BILANCIO D ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BILANCIO D ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE"

Transcript

1 BILANCIO D ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2010

2

3 S O M M A R I O BILANCIO D ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2010 Relazione sulla Gestione pag. 3 Stato Patrimoniale pag. 88 Conto Economico pag. 90 Prospetto della redditività complessiva pag. 91 Prospetto delle variazioni di patrimonio netto pag. 92 Rendiconto finanziario pag. 94 Nota integrativa pag. 97

4 Banca Nuova SpA Relazione sulla gestione al 31 dicembre 2010 PRINCIPALI INDICATORI ECONOMICI E FINANZIARI Principali dati patrimoniali ed economici (in milioni di euro) 31/12/ /12/2009 Variazione assoluta % Dati patrimoniali Raccolta diretta 3.667, ,3-3,2-0,1% Raccolta indiretta 1.629, ,4 94,9 6,2% Impieghi con clientela 3.726, ,4 391,9 11,8% Totale dell'attivo 4.710, ,6 25,2 0,5% Posizione interbancaria netta -337,0 247,0-584,0-236,4% Patrimonio netto (incluso utile di esercizio) 221,7 210,1 11,6 5,5% Patrimonio di Vigilanza 205,8 188,8 17,0 9,0% Dati economici Margine di interesse 78,5 86,5-8,0-9,2% Margine di intermediazione 144,7 140,0 4,7 3,3% Costi operativi -111,7-108,1-3,6 3,3% di cui spese per il personale -61,0-60,0-1,0 1,7% Utile d'esercizio 9,2 12,4-3,1-25,4% Altre informazioni 31/12/ /12/2009 Variazione assoluta % Numero puntuale dipendenti (esclusi distacchi e altro personale) ,4% Numero medio dipendenti (1) ,7% Numero sportelli bancari ,0% (1) Il numero medio dei dipendenti è calcolato conformemente alle indicazioni contenute nella Circolare della Banca d'italia n. 262 del 22 dicembre aggiornamento del 18 novembre Principali indicatori di performance 31/12/ /12/2009 variazione 2010 / 2009 Indici di struttura (%) Impieghi con clientela / totale attivo 79,1% 71,2% 7,9 p.p. Raccolta diretta / totale attivo 77,8% 78,3% -0,5 p.p. Impieghi con clientela / raccolta diretta 101,6% 90,8% 10,8 p.p. Indici di redditività ed efficienza (%) Utile d'esercizio / patrimonio netto senza utile (ROE) 4,3% 6,2% -1,9 p.p. Utile d'esercizio / totale attivo medio (ROAA) (1) 0,2% 0,3% -0,1 p.p. Cost/Income (2) 78,1% 78,5% -0,4 p.p. Indici di produttività (3) Raccolta diretta per dipendente (in mln di euro) 4,1 4,1 0,6% Impieghi con clientela per dipendente (in mln di euro) 4,2 3,7 12,5% Margine di intermediazione per dipendente (in migliaia di euro) 163,5 157,1 4,0% Indici di rischiosità (%) Crediti deteriorati netti /impieghi netti 6,36% 5,28% 1,08 p.p. Sofferenze nette/impieghi netti 2,12% 1,56% 0,56 p.p. Percentuale di copertura sofferenze (inclusi conti di memoria (4) ) 59,77% 66,81% -2,89 p.p. Percentuale copertura crediti deteriorati 28,75% 31,64% -7,04 p.p. Coefficienti patrimoniali (%) Core Tier 1 7,37% 7,59% -0,22 p.p. Tier 1 (Patrimonio di base / attività di rischio ponderate) 7,37% 7,59% -0,22 p.p. Total Capital Ratio (Patrim. di Vigilanza / attività di rischio ponderate) 9,12% 10,08% -0,96 p.p. (1) Il totale attivo medio è determinato come media semplice del totale attivo alla fine dell'esercizio e del totale attivo alla fine dell'esercizio precedente. (2) L indicatore è calcolato rapportando le spese amministrative (voce 150) e le rettifiche/riprese di valore nette su attività materiali e immateriali (voce 170 e 180) al margine di intermediazione (voce 120) e agli altri oneri/proventi di gestione (voce 190). (3) Gli indicatori di produttività sono calcolati rapportando i vari aggregati al numero medio dipendenti. (4) I "conti di memoria" si riferiscono ai passaggi a perdite su crediti in procedura concorsuale ancora in corso alla data di riferimento

5 Banca Nuova SpA Relazione sulla gestione al 31 dicembre 2010 RELAZIONE SULLA GESTIONE Introduzione Dopo quasi tre anni e mezzo dall inizio della crisi economico-finanziaria è possibile sostenere che è stato evitato il collasso dell economia mondiale, grazie anche alle politiche monetarie fortemente espansive. In virtù di ciò è stato dato un importante sostegno all attività economica in generale seppure a fronte di un onere significativo di indebitamento degli stati sovrani. Nel corso dell anno 2010 quanto sopra detto ha comportato significative tensioni sul mercato dei titoli di stato con particolare riguardo a quelli di alcuni paesi dell area euro. Il 2010 è stato caratterizzato da deboli domande interne, da contrazione del risparmio, da un alto tasso di disoccupazione, pur in presenza di segnali di ripresa economica. Nel contesto macroeconomico evidenziato, a seguito dei persistenti livelli minimi di tassi di interesse, le banche hanno dovuto fronteggiare da un lato un significativo restringimento della forbice commerciale e dall altro hanno dovuto affrontare elevate rettifiche sui crediti che peraltro continueranno a permanere su ritmi ritenuti significativi anche per il prossimo biennio. In una situazione congiunturale così come sopra esposta, Banca Nuova ha realizzato, nel corso dell anno 2010 un utile lordo superiore ai 18,6 milioni di Euro, in flessione rispetto al pari dato dello scorso anno del 9%. L utile netto ha superato i 9,2 milioni di Euro in flessione del 25,4%. Se pure lo scenario macroeconomico non sia risultato in linea alle attese sulla dinamica dei tassi d interesse, la Banca ha comunque raggiunto gli obiettivi di budget previsti per l anno Il prodotto bancario a chiusura dell anno ha sfiorato i milioni di Euro, con un incremento del 5,7% rispetto a quello dell anno scorso. Gli impieghi netti sono risultati superiori ai milioni di Euro, con una crescita dell 11,8%, circostanza che indica il forte sostegno che la Banca ha mantenuto al territorio di riferimento. La raccolta totale ha superato i milioni di Euro, con una crescita dell 1,8%. Il rapporto impieghi / raccolta si è attestato al 101,6%. Il 2011 propone, sulla scorta delle informazioni disponibili a fine anno 2010, un rallentamento dell economia italiana, circostanza questa volta a confermare che il rimbalzo ciclico di cui ha beneficiato l Italia nel 2010, è stato trainato in modo significativo più dalla domanda estera che da quella interna. L anno 2011 si propone ancora una volta come un anno congiunturalmente difficile caratterizzato da una debole crescita del PIL e da un alto tasso di disoccupazione

6 Banca Nuova SpA Relazione sulla gestione al 31 dicembre 2010 LA PRESENZA TERRITORIALE Al 31 dicembre 2010, la Rete Commerciale risulta articolata in 129 punti vendita: 107 filiali bancarie, 17 negozi finanziari e 5 punti Private. Articolazione Territoriale filiali per area AREA CALABRIA; 15 FILIALI AREA LAZIO; 12 FILIALI AREA MESSINA; 11 FILIALI AREA SICILIA ORIENTALE; 14FILIALI AREA SICILIA CENTRALE; 10 FILIALI AREA PALERMO; 27 FILIALI AREA T RAPANI; 18 FILIALI Rispetto al 31 dicembre 2009, la numerosità dei punti vendita ha visto la diminuzione di 2 unità a seguito della chiusura di due negozi finanziari. Inoltre occorre segnalare che nel corso dell anno è proseguita l attività di riallocazione delle filiali a seguito dell apertura della filiale di Palermo n 12 (Pallavicino), della filiale di Palermo n 17 (Assemblea Regionale Siciliana) e della filiale di Caltagirone a fronte della chiusura delle filiali di Contessa Entellina, di Castel di Lucio e di Grammichele

7 Banca Nuova SpA Relazione sulla gestione al 31 dicembre 2010 LA CLIENTELA Al fine di presidiare meglio le attività commerciali e di curare con maggiore attenzione le esigenze della clientela, Banca Nuova ha adottato la presente macro segmentazione: Private Banking (Private Banking/Affluent); Privati (comprende i Promotori Finanziari); Imprese (Corporate e Small); Altri. Al 31 dicembre 2010 la composizione della clientela è così articolata: il segmento Privati rappresenta l 80,5%, il segmento Imprese il 9,7%, il segmento Private Banking il 5,9% e, infine, il 3,9% è rappresentato dal segmento Altri (residuale). Composizione Clientela per segmento 80,5% 5,9% 3,9% 9,7% Private Banking Privati Imprese Altri Per quanto riguarda gli impieghi della Banca, il segmento Privati rappresenta il 42,8%, il segmento Imprese il 47,9%, quello Private Banking il 4,3% e quello Altri il 5%. Impieghi per Segmento valori in milioni di Euro 1.800, , , , ,0 800, , ,2 600,0 400,0 200,0 152,5 180,9 0,0 Private Banking Privati Imprese Altri Segmenti Fonte: dati Controllo di Gestione - 5 -

8 Banca Nuova SpA Relazione sulla gestione al 31 dicembre 2010 Impieghi per Segmento % 42,8% 47,9% Private Banking Privati Imprese Altri 4,3% 5,0% Relativamente alla raccolta diretta, il segmento Privati rappresenta il 34,7%, il segmento Private Banking il 34,8%, il segmento Imprese il 21,4%, e il segmento Altri il 9,1%. valori in milioni di Euro 1.400,0 Raccolta Diretta per Segmento 1.211, , , ,0 800,0 743,9 600,0 400,0 316,1 200,0 0,0 Private Banking Privati Imprese Altri Segmenti Fonte: dati Controllo di Gestione Raccolta Diretta per Segmento % 34,7% Private Banking 34,8% 9,1% 21,4% Privati Imprese Altri - 6 -

9 Banca Nuova SpA Relazione sulla gestione al 31 dicembre 2010 Per quanto concerne la raccolta indiretta, il segmento Privati rappresenta il 39,1%, il segmento Private Banking il 53,9%, il segmento Imprese il 5,9% e il segmento Altri lo 0,9%. Raccolta Indiretta per Segmento valori in milioni di Euro 1.000,0 883,1 800,0 636,5 600,0 400,0 200,0 96,0 13,9 0,0 Private Banking Privati Imprese Altri Segmenti Fonte: dati Controllo di Gestione Raccolta Indiretta per Segmento % 5,9% 0,9% 39,1% 53,9% Private Banking Privati Imprese Altri La clientela è curata da 290 gestori che risultano così suddivisi: 185 gestori Privati Retail (63,8%) 43 gestori Private Banking (Private Banking/Affluent) (14,8%) 62 gestori Imprese (CIM/CRI) (21,4%) Ai consulenti in parola, si affiancano nel presidio della clientela 115 Promotori Finanziari

10 Banca Nuova SpA Relazione sulla gestione al 31 dicembre 2010 Composizione per gestori Consulenti Privati Retail Consulenti Imprese Consulenti Private Banking / Affluent Di seguito si propone l indice di concentrazione di produttività per segmento quale rapporto tra la percentuale del prodotto bancario 1 per segmento e la percentuale di addetti per segmento. 2,50 Indice di concentrazione produttività per segmento (% Prodotto Bancario segmento / % n. addetti segmento) 2,43 2,00 1,92 1,50 1,00 1,00 0,52 0,50 0,00 Segmento Private Banking Segmento Privati Segmento Imprese Media Banca Segmenti 1 il prodotto bancario è costituito dalla sommatoria degli impieghi, della raccolta diretta e della raccolta indiretta

11 Banca Nuova SpA Relazione sulla gestione al 31 dicembre 2010 LE ATTIVITA COMMERCIALI Al 31 dicembre 2010 il prodotto bancario del segmento Private Banking è risultato pari a circa milioni di Euro, con un incremento di oltre 260 milioni di Euro (+13,1%) rispetto al pari dato dello scorso anno. Fonte: dati Controllo di Gestione Gli impieghi a clientela sono risultati pari a oltre 152 milioni di Euro, con un incremento di circa 10 milioni di euro (+6,8%) da ascrivere agli impieghi a breve termine per il 4,5% e agli impieghi a mediolungo termine per il 7,3%

12 Banca Nuova SpA Relazione sulla gestione al 31 dicembre 2010 La raccolta totale è ascesa ad oltre milioni di Euro, registrando un crescita superiore ai 250 milioni di Euro (+13,6%)

13 Banca Nuova SpA Relazione sulla gestione al 31 dicembre 2010 Più in dettaglio: la raccolta diretta si è attestata a oltre milioni di Euro, con un incremento di circa 153 milioni di Euro (+14,4%), da ascrivere per oltre 124 milioni di Euro al breve termine e oltre 28 milioni al medio e lungo termine. La raccolta indiretta ha superato gli 883 milioni di Euro, in crescita di oltre 97 milioni di Euro (+12,4%)

14 Banca Nuova SpA Relazione sulla gestione al 31 dicembre 2010 Nel mese di luglio 2010, la Direzione Private Banking coadiuvata dalla Direzione Pianificazione e Bilancio e dalla Direzione Legale, Affari Generali e Contenzioso, ha curato nell ambito del rinnovo del programma di emissione dei prestiti obbligazionari della Banca: il documento di registrazione, che ha l obiettivo di fornire le informazioni sull emittente, sui collegamenti con i controllati dell emittente o i controllanti, sulla sua situazione economica e finanziaria, sulle sue prospettive, con riguardo anche ai potenziali rischi; la nota informativa sui valori mobiliari contenente informazioni sulle caratteristiche dell offerta e sullo strumento offerto, oltre talune informazioni sull emittente; la nota di sintesi, che ha l obiettivo di fornire, in forma sintetica, le informazioni più importanti incluse nel prospetto. Il 20 luglio 2010 la CONSOB ha rilasciato l approvazione del Documento di Registrazione e dei Prospetti Base relativi ai programmi di emissione dei prestiti obbligazionari di Banca Nuova ( Banca Nuova S.p.A. Obbligazioni a Tasso Fisso e Banca Nuova S.p.A. a Tasso variabile ). Nel corso dell anno 2010 la Direzione Private Banking ha curato 17 emissioni di prestiti obbligazionari per 217 milioni di Euro. Inoltre, nell anno ha predisposto l emissione di due unit di Vicenza Life LTD con contestuale emissione di prestiti obbligazionari di pari importo interamente sottoscritti dalla società in parola. Il prodotto bancario del segmento Privati è risultato pari ad oltre milioni di Euro, con un incremento di oltre 163 milioni di Euro (+5,1%) rispetto alla fine dello scorso anno. Fonte: dati Controllo di Gestione

15 Banca Nuova SpA Relazione sulla gestione al 31 dicembre 2010 Gli impieghi a clientela sono ammontati ad oltre milioni di Euro, con un incremento di oltre 61 milioni di Euro (+4,2%), da ascrivere per la quasi totalità ai finanziamenti a medio-lungo termine (circa 69 milioni di Euro)

16 Banca Nuova SpA Relazione sulla gestione al 31 dicembre 2010 La raccolta totale si è attestata a circa milioni di Euro, con un incremento superiore a 102 milioni di Euro (+5,8%). In particolare, la raccolta diretta è risultata superiore ai milioni di Euro, con un incremento di circa 58 milioni di Euro (+5%)

17 Banca Nuova SpA Relazione sulla gestione al 31 dicembre 2010 La raccolta indiretta è risultata pari ad oltre 636 milioni di Euro, con un incremento di oltre 44 milioni di Euro (+7,4%), da ascrivere unicamente all incremento di raccolta amministrata. Nell ambito del segmento Privati insistono i Privati Universali il cui prodotto bancario è risultato pari a oltre milioni di Euro, con un incremento rispetto alla fine dello scorso anno di oltre 167 milioni di Euro (+7,1%). Fonte: dati Controllo di Gestione

18 Banca Nuova SpA Relazione sulla gestione al 31 dicembre 2010 Gli impieghi a clientela sono risultati pari a oltre milioni di Euro, con una crescita di oltre 65 milioni di Euro (+5,3%) da ascrivere quasi esclusivamente ai finanziamenti a medio e lungo termine (+65 milioni di Euro, +5,6%)

19 Banca Nuova SpA Relazione sulla gestione al 31 dicembre 2010 La raccolta totale è ascesa a oltre milioni di Euro, con un incremento di 102 milioni di Euro circa (+9%). La raccolta diretta è risultata pari a oltre 965 milioni di Euro, con un incremento di oltre 69 milioni di Euro (+7,7%)

20 Banca Nuova SpA Relazione sulla gestione al 31 dicembre 2010 La raccolta indiretta si è attestata a circa 268 milioni di Euro con un incremento di circa 32 milioni di Euro (+13,8%). Nell ambito del segmento Privati insistono i Promotori Finanziari che presentano un prodotto bancario pari a circa 850 milioni di Euro, in leggera flessione rispetto al pari dato dello scorso anno (-0,4%). Fonte: dati Controllo di Gestione

21 Banca Nuova SpA Relazione sulla gestione al 31 dicembre 2010 Gli impieghi a clientela sono risultati pari a oltre 237 milioni di Euro, con una flessione dell 1,5%

22 Banca Nuova SpA Relazione sulla gestione al 31 dicembre 2010 La raccolta totale è risultata stabile rispetto al dato dello scorso anno. La raccolta diretta è ammontata a circa 244 milioni di Euro, con un decremento di oltre 11 milioni di Euro (-4,5%). La raccolta indiretta è risultata pari ad oltre 368 milioni di Euro, con una crescita di oltre 11 milioni di Euro (+3,2%) da ascrivere quasi esclusivamente alla raccolta gestita

23 Banca Nuova SpA Relazione sulla gestione al 31 dicembre 2010 Nelle classifiche di Assoreti al 31 dicembre 2010 la rete dei Promotori Finanziari di Banca Nuova si è posizionata al 20 posto sia per la raccolta netta che per la raccolta netta pro-capite. Al 31 dicembre 2010 il prodotto bancario della Direzione Imprese è risultato pari a oltre milioni di Euro, con un incremento rispetto al pari dato dello scorso anno di oltre 136 milioni di Euro (+5,6%). Fonte: dati Controllo di Gestione

24 Banca Nuova SpA Relazione sulla gestione al 31 dicembre 2010 In particolare gli impieghi a clientela hanno superato i milioni di Euro con un incremento di circa 171 milioni di Euro (11,1%). La raccolta totale si è attestata a circa 840 milioni di Euro con flessione di oltre 34 milioni di Euro (-3,9%)

25 Banca Nuova SpA Relazione sulla gestione al 31 dicembre 2010 La raccolta diretta è ammontata a circa 744 milioni di Euro, con una crescita di oltre 11 milioni di Euro (+1,6%)

26 Banca Nuova SpA Relazione sulla gestione al 31 dicembre 2010 La raccolta indiretta si è attestata a circa 96 milioni di Euro, con una flessione di oltre 46 milioni di Euro (-32,5%), da ascrivere quasi totalmente alla raccolta amministrata. Nella Direzione Imprese insiste il segmento Corporate, che al 31 dicembre 2010 ha proposto un prodotto bancario pari a circa milioni di Euro, con un incremento rispetto alla fine dell anno precedente pari ad oltre 36 milioni di Euro (+2,4%). Fonte: dati Controllo di Gestione

27 Banca Nuova SpA Relazione sulla gestione al 31 dicembre 2010 Gli impieghi a clientela sono risultati pari a circa milioni di Euro evidenziando un incremento di circa 66 milioni di Euro (+5,9%). Il delta risulta così articolato: +75 milioni di Euro nel comparto dei finanziamenti a medio e lungo termine (+13,3%) e -9 milioni di Euro negli impieghi a breve termine (-1,7%)

28 Banca Nuova SpA Relazione sulla gestione al 31 dicembre 2010 La raccolta totale è risultata pari a circa 370 milioni di Euro, in flessione di 29 milioni di Euro (-7,3%). La raccolta diretta ha superato i 298 milioni di Euro con un incremento di oltre 17 milioni di Euro (+6,3%)

29 Banca Nuova SpA Relazione sulla gestione al 31 dicembre 2010 La raccolta indiretta è ammontata a oltre 71 milioni di Euro, con un decremento di circa 47 milioni di Euro (- 39,6%). Le iniziative commerciali poste in essere durante l esercizio in continuità con i precedenti anni hanno riguardato lo sviluppo selettivo della base della clientela con particolare attenzione agli aspetti reddituali e alla riqualificazione del portafoglio impieghi con particolare riguardo al rischio / rendimento dei portafogli. Sono state predisposte diverse iniziative commerciali volte ad ampliare il cross-selling al fine di conseguire maggiori ricavi con minor impatto sul capitale investito. Le azioni di sviluppo su nuova clientela hanno consentito di attivare 218 nuovi clienti corporate con un incremento dello 0,9%. Occorre evidenziare l azione volta a promuovere i servizi di multicanalità, in particolare: gli (attivi + passivi) sono passati da a (+4,3%), rappresentando il 77,4% delle aziende clienti; i POS installati risultano pari a 1.185, con un incremento di 113 unità.(+10,5%) Per quanto attiene l attività del comparto Estero si segnala quanto segue: le esposizioni per cassa e firma sono risultate pari a 46,4 milioni di Euro con una contrazione di oltre l 8% (50,7 milioni di Euro al 31/12/2009); il volume d affari è risultato pari a 641,2 milioni di Euro circa, con un incremento di circa il 19% ( 539,3 milioni di Euro rispetto allo scorso anno); i ricavi sono ascesi a 2,2 milioni di Euro circa con un incruento di circa il 10% rispetto al pari dato dello scorso anno. E proseguita l opera di promozione dell attività del comparto estero della Banca mediante la partecipazione ad eventi concernenti il tema dell internazionalizzazione delle imprese, in particolare: in collaborazione con alcune Confindustrie siciliane si sono svolti incontri con imprenditori volti a promuovere e sviluppare i prodotti estero della Banca. Sempre con le stesse è stata effettuata una missione imprenditoriale presso la BIAT (Banque Internazionale Arabe de Tunisie) che ha visto la partecipazione di 52 imprese siciliane. Tale attività rientra all interno dell accordo sottoscritto con la BIAT stessa nel Obiettivo della missione è stato quello di assistere le imprese nei loro processi di internazionalizzazione al fine di canalizzare maggior flussi commerciali presso Banca Nuova e di cogliere le opportunità provenienti dalla costituzione di filiali estere delle aziende locali;

30 Banca Nuova SpA Relazione sulla gestione al 31 dicembre 2010 in linea con l accordo firmato nel 2009, si è provveduto ad attivare il servizio di rimessa dei fondi dall Italia verso il Marocco, questa prima attività ha comportato nuovi flussi commerciali con un interessante ritorno economico per la Banca; infine, sono stati organizzati con il supporto della Direzione Estero della Capogruppo e degli Uffici di Rappresentanza incontri focalizzati alla promozione di rapporti di collaborazione tra le imprese del territorio in cui opera Banca Nuova ed imprenditori esteri di varie nazioni. Nell ambito della Direzione Imprese insistono le Imprese Small Business, il cui prodotto bancario è risultato pari a oltre milioni di Euro, con un incremento rispetto alla fine dello scorso anno di circa 100 milioni di Euro (+11,1%). Fonte: dati Controllo di Gestione

31 Banca Nuova SpA Relazione sulla gestione al 31 dicembre 2010 Gli impieghi sono risultati pari a oltre 530 milioni di Euro, con un incremento in valore assoluto di circa 105 milioni di Euro (+24,7%) così suddivisi: +19 milioni di Euro circa (+13%) inerenti agli impieghi a breve termine e +86 milioni di Euro (+30,7%) inerenti ai finanziamenti a medio e lungo termine. La raccolta totale si è attestata a circa 470 milioni di Euro, con una flessione di oltre 5 milioni di Euro (- 1,1%)

32 Banca Nuova SpA Relazione sulla gestione al 31 dicembre 2010 La raccolta diretta si è attestata ad oltre 445 milioni di Euro, con un decremento di oltre 6 milioni di Euro (-1,3%). La raccolta indiretta si è attestata a oltre 24 milioni di Euro, con circa 1 milioni di Euro di crescita (+3,6%)

33 Banca Nuova SpA Relazione sulla gestione al 31 dicembre 2010 ATTIVITÀ SVOLTA DALLA DIREZIONE SERVIZI FINANZIARI Nel corso del 2010, l attività svolta ha riguardato la strutturazione ed il collocamento di tre nuove operazioni (Clelia, Levante e Kalos) e lo svolgimento delle attività di Servicer, Calculation Agent, Cash manager, Paying Agent e Collection Account Bank per le operazioni di cartolarizzazione originate negli anni passati. Si riporta di seguito una breve descrizione dell andamento delle operazioni di cartolarizzazione, avendo presente che sono riportati i valori nominali di ciascuna serie di titoli ABS emessi dai singoli veicoli e non i valori di Bilancio rappresentati al costo/ricavo ammortizzato. Le nuove operazioni strutturate e collocate nel 2010 sono: Clelia Finance Srl Banca Nuova ha portato a termine, nel luglio del 2010, un operazione di cartolarizzazione, denominata Clelia Finance, avente ad oggetto un portafoglio di crediti di proprietà della S.C.I.P.I. (Società di Cartolarizzazione Investimenti per le Infrastrutture S.r.l.), rappresentato dalle cosiddette riserve per compensi aggiuntivi nell ambito di appalti di lavori pubblici vantati da imprese private appaltatrici rispetto a stazioni pubbliche appaltanti nel contesto dell esecuzione di lavori affidati, in forza di concessioni o contratti di appalto ed oggetto di contenzioso stragiudiziale o giudiziale fra le parti. In particolare, la società veicolo utilizzata per l operazione, Clelia Finance S.r.l. (ex lege 130/99), ha concluso, nel giugno 2010, con S.C.I.P.I. un contratto di cessione di crediti pecuniari individuabili in blocco ai sensi e per gli effetti del combinato disposto degli articoli 1 e 4 della Legge sulla Cartolarizzazione, da realizzarsi mediante l emissione da parte della stessa di titoli (ai sensi del combinato disposto degli articoli 1 e 5 della Legge sulla Cartolarizzazione) in virtù del quale Clelia ha acquistato, pro soluto, tutti i crediti di titolarità di S.C.I.P.I. e tutti gli altri diritti derivanti al cedente dai crediti oggetto del Contratto di Cessione (i Crediti ), per un valore complessivo pari a Euro ,10. Sono stati oggetto di cessione dal Cedente a Clelia Finance tutti i crediti derivanti da contratti di appalto, concessione o convenzione disciplinati dalla legge italiana che alla data del 1 giugno 2010 risultavano di titolarità di S.C.I.P.I.. I crediti saranno acquistati da Clelia Finance con i proventi derivanti dall emissione dei titoli come di seguito riportati: La differenza tra valore titoli emessi ( ,00) e prezzo di acquisto ( ,10) andrà a costituire una riserva di cassa a garanzia dei sottoscrittori dei titoli Senior e degli altri creditori dell operazione. I titoli Junior verranno incassati tempo per tempo, in via subordinata a spese, interessi e titoli Senior, in relazione alla conferma di incasso dei flussi stimati ed attesi

34 Banca Nuova SpA Relazione sulla gestione al 31 dicembre 2010 Le parti nell operazione sono: 1. Clelia Finance S.r.l., in qualità di Emittente e Cessionario 2. Banca Nuova S.p.A., in qualità di Banca dei Conti, Banca Custode, Amministratore della Liquidità, Agente Pagatore 3. Securitisation Services S.p.A. (appartenente al gruppo Finanziaria Internazionale Securitisation Group (FISG)) in qualità di Rappresentante dei Portatori dei Titoli, Servicer, Agente di Calcolo e Fornitore di Servizi Amministrativi 4. S.C.I.P.I. Società di Cartolarizzazione Investimenti Per Le Infrastrutture S.r.l., in qualità di Cedente 5. Sviluppo Finance S.p.A., in qualità di Finanziatore Subordinato Levante Srl In data 14/12/2010, Banca Nuova ha concluso un operazione di cartolarizzazione denominata Levante Srl, avente ad oggetto un portafoglio di crediti di proprietà di Impresa Spa (primaria azienda italiana di costruzioni attiva principalmente nel settore delle opere pubbliche, presente in Italia e all estero), rappresentato dalle cosiddette riserve, per compensi aggiuntivi nell ambito di appalti di lavori pubblici vantati dalla stessa rispetto a stazioni pubbliche appaltanti nel contesto dell esecuzione di lavori affidati in forza di contratti di appalto ed oggetto, in parte, di Accordo Bonario tra le parti ex art. 31 bis L.109/1994 ed in parte di contenzioso giudiziale. In particolare, la società veicolo utilizzata per l operazione Levante S.r.l. (ex lege 130/99) ha concluso, in data 29 novembre 2010, con Impresa Spa un contratto di cessione di crediti pecuniari individuabili in blocco ai sensi e per gli effetti del combinato disposto degli articoli 1 e 4 della Legge sulla Cartolarizzazione, da realizzarsi mediante l emissione da parte della stessa di titoli (ai sensi del combinato disposto degli articoli 1 e 5 della Legge sulla Cartolarizzazione dei Titoli) in virtù del quale Levante ha acquistato, pro soluto, tutti i crediti di titolarità di Impresa e tutti gli altri diritti derivanti a Impresa stessa dai crediti oggetto del Contratto di Cessione (i Crediti ), per un valore complessivo pari a Euro ,00. In merito alla natura, consistenza e titolarità dei crediti è stata condotta ad ottobre 2010 una perizia di stima da parte dello Studio Legale Chiomenti in nome e per conto di Banca Nuova. Sono stati oggetto di cessione dal cedente a Levante tutti i crediti derivanti da contratti di appalto, concessione o convenzione disciplinati dalla legge italiana di titolarità di Impresa. I crediti sono stati acquistati da Levante con i proventi derivanti dall emissione dei titoli come di seguito riportati: La struttura ha previsto la costituzione di una Cash Riserve con l obiettivo di coprire eventuali shortfall di liquidità durante il periodo di collections degli incassi sul portafoglio e, comunque, tale riserva verrà mantenuta costante per tutta la durata dell operazione fino alla completa estinzione del titolo Senior. I titoli Junior verranno incassati tempo per tempo, in via subordinata a spese, interessi e titoli Senior, in relazione alla conferma di incasso dei flussi stimati ed attesi. E inoltre prevista la possibilità per Banca Nuova di rifinanziare l operazione qualora le performances derivanti dal portafoglio non siano allineate con quelle redatte in sede di due diligence. Tutta l attività di gestione della liquidità è in capo a Banca Nuova Spa. Kalos

35 Banca Nuova SpA Relazione sulla gestione al 31 dicembre 2010 In data 11 gennaio 2011 Banca Nuova, nella veste di Arranger e Lead Manager, ha chiuso l ottava operazione di cartolarizzazione dei crediti relativi ai diritti annuali 2011 di spettanza della Camera di Commercio, Industria, Artigianato ed Agricoltura di Palermo, oltre al riacquisto del portafoglio residuo della precedente operazione Turchese I serie. Il valore nominale del portafoglio crediti ceduto ammonta a complessivi Euro ,00. L operazione ha previsto l emissione di Euro ,00 Asset- Backed Fixed Rate Notes garantite dal Portafoglio di Crediti in parola, divise in due classi di titoli, Senior e Mezzanine, integralmente sottoscritte da Banca Nuova, più in dettaglio: Classe Senior Euro ,00 Asset-Backed Fixed Rate Notes; Classe Mezzanine Euro ,00 Asset-Backed Fixed Rate Notes. I due titoli Junior, rispettivamente pari a ,00 euro e ,00 euro, sono stati integralmente sottoscritti da CCIAA. OPERAZIONI DI CARTOLARIZZAZIONE IN ESSERE PER LE QUALI SI SVOLGE ATTIVITA DI SERVICER, CALCULATION AGENT, CASH MANAGER, PAYING AGENT E COLLECTION ACCOUNT BANK Di seguito, si fa presente che sono riportati i valori nominali di ciascuna serie di titoli ABS emessi dai singoli veicoli e non i valori di bilancio rappresentati al costo/ricavo ammortizzato. Rubino Finance S.r.l. Banca Nuova in qualità di Co-Arranger, congiuntamente a HSBC Bank Plc (Co-Arranger, Lead Manager e Sole Bookrunner) ha concluso nell anno 2006 il collocamento di Rubino Finance Srl, operazione di cartolarizzazione dei crediti vantati da piccole e medie imprese siciliane nei confronti della Regione in forza degli artt. 43 e 47 della Legge Regionale del 8 Febbraio 1986, no. 3 ( LRG no. 3/1986 ) per un importo pari a Euro ,89. L operazione ha previsto l emissione di Euro ,00 Asset- Backed Floating Rate Notes (titoli Senior) garantite dal sopraccitato Portafoglio di Crediti. Rubino Finance ha consentito a migliaia di artigiani siciliani di ricevere i contributi stanziati dalla Regione Sicilia per la promozione e lo sviluppo dell artigianato locale. La legge regionale di riferimento è quella del 1986, ma il contesto normativo dell operazione di cartolarizzazione è molto più recente. Con la Legge Finanziaria del 2005, la Regione Sicilia si è impegnata a pagare i contributi dovuti agli artigiani in sette annualità dal 2006 al 2012, successivamente, gli artigiani, rappresentati dalla proprie associazioni di categoria (CNA Sicilia, Casartigiani, Confartigianato e C.L.A.A.I.), hanno ceduto il proprio credito a Rubino Finance, società costituita ai sensi della Legge 130/99 (la legge sulla Cartolarizzazione). I titoli Senior, pari ad 61,65 milioni di Euro, emessi successivamente all operazione di cessione dei suddetti crediti, sono stati interamente collocati sul mercato dei capitali presso investitori istituzionali. I titoli di Rubino Finance godono di rating ufficiale da parte dell agenzia specializzata Moody s pari ad A1 (lo stesso della Regione Sicilia), sono garantiti sotto l aspetto creditizio in quanto le fonti di incasso sono stabilite tramite apposito provvedimento legislativo pubblicato nella Gazzetta Ufficiale Regione Sicilia, in particolare dal Decreto del Direttore Generale Regione Sicilia n. 1976/7s del 5 ottobre 2006, che accantona specificatamente a favore del veicolo gli incassi derivanti dalla Regione Sicilia. L operazione di cartolarizzazione Rubino, effettuata da Banca Nuova nel corso del 2006 è sicuramente la più grande operazione multioriginator rivolta al mondo delle piccole e medie imprese mai avvenuta in Italia

BILANCIO D ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE

BILANCIO D ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE BILANCIO D ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2009 S O M M A R I O BILANCIO D ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2009 Relazione sulla Gestione pag. 5 Stato Patrimoniale pag. 92 Conto Economico pag. 94 Prospetto della redditività

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

Relazione sulla Gestione pag. 5. Stato patrimoniale pag. 104. Conto economico pag. 106. Prospetto della redditività complessiva pag.

Relazione sulla Gestione pag. 5. Stato patrimoniale pag. 104. Conto economico pag. 106. Prospetto della redditività complessiva pag. BILANCIO D ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2011 S O M M A R I O BILANCIO D ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2011 Relazione sulla Gestione pag. 5 Stato patrimoniale pag. 104 Conto economico pag. 106 Prospetto della redditività

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015 Società per Azioni con Sede Legale in Cagliari Viale Bonaria, 33 Codice fiscale e n di iscrizione al Registro delle Imprese di Cagliari 01564560900 Partita IVA 01577330903 Iscrizione all Albo delle Banche

Dettagli

il margine di interesse risulta stabile, attestandosi a 30,6 Milioni di Euro

il margine di interesse risulta stabile, attestandosi a 30,6 Milioni di Euro COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni S.p.A. approva il Bilancio consolidato ed il Bilancio d esercizio al 31 dicembre 2012: Raccolta complessiva

Dettagli

RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI

RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI In un contesto ancora debole, il esprime una redditività in crescita continuando

Dettagli

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007)

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007) CREDITO BERGAMASCO: il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale. Crescono i ricavi. Continua espansione dei prestiti a piccole e medie imprese e della raccolta diretta complessiva.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 44,4 milioni (ex Euro 2 milioni)

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 44,4 milioni (ex Euro 2 milioni) COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI SPOLETO S.P.A. HA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015 NOTA: A SEGUITO DELL AVVENUTO CONFERIMENTO

Dettagli

GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA

GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA AL 31 MARZO 2006 1 INDICE Prospetti contabili pag. 03 Note di commento ed osservazioni degli Amministratori pag. 04 Nota informativa pag. 04 La struttura

Dettagli

Viene confermata la focalizzazione della Banca sulla concessione del credito e sulla gestione delle

Viene confermata la focalizzazione della Banca sulla concessione del credito e sulla gestione delle COMUNICATO STAMPA Il Consiglio d Amministrazione di Banca del Mezzogiorno MedioCredito Centrale approva il nuovo Piano Industriale Triennale 2015 2017 e la Relazione Semestrale al 30 giugno 2015 Roma,

Dettagli

CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10%

CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10% CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10% Utile netto consolidato a 100,3 milioni di euro, +11,2% a/a; investimenti per lo sviluppo dei canali di

Dettagli

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%)

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013 Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) Commissioni nette 41,1 mln di euro (-5,6%1*) Margine di intermediazione

Dettagli

APPROVATA LA RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2006

APPROVATA LA RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2006 APPROVATA LA RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2006 Il Consiglio di Amministrazione di Banca CR Firenze Spa, presieduto da Aureliano Benedetti, ha oggi deliberato la nomina del Vice Presidente e dei componenti

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO STATO PER STATO. al 31 dicembre 2013. Gruppo Bancario Deutsche Bank

INFORMATIVA AL PUBBLICO STATO PER STATO. al 31 dicembre 2013. Gruppo Bancario Deutsche Bank Deutsche Bank S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO STATO PER STATO al 31 dicembre 2013 Gruppo Bancario Deutsche Bank Premessa Al fine di accrescere la fiducia dei cittadini dell Unione Europea nel settore finanziario,

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA SEZIONE 4 Società per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA "BANCA CRV CASSA DI RISPARMIO DI VIGNOLA S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO BANCA CRV CASSA DI RISPARMIO DI VIGNOLA

Dettagli

GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013

GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013 GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013 - Risultato economico netto consolidato dei primi sei mesi 2013 pari a -232 milioni di euro (perdita per l esercizio

Dettagli

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI VERGATO (BO) S.c.

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI VERGATO (BO) S.c. BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI VERGATO (BO) S.c. Metodologia di pricing e Regole Interne per la negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla BCC Adottata ai sensi delle Linee Guida interassociative

Dettagli

Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS

Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS Comunicato stampa Mestre, 29 aprile 2010 Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS UTILI IN FORTE CRESCITA: +107,8% SUL 4 TRIMESTRE 2009, +13,9% SUL 1 TRIMESTRE

Dettagli

CONAFI PRESTITÒ Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio 2008

CONAFI PRESTITÒ Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio 2008 CONAFI PRESTITÒ Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio 2008 Approvata la proposta di autorizzazione all acquisto e disposizione di azioni proprie Margine di intermediazione consolidato

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2009 DATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009 SOCIETÀ PER AZIONI Sede legale: Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede amministrativa e Direzione generale: Sassari - Viale Umberto 36 Capitale sociale Euro 155.247.762,00 i.v. Cod. fisc. e num. iscriz. al Registro

Dettagli

Indice. Presentazione, di Roberto Ruozi. pag. xiii

Indice. Presentazione, di Roberto Ruozi. pag. xiii Presentazione, di Roberto Ruozi 1 L attività bancaria 1.1 Una definizione di banca 1.2 Le origini del sistema bancario moderno 1.3 L evoluzione del sistema creditizio nel quadro europeo: concorrenza e

Dettagli

GRUPPO BANCO DESIO. al 30 settembre 2006 RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA

GRUPPO BANCO DESIO. al 30 settembre 2006 RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 SETTEMBRE 2006 1 INDICE Prospetti contabili pag. 03 Note di commento ed osservazioni degli Amministratori pag. 04 Nota informativa pag. 04 La

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI IW BANK S.P.A.: APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2007

COMUNICATO STAMPA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI IW BANK S.P.A.: APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2007 COMUNICATO STAMPA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI IW BANK S.P.A.: APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2007 Utile netto a 5,0 milioni di euro (2,5 milioni di euro al 30 giugno 2006, +100%) Margine

Dettagli

1 Relazione sulla gestione

1 Relazione sulla gestione Settore Bancario Andamento della gestione del Gruppo Unipol Banca Il 2013 è stato un anno caratterizzato da profondi cambiamenti che hanno riguardato sia la struttura direzionale della banca che la composizione

Dettagli

I J del codice di classificazione ISTAT con le esclusioni previste dalle regole di eligibilità BEI; - Il finanziamento deve essere destinato

I J del codice di classificazione ISTAT con le esclusioni previste dalle regole di eligibilità BEI; - Il finanziamento deve essere destinato Allegato 1 Invito alle banche a presentare manifestazione di interesse per la gestione di un plafond di 130 milioni di euro di provvista BEI da destinare a finanziamenti alle PMI della Regione Emilia-Romagna

Dettagli

ROAD SHOW 2008 Company Results

ROAD SHOW 2008 Company Results ROAD SHOW 2008 Company Results Milano, 24 marzo 2009 1 Relatori Luca Bronchi Direttore Generale Ugo Borgheresi Investor Relator 2 Agenda Company Highlights 31 Dicembre 2008 Linee Guida Piano Industriale

Dettagli

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 Al 31 dicembre 2008 INTRODUZIONE 3 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO

Dettagli

Politica di pricing e Regole interne per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari Pagina 1

Politica di pricing e Regole interne per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari Pagina 1 Politica di pricing e Regole interne per la negoziazione / emissione dei prestiti obbligazionari della Banca di Credito Cooperativo di Borghetto Lodigiano s.c. (Adottate ai sensi delle Linee guida interassociative

Dettagli

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi più industrializzati. Il Comitato non legifera, formula

Dettagli

rendiconto economico 2

rendiconto economico 2 rendiconto economico 034 rendiconto economico 2 In questa sezione del bilancio sociale Finpiemonte rappresenta, attraverso appositi prospetti, la dimensione economica e monetaria della gestione, secondo

Dettagli

Politica di pricing e regole interne per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari della Banca

Politica di pricing e regole interne per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari della Banca Banca di Credito Cooperativo Dell Alta Brianza Alzate Brianza Società Cooperativa Politica di pricing e regole interne per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari della Banca (Adottata ai

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL BILANCIO CONSOLIDATO E IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE AL 31 DICEMBRE 2007 DATI DI BILANCIO

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione 36 37 38 Dati significativi di gestione In questa sezione relativa al Rendiconto economico sono evidenziati ed analizzati i risultati economici raggiunti da ISA nel corso dell esercizio. L analisi si focalizza

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE UBI Banca Private Investment Società per Azioni avente unico socio Sede Legale e Direzione Generale: Brescia, Via Cefalonia, 74 Codice Fiscale ed Iscrizione al Registro delle Imprese di Brescia n. 00485260459,

Dettagli

STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO RICLASSIFICATO (in milioni di euro) ATTIVO 2012 2011

STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO RICLASSIFICATO (in milioni di euro) ATTIVO 2012 2011 STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO RICLASSIFICATO (in milioni di euro) ATTIVO 2011 Crediti verso clientela 30.712,6 29.985,5 727,1 2,4% Crediti verso banche 4.341,4 3.491,8 849,6 24,3% Attività finanziarie

Dettagli

Tavola 1 Requisito informativo generale

Tavola 1 Requisito informativo generale Tavola 1 Requisito informativo generale (a) Il Consiglio di Amministrazione di Finlabo SIM. (di seguito anche la SIM o la Società ), ha definito le politiche di gestione dei rischi all interno delle quali

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 Sintesi del documento pubblicato ai sensi del Titolo IV della Circolare 263/06 della Banca d Italia L Informativa al pubblico adempie all obbligo

Dettagli

Vigilanza bancaria e finanziaria

Vigilanza bancaria e finanziaria Vigilanza bancaria e finanziaria DISPOSIZIONI DI VIGILANZA IN MATERIA DI POTERI DI DIREZIONE E COORDINAMENTO DELLA CAPOGRUPPO DI UN GRUPPO BANCARIO NEI CONFRONTI DELLE SOCIETÀ DI GESTIONE DEL RISPARMIO

Dettagli

COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI SPOLETO SPA: CIRCOLARE BANCA D ITALIA. BILANCIO 2005.

COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI SPOLETO SPA: CIRCOLARE BANCA D ITALIA. BILANCIO 2005. COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI SPOLETO SPA: CIRCOLARE BANCA D ITALIA. BILANCIO 2005. In data 3 aprile u.s. la Banca d Italia ha emanato una circolare a tutti gli intermediari creditizi con cui disciplina

Dettagli

Organizzazione e aspetti organizzativi nella loro complessità gestionale esterna ed interna

Organizzazione e aspetti organizzativi nella loro complessità gestionale esterna ed interna Organizzazione e aspetti organizzativi nella loro complessità gestionale esterna ed interna Renato Cavallari Consigliere di Amministrazione 21 novembre 2012 LUISS Business School - Roma Agenda Profilo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. - In crescita significativa la massa amministrata, che supera i 94 miliardi di euro (+ 8% a/a)

COMUNICATO STAMPA. - In crescita significativa la massa amministrata, che supera i 94 miliardi di euro (+ 8% a/a) GRUPPO CARIPARMA CRÉDIT AGRICOLE: UTILE NETTO 2014 A 182 MILIONI (+21% A/A) TRAINATO DALLA GESTIONE OPERATIVA (+14% A/A); POSIZIONE PATRIMONIALE SOLIDA E LIVELLI PIÙ CHE ADEGUATI DI LIQUIDITÀ Il ha conseguito

Dettagli

MINI BOND Un nuovo strumento per finanziare la crescita delle Aziende

MINI BOND Un nuovo strumento per finanziare la crescita delle Aziende MINI BOND Un nuovo strumento per finanziare la crescita delle Aziende LO SCENARIO MINI BOND Il Decreto Sviluppo ed il Decreto Sviluppo bis del 2012, hanno introdotto importanti novità a favore delle società

Dettagli

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 Costante supporto all economia reale dei territori di insediamento: circa 3 miliardi di euro di crediti erogati alle famiglie e alle PMI, in condizioni di liquidità

Dettagli

Pillole Informative. I minibond La novità normativa

Pillole Informative. I minibond La novità normativa Pillole Informative I minibond La novità normativa I minibond. La novità normativa Il decreto Destinazione Italia, completa il percorso del Decreto Sviluppo sul tema degli strumenti finanziari a favore

Dettagli

Politica di Valutazione Pricing per le obbligazioni emesse dalla Banca di Credito Cooperativo di Cernusco Sul Naviglio s.c.

Politica di Valutazione Pricing per le obbligazioni emesse dalla Banca di Credito Cooperativo di Cernusco Sul Naviglio s.c. Politica di Valutazione Pricing per le obbligazioni emesse dalla Banca di Credito Cooperativo di Cernusco Sul Naviglio s.c. (Adottata ai sensi delle Linee guida interassociative per l applicazione delle

Dettagli

Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509

Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 Piano strategico di investimento e di risk budgeting art. 4.3 e art. 7.4 del Regolamento per la

Dettagli

Banca IFIS, il CDA ha approvato il progetto di bilancio 2015. Proposto all Assemblea un dividendo di 0,76 euro per azione.

Banca IFIS, il CDA ha approvato il progetto di bilancio 2015. Proposto all Assemblea un dividendo di 0,76 euro per azione. COMUNICATO STAMPA RISULTATI ESERCIZIO 2015 Banca IFIS, il CDA ha approvato il progetto di bilancio 2015. Proposto all Assemblea un dividendo di 0,76 euro per azione. Mestre (Venezia), 02 febbraio 2016

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PRINCIPALI DATI PATRIMONIALI RACCOLTA

COMUNICATO STAMPA PRINCIPALI DATI PATRIMONIALI RACCOLTA COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI SPOLETO S.P.A. HA APPROVATO I RISULTATI PRELIMINARI DELL ESERCIZIO 1 AGOSTO 2014 31 DICEMBRE 2014 PRIMO BILANCIO D ESERCIZIO IN

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Mestre, 14 novembre 2011. I risultati in breve

COMUNICATO STAMPA. Mestre, 14 novembre 2011. I risultati in breve COMUNICATO STAMPA Margini in forte crescita e indici di solidità patrimoniale a livelli di assoluta eccellenza: il Gruppo Banca IFIS conferma la validità del modello di business anche in mercati instabili

Dettagli

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Comunicato stampa RISULTATI DEL 1 SEMESTRE DEL GRUPPO CARIPARMA FRIULADRIA Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Utile Netto

Dettagli

L ORGANIZZAZIONE DELLA BANCA: MODELLI E STRUTTURE ORGANIZZATIVE

L ORGANIZZAZIONE DELLA BANCA: MODELLI E STRUTTURE ORGANIZZATIVE L ORGANIZZAZIONE DELLA BANCA: MODELLI E STRUTTURE ORGANIZZATIVE 1 MODELLI ISTITUZIONALI-ORGANIZZATIVI: SI FA RIFERIMENTO A MODELLI DI INTERMEDIAZIONE BANCA UNIVERSALE GRUPPO POLIFUNZIONALE BANCA SPECIALIZZATA

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico ZENITH SERVICE S.P.A. Informativa al pubblico In ottemperanza alle norme relative alla vigilanza prudenziale sugli intermediari inscritti nell Elenco speciale ex art. 107 TUB (Circolare della Banca d Italia

Dettagli

Le banche LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO

Le banche LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO Banche Intermediari creditizi non bancari Intermediari della securities industry Assicurazioni LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO Fonte Banca d Italia, Relazione

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ERGYCAPITAL S.P.A. APPROVA I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 1

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ERGYCAPITAL S.P.A. APPROVA I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 1 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ERGYCAPITAL S.P.A. APPROVA I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 1 Valore della produzione pari ad Euro 3,1 milioni in linea rispetto al corrispondente

Dettagli

CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2011

CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2011 CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2011 Margine di intermediazione consolidato pari a 5,68 milioni di euro (4,14 milioni di euro al IH2010) Risultato della gestione operativa

Dettagli

BANCA CREMASCA. Credito Cooperativo Soc. Coop.

BANCA CREMASCA. Credito Cooperativo Soc. Coop. BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Soc. Coop. POLICY DI PRICING E REGOLE INTERNE PER LA NEGOZIAZIONE/EMISSIONE DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DELLA BANCA (Adottata ai sensi delle Linee guida interassociative

Dettagli

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Comunicato Stampa Risultati consolidati al 30 settembre 2006 Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Ricavi in crescita -

Dettagli

In merito ai punti all ordine del giorno della parte Ordinaria, l Assemblea ha deliberato:

In merito ai punti all ordine del giorno della parte Ordinaria, l Assemblea ha deliberato: ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA VENETO BANCA I Soci hanno approvato il bilancio al 31 dicembre 2014 e nominato quattro Consiglieri di Amministrazione. Si è svolta oggi a Villa Spineda, a Venegazzù

Dettagli

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017. Milano, 25.03.2014

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017. Milano, 25.03.2014 Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017 Milano, 25.03.2014 Agenda I Profilo del Gruppo II Dinamica delle attività III Risultati di esercizio al 31.12.2013

Dettagli

Risultati ed andamento della gestione

Risultati ed andamento della gestione Risultati ed andamento della gestione L esercizio 2011 si chiude con un risultato economico positivo, in quanto la distribuzione dei dividendi di Equitalia Nord ha consentito - insieme ai benefici fiscali

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 146,6 milioni (ex Euro 134,3 milioni)

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 146,6 milioni (ex Euro 134,3 milioni) COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE CONSOLIDATO AL 30 SETTEMBRE 2015 NOTA: LA COMPARAZIONE

Dettagli

Relazione sulle operazioni di cartolarizzazione dei proventi derivanti dalla dismissione del patrimonio immobiliare pubblico. Primo semestre 2009

Relazione sulle operazioni di cartolarizzazione dei proventi derivanti dalla dismissione del patrimonio immobiliare pubblico. Primo semestre 2009 Relazione sulle operazioni di cartolarizzazione dei proventi derivanti dalla dismissione del patrimonio immobiliare pubblico Primo semestre 2009 (Art. 2, co. 1, D.L. n. 351/2001, convertito, con modificazioni,

Dettagli

Benvenuti in Banca di San Marino. Welcome to Banca di San Marino

Benvenuti in Banca di San Marino. Welcome to Banca di San Marino Benvenuti in Banca di San Marino Welcome to Banca di San Marino INDICE / CONTENTS LE FILIALI / THE BRANCHES IL GRUPPO / THE GROUP N. Azionisti 1.987 9,87% N. Soci 399 90,13% Cap. Sociale 114.616.800

Dettagli

FERCREDIT spa. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Esercizio 2008

FERCREDIT spa. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Esercizio 2008 FERCREDIT spa Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Pag. 1/12 Premessa La Circolare della Banca d Italia n. 216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007 al capitolo V ha introdotto

Dettagli

Risultati ed andamento della gestione

Risultati ed andamento della gestione Risultati ed andamento della gestione L utile di periodo evidenzia un sostanziale pareggio, al netto dell accantonamento per 87,5 /milioni a Fondo Rischi Finanziari Generali, destinato alla copertura del

Dettagli

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Andrea Piazzetta Risk Manager Gruppo Banca Popolare di Vicenza Vicenza, 18 settembre 2009 Gruppo Banca Popolare di Vicenza Contesto regolamentare

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione 182 183 Dati significativi di gestione In questa sezione relativa al Rendiconto Economico sono evidenziati ed analizzati i risultati economici raggiunti da ISA nel corso dell esercizio. L analisi si focalizza

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI IWBANK S.P.A.: APPROVATI I DATI DEL PRIMO SEMESTRE 2008

COMUNICATO STAMPA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI IWBANK S.P.A.: APPROVATI I DATI DEL PRIMO SEMESTRE 2008 COMUNICATO STAMPA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI IWBANK S.P.A.: APPROVATI I DATI DEL PRIMO SEMESTRE 2008 Confermato l ottimo trend di crescita del Gruppo Utile netto semestrale consolidato a circa 7,0

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Esaminati dal Consiglio di Amministrazione i risultati consolidati al 30 settembre 2004 del Gruppo Unipol

COMUNICATO STAMPA. Esaminati dal Consiglio di Amministrazione i risultati consolidati al 30 settembre 2004 del Gruppo Unipol COMUNICATO STAMPA Esaminati dal Consiglio di Amministrazione i risultati consolidati al 30 settembre 2004 del Gruppo Unipol I premi consolidati raggiungono 6.782 milioni di euro (in crescita del 22% rispetto

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA POPOLARE DELL ALTO ADIGE SOCIETÀ COOPERATIVA PER AZIONI Sede Legale in Bolzano, Via del Macello n.55 Iscritta all Albo delle Banche al n. 3630.1 e Capogruppo del Gruppo Bancario Banca Popolare dell

Dettagli

Approvati i risultati dei primi nove mesi del 2015

Approvati i risultati dei primi nove mesi del 2015 Comunicato Stampa Approvati i risultati dei primi nove mesi del 2015 Utile netto consolidato a 7,6 milioni di Euro (+52,3% a/a) Ricavi consolidati a 44,8 milioni di Euro (+2,1% a/a) Risultato della gestione

Dettagli

Politica di Valutazione e Pricing - Regole Interne per la Negoziazione/Emissione dei Prestiti Obbligazionari emessi da Banca Etica S.c.p.a.

Politica di Valutazione e Pricing - Regole Interne per la Negoziazione/Emissione dei Prestiti Obbligazionari emessi da Banca Etica S.c.p.a. Politica di Valutazione e Pricing - Regole Interne per la Negoziazione/Emissione dei Prestiti Obbligazionari emessi da Banca Etica S.c.p.a. Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione

Dettagli

CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2010

CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2010 CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2010 Margine di intermediazione consolidato pari a Euro 4,14 milioni (Euro 5,96 milioni al IH2009) Perdita netta di competenza del gruppo

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

Politica di valutazione e pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca del Crotonese Credito Cooperativo.

Politica di valutazione e pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca del Crotonese Credito Cooperativo. Politica di valutazione e pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca del Crotonese Credito Cooperativo. (adottata ai sensi delle Linee Guida interassociative per l applicazione delle misure CONSOB

Dettagli

Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016

Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016 Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016 POLITICA DEI PRESTITI La valutazione dei fidi il controllo dei crediti concessi il recupero dei crediti problematici

Dettagli

Approvazione della Relazione Trimestrale al 30.06.2005 da parte del Consiglio di Amministrazione.

Approvazione della Relazione Trimestrale al 30.06.2005 da parte del Consiglio di Amministrazione. 21/07/2005 - Approvazione relazione trimestrale 01.04.2005-30.06.2005 Approvazione della Relazione Trimestrale al 30.06.2005 da parte del Consiglio di Amministrazione. Sommario: Nei primi nove mesi dell

Dettagli

Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio

Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio Art. 1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti del Contraente in base alle Condizioni di Polizza, la Compagnia

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Oggetto e finalità Favorire l accesso alle fonti finanziarie delle piccole e medie imprese mediante la concessione di una garanzia pubblica. Riferimenti

Dettagli

TITOLO. Consiglio di amministrazione del 6 novembre 2013: approvazione del resoconto intermedio di gestione consolidato al 30 settembre 2013.

TITOLO. Consiglio di amministrazione del 6 novembre 2013: approvazione del resoconto intermedio di gestione consolidato al 30 settembre 2013. Società cooperativa per azioni - fondata nel 1871 Sede sociale e direzione generale: I - 23100 Sondrio So - Piazza Garibaldi 16 Iscritta al Registro delle Imprese di Sondrio al n. 00053810149 Iscritta

Dettagli

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008.

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Utile netto consolidato a 75,3 milioni di euro: risente dell andamento negativo

Dettagli

ISA. svolge attività di supporto al Mipaaf nei procedimenti di erogazione delle agevolazioni relative ai contratti di filiera (L. 289/2002).

ISA. svolge attività di supporto al Mipaaf nei procedimenti di erogazione delle agevolazioni relative ai contratti di filiera (L. 289/2002). Commissione Agricoltura Senato - Roma, 25 Luglio 2013 Presentazione ISA è una società di intermediazione finanziaria, partecipata al 100% dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (Mipaaf),

Dettagli

RIORGANIZZAZIONE SOCIETARIA DI UNICREDIT BANCA MEDIOCREDITO S.P.A. E DELLE ATTIVITÀ DI SECURITIES SERVICES DEL GRUPPO UNICREDIT

RIORGANIZZAZIONE SOCIETARIA DI UNICREDIT BANCA MEDIOCREDITO S.P.A. E DELLE ATTIVITÀ DI SECURITIES SERVICES DEL GRUPPO UNICREDIT Comunicato stampa RIORGANIZZAZIONE SOCIETARIA DI UNICREDIT BANCA MEDIOCREDITO S.P.A. E DELLE ATTIVITÀ DI SECURITIES SERVICES DEL GRUPPO UNICREDIT APPROVAZIONE DEI DATI ECONOMICI E PATRIMONIALI DI UNICREDIT

Dettagli

Banca della Bergamasca CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DELLA BERGAMASCA CREDITO COOPERATIVO TASSO FISSO

Banca della Bergamasca CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DELLA BERGAMASCA CREDITO COOPERATIVO TASSO FISSO Banca della Bergamasca - Credito Cooperativo - in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DELLA BERGAMASCA CREDITO COOPERATIVO TASSO FISSO BANCA DELLA BERGAMASCA

Dettagli

COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014

COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014 COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014 LA SOSTITUZIONE DELLA SOCIETÀ GESTORE A partire dal 3 giugno

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 febbraio

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 febbraio 9458 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 febbraio 2015, n. 229 PO FESR 2007 2013. Asse I Linea di Intervento: 6.1 Azione 6.1.1 Avviso D.D. n. 590 del 26.11.2008, pubblicato sul BURP n. 191 del 10.12.2008.

Dettagli

Piano straordinario per l'occupazione.

Piano straordinario per l'occupazione. Piano straordinario per l'occupazione. Il lavoro, il futuro. MISURA IV.1 Più forti patrimonialmente Agevolazioni per il rafforzamento della struttura patrimoniale delle piccole e medie imprese mediante

Dettagli

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Il Comitato di Basilea Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi

Dettagli

Regolamento di contabilità

Regolamento di contabilità Regolamento di contabilità Approvato con atto del Consiglio di Amministrazione n. 25 del 14/09/2012 14/09/2012 Pag. 1 Articolo 1 Oggetto del Regolamento INDICE Articolo 2 Documenti obbligatori Articolo

Dettagli

III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2014

III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2014 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2014 1 Premessa Le disposizioni contenute nella Circolare della Banca d Italia n.216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007, Capitolo V - Vigilanza

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA DEL 55 AGGIORNAMENTO DELLA CIRCOLARE N. 154

NOTA ESPLICATIVA DEL 55 AGGIORNAMENTO DELLA CIRCOLARE N. 154 DIPARTIMENTO INFORMATICA Servizio Rilevazioni Statistiche NOTA ESPLICATIVA DEL 55 AGGIORNAMENTO DELLA CIRCOLARE N. 154 Con la presente nota si forniscono alcune indicazioni di dettaglio al fine di facilitare

Dettagli

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO Vigilanza bancaria e finanziaria REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO IN MATERIA DI APPROVAZIONE

Dettagli

Regolamento del fondo interno A.G. Italian Equity Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= fí~äá~å=bèìáíó=

Regolamento del fondo interno A.G. Italian Equity Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= fí~äá~å=bèìáíó= = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= fí~äá~å=bèìáíó= A) Obiettivi e descrizione del fondo Il fondo persegue l obiettivo di incrementare il suo valore nel lungo termine, attraverso l investimento in

Dettagli

Il bilancio delle banche e l analisi delle performance. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a.

Il bilancio delle banche e l analisi delle performance. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. Il bilancio delle banche e l analisi delle performance Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2010/2011 Premessa Il bilancio bancario presenta caratteristiche distintive

Dettagli

FINDOMESTIC GRUPPO TERZO PILASTRO BASILEA 2

FINDOMESTIC GRUPPO TERZO PILASTRO BASILEA 2 FINDOMESTIC GRUPPO TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31 DICEMBRE 2011 Indice Introduzione... 2 Tavola 3 - Composizione del patrimonio di vigilanza... 4 Tavola 4 - Adeguatezza patrimoniale...

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione,

Dettagli

BILANCIO DELL ESERCIZIO 2009 PROSPETTI DEL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2009

BILANCIO DELL ESERCIZIO 2009 PROSPETTI DEL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2009 BILANCIO DELL ESERCIZIO 2009 PROSPETTI DEL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2009 BANCA DI ROMAGNA SPA SEDE LEGALE IN FAENZA CORSO GARIBALDI 1. SOCIETÀ APPARTENENTE AL GRUPPO UNIBANCA SPA (ISCRITTO ALL'ALBO DEI

Dettagli

HYPO ALPE-ADRIA-BANK

HYPO ALPE-ADRIA-BANK HYPO ALPE-ADRIA-BANK INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo pilastro di Basilea 3 Al 31 dicembre 2014 (Circ. n. 285 del 17 dicembre 2013) 1 Informativa al pubblico Dal 1 gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova

Dettagli