Asimmetrie informative e conflitti di interesse nelle operazioni di quotazione (Initial Public Offering IPO)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Asimmetrie informative e conflitti di interesse nelle operazioni di quotazione (Initial Public Offering IPO)"

Transcript

1 Asimmetrie informative e conflitti di interesse nelle operazioni di quotazione (Initial Public Offering IPO) Camilla Mazzoli Ricercatore di Economia degli Intermediari Finanziari Facoltà di Economia Università Politecnica delle Marche, Ancona (Italy) AGENDA Caratteristiche generali di una IPO Ragioni della quotazione Soggetti che partecipano Processo di pricing Mercato primario e secondario Il fenomeno dell Underpricing L effetto delle affiliation sul processo di pricing dell IPO Risultati della ricerca 1

2 PERCHÉ QUOTARSI? Elementi a favore della quotazione 1. ampliare e diversificare le fonti finanziarie, per crescere (se OPS) 2. accrescere lo standing creditizio 3. certificare la propria credibilità tra gli stakeholders 4. consentire agli azionisti di liquidare le proprie posizioni (se OPV) 5. rendere trasparenti gli obiettivi e visibili i risultati 6. miglioramento della gestione per necessità di necessità di dotarsi di flussi informativi sia interni sia verso il mercato 7. leva di marketing Elementi contrari alla quotazione Costi diretti 1. costi per consulenze, pratiche amministrative, certificazione dei bilanci e redazione della documentazione richiesta dalle autorità di vigilanza. 2. compenso per l intermediario che garantisce l offerta (underwriter) 3. costi di marketing per la promozione dell offerta, i road show e la diffusione del prospetto informativo presso i potenziali investitori. 4. Commissioni da pagare alla Borsa per la quotazione e la permanenza nel listino Costi indiretti 1. Necessità di istituire un servizio di investor relation deputato a produrre informativa al mercato e alla comunità finanziaria. 2. Eccessiva attenzione al breve periodo che può disincentivare la realizzazione di quegli investimenti che promettono rendimenti solo nel lungo periodo (ad esempio quelli in attività di ricerca e sviluppo). 3. Perdita del proprio vantaggio competitivo per condivisione di informazioni con i competitor a causa del maggior flusso informativo verso l esterno richiesto dallo status di società quotata. 2

3 IL PROCESSO DI QUOTAZIONE (IPO) Selezione dell Underwriter Redazione e registrazione del prospetto informativo Road show e marketing della quotazione Processo di pricing (Book Building) Quotazione e mercato secondario Selezione dell Underwriter Fattori per la selezione: Reputazione ed esperienza dell intermediario Rete di relazioni dell intermediario con il sistema (embeddeddness?) La forma di underwriting più comune è il firm commitment in cui l underwriter acquista tutte le azioni dell IPO e le rivende al pubblico realizzando un guadagno che viene definito gross spread (differenza tra il prezzo pagato all azienda e il prezzo di offerta fissato per gli investitori, in genere pari al 7%; ad esempio Prezzo di Offerta 10,00 e prezzo pagato all azienda 9,30) ) 3

4 Il lead manager gioca il ruolo più importante nell IPO perchè organizza il pricing e la distribuzione dei titoli, radunando un gruppo di underwriter che vendano poi le azioni al pubblico. Gli underwriter che fanno parte del sindacato di collocamento sono pagati con un percentuale del gross spread in genere pari al 60%. Registrazione del prospetto informativo E redatto secondo gli schemi richiesti da Consob e ha lo scopo di fornire tutte le informazioni riguardanti la società e la struttura dell offerta globale. Sono riportati i dati relativi alla condizione economicofinanziaria della società, la sua posizione rispetto alla concorrenza, il proprio management, gli obiettivi e le strategie. La versione definitiva del prospetto informativo viene depositata presso la Consob che dovrà rilasciare il nulla osta alla sua Pubblicazione 4

5 Una delle fasi più complesse di un IPO è la decisione dell intervallo di prezzo preliminare (range) dell offerta. A tal fine, è necessario procedere ad una valutazione dell impresa quotanda. Il range del prezzo di offerta giudicato equo dall impresa e dagli intermediari viene pubblicato nel Prospetto Informativo, insieme ad una dettagliata serie di informazioni riguardanti le modalità dell offerta. Intervallo di prezzo I Proponenti, anche sulla base di analisi svolte dai Coordinatori dell Offerta Pubblica Globale di Vendita e Sottoscrizione, al fine esclusivo di consentire la raccolta di manifestazioni di interesse da parte degli Investitori Istituzionali nell ambito dell Offerta Istituzionale, hanno individuato, d intesa con i Coordinatori dell Offerta Pubblica Globale di Vendita e Sottoscrizione, un intervallo di valorizzazione indicativa del capitale economico della Società compreso tra un minimo non vincolante di Euro 152,4 milioni ed un massimo vincolante di Euro 190,5 milioni, pari ad un minimo non vincolante di Euro 3,60 per Azione ed un massimo vincolante di Euro 4,50 per Azione, quest ultimo pari al Prezzo Massimo. Roadshow e marketing della quotazione L impresa e l Underwriter promuovono l IPO attraverso un roadshow organizzato a favore degli investitori istituzionali Tale roadshow ha il duplice scopo di promuovere l IPO tra gli investitori e raccogliere informazioni circa il loro interesse verso l azienda quotanda. Durante il roadshow l Underwriter raccoglie le domande di sottoscrizione delle azioni da parte degli investitori (retail e istituzionali) che saranno poi la base per le operazioni di bookbuilding. 5

6 Processo di pricing (bookbuilding) Il bookbuilding consiste nel raccogliere ordini di acquisto da parte degli investitori istituzionali e identificare, a partire dal range iniziale e dalla domanda, il prezzo di offerta dell IPO. Tale attività produce un price adjustment rispetto al punto medio della forchetta iniziale che informa circa la domanda da parte degli investitori per le azioni in quotazione. Quasi sempre, il prezzo finale dell offerta viene deciso alla chiusura dell offerta pubblica, appena prima della quotazione in Borsa. Le metodologie utilizzate per fissare il prezzo delle azioni in IPO sono in realtà classificabili in tre categorie: Book building; Offerta a prezzo fisso (il prezzo deriva dalla negoziazione tra l underwriter e l emittente e viene inserito nel prospetto informativo prima del roadshow tra gli investitori istituzionali); Asta: in questo sistema gli investitori sottopongono gli ordini di acquisto specificando prezzo massimo e quantità desiderata. Il prezzo finale è quello che consente di completare l intera offerta in base agli ordini ricevuti. Es. offerta IPO di azioni Ordini ricevuti per 50, per 45, per 40, per 35, per 30,00 35,00 è il prezzo che consente di completare l intera offerta 6

7 Tuttavia, negli ultimi anni, il book building è diventato di gran lunga il meccanismo più utilizzato in tutti i principali mercati borsistici internazionali (Biais and Faugeron, 2002; Sherman, 2002,; Ljungqvist, Jenkinson, and Wilhelm, 2003). Perché consente agli underwriters di controllare e indirizzare il risultato dell offerta in termini di prezzo finale e di collocamento tra le diverse categorie di investitori Quotazione e mercato secondario Una volta che gli investitori hanno ottenuto i titoli dell azienda quotanda in IPO (mercato primario) possono liquidare gli stessi titoli attraverso una vendita in Borsa (mercato secondario). Tale attività produce, già dal primo giorno di quotazione, una differenza tra il prezzo di offerta dell IPO e il prezzo che si genera nel mercato secondario (Underpricing). I dati di mercato (sia domestici sia internazionali) mostrano come, spesso, le aziende che si quotano siano underpriced nel mercato primario, cioè realizzino un guadagno nel mercato secondario già dalla prima negoziazione. 7

8 Nei Paesi emergenti il valore dell underpricing è spesso superiore a quello dei paesi sviluppati. Nei paesi emergenti l underpricing include il maggior rischio paese cui le imprese di tali Stati sono soggette e l investitore chiede uno sconto maggiore per tali azioni. Tale condizione può, però, costituire un vantaggio perché il minor costo delle azioni può spingere investitori esteri ad acquistare alla luce di una prospettiva di ritorno dell investimento decisamente vantaggioso. Fonte: Loughran, Ritter and Rydqvist (1994 updated 2014), Initial Public Offerings: International Insights, Pacific-Basin Finance Journal, vol. 2; p QUALI SONO LE RAGIONI DELL UNDERPRICING? Ljungvist (2007) raggruppa le motivazioni in 4 aree: Asimmetrie informative tra investitori (Rock, 1986; Allen and Faulhaber, 1989; Grinblatt and Hwang, 1989 and Welch, 1989) Motivazioni istituzionali (Logue, 1973; Ibboston, 1975) Motivazioni proprietarie (Brannan and Franks, 1997; Grossman and Hart, 1980) Motivazioni comportamentali (Ljungqvist, Nanda and Singh, 2004; Loughran and Ritter, 2002) 16 8

9 Asimmetrie informative I modelli di asimmetria informativa riconoscono come alcuni investitori nel mercato siano più informati di altri. Con riferimento alle IPO questo implica che gli investitori informati domandino azioni solo per le IPO che hanno un buon prezzo e lascino invece agli investitori non informati le IPO con prezzi troppo alti (facendo poi realizzare loro guadagni negativi sul mercato secondario e ostacolando la loro partecipazione alle IPO). Poiché il mercato delle IPO ha bisogno anche di investitori non informati per funzionare, è necessario che, per indurli a partecipare al mercato, il prezzo di offerta sia tenuto appositamente più basso, in modo da far realizzare loro guadagni positivi. Motivazioni istituzionali Le aziende potrebbero deliberatamente tenere il prezzo di offerta basso per aumentare il guadagno degli investitori ed evitare così azioni legali o comunque insoddisfazione da parte degli stessi a causa della performance insoddisfacente dei titoli nel post IPO. Motivazioni proprietarie La proprietà dell azienda potrebbe utilizzare l Underpricing per limitare l intromissione da parte degli azionisti una volta che la stessa azienda sia stata quotata. Infatti l Underpricing, aumentando l interesse verso azienda, contribuisce ad ampliare la base di azionisti che partecipano all impresa. Motivazioni comportamentali Presenza di investitori irrazionali che spingono il prezzo dell azienda ben oltre il suo valore fondamentale. 9

10 The effects of affiliations in IPO pricing Available at Under revision in the Journal of Financial Services Research Manuela Geranio Università Bocconi, Milano (Italy) Camilla Mazzoli Università Politecnica delle Marche, Ancona (Italy) Fabrizio Palmucci Università di Bologna, Bologna (Italy) La letteratura si è occupata profusamente del tema dell UP e delle sue cause. Tra tutte le spiegazioni che sono state proposte in letteratura quella che interessa maggiormente in questa sede è relativamente recente e riguarda l affiliation tra i maggiori players coinvolti nell operazione (Gompers and Lerner, 1999; Ritter and Zhang, 2007). Si tratta cioè del caso in cui una delle seguenti combinazioni di player appartenga allo stesso gruppo: Lead Manager Fondo Lead Manager Venture Capitalist Venture Capitalist - Fondo 10

11 L affiliation tra player coinvolti nell IPO può infatti produrre conseguenze riconducibili a due aree di interesse: Riduzione delle asimmetrie informative che caratterizzano l IPO Produzioni di conflitti di interesse che si creano tra player dello stesso gruppo Entrambe producono effetti sul meccanismo di pricing dell IPO Il LM soffre di asimmetrie informative verso: l azienda quotanda (in relazione alle sue condizioni economico-finanziarie attuali e alle strategie future) i fondi (poiché non conosce la loro domanda effettiva per il titolo). Per questa ragione è sottoposto al rischio di mispricing dell IPO e tende a tenere il prezzo di offerta non troppo elevato per assicurarsi tutto il completamento dell offerta. Tuttavia, la presenza di affiliation con il Venture Capitalist o con i Fondi consente di ridurre l incertezza di cui sopra e potrebbe consentire di tenere il prezzo di offerta più alto. 11

12 1 Research question: quale effetto producono le affiliation nel mercato primario in termini di aggiustamento del prezzo di offerta dentro la forchetta? Price Adjustment (PA) OP MFP PA OP Misura quanto il prezzo di offerta finale si discosta dal punto centrale della forchetta. Le nostre ipotesi sul PA Quando esiste una affiliation tra due dei 3 player considerati LM-F e VC-F LM e VC hanno informazioni migliori sulla domanda da parte del mercato F ha informazioni migliori circa la situazione attuale dell azienda e i suoi progetti futuri VC-LM Nonostante non abbiano informazioni privilegiate circa la domanda da parte del mercato, hanno un set eccellente di informazioni circa l azienda e possono fissare il prezzo in modo più consapevole. Di conseguenza, l asimmetria informativa si riduce e il prezzo di offerta è aggiustato al rialzo. 12

13 Hot and cold I risultati potrebbeo essere diversi a seconda che si considerino IPO hot o cold (cioè per le quali c è molta domanda o scarsa domanda). Nel caso in cui siano hot, infatti, il LM può aggiustare il prezzo di offerta al rialzo senza arrecare danno ai fondi che potranno beneficiare di un UP elevato. Per verificare questa eventualità, dividiamo il campione in IPO hot e cold e ritestiamo il modello. L affiliation tra player coinvolti nell IPO può infatti produrre conseguenze riconducibili a due aree di interesse: Riduzione delle asimmetrie informative che caratterizzano l IPO Produzioni di conflitti di interesse che si creano tra player dello stesso gruppo Entrambe producono effetti sul meccanismo di pricing dell IPO 13

14 I players coinvolti in una IPO hanno interessi individuali piuttosto marcati Venture Capitalist (venditore) Lead manager (intermediario) Fund (compratore) Massimizzare il prezzo di offerta Massimizzare prezzo offerta (legame fiduciario con azienda + commissioni IPO) ma anche Minimizzare prezzo offerta (minore rischio di undersubscription + commissioni future dai fondi) Minimizzare il prezzo di offerta Tuttavia, quando i players appartengono allo stesso gruppo alcuni interessi entrano in conflitto.si pensi all affiliation tra LM e FONDI Lead manager (intermediario) Fund (compratore) Massimizzare prezzo offerta (legame fiduciario con azienda + commissioni IPO) ma anche Minimizzare prezzo offerta (minore rischio di undersubscription + commissioni future dai fondi) Minimizzare il prezzo di offerta 14

15 2 Research question: Nonostante la prima ipotesi di aumento generalizzato del prezzo di offerta quanto aumenta il prezzo di offerta se esistono affiliations? In altri termini: quale guadagno viene lasciato ai fondi nel mercato secondario? Underpricing (UP) UP MP OP OP Quanto è lontano il prezzo del primo giorno di negoziazione rispetto al prezzo di offerta Le nostre ipotesi su UP LM-F e VC-F Nelle hot IPOs l interesse dei fondi è privilegiato attraverso un price adjustment parziale che lascia spazio ad un Underpricing elevato (nepotism hypothesis); Nelle cold IPOs invece prevale l interesse del LM e del VC che fissa il prezzo di offerta alto andando ad intaccare l Underpricing (dumping ground hypothesis). LM-VC Nelle hot IPOs l interesse comune per un prezzo di offerta maggiore riduce l Underpricing; Nelle cold IPOs il rischio di under subscription determina un agiustamento del prezzo di offerta parziale che lascia spazio all Underpricing. 15

16 Dati e metodologia Da Thomson One Deals (TOD) abbiamo ottenuto dati per tutte le IPO su Amex, NYSE e NASDAQ da Gennaio 1997 a Dicembre Il campione è quindi composto da 3,017 IPOs. I dati sulle affiliation sono stati attenuti attraverso un matching manuale dei nomi usando i dati di Thomson Ownership. Modello per il PA 1 Research question: quale effetto producono le affiliation nel mercato primario in termini di aggiustamento del prezzo di offerta dentro la forchetta? PA D 1 PA D 2 PA D 3 ALMF ALMVC AVCF Controls Controls Controls D ALMF D ALMVC D AVCF dummy of affiliation between the LM and the F dummy of affiliation between the LM and the VC dummy of affiliation between the VC and the F Controls is a group of control variables as follows: D VCbacked is a dummy for the presence of a VC backing the IPO D lock-up is a dummy for the presence of a lock-up obligation LM rank is the reputation (ranking) of the LM SIZE is the log of the total assets of the company at the IPO D tech is a dummy for the firms belonging to the high-tech sector D year is a dummy for the internet bubble period 16

17 Modello per l UP 2 Research question: Nonostante la prima ipotesi di aumento generalizzato del prezzo di offerta quanto aumenta il prezzo di offerta se esistono affiliations? In altri termini: quale guadagno viene lasciato ai fondi nel mercato secondario? UP D 1 UP D 2 UP D 3 ALMF ALMVC AVCF PA PA PA Controls PA PA Controls PA Controls D ALMF D ALMVC D AVCF B PA PA dummy of affiliation between the LM and the F dummy of affiliation between the LM and the VC dummy of affiliation between the VC and the F is the Price Adjustment Controls is the same set of control variables Ma cosa accade visto che spesso sia il PA che l UP aumentano? 3 research question: quale effetto prevale? Introduciamo un termine di interazione (D xxx * PA) che spiega l effetto combinato che PA e affiliations producono sull UP. UP D 1 UP D 2 UP D 3 ALMF ALMVC AVCF DPA,1 DPA,3 D DPA,2 D ALMF D ALMVC AVCF * PA * PA * PA PA PA PA Controls PA PA Controls PA Controls β DPA1,2,3 D XXX PA dummy is the interaction term for each affiliation Affiliation dummies and control variables are as in the previous equations. 17

18 I coefficiente del termine di interazione (β DPA1,2,3 ) misura il cambio di pendenza della retta che mette in relazione il PA e l UP quando ci sono conflitti di interesse. Quale interesse prevale? OP aumenta parzialmente (si produce UP) OP aumenta (nessun UP prodotto) Risultati empirici su PA Come atteso, l affiliation riduce l incertezza dell IPO poichè produce: Una migliore conoscenza del valore (in termini di prezzo) che il mercato attribuisce all azienda; Una migliore conoscenza del valore effettivo dell impresa che si sta quotando. 18

19 Risultati empirici su UP L effetto delle affiliation sull UP è positivo e significativo ma se introduciamo il PA come regressore allora tutto l effetto delle affiliation sembra essere catturato proprio dal PA. Cosa accade nei sottocampioni hot/cold? LM-F Affiliation Nel sottocampione hot l affiliation influisce positivamente sull UP anche in presenza del PA nepositmo verso i fondi? Il coefficiente positivo e significativo del termine di interazione conferma che si tratta di nepotismo verso i fondi affiliati nel caso hot. LM-VC Affiliation La presenza di affiliation non si esprime in un aggiustamento deliberato al rialzo o al ribasso dell underpricing. 19

20 VC-F Affiliation Nel sottocampione hot l affiliation influisce positivamente sull UP anche in presenza del PA nepositmo verso i fondi? Il coefficiente positivo e significativo del termine di interazione conferma che si tratta di nepotismo verso i fondi affiliati nel caso hot. Nel caso cold, emerge poi un effetto negativo del termine di interazione.. Ciò sembrerebbe suggerire la presenza di un comportamento opportunistico del VC verso i fondi affiliati nel caso cold. Riflessioni finali Quale effetto producono le affiliation nel mercato primario in termini di aggiustamento del prezzo di offerta dentro la forchetta? Le affiliation influenzano l attività del mercato primario producendo un aggiustamento del prezzo di offerta al rialzo. Le IPOs che coinvolgono players affiliati sono più costose. Necessario un incremento della trasparenza del mercato primario? Nonostante la prima ipotesi di aumento generalizzato del prezzo di offerta quanto aumenta il prezzo di offerta se esistono affiliations? In altri termini: quale guadagno viene lasciato ai fondi nel mercato secondario? Le affiliation LM-F e VC-F sembrano produrre un effetto positivo anche sul prezzo di mercato secondario nel sotto campione hot e questo porta ad una domanda di ricerca ulteriore 20

21 Quale interesse prevale? Le affiliations tendono a produrre effetti maggiori nel mercato primario in termini di aumento del prezzo di offerta. Tuttavia, nei casi di affiliation LM-F e VC-F nelle IPO hot l effetto maggiore si produce a favore dei fondi affiliati nel mercato secondario. gli investitori affiliati tendono ad essere favoriti se le condizioni di mercato lo permettono. I nostri risultati supportano le critiche crescenti che sono rivolte al meccanismo di bookbuiding circa la possibilità per l underwirter di esercitare la propria discrezionalità e sottolineano la necessità di migliorare la trasparenza delle operazioni di mercato primario. Nel mese di Giugno 2012, l House of Representatives committee ha suggerito alla SEC alcuni cambiamenti al Securities Act of 1933, dovuti al fatto che, al momento, l underwriter exercise substantial discretion in establishing the IPO price. 21

IL PROCESSO DI QUOTAZIONE DI BORSA: UN PERCORSO AD OSTACOLI MERCATI, ATTORI, TEMPISTICA, COMUNICAZIONE di Giovanni Pelonghini

IL PROCESSO DI QUOTAZIONE DI BORSA: UN PERCORSO AD OSTACOLI MERCATI, ATTORI, TEMPISTICA, COMUNICAZIONE di Giovanni Pelonghini IL PROCESSO DI QUOTAZIONE DI BORSA: UN PERCORSO AD OSTACOLI MERCATI, ATTORI, TEMPISTICA, COMUNICAZIONE di Giovanni Pelonghini 1 DECIDERE DI QUOTARSI LA DECISIONE DI QUOTARSI RAPPRESENTA UNA SCELTTA STRATEGICA

Dettagli

Il mercato primario Le offerte di azioni

Il mercato primario Le offerte di azioni Il mercato primario Le offerte di azioni Tecnicamente le offerte di azioni sono di due tipi: OFFERTE PUBBLICHE DI SOTTOSCRIZIONE (OPS), quando oggetto di offerta sono azioni di nuova emissione provenienti

Dettagli

AIM Italia. La quotazione su AIM Italia come strumento per la crescita

AIM Italia. La quotazione su AIM Italia come strumento per la crescita AIM Italia La quotazione su AIM Italia come strumento per la crescita 5 novembre 2015 Cos è AIM Italia Mercato Alternativo del Capitale è il mercato di Borsa Italiana dedicato alle piccole e medie imprese

Dettagli

IL SISTEMA FINANZIARIO ED EFFICIENZA DEI MERCATI. Docente: Prof. Massimo Mariani

IL SISTEMA FINANZIARIO ED EFFICIENZA DEI MERCATI. Docente: Prof. Massimo Mariani IL SISTEMA FINANZIARIO ED EFFICIENZA DEI MERCATI Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il sistema finanziario I mercati finanziari La comunicazione finanziaria L efficienza dei mercati finanziari Anomalie

Dettagli

Attività dello Specialista

Attività dello Specialista Attività dello Specialista Massimo Turcato Responsabile Equity Capital Markets e Advisory Banca Akros Palermo, 15 novembre 2007 MISSIONE E PRINCIPI COSTITUTIVI DEL MAC Missione Principi costitutivi 1 Forte

Dettagli

APPENDICI B. GLOSSARIO SULLA QUOTAZIONE: I 50 TERMINI PIÙ USATI

APPENDICI B. GLOSSARIO SULLA QUOTAZIONE: I 50 TERMINI PIÙ USATI APPENDICI B. GLOSSARIO SULLA QUOTAZIONE: I 50 TERMINI PIÙ USATI B. Glossario sulla quotazione: i 50 termini più utilizzati Termine Aftermarket performance Best practice Blue chip Bookbuilding Capitalizzazione

Dettagli

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma UniversitàdegliStudidiParma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 5. BANCA VERSUS MERCATO 1. Una visione d assieme 2. I mercati: le tipologie 3. I mercati creditizi: gli intermediari 4. Gli intermediari in

Dettagli

BANCA ALETTI & C. S.p.A.

BANCA ALETTI & C. S.p.A. BANCA ALETTI & C. S.p.A. in qualità di Emittente e responsabile del collocamento del Programma di offerta al pubblico e/o quotazione dei certificates BORSA PROTETTA e BORSA PROTETTA con CAP e BORSA PROTETTA

Dettagli

La pianificazione dell offerta

La pianificazione dell offerta La pianificazione dell offerta Una volta individuato il global coordinator (e le altre eventuali figure), ha inizio la procedura per l offerta al pubblico delle azioni. I tempi di realizzazione sono di

Dettagli

Certificati a Leva Fissa

Certificati a Leva Fissa Certificati a Leva Fissa Commerzbank, leader europeo dei prodotti di borsa, propone da oggi i suoi certificati a Leva Fissa sul mercato italiano! Messaggio pubblicitario La banca al tuo fianco 2 I Certificati

Dettagli

Policy strumenti illiquidi (Prestiti Obbligazionari)

Policy strumenti illiquidi (Prestiti Obbligazionari) Policy strumenti illiquidi (Prestiti Obbligazionari) Parma, 4 settembre 2012 Sommario 1 ASPETTI GENERALI... 2 1.1 Premessa... 2 1.2 Responsabilità del documento... 2 1.3 Destinatari... 3 1.4 Validità...

Dettagli

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7 Il progetto di quotazione in borsa Pagina 1 di 7 PREMESSA Il documento che segue è stato realizzato avendo quali destinatari privilegiati la Direzione Generale o il responsabile Amministrazione e Finanza.

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business I risultati della survey Workshop Milano,12 giugno 2012 Il campione 30 SGR aderenti, rappresentative di circa il 75% del patrimonio

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

L offerta di Borsa Italiana per le PMI MERCATI REGOLAMENTATI

L offerta di Borsa Italiana per le PMI MERCATI REGOLAMENTATI L offerta di Borsa Italiana per le PMI 1 MERCATI REGOLAMENTATI Il processo di quotazione PREPARAZIONE DUE DILIGENCE ISTRUTTORIA COLLOCAMENTO Eventuale riorganizzazione società / gruppo Eventuali modifiche

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELLE CONSEGUENZE SULL'ATTIVITÀ DELLE IMPRESE E DEGLI OPERATORI E SUGLI INTERESSI DEGLI INVESTITORI E DEI RISPARMIATORI, DERIVANTI DALLE MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA RACCOLTA DI

Dettagli

Tavolo Tecnico Interassociativo per. Comuni

Tavolo Tecnico Interassociativo per. Comuni Tavolo Tecnico Interassociativo per la Tavolo Standardizzazione Tecnico Interassociativo dei Fondi per la standardizzazione dei fondi Comuni Presentazione delle LINEE GUIDA INTERASSOCIATIVE PER LA STANDARDIZZAZIONE

Dettagli

Come usare gli ETF. Valerio Baselli e Azzurra Zaglio Morningstar Editor&Analyst team. Rimini, 17 maggio 2012

Come usare gli ETF. Valerio Baselli e Azzurra Zaglio Morningstar Editor&Analyst team. Rimini, 17 maggio 2012 Come usare gli ETF Valerio Baselli e Azzurra Zaglio Morningstar Editor&Analyst team Rimini, 17 maggio 2012 Cosa sono gli Etf? Gli Etf sono una particolare categoria di fondi d investimento mobiliare quotati

Dettagli

AIM Italia UNA NUOVA OPPORTUNITA PER ACCELERARE LA CRESCITA DELLE PMI. Barbara Lunghi

AIM Italia UNA NUOVA OPPORTUNITA PER ACCELERARE LA CRESCITA DELLE PMI. Barbara Lunghi AIM Italia UNA NUOVA OPPORTUNITA PER ACCELERARE LA CRESCITA DELLE PMI Barbara Lunghi Perché quotarsi? RISORSE FINANZIARIE Raccogliere importanti risorse finanziare Diversificare le fonti di finanziamento,

Dettagli

Documento di Sintesi della strategia di trasmissione ed esecuzione degli ordini

Documento di Sintesi della strategia di trasmissione ed esecuzione degli ordini Documento di Sintesi della strategia di trasmissione ed esecuzione degli ordini Delibera Cda del 27/10/2011 Ultima revisione Cda del 27/02/2014 Ultima revisione Cda dell 11/06/2015 1. LA NORMATIVA MiFID

Dettagli

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A. PER L INDIVIDUAZIONE E LA GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE NELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITA DI INVESTIMENTO E DEI SERVIZI ACCESSORI 1.

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

Company Profile. www.irtop.com

Company Profile. www.irtop.com Company Profile www.irtop.com 2 > Valori > Mission > Profilo > Obiettivi > Servizi di consulenza > Track record > Pubblicazioni > Contatti 3 VALORI Passione Crediamo nelle storie imprenditoriali dei nostri

Dettagli

SINTESI DELLA POLITICA DELLA CASSA DI RISPARMIO DI ASTI S.P.A.

SINTESI DELLA POLITICA DELLA CASSA DI RISPARMIO DI ASTI S.P.A. PAG. 1 SINTESI DELLA POLITICA DELLA CASSA DI RISPARMIO DI ASTI S.P.A. PER LA DETERMINAZIONE DEL GRADO DI LIQUIDITA DEGLI STRUMENTI FINANZIARI DISTRIBUITI ALLA CLIENTELA AL VERSIONE N. 1/12 DEL 30/08/2012

Dettagli

Export manager per il settore della nautica da diporto

Export manager per il settore della nautica da diporto PROGETTO COFINANZIATO DALL UNIONE EUROPEA Progetto formativo per Export manager per il settore della nautica da diporto FORMAZIONE SUPERIORE Progetto formativo per Export manager per il settore della nautica

Dettagli

MODA E LUSSO: IL MOMENTO DELLE SCELTE per crescere in un contesto mondiale sempre più competitivo

MODA E LUSSO: IL MOMENTO DELLE SCELTE per crescere in un contesto mondiale sempre più competitivo MODA E LUSSO: IL MOMENTO DELLE SCELTE per crescere in un contesto mondiale sempre più competitivo Intervento di David Pambianco Giovedì, 13 novembre 2015 Palazzo Mezzanotte Piazza degli Affari 6, Milano

Dettagli

Il progetto Più Borsa e il servizio ELITE Barbara Lunghi

Il progetto Più Borsa e il servizio ELITE Barbara Lunghi Il progetto Più Borsa e il servizio ELITE Barbara Lunghi Head of Mid&Small Caps Primary Markets Borsa Italiana London Stock Exchange Group Più Borsa - MDI Il 25 Marzo 2013 è stato siglato un Memorandum

Dettagli

Codice di comportamento per il corretto svolgimento dell attività di Analisi Finanziaria CAPO I: ADEMPIMENTI DELL ANALISTA FINANZIARIO

Codice di comportamento per il corretto svolgimento dell attività di Analisi Finanziaria CAPO I: ADEMPIMENTI DELL ANALISTA FINANZIARIO Codice di comportamento per il corretto svolgimento dell attività di Analisi Finanziaria CAPO I: ADEMPIMENTI DELL ANALISTA FINANZIARIO 1 Definizione di analista finanziario Ai fini del presente Codice

Dettagli

Il consumo e il risparmio come forme di partecipazione

Il consumo e il risparmio come forme di partecipazione Finanza Etica Il consumo e il risparmio come forme di partecipazione Gli strumenti che permettono ai cittadini socialmente responsabili forme di partecipazione dal basso sembrano essere particolarmente

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

Mercato azionario. Il processo di quotazione sul mercato Expandi

Mercato azionario. Il processo di quotazione sul mercato Expandi Mercato azionario Tecniche Il processo di quotazione sul mercato Expandi di Lorenzo Parrini (*) e Debora Megna (**) Proseguono gli interventi volti ad esaminare il mercato azionario delle piccole e medie

Dettagli

Metti un pò di indipendenza nel tuo business

Metti un pò di indipendenza nel tuo business ssbb IInnvveessttmeennttss & TTrruussttss CCoonnssuul lttaanncc yy Metti un pò di indipendenza nel tuo business 1 DALLE VECCHIE GPF ALLE GPF INDIPENDENTI I manager di una societä di consulenza, di una

Dettagli

Gli strumenti della comunicazione finanziaria applicabili alle PMI

Gli strumenti della comunicazione finanziaria applicabili alle PMI Gli strumenti della comunicazione finanziaria applicabili alle PMI Fiorenzo Tagliabue SEC Relazioni Pubbliche e Istituzionali Bari, 16 novembre 2001 Perché occuparsi di comunicazione? Perché la comunicazione

Dettagli

BANCA ALETTI & C. S.p.A. PER DUE CERTIFICATE e PER DUE CERTIFICATES DI TIPO QUANTO CONDIZIONI DEFINITIVE D OFFERTA

BANCA ALETTI & C. S.p.A. PER DUE CERTIFICATE e PER DUE CERTIFICATES DI TIPO QUANTO CONDIZIONI DEFINITIVE D OFFERTA BANCA ALETTI & C. S.p.A. in qualità di emittente e responsabile del collocamento del Programma di offerta al pubblico e/o di quotazione di investment certificates denominati PER DUE CERTIFICATE e PER DUE

Dettagli

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Forex Coupon 2017-6 A chi si rivolge

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Forex Coupon 2017-6 A chi si rivolge info Prodotto Investment Solutions by Epsilon è il nuovo Comparto del fondo comune di diritto lussemburghese Investment Solutions by Epsilon, istituito da Eurizon Capital S.A. e gestito da Epsilon SGR.

Dettagli

Una nuova asset class per investitori qualificati. Nuovi valori per un rapporto virtuoso tra industria, finanza e investitori

Una nuova asset class per investitori qualificati. Nuovi valori per un rapporto virtuoso tra industria, finanza e investitori Nuovi valori per un rapporto virtuoso tra industria, finanza e investitori Mercato delle fonti energetiche rinnovabili INVESTIMENTI CAPITALE / CREDITO? INVESTITORI QUALIFICATI PLAYER INDUSTRIALI CARATTERIZZATI

Dettagli

Tra IPO e Private Equity: l esperienza SPAC

Tra IPO e Private Equity: l esperienza SPAC S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista Tra IPO e Private Equity: l esperienza SPAC Franco Bertoletti, Dottore

Dettagli

IL MERCATO ITALIANO DEL CAPITALE DI RISCHIO INFORMALE

IL MERCATO ITALIANO DEL CAPITALE DI RISCHIO INFORMALE IL MERCATO ITALIANO DEL CAPITALE DI RISCHIO INFORMALE (Sintesi dei dati raccolti da IBAN, con questionario on line, nel periodo 13 gennaio/25 marzo 2010) Variazione % Anno 2009 su 2008 Campione (di cui

Dettagli

Twin Win. Opportunità generate da ogni oscillazione del mercato.

Twin Win. Opportunità generate da ogni oscillazione del mercato. Twin Win. Opportunità generate da ogni oscillazione del mercato. Banca IMI è una banca del gruppo Banca IMI offre una gamma completa di servizi alle banche, alle imprese, agli investitori istituzionali,

Dettagli

Investimenti Diretti Esteri

Investimenti Diretti Esteri Investimenti Diretti Esteri Daniele Mantegazzi IRE, Università della Svizzera Italiana 14 novembre 2013 Daniele Mantegazzi Economia Internazionale 14 novembre 2013 1 / 24 Contenuti e struttura della lezione

Dettagli

MiFID review: scenari e prospettive. Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi

MiFID review: scenari e prospettive. Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi MiFID review: scenari e prospettive Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi AGENDA MiFID I: ricapitoliamo MiFID review: le ragioni MiFID review: le novità MiFID review: stato dell arte 2 MiFID I: ricapitoliamo

Dettagli

La scelta dei canali di entrata. Michela Floris micfloris@unica.it

La scelta dei canali di entrata. Michela Floris micfloris@unica.it La scelta dei canali di entrata Michela Floris micfloris@unica.it Una premessa Individuare il canale che, meglio degli altri può essere efficace per la propria attività nei mercati esteri non è semplice

Dettagli

23.000.000 35,4% 8.000.000 ) 15.000.000 2441, 5 9:00 26 2014 13:30 8 2014. 26 2014 8 2014; L

23.000.000 35,4% 8.000.000 ) 15.000.000 2441, 5 9:00 26 2014 13:30 8 2014. 26 2014 8 2014; L Il presente comunicato non è destinato alla distribuzione negli Stati Uniti, Regno Unito, Canada, Australia, Giappone o in qualsiasi altro Paese nel quale la distribuzione del presente comunicato costituisca

Dettagli

MAC: UN NUOVO MODO PER FAR CRESCERE L IMPRESA

MAC: UN NUOVO MODO PER FAR CRESCERE L IMPRESA MAC: UN NUOVO MODO PER FAR CRESCERE L IMPRESA www.mercatoalternativocapitale.it Milano, 29 Gennaio 2008 0 MAC: UNA NUOVA SOLUZIONE COSTRUITA SU MISURA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Il MAC : Legame con

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Relativo ad operazioni con parti correlate Ai sensi dell art. 71 bis del Regolamento di attuazione del decreto legislativo 24 febbraio 1998 n. 58 adottato dalla Consob con Delibera

Dettagli

Il nostro team, all interno di PFT ITALIA, e dedicato all analisi e selezione, strutturazione di strumenti di investimento per i privati.

Il nostro team, all interno di PFT ITALIA, e dedicato all analisi e selezione, strutturazione di strumenti di investimento per i privati. 1 2 Il nostro team, all interno di PFT ITALIA, e dedicato all analisi e selezione, strutturazione di strumenti di investimento per i privati. Siamo all avanguardia in particolare nel campo di Prodotti

Dettagli

Il nostro team, all interno di PFT ITALIA, e dedicato all analisi e selezione, strutturazione di strumenti di investimento per i privati.

Il nostro team, all interno di PFT ITALIA, e dedicato all analisi e selezione, strutturazione di strumenti di investimento per i privati. Il nostro team, all interno di PFT ITALIA, e dedicato all analisi e selezione, strutturazione di strumenti di investimento per i privati. Siamo all avanguardia in particolare nel campo di Prodotti Finanziari

Dettagli

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Le imprese comunicano e lo fanno utilizzando alcuni strumenti specifici. La comunicazione si distribuisce in maniera diversa tra imprese

Dettagli

Che effetto avrebbe la cancellazione di 20 unità in vendita a 10.10 prima dell effettuazione dell asta?

Che effetto avrebbe la cancellazione di 20 unità in vendita a 10.10 prima dell effettuazione dell asta? ECONOMIA E TECNICA DEI MERCATI FINANZIARI 2010/2011 Dott. Marco Fumagalli / Dott. Antonio Taverna 1 Con riguardo alle possibili forme di organizzazione di un mercato secondario, si illustrino le principali

Dettagli

MMF - IPO. Francesco Menoncin Lezione 1

MMF - IPO. Francesco Menoncin Lezione 1 MMF - IPO Francesco Menoncin Lezione 1 Sommario Tutti i dati qui riportati sono tratti da Ritter, J. R. e Welch, I. (2002). A review of IPO Activity, Pricing, and Allocation. The Journal of Finance, 57,

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

DOMANDE di RIEPILOGO

DOMANDE di RIEPILOGO DOMANDE di RIEPILOGO UNITA A - ANALISI ECONOMICA DELL IMPRESA Lez2 Nuove teorie dell impresa La teoria manageriale Quali problemi fondamentali delle moderne organizzazioni delle imprese non sono stati

Dettagli

Le decisioni di struttura finanziaria delle imprese italiane

Le decisioni di struttura finanziaria delle imprese italiane Le decisioni di struttura finanziaria delle imprese italiane Un quadro dell evidenza empirica Cosenza 20 ottobre 2003 1 rilevanza e attualità del tema tra le 10 questioni irrisolte della finanza moderna

Dettagli

EXECUTIVE COMPENSATION 2014 LA REMUNERAZIONE DEI VERTICI AZIENDALI

EXECUTIVE COMPENSATION 2014 LA REMUNERAZIONE DEI VERTICI AZIENDALI EXECUTIVE COMPENSATION 2014 LA REMUNERAZIONE DEI VERTICI AZIENDALI Per il quinto anno consecutivo OD&M - società di consulenza appartenente a Gi Group, specializzata nella realizzazione di indagini retributive

Dettagli

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 16 Offerta dell impresa

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 16 Offerta dell impresa UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 16 Offerta dell impresa Prof. Gianmaria Martini Offerta dell impresa La decisione di un impresa a riguardo della quantità

Dettagli

g i v e t h e r i g h t d i r e c t i o n t o y o u r i n v e s t m e n t V e h i c l e MIV Il mercato degli Investment Vehicles

g i v e t h e r i g h t d i r e c t i o n t o y o u r i n v e s t m e n t V e h i c l e MIV Il mercato degli Investment Vehicles g i v e t h e r i g h t d i r e c t i o n t o y o u r i n v e s t m e n t V e h i c l e MIV Il mercato degli Investment Vehicles Overview MIV (Mercato degli Investment Vehicles) è il mercato regolamentato

Dettagli

BANCA ALETTI & C. S.p.A. BONUS CERTIFICATE e BONUS CERTIFICATES DI TIPO QUANTO CONDIZIONI DEFINITIVE D OFFERTA

BANCA ALETTI & C. S.p.A. BONUS CERTIFICATE e BONUS CERTIFICATES DI TIPO QUANTO CONDIZIONI DEFINITIVE D OFFERTA BANCA ALETTI & C. S.p.A. in qualità di emittente e responsabile del collocamento del Programma di offerta al pubblico e/o di quotazione di investment certificates denominati BONUS CERTIFICATE e BONUS CERTIFICATES

Dettagli

Il mercato della moneta

Il mercato della moneta Il mercato della moneta Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1 Funzioni della moneta Consideriamo i mercati della moneta e delle attività

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE. Docente: Prof. Massimo Mariani

INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE. Docente: Prof. Massimo Mariani INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE Docente: Prof. Massimo Mariani SOMMARIO La creazione del valore Che cos è la finanza aziendale Obiettivi degli stakeholders Massimizzazione del valore Massimizzazione

Dettagli

L attività d investimento nel capitale di rischio

L attività d investimento nel capitale di rischio Ciclo di seminari sulla finanza d impresa L attività d investimento nel capitale di rischio Finalità e strategie operative Massimo Leone INVESTIMENTO ISTITUZIONALE NEL CAPITALE DI RISCHIO Apporto di risorse

Dettagli

La quotazione in borsa Una sfida che non spaventa

La quotazione in borsa Una sfida che non spaventa La quotazione in borsa Una sfida che non spaventa Intervista alla dottoressa Barbara Lunghi, responsabile Mercato Expandi di Borsa Italiana Il percorso di quotazione in borsa consente oggi, anche alle

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE La strutturazione di un fondo di private equity e l attività di fund raising I veicoli azionisti sottoscrittori SGR Fondo Struttura italiana gestore fondo General Partner

Dettagli

Obiettivo: EQUITY! Programma di assistenza per l accesso ai capitali di rischio da parte delle neo, piccole e medie imprese

Obiettivo: EQUITY! Programma di assistenza per l accesso ai capitali di rischio da parte delle neo, piccole e medie imprese Obiettivo: EQUITY! 0 Programma di assistenza per l accesso ai capitali di rischio da parte delle neo, piccole e medie imprese Settembre 2012 IL PROGRAMMA Il Consorzio Camerale per il credito e la finanza

Dettagli

L informativa obbligatoria

L informativa obbligatoria Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB L informativa obbligatoria Anno Accademico 2009-2010 1 INFORMATIVA OBBLIGATORIA Il sistema

Dettagli

UN FONDO, TRE SEMPLICI MODI PER INVESTIRE

UN FONDO, TRE SEMPLICI MODI PER INVESTIRE AD USO ESCLUSIVO DEI CLIENTI PROFESSIONALI E DEGLI INVESTITORI QUALIFICATI UN FONDO, TRE SEMPLICI MODI PER INVESTIRE BLACKROCK GLOBAL FUNDS (BGF) GLOBAL MULTI-ASSET INCOME FUND Un fondo, tre possibili

Dettagli

La gestione delle risorse immateriali: l'esperienza del Liaison Office dell Area Ricerca dell'università di Verona

La gestione delle risorse immateriali: l'esperienza del Liaison Office dell Area Ricerca dell'università di Verona La gestione delle risorse immateriali: l'esperienza del Liaison Office dell Area Ricerca dell'università di Verona Dott. Luca Guarnieri Responsabile Liaison Office Area Ricerca Università degli Studi di

Dettagli

Marco M. Fumagalli, 2008

Marco M. Fumagalli, 2008 Tutti i documenti di questa presentazione provengono da fonti pubbliche. In particolare dalla società Marazzi S.p.A. (www.marazzigroup.com), Consob (www.consob.it), Borsa Italiana (www.borsaitaliana.it).

Dettagli

Capitolo 10 Le decisioni relative al prezzo (pricing)

Capitolo 10 Le decisioni relative al prezzo (pricing) Capitolo 10 Le decisioni relative al prezzo (pricing) Prezzi e pricing Schema di sintesi 1. Prezzo e pricing: definizioni 2. Come stabilire il prezzo di un prodotto o servizio 3. Le manovre di prezzo (aumento

Dettagli

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Valore Cedola x 5-11/2014 A chi si rivolge

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Valore Cedola x 5-11/2014 A chi si rivolge info Prodotto è un Comparto del fondo comune di diritto lussemburghese Investment Solutions by Epsilon, promosso da Eurizon Capital S.A. e gestito da Epsilon SGR. Il Comparto mira ad ottenere un rendimento

Dettagli

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER UNA FORZA VENDITA VINCENTE

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER UNA FORZA VENDITA VINCENTE LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER UNA FORZA VENDITA VINCENTE Non c è mai una seconda occasione per dare una prima impressione 1. Lo scenario Oggi mantenere le proprie posizioni o aumentare le quote di mercato

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

Convegno. La sostenibilità come leva di marketing: la comunicazione oltre il greenwashing. Milano, 14 aprile 2011

Convegno. La sostenibilità come leva di marketing: la comunicazione oltre il greenwashing. Milano, 14 aprile 2011 Convegno La sostenibilità come leva di marketing: la comunicazione oltre il greenwashing Milano, 14 aprile 2011 Gli strumenti della comunicazione e del marketing ambientale: indicazioni ed esempi dalle

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Prodotti Finanziari a medio - lungo termine CCT: Certificati di Credito del Tesoro

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Prodotti Finanziari a medio - lungo termine CCT: Certificati di Credito del Tesoro AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Prodotti Finanziari a medio - lungo termine CCT: Certificati di Credito del Tesoro ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

Raffaele Jerusalmi Amministratore Delegato Borsa Italiana

Raffaele Jerusalmi Amministratore Delegato Borsa Italiana Raffaele Jerusalmi Amministratore Delegato Borsa Italiana Introduzione Il sistema industriale italiano è perlopiù composto da piccole e medie imprese, nella maggior parte dei casi organizzate come società

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese. La quotazione in Borsa

Gestione Finanziaria delle Imprese. La quotazione in Borsa GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE La scelta di quotarsi in Borsa e l impatto sull azienda La scelta di quotarsi rappresenta una delle iniziative più importanti per la vita di un azienda, producendo una

Dettagli

Investitori vs. Gestori e Banche: Chi vince? Come si vince?

Investitori vs. Gestori e Banche: Chi vince? Come si vince? Authorized and regulated by the Financial Services Authority Investitori vs. Gestori e Banche: Chi vince? Come si vince? Le esigenze degli investitori istituzionali e le proposte del mercato: un connubio

Dettagli

EMITTENTE OFFERENTE E RESPONSABILE DEL COLLOCAMENTO BANCA POPOLARE DI BARI S.C.p.A. PROSPETTO DI BASE

EMITTENTE OFFERENTE E RESPONSABILE DEL COLLOCAMENTO BANCA POPOLARE DI BARI S.C.p.A. PROSPETTO DI BASE Società cooperativa per azioni Sede sociale e Direzione Generale in Corso Cavour 19, 70122 Bari Partita IVA, Cod. Fiscale e iscrizione al Registro imprese di Bari n. 00254030729 Albo aziende creditizie

Dettagli

IL MERCATO MONETARIO CARATTERISTICHE TECNICHE E ALCUNI ASPETTI DI FUNZIONAMENTO. Capitolo 11 MEF. Lezione 5 1

IL MERCATO MONETARIO CARATTERISTICHE TECNICHE E ALCUNI ASPETTI DI FUNZIONAMENTO. Capitolo 11 MEF. Lezione 5 1 IL MERCATO MONETARIO CARATTERISTICHE TECNICHE E ALCUNI ASPETTI DI FUNZIONAMENTO Capitolo 11 MEF Lezione 5 1 SAPRESTE RISPONDERE A QUESTA DOMANDA? Nella relazione annuale di Microsoft per il 2009, si poteva

Dettagli

2020. Direttive di attuazione.

2020. Direttive di attuazione. Oggetto: Fondo di capitale di rischio (venture capital) per investimenti in equity per la creazione e lo sviluppo di imprese innovative PO FESR Sardegna 2014-2020. 2020. Direttive di attuazione. L Assessore

Dettagli

Una necessità improcrastinabile

Una necessità improcrastinabile CONVEGNO La Certificazione Energetica degli Edifici: riflessioni, opportunità, criticità Vincenzo Molinari APEA Energia info@apeapz.it Una necessità improcrastinabile 1 In Europa il settore civile assorbe

Dettagli

Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms. Leonardo Casini

Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms. Leonardo Casini Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms Leonardo Casini Questo è probabilmente l ettaro di terra più costoso del mondo: Burgundy, Vigneto Romanée Conti:

Dettagli

Grande Distribuzione e E-commerce in Francia, Germania, Gran Bretagna e Spagna. 23 luglio 2015

Grande Distribuzione e E-commerce in Francia, Germania, Gran Bretagna e Spagna. 23 luglio 2015 Grande Distribuzione e E-commerce in Francia, Germania, Gran Bretagna e Spagna 23 luglio 2015 Il settore retail rappresenta, già da alcuni anni, una componente rilevante della produzione nazionale Key

Dettagli

Politica di valutazione e Pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca di Credito Cooperativo Mediocrati

Politica di valutazione e Pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca di Credito Cooperativo Mediocrati Politica di valutazione e Pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca di Credito Cooperativo Mediocrati (adottata ai sensi delle Linee Guida interassociative per l applicazione delle misure CONSOB

Dettagli

Anima Tricolore Sistema Open

Anima Tricolore Sistema Open Società di gestione del risparmio Soggetta all attività di direzione e coordinamento del socio unico Anima Holding S.p.A. Informazioni chiave per gli Investitori (KIID) Il presente documento contiene le

Dettagli

Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio

Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio Capitolo 3 Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio adattamento italiano di Novella Bottini 1 (c) Pearson Italia S.p.A. - Krurman, Obstfeld, Melitz - Economia internazionale 2 Anteprima

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004.

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. Presentazione del Presidente dell Autorità. Roma, 6 luglio 2004. Orientamenti per l azione futura. Considerate la dinamica e la complessità

Dettagli

Il Business Plan nei rapporti con gli Investitori Istituzionali in Equity

Il Business Plan nei rapporti con gli Investitori Istituzionali in Equity S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il Business Plan nei rapporti con gli Investitori Istituzionali in Equity Luciano Tarantino Commissione Finanza e Controllo di Gestione ODCEC Milano 26 maggio

Dettagli

Morningstar Fund Awards Italy, 2009 Metodologia

Morningstar Fund Awards Italy, 2009 Metodologia Morningstar Fund Awards Italy, 2009 Metodologia Morningstar Italy, 2009 in whole or part, without the prior written consent of Morningstar, Inc., is prohibited. 1 Obiettivo: L obiettivo dei Morningstar

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata

Dettagli

Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini presso Hypo Alpe-Adria-Bank S.p.a.

Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini presso Hypo Alpe-Adria-Bank S.p.a. Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini presso Hypo Alpe-Adria-Bank S.p.a. Introduzione Hypo Alpe-Adria-Bank S.p.a. offre diverse tipologie di servizi d investimento tra cui la ricezione e

Dettagli

BAN Bologna: un Servizio Innovativo per le Start-up

BAN Bologna: un Servizio Innovativo per le Start-up BAN Bologna: un Servizio Innovativo per le Start-up 1 La Regione Emilia Romagna è: un territorio ricco di iniziative imprenditoriali e un buon vivaio di idee innovative che incontrano spesso difficoltà

Dettagli

Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital

Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital Quando ricorrere al capitale di rischio Sostegno alla crescita Ricambio generazionale Internazionalizzazione Riorganizzazione

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA relativa al programma di emissioni denominato BANCA DI CESENA OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE Banca di Cesena 15/01/2007 15/01/2010 TV EUR ISIN IT0004171218 Le

Dettagli

Da un mercato che cambia a un consumatore che cambia, cosa deve fare l agente immobiliare oggi per poter continuare a crescere?

Da un mercato che cambia a un consumatore che cambia, cosa deve fare l agente immobiliare oggi per poter continuare a crescere? NMG Financial Services Consulting NMG Financial Services Consulting Collaborazione tra agenti immobiliari: l evoluzione della professione NMG FINANCIAL SERVICES CONSULTING Piazza Liberty, 8 20121 Milano

Dettagli

BANCA ALETTI & C. S.p.A.

BANCA ALETTI & C. S.p.A. CONDIZIONI DEFINITIVE D OFFERTA BANCA ALETTI & C. S.p.A. in qualità di Emittente e responsabile del collocamento del Programma di offerta al pubblico e/o quotazione dei certificates BORSA PROTETTA e BORSA

Dettagli

Il reporting per la misurazione delle performance aziendali

Il reporting per la misurazione delle performance aziendali Programmazione e controllo Capitolo 12 Il reporting per la misurazione delle performance aziendali a cura di A. Pistoni e L. Songini 1. Obiettivi di apprendimento 1. Apprendere i criteri di progettazione

Dettagli

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 Il sistema monetario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 La moneta Il ruolo della moneta nell economia Effetti sulle variabili macroeconomiche

Dettagli