I progetti prendono forma. Milano, 13 novembre 2000

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I progetti prendono forma. Milano, 13 novembre 2000"

Transcript

1 I progetti prendono forma Milano, 13 novembre 2000

2 1 Dott. Massimo PROSDOCIMI Banca Commerciale Italiana Struttura dell offerta Ing. Giuseppe MORFINO Presidente Profilo del Gruppo Ing. Luigi VISCONTI Amministratore Delegato Posizionamento e strategie Dr. Giorgio FASSIO Direttore Amministrativo e Finanziario Ing. Giuseppe MORFINO Presidente Dati finanziari Conclusioni Agenda

3 2 Struttura dell offerta Dr. Massimo PROSDOCIMI Banca Commerciale Italiana

4 3 Dimensione dell offerta Azioni offerte Numero azioni ordinarie (25,5% cap. soc. post Offerta) e numero azioni di greenshoe azioni di nuova emissione la greenshoe è messa in vendita dall Ing. Morfino Quotazione Milano Nuovo Mercato Tranches Lock-up Collocamento istituzionale (Italia/estero): max 65% OPS (solo Italia): min 35% 12 mesi per gli attuali azionisti - sull 80% oltre a ulteriori impegni convenzionali assunti dagli attuali azionisti con la Società e lo Sponsor Struttura dell offerta

5 4 Capitale sociale ante Offerta: 3,5 milioni di azioni Luigi Visconti 2,55% altri 7,70% Giuseppe Morfino 89,75% Azionariato ante Offerta

6 5 Capitale sociale post Offerta: 4,7 milioni di azioni* altri 5,75% mercato 25,53% Luigi Visconti 1,89 89% Giuseppe Morfino 66,83% * ante greenshoe, pari a azioni (10% dell Offerta Globale) Azionariato post Offerta

7 6 13/17 novembre Roadshow (Italia + estero) novembre Offerta al Pubblico 13/21 novembre Periodo Book building 22 novembre Pricing e allocazione 27 novembre Assegnazione e pagamento Timetable preliminare

8 7 Global co-ordinator BANCA COMMERCIALE ITALIANA Lead manager e Bookrunner del collocamento privato BANCA COMMERCIALE ITALIANA Lead manager, Sponsor e Specialist BANCA COMMERCIALE ITALIANA Composizione del Consorzio

9 8 Profilo del Gruppo Ing. Giuseppe MORFINO Presidente

10 9 La missione di Fidia PHIDIAS Particolare del Partenone: Artemide Museo dell Acropoli, Atene I progetti prendono forma

11 Fondata da parte dell Ing.Morfino per la produzione di CNC valori in miliardi di lire Ricavi anni 80 Forte espansione a livello internazionale, filiali in USA, Germania, Spagna e Francia fine 80 anni 90 Inizia lo sviluppo di sistemi di fresatura ad alta velocità Acquisizione Cortini Inizia lo sviluppo CAM Filiali in Cina e Brasile Partecipazione in SITRA Srl Acquisizione SIMAV SpA 1996 Certificazione UNI EN ISO Evoluzione storica

12 dal 1997 dal 2000 Evoluzione storica CNC

13 12 Ieri : macchine copiatrici

14 13 Oggi: sistemi di fresatura ad alta velocità

15 14 Il Gruppo Fidia è leader a livello mondiale nella progettazione e produzione di controlli numerici e di sistemi integrati per la realizzazione di forme complesse, destinati principalmente al settore della stampistica. La società opera in tre aree di business: Controlli numerici per sistemi di fresatura sistemi di fresatura ad alta velocità Software CAM Computer Aided Manufacturing Il patrimonio di competenze tecnologiche consente di offrire ai clienti soluzioni personalizzate. Linee di sviluppo

16 15 Il Gruppo Fidia è leader a livello mondiale nella progettazione e produzione di controlli numerici e di sistemi integrati per la realizzazione di forme complesse, destinati principalmente al settore della stampistica. La società opera in tre aree di business: controlli numerici per sistemi di fresatura sistemi di fresatura ad alta velocità software CAM Computer Aided Manufacturing Il patrimonio di competenze tecnologiche consente di offrire ai clienti soluzioni personalizzate. Linee di sviluppo

17 16 Il Gruppo Fidia è leader a livello mondiale nella progettazione e produzione di controlli numerici e di sistemi integrati per la realizzazione di forme complesse, destinati principalmente al settore della stampistica. La società opera in tre aree di business: controlli numerici per sistemi di fresatura sistemi di fresatura ad alta velocità software CAM Computer Aided Manufacturing Il patrimonio di competenze tecnologiche consente di offrire ai clienti soluzioni personalizzate. Linee di sviluppo

18 17 FIDIA S.p.A. CORTINI SpA 100% 100% SIMAV SpA 73% SITRA AUTOMAZIONE Srl 27% FIDIA GmbH Germania FIDIA Co Stati Uniti 100% 100% soci fondatori FIDIA Iberica Spagna 99,99% FIDIA do Brasil Brasile 99,75% 6,81% FIDIA Sarl Francia 93,19% soci locali 8% Beijing FIDIA Cina 92% Struttura del Gruppo

19 18 Filiali Agenti Service centre Il gruppo Fidia in Europa...

20 19 Filiali Agenti Service centre...e nel resto del mondo

21 20 I principali clienti

22 21 I principali clienti

23 22 I principali clienti

24 23 Mercati di riferimento e posizionamento del gruppo Ing. Luigi VISCONTI Amministratore Delegato

25 24 Mercato mondiale degli stampi scenario max scenario min valori in miliardi di lire CAGR = 8,7% CAGR = 4,4% Fonte: dati 1998 ISTMA, modello STEP, previsioni STEP La filiera della stampistica

26 25 La filiera della produzione di stampi presenta tassi di crescita sostenuti per i seguenti fattori: continua crescita della varietà dei prodotti industriali realizzati con stampi progressiva diminuzione della durata del ciclo di vita dei prodotti la ripresa in atto in Cina, Brasile e Messico ed altri PVS Si caratterizza inoltre per una ridotta sensibilità a perturbazioni legate al ciclo economico, grazie allo sbocco su diversi settori industriali. Elevato tasso di crescita

27 26 leadership nel segmento a maggior valore aggiunto nella catena del valore presenza consolidata in una nicchia con alte barriere all entrata offerta di sistemi taylor made sofisticati e verticalmente integrati: CAM, CNC, HSC revenues da tutte le fasi del ciclo di vita dei prodotti (training, maintenance, retrofitting) prezzi medi notevolmente superiori alla media di mercato Posizionamento del Gruppo

28 27 Stima mercato % sistemi di fresatura ad alta velocità 20% CAGR Sistemi di fresatura ad alta velocità 17% 10% 13% lire mld Fonte: modello STEP, Torino, luglio 2000 I mercati di Fidia

29 28 L elevato tasso di crescita dei sistemi di fresatura ad alta velocità è giustificato da motivazioni... ECONOMICHE minor tempo di realizzazione della finitura dello stampo: riduzione del Time To Market significativi risparmi sul costo della manodopera qualificata addetta alla finitura notevole incremento della qualità con diminuzione degli scarti o delle modifiche ALTA VELOCITA E SINTESI DI COMPETENZE TECNICHE ED OPPORTUNITA COMMERCIALI Drivers della crescita dei sistemi di fresatura

30 29 L elevato tasso di crescita dei sistemi di fresatura ad alta velocità è giustificato da motivazioni... TECNICHE disponibilità di elettromandrini ad elevato numero di giri con ottima affidabilità disponibilità di convertitori ad alta frequenza ed elevate prestazioni controlli numerici specializzati per alta velocità dispositivi di misura di alta precisione per controllo utensili ALTA VELOCITA E SINTESI DI COMPETENZE TECNICHE ED OPPORTUNITA COMMERCIALI Drivers della crescita dei sistemi di fresatura

31 Evoluzione fatturato sistemi di fresatura 30 Drivers del successo di Fidia: tra i primi ad introdurre l alta velocità gamma completa di prodotti integrazione tecnologica soluzioni specifiche e personalizzate valori in miliardi di lire 35,1 28,3 CAGR = 18% valori in milioni di lire ed in % 39,2

32 31 valori in miliardi di lire ITALIA D SP/P F/B RPC BR USA/C altri Breakdown fatturato per area geografica

33 32 Il Gruppo sostiene da sempre notevoli investimenti in attività di Ricerca e Sviluppo: Valore in lire mln I SEM Fatturato Costi di R&S Incidenza % 7,4 7,7 7,7 un team di oltre 40 ricercatori è stabilmente dedicato alle attività R&S, avvalendosi anche dell aiuto di consulenti il Gruppo è impegnato, in collaborazione con Enti di ricerca europei e primari gruppi industriali, in: 12 progetti finanziati dall Unione Europea Programmi ESPRIT, BRITE-EURAM, GROWTH 4 progetti finanziati dal MURST Ministero dell Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica Significativi investimenti in R&D

34 33 Obiettivi e Strategie Ing. Luigi VISCONTI Amministratore Delegato

35 34 Acquisizioni di aziende di piccole e medie dimensioni, in ottica di potenziamento delle strutture del gruppo e maggiore copertura dei mercati internazionali Ampliamento delle linee di prodotti del gruppo, al fine di offrire ai clienti una gamma piu ampia di prodotti software Continua espansione sui mercati esteri, in particolare su quelli ritenuti a più alta crescita, quali USA e Canada, Cina e Brasile Ulteriore sviluppo dei canali di vendita, potenziando le sedi estere, con affiancamento di reti di agenti Proseguimento dei forti investimenti nell attività di Ricerca e Sviluppo, e delle collaborazioni con centri di ricerca nazionali ed esteri Obiettivi e strategie

36 35 Nuove acquisizioni Capital Expenditure Sviluppo dei prodotti Sviluppo rete di vendita Use of proceeds

37 36 Dati finanziari Dr. Giorgio FASSIO Direttore Amministrativo e Finanziario

38 I sem I sem valori lire mld % lire mld % lire mld % lire mld % lire mld % Ricavi di vendita Valore produzione 60,5 97,2 67,0 95,7 72,7 94,2 33,9 90,4 37,5 89,7 62, , , , ,8 100 EBITDA 3,9 6,2 7,0 10,0 12,8 16,6 5,5 14,7 8,1 19,3 Risultato operativo Utile ante imposte 1,6 2,6 4,4 6,3 9,0 11,7 4,0 10,7 6,5 15,5 0,4 0,7 2,1 3,0 8,3 10,8 3,5 9,3 7,2 17,1 Utile netto 0,09 0,1 0,2 0,3 4,4 5,7 1,9* 5,0 3,9* 9,3 * calcolato sulla base di un tax rate del 46% Dati reddituali

39 38 Lire mld CAGR = 11,3% CAGR = 11,6% I sem Isem Evoluzione del valore della produzione

40 39 Lire mld evoluzione dell EBITDA 14 19,3% ,6% 14,6% 8 10,1% ,3% CAGR = 82% CAGR = 48% I sem. CAGR 1997/1999 = 82% 1999 I sem Dati reddituali

41 40 Lire mld evoluzione dell EBIT 15,5% ,7% 10,6% ,4% 2 1 2,6% CAGR = 134% CAGR = 63% CAGR 1997/1999 = 134% Isem Isem Dati reddituali

42 41 Lire mld evoluzione dell utile ante imposte 17,1% ,8% 9,4% 3 2 3,0% CAGR = 106% 1 0 0,7% CAGR = 356% Isem Isem * l utile netto è calcolato sulla base di un tax rate del 46% CAGR 1997/1999 = 356% Dati reddituali

43 42 Lire mld 9 8 evoluzione del Cash Flow 13,3% 7 10,7% 6 9,1% ,7% CAGR = 89% 4,0% CAGR = 62% Isem. * l utile netto è calcolato sulla base di un tax rate del 46% 1999 (*) Isem (*) CAGR 1997/1999 = 89% Dati reddituali

44 43 valori in lire mld Isem Isem Attivo fisso netto 7,8 7,3 7,3 7,5 7,5 Cap. circolante netto 25,4 23,1 17,9 22,3 19,8 Altre attività 0,2 0,4 0,4 0,4 0,4 TOTALE ATTIVO NETTO 33,5 30,8 25,6 30, Posizione Finanziaria Netta 18,2 17,1 6,0 13,9 3,6 Altre passività e TFR 6,4 4,9 5,6 5,4 5,7 Patrimonio netto 8,9 8,8 14,0 10,9* 18,4* TOTALE PASSIVO E PN 33,5 30,8 25,6 30,2 27,7 numero medio dipendenti Gruppo * l utile è stato calcolato sulla base di un tax rate del 46% Dati patrimoniali

45 44 Crescita con basso assorbimento di circolante: riduzione tempo di attraversamento aumento forza contrattuale tempo di incasso tempo di pagamento tempo di giacenza scorte giugno 2000 Politica del circolante

46 45 Conclusioni Ing. Giuseppe MORFINO Presidente

47 46 RICERCA E SVILUPPO MARGINI INNOVAZIONE DI PRODOTTO MARCHIO BASE DI CLIENTI MERCATI INTERNAZIONALI Key success loop

48 47 diventare il numero 1 nella produzione di sistemi per la lavorazione di forme complesse utilizzare un piano di stock option per attirare e motivare risorse qualificate crescere generando cassa e con disciplina sul circolante Obiettivi

49 48 Fidia si quota per crescere, soprattutto nel software e nell elettronica Opera in una nicchia di mercato che presenta un tasso di crescita nel prossimo triennio del 13-17% annuo Al 30 giugno 2000 l EBITDA è stato pari a circa il 20% del valore della produzione Conta su un parco macchine installato di circa unità e circa clienti Conclusioni

50 49 I progetti prendono forma Milano, 13 novembre 2000

Presentazione aziendale

Presentazione aziendale Presentazione aziendale Indice Attività e Posizionamento Competitivo Prodotti e Mercati Dati Economico-Finanziari Consolidati Obiettivi e Strategie 2 Attività e Posizionamento Competitivo 3 Cembre Cembre

Dettagli

Presentazione aziendale

Presentazione aziendale Presentazione aziendale Indice Attività e Posizionamento Competitivo Prodotti e Mercati Dati Economico-Finanziari Consolidati Obiettivi e Strategie 2 Attività e Posizionamento Competitivo 3 Cembre Cembre

Dettagli

Sistemi di fresatura. Cash Flow (euro)

Sistemi di fresatura. Cash Flow (euro) FIDIA Sistemi di fresatura Consiglio per l investitore: MARKETPERFORM 14/09/2001 (INIZIO COPERTURA) Valeria Novellini Prezzo al 14/09/2001 Capitalizzazione al 14/09/2001 8,196 euro 39 milioni di euro Minimo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA RICAVI IN CRESCITA (+15%) NEL PRIMO SEMESTRE RISULTATO OPERATIVO ED EBITDA IN AUMENTO SOLIDA POSIZIONE FINANZIARIA

COMUNICATO STAMPA RICAVI IN CRESCITA (+15%) NEL PRIMO SEMESTRE RISULTATO OPERATIVO ED EBITDA IN AUMENTO SOLIDA POSIZIONE FINANZIARIA COMUNICATO STAMPA GRUPPO RATTI IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI RATTI S.P.A. HA APPROVATO LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2012 RICAVI IN CRESCITA (+15%) NEL PRIMO SEMESTRE RISULTATO

Dettagli

Fidia S.p.A.: il CdA approva il Progetto di Bilancio d Esercizio ed il Bilancio Consolidato al 31 dicembre 2014

Fidia S.p.A.: il CdA approva il Progetto di Bilancio d Esercizio ed il Bilancio Consolidato al 31 dicembre 2014 Comunicato stampa Fidia S.p.A.: il CdA approva il Progetto di Bilancio d Esercizio ed il Bilancio Consolidato al 31 dicembre 2014 In considerazione dei positivi risultati economico finanziari il CdA propone

Dettagli

Comunicato stampa SEMESTRE RECORD PER INTERPUMP GROUP: RICAVI NETTI +35% A 434 MILIARDI L UTILE OPERATIVO CONSOLIDATO CRESCE DEL 29% A 78,1 MILIARDI

Comunicato stampa SEMESTRE RECORD PER INTERPUMP GROUP: RICAVI NETTI +35% A 434 MILIARDI L UTILE OPERATIVO CONSOLIDATO CRESCE DEL 29% A 78,1 MILIARDI Comunicato stampa SEMESTRE RECORD PER INTERPUMP GROUP: RICAVI NETTI +35% A 434 MILIARDI L UTILE OPERATIVO CONSOLIDATO CRESCE DEL 29% A 78,1 MILIARDI FORTE CRESCITA DEL CASH FLOW OPERATIVO (+87%) A 74,3

Dettagli

Approvata la Relazione Trimestrale al 31 Marzo 2015

Approvata la Relazione Trimestrale al 31 Marzo 2015 Approvata la Relazione Trimestrale al 31 Marzo 2015 rispetto allo stesso periodo 2014: forte incremento del fatturato consolidato (+23,1%) e dell ingresso ordini di Gruppo (+25,7%) utile netto più che

Dettagli

Fidia SpA approva i risultati del primo trimestre 2005

Fidia SpA approva i risultati del primo trimestre 2005 comunicato stampa Fidia SpA approva i risultati del primo trimestre 2005 Torino, 12 maggio 2005 Il Consiglio di Amministrazione di Fidia SpA, Gruppo leader nella tecnologia del controllo numerico e dei

Dettagli

AIM INVESTOR DAY. II Edizione. Palazzo Mezzanotte 15 aprile 2015

AIM INVESTOR DAY. II Edizione. Palazzo Mezzanotte 15 aprile 2015 AIM INVESTOR DAY II Edizione Palazzo Mezzanotte 15 aprile 2015 0 Agenda INDICE Chi siamo pag. 2 Business model pag. 3 I nostri punti di forza pag. 4 Strategia pag. 10 Business Plan 2015-2017 pag. 12 Dividend

Dettagli

Incentivo Start Up Polaris

Incentivo Start Up Polaris Incentivo Start Up Polaris Per l avvio di nuove iniziative d impresa negli ambiti tecnologici di specializzazione del parco Allegato A GUIDA FORMULARIO BUSINESS PLAN VRT 04/08-2010 INDICE 1. SINTESI DEL

Dettagli

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017. Milano, 25.03.2014

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017. Milano, 25.03.2014 Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017 Milano, 25.03.2014 Agenda I Profilo del Gruppo II Dinamica delle attività III Risultati di esercizio al 31.12.2013

Dettagli

valori in milioni di Euro esercizio 2005 esercizio 2004 var. %

valori in milioni di Euro esercizio 2005 esercizio 2004 var. % Milano, 30 marzo 2006 TOD S S.p.A.: eccellenti risultati nell esercizio 2005 (Ricavi: +19,5%, EBITDA: +27%, EBIT: +34%, utile netto: +39%). Dividendo 2005: 1 Euro per azione, più che raddoppiato rispetto

Dettagli

La quotazione sul MAC 9 Maggio 2008

La quotazione sul MAC 9 Maggio 2008 La quotazione sul MAC 9 Maggio 2008 Index La Tessitura Pontelambro 3 Dati finanziari 6 Strategia 9 La scelta del Mac 10 Offerta globale Struttura dell operazione 13 Il risultato 14 L esperienza sul MAC

Dettagli

Management Team. Delegato. p Stefano Salbe Chief Financial Officer

Management Team. Delegato. p Stefano Salbe Chief Financial Officer Management Team p Abramo Galante Presidente & Amministratore Delegato p Raffaele Galante Amministratore Delegato p Stefano Salbe Chief Financial Officer 1 La catena del valore del videogioco Sviluppatore

Dettagli

Valutazione d azienda con il metodo dei multipli: analisi di un caso

Valutazione d azienda con il metodo dei multipli: analisi di un caso Valutazione d azienda con il metodo dei multipli: analisi di un caso responsabile operazioni di merchant banking DALLA TEORIA ALLA PRASSI LA VALUTAZIONE AL SERVIZIO DEL PROCESSO NEGOZIALE COMPRATORE VENDITORE

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Interpump Group: il CdA approva i risultati dell esercizio 2001

Interpump Group: il CdA approva i risultati dell esercizio 2001 COMUNICATO STAMPA Interpump Group: il CdA approva i risultati dell esercizio 2001 PROPOSTO DIVIDENDO DI 0,10 EURO, + 15% RISPETTO AL 2000 UTILE NETTO: +12,7% A 21,4 MILIONI DI EURO RICAVI NETTI: +3,5%

Dettagli

Profilo del Gruppo. Highlights

Profilo del Gruppo. Highlights Profilo del Gruppo Principale gruppo indipendente italiano nel settore della produzione multimediale che offre soluzioni integrate nel mondo dei media e della comunicazione Highlights Produzione e Post

Dettagli

Milano, 19 novembre 2015

Milano, 19 novembre 2015 Milano, 19 novembre 2015 1 INVESTMENT OPPORTUNITY Clabo è uno dei primari operatori nel settore delle vetrine espositive professionali per gelateria, pasticceria, bar, caffetteria e hotel. Clabo è diventata

Dettagli

MONCLER S.P.A.: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2014 1

MONCLER S.P.A.: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2014 1 MONCLER S.P.A.: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2014 1 MONCLER: RICAVI IN CRESCITA DEL 18% A TASSI DI CAMBIO COSTANTI Ricavi Consolidati: Euro

Dettagli

Bolzoni SpA Relazione Trimestrale al 31.03.2008 Attività del Gruppo

Bolzoni SpA Relazione Trimestrale al 31.03.2008 Attività del Gruppo Attività del Gruppo Il Gruppo Bolzoni è attivo da oltre sessanta anni nella progettazione, produzione e commercializzazione di attrezzature per carrelli elevatori e per la movimentazione industriale. Lo

Dettagli

Metodi e Modelli per l Analisi Strategica per l A.A. 2013-2014

Metodi e Modelli per l Analisi Strategica per l A.A. 2013-2014 Metodi e Modelli per l Analisi Strategica per l A.A. 2013-2014 Caso 1: Progetto strategico: basic intelligence, visione e posizionamenti Caso 2: Progetto strategico: criticità, macro trend e obiettivi

Dettagli

La quotazione sul MAC 15 Novembre 2007

La quotazione sul MAC 15 Novembre 2007 La quotazione sul MAC 15 Novembre 2007 Index La Tessitura Pontelambro 3 Dati finanziari 6 Strategia 9 La scelta del Mac 10 Offerta globale Struttura dell operazione 13 Il risultato 14 L esperienza sul

Dettagli

Aprile 2006: Numero 7

Aprile 2006: Numero 7 Aprile 2006: Numero 7 NEWSLETTER FINANZIARIA POLIGRAFICA SAN FAUSTINO La Newsletter è disponibile online all indirizzo www.psf.it Alberto Frigoli In questo numero: - Lettera del Presidente - Evoluzione

Dettagli

PRESENTAZIONE DATA SERVICE 1 ROAD SHOW DEL NUOVO MERCATO

PRESENTAZIONE DATA SERVICE 1 ROAD SHOW DEL NUOVO MERCATO PRESENTAZIONE DATA SERVICE 1 ROAD SHOW DEL NUOVO MERCATO Milano, 30 novembre 2000 COMPOSIZIONE DELL AZIONARIATO DEL GRUPPO DATA SERVICE Caratteristiche dell offerta globale Fam. Martusciello 19,49% Azionariato

Dettagli

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo...

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... Esame e analisi critica di un business plan Premessa... 1 Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3 Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... 3 Analisi di

Dettagli

Conoscenze linguistiche ed informatiche Inglese: Fluent Ottima conoscenza di Windows, Mac OS e di tutti i programmi Microsoft Office.

Conoscenze linguistiche ed informatiche Inglese: Fluent Ottima conoscenza di Windows, Mac OS e di tutti i programmi Microsoft Office. PAOLO MEDICA Tel. ab: Fax ab: Tel.cell: e-mail:paolo.medica@pmconsulting.it Dati personali Nato a Formazione Scolastica e professionale Alma Mater Studiorum - Facoltà di Giurisprudenza Liceo A.B. Sabin

Dettagli

ENEL : PRESENTATO IL PIANO STRATEGICO 2015 2019

ENEL : PRESENTATO IL PIANO STRATEGICO 2015 2019 ENEL : PRESENTATO IL PIANO STRATEGICO 2015 2019 Si prevede che efficienza operativa e crescita industriale possano produrre un robusto incremento dell Ebitda e generazione di cassa, a sostegno della crescita

Dettagli

I piani economico-finanziari per il risanamento aziendale. Andrea Lionzo Professore Associato Economia aziendale Università degli Studi di Verona

I piani economico-finanziari per il risanamento aziendale. Andrea Lionzo Professore Associato Economia aziendale Università degli Studi di Verona I piani economico-finanziari per il risanamento aziendale Andrea Lionzo Professore Associato Economia aziendale Università degli Studi di Verona 1. 2. 3. 4. 5. La logica e i contenuti del Piano Le assumptions

Dettagli

MONCLER S.P.A.: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL PRIMO TRIMESTRE 2014 1

MONCLER S.P.A.: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL PRIMO TRIMESTRE 2014 1 MONCLER S.P.A.: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL PRIMO TRIMESTRE 2014 1 MONCLER: RICAVI IN CRESCITA NEL PRIMO TRIMESTRE 2014, +19% A CAMBI COSTANTI Ricavi

Dettagli

L operazione per allineare il valore del brand agli investimenti fatti e per cogliere significativi benefici fiscali

L operazione per allineare il valore del brand agli investimenti fatti e per cogliere significativi benefici fiscali Milano 27 marzo 2006 AMPLIFON S.p.A.: rivalutato il marchio a 98 milioni di euro L operazione per allineare il valore del brand agli investimenti fatti e per cogliere significativi benefici fiscali Il

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Le soluzioni del Gruppo Intesa Sanpaolo a sostegno delle imprese che investono in energia pulita

Le soluzioni del Gruppo Intesa Sanpaolo a sostegno delle imprese che investono in energia pulita Le soluzioni del Gruppo Intesa Sanpaolo a sostegno delle imprese che investono in energia pulita Francesco Fioretto, Responsabile Succursale Emilia Romagna Parma, 25 marzo 2010 Agenda Il contesto di riferimento

Dettagli

P R E S S R E L E A S E

P R E S S R E L E A S E TXT e-solutions: nel primo semestre 2013 Lusso e Nord America tirano i ricavi (+12% Gruppo, +20,1% Lusso e Fashion). Ricavi netti consolidati: 26,3 milioni (+12,0%), per il 52% all estero. EBITDA: 3,1

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Attesa una crescita organica dei ricavi di Gruppo tra 3% ed il 4%

COMUNICATO STAMPA. Attesa una crescita organica dei ricavi di Gruppo tra 3% ed il 4% COMUNICATO STAMPA ILLUSTRATE ALLA COMUNITA FINANZIARIA LE STRATEGIE E GLI OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2006-2008 DEL GRUPPO TELECOM ITALIA E DELLA BUSINESS UNIT OPERATIONS Attesa una crescita organica dei

Dettagli

Fatturato COMUNICATO STAMPA

Fatturato COMUNICATO STAMPA COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE HA APPROVATO IL PROGETTO DI BILANCIO DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2005 RICAVI CONSOLIDATI + 11,4% - UTILE NETTO CONSOLIDATO + 42,9% Dati consolidati

Dettagli

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan STARTCUP Guida alla Compilazione del Business Plan 2 INDICE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE 3 2.L'IMPRESA : SETTORE DI ATTIVITÀ E FORMA GIURIDICA 3 3. IL GRUPPO IMPRENDITORIALE

Dettagli

La strategia del Gruppo Kaitech. La Business Unit ICT. La Business Unit Cards

La strategia del Gruppo Kaitech. La Business Unit ICT. La Business Unit Cards Soluzioni per un mondo che cambia Milano, 25 maggio 2005 1 Agenda La strategia del Gruppo Kaitech La Unit ICT La Unit Cards Conclusioni 2 Il Gruppo Kaitech Operatore nel settore dell ICT e del Card Management

Dettagli

Eccellenti risultati nel primo semestre 2011, il migliore di sempre. Crescono il fatturato (+8%), l Ebitda (+16%) e l Utile netto (+11%).

Eccellenti risultati nel primo semestre 2011, il migliore di sempre. Crescono il fatturato (+8%), l Ebitda (+16%) e l Utile netto (+11%). COMUNICATO STAMPA Eccellenti risultati nel primo semestre 2011, il migliore di sempre. Crescono il fatturato (+8%), l Ebitda (+16%) e l Utile netto (+11%). Fatturato: 125,2 milioni di euro (115,6 milioni

Dettagli

Deutsche Bank. Deutsche Bank Easy. La nuova banca leggera di Deutsche Bank. Milano, 5 giugno 2013

Deutsche Bank. Deutsche Bank Easy. La nuova banca leggera di Deutsche Bank. Milano, 5 giugno 2013 La nuova banca leggera di Milano, 5 giugno 2013 Flavio Valeri Chief Country Officer di Italia Agenda 1 in Italia 2 Il retail di Italia 3 : la nuova banca leggera 2 : la solidità di un gruppo globale, una

Dettagli

COMUNICATO STAMPA LANDI RENZO S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2009.

COMUNICATO STAMPA LANDI RENZO S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2009. COMUNICATO STAMPA LANDI RENZO S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2009. Fatturato oltre le attese e marginalità in forte miglioramento. Il quarto trimestre è in forte

Dettagli

PLT ENERGIA APPROVA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2015 FORTE CRESCITA DELLA MARGINALITA : EBITDA +15,7% ED EBIT +19,4%

PLT ENERGIA APPROVA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2015 FORTE CRESCITA DELLA MARGINALITA : EBITDA +15,7% ED EBIT +19,4% PLT ENERGIA APPROVA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2015 FORTE CRESCITA DELLA MARGINALITA : EBITDA +15,7% ED EBIT +19,4% Ricavi pari a 24,3 milioni di euro (9,8 milioni di euro al primo

Dettagli

Management Team Raffaele Galante Amministratore Delegato, DB Stefano Salbe Group Financial Controller

Management Team Raffaele Galante Amministratore Delegato, DB Stefano Salbe Group Financial Controller Management Team Raffaele Galante Amministratore Delegato, DB Stefano Salbe Group Financial Controller La Missione Diventare leader in Europa nella creazione e diffusione di videogiochi, attraverso l utilizzo

Dettagli

RISULTATI 3 TRIMESTRE 2002

RISULTATI 3 TRIMESTRE 2002 RISULTATI 3 TRIMESTRE 2002 Borsa Italiana - Milano 20 Novembre 2002 INDICE Il Gruppo El.En. Andamento della gestione Risultati economico-finanziari Stato patrimoniale ed evoluzione della posizione finanziaria

Dettagli

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Documento di supporto alla presentazione dell idea imprenditoriale Milano, 18/12/2009 2 Indice 1 Premessa...

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 20056-30-2015

Informazione Regolamentata n. 20056-30-2015 Informazione Regolamentata n. 20056-30-2015 Data/Ora Ricezione 23 Settembre 2015 17:54:31 AIM -Italia/Mercato Alternativo del Capitale Societa' : GO internet S.p.A. Identificativo Informazione Regolamentata

Dettagli

UBM SMALL CAPS CONFERENCE. Soluzioni sistemistiche innovative nel settore delle macchine automatiche INDUSTRIA MACCHINE AUTOMATICHE

UBM SMALL CAPS CONFERENCE. Soluzioni sistemistiche innovative nel settore delle macchine automatiche INDUSTRIA MACCHINE AUTOMATICHE UBM SMALL CAPS CONFERENCE 1 Soluzioni sistemistiche innovative nel settore delle macchine automatiche Milano, 22 novembre 2006 Scenario 2006 Il settore Tè 2 I ricavi del settore Tè nel periodo gennaio-settembre

Dettagli

Deutsche Bank Spa - Divisione Private & Business Clients

Deutsche Bank Spa - Divisione Private & Business Clients Deutsche Bank Spa - Divisione Private & Business Clients Modelli Organizzativi e Sistemi Informatici a Supporto del Segmento Private Banking - L Esperienza Deutsche Bank Italia Milano, 14 Ottobre 2004

Dettagli

Milano, 30 marzo 2004

Milano, 30 marzo 2004 Milano, 30 marzo 2004 Gruppo TOD S: crescita del fatturato (+8.1% a cambi costanti). Continua la politica di forte sviluppo degli investimenti. 24 nuovi punti vendita nel 2003. TOD S Il Consiglio di Amministrazione

Dettagli

GRUPPO EDITORIALE L ESPRESSO SpA COMUNICA: Gruppo Espresso: utile netto consolidato in crescita da 46,1 a 67,8 milioni di euro (+47,2%)

GRUPPO EDITORIALE L ESPRESSO SpA COMUNICA: Gruppo Espresso: utile netto consolidato in crescita da 46,1 a 67,8 milioni di euro (+47,2%) GRUPPO EDITORIALE L ESPRESSO SpA COMUNICA: Gruppo Espresso: utile netto consolidato in crescita da 46,1 a 67,8 milioni di euro (+47,2%) Si è riunito oggi a Roma, presieduto da Carlo Caracciolo, il Consiglio

Dettagli

MONCLER S.P.A.: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2015 1

MONCLER S.P.A.: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2015 1 MONCLER S.P.A.: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2015 1 MONCLER: RICAVI IN CRESCITA DEL 30% A CAMBI COSTANTI. UTILE NETTO A EURO 40 MILIONI (+69%)

Dettagli

BIOERA: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2007 RICAVI TOTALI CONSOLIDATI +55,6% ED EBIT

BIOERA: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2007 RICAVI TOTALI CONSOLIDATI +55,6% ED EBIT COMUNICATO STAMPA BIOERA S.p.A. Cavriago, 28 settembre 2007 BIOERA: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2007 RICAVI TOTALI CONSOLIDATI +55,6% ED EBIT +17,2% Ricavi totali consolidati:

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA SOCOTHERM: Il Consiglio di Amministrazione approva il Bilancio Consolidato e il Bilancio d Esercizio 2006

COMUNICATO STAMPA SOCOTHERM: Il Consiglio di Amministrazione approva il Bilancio Consolidato e il Bilancio d Esercizio 2006 COMUNICATO STAMPA SOCOTHERM: Il Consiglio di Amministrazione approva il Bilancio Consolidato e il Bilancio d Esercizio 2006 Ricavi consolidati a 280 Mln di Euro in aumento dell 8% rispetto al 2005 nonostante

Dettagli

Pagella Redditività : Solidità : Crescita : Rischio : Rating :

Pagella Redditività : Solidità : Crescita : Rischio : Rating : Analisi Diasorin Introduzione I buoni risultati del I trimestre non bastano ad esprimere un giudizio positivo su Diasorin, il titolo è reduce da un forte apprezzamento e quota a multipli elevati, notizie

Dettagli

PIANO STRATEGICO «BANCA START UP»

PIANO STRATEGICO «BANCA START UP» UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA Dipartimento di Economia Cattedra Strategia e Organizzazione degli Intermediari Finanziari Prof. Stefano Dell Atti Relazione di Tommaso Gozzetti Presidente di Imprebanca

Dettagli

Lo stato dell arte della produzione industriale del fotovoltaico

Lo stato dell arte della produzione industriale del fotovoltaico Lo stato dell arte della produzione industriale del fotovoltaico Gianluca Bertolino ANIE/GIFI, Milano, 10/11/2010 Contenuti - La catena del valore - Downstream e manifatturiero - Lo sviluppo della filiera

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

La redazione del bilancio preventivo. Determinazione del fabbisogno finanziario, scelte di copertura e sintesi dei risultati

La redazione del bilancio preventivo. Determinazione del fabbisogno finanziario, scelte di copertura e sintesi dei risultati Michele Pisani La redazione del bilancio preventivo modulo 4 Determinazione del fabbisogno finanziario, scelte di copertura e sintesi dei risultati Le macro-fasi di redazione del preventivo operazioni

Dettagli

Primi sui Motori: il CDA approva il bilancio 2013 e il Piano Industriale 2014-2016

Primi sui Motori: il CDA approva il bilancio 2013 e il Piano Industriale 2014-2016 Primi sui Motori: il CDA approva il bilancio 2013 e il Piano Industriale 2014-2016 Valore della produzione di Primi sui Motori SpA 2013 pari a Euro 11,5 milioni, +9,4% rispetto al 2012 (Euro 10,5 milioni)

Dettagli

Linea Inverter Fotovoltaici xxxxxx per la connessione in Rete

Linea Inverter Fotovoltaici xxxxxx per la connessione in Rete Linea Inverter Fotovoltaici xxxxxx per la connessione in Rete Conferenza Stampa - Marzo 2010 Milano, 30 Marzo 2010 Indice 1.1. Gefran & Il mercato fotovoltaico Ennio Franceschetti Presidente - Gruppo Gefran

Dettagli

GRADO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE AZIENDE ITALIANE DELLA MODA E DEL LUSSO E DRIVER PER LA CRESCITA DELL EXPORT

GRADO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE AZIENDE ITALIANE DELLA MODA E DEL LUSSO E DRIVER PER LA CRESCITA DELL EXPORT GRADO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE AZIENDE ITALIANE DELLA MODA E DEL LUSSO E DRIVER PER LA CRESCITA DELL EPORT Intervento di David Pambianco Martedì, 6 novembre 2012 Palazzo Mezzanotte Piazza degli

Dettagli

Efficienza Energetica: opportunità e ostacoli

Efficienza Energetica: opportunità e ostacoli Efficienza Energetica: opportunità e ostacoli di UBI Banca Lorenzo Fidato Milano, Il di UBI Banca 1,850 miliardi 3 miliardi di impieghi negli ultimi sette anni di accordato operativo nei settori: Infrastrutture

Dettagli

Corso di Business Planning e Start Up Imprese Multimediali

Corso di Business Planning e Start Up Imprese Multimediali Corso di Business Planning e Start Up Imprese Multimediali A.A. 2013-2014 Prof. Attilio Bruni Corso di Laurea in Comunicazione d Impresa, Marketing e Nuovi Media Il modello operativo I bilanci previsionali

Dettagli

Newsletter per gli Azionisti 3 Trimestre 2012

Newsletter per gli Azionisti 3 Trimestre 2012 Newsletter per gli Azionisti 3 Trimestre Gentili Azionisti, vi inviamo la newsletter interamente dedicata agli investitori privati di DeA Capital, relativa al terzo trimestre. Vi ricordiamo che siamo sempre

Dettagli

CAPIRE LA FINANZA IN AZIENDA

CAPIRE LA FINANZA IN AZIENDA FINANCE CAPIRE LA FINANZA IN AZIENDA Come le scelte operative, commerciali, produttive impattano sugli equilibri finanziari dell azienda CORSO EXECUTIVE CUOA FINANCE 1 fondazione cuoa Da oltre 50 anni

Dettagli

THE ART OF BUSINESS PLANNING

THE ART OF BUSINESS PLANNING THE ART OF BUSINESS PLANNING La presentazione dei dati: realizzazione e presentazione di un Business Plan Francesca Perrone - Head of Territorial & Sectorial Development Plans Giusy Stanziola - Territorial

Dettagli

Scheda Progetto. Nome dell Impresa (o del Progetto) Indirizzo Sede Legale. Indirizzo Sede Amministrativa. Nome del Referente. Telefono del Referente

Scheda Progetto. Nome dell Impresa (o del Progetto) Indirizzo Sede Legale. Indirizzo Sede Amministrativa. Nome del Referente. Telefono del Referente Scheda Progetto Nome dell Impresa (o del Progetto) Indirizzo Sede Legale Indirizzo Sede Amministrativa Nome del Referente Telefono del Referente 1 1. In quale fase si colloca la Tua Impresa? (inserisci

Dettagli

C O M U N I C A T O S T A M P A

C O M U N I C A T O S T A M P A Centro Uffici San Siro - Fabbricato D - ala 3 - Via Caldera, 21-20153 Milano Tel. 02 40901.1 - Fax 02 40901.287 - e-mail: isagro@isagro.it - www.isagro.com COMUNICATO STAMPA ISAGRO DATI PRELIMINARI 2006

Dettagli

TOD S S.p.A. Crescita dei ricavi e miglioramento della redditività nel secondo trimestre 2013 (ricavi: +8,4%, EBITDA: +15,9%)

TOD S S.p.A. Crescita dei ricavi e miglioramento della redditività nel secondo trimestre 2013 (ricavi: +8,4%, EBITDA: +15,9%) Sant Elpidio a Mare, 7 agosto 2013 TOD S S.p.A. Crescita dei ricavi e miglioramento della redditività nel secondo trimestre 2013 (ricavi: +8,4%, EBITDA: +15,9%) Approvata dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA GRUPPO DANIELI RESOCONTO INTERMEDIO AL 30.09.2013. redatto secondo i principi contabili internazionali IAS/IFRS

COMUNICATO STAMPA GRUPPO DANIELI RESOCONTO INTERMEDIO AL 30.09.2013. redatto secondo i principi contabili internazionali IAS/IFRS DANIELI & C. OFFICINE MECCANICHE S.p.A. Buttrio (UD) via Nazionale n. 41 Capitale sociale Euro 81.304.566 i.v. Numero iscrizione al Registro Imprese di Udine, codice fiscale e P.IVA: 00167460302 www.danieli.com

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE ECAPITAL 2016 PERCORSO DI FORMAZIONE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PIANO ECONOMICO-FINANZIARIO DOTT. CARLO SCIDA Guida alla compilazione del Business Plan ASPETTI GENERALI L orizzonte temporale previsto

Dettagli

BNP Paribas. Corporate & Investment Banking in Italia. Nicola D Anselmo. Responsabile CIB Italia. Roma, 1 Dicembre 2006

BNP Paribas. Corporate & Investment Banking in Italia. Nicola D Anselmo. Responsabile CIB Italia. Roma, 1 Dicembre 2006 BNP Paribas Corporate & Investment Banking in Italia Nicola D Anselmo Responsabile CIB Italia Roma, 1 Dicembre 2006 Sommario BNP Paribas CIB in Italia prima di BNL Nuove prospettive per CIB Implementazione

Dettagli

PARTE II: IMPRENDITORI ESTERNI. Cap. 8: GLI INCUBATORI D IMPRESA

PARTE II: IMPRENDITORI ESTERNI. Cap. 8: GLI INCUBATORI D IMPRESA PARTE II: IMPRENDITORI ESTERNI Cap. 8: GLI INCUBATORI D IMPRESA Introduzione «Imprenditori di imprenditori» Definizione incubatore Per INCUBATORE D IMPRESA si intende un istituzione che interagisce con

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi tre mesi del 2013

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi tre mesi del 2013 Sant Elpidio a Mare, 14 maggio TOD S S.p.A. Forte crescita dei ricavi all estero (Cina: +55,4%, Americhe: +31%). Italia: -26,7%. Solida crescita nei DOS (+16,8%). Confermata l ottima redditività del Gruppo,

Dettagli

Strumenti per il controllo economico e finanziario dell impresa: gestione delle problematiche e soluzioni

Strumenti per il controllo economico e finanziario dell impresa: gestione delle problematiche e soluzioni Strumenti per il controllo economico e finanziario dell impresa: gestione delle problematiche e soluzioni Dott. Claudio Orsini Arcadia Consulting Srl Bologna Finanza d impresa e Consulenza di direzione

Dettagli

Stefano Perboni. CEO Gruppo Opengate. Road Show Nuovo Mercato. Palazzo Mezzanotte. 20 Novembre 2002

Stefano Perboni. CEO Gruppo Opengate. Road Show Nuovo Mercato. Palazzo Mezzanotte. 20 Novembre 2002 Road Show Nuovo Mercato Stefano Perboni CEO Gruppo Opengate Palazzo Mezzanotte 20 Novembre 2002 1 Crescita e consolidamento 3 anni di quotazione Presenza in piu settori 3 anni di quotazione 989 (+92%)

Dettagli

IL FUTURO È NELL ARIA

IL FUTURO È NELL ARIA IL FUTURO È NELL ARIA AIRCOM IL FUTURO È NELL ARIA Aircom è un azienda italiana specializzata nella distribuzione e nel controllo dell aria compressa. Raccordi, tubi, valvole e accessori progettati e realizzati

Dettagli

Project HTML. Giugno 2014

Project HTML. Giugno 2014 Project HTML Giugno 2014 Agenda 1. Introduzione 2. Target Overview 3. Descrizione dell operazione 4. Business Plan Disclaimer Introduzione Overview del Gruppo HTML Descrizione del Gruppo HTML e cenni storici

Dettagli

LE PREVISIONI ECONOMICO-FINANZIARIE Nuovi progetti imprenditoriali

LE PREVISIONI ECONOMICO-FINANZIARIE Nuovi progetti imprenditoriali LE PREVISIONI ECONOMICO-FINANZIARIE Nuovi progetti imprenditoriali v Evidenziare gli investimenti iniziali v Valutare economicità v Evidenziare i flussi di cassa netti v Predisporre la copertura finanziaria

Dettagli

La valutazione dell Impresa e l analisi dei flussi 1

La valutazione dell Impresa e l analisi dei flussi 1 Newsletter Phedro dicembre 2007 La valutazione dell Impresa e l analisi dei flussi 1 Prof. Roberto Cappelletto 2 e Dott. Gabriele Toniolo 3 1) Dalla Logica Contabile all Analisi dei Flussi Come si è potuto

Dettagli

GRUPPO CAD IT IL GRUPPO CAD IT. 3 Road Show del Nuovo Mercato. Milano, 20 novembre 2002

GRUPPO CAD IT IL GRUPPO CAD IT. 3 Road Show del Nuovo Mercato. Milano, 20 novembre 2002 GRUPPO CAD IT 3 Road Show del Nuovo Mercato IL GRUPPO CAD IT Milano, 20 novembre 2002 1 2 1 Overview del gruppo CAD IT: Azionariato e Corporate Governance Il gruppo CAD IT, fondato nel 1977, sviluppa e

Dettagli

SPECTRIS PLC (SXS:LSE)

SPECTRIS PLC (SXS:LSE) SPECTRIS PLC (SXS:LSE) www.moneyriskanalysis.com Riproduzione Riservata MoneyRiskAnalysis - 1 - Sommario ANALISI FONDAMENTALE... - 3 - ANALISI TECNICA... - 10 - DISCLAIMER... - 11 - Riproduzione Riservata

Dettagli

FATTURA ELETTRONICA PA. 26/11/2014 Roma

FATTURA ELETTRONICA PA. 26/11/2014 Roma FATTURA ELETTRONICA PA 26/11/2014 Roma Agenda IL SERVIZIO FEPA FORNITO DA FONDAZIONE INARCASSA CON IL PARTNER TECNOLOGICO TEAMSYSTEM Cosa fa il servizio e i soggetti coinvolti Offerta FONDAZIONE INARCASSA

Dettagli

Cembre SpA. Relazione trimestrale consolidata al 30 settembre 2002. Prospetti contabili

Cembre SpA. Relazione trimestrale consolidata al 30 settembre 2002. Prospetti contabili Cembre SpA Sede in Brescia - via Serenissima, 9 Capitale sociale euro 8.840.000 interamente versato Iscritta al Registro delle Imprese di Brescia al n.00541390175 Relazione trimestrale consolidata al 30

Dettagli

MODA E LUSSO: IL MOMENTO DELLE SCELTE per crescere in un contesto mondiale sempre più competitivo

MODA E LUSSO: IL MOMENTO DELLE SCELTE per crescere in un contesto mondiale sempre più competitivo MODA E LUSSO: IL MOMENTO DELLE SCELTE per crescere in un contesto mondiale sempre più competitivo Intervento di David Pambianco Giovedì, 13 novembre 2015 Palazzo Mezzanotte Piazza degli Affari 6, Milano

Dettagli

Ma l innovazione porta risultati? (il dilemma trend / cash flow)

Ma l innovazione porta risultati? (il dilemma trend / cash flow) Ma l innovazione porta risultati? (il dilemma trend / cash flow) Assemblea Assogiocattoli 27 maggio 2010 Antonio Fossati Managing Partner RDS Consulting Università Pavia 1 2 REMAP YOUR SALES RESHAPE YOUR

Dettagli

PRESENTAZIONE AGLI INVESTITORI

PRESENTAZIONE AGLI INVESTITORI 1 PRESENTAZIONE AGLI INVESTITORI Soluzioni sistemistiche innovative nel settore delle macchine automatiche Ottobre 2005 Il Gruppo IMA Oggi 2 Leader mondiale nel settore degli impianti automatici per l

Dettagli

MONCLER S.P.A.: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE HA APPROVATO IL PROGETTO DI BILANCIO RELATIVO ALL ESERCIZIO 2013

MONCLER S.P.A.: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE HA APPROVATO IL PROGETTO DI BILANCIO RELATIVO ALL ESERCIZIO 2013 MONCLER S.P.A.: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE HA APPROVATO IL PROGETTO DI BILANCIO RELATIVO ALL ESERCIZIO 2013 MONCLER: CONTINUA ANCHE NEL 2013 LA CRESCITA DEI RICAVI E DEGLI UTILI PROPOSTO DIVIDENDO

Dettagli

ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO

ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO per passare all analisi del fabbisogno e della copertura finanziaria occorre terminare l analisi economica. i ricavi sono stati previsti nel dossier mercato alcuni costi sono

Dettagli

L ESPORTAZIONE DI VINO 1

L ESPORTAZIONE DI VINO 1 L ESPORTAZIONE DI VINO 1 Premessa L Italia, come è noto, è uno dei principali produttori di vino, contendendo di anno in anno alla Francia, a seconda dell andamento delle vendemmie, la leadership mondiale.

Dettagli

TOD S S.p.A. continua lo sviluppo internazionale del Gruppo. Rafforzata la posizione finanziaria.

TOD S S.p.A. continua lo sviluppo internazionale del Gruppo. Rafforzata la posizione finanziaria. Milano, 14 maggio TOD S S.p.A. continua lo sviluppo internazionale del Gruppo. Rafforzata la posizione finanziaria. Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del

Dettagli

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi dell 1,5% nel primo trimestre 2015.

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi dell 1,5% nel primo trimestre 2015. Milano, 13 maggio TOD S S.p.A. crescita dei ricavi dell 1,5% nel primo trimestre. Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi tre

Dettagli

Presentazione al Nuovo Mercato Milano, 30 novembre 2000

Presentazione al Nuovo Mercato Milano, 30 novembre 2000 Presentazione al Nuovo Mercato Milano, 30 novembre 2000 1 1 INTRODUZIONE 2 ATTIVITA DEL GRUPPO 3 DATI DI BILANCIO 4 STRATEGIE DI SVILUPPO INTRODUZIONE 2 Introduzione BACKGROUND Fondata a Verona nel 1977

Dettagli

Struttura del Gruppo. FIDIA S.p.A. 100% CORTINI SpA. FIDIA Co Stati Uniti 100% 99,99% SIMAV SpA 100% 100% FIDIA Iberica Spagna. FIDIA GmbH Germania

Struttura del Gruppo. FIDIA S.p.A. 100% CORTINI SpA. FIDIA Co Stati Uniti 100% 99,99% SIMAV SpA 100% 100% FIDIA Iberica Spagna. FIDIA GmbH Germania Milano, 3 marzo 2005 1 FIDIA è un gruppo industriale, leader mondiale nella tecnologia del controllo numerico e dei sistemi integrati per il calcolo, la scansione e la fresatura di forme complesse. Il

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2013

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2013 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2013 RICAVI STABILI RISPETTO ALL ANNO PRECEDENTE SIGNIFICATIVA CRESCITA DI TUTTI I PRINCIPALI INDICATORI ECONOMICI RISPETTO

Dettagli

Presentazione di ArcelorMittal e dell interesse del Gruppo per ILVA

Presentazione di ArcelorMittal e dell interesse del Gruppo per ILVA Presentazione di ArcelorMittal e dell interesse del Gruppo per ILVA Gennaio 2015 confidenziale Anthony Old 0 Sommario Presentazione del Gruppo ArcelorMittal Il nostro progetto per ILVA Il principale produttore

Dettagli

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema Aspen Institute Italia Studio curato da: Servizio Studi e Ricerche, Intesa Sanpaolo ISTAT IMT Alti Studi, Lucca Fondazione Edison LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE Prima

Dettagli

Investment opportunity

Investment opportunity INVESTOR NEWS N.1-13 Aprile 27 Benvenuto del Presidente Investment opportunity Il modello di business IQ 27: Performance economico-finanziarie 4 maggio: accordo con Barclays FY 26: Risultati a parità di

Dettagli

Comunicato Stampa. Nel trimestre EBITDA positivo a 10,4 mln di euro e posizione finanziaria migliorata di 12,6 mln di euro

Comunicato Stampa. Nel trimestre EBITDA positivo a 10,4 mln di euro e posizione finanziaria migliorata di 12,6 mln di euro Comunicato Stampa Il CdA di approva i dati relativi al terzo trimestre dell esercizio 2004-05 e propone l autorizzazione al buy-back di azioni proprie Nel trimestre EBITDA positivo a 10,4 mln di euro e

Dettagli