Master di I livello Management nell area Infermieristica e Ostetrica, Tecnico Sanitaria, Preventiva e Riabilitativa

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Master di I livello Management nell area Infermieristica e Ostetrica, Tecnico Sanitaria, Preventiva e Riabilitativa"

Transcript

1 Master di I livello Management nell area Infermieristica e Ostetrica, Tecnico Sanitaria, Preventiva e Riabilitativa ANNO ACCADEMICO 2009/2010 PROGETTO Il miglioramento dell assistenza infermieristica al paziente portatore di stomia in Unità Operativa di Chirurgia Generale e Toracica Attivazione Ambulatorio Stomizzati Ognu trae ispirazione dal mondo che cosce meglio DOCENTE: Santullo Antonella STUDENTE: Magni Federica 1

2 Qualunque cosa tu possa fare o sognare di fare, incominciala, l audacia ha in sé genio, poter e magia, incomincia adesso GOETHE 2

3 INDICE PREMESSA INTRODUZIONE 1. STRUTTURA ORGANIZZATIVA 2. GRUPPO DI LAVORO 3. TEMPI DI REALIZZAZIONE 4. ORIGINE DEL PROBLEMA E ANALISI DATI DI PARTENZA 4.1 Descrizione ed analisi territorio AUSL di Rimini 4.2 Criticità rilevate nell Unità Operativa 4.3 Questionario valutativo 5. POLITICA DELL ORGANIZZAZIONE 5.1 Obiettivi 5.2 Azioni e mezzi 6. TEAM 6.1 Ruolo Enterostomista 6.2 Ruolo Chirurgo 6.3 Ruolo Dietista 6.4 Ruolo Assistente Sociale 3

4 6.5 Ruolo Psicologo 6.6 Ruolo Consulenti 6.7 Percorsi formativi 7. RISORSE MATERIALI 8. STRUMENTI OPERATIVI 8.1 Alterazioni peristomali (S.A.C.S) 9. PRESTAZIONI EROGATE 10. CRITERI E INDICATORI PER LA VERIFICA DEI RISULTATI FINALI 10.1 Questionario di valutazione ALLEGATI A. Carta internaziala dei diritti dello atomizzato B. Diagramma di Gantt C. Scheda Progetto D. Opuscolo Ambulatorio Stomizzati CONCLUSIONI BIBLIOGRAFIA 4

5 Ci so viaggi che si devo fare, n importa quanto iosi posso essere, se si voglio coltivare dei contatti, raggiungere dei risultati, è indispensabile muoversi Sergio Bambarèn (Il guardia del faro) PREMESSA Partendo dall Analisi Organizzativa effettuata durante il mio secondo tirocinio nell Unità Operativa Chirurgia Generale e Toracica dell Ospedale di Riccione è stata evidente la presenza di una criticità per quanto concerne l evidente mancanza di continuità di un percorso per i pazienti portatori di stomia in quanto essi usciti dall U.O. di Riccione vengo presi in carico dal centro AISTOM di Rimini. È molto sentita la presenza di una frattura di percorso sia per gli operatori sia per i pazienti che spesso esprimo la sensazione di essere abbandonati. Per questo motivo ho deciso di partecipare alla realizzazione di un progetto di miglioramento già iniziato all inter dell Unità Operativa ma al quale ho partecipato attivamente, infatti oltre alla stesura del progetto qui di seguito riportato ho realizzato un opuscolo informativo che verrà presentato in allegato necessario per l attivazione del servizio. 5

6 Occorre compiere fi in fondo il proprio dovere, qualunque sia il sacrificio da sopportare, costi quel che costi, perché è in ciò che stà l essenza della dignità umana G.Falcone INTRODUZIONE Il termine progetto indica una combinazione di risorse umane e materiali, aggregate per raggiungere obiettivi definiti, in vincoli temporali, attraverso un preciso approccio metodologico e in un contesto organizzato predefinito. Ogni progetto ha un suo ciclo vitale: nascita o impostazione, pianificazione, realizzazione e valutazione. Molto importante è il gruppo di miglioramento che deve avere una sua visibilità, in quanto n è un sistema chiuso, ma comunica con l ambiente ester con cui deve interfacciarsi per la realizzazione del progetto e la diffusione dei progressi raggiunti. Il progetto di miglioramento n si può contare per la sua staticità, ma per il suo dinamismo, che risiede nella verifica, in tempi definiti a priori, della distanza del valore di partenza, la meta conseguita e l obiettivo che ci si era posti. In particolare, la definizione dei tempi di realizzazione è una variabile molto importante, n soltanto in vista delle assenze del personale o di un particolare periodo dell an, quanto in considerazione delle aspettative delle risorse umane che, pur n partecipando al gruppo di progetto, devo essere coinvolte ed esprimere un consenso sulle azioni che dovran attivare. Soprattutto, iltre, occorre puntare sui benefici che deriva dal potenziale miglioramento: nessu è disposto a cambiare o impegnarsi se n intravede dei risultati tangibili. Pertanto la fase d implementazione di un progetto di miglioramento richiede l avvio di strategie che favorisco l individuazione di resistenze al cambiamento; resistenze prevedibili e gestibili attraverso l informazione, la formazione, il supporto tecnico per l implementazione, la diffusione dei risultati ottenuti e un adeguato sviluppo dei sistemi premianti. Dalla criticità rilevata nell analisi organizzativa per quanto riguarda i servizi in uscita cioè la mancanza di un ambulatorio per stomizzati è stato creato questo progetto: il miglioramento dell assistenza infermieristica al paziente portatore di stomia in U.O. di Chirurgia Generale e Toracica. Di seguito verran descritte tutte le fasi della descrizione di questo progetto, i metodi e le strategie messi in atto. In allegato verrà messo il Diagramma di Gantt del progetto, la scheda progetto e l opuscolo informativo da me realizzato. 6

7 Non ci sia approccia al sapere per dovere A. Santullo 1. STRUTTURA ORGANIZZATIVA Il progetto viene svolto nell Unità Operativa Chirurgia Generale e Toracica del Presidio Ospedaliero di Riccione facente parte del Dipartimento Internistico I. Per un Analisi dettagliata dell organizzazione fare riferimento alla Analisi Organizzativa dell Unità Operativa che allegherò al progetto. 2. GRUPPO DI LAVORO È un gruppo di lavoro interdisciplinare Responsabili di progetto - Bernardi Benilde (Coordinatrice) - G.Luca Garulli (Direttore di U.O.) Infermieri referenti del progetto - Manfredda lvia - Villa Michele Infermieri partecipi al progetto - Berardi Ivana - Crescentini Sara - Fabbrucci Morena - Sanchini Loretta - Amadori Barbara 3. TEMPI DI REALIZZAZIONE Il progetto è stato ideato nell an 2008, la data di inizio può essere identificata nel mese di febbraio 2010 con realizzazione finale alla fine dell an in corso. Possiamo avere un analisi dell andamento temporale del progetto attraverso u strumento di monitoraggio e controllo dell evoluzione di esso che è il Gantt. Infatti lo scopo di questo strumento è proprio quello di tenere sotto controllo con un semplice sistema di rappresentazione lo sviluppo nel tempo di attività pianificate. In questo modo tutte le attività che compongo un determinato processo vengo elencate in modo che se ne possa coscere la durata prevista e la sequenza di svolgimento. Diagramma di Gantt in Allegato. 7

8 4. ORIGINE DEL PROBLEMA E ANALISI DEI DATI DI PARTENZA 4.1 Descrizione e analisi territorio AUSL Rimini L Azienda USL di Rimini è l ente strumentale attraverso cui la Regione assicura livelli essenziali e uniformi di assistenza nell ambito territoriale della provincia di Rimini. L Azienda è articolata in due presidi ospedalieri che comprendo 5 stabilimenti di ricovero, organizzati in 10 dipartimenti. L ambito territoriale dell AUSL comprende 27 comuni, 14 sotto il presidio di Riccione con abitanti, 13 sotto il presidio di Rimini con , l estensione territoriale è di 863,58 Km 2. L azienda ospedaliera attualmente è provvista di un unico centro di riferimento per la stomaterapia, ubicato nell ospedale di Rimini. Analizzata l estensione territoriale dei due distretti, si può supporre che l apertura di un nuovo centro che lavori in collaborazione con quello già esistente possa solo migliorare la fruibilità del servizio, la qualità dell assistenza soddisfacendo in modo peculiare i bisogni della popolazione, valorizzando i professionisti e utilizzando in modo ottimale le risorse umane e strumentali già disponibili. Utenza Dall analisi dettagliata dell utenza afferente all AUSL si evince che il numero totale di stomizzati è di 219 divisi nei diversi Distretti. 8

9 4.2 Criticità rilevate nell Unità Operativa La complessità dei problemi assistenziali, presentati dal paziente chirurgico, è dovuta a una serie di fattori quali: Aumento età anagrafica Sviluppo teclogia e raffinatezza tecniche chirurgiche Effettuazione interventi complessi Diminuzione dei giorni medi di degenza Questo ha imposto una revisione della modalità assistenziale adottata. I risultati di revisione so protesi a porre al centro dell assistenza il paziente, per garantire la soddisfazione dello stesso e la soddisfazione dell operatore, che deve essere in grado di erogare un assistenza efficace, appropriata, di qualità e coerente ai bisogni e ai problemi di salute manifestati dal paziente stesso, attraverso la presa in carico, garantendo così la continuità assistenziale con l utilizzo di strumenti appropriati e l integrazione pluri professionale. Per raggiungere i risultati attesi si è dovuto riflettere sulla pratica assistenziale adottata, basata sulla metodologia per compiti FUNCTIONAL NURSING, l analisi ha evidenziato punti di debolezza della metodologia in esame, principalmente scarsa continuità assistenziale, scarsa coscenza delle problematiche globali dell assistito, scarsa valutazione delle prestazioni erogate. E stato quindi identificato e sviluppato un nuovo metodo organizzativo assistenziale MODULAR NURSING. L infermiere attraverso questo metodo assume la responsabilità di tutte le cure infermieristiche erogate durante il tur di servizio. E stata iltre inserita la figura del CASE MANAGER, infermiere responsabile delle case management, in altre parole della metodologia di gestione dell assistenza sanitaria, chi coordina, valuta le attività e i servizi necessari a soddisfare le esigenze di salute, educative, di cura dei pazienti utilizzando le risorse disponibili, la comunicazione efficace e la relazione con le interfacce per promuovere risultati di qualità. è iltre dovuto: riflettere sulle coscenze scientifiche per approfondirle, integrarle, con corsi di aggiornamento; rivedere procedure e acquisire strumenti operativi che permetto di adottare un linguaggio comune e di uniformare i comportamenti; aumentare l integrazione tra professionisti attraverso il confronto partecipando ad AUDIT settimanali; identificare, in base alla patologia, percorsi clinici assistenziali specifici. 9

10 Analizzando il percorso clinico assistenziale del paziente candidato a intervento chirurgico intestinale con confezionamento di stomia, si so evidenziate alcune criticità, legate prevalentemente alla mancanza di un percorso strutturato di presa in carico globale del paziente durante tutto il suo iter, che ha inizio nella fase pre operatoria e continua dopo la dimissione con la riabilitazione ambulatoriale. Criticità: Informazione infermieristica assistenziale pre operatoria assente o scarsa; Mappatura n eseguita; Ridotto tempo da dedicare allo stoma care, alla dimissione difficilmente il paziente o il familiare è in grado di gestire automamente la stomia Interruzione del percorso assistenziale alla dimissione; I problemi rilevati so stati attentamente analizzati dal gruppo infermieristico e con il direttore di U.O, si è giunti alla soluzione: istituire l ambulatorio di stomaterapia. 4.3 Questionario valutativo Attraverso la somministrazione di un questionario a un campione di 18 infermieri, facente parte dell U.O di chirurgia, si è valutato: la percezione della qualità dell assistenza erogata e del tempo dedicato, in reparto, alla riabilitazione al paziente stomizzato, la percezione della coscenza scientifica e dell utilità di ampliare le proprie coscenze, la necessità di istituire un ambulatorio dedicato alla stomaterapia e la volontà di aderire al gruppo di lavoro. Vengo di seguito illustrati i risultati ottenuti: Come valuta la qualità delle sue coscenze scientifiche nel campo delle derivazioni intestinali esterne? 17% 0% 0% 16% scarsa 67% mediocre soddisfacente buona eccellente Come valuta l importanza di poter partecipare a corsi di specializzazione e aggiornamento riguardanti le derivazioni intestinali esterne? 0% 0% 56% 0% 44% n rilevante poco rilevante abbastanza rilevante rilevante molto rilevante 10

11 Come valuta l efficacia del percorso di educazione sanitaria e il programma di gestione della stomia attuato in reparto durante il breve periodo di degenza? 0% 6% 33% 28% 33% scarsa mediocre soddisfacente buona eccellente Ritiene che il tempo da poter dedicare al cliente neostomizzato e al care giver, per attuare un educazione sanitaria mirata durante la degenza in reparto sia 16% 17% 28% 0% 39% scarsa mediocre soddisfacente buona eccellente Ritiene che il cliente neostomizzato e il care giver alla dimissione sappia gestire la stomia in modo 11% 0% 17% scarsa mediocre 28% soddisfacente 44% buona eccellente Come valuta la rilevanza di istituire un ambulatorio dedicato allo stoma terapia nell ambito dell U.O 0% 0% 0% 72% 28% n rilevante poco rilevante abbastanza rilevante rilevante molto rilevante 11

12 Come valuta l importanza di disegnare un percorso di presa in carico della persona con stomia che parte dalla fase pre operatoria e prosegue sin dopo la dimissione con la fase riabilitativa? 0% 0% 0% 17% 83% n rilevante poco rilevante abbastanza rilevante rilevante molto rilevante La possibilità per il paziente stomizzato di poter continuare il percorso di cura, con le stesse figure professionali con cui ha istituito un rapporto nella fase di pre ospedalizzazione, lo ritiene 0% 72% 0% 11% 17% n rilevante poco rilevante abbastanza rilevante rilevante molto rilevante Come valuta l efficacia della collaborazione all inter dell ambulatorio, di figure professionali specializzate per la riuscita del processo di cura e educazione del paziente? 17% 0% 0% 16% scarsa mediocre 67% soddisfacente buona eccellente Come valuta l importanza di applicare protocolli e procedure specifiche per la cura dello stoma? 0% 0% 6% 50% 44% n rilevante poco rilevante abbastanza rilevante rilevante molto rilevante 12

13 Crede di voler far parte del progetto ambulatorio? 39% 61% si Elaborati i dati ottenuti e interpretati, si giunge alla conclusione che pur ritenendo prevalentemente soddisfacente/buona l efficacia del percorso di educazione sanitaria e il programma di gestione della stomia attuato in reparto, la maggioranza degli infermieri valuta scarso il tempo, da poter dedicare al cliente neo- stomizzato e al care giver, per attuare un educazione sanitaria mirata, infatti la preparazione di questi ultimi sulla gestione della stomia alla dimissione è considerata mediocre dal 44% dei professionisti. Viene giudicata molto rilevante (72%) l importanza dell istituzione di un ambulatorio dedicato, dove attraverso la presa in carico (83% molto rilevante) il paziente possa continuare il suo percorso di cura, educazione e riabilitazione. Il 72% degli operatori valuta come molto rilevante la possibilità, per il paziente stomizzato, di poter continuare il percorso di cura, con le stesse figure professionali con cui ha istituito un rapporto nella fase di pre-ospedalizzazione. Il 61% degli infermieri vuol partecipare attivamente al progetto ambulatorio e pur ritenendo, la qualità delle proprie coscenze scientifiche, nel campo delle derivazioni intestinali esterne, soddisfacente, la totalità valuta rilevante/ molto rilevante la possibilità di partecipare a corsi di aggiornamento. L indagine ha quindi evidenziato la sentita necessità da parte degli infermieri di realizzare, attraverso interventi specifici, automi, complementari, collaborativi (la quasi totalità del gruppo considera rilevante/molto rilevante la collaborazione interprofessionale), di natura tecnica, relazionale e educativa, un assistenza mirata che valuti e soddisfi, in tempi adeguati e in spazi dedicati n solo i bisogni manifestati da ogni singolo utente, ma anche il bisog del professionista di trovare senso e soddisfazione nella propria attività. 13

14 5. POLITICA DELL ORGANIZZAZIONE La responsabilità relativa alla politica di una organizzazione di Servizi e l impeg di attuarla competo ai più alti livelli direttivi che supporteran il personale del nuovo Servizio al fine di sviluppare una corretta politica relativa a: livello di Servizio da fornire immagine dell organizzazione del Servizio e della sua reputazione obiettivi e approccio da adottare nel loro perseguimento ruolo del personale responsabile dell erogazione del servizio La realizzazione di una politica richiede l individuazione degli obiettivi da conseguire e dei relativi mezzi necessari per tale conseguimento. 5.1 Obiettivi Gli obiettivi primari dovrebbero comprendere: 1) il soddisfacimento dell Utente (vedi definizione a seguire) in conformità alle rme ed all etica professionale 2) il continuo miglioramento del Servizio 3) l attenzione ai requisiti sociali e dell ambiente 4) l efficienza nella prestazione del servizio 5) l automia da parte del servizio riguardo le prescrizione dei presidi con modulistica regionale autorizzata dalla direzione sanitaria. In dettaglio: 1) Definizione ed esigenze dell Utente stomizzato. La presenza di una stomia determina nel paziente la comparsa di problemi sia di natura funzionale che psicologica. Il più importante dei problemi funzionali è la perdita della continenza fecale, per cui l emissione delle feci e di gas avviene attraverso la stomia in modo del tutto incontrollato. Questi problemi so talora aggravati da una posizione n corretta della stomia per cui viene compromessa l apparecchiabilità della stomia stessa. Altra condizione compromettente l apparecchiabilità, ed anche il buon funzionamento della stomia, è la comparsa di complicanze. Le complicanze più comuni so: stesi per progressivo restringimento cicatriziale della sutura muco-cutanea; 14

15 retrazione con affossamento nell addome del viscere anastomizzato alla cute; prolasso all ester del viscere utilizzato per la stomia; ernia peristomale; dermatite a carico della cute peristomale; fistolizzazione con formazione di tramiti che van dal moncone enterico si alla cute o al sottocutaneo circostanti. Per quanto concerne i problemi di ordine psicologico, questi so legati al fatto che la stomia costituisce un handicap legato all intervento medico, comporta una grave modificazione dello schema corporeo e determina compromissione della continenza fecale. La stomia è infatti una memazione tevolmente conturbante per il paziente. Questi infatti può avvertire l handicap come una sorta di punizione, come conseguenza di qualche colpa. La stomia si è aggiunta alla malattia o ha costituito la malattia ed è seg evidente di emarginazione, più che la malattia stessa. L intervento chirurgico ha iltre comportato una modificazione dello schema corporeo perché: da una parte ha tolto qualcosa dall altra ha creato una stomia. Il fatto che sia stato tolto qualcosa comporta sempre ansia; la presenza della stomia oltre a ciò altera in modo visibile il proprio schema corporeo a livello cutaneo. La cute, vista come barriera protettiva nei riguardi del corpo, n è più integra, presenta un buco, una zona di debolezza. Il paziente si sente più vulnerabile e più esposto nel rapporto con gli altri. Per quanto concerne l emissione fecale, lo stomizzato si trova nelle condizioni del bambi, che n controlla l emissione delle proprie feci ma che n prova alcun senso di disgusto, avendo però già ben acquisito il concetto di tempo e luogo di emissione socialmente accettabile, per cui tende a rinchiudersi in se stesso e a isolarsi, riducendo o anche interrompendo i rapporti con l ambiente circostante. La situazione può risultare anche più grave se, come conseguenza di interventi demolitivi a livello pelvico, compaio disturbi urinari (incontinenza da stress, urgenza minzionale, incontinenza completa o ritenzione urinaria) o della sfera sessuale (deficit di erezione o eiaculazione precoce nell uomo, dispareunia nella donna). Turbe del comportamento sessuale posso derivare del resto dalla presenza stessa della stomia, questa infatti può creare nella donna la convinzione di n essere più fisicamente attraente e nell uomo l idea di n risultare comunque accetto dall altro sesso. Da quanto detto appare evidente che l atto terapeutico che rende necessaria la confezione di una stomia n deve terminare con l intervento chirurgico. Questo infatti può anche aver salvato la vita al paziente, ma fa poi del paziente stesso un handicappato con gravi difficoltà a gestire la propria stomia, ad accettare la nuova immagine corporea e a reinserirsi nella vita familiare e sociale. rende pertanto necessario predisporre un programma di riabilitazione che aiuti il portatore di stomia a risolvere i propri problemi sia funzionali che psicologici, programma che prevede l intervento coordinato del medico, dello psicologo, dell assistente sociale, dell infermiere professionale ed in modo particolare dell enterostomista. E importante che il paziente, una volta apprese le tecniche riabilitative, continui ad avere un rapporto regolare con i sanitari che lo han seguito, permettendo così di controllare 15

16 l andamento della riabilitazione, di diagsticare e di trattare in tempo eventuali complicanze e di avere un controllo adeguato sull andamento della malattia stessa. In questo modo al programma riabilitativo può agganciarsi un altrettanto importante programma di prevenzione secondaria. Occorre iltre informare il paziente che può praticare tutte le attività che era solito eseguire prima dell intervento, sia esse di natura sportiva o, e che la stomia n interferisce in alcun modo sulla rmale vita sessuale. In caso di disturbi della sfera sessuale bisogna accertarne la natura e mettere in atto le più adatte misure di risoluzione. Tutto questo permette alla fine di far si che il paziente accetti la sua nuova condizione, sapendo che per qualsiasi problema che possa insorgere, n ultimo la prescrizione della fornitura trimestrale di presidi di raccolta, ha un punto di riferimento a cui rivolgersi, dove vi so persone competenti, ma soprattutto dove esiste un reale rapporto uma, e dove ha potuto ritrovare la forza di iniziare a vivere la nuova realtà che si è venuta a creare con tutta la serenità necessaria. 2) Mantenimento di una immagine di organizzazione e di livello professionale elevato e di efficienza nella prestazione del servizio. Per ottenere ciò è necessario che l organizzazione del Servizio risponda alle aspettative richieste e cioè che sia possibile ottenere un personale preparato professionalmente alla gestione di pazienti portatori di una stomia; alcune figure professionali so quindi indispensabili all inter della organizzazione, quali: enterostomista medico assistente sociale psicologo dietista 3) Conformità del Servizio ai progetti sviluppati ponendo attenzione ai requisiti sociali e ambientali con attenzione all ottimizzazione dei costi. 4) Grazie ad un impeg collettivo costante all inter dell organizzazione, promovendo, un continuo riesame inter al Servizio dei requisiti e dei risultati conseguiti per individuare opportunità di miglioramento. 5) Acquisizione della modulistica regionale, tramite Direzione Sanitaria, per la prescrizione diretta dei presidi. 16

17 5.2 Azioni e mezzi dovuto quindi procedere a: Identificare personale coinvolto nel progetto; Identificare le competenze, sapere, saper fare, saper essere; Identificare i bisogni formativi; Identificazione locale; Identificazione attrezzature necessarie già esistenti e presenti in loco; Forniture di materiale appropriato per medicazioni e materiale protesico; Identificare prestazioni erogate; Creazione di un software per la gestione del paziente (messa in ta, schede, controlli ecc.). I mezzi per poter raggiungere tali obiettivi prefissati consisto: Disporre di una attività per assicurare un efficace controllo della qualità delle prestazioni erogate mediante revisioni interne da parte del personale impiegato nel Servizio e indicazioni utili da parte dell Utente. Il Responsabile dell ambulatorio stabilisce la necessità di periodici incontri cui devo partecipare tutte le figure professionali coinvolte nel progetto; tali incontri so utili per mettere a fuoco eventuali incongruenze tra le prestazioni erogate ed i requisiti previsti nel progetto, valutare l andamento delle attività, valutare la preparazione del personale e le motivazioni che spingo ogni singola figura a proseguire nel progetto. E importante che durante tali incontri n si verifichi la prevalenza di una figura professionale rispetto ad un altra, bensì ogni singolo individuo deve identificarsi in un ruolo preminente e complementare agli altri, per evitare femeni di prevalenza che posso falsare la valutazione del Servizio ma soprattutto far decadere le motivazioni del singolo che avverta il proprio ruolo come secondario. Ulteriore attività è la raccolta delle indicazioni fornite dall Utente, effettuate mediante questionario animo. Tale questionario è elaborato dal Responsabile del Servizio in associazione con tutto il personale coinvolto ed in esso so richieste valutazioni sull attuale stato del Servizio sia per quanto concerne le prestazioni vere e proprie sia per quanto concerne i rapporti sanitari/utente e dove quest ultimo possa esprimere pareri riguardanti eventuali modifiche per migliorare il Servizio. 17

18 Stabilire e mantenere ambienti lavorativi idonei tali da incoraggiare tutti i dipendenti a perseguire continui miglioramenti nella qualità delle prestazioni. La Direzione si assume la responsabilità di mettere a disposizione un locale Ambulatorio adeguato nel quale possa essere effettuate tutte le prestazioni previste, con un locale Servizi Igienici annesso, nel quale sia possibile insegnare le procedure della irrigazione della stomia. Requisito importante di tali locali doveva essere la completa presenza di privacy per il paziente il quale vive l esperienza del Servizio come rapporto intimo con il personale sanitario che in quel momento si occupa di una situazione particolare del suo essere. La Direzione deve essere a coscenza che un ambiente lavorativo idoneo, oltre a soddisfare le esigenze dell Utente, rinforza le motivazioni che spingo il personale a perseguire la qualità della prestazione erogata. 18

19 6. TEAM IL team è un insieme di professionisti uniti da u scopo specifico, animati dall abilità di lavorare insieme, volto a ricercare, l ottimizzazione nell utilizzo delle risorse a disposizione, le modalità migliori di risposta alle esigenze dei bisogni di salute del paziente, ottenendo risultati di alto livello Le figure professionali presenti nell U.O saran : infermiere, infermiere enterostomista, chirurgo, consulenti. Se si renderà necessaria la consulenza di specialisti, n operanti attivamente e costantemente nell ambulatorio,per rispondere ad esigenze particolari, che talora si posso instaurare durante il rmale andamento della malattia di base, ci si interfaccerà quindi con le specifiche U.O. o i servizi preposti. Personale Una risorsa molto importante in ogni organizzazione è costituita dalle singole persone coinvolte; ciò è particolarmente importante in una organizzazione di Servizi in cui il comportamento e le prestazioni dei singoli individui influisce direttamente sulla qualità del Servizio stesso. Per migliorare la motivazione, lo sviluppo, la comunicazione e le prestazioni del personale la Direzione dovrebbe stabilire una pianificazione per l aggiornamento del personale ed incoraggiare il miglioramento delle prestazioni erogate mediante ricoscimenti ed incentivi. È compito del Responsabile del servizio accertare periodicamente fattori di motivazione del personale nel provvedere alla qualità del servizio 6.1 Ruolo Enterostomista Viene individuata, come figura di enterostomista, in accordo con la AFD dell UO di Chirurgia la IP.., dipendente dell AUSL quale IP presso l UO di Chirurgia, che dovrà essere formata necessariamente presso i Corsi Universitari di Enterostomista che so gli unici legalmente ricosciuti per tale qualifica. Viene iltre individuata l IP.., dipendente dell AUSL quale IP presso l UO di Chirurgia, quale Infermiere Professionale Esperta di riferimento. Il ruolo dell enterostomista consiste nel pianificare e rendere attivo un programma riabilitativo educativo, nei confronti della persona portatrice di stomia, la quale deve acquisire delle competenze e mettere in atto delle azioni, che gli consento di gestire correttamente lo stoma e il mondo a esso connesso. Nel 1998 l O.M.S ha stabilito che l educazione terapeutica consiste nell aiutare il paziente e la sua famiglia a comprendere la malattia, il trattamento, a collaborare alle cure, a farsi carico del proprio stato di salute e a 19

20 conservare e migliorare la propria qualità di vita. L attività educativa è quindi un processo interattivo incentrato su chi acquisisce capacità di autocura, tramite un trasferimento pianificato di competenze dai curanti al paziente. Più il paziente riesce ad apprendere ad assimilare zioni e tecnica, più aumenta la sua responsabilità e la sua sicurezza e si riduce la sua dipendenza dal professionista. I vantaggi di un educazione terapeutica pianificata e strutturata so quelli di prevenire, ridurre o annullare le complicanze, ridurre i costi di gestione, ridurre lo stato di dipendenza dell assistito. La riabilitazione si attua su due sfere distinte: la fisica e la psicologica, inizia prima dell intervento e continua fi a che la stomia è in sede o fi a che la persona stomizzata rimane in vita. Il processo riabilitativo è attuato per e con il paziente stesso e i suoi familiari. Il pia di riabilitazione è articolato in più fasi: 1.fase PRE-OPERATORIA: informazione; posizionamento della stomia; 1.a L informazione Il ricovero ospedaliero è per il paziente motivo di ansia, che è correlata ai seguenti fattori: ambiente estraneo, incertezza della diagsi e della progsi, insufficienti informazioni, paura dell igto come sarà il domani.cosa mi aspetta?..., alterazione del concetto di se e del modello della sessualità, rischio di isolamento sociale, rischio di inefficace gestione dello stoma. L emotività della persona che entra in ospedale con ricovero programmato è diversa da quella che accede in regime di ricovero d urgenza. Nel primo caso la brevità dei tempi n da modo di elaborare approcci psicologici particolari. La fase informativa è la prima del processo riabilitativo e può condizionare la riuscita di tutto il processo, va quindi eseguita con accuratezza. Il primo impatto con il personale sanitario è di fondamentale importanza, per ottenere un futuro rapporto di fiducia e stima necessari per essere accettati come guida e aiuto durante la malattia e la riabilitazione. n dal primo incontro, si deve instaurare una comunicazione efficace in modo tale che la persona, che dovrà sottoporsi ad intervento chirurgico, spinta dalla necessità di sapere, possa esprimere paure, dubbi perplessità e ricevere risposte esaustive. Le capacità relazionali e d ascolto consento di ricavare informazioni utili al fine di identificare i bisogni e pianificare, utilizzando idonei strumenti, gli interventi terapeutici. Ascoltare significa prestare attenzione al messaggio totale, che è trasmesso attraverso la comunicazione verbale e n verbale, saper ascoltare significa essere in perfetta sintonia con l altro, mettersi a sua disposizione. Essere realmente utile e d aiuto all altro vuol dire attendere, rispettare i tempi e il silenzio perché ogni soggetto avendo una sua unicità reagisce in modo diverso alla e alla sua malattia. La comunicazione sentita e voluta diviene elemento di conforto, d informazione, di coscenza, aiuta la persona a sentirsi accolta, accettata. E bene ricordarsi che il paziente n si attende e n vuole un amico, ma un professionista, preparato, capace, che rispetta la sua soggettività di percezione e reazione al dolore, all ospedalizzazione, allo status di malato, cui potersi affidare fiducioso. La fiducia dipenderà molto anche dalla coerenza, franchezza, disponibilità e attendibilità umana dimostrate da tutta l équipe sanitaria. Il concetto di empatia espresso da Rogers sentire come se ci deve guidare nella stra professione, la troppa distanza o la troppa vicinanza nei confronti del paziente n permette al 20

Il ruolo del colloquio informativo e del disegno pre-operatorio

Il ruolo del colloquio informativo e del disegno pre-operatorio Il ruolo del colloquio informativo e del disegno pre-operatorio Il colloquio informativo e la fase pre-operatoria L esordio di una malattia, è un momento difficile, caratterizzato inizialmente dallo stress

Dettagli

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio Problema Bisogni Risposta Piano personalizzato

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

PROGETTO NELL AMBITO DELLE CURE DOMICILIARI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE

PROGETTO NELL AMBITO DELLE CURE DOMICILIARI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE

IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE VI Incontro Formativo LA VISIONE OLISTICA DELLA CURA: IL MALATO LA LESIONE CUTANEA CRONICA IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE Coordinatore Infermieristico Cure Domiciliari ASL

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI

PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI titolo documento PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI SCOPO e CAMPO DI APPLICAZIONE Lo scopo della presente procedura è di definire le modalità con cui la Cooperativa Promozione Lavoro gestisce

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica Sezione Formativa di Ravenna Forlì Cotignola REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Premessa L'attività formativa

Dettagli

Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale

Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale Indagine di soddisfazione rivolta agli utenti dei servizi di degenza INTRODUZIONE L applicazione di strumenti per la rilevazione della soddisfazione

Dettagli

Il ruolo dell infermiere specializzato nell educazione educazione terapeutica

Il ruolo dell infermiere specializzato nell educazione educazione terapeutica Il ruolo dell infermiere specializzato nell educazione educazione terapeutica Satta Hai Anna SDD A.O. Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi - Varese Nella legge n, 42 del 26/02/ 99 scompare la parola

Dettagli

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso Maria Angela Becchi Taranto

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Percorsi di cura e assistenza tra ospedale e territorio: Il ruolo dei professionisti della sanità a supporto della conciliazione famiglia - lavoro

Percorsi di cura e assistenza tra ospedale e territorio: Il ruolo dei professionisti della sanità a supporto della conciliazione famiglia - lavoro Percorsi di cura e assistenza tra ospedale e territorio: Il ruolo dei professionisti della sanità a supporto della conciliazione famiglia - lavoro Nuove forme di presa in carico infermieristica per accogliere

Dettagli

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale PREMESSA Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche

Dettagli

Innovazione organizzativa nelle cure primarie:

Innovazione organizzativa nelle cure primarie: Innovazione organizzativa nelle cure primarie: Il progetto di modernizzazione NOA dell Area Vasta Emilia Centro 2010-2012 obiettivi e risultati Maria Chiara Tassinari Convegno Nazionale AICM Riccione 25-26

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche Coordinatore Didattico: Prof. Giancarlo Di Vella aa 2011/2012 Tesi Sperimentale

Dettagli

L infermiere case-manager: l esperienza dell Unità Spinare Unipolare dell A.O. Niguarda di Milano

L infermiere case-manager: l esperienza dell Unità Spinare Unipolare dell A.O. Niguarda di Milano L infermiere case-manager: l esperienza dell Unità Spinare Unipolare dell A.O. Niguarda di Milano Noemi Ziglioli, Coordinatore Infermieristico USU Niguarda, Milano Giovanna Bollini, Direttore DITRA A.O.

Dettagli

Flavia Bencivenni Coordinatrice Lungodegenza Ospedale C.Magati Scandiano Azienda USL di RE

Flavia Bencivenni Coordinatrice Lungodegenza Ospedale C.Magati Scandiano Azienda USL di RE Flavia Bencivenni Coordinatrice Lungodegenza Ospedale C.Magati Scandiano Azienda USL di RE Capo I Articolo 2 L'assistenza infermieristica è servizio alla persona, alla famiglia e alla collettività. Si

Dettagli

Dott.ssa EMANUELA GARRITANI

Dott.ssa EMANUELA GARRITANI Dott.ssa EMANUELA GARRITANI L idea di trattare questo argomento è nata a seguito della prima esperienza di tirocinio, svoltasi presso la Residenza Sanitaria Assistenziale del Presidio Ospedaliero di Monfalcone,

Dettagli

CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO -

CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO - CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO - PERCORSO ASSISTENZIALE PER PAZIENTI TERMINALI Indice 2 1. Premessa 3 2. Attività dell Hospice San Marco 3 3. Obiettivi 4 4. Criteri di Ammissione

Dettagli

Funzionigramma Comunità Panta Rei

Funzionigramma Comunità Panta Rei Funzionigramma Comunità Panta Rei Sanitario Psicoterapia/Psichiatra: In collaborazione con la Psicoterapeuta/Psicologa/NPI si occupa della valutazione clinica degli utenti nella fase del preingresso e

Dettagli

Percorsi di innovazione nelle cure primarie Parma 21-22 ottobre 2011

Percorsi di innovazione nelle cure primarie Parma 21-22 ottobre 2011 Percorsi di innovazione nelle cure primarie Parma 21-22 ottobre 2011 Fabia Franchi Responsabile Servizio Assistenziale Tecnico e Riabilitativo AUSL di Bologna IL CONTESTO DELL AUSL DI BOLOGNA Superficie

Dettagli

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico 1 La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico Progetto per il sostegno e il rinserimento nella vita di relazione Equipe Multidisciplinare di I livello Sede di Roma Centro

Dettagli

Il problema dei farmaci

Il problema dei farmaci Presentazione del Manuale Gestione del Rischio Clinico e Sicurezza delle Cure negli Ambulatori dei MMG e PdF Roma, 16 marzo 2010 Auditorium Lungotevere Ripa, 1 Il problema dei farmaci Susanna Ciampalini

Dettagli

MOTIVAZIONE DEL SOCCORRITORE

MOTIVAZIONE DEL SOCCORRITORE Lunedì 17 Febbraio 2014 Misericordia nel Comune di Lari Corso di Formazione di livello Base e Avanzato ASPETTI RELAZIONALI NELL APPROCCIO AL PAZIENTE RELATORE Benedetto Deri, F.M.R.T. Misericordia nel

Dettagli

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA COMUNITA ALLOGGIO DEFINIZIONE DEL SERVIZIO La Comunità Alloggio si propone come soluzione strutturale idonea a rispondere nei casi in cui i genitori

Dettagli

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Essere fratelli di Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Contesto di riferimento e obiettivi generali La famiglia è senza dubbio il luogo più importante per la

Dettagli

COMUNICARE IL RISCHIO DI LESIONI DA PRESSIONE

COMUNICARE IL RISCHIO DI LESIONI DA PRESSIONE Al COMUNICARE IL RISCHIO DI LESIONI DA PRESSIONE Dott.ssa Marisa Prezza DIREZIONE CENTRALE SALUTE, INTERAZIONE SOCIOSANITARIA E POLITICHE SOCIALI E FAMIGLIA Area servizi assistenza ospedaliera Background(1)

Dettagli

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Alberto Alberto ANDREANI ANDREANI Via Mameli, 72 int. 201/C Via Mameli, 72 int. 201/C 61100 PESARO Tel. 0721.403718 61100 PESARO Tel. 0721.403718 e.mail andreani@pesaro.com e.mail andreani@pesaro.com Guida

Dettagli

Il Corso di Laurea in Infermieristica

Il Corso di Laurea in Infermieristica Sessione V: Il ruolo della formazione nella costruzione di una cultura geriatrica e multiprofessionale Il Corso di Laurea in Infermieristica Dott.ssa Paola Ferri Corso di Laurea in Infermieristica Università

Dettagli

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO L autovalutazione è una valutazione che fornisce un giudizio sull efficacia e sull efficienza dell Azienda e sul grado di

Dettagli

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE COMPETENZE GENERALI Competenze strumentali: Capacità di analisi e sintesi Programmazione e gestione del proprio tempo Conoscenze generali di base nel campo di

Dettagli

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali EROGATA DALLE STRUTTURE ORGANIZZATIVE COMPLESSE DI PSICOLOGIA, TERRITORIALI ED OSPEDALIERE, DEL S. S. N. E PER GLI INTERVENTI A FAVORE DELLO SVILUPPO DELL INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA. a cura di: Società

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO NELLE AZIENDE SANITARIE Le presenti linee di indirizzo regionali per la gestione del rischio clinico nelle Aziende Ospedaliere e nelle Aziende Unità

Dettagli

PROGETTO DI APPRENDIMENTO

PROGETTO DI APPRENDIMENTO PROGETTO DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE SALUTE MENTALE Settembre 2006 Il percorso di apprendimento in ambito clinico relativo al problema prioritario di salute malattia

Dettagli

Competenze generali delle professioni sanitarie SUP. Competenze professionali specifiche del ciclo di studio in Cure infermieristiche

Competenze generali delle professioni sanitarie SUP. Competenze professionali specifiche del ciclo di studio in Cure infermieristiche Competenze finali per le professioni sanitarie SUP Versione III 9 maggio 2011 Documenti tradotti dal testo ufficiale in lingua tedesca e francese pubblicato sul sito della Conferenza dei Rettori delle

Dettagli

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION L ITER FORMATIVO

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION L ITER FORMATIVO Capitolo 3 L ITER FORMATIVO Il programma di formazione degli osteopati ha la responsabilità di creare figure professionali del più alto livello. Il livello di preparazione dell osteopata professionista

Dettagli

Prove Esame di Stato

Prove Esame di Stato Prove Esame di Stato 2012 SEZ. A 1 Prova L Assistente Sociale specialista responsabile di un servizio sociale riceve dal proprio riferimento politico (Assessore alle politiche sociali) l incarico di redigere

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2009/2010 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI Rev. Data Causale Redazione Verifica Approvazione 00 Xx/xx/xxxx Prima emissione INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA RESPONSABILITÀ CAMPO DI APPLICAZIONE MODALITÀ

Dettagli

Più Trasparenza, meno rischi. Carta della qualità Cartella Clinica

Più Trasparenza, meno rischi. Carta della qualità Cartella Clinica Più Trasparenza, meno rischi Scelta del titolo del workshop: diritti al centro Necessità approfondire il tema nel giorno del Trentennale: segnalazioni dei cittadini, proposte di miglioramento condivise

Dettagli

Italia @ Europa Analisi comparata dell infermieristica di area critica. QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELL APPRENDIMENTO

Italia @ Europa Analisi comparata dell infermieristica di area critica. QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELL APPRENDIMENTO 23 Congresso Nazionale Aniarti Jesolo, 03 05 novembre 2004 Italia @ Europa Analisi comparata dell infermieristica di area critica. QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELL APPRENDIMENTO (La risposta corretta è

Dettagli

I bisogni del paziente oncologico

I bisogni del paziente oncologico I bisogni del paziente oncologico F Manzin, G Fabbroni, P Silli, MG Todisco, V de Pangher Manzini Unità Operativa di Oncologia Ospedali di Gorizia e di Monfalcone ASS n. 2 Isontina Lavoro condotto con

Dettagli

Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: prese di posizione

Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: prese di posizione Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: l Associazione Alzheimer Svizzera chiede un accompagnamento e un assistenza completi per i malati di demenza. Pensieri suicidi nelle persone affette da

Dettagli

L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico. Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it

L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico. Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it Il ruolo infermieristico È tra le figure professionali che si trova quotidianamente

Dettagli

Progetto di C.A.P. Distretto di Valenza

Progetto di C.A.P. Distretto di Valenza Struttura: SITRO (ambito territoriale Casale/Valenza) Responsabile: Dott.ssa Maria Elisena FOCATI PISANI Prot. PO Pagina 1 di 7 Progetto di C.A.P. Distretto di Valenza REDAZIONE, EMISSIONE, APPROVAZIONE,

Dettagli

L integrazione dell Operatore Socio Sanitario nel processo assistenziale Ruolo dell O.S.S nell ambito del piano assistenziale

L integrazione dell Operatore Socio Sanitario nel processo assistenziale Ruolo dell O.S.S nell ambito del piano assistenziale L integrazione dell Operatore Socio Sanitario nel processo assistenziale Ruolo dell O.S.S nell ambito del piano assistenziale Vito Petrara Principi di riferimento per l assistenza I principi di riferimento

Dettagli

PROGETTO SIMULTANEOUS HOME CARE. Dr Mauro Bandera Oncologo

PROGETTO SIMULTANEOUS HOME CARE. Dr Mauro Bandera Oncologo PROGETTO SIMULTANEOUS HOME CARE Dr Mauro Bandera Oncologo I progressi nella terapia dei tumori hanno portato ad una sopravvivenza a 5 anni dei 2/3 dei pazienti e di circa la metà a 10 anni dalla diagnosi.

Dettagli

ATTIVITA SPECIALISTICA

ATTIVITA SPECIALISTICA Allegato A) Profilo di Ruolo del Direttore di Struttura complessa ATTIVITA SPECIALISTICA DISTRETTO SOCIO-SANITARIO SUD Titolo dell incarico Direttore di struttura complessa di Attività Specialistica Luogo

Dettagli

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI per servizio di ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA REVISIONI N. Descrizione Data 0 Redazione documento 20 giugno 2012 1 Pagina 6, modifica prima riga 15

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA 2. Nuovo Progetto o Si X 3. Progetto già avviato o Si X 4. Se il Progetto dà continuità a servizi/strutture già attivati, indicare se amplia l ambito territoriale

Dettagli

Federazione Associazioni Italiane Paratetraplegici Associazione di Promozione Sociale

Federazione Associazioni Italiane Paratetraplegici Associazione di Promozione Sociale Il percorso clinico assistenziale riabilitativo L'Unità Spinale Unipolare (U.S.U.) rappresenta una struttura complessa unipolare espressamente destinata all'assistenza delle Persone con lesioni al midollo

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus

Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus La risoluzione dell enigma endometriosi. Per affrontare con successo l enigma endometriosi, occorre

Dettagli

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE CENTRO DI TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE Direttore: dott. Marco Bertolotto LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE Le Cure Palliative forniscono il sollievo dal dolore e da altri gravi

Dettagli

REGOLAMENTO DI TIROCINIO (DM 270/2004) Corso di Laurea in Infermieristica

REGOLAMENTO DI TIROCINIO (DM 270/2004) Corso di Laurea in Infermieristica UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA MEDICINA E CHIRURGIA Corso di Laurea in Infermieristica REGOLAMENTO DI TIROCINIO (DM 270/2004) Corso di Laurea in Infermieristica 1. Finalità Il tirocinio del Corso di

Dettagli

Carta Dei Servizi. Servizio Assistenza Domiciliare Educativa In favore di minori e delle loro famiglie. Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2.

Carta Dei Servizi. Servizio Assistenza Domiciliare Educativa In favore di minori e delle loro famiglie. Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2. Carta Dei Servizi Servizio Assistenza Domiciliare Educativa In favore di minori e delle loro famiglie Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2.0 Pagina 1 Premessa Il presente documento, denominato Carta dei

Dettagli

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica 1 di 7 INDICE 1 Pianificazione della realizzazione del prodotto... 2 2 Processi relativi al cliente... 2 2.1 Analisi dei bisogni, determinazione dei requisiti

Dettagli

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA IL SERVIZIO ADI NEL TERRITORIO DELL ISOLA BERGAMASCA Coord. Sanitario Dott.ssa Porrati Luisa Infermiera CeAD

Dettagli

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale Gli otto princìpi di gestione per la qualità possono fornire ai vertici aziendali una guida per migliorare le prestazioni della propria organizzazione. Questi princìpi, che nascono da esperienze collettive

Dettagli

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO 1)Finalità del servizio Il Servizio di Assistenza Domiciliare ha lo scopo di favorire il mantenimento al

Dettagli

Proposta di implementaziome del sistema qualità in cardiologia. Dott. A. Gandolfo

Proposta di implementaziome del sistema qualità in cardiologia. Dott. A. Gandolfo Proposta di implementaziome del sistema qualità in cardiologia Dott. A. Gandolfo Sistema Qualità Il Sistema Qualità è un sistema di gestione che ha lo scopo di tenere sotto controllo i processi di una

Dettagli

IL RUOLO DEL CAREGIVER. Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO?

IL RUOLO DEL CAREGIVER. Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO? IL RUOLO DEL CAREGIVER Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO? Per i pazienti un sostegno indispensabile Per i Medici un riferimento Per le Istituzioni

Dettagli

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio L intervento infermieristico sul territorio Dati Fondazione F.A.R.O. o.n.l.u.s. Nell anno 2005 sono stati seguiti a domicilio 850 Pazienti P.S. =>40 Età

Dettagli

Maria Cristina Cimicchi, Tiziana Risolo, Paola Saccò, Carlo Percudani Ambulatorio Diabetologico di Colorno, DCP AUSL di Parma

Maria Cristina Cimicchi, Tiziana Risolo, Paola Saccò, Carlo Percudani Ambulatorio Diabetologico di Colorno, DCP AUSL di Parma Educazione terapeutica strutturata nel diabete tipo 2. L'esperienza dell'ambulatorio infermieristico del Team diabetologico del Polo Sanitario di Colorno Maria Cristina Cimicchi, Tiziana Risolo, Paola

Dettagli

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca 1 Le Aziende USL di Modena e Reggio Emilia hanno sviluppato una

Dettagli

REPORT DI SINTESI RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE AOU SASSARI

REPORT DI SINTESI RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE AOU SASSARI REPORT DI SINTESI RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE AOU SASSARI Settembre/Ottobre 2009 QUESTIONARIO: Analisi della soddisfazione del paziente sul servizio. U.O. coinvolte

Dettagli

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia.

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia. Testo aggiornato al 15 dicembre 2005 Linee guida del Ministero della sanità 1 febbraio 1996 Gazzetta Ufficiale 20 febbraio 1996, n. 42 Linee guida in applicazione di quanto previsto nel Piano sanitario

Dettagli

- Perchè definire un modello ideale di assistenza

- Perchè definire un modello ideale di assistenza - Perchè definire un modello ideale di assistenza La Federazione UNIAMO, attraverso numerosi incontri e momenti di riflessione e confronto realizzati con le associazioni federate e non all interno di percorsi

Dettagli

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini Sistema di valutazione della performance individuale del personale dipendente Allegato 2 1 di 9 Oggetto della valutazione Il sistema di valutazione della performance

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3308

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3308 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3308 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore FLERES COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 21 MAGGIO 2012 Norme per l istituzione di strutture di riferimento per il

Dettagli

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI Regione del Veneto Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO DISTRETTO SOCIO SANITARIO OSPEDALE DI COMUNITA VALDAGNO CARTA DEI SERVIZI 1 Presentazione dell Ospedale di Comunità: L Ospedale

Dettagli

Libera Università del Volontariato e dell'impresa Sociale

Libera Università del Volontariato e dell'impresa Sociale Libera Università del Volontariato e dell'impresa Sociale Corso di formazione IL SUPPORTO INFERMIERISTICO NELLA COMUNICAZIONE E NEL RAPPORTO CON IL PAZIENTE E CON LA FAMIGLIA Docente: Emanuela Medici Sito

Dettagli

Treviso lì 24/09/2011

Treviso lì 24/09/2011 Associazione Nazionale SINDACATO Professionisti Sanitari della funzione Infermieristica SEDE REGIONALE DEL VENETO Via S.Nicolò 8 31100 Treviso Telefax: 0422 546607 cell 3291065446 Email: regionale.veneto@nursingup.it

Dettagli

DAL CASE MANAGER AL CARE MANAGER. Infermiera care manager in medicina interna Derossi Valentina

DAL CASE MANAGER AL CARE MANAGER. Infermiera care manager in medicina interna Derossi Valentina DAL CASE MANAGER AL CARE MANAGER Infermiera care manager in medicina interna Derossi Valentina La nostra storia inizia MARZO 2007 L infermiere CASE Manager in Medicina Interna (PROGETTO FLORENCE) CASE

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

UNITÀ OPERATIVA RIABILITAZIONE SCLEROSI MULTIPLA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE

UNITÀ OPERATIVA RIABILITAZIONE SCLEROSI MULTIPLA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE UNITÀ OPERATIVA RIABILITAZIONE SCLEROSI MULTIPLA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE 1/7 Premessa Il Dipartimento di Neuroscienze ha come obiettivo la prevenzione, la diagnosi, la cura, la riabilitazione e la

Dettagli

I percorsi organizzativi integrati

I percorsi organizzativi integrati Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Trento Dipartimento Anestesia e Rianimazione I percorsi organizzativi integrati XIX Congresso Nazionale SIFO Napoli 12-15 ottobre 2008 Lucia Sabbadin risposta

Dettagli

CPSE Cinzia Petazzoni CPS Eliana Paglia CPS Monica Pedroni

CPSE Cinzia Petazzoni CPS Eliana Paglia CPS Monica Pedroni CPSE Cinzia Petazzoni CPS Eliana Paglia CPS Monica Pedroni Il bambino non èun piccolo adulto Il diritto del bambino ad essere riconosciuto come persona permane anche nello stato di malattia. Questo si

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE ISTITUZIONALE DEL FISIOTERAPISTA PERIODO DI PROVA

SCHEDA DI VALUTAZIONE ISTITUZIONALE DEL FISIOTERAPISTA PERIODO DI PROVA SCHEDA DI VALUTAZIONE ISTITUZIONALE DEL FISIOTERAPISTA PERIODO DI PROVA Pagina 2 di 17 DIPARTIMENTO UNITA OPERATIVA..... COGNOME.NOME Periodo di prova dal.. al Valutazione formativa (3 mese) il Valutazione

Dettagli

MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP

MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP Master di I Livello in distance - IV EDIZIONE - A.A. 2015/2016 Premessa Le ragioni della realizzazione di un percorso formativo per un Master di primo

Dettagli

guida ai servizi di psichiatria adulti

guida ai servizi di psichiatria adulti Dipartimento di Salute Mentale guida ai servizi di psichiatria adulti del Dipartimento di Salute Mentale Copia Prodotta Internamente dal Servizio Informazione e Comunicazione Ausl Imola Luglio 2005 Suggerimenti,

Dettagli

Il medico di medicina generale, le cure domiciliari ed i bisogni non corrisposti. Ovidio Brignoli Mmg Brescia

Il medico di medicina generale, le cure domiciliari ed i bisogni non corrisposti. Ovidio Brignoli Mmg Brescia Il medico di medicina generale, le cure domiciliari ed i bisogni non corrisposti Ovidio Brignoli Mmg Brescia Se andiamo a vedere il dato anagrafico della popolazione assistita a domicilio nell ASL

Dettagli

LA RICERCA INFERMIERISTICA

LA RICERCA INFERMIERISTICA Prof. ssa Eufemia Renzi LA RICERCA INFERMIERISTICA DIAPOSITIVA N. 2 IL SIGNIFICATO DI RICERCA INFERMIERISTICA La ricerca infermieristica opera su due grandi aree interdipendenti: quella teorica nursing

Dettagli

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n.

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. 73) anno accademico 2008/2009 Aprile 2010 INDICE 1. Obiettivi 2. Metodologia

Dettagli

CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA Destinazione DOCUMENTAZIONE ACCREDITAMENTO ISTITUTO SITO WEB ISTITUTO 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 POLITICA DELLA QUALITA La scelta di dotarsi di un sistema di gestione

Dettagli

Questionario Informativo

Questionario Informativo Medicina del Dolore e Cure Palliative Questionario Informativo Gentile Signore, Gentile Signora, Le chiediamo solo pochi minuti del Suo tempo per compilare il presente questionario: poche domande che hanno

Dettagli

U.V.D. (Unità Valutativa Distrettuale) Valuta, Organizza e Coordina interventi Stabilisce case manager Verifica interventi

U.V.D. (Unità Valutativa Distrettuale) Valuta, Organizza e Coordina interventi Stabilisce case manager Verifica interventi Medici di Medicina Generale e Pediatri C.A.D. U.V.D. (Unità Valutativa Distrettuale) Valuta, Organizza e Coordina interventi Stabilisce case manager Verifica interventi Medici Specialisti Servizio Farmaceutico

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Stefano Mantovani

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Stefano Mantovani RUOLO E RESPONSABILITA DEGLI INFERMIERI NELL INSERIMENTO DEGLI OPERATORI DI SUPPORTO NELLE EQUIPE ASSISTENZIALI BRESCIA 7 E 8 OTTOBRE 2013 ESPERIENZA ASCSP MAGENTA SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

"Empowerment dei pazienti: il ruolo delle associazioni"

Empowerment dei pazienti: il ruolo delle associazioni "Empowerment dei pazienti: il ruolo delle associazioni" Mario Melazzini Direttore Scientifico Centro Clinico NeMo, Fondazione Serena, Azienda Ospedaliera Niguarda Ca Granda, Milano Il punto di partenza

Dettagli

Obiettivi di tirocinio clinico 1 Anno

Obiettivi di tirocinio clinico 1 Anno Università di Pisa Corso di Laurea in Infermieristica Presidente Francesco Giunta Obiettivi di tirocinio clinico 1 Anno 1 semestre Prestazioni Atti tecnici Obiettivi 1 Presa visione della -lettura degli

Dettagli

L INFERMIERE DI TRIAGE FUNZIONI- REQUISITI- FORMAZIONE..a cura di Giuseppe Lolaico. Matera 15 giugno 2010

L INFERMIERE DI TRIAGE FUNZIONI- REQUISITI- FORMAZIONE..a cura di Giuseppe Lolaico. Matera 15 giugno 2010 L INFERMIERE DI TRIAGE FUNZIONI- REQUISITI- FORMAZIONE..a cura di Giuseppe Lolaico Matera 15 giugno 2010 Linee guida 1/1996 (G.U. 17 maggio 1996) Linee Guida Per Il Sistema Di Emergenza Urgenza In Applicazione

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE

IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE Il presente documento, presentato in V commissione in occasione dell audizione del 23 settembre, si compone di due parti: Introduzione e

Dettagli

PROFILI PROFESSIONALI BIENNIO COMUNE

PROFILI PROFESSIONALI BIENNIO COMUNE PROFILI PROFESSIONALI ITAS Tecnico per le Attività Sociali Durata degli studi: 5 anni. Titolo di studio rilasciato: Diploma di Maturità Tecnica per Attività Sociali Indirizzo: a) Dirigenti di Comunità

Dettagli

Ruolo del Servizio Sanitario Nazionale nel supporto alle pazienti e alle famiglie. Roma, 25 Novembre 2014. Tiziana Sabetta

Ruolo del Servizio Sanitario Nazionale nel supporto alle pazienti e alle famiglie. Roma, 25 Novembre 2014. Tiziana Sabetta Ruolo del Servizio Sanitario Nazionale nel supporto alle pazienti e alle famiglie Roma, 25 Novembre 2014 Tiziana Sabetta Nulla rende più fragile e vulnerabile una famiglia dell esordio di una malattia

Dettagli

D.Lgs. 231/01 Normativa e Modello di organizzazione Sispi Codice Etico

D.Lgs. 231/01 Normativa e Modello di organizzazione Sispi Codice Etico 1. Principi generali La Sispi S.p.A., persegue la sua missione aziendale attraverso lo svolgimento di attività che hanno impatto sulla vita della collettività oltreché dei singoli. In tale percorso l esigenza

Dettagli