Repubblica Italiana ASSESSORATO REGIONALE DELL ISTRUZIONE E DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE DISPENSA DI PSICOLOGIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Repubblica Italiana ASSESSORATO REGIONALE DELL ISTRUZIONE E DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE DISPENSA DI PSICOLOGIA"

Transcript

1 Repubblica Italiana Unione Europea Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELL ISTRUZIONE E DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE DISPENSA DI PSICOLOGIA Anno Formativo 2011

2 DISPENSA DI PSICOLOGIA Il ruolo dell Operatore nell accompagnamento globale dell utente. Io Operatore MI IMPEGNO a: STARTI VICINO quando soffri, quando hai paura, quando la medicina e la tecnica non bastano. [1]

3 CAP. 1 LA FIGURA DELL OPERATORE SOCIO-ASSISTENZIALE Par. 1.1 Caratteristiche generali L OPERATORE SOCIO - ASSISTENZIALE è una figura professionale che lavora nell ambito del sociale e dell assistenza ed ha acquisito la qualifica grazie alla frequenza di un corso professionale di specializzazione riconosciuto per tale titolo. L O.S.A è responsabile del benessere generale dell utente assistito sul piano sociopsico-fisico e relazionale. Tale qualifica ha la seguente validità: qualifica valutabile nei concorsi pubblici e privati; qualifica riconosciuta dai centri per l impiego; qualifica valutabile per la fuoriuscita ex art. 23- LSU; accesso graduatoria I.T.P; accesso assistente igienico sanitario; accesso docenza corsi H sostegno ; accesso graduatoria A.T.A; titolo di preferenza ambito di lavoro; credito formativo esami di maturità; credito formativo universitario; aspiranti ad un impiego pubblico; qualifica valida per l insegnamento nei corsi regionali. Par. 1.2 Ambiti di lavoro, utenza da assistere, ruoli e competenze Gli AMBITI DI LAVORO dell O.S.A possono riferirsi sia all area privata che al settore pubblico nonché alle istituzioni scolastiche; l O.S.A infatti lavora: direttamente a casa della persona assistita, all interno del servizio di assistenza domiciliare fornito da enti pubblici (comuni) ed organizzazioni di privato sociale (cooperative, comunità) o per richiesta di privati; in strutture tutelari che sostituiscono l abitazione dell utente e dove gli è fornita l assistenza quando da solo o la sua famiglia non è in grado di farlo (casa di riposo, comunità alloggio, case famiglia, RSA ); nelle strutture scolastiche in ausilio dello svolgimento delle varie attività svolte all interno della classe e fornendo assistenza ai bambini diversamente abili. IL CAMPO DI ATTIVITÀ DELL OPERATORE SOCIO ASSISTENZIALE COMPRENDE L ACCOMPAGNAMENTO E L ASSISTENZA GLOBALE DELLA PERSONA ASSISTITA NEL SUO AMBIENTE ABITUALE (A CASA) IN CENTRI DI DEGENZA E STRUTTURE OCCUPAZIONALI. [2]

4 Gli UTENTI che l O.S.A può assistere sono: persone anziane persone adulte con gravi handicap fisici o psichici e con precedenti di malattia mentale minori allontanati dalla famiglia collocati in strutture residenziali (comunità-alloggio, case-famiglia, istituti) nuclei familiari con persone a rischio o portatori di handicap fisici o persone che necessitano di assistenza psichica persone che vivono in ambienti sociali disagiati tossicodipendenti o malati terminali disabili mentali. Le COMPETENZE dell O.S.A possono essere raggruppate in 4 aree specifiche: aiuto diretto alla persona (lavarla, vestirla, imboccarla, etc ); aiuto domestico (igiene della casa, sanitizzazione dei locali) aiuto logistico complementare o del terzo settore (orario delle terapie, concordare appuntamenti, disbrigo pratiche, etc ); competenze relazionali o di socializzazione( capacità di relazionare con utenti, famiglia,equipe di lavoro). AIUTO DIRETTO ALLA PERSONA: deve favorire l autosufficienza nella vita quotidiana, aiutare nello svolgimento delle attività personali della persona (alzarsi dal letto o coricarsi, pulizie personali, aiuto per il bagno, vestizione, nutrizione, aiuto nell assunzione dei pasti, corretta deambulazione, aiuto per la mobilizzazione). in sostituzione e appoggio dei familiari e su indicazione sempre dei medici è in grado di aiutare per la corretta assunzione dei farmaci prescritti e per il [3]

5 giusto utilizzo dell apparecchio medico di semplice uso (macchina della pressione, aerosol). deve aiutare nella preparazione delle prestazioni sanitarie; deve osservare, riconoscere e riferire alcuni dei più comuni sintomi di allarme che l utente può presentare (pallore, sudorazione, tachicardia, etc ); deve segnalare al servizio sanitario di base qualsiasi anomalia osservata nella condizione dell utente; può effettuare piccole medicazioni o cambio garza; può controllare ed assistere alla somministrazione della dieta; l O.S.A segue la persona da assistere a domicilio o nelle strutture, sorvegliandola nell applicazione del trattamento terapeutico prescrittole dal medico; l O.S.A può aiutare nelle attività che favoriscono la socializzazione, il recupero ed il mantenimento delle capacità cognitive e manuali. L OSA DI SUA INIZIATIVA NON PUÒ SOMMINISTRARE FARMACI NE PER TIPOLOGIA E NÉ PER QUANTITÀ, MA PUÒ DARE AGLI UTENTI ASSISTITI LA TERAPIA PRESCRITTA DAL PERSONALE MEDICO. Può essere da ausilio al personale sanitario nell attuazione di ALCUNE MISURE TERAPEUTICHE, tra cui: effettuare clisteri; applicare pomate e fasciature; medicazioni di ferite; preparazione e somministrazione di alcune terapie dietro l indicazione del personale medico; rilevazione di vari parametri vitali (controllo della pressione o controllo del peso); attuazione di programmi terapeutici a livello motorio, di ergoterapia e logopedia; pedicure; ginnastica vescicale; assunzione di cibo, inclusa l alimentazione tramite sonda; La programmazione delle misure sopra indicate e la forma di sostegno che l operatore deve prestare nella loro adozione devono essere specificate per iscritto nella pianificazione delle cure e nella relativa documentazione. [4]

6 AIUTO DOMESTICO: l O.S.A collabora nello svolgimento delle attività di carattere domestico; si occupa della cura delle condizioni igieniche e del riordino del contesto abitativo, cambio e lavaggio della biancheria; è responsabile della corretta preparazione e somministrazione dei pasti; osserva le norme igienico-sanitarie; provvede alla sterilizzazione ambientale e degli strumenti di lavoro, cura pulizia e manutenzione delle attrezzature e dell arredo, riordino del materiale dopo l assunzione dei pasti, sterilizzazione del materiale sanitario, secondo le disposizioni avute dall infermiere o dal medico. AIUTO LOGISTICO, COMPLEMENTARE O DEL TERZO SETTORE: l O.S.A si occupa dello svolgimento delle attività amministrative e pratiche burocratiche; si occupa anche di effettuare acquisti per gli utenti e di svolgere piccole commissioni; prepara la documentazione necessaria ai fini dell assicurazione della qualità della vita e si assume la gestione della casa; in collaborazione con il personale dei servizi socio-sanitari, elabora la rilevazione dei bisogni specifici delle persone e dei gruppi da assistere collaborando con l équipe alla stesura dei piani di intervento e dei progetti da realizzare sul territorio e nei servizi; collabora all elaborazione del programma individuale o di gruppo volto a sviluppare le facoltà intellettive e le capacità fisiche delle persone assistite. COMPETENZE DI TIPO RELAZIONALE: L O.S.A deve saper relazionarsi con utenti, famiglie degli utenti ed équipe di lavoro. Il primo strumento di socializzazione è la comunicazione, veicolo che permette di creare delle relazioni o interazioni tra individui. Vi sono altri strumenti di socializzazione, ovvero varie attività artistiche che permettono l espressione della capacità creativa, come laboratori di dècoupage, bricolage, pittura, disegno, teatro, giochi di gruppo, attività culinarie, escursioni turistiche. [5]

7 Par. 1.3 Competenze tecniche e relazionali. Punti fondamentali e di sintesi LE COMPETENZE RICHIESTE ALLA FIGURA DELL OPERATORE SONO QUINDI DI 2 TIPI: COMPETENZE RELATIVE ALLA CONOSCENZA TECNICA COMPETENZE DI TIPO RELAZIONALE COMPETENZE RELATIVE ALLA CONOSCENZA TECNICA: l O.S.A deve conoscere le principali tipologie di utenti e le problematiche connesse ; deve conoscere le diverse fasi di elaborazione dei progetti di intervento personalizzati; conoscere i fondamenti della legislazione socio-sanitaria e dei servizi presenti nel contesto operativo; conoscere le condizioni dell utente e la situazione familiare ; conoscere le modalità di segnalazione e comunicazione dei problemi generali e specifici relativi all utente ; conoscere le condizioni di rischio e i vari disturbi mentali ; conoscere i principali interventi di educazione alla salute rivolti agli utenti e ai loro familiari; conoscere l organizzazione dei servizi sociali e sanitari presenti nel territorio; conoscere le nozioni fondamentali di pronto soccorso, psicologia e sociologia. COMPETENZE DI TIPO RELAZIONALE: l O.S.A deve saper lavorare in équipe ; deve sapersi relazionare con altri operatori ed altre figure professionali; deve saper rapportarsi con utente e famiglie comunicando le attività di assistenza coinvolgendo alla comunicazione e al dialogo; deve saper agire in condizioni di emergenza ; deve saper interagire con l utente e il personale sanitario ; si deve saper rapportare con le strutture sociali, ricreative e culturali del territorio; [6]

8 deve saper collaborare alla stesura dei piani di intervento sia individuali che di gruppo; deve essere in grado di partecipare all accoglimento dell utente per assicurare una puntuale informazione sul servizio e sulle risorse; deve essere in grado di gestire la sua attività con la dovuta riservatezza e rispettare l etica e il segreto professionale. La visibilità di ciò che vediamo Sta nelle realtà in cui crediamo. Ci sono occhi che non vedono e orecchie che non sentono Ma il cuore ascolta sempre. [7]

9 L O.S.A NON PUÒ SOMMINISTRARE FARMACI DI SUA INIZIATIVA. È IMPORTANTE CHE L O.S.A PRESTI LA SUA OPERA RISPETTANDO IL SEGRETO PROFESSIONALE E SENZA DIVULGARE NOTIZIE E FATTI CHE ACCADONO NEL LUOGO DI LAVORO. L O.S.A PUÒ SVOLGERE IL SUO LAVORO SIA NEL PUBBLICO CHE NEL PRIVATO ED È TENUTO AD ACCETTARE INCONDIZIONATAMENTE LA TIPOLOGIA DI UTENZA ALLA QUALE DEVE PRESTARE LA SUA ASSISTENZA. È IMPORTANTE CHE ABBIA ACQUISITO DELLE NOZIONI BASILARI DI PSICOLOGIA PER GESTIRE E ORGANIZZARE I RAPPORTI INTERPERSONALI RELATIVI ALL AMBITO LAORATIVO, PER ANALIZZARE E VALUTARE LO STATO DI SALUTE, LE CONDIZIONI FAMILIARI E SOCIO-RELAZIONALI DELL UTENTE, PER CONOSCERE LE CARATTERISTICHE GENERALI DEI VARI DISTURBI MENTALI E SAPER RICONOSCERE I SINTOMI E GESTIRNE LE CONSEGUENZE (ES: GESTIONE DELLE CRISI NEI PAZIENTI SCHIZOFRENICI, COMPARSA DI DELIRI E ALLUCINAZIONI O GESTIONE DI CRISI DEPRESSIVE), SAPER MIGLIORARE LA COMUNICAZIONE E UTILIZZARE UN LINGUAGGIO ASSERTIVO CON COLLEGHI, UTENTI E I LORO FAMILIARI AL FINE DI CREARE UN CLIMA ACCOGLIENTE E COLLABORATIVO. LE NOZIONI DI PRONTO SOCCORSO SONO UTILI ALL O.S.A. PER RICONOSCERE I PRIMI SINTOMI DI UN MALESSERE E FORNIRE I PRIMI AIUTI DANDO COMUNICAZIONE AL PERSONALE MEDICO COMPETENTE. LE NOZIONI DI SOCIOLOGIA SONO UTILI INVECE AL FINE DI FAR CONOSCERE ALL O.S.A. LE CARATTERISTICHE DEL GRUPPO E LE SUE DINAMICHE LA FUNZIONE DELLA COMUNICAZIONE NEL GRUPPO E I GIOCHI DI ANIMAZIONE ALLO SCOPO DI CREARE UN CLIMA DI ACCETTAZIONE PER L UTENTE. [8]

10 CAP. 2 LA PSICOLOGIA E LA SUA IMPORTANZA NEL LAVORO DELL OPERATORE SOCIO-ASSISTENZIALE Par. 2.1 La scienza psicologica: caratteristiche generali, cenni storici, orientamenti teorici La Psicologia è una scienza che studia la mente umana, il comportamento, le relazioni tra gli individui e i vari disturbi mentali. È importante che l Operatore Socio Assistenziale abbia acquisito nel corso della sua preparazione delle nozioni di psicologia per diversi motivi: - per conoscere le varie tipologie di disturbi e assumere atteggiamenti adeguati dinanzi a determinate situazioni (per es. se si lavora con utenti schizofrenici è importante che conosca le caratteristiche della patologia e come interagire con essi in particolari situazioni); - per sviluppare la comunicazione e modificare lo stile comunicativo, - per contribuire a creare un clima collaborativo con gli utenti, le rispettive famiglie e l équipe di lavoro; - per capire le dinamiche di gruppo e svolgere un lavoro sinergico e di rete con le altre figure professionali nell ambito dell assistenza; - per conoscere i limiti, le potenzialità e il vissuto di una determinata persona e iniziare, grazie alla raccolta delle informazioni anamnestiche, ad analizzare e a valutare la situazione familiare, personale, sociale, affettiva e relazionale dell utente. La psicologia è una scienza che ha diverse ramificazioni ed ogni branca approfondisce lo specifico aspetto oggetto di studio a cui si riferisce. Si parla pertanto di psicologia della personalità, di comunità, del colloquio psicologico, dei test di personalità, della tossicodipendenza, sociale, delle dinamiche familiari, giuridica, clinica, psicopatologia, etc Ognuna di esse dedica l attenzione verso tematiche specifiche pertinenti alla materia da studiare. All interno della scienza psicologica si possono distinguere diversi orientamenti di studio, ognuno dei quali privilegia un particolare ambito di ricerca, tra questi è importante annoverare: l orientamento psicoanalitico: che enfatizza lo studio dei processi psichici attuando una sorta di scavo archeologico, come sosteneva Freud (padre della psicoanalisi), nell inconscio e nel vissuto del soggetto e portare alla coscienza contenuti interni rimossi; l orientamento cognitivo- comportamentale: che punta l attenzione invece sul comportamento visibile e mira a modificare variabili [9]

11 disfunzionali; l orientamento sistemico- relazionale: valuta invece il problema come il prodotto di un contesto familiare che funziona male ed è compito dello psicologo sostituire le regole disfunzionali con delle regole funzionali che controllano l intero sistema familiare. L O.S.A lavora nell ambito del sociale, un contesto complesso e piuttosto delicato in quanto si ha a che fare con la sofferenza umana e con tipologie di utenza che possono manifestare sintomi e patologie di una certa gravità con le quali bisogna adottare delle misure preventive e comportamentali adeguate. Lavorare nel sociale significa farsi carico dei disagi e della sofferenza altrui, cercando di attuare anche un certo distacco emotivo e nel contempo cercare di empatizzare con l utente (creando una certa sintonia con il suo vissuto). CAP. 3 FREUD E LA PSICOANALISI Par. 3.1 Freud e la psicoanalisi: caratteristiche generali Freud, medico e psichiatra, nel corso dei suoi studi si interessò di approfondire diverse tematiche come: l interpretazione dei sogni; il lavoro con delle pazienti isteriche che presentavano seri disturbi mentali; l elaborazione di una sua teoria chiamata Teoria dei Luoghi per descrivere la dinamica dell apparato psichico; elaborò un modello di terapia dei disturbi psichici e propose un modello descrittivo degli stadi dello sviluppo psicosessuale del bambino L interpretazione dei sogni Il SOGNO così come viene ricordato e verbalizzato (contenuto manifesto) è l espressione di un contenuto latente, nascosto, inconscio. Il contenuto latente si trasforma in contenuto manifesto attraverso il LAVORO ONIRICO, dando luogo ad un contenuto apparentemente privo di significato ma che dovrà invece essere interpretato. Il SOGNO pertanto può essere definito come l appagamento di un desiderio, perché consente al desiderio stesso di manifestarsi seppure in forma mascherata. L ANALISI permette di individuare il senso del sogno attraverso le associazioni che il paziente fa in relazione agli elementi del contenuto manifesto. [10]

12 La psicoanalisi La PSICOANALISI è per Freud: una teoria e un metodo di ricerca in Psicologia un metodo terapeutico un procedimento per l indagine psichica, la terapia psicoanalitica è fondata sullo svelamento delle rappresentazioni respinte o conservate nell inconscio La teoria dei luoghi: ES, IO, SUPERIO. CONSCIO, PRECONSCIO, INCONSCIO Freud, tra la fine del 1890 e gli inizi del 1920, elaborò una teoria generale della psiche LA TEORIA DEI LUOGHI e si interessò dello studio di particolari fenomeni osservati nella vita psichica normale e patologica e di descrivere e interpretare interessanti casi clinici (il caso di Anna O, il caso del piccolo Hans, ecc ). Freud nella Teoria dei Luoghi collocava la dinamica degli affetti all interno di un APPARATO PSICHICO suddiviso in SISTEMI aventi diverse funzioni. La PRIMA TOPICA dove veniva suddiviso l apparato psichico in: INCONSCIO PRECONSCIO CONSCIO e la SECONDA TOPICA basata sulla differenziazione tra le tre istanze: ES IO SUPERIO Per Freud la METAPSICOLOGIA è costituita dall insieme del punto di vista: TOPICO (struttura dell apparato psichico); DINAMICO (studio dei fenomeni psichici in relazione alle forze che agiscono nella psiche stessa); ECONOMICO (energia che circola e si distribuisce nella psiche). Par. 3.2 Struttura dell apparato psichico secondo la teoria di Freud Freud suddivide nella sua teoria l apparato psichico in: ES, IO e SUPERIO. L ES rappresenta per la psiche il PATRIMONIO EREDITARIO, è la sede di origine delle pulsioni e la fonte principale dell energia psichica. Rappresenta la parte oscura, inaccessibile della nostra personalità. L IO è mediatore del rapporto tra l ES di un individuo e il mondo esterno che, ai fini dell autoconservazione dell individuo stesso, svolge la funzione di CONOSCERE e [11]

13 VALUTARE gli stimoli esterni ed interni. Le minacce provenienti dall ES e dall ambiente provocano ANGOSCIA; quando è possibile, l IO affronta il problema in modo realistico utilizzando le abilità di problem-solving; quando l angoscia è così forte tanto da minacciare di soffocare l IO, entrano in gioco meccanismi di difesa che controllano e alleviano l angoscia stessa apportando distorsioni alla realtà e permettendo, tuttavia, solo un soddisfacimento parziale delle pulsioni. Dall IO si sviluppa durante l infanzia il SUPER-IO nel quale si collocano le influenze dei genitori e delle altre persone significative del proprio ambiente sociale. Esso si sviluppa quando il bambino risolve il suo complesso edipico e sviluppa l identificazione con i genitori. Il SUPER-IO è composto da due parti: la COSCIENZA e l IO IDEALE. La coscienza è fatta dalle proibizioni dei genitori, dalle loro punizioni, regole morali tanto che punisce la persona con i sensi di colpa o con un comportamento autodistruttivo. L IO ideale si riferisce ad un insieme di condotte verso cui la persona tende i propri sforzi. Per Freud l ES e il SUPER-IO, pur differendo in molte cose fondamentali, concordano nel fatto di rappresentare entrambi gli influssi del passato: l ES rappresenta l influsso di ciò che l individuo ha ereditato il SUPER-IO rappresenta l influsso di ciò che egli ha recepito da altre persone l IO invece è determinato principalmente da ciò che l individuo ha sperimentato personalmente, dunque da eventi accidentali e attuali. I processi psichici si qualificano in base al grado di coscienza che possiedono per l individuo. Alcuni processi psichici sono INCONSCI che possono restare tali o divenire CONSCI, anche se incontrano certe resistenze che possono emergere nel processo terapeutico. L INCONSCIO si riferisce a pensieri e sentimenti repressi e quindi sconosciuti. Questo materiale non è in grado di aprirsi alla coscienza e qualora accadesse si assisterebbe ad un aumento delle pulsioni o ad un indebolimento delle difese dell Io. Il PRECONSCIO è capace di diventare conscio attraverso la formazione di immagini mentali o attraverso il linguaggio. Il CONSCIO rappresenta il contenuto di cui la persona è consapevole in quel momento. I pensieri possono passare dal preconscio al conscio rapidamente. Le leggi che regolano i processi dell INCONSCIO e nell ES rientrano nel processo primario regolato dal PRINCIPIO DI PIACERE, ovvero i processi psichici mirano ad ottenere piacere, l attività psichica si ritrae dagli eventi che possono provocare dispiacere attraverso i meccanismi difensivi. [12]

14 Le leggi che regolano i processi nel PRECONSCIO e nella parte COSCIENTE o nell IO, appartengono al PROCESSO SECONDARIO e sono regolati dal PRINCIPIO DI REALTÀ ovvero si impone un esame di realtà ai fini del conseguimento del piacere, non vi è una rappresentazione allucinatoria dell oggetto desiderato ma si produce una rappresentazione mentale adeguata ad esplorare la realtà per ottenere una reale soddisfazione del bisogno. I bisogni dell organismo si esprimono e sono soddisfatti nella vita psichica come PULSIONI ovvero RAPPRESENTAZIONE PSICHICA DEL BISOGNO. La PULSIONE arriva alla META in virtù della sua forza o SPINTA e si dirige su oggetti che possono variare nel tempo. Par. 3.3 Gli stadi, le fasi o i periodi dello sviluppo psicosessuale del bambino FREUD, studiando il bambino nelle esperienze di sofferenza da lui verbalizzate o da lui affrontate, cercò di RINTRACCIARE la rilevanza delle ESPERIENZE PRECOCI legate al rapporto coi genitori (soprattutto al rapporto con la madre). Attribuisce al legame madre-bambino l importanza delle successive relazioni del soggetto da adulto col mondo e le modalità attraverso cui il bambino risolve e appaga i suoi bisogni nel corso dello sviluppo, sottolineando l esistenza o meno di problemi che hanno una certa analogia con caratteristiche della vita adulta. LO SVILUPPO DELLA SESSUALITÀ INFANTILE è stato cadenzato da FREUD in varie fasi, stadi o periodi denominate: ORALE, ANALE, FALLICA e GENITALE e da un PERIODO DI LATENZA. La successione degli stadi prosegue e l energia nasce da un investimento verso un oggetto. Secondo Freud i primissimi anni di vita sono i più importanti per la formazione della personalità, si può capire un comportamento solo se si conosce come si è sviluppato durante la storia precedente della persona. Sia il comportamento normale che anormale hanno le loro radici nei primi anni, quando viene costruita la struttura di base della personalità. Ogni stadio presenta dei nuovi bisogni che devono essere manovrati dalle strutture mentali. Tali bisogni se non vengono soddisfatti possono portare allo sviluppo di atteggiamenti caratteristici, difese, fantasie. Conflitti non risolti in ogni stadio possono essere presenti lungo tutto il corso della vita dell individuo. Il passaggio da uno stadio all altro è biologicamente determinato, il passaggio allo stadio successivo è indipendente dal completamento dello stadio precedente; ogni [13]

15 stadio è centrato su una particolare zona erogena (una zona del corpo che, una volta stimolata, produce tensioni sessuali che hanno bisogno di essere alleviate). FASE ORALE (dalla nascita a 1 anno circa) Le esperienze ORALI presentano al bambino il piacere e il dolore del mondo. Il PIACERE proviene dalla soddisfazioni delle PULSIONI ORALI. Succhiare, mangiare, masticare e morsicare danno GRATIFICAZIONE, ad es. l attività di suzione è finalizzata ad ottenere un PIACERE, nell esercitare tale attività (attaccarsi al seno o al biberon) il bambino va alla ricerca della soddisfazione di un piacere. Durante lo svezzamento può insorgere un problema, il bambino abbandona il SENO MATERNO e per gratificarsi utilizza un altro oggetto. Oltre ad esperire piacere orale, il bambino piccolo si confronta con l esperienza del dolore derivante dalla FRUSTRAZIONE e dall ANGOSCIA. Le tensioni sessuali sono piacevoli se vengono soddisfatte, ma diventano dolorose se non sono appagate e continuano ad aumentare di intensità. Potrebbe capitare che un oggetto preferito, il capezzolo o il biberon, non sia presente nel momento in cui il bambino lo desidera per cui deve aspettare e ciò risulta frustrante. Potrebbe abbandonarsi al soddisfacimento allucinatorio del desiderio, immaginando il biberon desiderato; oppure potrebbe succhiarsi il dito, una coperta o un giocattolo morbido ma il soddisfacimento non è completo. Sono i genitori che insegnano ai bambini come soddisfare le proprie pulsioni; il bambino scopre che la vita comporta delle frustrazioni oltre che piaceri e così sviluppa, per fronteggiare le frustrazioni, modalità che saranno la base della sua personalità futura. Un altra spiacevole sensazione, strettamente collegata alla frustrazione, è l ANGOSCIA. L angoscia ha origine dalla nascita, nel momento in cui il bambino, nel passaggio dalla vita intrauterina a quella extrauterina, viene sopraffatto dalle stimolazioni. La sua reazione a questa esperienza traumatica è la PAURA. Da quel momento il bambino sperimenta angoscia in qualsiasi momento sopraggiunga una stimolazione, soprattutto se è di tipo sessuale. Il bambino prova angoscia non solo quando la spinta sessuale diventa troppo intensa, ma anche quando non è presente l oggetto gratificante o teme che l oggetto possa abbandonarlo. L angoscia durante la nascita può essere alla base di manifestazioni di tipo ansioso future. Un eccessiva o una mancata gratificazione può portare all insorgenza di problemi negli anni successivi. [14]

16 Gli effetti di una SCARSA GRATIFICAZIONE sono: angoscia frequente ricerca continua di gratificazione orale nella vita adulta (fumo eccessivo, eccesso di cibo, mangiarsi le unghie, ecc ) pessimismo Se la soddisfazione orale è ESTREMAMENTE GRATIFICANTE, il bambino può incontrare difficoltà a caricare psichicamente nuovi oggetti e si può verificare una fissazione ad uno stadio dello sviluppo psico-sessuale. Per evitare che il bambino negli stadi successivi abbia dei bisogni insoddisfatti, è necessario raggiungere un livello ottimale della gratificazione orale. Per FREUD il modo in cui il bambino si sviluppa durante lo stadio orale crea le basi per la sua personalità di adulto. FASE ANALE (da 1 a 3 anni) Verso la fine dello stadio orale, la personalità del bambino inizia a delinearsi. Crescendo e maturando, il bambino progredisce verso lo stadio anale, i suoi interessi si spostano dalla zona orale a quella anale, quindi il piacere è incentrato nella soddisfazione del bisogno che nasce nella zona anale. Il bambino comincia a farsi influenzare dall ambiente esterno, un eccessivo atteggiamento punitivo in tale periodo comincia ad influenzare il bambino che può provare un SENSO DI VERGOGNA o si crea una situazione di ANGOSCIA e di CONFLITTO. Il bambino deve risolvere il conflitto (un conflitto che può nascere dal controllo degli sfinteri). Il bisogno fisiologico di defecare crea una tensione che viene alleviata dalla defecazione stessa. Tale stimolazione anale e la conseguente riduzione della tensione produce piacere, ma la zona erogena, oltre a produrre piacere, porta a frustrazione e ansietà. Il bambino deve fronteggiare il training a tenersi pulito, se i genitori esigono il controllo degli sfinteri da parte del bambino, il suo desiderio di gratificazione immediata viene frustrato. Se il training a tenersi pulito è troppo rigido, allora la defecazione può diventare per il bambino fonte di angoscia. Alcuni bambini reagiscono a un training severo trattenendo le feci, oppure defecando in tempi e luoghi inadatti. [15]

17 QUALI SONO LE CARATTERISTICHE PATOLOGICHE PRESENTI NELL ETÀ ADULTA LEGATE A QUESTO STADIO? SENSO DI ORDINE AVARIZIA CONTROLLO (persona con carattere anale, per descrive un soggetto metodico, pedante e ostinato) DISORDINE (eccessiva personalità anale) Se in questo stadio si trova un certo equilibrio tra la gratificazione e l auto-controllo, si permette al bambino lo sviluppo di un Io più maturo, in quanto è stato plasmato dal confronto con la realtà. FASE FALLICA (dai 3 ai 5 anni circa) In questo stadio, piaceri e preoccupazioni sono incentrati sull area genitale. Il compito evolutivo che il bambino deve affrontare in questa fase è la SOLUZIONE DI UN CONFLITTO. Si ha, pertanto, la nascita del COMPLESSO DI EDIPO (nascita di sentimenti di amore verso la figura genitoriale di sesso opposto, la madre, e sentimenti di odio verso la figura genitoriale dello stesso sesso, il padre); il bambino si trova quindi in una situazione triangolare che vive con forte senso di ANGOSCIA. Il bambino prova desiderio sessuale per la propria madre e ha paura che il padre possa castrarlo. Per uscire da questa situazione angosciosa, il bambino rimuove sia il suo desiderio per la madre che l ostilità per il padre. Il bambino risolve il CONFLITTO attraverso il PROCESSO DI IDENTIFICAZIONE (identificazione col padre). L identificazione non è imitazione, ma lo sviluppare un forte legame emotivo nei suoi confronti, si IDENTIFICA con le parti non esterne del padre, INTERIORIZZANDO valori, stili di vita credenze, interessi e atteggiamenti caratteristici del padre. Il bambino apprende un ruolo, un IDENTITÀ DI GENERE, identificandosi nell essere maschio. Il periodo dai 4 ai 5 anni corrisponde ad un periodo temporale, il bambino comincia ad intrattenere rapporti coi propri pari e il gruppo. PERIODO DI LATENZA (dai 5 anni all inizio della pubertà) Tale fase coincide col periodo in cui le pulsioni sessuali sono represse e non emerge alcuna area del corpo che sia fonte di eccitamento. Il bambino investe su altri oggetti e vi è uno spostamento dell energia su altre attività (attività cognitive, intellettuali, scolastiche e giochi con bambini). L energia sessuale, rivolta verso interessi sociali, è intenta alla costruzione di meccanismi di difesa per l IO (spostamento, rimozione). [16]

18 FASE GENITALE (adolescenza, dai 13 ai 18 anni) Gli impulsi sessuali, che erano stati repressi durante il periodo di latenza, ricompaiono a causa dei cambiamenti fisiologici che avvengono durante la pubertà e sono diretti verso un coetaneo di sesso opposto. L obiettivo è il raggiungimento di una intimità sessuale adulta e matura, avente come fine biologico la riproduzione. Alla fine dello stadio genitale viene raggiunta la maturità e l individuo ha una struttura dell IO forte che gli permette di fronteggiare la realtà del mondo adulto. Uno dei conseguimenti più importanti è rappresentato dall equilibrio fra amore e lavoro. Quali sono le caratteristiche presenti nell età adulta per quei soggetti che hanno raggiunto un livello di gratificazione in modo equilibrato? si è avuto il raggiungimento delle varie fasi dello sviluppo; chi supera con successo le fasi dello sviluppo psicosessuale, raggiunge alla fase genitale un legame sessuale equilibrato; la soluzione dei bisogni dello stadio genitale segna la qualità delle relazioni che il soggetto ha con gli altri individui e la capacità di orientarsi verso il mondo delle emozioni, degli affetti e dell amore e verso una attività lavorativa concreta. CAP. 4 LA COMUNICAZIONE Par.4.1 Il concetto di comunicazione La comunicazione è il primo strumento e veicolo di socializzazione. Attraverso il canale della comunicazione si stabiliscono le relazioni, ovvero le interazioni tra gli individui e si creano i rapporti. L essere umano non può non comunicare, infatti la comunicazione non ha un suo opposto anche il silenzio è pertanto una forma di comunicazione. Esistono diversi tipi di comunicazione: COMUNICAZIONE VERBALE o modulo numerico, caratterizzata dallo scambio di informazioni contenuti interni e pensieri tramite il linguaggio; COMUNICAZIONE NON VERBALE o modulo analogico, caratterizzata invece dalla gestualità, mimica, espressione facciale, postura, timbro e tono della voce ovvero il cosiddetto linguaggio del corpo. La comunicazione non verbale, però, non viene sempre interpretata allo stesso modo; ciò dipende dalla soggettiva e personale interpretazione delle emozioni e da ciò che il trasmettitore riesce a trasferire al ricevitore del messaggio. Possono entrare in gioco vissuti personali e modalità soggettive di vivere e interpretare uno stato d animo o un emozione. [17]

19 I 5 Assiomi della comunicazione Alla comunicazione vengono riconosciuti 5 assiomi (o leggi fondamentali): 1. Non si può non comunicare: qualsiasi comportamento, le parole, ma anche i silenzi, l attività o l inattività hanno tutti valori comunicativo e influenzano gli altri interlocutori. In sostanza, non si può evitare di comunicare: il nostro comportamento è già di per sé un messaggio. Per esempio: chi accoglie una persona in silenzio non può evitare di comunicare una sensazione di freddezza; 2. Ogni comunicazione ha un aspetto di contenuto e uno di relazione. Non si trasmettono cioè solo messaggi, ma anche le chiavi per comprenderli. Per esempio il messaggio fai attenzione viene compreso, a seconda del tono e dei gesti, come minaccia, o preghiera o ordine oppure raccomandazione; 3. La natura di una relazione dipende dall intenzione tra i comunicanti. Se lo stesso punto di vista rimbalza senza modifiche fra due persone si realizza una condizione di comunicazione problematica in cui ognuno rimane sulle sue posizioni. Per esempio: il marito si chiude in se stesso e così via; 4. Gli esseri umani comunicano sia col modulo numerico ( = le parole) sia con quello analogico ( = gesti, espressioni del viso, inflessioni della voce, sequenza, ritmo e cadenza delle parole); 5. Tutti gli aspetti di comunicazione sono simmetrici (se basati sull eguaglianza: per esempio. Tu urli e io urlo) o complementari ( se basati sulla differenza: per esempio. Tu mi urli e io mi metto a disposizione). Alcune relazioni ( esempio. Insegnante allievo, medico paziente) sono complementari per natura. Importante è che le due modalità non si fossilizzano mai ( esempio. Tu sei sempre arrogante e io rispondo sempre in modo arrogante). Par. 4.2 La comunicazione nel gruppo. Il gruppo di lavoro Un gruppo di lavoro è costituito da un insieme di individui che interagiscono tra loro con una certa regolarità, nella consapevolezza di dipendere l uno dall altro e di condividere gli stessi obiettivi e gli stessi compiti. Ognuno svolge un ruolo specifico sotto la guida di un leader, basandosi sulla circolarità della comunicazione e provvedendo al benessere dei singoli. Perché un gruppo possa evolversi e maturare nel tempo e per permettere una maggiore collaborazione tra i suoi membri ed una loro partecipazione più attiva, è necessario che si passi dalla semplice interazione ad una vera e propria integrazione, affinché i partecipanti al gruppo possano condividere bisogni ed esigenze. La comunicazione è il processo chiave che permette il funzionamento del lavoro di gruppo poiché permette lo scambio di informazioni finalizzato al raggiungimento dei [18]

20 risultati. Essa presuppone tre livelli: interattivo, informativo e trasformativo. La comunicazione infatti permette di creare interazioni, relazioni; facilita lo scambio di informazioni e conoscenze inerenti al lavoro; produce dei cambiamenti. Par. 4.3 L O.S.A. nel lavoro di gruppo L O.S.A deve saper lavorare in gruppo e condividere saperi e nozioni con l équipe di lavoro. Se l O.S.A è inserito all interno di una comunità terapeutica deve saper creare una sinergia con gli altri membri del gruppo. Il coordinatore affiancato dall assistente sociale e altre figure professionali previste, deve saper mantenere un clima collaborativo, partecipativo e di sostegno all interno del gruppo. L O.S.A. è tenuto a comunicare tutte le vicende che accadono all interno del luogo di lavoro e a condividere o chiedere consigli e informazioni sulle strategie da adottare. Le sue mansioni sono specifiche e l O.S.A è tenuto a svolgerle correttamente, inoltre non deve divulgare notizie e fatti personali degli utenti o ciò che accade all interno del posto di lavoro; deve mantenere il segreto professionale e una certa riservatezza nello svolgimento del suo lavoro. Un ottimo metodo per avere sempre una certa circolarità e un confronto con gli altri componenti del gruppo è quello di saper comunicare e possibilmente utilizzare un tipo di comunicazione assertiva; si viene pertanto a creare un clima partecipativo e di condivisione. Tra gli aspetti negativi dello svolgimento del lavoro di gruppo, potrebbero esserci una scarsa sintonia tra i colleghi, ma utilizzando uno stile comunicativo adeguato si possono evitare incomprensioni. La responsabilità e il potere decisionale è essenzialmente a carico del coordinatore e dell assistente sociale, è ovvio che l O.S.A deve concordare ogni sua iniziativa con queste figure. CAP. 5 I MECCANISMI DI DIFESA Par. 5.1 I meccanismi di difesa: caratteristiche generali I meccanismi di difesa sono utilizzati inconsciamente per salvaguardare l Io, allo scopo di ridurre il conflitto o l angoscia ed evitare qualche sentimento minaccioso come un dolore insopportabile o un trauma. I meccanismi di difesa possono essere un normale funzionamento dell Io, sono solitamente inconsci, sono mutevoli e sono spesso associati a stati psicologici diversi. Vengono suddivisi in: difese primarie, primitive, di ordine inferiore, arcaiche; difese secondarie, di ordine superiore, mature è più evolute. [19]

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

INTRODUZIONE ALL OPERA DI MELANIE klein

INTRODUZIONE ALL OPERA DI MELANIE klein INTRODUZIONE ALL OPERA DI MELANIE klein Hanna Segal Riassunto I contributi di Melanie Klein alla teoria e alla tecnica psicoanalitica possono essere suddivisi in tre fasi distinte. La prima ha inizio con

Dettagli

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico DSM-V DISTURBO DELLO SPETTRO DELLA SCHIZOFRENIA E ALTRI DITURBI PSICOTICI SCHIZOFRENIA A. Due o più dei seguenti sintomi, presente per una parte di tempo significativa durante il periodo di un mese. Almeno

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA Dr.ssa Anita Casadei Ph.D L istanza psichica del Sé è il cardine centrale della teoria di Kohut, u Quale totalità psichica che si sviluppa e si consolida

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Dal dolore alla violenza. Le origini traumatiche dell aggressività Felicity de Zulueta

Dal dolore alla violenza. Le origini traumatiche dell aggressività Felicity de Zulueta Dal dolore alla violenza. Le origini traumatiche dell aggressività Felicity de Zulueta Parte prima: Attaccamento andato male I Capitolo: Un caso di violenza Ci sono genitori che non possono attingere come

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it Lavoro di rete e equipe educativa Nuove alleanze per il Piano Educativo Individualizzato e il Progetto di Vita Dario Ianes Centro Studi Erickson, Trento Università di Bolzano www.darioianes darioianes.itit

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità.

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità. Gli effetti delle lesioni cerebrali Dato che il cervello è coinvolto in tutto ciò che facciamo, le lesioni cerebrali possono provocare una vasta serie di effetti. Questi effetti variano da una persona

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende Formazione e informazione perla prevenzione nell hotellerie e nella Gastronomia 2 Traduzione e adattamento italiani a cura di: Gruppo di lavoro

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

IL FUNZIONAMENTO CEREBRALE. I TRE CERVELLI DI MAC LEAN. IL CONFLITTO TRA CIÒ CHE VOGLIAMO E CIÒ CHE REALIZZIAMO. CAMBIARE GLI SCHEMI

IL FUNZIONAMENTO CEREBRALE. I TRE CERVELLI DI MAC LEAN. IL CONFLITTO TRA CIÒ CHE VOGLIAMO E CIÒ CHE REALIZZIAMO. CAMBIARE GLI SCHEMI CORSO PER CHI VUOLE CAMBIARE LA PROPRIA VITA Questo corso si proporne di insegnare e cambiare. Alterna conoscenza e applicazione. Ha come obiettivo la trasformazione. Perché sono malato? Perché proprio

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

1) Il bambino in Ospedale

1) Il bambino in Ospedale Dal giorno in cui qualcuno ha avuto il coraggio di entrare in un reparto di terapia terminale con un naso rosso e uno stetoscopio trasformato in telefono, il mondo è diventato un posto migliore. Jacopo

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Sindromi da scarso Sé 1

Sindromi da scarso Sé 1 Roberto Carlo Russo* Sindromi da scarso Sé 1 È frequente il riscontro, di norma all inizio delle elementari, di segnalazioni da parte degli insegnanti di bambini timidi, particolarmente riservati, richiedenti

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

La FIGURA MATERNA e la SOCIALIZZAZIONE

La FIGURA MATERNA e la SOCIALIZZAZIONE Università degli Studi di Torino Facoltà di Scienze Politiche Sede di Biella La FIGURA MATERNA e la SOCIALIZZAZIONE I contributi più significativi di alcune scuole Prof. Vincenzo Alastra 1 1 LA RELAZIONE

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

TEORIE DELLO SVILUPPO PSICHICO. Nicola Lalli 2005 sul Web

TEORIE DELLO SVILUPPO PSICHICO. Nicola Lalli 2005 sul Web TEORIE DELLO SVILUPPO PSICHICO Nicola Lalli 2005 sul Web 1. Introduzione Costruire un modello unico e completo dello sviluppo psichico è sempre stato il sogno di numerosi ricercatori. Conoscere con sicurezza

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

Cos e` la Psicosi da Depressione?

Cos e` la Psicosi da Depressione? Italian Cos e` la Psicosi da Depressione? (What is a depressive disorder?) Cos e` la psicosi depressiva? La parola depressione viene di solito usata per decrivere lo stato di tristezza di cui noi tutti

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

IL MONDO INTERNO DEL BAMBINO: l uso della fiaba per la ricerca di significato.

IL MONDO INTERNO DEL BAMBINO: l uso della fiaba per la ricerca di significato. IL MONDO INTERNO DEL BAMBINO: l uso della fiaba per la ricerca di significato. Andrea Beretta Sandra Vannucchi Introduzione Molti studiosi, da A. Freud e M. Klein in poi, hanno sottolineato l importanza

Dettagli

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI IL RAPPORTO CON GLI ALTRI Cos è la vita?, è una domanda che molti si pongono. La vita è rapporto, amici miei. Possono essere date altre risposte, e tutte potrebbero essere valide, ma al di là di tutto,

Dettagli

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO PREMESSA Nelle finalità del progetto riabilitativo complessivo dell

Dettagli

LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE

LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE UMANA Proprietà semplici della comunicazione Un essere umano è coinvolto fin dall inizio della sua esistenza in un complesso

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Sensibilizzazione dei genitori

Sensibilizzazione dei genitori Sensibilizzazione dei genitori Precisione e chiarezza Quando si vogliono comunicare ai genitori le difficoltà del bambino, delle quali andrebbero valutate la natura, la gravità e le modalità di intervento,

Dettagli

Lo sviluppo sociale nell adolescenza

Lo sviluppo sociale nell adolescenza Lo sviluppo sociale nell adolescenza che avvengono durante l adolescenza sul piano fisico e intellettuale si accompagnano a rilevanti modificazioni dell assetto sociale e personale

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

CIO CHE SPINGE L UOMO

CIO CHE SPINGE L UOMO CIO CHE SPINGE L UOMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU COME PERCEPIAMO IL MONDO INTORNO A NOI COSA CI SPINGE? Cosa ci fa agire, cosa ci fa scegliere un alternativa piuttosto che un altra, cosa ci attrae e

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

LA STRUCTURED INTERVIEW OF PERSONALITY ORGANIZATION (STIPO). LA VALUTAZIONE DELLA PERSONALITÀ SECONDO IL MODELLO DI OTTO KERNBERG

LA STRUCTURED INTERVIEW OF PERSONALITY ORGANIZATION (STIPO). LA VALUTAZIONE DELLA PERSONALITÀ SECONDO IL MODELLO DI OTTO KERNBERG Psichiatria e Psicoterapia (2012) 31, 3, 149-169 LA STRUCTURED INTERVIEW OF PERSONALITY ORGANIZATION (STIPO). LA VALUTAZIONE DELLA PERSONALITÀ SECONDO IL MODELLO DI OTTO KERNBERG Emanuele Preti, Irene

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO

VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio di Prevenzione Igiene e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Dr.ssa Mara Cristofori FASE O VALUTARE ASPETTATIVE

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli