Modelli organizzativi dell assistenza infermieristica (case management) Fabio Giorgi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Modelli organizzativi dell assistenza infermieristica (case management) Fabio Giorgi"

Transcript

1 Modelli organizzativi dell assistenza infermieristica (case management) Fabio Giorgi

2 Modelli Organizzativi Assistenza funzionale Team nursing o piccole équipe Assistenza primaria (Primary Nursing) Assistenza modulare o per settori Assistenza per cellule Chronic Care Model Case Management

3 Modelli Organizzativi Assistenza funzionale I compiti principali sono assegnati dal coordinatore agli altri membri del gruppo di lavoro Team nursing o piccole équipe Si basa sulla collaborazione di più operatori nel prendersi cura di un certo numero di pazienti. Il gruppo è diretto da un Infermiere e può comprendere operatori con minore qualificazione (OSS,OTA) che fanno riferimento a tale figura Assistenza primaria (Primary Nursing) Alla base di questo sistema vi sono i principi di un assistenza personalizzata, continua e di alta qualità. Un Infermiere si occupa di un numero limitato di pazienti e funge da Infermiere Primario o referente

4 Modelli Organizzativi Assistenza modulare o per settori A differenza del Team Nursing l Infermiere non si limita a dirigere gli altri membri del gruppo, che possono essere infermieri generici, OSS, OTA, ma eroga direttamente l assistenza con il loro aiuto ad una parte dei pazienti. Ad ogni modulo (10-12 pazienti) è assegnato un piccolo gruppo di operatori Assistenza per cellule Le cellule si differenziano dai tradizionali reparti ospedalieri perché non sono suddivise per specialità ma sono disegnate per accogliere un alto numero di pazienti con caratteristiche e bisogni simili. L utilizzazione del personale deve rispondere a criteri di efficienza ed efficacia. Il coordinatore dovrà essere affiancato da infermieri che nelle situazioni più delicate si occuperanno del percorso assistenziale (ambulatori, pre-ospedalizzazione,ricovero, intervento, degenza, dimissione, assistenza territoriale, follow-up)

5 Modelli Organizzativi Chronic Care Model Questo modello ha come obiettivo finale un paziente informato ed in grado di autogestirsi, che interagisce con un team multiprofessionale preparato e proattivo, con prevedibili vantaggi in termini di efficienza, di efficacia e di appropriatezza degli interventi. Questo modello riguarda il territorio ed il domicilio ed è rivolto a persone affette da malattie croniche.

6 Modelli Organizzativi Chronic Care Model Sei importanti elementi: Collegamento delle organizzazioni sanitarie con risorse della comunità. Organizzazioni sanitarie che considerano importante la gestione della malattia in ambito extraospedaliero. Il supporto alla cura di sé da parte di pazienti che convivono con la loro patologia per molti anni. Organizzazione del Team (MMG, Infermieri, Educatori ) che distingua accuratamente la gestione programmata dei pazienti cronici dalla cura degli acuti. Standardizzare l attività del Team sulla base di linee guida provenienti dalle evidenze scientifiche (aggiornamento continuo). Presenza di sistemi informativi computerizzati per registri di patologia e pianificare la cura e l assistenza individuale.

7 Case Management Modello gestione del caso Sistema in cui un professionista (case manager) assume il ruolo di gestore del singolo caso diventando la figura di riferimento per il paziente, i famigliari e altri operatori sanitari con la funzione di spiegare il percorso, garantirne e coordinarne l applicazione, aiutare a superare i punti critici Principio organizzativo Responsabilizzazione professionale rispetto alla globalità del percorso assistenziale Assistenza diretta Concepita come governo di un percorso complesso e multiprofessionale Interazione tra operatori Fondamentale secondo la logica del team di lavoro e della progettazione assistenziale Informazioni scritte Individuali e documentate su cartelle del paziente

8 Case Management Informazioni orali scambi continui e confronti diretti Responsabilità l infermiere case manager assume la responsabilità diretta del governo del percorso assistenziale del paziente Controllo fondato sulla documentazione scritta e sulla supervisione del case manager

9 Case Management Vantaggi maggiori soddisfazioni per pazienti e staff migliore qualità assistenziale continuità nelle cure e conoscenza più approfondita delle persone Svantaggi richiede un maggior numero di infermieri richiede indipendenza e responsabilità richiede un organizzazione complessiva per percorsi

10 Léquipe In riferimento ai reparti ospedalieri psichiatrici e alle équipe che vi lavorano, Searles ha affermato che la terapia per i pazienti gravi richiede che determinate funzioni mentali vengano inizialmente attivate fuori dell individuo (nell équipe) e che solo successivamente l individuo se ne possa appropriare. Il paziente grave che riesce ad utilizzare l équipe per attivare processi mentali in cui è carente, probabilmente vive se stesso come tutt uno con l équipe. La fantasia di fusione con l équipe gli permette di fruire dell attività di elaborazione di quest ultima, senza sentire di avere a che fare con un oggetto altro, con qualcosa di diverso da sé. ( Claudio Neri 2004)

11 Léquipe Il modo più chiaro e più semplice di descrivere il tipo di situazione sociale che il paziente dall Io frammentato tende a creare nel reparto è considerare tale situazione sociale un processo per mezzo del quale la differenziazione e successivamente l integrazione dei diversi frammenti dell Io debbono aver luogo in larga misura all esterno del paziente stesso, nelle persone che lo circondano, prima che possano avvenire dentro di lui (Searles 1965)

12 Caratteristiche dell èquipe come base sicura Competenza nel fornire aiuto Capacità di accogliere e di riconoscere i bisogni dell utente Modalità empatiche di interazione Sintonia ( la capacità di lasciarsi portare dall altro ed il sintonizzarsi permettono di condividere esperienze interiori: ciò consente di sentirsi connessi, cioè in sintonia l uno con l altro) Sincronia (modalità temporali di intervento, tempestività e prontezza) Armonia delle azioni tra i membri dell èquipe (minimizzazione di contraddizioni operative) Non intrusività (percezione da parte dell utente di rispetto per la propria quota di autonomia) Stabilità dei suoi membri (minimizzazione della rotazione di operatori) Coerenza delle risposte fornite (minimizzazione del tasso di variabilità di risposte a stimoli simili da parte degli operatori)

13 Dimensioni dell assistenza infermieristica: Tecnica L elemento più importante dell assistenza non si ritrova nell esecuzione di tecniche, ma nel metodo (autonomia, responsabilità e decisionalità dei processi) e nello stile (che viene realizzata attraverso una relazione interpersonale autentica ed empatica con il malato) La tecnica è una componente essenziale sebbene non esclusiva dell assistenza infermieristica La qualità del prendersi cura non dipende dalla scelta della tecnica ma dal suo razionale inserimento in un rapporto professionale autentico, capace di riconoscere nella persona assistita non un oggetto ma un soggetto.

14 Dimensioni dell assistenza infermieristica: La Relazione La relazione è l Assistenza Infermieristica (Hildegard Peplau) La relazione e il rapporto di fiducia tra Infermiere e assistito si fondano sulla comunicazione e sulla pratica e tecnica dell ascolto. Atteggiamenti dell Infermiere secondo Carl Rogers: Considerazione positiva incondizionata: fiducia nelle capacità di ogni individuo di determinare autonomamente la propria salute e il conseguente clima di accettazione nel quale deve svilupparsi il rapporto tra Infermiere e persona assistita. Comprensione empatica: capacità di percepire correttamente lo schema di riferimento esistenziale dell altro e il suo modo soggettivo, come se ci si immedesimasse nell altra persona. Non valutazione e non direttività: capacità di non imprimere una propria direzione, di non suggerire a priori risposte a problemi, dimostrando di avere fiducia nelle capacità di auto-assistenza del malato.

15 Dimensioni dell assistenza infermieristica: L educazione Tutela e promozione della salute e della qualità della vita attraverso il processo educativo che ha per scopo lo sviluppo integrale ed armonico di ogni persona e, nella sua applicazione all assistenza sanitaria (educazione alla salute), la trasformazione delle potenzialità di ciascuno in concrete capacità di auto-cura e auto-assistenza. Risorse: Sapere conoscenze Saper fare abilità Saper essere motivazioni

16 Olismo Approccio filosofico e scientifico dell Infermiere L uomo viene visto come un insieme, una globalità fisica, psicologica, socioculturale e spirituale Il riduzionismo scientifico e della cultura sanitaria dominante non prende in considerazione questi aspetti Evidenziare questi limiti non vuol dire necessariamente assumere una posizione antiscientifica Il riduzionismo è un metodo di indagine scientifica che implica una riduzione per scomposizione dei costituenti elementari La concezione olistica non è antiscientifica ma si alimenta dei risultati della ricerca e si riferisce a teorie accreditate, in particolare ai modelli sistemici, che impongono di osservare e studiare i fenomeni complessi secondo relazioni di funzionalità e non di causalità.

17 Il metaparadigma del Nursing Cornice filosofica dell intera disciplina, dei suoi principi e valori di fondo La persona o il gruppo di persone assistite L ambiente in cui la persona vive o si trova nel momento in cui entra in rapporto con l Infermiere, sia quello inanimato, sia quello composto dalle persone ritenute significative dall assistito La salute L assistenza infermieristica

18 Hildegard Peplau relazione interpersonale professionale Orientamento: questa fase è influenzata dagli atteggiamenti dell infermiere e del paziente, cioè dalla loro reciproca disponibilità di dare e ricevere aiuto. L infermiere, il paziente e la famiglia devono lavorare insieme per identificare, chiarire e definire il problema esistente; tale interazione diminuisce l ansia e la tensione associate alla sensazione di bisogno e di incertezza. I fattori che influenzano il rapporto tra infermiere e paziente sono rappresentati da valori, cultura, razza, religione, educazione, esperienze prgresse, idee preconcette insite in ogni essere umano. Identificazione: la risposta del paziente nei confronti dell infermiere può essere di triplice natura: partecipare ed essere interdipendente, essere autonomo e indipendente, essere passivo e dipendente.

19 Hildegard Peplau relazione interpersonale professionale Utilizzazione: il paziente trae vantaggio dal rapporto terapeutico il quale deve essere mantenuto, privilegiando gli atteggiamenti di accettazione, comprensione e fiducia. L infermiere deve creare un atmosfera psicologicamente terapeutica, nella quale poter identificare e analizzare pensieri, emozioni, sentimenti e comportamenti. Risoluzione: fase in cui il rapporto terapeutico interpersonale tra infermiere e paziente si conclude. Il paziente si libera dall identificazione con l infermiere.

20 Hildegard Peplau relazione interpersonale professionale I ruoli assunti dall infermiere nelle suddette fasi: Estraneo Insegnante Esperto Leader Sostituto Consulente

21 Definizione di crisi in psichiatria cambiamento del comportamento del paziente, nelle sue funzioni o nel suo sistema di riferimento che determina una rottura di un equilibrio psicologico (Factor e Diamond 1996). Il termine crisi non si riferisce alla gravità o alla pericolosità di un problema, ma alla sua novità rispetto alla vita precedente del paziente. Urgenza situazione acuta e grave che richiede un intervento terapeutico immediato. Per urgenza si intende una situazione psicopatologica che necessita di un intervento tempestivo. L urgenza è innanzitutto un concetto clinico, sul quale gravano aspetti sociorelazionali, anche imponenti, o problematiche familiari: Urgenze psichiatriche propriamente dette Urgenze in cui il disturbo psichiatrico è secondario ad un disturbo organico (intossicazione da sostanze, processi involutivi cerebrali, ecc. Urgenze prioritariamente somatiche ( es. delirium tremens) Urgenze legate a conflittualità gravi in ambito familiare o sociale, reazioni ad eventi che espongono a un pesante carico emotivo.

22 Trattamento ospedaliero Pausa Riorganizzazione Nuova direzione per il futuro Luogo sicuro (impedisce di recare danno a se stessi e agli altri) Trattamento farmacologico Infermieri come Io ausiliario Interventi psicoeducazionali con la famiglia e il paziente Preparare a dover affrontare una malattia cronica L obiettivo terapeutico non è la guarigione ma ridurre al minimo la disabilità Importanza di una regolare assunzione dei farmaci Essere in grado di infondere un senso di speranza Sottolineare che molte ricerche suggeriscono che invecchiando i pazienti schizofrenici diventano sempre più funzionali ( Gabbard 2007)

23 Il paziente violento Le patologie psichiatriche che espongono a maggior rischio di comportamento violento sono la schizofrenia, la mania, alcuni disturbi di personalità, le condotte di abuso e alcune lesioni cerebrali. Tra i fattori di rischio sono significativi i pregressi episodi di violenza. I pazienti schizofrenici con comportamento violento sono per lo più di sesso maschile, con una sintomatologia più severa e un precoce esordio della malattia. La schizofrenia è di tipo paranoide, con convinzioni deliranti di tipo persecutorio, a volte aggravata da uso di alcol e di sostanze. La mania può dar luogo a comportamenti violenti quando il paziente avverta la costrizione operata dall intervento degli operatori, per esempio durante un ricovero coatto. Nei disturbi di personalità il comportamento può divenire violento nel corso di un trattamento urgente, quando il soggetto sente di essere abbandonato o rifiutato, minacciato o discriminato.

24 INFERMIERI IN CORSIA (pubblicato sul giornale dell IPASVI di Vicenza 2005) Modello di aggressione nei reparti psichiatrici Variabili del paziente: psicopatologia Considerando le variabili del paziente, si ritiene che la psicopatologia grave (es. schizofrenia di tipo paranoide) sia una delle più importanti cause dell aggressione del paziente. La psicopatologia del paziente conduce al ricovero involontario, ma questo introduce inevitabilmente un certo numero di fattori stressanti. Variabili del reparto: stress ambientale Dopo il ricovero in reparto psichiatrico entrano in gioco molti fattori di stress ambientale: Per esempio, il fatto che il paziente sia generalmente all interno di un ambiente con porte e finestre chiuse a chiave e goda di poca privacy; se il reparto è affollato, può essere esposto ad una sovra stimolazione. Inoltre, al paziente può essere stabilita una terapia che non conosce e/o che non accetta. Tutto questo può dare adito a frustrazione, rabbia e violenza.

25 INFERMIERI IN CORSIA (pubblicato sul giornale dell IPASVI di Vicenza 2005) Modello di aggressione nei reparti psichiatrici Variabili dello staff: stress comunicativo Contribuisce a provocare l aggressione anche una difficile comunicazione fra staff e paziente. Per prevenire questo, bisogna spiegare al paziente attentamente e ripetutamente le finalità del trattamento e le regole di reparto. L atteggiamento di chiusura dello staff e l impossibilità per il paziente di ottenere informazioni sul suo piano di cura possono indurre all aggressività. Così come l incoerenza del personale nel delimitare i limiti del setting può agire come elemento comunicativo stressante. Variabili del paziente: distorsioni percettive Nel centro del modello, al livello delle variabili del paziente, la percezione della situazione gioca un ruolo chiave perché un paziente diventi aggressivo o no. Sotto l influenza della psicopatologia, lo stress ambientale e comunicativo può alimentare interpretazioni distorte delle attività del reparto. Esempi di interpretazioni erronee: Mi stanno rinchiudendo per sempre. Mi stanno avvelenando lentamente con le medicine.

26 INFERMIERI IN CORSIA (pubblicato sul giornale dell IPASVI di Vicenza 2005) Modello di aggressione nei reparti psichiatrici Circolo vizioso Dopo il primo eccesso aggressivo, può instaurarsi un circolo vizioso. Come reazione ai comportamenti violenti del paziente, il livello di stress ambientale può aumentare per salvaguardare la sicurezza delle persone: Il paziente può subire un trattamento coercitivo, o gli si può impedire di lasciare il reparto. Queste misure possono confermargli l errata convinzione di essere in pericolo in reparto e renderlo più diffidente nei confronti del team. I comportamenti aggressivi possono indurre nei membri dello staff reazioni controtrasferali negative (es. rabbia, ansietà), creando ulteriori problemi comunicativi. Come conseguenza dell aumento di stress ambientale e comunicativo può instaurarsi un modello ripetitivo di comportamenti violenti, seguito dall uso di misure sempre più restrittive.

27 G Ital Med Lav Erg 2007; 29:3 387

28 Il paziente violento Lo studio ha evidenziato un rischio relativo elevato di aggressioni per il personale infermieristico in caso di ricovero per trattamento sanitario obbligatorio. Questo dato conferma la rilevanza degli infortuni sul lavoro da aggressioni denunciati dal reparto psichiatria negli stessi anni e annotati nel registro infortuni negli anni Il datore di lavoro ha la responsabilità di prevenire la violenza su lavoro e di adottare le pratiche di lavoro che prevengano i rischi sul personale. Riconoscere il rischio da violenza, inserirlo nel documento di valutazione dei rischi, svolgere un monitoraggio specifico che porti alla prevenzione e se necessario alla compensazione, svolgere la formazione in senso preventivo rappresentano i modi per conoscere il fenomeno e contribuire alla prevenzione delle circa persone che in Europa sono uccise dagli infortuni intenzionali o non. Prevenire e controllare infortuni non intenzionali e la violenza rappresenta una priorità per l azione di sanità pubblica che necessita di un forte impegno soprattutto nel settore della cura.

29 Fattori organizzativi di prevenzione dell aggressività Fattori umani Clima di reparto (relazione/comunicazione staff dirigenza, staff - utenti); Numero, preparazione, motivazione, qualifica, attitudini del personale; Formazione continua e specifica riguardo alla previsione/gestione della violenza e le tecniche di comunicazione. Clima di reparto Clima di reparto è un concetto generico prodotto da molti fattori, in particolar modo dalla filosofia prevalente del servizio. E anche il risultato della comunicazione fra dirigenza - staff - utenti e del tipo e grado di formazione di ogni figura. Katz & Kirkland (1990) affermano che nei reparti violenti e non violenti si possono distinguere modelli diversi di organizzazione sociale e di comportamenti dello staff. La violenza tende ad essere più frequente e grave in reparti nei quali le funzioni dello staff non sono chiare e nei quali le attività, gli incontri, o le interazioni staffpaziente non sono prevedibili, quando permane uno stato di incertezza. Un buon clima è di per sé terapeutico ed è determinato anche dalla disponibilità di attività utili e stimolanti per i pazienti, che hanno un potente effetto nella qualità di vita che si sperimenta nel reparto. Quando invece il clima è teso, intollerante, indifferente alla sofferenza, vanifica qualunque intervento terapeutico specifico ed è possibile che i pazienti siano più a rischio di comportamenti violenti.

30 Fattori strutturali Architettura di reparto Arredi Organizzazione e gestione degli spazi. Architettura di reparto Il Royal College of Psychiatrists (1998) raccomanda che la qualità del design e degli arredi dei reparti di psichiatria debba essere certificata, questi dovrebbero essere così confortevoli quanto un moderno hotel. Un ambiente fisico progettato appositamente deve prevedere: Spazio sufficiente Confort adeguato Salvaguardia della riservatezza e sicurezza individuale (Zaffini R. e coll., 2003). Il sovraffollamento, per molti autori, sembra essere alla base di molti atti aggressivi.

31 Fattori strumentali Le linee di condotta sono il fondamento di un approccio organizzativo ad ogni problema perché rendono esplicite le responsabilità sia dei dirigenti che degli operatori, determinano gli standard di pratica accettabile e di fatto dichiarano la cultura del team. Linee di condotta (linee guida, protocolli, procedure) per: Prevenire, gestire l emergenza Stabilire modalità e parametri di accettazione dell utente in reparto (adeguatezza del ricovero). Un grosso problema è che ancora adesso il SPDC è nell immaginario collettivo il luogo di contenimento di tutte le condotte dissociali. Chiarire e distinguere le competenze dell operatore sanitario e delle Forze dell Ordine, perché non ci può essere confusione di ruoli, e stabilire le circostanze e modalità di una eventuale collaborazione. Piano delle attività degli utenti.

32 La Riforma delle professioni sanitarie ed il riordino del SSN L.341/90 D.Leg.vi 502/92 ; 517/93; 229/99 L.43/06 L.4/4/2002 n 56 L.1/2002 D.M. 2 Aprile 2001 D.M. 509 /99 Profili Professionali Ordinamenti Didattici Legge 42/99 Codici deontologici Legge 251/00

33 Indice cronologico principali norme di interesse infermieristico L. 341/90 (istituzione diplomi universitari) D. Lgs 502/92 (e succ.mod e int.517/93-229/99) DM 739/94 (Profilo professionale) L. 42/99 (Disposizioni in materia di professioni sanitarie) DM 509/99 (Regolamento autonomia universitaria) Codice deontologico (Versione 1999) L. 251/2000 (Disciplina delle professioni sanitarie)

34 DM 2 Aprile 2001 (Determinazione delle classi delle lauree universitarie delle professioni sanitarie) L. 1/02 (Disposizioni urgenti i materia sanitaria) L. 56/02 (Commissione ECM) DM 270/04 (Modalità e contenuti prova di ammissione ai corsi di laurea specialistica delle professioni sanitarie per l'anno accademico 2004/05) L. 43/06 (Carriere e ordinistica)

35 L 341 /90 Legge 19 novembre 1990, n "Riforma degli ordinamenti didattici universitari." (Pubblicata nella G.U. 23 novembre 1990, n. 274.) Art.1. Titoli universitari. 1. Le università rilasciano i seguenti titoli: a) diploma universitario (DU); b) diploma di laurea (DL); c) diploma di specializzazione (DS); d) dottorato di ricerca (DR).

36 Legge 341/90 Art. 2. Diploma universitario 1. Il corso di diploma si svolge nelle facoltà, ha una durata non inferiore a due anni e non superiore a tre, e comunque corrispondente a quella eventualmente stabilita dalle norme della Comunità economica europea per i diplomi universitari di primo livello ed ha il fine di fornire agli studenti adeguata conoscenza di metodi e contenuti culturali e scientifici orientata al conseguimento del livello formativo richiesto da specifiche aree professionali.

37 Legge 341/90 2. Le facoltà riconoscono totalmente o parzialmente gli studi compiuti nello svolgimento dei curricula previsti per i corsi di diploma universitario e per quelli di laurea ai fini del proseguimento degli studi per il conseguimento, rispettivamente, delle lauree e dei diplomi universitari affini, secondo criteri e modalità dettati con i decreti di cui all'articolo 9, comma 1, fermo restando in ogni caso l'obbligo di tale riconoscimento.

38 Legge 341/90 Art. 3. Diploma di laurea 1. Il corso di laurea si svolge nelle facoltà, ha una durata non inferiore a quattro anni e non superiore a sei ed ha il fine di fornire agli studenti adeguate conoscenze di metodi e contenuti culturali, scientifici e professionali di livello superiore.

39 Legge 341/90 Art. 4. Diploma di specializzazione 1. Il diploma di specializzazione si consegue, successivamente alla laurea, al termine di un corso di studi di durata non inferiore a due anni finalizzato alla formazione di specialisti in settori professionali determinati, presso le scuole di specializzazione di cui al decreto del Presidente della Repubblica 10 marzo 1982, n. 162.

40 Legge 341/90 Art. 5. Dottorato di ricerca 1. I corsi di dottorato di ricerca sono regolati da specifiche disposizioni di legge.

41 Legge 341/90 Art. 7. Disposizioni per le scuole dirette a fini speciali 1. Entro un anno dalla pubblicazione dei decreti di cui all'articolo 9, le università deliberano la soppressione delle scuole dirette a fini speciali, ovvero ne prevedono, nello statuto: a) la trasformazione in corsi di diploma universitario; b) la conferma secondo il loro specifico ordinamento.

42 Legge 341/90 Art. 9. Ordinamento dei corsi di diploma universitario, di laurea e di specializzazione 1. Entro due anni dalla data di entrata in vigore della presente legge, con uno o più decreti del Presidente della Repubblica, adottati su proposta del Ministro dell'università e della ricerca scientifica e tecnologica, sono definiti ed aggiornati gli ordinamenti didattici dei corsi di diploma universitario, dei corsi di laurea e delle scuole di specializzazione e le rispettive tabelle.

43 Legge 341/90 2. I decreti di cui al comma 1 sono emanati sentiti, per le rispettive materie, i rappresentanti dei collegi e degli ordini professionali, nell'osservanza dei seguenti criteri: a) devono rispettare la normativa comunitaria in materia; b) devono realizzare una riduzione delle duplicazioni totali o parziali e la ricomposizione o la riconversione innovativa degli insegnamenti secondo criteri di omogeneità disciplinare, tenendo conto dei mutamenti sopravvenuti nelle aree scientifiche e professionali; c) devono determinare le facoltà e la collocazione dei corsi nelle facoltà, secondo criteri di omogeneità disciplinare volti ad evitare sovrapposizioni e duplicazioni dei corsi stessi, e dettare norme per il passaggio degli studenti dal precedente al nuovo ordinamento;

44 Legge 341/90 d) devono individuare le aree disciplinari, intese come insiemi di discipline scientificamente affini raggruppate per raggiungere definiti obiettivi didattico-formativi, da includere necessariamente nei curricula didattici, che devono essere adottati dalle università, al fine di consentire la partecipazione agli esami di abilitazione per l'esercizio delle professioni o l'accesso a determinate qualifiche funzionali del pubblico impiego; e) devono precisare le affinità al fine della valutazione delle equipollenze e per il conseguimento di altro diploma dello stesso o diverso livello; f) devono tenere conto delle previsioni occupazionali

45 Legge 341/90 Art L'istituto del contratto previsto dal decreto del Presidente della Repubblica 11 luglio 1980, n. 382, e dal decreto del Presidente della Repubblica 10 marzo 1982, n. 162, si estende ai corsi di diploma universitario. Per i professori a contratto sono rispettate le incompatibilità di cui all'articolo 13 del decreto del Presidente della Repubblica 11 luglio 1980, n. 382, e successive modificazioni.

46 Legge 341/90 Art. 13. Tutorato 1. Entro un anno dalla data di entrata in vigore della presente legge ciascuna università provvede ad istituire con regolamento il tutorato, sotto la responsabilità dei consigli delle strutture didattiche. 2. Il tutorato è finalizzato ad orientare ed assistere gli studenti lungo tutto il corso degli studi, a renderli attivamente partecipi del processo formativo, a rimuovere gli ostacoli ad una proficua frequenza dei corsi, anche attraverso iniziative rapportate alle necessità, alle attitudini ed alle esigenze dei singoli. 3. I servizi di tutorato collaborano con gli organismi di sostegno al diritto allo studio e con le rappresentanze degli studenti, concorrendo alle complessive esigenze di formazione culturale degli studenti e alla loro compiuta partecipazione alle attività universitarie.

47 Legge 341/90 Art. 14. Settori scientifico-disciplinari 1. Entro due anni dalla data di entrata in vigore della presente legge, con uno o piu' decreti del Presidente della Repubblica, omsissi gli insegnamenti sono raggruppati in settori scientifico-disciplinari in base a criteri di omogeneità scientifica e didattica. Sulle proposte del Ministro esprimono il proprio parere, nel termine perentorio di novanta giorni, le facoltà interessate. 2. Il decreto o i decreti di cui al comma 1 stabiliscono la pertinenza delle titolarità ai settori scientifico-disciplinari, individuati ai sensi dello stesso comma 1, che costituiranno i raggruppamenti concorsuali.

48 D. LEG.VO N 502/92 N E 517/93 ART. 6 C.3 LA FORMAZIONE DEL PERSONALE SANITARIO INFERMIERISTICO TECNICO E DELLA RIABILITAZIONE, AVVIENE IN SEDE OSPEDALIERA OVVERO PRESSO ALTRE STRUTTURE DEL SSN E ISTITUZIONI PRIVATE ACCREDITATE. I REQUISITI DI IDONEITA E L ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SONO DISCIPLINATI CON DECRETO DEL M.U.R.S.T. E DEL M.S.

49 ARTICOLO 6 D. Lgv.. 502/1992 ART. 6 C. 3 per tali finalità le regioni e le università attivano appositi protocolli d intesa d... la titolarità dei corsi d insegnamento d previsti dall ordinamento didattico è affidata di norma a personale sanitario dipendente dalle strutture presso le quali si svolge la formazione i rapporti in attuazione delle predette intese sono regolati con appositi accordi tra le università e le istituzioni sede di formazione

50 ARTICOLO 6 D. Lgv.. 502/1992 ART 6 C. 3 I diplomi conseguiti sono rilasciati a firma del responsabile del corso e del rettore dell Universit Università. L esame finale abilita all esercizio professionale. Nelle commissioni d esame d è assicurata la presenza di rappresentanti dei Collegi Professionali

51 D.M.739/94 Profilo professionale D.M.739/94 Profilo professionale Articolo E' individuata la figura professionale dell'infermiere con il seguente profilo: l'infermiere è l'operatore sanitario che, in possesso del diploma universitario abilitante e dell'iscrizione all'albo professionale è responsabile dell'assistenza generale infermieristica. 2 - L'assistenza infermieristica preventiva, curativa, palliativa e riabilitativa è di natura tecnica, relazionale, educativa. Le principali funzioni sono la prevenzione delle malattie, l'assistenza dei malati e dei disabili di tutte le età e l'educazione sanitaria.

52 D.M.739/94 Profilo professionale D.M.739/94 Profilo professionale 3 - L'infermiere: a) partecipa all'identificazione dei bisogni di salute della persona e della collettività; b) identifica i bisogni di assistenza infermieristica della persona e della collettività e formula i relativi obiettivi; c) pianifica, gestisce e valuta l'intervento assistenziale infermieristico; d) garantisce la corretta applicazione delle prescrizioni diagnostico-terapeutiche;

DETERMINAZIONE DELLE CLASSI DELLE LAUREE SPECIALISTICHE UNIVERSITARIE DELLE PROFESSIONI SANITARIE Decreto ministeriale 2 aprile 2001

DETERMINAZIONE DELLE CLASSI DELLE LAUREE SPECIALISTICHE UNIVERSITARIE DELLE PROFESSIONI SANITARIE Decreto ministeriale 2 aprile 2001 DETERMINAZIONE DELLE CLASSI DELLE LAUREE SPECIALISTICHE UNIVERSITARIE DELLE PROFESSIONI SANITARIE Decreto ministeriale 2 aprile 2001 Gazzetta Ufficiale n. 128 del 5.6.2001 - Supplemento Ordinario n. 136

Dettagli

Il Corso di Laurea in Infermieristica

Il Corso di Laurea in Infermieristica Sessione V: Il ruolo della formazione nella costruzione di una cultura geriatrica e multiprofessionale Il Corso di Laurea in Infermieristica Dott.ssa Paola Ferri Corso di Laurea in Infermieristica Università

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Direzione Studenti - Area Post Lauream Responsabile Dott.ssa Maria Letizia De Battisti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Direzione Studenti - Area Post Lauream Responsabile Dott.ssa Maria Letizia De Battisti PRINCIPALE NORMATIVA DI RIFERIMENTO AUTONOMIA DIDATTICA Legge 19 novembre 1990, n. 341 Riforma degli ordinamenti didattici universitari (G.U. 23 novembre 1990, n.274) Decreto Ministeriale 3 novembre 1999,

Dettagli

Il Ministro dell'istruzione, dell'università e della Ricerca di concerto con Il Ministro del Lavoro, della Salute e delle Politiche sociali

Il Ministro dell'istruzione, dell'università e della Ricerca di concerto con Il Ministro del Lavoro, della Salute e delle Politiche sociali Decreto Interministeriale 19 febbraio 2009 Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 25 maggio 2009 n.119 Determinazione delle classi delle lauree delle professioni sanitarie Il Ministro dell'istruzione, dell'università

Dettagli

Incontro di formazione in preparazione della selezioni per coordinatori. Legislazione e competenze degli infermieri

Incontro di formazione in preparazione della selezioni per coordinatori. Legislazione e competenze degli infermieri Incontro di formazione in preparazione della selezioni per coordinatori Legislazione e competenze degli infermieri 1 Le norme che costituiscono la professione infermieristica L.42/99 delle professioni

Dettagli

1. Titoli universitari. 2. Diploma universitario. 3. Diploma di laurea. 4. Diploma di specializzazione. 5. Dottorato di ricerca.

1. Titoli universitari. 2. Diploma universitario. 3. Diploma di laurea. 4. Diploma di specializzazione. 5. Dottorato di ricerca. L. 19-11-1990 n. 341 Pubblicata nella Gazz. Uff. 23 novembre 1990, n. 274. 1. Titoli universitari. 2. Diploma universitario. 3. Diploma di laurea. 4. Diploma di specializzazione. 5. Dottorato di ricerca.

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO TITOLO I PARTE GENERALE...3

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO TITOLO I PARTE GENERALE...3 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO TITOLO I PARTE GENERALE...3 CAPO I - DEFINIZIONI...3 ART. 1 DEFINIZIONI...3 CAPO II - OFFERTA DIDATTICA...3 ART. 2 - ATTIVITÀ FORMATIVE...3 ART. 3 - TITOLI E CORSI DI STUDIO...3

Dettagli

Vigente al: 05-03-2011 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Vigente al: 05-03-2011 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; LEGGE 19 novembre 1990, n. 341 Riforma degli ordinamenti didattici universitari. Vigente al: 05-03-2011 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO (Emanato con D.R. prot. n. 15141 I/3 - rep. D.R. n. 714-2015 del 19.06.2015) I termini relativi a persone che, nel presente Regolamento,

Dettagli

Sede del corso : NOVARA Facoltà di Medicina, Chirurgia e Scienze della Salute

Sede del corso : NOVARA Facoltà di Medicina, Chirurgia e Scienze della Salute La presente scheda di approfondimento si riferisce ai corsi a immatricolazione nell a. a. 00-0. Per ulteriori informazioni si rimanda all Ufficio di Presidenza di Facoltà. Corso di Laurea Magistrale in

Dettagli

Libera Università Internazionale degli Studi Sociali LUISS Guido Carli

Libera Università Internazionale degli Studi Sociali LUISS Guido Carli Libera Università Internazionale degli Studi Sociali LUISS Guido Carli Regolamento didattico di Ateneo ai sensi del D.M. 22 ottobre 2004, n. 270 e decreti successivi dicembre 2007 LUISS viale Pola 12 00198

Dettagli

Le professioni Sanitarie

Le professioni Sanitarie Sito: Documentazione Le professioni Sanitarie Normative che regolamentano le professioni sanitarie riconosciute dal Ministero della Sanità Professioni Sanitarie attribuzioni equipollenze Lauree delle professioni

Dettagli

Humanitas University

Humanitas University Humanitas University REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO INDICE Art. 1 Definizioni Art. 2 Finalità TITOLO I Organizzazione dell attività didattica: corsi di studio e strutture Art. 3 Titoli e corsi di studio

Dettagli

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Infermieristica della salute mentale Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Le competenze dell infermiere in psichiatria e all interno dell equipe multi professionale La

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Stefano Mantovani

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Stefano Mantovani RUOLO E RESPONSABILITA DEGLI INFERMIERI NELL INSERIMENTO DEGLI OPERATORI DI SUPPORTO NELLE EQUIPE ASSISTENZIALI BRESCIA 7 E 8 OTTOBRE 2013 ESPERIENZA ASCSP MAGENTA SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

Dettagli

Sede del corso : NOVARA - Facoltà di Medicina, Chirurgia e Scienze della Salute

Sede del corso : NOVARA - Facoltà di Medicina, Chirurgia e Scienze della Salute La presente scheda di approfondimento si riferisce ai corsi a immatricolazione nell a. a. 010-011. Per ulteriori informazioni si rimanda all Ufficio di Presidenza di Facoltà. Corso di Laurea in INFERMIERISTICA

Dettagli

Libera Università Internazionale degli Studi Sociali LUISS Guido Carli

Libera Università Internazionale degli Studi Sociali LUISS Guido Carli Libera Università Internazionale degli Studi Sociali LUISS Guido Carli REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO ai sensi del D.M. 22 ottobre 2004, n. 270 e decreti successivi con l ultima modifica dell articolo

Dettagli

IL MINISTRO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA DECRETO 15 luglio 2014 Modalita' e contenuti della prova di ammissione ai corsi di laurea magistrale delle professioni sanitarie, per l'anno

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO (In attuazione della L. n. 240/10)

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO (In attuazione della L. n. 240/10) REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO (In attuazione della L. n. 240/10) (Emanato con D.R. n. 227 del 18.02.2013, pubblicato all Albo on line di Ateneo in data 18.02.2013 pubblicato nel B.U. n. 103) - In vigore

Dettagli

L Operatore Socio Sanitario: l inserimento dell allievo in ambito sanitario. 25 febbraio -2 marzo 2011 Progetto Formativo ECM

L Operatore Socio Sanitario: l inserimento dell allievo in ambito sanitario. 25 febbraio -2 marzo 2011 Progetto Formativo ECM L Operatore Socio Sanitario: l inserimento dell allievo in ambito sanitario 25 febbraio -2 marzo 2011 Progetto Formativo ECM LE FIGURE DI SUPPORTO Personale di supporto previsto dall attuale normativa

Dettagli

Evoluzione della professione infermieristica

Evoluzione della professione infermieristica BOZZA Evoluzione della professione infermieristica Aree di competenza nei nuovi scenari sanitari e socio sanitari Tavolo di lavoro Regioni-Ministero (sviluppo dei profili di competenza dell infermiere)

Dettagli

La formazione di base

La formazione di base Formazione La formazione di base LA FORMAZIONE DI BASE PROFESSIONALIZZANTE Per formazione di base si intende la formazione scolastica, professionale, accademica e di riqualificazione che, attuandosi secondo

Dettagli

HUMANITAS UNIVERSITY MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014-2015 CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA. Dottore. 3 anni. 1 anno. Programmato.

HUMANITAS UNIVERSITY MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014-2015 CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA. Dottore. 3 anni. 1 anno. Programmato. HUMANITAS UNIVERSITY MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014-201 CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA Classe di laurea di appartenenza Titolo rilasciato Durata del corso L/SNT1 Professioni sanitarie, infermieristiche

Dettagli

Data del DM di approvazione del ordinamento 07/11/2001 didattico. Data del DR di emanazione del ordinamento 20/01/2003 didattico

Data del DM di approvazione del ordinamento 07/11/2001 didattico. Data del DR di emanazione del ordinamento 20/01/2003 didattico Scheda informativa Università Classe Nome del corso Universita' degli Studi di PADOVA Terapia della neuro e psicomotricità dell'età evolutiva (abilitante alla professione sanitaria di Terapista della neuro

Dettagli

ITALIAN UNIVERSITY LINE - IUL REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO

ITALIAN UNIVERSITY LINE - IUL REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO ITALIAN UNIVERSITY LINE - IUL REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO 1 Art. 1- Definizioni... 3 Art. 2 Finalità... 4 CAPO I... 4 Titoli e corsi di studio... 4 Art.3 Titoli di studio... 4 Art.4 Corso di Laurea...

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO DEFINIZIONI E FINALITA TITOLO I 1. Ai sensi del presente Regolamento si intende: ARTICOLO 1 DEFINIZIONI a) per Ministro, o Ministero, il Ministro o il Ministero competente

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE. Corso di laurea magistrale in Ingegneria meccanica

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE. Corso di laurea magistrale in Ingegneria meccanica UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE Corso di laurea magistrale in Ingegneria meccanica Classe di laurea magistrale n. LM-33 Ingegneria meccanica DM 270/2004,

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO (D.M. 22 ottobre 2004, n. 270 Riformulazione complessiva approvata dal Senato Accademico nelle sedute del 28 febbraio 2013, 24 giugno 2013 e 24 ottobre 2013) Art. 1 Definizioni

Dettagli

Evoluzione della professione infermieristica

Evoluzione della professione infermieristica BOZZA Evoluzione della professione infermieristica Aree di competenza-responsabilità nei nuovi scenari sanitari e socio sanitari Tavolo di lavoro Regioni-Ministero (revisione dei profili di competenza

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA Regolamento didattico d Ateneo PARTE PRIMA DISPOSIZIONI GENERALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA Regolamento didattico d Ateneo PARTE PRIMA DISPOSIZIONI GENERALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA Regolamento didattico d Ateneo (ai sensi del D.M. 22 ottobre 2004, n. 270) PARTE PRIMA DISPOSIZIONI GENERALI INDICE Art. 1 Definizioni TITOLO I ORGANIZZAZIONE DELL ATTIVITÀ

Dettagli

L accordo stato regioni sulla riforma delle professioni: il ruolo del coordinatore Sviluppo delle competenze infermieristiche

L accordo stato regioni sulla riforma delle professioni: il ruolo del coordinatore Sviluppo delle competenze infermieristiche L accordo stato regioni sulla riforma delle professioni: il ruolo del coordinatore Sviluppo delle competenze infermieristiche Dott. A. Zagari Giardini Naxos 2013 Alcune diapositive di questa presentazione

Dettagli

IL FARE INCONTRA IL SAPERE La sfera di competenza professionale e gli ordinamenti didattici

IL FARE INCONTRA IL SAPERE La sfera di competenza professionale e gli ordinamenti didattici IL FARE INCONTRA IL SAPERE La sfera di competenza professionale e gli ordinamenti didattici Il percorso formativo dell infermiere: dalla conoscenza alla competenza Dr. Ciro Carbone Presidente Collegio

Dettagli

EVOLUZIONE DELLA FORMAZIONE DELLE PROFESSIONI SANITARIE IN ITALIA. Lorena Martini

EVOLUZIONE DELLA FORMAZIONE DELLE PROFESSIONI SANITARIE IN ITALIA. Lorena Martini EVOLUZIONE DELLA FORMAZIONE DELLE PROFESSIONI SANITARIE IN ITALIA Lorena Martini 1 Il processo di professionalizzazione dell'infermiere è frutto di un lungo percorso di trasformazione che comincia a delinearsi

Dettagli

IL MINISTRO DELL'UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA. Visto l'art. 17, comma 95, della legge 15 maggio 1997, n. 127, e successive modificazioni;

IL MINISTRO DELL'UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA. Visto l'art. 17, comma 95, della legge 15 maggio 1997, n. 127, e successive modificazioni; D.M. 16 marzo 2007 (1). Determinazione delle classi di laurea magistrale (2). (1) Pubblicato nella Gazz. Uff. 9 luglio 2007, n. 157, S.O. (2) Vedi, anche, il D.M. 26 luglio 2007. IL MINISTRO DELL'UNIVERSITÀ

Dettagli

D.M. 28 novembre 2000 Determinazione delle classi delle lauree universitarie specialistiche. Pubblicato nella Gazz. Uff. 23 gennaio 2001, n. 18, S.O.

D.M. 28 novembre 2000 Determinazione delle classi delle lauree universitarie specialistiche. Pubblicato nella Gazz. Uff. 23 gennaio 2001, n. 18, S.O. D.M. 28 novembre 2000 Determinazione delle classi delle lauree universitarie specialistiche. Pubblicato nella Gazz. Uff. 23 gennaio 2001, n. 18, S.O. IL MINISTERO DELL'UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA SCIENTIFICA

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA. Corso di laurea magistrale in Architettura. Classe di laurea magistrale LM 4

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA. Corso di laurea magistrale in Architettura. Classe di laurea magistrale LM 4 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA Corso di laurea magistrale in Architettura Classe di laurea magistrale LM 4 DM 270/2004, art. 12 R.D.A. art. 5 RIDD Approvato dal

Dettagli

PRINCIPI NORMATIVI e DEONTOLOGICI delle PROFESSIONI di INFERMIERE, INFERMIERE PEDIATRICO e ASSISTENTE SANITARIO

PRINCIPI NORMATIVI e DEONTOLOGICI delle PROFESSIONI di INFERMIERE, INFERMIERE PEDIATRICO e ASSISTENTE SANITARIO INFERMIERI PROFESSIONALI ASSISTENTI SANITARI VIGILATRICI D INFANZIA Collegio Provinciale di Bergamo 24125 Bergamo Via Rovelli n.45 Telefono 035/217090 fax 035/236332 Cod.Fiscale 80039530169 www.ipasvibergamo.it

Dettagli

Il Rettore. Decreto n. 56950(859) Anno 2013

Il Rettore. Decreto n. 56950(859) Anno 2013 Il Rettore Decreto n. 56950(859) Anno 2013 VISTO l art. 3, comma 9, del D.M. 22 ottobre 2004, n. 270 Modifiche al regolamento recante norme concernenti l'autonomia didattica degli atenei, approvato con

Dettagli

Istituzione del Master universitario di I livello in Cure palliative e terapia del dolore per professioni sanitarie

Istituzione del Master universitario di I livello in Cure palliative e terapia del dolore per professioni sanitarie Testo aggiornato al 13 novembre 2012 Decreto ministeriale 4 aprile 2012 Gazzetta Ufficiale 16 aprile 2012, n. 89 Istituzione del Master universitario di I livello in Cure palliative e terapia del dolore

Dettagli

Sanitario) Data del DM di approvazione del ordinamento 19/04/2005 didattico. Data del DR di emanazione del ordinamento 19/04/2005 didattico

Sanitario) Data del DM di approvazione del ordinamento 19/04/2005 didattico. Data del DR di emanazione del ordinamento 19/04/2005 didattico Scheda informativa Università Classe Universita' degli Studi di PADOVA Nome del corso Data del DM di approvazione del ordinamento 19/04/2005 didattico Data del DR di emanazione del ordinamento 19/04/2005

Dettagli

Master Universitari in. Assistenza Infermieristica

Master Universitari in. Assistenza Infermieristica Anno accademico 2005-2006 Master per Infermiere di sanità pubblica e di comunità (ISPeC) Master Universitari in Assistenza Infermieristica autonomia didattica LAUREA RIFORMA UNIVERSITARIA crediti formativi

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA (Approvato dal Senato Accademico nella seduta del 2 ottobre 2001)

REGOLAMENTO DIDATTICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA (Approvato dal Senato Accademico nella seduta del 2 ottobre 2001) REGOLAMENTO DIDATTICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA (Approvato dal Senato Accademico nella seduta del 2 ottobre 2001) INDICE Art.1 Definizioni Art.2 Finalità TITOLO I Corsi di studio e strutture

Dettagli

Sede del corso : NOVARA - Facoltà di Medicina, Chirurgia e Scienze della Salute

Sede del corso : NOVARA - Facoltà di Medicina, Chirurgia e Scienze della Salute La presente scheda di approfondimento si riferisce ai corsi a immatricolazione nell a. a. 010-011. Per ulteriori informazioni si rimanda all Ufficio di Presidenza di Facoltà. Corso di Laurea in OSTETRICIA

Dettagli

Il Ministro dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Università e della Ricerca VISTO l'articolo 17, comma 95, della legge 15 maggio 1997, n. 127 e successive modificazioni;; VISTO l'articolo 11, commi 1 e 2, della legge 19 novembre 1990, n. 341; VISTI gli articoli 2 e 3 del decreto

Dettagli

Le competenze dell infermiere per la gestione dei percorsi assistenziali -CLINICAL PATHWAY-

Le competenze dell infermiere per la gestione dei percorsi assistenziali -CLINICAL PATHWAY- IL BUON USO DELL OSEDALE NEL TERRITORIO: Gestione, pratica e ricerca Il Metodo come Cambiamento Le competenze dell infermiere per la gestione dei percorsi assistenziali -CLINICAL ATHWAY- Lucci Lucia Infermiere

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Corso di Laurea in Tecnica della Riabilitazione Psichiatrica (Abilitante alla Professione del Tecnico della Riabilitazione Psichiatrica) 1. Aspetti generali e definizione

Dettagli

Corso di laurea in ASSISTENZA SANITARIA (abilitante alla professione sanitaria di Assistente sanitario) (classe L/SNT4)

Corso di laurea in ASSISTENZA SANITARIA (abilitante alla professione sanitaria di Assistente sanitario) (classe L/SNT4) Corso di laurea in ASSISTENZA SANITARIA (abilitante alla professione di Assistente sanitario) (classe L/SNT4) 1 SCHEDA INFORMATIVA Sede didattica: Genova CLASSE DELLE LAUREE PROFESSIONI SANITARIE DELLA

Dettagli

*** NORMATTIVA -Stampa ***

*** NORMATTIVA -Stampa *** *** NORMATTIVA -Stampa *** Page 1 of 6 DECRETO 21 luglio 1997, n. 245 Regolamento recante norme in materia di accessi all'istruzione universitaria e di connesse attivita' di orientamento. Vigente al: 10-11-2015

Dettagli

Evoluzione della professione di tecnico sanitaria di radiologia medica

Evoluzione della professione di tecnico sanitaria di radiologia medica BOZZA Evoluzione della professione di tecnico sanitaria di radiologia medica Aree di competenza nei nuovi scenari sanitari e socio sanitari Tavolo di lavoro Regioni-Ministero (implementazione delle competenze

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO Articolo 1 Definizioni 1.Ai sensi del presente Regolamento si intendono: a) per Regolamento Generale sull Autonomia, il Regolamento recante norme concernenti l Autonomia

Dettagli

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN FISIOTERAPIA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI FISIOTERAPISTA) REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO D ATENEO. ex DM 22 ottobre 2004 n. 270 e L. 30 dicembre 2010, n.240

REGOLAMENTO DIDATTICO D ATENEO. ex DM 22 ottobre 2004 n. 270 e L. 30 dicembre 2010, n.240 REGOLAMENTO DIDATTICO D ATENEO ex DM 22 ottobre 2004 n. 270 e L. 30 dicembre 2010, n.240 Parte prima REGOLAMENTO DIDATTICO D ATENEO (ex DM 22 ottobre 2004 n. 270 e L. 30 dicembre 2010, n.240) TITOLO I.

Dettagli

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN IGIENE DENTALE (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI IGIENISTA DENTALE) REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E

Dettagli

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale.

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. Decreto MIUR su Riassetto delle Scuole di specializzazione di area sanitaria G.U. n. 285 del

Dettagli

IL RETTORE. Visto lo Statuto dell Università degli Studi di Torino, emanato con Decreto Rettorale n. 1730 del 15 marzo 2012;

IL RETTORE. Visto lo Statuto dell Università degli Studi di Torino, emanato con Decreto Rettorale n. 1730 del 15 marzo 2012; Tit. 3.05 Decreto Rettorale n. 4846 del 26 luglio 2013 OGGETTO: Attivazione del Master universitario di I livello in Cure palliative e terapia del dolore del Dipartimento di Scienza e Tecnologia del Farmaco,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Facoltà di Medicina e Chirurgia CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA REGOLAMENTO DIDATTICO INDICE 1.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Facoltà di Medicina e Chirurgia CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA REGOLAMENTO DIDATTICO INDICE 1. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Facoltà di Medicina e Chirurgia CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA REGOLAMENTO DIDATTICO INDICE 1. Denominazione del Corso e Classe di Appartenenza p. 2 2. Definizione

Dettagli

Regolamento di SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (in progressiva attivazione dall'a.a. 2013/14)

Regolamento di SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (in progressiva attivazione dall'a.a. 2013/14) Regolamento di SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (in progressiva attivazione dall'a.a. 2013/14) INDICE Premessa Art. 1: Requisiti per l'accesso al corso Art. 2: Regole di mobilità fra i curricula del Corso

Dettagli

Corso di Formazione Specifica in Medicina Generale

Corso di Formazione Specifica in Medicina Generale Giunta Regionale Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Corso di Formazione Specifica in Medicina Generale Guida per lo studente 1 CORSO DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE Il Corso di

Dettagli

Università degli Studi di Trieste Dipartimento di Scienze della Vita

Università degli Studi di Trieste Dipartimento di Scienze della Vita Università degli Studi di Trieste Dipartimento di Scienze della Vita Regolamento didattico del Corso di laurea magistrale in Psicologia (LM-51 Classe delle Lauree magistrali in Psicologia) Art. 1 Norme

Dettagli

DECRETO RETTORALE N. 380/2014 IL RETTORE

DECRETO RETTORALE N. 380/2014 IL RETTORE DECRETO RETTORALE N. 380/2014 IL RETTORE Visto lo Statuto dell Università degli Studi di Urbino Carlo Bo, emanato con Decreto Rettorale n. 138/2012 del 2 aprile 2012, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale

Dettagli

U.V.D. (Unità Valutativa Distrettuale) Valuta, Organizza e Coordina interventi Stabilisce case manager Verifica interventi

U.V.D. (Unità Valutativa Distrettuale) Valuta, Organizza e Coordina interventi Stabilisce case manager Verifica interventi Medici di Medicina Generale e Pediatri C.A.D. U.V.D. (Unità Valutativa Distrettuale) Valuta, Organizza e Coordina interventi Stabilisce case manager Verifica interventi Medici Specialisti Servizio Farmaceutico

Dettagli

Università degli Studi di Trieste Dipartimento di Scienze della Vita

Università degli Studi di Trieste Dipartimento di Scienze della Vita Università degli Studi di Trieste Dipartimento di Scienze della Vita Regolamento didattico del Corso di laurea in Scienze e tecniche psicologiche (L-24 Classe delle Lauree in Scienze e tecniche psicologiche)

Dettagli

DECRETO RETTORALE N. 6164

DECRETO RETTORALE N. 6164 DECRETO RETTORALE N. 6164 Regolamento dei corsi di dottorato di ricerca e delle scuole di dottorato di ricerca dell Università Cattolica del Sacro Cuore IL RETTORE Visto visto visto vista vista vista lo

Dettagli

PROGETTO DI APPRENDIMENTO

PROGETTO DI APPRENDIMENTO PROGETTO DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE SALUTE MENTALE Settembre 2006 Il percorso di apprendimento in ambito clinico relativo al problema prioritario di salute malattia

Dettagli

CAPO VII DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ISTRUZIONE DIRITTO ALLO STUDIO E PROFESSIONI

CAPO VII DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ISTRUZIONE DIRITTO ALLO STUDIO E PROFESSIONI Decreto del Presidente della Repubblica 31 agosto 1999, n. 394 Regolamento recante norme di attuazione del testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell'immigrazione e norme sulla condizione

Dettagli

Conservatorio di Musica "San Pietro a Majella" Napoli

Conservatorio di Musica San Pietro a Majella Napoli Conservatorio di Musica "San Pietro a Majella" Napoli TRIENNIO SUPERIORE SPERIMENTALE DI I LIVELLO REGOLAMENTO DIDATTICO INTERNO DELLA SPERIMENTAZIONE SOMMARIO Premessa Art. 1. Definizioni Art. 2. Crediti

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO «MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELLE PROFESSIONI SANITARIE» Direttore: Prof. Pietro Maria Navarra

MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO «MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELLE PROFESSIONI SANITARIE» Direttore: Prof. Pietro Maria Navarra MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO «MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELLE PROFESSIONI SANITARIE» Direttore: Prof. Pietro Maria Navarra Dott. Antonio Cannaò - EVOLUZIONE INFERMIERISTICA Assistenza

Dettagli

Il Rettore. Decreto n. 108902 (975) Anno 2015

Il Rettore. Decreto n. 108902 (975) Anno 2015 Il Rettore Decreto n. 108902 (975) Anno 2015 VISTO l art. 3, comma 9, del D.M. 22 ottobre 2004, n. 270 Modifiche al regolamento recante norme concernenti l'autonomia didattica degli atenei, approvato con

Dettagli

Febbraio Agosto 2011. Facoltà di MEDICINA E CHIRURGIA (Roma)

Febbraio Agosto 2011. Facoltà di MEDICINA E CHIRURGIA (Roma) Febbraio Agosto 2011 Facoltà di MEDICINA E CHIRURGIA (Roma) Universita` Cattolica del Sacro Cuore Facolta` di Medicina e Chirurgia A. Gemelli Sede di Brescia CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFERMIERISTICA

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO E LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO LA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO E LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO LA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO E LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO LA Art. 1 (Finalità) 1 Emanato con D.D. n. 630 del 27/09/2011; modificato con D.R. n. 214 del 07/05/2014. 1. Il

Dettagli

Collegio Infermieri Professionali Assistenti Sanitari Vigilatrici d Infanzia Provinciale di Gorizia

Collegio Infermieri Professionali Assistenti Sanitari Vigilatrici d Infanzia Provinciale di Gorizia Collegio Infermieri Professionali Assistenti Sanitari Vigilatrici d Infanzia Provinciale di Gorizia EQUIVALENZA DEI TITOLI E in corso la procedura avviata da gennaio 2012 per le professioni sanitarie tecniche,

Dettagli

Magnifico Rettore UNIBO. "Scuola di Medicina e Chirurgia" Studenti Il corso di Laurea in Fisioterapia UNIBO Anno Accademico 2014/15

Magnifico Rettore UNIBO. Scuola di Medicina e Chirurgia Studenti Il corso di Laurea in Fisioterapia UNIBO Anno Accademico 2014/15 Magnifico Rettore UNIBO Prof. Ivano Dionigi "Scuola di Medicina e Chirurgia" Presidente Prof. Luigi Bolondi Coordinatore del Corso Prof. Paolo Pillastrini Studenti Il corso di Laurea in Fisioterapia UNIBO

Dettagli

CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN OSTETRICIA. www.unipg.it INFORMAZIONI DI CONTATTO CORSO DI LAUREA IN OSTETRICIA

CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN OSTETRICIA. www.unipg.it INFORMAZIONI DI CONTATTO CORSO DI LAUREA IN OSTETRICIA INFORMAZIONI DI CONTATTO Sede del corso Dipartimento Scienze Chirurgiche e Biomediche Piazza Lucio Severi, 1 - Edificio B - 1 Piano 06132 Perugia tel. 075 5858022 - Fax 075 5858433 email: cdl-triennale.ostetricia@unipg.it

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Medicina e Chirurgia. LAUREA MAGISTRALE IN Scienze infermieristiche ed ostetriche

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Medicina e Chirurgia. LAUREA MAGISTRALE IN Scienze infermieristiche ed ostetriche UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Medicina e Chirurgia LAUREA MAGISTRALE IN Scienze infermieristiche ed ostetriche REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO ACCADEMICO 2009-2010 DESCRIZIONE Il Corso

Dettagli

Roma 29 marzo 2011. L'applicazione del DM 270 del 2004 nella formazione universitaria dell'infermiere: sviluppi, criticità e aspettative

Roma 29 marzo 2011. L'applicazione del DM 270 del 2004 nella formazione universitaria dell'infermiere: sviluppi, criticità e aspettative Roma 29 marzo 2011 L'applicazione del DM 270 del 2004 nella formazione universitaria dell'infermiere: sviluppi, criticità e aspettative Prof. ROSARIA ALVARO Associato Scienze Infermieristiche Università

Dettagli

Il Ministro dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Università e della Ricerca VISTO l'articolo 17, comma 95, della legge 15 maggio 1997, n. 127 e successive modificazioni; VISTO l'articolo 11, commi 1 e 2, della legge 19 novembre 1990, n. 341; VISTI gli articoli 2 e 3 del decreto

Dettagli

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN EDUCAZIONE PROFESSIONALE (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI EDUCATORE PROFESSIONALE) Art. 1 Premesse e finalità TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA All. C al bando di ammissione pubblicato in data 18/10/2013 Art. 1 - Tipologia L Università degli Studi di Pavia attiva, per l a.a. 2013/2014, presso il Dipartimento di Medicina Interna e terapia Medica,

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca VISTO il decreto del Presidente della Repubblica 11 luglio 1980, n. 382; VISTA la legge 19 novembre 1990, n. 341; VISTA la legge 24 dicembre 1993, n. 537 recante «Interventi correttivi di finanza pubblica»

Dettagli

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA CLINICA Art. 1 Premesse e finalità TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO 1. Il Corso di laurea magistrale in PSICOLOGIA CLINICA afferisce

Dettagli

SNT/1 - Classe delle lauree in professioni sanitarie, infermieristiche e professione sanitaria ostetrica

SNT/1 - Classe delle lauree in professioni sanitarie, infermieristiche e professione sanitaria ostetrica Scheda informativa Università Classe Nome del corso Universita' degli Studi di PADOVA SNT/1 - Classe delle lauree in professioni sanitarie, infermieristiche e professione sanitaria Data del DM di approvazione

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE

CORSO DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE CORSO DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE La formazione specifica in Medicina Generale, nasce e si sviluppa in attuazione della direttiva n.86/457, con la quale la CEE invita gli Stati membri

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO D ATENEO

REGOLAMENTO DIDATTICO D ATENEO REGOLAMENTO DIDATTICO D ATENEO PARTE GENERALE Art. 1 Finalità 1. Il presente Regolamento didattico di ateneo, in ottemperanza alla normativa vigente ed in particolare all art. 11 del decreto ministeriale

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN OSTETRICIA (classe L/SNT1 Professioni sanitarie infermieristiche e professione

Dettagli

L Infermiere Coordinatore e la Professione Sanitaria di Infermiere

L Infermiere Coordinatore e la Professione Sanitaria di Infermiere . COORDINAMENTO NAZIONALE CAPOSALA Abilitati alle Funzioni Direttive dell'assistenza Infermieristica Regione Sicilia L Infermiere Coordinatore e la Professione Sanitaria di Infermiere A.G. La professione

Dettagli

NUOVI RUOLI INFERMIERISTICI

NUOVI RUOLI INFERMIERISTICI E.O. Ospedale Galliera LINEE DI ATTIVITA' NEL NUOVO OSPEDALE PER INTENSITA' DI CURE NUOVI RUOLI INFERMIERISTICI 21 OTTOBRE 2010 a cura di Fernanda Stefani E.O. Ospedale Galliera Filo conduttore del processo

Dettagli

Modifica di Fisioterapista. Data del DM di approvazione del ordinamento 07/11/2001 didattico

Modifica di Fisioterapista. Data del DM di approvazione del ordinamento 07/11/2001 didattico Scheda informativa Università Classe Nome del corso Universita' degli Studi di PADOVA Modifica di Fisioterapista Data del DM di approvazione del ordinamento 07/11/2001 didattico Data del DR di emanazione

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI ARTURO TOSCANINI (D. D. MIUR AFAM n. 246/09) RIBERA

ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI ARTURO TOSCANINI (D. D. MIUR AFAM n. 246/09) RIBERA ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI ARTURO TOSCANINI (D. D. MIUR AFAM n. 246/09) RIBERA REGOLAMENTO DIDATTICO dei CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO SPERIMENTALE DI 2 LIVELLO approvato con Delibera del Consiglio

Dettagli

Norme generali comuni alle scuole di specializzazione. Istituzione, finalità, titolo conseguito. Organizzazione delle Scuole

Norme generali comuni alle scuole di specializzazione. Istituzione, finalità, titolo conseguito. Organizzazione delle Scuole Norme generali comuni alle scuole di specializzazione (Fonte: D.R. n 2498 del 28 ottobre 1997) Istituzione, finalità, titolo conseguito 1. Le Scuole di specializzazione dell'area medica possono essere

Dettagli

09/09/2002 istituito ai sensi dell'art. 2, comma 4, del DPR 27.1.1998, n. 25, in Il corso è

09/09/2002 istituito ai sensi dell'art. 2, comma 4, del DPR 27.1.1998, n. 25, in Il corso è Università Università degli studi di Genova Classe SNT/2-Classe delle lauree in professioni sanitarie della riabilitazione Tecnica della riabilitazione psichiatrica (abilitante alla professione Nome del

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LE MODALITA DI RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 30.12.2010, n.

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LE MODALITA DI RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 30.12.2010, n. REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LE MODALITA DI RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 30.12.2010, n. 240 ART. 1 Finalità 1. L Università degli Studi di Teramo, nell

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA DIPARTIMENTO DI ARTE COREUTICA Indice TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI SULL ORGANIZZAZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI STUDIO CAPO I - Generalità,

Dettagli

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI LA SALUTE PER TUTTI EFFICACIA Qualità dell assistenza (uso ottimale delle risorse) SERVIZI SANITARI (sistema sanitario, strutture, operatori) EQUITA Razionamento (uso appropriato delle risorse) RISORSE

Dettagli

1. DENOMINAZIONE DEL CORSO E CLASSE DI APPARTENENZA

1. DENOMINAZIONE DEL CORSO E CLASSE DI APPARTENENZA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Facoltà di Medicina e Chirurgia CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA REGOLAMENTO DIDATTICO INDICE 1. Denominazione del Corso e Classe di Appartenenza p. 2 2. Definizione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 14 DELLA LEGGE 230/05

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 14 DELLA LEGGE 230/05 Emanato con D.R. n. 301 del 16/4/2009, modificato con D.R. 57 del 3/02/2010 REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 14 DELLA LEGGE 230/05

Dettagli

Università Vita~Salute San Raffaele DECRETO RETTORALE N. 4186 IL RETTORE

Università Vita~Salute San Raffaele DECRETO RETTORALE N. 4186 IL RETTORE Università Vita~Salute San Raffaele DECRETO RETTORALE N. 4186 IL RETTORE Visto lo Statuto dell'università Vita-Salute San Raffaele approvato con Decreto del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di INGEGNERIA

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di INGEGNERIA Università degli Studi di Bergamo Facoltà di INGEGNERIA Corso di Laurea Magistrale in INGEGNERIA MECCANICA Classe di appartenenza: LM-33 - INGEGNERIA MECCANICA MECHANICAL ENGINEERING REGOLAMENTO DIDATTICO

Dettagli

Aumento dell età media Aumento popolazione con fragilità Aumento popolazione con malattie cronicodegenerative. Evoluzione scientifica e tecnologica

Aumento dell età media Aumento popolazione con fragilità Aumento popolazione con malattie cronicodegenerative. Evoluzione scientifica e tecnologica I percorsi formativi per lo sviluppo dell assistenza infermieristica territoriale Aumento dell età media Aumento popolazione con fragilità Aumento popolazione con malattie cronicodegenerative Evoluzione

Dettagli

SI CONVIENE QUANTO SEGUE

SI CONVIENE QUANTO SEGUE Convenzione tra Ordine degli Psicologi della Regione Sicilia e Università degli Studi di Catania per l'attuazione delle attività di tirocinio previste per laureati delle classi L24 e LM51 (ex XXXIV e 58/S)

Dettagli