Obiettivi del corso. Approfondire la natura e le caratteristiche tecniche degli strumenti finanziari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Obiettivi del corso. Approfondire la natura e le caratteristiche tecniche degli strumenti finanziari"

Transcript

1

2 Obiettivi del corso Approfondire la natura e le caratteristiche tecniche degli strumenti finanziari Studiare l articolazione e l organizzazione dei mercati in cui questi strumenti vengono negoziati

3

4 Principali categorie di strumenti finanziari Strumenti finanziari di debito (o a reddito fisso) Strumenti finanziari di capitale (o a reddito variabile) e strumenti ibridi Strumenti finanziari derivati

5 Strumenti finanziari a reddito fisso Durata prefissata all atto dell emissione Diritto al rimborso del capitale alla pari e in misura integrale o pro-quota alle date previste dal piano di ammortamento Diritto al pagamento degli interessi periodici se provvisti di cedole, o incorporati nella differenza tra prezzo di emissione e di rimborso se zero-coupon. La misura della remunerazione periodica può essere fissa, variabile o mista (dapprima fissa e poi variabile, o viceversa).

6 Caratteristiche tecniche dei titoli di debito tasso nominale fisso (costante, crescente, decrescente) variabile prezzo di rimborso fisso variabile modalità di estinzione in un unica soluzione rimborso progressivo durata breve termine: scadenza entro 12 mesi medio termine: scadenza entro 5 anni (2 anni secondo la BCE) lungo termine: scadenza oltre 5 anni (oltre 2 anni secondo la BCE) opzioni durata del prestito modalità di determinazione della cedola e/o del prezzo di rimborso possibilità di sottoscrivere/acquistare altri strumenti finanziari

7 Variabilità del tasso nominale e/o del prezzo di rimborso Si fa dipendere il tasso nominale e/o il prezzo di rimborso da un determinato parametro esterno Modalità: La variazione del parametro è trasferita negli elementi variabili (indicizzazione) La variazione dipende dal verificarsi di eventi legati al parametro di riferimento

8 Indici di riferimento Indicizzazione finanziaria: tassi a breve (es. Euribor, Libor, tasso BoT), o a medio e lungo termine (tasso swap), oppure indici di borsa o prezzi di basket azionari Indicizzazione valutaria: indici che rappresentano rapporti di cambio tra la moneta interna e una o più monete estere Indicizzazione reale: indicatori di variazione dei prezzi di beni o servizi

9 Consistenze di titoli di Stato e obbligazioni al 31 ottobre 2008 (milioni di euro) EMITTENTI IMPORTI % Settore pubblico ,44 Titoli di Stato Aziende autonome, ecc. Enti territoriali Banche Imprese TOTALE ,78 10,78 100,00

10 Titoli di Stato

11

12

13

14

15 Detentori di titoli di Stato (settembre 2008) Estero 56% Investitori Privati 26% Fondi Comuni 6% Banche 8% Banca Centrale 4%

16

17

18

19 Obbligazioni di società L emissione viene decisa dal Consiglio di Amministrazione Il limite di importo è pari al doppio della somma tra capitale sociale, riserva legale e riserve disponibili, tranne i seguenti casi: - obbligazioni destinate alla sottoscrizione da parte di investitori qualificati; - obbligazioni destinate alla quotazione su mercati regolamentati; - obbligazioni garantite da ipoteca di primo grado; - obbligazioni emesse su autorizzazione del Governo

20 Obbligazioni di società La Banca d Italia deve autorizzare l emissione quando: le obbligazioni non presentino una struttura standard (es. frequenza delle cedole inferiore a tre mesi, parametro di indicizzazione non facilmente rilevabile, ecc.) l importo sia superiore a 2 miliardi di l importo sia superiore a 4 miliardi di per obbligazioni destinate alla quotazione o emesse da banche o altri intermediari finanziari

21 Obbligazioni bancarie Caratteristiche: Taglio minimo di almeno 1000 euro per emissioni di importo non inferiore a 150 milioni, o realizzate da banche con patrimonio di vigilanza superiore a 25 milioni, bilanci degli ultimi tre anni in utile e ultimo certificato; Taglio unitario non inferiore a euro negli altri casi; Durata minima di 36 mesi

22 Obbligazioni strutturate Sono titoli con caratteristiche contrattuali, di rischio e di rendimento innovative rispetto alle categorie tradizionali Sono nate per offrire agli investitori strumenti con le caratteristiche dei titoli obbligazionari, ma con maggiori opportunità di rendimento, a fronte di un maggiore grado di rischio

23 Obbligazioni strutturate Si possono replicare sommando più strumenti elementari: obbligazioni e derivati Componente obbligazionaria: garantisce la restituzione del capitale a scadenza ed eventuali cedole periodiche Componente derivativa: dà la possibilità di prendere posizione su una determinata attività sottostante senza bisogno di possederla

24 Obbligazioni strutturate Attività sottostanti: tassi d interesse, azioni, indici di borsa, commodities, indici d inflazione, valute, rating, eventi di varia natura Meccanismo di indicizzazione: modalità con le quali vengono calcolati i rendimenti (cedole e/o valore di rimborso)

25 Obbligazioni strutturate Due principali tipologie: Obbligazioni floater Obbligazioni linked

26 Obbligazioni floater hanno cedole indicizzate a un tasso d interesse (Euribor, Libor, tasso swap) possono presentare: limiti alla variabilità della cedola (cap, floor, sticky floater) facoltà di trasformazione del tasso (fisso/variabile o viceversa) indicizzazione inversa (reverse floater) opzione di rimborso anticipato (callable)

27 Opzioni sui tassi d interesse (ceiling rate agreement) Servono a limitare la variabilità delle cedole di un prestito indicizzato a un tasso d interesse Cap: consente all emittente di un prestito di fissare un tetto massimo alle cedole variabili pagate Floor: consente all investitore di fissare un limite minimo alle cedole variabili riscosse Collar: prevede un limite massimo e un limite minimo di variazione delle cedole

28 Esempio di obbligazione sticky floater: Finmeccanica Finance Cap&Floor FRN Bond Le obbligazioni fruttano interessi a tasso variabile indicizzato all Euribor a 6 mesi maggiorato di 90 punti base. Dalla seconda data di stacco ogni cedola, per effetto di eventuali incrementi dell Euribor a 6 mesi, non potrà essere superiore di più di 25 b.p. rispetto alla cedola precedente e, per effetto di eventuali decrementi dell Euribor, non potrà essere inferiore di più di 25 b.p. rispetto alla cedola precedente, anche in presenza di variazioni dell Euribor eccedenti tali limiti

29 Esempio di callable bond indicizzati al tasso swap: Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo Rimborso: È prevista la facoltà per l emittente di rimborsare anticipatamente alla pari il prestito a ciascuna data di pagamento delle cedole, a partire dal 24 giugno Interessi: le prime tre cedole annue saranno pari al 4% (cedole fisse). Dalla quarta saranno indicizzate al tasso annuale swap per le operazioni di swap in euro con durata 10 anni (CSM 10). Le cedole variabili non potranno in alcun caso essere inferiori al 1% lordo annuo.

30 Esempio di obbligazione fixed reverse floater: Mediocredito Lombardo Le obbligazioni fruttano interessi pagabili in cedole annue lorde il 18 febbraio di ogni anno. Le prime 10 cedole sono fisse: 1 = 11%; 2 = 6%; 3 = 4,50%; dall a 4 alla 10 = 4%. Le rimanenti dieci saranno calcolat e secondo la seguente formula: Tasso annuo = 14% - (2x tasso EuroLibor 12 mesi) dove per tasso EuroLibor si intende il tasso Libor sui prestiti interbancari a 12 mesi in Euro, rilevato il 4 giorno lavorativo bancario a Londra antecedente la data di godimento delle cedole. Le cedole variabili non potranno assumere valore negativo e non potranno essere superiori al 5% (cap).

31 Obbligazioni linked Si differenziano a seconda delle attività sottostanti: azioni (equity linked), indici finanziari (index l.), fondi comuni (fund l.), panieri di attività (basket l.), beni reali (commodity l.), indici d inflazione (inflation l.), tassi di cambio (forex l.), rischi di credito (credit l.), eventi (event l.) Elementi caratterizzanti: Coefficiente di partecipazione Modalità di osservazione del sottostante Regole di calcolo del rendimento variabile

32 Obbligazione generica Equity Linked Emissione: 15 febbraio 2008 Scadenza: 15 febbraio 2011 Prezzo di emissione: 100. A scadenza paga il massimo tra il 2% (minimo garantito) e il 60% (partecipazione o retrocessione) dell incremento di un basket di azioni del settore farmaceutico. Composizione del basket: Bayer, Aventis, Pfizer, Novartis. Payoff (premio di rimborso) a scadenza: Basket finale iniziale [ ] Max 2%; 60 % Basket iniziale dove è il valore nominale del titolo acquistato dal cliente. Basket

33 Obbligazione generica Index Linked Emissione: 15 febbraio 2008 Scadenza: 15 febbraio 2012 Prezzo di emissione: 100. A scadenza paga il massimo tra il 4% (minimo garantito) e il 90% (partecipazione o retrocessione) dell incremento dello S&P Mib. Payoff (premio di rimborso) a scadenza: S PMib finale iniziale [ ] Max 4%;90 % S & PMib iniziale dove è il valore nominale del titolo acquistato dal cliente. & S & PMib

34 Esempio di una generica obbligazione fund linked Emessa il 1/1/ 2005 alla pari Rimborsabile il 1/1/2010, valore minimo di rimborso: alla pari Premio di rimborso: indicizzato all incremento di valore di un paniere di fondi comuni d investimento così formato: Fondo A azionario Europa peso 30% Fondo B obbligazionario USA peso 25% Fondo C monetario Europa peso 20% Fondo D azionario Paesi Emergenti peso 25% L apprezzamento del paniere è determinato confrontando il suo valore al momento dell emissione con il valore medio di una serie di rilevazioni mensili effettuate durante la vita del prestito

35

36

37

38 Titoli reverse convertible Caratteri: Breve durata Cedola più alta di quella di titoli di analoga durata e rischio Valore di rimborso incerto (non sono considerate obbligazioni), collegato all andamento di un titolo azionario prestabilito. Se alla scadenza il prezzo dell azione è inferiore ad un valore di riferimento stabilito all inizio, l emittente consegnerà azioni. In caso contrario, rimborserà il valore nominale.

39

40 Obbligazioni Convertibili Elementi: Convertibilità totale o parziale Metodo di conversione Periodo di conversione Rapporto o prezzo di conversione Caratteristiche economiche dell emissione

41

42 Obbligazioni con warrant Natura: obbligazione ordinaria + warrant Warrant: diritto che attribuisce al possessore la facoltà di acquistare o sottoscrivere una o più azioni o altri valori mobiliari ad un prezzo prefissato, entro una data scadenza Il warrant può essere separato dall obbligazione e circolare in maniera autonoma

43 Il ranking delle obbligazioni Obbligazioni garantite (secured bonds: asset backed securities e covered bonds) Obbligazioni ordinarie (senior bonds) Obbligazioni subordinate (subordinated bonds o junior bonds) Strumenti ibridi di patrimonializzazione (es. preference shares, c.d.tremonti bond, ecc.)

44 Il processo di cartolarizzazione (l. 30/4/1999 n. 130) L originator (creditore originario) cede un insieme di crediti ad un SPV (special purpose vehicle società creata in funzione della cartolarizzazione) Lo SPV emette obbligazioni garantite dagli stessi crediti (ABS asset backed securities) Con il ricavato del collocamento lo SPV finanzia l acquisto dei crediti Osservazioni: Le sole attività nel bilancio dello SPV sono i crediti rilevati Da flussi incassati sui crediti (interessi e rimborsi) dipende il pagamento delle cedole e il rimborso delle obbligazioni emesse Il rating delle obbligazioni è determinato dalla qualità del portafoglio crediti (e non dalla qualità dell originator)

45 Asset backed securities (ABS) Titoli frutto della cartolarizzazione,garantiti da un collateral costituito da un pool di attività di riferimento. Si possono classificare in: - Mortgage Backed Securities (MBS), cioè titoli aventi come collateral mutui ipotecari; - Collateralized Debt Obligations (CDO), aventi come collateral un portafoglio di altri titoli; - Altri ABS, aventi come collateral ulteriori differenti tipi di credito, in genere credito al consumo (es. carte dicredito, prestiti per acquisti di automobili, ecc.)

46 Collateral Debt Obligations (CDO) Sono garantiti da un portafoglio composto da prestiti, ABS, titoli obbligazionari e talvolta anche credit default swap (CDS). Sono suddivisi in categorie a seconda della loro priorità di rimborso (senior, mezzanine, equity). Qualora i flussi di cassa generati dai crediti posti a garanzia del debito non siano sufficienti a far fronte al pagamento degli interessi sui CDO o al loro rimborso, vengono effettuati prima i pagamenti relativi alle categorie con priorità più alta (senior e mezzanine) e solo in via subordinata quelli relativi alla categoria con minore priorità (c.d. equity) Sono creati da un SPV in genere posto in essere da una banca d investimento, il quale impacchetta il pool di attività di riferimento e vende il CDO agli investitori finali, oppure ad altri intermediari i quali li impacchettano a loro volta creando nuovi CDO (CDO al quadrato, al cubo, ecc.)

47 Caratteri distintivi delle procedure di emissione di un prestito obbligazionario Destinatari offerte pubbliche private placement Mercato di collocamento mercato domestico mercato internazionale Funzioni del consorzio di collocamento assunzione a fermo collocamento e garanzia semplice collocamento Rendimento delle obbligazioni prefissato da definire

48 Gli intermediari coinvolti Il lead manager struttura l operazione organizza il consorzio di intermediari fornisce garanzia di sottoscrizione cura gli adempimenti amministrativi e legali sostiene la quotazione del titolo sul mercato secondario Il managing group si impegna a sottoscrivere una quota rilevante dei titoli in emissione Il selling group distribuisce i titoli sul mercato

49 Le fasi dell emissione di un prestito obbligazionario Origination Lancio ufficiale Pricing Closing

50 Origination Due diligence Analisi di fattibilità Scelta della struttura contrattuale Individuazione del rendimento da offrire Price talk

51 Il rendimento È espresso in termini di spread rispetto ad un titolo benchmark o al tasso swap di pari durata la spread può essere fisso o si stabilisce un range l entità dello spread dipende essenzialmente da: merito di credito dell emittente dimensioni dell operazione liquidità presente sul mercato

52 Il pricing Al termine della fase di raccolta degli ordini si procede: alla eventuale definizione dello spread in base alla domanda del mercato alla comunicazione ai membri del consorzio del quantitativo loro assegnato alla fissazione del prezzo di emissione

53

54 Il rating E una valutazione del merito di credito espressa in maniera sintetica da istituzioni specializzate E attribuito all emittente o a ogni singola emissione di obbligazioni E assegnato su richiesta dell emittente E sottoposto a revisione almeno una volta all anno E espresso in modo da rendere agevole la comparazione tra diverse emissioni

55

56 Elementi sui quali viene costruito un giudizio di rating Stabilità e prospettive del settore Punti di forza e debolezza in relazione alla posizione di mercato Strategia del management e suo grado di preparazione Qualità dei dati contabili Risultati finanziari storici e previsionali Struttura dei ricavi e grado di difendibilità dei profitti Grado di efficienza operativa Flussi di cassa e grado di flessibilità finanziaria

57

Le forme tecniche di raccolta basate su strumenti di mercato

Le forme tecniche di raccolta basate su strumenti di mercato Le forme tecniche di raccolta basate su strumenti di mercato Economia delle aziende di credito. A.A. 2008/2009 Università degli studi Roma Tre - Economia delle aziende di credito, A.A. 2008/2009 1 Indice

Dettagli

Strumenti finanziari e scelte di investimento. Roma, 8 maggio 2009

Strumenti finanziari e scelte di investimento. Roma, 8 maggio 2009 Strumenti finanziari e scelte di investimento Roma, 8 maggio 2009 IL MERCATO DEI CAPITALI Il MERCATO DEI CAPITALI è il luogo ideale dove si incontrano domanda e offerta di strumenti finanziari. Lo scopo

Dettagli

I titoli obbligazionari. Giuseppe G. Santorsola EIF 1

I titoli obbligazionari. Giuseppe G. Santorsola EIF 1 I titoli obbligazionari Giuseppe G. Santorsola EIF 1 Titoli a reddito fisso Tutte le caratteristiche relative al profilo di rischio e rendimento (durata, diritto alla remunerazione e al rimborso del capitale)

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DEGLI ENTI PUBBLICI

IL FINANZIAMENTO DEGLI ENTI PUBBLICI IL FINANZIAMENTO DEGLI ENTI PUBBLICI A cura di Gian Nereo Mazzocco Verona, 11 febbraio 2006 Le anticipazioni di tesoreria (art. 222 Tuel) Controparte: istituto tesoriere Limiti: 3/12 delle entrate correnti

Dettagli

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014 I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS Federica Miglietta Bari, luglio 2014 GLI STRUMENTI DERIVATI Gli strumenti derivati sono così denominati perché il loro valore deriva dal prezzo di una attività sottostante,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI

FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI OBBLIGAZIONI CARIGE SERIE 294 INFLATION BOND II Per conoscere il rendimento offerto

Dettagli

Le obbligazioni: misure di rendimento e rischio Titoli di Stato e altre obbligazioni

Le obbligazioni: misure di rendimento e rischio Titoli di Stato e altre obbligazioni Le obbligazioni: misure di rendimento e rischio Titoli di Stato e altre obbligazioni Economia degli Intermediari Finanziari 5 maggio 2009 A.A. 2008-2009 Agenda 1. Introduzione 2. Titoli di Stato e di enti

Dettagli

CREDIT LINK NOTE e CDO

CREDIT LINK NOTE e CDO CREDIT LINK NOTE e CDO Sono obbligazioni strutturate avente sottostanti particolari e molto spesso emesse da società veicolo (S.P.V) nell ambito di operazioni di cartolarizzazioni. Il CDO, Collateralized

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI

FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI RISERVATO A PROMOTORI/AGENTI Cognome e nome Qualifica N. iscrizione albo.. FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI OBBLIGAZIONI

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI

FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI BANCA CARIGE S.P.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia 16123 Genova Via Cassa di Risparmio 15 FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI

Dettagli

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio Glossario Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio (nell accezione accolta nella Relazione e con esclusione dei termini entrati nel lessico comune italiano oppure inseriti in un contesto

Dettagli

PROSPETTO DI BASE. BANCA POPOLARE DI MANTOVA S.p.A. OBBLIGAZIONI STRUTTURATE SU TASSI

PROSPETTO DI BASE. BANCA POPOLARE DI MANTOVA S.p.A. OBBLIGAZIONI STRUTTURATE SU TASSI PROSPETTO DI BASE RELATIVO AL PROGRAMMA DI OFFERTA DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATO BANCA POPOLARE DI MANTOVA S.p.A. OBBLIGAZIONI STRUTTURATE SU TASSI nell'ambito del quale potranno essere emessi

Dettagli

Titoli di debito. caratteristiche rendimento

Titoli di debito. caratteristiche rendimento Titoli di debito caratteristiche rendimento categorie BUONI ORDINARI DEL TESORO (BOT); CERTIFICATI DEL TESORO ZERO COUPON (CTZ); BUONI DEL TESORO POLIENNALI (BTP); BTP INDICIZZATI ALL INFLAZIONE EUROPEA

Dettagli

in qualità di Emittente, Offerente e Responsabile del collocamento PROSPETTO DI BASE

in qualità di Emittente, Offerente e Responsabile del collocamento PROSPETTO DI BASE Sede legale in Torino, Via Gramsci, n. 7 Capitale sociale: Euro 156.209.463,00 interamente versato Registro delle imprese di Torino e codice fiscale n. 02751170016 Appartenente al Gruppo Bancario Veneto

Dettagli

The Economics of Structured Finance. Economia delle scelte di portafoglio

The Economics of Structured Finance. Economia delle scelte di portafoglio The Economics of Structured Finance Economia delle scelte di portafoglio La finanza strutturata è il pooling di attività (e.g. prestiti, obbligazioni, mutui) e la conseguente emissione di trance con differenti

Dettagli

Tipo Scadenza Periodicità cedola Rimborso BOT (Buoni Ordinari del Tesoro)

Tipo Scadenza Periodicità cedola Rimborso BOT (Buoni Ordinari del Tesoro) TABELLA 10.1 Titoli di Stato: le caratteristiche principali Tipo Scadenza Periodicità cedola Rimborso BOT (Buoni Ordinari del Tesoro) CTZ (Certificati del Tesoro Zerocoupon) CCT (Certificati di Credito

Dettagli

Titoli obbligazionari

Titoli obbligazionari Titoli obbligazionari Tipologie e classificazione strumenti obbligazionari; Mercati di quotazione; Tipologie di rischio; Valutazione di un titolo obbligazionario; Determinazione misure di rendimento; Struttura

Dettagli

Il mercato mobiliare

Il mercato mobiliare Il mercato mobiliare E il luogo nel quale trovano esecuzione tutte le operazioni aventi per oggetto valori mobiliari, ossia strumenti finanziari così denominati per la loro attitudine a circolare facilmente

Dettagli

LOWER TIER II FIX TO FLOAT CON POSSIBILITÀ DI RIMBORSO ANTICIPATO;

LOWER TIER II FIX TO FLOAT CON POSSIBILITÀ DI RIMBORSO ANTICIPATO; Sede Legale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Iscritta all Albo delle Banche al n. 5678 ABI n. 3111.2 Capogruppo del "Gruppo UBI Banca" iscritto

Dettagli

Iccrea Banca S.p.A. in qualità di Emittente e Responsabile del Collocamento

Iccrea Banca S.p.A. in qualità di Emittente e Responsabile del Collocamento Iccrea Banca S.p.A. in qualità di Emittente e Responsabile del Collocamento Società per Azioni Via Lucrezia Romana, 41/47-00178 Roma P. IVA, Codice Fiscale e n. di Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

Titoli obbligazionari

Titoli obbligazionari Titoli obbligazionari Tipologie e classificazione strumenti obbligazionari; Mercati di quotazione; Tipologie di rischio; Valutazione di un titolo obbligazionario; Determinazione misure di rendimento; Struttura

Dettagli

Le auto-cartolarizzazioni

Le auto-cartolarizzazioni Le auto-cartolarizzazioni Esame delle principali strutture contrattuali Avv. Marco Zechini Indice q L'auto-cartolarizzazione: struttura ed esempio q I principali soggetti coinvolti q Principali strutture

Dettagli

Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare

Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare danilo.mascia@gmail.com 1 Credit spread products I credit spread products

Dettagli

MODIFICA DI DENOMINAZIONE, POLITICA DI INVESTIMENTO E BENCHMARK DI TALUNI COMPARTI

MODIFICA DI DENOMINAZIONE, POLITICA DI INVESTIMENTO E BENCHMARK DI TALUNI COMPARTI IMPORTANTE: Il presente documento richiede attenzione immediata. In caso di dubbi sul contenuto del presente documento, richiedere la consulenza di un professionista indipendente. Tutti i termini utilizzati

Dettagli

AVVISO n.17336 26 Settembre 2007 MOT DomesticMOT

AVVISO n.17336 26 Settembre 2007 MOT DomesticMOT AVVISO n.17336 26 Settembre 2007 MOT DomesticMOT Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto : CAPITALIA dell'avviso Oggetto : DomesticMOT inizio negoziazione obbligazioni "Capitalia" Testo

Dettagli

Indice 3 PREFAZIONE. 29 Premessa

Indice 3 PREFAZIONE. 29 Premessa Indice 3 PREFAZIONE 5 INTRODUZIONE - Tendenze evolutive del rapporto banca-impresa 5 I.1 Premessa 6 I.2 Le recenti riforme dell ordinamento bancario 9 I.2.1 Le direttive del Comitato di Basilea 12 I.2.2

Dettagli

Febbraio 2013. Dott. Ivan Fogliata

Febbraio 2013. Dott. Ivan Fogliata Febbraio 2013 Dossier Montepaschi Note tecniche sui prodotti finanziari che interessano le principali operazioni che costituiscono il dossier Monte Paschi Siena. Riflessioni emerse dalle ricostruzioni

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

OFFERTA DI EURO 1.000.000,00 COD ISIN

OFFERTA DI EURO 1.000.000,00 COD ISIN Sede sociale Capalbio Via Nuova n. 37. Iscritta all Albo delle banche al n. 4641.70 Iscritta all Albo delle società cooperative al n. A158347 Capitale sociale Euro 1.309.955,03 al 07/08/2006 Numero di

Dettagli

Parte prima I prodotti del mercato monetario e obbligazionario 1

Parte prima I prodotti del mercato monetario e obbligazionario 1 00_caparrelli 20-01-2004 13:10 Pagina VII Prefazione XIII Parte prima I prodotti del mercato monetario e obbligazionario 1 Capitolo 1 I prodotti del mercato monetario 3 1.1 Introduzione al mercato monetario

Dettagli

INFORMAZIONI SULLE CARATTERISTICHE DELL EMISSIONE Ammontare dell emissione

INFORMAZIONI SULLE CARATTERISTICHE DELL EMISSIONE Ammontare dell emissione FOGLIO INFORMATIVO ANALITICO PER LA RACCOLTA IN TITOLI DELLE BANCHE (REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI) OBBLIGAZIONE 120 CODICE ISIN IT0003353429

Dettagli

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Gli Strumenti Finanziari secondo i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Relatore: Dott. Stefano Grumolato Verona, aprile 2008 Overview dell intervento Strumenti finanziari e tecniche di valutazione

Dettagli

Indice Introduzione all economia del mercato mobiliare Il lessico dei mercati mobiliari

Indice Introduzione all economia del mercato mobiliare Il lessico dei mercati mobiliari Indice Pag. 1. Introduzione all economia del mercato mobiliare 1 Antonio Fasano 1.1 Il sistema finanziario e il mercato mobiliare 1 1.1.1 Gli strumenti finanziari 2 1.1.2 Gli intermediari finanziari 4

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 6

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 6 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 6 1. I mercati finanziari rappresentano un canale di trasferimento diretto di risorse finanziarie tra soggetti in surplus e soggetti in deficit, alternativo all insieme di trasferimenti

Dettagli

PROSPETTO INFORMATIVO

PROSPETTO INFORMATIVO PROSPETTO INFORMATIVO Per le Emissioni di Obbligazioni Bancarie c.d. Plain Vanilla Banca Emittente ( L Emittente ) BANCA FARNESE S.p.A. Banca Offerente ( L Offerente ) BANCA FARNESE S.p.A. Responsabili

Dettagli

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari I contratti finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Definizioni I contratti finanziari-detti anche attività finanziarie e strumenti finanziari-sono beni intangibili che costituiscono

Dettagli

Fondi aperti Caratteri

Fondi aperti Caratteri Fondi aperti Caratteri Patrimonio variabile Quota valorizzata giornalmente in base al net asset value (Nav) Investimento in valori mobiliari prevalentemente quotati Divieti e limiti all attività d investimento

Dettagli

STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (1)

STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (1) STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (1) Novembre 2011 Università della Terza Età 1 Il Mercato Finanziario Il mercato finanziario è il complesso delle emissioni e delle negoziazioni che hanno come oggetto strumenti

Dettagli

Ordinanza della CFB sui fondi d investimento

Ordinanza della CFB sui fondi d investimento Ordinanza della CFB sui fondi d investimento (OFI-CFB) Modifica del 24 novembre 2004 La Commissione federale delle banche (CFB) ordina: I L ordinanza della CFB del 24 gennaio 2001 1 sui fondi d investimento

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO TASSO VARIABILE

Dettagli

INFORMAZIONI SULLE CARATTERISTICHE DELL EMISSIONE Ammontare dell emissione

INFORMAZIONI SULLE CARATTERISTICHE DELL EMISSIONE Ammontare dell emissione FOGLIO INFORMATIVO ANALITICO PER LA RACCOLTA IN TITOLI DELLE BANCHE (REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI) OBBLIGAZIONE 127 CODICE ISIN IT0003373534

Dettagli

I titoli obbligazionari

I titoli obbligazionari I titoli obbligazionari 1 Tipologie di titoli La relazione di equivalenza consente di attribuire un valore oggi ad importi monetari disponibili ad una data futura. In particolare permettono di determinare

Dettagli

PROSPETTO INFORMATIVO PER LE EMISSIONI OBBLIGAZIONARIE C.D. PLAIN VANILLA OFFERTA DI 2.000.000

PROSPETTO INFORMATIVO PER LE EMISSIONI OBBLIGAZIONARIE C.D. PLAIN VANILLA OFFERTA DI 2.000.000 Sede sociale Via Provinciale lucchese 125/B Iscritta all Albo delle banche al n. 2305-10 Iscritta all Albo delle società cooperative al n. A154088 Capitale sociale Euro 2.378.946 Numero di iscrizione nel

Dettagli

La gestione della raccolta bancaria (parte II) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012

La gestione della raccolta bancaria (parte II) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 La gestione della raccolta bancaria (parte II) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 Le funzioni d investimento delle passività bancarie Esistono diverse tipologie

Dettagli

B.C.C. del Garda Banca di Credito Cooperativo Colli Morenici del Garda

B.C.C. del Garda Banca di Credito Cooperativo Colli Morenici del Garda B.C.C. del Garda Banca di Credito Cooperativo Colli Morenici del Garda Società Cooperativa con sede legale in Montichiari (BS) - Via Trieste, 62, iscritta all Albo delle Banche al n. 3379.5.0, all Albo

Dettagli

I contratti derivati nelle gestioni assicurative. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di. Mario Parisi.

I contratti derivati nelle gestioni assicurative. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di. Mario Parisi. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi I contratti derivati nelle gestioni assicurative 1 I derivati e le assicurazioni L assunzione di posizioni

Dettagli

AZIONI E OBBLIGAZIONI: CARATTERISTICHE E STIME DEL VALORE. Docente: Prof. Massimo Mariani

AZIONI E OBBLIGAZIONI: CARATTERISTICHE E STIME DEL VALORE. Docente: Prof. Massimo Mariani AZIONI E OBBLIGAZIONI: CARATTERISTICHE E STIME DEL VALORE Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Le obbligazioni: definizioni e caratteristiche Particolari tipologie di obbligazioni La valutazione delle

Dettagli

ISIN IT000469394 8 CASSA DI RISPARMIO DI ALESSANDRIA S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO

ISIN IT000469394 8 CASSA DI RISPARMIO DI ALESSANDRIA S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta delle obbligazioni Cassa di Risparmio di Alessandria 6 Aprile 2011/2018 Tasso Fisso 4,10%, ISIN IT000469394 8 da emettersi nell ambito del programma CASSA DI

Dettagli

Banca Centropadana tasso fisso 2,75% 15.01.2013-15.07.2015 serie 351 ISIN: IT0004887904

Banca Centropadana tasso fisso 2,75% 15.01.2013-15.07.2015 serie 351 ISIN: IT0004887904 10. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO Banca Centropadana Credito Cooperativo Società Cooperativa Sede sociale in Piazza IV Novembre 11 26862 Guardamiglio (LO) Iscritta all

Dettagli

ISSIS DON MILANI LICEO ECONOMICO SOCIALE Corso di DIRITTO ed ECONOMIA POLITICA. Liceo Don Milani classe I ECONOMICO SOCIALE Romano di Lombardia 1

ISSIS DON MILANI LICEO ECONOMICO SOCIALE Corso di DIRITTO ed ECONOMIA POLITICA. Liceo Don Milani classe I ECONOMICO SOCIALE Romano di Lombardia 1 ISSIS DON MILANI LICEO Corso di DIRITTO ed ECONOMIA POLITICA 1 NEL MERCATO FINANZIARIO SI NEGOZIANO TITOLI CON SCADENZA SUPERIORE A 18 MESI AZIONI OBBLIGAZIONI TITOLI DI STATO 2 VALORE DEI TITOLI VALORE

Dettagli

PROSPETTO INFORMATIVO

PROSPETTO INFORMATIVO PROSPETTO INFORMATIVO Per le Emissioni di Obbligazioni Bancarie c.d. Plain Vanilla Banca Emittente ( L Emittente ) BANCA FARNESE S.p.A. Banca Offerente ( L Offerente ) BANCA FARNESE S.p.A. Responsabili

Dettagli

Documento adottato dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 21/12/2010

Documento adottato dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 21/12/2010 Policy di Valutazione e Pricing e Regole Interne per la negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dal Credito Cooperativo ravennate e imolese Soc. coop. (ai sensi delle Linee guida interassociative

Dettagli

Azioni azioni ordinarie o privilegiate che rappresentano una quota di proprietà di una società.

Azioni azioni ordinarie o privilegiate che rappresentano una quota di proprietà di una società. Glossario Accettazioni bancarie strumenti a breve termine emessi dai debitori internazionali garantiti da banche di rilievo internazionale. Agency bonds Obbligazioni emesse (ma non garantite) da agenzie

Dettagli

Economia dei Mercati Finanziari Secondo Modulo Prof. Luca Malavolta. Mercato Obbligazionario

Economia dei Mercati Finanziari Secondo Modulo Prof. Luca Malavolta. Mercato Obbligazionario Economia dei Mercati Finanziari Secondo Modulo Prof. Luca Malavolta Mercato Obbligazionario OBBLIGAZIONE: Titolo di debito che impegna l'emittente al rimborso del capitale oltre che alla corresponsione

Dettagli

Banca Centropadana Zero Coupon 03.09.2012-16.12.2019 Serie 342 ISIN: IT0004846694

Banca Centropadana Zero Coupon 03.09.2012-16.12.2019 Serie 342 ISIN: IT0004846694 10. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE OBBLIGAZIONI A ZERO COUPON Banca Centropadana Credito Cooperativo Società Cooperativa Sede sociale in Piazza IV Novembre 11 26862 Guardamiglio (LO) Iscritta all

Dettagli

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI Il presente documento contiene le informazioni chiave per gli investitori di questo Comparto. Non si tratta di un documento promozionale. Le informazioni contenute

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 6

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 6 987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r.l. SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 6 1. I mercati finanziari rappresentano

Dettagli

Banca Valsabbina Tasso Misto 01/07/2011-2016 ISIN IT0004739048

Banca Valsabbina Tasso Misto 01/07/2011-2016 ISIN IT0004739048 BANCA VALSABBINA S.C.p.A. Sede Legale: Vestone (Bs) via Molino, 4 Direzione Generale: Brescia via XXV Aprile, 8 Tel. 030 3723.1 Fax 030 3723.430 - Iscritta al Registro Imprese e CCIAA di Brescia REA n.9187

Dettagli

Test di ammissione al Corso di Laurea magistrale a numero programmato in: Finanza, Intermediari e Mercati - CLAMFIM (cod. 0901)

Test di ammissione al Corso di Laurea magistrale a numero programmato in: Finanza, Intermediari e Mercati - CLAMFIM (cod. 0901) Test di ammissione al Corso di Laurea magistrale a numero programmato in: Finanza, Intermediari e Mercati - CLAMFIM (cod. 0901) Classe: LM-16 (Finanza) Anno Accademico 2011/2012 1 1) Secondo qualsiasi

Dettagli

FONDITALIA. Fondo Comune d Investimento Lussemburghese a Compartimenti Multipli ADDENDUM AL PROSPETTO E AL REGOLAMENTO DI GESTIONE

FONDITALIA. Fondo Comune d Investimento Lussemburghese a Compartimenti Multipli ADDENDUM AL PROSPETTO E AL REGOLAMENTO DI GESTIONE FONDITALIA Fondo Comune d Investimento Lussemburghese a Compartimenti Multipli ADDENDUM AL PROSPETTO E AL REGOLAMENTO DI GESTIONE Questo addendum del 23 maggio 2016 fa parte del Prospetto e del Regolamento

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA. "CASSA DI RISPARMIO DI SAN MINIATO S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE"

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA. CASSA DI RISPARMIO DI SAN MINIATO S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA "CASSA DI RISPARMIO DI SAN MINIATO S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE" Prestito Obbligazionario Cassa di Risparmio di San Miniato S.p.A. Tasso

Dettagli

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Milano 12 marzo Fondazione Ambrosianeum Via delle Ore 3 Un Azienda ha la necessità di finanziare la sua attività caratteristica per un importo

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA PROGRAMMA DI EMISSIONE BANCA DI ROMANO E S. CATERINA SOC. COOP

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA PROGRAMMA DI EMISSIONE BANCA DI ROMANO E S. CATERINA SOC. COOP Società Cooperativa fondata nel 1994 Codice ABI 08309 Sede Legale: Via Gen. Giardino, 3-36060 Romano d Ezzelino (VI) Sede Amministrativa: Via Capitelvecchio,32 36061 Bassano del Grappa (VI) Capitale soc.

Dettagli

STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (2)

STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (2) STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (2) Novembre 2011 Università della Terza Età 1 Le Obbligazioni Le obbligazioni sono titoli di credito autonomo, rappresentativi di prestiti contratti presso il pubblico

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato e uno strumento finanziario il cui rendimento e legato al rendimento di un altro strumento finanziario emesso in precedenza e separatamente negoziato. Un esempio

Dettagli

Banca Popolare di Mantova 31 Maggio 2011/2013. Tasso Fisso 2,60%, ISIN IT000471447 0. "BANCA POPOLARE DI MANTOVA S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO"

Banca Popolare di Mantova 31 Maggio 2011/2013. Tasso Fisso 2,60%, ISIN IT000471447 0. BANCA POPOLARE DI MANTOVA S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta delle obbligazioni Banca Popolare di Mantova 31 Maggio 2011/2013 Tasso Fisso 2,60%, ISIN IT000471447 0 da emettersi nell ambito del programma "BANCA POPOLARE

Dettagli

INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI AI SENSI DELL ART. 31 DEL REGOLAMENTO CONSOB 16190/2007

INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI AI SENSI DELL ART. 31 DEL REGOLAMENTO CONSOB 16190/2007 INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI AI SENSI DELL ART. 31 DEL REGOLAMENTO CONSOB 16190/2007 14. Obbligazioni strutturate 14.1 Caratteristiche dei Titoli di debito (obbligazioni) Acquistando titoli

Dettagli

OFFERTA DI EURO 500.000,00

OFFERTA DI EURO 500.000,00 Sede sociale Capalbio Via Nuova, n. 37 Iscritta all Albo delle banche al n. 4641.70 Iscritta all Albo delle società cooperative al n. A158347 Capitale sociale Euro 2.728.888,00 al 31/12/2009 Numero di

Dettagli

INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI/PRODOTTI FINANZIARI Informazioni generali sulla natura e sui rischi degli strumenti/prodotti finanziari

INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI/PRODOTTI FINANZIARI Informazioni generali sulla natura e sui rischi degli strumenti/prodotti finanziari INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI/PRODOTTI FINANZIARI Informazioni generali sulla natura e sui rischi degli strumenti/prodotti finanziari Mifi d Info Strum/Prodotti Finanz. Ed. Gennaio 2012 Il documento ha

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO TASSO VARIABILE

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO TASSO VARIABILE

Dettagli

Nome e cognome/ragione sociale Sede (indirizzo) Telefono e e-mail

Nome e cognome/ragione sociale Sede (indirizzo) Telefono e e-mail INFORMAZIONI SULLA BANCA Cassa di Risparmio di Cento S.p.A. Sede Legale e Direzione generale: Via Matteotti 8/B - 44042 CENTO (FE) Tel. 051 6833111 - Fax 051 6833237 CODICE FISCALE, PARTITA IVA e Numero

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Prof. Filippo Stefanini A.A. Corso 60012 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Edile Tassi di interesse Per ciascuna divisa, sono regolarmente quotati diversi

Dettagli

G.Forestieri (a cura di) Corporate and Investment Banking Quarta Edizione EGEA 2008 Capitolo 8

G.Forestieri (a cura di) Corporate and Investment Banking Quarta Edizione EGEA 2008 Capitolo 8 Obbligazioni e prestiti sindacati Letture Obbligatorie: G.Forestieri (a cura di) Corporate and Investment Banking Quarta Edizione EGEA 2008 Capitolo 8 Materiali di approfondimento (non obbligatori): C.M.

Dettagli

Cassa Centrale Raiffeisen dell Alto Adige con sede legale in 39100 Bolzano, via Laurin no. 1

Cassa Centrale Raiffeisen dell Alto Adige con sede legale in 39100 Bolzano, via Laurin no. 1 A.1 MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Cassa Centrale Raiffeisen dell Alto Adige con sede legale in 39100 Bolzano, via Laurin no. 1 Iscritta all albo delle banche tenuto dalla Banca d'italia al n. 3493.4

Dettagli

Riferimenti metodologici per la mappatura della complessità dei prodotti finanziari ai fini della valutazione di adeguatezza

Riferimenti metodologici per la mappatura della complessità dei prodotti finanziari ai fini della valutazione di adeguatezza Riferimenti metodologici per la mappatura della complessità dei prodotti finanziari ai fini della valutazione di adeguatezza Giugno 2015 PREMESSA Il presente documento illustra i riferimenti metodologici

Dettagli

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI Il presente documento contiene le informazioni chiave per gli investitori di questo Comparto. Non si tratta di un documento promozionale. Le informazioni contenute

Dettagli

I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE. CENTROMARCA BANCA CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA Via D. Alighieri n. 2 31022 Preganziol (TV)

I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE. CENTROMARCA BANCA CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA Via D. Alighieri n. 2 31022 Preganziol (TV) REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO CENTROMARCA BANCA CREDITO COOPERATIVO 3,50% 10/12/2012 10/06/2017 XI EMISSIONE 2012 Codice ISIN IT0004871171 EMISSIONE ASSISTITA DA PROSPETTO SEMPLIFICATO AI SENSI

Dettagli

Banca di Legnano 29 Luglio 2011/2015 Tasso Fisso 3,30%, ISIN IT000474669 6. BANCA DI LEGNANO S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO

Banca di Legnano 29 Luglio 2011/2015 Tasso Fisso 3,30%, ISIN IT000474669 6. BANCA DI LEGNANO S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta delle obbligazioni Banca di Legnano 29 Luglio 2011/2015 Tasso Fisso 3,30%, ISIN IT000474669 6 da emettersi nell ambito del programma BANCA DI LEGNANO S.p.A. OBBLIGAZIONI

Dettagli

relative al prestito Banca della Bergamasca Credito Cooperativo Step Up 12/02/09-12 177 em. ISIN IT0004459431 della

relative al prestito Banca della Bergamasca Credito Cooperativo Step Up 12/02/09-12 177 em. ISIN IT0004459431 della Sede legale in Zanica (Bergamo), via Aldo Moro, 2 Sito internet: www.bccbergamasca.it - Email banca@bergamasca.bcc.it Iscritta all Albo delle Banche tenuto dalla Banca d Italia al n. 803 Iscritta all Albo

Dettagli

OFFERTA DI EURO 1.000.000,00

OFFERTA DI EURO 1.000.000,00 Sede sociale Capalbio Via Nuova, n. 37 Iscritta all Albo delle banche al n. 4641.70 Iscritta all Albo delle società cooperative al n. A158347 Capitale sociale Euro 2.728.888,00 al 31/12/2009 Numero di

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA RELATIVA ALL EMISSIONE

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA RELATIVA ALL EMISSIONE CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA RELATIVA ALL EMISSIONE "BANCA CASSA DI RISPARMIO DI SAVIGLIANO S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO MISTO 2010/2015 129^ em." ISIN IT0004639529 NELL AMBITO DEL PROGRAMMA

Dettagli

1) MUTUO GARANTITI DA IPOTECA PER L ACQUISTO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE A TASSO FISSO

1) MUTUO GARANTITI DA IPOTECA PER L ACQUISTO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE A TASSO FISSO Questo documento redatto secondo le disposizioni vigenti in materia di Trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari, correttezza delle relazioni tra intermediari e clienti - riepiloga

Dettagli

Banca Centropadana tasso fisso 3,50% 16.04.2012/16.04.2015 serie 338 ISIN IT0004809296

Banca Centropadana tasso fisso 3,50% 16.04.2012/16.04.2015 serie 338 ISIN IT0004809296 10. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO Banca Centropadana Credito Cooperativo Società Cooperativa Sede sociale in Piazza IV Novembre 11 26862 Guardamiglio (LO) Iscritta all

Dettagli

Gestione patrimoniale e finanziaria

Gestione patrimoniale e finanziaria Gestione patrimoniale e finanziaria Investimenti e disponibilità Operatività svolta nel corso del 2013 Durante il 2013 le politiche di investimento adottate dall area finanza hanno perseguito, in un ottica

Dettagli

Nozioni di matematica finanziaria, analisi di scenario, strumenti finanziari, operatività bancaria e costruzione del portafoglio

Nozioni di matematica finanziaria, analisi di scenario, strumenti finanziari, operatività bancaria e costruzione del portafoglio Nozioni di matematica finanziaria, analisi di scenario Nozioni di Matematica Finanziaria 51 Analisi si scenario 103 Piani di ammortamento Rendite Regimi di capitalizzazione semplice e composta Tassi equivalenti

Dettagli

1. I Tassi di interesse. Stefano Di Colli

1. I Tassi di interesse. Stefano Di Colli 1. I Tassi di interesse Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Strumenti (in generale) Un titolo rappresenta un diritto sui redditi futuri dell emittente o sulle sue attività Un

Dettagli

INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI/PRODOTTI FINANZIARI

INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI/PRODOTTI FINANZIARI INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI/PRODOTTI FINANZIARI Informazioni generali sulla natura e sui rischi degli strumenti/prodotti fi nanziari Il documento ha la finalità di fornire alcune informazioni di base

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO Comparto 2 Bilanciato

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO Comparto 2 Bilanciato Allegato 4 REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO Comparto 2 Bilanciato ARTICOLO 1 - ISTITUZIONE E DENOMINAZIONE DEL FONDO INTERNO La Società ha istituito in data 2 dicembre 2010, e gestisce secondo le modalità

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO GE Capital Interbanca ALLEGATO 5 Gruppo Bancario GE Capital Interbanca DOCUMENTO INFORMATIVO Il presente Documento Informativo (di seguito per brevità anche denominato Documento ) è redatto in conformità

Dettagli

BCC ATESTINA TV Euribor 6m+1.00 23/07/2015 23/01/2018 Serie 6/15 ISIN IT0005121634 fino ad un ammontare nominale complessivo di Euro 3.000.

BCC ATESTINA TV Euribor 6m+1.00 23/07/2015 23/01/2018 Serie 6/15 ISIN IT0005121634 fino ad un ammontare nominale complessivo di Euro 3.000. - PROSPETTO SEMPLIFICATO Per l offerta al pubblico di cui all articolo 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob n. 11971/99 Pubblicato in data 22/07/2015 (da consegnare al sottoscrittore che ne faccia richiesta)

Dettagli

Prospetto con dati aggiornati al 27/06/2016 Pagina 1 di 9

Prospetto con dati aggiornati al 27/06/2016 Pagina 1 di 9 27/06/2016 Come previsto dalla Banca d Italia nelle Disposizioni di Vigilanza del 30/12/2008, in relazione all oggetto, si elencano nel prospetto seguente le diverse tipologie di mutui offerti dalla Nuova

Dettagli

CASSA PADANA Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa in qualità di Emittente

CASSA PADANA Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa in qualità di Emittente A.9 MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE CASSA PADANA Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO CASSA PADANA TASSO VARIABILE

Dettagli

Prospetto con dati aggiornati al 20/01/2014 Pagina 1 di 9

Prospetto con dati aggiornati al 20/01/2014 Pagina 1 di 9 . AGGIORNAMENTO N.35 20/01/2014 Come previsto dalla Banca d Italia nelle Disposizioni di Vigilanza del 30/12/2008, in relazione all oggetto, si elencano nel prospetto seguente le diverse tipologie di mutui

Dettagli