La relazione sulle privatizzazioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La relazione sulle privatizzazioni"

Transcript

1 MINISTERO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA Dipartimento del Tesoro La relazione sulle privatizzazioni Luglio 1999 Stampa: ISTITUTO POLIGRAFICO E ZECCA DELLO STATO RAPPORTI N. 3

2 MINISTERO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA Dipartimento del Tesoro La relazione sulle privatizzazioni Relazione al Parlamento sulle operazioni cessione delle partecipazioni in società controllate rettamente o inrettamente dallo Stato ex art. 13, comma 6, legge 474/94 Luglio 1999

3 INDICE 1. INTRODUZIONE Pag Operazioni relative a partecipazioni detenute rettamente dal Tesoro » Operazioni realizzate dal Gruppo IRI » Operazioni realizzate dal Gruppo ENI » 5 2. OPERAZIONI RELATIVE A PARTECIPAZIONI DETENUTE DIRETTAMENTE DAL TESORO Pag ENI S.p.A. - VENDITA DELLA 4 a TRANCHE » Premessa » La tecnica venta » Le caratteristiche dell'offerta » I destinatari dell'offerta » Gli incentivi per i risparmiatori » I componenti del sindacato collocamento » La tempistica dell'operazione » L'esito dell'offerta globale » Gli introiti e i costi dell'operazione » Partecipazione del Tesoro al capitale sociale dell'eni » BANCA NAZIONALE DEL LAVORO S.p.A. - VENDITA DELLA QUOTA DEL TESORO» Premessa » L'azionariato stabile » La tecnica venta meante offerta globale » Le caratteristiche dell'offerta globale » I destinatari dell'offerta globale » Gli incentivi per i risparmiatori » I componenti del sindacato collocamento » La tempistica dell'offerta globale » L'esito dell'offerta globale » Gli introiti e i costi dell'operazione » Partecipazione del Tesoro al capitale sociale della BNL » INA S.p.A. - ESERCIZIO DEL DIRITTO DI CONVERSIONE » OPERAZIONI REALIZZATE DAL GRUPPO IRI E DAL GRUPPO ENI » Operazioni realizzate dal Gruppo IRI nel primo semestre » Operazioni realizzate dal Gruppo ENI nel primo semestre » 15 TABELLE » 17 MINISTERO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA 3

4 1 INTRODUZIONE La relazione contiene dati e notizie relativi alle operazioni smissione delle partecipazioni detenute rettamente dal Ministero del Tesoro, del Bilancio e della Programmazione Economica («Ministero del Tesoro»), realizzate nel corso del La relazione contiene, inoltre, dati e notizie sulle operazioni smissione effettuate dal Gruppo IRI e dal Gruppo ENI nei primi sei mesi del Operazioni relative a partecipazioni detenute rettamente dal Tesoro Il Ministero del Tesoro ha effettuato nel 1998 due operazioni smissione relative a società rettamente controllate: a) la venta una quota ulteriore della partecipazione azionaria detenuta in ENI S.p.A. («ENI»); b) la venta della partecipazione detenuta nella Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. («BNL»). Inoltre, il Ministero del Tesoro ha incassato la somma lire quale conguaglio relativo ai proventi della cessione SEAT, effettuata nel Se si aggiunge a tale cifra l importo lire incassato nel 1997, i proventi lor della cessione SEAT ammontano complessivamente a lire Gli incassi netti delle operazioni ENI e BNL e il conguaglio SEAT sono stati versati al capitolo 4055 dello stato previsione dell'entrata del bilancio dello Stato, per poi affluire al Fondo per l'ammortamento dei titoli Stato («Fondo») (1). I proventi delle privatizzazioni costituiscono la principale fonte alimentazione del Fondo. Dal 1994 (primo anno esercizio del Fondo) al 31 cembre 1998 vi sono affluite somme derivanti da smissioni patrimoniali per complessivi miliar lire, su un totale introiti pari a miliar lire. In base alla normativa vigente, le somme sponibili del Fondo possono essere impiegate per riacquistare titoli Stato sul mercato, per rimborsare titoli in scadenza e per acquistare partecipazioni azionarie possedute da società delle quali il Tesoro sia unico azionista, ai fini della loro smissione (2). 1.2 Operazioni realizzate dal Gruppo IRI Nel primo semestre 1998 i ricavi da cessione sono stati pari a circa miliar lire ( cui il 47,9 IRI S.p.A.), i debiti finanziari trasferiti pari a 21 miliar lire e l'effetto finanziario totale pari, quin, a circa miliar lire ( cui il 47,5 IRI S.p.A.). Il volume complessivo delle cessioni realizzate dal Gruppo IRI dal luglio 1992 al 30 giugno 1998 risulta pari a circa miliar lire, cui miliar lire circa relative ad operazioni realizzate rettamente dall'iri S.p.A.. Aggiungendo a tale importo il valore dei debiti finanziari trasferiti, pari nel complesso a circa miliar lire ( cui miliar lire IRI S.p.A.), si ha un effetto finanziario complessivo pari a circa miliar lire ( cui circa miliar lire IRI S.p.A.). 1.3 Operazioni realizzate dal Gruppo ENI Nel primo semestre 1998 i ricavi da cessione sono stati pari a circa miliar lire; nel corso del semestre non si è registrato trasferimento indebitamento. Il volume complessivo delle cessioni realizzate dal Gruppo ENI dal luglio 1992 al 30 giugno 1998 risulta pari a circa miliar lire e il valore dei debiti finanziari trasferiti pari a circa miliar lire, con un effetto finanziario complessivo pari a circa miliar lire. (1) Il Fondo per l'ammortamento dei titoli Stato è stato istituito ai sensi dell'art.2 della legge 27 ottobre 1993, n.432. (2) Le somme accretate sul Fondo sono state infatti utilizzate dal Tesoro per acquisire la partecipazione detenuta all IRI S.p.A. nella STET S.p.A.. MINISTERO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA 5

5 2 OPERAZIONI RELATIVE A PARTECIPAZIONI DETENUTE DIRETTAMENTE DAL TESORO 2.1 ENI S.p.A. - VENDITA DELLA 4 a TRANCHE Capitale sociale (3) lire Numero azioni Valore nominale lire Azioni Tesoro prima dell'operazione (4) Quota Tesoro prima dell'operazione 51, Premessa La venta della quarta tranche azioni dell'eni è avvenuta nel periodo giugno-luglio Il Comitato dei Ministri per le privatizzazioni ha deliberato nel maggio 1998 procedere al collocamento una quarta tranche azioni ornarie dell'eni, sia meante offerta agli investitori istituzionali italiani ed esteri, sia meante OPV. Per la transazione sono state confermate, così come previsto al punto 7 della delibera CIPE 30 cembre 1992 e successive moficazioni, le seguenti istituzioni finanziarie (già utilizzate per il collocamento delle precedenti tranche): Global Coornator IMI Global Coornator Cret Suisse First Boston Advisor e Valutatore ABN AMRO Rothschild La tecnica venta Il collocamento è avvenuto meante offerta globale, composta da una offerta pubblica ven- ta azioni in Italia (OPV), un collocamento privato destinato agli investitori istituzionali, riservato ad Italia, Regno Unito e Repubblica d'irlanda, Europa Continentale e Resto del Mondo, nonché un collocamento privato destinato ad investitori istituzionali riservato al Canada e un'offerta pubblica riservata agli Stati Uniti d'america. L'offerta pubblica in Italia è stata effettuata con la tecnica dell'offerta a prezzo aperto, in base alla quale il prezzo dell'opv, stabilito alla chiusura dell'opv stessa, è pari al minore tra i seguenti: il prezzo ufficiale del titolo ENI registrato sul Mercato Telematico Azionario nell'ultimo giorno offerta; il prezzo dell'offerta istituzionale, da determinarsi in base all'andamento della raccolta degli orni provenienti dagli investitori istituzionali; il prezzo massimo, determinato entro il giorno pre l'inizio dell'offerta. Il 20 giugno 1998, prima dell'inizio dell'opv, il Ministero del Tesoro, d'intesa con i Global Coornator e previa consultazione con l'advisor, ha determinato il prezzo massimo collocamento applicabile agli aderenti all'opv, ossia lire per azione, pari alla mea dei prezzi ufficiali registrati nella settimana dal 15 al 19 giugno Il prezzo offerta è stato determinato il 27 giugno 1998, ed è risultato pari a lire per tutti gli investitori, inviduali e istituzionali, corrispondente al prezzo ufficiale mercato del titolo ENI registrato sul Mercato Telematico Azionario il giorno 26 giugno (3) L'entità del capitale sociale si riferisce alla situazione ante cessione. Alla data del 31 cembre 1998 il capitale sociale ENI risulta pari a lire , costituito da azioni del valore nominale lire ciascuna. (4) Rispetto all'ammontare azioni proprietà del Tesoro, pari a prima dell'operazione (il 51,16 del capitale sociale), le azioni sponibili erano (il 50,09 del capitale sociale). Tale ammontare è il risultato delle seguenti operazioni: Azioni Tesoro dopo ENI Assegnazione bonus share ENI Azioni Tesoro prima ENI cui vincolate bonus share ENI Azioni sponibili prima ENI MINISTERO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

6 2.1.3 Le caratteristiche dell'offerta Le caratteristiche dell'offerta sono state le seguenti: Dimensione dell'offerta: azioni (pari al 12,5 del capitale sociale); è stato previsto, inoltre, l'esercizio dell'opzione green shoe fino ad una percentuale massima del 9,75 dell'offerta globale ( azioni). Struttura dell'offerta: un quantitativo minimo azioni ( azioni garantite) destinate al pubblico instinto italiano (OPV), cui una quota non superiore al 25 riservata ai pendenti dell'eni e delle sue controllate; azioni riservate agli investitori istituzionali italiani ed esteri. Data la forte domanda registrata nel corso della fase raccolta degli orni, sia da parte del pubblico in Italia che da parte degli investitori istituzionali, il Ministero del Tesoro ha deciso aumentare l'offerta globale portandola complessivamente a azioni, a cui devono aggiungersi azioni utilizzate per l'esercizio della green shoe I destinatari dell'offerta Il collocamento è stato riservato: al pubblico dei risparmiatori italiani e ai pendenti dell'eni e delle sue controllate; agli investitori professionali italiani, come definiti nell'art.4, comma 1, lettera a), della delibera Consob 6430 del 26 agosto 1992; agli investitori istituzionali esteri, definiti dalle relative legislazioni; al pubblico negli Stati Uniti d'america Gli incentivi per i risparmiatori Nell'ambito dell'offerta è stato previsto l'incentivo della bonus share, ossia l'attribuzione ai sottoscrittori in sede OPV eci azioni gratuite per ogni 100 azioni assegnate e mantenute per un periodo ininterrotto doci mesi dalla data pagamento, fino ad un massimo 300 azioni gratuite per ciascun sottoscrittore. Per i pendenti dell'eni e delle sue controllate tale premio è stato stabilito in 11 azioni gratuite ogni 100 azioni acquistate in sede OPV, fino ad un massimo 330 azioni gratuite. L'opzione azione gratuita sarà esercitabile entro il termine decadenza del 7 ottobre I componenti del sindacato collocamento L'offerta al pubblico dei risparmiatori italiani (OPV) è stata effettuata tramite un consorzio, il cui Gruppo Direzione era così composto: IMI Banca capofila e coornatore Banca Commerciale Italiana Joint lead manager Creto Italiano Istituto Bancario San Paolo Torino Banca Roma Co-lead manager Banca Monte dei Paschi Siena Banca Nazionale del Lavoro CABOTO SIM (Gruppo Intesa) L'offerta istituzionale, per la quale come già detto sono stati confermati quali Global Coornator le società IMI e Cret Suisse First Boston, è stata sottoscritta da quattro consorzi per Regioni monali: Italia (Italia), Regno Unito e Repubblica d'irlanda (UKE), Europa Continentale e Resto del Mondo (RoW) e Stati Uniti d'america e Canada (USA). In dettaglio: Italia IMI Lead Manager Banca Commerciale Italiana Co-Lead Manager Creto Italiano Istituto Bancario San Paolo Torino Banca Roma Co-Manager (senior) Banca Monte dei Paschi Siena Banca Nazionale del Lavoro CABOTO SIM (Gruppo Intesa) MINISTERO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA 7

7 Albertini & C. SIM ABN AMRO Sec. (Italy) SIM CS First Boston (Italia) SIM Euromobiliare SIM Giubergia Warburg Sim RASFIN SIM UKE SBC Warburg Dillon Read Cret Suisse First Boston (Europe) ABN AMRO Rothschild BT Alex Brown Int. IMI Lehman Brothers Int. Merrill Lynch Int. RoW Morgan Stanley & Co. Int. Cret Suisse First Boston (Europe) ABN AMRO Rothschild BBV Interactivos BT Alex Brown Int. Deutsche Bank AG London IMI Paribas USA Cret Suisse First Boston Goldman, Sachs & Co. ABN AMRO IMI J.P. Morgan Sec. Lehman Brothers Co-Manager Lead Manager Joint Lead Manager Co-Lead Manager Lead Manager Joint-Lead Manager Co-Lead Manager Lead Manager Joint Lead Manager Co-Manager La tempistica dell'operazione 15 giugno 1998 avvio della raccolta degli orni istituzionali (bookbuilng) 22 giugno 1998 avvio dell'opv 26 giugno 1998 chiusura dell'opv e del book-builng 27 giugno 1998 annuncio del prezzo offerta e allocazione delle azioni 7 luglio 1998 regolamento venta dell'offerta globale (closing) 27 luglio 1998 regolamento venta della green shoe L'esito dell'offerta globale La domanda complessiva, al prezzo offerta, è risultata pari a 1,9 miliar circa azioni, così ripartita: N. azioni Offerta allocate iniziale N. azioni inclusa Tranche azioni richieste green shoe (in milioni) (in milioni) (in milioni) OPV cui p. ENI Ist. Italia Ist. UKE Ist. RoW USA Totale il 76,4 proveniente dal pubblico dei risparmiatori (OPV); l'8 proveniente dagli investitori istituzionali italiani; il 6,8 proveniente dagli investitori istituzionali del Regno Unito e della Repubblica d'irlanda; il 6 proveniente dagli investitori istituzionali canadesi e dal pubblico statunitense; il 2,8 proveniente dagli investitori istituzionali dell'europa Continentale e del Resto del Mondo Gli introiti e i costi dell'operazione Il regolamento dell'operazione venta è avvenuto in data 7 luglio 1998 e il regolamento a seguito dell'esercizio della green shoe il 27 luglio L'incasso lordo a fronte della venta azioni dell'offerta globale è stato pari a lire MINISTERO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

8 In sede versamento dei proventi della venta, sono state trattenute: lire per commissioni da corrispondere ai collocatori; lire relative a compensi ai consulenti, a spese relative agli adempimenti con la U.S. Securities and Exchange Commission (SEC) e ad altri adempimenti normativi. L'importo netto pari a lire è stato versato al capitolo 4055 dello stato previsione dell'entrata del bilancio dello Stato, destinato al finanziamento del Fondo. L'incasso lordo a fronte della venta delle azioni destinate all'esercizio della green shoe è stato pari a lire In sede versamento detti proventi sono state trattenute lire per commissioni e altre spese. Al capitolo 4055 dello stato previsione dell'entrata del bilancio dello Stato sono affluite lire A fronte del prestito ai Global Coornator azioni per l'esercizio della green shoe, sono state corrisposte al Tesoro, come commissioni sul prestito, lire , anch'esse affluite al capitolo 4055 del bilancio dello Stato. Numero azioni vendute Prezzo venta lire Commissioni su prestito (green shoe) lire Incasso lordo lire Commissioni e altre spese lire Incasso netto versato al cap lire Le spese relative ai residui compensi da corrispondere ai consulenti, non fatturate al momento dell'incasso dei proventi della venta, saranno coperte, una volta completata la verifica della relativa documentazione giustificativa, con i fon appositamente stanziati in occasione delle precedenti operazioni privatizzazione al capitolo 4056 dello stato previsione dell'entrata del bilancio dello Stato Partecipazione del Tesoro al capitale sociale dell'eni A seguito della cessione della quarta tranche azioni dell'eni e dell'esercizio della bonus share ENI 3 (5), il Tesoro possiede azioni dell'eni, pari al 36,33 del capitale sociale, cui azioni vincolate a garanzia dell'esercizio dell'opzione azione gratuita (bonus share ENI 4) fino alla data del 7 ottobre BANCA NAZIONALE DEL LAVORO S.p.A. - VENDITA DELLA QUOTA DEL TESORO Capitale sociale lire Numero azioni cui: Azioni ornarie Azioni risparmio Valore nominale lire Azioni ornarie Tesoro prima dell'operazione (6) Quota Tesoro su cap. ornario prima dell'operazione 70,35 Quota Tesoro su cap. totale prima dell'operazione 69, Premessa La venta della quota detenuta dal Tesoro nella BNL è avvenuta nel periodo novembre 1998-gennaio Il Presidente del Consiglio dei Ministri con decreto del 23 gennaio 1998 ha sposto che l'alienazione della partecipazione detenuta dal Ministero del Tesoro nella BNL fosse effettuata sia meante offerta pubblica venta, sia meante trattativa retta, anche al fine costituire un azionariato stabile. (5) Il procemento assegnazione delle azioni gratuite si è concluso l'8 ottobre 1998; l'opzione è stata esercitata dagli aventi ritto per un ammontare pari a azioni gratuite su un totale azioni vincolate allo scopo. (6) Il Tesoro deteneva solo azioni ornarie. MINISTERO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA 9

9 Per la transazione sono state incaricate le seguenti istituzioni finanziarie: Global Coornator Banca Nazionale del Lavoro Global Coornator Meobanca Global Coornator Schroders Advisor e Valutatore JP Morgan Valutatore Deloitte & Touche L'azionariato stabile In ottemperanza a quanto previsto nel citato decreto del 23 gennaio 1998, il Ministero del Tesoro, nel periodo intercorrente tra l'aprile e il giugno 1998, ha proceduto alla selezione soggetti bancari e finanziari al fine costituire il nucleo azionisti riferimento della BNL. Nel giugno 1998 l'istituto Nazionale delle Assicurazioni S.p.A. (INA) e il Banco Bilbao Vizcaya (BBV) hanno presentato un'offerta; essendo stata ritenuta inammissibile l'offerta INA, il Ministero del Tesoro ha proseguito le trattative con il BBV, la cui offerta è stata ritenuta ammissibile. Il BBV aveva facoltà aggregare alla propria offerta ulteriori partner con quote minoritarie azioni al fine completare l'azionariato stabile BNL. Il 12 settembre 1998 il Ministero del Tesoro ha comunicato che la Banca Popolare Vicentina e l'ina si erano aggregate alla BBV per costituire il nucleo azionisti riferimento della BNL una volta completata la privatizzazione della stessa. Il 29 settembre 1998 sono stati stipulati dal Ministero del Tesoro i contratti compraventa azioni ornarie della BNL con i componenti l'azionariato stabile per le seguenti quote: Azionisti stabili Quota acquistata Quota acquistata Capitale sociale Capitale ornario Banco Bilbao Vizcaya 10,00 10,11 Banca Popolare Vicentina 7,75 7,84 INA 7,25 7,33 Il numero delle azioni complessivamente ceduto ai suddetti azionisti stabili è stato pari a , per una quota pari al 25,28 del capitale ornario BNL (25 del capitale sociale) La tecnica venta meante offerta globale Successivamente alla costituzione dell'azionariato stabile il Ministero del Tesoro ha proceduto alla cessione della propria partecipazione residua in BNL, meante offerta globale azioni ornarie composta da: un'offerta pubblica venta azioni in Italia (OPV); un collocamento privato destinato ad investitori istituzionali in Italia e all'estero, comprensivo un'offerta negli Stati Uniti d'america effettuata ai sensi della Rule 144A. Oltre al Ministero del Tesoro, all'offerta globale hanno aderito in qualità offerenti, con l'intera loro partecipazione: l'istituto Nazionale della Previdenza Sociale (INPS), le Ferrovie dello Stato S.p.A., l'istituto Nazionale per l'assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (INAIL), l'opera Nazionale per i Combattenti (ONC), l'istituto Nazionale per le Assicurazioni contro le Malattie (INAM), il Banco Sicilia S.p.A. e l'istituto Nazionale per l'addestramento ed il Perfezionamento dei Lavoratori dell'industria (INAPLI). L'offerta pubblica in Italia è stata effettuata con la tecnica dell'offerta a prezzo aperto, in base alla quale il prezzo dell'opv, stabilito alla chiusura dell'opv stessa, è pari al minore tra i seguenti: il prezzo dell'offerta istituzionale, da determinarsi in base all'andamento della raccolta degli orni provenienti dagli investitori istituzionali; il prezzo massimo, da determinarsi entro il giorno pre l'inizio dell'offerta. 10 MINISTERO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

10 Il 14 novembre 1998, prima dell'inizio dell'opv, il Ministero del Tesoro, d'intesa con i Global Coornator e previa consultazione con l'advisor, ha fissato in lire per azione il prezzo massimo collocamento applicabile agli aderenti all'opv. Il prezzo offerta è stato determinato il 21 novembre 1998 ed è risultato pari a: lire per gli aderenti all'opv, pari al prezzo massimo; lire per gli investitori istituzionali Le caratteristiche dell'offerta globale Le caratteristiche dell'offerta (incluse le azioni messe a sposizione dagli altri offerenti) sono state le seguenti: Dimensione dell'offerta: azioni ornarie, pari al 45,3 del capitale ornario; azioni ornarie, ossia fino ad un massimo del 15 dell'offerta globale, per l'esercizio della green shoe. Struttura dell'offerta: un quantitativo minimo azioni destinate al pubblico instinto italiano (OPV), cui un quantitativo massimo pari al 20 riservato ai pendenti e promotori finanziari del Gruppo BNL; azioni riservate agli investitori istituzionali italiani ed esteri. Data la domanda registrata nella fase raccolta degli orni, sia da parte del pubblico in Italia che da parte degli investitori istituzionali, il Ministero del Tesoro ha deciso aumentare l'offerta globale, che è venuta, pertanto, pari a azioni, cui azioni all'opv, azioni agli investitori istituzionali e azioni per l'esercizio della green shoe I destinatari dell'offerta globale Il collocamento è stato riservato: al pubblico dei risparmiatori italiani e ai pendenti e promotori finanziari del Gruppo BNL; agli investitori professionali italiani, come definiti nell'art.4, comma 1, lettera a), della delibera Consob 6430 del 26 agosto 1992; agli investitori istituzionali esteri, definiti dalle relative legislazioni; agli investitori statunitensi, nell'ambito della Rule 144A Gli incentivi per i risparmiatori Nell'ambito dell'offerta è stato previsto per i risparmiatori l'incentivo della bonus share, ossia l'attribuzione ai sottoscrittori in sede OPV 10 azioni ornarie gratuite ogni 100 assegnate e mantenute per un periodo ininterrotto doci mesi dalla data pagamento, fino ad un massimo 300 azioni gratuite per ciascun sottoscrittore. Per i pendenti e i promotori del Gruppo BNL tale premio è stato stabilito in 11 azioni ornarie gratuite ogni 100 azioni acquistate in sede OPV, fino ad un massimo 550 azioni gratuite. L'opzione azione gratuita sarà esercitabile entro il termine decadenza del 27 gennaio I componenti del sindacato collocamento L'offerta al pubblico dei risparmiatori italiani (OPV) è stata effettuata tramite un consorzio, il cui Gruppo Direzione era così composto: Banca Nazionale del Lavoro Banche capofila e coornatrici Meobanca MINISTERO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA 11

11 Banca Commerciale Italiana Gruppo rezione Banca Roma CABOTO SIM (Gruppo Intesa) Unicreto Italiano SAN PAOLO - IMI Banca Fideuram Gruppo co-rezione Banca Meolanum Banca Monte dei Paschi Siena L'offerta istituzionale è stata sottoscritta da tre consorzi per Regioni monali: Italia (Italia), Resto del Mondo (RoW) e Stati Uniti d'america (USA). In dettaglio: Italia Meobanca Bookrunning Lead Manager Banca Nazionale del Lavoro Co-Lead Manager Schroders J.P. Morgan Sec. Banca Commerciale Italiana Co-Manager Banca Roma CABOTO SIM (Gruppo Intesa) Albertini & Co. SIM Euromobiliare SIM Rasfin SIM Junior Co-Manager AFV - Milla & Co. SIM Unicreto Italiano RoW Schroders Warburg Dillon Read JP Morgan Sec. BBV Interactivos BT Alex Brown Int. Cazenove & Co. Fox-Pitt, Kelton NV ABN AMRO Rothschild CA IB Investmentbank Bookrunning Joint Lead Manager Joint Lead Manager Co-Lead Manager Co-Manager Dresdner Kleinwort Benson Meobanca USA Schroders Bookrunning Joint Lead Manager Lehman Brothers J.P. Morgan Sec. BT Alex Brown Salomon Smith Barney Joint Lead Manager Co-Lead Manager La tempistica dell'offerta globale 9 novembre 1998 avvio della raccolta degli orni istituzionali (bookbuilng) 14 novembre 1998 fissazione del prezzo massimo dell'opv 16 novembre 1998 avvio dell'opv 20 novembre 1998 chiusura dell'opv e del book-builng 21 novembre 1998 annuncio del prezzo offerta e allocazione delle azioni 1 cembre 1998 regolamento venta dell'offerta globale (closing) 4 gennaio 1999 regolamento venta della green shoe L'esito dell'offerta globale La domanda complessiva è risultata pari a oltre 4 miliar azioni, così ripartita: N. azioni Offerta allocate iniziale N. azioni inclusa Tranche azioni richieste green shoe (in milioni) (in milioni) (in milioni) OPV cui p. BNL Ist. Italia Ist. RoW USA Totale MINISTERO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

12 il 62,9 proveniente dal pubblico dei risparmiatori (OPV); il 21,7 proveniente dagli investitori istituzionali del resto del mondo; il 10,5 proveniente dagli investitori istituzionali italiani; il 5 proveniente dagli investitori statunitensi Gli introiti e i costi dell'operazione Il regolamento dell'operazione venta agli azionisti stabili è avvenuto in data 3 cembre Il prezzo per azione è stato pari a lire. Il prezzo pagato dagli azionisti stabili, come previsto dai rispettivi contratti venta, è comprensivo una maggiorazione del 4 sul prezzo applicato agli investitori istituzionali nell ambito dell offerta globale. L'incasso lordo a fronte della venta azioni cedute dal Tesoro è stato pari a lire L'importo netto pari a lire è stato versato al capitolo 4055 dello stato previsione dell'entrata del bilancio dello Stato, destinato al finanziamento del Fondo, dopo aver dedotto lire per commissioni. Il regolamento dell'offerta globale è avvenuto il 1 cembre L'incasso lordo a fronte della venta azioni cedute dal Tesoro nell'offerta globale è stato pari a lire In sede versamento dei proventi della venta, sono state trattenute lire per commissioni da corrispondere ai collocatori, compensi ai consulenti, spese relative agli adempimenti con la U.S. Securities and Exchange Commission (SEC) e ad altri adempimenti normativi. L'importo netto pari a lire è stato versato al capitolo 4055 dello stato previsione dell'entrata del bilancio dello Stato. Il regolamento venta relativo alla green shoe è avvenuto il 4 gennaio L'incasso lordo a fronte della venta azioni del Tesoro destinate all'esercizio della green shoe è stato pari a lire In sede versamento detti proventi sono state trattenute lire relative a compensi a consulenti, a commissioni da corrispondere ai collocatori e ad altre spese dell'offerta globale. Al capitolo 4055 dello stato previsione dell'entrata del bilancio dello Stato sono affluite lire A fronte del prestito ai Global Coornator azioni per l'esercizio della green shoe, sono state corrisposte al Tesoro, come commissioni sul prestito, lire , anch'esse affluite al capitolo 4055 del bilancio dello Stato. Numero azioni ornarie vendute (offerta globale e azionisti stabili) Prezzo venta lire, lire, lire Commissioni su prestito (green shoe) lire Incasso lordo lire Commissioni e altre spese lire Incasso netto versato al cap lire Le spese relative ai residui compensi da corrispondere ai consulenti, non fatturate al momento dell'incasso dei proventi della venta, saranno coperte, una volta completata la verifica della relativa documentazione giustificativa, con i fon appositamente stanziati in occasione delle precedenti operazioni privatizzazione al capitolo 4056 dello stato previsione dell'entrata del bilancio dello Stato Partecipazione del Tesoro al capitale sociale della BNL A seguito dell'operazione, il Tesoro possiede ancora azioni ornarie della BNL, pari al 2,50 del capitale ornario, tutte vincolate a fronte dell'esercizio della bonus share, fino alla data del 27 gennaio MINISTERO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA 13

13 2.3 INA S.p.A. - ESERCIZIO DEL DIRITTO DI CONVERSIONE Nel giugno 1996 il Ministero del Tesoro aveva proceduto all'emissione titoli obbligazionari del Tesoro convertibili in azioni dell'ina (PENs), con scadenza fissata per il 28 giugno Dal 1 gennaio al 31 cembre 1998 è stato convertito un ammontare titoli obbligazionari del Tesoro corrispondente a azioni dell'ina. A seguito delle suddette conversioni, alla data del 31 cembre 1998, il Tesoro possiede azioni dell'ina, pari al 13,27 del capitale sociale, cui (pari al 12,16) vincolate fino alla data del 28 giugno 2001 per l'esercizio del ritto conversione. Nel corso del 1998, a seguito dell'accertamento dei titoli obbligazionari ancora in circolazione, che avviene con cadenza semestrale, sono state versate al capitolo 4055 dello stato previsione dell'entrata del bilancio dello Stato, per poi affluire al Fondo, lire corrispondenti al valore nominale dei titoli convertiti in azioni INA nel periodo 29 cembre giugno MINISTERO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

14 3 OPERAZIONI REALIZZATE DAL GRUPPO IRI E DAL GRUPPO ENI 3.1 Operazioni realizzate dal Gruppo IRI nel primo semestre 1998 Le operazioni realizzate nel primo semestre del 1998 dal Gruppo IRI hanno generato risorse per un ammontare complessivo circa miliar lire, che comprendono il deconsolidamento debiti per circa 21 miliar lire verso il sistema bancario. Per il dettaglio delle operazioni effettuate dalle singole finanziarie e società rettamente controllate si rimanda alle tabelle riportate in allegato. Per quanto attiene l'iri S.p.A., si evidenzia quanto segue: i flussi periodo relativi alle cessioni quote controllo, pari a circa 11 miliar lire, si riferiscono al conguaglio sulla cessione Seat; i flussi periodo relativi alle cessioni quote minoranza, per circa miliar lire, si riferiscono al collocamento sul mercato del 18,38 delle azioni Alitalia (787 miliar lire) e alla cessione azioni Banca Roma (353 miliar lire), poste al servizio del prestito obbligazionario convertibile emesso nel In merito alle operazioni realizzate dalle Holng settoriali, attraverso le cosiddette "privatizzazioni secondo livello", nel semestre in questione si segnala quanto segue: cessioni quote controllo per oltre 20 miliar lire (Garboli-Rep e Mantelli Estero da parte Iritecna; Aerimpianti e Sofitech da parte Finmeccanica); cessioni quote minoranza e rami d'azienda per oltre miliar lire, sostanzialmente riferibili all'operazione STMicroelectronics recentemente conclusa (7) ; alienazioni cespiti per circa 120 miliar lire relativi, essenzialmente, a smobilizzi effettuati da Finmeccanica, Finsider, Fintecna e Sofinpar. 3.2 Operazioni realizzate dal Gruppo ENI nel primo semestre 1998 Nel primo semestre 1998 sono state definite operazioni cessione per un incasso pari a miliar lire. Nelle tabelle allegate sono riportati il riepilogo delle smissioni definite nell incato periodo sudvise per tipologia, nonché i relativi dettagli. L'ammontare del corrispettivo incato, salvo specifica versa incazione, è da intendersi corrisposto in contanti, essendo norma i pagamenti lazionati fruttiferi interessi a tassi mercato e idoneamente garantiti. Di seguito sono descritte le principali operazioni smissione definite nel primo semestre Approvvigionamento, Trasporto e Distribuzione Gas Naturale 1. Quote controllo L'operazione è relativa alla cessione ad Albacom della Nuova Telecomunicazioni, società conferitaria del ramo d'azienda SnamTele. Il closing è avvenuto il 30 giugno Rami d'azienda A fine giugno 1998 è stato eseguito il contratto cessione del Cementificio Ravenna alle Cementerie Aldo Barbetti S.p.A. 3. Quote minoritarie Il 10 giugno 1998 è avvenuta la cessione della partecipazione (67) posseduta dal Gruppo nella (7) A seguito del collocamento 16 milioni titoli STMicroelectronics, sono stati incassati da STMicroelectronics Holng oltre miliar lire. Tale società ha provveduto a stribuire ai propri azionisti un videndo straornario; la quota competenza MEI è risultata pari a 985 miliar lire. MINISTERO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA 15

15 Metano Sarda S.p.A., società titolare delle sole concessioni stribuzione gas nella provincia Cagliari e nel Comune Sassari. Raffinazione e Distribuzione Prodotti Petroliferi 1. Rami d'azienda La cessione riguarda l'intera attività della filiale Dubai (produzione e venta lubrificanti) all'attuale stributore dell'agip Petroli per il Kuwait. Il closing è avvenuto il 3 giugno Quote minoritarie Nel corso del mese giugno ha avuto esecuzione la cessione della partecipazione (10) posseduta nella Erg all'imi (6,5) e al Cret Suisse (3,5) per il prezzo 115,6 miliar lire. L'ammontare qui considerato riguarda il maggior incasso consuntivato (circa 20 miliar lire) rispetto a quello (96 miliar lire) previsto ed inserito tra le cessioni definite nel secondo semestre Altre 1. Quote minoritarie Le operazioni più rilevanti sono: La cessione da parte dell'eni 75 milioni azioni ornarie Saipem, compresi 15 milioni azioni costituenti la green shoe, rappresentative del 18,75 dell'intero capitale sociale, per un incasso complessivo 742,5 miliar lire. Contemporaneamente la Saipem ha collocato sul mercato 40 milioni azioni nuova emissione per complessivi 375,5 miliar lire. La partecipazione complessiva del Gruppo si è così ridotta al 43,23; La cessione da parte della Saipem della partecipazione (50) posseduta nella Rio Colorado S.A., che opera nell'attività perforazione petrolifera in America Latina, alla Inversora Leopax S.A.. 16 MINISTERO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

16 TABELLE

17 Nota metodologica per la elaborazione dei dati relativi al Gruppo IRI Nella elaborazione dei dati relativi alle principali operazioni privatizzazione realizzate dal Gruppo IRI si è seguita la seguente impostazione metodologica: sono state considerate le operazioni concluse nel periodo luglio giugno 1998 con soggetti "terzi", prendendo a riferimento la data sottoscrizione del contratto cessione; per ciascuna finanziaria si sono dettagliate, oltre alle privatizzazioni (intese come cessioni quote controllo e aziende/rami d'azienda) anche le operazioni che hanno riguardato la cessione quote minoranza e le smissioni immobili e cespiti rilevanti non strumentali; per le operazioni privatizzazione è stato incato il valore dell'indebitamento finanziario netto trasferito alla parte acquirente e deconsolidato con riferimento alla data sottoscrizione del contratto cessione; nelle tavole dettaglio e nei riepiloghi gruppo sono stati riportati gli oneri ed i compensi connessi alle verse operazioni, avuto riguardo a tutte le attività funzionali alla cessione (consulenti, valutatori, legali, revisori, ecc.); gli importi riportati nelle tavole dettaglio e nei riepiloghi gruppo sono espressi in miliar lire.

18 Riepilogo delle smissioni effettuate dal Gruppo IRI dal luglio 92 al 30/6/98 (milar lire) F i n a n z i a r i e Totale complessivo cui solo finanziarie (2 livello) TIPO DI CESSIONE ALITALIA FINCANTIERI FINMARE FINMECCANICA FINSIDER FINTECNA IRITECNA (incluso ex-ilva) MEI RAI SME SOFINPAR COFIRI STET IRI S.p.A. 1 - Cessioni Controval.cessioni 29,6 261,1 74,1 611,5 165, ,8 298,1 7,2 615,7 42, , , ,4 quote controllo Indebitam.trasferito 34,0 500, ,5 3, , , ,3 Tot.risorse reperite 29,6 261,1 108, ,8 165, ,3 298,1 10,7 615,7 42, , , ,7 Oneri/Spese cess. 0,9 4,5 1,1 2,0 1,1 4,8 0,1 777,1 791,5 14,5 2 - Cessioni Controval.cessioni 16,7 205,1 4,7 18,1 18,0 25,6 288,2 288,2 aziende/ rami d'azienda Indebitam.trasferito 17,2 2,8 20,0 20,0 Tot.risorse reperite 16,7 222,3 4,7 20,9 18,0 25,6 308,1 308,1 Oneri/Spese cess. 0,8 1,7 0,7 3,1 3,1 Controvalore cessioni Privatizzazioni (1+2) 29,6 277,8 74,1 816,6 165, ,5 18,1 316,1 7,2 615,7 67, , , ,5 Indebitam. finanz. netto trasferito Privatizzazioni (1+2) 34,0 517, ,5 2,8 3, , , ,3 Risorse reperite Privatizzazioni (1+2) 29,6 277,8 108, ,1 165, ,0 20,9 316,1 10,7 615,7 67, , , ,8 3 - Cessioni quote Controval.cessioni 387,9 68,1 20, ,9 28,2 61,6 546, ,8 2,5 150,1 77, , , , ,7 minoritarie Oneri/Spese cess. 0,3 0,1 6,5 3,7 5,9 19,0 0,1 40,7 76,3 35,6 4 - Cessioni immobili Controval.cessioni 67,4 218,5 197,4 94,0 62,7 306,2 4,6 512,4 11, , ,7 /cespiti Oneri/Spese cess. 0,1 2,4 1,8 0,3 1,0 1,6 0,3 7,6 7,6 Totale Controvalore cessioni ( ) 417,5 413,3 312, ,8 122,2 289, , ,8 25,2 316,1 669,7 693, , , , ,9 Totale Indebitam.finanz. netto trasferito (1+2) 34,0 517, ,5 2,8 3, , , ,3 Totale Risorse reperite ( ) 417,5 413,3 346, ,3 122,2 289, , ,8 28,0 316,1 673,2 693, , , , ,2 Totale Oneri/Spese 1,2 5,4 3,6 12,0 0,3 5,8 12,3 19,0 0,4 0,1 0,7 817,8 878,5 60,8 MINISTERO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA 19

19 Riepilogo delle smissioni effettuate dal Gruppo IRI nel 1 semestre 1998 (miliar lire) F i n a n z i a r i e Totale complessivo cui solo finanziarie (2 livello) Tipo cessione ALITALIA FINCANTIERI FINMARE FINMECCANICA FINSIDER FINTECNA IRITECNA (incluso ex ILVA) MEI RAI SME SOFINPAR COFIRI STET IRI S.p.A. 1 - Cessioni Controval.cessioni 2,8 20,8 10,5 34,1 23,6 quote controllo Indebitam.trasferito 21,3 21,3 21,3 Tot.risorse reperite 2,8 42,1 10,5 55,4 44,9 Oneri/Spese cess. 0,2 0,2 0,2 2 - Cessioni Controval.cessioni 95,8 95,8 95,8 aziende/ rami d'azienda Indebitam.trasferito Tot.risorse reperite 95,8 95,8 95,8 Oneri/Spese cess. 1,1 0,6 1,7 1,7 Controvalore cessioni Privatizzazioni (1+2) 98,7 20,8 10,5 130,0 119,5 Indebitam. finanz. netto trasferito Privatizzazioni (1+2) 21,3 21,3 21,3 Risorse reperite Privatizzazioni (1+2) 98,7 42,1 10,5 151,3 140,8 3 - Cessioni quote Controval.cessioni 10,9 11,9 985,0 5, , , ,1 minoritarie Oneri/Spese cess. 16,0 16,0 4 - Cessioni immobili Controval.cessioni 2,9 27,8 15,9 46,2 0,4 25,5 118,7 118,7 /cespiti Oneri/Spese cess. 0,6 0,7 1,3 1,3 Totale Controvalore cessioni ( ) 10,9 2,9 138,3 15,9 46,2 21,2 985,0 25,5 5, , , ,3 Totale Indebitam.finanz. netto trasferito (1+2) 21,3 21,3 21,3 Totale Risorse reperite ( ) 10,9 2,9 138,3 15,9 46,2 42,5 985,0 25,5 5, , , ,6 Totale Oneri/Spese 1,7 0,7 0,2 0,6 16,0 19,1 3,1 20 MINISTERO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

20 Scheda 3 - Finanziaria: ALITALIA - Cessioni quote minoritarie / Data Controval. Indebitam. Oneri Alfa Romeo Avio 5,0 Alitalia 5,0 Fiat Avio 20/02/98 9,2 Bonifico bancario 20/02/1998 con Banca Commerciale Italiana Aeradria 12,5 Aviofin 12,5 Sea 28/04/98 1,7 Bonifico bancario 28/04/1998 con Banca Commerciale Italiana TOTALE Cessioni quote minoritarie 10,9 Scheda 4 - Finanziaria: FINCANTIERI - Cessioni immobili/cespiti / Data Controval. Indebitam. Oneri Appartamenti in Monfalcone Fincantieri Privati date verse 1,3 Acconto e saldo alla stipula del contratto Appartamenti in Monfalcone Fincantieri Comune Monfalcone 30/06/98 1,6 Pagamento contestuale TOTALE Cessioni immobili/cespiti 2,9 Scheda 1 - Finanziaria: FINMECCANICA - Cessioni quote controllo / Data Controval. Indebitam. Oneri Aerimpianti 100,0 Ansaldo industria 100,0 Italcoser Logistic 10/04/98 2,6 Sofitech 100,0 Iritech 100,0 Sofipa 15/05/98 0,2 Contanti TOTALE Cessioni quote controllo 2,8 Scheda 2 - Finanziaria: FINMECCANICA - Cessioni aziende e rami d azienda / Data Controval. Indebitam. Oneri UV Chlorination EBHBITALY SpA, F&P Capital Controls apr-98 28,5 21,3 ml contanti, resto da Company Inc EINV acquisire Ramo az. manutenzioni The Dee Howard management buy out 21/06/98 67,3 1,1 bonifico bancario Ramo serv. qual. esterna Fiar Technical Services Spa Akros inform. - RA 30/06/98 0,1 pagamento data 1/7/98 TOTALE Cessioni aziende e rami d azienda 95,8 1,1 Scheda 3 - Finanziaria: FINMECCANICA - Cessioni quote minoritarie / Data Controval. Indebitam. Oneri Impact System Inc. 22,9 Einv 22,9 Voith Sulzer Paper Tech. 1 trim ,6 Contanti North America Ismes 1,3 Ansaldo Energia 1,3 Enel 08/04/98 0,3 Contanti TOTALE Cessioni quote minoritarie 11,9 MINISTERO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA 21

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy 1. INTRODUZIONE Il presente documento definisce e formalizza le modalità ed i criteri adottati da Banca Popolare di Spoleto S.p.A. (di seguito, la Banca

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO Edizione n. 26 del 03.07.2015 A. TASSO CREDITORE ANNUO NOMINALE GIACENZE FRUTTIFERE CONTO CORRENTE FREEDOM PIU... 1 B. TASSO

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO TRA

CONVENZIONE QUADRO TRA PROVINCIA DI PESARO E URBINO CONVENZIONE QUADRO Espletamento dei servizi finanziari connessi all emissione di prestiti obbligazionari ed altri servizi finanziari accessori e servizio di advisory per la

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

IL FUNZIONARIO RESPONSABILE

IL FUNZIONARIO RESPONSABILE IL FUNZIONARIO RESPONSABILE Vista la vigente normativa in materia, applicabile all'imposta Comunale sugli Immobili e richiamata nel presente atto, AVVISA il contribuente, Coce Fiscale, residente in - (

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

D E X I A Q U A N T MODULO DI SOTTOSCRIZIONE

D E X I A Q U A N T MODULO DI SOTTOSCRIZIONE Il presente modulo è l unico valido ai fini della sottoscrizione in Italia delle classi di azioni dei comparti dell OICVM Dexia Quant, Società d investimento a capitale variabile di diritto Lussemburghese

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Fideiussione Corporate (la "Garanzia")

Fideiussione Corporate (la Garanzia) Fideiussione Corporate (la "Garanzia") OGGETTO: A ciascun detentore di obbligazioni convertibili in azioni della società Sacom S.p.A. denominati "Sacom 2013 2018 Obbligazioni Convertibili" (ciascun Obbligazionista,

Dettagli

OIC 28: Il Patrimonio netto Sintesi dei principali interventi

OIC 28: Il Patrimonio netto Sintesi dei principali interventi OIC 28: Il Patrimonio netto Sintesi dei principali interventi Format Si è modificata la struttura del principio utilizzando il format standard dei nuovi principi salvo apportare i necessari adeguamenti

Dettagli

Contenuti dell'obbligo. Programma triennale per la trasparenza e l'integrità e relativo stato di attuazione (art. 10, cc. 1, 2, 3, d.lgs.

Contenuti dell'obbligo. Programma triennale per la trasparenza e l'integrità e relativo stato di attuazione (art. 10, cc. 1, 2, 3, d.lgs. llegato 1 Data compilazione 30/01/2015 (Tipologie mbito soggettivo (ve foglio 3 "mbito LLEG 1 LL DELIBER. 148/2014- GRIGLI DI RILEVZIO L 31/12/2014 Tempo ione/ ggiornamento PUBBLICZIO è nella "mministrazion

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

EAST CAPITAL (LUX) società di investimento a capitale variabile di diritto lussemburghese di tipo multicomparto e multiclasse (la SICAV )

EAST CAPITAL (LUX) società di investimento a capitale variabile di diritto lussemburghese di tipo multicomparto e multiclasse (la SICAV ) Pagina 1 di 10 EAST CAPITAL (LUX) società di investimento a capitale variabile di diritto lussemburghese di tipo multicomparto e multiclasse (la SICAV ) MODULO DI SOTTOSCRIZIONE Modalità di partecipazione:

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Assemblea degli Azionisti 29 aprile 2013 Risposte a domande formulate dall azionista Marco Bava

Assemblea degli Azionisti 29 aprile 2013 Risposte a domande formulate dall azionista Marco Bava Assemblea degli Azionisti 29 aprile 2013 Risposte a domande formulate dall azionista Marco Bava 1) Si e finanziato il Meeting di Rimini di Cl? Per quanto?... 6 2) Qual è stato l investimento nei titoli

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell'art. 2 e dell'art. 6 delle disposizioni AIM Italia in tema di Parti Correlate del maggio 2012, nonché

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico

Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico Chiara Vita T Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico Il presente Fascicolo informativo, contenente: Scheda sintetica Nota informativa Condizioni contrattuali

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

DEPOSITO PIU - SEZIONE INTEGRATIVA DEL FOGLIO INFORMATIVO DEL SOTTOCONTO TECNICO Condizioni dei listini valide fino al 31 luglio 2015

DEPOSITO PIU - SEZIONE INTEGRATIVA DEL FOGLIO INFORMATIVO DEL SOTTOCONTO TECNICO Condizioni dei listini valide fino al 31 luglio 2015 DEPOSITO PIU - SEZIONE INTEGRATIVA DEL FOGLIO INFORMATIVO DEL SOTTOCONTO TECNICO Condizioni dei listini valide fino al 31 luglio 2015 LISTINO BASE 3 mesi Tasso nominale partita 0,25% lordo annuo 6 mesi

Dettagli

Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini:

Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini: Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini: Tabaccai Convenzionati con Banca ITB; Bennet S.p.A; Esselunga S.p.A; Carrefour; Conad Adriatico Soc. Coop; Tigros S.p.A;

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Informativa ONB Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari... 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta

Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta Il nuovo Regolamento Intermediari n. 16190/2007 emanato dalla Consob ed il Regolamento congiunto del 29 ottobre 2007 emanato da Banca

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE BancoPostaFondi SGR BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE del Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Armonizzato denominato BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Il presente modulo, sottoscritto e corredato della documentazione necessaria, può essere: consegnato in un qualunque Ufficio Postale

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF )

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) (modello di amministrazione e controllo tradizionale) Emittente: SALINI

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

Pirelli & C. S.p.A. Assemblea del 10 maggio 2012. Risposte a domande formulate dall azionista Marco Bava

Pirelli & C. S.p.A. Assemblea del 10 maggio 2012. Risposte a domande formulate dall azionista Marco Bava Pirelli & C. S.p.A. Assemblea del 10 maggio 2012 Risposte a domande formulate dall azionista Marco Bava 1 1. QUALE È IL LIVELLO DI UTILIZZO DEL SISTRI?... 4 2. GLI AMMINISTRATORI SONO INDAGATI PER REATI

Dettagli

Allianz S.p.A. Divisione Allianz Subalpina Società appartenente al gruppo Allianz SE A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI GLOBAL FUTURO PIU

Allianz S.p.A. Divisione Allianz Subalpina Società appartenente al gruppo Allianz SE A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI GLOBAL FUTURO PIU Allianz S.p.A. Divisione Allianz Subalpina Società appartenente al gruppo Allianz SE CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI GLOBAL FUTURO PIU IL PRESENTE FASCICOLO

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Report di Borsa Settimanale per gli Azionisti Retail di Telecom Italia

Report di Borsa Settimanale per gli Azionisti Retail di Telecom Italia Report di Borsa Settimanale per gli Azionisti Retail di Telecom Italia 30 settembre 203 4 ottobre 203 Telecom Italia e il mercato italiano Prezzo Chiusura Volumi medi giornalieri Capitalizzazione** da

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI ALBERTO AGAZZI GENERALI IMMOBILIARE ITALIA Alberto Agazzi è nato a Milano il 18/06/1977 ed laureato in Ingegneria Edile presso il Politecnico

Dettagli

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta.

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta. PARTE III DEL PROSPETTO COMPLETO ALTRE INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

MODIFICHE AL REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO PATRIMONIO UNO

MODIFICHE AL REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO PATRIMONIO UNO MODIFICHE AL REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO PATRIMONIO UNO Regolamento del fondo comune di investimento immobiliare chiuso riservato ad investitori qualificati PATRIMONIO UNO promosso da Patrimonio

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI Disposizioni generali in materia di espropriazione immobiliare Modalità di presentazione delle offerte e di svolgimento delle procedure di VENDITA

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

Visti gli articoli 1, 4, comma 4, e 6 della legge 15 marzo 1997, n. 59, come modificati dall'articolo 7 della legge 15 maggio 1997, n.

Visti gli articoli 1, 4, comma 4, e 6 della legge 15 marzo 1997, n. 59, come modificati dall'articolo 7 della legge 15 maggio 1997, n. Decreto legislativo 19 novembre 1997, n.422 Conferimento alle regioni ed agli enti locali di funzioni e compiti in materia di trasporto pubblico locale, a norma dell'articolo 4, comma 4, della legge 15

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/60 del 12 novembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Servizio Idrico Integrato - Approvazione della revisione tariffaria

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONE A PREMI. PROMOTORE: GRUPPO COIN S.p.A. con Socio Unico, Via Terraglio 17-30174 VENEZIA - Codice Fiscale e Part.

REGOLAMENTO OPERAZIONE A PREMI. PROMOTORE: GRUPPO COIN S.p.A. con Socio Unico, Via Terraglio 17-30174 VENEZIA - Codice Fiscale e Part. REGOLAMENTO OPERAZIONE A PREMI PROMOTORE: GRUPPO COIN S.p.A. con Socio Unico, Via Terraglio 17-30174 VENEZIA - Codice Fiscale e Part. IVA 04850790967 PROMOTORE: PRAgmaTICA con sede in Vigolo Vattaro (TN),

Dettagli