Repubblica Italiana ASSESSORATO REGIONALE DELL ISTRUZIONE E DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE DISPENSA DI PSICOLOGIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Repubblica Italiana ASSESSORATO REGIONALE DELL ISTRUZIONE E DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE DISPENSA DI PSICOLOGIA"

Transcript

1 Repubblica Italiana Unione Europea Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELL ISTRUZIONE E DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE DISPENSA DI PSICOLOGIA Anno Formativo 2011

2 DISPENSA DI PSICOLOGIA Il ruolo dell Operatore nell accompagnamento globale dell utente. Io Operatore MI IMPEGNO a: STARTI VICINO quando soffri, quando hai paura, quando la medicina e la tecnica non bastano. [1]

3 CAP. 1 LA FIGURA DELL OPERATORE SOCIO-ASSISTENZIALE Par. 1.1 Caratteristiche generali L OPERATORE SOCIO - ASSISTENZIALE è una figura professionale che lavora nell ambito del sociale e dell assistenza ed ha acquisito la qualifica grazie alla frequenza di un corso professionale di specializzazione riconosciuto per tale titolo. L O.S.A è responsabile del benessere generale dell utente assistito sul piano sociopsico-fisico e relazionale. Tale qualifica ha la seguente validità: qualifica valutabile nei concorsi pubblici e privati; qualifica riconosciuta dai centri per l impiego; qualifica valutabile per la fuoriuscita ex art. 23- LSU; accesso graduatoria I.T.P; accesso assistente igienico sanitario; accesso docenza corsi H sostegno ; accesso graduatoria A.T.A; titolo di preferenza ambito di lavoro; credito formativo esami di maturità; credito formativo universitario; aspiranti ad un impiego pubblico; qualifica valida per l insegnamento nei corsi regionali. Par. 1.2 Ambiti di lavoro, utenza da assistere, ruoli e competenze Gli AMBITI DI LAVORO dell O.S.A possono riferirsi sia all area privata che al settore pubblico nonché alle istituzioni scolastiche; l O.S.A infatti lavora: direttamente a casa della persona assistita, all interno del servizio di assistenza domiciliare fornito da enti pubblici (comuni) ed organizzazioni di privato sociale (cooperative, comunità) o per richiesta di privati; in strutture tutelari che sostituiscono l abitazione dell utente e dove gli è fornita l assistenza quando da solo o la sua famiglia non è in grado di farlo (casa di riposo, comunità alloggio, case famiglia, RSA ); nelle strutture scolastiche in ausilio dello svolgimento delle varie attività svolte all interno della classe e fornendo assistenza ai bambini diversamente abili. IL CAMPO DI ATTIVITÀ DELL OPERATORE SOCIO ASSISTENZIALE COMPRENDE L ACCOMPAGNAMENTO E L ASSISTENZA GLOBALE DELLA PERSONA ASSISTITA NEL SUO AMBIENTE ABITUALE (A CASA) IN CENTRI DI DEGENZA E STRUTTURE OCCUPAZIONALI. [2]

4 Gli UTENTI che l O.S.A può assistere sono: persone anziane persone adulte con gravi handicap fisici o psichici e con precedenti di malattia mentale minori allontanati dalla famiglia collocati in strutture residenziali (comunità-alloggio, case-famiglia, istituti) nuclei familiari con persone a rischio o portatori di handicap fisici o persone che necessitano di assistenza psichica persone che vivono in ambienti sociali disagiati tossicodipendenti o malati terminali disabili mentali. Le COMPETENZE dell O.S.A possono essere raggruppate in 4 aree specifiche: aiuto diretto alla persona (lavarla, vestirla, imboccarla, etc ); aiuto domestico (igiene della casa, sanitizzazione dei locali) aiuto logistico complementare o del terzo settore (orario delle terapie, concordare appuntamenti, disbrigo pratiche, etc ); competenze relazionali o di socializzazione( capacità di relazionare con utenti, famiglia,equipe di lavoro). AIUTO DIRETTO ALLA PERSONA: deve favorire l autosufficienza nella vita quotidiana, aiutare nello svolgimento delle attività personali della persona (alzarsi dal letto o coricarsi, pulizie personali, aiuto per il bagno, vestizione, nutrizione, aiuto nell assunzione dei pasti, corretta deambulazione, aiuto per la mobilizzazione). in sostituzione e appoggio dei familiari e su indicazione sempre dei medici è in grado di aiutare per la corretta assunzione dei farmaci prescritti e per il [3]

5 giusto utilizzo dell apparecchio medico di semplice uso (macchina della pressione, aerosol). deve aiutare nella preparazione delle prestazioni sanitarie; deve osservare, riconoscere e riferire alcuni dei più comuni sintomi di allarme che l utente può presentare (pallore, sudorazione, tachicardia, etc ); deve segnalare al servizio sanitario di base qualsiasi anomalia osservata nella condizione dell utente; può effettuare piccole medicazioni o cambio garza; può controllare ed assistere alla somministrazione della dieta; l O.S.A segue la persona da assistere a domicilio o nelle strutture, sorvegliandola nell applicazione del trattamento terapeutico prescrittole dal medico; l O.S.A può aiutare nelle attività che favoriscono la socializzazione, il recupero ed il mantenimento delle capacità cognitive e manuali. L OSA DI SUA INIZIATIVA NON PUÒ SOMMINISTRARE FARMACI NE PER TIPOLOGIA E NÉ PER QUANTITÀ, MA PUÒ DARE AGLI UTENTI ASSISTITI LA TERAPIA PRESCRITTA DAL PERSONALE MEDICO. Può essere da ausilio al personale sanitario nell attuazione di ALCUNE MISURE TERAPEUTICHE, tra cui: effettuare clisteri; applicare pomate e fasciature; medicazioni di ferite; preparazione e somministrazione di alcune terapie dietro l indicazione del personale medico; rilevazione di vari parametri vitali (controllo della pressione o controllo del peso); attuazione di programmi terapeutici a livello motorio, di ergoterapia e logopedia; pedicure; ginnastica vescicale; assunzione di cibo, inclusa l alimentazione tramite sonda; La programmazione delle misure sopra indicate e la forma di sostegno che l operatore deve prestare nella loro adozione devono essere specificate per iscritto nella pianificazione delle cure e nella relativa documentazione. [4]

6 AIUTO DOMESTICO: l O.S.A collabora nello svolgimento delle attività di carattere domestico; si occupa della cura delle condizioni igieniche e del riordino del contesto abitativo, cambio e lavaggio della biancheria; è responsabile della corretta preparazione e somministrazione dei pasti; osserva le norme igienico-sanitarie; provvede alla sterilizzazione ambientale e degli strumenti di lavoro, cura pulizia e manutenzione delle attrezzature e dell arredo, riordino del materiale dopo l assunzione dei pasti, sterilizzazione del materiale sanitario, secondo le disposizioni avute dall infermiere o dal medico. AIUTO LOGISTICO, COMPLEMENTARE O DEL TERZO SETTORE: l O.S.A si occupa dello svolgimento delle attività amministrative e pratiche burocratiche; si occupa anche di effettuare acquisti per gli utenti e di svolgere piccole commissioni; prepara la documentazione necessaria ai fini dell assicurazione della qualità della vita e si assume la gestione della casa; in collaborazione con il personale dei servizi socio-sanitari, elabora la rilevazione dei bisogni specifici delle persone e dei gruppi da assistere collaborando con l équipe alla stesura dei piani di intervento e dei progetti da realizzare sul territorio e nei servizi; collabora all elaborazione del programma individuale o di gruppo volto a sviluppare le facoltà intellettive e le capacità fisiche delle persone assistite. COMPETENZE DI TIPO RELAZIONALE: L O.S.A deve saper relazionarsi con utenti, famiglie degli utenti ed équipe di lavoro. Il primo strumento di socializzazione è la comunicazione, veicolo che permette di creare delle relazioni o interazioni tra individui. Vi sono altri strumenti di socializzazione, ovvero varie attività artistiche che permettono l espressione della capacità creativa, come laboratori di dècoupage, bricolage, pittura, disegno, teatro, giochi di gruppo, attività culinarie, escursioni turistiche. [5]

7 Par. 1.3 Competenze tecniche e relazionali. Punti fondamentali e di sintesi LE COMPETENZE RICHIESTE ALLA FIGURA DELL OPERATORE SONO QUINDI DI 2 TIPI: COMPETENZE RELATIVE ALLA CONOSCENZA TECNICA COMPETENZE DI TIPO RELAZIONALE COMPETENZE RELATIVE ALLA CONOSCENZA TECNICA: l O.S.A deve conoscere le principali tipologie di utenti e le problematiche connesse ; deve conoscere le diverse fasi di elaborazione dei progetti di intervento personalizzati; conoscere i fondamenti della legislazione socio-sanitaria e dei servizi presenti nel contesto operativo; conoscere le condizioni dell utente e la situazione familiare ; conoscere le modalità di segnalazione e comunicazione dei problemi generali e specifici relativi all utente ; conoscere le condizioni di rischio e i vari disturbi mentali ; conoscere i principali interventi di educazione alla salute rivolti agli utenti e ai loro familiari; conoscere l organizzazione dei servizi sociali e sanitari presenti nel territorio; conoscere le nozioni fondamentali di pronto soccorso, psicologia e sociologia. COMPETENZE DI TIPO RELAZIONALE: l O.S.A deve saper lavorare in équipe ; deve sapersi relazionare con altri operatori ed altre figure professionali; deve saper rapportarsi con utente e famiglie comunicando le attività di assistenza coinvolgendo alla comunicazione e al dialogo; deve saper agire in condizioni di emergenza ; deve saper interagire con l utente e il personale sanitario ; si deve saper rapportare con le strutture sociali, ricreative e culturali del territorio; [6]

8 deve saper collaborare alla stesura dei piani di intervento sia individuali che di gruppo; deve essere in grado di partecipare all accoglimento dell utente per assicurare una puntuale informazione sul servizio e sulle risorse; deve essere in grado di gestire la sua attività con la dovuta riservatezza e rispettare l etica e il segreto professionale. La visibilità di ciò che vediamo Sta nelle realtà in cui crediamo. Ci sono occhi che non vedono e orecchie che non sentono Ma il cuore ascolta sempre. [7]

9 L O.S.A NON PUÒ SOMMINISTRARE FARMACI DI SUA INIZIATIVA. È IMPORTANTE CHE L O.S.A PRESTI LA SUA OPERA RISPETTANDO IL SEGRETO PROFESSIONALE E SENZA DIVULGARE NOTIZIE E FATTI CHE ACCADONO NEL LUOGO DI LAVORO. L O.S.A PUÒ SVOLGERE IL SUO LAVORO SIA NEL PUBBLICO CHE NEL PRIVATO ED È TENUTO AD ACCETTARE INCONDIZIONATAMENTE LA TIPOLOGIA DI UTENZA ALLA QUALE DEVE PRESTARE LA SUA ASSISTENZA. È IMPORTANTE CHE ABBIA ACQUISITO DELLE NOZIONI BASILARI DI PSICOLOGIA PER GESTIRE E ORGANIZZARE I RAPPORTI INTERPERSONALI RELATIVI ALL AMBITO LAORATIVO, PER ANALIZZARE E VALUTARE LO STATO DI SALUTE, LE CONDIZIONI FAMILIARI E SOCIO-RELAZIONALI DELL UTENTE, PER CONOSCERE LE CARATTERISTICHE GENERALI DEI VARI DISTURBI MENTALI E SAPER RICONOSCERE I SINTOMI E GESTIRNE LE CONSEGUENZE (ES: GESTIONE DELLE CRISI NEI PAZIENTI SCHIZOFRENICI, COMPARSA DI DELIRI E ALLUCINAZIONI O GESTIONE DI CRISI DEPRESSIVE), SAPER MIGLIORARE LA COMUNICAZIONE E UTILIZZARE UN LINGUAGGIO ASSERTIVO CON COLLEGHI, UTENTI E I LORO FAMILIARI AL FINE DI CREARE UN CLIMA ACCOGLIENTE E COLLABORATIVO. LE NOZIONI DI PRONTO SOCCORSO SONO UTILI ALL O.S.A. PER RICONOSCERE I PRIMI SINTOMI DI UN MALESSERE E FORNIRE I PRIMI AIUTI DANDO COMUNICAZIONE AL PERSONALE MEDICO COMPETENTE. LE NOZIONI DI SOCIOLOGIA SONO UTILI INVECE AL FINE DI FAR CONOSCERE ALL O.S.A. LE CARATTERISTICHE DEL GRUPPO E LE SUE DINAMICHE LA FUNZIONE DELLA COMUNICAZIONE NEL GRUPPO E I GIOCHI DI ANIMAZIONE ALLO SCOPO DI CREARE UN CLIMA DI ACCETTAZIONE PER L UTENTE. [8]

10 CAP. 2 LA PSICOLOGIA E LA SUA IMPORTANZA NEL LAVORO DELL OPERATORE SOCIO-ASSISTENZIALE Par. 2.1 La scienza psicologica: caratteristiche generali, cenni storici, orientamenti teorici La Psicologia è una scienza che studia la mente umana, il comportamento, le relazioni tra gli individui e i vari disturbi mentali. È importante che l Operatore Socio Assistenziale abbia acquisito nel corso della sua preparazione delle nozioni di psicologia per diversi motivi: - per conoscere le varie tipologie di disturbi e assumere atteggiamenti adeguati dinanzi a determinate situazioni (per es. se si lavora con utenti schizofrenici è importante che conosca le caratteristiche della patologia e come interagire con essi in particolari situazioni); - per sviluppare la comunicazione e modificare lo stile comunicativo, - per contribuire a creare un clima collaborativo con gli utenti, le rispettive famiglie e l équipe di lavoro; - per capire le dinamiche di gruppo e svolgere un lavoro sinergico e di rete con le altre figure professionali nell ambito dell assistenza; - per conoscere i limiti, le potenzialità e il vissuto di una determinata persona e iniziare, grazie alla raccolta delle informazioni anamnestiche, ad analizzare e a valutare la situazione familiare, personale, sociale, affettiva e relazionale dell utente. La psicologia è una scienza che ha diverse ramificazioni ed ogni branca approfondisce lo specifico aspetto oggetto di studio a cui si riferisce. Si parla pertanto di psicologia della personalità, di comunità, del colloquio psicologico, dei test di personalità, della tossicodipendenza, sociale, delle dinamiche familiari, giuridica, clinica, psicopatologia, etc Ognuna di esse dedica l attenzione verso tematiche specifiche pertinenti alla materia da studiare. All interno della scienza psicologica si possono distinguere diversi orientamenti di studio, ognuno dei quali privilegia un particolare ambito di ricerca, tra questi è importante annoverare: l orientamento psicoanalitico: che enfatizza lo studio dei processi psichici attuando una sorta di scavo archeologico, come sosteneva Freud (padre della psicoanalisi), nell inconscio e nel vissuto del soggetto e portare alla coscienza contenuti interni rimossi; l orientamento cognitivo- comportamentale: che punta l attenzione invece sul comportamento visibile e mira a modificare variabili [9]

11 disfunzionali; l orientamento sistemico- relazionale: valuta invece il problema come il prodotto di un contesto familiare che funziona male ed è compito dello psicologo sostituire le regole disfunzionali con delle regole funzionali che controllano l intero sistema familiare. L O.S.A lavora nell ambito del sociale, un contesto complesso e piuttosto delicato in quanto si ha a che fare con la sofferenza umana e con tipologie di utenza che possono manifestare sintomi e patologie di una certa gravità con le quali bisogna adottare delle misure preventive e comportamentali adeguate. Lavorare nel sociale significa farsi carico dei disagi e della sofferenza altrui, cercando di attuare anche un certo distacco emotivo e nel contempo cercare di empatizzare con l utente (creando una certa sintonia con il suo vissuto). CAP. 3 FREUD E LA PSICOANALISI Par. 3.1 Freud e la psicoanalisi: caratteristiche generali Freud, medico e psichiatra, nel corso dei suoi studi si interessò di approfondire diverse tematiche come: l interpretazione dei sogni; il lavoro con delle pazienti isteriche che presentavano seri disturbi mentali; l elaborazione di una sua teoria chiamata Teoria dei Luoghi per descrivere la dinamica dell apparato psichico; elaborò un modello di terapia dei disturbi psichici e propose un modello descrittivo degli stadi dello sviluppo psicosessuale del bambino L interpretazione dei sogni Il SOGNO così come viene ricordato e verbalizzato (contenuto manifesto) è l espressione di un contenuto latente, nascosto, inconscio. Il contenuto latente si trasforma in contenuto manifesto attraverso il LAVORO ONIRICO, dando luogo ad un contenuto apparentemente privo di significato ma che dovrà invece essere interpretato. Il SOGNO pertanto può essere definito come l appagamento di un desiderio, perché consente al desiderio stesso di manifestarsi seppure in forma mascherata. L ANALISI permette di individuare il senso del sogno attraverso le associazioni che il paziente fa in relazione agli elementi del contenuto manifesto. [10]

12 La psicoanalisi La PSICOANALISI è per Freud: una teoria e un metodo di ricerca in Psicologia un metodo terapeutico un procedimento per l indagine psichica, la terapia psicoanalitica è fondata sullo svelamento delle rappresentazioni respinte o conservate nell inconscio La teoria dei luoghi: ES, IO, SUPERIO. CONSCIO, PRECONSCIO, INCONSCIO Freud, tra la fine del 1890 e gli inizi del 1920, elaborò una teoria generale della psiche LA TEORIA DEI LUOGHI e si interessò dello studio di particolari fenomeni osservati nella vita psichica normale e patologica e di descrivere e interpretare interessanti casi clinici (il caso di Anna O, il caso del piccolo Hans, ecc ). Freud nella Teoria dei Luoghi collocava la dinamica degli affetti all interno di un APPARATO PSICHICO suddiviso in SISTEMI aventi diverse funzioni. La PRIMA TOPICA dove veniva suddiviso l apparato psichico in: INCONSCIO PRECONSCIO CONSCIO e la SECONDA TOPICA basata sulla differenziazione tra le tre istanze: ES IO SUPERIO Per Freud la METAPSICOLOGIA è costituita dall insieme del punto di vista: TOPICO (struttura dell apparato psichico); DINAMICO (studio dei fenomeni psichici in relazione alle forze che agiscono nella psiche stessa); ECONOMICO (energia che circola e si distribuisce nella psiche). Par. 3.2 Struttura dell apparato psichico secondo la teoria di Freud Freud suddivide nella sua teoria l apparato psichico in: ES, IO e SUPERIO. L ES rappresenta per la psiche il PATRIMONIO EREDITARIO, è la sede di origine delle pulsioni e la fonte principale dell energia psichica. Rappresenta la parte oscura, inaccessibile della nostra personalità. L IO è mediatore del rapporto tra l ES di un individuo e il mondo esterno che, ai fini dell autoconservazione dell individuo stesso, svolge la funzione di CONOSCERE e [11]

13 VALUTARE gli stimoli esterni ed interni. Le minacce provenienti dall ES e dall ambiente provocano ANGOSCIA; quando è possibile, l IO affronta il problema in modo realistico utilizzando le abilità di problem-solving; quando l angoscia è così forte tanto da minacciare di soffocare l IO, entrano in gioco meccanismi di difesa che controllano e alleviano l angoscia stessa apportando distorsioni alla realtà e permettendo, tuttavia, solo un soddisfacimento parziale delle pulsioni. Dall IO si sviluppa durante l infanzia il SUPER-IO nel quale si collocano le influenze dei genitori e delle altre persone significative del proprio ambiente sociale. Esso si sviluppa quando il bambino risolve il suo complesso edipico e sviluppa l identificazione con i genitori. Il SUPER-IO è composto da due parti: la COSCIENZA e l IO IDEALE. La coscienza è fatta dalle proibizioni dei genitori, dalle loro punizioni, regole morali tanto che punisce la persona con i sensi di colpa o con un comportamento autodistruttivo. L IO ideale si riferisce ad un insieme di condotte verso cui la persona tende i propri sforzi. Per Freud l ES e il SUPER-IO, pur differendo in molte cose fondamentali, concordano nel fatto di rappresentare entrambi gli influssi del passato: l ES rappresenta l influsso di ciò che l individuo ha ereditato il SUPER-IO rappresenta l influsso di ciò che egli ha recepito da altre persone l IO invece è determinato principalmente da ciò che l individuo ha sperimentato personalmente, dunque da eventi accidentali e attuali. I processi psichici si qualificano in base al grado di coscienza che possiedono per l individuo. Alcuni processi psichici sono INCONSCI che possono restare tali o divenire CONSCI, anche se incontrano certe resistenze che possono emergere nel processo terapeutico. L INCONSCIO si riferisce a pensieri e sentimenti repressi e quindi sconosciuti. Questo materiale non è in grado di aprirsi alla coscienza e qualora accadesse si assisterebbe ad un aumento delle pulsioni o ad un indebolimento delle difese dell Io. Il PRECONSCIO è capace di diventare conscio attraverso la formazione di immagini mentali o attraverso il linguaggio. Il CONSCIO rappresenta il contenuto di cui la persona è consapevole in quel momento. I pensieri possono passare dal preconscio al conscio rapidamente. Le leggi che regolano i processi dell INCONSCIO e nell ES rientrano nel processo primario regolato dal PRINCIPIO DI PIACERE, ovvero i processi psichici mirano ad ottenere piacere, l attività psichica si ritrae dagli eventi che possono provocare dispiacere attraverso i meccanismi difensivi. [12]

14 Le leggi che regolano i processi nel PRECONSCIO e nella parte COSCIENTE o nell IO, appartengono al PROCESSO SECONDARIO e sono regolati dal PRINCIPIO DI REALTÀ ovvero si impone un esame di realtà ai fini del conseguimento del piacere, non vi è una rappresentazione allucinatoria dell oggetto desiderato ma si produce una rappresentazione mentale adeguata ad esplorare la realtà per ottenere una reale soddisfazione del bisogno. I bisogni dell organismo si esprimono e sono soddisfatti nella vita psichica come PULSIONI ovvero RAPPRESENTAZIONE PSICHICA DEL BISOGNO. La PULSIONE arriva alla META in virtù della sua forza o SPINTA e si dirige su oggetti che possono variare nel tempo. Par. 3.3 Gli stadi, le fasi o i periodi dello sviluppo psicosessuale del bambino FREUD, studiando il bambino nelle esperienze di sofferenza da lui verbalizzate o da lui affrontate, cercò di RINTRACCIARE la rilevanza delle ESPERIENZE PRECOCI legate al rapporto coi genitori (soprattutto al rapporto con la madre). Attribuisce al legame madre-bambino l importanza delle successive relazioni del soggetto da adulto col mondo e le modalità attraverso cui il bambino risolve e appaga i suoi bisogni nel corso dello sviluppo, sottolineando l esistenza o meno di problemi che hanno una certa analogia con caratteristiche della vita adulta. LO SVILUPPO DELLA SESSUALITÀ INFANTILE è stato cadenzato da FREUD in varie fasi, stadi o periodi denominate: ORALE, ANALE, FALLICA e GENITALE e da un PERIODO DI LATENZA. La successione degli stadi prosegue e l energia nasce da un investimento verso un oggetto. Secondo Freud i primissimi anni di vita sono i più importanti per la formazione della personalità, si può capire un comportamento solo se si conosce come si è sviluppato durante la storia precedente della persona. Sia il comportamento normale che anormale hanno le loro radici nei primi anni, quando viene costruita la struttura di base della personalità. Ogni stadio presenta dei nuovi bisogni che devono essere manovrati dalle strutture mentali. Tali bisogni se non vengono soddisfatti possono portare allo sviluppo di atteggiamenti caratteristici, difese, fantasie. Conflitti non risolti in ogni stadio possono essere presenti lungo tutto il corso della vita dell individuo. Il passaggio da uno stadio all altro è biologicamente determinato, il passaggio allo stadio successivo è indipendente dal completamento dello stadio precedente; ogni [13]

15 stadio è centrato su una particolare zona erogena (una zona del corpo che, una volta stimolata, produce tensioni sessuali che hanno bisogno di essere alleviate). FASE ORALE (dalla nascita a 1 anno circa) Le esperienze ORALI presentano al bambino il piacere e il dolore del mondo. Il PIACERE proviene dalla soddisfazioni delle PULSIONI ORALI. Succhiare, mangiare, masticare e morsicare danno GRATIFICAZIONE, ad es. l attività di suzione è finalizzata ad ottenere un PIACERE, nell esercitare tale attività (attaccarsi al seno o al biberon) il bambino va alla ricerca della soddisfazione di un piacere. Durante lo svezzamento può insorgere un problema, il bambino abbandona il SENO MATERNO e per gratificarsi utilizza un altro oggetto. Oltre ad esperire piacere orale, il bambino piccolo si confronta con l esperienza del dolore derivante dalla FRUSTRAZIONE e dall ANGOSCIA. Le tensioni sessuali sono piacevoli se vengono soddisfatte, ma diventano dolorose se non sono appagate e continuano ad aumentare di intensità. Potrebbe capitare che un oggetto preferito, il capezzolo o il biberon, non sia presente nel momento in cui il bambino lo desidera per cui deve aspettare e ciò risulta frustrante. Potrebbe abbandonarsi al soddisfacimento allucinatorio del desiderio, immaginando il biberon desiderato; oppure potrebbe succhiarsi il dito, una coperta o un giocattolo morbido ma il soddisfacimento non è completo. Sono i genitori che insegnano ai bambini come soddisfare le proprie pulsioni; il bambino scopre che la vita comporta delle frustrazioni oltre che piaceri e così sviluppa, per fronteggiare le frustrazioni, modalità che saranno la base della sua personalità futura. Un altra spiacevole sensazione, strettamente collegata alla frustrazione, è l ANGOSCIA. L angoscia ha origine dalla nascita, nel momento in cui il bambino, nel passaggio dalla vita intrauterina a quella extrauterina, viene sopraffatto dalle stimolazioni. La sua reazione a questa esperienza traumatica è la PAURA. Da quel momento il bambino sperimenta angoscia in qualsiasi momento sopraggiunga una stimolazione, soprattutto se è di tipo sessuale. Il bambino prova angoscia non solo quando la spinta sessuale diventa troppo intensa, ma anche quando non è presente l oggetto gratificante o teme che l oggetto possa abbandonarlo. L angoscia durante la nascita può essere alla base di manifestazioni di tipo ansioso future. Un eccessiva o una mancata gratificazione può portare all insorgenza di problemi negli anni successivi. [14]

16 Gli effetti di una SCARSA GRATIFICAZIONE sono: angoscia frequente ricerca continua di gratificazione orale nella vita adulta (fumo eccessivo, eccesso di cibo, mangiarsi le unghie, ecc ) pessimismo Se la soddisfazione orale è ESTREMAMENTE GRATIFICANTE, il bambino può incontrare difficoltà a caricare psichicamente nuovi oggetti e si può verificare una fissazione ad uno stadio dello sviluppo psico-sessuale. Per evitare che il bambino negli stadi successivi abbia dei bisogni insoddisfatti, è necessario raggiungere un livello ottimale della gratificazione orale. Per FREUD il modo in cui il bambino si sviluppa durante lo stadio orale crea le basi per la sua personalità di adulto. FASE ANALE (da 1 a 3 anni) Verso la fine dello stadio orale, la personalità del bambino inizia a delinearsi. Crescendo e maturando, il bambino progredisce verso lo stadio anale, i suoi interessi si spostano dalla zona orale a quella anale, quindi il piacere è incentrato nella soddisfazione del bisogno che nasce nella zona anale. Il bambino comincia a farsi influenzare dall ambiente esterno, un eccessivo atteggiamento punitivo in tale periodo comincia ad influenzare il bambino che può provare un SENSO DI VERGOGNA o si crea una situazione di ANGOSCIA e di CONFLITTO. Il bambino deve risolvere il conflitto (un conflitto che può nascere dal controllo degli sfinteri). Il bisogno fisiologico di defecare crea una tensione che viene alleviata dalla defecazione stessa. Tale stimolazione anale e la conseguente riduzione della tensione produce piacere, ma la zona erogena, oltre a produrre piacere, porta a frustrazione e ansietà. Il bambino deve fronteggiare il training a tenersi pulito, se i genitori esigono il controllo degli sfinteri da parte del bambino, il suo desiderio di gratificazione immediata viene frustrato. Se il training a tenersi pulito è troppo rigido, allora la defecazione può diventare per il bambino fonte di angoscia. Alcuni bambini reagiscono a un training severo trattenendo le feci, oppure defecando in tempi e luoghi inadatti. [15]

17 QUALI SONO LE CARATTERISTICHE PATOLOGICHE PRESENTI NELL ETÀ ADULTA LEGATE A QUESTO STADIO? SENSO DI ORDINE AVARIZIA CONTROLLO (persona con carattere anale, per descrive un soggetto metodico, pedante e ostinato) DISORDINE (eccessiva personalità anale) Se in questo stadio si trova un certo equilibrio tra la gratificazione e l auto-controllo, si permette al bambino lo sviluppo di un Io più maturo, in quanto è stato plasmato dal confronto con la realtà. FASE FALLICA (dai 3 ai 5 anni circa) In questo stadio, piaceri e preoccupazioni sono incentrati sull area genitale. Il compito evolutivo che il bambino deve affrontare in questa fase è la SOLUZIONE DI UN CONFLITTO. Si ha, pertanto, la nascita del COMPLESSO DI EDIPO (nascita di sentimenti di amore verso la figura genitoriale di sesso opposto, la madre, e sentimenti di odio verso la figura genitoriale dello stesso sesso, il padre); il bambino si trova quindi in una situazione triangolare che vive con forte senso di ANGOSCIA. Il bambino prova desiderio sessuale per la propria madre e ha paura che il padre possa castrarlo. Per uscire da questa situazione angosciosa, il bambino rimuove sia il suo desiderio per la madre che l ostilità per il padre. Il bambino risolve il CONFLITTO attraverso il PROCESSO DI IDENTIFICAZIONE (identificazione col padre). L identificazione non è imitazione, ma lo sviluppare un forte legame emotivo nei suoi confronti, si IDENTIFICA con le parti non esterne del padre, INTERIORIZZANDO valori, stili di vita credenze, interessi e atteggiamenti caratteristici del padre. Il bambino apprende un ruolo, un IDENTITÀ DI GENERE, identificandosi nell essere maschio. Il periodo dai 4 ai 5 anni corrisponde ad un periodo temporale, il bambino comincia ad intrattenere rapporti coi propri pari e il gruppo. PERIODO DI LATENZA (dai 5 anni all inizio della pubertà) Tale fase coincide col periodo in cui le pulsioni sessuali sono represse e non emerge alcuna area del corpo che sia fonte di eccitamento. Il bambino investe su altri oggetti e vi è uno spostamento dell energia su altre attività (attività cognitive, intellettuali, scolastiche e giochi con bambini). L energia sessuale, rivolta verso interessi sociali, è intenta alla costruzione di meccanismi di difesa per l IO (spostamento, rimozione). [16]

18 FASE GENITALE (adolescenza, dai 13 ai 18 anni) Gli impulsi sessuali, che erano stati repressi durante il periodo di latenza, ricompaiono a causa dei cambiamenti fisiologici che avvengono durante la pubertà e sono diretti verso un coetaneo di sesso opposto. L obiettivo è il raggiungimento di una intimità sessuale adulta e matura, avente come fine biologico la riproduzione. Alla fine dello stadio genitale viene raggiunta la maturità e l individuo ha una struttura dell IO forte che gli permette di fronteggiare la realtà del mondo adulto. Uno dei conseguimenti più importanti è rappresentato dall equilibrio fra amore e lavoro. Quali sono le caratteristiche presenti nell età adulta per quei soggetti che hanno raggiunto un livello di gratificazione in modo equilibrato? si è avuto il raggiungimento delle varie fasi dello sviluppo; chi supera con successo le fasi dello sviluppo psicosessuale, raggiunge alla fase genitale un legame sessuale equilibrato; la soluzione dei bisogni dello stadio genitale segna la qualità delle relazioni che il soggetto ha con gli altri individui e la capacità di orientarsi verso il mondo delle emozioni, degli affetti e dell amore e verso una attività lavorativa concreta. CAP. 4 LA COMUNICAZIONE Par.4.1 Il concetto di comunicazione La comunicazione è il primo strumento e veicolo di socializzazione. Attraverso il canale della comunicazione si stabiliscono le relazioni, ovvero le interazioni tra gli individui e si creano i rapporti. L essere umano non può non comunicare, infatti la comunicazione non ha un suo opposto anche il silenzio è pertanto una forma di comunicazione. Esistono diversi tipi di comunicazione: COMUNICAZIONE VERBALE o modulo numerico, caratterizzata dallo scambio di informazioni contenuti interni e pensieri tramite il linguaggio; COMUNICAZIONE NON VERBALE o modulo analogico, caratterizzata invece dalla gestualità, mimica, espressione facciale, postura, timbro e tono della voce ovvero il cosiddetto linguaggio del corpo. La comunicazione non verbale, però, non viene sempre interpretata allo stesso modo; ciò dipende dalla soggettiva e personale interpretazione delle emozioni e da ciò che il trasmettitore riesce a trasferire al ricevitore del messaggio. Possono entrare in gioco vissuti personali e modalità soggettive di vivere e interpretare uno stato d animo o un emozione. [17]

19 I 5 Assiomi della comunicazione Alla comunicazione vengono riconosciuti 5 assiomi (o leggi fondamentali): 1. Non si può non comunicare: qualsiasi comportamento, le parole, ma anche i silenzi, l attività o l inattività hanno tutti valori comunicativo e influenzano gli altri interlocutori. In sostanza, non si può evitare di comunicare: il nostro comportamento è già di per sé un messaggio. Per esempio: chi accoglie una persona in silenzio non può evitare di comunicare una sensazione di freddezza; 2. Ogni comunicazione ha un aspetto di contenuto e uno di relazione. Non si trasmettono cioè solo messaggi, ma anche le chiavi per comprenderli. Per esempio il messaggio fai attenzione viene compreso, a seconda del tono e dei gesti, come minaccia, o preghiera o ordine oppure raccomandazione; 3. La natura di una relazione dipende dall intenzione tra i comunicanti. Se lo stesso punto di vista rimbalza senza modifiche fra due persone si realizza una condizione di comunicazione problematica in cui ognuno rimane sulle sue posizioni. Per esempio: il marito si chiude in se stesso e così via; 4. Gli esseri umani comunicano sia col modulo numerico ( = le parole) sia con quello analogico ( = gesti, espressioni del viso, inflessioni della voce, sequenza, ritmo e cadenza delle parole); 5. Tutti gli aspetti di comunicazione sono simmetrici (se basati sull eguaglianza: per esempio. Tu urli e io urlo) o complementari ( se basati sulla differenza: per esempio. Tu mi urli e io mi metto a disposizione). Alcune relazioni ( esempio. Insegnante allievo, medico paziente) sono complementari per natura. Importante è che le due modalità non si fossilizzano mai ( esempio. Tu sei sempre arrogante e io rispondo sempre in modo arrogante). Par. 4.2 La comunicazione nel gruppo. Il gruppo di lavoro Un gruppo di lavoro è costituito da un insieme di individui che interagiscono tra loro con una certa regolarità, nella consapevolezza di dipendere l uno dall altro e di condividere gli stessi obiettivi e gli stessi compiti. Ognuno svolge un ruolo specifico sotto la guida di un leader, basandosi sulla circolarità della comunicazione e provvedendo al benessere dei singoli. Perché un gruppo possa evolversi e maturare nel tempo e per permettere una maggiore collaborazione tra i suoi membri ed una loro partecipazione più attiva, è necessario che si passi dalla semplice interazione ad una vera e propria integrazione, affinché i partecipanti al gruppo possano condividere bisogni ed esigenze. La comunicazione è il processo chiave che permette il funzionamento del lavoro di gruppo poiché permette lo scambio di informazioni finalizzato al raggiungimento dei [18]

20 risultati. Essa presuppone tre livelli: interattivo, informativo e trasformativo. La comunicazione infatti permette di creare interazioni, relazioni; facilita lo scambio di informazioni e conoscenze inerenti al lavoro; produce dei cambiamenti. Par. 4.3 L O.S.A. nel lavoro di gruppo L O.S.A deve saper lavorare in gruppo e condividere saperi e nozioni con l équipe di lavoro. Se l O.S.A è inserito all interno di una comunità terapeutica deve saper creare una sinergia con gli altri membri del gruppo. Il coordinatore affiancato dall assistente sociale e altre figure professionali previste, deve saper mantenere un clima collaborativo, partecipativo e di sostegno all interno del gruppo. L O.S.A. è tenuto a comunicare tutte le vicende che accadono all interno del luogo di lavoro e a condividere o chiedere consigli e informazioni sulle strategie da adottare. Le sue mansioni sono specifiche e l O.S.A è tenuto a svolgerle correttamente, inoltre non deve divulgare notizie e fatti personali degli utenti o ciò che accade all interno del posto di lavoro; deve mantenere il segreto professionale e una certa riservatezza nello svolgimento del suo lavoro. Un ottimo metodo per avere sempre una certa circolarità e un confronto con gli altri componenti del gruppo è quello di saper comunicare e possibilmente utilizzare un tipo di comunicazione assertiva; si viene pertanto a creare un clima partecipativo e di condivisione. Tra gli aspetti negativi dello svolgimento del lavoro di gruppo, potrebbero esserci una scarsa sintonia tra i colleghi, ma utilizzando uno stile comunicativo adeguato si possono evitare incomprensioni. La responsabilità e il potere decisionale è essenzialmente a carico del coordinatore e dell assistente sociale, è ovvio che l O.S.A deve concordare ogni sua iniziativa con queste figure. CAP. 5 I MECCANISMI DI DIFESA Par. 5.1 I meccanismi di difesa: caratteristiche generali I meccanismi di difesa sono utilizzati inconsciamente per salvaguardare l Io, allo scopo di ridurre il conflitto o l angoscia ed evitare qualche sentimento minaccioso come un dolore insopportabile o un trauma. I meccanismi di difesa possono essere un normale funzionamento dell Io, sono solitamente inconsci, sono mutevoli e sono spesso associati a stati psicologici diversi. Vengono suddivisi in: difese primarie, primitive, di ordine inferiore, arcaiche; difese secondarie, di ordine superiore, mature è più evolute. [19]

IL DISTURBO DA ATTACCHI DI PANICO E LE FOBIE: CHE COSA SONO E COME SI MANIFESTANO

IL DISTURBO DA ATTACCHI DI PANICO E LE FOBIE: CHE COSA SONO E COME SI MANIFESTANO Il disturbo da attacchi di panico è una patologia tra le più frequenti dal punto di vista clinico, soprattutto tra coloro che soffrono già di un altro disturbo d ansia, come il disturbo d ansia generalizzato

Dettagli

ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE

ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE Catalogo delle Agenzie formative

Dettagli

Appunti di psicologia

Appunti di psicologia Appunti di psicologia Teorie della personalità TEORIE DELLA PERSONALITà Metodi analitici introspettivi : Freud Metodi cognitivo comportamentali : psicologia della Gestalt Metodi sistemici relazionali:

Dettagli

STATI EMOTIVI Ansia Meccanismi di difesa Meccansimi di coping

STATI EMOTIVI Ansia Meccanismi di difesa Meccansimi di coping STATI EMOTIVI Ansia Meccanismi di difesa Meccansimi di coping Scienze Umane II - Infermieristica CHE COS È UN EMOZIONE? Stato affettivo di piacere o dispiacere (EMOZIONI POSITIVE O NEGATIVE) Risposta psicologica

Dettagli

L OSS: analisi del profilo e delle aree di integrazione con le altre. mv - 2010-2011

L OSS: analisi del profilo e delle aree di integrazione con le altre. mv - 2010-2011 L OSS: analisi del profilo e delle aree di integrazione con le altre figure mv - 2010-2011 è l operatore che, al termine di specifica formazione professionale consegue un attestato di qualifica ed è abilitato

Dettagli

FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO E ORDINAMENTO DIDATTICO DEI RELATIVI CORSI DI FORMAZIONE IL MINISTRO DELLA SANITA.

FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO E ORDINAMENTO DIDATTICO DEI RELATIVI CORSI DI FORMAZIONE IL MINISTRO DELLA SANITA. FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO E ORDINAMENTO DIDATTICO DEI RELATIVI CORSI DI FORMAZIONE IL MINISTRO DELLA SANITA di concerto con IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA SOCIALE VISTO il decreto

Dettagli

Dott.ssa M.Versino 1

Dott.ssa M.Versino 1 Dott.ssa M.Versino 1 Stress lo stress è inteso come risposta aspecifica dell organismo a tutto ciò che lo costringe ad uno sforzo di adattamento lo stress è la risposta a una o più stimolazioni fisiche

Dettagli

16 2001, 20 (BUR 75/2001) LA FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO

16 2001, 20 (BUR 75/2001) LA FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO LA FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO Art. 1 - Figura professionale e profilo. 1. È individuata la figura professionale dell operatore socio-sanitario. 2. L operatore socio-sanitario è

Dettagli

Gruppo eterogeneo di disordini caratterizzati da una molteplicità di sintomi che si manifestano attraverso un comportamento alimentare disturbato

Gruppo eterogeneo di disordini caratterizzati da una molteplicità di sintomi che si manifestano attraverso un comportamento alimentare disturbato Insieme delle condizioni cliniche che manifestano un disagio espresso attraverso un rapporto alterato con il cibo e con il proprio corpo tali da compromettere la qualità della vita e le relazioni sociali

Dettagli

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty AppuntiBicoccaAppuntiBicoccaAppu ntibicoccaappuntibicoccaappuntibic occaappuntibicoccaappuntibicoccaa

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty AppuntiBicoccaAppuntiBicoccaAppu ntibicoccaappuntibicoccaappuntibic occaappuntibicoccaappuntibicoccaa qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty AppuntiBicoccaAppuntiBicoccaAppu ntibicoccaappuntibicoccaappuntibic occaappuntibicoccaappuntibicoccaa Psicologia clinica Integrazione di slide e sintesi libri Gabbard e

Dettagli

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO M. Pincherle IMPORTANZA DELL AMBIENTE DI VITA E DELLE ESPERIENZE 1 Importanza di una buona relazione di attaccamento con la figura materna Concetto

Dettagli

CORSO OSS OPERATORE SOCIO SANITARIO

CORSO OSS OPERATORE SOCIO SANITARIO ELENIA Via Ungaretti, 84 62100 Macerata (Mc) Tel. 0733.33844 (r.a.) Fax 0733.33811 segreteriaoss@grupposinergie.com CORSO OSS OPERATORE SOCIO SANITARIO INFORMATIVA GENERALE & SCHEDA D ISCRIZIONE CORSO

Dettagli

1 novembre 2004 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta

1 novembre 2004 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta 1 novembre 2004 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta E esperienza comune trovarsi di fronte ad un pericolo o in situazioni, come per esempio fare un esame o un colloquio di lavoro, e

Dettagli

INDICE GUIDA ALLA LETTURA L EDITORE RINGRAZIA PREFAZIONE ALL EDIZIONE ITALIANA PREFAZIONE 3

INDICE GUIDA ALLA LETTURA L EDITORE RINGRAZIA PREFAZIONE ALL EDIZIONE ITALIANA PREFAZIONE 3 INDICE GUIDA ALLA LETTURA L EDITORE RINGRAZIA PREFAZIONE ALL EDIZIONE ITALIANA X XII XIII PREFAZIONE 3 C A P I T O L O 1 PROSPETTIVE EPISTEMOLOGICHE IN PSICOLOGIA CLINICA 9 1.1 Ragioni e necessità di un

Dettagli

La gestione delle situazioni di emergenza infatti coinvolge funzioni e strategie differenti.

La gestione delle situazioni di emergenza infatti coinvolge funzioni e strategie differenti. PSICOLOGIA DELL EMERGENZA Cerca di comprendere i processi decisionali e le scelte comportamentali nelle situazioni di pericolo. Lo scopo è quello di analizzare la complessa interazione tra : - Mente -

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare:

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: PSICOTERAPIE COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: - una SINDROME CLINICA di tipo PSICOPATOLOGICO

Dettagli

AppuntiBicoccaAppuntiBicoccaAppunt. appunti distribuiti da appuntibicocca.com

AppuntiBicoccaAppuntiBicoccaAppunt. appunti distribuiti da appuntibicocca.com AppuntiBicoccaAppuntiBicoccaAppunt appunti distribuiti da appuntibicocca.com ibicoccaappuntibicoccaappuntibicocc aappuntibicoccaappuntibicoccaappu ntibicoccaappuntibicoccaappuntibico Psicologia clinica

Dettagli

PROGETTO SOSTEGNO PSICOLOGICO scuola aquilana continua a volare. per le scuole primarie e secondarie

PROGETTO SOSTEGNO PSICOLOGICO scuola aquilana continua a volare. per le scuole primarie e secondarie PROGETTO SOSTEGNO PSICOLOGICO scuola aquilana continua a volare. per le scuole primarie e secondarie Premessa Il trauma non cessa con il cessare della violenza esterna ma continua imperterrito nel mondo

Dettagli

La Psicoterapia Psicodinamica. Università Lumsa di Roma Dott. P. Cruciani, Dott.ssa P. Szczepanczyk

La Psicoterapia Psicodinamica. Università Lumsa di Roma Dott. P. Cruciani, Dott.ssa P. Szczepanczyk La Psicoterapia Psicodinamica Università Lumsa di Roma Dott. P. Cruciani, Dott.ssa P. Szczepanczyk Definizione: Una terapia che rivolge una profonda attenzione all interazione terapeutapaziente, con interpretazioni

Dettagli

DISABILITA E COMUNICAZIONE DELLA DIAGNOSI ALLE FAMIGLIE

DISABILITA E COMUNICAZIONE DELLA DIAGNOSI ALLE FAMIGLIE DISABILITA E COMUNICAZIONE DELLA DIAGNOSI ALLE FAMIGLIE Le famiglie di fronte alla disabilità La situazione di disabilità viene vissuta come inaccettabile o, per meglio dire, come un lutto familiare. (Dell

Dettagli

La funzione dei centri antiviolenza e il loro osservatorio: il sostegno del bambino coinvolto nel percorso di protezione assieme alla madre A cura di Centri antiviolenza Demetra, Linea RosaeSos Donna Formazione

Dettagli

SEMINARIO CONOSCERE E AFFRONTARE IL PANICO E GLI STATI D ANSIA

SEMINARIO CONOSCERE E AFFRONTARE IL PANICO E GLI STATI D ANSIA SEMINARIO CONOSCERE E AFFRONTARE IL PANICO E GLI STATI D ANSIA Che cos è l ansia? L ansia è uno stato di attivazione fisiologica e cognitiva in previsione di un pericolo futuro. E un termine che deriva

Dettagli

Appunti della lezione dell 8 marzo 2010. 1- Adolescenza: viene considerata la fase di iniziazione alla tossicodipendenza

Appunti della lezione dell 8 marzo 2010. 1- Adolescenza: viene considerata la fase di iniziazione alla tossicodipendenza Appunti della lezione dell 8 marzo 2010 Cap 1 adolescenza e compiti di sviluppo 1- Adolescenza: viene considerata la fase di iniziazione alla tossicodipendenza L adolescenza è caratterizzata dal superamento

Dettagli

PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE

PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE L incontro si è tenuto Martedì 22 Aprile alle ore 14:00 presso il Liceo Galvani I relatori erano i seguenti: Andrea Biancardi,

Dettagli

PSICOPATOLOGIA DELLO SVILUPPO SICSI

PSICOPATOLOGIA DELLO SVILUPPO SICSI PSICOPATOLOGIA DELLO SVILUPPO SICSI Sostegno 400 ore GRUPPO A modulo3 Mag-Giu 2009 Disturbi del comportamento (1) Disturbo da deficit dell attenzione Disturbo da iperattività Disturbo oppositivo-provocatorio

Dettagli

Disturbi d ansia. Questo foglio descrive I disturbi d ansia e come cercare aiuto.

Disturbi d ansia. Questo foglio descrive I disturbi d ansia e come cercare aiuto. Disturbi d ansia Questo foglio descrive I disturbi d ansia e come cercare aiuto. Molte persone che soffrono di depressione, hanno anche problemi di ansia. Esempi comuni di problemi d ansia comprendono

Dettagli

L'ANSIA, UN EMOZIONE UNIVERSALE.

L'ANSIA, UN EMOZIONE UNIVERSALE. L'ANSIA, UN EMOZIONE UNIVERSALE. ELEMENTO FONDANTE DELLO SVILUPPO E DELLA MATURAZIONE DELLA PERSONALITA DEI NOSTRI FIGLI, PUO MANIFESTARSI NEGLI ATTACCHI DI PANICO COME UNA FIAMMATA IMPROVVISA CHE TRAVOLGE

Dettagli

L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Un progetto formativo per alunni, docenti, genitori delle classi quarte, quinte della scuola primaria

L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Un progetto formativo per alunni, docenti, genitori delle classi quarte, quinte della scuola primaria Centro Studi Hänsel e Gretel onlus con il contributo della L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Un progetto formativo per alunni, docenti, genitori delle classi quarte, quinte della scuola primaria

Dettagli

INTEGRAZIONE DELLA FIGURA OSS E INFERMIERE. Dott.ssa Flavia Fattore Unità Operativa Medicina Macerata

INTEGRAZIONE DELLA FIGURA OSS E INFERMIERE. Dott.ssa Flavia Fattore Unità Operativa Medicina Macerata INTEGRAZIONE DELLA FIGURA OSS E INFERMIERE Dott.ssa Flavia Fattore Unità Operativa Medicina Macerata L infermiere Dal D.M. 14 Settembre 1994 n, 739: Art. 1: l infermiere è responsabile dell assistenza

Dettagli

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Infermieristica della salute mentale Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Le competenze dell infermiere in psichiatria e all interno dell equipe multi professionale La

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 138 del 22 10 2015 ALLEGATI

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 138 del 22 10 2015 ALLEGATI Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 138 del 22 10 201 6173 ALLEGATI 617 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 138 del 22 10 201 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 138 del 22 10

Dettagli

PROGETTO DI APPRENDIMENTO

PROGETTO DI APPRENDIMENTO PROGETTO DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE SALUTE MENTALE Settembre 2006 Il percorso di apprendimento in ambito clinico relativo al problema prioritario di salute malattia

Dettagli

L Accertamento. nel Nursing di Salute Mentale CEREF. Aggiornamenti per l assistenza infermieristica psichiatrica Docente: Paolo Barelli

L Accertamento. nel Nursing di Salute Mentale CEREF. Aggiornamenti per l assistenza infermieristica psichiatrica Docente: Paolo Barelli L Accertamento nel Nursing di Salute Mentale CEREF Aggiornamenti per l assistenza infermieristica psichiatrica Docente: Paolo Barelli Accertamento - Valutazione Iniziale Processo scientifico di identificazione

Dettagli

ALLEGATO A TESTO DELL'ACCORDO STATO-REGIONI DEL 22 FEBBRAIO 2001

ALLEGATO A TESTO DELL'ACCORDO STATO-REGIONI DEL 22 FEBBRAIO 2001 ALLEGATO A TESTO DELL'ACCORDO STATO-REGIONI DEL 22 FEBBRAIO 2001 Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le regioni e province autonome di Trento e Bolzano, per la

Dettagli

Bambini malati in ospedale. Prof.ssa Natascia Bobbo

Bambini malati in ospedale. Prof.ssa Natascia Bobbo Bambini malati in ospedale Prof.ssa Natascia Bobbo Infanzia A partire dalla nascita fino all adolescenza, verso gli 11, 12 anni, il bambino affronta numerosi compiti evolutivi su diverse dimensioni del

Dettagli

DISTURBI D ANSIA D.A.P.

DISTURBI D ANSIA D.A.P. DISTURBI D ANSIA D.A.P. Incontri Uni-ATENeO dr.ssa Anna Galeotti 22 novembre 2012 Che ansia quest ansia! L ansia è un'emozione di base. E uno stato di attivazione dell organismo in presenza di una situazione

Dettagli

OPERATORE SOCIO SANITARIO DENOMINAZIONE ALTRE DENOMINAZIONI SETTORE DESCRIZIONE

OPERATORE SOCIO SANITARIO DENOMINAZIONE ALTRE DENOMINAZIONI SETTORE DESCRIZIONE OPERATORE SOCIO SANITARIO DENOMINAZIONE ALTRE DENOMINAZIONI SETTORE DESCRIZIONE BREVE DESCRIZIONE PREREQUISITI Operatore socio-sanitario Sanitario, sociale, socio-sanitario Finalità: L attività dell operatore

Dettagli

SPECIFICITA delle CONSEGUENZE della TORTURA e dei TRAUMI ESTREMI

SPECIFICITA delle CONSEGUENZE della TORTURA e dei TRAUMI ESTREMI Interferenza dei disturbi dissociativi e della memoria conseguenti a tortura sulla Procedura di riconoscimento della Protezione Internazionale SPECIFICITA delle CONSEGUENZE della TORTURA e dei TRAUMI ESTREMI

Dettagli

Il bambino con labiopalatoschisi

Il bambino con labiopalatoschisi Il bambino con labiopalatoschisi Aspetti psicologici e ruolo dello psicologo Ornella Manca Uccheddu La nascita del figlio A. M. Di Vita (Palermo, 2002) Ha messo in evidenza una differenza fra padri e madri

Dettagli

INDICATORI DI ABUSO SESSUALE E MALTRATTAMENTO. Rose Galante, Centro di Terapia Relazionale 095.221178 www.psicoterapiactr.it

INDICATORI DI ABUSO SESSUALE E MALTRATTAMENTO. Rose Galante, Centro di Terapia Relazionale 095.221178 www.psicoterapiactr.it Indicatori fisici Lividi, ustioni, lacerazioni, fratture Ritardo o arresto della crescita Lesioni traumatiche dell apparato genitale ed anale Denutrizione Aspetto gravemente sofferente Abbigliamento inadeguato

Dettagli

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA?

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? Base: 65 caregiver RESIDENZA PAZIENTE 80% 10% 9% 2% Abita con care givers Abita da solo Abita con altri familiari Altro 20 QUAL E IL GRADO DI VICINANZA TRA CG E MALATO? L

Dettagli

SERVIZIO DI PSICOLOGIA

SERVIZIO DI PSICOLOGIA SERVIZIO DI PSICOLOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA SERVIZIO DI PSICOLOGIA PRESSO I CONSULTORI AIED Il servizio di psicologia nei consultori Aied, articolato nelle

Dettagli

gabriele.giacomelli@asf.toscana.it simone.bacherini@asf.toscana.it IL CONFINE tra di!coltà e malattia Programma

gabriele.giacomelli@asf.toscana.it simone.bacherini@asf.toscana.it IL CONFINE tra di!coltà e malattia Programma gabriele.giacomelli@asf.toscana.it simone.bacherini@asf.toscana.it IL CONFINE tra di!coltà e malattia Programma Obiettivi e punti di vista e presentazioni Ansia Pensiero irrazionale e psicosi Impulsività

Dettagli

Affettività. disponibilità individuale a rispondere con modificazioni soggettive affettivo-emotive a eventi sia esterni che interni

Affettività. disponibilità individuale a rispondere con modificazioni soggettive affettivo-emotive a eventi sia esterni che interni Affettività disponibilità individuale a rispondere con modificazioni soggettive affettivo-emotive a eventi sia esterni che interni Semeiotica psichiatrica - 6 TIZIANA SCIARMA Affettività conscia inconscia

Dettagli

Relazione psicologica su Bruno Contrada di anni 76.

Relazione psicologica su Bruno Contrada di anni 76. Relazione psicologica su Bruno Contrada di anni 76. Dott. Marco Lipera Dott.ssa Alessandra Leucata Psicologo, Psicodiagnosta Psicologa Clinica e Giuridica Via Trieste n.19, Catania 95127 Psicodiagnosta

Dettagli

LA FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO- SANITARIO. Formazione ed Attività

LA FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO- SANITARIO. Formazione ed Attività LA FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO- SANITARIO Formazione ed Attività MAPPA CONCETTUALE PROFILO PROFESSIONALE FORMAZIONE CONTESTI OPERATIVI CONTESTO RELAZIONALE ATTIVITÀ COMPETENZE ORGANIZZAZIONE

Dettagli

Orientamento scolastico e professionale

Orientamento scolastico e professionale Orientamento scolastico e professionale Scopo dell orientamento è guidare gli adolescenti e le loro famiglie alla scelta di percorsi formativi. La consulenza psicologica aiuta a focalizzare l attenzione

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

6 Aspetti psicologici e relazionali nel bambino sordo a cura di Raffaella Carchio psicologa

6 Aspetti psicologici e relazionali nel bambino sordo a cura di Raffaella Carchio psicologa 6 Aspetti psicologici e relazionali nel bambino sordo a cura di Raffaella Carchio psicologa Da un punto di vista psicologico, l udito è il senso che contribuisce alla formazione dei primi legami relazionali

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

LA COMUNICAZIONE INTERPERSONALE

LA COMUNICAZIONE INTERPERSONALE LA COMUNICAZIONE INTERPERSONALE Dr.ssa Paola Ferreli Psicoterapeuta paolaferreli@yahoo.it adolescentiog@gmail.it SECONDA GIORNATA prima parte ALLENAMENTO EMOTIVO Premessa Un po di storia Differenza fra

Dettagli

CORSI DELL'INDIRIZZO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIOSANITARI SCIENZE UMANE E SOCIALI

CORSI DELL'INDIRIZZO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIOSANITARI SCIENZE UMANE E SOCIALI CORSI DELL'INDIRIZZO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIOSANITARI SCIENZE UMANE E SOCIALI CLASSI PRIME La famiglia nella società Le nuove famiglie e le varie tipologie Una famiglia per crescere e dialogare La teoria

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PuntoEDA ATA art.7 del CCNL 7.12.2005 per il secondo biennio economico 2004/05

CORSO DI FORMAZIONE PuntoEDA ATA art.7 del CCNL 7.12.2005 per il secondo biennio economico 2004/05 CORSO DI FORMAZIONE PuntoEDA ATA art.7 del CCNL 7.12.2005 per il secondo biennio economico 2004/05 INTERVENTO SEMINARIALE I.T.I.S. A. D Aosta L Aquila 29 Maggio 2007 Accoglienza e assistenza agli alunni

Dettagli

Di fronte alla diagnosi di tumore: quale comunicazione?

Di fronte alla diagnosi di tumore: quale comunicazione? Di fronte alla diagnosi di tumore: quale comunicazione? La diagnosi di cancro: Si configura come evento critico che minaccia l individuo ed interferisce con le dimensioni su cui si articola la vita: fisica,

Dettagli

DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO PSICHICO:

DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO PSICHICO: «Salute di genere fra medicina e società» Ferrara 8 marzo 2014 DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO I SERVIZI DI SALUTE MENTALE FRA CRISI E NUOVI BISOGNI Luciana O. Vianello Maria Grazia Palmonari Nel

Dettagli

Dott.ssa Elena Luisetti Psicologa- Psicoterapeuta. Dott.ssa Ildiko Matyàs Psicologa- Psicoterapeuta in formazione

Dott.ssa Elena Luisetti Psicologa- Psicoterapeuta. Dott.ssa Ildiko Matyàs Psicologa- Psicoterapeuta in formazione Dott.ssa Elena Luisetti Psicologa- Psicoterapeuta Dott.ssa Ildiko Matyàs Psicologa- Psicoterapeuta in formazione I disturbi d ansia rappresentano il disagio mentale più diffuso nella società moderna sia

Dettagli

PROFILO FORMATIVO ASA (Ausiliario Socio Assistenziale) Delibera 7693 del 24/07/2008 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività.

PROFILO FORMATIVO ASA (Ausiliario Socio Assistenziale) Delibera 7693 del 24/07/2008 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività. PROFILO FORMATIVO ASA (Ausiliario Socio Assistenziale) Delibera 7693 del 24/07/2008 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività. L Ausiliario Socio Assistenziale è un operatore di interesse socio-assistenziale

Dettagli

PSICOLOGIA GENERALE ED APPLICATA

PSICOLOGIA GENERALE ED APPLICATA Terzo Anno PSICOLOGIA GENERALE ED APPLICATA COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE TEMPI S1. atteggiamento individuando i diversi approcci teorici che hanno caratterizzato la storia della psicologia. S1. Realizzare

Dettagli

Cap. III - Perché le persone assumono droghe - Vettorato G. Psicosociologia della tossicodipendenza. (Montagne e Scott)

Cap. III - Perché le persone assumono droghe - Vettorato G. Psicosociologia della tossicodipendenza. (Montagne e Scott) Le persone normalmente assumono delle droghe per stare bene; gli stati alterati di coscienza sono sempre stati ricercati con o senza l ausilio delle droghe; il piacere e le gratificazioni che derivano

Dettagli

Il Counselling nella fase avanzata di malattia. Lucia Cadorin CRO Aviano,, Pordenone

Il Counselling nella fase avanzata di malattia. Lucia Cadorin CRO Aviano,, Pordenone Il Counselling nella fase avanzata di malattia Lucia Cadorin CRO Aviano,, Pordenone Spunti di riflessione 20 novembre 2004 Lucia Cadorin 2 20 novembre 2004 Lucia Cadorin 3 La partenza è nel Codice Deontologico

Dettagli

attacchi di panico, agorafobia, fobia sociale, comportamento

attacchi di panico, agorafobia, fobia sociale, comportamento L ansia, è ciò che permette all uomo di sopravvivere: parleremo in questo caso di ansia reale che viene utilizzata per segnalare un pericolo interno (proveniente dal mondo inconscio), o esterno (proveniente

Dettagli

Dott.ssa FULVIA ZUZZI Psicologa clinica

Dott.ssa FULVIA ZUZZI Psicologa clinica Dott.ssa FULVIA ZUZZI Psicologa clinica 1 LO FACCIO PER IL TUO BENE? 2 SCELTE EDUCATIVE Processi di elaborazione di pensierie decisioniche precedono l azione educativa. Le compiamo continuamente Alcune

Dettagli

Problematiche psicopatologiche dell'infanzia

Problematiche psicopatologiche dell'infanzia Problematiche psicopatologiche dell'infanzia La fasce di età di infanzia, preadolescenza e adolescenza rappresentano un processo evolutivo molto complesso : per questo motivo è importante rivolgere un

Dettagli

IL CARICO ASSISTENZIALE DELLA PERSONA CHE SOFFRE DI UN DELIRIO ACUTO

IL CARICO ASSISTENZIALE DELLA PERSONA CHE SOFFRE DI UN DELIRIO ACUTO IL CARICO ASSISTENZIALE DELLA PERSONA CHE SOFFRE DI UN DELIRIO ACUTO Gorizia, 13 novembre 2012 DISTURBI PSICOTICI Psicosi è un termine generale, che indica una grossolana compromissione nella verifica

Dettagli

alla relazione, al ruolo che l Altro ha nella mente del soggetto. Già nel 1924, in un lavoro poco noto, Il problema

alla relazione, al ruolo che l Altro ha nella mente del soggetto. Già nel 1924, in un lavoro poco noto, Il problema INTRODUZIONE Benvenuti all appuntamento annuale della Rivista Psicoanalisi e Metodo, questo è il nostro XXIII convegno. Il gruppo della redazione ha proposto di interrogarci quest anno sul tema delle perversioni,

Dettagli

QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI

QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI L esperienza del bambino, gli aspetti giuridici, il padre adottivo: costruire i nuovi legami familiari a cura di Fiamma Buranelli, Patrizia Gatti e Emanuela Quagliata Presentazione

Dettagli

Corso per OPERATORE SOCIO SANITARIO (O.S.S.)" 1000 ore. Operatore Socio Sanitario 1000 ore

Corso per OPERATORE SOCIO SANITARIO (O.S.S.) 1000 ore. Operatore Socio Sanitario 1000 ore Corso per OPERATORE SOCIO SANITARIO (O.S.S.)" 1000 ore Titolo Destinatari Obiettivi e Finalità Operatore Socio Sanitario 1000 ore Il corso è rivolto a tutti gli interessati all ottenimento della qualifica

Dettagli

Il corso per Operatore Socio-Sanitario Sanitario (OSS) LA VALUTAZIONE FINALE DEGLI STUDENTI

Il corso per Operatore Socio-Sanitario Sanitario (OSS) LA VALUTAZIONE FINALE DEGLI STUDENTI Il corso per Operatore Socio-Sanitario Sanitario (OSS) LA VALUTAZIONE FINALE DEGLI STUDENTI Conoscere Le funzioni attribuite agli esperti quali componenti della Commissione per la valutazione finale del

Dettagli

COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di.

COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di. COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di. Vorrei partire da un assunto, o meglio una constatazione: è impossibile non comunicare: la comunicazione è una proprietà del

Dettagli

ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA

ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA I fattori di rischio e di protezione del volontario A cura degli Psicologi CPPAVPC Ed. 2013 1 DDL 4449 del 2 febbraio 2000 L istituzione del ruolo dello psicologo

Dettagli

Vipassana dipendenze e salute

Vipassana dipendenze e salute Vipassana dipendenze e salute Seminario promosso dal Vipassana Research Institute Dhamma Giri, Igatpuri, India, dicembre 1989 Vipassana e psicoterapia * di Jyoti Doshi medico e psicoterapeuta La funzionalità

Dettagli

Art. 4 Modifica dell articolo 8 della legge regionale 16 agosto 2001, n. 20

Art. 4 Modifica dell articolo 8 della legge regionale 16 agosto 2001, n. 20 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE DEL VENETO - 13-8-2002 - N. 78 21 LEGGE REGIONALE 9 agosto 2002, n. 17 Modifiche alla legge regionale La figura professionale dell operatore socio-sanitario. Il Consiglio

Dettagli

REGIONE PUGLIA Area politiche per lo Sviluppo, il Lavoro e l Innovazione Servizio Formazione Professionale

REGIONE PUGLIA Area politiche per lo Sviluppo, il Lavoro e l Innovazione Servizio Formazione Professionale SOGGETTO ATTUATORE RIQUALIFICATI 13 ADDETTI GENERICI DI ASSISTENZA IN OPERATORI SOCIO SANITARI ILL I PPROFFI R ILLO L Operatore Socio Sanitario svolge attività indirizzata a soddisfare i bisogni primari

Dettagli

DGR 1232 dd. 14.5.2004

DGR 1232 dd. 14.5.2004 DGR 1232 dd. 14.5.2004 VISTA la rilevazione del fabbisogno occupazionale e formativo di operatori sociali in Regione, promossa dalla Direzione Centrale della Salute e della Protezione Sociale, condotta

Dettagli

ASPETTI PSICOLOGICI DEL SOCCORSO E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE. Corso TI CRI Bergamo San Pellegrino, 15 novembre 2010

ASPETTI PSICOLOGICI DEL SOCCORSO E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE. Corso TI CRI Bergamo San Pellegrino, 15 novembre 2010 ASPETTI PSICOLOGICI DEL SOCCORSO E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE Corso TI CRI Bergamo San Pellegrino, 15 novembre 2010 CONTENUTI Aspetti psicologici del soccorritore I bisogni psicologici del paziente Strategie

Dettagli

Attacchi di panico : cosa ci dicono della contemporaneità

Attacchi di panico : cosa ci dicono della contemporaneità S Novarese Attacchi di panico : cosa ci dicono della contemporaneità Gli attacchi di panico sono in aumento, lo dicono le statistiche e ne riceviamo echi nei nostri studi. Anche altri fenomeni patologici

Dettagli

Aspetti emotivo-relazionali implicati nei disturbi specifici di apprendimento.

Aspetti emotivo-relazionali implicati nei disturbi specifici di apprendimento. Aspetti emotivo-relazionali implicati nei disturbi specifici di apprendimento. Dott.ssa Irene Arcolini Provincia di Monza e Brianza LA SCUOLA DIFRONTE AI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO, LA DISLESSIA.

Dettagli

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA Insufficienza Intestinale cronica benigna pediatrica. Scienza, tecnica e psicologia: nuove frontiere a confronto Spello, 2-3 novembre 2012 Dott.ssa Cadonati Barbara

Dettagli

Sviluppo umano comprende:

Sviluppo umano comprende: Sviluppo umano comprende: Sviluppo fisico Sviluppo cognitivo Sviluppo personale Sviluppo sociale Riguarda la crescita fisica di ogni parte del corpo e i cambiamenti nello sviluppo motorio e sensoriale

Dettagli

Proposte di Corsi di Formazione per équipe Scuole Primarie e Genitori

Proposte di Corsi di Formazione per équipe Scuole Primarie e Genitori Formazione per équipe di Scuole Primarie, Direttrice, Dirigenti e Gestori di Servizio. La Gestione delle Emozioni Il Progetto proposto, ha come obiettivo principale la gestione delle emozioni dei bambini

Dettagli

La relazione con il paziente e la sua famiglia

La relazione con il paziente e la sua famiglia La relazione con il paziente e la sua famiglia 10-17 giugno 2006 Giuliana Carrara psicologa ospedaliera Riflessione sul tempo Il tempo, quando ne resta poco, è riservato al paziente ed alla famiglia. Ai

Dettagli

COMUNITA IL MOLINO ELABORAZIONE PROFILO PSICODIAGNOSTICO

COMUNITA IL MOLINO ELABORAZIONE PROFILO PSICODIAGNOSTICO Società Cooperativa Sociale Sette COMUNITA IL MOLINO ELABORAZIONE PROFILO PSICODIAGNOSTICO Società cooperativa Sociale sette ONLUS Cascina Segrona, Mairano di Noviglio 20082 (MI) Tel: 02.900.61.32 Fax:

Dettagli

Docente: Paolo Barelli. Disturbi d ansia

Docente: Paolo Barelli. Disturbi d ansia Docente: Paolo Barelli Disturbi d ansia Funzioni Della Vita Psichica (Rappresentazione Del Modo Di Essere Della Persona) Controllo e soddisfazione istinti Controllo attività motoria Intelligenza Ansia

Dettagli

4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA

4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA PIANO INTEGRATO DIRITTO ALLO STUDIO Anno Scolastico 2012 2013 4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO

Dettagli

Rapporto ansia-depressione (R utter et al. 2006)

Rapporto ansia-depressione (R utter et al. 2006) Rapporto ansia-depressione (R utter et al. 2006) Disturbi d Ansia in età prescolare Disturbi d Ansia in età di latenza Depressione in adolescenza Depressione in età di latenza ANSIA DEPRESSIONE Disturbi

Dettagli

IL COLLOQUIO IN PSICOLOGIA CLINICA

IL COLLOQUIO IN PSICOLOGIA CLINICA IL COLLOQUIO IN PSICOLOGIA CLINICA a cura della Dott.ssa LAURA MESSINA DEFINIZIONE Il colloquio clinico è una tecnica di osservazione e di studio del comportamento umano che ha lo scopo di comprendere

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ED EMOZIONALI AD INSORGENZA TIPICA NELL INFANZIA Conoscerli per contenerli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ED EMOZIONALI AD INSORGENZA TIPICA NELL INFANZIA Conoscerli per contenerli I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ED EMOZIONALI AD INSORGENZA TIPICA NELL INFANZIA Conoscerli per contenerli Il disagio in età evolutiva Il disagio in età evolutiva ha origine dall interazione tra diverse variabili

Dettagli

LE REAZIONI PSICHICHE NORMALI DEL SOCCORRITORE, PRIMA, DURANTE E DOPO IL SOCCORSO

LE REAZIONI PSICHICHE NORMALI DEL SOCCORRITORE, PRIMA, DURANTE E DOPO IL SOCCORSO LE REAZIONI PSICHICHE NORMALI DEL SOCCORRITORE, PRIMA, DURANTE E DOPO IL SOCCORSO Gli operatori di soccorso nell esercizio delle loro funzioni possono andare incontro a STRESS e TRAUMA. Tutti noi, più

Dettagli

Depressione? In generale Il ruolo femminile

Depressione? In generale Il ruolo femminile Depressione? In generale Il ruolo femminile A tutti capita di sentirsi tristi di tanto in tanto. È un esperienza che tutti, prima o poi, provano. Se le attività che vi piacevano prima ora non vi piacciono

Dettagli

di conoscenza transitoria: diagnosi e terapia

di conoscenza transitoria: diagnosi e terapia Le cause psichiatriche di perdita di conoscenza transitoria: diagnosi e terapia Alessandra Alciati U.O. Psichiatria I Ospedale Universitario L.Sacco, Milano L IPOTESI PSICHIATRICA DELLA Subentra quando

Dettagli

Edvard Munch - Adolescenza (1894)

Edvard Munch - Adolescenza (1894) SESSUALITÀ IN ADOLESCENZA L adolescenza è una fase di transizione che ha inizio con una metamorfosi unica e irripetibile: quella del corpo (è la fase così detta della pubertà). Da sempre la pubertà segna

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

Valutare l efficacia della Psicoterapia

Valutare l efficacia della Psicoterapia Valutare l efficacia della Psicoterapia Premessa: Le sempre più limitate risorse economiche (da parte di enti pubblici e privati) e l esigenza di un giudizio di impatto economico per ogni specifico intervento

Dettagli

DIAGNOSI DI TUMORE E REAZIONI PSICOLOGICHE CAMBIAMENTO ED OMEOSTASI ALL INTERNO DEL SISTEMA FAMILIARE

DIAGNOSI DI TUMORE E REAZIONI PSICOLOGICHE CAMBIAMENTO ED OMEOSTASI ALL INTERNO DEL SISTEMA FAMILIARE DIAGNOSI DI TUMORE E REAZIONI PSICOLOGICHE CAMBIAMENTO ED OMEOSTASI ALL INTERNO DEL SISTEMA FAMILIARE ASPETTI DELLA MALATTIA Il tipo di malattia La gravità Il livello di cronicità L impatto sociale della

Dettagli

I CEMEA ED I SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE

I CEMEA ED I SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE I CEMEA ED I SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE I Cemea, da molti anni sono impegnati anche nel campo dell assistenza domiciliare ritenendola una scelta importante e significativa per incrementare i processi

Dettagli

Notizie generali sulla Psichiatria

Notizie generali sulla Psichiatria Notizie generali sulla Psichiatria Psichiatria: è la branca della medicina specializzata nello studio, nella diagnosi e nella terapia dei disturbi mentali. Oggi si privilegia considerare la Psichiatria

Dettagli

M. Lang - Una persona nervosa 13/11/2011. Una persona nervosa

M. Lang - Una persona nervosa 13/11/2011. Una persona nervosa Una persona nervosa 1 Caso: Una persona nervosa modificato da DSM-IV-TR CASI CLINICI, p. 235 Un tappezziere coniugato di 27 anni lamenta vertigini, tremore alle mani, palpitazioni e ronzii alle orecchie

Dettagli

Come riconoscere la violenza e le molestie sul lavoro

Come riconoscere la violenza e le molestie sul lavoro Università degli Studi di Messina Sezione di Medicina del Lavoro Dipartimento di Scienze biomediche, odontoiatriche e delle immagini morfologiche e funzionali Come riconoscere la violenza e le molestie

Dettagli