RUOLO DELLA INFORMAZIONE E DELLA FORMAZIONE Modulo C4

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RUOLO DELLA INFORMAZIONE E DELLA FORMAZIONE Modulo C4"

Transcript

1 Corso di di formazione R.S.P.P. D.Lgs.195/2003 e Accordo Stato Regioni Modulo C Specializzazione per R.S.P.P. RUOLO DELLA INFORMAZIONE E DELLA FORMAZIONE Modulo C4 L.Bedogni, L.Gallinari SPSAL Reggio Emilia Ottobre

2 Obiettivo generale Obiettivi specifici MODULO C Il modulo C è un modulo di specializzazione per soli RSPP, valido per tutti i macrosettori e costituisce credito permanente. SVILUPPARE LE CAPACITA GESTIONALI E RELAZIONALI ACQUISIRE ELEMENTI DI CONOSCENZA SU: - sistemi di gestione della sicurezza (SGSL); - organizzazione tecnico-amministrativa della prevenzione; - dinamiche delle relazioni e della comunicazione; - fattori di rischio psico-sociali ed ergonomici; - progettazione e gestione dei processi formativi aziendali. 2

3 Obiettivo generale Obiettivi specifici MODULO C Il modulo C è un modulo di specializzazione per soli RSPP, valido per tutti i macrosettori e costituisce credito permanente. SVILUPPARE LE CAPACITA GESTIONALI E RELAZIONALI ACQUISIRE ELEMENTI DI CONOSCENZA SU: - sistemi di gestione della sicurezza (SGSL); - organizzazione tecnico-amministrativa della prevenzione; - dinamiche delle relazioni e della comunicazione; - fattori di rischio psico-sociali ed ergonomici; - progettazione e gestione dei processi formativi aziendali. 3

4 MODULO C4 RUOLO DELLA INFORMAZIONE E DELLA FORMAZIONE -Dalla valutazione dei rischi alla predisposizione dei piani di informazione e formazione in azienda - Le fonti informative su salute e sicurezza del lavoro - Metodologie per una corretta informazione in azienda (riunioni, gruppi di lavoro specifici, conferenze, ecc.) -Strumenti di informazione su salute e sicurezza del lavoro (circolari, cartellonistica, opuscoli, audiovisivi, avvisi, ecc) - Elementi di progettazione didattica * analisi dei fabbisogni * definizione degli obiettivi didattici * scelta dei contenuti in funzione degli obiettivi * metodologie didattiche 4 * sistemi di valutazione dei risultati della formazione in azienda

5 MODULO C4 ORGANIZZAZIONE E SISTEMI DI GESTIONE Argomenti Obiettivi Legislazione Comunicazione Informazione Formazione Progettazione didattica Valutazione (apprendimento gradimento) Protocollo STD formazione lavoratori Check list vigilanza 5

6 Sulle tavolette di cera non puoi scrivere nulla se non dopo aver cancellato quel che c è già scritto. Ma per ciò che riguarda la mente non è così: lì non puoi cancellare quel che c è già finché non ci hai scritto qualcosa di nuovo. Bacone, citato in Elkana, 1989, p.108

7 MONITORAGGIO E CONTROLLO SU APPLICAZIONE D.LGS. N. 626/94 (dati 2003 su su indagine completata nel 2002) REPORT FINALE REGIONE EMILIA-ROMAGNA Campione di di 1087 Aziende 30% > 200 addetti 10% 60% < 200 addetti < 20 addetti

8 Monitoraggio 626: Giudizio sull applicazione del D.Lgs. 626/94 per argomento A = giudizio insoddisfacente: valori di IG tra 100 e +20 B = giudizio sufficiente: valori di IG tra 21 e 50 C = giudizio soddisfacente: valori di IG > 50 Scheda Indice Giudizio Sorveglianza sanitaria 65 Buono Consultazione/partecipazione 35 Discreto Appalti 35 Discreto Valutazione dei rischi 26 Sufficiente Indice globale medio (Media reg.le) 17 Scarso Informazione 15 Scarso Sistema di prevenzione 14 Scarso Programmazione interventi -3 Negativo Formazione -5 Negativo Procedure -15 Negativo

9 Monitoraggio 626: formazione di di tutti i i lavoratori No 14,2% Si 54,9% 30,9% In parte La formazione di tutti i lavoratori è stata effettuata solo nel 54,9% delle aziende sottoposte a monitoraggio. L evasione totale dall obbligo si aggira intorno al 14%.

10 Monitoraggio 626: Organizzazione del sistema di di prevenzione aziendale Il Il programma di di prevenzione è integrato nel più ampio contesto della programmazione aziendale? 44,0% 44% 56% 56,0% il programma è integrato il programma non è integrato 10

11 Monitoraggio 626: CRITICITA RISCONTRATE Difficoltà applicativa nelle piccole aziende rispetto al comparto di appartenenza Punti critici evidenziati: La formazione La programmazione degli interventi Le procedure di sicurezza Applicazione degli aspetti formali e superficiali del 626 Gestione non integrata del sistema sicurezza Deresponsabilizzazione della line aziendale

12 FORMAZIONE COME UNA DELLE STRATEGIE MIRATE ALLA RISOLUZIONE DI PROBLEMATICHE LEGATE ALLA SICUREZZA

13 D.LGS. 626/94 IL 626 E IN ASSOLUTA E POSITIVA CONTINUITA CON GLI OBBLIGHI SANCITI DALL ART. 32 DELLA COSTITUZIONE E DALL ART DEL CODICE CIVILE L ART. 3 INDIVIDUA LE MISURE GENERALI DI TUTELA ENUCLEANDO I PRINCIPI DI PREVENZIONE IMPONE UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA ATTRIBUENDO COMPITI E RESPONSABILITA 13

14 D.LGS. 626/94 IL 626 E IN ASSOLUTA E POSITIVA CONTINUITA CON GLI OBBLIGHI SANCITI DALL ART. 32 DELLA COSTITUZIONE E DALL ART DEL CODICE CIVILE L ART. 3 INDIVIDUA LE MISURE GENERALI DI TUTELA ENUCLEANDO I PRINCIPI DI PREVENZIONE IMPONE UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA ATTRIBUENDO COMPITI E RESPONSABILITA 14

15 D.LGS. 626/94 ART. 3 MISURE GENERALI DI TUTELA a) VALUTAZIONE DEI RISCHI omissis d) PROGRAMMAZIONE DELLA PREVENZIONE omissis s) INFORMAZIONE, FORMAZIONE, CONSULTAZIONE E PARTECIPAZIONE DEI LAVORATORI t) ISTRUZIONE ADEGUATE AI LAVORATORI 15

16 D.LGS. 626/94 ART. 3 MISURE GENERALI DI TUTELA a) VALUTAZIONE DEI RISCHI omissis d) PROGRAMMAZIONE DELLA PREVENZIONE omissis s) INFORMAZIONE, FORMAZIONE, CONSULTAZIONE E PARTECIPAZIONE DEI LAVORATORI t) ISTRUZIONE ADEGUATE AI LAVORATORI 16

17 D.LGS. 626/94 SINERGIA TRA AZIONI PARTICOLARE RILEVANZA ASSUME L INTERAZIONE DI TRE VARIABILI ADEGUAMENTO TECNOLOGICO VIGILANZA FORMAZIONE DELLE RISORSE UMANE 17

18 D.LGS. 626/94 ART. 5 OBBLIGHI DEI LAVORATORI Ciascun lavoratore deve prendersi cura della propria sicurezza e della propria salute e di quella delle altre persone presenti sul luogo di lavoro, su cui possono ricadere gli effetti delle sue azioni o omissioni, conformemente alla sua FORMAZIONE ed alle istruzioni e ai mezzi forniti dal datore di lavoro. 18

19 D.LGS. 626/94 ART. 21 INFORMAZIONE DEI LAVORATORI 1. Il datore di lavoro provvede affinché ciascun lavoratore riceva un'adeguata INFORMAZIONE su: a) i rischi per la sicurezza e la salute connessi all'attività dell'impresa in generale; b) le misure e le attività di protezione e prevenzione adottate; c) i rischi specifici cui è esposto in relazione all'attività svolta, le normative di sicurezza e le disposizioni aziendali in materia; d) i pericoli connessi all'uso delle sostanze e dei preparati pericolosi sulla base delle schede dei dati di sicurezza previste dalla normativa vigente e dalle norme di buona tecnica; 19

20 D.LGS. 626/94 ART. 21 INFORMAZIONE DEI LAVORATORI 1. Il datore di lavoro provvede affinché ciascun lavoratore riceva un'adeguata INFORMAZIONE su: a) i rischi per la sicurezza e la salute connessi all'attività dell'impresa in generale; b) le misure e le attività di protezione e prevenzione adottate; c) i rischi specifici cui è esposto in relazione all'attività svolta, le normative di sicurezza e le disposizioni aziendali in materia; d) i pericoli connessi all'uso delle sostanze e dei preparati pericolosi sulla base delle schede dei dati di sicurezza previste dalla normativa vigente e dalle norme di buona tecnica; 20

21 D.LGS. 626/94 ART. 21 INFORMAZIONE DEI LAVORATORI 1. Il datore di lavoro provvede affinché ciascun lavoratore riceva un'adeguata INFORMAZIONE su:. e) le procedure che riguardano il pronto soccorso, la lotta antincendio, l'evacuazione dei lavoratori; f) il responsabile del servizio di prevenzione e protezione ed il medico competente; g) i nominativi dei lavoratori incaricati di applicare le misure di cui agli articoli 12 e Il datore di lavoro fornisce le informazioni di cui al comma 1, lettere a), b), c), anche ai lavoratori di cui all'art. 1, comma 3. 21

22 D.LGS. 626/94 ART. 22 FORMAZIONE DEI LAVORATORI COME Commisurata ai risultati della valutazione dei rischi Riferita al posto di lavoro ed alle mansioni Continua e Ripetuta Periodicamente In collaborazione con gli Organismi Paritetici Territoriali In orario di lavoro e senza oneri economici per i lavoratori QUANDO All assunzione, al cambio di mansione, all introduzione di nuove: attrezzature di lavoro, tecnologie, sostanze e preparati pericolosi. 22

23 Decreto Ministeriale Art. 1.- Formazione dei lavoratori. I contenuti della formazione dei lavoratori devono essere commisurati alle risultanze della valutazione dei rischi e devono riguardare almeno: a) i rischi riferiti al posto di lavoro ed alle mansioni nonchè i possibili danni e le conseguenti misure e procedure di prevenzione e protezione; b) nozioni relative ai diritti e doveri dei lavoratori in materia di sicurezza e salute sul posto di lavoro; c) cenni di tecnica della comunicazione interpersonale in relazione al ruolo partecipativo.

24 Definiti Probabilità (P) (P) e gravità (D) (D) del del Danno, il il rischio R viene calcolato con con la la formula R = PxD PxD e si si può può rappresentare in in una una matrice, avente in in ascisse la la gravità ed ed in in ordinate la la probabilità attesa del del suo suo verificarsi P VALUTAZIONE DEI RISCHI: R = PXD D Tale rappresentazione è il punto di partenza per la definizione delle priorità degli interventi di prevenzione e protezione da adottare. La valutazione numerica e cromatica del livello di rischio permette di identificare la priorità degli interventi da effettuare R 6 = Azioni correttive immediate 3 R 4 = Azioni correttive da programmare con urgenza 1 R 2 = Azioni correttive / migliorative da programmare nel breve-medio termine 24

25 VALUTAZIONE DEI RISCHI - schema Argomento Reparto/ Mansione Leggi generali 626 Soggetti Diritti Doveri Comuni cazione tra i soggetti Verniciatura Parte GENERALE Risponde ai commi b) e c) dell art. 2 Concetti Generali Rischio Danno Pre- Venzione Valutazione dei Rischi Parte- RISCHI SPECIFICI 1. Rischi chimici e biologici* La presentazione deve trattare il rischio, i danni e la prevenzione collettiva e individuale. Nebbie Olii (contatto*)/ rischio biologico Fumi saldatura e fumi Vapori vernici e solventi Polveri Etichettatura X X X X X X 25

26 VALUTAZIONE DEI RISCHI - schema Argomento Reparto/ Mansione Parte - RISCHI SPECIFICI 2. Rischi fisici Rumore Vibrazioni Radiazioni Microclima e illuminazione Parte RISCHI SPECIFICI 3. Rischi organizzazione lavoro e mansioni specifiche Movimentazione carichi Videoterminali Carrelli Elevatori Verniciatura X X X 26

27 VALUTAZIONE DEI RISCHI - schema Argomento Reparto/ Mansione Parte RISCHI SPECIFICI 4. Rischi infortuni Parte DPI Parte GESTIONE EMERGEN ZE VAL UTA ZION E Verniciatura Meccanici Generali Elettrici generali Macchine Attrezzature Segnaletica DPI Procedure esodo e incendi Procedure Pronto Soccorso X X X X X X X X 27

28 D.LGS. 626/94 PROGRAMMA DI DI INFORMAZIONE FORMAZIONE ADDESTRAMENTO LAVORATORI GRUPPI Lavoratori già esperti (richiamo della formazione) Lavoratori neo assunti Cambi mansione Lavoratori stranieri Lavoratori interinali/somministrati Studenti in alternanza Scuola-Lavoro Attrezzature e/o DPI (addestramenti particolari) CONDIZONI PARTICOLARI Lavoratrici madri Minori - Apprendisti Lavoro notturno

29 D.LGS. 626/94 PROGRAMMA DI DI INFORMAZIONE FORMAZIONE ADDESTRAMENTO LAVORATORI GRUPPI Lavoratori già esperti (richiamo della formazione) Lavoratori neo assunti Cambi mansione Lavoratori stranieri Lavoratori interinali/somministrati Studenti in alternanza Scuola-Lavoro Attrezzature e/o DPI (addestramenti particolari) CONDIZONI PARTICOLARI Lavoratrici madri Minori - Apprendisti Lavoro notturno 29

30 LE DOMANDE Come faccio a sapere quanto deve durare la formazione di un lavoratore? Quali obiettivi mi devo porre? - acquisizione di conoscenza - cambiamento di opinione - cambiamento di comportamento Quali metodi devo adottare per una corretta formazione? Come faccio a sapere se la formazione eseguita è stata adeguata?

31 COMUNICAZIONE NOZIONI DI BASE 31

32 COMUNICAZIONE - nozioni COMUNICARE: rendere comune, partecipare LA TRASMISSIONE DI UNA INFORMAZIONE, UN MESSAGGIO, DA PARTE DI UN EMITTENTE A UN RICEVENTE EMITTENTE: chi invia, in funzione di uno scopo, un messaggio MEZZO: la parola (ma anche linguaggio non verbale ) SEGNALE: il suono emesso CODICE: il significato del suono emesso PERCEZIONE DEL SEGNALE da parte del ricevente DECODIFICAZIONE DEL SEGNALE: interpretazione del segnale 32

33 IL IL PROCESSO COMUNICATIVO E AD UNA VIA R E : Emittente - CODIFICA R : Ricevente DECODIFICA A DUE VIE DOC. VAL. RISCHI E/R E/R RSPP CIRCOLARE RLS E/R E/R E/R D.D.L M.C. E/R E/R 33

34 TECNICHE PER COMUNICARE EFFICACEMENTE Dimostrare l intenzione di aiutare (empatia) Non dare mai valutazioni sulla persona Argomentare in modo positivo i propri concetti Assumersi sempre la responsabilità di ciò che si fa o si dice Essere dettagliati, ma non perdere di vista gli argomenti da trattare Dosare l impatto in funzione di quanto la persona può accettare, anche in riferimento al linguaggio da utilizzare Discutere cosa è possibile fare insieme per risolvere il problema 34

35 Quelli che si innamorano di pratica senza scienza, sono come il nocchiere che entra in un naviglio che è senza timone o bussola e che mai ha certezza dove si vada; Sempre la pratica deve essere edificata sopra buona teoria. Leonardo da Vinci 35

36 INFORMAZIONE Qualunque segno-messaggio prodotto da un emittente e recepito da un ricevente che modifica lo stato di conoscenza preesistente del ricevente Es.: foglio informativo con organigramma del sistema prevenzione in azienda SAPERE acquisizione di conoscenza 36

37 Processo finalizzato a insegnare al discente come svolgere delle azioni finalizzate a uno scopo ADDESTRAMENTO Es.: Fare una esercitazione di evacuazione SAPER FARE 37

38 FORMAZIONE Processo di insegnamento/apprendimento finalizzato a preparare il discente allo svolgimento di un determinato ruolo o mansione SAPER ESSERE Es.: Corso per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza 38

39 RUOLO DELLA INFORMAZIONE E DELLA FORMAZIONE 1 ESERCIZIO 39

40 ESERCIZIO Informazione Mandato Individuare gli obblighi informativi, a carico di DDL, RSPP, RLS, MC, LAVORATORI utilizzando lo schema proposto SOGGETTO: XXXXXXX VERSO CHI CHE COSA RSPP MEDICO COMPETENTE RLS LAVORATORI 40

41 INFORMAZIONE ALLA SICUREZZA ORGANIGRAMMA RSPP DATORE DI LAVORO MEDICO COMPETENTE RLS SQUADRA PRONTO SOCC. SQUADRA ANTINCENDIO L azione informativa deve contenere dati, nozioni che siano: VERE ED ESAUSTIVE CHIARE E COMPRENSIBILI MEMORIZZABILI 41

42 REQUISITI DI UN MATERIALE ATTRATTIVA COMPRENSIBILITA ACCETTABILITA COINVOLGIMENTO PERSONALE PERSUASIVITA ATTENDIBILITA MI PIACE LO CAPISCO SONO D ACCORDO MI RIGUARDA DEVO PROPRIO FARE COSI SE LO DICONO LORO CI CREDO 42

43 INFORMAZIONE - MATERIALI ALLERGIA... AL LAVORO? I principali allergeni presenti nei luoghi di lavoro L'opuscolo ha lo scopo di fornire ai lavoratori utili informazioni circa la natura delle diverse manifestazioni allergiche e i principali allergeni che possono esserne la causa. Le allergie infatti, oltre ad essere un rilevante problema di sanità pubblica, sono anche fortemente rappresentate tra le malattie sviluppate in ambito lavorativo; questo comporta un notevole impatto socioeconomico dovuto sia al continuo aumento del numero di casi che all'inabilità temporanea o permanente al lavoro che tali patologie possono comportare. Prodotto: Opuscolo Edizioni: INAIL - settembre 2003 Disponibilità :sì Consultabile anche in rete (.pdf 338Kb) Informazioni e richieste: 43

44 INFORMAZIONE - MATERIALI 44

45 INFORMAZIONE MATERIALI in in LINGUA 45

46 FONTI UTILI SITI WEB

47 Dimentico ciò che odo, Ricordo ciò che vedo, Imparo ciò che faccio Confucio 47

48 IL IL FINE DELLA FORMAZIONE LA FORMAZIONE DEVE DARE UN CONTRIBUTO FORTE ALL'ARRICCHIMENTO PERSONALE Il Il fine specifico della formazione è: è: Indurre cambiamenti comportamentali Migliorare la propria professionalità Imparare a fare qualcosa di utile Diffondere un linguaggio comune Non può colmare carenze strutturali e organizzative 48

49 FORMAZIONE RUOLI E COMPITI DATORE DI LAVORO Integrare le azioni formative nel processo produttivo e nel sistema di gestione della sicurezza DIRIGENTI Predisporre l attività formativa, stabilendo modi e tempi e dando operatività alle proposte del SPP PREPOSTI Impartire disposizioni e istruzioni ai lavoratori Obbligo di sorveglianza 49

50 FORMAZIONE RUOLI E COMPITI DATORE DI LAVORO Integrare le azioni formative nel processo produttivo e nel sistema di gestione della sicurezza DIRIGENTI Predisporre l attività formativa, stabilendo modi e tempi e dando operatività alle proposte del SPP PREPOSTI Impartire disposizioni e istruzioni ai lavoratori Obbligo di sorveglianza 50

51 FORMAZIONE RUOLI E COMPITI DATORE DI LAVORO Integrare le azioni formative nel processo produttivo e nel sistema di gestione della sicurezza DIRIGENTI Predisporre l attività formativa, stabilendo modi e tempi e dando operatività alle proposte del SPP PREPOSTI Impartire disposizioni e istruzioni ai lavoratori Obbligo di sorveglianza 51

52 FORMAZIONE RUOLI E COMPITI RSPP E ADDETTI SPP Introduzione di azioni formative efficaci e coerenti Proporre programmi di informazione e formazione Fornire ai lavoratori le informazioni di cui all art.21 RLS Consultato preventivamente, riceve informazioni, promuove l informazione LAVORATORI Protagonisti attivi della formazione 52

53 FORMAZIONE RUOLI E COMPITI RSPP E ADDETTI SPP Introduzione di azioni formative efficaci e coerenti Proporre programmi di informazione e formazione Fornire ai lavoratori le informazioni di cui all art.21 RLS Consultato preventivamente, riceve informazioni, promuove l informazione LAVORATORI Protagonisti attivi della formazione 53

54 FORMAZIONE RUOLI E COMPITI RSPP E ADDETTI SPP Introduzione di azioni formative efficaci e coerenti Proporre programmi di informazione e formazione Fornire ai lavoratori le informazioni di cui all art.21 RLS Consultato preventivamente, riceve informazioni, promuove l informazione LAVORATORI Protagonisti attivi della formazione 54

55 LA FORMAZIONE COME STRATEGIA AZIENDALE SGSL SISTEMA GESTIONE SICUREZZA PIANI DI FORMAZIONE DDL-DIRIGENTI-RSPP-RLS PERSONALE QUALITA DELLA FORMAZIONE FORMATORE- SOCIETA VALUTAZIONE DEI RISULTATI RSPP-RLS AZIENDA USL COMPORTAMENTI LAVORATORI INFORTUNI 55

56 .. Scarsa conoscenza regole di buona pratica Scarsa conoscenza frequenza e gravità degli infortuni Scarsa percezione del rischio Preoccupazione/fretta Clima di lavoro Stile di sicurezza RLS Organi di vigilanza Materiale disponibile Competenze Fattori Predisponenti Fattori Rinforzanti Fattori Abilitanti Capacità di analisi, pensiero critico Regole/Leggi Uso attrezzature Ritmo di lavoro 56 INFORTUNIO

57 .. Scarsa conoscenza regole di buona pratica Scarsa conoscenza frequenza e gravità degli infortuni Scarsa percezione del rischio Preoccupazione/fretta Clima di lavoro Stile di sicurezza RLS Organi di vigilanza Materiale disponibile Competenze Regole/Leggi Fattori Predisponenti Fattori Rinforzanti Fattori Abilitanti Capacità di analisi, pensiero critico FORMAZIONE Uso attrezzature Ritmo di lavoro 57 INFORTUNIO

58 SOGGETTI 626 Datore di Lavoro autonominato RSPP Responsabile Servizio Prevenzione Protezione RSPP - non DDL Addetto SPP Rappresentante Lavoratori Sicurezza RLS Addetti Prevenzione Incendi (elevato-medio-basso rischio) Addetti Pronto Soccorso (gruppo A- B) Lavoratori - generale LEGGI Decreto Ministero Lavoro-Sanità D. Lgs. 626/94 D. Lgs. 195/2003 Accordo Stato - Regioni D.Lgs. 195/2003 Decreto Ministero Lavoro-Sanità D.M Ministero Interno Decreto 388/2003 D.Lgs. 626/94 Decreto DURATA 16 ore Mod. A 24 Mod.B da 12 a 68 Mod.C 24 aggiornamenti Come sopra no C 32 ore ore ore 4 ore ogni 3 anni Protocollo STD formativi minimi *** 58

59 LAVORATORI DPI Terza Categoria APVR isolanti DPI anticaduta LEGGI Titolo IV D.Lgs. 626/94 Art. 43 comma 4 lett. g e comma 5 UNI EN Titolo IV D.Lgs. 626/94 Art. 43 comma 4 lett. g e comma 5 DURATA 8-20 ore? CARRELLI art. 38 comma 1 lett. b) D.Lgs. 626/94? PIMUS Lavori in quota Agenti Cancerogeni e Biologici Rumore, VDT, Amianto, Agenti chimici Amianto addetti rimozione art. 36-quater commi 6 e 7 D.Lgs. 626/94 e Acc. Stato-Regioni 1/2006 Titolo VII Art Titolo VIII Art. 85 D.Lgs. 626/94 Titolo V-bis Art. 49-nonies Titolo VI Art. 56 Titolo VI-bis Art. 59- quaterdecies - Titolo VII-bis Art. 72- octies D.Lgs. 626/94 D.M. 19/9/ teoria 14 pratica? Ogni 5 anni? ore 59

60 FORMAZIONE - RICOGNIZIONE Ricognizione effettuata in data da Presentata in riunione periodica il Addetti Esistenza programma Esistenza attestato Data formazione RSPP RLS Prevenzion e incendi Pronto soccorso 626 base Xxx 8h si si yyy 4h no si Zzz X Genn

61 FORMAZIONE - RICOGNIZIONE Ricognizione effettuata in data da Presentata in riunione periodica il Lavoratori Esistenza programma Esistenza attestato Data formazio ne Aggiorna mento Reparto Straniero Neo- assunto Xxx 8h si si yyy 8h no si Zzz X Genn

62 PIANO DI FORMAZIONE Presentato in riunione periodica il Aggiornato al allegato al Documento di Valutazione dei Rischi Obiettivi Soggetto formatore Progetto didattico Valutazione Costi Periodi cità Destinatari Lavoratori Art. 22 RSPP X Apprendimento Cambio mans. Condizioni particolari Art. Primo Soccorso Prev. Incendi Art.. Art. Medico comp. Vigili Fuoco Attestato VVF RLS Art.. / 3 anni RSPP Art Ente.. 5 anni 62

63 UN PO DI TEORIA APPRENDIMENTO DEGLI ADULTI ANDRAGOGIA Importanza delle motivazioni e delle barriere nei confronti dell apprendimento Apprendimento collegato con le conoscenze preesistenti e basato sulla vita reale Necessità di un ambiente protetto dove ci si possa sentire a proprio agio e dove sia riconosciuta la propria unicità Permettere la sperimentazione delle nuove conoscenze Coinvolgimento attivo nell apprendimento 63

64 PEDAGOGIA E ANDRAGOGIA PEDAGOGIA ANDRAGOGIA Concetto di sè Dipendenza Autonomia Esperienza Prospettiva temporale Orientamento all apprendimento Oggettivamente limitata Applicazione posticipata Centrato sulle materie/abilità Risorsa Applicazione immediata Centrato sui problemi 64

65 STILI DI INSEGNAMENTO Aiutare i discenti ad identificare i problemi della vita quotidiana Accettare ogni discente come portatore di idee, sentimenti, risorse Aiutare i discenti a utilizzare le proprie esperienze come risorse per l apprendimento Favorire l instaurazione di rapporti di fiducia e di aiuto reciproco Contribuire con il proprio sapere alla crescita cognitiva del gruppo, come un discente tra gli altri Aiutare ad applicare le nuove conoscenze alla realtà 65

66 PROGETTAZIONE DIDATTICA ELEMENTI 66

67 LE FASI DELLA SPIRALE DELLA PROGETTAZIONE NUOVA SITUAZIONE Problema Bisogni 1 ANALISI 1 Destinatari NUOVA 2 ANALISI 6 DIFFUSIONE INFORMAZIONI SUI RISULTATI 5 VALUTAZIONE Apprendimento Gradimento Cambiamento 2-3 PROGETTAZIONE Obiettivi Generali Obiettivi Educativi Specifici Programmi Attuativi 4 ATTUAZIONE Realizzazione concreto (processo operativo) Fattibilità 67

68 SPIRALE PROGETTAZIONE 1-1- ANALISI DEL PROBLEMA PROBLEMA: ostacolo, difficoltà da superare Cambia il quadro normativo Cambia il lavoro, la sua organizzazione, ecc. Cambiano i soggetti, il loro ruolo, le loro relazioni Aumenta la sensibilità sociale rispetto alla salute, di percezione del rischio, ecc. E una strategia che fa parte della politica della sicurezza aziendale IMPORTANTE PER CAPIRE CON CHIAREZZA IL FINE ULTIMO DEL PROCESSO FORMATIVO E DEFINIRE OBIETTIVI ADEGUATI 68

69 SPIRALE PROGETTAZIONE 1-1- ANALISI DEL PROBLEMA PROBLEMA: ostacolo, difficoltà da superare Cambia il quadro normativo Cambia il lavoro, la sua organizzazione, ecc. Cambiano i soggetti, il loro ruolo, le loro relazioni Aumenta la sensibilità sociale rispetto alla salute, di percezione del rischio, ecc. E una strategia che fa parte della politica della sicurezza aziendale IMPORTANTE PER CAPIRE CON CHIAREZZA IL FINE ULTIMO DEL PROCESSO FORMATIVO E DEFINIRE OBIETTIVI ADEGUATI 69

70 SPIRALE PROGETTAZIONE 1-1- ANALISI DEI BISOGNI BISOGNO Conoscenza della filosofia della Prevenzione dettata dal D.Lgs. 626/94 Analisi dei cambiamenti e della nuova organizzazione della sicurezza Conoscenza dei fattori di rischio ed eventuali danni Consapevolezza del valore della salute DESTINATARI Datori di lavoro (DDL) Dirigenti Lavoratori.. 70

71 SPIRALE PROGETTAZIONE 1-1- ANALISI DEI BISOGNI BISOGNO Conoscenza della filosofia della Prevenzione dettata dal D.Lgs. 626/94 Analisi dei cambiamenti e della nuova organizzazione della sicurezza Conoscenza dei fattori di rischio ed eventuali danni Consapevolezza del valore della salute DESTINATARI Datori di lavoro (DDL) Dirigenti Lavoratori.. 71

72 LE FASI DELLA SPIRALE DELLA PROGETTAZIONE NUOVA SITUAZIONE Problema Bisogni 1 ANALISI 1 Destinatari NUOVA 2 ANALISI 6 DIFFUSIONE INFORMAZIONI SUI RISULTATI 5 VALUTAZIONE Apprendimento Gradimento Cambiamento 2-3 PROGETTAZIONE Obiettivi Generali Obiettivi Educativi Specifici Programmi Attuativi 4 ATTUAZIONE Realizzazione concreto (processo operativo) Fattibilità 72

73 SPIRALE PROGETTAZIONE 2-3 PROGETTAZIONE OBIETTIVI GENERALI Rappresentano gli scopi complessivi del progetto formativo Si possono esprimere con frasi abbastanza astratte e generiche "I SOGGETTI DEVONO CONOSCERE RUOLI E FUNZIONI DEL SISTEMA PREVENZIONE "I SOGGETTI (identificati dal 626) DEVONO ESSERE CAPACI DI VALUTARE L'IMPATTO DEI PROCESSI PRODUTTIVI DELL'AZIENDA IN CUI LAVORANO SULL'AMBIENTE CIRCOSTANTE E SULLA SALUTE DEI LAVORATORI" 73

74 SPIRALE PROGETTAZIONE 2-3 PROGETTAZIONE OBIETTIVI EDUCATIVI SPECIFICI (O.E.S.) OBIETTIVI EDUCATIVI SPECIFICI (O.E.S.) Le singole abilità che si deve dimostrare di avere appreso al termine del percorso formativo ABILITA' = capacità di fare bene, di comportarsi correttamente L'O.E.S. È SEMPRE DESIGNATO DA UN VERBO DI AZIONE IL CUI SOGGETTO È IL "DISCENTE" 74

75 SPIRALE PROGETTAZIONE 2-3 PROGETTAZIONE OBIETTIVI EDUCATIVI SPECIFICI (O.E.S.) OBIETTIVI EDUCATIVI SPECIFICI (O.E.S.) Le singole abilità che si deve dimostrare di avere appreso al termine del percorso formativo ABILITA' = capacità di fare bene, di comportarsi correttamente L'O.E.S. È SEMPRE DESIGNATO DA UN VERBO DI AZIONE IL CUI SOGGETTO È IL "DISCENTE" 75

76 SPIRALE PROGETTAZIONE 2-3 PROGETTAZIONE O.E.S. -- CARATTERISTICHE Consiste in una disaggregazione per esigenze di: TRASPARENZA PROGRAMMAZIONE VERIFICA Caratteristiche di di un un buon O.E.S.: Concretamente MISURABILE PERTINENTE con il problema PRECISO univoco REALE non utopistico 76

77 SPIRALE PROGETTAZIONE 2-3 PROGETTAZIONE O.E.S. -- CARATTERISTICHE Consiste in una disaggregazione per esigenze di: TRASPARENZA PROGRAMMAZIONE VERIFICA Caratteristiche di di un un buon O.E.S.: Concretamente MISURABILE PERTINENTE con il problema PRECISO univoco REALE non utopistico 77

78 SPIRALE PROGETTAZIONE 2-3 PROGETTAZIONE O.E.S. CONTENUTI e RUOLI IN BASE AGLI O.E.S. SI STABILISCONO I CONTENUTI DA TRATTARE CONCRETAMENTE ALL'INTERNO DEL PROGETTO FORMATIVO TENENDO CONTO DEL RUOLO DEL SOGGETTO E PENSANDO A QUALI REALI INFORMAZIONI, NOZIONI (poche) OCCORRANO PER RAGGIUNGERE GLI O.E.S. 78

79 Mandato ESERCIZIO obiettivi specifici Disaggregare in n Obiettivi Educativi Specifici il seguente OBTV Generale: "I LAVORATORI DEVONO ESSERE CAPACI DI AUTO- TUTELARE IN MANIERA EFFICACE LA PROPRIA SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO" 79

80 LE FASI DELLA SPIRALE DELLA PROGETTAZIONE NUOVA SITUAZIONE Problema Bisogni 1 ANALISI 1 Destinatari NUOVA 2 ANALISI 6 DIFFUSIONE INFORMAZIONI SUI RISULTATI 5 VALUTAZIONE Apprendimento Gradimento Cambiamento 2-3 PROGETTAZIONE Obiettivi Generali Obiettivi Educativi Specifici Programmi Attuativi 4 ATTUAZIONE Realizzazione concreto (processo operativo) Fattibilità 80

81 SPIRALE PROGETTAZIONE 2-3 PROGETTAZIONE PROGRAMMI ATTUATIVI Definire il programma attuativo significa prendere decisioni relative a: METODOLOGIE DIDATTICHE CONTENUTI (programma dettagliato) DISCENTI (quali quanti nazionalità - scolarizzazione) VINCOLI / RISORSE (costi - orari luoghi) METODI STRUMENTI TEMPI ASPETTI ORGANIZZATIVI 81

82 SPIRALE PROGETTAZIONE 2-3 PROGETTAZIONE PROGRAMMI ATTUATIVI Definire il programma attuativo significa prendere decisioni relative a: METODOLOGIE DIDATTICHE CONTENUTI (programma dettagliato) DISCENTI (quali quanti nazionalità - scolarizzazione) VINCOLI / RISORSE (costi - orari luoghi) METODI STRUMENTI TEMPI ASPETTI ORGANIZZATIVI 82

83 SPIRALE PROGETTAZIONE 2-3 PROGETTAZIONE METODOLOGIE DIDATTICHE METODI Parlare Far leggere Mostrare comportamenti Far vedere Far fare (da soli, in gruppo) 1. costruire e applicare griglie di analisi / valutazione 2. fare giochi di ruolo e di simulazione 3. analizzare casi 4. rispondere a quesiti... STRUMENTI Carta Penna Libri Lavagne... TV Diapositive/foto Computer Audiovisivi "Schede"... 83

84 SPIRALE PROGETTAZIONE 2-3 PROGETTAZIONE METODOLOGIE DIDATTICHE METODI Parlare Far leggere Mostrare comportamenti Far vedere Far fare (da soli, in gruppo) 1. costruire e applicare griglie di analisi / valutazione 2. fare giochi di ruolo e di simulazione 3. analizzare casi 4. rispondere a quesiti... STRUMENTI Carta Penna Libri Lavagne... TV Diapositive/foto Computer Audiovisivi "Schede"... 84

85 SPIRALE PROGETTAZIONE 2-3 PROGETTAZIONE LEZIONE ACCADEMICA E INTERATTIVA LEZIONE ACCADEMICA ottima con aule di 30/40 persone, quando si ha poco tempo e si devono far passare nozioni; ha bisogno di un docente con ottime doti comunicative (l attenzione diminuisce drasticamente dopo min. di ascolto LEZIONE INTERATTIVA i partecipanti devono attivarsi per costruire la lezione assieme al docente; adatta a piccoli gruppi (15/20 persone), richiede tempi più lunghi e docente capace di stimolare i discenti 85

86 SPIRALE PROGETTAZIONE 2-3 PROGETTAZIONE LEZIONE ACCADEMICA E INTERATTIVA LEZIONE ACCADEMICA ottima con aule di 30/40 persone, quando si ha poco tempo e si devono far passare nozioni; ha bisogno di un docente con ottime doti comunicative (l attenzione diminuisce drasticamente dopo min. di ascolto LEZIONE INTERATTIVA i partecipanti devono attivarsi per costruire la lezione assieme al docente; adatta a piccoli gruppi (15/20 persone), richiede tempi più lunghi e docente capace di stimolare i discenti 86

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni.

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni. 1. RIF: che cos è Il RIF (Registro dell Impresa Formativa) è lo strumento, approvato dal FORMEDIL e dalla CNCPT, collegato al sito della Banca dati formazione costruzioni (BDFC) del Formedil nel quale

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

CORSO FORMAZIONE FOR O MA M TOR O I

CORSO FORMAZIONE FOR O MA M TOR O I CORSO FORMAZIONE FORMATORI Una metafora per iniziare. Quando fai piani per un anno, semina grano. Se fai piani per un decennio, pianta alberi. Se fai piani per la vita, forma ed educa le persone. Proverbio

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. 64 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 44 - Giovedì 31 ottobre 2013

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. 64 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 44 - Giovedì 31 ottobre 2013 64 Bollettino Ufficiale D) ATTI DIRIGENZIALI Giunta regionale D.G. Salute Circolare regionale 25 ottobre 2013 - n. 20 Indicazioni in ordine all applicazione dell accordo tra governo, regioni e province

Dettagli

Formazione Generale sulla sicurezza sul lavoro

Formazione Generale sulla sicurezza sul lavoro Formazione Generale sulla sicurezza sul lavoro ID 142-115743 Edizione 1 Procedura per sottoscrivere la partecipazione: Il professionista sanitario che voglia conoscere i dettagli per l iscrizione al corso

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Firenze 15 febbraio 2010 Pisa 1 marzo 2010 Siena 29 marzo 2010 Dott. Ing. Daniele Novelli

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL)

Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL) Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL) INDICE 01 PREMESSA PAG. 3 02 POLITICA PAG. 5 03 PIANIFICAZIONE PAG. 7 04 VALUTAZIONE E GESTIONE

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

L Azienda non è mai stata cosi vicina.

L Azienda non è mai stata cosi vicina. L Azienda non è mai stata cosi vicina. AlfaGestMed è il risultato di un processo di analisi e di sviluppo di un sistema nato per diventare il punto di incontro tra l Azienda e il Medico Competente, in

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro Indagine nazionale sulla salute e sicurezza sul lavoro Servizi di Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro PREMESSA La legge L. 833/1978 ha istituito il Sistema Sanitario Nazionale (SSN) e successive norme

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h)

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Anno 2013 Intervento formativo secondo l accordo STATO-REGIONI del 21.12.2011 A cura dell R.S.P.P.

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA 1 SCOPO Lo scopo del presente documento è di descrivere le mansioni e le responsabilità connesse alla gestione delle attività da parte di PHISIOVIT SRL 2 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO PHISIOVIT SRL, per favorire

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Testo integrale commentato

Testo integrale commentato MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva De Biasio S. Croce 1299 30135 Venezia Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti.

Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti. Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti. Già il Codice Civile gli impone il dovere della sicurezza nei confronti dei lavoratori e la legislazione

Dettagli

A cura dello Studio Ingegneria Fiorini di Ferrara

A cura dello Studio Ingegneria Fiorini di Ferrara Provincia di Ferrara Guida alla gestione della sicurezza sul lavoro nelle associazioni sportive dilettantistiche, associazioni culturali, associazioni ricreative e di promozione sociale A cura dello Studio

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

Corso ECM di formazione per gli operatori addetti alla gestione del Sistema Informativo sulle Malattie Professionali (Malprof )

Corso ECM di formazione per gli operatori addetti alla gestione del Sistema Informativo sulle Malattie Professionali (Malprof ) Centro nazionale per r la Prevenzione e il Controllo delle Malattie Conferenza dei Presidenti delle Regioni e delle Province Autonome Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro Dipartimento

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI)

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) 1. PREMESSA Il d.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell articolo 1 della legge

Dettagli

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire DATE, ORARI E SEDI Il corso sarà attivato al raggiungimento del numero minimo di partecipanti con date, orari e sedi DA

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

DETERMINAZIONE DELLA CNFC IN MATERIA DI VIOLAZIONI

DETERMINAZIONE DELLA CNFC IN MATERIA DI VIOLAZIONI DETERMINAZIONE DELLA CNFC IN MATERIA DI VIOLAZIONI LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA VISTO il decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni e, in particolare,

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 Testo coordinato con il Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. 106 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE-

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE- 13 ISTITUTO COMPRENSIVO "Albino LUCIANI" RIONE GAZZI FUCILE - 98147 MESSINA (ME) Codice Fiscale 80007440839 - Codice Meccanografico MEIC86100G Telefono 090687511 - Fax 090680598 - E-Mail: meic86100g@istruzione.it

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare Creating Your Future Impostazione e Linee Guida Obiettivi Questo documento illustra l approccio

Dettagli

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile)

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D1. COSA SONO LE ALTRE ATTIVITÀ FORMATIVE? D2. COME SI OTTENGONO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli