DEONTOLOGIA PROFESSIONALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DEONTOLOGIA PROFESSIONALE"

Transcript

1 PIA FONDAZIONE DI CULTO E RELIGIONE AZIENDA OSPEDALIERA CARD. PANICO TRICASE Polo Didattico Formativo Universitario UNIVERSITA CATTOLICA SACRO CUORE FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Master Universitario di 1 livello in MANAGEMENT FUNZIONI DI COORDINAMENTO PROFESSIONI SANITARIE DEONTOLOGIA PROFESSIONALE Sr. Antonella Guarini

2 DEONTOLOGIA DAL GRECO DEON = Ciò che è necessario doveroso conveniente Il DOVERE LOGOS = discorso SCIENZA DEI DOVERI 2

3 DEONTOLOGIA SCIENZA DEI DOVERI DOVERI GIURIDICI (norme di legge che vietano determinate condotte). DOVERI DEONTOLOGICI (derivanti dai precetti del Codice deontologico) DOVERI ETICI (derivanti da valori superiori di ordine morale) 3

4 La DEONTOLOGIA è espressione dell ETICA PROFESSIONALE traduce in NORME in relazione LE ISTANZE MORALI 4

5 DEONTOLOGA PROFESSIONALE L insieme di NORME REGOLE della condotta professionale, espressione dei valori propri di una professione, generalmente raccolte in un Codice Deontologico, vero e proprio dettato normativo o raccolta di indicazioni all agire del professionista. 5

6 DEONTOLOGA E l insieme dei doveri del professionista, degli obblighi cui egli deve corrispondere nel suo agire professionale. 6

7 DOVERE DOVERE implica OBBLIGATORIETA MORALE il professionista non agisce per seguire un ordine esterno o per evitare, disattendendo quell ordine, una sanzione; 7

8 DOVERE Il professionista riconosce in sé il dovere di agire conformemente ad un modello di condotta o a un insieme di regole con cui tale condotta viene, appunto, regolamentata. 8

9 DOVERE Agire con senso del dovere per il professionista sanitario significa: agire avendo come scopo il benessere o la cura della persona. 9

10 DOVERE Riconoscere una valenza morale all agire deontologico, significa riconoscere all agire professionale un ampio spazio alla autonomia. 10

11 DOVERE Solo comprendendo questo intreccio tra libertà e dovere si comprende il senso più profondo della responsabilità. 11

12 AGIRE DEONTOLOGICAMENTE Significa: agire con responsabilità, conformemente agli ideali della professione e ai suoi correlati doveri. 12

13 AGIRE DEONTOLOGICAMENTE NON significa, pertanto, eseguire comandi, quanto piuttosto avvertire la doverosità morale di atti o azioni. 13

14 La DEONTOLOGIA Sono dunque gli stessi professionisti a darsi le regole del proprio agire professionale. 14

15 REGOLE DEONTOLOGICHE Identificare il patrimonio di valori e finalità di una data professione, di renderlo manifesto e di tutelare la professione da interferenze esterne OBIETTIVI Regolamentare la professione alla luce di un etica generalmente condivisa 15

16 REGOLE DEONTOLOGICHE Nel momento in cui stabiliscono dei limiti al comportamento, le regole consentono al soggetto di agire con AUTONOMIA, ma assumendosi ogni responsabilità nei confronti di coloro cui tale agire si indirizza. 16

17 REGOLE DEONTOLOGICHE L'autonomia si esprime pienamente solo nella scelta responsabile che l'infermiere compie in quanto professionista chiamato a proteggere l'interersse della pesrona assistita. 17

18 REGOLE DEONTOLOGICHE L'autonomia professionale di cui gode l operatore sanitario non deve essere intesa come autoreferenzialità nel percorso decisionale, dal momento che essa si pone non solo e non tanto in relazione al soggetto che agisce,( chi decide? ) ma soprattutto in relazione al fine che deve essere perseguito ( quale la migliore decisione per quel paziente? ) 18

19 REGOLE DEONTOLOGICHE Tali regole, esprimono quindi un patto che la società stipula con la professione, a cui quest ultima risponde in termini di: TRASPARENZA FIDUCIA COMPETENZA 19

20 Direzione Gestione dei conflitti. Utilizzo della delega per lo svolgimento di proprie attività gestionali e organizzative. 20

21 Pianificazione Determinazione dei parametri base di riferimento per la determinazione dei contingenti di personale da assegnare a ciascuna unità operativa. 21

22 Pianificazione Contribuire alla definizione della mission e delle politiche aziendali attraverso l espressione delle esigenze e del punto di vista della professione. Definizione dei parametri in base ai quali determinare le risorse umane necessarie per la realizzazione degli obiettivi assistenziali. 22

23 REGOLE DEONTOLOGICHE In sintesi le regole di una professione hanno una valenza etica, ma ancor più una valenza sociale. Servono infatti allo scopo sociale di: valorizzare e tutelare la professione, promuovere l autonomia e la responsabilità dei suoi membri. 23

24 REGOLE DEONTOLOGICHE Nel caso della professione infermieristica, i suoi principi e le sue regole di comportamento vengono esplicitati dall unica fonte legittimata a farlo, cioè dalla Federazione Nazionale Collegi IPASVI. 24

25 Ostetrica/o Tecnico sanitario di radiologia medica IL CODICE DEONTOLOGICO Fisioterapisti Tecnico sanitario di Laboratorio biomedico 25

26 REGOLE DEONTOLOGICHE Le enunciazioni del Codice acquisiscono valore di norme vincolanti per ogni appartenente alla comunità professionale specifica, poiché dichiarano ai fruitori del servizio e agli altri professionisti del settore i modelli di comportamento morale che i suoi membri si impegnano a garantire. 26

27 REGOLE DEONTOLOGICHE Come sappiamo, la professione infermieristica s impegna a costruire quel rapporto fiduciario (Patto infermiere-cittadino) che garantisce una relazione di aiuto. 27

28 Il Codice deontologico del Fisioterapista Art. 3: il fisioterapista esercita la propria professione con la finalità esclusiva del rispetto della persona umana.. 28

29 Il Codice Deontologico del Tecnico Sanitario di Radiologia Medica ( TSRM) Art. 2.1: Il TSRM è il professionista che pone la persona al centro delle sue attività Art. 2.3 Riconosce la persona.soggetto titolare dei diritti inviolabili dell uomo Art. 2.7: Si pone in ascolto della persona 29

30 Il Codice Deontologico del Tecnico Sanitario di Laboratorio Biomedico Art.3: il Tecnico di Laboratorio esercita la propria professione con la finalità esclusiva del rispetto della persona umana, della sua personalità, identità culturale e credo religioso 30

31 Il Codice Deontologico dell Ostetrica/o Art. 3. 1: l ostetrica/o impronta la sua opera professionale nel rispetto dei diritti umani per salvaguardare la libertà e la dignità della persona assistita Art.3.2: assiste e consiglia la persona assistita riconoscendole di esprimere le proprie scelte. 31

32 REGOLE DEONTOLOGICHE Nessuna decisione va presa unilateralmente: questo è forse il mandato più importane di un Codice Deontologico. Si deve arrivare alle decisioni-scelte attraverso il dialogo, la discussione, il confronto anche con il paziente. 32

33 REGOLE DEONTOLOGICHE Gli operatori sanitari devono fare di questo punto il loro principale oggetto di intervento e regola di comportamento perché, nella posizione in cui si trovano, possono essere le persone che meglio conoscono il significato della malattia. 33

34 Il Codice deontologico Il Codice rappresenta pertanto l ordinamento interno, elaborato dagli stessi professionisti, la cui inosservanza comporta l erogazione di sanzioni disciplinari, a cui si associano spesso sanzioni penali. 34

35 Il Codice deontologico Nel Codice sono confluite norme che trovano una specifica collocazione anche in ambito penale ( ad es. rivelazione di segreto professionale). Il Codice Deontologico rappresenta un documento di autodisciplina. 35

36 IL CODICE DEONTOLOGICO Per il professionista, il C.D. deve essere visto come una GUIDA ed un RIFERIMENTO per l esercizio quotidiano della sua attività, in un contesto nel quale sono venute aumentando sia la complessità dei problemi da affrontare, sia l autonomia e la responsabilità professionale. 36

37 IL CODICE DEONTOLOGICO ( 2009) Il nuovo Codice Deontologico presentato e celebrato nell ambito del XV Congresso Ipasvi tenutosi a Febbraio 2009 approvato dalla Federazione Nazionale Collegi IPASVI il 2009, frutto di un grande e corale impegno dell intera compagine professionale. 37

38 IL CODICE DEONTOLOGICO (2009) L infermiere non è più l operatore sanitario dotato di un diploma abilitante ma il PROFESSIONISTA SANITARIO responsabile dell assistenza infermieristica. 38

39 IL CODICE DEONTOLOGICO (2009) Un professionista che, in quanto tale e anche nella sua individualità, assiste la persona e la collettività attraverso l ATTO INFERMIERISTICO inteso come il complesso dei saperi, delle attività, delle competenze e delle responsabilità dell infermiere. 39

40 IL CODICE DEONTOLOGICO (2009) Una svolta significativa per la professione infermieristica, si delinea con chiarezza nel rapporto infermiere-persona/assistito che racchiude due soggetti autonomi nella relazione e reciprocamente responsabili del patto assistenziale. 40

41 IL CODICE DEONTOLOGICO (2009) Un patto di per sé valido e operante senza mediazioni da parte di altre professionalità e che acquisisce una sua specificità all interno dei percorsi terapeutici e clinico assistenziali. 41

42 IL CODICE DEONTOLOGICO Quanto detto costituisce la base delle responsabilità dell infermiere, che deve avere come riferimento valori quali: il rispetto della vita, il rispetto della salute, (2009) il rispetto della libertà, il rispetto della dignità della persona. 42

43 IL CODICE DEONTOLOGICO ( 2009) Nel Codice Deontologico dell Infermiere confluiscono tre tipi di norme: deontologica: inerente l esercizio della professione; giuridica: che si richiama all ordinamento vigente, alla Costituzione, alle leggi sanitarie, ecc. etica: che sottolinea i valori nella professione infermieristica. 43

44 IL CODICE DEONTOLOGICO Il nuovo Codice Deontologico dell Infermiere abbraccia tre aspetti fondamentali per la nostra professione che sono in sintesi: 1) l infermiere e la relazione con la persona/assistito; 44

45 IL CODICE DEONTOLOGICO 2) l infermiere e la volontà e la dignità dell assistito nei processi di cura assistenziali; 3) l infermiere, le relazioni professionali e il rapporto con il sistema sanitario. 45

46 IL CODICE DEONTOLOGICO Il nuovo C.D. fissa le norme dell agire professionale e definisce i principi guida che strutturano il sistema etico in cui si svolge la relazione con la persona/assistito. 46

47 IL CODICE DEONTOLOGICO Relazione che si realizza attraverso interventi specifici, autonomi e complementari di natura intellettuale, tecnico-scientifica, gestionale, relazionale ed educativa. 47

48 IL CODICE DEONTOLOGICO I termini utilizzati per definire gli interventi assistenziali contengono le chiavi interpretative della natura dell atto infermieristico che ricerca e persegue appropriatezza e pertinenza nell interesse della persona/assistito. 48

49 IL CODICE DEONTOLOGICO INTERVENTI SPECIFICI Sta per propri, ossia interni alla professione in quanto patrimonio di peculiari competenze ed esperienze professionali 49

50 IL CODICE DEONTOLOGICO INTERVENTI AUTONOMI Sta per decisione propria rispetto ad altre figure professionali 50

51 IL CODICE DEONTOLOGICO NATURA INTELLETTUALE, TECNICO - SCIENTIFICA, GESTIONALE ED EDUCATIVA Sta per... sapere disciplinare che sostiene le diverse funzioni infermieristiche e per l'irrinunciabilità della relazione, dell'educazione e del'informazione. 51

52 Anche la responsabilità collegata all autonomia, è intesa come un principio guida dell agire professionale. L assunzione di responsabilità pone l infermiere in una condizione di costante impegno: quando assiste, quando cura, quando si prende cura. IL CODICE DEONTOLOGICO 52

53 IL CODICE DEONTOLOGICO L infermiere è un soggetto attivo, che agisce in prima persona con autonomia di scelta e responsabilità entro una cornice valoriale in cui il rispetto dei diritti fondamentali dell uomo e dei principi etici della professione è condizione essenziale per assistere e perseguire la salute intesa come bene fondamentale del singolo e interesse peculiare della collettività. 53

54 IL CODICE DEONTOLOGICO L infermiere sviluppa il suo sapere ed il suo essere professionista nella relazione con la persona che assiste. PERSONA ASSISTITO 54

55 IL CODICE DEONTOLOGICO PERSONA DEONTOLOGIA PROFESSIONALE È il cittadino inteso come detentore di diritti e protagonista delle attività di promozione e tutela del suo stato di salute. 55

56 IL CODICE DEONTOLOGICO ASSISTITO E la persona con cui l infermiere attiva una peculiare, specifica e professionale relazione in cui trova manifestazione il rispetto, il confronto e il dialogo vissuti come principi guida della deontologia professionale. 56

57 CODICE DEONTOLOGICO 2009 RESPONSABILITA (ARTICOLI 1, 3, 13, 47, 48) Oltre alla dimensione giuridico-professionale tale concetto ha anche una dimensione deontologica. Una ricerca ha fornito dati interessanti: gli infermieri si sentono responsabili soprattutto della salute del paziente, del suo benessere fisico e spirituale, nonché dell informazione alla persona e ai familiari. Indagine condotta dal CENSIS 57

58 CODICE DEONTOLOGICO 2009 RESPONSABILITA (ARTICOLI 1, 3, 13, 47, 48) Viene così affermata la responsabilità deontologica dell infermiere anche in relazione all organizzazione del lavoro, alla scelta e all applicazione di protocolli terapeutici, all uso di materiali e presidi, alla gestione dei rapporti tra i vari operatori e ai valori culturali del cittadino-paziente. 58

59 RESPONSABILITA Il Codice Deontologico dell Ostetrica/o ART. 5.1: L ostetrica/o deve contribuire ad assicurare l efficienza del servizio e il corretto uso delle risorse, la qualità delle prestazioni 59

60 RESPONSABILITA Il Codice Deontologico Tecnico di Radiologia Art.8.5: dato uno standard ottimale di produttività concordato per tipologie, determina.se essa sia una variabile migliorabile dall aumento dei ritmi o dal miglioramento dei metodi 60

61 RESPONSABILITA Il Codice Deontologico di Laboratorio Art. 9: ha la responsabilità diretta delle proprie procedure. 61

62 RESPONSABILITA Il Codice Deontologico del Fisioterapista Art. 18. ha il dovere di utilizzare metodologie e tecnologie la cui efficacia e sicurezza siano state scientificamente validate da società scientifiche 62

63 RESPONSABILITA Responsabile può essere solo chi è autonomo, ovvero solo colui che agisce coscientemente, che sa di dover agire secondo una norma che è la sua coscienza morale. 63

64 CODICE DEONTOLOGICO 2009 RESPONSABILITA (ARTICOLI 1, 3, 13, 47, 48) Tradizionalmente, la responsabilità è suddivisa in tre ambiti: responsabilità penale ( obbligo di rispondere per azioni che costituiscono un reato); responsabilità civile ( obbligo di risarcire un danno ingiustamente causato); responsabilità disciplinare ( che diventa una responsabilità ordinistico-disciplinare: ad essa si riferiscono gli obblighi contrattuali e di comportamento professionale). 64

65 LA COLPA PROFESSIONALE Sussiste un profilo di responsabilità dell infermiere per colpa professionale nell ipotesi in cui questo professionista dell assistenza infermieristica non abbia operato secondo la legge dell arte. 65

66 LA COLPA PROFESSIONALE Per legge dell arte si intende quel complesso di regole e prescrizioni tecniche che la scienza e l esperienza professionale hanno elaborato per effettuare un determinato trattamento nell interesse del paziente. 66

67 LA COLPA PROFESSIONALE La capacità professionale dell infermiere deve quindi essere continuamente aggiornata per poter esprimere sempre le conoscenze migliori, altrimenti si rischia un addebito per IMPERIZIA cioè per non aver eseguito un trattamento assistenziale con le modalità prescritte dalle linee guida ovvero dai protocolli operativi del momento. 67

68 LA COLPA PROFESSIONALE Nell ambito della legge dell arte possono essere fatti rientrare anche i profili di colpa generica consistenti nell aver operato con NEGLIGENZA cioè in modo superficiale e disatteso... 68

69 LA COLPA PROFESSIONALE e con IMPRUDENZA cioè senza la dovuta ponderazione della situazione e delle proprie capacità professionali. 69

70 LA COLPA PROFESSIONALE Lo stato dell arte inoltre, ha anche un aspetto che riguarda in generale la DILIGENZA ( precisione, scrupolosità, ecc.) la PRUDENZA ( cautela ) e la TEMPESTIVITA ( puntuale, appropriato), nelle attività assistenziali infermieristiche. 70

71 LA COLPA PROFESSIONALE Altro profilo di colpa consiste nella mancata osservanza di leggi, regolamenti, ordini o discipline in base alla definizione contenuta nell art. 43 del C.P.. 71

72 LA COLPA PROFESSIONALE art. 43 del C.P. doloso, o secondo l intenzione, quando l evento dannoso o pericoloso..è dall agente preveduto e voluto come conseguenza della propria azione od omissione... 72

73 LA COLPA PROFESSIONALE art. 43 del C.P. preterintenzionale, o oltre l intenzione, quando dall azione o dalla omissione deriva un evento dannoso o pericoloso più grave di quello voluto dall agente 73

74 LA COLPA PROFESSIONALE art. 43 del C.P. colposo, o contro l intenzione quando l evento, anche se preveduto, non è voluto dall agente e si verifica a causa di negligenza o imprudenza o imperizia, ovvero per inosservanza di leggi, regolamenti, ordini o discipline 74

75 LA COLPA PROFESSIONALE Per colpa grave in campo professionale s intende comunemente l errore grossolano che denota assoluta impreparazione ovvero una notevole negligenza, imprudenza; per colpa lieve, invece, l errore risulta di minore entità, per es. quello derivante da una trascuratezza nella prestazione di assistenza al malato di grado non elevato, ma rilevante. 75

76 LA COLPA PROFESSIONALE 1 es. di lesione colpose cagionate per colpa professionale infermieristica può essere individuato nelle lesione da decubito qualora sia ravvisabile una condotta colposa dell infermiere nella produzione dell evento dannoso. 76

77 LA COLPA PROFESSIONALE 2 es. di lesioni colpose in danno dei pazienti per difetto di adeguata assistenza infermieristica possono rinvenire nelle ipotesi in cui nel reparto non vengano rispettate le prescrizioni dirette a prevenire l insorgenza di infezioni nei malati. 77

78 LA COLPA PROFESSIONALE 3 es. di lesioni colpose in danno dei pazienti può avvenire per le cadute accidentali dal letto o da altri tipi di danni alla persona ( atti di autolesionismo). 78

79 LA COLPA PROFESSIONALE La protezione dei pazienti da questi rischi, deve essere realizzata con particolare cura e attenzione e può anche essere in via eccezionale effettuata con mezzi di contenzione, sempre che l uso di questi mezzi rappresenti l unico modo di prevenire un danno prevedibile al malato e sia limitato ad un tempo necessario a superare il pericolo derivante dalla patologie in essere. (C.D. art. 30) 79

80 LA COLPA PROFESSIONALE LA CONTENZIONE FISICA Per contenzione fisica s intende una limitazione delle possibilità di movimento di un soggetto. 80

81 LA COLPA PROFESSIONALE LA CONTENZIONE FISICA Il ricorso a misure di coercizione della libertà individuale nei confronti di soggetti ospedalizzati o ospiti di case di cura, sembra evidentemente opportuno al fine di evitare danni alla incolumità o alla vita degli stessi interessati o di altri ospiti della struttura o del personale di assistenza. 81

82 LA COLPA PROFESSIONALE LA CONTENZIONE FISICA Il rischio di detti danni è in genere connesso sia ad alterazioni patologiche, psichiche o fisiche.sia in rapporto alla degenza in genere ( in seguito, ad esempio, a movimenti durante interventi chirurgici o accertamenti diagnostici, oppure a cadute dal letto). 82

83 LA COLPA PROFESSIONALE CONTENZIONE E CODICE DEONTOLOGICO L articolo del codice deontologico degli infermieri che disciplina tale materia è il n 30. L infermiere si adopera affinchè il ricorso alla contenzione sia evento straordinario, sostenuto da prescrizione medica o da documentate valutazioni assistenziali. 83

84 LA COLPA PROFESSIONALE CONTENZIONE E CODICE DEONTOLOGICO La contenzione deve essere una scelta condivisibile quando vi si configuri l interesse della persona e inaccettabile quando sia una implicita risposta alle necessità istituzionali. 84

85 LA COLPA PROFESSIONALE CONTENZIONE E CODICE DEONTOLOGICO Spesso l utilizzo dei mezzi di contenzione in ambito sanitario o, più genericamente, socio-assistenziale, ha dato luogo ad addebiti di responsabilità, anche sotto il profilo penale, a carico del personale di cura o di assistenza che disponeva o attuava, tali provvedimenti, senza giusta motivazione. 85

86 LA COLPA PROFESSIONALE CONTENZIONE E LEGGI DELLO STATO Le condanne penali hanno riguardato, di volta in volta, i delitti di sequestro di persona ( art. 605 c.p.), di violenza privata ( art. 610 c.p.), di abuso dei mezzi di correzione ( art. 571 c.p. ), di maltrattamenti ( art. 572 c.p. ), di percosse ( art. 581 c.p. ), di lesioni personali ( art. 582 c.p. ). 86

87 LA COLPA PROFESSIONALE CONTENZIONE E LEGGI DELLO STATO La contenzione fisica risulta ammissibile solo quando costituisce provvedimento preventivo o terapeutico senza alternative meno afflittive in quelle concrete circostanze. 87

88 LA COLPA PROFESSIONALE Chi prescrive la contenzione? La decisione deve scaturire da una valutazione collegiale con conclusione concorde fra medici e infermieri e che la responsabilità di individuare le specifiche indicazioni sia esclusivamente medica e discenda da una valutazione attuale delle necessità di tutela della salute dell assistito. 88

89 LA COLPA PROFESSIONALE 4 es. di lesioni colpose in danno dei pazienti possono essere ancora cagionate dagli infermieri per erronee trascrizioni della annotazioni di loro competenza, come ad es. nel caso in cui una determinata terapia venga effettuata ad un soggetto diverso da quello cui invece competeva. 89

90 a proposito di farmaci LA COLPA PROFESSIONALE LA DETENZIONE DEI FARMACI nelle unità operative di degenza La detenzione dei farmaci a carico, segue determinate procedure indicate nel foglietto illustrativo. 90

91 LA COLPA PROFESSIONALE LA DETENZIONE DEI FARMACI nelle unità operative di degenza Vi sono farmaci che necessitano di: determinate temperature di conservazione; protezione dalle fonti di luce; particolari cautele e devono essere accompagnati da particolari strumenti documentativi nella conservazione, come gli stupefacenti; 91

92 LA COLPA PROFESSIONALE LA DETENZIONE DEI FARMACI nelle unità operative di degenza una detenzione ormai soltanto in determinati reparti per la loro pericolosità in caso di errore ( cloruro di potassio); una detenzione ed una manipolazione solo nelle farmacie centrali come gli antiblastici; 92

93 LA COLPA PROFESSIONALE LA DETENZIONE DEI FARMACI nelle unità operative di degenza Infine, un discorso a parte meritano i farmaci campioni! 93

94 LA COLPA PROFESSIONALE LA DETENZIONE DI FARMACI SCADUTI La detenzione di farmaci scaduti è un reato previsto dal Codice Penale ( art. 443). 94

95 LA COLPA PROFESSIONALE LA DETENZIONE DI FARMACI SCADUTI I farmaci nelle strutture sanitarie vengono conservati: Nelle farmacie centrali Nelle farmacie di reparto Nelle case di cura private Responsabilità del farmacista Responsabilità del caposala e degli infermieri Responsabilità del direttore sanitario 95

96 CODICE DEONTOLOGICO 2009 Responsabilità clinico-assistenziale Gli elementi indispensabili per identificare una responsabilità infermieristica possono essere evidenziati dal C.D. in questo modo: 96

97 CODICE DEONTOLOGICO 2009 Responsabilità clinico-assistenziale art. 1 affida all infermiere una responsabilità totale per quanto riguarda l assistenza generale infermieristica. 97

98 CODICE DEONTOLOGICO 2009 Responsabilità clinico-assistenziale art. 22 l infermiere conosce il progetto diagnostico-terapeutico per le influenze che questo ha sul percorso assistenziale 98

99 CODICE DEONTOLOGICO 2009 Responsabilità clinico-assistenziale L utilizzo di una metodologia scientifica e valida quale il processo di assistenza infermieristica, comporta l implementazione di una documentazione infermieristica, necessaria per documentare concretamente e storicamente le prestazioni infermieristiche. 99

100 CODICE DEONTOLOGICO 2009 Responsabilità clinico-assistenziale Si tratta di una responsabilità che assume non solo una mera valenza amministrativa, ma anche legale, come atto pubblico. 100

101 CODICE DEONTOLOGICO 2009 Responsabilità clinico-assistenziale art. 14 L infermiere riconosce l integrazione fra professionisti e l integrazione interprofessionale 101

102 CODICE DEONTOLOGICO 2009 Responsabilità clinico-assistenziale Si tratta di una responsabilità condivisa con altri professionisti dove ognuno risponde per il proprio ambito professionale peculiare. 102

103 CODICE DEONTOLOGICO 2009 Responsabilità clinico-assistenziale L assegnazione della responsabilità dell assistenza infermieristica all infermiere comporta giuridicamente due concetti: AUTONOMIA PROFESSIONALE SCIENTIFICITA DELL ASSISTENZA INFERMIERISTICA 103

104 CODICE DEONTOLOGICO 2009 Responsabilità formativa E nel momento formativo che si plasma la forma mentis dell infermiere, allo scopo di costruire una chiara identità e consapevolezza infermieristica e, soprattutto, di sviluppare una piena padronanza dei processi decisionali rispetto al campo proprio di attività. 104

105 Responsabilità formativa CODICE DEONTOLOGICO 2009 Ciò significa che la formazione deve fare acquisire anche il metodo di ragionamento per discriminare l attività propria da quella attribuibile ad altri professionisti sanitari e alle figure di supporto. 105

106 CODICE DEONTOLOGICO 2009 COMPETENZA PROFESSIONALE (ARTICOLI 11, 12, 13, ) E la combinazione di: CAPACITA CONOSCENZE PROFESSIONALI ORIENTAMENTI GESTIONALI richiesta dai processi che si svolgono nell azienda sanitaria. 106

107 COMPETENZA PROFESSIONALE (ARTICOLI 11, 12, 13, ) Conoscenze professionali: sono un insieme di modelli concettuali, teorie, metodi, strumenti e tecniche che l operatore ha acquisito attraverso la formazione di base, l aggiornamento e l esperienza, e che applica allo scopo di realizzare gli obiettivi di un processo e di un ruolo. 107

108 COMPETENZA PROFESSIONALE (ARTICOLI 11, 12, 13, ) tra le conoscenze indispensabili all infermiere (coordinatore) ve ne sono alcune di carattere organizzativo-gestionale, per es. quelle relative ai concetti e alla metodologia del budget e della contabilità analitica: queste stanno alla base dell orientamento gestionale. 108

109 COMPETENZA PROFESSIONALE (ARTICOLI 11, 12, 13, ) Capacità: sono costituite dal complesso di abilità personali che l operatore traduce in azioni e comportamenti direttamente collegati alle prestazioni che eroga. 109

110 COMPETENZA PROFESSIONALE (ARTICOLI 11, 12, 13, ) Tra quelle richieste agli infermieri hanno particolare rilevanza le capacità di diagnosi infermieristiche ( di riconoscimento dei problemi e delle loro cause), di pianificazione e di intervento. 110

111 COMPETENZA PROFESSIONALE (ARTICOLI 11, 12, 13, ) Per quanto riguarda l infermiere (coordinatore) le capacità diagnostiche, decisionali e di intervento riguardano principalmente i problemi gestionali, organizzativi e formativi. 111

112 COMPETENZA PROFESSIONALE (ARTICOLI 11, 12, 13, ) E necessario inoltre sviluppare anche le capacità relazionali nei confronti sia dei pazienti che degli operatori. Pensiamo alle relazioni interpersonali dei coordinatori infermieristici per risolvere conflitti tra i propri collaboratori. 112

113 COMPETENZA PROFESSIONALE (ARTICOLI 11, 12, 13, ) Orientamento gestionale: è essenziale affinché i professionisti interpretino il proprio ruolo in sintonia con la visione e i valori fondamentali dell azienda. 113

114 COMPETENZA PROFESSIONALE (ARTICOLI 11, 12, 13, ) Nelle organizzazioni sanitarie sono da considerare centrali i valori quali il servizio globale alla persona, la qualità del servizio, l efficienza, la produttività e la capacità di trovare nuove risposte ai problemi e alla sfide. 114

115 COMPETENZA PROFESSIONALE (ARTICOLI 11, 12, 13, ) Le competenze così intese si esprimono in comportamenti che danno luogo a prestazioni individuali e collettive efficaci e tali da determinare un alto gradimento da parte del cittadino ( qualità percepita). 115

116 COMPETENZA PROFESSIONALE (ARTICOLI 11, 12, 13, ) Si ritiene opportuno la realizzazione in azienda di un vero e proprio management delle competenze cioè di un processo con il quale gli infermieri (coordinatori) gestiscono e sviluppano il patrimonio di competenze in sintonia con le scelte strategiche aziendali. 116

117 COMPETENZA PROFESSIONALE (ARTICOLI 11, 12, 13, ) Secondo uno studio condotto da P. Benner esistono 5 stadi di competenza infermieristica: 1. NOVIZIO 2.PRINCIPIANTE AVANZATO 3.COMPETENTE 4. ABILE 5. ESPERTO 117

118 COMPETENZA PROFESSIONALE (ARTICOLI 11, 12, 13, ) 1. NOVIZIO Affronta le situazioni non in modo globale, ma in termini di attributi oggettivi ( es. polso, pressione, temperatura del paziente ) che prescindono dal contesto. Il suo comportamento si basa su regole che vengono tipicamente applicate con un ottica limitata e inflessibile. 118

119 COMPETENZA PROFESSIONALE (ARTICOLI 11, 12, 13, ) 2. PRINCIPIANTE AVANZATO Si basa ancora sugli attributi della prima fase, ma in più, avendo fatto fronte a diverse situazioni, è in grado di comprenderne alcune componenti ricorrenti. Sia il novizio che il principiante avanzato devono dedicare molte energie alla memorizzazione delle regole che sono state loro insegnate. 119

120 COMPETENZA PROFESSIONALE (ARTICOLI 11, 12, 13, ) 3. COMPETENTE Infermiere che possiede almeno 2 o 3 anni di esperienza, ha acquisito padronanza e sa affrontare e gestire le numerose contingenze della pratica clinica. La consapevole capacità di pianificare che caratterizza questo livello lo aiuta ad essere efficiente e organizzato. 120

121 COMPETENZA PROFESSIONALE (ARTICOLI 11, 12, 13, ) 4. ABILE E l infermiere con una esperienza lavorativa di 3-5 anni. Più rapido e flessibile del competente, l infermiere abile percepisce ancora meglio le situazioni come insiemi che hanno un significato in termini di obiettivi a lungo termine. 121

122 COMPETENZA PROFESSIONALE (ARTICOLI 11, 12, 13, ) 4. ABILE Tale percezione aumenta la sua capacità di prendere decisioni e di capire agevolmente quali sono gli attributi e gli aspetti importanti dell intera situazione. 122

123 COMPETENZA PROFESSIONALE (ARTICOLI 11, 12, 13, ) 5. ESPERTO L infermiere esperto collega la propria comprensione della situazione con l azione a essa appropriata non sulla base di principi analitici ( regole, linee guida o massime), ma grazie alla capacità che ha sviluppato di cogliere la situazione stessa in maniera intuitiva. 123

124 COMPETENZA PROFESSIONALE (ARTICOLI 11, 12, 13, ) 5. ESPERTO Tuttavia egli non rinuncia all uso degli strumenti analitici, che possiede in alto grado: li utilizza nelle situazioni nuove e quando, avendo avuto la percezione errata, si accorge che le cose non vanno come si aspettava. L infermiere esperto è quello che meglio può fungere da consulente per i colleghi. 124

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Scheda di valutazione individuale area dirigenza. Competenze e comportamenti Leggenda: 0,5=molto indoddisfacente 1=insoddisfacente

Scheda di valutazione individuale area dirigenza. Competenze e comportamenti Leggenda: 0,5=molto indoddisfacente 1=insoddisfacente Scheda di valutazione individuale area dirigenza Sessione di valutazione Nome e Cognome Valutatore Competenze e comportamenti Leggenda:,=molto indoddisfacente =insoddisfacente anno Incarico: PESATURA:

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14

Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14 Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14 Varenna - 27.09.2014 a cura dr. S. Fucci - giurista e bioeticista - sefucci@tiscali.it La relazione

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Documentazione per la formazione

Documentazione per la formazione La mia formazione professionale di base come assistente di farmacia Documentazione per la formazione Versione luglio 2007 Nome/cognome Farmacia Inizio della formazione professionale Fine della formazione

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO Informazioni Societarie Fondazione Prada Largo Isarco 2 20139 Milano, Italia P.IVA e codice fiscale 08963760965 telefono +39.02.56662611 fax +39.02.56662601 email: amministrazione@fondazioneprada.org TERMINI

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Codice Etico Rev. 03 Versione del 21/01/2013 Approvato della Giunta Esecutiva del 18/02/2013 Ratificato del Consiglio Direttivo entro il

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE La sottoscritta Nannini Emanuela nata ad Arezzo il 20.08.1965, consapevole della decadenza dai benefici di cui all art. 75 del DPR 445/2000 e dalle norme penali

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI COMUNE DI VIANO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Approvato con deliberazione di G.C. n. 73 del 28.11.2000 INDICE TITOLO 1 ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART.

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE = = = = = = REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Adottato con deliberazioni consiliari n. 56 dell 08.11.95 e n. 6 del 24.01.96 INDICE Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Fabio Ragaini, Gruppo Solidarietà Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Con Ordinanza 189/2010, www.grusol.it/informazioni/12-04-10.pdf, Il Tar delle

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli