I progetti prendono forma. Milano, 13 novembre 2000

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I progetti prendono forma. Milano, 13 novembre 2000"

Transcript

1 I progetti prendono forma Milano, 13 novembre 2000

2 1 Dott. Massimo PROSDOCIMI Banca Commerciale Italiana Struttura dell offerta Ing. Giuseppe MORFINO Presidente Profilo del Gruppo Ing. Luigi VISCONTI Amministratore Delegato Posizionamento e strategie Dr. Giorgio FASSIO Direttore Amministrativo e Finanziario Ing. Giuseppe MORFINO Presidente Dati finanziari Conclusioni Agenda

3 2 Struttura dell offerta Dr. Massimo PROSDOCIMI Banca Commerciale Italiana

4 3 Dimensione dell offerta Azioni offerte Numero azioni ordinarie (25,5% cap. soc. post Offerta) e numero azioni di greenshoe azioni di nuova emissione la greenshoe è messa in vendita dall Ing. Morfino Quotazione Milano Nuovo Mercato Tranches Lock-up Collocamento istituzionale (Italia/estero): max 65% OPS (solo Italia): min 35% 12 mesi per gli attuali azionisti - sull 80% oltre a ulteriori impegni convenzionali assunti dagli attuali azionisti con la Società e lo Sponsor Struttura dell offerta

5 4 Capitale sociale ante Offerta: 3,5 milioni di azioni Luigi Visconti 2,55% altri 7,70% Giuseppe Morfino 89,75% Azionariato ante Offerta

6 5 Capitale sociale post Offerta: 4,7 milioni di azioni* altri 5,75% mercato 25,53% Luigi Visconti 1,89 89% Giuseppe Morfino 66,83% * ante greenshoe, pari a azioni (10% dell Offerta Globale) Azionariato post Offerta

7 6 13/17 novembre Roadshow (Italia + estero) novembre Offerta al Pubblico 13/21 novembre Periodo Book building 22 novembre Pricing e allocazione 27 novembre Assegnazione e pagamento Timetable preliminare

8 7 Global co-ordinator BANCA COMMERCIALE ITALIANA Lead manager e Bookrunner del collocamento privato BANCA COMMERCIALE ITALIANA Lead manager, Sponsor e Specialist BANCA COMMERCIALE ITALIANA Composizione del Consorzio

9 8 Profilo del Gruppo Ing. Giuseppe MORFINO Presidente

10 9 La missione di Fidia PHIDIAS Particolare del Partenone: Artemide Museo dell Acropoli, Atene I progetti prendono forma

11 Fondata da parte dell Ing.Morfino per la produzione di CNC valori in miliardi di lire Ricavi anni 80 Forte espansione a livello internazionale, filiali in USA, Germania, Spagna e Francia fine 80 anni 90 Inizia lo sviluppo di sistemi di fresatura ad alta velocità Acquisizione Cortini Inizia lo sviluppo CAM Filiali in Cina e Brasile Partecipazione in SITRA Srl Acquisizione SIMAV SpA 1996 Certificazione UNI EN ISO Evoluzione storica

12 dal 1997 dal 2000 Evoluzione storica CNC

13 12 Ieri : macchine copiatrici

14 13 Oggi: sistemi di fresatura ad alta velocità

15 14 Il Gruppo Fidia è leader a livello mondiale nella progettazione e produzione di controlli numerici e di sistemi integrati per la realizzazione di forme complesse, destinati principalmente al settore della stampistica. La società opera in tre aree di business: Controlli numerici per sistemi di fresatura sistemi di fresatura ad alta velocità Software CAM Computer Aided Manufacturing Il patrimonio di competenze tecnologiche consente di offrire ai clienti soluzioni personalizzate. Linee di sviluppo

16 15 Il Gruppo Fidia è leader a livello mondiale nella progettazione e produzione di controlli numerici e di sistemi integrati per la realizzazione di forme complesse, destinati principalmente al settore della stampistica. La società opera in tre aree di business: controlli numerici per sistemi di fresatura sistemi di fresatura ad alta velocità software CAM Computer Aided Manufacturing Il patrimonio di competenze tecnologiche consente di offrire ai clienti soluzioni personalizzate. Linee di sviluppo

17 16 Il Gruppo Fidia è leader a livello mondiale nella progettazione e produzione di controlli numerici e di sistemi integrati per la realizzazione di forme complesse, destinati principalmente al settore della stampistica. La società opera in tre aree di business: controlli numerici per sistemi di fresatura sistemi di fresatura ad alta velocità software CAM Computer Aided Manufacturing Il patrimonio di competenze tecnologiche consente di offrire ai clienti soluzioni personalizzate. Linee di sviluppo

18 17 FIDIA S.p.A. CORTINI SpA 100% 100% SIMAV SpA 73% SITRA AUTOMAZIONE Srl 27% FIDIA GmbH Germania FIDIA Co Stati Uniti 100% 100% soci fondatori FIDIA Iberica Spagna 99,99% FIDIA do Brasil Brasile 99,75% 6,81% FIDIA Sarl Francia 93,19% soci locali 8% Beijing FIDIA Cina 92% Struttura del Gruppo

19 18 Filiali Agenti Service centre Il gruppo Fidia in Europa...

20 19 Filiali Agenti Service centre...e nel resto del mondo

21 20 I principali clienti

22 21 I principali clienti

23 22 I principali clienti

24 23 Mercati di riferimento e posizionamento del gruppo Ing. Luigi VISCONTI Amministratore Delegato

25 24 Mercato mondiale degli stampi scenario max scenario min valori in miliardi di lire CAGR = 8,7% CAGR = 4,4% Fonte: dati 1998 ISTMA, modello STEP, previsioni STEP La filiera della stampistica

26 25 La filiera della produzione di stampi presenta tassi di crescita sostenuti per i seguenti fattori: continua crescita della varietà dei prodotti industriali realizzati con stampi progressiva diminuzione della durata del ciclo di vita dei prodotti la ripresa in atto in Cina, Brasile e Messico ed altri PVS Si caratterizza inoltre per una ridotta sensibilità a perturbazioni legate al ciclo economico, grazie allo sbocco su diversi settori industriali. Elevato tasso di crescita

27 26 leadership nel segmento a maggior valore aggiunto nella catena del valore presenza consolidata in una nicchia con alte barriere all entrata offerta di sistemi taylor made sofisticati e verticalmente integrati: CAM, CNC, HSC revenues da tutte le fasi del ciclo di vita dei prodotti (training, maintenance, retrofitting) prezzi medi notevolmente superiori alla media di mercato Posizionamento del Gruppo

28 27 Stima mercato % sistemi di fresatura ad alta velocità 20% CAGR Sistemi di fresatura ad alta velocità 17% 10% 13% lire mld Fonte: modello STEP, Torino, luglio 2000 I mercati di Fidia

29 28 L elevato tasso di crescita dei sistemi di fresatura ad alta velocità è giustificato da motivazioni... ECONOMICHE minor tempo di realizzazione della finitura dello stampo: riduzione del Time To Market significativi risparmi sul costo della manodopera qualificata addetta alla finitura notevole incremento della qualità con diminuzione degli scarti o delle modifiche ALTA VELOCITA E SINTESI DI COMPETENZE TECNICHE ED OPPORTUNITA COMMERCIALI Drivers della crescita dei sistemi di fresatura

30 29 L elevato tasso di crescita dei sistemi di fresatura ad alta velocità è giustificato da motivazioni... TECNICHE disponibilità di elettromandrini ad elevato numero di giri con ottima affidabilità disponibilità di convertitori ad alta frequenza ed elevate prestazioni controlli numerici specializzati per alta velocità dispositivi di misura di alta precisione per controllo utensili ALTA VELOCITA E SINTESI DI COMPETENZE TECNICHE ED OPPORTUNITA COMMERCIALI Drivers della crescita dei sistemi di fresatura

31 Evoluzione fatturato sistemi di fresatura 30 Drivers del successo di Fidia: tra i primi ad introdurre l alta velocità gamma completa di prodotti integrazione tecnologica soluzioni specifiche e personalizzate valori in miliardi di lire 35,1 28,3 CAGR = 18% valori in milioni di lire ed in % 39,2

32 31 valori in miliardi di lire ITALIA D SP/P F/B RPC BR USA/C altri Breakdown fatturato per area geografica

33 32 Il Gruppo sostiene da sempre notevoli investimenti in attività di Ricerca e Sviluppo: Valore in lire mln I SEM Fatturato Costi di R&S Incidenza % 7,4 7,7 7,7 un team di oltre 40 ricercatori è stabilmente dedicato alle attività R&S, avvalendosi anche dell aiuto di consulenti il Gruppo è impegnato, in collaborazione con Enti di ricerca europei e primari gruppi industriali, in: 12 progetti finanziati dall Unione Europea Programmi ESPRIT, BRITE-EURAM, GROWTH 4 progetti finanziati dal MURST Ministero dell Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica Significativi investimenti in R&D

34 33 Obiettivi e Strategie Ing. Luigi VISCONTI Amministratore Delegato

35 34 Acquisizioni di aziende di piccole e medie dimensioni, in ottica di potenziamento delle strutture del gruppo e maggiore copertura dei mercati internazionali Ampliamento delle linee di prodotti del gruppo, al fine di offrire ai clienti una gamma piu ampia di prodotti software Continua espansione sui mercati esteri, in particolare su quelli ritenuti a più alta crescita, quali USA e Canada, Cina e Brasile Ulteriore sviluppo dei canali di vendita, potenziando le sedi estere, con affiancamento di reti di agenti Proseguimento dei forti investimenti nell attività di Ricerca e Sviluppo, e delle collaborazioni con centri di ricerca nazionali ed esteri Obiettivi e strategie

36 35 Nuove acquisizioni Capital Expenditure Sviluppo dei prodotti Sviluppo rete di vendita Use of proceeds

37 36 Dati finanziari Dr. Giorgio FASSIO Direttore Amministrativo e Finanziario

38 I sem I sem valori lire mld % lire mld % lire mld % lire mld % lire mld % Ricavi di vendita Valore produzione 60,5 97,2 67,0 95,7 72,7 94,2 33,9 90,4 37,5 89,7 62, , , , ,8 100 EBITDA 3,9 6,2 7,0 10,0 12,8 16,6 5,5 14,7 8,1 19,3 Risultato operativo Utile ante imposte 1,6 2,6 4,4 6,3 9,0 11,7 4,0 10,7 6,5 15,5 0,4 0,7 2,1 3,0 8,3 10,8 3,5 9,3 7,2 17,1 Utile netto 0,09 0,1 0,2 0,3 4,4 5,7 1,9* 5,0 3,9* 9,3 * calcolato sulla base di un tax rate del 46% Dati reddituali

39 38 Lire mld CAGR = 11,3% CAGR = 11,6% I sem Isem Evoluzione del valore della produzione

40 39 Lire mld evoluzione dell EBITDA 14 19,3% ,6% 14,6% 8 10,1% ,3% CAGR = 82% CAGR = 48% I sem. CAGR 1997/1999 = 82% 1999 I sem Dati reddituali

41 40 Lire mld evoluzione dell EBIT 15,5% ,7% 10,6% ,4% 2 1 2,6% CAGR = 134% CAGR = 63% CAGR 1997/1999 = 134% Isem Isem Dati reddituali

42 41 Lire mld evoluzione dell utile ante imposte 17,1% ,8% 9,4% 3 2 3,0% CAGR = 106% 1 0 0,7% CAGR = 356% Isem Isem * l utile netto è calcolato sulla base di un tax rate del 46% CAGR 1997/1999 = 356% Dati reddituali

43 42 Lire mld 9 8 evoluzione del Cash Flow 13,3% 7 10,7% 6 9,1% ,7% CAGR = 89% 4,0% CAGR = 62% Isem. * l utile netto è calcolato sulla base di un tax rate del 46% 1999 (*) Isem (*) CAGR 1997/1999 = 89% Dati reddituali

44 43 valori in lire mld Isem Isem Attivo fisso netto 7,8 7,3 7,3 7,5 7,5 Cap. circolante netto 25,4 23,1 17,9 22,3 19,8 Altre attività 0,2 0,4 0,4 0,4 0,4 TOTALE ATTIVO NETTO 33,5 30,8 25,6 30, Posizione Finanziaria Netta 18,2 17,1 6,0 13,9 3,6 Altre passività e TFR 6,4 4,9 5,6 5,4 5,7 Patrimonio netto 8,9 8,8 14,0 10,9* 18,4* TOTALE PASSIVO E PN 33,5 30,8 25,6 30,2 27,7 numero medio dipendenti Gruppo * l utile è stato calcolato sulla base di un tax rate del 46% Dati patrimoniali

45 44 Crescita con basso assorbimento di circolante: riduzione tempo di attraversamento aumento forza contrattuale tempo di incasso tempo di pagamento tempo di giacenza scorte giugno 2000 Politica del circolante

46 45 Conclusioni Ing. Giuseppe MORFINO Presidente

47 46 RICERCA E SVILUPPO MARGINI INNOVAZIONE DI PRODOTTO MARCHIO BASE DI CLIENTI MERCATI INTERNAZIONALI Key success loop

48 47 diventare il numero 1 nella produzione di sistemi per la lavorazione di forme complesse utilizzare un piano di stock option per attirare e motivare risorse qualificate crescere generando cassa e con disciplina sul circolante Obiettivi

49 48 Fidia si quota per crescere, soprattutto nel software e nell elettronica Opera in una nicchia di mercato che presenta un tasso di crescita nel prossimo triennio del 13-17% annuo Al 30 giugno 2000 l EBITDA è stato pari a circa il 20% del valore della produzione Conta su un parco macchine installato di circa unità e circa clienti Conclusioni

50 49 I progetti prendono forma Milano, 13 novembre 2000

Fidia S.p.A.: il CdA approva il Progetto di Bilancio d Esercizio ed il Bilancio Consolidato al 31 dicembre 2014

Fidia S.p.A.: il CdA approva il Progetto di Bilancio d Esercizio ed il Bilancio Consolidato al 31 dicembre 2014 Comunicato stampa Fidia S.p.A.: il CdA approva il Progetto di Bilancio d Esercizio ed il Bilancio Consolidato al 31 dicembre 2014 In considerazione dei positivi risultati economico finanziari il CdA propone

Dettagli

Comunicato stampa SEMESTRE RECORD PER INTERPUMP GROUP: RICAVI NETTI +35% A 434 MILIARDI L UTILE OPERATIVO CONSOLIDATO CRESCE DEL 29% A 78,1 MILIARDI

Comunicato stampa SEMESTRE RECORD PER INTERPUMP GROUP: RICAVI NETTI +35% A 434 MILIARDI L UTILE OPERATIVO CONSOLIDATO CRESCE DEL 29% A 78,1 MILIARDI Comunicato stampa SEMESTRE RECORD PER INTERPUMP GROUP: RICAVI NETTI +35% A 434 MILIARDI L UTILE OPERATIVO CONSOLIDATO CRESCE DEL 29% A 78,1 MILIARDI FORTE CRESCITA DEL CASH FLOW OPERATIVO (+87%) A 74,3

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Approvata la Relazione Trimestrale al 31 Marzo 2015

Approvata la Relazione Trimestrale al 31 Marzo 2015 Approvata la Relazione Trimestrale al 31 Marzo 2015 rispetto allo stesso periodo 2014: forte incremento del fatturato consolidato (+23,1%) e dell ingresso ordini di Gruppo (+25,7%) utile netto più che

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ELICA S.p.A. IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ELICA S.p.A. APPROVA I RISULTATI PRECONSUNTIVI AL 31 DICEMBRE 2013

COMUNICATO STAMPA. ELICA S.p.A. IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ELICA S.p.A. APPROVA I RISULTATI PRECONSUNTIVI AL 31 DICEMBRE 2013 COMUNICATO STAMPA ELICA S.p.A. IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ELICA S.p.A. APPROVA I RISULTATI PRECONSUNTIVI AL 31 DICEMBRE 2013 NELL ANNO RICAVI IN CRESCITA DEL 4,2% A CAMBI COSTANTI E DELL 1,8% AL

Dettagli

MONCLER S.P.A.: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2015 1

MONCLER S.P.A.: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2015 1 MONCLER S.P.A.: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2015 1 MONCLER: RICAVI IN CRESCITA DEL 30% A CAMBI COSTANTI. UTILE NETTO A EURO 40 MILIONI (+69%)

Dettagli

Aspetti quantitativi del Business Plan INTRODUZIONE ALLA COSTRUZIONE DI UN PIANO ECONOMICO FINANZIARIO

Aspetti quantitativi del Business Plan INTRODUZIONE ALLA COSTRUZIONE DI UN PIANO ECONOMICO FINANZIARIO Business Plan 2 aprile 2012-18:00 Facoltà di Economia Catania Aspetti quantitativi del Business Plan INTRODUZIONE ALLA COSTRUZIONE DI UN PIANO ECONOMICO FINANZIARIO Aurelio Alizzio E C O N O M I A E G

Dettagli

Valutazione d azienda con il metodo dei multipli: analisi di un caso

Valutazione d azienda con il metodo dei multipli: analisi di un caso Valutazione d azienda con il metodo dei multipli: analisi di un caso responsabile operazioni di merchant banking DALLA TEORIA ALLA PRASSI LA VALUTAZIONE AL SERVIZIO DEL PROCESSO NEGOZIALE COMPRATORE VENDITORE

Dettagli

AIM INVESTOR DAY. II Edizione. Palazzo Mezzanotte 15 aprile 2015

AIM INVESTOR DAY. II Edizione. Palazzo Mezzanotte 15 aprile 2015 AIM INVESTOR DAY II Edizione Palazzo Mezzanotte 15 aprile 2015 0 Agenda INDICE Chi siamo pag. 2 Business model pag. 3 I nostri punti di forza pag. 4 Strategia pag. 10 Business Plan 2015-2017 pag. 12 Dividend

Dettagli

La quotazione sul MAC 9 Maggio 2008

La quotazione sul MAC 9 Maggio 2008 La quotazione sul MAC 9 Maggio 2008 Index La Tessitura Pontelambro 3 Dati finanziari 6 Strategia 9 La scelta del Mac 10 Offerta globale Struttura dell operazione 13 Il risultato 14 L esperienza sul MAC

Dettagli

Centro per la lavorazione del pannello in real time

Centro per la lavorazione del pannello in real time Centro per la lavorazione del pannello in real time Quando competitività significa riduzione dei tempi di produzione Made In Biesse 2 Il mercato chiede un cambiamento nei processi produttivi che consenta

Dettagli

Ma l innovazione porta risultati? (il dilemma trend / cash flow)

Ma l innovazione porta risultati? (il dilemma trend / cash flow) Ma l innovazione porta risultati? (il dilemma trend / cash flow) Assemblea Assogiocattoli 27 maggio 2010 Antonio Fossati Managing Partner RDS Consulting Università Pavia 1 2 REMAP YOUR SALES RESHAPE YOUR

Dettagli

FIDIA S.p.A. RELAZIONE SUI DATI SEMESTRALI AL 30 GIUGNO 2001

FIDIA S.p.A. RELAZIONE SUI DATI SEMESTRALI AL 30 GIUGNO 2001 FIDIA S.p.A. RELAZIONE SUI DATI SEMESTRALI AL 30 GIUGNO 2001 Consiglio di Amministrazione 27 settembre 2001 1 FIDIA S.p.A. Capitale sociale sottoscritto e versato EURO 4.700.000 Iscritta presso il Registro

Dettagli

ENEL : PRESENTATO IL PIANO STRATEGICO 2015 2019

ENEL : PRESENTATO IL PIANO STRATEGICO 2015 2019 ENEL : PRESENTATO IL PIANO STRATEGICO 2015 2019 Si prevede che efficienza operativa e crescita industriale possano produrre un robusto incremento dell Ebitda e generazione di cassa, a sostegno della crescita

Dettagli

Giugno 2003: Numero 1

Giugno 2003: Numero 1 Giugno 2003: Numero 1 In questo numero: - Il saluto del Presidente LA NEWSLETTER PER GLI - PSF, la storia di un azienda grafica innovativa - Perché la quotazione al STAKEHOLDER Nuovo Mercato? - Internet

Dettagli

La quotazione sul MAC 15 Novembre 2007

La quotazione sul MAC 15 Novembre 2007 La quotazione sul MAC 15 Novembre 2007 Index La Tessitura Pontelambro 3 Dati finanziari 6 Strategia 9 La scelta del Mac 10 Offerta globale Struttura dell operazione 13 Il risultato 14 L esperienza sul

Dettagli

LOMBARDA BOLLITORI srl. Piano economico e finanziario

LOMBARDA BOLLITORI srl. Piano economico e finanziario LOMBARDA BOLLITORI srl Piano economico e finanziario 1 Sintesi del documento Lombarda Bollitori srl è un operatore di nicchia nel mercato delle apparecchiature per il riscaldamento dell acqua, segmento

Dettagli

Stefano Perboni. CEO Gruppo Opengate. Road Show Nuovo Mercato. Palazzo Mezzanotte. 20 Novembre 2002

Stefano Perboni. CEO Gruppo Opengate. Road Show Nuovo Mercato. Palazzo Mezzanotte. 20 Novembre 2002 Road Show Nuovo Mercato Stefano Perboni CEO Gruppo Opengate Palazzo Mezzanotte 20 Novembre 2002 1 Crescita e consolidamento 3 anni di quotazione Presenza in piu settori 3 anni di quotazione 989 (+92%)

Dettagli

Un Core Business Sostenibile. Milano, Marzo 2012

Un Core Business Sostenibile. Milano, Marzo 2012 Un Core Business Sostenibile Un Core Business Sostenibile Un core business orientato alla salvaguardia dell ambiente. BIANCAMANO, primo operatore privato nel settore dei Servizi di Igiene Urbana, svolge

Dettagli

Buongiorno Vitaminic S.p.A.

Buongiorno Vitaminic S.p.A. Buongiorno Vitaminic è una società operativa dal 16 luglio del 2003, nata dall integrazione tra le attività di Buongiorno (società operante nell ambito dei servizi alle imprese via mail e telefono) e Vitaminic

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Attesa una crescita organica dei ricavi di Gruppo tra 3% ed il 4%

COMUNICATO STAMPA. Attesa una crescita organica dei ricavi di Gruppo tra 3% ed il 4% COMUNICATO STAMPA ILLUSTRATE ALLA COMUNITA FINANZIARIA LE STRATEGIE E GLI OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2006-2008 DEL GRUPPO TELECOM ITALIA E DELLA BUSINESS UNIT OPERATIONS Attesa una crescita organica dei

Dettagli

PRESENTAZIONE DATA SERVICE 1 ROAD SHOW DEL NUOVO MERCATO

PRESENTAZIONE DATA SERVICE 1 ROAD SHOW DEL NUOVO MERCATO PRESENTAZIONE DATA SERVICE 1 ROAD SHOW DEL NUOVO MERCATO Milano, 30 novembre 2000 COMPOSIZIONE DELL AZIONARIATO DEL GRUPPO DATA SERVICE Caratteristiche dell offerta globale Fam. Martusciello 19,49% Azionariato

Dettagli

SALUGGIA, 8 NOVEMBRE 2013 IL CDA DI DIASORIN S.P.A

SALUGGIA, 8 NOVEMBRE 2013 IL CDA DI DIASORIN S.P.A Comunicato Stampa SALUGGIA, 8 NOVEMBRE 2013 IL CDA DI DIASORIN S.P.A. APPROVA I RISULTATI DEL 3 TRIMESTRE 2013: ACCELERAZIONE DELLE VENDITE A CAMBI COSTANTI E CONTINUA ESPANSIONE DELLA BASE INSTALLATA

Dettagli

MONCLER S.P.A.: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2014 1

MONCLER S.P.A.: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2014 1 MONCLER S.P.A.: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2014 1 MONCLER: RICAVI IN CRESCITA DEL 18% A TASSI DI CAMBIO COSTANTI Ricavi Consolidati: Euro

Dettagli

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Documento di supporto alla presentazione dell idea imprenditoriale Milano, 18/12/2009 2 Indice 1 Premessa...

Dettagli

Aprile 2006: Numero 7

Aprile 2006: Numero 7 Aprile 2006: Numero 7 NEWSLETTER FINANZIARIA POLIGRAFICA SAN FAUSTINO La Newsletter è disponibile online all indirizzo www.psf.it Alberto Frigoli In questo numero: - Lettera del Presidente - Evoluzione

Dettagli

Conoscenze linguistiche ed informatiche Inglese: Fluent Ottima conoscenza di Windows, Mac OS e di tutti i programmi Microsoft Office.

Conoscenze linguistiche ed informatiche Inglese: Fluent Ottima conoscenza di Windows, Mac OS e di tutti i programmi Microsoft Office. PAOLO MEDICA Tel. ab: Fax ab: Tel.cell: e-mail:paolo.medica@pmconsulting.it Dati personali Nato a Formazione Scolastica e professionale Alma Mater Studiorum - Facoltà di Giurisprudenza Liceo A.B. Sabin

Dettagli

APPENDICI B. GLOSSARIO SULLA QUOTAZIONE: I 50 TERMINI PIÙ USATI

APPENDICI B. GLOSSARIO SULLA QUOTAZIONE: I 50 TERMINI PIÙ USATI APPENDICI B. GLOSSARIO SULLA QUOTAZIONE: I 50 TERMINI PIÙ USATI B. Glossario sulla quotazione: i 50 termini più utilizzati Termine Aftermarket performance Best practice Blue chip Bookbuilding Capitalizzazione

Dettagli

Gefran, il CdA approva il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014

Gefran, il CdA approva il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 Gefran, il CdA approva il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 Fatturato in crescita del 2,9% rispetto all anno precedente. EBITDA a 12,9 milioni di Euro, in aumento del 17% rispetto al 2013. EBIT

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL GRUPPO TELECOM ITALIA ILLUSTRA ALLA COMUNITÀ FINANZIARIA GLI ORIENTAMENTI STRATEGICI E GLI OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2009-2011

COMUNICATO STAMPA IL GRUPPO TELECOM ITALIA ILLUSTRA ALLA COMUNITÀ FINANZIARIA GLI ORIENTAMENTI STRATEGICI E GLI OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2009-2011 This press release contains statements that constitute forward-looking statements. These statements include statements regarding the intent, belief or current expectations of the Company with respect to

Dettagli

Consiglio di Sorveglianza Consiglio di Gestione Mediobanca

Consiglio di Sorveglianza Consiglio di Gestione Mediobanca Consiglio di Sorveglianza Consiglio di Gestione Mediobanca Milano, 7 marzo 2008 Approvato il Piano 2009-2011 del Gruppo Mediobanca p Crescita trainata da nuove iniziative strategiche: Posizionamento europeo

Dettagli

GRUPPO FIDIA RESOCONTO INTERMEDIO SULLA GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2014

GRUPPO FIDIA RESOCONTO INTERMEDIO SULLA GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2014 GRUPPO FIDIA RESOCONTO INTERMEDIO SULLA GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2014 Fidia S.p.A. Sede legale in San Mauro Torinese, corso Lombardia, 11 Capitale Sociale versato euro 5.123.000 Registro delle Imprese

Dettagli

ANCI - LOMBARDIA 22 gennaio 2003

ANCI - LOMBARDIA 22 gennaio 2003 ANCI - LOMBARDIA 22 gennaio 2003 POL1S Dalla seconda metà degli anni 90 le pubbliche amministrazioni hanno avviato una gestione delle proprie attività e passività attraverso operazioni finanziarie sempre

Dettagli

CONFERMATI I TARGET E LA CRESCITA DELLA PRODUZIONE A DOPPIA CIFRA

CONFERMATI I TARGET E LA CRESCITA DELLA PRODUZIONE A DOPPIA CIFRA COMUNICATO STAMPA IL CDA APPROVA LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2014 CONFERMATI I TARGET E LA CRESCITA DELLA PRODUZIONE A DOPPIA CIFRA RICAVI IN FORTE CRESCITA E MARGINI IN LINEA CON

Dettagli

Primi sui Motori: il CDA approva il bilancio 2013 e il Piano Industriale 2014-2016

Primi sui Motori: il CDA approva il bilancio 2013 e il Piano Industriale 2014-2016 Primi sui Motori: il CDA approva il bilancio 2013 e il Piano Industriale 2014-2016 Valore della produzione di Primi sui Motori SpA 2013 pari a Euro 11,5 milioni, +9,4% rispetto al 2012 (Euro 10,5 milioni)

Dettagli

CARTELLA STAMPA. LVenture Group Responsabile Relazioni Esterne bianca.santillo@lventuregroup.com Via G. Giolitti, 34 00185 Roma, Tel.

CARTELLA STAMPA. LVenture Group Responsabile Relazioni Esterne bianca.santillo@lventuregroup.com Via G. Giolitti, 34 00185 Roma, Tel. CARTELLA STAMPA IR Top Consulting Media Relations Via C. Cantù, 1 Milano Luca Macario, Domenico Gentile, Maria Antonietta Pireddu Tel. +39 (02) 45.47.38.84/3 ufficiostampa@irtop.com LVenture Group Responsabile

Dettagli

Project HTML. Giugno 2014

Project HTML. Giugno 2014 Project HTML Giugno 2014 Agenda 1. Introduzione 2. Target Overview 3. Descrizione dell operazione 4. Business Plan Disclaimer Introduzione Overview del Gruppo HTML Descrizione del Gruppo HTML e cenni storici

Dettagli

Scissione Parziale Proporzionale di Fiat SpA in favore di Fiat Industrial SpA

Scissione Parziale Proporzionale di Fiat SpA in favore di Fiat Industrial SpA Scissione Parziale Proporzionale di Fiat SpA in favore di Fiat Industrial SpA Assemblea Ordinaria e Straordinaria degli Azionisti 16 Settembre 2010 1 Agenda I. La Scissione: Obiettivi e descrizione dell

Dettagli

fac simile di Relazione Illustrativa ad un BUSINESS PLAN Periodo n I dati contenuti nei prospetti sono casuali

fac simile di Relazione Illustrativa ad un BUSINESS PLAN Periodo n I dati contenuti nei prospetti sono casuali fac simile di Relazione Illustrativa ad un BUSINESS PLAN Periodo n I dati contenuti nei prospetti sono casuali INDICE ELABORATO 1) Illustrazione delle ipotesi alla base del Business Plan 2) Analisi sintetica

Dettagli

Foratrice flessibile

Foratrice flessibile Foratrice flessibile Quando competitività significa efficienza produttiva Made In Biesse 2 Il mercato chiede un cambiamento nei processi produttivi che consenta di rispondere alla sempre crescente richiesta

Dettagli

Le analisi interne fanno la differenza indipendentemente dalle dimen sioni di un azienda

Le analisi interne fanno la differenza indipendentemente dalle dimen sioni di un azienda 18 Azioni Le analisi interne fanno la differenza indipendentemente dalle dimen sioni di un azienda Anche se la Banca Centrale statunitense sta riflettendo su un abbandono della politica monetaria distensiva,

Dettagli

BNP Paribas. Corporate & Investment Banking in Italia. Nicola D Anselmo. Responsabile CIB Italia. Roma, 1 Dicembre 2006

BNP Paribas. Corporate & Investment Banking in Italia. Nicola D Anselmo. Responsabile CIB Italia. Roma, 1 Dicembre 2006 BNP Paribas Corporate & Investment Banking in Italia Nicola D Anselmo Responsabile CIB Italia Roma, 1 Dicembre 2006 Sommario BNP Paribas CIB in Italia prima di BNL Nuove prospettive per CIB Implementazione

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO ALL OPERAZIONE DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE. MECCANICA CORTINI S.p.A. FIDIA S.p.A.

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO ALL OPERAZIONE DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE. MECCANICA CORTINI S.p.A. FIDIA S.p.A. DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO ALL OPERAZIONE DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI MECCANICA CORTINI S.p.A. IN FIDIA S.p.A. Redatto ai sensi dell articolo 70, comma 5 del Regolamento di attuazione del D.Lgs.

Dettagli

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017. Milano, 25.03.2014

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017. Milano, 25.03.2014 Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017 Milano, 25.03.2014 Agenda I Profilo del Gruppo II Dinamica delle attività III Risultati di esercizio al 31.12.2013

Dettagli

L'importanza del Business Plan. Maurizio Longo

L'importanza del Business Plan. Maurizio Longo L'importanza del Business Plan Elementi tecnici ed economici Maurizio Longo A cosa serve un Business Plan A richiedere un finanziamento in Banca E poi??? Il BP è uno strumento dinamico che serve per capire

Dettagli

Deutsche Bank. Deutsche Bank Easy. La nuova banca leggera di Deutsche Bank. Milano, 5 giugno 2013

Deutsche Bank. Deutsche Bank Easy. La nuova banca leggera di Deutsche Bank. Milano, 5 giugno 2013 La nuova banca leggera di Milano, 5 giugno 2013 Flavio Valeri Chief Country Officer di Italia Agenda 1 in Italia 2 Il retail di Italia 3 : la nuova banca leggera 2 : la solidità di un gruppo globale, una

Dettagli

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo...

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... Esame e analisi critica di un business plan Premessa... 1 Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3 Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... 3 Analisi di

Dettagli

Società Italiana Di Informatica

Società Italiana Di Informatica SAP Forum 2013 Società Italiana Di Informatica S A P I S U t i l i t i e s, C R M, H a n a : s o l u z i o n i S I D I p e r o t t e n e r e v a n t a g g i JOIN THE SIDI EXPERIENCE! www.sidigroup.it c

Dettagli

Agenda. Le nostre soluzioni e l Accordo Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria

Agenda. Le nostre soluzioni e l Accordo Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria 0 Agenda Le nostre soluzioni e l Accordo Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria rinnovo Accordo 2009 e ulteriore offerta di prodotti finanziari bancabilità, aggregazione e crescita dimensionale

Dettagli

Autofinanziamento e aspetto finanziario della gestione

Autofinanziamento e aspetto finanziario della gestione 74 ESERCIZIO 6 INDIRIZZO Igea Mercurio Classe 5ª Autofinanziamento e aspetto finanziario della gestione di GIULIANO PAGANIN L attività aziendale può essere sostenuta attraverso le fonti, generatrici di

Dettagli

Al via i primi investimenti: Metroweb e Kedrion. CONFERENZA STAMPA - Milano, 28 maggio 2012

Al via i primi investimenti: Metroweb e Kedrion. CONFERENZA STAMPA - Milano, 28 maggio 2012 Al via i primi investimenti: Metroweb e Kedrion CONFERENZA STAMPA - Milano, 28 maggio 2012 1 Indice Investimenti approvati dal CDA pag. 3 Profilo di FSI pag. 5 Mercato di riferimento pag. 9 APPENDICE:

Dettagli

COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012)

COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012) COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012) La Holding chiude il 2013 con un utile di 0,5 milioni (perdita

Dettagli

Background Information

Background Information Background Information Piacenza, 16 luglio 2015 Il Centro Tecnologico e Applicativo (TAC) Macchine Utensili di Piacenza Il Centro Tecnologico e Applicativo Macchine Utensili di Piacenza, rappresenta uno

Dettagli

COMUNICATO STAMPA LANDI RENZO S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2009.

COMUNICATO STAMPA LANDI RENZO S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2009. COMUNICATO STAMPA LANDI RENZO S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2009. Fatturato oltre le attese e marginalità in forte miglioramento. Il quarto trimestre è in forte

Dettagli

SENAMEK S.r.l. Via della Chiusa 60019 Senigallia (AN) Tel.: 071 7925000 Fax.: 071 7912130 e-mail: info@senameksrl.191.it

SENAMEK S.r.l. Via della Chiusa 60019 Senigallia (AN) Tel.: 071 7925000 Fax.: 071 7912130 e-mail: info@senameksrl.191.it SENAMEK S.r.l. Via della Chiusa 60019 Senigallia (AN) Tel.: 071 7925000 Fax.: 071 7912130 e-mail: info@senameksrl.191.it SENAMEK Senamek S.r.l. nasce nel 1976 per la volontà e l esperienza pluriennale

Dettagli

Milano, 30 marzo 2004

Milano, 30 marzo 2004 Milano, 30 marzo 2004 Gruppo TOD S: crescita del fatturato (+8.1% a cambi costanti). Continua la politica di forte sviluppo degli investimenti. 24 nuovi punti vendita nel 2003. TOD S Il Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Scheda Progetto. Nome dell Impresa (o del Progetto) Indirizzo Sede Legale. Indirizzo Sede Amministrativa. Nome del Referente. Telefono del Referente

Scheda Progetto. Nome dell Impresa (o del Progetto) Indirizzo Sede Legale. Indirizzo Sede Amministrativa. Nome del Referente. Telefono del Referente Scheda Progetto Nome dell Impresa (o del Progetto) Indirizzo Sede Legale Indirizzo Sede Amministrativa Nome del Referente Telefono del Referente 1 1. In quale fase si colloca la Tua Impresa? (inserisci

Dettagli

Corporate e Private Banking. Sezione 2

Corporate e Private Banking. Sezione 2 Corporate e Private Banking Sezione 2 CIB Mediobanca : punti di forza Marchio affermato, forte identità aziendale Modello di business in linea con le nuove normative Approccio integrato orientato al cliente

Dettagli

Cultura organizzativa, sistemi di performance e metriche Stato dell'arte e trends

Cultura organizzativa, sistemi di performance e metriche Stato dell'arte e trends Cultura organizzativa, sistemi di performance e metriche Stato dell'arte e trends AGENDA Premessa : contesto e definizione di performance Metriche Impatti Conclusioni Il contesto "una provocazione" Quanto

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Esaminati dal Consiglio di Amministrazione i risultati preliminari del primo semestre 2005

COMUNICATO STAMPA. Esaminati dal Consiglio di Amministrazione i risultati preliminari del primo semestre 2005 COMUNICATO STAMPA Esaminati dal Consiglio di Amministrazione i risultati preliminari del primo semestre 2005 Wireline: continua la crescita dei ricavi, +2,1% rispetto al primo semestre 2004 (+2,3% crescita

Dettagli

Comunicato stampa 04/12/14

Comunicato stampa 04/12/14 Comunicato stampa 04/12/14 MailUp continua il percorso di crescita Avviato il processo di espansione internazionale nei mercati non anglofoni e aumentata la base clienti del 30% negli ultimi 12 mesi Andamento

Dettagli

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema Aspen Institute Italia Studio curato da: Servizio Studi e Ricerche, Intesa Sanpaolo ISTAT IMT Alti Studi, Lucca Fondazione Edison LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE Prima

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI URBINO CARLO BO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI URBINO CARLO BO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI URBINO CARLO BO Corso di Strategia d impresa A.A. 2010/2011 Prof. Tonino Pencarelli, Dott. Simone Splendiani Andrea Cristiana Padua Giovanni Iaffaldano Marta Porrà Vito Mastronardi

Dettagli

Sintesi 9 mesi 2010. 18 M oneri non ricorrenti vs. 15 M nei 9 mesi 09. 9 mesi 09. Var % 9 mesi 10. Ricavi 1.491 1.498 0,5% EBIT 134 141 5,1%

Sintesi 9 mesi 2010. 18 M oneri non ricorrenti vs. 15 M nei 9 mesi 09. 9 mesi 09. Var % 9 mesi 10. Ricavi 1.491 1.498 0,5% EBIT 134 141 5,1% 1 Sintesi 9 mesi 2010 9 mesi 09 9 mesi 10 Var % Ricavi 1.491 1.498 0,5% Positivo impatto della valuta e della curva di consegna delle collezioni. EBIT gest. Ord. 149 159 6,6% Completamento Piano Riorganizz.:

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Presentazione di ArcelorMittal e dell interesse del Gruppo per ILVA

Presentazione di ArcelorMittal e dell interesse del Gruppo per ILVA Presentazione di ArcelorMittal e dell interesse del Gruppo per ILVA Gennaio 2015 confidenziale Anthony Old 0 Sommario Presentazione del Gruppo ArcelorMittal Il nostro progetto per ILVA Il principale produttore

Dettagli

Presentazione aziendale. 10 anni di Qualità 23 Luglio 2003 23 Luglio 2013 UNI EN ISO 9001:2008

Presentazione aziendale. 10 anni di Qualità 23 Luglio 2003 23 Luglio 2013 UNI EN ISO 9001:2008 Presentazione aziendale 23 Luglio 2003 23 Luglio 2013 UNI EN ISO 9001:2008 La storia di ART nasce a Modena nel 1969 per iniziativa dell imprenditore Giulio Artioli. Sin dagli esordi si specializza nel

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL GRUPPO CAD IT

PRESENTAZIONE DEL GRUPPO CAD IT PRESENTAZIONE DEL GRUPPO CAD IT Milano, 2 Dicembre 2004 CAD IT S.p.A. Via Torricelli, 44a 37136 Verona VR - ITALY Tel. +39 045 8211236 Fax. +39 045 8211411 email cadit@cadit.it web www.cadit.it Overview

Dettagli

A cura di Massimo Mantovani

A cura di Massimo Mantovani 3 luglio 2015 Fatturazione Elettronica: dalla Pubblica Amministrazione al B2B. Un percorso dove il controllo di gestione fa la differenza. L esperienza di Bellco S.r.l. CHI SIAMO Bellco, realtà italiana

Dettagli

CARTELLA STAMPA. LVenture Group Responsabile relazioni esterne bianca.santillo@lventuregroup.com Via G. Giolitti, 34 00185 Roma, Tel.

CARTELLA STAMPA. LVenture Group Responsabile relazioni esterne bianca.santillo@lventuregroup.com Via G. Giolitti, 34 00185 Roma, Tel. CARTELLA STAMPA IR Top Consulting Media Relations Via C. Cantù, 1 Milano Luca Macario, Domenico Gentile, Maria Antonietta Pireddu Tel. +39 (02) 45.47.38.84/3 ufficiostampa@irtop.com LVenture Group Responsabile

Dettagli

PIAGGIO: APPROVATO IL PROGETTO DI BILANCIO 2006

PIAGGIO: APPROVATO IL PROGETTO DI BILANCIO 2006 COMUNICATO STAMPA Riunito il Consiglio di Amministrazione PIAGGIO: APPROVATO IL PROGETTO DI BILANCIO 2006 RICAVI 1.607,4 MLN (+10,7% SU 2005) EBITDA 204 MLN, PARI AL 12,7% DEL FATTURATO (+10,4% SU 2005)

Dettagli

Star Conference 2006. Presentazione del gruppo CAD IT. Marzo 2006

Star Conference 2006. Presentazione del gruppo CAD IT. Marzo 2006 Star Conference 2006 Presentazione del gruppo CAD IT Marzo 2006 Agenda Introduzione: chi è CAD IT Le attività del gruppo I dati economici Le strategie Allegati 2 Overview del gruppo CAD IT è fornitore

Dettagli

P R E S S R E L E A S E

P R E S S R E L E A S E TXT e-solutions: Ricavi 2014 +6,3% a 55,9 milioni EBITDA +8,4%, Utile netto 4,2 milioni Proposto dividendo di 0,25 per azione 1 azione gratuita ogni 10 possedute Ricavi netti consolidati: 55,9 milioni

Dettagli

MONDO NUOVO // MERCATO DELLE ENERGIE RINNOVABILI // AZIENDA // IMPEGNO SOCIALE // CORPORATE GOVERNANCE // OBIETTIVI DI CRESCITA // 14COMPANY PROFILE

MONDO NUOVO // MERCATO DELLE ENERGIE RINNOVABILI // AZIENDA // IMPEGNO SOCIALE // CORPORATE GOVERNANCE // OBIETTIVI DI CRESCITA // 14COMPANY PROFILE 20 MONDO NUOVO // MERCATO DELLE ENERGIE RINNOVABILI // AZIENDA // IMPEGNO SOCIALE // CORPORATE GOVERNANCE // OBIETTIVI DI CRESCITA // 14COMPANY PROFILE 4 UN MONDO NUOVO 5 VISION Sogniamo un mondo nuovo,

Dettagli

Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno. (ai sensi dell art. 154-ter del D.lgs 58/98)

Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno. (ai sensi dell art. 154-ter del D.lgs 58/98) Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno 2015 (ai sensi dell art. 154-ter del D.lgs 58/98) INDICE PREMESSA... 4 RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015... 5 HIGHLIGHTS DEL PERIODO... 6

Dettagli

Retail & Consumer Summit 2011

Retail & Consumer Summit 2011 www.pwc.com/it Retail & Consumer Summit 2011 La gestione della discontinuità e del cambiamento: sfide e opportunità 11 ottobre 2011 1 1 Discontinuità nei consumi: come sta cambiando il comportamento d

Dettagli

LE ECCELLENZE DEL MADE IN ITALY. 13-14 marzo 2014 1. 13-14 marzo 2014

LE ECCELLENZE DEL MADE IN ITALY. 13-14 marzo 2014 1. 13-14 marzo 2014 LE ECCELLENZE DEL MADE IN ITALY 1 Investireste in un Gruppo che: Ha quote attive in 9 leader mondiali* dei rispettivi settori? Negli ultimi 10 anni ha avuto plusvalenze nell 80% circa delle cessioni? Capitalizza

Dettagli

GE Capital. Fleet Services. L innovazione che trasforma la gestione della vostra flotta

GE Capital. Fleet Services. L innovazione che trasforma la gestione della vostra flotta GE Capital Fleet Services. L innovazione che trasforma la gestione della vostra flotta GE Capital Fleet Services Leader globali, partner locali. Una realtà internazionale Scegliere GE Capital significa

Dettagli

Risultato operativo oltre 1,3 mld (+8%) con forte crescita del segmento danni (+26,6%) Utile netto sale a 603 mln (+6,3%)

Risultato operativo oltre 1,3 mld (+8%) con forte crescita del segmento danni (+26,6%) Utile netto sale a 603 mln (+6,3%) 10/05/2013 COMUNICATO STAMPA Risultati consolidati al 31 marzo 2013 1 Risultato operativo oltre 1,3 mld (+8%) con forte crescita del segmento danni (+26,6%) Utile netto sale a 603 mln (+6,3%) Vita: solida

Dettagli

Solida redditività operativa Maggior utile netto

Solida redditività operativa Maggior utile netto Esercizio 2009 Fa stato il testo orale Solida redditività operativa Maggior utile netto Relazione di Beat Grossenbacher, responsabile Finanze e Servizi, in occasione della conferenza stampa annuale del

Dettagli

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI. Dott. Roberto Matterazzo

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI. Dott. Roberto Matterazzo LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI Dott. Roberto Matterazzo L incontro si propone di rispondere a queste tre domande: Cosa devo concretamente scrivere in un business plan?

Dettagli

RISULTATI 3 TRIMESTRE 2002

RISULTATI 3 TRIMESTRE 2002 RISULTATI 3 TRIMESTRE 2002 Borsa Italiana - Milano 20 Novembre 2002 INDICE Il Gruppo El.En. Andamento della gestione Risultati economico-finanziari Stato patrimoniale ed evoluzione della posizione finanziaria

Dettagli

POSIZIONAMENTO DELLA SOCIETÀ

POSIZIONAMENTO DELLA SOCIETÀ POSIZIONAMENTO DELLA SOCIETÀ MC-linkoggi è un operatore di Telecomunicazioni la cui mission è quella di fornire servizi dati, telefonia, internet e data center di eccellenza. INTERNET La sua attività è

Dettagli

e.biscom annuncia i risultati finanziari consolidati per l esercizio 2000

e.biscom annuncia i risultati finanziari consolidati per l esercizio 2000 e.biscom annuncia i risultati finanziari consolidati per l esercizio 2000 Esercizio chiuso con una posizione finanziaria netta positiva di 1,2 miliardi di Euro Ricavi consolidati per l anno 2000 di 42,4

Dettagli

Uso efficiente dell'energia: aggiornamenti tecnici e normativi. Milano 12/06/2013 Energy Saving Award Marco Vecchio

Uso efficiente dell'energia: aggiornamenti tecnici e normativi. Milano 12/06/2013 Energy Saving Award Marco Vecchio Uso efficiente dell'energia: aggiornamenti tecnici e normativi Milano 12/06/2013 Energy Saving Award Marco Vecchio 1 Federazione ANIE Federazione Nazionale Imprese Elettrotecniche ed Elettroniche 11 Associazioni

Dettagli

IL GRUPPO TELECOM ITALIA MEDIA

IL GRUPPO TELECOM ITALIA MEDIA highlights >> bilancio highlights IL GRUPPO TELECOM ITALIA MEDIA Ricavi ricostruiti MOL ricostruito 75 15 11,6 577,4 594,6 5 5-5 25-15 -25-27,9-35 Personale (n teste) 2.7 2.284 1.8 2.29 Risultato operativo

Dettagli

Company Profile Maggio 2011 (Riservato( Riservato)

Company Profile Maggio 2011 (Riservato( Riservato) Company Profile Maggio 2011 (Riservato( 1 Le origini e lo sviluppo La capogruppo Giordano Vini Spa ha la propria sede legale a Valle Talloria, frazione di Diano d Alba, dove la famiglia Giordano iniziò

Dettagli

TPA ITALIA, un brand per aumentare il vantaggio competitivo delle eccellenze tecnologiche del Made in Italy nei nuovi scenari di mercato.

TPA ITALIA, un brand per aumentare il vantaggio competitivo delle eccellenze tecnologiche del Made in Italy nei nuovi scenari di mercato. TPA ITALIA, un brand per aumentare il vantaggio competitivo delle eccellenze tecnologiche del Made in Italy nei nuovi scenari di mercato. TPA ITALIA, la nuova piattaforma fieristica B2B dedicata ai sistemi

Dettagli

Allianz, Axa, Le Generali a confronto. Analisi di alcune cifre chiave Anno 2012

Allianz, Axa, Le Generali a confronto. Analisi di alcune cifre chiave Anno 2012 Allianz, Axa, Le Generali a confronto Analisi di alcune cifre chiave Anno 2012 Elaborazioni dai bilanci consolidati dei 3 big assicurativi europei A cura di F. Ierardo Coordinamento di N. Maiolino 2012

Dettagli

Centro di lavoro a controllo numerico

Centro di lavoro a controllo numerico Centro di lavoro a controllo numerico Quando competitività significa crescere Made In Biesse 2 Il mercato chiede un cambiamento nei processi produttivi che consenta di accettare il maggior numero di commesse

Dettagli

Investor Presentation

Investor Presentation A company of Group Investor Presentation Milano, 3 Aprile 2014 Highlights Ki Group è il co-leader in Italia nella distribuzione di prodotti biologici e naturali con 2.500 referenze, in grado di servire

Dettagli

Il supporto all internazionalizzazione delle PMI Focus Egitto. Relatore: Leonardo Zuin Desk EMEA - Ufficio Sviluppo Internazionalizzazione

Il supporto all internazionalizzazione delle PMI Focus Egitto. Relatore: Leonardo Zuin Desk EMEA - Ufficio Sviluppo Internazionalizzazione Il supporto all internazionalizzazione delle PMI Focus Egitto Relatore: Leonardo Zuin Desk EMEA - Ufficio Sviluppo Internazionalizzazione Milano, 4 febbraio 2014 1 Egitto in cifre Expenditure on GDP (%

Dettagli

Poste Italiane: fatturato e risultato operativo in crescita

Poste Italiane: fatturato e risultato operativo in crescita Poste Italiane: fatturato e risultato operativo in crescita Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati semestrali 2015 Deliberata la domanda di ammissione in quotazione e l adozione del nuovo

Dettagli

Comunicato Stampa 12 novembre 2015

Comunicato Stampa 12 novembre 2015 Landi Renzo: il CDA approva i risultati al 30 settembre 2015 Fatturato pari a Euro 145,6 mln (Euro 173,9 mln al 30 settembre 2014) EBITDA pari a Euro 1,9 mln (Euro 14,1 mln al 30 settembre 2014) EBIT pari

Dettagli

La valutazione di affidabilità creditizia: ESERCITAZIONE

La valutazione di affidabilità creditizia: ESERCITAZIONE La valutazione di affidabilità creditizia: ESERCITAZIONE Corso di finanziamenti di impresa a.a. 2014-2015 Dott.ssa Diletta Tancini diletta.tancini@yahoo.it Agenda Premessa Il caso dell impresa ALFA S.R.L.

Dettagli

RELAZIONE SULL ANDAMENTO DEL GRUPPO GEOX NEL PRIMO TRIMESTRE DEL 2006

RELAZIONE SULL ANDAMENTO DEL GRUPPO GEOX NEL PRIMO TRIMESTRE DEL 2006 RELAZIONE SULL ANDAMENTO DEL GRUPPO GEOX NEL PRIMO TRIMESTRE DEL 2006 Geox S.p.A. Sede in Biadene di Montebelluna (TV) - Via Feltrina Centro 16 Capitale Sociale euro 25.884.400 = int. versato Codice fiscale

Dettagli

Migliorare il processo produttivo con SAP ERP

Migliorare il processo produttivo con SAP ERP ICI Caldaie Spa. Utilizzata con concessione dell autore. Migliorare il processo produttivo con SAP ERP Partner Nome dell azienda ICI Caldaie Spa Settore Caldaie per uso residenziale e industriale, generatori

Dettagli

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Milano, 28 ottobre 2004. Approvati i dati trimestrali al 30 settembre 2004 del Gruppo Mediobanca

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Milano, 28 ottobre 2004. Approvati i dati trimestrali al 30 settembre 2004 del Gruppo Mediobanca Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Milano, 28 ottobre 2004 Approvati i dati trimestrali al 30 settembre 2004 del Gruppo Mediobanca I primi tre mesi confermano la crescita registrata nel passato

Dettagli

NOTORIOUS PICTURES presenta il Piano Industriale 2015-17

NOTORIOUS PICTURES presenta il Piano Industriale 2015-17 IR Top, Investor Relations Consulting RASSEGNA STAMPA ON-LINE 27 novembre 2014 NOTORIOUS PICTURES presenta il Piano Industriale 2015-17 La Rassegna Stampa comprende: Radiocor 27/11/2014 MF - Dow Jones

Dettagli