#APPERO! Guido Montaldo Massimo Musotto Francesca Pagnanelli Stefano Pieri Federica Pierro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "#APPERO! Guido Montaldo 759636 Massimo Musotto 758105 Francesca Pagnanelli 759502 Stefano Pieri 756973 Federica Pierro 758266"

Transcript

1 #APPERO! Guido Montaldo Massimo Musotto Francesca Pagnanelli Stefano Pieri Federica Pierro

2 Scope del progetto Vision: Customers on our minds and in our hearts Processi coinvolti nel cambiamento: Formulazione dell Offerta Processo Commerciale Il cambiamento più importante da effettuare è un passaggio da un focus sulle procedure ad uno sul cliente. Il nostro obiettivo è quello di fornire un servizio altamente competitivo grazie alla particolare attenzione prestata al mantenimento di tempi di risposta contenuti e al grande supporto offerto alla clientela durante tutta la durata del rapporto commerciale. Principi: Pervasività dell orientamento ai processi Logica cliente fornitore Ownership dei processi Job redesign Documentazione dei processi Misurazione dei processi Ottimizzazione dei flussi di attività Leve: Flusso Organizzazione Risorse e competenze Pianificazione e controllo Tecnologia

3 Commissione Valutatori Macrostruttura Direttore Generale Comitato per la salvaguardia dell imparzialità Team per la determinazione del prezzo* Composto da: - Dipendenti Marketing - Direttore Commerciale - Direttori Uffici Regionali - Direttore Generale Servizio di pianificazione Area Certificazione Qualità Sistemi Informativi Direzione del Personale Segreteria e servizi generali Area Formazione Area Certificazione Qualità Area Certificazione Ambiente e Sicurezza Controllo, Amministrazione e Finanza Direzione Marketing Direzione Assicurazione e Qualità Direzione Commerciale Marketing: informazioni sul ciclo di vita dei prodotti Direzione Commerciale: informazioni sul cliente (e.g. necessità specifiche dei clienti di una regione) Direttore Generale: è colui che prende la decisione finale sul prezzo da proporre ai clienti. Servizio di pianificazione Area Certificazione Ambiente e Sicurezza Commissione tecnica prodotto Commissione tecnica qualità Commissione tecnica ambiente *Perché creare il Team per la determinazione del prezzo? SITUAZIONE AS-IS: «Il costo per ciascuna giornata è stato fissato dalla sede centrale alcuni anni prima, ed è superiore alla media attuale del mercato.» scarsa attenzione al ciclo di vita del prodotto ed alle necessità del cliente. Minacce rilevanti (alto impatto e probabilità nel breve-medio periodo): Certificazione come commodity Selezione dell azienda solo in funzione del prezzo Finanziamenti regionali e provinciali disomogenei sul territorio nazionale Limitate risorse economiche ed umane nelle piccole e medie imprese Un team che si incontra annualmente è considerato più adatto di una funzione marketing & vendite in quanto il ruolo del marketing è limitato a un analisi del ciclo di vita dei prodotti e quindi non assume un importanza tale da riconoscerlo come funzione core dell azienda. Segretaria U.R. 1 U.R. 2 Ufficio Commerciale** U.R. 12 **A seguito della responsabilizzazione degli impiegati dell Ufficio Regionale, il controllo effettuato dagli impiegati dell Ufficio Commerciale su di questi non si è rivelato necessario. L Ufficio Commerciale quindi è stato riposizionato come unità di staff con compiti di analisi delle prestazioni, data mining, contatto con i clienti insoddisfatti, erogazione di questionari per la customer satisfaction.

4 Riprogettazione Mansioni & Corsi di Formazione Risorsa To-Be Modalità di intervento Impiegati Uffici Regionali* Direttore Ufficio Regionale* Impiegati Ufficio Commerciale Direttore Commerciale Process Owner Operativi: Case Manager Process Owner Operativo: sia Case Manager che Account Manager per i clienti che generano ricavi elevati nel lungo termine. Viene a mancare il controllo diretto nel processo di formulazione dell offerta; assumono un ruolo di controllo delle prestazioni dei processi (data mining, valutazione in ottica strategica delle prestazioni, valutazione della customer satisfaction, contatto del cliente nel caso in cui non risponda alla proposta di offerta) Process Owner Strategico: monitoraggio prestazioni, ottica di miglioramento continuo; prende info da impiegato Ufficio Commerciale; Durata: 3 gg Tematiche affrontate/obiettivi: tecniche per convincere il cliente all acquisto; capacità di saper predisporre una soluzione specifica e mirata in funzione delle peculiari esigenze manifestate dall acquirente; individuare i clienti-chiave; adottare un approccio di vendita relazionale basato sulla partnership e sulla creazione di valore. Durata: 4 gg + 1 gg Tematiche affrontate/obiettivi: formazione case manager (1 gg); opportunità strategiche; modalità di sviluppo e gestione dei clienti chiave; il ruolo strategico del key account management per lo sviluppo del business; i criteri e gli strumenti manageriali per la selezione e l'analisi dei clienti chiave; la valutazione delle variabili critiche nella gestione del valore per il cliente; l importanza dei sistemi informativi e di comunicazione commerciale per la gestione dei clienti in ottica KAM; il ruolo fondamentale del key account manager; sviluppo e la pianificazione delle azioni sul cliente chiave: l'account planning. Durata: 6 gg Tematiche affrontate/obiettivi: disporre di modelli operativi che permettano di utilizzare al meglio informazioni complesse e strutturate per selezionare, orientare e gestire i venditori che lavorano a diretto contatto con il mercato; logiche e strumenti più efficaci per ottimizzare la gestione della rete di vendita, massimizzando il soddisfacimento di una clientela sempre più esigente e preparata; approfondimento sui processi di organizzazione e strutturazione della rete di vendita, di sviluppo e gestione delle risorse umane, di pianificazione, controllo e analisi delle azioni e delle performance aziendali in ambito commerciale. *il ruolo di case manager degli impiegati e dei direttori degli uffici regionali si estende per tutta l erogazione del servizio di certificazione; questi sono un punto di riferimento costante per il cliente e assumono il ruolo di collegamento con l area tecnica per mantenere questa continuità. Luogo di erogazione: Milano Modalità di erogazione -Uffici regionali: gli impiegati destinati a diventare case manager dal Lunedì al Mercoledì della prima settimana dopo la chiusura dell azienda per le ferie; i direttori, dal lunedì al venerdì della settimana successiva. -Impiegati ufficio commerciale: 4 impiegati la prima settimana dopo la chiusura dell azienda per le ferie; gli altri la settimana successiva. -Gli addetti dei sistemi informativi si recano presso gli Uffici Regionali per un giorno al fine di addestrare gli impiegati all utilizzo del CRM. NB: in una giornata ci sono 7h di studio.

5 Albero Formulazione dell offerta Determinazione Offerta Valutazione Offerta Determinazione offerta per nuovo Determinazione offerta per rinnovo Ricezione richiesta d offerta e raccolta dati Creazione dell offerta Sincronizzazione Nuovo Ricezione richiesta d offerta e raccolta dati Creazione dell offerta Fine processo No Attivo processo accreditamento Inizio processo Rinnovo Determinazione offerta per rinnovo Valutazione Offerta Il cliente accetta? Si Attivo processo gestione finanziaria Attivo processo erogazione E stato ritenuto opportuno eliminare il sottoprocesso di Validazione dell offerta. Ciò è stato possibile grazie all aumento di delega degli Uffici Regionali e alla loro responsabilizzazione, possibile grazie al ruolo di case manager assunto.

6 Numerosità della clientela CRM Perché introdurre un CRM? E un sistema informativo che permette di rendere il cliente elemento centrale della strategia commerciale. Opportunità: Comunicazione più veloce e agevole con il cliente Utilizzo di un DB centralizzato: unicità dei dati, accessibili dalle funzioni aziendali in maniera efficiente Misurazione delle prestazioni aziendali (Statistiche, KPI) B Intensità della relazione con la clientela B A Qualitator risulta particolarmente adeguata per adottare un CRM: Intensità della relazione: Alta Frequenza contatti: elevata (relazioni di lungo periodo, atti d acquisto ripetuti) Continuità della relazione: lungo periodo(natura dell azienda) A QUALITATOR Numerosità della clientela: Alta Base clienti stimata: 7400 aziende Multicanalità del rapporto col cliente

7 Quale CRM? KPI (Key Performance Indicators) di servizio alla clientela CRM direzionale Redditività clientela Soddisfazione clientela Pianificazione e controllo performance del cliente Utilizzato dall Ufficio Commerciale per il controllo processi Analisi strategica della clientela Dati sui processi CRM Informazioni analitiche sui clienti Informatizzazione canali usati per il contatto col cliente CRM operativo Sistemi per canale telefonico (call/contact center) Dati operativi delle transazioni con i clienti CRM analitico Profilatura e analisi dei clienti Sistemi per canale web (self service su Internet) Sistemi per reti di vendita (canale fisico) Info analitiche sui clienti Integrazione fra CRM analitico e operativo

8 CRM Front-End Internet Portale Qualitator Sito WEB con Area Personale accessibile 24/7 mediante identificazione con le proprie credenziali. Server CTI (Computer Telephony Integration) Integrazione componente telefonica con componente informatica; il server estrae dal DB i dati del cliente e i mostra all impiegato. Centralino Intelligente (PABX) Dispositivi di automatizzazione dialogo IVR (Interactive Voice Response) utilizzato dal cliente per identificarsi e chiedere informazioni sullo stato della richiesta. ACD (Automatic Call Distribution) ripartisce le chiamate tra gli operatori (distingue tra Account Manager e Case manager; se non necessario L AM sceglie l impiegato con meno carico di lavoro).

9 Come funziona l ACD? Ricezione chiamata Funzione di selezione cliente per importanza z z y? si no Direzionamento all Account Manager Funzione di determinazione della saturazione dell impiegato Invio all impiegato con minor carico di lavoro 0 (P 1,P 2 ) 1; P 1 +P 2 =1; con P1 e P2 pesi di importanza attribuiti rispettivamente al fatturato apportato dal cliente e al numero di contratti stipulati con esso nel tempo. t=istante di ricezione chiamata t 0 =istante di stipula primo contratto X TOT =n totale certificazioni con Qualitator Fatt=Fatturato medio cliente Se z y il cliente è importante y, P 1 e P 2 sono valori attribuibili da Qualitator in base a valutazioni strategiche. La funzione di determinazione della saturazione dell impiegato determina il carico di lavoro in base ai dati forniti dal sistema informativo (numero di certificazioni di cui si occupa l impiegato). CRM front-end: cosa vede il cliente? Nello screenshot accanto è parzialmente rappresentato l equivalente informatizzato del RIC_OFF che compare sul nuovo sito web di Qualitator. Il cliente che richiede una formulazione dell offerta spunta le certificazioni a cui è interessato e nelle pagine che successivamente si aprono inserisce le informazioni rilevanti ai fini della formulazione. Tutti i precedenti moduli sono stati informatizzati e nel caso in cui il cliente lo richieda è possibile esportarli in pdf, rendendoli disponibili per la stampa. Questa modalità di compilazione permette di mantenere il collegamento tra due o più richieste in un unico deal (transazione).

10 CRM Back-End: Pipedrive Interamente Web-based Dati in Cloud in un DB centralizzato: risparmio su costi di infrastruttura e di manutenzione (costi solo per canone d abbonamento) Unico CRM con una visione del flusso delle transazioni (interfaccia con pipeline ) che permette di avere una panoramica generale sullo stato di tutte le offerte richieste Ogni singolo deal (transazione) può essere composto da più richieste di servizi (certificazioni, ispezioni ecc ) Ad ogni deal è associato uno stato (verde: in anticipo rispetto ai tempi standard di risposta, rosso: in ritardo, warning: prossimi alla scadenza del tempo standard di risposta) A fine attraversamento della pipeline indicando se si è vinto o perso il deal, le statistiche sulle vendite vengono immediatamente aggiornate

11 Scheda singola transazione

12 Principali funzionalità

13 Determinanti Criticità AS-IS Criteri di riprogettazione Azioni Flusso delle Attività WORK FLOW Esistenza di attività non a valore aggiunto; Interazioni fra attori per mero scambio informativo; Attività eliminabili snellendo la gerarchia e riorganizzando il lavoro; LOGICHE E PROCEDURE Presenza di due Accountable che si occupano di attività di controllo e validazione nella fase di determinazione dell'offerta di rinnovo; Le informazioni sul processo non sono raccolte correttamente; Le attività possono essere in alcuni casi ridotte (creazione di diverse offerte separate per un solo cliente); Riprogettazione del flusso di attività e controlli ICT Delega decisionale Inserimento di un nuovo Sistema Informativo: Standardizzazione modulistica e procedure inserimento dati (la P.IVA risulta conditio sine qua non per il processo di formulazione); Eliminazione attività di mero scambio informativo (informazioni immediatamente disponibili mediante rete intranet); Aumento delega decisionale degli impiegati degli Uffici Regionali snellimento in termini di controlli; Pianificazione & Controllo Mancanza sistema di controllo della prestazioni di processo; Incoerenza del modello di controllo con il modello di business; Mancanza di un sistema di incentivi legato ai processi in analisi; Carenza di accuratezza delle tecnologie di misura delle prestazioni; Mancanza di visibilità sul processo da parte del cliente; Misurazione dei processi ICT Introduzione CRM direzionale e analitico; Variabilizzazione stipendio in funzione del raggiungimento degli obiettivi stabiliti dalla Direzione; Introduzione CRM operativo; Tecnologia Criticità nelle modalità di comunicazione; Errori di inserimento dei dati nel sistema informativo aziendale; Non esiste un ruolo formale del responsabile dell'informazione nè il sistema informativo tiene traccia di chi effettua modifiche sui dati o di chi esegue le attività; Mancanza di un sistema informativo integrato tra direzione commerciale e uffici regionali, che non necessiti di comunicazione nel caso di modifica dei dati; Il sistema informativo non è orientato al processo; Ottimizzazione del flusso ICT Introduzione e configurazione sistema CRM operativo, analitico e direzionale; La partita IVA risulta conditio sine qua non per la creazione di un anagrafica; Process owner operativo come responsabile dell informazione; Nota: - sono riportate sottolineate quelle criticità che sono indirettamente risolte da un azione che mira specificatamente a risolverne un altra; - sono riportati nello stesso colore azioni e criticità da queste risolte.

14 Determinanti Criticità AS-IS Criteri di riprogettazione Azioni Organizzazione MICROSTRUTTURA Livello di specializzazione orizzontale dei ruoli coinvolti non sempre coerente con il flusso delle attività svolte; Specializzazione verticale elevata per gli impiegati dell Ufficio Regionale e conseguente mancanza di delega degli stessi; Assenza di standardizzazione degli obiettivi negli uffici; Separazione fra attività di controllo e modifica dati; Chi usa le informazioni non le ha; L'attività di calcolo del codice NACE non è integrata con l'attività di formulazione; In alcuni casi l'accountable è una persona di posizione gerarchica molto elevata; in altri casi l'ufficio commerciale è solo un passacarte; MACROSTRUTTURA La maggior parte del processo è svolta da 2 uffici appartenenti alla stessa Unità Organizzativa; L integrazione tra Ufficio Regionale e Ufficio Centrale avviene attraverso scambio di informazioni manuale ; Si hanno troppi passaggi di informazioni tra Ufficio Regionale e Centrale; Coinvolgimento di 3 livelli gerarchici; Ownership dei processi Job redesign e delega decisionale Misurazione dei processi Aumento delega decisionale per gli impiegati dell Ufficio Regionale; Inserimento sistema di valutazione in base al raggiungimento degli obiettivi; Gli Uffici Regionali sono gli unici direttamente coinvolti nel processo di formulazione dell offerta (vengono assegnati loro anche i controlli e la determinazione del codice NACE: job enlargment e job enrichment). Gli Impiegati dell Ufficio Commerciale assumono un ruolo di controllo delle prestazioni e di valutazione di queste; Il Direttore Commerciale assume il ruolo di process owner strategico supervisionando a livello globale il processo; Gli impiegati degli Uffici Regionali assumono il ruolo di process owner operativi avendo la responsabilità sulle singole istanze di processo (in particolare dei due risulta account manager per i clienti strategici il più esperto mentre entrambi risultano case manager per i clienti non considerati tali); Inserimento di database centralizzato in Cloud; OWNERSHIP Non è presente né un process owner strategico né uno operativo; Risorse e competenze Orientamento commerciale e alla vendita non sufficientemente elevato negli Uffici Regionali; Mancanza di competenze tecniche riguardo al codice NACE; Mancanza di competenze di processo dell Ufficio Regionale e dell Ufficio Commerciale; Scarsa motivazione dell Ufficio Regionale; Job redesign e delega decisionale Misurazione dei processi Pervasività dell orientamento ai processi Gli impiegati dell Ufficio Commerciale assumono un ruolo di controllo delle prestazioni e di valutazione di queste e assieme all Ufficio Regionale si occupano di migliorare l offerta proposta; Corsi di formazione; Inserimento sistema di valutazione in base al raggiungimento degli obiettivi;

15 Come diffondere la logica di processo? Variabilizzazione degli stipendi: un ottimo modo per motivare i dipendenti in un ottica di processo è di attribuire una parte variabile allo stipendio in modo tale che esso aumenti del 10% nel caso di raggiungimento di obiettivi di processo (ovvero il raggiungimento di un determinato numero di contratti stipulati); tale premio viene attribuito su base trimestrale. Aggiunta nuovo KPI (la valutazione dei dipendenti in funzione di tal KPI permette a questi di lavorare in maniera da favorire lo svolgimento del processo. - Customer Satisfaction: tale KPI permette di valutare la soddisfazione di un cliente che ha sfruttato i servizi di Qualitator. Tale KPI assume un valore a seguito dell analisi di questionari che gli impiegati dell Ufficio Commerciale distribuiscono a clienti appena certificati. Per questo motivo non è possibile definire una metrica precisa, essendo la valutazione legata a un questionario soggettivo. Criticità dell alternativa proposta Difficoltà a motivare gli addetti dell Ufficio Commerciale Possibile confusione dei dipendenti dell ufficio regionale a causa delle modifiche di prezzo Aumento dei costi dovuto all introduzione degli account/case manager

16 Valutazione impatto sui KPI KPI Peso Valutazione Commenti Numero di richieste ricevute 1,53% 3 L introduzione del CRM operativo permette una migliore visibilità per l azienda. Oltre ad essere più visibile, risulta un azienda molto attenta alle esigenze dei clienti. Numero di offerte formulate 6,1% 3 Si veda il commento del KPI di sopra. Qualità dell informazione inserita 10,7% 3 Problematiche quali quelle indotte dalla partita IVA fittizia o dal mancato inserimento delle note di collegamento fra offerte vengono risolte grazie all obbligatorietà della prima e alla modalità di inserimento delle richieste a sistema informativo. Lead time efficiency 25,9% 5 Migliora grazie l ottimizzazione del flusso. Livello di copertura esigenze clienti 4,6% 4 Tempo di formulazione della prima offerta Percentuale di offerte rifiutate per ritardo Il miglioramento è dovuto in particolare all inserimento di account e case manager. 25,9% 5 Migliora grazie l ottimizzazione del flusso. 25,2% 5 Il miglioramento delle tempistiche ottenibile grazie all alternativa proposta permette di diminuire tale percentuale. Il numero totale di impatti è 131 Valutazione totale: 4,5839 Il miglioramento dei KPI atteso è piuttosto elevato

17 Valutazione del rischio tecnologico (1/3) Dimensione Punteggio Note Impegno nel progetto 1 0,25 anni-uomo (per i calcoli consultare tabella sottostante) Numero utenti finali del sistema 5 Tutti i dipendenti di Qualitator (200) si interfacciano con il sistema informativo. Interfunzionalità del sistema 10 Alta, processo interaziendale con forte coinvolgimento del cliente. Attività del progetto Durata Risorse Ore-Uomo Progetto: Analisi / Set-up obiettivi 2 giorni Project Manager 2g*8h/g*1u=16 h-u Sviluppo sito web/ Implementazione CRM 30 giorni Web Master 30g*8h/g*1u=240 h-u Configurazione (front-end + back-end) e Integrazione dei 2 moduli 4 giorni Programmatore 4g*8h/g*1u=32 h-u Importazione Database SQ 1 giorno Programmatore 1g*8h/g*1u=8 h-u Addestramento addetti sistemi informativi / Customizzazioni semplici 4 giorni Programmatore 4g*8h/g*1u=32 h-u Installazione centralino PABX + Server CTI 1 giorno Programmatore 1g*8h/g*1u=8 h-u Integrazione PABX con sistema informativo 1 giorno Programmatore 1g*8h/g*1u=8 h-u Addestramento impiegati Uffici Regionali 3 giorni 4 Addetti Sistemi Informativi 3g*8h/g*4u=96 h-u TOT: 440 h-u* *Supponendo che in un anno ci siano 220 giornate lavorative e in una giornata 8 ore lavorative, 440 ore-uomo corrispondono a 0,25 anni-uomo

18 Valutazione del rischio tecnologico (2/3) Innovazione Punteggio Note Innovazione delle tecnologie 10 Innovazione dell architettura di elaborazione Livello di esperienza degli specialisti aziendali E stato assegnato il punteggio di 10 (max 15) in quanto in azienda era già presente il sistema SQ che è stato sostituito da un sistema informativo più innovativo. 1 E bassa poiché la soluzione adottata è una tecnologia collaudata e matura. 7 Gli addetti dei sistemi informativi di Qualitator non hanno tutte le competenze necessarie per portare a termine da soli l intero progetto. Discrezionalità Punteggio Note Discrezionalità / Proceduralità delle funzioni Innovazione dei processi 3 Maturità degli utenti aziendali 8 2 E bassa poiché i processi aziendali attuali sono altamente proceduralizzati. Il tasso di variazione percentuale delle attività elementari, calcolato come (attività elementari to-be/attività elementari as-is)*100 Bassa, gli utenti non sono abituati ad utilizzare un sistema informativo come quello introdotto.

19 Valutazione del rischio tecnologico (3/3) Rischio Tecnologico Punteggio Dimensione 16 Innovazione 18 Discrezionalità 13 Totale rischio atteso 47 L alternativa adottata risulta avere un rischio tecnologico abbastanza contenuto dovuto soprattutto al fatto di aver adottato un sistema informativo con un CRM standard già progettato, leggermente customizzato secondo le esigenze aziendali e la cui maturità dal punto di vista funzionale è collaudata e già ampiamente diffusa. Gli elementi più critici che abbiamo riscontrato sono nella dimensione di interfunzionalità del sistema, in quanto si tratta di un processo interaziendale con forte coinvolgimento del cliente; anche l innovazione tecnologica della soluzione adottata è piuttosto elevata rispetto a SQ utilizzato attualmente, e così anche la maturità degli utenti aziendali è bassa, data la novità del sistema che è stato introdotto.

20 Valutazione impatto organizzativo Alternativa Entità del cambiamento richiesto 38 Velocità di cambiamento 10 Preparazione del management 5 Totale impatto atteso 53 Entità del cambiamento richiesto (38/50): variazioni del flusso delle attività: 8/10 eliminazione di numerose attività senza un eccessivo sconvolgimento per coloro che devono svolgere le attività del flusso; variazione della struttura organizzativa: 2/10 considerando la macrostruttura di Qualitator, i cambiamenti effettuati sono minimi; variazione delle competenze: 9/10 sono necessari numerosi corsi di formazione (CRM, case manager, account manager); variazione nelle procedure e nelle modalità di controllo: 9/10 controlli interamente affidati agli impiegati dell ufficio regionale; variazione del supporto tecnologico verso gli attori di processo: 10/10 viene inserito un sistema informativo nuovo. Velocità del cambiamento (10/30): si suppone di concludere il processo di cambiamento entro 9 mesi. Preparazione del management (5/20): sono numerosi i cambiamenti che lo stesso management deve affrontare.

21 Sviluppo soluzioni di dettaglio Progetto: Analisi / Set-up obiettivi 16h*93 /h= Formazione Addestramento addetti sistemi informativi / Customizzazioni semplici 32h*80 /h= Corsi di formazione impiegati 98h*120 /h= di Progetto Change Mgmt e Gestione del Progetto Progetto: Analisi / Set-up obiettivi 16h*93 /h= Trasferta addetti si per addestramento impiegati Uffici Regionali (11 viaggi a/r,, costo medio per viaggio: 200 ) Costo progettazione organizzativa docenza e di materiale didattico Costi connessi all implementazione Sviluppo sito web / Implementazione CRM 240h*80 /h= Costi differenziali Configurazione (front-end + back-end) e Integrazione dei 2 moduli 32h*80 /h= Importazione Database SQ 8h*80 /h= 640 Centralino PABX + server CTI Installazione centralino PABX + Server CTI 8h*80 /h= 640 Integrazione PABX con sistema informativo 8h*80 /h= 640 Canoni e Reti IT Canone Pipedrive Canone DB in Cloud (10 GB) + licenza SQL /anno (178 /mese) 468 /anno (39 /mese) di Esercizio *vengono assunti altri 5 ispettori interni che comportano un aumento dei costi differenziali di facendocene risparmiare circa Personale Case Manager Account Manager Bonus per vendite dei Manager Ispettori esterni (I Alternativa) Ispettori esterni (II Alternativa)* /anno*24 persone= /anno /anno*12 persone= /anno (10% dello stipendio annuo) /anno*27 isp. = /anno /anno*12 isp. = /anno

22 Cosa ci dicono i nostri dati? Media nuove certificazioni annuali: 1200 Media rinnovi di certificazioni annuali: 2500 Numero di richieste formulate: 6000 Certificazioni attive ogni anno: Percentuale di richieste di offerta/rinnovo che si traducono in certificazione/rinnovo della certificazione: = 61,67% Può risultare utile disaggregare questo risultato in maniera tale da evidenziare le differenze fra certificazioni nuove e rinnovi. Si può ipotizzare che ogni anno il 25% delle certificazioni attive debba essere rinnovato. Tale percentuale può essere ricavata tenendo presente che le certificazioni vengono rinnovate ogni 3 anni. Conseguentemente si considerano le certificazioni attivate negli anni 0 (attuale), -1, -2, -3 (quelle che devono essere rinnovate). Certificazioni da rinnovare all anno: = Percentuale di proposte di rinnovo che si traducono 2500 in un rinnovo della certificazione: 2750 = 90,9% L effetto maggiore dovuto alle prestazioni non eccellenti di Qualitotor emerge dall elevato numero di offerte per nuove certificazioni non accettate. Percentuale di richieste di offerta che si traducono in certificazione: = = 36,92% Nota: l ipotesi che il 25% delle certificazioni attive debba essere rinnovato permette una buona approssimazione di certificazioni attive all anno a partire dai dati di media di nuove certificazioni annuali e media dei rinnovi di certificazioni annuali.

23 Dai calcoli eseguiti si può dedurre che la problematica principale è riconducibile alle certificazioni nuove. L elevata percentuale di nuove offerte che viene rifiutata è dovuta ai seguenti motivi: il 25% del totale delle offerte formulate viene rifiutato perché arrivato in ritardo; la restante parte (13,33%) si può supporre sia dovuta ad un prezzo considerato non adeguato.. Al contrario l elevata percentuale di proposte di rinnovo che si traducono in un effettiva erogazione del servizio lascia supporre che il servizio complessivo offerta sia di alto livello tanto da garantire a Qualitator un elevata loyalty. Qualitator è penalizzata dalle sue prestazioni in ambito di formulazione dell offerta mentre è considerata altamente soddisfacente nel servizio che offre. Affinché l alternativa proposta sia di successo in termini di aumento di volumi, è importante che questa agisca maggiormente sulle problematiche riscontrate. L alternativa proposta da #Apperò soddisfa queste necessità? SI! 1) L azienda studia attentamente le necessità dei clienti in maniera da offrirle un servizio ad un prezzo adeguato. L introduzione del team di determinazione del prezzo permette di andare incontro alla crescente necessità delle aziende di dotarsi una certificazione a prezzi ridotti. 2) Le tempistiche sono notevolmente ridotte permettendo a Qualitator di aumentare la propria competitività.

24 N certificazioni N certificazioni N certificazioni N certificazioni Previsioni della domanda per il futuro Per stimare la domanda futura, si sono analizzati i dati forniti da Accredia relativi all arco temporale I dati disponibili riguardano: il numero di siti produttivi certificati in base alla categoria di certificazione, il numero totale di siti certificati e il numero di certificati complessivamente attivi nel periodo di misurazione. Per ottenere una stima del numero di certificazioni attive nel periodo di riferimento si è assunta valida la proporzione: Certificazioni attive qualità: siti produttive qualità = certificazioni totali: siti produttivi totali Da una prima osservazione dei dati, si è ritenuto possibile approssimare l evoluzione dei dati mediante un espressione lineare. Per verificare quantitativamente la veridicità di tale affermazione è stato utilizzato il metodo della regressione lineare Qualità y = 2958,3x - 6E Ambiente y = 977,47x - 2E Sicurezza lavoratori y = 255,23x Sicurezza Informazione y = 20,125x I dati ottenuti confermano l ipotesi fatta iniziale: l evoluzione della domanda può essere descritta mediante un espressione lineare (deduzione possibile dall analisi del valore dei coefficienti di correlazione).

#APPERÒ! Gruppo 1. Montaldo Guido 759636 Musotto Massimo 758105 Pagnanelli Francesca 759502 Pieri Stefano 756973 Pierro Federica 758266

#APPERÒ! Gruppo 1. Montaldo Guido 759636 Musotto Massimo 758105 Pagnanelli Francesca 759502 Pieri Stefano 756973 Pierro Federica 758266 #APPERÒ! Gruppo 1 Montaldo Guido 759636 Musotto Massimo 758105 Pagnanelli Francesca 759502 Pieri Stefano 756973 Pierro Federica 758266 In che ottica lavorare? * + (l ingegner Zuccotta) crede sia fondamentale

Dettagli

ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Le forme gerarchico-funzionali e la loro evoluzione

ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Le forme gerarchico-funzionali e la loro evoluzione ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Le forme gerarchico-funzionali e la loro evoluzione Prof. Armando Urbano - A.A. 2011-2012 PASSAGGIO DA FORMA SEMPLICE A FORMA GERARCHICO-FUNZIONALE La forma semplice è caratterizzata

Dettagli

1st Class Teleselling

1st Class Teleselling Ridurre i costi e incrementare i risultati delle reti indirette L orientamento verso una rete di vendita indiretta rappresenta per l azienda una scelta di flessibilità organizzativa che garantisce rapidità

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Scoprire le azioni fidelizzanti in banca

Scoprire le azioni fidelizzanti in banca Scoprire le azioni fidelizzanti in banca Il Modello di Soddisfazione-Loyalty consente alla banca di scoprire quali azioni mettere in campo per rendere concretamente più fedeli i clienti, incrementandone

Dettagli

ROMA, 22 Maggio 2014. Gruppo TERNA

ROMA, 22 Maggio 2014. Gruppo TERNA Lo scenario di Business in cui opera Terna è quello dell energia elettrica, una risorsa indispensabile per la vita, lo sviluppo e la crescita di tutti i popoli del mondo. Gruppo TERNA L energia elettrica,

Dettagli

*oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti

*oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti *oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti significa soprattutto un supporto professionale concreto!

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Lista delle descrizioni dei Profili

Lista delle descrizioni dei Profili Lista delle descrizioni dei Profili La seguente lista dei Profili Professionali ICT è stata definita dal CEN Workshop on ICT Skills nell'ambito del Comitato Europeo di Standardizzazione. I profili fanno

Dettagli

L unica Azienda in Italia con infrastrutture dedicata al Cloud Computing

L unica Azienda in Italia con infrastrutture dedicata al Cloud Computing RECONSULT è una società di servizi con decennale esperienza nel mondo del Credito Cooperativo e in partnership con CloudItalia propone soluzioni innovative per migliorare l efficienza dei processi organizzativi.

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II

Dettagli

SimplERP in sintesi. Open Source SimplERP è un progetto Open Source. Il software è pubblicato sotto licenza AGPL ed AGPL + Uso Privato.

SimplERP in sintesi. Open Source SimplERP è un progetto Open Source. Il software è pubblicato sotto licenza AGPL ed AGPL + Uso Privato. SimplERP in sintesi SimplERP è una suite completa di applicazioni aziendali dedicate alla gestione delle vendite, dei clienti, dei progetti, del magazzino, della produzione, della contabilità e delle risorse

Dettagli

ESPERTO IN CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM)

ESPERTO IN CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) Dettaglio corso ID: Titolo corso: Tipologia corso: Costo totale del corso a persona (EURO): Organismo di formazione: Caratteristiche del percorso formativo ESPERTO IN CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM)

Dettagli

Glossario CRM - Customer Relationship Management -

Glossario CRM - Customer Relationship Management - Glossario CRM - Customer Relationship Management - 1 Account Management Account Management offre un approccio strategico per mantenere clienti ad alto valore aggiunto e trasformarli in clienti soddisfatti

Dettagli

Groupware e workflow

Groupware e workflow Groupware e workflow Cesare Iacobelli Introduzione Groupware e workflow sono due parole molto usate ultimamente, che, a torto o a ragione, vengono quasi sempre associate. Si moltiplicano i convegni e le

Dettagli

LibrERP in sintesi. www.didotech.com. Completa

LibrERP in sintesi. www.didotech.com. Completa LibrERP in sintesi LibrERP è una suite completa di applicazioni aziendali dedicate alla gestione delle vendite, dei clienti, dei progetti, del magazzino, della produzione, della contabilità e delle risorse

Dettagli

Criteri fondamentali per un sistema CRM

Criteri fondamentali per un sistema CRM Criteri fondamentali per un sistema CRM Definizione di C.R.M. - Customer Relationship Management Le aziende di maggiore successo dimostrano abilità nell identificare, capire e soddisfare i bisogni e le

Dettagli

OSSERVATORIO CRM. Milano, Circolo della Stampa

OSSERVATORIO CRM. Milano, Circolo della Stampa OSSERVATORIO CRM Milano, Circolo della Stampa E la parola di pietra è caduta Sul mio petto ancora vivo. Non è nulla, ecco, ero preparata. In qualche modo la supererò. Ho molto lavoro oggi: occorre uccidere

Dettagli

Specialisti della Supply Chain

Specialisti della Supply Chain Specialisti della Supply Chain Link Management Srl Via S. Francesco, 32-35010 Limena (PD) Tel. 049 8848336 - Fax 049 8843546 www.linkmanagement.it - info@linkmanagement.it Analisi dei Processi Decisionali

Dettagli

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Una soluzione ERP ALL AVANGUARDIA CONNETTERE Microsoft Dynamics NAV 2009 SEMPLIFICARE ANALIZZARE Microsoft Dynamics NAV 2009 è una soluzione di gestione

Dettagli

Guida al CRM. White Paper FrontRange Solutions. SysAround S.r.l. Pagina 1 di 18. Via Cappuccini, 4 20122 Milano

Guida al CRM. White Paper FrontRange Solutions. SysAround S.r.l. Pagina 1 di 18. Via Cappuccini, 4 20122 Milano Guida al CRM White Paper FrontRange Solutions Pagina 1 di 18 SOMMARIO 1. Il CRM: come può migliorare il business aziendale... 3 1.1 Il CRM... 3 1.2 Quali sono i vantaggi di avere una strategia CRM?...

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile

Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile Osservatorio Cloud & ICT as a Service Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile Mariano Corso Stefano Mainetti 17 Dicembre 2013 Collaborative Business

Dettagli

Programma ELISA - Proposta progettuale

Programma ELISA - Proposta progettuale Macro descrizione del progetto Il progetto intende fornire alle amministrazioni locali gli strumenti per un ottimale governo dell erogazione dei servizi sui diversi canali e per la definizione di concrete

Dettagli

Introduzione alla Business Intelligence. E-mail: infobusiness@zucchetti.it

Introduzione alla Business Intelligence. E-mail: infobusiness@zucchetti.it Introduzione alla Business Intelligence E-mail: infobusiness@zucchetti.it Introduzione alla Business Intelligence Introduzione Definizione di Business Intelligence: insieme di processi per raccogliere

Dettagli

L ICT e l innovazione

L ICT e l innovazione Il valore del Project Management nei Progetti di Innovazione nelle Piccole e Medie Imprese L ICT e l innovazione Milano, 15 dicembre 2006 Enrico Masciadra, PMP emasciadra@libero.it Le cinque forze competitive

Dettagli

Dal CRM all e-crm. Andrea De Marco

Dal CRM all e-crm. Andrea De Marco Dal CRM all e-crm Andrea De Marco Qualità Uno dei principali fattori competitivi nell attuale contesto di mercato è rappresentato dalla qualità delle relazione online che vengono gestite tramite servizi

Dettagli

OT BPM introduce ed automatizza i meccanismi relativi alla gestione del ciclo di vita dei dati e dei documenti.

OT BPM introduce ed automatizza i meccanismi relativi alla gestione del ciclo di vita dei dati e dei documenti. Ottimizzare, Automatizzare e Monitorare i processi aziendali... Migliorare la produttività e la redditività riducendo l investimento Affrontare le sfide del mercato con gli strumenti giusti OT BPM è un

Dettagli

Scheda. Il CRM per la Gestione del Marketing. Accesso in tempo reale alle Informazioni di rilievo

Scheda. Il CRM per la Gestione del Marketing. Accesso in tempo reale alle Informazioni di rilievo Scheda Il CRM per la Gestione del Marketing Nelle aziende l attività di Marketing è considerata sempre più importante poiché il mercato diventa sempre più competitivo e le aziende necessitano di ottimizzare

Dettagli

Table of Contents. Il Workforce Management e i Processi Aziendali 3 Le Applicazioni in-house 4 Come Assicurare il Successo Dell Iniziativa 4

Table of Contents. Il Workforce Management e i Processi Aziendali 3 Le Applicazioni in-house 4 Come Assicurare il Successo Dell Iniziativa 4 White Paper Come affrontare un progetto di Workforce Management, dai Processi Aziendali al Ritorno Dell Investimento L adozione di un sistema integrato di workforce management nel contact center passa

Dettagli

IT Transformation. Maurizio Salvalai. U.S. Road Show. gennaio 2008

IT Transformation. Maurizio Salvalai. U.S. Road Show. gennaio 2008 IT Transformation Maurizio Salvalai U.S. Road Show 17 2129 November gennaio 2008 2003 1 Indice Il contesto Il programma IT Transformation Sviluppare il personale interno 2 Il contesto: la Direzione ICT

Dettagli

Strategie e strumenti di pianificazione finanziaria

Strategie e strumenti di pianificazione finanziaria www.pwc.com/it Strategie e strumenti di pianificazione finanziaria Reggio Emilia, 28 maggio 2013 Agenda Introduzione il rischio di liquidità e gli strumenti per la sua gestione 1. Gestione della liquidità

Dettagli

La conoscenza del Cliente come fonte di profitto

La conoscenza del Cliente come fonte di profitto La conoscenza del Cliente come fonte di profitto Giorgio Redemagni Responsabile CRM Convegno ABI CRM 2003 Roma, 11-12 dicembre SOMMARIO Il CRM in UniCredit Banca: la Vision Le componenti del CRM: processi,

Dettagli

LA TUA SOFTWARE HOUSE IN CANTON TICINO LA PIATTAFORMA SOFTWARE PER LA GESTIONE DELLE DINAMICHE ASSOCIATIVE

LA TUA SOFTWARE HOUSE IN CANTON TICINO LA PIATTAFORMA SOFTWARE PER LA GESTIONE DELLE DINAMICHE ASSOCIATIVE LA TUA SOFTWARE HOUSE IN CANTON TICINO LA PIATTAFORMA SOFTWARE PER LA GESTIONE DELLE DINAMICHE ASSOCIATIVE La piattaforma SmartPlanner è una piattaforma software multitasking erogata in modalità SaaS,

Dettagli

L ANALISI DEI RISULTATI DI CUSTOMER SATISFACTION

L ANALISI DEI RISULTATI DI CUSTOMER SATISFACTION L ANALISI DEI RISULTATI DI CUSTOMER SATISFACTION LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE. Strumento di marketing: conoscere il livello di soddisfazione del cliente e il modo in cui si forma il suo giudizio analisi

Dettagli

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Una soluzione ERP integrata CONNETTERE Microsoft Dynamics NAV 2009 SEMPLIFICARE ANALIZZARE Microsoft Dynamics NAV 2009 è un ERP innovativo, flessibile

Dettagli

Innovazione. Tecnologia. Know How

Innovazione. Tecnologia. Know How > Presentazione FLAG Consulting S.r.L. Innovazione. Tecnologia. Know How SOMMARIO 01. Profilo aziendale 02. Gestione Documentale 03. Enterprise Document Platform 01. Profilo aziendale Il partner ideale

Dettagli

Il caso del Comune di Milano

Il caso del Comune di Milano Programma : Competenze professionali per l Innovazione Digitale Evoluzione dei Modelli Organizzativi e dei ruoli professionali e manageriali dell ICT per rispondere al business aziendale Milano, 29 gennaio

Dettagli

Obiettivi conoscitivi

Obiettivi conoscitivi Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Strumenti avanzati di management accounting. Profili internazionali. Anno Accademico

Dettagli

Chi siamo e le nostre aree di competenza

Chi siamo e le nostre aree di competenza Chi siamo e le nostre aree di competenza Telco e Unified Communication Software as a Service e Business Intelligence Infrastrutture digitali Smartcom è il primo business integrator europeo di servizi ICT

Dettagli

gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale

gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale Gestione documentale Gestione documentale Dalla dematerializzazione dei documenti

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

WHITE PAPER CRM Novembre 2003

WHITE PAPER CRM Novembre 2003 WHIT E PAPER Novembre 2003 CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT Parlare di CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT significa parlare di come l Azienda gestisce il suo business. Se vogliamo dare una definizione di

Dettagli

Processi gestionali. Sistemi Informativi Aziendali. Sistemi Informativi Aziendali. Umberto Nanni. Umberto Nanni

Processi gestionali. Sistemi Informativi Aziendali. Sistemi Informativi Aziendali. Umberto Nanni. Umberto Nanni DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA AUTOMATICA E GESTIONALE ANTONIO RUBERTI Processi gestionali 1 Informatizzazione per Sistemi Informativi 1. Elaborazione Dati, Automazione Industriale supporto EDP

Dettagli

SISTEMA ACQUISIZIONE ORDINI COLOR

SISTEMA ACQUISIZIONE ORDINI COLOR SISTEMA ACQUISIZIONE ORDINI COLOR ColOr White Paper Rev. 1.3 Technosoft s.n.c CARATTERISTICHE GENERALI ColOr è un sistema informatico specificamente progettato ed implementato per l acquisizione e la gestione

Dettagli

MARKETING (3 DI 3) R i v i s t a in t e r n a z i o n a l e d e l G r u p p o B a i n RESULTS. ANNO VIII NUMERO 2 (3 A parte ) Dicembre 2002

MARKETING (3 DI 3) R i v i s t a in t e r n a z i o n a l e d e l G r u p p o B a i n RESULTS. ANNO VIII NUMERO 2 (3 A parte ) Dicembre 2002 R i v i s t a in t e r n a z i o n a l e d e l G r u p p o B a i n RESULTS MARKETING (3 DI 3) ANNO VIII NUMERO 2 (3 A parte ) Dicembre 2002 Bain & Company RESULTS Dopo la prima e la seconda parte di questo

Dettagli

AFTER SALES MANAGEMENT

AFTER SALES MANAGEMENT Esperienza e Innovazione AFTER SALES MANAGEMENT L approccio proposto da M&IT per trasformare il post-vendita in un Service Eccellente Consulenza di Direzione Risorse Umane Sistemi Normati Information Technology

Dettagli

CRM (Customer RelationShip Management) Suite

CRM (Customer RelationShip Management) Suite CRM (Customer RelationShip Management) Suite Tuttora in molte Aziende italiane, gli strumenti informatici a supporto del processo di vendita si limitano quasi esclusivamente a curare gli aspetti amministrativi,

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

GESTIONE TEMPI ATTIVITÀ LAVORATIVE

GESTIONE TEMPI ATTIVITÀ LAVORATIVE I N F I N I T Y P R O J E C T GESTIONE TEMPI ATTIVITÀ LAVORATIVE centri di costo, commesse, cantieri, ecc. GESTIONE TEMPI E ATTIVITÀ LAVORATIVE La rilevazione ed il controllo dei tempi delle attività lavorative

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Prof. Andrea Borghesan venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: Alla fine di ogni lezione Modalità esame: scritto 1 Sistema informativo. Prima definizione Un sistema

Dettagli

LEZIONE N. 1. Il Marketing Concetti Introduttivi. Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing

LEZIONE N. 1. Il Marketing Concetti Introduttivi. Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing LEZIONE N. 1 Il Marketing Concetti Introduttivi Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing Il Corso OBIETTIVI DEL CORSO Fornire agli studenti conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali

Dettagli

Il Marketing Concetti Introduttivi

Il Marketing Concetti Introduttivi Il Marketing Concetti Introduttivi Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing Il Corso OBIETTIVI DEL CORSO Fornire agli studenti conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del

Dettagli

FORMAZIONE DI MANTENIMENTO IVASS ANNO 2013

FORMAZIONE DI MANTENIMENTO IVASS ANNO 2013 1. PROGETTO FORMATIVO FORMAZIONE DI MANTENIMENTO IVASS ANNO 2013 Si tratta di un iniziativa formativa svolta in ottemperanza ai disposti del Regolamento Isvap n 5 del 16 ottobre 2006, focalizzata su: mantenimento

Dettagli

JOY MARKETING trae origine dall'esperienza di Marasco s.r.l., società nata nel 1980, operante nel settore dei call center.

JOY MARKETING trae origine dall'esperienza di Marasco s.r.l., società nata nel 1980, operante nel settore dei call center. Joy Marketing JOY MARKETING trae origine dall'esperienza di Marasco s.r.l., società nata nel 1980, operante nel settore dei call center. Prima in Italia ad istituire un sistema di call center per conto

Dettagli

I N F I N I T Y P R O J E C T PRESENZE WEB

I N F I N I T Y P R O J E C T PRESENZE WEB I N F I N I T Y P R O J E C T PRESENZE WEB PRESENZE WEB Presenze Web èlasoluzione ideale per l azienda che vuole automatizzare i processi di rilevazione, controllo e gestione dei dati di presenza del personale.

Dettagli

I N F I N I T Y P R O J E C T SAFETY SOLUTION

I N F I N I T Y P R O J E C T SAFETY SOLUTION I N F I N I T Y P R O J E C T SAFETY SOLUTION SAFETY SOLUTION I VANTAGGI GI Base dati unica ed integrata La base dati unica a tutti gli applicativi della suite HR Zucchetti è una caratteristica che nessun

Dettagli

Questionario di customer satisfaction per le Aziende IPPC

Questionario di customer satisfaction per le Aziende IPPC Questionario di customer satisfaction per le Aziende IPPC Settore Attività industriali, Controlli e Coordinamento Laboratori Viale Restelli, 3/1-20124 Milano Tel. 02-69666385 Fax. 0269666254 e-mail: d.cristofaro@arpalombardia.it

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

SERVIZI PMI. Project management outsourcing. Business Impact Analysis (BIA) Disaster Recovery Plan Design (DRP)

SERVIZI PMI. Project management outsourcing. Business Impact Analysis (BIA) Disaster Recovery Plan Design (DRP) SERVIZI PMI Project management outsourcing La vita (dell IT) è quella cosa che succede mentre siamo impegnati a fare tutt altro e quindi spesso capita di dover implementare una nuova piattaforma applicativa,

Dettagli

Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE

Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE 4 GIUGNO 2014 Feedback report Nome dell organizzazione: Indirizzo: Referente: ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE

Dettagli

Il Modello di Orientamento Commerciale

Il Modello di Orientamento Commerciale Il Modello di Orientamento Commerciale Un importante strumento di indirizzo strategico che, classificando clienti e prospect in base alle loro potenzialità di sviluppo, supporta azioni mirate su segmenti

Dettagli

Esperto in Direzione e Valutazione dei Sistemi di Gestione Integrata: Qualità, Ambiente e Sicurezza

Esperto in Direzione e Valutazione dei Sistemi di Gestione Integrata: Qualità, Ambiente e Sicurezza QUALITY FOR MASTER Esperto in Direzione e Valutazione dei Sistemi di Gestione Una preparazione meramente teorica, seppur di rilievo, non è più sufficiente per affrontare le complesse dinamiche aziendali.

Dettagli

EGOVERNMENT ED EGOVERNANCE

EGOVERNMENT ED EGOVERNANCE Prot. 13/2011 del 25/01/2011 Pag. 0 di 11 ADMINISTRA COMUNE DI NAPOLI Il progetto Administra nasce dall esigenza del Comune di Napoli di disporre di un unica infrastruttura tecnologica permanente di servizi

Dettagli

Evoluzione dei sistemi gestionali nelle PMI e nuove modalità di fruizione

Evoluzione dei sistemi gestionali nelle PMI e nuove modalità di fruizione Evoluzione dei sistemi gestionali nelle PMI e nuove modalità di fruizione Fabrizio Amarilli Fondazione Politecnico di Milano amarilli@fondazionepolitecnico.it Brescia, 6 maggio 2009 2009 - Riproduzione

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento APPROFONDIMENTO ICT Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento OBIETTIVI, STRATEGIE E TATTICHE DI MARKETING ON-LINE: L INTERNET MARKETING PLAN ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

Governance nei Contact Center della PA e di aziende di settori regolamentati

Governance nei Contact Center della PA e di aziende di settori regolamentati Benchmarking Governance nei Contact Center della PA e di aziende di settori regolamentati Relativo al 2011 A cura di Livio Rolle Organizzazione, Modalità KPI Percorso Previsioni Rapporto/integrazione Verifica

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

SAP Business One: la soluzione per la gestione aziendale delle piccole e medie imprese

SAP Business One: la soluzione per la gestione aziendale delle piccole e medie imprese SAP Business One è la soluzione di gestione aziendale completa, accessibile e di facile implementazione. Pensata specificatamente per le piccole e medie imprese, ne assicura la crescita aiutandole a incrementare

Dettagli

NUMERO 1O l esperienza migliora il business

NUMERO 1O l esperienza migliora il business NUMERO 1O l esperienza migliora il business Dal 1986 al vostro fianco NUMERO 1O, a più di vent anni dalla sua nascita, rappresenta il polo di riferimento nell esperienza informatica legata al business.

Dettagli

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA Il Catalogo Formativo 2015 di Knowità è composto da incontri pensati per soddisfare le esigenze di figure di responsabilità che necessitano di risposte concrete alle principali e più attuali priorità aziendali.

Dettagli

GESTIONE E ORGANIZZAZIONE PER LA COMUNICAZIONE D IMPRESA

GESTIONE E ORGANIZZAZIONE PER LA COMUNICAZIONE D IMPRESA GESTIONE E ORGANIZZAZIONE PER LA COMUNICAZIONE D IMPRESA A.A. 2012-2013 Mercoledi 7 marzo 2012 La Business Intelligence verso il 2015: Il Collaborative Decision Making Cos è la Business Intelligence (1)

Dettagli

Documentare, negoziare e concordare gli obiettivi di qualità e le responsabilità del Cliente e dei Fornitori nei Service Level Agreements (SLA);

Documentare, negoziare e concordare gli obiettivi di qualità e le responsabilità del Cliente e dei Fornitori nei Service Level Agreements (SLA); L economia della conoscenza presuppone che l informazione venga considerata come la risorsa strategica più importante che ogni organizzazione si trova a dover gestire. La chiave per la raccolta, l analisi,

Dettagli

Requisiti software (Capitolato Tecnico) per l implementazione di un software per la gestione della fatturazione passiva

Requisiti software (Capitolato Tecnico) per l implementazione di un software per la gestione della fatturazione passiva Requisiti software (Capitolato Tecnico) per l implementazione di un software per la gestione della fatturazione passiva Ing. Stefano Serra E-MAIL: stefano.serra@asppalermo.org 1 Informazioni sul documento

Dettagli

Una piattaforma di componenti interconnessi per la gestione della tua realtà complessa

Una piattaforma di componenti interconnessi per la gestione della tua realtà complessa Una piattaforma di componenti interconnessi per la gestione della tua realtà complessa La Problematica Negli ultimi tempi la sempre maggior quantità di informazioni necessarie alla vita e allo sviluppo

Dettagli

Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano!

Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano! 2013 Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano! Nel mondo economico dei nostri tempi, la maggior parte delle organizzazioni spende migliaia (se non milioni) di euro per

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO

DISCIPLINARE TECNICO Premessa ALLEGATO A del Capitolato Speciale d Appalto DISCIPLINARE TECNICO L Azienda Sanitaria Provinciale di Catanzaro (di seguito anche ), con la presente procedura intende dotarsi di un Sistema

Dettagli

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione CHE COS È IL FACILITY MANAGEMENT Il Facility Management è una disciplina in continua evoluzione ed infatti in un contesto altamente dinamico, tipico della società odierna, si trova a dover interpretare

Dettagli

Una storia di successo: Alpitel

Una storia di successo: Alpitel Una storia di successo: Alpitel La suite applicativa People Talent conquista l'azienda italiana, leader nello sviluppo e nella realizzazione di reti ed impianti per le telecomunicazioni. L esigenza La

Dettagli

CONSORZIO SERVIZI BANCARI

CONSORZIO SERVIZI BANCARI CONSORZIO SERVIZI BANCARI CSE Consorzio Servizi Bancari, nato nel 1970 come centro meccanografico, è divenuto nel corso degli anni leader nel campo dell outsourcing bancario. Nel tempo l attività primaria

Dettagli

L esperienza di Banca Popolare di Milano. Massimo Debidda

L esperienza di Banca Popolare di Milano. Massimo Debidda L esperienza di Banca Popolare di Milano Massimo Debidda Il contesto di riferimento Il Gruppo Bipiemme Linee guida del business Le attese nei confronti dell IT Bipiemme La nostra sfida La chiave per il

Dettagli

EDUCATION EXECUTIVE. Enterprise 2.0: il nuovo modello aziendale. Comprendere le opportunità e analizzare i rischi CORSO EXECUTIVE

EDUCATION EXECUTIVE. Enterprise 2.0: il nuovo modello aziendale. Comprendere le opportunità e analizzare i rischi CORSO EXECUTIVE EXECUTIVE EDUCATION Enterprise 2.0: il nuovo modello aziendale Comprendere le opportunità e analizzare i rischi CORSO EXECUTIVE fondazione cuoa business school dal 1957 Il punto di riferimento qualificato

Dettagli

BLU.Energy Tecnologia & Servizi gestiti

BLU.Energy Tecnologia & Servizi gestiti BLU.Energy Tecnologia & Servizi gestiti Il vantaggio competitivo derivante da una scelta tecnologicamente avanzata Tecnologia e Servizi gestiti Sommario ü Obiettivi del documento ü Caratteristiche tecniche

Dettagli

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 Agenda Il contesto di mercato La centralità del Pricing Come sfruttare le potenzialità

Dettagli

Laboratorio di analisi dell informazione e dei processi aziendali

Laboratorio di analisi dell informazione e dei processi aziendali Laboratorio di analisi dell informazione e dei processi aziendali Valutazione e scelta dell intervento ESERCITAZIONE A cura di G Loparco Rev 2006 Agenda dell esercitazione Valutazione convenienza economica

Dettagli

SACE BT realizza su tecnologia Microsoft la piattaforma di gestione delle polizze

SACE BT realizza su tecnologia Microsoft la piattaforma di gestione delle polizze Caso di successo Microsoft Integration SACE BT SACE BT realizza su tecnologia Microsoft la piattaforma di gestione delle polizze Informazioni generali Settore Istituzioni finanziarie Il Cliente Il Gruppo

Dettagli

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS www.btoweb.it L unione tra il know-how gestionale e organizzativo maturato in oltre 12 anni di consulenza e l esperienza nell ambito dell informatizzazione dei processi ha consentito a Sinergest lo sviluppo

Dettagli

di Giorgia Facchini Marketing e vendite >> CRM

di Giorgia Facchini Marketing e vendite >> CRM STRATEGIE DI CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT di Giorgia Facchini Marketing e vendite >> CRM INTRODUZIONE L acronimo CRM sta per Customer Relationship Management, ossia gestione delle relazioni con i clienti,

Dettagli

SAVA: LA TECNOLOGIA PORTA IL CLIENTE IN AZIENDA

SAVA: LA TECNOLOGIA PORTA IL CLIENTE IN AZIENDA SAVA: LA TECNOLOGIA PORTA IL CLIENTE IN AZIENDA Per supportare SAVA nello sviluppo di un offerta finanziaria sempre più multicanale ed in linea con le esigenze del singolo cliente, Blue Reply ha creato

Dettagli

per gestire la FATTURAZIONE e il CRM nelle SOCIETÀ ENERGETICHE

per gestire la FATTURAZIONE e il CRM nelle SOCIETÀ ENERGETICHE 3 edizione L UNICA Mostra Convegno in Italia sui Esperienze concrete, Modelli e Soluzioni per gestire la FATTURAZIONE e il CRM nelle SOCIETÀ ENERGETICHE Milano, 23 ottobre 2013 Fatturazione Forecasting

Dettagli

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli

Scaletta della lezione:

Scaletta della lezione: NATURA DELLA CONTABILITA DIREZIONALE Scaletta della lezione: 1. L approccio di Anthony al controllo di gestione 2. Natura e fini delle informazioni - informazioni per l esterno - informazioni per l interno

Dettagli

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Innovare e competere con le ICT: casi

Dettagli

IL FASHION AUTOMATICO

IL FASHION AUTOMATICO IL FASHION AUTOMATICO LE VARIABILI CHE CONCORRONO A RENDERE LE SCELTE DEI MANAGER DEL FASHION EFFICACI SONO INNUMEREVOLI E NONOSTANTE LA MODA SEMBRI ESPRIMERSI SOLO ATTRAVERSO CREATIVITÀ E SREGOLATEZZA,

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I PRESENZE WEB

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I PRESENZE WEB I N F I N I T Y Z U C C H E T T I PRESENZE WEB PRESENZE WEB Presenze Web è la soluzione ideale per l azienda che vuole automatizzare i processi di rilevazione, controllo e gestione dei dati di presenza

Dettagli

Contact Center. solutions

Contact Center. solutions Contact Center solutions Rafforzate le relazioni con i clienti e proteggete i profitti Il contact center è l interfaccia principale che la vostra organizzazione presenta alla sua risorsa più preziosa:

Dettagli

Introduzione ai software gestionali. Corso Gestione dei flussi di informazione

Introduzione ai software gestionali. Corso Gestione dei flussi di informazione Introduzione ai software gestionali Corso Gestione dei flussi di informazione 1 Integrazione informativa nelle aziende Problemi: frammentazione della base informativa aziendale crescente complessità organizzative

Dettagli