Operatore sociosanitario Operatrice sociosanitaria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Operatore sociosanitario Operatrice sociosanitaria"

Transcript

1 UOSP Ufficio dell Orientamento Scolastico e Professionale Operatore sociosanitario Operatrice sociosanitaria L attività degli operatori sociosanitari e delle operatrici sociosanitarie (OSS) ha come obiettivo principale il miglioramento del benessere e dello stato di salute dei pazienti o degli utenti, attraverso una serie di atti effettuati quotidianamente.

2 Realizzazione e redazione Ingrid Rollier Centre de production documentaire sur les études et les professions (CIIP), Neuchâtel. CIIP, maggio 2005 Per la versione in lingua italiana Ufficio dell orientamento scolastico e professionale (UOSP), febbraio 2006 Traduzione e adattamenti per la lingua italiana Lorenza Hofmann Realizzazione editoriale Beatrice Tognola Giudicetti, Servizio documentazione UOSP (UOSP) Bellinzona. Fotografie Thierry Parel e ALVAD, Locarno Grafica the red box, Lugano Stampa Industria grafica Gaggini & Bizzozero, Muzzano Edizione e diffusione Segretariato romando ASOSP Losanna Realizzato grazie al contributo della Confederazione (UFFT). Gli OSS fanno parte di una équipe pluridisciplinare e in collaborazione con altri professionisti del settore sanitario, si occupano di persone di ogni età, le sostengono nelle attività della vita quotidiana, le aiutano per l alimentazione, l igiene, l abbigliamento, il riordino e la pulizia delle loro cose. L attenzione dedicata alla persona e la relazione di fiducia gesti meno visibili sono altrettanto importanti nella relazione di cura. Sotto la responsabilità di un infermiere o di un infermiera svolgono prestazioni legate ad alcuni atti medico-tecnici e partecipano al programma di cura e alla gestione delle cartelle dei pazienti. Gli OSS lavorano negli ospedali, nelle case per anziani, negli istituti di riabilitazione e nei servizi di assistenza e cura a domicilio. Attualmente gran parte delle persone formate in questa professione è impiegata negli istituti per anziani, dove il bisogno di cure è più importante. Il campo di attività degli OSS dipende dall organizzazione dell istituto o del servizio e varia in funzione della ripartizione dei compiti tra infermieri, operatori e assistenti di cura. La formazione di operatore sociosanitario o di operatrice sociosanitaria può essere intrapresa dopo la scuola obbligatoria e sfocia in un attestato federale di capacità (AFC). Alterna corsi e stage, sviluppa le capacità di osservazione e di comunicazione, insegna gli atti medicotecnici e apporta le competenze necessarie per prestare cure adeguate ai bisogni dei pazienti tenendo conto del loro contesto abitativo. Le competenze acquisite durante la formazione di base consentono di essere operativi e di accedere ad una formazione superiore in ambito sanitario.

3 Le OSS fanno parte di una équipe pluridisciplinare; ogni professionista è al corrente degli interventi. La trasmissione affidabile delle informazioni è essenziale per il buon andamento delle cure. L OSS prepara il carrello con il materiale necessario per le cure: compresse, bende, pinze, disinfettante, ecc.. È pure suo compito ordinare e rifornire l armadio del materiale sanitario. Disinfettando una piaga o rinnovando una medicazione, Fatima verifica che non vi siano infezioni. In questa professione non bisogna essere sensibili al sangue né temere il contatto con persone malate Attraverso gesti abituali, instaura una relazione privilegiata con la paziente. L OSS si preoccupa del benessere degli ospiti e di assicurare un livello di igiene irreprensibile, rifà regolarmente i letti, cambia la biancheria da letto. A dipendenza dal luogo di lavoro, partecipa anche al trattamento della biancheria. La preparazione dei medicamenti è un momento importante della giornata, richiede meticolosità e attenzione. Ogni paziente ha un suo recipiente, il contenuto e la quantità devono corrispondere alle prescrizioni mediche. Il polso, la temperatura, la pressione arteriosa sono controlli regolari, atti precisi, ripetuti quotidianamente, che permettono di osservare l evoluzione dello stato di salute. Tra una prestazione e l altra, l operatrice sociosanitaria registra nel dossier del paziente tutte le cure prodigate e gli ultimi elementi osservati: i parametri vitali, lo stato cutaneo, la posizione, i dolori o eventuali lamentele, ecc.

4 Partecipare alla guarigione Grazie alla formazione di operatrice sociosanitaria, Fatima Caetano, già assistente di cura, ha potuto estendere le sue conoscenze e il suo campo di attività. Lavora in un reparto di chirurgia ortopedica, nel quale gli atti medico-tecnici sono preponderanti. La maggioranza dei pazienti, ospiti di questo reparto, sono stati ospedalizzati a seguito di un infortunio. Hanno subito un intervento chirurgico e si trovano momentaneamente limitati nella loro mobilità. Ogni giorno, Fatima Caetano si occupa di due o tre persone il cui stato di salute è piuttosto stabile. Controllo e cure tecniche L operatrice sociosanitaria segue le indicazioni annotate sulla cartella delle cure: Talune verifiche sono fatte regolarmente: pressione arteriosa, temperatura e, in caso di diabete, controllo del tasso di glicemia tramite prelievo di una goccia di sangue dal dito. Osservo l evoluzione generale, presto attenzione ad eventuali segnali, ascolto il paziente se accusa dolori. I medicamenti riescono a lenire i dolori? Il paziente soffre di nausea? La pressione arteriosa aumenta in modo anormale? Annoto queste mie osservazioni e se insorge un altro problema informo la responsabile. Un infermiera è sempre presente nel reparto e in ogni momento posso chiederle consiglio. All inizio, l infermiera seguiva il mio operato. Ora, cambio le medicazioni da sola. Fatima Caetano se ne rallegra. Mi piace partecipare alle cure medico-tecniche. Effettuo prelievi di sangue e iniezioni sottocutanee, intradermiche e endovenose. Mobilità e cure di base Nella chirurgia ortopedica, le prescrizioni mediche riguardano soprattutto la mobilità. Il modo di far alzare il paziente o la sua posizione a letto seguono direttive specifiche. Le persone operate all anca o alla spalla dispongono di cuscini particolari per evitare movimenti falsi; ad altri pazienti viene tenuto sollevato il piumino per sgravare il corpo da qualsiasi peso; altri ancora devono restare completamente sdraiati senza cambiare posizione. Il compito di Fatima Caetano è quello di verificare che tutto corrisponda alle indicazioni mediche o infermieristiche, di preoccuparsi del benessere dei pazienti e dar loro sollievo rinfrescandoli e frizionandoli. Le cure di base scandiscono la giornata: lavare i pazienti immobilizzati, cambiare i letti, distribuire i pasti, rifornire gli armadi di materiale sanitario, tutte attività che gli operatori sociosanitari condividono con gli assistenti di cura. I pazienti restano nel reparto in media 5-6 giorni. Mi piace cambiare ed essere a contatto con pazienti nuovi. Li assisto in un momento delicato, proprio quando un certo episodio tocca la loro salute; il loro stato evolve velocemente fino a fare a meno delle nostre cure. Apprezzo particolarmente di accompagnare persone che stanno meglio di giorno in giorno e che possono rapidamente lasciare il reparto di cure acute - conclude Fatima Caetano - ho l impressione di contribuire alla loro guarigione. Accompagnare le persone anziane Operatore sociosanitario in una casa per anziani, Gregory Reuse gode di grande autonomia. Generalmente può prodigare le cure da solo in quanto poco tecniche. Questa struttura per persone anziane accoglie una ventina di pazienti lungodegenti. L atmosfera è familiare. Conosco tutti molto bene - dice Gregory Reuse - il carattere di ognuno, che cosa piace o non piace loro, la storia della loro vita. Incontro anche i loro figli e nipoti. Conquistarsi la loro fiducia Per dare un sostegno benefico ad ogni anziano, è importante stabilire prima di tutto un buon contatto e creare un rapporto di fiducia: Cerco di adattarmi alla persona e di offrirle quanto ha bisogno, rispettando le sue particolarità e abitudini. Ascolto, sviluppo una certa empatia, pur mantenendo una percezione oggettiva della situazione. Confrontarsi con comportamenti problematici o incostanti non è facile; con l esperienza si impara e le conoscenze professionali sono un buon supporto. Per esempio, accogliendo un nuovo ospite, so che cosa prova psichicamente una persona che entra in un istituto di lungodegenza. È normale avere un po di apprensione nel lavare un paziente o nel contatto con una persona malata, ma poi si prende l abitudine. Sono atti a cui siamo abituati. Ciò che conta, è lo scambio che accompagna queste cure: lo scopo è prima di tutto di fare del bene, di accrescere il benessere. Gregory Reuse si occupa soprattutto di anziani abbastanza autonomi. Li assiste mentre si lavano, per esempio pulendo loro la schiena. Partecipa meno alle cure d igiene, effettuate essenzialmente dal personale ausiliario, per consacrare più tempo alle attività amministrative, per esempio l aggiornamento delle cartelle sanitarie e la registrazione di dati sullo stato di salute degli ospiti. Autonomia e collaborazione Al momento di una nuova ammissione, Gregory Reuse prepara una cartella sulla quale iscrive i trattamenti che riceve la persona, le sue preferenze alimentari e altri bisogni o abitudini. In certi casi, contatta il medico e la famiglia, effettua le comande in farmacia. Il mattino prepara i medicamenti per ogni anziano. Ogni giorno, durante la riunione d équipe, il personale curante scambia osservazioni e commenti. Quando si riunisce il gruppo allargato all animatrice e al cuoco, è l occasione per organizzare attività o per discutere di questo o quel menu. Gregory Reuse controlla lo stato di salute degli ospiti passando regolarmente da loro. Si assicura che tutto vada bene, annota se il paziente accusa dolori o se manifesta un comportamento inconsueto. L infermiera non è necessariamente presente, ma è sempre raggiungibile. Durante i picchetti sono solo e devo reagire immediatamente se il paziente cade o se avverte improvvisamente un dolore. Occorre essere in grado di riconoscere una situazione d urgenza e sapere quando è necessario chiamare l infermiera o il medico. Sostenere a domicilio Molte persone anziane o invalide desiderano restare a casa propria. Lo possono fare grazie al sostegno degli operatori sociosanitari dei Servizi di assistenza e cura a domicilio. Federica Badinotti è al 2 anno di tirocinio presso il Servizio di assistenza e cura a domicilio del Locarnese, segue la formazione teorica alla Scuola cantonale per operatori sociali e i corsi interaziendali al centro di formazione di Formas (Associazione per la formazione nelle strutture sanitarie e negli istituti sociali del canton Ticino). Federica frequenta dapprima il liceo, poi ci ripensa. Un colloquio di orientamento le permette di focalizzare il suo interesse sulle professioni sanitarie. Fa uno stage in ospedale per testare questa sua inclinazione e decide per il tirocinio di operatrice sociosanitaria. Sono interessata ad imparare le tecniche di cura ma soprattutto mi piace l aspetto umano di questo lavoro: comunicare con persone bisognose di sostegno, conoscere diversi vissuti, diverse realtà. Adattarsi all utente Scuola e pratica sono molte impegnative. Federica, dopo un anno di apprendistato in una casa per anziani, passa al Servizio di assistenza e cura a domicilio. Una realtà diversa: incontra l utente nella sua casa, si confronta con la sua cultura, le sue abitudini, i suoi familiari. La pratica a domicilio dell utente richiede molta capacità di adattamento: sei tu operatrice a doverti adattare all utente e al suo ambiente di vita, ad essere attenta a non invadere la sua privacy. Federica, essendo tirocinante, presta servizio al fianco di un aiuto familiare o di un infermiera. In una mattinata ci rechiamo da 4-5 utenti, prevalentemente per le cure igieniche. Sono soprattutto persone anziane o invalide, hanno la fortuna di avere ancora buone capacità cognitive e di essere abbastanza autosufficienti. Ma hanno bisogno di essere sostenute, nella cura della casa, nelle cure personali oppure necessitano di regolari prestazioni infermieristiche. Ogni intervento dura circa 45 minuti, poi l operatrice si sposta secondo un preciso programma di lavoro assegnato dalla capo-équipe del Servizio. Una relazione gratificante Gli OSS dei servizi di assistenza e cura a domicilio svolgono un lavoro molto individuale e autonomo. A volte, sono le uniche persone che visitano l utente durante la giornata o la settimana. L operatrice a domicilio è sola con l utente. Oltre ad assicurare la prestazione richiesta deve saper valutare ogni giorno la situazione, riconoscere sintomi o situazioni che richiedono l intervento medico o di altri servizi specialistici. C è molta osservazione nel nostro lavoro. Il contatto umano appassiona Federica. L intervento a domicilio permette un maggior contatto con le persone e quindi di costruire relazioni straordinarie. Gli utenti, soprattutto quando sono soli, si sentono davvero sostenuti. Diventi un punto di riferimento. Al termine di ogni intervento a domicilio, Federica si sente gratificata.

5 Formazione Scuola a tempo pieno: 4 anni Frequenza della Scuola specializzata per le professioni sanitarie e sociali (SSPSS) a Trevano-Canobbio. La formazione è offerta solo con maturità professionale federale sanitaria e sociale integrata, le condizioni di ammissione alla scuola sono quindi quelle richieste per l accesso alla maturità professionale. Partecipazione obbligatoria ad un incontro informativo e ad un colloquio individuale; certificato medico di idoneità. Posti limitati; eventuale accesso secondo graduatoria. Modalità: 1 anno: corsi teorici (materie di maturità professionale sanitaria e sociale, conoscenze professionali, ginnastica e sport) e stage di osservazione di una settimana in un istituto di cura. 2 anno: corsi teorici, 2 mesi di stage, uno nell economia domestica, l altro nel settore amministrativo e logistica. 3 e 4 anno: corsi teorici e stage di 5 mesi ogni anno nell assistenza sanitaria in case per anziani, ospedali e servizi di assistenza e cura a domicilio (rientro a scuola 1 giorno alla settimana). Corsi interaziendali: 45 giorni suddivisi su 4 anni. Tirocinio: 3 anni Tirocinio in un istituzione sociosanitaria riconosciuta (inclusi i servizi di assistenza e cura a domicilio); frequenza dei corsi teorici alla Scuola cantonale degli operatori sociali (SCOS) a Mendrisio e frequenza dei corsi interaziendali organizzati dall Associazione professionale (Formas) a Giubiasco. La formazione è diretta a candidati adulti (età minima 18 anni compiuti entro l anno). Titolo di studio: attestato federale di capacità di Operatore sociosanitario / Operatrice sociosanitaria (al termine del primo anno, solo per chi ha assolto il tirocinio, possibilità di sostenere un esame per ottenere l'equivalenza al titolo di assistente di cura). Gli allievi della SSPSS conseguono anche l'attestato federale di maturità professionale sanitaria e sociale Continuare la formazione Gli OSS hanno la possibilità di proseguire la formazione in una scuola specializzata superiore (SSS) in cure infermieristiche o medico-tecnica o, con la maturità professionale, in una scuola universitaria professionale (SUP) di indirizzo sanitario o sociale o accedere all anno passerella per l ammissione all Università o all Alta scuola pedagogica.

6 Attitudini richieste Interesse per gli altri. Gli altri e i loro problemi sono al centro delle preoccupazioni. Bisogna sapere come instaurare un dialogo e come infondere fiducia. Capacità di ascolto e di osservazione. Per individuare eventuali problemi o riconoscere situazioni che richiedono l intervento infermieristico o medico. Attitudine a collaborare in seno all équipe. Per contribuire allo scambio di informazione. Sicurezza negli atti. Atti precisi e modi sicuri creano fiducia in chi riceve le cure. Buona organizzazione. Per condividere equamente il tempo disponibile tra i pazienti. Buona salute fisica e psichica, resistenza allo stress. Accompagnando persone molto malate o in fin di vita, gli OSS incontrano situazioni difficili. Sapete che La formazione di OSS è accessibile già dopo la scuola media, frequentando a tempo pieno la Scuola specializzata per le professioni sanitarie e sociali (SSPSS), oppure dopo i 18 anni, intraprendendo un tirocinio in un istituzione socio-sanitaria e seguendo parallelamente i corsi alla Scuola cantonale degli operatori sociali (SCOS). Finora per imparare una professione sanitaria occorreva avere 18 anni compiuti. Confrontarsi con situazioni difficili malattia, sofferenza o fase terminale della vita o semplicemente occuparsi delle cure personali di una persona anziana può turbare. Se da un lato non è più necessario avere raggiunto l età adulta per cominciare questa formazione, dall altro lato occorre dar prova di una certa maturità personale. Gli atti medico-tecnici non possono essere dissociati dal contesto relazionale. La medesima cura con la stessa persona non avviene tutte le volte in modo identico. Occorre tenere conto della situazione del momento, dello stato della persona, di bisogni e inquietudini che possono variare da un giorno all altro. Il lavoro ha generalmente orari irregolari, turni serali e eventualmente picchetti notturni o festivi. Vi sono molte opportunità di impiego a tempo parziale, come in altre professioni sociosanitarie. La salute pubblica comprende tutto quanto concorre al mantenimento e al miglioramento della salute della popolazione: prevenzione, cure a domicilio, cure in ambito scolastico e prescolastico. L approccio di salute pubblica implica che il beneficiario delle cure non le subisca passivamente ma vi partecipi attivamente per migliorare la sua salute e il suo benessere. L ordinanza di formazione degli OSS è entrata in vigore nel È la prima formazione sociosanitaria regolamentata dalla Confederazione. Indirizzi utili Ufficio dell orientamento scolastico e professionale Stabile Torretta 6500 Bellinzona tel fax Scuola specializzata per le professioni sanitarie e sociali (SSPSS) Via Trevano Canobbio tel fax: Inoltre, consultare: il sito dell orientamento scolastico e professionale svizzero. Borsa dei posti di tirocinio, descrizione delle professioni e delle formazioni. borsa delle offerte di perfezionamento e di formazione continua in Svizzera. sito sulla maturità professionale curato dalla Divisione della formazione professionale. Scuola cantonale degli operatori sociali (SCOS) Via A. Maspoli 6850 Mendrisio tel fax

7 L ospite al centro del lavoro Paola Quarenghi, è formatrice di operatori sociosanitari. In qualità di responsabile delle cure presso la Casa per anziani Paganini Rè a Bellinzona segue le persone in formazione nell istituto. Gli OSS in formazione si confrontano con la pratica. Gli adulti in apprendistato presso un istituto sociosanitario sono subito a contatto con l ospite o il paziente. I giovani allievi della scuola a tempo pieno si avvicinano alla pratica professionale progressivamente, svolgendo stage presso strutture sociosanitarie. Qual è il primo impatto con la realtà dell istituto? Accogliamo la persona in formazione spiega Paola Quarenghi - visitiamo insieme la struttura e il reparto dove sarà operativa, le presentiamo i membri dell équipe, la informiamo sulle regole dell istituto, sulla filosofia delle cure. Poi, inizia la pratica, il contatto fisico e umano con persone anziane, uomini e donne, con polipatologie, a volte debilitate, in perdita di autonomia e bisognose di assistenza. Rispetto dei ruoli in équipe Gli allievi in formazione sono costantemente seguiti da un/a infermiere/a di referenza e sostenuti dai membri dell équipe. Paola Quarenghi supervisiona l evoluzione dell apprendimento della pratica, approfondisce aspetti di etica professionale, si occupa dell insegnamento clinico. E non manca mai di insistere sul rispetto dei ruoli all interno dell équipe e sulla centralità dell ospite nell attività di cura. L ospite è al centro dell attenzione, rispettiamo i suoi bisogni, i suoi ritmi, manteniamo l autonomia di cui dispone e, nella misura del possibile, ci occupiamo dei suoi desideri. L équipe - quindi anche l OSS - lavora con questi obiettivi. Ogni istituto ha una sua filosofia delle cure, ovvero stabilisce come va considerato l ospite e come si comporta il personale sanitario. Questa filosofia viene trasmessa durante la formazione attraverso l équipe.... e della dignità degli ospiti Chi sceglie di lavorare nel settore sociosanitario è tenuto al segreto professionale, a un comportamento rispettoso dei valori etici e della dignità delle persone in cura. Anche questo lo si impara a scuola e nella pratica. Ogni persona in formazione ha pure accesso ai documenti relativi agli ospiti, partecipa allo scambio di informazioni all interno dell équipe. Diventa un collega di lavoro a tutti gli effetti, precisa Paola Quarenghi. Il tempo della formazione consente anche di costruire quel rapporto di fiducia essenziale con gli ospiti e con i familiari che fa la qualità dell accoglienza in istituto. La fiducia si costruisce con lo stare assieme, occupandosi giorno per giorno dell ospite, adattandosi al suo comportamento, alle sue esigenze ed abitudini. Il percorso di formazione non è solo acquisizione di competenze tecniche. Per Paola Quarenghi la sfida di ogni formatore è di riuscire a motivare le persone in formazione per avere domani personale qualificato attento ai bisogni e alla dignità degli ospiti.

8 Impegno e motivazione Diventare operatrice sociosanitaria con una solida formazione scolastica per avere un futuro nel settore sanitario: è il progetto di Rossella Mancuso, allieva della Scuola specializzata per le professioni sanitarie e sociali. Rossella, 17 anni, frequenta il 3 anno di formazione quale operatrice sociosanitaria. Ha scelto questa scuola perché vuole prepararsi a un futuro professionale nel settore infermieristico. Infatti, dopo il diploma con maturità professionale sanitaria e sociale, Rossella sa già di voler continuare la formazione per diventare infermiera. Incontriamo Rossella durante uno stage nell ambito delle cure alla casa per anziani Aranda a Giubiasco. Una giornata tipo La sua giornata è cominciata alle ore 7 in punto con la riunione d équipe e il passaggio di informazioni. Rossella ci descrive la giornata tipo di una stagiaire OSS, a contatto con gli anziani. Sveglio l ospite, lo assisto nelle cure personali, lo aiuto a vestirsi, lo accompagno a fare colazione. E importante comunicare con la persona: le spiego che cosa le faccio oppure parlo d altro, se alla persona fa piacere, della sua vita passata. Molti anziani amano ricordare... Dopo colazione, gli ospiti desiderano tornare nelle loro camere oppure recarsi negli spazi comuni, oppure sono attesi per fisioterapia o ergoterapia e quindi li accompagno. Sono pure coinvolta nella preparazione e nella distribuzione dei medicamenti. All ora di pranzo, assisto ospiti che non sono più in grado di mangiare da soli. E la giornata continua, con varie mansioni e scadenze: la merenda, la cena, la preparazione per la notte... E mio compito anche annotare le osservazioni sulla cartella infermieristica di ogni ospite di cui mi sono occupata, con precisione e chiarezza. Rossella ha a cuore i valori della professione: Ogni nostra azione deve rispettare l essere umano, la sua dignità e la sua vita passata. Una formazione impegnativa Rossella è una delle prime allieve che in Ticino ha intrapreso la formazione dopo la scuola media. La scuola è molto impegnativa. La materia non è difficile, ma i tempi per imparare sono molto condensati, tante cose in poco tempo. La frequenza dei corsi va abbinata con lo studio personale. Poi, appunto, abbiamo i periodi di stage e le verifiche semestrali. Rossella si sente giustamente protagonista nel percorso di formazione. Siamo i primi allievi quali OSS, questa formazione è decollata con noi, ma non mi sento una cavia: posso partecipare, dire la mia opinione, contribuire a migliorare o a cambiare. Rossella non nasconde che all inizio ha temuto di non farcela, soprattutto nella pratica. Mi sono sempre sentita sostenuta sia dalla responsabile della formazione sia dall équipe dove sono stata accolta per gli stages. Grazie a loro ho superato gli ostacoli. Tocca però a me acquisire con serietà competenze teoriche, pratiche e relazionali: sto costruendo il mio futuro professionale! Prospettive Mercato del lavoro e sbocchi professionali Gli OSS possono contare su svariati sbocchi professionali nel campo sociosanitario, dai bambini agli anziani, dalla pediatria alla geriatria. Lavorano in ospedali regionali o universitari, in case per anziani, in cliniche, in istituti di riabilitazione, nei servizi di assistenza e cura a domicilio o, in casi particolari, in istituti per disabili o per bambini che richiedono principalmente un assistenza sanitaria. I bisogni della popolazione per cura e assistenza continuano a crescere, servizi e istituti mancano di personale qualificato. Le offerte di lavoro sono più numerose nel settore delle cure agli anziani; parte degli operatori sociosanitari qualificati trova impiego nelle case per anziani, altri sono impiegati nei settori di cure acute come ospedali e cliniche, altri ancora nei servizi di assistenza e cura a domicilio (in questo ambito viene solitamente richiesto o consigliato un esperienza pratica nel settore). Negli istituti operano gomito a gomito professionisti di diverso livello di formazione; gli operatori sociosanitari sono integrati in una équipe pluridisciplinare. Nella realtà delle cure, i ruoli non sono strettamente delimitati; taluni atti sono effettuati indifferentemente dagli uni o dagli altri. Fatima Caetano lo descrive bene: Quando sono presenti gli assistenti di cura, sono più coinvolta nelle cure tecniche. Quando non ci sono, devo occuparmi di più delle cure di base. Anche l infermiera contribuisce alle cure di base, ci aiuta a rifare i letti o a servire i pasti. A dipendenza del personale presente e dei bisogni dell istituto, l organizzazione del servizio determina chi fa che cosa e in quale momento. Globalmente, la funzione degli OSS è più estesa nelle situazioni stabili (lungodegenza), meno estesa nell ambito delle cure acute (ospedali) e varia in funzione delle caratteristiche del contesto di cura. Dobbiamo dar prova delle nostre competenze prima di vederci affidati compiti più complessi, constata l operatrice sociosanitaria. L OSS nella realtà sanitaria OSS è un nuovo profilo professionale. Ce ne parla Bruno Cariboni, vice-presidente di FORMAS, l associazione per la formazione nelle strutture sanitarie e negli istituti sociali del canton Ticino. Formas promuove la professione di OSS, collabora con le scuole e i datori di lavoro e organizza i corsi interaziendali per apprendisti. Abbiamo creato il centro di formazione interaziendale a Giubiasco - spiega Bruno Cariboni - per gli OSS e gli operatori socioassistenziali (opzione prima infanzia e handicap adulti). Due infermieridocenti coordinano il gruppo di insegnanti che si occupano dei tre campi specifici della formazione di OSS: cure, amministrazione e albergheria. Le aule sono appositamente strutturate; in particolare, un aula riproduce la realtà di una casa per anziani, un altra quella ospedaliera, un aula funge da cucina. Privilegiare le cure La formazione di OSS è il primo apprendistato introdotto nel settore sanitario, un nuovo profilo professionale che si aggiunge ad altri con competenze e percorsi formativi diversi. Nella realtà sanitaria ticinese, l OSS trova un suo collocamento nelle case per anziani, nei servizi di assistenza e cura a domicilio, negli ospedali e negli istituti di riabilitazione. Gli operatori sociosanitari, hanno compiti legati alle cure, al servizio alberghiero e amministrativo in seno ad un équipe pluridisciplinare. Già a livello di formazione, il Ticino ha scelto di privilegiare le cure. Gli OSS sono quindi preparati per prestare le cure di base e atti medico-tecnici su delega dell infermiere. Sono quindi figure di sostegno per gli infermieri, con precise competenze, consapevoli della ripartizione dei compiti e delle responsabilità all interno dell équipe. Questa ripartizione non è casuale: gli istituti osservano le direttive del medico cantonale che definiscono le particolarità delle competenze di ogni profilo professionale operativo in una casa per anziani. Formazione è anche motivazione Bruno Cariboni, con una solida esperienza infermieristica, è pure direttore della casa per anziani Aranda a Giubiasco. Quindi anche datore di lavoro di persone in formazione. L impegno di un istituto sociosanitario per la formazione è notevole. Il nostro istituto- come molti altri nel cantone - assume apprendisti OSS e offre posti di stage ai giovani OSS che frequentano la scuola a tempo pieno. Agli apprendisti affianchiamo un/a maestro/a di tirocinio (formatore), che li segue durante tutta la durata della formazione, e assicuriamo loro anche l insegnamento clinico. Per gli stagiaires, l impegno dell istituto è complementare a quello della scuola: i giovani allievi sono seguiti da una persona di riferimento appartenente all équipe; la formazione e l insegnamento clinico resta compito della scuola. Durante il tirocinio o lo stage, si impara a relazionare con l ospite e ad agire nel rispetto della dignità dell essere umano, si acquisiscono competenze pratiche e la consapevolezza del ruolo, ma anche dei limiti, di OSS. L esperienza in istituto è una sorta di test anche per la motivazione personale a svolgere in futuro una professione ad alto contenuto umano.

CAPITOLATO D ONERI. Casa Anziani Alto Vedeggio 6805 Mezzovico Vira OPERATORE SOCIOSANITARIO (OSS) Denominazione della funzione

CAPITOLATO D ONERI. Casa Anziani Alto Vedeggio 6805 Mezzovico Vira OPERATORE SOCIOSANITARIO (OSS) Denominazione della funzione CAPITOLATO D ONERI Denominazione della funzione OPERATORE SOCIOSANITARIO (OSS) Obiettivo della funzione Si occupa in modo globale dei bisogni degli Ospiti Posizione gerarchica nell organizzazione 3.1 Superiori

Dettagli

Operatrice socio-sanitaria Operatore socio-sanitario

Operatrice socio-sanitaria Operatore socio-sanitario Formazione professionale Ordinanza in materia di formazione Piano di formazione Operatrice socio-sanitaria Operatore socio-sanitario Croce Rossa Svizzera Indice Pagina A. Ordinanza in materia di formazione

Dettagli

ADDETTO ALLE CURE SOCIOSANITARIE. CFP (certificato federale di formazione pratica)

ADDETTO ALLE CURE SOCIOSANITARIE. CFP (certificato federale di formazione pratica) ADDETTO ALLE CURE SOCIOSANITARIE CFP (certificato federale di formazione pratica) Profilo della professione per l addetto alle cure sociosanitarie Può lavorare in case per anziani/ ambulatori/ centri diurni/

Dettagli

Requisiti Numero di posti di formazione Tassa Domande d iscrizione Termine d iscrizione

Requisiti Numero di posti di formazione Tassa Domande d iscrizione Termine d iscrizione 1 Foglio ufficiale 6/2013 Venerdì 18 gennaio 407 basi legali. L ammissione definitiva ai curricoli HES-SO è comunque subordinata all esito dell esame di graduatoria e di altre condizioni di ammissione

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE COMUNITÀ ALLOGGIO PROTETTA

REGOLAMENTO DI GESTIONE COMUNITÀ ALLOGGIO PROTETTA Documentazione Sistema Qualità Pag. 1 di 10 REGOLAMENTO DI GESTIONE COMUNITÀ ALLOGGIO PROTETTA (C.A.P.) IL MULINO DELLA ZONA ALTA VALDELSA Numero Revisione Motivo DATA 1 APPROVAZIONE CONSIGLIO DI GESTIONE

Dettagli

Operatore socioassistenziale Operatrice socioassistenziale

Operatore socioassistenziale Operatrice socioassistenziale UOSP Ufficio dell Orientamento Scolastico e Professionale Operatore socioassistenziale Operatrice socioassistenziale Bambini o persone disabili hanno bisogno di essere seguiti nella loro quotidianità.

Dettagli

VILLA SANTA MARIA Residenza medicalizzata

VILLA SANTA MARIA Residenza medicalizzata persone anziane, persone invalide, persone con il morbo di Parkinson VILLA SANTA MARIA Residenza medicalizzata assistenza sanitaria 24 ore su 24 soggiorni temporanei riabilitativi cure di lunga durata

Dettagli

giovedì 12 febbraio 2009 dalle ore 18.30 a Lugano, in via Ronchetto 14 nell aula magna della Scuola superiore medico-tecnica

giovedì 12 febbraio 2009 dalle ore 18.30 a Lugano, in via Ronchetto 14 nell aula magna della Scuola superiore medico-tecnica Residenza Governativa Repubblica e Cantone Ticino telefono 091 814 42 86 fax 091 814 44 30 e-mail decs-com@ti.ch Internet /DECS Funzionario incaricato Direzione-Comunicazione Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Assistenza e cura a domicilio in Ticino. Ruoli, competenze e percorsi formativi

Assistenza e cura a domicilio in Ticino. Ruoli, competenze e percorsi formativi 1 1 Assistenza e cura a domicilio in Ticino. Ruoli, competenze e percorsi formativi Tavolo tecnico transnazionale sistemi formativi Novara, 1.4.2014 Furio Bednarz 2 INDICE Normativa, assetto del sistema

Dettagli

Maturità professionale

Maturità professionale situazione gennaio 2008 telefono fax e-mail internet Repubblica e CantoneTicino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Divisione della formazione professionale viavergiò 18 cp 367 6932

Dettagli

PROFILO FORMATIVO ASA (Ausiliario Socio Assistenziale) Delibera 7693 del 24/07/2008 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività.

PROFILO FORMATIVO ASA (Ausiliario Socio Assistenziale) Delibera 7693 del 24/07/2008 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività. PROFILO FORMATIVO ASA (Ausiliario Socio Assistenziale) Delibera 7693 del 24/07/2008 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività. L Ausiliario Socio Assistenziale è un operatore di interesse socio-assistenziale

Dettagli

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base Operatrice sociosanitaria/ con attestato federale di capacità (AFC) del 13 novembre 2008 86911 Operatrice sociosanitaria AFC/ Operatore sociosanitario

Dettagli

CORSO OSS OPERATORE SOCIO SANITARIO

CORSO OSS OPERATORE SOCIO SANITARIO ELENIA Via Ungaretti, 84 62100 Macerata (Mc) Tel. 0733.33844 (r.a.) Fax 0733.33811 segreteriaoss@grupposinergie.com CORSO OSS OPERATORE SOCIO SANITARIO INFORMATIVA GENERALE & SCHEDA D ISCRIZIONE CORSO

Dettagli

Mansionario OSS Allegato 1

Mansionario OSS Allegato 1 Mansionario OSS Allegato 1 Settore di competenza 1 Orientamento dell agire professionale ai clienti, alle persone nel loro contesto relazionale, sociale e culturale Settore di competenza 2 Igiene e sicurezza

Dettagli

De g e n z a. Dott. Claudio Tedeschi - Direttore. Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166

De g e n z a. Dott. Claudio Tedeschi - Direttore. Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166 Medicina Fisica e Riabilitativa De g e n z a Dott. Claudio Tedeschi - Direttore Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166 Segreteria Maria Rosaria Amelio - Maria Flavia Malavenda Federica

Dettagli

Ottieni. di più. Il tirocinio di OSS presso la Spitex nei Grigioni

Ottieni. di più. Il tirocinio di OSS presso la Spitex nei Grigioni Ottieni di più Il tirocinio di OSS presso la Spitex nei Grigioni LA SPITEX NEI GRIGIONI LA SOLUZIONE GIUSTA PER LA CURA, L ASSISTENZA E LE FACCENDE DOMESTICHE Per vivere a casa propria Il servizio pubblico

Dettagli

Maturità professionale

Maturità professionale situazione gennaio 2010 telefono fax e-mail internet Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Divisione della formazione professionale via Vergiò 18 cp 367

Dettagli

INDIRIZZI UTILI. www.sspss.ch

INDIRIZZI UTILI. www.sspss.ch Via Trevano 25 / Casella postale 104 CH 6952 Canobbio: percorso OSA indirizzo infanzia e handicap, con maturità professionale integrata Tel. 091 815 06 11 / Fax 091 815 06 19 Via Ferriere 11 / Casella

Dettagli

Numero dei posti di formazione Tassa scolastica Serate informative Iscrizioni Inizio dei corsi Termine d iscrizione

Numero dei posti di formazione Tassa scolastica Serate informative Iscrizioni Inizio dei corsi Termine d iscrizione 1 Foglio ufficiale 10/2015 Venerdì 6 febbraio 1038 sica) organizzato dalla Scuola specializzata superiore medico-tecnica di Lugano, ottenendo la relativa certificazione. L iscrizione a tale corso deve

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Ultima revisione: Aprile 2014 PARTE GENERALE 1. PRESENTAZIONE DELLA FONDAZIONE SCARPARI FORATTINI ONLUS L ente trae origine dalle disposizioni testamentarie

Dettagli

Corso di Collaboratrice Sanitaria (CS CRS) Croce Rossa Svizzera

Corso di Collaboratrice Sanitaria (CS CRS) Croce Rossa Svizzera Corso di Collaboratrice Sanitaria (CS CRS) Croce Rossa Svizzera Introduzione La Collaboratrice Sanitaria (CS) CRS è una persona che svolge la propria attività, dopo aver seguito una formazione riconosciuta

Dettagli

PROGRAMMA CORSI INTERAZIENDALI OPERATORE SOCIOSANITARIO ORDINANZA OSS, 13 novembre 2008 PRIMO ANNO DI FORMAZIONE

PROGRAMMA CORSI INTERAZIENDALI OPERATORE SOCIOSANITARIO ORDINANZA OSS, 13 novembre 2008 PRIMO ANNO DI FORMAZIONE FORMAS Programma Operatore sociosanitario PROGRAMMA CORSI INTERAZIENDALI OPERATORE SOCIOSANITARIO ORDINANZA OSS, 13 novembre 2008 PRIMO ANNO DI FORMAZIONE FORMAS Associazione per la formazione nelle strutture

Dettagli

Malattia incurabile: domande incalzanti

Malattia incurabile: domande incalzanti Malattia incurabile: domande incalzanti Quando si è colpiti da una grave malattia che non concede speranze di guarigione, sorgono inevitabilmente molte domande, la maggior parte delle quali emotivamente

Dettagli

Linee guida per il mansionario Operatore Socioassistenziale Opzione assistenza all infanzia

Linee guida per il mansionario Operatore Socioassistenziale Opzione assistenza all infanzia Linee guida per il mansionario Operatore Socioassistenziale Opzione assistenza all infanzia PREMESSA L OSA (operatore/operatrice socioassistenziale) - Ha uno statuto di professionista qualificato con Attestato

Dettagli

Notizie generali sulla Psichiatria

Notizie generali sulla Psichiatria Notizie generali sulla Psichiatria Psichiatria: è la branca della medicina specializzata nello studio, nella diagnosi e nella terapia dei disturbi mentali. Oggi si privilegia considerare la Psichiatria

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI

PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI titolo documento PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI SCOPO e CAMPO DI APPLICAZIONE Lo scopo della presente procedura è di definire le modalità con cui la Cooperativa Promozione Lavoro gestisce

Dettagli

Carta dei Servizi Centro Residenziale di Cure Palliative Casa del Vento Rosa

Carta dei Servizi Centro Residenziale di Cure Palliative Casa del Vento Rosa Carta dei Servizi Centro Residenziale di Cure Palliative Casa del Vento Rosa gestito da parte di Casa Albergo per Anziani per conto dell Az. Ulss 18 di Rovigo Deliberazione del Consiglio di Amministrazione

Dettagli

RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE

RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE Ospedale di Chiavari DOVE SIAMO Presso l Ospedale di Chiavari, SECONDO, TERZO e QUARTO piano, corpo centrale. La Residenza Sanitaria Assistenziale è un presidio sanitario

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER DIVENTARE OPERATORI SOCIO SANITARI (OSS)

CORSO DI FORMAZIONE PER DIVENTARE OPERATORI SOCIO SANITARI (OSS) CORSO DI FORMAZIONE PER DIVENTARE OPERATORI SOCIO SANITARI (OSS) Una scelta di vita al servizio della persona Ci sono almeno 5 buoni motivi per diventare OSS Hai sempre desiderato un lavoro che non fosse

Dettagli

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio L intervento infermieristico sul territorio Dati Fondazione F.A.R.O. o.n.l.u.s. Nell anno 2005 sono stati seguiti a domicilio 850 Pazienti P.S. =>40 Età

Dettagli

1 Foglio ufficiale 11/2014 Venerdì 7 febbraio 1111

1 Foglio ufficiale 11/2014 Venerdì 7 febbraio 1111 1 Foglio ufficiale 11/2014 Venerdì 7 febbraio 1111 Domande d iscrizione Le domande devono essere compilate sull apposito formulario ottenibile presso la segreteria della Scuola specializzata superiore

Dettagli

COMUNE DI LAGONEGRO PROVINCIA DI POTENZA

COMUNE DI LAGONEGRO PROVINCIA DI POTENZA COMUNE DI LAGONEGRO PROVINCIA DI POTENZA CARTA DEI SERVIZI CASA DI RIPOSO MARIA LUISA COSENTINO Casa di Riposo M. L. Cosentino Via Napoli 85042 Lagonegro (PZ) Tel. 0973/21356 0973/41330 Fax 0973/21930

Dettagli

LA FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO- SANITARIO. Formazione ed Attività

LA FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO- SANITARIO. Formazione ed Attività LA FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO- SANITARIO Formazione ed Attività MAPPA CONCETTUALE PROFILO PROFESSIONALE FORMAZIONE CONTESTI OPERATIVI CONTESTO RELAZIONALE ATTIVITÀ COMPETENZE ORGANIZZAZIONE

Dettagli

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base Operatrice/Operatore per la promozione dell attività fisica e della salute AFC con attestato federale di capacità (AFC) del 16 agosto 2011 85701

Dettagli

L Aurora. Comunità Alloggio per Anziani. Carta dei servizi

L Aurora. Comunità Alloggio per Anziani. Carta dei servizi L Aurora Comunità Alloggio per Anziani Carta dei servizi CARTA DEI SERVIZI Sommario Caratteristiche della carta servizi... 2 L Aurora di Marzo S.r.l.... 2 La Comunità Alloggio L Aurora... 2 Servizi Offerti...

Dettagli

Iscrizione alle scuole professionali sanitarie e sociali

Iscrizione alle scuole professionali sanitarie e sociali 1 Foglio ufficiale 10/2015 Venerdì 6 febbraio 1027 nalmente essere accettate assenze solo fino alla fine del mese di settembre, previo un colloquio con i responsabili della sede scolastica di riferimento

Dettagli

Documentazione delle attività di ruotine

Documentazione delle attività di ruotine Istituto Comprensivo Statale C. Tura- Pontelagoscuro- Ferrara Sezione infanzia statale G. Rossa Documentazione delle attività di ruotine La documentazione delle esperienze proposte è un aspetto molto importante

Dettagli

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai:

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai: Unità 6 Al Pronto Soccorso In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come funziona il Pronto Soccorso parole relative all accesso e al ricovero al Pronto Soccorso l uso degli

Dettagli

Le Cure Palliative tra filosofia antica e medicina moderna 9 marzo 2012, USI, Lugano. Strategia cantonale: la risposta ticinese

Le Cure Palliative tra filosofia antica e medicina moderna 9 marzo 2012, USI, Lugano. Strategia cantonale: la risposta ticinese Paolo Beltraminelli Dipartimento della sanità e della socialità Le Cure Palliative tra filosofia antica e medicina moderna 9 marzo 2012, USI, Lugano Strategia cantonale: la risposta ticinese Signor direttore

Dettagli

RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE

RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA AllegatoRSA rev1 feb2014 ALLEGATO RSA 1. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE (RSA)... 3 1.1. La struttura residenziale... 3 1.2. Coordinamento dei servizi... 3 1.3.

Dettagli

L Hospice fa parte della Rete Ligure di Cure Palliative ed è integrato con tutti i reparti e i servizi dell ASL.

L Hospice fa parte della Rete Ligure di Cure Palliative ed è integrato con tutti i reparti e i servizi dell ASL. L Hospice è una struttura dell ASL 1 Imperiese che accoglie prevalentemente pazienti con tumore in fase avanzata o terminale che necessitano di cure palliative di livello specialistico o che non possono

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DOMICILIARI SOCIO SANITARI

CARTA DEI SERVIZI DOMICILIARI SOCIO SANITARI CARTA DEI SERVIZI DOMICILIARI SOCIO SANITARI Ultima revisione Settembre 2012 1. COS È LA CARTA DEI SERVIZI La carta dei servizi nasce dall esigenza di tutelare i diritti degli utenti attribuendo loro la

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Residenza Socio Assistenziale del «Parco del Welfare» Via Baveno, 6 NOVARA. Data aggiornamento: sett 2014 Rev.

CARTA DEI SERVIZI. Residenza Socio Assistenziale del «Parco del Welfare» Via Baveno, 6 NOVARA. Data aggiornamento: sett 2014 Rev. CARTA DEI SERVIZI Residenza Socio Assistenziale del «Parco del Welfare» Via Baveno, 6 NOVARA Data aggiornamento: sett 2014 Rev. 0 LA NOSTRA STORIA Una moderna e accogliente struttura residenziale che offre

Dettagli

ASSISTENZA AL PAZIENTE TERMINALE: L ESPERIENZAL DELL HOSPICE CASA MADONNA DELL ULIVETO ULIVETO

ASSISTENZA AL PAZIENTE TERMINALE: L ESPERIENZAL DELL HOSPICE CASA MADONNA DELL ULIVETO ULIVETO ASSISTENZA AL PAZIENTE TERMINALE: L ESPERIENZAL DELL HOSPICE CASA MADONNA DELL ULIVETO ULIVETO Mariangela Piacentini Casa Madonna dell Uliveto Albinea - Reggio Emilia In quel tempo che viene definito dai

Dettagli

INDIRIZZI UTILI. www.sspss.ch

INDIRIZZI UTILI. www.sspss.ch INDIRIZZI UTILI www.sspss.ch Tel. 091 815 06 11 (Canobbio) Tel. 091 814 02 11 (Giubiasco) Fax 091 815 06 19 decs-sspss.canobbio@edu.ti.ch www.maturitaprofessionale.ch OPERATORE / OPERATRICE SOCIOASSISTENZIALE

Dettagli

Asilo Nido PROGETTO PEDAGOGICO

Asilo Nido PROGETTO PEDAGOGICO Asilo Nido PROGETTO PEDAGOGICO 1) FINALITA Il nostro Asilo Nido è una scuola di ispirazione cristiana, è gestito dalla Cooperativa Sociale Casa Famiglia Agostino Chieppi ed è parte integrante del Plesso

Dettagli

OSPEDALE DI COMUNITÀ. CARTA AllegatoOdC rev1 feb2014 ALLEGATO OC

OSPEDALE DI COMUNITÀ. CARTA AllegatoOdC rev1 feb2014 ALLEGATO OC OSPEDALE DI COMUNITÀ CARTA AllegatoOdC rev1 feb2014 ALLEGATO OC 1. OSPEDALE DI COMUNITÀ (OdC)... 3 1.1. Premessa... 3 1.2. La struttura residenziale... 3 1.3. Ingresso... 3 1.4. Come avviene il ricovero...

Dettagli

OPERATORE SOCIO SANITARIO DENOMINAZIONE ALTRE DENOMINAZIONI SETTORE DESCRIZIONE

OPERATORE SOCIO SANITARIO DENOMINAZIONE ALTRE DENOMINAZIONI SETTORE DESCRIZIONE OPERATORE SOCIO SANITARIO DENOMINAZIONE ALTRE DENOMINAZIONI SETTORE DESCRIZIONE BREVE DESCRIZIONE PREREQUISITI Operatore socio-sanitario Sanitario, sociale, socio-sanitario Finalità: L attività dell operatore

Dettagli

Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento ambiente costruzioni e design. Corso di laurea in Ingegneria civile

Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento ambiente costruzioni e design. Corso di laurea in Ingegneria civile Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento ambiente costruzioni e design Corso di laurea in Ingegneria civile Dipartimento ambiente costruzioni e design Il Dipartimento ambiente

Dettagli

Fondazione don Ambrogio Cacciamatta onlus Residenza Sanitaria Assistenziale Casa Albergo Centro Diurno Integrato Assistenza Domiciliare Integrata

Fondazione don Ambrogio Cacciamatta onlus Residenza Sanitaria Assistenziale Casa Albergo Centro Diurno Integrato Assistenza Domiciliare Integrata Fondazione don Ambrogio Cacciamatta onlus Residenza Sanitaria Assistenziale Casa Albergo Centro Diurno Integrato Assistenza Domiciliare Integrata SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E CURE PALLIATIVE CARTA

Dettagli

Linee Guida per il Mansionario Operatore Socioassistenziale Opzione assistenza alla persona con disabilità

Linee Guida per il Mansionario Operatore Socioassistenziale Opzione assistenza alla persona con disabilità Linee Guida per il Mansionario Operatore Socioassistenziale Opzione assistenza alla persona con disabilità PREMESSA (operatore/operatrice socioassistenziale) - Ha uno statuto di professionista qualificato

Dettagli

L orientamento scolastico e professionale in Ticino

L orientamento scolastico e professionale in Ticino L orientamento scolastico e professionale in Ticino SM Barbengo, 22 ottobre 2015 Tullio Ramelli, UOSP Breganzona NB: Le cifre rosse nella parte destra delle diapositive indicano il numero di pagina nella

Dettagli

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore.

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. non più soli nel dolore Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. Regione Toscana 800 880101 Indice.

Dettagli

PROGETTO GESTIONALE TRIENNIO 2011-2013 OPERA PIA CEPPI DI BAIROLS

PROGETTO GESTIONALE TRIENNIO 2011-2013 OPERA PIA CEPPI DI BAIROLS 1 PROGETTO GESTIONALE TRIENNIO 2011-2013 2 S O M M A R I O 1. Introduzione 2. Destinatari 3. Presa in carico 4. Metodo 5. Rilevazione dei bisogni 6. Verifica e valutazione 7. Continuità progettuale 8.

Dettagli

Capitolo B Guida esplicativa dei principi fondamentali della formazione

Capitolo B Guida esplicativa dei principi fondamentali della formazione Capitolo Introduzione al manuale di formazione Capitolo B Guida esplicativa dei principi fondamentali della formazione 1 Basi teoriche del modello competenze-risorse (CoRe) 2 1.1 Competenze: più di semplici

Dettagli

Ordinanza sulla formazione professionale di base

Ordinanza sulla formazione professionale di base Ordinanza sulla formazione professionale di base Impiegata d albergo/impiegato d albergo del 7 dicembre 2004 78403 Impiegata d albergo/impiegato d albergo Hotelfachfrau/Hotelfachmann Specialiste en hôtellerie

Dettagli

Bachelor of Science in Cure infermieristiche

Bachelor of Science in Cure infermieristiche Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale Bachelor of Science in Cure infermieristiche www.supsi.ch/deass Obiettivi e competenze La laurea

Dettagli

La rete dei servizi di tutela socio assistenziale

La rete dei servizi di tutela socio assistenziale Ordine degli Assistenti Sociali Regione Friuli Venezia Giulia La malattia oncologica: quali necessità, quali risorse per il malato e la sua famiglia La rete dei servizi di tutela socio assistenziale Udine

Dettagli

TAGESMUTTER - IL SORRISO Cooperativa sociale di Servizi per l Infanzia

TAGESMUTTER - IL SORRISO Cooperativa sociale di Servizi per l Infanzia Un nido a dimensione familiare TAGESMUTTER - IL SORRISO Cooperativa sociale di Servizi per l Infanzia La Cooperativa sociale Tagesmutter del Trentino - Il Sorriso nasce per valorizzare il lavoro educativo

Dettagli

La psicomotricità. Ben oltre il movimento. psychomotorik schweiz psychomotricité suisse psicomotricità svizzera

La psicomotricità. Ben oltre il movimento. psychomotorik schweiz psychomotricité suisse psicomotricità svizzera Verband der Psychomotoriktherapeutinnen und -therapeuten Association des thérapeutes en psychomotricité Associazione dei terapeuti della psicomotricità psychomotorik schweiz psychomotricité suisse psicomotricità

Dettagli

LA SCUOLA DELL INFANZIA NEL CANTONE TICINO

LA SCUOLA DELL INFANZIA NEL CANTONE TICINO Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Ufficio delle scuole comunali LA SCUOLA DELL INFANZIA NEL CANTONE TICINO Informazioni per i genitori Bellinzona, settembre 2004 1 [Le denominazioni

Dettagli

Servizi socio-sanitari alla persona. PRESENTAZIONE pag 2. I LA NOSTRA MISSION pag 2. II ASSETTO ISTITUZIONALE pag 3. III I SERVIZI pag 5

Servizi socio-sanitari alla persona. PRESENTAZIONE pag 2. I LA NOSTRA MISSION pag 2. II ASSETTO ISTITUZIONALE pag 3. III I SERVIZI pag 5 FREE NURSING soc.coop.soc. ONLUS Servizi socio-sanitari alla persona CARTA DEI SERVIZI PRESENTAZIONE pag 2 I LA NOSTRA MISSION pag 2 II ASSETTO ISTITUZIONALE pag 3 III I SERVIZI pag 5 IV I SERVIZI ATTIVI

Dettagli

COMUNE DI MONTEBELLUNA ASILO NIDO COMUNALE CARTA DEI SERVIZI

COMUNE DI MONTEBELLUNA ASILO NIDO COMUNALE CARTA DEI SERVIZI COMUNE DI MONTEBELLUNA ASILO NIDO COMUNALE CARTA DEI SERVIZI Approvata con DGC n. 180 del 20-09-2010 PREMESSA: PRINCIPI FONDAMENTALI: L Amministrazione Comunale definisce un sistema di regole e garanzie

Dettagli

Allegato B DESCRIZIONE SINTETICA DEL PROFILO PROFESSIONALE

Allegato B DESCRIZIONE SINTETICA DEL PROFILO PROFESSIONALE Allegato B DESCRIZIONE SINTETICA DEL PROFILO PROFESSIONALE L Operatore socio-sanitario con formazione complementare in assistenza sanitaria, oltre a svolgere tutte le attività tipiche dell Operatore Socio

Dettagli

PROFILI PROFESSIONALI BIENNIO COMUNE

PROFILI PROFESSIONALI BIENNIO COMUNE PROFILI PROFESSIONALI ITAS Tecnico per le Attività Sociali Durata degli studi: 5 anni. Titolo di studio rilasciato: Diploma di Maturità Tecnica per Attività Sociali Indirizzo: a) Dirigenti di Comunità

Dettagli

Formulario per la presentazione delle proposte. TITOLO del TIRCINIO MUOVERSI PER CRESCERE: SPERIMENTARSI INFERMIERE NELLA RSA DI SPIAZZO II^ EDIZIONE

Formulario per la presentazione delle proposte. TITOLO del TIRCINIO MUOVERSI PER CRESCERE: SPERIMENTARSI INFERMIERE NELLA RSA DI SPIAZZO II^ EDIZIONE Provincia Autonoma di Trento Programma quadro per l integrazione e lo sviluppo delle sperimentazioni in materia di tirocini formativi inseriti in processi di mobilità geografica Formulario per la presentazione

Dettagli

Regolamento di Gestione Centro Diurno di Borgofortino APPROVATO CON D.C.C. N. 77 DEL 15/06/1995

Regolamento di Gestione Centro Diurno di Borgofortino APPROVATO CON D.C.C. N. 77 DEL 15/06/1995 Regolamento di Gestione Centro Diurno di Borgofortino APPROVATO CON D.C.C. N. 77 DEL 15/06/1995 MODIFICATO CON D.C.C. N. 265 DEL 07/11/2002 Natura, destinatari e finalità del servizio Il Centro Diurno

Dettagli

Le professioni nello studio medico dentistico

Le professioni nello studio medico dentistico Le professioni nello studio medico dentistico L assistente dentale AFC L assistente di profilassi La segretaria odontoiatrica L igienista dentale SSS L assistente dentale AFC Requisiti Buona formazione

Dettagli

Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: prese di posizione

Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: prese di posizione Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: l Associazione Alzheimer Svizzera chiede un accompagnamento e un assistenza completi per i malati di demenza. Pensieri suicidi nelle persone affette da

Dettagli

ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE

ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE Catalogo delle Agenzie formative

Dettagli

LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA. Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA

LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA. Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA OBIETTIVO: Presentare il percorso intrapreso per superare

Dettagli

IL PROGETTO DI M.B. Stralci dal documento di sintesi e progetto professionale. Allegato per esercitazione in gruppo nel 2 laboratorio - seconda parte

IL PROGETTO DI M.B. Stralci dal documento di sintesi e progetto professionale. Allegato per esercitazione in gruppo nel 2 laboratorio - seconda parte IL PROGETTO DI M.B. Stralci dal documento di sintesi e progetto professionale Allegato per esercitazione in gruppo nel 2 laboratorio - seconda parte La domanda iniziale La signora M.B. si è avvicinata

Dettagli

COMUNE DI GENONI PROVINCIA DI ORISTANO

COMUNE DI GENONI PROVINCIA DI ORISTANO COMUNE DI GENONI PROVINCIA DI ORISTANO PROGETTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE RIVOLTO AD ANZIANI, PORTATORI DI HANDICAP E FAMIGLIE MULTI PROBLEMATICHE Il servizio di assistenza domiciliare consiste nel

Dettagli

Attività e servizi per tutti: dal bambino agli anni d argento!

Attività e servizi per tutti: dal bambino agli anni d argento! Attività e servizi per tutti: dal bambino agli anni d argento! Con i nostri servizi siamo vicini a tutta la popolazione: grazie all aiuto dei preziosi volontari e dei collaboratori. Attività per la popolazione

Dettagli

Servizio Sanitario Nazionale Regione Veneto AZIENDA ULSS N. 6 VICENZA SOCIO SANITARIO

Servizio Sanitario Nazionale Regione Veneto AZIENDA ULSS N. 6 VICENZA SOCIO SANITARIO Servizio Sanitario Nazionale Regione Veneto AZIENDA ULSS N. 6 VICENZA L OPERATORE SOCIO SANITARIO Per informazioni : Centro formazione sanitaria Corsi per Operatori Socio - Sanitari Via San Bortolo 85

Dettagli

Assistente di studio medico

Assistente di studio medico UOSP Ufficio dell Orientamento Scolastico e Professionale Assistente di studio medico La loro presenza è indispensabile al buon funzionamento di uno studio medico. Dall accoglienza dei pazienti fino all

Dettagli

Comune di Trezzano Rosa (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZI SOCIO-ASSISTENZIALI

Comune di Trezzano Rosa (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZI SOCIO-ASSISTENZIALI Comune di Trezzano Rosa (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZI SOCIO-ASSISTENZIALI Ultime modifiche apportate con deliberazione C.C. n. 43 del 15.09.2003 2 TITOLO I PRINCIPI GENERALI...4 Art.

Dettagli

16 2001, 20 (BUR 75/2001) LA FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO

16 2001, 20 (BUR 75/2001) LA FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO LA FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO Art. 1 - Figura professionale e profilo. 1. È individuata la figura professionale dell operatore socio-sanitario. 2. L operatore socio-sanitario è

Dettagli

I CEMEA ED I SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE

I CEMEA ED I SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE I CEMEA ED I SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE I Cemea, da molti anni sono impegnati anche nel campo dell assistenza domiciliare ritenendola una scelta importante e significativa per incrementare i processi

Dettagli

PROGETTO SAPERE. L assistenza e la riabilitazione in seguito a ictus

PROGETTO SAPERE. L assistenza e la riabilitazione in seguito a ictus Agenzia Regionale di Sanità della Toscana (ARS) Osservatorio Qualità PROGETTO SAPERE (Stroke Acuto PERcorsi ed Esperienze) L assistenza e la riabilitazione in seguito a ictus Novembre 2006 2 L ASSISTENZA

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: ARCI NAPOLI 2) Codice di accreditamento: NZ05738 3) Albo e classe di iscrizione: Regione Campania

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO Riqualificazione in Operatore Socio Sanitario

PROGETTO FORMATIVO Riqualificazione in Operatore Socio Sanitario PROGETTO FORMATIVO Riqualificazione in Operatore Socio Sanitario Il progetto è redatto sulla base dell Allegato 1 del D.A.n.1613 del 08/10/2014 Linee guida per la riqualificazione in Operatore Socio Sanitario

Dettagli

Le Coccole L ASILO NIDO PRESENTA LA CARTA DEI SERVIZI. Via Maestri del Lavoro, 1 Località Gambarara (Mantova) Tel. 0376 398982 isolabimbi@libero.

Le Coccole L ASILO NIDO PRESENTA LA CARTA DEI SERVIZI. Via Maestri del Lavoro, 1 Località Gambarara (Mantova) Tel. 0376 398982 isolabimbi@libero. I L A B S I o dei B I M PRESENTA L ASILO NIDO Le Coccole LA CARTA DEI SERVIZI Via Maestri del Lavoro, 1 Località Gambarara (Mantova) Tel. 0376 398982 isolabimbi@libero.it DITE: E faticoso frequentare i

Dettagli

Il corso per Operatore Socio-Sanitario Sanitario (OSS) LA VALUTAZIONE FINALE DEGLI STUDENTI

Il corso per Operatore Socio-Sanitario Sanitario (OSS) LA VALUTAZIONE FINALE DEGLI STUDENTI Il corso per Operatore Socio-Sanitario Sanitario (OSS) LA VALUTAZIONE FINALE DEGLI STUDENTI Conoscere Le funzioni attribuite agli esperti quali componenti della Commissione per la valutazione finale del

Dettagli

Corso per OPERATORE SOCIO SANITARIO (O.S.S.)" 1000 ore. Operatore Socio Sanitario 1000 ore

Corso per OPERATORE SOCIO SANITARIO (O.S.S.) 1000 ore. Operatore Socio Sanitario 1000 ore Corso per OPERATORE SOCIO SANITARIO (O.S.S.)" 1000 ore Titolo Destinatari Obiettivi e Finalità Operatore Socio Sanitario 1000 ore Il corso è rivolto a tutti gli interessati all ottenimento della qualifica

Dettagli

Chiave di ripartizione del personale curante in casa per anziani

Chiave di ripartizione del personale curante in casa per anziani Dipartimento della sanità e della socialità UFFICIO DEL MEDICO CANTONALE Chiave di ripartizione del personale curante in casa per anziani Introduzione e obiettivi La proiezione al 2020 degli attuali dati

Dettagli

PROGETTO GESTIONALE DEL SERVIZIO N 1

PROGETTO GESTIONALE DEL SERVIZIO N 1 CASA DELL'ANZIANO G. VADA VIA G. MARCONI 22 VERZUOLO tel. 0175 85444 fax 0175 750958 e-mail CASA.RIPOSO@COMUNE.VERZUOLO.CN.IT PROGETTO GESTIONALE DEL SERVIZIO N 1 Periodo di riferimento Anno 2011 2013

Dettagli

MANSIONARIO DELL INFERMIERE PROFESSIONALE

MANSIONARIO DELL INFERMIERE PROFESSIONALE MANSIONARIO DELL INFERMIERE PROFESSIONALE Modifiche al R.D. 2 maggio 1940, numero 1310, sulle mansioni degli infermieri professionali e infermieri generici. TITOLO I - Mansioni dell infermiere professionale

Dettagli

AGATA DANZA COORDINA ALESSIO DUCCI

AGATA DANZA COORDINA ALESSIO DUCCI AGATA DANZA COORDINA ALESSIO DUCCI MONTESILVANO MARINA 23 MAGGIO 2015 IL SERVIZIO DEI VOLONTARI IN HOSPICE LINEE GUIDA XX Convegno Federavo Montesilvano Marina 22/24 maggio 2014 Agata Danza Non abbiate

Dettagli

ALLEGATO A (il presente allegato è costituito da n. 3 pagine)

ALLEGATO A (il presente allegato è costituito da n. 3 pagine) ALLEGATO A (il presente allegato è costituito da n. 3 pagine) CORSO DI RIQUALIFICAZIONE IN OPERATORI SOCIO SANITARI PER ADEST (Assistente Domiciliare e dei Servizi Tutelari) CORSO DI 330 ORE ARTICOLAZIONE

Dettagli

Malattia inguaribile e adesso?

Malattia inguaribile e adesso? Malattia inguaribile e adesso? Quando si è colpiti da una grave malattia che non concede speranze di guarigione, sorgono inevitabilmente molte domande difficili e importanti: > Quanto tempo mi rimane?

Dettagli

Mantova. Professione per la vita: L INFERMIERE

Mantova. Professione per la vita: L INFERMIERE Mantova Professione per la vita: L INFERMIERE Scegliere un lavoro che ti permette di essere protagonista nella vita vera, di essere un punto di riferimento per gli altri e di esercitare importanti responsabilità,

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

CONDIZIONI QUADRO PER LA FORNITURA DELLE PRESTAZIONI E CONSENSO DELL UTENTE

CONDIZIONI QUADRO PER LA FORNITURA DELLE PRESTAZIONI E CONSENSO DELL UTENTE CONDIZIONI QUADRO PER LA FORNITURA DELLE PRESTAZIONI E CONSENSO DELL UTENTE Allo scopo di facilitare un rapporto trasparente tra l utenza ed il Servizio dell Associazione per l Assistenza e cura a domicilio

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A1

Università per Stranieri di Siena Livello A1 Unità 6 Al Pronto Soccorso CHIAVI In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come funziona il Pronto Soccorso parole relative all accesso e al ricovero al Pronto Soccorso

Dettagli

Residenza Sanitaria Assistenziale. Vivere Insieme Quarenghi

Residenza Sanitaria Assistenziale. Vivere Insieme Quarenghi Residenza Sanitaria Assistenziale Vivere Insieme Quarenghi Il gruppo di lavoro La struttura è organizzata in settori, a ciascuno dei quali è assegnata una organica dotazione, qualitativa e quantitativa,

Dettagli

Ó» ¹¹ ± 6781 9 aprile 2013 DECS / DSS

Ó» ¹¹ ± 6781 9 aprile 2013 DECS / DSS Ó» ¹¹ ± ²«³» ± ¼ Ü ³»² ± 6781 9 aprile 2013 DECS / DSS ݱ²½» ²» Rapporto del Consiglio di Stato sulla mozione 25 marzo 2002 presentata da Raoul Ghisletta e cofirmatari (ripresa da Pelin Kandemir Bordoli)

Dettagli

Piano di studio per la formazione di Educatore/trice dell infanzia dipl. SSS

Piano di studio per la formazione di Educatore/trice dell infanzia dipl. SSS per la formazione di A tempo pieno Divisione della formazione professionale Ufficio della formazione sanitaria e sociale Scuola cantonale degli operatori sociali Mendrisio, 13 agosto 2012 1 INDICE 1 PIANO

Dettagli