LA FORMAZIONE BASE DELL'OSS. QUALE POSSIBILE INTEGRAZIONE CON LE ALTRE PROFESSIONI E QUALI STRUMENTI ACCIARRI CINZIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA FORMAZIONE BASE DELL'OSS. QUALE POSSIBILE INTEGRAZIONE CON LE ALTRE PROFESSIONI E QUALI STRUMENTI ACCIARRI CINZIA"

Transcript

1 LA FORMAZIONE BASE DELL'OSS. QUALE POSSIBILE INTEGRAZIONE CON LE ALTRE PROFESSIONI E QUALI STRUMENTI ACCIARRI CINZIA Coordinatore Infermieristico Residenza Sanitaria Riabilitativa e Attività Ambulatoriali Distretto n. 2 Porto San Giorgio

2 PROFILO PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO SANITARIO CONFERENZA STATO REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le regioni e province autonome di Trento e Bolzano, per la individuazione della figura e del relativo profilo professionale dell' operatore socio sanitario e per la definizione dell'ordinamento didattico dei corsi di formazione.

3 PROFILO PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO SANITARIO Art. 1. Figura e profilo L'operatore socio sanitario è l'operatore che, a seguito dell'attestato di qualifica conseguito al termine di specifica formazione professionale, svolge attività indirizzata a:

4 PROFILO PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO SANITARIO Art. 2. La formazione 1..è di competenza delle regioni e province autonome, che provvedono alla organizzazione dei corsi e delle relative attività didattiche, nel rispetto delle disposizioni del presente decreto.

5 PROFILO PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO SANITARIO Le regioni e le province autonome, sulla base del proprio fabbisogno annualmente determinato, accreditano le aziende UU.SS.LL. e ospedaliere e le istituzioni pubbliche e private, che rispondono ai requisiti minimi specificati dal Ministero della sanità e dal dipartimento degli affari sociali con apposite linee guida, alla effettuazione dei corsi di formazione.

6 PROFILO PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO SANITARIO Art. 7. Requisiti di accesso Per l'accesso ai corsi di formazione dell' operatore socio sanitario è richiesto il diploma di scuola dell'obbligo compimento del diciassettesimo anno di etàalla data di iscrizione al corso.

7 PROFILO PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO SANITARIO Art. 8. Organizzazione didattica La didattica è strutturata per moduli e per aree disciplinari. Ogni corso comprende i seguenti moduli didattici: a) un modulo di base b) un modulo professionalizzante

8 PROFILO PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO SANITARIO I corsi di formazione avranno durata annuale, per un numero di ore non inferiore a 1000, articolate secondo i seguenti moduli didattici: modulo di base: tipo di formazione teorica, numero minimo di ore 200 Motivazione orientamento e conoscenze di base: modulo professionalizzante: formazione teorica, numero minimo di ore 250; esercitazioni e stages, numero minimo di ore 100; tirocinio, numero minimo di ore 450.

9 PROFILO PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO SANITARIO 4. Oltre al corso di qualificazione di base sono previsti moduli di formazione integrativa, per un massimo di 200 ore di cui 100 di tirocinio; i moduli sono mirati a specifiche utenze e specifici contesti operativi, quali utenti anziani, portatori di handicap, utenti psichiatrici, malati terminali, contesto residenziale, ospedaliero, casa alloggio, RSA, centro diurno, domicilio, ecc. Modulo tematico: tipo di formazione teorica, numero minimo di ore 50. Tematiche professionali: tipo di formazione esercitazioni/stages, numero minimo di ore 50. Specifiche: tipo di formazione tirocinio, numero minimo di ore 100.

10 PROFILO PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO SANITARIO Art. 9. Moduli didattici integrativi post-base 1. Sono previste misure compensative in tutti i casi in cui la formazione pregressa risulti insufficiente, per la parte sanitaria o per quella sociale.

11 PROFILO PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO SANITARIO Art. 10. Materie di insegnamento 1. Le materie di insegnamento, relative ai moduli didattici di cui all'art. 8, sono articolate nelle seguenti aree disciplinari: a) area socio culturale, istituzionale e legislativa; b) area psicologica e sociale; c) area igienico sanitaria; d) area tecnico operativa.

12 PROFILO PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO SANITARIO Art. 11. Tirocinio Tutti i corsi comprendono un tirocinio guidato, presso le strutture ed i servizi nel cui ambito la figura professionale dell' operatore socio sanitario è prevista.

13 PROFILO PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO SANITARIO Art. 12. Esame finale e rilascio dell'attestato 1. La frequenza ai corsi èobbligatoria e non possono essere ammessi alle prove di valutazione finale coloro che abbiano superato il tetto massimo di assenze indicato dalla regione o provincia autonoma nel provvedimento istitutivo dei corsi, e comunque non superiore al 10% delle ore complessive.

14 PROFILO PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO SANITARIO 2. Al termine del corso gli allievi sono sottoposti ad una prova teorica e ad una prova pratica da parte di una apposita commissione d'esame, la cui composizione è individuata dal citato provvedimento regionale e della quale fa parte un esperto designato dall'assessorato regionale alla sanità ed uno dall'assessorato regionale alle politiche sociali

15 PROFILO PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO SANITARIO All'allievo che supera le prove, è rilasciato dalle regioni e provincie autonome un attestato di qualifica valido su tutto il territorio nazionale, nelle strutture, attività e servizi sanitari, socio sanitari e socio assistenziali

16 PROFILO PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO SANITARIO Art. 13. Titoli pregressi Spetta alle regioni e province autonome, nel contesto del proprio sistema della formazione, quantificare il credito formativo da attribuirsi a titoli e servizi pregressi, in relazione all'acquisizione dell'attestato di qualifica relativo alla figura professionale di operatore socio sanitario prevedendo misure compensative in tutti i casi in cui la formazione pregressa risulti insufficiente, per la parte sanitaria o per quella sociale rispetto a quella prevista dal presente decreto.

17 SETTORE SANITARIO OSPEDALI CLINICHE PRIVATE CASE DI CURA CONTESTI OPERATIVI SETTORE SOCIALE COMUNITÀ ALLOGGIO CASE FAMIGLIA CASE PROTETTE CENTRI EDUCATIVI OCCUPAZIONALI DIURNI SERVIZI DOMICILIARI DI BASE SERVIZI ASSISTENZIALI SPECIALI (ES. SCOLASTICI) SETTORE SOCIO ASSISTENZIALE E SOCIO SANITARIO R.S.A R.S.R. HOSPICE A.D.I CENTRI DIURNI CASE DI RIPOSO

18 DOVE LAVORA: A DOMICILIO DELL UTENTE IN OSPEDALE NELLE STRUTTURE RESIDENZIALI O SEMIRESIDENZIALI

19 ATTIVITA DELL OSS:

20 L' O.S.S. svolge la sua attività in collaborazione con gli altri operatori professionali preposti all'assistenza sanitaria e a quella sociale, SECONDO IL CRITERIO DEL LAVORO MULTIPROFESSIONALE.

21 Come lo fa? ATTRAVERSO LE COMPETENZE TECNICHE RELATIVE ALLE CONOSCENZE RICHIESTE RELAZIONALI

22 IN CHE MODO OPERA In autonomia In cooperazione diretta con l infermiere Su prescrizione dell infermiere SECONDO IL CRITERIO DEL LAVORO MULTIPROFESSIONALE

23 L O.S.S. OPERA IN AUTONOMIA QUANDO: E IN GRADO DI FARLO SVOLGE COMPITI PERTINENTI ALLA PROPRIA FIGURA E CHE SIANO: Programmati nel piano di lavoro e/o di Assistenza Definiti nei protocolli assistenziali e/o procedure

24 L OSS OPERA IN COOPERAZIONE DIRETTA CON L INFERMIERE QUANDO E NECESSARIA LA PRESENZA DELL INFERMIERE PER LA COMPLESSITA DELL ATTIVITA DA SVOLGERE LE CONDIZIONI CLINICHE DEL PAZIENTE LE CAPACITA DELL OPERATORE IL CONTESTO LAVORATIVO

25 L O.S.S. OPERA SU PRESCRIZIONE QUANDO SVOLGE UN ATTIVITÀ SOLO SU PRECISA ATTRIBUZIONE DELL INFERMIERE E CON LA SUA SUPERVISIONE Tale attività deve essere: a) Compatibile con il profilo dell O.S.S b) Appropriata alle condizioni cliniche dell assistito c) Adeguata alle capacità dell operatore d) Adeguata al contesto operativo

26 ATTIVITA DELL OSS:

27 1) ASSISTENZA DIRETTA ED AIUTO DOMESTICO ALBERGHIERO: assiste la persona, in particolare non autosufficiente o allettata, nelle attività quotidiane e di igiene personale; realizza attività semplici di supporto diagnostico e terapeutico; collabora ad attività finalizzate al mantenimento delle capacità psico-fisiche residue, alla rieducazione, riattivazione, recupero funzionale; realizza attività di animazione e socializzazione di singoli e gruppi; coadiuva il personale sanitario e sociale nell'assistenza al malato anche terminale e morente; aiuta la gestione dell'utente nel suo ambito di vita; cura la pulizia e l'igiene ambientale.

28 2) INTERVENTO IGIENICO SANITARIO E DI CARATTERE SOCIALE: osserva e collabora alla rilevazione dei bisogni e delle condizioni di rischio-danno dell'utente; collabora alla attuazione degli interventi assistenziali; valuta, per quanto di competenza, gli interventi più appropriati da proporre; collabora alla attuazione di sistemi di verifica degli interventi; riconosce ed utilizza linguaggi e sistemi di comunicazione/relazione appropriati in relazione alle condizioni operative; mette in atto relazioni-comunicazioni di aiuto con l'utente e la famiglia, per l'integrazione sociale ed il mantenimento e recupero della identità personale.

29 3) SUPPORTO GESTIONALE, ORGANIZZATIVO E FORMATIVO: utilizza strumenti informativi di uso comune per la registrazione di quanto rilevato durante il servizio; collabora alla verifica della qualità del servizio; concorre, rispetto agli operatori dello stesso profilo, alla realizzazione dei tirocini ed alla loro valutazione; collabora alla definizione dei propri bisogni di formazione e frequenta corsi di aggiornamento; collabora, anche nei servizi assistenziali non di ricovero, alla realizzazione di attività semplici.

30 Negli ambiti delle attività e delle competenze individuate, l OSS : Opera:in quanto agisce in autonomia rispetto a precisi circoscritti interventi (es. Sanificazione ambientale, rifacimento del letto non occupato) Coopera: in quanto svolge solo parte delle attivitàalle quali concorre con altri professionisti (es. Rilevazione del rischio per l utente) Collabora: in quanto svolge attivitàsu precise indicazioni dei professionisti (es: cambio di semplici medicacazioni)

31 Attenzione! L autonomia dell O.S.S. pertiene esclusivamente alle modalità di esecuzione delle attività che rientrano nella sfera dell autonomia medesima

32 AREA DELL AUTONOMIA AREA DELLA COLLABORAZIONE assiste la persona, in particolare non autosufficiente o allettata, nelle attività quotidiane e di igiene personale realizza attività semplici di supporto diagnostico e terapeutico realizza attività di animazione e socializzazione di singoli gruppi cura la pulizia e l igiene ambientale. osserva e collabora alla rilevazione dei bisogni e delle condizioni di rischio-danno dell utente valuta, per quanto di competenza, gli interventi più appropriati da proporre riconosce ed utilizza linguaggi e sistemi di comunicazione-relazione appropriati in relazione alle condizioni operative mette in atto relazioni-comunicazioni di aiuto con l utente e la famiglia, per l integrazione sociale ed il mantenimento e recupero della identità personale utilizza strumenti informativi di uso comune per la registrazione di quanto rilevato durante il servizio collabora ad attività finalizzate al mantenimento delle capacità psico-fisiche residue, alla rieducazione, riattivazione, recupero funzionale coadiuva il personale sanitario e sociale nell assistenza al malato anche terminale e morente osserva e collabora alla rilevazione dei bisogni e delle condizioni di rischio-danno dell utente collabora alla attuazione degli interventi assistenziali collabora alla attuazione di sistemi di verifica degli interventi collabora alla verifica della qualità del servizio concorre, rispetto agli operatori dello stesso profilo, alla realizzazione dei tirocini ed alla loro valutazione collabora alla definizione dei propri bisogni di formazione e frequenta corsi di aggiornamento collabora, anche nei servizi assistenziali non di ricovero, alla realizzazione di attività semplici

33 Allegato B: COMPETENZE DELL OSS

34 COMPETENZE TECNICHE In base alle proprie competenze ed in collaborazione con altre figure professionali, l' operatore socio sanitario sa attuare i piani di lavoro. È in grado di utilizzare metodologie di lavoro comuni (schede, protocolli ecc.). È in grado di collaborare con l'utente e la sua famiglia: nel governo della casa e dell'ambiente di vita, nell'igiene e cambio biancheria; nella preparazione e/o aiuto all'assunzione dei pasti; quando necessario, e a domicilio, per l'effettuazione degli acquisti; nella sanificazione e sanitizzazione ambientale.

35 COMPETENZE TECNICHE Sa curare il lavaggio, l'asciugatura e la preparazione del materiale da sterilizzare. Sa garantire la raccolta e lo stoccaggio corretto dei rifiuti, il trasporto del materiale biologico sanitario, e dei campioni per gli esami diagnostici, secondo protocolli stabiliti. Sa svolgere attività finalizzate all'igiene personale, al cambio della biancheria, all'espletamento delle funzioni fisiologiche, all'aiuto nella deambulazione, all'uso corretto di presidi, ausili e attrezzature, all'apprendimento e mantenimento di posture corrette.

36 COMPETENZE TECNICHE In sostituzione e appoggio dei famigliari e su indicazione del personale preposto è in grado di: aiutare per la corretta assunzione dei farmaci prescritti e per il corretto utilizzo di apparecchi medicali di semplice uso; aiutare nella preparazione alle prestazioni sanitarie; osservare, riconoscere e riferire alcuni dei più comuni sintomi di allarme che l'utente può presentare (pallore, sudorazione ecc.); attuare interventi di primo soccorso effettuare piccole medicazioni o cambio delle stesse; controllare e assistere la somministrazione delle diete; aiutare nelle attività di animazione e che favoriscono la socializzazione, il recupero ed il mantenimento di capacità cognitive e manuali.

37 COMPETENZE TECNICHE collaborare ad educare al movimento e favorire movimenti di mobilizzazione semplici su singoli e gruppi; provvedere al trasporto di utenti, anche allettati, in barella carrozzella; collaborare alla composizione della salma e provvedere al suo trasferimento; utilizzare specifici protocolli per mantenere la sicurezza dell'utente, riducendo al massimo il rischio; svolgere attività di informazione sui servizi del territorio e curare il disbrigo di pratiche burocratiche; accompagnare l'utente per l'accesso ai servizi.

38 COMPETENZE RELATIVE ALLE CONOSCENZE RICHIESTE. CONOSCE LE PRINCIPALI TIPOLOGIE DI UTENTI E LE PROBLEMATICHE CONNESSE. Conosce le diverse fasi di elaborazione dei progetti di intervento personalizzati. Riconosce per i vari ambiti, le dinamiche relazionali appropriate per rapportarsi all'utente sofferente, disorientato, agitato, demente o handicappato mentale ecc.

39 COMPETENZE RELATIVE ALLE CONOSCENZE RICHIESTE. CONOSCE LE PRINCIPALI TIPOLOGIE DI UTENTI E LE PROBLEMATICHE CONNESSE. È in grado di riconoscere le situazioni ambientali e le condizioni dell'utente per le quali è necessario mettere in atto le differenti competenze tecniche. Conosce le modalità di rilevazione, segnalazione e comunicazione dei problemi generali e specifici relativi all'utente.

40 COMPETENZE RELATIVE ALLE CONOSCENZE RICHIESTE. CONOSCE LE PRINCIPALI TIPOLOGIE DI UTENTI E LE PROBLEMATICHE CONNESSE. Conosce le condizioni di rischio e le più comuni sindromi da prolungato allettamento e immobilizzazione. Conosce i principali interventi semplici di educazione alla salute, rivolti agli utenti e ai loro famigliari. Conosce l'organizzazione dei servizi sociali e sanitari e quella delle reti informali.

41 COMPETENZE RELAZIONALI sa lavorare in equipe. si avvicina e si rapporta con l'utente e con la famiglia, comunicando in modo partecipativo in tutte le attività quotidiane di assistenza; sa rispondere esaurientemente, coinvolgendo e stimolando al dialogo. é in grado di interagire, in collaborazione con il personale sanitario, con il malato morente

42 COMPETENZE RELAZIONALI Sa coinvolgere le reti informali, sa rapportarsi con le strutture sociali, ricreative, culturali dei territori. Sa sollecitare ed organizzare momenti di socializzazione, fornendo sostegno alla partecipazione ad iniziative culturali e ricreative sia sul territorio che in ambito residenziale.

43 COMPETENZE RELAZIONALI È in grado di partecipare all'accoglimento dell'utente per assicurare una puntuale informazione sul servizio e sulle risorse. È in grado di gestire la propria attività con la dovuta riservatezza ed eticità. Affiancandosi ai tirocinanti, sa trasmettere i propri contenuti operativi.

44 L infermiere E il professionista responsabile dell assistenza generale infermieristica (profilo dell infermiere D.M739/94, codice deontologico) OSS

45 L infermiere. Partecipa all identificazione dei bisogni di salute della persona e della collettività Identifica i bisogni di assistenza infermieristica della persona e della collettività e formula i relativi obiettivi Pianifica, gestisce e valuta l intervento assistenziale infermieristico Garantisce la corretta applicazione delle prescrizioni diagnostiche terapeutiche Agisce sia individualmente sia in collaborazione con gli altri operatori sanitari e sociali Per l espletamento delle funzioni si avvale, ove necessario, dell opera del personale di supporto L infermiere contribuisce alla formazione del personale di supportoe concorre direttamente all aggiornamento relativo al proprio profillo professionale

46 PROCESSO DI NURSING L infermiere interagisce con il personale di supporto, si avvale della sua opera ove necessario. Avvalersi della sua opera significa, sovrintendere alle loro attività, nello specifico L infermiere decide: in quel contesto operativo; secondo un modello di organizzazione dell assistenza definito; in modo coerente e pertinente al piano di assistenza; di attuare in collaborazione con l operatore di supporto o di attribuirgli, una attività definita, rivolta alla persona. Il risultato del processo decisionale dell infermiere è vincolato alla tutela della sicurezza dell assistito.

47 INFERMIERE DECISION MAKERS Il Profilo professionale: Autonomia Responsabilità Progettualità La progettualità va intesa come capacità di pianificare interventi specifici per migliorare la qualità di vita dell'assistito.

48 INFERMIERE DECISION MAKERS APPROCCIO OPERATIVO PROCESSO DI NURSING Il processo di nursing, in ambito progettuale, non persegue la logica del semplice fare o eseguire, ma la logica di risultato

49 PROCESSO DI NURSING Processo di nursing PIANIFICAZIONE VALUTAZIONE IDENTIFICAZIONE COMPITI ATTRIBUIBILI SUPERVISIONE ASSEGNAZIONE

50 L OSS NEL PROCESSO DI NURSING ACCERTAMENTO INFERMIERISTICO OSS DIAGNOSI INFERMIERISTICA PIANIFICAZIONE INFERMIERISTICA ATTUAZIONE OSS VALUTAZIONE DEI RISULTATI OSS

51 ASSISTENZA DIRETTA INFERMIERE OSS Rileva i problemi inf. potenziali e reali Contribuisce a fornire informazioni Decide interventi da mettere in atto Attua gli interventi e ne attribuisce l attuazione Valuta i risultati raggiunti Attua gli interventi attribuiti in autonomia ein collaborazione Contribuisce a fornire informazioni o dati

52 In ambito socio sanitario L infermiere èl unico responsabile dell assistenza infermieristica rappresenta il principale interlocutore che l OSS deve avere

53 Le responsabilitàe l autonomia dell oss Le attivitàdi assistenza indiretta sono completamente attribuibili all operatore OSS Le attivitàdi assistenza diretta (variabili: contesto operativo, équipe..) possono essere ritenute potenzialmente attribuibili previa valutazione da parte del responsabile dell assistenza infermieristica

54 RESPONSABILITÀ OSS: responsabilità soggettiva degli atti tecnici posti in essere LA RESPONSABILITÀPROFESSIONALE COMPLESSIVA È DELL OPERATORE PROFESSIONALE RESPONSABILE DELL INTERO PROCESSO ASSISTENZIALE

55 L INFERMIERE DEVE ESERCITARE UN DUPLICE CONTROLLO: verifica dei requisiti di idoneità tecnica verifica della rispondenza dell attivit attività svolta ai contenuti dell attribuzione (supervisione)

56 LA COLPA, DA CUI POTREBBE DERIVARE ALL INFERMIERE UN ADDEBITO DI CORRESPONSABILITÀ PER IL FATTO DELL OSS: colpa nella scelta dell oggetto dell attribuzione di competenze o nella scelta del destinatario (culpa in eligendo); colpa nella sorveglianza sull operato del destinatario (culpa in vigilando)

57 CULPA IN ELIGENDO L infermiere affida all operatore di supporto compiti che dovrà svolgere sotto la sua supervisione Dovrà selezionare i compiti che ritenga di poter assegnare all operatore di supporto. Dovrà scegliere tra gli OSS quelli che ritenga in grado di svolgere tali compiti adeguatamente

58 CULPA IN ELIGENDO È la colpa consistente nella cattiva scelta del soggetto a cui affidare/assegnare/attribuire i compiti

59 CULPA IN ELIGENDO Se dal comportamento dell operatore di supporto dovesse derivare un eventuale danno al paziente, all infermiere potrà essere mosso un addebito di colpa per aver errato nella scelta della persona affidataria dell incarico

60 CULPA IN VIGILANDO Attiene ai compiti di verifica attribuiti all infermiere all interno del processo assistenziale e del rispetto da parte dell operatore di supporto delle indicazioni impartite

61 CULPA IN VIGILANDO L infermiere potrà essere in colpa se omette di esercitare quelle verifiche doverose che sarebbero risultate idonee a impedire il verificarsi di eventi dannosi per il paziente

62 LE VARIABILI PER ATTRIBUIRE UN ATTIVITÀ ALL OSS Organizzazione Operatore OSS Persona assistita Compito da attribuire

63 1) Variabile : contesto organizzativo Metodologia del piano di assistenza e documentazione delle attività mediante procedure, protocolli e piani di lavoro Necessità affiancamento e formazione!!!

64 2) variabile: l OSS Conoscenze e abilità specifiche Grado si sviluppo del senso di responsaibilità Capacità relazionali

65 3) Variabile : la persona assistita Complessità assistenziale connessa al soddisfacimento dei bisogni Fattori di rischio della persona assistita Grado di autosufficienza e integrità capacità cognitive

66 4) variabile: il compito Grado di semplicità del compito Livello di standardizzazione del compito Presenza/assenza di rischi correlati al compito da effettuare Necessario procedure, istruzioni operative, protocolli!!!

67 NUOVE ESIGENZE NEI CONTESTI SANITARI E SOCIOSANITARI LE RILEVANTI TRASFORMAZIONI DEMOGRAFICHE IN CORSO (AUMENTO DELLA SPERANZA DI VITA COL CONNESSO INVECCHIAMENTO DELLA POPOLAZIONE) DETERMINANO UN CAMBIAMENTO NELLA RICHIESTA DI CURE (DALLE CURE INTENSIVE NECESSARIE NELLE FASI ACUTE DELLE PATOLOGIE, ALLE CURE CONTINUATIVE NELLE DIVERSE CONDIZIONI DI FRAGILITA CORRELATE ALL INVECCHIAMENTO)

68 NUOVE ESIGENZE NEI CONTESTI SANITARI E SOCIOSANITARI I FENOMENI RILEVATI IMPONGO ANCHE UNA PROFONDA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA DELL OFFERTA SANITARIA, SOCIO-SANITARIA E ASSISTENZIALE DELLE STESSA ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI, CON PARTICOLARE RIGUARDO ALLA NECESSITA DI IMPLEMENTARE UN SUPPORTO SEMPRE MAGGIORE PER SOGGETTI NON AUTOSUFFICIENTI ED ALL ESIGENZA DI REALIZZARE UNA PRESA IN CARICO «COMPLESSIVA» DELLA PERSONA

69 CONSEGUENZE ORGANIZZATIVE nell ambito del contesto delineato si pone l esigenza di individuare diverse modalità di risposta alla cronicità mediante superamento della centralità dell ospedale potenziamento ed affermazione del ruolo del territorio nella cura e nell assistenza della non autosufficienza e della patologie croniche degenerative integrazione dei servizi sanitari e sociali integrazione delle diverse figure professionali che operano nell ambito di tali servizi

70 VALORIZZAZIONE DEL RUOLO DELL OSS un ruolo fondamentale con riferimento all evidenziato processo evolutivo puo e deve essere svolto dall OSS, in quanto figura che nasce proprio per fornire una risposta qualificata sia in ambito sanitario che socioassistenziale, potendo svolgere attivita indirizzate a: soddisfare i bisogni primari delle persone, nei limiti delle proprie aree di competenza, e a favorire il benessere e l autonomia della persona

71 VALORIZZAZIONE DEL RUOLO DELL OSS Importa conseguenzialmente la necessità di rivedere ruoli e responsabilità degli attori coinvolti nel processo assistenziale al fine di consolidare una logica di gestione sempre più integrata e multidisciplinare dei processi assistenziali in funzione della presa in carico globale della persona con riferimento a tutti i suoi bisogni, compresi quelli primari, e di diversi livelli di intensità del processo assistenziale

72 REVISIONE DEI TRADIZIONALI MODELLI ORGANIZZATIVI ASSISTENZIALI CENTRALITA DELLA PERSONA VISIONE OLISTICA DELLA PERSONA CONTINUITA ASSISTENZIALE PROGETTI DI CURA ED ASSISTENZA MULTIDISCIPLINARE

73 REVISIONE DEI TRADIZIONALI MODELLI ORGANIZZATIVI ASSISTENZIALI I NUOVI MODELLI ORGANIZZATIVI COMPORTANO UNA RIDEFINIZIONE DEI RUOLI E DELLE RESPONSABILITA DEI PROFESSIONISTI SANITARI E DEGLI ALTRI OPERATORI COINVOLTI NEL PROCESSO DI CURA GARANTIRE UN ASSISTENZA GLOBALE ED INTEGRATA FONDATA SULLA CONCRETA E CONSAPEVOLE INTERAZIONE DELLE DIVERSE COMPETENZE PROFESSIONALI

74 REVISIONE DEI TRADIZIONALI MODELLI ORGANIZZATIVI ASSISTENZIALI SERVIZIO PIU APPROPRIATO ED ADEGUATO ALLE ESIGENZE DELL UTENZA UTILIZZO PIU EQUO ED APPROPRIATO DELLE RISORSE ADEGUATA VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE E DELLE DIVERSE PROFESSIONALITA CHE OPERANO NEL SISTEMA SALUTE E SOCIOASSISTENZIALE

75 REVISIONE DEI TRADIZIONALI MODELLI ORGANIZZATIVI ASSISTENZIALI MODELLO FUNZIONALE PICCOLE EQUIPES PRIMARY NURSING CASE MANAGER... PROCESSO DI NURSING PIANIFICAZIONE ASSISTENZIALE

76 QUALI STRUMENTI DI INTEGRAZIONE?

77 JOB DESCRIPTIONS PIANI DI LAVORO PIANI DI ATTIVITA' MATRICE DELLE RESPONSABILITA' PROTOCOLLI PROCEDURE ISTRUZIONI OPERATIVE CARTELLA INFERMIERISTICA INTEGRATA: QUALI STRUMENTI DI INTEGRAZIONE? SCHEDA DI ACCERTAMENTO INFERMIERISTICO SCHEDE ACCESSORIE (NORTON, DOLORE,ECC..) SCHEDA DI PIANIFICAZIONE INFERMIERISTICA SCHEDE DI ATTRIBUZIONI ATTIVITA' ALL'OSS SCHEDA DI REGISTRAZIONE DELL'ATTIVITA' DELL'OSS...

78 QUALI STRUMENTI DI INTEGRAZIONE? JOB DESCRIPTIONS

79 QUALI STRUMENTI DI INTEGRAZIONE? PIANI DI ATTIVITA : decrivono la sequenza ed i tempi delle azioni svolte dal personale in ogni turno PIANI DI LAVORO: strumento utilizzato per la programmazione a breve termine (qualche settimana o mese)

80 QUALI STRUMENTI DI INTEGRAZIONE? ATTIVITA INFERMIERE OSS ATTIVITA 1 R C MATRICE DELLE RESPONSABILITA' ATTIVITA

81 QUALI STRUMENTI DI INTEGRAZIONE? PROTOCOLLI: strumento metodologico di pianificazione dell assistenza infermieristica orientato da un modello concettuale di riferimento PROCEDURE: regole interne all organizzazione caratterizzate da un elevata prescrittivita ISTRUZIONI OPERATIVE: descrizione dei singoli passi da compiere per eseguire una determinata operazione

82 QUALI STRUMENTI DI INTEGRAZIONE? CARTELLA INFERMIERISTICA INTEGRATA: SCHEDA DI ACCERTAMENTO INFERMIERISTICO SCHEDE ACCESSORIE (NORTON, DOLORE,ECC..) SCHEDA DI PIANIFICAZIONE INFERMIERISTICA SCHEDE DI ATTRIBUZIONI ATTIVITA' ALL'OSS SCHEDA DI REGISTRAZIONE DELL'ATTIVITA' DELL'OSS..

83 QUALI STRUMENTI DI INTEGRAZIONE? FORMAZIONE PERCORSO DI INSERIMENTO DEL NEO ASSUNTO OSS RIUNIONI

84 L INFERMIERE È IL PROGRAMMATORE, IL GESTORE E IL VALUTATORE DELL ASSISTENZA INFERMIERISTICA

85 ALL INFERMIERE SPETTA LA REGIA DEL PROCESSO ASSISTENZIALE

86 L inserimento degli OSS nelle organizzazioni sanitarie è da vedersi come una importante opportunità,, anche come ricaduta positiva per l utente l in quanto si tratta di un operatore qualificato in grado di dare un valido contributo all interno dell equipe, equipe, dove i ruoli devono essere ben precisi.

87 Semina un pensiero e raccoglierai un'azione Semina un'azione e raccoglierai un'abitudine Semina un'abitudine e raccoglierai un carattere Semina un carattere e raccoglierai un destino C. Reade

88 Grazie per l attenzione! Cinzia Acciarri

FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO E ORDINAMENTO DIDATTICO DEI RELATIVI CORSI DI FORMAZIONE IL MINISTRO DELLA SANITA.

FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO E ORDINAMENTO DIDATTICO DEI RELATIVI CORSI DI FORMAZIONE IL MINISTRO DELLA SANITA. FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO E ORDINAMENTO DIDATTICO DEI RELATIVI CORSI DI FORMAZIONE IL MINISTRO DELLA SANITA di concerto con IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA SOCIALE VISTO il decreto

Dettagli

LA FIGURA PROFESSIONALE DELL'OPERATORE SOCIO-SANITARIO Legge Regionale 16 agosto 2001, n. 20. B.U.R. n. 75/2001

LA FIGURA PROFESSIONALE DELL'OPERATORE SOCIO-SANITARIO Legge Regionale 16 agosto 2001, n. 20. B.U.R. n. 75/2001 LA FIGURA PROFESSIONALE DELL'OPERATORE SOCIO-SANITARIO Legge Regionale 16 agosto 2001, n. 20. B.U.R. n. 75/2001 Art. 1 - Figura professionale e profilo. 1. e' individuata la figura professionale dell'operatore

Dettagli

L Infermiere e l OSS: Valorizzazione delle Competenze per l integrazione Dott. Francesco Germini Dirigente Sanitario Area Infermieristica e Ostetrica

L Infermiere e l OSS: Valorizzazione delle Competenze per l integrazione Dott. Francesco Germini Dirigente Sanitario Area Infermieristica e Ostetrica L Infermiere e l OSS: Valorizzazione delle Competenze per l integrazione Dott. Francesco Germini Dirigente Sanitario Area Infermieristica e Ostetrica ASL Taranto La figura dell OSS Nasce dall accordo sancito

Dettagli

ALLEGATO A TESTO DELL'ACCORDO STATO-REGIONI DEL 22 FEBBRAIO 2001

ALLEGATO A TESTO DELL'ACCORDO STATO-REGIONI DEL 22 FEBBRAIO 2001 ALLEGATO A TESTO DELL'ACCORDO STATO-REGIONI DEL 22 FEBBRAIO 2001 Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le regioni e province autonome di Trento e Bolzano, per la

Dettagli

L OSS: analisi del profilo e delle aree di integrazione con le altre. mv - 2010-2011

L OSS: analisi del profilo e delle aree di integrazione con le altre. mv - 2010-2011 L OSS: analisi del profilo e delle aree di integrazione con le altre figure mv - 2010-2011 è l operatore che, al termine di specifica formazione professionale consegue un attestato di qualifica ed è abilitato

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 138 del 22 10 2015 ALLEGATI

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 138 del 22 10 2015 ALLEGATI Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 138 del 22 10 201 6173 ALLEGATI 617 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 138 del 22 10 201 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 138 del 22 10

Dettagli

ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE

ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE Catalogo delle Agenzie formative

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

16 2001, 20 (BUR 75/2001) LA FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO

16 2001, 20 (BUR 75/2001) LA FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO LA FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO Art. 1 - Figura professionale e profilo. 1. È individuata la figura professionale dell operatore socio-sanitario. 2. L operatore socio-sanitario è

Dettagli

Assistenza Domiciliare Integrata Socio Assistenziale

Assistenza Domiciliare Integrata Socio Assistenziale Assistenza Domiciliare Integrata Socio Assistenziale CARTA DEI SERVIZI Pagina 1 di 11 Questa CARTA DEI SERVIZI è una guida,un impegno scritto nei confronti dei cittadini che vengono messi a conoscenza

Dettagli

CORSO OSS OPERATORE SOCIO SANITARIO

CORSO OSS OPERATORE SOCIO SANITARIO ELENIA Via Ungaretti, 84 62100 Macerata (Mc) Tel. 0733.33844 (r.a.) Fax 0733.33811 segreteriaoss@grupposinergie.com CORSO OSS OPERATORE SOCIO SANITARIO INFORMATIVA GENERALE & SCHEDA D ISCRIZIONE CORSO

Dettagli

APPROFONDIMENTO COMMENTATO DEL PROFILO DELL OSS

APPROFONDIMENTO COMMENTATO DEL PROFILO DELL OSS APPROFONDIMENTO COMMENTATO DEL PROFILO DELL OSS PROVVEDIMENTO DELLA CONFERENZA STATO-REGIONI DEL 22 FEBBRAIO 2001 Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni

Dettagli

A V V I S O. Corso Genova, 70-16033 LAVAGNA (GE) c.f. 01041570993 Ente di Diritto Pubblico

A V V I S O. Corso Genova, 70-16033 LAVAGNA (GE) c.f. 01041570993 Ente di Diritto Pubblico SELEZIONE PUBBLICA MEDIANTE PROVA PRATICA ATTITUDINALE PER LA COPERTURA DI N. 1 POSTO A TEMPO PIENO INDETERMINATO DI OPERATORE SOCIO SANITARIO (Categoria B3 del C.C.N.L. Regioni -Autonomie Locali) A V

Dettagli

INTEGRAZIONE DELLA FIGURA OSS E INFERMIERE. Dott.ssa Flavia Fattore Unità Operativa Medicina Macerata

INTEGRAZIONE DELLA FIGURA OSS E INFERMIERE. Dott.ssa Flavia Fattore Unità Operativa Medicina Macerata INTEGRAZIONE DELLA FIGURA OSS E INFERMIERE Dott.ssa Flavia Fattore Unità Operativa Medicina Macerata L infermiere Dal D.M. 14 Settembre 1994 n, 739: Art. 1: l infermiere è responsabile dell assistenza

Dettagli

Corso di Qualifica Professionale Operatore Socio-Sanitario (O.S.S.) ELEMENTI DI IGIENE. Profilo professionale e competenze dell O.S.S.

Corso di Qualifica Professionale Operatore Socio-Sanitario (O.S.S.) ELEMENTI DI IGIENE. Profilo professionale e competenze dell O.S.S. Corso di Qualifica Professionale Operatore Socio-Sanitario (O.S.S.) ELEMENTI DI IGIENE Profilo professionale e competenze dell O.S.S. Dr. Mario Esposito Tecnico della Prevenzione Azienda Sanitaria Locale

Dettagli

CRITERI PER LA SELEZIONE AL CORSO DI Operatore Socio Sanitario di cui all avviso 12/2009

CRITERI PER LA SELEZIONE AL CORSO DI Operatore Socio Sanitario di cui all avviso 12/2009 CRITERI PER LA SELEZIONE AL CORSO DI Operatore Socio Sanitario di cui all avviso 12/2009 Possono iscriversi al corso operatori già in servizio presso le strutture sanitarie ospedaliere private (nonché

Dettagli

Il corso per Operatore Socio-Sanitario Sanitario (OSS) LA VALUTAZIONE FINALE DEGLI STUDENTI

Il corso per Operatore Socio-Sanitario Sanitario (OSS) LA VALUTAZIONE FINALE DEGLI STUDENTI Il corso per Operatore Socio-Sanitario Sanitario (OSS) LA VALUTAZIONE FINALE DEGLI STUDENTI Conoscere Le funzioni attribuite agli esperti quali componenti della Commissione per la valutazione finale del

Dettagli

LEGGE REGIONALE 16 agosto 2001, n. 20 La figura professionale dell operatore socio-sanitario. e socio-sanitario, residenziali e semiresidenziali.

LEGGE REGIONALE 16 agosto 2001, n. 20 La figura professionale dell operatore socio-sanitario. e socio-sanitario, residenziali e semiresidenziali. BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE DEL VENETO - 21-8-2001 - N. 75 7 LEGGE REGIONALE 16 agosto 2001, n. 20 La figura professionale dell operatore socio-sanitario. Il Consiglio regionale ha approvato Il

Dettagli

- Visto l'art. 42, comma 2, lett. c) della L.R. del 12/05/2004, n.7 "Statuto della Regione Puglia".

- Visto l'art. 42, comma 2, lett. c) della L.R. del 12/05/2004, n.7 Statuto della Regione Puglia. REGOLAMENTO REGIONALE 29 marzo 2005, n. 14 "Figura professionale Operatore Socio-sanitario". IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE - Visto l'art. 121 della Costituzione, così come modificato dalla legge

Dettagli

OSS E OSS COMPLEMENTARE: Analisi dell'evoluzione del profilo professionale delle figure di supporto

OSS E OSS COMPLEMENTARE: Analisi dell'evoluzione del profilo professionale delle figure di supporto OSS E OSS COMPLEMENTARE: Analisi dell'evoluzione del profilo professionale delle figure di supporto Tiziana De Donno TORINO 12 febbraio 2010 Tiziana De Donno Cisl 1 Nascita dell OSS: perché? Tiziana De

Dettagli

Art. 4 Modifica dell articolo 8 della legge regionale 16 agosto 2001, n. 20

Art. 4 Modifica dell articolo 8 della legge regionale 16 agosto 2001, n. 20 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE DEL VENETO - 13-8-2002 - N. 78 21 LEGGE REGIONALE 9 agosto 2002, n. 17 Modifiche alla legge regionale La figura professionale dell operatore socio-sanitario. Il Consiglio

Dettagli

EvOLuzIONE STORIcO-NORmATIvA DELLA figura PROfESSIONALE DELL OPERATORE SOcIO-SANITARIO Sommario: 1. PREmESSA operatore socio-sanitario sintesi

EvOLuzIONE STORIcO-NORmATIvA DELLA figura PROfESSIONALE DELL OPERATORE SOcIO-SANITARIO Sommario: 1. PREmESSA operatore socio-sanitario sintesi Capitolo Primo Evoluzione storico-normativa della figura professionale dell operatore socio-sanitario Sommario: 1. Premessa. - 2. L ausiliario socio-sanitario specializzato e l operatore tecnico addetto

Dettagli

a cura di FP CGIL Veneto

a cura di FP CGIL Veneto a cura di FP CGIL Veneto Perché nasce l Operatore Socio Sanitario La nascita del profilo professionale dell Operatore Socio Sanitario dobbiamo pensarla come un esigenza dei nostri tempi; è l espressione

Dettagli

C.I.F.I.R. SACRO COSTATO Via Anfiteatro n 5-74100 - TARANTO

C.I.F.I.R. SACRO COSTATO Via Anfiteatro n 5-74100 - TARANTO C.I.F.I.R. SACRO COSTATO Via Anfiteatro n 5-74100 - TARANTO DOMANDA D ISCRIZIONE CORSO OPERATORE SOCIO SANITARIO Cod. Corso POR09038a188 Mis. 3.8 Formazione permanente azione a) Percorsi formativi Avviso

Dettagli

PROFILO FORMATIVO OSS (Operatore Socio Sanitario) Delibera 5101 del 18/07/2007 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività.

PROFILO FORMATIVO OSS (Operatore Socio Sanitario) Delibera 5101 del 18/07/2007 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività. PROFILO FORMATIVO OSS (Operatore Socio Sanitario) Delibera 5101 del 18/07/2007 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività. Pagina 1 PROFILO PROFESSIONALE E AMBITO DI ATTIVITÀ L Operatore Socio sanitario

Dettagli

processo di sterilizzazione, competenza infermieristica competenza OSS L interrogativo della Responsabilità

processo di sterilizzazione, competenza infermieristica competenza OSS L interrogativo della Responsabilità processo di sterilizzazione, competenza infermieristica competenza OSS L interrogativo della Responsabilità 1 Le norme che costituiscono la professione infermieristica L.42/99 delle professioni sanitarie

Dettagli

Dalla responsabilità dell infermiere alla responsabilità dell OSS:aspetti giuridici e integrazione. Dott. Antonino Zagari

Dalla responsabilità dell infermiere alla responsabilità dell OSS:aspetti giuridici e integrazione. Dott. Antonino Zagari Dalla responsabilità dell infermiere alla responsabilità dell OSS:aspetti giuridici e integrazione Dott. Antonino Zagari DA DOVE INIZIAMO? 2 3 GIOCO DI SQUADRA Il Gioco di Squadra risulta lo scopo primario

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE LOMBARDIA N. VII / 5428 DL 6 LUGLIO

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE LOMBARDIA N. VII / 5428 DL 6 LUGLIO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE LOMBARDIA N. VII / 5428 DL 6 LUGLIO 2001 Individuazione della figura e del profilo dell Operatore Socio Sanitario ( O.S.S.) RICHIAMATE le disposizioni della normativa

Dettagli

Competenze dell' O.S.S.

Competenze dell' O.S.S. Competenze dell' O.S.S. Perché nasce l O.S.S. Con la professionalizzazione ed il percorso formativo universitario c è sta la necessità di una nuova figura sanitaria di supporto all Infermiere maggiormente

Dettagli

Aspetti normativi, deontologici e di responsabilità nel nuovo paradigma della professione infermieristica: dalla teoria alla prassi

Aspetti normativi, deontologici e di responsabilità nel nuovo paradigma della professione infermieristica: dalla teoria alla prassi Aspetti normativi, deontologici e di responsabilità nel nuovo paradigma della professione infermieristica: dalla teoria alla prassi Guido, i vorrei che tu e Lapo e io : ruolo, competenze e responsabilità

Dettagli

PROFILO FORMATIVO ASA (Ausiliario Socio Assistenziale) Delibera 7693 del 24/07/2008 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività.

PROFILO FORMATIVO ASA (Ausiliario Socio Assistenziale) Delibera 7693 del 24/07/2008 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività. PROFILO FORMATIVO ASA (Ausiliario Socio Assistenziale) Delibera 7693 del 24/07/2008 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività. L Ausiliario Socio Assistenziale è un operatore di interesse socio-assistenziale

Dettagli

Allegato B DESCRIZIONE SINTETICA DEL PROFILO PROFESSIONALE

Allegato B DESCRIZIONE SINTETICA DEL PROFILO PROFESSIONALE Allegato B DESCRIZIONE SINTETICA DEL PROFILO PROFESSIONALE L Operatore socio-sanitario con formazione complementare in assistenza sanitaria, oltre a svolgere tutte le attività tipiche dell Operatore Socio

Dettagli

Corso per OPERATORE SOCIO SANITARIO (O.S.S.)" 1000 ore. Operatore Socio Sanitario 1000 ore

Corso per OPERATORE SOCIO SANITARIO (O.S.S.) 1000 ore. Operatore Socio Sanitario 1000 ore Corso per OPERATORE SOCIO SANITARIO (O.S.S.)" 1000 ore Titolo Destinatari Obiettivi e Finalità Operatore Socio Sanitario 1000 ore Il corso è rivolto a tutti gli interessati all ottenimento della qualifica

Dettagli

L Operatore Socio Sanitario. Dopo un lungo e travagliato dibattito. Perché nasce l OSS? Perché nasce l OSS?

L Operatore Socio Sanitario. Dopo un lungo e travagliato dibattito. Perché nasce l OSS? Perché nasce l OSS? posso farlo? Le competenze dell'operatore Socio Sanitario e la collaborazione con l'infermiere L Operatore Socio Sanitario IL PROFILO DELL'OSS: ANALISI DELLE COMPETENZE Dopo un lungo e travagliato dibattito

Dettagli

Corso per OPERATORE SOCIO SANITARIO (O.S.S.)" 400 ore. Operatore Socio Sanitario 400 ore

Corso per OPERATORE SOCIO SANITARIO (O.S.S.) 400 ore. Operatore Socio Sanitario 400 ore Corso per OPERATORE SOCIO SANITARIO (O.S.S.)" 400 ore Titolo Destinatari Obiettivi e Finalità Operatore Socio Sanitario 400 ore Il corso è rivolto a tutti gli interessati all ottenimento della qualifica

Dettagli

ORE TIROCINIO 450 ORE ESERCITAZIONI:

ORE TIROCINIO 450 ORE ESERCITAZIONI: ALLEGATO 1 Programma CORSO OSS 1000 ore Il programma analitico è suddiviso in moduli ed unità didattiche secondo le UC di riferimento; ore di aula complessive 450. Per i soggetti che intendono erogare

Dettagli

SERVIZIO INFERMIERISTICO E TECNICO L OPERATORE SOCIO SANITARIO VINCOLO O OPPORTUNITÁ

SERVIZIO INFERMIERISTICO E TECNICO L OPERATORE SOCIO SANITARIO VINCOLO O OPPORTUNITÁ SERVIZIO INFERMIERISTICO E TECNICO L OPERATORE SOCIO SANITARIO VINCOLO O OPPORTUNITÁ Importante non è ciò che facciamo, ma quanto amore mettiamo in ciò che facciamo; bisogna fare piccole cose con grande

Dettagli

Servizio Sanitario Nazionale Regione Veneto AZIENDA ULSS N. 6 VICENZA SOCIO SANITARIO

Servizio Sanitario Nazionale Regione Veneto AZIENDA ULSS N. 6 VICENZA SOCIO SANITARIO Servizio Sanitario Nazionale Regione Veneto AZIENDA ULSS N. 6 VICENZA L OPERATORE SOCIO SANITARIO Per informazioni : Centro formazione sanitaria Corsi per Operatori Socio - Sanitari Via San Bortolo 85

Dettagli

Allegato A.1.6 Ediz. 02 Carta dei servizi Assistenza a domicilio. MANUALE DELLA QUALITA Pagina 1 di 11

Allegato A.1.6 Ediz. 02 Carta dei servizi Assistenza a domicilio. MANUALE DELLA QUALITA Pagina 1 di 11 MANUALE DELLA QUALITA Pagina 1 di 11 C.so Laghi 34 10051 Avigliana (TO) Tel. 011.93.11.392 Fax 011.19.85.86.87 e-mail: csdacooparl@tiscalinet.it www.cooperativacsda.it ASSISSTENZA A DOMICILIO CARTA DEI

Dettagli

OPERATORE SOCIO SANITARIO DENOMINAZIONE ALTRE DENOMINAZIONI SETTORE DESCRIZIONE

OPERATORE SOCIO SANITARIO DENOMINAZIONE ALTRE DENOMINAZIONI SETTORE DESCRIZIONE OPERATORE SOCIO SANITARIO DENOMINAZIONE ALTRE DENOMINAZIONI SETTORE DESCRIZIONE BREVE DESCRIZIONE PREREQUISITI Operatore socio-sanitario Sanitario, sociale, socio-sanitario Finalità: L attività dell operatore

Dettagli

Corso di O.S.S. Operatore Socio sanitario. web: scuolasi.it INFO 800 03 51 41. Premessa:

Corso di O.S.S. Operatore Socio sanitario. web: scuolasi.it INFO 800 03 51 41. Premessa: Corso di O.S.S. Operatore Socio sanitario Premessa: Il corso di OSS - Operatore Socio sanitario -, riguarda tutti coloro che vogliono sviluppare abilità finalizzate all'assistenza socio sanitaria di persone

Dettagli

L Operatore Socio Sanitario: l inserimento dell allievo in ambito sanitario. 25 febbraio -2 marzo 2011 Progetto Formativo ECM

L Operatore Socio Sanitario: l inserimento dell allievo in ambito sanitario. 25 febbraio -2 marzo 2011 Progetto Formativo ECM L Operatore Socio Sanitario: l inserimento dell allievo in ambito sanitario 25 febbraio -2 marzo 2011 Progetto Formativo ECM LE FIGURE DI SUPPORTO Personale di supporto previsto dall attuale normativa

Dettagli

OPERATORE SOCIO SANITARIO

OPERATORE SOCIO SANITARIO DIREZIONE REGIONALE FORMAZIONE PROFESSIONALE LAVORO SETTORE STANDARD FORMATIVI QUALITÀ E ORIENTAMENTO PROFESSIONALE Allegato B) OPERATORE SOCIO SANITARIO DESCRIZIONE Modello descrittivo Profili Professionali

Dettagli

Integrazione IIPP e personale di supporto. Collegio IPASVI Como e Provincia

Integrazione IIPP e personale di supporto. Collegio IPASVI Como e Provincia Integrazione IIPP e personale di supporto Collegio IPASVI Como e Provincia 1 Agenda Le figure di supporto dell assistenza infermieristica in ambito sanitario e sociale: ricognizione storica L ASA e l Operatore

Dettagli

Corso OSS 2009/2010. Luca Cecchetto Corso OSS 2010 1

Corso OSS 2009/2010. Luca Cecchetto Corso OSS 2010 1 Corso OSS 2009/2010 Luca Cecchetto Corso OSS 2010 1 Concetto di salute "Uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale e non la semplice assenza dello stato di malattia o di infermità." (OMS,

Dettagli

P R O V I N C I A D I P O T E N Z A

P R O V I N C I A D I P O T E N Z A Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali PROVINCIA POTENZA REGIONE BASILICATA Organismo di Formazione accreditato dalla Regione Basilicata ai sensi della D.G.R 2587/2002 P R O V I N C I A D I P O

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

AREA PERSONE DIVERSAMENTE ABILI

AREA PERSONE DIVERSAMENTE ABILI IV.5. AREA PERSONE DIVERSAMENTE ABILI IV.5.1. Analisi dei problemi e definizione degli obiettivi Problemi e fabbisogni dell Ambito Costa sud 2 nell area Disabilità : Bisogno di supporto per le famiglie

Dettagli

DGR 1232 dd. 14.5.2004

DGR 1232 dd. 14.5.2004 DGR 1232 dd. 14.5.2004 VISTA la rilevazione del fabbisogno occupazionale e formativo di operatori sociali in Regione, promossa dalla Direzione Centrale della Salute e della Protezione Sociale, condotta

Dettagli

Associazione CNOS/FAP Regione Abruzzo Viale Don Bosco nr. 6 - L Aquila

Associazione CNOS/FAP Regione Abruzzo Viale Don Bosco nr. 6 - L Aquila Associazione CNOS/FAP Regione Abruzzo Viale Don Bosco nr. 6 - L Aquila AVVISO di SELEZIONE PER SOLI TITOLI PER IL CONFERIMENTO DELL INCARICO DI INSEGNAMENTO NELL AMBITO DEI CORSI PER IL CONSEGUIMENTO DELLA

Dettagli

La formazione dell Operatore Socio Sanitario (O.S.S.) Competenze professionali: l integrazione possibile

La formazione dell Operatore Socio Sanitario (O.S.S.) Competenze professionali: l integrazione possibile La formazione dell Operatore Socio Sanitario (O.S.S.) Competenze professionali: l integrazione possibile 1 Il panorama attuale Nelle strutture sanitarie esistono plurime figure professionali: Il coordinatore

Dettagli

Offerta Formativa. Corso di Formazione di OPERATORE SOCIO SANITARIO Approvato dalla Regione dell Umbria con il Piano annuale di formazione

Offerta Formativa. Corso di Formazione di OPERATORE SOCIO SANITARIO Approvato dalla Regione dell Umbria con il Piano annuale di formazione Corso di Formazione di OPERATORE SOCIO SANITARIO Approvato dalla Regione dell Umbria con il Piano annuale di formazione Offerta Formativa Presentazione La Regione Umbria provvede alla programmazione dei

Dettagli

1) Quale figura professionale si intende identificare con l acronimo

1) Quale figura professionale si intende identificare con l acronimo Questionario n. 1 L O.S.S. e l O.S.S. con formazione complementare 1) Quale figura professionale si intende identificare con l acronimo OTA? A) L operatore tecnico ausiliario B) L operatore di assistenza

Dettagli

IL FARE INCONTRA IL SAPERE

IL FARE INCONTRA IL SAPERE IL FARE INCONTRA IL SAPERE LA FORMAZIONE DELL OSS: IL RUOLO DELLA PORFESSIONE Ischia, 11 settembre 2009 fvallicella 1 Formare l operatore socio-sanitario Obiettivi, metodi e strumenti fvallicella 2 1984

Dettagli

Regolamentazione dei percorsi ASA Ausiliario Socio Assistenziale

Regolamentazione dei percorsi ASA Ausiliario Socio Assistenziale DG Istruzione Formazione e Lavoro U.O. Attuazione delle Riforme DG Famiglia e Solidarietà Sociale U.O Programmazione Regolamentazione dei percorsi ASA Ausiliario Socio Assistenziale Distribuito a: Riservato

Dettagli

DISTRETTO SOCIO-SANITARIO N. 55

DISTRETTO SOCIO-SANITARIO N. 55 ALLEGATO B latafimi Castellammare del Golfo Alcamo Calatafimi Segesta A.S.P. N. 9 DISTRETTO SOCIO-SANITARIO N. 55 COMUNE DI ALCAMO CALATAFIMI SEGESTA CASTELLAMMARE DEL GOLFO A.S.P. N. 9 DISTRETTO SANITARIO

Dettagli

QUESTIONARIO sull OPERATORE SOCIO-SANITARIO - OPERATORE

QUESTIONARIO sull OPERATORE SOCIO-SANITARIO - OPERATORE GUIDA ALLA COMPILAZIONE Il questionario è composto da 6 sezioni: 1. DATI SOCIO-ANAGRAFICI 2. PROCESSI ED ATTIVITA PRIMARI e DI SERVIZIO 3. CONOSCENZE 4. ABILITA 5. COMPORTAMENTI LAVORATIVI o COMPETENZE

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 363 del 09/09/2013

Delibera della Giunta Regionale n. 363 del 09/09/2013 n. 54 del 7 Ottobre 2013 Delibera della Giunta Regionale n. 363 del 09/09/2013 A.G.C. 17 Istr. Educ. Form. Prof. Pol. Giov.le del Forum Regionale Ormel Settore 5 Formazione professionale Oggetto dell'atto:

Dettagli

Dal sito della Provincia di Varese - Istruzione e Formazione Professionale

Dal sito della Provincia di Varese - Istruzione e Formazione Professionale Dal sito della Provincia di Varese - Istruzione e Formazione Professionale Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia 2463 Serie Ordinaria - N. 33-11 agosto 2008 [BUR20080129] [3.1.0] D.g.r. 24 luglio

Dettagli

FIGURA PROFESSIONALE DI OPERATORE SOCIO-SANITARIO

FIGURA PROFESSIONALE DI OPERATORE SOCIO-SANITARIO Allegato A alla D.G.R. 28.09.2012, nr. 621 FIGURA PROFESSIONALE DI OPERATORE SOCIO-SANITARIO ARTICOLO 1 NOZIONE 1. Il profilo professionale dell operatore socio-sanitario è stato regolamentato a livello

Dettagli

PROFESSIONI SOCIALI Profili

PROFESSIONI SOCIALI Profili Regione Campania PROFESSIONI SOCIALI Profili Dossier I N D I C E Tav. 1 Figure professionali sociali della Regione Campania Tav.2 - Discipline delle qualifiche tecniche ASSISTENTE FAMILIARE OPERATORE SOCIO-ASSISTENZIALE

Dettagli

1 UTILITA DI FIGURE PROFESSIONALI CON SPECIFICHE COMPETENZE

1 UTILITA DI FIGURE PROFESSIONALI CON SPECIFICHE COMPETENZE Proposta per una riorganizzazione delle Professioni qualificate nei servizi sanitari e sociali codice ISTAT 5.3.1.1.0 e per l introduzione di una figura professionale nell area socio sanitaria con competenze

Dettagli

AVVISO INTEGRALE DI PARTECIPAZIONE AL CORSO DI QUALIFICA PER OPERATORE SOCIO SANITARIO.

AVVISO INTEGRALE DI PARTECIPAZIONE AL CORSO DI QUALIFICA PER OPERATORE SOCIO SANITARIO. IN COLLABORAZIONE CON: SERVIZI GRUPPO SINERGIE AVVISO INTEGRALE DI PARTECIPAZIONE AL CORSO DI QUALIFICA PER OPERATORE SOCIO SANITARIO. Il corso autorizzato dalla Provincia di Ancona con DD 1273 del 13/11/2013

Dettagli

Giunta Regionale della Campania. Bollettino Ufficiale della Regione Campania n. 55 del 24 novembre 2003

Giunta Regionale della Campania. Bollettino Ufficiale della Regione Campania n. 55 del 24 novembre 2003 Giunta Regionale della Campania Bollettino Ufficiale della Regione Campania n. 55 del 24 novembre 2003 REGIONE CAMPANIA Giunta Regionale - Seduta del 8 ottobre 2003 - Deliberazione N. 2843 - Area Generale

Dettagli

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale.

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. Decreto MIUR su Riassetto delle Scuole di specializzazione di area sanitaria G.U. n. 285 del

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI CASALGRANDE PROVINCIA DI REGGIO EMILIA CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 50 del 28/06/2012 Premessa La Carta dei Servizi

Dettagli

Operatore Tecnico add. Assistenza

Operatore Tecnico add. Assistenza Operatore Tecnico add. Assistenza DPR n. 384/90 POSIZIONE FUNZIONALE IV - LIVELLO RETRIBUTIVO IV L'operatore tecnico addetto all'assistenza svolge la propria attività nei seguenti campi ed opera sotto

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Stefano Mantovani

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Stefano Mantovani RUOLO E RESPONSABILITA DEGLI INFERMIERI NELL INSERIMENTO DEGLI OPERATORI DI SUPPORTO NELLE EQUIPE ASSISTENZIALI BRESCIA 7 E 8 OTTOBRE 2013 ESPERIENZA ASCSP MAGENTA SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

Dettagli

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA PREMESSA Il presente documento è stato redatto in modo da offrire una panoramica dei principali servizi socio-sanitari e socio-assistenziali

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI ZOGNO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 TITOLO I NORME GENERALI DEL SERVIZIO Art. 1 Campo di intervento Il Comune di Zogno, nell ambito del Servizio Assistenza, eroga le prestazioni

Dettagli

AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Principi Generali Finalità del servizio Il servizio di Assistenza Domiciliare

Dettagli

Aumento dell età media Aumento popolazione con fragilità Aumento popolazione con malattie cronicodegenerative. Evoluzione scientifica e tecnologica

Aumento dell età media Aumento popolazione con fragilità Aumento popolazione con malattie cronicodegenerative. Evoluzione scientifica e tecnologica I percorsi formativi per lo sviluppo dell assistenza infermieristica territoriale Aumento dell età media Aumento popolazione con fragilità Aumento popolazione con malattie cronicodegenerative Evoluzione

Dettagli

ORIENTAMENTO AL RUOLO

ORIENTAMENTO AL RUOLO FORMAZIONE FORMAZIONE O.S.S. O.S.S. ORIENTAMENTO AL RUOLO DOCENTE: D.ssa Pulsoni A.M. Presentazioni TEST PRE-CORSO Programma 1. Elementi organizzativi del corso: ordinamento che disciplina il percorso

Dettagli

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI LA SALUTE PER TUTTI EFFICACIA Qualità dell assistenza (uso ottimale delle risorse) SERVIZI SANITARI (sistema sanitario, strutture, operatori) EQUITA Razionamento (uso appropriato delle risorse) RISORSE

Dettagli

Finalità dell iniziativa

Finalità dell iniziativa Avviso Pubblico PROV-BR 04/2012 AZIONE 3 Azioni di sostegno alla qualificazione professionale di persone diversamente abili POR Puglia 2007-2013 Asse II OCCUPABILITA Multiazione Formativa per inserimento-reinserimento

Dettagli

COMUNE DI CALANGIANUS PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO SERVIZIO SOCIALE

COMUNE DI CALANGIANUS PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO SERVIZIO SOCIALE COMUNE DI CALANGIANUS PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO SERVIZIO SOCIALE C.I.G. 6445256980 CAPITOLATO DESCRITTIVO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER PERSONE ANZIANE, PORTATORI DI HANDICAP E NON AUTOSUFFICIENTI

Dettagli

Piano di Zona 2010-2013. La formazione per i volontari La rete sociale Servizi di Assistenza Domiciliare

Piano di Zona 2010-2013. La formazione per i volontari La rete sociale Servizi di Assistenza Domiciliare Piano di Zona 2010-2013 La formazione per i volontari La rete sociale Servizi di Assistenza Domiciliare I servizi di assistenza domiciliare Servizio di assistenza domiciliare territoriale a totale carico

Dettagli

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA IL SERVIZIO ADI NEL TERRITORIO DELL ISOLA BERGAMASCA Coord. Sanitario Dott.ssa Porrati Luisa Infermiera CeAD

Dettagli

Le attività di base essenziali per ogni tipologia di struttura e l apporto delle diverse professionalità nel lavoro di equipe

Le attività di base essenziali per ogni tipologia di struttura e l apporto delle diverse professionalità nel lavoro di equipe I CONFERENZA DELLA REGIONE LAZIO SULLA SALUTE MENTALE. 3 sessione IL GOVERNO CLINICO IN SALUTE MENTALE Le attività di base essenziali per ogni tipologia di struttura e l apporto delle diverse professionalità

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI. Casa Anziani Alto Vedeggio 6805 Mezzovico Vira OPERATORE SOCIOSANITARIO (OSS) Denominazione della funzione

CAPITOLATO D ONERI. Casa Anziani Alto Vedeggio 6805 Mezzovico Vira OPERATORE SOCIOSANITARIO (OSS) Denominazione della funzione CAPITOLATO D ONERI Denominazione della funzione OPERATORE SOCIOSANITARIO (OSS) Obiettivo della funzione Si occupa in modo globale dei bisogni degli Ospiti Posizione gerarchica nell organizzazione 3.1 Superiori

Dettagli

PIANO TERRITORIALE DISTRETTO F4 PER LE ESIGENZE DEI PICCOLI COMUNI

PIANO TERRITORIALE DISTRETTO F4 PER LE ESIGENZE DEI PICCOLI COMUNI Civitella San Paolo Filacciano Magliano Romano Nazzano Ponzano Romano Torrita Tiberina PIANO TERRITORIALE DISTRETTO F4 PER LE ESIGENZE DEI PICCOLI COMUNI PROGETTO INTEGRATIVO AL PIANO DI ZONA 2011 Distretto:

Dettagli

Le figure di supporto all assistenza

Le figure di supporto all assistenza Le figure di supporto all assistenza Laurea Master Perfezionamento Laurea magistrale Dottorato Università Legislazione Aggiornamento E.C.M. Apprendimento permanente Formazione Professione infermiere Di

Dettagli

1. DISABILI E FAMIGLIA

1. DISABILI E FAMIGLIA 1. DISABILI E FAMIGLIA COSA FA IL CISS OSSOLA PER LE PERSONE CON DISABILITA E LE LORO FAMIGLIE Contribuisce a garantire condizioni di benessere relazionale, ambientale e sociale che valorizzino le risorse

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO COMUNI DI: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere

AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO COMUNI DI: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO COMUNI DI: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere Indice Art. 1 - Individuazione del servizio - Tipologia

Dettagli

Caratteristiche e obiettivi del servizio

Caratteristiche e obiettivi del servizio Allegato 2 Specifica Tecnica contenente le caratteristiche del servizio Assistenza domiciliare Disabili Sociale ed Integrata dei Comuni dell Ambito S3 ex S5 Eboli Capofila- Caratteristiche e obiettivi

Dettagli

Il Corso di Laurea in Infermieristica

Il Corso di Laurea in Infermieristica Sessione V: Il ruolo della formazione nella costruzione di una cultura geriatrica e multiprofessionale Il Corso di Laurea in Infermieristica Dott.ssa Paola Ferri Corso di Laurea in Infermieristica Università

Dettagli

COMUNE DI GENONI PROVINCIA DI ORISTANO

COMUNE DI GENONI PROVINCIA DI ORISTANO COMUNE DI GENONI PROVINCIA DI ORISTANO PROGETTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE RIVOLTO AD ANZIANI, PORTATORI DI HANDICAP E FAMIGLIE MULTI PROBLEMATICHE Il servizio di assistenza domiciliare consiste nel

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Ultima revisione: Aprile 2014 PARTE GENERALE 1. PRESENTAZIONE DELLA FONDAZIONE SCARPARI FORATTINI ONLUS L ente trae origine dalle disposizioni testamentarie

Dettagli

ASSOCIAZIONE AVVOCATURA DI DIRITTO INFERMIERISTICO

ASSOCIAZIONE AVVOCATURA DI DIRITTO INFERMIERISTICO ASSOCIAZIONE AVVOCATURA DI DIRITTO INFERMIERISTICO C.F. 97761890587 - Via Rio nell Elba, 90-00138 Roma tel./fax 06.8818274-328.8387.220 www.aadi.it - info@aadi.it 21.10.2015 Prot. US/101.15 Al Direttore

Dettagli

DISTRETTO SOCIO-SANITARIO RM G 6

DISTRETTO SOCIO-SANITARIO RM G 6 DISTRETTO SOCIO-SANITARIO RM G 6 ACCORDO DI PROGRAMMA TRA I COMUNI DI ARTENA, CARPINETO ROMANO, COLLEFERRO, GAVIGNANO, GORGA, LABICO, MONTELANICO, SEGNI, VALMONTONE, XVIII COMUNITA' MONTANA DEI MONTI LEPINI-AREA

Dettagli

MODULI SPERIMENTALI DI FORMAZIONE INTEGRATIVA POST QUALIFICA PER OPERATORI SOCIO SANITARI

MODULI SPERIMENTALI DI FORMAZIONE INTEGRATIVA POST QUALIFICA PER OPERATORI SOCIO SANITARI MODULI SPERIMENTALI DI FORMAZIONE INTEGRATIVA POST QUALIFICA PER OPERATORI SOCIO SANITARI 1 INTRODUZIONE I moduli integrativi sperimentali, attivati ai sensi del comma 4 dell art. 8 dell Accordo stato

Dettagli

Domus Pasotelli Romani Casa di Riposo

Domus Pasotelli Romani Casa di Riposo FONDAZIONE OPERA IMMACOLATA CONCEZIONE ONLUS CARTA DEI SERVIZI CENTRO DIURNO INTEGRATO LA SPERANZA Il servizio consiste nell ospitare ed assistere 15 persone dei Comuni di Bozzolo e limitrofi, dalle 8.00

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina gli interventi relativi al Servizio di Assistenza

Dettagli

PROGETTO OLTRE LE FRONTIERE Soggiorno operativo di un educatore italiano presso l Internato di Ulukovie (Bielorussia)

PROGETTO OLTRE LE FRONTIERE Soggiorno operativo di un educatore italiano presso l Internato di Ulukovie (Bielorussia) PROGETTO OLTRE LE FRONTIERE Soggiorno operativo di un educatore italiano presso l Internato di Ulukovie (Bielorussia) BENEFICIARI E PARTI COINVOLTE Internato di Ulukovie, l Educatore Giordano Mariani,

Dettagli

HOME CARE PREMIUM 2012 LINEE GUIDA PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI INTEGRATIVE AI BENEFICIARI DEL PLUS AREA OVEST

HOME CARE PREMIUM 2012 LINEE GUIDA PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI INTEGRATIVE AI BENEFICIARI DEL PLUS AREA OVEST Comuni di: Assemini-Capoterra- Decimomannu- Decimoputzu- Domus de Maria- Elmas- Pula- Sarroch- San Sperate- Siliqua- Teulada- Uta- Vallermosa- Villaspeciosa- Villasor - Villa San Pietro- HOME CARE PREMIUM

Dettagli

Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute. Maria Grazia Proietti

Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute. Maria Grazia Proietti Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute Maria Grazia Proietti il campo di competenza dell infermiere è rappresentato dal complesso delle attività rivolte

Dettagli

COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO

COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO ********** Allegato sub A alla deliberazione C.C. n. 69 del 26 maggio 2003 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ART. 1 CARATTERISTICHE E OBIETTIVI DEL SERVIZIO

Dettagli

L evoluzione giuridica, normativa e giurisprudenziale delle reali mansioni dell infermiere:

L evoluzione giuridica, normativa e giurisprudenziale delle reali mansioni dell infermiere: L evoluzione giuridica, normativa e giurisprudenziale delle reali mansioni dell infermiere: COSA DEVE E COSA NON DEVE FARE! L INFERMIERE L infermiere generico Molti pensano che solo con il D.P.R. 14.03.1974

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DEL COMUNE DI BIBBIANO

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DEL COMUNE DI BIBBIANO CARTA DEI SERVIZI: SCHEDA INFORMATIVA DEL SERVIZIO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DEL COMUNE DI BIBBIANO Pagina 1 di 10 Rev.0- maggio 2014 Il servizio di assistenza domiciliare del Comune di BIBBIANO

Dettagli

Operatore Socio Sanitario (OSS)

Operatore Socio Sanitario (OSS) Allegato D - CONDIZIONI GENERALI PER LA PARTECIPAZIONE Corsi di riqualificazione a numero chiuso in Agrigento per Operatore Socio Sanitario (OSS) 1. Organizzazione A.G.O. Società Cooperativa Sociale, nella

Dettagli