AREA SICUREZZA CATALOGO CORSI 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AREA SICUREZZA CATALOGO CORSI 2013"

Transcript

1 AREA SICUREZZA CATALOGO CORSI 203 sviluppare sensibilità e competenze per accrescere la sicurezza in azienda Cerform è ente accreditato dalla Regione Emilia Romagna ed è certificato

2 CORSI PER ASPP RSPP ASPP ed RSPP MODULO A Tutti i settori In collaborazione con Ecoricerche Addetti e Responsabili del Servizio Protezione Adempimento obbligatorio previsto dal D.Lgs n 95 del 23/06/2003 e definito dalla Conferenza Stato Regioni per la formazione degli RSPP e ASPP tutti i settori. Art. n 32 Comma 2 D.Lgs. n 8/08 7 incontri (28 ore) Inizio: febbraio 550 euro +Iva ASPP ed RSPP MODULO B Ateco 4 In collaborazione con Ecoricerche Addetti e Responsabili del Servizio Protezione Adempimento obbligatorio previsto dal D.Lgs n 95 del 23/06/2003 e definito dalla Conferenza Stato Regioni per la formazione degli RSPP e ASPP delle aziende classificate ATECO 4 (Minerali non metalliferi). Art. n 32 Comma 2 D.Lgs. n 8/08 2 incontri (48 ore) Inizio: aprile.200 euro +Iva RSPP MODULO C Tutti i settori Responsabili del Servizio Prevenzione e Protezione Adempimento obbligatorio previsto dal D.Lgs n 95 del 23/06/2003 e definito dalla Conferenza Stato Regioni per la formazione degli RSPP. 6 incontri (24 ore) Inizio: giugno 450 euro In collaborazione con Ecoricerche RSPP PER DATORI DI LAVORO Rischio basso Datori di Lavoro che svolgono anche il ruolo di RSPP aziendale Ai sensi dell'art. 34 del D.Lgs. 8/08 e dell'accordo Stato-Regioni del 2 dicembre 20, il datore di lavoro che intende svolgere direttamente i compiti propri del servizio di prevenzione e protezione dai rischi,, è tenuto a frequentare un corso di formazione della 4 incontri (6 ore) 28 gennaio, 4,, 20 febbraio 350 euro 2

3 durata di 6 ore in relazione al livello di Rischio Basso individuato in base al settore Ateco di appartenenza dell'azienda. RSPP PER DATORI DI LAVORO Rischio medio Datori di Lavoro che svolgono anche il ruolo di RSPP aziendale Ai sensi dell'art. 34 del D.Lgs. 8/08 e dell'accordo Stato-Regioni del 2 dicembre 20, il datore di lavoro che intende svolgere direttamente i compiti propri del servizio di prevenzione e protezione dai rischi,, è tenuto a frequentare un corso di formazione della durata di 32 ore in relazione al livello di Rischio Medio individuato in base al settore Ateco di appartenenza dell'azienda. 8 incontri (32 ore) Inizio 28 gennaio 600 euro RSPP PER DATORI DI LAVORO Rischio alto Datori di Lavoro che svolgono anche il ruolo di RSPP aziendale Ai sensi dell'art. 34 del D.Lgs. 8/08 e dell'accordo Stato-Regioni del 2 dicembre 20, il datore di lavoro che intende svolgere direttamente i compiti propri del servizio di prevenzione e protezione dai rischi,, è tenuto a frequentare un corso di formazione della durata di 48 ore in relazione al livello di Rischio Alto individuato in base al settore Ateco di appartenenza dell'azienda. 2 incontri (48 ore) Inizio 28 gennaio 800 euro 3

4 CORSI VALIDI AI FINI DELL AGGIORNAMENTO PER RSPP I sistemi di gestione della sicurezza (percorso valido ai fini dell aggiornamento obbligatorio per RSPP) Responsabili Servizio Protezione, Preposti Lo scopo del corso è quello di analizzare ed approfondire la questione introdotta dal D.Lgs n 23/2007 riguardate la responsabilità amministrativa delle persone giuridiche e le modalità di svincolo da le sanzioni ad esso connesse. Infatti la legge prevede che nel caso in cui la società si sia dotata di un sistema di gestione della sicurezza che possa dimostrare l assenza di vantaggi commerciali rispetto alle altre società concorrenti venga automaticamente annullata la possibilità di subire sanzioni pecuniarie che possono arrivare anche al milione di euro. Viene quindi introdotto il tema delle certificazioni, delle loro modalità di applicazione e del mantenimento nel tempo all interno dell azienda. giornata I ed: 24 gennaio II ed: 9 novembre I rischi chimici nel settore ceramico (percorso valido ai fini dell aggiornamento obbligatorio per RSPP) Responsabili Servizio Protezione, Preposti Nell ambito della formazione obbligatoria per gli RSPP prevista dall Accordo Stato Regioni, viene proposto un seminario di 4 ore. Lo scopo è quello di fornire ai partecipanti le conoscenze aggiornate su normative e tecniche per affrontare il rischio chimico nel settore ceramico e consentire a tutti i lavoratori di operare in sicurezza, laddove tale rischio si manifesti incontro da 4 ore 26 febbraio 50 euro Diventare formatore della sicurezza nella propria azienda Responsabili Servizio Protezione, Preposti L Accordo Stato Regione del 2 dicembre 20, consente ai anche a personale interno all azienda di svolgere il ruolo di formatore interno. 2 giornate (6 ore) I ed: 5 e 2 marzo II ed: 4 e giugno 600 euro 4

5 (percorso valido ai fini dell aggiornamento obbligatorio per RSPP) Tali figure devono dimostrare di essere in possesso di un esperienza almeno triennale di insegnamento o professionale in materia di salute e sicurezza. Il corso consentirà ai partecipanti, in possesso dei requisiti previsti dalla norma, di svolgere tale attività in maniera efficace, acquisendo gli strumenti per progettare e realizzare interventi formativi e monitorare l efficacia della azioni realizzate. Spazi confinati: le novità del DPR 77/20 (percorso valido ai fini dell aggiornamento obbligatorio per RSPP) Corso di Guida Sicura (percorso valido ai fini dell aggiornamento obbligatorio per RSPP) I comportamenti sicuri in azienda (percorso valido ai fini dell aggiornamento obbligatorio per Responsabili Servizio Protezione, Preposti Responsabili Servizio Protezione, Preposti. Tutti i dipendenti aziendali che utilizzano l autovettura per spostamenti professionali Responsabili Servizio Protezione, Preposti Il 23 novembre 20 è entrato in vigore il Decreto Spazi confinati o sospetti d inquinamento. Il corso vuole fornire le competenze e gli strumenti utili per svolgere in maniera corretta la valutazione, gestione e il controllo dei rischi connessi a lavorazioni svolte in spazi confinato; verranno inoltre illustrati gli adempimenti aziendali correlati La guida dell auto può essere considerata come area di rischio aziendale. L art. 37 del T.U. 8/08 prevede l obbligo della formazione, informazioni, addestramento. Il corso si propone di trasferire le giuste tecniche di guida, necessarie ad affrontare con padronanza e sicurezza le situazioni di pericolo che ogni giorno possono verificarsi alla guida dell auto Lo scopo del corso è quello di fornire una sufficiente conoscenza dei meccanismi che governano il comportamento umano in ambito organizzativo; analizzare quali sono le competenze per la costruzione di giornata giornata giornata I ed: 26 marzo II ed: 25 giugno I ed: 2 maggio II ed: 5 ottobre I ed: 7 maggio II ed: 5 novembre 750 euro 5

6 RSPP) valori condivisi di sicurezza; conoscere i principali e più diffusi protocolli applicabili alla salute e sicurezza sul lavoro Aggiornamento sulle nuove norme in materia di sicurezza (percorso valido ai fini dell aggiornamento obbligatorio per RSPP) Responsabili Servizio Protezione, Preposti Lo scopo del corso è quello di analizzare ed approfondire quanto introdotto dal D.to L.vo 8/08 e successivi aggiornamenti per quanto riguarda adempimenti, prassi interpretative e modelli gestionali. Verranno inoltre chiariti gli adempimenti in ambito formativo, riportati negli Accordi Stato regioni in materia di sicurezza dei lavoratori e sull uso delle attrezzature giornata I ed: 6 aprile II ed: 8 ottobre Rischi e prevenzione nella Movimentazione Manuale dei Carichi (percorso valido ai fini dell aggiornamento obbligatorio per RSPP) Responsabili Servizio Protezione, Preposti Per movimentazione manuale dei carichi si intende ogni operazione di trasporto o di sostegno di un carico ad opera di uno o più lavoratori, comprese le azioni di sollevare, deporre, tirare, portare o spostare un carico Il corso vuole fornire le competenze per analizzare la Movimentazione Manuale dei Carichi (MMC), per calcolare gli indici di sollevamento manuale e per valutare l eventuale rischio associato alla MMC giornata 2 settembre 6

7 I CORSI SPECIFICI Rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza Corso di aggiornamento per RLS Addetti al pronto soccorso Aggiornamento Addetti Pronto Soccorso Prevenzione delle cadute dall alto per lavoratori Rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Componenti della squadra aziendale di pronto soccorso Componenti delle squadre di pronto soccorso presso aziende di gruppo A Lavoratori che eseguono lavori in quota Adempimento obbligatorio al T.U. 8/08. Programma conforme al protocollo Assopiastrelle (ora Confindustria Ceramica), ASL e Sindacati dei Lavoratori Adempimento obbligatorio previsto dal D.Lgs 8/08 per gli RLS che hanno già frequentato il percorso formativo base previsto per l esercizio delle loro funzioni. Adempimento obbligatorio previsto D.M. 5/07/2003 per aziende con più di 5 addetti GRUPPO A Sulla base del D.M. 388 che ha chiarito i contenuti e la durata dei corsi di formazione per addetti al pronto soccorso emerge che le squadre addette presso ditte di gruppo A devono frequentare un aggiornamento della durata di 6 ore ogni 3 anni. Adempimento qualificante rispetto al Protocollo d intesa per la prevenzione degli infortuni da caduta dall alto presso le industrie ceramiche del 2/09/2002, che prevede nella stipula di contratti di fornitura la formazione specifica sulla 6 giornate (48 ore) 2 incontri 2 giornate incontro di 6 ore giornata I ed: inizio 27 febbraio II ed: inizio 5 maggio III ed: 6 novembre I ed: 5 e 7 febbraio II ed: 8 e 20 giugno III ed: 26 e 28 novembre I ed: 9 e 0 aprile II ed: 7 e 8 settembre I ed: 0 aprile II ed: 8 settembre I ed: 9 marzo II ed: 29 ottobre 750 euro 50 euro 7

8 prevenzione di tali infortuni per tutti i lavoratori addetti ai lavori in quota e per i datori di lavoro. Prevenzione delle cadute dall alto per datori di lavoro Datori di lavoro di ditte che eseguono lavori in quota Adempimento qualificante rispetto al Protocollo d intesa per la prevenzione degli infortuni da caduta dall alto presso le industrie ceramiche del 2/09/2002, che prevede nella stipula di contratti di fornitura la formazione specifica sulla prevenzione di tali infortuni per tutti i lavoratori addetti ai lavori in quota e per i datori di lavoro.,5 giornate I ed: 9 e 20 marzo II ed: 29 e 30 ottobre 450 euro Formazione per l abilitazione ai lavori sotto tensione di BT norma CEI EN e CEI - 27 Personale che esegue lavori sotto tensione di BT Il corso in oggetto intende fornire la formazione necessaria ai fini di definire persona PES o PAV, nonché quella prevista per poter attestare alla persona l idoneità a svolgere lavori sotto tensione fino a 000 V. 2 giornate I ed: 28 e 29 maggio II ed: e 2 dicembre 500 euro Corso per addetti antincendio Corso aziendale Corso di aggiornamento per addetti antincendio Corso aziendale Componenti della squadra aziendale di antincendio Componenti della squadra aziendale di antincendio Adempimento obbligatorio alla legge 8/08 come definito nel D.M. 0 marzo 998. Adempimento obbligatorio alla legge 8/08 come definito nel D.M. 0 marzo 998. Da definire in base alla classe di rischio Da definire in base alla classe di rischio da definire da definire 8

9 9

10 Accordo Stato Regioni del 2/2/20 FORMAZIONE OBBLIGATORIA ACCORDO STATO REGIONI Il 2/2/202 è stato siglato l Accordo Stato Regioni che prevede percorsi di formazione obbligatoria per i lavoratori di tutte le aziende. L accordo, in vigore dal 9 gennaio 202, prevede differenti percorsi formativi, in relazione ai ruoli, alla classe di rischio aziendale e alla formazione in area sicurezza già effettuata dai lavoratori in azienda. Formazione generale lavoratori Aula Formazione generale lavoratori FAD Attività aziendale Il nuovo Accordo tra Stato, Regioni e province autonome di Trento e Bolzano definisce la durata ed i contenuti minimi dei corsi obbligatori destinati a tutti i lavoratori Il nuovo Accordo tra Stato, Regioni e province autonome di Trento e Bolzano definisce la durata ed i contenuti minimi dei corsi obbligatori destinati a tutti i lavoratori Concetti di rischio Danno Prevenzione Protezione Organizzazione della prevenzione aziendale Diritti, doveri e sanzioni per i vari soggetti aziendali Organi di vigilanza, controllo e assistenza Concetti di rischio Danno Prevenzione Protezione Organizzazione della prevenzione aziendale Diritti, doveri e sanzioni per i vari soggetti aziendali Organi di vigilanza, controllo e assistenza incontro (4 ore) Ed.: 5 febb. Ed.2: 5 mar. Ed.3: 4 apr. Ed.4: 24 apr Ed.5: 4 mag Ed.6: 8 giu. 80 euro + Iva 4 ore Da definirsi 0

11 Formazione specifica Rischio basso Formazione specifica Rischio medio Il nuovo Accordo tra Stato, Regioni e province autonome di Trento e Bolzano definisce la durata ed i contenuti minimi dei corsi obbligatori destinati a tutti i lavoratori Il nuovo Accordo tra Stato, Regioni e province autonome di Trento e Bolzano definisce la durata ed i contenuti minimi dei corsi obbligatori destinati a tutti i lavoratori Analisi degli infortuni Rischio elettrico Microclima e illuminazione Videoterminali Ambienti di lavoro Stress lavoro-correlato Segnaletica di sicurezza Fonti CEM giustificabili Gestione delle emergenze in azienda con esplicito richiamo a procedure esodo, incendi, primo soccorso e sisma. Gli aspetti antincendio: le squadre di emergenza, il piano di emergenza e il registro antincendio, I luoghi di lavoro e la cartellonistica, Tutele particolari per lavoratori atipici Rischi specifici: L uso dei videoterminali e l ergonomia della postazione di lavoro, Rischio elettrico, Uso dei DPI, Cenni sulla sicurezza delle macchine, Cenni sugli agenti fisici, Cenni sui rischi legati alle sostanze con particolare riferimento alle possibili sostanze presenti nei luoghi di lavoro in cui prestano la propria attività i partecipanti del corso La normativa a tutela della maternità: valutazione di rischi specifica per lavoratrici gestanti e in allattamento fino a 7 mesi dopo il parto Un accenno ai lavoratori esterni ( appalti) L articolo 26 del D.lgs. 8/08 incontro (4 ore) 2 incontri Ed.:5feb Ed.2: 4 apr Ed.3: 4 mag. Ed.4: 25 giu Ed.: da 2 feb. Ed.2: da 6 apr. Ed: 3 da 28 mag. Ed.4 : da2 lug. 80 euro + Iva 60 euro +Iva

12 Formazione specifica - rischio alto Il nuovo Accordo tra Stato, Regioni e province autonome di Trento e Bolzano definisce la durata ed i contenuti minimi dei corsi obbligatori destinati a tutti i lavoratori Gli aspetti antincendio: le squadre di emergenza, il piano di emergenza e il registro antincendio, I luoghi di lavoro e la cartellonistica Rischi specifici: Rischio meccanico: macchine e attrezzature, Uso delle scale portatili, Rischio chimico ed etichettatura, Rischio rumore, Rischio vibrazioni Cenni sugli altri rischi fisici: radiazioni ottiche, campi elettromagnetici e, se presenti, radiazioni ionizzanti. La movimentazione manuale dei carichi, I Dispositivi di Protezione Individuale. Responsabilità dei lavoratori e ruolo del Preposto in tema di vigilanza, Le procedure aziendali in ambito di sicurezza e salute sul lavoro La normativa a tutela della maternità: valutazione di rischi specifica per lavoratrici gestanti e in allattamento fino a 7 mesi dopo il parto Un accenno ai lavoratori esterni (appalti) L articolo 26 del D.lgs. 8/08 3 incontri (2 ore) Ed da 2feb Ed2 da 6 ap Ed3 da 28 mag Ed4 da2 lug 240 euro Il ruolo dei dirigenti nella gestione della sicurezza in azienda Dirigenti, responsabili di stabilimento La direttiva quadro 89/39/CEE, che ha portato alla emanazione del D.Lgs 626/94 e successivamente alla approvazione del D.Lgs n 8/08 in materia di sicurezza, richiama a più riprese ed in modo esteso il concetto chiave della prevenzione e protezione di rischi nei luoghi di lavoro; tale concetto consiste nel coinvolgimento a tutti i livelli nel processo di miglioramento continuo e riduzione dei rischi per i lavoratori. 4 incontri (6 ore) 2, 28 febbraio, 7, 4 marzo 600 euro 2

13 Il recente Accordo del 2/2/20 ha ulteriormente definito la formazione specifica in materia di sicurezza per i dirigenti, così come definiti dall art. 2, comma del D.Lgs n 8/08. La partecipazione al corso consentirà di acquisire tutte le competenze specifiche, previste per questo ruolo, sulla sicurezza in azienda, e di essere quindi adempienti rispetto a quanto richiesto dalla legge Corso di formazione per preposti nella gestione della sicurezza in azienda Dipendenti e collaboratori aziendali La direttiva quadro 89/39/CEE, che ha portato alla emanazione del D.Lgs 626/94 e successivamente alla approvazione del D.Lgs n 8/08 in materia di sicurezza, richiama a più riprese ed in modo esteso il concetto chiave della prevenzione e protezione di rischi nei luoghi di lavoro; tale concetto consiste nel coinvolgimento a tutti i livelli nel processo di miglioramento continuo e riduzione dei rischi per i lavoratori. Il recente Accordo della Conferenza Stato- Regioni pubblicato in G.U il /0/202, ha definito contenuti e modalità della formazione specifica in materia di sicurezza per i preposti fissandone la durata in 8 ore. La partecipazione al corso consentirà di acquisire tutte le competenze specifiche, previste per questo ruolo così importante per una efficace gestione della sicurezza in azienda, e di essere quindi adempienti rispetto a quanto richiesto dalla legge che impone al datore di lavoro di formare specificatamente la figura del preposto giornata I ed:2 febbraio II ed: 8 aprile; III ed: 24 ottobre Corso RSPP per v. sezione corsi RSPP 3

14 Datori di lavoro 4

15 Accordo Stato Regioni del 22/2/202 - attrezzature La Conferenza Stato Regioni ha approvato, il 22/2/202, un accordo che individua le attrezzature di lavoro per le quali è richiesta una specifica abilitazione degli operatori, nonché una modalità per il riconoscimento di questa abilitazione. L accordo definisce i soggetti formatori, la durata, gli indirizzi e i requisiti minimi di validità della formazione per questi lavoratori L utilizzo delle piattaforme elevabili Corso aziendale Formazione carrellisti Corso aziendale Utilizzatori di piattaforme elevabili per lavori in quota Conducenti di carrelli elevatori Il recente Accordo del 22/2/202 ha definito la formazione specifica in materia di sicurezza per lavoratori addetti alla conduzione di piattaforme mobili elevabili La partecipazione al corso consentirà di acquisire tutte le competenze specifiche e l abilitazione previste per questo ruolo, in relazione alla tipologia di piattaforme elevabili Il recente Accordo del 22/2/202 ha definito la formazione specifica in materia di sicurezza per lavoratori addetti alla conduzione di carrelli elevatori La partecipazione al corso consentirà di acquisire tutte le competenze specifiche e l abilitazione previste per questo ruolo, in relazione alla tipologia di piattaforme elevabili 8 ore per i mezzi di una sola tipologia (con o senza stabilizza tore) 0 ore per i mezzi di entrambe le tipologie 2 ore per i mezzi di una sola tipologia 6 ore per i mezzi di entrambe le tipologie Da definire Da definire 5

16 La conduzione pale gommate Corso aziendale Conducenti di pale gommate Il recente Accordo del 22/2/202 ha definito la formazione specifica in materia di sicurezza per lavoratori addetti alla conduzione di pale gommate La partecipazione al corso consentirà di acquisire tutte le competenze specifiche e l abilitazione previste per questo ruolo, in relazione alla tipologia di pale gommate 0 ore per pale gommate non cingolate Da definire Formazione in house Cerform, attraverso la divisione FOR, realizza percorsi formativi su misura per singole azienda, creati sulle base delle specifiche esigenze. I nostri consulenti studiano e progettano il percorso formativo più idoneo; Cerform supporta costantemente l azienda nella fase di realizzazione. In particolare, in area sicurezza, progettiamo e realizziamo: - I corsi di aggiornamento previsti dagli Accordi Stato Regioni - I corsi su rischi specifici - I corsi in modalità elearning I docenti e l accreditamento Cerform si avvale di una rete di docenti di provata esperienza e competenza professionale nei vari ambiti della sicurezza. In qualità di ENTE ACCREDITATO, garantisce il rilascio di attestati in conformità con quanto previsto dalla legge; inoltre, dove previsto, i corsi Cerform sono provvisti della necessaria validazione da parte dell ente pubblico Fondi interprofessionali Cerform, attraverso la linea FOR, affianca le aziende nella richiesta ed utilizzo dei Fondi interprofessionali, Fondimpresa e Fondirigenti. Attraverso il proprio conto formazione l azienda può chiedere il rimborso per la partecipazione a corsi a catalogo e per la realizzazione di attività formative in azienda. 6

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni.

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni. 1. RIF: che cos è Il RIF (Registro dell Impresa Formativa) è lo strumento, approvato dal FORMEDIL e dalla CNCPT, collegato al sito della Banca dati formazione costruzioni (BDFC) del Formedil nel quale

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. 64 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 44 - Giovedì 31 ottobre 2013

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. 64 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 44 - Giovedì 31 ottobre 2013 64 Bollettino Ufficiale D) ATTI DIRIGENZIALI Giunta regionale D.G. Salute Circolare regionale 25 ottobre 2013 - n. 20 Indicazioni in ordine all applicazione dell accordo tra governo, regioni e province

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

I.T.I.S. "S. CANNIZZARO", via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi

I.T.I.S. S. CANNIZZARO, via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi 1_ Che cosa si intende per SICUREZZA in un qualsiasi luogo di lavoro? Lavorare in un ambiente in cui la probabilità che si verifichino danni (a persone o cose) sia molto bassa, se non nulla. L'obbligo

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti.

Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti. Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti. Già il Codice Civile gli impone il dovere della sicurezza nei confronti dei lavoratori e la legislazione

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Testo integrale commentato

Testo integrale commentato MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva De Biasio S. Croce 1299 30135 Venezia Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO 2015 FORMAZIONE HSE - HEALTH SAFETY ENVIRONMENT Salute e Sicurezza RLS - Formazione Base S.S.1 32 RLSA S.S.2 64 RLS - Aggiornamento S.S.3

Dettagli

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h)

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Anno 2013 Intervento formativo secondo l accordo STATO-REGIONI del 21.12.2011 A cura dell R.S.P.P.

Dettagli

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire DATE, ORARI E SEDI Il corso sarà attivato al raggiungimento del numero minimo di partecipanti con date, orari e sedi DA

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

http://www.tassisto.it/

http://www.tassisto.it/ F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TASSISTO FRANCESCO Indirizzo VIA MARTIRI DELLA LIBERAZIONE, 80/2A 16043 CHIAVARI Telefono 0185325331 Cellulare

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008 1 INDICE I. Procedura standardizzata per la valutazione dei rischi ai sensi dell articolo 6, comma 8, lettera

Dettagli

CORSO FORMAZIONE FOR O MA M TOR O I

CORSO FORMAZIONE FOR O MA M TOR O I CORSO FORMAZIONE FORMATORI Una metafora per iniziare. Quando fai piani per un anno, semina grano. Se fai piani per un decennio, pianta alberi. Se fai piani per la vita, forma ed educa le persone. Proverbio

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL)

Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL) Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL) INDICE 01 PREMESSA PAG. 3 02 POLITICA PAG. 5 03 PIANIFICAZIONE PAG. 7 04 VALUTAZIONE E GESTIONE

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

Gazzetta Ufficiale N. 45 del 23 Febbraio 2006 CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

Gazzetta Ufficiale N. 45 del 23 Febbraio 2006 CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO Gazzetta Ufficiale N. 45 del 23 Febbraio 2006 CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PROVVEDIMENTO 26 gennaio 2006 Accordo Stato, regioni

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011

PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011 PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011 PROPOSTA TECNICA Genova, Giugno 2009 SOMMARIO 1 PREMESSA... 3 2 QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO...4 2.1 LE NORME CONTRATTUALI... 4 2.2 LA FORMAZIONE OBBLIGATORIA

Dettagli

La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI

La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI 02/02/12 1 La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI Ing. Emanuele Gissi, PhD Direttore, vice dirigente Comando Vigili del Fuoco, Genova emanuele.gissi@vigilfuoco.it 02/02/12 2 Agenda La nuova

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 Testo coordinato con il Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. 106 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute

Dettagli

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014 .. Arch. Cristina Maiolati Via U. Saba,72 Roma Via Ulisse 28 S. F. Circeo (LT) c. maiolati@tiscali.it DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI redatto ai sensi dell art. 26 C. 3 del D.Lgvo. 81/08 Febbraio 2014

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

info@globalformsrl.it La realtà Aziendale Ambiti operativi: FORMAZIONE CERTIFICATA CONSULENZA Pagina 1 di 19

info@globalformsrl.it La realtà Aziendale Ambiti operativi: FORMAZIONE CERTIFICATA CONSULENZA Pagina 1 di 19 Certificata La realtà Aziendale Ambiti operativi: FORMAZIONE CERTIFICATA Sicurezza sul Lavoro LL.PP. Urbanistica CERTIFICAZIONI Qualità-Ambiente-Sicurezza CONSULENZA FONDI INTERPROFESSIONALI SOFTWARE PERSONALIZZATI

Dettagli

L Azienda non è mai stata cosi vicina.

L Azienda non è mai stata cosi vicina. L Azienda non è mai stata cosi vicina. AlfaGestMed è il risultato di un processo di analisi e di sviluppo di un sistema nato per diventare il punto di incontro tra l Azienda e il Medico Competente, in

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

Cagliari, 22 luglio 2010

Cagliari, 22 luglio 2010 Cagliari, 22 luglio 2010 L azione dell Ance L Associazione Nazionale Costruttori Edili si è da sempre posta l obiettivo di supportare le imprese associate nella adozione di strumentazione organizzativa

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

Ricerca finalizzata 2009 Ministero della Salute

Ricerca finalizzata 2009 Ministero della Salute OBIETTIVI(1) Miglioramento della Qualità delle inchieste infortunio svolte dal SPSAL della ASL di Milano attraverso l utilizzo di indicatori e dei flussi informativi INAIL OBIETTIVI(2) Garantire Omogeneità

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI Pag. 1/6 SETTORI DI INTERESSE LAVORI SERVIZI Elettrici Impianti fotovoltaici Idraulici Edili Stradali Pulizie Tappezzerie Tinteggiatura e verniciatura Carpenteria metallica FORNITURE Cavi elettrici bt

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

Formazione Generale sulla sicurezza sul lavoro

Formazione Generale sulla sicurezza sul lavoro Formazione Generale sulla sicurezza sul lavoro ID 142-115743 Edizione 1 Procedura per sottoscrivere la partecipazione: Il professionista sanitario che voglia conoscere i dettagli per l iscrizione al corso

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

A cura dello Studio Ingegneria Fiorini di Ferrara

A cura dello Studio Ingegneria Fiorini di Ferrara Provincia di Ferrara Guida alla gestione della sicurezza sul lavoro nelle associazioni sportive dilettantistiche, associazioni culturali, associazioni ricreative e di promozione sociale A cura dello Studio

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008 Pagina 1 di 27 Sezione 3.3 Attività lavorativa Collaboratore Scolastico Descrizione Responsabilità e competenze Attività svolte Luoghi di lavoro Rischi per la sicurezza Rischi per la salute Dispositivi

Dettagli

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI)

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) 1. PREMESSA Il d.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell articolo 1 della legge

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO l dilucarossi, Ricercatore, Dipartimento Tecnologie di Sicurezza, ex-ispesl Osservatorio a cura dell Ufficio Relazioni con il Pubblico

Dettagli

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come Breve riassunto operativo per la notifica: 1. La comunicazione all INAIL riguarda gli RLS in carica alla data del 31/12/2008. 2. Se non vi sono RLS in carica in tale data, non va effettuata alcuna comunicazione.

Dettagli

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza.

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Il punto di forza di Integra è uno staff qualificato e competente che ne fa un punto di riferimento credibile ed affidabile per

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa INCONTRO TECNICO GRATUITO Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa Treviso, 17 giugno 2010 Oggi parleremo di: Principali riferimenti normativi e presentazione dell accordo quadro europeo

Dettagli

Testo Unico sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

Testo Unico sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Testo Unico sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro PARTE 1 SOMMARIO D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO 13 TITOLO I PRINCIPI COMUNI

Dettagli

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento. Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento. Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities 1-32 28 giugno 2013 IL QUADRO DI RIFERIMENTO Cambiano gli scenari europei Regolamento

Dettagli

FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN MATERIA DI IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO. Guida per le imprese

FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN MATERIA DI IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO. Guida per le imprese Piano Mirato Prevenzione FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN MATERIA DI IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO Guida per le imprese Mark Kostabi, Tapestry of the wits, 2006 L arma competitiva del ventunesimo secolo sarà

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA 1 SCOPO Lo scopo del presente documento è di descrivere le mansioni e le responsabilità connesse alla gestione delle attività da parte di PHISIOVIT SRL 2 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO PHISIOVIT SRL, per favorire

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

SalusNet - un iniziativa di Federsanità

SalusNet - un iniziativa di Federsanità ASL Formazione Continua e qualità delle prestazioni sanitarie L esigenza di razionalizzare la Spesa Sanitaria, per contenerne i costi, oggi deve e può coniugarsi con una continua tensione al miglioramento

Dettagli

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI Sommario: 5064.0 QUADRO GENERALE 5064.1 ORARIO DI LAVORO 5064.1.1 Durata dell'orario di lavoro settimanale 5064.1.2 Riposi intermedi 5064.1.3

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

MODULO DI DOMANDA ANNO SCHEDA INFORMATIVA GENERALE. Denominazione o ragione sociale: N P.A.T. 1 : Matricola INPS

MODULO DI DOMANDA ANNO SCHEDA INFORMATIVA GENERALE. Denominazione o ragione sociale: N P.A.T. 1 : Matricola INPS MODULO DI DOMANDA per la riduzione del tasso medio di tariffa ai sensi dell art. 24 delle Modalità di applicazione delle Tariffe dei premi (d.m. 12/12/2000 e s.m.i.) dopo il primo biennio di attività ANNO

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Firenze 15 febbraio 2010 Pisa 1 marzo 2010 Siena 29 marzo 2010 Dott. Ing. Daniele Novelli

Dettagli

Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81. IL RUOLO DEI PREPOSTI e DEI LAVORATORI

Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81. IL RUOLO DEI PREPOSTI e DEI LAVORATORI Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 (corretto ed integrato dal Decreto Legislativo 106/2009) IL RUOLO DEI PREPOSTI e DEI LAVORATORI Ing. Fiorenzo Bartolucci Via Scosciacavalli, 5 60121 Ancona Tel.

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

DETERMINAZIONE DELLA CNFC IN MATERIA DI VIOLAZIONI

DETERMINAZIONE DELLA CNFC IN MATERIA DI VIOLAZIONI DETERMINAZIONE DELLA CNFC IN MATERIA DI VIOLAZIONI LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA VISTO il decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni e, in particolare,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

MANUALE DELLA SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO

MANUALE DELLA SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO Università degli studi di Parma MANUALE DELLA SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO A cura di Maria Concetta Arena Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Via S. Michele, 9 43100 PARMA Tel. 0521 034713

Dettagli