Operatore sociosanitario Operatrice sociosanitaria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Operatore sociosanitario Operatrice sociosanitaria"

Transcript

1 UOSP Ufficio dell Orientamento Scolastico e Professionale Operatore sociosanitario Operatrice sociosanitaria L attività degli operatori sociosanitari e delle operatrici sociosanitarie (OSS) ha come obiettivo principale il miglioramento del benessere e dello stato di salute dei pazienti o degli utenti, attraverso una serie di atti effettuati quotidianamente.

2 Realizzazione e redazione Ingrid Rollier Centre de production documentaire sur les études et les professions (CIIP), Neuchâtel. CIIP, maggio 2005 Per la versione in lingua italiana Ufficio dell orientamento scolastico e professionale (UOSP), febbraio 2006 Traduzione e adattamenti per la lingua italiana Lorenza Hofmann Realizzazione editoriale Beatrice Tognola Giudicetti, Servizio documentazione UOSP (UOSP) Bellinzona. Fotografie Thierry Parel e ALVAD, Locarno Grafica the red box, Lugano Stampa Industria grafica Gaggini & Bizzozero, Muzzano Edizione e diffusione Segretariato romando ASOSP Losanna Realizzato grazie al contributo della Confederazione (UFFT). Gli OSS fanno parte di una équipe pluridisciplinare e in collaborazione con altri professionisti del settore sanitario, si occupano di persone di ogni età, le sostengono nelle attività della vita quotidiana, le aiutano per l alimentazione, l igiene, l abbigliamento, il riordino e la pulizia delle loro cose. L attenzione dedicata alla persona e la relazione di fiducia gesti meno visibili sono altrettanto importanti nella relazione di cura. Sotto la responsabilità di un infermiere o di un infermiera svolgono prestazioni legate ad alcuni atti medico-tecnici e partecipano al programma di cura e alla gestione delle cartelle dei pazienti. Gli OSS lavorano negli ospedali, nelle case per anziani, negli istituti di riabilitazione e nei servizi di assistenza e cura a domicilio. Attualmente gran parte delle persone formate in questa professione è impiegata negli istituti per anziani, dove il bisogno di cure è più importante. Il campo di attività degli OSS dipende dall organizzazione dell istituto o del servizio e varia in funzione della ripartizione dei compiti tra infermieri, operatori e assistenti di cura. La formazione di operatore sociosanitario o di operatrice sociosanitaria può essere intrapresa dopo la scuola obbligatoria e sfocia in un attestato federale di capacità (AFC). Alterna corsi e stage, sviluppa le capacità di osservazione e di comunicazione, insegna gli atti medicotecnici e apporta le competenze necessarie per prestare cure adeguate ai bisogni dei pazienti tenendo conto del loro contesto abitativo. Le competenze acquisite durante la formazione di base consentono di essere operativi e di accedere ad una formazione superiore in ambito sanitario.

3 Le OSS fanno parte di una équipe pluridisciplinare; ogni professionista è al corrente degli interventi. La trasmissione affidabile delle informazioni è essenziale per il buon andamento delle cure. L OSS prepara il carrello con il materiale necessario per le cure: compresse, bende, pinze, disinfettante, ecc.. È pure suo compito ordinare e rifornire l armadio del materiale sanitario. Disinfettando una piaga o rinnovando una medicazione, Fatima verifica che non vi siano infezioni. In questa professione non bisogna essere sensibili al sangue né temere il contatto con persone malate Attraverso gesti abituali, instaura una relazione privilegiata con la paziente. L OSS si preoccupa del benessere degli ospiti e di assicurare un livello di igiene irreprensibile, rifà regolarmente i letti, cambia la biancheria da letto. A dipendenza dal luogo di lavoro, partecipa anche al trattamento della biancheria. La preparazione dei medicamenti è un momento importante della giornata, richiede meticolosità e attenzione. Ogni paziente ha un suo recipiente, il contenuto e la quantità devono corrispondere alle prescrizioni mediche. Il polso, la temperatura, la pressione arteriosa sono controlli regolari, atti precisi, ripetuti quotidianamente, che permettono di osservare l evoluzione dello stato di salute. Tra una prestazione e l altra, l operatrice sociosanitaria registra nel dossier del paziente tutte le cure prodigate e gli ultimi elementi osservati: i parametri vitali, lo stato cutaneo, la posizione, i dolori o eventuali lamentele, ecc.

4 Partecipare alla guarigione Grazie alla formazione di operatrice sociosanitaria, Fatima Caetano, già assistente di cura, ha potuto estendere le sue conoscenze e il suo campo di attività. Lavora in un reparto di chirurgia ortopedica, nel quale gli atti medico-tecnici sono preponderanti. La maggioranza dei pazienti, ospiti di questo reparto, sono stati ospedalizzati a seguito di un infortunio. Hanno subito un intervento chirurgico e si trovano momentaneamente limitati nella loro mobilità. Ogni giorno, Fatima Caetano si occupa di due o tre persone il cui stato di salute è piuttosto stabile. Controllo e cure tecniche L operatrice sociosanitaria segue le indicazioni annotate sulla cartella delle cure: Talune verifiche sono fatte regolarmente: pressione arteriosa, temperatura e, in caso di diabete, controllo del tasso di glicemia tramite prelievo di una goccia di sangue dal dito. Osservo l evoluzione generale, presto attenzione ad eventuali segnali, ascolto il paziente se accusa dolori. I medicamenti riescono a lenire i dolori? Il paziente soffre di nausea? La pressione arteriosa aumenta in modo anormale? Annoto queste mie osservazioni e se insorge un altro problema informo la responsabile. Un infermiera è sempre presente nel reparto e in ogni momento posso chiederle consiglio. All inizio, l infermiera seguiva il mio operato. Ora, cambio le medicazioni da sola. Fatima Caetano se ne rallegra. Mi piace partecipare alle cure medico-tecniche. Effettuo prelievi di sangue e iniezioni sottocutanee, intradermiche e endovenose. Mobilità e cure di base Nella chirurgia ortopedica, le prescrizioni mediche riguardano soprattutto la mobilità. Il modo di far alzare il paziente o la sua posizione a letto seguono direttive specifiche. Le persone operate all anca o alla spalla dispongono di cuscini particolari per evitare movimenti falsi; ad altri pazienti viene tenuto sollevato il piumino per sgravare il corpo da qualsiasi peso; altri ancora devono restare completamente sdraiati senza cambiare posizione. Il compito di Fatima Caetano è quello di verificare che tutto corrisponda alle indicazioni mediche o infermieristiche, di preoccuparsi del benessere dei pazienti e dar loro sollievo rinfrescandoli e frizionandoli. Le cure di base scandiscono la giornata: lavare i pazienti immobilizzati, cambiare i letti, distribuire i pasti, rifornire gli armadi di materiale sanitario, tutte attività che gli operatori sociosanitari condividono con gli assistenti di cura. I pazienti restano nel reparto in media 5-6 giorni. Mi piace cambiare ed essere a contatto con pazienti nuovi. Li assisto in un momento delicato, proprio quando un certo episodio tocca la loro salute; il loro stato evolve velocemente fino a fare a meno delle nostre cure. Apprezzo particolarmente di accompagnare persone che stanno meglio di giorno in giorno e che possono rapidamente lasciare il reparto di cure acute - conclude Fatima Caetano - ho l impressione di contribuire alla loro guarigione. Accompagnare le persone anziane Operatore sociosanitario in una casa per anziani, Gregory Reuse gode di grande autonomia. Generalmente può prodigare le cure da solo in quanto poco tecniche. Questa struttura per persone anziane accoglie una ventina di pazienti lungodegenti. L atmosfera è familiare. Conosco tutti molto bene - dice Gregory Reuse - il carattere di ognuno, che cosa piace o non piace loro, la storia della loro vita. Incontro anche i loro figli e nipoti. Conquistarsi la loro fiducia Per dare un sostegno benefico ad ogni anziano, è importante stabilire prima di tutto un buon contatto e creare un rapporto di fiducia: Cerco di adattarmi alla persona e di offrirle quanto ha bisogno, rispettando le sue particolarità e abitudini. Ascolto, sviluppo una certa empatia, pur mantenendo una percezione oggettiva della situazione. Confrontarsi con comportamenti problematici o incostanti non è facile; con l esperienza si impara e le conoscenze professionali sono un buon supporto. Per esempio, accogliendo un nuovo ospite, so che cosa prova psichicamente una persona che entra in un istituto di lungodegenza. È normale avere un po di apprensione nel lavare un paziente o nel contatto con una persona malata, ma poi si prende l abitudine. Sono atti a cui siamo abituati. Ciò che conta, è lo scambio che accompagna queste cure: lo scopo è prima di tutto di fare del bene, di accrescere il benessere. Gregory Reuse si occupa soprattutto di anziani abbastanza autonomi. Li assiste mentre si lavano, per esempio pulendo loro la schiena. Partecipa meno alle cure d igiene, effettuate essenzialmente dal personale ausiliario, per consacrare più tempo alle attività amministrative, per esempio l aggiornamento delle cartelle sanitarie e la registrazione di dati sullo stato di salute degli ospiti. Autonomia e collaborazione Al momento di una nuova ammissione, Gregory Reuse prepara una cartella sulla quale iscrive i trattamenti che riceve la persona, le sue preferenze alimentari e altri bisogni o abitudini. In certi casi, contatta il medico e la famiglia, effettua le comande in farmacia. Il mattino prepara i medicamenti per ogni anziano. Ogni giorno, durante la riunione d équipe, il personale curante scambia osservazioni e commenti. Quando si riunisce il gruppo allargato all animatrice e al cuoco, è l occasione per organizzare attività o per discutere di questo o quel menu. Gregory Reuse controlla lo stato di salute degli ospiti passando regolarmente da loro. Si assicura che tutto vada bene, annota se il paziente accusa dolori o se manifesta un comportamento inconsueto. L infermiera non è necessariamente presente, ma è sempre raggiungibile. Durante i picchetti sono solo e devo reagire immediatamente se il paziente cade o se avverte improvvisamente un dolore. Occorre essere in grado di riconoscere una situazione d urgenza e sapere quando è necessario chiamare l infermiera o il medico. Sostenere a domicilio Molte persone anziane o invalide desiderano restare a casa propria. Lo possono fare grazie al sostegno degli operatori sociosanitari dei Servizi di assistenza e cura a domicilio. Federica Badinotti è al 2 anno di tirocinio presso il Servizio di assistenza e cura a domicilio del Locarnese, segue la formazione teorica alla Scuola cantonale per operatori sociali e i corsi interaziendali al centro di formazione di Formas (Associazione per la formazione nelle strutture sanitarie e negli istituti sociali del canton Ticino). Federica frequenta dapprima il liceo, poi ci ripensa. Un colloquio di orientamento le permette di focalizzare il suo interesse sulle professioni sanitarie. Fa uno stage in ospedale per testare questa sua inclinazione e decide per il tirocinio di operatrice sociosanitaria. Sono interessata ad imparare le tecniche di cura ma soprattutto mi piace l aspetto umano di questo lavoro: comunicare con persone bisognose di sostegno, conoscere diversi vissuti, diverse realtà. Adattarsi all utente Scuola e pratica sono molte impegnative. Federica, dopo un anno di apprendistato in una casa per anziani, passa al Servizio di assistenza e cura a domicilio. Una realtà diversa: incontra l utente nella sua casa, si confronta con la sua cultura, le sue abitudini, i suoi familiari. La pratica a domicilio dell utente richiede molta capacità di adattamento: sei tu operatrice a doverti adattare all utente e al suo ambiente di vita, ad essere attenta a non invadere la sua privacy. Federica, essendo tirocinante, presta servizio al fianco di un aiuto familiare o di un infermiera. In una mattinata ci rechiamo da 4-5 utenti, prevalentemente per le cure igieniche. Sono soprattutto persone anziane o invalide, hanno la fortuna di avere ancora buone capacità cognitive e di essere abbastanza autosufficienti. Ma hanno bisogno di essere sostenute, nella cura della casa, nelle cure personali oppure necessitano di regolari prestazioni infermieristiche. Ogni intervento dura circa 45 minuti, poi l operatrice si sposta secondo un preciso programma di lavoro assegnato dalla capo-équipe del Servizio. Una relazione gratificante Gli OSS dei servizi di assistenza e cura a domicilio svolgono un lavoro molto individuale e autonomo. A volte, sono le uniche persone che visitano l utente durante la giornata o la settimana. L operatrice a domicilio è sola con l utente. Oltre ad assicurare la prestazione richiesta deve saper valutare ogni giorno la situazione, riconoscere sintomi o situazioni che richiedono l intervento medico o di altri servizi specialistici. C è molta osservazione nel nostro lavoro. Il contatto umano appassiona Federica. L intervento a domicilio permette un maggior contatto con le persone e quindi di costruire relazioni straordinarie. Gli utenti, soprattutto quando sono soli, si sentono davvero sostenuti. Diventi un punto di riferimento. Al termine di ogni intervento a domicilio, Federica si sente gratificata.

5 Formazione Scuola a tempo pieno: 4 anni Frequenza della Scuola specializzata per le professioni sanitarie e sociali (SSPSS) a Trevano-Canobbio. La formazione è offerta solo con maturità professionale federale sanitaria e sociale integrata, le condizioni di ammissione alla scuola sono quindi quelle richieste per l accesso alla maturità professionale. Partecipazione obbligatoria ad un incontro informativo e ad un colloquio individuale; certificato medico di idoneità. Posti limitati; eventuale accesso secondo graduatoria. Modalità: 1 anno: corsi teorici (materie di maturità professionale sanitaria e sociale, conoscenze professionali, ginnastica e sport) e stage di osservazione di una settimana in un istituto di cura. 2 anno: corsi teorici, 2 mesi di stage, uno nell economia domestica, l altro nel settore amministrativo e logistica. 3 e 4 anno: corsi teorici e stage di 5 mesi ogni anno nell assistenza sanitaria in case per anziani, ospedali e servizi di assistenza e cura a domicilio (rientro a scuola 1 giorno alla settimana). Corsi interaziendali: 45 giorni suddivisi su 4 anni. Tirocinio: 3 anni Tirocinio in un istituzione sociosanitaria riconosciuta (inclusi i servizi di assistenza e cura a domicilio); frequenza dei corsi teorici alla Scuola cantonale degli operatori sociali (SCOS) a Mendrisio e frequenza dei corsi interaziendali organizzati dall Associazione professionale (Formas) a Giubiasco. La formazione è diretta a candidati adulti (età minima 18 anni compiuti entro l anno). Titolo di studio: attestato federale di capacità di Operatore sociosanitario / Operatrice sociosanitaria (al termine del primo anno, solo per chi ha assolto il tirocinio, possibilità di sostenere un esame per ottenere l'equivalenza al titolo di assistente di cura). Gli allievi della SSPSS conseguono anche l'attestato federale di maturità professionale sanitaria e sociale Continuare la formazione Gli OSS hanno la possibilità di proseguire la formazione in una scuola specializzata superiore (SSS) in cure infermieristiche o medico-tecnica o, con la maturità professionale, in una scuola universitaria professionale (SUP) di indirizzo sanitario o sociale o accedere all anno passerella per l ammissione all Università o all Alta scuola pedagogica.

6 Attitudini richieste Interesse per gli altri. Gli altri e i loro problemi sono al centro delle preoccupazioni. Bisogna sapere come instaurare un dialogo e come infondere fiducia. Capacità di ascolto e di osservazione. Per individuare eventuali problemi o riconoscere situazioni che richiedono l intervento infermieristico o medico. Attitudine a collaborare in seno all équipe. Per contribuire allo scambio di informazione. Sicurezza negli atti. Atti precisi e modi sicuri creano fiducia in chi riceve le cure. Buona organizzazione. Per condividere equamente il tempo disponibile tra i pazienti. Buona salute fisica e psichica, resistenza allo stress. Accompagnando persone molto malate o in fin di vita, gli OSS incontrano situazioni difficili. Sapete che La formazione di OSS è accessibile già dopo la scuola media, frequentando a tempo pieno la Scuola specializzata per le professioni sanitarie e sociali (SSPSS), oppure dopo i 18 anni, intraprendendo un tirocinio in un istituzione socio-sanitaria e seguendo parallelamente i corsi alla Scuola cantonale degli operatori sociali (SCOS). Finora per imparare una professione sanitaria occorreva avere 18 anni compiuti. Confrontarsi con situazioni difficili malattia, sofferenza o fase terminale della vita o semplicemente occuparsi delle cure personali di una persona anziana può turbare. Se da un lato non è più necessario avere raggiunto l età adulta per cominciare questa formazione, dall altro lato occorre dar prova di una certa maturità personale. Gli atti medico-tecnici non possono essere dissociati dal contesto relazionale. La medesima cura con la stessa persona non avviene tutte le volte in modo identico. Occorre tenere conto della situazione del momento, dello stato della persona, di bisogni e inquietudini che possono variare da un giorno all altro. Il lavoro ha generalmente orari irregolari, turni serali e eventualmente picchetti notturni o festivi. Vi sono molte opportunità di impiego a tempo parziale, come in altre professioni sociosanitarie. La salute pubblica comprende tutto quanto concorre al mantenimento e al miglioramento della salute della popolazione: prevenzione, cure a domicilio, cure in ambito scolastico e prescolastico. L approccio di salute pubblica implica che il beneficiario delle cure non le subisca passivamente ma vi partecipi attivamente per migliorare la sua salute e il suo benessere. L ordinanza di formazione degli OSS è entrata in vigore nel È la prima formazione sociosanitaria regolamentata dalla Confederazione. Indirizzi utili Ufficio dell orientamento scolastico e professionale Stabile Torretta 6500 Bellinzona tel fax Scuola specializzata per le professioni sanitarie e sociali (SSPSS) Via Trevano Canobbio tel fax: Inoltre, consultare: il sito dell orientamento scolastico e professionale svizzero. Borsa dei posti di tirocinio, descrizione delle professioni e delle formazioni. borsa delle offerte di perfezionamento e di formazione continua in Svizzera. sito sulla maturità professionale curato dalla Divisione della formazione professionale. Scuola cantonale degli operatori sociali (SCOS) Via A. Maspoli 6850 Mendrisio tel fax

7 L ospite al centro del lavoro Paola Quarenghi, è formatrice di operatori sociosanitari. In qualità di responsabile delle cure presso la Casa per anziani Paganini Rè a Bellinzona segue le persone in formazione nell istituto. Gli OSS in formazione si confrontano con la pratica. Gli adulti in apprendistato presso un istituto sociosanitario sono subito a contatto con l ospite o il paziente. I giovani allievi della scuola a tempo pieno si avvicinano alla pratica professionale progressivamente, svolgendo stage presso strutture sociosanitarie. Qual è il primo impatto con la realtà dell istituto? Accogliamo la persona in formazione spiega Paola Quarenghi - visitiamo insieme la struttura e il reparto dove sarà operativa, le presentiamo i membri dell équipe, la informiamo sulle regole dell istituto, sulla filosofia delle cure. Poi, inizia la pratica, il contatto fisico e umano con persone anziane, uomini e donne, con polipatologie, a volte debilitate, in perdita di autonomia e bisognose di assistenza. Rispetto dei ruoli in équipe Gli allievi in formazione sono costantemente seguiti da un/a infermiere/a di referenza e sostenuti dai membri dell équipe. Paola Quarenghi supervisiona l evoluzione dell apprendimento della pratica, approfondisce aspetti di etica professionale, si occupa dell insegnamento clinico. E non manca mai di insistere sul rispetto dei ruoli all interno dell équipe e sulla centralità dell ospite nell attività di cura. L ospite è al centro dell attenzione, rispettiamo i suoi bisogni, i suoi ritmi, manteniamo l autonomia di cui dispone e, nella misura del possibile, ci occupiamo dei suoi desideri. L équipe - quindi anche l OSS - lavora con questi obiettivi. Ogni istituto ha una sua filosofia delle cure, ovvero stabilisce come va considerato l ospite e come si comporta il personale sanitario. Questa filosofia viene trasmessa durante la formazione attraverso l équipe.... e della dignità degli ospiti Chi sceglie di lavorare nel settore sociosanitario è tenuto al segreto professionale, a un comportamento rispettoso dei valori etici e della dignità delle persone in cura. Anche questo lo si impara a scuola e nella pratica. Ogni persona in formazione ha pure accesso ai documenti relativi agli ospiti, partecipa allo scambio di informazioni all interno dell équipe. Diventa un collega di lavoro a tutti gli effetti, precisa Paola Quarenghi. Il tempo della formazione consente anche di costruire quel rapporto di fiducia essenziale con gli ospiti e con i familiari che fa la qualità dell accoglienza in istituto. La fiducia si costruisce con lo stare assieme, occupandosi giorno per giorno dell ospite, adattandosi al suo comportamento, alle sue esigenze ed abitudini. Il percorso di formazione non è solo acquisizione di competenze tecniche. Per Paola Quarenghi la sfida di ogni formatore è di riuscire a motivare le persone in formazione per avere domani personale qualificato attento ai bisogni e alla dignità degli ospiti.

8 Impegno e motivazione Diventare operatrice sociosanitaria con una solida formazione scolastica per avere un futuro nel settore sanitario: è il progetto di Rossella Mancuso, allieva della Scuola specializzata per le professioni sanitarie e sociali. Rossella, 17 anni, frequenta il 3 anno di formazione quale operatrice sociosanitaria. Ha scelto questa scuola perché vuole prepararsi a un futuro professionale nel settore infermieristico. Infatti, dopo il diploma con maturità professionale sanitaria e sociale, Rossella sa già di voler continuare la formazione per diventare infermiera. Incontriamo Rossella durante uno stage nell ambito delle cure alla casa per anziani Aranda a Giubiasco. Una giornata tipo La sua giornata è cominciata alle ore 7 in punto con la riunione d équipe e il passaggio di informazioni. Rossella ci descrive la giornata tipo di una stagiaire OSS, a contatto con gli anziani. Sveglio l ospite, lo assisto nelle cure personali, lo aiuto a vestirsi, lo accompagno a fare colazione. E importante comunicare con la persona: le spiego che cosa le faccio oppure parlo d altro, se alla persona fa piacere, della sua vita passata. Molti anziani amano ricordare... Dopo colazione, gli ospiti desiderano tornare nelle loro camere oppure recarsi negli spazi comuni, oppure sono attesi per fisioterapia o ergoterapia e quindi li accompagno. Sono pure coinvolta nella preparazione e nella distribuzione dei medicamenti. All ora di pranzo, assisto ospiti che non sono più in grado di mangiare da soli. E la giornata continua, con varie mansioni e scadenze: la merenda, la cena, la preparazione per la notte... E mio compito anche annotare le osservazioni sulla cartella infermieristica di ogni ospite di cui mi sono occupata, con precisione e chiarezza. Rossella ha a cuore i valori della professione: Ogni nostra azione deve rispettare l essere umano, la sua dignità e la sua vita passata. Una formazione impegnativa Rossella è una delle prime allieve che in Ticino ha intrapreso la formazione dopo la scuola media. La scuola è molto impegnativa. La materia non è difficile, ma i tempi per imparare sono molto condensati, tante cose in poco tempo. La frequenza dei corsi va abbinata con lo studio personale. Poi, appunto, abbiamo i periodi di stage e le verifiche semestrali. Rossella si sente giustamente protagonista nel percorso di formazione. Siamo i primi allievi quali OSS, questa formazione è decollata con noi, ma non mi sento una cavia: posso partecipare, dire la mia opinione, contribuire a migliorare o a cambiare. Rossella non nasconde che all inizio ha temuto di non farcela, soprattutto nella pratica. Mi sono sempre sentita sostenuta sia dalla responsabile della formazione sia dall équipe dove sono stata accolta per gli stages. Grazie a loro ho superato gli ostacoli. Tocca però a me acquisire con serietà competenze teoriche, pratiche e relazionali: sto costruendo il mio futuro professionale! Prospettive Mercato del lavoro e sbocchi professionali Gli OSS possono contare su svariati sbocchi professionali nel campo sociosanitario, dai bambini agli anziani, dalla pediatria alla geriatria. Lavorano in ospedali regionali o universitari, in case per anziani, in cliniche, in istituti di riabilitazione, nei servizi di assistenza e cura a domicilio o, in casi particolari, in istituti per disabili o per bambini che richiedono principalmente un assistenza sanitaria. I bisogni della popolazione per cura e assistenza continuano a crescere, servizi e istituti mancano di personale qualificato. Le offerte di lavoro sono più numerose nel settore delle cure agli anziani; parte degli operatori sociosanitari qualificati trova impiego nelle case per anziani, altri sono impiegati nei settori di cure acute come ospedali e cliniche, altri ancora nei servizi di assistenza e cura a domicilio (in questo ambito viene solitamente richiesto o consigliato un esperienza pratica nel settore). Negli istituti operano gomito a gomito professionisti di diverso livello di formazione; gli operatori sociosanitari sono integrati in una équipe pluridisciplinare. Nella realtà delle cure, i ruoli non sono strettamente delimitati; taluni atti sono effettuati indifferentemente dagli uni o dagli altri. Fatima Caetano lo descrive bene: Quando sono presenti gli assistenti di cura, sono più coinvolta nelle cure tecniche. Quando non ci sono, devo occuparmi di più delle cure di base. Anche l infermiera contribuisce alle cure di base, ci aiuta a rifare i letti o a servire i pasti. A dipendenza del personale presente e dei bisogni dell istituto, l organizzazione del servizio determina chi fa che cosa e in quale momento. Globalmente, la funzione degli OSS è più estesa nelle situazioni stabili (lungodegenza), meno estesa nell ambito delle cure acute (ospedali) e varia in funzione delle caratteristiche del contesto di cura. Dobbiamo dar prova delle nostre competenze prima di vederci affidati compiti più complessi, constata l operatrice sociosanitaria. L OSS nella realtà sanitaria OSS è un nuovo profilo professionale. Ce ne parla Bruno Cariboni, vice-presidente di FORMAS, l associazione per la formazione nelle strutture sanitarie e negli istituti sociali del canton Ticino. Formas promuove la professione di OSS, collabora con le scuole e i datori di lavoro e organizza i corsi interaziendali per apprendisti. Abbiamo creato il centro di formazione interaziendale a Giubiasco - spiega Bruno Cariboni - per gli OSS e gli operatori socioassistenziali (opzione prima infanzia e handicap adulti). Due infermieridocenti coordinano il gruppo di insegnanti che si occupano dei tre campi specifici della formazione di OSS: cure, amministrazione e albergheria. Le aule sono appositamente strutturate; in particolare, un aula riproduce la realtà di una casa per anziani, un altra quella ospedaliera, un aula funge da cucina. Privilegiare le cure La formazione di OSS è il primo apprendistato introdotto nel settore sanitario, un nuovo profilo professionale che si aggiunge ad altri con competenze e percorsi formativi diversi. Nella realtà sanitaria ticinese, l OSS trova un suo collocamento nelle case per anziani, nei servizi di assistenza e cura a domicilio, negli ospedali e negli istituti di riabilitazione. Gli operatori sociosanitari, hanno compiti legati alle cure, al servizio alberghiero e amministrativo in seno ad un équipe pluridisciplinare. Già a livello di formazione, il Ticino ha scelto di privilegiare le cure. Gli OSS sono quindi preparati per prestare le cure di base e atti medico-tecnici su delega dell infermiere. Sono quindi figure di sostegno per gli infermieri, con precise competenze, consapevoli della ripartizione dei compiti e delle responsabilità all interno dell équipe. Questa ripartizione non è casuale: gli istituti osservano le direttive del medico cantonale che definiscono le particolarità delle competenze di ogni profilo professionale operativo in una casa per anziani. Formazione è anche motivazione Bruno Cariboni, con una solida esperienza infermieristica, è pure direttore della casa per anziani Aranda a Giubiasco. Quindi anche datore di lavoro di persone in formazione. L impegno di un istituto sociosanitario per la formazione è notevole. Il nostro istituto- come molti altri nel cantone - assume apprendisti OSS e offre posti di stage ai giovani OSS che frequentano la scuola a tempo pieno. Agli apprendisti affianchiamo un/a maestro/a di tirocinio (formatore), che li segue durante tutta la durata della formazione, e assicuriamo loro anche l insegnamento clinico. Per gli stagiaires, l impegno dell istituto è complementare a quello della scuola: i giovani allievi sono seguiti da una persona di riferimento appartenente all équipe; la formazione e l insegnamento clinico resta compito della scuola. Durante il tirocinio o lo stage, si impara a relazionare con l ospite e ad agire nel rispetto della dignità dell essere umano, si acquisiscono competenze pratiche e la consapevolezza del ruolo, ma anche dei limiti, di OSS. L esperienza in istituto è una sorta di test anche per la motivazione personale a svolgere in futuro una professione ad alto contenuto umano.

Le professioni nello studio medico dentistico

Le professioni nello studio medico dentistico Le professioni nello studio medico dentistico L assistente dentale AFC L assistente di profilassi La segretaria odontoiatrica L igienista dentale SSS L assistente dentale AFC Requisiti Buona formazione

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

ICEC CPP Corsi di Perfezionamento Professionale. Corsi di Perfezionamento Professionale

ICEC CPP Corsi di Perfezionamento Professionale. Corsi di Perfezionamento Professionale Corsi di Perfezionamento Professionale I Corsi di Perfezionamento Professionale costituiscono una struttura creata per fornire determinati servizi centrali all ICEC (Istituto cantonale di economia e commercio)

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 5.2.4 DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI Bellinzona, gennaio 2009 CIRCOLARE N. 4/2008 Abroga la circolare n. 4/2007 del gennaio 2008 DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 2. Scuole

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

4.06 Stato al 1 gennaio 2013

4.06 Stato al 1 gennaio 2013 4.06 Stato al 1 gennaio 2013 Procedura nell AI Comunicazione 1 Le persone che chiedono l intervento dell AI nell ambito del rilevamento tempestivo possono inoltrare una comunicazione all ufficio AI del

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura L ECC la sua sperimentazione in Italia Evert-Jan Hoogerwerf (AIAS Bologna onlus) Referente dell ECC per Italia Membro del CD dell ECC Creare una base comune per il lavoro di cura Piano di lavoro 1. Comprensione

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose. RESIDENZA LE ROSE DATI ANAGRAFICI STRUTTURA SCHEDA SERVIZIO Residenza LE ROSE DENOMINAZIONE Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD INDIRIZZO CAP CITTÀ PROVINCIA 0429 644544 TELEFONO info@residenzalerose.net

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

Documentazione per la formazione

Documentazione per la formazione La mia formazione professionale di base come assistente di farmacia Documentazione per la formazione Versione luglio 2007 Nome/cognome Farmacia Inizio della formazione professionale Fine della formazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 Università Politecnica delle Marche Corso di Laurea in Infermieristica Ancona CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 U.O. : BLOCCO OPERATORIO I.N.R.C.A. Studente Guida di Tirocinio:

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI DESTINATARI: INFERMIERE, INFERMIERE PEDIATRICO INIZIO: 01/01/2012 FINE: 31/12/2012 COSTO: 84,70 (IVA INCLUSA) OBIETTIVI

Dettagli

Ordinanza del DEFR sull ottenimento retroattivo del titolo di una scuola universitaria professionale 1

Ordinanza del DEFR sull ottenimento retroattivo del titolo di una scuola universitaria professionale 1 Ordinanza del DEFR sull ottenimento retroattivo del titolo di una scuola universitaria professionale 1 414.711.5 del 4 luglio 2000 (Stato 1 gennaio 2015) Il Dipartimento federale dell'economia, della formazione

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

La sua cartella sanitaria

La sua cartella sanitaria La sua cartella sanitaria i suoi diritti All ospedale, lei decide come desidera essere informato sulla sua malattia e sulla sua cura e chi, oltre a lei, può anche essere informato Diritto di accesso ai

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE La sottoscritta Nannini Emanuela nata ad Arezzo il 20.08.1965, consapevole della decadenza dai benefici di cui all art. 75 del DPR 445/2000 e dalle norme penali

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

Percorsi per l ottenimento del livello 1 e 2 FSEA

Percorsi per l ottenimento del livello 1 e 2 FSEA certificati in studi avanzati (cas) per formatori di adulti Percorsi per l ottenimento del livello 1 e 2 FSEA IUFFP Formazione continua INTRODUZIONE L Istituto Universitario Federale per la Formazione

Dettagli

Progetto Insieme si può

Progetto Insieme si può Progetto Insieme si può Network dei servizi sociali Lavoro di cura, badanti, politiche dei servizi Milano, 17 aprile 2007 e.mail insieme.roma@libero.it Sito del progetto www.insiemesipuo.net GLI OBIETTIVI

Dettagli

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura Dip.to di Continuità Assistenziale - U.O.C. di Geriatria Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura 1^ ed. 6 maggio 2014 Centro Servizi alla Persona Fondazione Zanetti di Oppeano

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente Cari Associati, abbiamo da poco celebrato a Napoli il ventennale del Congresso Fismad, appuntamento scientifico riconosciuto

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Elenco degli Annunci Trovati

Elenco degli Annunci Trovati Elenco degli Annunci Trovati Riepilogo Limiti Impostati: Da Data Scadenza 07/08/2015 A Data Scadenza 24/08/2015 Riepilogo Filtri Impostati: Inviato al Periodico: Internet Categoria Selezionata: CERCO LAVORO

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO Che cos è la Convenzione Onu sui diritti dei bambini? La Convenzione sui diritti dei bambini è un accordo delle

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI)

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) 4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Tutte le persone che abitano o esercitano un attività lucrativa in Svizzera sono per principio

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE Numero pagine: 1 di 8 PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN Rev. Data Redatto Verificato Approvato 1 2013 GIT DP Gruppo Infermieristico Numero pagine: 2 di 8 1.COMPOSIZIONE DEL GRUPPO E METODOLOGIA DI LAVORO Le sottoscritte

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli