La relazione sulle privatizzazioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La relazione sulle privatizzazioni"

Transcript

1 MINISTERO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA Dipartimento del Tesoro La relazione sulle privatizzazioni Luglio 1999 Stampa: ISTITUTO POLIGRAFICO E ZECCA DELLO STATO RAPPORTI N. 3

2 MINISTERO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA Dipartimento del Tesoro La relazione sulle privatizzazioni Relazione al Parlamento sulle operazioni cessione delle partecipazioni in società controllate rettamente o inrettamente dallo Stato ex art. 13, comma 6, legge 474/94 Luglio 1999

3 INDICE 1. INTRODUZIONE Pag Operazioni relative a partecipazioni detenute rettamente dal Tesoro » Operazioni realizzate dal Gruppo IRI » Operazioni realizzate dal Gruppo ENI » 5 2. OPERAZIONI RELATIVE A PARTECIPAZIONI DETENUTE DIRETTAMENTE DAL TESORO Pag ENI S.p.A. - VENDITA DELLA 4 a TRANCHE » Premessa » La tecnica venta » Le caratteristiche dell'offerta » I destinatari dell'offerta » Gli incentivi per i risparmiatori » I componenti del sindacato collocamento » La tempistica dell'operazione » L'esito dell'offerta globale » Gli introiti e i costi dell'operazione » Partecipazione del Tesoro al capitale sociale dell'eni » BANCA NAZIONALE DEL LAVORO S.p.A. - VENDITA DELLA QUOTA DEL TESORO» Premessa » L'azionariato stabile » La tecnica venta meante offerta globale » Le caratteristiche dell'offerta globale » I destinatari dell'offerta globale » Gli incentivi per i risparmiatori » I componenti del sindacato collocamento » La tempistica dell'offerta globale » L'esito dell'offerta globale » Gli introiti e i costi dell'operazione » Partecipazione del Tesoro al capitale sociale della BNL » INA S.p.A. - ESERCIZIO DEL DIRITTO DI CONVERSIONE » OPERAZIONI REALIZZATE DAL GRUPPO IRI E DAL GRUPPO ENI » Operazioni realizzate dal Gruppo IRI nel primo semestre » Operazioni realizzate dal Gruppo ENI nel primo semestre » 15 TABELLE » 17 MINISTERO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA 3

4 1 INTRODUZIONE La relazione contiene dati e notizie relativi alle operazioni smissione delle partecipazioni detenute rettamente dal Ministero del Tesoro, del Bilancio e della Programmazione Economica («Ministero del Tesoro»), realizzate nel corso del La relazione contiene, inoltre, dati e notizie sulle operazioni smissione effettuate dal Gruppo IRI e dal Gruppo ENI nei primi sei mesi del Operazioni relative a partecipazioni detenute rettamente dal Tesoro Il Ministero del Tesoro ha effettuato nel 1998 due operazioni smissione relative a società rettamente controllate: a) la venta una quota ulteriore della partecipazione azionaria detenuta in ENI S.p.A. («ENI»); b) la venta della partecipazione detenuta nella Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. («BNL»). Inoltre, il Ministero del Tesoro ha incassato la somma lire quale conguaglio relativo ai proventi della cessione SEAT, effettuata nel Se si aggiunge a tale cifra l importo lire incassato nel 1997, i proventi lor della cessione SEAT ammontano complessivamente a lire Gli incassi netti delle operazioni ENI e BNL e il conguaglio SEAT sono stati versati al capitolo 4055 dello stato previsione dell'entrata del bilancio dello Stato, per poi affluire al Fondo per l'ammortamento dei titoli Stato («Fondo») (1). I proventi delle privatizzazioni costituiscono la principale fonte alimentazione del Fondo. Dal 1994 (primo anno esercizio del Fondo) al 31 cembre 1998 vi sono affluite somme derivanti da smissioni patrimoniali per complessivi miliar lire, su un totale introiti pari a miliar lire. In base alla normativa vigente, le somme sponibili del Fondo possono essere impiegate per riacquistare titoli Stato sul mercato, per rimborsare titoli in scadenza e per acquistare partecipazioni azionarie possedute da società delle quali il Tesoro sia unico azionista, ai fini della loro smissione (2). 1.2 Operazioni realizzate dal Gruppo IRI Nel primo semestre 1998 i ricavi da cessione sono stati pari a circa miliar lire ( cui il 47,9 IRI S.p.A.), i debiti finanziari trasferiti pari a 21 miliar lire e l'effetto finanziario totale pari, quin, a circa miliar lire ( cui il 47,5 IRI S.p.A.). Il volume complessivo delle cessioni realizzate dal Gruppo IRI dal luglio 1992 al 30 giugno 1998 risulta pari a circa miliar lire, cui miliar lire circa relative ad operazioni realizzate rettamente dall'iri S.p.A.. Aggiungendo a tale importo il valore dei debiti finanziari trasferiti, pari nel complesso a circa miliar lire ( cui miliar lire IRI S.p.A.), si ha un effetto finanziario complessivo pari a circa miliar lire ( cui circa miliar lire IRI S.p.A.). 1.3 Operazioni realizzate dal Gruppo ENI Nel primo semestre 1998 i ricavi da cessione sono stati pari a circa miliar lire; nel corso del semestre non si è registrato trasferimento indebitamento. Il volume complessivo delle cessioni realizzate dal Gruppo ENI dal luglio 1992 al 30 giugno 1998 risulta pari a circa miliar lire e il valore dei debiti finanziari trasferiti pari a circa miliar lire, con un effetto finanziario complessivo pari a circa miliar lire. (1) Il Fondo per l'ammortamento dei titoli Stato è stato istituito ai sensi dell'art.2 della legge 27 ottobre 1993, n.432. (2) Le somme accretate sul Fondo sono state infatti utilizzate dal Tesoro per acquisire la partecipazione detenuta all IRI S.p.A. nella STET S.p.A.. MINISTERO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA 5

5 2 OPERAZIONI RELATIVE A PARTECIPAZIONI DETENUTE DIRETTAMENTE DAL TESORO 2.1 ENI S.p.A. - VENDITA DELLA 4 a TRANCHE Capitale sociale (3) lire Numero azioni Valore nominale lire Azioni Tesoro prima dell'operazione (4) Quota Tesoro prima dell'operazione 51, Premessa La venta della quarta tranche azioni dell'eni è avvenuta nel periodo giugno-luglio Il Comitato dei Ministri per le privatizzazioni ha deliberato nel maggio 1998 procedere al collocamento una quarta tranche azioni ornarie dell'eni, sia meante offerta agli investitori istituzionali italiani ed esteri, sia meante OPV. Per la transazione sono state confermate, così come previsto al punto 7 della delibera CIPE 30 cembre 1992 e successive moficazioni, le seguenti istituzioni finanziarie (già utilizzate per il collocamento delle precedenti tranche): Global Coornator IMI Global Coornator Cret Suisse First Boston Advisor e Valutatore ABN AMRO Rothschild La tecnica venta Il collocamento è avvenuto meante offerta globale, composta da una offerta pubblica ven- ta azioni in Italia (OPV), un collocamento privato destinato agli investitori istituzionali, riservato ad Italia, Regno Unito e Repubblica d'irlanda, Europa Continentale e Resto del Mondo, nonché un collocamento privato destinato ad investitori istituzionali riservato al Canada e un'offerta pubblica riservata agli Stati Uniti d'america. L'offerta pubblica in Italia è stata effettuata con la tecnica dell'offerta a prezzo aperto, in base alla quale il prezzo dell'opv, stabilito alla chiusura dell'opv stessa, è pari al minore tra i seguenti: il prezzo ufficiale del titolo ENI registrato sul Mercato Telematico Azionario nell'ultimo giorno offerta; il prezzo dell'offerta istituzionale, da determinarsi in base all'andamento della raccolta degli orni provenienti dagli investitori istituzionali; il prezzo massimo, determinato entro il giorno pre l'inizio dell'offerta. Il 20 giugno 1998, prima dell'inizio dell'opv, il Ministero del Tesoro, d'intesa con i Global Coornator e previa consultazione con l'advisor, ha determinato il prezzo massimo collocamento applicabile agli aderenti all'opv, ossia lire per azione, pari alla mea dei prezzi ufficiali registrati nella settimana dal 15 al 19 giugno Il prezzo offerta è stato determinato il 27 giugno 1998, ed è risultato pari a lire per tutti gli investitori, inviduali e istituzionali, corrispondente al prezzo ufficiale mercato del titolo ENI registrato sul Mercato Telematico Azionario il giorno 26 giugno (3) L'entità del capitale sociale si riferisce alla situazione ante cessione. Alla data del 31 cembre 1998 il capitale sociale ENI risulta pari a lire , costituito da azioni del valore nominale lire ciascuna. (4) Rispetto all'ammontare azioni proprietà del Tesoro, pari a prima dell'operazione (il 51,16 del capitale sociale), le azioni sponibili erano (il 50,09 del capitale sociale). Tale ammontare è il risultato delle seguenti operazioni: Azioni Tesoro dopo ENI Assegnazione bonus share ENI Azioni Tesoro prima ENI cui vincolate bonus share ENI Azioni sponibili prima ENI MINISTERO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

6 2.1.3 Le caratteristiche dell'offerta Le caratteristiche dell'offerta sono state le seguenti: Dimensione dell'offerta: azioni (pari al 12,5 del capitale sociale); è stato previsto, inoltre, l'esercizio dell'opzione green shoe fino ad una percentuale massima del 9,75 dell'offerta globale ( azioni). Struttura dell'offerta: un quantitativo minimo azioni ( azioni garantite) destinate al pubblico instinto italiano (OPV), cui una quota non superiore al 25 riservata ai pendenti dell'eni e delle sue controllate; azioni riservate agli investitori istituzionali italiani ed esteri. Data la forte domanda registrata nel corso della fase raccolta degli orni, sia da parte del pubblico in Italia che da parte degli investitori istituzionali, il Ministero del Tesoro ha deciso aumentare l'offerta globale portandola complessivamente a azioni, a cui devono aggiungersi azioni utilizzate per l'esercizio della green shoe I destinatari dell'offerta Il collocamento è stato riservato: al pubblico dei risparmiatori italiani e ai pendenti dell'eni e delle sue controllate; agli investitori professionali italiani, come definiti nell'art.4, comma 1, lettera a), della delibera Consob 6430 del 26 agosto 1992; agli investitori istituzionali esteri, definiti dalle relative legislazioni; al pubblico negli Stati Uniti d'america Gli incentivi per i risparmiatori Nell'ambito dell'offerta è stato previsto l'incentivo della bonus share, ossia l'attribuzione ai sottoscrittori in sede OPV eci azioni gratuite per ogni 100 azioni assegnate e mantenute per un periodo ininterrotto doci mesi dalla data pagamento, fino ad un massimo 300 azioni gratuite per ciascun sottoscrittore. Per i pendenti dell'eni e delle sue controllate tale premio è stato stabilito in 11 azioni gratuite ogni 100 azioni acquistate in sede OPV, fino ad un massimo 330 azioni gratuite. L'opzione azione gratuita sarà esercitabile entro il termine decadenza del 7 ottobre I componenti del sindacato collocamento L'offerta al pubblico dei risparmiatori italiani (OPV) è stata effettuata tramite un consorzio, il cui Gruppo Direzione era così composto: IMI Banca capofila e coornatore Banca Commerciale Italiana Joint lead manager Creto Italiano Istituto Bancario San Paolo Torino Banca Roma Co-lead manager Banca Monte dei Paschi Siena Banca Nazionale del Lavoro CABOTO SIM (Gruppo Intesa) L'offerta istituzionale, per la quale come già detto sono stati confermati quali Global Coornator le società IMI e Cret Suisse First Boston, è stata sottoscritta da quattro consorzi per Regioni monali: Italia (Italia), Regno Unito e Repubblica d'irlanda (UKE), Europa Continentale e Resto del Mondo (RoW) e Stati Uniti d'america e Canada (USA). In dettaglio: Italia IMI Lead Manager Banca Commerciale Italiana Co-Lead Manager Creto Italiano Istituto Bancario San Paolo Torino Banca Roma Co-Manager (senior) Banca Monte dei Paschi Siena Banca Nazionale del Lavoro CABOTO SIM (Gruppo Intesa) MINISTERO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA 7

7 Albertini & C. SIM ABN AMRO Sec. (Italy) SIM CS First Boston (Italia) SIM Euromobiliare SIM Giubergia Warburg Sim RASFIN SIM UKE SBC Warburg Dillon Read Cret Suisse First Boston (Europe) ABN AMRO Rothschild BT Alex Brown Int. IMI Lehman Brothers Int. Merrill Lynch Int. RoW Morgan Stanley & Co. Int. Cret Suisse First Boston (Europe) ABN AMRO Rothschild BBV Interactivos BT Alex Brown Int. Deutsche Bank AG London IMI Paribas USA Cret Suisse First Boston Goldman, Sachs & Co. ABN AMRO IMI J.P. Morgan Sec. Lehman Brothers Co-Manager Lead Manager Joint Lead Manager Co-Lead Manager Lead Manager Joint-Lead Manager Co-Lead Manager Lead Manager Joint Lead Manager Co-Manager La tempistica dell'operazione 15 giugno 1998 avvio della raccolta degli orni istituzionali (bookbuilng) 22 giugno 1998 avvio dell'opv 26 giugno 1998 chiusura dell'opv e del book-builng 27 giugno 1998 annuncio del prezzo offerta e allocazione delle azioni 7 luglio 1998 regolamento venta dell'offerta globale (closing) 27 luglio 1998 regolamento venta della green shoe L'esito dell'offerta globale La domanda complessiva, al prezzo offerta, è risultata pari a 1,9 miliar circa azioni, così ripartita: N. azioni Offerta allocate iniziale N. azioni inclusa Tranche azioni richieste green shoe (in milioni) (in milioni) (in milioni) OPV cui p. ENI Ist. Italia Ist. UKE Ist. RoW USA Totale il 76,4 proveniente dal pubblico dei risparmiatori (OPV); l'8 proveniente dagli investitori istituzionali italiani; il 6,8 proveniente dagli investitori istituzionali del Regno Unito e della Repubblica d'irlanda; il 6 proveniente dagli investitori istituzionali canadesi e dal pubblico statunitense; il 2,8 proveniente dagli investitori istituzionali dell'europa Continentale e del Resto del Mondo Gli introiti e i costi dell'operazione Il regolamento dell'operazione venta è avvenuto in data 7 luglio 1998 e il regolamento a seguito dell'esercizio della green shoe il 27 luglio L'incasso lordo a fronte della venta azioni dell'offerta globale è stato pari a lire MINISTERO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

8 In sede versamento dei proventi della venta, sono state trattenute: lire per commissioni da corrispondere ai collocatori; lire relative a compensi ai consulenti, a spese relative agli adempimenti con la U.S. Securities and Exchange Commission (SEC) e ad altri adempimenti normativi. L'importo netto pari a lire è stato versato al capitolo 4055 dello stato previsione dell'entrata del bilancio dello Stato, destinato al finanziamento del Fondo. L'incasso lordo a fronte della venta delle azioni destinate all'esercizio della green shoe è stato pari a lire In sede versamento detti proventi sono state trattenute lire per commissioni e altre spese. Al capitolo 4055 dello stato previsione dell'entrata del bilancio dello Stato sono affluite lire A fronte del prestito ai Global Coornator azioni per l'esercizio della green shoe, sono state corrisposte al Tesoro, come commissioni sul prestito, lire , anch'esse affluite al capitolo 4055 del bilancio dello Stato. Numero azioni vendute Prezzo venta lire Commissioni su prestito (green shoe) lire Incasso lordo lire Commissioni e altre spese lire Incasso netto versato al cap lire Le spese relative ai residui compensi da corrispondere ai consulenti, non fatturate al momento dell'incasso dei proventi della venta, saranno coperte, una volta completata la verifica della relativa documentazione giustificativa, con i fon appositamente stanziati in occasione delle precedenti operazioni privatizzazione al capitolo 4056 dello stato previsione dell'entrata del bilancio dello Stato Partecipazione del Tesoro al capitale sociale dell'eni A seguito della cessione della quarta tranche azioni dell'eni e dell'esercizio della bonus share ENI 3 (5), il Tesoro possiede azioni dell'eni, pari al 36,33 del capitale sociale, cui azioni vincolate a garanzia dell'esercizio dell'opzione azione gratuita (bonus share ENI 4) fino alla data del 7 ottobre BANCA NAZIONALE DEL LAVORO S.p.A. - VENDITA DELLA QUOTA DEL TESORO Capitale sociale lire Numero azioni cui: Azioni ornarie Azioni risparmio Valore nominale lire Azioni ornarie Tesoro prima dell'operazione (6) Quota Tesoro su cap. ornario prima dell'operazione 70,35 Quota Tesoro su cap. totale prima dell'operazione 69, Premessa La venta della quota detenuta dal Tesoro nella BNL è avvenuta nel periodo novembre 1998-gennaio Il Presidente del Consiglio dei Ministri con decreto del 23 gennaio 1998 ha sposto che l'alienazione della partecipazione detenuta dal Ministero del Tesoro nella BNL fosse effettuata sia meante offerta pubblica venta, sia meante trattativa retta, anche al fine costituire un azionariato stabile. (5) Il procemento assegnazione delle azioni gratuite si è concluso l'8 ottobre 1998; l'opzione è stata esercitata dagli aventi ritto per un ammontare pari a azioni gratuite su un totale azioni vincolate allo scopo. (6) Il Tesoro deteneva solo azioni ornarie. MINISTERO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA 9

9 Per la transazione sono state incaricate le seguenti istituzioni finanziarie: Global Coornator Banca Nazionale del Lavoro Global Coornator Meobanca Global Coornator Schroders Advisor e Valutatore JP Morgan Valutatore Deloitte & Touche L'azionariato stabile In ottemperanza a quanto previsto nel citato decreto del 23 gennaio 1998, il Ministero del Tesoro, nel periodo intercorrente tra l'aprile e il giugno 1998, ha proceduto alla selezione soggetti bancari e finanziari al fine costituire il nucleo azionisti riferimento della BNL. Nel giugno 1998 l'istituto Nazionale delle Assicurazioni S.p.A. (INA) e il Banco Bilbao Vizcaya (BBV) hanno presentato un'offerta; essendo stata ritenuta inammissibile l'offerta INA, il Ministero del Tesoro ha proseguito le trattative con il BBV, la cui offerta è stata ritenuta ammissibile. Il BBV aveva facoltà aggregare alla propria offerta ulteriori partner con quote minoritarie azioni al fine completare l'azionariato stabile BNL. Il 12 settembre 1998 il Ministero del Tesoro ha comunicato che la Banca Popolare Vicentina e l'ina si erano aggregate alla BBV per costituire il nucleo azionisti riferimento della BNL una volta completata la privatizzazione della stessa. Il 29 settembre 1998 sono stati stipulati dal Ministero del Tesoro i contratti compraventa azioni ornarie della BNL con i componenti l'azionariato stabile per le seguenti quote: Azionisti stabili Quota acquistata Quota acquistata Capitale sociale Capitale ornario Banco Bilbao Vizcaya 10,00 10,11 Banca Popolare Vicentina 7,75 7,84 INA 7,25 7,33 Il numero delle azioni complessivamente ceduto ai suddetti azionisti stabili è stato pari a , per una quota pari al 25,28 del capitale ornario BNL (25 del capitale sociale) La tecnica venta meante offerta globale Successivamente alla costituzione dell'azionariato stabile il Ministero del Tesoro ha proceduto alla cessione della propria partecipazione residua in BNL, meante offerta globale azioni ornarie composta da: un'offerta pubblica venta azioni in Italia (OPV); un collocamento privato destinato ad investitori istituzionali in Italia e all'estero, comprensivo un'offerta negli Stati Uniti d'america effettuata ai sensi della Rule 144A. Oltre al Ministero del Tesoro, all'offerta globale hanno aderito in qualità offerenti, con l'intera loro partecipazione: l'istituto Nazionale della Previdenza Sociale (INPS), le Ferrovie dello Stato S.p.A., l'istituto Nazionale per l'assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (INAIL), l'opera Nazionale per i Combattenti (ONC), l'istituto Nazionale per le Assicurazioni contro le Malattie (INAM), il Banco Sicilia S.p.A. e l'istituto Nazionale per l'addestramento ed il Perfezionamento dei Lavoratori dell'industria (INAPLI). L'offerta pubblica in Italia è stata effettuata con la tecnica dell'offerta a prezzo aperto, in base alla quale il prezzo dell'opv, stabilito alla chiusura dell'opv stessa, è pari al minore tra i seguenti: il prezzo dell'offerta istituzionale, da determinarsi in base all'andamento della raccolta degli orni provenienti dagli investitori istituzionali; il prezzo massimo, da determinarsi entro il giorno pre l'inizio dell'offerta. 10 MINISTERO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

10 Il 14 novembre 1998, prima dell'inizio dell'opv, il Ministero del Tesoro, d'intesa con i Global Coornator e previa consultazione con l'advisor, ha fissato in lire per azione il prezzo massimo collocamento applicabile agli aderenti all'opv. Il prezzo offerta è stato determinato il 21 novembre 1998 ed è risultato pari a: lire per gli aderenti all'opv, pari al prezzo massimo; lire per gli investitori istituzionali Le caratteristiche dell'offerta globale Le caratteristiche dell'offerta (incluse le azioni messe a sposizione dagli altri offerenti) sono state le seguenti: Dimensione dell'offerta: azioni ornarie, pari al 45,3 del capitale ornario; azioni ornarie, ossia fino ad un massimo del 15 dell'offerta globale, per l'esercizio della green shoe. Struttura dell'offerta: un quantitativo minimo azioni destinate al pubblico instinto italiano (OPV), cui un quantitativo massimo pari al 20 riservato ai pendenti e promotori finanziari del Gruppo BNL; azioni riservate agli investitori istituzionali italiani ed esteri. Data la domanda registrata nella fase raccolta degli orni, sia da parte del pubblico in Italia che da parte degli investitori istituzionali, il Ministero del Tesoro ha deciso aumentare l'offerta globale, che è venuta, pertanto, pari a azioni, cui azioni all'opv, azioni agli investitori istituzionali e azioni per l'esercizio della green shoe I destinatari dell'offerta globale Il collocamento è stato riservato: al pubblico dei risparmiatori italiani e ai pendenti e promotori finanziari del Gruppo BNL; agli investitori professionali italiani, come definiti nell'art.4, comma 1, lettera a), della delibera Consob 6430 del 26 agosto 1992; agli investitori istituzionali esteri, definiti dalle relative legislazioni; agli investitori statunitensi, nell'ambito della Rule 144A Gli incentivi per i risparmiatori Nell'ambito dell'offerta è stato previsto per i risparmiatori l'incentivo della bonus share, ossia l'attribuzione ai sottoscrittori in sede OPV 10 azioni ornarie gratuite ogni 100 assegnate e mantenute per un periodo ininterrotto doci mesi dalla data pagamento, fino ad un massimo 300 azioni gratuite per ciascun sottoscrittore. Per i pendenti e i promotori del Gruppo BNL tale premio è stato stabilito in 11 azioni ornarie gratuite ogni 100 azioni acquistate in sede OPV, fino ad un massimo 550 azioni gratuite. L'opzione azione gratuita sarà esercitabile entro il termine decadenza del 27 gennaio I componenti del sindacato collocamento L'offerta al pubblico dei risparmiatori italiani (OPV) è stata effettuata tramite un consorzio, il cui Gruppo Direzione era così composto: Banca Nazionale del Lavoro Banche capofila e coornatrici Meobanca MINISTERO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA 11

11 Banca Commerciale Italiana Gruppo rezione Banca Roma CABOTO SIM (Gruppo Intesa) Unicreto Italiano SAN PAOLO - IMI Banca Fideuram Gruppo co-rezione Banca Meolanum Banca Monte dei Paschi Siena L'offerta istituzionale è stata sottoscritta da tre consorzi per Regioni monali: Italia (Italia), Resto del Mondo (RoW) e Stati Uniti d'america (USA). In dettaglio: Italia Meobanca Bookrunning Lead Manager Banca Nazionale del Lavoro Co-Lead Manager Schroders J.P. Morgan Sec. Banca Commerciale Italiana Co-Manager Banca Roma CABOTO SIM (Gruppo Intesa) Albertini & Co. SIM Euromobiliare SIM Rasfin SIM Junior Co-Manager AFV - Milla & Co. SIM Unicreto Italiano RoW Schroders Warburg Dillon Read JP Morgan Sec. BBV Interactivos BT Alex Brown Int. Cazenove & Co. Fox-Pitt, Kelton NV ABN AMRO Rothschild CA IB Investmentbank Bookrunning Joint Lead Manager Joint Lead Manager Co-Lead Manager Co-Manager Dresdner Kleinwort Benson Meobanca USA Schroders Bookrunning Joint Lead Manager Lehman Brothers J.P. Morgan Sec. BT Alex Brown Salomon Smith Barney Joint Lead Manager Co-Lead Manager La tempistica dell'offerta globale 9 novembre 1998 avvio della raccolta degli orni istituzionali (bookbuilng) 14 novembre 1998 fissazione del prezzo massimo dell'opv 16 novembre 1998 avvio dell'opv 20 novembre 1998 chiusura dell'opv e del book-builng 21 novembre 1998 annuncio del prezzo offerta e allocazione delle azioni 1 cembre 1998 regolamento venta dell'offerta globale (closing) 4 gennaio 1999 regolamento venta della green shoe L'esito dell'offerta globale La domanda complessiva è risultata pari a oltre 4 miliar azioni, così ripartita: N. azioni Offerta allocate iniziale N. azioni inclusa Tranche azioni richieste green shoe (in milioni) (in milioni) (in milioni) OPV cui p. BNL Ist. Italia Ist. RoW USA Totale MINISTERO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

12 il 62,9 proveniente dal pubblico dei risparmiatori (OPV); il 21,7 proveniente dagli investitori istituzionali del resto del mondo; il 10,5 proveniente dagli investitori istituzionali italiani; il 5 proveniente dagli investitori statunitensi Gli introiti e i costi dell'operazione Il regolamento dell'operazione venta agli azionisti stabili è avvenuto in data 3 cembre Il prezzo per azione è stato pari a lire. Il prezzo pagato dagli azionisti stabili, come previsto dai rispettivi contratti venta, è comprensivo una maggiorazione del 4 sul prezzo applicato agli investitori istituzionali nell ambito dell offerta globale. L'incasso lordo a fronte della venta azioni cedute dal Tesoro è stato pari a lire L'importo netto pari a lire è stato versato al capitolo 4055 dello stato previsione dell'entrata del bilancio dello Stato, destinato al finanziamento del Fondo, dopo aver dedotto lire per commissioni. Il regolamento dell'offerta globale è avvenuto il 1 cembre L'incasso lordo a fronte della venta azioni cedute dal Tesoro nell'offerta globale è stato pari a lire In sede versamento dei proventi della venta, sono state trattenute lire per commissioni da corrispondere ai collocatori, compensi ai consulenti, spese relative agli adempimenti con la U.S. Securities and Exchange Commission (SEC) e ad altri adempimenti normativi. L'importo netto pari a lire è stato versato al capitolo 4055 dello stato previsione dell'entrata del bilancio dello Stato. Il regolamento venta relativo alla green shoe è avvenuto il 4 gennaio L'incasso lordo a fronte della venta azioni del Tesoro destinate all'esercizio della green shoe è stato pari a lire In sede versamento detti proventi sono state trattenute lire relative a compensi a consulenti, a commissioni da corrispondere ai collocatori e ad altre spese dell'offerta globale. Al capitolo 4055 dello stato previsione dell'entrata del bilancio dello Stato sono affluite lire A fronte del prestito ai Global Coornator azioni per l'esercizio della green shoe, sono state corrisposte al Tesoro, come commissioni sul prestito, lire , anch'esse affluite al capitolo 4055 del bilancio dello Stato. Numero azioni ornarie vendute (offerta globale e azionisti stabili) Prezzo venta lire, lire, lire Commissioni su prestito (green shoe) lire Incasso lordo lire Commissioni e altre spese lire Incasso netto versato al cap lire Le spese relative ai residui compensi da corrispondere ai consulenti, non fatturate al momento dell'incasso dei proventi della venta, saranno coperte, una volta completata la verifica della relativa documentazione giustificativa, con i fon appositamente stanziati in occasione delle precedenti operazioni privatizzazione al capitolo 4056 dello stato previsione dell'entrata del bilancio dello Stato Partecipazione del Tesoro al capitale sociale della BNL A seguito dell'operazione, il Tesoro possiede ancora azioni ornarie della BNL, pari al 2,50 del capitale ornario, tutte vincolate a fronte dell'esercizio della bonus share, fino alla data del 27 gennaio MINISTERO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA 13

13 2.3 INA S.p.A. - ESERCIZIO DEL DIRITTO DI CONVERSIONE Nel giugno 1996 il Ministero del Tesoro aveva proceduto all'emissione titoli obbligazionari del Tesoro convertibili in azioni dell'ina (PENs), con scadenza fissata per il 28 giugno Dal 1 gennaio al 31 cembre 1998 è stato convertito un ammontare titoli obbligazionari del Tesoro corrispondente a azioni dell'ina. A seguito delle suddette conversioni, alla data del 31 cembre 1998, il Tesoro possiede azioni dell'ina, pari al 13,27 del capitale sociale, cui (pari al 12,16) vincolate fino alla data del 28 giugno 2001 per l'esercizio del ritto conversione. Nel corso del 1998, a seguito dell'accertamento dei titoli obbligazionari ancora in circolazione, che avviene con cadenza semestrale, sono state versate al capitolo 4055 dello stato previsione dell'entrata del bilancio dello Stato, per poi affluire al Fondo, lire corrispondenti al valore nominale dei titoli convertiti in azioni INA nel periodo 29 cembre giugno MINISTERO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

14 3 OPERAZIONI REALIZZATE DAL GRUPPO IRI E DAL GRUPPO ENI 3.1 Operazioni realizzate dal Gruppo IRI nel primo semestre 1998 Le operazioni realizzate nel primo semestre del 1998 dal Gruppo IRI hanno generato risorse per un ammontare complessivo circa miliar lire, che comprendono il deconsolidamento debiti per circa 21 miliar lire verso il sistema bancario. Per il dettaglio delle operazioni effettuate dalle singole finanziarie e società rettamente controllate si rimanda alle tabelle riportate in allegato. Per quanto attiene l'iri S.p.A., si evidenzia quanto segue: i flussi periodo relativi alle cessioni quote controllo, pari a circa 11 miliar lire, si riferiscono al conguaglio sulla cessione Seat; i flussi periodo relativi alle cessioni quote minoranza, per circa miliar lire, si riferiscono al collocamento sul mercato del 18,38 delle azioni Alitalia (787 miliar lire) e alla cessione azioni Banca Roma (353 miliar lire), poste al servizio del prestito obbligazionario convertibile emesso nel In merito alle operazioni realizzate dalle Holng settoriali, attraverso le cosiddette "privatizzazioni secondo livello", nel semestre in questione si segnala quanto segue: cessioni quote controllo per oltre 20 miliar lire (Garboli-Rep e Mantelli Estero da parte Iritecna; Aerimpianti e Sofitech da parte Finmeccanica); cessioni quote minoranza e rami d'azienda per oltre miliar lire, sostanzialmente riferibili all'operazione STMicroelectronics recentemente conclusa (7) ; alienazioni cespiti per circa 120 miliar lire relativi, essenzialmente, a smobilizzi effettuati da Finmeccanica, Finsider, Fintecna e Sofinpar. 3.2 Operazioni realizzate dal Gruppo ENI nel primo semestre 1998 Nel primo semestre 1998 sono state definite operazioni cessione per un incasso pari a miliar lire. Nelle tabelle allegate sono riportati il riepilogo delle smissioni definite nell incato periodo sudvise per tipologia, nonché i relativi dettagli. L'ammontare del corrispettivo incato, salvo specifica versa incazione, è da intendersi corrisposto in contanti, essendo norma i pagamenti lazionati fruttiferi interessi a tassi mercato e idoneamente garantiti. Di seguito sono descritte le principali operazioni smissione definite nel primo semestre Approvvigionamento, Trasporto e Distribuzione Gas Naturale 1. Quote controllo L'operazione è relativa alla cessione ad Albacom della Nuova Telecomunicazioni, società conferitaria del ramo d'azienda SnamTele. Il closing è avvenuto il 30 giugno Rami d'azienda A fine giugno 1998 è stato eseguito il contratto cessione del Cementificio Ravenna alle Cementerie Aldo Barbetti S.p.A. 3. Quote minoritarie Il 10 giugno 1998 è avvenuta la cessione della partecipazione (67) posseduta dal Gruppo nella (7) A seguito del collocamento 16 milioni titoli STMicroelectronics, sono stati incassati da STMicroelectronics Holng oltre miliar lire. Tale società ha provveduto a stribuire ai propri azionisti un videndo straornario; la quota competenza MEI è risultata pari a 985 miliar lire. MINISTERO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA 15

15 Metano Sarda S.p.A., società titolare delle sole concessioni stribuzione gas nella provincia Cagliari e nel Comune Sassari. Raffinazione e Distribuzione Prodotti Petroliferi 1. Rami d'azienda La cessione riguarda l'intera attività della filiale Dubai (produzione e venta lubrificanti) all'attuale stributore dell'agip Petroli per il Kuwait. Il closing è avvenuto il 3 giugno Quote minoritarie Nel corso del mese giugno ha avuto esecuzione la cessione della partecipazione (10) posseduta nella Erg all'imi (6,5) e al Cret Suisse (3,5) per il prezzo 115,6 miliar lire. L'ammontare qui considerato riguarda il maggior incasso consuntivato (circa 20 miliar lire) rispetto a quello (96 miliar lire) previsto ed inserito tra le cessioni definite nel secondo semestre Altre 1. Quote minoritarie Le operazioni più rilevanti sono: La cessione da parte dell'eni 75 milioni azioni ornarie Saipem, compresi 15 milioni azioni costituenti la green shoe, rappresentative del 18,75 dell'intero capitale sociale, per un incasso complessivo 742,5 miliar lire. Contemporaneamente la Saipem ha collocato sul mercato 40 milioni azioni nuova emissione per complessivi 375,5 miliar lire. La partecipazione complessiva del Gruppo si è così ridotta al 43,23; La cessione da parte della Saipem della partecipazione (50) posseduta nella Rio Colorado S.A., che opera nell'attività perforazione petrolifera in America Latina, alla Inversora Leopax S.A.. 16 MINISTERO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

16 TABELLE

17 Nota metodologica per la elaborazione dei dati relativi al Gruppo IRI Nella elaborazione dei dati relativi alle principali operazioni privatizzazione realizzate dal Gruppo IRI si è seguita la seguente impostazione metodologica: sono state considerate le operazioni concluse nel periodo luglio giugno 1998 con soggetti "terzi", prendendo a riferimento la data sottoscrizione del contratto cessione; per ciascuna finanziaria si sono dettagliate, oltre alle privatizzazioni (intese come cessioni quote controllo e aziende/rami d'azienda) anche le operazioni che hanno riguardato la cessione quote minoranza e le smissioni immobili e cespiti rilevanti non strumentali; per le operazioni privatizzazione è stato incato il valore dell'indebitamento finanziario netto trasferito alla parte acquirente e deconsolidato con riferimento alla data sottoscrizione del contratto cessione; nelle tavole dettaglio e nei riepiloghi gruppo sono stati riportati gli oneri ed i compensi connessi alle verse operazioni, avuto riguardo a tutte le attività funzionali alla cessione (consulenti, valutatori, legali, revisori, ecc.); gli importi riportati nelle tavole dettaglio e nei riepiloghi gruppo sono espressi in miliar lire.

18 Riepilogo delle smissioni effettuate dal Gruppo IRI dal luglio 92 al 30/6/98 (milar lire) F i n a n z i a r i e Totale complessivo cui solo finanziarie (2 livello) TIPO DI CESSIONE ALITALIA FINCANTIERI FINMARE FINMECCANICA FINSIDER FINTECNA IRITECNA (incluso ex-ilva) MEI RAI SME SOFINPAR COFIRI STET IRI S.p.A. 1 - Cessioni Controval.cessioni 29,6 261,1 74,1 611,5 165, ,8 298,1 7,2 615,7 42, , , ,4 quote controllo Indebitam.trasferito 34,0 500, ,5 3, , , ,3 Tot.risorse reperite 29,6 261,1 108, ,8 165, ,3 298,1 10,7 615,7 42, , , ,7 Oneri/Spese cess. 0,9 4,5 1,1 2,0 1,1 4,8 0,1 777,1 791,5 14,5 2 - Cessioni Controval.cessioni 16,7 205,1 4,7 18,1 18,0 25,6 288,2 288,2 aziende/ rami d'azienda Indebitam.trasferito 17,2 2,8 20,0 20,0 Tot.risorse reperite 16,7 222,3 4,7 20,9 18,0 25,6 308,1 308,1 Oneri/Spese cess. 0,8 1,7 0,7 3,1 3,1 Controvalore cessioni Privatizzazioni (1+2) 29,6 277,8 74,1 816,6 165, ,5 18,1 316,1 7,2 615,7 67, , , ,5 Indebitam. finanz. netto trasferito Privatizzazioni (1+2) 34,0 517, ,5 2,8 3, , , ,3 Risorse reperite Privatizzazioni (1+2) 29,6 277,8 108, ,1 165, ,0 20,9 316,1 10,7 615,7 67, , , ,8 3 - Cessioni quote Controval.cessioni 387,9 68,1 20, ,9 28,2 61,6 546, ,8 2,5 150,1 77, , , , ,7 minoritarie Oneri/Spese cess. 0,3 0,1 6,5 3,7 5,9 19,0 0,1 40,7 76,3 35,6 4 - Cessioni immobili Controval.cessioni 67,4 218,5 197,4 94,0 62,7 306,2 4,6 512,4 11, , ,7 /cespiti Oneri/Spese cess. 0,1 2,4 1,8 0,3 1,0 1,6 0,3 7,6 7,6 Totale Controvalore cessioni ( ) 417,5 413,3 312, ,8 122,2 289, , ,8 25,2 316,1 669,7 693, , , , ,9 Totale Indebitam.finanz. netto trasferito (1+2) 34,0 517, ,5 2,8 3, , , ,3 Totale Risorse reperite ( ) 417,5 413,3 346, ,3 122,2 289, , ,8 28,0 316,1 673,2 693, , , , ,2 Totale Oneri/Spese 1,2 5,4 3,6 12,0 0,3 5,8 12,3 19,0 0,4 0,1 0,7 817,8 878,5 60,8 MINISTERO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA 19

19 Riepilogo delle smissioni effettuate dal Gruppo IRI nel 1 semestre 1998 (miliar lire) F i n a n z i a r i e Totale complessivo cui solo finanziarie (2 livello) Tipo cessione ALITALIA FINCANTIERI FINMARE FINMECCANICA FINSIDER FINTECNA IRITECNA (incluso ex ILVA) MEI RAI SME SOFINPAR COFIRI STET IRI S.p.A. 1 - Cessioni Controval.cessioni 2,8 20,8 10,5 34,1 23,6 quote controllo Indebitam.trasferito 21,3 21,3 21,3 Tot.risorse reperite 2,8 42,1 10,5 55,4 44,9 Oneri/Spese cess. 0,2 0,2 0,2 2 - Cessioni Controval.cessioni 95,8 95,8 95,8 aziende/ rami d'azienda Indebitam.trasferito Tot.risorse reperite 95,8 95,8 95,8 Oneri/Spese cess. 1,1 0,6 1,7 1,7 Controvalore cessioni Privatizzazioni (1+2) 98,7 20,8 10,5 130,0 119,5 Indebitam. finanz. netto trasferito Privatizzazioni (1+2) 21,3 21,3 21,3 Risorse reperite Privatizzazioni (1+2) 98,7 42,1 10,5 151,3 140,8 3 - Cessioni quote Controval.cessioni 10,9 11,9 985,0 5, , , ,1 minoritarie Oneri/Spese cess. 16,0 16,0 4 - Cessioni immobili Controval.cessioni 2,9 27,8 15,9 46,2 0,4 25,5 118,7 118,7 /cespiti Oneri/Spese cess. 0,6 0,7 1,3 1,3 Totale Controvalore cessioni ( ) 10,9 2,9 138,3 15,9 46,2 21,2 985,0 25,5 5, , , ,3 Totale Indebitam.finanz. netto trasferito (1+2) 21,3 21,3 21,3 Totale Risorse reperite ( ) 10,9 2,9 138,3 15,9 46,2 42,5 985,0 25,5 5, , , ,6 Totale Oneri/Spese 1,7 0,7 0,2 0,6 16,0 19,1 3,1 20 MINISTERO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

20 Scheda 3 - Finanziaria: ALITALIA - Cessioni quote minoritarie / Data Controval. Indebitam. Oneri Alfa Romeo Avio 5,0 Alitalia 5,0 Fiat Avio 20/02/98 9,2 Bonifico bancario 20/02/1998 con Banca Commerciale Italiana Aeradria 12,5 Aviofin 12,5 Sea 28/04/98 1,7 Bonifico bancario 28/04/1998 con Banca Commerciale Italiana TOTALE Cessioni quote minoritarie 10,9 Scheda 4 - Finanziaria: FINCANTIERI - Cessioni immobili/cespiti / Data Controval. Indebitam. Oneri Appartamenti in Monfalcone Fincantieri Privati date verse 1,3 Acconto e saldo alla stipula del contratto Appartamenti in Monfalcone Fincantieri Comune Monfalcone 30/06/98 1,6 Pagamento contestuale TOTALE Cessioni immobili/cespiti 2,9 Scheda 1 - Finanziaria: FINMECCANICA - Cessioni quote controllo / Data Controval. Indebitam. Oneri Aerimpianti 100,0 Ansaldo industria 100,0 Italcoser Logistic 10/04/98 2,6 Sofitech 100,0 Iritech 100,0 Sofipa 15/05/98 0,2 Contanti TOTALE Cessioni quote controllo 2,8 Scheda 2 - Finanziaria: FINMECCANICA - Cessioni aziende e rami d azienda / Data Controval. Indebitam. Oneri UV Chlorination EBHBITALY SpA, F&P Capital Controls apr-98 28,5 21,3 ml contanti, resto da Company Inc EINV acquisire Ramo az. manutenzioni The Dee Howard management buy out 21/06/98 67,3 1,1 bonifico bancario Ramo serv. qual. esterna Fiar Technical Services Spa Akros inform. - RA 30/06/98 0,1 pagamento data 1/7/98 TOTALE Cessioni aziende e rami d azienda 95,8 1,1 Scheda 3 - Finanziaria: FINMECCANICA - Cessioni quote minoritarie / Data Controval. Indebitam. Oneri Impact System Inc. 22,9 Einv 22,9 Voith Sulzer Paper Tech. 1 trim ,6 Contanti North America Ismes 1,3 Ansaldo Energia 1,3 Enel 08/04/98 0,3 Contanti TOTALE Cessioni quote minoritarie 11,9 MINISTERO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA 21

La relazione sulle privatizzazioni

La relazione sulle privatizzazioni MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Dipartimento del Tesoro La relazione sulle privatizzazioni Agosto 2002 Stampa: ISTITUTO POLIGRAFICO E ZECCA DELLO STATO MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Dipartimento

Dettagli

La relazione sulle privatizzazioni

La relazione sulle privatizzazioni MINISTERO DELL EcONOMIA E DELLE FINANZE Dipartimento del Tesoro La relazione sulle privatizzazioni Relazione al Parlamento sulle operazioni di cessione delle partecipazioni in società controllate direttamente

Dettagli

La relazione sulle privatizzazioni

La relazione sulle privatizzazioni MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Dipartimento del Tesoro La relazione sulle privatizzazioni Aprile 2003 Stampa: ISTITUTO POLIGRAFICO E ZECCA DELLO STATO MINISTERO DELL EcONOMIA E DELLE FINANZE Dipartimento

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA Doc. XCIX n. 6 RELAZIONE SULLE OPERAZIONI DI CESSIONE DELLE PARTECIPAZIONI IN SOCIETA' CONTROLLATE DIRETTAMENTE O INDIRETTAMENTE DALLO STATO (Anno 2004) (Articolo

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze. La relazione sulle privatizzazioni

Ministero dell Economia e delle Finanze. La relazione sulle privatizzazioni Ministero dell Economia e delle Finanze La relazione sulle privatizzazioni Settembre 2011 La relazione sulle privatizzazioni Relazione al Parlamento sulle operazioni di cessione delle partecipazioni in

Dettagli

Libro bianco sulle privatizzazioni

Libro bianco sulle privatizzazioni MINISTERO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA Libro bianco sulle privatizzazioni Sito Internet: www.tesoro.it www.dgt.tesoro.it Sito Internet: Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato

Dettagli

RELAZIONE AL PARLAMENTO SULL AMMINISTRAZIONE DEL FONDO PER L AMMORTAMENTO DEI TITOLI DI STATO

RELAZIONE AL PARLAMENTO SULL AMMINISTRAZIONE DEL FONDO PER L AMMORTAMENTO DEI TITOLI DI STATO RELAZIONE AL PARLAMENTO SULL AMMINISTRAZIONE DEL FONDO PER L AMMORTAMENTO DEI TITOLI DI STATO (AI SENSI DELL ARTICOLO 2, COMMA 3, DELLA LEGGE 27 OTTOBRE 1993 N. 432) Nel 2003 il Ministero dell economia

Dettagli

Indirizzo Internet: http://www.dt.tesoro.it Per informazioni contattare: dt.gruppo.info@tesoro.it Dir.II - Uff. VIII

Indirizzo Internet: http://www.dt.tesoro.it Per informazioni contattare: dt.gruppo.info@tesoro.it Dir.II - Uff. VIII Indirizzo Internet: http://www.dt.tesoro.it Per informazioni contattare: dt.gruppo.info@tesoro.it Dir.II - Uff. VIII Indice Composizione dei titoli di Stato all emisione pag. 1 Composizione dei titoli

Dettagli

CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI CANTÙ Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa CONDIZIONI DEFINITIVE

CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI CANTÙ Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa CONDIZIONI DEFINITIVE in qualità di Emittente Sede legale in Cantù, Corso Unità d Italia 11 Iscritta all Albo delle Banche al n. 719 (Cod. ABI 08430), all Albo delle Cooperative al n. A165516, al Registro delle Imprese di Como

Dettagli

RELAZIONE AL PARLAMENTO SULL AMMINISTRAZIONE DEL FONDO PER L AMMORTAMENTO DEI TITOLI DI STATO

RELAZIONE AL PARLAMENTO SULL AMMINISTRAZIONE DEL FONDO PER L AMMORTAMENTO DEI TITOLI DI STATO RELAZIONE AL PARLAMENTO SULL AMMINISTRAZIONE DEL FONDO PER L AMMORTAMENTO DEI TITOLI DI STATO Introduzione La Relazione è redatta ai sensi dell articolo 44 comma 3 del D.P.R. 30 dicembre 2003 n. 398 -

Dettagli

Settima Emissione - Scheda informativa

Settima Emissione - Scheda informativa BTP Italia Settima Emissione - Scheda informativa Emittente Rating Emittente Annuncio dell emissione Tasso cedolare (reale) annuo minimo garantito Repubblica Italiana Scadenza 6 anni (27 ottobre 2020)

Dettagli

Estense Grande Distribuzione

Estense Grande Distribuzione BNP Paribas REIM SGR p.a. approva le semestrali 2013, delibera il periodo di grazia e la riduzione della commissione di gestione dei Fondi Estense Grande Distribuzione e BNL Portfolio Immobiliare Estense

Dettagli

CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI CANTÙ Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa CONDIZIONI DEFINITIVE

CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI CANTÙ Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa CONDIZIONI DEFINITIVE in qualità di Emittente Sede legale in Cantù, Corso Unità d Italia 11 Iscritta all Albo delle Banche al n. 719 (Cod. ABI 08430), all Albo delle Cooperative al n. A165516, al Registro delle Imprese di Como

Dettagli

RELAZIONE AL PARLAMENTO SULL AMMINISTRAZIONE DEL FONDO PER L AMMORTAMENTO DEI TITOLI DI STATO

RELAZIONE AL PARLAMENTO SULL AMMINISTRAZIONE DEL FONDO PER L AMMORTAMENTO DEI TITOLI DI STATO RELAZIONE AL PARLAMENTO SULL AMMINISTRAZIONE DEL FONDO PER L AMMORTAMENTO DEI TITOLI DI STATO Introduzione La relazione è redatta ai sensi dell articolo 44 comma 3 del D.P.R. 30 dicembre 2003 n. 398 -

Dettagli

BNP Paribas REIM SGR p.a. approva i rendiconti annuali 2013 dei Fondi BNL Portfolio Immobiliare e Immobiliare Dinamico

BNP Paribas REIM SGR p.a. approva i rendiconti annuali 2013 dei Fondi BNL Portfolio Immobiliare e Immobiliare Dinamico BNP Paribas REIM SGR p.a. approva i rendiconti annuali 2013 dei Fondi BNL Portfolio Immobiliare e Immobiliare Dinamico BNL Portfolio Immobiliare: valore di quota pari a Euro 1.321,402 con un rendimento

Dettagli

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente BANCA DELLA MARCA CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente REGOLAMENTO DI EMISSIONE DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO BANCA DELLA MARCA CREDITO COOPERATIVO 2007/2012 TF 4,58% 118^ EMISSIONE

Dettagli

Comunicato stampa. Si riporta nel seguito il testo della comunicazione di Mediobanca, redatta ai sensi dell articolo 102 del TUF.

Comunicato stampa. Si riporta nel seguito il testo della comunicazione di Mediobanca, redatta ai sensi dell articolo 102 del TUF. Comunicato stampa Mediobanca promuove un Offerta Pubblica di Acquisto sui Titoli Fresh 2003 emessi da MPS Capital Trust II e garantiti dalla Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Milano, 12 maggio 2011

Dettagli

TAVOLA -A FONDO PER L'AMMORTAMENTO DEI TITOLI DI STATO PROSPETTO DELLE ENTRATE CHE TRANSITANO IN BILANCIO

TAVOLA -A FONDO PER L'AMMORTAMENTO DEI TITOLI DI STATO PROSPETTO DELLE ENTRATE CHE TRANSITANO IN BILANCIO TAVOLA -A FONDO PER L'AMMORTAMENTO DEI TITOLI DI STATO PROSPETTO DELLE ENTRATE CHE TRANSITANO IN BILANCIO Provenienza Data di entrata Valore di bilancio Capitolo Data di trasferimento (causale) in bilancio

Dettagli

Le Emissioni del Tesoro nel 2011

Le Emissioni del Tesoro nel 2011 Ministero dell'economia e delle Finanze Debito Pubblico Le Emissioni del Tesoro nel 2011 Indirizzo Internet: http://www.dt.tesoro.it Per informazioni contattare: dt.gruppo.info@tesoro.it Dir.II - Uff.

Dettagli

AVVISO n.9070. 15 Maggio 2014 MOT - DomesticMOT. Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso

AVVISO n.9070. 15 Maggio 2014 MOT - DomesticMOT. Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso AVVISO n.9070 15 Maggio 2014 MOT - DomesticMOT Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto dell'avviso : REPUBBLICA ITALIANA Oggetto : DomesticMOT: inizio negoziazioni "BTP 3,50% 01/03/2014-01/03/2030"

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA SEZIONE 4 Società per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA "BANCA CRV CASSA DI RISPARMIO DI VIGNOLA S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO BANCA CRV CASSA DI RISPARMIO DI VIGNOLA

Dettagli

Il mercato mobiliare

Il mercato mobiliare Il mercato mobiliare E il luogo nel quale trovano esecuzione tutte le operazioni aventi per oggetto valori mobiliari, ossia strumenti finanziari così denominati per la loro attitudine a circolare facilmente

Dettagli

Capitolo 11. Esercizi di contabilità e bilancio di Mario Calderini. Esercizio 1. Una Società, il 31-12-2000 presenta il seguente Stato Patrimoniale.

Capitolo 11. Esercizi di contabilità e bilancio di Mario Calderini. Esercizio 1. Una Società, il 31-12-2000 presenta il seguente Stato Patrimoniale. Capitolo 11 Esercizi di contabilità e bilancio di Mario Calderini Esercizio 1 Una Società, il 31-12-2 presenta il seguente Stato Patrimoniale. Terreni Immobilizzazioni tecniche Immobilizzazioni immateriali

Dettagli

Alerion Industries S.p.A. Relazione trimestrale al 31 marzo 2003

Alerion Industries S.p.A. Relazione trimestrale al 31 marzo 2003 Alerion Industries S.p.A. Relazione trimestrale al 31 marzo 2003 Indice pag. Premessa 3 Valore e costi della produzione consolidati 4 Posizione finanziaria netta consolidata 5 Note di commento 6 Stato

Dettagli

BNP Paribas REIM SGR p.a. approva le semestrali 2015 dei fondi BNL Portfolio Immobiliare ed Estense-Grande Distribuzione

BNP Paribas REIM SGR p.a. approva le semestrali 2015 dei fondi BNL Portfolio Immobiliare ed Estense-Grande Distribuzione BNP Paribas REIM SGR p.a. approva le semestrali 2015 dei fondi BNL Portfolio Immobiliare ed Estense-Grande Distribuzione Milano, 28 luglio 2015. Il Consiglio di Amministrazione di BNP Paribas REIM SGR

Dettagli

TAVOLA -A1 FONDO PER L'AMMORTAMENTO DEI TITOLI DI STATO PROSPETTO DELLE ENTRATE CHE TRANSITANO IN BILANCIO (a tutto il 31.12.2001)

TAVOLA -A1 FONDO PER L'AMMORTAMENTO DEI TITOLI DI STATO PROSPETTO DELLE ENTRATE CHE TRANSITANO IN BILANCIO (a tutto il 31.12.2001) TAVOLA -A1 PROSPETTO DELLE ENTRATE CHE TRANSITANO IN BILANCIO (a tutto il 31.12.2001) Provenienza Data di entrata Valore di bilancio Capitolo Data di trasferimento (causale) in bilancio (valori espressi

Dettagli

Roma, 29 Gennaio 2010 COMUNICATO STAMPA EMESSO AI SENSI DELL ART. 114, COMMA 5, DEL D. LGS N. 58/98

Roma, 29 Gennaio 2010 COMUNICATO STAMPA EMESSO AI SENSI DELL ART. 114, COMMA 5, DEL D. LGS N. 58/98 Roma, 29 Gennaio 2010 COMUNICATO STAMPA EMESSO AI SENSI DELL ART. 114, COMMA 5, DEL D. LGS N. 58/98 In relazione alla richiesta inoltrata alla Società dalla Commissione Nazionale per le Società e la Borsa

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla

CONDIZIONI DEFINITIVE alla Società per azioni con unico Socio Sede sociale in Vignola, viale Mazzini n.1 Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Modena e Codice Fiscale/Partita I.V.A. 02073160364 Capitale sociale al 31

Dettagli

BNP Paribas REIM SGR p.a. approva il rendiconto annuale 2014 del Fondo BNL Portfolio Immobiliare

BNP Paribas REIM SGR p.a. approva il rendiconto annuale 2014 del Fondo BNL Portfolio Immobiliare BNP Paribas REIM SGR p.a. approva il rendiconto annuale 2014 del Fondo BNL Portfolio Immobiliare BNL Portfolio Immobiliare: valore di quota pari a Euro 937,084 con un rendimento medio annuo composto (TIR)

Dettagli

Ottava Emissione - Scheda informativa

Ottava Emissione - Scheda informativa BTP Italia Ottava Emissione - Scheda informativa Emittente Rating Emittente Annuncio dell emissione Tasso cedolare (reale) annuo minimo garantito Repubblica Italiana Baa2 / BBB- / BBB+ / A- (Moody s /

Dettagli

Sesta Emissione - Scheda informativa

Sesta Emissione - Scheda informativa BTP Italia Sesta Emissione - Scheda informativa Emittente Rating Emittente Annuncio dell emissione Tasso cedolare (reale) annuo minimo garantito Modalità di collocamento sul MOT Quotazione Taglio minimo

Dettagli

IMMOBILIARE DINAMICO

IMMOBILIARE DINAMICO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO RELATIVO ALL OFFERTA AL PUBBLICO E AMMISSIONE ALLE NEGOZIAZIONI DI QUOTE DEL FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO IMMOBILIARE CHIUSO IMMOBILIARE DINAMICO depositato presso la Consob in

Dettagli

IMMOBILIARE DINAMICO

IMMOBILIARE DINAMICO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO RELATIVO ALL OFFERTA AL PUBBLICO E AMMISSIONE ALLE NEGOZIAZIONI DI QUOTE DEL FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO IMMOBILIARE CHIUSO IMMOBILIARE DINAMICO depositato presso la Consob in

Dettagli

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUTO TECNICO STATALE COMMERCIALE E PER GEOMETRI A.MARTINI Castelfranco Veneto (TV) GARA NAZIONALE - ANNO - PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE La prova consiste nello svolgimento due parti, la parte A e la

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO G.I.M. GENERALE INDUSTRIE METALLURGICHE S.P.A. Sede legale in Firenze, Via dei Barucci n.2 Capitale sociale 102.543.045,00 Iscritta al Registro delle Imprese di Firenze al n. 00421400482 S.M.I. SOCIETÀ

Dettagli

ACCORDI DI CO-VENDITA AVENTI AD OGGETTO AZIONI E OBBLIGAZIONI CONVERTENDE PRELIOS S.P.A.

ACCORDI DI CO-VENDITA AVENTI AD OGGETTO AZIONI E OBBLIGAZIONI CONVERTENDE PRELIOS S.P.A. ACCORDI DI CO-VENDITA AVENTI AD OGGETTO AZIONI E OBBLIGAZIONI CONVERTENDE PRELIOS S.P.A. Estratti ai sensi dell art. 122 del Decreto Legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 ( TUF ) e dell art. 130 del Regolamento

Dettagli

Comunicato stampa di Camfin SpA

Comunicato stampa di Camfin SpA Pagina 1 di 5 CAMFIN s.p.a. Comunicato stampa di Camfin SpA Approvata dal CdA la Relazione Semestrale del Gruppo CAMFIN SpA VENDITE: 137 MILIONI DI EURO, CONTRO 144,8 MILIONI DI EURO NEL PRIMO SEMESTRE

Dettagli

Comunicato Stampa. Meridie S.p.A. IL CDA DELIBERA L EMISSIONE DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO MERIDIE S.P.A. 2013 2015

Comunicato Stampa. Meridie S.p.A. IL CDA DELIBERA L EMISSIONE DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO MERIDIE S.P.A. 2013 2015 Comunicato Stampa Meridie S.p.A. IL CDA DELIBERA L EMISSIONE DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO MERIDIE S.P.A. 2013 2015 Il Consiglio di Amministrazione approva l'emissione di un prestito obbligazionario di

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE BANCA MONTERIGGIONI CREDITO COOPERATIVO SOC. COOP. ZERO COUPON

REGOLAMENTO DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE BANCA MONTERIGGIONI CREDITO COOPERATIVO SOC. COOP. ZERO COUPON REGOLAMENTO DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE BANCA MONTERIGGIONI CREDITO COOPERATIVO SOC. COOP. ZERO COUPON Il presente regolamento disciplina i titoli di debito, le Obbligazioni, che la Banca Monteriggioni

Dettagli

PROGRAMMA DI RIPARTIZIONE Pagina 1 di 10

PROGRAMMA DI RIPARTIZIONE Pagina 1 di 10 QUESTO DOCUMENTO E STATO RIVEDUTO E CORRETTO. LA PREGHIAMO DI LEGGERLO, ANCHE NEL CASO IN CUI ABBIA RICEVUTO IL PROGRAMMA PRECEDENTE PROGRAMMA DI RIPARTIZIONE Ad oggi, circa $ 50.000.000 e 10.500.000 azioni

Dettagli

Regolamento del Prestito Convertibile TE Wind S.A. 2013-2018. (il Regolamento )

Regolamento del Prestito Convertibile TE Wind S.A. 2013-2018. (il Regolamento ) Regolamento del Prestito Convertibile TE Wind S.A. 2013-2018 (il Regolamento ) 1. Importo e titoli 1.1 Il prestito obbligazionario denominato Convertibile TE Wind S.A. 2013-2018 di Euro 4.365.000,00 (quattromilioni

Dettagli

CAMFIN. Comunicato stampa

CAMFIN. Comunicato stampa IL PRESENTE COMUNICATO NON È DESTINATO ALLA PUBBLICAZIONE, DISTRIBUZIONE O CIRCOLAZIONE, DIRETTA O INDIRETTA, NEGLI STATI UNITI D AMERICA, IN AUSTRALIA, CANADA, GIAPPONE, O A SOGGETTI RESIDENTI IN TALI

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Redatto ai sensi dell articolo 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera 17221 del 12 marzo 2010, e successive modificazioni, concernente la sottoscrizione di un accordo

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA POPOLARE DELL ALTO ADIGE Sede Legale in Bolzano, Via del Macello n.55 Iscritta all Albo delle Banche al n. 3630.1 e Capogruppo del Gruppo Bancario Banca Popolare dell Alto Adige Iscritto all Albo

Dettagli

ESEMPIO DECRETO DI EMISSIONE BTP i

ESEMPIO DECRETO DI EMISSIONE BTP i ESEMPIO DECRETO DI EMISSIONE BTP i Il seguente decreto, relativo all emissione del Btp i quinquennale, viene pubblicato solo a titolo di esempio * * * * * * DIPARTIMENTO DEL TESORO - DIREZIONE II UFFICIO

Dettagli

SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE BANCA DEL FUCINO S.P.A. Sede legale Via Tomacelli 107 00186 Roma Iscritta all Albo delle Banche al n. 37150 Iscritta al Registro delle Imprese di Roma al n. 1775 Codice Fiscale: 00694710583 B - Partita

Dettagli

Comunicato Stampa. Meridie S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2015 ***

Comunicato Stampa. Meridie S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2015 *** Comunicato Stampa Meridie S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2015 *** Principali risultati consolidati relativi al primo semestre dell esercizio

Dettagli

In data odierna, inoltre, il Consiglio di Amministrazione di Space2 ha esaminato e approvato il bilancio intermedio abbreviato al 30 giugno 2015.

In data odierna, inoltre, il Consiglio di Amministrazione di Space2 ha esaminato e approvato il bilancio intermedio abbreviato al 30 giugno 2015. NON PER LA DISTRIBUZIONE O LA PUBBLICAZIONE, IN TUTTO O IN PARTE, DIRETTAMENTE O INDIRETTAMENTE NEGLI STATI UNITI D'AMERICA, CANADA O GIAPPONE O IN ALTRE GIURISDIZIONI OVE NON SIA PERMESSA LA DIFFUSIONE

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA. "BANCA DI SASSARI S.p.a. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO " ISIN IT0004618051

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA. BANCA DI SASSARI S.p.a. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO  ISIN IT0004618051 APPENDICE B - MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA "BANCA DI SASSARI S.p.a. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO " ISIN IT0004618051 Le presenti Condizioni

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up

CONDIZIONI DEFINITIVE. Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA relativa al programma di emissioni denominato Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up Banca di Forlì Credito Cooperativo 12/2007 12/2010

Dettagli

industriali e commerciali. Alla data del presente Rendiconto, il valore della partecipazione è pari ad Euro 0.

industriali e commerciali. Alla data del presente Rendiconto, il valore della partecipazione è pari ad Euro 0. COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Synergo SGR S.p.A. approva il Rendiconto di Gestione del Fondo Sofipa Equity Fund al 31 dicembre 2014 Valore complessivo netto del Fondo Euro 9,8 milioni

Dettagli

Direzione Generale 2013 06151/064 Direzione Partecipazioni Comunali GG 4 CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE.

Direzione Generale 2013 06151/064 Direzione Partecipazioni Comunali GG 4 CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Direzione Generale 2013 06151/064 Direzione Partecipazioni Comunali GG 4 CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE 31 dicembre 2013 Convocata la Giunta, presieduta dal Sindaco Piero Franco Rodolfo

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Sede Legale in Corso San Giorgio, 36 64100 Teramo Iscritta all Albo delle Banche al n. 5174 Capitale Sociale Euro 26.000.000,00 i.v. N.ro iscrizione nel Registro delle Imprese di Teramo 00075100677 CONDIZIONI

Dettagli

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente

BANCA DELLA MARCA. CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente BANCA DELLA MARCA CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente REGOLAMENTO DI EMISSIONE DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO BANCA DELLA MARCA CREDITO COOPERATIVO 2007/2009 TF 4,5% 106^ EMISSIONE

Dettagli

e per Euro 13.374 da altri oneri.

e per Euro 13.374 da altri oneri. COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Synergo SGR S.p.A. approva il Resoconto Intermedio al 30 settembre 2014 del Fondo Sofipa Equity Fund Valore complessivo netto del Fondo Euro 18,2 milioni

Dettagli

Supplemento di Aggiornamento al Modulo di Sottoscrizione relativo al fondo comune di investimento di diritto lussemburghese a comparti multipli

Supplemento di Aggiornamento al Modulo di Sottoscrizione relativo al fondo comune di investimento di diritto lussemburghese a comparti multipli Supplemento di Aggiornamento al Modulo di Sottoscrizione relativo al fondo comune di investimento di diritto lussemburghese a comparti multipli ROSSINI LUX FUND gestito da Eurizon Capital S.A. Data di

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA. "BANCA DI SASSARI S.p.a. OBBLIGAZIONI STEP UP" ISIN IT0004680358

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA. BANCA DI SASSARI S.p.a. OBBLIGAZIONI STEP UP ISIN IT0004680358 APPENDICE B - MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA "BANCA DI SASSARI S.p.a. OBBLIGAZIONI STEP UP" ISIN IT0004680358 Le presenti Condizioni Definitive

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO ZERO COUPON BCC

Dettagli

Soggetti tenuti alla corresponsione. art. 19, comma 4, ed ex art. 200, comma 4, del d.lgs. n. 58/1998

Soggetti tenuti alla corresponsione. art. 19, comma 4, ed ex art. 200, comma 4, del d.lgs. n. 58/1998 COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETA' E LA BORSA - DELIBERAZIONE 28 dicembre 2010, n. 17601: Determinazione della misura della contribuzione dovuta, ai sensi dell'articolo 40 della legge n. 724/1994, per

Dettagli

IL PRESENTE PROSPETTO NON E SOTTOPOSTO ALL APPROVAZIONE DELLA CONSOB

IL PRESENTE PROSPETTO NON E SOTTOPOSTO ALL APPROVAZIONE DELLA CONSOB BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI OPPIDO LUCANO E RIPACANDIDA SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale e Amministrativa in Oppido Lucano Iscritta all Albo delle Banche tenuto dalla Banca d Italia al n. 5072.4.0 Iscritta

Dettagli

Saipem: fissate le condizioni dell aumento di capitale dell ammontare massimo di 3,5 miliardi

Saipem: fissate le condizioni dell aumento di capitale dell ammontare massimo di 3,5 miliardi È vietata la distribuzione, diretta o indiretta, del presente comunicato stampa negli Stati Uniti, in Canada, Australia o Giappone. Il presente comunicato stampa (e le informazioni ivi riportate) non contiene

Dettagli

COLLOCAMENTO AZIONARIO ITALENTS.TV LTD

COLLOCAMENTO AZIONARIO ITALENTS.TV LTD COLLOCAMENTO AZIONARIO ITALENTS.TV LTD Data del collocamento : dal 31 Gennaio 2015 al 30 Aprile 2015 Valore per azione : 10 GBP (sterline) Capitale sociale : 1.000.000,00 GBP Capitale sociale conferito

Dettagli

relative al prestito Banca della Bergamasca Credito Cooperativo Step Up 12/02/09-12 177 em. ISIN IT0004459431 della

relative al prestito Banca della Bergamasca Credito Cooperativo Step Up 12/02/09-12 177 em. ISIN IT0004459431 della Sede legale in Zanica (Bergamo), via Aldo Moro, 2 Sito internet: www.bccbergamasca.it - Email banca@bergamasca.bcc.it Iscritta all Albo delle Banche tenuto dalla Banca d Italia al n. 803 Iscritta all Albo

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up e Obbligazioni a Tasso Step-Up Callable.

CONDIZIONI DEFINITIVE. Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up e Obbligazioni a Tasso Step-Up Callable. CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA relativa al programma di emissioni denominato Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up e Obbligazioni a Tasso Step-Up Callable. Banca

Dettagli

25 Cabot Square, London E14 4QA, Regno Unito

25 Cabot Square, London E14 4QA, Regno Unito MORGAN STANLEY & CO. INTERNATIONAL PLC (PRECEDENTEMENTE DENOMINATA MORGAN STANLEY & CO. INTERNATIONAL LIMITED) 25 Cabot Square, London E14 4QA, Regno Unito Supplemento al Documento d'offerta datato Aprile

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Sede Legale in Corso San Giorgio, 36 64100 Teramo Iscritta all Albo delle Banche al n. 5174 Capitale Sociale Euro 26.000.000,00 i.v. N.ro iscrizione nel Registro delle Imprese di Teramo 00075100677 CONDIZIONI

Dettagli

RISERVE TECNICHE DEL PORTAFOGLIO DIRETTO ITALIANO AL LORDO DELLE QUOTE A CARICO DEI RIASSICURATORI (importi in lire)

RISERVE TECNICHE DEL PORTAFOGLIO DIRETTO ITALIANO AL LORDO DELLE QUOTE A CARICO DEI RIASSICURATORI (importi in lire) RISERVE TECNICHE DEL PORTAFOGLIO DIRETTO ITALIANO AL LORDO DELLE QUOTE A CARICO DEI RIASSICURATORI (importi in lire) RISERVE TECNICHE Totale riserve tecniche di cui all art. 32 L. 22/10/1986 n. 742 Quote

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE relative al Prospetto di base sul Programma di emissione

CONDIZIONI DEFINITIVE relative al Prospetto di base sul Programma di emissione Società per Azioni Sede Legale in Aprilia (LT), Piazza Roma, snc Iscrizione al Registro delle Imprese di Latina e Codice Fiscale/Partita Iva n.00089400592 Capitale sociale al 31 dicembre 2007 Euro 6.671.440

Dettagli

AVVISO n.17714. 17 Ottobre 2014 MOT - DomesticMOT. Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso

AVVISO n.17714. 17 Ottobre 2014 MOT - DomesticMOT. Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso AVVISO n.17714 17 Ottobre 2014 MOT - DomesticMOT Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto dell'avviso : REPUBBLICA ITALIANA Oggetto : INTEGRAZIONE AVVISO N.17633 DEL 16 OTTOBRE 2014 RELATIVO

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ! DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE in merito all operazione di sottoscrizione da parte di TRUE ENERGY SOLAR S.A., società interamente controllata dal

Dettagli

Seconda Emissione - Scheda informativa

Seconda Emissione - Scheda informativa BTP Italia Seconda Emissione - Scheda informativa Emittente Rating Emittente Annuncio dell emissione Tasso cedolare (reale) annuo minimo garantito Modalità di collocamento sul MOT Quotazione Taglio minimo

Dettagli

APPENDICE A REGOLAMENTO

APPENDICE A REGOLAMENTO APPENDICE A REGOLAMENTO Warrant Banca Intesa S.p.A. validi per vendere a Banca Intesa azioni ordinarie o azioni di risparmio Banca Commerciale Italiana S.p.A. o, in forma abbreviata, Warrant Put Intesa-BCI

Dettagli

"BANCA FEDERICO DEL VECCHIO OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO 4,65% 08/10/2008-08/10/2010. Codice ISIN IT0004408909

BANCA FEDERICO DEL VECCHIO OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO 4,65% 08/10/2008-08/10/2010. Codice ISIN IT0004408909 Sede Legale: 50123 Firenze, Via Dei Banch n. 5 - Direzione Generale: 50121 Firenze, Viale Gramsci n. 69 - Tel. 055.20051, Fax 055.2005333 - Codice Fiscale, partita IVA e n. di iscrizione al Registro delle

Dettagli

Aviva Investors Global Convertibles Fund. Prospetto semplificato Luglio 2010

Aviva Investors Global Convertibles Fund. Prospetto semplificato Luglio 2010 Aviva Investors Global Convertibles Fund Prospetto semplificato Luglio 2010 Una SICAV autorizzata ai sensi della Legge lussemburghese del 20 cembre 2002 Aviva Investors Prospetto semplificato Luglio 2010

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA. Banca di Credito Cooperativo OROBICA di Bariano e Cologno al Serio.

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA. Banca di Credito Cooperativo OROBICA di Bariano e Cologno al Serio. Banca di Credito Cooperativo OROBICA di Bariano e Cologno al Serio CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Credito Cooperativo OROBICA di Bariano e Cologno al Serio Tasso Fisso

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Società cooperativa CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA POPOLARE DELL EMILIA ROMAGNA soc. coop. OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE INDICIZZATO AL RENDIMENTO DELL ASTA BOT per il

Dettagli

Banca Intesa PROSPETTO DI QUOTAZIONE

Banca Intesa PROSPETTO DI QUOTAZIONE Banca Intesa PROSPETTO DI QUOTAZIONE RELATIVO ALL AMMISSIONE ALLA QUOTAZIONE DI WARRANT BANCA INTESA S.p.A. VALIDI PER VENDERE A BANCA INTESA AZIONI ORDINARIE O AZIONI DI RISPARMIO BANCA COMMERCIALE ITALIANA

Dettagli

BANCA POPOLARE DI RAVENNA

BANCA POPOLARE DI RAVENNA BANCA POPOLARE DI RAVENNA Società per Azioni Ravenna, Via A.Guerrini 14 ------- Iscritta nell Albo delle Banche al n.1161 Gruppo bancario Banca popolare dell Emilia Romagna Attività di direzione e coordinamento:

Dettagli

CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI CANTÙ Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa CONDIZIONI DEFINITIVE

CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI CANTÙ Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa CONDIZIONI DEFINITIVE in qualità di Emittente Sede legale in Cantù, Corso Unità d Italia 11 Iscritta all Albo delle Banche al n. 719 (Cod. ABI 08430), all Albo delle Cooperative al n. A165516, al Registro delle Imprese di Como

Dettagli

FINANZA & FUTURO BANCA S.P.A.

FINANZA & FUTURO BANCA S.P.A. FINANZA & FUTURO BANCA S.P.A. Sede sociale Piazza del Calendario n. 1 Milano con socio unico Iscritta all Albo delle Banche codice 3170 Appartenente al Gruppo Deutsche Bank Iscritto all Albo dei Gruppi

Dettagli

Allegato al Modulo di sottoscrizione Comparti commercializzati in Italia da Fondo Comune d investimento di diritto lussemburghese a comparti multipli gestito da BANCA DELLE MARCHE GESTIONE INTERNAZIONALE

Dettagli

PRESTITO TITOLI VINCOLATO degli strumenti finanziari di proprietà del Cliente. ( Prestito Titoli Vincolato non Garantito )

PRESTITO TITOLI VINCOLATO degli strumenti finanziari di proprietà del Cliente. ( Prestito Titoli Vincolato non Garantito ) PRESTITO TITOLI VINCOLATO degli strumenti finanziari di proprietà del Cliente ( Prestito Titoli Vincolato non Garantito ) SCHEDA PRODOTTO versione in vigore dal 3 agosto 2015 DISCLAIMER (AVVERTENZE) Il

Dettagli

7 Informazioni riguardanti gli strumenti finanziari oggetto dell Offerta Globale

7 Informazioni riguardanti gli strumenti finanziari oggetto dell Offerta Globale 7 Informazioni riguardanti gli strumenti finanziari oggetto dell Offerta Globale 7.1 Descrizione delle Azioni I titoli oggetto dell Offerta Globale sono n. 1.750.000 azioni ordinarie ASM, da nominali Euro

Dettagli

www.tesoro.it Durata: 4 anni Tasso reale minimo garantito Cedole ogni 6 mesi calcolate sul capitale rivalutato all inflazione italiana

www.tesoro.it Durata: 4 anni Tasso reale minimo garantito Cedole ogni 6 mesi calcolate sul capitale rivalutato all inflazione italiana BTP Italia Il risparmio PROTETTO, accessibile da tutte le porte. Durata: 4 anni Tasso reale minimo garantito Cedole ogni 6 mesi calcolate sul capitale rivalutato all inflazione italiana Recupero immediato

Dettagli

SECONDO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO INFORMATIVO

SECONDO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO INFORMATIVO SECONDO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO INFORMATIVO RELATIVO ALL OFFERTA PUBBLICA DI VENDITA E SOTTOSCRIZIONE E ALL AMMISSIONE ALLE NEGOZIAZIONI SUL MERCATO TELEMATICO AZIONARIO ORGANIZZATO E GESTITO DA BORSA

Dettagli

BILANCIO INTERINALE AL 25 GENNAIO

BILANCIO INTERINALE AL 25 GENNAIO QUATTROTRETRE SpA Sede legale: Foro Buonaparte, 44 20121 MILANO Capitale sociale: Euro 5.000.000 i.v. Registro Imprese Milano n. 07642730969 Cod. Fisc. e P. IVA 07642730969 BILANCIO INTERINALE AL 25 GENNAIO

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Credito Cooperativo di Masiano (Pistoia) S.C. in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI MASIANO A TASSO FISSO (con possibilità

Dettagli

CONSORZIO TURISTICO AREA PISANA società consortile a responsabilità limitata

CONSORZIO TURISTICO AREA PISANA società consortile a responsabilità limitata società consortile a responsabilità limitata Sede Via Pietrasantina c/o Bus Terminal - 56100 PISA (PI) Codice Fiscale, partita IVA e iscrizione Registro Imprese di Pisa n. 0170429 050 9 Repertorio Economico

Dettagli

Comunicato stampa Firenze, 31 Marzo 2014

Comunicato stampa Firenze, 31 Marzo 2014 Comunicato stampa Firenze, 31 Marzo 2014 Eukedos S.p.A.: Informativa mensile ai sensi art. 114, comma 5, Decreto Legislativo n. 58/98 In ottemperanza alla richiesta di CONSOB, ai sensi dell art. 114, comma

Dettagli

Punto 3 all Ordine del Giorno dell Assemblea Ordinaria

Punto 3 all Ordine del Giorno dell Assemblea Ordinaria Punto 3 all Ordine del Giorno dell Assemblea Ordinaria Autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie. Delibere inerenti e conseguenti. 863 Relazione del Consiglio di Gestione sul punto

Dettagli

FINANZA & FUTURO BANCA S.P.A.

FINANZA & FUTURO BANCA S.P.A. FINANZA & FUTURO BANCA S.P.A. Sede sociale Piazza del Calendario n. 1 - Milano Iscritta all Albo delle Banche codice 3170 Appartenente al Gruppo Deutsche Bank Iscritto all Albo dei Gruppi Bancari codice

Dettagli

Banca Centropadana tasso fisso 2,75% 15.01.2013-15.07.2015 serie 351 ISIN: IT0004887904

Banca Centropadana tasso fisso 2,75% 15.01.2013-15.07.2015 serie 351 ISIN: IT0004887904 10. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO Banca Centropadana Credito Cooperativo Società Cooperativa Sede sociale in Piazza IV Novembre 11 26862 Guardamiglio (LO) Iscritta all

Dettagli

"CASSA DI RISPARMIO DI ALESSANDRIA S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO" Cassa di Risparmio di Alessandria 4 Febbraio 2008/2012

CASSA DI RISPARMIO DI ALESSANDRIA S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO Cassa di Risparmio di Alessandria 4 Febbraio 2008/2012 CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA/PROGRAMMA SUL PROGRAMMA "CASSA DI RISPARMIO DI ALESSANDRIA S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO" Cassa di Risparmio di Alessandria 4 Febbraio 2008/2012 Tasso Fisso

Dettagli

17 luglio 2008 pag. 1 di 6

17 luglio 2008 pag. 1 di 6 per un importo nominale massimo di Euro 20.000.000 Codice Nel presente Foglio Informativo per la comprensione del significato dei termini in grassetto con rimando numerico si veda la definizione riportata

Dettagli

RREEF Fondimmobiliari SGR S.p.A. approva la Situazione Patrimoniale alla data del 30 giugno 2010 del Fondo Piramide Globale in liquidazione

RREEF Fondimmobiliari SGR S.p.A. approva la Situazione Patrimoniale alla data del 30 giugno 2010 del Fondo Piramide Globale in liquidazione Comunicato Stampa RREEF Fondimmobiliari SGR S.p.A. RREEF Fondimmobiliari SGR S.p.A. approva la Situazione Patrimoniale alla data del 30 giugno 2010 del Fondo Piramide Globale in liquidazione Il Consiglio

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA POPOLARE DELL ALTO ADIGE Sede Legale in Bolzano, Via del Macello n.55 Iscritta all Albo delle Banche al n. 3630.1 e Capogruppo del Gruppo Bancario Banca Popolare dell Alto Adige Iscritto all Albo

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE AL PROSPETTO DI BASE RELATIVO AL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE AL PROSPETTO DI BASE RELATIVO AL PROGRAMMA Sede sociale Napoli Via Filangieri, 36 Numero Iscrizione nel Registro delle Imprese di Napoli e Codice Fiscale/Partita IVA. 04504971211 Capitale sociale Euro 71.334.180,00 Iscritta all Albo delle Banche

Dettagli

PRESTITO TITOLI VINCOLATO GARANTITO degli strumenti finanziari di proprietà del Cliente. ( Prestito Titoli Vincolato Garantito )

PRESTITO TITOLI VINCOLATO GARANTITO degli strumenti finanziari di proprietà del Cliente. ( Prestito Titoli Vincolato Garantito ) degli strumenti finanziari di proprietà del Cliente ( Prestito Titoli Vincolato Garantito ) SCHEDA PRODOTTO versione in vigore dal 3 agosto 2015 DISCLAIMER (AVVERTENZE) Il presente documento viene fornito

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Credito Cooperativo ravennate e imolese Soc. Coop. Sede e Direzione Generale: Piazza della Libertà,14 48018 Faenza (RA) Iscritta all Albo delle Banche al n. 5387 Codice ABI: 8542-3 Capitale sociale Euro

Dettagli

Relazione sulle operazioni di cartolarizzazione dei proventi derivanti dalla dismissione del patrimonio immobiliare pubblico. Primo semestre 2009

Relazione sulle operazioni di cartolarizzazione dei proventi derivanti dalla dismissione del patrimonio immobiliare pubblico. Primo semestre 2009 Relazione sulle operazioni di cartolarizzazione dei proventi derivanti dalla dismissione del patrimonio immobiliare pubblico Primo semestre 2009 (Art. 2, co. 1, D.L. n. 351/2001, convertito, con modificazioni,

Dettagli