Sicurezza in edilizia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sicurezza in edilizia"

Transcript

1 Sicurezza in edilizia 013 CATALOGO CORSI Milano, Lodi, Monza e Brianza Milano - Lodi - Monza e Brianza Costituito da Assimpredil-ANCE e Fe.N.E.A.L. - F.I.L.C.A. - F.I.L.L.E.A.

2 Finito di stampare nel mese di agosto Ricordiamo che questo catalogo è consultabile nel sito nella sezione servizi in sede, ove è possibile accedere all area riservata.

3 corsi a milano corsi a lodi corsi a monza e brianza pagina 09 pagina 27 pagina 43 scheda d iscrizione pagina 58

4 Chi è CPT Chi è CPT Il CPT di Milano, Lodi, Monza e Brianza, nasce dal volere congiunto delle parti costituenti, Assimpredil-ANCE e Feneal-UIL, Filca-CISL, Fillea-CGIL, di istituire un ente bilaterale la cui mission istituzionale fosse volta a concretizzare la sicurezza e la prevenzione nei cantieri edili contribuendo, in maniera capillare, ad orientare ed assistere imprese e lavoratori. La vocazione paritetica del CPT è diventata con gli anni sinonimo di credibilità, affidabilità ed autorevolezza nell ambito della prevenzione e della sicurezza in edilizia. Un team selezionato di tecnici ed esperti in materia di salute e sicurezza in edilizia, è in grado di offrire soluzioni ai numerosi problemi rilevabili in cantiere o in impresa. Le visite effettuate annualmente dai tecnici CPT, hanno consentito all Ente di diventare un reale punto di riferimento, sempre presente e aggiornato, per imprese, lavoratori e preposti. Mentre in cantiere viene offerta assistenza tecnica gratuita, con lo stesso stile collaborativo e consulenziale, CPT mette a disposizione dei diversi interlocutori aziendali, i propri referenti presso le sedi di Milano e Monza per soddisfare i bisogni di chiarimenti in merito agli apprestamenti tecnici ed ai numerosi temi della normativa in vigore. Un forte impegno è dedicato all attività di analisi e progettazione di strumenti informativi multilingue (per lavoratori italiani e stranieri) e di percorsi formativi che tengano conto di tutte le complessità del cantiere edile e quindi anche delle differenti modalità di gestione della sicurezza. La periodica revisione dei programmi di formazione, la continua misurazione del raggiungimento degli obiettivi formativi, la scrupolosa selezione del corpo docente e la rilevazione del grado di

5 soddisfacimento delle attività erogate, consentono di mantenere elevati standard qualitativi di una formazione che nell ultimo anno ha raggiunto quasi addetti. La qualità della formazione alla sicurezza erogata da CPT è garantita dalla concreta conoscenza, da parte dei docenti, della complessità e unicità di ogni cantiere edile; questo è il valore aggiunto che si sostanzia nel portare il cantiere in aula e l aula in cantiere. Il CPT offre alle imprese e ai lavoratori aderenti al Sistema Cassa Edile il vantaggio di un trattamento speciale: molti servizi vengono erogati in forma completamente gratuita, mentre per altre attività (come ad esempio la formazione ad hoc) viene chiesta una mera compartecipazione ai costi vivi. All imprenditore edile si offre una consulenza globale per il mantenimento della sicurezza in cantiere: le visite dei tecnici CPT permettono infatti di individuare situazioni di possibile rischio, fornire suggerimenti per intervenire in modo adeguato e tempestivo ed aumentare il senso di responsabilità e partecipazione di tutti i soggetti che operano in cantiere. Le imprese che hanno scoperto i vantaggi dei servizi offerti da CPT, oggi lavorano con maggiore tranquillità e trasparenza. Al lavoratore edile si offre l opportunità di essere affiancato dalla presenza autorevole e qualificata del CPT che lo sensibilizzerà ai problemi della sicurezza e lo stimolerà a conoscere ed adottare tutti gli accorgimenti che contribuiscono alla salvaguardia della sua salute.

6 Servizi in cantiere Il rinnovato importante impegno delle Parti Sociali nel rilancio operativo del CPT, ha sortito l implementazione dell attività IN CANTIERE prevedendo l aumento delle visite di assistenza tecnica. CPT offre alle imprese ed ai lavoratori iscritti alla Cassa Edile locale, un approccio diretto alle problematiche di cantiere attraverso sopralluoghi di consulenza tecnica, a titolo gratuito il cui duplice scopo consiste nell individuare le situazioni critiche in materia di salute e sicurezza e nel consigliare le misure di prevenzione e protezione da adottare per eliminare e ridurre i rischi rilevati; attività integrabile con le periodiche analisi per il calcolo di probabilità di fulminazione e con la rilevazione del livello di esposizione dei lavoratori ai rischi rumore e vibrazione. CPT organizza anche programmi di formazione on the job, vale a dire eventi informativi e percorsi formativi affiancati da attività di assistenza e ricerca tecnica, mirate a supportare imprese e lavoratori alla risoluzione di situazioni di particolare criticità di natura tecnica. Per i cantieri che non dispongono dello spazio logistico per ospitare momenti di informazione/formazione, CPT si è dotato di unità mobili che, in quanto basi operative, favoriscono l incontro tra ente, imprese (anche subappaltatrici) e lavoratori. Servizi in sedecpt Oltre all attenzione mirata al cantiere, CPT organizza una serie di servizi erogati nelle proprie sedi di Milano e Monza e nel territorio del Lodigiano. Si tratta principalmente di iniziative formative di primo adempimento, orientate a sviluppare nei lavoratori consapevolezza e abilità finalizzate all adozione di un atteggiamento disponibile al confronto con i temi della salute e della sicurezza sul lavoro e iniziative di addestramento all uso di alcuni particolari DPI. È lo stesso CPT che indirizza i diversi interlocutori delle imprese edili, verificando preliminarmente e con attenzione quali ruoli devono essere designati in azienda: RSPP (datori di lavoro e non), eventuali ASPP, RLS, addetti alle emergenze di primo soccorso e prevenzione incendi. L attività formativa è stata estesa anche all addestramento specifico in materia di salute e sicurezza del personale tecnico delle Pubbliche Amministrazioni e di Enti preposti al controllo ed alla vigilanza. Particolare rilievo merita l azione di consulenza ed assistenza continua: il personale del CPT impiegato presso le sedi territoriali fornisce suggerimenti e chiarimenti sui diversi temi della normativa di sicurezza in vigore, con la garanzia di un costante approfondimento e periodico aggiornamento. A corredo delle attività di informazione e di formazione, CPT produce ed elabora materiale multilingue distribuito a lavoratori italiani e stranieri e dispense tecniche di approfondimento destinate ai preposti, materiale raccolto in comode pubblicazioni da conservare e consultare ogni qualvolta ve ne sia la necessità. 6

7 ASSISTENZA TECNICA IN CANTIERE Consulenza gratuita in materia di salute e sicurezza svolta dal servizio tecnico CPT nei cantieri di Milano, Lodi, Monza e Brianza. INFORMAZIONE IN CANTIERE Brevi incontri monografici, aventi lʼobiettivo di fornire conoscenze utili alla identificazione, riduzione e gestione dei rischi di cantiere. FORMAZIONE AD HOC Corsi di formazione specifici ai bisogni formativi dellʼimpresa, i cui contenuti sono sviluppati in collaborazione con il datore di lavoro ed il SPP, svolti alternando incontri di aula con incontri svolti direttamente in cantiere. UNITÀ MOBILE Base operativa destinata a raggiungere i cantieri dislocati in tutto il territorio di competenza, nata per facilitare e promuovere lʼincontro tra CPT, lʼimpresa ed i lavoratori. CALCOLO PROBABILITÀ DI FULMINAZIONE Predisposizione di relazioni di verifica dellʼautoprotezione delle strutture metalliche presenti (ponteggi, gru, silos, ecc.), come previsto dalla normativa tecnica vigente. VALUTAZIONE DI ESPOSIZIONE DEI LAVORATORI A RISCHIO RUMORE E VIBRAZIONI Esecuzione di rilievi strumentali, e conseguenti relazioni, eseguiti prendendo in considerazione le caratteristiche intrinseche dellʼattività specifica dellʼimpresa, in osservanza a quanto indicato dalla vigente normativa. RICERCA TECNICA CPT promuove attività di ricerca su argomenti che riguardano direttamente o interessano indirettamente la definizione e la gestione di misure di prevenzione e protezione correlate alle tipiche attività del ciclo di produzione edilizio. CANTIERE DI QUALITÀ Il Cantiere di Qualità è unʼattestazione di merito, promossa dalle Parti Sociali, riferita allʼaccertamento ad opera dei tre enti bilaterali, delle condizioni di sicurezza, formazione e regolarità. FORMAZIONE A CATALOGO Corsi di primo adempimento, ovvero quelli che in modo prioritario, e per indicazione di legge (D.Lgs. 81/08 art. 37) e CCNL, devono far parte del piano aziendale di formazione e addestramento alla sicurezza per tutti i ruoli. CONSULENZA ED ASSISTENZA CONTINUA La consulenza in materia di igiene e sicurezza sul lavoro costituisce uno dei punti di forza del CPT grazie allʼesperienza maturata negli anni, alla professionalità e preparazione delle risorse, alle metodiche consolidate e costantemente aggiornate. COLLANE EDITORIALI Predisposizione di opuscoli e dispense multilingue destinate ai lavoratori italiani e stranieri, e dispense tecniche di approfondimento rivolte ai preposti, quale materiale a corredo per attività di formazione e informazione. ORIENTAMENTO ALLA SCELTA DELLA FORMAZIONE ADEGUATA Il CPT indirizza i diversi interlocutori delle imprese edili, verificando preliminarmente e con attenzione quali ruoli devono essere designati in azienda: RSPP (datori di lavoro e non), eventuali ASPP, RLS, addetti alle emergenze di primo soccorso e prevenzione incendi. Si procede quindi alla individuazione e illustrazione dei percorsi di formazione e aggiornamento per le diverse figure. SEMINARI, CONVEGNI, WORKSHOP IN MATERIA DI SICUREZZA Occasioni continue di aggiornamento, approfondimento e attualità riguardanti la prevenzione e la sicurezza in edilizia, rivolte a tutti gli operatori del settore. FORMAZIONE ENTI PUBBLICI Formazione rivolta ai tecnici delle Amministrazioni pubbliche e degli Enti preposti al controllo e alla vigilanza, attinente a bisogni specifici dei settori di competenza. 7

8 Regole e condizioni generali d iscrizione e partecipazione ai corsi Condizioni generali L iscrizione si intende valida al momento del ricevimento da parte del CPT dell apposito modulo di richiesta formazione a catalogo (nell ultima pagina del presente catalogo), compilato in tutte le sue parti, sottoscritto per presa visione e accettazione di tutte le condizioni generali ed economiche ivi compresa l informativa sulla privacy, nonché della disposizione di bonifico di seguito meglio specificata. Il candidato iscritto dovrà presentarsi al corso secondo quanto disposto nel modulo di convocazione spedito, con un preavviso di almeno 15 giorni, a mezzo fax o , portando con se una copia del suddetto modulo. Non saranno ammessi alla frequenza del corso coloro che si troveranno sprovvisti del modulo di convocazione al corso che attesti la regolare iscrizione e conferma. Il CPT si riserva la facoltà di modificare o annullare il programma dei propri corsi, nel caso in cui non venga raggiunto un numero minimo di frequentanti; ogni variazione sarà tempestivamente comunicata agli interessati. Tutti i corsi a catalogo sono tenuti in lingua italiana. Il rilascio dell attestato di fine corso è vincolato alla frequenza del 100% del monte ore previsto. Il tempo massimo concesso per i recuperi delle lezioni perse è pari a 90 giorni, pena l annullamento della frequenza effettuata. MODALITÀ DI PAGAMENTO Per gli OPERAI dipendenti di imprese iscritte alla Cassa Edile di Milano la partecipazione a tutti i corsi è GRATUITA. Per DATORI DI LAVORO/SOCI, IMPIEGATI TECNICI e AMMINISTRATIVI delle imprese iscritte alla Cassa Edile di Milano è previsto uno sconto pari al 50% del costo del corso - ad eccezione dei seguenti corsi F.1.02, F.1.03, F.1.05, F.1.06, F.3.06 (Rls) e rispettivi aggiornamenti che devono intendersi comunque GRATUITI. PER POTERSI AVVALERE DELLE AGEVOLAZIONI E SCONTI CASSA EDILE DI MILANO: le imprese iscritte dovranno essere regolarmente adempienti. Il CPT di Milano accerterà la regolarità contributiva rivolgendosi direttamente agli uffici competenti della Cassa Edile di Milano. PER GLI UTENTI PAGANTI I PAGAMENTI DOVRANNO ESSERE EFFETTUATI ESCLUSIVAMENTE A MEZZO BONIFICO BANCARIO ANTICIPATO - INTESTATO A: CPT DI MILANO - IBAN IT 02X CAUSALE (obbligatoria) riportante: sigla corso, data inizio corso, nome e cognome partecipante. Il mancato inoltro della disposizione del bonifico, a mezzo fax/ al momento dell iscrizione comporterà L ANNULLAMENTO DELL ISCRIZIONE STESSA. I CORSI SI SVOLGONO ESCLUSIVAMENTE IN LINGUA ITALIANA. DIRITTO DI RECESSO L iscritto può fruire del diritto di recesso inviando la disdetta via fax/ almeno 3 giorni lavorativi prima della data di inizio del corso. In tal caso la quota versata sarà interamente rimborsata. Oltre i termini suddetti verrà trattenuta una quota pari al 50% di quanto versato.

9 013 FORMAZIONE, INFORMAZIONE E ADDESTRAMENTO ALLA SICUREZZA IN EDILIZIA Programma corsi milano Sede corsi: CPT - via Newton, 3 - Milano

10 FORMAZIONE, INFORMAZIONE E ADDESTRAMENTO ALLA SICUREZZA IN EDILIZIA Corsi a milano COD. F.1.01 FORMAZIONE DI BASE PER LAVORATORI OPERAI EDILI Formazione generale + specifica, di cui all Accordo Conferenza Stato-Regioni 21/12/2011. non sono richiesti specifici requisiti RISERVATA AGLI ISCRITTI ALLA CASSA EDILE gratuito 420 euro + IVA 16 ore 19 e 22 ottobre e 12 novembre e 17 dicembre e 21 gennaio e 25 febbraio e 11 marzo e 25 marzo e 15 aprile e 13 maggio e 27 maggio e 10 giugno e 24 giugno e 8 luglio e 22 luglio e 16 settembre 2013 art. 37, D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. Accordo Conferenza Stato/Regioni 2011, punto 4 NB Le imprese che svolgono LAVORI STRADALI possono accedere al corso specifico, segnalandolo nella scheda di iscrizione (alla voce attività prevalente). I datori di lavoro devono segnalare, nella scheda di iscrizione, se il lavoratore comprende o meno la lingua italiana: in caso di non comprensione, CPT si riserva di verificare l eventuale coinvolgimento di mediatori interculturali o traduttori. 10

11 PROGRAMMA CORSI 2013 COD. F.1.02 FORMAZIONE DI BASE PER PREPOSTI (TECNICI, CAPICANTIERE) Formazione generale + specifica per lavoratori (punto 4) e formazione particolare aggiuntiva per preposti (punto 5) di cui all Accordo Conferenza Stato-Regioni 21/12/2011. RISERVATA AGLI ISCRITTI ALLA CASSA EDILE non sono richiesti specifici requisiti gratuito 630 euro + IVA 24 ore 16, 18 e 22 ottobre , 15 e 19 novembre , 18 e 20 dicembre , 24 e 28 gennaio , 21 e 25 febbraio , 14 e 18 marzo , 18 e 22 aprile , 9 e 13 maggio , 13 e 17 giugno , 4 e 8 luglio 2013 art. 37, D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. Accordo Conferenza Stato/Regioni 2011, punti 4 e 5 IL CORSO SI CONCLUDE CON PROVA SCRITTA OBBLIGATORIA FINALIZZATA A VERIFICARE LE CONOSCENZE ACQUISITE. Chi è già in possesso di attestato di formazione per lavoratori edili, della durata di 16 ore, conseguito dopo il 15 maggio 2008 presso CPT Milano, Lodi, Monza e Brianza, può frequentare le sole 8 ore FORMAZIONE PARTICOLARE AGGIUNTIVA, di cui alla pagina seguente. 11

12 FORMAZIONE, INFORMAZIONE E ADDESTRAMENTO ALLA SICUREZZA IN EDILIZIA Corsi a milano COD. F.1.06 FORMAZIONE PARTICOLARE AGGIUNTIVA PER PREPOSTI di cui all Accordo Conferenza Stato-Regioni 21/12/2011 punto 5. RISERVATA AGLI ISCRITTI ALLA CASSA EDILE formazione di base per lavoratori operai edili (16 ore), svolta dopo il 15 maggio 2008, presso CPT di Milano, Lodi, Monza e Brianza (se svolta prima di tale data si invita ad iscriversi al corso completo per Preposti cod. F.1.02) gratuito 210 euro + IVA 8 ore date e orari verranno comunicati a raggiungimento numero minimo iscritti art. 37, D.Lgs. 81/2008 e s.m.i., Accordo Conferenza Stato/Regioni 2011, punto 5 IL CORSO SI CONCLUDE CON PROVA SCRITTA OBBLIGATORIA FINALIZZATA A VERIFICARE LE CONOSCENZE ACQUISITE, anche con riferimento agli argomenti trattati nel corso base per lavoratori, cod. F

13 PROGRAMMA CORSI 2013 COD. F.1.03 FORMAZIONE DI BASE PER IMPIEGATI CHE SVOLGONO ESCLUSIVAMENTE ATTIVITA D UFFICIO Formazione generale + specifica (punto 4 e condizioni particolari) di cui all Accordo Conferenza Stato-Regioni 21/12/2011. non sono richiesti specifici requisiti RISERVATA AGLI ISCRITTI ALLA CASSA EDILE gratuito 210 euro + IVA 8 ore 19 febbraio maggio settembre 2013 art. 37, D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. Accordo Conferenza Stato/Regioni 2011, punto 4 e condizioni particolari 8 ORE DOPO COMPLETAMENTO DEL CORSO 16 ORE PRIMA Come indicato nel verbale di accordo tra le parti sociali provinciali, firmato in data 23 febbraio 2009, i soli operai che hanno frequentato il corso 16 ore prima (svolto in fase pre-assuntiva), e che sono in possesso del relativo attestato, devono frequentare un incontro in tema di sicurezza della durata di una giornata, a completamento del percorso d ingresso attinente le basi professionali e la formazione alla sicurezza. Per i corsi 16 ORE PRIMA e 8 ORE DOPO informazioni e iscrizioni direttamente sul sito art. 37, D.Lgs. 81/2008 e s.m.i., C.C.N.L. EDILI e AFFINI, e verbale di accordo tra le parti sociali provinciali del 23/02/09 13

14 FORMAZIONE, INFORMAZIONE E ADDESTRAMENTO ALLA SICUREZZA IN EDILIZIA Corsi a milano COD. F.1.05 FORMAZIONE DI BASE PER DIRIGENTI Per chi avesse frequentato il corso F.1.02 (formazione preposti - tecnici, capicantiere), presso il CPT di Milano, dal 15 maggio 2008 in poi, è riconosciuto un credito formativo di 4 ore. RISERVATA AGLI ISCRITTI ALLA CASSA EDILE non sono richiesti specifici requisiti gratuito 420 euro + IVA 16 ore novembre maggio 2013 h. 13,30-17,30 h. 13,30-17,30 art. 37, D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. Accordo Conferenza Stato/Regioni 2011, punto 6 IL CORSO SI CONCLUDE CON PROVA SCRITTA OBBLIGATORIA FINALIZZATA A VERIFICARE LE CONOSCENZE ACQUISITE. 14

15 PROGRAMMA CORSI 2013 COD. F.3.01/A FORMAZIONE AL RUOLO DI RSPP (RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE) MACROSETTORE ATECO 3 - COSTRUZIONI RISERVATA AGLI ISCRITTI ALLA CASSA EDILE sconto 50% diploma di scuola media superiore euro + IVA 112 ore A (28 ore) + B (60 ore) + C (24 ore) una giornata intera a settimana (il martedì) h Mod. A: dal 2 al 23 ottobre 2012 Mod. B: dal 30 ottobre al 18 dicembre 2012 Mod. C: dal 15 al 29 gennaio 2013 Mod. A: dal 12 marzo al 9 aprile 2013 Mod. B: dal 16 aprile al 11 giugno 2013 Mod. C: dal 18 giugno al 2 luglio 2013 Mod. A: dal 1 al 22 ottobre 2013 Mod. B: dal 29 ottobre al 17 dicembre 2013 Mod. C: dal 14 al 21 gennaio 2014 Edizioni a numero chiuso. Sede corso: Assimpredil-Ance via San Maurilio, 21 - Milano art. 32, D.Lgs. 81/2008 e s.m.i., e accordo Conferenza Stato/Regioni

16 FORMAZIONE, INFORMAZIONE E ADDESTRAMENTO ALLA SICUREZZA IN EDILIZIA Corsi a milano COD. F.3.01/aspp FORMAZIONE AL RUOLO DI ASPP (ADDETTO AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE) MACROSETTORE ATECO 3 - COSTRUZIONI RISERVATA AGLI ISCRITTI ALLA CASSA EDILE sconto 50% diploma di scuola media superiore euro + IVA 88 ore A (28 ore) + B (60 ore) una giornata intera a settimana (il martedì) h Mod. A: dal 2 al 23 ottobre 2012 Mod. B: dal 30 ottobre al 18 dicembre 2012 Mod. A: dal 12 marzo al 9 aprile 2013 Mod. B: dal 16 aprile al 11giugno 2013 Mod. A: dal 1 al 22 ottobre 2013 Mod. B: dal 29 ottobre al 17 dicembre 2013 Edizioni a numero chiuso. Sede corso: Assimpredil-Ance via San Maurilio, 21 - Milano art. 32, D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. e accordo Conferenza Stato/Regioni

17 PROGRAMMA CORSI 2013 COD. F.3.01/B FORMAZIONE PER DATORI DI LAVORO AL RUOLO DI RSPP (RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE) PER LA PROPRIA IMPRESA FINO A 30 DIPENDENTI di cui all Accordo Conferenza Stato-Regioni 21/12/2011 macrocategoria Ateco F - settore costruzioni (livello di rischio alto). RISERVATA AGLI ISCRITTI ALLA CASSA EDILE sconto 50% datore di lavoro fino a 30 dipendenti 750 euro + IVA 48 ore una giornata intera a settimana (il giovedì) h ottobre, novembre febbraio, 7-14 marzo maggio, giugno ottobre, 7-14 novembre 2013 Sede corso: Assimpredil-Ance via San Maurilio, 21 - Milano art. 34, D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. Accordo Conferenza stato/regioni 2011 Sul tema dell aggiornamento periodico per i datori di lavoro del settore costruzioni (VEDERE LA PAGINA SEGUENTE), è utile sapere che la Conferenza Stato/Regioni, con Accordo del 21/12/2011, ha previsto l obbligo di aggiornamento quinquennale di 14 ore. a) per i datori di lavoro che abbiano già frequentato entro il 2011 un corso Rspp (con contenuti conformi al D.M. 16/01/1997 e di cui all art. 10, D.Lgs. 626/94), il quinquennio per l aggiornamento decorre a partire dal 11 gennaio b) per i datori di lavoro che svolgono funzioni di RSPP, senza aver frequentato il relativo corso, (esonerati ai sensi dell art. 95 del D.Lgs. 626/94) il percorso di aggiornamento dovrà esser completato entro 11 gennaio

18 FORMAZIONE, INFORMAZIONE E ADDESTRAMENTO ALLA SICUREZZA IN EDILIZIA Corsi a milano COD. F.3.01/agg AGGIORNAMENTO PER RSPP (anche datori di lavoro) e ASPP SOLO PER SETTORE DELLE COSTRUZIONI RISERVATA AGLI ISCRITTI ALLA CASSA EDILE sconto 50% attestato corso RSPP/ASPP 80 euro + IVA per 4 ore singoli eventi della durata di 4 ore Date, orari, durata e sede dei singoli eventi verranno comunicati agli iscritti con ampio preavviso consultare anche che la voce ultime notizie nel sito - RSPP datore di lavoro: 14 ore ogni 5 anni - RSPP non datore di lavoro: 60 ore ogni 5 anni - ASPP: 28 ore ogni 5 anni (le ore di aggiornamento sono distribuibili nel quinquennio) art. 34, D.Lgs. 81/2008 e s.m.i., e accordo Conferenza Stato/Regioni 2011, per RSPP - datori di lavoro art. 32, D.Lgs. 81/2008 e s.m.i., e accordo Conferenza Stato/Regioni 2006, per RSPP/ASPP non datori di lavoro Sul tema dell aggiornamento per chi svolge funzioni di Rspp/Aspp è utile sapere che: Per i datori di lavoro del settore costruzioni la Conferenza Stato/Regioni, con Accordo del 21/12/2011, ha previsto l obbligo di aggiornamento quinquennale di 14 ore. a) per i datori di lavoro che abbiano già frequentato entro il 2011 un corso Rspp (con contenuti conformi al D.M. 16/01/1997 e di cui all art. 10, D.Lgs. 626/94), il quinquennio per l aggiornamento decorre a partire dal 11 gennaio 2012 ( data di pubblicazione dell accordo). b) per i datori di lavoro che svolgono funzioni di RSPP, senza aver frequentato il relativo corso, (esonerati ai sensi dell art. 95 del D.Lgs. 626/94) il percorso di aggiornamento dovrà esser completato entro 11 gennaio Per chi non è datore di lavoro e svolge funzioni per Rspp/Aspp del settore delle costruzioni (dipendenti di imprese e/o liberi professionisti) la Conferenza Stato/Regioni, con Accordo del 26/01/2006, ha previsto l obbligo di aggiornamento quinquennale di 60 ore per Rspp e di 28 ore per Aspp. 18

19 PROGRAMMA CORSI 2013 COD. F.3.04 FORMAZIONE ADDETTI ALLE EMERGENZE PREVENZIONE INCENDI RISERVATA AGLI ISCRITTI ALLA CASSA EDILE formazione di base alla sicurezza e incarico di addetto antincendio gratuito operai - sconto 50% tecnici 500 euro + IVA 8 ore 9 ottobre novembre dicembre gennaio febbraio marzo aprile maggio maggio giugno giugno luglio luglio settembre 2013 h. 8,00-18,00 h. 8,00-18,00 h. 8,00-18,00 h. 8,00-18,00 h. 8,00-18,00 h. 8,00-18,00 h. 8,00-18,00 h. 8,00-18,00 h. 8,00-18,00 h. 8,00-18,00 h. 8,00-18,00 h. 8,00-18,00 h. 8,00-18,00 h. 8,00-18,00 art. 37, D.Lgs. 81/2008 e s.m.i., e D.M. 10/3/98 (rischio medio) Si ricorda che, ai sensi dell art. 34, c.1 del D.Lgs. 81/2008, nelle imprese con più di 5 lavoratori, il datore di lavoro non può svolgere direttamente i compiti di addetto alla prevenzione incendi. AI FINI DELL AGGIORNAMENTO DEGLI ADDETTI ANTINCENDIO, IN MANCANZA DI ATTUALE DISCIPLINA SPECIFICA, SI CONSIGLIA DI RIPETERE LA FORMAZIONE CON CADENZA TRIENNALE. 19

20 FORMAZIONE, INFORMAZIONE E ADDESTRAMENTO ALLA SICUREZZA IN EDILIZIA Corsi a milano COD. F.3.05 FORMAZIONE ADDETTI ALLE EMERGENZE: PRIMO SOCCORSO RISERVATA AGLI ISCRITTI ALLA CASSA EDILE formazione di base alla sicurezza e incarico di addetto primo soccorso gratuito operai - sconto 50% tecnici 630 euro + IVA 16 ore 16 e 18 ottobre e 15 novembre e 13 dicembre e 17 gennaio e 21 febbraio e 14 marzo e 11 aprile e 9 maggio e 6 giugno e 11 luglio e 19 settembre 2013 art. 37, D.Lgs. 81/2008 e s.m.i., e D.M. 388/03 Si ricorda che, ai sensi dell art. 34, c.1 del D.Lgs. 81/2008, nelle imprese con più di 5 lavoratori, il datore di lavoro non può svolgere direttamente i compiti di addetto al primo soccorso. 20

21 PROGRAMMA CORSI 2013 COD. F.3.05/a AGGIORNAMENTO TRIENNALE PER ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO corso addetto primo soccorso RISERVATA AGLI ISCRITTI ALLA CASSA EDILE gratuito operai - sconto 50% tecnici 280 euro + IVA 8 ore 10 ottobre novembre dicembre gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio settembre 2013 art. 37, D.Lgs. 81/2008 e s.m.i., e art. 3, D.M. 388/03 21

22 FORMAZIONE, INFORMAZIONE E ADDESTRAMENTO ALLA SICUREZZA IN EDILIZIA Corsi a milano COD. F.3.06 FORMAZIONE AL RUOLO DI RLS (RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA) ll CPT tiene il registro aggiornato di tutti i RLS aziendali eletti nelle province di Milano, Lodi, Monza e Brianza: a tale scopo si invitano le imprese a trasmettere al Comitato Paritetico Territoriale, su carta intestata, anche a mezzo fax (02/ ), comunicazione del nome della persona eletta, allegando il verbale di elezione. Il CPT provvederà a inviare allʼimpresa il calendario della prima edizione di corso disponibile. Ai sensi del D.Lgs. 81/08, il RLS deve ricevere una formazione specifica: il C.C.N.L. per il settore edile prevede un corso della durata di 32 ore. RISERVATA AGLI ISCRITTI ALLA CASSA EDILE verbale di elezione gratuito 580 euro + IVA 32 ore 23, 24,30,31 ottobre , 21, 27, 28 novembre , 12, 18, 19 dicembre , 23, 29, 30 gennaio , 20, 26, 27 febbraio , 20, 26, 27 marzo , 17, 23, 24 aprile , 22, 28, 29 maggio , 19, 25, 26 giugno , 18, 24, 25 settembre 2013 art. 37, D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. Il corso di formazione al ruolo di RLS organizzato dal CPT Milano, Lodi, Monza e Brianza soddisfa i requisiti formativi di cui al punto 4 dell A.C.S.R. del 21/12/2011 (formazione per lavoratori della durata di 16 ore). 22

23 PROGRAMMA CORSI 2013 COD. F.3.06/h4 AGGIORNAMENTO RLS - 4 ore L art. 37, c.11 del D.Lgs. 81/2008 prevede un aggiornamento periodico per RLS, come segue: - 4 ore annue per imprese che occupano dai 15 ai 50 lavoratori - 8 ore annue per imprese che occupano più di 50 lavoratori - per imprese con meno di 15 dipendenti il legislatore demanda alla contrattazione collettiva nazionale e, in mancanza di specifica disciplina, si consiglia alle imprese di cogliere volontariamente l occasione di fornire al proprio RLS un utile aggiornamento. corso per RLS RISERVATA AGLI ISCRITTI ALLA CASSA EDILE gli orari verranno comunicati tempestivamente, a conferma di ogni edizione gratuito 80 euro + IVA 4 ore 24 gennaio aprile giugno settembre 2013 art. 37, D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. COD. F.3.06/h8 AGGIORNAMENTO RLS - 8 ore RISERVATA AGLI ISCRITTI ALLA CASSA EDILE gli orari verranno comunicati tempestivamente, a conferma di ogni edizione corso per RLS gratuito 160 euro + IVA 8 ore 26 settembre 2013 art. 37, D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. Il corso di aggiornamento per RLS contribuisce all assolvimento degli obblighi di aggiornamento previsti per lavoratori (6 ore ogni 5 anni). 23

24 FORMAZIONE, INFORMAZIONE E ADDESTRAMENTO ALLA SICUREZZA IN EDILIZIA COD. F.3.07 ADDESTRAMENTO ALL USO DPI ANTICADUTA: IMBRACATURE DI SICUREZZA Si invitano i partecipanti a portare i propri DPI (per utili comparazioni). RISERVATA AGLI ISCRITTI ALLA CASSA EDILE formazione di base alla sicurezza gratuito operai - sconto 50% tecnici 200 euro + IVA Corsi a milano COD. F.3.08 gli orari verranno comunicati tempestivamente, a conferma di ogni edizione 4 ore 18 ottobre novembre dicembre gennaio febbraio 2013 art. 37 e titoli III e IV, D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. ADDESTRAMENTO ALL USO DI OTOPROTETTORI (RISCHIO RUMORE) RISERVATA AGLI ISCRITTI ALLA CASSA EDILE formazione di base alla sicurezza gratuito operai - sconto 50% tecnici 150 euro + IVA 3 ore 21 marzo aprile maggio giugno luglio 2013 gli orari verranno comunicati tempestivamente, a conferma di ogni edizione 4 dicembre febbraio aprile 2013 art. 37 e titoli III e IV, D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. 24

25 PROGRAMMA CORSI 2013 INCONTRI DI AGGIORNAMENTO RIVOLTI A LAVORATORI OPERAI, IMPIEGATI, PREPOSTI E DIRIGENTI formazione di base alla sicurezza RISERVATA AGLI ISCRITTI ALLA CASSA EDILE gratuito per dipendenti imprese iscritte regolarmente alla Cassa Edile di Milano 80 euro + IVA 4 ore CPT INFORMERÀ LE IMPRESE TRAMITE NEWSLETTER, CAMPAGNE INFORMATIVE E ATTRAVERSO IL SITO DATE, ORARI E CONTENUTI DELLE ATTIVITÀ DI AGGIORNAMENTO SARANNO PROGRAMMATI PERIODICAMENTE. art. 37, D.Lgs. 81/2008 e s.m.i., e accordo Conferenza Stato/Regioni 2011 Sul tema dell aggiornamento è utile sapere che: - per i lavoratori operai, impiegati, preposti e dirigenti, è previsto un obbligo di aggiornamento di almeno 6 ore ogni 5 anni. Per tutti coloro che hanno frequentato corsi di formazione base prima del 12/01/2007, l obbligo di aggiornamento deve essere assolto entro il 12/01/

26 Informazione in cantiere Attività di informazione in cantiere (assolvimento dell obbligo di cui all art. 36 del D.Lgs. 81/2008) L obbligo di informazione, sancito dall articolo 36 del D.Lgs. 81/2008, indica al datore di lavoro di fornire ai propri dipendenti le nozioni utili per far fronte ai rischi tipici dell attività lavorativa. Il servizio offerto da CPT si sostanzia in incontri monografici volti a creare momenti di condivisione e discussione con i presenti circa le problematiche che potrebbero emergere durante lo svolgimento delle mansioni, individuando collegialmente le migliori soluzioni attuabili. Al termine di ogni incontro formativo il CPT rilascerà ai partecipanti un attestato di partecipazione all attività informativa ed una attestazione riepilogativa - per il datore di lavoro dell impresa - dell avvenuta informazione svolta per i propri lavoratori. Durata di ogni incontro: 2 ore Sede dell attività: cantiere o sede dell impresa Documentazione rilasciata a fine attività: attestato di partecipazione per ogni lavoratore presente e attestazione riepilogativa - per il datore di lavoro - dell avvenuta informazione fornita ai lavoratori. Per saperne di più visita il sito: /servizi in cantiere/unità mobile ADDESTRAMENTO MONTATORI PONTISTI Per informazioni e iscrizioni contattare: Esem Ente Scuola Edile Milanese numero verde sportello Orientamento.

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni.

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni. 1. RIF: che cos è Il RIF (Registro dell Impresa Formativa) è lo strumento, approvato dal FORMEDIL e dalla CNCPT, collegato al sito della Banca dati formazione costruzioni (BDFC) del Formedil nel quale

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

GESTIONE DEI CONFLITTI AZIENDALI E DELLE RELAZIONI SINDACALI MASTER PART TIME. When you have to be right

GESTIONE DEI CONFLITTI AZIENDALI E DELLE RELAZIONI SINDACALI MASTER PART TIME. When you have to be right MASTER PART TIME GESTIONE DEI CONFLITTI AZIENDALI E DELLE RELAZIONI SINDACALI 2 0 1 4 TERZA EDIZIONE R E G G I O E M I L I A When you have to be right LA SCUOLA DI FORMAZIONE IPSOA La Scuola di Formazione

Dettagli

CORSO FORMAZIONE FOR O MA M TOR O I

CORSO FORMAZIONE FOR O MA M TOR O I CORSO FORMAZIONE FORMATORI Una metafora per iniziare. Quando fai piani per un anno, semina grano. Se fai piani per un decennio, pianta alberi. Se fai piani per la vita, forma ed educa le persone. Proverbio

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN MATERIA DI IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO. Guida per le imprese

FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN MATERIA DI IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO. Guida per le imprese Piano Mirato Prevenzione FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN MATERIA DI IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO Guida per le imprese Mark Kostabi, Tapestry of the wits, 2006 L arma competitiva del ventunesimo secolo sarà

Dettagli

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. 64 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 44 - Giovedì 31 ottobre 2013

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. 64 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 44 - Giovedì 31 ottobre 2013 64 Bollettino Ufficiale D) ATTI DIRIGENZIALI Giunta regionale D.G. Salute Circolare regionale 25 ottobre 2013 - n. 20 Indicazioni in ordine all applicazione dell accordo tra governo, regioni e province

Dettagli

Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente

Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente sulla sicurezza nei cantieri Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente GLI ENTI BILATERALI DELLA PROVINCIA DI L AQUILA CASSA EDILE località san Vittorino - s.s. 80 km 9 n 61 l aquila tel.

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

AGGIORNAMENTO ON LINE LA LIQUIDAZIONE DEI DANNI ALLA PERSONA

AGGIORNAMENTO ON LINE LA LIQUIDAZIONE DEI DANNI ALLA PERSONA AGGIORNAMENTO ON LINE LA LIQUIDAZIONE DEI DANNI ALLA PERSONA 24 ottobre 2013 WEB CONFERENCE LEZIONE LIVE IN VIDEOCONFERENZA PROGRAMMA La partecipazione è valevole ai fini IVASS per l aggiornamento professionale

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE.

ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE. ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE. Casi pratici sulla corretta registrazione delle operazioni attinenti la gestione collettiva del risparmio

Dettagli

Disturbi dell Apprendimento

Disturbi dell Apprendimento Master in Disturbi dell Apprendimento in collaborazione con IPS nelle sedi di MILANO ROMA PADOVA BARI CAGLIARI CATANIA RAGUSA Questo modulo d iscrizione, unitamente alla fotocopia della ricevuta del versamento

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO 2015 FORMAZIONE HSE - HEALTH SAFETY ENVIRONMENT Salute e Sicurezza RLS - Formazione Base S.S.1 32 RLSA S.S.2 64 RLS - Aggiornamento S.S.3

Dettagli

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come Breve riassunto operativo per la notifica: 1. La comunicazione all INAIL riguarda gli RLS in carica alla data del 31/12/2008. 2. Se non vi sono RLS in carica in tale data, non va effettuata alcuna comunicazione.

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

FORMAZIONE PROFESSIONALE

FORMAZIONE PROFESSIONALE FORMAZIONE PROFESSIONALE Le coperture a tutela dell impresa EDIZIONE 21 maggio 2014 DOCENZA IN WEBCONFERENCE PROGRAMMA La partecipazione è valevole ai fini IVASS per il conseguimento della formazione professionale

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

I.T.I.S. "S. CANNIZZARO", via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi

I.T.I.S. S. CANNIZZARO, via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi 1_ Che cosa si intende per SICUREZZA in un qualsiasi luogo di lavoro? Lavorare in un ambiente in cui la probabilità che si verifichino danni (a persone o cose) sia molto bassa, se non nulla. L'obbligo

Dettagli

http://www.tassisto.it/

http://www.tassisto.it/ F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TASSISTO FRANCESCO Indirizzo VIA MARTIRI DELLA LIBERAZIONE, 80/2A 16043 CHIAVARI Telefono 0185325331 Cellulare

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti GUIDA OPERATIVA Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti Dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 PERMESSI PER CONCORSI, ESAMI, AGGIORNAMENTO... 3

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Guida Illustrata alla sicurezza nei cantieri rev. 2009

Guida Illustrata alla sicurezza nei cantieri rev. 2009 Guida Illustrata alla sicurezza nei cantieri rev. 2009 A Cura di: A.N.Fo.S. Associazione Nazionale Formatori della Sicurezza sul Lavoro Via S.Stefano 6/b - 00061 Anguillara Sabazia (ROMA) http://www.anfos.it

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 0047 Versione 002 2014) Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA'

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti.

Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti. Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti. Già il Codice Civile gli impone il dovere della sicurezza nei confronti dei lavoratori e la legislazione

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

A cura dello Studio Ingegneria Fiorini di Ferrara

A cura dello Studio Ingegneria Fiorini di Ferrara Provincia di Ferrara Guida alla gestione della sicurezza sul lavoro nelle associazioni sportive dilettantistiche, associazioni culturali, associazioni ricreative e di promozione sociale A cura dello Studio

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h)

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Anno 2013 Intervento formativo secondo l accordo STATO-REGIONI del 21.12.2011 A cura dell R.S.P.P.

Dettagli

ADESIONE ALLA MEDIAZIONE N.

ADESIONE ALLA MEDIAZIONE N. Versione 2015 Corso Re Umberto 77 10128 Torino Tel: 011 4546634 - Fax 011.19621008 segreteria@aequitasadr.it ADESIONE ALLA MEDIAZIONE N. Alla sede AEQUITAS ADR di (Indirizzi e contatti delle sedi sono

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza

Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza Che cos è un Master Universitario? Il Master Universitario è un corso di perfezionamento scientifico e di alta qualificazione formativa, finalizzato

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

L Azienda non è mai stata cosi vicina.

L Azienda non è mai stata cosi vicina. L Azienda non è mai stata cosi vicina. AlfaGestMed è il risultato di un processo di analisi e di sviluppo di un sistema nato per diventare il punto di incontro tra l Azienda e il Medico Competente, in

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche Giovanili e la Partecipazione Studentesca LORO SEDI

e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche Giovanili e la Partecipazione Studentesca LORO SEDI Prot. Nr 11636 Vicenza, 25 settembre 2013 Cat.E8 Ai Sigg. Dirigenti Scolastici degli Istituti Superiori di II grado Statali e Paritari della Provincia di Vicenza e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire DATE, ORARI E SEDI Il corso sarà attivato al raggiungimento del numero minimo di partecipanti con date, orari e sedi DA

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione tra Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione F.I.N. C.N.S. FIAMMA La Federazione Italiana Nuoto (F.I.N.), con sede legale in Roma, rappresentata

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE

CONTRATTO CON LO STUDENTE Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE Il presente

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

Presentazione Formazione Professionale

Presentazione Formazione Professionale Presentazione Formazione Professionale Adecco Training Adecco Training è la società del gruppo Adecco che si occupa di pianificare, organizzare e realizzare progetti formativi che possono coinvolgere lavoratori

Dettagli

Testo integrale commentato

Testo integrale commentato MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva De Biasio S. Croce 1299 30135 Venezia Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO Norme attuative del Regolamento per la Formazione Continua della professione di Consulente del Lavoro. Premessa 1. Le presenti norme attuative

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli