UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI Federico II Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Chirurgia Generale, Geriatrica, Oncologica e Tecnologie Avanzate (Direttore: Prof. S. Massa) MASTER DI I LIVELLO IN TRATTAMENTO DELLE LESIONI CUTANEE E MEDICAZIONI AVANZATE Anno Accademico 2005/2006 Evoluzione del ruolo dell infermiere nel wound care RELATORE Prof. G. Romano STUDENTI Inf. re S. Bruni Inf.re L. Cantasano Inf.ra C. Fabbri Inf.ra F. Falciani Inf.re M. Rossi 1

2 Indice Premessa Pag. 3 Introduzione Pag. 7 Ambito giuridico del Professionista Pag. 14 Quale autonomia? Pag. 18 La nascita dell infermiere specialista Pag. 20 Inquadramento clinico del paziente con lesioni cutanee Pag. 27 Case Manager Pag. 31 Il Case manager e il team Strumenti di lavoro La qualità e il case manager La professionalità ed il ruolo del case manager esperto in wound care, in un centro dedicato al trattamento delle lesioni cutanee Conclusioni Pag. 34 Pag. 38 Pag. 40 Pag. 47 Pag. 56 Bibliografia Pag. 60 2

3 Premessa Il sociologo statunitense Henry Wilensky, analizzando in modo approfondito il processo di professionalizzazione, relativo ad una qualsiasi area di attività, afferma che esso è possibile solo grazie all acquisizione di competenze tecniche specifiche, che caratterizzano non solo la trasformazione da mestiere a professione, ma assicurano un patrimonio di conoscenze più complesso ed articolato, garantito da percorsi formativi di tipo universitario. 1 Negli ultimi anni, nell ambito della professione infermieristica è stata confermata tale via di sviluppo, attraverso svariate disposizioni e provvedimenti di legge, al fine di regolamentare l esercizio dell assistenza sanitaria, riconoscere una reale autonomia agli infermieri e pervenire, in tal modo, ad una effettiva definizione delle nuove responsabilità e dello specifico campo di attività. Il cammino innovativo lungo e complesso, inizia con il D.M. Sanità n. 739 del 14 settembre , che prevede la formazione universitaria per tutti gli operatori delle professioni sanitarie e definisce il Profilo dell'infermiere, al quale viene attribuita la responsabilità dell assistenza generale. Tale assistenza preventiva, curativa, palliativa e riabilitativa è di natura tecnica, relazionale ed educativa. (art. 2 del D.M. Sanità 739/1994) 3

4 A partire dal 2001 i Diplomi Universitari sono stati sostituiti dalle Lauree e sono stati attivati, anche se non da tutte le Università, percorsi di specializzazione post-base. La vera svolta avviene però con l approvazione delle due leggi di riforma, riguardanti l esercizio professionale: la legge n.42 del 26/02/1999 Disposizioni in materia di professioni sanitarie e la legge n. 251 del 10/08/2000 Discipline delle professioni sanitarie infermieristiche -della riabilitazione, della prevenzione e della professione ostetrica. In particolare l art. 1 della L. 42/1999 fa espresso riferimento al D.M. n. 739/1994 Profilo dell Infermiere, al Codice Deontologico 3, emanato dalla Federazione Nazionale dei Collegi IPASVI, che richiama norme e principi etici per le specifiche professioni, che nel concreto agire quotidiano rischiano di essere sottovalutati 4 e agli ordinamenti didattici dei Corsi di Laurea e di formazione post-base. L evoluzione della professione infermieristica è stata garantita dai corsi di Laurea che offrono la possibilità di acquisire un bagaglio culturale, scientifico e metodologico solido ed adeguato, proponendo interessanti percorsi di specializzazione (Laurea magistrale, Master e Perfezionamenti), l abrogazione del mansionario ha fatto tramontare il concetto di ausiliarità relativamente alla figure mediche, mentre sono state 1 Editoriale, Nursing Oggi n. 4/2002, Lauri Edizioni. 2 Profilo Professionale dell'infermiere- D.M. Sanità 739/ Codice Deontologico IP.AS.VI A. Da Re La morale cercata in mille codici; A. Massarenti A. Da Re L etica da applicare: una morale per prendere decisioni Milano Il Sole 24 ore Libri

5 definitivamente affermate l autonomia decisionale e la responsabilità professionale del processo assistenziale. Sulla base delle recenti evoluzioni normative si può quindi affermare che la professione infermieristica ha raggiunto traguardi importanti, che hanno meglio definito il professionista infermiere, ma, perché il passaggio dal vecchio al nuovo modello sia veramente completo ed efficace, la professione deve impegnarsi nel raggiungimento di un livello formativo più elevato e caratterizzante (specializzazione), garantire un aggiornamento continuo, oltre ad elaborare, a livello organizzativo, migliori forme di collaborazione con altri professionisti. Solo percorrendo questa via si riuscirà ad offrire una risposta efficace ed appropriata agli innumerevoli bisogni dei singoli cittadini e della collettività. Il lavoro di équipe accoglie e valorizza il contributo di ciascuna professionalità e giova anche al paziente, che percepisce la sua centralità nell intero processo malattia/salute. 1 Evandro Agazzi afferma che l interdisciplinarietà comporta la messa a confronto di ottiche diverse, lo sforzo di mutua integrazione fra queste, la consapevolezza della parzialità di ciascuna e, nello stesso tempo, della sua indispensabilità nella comprensione di un problema o di una realtà complessa. 1 Poiché tra le funzioni dell infermiere permangono la corretta applicazione delle prescrizioni diagnostiche e terapeutiche, stabilite dal medico, e la mission del nursing, nel percorso della 5

6 malattia e nella gestione globale delle sue conseguenze sulla qualità di vita della persona, una più attiva cooperazione tra le due professionalità avrebbe indubbiamente conseguenze positive. Lavorare in modo multidisciplinare, costruendo strumenti di lavoro (protocolli, procedure, linee guida) condivisi e sistematicamente aggiornati, nell ambito delle proprie unità operative, definendo collegialmente profili e percorsi clinici multidisciplinari, significa garantire una migliore qualità delle cure e concretizzare lo spirito delle leggi, che in questi ultimi anni hanno valorizzato e responsabilizzato il ruolo della professione infermieristica. In questo contesto la figura di infermieri, che abbiano acquisito competenze professionali definite avanzate, con percorsi formativi di perfezionamento o master clinici, trova sempre più una maggiore collocazione nella realtà ospedaliera, ma anche territoriale, in quanto riesce a rispondere in modo appropriato alle esigenze delle problematiche legate al wound care. 6

7 Introduzione Dedicare una continua attenzione alle ulcere cutanee può sembrare ai meno esperti superfluo, in quanto molto è stato studiato e da molti anni. 5 Ovviamente, la realtà è ben diversa: il problema è quanto mai attuale e di grande rilevanza sociale ed è ben conosciuto dagli infermieri, che operano sia in ambiente ospedaliero che in ambito domiciliare/ territoriale. Nelle società occidentali, ma anche oltre oceano, l andamento demografico ha determinato un innalzamento della vita media che, nel 1880 raggiungeva 35 anni per uomini e donne. 6 Oggi la situazione è mutata, le aspettative di vita media per le donne superano gli 80 anni, mentre per gli uomini raggiungono i 74 anni. 7 I bisogni sanitari della popolazione sono pertanto cresciuti, non solo per l invecchiamento, ma anche per l incremento di malattie cronico-degenerative spesso correlate ad altre situazioni di rischio (immobilità, inattività, malnutrizione, incontinenza fecale e/o urinaria, ipoestesie periferiche, disabilità e fragilità, problemi circolatori, patologie metaboliche, etc.). La disabilità, intesa come incapacità a compiere una o più azioni di vita quotidiana, tra i 65 e i 69 anni riguarda il 7% degli uomini ed 5 A. Bellingeri. Il ruolo dell infermiere nella prevenzione e trattamento delle lesioni cutanee. Acta Vulnologica Vol. 3 N Dicembre Ed. Minerva Medica. 6 A. Bellingeri. Le linee guida sul trattamento delle lesioni da pressione: Revisione delle L.G. Nazionali ed Internazionali. 25 Congresso Nazionale Associazione Nazionale Infermieri di Neurochirurgia (A.N.I.N.). Bellaria 14 e 15 ottobre Arco di Giano

8 il 17% delle donne, mentre fra anni raggiunge il 36% degli uomini ed il 48% delle donne. 6 La disabilità grave negli uomini e nelle donne di età più avanzate è rispettivamente del 12,5% è 17%. 8 La fragilità, frequentemente, coesiste con la disabilità, ma indica una situazione di rischio di perdita o di ulteriore perdita di funzione. 9 Studi epidemiologici evidenziano un alta prevalenza del fenomeno, 5 per cui è importante approntare una risposta assistenziale adeguata nei confronti delle persone anziane in modo particolare ma non solo, basata sull accuratezza diagnostica e terapeutica, ma anche su interventi mirati e diversificati, finalizzati a sostenere le capacità residue e a ridurre le complicanze. 10 Il problema delle ulcere croniche diventerà uno tra i problemi prioritari di salute per le popolazioni anziane, in quanto si stima che un adulto su 4 soffrirà di ulcere da pressione negli ultimi anni di vita come sostiene Peter Stevens. 11 Il problema è di carattere mondiale, ma interessa soprattutto l Unione Europea (U.E.), il Giappone e gli U.S.A., che hanno già una popolazione superiore al 20% di quella complessiva con un età superiore ai 65 anni. Lo studioso Kelman Cohen, Professore di chirurgia e Direttore del Wound Healing Center a Richmond, USA- afferma che Le ferite sono una delle maggiori cause di morte e di deformità al mondo e sono una tremenda fonte di spesa per i 8 Dati Ilsa-CNR, Rozzini et al. 1997; Ranieri et al. 1998; Rozzini et al. 1998; da abstract nota 6 10 Arco di Giano 1998; 8

9 Sistemi Sanitari e, sfortunatamente, per molti rappresentano un irrilevante problema, fino a quando un incidente o una tragedia familiare non richiama la loro attenzione sulla questione. 12 Pur essendo molto variegato il panorama delle lesioni ulcerative, una gran parte della ricerca scientifica è stata rivolta alle ulcere da pressione, che sono le più conosciute e rappresentano uno scomodo problema sociale, dai costi diretti e indiretti molto elevati. 6 Una degenza media per Ulcere da Pressione (UdP), in Italia, si aggira intorno ai 30 giorni, mentre nei Paesi dell U.E., dove si privilegia il servizio territoriale garantito da operatori formati e rimborsabilità delle cure, è limitata a giorni. 6 Lo Stato Italiano spende annualmente circa 900 milioni di euro, la Francia affronta una spesa di 221 milioni di euro, la Germania 433 milioni di euro, la Gran Bretagna 435 milioni di euro, negli USA vengono spesi milioni di dollari per la gestione di persone affette da ulcere. Nell ambito delle UdP, una ricerca effettuata dall A.I.S.Le.C. (Associazione Infermieristica per lo Studio delle Lesioni Cutanee) nel 1994, rispetto al decennio precedente, ha evidenziato un aumento di pazienti superiore al 50%. 13 Un successivo studio analogo nel 1996 ha comparato la presenza di UdP tra ospedali e territorio, 11 Peter Stevens da Advances in skin & wound care vol. 13 n.5; 12 Kelman Cohen da Advances in skin & wound care vol. 13 n.5; 13 Dati Associazione Infermieristica per lo Studio delle Lesioni Cutanee (A.I.S.Le.C.). 9

10 evidenziando il 18,3% di pazienti negli ospedali e il 32,19% nel territorio. 13 Anche una ricerca effettuata in USA, in questi ultimi dieci anni, presentata da NPUAP (National Pressure Ulcer Advisory Panel), conferma un aumento delle percentuali, relative ai pazienti con ulcere da pressione: dal 10% al 18% nei reparti per acuti, dal 2,3% al 28% nelle lunghe degenze e da 0% a 29% in ambito domiciliare. 14 Nell ultima ricerca del 2001, l AISLeC ha condotto uno studio nel quale ha confrontato diversi tipi di lesioni cutanee presenti in soggetti assistiti a livello territoriale nel quale i dati emersi sono i seguenti: i pazienti con UdP sono risultati essere il 34,26%; quelli con lesioni vascolari il 25,85%, mentre quelli con lesioni al piede il 9,9%, per un totale superiore al 60% degli assistiti. E stata poi effettuata un ulteriore comparazione tra i dati di questa ricerca e quelli emersi da studi simili effettuati in pazienti ricoverati in ospedale, da cui si ricava una visione piuttosto preoccupante: le lesioni lievi (1 e 2 stadio) raggiungono il 50%, mentre vi è un aumento del 50% per il 3 stadio e del 100% per il 4 stadio nell assistenza domiciliare, rispetto all area clinica. Gli utenti affetti da UdP vanno da a oltre e nel prossimo ventennio, secondo i dati forniti dall ISTAT e dal CNR, si prevede il raddoppio degli anziani negli ospedali italiani. 5 Dati epidemiologici più recenti, riguardanti aziende sanitarie, presidi ospedalieri, distretti e R.S.A./S.P.D.C., sono emersi 14 Dati National Pressure Ulcer Advisory Panel (N.P.U.A.P.). 15 Dati Associazione Infermieristica per lo Studio delle Lesioni Cutanee (A.I.S.Le.C.), 1996; A. Bellingeri, P. Bonadeo et al., I quaderni di Helios,

11 successivamente all indagine di prevalenza effettuata dall Agenzia Regionale Sanità Toscana (A.R.S. Toscana), nel maggio 2006, condotta su tutto il territorio della stessa regione. Dall analisi dei dati rilevati è emerso che: 35% pazienti affetti da ulcere di etiologia diversa, comprese quelle da pressione; 20% pazienti affetti da UdP in tutta la Regione Toscana; più precisamente: 9,5% pazienti affetti da UdP, nelle realtà ospedaliere; 30,4% pazienti affetti da UdP, nelle realtà territoriali. Certamente tali dati non sono affatto confortanti, per cui si ritiene indispensabile intervenire, in tempi brevi, perché tale fenomeno sia controllato, affrontato e pianificato correttamente, evitando un ulteriore peggioramento. Di conseguenza, se le Organizzazioni Sanitarie non provvederanno ad attivare gli interventi più idonei, il fenomeno assumerà maggiore rilevanza e quindi risulterà incontrollabile. Finora l approccio alla prevenzione e alla cura delle lesioni si è rivelato disomogeneo, debole e non risolutivo. Nel 1986 l HCFA (Health Care Finance Administration), negli USA, aveva definito le lesioni come uno degli indicatori di qualità, da prendere in considerazione. Dal 1984 Il Ministero francese ha incluso, tra i protocolli infermieristici, indicazioni sulla prevenzione e cura delle lesioni, mentre la Gran Bretagna dal 1994 ha compreso, tra gli indicatori sanitari, le lesioni. In Italia, invece, i primi atti che lasciano 11

12 presupporre una certa sensibilità al problema, sono pubblicati sulla G.U. del 18/10/1997, ad integrazione delle precedenti disposizioni del D.L. 502 del 1992, in cui si fa menzione dei soggetti colpiti da piaghe da decubito, durante l ospedalizzazione, e del numero dei posti letto, attrezzati con dispositivi per la prevenzione. L AHCPR (Agency for Health Care Policy and Reserarch - oggi AHRQ) Ente Statunitense, nato nel 1989, per migliorare la qualità, l appropriatezza e l efficacia dei servizi, ha come obiettivo la sintesi delle conoscenze scientifiche con la definizione di LG (Linee Guida) sulla prevenzione e sul trattamento delle lesioni, che delimitano il campo di attività, entro il quale si può operare con una certa sicurezza. Nonostante il PSN (Piano Sanitario Nazionale) preveda tra gli obiettivi generali la Prevenzione e la Promozione della salute, a livello Regionale per controllare il problema delle lesioni croniche, si prospetta un iter lungo e complesso. L approccio più corretto, per evitare che esploda la bomba sanitaria, passa attraverso la creazione di centri dedicati, che rispondano a precise modalità organizzative, che seguano LG e scelte terapeutiche condivise. Finora il Piemonte, la Toscana, il Friuli e le Marche hanno già attivato tali centri, ed anche la Lombardia sta percorrendo la stessa strada. Nel 2003 la Commissione istituita per la stesura delle LG ha proposto, alla Giunta Regionale della Lombardia, la strutturazione di DRG vulnologici, predisposti dall AISLeC, con i quali è possibile gestire servizi vulnologici con una copertura finanziaria sufficiente. 12

13 L AISLeC ha offerto un valido contributo, traducendo quanto è stato prodotto dall AHRQ statunitense, da cui hanno preso spunto molte LG Nazionali e Regionali. Le LG statunitensi, elaborate nel 1992 e nel 1994, hanno messo a fuoco alcuni processi gestionali, oltre che clinici, favorendo una omogeneizzazione dell assistenza e un controllo del processo, con un miglioramento generale della qualità assistenziale. 13

14 Ambito giuridico del Professionista Fino a non molti anni fa, il sistema tradizionale di abilitazione all'esercizio professionale era stabilito dal cosiddetto mansionario, che era recepito dal D.P.R. n. 225 del 14 marzo 1974, che conteneva esattamente un insieme di funzioni e mansioni di carattere rigido ed esaustivo. Da esso conseguiva che, tutto ciò che non era specificamente compreso, doveva essere considerato di competenza medica. Il profilo professionale recepito con il D.M. n. 739 del 14 settembre 1994, pur avendo innovato i criteri per l'esercizio professionale, indicando una cornice ampia, di competenza infermieristica, conservava un rapporto di convivenza non facile con il sopracitato mansionario. Le innovazioni apportate con la L. n. 42 del 26 febbraio 1999, recante disposizioni in materia di professioni sanitarie, risultano rilevanti ed epocali, in quanto, per la prima volta, si delinea un esercizio professionale senza mansionario. Data l'importanza del cambiamento, è opportuno riportare la parte dell'art. 1, che ne sancisce l'abrogazione: Dalla data di entrata in vigore della presente legge sono abrogati il regolamento approvato con D.P.R. n. 225 del 14 marzo 1974 omissis... Il campo proprio di attività e di responsabilità delle professioni sanitarie, di cui all'art. 6, comma 3, del D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni e integrazioni, 14

15 è determinato dai contenuti dei decreti ministeriali istitutivi dei relativi profili professionali e degli ordinamenti didattici dei rispettivi corsi di diploma universitario e di formazione post-base, nonché degli specifici codici deontologici, fatte salve le competenze previste per le professioni mediche e per le altre professioni del ruolo sanitario, per l'accesso alle quali è richiesto il possesso del diploma di laurea, nel rispetto reciproco delle specifiche competenze professionali. Dall articolo emergono distintamente tre criteri-guida e due limiti. I criteri-guida si riferiscono a: contenuti dei profili professionali formazione di base e post-base di tipo universitario codice deontologico 17. Non è semplice individuare il "campo proprio di attività e di responsabilità" attraverso i criteri-guida, in quanto si registra un evidente lacuna, derivante dalla mancata attivazione dei corsi di specializzazione. Non vi sono certamente dubbi sul fatto che un infermiere, specializzato in area critica, possa vantare e dimostrare maggiori competenze e di conseguenza vedersi attribuita un'autonomia professionale più ampia, rispetto ad un infermiere non specializzato. Un altro problema che potrebbe sorgere, a livello interpretativo, si individua nella non esaustività del profilo professionale, che 17 Benci L,, Professioni sanitarie non più ausiliarie, Rivista di Diritto delle Professioni Sanitarie, n. 1,

16 volutamente non ricomprende la ricchezza delle situazioni operative e cognitive, in cui si trovano ad operare gli infermieri. Oltre ai tre criteri-guida, la legge pone due limiti relativi alle competenze previste per i medici e per gli altri professionisti sanitari laureati. Il limite dell'atto medico si connota per la sua difficile individuazione, per motivi che potremmo definire storici, in quanto nel nostro ordinamento, da sempre, vi è una sorta di equivalenza tra l'atto sanitario e quello medico. Equivalenza che ha trovato recentemente anche l'avallo della giurisprudenza della Suprema Corte di Cassazione, che ha avuto modo di precisare che "solo una fonte normativa può consentire a soggetti diversi da quelli esercitanti la professione di medico interventi invasivi sulla sfera corporale, sulla base di un ragionevole riconoscimento di competenze tecniche e professionali 18. A fronte di una situazione di equivalenza, venuta meno, tra atto sanitario e atto medico, risulta non facile il lavoro per l'individuazione degli atti di non esclusiva competenza medica, e vi può essere a riguardo un certo rischio di ondeggiante giurisprudenza sul punto. Appare chiaro che il nostro ordinamento è passato da una situazione di evidente rigidità interpretativa, caratterizzata dall'esistenza stessa di mansionari, a una situazione 18 Sentenza della Corte di Cassazione, sez. VI, 21 febbraio La sentenza si riferiva a un caso di esercizio abusivo di professione, contestato a un biologo che effettuava prelievi ematici. La Corte ha stabilito che "nessuna fonte normativa, primaria o regolamentare, abilita i biologi a effettuare prelievi di sangue finalizzati all'analisi", non riconoscendo quindi tale attribuzione come lecita ai biologi. 16

17 di maggiore flessibilità, con una interpretazione dei ruoli e delle funzioni di ciascuna figura in modo non precostituito, ma destinato a letture di carattere storico-evolutivo, con particolare riguardo alla evoluzione delle conoscenze necessarie, per compiere determinati atti. È anche vero che i tradizionali e peculiari atti della professione medica sono da sempre, nella pubblicistica, nella trattatistica e nella giurisprudenza, individuati nell'ambito della diagnosi e della cura 19. Limiti manifestamente insopprimibili dell attività medica, ma non sempre esclusivi. 17

18 Quale autonomia? I riferimenti, anche normativi, in questi anni non sono mancati, tanto da poter azzardare l affermazione che le norme, contenute nella L. n. 42 del 26 febbraio 1999, costringono a un ripensamento e a un ridisegnamento delle competenze delle professioni sanitarie non mediche, in relazione alla professione medica, visto anche il disposto finale della legge, la quale precisa che l'esercizio professionale deve avvenire "nel rispetto reciproco delle specifiche competenze professionali". Il percorso professionalizzante compiuto, comune alle professioni non mediche, che ha visto tutti i passaggi essenziali - formazione universitaria, pubblicazione del profilo professionale, abolizione degli eventuali mansionari - soppressione del carattere di ausiliarietà, orienta l esercizio dell attività sanitaria verso due livelli: uno autonomo e uno collaborante. Nella professione infermieristica, il livello autonomo si ricava in primo luogo dal disposto contenuto nel primo articolo del D.M. n. 739 del 14 settembre 1994, nella parte in cui si precisa che l'infermiere "è responsabile dell'assistenza generale infermieristica". L' attività collaborante viene invece sottolineata dal terzo comma, punto a) dello stesso articolo, laddove è evidenziata la funzione 19 Norelli G.A., Mazzeo E., L'obbligo di bene operare e il dovere di prestare assistenza, in Trattato di medicina legale e scienze affini, vol. I, p. 596, Cedam, Padova,

19 integrante medico-infermiere, quando si specifica che l'infermiere "partecipa alla identificazione dei bisogni di salute della persona e della collettività. Ovviamente nel concetto stesso di partecipazione è implicita un'attività non autonoma, ma svolta in collaborazione ed in équipe. Inoltre il punto d) stabilisce che l'infermiere "garantisce la corretta applicazione delle prescrizioni diagnostico-terapeutiche", poste in essere dal medico. Ancora, il punto e) ha modo di precisare, puntualmente, che l'infermiere "agisce sia individualmente, sia in collaborazione con gli altri operatori sanitari e sociali". Insomma, la legge in tema di disposizione delle professioni sanitarie, lancia una nuova sfida e apre un epoca caratterizzata da profonde trasformazioni, sancendo la fine del monopolio della figura medica, quanto meno come unica figura riconosciuta come professionista a livello normativo. 19

20 La nascita dell infermiere specialista La recente legge n. 43 del 1 febbraio 2006, riguardante le "Disposizioni in materia di professioni sanitarie infermieristiche, ostetrica, riabilitative, tecnico-sanitarie e della prevenzione e delega al Governo per l'istituzione dei relativi ordini professionali" ha apportato, tra le altre innovazioni, l'istituzione della figura dell'infermiere specialista. Riportiamo la prima parte dell'art. 6 denominato "Istituzione della funzione di coordinamento". Art. 6 - Istituzione della funzione di coordinamento 1. In conformità all'ordinamento degli studi dei corsi universitari, disciplinato ai sensi dell'art. 17, comma 95, della legge n.127 del 15 maggio 1997, e successive modificazioni, il personale laureato appartenente alle professioni sanitarie di cui all'art. 1, comma 1, della presente legge, è articolato come segue: a) professionisti in possesso del diploma di laurea o del titolo universitario conseguito anteriormente all'attivazione dei corsi di laurea o di diploma ad esso equipollente ai sensi dell'art. 4 della legge n. 42 del 26 febbraio 1999; b) professionisti coordinatori in possesso del master di I livello in management o per le funzioni di coordinamento, rilasciato dall'università ai sensi dell'art. 3, comma 8, del regolamento di cui al decreto del Ministro dell'università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica 3 novembre 1999, n. 509, e dell'art. 3, comma 9, del 20

21 regolamento di cui al decreto del Ministro dell'istruzione, dell'università e della Ricerca n. 270 del 22 ottobre 2004; c) professionisti specialisti in possesso del master di I livello per le funzioni specialistiche rilasciato dall'università ai sensi dell'art. 3, comma 8, del regola-mento di cui al D.M. n. 509 del 3 novembre 1999, del Ministro dell'università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica, e dell'art. 3, comma 9, del regolamento di cui al D.M. n. 270 del 22 ottobre 2004, del Ministro dell'istruzione, dell'università e della Ricerca; d) professionisti dirigenti in possesso della laurea specialistica di cui al D.M. 2 aprile 2001 del Ministro dell'università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica, pubblicato nel supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 128 del 5 giugno 2001, e che abbiano esercitato l'attività professionale con rapporto di lavoro dipendente per almeno cinque anni, oppure ai quali siano stati conferiti incarichi dirigenziali ai sensi dell'art. 7 della legge n. 251 del 10 agosto 2000, e successive modificazioni. Quindi in questa previsione legislativa, al momento ancora non recepita contrattualmente, vi sarebbe, all'interno del contratto collettivo nazionale di lavoro della sanità pubblica, la suddivisione del personale infermieristico (e di tutte le altre professioni sanitarie) in quattro categorie: a) l'infermiere; b) l'infermiere coordinatore; c) l'infermiere specialista; 21

22 d) l'infermiere dirigente. Non vi è dubbio che l'innovazione maggiore, apportata dalla legge 43/2006, sia proprio quella riguardante l'infermiere specialista. A differenza del mondo medico, l'essere specialista è subordinato al conseguimento di un Master e non di una vera e propria specializzazione, quanto meno per come è intesa nel mondo medico. Rimane comunque da chiarire concretamente se esista e possa essere individuato un "campo di attività e di responsabilità tipico ed esclusivo" aggiuntivo e distinto rispetto a quello dell'infermiere generalista. L'ipotesi, pur suggestiva, non sembra per ora avere solide basi come si riscontra nell ambito medico. La giurisprudenza amministrativa, che ha avuto modo di pronunciarsi in epoca di normativa previgente - ma già all'indomani dell'approvazione del profilo professionale del , ha stabilito che l'infermiere deve considerare "fungibile" il suo ruolo in tutte le aree, in quanto la sua formazione risulta comunque inclusiva delle relative conoscenze. 20 Il pronunciamento della giustizia amministrativa si fonda in realtà su una norma di diritto positivo, ancorché di natura regolamentare, che fa riferimento al profilo professionale, ex D.M. 739/1994. Tale profilo, infatti, dopo avere precisato che la formazione post-base "per la pratica specialistica è volta a fornire agli infermieri di assistenza generale delle conoscenze cliniche avanzate e delle capacità, che permettano loro di fornire specifiche prestazioni 22

23 infermieristiche" e avere individuato cinque specifiche aree - la sanità pubblica, la pediatria, la salute mentale, la geriatria e l'area critica, precisando che esse possono essere ampliate, con decreto del Ministero della Sanità (oggi della Salute), riporta che "il percorso formativo viene definito con decreto del Ministero della Sanità e si conclude con il rilascio di un attestato di formazione specialistica, che costituisce titolo preferenziale per l'esercizio delle funzioni specifiche nelle diverse aree, dopo il superamento di apposite prove valutative. La natura preferenziale del titolo è strettamente legata alla sussistenza di obiettive necessità del servizio e recede in presenza di mutate condizioni di fatto". Quindi l'attestato di "formazione specialistica", che nella normativa universitaria è diventato Master, costituisce mero "titolo preferenziale", per l'esercizio delle funzioni nelle diverse aree, pronto a recedere in presenza di "mutate condizioni di fatto". Vi è da precisare che l'infermiere specialista è da considerarsi colui che ha conseguito un master di I livello e non soltanto nelle aree che erano state individuate dal profilo professionale, il quale aveva anche delineato il percorso per individuare altre aree specialistiche, oltre alle cinque già predeterminate e di cui abbiamo già parlato. Il D.M. 739/1994 all'art. 1 punto 5) aveva infatti previsto che "in relazione a motivate esigenze emergenti dal Servizio Sanitario Nazionale, potranno essere individuate, con decreto del Ministero della Sanità, ulteriori aree richiedenti una 20 Sentenza del TAR Puglia, Bari, II sez., 10 aprile 1995, n. 252, Ragiusan, , 199,

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE Numero pagine: 1 di 8 PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN Rev. Data Redatto Verificato Approvato 1 2013 GIT DP Gruppo Infermieristico Numero pagine: 2 di 8 1.COMPOSIZIONE DEL GRUPPO E METODOLOGIA DI LAVORO Le sottoscritte

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Indice Premessa 2 Capitolo I: introduzione 1. Il contesto normativo: la legge 328/2000 3 2. La ricognizione 6 Sintesi dei principali risultati Capitolo II:

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati?

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Patrizia Carletti, Osservatorio sulle Diseguaglianze nella Salute / ARS Marche Giovanna Valentina De Giacomi, Ares 118 Lazio Norma Barbini,

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE La sottoscritta Nannini Emanuela nata ad Arezzo il 20.08.1965, consapevole della decadenza dai benefici di cui all art. 75 del DPR 445/2000 e dalle norme penali

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

Torino, 03 Gennaio 1963 Cod. Fisc. DLPLRA63A43L219E

Torino, 03 Gennaio 1963 Cod. Fisc. DLPLRA63A43L219E Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DELPIANO Laura Indirizzo Via Torino n. 112 int. 2 10036 SETTIMO TORINESE Telefono 011.898.26.34 Mobile: 333.10.60.176 Fax 011.898.26.34 E-mail laura.delpiano@cespi-centrostudi.it

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA Regione Siciliana Azienda Ospedaliera 17 3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA 3.3 18 Le attività da svolgere per soddisfare i requisiti relativi alla politica, obiettivi ed attività consistono nella definizione:

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Ministero, della Salute

Ministero, della Salute Ministero, della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III MORTE O GRAVE DANNO CONSEGUENTI

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 27/07/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO II Fascia AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI DESTINATARI: INFERMIERE, INFERMIERE PEDIATRICO INIZIO: 01/01/2012 FINE: 31/12/2012 COSTO: 84,70 (IVA INCLUSA) OBIETTIVI

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE Premessa Obiettivo delle presenti linee-guida è fornire indirizzi per la organizzazione della rete dei servizi di riabilitazione

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E 1 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TELATTIN PIERLUIGI Indirizzo V.le Stadio 24/a 23100- SONDRIO (Italy) Telefono 0039/0342/201666; 0039/338/6421337

Dettagli

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato F.I.M.P. Federazione Italiana Medici Pediatri Regione Veneto Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato Il Codice

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO Atti 184/10 all. 45/8 Riapertura termini riferimento 122 INGECLI AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

Dettagli