Crisi bancarie e Bail-in: cosa cambia e cosa è bene sapere

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Crisi bancarie e Bail-in: cosa cambia e cosa è bene sapere"

Transcript

1 Crisi bancarie e Bail-in: cosa cambia e cosa è bene sapere 1. Cosa dice la Direttiva BRRD sulle crisi bancarie? La Direttiva europea BRRD recepita dal Consiglio dei Ministri ha l obiettivo di introdurre regole armoniche per prevenire e gestire le crisi bancarie: conferisce alle autorità di supervisione (in Italia la Banca d Italia) il potere di: Prevenire le crisi Intervenire prima della completa manifestazione della crisi Gestire nel modo migliore possibile la fase di risoluzione 2. Cosa si intende per risoluzione di una situazione di crisi di una banca? Per risoluzione di una situazione di crisi di una Banca s intende l avvio di un processo di ristrutturazione gestito dalle autorità di risoluzione (in Italia la Banca d Italia) che mira a evitare interruzioni nella prestazione dei servizi essenziali offerti dalla Banca (ad esempio, i depositi e i servizi di pagamento), a ripristinare condizioni di sostenibilità economica della parte sana della banca e a liquidare le parti restanti. L alternativa alla risoluzione è la liquidazione. 3. BAIL-IN: Cos è e come funziona Il Bail-in (che significa salvataggio interno ) è un nuovo strumento che prevede che dal 1 gennaio 2016 il salvataggio delle banche in crisi non avvenga più con i soldi dei contribuenti (bail-out) ma con risorse interne alla banca (bail-in). Il Bail-in consiste nella riduzione dei diritti degli azionisti e dei creditori o nella conversione in capitale dei diritti di questi ultimi. Le perdite, cioè, potranno essere assorbite attraverso interventi quali, ad esempio, la riduzione del valore delle azioni e di alcune passività come le obbligazioni o i depositi dei clienti con più di euro o la loro conversione in azioni, ricapitalizzando la banca in misura sufficiente a risolvere la crisi e a mantenere la fiducia del mercato.

2 4. Chi si fa carico delle perdite di una banca in crisi finanziaria? Il Bail-in si applica seguendo una gerarchia la cui logica prevede che chi investe in strumenti finanziari più rischiosi sostenga prima degli altri le eventuali perdite o la conversione in azioni. Solo dopo aver esaurito tutte le risorse della categoria più rischiosa si passa alla categoria successiva. In primo luogo, si sacrificano gli interessi dei proprietari della banca, ossia degli azionisti esistenti, riducendo o azzerando il valore delle loro azioni. In secondo luogo, si interviene sugli altri strumenti di capitale (strumenti aggiuntivi di classe 1 quindi sugli strumenti aggiuntivi di classe 2) e successivamente sui possessori di obbligazioni subordinate diverse da strumenti di capitale. Infine, nel caso in cui il Bail-in di tutti gli strumenti con un grado di protezione minore nella gerarchia fallimentare non fosse sufficiente a coprire le perdite e a ripristinare un livello adeguato di capitale, vengono interessate le restanti passività e tra queste le obbligazioni senior (non subordinate) e i depositi per la parte eccedente l importo di euro. Facendo un esempio concreto, in caso di Bail-in chi possiede un obbligazione bancaria non subordinata potrebbe vedere convertito in azioni e/o ridotto (in tutto o in parte) il proprio credito, ma solo se le risorse dei titolari di titoli di capitale e di titoli di debito subordinati (cioè più rischiosi) si sono rivelate insufficienti a coprire tali perdite e a ricapitalizzare la Banca, e sempre che l Autorità non decida di escludere tali crediti in via discrezionale, per evitare il rischio di contagio e preservare la stabilità finanziaria. 5. Quali sono le passività escluse dal Bail-in Sono soggette a Bail-in tutte le passività fatta eccezione per alcune, tra le quali: depositi protetti dal sistema di garanzia dei depositi (ossia quelli di importo fino a Euro); le passività garantite, incluse le obbligazioni bancarie garantite e gli altri strumenti garantiti; qualsiasi obbligo derivante dalla detenzione di disponibilità dei clienti, inclusa la disponibilità detenuta nella prestazione di servizi e attività di investimento (si

3 intendono i depositi amministrati con i titoli dei clienti) e accessori ovvero da o per conto di organismi d'investimento collettivo o fondi di investimento alternativi, a condizione che questi clienti siano protetti nelle procedure concorsuali applicabili; qualsiasi obbligo sorto per effetto di un rapporto fiduciario tra l'ente sottoposto a risoluzione e un terzo, in qualità di beneficiario, a condizione che quest'ultimo sia protetto nelle procedure concorsuali applicabili. 6. Quali sono i poteri della Banca d Italia Per dare attuazione alle misure di riduzione o conversione degli strumenti di capitale e alle misure di risoluzione, vengono attribuite a Banca d Italia alcune facoltà, tra le quali: a) disporre la cessione a terzi di beni e rapporti giuridici dell'ente sottoposto a risoluzione; b) ridurre o azzerare il valore nominale di azioni o di altre partecipazioni emesse dall'ente sottoposto a risoluzione, nonché annullare le azioni o i titoli; c) modificare la scadenza dei titoli di debito e delle altre passività ammissibili emessi dall'ente sottoposto a risoluzione, o modificare l'importo degli interessi maturati in relazione a questi strumenti e passività o la data a partire dalla quale gli interessi divengono esigibili, anche sospendendo i relativi pagamenti per un periodo transitorio; questo potere non si applica alle passività garantite. 7. Bail- in: quali sono i rischi per risparmiatori e depositanti? La gerarchia degli strumenti finanziari che intervengono nel salvataggio interno di una banca è la seguente: 1- Azioni e strumenti di capitale 2- Titoli subordinati 3- Obbligazioni e altre passività ammissibili 4- Depositi > euro di persone fisiche e PMI Solo dopo aver esaurito tutte le risorse della categoria considerata più rischiosa si passa alla categoria successiva.

4 Occorre precisare che i depositi, anche per la parte eccedente i 100mila euro, ricevono un trattamento preferenziale: si ricorre ad essi solo nel caso in cui il Bail-in di tutti gli strumenti con un grado di protezione minore nella gerarchia fallimentare non sia sufficiente a coprire le perdite e a ripristinare un livello adeguato di capitale. I depositi che superano la soglia dei 100mila euro possono inoltre essere esclusi dal Bail-in in via discrezionale ed in alcuni casi previsti da parte dell autorità di risoluzione, come ad esempio per evitare il rischio di contagio e preservare la stabilità finanziaria e a condizione che il Bail-in sia stato applicato ad almeno l 8% del totale delle passività. 8. Come si fa a sapere se una banca è affidabile o meno? Ci sono diversi aspetti da considerare nel valutare l affidabilità di una banca come la redditività, la qualità degli impieghi e la solidità. C è un indicatore particolare che gli analisti prendono come riferimento per valutare una banca: il CET1. 9. Cosa indica il parametro CET1? Il CET1 (COMMON EQUITY TIER) è il principale indice che misura la solidità degli istituti bancari. Il suo valore è dato dal rapporto tra il capitale primario di una banca e le sue attività impiegate sul mercato, come per esempio i prestiti concessi alla clientela o i titoli obbligazionari posseduti. Tutte queste attività patrimoniali sono ponderate per il rischio, cioè valutate in base alla loro qualità, profilo di rischio che dipende dalla controparte, dalla natura del prestito e dalla presenza di garanzie idonee. Le norme europee hanno indicato come limite minimo per il CET1 il 4,5% a cui si deve aggiungere un ulteriore 2,5% quale componente aggiuntiva di conservazione. Più l indicatore è alto, maggiore è la capacità della banca di affrontare situazioni di rischio. Un indicatore sotto il 7% non è considerato sufficiente per far fronte ad eventuali scenari negativi.

5 10. UNIPOL BANCA è una banca affidabile? Gli analisti finanziari hanno stilato un elenco che indica il grado di solidità delle banche italiane e il Gruppo Bancario Unipol figura tra i gruppi più affidabili in Italia con un indice CET1 del 17,58%, ben al di sopra della media degli istituti italiani, grazie alla solidità del Gruppo Unipol e alla gestione concentrata sul risparmio delle famiglie. Vuoi saperne di più sul Bail-in e sulle novità introdotte dalla Direttiva Europea? Scrivici a

Strumenti di risoluzione delle crisi bancarie

Strumenti di risoluzione delle crisi bancarie Gennaio 2016 Strumenti di risoluzione delle crisi bancarie (Direttiva BRRD) Bail - in Indice 1. Le nuove regole europee sulla gestione delle crisi 2. La risoluzione di una banca e relativi strumenti 3.

Dettagli

BAIL IN. A cura di Claudio Cacciamani,

BAIL IN. A cura di Claudio Cacciamani, BAIL IN A cura di Claudio Cacciamani, claudio.cacciamani@unipr.it Le Istituzioni Europee hanno introdotto le nuove regole per gestire un eventuale crisi bancaria il costo della crisi va sostenuto principalmente

Dettagli

Daniele Ravaglia Direttore Generale

Daniele Ravaglia Direttore Generale Daniele Ravaglia Direttore Generale Il contesto normativo: BRRD A partire dal 1 gennaio 2016 è applicabile la direttiva BRRD (Bank Recovery and Resolution Directive) recepita in Italia con i D.L 180-181

Dettagli

1. Le nuove regole sulla prevenzione e la gestione delle crisi bancaria (dalla direttiva BRRD)

1. Le nuove regole sulla prevenzione e la gestione delle crisi bancaria (dalla direttiva BRRD) 1 La presente informativa dà seguito alle indicazioni della Banca d'italia di dare comunicazione alla clientela sulla nuova normativa in oggetto con particolare riguardo al momento del collocamento di

Dettagli

Come funziona il Bail-in Dott. Fabio Busuoli. Confartigianato Imprese di Bologna e Imola Bologna 28 gennaio 2016

Come funziona il Bail-in Dott. Fabio Busuoli. Confartigianato Imprese di Bologna e Imola Bologna 28 gennaio 2016 Come funziona il Bail-in Dott. Fabio Busuoli Confartigianato Imprese di Bologna e Imola Bologna 28 gennaio 2016 Direttiva 2014/59/UE«BRRD» D.lgsl. 16 novembre 2015 n 180 (attuazione della Direttiva) D.lgsl.

Dettagli

Estratto conto corrente al 31/12/2015 DEL CONTO DI CORRISPONDENZA N.: C/O FILIALE DI CASTELLUCCHIO COMUNICAZIONE N.

Estratto conto corrente al 31/12/2015 DEL CONTO DI CORRISPONDENZA N.: C/O FILIALE DI CASTELLUCCHIO COMUNICAZIONE N. Leno, 31/12/2015 Pagina n. 1/5 COORDINATE BANCARIE BIC : ICRAITRR9G0 IBAN : IT55 J083 4057 5600 0000 0360 215 00036 ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTELLUCCHIO VIA ROMA 3/A 46014 CASTELLUCCHIO MN DATA VALUTA

Dettagli

La nostra solidità. La nuova normativa del Bail-in

La nostra solidità. La nuova normativa del Bail-in La nostra solidità La nuova normativa del Bail-in COS E IL BAIL-IN? 1. Il Bail-in in sintesi.. P. 3 2. Il quadro normativo.... P. 4 3. I gradi di rischio... P. 5 4. La liquidità di conto corrente... P.

Dettagli

C U L T U R A F I N A N Z I A R I A B A I L I N S E L O S A I T I S A L V I M A U R I Z I O M A P E L L I. I T

C U L T U R A F I N A N Z I A R I A B A I L I N S E L O S A I T I S A L V I M A U R I Z I O M A P E L L I. I T C U L T U R A F I N A N Z I A R I A B A I L I N S E L O S A I T I S A L V I C U L T U R A F I N A N Z I A R I A S E L O S A I T I S A L V I Il 1 Gennaio 2016 è entrato in vigore un insieme di regole per

Dettagli

GESTIONE DELLE CRISI BANCARIE (BAIL IN) DIRETTIVA 2014/59/UE

GESTIONE DELLE CRISI BANCARIE (BAIL IN) DIRETTIVA 2014/59/UE GESTIONE DELLE CRISI BANCARIE (BAIL IN) DIRETTIVA 2014/59/UE Dal 1 gennaio 2016 verrà introdotta anche in Italia una nuova normativa europea che regolamenta la gestione delle crisi bancarie (Direttiva

Dettagli

Riflessioni sul potenziale impatto del bail-in nel rapporto banca - cliente

Riflessioni sul potenziale impatto del bail-in nel rapporto banca - cliente Riflessioni sul potenziale impatto del bail-in nel rapporto banca - cliente Premessa Il nuovo regime delle crisi bancarie rappresenta uno dei tre pilastri, insieme con l accordo di Basilea e la revisione

Dettagli

Direttiva Europea per la Gestione e Risoluzione Bancarie

Direttiva Europea per la Gestione e Risoluzione Bancarie Pag. 1 / 8 Direttiva Europea per la Gestione e Risoluzione Bancarie FAQ Bail-in Pag. 2 / 8 Indice Premessa 3 1. Considerazioni generali 3 1.1 L importanza di una corretta informativa al cliente 4 2. Domande

Dettagli

Il Bail-In del Capitale Le mani sui nostri risparmi. Giorgio Gattei Toni Iero Casalecchio di Reno, 28 gennaio 2016

Il Bail-In del Capitale Le mani sui nostri risparmi. Giorgio Gattei Toni Iero Casalecchio di Reno, 28 gennaio 2016 Il Bail-In del Capitale Le mani sui nostri risparmi Giorgio Gattei Toni Iero Casalecchio di Reno, 28 gennaio 2016 1 La costituzione italiana Articolo 47 La Repubblica incoraggia e tutela il risparmio in

Dettagli

NUOVA NORMATIVA IN MATERIA DI FALLIMENTO BANCHE : BAIL IN

NUOVA NORMATIVA IN MATERIA DI FALLIMENTO BANCHE : BAIL IN NUOVA NORMATIVA IN MATERIA DI FALLIMENTO BANCHE : BAIL IN Il salvataggio di Cipro e la recente crisi finanziaria europea hanno dimostrato che in molti paesi dell Unione Europea gli strumenti di gestione

Dettagli

Le imprese e gli artigiani hanno potuto continuare a lavorare in questi mesi di incertezza grazie al continuo sostegno delle due banche.

Le imprese e gli artigiani hanno potuto continuare a lavorare in questi mesi di incertezza grazie al continuo sostegno delle due banche. Liquidazione di Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca 1. Premessa: perché siamo arrivati a questo punto È opportuno ricordare che il decreto odierno del Governo dà soluzione a una crisi cominciata molti

Dettagli

Le nuove prospettive nei rapporti banca cliente e investitore

Le nuove prospettive nei rapporti banca cliente e investitore Le nuove prospettive nei rapporti banca cliente e investitore Simonetta Cotterli Bologna, 7.06.2016. Schema dell intervento Elementi introduttivi: le caratteristiche del cliente bancario Il risparmio dellefamiglie

Dettagli

La nostra solidità. La nuova normativa del Bail-in

La nostra solidità. La nuova normativa del Bail-in La nostra solidità La nuova normativa del Bail-in La solidità di Banca Generali/1 Banca Generali è ai vertici del sistema Bancario italiano per solidità Patrimoniale 13,4 % Dato al 30.09.2015 TIER 1 +92

Dettagli

LIBRETTI DI DEPOSITO A RISPARMIO - NOMINATIVI VINCOLATI "RISPARMIO MIO"

LIBRETTI DI DEPOSITO A RISPARMIO - NOMINATIVI VINCOLATI RISPARMIO MIO LIBRETTI DI DEPOSITO A RISPARMIO - NOMINATIVI VINCOLATI "RISPARMIO MIO" INFORMAZIONI SULLA BANCA: DENOMINAZIONE e FORMA GIURIDICA Nuova Banca delle Marche S.p.A. SEDE LEGALE SEDE AMMINISTRATIVA Via Nazionale

Dettagli

Banche e bail-in. Conoscere la normativa per proteggersi

Banche e bail-in. Conoscere la normativa per proteggersi Research Paper - 1/2016 Banche e bail-in. Conoscere la normativa per proteggersi Andrea Figallo A partire dal 1 gennaio 2016 sono entrate in vigore le nuove regole europee sul bail-in, facenti parte della

Dettagli

Direttiva Europea per la Gestione e Risoluzione Bancarie

Direttiva Europea per la Gestione e Risoluzione Bancarie Pag. 1 / 10 Direttiva Europea per la Gestione e Risoluzione Bancarie FAQ Bail-in Pag. 2 / 10 Indice Premessa 3 1. Considerazioni generali 3 1.1 L importanza di una corretta informativa al cliente 4 2.

Dettagli

il c.d. bail-in Giuseppe Boccuzzi Seminario «Il Diritto Bancario» Consiglio Nazionale Forense Roma, 28 settembre 2017

il c.d. bail-in Giuseppe Boccuzzi Seminario «Il Diritto Bancario» Consiglio Nazionale Forense Roma, 28 settembre 2017 Il meccanismo di risoluzione delle crisi bancarie e il c.d. bail-in Seminario «Il Diritto Bancario» Consiglio Nazionale Forense Roma, 28 settembre 2017 Giuseppe Boccuzzi Il nuovo framework europeo Direttiva

Dettagli

La crisi finanziaria e l Unione Bancaria

La crisi finanziaria e l Unione Bancaria La crisi finanziaria e l Unione Bancaria Crisi bancarie e Bail in: cosa cambia per banche e risparmiatori? Link Campus University Roma, 15 aprile 2016 Giuseppe Boccuzzi La crisi economico-finanziaria:

Dettagli

Economia Politica (Mod I) Nota integrativa n. 10

Economia Politica (Mod I) Nota integrativa n. 10 Economia Politica (Mod I) Nota integrativa n. 10 Sistema monetario Mankiw, Capitolo 29 La moneta Significato della moneta L insieme dei valori che vengono utilizzati regolarmente dagli individui di un

Dettagli

Risposte alle vostre domande

Risposte alle vostre domande Risposte alle vostre domande Chi gode della copertura esisuisse? Tutte le persone giuridiche e fisiche titolari di depositi presso banche in Svizzera sono coperte da esisuisse nel quadro delle disposizioni

Dettagli

Copia della presente Policy è a disposizione della clientela presso tutte le Filiali e nel sito della Banca

Copia della presente Policy è a disposizione della clientela presso tutte le Filiali e nel sito della Banca INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DAL BANCO DI LUCCA E DEL TIRRENO S.P.A (Titolo illiquido ai sensi della Comunicazione Consob n. 9019104 del 2 marzo 2009) Copia della presente Policy è

Dettagli

SECONDO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE. BNL Obbligazioni Zero Coupon

SECONDO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE. BNL Obbligazioni Zero Coupon SECONDO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE relativo al programma di offerta di prestiti obbligazionari denominato BNL Obbligazioni Zero Coupon e BNL Obbligazioni Tasso Fisso BNL Obbligazioni Tasso Fisso

Dettagli

BAIL-IN. Alcuni criteri di analisi e simulazione del rischio sul sistema bancario

BAIL-IN. Alcuni criteri di analisi e simulazione del rischio sul sistema bancario BAIL-IN Alcuni criteri di analisi e simulazione del rischio sul sistema bancario Alcuni indicatori di solidità delle banche CET1: misura il rapporto tra il core equity tier 1 ed i RWA Deve essere superiore

Dettagli

Regolamento di attuazione dell'articolo 7 bis della legge 30 aprile 1999, n. 130, in materia di obbligazioni bancarie garantite.

Regolamento di attuazione dell'articolo 7 bis della legge 30 aprile 1999, n. 130, in materia di obbligazioni bancarie garantite. MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 14 dicembre 2006, n. 310. Regolamento di attuazione dell'articolo 7 bis della legge 30 aprile 1999, n. 130, in materia di obbligazioni bancarie garantite.

Dettagli

PRESTITO TITOLI VINCOLATO degli strumenti finanziari di proprietà del Cliente. ( Prestito Titoli Vincolato non Garantito )

PRESTITO TITOLI VINCOLATO degli strumenti finanziari di proprietà del Cliente. ( Prestito Titoli Vincolato non Garantito ) PRESTITO TITOLI VINCOLATO degli strumenti finanziari di proprietà del Cliente ( Prestito Titoli Vincolato non Garantito ) SCHEDA PRODOTTO versione in vigore dal 4 gennaio 2017 DISCLAIMER (AVVERTENZE) Il

Dettagli

MERCATI SANFELICE1893 LA GESTIONE DELLE CRISI BANCARIE IN ITALIA PRIMA DEL BAIL-IN

MERCATI SANFELICE1893 LA GESTIONE DELLE CRISI BANCARIE IN ITALIA PRIMA DEL BAIL-IN SANFELICE1893 MERCATI Periodico di informazione ad uso interno per soci e dipendenti a cura di SANFELICE 1893 Banca Popolare. EDIZIONE SPECIALE con la collaborazione tecnica di Ruggero Bertelli - Professore

Dettagli

Funzioni e struttura del sistema finanziario, ruolo di quello bancario

Funzioni e struttura del sistema finanziario, ruolo di quello bancario Funzioni e struttura del sistema finanziario, ruolo di quello bancario Obiettivi Analizzare le funzioni, la struttura e le componenti del sistema finanziario e il ruolo del sistema bancario Osservare l

Dettagli

LA GESTIONE DELLE CRISI BANCARIE: DAL BAIL OUT AL BAIL IN. TUTELE PER GLI INVESTITORI. Avv. Francesco Edlmann Studio Edlmann & Fusi - Firenze

LA GESTIONE DELLE CRISI BANCARIE: DAL BAIL OUT AL BAIL IN. TUTELE PER GLI INVESTITORI. Avv. Francesco Edlmann Studio Edlmann & Fusi - Firenze LA GESTIONE DELLE CRISI BANCARIE: DAL BAIL OUT AL BAIL IN. TUTELE PER GLI INVESTITORI Avv. Francesco Edlmann Studio Edlmann & Fusi - Firenze LA DIRETTIVA 2014/59/UE (c.d. Bank Recovery and Resolution Directive).

Dettagli

PRESTITO TITOLI VINCOLATO degli strumenti finanziari di proprietà del Cliente. ( Prestito Titoli Vincolato non Garantito )

PRESTITO TITOLI VINCOLATO degli strumenti finanziari di proprietà del Cliente. ( Prestito Titoli Vincolato non Garantito ) PRESTITO TITOLI VINCOLATO degli strumenti finanziari di proprietà del Cliente ( Prestito Titoli Vincolato non Garantito ) SCHEDA PRODOTTO versione in vigore dal 3 maggio 2017 DISCLAIMER (AVVERTENZE) Il

Dettagli

PRESTITO TITOLI VINCOLATO degli strumenti finanziari di proprietà del Cliente. ( Prestito Titoli Vincolato non Garantito )

PRESTITO TITOLI VINCOLATO degli strumenti finanziari di proprietà del Cliente. ( Prestito Titoli Vincolato non Garantito ) PRESTITO TITOLI VINCOLATO degli strumenti finanziari di proprietà del Cliente ( Prestito Titoli Vincolato non Garantito ) SCHEDA PRODOTTO versione in vigore dal 3 maggio 2017 DISCLAIMER (AVVERTENZE) Il

Dettagli

PRESTITO TITOLI VINCOLATO degli strumenti finanziari di proprietà del Cliente. ( Prestito Titoli Vincolato non Garantito )

PRESTITO TITOLI VINCOLATO degli strumenti finanziari di proprietà del Cliente. ( Prestito Titoli Vincolato non Garantito ) PRESTITO TITOLI VINCOLATO degli strumenti finanziari di proprietà del Cliente ( Prestito Titoli Vincolato non Garantito ) SCHEDA PRODOTTO versione in vigore dal 3 maggio 2017 DISCLAIMER (AVVERTENZE) Il

Dettagli

Estratto conto al

Estratto conto al CENTO - VIA MATTEOTTI, 5 44042 CENTO FE Estratto conto al 31.12.2015 Paese Eur Cin Abi Cab N Conto Iban IT 60 N 02008 23401 000102407547 Codice BIC SWIFT: UNCRITM1NS5 Conto Corrente: 000102407547 - Valuta

Dettagli

SITUAZIONE SEMESTRALE al 30 giugno 2016 Banca Alpi Marittime

SITUAZIONE SEMESTRALE al 30 giugno 2016 Banca Alpi Marittime SITUAZIONE SEMESTRALE al 30 giugno 2016 Banca Alpi Marittime Aderente al Fondo di Garanzia dei Depositanti del Credito Cooperativo Aderente al Fondo di Garanzia degli Obbligazionisti Relazione sulla Situazione

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Istruzioni "RISPARMIO di Vigilanza della Banca MIO" d Italia 29/7/2009)

FOGLIO INFORMATIVO. Istruzioni RISPARMIO di Vigilanza della Banca MIO d Italia 29/7/2009) LIBRETTI (trasparenza DI delle DEPOSITO operazioni e dei servizi A RISPARMIO bancari e finanziari D.lgs.1/9/93 - NOMINATIVI n.385 Delibera VINCOLATI CICR 4/3/03 Istruzioni "RISPARMIO di Vigilanza della

Dettagli

Debiti verso banche: le aperture di credito

Debiti verso banche: le aperture di credito Debiti verso banche: le aperture di credito I debiti verso le banche per le imprese comprendono tutti quei debiti in cui la controparte è un istituto di credito, a titolo di anticipazione, affidamento

Dettagli

Informazioni generali sulla Banca

Informazioni generali sulla Banca La presente scheda informativa è pubblicata sul sito internet della Banca ed è disponibile gratuitamente presso ciascuna filiale Informazioni generali sulla Banca Banca di Bologna Credito Cooperativo Società

Dettagli

Presentazione Banca 2014

Presentazione Banca 2014 Presentazione Banca 2014 Banca di Credito Cooperativo Agrobresciano- Ghedi (BS) Società Cooperativa Anno di fondazione 1897 Iscritta all Albo delle Banche al n.2181.6.0 Iscritta all Albo delle Società

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 21 giugno 2013, n. 69

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 21 giugno 2013, n. 69 (3093) Finanziamenti per l'acquisto di nuovi macchinari, impianti e attrezzature da parte delle piccol TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 21 giugno 2013, n. 69 Testo del decreto-legge 21 giugno 2013, n.

Dettagli

PROSPETTO TRIMESTRALE DELLE ATTIVITA' ASSEGNATE ALLA COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE

PROSPETTO TRIMESTRALE DELLE ATTIVITA' ASSEGNATE ALLA COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE Società PROSPETTO TRIMESTRALE DELLE ATTIVITA' ASSEGNATE ALLA COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE (ai sensi dell'art. 31, comma 2, del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 175) Esercizio (valori in euro)

Dettagli

LA MANCANZA DI CONTINUITA AZIENDALE

LA MANCANZA DI CONTINUITA AZIENDALE ASSOCIAZIONE GIUSLAVORISTI ITALIANI LA MANCANZA DI CONTINUITA AZIENDALE Prof. Riccardo Bauer CONTINUITA AZIENDALE Cosa è? Perché è importante? Stato dell arte Quali riferimenti sono validi per valutare

Dettagli

Il presente documento informativo è relativo al servizio di gestione collettiva del risparmio, riferimento codice n.

Il presente documento informativo è relativo al servizio di gestione collettiva del risparmio, riferimento codice n. PRIMO PARTECIPANTE COG COG COG COG Al fine di consentire al Cliente di assumere consapevoli decisioni in materia di investimenti, Fideuram Investimenti (SGR) fornisce le seguenti informazioni, finalizzate

Dettagli

LE NUOVE REGOLE EUROPEE SULLA GESTIONE DELLE CRISI BANCARIE

LE NUOVE REGOLE EUROPEE SULLA GESTIONE DELLE CRISI BANCARIE LE NUOVE REGOLE EUROPEE SULLA GESTIONE DELLE CRISI BANCARIE 23 luglio 2015 a cura dell Ufficio Studi Uilca Questo studio è il primo elaborato dell Ufficio Studi Uilca dopo la prematura e tragica scomparsa

Dettagli

BASILEA Le novità regolamentari, i passi chiave di oggi, gli scenari di domani. DTA, azioni di risparmio e bail in. Roma, 20 giugno 2011

BASILEA Le novità regolamentari, i passi chiave di oggi, gli scenari di domani. DTA, azioni di risparmio e bail in. Roma, 20 giugno 2011 BASILEA 3 2011 Le novità regolamentari, i passi chiave di oggi, gli scenari di domani. DTA, azioni di risparmio e bail in Roma, 20 giugno 2011 Luca Giannini Ufficio Tributario, Bilancio e Vigilanza ABI

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE NETTO A 6 MILIONI DI EURO (5,9 MILIONI NEL Q1 2011)

GRUPPO COFIDE: UTILE NETTO A 6 MILIONI DI EURO (5,9 MILIONI NEL Q1 2011) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati del primo trimestre 2012 GRUPPO COFIDE: UTILE NETTO A 6 MILIONI DI EURO (5,9 MILIONI NEL Q1 2011) Il leggero incremento rispetto allo

Dettagli

DEPOSITO PIU - SEZIONE INTEGRATIVA DEL FOGLIO INFORMATIVO DEL SOTTOCONTO TECNICO Condizioni dei listini valide fino al 31 LUGLIO 2017

DEPOSITO PIU - SEZIONE INTEGRATIVA DEL FOGLIO INFORMATIVO DEL SOTTOCONTO TECNICO Condizioni dei listini valide fino al 31 LUGLIO 2017 DEPOSITO PIU - SEZIONE INTEGRATIVA DEL FOGLIO INFORMATIVO DEL SOTTOCONTO TECNICO Condizioni dei listini valide fino al 31 LUGLIO 2017 LISTINO BASE 3 mesi Tasso nominale partita 0,20% lordo annuo Tramite

Dettagli

CASSA DI RISPARMIO DI FIRENZE - BANCA CR FIRENZE -

CASSA DI RISPARMIO DI FIRENZE - BANCA CR FIRENZE - 017-022 CR ok 18-05-2003 22:20 Pagina 17 Bilancio dell Impresa Bilancio dell Impresa 2002 CASSA DI RISPARMIO DI FIRENZE - BANCA CR FIRENZE - Società per Azioni 17 017-022 CR ok 18-05-2003 22:20 Pagina

Dettagli

Allegati del bilancio consolidato

Allegati del bilancio consolidato Allegati del bilancio consolidato Allegati Rendiconto finanziario 267 Prospetti di bilancio in euro 268 Conto economico pro forma Intesa - Comit 276 Prospetti di bilancio raffrontati con quelli non riesposti

Dettagli

ORIENTAMENTI SUI LIMITI DELLE ESPOSIZIONI VERSO SOGGETTI DEL SISTEMA BANCARIO OMBRA EBA/GL/2015/20 03/06/2016. Orientamenti

ORIENTAMENTI SUI LIMITI DELLE ESPOSIZIONI VERSO SOGGETTI DEL SISTEMA BANCARIO OMBRA EBA/GL/2015/20 03/06/2016. Orientamenti EBA/GL/2015/20 03/06/2016 Orientamenti Limiti delle esposizioni verso soggetti del sistema bancario ombra che svolgono attività bancarie al di fuori di un quadro regolamentato di cui all articolo 395,

Dettagli

Veniamo all argomento di oggi: la nuova Direttiva Europea Bail-In e i rischi presenti nel mondo bancario.

Veniamo all argomento di oggi: la nuova Direttiva Europea Bail-In e i rischi presenti nel mondo bancario. Rubrica Voglio capire Caro lettore, anche il 2016 è iniziato carico di novità Viviamo in un epoca impegnativa, dove la cattiva gestione in molti ambiti ha portato ad una situazione di non ritorno e le

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO CERTIFICATI DI DEPOSITO

FOGLIO INFORMATIVO CERTIFICATI DI DEPOSITO Aggiornamento 02.05.2016 NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI (D.LGS. 385 del 1/9/1993 delibera CICR del 4/3/2003) FOGLIO INFORMATIVO CERTIFICATI DI DEPOSITO INFORMAZIONI SULLA

Dettagli

APPLICAZIONE IN ITALIA DEI REGOLAMENTI DELEGATI DELLA COMMISSIONE (UE) n. 61/2015 E n. 62/2015 ESERCIZIO DELLE DISCREZIONALITÀ

APPLICAZIONE IN ITALIA DEI REGOLAMENTI DELEGATI DELLA COMMISSIONE (UE) n. 61/2015 E n. 62/2015 ESERCIZIO DELLE DISCREZIONALITÀ APPLICAZIONE IN ITALIA DEI REGOLAMENTI DELEGATI DELLA COMMISSIONE (UE) n. 61/2015 E n. 62/2015 ESERCIZIO DELLE DISCREZIONALITÀ Articolo a 2, par. 2 Autorità Liquidity Coverage Requirement Deroga all applicazione

Dettagli

PROSPETTO INFORMATIVO PER LE EMISSIONI DI OBBLIGAZIONI BANCARIE - C.D. PLAIN VANILLA

PROSPETTO INFORMATIVO PER LE EMISSIONI DI OBBLIGAZIONI BANCARIE - C.D. PLAIN VANILLA Corso Vittorio Emanuele II, 101-10128 Torino (Italia) / Servizio clienti: 803 808 BANCA REALE S.p.A. - CAPITALE SOCIALE EURO 30.000.000,00 I.V. - REGISTRO IMPRESE TORINO, CODICE FISCALE E N. PARTITA IVA

Dettagli

6 GIORNATA DELL'ECONOMIA ITALO-TEDESCA

6 GIORNATA DELL'ECONOMIA ITALO-TEDESCA 6 GIORNATA DELL'ECONOMIA ITALO-TEDESCA Monica Cellerino, Responsabile Territorio Lombardia Giugno 2012 AGENDA LE BANCHE ITALIANE: ESPOSIZIONE VERSO I PAESI IN DIFFICOLTÀ, RAFFORZAMENTO PATRIMONIALE BASILEA

Dettagli

Presentazione Banca 2016

Presentazione Banca 2016 Presentazione Banca 2016 Banca di Credito Cooperativo Agrobresciano- Ghedi (BS) Società Cooperativa Anno di fondazione 1897 Iscritta all Albo delle Banche al n.2181.6.0 Iscritta all Albo delle Società

Dettagli

Come finanziare la tua attività (ovvero la ricerca delle fonti di finanziamento)

Come finanziare la tua attività (ovvero la ricerca delle fonti di finanziamento) Come finanziare la tua attività (ovvero la ricerca delle fonti di finanziamento) Se hai in mente di intraprendere una nuova attività o un nuovo progetto, avrai bisogno di un capitale iniziale per il pagamento

Dettagli

Commissioni applicabili al conto ioposso

Commissioni applicabili al conto ioposso Conto Deposito Il conto ioposso è un conto deposito definito in Euro volto alla permanenza di liquidità. ioposso offre la possibilità di mantenere le disponibilità in un conto di deposito che garantisce

Dettagli

Informazioni Finanziarie Infrannuali e determinazione utile d'esercizio al 30 giugno 2016

Informazioni Finanziarie Infrannuali e determinazione utile d'esercizio al 30 giugno 2016 Informazioni Finanziarie Infrannuali e determinazione utile d'esercizio al 30 giugno 2016 INFORMAZIONI FINANZIARIE INFRANNUALI E DETERMINAZIONE UTILE D ESERCIZIO AL 30 GIUGNO 2016 La presente situazione

Dettagli

Allegati del bilancio consolidato

Allegati del bilancio consolidato Allegati del bilancio consolidato Allegati Prospetto di raffronto tra il bilancio consolidato al 31 dicembre 1998 e quello al 31 dicembre 1997 Schemi di bilancio espressi in Euro Rendiconto finanziario

Dettagli

CASSA DI RISPARMIO DI ASTI S.p.A.

CASSA DI RISPARMIO DI ASTI S.p.A. CASSA DI RISPARMIO DI ASTI S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale in Asti, Piazza Libertà n. 23 - Iscritta all Albo delle Banche autorizzate al n. 5142 - Capogruppo del Gruppo Bancario Cassa di Risparmio

Dettagli

Orientamenti Orientamenti in materia di strumenti di debito complessi e depositi strutturati

Orientamenti Orientamenti in materia di strumenti di debito complessi e depositi strutturati Orientamenti Orientamenti in materia di strumenti di debito complessi e depositi strutturati 04/02/2016 ESMA/2015/1787 IT Indice I. Ambito di applicazione... 3 II. Riferimenti, abbreviazioni e definizioni...

Dettagli

Cape Live: Comunicato stampa ai sensi art. 114, comma 5, Decreto Legislativo n. 58/98.

Cape Live: Comunicato stampa ai sensi art. 114, comma 5, Decreto Legislativo n. 58/98. COMUNICATO STAMPA Milano, 27 aprile 2012 Cape Live: Comunicato stampa ai sensi art. 114, comma 5, Decreto Legislativo n. 58/98. A seguito di specifica richiesta di CONSOB ai sensi dell art. 114, comma

Dettagli

Scheda prodotto. Caratteristiche principali del Prestito Obbligazionario. Denominazione Strumento Finanziario Tipo investimento

Scheda prodotto. Caratteristiche principali del Prestito Obbligazionario. Denominazione Strumento Finanziario Tipo investimento Caratteristiche principali del Prestito Obbligazionario Scheda prodotto Denominazione Strumento Finanziario Tipo investimento Intesa Sanpaolo S.p.A. Subordinato Tier 2 Tasso Variabile 26/09/2017 26/09/2024

Dettagli

INDAGINE SUL CREDITO BANCARIO NELL AREA DELL EURO QUESTIONARIO

INDAGINE SUL CREDITO BANCARIO NELL AREA DELL EURO QUESTIONARIO INDAGINE SUL CREDITO BANCARIO NELL AREA DELL EURO QUESTIONARIO I. Prestiti e linee di credito a favore delle imprese 1. Negli ultimi tre mesi, come sono mutati i criteri applicati dalla vostra banca per

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO. Per l offerta al pubblico di cui all articolo 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob n /99

PROSPETTO SEMPLIFICATO. Per l offerta al pubblico di cui all articolo 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob n /99 PROSPETTO SEMPLIFICATO Per l offerta al pubblico di cui all articolo 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob n. 11971/99 Pubblicato in data 29 maggio 2017 (da consegnare al sottoscrittore che ne faccia

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE NETTO DEI NOVE MESI A 61,1 MILIONI DI EURO

GRUPPO COFIDE: UTILE NETTO DEI NOVE MESI A 61,1 MILIONI DI EURO COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva il resoconto intermedio di gestione al 30 settembre 2009 GRUPPO COFIDE: UTILE NETTO DEI NOVE MESI A 61,1 MILIONI DI EURO Risultati consolidati

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Deposito a Risparmio

FOGLIO INFORMATIVO. Deposito a Risparmio INFORMAZIONI SULLA BANCA RMAZULLA BANCA Banca Popolare di Puglia e Basilicata S.c.p.a. Via Ottavio Serena, n. 13-70022 - Altamura (BA) Tel.: 080/8710268 - Fax: 080/8710745 [trasparenza@bppb.it/ www.bppb.it]

Dettagli

MODIFICA DELL ALIQUOTA DI TASSAZIONE DEI REDDITI DI NATURA FINANZIARIA

MODIFICA DELL ALIQUOTA DI TASSAZIONE DEI REDDITI DI NATURA FINANZIARIA MODIFICA DELL ALIQUOTA DI TASSAZIONE DEI REDDITI DI NATURA FINANZIARIA Le novità normative e gli impatti sugli intermediari finanziari La nuova imposizione dei redditi di natura finanziaria dopo il D.L.

Dettagli

STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO RICLASSIFICATO (in milioni di euro)

STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO RICLASSIFICATO (in milioni di euro) STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO RICLASSIFICATO (in milioni di euro) ATTIVO 31/12/2014 31/12/2013 Crediti verso clientela 28.110,6 30.892,7-2.782,1-9,0% Crediti verso banche 2.254,9 2.794,0-539,1-19,3% Attività

Dettagli

Definizione di strumenti finanziari e contratti assicurativi

Definizione di strumenti finanziari e contratti assicurativi Risk and Accounting Definizione di strumenti finanziari e contratti assicurativi Marco Venuti 2017 Agenda Stato dell arte Definizione strumento finanziario Strumenti derivati impliciti Contratti e rischi

Dettagli

SISTEMA DI GARANZIA DEI DEPOSITI INFORMAZIONI DA FORNIRE AI DEPOSITANTI (ai sensi dell art. 3, comma 1 e 2, del D.Lgs. 15 febbraio 2016 n.

SISTEMA DI GARANZIA DEI DEPOSITI INFORMAZIONI DA FORNIRE AI DEPOSITANTI (ai sensi dell art. 3, comma 1 e 2, del D.Lgs. 15 febbraio 2016 n. SISTEMA DI GARANZIA DEI DEPOSITI INFORMAZIONI DA FORNIRE AI DEPOSITANTI (ai sensi dell art. 3, comma 1 e 2, del D.Lgs. 15 febbraio 2016 n. 30) I depositi presso la Banca sono protetti dal Fondo Interbancario

Dettagli

Scheda informativa relativa alle Azioni della Banca di Credito Cooperativo di Civitanova Marche e Montecosaro

Scheda informativa relativa alle Azioni della Banca di Credito Cooperativo di Civitanova Marche e Montecosaro Scheda informativa relativa alle Azioni della Banca di Credito Cooperativo di Civitanova Marche e Montecosaro La presente scheda informativa è pubblicata sul sito internet della Banca (sezione Trasparenza)

Dettagli

5 PROVENTI STRAORDINARI 0,00 0,00 RISULTATO GESTIONALE POSITIVO 0,00 0,00 RISULTATO GESTIONALE NEGATIVO , ,09

5 PROVENTI STRAORDINARI 0,00 0,00 RISULTATO GESTIONALE POSITIVO 0,00 0,00 RISULTATO GESTIONALE NEGATIVO , ,09 RENDICONTO GESTIONALE ESERCIZIO AL ESERCIZIO AL RENDICONTO GESTIONALE ESERCIZIO AL ESERCIZIO AL ONERI 31 dicembre 2015 31 dicembre 2014 31 dicembre 2015 31 dicembre 2014 PROVENTI E RICAVI 1 GESTIONE FONDI

Dettagli

Comunicazione n. 0090430 del 24-11-2015

Comunicazione n. 0090430 del 24-11-2015 Comunicazione n. 0090430 del 24-11-2015 OGGETTO: Decreti legislativi nn. 180 e 181 del 16 novembre 2015 di recepimento della direttiva 2014/59/UE. Prestazione dei servizi e delle attività di investimento,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA ANDAMENTO DELLA GESTIONE DI SINTESI S.P.A.

COMUNICATO STAMPA ANDAMENTO DELLA GESTIONE DI SINTESI S.P.A. COMUNICATO STAMPA Approvata relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2017 Precisazioni in merito a comunicazione di Fallimento Organizzazione Viaggi Columbus s.r.l. in liquidazione Milano, 21 settembre

Dettagli

Bilancio finale e piano di riparto. Prof.ssa Claudia Rossi 1

Bilancio finale e piano di riparto. Prof.ssa Claudia Rossi 1 Bilancio finale e piano di riparto Prof.ssa Claudia Rossi 1 Il bilancio finale di liquidazione ed il piano di riparto a favore dei soci sono predisposti dopo aver terminato le operazioni di liquidazione.

Dettagli

Signori Obbligazionisti,

Signori Obbligazionisti, Relazione del Consiglio di Amministrazione all Assemblea speciale dei possessori delle obbligazioni costituenti il prestito Banca CARIGE 4,75% 2010-2015 convertibile con facoltà di rimborso in azioni convocata

Dettagli

Oggetto: gestione razionale del fattore capitale

Oggetto: gestione razionale del fattore capitale FUNZIONE FINANZIARIA Oggetto: gestione razionale del fattore capitale TEORIA DELLA FINANZA: Modelli di comportamento volti a razionalizzare le decisioni gestionali QUALI SONO I VALORI IN GIOCO? La solidita

Dettagli

Scheda informativa relativa alle Azioni della Banca di Parma

Scheda informativa relativa alle Azioni della Banca di Parma Scheda informativa relativa alle Azioni della Banca di Parma La presente scheda informativa è pubblicata sul sito internet della Banca ed è disponibile gratuitamente presso ciascuna filiale Informazioni

Dettagli

28 ottobre GLI STRUMENTI FINANZIARI DI BASE Paola De Vincentiis

28 ottobre GLI STRUMENTI FINANZIARI DI BASE Paola De Vincentiis 28 ottobre 2014 GLI STRUMENTI FINANZIARI DI BASE Paola De Vincentiis GLI STRUMENTI FINANZIARI NASCONO PER DARE RISPOSTA A 4 PRINCIPALI ESIGENZE: PAGAMENTO DI BENI E SERVIZI FINANZIAMENTO DI SPESE IN ECCESSO

Dettagli

LA COSTITUZIONE DI AZIENDA

LA COSTITUZIONE DI AZIENDA LA COSTITUZIONE DI AZIENDA La costituzione di azienda richiede l espletamento di determinate formalità e la rilevazione di una serie di conti a seconda della forma giuridica che la nascente azienda assume,

Dettagli

VISTO il decreto legislativo 16 novembre 2015, n. 180, che attua la direttiva 2014/59/UE del Parlamento europeo e del Consiglio del 15 maggio 2014;

VISTO il decreto legislativo 16 novembre 2015, n. 180, che attua la direttiva 2014/59/UE del Parlamento europeo e del Consiglio del 15 maggio 2014; VISTI gli articoli 77 e 87 della Costituzione; VISTA la direttiva 2014/59/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 maggio 2014, che istituisce un quadro di risanamento e risoluzione degli enti

Dettagli

La struttura del patrimonio di vigilanza. a cura di: Giuseppe Squeo

La struttura del patrimonio di vigilanza. a cura di: Giuseppe Squeo La struttura del patrimonio di vigilanza a cura di: Giuseppe Squeo 1 Struttura patrimoniale Investimenti Cassa Bankit Titoli Rapporti interbancari Impieghi a clientela Immobilizzi materiali Partecipazioni

Dettagli

I nuovi schemi per il bilancio consolidato IAS

I nuovi schemi per il bilancio consolidato IAS I nuovi schemi per il bilancio consolidato IAS 1 Schemi di bilancio 2 I nuovi schemi per il bilancio consolidato IAS Nel marzo del 2004 è stato emesso dallo IASB l IFRS 4 Il principio contabile internazionale

Dettagli

Bail-in e rischio sistemico: I costi della stabilità. Giampaolo Gabbi

Bail-in e rischio sistemico: I costi della stabilità. Giampaolo Gabbi Bail-in e rischio sistemico: I costi della stabilità Giampaolo Gabbi Struttura dell intervento I rischi associati al bail-in Il potenziale contagio I costi della stabilità Le possibili soluzioni alternative

Dettagli

Diversificazione geografica e protezione del Patrimonio

Diversificazione geografica e protezione del Patrimonio Diversificazione geografica e protezione del Patrimonio Luca Bertacchi Amministratore Delgato Lombard Marketing Service 1 Agenda Lombard International Assurance S.A. Scenario Attuale Protezione del Capitale

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

PRIMO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Sede Legale: Corso della Repubblica, 2/4 Forlì Capitale Sociale e Riserve al 11 maggio 2014 Euro 102.462.022,95 Partita IVA 00124950403 Iscritta al registro delle Imprese Forlì-Cesena al numero 132929

Dettagli

RMSTUDIO DISCUSSION PAPER N 8 BRRD ART. 49 DERIVATI CENSIMENTO DEI DERIVATI FRA LE PASSIVITÀ ASSOGGETTABILI AL BAIL IN. Giugno 2016 RAFFAELE MAZZEO

RMSTUDIO DISCUSSION PAPER N 8 BRRD ART. 49 DERIVATI CENSIMENTO DEI DERIVATI FRA LE PASSIVITÀ ASSOGGETTABILI AL BAIL IN. Giugno 2016 RAFFAELE MAZZEO DISCUSSION PAPER N 8 BRRD ART. 49 DERIVATI CENSIMENTO DEI DERIVATI FRA LE PASSIVITÀ ASSOGGETTABILI AL BAIL IN Giugno 2016 1 Premessa: la BRRD La Direttiva BRRD (cd. Bank Recovery Resolution Directive),

Dettagli

Paragrafo 3 Composizione del patrimonio di vigilanza

Paragrafo 3 Composizione del patrimonio di vigilanza Paragrafo 3 Composizione del patrimonio di vigilanza Informativa qualitativa Il Patrimonio consolidato Il gruppo Mediobanca si è da sempre contraddistinto per una forte solidità patrimoniale con ratios

Dettagli

Scheda informativa relativa alle Azioni della Banca

Scheda informativa relativa alle Azioni della Banca Tel. 081 8570111 Fax 081 8502428 E-mail: protocollo@scafati.bcc.it Internet: www.bccscafatiecetara.it BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SCAFATI E CETARA SOCIETA COOPERATIVA Sede legale e amministrativa:

Dettagli

Informazione Regolamentata n

Informazione Regolamentata n Informazione Regolamentata n. 1829-3-2016 Data/Ora Ricezione 25 Maggio 2016 08:52:40 MOT - DomesticMOT Societa' : NUOVA BANCA DELL'ETRURIA E DEL LAZIO Identificativo Informazione Regolamentata : 74834

Dettagli

Il Sistema Monetario

Il Sistema Monetario Il Sistema Monetario Obiettivo: studiare il ruolo della moneta nel sistema economico e come le variazioni della quantità di moneta condizionino altre variabili del sistema economico quali inflazione, tasso

Dettagli

MiFID II: le novità dei nuovi Orientamenti ESMA sugli strumenti di debito complessi e depositi strutturati

MiFID II: le novità dei nuovi Orientamenti ESMA sugli strumenti di debito complessi e depositi strutturati MiFID II: le novità dei nuovi Orientamenti ESMA sugli strumenti di debito complessi e depositi strutturati Autore: Guido Pavan e Simona Sorgonà, Eddystone Categoria News: Servizi di investimento 1. Premessa

Dettagli

BANCA POPOLARE VOLKSBANK

BANCA POPOLARE VOLKSBANK BANCA POPOLARE VOLKSBANK PRINCIPALI DATI ECONOMICI ED AGGREGATI PATRIMONIALI DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2015 PRINCIPALI DATI ECONOMICI Il margine di interesse si attesta a 132,5 milioni, in aumento

Dettagli

Rapporto intermedio della Banca nazionale svizzera al 31 marzo 2017

Rapporto intermedio della Banca nazionale svizzera al 31 marzo 2017 Comunicazione Casella postale, CH-8022 Zurigo Telefono +41 58 631 00 00 communications@snb.ch Zurigo, 27 aprile 2017 Rapporto intermedio della Banca nazionale svizzera al 31 marzo 2017 La Banca nazionale

Dettagli

Finanziamenti: gli strumenti per l accesso al credito bancario.

Finanziamenti: gli strumenti per l accesso al credito bancario. Finanziamenti: gli strumenti per l accesso al credito bancario. Le cose assolutamente da sapere per capire ed essere in grado di chiedere un finanziamento (anche agevolato). Relatori : Giordano Zoppolato,

Dettagli

Scheda informativa relativa alle Azioni della Banca

Scheda informativa relativa alle Azioni della Banca Scheda informativa relativa alle Azioni della Banca La presente scheda informativa è pubblicata sul sito internet della Banca ed è disponibile gratuitamente presso ciascuna filiale Informazioni generali

Dettagli