4 Condizioni di lavoro, competenze del personale ed efficienza dell organizzazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "4 Condizioni di lavoro, competenze del personale ed efficienza dell organizzazione"

Transcript

1 4 Condizioni di lavoro, competenze del personale ed efficienza dell organizzazione 4.1 La carta di identità delle persone in azienda Dal 2006 questa Sezione del documento è orientata anche a fornire un quadro complessivo del personale operante all interno dell azienda. In sintesi la fotografia dell azienda al 31/12/2010, in relazione alle persone che ci lavorano evidenzia che: il personale femminile rappresenta il 74% di tutto il personale, ma costituisce l 82% del personale del comparto e il 43% nella dirigenza; la dirigenza rappresenta il 20% di tutto il personale dipendente, di cui l 86% appartiene al ruolo medico e veterinario, il restante 14% ai ruoli S.P.T.A; sia il personale dirigente che quello del comparto appartengono prevalentemente alle fasce di età e 45-54, che complessivamente assorbono il 70% dei dipendenti; all interno del comparto il personale infermieristico si distribuisce prevalentemente nella fascia (43%). In relazione alla composizione per età del personale vale la pena notare come nel tempo si stia assistendo ad un sostanziale invecchiamento della popolazione lavorativa dell azienda: tra il 2005 e il 2010 infatti le unità di personale di età inferiore a 45 anni sono calate di quasi 300 unità, a fronte di una crescita di 380 unità nelle fasce di età superiori (vedi la successiva Figura 211) <= Figura 211: trend del personale dipendente per fasce di età, Per un approfondimento sulla composizione del personale in azienda e sull evoluzione negli ultimi anni si rimanda all Appendice 4 (pag. LV). Azienda USL di Piacenza Bilancio di Missione 2010 pag. 145

2 4.2 Partecipazione dei professionisti all individuazione delle strategie aziendali e alla gestione operativa L azienda, anche nel rispetto delle indicazioni della L.R. n. 29/2004, ha ridefinito il ruolo del Collegio di Direzione, quale condizione prioritaria per la valorizzazione del contributo dei professionisti al governo aziendale. L Atto aziendale approvato nel corso del 2008 stabilisce infatti che il Collegio di Direzione è l organo dell azienda con compiti di elaborazione e di proposta nei confronti del direttore generale su: organizzazione e sviluppo dei servizi, formazione e formazione permanente, ricerca e innovazione, rischio clinico, libera professione. Nel 2010 in particolare il Collegio di Direzione, si confrontato e ha formulato proposte in merito a: valutazione dei dirigenti; investimenti infrastrutturali e tecnologici; mobilità passiva; organizzazione della Libera professione; ricerca e innovazione; valutazione dell andamento dei sinistri in azienda. Inoltre un ciclo di tre sedute residenziali è stato dedicato allo stato dell arte e scenari futuri per l Azienda con la presentazione dello stato di avanzamento dei progetti aziendali da parte dei professionisti di riferimento. La prima seduta è stata dedicata alle reti ospedaliere, la seconda alle reti territoriali e la terza (all inizio del 2011) alle prospettive di tenuta e di sviluppo complessive dell Azienda. Oltre ai componenti di diritto del collegio, alle diverse sedute sono stati invitati tutti i relatori sui diversi temi oggetto di analisi, con l obiettivo di una maggiore condivisione e una consapevolezza diffusa sulle molteplici linee di sviluppo dell Azienda. Infine alcuni componenti del collegio hanno fatto parte del comitato di redazione del progetto professionisti in Tv spazio salute e I giovedì della salute (per un approfondimento vedi oltre, par. 5.4, pag. 166). 4.3 Sicurezza e gestione del rischio Per quanto concerne l attuazione delle linee di indirizzo regionali in tema di gestione del rischio: l Azienda ha recepito le indicazioni del progetto regionale SOS.net (Sicurezza in Sala Operatoria), attraverso la definizione di un dossier del paziente chirurgico, il cui utilizzo operativo inizierà nel 2011; è stata definita la procedura per la gestione clinica del farmaco, che contiene anche la ricognizione farmacologica, che sarà avviata nel La problematica della gestione clinica del farmaco è affrontata complessivamente nel più ampio progetto di prescrizione e informatizzata e somministrazione in dose unitaria; Azienda USL di Piacenza Bilancio di Missione 2010 pag. 146

3 in relazione alla prevenzione della morte materna correlata al travaglio e/o parto, sono state definite e sono applicate le procedure per: il percorso di presa in carico presso il termine con selezione del rischio mediante gli strumenti definiti dalle linee guida sulla gravidanza del Ministero della salute con diversificazione dei percorsi in base al rischio, le istruzioni operative sul taglio cesareo in emergenza con relative norme per la chiamata di tutte le équipe, le istruzioni operative per la gravida traumatizzata in interfaccia con il PS ed il 118, il percorso h24 di pronta disponibilità dei radiologi per l embolizzazione in emorragia ostetrica acuta post partum, i percorsi dedicati per le gravide con gravi infezioni (TBC, HIV, ecc.) o con allergia al lattice; in relazione alla prevenzione della violenza su operatore sanitario è stato programmato un evento formativo, poi realizzato nel primo trimestre 2011, rivolto a 120 operatori, con i seguenti obiettivi formativi: Illustrazione della normativa generale D.Lgs. 81/08 e D.Lgs. 106/09, Illustrazione del rischio specifico, sensibilizzazione degli operatori alla percezione del rischio, diffusione e conoscenza delle linee guida nazionali e regionali, conoscenza dei profili penali del rischio violenza;; l Azienda partecipa al sistema di monitoraggio nazionale degli eventi sentinella, alimentando il database regionale dell incident reporting; è stata definita la procedura per la gestione degli eventi critici per la sicurezza del paziente, inviata in Regione per contribuire alla definizione della analoga procedure regionale, lavorando in particolare sulla parte relativa alla comunicazione dell evento avverso;; sono state mantenute le attività di mediazione, e la partecipazione agli incontri regionali di coordinamento e supervisione. Nel 2011, alla luce dell esperienza maturata, saranno riviste le interfacce tra la procedura reclami e mediazione; l incident reporting, strumento di apprendimento organizzativo in materia di gestione del rischio, è stato esteso, oltre che a tutte le Unità Operative Ospedaliere, al Dipartimento di Salute Mentale e all assistenza domiciliare. Nel 2010 sono stati effettuate una decina di RCA/audit in merito a segnalazioni di incident reporting; come progetto di miglioramento della sicurezza attraverso azioni di partnership con i cittadini/familiari di pazienti/associazioni di utenti, si è scelto di lavorare sul del percorso del paziente celiaco in ospedale, attraverso un gruppo di lavoro cui partecipano rappresentanti dell associazione celiaci e di altri familiari di pazienti. Il percorso è stato definito e sarà operativo nel Quanto infine all obiettivo di consolidamento e sviluppo delle funzioni aziendali di gestione del rischio infettivo: è stata istituita la U.O.S.D. Rischio infettivo, nell ambito del Dipartimento della Sicurezza; è stato definito il piano di gestione del rischio infettivo; il primo report annuale è previsto per il secondo semestre 2011; Azienda USL di Piacenza Bilancio di Missione 2010 pag. 147

4 è stato sensibilizzato il personale al lavaggio delle mani, introducendo il gel alcolico, ed è in corso lo studio di fattibilità per la diffusione, in tutte le UU.OO. aziendali, del gel alcolico a parete in tutte le stanze di degenza e nella aree di medicazione; sono state definite procedure per le precauzioni da isolamento e protocolli per la profilassi antibiotica, per la gestione del Catetere vascolare e catetere vescicale; anche nel 2010 sono stati realizzati gli ormai consolidati corsi di formazione sulla biosicurezza, tema stabilmente inserito anche nel dossier formativo per i neo assunti. Per un dettaglio delle azioni intraprese in relazione a: valutazione dei rischi, sorveglianza sanitaria, formazione, gestione degli infortuni e gestione delle emergenze si rimanda all Appendice 5, da pagina LXIII. 4.4 Ridefinizione dei ruoli professionali in relazione allo sviluppo delle strategie aziendali In coerenza con quanto definito nel Piano strategico , anche nel 2010 è proseguito lo sviluppo del ruolo e delle competenze delle professioni sanitarie. Si è lavorato in particolare per consolidare i seguenti aspetti: sviluppo di ruolo e funzioni di coordinamento, degli staff e di governo dei processi assistenziali, tecnici e sanitari, attraverso l espressione di competenze necessarie all attivazione facilitazione e sostegno dei processi di innovazione e cambiamento nella struttura e nella cultura professionale e aziendale; completamento nella definizione e attivazione delle specifiche posizioni funzionali che contribuiscono al raggiungimento dei risultati aziendali e di governo clinico, figure che svolgono un ruolo decisivo per il cambiamento culturale assistenziale in atto; implementazione dell utilizzo della consulenza infermieristica come modalità di confronto interprofessionale e di utilizzo di pratiche i basate sull evidenza per problemi assistenziali dei pazienti. In tal senso, si sono consolidati i processi di valorizzazione della competenza attraverso l attivazione di percorsi di visibilità delle core competence infermieristiche, tecniche e riabilitative. Nel 2010 si sono consolidate le specifiche posizioni aziendali di case manager e supporto alle azioni di governo dei processi assistenziali, tenendo conto dell impatto sui risultati aziendali. In particolare vale la pena di ricordare: il case manager per la disabilità, un educatore che partecipa alla UVM, la coordina dal punto di vista organizzativo, partecipa alla stesura del PIVEC e ne segue l'allocazione in struttura, la scelta di setting, coordina la rivalutazione periodica; Azienda USL di Piacenza Bilancio di Missione 2010 pag. 148

5 il case manager GRACER_GRAD, un educatore, che coordina sia il team Gracer che il team 2068, segue le valutazioni, mantiene i rapporti con la famiglia, facilita i percorsi, coinvolge i MMG e le AS comunali, organizza i briefing e le riunioni mensili di team; l attivazione nel distretto Città di Piacenza, in fase di sviluppo anche nel distretto di Levante, della UVM di primo livello (infermiere ADI + Assistente sociale Comune di residenza utente), per valutare gli utenti con bisogni sociosanitari, definire il setting possibile, decodificare i bisogni inespressi, confrontare il progetto individuale con il MMG e, se la proposta è residenza, semiresidenza o assegno di cura, attivare la UVM specialistica; il case Manager per l assistenza protesica, fisioterapista, che coordina le attività di valutazione abitativa, addestramento dei familiari all'uso degli ausili, monitora l'effettivo uso a distanza di tempo, collabora con i fisiatri del DCP nella valutazione e prescrizione ausili a domicilio; il case manager per le lesioni difficili, infermiere, che valuta le lesioni cutanee in ambulatorio e a domicilio, definisce il trattamento, monitora l'andamento. Supervisiona i colleghi dell'adi e dell'ospedale nei casi difficili, agisce come consulenze per le strutture residenziali. In particolare in relazione alla dimissione protetta, sono stati formalizzati tre case manager infermieri e tre case manager assistenti sociali dei SAA distrettuali, che tre volte la settimana vanno in ospedale e valutano gli utenti insieme alle équipe ospedaliere che curano i pazienti. Dall avvio delle nuove modalità organizzative (a fine settembre 2010) sono state valutate quasi 600 persone Formazione e didattica La formazione continua del personale sanitario rappresenta uno strumento decisivo e qualificante del processo di apprendimento ed adattamento del know-how professionale delle innovazioni tecnologiche, cliniche ed organizzative introdotte all interno del sistema sanità. L Azienda, con l intento di accompagnare il processo di trasformazione culturale che punta alla centralità dei servizi e all esigenza di integrazione dei processi assistenziali con le attività di ricerca e didattica, ha investito sulla formazione continua e sulla formazione di base come leva strategica finalizzata a: migliorare la consapevolezza dei singoli e dei gruppi rispetto alla mission aziendale; ottimizzare i processi di integrazione fra i processi, anche in termini di sviluppo ed integrazione delle competenze nelle équipe; potenziare la partecipazione attiva e consapevole del personale alla realizzazione degli obiettivi specifici e dei macro-obiettivi aziendali, regionali, nazionali, al fine di sviluppare nuove conoscenze e contribuire alla realizzazione di una cultura organizzativa innovativa, basata sui principi della flessibilità e dell efficacia; Obiettivo per il 2010, quindi, è stato l orientamento dei percorsi formativi in particolare verso l area clinica. Sono stati realizzati progetti formativi a sostegno della competenza e dell organizzazione, alla ridefinizione delle relazioni organizzative ed interprofessionali, alla ridefinizione di profili di Azienda USL di Piacenza Bilancio di Missione 2010 pag. 149

6 specifiche posizioni professionali, allo sviluppo delle competenze relazionali degli operatori, per migliorare la qualità clinica e il rapporto dell'organizzazione con gli utenti. Tutte le iniziative programmate sono inserite in due principali tipologie: residenziali e apprendimento sul campo (ASC). Sono state privilegiate nel 2010 iniziative formative rivolte a piccoli gruppi di partecipanti per consentire l utilizzo di metodologie didattiche attive ed interattive. Sono stati infine attivati numerosi laboratori di innovazione didattica e ricerca, per concretizzare l integrazione tra il momento della cura e il momento della ricerca, dell assistenza e della didattica. E stata inoltre rafforzata la collaborazione tra Azienda e corso di laurea in Infermieristica e più in generale con l Università, non solo per la formazione di base e post-base, ma per meglio integrare formazione e didattica con la ricerca. L Azienda collabora infatti con l Università di Parma nell organizzazione e gestione dei due corsi di laurea in Infermieristica e Fisioterapia (triennale). In relazione in particolare al corso di laurea in infermieristica, afferiscono a Piacenza la didattica e i tirocini. Venti professionisti aziendali sono coinvolti nel processo didattico insieme a cinque tutor didattici, mentre più di duecento tutor clinici (infermieri, RAD, coordinatori, case manager) sono coinvolti nel processo di stage. Gli obiettivi per il 2010 sono stati: la seconda fase della sperimentazione, per il primo e secondo anno, del piano di studi redatto secondo il D.lsg. 270; la progettazione delle unità cliniche di apprendimento e del laboratorio di ricerca assistenziale, ovvero Unità operative identificate come sede didattica nella quale gli studenti si esercitano nello sviluppo delle competenze relazionali e nelle abilità tecnico gestuali. L insegnamento clinico è l aspetto della formazione infermieristica attraverso il quale gli studenti, facenti parte di un gruppo e in contatto diretto con persone malate o con una collettività, apprendono a pianificare, fornire, valutare l assistenza infermieristica. Particolare rilievo, come parte integrante e qualificante della formazione professionale, riveste l'attività di apprendimento delle attività cliniche, svolta con la supervisione e la guida di tutori professionali, individuati tra i professionisti presenti in Azienda Sviluppo di innovazione e ricerca Il Servizio Sanitario Regionale, così come delineato dalla Legge Regionale 29/2004, riconosce come proprie funzioni fondamentali l assistenza, la formazione e la ricerca e ha previsto che ogni Azienda debba contemplare tra i suoi obiettivi principali quello di integrare funzioni che possiedono la stessa rilevanza istituzionale. In particolare in relazione alle professioni, l Azienda ha lavorato per valorizzare e rinforzare il contributo reciprocamente fornito allo sviluppo della formazione e della ricerca, come strumenti essenziali per il miglioramento dell assistenza e in particolar modo con gli esiti sensibili all assistenza infermieristica. E stata consolidata nel 2010 la posizione organizzativa su ricerca e innovazione clinica ed organizzativa della direzione assistenziale aziendale, con l obiettivo di diffondere la cultura della ricerca assistenziale, promuovere progetti di ricerca e il Azienda USL di Piacenza Bilancio di Missione 2010 pag. 150

7 trasferimento delle innovazioni nella pratica clinica, oltre alla valorizzazione dei risultati della ricerca applicata, che nel 2010 si è occupata di: mantenere e consolidare il progetto di tracciabilità degli esiti assistenziali, e il set di indicatori assistenziali definiti nel 2009 (vedi oltre, par ); promuovere la pianificazione assistenziale e il relativo laboratorio in due dipartimenti, con avvio delle sperimentazione (dipartimento di oncoematologia e delle medicine specialistiche) supportare i Rad dipartimentali e i tutor del corso di laurea per il consolidamento del modello e la formazione, per l individuazione degli obiettivi di budget per il 2011, per le procedure e istruzioni operative aziendali,di dipartimento e di UO, nonché per le azioni di miglioramento e per le visite regionali per l accreditamento istituzionale creare check list condivise per l autovalutazione e la valutazione, progetti formativi aziendali di tipo trasversale progettare il continuum del modello assistenziale basato sulla standardizzazione dell assistenza e complessità assistenziale a supporto dell organizzazione e delle competenze. In particolare, nel 2010 è stato ulteriormente consolidato il ruolo delle professioni sanitarie nel processo di programmazione e controllo, in particolare nella discussione e nell elaborazione delle scelte. Già nella fase istruttoria sono stati direttamente coinvolti nell individuazione degli obiettivi per le singole strutture, nella proposta e nella discussione di nuovi indicatori che, coerentemente alla strategia aziendale, favorissero l individuazione di aree di miglioramento e la relativa misurazione delle performance realizzate. Inoltre, la scheda di budget contiene una sezione dedicata alla misurazione della performance clinica/assistenziale e un area dedicata per dare evidenza all attività di didattica e ricerca svolta. L esigenza comune è quella di integrare strumenti già presenti e consolidati con nuove aree miglioramento, in un ottica di partecipazione condivisa agli obiettivi aziendali, in un contesto di crescente di complessità dei processi clinici ed organizzativi, di diffusione di tecnologie ad elevata complessità, di espansione dei bisogni sanitari, assistenziali e formativi della popolazione di riferimento. L elevata qualificazione delle competenze professionali dei vari operatori richiede che l integrazione trovi un riscontro operativo nei processi assistenziali: è per questo che si è ritenuto indispensabile valorizzare e far emergere la cultura dell integrazione tra i vari professionisti nella partecipazione nei diversi strumenti gestionali aziendali, a partire dalla contrattazione del budget La tracciabilità dei processi e degli esiti assistenziali Nel 2010 è proseguito il lavoro iniziato nel 2009, e in particolare: sono stati applicati gli strumenti di assessment e presa in carico in ambito ospedaliero e domiciliare; sono state definite e sviluppate le competenze assistenziali e organizzative per il governo dei processi assistenziali (aderenza all utilizzo dello strumento, appropriatezza di utilizzo etc.) degli Azienda USL di Piacenza Bilancio di Missione 2010 pag. 151

8 operatori (in termini di tecnichal e non technical skill) e dell organizzazione nel dipartimento di anestesia e rianimazione, in ADI e per il coordinatore infermieristico ; è stato validato e applicato il panel di indicatori e outcomes correlati alla sicurezza del paziente nei trattamenti assistenziali ospedalieri (validazione di standard assistenziali e di prodotto correlati) e domiciliari (validazione del chronic care model), che sarà ulteriormente arricchito nel 2011; sono stati creati documenti aziendali per quanto riguarda l organizzazione, le competenze e gli esiti sensibili all assistenza; è stata diffusa e condivisa la documentazione assistenziale in forma cartacea in due dipartimenti aziendali. Una particolare attenzione si è concentrata sulla vasta documentazione e molteplici strumenti operativi utilizzati nell assistenza ostetrica e neonatale del percorso nascita. 4.5 Sistema di valutazione delle competenze e sistemi premianti Il sistema premiante aziendale è strettamente connesso alla gestione del budget, e si basa sui seguenti princìpi generali: il sistema di incentivazione è unico per l intera azienda, per tutto il personale dirigente e per tutto il personale di comparto, seppur con una distinzione degli obiettivi all interno delle schede di budget; il principio di congruenza per cui, a parità di funzione e responsabilità e a parità di obiettivi negoziati e risultati raggiunti, corrisponde uguale incentivo: questo presuppone l unificazione dei fondi nell ambito della medesima categoria contrattuale; la partecipazione ai progetti è ricondotta totalmente alla gestione budgetaria, con la sola eccezione dei progetti strategici; focalizzazione sui risultati di squadra, con obiettivi unici per ogni unità operativa, attraverso la partecipazione di tutti gli operatori. La definizione di obiettivi quali quantitativi per ogni dipartimento e per ogni unità operativa consente di determinare per ogni ciclo annuale la percentuale di risultato raggiunta da ogni struttura. Il sistema di incentivazione prevede la corresponsione di una quota di incentivazione per ogni operatore proporzionale alla percentuale di risultati raggiunti dalla struttura di appartenenza, con la possibilità di differenziare una parte del compenso. Integra il sistema premiante la remunerazione dei risultati di alcuni progetti strategici, finanziati con una piccola quota del fondo di risultato. In termini economici, per quanto relativo alla dirigenza, la totalità dell incentivazione è collegata al raggiungimento degli obiettivi di budget e quindi variabile in funzione dei risultati stessi, mentre per Azienda USL di Piacenza Bilancio di Missione 2010 pag. 152

9 il comparto solo una parte del fondo di incentivazione è distribuito attraverso il meccanismo appena descritto mentre la restante parte è distribuita in relazione alle presenze in servizio. E infine stato esteso, a tutte le strutture aziendali, il nuovo processo di valutazione individuale dei dirigenti, anche attraverso l utilizzo della nuova scheda di valutazione, avviato nel Il percorso di valutazione, così come ridefinito, prevede momenti strutturati di confronto tra valutatore e valutato sia nel momento della definizione degli obiettivi individuali che nella valutazione dei risultati, oltre ad un monitoraggio intermedio. Riguardo ai contenuti, la scheda di valutazione contiene sia gli obiettivi del dirigente legati al contratto individuale sottoscritto all atto del conferimento dell incarico, sia l apporto dei singoli rispetto agli obiettivi complessivi della struttura dio appartenenza definiti nel processo di programmazione e controllo. 4.6 Formazione Formazione e sviluppo professionale del personale dipendente Le attività formative effettuate nel corso del 2010 in regime di aggiornamento obbligatorio hanno sostanzialmente ricalcato i volumi di attività degli anni precedenti (vedi la successiva Tabella 10), sia per quanto riguarda il volume (numero e percentuale dei formati, corsi organizzati), sia per quanto riguarda gli elementi qualitativi (durata media dei corsi e numero medio dei partecipanti). Il leggero incremento di formati (+2,8%), è coerente con il numero di corsi organizzati (+34) e il budget speso (+40mila ). Va invece sottolineato il dato di coerenza all 89%, che premia la costanza e la continuità, a partire dall analisi di fabbisogno, nella realizzazione di eventi formativi coerenti agli obiettivi ed in grado di contribuire ad una ricaduta misurabile, come richiede il modello regionale Persone formate percentuale formati 71,8% 75,8% 75,1% 77,9% Iniziative Media per Centro Gestionale 9,7 13,4 12,6 13,0 Media partecipanti 24,7 24,3 26,7 26,2 Ore medie per persona formata 35,8 43,6 38,0 39,5 Ore medie per corso 11,9 12,7 12,5 12,8 crediti medi Coerenza 47,0% 65,0% 69,0% 89,0% Budget complessivo Tabella 10: dati di sintesi attività di formazione Per quanto riguarda l offerta formativa, sono state complessivamente realizzate 539 edizioni a fronte delle 548 previste ed accreditate: alcuni eventi formativi infatti hanno avuto la necessità di modificare le date ed altri, della tipologia Formazione sul Campo, non sono stati portati a termine con successo. I corsi organizzati hanno l ambizione di rispondere al fabbisogno molto eterogeneo Azienda USL di Piacenza Bilancio di Missione 2010 pag. 153

10 dei Dipartimenti e sono rivolti a pressoché tutti i ruoli professionali presenti in Azienda. Dal punto di vista degli obiettivi formativi, questi sono riconducibili a: clinical competence: contenuti tecnico-professionali specifici di ciascuna professione e specialistica, Linee Guida, Protocolli clinica sanitaria generale: EBM, EBN, Inglese scientifico, ICT, Dolore, Palliazione, Epidemiologia, Prevenzione; pratica professionale orientata a mantenere l Accreditamento Regionale: audit, sicurezza, privacy, etica, deontologia, qualità e accreditamento, rischio clinico; relazione e comunicazione: rapporti con l utenza, relazione medico-paziente, benessere organizzativo, educazione sanitaria, counseling, cultura dell accoglienza; organizzazione e management: management sanitario, integrazione professionale, integrazione ospedale-territorio, LEA, ) Mentre per quanto riguarda la metodologia la maggior parte dei corsi di aggiornamento si configura come formazione residenziale, solo il 20% si è svolta in formazione sul campo e nessun corso è stato proposto in FAD, nonostante si stiano moltiplicando le esperienze e le opportunità. La durata media dei corsi espressa in ore (12,8) e la media dei partecipanti (26,2) è del tutto in linea con il trend degli ultimi anni. Molto positivo anche il contenimento al 3% degli abbandoni. Gli accessi sono stati complessivamente e di questi solo il 13% in aggiornamento esterno: se togliamo da questa percentuale i master ed i corsi di alta formazione che necessariamente devono essere frequentati presso le Università, la formazione esterna è al 10% del volume complessivo. L aggiornamento obbligatorio, che rappresenta un investimento dell Azienda nel suo capitale intellettuale, è rivolto, da contratto, ai dipendenti di ruolo. La maggiore flessibilità nella gestione del personale e l avvento dell Educazione Continua in Medicina obbligatorio per tutti i ruoli sanitari, ha motivato il Collegio di Direzione ad estendere questo istituto a tutti i contratti almeno biennali, in modo che chi lavora in azienda per un periodo significativo possa anche formarsi adeguatamente. Pertanto il numero delle persone potenzialmente interessate all aggiornamento nel corso del 2010 sono state circa Una percentuale stabile, che si aggira intorno al 20%, non accede annualmente alla formazione. Da uno studio a campione effettuato per conoscerne le ragioni, sono emerse due tipologie di ragioni prevalenti: le assenze dal lavoro (per gravidanza, aspettativa, comando, ) e il turn over. Con il nuovo corso dell ECM si rende necessario gestire gli esoneri, per cui saranno disponibili le evidenze di chi è autorizzato a non fare formazione, cosicché il denominatore si ridurrà. Per quanto riguarda il secondo caso, non sembra di facile soluzione per le ragioni che proviamo ad illustrare con un esempio: il dipendente va in pensione all inizio dell anno e rinuncia all aggiornamento obbligatorio in favore di chi prenderà il suo posto, ma è possibile che il nuovo assunto arrivi intorno a fine anno e non riesca più a programmare la partecipazione ad un corso di aggiornamento. In questo modo risulta che due dipendenti di quell unità operativa non hanno fatto formazione nell anno. Azienda USL di Piacenza Bilancio di Missione 2010 pag. 154

11 Si riporta qui di seguito il dato dei formati disaggregato per ruolo professionale: la tabella esplicita le differenze tra gli operatori di ruolo sanitario, sottoposti al vincolo ECM, ed i colleghi di ruolo tecnico ed amministrativo. Stabilmente, dall entrata in vigore della sperimentazione ECM, i dipendenti di ruolo sanitario accedono alla formazione in percentuale altissima, più del 90% dei presenti in Azienda, ed i crediti medi acquisiti in aggiornamento obbligatorio sono pari a 32. Ciò significa che l offerta aziendale ha garantito a tutti la massima copertura attesa (30 crediti per chi ha partecipato alla sperimentazione e 50 per i nuovi assunti). Profilo professionale Presenti (*) Formati % formati Assistente sanitario % Assistente sociale % Ausiliario spec % Comparto ruolo amministrativo % Comparto ruolo tecnico % Dietista % Dirigente amm.vo % Dirigente medico % Dirigente veterinario % Dirigente sanitario non medico % Dirigente tecnico % Educatore % Fisioterapista % Infermiere % Logopedista % OOSS % Ostetrica % OTA % Tecnico laboratorio % Tecnico prevenzione % Tecnico radiologia % Tecnico sanitario altro % TOTALE % Tabella 11: dati di sintesi attività di formazione Il budget complessivo messo a disposizione dell aggiornamento obbligatorio, pari a come nell anno precedente, si è dimostrato adeguato a sostenere le spese di iscrizione alla formazione esterna ed al compenso dei docenti interni ed esterni impegnati nella realizzazione dei corsi organizzati in azienda: in particolare va segnalato che la maggior parte dei dipartimenti ha avuto un risparmio. Sono state segnalate criticità invece a carico delle strutture e delle tecnologie: le aule infatti sono complessivamente poche e presentano alcuni limiti di utilizzo per la didattica e la tecnologia è soggetta ad usura ed a obsolescenza. Per questa ragione è stato definito un piano di aggiornamento che prevede l acquisto di nuovi computer portatili e altre attrezzature necessarie. Per quanto riguarda le risorse umane dedicate, due a tempo pieno e tre in part time, sono prevalentemente assorbite dalle attività di supporto al ruolo di Provider ECM dell Azienda, il supporto amministrativo previsto è importante e delicato, ed alla gestione aziendale dell aggiornamento obbligatorio, accreditamento compreso: attività imprescindibili che in alcuni momenti sottraggono risorse alla progettazione ed alla cura dei materiali didattici. Azienda USL di Piacenza Bilancio di Missione 2010 pag. 155

12 Rimane da migliorare l impegno chiesto alle Unità Operative di formare i dirigenti medici alla tutorship (35 nel 2010), esigenza posta dalle convenzioni con la facoltà di medicina dell Università e dal modello regionale di accreditamento delle strutture e per le quali sono stati organizzati corsi ad hoc, e resta ancora da limitare la percentuale di formati che ha usufruito di più di 40 ore in aggiornamento obbligatorio (17% nel 2010) Collaborazione alla formazione universitaria L Azienda ha mantenuto il ruolo di sede distaccata dei corsi di laurea in infermieristica e fisioterapia anche per l anno accademico 2010/2011: gli studenti del Corso di laurea in Infermieristica sono complessivamente 178 così distribuiti: 80 al primo anno, 50 al secondo e 48 al terzo. Il corso di Fisioterapia è invece frequentato da 37 studenti: 16 sono iscritti al primo anno, 11 al secondo e 10 al terzo. Entrambi i coordinatori sono dedicati a tempo parziale e si avvalgono, per l espletamento di tutte le attività necessarie, di 8 tutor di area formativa, di cui sei a tempo pieno e due a tempo parziale. L azienda ha mantenuto e/o rinnovato le convenzioni già presenti con le facoltà di Medicina e Chirurgia delle Università di: Pavia, per le Scuole di Specializzazione in Medicina fisica e riabilitazione, Patologia clinica, Microbiologia e Virologia, Oncologia Medica, Ortopedia e Traumatologia ; Modena e Reggio Emilia, per le Scuole di Specializzazione in Ematologia e Anestesia e Rianimazione; Parma, per le Scuole di Specializzazione dettagliate nella successiva Tabella 12 Allergologia e Immunologia Anestesia e Rianimazione Biochimica Clinica Cardiologia Chirurgia Generale Dermatologia e Venerologia Endocrinologia e Malattie del ricambio Farmacia Osp. Gastroenterologia Geriatria e Gerontologia Medicina d'emergenza/urgenza Medicina Interna Nefrologia Neurologia Neuropsichiatria Infantile Oftalmologia Ortopedia e Traumatologia Psichiatria Radiodiagnostica Radioterapia Scienza dell'alimentazione Tabella 12: Convenzioni attive con l università di Parma. L Azienda inoltre, in qualità di sede collegata di Scuole di specializzazione e di sede di tirocinio per i Medici di Medicina Generale, nel corso del 2010 ha accolto 4 MMG e 7 specializzandi. In ogni unità operativa in cui i medici effettuano il tirocinio è stato individuato un tutor tra i dirigenti medici formati. Qualora un tutor non sia più disponibile viene individuato un collega che viene inserito nell'edizione del corso per tutor dell'anno. L'U.O. qualità e Formazione, che in Azienda gestisce tutti i tirocini e gli stages, ha inoltre predisposto una procedura di gestione che accompagna il tirocinante dal suo ingresso in Azienda (accoglienza) alla conclusione del tirocinio. Azienda USL di Piacenza Bilancio di Missione 2010 pag. 156

13 Nel corso degli anni sono state attivate numerose convenzioni (dettagliate nella successiva Tabella 13) con le scuole di specializzazione in Psicoterapia e con altre Facoltà per la formazione sia di figure professionali di ruolo sanitario che di ruolo tecnico ed amministrativo che abbiano spendibilità professionale nelle aziende sanitarie. La frequenza degli specializzandi presso le UU.OO. aziendali accreditate per la formazione è gestita attraverso una procedura che norma le principali attività connesse all ingresso dello specializzando in azienda e la definizione del contenuto del fascicolo personale dello specializzando. Politecnico - Milano Università Università Bocconi - Milano Facoltà Materia Università Carlo Cattaneo - LIUC di Varese Università Cattolica del Sacro Cuore - sede di Milano Psicologia Psicologi post lauream Università Cattolica del Sacro Cuore - sedi di Milano, Brescia, Piacenza, Roma Università degli Studi di Genova Medicina e Chirurgia Università degli Studi "G.d'Annunzio" Chieti Università degli Studi della Calabria Facoltà Scienze Politiche Assistenti Sociali Università degli Studi di Bologna Università degli Studi di Firenze Psicologia Medicina e Chirurgia Psicologia Psicologi post lauream Psicologi post lauream Università degli Studi di Genova Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Milano Università degli Studi di Milano - Bicocca Bioscienze e Biotecnologie Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Scienze della Formazione Educatori professionali Università degli Studi di Padova Psicologia Psicologi post lauream Università degli Studi di Palermo Scienze della Formazione Educatori professionali Università degli Studi di Parma Università degli Studi di Pavia Università degli Studi di Roma "La Sapienza" - Facoltà di Psicologia Università degli Studi di Siena Psicologia Psicologia 1 Psicologia 2 Psicologi post lauream Psicologi post lauream Psicologi post lauream Psicologi post lauream Università degli Studi di Torino Psicologia Psicologi post lauream Università degli Studi di Urbino Psicologia Psicologi post lauream Università degli Studi di Verona Università degli Studi di Udiene e Trieste Università Telematica TELMA di Roma Corso Laurea Spec. Scienze Infermieristiche e Ostetriche Master "Coordinamento professioni sanitarie" Tabella 13: Altre Convenzioni attive. Azienda USL di Piacenza Bilancio di Missione 2010 pag. 157

14 4.6.3 Collaborazione con altri enti di formazione L azienda mantiene altre collaborazioni con: l Azienda USL di Reggio Emilia, per il corso regionale di formazione specifica in medicina generale che prevede, per i medici residenti nel territorio, la frequenza di tutte le ore di tirocinio presso l azienda. Sono quattro i medici iscritti; gli Enti di Formazione della provincia accreditati per la formazione al lavoro con la qualifica di OSS (6 corsi); 5 istituti superiori della Provincia, per stages di orientamento scuola-lavoro di studenti del quarto anno. 4.7 Sistema informativo del personale Il sistema informativo del personale è stato progressivamente implementato per rispondere alle mutate esigenze gestionali e attualmente si basa su un software che gestisce in modalità integrata: il sistema di rilevazione delle presenze; il sistema di gestione delle assenze; il trattamento economico; il sistema di gestione dello stato giuridico; la dotazione organica; il sistema di gestione delle procedure concorsuali. Il database delle informazioni relative allo stato giuridico ed economico dei dipendenti viene via via arricchito di nuovi contenuti; per esempio si sta predisponendo un area dedicata agli incarichi dirigenziali ed alle posizioni organizzative, finalizzata a supportare il sistema di valutazione degli incarichi alle scadenze indicate dai contratti nazionali e dagli accordi aziendali. All interno del sistema informativo del personale già esistente, sono stati create nuove procedure, che affiancano in via sperimentale i sistemi proprietari sviluppati nel tempo, al fine di monitorare i fondi aziendali ed i budget traversali. Sul sistema di intranet aziendale sono disponibili: i regolamenti aziendali ed i C.C.N.L.; gli accordi sindacali aziendali; il work flow per la gestione delle ferie, correzione timbrature e visualizzazione cartellino; la modulistica di settore (permessi, ferie, richiesta di prestazioni etc.); i bandi di concorso e di selezione pubblica; l'elenco degli incarichi libero professionali, dei contratti di collaborazione e delle convezioni in essere con l'azienda; Azienda USL di Piacenza Bilancio di Missione 2010 pag. 158

15 la banca dati contenente i curricula inviati ai fini della stipulazione di contratti libero professionali o co.co.co. E stato infatti implementato un programma che consente di decentrare attraverso la intranet aziendale, mediante un sistema gerarchico di autorizzazioni progressive, la gestione dei cartellini presenze, la giustificazione delle assenze e l autorizzazione alla fruizione delle ferie. Alla fine dei percorsi autorizzativi si raggiungerà il risultato di eliminare il flusso cartaceo e di evitare il data entry liberando così una buona capacità di forza lavoro. Si sta inoltre studiando l'integrazione di nuove funzioni, quali: l'autorizzazione al recupero delle ore residue, la richiesta di permessi di studio, la fruizione di permessi ex lege n. 104/1992, la fruizione del congedo per rischio radiologico. La consultazione on line del cartellino e l invio delle richieste di ferie è possibile sia mediante personal computer collegato alla rete aziendale, sia mediante postazioni dedicate, esterne agli uffici (utilizzando il certificato Microsoft). Come già anticipato nella scorsa annualità, nel corso del 2010 è stata attivata la possibilità di visualizzare e stampare il cedolino mensile, per ora per tutto il personale dirigente e parte del personale del comparto, amministrativi e alcune figure professionali del ruolo tecnico. Dalla medesima pagina web, ove è visibile il cedolino, a partire dal 2011, è possibile stampare il modello cud per tutto il personale dell Azienda. Durante l anno inoltre, sulla base di quanto previsto dalla legge 69/2009 (trasparenza sulle retribuzioni dei dirigenti e sui tassi di assenza e presenza del personale), sono stati resi disponibili i dati economici annuali del personale, unitamente ad altre informazioni richieste dalla stessa legge. In seguito sono state inserite anche le posizioni organizzative del comparto con i relativi curricula, cosi come richiesto dalla legge 150/ Struttura delle relazioni con il personale e sue rappresentanze L Azienda nel 2010 ha sostanzialmente riconfermato il sistema delle relazioni sindacali, anche se il mutato scenario legislativo ha di fatto limitato pesantemente le materie soggette a contrattazione e concertazione, intervenendo in istituti regolati in precedenza dai rispettivi contratti nazionali di lavoro. Anche nel 2010 sono stati stipulati importanti accordi che hanno consentito di traghettare le attuali regole di erogazione degli incentivi, alla nuova gestione dei percorsi di carriera e dei sistemi premianti introdotti dal DLgs n.150 del 2009 L azione della Direzione Generale, supportata dalla gestione tecnica della negoziazione da parte dell U.O Risorse Umane, ha contribuito a contenere e mitigare alcune fasi particolarmente concitate della contrattazione aziendale promuovendo azioni sinergiche di condivisione degli obiettivi. Di particolare rilevanza e, a favore della contrattazione integrativa nel 2010, sono stati i numerosi confronti tecnici tra i rappresentanti delle aziende dell Area Vasta Emilia nord, nonché le indicazioni Regionale sull applicazione di alcuni istituti contrattuali e normative correlate. Azienda USL di Piacenza Bilancio di Missione 2010 pag. 159

16 A livello locale il costante monitoraggio dei costi della contrattazione integrativa, della gestione dei fondi contrattuali e dei percorsi di carriera, ha consentito la piena certificazione da parte del Collegio Sindacale delle delibere di costituzione dei fondi contrattuali e degli accordi decentrati siglati nel L attività negoziale nell anno 2010, riguardo alle diverse aree contrattuali, ha consentito la sottoscrizione dei seguenti accordi: area contrattuale del comparto: protocollo di intesa sull utilizzo del fondo per il finanziamento delle fasce retributive, del valore comune dell ex indennità di qualificazione professionale e dell indennità professionale specifica; regolamento per l effettuazione della pronta disponibilità, protocollo d intesa relativo alla produttività collettiva, verbale integrazione accordo del 01/04/2009 relativo al riconoscimento del compenso per richiamo in servizio, protocollo d intesa circa le norme di garanzia dei servizi pubblici essenziali in occasione dell esercizio del diritto di sciopero.; area contrattuale della dirigenza medica e veterinaria: verbale di accordo relativo all applicazione delle linee generali di indirizzo R.E.R di cui art 7 CCNL 17/10/2008, verbale conclusivo della contrattazione riguardante la libera professione intramoenia e intramoenia allargata, della dirigenza Medica e Veterinaria, accordo aziendale sulla gestione delle quote d incentivazione individuale; area contrattuale della dirigenza S.P.T.A: accordo aziendale sulla retribuzione di risultato dei dirigenti sanitari, professionali, tecnici e amministrativi per l incentivazione della produttività e il miglioramento dei servizi; accordo aziendale sulla gestione delle quote incentivanti per il contenimento dei contratti libero professionali; accordo aziendale sulla gestione del fondo di posizione. Attualmente è in discussione, al tavolo trattante della dirigenza Medico Veterinaria, un protocollo di intesa circa i criteri di gestione e contenimento del lavoro straordinario, dell orario di servizio e di lavoro. Ai sensi delle disposizioni contenute nell art 16 della Legge 183/2010, per l area contrattuale del Comparto è attualmente in esame la revisione di tutti i contratti part-time precedenti all applicazione della Legge 133/2008. Nei prossimi mesi si dovrà avviare il confronto con le OO.SS in merito ai sistemi premianti introdotti dal titolo III del DLgs 150/2009. Quanto agli altri obiettivi regionali in tema di risorse umane vale la pena citare: contenere la spesa del personale, mantenendone una tendenziale equivalenza rispetto al 2009: la spesa il personale nell anno 2010 si è mantenuta sostanzialmente in linea alla spesa sostenuta, allo stesso titolo, nel 2009 (+ 1,15%). Gli incrementi della dotazione organica sono stati correlati esclusivamente ad internalizzazioni di attività prima svolte all esterno (ADI- Azienda USL di Piacenza Bilancio di Missione 2010 pag. 160

17 assistenza informatica), all apertura del nuovo stabilimento ospedaliero di Fiorenzuola d Arda (con conseguente aumento dei posti letto), al potenziamento dello screening mammografico disposto su indicazione regionale e al completamento dei processi di stabilizzazione del personale. Le istituzioni di nuovi posti in dotazione organica sono state autorizzate dalla regione. Gli incrementi di personale hanno riguardato esclusivamente il personale sanitario e tecnico del comparto, mentre il personale appartenente alla dirigenza si è ridotto nel 2010 di 6 unità e il personale amministrativo si è ridotto di 4 unità attraverso una politica di contenimento del turn over. Hanno trovato piena applicazione gli accordi sindacali stipulati negli anni precedenti in merito alla stabilizzazione del precariato, operate le ultime assunzioni di personale della dirigenza, i processi di stabilizzazioni possono ritenersi conclusi. L Azienda ha adottato regolamenti per l istituzione delle strutture semplici, degli incarichi di natura professionale, delle posizioni organizzative e dei coordinamenti. In relazione alle strutture complesse, eventuali variazioni, in riduzione o in aumento, o modifiche di altra natura sono state sempre adottate in coerenza con quanto previsto dall atto aziendale, approvato dalla regione nel I processi di riorganizzazione conseguenti allo stesso atto aziendale sono state sostanzialmente concluse. ridurre l utilizzo dei contratti di lavoro precari, limitare il ricorso a contratti di lavoro autonomo e ad altre forme di esternalizzazione: si conferma un utilizzo estremamente contenuto dei rapporti di lavoro a tempo determinato, che a fine 2010 si sono attestati su 99 unità a fronte delle 88 del L incremento è stato determinato da un considerevole aumento delle aspettative retribuite o non retribuite (147 a fronte di 128 dell anno precedente), e comunque consente di confermare una percentuale particolarmente modesta di tempi determinati sul totale dei dipendenti (meno del 3%). Non si è potuto beneficiare dell avvenuta stabilizzazione di personale, in quanto i processi di stabilizzazione si erano pressoché conclusi nel 2009 ad eccezione di alcuni dirigenti, i quali però non erano in servizio a tempo determinato ma con incarichi libero-professionali. Con le OO.SS.della dirigenza Sanitaria non medica è stato concluso un accordo per il quale si faranno carico dei maggiori oneri lavorativi derivanti dalla riduzione dei contratti libero professionali in essere. Nel corso del 2010 è stata portata a termine l internalizzazione del servizio ADI, in precedenza in parte esternalizzato. L operazione non ha portato ad aggravio di costi a carico dell azienda avendo trasformato, alla scadenza, il valore del contratto di appalto in un equivalente costo di personale dipendente, automezzi, e altre attrezzature o materiale necessario. Azienda USL di Piacenza Bilancio di Missione 2010 pag. 161

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Distretto come previsto dall art. 8.3 dell Atto di indirizzo per l adozione dell

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Chirurgia come previsto dall art. 8.3 dell Atto

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Emergenza ed Accettazione come previsto

Dettagli

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

CAPO 2. Principi e Strumenti di. Organizzazione e Gestione

CAPO 2. Principi e Strumenti di. Organizzazione e Gestione CAPO 2 Principi e Strumenti di Organizzazione e Gestione 27 capo 2 Principi e Strumenti di Organizzazione e Gestione 28 I Principi di Organizzazione titolo IV I Principi di Organizzazione Art. 18 - Principi

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO - FORLANINI IL DIPARTIMENTO INFERMIERISTICO, TECNICO, RIABILITATIVO ED OSTETRICO. Regolamento

AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO - FORLANINI IL DIPARTIMENTO INFERMIERISTICO, TECNICO, RIABILITATIVO ED OSTETRICO. Regolamento AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO - FORLANINI IL DIPARTIMENTO INFERMIERISTICO, TECNICO, RIABILITATIVO ED OSTETRICO Regolamento Premessa Il presente regolamento intende definire e disciplinare l organizzazione

Dettagli

D I C H I A R A. Di aver svolto attività di ricerca non pianificate da un Provider ma che hanno dato esito a pubblicazione scientifica.

D I C H I A R A. Di aver svolto attività di ricerca non pianificate da un Provider ma che hanno dato esito a pubblicazione scientifica. DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL ATTO DI NOTORIETA (ai sensi dell art. 47 D.P.R. 28/12/2000, n. 445) Per il riconoscimento dei crediti ECM per attività formative individuali per Pubblicazioni Scientifiche

Dettagli

MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP

MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP Master di I Livello in distance - IV EDIZIONE - A.A. 2015/2016 Premessa Le ragioni della realizzazione di un percorso formativo per un Master di primo

Dettagli

Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice

Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice 1 Premessa L Hospice è una struttura sanitaria residenziale che si colloca nella rete delle cure palliative

Dettagli

DOCUMENTO ORGANIZZATIVO e dei PROCESSI del SERVIZIO INFERMIERISTICO CTO

DOCUMENTO ORGANIZZATIVO e dei PROCESSI del SERVIZIO INFERMIERISTICO CTO e dei PROCESSI del SERVIZIO Rev. 1 Pag. 1 di 6 1 Mission e Vision Il presente documento ha lo scopo di definire la struttura organizzativa, funzioni e responsabilità del Servizio Infermieristico del Presidio

Dettagli

PIANO FORMATIVO EDUCAZIONE CONTINUA IN MEDICINA (ECM) ANNO 2015

PIANO FORMATIVO EDUCAZIONE CONTINUA IN MEDICINA (ECM) ANNO 2015 PIANO FORMATIVO EDUCAZIONE CONTINUA IN MEDICINA (ECM) ANNO 2015 1 2 INDICE Premessa pag. 3 Piano e Obiettivi formativi pag. 3 Popolazione destinataria pag. 4 Metodologia pag. 5 Valutazione della formazione

Dettagli

Regolamento di Organizzazione della Società della Salute della Valdinievole

Regolamento di Organizzazione della Società della Salute della Valdinievole Regolamento di Organizzazione della Società della Salute della Valdinievole INDICE Art. 1 Premessa Art. 2 Attività di indirizzo e di controllo Art. 3 Principi relativi all organizzazione della SdS Art.

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE

PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE REGIONE VENETO - AZIENDA SANITARIA ULSS 22 PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE A cura del Coordinamento dei Distretti socio-sanitari e dei Medici

Dettagli

PROFESSIONI SANITARIE

PROFESSIONI SANITARIE PROFESSIONI SANITARIE Le Professioni Sanitarie e le Arti Ausiliarie riconosciute dal Ministero della Salute. Farmacista Medico chirurgo Odontoiatra Veterinario Altri riferimenti normativi: D. Lgs. 08.08.1991,

Dettagli

7 2005 7/20467 2002-2004 LA GIUNTA REGIONALE

7 2005 7/20467 2002-2004 LA GIUNTA REGIONALE D.g.r. 7 febbraio 2005 n. 7/20467 Progetto quadro per la sperimentazione di un modello organizzativo-gestionale per i Gruppi di Cure Primarie (GCP) in associazionismo evoluto ed integralo in attuazione

Dettagli

Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice

Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice 8.7 Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice 1 Premessa L Hospice è una struttura sanitaria residenziale che si colloca nella rete delle cure palliative

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Affanni Paola ESPERIENZA LAVORATIVA Date Settembre ad oggi: Responsabile del Servizio Infermieristico e Tecnico

Dettagli

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE PROGETTO ESECUTIVO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE ai sensi della L.R. 7/2009 e della L. 38/2010 biennio 2010-2011 1.0 - OBIETTIVI DI SALUTE E ORGANIZZATIVI 1.1 - Premesse L obiettivo generale dell Azienda

Dettagli

RELAZIONE ATTIVITÀ SVOLTA DAL CENTRO FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO - ANNO 2008- SEDE PIETRA LIGURE

RELAZIONE ATTIVITÀ SVOLTA DAL CENTRO FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO - ANNO 2008- SEDE PIETRA LIGURE RELAZIONE ATTIVITÀ SVOLTA DAL CENTRO FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO - 008- SEDE PIETRA LIGURE. FORMAZIONE UNIVERSITARIA L attività riguardante la Formazione Universitaria prevede principalmente che il Centro

Dettagli

Cosa è cambiato nella formazione del medico dello sport e cosa potrebbe ancora cambiare

Cosa è cambiato nella formazione del medico dello sport e cosa potrebbe ancora cambiare VI Corso Girolamo Mercuriale Dare attuazione alla carta di Toronto Bologna, 9-10 Aprile 2013 Cosa è cambiato nella formazione del medico dello sport e cosa potrebbe ancora cambiare Scuola di Medicina dello

Dettagli

REGIONE LAZIO. Accreditamento dei servizi domiciliari a favore delle persone con AIDS. Esperienza del Lazio. LA STORIA

REGIONE LAZIO. Accreditamento dei servizi domiciliari a favore delle persone con AIDS. Esperienza del Lazio. LA STORIA Accreditamento dei servizi domiciliari a favore delle persone con AIDS. Esperienza del Lazio. LA STORIA Con la deliberazione della Giunta regionale n. 7549 dell 8.9.1992 si definisce il primo piano per

Dettagli

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca 1 Le Aziende USL di Modena e Reggio Emilia hanno sviluppato una

Dettagli

Budget 2009. Chiusura processo di negoziazione. 05 marzo 2009. Dr. Renzo Alessi DIRETTORE GENERALE

Budget 2009. Chiusura processo di negoziazione. 05 marzo 2009. Dr. Renzo Alessi DIRETTORE GENERALE Budget 2009 Chiusura processo di negoziazione Dr. Renzo Alessi DIRETTORE GENERALE 05 marzo 2009 Missione dell Azienda L Azienda ULSS 5 assicura ai cittadini l erogazione di prestazioni Socio-Sanitarie

Dettagli

ANNO 2010. Bandi. Delibera D.G. n. 3580 del 02/08/2010 : Indizione avviso pubblico per la formulazione di graduatorie

ANNO 2010. Bandi. Delibera D.G. n. 3580 del 02/08/2010 : Indizione avviso pubblico per la formulazione di graduatorie ANNO 2010 Bandi Delibera D.G. n. 1534 del 13/04/2010 : Indizione avviso pubblico per la formulazione di graduatorie triennali per assunzioni a tempo determinato di Dirigente Medico di : 1. Anatomia Patologica

Dettagli

232, Via Antonio Gramsci - 40010 Sala Bolognese (Bo) Telefono Cellulare 346 3870980; telefono casa 0516814348 pao.fanin50@gmail.

232, Via Antonio Gramsci - 40010 Sala Bolognese (Bo) Telefono Cellulare 346 3870980; telefono casa 0516814348 pao.fanin50@gmail. F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E Informazioni personali Nome e Cognome Indirizzo 232, Via Antonio Gramsci - 40010 Sala Bolognese (Bo) Telefono Cellulare 346 3870980;

Dettagli

Personale laureato del ruolo sanitario

Personale laureato del ruolo sanitario TABELLA DI SUPPORTO per la compilazione della Sezione 3: Professionalità e Tipologia di rapporto della Scheda anagrafica Personale laureato del ruolo sanitario 1. MEDICI 1.01. Odontoiatria 1.02. Allergologia

Dettagli

Allergologia e immunologia clinica

Allergologia e immunologia clinica Allergologia e immunologia clinica 1 Bari 2 0 0 1 Foggia 1 2 Cagliari 1 0 0 0 3 Firenze 3 0 0 0 Pisa 0 Siena 0 4 Genova 2 0 0 0 Torino 1 5 L'Aquila 2 0 0 0 Chieti 0 6 Messina 2 0 0 0 Catania 1 7 Milano

Dettagli

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale.

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. Decreto MIUR su Riassetto delle Scuole di specializzazione di area sanitaria G.U. n. 285 del

Dettagli

16/02/1992 a tutt ora Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana via Roma,67 56100 PISA

16/02/1992 a tutt ora Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana via Roma,67 56100 PISA F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome MARCHETTI FEDERICA Indirizzo PIAZZA DELLE VETTOVAGLIE, 35 56126 PISA Telefono cell. 347/3658099 ufficio 050/995751

Dettagli

2. FORMAZIONE DEL PERSONALE SANITARIO

2. FORMAZIONE DEL PERSONALE SANITARIO Risorse 833 2. FORMAZIONE DEL PERSONALE SANITARIO Come enunciato dal capitolo 4.6 del Piano Sanitario Provinciale 2000-2002, la formazione del personale è uno strumento strategico per il perseguimento

Dettagli

PIANO OPERATIVO DELLA FORMAZIONE AZIENDALE 2015 OBIETTIVO SPECIFICO: FORMAZIONE AREA DIPARTIMENTALE

PIANO OPERATIVO DELLA FORMAZIONE AZIENDALE 2015 OBIETTIVO SPECIFICO: FORMAZIONE AREA DIPARTIMENTALE OBIETTIVO SPECIFICO: FORMAZIONE AREA DIPARTIMENTALE FORMAZIONE INTERDIPARTIMENTALE Economico-Finanziario Tecnologico Emergenza Anestesia e Rianimazione Ortopedia Immagini, Patologia Clinica, Medicina,

Dettagli

La figura dell OSS: dalla formazione teorica all addestramento pratico

La figura dell OSS: dalla formazione teorica all addestramento pratico RIPENSARE LA STERILIZZAZIONE DEI DM: Sfide Organizzative e soluzioni innovative La figura dell OSS: dalla formazione teorica all addestramento pratico Dr.ssa S. Remafedi Prima Parte s.remafedi@ao-pisa.toscana.it

Dettagli

DISCIPLINA DELL ORGANIZZAZIONE E DEGLI ASPETTI OPERATIVI DEL SERVIZIO DELLE PROFESSIONI SANITARIE

DISCIPLINA DELL ORGANIZZAZIONE E DEGLI ASPETTI OPERATIVI DEL SERVIZIO DELLE PROFESSIONI SANITARIE DISCIPLINA DELL ORGANIZZAZIONE E DEGLI ASPETTI OPERATIVI DEL SERVIZIO DELLE PROFESSIONI SANITARIE Indice 1. Denominazione pag 2 2. Natura istituzionale e finalità pag 2 3. Personale afferente al Servizio

Dettagli

ATTIVITA SPECIALISTICA

ATTIVITA SPECIALISTICA Allegato A) Profilo di Ruolo del Direttore di Struttura complessa ATTIVITA SPECIALISTICA DISTRETTO SOCIO-SANITARIO SUD Titolo dell incarico Direttore di struttura complessa di Attività Specialistica Luogo

Dettagli

L integrazione professionale per l assistenza a domicilio: infermieri e fisioterapisti a confronto

L integrazione professionale per l assistenza a domicilio: infermieri e fisioterapisti a confronto L integrazione professionale per l assistenza a domicilio: infermieri e fisioterapisti a confronto Stefania Franciolini, Direttore U.O. Servizio Assistenza Infermieristica Territoriale Simonetta Tamburini,

Dettagli

AZIENDA USL DI IMOLA - MISSION - ORGANI - ASSETTO ORGANIZZATIVO

AZIENDA USL DI IMOLA - MISSION - ORGANI - ASSETTO ORGANIZZATIVO AZIENDA USL DI IMOLA - MISSION - ORGANI - ASSETTO ORGANIZZATIVO MISSION DELL AUSL DI IMOLA L Azienda Sanitaria di Imola è precipuamente impegnata nel governo della domanda di servizi e prestazioni sanitarie

Dettagli

ISTRUZIONI OPERATIVE SUL SISTEMA DI VALUTAZIONE AZIENDALE

ISTRUZIONI OPERATIVE SUL SISTEMA DI VALUTAZIONE AZIENDALE Staff di Direzione Generale Organismo di Valutazione Aziendale ISTRUZIONI OPERATIVE SUL SISTEMA DI VALUTAZIONE AZIENDALE Ferrara, anno 2013 INDICE Premessa pag. 3 1. La valutazione come strumento di gestione

Dettagli

PROCEDURA. Formazione del personale

PROCEDURA. Formazione del personale Pag. 1 PROCEDURA Data di applicazione 27 maggio 2009 Redazione Verifica Data Funzione Nome Data Funzione Nome Responsabile SFR Dott. P. Sacchetti 22/05/2009 Responsabile UF Dott.ssa N. Valdinoci Dirigente

Dettagli

Il Corso di Laurea in Infermieristica

Il Corso di Laurea in Infermieristica Sessione V: Il ruolo della formazione nella costruzione di una cultura geriatrica e multiprofessionale Il Corso di Laurea in Infermieristica Dott.ssa Paola Ferri Corso di Laurea in Infermieristica Università

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015 (ai sensi dell art. 11 del decreto Legislativo 27 ottobre 2009, n. 150/2009) Premessa Il Liceo M. Gioia di Piacenza realizza le proprie finalità

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome CLAUDIA LEPRATTO Indirizzo ASL AL SEDI DI OVADA E ACQUI TERME Telefono 0143/826402-0144 777374 Fax 0143 /826404-0144

Dettagli

PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015. Innovazione e cambiamento al servizio del management

PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015. Innovazione e cambiamento al servizio del management Innovazione e cambiamento al servizio del management PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015 Le nuove proposte per lo sviluppo del Dossier Formativo nell'area dell organizzazione, della qualità,

Dettagli

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Il rischio clinico rappresenta l eventualità di subire

Dettagli

MiMS. Master in Management Sanitario. Il territorio

MiMS. Master in Management Sanitario. Il territorio 1 Il territorio 2 Il territorio: tendenze evolutive Aumentata l aspettativa di vita: U = 76 anni D = 82,4 anni Patologie croniche prevalgono su quelle acute Possibilità di eseguire piccoli interventi chirurgici

Dettagli

Evoluzione della professione infermieristica

Evoluzione della professione infermieristica BOZZA Evoluzione della professione infermieristica Aree di competenza nei nuovi scenari sanitari e socio sanitari Tavolo di lavoro Regioni-Ministero (sviluppo dei profili di competenza dell infermiere)

Dettagli

Allergologia e immunologia clinica

Allergologia e immunologia clinica Allergologia e immunologia clinica 1 Bari 3 Foggia 2 Cagliari 2 3 Firenze 4 Pisa Siena 4 Genova 3 Torino 5 L'Aquila 2 Chieti 6 Messina 2 Catania 7 Milano 4 Brescia Pavia 8 Milano S. Raffaele 1 9 Milano

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA FORMAZIONE. IRCCS CENTRO S. GIOVANNI DI DIO FATEBENEFRATELLI Brescia

REGOLAMENTO DELLA FORMAZIONE. IRCCS CENTRO S. GIOVANNI DI DIO FATEBENEFRATELLI Brescia REGOLAMENTO DELLA FORMAZIONE IRCCS CENTRO S. GIOVANNI DI DIO FATEBENEFRATELLI Brescia PREMESSA Il presente documento regolamenta in tutti i suoi aspetti la formazione dell IRCCS Centro S. Giovanni di Dio

Dettagli

Esperienza lavorativa Collaboratore Professionale Sanitario Esperto Categoria DS3

Esperienza lavorativa Collaboratore Professionale Sanitario Esperto Categoria DS3 FORMATO EUROPEO CURRICULUM VITAE Informazioni personali Nome Tricanico Cesare Indirizzo Via macchia di mare 14, 87022 Cetraro ( CS) Telefono 3355397819 E-mail tricanico@tiscali.it Nazionalità Italiana

Dettagli

Attualità sul sistema di registrazione crediti ECM I compiti del Provider pubblico

Attualità sul sistema di registrazione crediti ECM I compiti del Provider pubblico IL PERCORSO FORMATIVO INDIVIDUALE DEI MEDICI: RUOLO E COMPITI DEL CO.GE.A.P.S. Attualità sul sistema di registrazione crediti ECM I compiti del Provider pubblico Lucia Livatino Settore di Staff Formazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali EROGATA DALLE STRUTTURE ORGANIZZATIVE COMPLESSE DI PSICOLOGIA, TERRITORIALI ED OSPEDALIERE, DEL S. S. N. E PER GLI INTERVENTI A FAVORE DELLO SVILUPPO DELL INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA. a cura di: Società

Dettagli

Via Tartini, n.5 Padova (PD) C.A.P. 35131 +39 3357767447 annamaria.saieva@sanita.padova.it. Sesso F Data di nascita 09/11/1958 Nazionalità italiana

Via Tartini, n.5 Padova (PD) C.A.P. 35131 +39 3357767447 annamaria.saieva@sanita.padova.it. Sesso F Data di nascita 09/11/1958 Nazionalità italiana INFORMAZIONI PERSONALI ANNA MARIA SAIEVA Via Tartini, n.5 Padova (PD) C.A.P. 35131 +39 3357767447 annamaria.saieva@sanita.padova.it Sesso F Data di nascita 09/11/1958 Nazionalità italiana DICHIARA QUANTO

Dettagli

AZIENDA USL RIMINI ASSETTO ORGANIZZATIVO DEL DIPARTIMENTO DI CURE PRIMARIE

AZIENDA USL RIMINI ASSETTO ORGANIZZATIVO DEL DIPARTIMENTO DI CURE PRIMARIE AZIENDA USL RIMINI ASSETTO ORGANIZZATIVO DEL DIPARTIMENTO DI CURE PRIMARIE 1 Sommario 1. DIPARTIMENTO CURE PRIMARIE 4 1.1. DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO CURE PRIMARIE 4 1.2. RESPONSABILE INFERMIERISTICO E

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI. Nome LANZONE ISABELLA

INFORMAZIONI PERSONALI. Nome LANZONE ISABELLA C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome LANZONE ISABELLA Data di nascita 29 marzo 1974 Qualifica AMMINISTRATORE PUBBLICO Amministrazione COMUNE DI GENOVA Incarico attuale ASSESSORE AL

Dettagli

DOCENZE. Data 2008 Ente organizzatore Istituto clinico Città di Brescia s.p.a.

DOCENZE. Data 2008 Ente organizzatore Istituto clinico Città di Brescia s.p.a. DOCENZE Data 2010 Ente organizzatore Montedomini, centro servizi e formazione Titolo del corso Aggiornamento teorico pratico per personale operante in strutture sanitarie riabilitative Docenza Riprogettazione

Dettagli

REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI

REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI GENERALITA I Dipartimenti costituiscono una modalità di organizzazione di più strutture complesse e semplici di particolare

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI Anno Accademico 2012/2013

MANIFESTO DEGLI STUDI Anno Accademico 2012/2013 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA MANIFESTO DEGLI STUDI Anno Accademico 2012/2013 DAL 1 AGOSTO 2012 E FINO AL 22 OTTOBRE 2012 SONO APERTE LE IMMATRICOLAZIONI E LE ISCRIZIONI AI SEGUENTI CORSI DI STUDIO

Dettagli

UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di Laurea in Infermieristica

UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di Laurea in Infermieristica UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di Laurea in Infermieristica Il Regolamento didattico del Corso, in conformità alla normativa vigente, prevede per il tirocinio

Dettagli

1SPP13 Corso di 4 ore 6 ed. Antincendio 1 semestre Esine 110 operatori Squadra antincendio D.Lgs 81/2008 e successive integrazioni

1SPP13 Corso di 4 ore 6 ed. Antincendio 1 semestre Esine 110 operatori Squadra antincendio D.Lgs 81/2008 e successive integrazioni Pag. 1 di 7 1.BREVE PREMESSA Il Piano di Formazione è lo strumento per la programmazione delle attività formative e pertanto definisce tutte le attività di formazione che verranno attuate nel 201 3 sia

Dettagli

Bozza al 10 marzo 2016 Documento integrativo dell atto di indirizzo per la medicina convenzionata deliberato in data 12 febbraio 2014

Bozza al 10 marzo 2016 Documento integrativo dell atto di indirizzo per la medicina convenzionata deliberato in data 12 febbraio 2014 Bozza al 10 marzo 2016 Documento integrativo dell atto di indirizzo per la medicina convenzionata deliberato in data 12 febbraio 2014 Con il presente documento il Comitato di Settore per il Comparto Regioni-Sanità

Dettagli

Curriculum vitae Europass

Curriculum vitae Europass Curriculum vitae Europass INFORMAZIONI PERSONALI Nome(i) / Cognome(i) GIROTTO CHIARA ] Indirizzo Telefono casa 0425/27721 Telefono ufficio 0442/622016 Telefono mobile 3472966653 Fax 0442622721 E-mail Viale

Dettagli

CURRICULUM VITAE IN FORMATO EUROPEO

CURRICULUM VITAE IN FORMATO EUROPEO CURRICULUM VITAE IN FORMATO EUROPEO Informazioni personali Nome PIANA TIZIANA Comune di residenza VIGEVANO (Pavia) E-mail sitra@aogallarate.it Nazionalità Italiana Luogo e Data di nascita Vigevano, 02-03-1963

Dettagli

Data del DM di approvazione del ordinamento 14/03/2008 didattico. Data del DR di emanazione del ordinamento 19/03/2008 didattico

Data del DM di approvazione del ordinamento 14/03/2008 didattico. Data del DR di emanazione del ordinamento 19/03/2008 didattico Scheda informativa Università Universita' degli Studi di PADOVA Classe Nome del corso Data del DM di approvazione del ordinamento 14/03/2008 didattico Data del DR di emanazione del ordinamento 19/03/2008

Dettagli

TRA L'Università degli Studi di Torino Scuola di Medicina, con sede in Torino, C.so. , n., cap., cod. fisc.., in

TRA L'Università degli Studi di Torino Scuola di Medicina, con sede in Torino, C.so. , n., cap., cod. fisc.., in CONVENZIONE QUADRO TRA L'UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO - SCUOLA DI MEDICINA, E L A.S.O. PER LO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DA PARTE DEGLI ISCRITTI ALLE SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE DELLA SCUOLA

Dettagli

Via Tartini, n.5 Padova (PD) C.A.P. 35131 +39 3357767447 annamaria.saieva@sanita.padova.it. Sesso F Data di nascita 09/11/1958 Nazionalità italiana

Via Tartini, n.5 Padova (PD) C.A.P. 35131 +39 3357767447 annamaria.saieva@sanita.padova.it. Sesso F Data di nascita 09/11/1958 Nazionalità italiana INFORMAZIONI PERSONALI ANNA MARIA SAIEVA Via Tartini, n.5 Padova (PD) C.A.P. 35131 +39 3357767447 annamaria.saieva@sanita.padova.it Sesso F Data di nascita 09/11/1958 Nazionalità italiana DICHIARA QUANTO

Dettagli

Criteri irrinunciabili nella ridefinizione dei

Criteri irrinunciabili nella ridefinizione dei Commissione Nazionale Corsi di Laurea in Infermieristica Milano 10 giugno 2011 Criteri irrinunciabili nella ridefinizione dei protocolli d intesa d Università - Regioni Valerio Dimonte Legge 30 DICEMBRE

Dettagli

Roma 29 marzo 2011. L'applicazione del DM 270 del 2004 nella formazione universitaria dell'infermiere: sviluppi, criticità e aspettative

Roma 29 marzo 2011. L'applicazione del DM 270 del 2004 nella formazione universitaria dell'infermiere: sviluppi, criticità e aspettative Roma 29 marzo 2011 L'applicazione del DM 270 del 2004 nella formazione universitaria dell'infermiere: sviluppi, criticità e aspettative Prof. ROSARIA ALVARO Associato Scienze Infermieristiche Università

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Eleonora Gravina Indirizzo Via Milo, 5 Telefono 06/20908109 Fax 06/20903669 E-mail eleonora.gravina@ptvonline.it Nazionalità italiana

Dettagli

TABELLA ALLEGATA. Ancona - Firenze

TABELLA ALLEGATA. Ancona - Firenze TABELLA ALLEGATA Ancona - Firenze A N C O N A Borse 1997/98 Borse riservate a cittadini Allergologia ed Immunologia Clinica 1 Anestesia e rianimazione 10 Cardiologia 3 Chirurgia generale 2 Chirurgia plastica

Dettagli

RELAZIONE ATTIVITA 2012. Indice

RELAZIONE ATTIVITA 2012. Indice Indice Premessa pag. 2 1. Sistema Gestione Qualità pag. 2 2. Formazione Universitaria pag. 2 3. Corsi di riqualificazione per Operatore Socio Sanitario (O.S.S.) pag. 3 4. Educazione Continua in Medicina

Dettagli

Norme per la valorizzazione delle professioni sanitarie e sociali

Norme per la valorizzazione delle professioni sanitarie e sociali PREMESSA Salute Lazio,proposta legge bipartisan per valorizzazione professioni Roma, 10 NOV (il Velino/AGV) - "Una proposta di legge finalizzata alla valorizzazione delle professioni sanitarie e sociali,

Dettagli

Allegato 1. Regione Abruzzo. Programma Operativo 2010

Allegato 1. Regione Abruzzo. Programma Operativo 2010 Allegato 1 Regione Abruzzo Programma Operativo 2010 Intervento 6: Razionalizzazione della rete di assistenza ospedaliera Azione 3: Razionalizzazione delle Unità Operative Complesse Determinazione delle

Dettagli

Bozza di disegno di legge delega in materia di gestione e sviluppo delle risorse umane ex art.22 Patto per la salute

Bozza di disegno di legge delega in materia di gestione e sviluppo delle risorse umane ex art.22 Patto per la salute IPOTESI A Bozza di disegno di legge delega in materia di gestione e sviluppo delle risorse umane ex art.22 Patto per la salute Art. 1. Al fine di garantire la nuova organizzazione dei servizi sanitari

Dettagli

La gestione del rischio nell Azienda Usl di Modena. Francesca Novaco

La gestione del rischio nell Azienda Usl di Modena. Francesca Novaco La gestione del rischio nell Azienda Usl di Modena Francesca Novaco I principi Attenzione alla sicurezza del paziente Il governo clinico La concezione organizzativa dell errore Le linee di azione 1. Il

Dettagli

La responsabilità del coordinatore delle professioni sanitarie

La responsabilità del coordinatore delle professioni sanitarie La responsabilità del coordinatore delle professioni sanitarie Luca Benci www.lucabenci.it Twitter @Luca_Benci A.n.u.l. 1974 Accordo nazionale unico di lavoro per il personale ospedaliero Livello Qualifiche

Dettagli

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE CENTRO DI TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE Direttore: dott. Marco Bertolotto LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE Le Cure Palliative forniscono il sollievo dal dolore e da altri gravi

Dettagli

Al Presidente dell Ordine Provinciale dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Modena. Il sottoscritto Dott.: cognome

Al Presidente dell Ordine Provinciale dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Modena. Il sottoscritto Dott.: cognome MODULO di iscrizione con decreto ministeriale cittadini comunitari ed extracomunitari con titoli conseguiti in paesi comunitari e non comunitari (Fuori Italia) Al Presidente dell Ordine Provinciale dei

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMACE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMACE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMACE TITOLO I PRESUPPOSTI DEL SISTEMA Oggetto Il Sistema di Misurazione e Valutazione della Performance dell ASL di Lucca ha la finalità complessiva di

Dettagli

ATTO AZIENDALE DI DEFINIZIONE DELLE MODALITA ORGANIZZATIVE DELL ATTIVITA LIBERO PROFESSIONALE INTRAMURARIA

ATTO AZIENDALE DI DEFINIZIONE DELLE MODALITA ORGANIZZATIVE DELL ATTIVITA LIBERO PROFESSIONALE INTRAMURARIA Azienda USL n.12 di Viareggio ATTO AZIENDALE DI DEFINIZIONE DELLE MODALITA ORGANIZZATIVE DELL ATTIVITA LIBERO PROFESSIONALE INTRAMURARIA Indice Oggetto e fonti legislative P. 1 Definizioni P. 2 Informazione

Dettagli

Art. 1. Istituzione dei Servizi

Art. 1. Istituzione dei Servizi LEGGE REGIONALE 5 febbraio 2010, n.13 Istituzione dei servizi delle professioni sanitarie infermieristiche, ostetriche, riabilitative, tecnico sanitarie e tecniche della prevenzione e delle professioni

Dettagli

Bilancio di Mandato 2003-2007 LE STRATEGIE Dr. Gianluigi Scannapieco Dr.ssa Marina Donadi. La salute, costruiamola insieme

Bilancio di Mandato 2003-2007 LE STRATEGIE Dr. Gianluigi Scannapieco Dr.ssa Marina Donadi. La salute, costruiamola insieme Bilancio di Mandato 2003-2007 LE STRATEGIE Dr. Gianluigi Scannapieco Dr.ssa Marina Donadi Il Bilancio di Mandato dell'azienda Ulss 9 Treviso La modalità di lavoro per la realizzazione del Bilancio di Mandato

Dettagli

TABELLA ALLEGATA. Roma - Verona

TABELLA ALLEGATA. Roma - Verona TABELLA ALLEGATA Roma - Verona R O M A " S A P I E N Z A " Allergologia ed immunologia clinica 2 Anatomia patologica 4 Anestesia e rianimazione 35 Borse 1997/98 Borse riservate a cittadini provenienti

Dettagli

Piano-programma (P-Pr) aziendale per la Sicurezza e la Gestione del rischio. Annotazioni conclusive - IV (2 luglio 2012)

Piano-programma (P-Pr) aziendale per la Sicurezza e la Gestione del rischio. Annotazioni conclusive - IV (2 luglio 2012) Piano-programma (P-Pr) aziendale per la Sicurezza e la Gestione del rischio. Annotazioni conclusive - IV (2 luglio 2012) Come utilizzare queste annotazioni L intento è quello di offrire una griglia di

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE 2012

RELAZIONE ANNUALE 2012 Regione Toscana Azienda UNITA' SANITARIA LOCALE n.6 di LIVORNO Viale Alfieri,36-57128 LIVORNO U.O. FORMAZIONE RELAZIONE ANNUALE 2012 Eventi programmati 292 Eventi realizzati 286 Percentuale realizzati

Dettagli

Allergologia e immunologia clinica

Allergologia e immunologia clinica Allergologia e immunologia clinica 1 Politecnica delle Marche 3 3 1 Modena Parma 2 Bari 2 1 Puglia 3 1 Foggia 3 Cagliari 1 2 Sardegna 3 4 Firenze 3 3 Pisa Siena 5 Genova 2 2 Torino 6 L'Aquila 2 2 Chieti

Dettagli

Via Cornio, n. 5C Vigonovo (VE) C.A.P. 30030 +39 3489839424 rosaria.cacco@sanita.padova.it. Sesso F Data di nascita 22/03/1967 Nazionalità italiana

Via Cornio, n. 5C Vigonovo (VE) C.A.P. 30030 +39 3489839424 rosaria.cacco@sanita.padova.it. Sesso F Data di nascita 22/03/1967 Nazionalità italiana INFORMAZIONI PERSONALI ROSARIA CACCO Via Cornio, n. 5C Vigonovo (VE) C.A.P. 30030 +39 3489839424 rosaria.cacco@sanita.padova.it Sesso F Data di nascita 22/03/1967 Nazionalità italiana ESPERIENZA PROFESSIONALE

Dettagli

Febbraio Agosto 2011. Facoltà di MEDICINA E CHIRURGIA (Roma)

Febbraio Agosto 2011. Facoltà di MEDICINA E CHIRURGIA (Roma) Febbraio Agosto 2011 Facoltà di MEDICINA E CHIRURGIA (Roma) Universita` Cattolica del Sacro Cuore Facolta` di Medicina e Chirurgia A. Gemelli Sede di Brescia CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFERMIERISTICA

Dettagli

PIANO DI FORMAZIONE AZIENDALE ANNO 2004

PIANO DI FORMAZIONE AZIENDALE ANNO 2004 REGIONE SICILIANA AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE N. 4 ENNA PIANO DI FORMAZIONE AZIENDALE ANNO 2004 A cura dell U.O. Sistema Qualità Totale e Servizio Formazione PREMESSA PREMESSA PIANO DI FORMAZIONE AZIENDALE

Dettagli

Mediterraneo in Sanità

Mediterraneo in Sanità Forum 2012 Mediterraneo in Sanità SOSTENIBILITÀ E DIRITTO ALLA SALUTE SICUREZZA EQUITÀ APPROPRIATEZZA 6 7 8 giugno Palermo - Teatro Politeama Piazza Ruggero Settimo, 15 LA PIAZZA DELLA SALUTE Modalità

Dettagli

LINEE DI INTESA DI CONCERTAZIONE

LINEE DI INTESA DI CONCERTAZIONE ARCISPEDALE S. ANNA - AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA DI FERRARA AREA COMPARTO LINEE DI INTESA DI CONCERTAZIONE CRITERI DI ATTRIBUZIONE INDENNITÀ DI COORDINAMENTO PARTE VARIABILE PROTOCOLLO D INTESA

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA SENESE

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA SENESE AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA SENESE REGOLAMENTO PER LA VALUTAZIONE INDIVIDUALE DEL PERSONALE DEL COMPARTO DELL AOUS Premessa Il Decreto Legislativo 27 ottobre 2009 n.150, attuativo della Legge 4 marzo

Dettagli

MANAGEMENT AZIENDALE E MODELLI ORGANIZZATIVI PER L ATTUAZIONE DEL GOVERNO CLINICO

MANAGEMENT AZIENDALE E MODELLI ORGANIZZATIVI PER L ATTUAZIONE DEL GOVERNO CLINICO Convention Nazionale Clinical Governance e Management Aziendale Sostenibilità delle innovazioni organizzative nell era del federalismo sanitario Bologna, 15-16 ottobre 2010 MANAGEMENT AZIENDALE E MODELLI

Dettagli

RIORGANIZZAZIONE DEI REPARTI INTERNISTICI PER INTENSITA' DI CURA

RIORGANIZZAZIONE DEI REPARTI INTERNISTICI PER INTENSITA' DI CURA RIORGANIZZAZIONE DEI REPARTI INTERNISTICI PER INTENSITA' DI CURA BOLOGNA - VENERDI' 24 GENNAIO 2014 CONGRESSO ANIMO EMILIA ROMAGNA Revisione organizzativa per intensità delle cure dell Area Internistica

Dettagli

SISTEMA QUALITÀ sistemi cultura cultura della qualità

SISTEMA QUALITÀ sistemi cultura cultura della qualità SISTEMA QUALITÀ Nell intraprendere la strada della Qualità Totale ci si è posti l interrogativo sul percorso più adatto al Centro ossia, se modificare i sistemi oppure modificare la cultura. L intervento

Dettagli

DIRETTORE SC PEDIATRIA

DIRETTORE SC PEDIATRIA DIRETTORE SC PEDIATRIA PROFILO OGGETTIVO Caratteristiche e attività dell Azienda L Azienda Ospedaliera Ospedale Maggiore di Crema è costituita dalle seguenti strutture: Presidio Ospedale Maggiore di Crema

Dettagli

Codice A14020 D.D. 31 dicembre 2014, n. 77 Accreditamento provider di formazione. Revisione manuale 1 b "assegnazione crediti alle attivita' ECM".

Codice A14020 D.D. 31 dicembre 2014, n. 77 Accreditamento provider di formazione. Revisione manuale 1 b assegnazione crediti alle attivita' ECM. REGIONE PIEMONTE BU17 30/04/2015 Codice A14020 D.D. 31 dicembre 2014, n. 77 Accreditamento provider di formazione. Revisione manuale 1 b "assegnazione crediti alle attivita' ECM". Visto il decreto legislativo

Dettagli

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI LA SALUTE PER TUTTI EFFICACIA Qualità dell assistenza (uso ottimale delle risorse) SERVIZI SANITARI (sistema sanitario, strutture, operatori) EQUITA Razionamento (uso appropriato delle risorse) RISORSE

Dettagli

Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI)

Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Allegato 1 Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Indice Premessa... 2 1. Ambito di applicazione... 2 1.1 Definizione... 2 1.2 I destinatari...

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome REGONASCHI NADIA E-mail Nazionalità nad.reg@alice.it italiana Data di nascita 26/10/1963 Luogo di nascita

Dettagli