UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI Federico II Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Chirurgia Generale, Geriatrica, Oncologica e Tecnologie Avanzate (Direttore: Prof. S. Massa) MASTER DI I LIVELLO IN TRATTAMENTO DELLE LESIONI CUTANEE E MEDICAZIONI AVANZATE Anno Accademico 2005/2006 Evoluzione del ruolo dell infermiere nel wound care RELATORE Prof. G. Romano STUDENTI Inf. re S. Bruni Inf.re L. Cantasano Inf.ra C. Fabbri Inf.ra F. Falciani Inf.re M. Rossi 1

2 Indice Premessa Pag. 3 Introduzione Pag. 7 Ambito giuridico del Professionista Pag. 14 Quale autonomia? Pag. 18 La nascita dell infermiere specialista Pag. 20 Inquadramento clinico del paziente con lesioni cutanee Pag. 27 Case Manager Pag. 31 Il Case manager e il team Strumenti di lavoro La qualità e il case manager La professionalità ed il ruolo del case manager esperto in wound care, in un centro dedicato al trattamento delle lesioni cutanee Conclusioni Pag. 34 Pag. 38 Pag. 40 Pag. 47 Pag. 56 Bibliografia Pag. 60 2

3 Premessa Il sociologo statunitense Henry Wilensky, analizzando in modo approfondito il processo di professionalizzazione, relativo ad una qualsiasi area di attività, afferma che esso è possibile solo grazie all acquisizione di competenze tecniche specifiche, che caratterizzano non solo la trasformazione da mestiere a professione, ma assicurano un patrimonio di conoscenze più complesso ed articolato, garantito da percorsi formativi di tipo universitario. 1 Negli ultimi anni, nell ambito della professione infermieristica è stata confermata tale via di sviluppo, attraverso svariate disposizioni e provvedimenti di legge, al fine di regolamentare l esercizio dell assistenza sanitaria, riconoscere una reale autonomia agli infermieri e pervenire, in tal modo, ad una effettiva definizione delle nuove responsabilità e dello specifico campo di attività. Il cammino innovativo lungo e complesso, inizia con il D.M. Sanità n. 739 del 14 settembre , che prevede la formazione universitaria per tutti gli operatori delle professioni sanitarie e definisce il Profilo dell'infermiere, al quale viene attribuita la responsabilità dell assistenza generale. Tale assistenza preventiva, curativa, palliativa e riabilitativa è di natura tecnica, relazionale ed educativa. (art. 2 del D.M. Sanità 739/1994) 3

4 A partire dal 2001 i Diplomi Universitari sono stati sostituiti dalle Lauree e sono stati attivati, anche se non da tutte le Università, percorsi di specializzazione post-base. La vera svolta avviene però con l approvazione delle due leggi di riforma, riguardanti l esercizio professionale: la legge n.42 del 26/02/1999 Disposizioni in materia di professioni sanitarie e la legge n. 251 del 10/08/2000 Discipline delle professioni sanitarie infermieristiche -della riabilitazione, della prevenzione e della professione ostetrica. In particolare l art. 1 della L. 42/1999 fa espresso riferimento al D.M. n. 739/1994 Profilo dell Infermiere, al Codice Deontologico 3, emanato dalla Federazione Nazionale dei Collegi IPASVI, che richiama norme e principi etici per le specifiche professioni, che nel concreto agire quotidiano rischiano di essere sottovalutati 4 e agli ordinamenti didattici dei Corsi di Laurea e di formazione post-base. L evoluzione della professione infermieristica è stata garantita dai corsi di Laurea che offrono la possibilità di acquisire un bagaglio culturale, scientifico e metodologico solido ed adeguato, proponendo interessanti percorsi di specializzazione (Laurea magistrale, Master e Perfezionamenti), l abrogazione del mansionario ha fatto tramontare il concetto di ausiliarità relativamente alla figure mediche, mentre sono state 1 Editoriale, Nursing Oggi n. 4/2002, Lauri Edizioni. 2 Profilo Professionale dell'infermiere- D.M. Sanità 739/ Codice Deontologico IP.AS.VI A. Da Re La morale cercata in mille codici; A. Massarenti A. Da Re L etica da applicare: una morale per prendere decisioni Milano Il Sole 24 ore Libri

5 definitivamente affermate l autonomia decisionale e la responsabilità professionale del processo assistenziale. Sulla base delle recenti evoluzioni normative si può quindi affermare che la professione infermieristica ha raggiunto traguardi importanti, che hanno meglio definito il professionista infermiere, ma, perché il passaggio dal vecchio al nuovo modello sia veramente completo ed efficace, la professione deve impegnarsi nel raggiungimento di un livello formativo più elevato e caratterizzante (specializzazione), garantire un aggiornamento continuo, oltre ad elaborare, a livello organizzativo, migliori forme di collaborazione con altri professionisti. Solo percorrendo questa via si riuscirà ad offrire una risposta efficace ed appropriata agli innumerevoli bisogni dei singoli cittadini e della collettività. Il lavoro di équipe accoglie e valorizza il contributo di ciascuna professionalità e giova anche al paziente, che percepisce la sua centralità nell intero processo malattia/salute. 1 Evandro Agazzi afferma che l interdisciplinarietà comporta la messa a confronto di ottiche diverse, lo sforzo di mutua integrazione fra queste, la consapevolezza della parzialità di ciascuna e, nello stesso tempo, della sua indispensabilità nella comprensione di un problema o di una realtà complessa. 1 Poiché tra le funzioni dell infermiere permangono la corretta applicazione delle prescrizioni diagnostiche e terapeutiche, stabilite dal medico, e la mission del nursing, nel percorso della 5

6 malattia e nella gestione globale delle sue conseguenze sulla qualità di vita della persona, una più attiva cooperazione tra le due professionalità avrebbe indubbiamente conseguenze positive. Lavorare in modo multidisciplinare, costruendo strumenti di lavoro (protocolli, procedure, linee guida) condivisi e sistematicamente aggiornati, nell ambito delle proprie unità operative, definendo collegialmente profili e percorsi clinici multidisciplinari, significa garantire una migliore qualità delle cure e concretizzare lo spirito delle leggi, che in questi ultimi anni hanno valorizzato e responsabilizzato il ruolo della professione infermieristica. In questo contesto la figura di infermieri, che abbiano acquisito competenze professionali definite avanzate, con percorsi formativi di perfezionamento o master clinici, trova sempre più una maggiore collocazione nella realtà ospedaliera, ma anche territoriale, in quanto riesce a rispondere in modo appropriato alle esigenze delle problematiche legate al wound care. 6

7 Introduzione Dedicare una continua attenzione alle ulcere cutanee può sembrare ai meno esperti superfluo, in quanto molto è stato studiato e da molti anni. 5 Ovviamente, la realtà è ben diversa: il problema è quanto mai attuale e di grande rilevanza sociale ed è ben conosciuto dagli infermieri, che operano sia in ambiente ospedaliero che in ambito domiciliare/ territoriale. Nelle società occidentali, ma anche oltre oceano, l andamento demografico ha determinato un innalzamento della vita media che, nel 1880 raggiungeva 35 anni per uomini e donne. 6 Oggi la situazione è mutata, le aspettative di vita media per le donne superano gli 80 anni, mentre per gli uomini raggiungono i 74 anni. 7 I bisogni sanitari della popolazione sono pertanto cresciuti, non solo per l invecchiamento, ma anche per l incremento di malattie cronico-degenerative spesso correlate ad altre situazioni di rischio (immobilità, inattività, malnutrizione, incontinenza fecale e/o urinaria, ipoestesie periferiche, disabilità e fragilità, problemi circolatori, patologie metaboliche, etc.). La disabilità, intesa come incapacità a compiere una o più azioni di vita quotidiana, tra i 65 e i 69 anni riguarda il 7% degli uomini ed 5 A. Bellingeri. Il ruolo dell infermiere nella prevenzione e trattamento delle lesioni cutanee. Acta Vulnologica Vol. 3 N Dicembre Ed. Minerva Medica. 6 A. Bellingeri. Le linee guida sul trattamento delle lesioni da pressione: Revisione delle L.G. Nazionali ed Internazionali. 25 Congresso Nazionale Associazione Nazionale Infermieri di Neurochirurgia (A.N.I.N.). Bellaria 14 e 15 ottobre Arco di Giano

8 il 17% delle donne, mentre fra anni raggiunge il 36% degli uomini ed il 48% delle donne. 6 La disabilità grave negli uomini e nelle donne di età più avanzate è rispettivamente del 12,5% è 17%. 8 La fragilità, frequentemente, coesiste con la disabilità, ma indica una situazione di rischio di perdita o di ulteriore perdita di funzione. 9 Studi epidemiologici evidenziano un alta prevalenza del fenomeno, 5 per cui è importante approntare una risposta assistenziale adeguata nei confronti delle persone anziane in modo particolare ma non solo, basata sull accuratezza diagnostica e terapeutica, ma anche su interventi mirati e diversificati, finalizzati a sostenere le capacità residue e a ridurre le complicanze. 10 Il problema delle ulcere croniche diventerà uno tra i problemi prioritari di salute per le popolazioni anziane, in quanto si stima che un adulto su 4 soffrirà di ulcere da pressione negli ultimi anni di vita come sostiene Peter Stevens. 11 Il problema è di carattere mondiale, ma interessa soprattutto l Unione Europea (U.E.), il Giappone e gli U.S.A., che hanno già una popolazione superiore al 20% di quella complessiva con un età superiore ai 65 anni. Lo studioso Kelman Cohen, Professore di chirurgia e Direttore del Wound Healing Center a Richmond, USA- afferma che Le ferite sono una delle maggiori cause di morte e di deformità al mondo e sono una tremenda fonte di spesa per i 8 Dati Ilsa-CNR, Rozzini et al. 1997; Ranieri et al. 1998; Rozzini et al. 1998; da abstract nota 6 10 Arco di Giano 1998; 8

9 Sistemi Sanitari e, sfortunatamente, per molti rappresentano un irrilevante problema, fino a quando un incidente o una tragedia familiare non richiama la loro attenzione sulla questione. 12 Pur essendo molto variegato il panorama delle lesioni ulcerative, una gran parte della ricerca scientifica è stata rivolta alle ulcere da pressione, che sono le più conosciute e rappresentano uno scomodo problema sociale, dai costi diretti e indiretti molto elevati. 6 Una degenza media per Ulcere da Pressione (UdP), in Italia, si aggira intorno ai 30 giorni, mentre nei Paesi dell U.E., dove si privilegia il servizio territoriale garantito da operatori formati e rimborsabilità delle cure, è limitata a giorni. 6 Lo Stato Italiano spende annualmente circa 900 milioni di euro, la Francia affronta una spesa di 221 milioni di euro, la Germania 433 milioni di euro, la Gran Bretagna 435 milioni di euro, negli USA vengono spesi milioni di dollari per la gestione di persone affette da ulcere. Nell ambito delle UdP, una ricerca effettuata dall A.I.S.Le.C. (Associazione Infermieristica per lo Studio delle Lesioni Cutanee) nel 1994, rispetto al decennio precedente, ha evidenziato un aumento di pazienti superiore al 50%. 13 Un successivo studio analogo nel 1996 ha comparato la presenza di UdP tra ospedali e territorio, 11 Peter Stevens da Advances in skin & wound care vol. 13 n.5; 12 Kelman Cohen da Advances in skin & wound care vol. 13 n.5; 13 Dati Associazione Infermieristica per lo Studio delle Lesioni Cutanee (A.I.S.Le.C.). 9

10 evidenziando il 18,3% di pazienti negli ospedali e il 32,19% nel territorio. 13 Anche una ricerca effettuata in USA, in questi ultimi dieci anni, presentata da NPUAP (National Pressure Ulcer Advisory Panel), conferma un aumento delle percentuali, relative ai pazienti con ulcere da pressione: dal 10% al 18% nei reparti per acuti, dal 2,3% al 28% nelle lunghe degenze e da 0% a 29% in ambito domiciliare. 14 Nell ultima ricerca del 2001, l AISLeC ha condotto uno studio nel quale ha confrontato diversi tipi di lesioni cutanee presenti in soggetti assistiti a livello territoriale nel quale i dati emersi sono i seguenti: i pazienti con UdP sono risultati essere il 34,26%; quelli con lesioni vascolari il 25,85%, mentre quelli con lesioni al piede il 9,9%, per un totale superiore al 60% degli assistiti. E stata poi effettuata un ulteriore comparazione tra i dati di questa ricerca e quelli emersi da studi simili effettuati in pazienti ricoverati in ospedale, da cui si ricava una visione piuttosto preoccupante: le lesioni lievi (1 e 2 stadio) raggiungono il 50%, mentre vi è un aumento del 50% per il 3 stadio e del 100% per il 4 stadio nell assistenza domiciliare, rispetto all area clinica. Gli utenti affetti da UdP vanno da a oltre e nel prossimo ventennio, secondo i dati forniti dall ISTAT e dal CNR, si prevede il raddoppio degli anziani negli ospedali italiani. 5 Dati epidemiologici più recenti, riguardanti aziende sanitarie, presidi ospedalieri, distretti e R.S.A./S.P.D.C., sono emersi 14 Dati National Pressure Ulcer Advisory Panel (N.P.U.A.P.). 15 Dati Associazione Infermieristica per lo Studio delle Lesioni Cutanee (A.I.S.Le.C.), 1996; A. Bellingeri, P. Bonadeo et al., I quaderni di Helios,

11 successivamente all indagine di prevalenza effettuata dall Agenzia Regionale Sanità Toscana (A.R.S. Toscana), nel maggio 2006, condotta su tutto il territorio della stessa regione. Dall analisi dei dati rilevati è emerso che: 35% pazienti affetti da ulcere di etiologia diversa, comprese quelle da pressione; 20% pazienti affetti da UdP in tutta la Regione Toscana; più precisamente: 9,5% pazienti affetti da UdP, nelle realtà ospedaliere; 30,4% pazienti affetti da UdP, nelle realtà territoriali. Certamente tali dati non sono affatto confortanti, per cui si ritiene indispensabile intervenire, in tempi brevi, perché tale fenomeno sia controllato, affrontato e pianificato correttamente, evitando un ulteriore peggioramento. Di conseguenza, se le Organizzazioni Sanitarie non provvederanno ad attivare gli interventi più idonei, il fenomeno assumerà maggiore rilevanza e quindi risulterà incontrollabile. Finora l approccio alla prevenzione e alla cura delle lesioni si è rivelato disomogeneo, debole e non risolutivo. Nel 1986 l HCFA (Health Care Finance Administration), negli USA, aveva definito le lesioni come uno degli indicatori di qualità, da prendere in considerazione. Dal 1984 Il Ministero francese ha incluso, tra i protocolli infermieristici, indicazioni sulla prevenzione e cura delle lesioni, mentre la Gran Bretagna dal 1994 ha compreso, tra gli indicatori sanitari, le lesioni. In Italia, invece, i primi atti che lasciano 11

12 presupporre una certa sensibilità al problema, sono pubblicati sulla G.U. del 18/10/1997, ad integrazione delle precedenti disposizioni del D.L. 502 del 1992, in cui si fa menzione dei soggetti colpiti da piaghe da decubito, durante l ospedalizzazione, e del numero dei posti letto, attrezzati con dispositivi per la prevenzione. L AHCPR (Agency for Health Care Policy and Reserarch - oggi AHRQ) Ente Statunitense, nato nel 1989, per migliorare la qualità, l appropriatezza e l efficacia dei servizi, ha come obiettivo la sintesi delle conoscenze scientifiche con la definizione di LG (Linee Guida) sulla prevenzione e sul trattamento delle lesioni, che delimitano il campo di attività, entro il quale si può operare con una certa sicurezza. Nonostante il PSN (Piano Sanitario Nazionale) preveda tra gli obiettivi generali la Prevenzione e la Promozione della salute, a livello Regionale per controllare il problema delle lesioni croniche, si prospetta un iter lungo e complesso. L approccio più corretto, per evitare che esploda la bomba sanitaria, passa attraverso la creazione di centri dedicati, che rispondano a precise modalità organizzative, che seguano LG e scelte terapeutiche condivise. Finora il Piemonte, la Toscana, il Friuli e le Marche hanno già attivato tali centri, ed anche la Lombardia sta percorrendo la stessa strada. Nel 2003 la Commissione istituita per la stesura delle LG ha proposto, alla Giunta Regionale della Lombardia, la strutturazione di DRG vulnologici, predisposti dall AISLeC, con i quali è possibile gestire servizi vulnologici con una copertura finanziaria sufficiente. 12

13 L AISLeC ha offerto un valido contributo, traducendo quanto è stato prodotto dall AHRQ statunitense, da cui hanno preso spunto molte LG Nazionali e Regionali. Le LG statunitensi, elaborate nel 1992 e nel 1994, hanno messo a fuoco alcuni processi gestionali, oltre che clinici, favorendo una omogeneizzazione dell assistenza e un controllo del processo, con un miglioramento generale della qualità assistenziale. 13

14 Ambito giuridico del Professionista Fino a non molti anni fa, il sistema tradizionale di abilitazione all'esercizio professionale era stabilito dal cosiddetto mansionario, che era recepito dal D.P.R. n. 225 del 14 marzo 1974, che conteneva esattamente un insieme di funzioni e mansioni di carattere rigido ed esaustivo. Da esso conseguiva che, tutto ciò che non era specificamente compreso, doveva essere considerato di competenza medica. Il profilo professionale recepito con il D.M. n. 739 del 14 settembre 1994, pur avendo innovato i criteri per l'esercizio professionale, indicando una cornice ampia, di competenza infermieristica, conservava un rapporto di convivenza non facile con il sopracitato mansionario. Le innovazioni apportate con la L. n. 42 del 26 febbraio 1999, recante disposizioni in materia di professioni sanitarie, risultano rilevanti ed epocali, in quanto, per la prima volta, si delinea un esercizio professionale senza mansionario. Data l'importanza del cambiamento, è opportuno riportare la parte dell'art. 1, che ne sancisce l'abrogazione: Dalla data di entrata in vigore della presente legge sono abrogati il regolamento approvato con D.P.R. n. 225 del 14 marzo 1974 omissis... Il campo proprio di attività e di responsabilità delle professioni sanitarie, di cui all'art. 6, comma 3, del D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni e integrazioni, 14

15 è determinato dai contenuti dei decreti ministeriali istitutivi dei relativi profili professionali e degli ordinamenti didattici dei rispettivi corsi di diploma universitario e di formazione post-base, nonché degli specifici codici deontologici, fatte salve le competenze previste per le professioni mediche e per le altre professioni del ruolo sanitario, per l'accesso alle quali è richiesto il possesso del diploma di laurea, nel rispetto reciproco delle specifiche competenze professionali. Dall articolo emergono distintamente tre criteri-guida e due limiti. I criteri-guida si riferiscono a: contenuti dei profili professionali formazione di base e post-base di tipo universitario codice deontologico 17. Non è semplice individuare il "campo proprio di attività e di responsabilità" attraverso i criteri-guida, in quanto si registra un evidente lacuna, derivante dalla mancata attivazione dei corsi di specializzazione. Non vi sono certamente dubbi sul fatto che un infermiere, specializzato in area critica, possa vantare e dimostrare maggiori competenze e di conseguenza vedersi attribuita un'autonomia professionale più ampia, rispetto ad un infermiere non specializzato. Un altro problema che potrebbe sorgere, a livello interpretativo, si individua nella non esaustività del profilo professionale, che 17 Benci L,, Professioni sanitarie non più ausiliarie, Rivista di Diritto delle Professioni Sanitarie, n. 1,

16 volutamente non ricomprende la ricchezza delle situazioni operative e cognitive, in cui si trovano ad operare gli infermieri. Oltre ai tre criteri-guida, la legge pone due limiti relativi alle competenze previste per i medici e per gli altri professionisti sanitari laureati. Il limite dell'atto medico si connota per la sua difficile individuazione, per motivi che potremmo definire storici, in quanto nel nostro ordinamento, da sempre, vi è una sorta di equivalenza tra l'atto sanitario e quello medico. Equivalenza che ha trovato recentemente anche l'avallo della giurisprudenza della Suprema Corte di Cassazione, che ha avuto modo di precisare che "solo una fonte normativa può consentire a soggetti diversi da quelli esercitanti la professione di medico interventi invasivi sulla sfera corporale, sulla base di un ragionevole riconoscimento di competenze tecniche e professionali 18. A fronte di una situazione di equivalenza, venuta meno, tra atto sanitario e atto medico, risulta non facile il lavoro per l'individuazione degli atti di non esclusiva competenza medica, e vi può essere a riguardo un certo rischio di ondeggiante giurisprudenza sul punto. Appare chiaro che il nostro ordinamento è passato da una situazione di evidente rigidità interpretativa, caratterizzata dall'esistenza stessa di mansionari, a una situazione 18 Sentenza della Corte di Cassazione, sez. VI, 21 febbraio La sentenza si riferiva a un caso di esercizio abusivo di professione, contestato a un biologo che effettuava prelievi ematici. La Corte ha stabilito che "nessuna fonte normativa, primaria o regolamentare, abilita i biologi a effettuare prelievi di sangue finalizzati all'analisi", non riconoscendo quindi tale attribuzione come lecita ai biologi. 16

17 di maggiore flessibilità, con una interpretazione dei ruoli e delle funzioni di ciascuna figura in modo non precostituito, ma destinato a letture di carattere storico-evolutivo, con particolare riguardo alla evoluzione delle conoscenze necessarie, per compiere determinati atti. È anche vero che i tradizionali e peculiari atti della professione medica sono da sempre, nella pubblicistica, nella trattatistica e nella giurisprudenza, individuati nell'ambito della diagnosi e della cura 19. Limiti manifestamente insopprimibili dell attività medica, ma non sempre esclusivi. 17

18 Quale autonomia? I riferimenti, anche normativi, in questi anni non sono mancati, tanto da poter azzardare l affermazione che le norme, contenute nella L. n. 42 del 26 febbraio 1999, costringono a un ripensamento e a un ridisegnamento delle competenze delle professioni sanitarie non mediche, in relazione alla professione medica, visto anche il disposto finale della legge, la quale precisa che l'esercizio professionale deve avvenire "nel rispetto reciproco delle specifiche competenze professionali". Il percorso professionalizzante compiuto, comune alle professioni non mediche, che ha visto tutti i passaggi essenziali - formazione universitaria, pubblicazione del profilo professionale, abolizione degli eventuali mansionari - soppressione del carattere di ausiliarietà, orienta l esercizio dell attività sanitaria verso due livelli: uno autonomo e uno collaborante. Nella professione infermieristica, il livello autonomo si ricava in primo luogo dal disposto contenuto nel primo articolo del D.M. n. 739 del 14 settembre 1994, nella parte in cui si precisa che l'infermiere "è responsabile dell'assistenza generale infermieristica". L' attività collaborante viene invece sottolineata dal terzo comma, punto a) dello stesso articolo, laddove è evidenziata la funzione 19 Norelli G.A., Mazzeo E., L'obbligo di bene operare e il dovere di prestare assistenza, in Trattato di medicina legale e scienze affini, vol. I, p. 596, Cedam, Padova,

19 integrante medico-infermiere, quando si specifica che l'infermiere "partecipa alla identificazione dei bisogni di salute della persona e della collettività. Ovviamente nel concetto stesso di partecipazione è implicita un'attività non autonoma, ma svolta in collaborazione ed in équipe. Inoltre il punto d) stabilisce che l'infermiere "garantisce la corretta applicazione delle prescrizioni diagnostico-terapeutiche", poste in essere dal medico. Ancora, il punto e) ha modo di precisare, puntualmente, che l'infermiere "agisce sia individualmente, sia in collaborazione con gli altri operatori sanitari e sociali". Insomma, la legge in tema di disposizione delle professioni sanitarie, lancia una nuova sfida e apre un epoca caratterizzata da profonde trasformazioni, sancendo la fine del monopolio della figura medica, quanto meno come unica figura riconosciuta come professionista a livello normativo. 19

20 La nascita dell infermiere specialista La recente legge n. 43 del 1 febbraio 2006, riguardante le "Disposizioni in materia di professioni sanitarie infermieristiche, ostetrica, riabilitative, tecnico-sanitarie e della prevenzione e delega al Governo per l'istituzione dei relativi ordini professionali" ha apportato, tra le altre innovazioni, l'istituzione della figura dell'infermiere specialista. Riportiamo la prima parte dell'art. 6 denominato "Istituzione della funzione di coordinamento". Art. 6 - Istituzione della funzione di coordinamento 1. In conformità all'ordinamento degli studi dei corsi universitari, disciplinato ai sensi dell'art. 17, comma 95, della legge n.127 del 15 maggio 1997, e successive modificazioni, il personale laureato appartenente alle professioni sanitarie di cui all'art. 1, comma 1, della presente legge, è articolato come segue: a) professionisti in possesso del diploma di laurea o del titolo universitario conseguito anteriormente all'attivazione dei corsi di laurea o di diploma ad esso equipollente ai sensi dell'art. 4 della legge n. 42 del 26 febbraio 1999; b) professionisti coordinatori in possesso del master di I livello in management o per le funzioni di coordinamento, rilasciato dall'università ai sensi dell'art. 3, comma 8, del regolamento di cui al decreto del Ministro dell'università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica 3 novembre 1999, n. 509, e dell'art. 3, comma 9, del 20

21 regolamento di cui al decreto del Ministro dell'istruzione, dell'università e della Ricerca n. 270 del 22 ottobre 2004; c) professionisti specialisti in possesso del master di I livello per le funzioni specialistiche rilasciato dall'università ai sensi dell'art. 3, comma 8, del regola-mento di cui al D.M. n. 509 del 3 novembre 1999, del Ministro dell'università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica, e dell'art. 3, comma 9, del regolamento di cui al D.M. n. 270 del 22 ottobre 2004, del Ministro dell'istruzione, dell'università e della Ricerca; d) professionisti dirigenti in possesso della laurea specialistica di cui al D.M. 2 aprile 2001 del Ministro dell'università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica, pubblicato nel supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 128 del 5 giugno 2001, e che abbiano esercitato l'attività professionale con rapporto di lavoro dipendente per almeno cinque anni, oppure ai quali siano stati conferiti incarichi dirigenziali ai sensi dell'art. 7 della legge n. 251 del 10 agosto 2000, e successive modificazioni. Quindi in questa previsione legislativa, al momento ancora non recepita contrattualmente, vi sarebbe, all'interno del contratto collettivo nazionale di lavoro della sanità pubblica, la suddivisione del personale infermieristico (e di tutte le altre professioni sanitarie) in quattro categorie: a) l'infermiere; b) l'infermiere coordinatore; c) l'infermiere specialista; 21

22 d) l'infermiere dirigente. Non vi è dubbio che l'innovazione maggiore, apportata dalla legge 43/2006, sia proprio quella riguardante l'infermiere specialista. A differenza del mondo medico, l'essere specialista è subordinato al conseguimento di un Master e non di una vera e propria specializzazione, quanto meno per come è intesa nel mondo medico. Rimane comunque da chiarire concretamente se esista e possa essere individuato un "campo di attività e di responsabilità tipico ed esclusivo" aggiuntivo e distinto rispetto a quello dell'infermiere generalista. L'ipotesi, pur suggestiva, non sembra per ora avere solide basi come si riscontra nell ambito medico. La giurisprudenza amministrativa, che ha avuto modo di pronunciarsi in epoca di normativa previgente - ma già all'indomani dell'approvazione del profilo professionale del , ha stabilito che l'infermiere deve considerare "fungibile" il suo ruolo in tutte le aree, in quanto la sua formazione risulta comunque inclusiva delle relative conoscenze. 20 Il pronunciamento della giustizia amministrativa si fonda in realtà su una norma di diritto positivo, ancorché di natura regolamentare, che fa riferimento al profilo professionale, ex D.M. 739/1994. Tale profilo, infatti, dopo avere precisato che la formazione post-base "per la pratica specialistica è volta a fornire agli infermieri di assistenza generale delle conoscenze cliniche avanzate e delle capacità, che permettano loro di fornire specifiche prestazioni 22

23 infermieristiche" e avere individuato cinque specifiche aree - la sanità pubblica, la pediatria, la salute mentale, la geriatria e l'area critica, precisando che esse possono essere ampliate, con decreto del Ministero della Sanità (oggi della Salute), riporta che "il percorso formativo viene definito con decreto del Ministero della Sanità e si conclude con il rilascio di un attestato di formazione specialistica, che costituisce titolo preferenziale per l'esercizio delle funzioni specifiche nelle diverse aree, dopo il superamento di apposite prove valutative. La natura preferenziale del titolo è strettamente legata alla sussistenza di obiettive necessità del servizio e recede in presenza di mutate condizioni di fatto". Quindi l'attestato di "formazione specialistica", che nella normativa universitaria è diventato Master, costituisce mero "titolo preferenziale", per l'esercizio delle funzioni nelle diverse aree, pronto a recedere in presenza di "mutate condizioni di fatto". Vi è da precisare che l'infermiere specialista è da considerarsi colui che ha conseguito un master di I livello e non soltanto nelle aree che erano state individuate dal profilo professionale, il quale aveva anche delineato il percorso per individuare altre aree specialistiche, oltre alle cinque già predeterminate e di cui abbiamo già parlato. Il D.M. 739/1994 all'art. 1 punto 5) aveva infatti previsto che "in relazione a motivate esigenze emergenti dal Servizio Sanitario Nazionale, potranno essere individuate, con decreto del Ministero della Sanità, ulteriori aree richiedenti una 20 Sentenza del TAR Puglia, Bari, II sez., 10 aprile 1995, n. 252, Ragiusan, , 199,

La radiodiagnostica complementare alla luce della Legge 42/99.

La radiodiagnostica complementare alla luce della Legge 42/99. La radiodiagnostica complementare alla luce della Legge 42/99. Francesco SCIACCA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MESSINA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE, SCIENZE PSICHIATRICHE ED ANESTESIOLOGICHE Dottorato di

Dettagli

L accordo stato regioni sulla riforma delle professioni: il ruolo del coordinatore Sviluppo delle competenze infermieristiche

L accordo stato regioni sulla riforma delle professioni: il ruolo del coordinatore Sviluppo delle competenze infermieristiche L accordo stato regioni sulla riforma delle professioni: il ruolo del coordinatore Sviluppo delle competenze infermieristiche Dott. A. Zagari Giardini Naxos 2013 Alcune diapositive di questa presentazione

Dettagli

Competenza e Ricerca

Competenza e Ricerca Competenza e Ricerca La ricerca è alla base del progresso infermieristico, dello sviluppo della disciplina e della professione. Metodologia della ricerca come presupposto per l acquisizione di una mentalità

Dettagli

Il Corso di Laurea in Infermieristica

Il Corso di Laurea in Infermieristica Sessione V: Il ruolo della formazione nella costruzione di una cultura geriatrica e multiprofessionale Il Corso di Laurea in Infermieristica Dott.ssa Paola Ferri Corso di Laurea in Infermieristica Università

Dettagli

Evoluzione della professione infermieristica

Evoluzione della professione infermieristica BOZZA Evoluzione della professione infermieristica Aree di competenza-responsabilità nei nuovi scenari sanitari e socio sanitari Tavolo di lavoro Regioni-Ministero (revisione dei profili di competenza

Dettagli

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

La Professione Infermieristica ieri, oggi e domani Leggi e Competenze. Orlando Pantaleo Responsabile UIT CO 118 Modena Soccorso

La Professione Infermieristica ieri, oggi e domani Leggi e Competenze. Orlando Pantaleo Responsabile UIT CO 118 Modena Soccorso La Professione Infermieristica ieri, oggi e domani Leggi e Competenze Orlando Pantaleo Responsabile UIT CO 118 Modena Soccorso NEGLI ULTIMI ANNI LA PROFESSIONE INFERMIERISTICA HA ACQUISITO SEMPRE PIÙ LA

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 305

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 305 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 305 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori BIANCONI e CARRARA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 30 APRILE 2008 Disposizioni per l assistenza globale dei pazienti

Dettagli

Il ruolo dell infermiere specializzato nell educazione educazione terapeutica

Il ruolo dell infermiere specializzato nell educazione educazione terapeutica Il ruolo dell infermiere specializzato nell educazione educazione terapeutica Satta Hai Anna SDD A.O. Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi - Varese Nella legge n, 42 del 26/02/ 99 scompare la parola

Dettagli

Master Universitari in. Assistenza Infermieristica

Master Universitari in. Assistenza Infermieristica Anno accademico 2005-2006 Master per Infermiere di sanità pubblica e di comunità (ISPeC) Master Universitari in Assistenza Infermieristica autonomia didattica LAUREA RIFORMA UNIVERSITARIA crediti formativi

Dettagli

Evoluzione della professione di. Tecnico Sanitario di Radiologia Medica

Evoluzione della professione di. Tecnico Sanitario di Radiologia Medica BOZZA Evoluzione della professione di Tecnico Sanitario di Radiologia Medica TSRM con esperienze avanzate e professionista specialista Aree di competenza nei nuovi scenari sanitari e socio sanitari Tavolo

Dettagli

MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP

MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP Master di I Livello in distance - IV EDIZIONE - A.A. 2015/2016 Premessa Le ragioni della realizzazione di un percorso formativo per un Master di primo

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali EROGATA DALLE STRUTTURE ORGANIZZATIVE COMPLESSE DI PSICOLOGIA, TERRITORIALI ED OSPEDALIERE, DEL S. S. N. E PER GLI INTERVENTI A FAVORE DELLO SVILUPPO DELL INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA. a cura di: Società

Dettagli

La responsabilità giuridica dell infermiere in sala operatoria e in area chirurgica

La responsabilità giuridica dell infermiere in sala operatoria e in area chirurgica La responsabilità giuridica dell infermiere in sala operatoria e in area chirurgica Luca Benci www.lucabenci.it Twitter @Luca_Benci Le competenze specialistiche nei profili Il percorso formativo viene

Dettagli

Evoluzione della professione infermieristica

Evoluzione della professione infermieristica BOZZA Evoluzione della professione infermieristica Aree di competenza nei nuovi scenari sanitari e socio sanitari Tavolo di lavoro Regioni-Ministero (sviluppo dei profili di competenza dell infermiere)

Dettagli

Incontro di formazione in preparazione della selezioni per coordinatori. Legislazione e competenze degli infermieri

Incontro di formazione in preparazione della selezioni per coordinatori. Legislazione e competenze degli infermieri Incontro di formazione in preparazione della selezioni per coordinatori Legislazione e competenze degli infermieri 1 Le norme che costituiscono la professione infermieristica L.42/99 delle professioni

Dettagli

Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute. Maria Grazia Proietti

Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute. Maria Grazia Proietti Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute Maria Grazia Proietti il campo di competenza dell infermiere è rappresentato dal complesso delle attività rivolte

Dettagli

L Infermiere Coordinatore e la Professione Sanitaria di Infermiere

L Infermiere Coordinatore e la Professione Sanitaria di Infermiere . COORDINAMENTO NAZIONALE CAPOSALA Abilitati alle Funzioni Direttive dell'assistenza Infermieristica Regione Sicilia L Infermiere Coordinatore e la Professione Sanitaria di Infermiere A.G. La professione

Dettagli

Prof. Antonio De Palma

Prof. Antonio De Palma RUOLO E RESPONSABILITA DEL PROFESSIONISTA SANITARIO INFERMIERE Analisi comparata e studio esegetico-metodologico di parti campione delle norme di riforma delle professioni sanitarie infermieristiche Prof.

Dettagli

Istituzione del Master universitario di I livello in Cure palliative e terapia del dolore per professioni sanitarie

Istituzione del Master universitario di I livello in Cure palliative e terapia del dolore per professioni sanitarie Testo aggiornato al 13 novembre 2012 Decreto ministeriale 4 aprile 2012 Gazzetta Ufficiale 16 aprile 2012, n. 89 Istituzione del Master universitario di I livello in Cure palliative e terapia del dolore

Dettagli

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali - 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE Capo I Finalità e disposizioni generali Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 (Finalità) (Definizioni) (Pianificazione regionale) (Campagne di informazione)

Dettagli

L' EVOLUZIONE DELLE NORME CHE REGOLANO L'ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NEL CONTRATTO DEL COMPARTO SANITA' PUBBLICA

L' EVOLUZIONE DELLE NORME CHE REGOLANO L'ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NEL CONTRATTO DEL COMPARTO SANITA' PUBBLICA L' EVOLUZIONE DELLE NORME CHE REGOLANO L'ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NEL CONTRATTO DEL COMPARTO SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer PREMESSA

Dettagli

Ordinario di Igiene, Facoltà di Medicina e Chirurgia, Università degli Studi di

Ordinario di Igiene, Facoltà di Medicina e Chirurgia, Università degli Studi di Nursing avanzato per la sorveglianza epidemiologica e il controllo delle infezioni correlate ai processi assistenziali (ICPA) Livello I Crediti Formativi Universitari 60 Direttore Prof. Gabriele Romano

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA AISLEC CATALOGO PRIMO SEMESTRE 2016

OFFERTA FORMATIVA AISLEC CATALOGO PRIMO SEMESTRE 2016 OFFERTA FORMATIVA AISLEC CATALOGO PRIMO SEMESTRE 2016 Associazione Infermieristica per lo Studio delle Lesioni Cutanee (AISLEC) P.zza della Chiesa 7, 27010 San Genesio ed Uniti (PV) Fax.: 0382-523203 Cell.

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FARINA COSCIONI, MAURIZIO TURCO, BELTRANDI, BERNARDINI, MECACCI, ZAMPARUTTI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FARINA COSCIONI, MAURIZIO TURCO, BELTRANDI, BERNARDINI, MECACCI, ZAMPARUTTI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5425 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI FARINA COSCIONI, MAURIZIO TURCO, BELTRANDI, BERNARDINI, MECACCI, ZAMPARUTTI Disposizioni

Dettagli

L Assistente Sociale e la Rete Oncologica

L Assistente Sociale e la Rete Oncologica L Assistente Sociale e la Rete Oncologica Tavola Rotonda Paola Giribaldi Torino, 14 settembre 2013 La Rete degli Assistenti Sociali E stata istituita con Determinazione Regionale n. 265 dell' 8 settembre

Dettagli

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale.

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. Decreto MIUR su Riassetto delle Scuole di specializzazione di area sanitaria G.U. n. 285 del

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Delibera di Giunta - N.ro 2004/1016 - approvato il 31/5/2004 Oggetto: LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Prot. n. (SAM/03/27628) LA GIUNTA DELLA REGIONE

Dettagli

L. 1 febbraio 2006, n. 43 (1).

L. 1 febbraio 2006, n. 43 (1). L. 1-2-2006 n. 43 Disposizioni in materia di professioni sanitarie infermieristiche, ostetrica, riabilitative, tecnico-sanitarie e della prevenzione e delega al Governo per l'istituzione dei relativi ordini

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA INTEGRATA OSPEDALE-TERRITORIO AI BAMBINI CON MALATTIE RARE AD ALTA COMPLESSITÀ. COMMISSIONE MALATTIE RARE SIP/SIMGePeD

PROGETTO DI ASSISTENZA INTEGRATA OSPEDALE-TERRITORIO AI BAMBINI CON MALATTIE RARE AD ALTA COMPLESSITÀ. COMMISSIONE MALATTIE RARE SIP/SIMGePeD PROGETTO DI ASSISTENZA INTEGRATA OSPEDALE-TERRITORIO AI BAMBINI CON MALATTIE RARE AD ALTA COMPLESSITÀ COMMISSIONE MALATTIE RARE SIP/SIMGePeD Il bambino con malattie rare, croniche e complesse, presenta

Dettagli

Il Ruolo delle Professioni Sanitarie

Il Ruolo delle Professioni Sanitarie Il Ruolo delle Professioni Sanitarie Brescia 31 MAGGIO 2011 Aula MONTINI Azienda Ospedaliera SPEDALI RIUNITI di Brescia Fulvia Pasi 1 Il Processo di riforma delle Professioni Sanitarie: dalla legge 42/99

Dettagli

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio Problema Bisogni Risposta Piano personalizzato

Dettagli

L università che cambia. Una nuova università. Come funziona l università Accesso all università RIFORMA UNIVERSITARIA

L università che cambia. Una nuova università. Come funziona l università Accesso all università RIFORMA UNIVERSITARIA L università che cambia Il volto e l organizzazione degli atenei in Italia è in continua trasformazione. Nell anno accademico 2001/2002, infatti, è stata applicata in tutti gli atenei la riforma universitaria

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN: MEDICINA E CHIRURGIA

CORSO DI LAUREA IN: MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN: MEDICINA E CHIRURGIA (Classe delle Lauree Magistrale LM41 Medicina e Chirurgia) art. 4 del decreto ministeriale 22 ottobre 2004, n. 270 DURATA CREDITI ACCESSO 6 ANNI 360 di cui 283

Dettagli

L ASSISTENZA INTEGRATA NEL WOUND CARE: IL PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO E LA MULTIDISCIPLINARIETA PER L ORGANIZZAZIONE DELLE CURE

L ASSISTENZA INTEGRATA NEL WOUND CARE: IL PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO E LA MULTIDISCIPLINARIETA PER L ORGANIZZAZIONE DELLE CURE L ASSISTENZA INTEGRATA NEL WOUND CARE: IL PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO E LA MULTIDISCIPLINARIETA PER L ORGANIZZAZIONE DELLE CURE Angela Sammartino Specialist in Wound Care CONSULENTE OSSERVATORIO LDP,

Dettagli

Cambiamenti Organizzativo- Gestionali: quale impatto. Sabrina Barro NFESC Chairperson Area Nursing ANMCO UOC Cardiologia O.C. San Don à di Piave (VE)

Cambiamenti Organizzativo- Gestionali: quale impatto. Sabrina Barro NFESC Chairperson Area Nursing ANMCO UOC Cardiologia O.C. San Don à di Piave (VE) Cambiamenti Organizzativo- Gestionali: quale impatto sull Assistenza Sabrina Barro NFESC Chairperson Area Nursing ANMCO UOC Cardiologia O.C. San Don à di Piave (VE) Profilo professionale, competenza e

Dettagli

La formazione nella sanità

La formazione nella sanità La formazione nella sanità Donatella Becchio 22 maggio La formazione continua in sanità 1. Alcuni punti di partenza 2. Il programma ECM 3. Alcuni dati del contesto piemontese 4. Punti di forza e di debolezza

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE

IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE Il presente documento, presentato in V commissione in occasione dell audizione del 23 settembre, si compone di due parti: Introduzione e

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

LA SANITÀ DIVENTA SISTEMA AZIENDALE

LA SANITÀ DIVENTA SISTEMA AZIENDALE LEZIONE: ELEMENTI DI LEGISLAZIONE SANITARIA (SECONDA PARTE) PROF. MASSIMO BUJA Indice 1 INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

CONFERENZA SULLA SANITA ELETTRONICA

CONFERENZA SULLA SANITA ELETTRONICA CONFERENZA SULLA SANITA ELETTRONICA CONFERENZA SULLA SANITA ELETTRONICA Il percorso di adozione del Fascicolo Sanitario Elettronico in Italia Lidia Di Minco Direttore Ufficio Nuovo Sistema Informativo

Dettagli

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE CENTRO DI TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE Direttore: dott. Marco Bertolotto LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE Le Cure Palliative forniscono il sollievo dal dolore e da altri gravi

Dettagli

Relazione Dr. Felice Majori INQUADRAMENTO GIURIDICO DELLE PROFESSIONI SANITARIE

Relazione Dr. Felice Majori INQUADRAMENTO GIURIDICO DELLE PROFESSIONI SANITARIE Relazione Dr. Felice Majori INQUADRAMENTO GIURIDICO DELLE PROFESSIONI SANITARIE CHIARIMENTI PRELIMINARI L ACCORDO S/R 16.12.2012 SUI REQUISITI MINIMI, ORGANIZZATIVI, STRUTTURALI E TECNOLOGICI DELLE ATTIVITA

Dettagli

L Operatore Socio Sanitario: l inserimento dell allievo in ambito sanitario. 25 febbraio -2 marzo 2011 Progetto Formativo ECM

L Operatore Socio Sanitario: l inserimento dell allievo in ambito sanitario. 25 febbraio -2 marzo 2011 Progetto Formativo ECM L Operatore Socio Sanitario: l inserimento dell allievo in ambito sanitario 25 febbraio -2 marzo 2011 Progetto Formativo ECM LE FIGURE DI SUPPORTO Personale di supporto previsto dall attuale normativa

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

III COMMISSIONE TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011

III COMMISSIONE TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011 III COMMISSIONE TESTO UNIFICATO DELLE PROPOSTE DI LEGGE NN. 117, 127 TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011 SERVIZIO PER L'ASSISTENZA GIURIDICO-LEGISLATIVA IN MATERIA DI ATTIVITÀ SOCIALI

Dettagli

L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA. Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma

L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA. Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma 1 L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA I Cittadini debbono

Dettagli

Management innovativo delle organizzazioni sanitarie In Sigla (MIOS 4)

Management innovativo delle organizzazioni sanitarie In Sigla (MIOS 4) Master di primo livello Management innovativo delle organizzazioni sanitarie In Sigla (MIOS 4) IV Edizione Anno accademico 2007/2008 Finalità Il master universitario, di durata annuale, ha lo scopo di

Dettagli

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione COMUNE DI TRENTO Servizio Programmazione e Controllo via Belenzani 22 38100 Trento Telefono: 0461-884162; Fax: 0461-884168 e_mail: servizio_programmazione@comune.trento.it Sito internet dell amministrazione:

Dettagli

EQUIVALENZA TITOLI DPCM 26 luglio 2011 (Gazzetta Ufficiale del 18 agosto 2011)

EQUIVALENZA TITOLI DPCM 26 luglio 2011 (Gazzetta Ufficiale del 18 agosto 2011) FINALITA EQUIVALENZA TITOLI DPCM 26 luglio 2011 (Gazzetta Ufficiale del 18 agosto 2011) Il Decreto di equivalenza, in applicazione a quanto preannunciato dalla Legge n 42/99 art 4 comma 2, riconosce ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

Prof. Tarcisio Niglio CURE PALLIATIVE

Prof. Tarcisio Niglio CURE PALLIATIVE Prof. Tarcisio Niglio Anno Accademico 2012-2013 Corso Triennale in Scienze Infermieristiche III anno 2 semestre CURE PALLIATIVE Troverete copia di queste diapositive nel sito internet: www.tarcisio.net

Dettagli

Come è cambiata la figura dell infermiere dall inizio ad oggi. Quale il futuro

Come è cambiata la figura dell infermiere dall inizio ad oggi. Quale il futuro 6 TURIN CARDIOVASCULAR NURSING CONVENTION Sessione Etica professionale Come è cambiata la figura dell infermiere dall inizio ad oggi. Quale il futuro Torino, 14 ottobre 2010 Valerio Dimonte Valerio.dimonte@unito.it

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI - A. A. 2008/2009 CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA PEDIATRICA

MANIFESTO DEGLI STUDI - A. A. 2008/2009 CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA PEDIATRICA MANIFESTO DEGLI STUDI - A. A. 008/009 CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA PEDIATRICA PREMESSA CARATTERISTICHE E FINALITA DEL CORSO Il di Laurea in Infermieristica Pediatrica, appartenente alla Classe delle

Dettagli

Bozza di Accordo Stato-Regioni sulle Competenze Specialistiche degli infermieri

Bozza di Accordo Stato-Regioni sulle Competenze Specialistiche degli infermieri Bozza di Accordo Stato-Regioni sulle Competenze Specialistiche degli infermieri CONDIVISA DAL MINISTRO ALLA SALUTE E DALLE REGIONI ED ORA ALL'ESAME DEGLI ALTRI MINISTERI, RELAZIONE ILLUSTRATIVA Evoluzione

Dettagli

CONFERENZA STAMPA. L ASL di Brescia presenta un progetto rivolto ai malati oncologici terminali con il sostegno della Fondazione Berlucchi.

CONFERENZA STAMPA. L ASL di Brescia presenta un progetto rivolto ai malati oncologici terminali con il sostegno della Fondazione Berlucchi. DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE Servizio Comunicazione viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030/3838315 Fax 030/3838280 E-mail: servizio.comunicazione@aslbrescia.it

Dettagli

La multidisciplinarietà delle cure a casa: quali competenze. F. Saverio Proia Ministero della Salute

La multidisciplinarietà delle cure a casa: quali competenze. F. Saverio Proia Ministero della Salute III GIORNATA NAZIONALE DELLE CURE A CASA Qualità, tecnologie e sostenibilità nelle cure domiciliari Ospedale S. Giovanni Calibita Fatebenefratelli, Sala Assunta Isola Tiberina, Roma 12 settembre 2011 -

Dettagli

LA NOSTRA STORIA ATTRAVERSO LE LEGGI. Inf. Preciso Inf. Rossi Cristian

LA NOSTRA STORIA ATTRAVERSO LE LEGGI. Inf. Preciso Inf. Rossi Cristian LA NOSTRA STORIA ATTRAVERSO LE LEGGI Katia Inf. Preciso Inf. Rossi Cristian REGIO DECRETO 16 agosto 1909 N. 615 Regolamento istituzione dei manicomi Primo riconoscimento giuridico dell infermiere con la

Dettagli

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI Raffaella Bonforte - Angelita Volpe "La R.S.A. è una struttura extra-ospedaliera per anziani disabili, prevalentemente non autosufficienti, non assistibili

Dettagli

IN MODALITÀ FAD DI FORMAZIONE PROPOSTA IN VULNOLOGIA

IN MODALITÀ FAD DI FORMAZIONE PROPOSTA IN VULNOLOGIA PROPOSTA DI FORMAZIONE IN VULNOLOGIA IN MODALITÀ FAD Modernità ed innovazione nella gestione dell ulcera cutanea Wound management with modernity and innovation IN COLLABORAZIONE CON intus ut in cute intus

Dettagli

L INFERMIERE IN ONCOLOGIA TRA MANAGEMENT E PRATICA CLINICA: QUALE FUTURO? CASE MANAGEMENT IN ONCOLOGIA

L INFERMIERE IN ONCOLOGIA TRA MANAGEMENT E PRATICA CLINICA: QUALE FUTURO? CASE MANAGEMENT IN ONCOLOGIA L INFERMIERE IN ONCOLOGIA TRA MANAGEMENT E PRATICA CLINICA: QUALE FUTURO? CASE MANAGEMENT IN ONCOLOGIA Lorenza Zullo Napoli 25 maggio 2013 Qual è il soggetto d interesse del case management? Il beneficiario

Dettagli

IN MODALITÀ FAD DI FORMAZIONE PROPOSTA IN VULNOLOGIA. Modernità ed innovazione nella gestione dell ulcera cutanea Innovative wound management

IN MODALITÀ FAD DI FORMAZIONE PROPOSTA IN VULNOLOGIA. Modernità ed innovazione nella gestione dell ulcera cutanea Innovative wound management PROPOSTA DI FORMAZIONE IN VULNOLOGIA IN MODALITÀ FAD Modernità ed innovazione nella gestione dell ulcera cutanea Innovative wound management IN COLLABORAZIONE CON intus ut in cute intus et in cute NUOVE

Dettagli

L evoluzione della copertura assicurativa in tema di assistenza socio/sanitaria

L evoluzione della copertura assicurativa in tema di assistenza socio/sanitaria L evoluzione della copertura assicurativa in tema di assistenza socio/sanitaria Dott.ssa Fiammetta Fabris Vice Direttore Generale Area Operativa UniSalute S.p.A Torino - 13 Dicembre 2013 1 UNISALUTE: SPECIALISTI

Dettagli

AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI

AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI Provincia Autonoma di Trento AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI Trento via Degasperi 79 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Reg. delib. n. 473 2011 OGGETTO: Riorganizzazione delle attività

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-EDUCATIVA

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-EDUCATIVA Documentazione Sistema Qualità Pag. 1 di 11 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-EDUCATIVA DELLA ZONA ALTA VALDELSA Numero Revisione Motivo Data 1 APPROVAZIONE CONSIGLIO

Dettagli

Evitare il dolore è un diritto universale. Richiamandosi

Evitare il dolore è un diritto universale. Richiamandosi 3 per Toscana: la Salute Il controllo e la cura del dolore Evitare il dolore è un diritto universale. Richiamandosi a questo fondamentale principio etico, il Progetto speciale Il controllo e la cura del

Dettagli

232, Via Antonio Gramsci - 40010 Sala Bolognese (Bo) Telefono Cellulare 346 3870980; telefono casa 0516814348 pao.fanin50@gmail.

232, Via Antonio Gramsci - 40010 Sala Bolognese (Bo) Telefono Cellulare 346 3870980; telefono casa 0516814348 pao.fanin50@gmail. F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E Informazioni personali Nome e Cognome Indirizzo 232, Via Antonio Gramsci - 40010 Sala Bolognese (Bo) Telefono Cellulare 346 3870980;

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Servizio Qualità della Didattica e Servizi agli Studenti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Servizio Qualità della Didattica e Servizi agli Studenti All. A al bando di ammissione pubblicato in data 30/09/2015 ART. 1 - TIPOLOGIA L Università degli studi di Pavia attiva, per l a.a. 2015-16, il Master Universitario di I livello in Infermiere specialista

Dettagli

Processo di professionalizzazione dell infermiere

Processo di professionalizzazione dell infermiere Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma Facoltà di Medicina e Chirurgia Piccola Casa della Divina Provvidenza Ospedale Cottolengo di Torino Processo di professionalizzazione dell infermiere Sr. Anna

Dettagli

Bologna, 25-26 febbraio 2008 Palazzo dei Congressi, Piazza della Costituzione

Bologna, 25-26 febbraio 2008 Palazzo dei Congressi, Piazza della Costituzione Dott. Giovanni Battista Bochicchio Direttore Centro Integrato Medicina dell Invecchia Dott. Gianvito Corona Resp. Unità di Terapia del Dolore, Cure Palliative e Oncologia Critica Terr Un punto unico di

Dettagli

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Il rischio clinico rappresenta l eventualità di subire

Dettagli

Attualmente è Direttore Medico di Struttura Complessa Cure Primarie " presso la ASL RM/A. Ha assunto tale incarico in data 01.03.2009.

Attualmente è Direttore Medico di Struttura Complessa Cure Primarie  presso la ASL RM/A. Ha assunto tale incarico in data 01.03.2009. C U R R I C U L U M P R O F E S S I O N A L E Giorgi Federica nata a Velletri il 05.05.1950. Attualmente è Direttore Medico di Struttura Complessa Cure Primarie " presso la ASL RM/A. Ha assunto tale incarico

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

Politiche della Qualità Servizio Qualità e Medicina Legale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino

Politiche della Qualità Servizio Qualità e Medicina Legale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino Politiche della Qualità Servizio Qualità e Medicina Legale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino Anno 2014-2015 Un Sistema qualità per l eccellenza socio-sanitaria I piani ed i documenti di governo del sistema

Dettagli

L infermiere case-manager: l esperienza dell Unità Spinare Unipolare dell A.O. Niguarda di Milano

L infermiere case-manager: l esperienza dell Unità Spinare Unipolare dell A.O. Niguarda di Milano L infermiere case-manager: l esperienza dell Unità Spinare Unipolare dell A.O. Niguarda di Milano Noemi Ziglioli, Coordinatore Infermieristico USU Niguarda, Milano Giovanna Bollini, Direttore DITRA A.O.

Dettagli

Innovazioni legislative, autonomia e status giuridico delle professioni sanitarie. Relatore Luca Benci

Innovazioni legislative, autonomia e status giuridico delle professioni sanitarie. Relatore Luca Benci Innovazioni legislative, autonomia e status giuridico delle professioni sanitarie Relatore Luca Benci Le professioni sanitarie nel XX secolo Medico Speziale Levatrice La dominanza medica: gli elementi

Dettagli

L analisi e la gestione dei problemi nelle organizzazioni sanitarie. Sottotitolo: semplice, complicato, complesso

L analisi e la gestione dei problemi nelle organizzazioni sanitarie. Sottotitolo: semplice, complicato, complesso L analisi e la gestione dei problemi nelle organizzazioni sanitarie Sottotitolo: semplice, complicato, complesso Dal primo Servizio sanitario, sul modello Bismark, in circa un secolo di storia si è passati

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA SULLA FORMAZIONE SPECIALISTICA DEI LAUREATI IN MEDICINA E CHIRURGIA

PROTOCOLLO D INTESA SULLA FORMAZIONE SPECIALISTICA DEI LAUREATI IN MEDICINA E CHIRURGIA 2006 PROTOCOLLO D INTESA SULLA FORMAZIONE SPECIALISTICA DEI LAUREATI IN MEDICINA E CHIRURGIA tra La Regione Emilia-Romagna, in persona del Presidente della Giunta Regionale in carica Vasco Errani e L'Università

Dettagli

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia.

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Unità Operativa di Oncologia Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi di Varese Area territoriale: Distretto di Varese,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MISURACA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MISURACA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 572 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MISURACA Modifiche alla legge 16 marzo 1987, n. 115, recante disposizioni per la prevenzione

Dettagli

Programmazione e qualità della produzione statistica

Programmazione e qualità della produzione statistica Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala nord-ovest Sessione parallela Programmazione e qualità della produzione statistica coordinatore Giorgio Alleva Paola Baldi Il ruolo delle Regioni e degli Enti locali

Dettagli

PIANO FORMATIVO EDUCAZIONE CONTINUA IN MEDICINA (ECM) ANNO 2015

PIANO FORMATIVO EDUCAZIONE CONTINUA IN MEDICINA (ECM) ANNO 2015 PIANO FORMATIVO EDUCAZIONE CONTINUA IN MEDICINA (ECM) ANNO 2015 1 2 INDICE Premessa pag. 3 Piano e Obiettivi formativi pag. 3 Popolazione destinataria pag. 4 Metodologia pag. 5 Valutazione della formazione

Dettagli

http://www.normativasanitaria.it/jsp/dettaglio.jsp?aggiornamenti=&attocompleto=si...

http://www.normativasanitaria.it/jsp/dettaglio.jsp?aggiornamenti=&attocompleto=si... Page 1 of 5 Atto suddiviso in articoli Stampa Indietro Conferenza Unificata ACCORDO 25 maggio 2011 Accordo, ai sensi dell'articolo 9 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, tra il Governo, le regioni,

Dettagli

EVOLUZIONE STORICA E TENDENZE DEI PROFESSIONALISMI SANITARI

EVOLUZIONE STORICA E TENDENZE DEI PROFESSIONALISMI SANITARI EVOLUZIONE STORICA E TENDENZE DEI PROFESSIONALISMI SANITARI LUCA BENCI FIRENZE http:// Il sistema di abilitazione all esercizio professionale Per i medici: non esistono di fatto norme di carattere generale

Dettagli

Nome RAIMONDO GIUSEPPE Indirizzo Cosenza via Don Gaetano Mauro, 30 Telefono 0984 481420 347 8933389 Fax E-mail lraimondo@tiscali.

Nome RAIMONDO GIUSEPPE Indirizzo Cosenza via Don Gaetano Mauro, 30 Telefono 0984 481420 347 8933389 Fax E-mail lraimondo@tiscali. F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome RAIMONDO GIUSEPPE Indirizzo Cosenza via Don Gaetano Mauro, 30 Telefono 0984 481420 347 8933389 Fax E-mail

Dettagli

Curriculum formativo della Sig.ra Botticelli Luigina nata ad Ascoli Piceno il 17-08-1967 e residente a Porto Sant'Elpidio in via Umberto I 765.

Curriculum formativo della Sig.ra Botticelli Luigina nata ad Ascoli Piceno il 17-08-1967 e residente a Porto Sant'Elpidio in via Umberto I 765. INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome Botticelli Luigina Data di Nascita 17-08-1967 Qualifica Coordinatore Infermieristico Amministrazione ASUR ZT 11 FERMO Incarico attuale P.O. Dipartimento Salute Mentale

Dettagli

POLITICHE DI ATENEO E PROGRAMMAZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA.

POLITICHE DI ATENEO E PROGRAMMAZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA. All.4 POLITICHE DI ATENEO E PROGRAMMAZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA. In linea con quanto programmato negli anni accademici precedenti, l Ateneo intende riaffermare il ruolo centrale di istituzione scientifica

Dettagli

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro Premessa L Ictus Cerebrale, pur essendo in Italia la prima causa di invalidità, la seconda di demenza e la terza di morte, non ha ricevuto finora, a differenza di altre malattie altrettanto gravi per l

Dettagli

La Rete Ligure di Cure Palliative 1

La Rete Ligure di Cure Palliative 1 La Rete Ligure di Cure Palliative 1 1. Premessa epidemiologica 2. Le cure palliative 3. Il modello organizzativo 3.1 La rete di cure palliative della regione Liguria 3.2 Le reti locali di cure palliative

Dettagli

Art. 1 (Definizione) Art. 2 (Requisiti)

Art. 1 (Definizione) Art. 2 (Requisiti) TESTO UNIFICATO AS 3236 1928-1645 Disposizioni in materia di professioni sanitarie infermieristiche, ostetriche, riabilitative, tecnico sanitarie e della prevenzione e delega al Governo per l istituzione

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

La professione infermieristica e la complessità assistenziale: l Unità di Degenza Infermieristica nella realtà umbra

La professione infermieristica e la complessità assistenziale: l Unità di Degenza Infermieristica nella realtà umbra La professione infermieristica e la complessità assistenziale: l Unità di Degenza Infermieristica nella realtà umbra INTRODUZIONE Negli ultimi anni il sistema sanitario italiano ha subito profonde modificazioni:

Dettagli

Treviso lì 24/09/2011

Treviso lì 24/09/2011 Associazione Nazionale SINDACATO Professionisti Sanitari della funzione Infermieristica SEDE REGIONALE DEL VENETO Via S.Nicolò 8 31100 Treviso Telefax: 0422 546607 cell 3291065446 Email: regionale.veneto@nursingup.it

Dettagli

Guida all elaborazione della Tesi

Guida all elaborazione della Tesi Università degli Studi di Torino Scuola di Medicina Dipartimento di Scienze della Sanità Pubblica e Pediatriche Corso di Laurea in Infermieristica Sedi Torino (Città della Salute, TO2, TO4) Guida all elaborazione

Dettagli

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche Coordinatore Didattico: Prof. Giancarlo Di Vella aa 2011/2012 Tesi Sperimentale

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO NELLE AZIENDE SANITARIE Le presenti linee di indirizzo regionali per la gestione del rischio clinico nelle Aziende Ospedaliere e nelle Aziende Unità

Dettagli

La figura dell OSS: dalla formazione teorica all addestramento pratico

La figura dell OSS: dalla formazione teorica all addestramento pratico RIPENSARE LA STERILIZZAZIONE DEI DM: Sfide Organizzative e soluzioni innovative La figura dell OSS: dalla formazione teorica all addestramento pratico Dr.ssa S. Remafedi Prima Parte s.remafedi@ao-pisa.toscana.it

Dettagli

Il piede diabetico: un approccio multidisciplinare. VITTORIA PARC HOTEL Via Nazionale, 10/F Palese - Bari

Il piede diabetico: un approccio multidisciplinare. VITTORIA PARC HOTEL Via Nazionale, 10/F Palese - Bari Corso di aggiornamento Provider n. 1218 Il piede diabetico: un approccio multidisciplinare Crediti formativi 13 Ore effettive di lezione 10 Partecipanti 100 05 aprile 2014 Orario 08.30 VITTORIA PARC HOTEL

Dettagli

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA Prefazione Alla fine degli anni 90, i programmi di controllo della tubercolosi (TBC) in Italia sono stati adeguati alla mutata realtà epidemiologica, caratteristica di un

Dettagli