchetti - Ordinario di Diritto penale Università Carlo Cattaneo - Liuc di Castellana (il sole 24 ore) Pag.12 DIRITTO SOCIETARIO: L'economia e le sue regole (il sole 24 ore) 2

3 QUOTIDIANO DEI PROFESSIONISTI Avvocatura tra mercato e diritti Principi del Foro e mercato vogliono far pace. O almeno cercare un punto di incontro che rispetti i principi deontologici dei primi e le leggi del secondo. La ghiotta occasione per una riconciliazione c è stata lo scorso fi ne settimana a Bologna dove, presso l Oratorio San Filippo Neri si è svolto il Primo Forum Professioni e Mercato sul tema «L avvocatura tra ripresa e tutela dei diritti», fortemente voluto da Associazione nazionale forense (www.avvocati-anf.it), a cui hanno preso parte il responsabile Antitrust sulle professioni Maria Grazia Montanari, il responsabile giustizia dei Democratici di sinistra Massimo Brutti, il responsabile di An per le professioni Antonino Lo Presti, il responsabile professioni della Margherita Pierluigi Mantini. Tra gli interventi programmati, quelli dei rappresentanti dei maggiori esponenti dell Avvocatura italiana: Michelina Grillo per l Oua, Nicola Bianchi per il Cnf, Piergiorgio Loi per l Anf e Maurizio De Tilla per Cassa Forense. Proprio al presidente De Tilla abbiamo chiesto di tracciare un bilancio di questo primo Forum. «È stato senza dubbio utile, perché è emerso con chiarezza che l Europa non ci chiede affatto una deregolamentazione selvaggia del mercato delle professioni e tanto meno di quello della professione forense». Il riferimento, neanche troppo velato, è all ormai famigerata relazione che l Authority Antitrust Antonio Catricalà ha inviato alle maggiori cariche dello Stato lo scorso dicembre per perorare un intervento sul mercato delle professioni che facesse venir meno presunte posizioni corporativistiche. In quella relazione, il Garante per la libera concorrenza sosteneva la necessità di una liberalizzazione del mercato professionale in nome di un supposto allineamento all Europa. Stando a quanto emerso a Bologna, invece, l Europa darebbe segnali che vanno in tutt altra direzione: «La Bolkestein ha fissato un principio importantissimo, quello della validità dell ordinamento del Paese di destinazione e non di quello di provenienza del professionista. Questo vuol dire che l Europa mira in qualche modo a preservare ordinamenti come quello italiano non a deregolamentarlo». Precisa De Tilla, secondo il quale l Authority Antitrust sarà quindi costretta a rivedere le proprie posizioni in tema di professioni. «Soprattutto per quel che riguarda gli avvocati: in Italia gli avvocati sono e crescono al ritmo di unità l anno. Ma alla Cassa Forense sono iscritti solo in , a riprova che il mercato dei professioni forensi è tutt altro che chiuso e corporativistico. Per questo contesto fermamente chi, come l Antitrust, sostiene che nelle professioni italiane ci siano sbarramenti all accesso. Sarà vero per alcune categorie professionali, come i notai o i farmacisti, ma per gli avvocati sicuramente no». Insomma, non finisce qui. Quale che sia lo schieramento politico che la spunterà alle prossime elezioni, si troverà ad affrontare nelle primissime settimane di legislatura il nodo spinoso della riforma delle professioni e della legge professionale specifica chiesta da mesi dall Avvocatura italiana. M.A. 3

4 QUOTIDIANO DEI PROFESSIONISTI Pari opportunità nella professione forense Con Cicerone si fa un nuovo passo avanti Le donne avvocato da oggi hanno un alleato in più: Cicerone. È questo il nome di un progetto realizzato dal Ministero per le Pari Opportunità (www.pariopportunità.gov.it in collaborazione con il Consiglio Nazionale Forense (www.consiglionazionaleforense.it) che prevede l istituzione di una Commissione che sarà presieduta dal Ministro per le Pari Opportunità (o da un suo delegato), da cinque rappresentanti del ministero e da cinque rappresentanti del Cnf. Nella nota emanata dal Ministero si legge che «il progetto mira a diffondere e valorizzare la cultura delle pari opportunità nella professione forense, promuovendo una più equa partecipazione femminile nelle cariche e negli organismi direttivi nazionali e locali del Cnf e dei singoli Ordini, delle istituzioni, delle associazioni e degli organismi dell avvocatura». Il Cnf e il Ministero guidato da Stefania Prestigiacomo hanno già sottoscritto un Protocollo d Intesa molto articolato e dettagliato che avrà durata biennale. Scorrendo questo Protocollo si legge, ad esempio, che il Consiglio Nazionale Forense, su iniziativa della propria Commissione per le pari opportunità, si impegna a rilevare le problematiche di genere interne alla professione e a monitorare i dati percentuali relativi alla presenza femminile negli Albi e nel registro praticanti, nei Consigli degli Ordini e nelle Associazioni più rappresentative dell Avvocatura italiana. Tra gli obiettivi c è anche il censimento degli studi professionali intestati a donne e quello delle professioniste che operano in studi altrui. Particolare attenzione sarà dedicata allo studio delle difficoltà che le avvocatesse incontrano in momenti cruciali della vita, come la maternità, i mesi precedenti e successivi alla nascita dei figli. Il tutto con lo scopo di elaborare sistemi per conciliare impegno professionale e vita familiare. Dal canto suo, il Ministero si propone di incentivare occasioni di studio e di confronto su questi temi e fornire sostegno all individuazione di strategie per risolvere i problemi delle donne avvocato, nonché di fornire la propria collaborazione nell individuazione delle aree che richiedono interventi più urgenti. Si cerca di arginare così una situazione che PQ aveva già evidenziato lo scorso 7 dicembre nell ambito della sua inchiesta sulle «quote rosa» nelle professioni da cui era emerso ad esempio che su iscritti all albo degli avvocati solo il 35% (38.888) è composto da donne. Nel 1995 il dato era fermo al 25,3%, il che dimostra che presenza femminile nella professione forense è in crescita costante. Ma ciò non toglie che le avvocatesse si trovino a dover ancora affrontare ostacoli che affondano le proprie radici nella differenza di genere.ad esempio le differenze di reddito: rispetto a colleghi uomini, a parità di «anzianità di servizio» e titoli, una donna arriva a guadagnare anche il 50% in meno. E questo non solo perché le donne, dovendosi occupare anche di casa e famiglia, possono dedicare un minor numero di ore alla professione, ma anche perché la necessità di conciliare privato e lavoro le spinge a specializzazioni meno redditizie. Ad esempio il diritto di famiglia, che paga sicuramente meno di quello societario o tributario. Infine, la nostra inchiesta aveva in qualche modo anticipato quello che emerge anche dal Protocollo firmato dal Ministero Pari Opportunità e dal Cnf. E cioè che le donne trovano meno spazi all interno degli organismi di rappresentanza della professione. Tutta colpa del tempo richiesto dall attività istituzionale e dalla costruzione della fitta rete di relazioni che portano alle candidature e soprattutto le sostengono. E visto che di avvocati si parla, ecco qui la prova: non c è nessuna donna tra i 26 membri del Cnf, e se ne contano solo 3 su 10 nei vari consigli provinciali. E come se non bastasse, la stessa commissione pari opportunità del Cnf, pur essendo costituita da 22 donne, è presieduta da un uomo che, a detta delle colleghe, si mostra molto sensibile al problema delle pari opportunità Marianna Aprile 4

5 ITALIA OGGI La parola sul testo ora passa al Consiglio europeo Direttiva servizi, esenzioni a 360 Una raffica di esenzioni per la liberalizzazione del mercato dei servizi in Europa. Professionisti, notai, servizi sociali come l'edilizia sociale, l'assistenza ai figli e i servizi alla famiglia, servizi finanziari, di trasporto e medico-sanitari, giochi d'azzardo, i servizi giuridici e fiscali, nonché le agenzie di lavoro e le attività di sicurezza sono esclusi dall'applicazione della direttiva secondo le modifiche inserite dal Parlamento europeo che l'ha approvata giovedì 16 febbraio in prima lettura (si vedano ItaliaOggi del 17 e 18 febbraio 2006). Il testo nella versione licenziata dall'assemblea plenaria di Strasburgo (che ItaliaOggi pubblica integralmente sul sito) è stato completamente snaturato rispetto alla versione originaria proposta dall'ex commissario olandese Frits Bolkestein. In pratica, la direttiva si applica ai servizi di interesse economico generale forniti da prestatori stabiliti in uno stato membro, quindi i servizi che corrispondono a un'attività economica e sono aperti alla concorrenza. Tuttavia, anche rispetto a questo ambito sono previste delle deroghe: sono esclusi i servizi postali, di trasmissione, distribuzione e fornitura di energia elettrica, gas, fornitura idrica, gestione delle acque reflue e trattamento dei rifiuti. Inoltre, una delle conquiste più importanti della nuova versione della direttiva Bolkestein è stata la cancellazione del principio del paese d'origine, raggiunta grazie a un emendamento di compromesso firmato dai popolari e socialisti europei, che insieme coprono più della metà dei seggi al Parlamento Ue. Eliminata, dunque, la minaccia dell'invasione di lavoratori dai paesi dell'est che, con tariffe e tutele sociali più basse, avrebbero creato una concorrenza senza precedenti nei paesi del Vecchio continente, è stata consacrata la libera circolazione dei servizi nell'europa a 25. Questa volta però imponendo il rispetto delle regole locali. Per il prestatore, infatti, sarà sufficiente aver conseguito la qualifica nel proprio paese d'origine, ma per svolgere le attività dovrà sempre rispettare le regole del paese in cui va a operare. Su queste modifiche, ora, la parola passa al Consiglio europeo, che dovrà dare il suo via libera prima di rimandare di nuovo il testo in assemblea e ancora al Consiglio per l'approvazione definitiva. (riproduzione riservata) Chiara Cinti 5

6 QUOTIDIANO DEI PROFESSIONISTI La Bolkestein e le polemiche Amalia Sartori (Fi): «Anche ai servizi i benefici del libero mercato». Emma Bonino: «Non si liberalizza un bel nulla» L Europa vanta un mercato interno di 457 milioni di abitanti, cioè di consumatori, in forte crescita. Secondo alcune stime, infatti, la popolazione comunitaria europea arriverà presto a 480 milioni. I servizi producono il 70 per cento del Pil europeo e sono il settore dove si registra il massimo potenziale di crescita. Erano inevitabili, a questo punto, commenti e reazioni dei politici all approvazione in prima lettura della Bolkestein, la direttiva europea sui servizi, votata con un ampia maggioranza al Parlamento di Strasburgo per l alleanza fra Popolari e Socialisti europei anche se non c è stata compattezza all interno dei due stessi schieramenti. In particolare i Popolari dei nuovi Paesi hanno firmato una dichiarazione in cui esprimono disappunto per quella che definiscono una finta liberalizzazione. Con loro si sono schierati, ma per motivi opposti, cioè per eccesso di liberalizzazione, i socialisti francesi. In ogni caso un fatto appare incontestabile: alcuni settori non conosceranno alcuna liberalizzazione e rimarranno sotto il pieno controllo dei governi nazionali. Il risultato è stato un annesso di quattro pagine, dove figura un po di tutto, dai comparti strategici come banche, assicurazioni, servizi finanziari (già regolati da una direttiva del 2000) ai cosiddetti servizi di interesse pubblico, cioè gas, elettricità, trattamento dei rifiuti, trasporti (taxi compresi) poste, porti, sanità e servizi sociali, trasmissioni televisive e radiofoniche, cinema. Seguono in ordine sparso lotterie e giochi d azzardo, notai e stampa scritta. Tra i settori protetti ci dovevano essere anche le pompe funebri, ma all ultimo l emendamento è stato respinto. Ma anche se si tratta di una liberalizzazione parziale, il motivo di chi ha gridato al successo del compromesso è legato alla rimozione del principio del paese di origine. «Con questa direttiva afferma Amalia Sartori, eurodeputata di Forza Italia si apre la possibilità di estendere anche al settore dei servizi i benefici del mercato unico, dando l avvio ad una fase di grande sviluppo economico per l Europa a venticinque. Solo in Italia, a quanto risulta dagli ultimi dati comunicati dall Istat, il 64,9% degli occupati lavora nel settore dei servizi, ma solo il 20% di queste attività è costituito da scambi transfrontalieri per colpa degli ostacoli burocratici; ostacoli superati quando si parla, invece, di merci, persone, e in parte, di capitali». Di parere completamente opposto è un altra eurodeputata, Emma Bonino, della Rosa nel Pugno. Ci va giù pesante e afferma: «L unico servizio che si liberalizza è quello delle pompe funebri». La Bonino era stata fra i 215 voti contrari. «La cosiddetta direttiva Bolkestein ha puntualizzato cosiddetta perché è stata stravolta non liberalizza un bel nulla e fa svanire la possibilità di creare 600 mila posti di lavoro in Europa e, per l Italia, il sistema corporativo degli ordini professionali può dormire sonni tranquilli». Enrico Letta, responsabile economico della Margherita dà invece una lettura completamente socio-politica: «La questione della Bolkestein è legata al no francese sulla Costituzione europea ed era diventata un totem. Le questioni di merito non contavano più, era diventato il simbolo di un Europa che non tutela i diritti e scatena una concorrenza tutta al ribasso. L Europa non si fa contro il consenso dei cittadini. Questa volta l Ulivo italiano a Strasburgo è stato parte di un compromesso che è partito da socialisti e popolari tedeschi. E abbiamo scongiurato lo spettro dell idraulico polacco e evitato uno sconquasso». Il provvedimento sarà ora ripreso dalla Commissione europea e, soprattutto, dovrà passare (forse già a maggio) all esame del Consiglio dei ministri, cioè dei governi. Tuttavia è già opinione comune che l impianto della direttiva votata non verrà modificato di molto. A quel punto la direttiva potrebbe tornare nell emiciclo nel prossimo autunno per la seconda lettura ed essere adottata dai singoli Stati tra il 2009 e il A conti fatti il mercato unico dei servizi diventerà reale e senza vincoli burocratici o barriere protezionistiche anche per commercianti, piccoli imprenditori, artigiani solo fra cinque anni circa. Elisabetta Tonni 6

7 IL SOLE 24 ORE GIUSTIZIA/Il ministero riesce a recuperare stanziamenti per 13 milioni Solo i fondi una tantum evitano il blocco informatico ROMA. Uno "stanziamento tampone" - a oggi 13milioni di euro- recuperati nelle pieghe del bilancio della Giustizia. Abbastanza per rimandare di qualche mese (e alla prossima legislatura) lo stato di emergenza dell'assistenza informatica nei tribunali, ma meno del necessario,se si pensa che questa voce ha subito un taglio del 46% rispetto al E la soluzione alla quale sta lavorando via Arenula per scongiurare il "blocco informatico" degli uffici giudiziari, certo dal 28 febbraio, e dare risposta alle denunce dei magistrati. Ma anche agli scioperi e alle agitazioni del personale di assistenza, allo stato di crisi delle società del settore. È di ieri" infatti, il primo documento congiunto di nove delle dieci aziende di assistenza informatica (Abaco, Bull Italia, CM Sistemi, OIS Com, CTS Impianti, Intersistemi Italia, ISl, Sisge Informatica, Tecnoindex) per ricordare il modus operandi del ministero che ha portato ali'emergenza. Quasi tutti i contratti di «assistenza sistemica e applicativa» che permettono ai tribunali di far uso dei computer risultano scaduti nel 2005, ma sono proseguiti, su sollecito dello stesso ministero, in regime (precario) di "riconoscimento di debito". In pratica, le aziende si sono fatte carico dell' assistenza (e dell'innovazione tecnologica del ministero) per l'esaurirsi degli specifici capitoli di spesa, peraltro assolutamente prevedibile. Poi, a inizio febbraio, un ulteriore taglio degli stanziamenti senza preavviso, «sufficienti a coprire solo il 5% delle attività pianificate». Immaginabili le conseguenze: ulteriori disservizi per il servizio Giustizia, l'impossibilità di ricollocareil personale in esubero per «l'assoluta mancanza di preavviso». Ma anche l'incoerenza dei tagli rispetto «all'attuale impianto organizzativo» dell'informatica giudiziaria,la crescente informatizzazione della Pa, mentre la situazione debitoria del ministero «ha ormai raggiunto dei livelli di insostenibilità tali da creare un rischio finanziario reale anche per le aziende più sane: la sofferenza media dei crediti supera abbondantemente i quindici mesi». Che la situazione sia grave si capisce anche dalle agitazioni e dagli scioperi del personale di assistenza che hanno caratterizzato le ultime settimane (soprattutto a Napoli),mentre le rappresentanze di base hanno chiesto un incontro con il Guardasigilli «per la salvaguardia dei livelli occupazionali nelle ditte esterne». In questo scenario non manca chi cerca di mettere le mani avanti. Giorni fa, nel rispondere a una interrogazione sulla crisi dell'informatica, il sottosegretario Giuseppe Valentino, delegato fin dal 2001 ai sistemi informativi della Giustizia, ha suggerito di utilizzare «di più e meglio» i 315 tecnici informatici interni (a fronte dei mille esterni oggi a rischio), ma si è anche ripromesso di indagare su «quante. e quali sono le imprese del comparto, e se i costi praticati sono coerenti con quelli del mercato». Vittorio Nuti 7

8 ITALIA OGGI AVVOCATI/La Cassa forense approva una mini-riforma Previdenza più salata Contributi con rincaro medio del 2% Via libera dalla cassa forense alla mini-riforma del sistema previdenziale degli avvocati. Il comitato dei delegati dell'ente previdenziale dei legali, guidato da Maurizio de Tilla, nella seduta del 17 febbraio scorso ha approvato il documento che apporta alcune modifiche all'attuale metodo di calcolo delle pensioni. Il provvedimento, prima di diventare definitivo, tuttavia, dovrà ancora passare al vaglio del cda e poi nuovamente il 17 marzo prossimo per il parlamentino della cassa. In ogni caso, entro la fine di marzo il testo dovrebbe essere inviato al ministero del welfare per l'approvazione definitiva. Rispetto alle ipotesi di riforma vagliate inizialmente dalla cassa (vedi ItaliaOggi del 22/12/2005), tuttavia, le modifiche approvate dal comitato dei delegati saranno molto più soft del previsto. Niente passaggio dal sistema di calcolo retributivo a quello contributivo come auspicato dai giovani avvocati né innalzamento dell'età pensionabile dai 65 ai 70, ma solo innovazioni di tipo parametrico come l'aumento del gettito contributivo e l'ampliamento dell'arco temporale su cui calcolare gli emolumenti. Una scelta mirata volta a evitare eventuali censure da parte del giudice di legittimità nell'attesa che si chiariscano una volta per tutte i confini dell'autonomia degli enti di previdenza. L'innovazione più rilevante è senz'altro quella che dispone l'aumento dei contributi che i legali dovranno versare all'ente di previdenza. L'aumento riguarderà sia quelli soggettivi, che passeranno dal 10 al 12%, sia quelli integrativi, che invece aumenteranno dal 2 al 4%. Tuttavia, l'incremento non sarà immediato ma avverrà gradualmente. Per i contributi soggettivi, infatti, esso dovrebbe avvenire nell'arco di quattro anni, mentre, per quelli integrativi in tre anni. Si amplia anche l'arco temporale preso come base per il calcolo degli emolumenti. Questo si estenderà a tutta la vita lavorativa del professionisti esclusi solo i cinque anni peggiori e non più come avvenuto sino a oggi agli ultimi 25 migliori anni di vita lavorativa. Tale scelta consentirà di evitare importi di pensione troppo generosi senza però intaccare l'attuale sistema di calcolo retributivo. Anche in questo caso, come per l'aumento dei contributi, l'entrata in vigore della modifica sarà graduale e si applicherà integralmente solo ai nuovi iscritti. Per coloro che invece hanno maturato i periodi contributivi sotto il regime previgente, il calcolo sarà il frutto della somma di tre quote. La prima (per le anzianità contributive maturate fino al 2000) calcolata sui dieci migliori redditi degli ultimi 15 anni di attività professionale, la seconda (per gli anni di iscrizione dal 2001 al 2006) sui migliori 20 redditi degli ultimi 25 anni di vita lavorativa, l'ultima (per i contributi dopo il 2006) in base al nuovo sistema di calcolo. Novità in vista anche per le pensioni minime, il cui importo sarà fissato in una somma di circa 10 mila euro e verrà quindi sganciato da quello del contributo soggettivo minimo. (riproduzione riservata) Simona Andreazza 8

9 IL SOLE 24 ORE Pronto il regolamento sugli obblighi per l'antiriciclaggio L'identificazione del cliente fissa i confini del rapporto I Professionisti - dottori commercialisti,revisori contabili, ragionieri, società di revisione,consulenti del lavoro, notai e avvocati (anche in forma associata o societaria)- devono cominciare a organizzare i propri studi e a curare la formazione dei collaboratori per adempiere agli obblighi di contrasto al riciclaggio di denaro sporco imposti dalla legge 197/91 e dal decreto legislativo 56/2004. E infatti in fase di pubblicazione il regolamento del ministro dell'economia attinente a queste professioni(si veda «Il Sole-24Ore» del 15febbraio). Il quadro di riferimento. La lotta contro il riciclaggio di denaro sporco parte da lontano. Sulla spinta delle raccomandazioni del Gafi, Gruppo di azione finanziaria internazionale che riunisce 30 Paesi, è stata emanata la prima direttiva (91/308/Ce) tesa a salvaguardare il sistema finanziario legale dalle infiltrazioni di capitali criminosi. Gli obblighi erano soprattutto accentrati sull'identificazione dei clienti e sulla registrazione dei loro dati su un particolare registro tenuto dagli intermediari, banche, finanziarie, assicurazioni. Si è capito però che all'identificazione va aggiunta la migliore conoscenza del cliente e dei suoi affari e che vi erano altre attività a rischio, tra le quali sono emerse quelle di professionisti, nei cui studi si trattano affari. Nel 2001 viene pertanto emanata la seconda direttiva (2001/97/Ce):per avvocati e notai si è escluso l'obbligo di segnalazione di eventuali operazioni sospette quando si tratta di rappresentare e difendere in giudizio il cliente o di esaminarne la posizione giuridica.un nuovo giro di vite, soprattutto sui trust e sui veri domini delle ricchezze,sta arrivando con la terza direttiva (2005/60/Ce),perla cui attuazione il Governo ha ricevutola delega con la legge 29/2006, che tra l'altro ha ampliato gli obblighi a tutti coloro che svolgono attività in materia di amministrazione,contabilità e tributi. Gli adempimenti: Il decreto ministeriale attuativo del Dlgs 56/04 (di recepimento della seconda direttiva) impone al professionista di identificare il cliente che chiede prestazioni aventi a oggetto mezzi di pagamento o utilità superiori a euro. Ma l'obbligo sussiste anche quando l'operazione è di valore indeterminato o non determinabile e questo toglierà la certezza del limite di legge, mentre il professionista dovrà valutare la "potenzialità"dell'operazione. Comunque l'obbligo di identificazione sussiste quando si costituiscono, gestiscono, amministrano società, enti, trust, o analoghe strutture, il che «costituisce in ogni caso un'operazione di valore non determinabile».è molto importante che il professionista faccia dichiarare al cliente, e quindi registri i dati del soggetto per conto del quale opera, in quanto Uic e inquirenti sono sempre alla ricerca dei veri titolari dei beni movimentati.non mancheranno quindi difficoltà di fronte a operazioni riservate, trust e gestioni fiduciarie di vario genere. Ampie sono le modalità di identificazione che possono essere: dirette, effettuate tramite terzi (banche, consolati, atti pubblici, eccetera) o secondo altre indicazioni che verranno dall'uic. Quanto agli strumenti,l'importante è che si tratti di documenti rilasciati da una pubblica amministrazione, non scaduti (meglio fare una fotocopia). Nell'identificazione sono compresi il codice fiscale, l'attività svolta dal cliente, il tipo di prestazione fornita e il suo valore. E quindi una identificazione che si mescola, completandosi, con la conoscenza del cliente e dell'affare. Il professionista incrementerà, entro 30 giorni dal primo contatto il suo archivio e conserverà i dati per dieci anni dalla conclusione della prestazione. Potrà anche tenere l'archivio in forma cartacea, ma solo se non dispone di una struttura informatizzata e, poiché l'uic è ancora una volta chiamato in causa, sarà in definitiva quest'ultima la modalità che prènderà il sopravvento, rendendo utile la possibilità di dare a società di servizio la tenuta dell'archivio, sempre che il professionista si fidi di comunicare a terzi, sia pure sotto la protezione della privacy, il suo parco clienti. La protezione dei dati sarà.opportunamente affidata ad esperti della materia. Potrà essere utile al professionista rivolgersi alla propria banca di fiducia, quantomeno per avere i suggerimenti nati da una esperienza ultradecennale. Rimane il punto delicato dell'obbligo di segnalazione delle operazioni sospette. Il decreto dice poco sui criteri da seguire accennando all'incongruenza tra l'operazione e il cliente, alla sua capacità economica, ai profili di rischio, alla necessità di individuare la vera titolarità dell' operazione economica, senza naturalmente che il professionista debba trasformarsi in poliziotto. Il compito è demandato all'uic. GIAMPAOLO CONFORTI 9

10 IL SOLE 24 ORE L'inappellabilità confonde i giudizi di Luigi Fornari - Ordinario di Diritto penale Università di Catanzaro e Mario Zanchetti - Ordinario di Diritto penale Università Carlo Cattaneo - Liuc di Castellanza Questo Governo, in tema di giustizia, ha mostrato di avere sin troppe idee. Poche si sono rivelate buone, e quelle poche confuse.a quest'ultima categoria appartiene la recentissima «legge Pecorella», approvata in tutta fretta il 14 febbraio. Due sono le idee base della riforma ed entrambe hanno ottime ragioni. La prima, di cui si parla troppo poco, è la formulazione espressa del principio secondo il quale il giudice pronuncia sentenza di condanna se l'imputato risulta colpevole «al di là di ogni ragionevole dubbio». Non è una novità: il principio è in vigore da tempo immemorabile nel sistema giudiziario degli Stati Uniti. In Italia se ne è fatto alfiere Federico Stella nel libro «Giustizia e Modernità», un testo che - caso più unico che raro nella produzione giuridica italiana - ha influenzato con forza la giurisprudenza,a cominciare da quella della Corte di cassazione. Quest'opera ha difeso l'idea che in un paese democratico il diritto penale non può permettersi di condannare un innocente: l'errore contro l'innocente è infinitamente più grave dell'errore che lascia libero un colpevole. Per cui il metro di giudizio deve essere calibrato in modo rigorosissimo:è molto meglio lasciar liberi dieci, cento, mille colpevoli, piuttosto che un solo innocente venga condannato. La Cassazione negli ultimi anni ha fatto più volte proprio il principio del ragionevole dubbio, che dunque era già parte del diritto vivente e oggi viene solo esplicitato. Un corollario del principio,ben colto dalla nuova legge, è la non necessaria parità fra i diritti di impugnazione dell'imputato e del pubblico ministero. Se un tribunale condanna, l'imputato può sempre appellare,cercando di far valere l'esistenza di un ragionevole dubbio. Se, invece, pronuncia una sentenza di assoluzione, non si vede come questa decisione possa essere superata da un'altra corte: la sentenza di proscioglimento può ben essere considerata, infatti, un elemento di dubbio più che ragionevole, insuperabile in grado d'appello. Di conseguenza, non è contrario ai principi costituzionali che - come prevede la nuova legge - il pubblico ministero non possa appellare contro una sentenza di proscioglimento, a meno che non presenti una prova nuova e decisiva, tale da superare il dubbio ragionevole posto dal primo proscioglimento. Altrimenti,può solo ricorrere in Cassazione per ragioni di legittimità. Nella mente del legislatore, l'eliminazione dell'appello del Pm dovrebbe accelerare i processi. Ma sarà così? Neanche per sogno. Esiste nel nuovo sistema un punto di crisi, ed è l'azione civile nel processo penale. Innanzitutto, se il criterio probatorio nel processo penale viene ricondotto a uno standard così rigoroso, bisogna parallelamente riconoscere un diverso standard probatorio nel diritto civile. Se una persona si ritiene danneggiata da altri, e chiede il risarcimento, non si può pretendere che provi il suo diritto oltre ogni ragionevole dubbio, altrimenti verrebbero favoriti in maniera eccessiva gli interessi del danneggiante rispetto a quelli della vittima, che spesso è un soggetto socialmente ed economicamente svantaggiato. Il diritto americano riconosce questa differenza di standard,e la vicenda del campione di football O.J. Simpson prosciolto nel processo penale dall'accusa di aver ucciso la moglie, ma condannato a risarcire gli 10

11 eredi dal giudice civile - è esemplare. La riforma Pecorella non ha considerato che se in sede civile vince chi ha "un po' più ragione" dell'altro, non ha più senso chiedere i danni nel processo penale, dove il criterio più rigoroso porterà a una maggior frequenza di giudizi sfavorevoli al danneggiato. L'unica conseguenza coerente sarebbe stata l'eliminazione della costituzione di parte civile nel processo penale. Oltretutto, la presenza della parte civile nel processo penale crea nella nuova legge ulteriori disarmonie. Nella disciplina vigente fino a oggi, la parte civile poteva impugnare con gli stessi mezzi del pubblico ministero. Oggi non più. La legge Pecorella ha eliminato questo legame. Secondo una plausibile interpretazione della riforma, infatti, la parte civile può proporre appello contro le sentenze di proscioglimento, per ottenere il risarcimento del danno. Il processo così rischia di sdoppiarsi: più o meno contemporaneamente si dovrebbe tenere l!n giudizio in Corte d'appello per l'accertamento del reato ai soli fini civili, e un giudizio in Cassazione sul ricorso, a fini penali, del pubblico ministero. Questi due processi seguiranno binari separati: e la Cassazione si troverà a giudicare più volte lo stesso fatto, con il rischio di esiti discordanti. In questo lavorio perpetuo le Corti d'appello avranno forse meno da fare, ma i tribunali, e soprattutto la Cassazione, si troveranno con un carico di lavoro praticamente raddoppiato. Se poi si considerano i nuovi spazi di apertura alla valutazione del merito nei giudizi di Cassazione, che il presidente Marvulli ha subito denunciato come destabilizzanti per il sistema, e si aggiungono gli effetti della «ex-cirielli» sui termini della prescrizione di gravi reati, c'è da scommettere che la prescrizione diventerà la chiusura di default per una fetta importante dei processi penali. Il Codice di procedura penale è una cosa seria: non lo si può rabberciare correggendo una norma qui e una là, senza aver tenuto conto del quadro complessivo, che include anche il carico di lavoro delle varie corti, e quindi le loro necessità di personale e spazi. Le riforme fatte a spizzichi e bocconi possono servire ad aiutare questo o quell'imputato, ma restano profondamente sbagliate, anche quando le idee su cui si basano sono giuste. 11

12 IL SOLE 24 ORE DIRITTO SOCIETARIO/II dibattito aperto dall'ultimo libro di Guido Rossi: il rischio di far vincere la legge del più forte L'economia e le sue regole La deregolamentazione selvaggia non è l'obiettivo da perseguire Il libro di Guido Rossi Il gioco delle regole e il dibattito che ne è seguito, anche su questo quotidiano. sollevano un punto importante. E cioè se l'impiego degli strumenti dell'economia nella produzione del diritto trasformino l'ordinamento giuridico nella certificazione della legge del più forte, oppure no. La questione non è solo di interesse esclusivo degli studiosi, ma coinvolge aspetti importanti della politica economica e normativa del nostro Paese per gli anni recenti e per quelli a venire. Infatti, con la moneta unica i singoli Paesi europei hanno perso molta libertà nell'uso anche della politica fiscale come leva per orientare l'economia. Ad essa perciò si sta sostituendo in molti casi la politica normativa -le riforme di diritto dell'economia - che comportano costi bassi o nulli da scrivere in bilancio, ma effetti rilevanti sul sistema economico. Ad esempio, la riforma del diritto societario in Italia aveva tra i suoi obiettivi espliciti la riduzione della fragilità patrimoniale delle piccole imprese e la crescita della scala media delle aziende italiane. Così come quella del diritto fallimentare ha tra gli altri anche l'obiettivo di dinamizzare la nostra economia, incentivando le imprese a investire e a crescere. Gli obiettivi citati in questi due esempi, in passato, sarebbero stati perseguiti elargendo sussidi a imprese, cittadini, eccetera, per orientarli verso una scelta piuttosto che un'altra. Ora vengono perseguiti attraverso la scelta di una combinazione di norme giuridiche. Pertanto la questione se tali interventi regrediscano o meno il sistema giuridico italiano verso lo stato di natura non è cosa di poco conto. Nei fatti gli strumenti dell' economia applicati al diritto non sono volti a una deregolamentazione selvaggia, e nemmeno a far prevalere sempre e comunque il contratto sulla norma, ma piuttosto a combinare le norme in modo da produrre gli incentivi di comportamento adatti a perseguire gli obiettivi, economici, che lo Stato si prefigge. Se un certo obiettivo è ritenuto utile dallo Stato, due sono le strade possibili: la prima, quella giuridica tradizionale, consiste nell'imporre una serie di specifici comportamenti, corredando il tutto con una sanzione per chi non si adegua; la seconda, che è quella suggerita dall' economia del diritto, consiste,nel combinare una serie di regole che rendano conveniente, prima ancora che doveroso, osservare quel particolare comportamento. Guido Rossi, come prodotto particolarmente esecrabile dell economia del diritto, cita la riforma del diritto fallimentare, e quindi possiamo usare proprio questa come esempio, prendendo una norma, molto discussa, da essa introdotta: l' esdebitazione per il fallito. L'esdebitazione comporta la cancellazione dei debiti residui quando la procedura di fallimento si sia chiusa. Essa implichi che si neghi al creditoreche non ha avuto soddisfazione con la procedura fallimentare il diritto alla restituzione della somma prestata in nome della necessità di agevolare una maggiore vivacità dell'economia. Si è sacrificato un principio giuridico consolidato (anche se in termini più astratti che reali, visto che interessa crediti che nei fatti non venivano comunque mai restituiti) per un obiettivo pratico (un maggiore incentivo ad investire, necessario nella nostra economia ferma). Il problema che si pone qui è come dare maggiori garanzie di ottenere pagamenti e prestazioni a chi fa contratti con le imprese (i creditori chirografari, i deboli) posto che le banche (i creditori forti) le 12

13 garanzie se le procuravano anche prima, con delle ipoteche sui beni immobili delle aziende nel momento della concessione del credito. Due sono le strade: una, quella tradizionale, consiste nel sancire che i creditori sono tutti ugualmente importanti e poi, se i soldi ricavati dalla liquidazione degli asset non bastano, i creditori non garantiti non ricevono nulla, se non il diritto a rivalersi ancora in futuro sul fallito nel caso che egli entri in possesso di nuove ricchezze, e non voglia o non riesca in nessun modo a intestarle a qualcun altro; l'altra, quella dell'economia del diritto, è quella di rendere conveniente per l'imprenditore - anche promettendogli con l'esdebitazione che avrà nuove chance di intraprendere denunciare tempestivamente il suo stato di crisi in modo da arrivare al fallimento con un impresa non decotta, e quindi con la possibilità di concretizzare un attivo maggiore per soddisfare i creditori, così da ripagare anche gli ultimi della fila, quelli deboli. Si può discutere se un sistema sia più efficace dell'altro, ma perché uno sarebbe la tutela dei deboli e l'altro la legge dei forti? Daniela Marchesi 13

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott.

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott. COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca Giovanardi Dott.ssa Enrica Luppi Dott.ssa Stefania Menetti Dott. Pietro Marco Pignatti

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO LEGISLATIVO 21 NOVEMBRE 2007, N. 231 (PUBBLICATO NELLA G.U. N. 290 DEL 14 DICEMBRE 2007, S.O. N. 268) ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2005/60/CE CONCERNENTE LA PREVENZIONE DELL UTILIZZO DEL SISTEMA

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile,

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, e della cioccolata, in una cornice resa particolarmente suggestiva dal sole che illuminava la bella valle circostante,

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni.

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Il DIRETTORE DELL AGENZIA DEL DEMANIO Vista la legge 7 agosto 1990, n.

Dettagli

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali I. Introduzione : una Carta essenziale per tutti i lavoratori europei II. Contesto storico : come è stata elaborata

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org.

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. giud., Uff, II) Con la presente nota-circolare si ritiene

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione Scheda 2.4 Imprese di, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione SOGGETTI RICHIEDENTI/AMBITO DI APPLICAZIONE La presente scheda riguarda unicamente soggetti ricadenti nella qualifica

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO. (Gazzetta Ufficiale n.

LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO. (Gazzetta Ufficiale n. LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO (Gazzetta Ufficiale n. 20 del 20-1-1979) TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1. Esercizio della professione

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

Sezione A1) da compilare in caso di società, ente anche pubblico, fondazione, trust:

Sezione A1) da compilare in caso di società, ente anche pubblico, fondazione, trust: DICHIARAZIONE AI SENSI E PER GLI EFFETTI DEL D. LGS. N. 231 DEL 21 NOVEMBRE 2007 IN TEMA DI ANTIRICICLAGGIO MODULO DI IDENTIFICAZIONE E DI ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA (AI SENSI DEGLI ARTT. 18 E 19

Dettagli

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O 1. Costituzione In applicazione della normativa nazionale ed europea al fine di: - Promuovere le politiche di pari

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 15/2014

NOTA OPERATIVA N. 15/2014 NOTA OPERATIVA N. 15/2014 OGGETTO: La crisi di impresa e le possibili soluzioni - Introduzione La crisi economica, che ha investito il nostro Paese, sta avendo effetti devastanti sulle imprese; la presente

Dettagli

DICHIARAZIONE DELLA FRANCIA

DICHIARAZIONE DELLA FRANCIA Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 17 aprile 2015 (OR. fr) Fascicolo interistituzionale: 2013/0025 (COD) 7768/15 ADD 1 REV 1 NOTA PUNTO "I/A" Origine: Destinatario: Oggetto: Segretariato generale

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara Oggetto: Procedura aperta per la fornitura di generatori di molibdeno tecnezio per l U.O.C. di Medicina Nucleare

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

Giù le carte! COME ELIMINARE I CERTIFICATI INUTILI GUIDA ALL AUTOCERTIFICAZIONE

Giù le carte! COME ELIMINARE I CERTIFICATI INUTILI GUIDA ALL AUTOCERTIFICAZIONE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Dipartimento della Funzione Pubblica Giù le carte! COME ELIMINARE I CERTIFICATI INUTILI GUIDA ALL AUTOCERTIFICAZIONE Certificati addio: dal 7 marzo le amministrazioni

Dettagli

STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI

STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI L ASSEMBLEA GENERALE Vista la propria risoluzione 319 A (IV) in data 3 dicembre 1949, 1. Adotta l allegato alla presente risoluzione

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA 1. PREMESSA L art. 33, comma 5, del D.L. 22.6.2012, n. 83, così come modificato dalla legge di conversione 7.8.2012 n. 134, ha sostituito il comma 5 dell articolo

Dettagli

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI LO STRUMENTO PER GESTIRE A 360 LE ATTIVITÀ DELLO STUDIO, CON IL MOTORE DI RICERCA PIÙ INTELLIGENTE, L UNICO CHE TI CAPISCE AL VOLO. www.studiolegale.leggiditalia.it

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. La cancellazione della società senza apertura

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO DEBT RESTRUCTURING AND BANKRUPTCY ALERT Febbraio 2012 LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO Negli ultimi mesi i giornali hanno parlato molto di due interventi legislativi

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

Domanda di concessione dell assegno integrativo

Domanda di concessione dell assegno integrativo mod. Ass. integrativo COD. SR91 Domanda di concessione dell assegno integrativo (Art. 9, comma 5, della legge n. 223/1991) La presente domanda deve essere presentata per la concessione dell assegno integrativo.

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario 1) Dati identificativi del denunciante: ACER Associazione dei Costruttori Edili di Roma e Provincia in persona del legale

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5 CONTRATTO QUADRO PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI DI PAGAMENTO A VALERE SUL CONTO CORRENTE (Contratto per persone fisiche che agiscono per scopi estranei all attività imprenditoriale o professionale) Mod.

Dettagli

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI Deliberazione del Consiglio nazionale dell Ordine dei giornalisti 9 luglio 2014 1. Canale unico di accesso alla professione Per esercitare l attività professionale

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli