DEONTOLOGIA PROFESSIONALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DEONTOLOGIA PROFESSIONALE"

Transcript

1 PIA FONDAZIONE DI CULTO E RELIGIONE AZIENDA OSPEDALIERA CARD. PANICO TRICASE Polo Didattico Formativo Universitario UNIVERSITA CATTOLICA SACRO CUORE FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Master Universitario di 1 livello in MANAGEMENT FUNZIONI DI COORDINAMENTO PROFESSIONI SANITARIE DEONTOLOGIA PROFESSIONALE Sr. Antonella Guarini

2 DEONTOLOGIA DAL GRECO DEON = Ciò che è necessario doveroso conveniente Il DOVERE LOGOS = discorso SCIENZA DEI DOVERI 2

3 DEONTOLOGIA SCIENZA DEI DOVERI DOVERI GIURIDICI (norme di legge che vietano determinate condotte). DOVERI DEONTOLOGICI (derivanti dai precetti del Codice deontologico) DOVERI ETICI (derivanti da valori superiori di ordine morale) 3

4 La DEONTOLOGIA è espressione dell ETICA PROFESSIONALE traduce in NORME in relazione LE ISTANZE MORALI 4

5 DEONTOLOGA PROFESSIONALE L insieme di NORME REGOLE della condotta professionale, espressione dei valori propri di una professione, generalmente raccolte in un Codice Deontologico, vero e proprio dettato normativo o raccolta di indicazioni all agire del professionista. 5

6 DEONTOLOGA E l insieme dei doveri del professionista, degli obblighi cui egli deve corrispondere nel suo agire professionale. 6

7 DOVERE DOVERE implica OBBLIGATORIETA MORALE il professionista non agisce per seguire un ordine esterno o per evitare, disattendendo quell ordine, una sanzione; 7

8 DOVERE Il professionista riconosce in sé il dovere di agire conformemente ad un modello di condotta o a un insieme di regole con cui tale condotta viene, appunto, regolamentata. 8

9 DOVERE Agire con senso del dovere per il professionista sanitario significa: agire avendo come scopo il benessere o la cura della persona. 9

10 DOVERE Riconoscere una valenza morale all agire deontologico, significa riconoscere all agire professionale un ampio spazio alla autonomia. 10

11 DOVERE Solo comprendendo questo intreccio tra libertà e dovere si comprende il senso più profondo della responsabilità. 11

12 AGIRE DEONTOLOGICAMENTE Significa: agire con responsabilità, conformemente agli ideali della professione e ai suoi correlati doveri. 12

13 AGIRE DEONTOLOGICAMENTE NON significa, pertanto, eseguire comandi, quanto piuttosto avvertire la doverosità morale di atti o azioni. 13

14 La DEONTOLOGIA Sono dunque gli stessi professionisti a darsi le regole del proprio agire professionale. 14

15 REGOLE DEONTOLOGICHE Identificare il patrimonio di valori e finalità di una data professione, di renderlo manifesto e di tutelare la professione da interferenze esterne OBIETTIVI Regolamentare la professione alla luce di un etica generalmente condivisa 15

16 REGOLE DEONTOLOGICHE Nel momento in cui stabiliscono dei limiti al comportamento, le regole consentono al soggetto di agire con AUTONOMIA, ma assumendosi ogni responsabilità nei confronti di coloro cui tale agire si indirizza. 16

17 REGOLE DEONTOLOGICHE L'autonomia si esprime pienamente solo nella scelta responsabile che l'infermiere compie in quanto professionista chiamato a proteggere l'interersse della pesrona assistita. 17

18 REGOLE DEONTOLOGICHE L'autonomia professionale di cui gode l operatore sanitario non deve essere intesa come autoreferenzialità nel percorso decisionale, dal momento che essa si pone non solo e non tanto in relazione al soggetto che agisce,( chi decide? ) ma soprattutto in relazione al fine che deve essere perseguito ( quale la migliore decisione per quel paziente? ) 18

19 REGOLE DEONTOLOGICHE Tali regole, esprimono quindi un patto che la società stipula con la professione, a cui quest ultima risponde in termini di: TRASPARENZA FIDUCIA COMPETENZA 19

20 Direzione Gestione dei conflitti. Utilizzo della delega per lo svolgimento di proprie attività gestionali e organizzative. 20

21 Pianificazione Determinazione dei parametri base di riferimento per la determinazione dei contingenti di personale da assegnare a ciascuna unità operativa. 21

22 Pianificazione Contribuire alla definizione della mission e delle politiche aziendali attraverso l espressione delle esigenze e del punto di vista della professione. Definizione dei parametri in base ai quali determinare le risorse umane necessarie per la realizzazione degli obiettivi assistenziali. 22

23 REGOLE DEONTOLOGICHE In sintesi le regole di una professione hanno una valenza etica, ma ancor più una valenza sociale. Servono infatti allo scopo sociale di: valorizzare e tutelare la professione, promuovere l autonomia e la responsabilità dei suoi membri. 23

24 REGOLE DEONTOLOGICHE Nel caso della professione infermieristica, i suoi principi e le sue regole di comportamento vengono esplicitati dall unica fonte legittimata a farlo, cioè dalla Federazione Nazionale Collegi IPASVI. 24

25 Ostetrica/o Tecnico sanitario di radiologia medica IL CODICE DEONTOLOGICO Fisioterapisti Tecnico sanitario di Laboratorio biomedico 25

26 REGOLE DEONTOLOGICHE Le enunciazioni del Codice acquisiscono valore di norme vincolanti per ogni appartenente alla comunità professionale specifica, poiché dichiarano ai fruitori del servizio e agli altri professionisti del settore i modelli di comportamento morale che i suoi membri si impegnano a garantire. 26

27 REGOLE DEONTOLOGICHE Come sappiamo, la professione infermieristica s impegna a costruire quel rapporto fiduciario (Patto infermiere-cittadino) che garantisce una relazione di aiuto. 27

28 Il Codice deontologico del Fisioterapista Art. 3: il fisioterapista esercita la propria professione con la finalità esclusiva del rispetto della persona umana.. 28

29 Il Codice Deontologico del Tecnico Sanitario di Radiologia Medica ( TSRM) Art. 2.1: Il TSRM è il professionista che pone la persona al centro delle sue attività Art. 2.3 Riconosce la persona.soggetto titolare dei diritti inviolabili dell uomo Art. 2.7: Si pone in ascolto della persona 29

30 Il Codice Deontologico del Tecnico Sanitario di Laboratorio Biomedico Art.3: il Tecnico di Laboratorio esercita la propria professione con la finalità esclusiva del rispetto della persona umana, della sua personalità, identità culturale e credo religioso 30

31 Il Codice Deontologico dell Ostetrica/o Art. 3. 1: l ostetrica/o impronta la sua opera professionale nel rispetto dei diritti umani per salvaguardare la libertà e la dignità della persona assistita Art.3.2: assiste e consiglia la persona assistita riconoscendole di esprimere le proprie scelte. 31

32 REGOLE DEONTOLOGICHE Nessuna decisione va presa unilateralmente: questo è forse il mandato più importane di un Codice Deontologico. Si deve arrivare alle decisioni-scelte attraverso il dialogo, la discussione, il confronto anche con il paziente. 32

33 REGOLE DEONTOLOGICHE Gli operatori sanitari devono fare di questo punto il loro principale oggetto di intervento e regola di comportamento perché, nella posizione in cui si trovano, possono essere le persone che meglio conoscono il significato della malattia. 33

34 Il Codice deontologico Il Codice rappresenta pertanto l ordinamento interno, elaborato dagli stessi professionisti, la cui inosservanza comporta l erogazione di sanzioni disciplinari, a cui si associano spesso sanzioni penali. 34

35 Il Codice deontologico Nel Codice sono confluite norme che trovano una specifica collocazione anche in ambito penale ( ad es. rivelazione di segreto professionale). Il Codice Deontologico rappresenta un documento di autodisciplina. 35

36 IL CODICE DEONTOLOGICO Per il professionista, il C.D. deve essere visto come una GUIDA ed un RIFERIMENTO per l esercizio quotidiano della sua attività, in un contesto nel quale sono venute aumentando sia la complessità dei problemi da affrontare, sia l autonomia e la responsabilità professionale. 36

37 IL CODICE DEONTOLOGICO ( 2009) Il nuovo Codice Deontologico presentato e celebrato nell ambito del XV Congresso Ipasvi tenutosi a Febbraio 2009 approvato dalla Federazione Nazionale Collegi IPASVI il 2009, frutto di un grande e corale impegno dell intera compagine professionale. 37

38 IL CODICE DEONTOLOGICO (2009) L infermiere non è più l operatore sanitario dotato di un diploma abilitante ma il PROFESSIONISTA SANITARIO responsabile dell assistenza infermieristica. 38

39 IL CODICE DEONTOLOGICO (2009) Un professionista che, in quanto tale e anche nella sua individualità, assiste la persona e la collettività attraverso l ATTO INFERMIERISTICO inteso come il complesso dei saperi, delle attività, delle competenze e delle responsabilità dell infermiere. 39

40 IL CODICE DEONTOLOGICO (2009) Una svolta significativa per la professione infermieristica, si delinea con chiarezza nel rapporto infermiere-persona/assistito che racchiude due soggetti autonomi nella relazione e reciprocamente responsabili del patto assistenziale. 40

41 IL CODICE DEONTOLOGICO (2009) Un patto di per sé valido e operante senza mediazioni da parte di altre professionalità e che acquisisce una sua specificità all interno dei percorsi terapeutici e clinico assistenziali. 41

42 IL CODICE DEONTOLOGICO Quanto detto costituisce la base delle responsabilità dell infermiere, che deve avere come riferimento valori quali: il rispetto della vita, il rispetto della salute, (2009) il rispetto della libertà, il rispetto della dignità della persona. 42

43 IL CODICE DEONTOLOGICO ( 2009) Nel Codice Deontologico dell Infermiere confluiscono tre tipi di norme: deontologica: inerente l esercizio della professione; giuridica: che si richiama all ordinamento vigente, alla Costituzione, alle leggi sanitarie, ecc. etica: che sottolinea i valori nella professione infermieristica. 43

44 IL CODICE DEONTOLOGICO Il nuovo Codice Deontologico dell Infermiere abbraccia tre aspetti fondamentali per la nostra professione che sono in sintesi: 1) l infermiere e la relazione con la persona/assistito; 44

45 IL CODICE DEONTOLOGICO 2) l infermiere e la volontà e la dignità dell assistito nei processi di cura assistenziali; 3) l infermiere, le relazioni professionali e il rapporto con il sistema sanitario. 45

46 IL CODICE DEONTOLOGICO Il nuovo C.D. fissa le norme dell agire professionale e definisce i principi guida che strutturano il sistema etico in cui si svolge la relazione con la persona/assistito. 46

47 IL CODICE DEONTOLOGICO Relazione che si realizza attraverso interventi specifici, autonomi e complementari di natura intellettuale, tecnico-scientifica, gestionale, relazionale ed educativa. 47

48 IL CODICE DEONTOLOGICO I termini utilizzati per definire gli interventi assistenziali contengono le chiavi interpretative della natura dell atto infermieristico che ricerca e persegue appropriatezza e pertinenza nell interesse della persona/assistito. 48

49 IL CODICE DEONTOLOGICO INTERVENTI SPECIFICI Sta per propri, ossia interni alla professione in quanto patrimonio di peculiari competenze ed esperienze professionali 49

50 IL CODICE DEONTOLOGICO INTERVENTI AUTONOMI Sta per decisione propria rispetto ad altre figure professionali 50

51 IL CODICE DEONTOLOGICO NATURA INTELLETTUALE, TECNICO - SCIENTIFICA, GESTIONALE ED EDUCATIVA Sta per... sapere disciplinare che sostiene le diverse funzioni infermieristiche e per l'irrinunciabilità della relazione, dell'educazione e del'informazione. 51

52 Anche la responsabilità collegata all autonomia, è intesa come un principio guida dell agire professionale. L assunzione di responsabilità pone l infermiere in una condizione di costante impegno: quando assiste, quando cura, quando si prende cura. IL CODICE DEONTOLOGICO 52

53 IL CODICE DEONTOLOGICO L infermiere è un soggetto attivo, che agisce in prima persona con autonomia di scelta e responsabilità entro una cornice valoriale in cui il rispetto dei diritti fondamentali dell uomo e dei principi etici della professione è condizione essenziale per assistere e perseguire la salute intesa come bene fondamentale del singolo e interesse peculiare della collettività. 53

54 IL CODICE DEONTOLOGICO L infermiere sviluppa il suo sapere ed il suo essere professionista nella relazione con la persona che assiste. PERSONA ASSISTITO 54

55 IL CODICE DEONTOLOGICO PERSONA DEONTOLOGIA PROFESSIONALE È il cittadino inteso come detentore di diritti e protagonista delle attività di promozione e tutela del suo stato di salute. 55

56 IL CODICE DEONTOLOGICO ASSISTITO E la persona con cui l infermiere attiva una peculiare, specifica e professionale relazione in cui trova manifestazione il rispetto, il confronto e il dialogo vissuti come principi guida della deontologia professionale. 56

57 CODICE DEONTOLOGICO 2009 RESPONSABILITA (ARTICOLI 1, 3, 13, 47, 48) Oltre alla dimensione giuridico-professionale tale concetto ha anche una dimensione deontologica. Una ricerca ha fornito dati interessanti: gli infermieri si sentono responsabili soprattutto della salute del paziente, del suo benessere fisico e spirituale, nonché dell informazione alla persona e ai familiari. Indagine condotta dal CENSIS 57

58 CODICE DEONTOLOGICO 2009 RESPONSABILITA (ARTICOLI 1, 3, 13, 47, 48) Viene così affermata la responsabilità deontologica dell infermiere anche in relazione all organizzazione del lavoro, alla scelta e all applicazione di protocolli terapeutici, all uso di materiali e presidi, alla gestione dei rapporti tra i vari operatori e ai valori culturali del cittadino-paziente. 58

59 RESPONSABILITA Il Codice Deontologico dell Ostetrica/o ART. 5.1: L ostetrica/o deve contribuire ad assicurare l efficienza del servizio e il corretto uso delle risorse, la qualità delle prestazioni 59

60 RESPONSABILITA Il Codice Deontologico Tecnico di Radiologia Art.8.5: dato uno standard ottimale di produttività concordato per tipologie, determina.se essa sia una variabile migliorabile dall aumento dei ritmi o dal miglioramento dei metodi 60

61 RESPONSABILITA Il Codice Deontologico di Laboratorio Art. 9: ha la responsabilità diretta delle proprie procedure. 61

62 RESPONSABILITA Il Codice Deontologico del Fisioterapista Art. 18. ha il dovere di utilizzare metodologie e tecnologie la cui efficacia e sicurezza siano state scientificamente validate da società scientifiche 62

63 RESPONSABILITA Responsabile può essere solo chi è autonomo, ovvero solo colui che agisce coscientemente, che sa di dover agire secondo una norma che è la sua coscienza morale. 63

64 CODICE DEONTOLOGICO 2009 RESPONSABILITA (ARTICOLI 1, 3, 13, 47, 48) Tradizionalmente, la responsabilità è suddivisa in tre ambiti: responsabilità penale ( obbligo di rispondere per azioni che costituiscono un reato); responsabilità civile ( obbligo di risarcire un danno ingiustamente causato); responsabilità disciplinare ( che diventa una responsabilità ordinistico-disciplinare: ad essa si riferiscono gli obblighi contrattuali e di comportamento professionale). 64

65 LA COLPA PROFESSIONALE Sussiste un profilo di responsabilità dell infermiere per colpa professionale nell ipotesi in cui questo professionista dell assistenza infermieristica non abbia operato secondo la legge dell arte. 65

66 LA COLPA PROFESSIONALE Per legge dell arte si intende quel complesso di regole e prescrizioni tecniche che la scienza e l esperienza professionale hanno elaborato per effettuare un determinato trattamento nell interesse del paziente. 66

67 LA COLPA PROFESSIONALE La capacità professionale dell infermiere deve quindi essere continuamente aggiornata per poter esprimere sempre le conoscenze migliori, altrimenti si rischia un addebito per IMPERIZIA cioè per non aver eseguito un trattamento assistenziale con le modalità prescritte dalle linee guida ovvero dai protocolli operativi del momento. 67

68 LA COLPA PROFESSIONALE Nell ambito della legge dell arte possono essere fatti rientrare anche i profili di colpa generica consistenti nell aver operato con NEGLIGENZA cioè in modo superficiale e disatteso... 68

69 LA COLPA PROFESSIONALE e con IMPRUDENZA cioè senza la dovuta ponderazione della situazione e delle proprie capacità professionali. 69

70 LA COLPA PROFESSIONALE Lo stato dell arte inoltre, ha anche un aspetto che riguarda in generale la DILIGENZA ( precisione, scrupolosità, ecc.) la PRUDENZA ( cautela ) e la TEMPESTIVITA ( puntuale, appropriato), nelle attività assistenziali infermieristiche. 70

71 LA COLPA PROFESSIONALE Altro profilo di colpa consiste nella mancata osservanza di leggi, regolamenti, ordini o discipline in base alla definizione contenuta nell art. 43 del C.P.. 71

72 LA COLPA PROFESSIONALE art. 43 del C.P. doloso, o secondo l intenzione, quando l evento dannoso o pericoloso..è dall agente preveduto e voluto come conseguenza della propria azione od omissione... 72

73 LA COLPA PROFESSIONALE art. 43 del C.P. preterintenzionale, o oltre l intenzione, quando dall azione o dalla omissione deriva un evento dannoso o pericoloso più grave di quello voluto dall agente 73

74 LA COLPA PROFESSIONALE art. 43 del C.P. colposo, o contro l intenzione quando l evento, anche se preveduto, non è voluto dall agente e si verifica a causa di negligenza o imprudenza o imperizia, ovvero per inosservanza di leggi, regolamenti, ordini o discipline 74

75 LA COLPA PROFESSIONALE Per colpa grave in campo professionale s intende comunemente l errore grossolano che denota assoluta impreparazione ovvero una notevole negligenza, imprudenza; per colpa lieve, invece, l errore risulta di minore entità, per es. quello derivante da una trascuratezza nella prestazione di assistenza al malato di grado non elevato, ma rilevante. 75

76 LA COLPA PROFESSIONALE 1 es. di lesione colpose cagionate per colpa professionale infermieristica può essere individuato nelle lesione da decubito qualora sia ravvisabile una condotta colposa dell infermiere nella produzione dell evento dannoso. 76

77 LA COLPA PROFESSIONALE 2 es. di lesioni colpose in danno dei pazienti per difetto di adeguata assistenza infermieristica possono rinvenire nelle ipotesi in cui nel reparto non vengano rispettate le prescrizioni dirette a prevenire l insorgenza di infezioni nei malati. 77

78 LA COLPA PROFESSIONALE 3 es. di lesioni colpose in danno dei pazienti può avvenire per le cadute accidentali dal letto o da altri tipi di danni alla persona ( atti di autolesionismo). 78

79 LA COLPA PROFESSIONALE La protezione dei pazienti da questi rischi, deve essere realizzata con particolare cura e attenzione e può anche essere in via eccezionale effettuata con mezzi di contenzione, sempre che l uso di questi mezzi rappresenti l unico modo di prevenire un danno prevedibile al malato e sia limitato ad un tempo necessario a superare il pericolo derivante dalla patologie in essere. (C.D. art. 30) 79

80 LA COLPA PROFESSIONALE LA CONTENZIONE FISICA Per contenzione fisica s intende una limitazione delle possibilità di movimento di un soggetto. 80

81 LA COLPA PROFESSIONALE LA CONTENZIONE FISICA Il ricorso a misure di coercizione della libertà individuale nei confronti di soggetti ospedalizzati o ospiti di case di cura, sembra evidentemente opportuno al fine di evitare danni alla incolumità o alla vita degli stessi interessati o di altri ospiti della struttura o del personale di assistenza. 81

82 LA COLPA PROFESSIONALE LA CONTENZIONE FISICA Il rischio di detti danni è in genere connesso sia ad alterazioni patologiche, psichiche o fisiche.sia in rapporto alla degenza in genere ( in seguito, ad esempio, a movimenti durante interventi chirurgici o accertamenti diagnostici, oppure a cadute dal letto). 82

83 LA COLPA PROFESSIONALE CONTENZIONE E CODICE DEONTOLOGICO L articolo del codice deontologico degli infermieri che disciplina tale materia è il n 30. L infermiere si adopera affinchè il ricorso alla contenzione sia evento straordinario, sostenuto da prescrizione medica o da documentate valutazioni assistenziali. 83

84 LA COLPA PROFESSIONALE CONTENZIONE E CODICE DEONTOLOGICO La contenzione deve essere una scelta condivisibile quando vi si configuri l interesse della persona e inaccettabile quando sia una implicita risposta alle necessità istituzionali. 84

85 LA COLPA PROFESSIONALE CONTENZIONE E CODICE DEONTOLOGICO Spesso l utilizzo dei mezzi di contenzione in ambito sanitario o, più genericamente, socio-assistenziale, ha dato luogo ad addebiti di responsabilità, anche sotto il profilo penale, a carico del personale di cura o di assistenza che disponeva o attuava, tali provvedimenti, senza giusta motivazione. 85

86 LA COLPA PROFESSIONALE CONTENZIONE E LEGGI DELLO STATO Le condanne penali hanno riguardato, di volta in volta, i delitti di sequestro di persona ( art. 605 c.p.), di violenza privata ( art. 610 c.p.), di abuso dei mezzi di correzione ( art. 571 c.p. ), di maltrattamenti ( art. 572 c.p. ), di percosse ( art. 581 c.p. ), di lesioni personali ( art. 582 c.p. ). 86

87 LA COLPA PROFESSIONALE CONTENZIONE E LEGGI DELLO STATO La contenzione fisica risulta ammissibile solo quando costituisce provvedimento preventivo o terapeutico senza alternative meno afflittive in quelle concrete circostanze. 87

88 LA COLPA PROFESSIONALE Chi prescrive la contenzione? La decisione deve scaturire da una valutazione collegiale con conclusione concorde fra medici e infermieri e che la responsabilità di individuare le specifiche indicazioni sia esclusivamente medica e discenda da una valutazione attuale delle necessità di tutela della salute dell assistito. 88

89 LA COLPA PROFESSIONALE 4 es. di lesioni colpose in danno dei pazienti possono essere ancora cagionate dagli infermieri per erronee trascrizioni della annotazioni di loro competenza, come ad es. nel caso in cui una determinata terapia venga effettuata ad un soggetto diverso da quello cui invece competeva. 89

90 a proposito di farmaci LA COLPA PROFESSIONALE LA DETENZIONE DEI FARMACI nelle unità operative di degenza La detenzione dei farmaci a carico, segue determinate procedure indicate nel foglietto illustrativo. 90

91 LA COLPA PROFESSIONALE LA DETENZIONE DEI FARMACI nelle unità operative di degenza Vi sono farmaci che necessitano di: determinate temperature di conservazione; protezione dalle fonti di luce; particolari cautele e devono essere accompagnati da particolari strumenti documentativi nella conservazione, come gli stupefacenti; 91

92 LA COLPA PROFESSIONALE LA DETENZIONE DEI FARMACI nelle unità operative di degenza una detenzione ormai soltanto in determinati reparti per la loro pericolosità in caso di errore ( cloruro di potassio); una detenzione ed una manipolazione solo nelle farmacie centrali come gli antiblastici; 92

93 LA COLPA PROFESSIONALE LA DETENZIONE DEI FARMACI nelle unità operative di degenza Infine, un discorso a parte meritano i farmaci campioni! 93

94 LA COLPA PROFESSIONALE LA DETENZIONE DI FARMACI SCADUTI La detenzione di farmaci scaduti è un reato previsto dal Codice Penale ( art. 443). 94

95 LA COLPA PROFESSIONALE LA DETENZIONE DI FARMACI SCADUTI I farmaci nelle strutture sanitarie vengono conservati: Nelle farmacie centrali Nelle farmacie di reparto Nelle case di cura private Responsabilità del farmacista Responsabilità del caposala e degli infermieri Responsabilità del direttore sanitario 95

96 CODICE DEONTOLOGICO 2009 Responsabilità clinico-assistenziale Gli elementi indispensabili per identificare una responsabilità infermieristica possono essere evidenziati dal C.D. in questo modo: 96

97 CODICE DEONTOLOGICO 2009 Responsabilità clinico-assistenziale art. 1 affida all infermiere una responsabilità totale per quanto riguarda l assistenza generale infermieristica. 97

98 CODICE DEONTOLOGICO 2009 Responsabilità clinico-assistenziale art. 22 l infermiere conosce il progetto diagnostico-terapeutico per le influenze che questo ha sul percorso assistenziale 98

99 CODICE DEONTOLOGICO 2009 Responsabilità clinico-assistenziale L utilizzo di una metodologia scientifica e valida quale il processo di assistenza infermieristica, comporta l implementazione di una documentazione infermieristica, necessaria per documentare concretamente e storicamente le prestazioni infermieristiche. 99

100 CODICE DEONTOLOGICO 2009 Responsabilità clinico-assistenziale Si tratta di una responsabilità che assume non solo una mera valenza amministrativa, ma anche legale, come atto pubblico. 100

101 CODICE DEONTOLOGICO 2009 Responsabilità clinico-assistenziale art. 14 L infermiere riconosce l integrazione fra professionisti e l integrazione interprofessionale 101

102 CODICE DEONTOLOGICO 2009 Responsabilità clinico-assistenziale Si tratta di una responsabilità condivisa con altri professionisti dove ognuno risponde per il proprio ambito professionale peculiare. 102

103 CODICE DEONTOLOGICO 2009 Responsabilità clinico-assistenziale L assegnazione della responsabilità dell assistenza infermieristica all infermiere comporta giuridicamente due concetti: AUTONOMIA PROFESSIONALE SCIENTIFICITA DELL ASSISTENZA INFERMIERISTICA 103

104 CODICE DEONTOLOGICO 2009 Responsabilità formativa E nel momento formativo che si plasma la forma mentis dell infermiere, allo scopo di costruire una chiara identità e consapevolezza infermieristica e, soprattutto, di sviluppare una piena padronanza dei processi decisionali rispetto al campo proprio di attività. 104

105 Responsabilità formativa CODICE DEONTOLOGICO 2009 Ciò significa che la formazione deve fare acquisire anche il metodo di ragionamento per discriminare l attività propria da quella attribuibile ad altri professionisti sanitari e alle figure di supporto. 105

106 CODICE DEONTOLOGICO 2009 COMPETENZA PROFESSIONALE (ARTICOLI 11, 12, 13, ) E la combinazione di: CAPACITA CONOSCENZE PROFESSIONALI ORIENTAMENTI GESTIONALI richiesta dai processi che si svolgono nell azienda sanitaria. 106

107 COMPETENZA PROFESSIONALE (ARTICOLI 11, 12, 13, ) Conoscenze professionali: sono un insieme di modelli concettuali, teorie, metodi, strumenti e tecniche che l operatore ha acquisito attraverso la formazione di base, l aggiornamento e l esperienza, e che applica allo scopo di realizzare gli obiettivi di un processo e di un ruolo. 107

108 COMPETENZA PROFESSIONALE (ARTICOLI 11, 12, 13, ) tra le conoscenze indispensabili all infermiere (coordinatore) ve ne sono alcune di carattere organizzativo-gestionale, per es. quelle relative ai concetti e alla metodologia del budget e della contabilità analitica: queste stanno alla base dell orientamento gestionale. 108

109 COMPETENZA PROFESSIONALE (ARTICOLI 11, 12, 13, ) Capacità: sono costituite dal complesso di abilità personali che l operatore traduce in azioni e comportamenti direttamente collegati alle prestazioni che eroga. 109

110 COMPETENZA PROFESSIONALE (ARTICOLI 11, 12, 13, ) Tra quelle richieste agli infermieri hanno particolare rilevanza le capacità di diagnosi infermieristiche ( di riconoscimento dei problemi e delle loro cause), di pianificazione e di intervento. 110

111 COMPETENZA PROFESSIONALE (ARTICOLI 11, 12, 13, ) Per quanto riguarda l infermiere (coordinatore) le capacità diagnostiche, decisionali e di intervento riguardano principalmente i problemi gestionali, organizzativi e formativi. 111

112 COMPETENZA PROFESSIONALE (ARTICOLI 11, 12, 13, ) E necessario inoltre sviluppare anche le capacità relazionali nei confronti sia dei pazienti che degli operatori. Pensiamo alle relazioni interpersonali dei coordinatori infermieristici per risolvere conflitti tra i propri collaboratori. 112

113 COMPETENZA PROFESSIONALE (ARTICOLI 11, 12, 13, ) Orientamento gestionale: è essenziale affinché i professionisti interpretino il proprio ruolo in sintonia con la visione e i valori fondamentali dell azienda. 113

114 COMPETENZA PROFESSIONALE (ARTICOLI 11, 12, 13, ) Nelle organizzazioni sanitarie sono da considerare centrali i valori quali il servizio globale alla persona, la qualità del servizio, l efficienza, la produttività e la capacità di trovare nuove risposte ai problemi e alla sfide. 114

115 COMPETENZA PROFESSIONALE (ARTICOLI 11, 12, 13, ) Le competenze così intese si esprimono in comportamenti che danno luogo a prestazioni individuali e collettive efficaci e tali da determinare un alto gradimento da parte del cittadino ( qualità percepita). 115

116 COMPETENZA PROFESSIONALE (ARTICOLI 11, 12, 13, ) Si ritiene opportuno la realizzazione in azienda di un vero e proprio management delle competenze cioè di un processo con il quale gli infermieri (coordinatori) gestiscono e sviluppano il patrimonio di competenze in sintonia con le scelte strategiche aziendali. 116

117 COMPETENZA PROFESSIONALE (ARTICOLI 11, 12, 13, ) Secondo uno studio condotto da P. Benner esistono 5 stadi di competenza infermieristica: 1. NOVIZIO 2.PRINCIPIANTE AVANZATO 3.COMPETENTE 4. ABILE 5. ESPERTO 117

118 COMPETENZA PROFESSIONALE (ARTICOLI 11, 12, 13, ) 1. NOVIZIO Affronta le situazioni non in modo globale, ma in termini di attributi oggettivi ( es. polso, pressione, temperatura del paziente ) che prescindono dal contesto. Il suo comportamento si basa su regole che vengono tipicamente applicate con un ottica limitata e inflessibile. 118

119 COMPETENZA PROFESSIONALE (ARTICOLI 11, 12, 13, ) 2. PRINCIPIANTE AVANZATO Si basa ancora sugli attributi della prima fase, ma in più, avendo fatto fronte a diverse situazioni, è in grado di comprenderne alcune componenti ricorrenti. Sia il novizio che il principiante avanzato devono dedicare molte energie alla memorizzazione delle regole che sono state loro insegnate. 119

120 COMPETENZA PROFESSIONALE (ARTICOLI 11, 12, 13, ) 3. COMPETENTE Infermiere che possiede almeno 2 o 3 anni di esperienza, ha acquisito padronanza e sa affrontare e gestire le numerose contingenze della pratica clinica. La consapevole capacità di pianificare che caratterizza questo livello lo aiuta ad essere efficiente e organizzato. 120

121 COMPETENZA PROFESSIONALE (ARTICOLI 11, 12, 13, ) 4. ABILE E l infermiere con una esperienza lavorativa di 3-5 anni. Più rapido e flessibile del competente, l infermiere abile percepisce ancora meglio le situazioni come insiemi che hanno un significato in termini di obiettivi a lungo termine. 121

122 COMPETENZA PROFESSIONALE (ARTICOLI 11, 12, 13, ) 4. ABILE Tale percezione aumenta la sua capacità di prendere decisioni e di capire agevolmente quali sono gli attributi e gli aspetti importanti dell intera situazione. 122

123 COMPETENZA PROFESSIONALE (ARTICOLI 11, 12, 13, ) 5. ESPERTO L infermiere esperto collega la propria comprensione della situazione con l azione a essa appropriata non sulla base di principi analitici ( regole, linee guida o massime), ma grazie alla capacità che ha sviluppato di cogliere la situazione stessa in maniera intuitiva. 123

124 COMPETENZA PROFESSIONALE (ARTICOLI 11, 12, 13, ) 5. ESPERTO Tuttavia egli non rinuncia all uso degli strumenti analitici, che possiede in alto grado: li utilizza nelle situazioni nuove e quando, avendo avuto la percezione errata, si accorge che le cose non vanno come si aspettava. L infermiere esperto è quello che meglio può fungere da consulente per i colleghi. 124

IL CODICE DEONTOLOGICO DEGLI INFERMIERI

IL CODICE DEONTOLOGICO DEGLI INFERMIERI IL CODICE DEONTOLOGICO DEGLI INFERMIERI Maggio 1999 I DOVERI DEGLI INFERMIERI SONO I DIRITTI DEI CITTADINI Articolo 1 PREMESSA 1.1. L infermiere è l operatore sanitario che, in possesso del diploma abilitante

Dettagli

Responsabilità professionale in sala di sterilizzazione: l infermiere primus inter pares

Responsabilità professionale in sala di sterilizzazione: l infermiere primus inter pares Responsabilità professionale in sala di sterilizzazione: l infermiere primus inter pares Inf. Eugenio Cortigiano Infermiere Legale e Forense LECCE 17/19 giugno 2010 La vigente legislazione sulla responsabilità

Dettagli

Competenza e Ricerca

Competenza e Ricerca Competenza e Ricerca La ricerca è alla base del progresso infermieristico, dello sviluppo della disciplina e della professione. Metodologia della ricerca come presupposto per l acquisizione di una mentalità

Dettagli

IL NUOVO CODICE DEONTOLOGICO DELL INFERMIERE

IL NUOVO CODICE DEONTOLOGICO DELL INFERMIERE IL NUOVO CODICE DEONTOLOGICO DELL INFERMIERE Il primo testo del Codice Deontologico venne approvato nel febbraio 1999 dalla Federazione Nazionale dei Collegi Ipasvi. Il 17 gennaio 2009 il consiglio Nazionale

Dettagli

La Responsabilità Professionale: la documentazione. Collegio IPASVI Ferrara Cristiano Pelati

La Responsabilità Professionale: la documentazione. Collegio IPASVI Ferrara Cristiano Pelati La Responsabilità Professionale: la documentazione Collegio IPASVI Ferrara Cristiano Pelati OTTICA DI SISTEMA NELLA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Estryn-Beharl et al. 2004 e Kaissi et al., 2003 sostengono

Dettagli

Italia @ Europa Analisi comparata dell infermieristica di area critica. QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELL APPRENDIMENTO

Italia @ Europa Analisi comparata dell infermieristica di area critica. QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELL APPRENDIMENTO 23 Congresso Nazionale Aniarti Jesolo, 03 05 novembre 2004 Italia @ Europa Analisi comparata dell infermieristica di area critica. QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELL APPRENDIMENTO (La risposta corretta è

Dettagli

C.R.P. S.R.L. CENTRO RADIOLOGICO POLISPECIALISTICO CODICE ETICO

C.R.P. S.R.L. CENTRO RADIOLOGICO POLISPECIALISTICO CODICE ETICO C.R.P. S.R.L. CENTRO RADIOLOGICO POLISPECIALISTICO CODICE ETICO Sommario PREMESSA... 1 1 - MISSIONE DEL CENTRO... 2 2 - VALORI ETICI - SOCIALI... 3 3 - CONDUZIONE DEGLI AFFARI... 4 3.1 Principi generali...

Dettagli

Il nuovo Codice Deontologico degli Infermieri italiani

Il nuovo Codice Deontologico degli Infermieri italiani Il nuovo Codice Deontologico degli Infermieri italiani La storia è fatta di eventi, vicende e ricorrenze. Così è anche per il cammino delle infermiere e degli infermieri italiani che, con i Collegi provinciali

Dettagli

MEDIAZIONE TRA PARI PRESENTA LE CONTROVERSIE IN MATERIA DI RESPONSABILITA MEDICA. www.mediazionetrapari.wordpress.com

MEDIAZIONE TRA PARI PRESENTA LE CONTROVERSIE IN MATERIA DI RESPONSABILITA MEDICA. www.mediazionetrapari.wordpress.com MEDIAZIONE TRA PARI PRESENTA LE CONTROVERSIE IN MATERIA DI RESPONSABILITA MEDICA GRAZIE PER AVER SCARICATO LA MIA GUIDA ALLA GESTIONE DELLE CONTROVERSIE IN MATERIA DI RESPONSABILITA MEDICA QUESTA GUIDA,

Dettagli

Indice. 1. Definizione. 2. Valori. 3. Principi. 4. Doveri comportamentali. 5. Doveri di riservatezza. 6. Doveri di competenza

Indice. 1. Definizione. 2. Valori. 3. Principi. 4. Doveri comportamentali. 5. Doveri di riservatezza. 6. Doveri di competenza Indice 1. Definizione 2. Valori 3. Principi 4. Doveri comportamentali 5. Doveri di riservatezza 6. Doveri di competenza 7. Rapporti con i Clienti 8. Atteggiamento verso i Concorrenti 9. Atteggiamenti da

Dettagli

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori ARTICOLI ORIGINALI Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori 38 Tratto dalla propria Tesi di Master La percezione del Coordinatore Infermieristico sulla competenza

Dettagli

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Etica in emergenza

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Etica in emergenza Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Etica in emergenza Argomenti della lezione Il codice deontologico della Croce Rossa applicato alle emergenze: Il comportamento con i mass media Il rispetto

Dettagli

D.Lgs. 231/01 Normativa e Modello di organizzazione Sispi Codice Etico

D.Lgs. 231/01 Normativa e Modello di organizzazione Sispi Codice Etico 1. Principi generali La Sispi S.p.A., persegue la sua missione aziendale attraverso lo svolgimento di attività che hanno impatto sulla vita della collettività oltreché dei singoli. In tale percorso l esigenza

Dettagli

Gruppo di Coordinamento Gestione del Rischio ( Risk Management )

Gruppo di Coordinamento Gestione del Rischio ( Risk Management ) Pagina 1 di 16 Gruppo di Coordinamento Gestione del Rischio ( Risk Management ) PROCEDURA REDAZIONE VERIFICA APPROVAZIONE Data Funzione Nome Data Funzione Nome Data Funzione Nome 11/2/13 Responsabile Risk

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE TRA IL PERSONALE INFERMIERISTICO

LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE TRA IL PERSONALE INFERMIERISTICO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO MASTER / COORDINAMENTO LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE

Dettagli

LA RESPONSABILITA IN MEDICINA a cura di Marco Perelli Ercolini

LA RESPONSABILITA IN MEDICINA a cura di Marco Perelli Ercolini LA RESPONSABILITA IN MEDICINA a cura di Marco Perelli Ercolini Con l allocuzione di responsabilità in medicina si intende la consapevolezza dell impegno assunto o di un comportamento, correlata alle funzioni

Dettagli

LA PICCOLA CASA DEL RIFUGIO Ente Morale R. D. 13 Ottobre 1885 Via Antonini 3, 20141, Milano

LA PICCOLA CASA DEL RIFUGIO Ente Morale R. D. 13 Ottobre 1885 Via Antonini 3, 20141, Milano Residenza Sanitario - assistenziale per Anziani (RSA) Residenza Sanitario - assistenziale per Disabili (RSD) Centro Diurno Integrato per Anziani (CDI) CODICE ETICO Approvato il 1 dicembre 2014 LA PICCOLA

Dettagli

CONDIZIONE MORALE E GIURIDICA DI CHI E RESPONSABILE RESPONSABILITA. CIOE SAPER RISPONDERE DI QUALCOSA

CONDIZIONE MORALE E GIURIDICA DI CHI E RESPONSABILE RESPONSABILITA. CIOE SAPER RISPONDERE DI QUALCOSA LA RESPONSABILITA DEL PROFESSIONISTA SANITARIO CONDIZIONE MORALE E GIURIDICA DI CHI E RESPONSABILE RESPONSABILITA. CIOE SAPER RISPONDERE DI QUALCOSA RESPONSABILE E.. CHI DEVE DAR CONTO DI QUALCHE COSA

Dettagli

La valutazione individuale e il ciclo delle performance in sanità

La valutazione individuale e il ciclo delle performance in sanità La valutazione individuale e il ciclo delle performance in sanità Responsabile scientifico: Prof. Andrea Vettori, Docente di Healthcare management Università degli studi Guglielmo Marconi, Roma Autori:

Dettagli

SISTEMA QUALITÀ sistemi cultura cultura della qualità

SISTEMA QUALITÀ sistemi cultura cultura della qualità SISTEMA QUALITÀ Nell intraprendere la strada della Qualità Totale ci si è posti l interrogativo sul percorso più adatto al Centro ossia, se modificare i sistemi oppure modificare la cultura. L intervento

Dettagli

generalità 2 importanza del miglioramento continuo 2 Impegno professionale 2 Rispetto delle persone 2 Integrità 2 Lealtà 3 Partecipazione 3

generalità 2 importanza del miglioramento continuo 2 Impegno professionale 2 Rispetto delle persone 2 Integrità 2 Lealtà 3 Partecipazione 3 Codice etico Allegato del Modello di Organizzazione e di Gestione articolo 25-septies e articolo 25 undecies del D.Lgs. 231/01 20/01/2012 Approvato dal Consiglio di Amministrazione SOMMARIO generalità

Dettagli

CODICE ETICO 1. PREMESSA

CODICE ETICO 1. PREMESSA CODICE ETICO 1. PREMESSA 1.1.L Istituto Universitario di Studi Europei (di seguito l Istituto ) è un'associazione senza scopo di lucro che ha ottenuto dalla Regione Piemonte l'iscrizione nel registro regionale

Dettagli

CODICE DEONTOLOGICO. del Tecnico di Fisiopatologia Cardiocircolatoria e Perfusione Cardiovascolare. Sommario. A cura dell ANPEC Anno 2005 ART.

CODICE DEONTOLOGICO. del Tecnico di Fisiopatologia Cardiocircolatoria e Perfusione Cardiovascolare. Sommario. A cura dell ANPEC Anno 2005 ART. CODICE DEONTOLOGICO del Tecnico di Fisiopatologia Cardiocircolatoria e Perfusione Cardiovascolare A cura dell ANPEC Anno 2005 Sommario DISPOSIZIONI GENERALI... 2 ART. 1 RESPONSABILITÀ PERSONALE... 3 ART.

Dettagli

Maria Mongardi - 5 Convegno Nazionale AISLEC - Anno 2007

Maria Mongardi - 5 Convegno Nazionale AISLEC - Anno 2007 !" # $ Infermiere - Professione Intellettuale espletameto di attività di natura prevalentemente intellettuale riguardanti determinati e specifici settori operativi di interesse collettivo o di rilevanza

Dettagli

Area Socio Culturale istituzionale e legislativa. Corso ASA Diurno 2010/2011

Area Socio Culturale istituzionale e legislativa. Corso ASA Diurno 2010/2011 Area Socio Culturale istituzionale e legislativa 1 Cosa si intende per PRIVACY? Diritto a essere lasciato solo ovvero a non subire interferenze sulla propria persona e nella propria vita (anglosassoni)

Dettagli

CAPO V... 5. SISTEMA SANZIONATORIO... 5 Art. 13 Applicazione dei provvedimenti... 5

CAPO V... 5. SISTEMA SANZIONATORIO... 5 Art. 13 Applicazione dei provvedimenti... 5 Sommario PREMESSA... 2 CAPO I... 3 DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1 - Ambito di applicazione e Destinatari 3 Art. 2 - Principi generali... 3 Art. 3 - Comunicazione... 3 Art. 4 - Responsabilità... 3 Art.

Dettagli

Carta della qualità della Cartella Clinica

Carta della qualità della Cartella Clinica Carta della qualità della Cartella Clinica La carta della qualità della Cartella Clinica, ovvero la documentazione sanitaria prodotta nel singolo ricovero ospedaliero del paziente, è ispirata alla Carta

Dettagli

Allegato del Modello di Organizzazione e di Gestione (D. Lgs. 8 giugno 2001, n. 231 e art. 30 del D. Lgs. 9 aprile 2008, n.81)

Allegato del Modello di Organizzazione e di Gestione (D. Lgs. 8 giugno 2001, n. 231 e art. 30 del D. Lgs. 9 aprile 2008, n.81) Sommario 2 3 6 8 Principi di comportamento Principi d azione Rispetto della legalità Rispetto della salute e della sicurezza sul lavoro Rispetto dell ambiente e della collettività Rapporti con fornitori

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. PATTO DI CORRESPONSABILITÀ EDUCATIVA (Linee guida per il Patto Educativo - DPR 21 Novembre 2007, n. 235)

SCUOLA PRIMARIA. PATTO DI CORRESPONSABILITÀ EDUCATIVA (Linee guida per il Patto Educativo - DPR 21 Novembre 2007, n. 235) Pag. 1 di 5 SCUOLA PRIMARIA PATTO DI CORRESPONSABILITÀ EDUCATIVA (Linee guida per il Patto Educativo - DPR 21 Novembre 2007, n. 235) Nell attuale società frammentata e sempre più complessa, di fronte all

Dettagli

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane Codice Etico del Gruppo Poste Italiane 28 settembre 2009 Approvato nell adunanza del 28 settembre 2009 del Consiglio di Amministrazione Indice 1. PREMESSA E OBIETTIVI............................. 2 2.

Dettagli

L Infermiere Coordinatore e la Professione Sanitaria di Infermiere

L Infermiere Coordinatore e la Professione Sanitaria di Infermiere . COORDINAMENTO NAZIONALE CAPOSALA Abilitati alle Funzioni Direttive dell'assistenza Infermieristica Regione Sicilia L Infermiere Coordinatore e la Professione Sanitaria di Infermiere A.G. La professione

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 8 POLITICHE DEL PERSONALE: VALORIZZAZIONE E TUTELA DEL CAPITALE UMANO Art. 68 - Salute organizzativa Art. 69 - Strumenti per la

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI. Casa Anziani Alto Vedeggio 6805 Mezzovico Vira OPERATORE SOCIOSANITARIO (OSS) Denominazione della funzione

CAPITOLATO D ONERI. Casa Anziani Alto Vedeggio 6805 Mezzovico Vira OPERATORE SOCIOSANITARIO (OSS) Denominazione della funzione CAPITOLATO D ONERI Denominazione della funzione OPERATORE SOCIOSANITARIO (OSS) Obiettivo della funzione Si occupa in modo globale dei bisogni degli Ospiti Posizione gerarchica nell organizzazione 3.1 Superiori

Dettagli

Il Codice deontologico degli infermieri dell ICN

Il Codice deontologico degli infermieri dell ICN Il Codice deontologico degli infermieri dell ICN Il Codice deontologico degli infermieri del Consiglio internazionale degli infermieri Il codice internazionale di deontologia per la professione infermieristica

Dettagli

LA MEDICINA DIFRONTIERA E LA MEDICINA DIFENSIVA

LA MEDICINA DIFRONTIERA E LA MEDICINA DIFENSIVA LA MEDICINA DIFRONTIERA E LA MEDICINA DIFENSIVA Prof. ssa Rossana Cecchi Dipartimento di Scienze anatomiche, istologiche, medico-legali e dell apparato locomotore Università Sapienza - Roma COSTITUZIONE

Dettagli

LA RESPONSABILITA INFERMIERISTICA OGGI: REGOLE SEMPLICI IN UNA REALTA COMPLESSA

LA RESPONSABILITA INFERMIERISTICA OGGI: REGOLE SEMPLICI IN UNA REALTA COMPLESSA ASSOCIAZIONE ITALIANA CASE MANAGER LA RESPONSABILITA INFERMIERISTICA OGGI: REGOLE SEMPLICI IN UNA REALTA COMPLESSA GIANNANTONIO BARBIERI studiobarbieri@iol.it Firenze, 17 ottobre 2014 Nell adempiere l

Dettagli

Federazione Nazionale Collegi Ipasvi

Federazione Nazionale Collegi Ipasvi Federazione Nazionale Collegi Ipasvi Codice Deontologico dell Infermiere 2009 A cura del Comitato Centrale Annalisa Silvestro Marcello Bozzi Danilo Massai Barbara Mangiacavalli Gennaro Rocco Loredana Sasso

Dettagli

16-17 novembre 2015 Sede del Corso: Tatì Hotel Via Provinciale Cotignola, 22/5-48022 Lugo (Ra)

16-17 novembre 2015 Sede del Corso: Tatì Hotel Via Provinciale Cotignola, 22/5-48022 Lugo (Ra) 16-17 novembre 2015 Sede del Corso: Tatì Hotel Via Provinciale Cotignola, 22/5-48022 Lugo (Ra) 6 novembre 2014 I MODULO Le normative infermieristiche dal Profilo Professionale allo stato dell arte. Gli

Dettagli

La Professione Infermieristica ieri, oggi e domani Leggi e Competenze. Orlando Pantaleo Responsabile UIT CO 118 Modena Soccorso

La Professione Infermieristica ieri, oggi e domani Leggi e Competenze. Orlando Pantaleo Responsabile UIT CO 118 Modena Soccorso La Professione Infermieristica ieri, oggi e domani Leggi e Competenze Orlando Pantaleo Responsabile UIT CO 118 Modena Soccorso NEGLI ULTIMI ANNI LA PROFESSIONE INFERMIERISTICA HA ACQUISITO SEMPRE PIÙ LA

Dettagli

Procedura generale sanitaria. Supporti informativi assistenziali e consegna Pagina di 1/8

Procedura generale sanitaria. Supporti informativi assistenziali e consegna Pagina di 1/8 Supporti informativi assistenziali e consegna Pagina di 1/8 ORIGINALE N CONSEGNATO A 1. Scopo...2 2. Campo di applicazione...2 3. Diagramma di flusso...2 4. Responsabilità...3 5. Descrizione delle attività...4

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006)

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006) LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006) Nel quadro della innovazione organizzativa avviato dalla Provincia, il Nucleo

Dettagli

Parte speciale Reati in materia di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro

Parte speciale Reati in materia di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro Parte speciale Reati in materia di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D.Lgs 231/2001 APPROVAZIONE L Amministratore delegato Il Presidente

Dettagli

DICHIARAZIONE DI HELSINKI (OTTOBRE 2013)

DICHIARAZIONE DI HELSINKI (OTTOBRE 2013) DICHIARAZIONE DI HELSINKI (OTTOBRE 2013) PREMESSE 1. L Associazione Medica Mondiale (WMA) ha elaborato la Dichiarazione di Helsinki come dichiarazione di principi etici per la ricerca medica che coinvolge

Dettagli

AUSILI E SUSSIDI IN FISIOTERAPIA PEDIATRICA ASPETTI GIURIDICI

AUSILI E SUSSIDI IN FISIOTERAPIA PEDIATRICA ASPETTI GIURIDICI AUSILI E SUSSIDI IN FISIOTERAPIA PEDIATRICA ASPETTI GIURIDICI SAVIGLIANO 31 MAGGIO 2011 AVV. MAURA ACCHIARDI SOGGETTI COINVOLTI nel procedimento di erogazione degli ausili Medico specialista Professionista

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO NELLE AZIENDE SANITARIE Le presenti linee di indirizzo regionali per la gestione del rischio clinico nelle Aziende Ospedaliere e nelle Aziende Unità

Dettagli

CODICE ETICO DI OPEN SERVICE S.r.l.

CODICE ETICO DI OPEN SERVICE S.r.l. CODICE ETICO DI OPEN SERVICE S.r.l. INDICE Soggetti destinatari (art. 1) Oggetto (art. 2) Comportamento della Società (art. 3) Principi base nel comportamento (art. 4) 4.1 Responsabilità 4.2 Utilizzo dei

Dettagli

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Riflessioni di Luciano Perego (prima parte) CARATTERISTICHE DELLA MODALITÀ TRADIZIONALE PER LA GESTIONE DELLO SVILUPPO

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

La formazione dell Operatore Socio Sanitario (O.S.S.) Competenze professionali: l integrazione possibile

La formazione dell Operatore Socio Sanitario (O.S.S.) Competenze professionali: l integrazione possibile La formazione dell Operatore Socio Sanitario (O.S.S.) Competenze professionali: l integrazione possibile 1 Il panorama attuale Nelle strutture sanitarie esistono plurime figure professionali: Il coordinatore

Dettagli

LE LINEE GUIDA: UTILI, INUTILI, AUTOGOAL? Antonio Carbone

LE LINEE GUIDA: UTILI, INUTILI, AUTOGOAL? Antonio Carbone LE LINEE GUIDA: UTILI, INUTILI, AUTOGOAL? Antonio Carbone LINE GUIDA PERCHE ESISTONO? LINEE GUIDA: create affinché i medici potessero esprimere pareri clinici senza fondarsi esclusivamente su criteri esperienziali

Dettagli

DIALOGO SOCIALE EUROPEO: LINEE GUIDA MULTISETTORIALI PER FRONTEGGIARE LA VIOLENZA E LE VESSAZIONI SUL LUOGO DI LAVORO CAUSATE DA TERZI

DIALOGO SOCIALE EUROPEO: LINEE GUIDA MULTISETTORIALI PER FRONTEGGIARE LA VIOLENZA E LE VESSAZIONI SUL LUOGO DI LAVORO CAUSATE DA TERZI DIALOGO SOCIALE EUROPEO: LINEE GUIDA MULTISETTORIALI PER FRONTEGGIARE LA VIOLENZA E LE VESSAZIONI SUL LUOGO DI LAVORO CAUSATE DA TERZI 16 luglio 2010 (I) INTRODUZIONE 1. Le presenti Linee guida mirano

Dettagli

Rapporti giuridici possibili. RAPPORTO PAZIENTE-MEDICO. RAPPORTO PAZIENTE-STRUTTURA SANITARIA (pubblica o privata) RAPPORTO MEDICO-STRUTTURA

Rapporti giuridici possibili. RAPPORTO PAZIENTE-MEDICO. RAPPORTO PAZIENTE-STRUTTURA SANITARIA (pubblica o privata) RAPPORTO MEDICO-STRUTTURA Rapporti giuridici possibili. RAPPORTO PAZIENTE-MEDICO RAPPORTO PAZIENTE-STRUTTURA SANITARIA (pubblica o privata) RAPPORTO MEDICO-STRUTTURA È un rapporto di natura contrattuale la cui fonte è il contatto

Dettagli

MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP

MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP Master di I Livello in distance - IV EDIZIONE - A.A. 2015/2016 Premessa Le ragioni della realizzazione di un percorso formativo per un Master di primo

Dettagli

PROPOSTA DI PIANO FORMATIVO PER UN AZIENDA SANITARIA OSPEDALIERA

PROPOSTA DI PIANO FORMATIVO PER UN AZIENDA SANITARIA OSPEDALIERA PROPOSTA DI PIANO FORMATIVO PER UN AZIENDA SANITARIA OSPEDALIERA Sormani Luisa*, Goggi Ezio *Responsabile Ufficio Formazione, Direzione Sanitaria Aziendale Ente Ospedaliero Valduce di Como (ospedale religioso

Dettagli

Fase 1 - evidenze scientifiche e best practice ACCOGLIENZA STATO DEL PROGETTO AL 7 GIUGNO 2012

Fase 1 - evidenze scientifiche e best practice ACCOGLIENZA STATO DEL PROGETTO AL 7 GIUGNO 2012 Fase 1 - evidenze scientifiche e best practice 1 ACCOGLIENZA STATO DEL PROGETTO AL 7 GIUGNO 2012 1. Aspetti generali 2. Aspetti specifici 3. Ascolto e lettura della domanda 4. Le competenze professionali

Dettagli

Sistema di Gestione della Qualità (SGQ) IL MANUALE

Sistema di Gestione della Qualità (SGQ) IL MANUALE Fondazione OTAF Via Collina d Oro 3 6924 Sorengo Tel. 091 985 33 33 Fax 091 985 33 66 info@otaf.ch Sistema di Gestione della Qualità (SGQ) IL MANUALE Introduzione al manuale della qualità Il nostro Sistema

Dettagli

LA FIGURA GIURIDICA DEL VOLONTARIO DEL SOCCORSO E L ETICA. www.cri.it Croce Rossa. Persone in prima persona

LA FIGURA GIURIDICA DEL VOLONTARIO DEL SOCCORSO E L ETICA. www.cri.it Croce Rossa. Persone in prima persona LA FIGURA GIURIDICA DEL VOLONTARIO DEL SOCCORSO E L ETICA obiettivi Chi è il volontario Aspetti legali Quali sono i compiti e le attività del V.d.S. Regolamento dei Volontari Il volontario Colui che agisce

Dettagli

Tecnico della Riabilitazione Psichiatrica (Te.R.P.)

Tecnico della Riabilitazione Psichiatrica (Te.R.P.) CODICE DEONTOLOGICO Tecnico della Riabilitazione Psichiatrica (Te.R.P.) Modificato dal Direttivo A.I.Te.R.P il 15 Dicembre 2012 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERAL I Definizione... 3 TITOLO II COMPITI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica Sezione Formativa di Ravenna Forlì Cotignola REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Premessa L'attività formativa

Dettagli

La gestione del reclamo in Emilia-Romagna: una procedura concordata fra i rappresentanti dei cittadini e i servizi

La gestione del reclamo in Emilia-Romagna: una procedura concordata fra i rappresentanti dei cittadini e i servizi Programma a finanziamento ministeriale Percezione di qualità e risultato delle cure: costituzione di una rete integrata di osservatori regionali Seminario interregionale IL CIRCOLO VIRTUOSO DEL RECLAMO

Dettagli

Moralità e legalità: : due facce della stessa medaglia?

Moralità e legalità: : due facce della stessa medaglia? Moralità e legalità: : due facce della stessa medaglia? Corso IPASVI Il codice deontologico dell infermiere 2009. Una guida per fronteggiare le sfide nella pratica quotidiana dell assistenza infermieristica

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che qualunque fatto doloso o colposo che cagioni ad altri un danno ingiusto obbliga colui

Dettagli

FONDAZIONE TERZO PILASTRO ITALIA E MEDITERRANEO CODICE ETICO FONDAZIONE TERZO PILASTRO - ITALIA E MEDITERRANEO 1/9 VIA M. MINGHETTI 17 00187 ROMA

FONDAZIONE TERZO PILASTRO ITALIA E MEDITERRANEO CODICE ETICO FONDAZIONE TERZO PILASTRO - ITALIA E MEDITERRANEO 1/9 VIA M. MINGHETTI 17 00187 ROMA FONDAZIONE TERZO PILASTRO ITALIA E MEDITERRANEO VIA M. MINGHETTI 17 00187 ROMA Tel. 0039.06.97625591 Fax. 0039.06.98380693 mail: fondazione@fondazioneterzopilastro.it CODICE ETICO 1/9 Sommario 1.Generalità...

Dettagli

ai sensi dell art. 3.3 sul Conflitto di Interessi, pag. 17 del Reg. Applicativo dell Accordo Stato Regione del 5 novembre 2009, dichiara

ai sensi dell art. 3.3 sul Conflitto di Interessi, pag. 17 del Reg. Applicativo dell Accordo Stato Regione del 5 novembre 2009, dichiara Il sottoscritto STEFANIA DI BERARDINO ai sensi dell art. 3.3 sul Conflitto di Interessi, pag. 17 del Reg. Applicativo dell Accordo Stato Regione del 5 novembre 2009, dichiara X che negli ultimi due anni

Dettagli

Funzionigramma Comunità Panta Rei

Funzionigramma Comunità Panta Rei Funzionigramma Comunità Panta Rei Sanitario Psicoterapia/Psichiatra: In collaborazione con la Psicoterapeuta/Psicologa/NPI si occupa della valutazione clinica degli utenti nella fase del preingresso e

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELL ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE. ACSM-AGAM Reti Gas Acqua S.r.l.

CODICE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELL ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE. ACSM-AGAM Reti Gas Acqua S.r.l. CODICE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELL ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE ACSM-AGAM Reti Gas Acqua S.r.l. Approvato dal CdA del 15 ottobre 2010 2 INDICE Preambolo...4

Dettagli

CODICE ETICO AZIENDALE

CODICE ETICO AZIENDALE Testo approvato dal Consiglio di Amministrazione di Orienta S.p.a del 15/12/2010 INDICE 1. INTRODUZIONE 3 2. VALORI ETICI 3 3. CRITERI DI CONDOTTA 3 4. COMPORTAMENTO SUL LUOGO DI LAVORO 6 5. CONFLITTTO

Dettagli

LA RESPONSABILITA CIVILE E PENALE DEL SOCCORRITORE VOLONTARIO

LA RESPONSABILITA CIVILE E PENALE DEL SOCCORRITORE VOLONTARIO LA RESPONSABILITA CIVILE E PENALE DEL SOCCORRITORE VOLONTARIO ARGOMENTI DELLA LEZIONE IL RUOLO GIURIDICO DEL VOLONTARIO NEL SOCCORSO SANITARIO LE CAUSE DI NON PUNIBILITA (LO STATO DI NECESSITA E IL T.S.O.)

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO.

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. ALLEGATO A MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. il sistema organizzativo che governa le modalità di erogazione delle cure non è ancora rivolto al controllo in modo sistemico

Dettagli

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S.

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Pagina 1 di 6 CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Sede Legale in Torino (TO), Corso Lombardia n. 115 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Allegato 1 Codice Etico ai sensi

Dettagli

CODICE ETICO DI COMPORTAMENTO MAS S.R.L.

CODICE ETICO DI COMPORTAMENTO MAS S.R.L. CODICE ETICO DI COMPORTAMENTO MAS S.R.L. Codice Etico Indice 1. Missione e valori...1-2 2. Regole generali...3 2.1 Osservanza delle regole generali e comportamento etico.3 2.2 Esclusività...4 3. Responsabilità...4

Dettagli

CONSENSO INFORMATO. Partecipazione attiva del soggetto malato. Rapporto Medico Paziente. a cura dell Avv. Elio Garibaldi RAPPORTO MEDICO-PAZIENTE

CONSENSO INFORMATO. Partecipazione attiva del soggetto malato. Rapporto Medico Paziente. a cura dell Avv. Elio Garibaldi RAPPORTO MEDICO-PAZIENTE CONSENSO INFORMATO Partecipazione attiva del soggetto malato Rapporto Medico Paziente a cura dell Avv. Elio Garibaldi 1 RAPPORTO MEDICO-PAZIENTE Conoscenza del proprio stato di salute Conoscenza delle

Dettagli

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Anno scolastico 2008/2009 INTRODUZIONE Il piano educativo fa parte del Piano dell offerta formativa dell Istituto ed è stato elaborato seguendo

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO. per lavorare e vivere meglio. A cura dei Comitati Paritetici sul fenomeno del Mobbing Area Comparto e Dirigenza (*)

CODICE DI COMPORTAMENTO. per lavorare e vivere meglio. A cura dei Comitati Paritetici sul fenomeno del Mobbing Area Comparto e Dirigenza (*) CODICE DI COMPORTAMENTO per lavorare e vivere meglio A cura dei Comitati Paritetici sul fenomeno del Mobbing Area Comparto e Dirigenza (*) PREMESSA: Elementi di grande importanza negli ambienti di lavoro

Dettagli

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

Il Corso di Laurea in Infermieristica

Il Corso di Laurea in Infermieristica Sessione V: Il ruolo della formazione nella costruzione di una cultura geriatrica e multiprofessionale Il Corso di Laurea in Infermieristica Dott.ssa Paola Ferri Corso di Laurea in Infermieristica Università

Dettagli

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella formazione infermieristica e mi sono avvalsa di ricerche

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE D ÈQUIPE IN AMBITO SANITARIO. Aspetti medico legali. Chiavari, 18 settembre 2015

LA RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE D ÈQUIPE IN AMBITO SANITARIO. Aspetti medico legali. Chiavari, 18 settembre 2015 LA RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE D ÈQUIPE IN AMBITO SANITARIO Aspetti medico legali Chiavari, 18 settembre 2015 le problematiche medico legali relative al trattamento delle infezioni si inquadrano nel tema

Dettagli

U.V.D. (Unità Valutativa Distrettuale) Valuta, Organizza e Coordina interventi Stabilisce case manager Verifica interventi

U.V.D. (Unità Valutativa Distrettuale) Valuta, Organizza e Coordina interventi Stabilisce case manager Verifica interventi Medici di Medicina Generale e Pediatri C.A.D. U.V.D. (Unità Valutativa Distrettuale) Valuta, Organizza e Coordina interventi Stabilisce case manager Verifica interventi Medici Specialisti Servizio Farmaceutico

Dettagli

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Aspetti legali, assicurativi e privacy nelle sperimentazioni cliniche Francesco Mazza Direttore Legale, Fiscale e Rapporti con le Associazioni,

Dettagli

La presente Carta Etica vuole ispirare una buona pratica professionale in ragione del benessere e dell efficacia dalla relazione Coach Cliente.

La presente Carta Etica vuole ispirare una buona pratica professionale in ragione del benessere e dell efficacia dalla relazione Coach Cliente. La Carta etica: sappiamo quanto la nostra professione sia delicata sotto un profilo etico. La carta non vuole essere un codice prescrittivo, ma una fonte di ispirazione per i coach che vogliono essere

Dettagli

VERSO UN SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO DELLA SICUREZZA PER LA SANITA DEL VENETO.

VERSO UN SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO DELLA SICUREZZA PER LA SANITA DEL VENETO. Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto VERSO UN SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO DELLA SICUREZZA PER LA SANITA DEL VENETO. dott. Antonio Compostella Direttore ARSS del Veneto Verona, 15.12.2008 Contesto

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE INDIVIDUALE DEL PERSONALE DELLA DIRIGENZA MEDICA.

LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE INDIVIDUALE DEL PERSONALE DELLA DIRIGENZA MEDICA. ALLEGATO N. 3 LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE INDIVIDUALE DEL PERSONALE DELLA DIRIGENZA MEDICA. 1. PREMESSA Ai sensi dell art. 25, comma 1, del CCNL della dirigenza del 3 novembre 2005, la valutazione dei

Dettagli

CARTA della promozione della

CARTA della promozione della Il Forum è un'iniziativa del DSS e del DECS per migliorare la qualità della vita nella scuola CARTA della promozione della in Ticino c/o Centro didattico cantonale Viale Stefano Franscini 32 6500 Bellinzona

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN ASP CITTA DI BOLOGNA LINEE GUIDA

LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN ASP CITTA DI BOLOGNA LINEE GUIDA LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN ASP CITTA DI BOLOGNA LINEE GUIDA 1. Premessa L ASP Città di Bologna è il frutto di un percorso complesso di unificazione di tre Istituzioni cittadine storiche con una

Dettagli

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 RETE LOMBARDA DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE CORNICE METODOLOGICA (PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 PREMESSA Il presente documento è il frutto di un percorso di elaborazione a cui hanno partecipato

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ex D.Lgs. 231/2001 CODICE ETICO. Revisione 11.12.2014 Pag. 1/8 Codice Etico

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ex D.Lgs. 231/2001 CODICE ETICO. Revisione 11.12.2014 Pag. 1/8 Codice Etico CODICE ETICO Revisione 11.12.2014 Pag. 1/8 Codice Etico Revisionato e approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 11.12.2014 INDICE PREMESSA pag. 04 1. Ambito di applicazione pag. 05 2. Valore contrattuale

Dettagli

SIMPOSIO L ERRORE MEDICO Alla ricerca delle Procedure di Provata Efficacia per prevenirlo

SIMPOSIO L ERRORE MEDICO Alla ricerca delle Procedure di Provata Efficacia per prevenirlo SIMPOSIO L ERRORE MEDICO Alla ricerca delle Procedure di Provata Efficacia per prevenirlo FONDAZIONE ARTURO PINNA PINTOR Torino 17/11/2007 EVENTO EVENTUM (latino : part. Pass. di evenire) Fatto che si

Dettagli

NUOVI RUOLI INFERMIERISTICI

NUOVI RUOLI INFERMIERISTICI E.O. Ospedale Galliera LINEE DI ATTIVITA' NEL NUOVO OSPEDALE PER INTENSITA' DI CURE NUOVI RUOLI INFERMIERISTICI 21 OTTOBRE 2010 a cura di Fernanda Stefani E.O. Ospedale Galliera Filo conduttore del processo

Dettagli

L integrazione dell Operatore Socio Sanitario nel processo assistenziale Ruolo dell O.S.S nell ambito del piano assistenziale

L integrazione dell Operatore Socio Sanitario nel processo assistenziale Ruolo dell O.S.S nell ambito del piano assistenziale L integrazione dell Operatore Socio Sanitario nel processo assistenziale Ruolo dell O.S.S nell ambito del piano assistenziale Vito Petrara Principi di riferimento per l assistenza I principi di riferimento

Dettagli

La scheda di valutazione. Ilaria Ferrari

La scheda di valutazione. Ilaria Ferrari La scheda di valutazione Ilaria Ferrari Roma, 10 marzo 2010 Ogni uomo per agire ha bisogno di credere che la sua attività sia importante e buona L. Tolstoy Gli strumenti fondamentali per valutatori e valutati

Dettagli

Relazione. La documentazione sanitaria

Relazione. La documentazione sanitaria e-mail serv.infermieristico@ausl6palermo.org La professione infermieristica ed il risk management: metodi e strumenti per migliorare la sicurezza del paziente Relazione La documentazione sanitaria Palermo,

Dettagli

Consiglio europeo delle libere professioni. Valori comuni delle libere professioni (I) nell Unione europea. Versione rivista 2014.

Consiglio europeo delle libere professioni. Valori comuni delle libere professioni (I) nell Unione europea. Versione rivista 2014. Consiglio europeo delle libere professioni Valori comuni delle libere professioni (I) nell Unione europea Versione rivista 2014 Preambolo Nel marzo del 2000 il Consiglio europeo di Lisbona ha adottato

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale 1111 CODICE DI COMPORTAMENTO Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale INDICE 1 INTRODUZIONE...4 La separazione funzionale nel settore energetico...

Dettagli

Evoluzione della professione infermieristica

Evoluzione della professione infermieristica BOZZA Evoluzione della professione infermieristica Aree di competenza-responsabilità nei nuovi scenari sanitari e socio sanitari Tavolo di lavoro Regioni-Ministero (revisione dei profili di competenza

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO L organizzazione di un progetto è la realizzazione del processo di pianificazione. In altre parole, organizzare significa far funzionare le cose. Nello specifico, implica una

Dettagli

REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI

REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI GENERALITA I Dipartimenti costituiscono una modalità di organizzazione di più strutture complesse e semplici di particolare

Dettagli