SERVIZI A DOMANDA INDIVIDUALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SERVIZI A DOMANDA INDIVIDUALE"

Transcript

1 Allegato B SERVIZI A DOMANDA INDIVIDUALE DISCIPLINA GENERALE

2 TARIFFARIO PER L'UTILIZZO DEGLI SPAZI E DELLE STRUTTURE DEL SETTORE CULTURA in VIGORE dal 01 gennaio 2013 DISCIPLINA GENERALE DISPOSIZIONI PARTICOLARI 1. Le concessioni a pagamento per l uso degli spazi e delle strutture includono i servizi di pulizie, riscaldamento o climatizzazione limitatamente ai periodi regolamentati dall amministrazione comunale, illuminazione, l uso dell impianto audio-luci in dotazione presso il teatro, una persona di custodia fino ad un massimo di 8 ore giorna liere e l elettri cista di se rvizio durante lo s volgimento dell iniz iativa fino ad un massimo di 4 ore giornaliere. Tutti gli altri serv izi, incluso il personale obbligatorio (maschere in numero proporzionale e adeguato all affluenza prevista in sala e in ser vizio sia durante l o s volgimento dell e vento che in sostitu zione d el custod e, elettricista e macchinista per il mon taggio e sm ontaggio, nonché eventuale fonico, tecnico luci, facchinaggio, servizio di biglietteria e cassa, ecc), sono a carico del concessionario che dovrà utilizzare le ditte aggiudicatarie dell appalto dei servizi tecnici del Comune. L utilizzo del servizio di biglietteria elettronica comporta un costo aggiuntivo che copre il gior no dello sp ettacolo e d un giorno di prev endita (massimo 4 ore giorn aliere). Ulteriori giorni di prev endita co mportano u n cos to aggiuntivo. Gli orari dei servizi devono essere concordati con la direzione del teatro. 2. Qualora lo spazio venga utilizzato, nell arco della stessa gior nata per due tipologie di utiliz zo (ad es. conferenza e spett acolo) verra applicata la tariffa piu elevata. 3. In merito all utilizzo del Teatro Novelli, ad eccezione delle proi ezioni cinematografiche, ogni qualvolta si preveda un affluenza superiore ai posti della platea e obbligatorio attivare il serv izio di v igilanza anti-incendio (VV.FF.) il cui costo rimane a carico del concessionario. Con l apertura della galleria andrà obbligatoriamente potenziato il servizio di maschere. 4. Agli Istituti scolastici di ogni ordine e grado, alle scuole di danza, teatro e musica della Provincia di Rimini che organizzano in teatro saggi di fine anno o attività didattiche, nonché alle associazioni culturali che promuovono attività in lingua straniera a scopo didattico-linguistico, è riservata una riduzione del 50 % sul costo di affitto della sala teatrale (e non sull intero canone di concessione) da calcolarsi sulla ta riffa di affitto della prima giorn ata, anche i n ca so di utilizzo di pi ù giorna te. Per l uso d el tea tro esclusivamente per pr ove, allestimento e disall estimento, la riduzione de l 50 % s i ap plica sulla tariffa giorn aliera prev ista per tale ti pologia di utilizzo. La ta riffa di affi tto ridotta d el 50 % include: puliz ie, illuminazione, ev entuale climatizzazione o riscaldamento nei periodi r egolamentati d all Amministrazione Comunale, un a per sona di custodia fino ad un massimo di 8 ore giornaliere e l'elettricista di servizio per l iniziativa (massimo 4 ore giornaliere). Per le sole scuole di danza, la tariffa include anche 2 macchinisti per montaggio (massimo 7 ore) e smontaggio (massimo 4 ore). Rimangono a carico del concessionario tutti i costi di personale neces sario al funzio namento del teatro e allo sv olgimento della manifesta zione (mascher e in numero pro porzionale e adegua to all affluenza prev ista in sala e in servizio sia duran te lo svolgimento dell e vento che in sostitu zione del custo de, macchinist a d urante lo spettacolo, servizio di elettricis ta per montaggio/smontaggio, fonico, tecnico luci e, se necessario responsabile di palco), nonche servizio d i 6

3 facchinaggio. Qualora il Teatro v enga utilizz ato con modi fiche a ll assetto scenico o con il palc o allungato, v a previsto a cari co del concessionario il costo relativo al personale (macchinisti) per montaggio e smontaggio. 5. L eventuale utilizzo dell attrezzatura audio-luci presente in teatro comporta un costo aggiuntivo forfetario per tutta la durata della concessione. E previsto un biglietto ridotto per l ingresso alle varie manifestazioni culturali e al Museo della Citta per le seguenti categorie: - militari in servizio di leva, giovani fino a 29 anni titolari di Cultcard, spettatori sopra i 60 anni, gruppi di studenti, singoli insegnanti in servizio; allievi e insegnanti scuole di danza e musi ca; iscritti ad: associazioni nazionali ricreative riconosciute: C.R.A.L., Universita Aperta, Università Terza Età, ENDAS e S oci Co op. Adriatica. L a mministrazione si ris erva la facolta di rilasciar e biglietti ridotti per categorie di pu bblico par ticolari, nonch é biglietti omaggio alle seguenti categorie: autorità di legge e rappresentanti istituzionali, artisti, operatori del settore, sponsor e stampa. PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA Il rilascio delle concessioni per l'utilizzo degli spazi e delle strutture del Settore Cultura avviene dietro presentazione di regolare istanza, sottoscritta dal soggetto richiedente o dal legale rappre sentante della As sociazione/ Società richi edente (del quale occorre allegare fo tocopia del documento d identità), da redigere in carta se mplice e intesta ta. Tale domanda v a presenta ta con con gruo anticip o e comunque almeno 15 gg. pri ma dell iniziativa. Per domande di concessione che richiedano un beneficio all Ente (gratuità dell utilizzo dello spaz io, riduzione sulle tariffe, contributo economico o in natura e patrocinio) si rimanda a quanto disposto dal Regolamento. Nella doma nda di conc essione dev ono esse re indicati i dati anagra fici e fiscali del soggetto r ichiedente, il programma, le fina lità e la durat a dell iniziativa per la quale si chiede l uso dello spazio o della struttura, nonche le esigenze tecniche per l evento da organizzare. 7

4 MODALITA' DI PAGAMENTO Le tariffe sono calcolate sulla base delle giornate di utilizzo, a seconda della tipologia di utilizzo (conferenze, congressi e riunioni, spettacoli teatrali, musica e danza) con tariffe piu contenute se trattasi di prova, allestimento e disallestimento. Il concessionario ha l obbligo di versare un deposito cauzionale, a garanzia di eventuali danni arrecati agli spazi ed alle strutture nei termini stabiliti dall ufficio competente. L importo del deposi to cauzionale e st abilito annualmente con deliberaz ione relativ a ai servizi pubbl ici a doma nda individuale. Tale importo verrà restituito dopo la verifica dell assolvimento del pagamento dei servizi dovuti alle ditte appaltatrici. PENALE Qualora il richiedente rinunci all uso degli spazi e d elle strutture assegnategli in concessione e lo co munichi a meno di 10 g g. dalla prima data di utilizzo, l ufficio competente ha la facolta di richiedere, a titolo di risarcimento, una penale pari al 10% dell importo per l intera concessione. OBBLIGHI DEL CONCESSIONARIO Il concessionario si impegna ad evitare danni di qualsiasi natura alle cose mobili ed immobili di proprietà del Comune e ha l obbligo di risarcire tutti i danni arrecati. Il concessionario, qualora il tipo di manifestazione lo richieda, e tenuto a: 1. Per i tea tri comunali ad utilizzare il custode, l elettricista di servizio, il macchinista, le masch ere, gli addetti alle pu lizie, nonché tutto il person ale tecnico occorrente per l allestimento, disa llestimento e sv olgimento dell iniziativ a prevista. Il concessionario ha l obbligo d i prov vedere all esecuzione dei lavori di allestimento, sotto il controllo del personale incaricato dalla Direzione del Teatro. Sono a carico del concessionario che dovrà utilizzare le ditte aggiudicatarie dell appalto dei servizi tecnici, regolando il costo di tali prestazioni direttamente al soggetto concedente. Fatta eccezione per l utilizzo del teatro(vedi punto 1), il concessionario dovrà provvedere alle pulizie d ei locali con cessi in u so, che dovranno essere in ordine al momento della riconsegna delle chiavi. 2. richiedere il nulla osta di agibilità della Comm issione Comunale di V igilanza su i locali di pubblico spettacolo, ogni qualvolta sia prev isto un allestimento che modifichi l assetto originario della sala; 3. espletare le pratich e SIAE e pro vvedere al relativ o pagamento. In caso di attiv ità di s pettacolo, il conce ssionario si assum e ogni obbligo di natura contrattuale, economico, fiscale, p revidenziale (se dovute) re lativa agli artisti coinvolti, s ollevando il sogge tto concedente da ev entuali inadempimenti. 8

5 4. provvedere alle licenze, autorizza zioni e permessi ne cessari, rilasciati da u ffici o a utorità pu bbliche, inclus a la d ocumentazione pre disposta d al soggetto concedente richiesta dalla normativa sulla sicure zza relativa ai serv izi di prev enzione e protezione ai sensi del D.Lgs 81/2008 in rappo rto alle giornate di utilizzo degli spazi. Le tariffe per l'uso di tutti gli spazi e le strutture del Settore Cultura sono determinate al netto delle vigenti imposte di legge, pertanto su ogni singolo importo deve essere calcolata l'i.v.a.. 9

6 Allegato A BILANCIO DI PREVISIONE 2013 SERVIZI A DOMANDA INDIVIDUALE TARIFFE

7 TEATRO NOVELLI DECORRENZA: dall' al CONFERENZE, CONGRESSI E RIUNIONI TEATRO RIDO Dal lunedì al venerdì Sabato e domenica TTO o FOYER Tariffa giornaliera 1^ giornata 2.200,00 (di cui 1.200,00 per il solo teatro) Tariffa giornaliera 2^ giornata e successive giornate di utilizzo 1.600,00 (di cui 600,00 per il solo teatro) 2.400,00 (di cui 1.200,00 per il solo teatro) 1.800,00 (di cui 600,00 per il solo teatro) 300,00 200,00 Tariffe giornaliere per prove, allestimenti e disallestimenti, a giornata 750,00 850,00 150,00 SPETTACOLI DI PROSA, CONCERTI MUSICALI Tariffa giornaliera 1^ giornata 1.900,00 (di cui 1.100,00 per il solo teatro) Tariffa giornaliera 2^ giornata e successive giornate di utilizzo 1.400,00 (di cui 600,00 per il solo teatro) 2.100,00 (di cui 1.100,00 per il solo teatro) 1.600,00 (di cui 600,00 per il solo teatro) 300,00 200,00 Tariffe giornaliere per prove, allestimenti e disallestimenti, a giornata 750,00 850,00 150,00 SPETTACOLI DI DANZA Tariffa giornaliera 1^ giornata 2.100,00 (di cui 1.100,00 per il solo teatro) Tariffa giornaliera 2^ giornata e successive giornate di utilizzo 1.400, ,00 (di cui 1.100,00 per il solo teatro) 1.600,00 300,00 200,00 Tariffe giornaliere per prove, allestimenti e disallestimenti 750,00 850,00 150,00 nel giorno precedente e/o successivo all'utilizzo, a giornata In aggiunta al canone di concessione è richiesto il versamento di un deposito cauzionale (o fideiussione), a garanzia di eventuali danni arrecati alle strutture, dell importo di 1.000,00, da effettuarsi, contestualmente al pagamento del canone di concessione, almeno 30 giorni prima dell iniziativa, ai sensi dell art. 5 del Regolamento per la determinazione dei criteri di utilizzo e delle modalità di concessione in uso degli spazi e delle strutture del Settore Cultura del Comune di Rimini, approvato con delibera di C.C. n. 30 del 13/03/2003 e successive modificazioni. Tale importo verrà restituito dopo la verifica dell assolvimento del pagamento dei servizi ottenuti. Qualora il Teatro venga utilizzato nell'arco della stessa giornata per due tipologie di utilizzo (es.: conferenza e spettacolo) verrà applicata la tariffa più elevata. Le tariffe suindicate sono determinate al netto delle vigenti imposte di legge, pertanto, su ogni singolo importo deve essere calcolata l'i.v.a. 12

8 Costi inclusi nel canone di concessione: Il canone di concessione include: pulizie, illuminazione, eventuale climatizzazione o riscaldamento nei periodi regolamentati dall Amministrazione Comunale, una persona di custodia fino ad un massimo di 8 ore giornaliere, l'elettricista di servizio per l iniziativa (massimo 4 ore giornaliere), 1 macchinista per montaggio (massimo 7 ore) e smontaggio (massimo 4 ore), il personale di sala (2 maschere fino ad un massimo di 4 ore) per il solo utilizzo della platea, nonché l utilizzo dell attrezzatura audio-luci presente in teatro. Per gli spettacoli di danza il canone include inoltre un ulteriore macchinista per montaggio (massimo 7 ore) e smontaggio (massimo 4 ore) e un responsabile di palco (massimo 8 ore). Per le giornate di sole prove e allestimento/disallestimento, il canone di concessione include: pulizie, illuminazione, eventuale climatizzazione o riscaldamento nei periodi regolamentati dall Amministrazione Comunale, una persona di custodia fino ad un massimo di 8 ore giornaliere, l'elettricista di servizio per l iniziativa (massimo 4 ore giornaliere), e un macchinista per montaggio (massimo 7 ore) e smontaggio (massimo 4 ore), nonché l utilizzo dell attrezzatura audio-luci presente in teatro. Costi esclusi dal canone di concessione Sono esclusi e pertanto a carico dell'utilizzatore i costi dell ulteriore personale di sala, degli ulteriori aiuti tecnici (macchinisti, elettricisti, fonico e tecnico luci) e il servizio di facchinaggio, nonché gli eventuali servizi di custodia oltre le 8 ore giornaliere e di elettricista oltre le 4 ore giornaliere. Qualora venga utilizzata anche la galleria, il concessionario dovrà potenziare il personale di sala, accollandosi il costo delle maschere il cui numero verrà deciso dalla direzione del Teatro. Inoltre, a galleria aperta, sono a totale carico del concessionario le spese derivanti dal Servizio di vigilanza anti-incendio (VV.FF.). Le spese per tale servizio sono obbligatorie per qualsiasi tipologia di spettacolo. Affitto di ulteriori spazi e servizi del Teatro Le due vetrine situate nel Foyer del Teatro possono essere concesse per esporvi prodotti e materiali pubblicitari alla tariffa giornaliera di 50,00 euro a vetrina. Per un utilizzo mensile, il canone di concessione e di 250,00 euro a vetrina. L'utilizzo del servizio di biglietteria elettronica comporta un costo aggiuntivo di Euro 120,00 riferito al giorno di spettacolo e a un giorno di prevendita (massimo 4 ore giornaliere). Ulteriori giorni di prevendita comportano un costo aggiuntivo di Euro 70,00 a giornata (massimo 4 ore giornaliere). L eventuale utilizzo dell attrezzatura audio-luci presente in teatro comporta un costo forfetario di euro 350,00 per tutta la durata della concessione. Riduzione per saggi scolastici e attività didattiche Agli Istituti scolastici di ogni ordine e grado, alle scuole di danza, teatro e musica della Provincia di Rimini che organizzano in teatro saggi di fine anno o attività didattiche, nonché alle associazioni culturali che promuovono attività in lingua straniera a scopo didattico-linguistico, è riservata una riduzione del 50% sul costo di affitto della sala teatrale (e non sull intero canone di concessione) da calcolarsi sulla tariffa di affitto della prima giornata, anche in caso di utilizzo su più giornate. Per l uso del teatro esclusivamente per prove, allestimento e disallestimento, la riduzione del 50% si applica sulla tariffa giornaliera prevista per tale tipologia di utilizzo. La tariffa di affitto ridotta del 50% include pulizie, illuminazione, eventuale climatizzazione o riscaldamento nei periodi regolamentati dall Amministrazione Comunale, una persona di custodia fino ad un massimo di 8 ore giornaliere e l'elettricista di servizio per l iniziativa (massimo 4 ore giornaliere). Per le sole scuole di danza, la tariffa include anche 2 macchinisti per montaggio (massimo 7 ore) e smontaggio (massimo 4 ore). Rimangono a carico dell utilizzatore tutti i costi di personale necessario al funzionamento del teatro e allo svolgimento della manifestazione (macchinista durante lo spettacolo, elettricista per montaggio e smontaggio, fonico, tecnico luci, personale di sala, il cui numero verra definito dalla direzione del teatro e la figura del responsabile di palco). Qualora venga utilizzata anche la galleria, il concessionario dovrà potenziare il personale di sala, accollandosi il costo delle maschere il cui numero verrà deciso dalla direzione del Teatro. Inoltre, a galleria aperta, sono a totale carico del concessionario le spese derivanti dal Servizio di vigilanza anti-incendio (VV.FF.). L eventuale utilizzo dell attrezzatura audio-luci presente in teatro comporta un costo forfetario di euro 350,00 per tutta la durata della concessione. 13

9 Obblighi del concessionario Il concessionario dovrà utilizzare le ditte aggiudicatarie dell appalto dei servizi tecnici, regolando il costo di tali prestazioni direttamente all Istituzione Musica Teatro Eventi-Comune di Rimini che presenterà regolare fattura. L'utilizzo del Foyer per allestimento di stand, coffee break e altro dovrà essere compatibile con lo spazio necessario al funzionamento della biglietteria elettronica e dunque dell accesso del pubblico al botteghino. Per l organizzazione di ogni tipo di evento, resta a carico del concessionario l obbligo di ottenere la licenza di pubblico spettacolo, ove prevista, e di espletare le pratiche SIAE, facendosi carico dei relativi costi. 14

10 TEATRO DEGLI ATTI DECORRENZA: dall' al CONFERENZE, CONGRESSI E RIUNIONI TEATRO Dal lunedì al venerdì Sabato e domenica Tariffa giornaliera 1^ giornata 1.000,00 (di cui 500,00 per il solo teatro) Tariffa giornaliera 2^ giornata e successive giornate di utilizzo 700,00 Tariffe giornaliere per prove, allestimenti e disallestimenti, a giornata 300,00 400, ,00 (di cui 500,00 per il solo teatro) 800,00 SPETTACOLI DI PROSA, CONCERTI MUSICALI Tariffa giornaliera 1^ giornata 1.000,00 (di cui 500,00 per il solo teatro) Tariffa giornaliera 2^ giornata e successive giornate di utilizzo 700,00 Tariffe giornaliere per prove, allestimenti e disallestimenti, a giornata 300,00 400, ,00 (di cui 500,00 per il solo teatro) 800,00 SPETTACOLI DI DANZA Tariffa giornaliera 1^ giornata 1.000,00 (di cui 500,00 per il solo teatro) Tariffa giornaliera 2^ giornata e successive giornate di utilizzo 700,00 Tariffe giornaliere per prove, allestimenti e disallestimenti, a giornata 300,00 400, ,00 (di cui 500,00 per il solo teatro) 800,00 In aggiunta al canone di concessione è richiesto il versamento di un deposito cauzionale (o fideiussione), a garanzia di eventuali danni arrecati alle strutture, dell importo di 600,00, da effettuarsi, contestualmente al pagamento del canone di concessione, almeno 30 giorni prima dell iniziativa, ai sensi dell art. 5 del Regolamento per la determinazione dei criteri di utilizzo e delle modalità di concessione in uso degli spazi e delle strutture del Settore Cultura del Comune di Rimini, approvato con delibera di C.C. n. 30 del 13/03/2003 e successive modificazioni. Tale importo verrà restituito dopo la verifica dell assolvimento del pagamento dei servizi ottenuti.

11 Le tariffe suindicate sono determinate al netto delle vigenti imposte di legge, pertanto su ogni singolo importo deve essere calcolata l'i.v.a. Costi inclusi nel canone di concessione: Il canone di concessione include: pulizie, illuminazione, eventuale climatizzazione o riscaldamento nei periodi regolamentati dall Amministrazione Comunale, una persona di custodia fino ad un massimo di 8 ore giornaliere, l'elettricista di servizio per l iniziativa (massimo 4 ore giornaliere), il personale di sala (1 maschera fino ad un massimo di 4 ore) e l utilizzo dell attrezzatura audio-luci presente in teatro. Per le giornate di sole prove e allestimento/disallestimento, il canone di concessione include: pulizie, illuminazione, eventuale climatizzazione o riscaldamento nei periodi regolamentati dall Amministrazione Comunale, una persona di custodia fino ad un massimo di 8 ore giornaliere, l'elettricista di servizio per l iniziativa (massimo 4 ore giornaliere) e l utilizzo dell attrezzatura audio-luci presente in teatro. Costi esclusi dal canone di concessione Sono esclusi e pertanto a carico dell'utilizzatore i costi dell ulteriore personale di sala, degli ulteriori aiuti tecnici (macchinisti, elettricisti, fonico e tecnico luci) e il servizio di facchinaggio, nonché gli eventuali servizi di custodia oltre le 8 ore giornaliere e di elettricista oltre le 4 ore giornaliere. Qualora il Teatro venga utilizzato con modifiche all assetto scenico o con il palco allungato, va previsto a carico del concessionario il costo relativo al personale (macchinisti) per montaggio e smontaggio. Affitto di ulteriori servizi del Teatro. L'utilizzo del servizio di biglietteria elettronica comporta un costo aggiuntivo di Euro 120,00 riferito al giorno di spettacolo e ad un giorno di prevendita (massimo 4 ore giornaliere). Ulteriori giorni di prevendita comportano un costo aggiuntivo di Euro 70,00 a giornata (massimo 4 ore giornaliere). Riduzione per saggi scolastici e attività didattiche Agli Istituti scolastici di ogni ordine e grado, alle scuole di danza, teatro e musica della Provincia di Rimini che organizzano in teatro saggi di fine anno o attività didattiche, nonché alle associazioni culturali che promuovono attività in lingua straniera a scopo didattico-linguistico, è riservata una riduzione del 50% sul costo di affitto della sala teatrale (e non sull intero canone di concessione) da calcolarsi sulla tariffa di affitto della prima giornata, anche in caso di utilizzo di più giornate. Per l uso del teatro esclusivamente per prove, allestimento e disallestimento, la riduzione del 50% si applica sulla tariffa giornaliera prevista per tale tipologia di utilizzo. La tariffa di affitto ridotta del 50% include: pulizie, illuminazione, eventuale climatizzazione o riscaldamento nei periodi regolamentati dall Amministrazione Comunale e una persona di custodia fino ad un massimo di 8 ore giornaliere. Rimangono a carico del concessionario tutti i costi di personale necessario al funzionamento del teatro e allo svolgimento della manifestazione (macchinista durante lo spettacolo, servizio di elettricista per montaggio/smontaggio, fonico, tecnico luci e, se necessario responsabile di palco), nonche servizio di facchinaggio. Qualora il Teatro venga utilizzato con modifiche all assetto scenico o con il palco allungato, va previsto a carico del concessionario il costo relativo al personale (macchinisti) per montaggio e smontaggio. L eventuale utilizzo dell attrezzatura audio-luci presente in teatro comporta un costo forfetario di euro 250,00 per tutta la durata della concessione. Obblighi del concessionario Il concessionario dovrà utilizzare le ditte aggiudicatarie dell appalto dei servizi tecnici, regolando il costo di tali prestazioni direttamente all Istituzione Musica Teatro Eventi-Comune di Rimini che presenterà regolare fattura. Per l organizzazione di ogni tipo di evento resta a carico del concessionario l obbligo di ottenere la licenza di pubblico spettacolo, ove prevista, e di espletare le pratiche SIAE, facendosi carico dei relativi costi. 16

12 AUDITORIUM DELL ISTITUTO SUPERIORI DI STUDI MUSICALI G. LETTIMI DECORRENZA: dall' al CONFERENZE, CONGRESSI, RIUNIONI, CONCERTI MUSICALI DA CAMERA AUDITORIUM BIBLIOTE CA Tariffa giornaliera 1^ giornata 200,00 100,00 Tariffa giornaliera 2^ giornata e successive giornate di utilizzo 100,00 70,00 In aggiunta al canone di concessione è richiesto il versamento di un deposito cauzionale (o fideiussione), a garanzia di eventuali danni arrecati alle strutture, dell importo di 200,00, da effettuarsi almeno 30 giorni prima dell iniziativa, ai sensi dell art. 5 del Regolamento per la determinazione dei criteri di utilizzo e delle modalità di concessione in uso degli spazi e delle strutture del Settore Cultura del Comune di Rimini, approvato con delibera di c.c. n. 30 del 13/03/2003 e successive modificazioni. Tale importo verrà restituito dopo la verifica dell assolvimento del pagamento dei servizi ottenuti. Le tariffe suindicate sono determinate al netto delle vigenti imposte di legge, pertanto, su ogni singolo importo deve essere calcolata l'i.v.a. Costi inclusi nel canone di concessione Il canone di concessione include: pulizie, illuminazione, eventuale climatizzazione o riscaldamento nei periodi regolamentati dall Amministrazione Comunale, una persona di custodia fino ad un massimo di 8 ore giornaliere. Costi esclusi dal canone di concessione Sono esclusi e pertanto a carico dell'utilizzatore i costi per eventuali allestimenti e disallestimenti e le ore di esubero del servizio del custode oltre le 8 ore giornaliere. Obblighi del concessionario Il concessionario dovrà utilizzare le ditte aggiudicatarie dell appalto dei servizi tecnici, regolando il costo di tali prestazioni direttamente all Istituzione Musica Teatro Eventi-Comune di Rimini che presenterà regolare fattura. Per l organizzazione di ogni tipo di evento, resta a carico del concessionario l obbligo di ottenere la licenza di pubblico spettacolo, ove prevista, e di espletare le pratiche SIAE, facendosi carico dei relativi costi. Affitto di ulteriori servizi del teatro. L'utilizzo del servizio di biglietteria elettronica comporta un costo aggiuntivo di Euro 120,00 riferito al giorno di spettacolo e ad un giorno di prevendita (massimo 4 ore giornaliere). Ulteriori giorni di prevendita comportano un costo aggiuntivo di Euro 50,00 a giornata (massimo 4 ore giornaliere). 17

REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE

REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE

Dettagli

Fondazione Teatri delle Dolomiti

Fondazione Teatri delle Dolomiti Fondazione Teatri delle Dolomiti REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE D USO DEL TEATRO COMUNALE DI BELLUNO Il presente Regolamento disciplina le modalità di fruizione del Teatro Comunale da parte di terzi approvato

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PART-TIME

REGOLAMENTO DEL PART-TIME REGOLAMENTO DEL PART-TIME (approvato con deliberazione di Giunta comunale n. 279 del 14/11/2012, integrato con deliberazione di Giunta comunale n. 311 del 17/12/2013 e, da ultimo, modificato con deliberazione

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

C O M U N E.Di FO R M TA

C O M U N E.Di FO R M TA C O M U N E.Di FO R M TA P r o v in c ia di L a t in a SETTO RE : POLIZIA LOCALE E SERVIZI SOCIALI SERVIZIO : UFFICIO SCUOLA e d i r i t t o a l l o s t u d i o 1 2 FEB. 2015 N. 3 o D e t e r m in a z

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

CONTRATTO di prestazione di servizi

CONTRATTO di prestazione di servizi CONTRATTO di prestazione di servizi tra CLENEAR S ROSY di Nappi Maria Rosaria con sede in Via Moncenisio, 27-20031 Cesano Maderno (MI) E Nome Cognome. luogo e data di nascita residenza o domicilio.. codice

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

COMUNICAZIONE EFFETTUAZIONE

COMUNICAZIONE EFFETTUAZIONE Esente da bollo N.B.: presentare almeno 10 giorni prima dell inizio SPAZIO PER ETICHETTA PROTOCOLLO COMUNALE Si consiglia di presentare in triplice copia di cui n.1 timbrata dall Ufficio PROTOCOLLO da

Dettagli

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Comune di Sanluri Provincia del Medio Campidano Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n 66 del 26.11.2004. Sommario Art.

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI AREA PATRIMONIO AMBIENTE UFFICIO TUTELA DEL PAESAGGIO E SUPPORTO AMMINISTRATIVO ALL AREA SETTORE PATRIMONIO E MANUTENZIONI REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI (Approvato con deliberazione

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Al Comune di Padova Settore Servizi Sportivi Ufficio Impianti Sportivi Viale N. Rocco, 60 35135 PADOVA

Al Comune di Padova Settore Servizi Sportivi Ufficio Impianti Sportivi Viale N. Rocco, 60 35135 PADOVA Spazio Marca da bollo Al Comune di Padova Settore Servizi Sportivi Ufficio Impianti Sportivi Viale N. Rocco, 60 35135 PADOVA Spazio Protocollo Oggetto: Richiesta concessione temporanea Impianto Sportivo

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER IL REPERIMENTO DI N.

AVVISO PUBBLICO PER IL REPERIMENTO DI N. AVVISO PUBBLICO PER IL REPERIMENTO DI N. 4 PROPOSTE DI RESIDENZA CREATIVA DA REALIZZARSI NEL PERIODO 1 FEBBRAIO 31 MAGGIO PRESSO IL TEATRO DI VILLA TORLONIA NELL AMBITO DELLE ATTIVITA DEL SISTEMA CASA

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA.

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. CIG: 5066492974 Quesito 1 Domanda: Nel Capitolato Tecnico

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Sottoscritto definitivamente in data 20 dicembre 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA 1 Art. 1 Premessa Il presente disciplinare costituisce, con il bando e il capitolato speciale

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE MODULO DOMANDA / NUOVO CAS-SISMA MAGGIO 2012 DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE (Dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà resa ai sensi degli artt. 46 e 47

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo.

Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo. Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo. Tutti i bambini che ne fanno richiesta v engono ammessi al Coro,

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO COPIA Reg. pubbl. N. lì CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO DETERMINAZIONE N. 569 DEL 28-08-2013 - CORPO DI POLIZIA LOCALE - OGGETTO: Canone per utilizzo Pos gsm della Cassa di Risparmio del

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013

AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013 AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013 FORMAZIONE DI UN ELENCO DI OPERATORI ECONOMICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA (ART.125 D. LGS. 163/2006) Ai sensi dell art.125 del D. Lgs. 163/2006 e s.m.i, la Fondazione

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI La Parrocchia Art. 1. La parrocchia è una persona giuridica pubblica, costituita con decreto dell Ordinario Diocesano (can. 515,3 ), riconosciuta

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE PROPONENTE Settore Cultura Musei e City Branding DIRETTORE QUAGLIA dott.ssa MAURIZIA Numero di registro Data dell'atto 849 10/06/2015 Oggetto : "Acquedotte" - Festival Musicale

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008

18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008 18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008 Informazioni generali Legge 22 aprile 1941, n. 633 più volte modificata modifiche disorganiche farraginosa in corso di revisione integrale (presentata bozza il 18.12.2007)

Dettagli

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il SCHEMA DI MANIFESTAZIONE D INTERESSE Spett.le COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE Ufficio Lavori Pubblici Piazza 28 ottobre 1918, n. 1 31025 Santa Lucia di Piave (TV) comune.santaluciadipiave.tv@pecveneto.it.

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI COMUNE DI VIANO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Approvato con deliberazione di G.C. n. 73 del 28.11.2000 INDICE TITOLO 1 ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART.

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA

AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA In esecuzione della deliberazione di Giunta Comunale n. 17 del 14.02.2011 è indetta trattativa privata per

Dettagli

ATTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE IN CASO D USO AI SENSI DELL ART. 6 DEL D.P.R. 26 APRILE 1986, N. 131, E DELL ART. 2,

ATTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE IN CASO D USO AI SENSI DELL ART. 6 DEL D.P.R. 26 APRILE 1986, N. 131, E DELL ART. 2, COMUNE DI GAVARDO (Provincia di Brescia) ATTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE IN CASO D USO AI SENSI DELL ART. 6 DEL D.P.R. 26 APRILE 1986, N. 131, E DELL ART. 2, PARTE SECONDA, PUNTO 1, DELLA TARIFFA ALLEGATA.

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO RELATIVE ALL ACQUISTO DI DIRITTI DI UTILIZZAZIONE DELLE IMMAGINI DELL ARCHIVIO FOTOGRAFICO ON-LINE DEL SISTEMA MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE Premesso che La Sovrintendenza

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione

Dettagli

CASSETTE DI SICUREZZA, DEPOSITI CHIUSI, CUSTODIA PELLICCE INFORMAZIONI SULLA BANCA

CASSETTE DI SICUREZZA, DEPOSITI CHIUSI, CUSTODIA PELLICCE INFORMAZIONI SULLA BANCA Conforme alle disposizioni di vigilanza sulla trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari e degli artt. 115 e segg. T.U.B aggiornamento 21-apr-2015 CASSETTE DI SICUREZZA, DEPOSITI CHIUSI,

Dettagli

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AMMINISTRATIVA RESPONSABILE: GIANGRANDI TIZIANA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP:

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: CODICE PRATICA *CODICE FISCALE*GGMMAAAAHH:MM Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' ATTIVITA' DI ASILO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI COMUNE DI PECETTO TORINESE CAP 10020 - PROVINCIA DI TORINO Sede Municipale di via Umberto I n.3 Tel. 0118609218/9- Fax 0118609073 e mail:info@comune.pecetto.to.it Partita IVA 02085860019 - C.F. 90002610013

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI CAPITOLATO TECNICO Servizio di pulizia, di facchinaggio interno

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI rev.0 -data:pagina 1 di 10 TTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: 01 COM 1- Esercizio di vicinato: (Sup di vendita fino a 250 mq.) apertura, trasferimento di sede, ampliamento della superficie, subentro, cessazione,

Dettagli

D.G.R. n. 32-2642 del 2/4/2001

D.G.R. n. 32-2642 del 2/4/2001 ALLEGATO A D.G.R. n. 32-2642 del 2/4/2001 TESTO COORDINATO CON NORME SUCCESSIVE D.G.R. N. 47-2981 del 14/5/2001 pubblicata su B.U. n. 21 del 23.5.2001 D.G.R. N. 50-3471 del 9/7/2001 pubblicata su B.U.

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE N.B. Qualora ritenga importante integrare il questionario con commenti particolari o chiarimenti che ritiene importanti può farlo scrivendo quanto ritiene opportuno nello

Dettagli