PROFILI ASSISTENZIALI PROFILI DI CURA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROFILI ASSISTENZIALI PROFILI DI CURA"

Transcript

1 Università della Valle d Aosta MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO DELLE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2006/20 07 PROFILI ASSISTENZIALI Docente: dott.ssa L aura BONO Aosta, 15 dicembre 2007 sviluppare abilità di programmazione, gestione e valutazione dei processi organizzativi ed economici al fine di migliorare la qualità degli interventi e di soddisfare i bisogni degli utenti; sviluppare abilità nell applicazione di modelli per la gestione della qualità in un organizzazione sanitaria, al fine di assicurare prestazioni adeguate all evoluzione tecnico-scientifica e al grado di soddisfazione dell utenza. L integrazione multiprofessionale e multidisciplinare nei sistemi sanitari attraverso la gestione per processi: profili di cura/profili assistenziali/ percorsi diagnostico-terapeuticiassistenziali perché fai così? perché fai così? fanno tutti cos ì ho sempre fatto così Pagina 1 di 23

2 perché fai così? mi hanno insegnato così NECESSITÀD I UN A PRATICA PROFESSION ALE BASATA SU PROVE DI EFFICACIA DIFENSIVA ORIENTATA AL PAZIENTE MARIO ROSSI ECONOMICA approccio per processi nei sistemi d i gestion e per la qualità Le norme serie ISO 9000:2000 promuovono l'adozione di un "approccio per processi" nello sv iluppo, attuazione e miglioramento del Sistema di Gestione per la Qualità (SGQ). sottolinea l'importanza, per un organizzazione, di identificare, attu are, gesti re e migliorare con continuità l'efficacia dei processi necessari per il SGQ, e per gestire le interazioni tra questi processi al fine di raggiungere gli obiettivi dell'organizzazione. Norma ISO/TC176/SC2/N5 44R L ap procci o per proc essi Pagina 2 di 23

3 ISO 9001:2000 APPROCCIO PER PROCESSI 1. Processi di pian ificazion e e govern o 2. Processi di ges t ion e delle ris ors e (umane tecnologiche servizi esternalizzati) 3. Processi di erogazione del s ervizio 4. Processi di m isurazion e e cont rollo PROCESSO UN INSIEME DI RISORSE E DI ATTIVITA TRA LORO I NTERCONNESSE CHE TRASFORMANO ELEMENTI IN INGRESSO IN ELEMENTI IN USCITA AGGIU NGE NDOGLI VALORE ISO 8402 TIPOLOGIE DI PROCESSI PRIM ARI Hanno maggior impatto sulla resa dell organ izzazio ne ed il val ore creato da essi è direttamente riconosciuto dal client e ES.: ESECUZIONE DI UN ESAME SECONDARI Sono processi necessari alla gestione aziendale, ma contribuiscono alla creazione di v alore per il cliente in modo mediato, f avorendo eff icac ia ed efficienza dei processi pr imari, forn endo in put, risorse, tecnologie, etc.. ES.: APPROVVIGIONAMENTO Pagina 3 di 23

4 MALATTIE CEREBRO - VASCOLARI MALATTIE RESPIRATORIE MALATTIE CARDIO - VASCOLARI AIDS PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE NEFROPATIE INCIDENTI TUMORI DISAGIO PSICHICO FASI D INTERVENTO Pagina 4 di 23

5 La logica aziendale che spinge al processo Selezione 1 Primo contatto 3 Chiusura 5 Performance aziendale Ingresso 2 4 Valutazione Interv ento 6 Follow up Creazione valore per il cliente Rev isione Processi Il processo è. PROCESSO Un insieme di attività, correlate ed omogenee sul piano della diretta finalità, che dà luogo ad un output definito a partire da input definiti. Cliente che chiede o desidera qualcosa T 0 T 1 Cliente soddisfatto PROCESSO Insieme omogeneo di operazioni correlate e collegate tra loro che utilizzano risorse (persone, macchinari, tecnologie, servizi ecc.) e che trasformano un input che proviene da un fornitore (interno o esterno) in un output destinato ad un cliente (interno o esterno). Cliente che chiede o desidera qualcosa T 0 T 1 Cliente soddisfatto Pagina 5 di 23

6 PROCESSO Il processo è. Cliente che chiede o desidera qualcosa T 0 T 1 Cliente soddisfatto Un insieme di attività, correlate ed omogenee sul piano della diretta finalità, che dà luogo ad un output definito a partire da input definiti. Cliente a Cliente b Cliente i Cliente n Accettazione Medicina Chirurgia Laboratorio Attività aa Attività ab Attività ai Attività an Attività ba Attività bb Attività bi Attività ja Attività jb Attività ka Attività kn ORGANIZZ AZIONE PER PROCESSI ORGANIZZ AZIONE PER FUNZIONI PROFILI ASSISTENZALI PROFILI DI CURA RSA Disabili fisici Day Hospital PROFILI ASSISTENZA Ricoveri ordinari DEA I-II UTIC P.S. Lu ng od eg enz a P OTES CONSULTORI FARMACIA PREVENZIONE Assistenz a Domi ciliare Int egr at a Res. San. Tera pe utic he OSPEDALE Riabilitazi one Res. San. Riabilitati ve SPDC O.P. Assist enz a Infermieristica Ospedalizzazione a domicilio Nuclei Assis tenziali Cas e Riposo Day Surgery 5 Day Surgery Hospice Centro Salute Ment ale RSA Disabili Psichici POLIAMBULATORIO CURA RIABILITAZIONE Case Comunità Centri diurni: Alzh.,Toss. protette alloggio RSA Anziani SERT UMEE - UMEA Comunità RSA Toss.Dip. Country GESTIONE CLINICA Terapeutiche Hospital DIAGNOSI M.M.G. DELLA MALATTIA Gruppi appartamento Visite domiciliari GOVERNO Servizio Assistenz aprocesso Domiciliare ASSISTENZIALE Ambulatori Cure palliative Pagina 6 di 23

7 XX secolo Anni 50 i critical pathways programma di valutazione di tecnologie per coordinare i professionisti e per stabilire corretta sequenza temporale delle attività (ingegneria civile, costruzioni navali, ma rketing) Anni 80 applicazione nell area infermieristica Anni 90..clin ical pathways the optimal sequencing and timing of intervention by phisicians, nurses, and other staff for a particular diagnosis Coffey R.J., Qual. Manag. Health Care, 1992 XXI secolo un Sistema Sanitario assicurativo ha crescente necessità di individuare con precisione quanto realmente COSTA un pacchetto di p restazioni nei SS pubblici l attenzione è rivolta, in varie proporzioni, all AUME NTO dell EFFICACIA e dell EFFICIE NZA mediante una migliore organizzazione del lavoro Profili assistenziali / di cura Strumenti di gestione clinica finalizzati a far ottenere ai cittadini interventi di provata efficacia attraverso una sequenza logica di azioni in un tempo ottimale. Pagina 7 di 23

8 Profili assistenziali Progettazione del percorso che il cittadino compie nel Sistema Sanitario: il continuum assistenziale messo in atto per soddisfare il suo bisogno di salute Profili di cura Definizione del percorso compiuto dal cittadino all interno di s pecifici episod i d i diagnosi, trattamento, riabilitazione, ecc entro determinate strutture o servizi Protocolli Declinazioni operative contestualizzazione di singole raccomandazioni delle LLG, progettate per una determinata realtà operativa; NON sono specificatamente concepiti per assistere nella decisione clinica; hanno caratteristiche di rigidità e obbligatorietà PROFILO ASSISTENZIALE PC PC PC PC PC il centro dell attenzione Centrare l attenzione sul cittadino che ha un bisogno di salute e sulla soddisfazione (soddisfatta) del suo bisogno L. BO NO Pagina 8 di 23

9 coordinamento professionale coordinamento professionale Coordinare e gestire le discipline che sono coinvolte nella risposta al bisogno di salute Nel contesto della gestione a risorse vincolate, identificare e descrivere le risorse necessarie per un gruppo di patologie con particolare attenzione al loro costo e alla loro appropriatezza efficacia / efficienza appropriatezza Ottenere percorsi ad elevata qualità in accordo con quanto effettivamente erogabile nell azienda a fronte delle risorse economiche, umane, tecnologiche e logistiche disponibili L EFFICACIA sar à tanto maggiore, quanto minore sarà lo scarto tra i risultati (outcome) e gli obiettivi (effetti attesi ) EFFICACI A è la qualità di ciò che produce l eff etto atteso / obiettivo (Zingare lli) CONCETTO ETICO: Ciò che spreco per uno lo tolgo ad un altro una prestazione sanitaria si def inisce APPROPRIATA quando i suoi benefici a f avore del paziente superano i rischi in misura tale da giustif icarne l erogazione. comporta un corretto uso delle risorse e conse nte di risponde re in modo a deguato ad una specif ica domanda di assistenza CONCETTO ECONOMICO: Il miglior risultato al costo più basso Pagina 9 di 23

10 un contratto trasparente la cultura d ella valutazion e un contratto trasparente la cultura d ella valutazion e Disegnare un percorso da rendere esplicito non solo al cittadino che chiede ma anche ai potenziali clienti dell azienda Rendere valutabile ciò che si fa, raccogliendo anche il parere del cittadino SCELTA DELL OGGETTO SU CUI CO ST RUIRE IL P RO FILO SCELTA DELLA PATOLOGIA LA COSTRUZIONE DEL PROFILO DI CURA SCELTA DELLA STRUTTURA ORGANIZZATIVA ANALISI RETROSPETTIVA COSTRUZIONE DEL PERCORSO IDEALE Pagina 10 di 23

11 SCELTA DELLA STRUTTURA INCARICATA DEL PROGETTO DI COSTRUZIONE DEL PR OFILO D I CU RA I tempi: Ago Set Ott Nov Dic Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Analisi Verifica Riunione generale Speri ment azione PROJECT MANAGER formazione Costruzione strumento STAFF DI COORDINAMENTO P i a n i f i c a z i o n e Riu nione generale va li da zio ne WORK-TEAM Incontri dei gruppi di lavo ro specifici SISTEMA INFORMATIVO SCELTA D ELLA PATOLOGIA PRINC IPA LI C RIT ERI DI PRIO RIT À PER LA SCELTA DEL CITTADIN O/PATOLOGIA OGGETT O DEL PROF ILO 1. Impatto economico 2. Impatto sulla salute del cittadino 3. Impatto sulla salute della comunità 4. Impatto sulla rete familiare 5. Presenza di linee-guida specifiche 6. Disomogeneità delle prestazioni 7. Mortalità 8. Morbosità 9. Precisa definizione della patologia in esame 10. Semplicità clinica/assistenziale PRIN CIPALI FASI D I COSTRUZIONE DEL PROFILO DI CURA An alis i retros pettiva Costruzione teorica e sperimentazione Im plem en tazione e manutenzione PRIN CIPALI FASI D I COSTRUZIONE DEL PROFILO DI CURA An alis i retros pettiva Costruzione teorica e sperimentazione Im plem en tazione e manutenzione OBIETTIVO: raccogliere informazioni generali sul percorso attuato al fine di generare ipotesi di miglioramento Pagina 11 di 23

12 Cittadino/patologia OGGETTO DI ANALISI numero di casi che dovranno essere raccolti OBIETTIVO: verificare ipotesi predefinite OBIETTIVO: GENERARE LE IPOTESI Per i PROFILI di CURA in genere non si hanno ipotesi a priori da sottoporre a verifica A quale periodo far risa lire l anali si retrospettiva? Cambiamenti significativi nell organizzazione, nei mandati, nelle risorse a disposizione, cambiamenti tecnologici, che possono tra dursi in cambiamenti dell a ssistenza a que l cittadino o a quella patologia EVITARE DI RACCOGLIERE DATI VECCHI Pagina 12 di 23

13 SCHEDE DI RILEVAZIONE SCHEDA DI RILEVAZIONE STRUTTURA A MATRICE COLONNE VARIABILE TEMPO (h-gg) Strum ento operativo a disposizione del gruppo finalizzato a raccogliere dati utili alla co struzione del PC MACRO- CATEGORIE RIGHE AZIONI DA INTRAPRENDERE AZIONI SCHEDA DI RILEVAZIONE 5W +1H 6 punti di riferimento Qualità Totale (Galgano, 1997) SISTEMI INFORMATIVI WHO WHAT WHERE WHEN WHY HOW CHI CHE COSA DOVE QUANDO PERCHE COME SVOLGE QUELL AZIONE AZIONE STESS A SI SVOLGE L AZION E SI SVOLGE QUELL AZIONE VIENE SV OLTA L AZION E VIENE SV OLTA L AZION E CARTELLA CLINICA CARTELLA INFERMIERISTICA PROTOC OLLI / PROCEDURE SDO FORME DI RACCOLTA DI INFORMAZIONI CLINICHE WORK TEAM OSSERVAZIONE Conoscere il processo Partecipare come attori Motivare ed essere motivati Esprimere idee nuove Comunicare entusiasmo Comunicare ottimismo Esse re ten aci Con quali stru menti? INTERVISTA CONSULTAZIONE Pagina 13 di 23

14 Criteri di entrata del paziente Sviluppo operativo del percorso Definizione del risultati di salute G 1 G 2 G 3 G n G 1 G 2 G 3 G n Luoghi Valutazione Azioni mediche Educazione Azioni infermieristiche Pianificazione dimissione Accertamenti Accertamenti Ter. farmacologiche Interventi Alimentazio ne Consulenze Attività fisiche Medicinali Informazione sanitaria Alimentazio ne Monitoraggio parametri Attività paziente Altre azioni Sicurezza paziente Pagina 14 di 23

15 Giorno n FAS E SOTTOFASE CHI COSA COME QUANDO DOVE PERCHE Accettazione, accompag. letto Anamnesi inf. Prel iev i e ma tic i ed urinari Prelievo sangue x trasf. Rifacimento letto al bisogno Cure ig ieniche a l bisogno Mobilizzazione post op. Rimozione catetere 1 9 Cons. lettera d im is. ed esami 10 Accompagnamento consulente La f low-chart è una rappresentazione grafica che ha, come suo principale obiettivo, quello di FOCALIZZARE L ATTENZIONE SUL PROCESSO. o DIAGRAMMA DI FLUSSO o ALGORITMO Molto spesso rappresenta [ ] il punto di partenza dell analisi di un problema, permettendo la scomposizione del processo in una SEQUENZA D I PASSAGGI. Loiudice M. La gestione del cambiamento in sanità. Torino: Centro Scientifico Editore,1998; è una rappresentazione pittorica o grafica di un PRO CESSO o di un progetto, realizzato secondo alcune MODALITÀ STANDARD in modo da rendere più semplice e immediata la comunicazione e la comprensione del processo a tutte le persone coinvolte. Rappresentare un processo tramite il diagramma di flusso significa innanzitutto RAPPRESENTARE A TAPPE CIÒ CHE REALMENTE S UCCEDE. Diagramma di Fluss o - ione.jsp?idsezione=67&idsezionerif=66 - Ultima v is ita in data 25/09/06 Diagramma di Fluss o - Sez ione.jsp?idsezione=67&idsezionerif=66 - Ultima visita in data 25/09/06 Pagina 15 di 23

16 Permette di RAPPRESENTARE SCHEMATICAMENTE: i COMPONENTI di una struttura, una sequenza logico - temporale: i passaggi di una procedura una cronologia Diagramma di Flusso - -Ultima visita in data 25/09/06 La costruzione della f low-chart avv iene per PASSAGGI successivi: 1. Innanzitutto, è necessario def inire i CO N FINI del processo da considerare. 2. Il passo successiv o consiste nell elencare, anche attrav erso brainstorming, tutte le DECISIONI e le ATTI VI TA che costituiscono il processo considerato. Loiudice M. La gestione del cambiamento in sanità. Torino: Centro Scientifico Editore,1998; Una volta c he l elenco è condi viso, le atti vità e le decisioni vengono ORDINATE TEMPORALMENTE evidenziando le RELAZIONI DI INTERDIPENDENZA. 4. Sulla base della sequenza e di tali relazi oni è possibile disegnare l a flowchart utilizzando una SIMBOLOGIA [ ] condi visa. 5. Il RISULTATO FINALE viene successi vamente ANALIZZATO DAL GRUPPO. Per elaborare un diagramma di flusso ci si può avvalere di alcune CONVENZIONI che hanno il pregio di rendere maggiormente comprensibile la rappresentazione: i CON FIN I i PASSAGGI Loiudice M. La gestione del cambiamento in sanità. Torino: Centro Scientifico Editore,1998; Diagramma di Fluss o - Sezione.jsp?idSezione=67&idSez ionerif=66 - Ultima v is ita in data 25/09/06 CON FINI ogni processo deve essere definito entro confini b en precisi verticali: inizio della sequenz a (input) e fine della sequenza (output) IN PU T ATTIVITA' 1 ATTIVITA' 2 DOMANDA? SI A TTIV ITA '... OUTPUT NO CON FINI PROCESSO 1 SC X PROCESSO 2 SC Y INPUT A TTI VI TA' 1 A TTI VI TA' 2 DOMANDA? SI A TT IV ITA '... OUTPUT INPUT A TTI VI TA' 1 A TTI VI TA' 2 DOMANDA? NO L OUTPUT DI UN PROCESSO RAPPRESENTA L IN PUT DI UN ALTRO PROCESSO SI A TT IV ITA '... NO OUTPUT Pagina 16 di 23

17 VI SITA Di r. M e d.o rt op e di co I NDICAZIO NE CHIRURGI CA? Dir. M e d. Ort op e di co SI PROPOST A I N T E R V ENTO CHI RURGICO Dir. M e d. Ort op e di co IL PZ ACCETTA? RI VALUTAZIO N ECLI NICA + SCELTA PROTESI ID O NEA Dir. Med. Or to p ed ic o PROG RAM MAZIONE DATA I N TERVENTO CHI RURGICO Dir. Med. Or to p ed ic o NO FINE PROCESSO NO FI NE PROCESSO PROGRAMM AZI O N E DAY- SERVI CE Co or d. In f. co RI CO V ERO Dir. M e d ic o - In fe r m ie re CO MPILAZIONE CARTELLE + ACQUISI ZIONE CONSENSO INFORMATO Dir. M e d ic o - In fe r m ie re ESECUZIO N E PRELIEVO PER ESAMI EMATOCHIMI CI In fe r m ie re VI SITA M EDI CA + PRESCRI ZI O N E TERAPIA FARM ACO LO G ICA Di r. m e d ico PROFILASSI ANTITROMBOEMBO LI C A In fe r m ie re ASI STENZA DIRETTA + INDIRETTA In fe rm ie re - OSS POSI ZIONAMENTO CATETERE VESCI CALE In fe r m ie re PRESCRI ZIONE PRE- ANESTESI A Dir. M e d ic o Anes te s is ta PREPARAZI I n fe rmi er e + OSS ONE GENERALE DEL PZ + SEDE IN T. CH. S OMMI NISTRAZIONE PRE- ANESTESI A In fe r m ie re PROFILASSI ANTIBIO T ICA In fe r m ie re PROFILASSI ANTIBIO T ICA Dir. M e d ic o + In fe r m ie re TERAPIA ANALGESI CA Dir. M e d ic o + In fe r m ie re INDAGI NISTRUMENTALI Dir. M e d ic o + In fe r m ie re MO BI L IZZAZIO N E ATTIVA EPASSIVA Dir. M e d ic o + In fe r m ie re PROFILASSI ANTITROMB. ME DI CA + FI SICA Dir. M e d ic o + In fe r m ie re GESTIONE F ERI T A CHI RURGI CA Dir. M e d ic o + In fe r m ie re ASI STENZA DIRETTA + INDIRETTA I n fe rmi er e + OSS PI ANIFI CAZI ONE DI MISSI ONE + FO LO W-UP I n fe rmi er e + OSS DIMI SSIONE Di r. M e d. Ort op e di co ACCERTAMENTI DIAG NO S TI C I Dir. Med ic o - Tec. R a d. ACCERTAMENTI DI AGNOST ICI Di r. M e d ico - Te c. Rad. SI SI SI LABORATORIO ANALISI e/o SIT ESECUZI ONE E REFERTAZI ONE ESAMI EMATOCHIMI CI Di r. M e d ico - Te c. La b. SI PRE-DEPOSITO EMAZIE Dir. M e d. - Tec. L ab. ESECUZI ONE E REFERTAZIONE ESAMI EMATOCHIMI CI Dir. M ed ic o - Tec. L a b.. ESECUZIONE E REFERTAZIONE ES AMI EMATOCHI MICI Dir. Med ic o - Tec. L a b.. SI DAY-SERVICE ESECUZI ONE PRELIEVO ESAMI EMATOCHI MICI I n fe rmi er e ACCERTAMENTI STRUMENTALI I n fe rmi er e CONSULENZA ANESTESI OLOGICA Dir. Med. Anes te s is ta IL PZ E' NO I D O N E O? ULTERIORI ACCERTAMENTI SA L A OPERATORIA SE DAZI ONE/ANESTESIA Dir. M e d. A n e st es is t a + Nu rs e IN TERVENTO CHI RURGI CO Dir. M ed ic o - In f er m ie re IL PZ NECESSITA DI TRASFUSI ONI? TRASFUSI ONE EMAZI E Dir. M e d. A n e st es is t a + Nu rs e E' NECESSARI O CONTROLLO RX INTRAOP.? RISVEGLIO Dir. M e d. A n e st es is t a + Nu rs e NO NO A LTR E STRUTTURE PRENOTAZI ONE RI COVERO O p e ra to r e COP ACCERTAMENTI DIAGNOSTI CO - STRUMENTALI Dir. med. Spec ia lis t a ACCERTAMENTI DI AGNOSTICO - STRUMENTALI Dir. M e d. Spe c ia lis ta TRATTAMENTO RI ABI L ITATI VO Dir. Med ic o + Fisiote ra p is ta Univ ersità della Vall e d Aosta PASSAGGI Cerchio/ovale indica inizio e fine de l processo INPUT / OUTPUT PASSAGGI i div ersi passaggi del processo v engono v isualizzati nel diagramma di f lusso attrav erso FORME GEOMETRICHE DIFFERENTI e PRESTABILITE Rettangolo Rombo Rettangolo barrato contiene descrizioni sintetiche de i diversi passaggi ATTIVITA Rappresenta uno SNODO DECISIONALE non contiene una descrizione sintetica, bensìuna do manda, la quale presuppone la presenza di almeno due al ternative richiama un ALTRO PROC ES SO PREDE FINI TO e /o un a ttiv i tà procedurata/documentata. E caratterizzato dall'in terazione con altri processi, in entrata e/o in uscita PASSAGGI 1. fotografare la realtà 2. identific are i PROCESSI CARATTERIZZANTI la struttura/ser vizio 3. assegnare un TITOLO ad ogni processo 4. descrivere con i singoli pr ocessi 5. definire per ogni at tivit à il RESPONSABILE 6. indicare i DOCUMENTI C ORRELATI alle singole atti vità 7. evi denziare le INTERFACCE coinvolte PROCESSO INTERFACCIA ATTIV ITA INTERFACCIA DOCUMENTI CORRELATI FASE AMBULATORIO DEGENZA RADIOLOGIA SETTING RICOVERO POST- I NTERVENTO S.C.ORTOPEDIA2 - PAS206 - INTERVENTO CHIRURGICOIN ELEZI ONEDI PROTESI ANCA RICOVERO RICOVERO DIAGNOSI / PRE-RICOVERO INTERVENTO PRE-INTERVENTO VALU TAZI ONE Pagina 17 di 23

18 ESEMPI APPLICATIVI An alis i retros pettiva Scelta della patologia Definizione INPUT/OUTPUT Campionamento e consultazione sistema informativo con utilizzo/compilazione schede/griglie Costruzione flow-chart del PERCORSO ATTUALE PRIN CIPALI FASI D I COSTRUZIONE DEL PROFILO DI CURA An alis i retros pettiva Costruzione teorica e sperimentazione Im plem en tazione e manutenzione COSTRUZIONE DEL PERCORSO IDEALE Costruzione teorica e sperimentazione INCONTRI PERIODICI DEL GRUPPO RICERCA DEL CONSENSO CONSULTAZIONE BIBLIOGRAFICA WORK-TEAM DEFINIZIONE PERCORSO IDEALE L obiettivo principale di questa fase è quello di valutare la tenuta assistenziale e organizzativa del profilo Pagina 18 di 23

19 PROFILO DI CURA in modo che sia il miglior profilo che quell azienda può proporre ai suoi cittadini costruito in base ai dati dell analisi retrospettiva perfezionato - arricchito - riprogettato - corretto Costruzione teorica L avere a disposizione i d ati della fase retrospettiva, la racco lta de lle proposte di cambiamento che già emergono in questa fase e l integrazione con quanto proposto dalla letteratura sono le basi per la d efinizion e teorica del profilo Costruzione teorica Rappresentazione con: o DIAGRAMMA DI FLUSSO sperimentazione Orientamento al cliente condivisione del pro filo con il cittadino che è oggetto direttamente del profilo o portatore della patologia in esame o ALGORITMO il professionista sanitario NON può parlare, agire e decidere a nome del cittadino sperimentazione Coinvolgimento del cittadino coinv olgiment o diretto nel gruppo di lavoro tecniche di raccolta infor mazioni come il focus gr oup utilizzo di quest ionari, utili per alcuni as petti purch é siano precisi e limit ati ad alcuni spec ifici argomenti. valutazione sul livello di ad esione al profilo Quale valutazione chiedere al cittadino nella fase di sperimentazione? strumento di governo della domanda contratto valutazione del profilo nel suo complesso Pagina 19 di 23

20 Nell ottica del processo di valutazione e revisione della qualità (VRQ), il gruppo deve ri va lut a re complessivamente il profilo alla luce di quanto espresso nella fase di valutazione da parte del cittadino e di quanto emerge dai professionisti che lo hanno applicato. Una volta ridefinito, il profilo è pronto per essere routinariamente applicato. PRIN CIPALI FASI D I COSTRUZIONE DEL PROFILO DI CURA An alis i retros pettiva Costruzione teorica e sperimentazione Im plem en tazione e manutenzione Im plem en tazione e manutenzione Im plem en tazione e manutenzione TAPPA FONDAMENTALE E LA DIFFUSIONE DEL PROFILO DI CURA A TUTTI GLI OPERATORI COINVOLTI NELL APPLICAZIONE Im plem en tazione e manutenzione Necessità di d ue figure con specifici ruoli CASE MANAGER PROFILE MANAGER CASE MANAGER prof essionista ch e ass ume il ruolo d i ges t ore del singolo caso che entra nel profilo; è la fi gura di ri ferim en t o, importa nte nel rapporto con i pazienti, spesso invocato ma non attuato per difficoltà organizzative o per mancanza di risorse; ha il compit o fac ilit ato in qua nto è interfaccia t ra il profilo s t ess o e il citt adin o ha la funzione di spiegare il profilo, aiutare a superare i punti critici, garantirne l applicazione, evidenziare le non adesioni rispetto a quel singolo cittadino; Pagina 20 di 23

21 PROFILE MANAGER è un ruolo fondamentale per la manutenzione del profilo; deve essere preferibilmente un sin golo professionista ha il compito di: raccogliere tutti i casi di mal funzionamento del profilo valutare la possibilità di proporre una riprogettazione del medesimo mantenere el evato l a ggiorn amento d ella letteratura in modo che nuove proposte o nuove evidenze sian o prontamente recepite o, almeno, discusse; Im plem en tazione e m anuten zione MANUTENZIONE ETIMOLOGIA Dall'ant. manutenere, variante di mantenere DEFINIZIONE insieme di o perazioni volte a mantenere in efficienza e in buono stato un impianto, un apparecchio, una strada, un edificio ecc. Im plem en tazione e m anuten zione Im plem en tazione e m anuten zione REVISIONARE PERIODICAMEN TE PROFILO DI CURA MANUTENZIONE Ogni quanto revisionare IL PROFILO? L unico limite che si può dare è quello massimo: un profilo dovrebbe essere revisionato almeno una volta ogni anno o, in altri termini, il gruppo di lavoro dovrebbe riunirsi almeno una volta ogni anno, anche per decidere che il profilo non necessita di modifiche. PER GLI OPERATORI Qualità professionale arricchimento culturale coscienza d el proprio ruolo in ogni f ase miglior e comunicazione interdisciplinare buona collaborazione con il paziente conoscenza misurabile della situazione e possibilità di un suo effettivo gov erno possibile risparmio di tempo Protezione legale Pagina 21 di 23

22 Facilitare l introduzione nella pratica clinica di protocolli basati sull evidenza di efficacia Ottenere risultati completi e accessibili per l audit e per determinare cambiamenti nella pratica Incoraggiare la comunicazione interdisciplinare Ottenere informazioni dai pazienti su ciò che si aspettano Istruire il nuovo personale alle attività assistenziali Introdurre miglioramenti assistenziali nella pratica clinica PROFILI Investimento di tempo che po trebbe essere uti lizzato in altre attivi tà Difficoltà applicative in caso di patologie multiple o di variabilità assistenziale Possibilità di rep rimere innovazioni e progre ssi Necessità di leadership, energia, comunicazione Possibile uso di storto (riduzione costi) ESEMPI APPLICATIVI GRAZIE PER L ATTENZIONE Laura BONO Russo R. Profili di cura e profili assistenziali: obiettivi e metodologia. Politiche Sanitarie, 1,4, 2000: DISPONIBILE IN PDF Lega F. Logiche e strumenti di gestione per processi in sanità. Milano: McGraw-Hill; 2001 Baraghini G, Trevisani B, Roli L. Le ISO 9000 in sanità/ La vision per governare bisogni e richieste. Milano: Franco Angeli; 2002 Pagina 22 di 23

23 Casati G, Vichi M.C. Il percorso assistenziale del paziente in ospedale. Milano: McGraw-Hill; 2002 Loiudice M. La gestione del cambiamento in sanità. Torino: Centro Scientifico Editore; 1998 Degli Espositi L, Valpiani G, Baio G. Valutare l efficacia degli interventi in sanità. Roma: Il Pensiero Scientifico Editore; 2002 Di Stanislao F, Liva C. Accreditamento dei servizi sanitari in Italia. Torino: Centro Scientifico Editore; 1998 Bonaldi, A, Focarile F, Torreggiani A. Curare la qualità. Milano: Guerini e associati; 1994 Ovretveit J. Valutazione degli interventi in sanità. Torino: Centro Scientifico Editore, 1998 AAVV. Qualità, accred itamento, indicatori. Roma: Federazione Nazionale Collegi IPASVI, 1998 FocarileF. Indicatori di Qualità nell'assist enza. Torino: Centro Scientifico Editore, 1998 Morosini P. Griglie di valutazione in sanità. Torino: Centro Scientifico Editore, 2000 Pagina 23 di 23

III sessione TAVOLA ROTONDA: La Rete dei Servizi. L Ospedale.. c èc. posto per la Geriatria! Alberto Cester

III sessione TAVOLA ROTONDA: La Rete dei Servizi. L Ospedale.. c èc. posto per la Geriatria! Alberto Cester III sessione TAVOLA ROTONDA: La Rete dei Servizi L Ospedale.. c èc posto per la Geriatria! Alberto Cester Direttore del Dipartimento di Geriatria, Lungo- Degenza e Riabilitazione Az. ULSS 13 di Mirano

Dettagli

ELECTRONIC PATIENT RECORD: L INTEGRAZIONE DELLE INFORMAZIONI A SUPPORTO DELLA GOVERNANCE SANITARIA

ELECTRONIC PATIENT RECORD: L INTEGRAZIONE DELLE INFORMAZIONI A SUPPORTO DELLA GOVERNANCE SANITARIA ELECTRONIC PATIENT RECORD: L INTEGRAZIONE DELLE INFORMAZIONI A SUPPORTO DELLA GOVERNANCE SANITARIA Adalgisa Protonotari Direttore Programmazione Sanitaria Coordinatore Area Direzione delle Attività Clinico-Assistenziali

Dettagli

IL MERCATO DELLA R.C. AUTO IN ITALIA: ANDAMENTI, CRITICITÀ E CONFRONTI EUROPEI

IL MERCATO DELLA R.C. AUTO IN ITALIA: ANDAMENTI, CRITICITÀ E CONFRONTI EUROPEI IL MERCATO DELLA R.C. AUTO IN ITALIA: ANDAMENTI, CRITICITÀ E CONFRONTI EUROPEI Dario Focarelli Direttore Generale ANIA Milano, 12 marzo 2013 «LA RESPONSABILITÀ CIVILE AUTOMOBILISTICA STRATEGIA, INNOVAZIONE

Dettagli

NUOVE OPPORTUNITA ORGANIZZATIVE E NUOVI RUOLI PROFESSIONALI: L INTENSITA DI CURA E L INFERMIERE CASE MANAGER. FERMO 17 e 18 NOVEMBRE 2014

NUOVE OPPORTUNITA ORGANIZZATIVE E NUOVI RUOLI PROFESSIONALI: L INTENSITA DI CURA E L INFERMIERE CASE MANAGER. FERMO 17 e 18 NOVEMBRE 2014 NUOVE OPPORTUNITA ORGANIZZATIVE E NUOVI RUOLI PROFESSIONALI: L INTENSITA DI CURA E L INFERMIERE CASE MANAGER FERMO 17 e 18 NOVEMBRE 2014 IL RUOLO DELL INFERMIERE CASE MANAGER IN DIVERSI SETTING MONICA

Dettagli

Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010

Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010 Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010 Ed. settembre 2013 Agenda Obiettivo della statistica Oggetto della statistica Grado di partecipazione Alcuni confronti con la statistica precedente

Dettagli

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI LA SALUTE PER TUTTI EFFICACIA Qualità dell assistenza (uso ottimale delle risorse) SERVIZI SANITARI (sistema sanitario, strutture, operatori) EQUITA Razionamento (uso appropriato delle risorse) RISORSE

Dettagli

i i i: i I i i!i!, i i i

i i i: i I i i!i!, i i i S I D RA D red g i n g, M a r i n e & E n v i ro n m e n ta l C o n t ra ct o r i i i: i I i i!i!, i i i P ro g ett a e d e s e g u e d a p i ù d i 3 0 a n n i o p e re m a r i tt i m e i n I t a l i a

Dettagli

Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute. Maria Grazia Proietti

Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute. Maria Grazia Proietti Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute Maria Grazia Proietti il campo di competenza dell infermiere è rappresentato dal complesso delle attività rivolte

Dettagli

ALLEGATO TECNICO PER L USO DEL PROGRAMMA RICHIESTA DATI ALUNNI DISABILI

ALLEGATO TECNICO PER L USO DEL PROGRAMMA RICHIESTA DATI ALUNNI DISABILI 1 ALLEGATO TECNICO PER L USO DEL PROGRAMMA RICHIESTA DATI ALUNNI DISABILI Il pr e s e n t e do c u m e n t o for ni s c e le info r m a z i o n i ne c e s s a r i e ed es s e n z i a l i a su p p o r t

Dettagli

Rassegna Stampa. Romeo: il nuovo network per la ricerca in radioterapia oncologica

Rassegna Stampa. Romeo: il nuovo network per la ricerca in radioterapia oncologica Rassegna Stampa Romeo: il nuovo network per la ricerca in radioterapia oncologica Roma, Marzo 2015 COMUNICATO STAMPA Videoconferenza e medicina: nasce Romeo, network per la ricerca in radioterapia oncologica

Dettagli

I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12. Criticità e proposte

I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12. Criticità e proposte Appropriatezza clinico-organizzativa nella Regione Lazio I Decreti Commissariali: approfondimenti su DCA 206/2013, DCA 429 e 431 del 24/12/2012, DCA 71/12 I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12.

Dettagli

"La forza è nelle differenze, non nelle similitudini" Stephen Covey (scrittore)

La forza è nelle differenze, non nelle similitudini Stephen Covey (scrittore) "La forza è nelle differenze, non nelle similitudini" Stephen Covey (scrittore) Modelli di interazione tra Dipartimento di Prevenzione e Distretti nella ASL Roma A 5 Ottobre 2013 Angelo Barbato Barbara

Dettagli

Intensita di cura. 1. Perché 2. Linguagg io 3. Strument i

Intensita di cura. 1. Perché 2. Linguagg io 3. Strument i Intensita di cura 1. Perché 2. Linguagg io 3. Strument i Intensita di cura: perchè? 1. Evoluzione dei bisogni di cura 2. Evoluzione delle tecnologie 3. Multidisciplinarietà 4. Produttività 1. Evoluzione

Dettagli

Annuario 231. Per i professionisti che si occupano di D.Lgs. 231/2001 Per le aziende in cerca di professionisti

Annuario 231. Per i professionisti che si occupano di D.Lgs. 231/2001 Per le aziende in cerca di professionisti Per i professionisti che si occupano di D.Lgs. 231/2001 Per le aziende in cerca di professionisti Perché? Le recenti azioni giudiziarie hanno indotto nelle aziende la necessità di dotarsi di un modello

Dettagli

Movimenti ripetitivi: Strumenti e supporti per il Medico competente

Movimenti ripetitivi: Strumenti e supporti per il Medico competente Movimenti ripetitivi: Strumenti e supporti per il Medico competente S. Nicola la Strada, 3 aprile 2012 r. Pietro Carm in Dr. Movimenti ripetitivi: Uno strumento mancante, la Legge NON PREVISTE NORME SPECIFICHE

Dettagli

Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia

Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia Direzione Regionale Sanità e Servizi Sociali Centro di Riferimento Oncologico Regionale Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia L esperienza del CRO e il programma di una Rete Oncologica Regionale

Dettagli

Check Up del Pronto Soccorso

Check Up del Pronto Soccorso Check Up del Pronto Soccorso INDICE 1. Premessa... 3 2. Obiettivo... 4 3. Metodologia di intervento... 5 3.1 I principali contenuti del Check Up... 6 3.2 Joint Commission International... 10 4. Output

Dettagli

Clinical Governance Significa coerente capacità di gestione, indirizzo e monitoraggio dei fenomeni sanitari.

Clinical Governance Significa coerente capacità di gestione, indirizzo e monitoraggio dei fenomeni sanitari. CLINICAL GOVERNANCE MASTER I Livello Clinical Il termine clinical i l ha un significato ifi più ampio di clinico i e andrebbe tradotto con Sanitario. Clinical Governance Significa coerente capacità di

Dettagli

L INFERMIERE IN ONCOLOGIA TRA MANAGEMENT E PRATICA CLINICA: QUALE FUTURO? CASE MANAGEMENT IN ONCOLOGIA

L INFERMIERE IN ONCOLOGIA TRA MANAGEMENT E PRATICA CLINICA: QUALE FUTURO? CASE MANAGEMENT IN ONCOLOGIA L INFERMIERE IN ONCOLOGIA TRA MANAGEMENT E PRATICA CLINICA: QUALE FUTURO? CASE MANAGEMENT IN ONCOLOGIA Lorenza Zullo Napoli 25 maggio 2013 Qual è il soggetto d interesse del case management? Il beneficiario

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

L ESPERIENZA DELL APSS DI TRENTO

L ESPERIENZA DELL APSS DI TRENTO Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Provincia Autonoma di Trento IL BALANCED SCORECARD NELLE AZIENDE SANITARIE: 5 ANNI DOPO... L ESPERIENZA DELL APSS DI TRENTO Giuseppe Lorenzin Milano, 27 maggio

Dettagli

Priorità di Governo Clinico

Priorità di Governo Clinico Convention Nazionale Clinical Governance e Management Aziendale Sostenibilità delle innovazioni organizzative nell era del federalismo sanitario Bologna, 15-16 ottobre 2010 Survey Priorità di Governo Clinico

Dettagli

DEFINIZIONE DEL FABBISOGNO DELLE RISORSE INFERMIERISTICHE, FISIOTERAPISTI, DEL PERSONALE DI SUPPORTO E DEL PERSONALE SANITARIO

DEFINIZIONE DEL FABBISOGNO DELLE RISORSE INFERMIERISTICHE, FISIOTERAPISTI, DEL PERSONALE DI SUPPORTO E DEL PERSONALE SANITARIO DEFINIZIONE DEL FABBISOGNO DELLE RISORSE INFERMIERISTICHE, FISIOTERAPISTI, DEL PERSONALE DI SUPPORTO E DEL PERSONALE SANITARIO DELLA RIABILITAZIONE La definizione del fabbisogno delle risorse infermieristiche

Dettagli

Titolo: La Rete Ligure di Cure Palliative

Titolo: La Rete Ligure di Cure Palliative Titolo: La Rete Ligure di Cure Palliative Partecipanti al gruppo di redazione: Massimo Costantini, Responsabile SC Coordinamento Regionale Cure Palliative, Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro,

Dettagli

II sessione 15.00 17.00 Assistenza multidisciplinare dell anziano nel territorio. Moderatori Dott.ssa M. Loffredo, Dr. M. Parisi, Dott.ssa L.B.

II sessione 15.00 17.00 Assistenza multidisciplinare dell anziano nel territorio. Moderatori Dott.ssa M. Loffredo, Dr. M. Parisi, Dott.ssa L.B. II sessione 15.00 17.00 Assistenza multidisciplinare dell anziano nel territorio Moderatori Dott.ssa M. Loffredo, Dr. M. Parisi, Dott.ssa L.B. Salehi 16.30 La rete integrata socio-sanitaria per le demenze

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

I modelli organizzativi. MEETING PROGEA 11 settembre 2009

I modelli organizzativi. MEETING PROGEA 11 settembre 2009 I modelli organizzativi delle professioni sanitarie MEETING PROGEA 11 settembre 2009 Le riflessioni di partenza 1) Nelle aziende sanitarie i pubbliche operano 265.444 infermieri: i i 4,5 ogni 1.000 abitanti,

Dettagli

Continuità delle cure:

Continuità delle cure: Continuità delle cure: Assistenza integrata Ospedale-Territorio Roma, 13 dicembre 2013 Riccardo Poli Direttore Zona-Distretto Asl 4 Prato AZIENDA USL 4 PRATO Dalle Dimissioni Difficili al SCAHT Servizio

Dettagli

TUTELA LA TUA PASSIONE TUTELA DELLA BICICLETTA

TUTELA LA TUA PASSIONE TUTELA DELLA BICICLETTA TUTELA LA TUA PASSIONE TUTELA DELLA BICICLETTA Siamo fermamente convinti che redigere un preciso quadro di riferimento, attestante le coperture Assicurative di un Cliente, consenta allo stesso di potersi

Dettagli

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale.

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. Decreto MIUR su Riassetto delle Scuole di specializzazione di area sanitaria G.U. n. 285 del

Dettagli

CONTRATTO TRA PARTNER DI CANALE INDIRETTO - v. EM EA. 2 5. 0 4. 0 7 Pe r r e g i s t r a r s i c o m e Pa r t n e r d i Ca n a l e In d i r e t t o ( In d i r e c t Ch a n n e l Pa r t n e r ) d i Ci s

Dettagli

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia.

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Unità Operativa di Oncologia Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi di Varese Area territoriale: Distretto di Varese,

Dettagli

IL PERCORSO DEL PAZIENTE CON SLA NELL AZIENDA USL BO

IL PERCORSO DEL PAZIENTE CON SLA NELL AZIENDA USL BO IL PERCORSO DEL PAZIENTE CON SLA NELL AZIENDA USL BO Gruppo di Lavoro Coordinamento: Salvi. F (Neurologia Osp. Bellaria) Descovich C. (Governo Clinico) Alvisi S. (DH Neurologia OB) Amadori L. (Medicina

Dettagli

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso Maria Angela Becchi Taranto

Dettagli

MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP

MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP Master di I Livello in distance - IV EDIZIONE - A.A. 2015/2016 Premessa Le ragioni della realizzazione di un percorso formativo per un Master di primo

Dettagli

La riorganizzazione delle Cure Domiciliari nella Asl 3 Genovese. Loredana Minetti Direttore Distretto Sanitario 11

La riorganizzazione delle Cure Domiciliari nella Asl 3 Genovese. Loredana Minetti Direttore Distretto Sanitario 11 La riorganizzazione delle Cure Domiciliari nella Asl 3 Genovese Loredana Minetti Direttore Distretto Sanitario 11 POPOLAZIONE LIGURE Abitanti: Provincia Totale Maschi Femmine IM 221885 106286 115599 SV

Dettagli

i Direttore del Master: Prof. Massimiliano Panella Anno Accademico 2008/2009

i Direttore del Master: Prof. Massimiliano Panella Anno Accademico 2008/2009 UNIVERSITA DEGLI STUDI DEL PIEMONTE ORIENTALE Amedeo Avogadro FACOLTA DI MEDICINA, CHIRURGIA E SCIENZE DELLA SALUTE Master universitario di I livello in Management per le funzioni di coordinamento delle

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA PER LE PROFESSIONI SANITARIE

OFFERTA FORMATIVA PER LE PROFESSIONI SANITARIE OFFERTA FORMATIVA PER LE PROFESSIONI SANITARIE ANNO ACCADEMICO 2011-2012 Libera Università degli Studi per l Innovazione e le Organizzazioni Via Cristoforo Colombo, 200 00145 Roma T +39 06 510.777.1 F

Dettagli

Dr. Michele Cedrone, Ospedale San Giovanni dell Addolorata, Roma

Dr. Michele Cedrone, Ospedale San Giovanni dell Addolorata, Roma Confronto dei Criteri, degli Indicatori e degli Standard scelti per la valutazione multi-dimensionale dell attività di 4 Strutture Complesse di Ematologia certificate ISO 9001-2000 Dr. Michele Cedrone,

Dettagli

Strumenti per l analisi degli eventi avversi in ospedale: Audit Clinico

Strumenti per l analisi degli eventi avversi in ospedale: Audit Clinico Strumenti per l analisi degli eventi avversi in ospedale: Audit Clinico Dott. Francesco Venneri Clinical Risk Manager ASL 10 Firenze francesco.venneri@asf.toscana.it Avviso ai naviganti. Signore e Signori,

Dettagli

DAL CASE MANAGER AL CARE MANAGER. Infermiera care manager in medicina interna Derossi Valentina

DAL CASE MANAGER AL CARE MANAGER. Infermiera care manager in medicina interna Derossi Valentina DAL CASE MANAGER AL CARE MANAGER Infermiera care manager in medicina interna Derossi Valentina La nostra storia inizia MARZO 2007 L infermiere CASE Manager in Medicina Interna (PROGETTO FLORENCE) CASE

Dettagli

I DCA 429/12 e 431/12: l omogeneità delle funzioni valutative su tutto il territorio regionale e gli strumenti della valutazione

I DCA 429/12 e 431/12: l omogeneità delle funzioni valutative su tutto il territorio regionale e gli strumenti della valutazione I DCA 429/12 e 431/12: l omogeneità delle funzioni valutative su tutto il territorio regionale e gli strumenti della valutazione Dott. Gianni Vicario - Laziosanità ASP Contesto ELEVATA COMPLESSITA ASSISTENZIALE

Dettagli

E TERRITORIO. INTERVENTI A SOSTEGNO DELLA DOMICILIARITÀ

E TERRITORIO. INTERVENTI A SOSTEGNO DELLA DOMICILIARITÀ Forum sulla Non Autosufficienza Bologna 9-10 novembre 2011 Centro Congressi Savoia Hotel L esperienza di ospedale virtuale per le dimissioni protette nel 4 Distretto della AUSL Roma A Antonio Calicchia

Dettagli

Assistenza Continuativa in Ematologia. Claudio Cartoni UOC Ematologia A.O. Policlinico Umberto I - Roma

Assistenza Continuativa in Ematologia. Claudio Cartoni UOC Ematologia A.O. Policlinico Umberto I - Roma Assistenza Continuativa in Ematologia Claudio Cartoni UOC Ematologia A.O. Policlinico Umberto I - Roma I BISOGNI Le persone affette da malattie oncologiche ematologiche e le loro famiglie presentano bisogni

Dettagli

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE CENTRO DI TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE Direttore: dott. Marco Bertolotto LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE Le Cure Palliative forniscono il sollievo dal dolore e da altri gravi

Dettagli

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli

La WHO prevede che per il 2020 vi saranno circa 0.000.000 di morti per cancro di cui 7/8.000.000 saranno da attribuire ai paesi in via di sviluppo, mentre la mortalità per i paesi industrializzati rimarrà

Dettagli

Laboratorio Logistica del Paziente (LLP) Strumenti e soluzioni per ottimizzare la gestione dei flussi dei pazienti IV edizione

Laboratorio Logistica del Paziente (LLP) Strumenti e soluzioni per ottimizzare la gestione dei flussi dei pazienti IV edizione Laboratorio Logistica del Paziente (LLP) Strumenti e soluzioni per ottimizzare la gestione dei flussi dei pazienti IV edizione Il Laboratorio Il Laboratorio logistica del paziente (LLP) è una comunità

Dettagli

Esiti del modello di intensità di cure sulla popolazione anziana

Esiti del modello di intensità di cure sulla popolazione anziana Esiti del modello di intensità di cure sulla popolazione anziana Resp. Inf.ca: U.O. Assistenza Infermieristica Ospedaliera e Territoriale Lucca L.Natucci Ospedale per intensità di cura da dove nasce? In

Dettagli

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2013

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2013 ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2013 A CURA DELL AREA PROFESSIONALE STATISTICA A.G. GENNAIO 2014 ANDAMENTO MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA

Dettagli

LA CONTINUITA ASSISTENZIALE

LA CONTINUITA ASSISTENZIALE e-oncology II edizione: L informatizzazione in Oncologia Trento, 22 ottobre 2010 LA CONTINUITA ASSISTENZIALE Prof. Oscar Alabiso Oncologia AOU Novara Continuità Assistenziale : organizzazione centrata

Dettagli

Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITA E DELL ORDINAMENTO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA UFFICIO XI DOCUMENTO SUI REQUISITI MINIMI E LE MODALITA

Dettagli

Statistica Annuale R.C. Auto Esercizio 2007. Sergio Desantis e Gianni Giuli Statistiche e Studi Attuariali ANIA

Statistica Annuale R.C. Auto Esercizio 2007. Sergio Desantis e Gianni Giuli Statistiche e Studi Attuariali ANIA Statistica Annuale R.C. Auto Esercizio 2007 Sergio Desantis e Gianni Giuli Statistiche e Studi Attuariali ANIA Milano, 25 febbraio 2009 CONTENUTI 1. I risultati della nuova statistica annuale RC Auto gli

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA. RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI TECNICO AMMINISTRATIVI IN MATERIA DI ACQUISTI E LOGISTICA. ESPERIENZE A CONFRONTO.

INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA. RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI TECNICO AMMINISTRATIVI IN MATERIA DI ACQUISTI E LOGISTICA. ESPERIENZE A CONFRONTO. INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA. RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI TECNICO AMMINISTRATIVI IN MATERIA DI ACQUISTI E LOGISTICA. ESPERIENZE A CONFRONTO. Padova, 25 maggio 2010 La logistica e la sicurezza dei

Dettagli

Percorsi di innovazione nelle cure primarie Parma 21-22 ottobre 2011

Percorsi di innovazione nelle cure primarie Parma 21-22 ottobre 2011 Percorsi di innovazione nelle cure primarie Parma 21-22 ottobre 2011 Fabia Franchi Responsabile Servizio Assistenziale Tecnico e Riabilitativo AUSL di Bologna IL CONTESTO DELL AUSL DI BOLOGNA Superficie

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche Coordinatore Didattico: Prof. Giancarlo Di Vella aa 2011/2012 Tesi Sperimentale

Dettagli

ALLLEGATO IV: Scheda informativa sintetica dell offerta formativa

ALLLEGATO IV: Scheda informativa sintetica dell offerta formativa O ALLLEGATO IV: Scheda informativa sintetica dell offerta formativa TITOLO: LADY & MISTER CHEF, PROMOTORI DELL ENOGASTRONOMIA LUCANA AREA TEMATICA Il pe r c o r s o f o r m a t i v o pr o po s t o m i

Dettagli

I Sessione ore 9,30. La gestione integrata: il modello del Centro demenze Unità Alzheimer della IHG, realizzato nel territorio della ASL Roma G.

I Sessione ore 9,30. La gestione integrata: il modello del Centro demenze Unità Alzheimer della IHG, realizzato nel territorio della ASL Roma G. I Sessione ore 9,30 La gestione integrata: il modello del Centro demenze Unità Alzheimer della IHG, realizzato nel territorio della ASL Roma G. Gabriele Carbone Responsabile medico Centro Demenze Unità

Dettagli

IL PROGETTO DI SVILUPPO DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITA MG NASINI, C.SCHELOTTO, P.RUSTIGHI, A.PRATO

IL PROGETTO DI SVILUPPO DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITA MG NASINI, C.SCHELOTTO, P.RUSTIGHI, A.PRATO IL PROGETTO DI SVILUPPO DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITA MG NASINI, C.SCHELOTTO, P.RUSTIGHI, A.PRATO Perché un sistema di qualità in Nefrologia? aiutare a valorizzare quello che di logico, valido

Dettagli

Identificazione di un set di indicatori relativi alla qualità dell assistenza agli anziani

Identificazione di un set di indicatori relativi alla qualità dell assistenza agli anziani Gli indicatori di salute e di performance del sistema sanitario in Italia Identificazione di un set di indicatori relativi alla qualità dell assistenza agli anziani L. Roti, R. Gini I. Il processo di selezione

Dettagli

PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015. Innovazione e cambiamento al servizio del management

PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015. Innovazione e cambiamento al servizio del management Innovazione e cambiamento al servizio del management PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015 Le nuove proposte per lo sviluppo del Dossier Formativo nell'area dell organizzazione, della qualità,

Dettagli

L ESPERIENZA SULLA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

L ESPERIENZA SULLA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA SAN MARTINO L ESPERIENZA SULLA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Autori: Dott. Rita Rosso (Direttore Ufficio Qualità, Accreditamento e URP) Dott. Roberta Serena (Direttore

Dettagli

La Cartella Clinica. Informatizzata

La Cartella Clinica. Informatizzata La Cartella Clinica Informatizzata Caratteristiche del software Vantaggi incredibile semplicità d uso grafica efficace e divertente testo, immagini, filmati, grafici sicuro, potente e veloce buona scalabilità

Dettagli

L anziano fragile nel modello organizzativo di un ospedale aperto al territorio in un grande contesto metropolitano

L anziano fragile nel modello organizzativo di un ospedale aperto al territorio in un grande contesto metropolitano L anziano fragile nel modello organizzativo di un ospedale aperto al territorio in un grande contesto metropolitano Ernesto Palummeri Dipartimento Interaziendale di Gerontologia e Geriatria ASL 3 Genovese

Dettagli

ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7

ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7 Progetto ex Accordo Stato-Regioni rep. atti 13/CSR del 20/02/ 2014 per l utilizzo delle risorse vincolate per la realizzazione degli obiettivi

Dettagli

RELAZIONE FINANZIARIA 31 DICEMBRE 2013

RELAZIONE FINANZIARIA 31 DICEMBRE 2013 RELAZIONE FINANZIARIA AL 31 DICEMBRE 213 PAGINA BIANCA 3/58 Indice Organi Sociali... 6 Consiglio di Amministrazione... 6 Collegio Sindacale... 6 Società di Revisione... 6 Specialist... 6 Nomad... 6 Struttura

Dettagli

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE DOVE ANDARE PER cominciare un percorso oncologico, prenotare una visita CENTRO ACCOGLIENZA E SERVIZI (CAS): Ospedale U. Parini, blocco D, piano -1 È la struttura dedicata

Dettagli

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca 1 Le Aziende USL di Modena e Reggio Emilia hanno sviluppato una

Dettagli

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2012

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2012 RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2012 .. 1 1. Presentazione La Relazione sulla Performance 2012 riassume la valutazione annuale del Ciclo di gestione della performance. In particolare la Relazione è lo strumento

Dettagli

Proposta di implementaziome del sistema qualità in cardiologia. Dott. A. Gandolfo

Proposta di implementaziome del sistema qualità in cardiologia. Dott. A. Gandolfo Proposta di implementaziome del sistema qualità in cardiologia Dott. A. Gandolfo Sistema Qualità Il Sistema Qualità è un sistema di gestione che ha lo scopo di tenere sotto controllo i processi di una

Dettagli

Protocollo POD. Nuove Reti Sanitarie Ospedalizzazione Domiciliare Riabilitativa Postcardiochirurgica. Modifiche del documento

Protocollo POD. Nuove Reti Sanitarie Ospedalizzazione Domiciliare Riabilitativa Postcardiochirurgica. Modifiche del documento Protocollo del percorso di Ospedalizzazione Domiciliare riabilitativa postcardiochirurgica Versione aggiornata al 16/01/2012 Modifiche del documento Le modifiche rispetto alla versione pubblicata nell

Dettagli

L implementazione del modello di intensità di cura nel contesto sanitario nazionale

L implementazione del modello di intensità di cura nel contesto sanitario nazionale L implementazione del modello di intensità di cura nel contesto sanitario nazionale stato dell arte e prospettive future A cura di: Costantina Regazzo Docente di Organizzazione Aziendale presso l Università

Dettagli

L appropriatezza nell organizzazione sanitaria: un ripiego o un opportunità? Riflessioni su principi e criteri di valutazione

L appropriatezza nell organizzazione sanitaria: un ripiego o un opportunità? Riflessioni su principi e criteri di valutazione Padova, 5 maggio 2012 L appropriatezza nell organizzazione sanitaria: un ripiego o un opportunità? Riflessioni su principi e criteri di valutazione Prof. Ferdinando Romano The World Health Report 2008

Dettagli

REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO

REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO Roma, 20 gennaio 2011 Articolo 1: Caratteristiche Generali 1. Il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico (di seguito Policlinico Universitario)

Dettagli

Via Venezian, 1 20133 Milano direttore.sanitario@istitutotumori.mi.it Recapito telefonico ore ufficio 02 23902676 fax 02 23902854

Via Venezian, 1 20133 Milano direttore.sanitario@istitutotumori.mi.it Recapito telefonico ore ufficio 02 23902676 fax 02 23902854 CURRICULUM VITAE E PROFESSIONALE DOTT. VITO CORRAO Informazioni personali Data di nascita 9 agosto 1955 Luogo di nascita Mazara del Vallo (TP) Codice fiscale CRR VTI 55M09 F061M Comune iscrizione liste

Dettagli

Esperienza di utilizzo integrato del blocco operatorio in una rete ospedaliera provinciale

Esperienza di utilizzo integrato del blocco operatorio in una rete ospedaliera provinciale CONVEGNO INTERNAZIONALE ACCREDITAMENTO, PROGRAMMI DI VALUTAZIONE ESTERNA E SICUREZZA DEL PAZIENTE Roma, 7-8 marzo 2011 Esperienza di utilizzo integrato del blocco operatorio in una rete ospedaliera provinciale

Dettagli

TABELLA DI CORRELAZIONE PROCESSI OPERATIVI DI ASSISTENZA, DI DIAGNOSI E CURA E PROCEDURE OPERATIVE STANDARD

TABELLA DI CORRELAZIONE PROCESSI OPERATIVI DI ASSISTENZA, DI DIAGNOSI E CURA E PROCEDURE OPERATIVE STANDARD PR/AD/03 IO/AD/117 PR/AD/02 Gestione unità di degenza Medicina Interna Scheda di processo unità di degenza Medicina Interna Gestione unità di degenza Medicina d Urgenza Ciclo Degenza Accettazione sanitaria

Dettagli

I N D I C E RIASSUNTO...6 INTRODUZIONE...7. Motivazione e Obiettivi generali del CASE MANAGEMENT...11

I N D I C E RIASSUNTO...6 INTRODUZIONE...7. Motivazione e Obiettivi generali del CASE MANAGEMENT...11 I N D I C E RIASSUNTO...6 INTRODUZIONE...7 Motivazione e Obiettivi generali del CASE MANAGEMENT...11 CAPITOLO 1 - Elementi di un Contesto Ideale per la gestione del CM 1.1 Linee guida clinico/operative

Dettagli

Il problema dei farmaci

Il problema dei farmaci Presentazione del Manuale Gestione del Rischio Clinico e Sicurezza delle Cure negli Ambulatori dei MMG e PdF Roma, 16 marzo 2010 Auditorium Lungotevere Ripa, 1 Il problema dei farmaci Susanna Ciampalini

Dettagli

Composizione del GLAM - Gruppo di Lavoro Multidisciplinare

Composizione del GLAM - Gruppo di Lavoro Multidisciplinare AUDIT REPORT Indagine AVEC percorso del paziente > 65 con frattura di femore anno 2010 Azienda USL di Bologna Azienda USL di Ferrara Azienda USL di Imola Azienda Ospedaliero-Universitaria di Bologna Azienda

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Corso di formazione AUSL di Lucca I I FACILITATORI DEL SISTEMA DI GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO FONTI DI INFORMAZIONE PER LA IDENTIFICAZIONE DEL RISCHIO CLINICO LUCCA 25-05-2009 A cura del dott. G. Puntoni

Dettagli

Percorsi assistenziali del territorio; l esperienza dell area bolognese

Percorsi assistenziali del territorio; l esperienza dell area bolognese Percorsi assistenziali del territorio; l esperienza dell area bolognese Maria Cristina Pirazzini Servizio Assistenziale Tecnico e Riabilitativo Dipartimento Cure Primarie Le Reti Assistenziali e il Case

Dettagli

L inizio 14 marzo 2015 PDTA SLA AUSL Bologna 2

L inizio 14 marzo 2015 PDTA SLA AUSL Bologna 2 PDTA della persona con SLA esperienza dell area bolognese Fabrizio Salvi Antonella Dallari Manuela Panìco L inizio 14 marzo 2015 PDTA SLA AUSL Bologna 2 14 marzo 2015 PDTA SLA AUSL Bologna 3 Da un incontro

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DI DOCUMENTI AZIENDALI

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DI DOCUMENTI AZIENDALI LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DI DOCUMENTI AZIENDALI Cod. LG / Pag. 01/21 Rev. 0 Data Edizione 0 Data 08.01.2014 13.12.2013 Rev. 1 Data Edizione 1 Data Rev. 2 Data Edizione 2 Data Rev. 3 Data Edizione 3

Dettagli

Le legge del marzo 2010 nonché il Piano Oncologico previsto dal Ministero della. Sanità per il bienno 2010-2012 propongono e rafforzano il modello del

Le legge del marzo 2010 nonché il Piano Oncologico previsto dal Ministero della. Sanità per il bienno 2010-2012 propongono e rafforzano il modello del Progetto di un ambulatorio multidisciplinare di oncologia - cure palliative per pazienti in fase avanzata di malattia gestito dalla Associazione di Cure Palliative della Zona Elba Dott. A. Massaro Premessa

Dettagli

Tipo di azienda o settore Ospedale divisione di Medicina Interna Clinica Medica Tipo di impiego Medico

Tipo di azienda o settore Ospedale divisione di Medicina Interna Clinica Medica Tipo di impiego Medico F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE FOTO INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail MAURO ZENO Nazionalità Italiana Data di nascita 29/09/1950 ESPERIENZA LAVORATIVA Da anno 1977 al

Dettagli

Obiettivi e struttura del progetto

Obiettivi e struttura del progetto Obiettivi e struttura del progetto L innovazione organizzativa in ambito ospedaliero: il contesto di riferimento Americo Cicchetti Facoltà di Economia dell Università Cattolica del Sacro Cuore Ricercatore

Dettagli

La Sanità nel Lazio Rapporto 2011 sull Attività Ospedaliera Le reti specialistiche: modelli organizzativi ed indicatori di monitoraggio

La Sanità nel Lazio Rapporto 2011 sull Attività Ospedaliera Le reti specialistiche: modelli organizzativi ed indicatori di monitoraggio La Sanità nel Lazio Rapporto 2011 sull Attività Ospedaliera Le reti specialistiche: modelli organizzativi ed indicatori di monitoraggio Domenico Di Lallo Roma, 18 dicembre 2012 Indice della presentazione

Dettagli

Presidenza. Presidenza. Direzione

Presidenza. Presidenza. Direzione Presidenza Presidenza Ufficio Segreteria Generale Generale Generale di Staff Comitato Scientifico Farmacia Galliera Comitato unico di garanzia (CUG) Uffici: Coordinatore Scientifico Stampa Sicurezza app.

Dettagli

IL PROGETTO RIABILITATIVO INDIVIDUALE

IL PROGETTO RIABILITATIVO INDIVIDUALE Il disagio psichico in adolescenza: la presa in carico residenziale Vinci (FI), venerdi 14 dicembre 2012 IL PROGETTO RIABILITATIVO INDIVIDUALE Sergio Mannucci Tecnico della Riabilitazione Psichiatrica

Dettagli

Ospedale di Comunità

Ospedale di Comunità Casa della Salute di San Secondo Parmense Ospedale di Comunità Liguria DALL OSPEDALE AL TERRITORIO Genova 18 marzo 2014 Remo Piroli Il contesto normativo Delibera 14/03/2013 N.159 Oggetto : CASA DELLA

Dettagli

L infermiere e la gestione della sicurezza all interno di un blocco operatorio certificato ISO 9001

L infermiere e la gestione della sicurezza all interno di un blocco operatorio certificato ISO 9001 IL GOVERNO CLINICO DEI PROCESSI ASSISTENZIALI: DALLA TEORIA ALLA PRATICA IPASVI Brescia, 08 ottobre 2011 L infermiere e la gestione della sicurezza all interno di un blocco operatorio certificato ISO 9001

Dettagli

in collaborazione con Keyword E U R O P A organizza il corso di aggiornamento scientifico OSTEOTEACH:

in collaborazione con Keyword E U R O P A organizza il corso di aggiornamento scientifico OSTEOTEACH: I t a l b i o f o r m a in collaborazione con Keyword E U R O P A organizza il corso di aggiornamento scientifico OSTEOTEACH: corso teorico-pratico sull osteoporosi postmenopausale Monza (MI) 26/05/2007

Dettagli

Gli Uffici delle Dogane. Province di competenza

Gli Uffici delle Dogane. Province di competenza ti trovi in: Home - Agenzia - Uffici - Indirizzi e Organigramma periferico - Uffici Dogane Gli Uffici delle Dogane Gli Uffici delle Dogane Regione Abruzzo Basilicata Campania Dogane Avezzano Pescara Potenza

Dettagli

LO STRUMENTO VINCENTE PER LA TUA ATTIVITÀ COMMERCIALE

LO STRUMENTO VINCENTE PER LA TUA ATTIVITÀ COMMERCIALE LO STRUMENTO VINCENTE PER LA TUA ATTIVITÀ COMMERCIALE Vorresti... Avere i mezzi promozionali della Grande Distribuzione? Oggi si può, entrando a far parte di un grande circuito Aumentare la visibilità

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FUCCI, DISTASO, SISTO, CIRACÌ, LAFFRANCO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FUCCI, DISTASO, SISTO, CIRACÌ, LAFFRANCO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2537 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI FUCCI, DISTASO, SISTO, CIRACÌ, LAFFRANCO Modifiche agli articoli 3-quinquies e 3-sexies del

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO DELL UNITA CURE PALLIATIVE E TERAPIA DEL DOLORE DELL A.O. SAN GERARDO DI MONZA

MODELLO ORGANIZZATIVO DELL UNITA CURE PALLIATIVE E TERAPIA DEL DOLORE DELL A.O. SAN GERARDO DI MONZA TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE NEL PAZIENTE AFFETTO DA NEOPLASIA POLMONARE Guia Castagnini Raffaella Speranza U. CURE PALLIATIVE E TERAPIA DEL DOLORE A.O. SAN GERARDO MONZA - FINALITA ED OBIETTIVI

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA SIMULAZIONE DELL AUDIT GRC. Centro Gestione Rischio Clinico

INTRODUZIONE ALLA SIMULAZIONE DELL AUDIT GRC. Centro Gestione Rischio Clinico INTRODUZIONE ALLA SIMULAZIONE DELL AUDIT GRC Centro Gestione Rischio Clinico DISCLAIM SUL CASO PRESENTATO Il presente caso è stato costruito esclusivamente a fini didattici; si è preso ispirazione da un

Dettagli